Sei sulla pagina 1di 16

N. 1 201 6

34567

´ PERCH E ESSERE

ONESTI?

  • 34567 Copie prodotte di ciascun numero : 58.987.000 Disponibile in 254 LINGUE

N. 1 2016

Vol . 137, No. 1

ITALIAN

QUESTA RIVISTA, La Torre di Guardia,

rende onore a Geova Dio, il Sovrano

dell’universo. Reca conforto con la

buona notizia che presto il celeste

Regno di Dio eliminer a ` tutta la

malvagit a ` e trasformer a ` la terra in

un paradiso. Incoraggia a riporre fede

in Ges u ` Cristo, che mor ı ` affinch e ´

potessimo ottenere la vita eterna e

che ora governa come Re del Regno

di Dio. Questa rivista si pubblica

ininterrottamente dal 1879 e non

ha carattere politico. Si attiene

strettamente alla Bibbia.

Vorreste saperne di pi u `

o studiare la Bibbia

gratuitamente

a casa vostra?

Visitate il sito www.jw.org

oppure scrivete a uno dei

seguenti indirizzi.

Per l’ITALIA:

Testimoni di Geova Via della Bufalotta 1281 I-00138 Roma RM

Per la GERMANIA:

Jehovas Zeugen

65617 Selters

Per l’elenco completo degli indirizzi, vedi www.jw.org/it/contatti.

˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙

Questa pubblicazione non e ` in vendita.

Viene distribuita nell’ambito di

un’opera mondiale di istruzione biblica

sostenuta mediante contribuzioni

volontarie.

Salvo diversa indicazione, le citazioni della Bibbia sono tratte dalla Traduzione del Nuovo Mondo delle Sacre Scritture con riferimenti .

La Torre di Guardia e ` un periodico mensile con

supplemento nei mesi di gennaio, marzo, maggio,

luglio, settembre e novembre, edito in Italia dalla

Congregazione Cristiana dei Testimoni

di Geova, Via della Bufalotta 1281, Roma. Direttore

responsabile: Romolo Dell’Elice. Stampata in

Germania da: Wachtturm Bibel- und

Traktat-Gesellschaft der Zeugen Jehovas, e. V.

Selters/Taunus. Supplemento: Reg. Trib. Roma

n.212 - 2/12/2015

Druck und Verlag: Wachtturm Bibel-

und Traktat-Gesellschaft, Selters/Ts.,

V. i. S. d. P. Ramon Templeton, Selters/Ts.

2016 Watch Tower Bible and Tract Society

of Pennsylvania. Printed in Germany.

34567 Copie prodotte di ciascun numero : 58.987.000 Disponibile in 25 4 LINGUE N. 1 2016 Vol . 137, No. 1 ITALIAN QUESTA RIVISTA, La Torre di Guardia , rende onore a Geova Dio, il Sovrano dell’universo. Reca conforto con la buona notizia che presto il celeste Regno di Dio eliminer a ` tutta la malvagit a ` e trasformer a ` la terra in un paradiso. Incoraggia a riporre fede in Ges u ` Cristo, che mor ı ` affinch e ´ potessimo ottenere la vita eterna e che ora governa come Re del Regno di Dio. Questa rivista si pubblica ininterrottamente dal 1879 e non ha carattere politico. Si attiene strettamente alla Bibbia. Vorreste saperne di pi u ` o studiare la Bibbia gratuitamente a casa vostra? Visitate il sito www.jw.org oppure scrivete a uno dei seguenti indirizzi. Per l’ITALIA: Testimoni di Geova Via della Bufalotta 1281 I-00138 Roma RM Per la GERMANIA: Jehovas Zeugen 65617 Selters Per l’elenco completo degli indirizzi, vedi www.jw.org/it/contatti. ˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙˙ Questa pubblicazione non e ` in vendita. Viene distribuita nell’ambito di un’opera mondiale di istruzione biblica sostenuta mediante contribuzioni volontarie. Salvo diversa indicazione, le citazioni della Bibbia sono tratte dalla Traduzione del Nuovo Mondo delle Sacre Scritture con riferimenti . La Torre di Guardia e ` un periodico mensile con supplemento nei mesi di gennaio, marzo, maggio, luglio, settembre e novembre, edito in Italia dalla Congregazione Cristiana dei Testimoni di Geova, Via della Bufalotta 1281, Roma. Direttore responsabile: Romolo Dell’Elice. Stampata in Germania da: Wachtturm Bibel- und Traktat-Gesellschaft der Zeugen Jehovas, e. V. Selters/Taunus. Supplemento: Reg. Trib. Roma n.212 - 2/12/2015 Druck und Verlag: Wachtturm Bibel- und Traktat-Gesellschaft, Selters/Ts., V. i. S. d. P. Ramon Templeton, Selters/Ts. 2016 Watch Tower Bible and Tract Society of Pennsylvania. Printed in Germany. CH E NE P ENS ATE? Il m ondo sarebbe miglio re se tutti seg uissero questo pr in cipio bib lico ? De sideriamo compor tarci ones tamente in og ni cosa (Ebrei 13: 18). Qu esto numero de ll a Torre di Guar dia mo stra che l’onest a ` r igu arda ogni aspetto de ll a vita. Perch e ´ essere onesti ? L’onest a ` e ` fuori moda? 3 In che modo la disonest a ` vi riguarda 4 I vantaggi dell ’onest a ` 6 IN Q UE S TO NUMERO La Bibbia ha cambiato la loro vita Concedimi solo un anno di pace e felicit a ` 8 Lo sapevate? 10 Come vincere l ’ insicurez za 11 Saggez za antica per la vita moderna No n siate ansiosi 15 Cosa dice la Bibbia? 16 ` s E IN PI U O NL INE RISPOSTA AD ALT RE DOM ANDE BIBLICHE S ono depresso : La Bibbia pu o ` aiutarmi ? r (Nella sezione COSA DICE LA BIBBIA ˛ BIBBIA : DOMANDE E RISPOSTE ) " id="pdf-obj-1-125" src="pdf-obj-1-125.jpg">

CHE NE PENSATE?

