Sei sulla pagina 1di 400

Algebra Lineare e Geometria Analitica

Volume II
E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella
10 marzo 2011

Prefazione
Con lattivazione delle lauree triennali, i corsi universitari hanno sub`to una notevole riduzione del numero di ore a disposizione per le lezioni ed esercitazioni. Questo libro, che
trae origine dalle lezioni di Geometria e Algebra Lineare I che gli Autori hanno tenuto
al primo anno del Corso di Laurea in Fisica presso lUniversit`a di Torino, costituisce ora
un testo completo che pu`o essere anche utilizzato nelle Facolt`a di Ingegneria, come pure
nel Corso di Laurea in Matematica per lo studio della Geometria Analitica nel Piano e
nello Spazio e per tutte quelle parti di Algebra Lineare di base trattate in campo reale.
Esso si presenta in due volumi di agevole consultazione: il primo dedicato alla parte
teorica ed il secondo formato da una raccolta di esercizi, proposti con le relative soluzioni,
per lo pi`u tratti dai testi desame. La suddivisione in capitoli del secondo volume si
riferisce agli argomenti trattati nei corrispondenti capitoli del primo volume.
Il testo e` di facile lettura e con spiegazioni chiare e ampiamente dettagliate, un po diverso per stile ed impostazione dagli usuali testi universitari del settore, al fine di sostenere ed incoraggiare gli Studenti nel delicato passaggio dalla scuola secondaria superiore
allUniversit`a.
In quasi tutti i capitoli del primo volume e` stato inserito un paragrafo dal titolo Per
saperne di pi`u non solo per soddisfare la curiosit`a del Lettore ma con il preciso obiettivo
di offrire degli orientamenti verso ulteriori sviluppi della materia che gli Studenti avranno
occasione di incontrare sia in altri corsi di base sia nei numerosi corsi a scelta delle Lauree
Triennali e Magistrali.
Gli Autori avranno pienamente raggiunto il loro scopo se, attraverso la lettura del libro,
saranno riusciti a trasmettere il proprio entusiasmo per lo studio di una materia di base
per la maggior parte delle discipline scientifiche, rendendola appassionante.
La figure inserite nel testo sono tutte realizzate con il programma di calcolo simbolico
Mathematica, versione 7. Alcuni esercizi proposti sono particolarmente adatti ad essere
risolti con Mathematica o con Maple.
Per suggerimenti, osservazioni e chiarimenti si invita a contattare gli Autori agli indirizzi
e-mail: elsa.abbena@unito.it, annamaria.fino@unito.it, gianmario.gianella@unito.it.

II di copertina: Ringraziamenti
Grazie ai Colleghi di Geometria del Dipartimento di Matematica dellUniversit`a di Torino
per il loro prezioso contributo.
Grazie al Prof. S.M. Salamon per tanti utili suggerimenti e per la realizzazione di molti
grafici. Grazie ai Proff. Sergio Console, Federica Galluzzi, Sergio Garbiero e Mario
Valenzano per aver letto il manoscritto.
Un ringraziamento particolare agli Studenti del Corso di Studi in Fisica dellUniversit`a di Torino, la loro partecipazione attiva e il loro entusiasmo hanno motivato questa
esperienza.

IV di copertina
Gli autori
Elsa Abbena, professore associato di Geometria presso la Facolt`a di Scienze Matematiche
Fisiche e Naturali dellUniversit`a di Torino, svolge la sua attivit`a di ricerca su argomenti
di geometria differenziale. Ha tenuto innumerevoli corsi di algebra e di geometria dei
primi anni della Laurea Triennale presso vari corsi di Laurea.
Anna Fino, professore associato di Geometria presso la Facolt`a di Scienze Matematiche
Fisiche e Naturali dellUniversit`a di Torino, svolge la sua attivit`a di ricerca su argomenti
di geometria differenziale e complessa. Ha tenuto per vari anni un corso di geometria e
algebra lineare presso il corso di Laurea in Fisica.
Gian Mario Gianella, professore associato di Geometria presso la Facolt`a di Scienze
Matematiche Fisiche e Naturali dellUniversit`a di Torino, svolge la sua attivit`a di ricerca
su argomenti di topologia generale ed algebrica. Si occupa inoltre della teoria dei grafi e
pi`u recentemente della teoria dei numeri. Ha tenuto innumerevoli corsi di geometria dei
primi anni della Laurea Triennale presso vari corsi di Laurea.
Lopera
Con lattivazione delle lauree triennali, i corsi universitari hanno sub`to una notevole riduzione del numero di ore a disposizione per le lezioni ed esercitazioni. Questo libro, che
trae origine dalle lezioni di Geometria e Algebra Lineare I che gli Autori hanno tenuto
al primo anno del Corso di Laurea in Fisica presso lUniversit`a di Torino, costituisce ora
un testo completo che pu`o essere anche utilizzato nelle Facolt`a di Ingegneria, come pure
nel Corso di Laurea in Matematica per lo studio della Geometria Analitica nel Piano e
nello Spazio e per tutte quelle parti di Algebra Lineare di base trattate in campo reale.
Esso si presenta in due volumi di agevole consultazione: il primo dedicato alla parte
teorica ed il secondo formato da una raccolta di esercizi, proposti con le relative soluzioni,
per lo pi`u tratti dai testi desame. La suddivisione in capitoli del secondo volume si
riferisce agli argomenti trattati nei corrispondenti capitoli del primo volume.

