Sei sulla pagina 1di 2

vino&

Batic 1592
Testo: Joe Rozman; Foto: Marijan Moivnik (entrambi www.revija-vino.si)

Nella foto in alto: Batic-EgdioKorosec. Nella pagina successiva:


Miha Batic.

a qualunque direzione voi


D
arriviate a empas, sia da
Nova Gorica che da Ajdovina,

lazienda dei Bati, situata al


centro del paese, non pu passare
inosservata. Le insegne accanto
alla strada principale vi aiuteranno
a trovarla. La vecchia casa e la
cantina si trovano sopra la strada,
la casa nuova invece sotto di
essa. La famiglia Bati risale al
1592, quando un certo Batkiz
tenne a battesimo una bambina.
Giudicando da questi dati, le
radici familiari sono ancora pi
antiche, ma non documentate,

La propriet familiare Batic

empas 130, 5261 empas, Valle del Vipava, Slovenia


Tel: +386 (0)5 308 86 76, Fax: +386 (0)5 307 85 29
E-mail: mihabatic@siol.net
Rappresentante in Italia: Koroec Egidio, Tel: 0039 34 88 095 5520
Il marchio Bati comprende vini varietali Pinela, Ribolla Gialla,
Zelen, Vitovska, Chardonnay, Sauvignon, Pinot Grigio, Cabernet
Franc, Cabernet Sauvignon e Merlot, gli uvaggi bianchi Bonisimus
(Ribolla Gialla, Pinela, Pinot Grigio, Chardonnay) e Zaria (Pinela,
Zelen, Ribolla Gialla, Moscato Giallo, Chardonnay), luvaggio
rosso Rosso (Merlot, Cabernet Franc, Cabernet Sauvignon), il ros
dal Cabernet Sauvignon e il speciale vino dolce Valentino dalluva
essiccata di Pinela e di Ribolla Gialla. I prezzi vanno dai 10 a 22 euro
per bottiglia, per i magnum dai 45 euro. Visita e degustazione su
prenotazione.

per questo sulle etichette scritto


1592.
Si sa anche che Franc, il
vecchio nonno di Ivan, sotto la
dominazione austriaca, quindi pi
o meno un secolo fa, possedeva
gi 17 mila viti. Cos la viticoltura
si tramand di generazione in
generazione. Con lalternarsi delle
generazioni si alternavano anche
i sovrani regnanti: Franc, dunque,
sotto il governo Austriaco, suo
figlio Miha sotto quello Italiano,
Leopold sotto la Jugoslavia,
Ivan ancora nellera jugoslava
per poi continuare nel periodo
della Slovenia indipendente,
suo figlio, invece, nellEuropa
Unita. Oggi i Bati possiedono
diciotto ettari sui quali crescono
120 mila viti. Ivan, comunque ci
assicura, che non si fermeranno
a questi numeri. Perch se non
progredisci, regredisci.
Il tornio, la tromba e le
medaglie.

Dopo un periodo come


apprendista fabbro ferraio, nel
1968 Ivan decise di lavorare
a casa. Per divertimento e per
proprio piacere suonava la
tromba in un complesso musicale
chiamato Meteori e anche oggi in
alcune occasioni speciali ben
felice di riprenderla in mano. Il
giovanotto si prendeva cura dei
vigneti. Col tempo cominciarono
a circolare notizie su alcuni
viticoltori privati dalla tajerska
e dalla Valle di Vipava che alla
fine degli anni sessanta e allinizio
degli anni settanta avevano
iniziato ad imbottigliare, il che in
quel periodo non era ben visto
dalla societ. Ma ai ragazzi la
perseveranza non mancava e non
persero la motivazione, bench il
vino imbottigliato in quei tempi
non si vendesse ad un prezzo pi
alto dei vini sfusi. Al Concorso
Enologico Internazionale di
Lubiana, che allora nel mondo

vantava grande prestigio e valore,


cominciarono a vincere medaglie.
Cosi abbiamo cominciato anche
noi ad imbottigliare il vino ed a
mandarlo ai concorsi, racconta
Ivan, e alla met degli anni
settanta abbiamo portato a casa
prima la medaglia dargento per il
Merlot e dopo anche quelle doro
per diversi vini, tra cui il Cabernet
Franc, per esempio. Oggi non
partecipano pi ai concorsi
Perch il vino una questione
di gusto; il vino fatto per berlo
e per gustarselo e non fatto per
competere.
Che sia compito delluomo
cambiare la natura?