Il mondo sarebbe migliore se tutti

seguissero questo principio biblico?

Desideriamo compor tarci onestamente

in ogni cosa (Ebrei 13: 18).

Questo numero della Torre di Guardia mostra che l’onest a ` riguarda

ogni aspetto della vita.

Perch e ´ essere onesti ?

L’onest a ` e ` fuori moda? 3

In che modo la disonest a ` vi riguarda 4 I vantaggi dell ’onest a ` 6

IN Q UE S TO NUMERO

La Bibbia ha cambiato la loro vita

Concedimi solo un anno di pace e felicit a ` 8

Lo sapevate? 10

Come vincere l ’ insicurez za 11

Saggez za antica per la vita moderna

Non siate ansiosi 15

Cosa dice la Bibbia? 16

RISPOSTA AD ALT RE DOM ANDE BIBLICHE S ono depresso : La Bibbia pu o `
RISPOSTA AD ALT RE
DOM ANDE BIBLICHE
S ono depresso :
La Bibbia pu o ` aiutarmi ?
r
(Nella sezione COSA DICE LA BIBBIA ˛
BIBBIA : DOMANDE E RISPOSTE )

I N C OP ER T I N A

L’one st a ` e ` fuori moda?

H itoshi lavorava presso l ’ufficio contabilit a ` di un’agenzia per l ’ impiego in Giappone.

Durante la revisione di un rendiconto finanziario, il suo capo gli disse che avrebbe

dovuto falsificare il bilancio. Quando spieg o ` che la sua coscienza gli impediva di

compor tarsi in modo disonesto, H itoshi fu minacciato di licenziamento dal suo capo

e alla fine perse il lavoro.

Nei mesi successivi, Hitoshi era sfiduciato riguardo

alle sue prospettive di impiego. Durante un colloquio,

ad esempio, quando aveva detto che non avrebbe

mai agito in modo disonesto sul lavoro, l’interlocuto-

re aveva replicato: “Certo che lei ragiona proprio in

modo strano!” Nonostante la famiglia e gli amici lo in-

coraggiassero ad attenersi alla sua decisione di essere

onesto, Hitoshi cominci o ` ad avere qualche dubbio.

Per esempio disse: “Mi chiedo se sia stata una buona

idea agire onestamente secondo la mia fede”.

L’esperienza di Hitoshi ci ricorda che purtroppo

non tutti attribuiscono un valore all’onest a. ` Al con-

trario alcuni potrebbero vederla come un ostacolo,

specialmente nell’ambito degli affari. “Sono circon-

data da persone disoneste”, ha detto una donna che

lavora in Sudafrica, “e a volte sento che la pressione a uniformarsi e ` davvero forte”.

Una forma di disonest a ` particolarmente diffusa

oggi sono le bugie. Alcuni anni fa uno studio condot-

to da Robert Feldman, docente di psicologia presso l’Universit a ` del Massachussets ad Amherst, ha rivela-

to che in una conversazione di 10 minuti il ` 60 per cen-

to degli adulti mente almeno una volta. “ E stato un ri-

sultato molto sorprendente”, dice Feldman. “Non ci

aspettavamo che dire ` bugie fosse cos ı ` comune nella

vita quotidiana”. E davvero curioso: nonostante le

persone generalmente detestino che vengano dette

loro delle bugie, poche cose sono diffuse come l’abi-

tudine di mentire.

Perch e ´ mentire, rubare e altre forme di disonest a `

sono cos ı ` comuni oggi? In che modo la disonest a ` ha influenzato la societ a ` nel suo insieme? E soprattutto

come possiamo evitare di lasciarci coinvolgere in si-

mili modi di fare?

In che modo la d isone st a ` vi rig u a rda

“Non c ’ e ` situazione difficile che non si possa risolvere

con una piccola bugia” (Samantha, Sudafrica).

Siete d’accordo con questa affermazione? Come Sa-

mantha, tutti affrontiamo situazioni difficili prima o

poi. Il modo in cui reagiamo alle situazioni che po- trebbero spingerci a essere disonesti pu o ` rivelare

quali valori sono importanti per noi. Ad esempio se

consideriamo di primaria importanza salvare la fac-

cia, probabilmente essere disonesti sarebbe per noi

solo uno dei mezzi per raggiungere quel fine. Quan-

do la verit a ` viene a galla, per o, ` la disonest a ` porta

spesso a cattive conseguenze. Vediamone alcune.

` LA DISONEST A DISTRUGGE LA FIDUCIA

Le relazioni umane si fondano sulla fiducia. Due

persone che si fidano l’una dell’altra si sentono al si-

curo, protette. Ma la fiducia non si ottiene dall’oggi

al domani. Le persone costruiscono un rapporto di

fiducia quando trascorrono del tempo insieme, sta-

biliscono un dialogo sincero e agiscono altruistica-

mente. Anche un solo atto di disonest a ` pu o ` manda-

re in frantumi la fiducia che ci eravamo guadagnati.

Una volta infranta la fiducia, pu o ` essere molto dif-

ficile riconquistarla.

Siete mai stati ingannati da qualcuno che ritene-

vate un buon amico? Come vi siete sentiti? Probabil-

mente la cosa vi ha ferito, vi siete sentiti traditi.

Questo e ` comprensibile. Non ci sono dubbi che la di- sonest a ` mini le basi di preziose relazioni.

` LA DISONEST A GENERA DISONEST A

`

Da uno studio condotto da Robert Innes, docen- te di economia presso l’Universit a ` della California,

e ` emerso che “la disonest a ` e ` contagiosa”. Quin-

di e ` come con un virus: pi u ` si sta a contatto con una persona disonesta, pi u ` c’ e ` il rischio di essere “contagiati ” dalla sua disonest a. `

Come potete evitare di cadere nella trappola del-

la disonest a? ` La Bibbia d a ` utili suggerimenti. Riflet- `

tiamo su alcuni princ ıpi

biblici.

