Sei sulla pagina 1di 1

Il Pagliaccio

In questo racconto abbiamo due personaggio uno il narratore del quale non ci dato
sapere il nome , laltro un certo Milone un omaccione cinquantenne che veniva molto
spesso chiamato con lappellativo professore per il fatto che avesse insegnato per
grande parte della sua vita la ginnastica svedese.
I due collaborano insieme girando i ristoranti alla buona dove si paga poco di Roma
frequentati da gente non id certo di baso rango ma come dice il narratore stesso
gente fine , gli uomini vestiti di blu scuro , impomatati , la perla sulla cravatta , le
donne impellicciate e coperte di gioielli delicate e graziose .
In questi ristoranti erano soliti fare una sorta di performance comiche dove il
professore faceva la parte del buffone che era lunica cosa che gli riusciva bene ed il
narratore lo accompagnava con la chitarra nellinterpretazione comica al limite del
ridicolo e banale che suscitava grande riso sulle bocche degli spettatori che
acclamavano il professore come una vera star .
Il narratore cerca di convincere pi volte Milone di cambiare il suo modo di porsi verso
quelle canzoni che tempo prima il nostro narratore afferma di aver realizzato davanti
ad un pubblico in toni decisamente pi seri e meno scherzosi .
Milone per sembra non dare una risposta al compagno che indignato continua a
girare di locale in locale portando avanti le loro esibizioni scabrose dove lo stesso
Milone ormai aveva portato su un altro livello .
Ora non si limitava ad esibirsi in maniera sdegnosa con quelle canzoni ma aveva
iniziato a marcare nettamente le sue molteplici imitazioni e parodie degli
atteggiamenti femminili ora con una ridicola danza del ventre ora con dei versi strani
ed il tutto accompagnato da dei vestiti femminili che lo stesso Milone indossava per
entrare maggiormente nella parte che interpretava .
Il loro tour per i locali di Roma li vede approdare in un locale di bassa leva rispetto agli
altri in cui si erano esibiti i due nel quale la loro esibizione non riscuote cos tanto
successo ma viene applaudita tiepidamente .
Subito dopo la loro esibizioni si esibisce un ragazzo biondo che gli aveva osservati per
tutti il tempo della loro sdegnosa performance di una canzone che questultimo
ricanter in maniera decisamente pi lodevole di Milone . Finita lesibizione i due si
lasciano andandosene alle rispettive case .
Quello che lascia impressionato il narratore il fatto che allindomani viene a sapere
della morte di Milone il quale si era impiccato nel suo stesso appartamento .
Secondo il narratore stesso la drastica decisione di Milone di suicidarsi era stata
dovuta dal fatto che dinanzi allesibizione del ragazzo della sera precedente aveva
preso coscienza di come in realt non fosse altro che un pagliaccio che faceva ridere
ridicolizzando larte che non sapeva praticare ovvero quella del canto .
Questa presa di coscienza porta quindi Milone alla drastica decisione di uccidersi .