Nel frattempo Ivan, manteneva


i vigneti con la forma di
allevamento Casarsa perch
allora quello che contava
veramente era la quantit.
Pi tardi Joko Gravner, ad
Oslavia, cominci ad alzare un
polverone con lallevamento
basso e con una bassa
produzione. Vendeva i suoi
vini ad un prezzo cinque volte
pi alto del nostro. Quando li
ho assaggiati, erano veramente
diversi: erano pieni, ricchi,
saporiti. Il messaggio era chiaro.
Per vini cos, che possono
riposare a lungo e che con gli anni
miglioreranno ancora, bisogner
cambiare ancora molto nel
vigneto e in cantina.
Ivan torn gradualmente alle
vecchie dimensioni tipiche della
Valle del Vipava. 1,2 metri tra le
file e 0,7 metri in fila, piantagione
folta e bassa, bassa produzione, in
tutto mezzo chilo di uva a vite e
alle vecchie piccole e grandi botti
di legno. La cantina fu testimone
anche di altri cambiamenti. La
macerazione anche delle variet
bianche, come una volta, pi
breve o lunga a seconda della
maturazione, senza o con la
minima solfatura, per ottenere

Novembre 2008

69

vino&

70

un vino il pi possibile naturale,


genuino. Perch gli uomini con
la loro presunzione non possono
cambiare o correggere quello
che in milioni di anni la natura ha
creato con cura.
I Re Magi

Dalla cantina dei Bati, i vini


arrivano sul mercato quando
sono gi pronti per essere
assaporati. Bench normalmente
valga la regola che i vini bianchi
raggiungono la desiderata
maturit due anni dopo la
vendemmia, e quelli rossi, tre anni
dopo, nelle valutazioni valgono
le diverse annate. Solamente uno
scrupoloso giudizio di ogni vino
e di ogni annata pu cambiare
completamente lordine; com
successo, per esempio, con gli
Chardonnay, che sono venuti alla
luce secondo il seguente ordine:
allannata del 2000 seguita
prima quella del 2002, poi del
2001, 2004, 2003 e solamente alla
fine quella del 1999. Ricordiamo

che lannata del 2001, nel


2004, vinse la medaglia doro al
concorso Chardonnay du Monde
nella Borgogna. Lo Chardonnay
del 1999, invece, nello stesso
anno e allo stesso concorso vinse
la medaglia di bronzo. In unaltra
occasione, dopo che Ivan aveva
messo sulla tavola dieci dei suoi
Chardonnay dal 2003 fino al
1994, con la propria sincerit e
nel modo che conosce solamente
lui, disse, che la medaglia di
bronzo per lui significa ancor pi
di quella doro, perch secondo
lui lannata 1999 fu migliore di
quella del 2001; ma soprattutto
fu troppo buona affinch gli
esperti lo potessero totalmente
capire. Nella stessa occasione
pittorescamente descrisse gli
Chardonnay del 1999, 2000 e del
2001 come i Re Magi.
Laurora di vini archetipi

Limpegno di Bati orientato ad


offrire dei vini non tecnicamente
perfezionati, bens dei vini sani e

naturali, rispecchiato sopratutto


in Zaria. Non Zarja (zarja in
sloveno significa aurora) che
gli inglesi pronuncerebbero
diversamente da come previsto,
ma Zaria. Luvaggio della Pinela,
dello Zelen, e della Ribolla Gialla
con un pizzico di Moscato Giallo
e di Chardonnay, provenienti
da un vigneto di trentanni,
tutte variet macerate fino ad
un mese intero e senza lieviti di
vino aggiunti, affinch il vino
sviluppi una propria anima.
Il vino passa poi un periodo
abbastanza lungo nelle botti di
quercia slovena, per le quali il
legno viene stagionato 4 anni e
mezzo. Al momento giusto senza
filtrazioni e senza mai vedere
lo zolfo il vino passa dalle botti
direttamente nelle bottiglie, cos
come ce lo ha dato madre natura.
Un vino cos sano e fa bene
sia al corpo che allanima. Zaria
venuta alla luce per la prima
volta con lannata del 2006 per
preannunciare laurora dei vini

naturali, salutari. Per annunciare


la nuova era del vino archetipo.
I primi imbottigliamenti sono
gi esauriti, lannata del 2007,
invece, viene imbottigliata in
modo diverso, come giusto
per un vino speciale. Da ogni
botte separatamente e in diversi
periodi di luna per vedere come si
comporter il vino. Alcune botti
sono gi in bottiglie; in quelle,
che sono state imbottigliate
con una luna crescente, il vino
pi brillante e vivace; quello
imbottigliato con la vecchia luna,
invece, pi tranquillo, pi serio.
Alcune botti dellannata 2007
stanno ancora aspettando la luna
giusta, mentre noi aspettiamo con
interesse i nuovi imbottigliamenti.
Quando nellaprile di questanno,
al palazzo Kendov dvorec
(dimora padronale dei Kenda,
oggi ristrutturata in un moderno
complesso alberghiero dalta
categoria) a Spodnja Idrija alla
prima presentazione ufficiale
di Zaria abbiamo avuto
lopportunit di provare le annate
2006 e 2007, ci siamo detti,
che ognuna di loro un proprio
personaggio, un vino lussuoso e
complesso.
Angeli protettori

I Bati hanno fatto un ulteriore


passo in avanti, o meglio, un
passo verso la natura. Nello
spirito del nuovo slogan Bati &
Natura che riflette il loro modo
di pensare e di fare, sulla terra
di Angel, sopra empas, su un
terreno vergine ben arieggiato
e soleggiato, nel 2007 hanno
piantato la Vitovska Grganja,
la Pinela e lo Zelen. I vigneti
vengono coltivati a mano e le viti
non vengono irrorate. Perch
sono difese da un clima ideale
e le proteggono soprattutto gli
angeli.