Forme d i d isone st a `

Mentire

COSA SIGNIFICA? Dire qualcosa di falso a chi ha il diritto di conoscere

la verit a. ` Mentire include travisare la realt a ` o distorcerla per inganna-

re una persona, omettere informazioni importanti per sviare qualcu-

no e gonfiare i fatti per dare un’impressione che non corrisponde al

vero.

COSA DICE LA BIBBIA: “La persona tortuosa e ` detestabile a Geova,

ma la Sua intimit ` a ` e ` con i retti ` ” (Proverbi 3: 32 ). “Ora che avete allon-

tanato la falsit a, dite la verit a ciascuno al suo prossimo” (Efesini

4: 25).

Ca lunn ia re

COSA SIGNIFICA? Diffondere notizie false e diffamanti che rovinano

la reputazione di una persona.

COSA DICE LA BIBBIA: “L’uomo di intrighi continua a suscitar contesa,

e il calunniatore separa quelli che sono familiari l’uno con l’altro”

(Proverbi ` 16: 28). “Dove non c’ e ` legna il fuoco si smorza, e dove non

c’ e calunniatore la contesa si placa” (Proverbi 26: 20).

Froda re

COSA SIGNIFICA? Indurre con l’inganno una persona a investire soldi

o beni.

COSA DICE LA BIBBIA: “Non devi defraudare un lavoratore salariato

che e ` in difficolt a ` e povero” (Deuteronomio 24: 14, 15). “Chi defrauda

il misero ha biasimato il suo Fattore, ma chi mostra favore al povero

Lo glorifica” (Proverbi

14: 31 ).

Ruba re

COSA SIGNIFICA? Appropriarsi di ci o ` che appartiene ad altri senza

il loro permesso.

COSA DICE LA BIBBIA: “Se qualcuno rubava, ora non rubi pi u: ` anzi si

dia da fare, lavorando onestamente con le proprie mani, per avere la

possibilit a ` di aiutare chi si trova nel ´ bisogno” ´ (Efesini ´ 4: 28, Parola ´ del

Signore). “Non siate sviati. [

...]

N e ladri, n e avidi, n e ubriaconi, n e ol-

traggiatori, n e ´ rapaci erediteranno il regno di Dio” ( 1 Corinti 6: 9, 10).

I

vantagg i del l ’onest a `

“Confidiamo di avere un’onesta coscienza, desiderando comportarci

onestamente in ogni cosa” (Ebrei 13 : 18).

Nella Bibbia, la parola greca a volte tradotta “one-

st a” ` letteralmente richiama l’idea di qualcosa di in- trinsecamente buono. Pu o ` anche trasmettere l’idea

  • di bello in senso morale. Come cristiani prendiamo sul serio le ispirate pa-

role dell’apostolo Paolo e desideriamo “comportar-

  • ci onestamente in ogni cosa”. Cosa implica questo?

UNA LOTTA INTER IOR E

Quasi tutti si danno un’occhiata allo specchio

ogni mattina prima di uscire. Perch e? ´ Vogliono ap-

parire al meglio. C’ e ` per o ` qualcosa di gran lunga pi u ` importante di un vestito o di un taglio alla moda: ci o ` che siamo interiormente. Questo, infatti, pu o ` dare

o togliere valore al nostro aspetto esteriore.

La Parola di Dio dice chiaramente che siamo in-

clini a sbagliare. “L’inclinazione del cuore dell’uo-

mo e ` cattiva fin dalla sua giovinezza”, dice Gene-

si 8:21 . Per comportarci in modo onesto, quindi,

dobbiamo combattere contro la nostra innata ten-

denza a peccare. L’apostolo Paolo descrisse vivida-

mente la sua lotta interiore contro il peccato, di-

cendo: “Realmente mi diletto nella legge di Dio

secondo l’uomo che sono interiormente, ma vedo

nelle mie membra un’altra legge che combatte con-

tro la legge della mia mente e mi conduce prigio-

niero alla legge del peccato che e ` nelle mie mem-

bra” (Romani 7:22, 23).

Ad esempio, quando il nostro cuore ci spinge a

fare qualcosa di sbagliato e abbiamo una forte incli-

nazione a essere disonesti, non siamo in bal ıa ` degli

impulsi del nostro cuore. Possiamo scegliere. Se de-

cidiamo di rigettare un pensiero sbagliato, possiamo

mantenerci onesti nonostante la disonest a ` che ci

circonda.

VINCER E LA LOTTA

Per essere onesti abbiamo bisogno di un forte senso morale. Purtroppo, per o, ` molte persone si preoccupano pi u ` del proprio codice di abbigliamen-

to che di quello morale. Considerano perci o ` accetta-

bile un certo grado di disonest a ` in base alle situazio-

ni in cui si trovano. In un libro, infatti, leggiamo: “In

pratica imbrogliamo fino a un limite che ci permet-

te di continuare a considerarci persone ragionevol-

mente oneste” (The Honest Truth About Dishonesty).

C’ e ` un criterio affidabile che ci pu o ` aiutare a capire qual e ` il limite, se esiste, entro il quale la disonest a ` e ` accettabile? S ı! `

Milioni di persone in tutto il mondo hanno ri-

scontrato che la Bibbia e ` proprio ci o ` che serve al

riguardo. Contiene il codice morale per eccellenza

(Salmo 19:7). Fornisce una guida affidabile in meri-

to a vita familiare, lavoro, moralit a ` e spiritualit a. ` Ha

resistito alla prova del tempo. Le leggi e i princ ıpi `

che espone sono validi per ogni nazione, razza, tri-

b u ` e popolo. Se leggiamo attentamente la Bibbia,

meditiamo su di essa e mettiamo in pratica i suoi

consigli, possiamo indurre il nostro cuore a essere

onesto e retto.

Comunque non basta avere una profonda cono-

scenza della Bibbia per vincere la lotta contro la di- sonest a. ` Viviamo in una societ a ` moralmente de-

pravata che ci spinge ad accettare i suoi standard

corrotti. Per questo motivo abbiamo bisogno di pre-

gare Dio affinch e ´ ci aiuti e ci sostenga (Filippesi 4:

6, 7, 13). Cos ı ` facendo, possiamo avere il coraggio di

lottare per ci o ` che e ` giusto e di essere onesti in ogni

cosa.

` LE R ICOMPENSE DELL’ONEST A

Hitoshi, menzionato nel primo articolo, ha tratto

vantaggio dalla reputazione di onesto lavoratore.

Adesso lavora per qualcuno che apprezza la sua

onest a. ` “Sono grato”, dice Hitoshi, “di aver trovato

un lavoro che mi permette di mantenere la coscien-

za pulita”.

Anche altri la pensano allo stesso modo. Conside-

riamo alcuni esempi di persone che sono state ri-

compensate per aver applicato il principio biblico di

comportarsi “onestamente in ogni cosa”.

b u ` e popolo. Se leggiamo attentamente la Bibbia, meditiamo su di essa e mettiamo

Un a cosc ienza pu l ita

“Ho lasciato la scuola a 13 anni

e ho iniziato a ‘lavorare’ con i ladri.

In pratica il 95 per cento del mio guadagno proveniva da attivit a ` il-

lecite. Poi mi sono sposata, e con mio marito abbia-

mo cominciato a studiare la Bibbia con i testimoni

di Geova. Abbiamo imparato che Geova Dio odia

la disonest a, ` quindi abbiamo deciso di cambiare sti-

le di vita. Nel 1990 abbiamo dedicato la nostra vita

a Geova e ci siamo battezzati come testimoni di

Geova” (Proverbi 6:16 -19).

“In passato casa mia era piena di oggetti rubati,

ma adesso e ` libera da cose del genere, e questo mi

fa avere una coscienza pulita. Quando ripenso ai

Geova e ` il nome di Dio rivelato nella Bibbia .

tanti anni in cui sono stata disonesta, non posso che

ringraziare Geova per la sua grande misericordia.

Che soddisfazione andare a letto ogni sera sapendo

che Geova si compiace di me!” (Cheryl, Irlanda).

“Quando il mio capo ha sapu-

to che avevo rifiutato una busta-

rella da un potenziale cliente mi

ha detto: ‘Il tuo Dio ti rende una

persona proprio affidabile! Siamo

davvero fortunati ad averti nella

nostra azienda’. Essere onesto in ogni cosa mi fa

avere una coscienza pulita davanti a Geova. Inoltre

mi permette di aiutare la mia famiglia a fare altret-

tanto” (Sonny, Hong Kong).

  • Pace men ta le
    tivo presso una banca internazio-

“Lavoro come assistente esecu-

nale . Negli affari l’onest a ` viene

soffocata dal desiderio di diventa-

re ricchi. Il punto di vista comune e: ` ‘Che c’ e ` di male in un pizzico di disonest a ` se serve a diventa-

re ricchi e a sostenere l’economia?’ Io invece, es-

sendo onesto, ho pace mentale. Sono deciso a

rimanere onesto e ad affrontare qualunque conse-

guenza dovesse derivarne. I miei superiori sanno

che non mentirei mai n e ´ a loro n e ´ per loro” (Tom,

Stati Uniti).

  • Rispetto d i s e ´
    guardo ad alcune provviste man-

“Al lavoro il mio supervisore mi

fece pressioni perch e ´ mentissi ri-

canti, ma io mi rifiutai. Quando

poi si scopr ı ` chi erano i ladri, il mio capo mi ringra- zi o ` per essere stata onesta. Ci vuole coraggio per es-

sere onesti in un mondo disonesto. Ma alla fine riu-

sciamo a guadagnarci la fiducia e il rispetto degli

altri ” (Kaori, Giappone).

Una coscienza pulita, pace mentale e rispetto di

s e: ´ queste ricompense dimostrano che vale la pena

essere onesti. Non siete d’accordo? ˇ

LA BI BBIA H A CA MBIATO LA LOR O VI TA

Conced i m i solo un anno

d i pace e fel ic it a `

I L M IO PASSATO: La mia famiglia viveva a Tellancourt , un paesi-

no della Francia nord-orientale. Mio padre era francese e mia ma-

dre e ` italiana. Quando avevo otto anni ci trasferimmo in un

quartiere popolare della periferia di Roma, e l ı ` cominciarono i

problemi in famiglia. I miei genitori avevano violente liti a moti-

vo dei problemi economici.

A 15 anni mia madre mi incoraggi o ` a passare pi u ` tempo fuori

  • di casa e a farmi degli amici. Cos ı ` iniziai ad assentarmi per perio-

  • di di tempo sempre pi u ` lunghi e strinsi presto cattive amicizie. Un `

giorno mi avvicin o un uomo dai modi amichevoli. Mi offr ı ` della droga, che accettai perch e ´ volevo sentirmi grande. Sprofondai ve- locemente nel mondo della droga e dell’immoralit a ` sessuale. In diverse occasioni fui violentato. La vita non aveva pi u ` alcun valo-

re ai miei occhi; essere vivo o morto non faceva differenza. Ero

NARRATO DA ALAIN BROGGIO

tremendamente solo. A 16 anni tentai il suicidio gettandomi in un

lago dopo aver bevuto una bottiglia di whisky. Rimasi in coma per

ANNO D I NASC ITA

tre giorni.

Cominciai a dare valore alla vita, ma diventai anche violento e

  • 1971 subdolo. Offrivo prestazioni sessuali alle persone e, una volta a

PAESE D I ORI G I NE

F RANCIA

casa loro, le drogavo e rubavo qualsiasi cosa di valore riuscissi

a trovare. Facevo il corriere della droga in giro per l’Italia per

conto di grosse organizzazioni criminali. Avevo spesso problemi

TRASCORSI

CR IMINI VIOLENTI, ` DROGA

E IMMORALIT A SESSUALE

LA BI BBIA H A CA MBIATO LA LOR O VI TA Conced i m i

con la polizia. La mia vita sembrava inutile e fuori controllo; ci o `

nonostante, ero convinto che la mia esistenza dovesse avere uno

scopo. Pregavo Dio chiedendogli di concedermi solo un anno di pace e felicit a. `

LA B I BB IA HA CAM B IATO LA M IA VITA: A 24 anni decisi di trasfe-

rirmi in Inghilterra. Ero in pericolo di vita a motivo dei miei lega-

  • mi con gli spacciatori di droga. Prima di partire andai a trovare

mia madre e fui sorpreso di vederla parlare della Bibbia con un uomo, Annunziato Lugar a. ` Conoscendo il suo passato da crimi-

nale, iniziai a preoccuparmi e gli chiesi perch e ´ fosse l ı. ` Mi parl o `

Vedi l’articolo “La Bibbia ha cambiato la loro vit a: Ovunque andassi ero sempre

armato”, narrato da Annunz iato Lugar a ` , nella Torre di Guardia del 1° luglio 2014, pa -

gine 8 -9.

Finalmente ho la vita familiare stabile che ho sempre desiderato e il Padre amorevole che ho sempre voluto

dei grandi cambiamenti che aveva fatto nella sua vita

per diventare un testimone di Geova e mi chiese di

promettergli che, una volta arrivato in Inghilterra,

avrei parlato con i Testimoni. Diedi la mia parola.

Ci o ` nonostante, poco dopo il mio trasferimento ri-

tornai al mio vecchio stile di vita.

Un giorno incontrai un Testimone che offriva le ri-

viste La Torre di Guardia e Svegliatevi! in una traffica-

ta via di Londra. Mi ricordai della promessa fatta ad Annunziato, cos ı ` chiesi al Testimone di studiare la

Bibbia.

Fui sbalordito da quello che imparavo. Ad esem-

pio fui toccato da 1 Giovanni 1:9, che dice riguardo

a Dio: “Se confessiamo i nostri peccati, egli e ` fedele

e giusto da perdonarci i peccati e purificarci ”. Quel

passo biblico ebbe un fortissimo impatto su di me

perch e ´ mi sentivo sporco a causa del mio stile di

vita. Iniziai immediatamente a frequentare le riunio-

ni dei Testimoni di Geova nella loro Sala del Regno.

Fui accolto calorosamente. Quando osservai la sin-

cerit a ` delle loro amicizie, qualcosa che avevo sem-

pre desiderato fortemente, sentii di voler far parte

della loro famiglia spirituale.

Smettere di fare uso di droghe e abbandonare il

mio stile di vita immorale non fu poi cos ı ` difficile; la

cosa pi u ` dura fu cambiare la mia personalit a. ` Mi resi

conto che dovevo trattare gli altri con rispetto e con-

siderazione. Anche se combatto ancora con alcuni

tratti negativi, con l’aiuto di Geova sono riuscito a

fare molti miglioramenti. Nel giro di sei mesi da

quando avevo cominciato lo studio biblico mi bat-

tezzai come testimone di Geova. Era il 1997.

I BE N E F

`

I CI: Dopo il battesimo sposai Barbara, di-

ventata anche lei da poco testimone di Geova .

Quando vide quanto ero cambiato, un mio vecchio

amico inizi o ` a studiare la Bibbia. Col tempo sia lui

che sua sorella diventarono Testimoni. Anche la so-

rella di mia nonna, che adesso e ` morta, cominci o ` a

studiare la Bibbia quando aveva pi u ` di 80 anni e si battezz o. `

Adesso sono un anziano di congregazione e con

mia moglie mi dedico a tempo pieno a studiare la

Bibbia con le persone che parlano italiano a Londra.

A volte ripensando al mio vecchio stile di vita mi

sento molto scoraggiato, ma Barbara mi d a ` un enor-

me sostegno. Finalmente ho la vita familiare stabile

che ho sempre desiderato e il Padre amorevole che

ho sempre voluto. Chiedevo a Dio solo un anno di

pace e felicit a, ` ma lui mi ha concesso molto di pi u. ` ˇ

LO S A P EVAT E?

Nei tempi bi bl ic i com’erano rea l i z za t i i rotol i, e come ven ivano usa t i ?

Il Vangelo di Luca racconta di quando Ges u ` apr ı ` il rotolo di Isaia,

lesse un passo e poi lo riavvolse. Anche Giovanni parla di un ro-

tolo quando, alla fine del suo Vangelo, dice che nel suo rotolo

non avrebbe potuto riportare tutti i segni che Ges u ` aveva com-

piuto (Luca 4 : 16 - 20 ; Giovanni 20 : 30 ; 2 1 : 25).

Com’erano realizzati i rotoli ? Fogli di materiali come pelle,

pergamena o papiro venivano incollati insieme in modo da for-

mare una striscia, che veniva poi arrotolata intorno a un cilindro

con la parte scritta nella facciata interna. Il testo era disposto in

brevi colonne perpendicolari alla direzione di arrotolamento. Se il

rotolo era lungo, aveva un cilindro a ogni estremit a. ` Per trovare

il punto desiderato, il lettore teneva i due cilindri tra le mani, uti-

lizzandone una per aprire il rotolo e una per riavvolgerlo.

Secondo l ’Anchor Bible Dictionary, “un rotolo era abbastanza

lungo (circa 10 metri ) da contenere un intero libro, ma aveva il

vantaggio di occupare poco spazio una volta arrotolato”. Si sti-

ROTOLI IN PELLE E VELINO

DEL LIBRO D I ESTER ,

RISALENTI AL XVI I I SECOLO

The Trustees of the Chester Beatt y Librar y, Dublin

ma che per il Vangelo di Luca, ad esempio, sarebbe servito un ro-

tolo lungo circa 9, 5 metri. In alcuni casi il margine superiore e in-

feriore del rotolo veniva rifilato, lisciato con pietra pomice e poi

tinto. ˇ

Ch i potrebbero e s sere i “capi sa cerdot i ” menz iona t i nel le S c rittu re Greche Crist iane?

Fin dall’istituzione del sacerdozio in Israele l’incarico di sommo sa-

cerdote poteva essere ricoperto da un uomo alla volta; all’inizio si

trattava di una carica a vita (Numeri 35: 25). Aaronne fu il primo ad

avere questo incarico. In seguito il privilegio veniva generalmente

trasmesso dal padre al figlio maggiore (Esodo 29: 9). Fra i discen-

denti maschi di Aaronne molti servirono come sacerdoti, ma relati-

vamente pochi furono sommi sacerdoti.

Quando Israele fu sotto la dominazione straniera, i governanti

non israeliti nominavano e destituivano i sommi sacerdoti a loro

piacimento. Comunque, sembra che chi riceveva questa carica ve-

niva quasi sempre scelto tra un numero ristretto di famiglie privile-

giate, principalmente della discendenza di Aaronne. L’espressione

“capi sacerdoti ” si riferisce evidentemente agli esponenti principa-

li del sacerdozio. Tra questi forse c’erano i capi delle 24 divisioni

sacerdotali, i familiari pi u ` in vista del sommo sacerdote e i sommi

sacerdoti destituiti dall’incarico, come Anna ( 1 Cronache 24: 1-19;

Matteo 2 :4; Marco 8: 31 ; Atti 4: 6). ˇ

Come vi ncere l ’ i ns ic u rez z a

N ESSUNO e pi u vulnerabile di un neonato. Quan-

`

`

do siamo venuti al mondo la nostra sicurezza

dipendeva interamente dai nostri genitori. Mentre

iniziavamo a muovere i primi passi, vedevamo gli

altri intorno a noi come giganti. Se non c’erano i

nostri genitori ci facevano paura , ma ci sentivamo

sicuri quando afferravamo la mano di mamma o pap a ` .

Durante l’infanzia il nostro benessere era legato

all’amore e al sostegno dei nostri genitori. Sentire

che ci amavano ha rafforzato il nostro senso di si-

curezza . Se ci lodavano ci sentivamo sicuri e que-

sto ci ha permesso di fare progressi.

Da bambini, il nostro senso di sicurezza e ` stato

rafforzato anche dai nostri intimi amici. Quando

c’erano loro ci sentivamo pi u ` a nostro agio, e anche

l’ambiente scolastico sembrava meno ostile .

Naturalmente questa e ` la descrizione di un’infan-

zia ideale . Per alcuni ragazzi gli amici veri sono po-

chi, e fin troppi bambini ricevono scarso sostegno

dai genitori. Melissa dice: “Quando vedo foto di

famiglie unite che fanno le cose insieme , penso:

‘Magari fossi cresciuta in un ambiente cos ı ` ’ ”. For-

se anche voi vi sentite allo stesso modo.

Tutti i nomi sono st ati cambiati.

CR ESCER E NELL’ INSICUR EZZA

Probabilmente negli anni formativi non vi e ` sta-

to trasmesso un forte senso di sicurezza . Forse non

vi sono stati dati amore e sostegno adeguati. Maga-

ri avete ancora in mente i continui litigi tra i vostri

genitori che hanno portato alla fine del loro matri-

monio, una separazione di cui forse vi siete erro-

neamente addossati la colpa . Ancora peg gio, potre-

ste aver sub ıto ` abusi verbali o fisici da uno dei

vostri genitori.

Come pot rebbe rea gire un bambino che cresce

nell’insicurez za? Q ualcuno iniz ia a us are droghe

o a bere alcolici gi a ` da adolescente . Il desiderio di

appar tenenza por t a alt ri a unirsi a dei gruppi di

st rada . I ra ga z z i insicuri pot rebbero lanciarsi in

avventure sentiment ali alla ricerca di amore e at-

tenz ioni . Q ueste rela z ioni , per o, ` di solito non du- rano a lungo e la separa z ione e ` spesso caus a di in-

sicurez za .

Pur non cadendo in queste trappole , alcuni ado-

lescenti insicuri potrebbero comunque crescere

con una scarsa autostima . “Mi convinsi di essere

inutile , visto che mia madre non faceva altro che ri-

petermelo”, spiega Ana . “Non ricordo di aver mai

ricevuto lodi o affetto da lei ”.

I volt i del l’i ns ic u r ez z a

“Quando mio padre era ubriaco esplodeva di

rabbia e si trasformava. Diventava come un

lupo che digrigna i denti prima di attaccare la

sua preda senza piet a. Come un’agnellina

`

spaventata, io mi facevo piccola piccola spe-

rando che non mi vedesse. Vivevo questo

incubo quasi ogni giorno” ( Ricordi d ’infanzia

di Caroline).

“Sentivo di non potermi fidare di nessuno.

Mi sembrava di essermi persa sulla cima di

una montagna; gridavo aiuto, ma non c ’era

nessuno che mi sentisse, nessuno che potesse

portarmi al sicuro” ( Eva, divorziata da poco).

“Spesso mio padre mi urlava contro: ‘ Sei

cattivo. Nessuno potr a mai amarti !’ Per anni

`

ho cercato di convincermi che non sono una

cattiva persona e che piaccio agli altri. Mi sen-

tivo come un cucciolo con la coda tra le zam-

pe, sempre in cerca di una carezza che per o

`

non arrivava mai ” ( Mark , che veniva mortifica-

to dal padre).

“Quando vedo una bella donna penso a una

splendida orchidea che la gente vorrebbe

avere in casa. Io invece mi vedo come erbaccia

che non interessa a nessuno” ( Mar ıa,

´ che lotta

`

con sentimenti di inferiorit a).

“Quando avevo appena 1 2 anni i miei genitori

emigrarono in un altro paese e mi lasciarono

a casa perch e badassi alle mie due sorelle pi u

´

`

piccole. Mi sentivo cos ı sola! Avevo bisogno di

`

qualcuno che si prendesse cura di me e che mi

lodasse; mi sembrava di essermi persa in una

grande foresta buia. Anche se riuscivo ad

andare avanti giorno dopo giorno, volevo tro-

vare una via di fuga da quella foresta. Volevo

sentirmi sicura e felice” ( Rachel, figlia di

emigranti ).

Il modo in cui siamo cresciuti non e ` l’unica cau-

sa d’insicurezza . Potremmo sentirci insicuri a mo-

tivo di un divorzio traumatico, di problemi legati

all’et a ` avanzata o della preoccupazione per il no-

stro aspetto fisico. A prescindere dalla causa , l’insi-

curezza pu o ` privarci della felicit a ` e compromettere

le relazioni interpersonali. Cosa possiamo fare per

vincerla?

DIO HA CURA DI NOI

Sappiate che e ` possibile ricevere aiuto, che c’ e ` qualcuno che pu o ` e vuole aiutarvi: Dio.

Attraverso il profeta Isaia , Dio trasmise questo

messag gio: “Non preoccuparti, io sono il tuo Dio.

Ti rendo forte , ti aiuto, ti proteg go con la mia

mano invincibile” (Isaia 41:10, 13, Parola del Signo-

re). Com’ e ` rassicurante sapere che Geova vuole ,

per cos ı ` dire , prenderci per mano! Non abbiamo

motivo di preoccuparci.

La Bibbia racconta di alcuni servitori di Geova

che furono preda dell’ansia ma che impararono a

tenersi stretti alla mano di Dio. Per esempio Anna ,

la mamma di Samuele , si sentiva un fallimento per- ch e ´ non poteva avere figli. Veniva continuamente schernita per la sua sterilit a; ` perse l’appetito e pian-

geva spesso (1 Samuele 1:6, 8). Tuttavia , dopo aver

aperto il suo cuore a Dio, non si sent ı ` pi u ` avvilita

(1 Samuele 1:18).

A volte anche il salmista Davide si sent ı ` insicuro.

Per anni il re Saul gli diede la caccia e cerc o ` di met-

terlo a morte . Davide era sempre riuscito a scam-

pare , ma in alcune occasioni si sent ı ` sopraffatto dai problemi (Salmo 55:3 - 5; 69:1). Nonostante ci o, ` scrisse: “In pace certamente giacer o ` e anche dor-

mir o, ` poich e ´ tu, s ı, ` tu solo, o Geova , mi fai dimora-

re al sicuro” (Salmo 4:8).

Sia Anna che Davide affidarono a Geova i loro

pesi emotivi e si sentirono sostenuti da lui (Salmo

55:22). In che modo possiamo imitarli?

TR E MODI PER ACQUISTAR E SICUR EZZA

1 . Confida re i n Ge ova riconoscendolo come

nost ro Pad re .

Ges u ` ci esort o ` a conoscere suo Padre , “ il solo

vero Dio” (Giovanni 17:3). L’apostolo Paolo ci assi-

cura che Dio “non [ e] ` lontano da ciascuno di noi ”

(Atti 17:27). Giacomo scrisse: “Accostatevi a Dio,

ed egli si accoster a ` a voi ” (Giacomo 4:8).

Riconoscere che abbiamo un Padre celeste che ci

ama e che ha cura di noi e ` essenziale per superare `

l’ansia . Forse

per costruire questa fiducia ci vorr a

del tempo, ma molti hanno riscontrato che e ` di

grande aiuto. “Quando ho iniziato a considerare

Geova come mio Padre”, dice Caroline , “ho trova-

to qualcuno a cui parlare dei miei sentimenti pi u ` in-

timi. Questo mi ha dato un sollievo enorme!”

“Quando sono rimasta senza i miei genitori, e `

stato Geova a darmi sicurezza”, ricorda Rachel.

“Potevo parlargli e chiedergli aiuto per affrontare i

miei problemi. E mi ha aiutato davvero!”

I Testimoni di Geova offrono un corso biblico gratuito a chi desi-

dera conoscere meglio Dio.

2 . Trova re u na fa m ig l ia spi rit u a le .

Ges u ` insegn o ` ai suoi discepoli a considerarsi

fratelli e sorelle . Infatti disse loro: “Voi siete tut-

ti fratelli ” (Matteo 23:8). Voleva che i suoi discepo-

li si amassero gli uni gli altri e diventassero quella

che si potrebbe definire una grande famiglia spiri-

tuale (Matteo 12:48 - 50; Giovanni 13:35).

Nelle loro congregazioni i testimoni di Geova si

sforzano di dare il calore e il conforto che carat-

terizzano una vera famiglia spirituale (Ebrei 10:

24, 25). Molti hanno trovato che le adunanze di

congregazione sono come un unguento che reca

sollievo a ferite e cicatrici emotive .

“Nella mia congregazione avevo un’amica spe-

ciale che capiva le mie sofferenze”, ricorda Eva .

“Mi ascoltava , leg geva per me e pregava con me;

si assicurava che non rimanessi sola . Mi ha aiuta-

to ad aprirmi e a parlare di certe cose . Grazie al suo sostegno, ho iniziato a sentirmi pi u ` sicura”.

Rachel ag giunge: “Nella congregazione ho trovato

padri e madri . Mi hanno fatto sentire sicura e

amata”.

3 . Most ra re a mo re e gent i lez z a .

L’amore e la gentilezza permettono di stringere

amicizie durature . Ges u ` afferm o: ` “C’ e ` pi u ` felicit a `

nel dare che nel ricevere” (Atti 20:35). Sicuramen-

te scopriremo che pi u ` mostriamo amore e pi u ` ne ri- ceviamo. Ges u ` disse ai suoi discepoli: “Praticate il dare , e vi sar a ` dato” (Luca 6:38).

Dare e ricevere amore ci fa sentire pi u ` sicuri. La

Bibbia indica che “l’amore non viene mai meno”

(1 Corinti 13:8). “So che alcune delle cose negative

che penso di me semplicemente non sono vere”,

ammette Mar ıa ´ . “Vinco questi sentimenti aiutando

gli altri e non concentrandomi su me stessa . Sono

sempre soddisfatta quando faccio qualcosa per gli

altri ”.

SICUR EZZA PER TUTTI

I tre passi menzionati non sono una formula ma-

gica che produce un sollievo immediato e definiti-

vo, ma possono fare la differenza . “Provo ancora

un senso di insicurezza”, ammette Caroline . “Ades-

so, per o, ` ho pi u ` autostima . So che Dio ha cura di

me e ho molti amici che mi fanno sentire sicura”.

Anche Rachel prova sentimenti simili; infatti ha det-

to: “A volte mi sento sopraffatta dalla tristezza , ma

posso contare su fratelli e sorelle che mi aiutano a

essere positiva . Soprattutto, parlo ogni giorno con

il mio Padre celeste . Questo fa veramente la diffe-

renza”.

C ’ e ` per o ` una soluz ione definitiva . La Bibbia

descrive un futuro nuovo mondo in cui tutti si sen-

tiranno sicuri. La Parola di Dio promette: “Real-

mente sederanno, ciascuno sotto la sua vite e sotto

il suo fico, e non ci sar a ` nessuno che li faccia trema- re” (Michea 4:4). In quel tempo nessuno ci far a ` sentire indifesi o ci far a ` del male . Persino esperien-

ze traumatiche che ci hanno segnato profondamen-

te “non saranno ricordate” (Isaia 65:17, 25). Dio e suo figlio, Cristo Ges u, ` porteranno “vera giustizia”.

Ci saranno “quiete e sicurezza a tempo indefinito”

(Isaia 32:17). ˇ

La Bibbia descrive un futuro nuovo mondo in cui tutti si sentiranno sicuri

S A GGEZZA A N T I CA P ER LA VI TA MODER N A

Non s iate ans ios i

PR INCIPIO BIBLICO: “ Smettete di essere ansio si

per la vo s tra anima” (Ma tteo 6 : 25).

Cosa sig nifica? Ges

u ` pronunci o ` queste parole nel suo Sermone del

Monte. Secondo un dizionario biblico, il verbo greco reso “essere

ansiosi ” pu o ` riferirsi “al modo naturale in cui l’uomo reagisce alla povert a, ` alla fame e ad altri problemi che caratterizzano la sua

vita quotidiana” (The New International Dictionary of New Testament

Theology). L’ansia include spesso ` la preoccupazione per quello che potrebbe succedere in futuro. E normale e giusto preoccuparsi dei

bisogni e del benessere propri e delle persone a cui si vuole bene (Filippesi 2:20). Ma dicendo “non siate mai ansiosi ” Ges u ` stava

consigliando ai suoi seguaci di evitare la preoccupazione eccessiva,

una smisurata paura del domani che pu o ` privarci oggi della gioia di

vivere (Matteo 6:31, 34).

` E ancora valido?

` E saggio prestare attenzione al consiglio di Ges u. `

Per quale motivo? Alcune opere di consultazione spiegano che il sistema nervoso simpatico di chi e ` eccessivamente ansioso si trova

in costante tensione e che questo stato e ` collegato a problemi di

salute come ulcere, disturbi cardiaci e asma.

Ges u ` diede una valida ragione per evitare l’eccessiva ansia: e ` inu-

tile. “Chi di voi pu o, ` essendo ansioso, aggiungere un cubito alla du-

rata della sua vita?” (Matteo 6:27). Concentrarci sulle nostre preoc-

cupazioni non allungher a ` la nostra vita nemmeno di una frazione di

secondo, n e ´ la migliorer a. ` Inoltre spesso le cose non vanno come te-

miamo che vadano. Un biblista ha affermato: “Preoccuparsi del fu-

turo e ` tempo perso, e il futuro raramente e ` brutto come le nostre

paure ce l’avevano fatto immaginare”.

Come possiamo evit are di essere ansiosi ? Primo, confidando in

Dio. Se Dio provvede cibo agli uccelli e adorna i fiori , non prov- veder a ` alle necessit a ` di quelle persone che considerano una prio- rit a ` adorarlo? (Matteo 6:25, 26, 28 - 30). Secondo, vivendo giorno

per giorno. Ges u ` disse: “Non siate mai ansiosi del domani , poich e ´ il domani avr a ` le proprie ansiet a”. ` Non siete d’accordo che “bast a

a ciascun giorno il proprio male”? (Matteo 6:34).

Applicando il saggio consiglio di Ges u, ` eviteremo di farci del

male. Inoltre proveremo calma interiore, quella che la Bibbia defini-

sce “la pace di Dio” (Filippesi 4:6, 7). ˇ

Cosa a cca de quando s i muore?

ALCU N I CREDONO che una parte di noi continui

a vivere, altri pensano che la morte sia la fine

  • di tutto. E voi?

COSA DICE LA BI BBIA

“In quanto ai morti, non sono consci di nulla”

(Ecclesiaste 9: 5). Quando si muore, si smette

  • di esistere.

COS ’ALTRO POSSIAMO IMPARARE DALLA BIBBIA?

˙ Il primo uomo, Adamo, torn o alla polvere quando

`

mor ı (Genesi 2 :7; 3 : 19). Come lui, tutti quelli che

`

muoiono ritornano alla polvere (Ecclesiaste

3 : 19, 20).

˙ Chi muore viene assolto, i suoi peccati gli

vengono perdonati (Romani 6:7). Dopo la morte,

non c ’ e un’ulteriore punizione per i peccati

`

I mor ti pos sono torna re a vivere?

COM E RISPON DERESTE?

˙ S ı `

˙ No

˙ Chiss a `

COSA DICE LA BI BBIA

“Ci sar a ` una risurrezione”

(Atti 24 :15).

COS ’ALTRO POSSIAMO IMPARARE DALLA BIBBIA?

˙ Spesso la Bibbia paragona la morte al sonno

(Giovanni 11 : 11-14). Dio pu o svegliare i morti

`

proprio come noi possiamo svegliare una

persona che dorme (Giobbe 14 : 13 -15).

˙ La Bibbia racconta di diverse risurrezioni, che ci

danno una solida base per credere che i morti

saranno destati (1 Re 17: 17- 24 ; Luca 7: 11-17;

Giovanni 11 : 39- 44).