Indice
1

Sistemi Lineari
1.1 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1.2 Soluzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

9
9
16

Matrici e Determinanti
2.1 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.2 Soluzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

27
27
34

Calcolo Vettoriale
3.1 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3.2 Soluzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

43
43
52

Spazi Vettoriali e Sottospazi Vettoriali


4.1 Esercizi . . . . . . . . . . . . . .
4.2 Per saperne di pi`u Esercizi . . .
4.3 Soluzioni . . . . . . . . . . . . .
4.4 Per saperne di pi`u Soluzioni . .

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

61
61
84
85
102

Spazi Vettoriali Euclidei


103
5.1 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 103
5.2 Soluzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 109

Applicazioni Lineari
6.1 Esercizi . . . . . . . . . . . .
6.2 Per saperne di pi`u Esercizi .
6.3 Soluzioni . . . . . . . . . . .
6.4 Per saperne di pi`u Soluzioni

.
.
.
.

.
.
.
.
7

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

117
117
136
137
151

INDICE

Diagonalizzazione
7.1 Esercizi . . . . . . . . . . . .
7.2 Per saperne di pi`u Esercizi .
7.3 Soluzioni . . . . . . . . . . .
7.4 Per saperne di pi`u Soluzioni

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

155
155
190
192
229

Forme Bilineari e Forme Quadratiche


233
8.1 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 233
8.2 Soluzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 243

Geometria Analitica nel Piano


253
9.1 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 253
9.2 Soluzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 258

10 Riduzione a Forma Canonica delle Coniche


265
10.1 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 265
10.2 Soluzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 276
11 Geometria Analitica nello Spazio
299
11.1 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 299
11.2 Soluzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 329
12 Coni, Cilindri, Superfici di Rotazione e Quadriche
361
12.1 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 361
12.2 Soluzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 376

Capitolo 1
Sistemi Lineari
1.1

Esercizi

Discutere e risolvere i seguenti sistemi lineari, al variare degli eventuali parametri reali
che vengono abitualmente indicati con le lettere a, b, c, h, k.

x1 + x 2 x3 = 1
2x1 + 2x2 + x3 = 0
[1]

x1 + x2 + 2x3 = 1.

2x1 + x2 + x3 = 1
x1 2x2 + x3 = 2
[2]

x1 + x2 2x3 = 4.

2x1 x2 x3 4x4 = 9
4x1 3x3 x4 = 0
[3]

8x1 2x2 5x3 9x4 = 18.

2x 2y + z + 4w = 0

x y 4z + 2w = 0
[4]
x + y + 3z 2w = 0

3x 3y + z + 6w = 0.
9

10

x + y + az = 1
x + 2y + bz = 3
[5]

y + cz = 2.

2x + y z = 1

x + 2y 2z = 0
[6]
3x y + 2z = 1

x y + z = k.

ax y + z = 2
x ay + z = 3 a2
[7]

x y + az = a + 1.

x+y+z =a
x ay z = 1
[8]

2x + y + az = a + 1.

x + y + hz = 2h 1
x + hy + z = h
[9]

hx + y + z = 1.

2x + az = 1
3x + ay 2z = 2
[10]

ax + 2z = 1.

x+yz =1
2x + 3y + kz = 3
[11]

x + ky + 3z = h.

kx + y + z = 1
x + ky + z = 1
[12]

x + y + kz = h.

xy+z =5
2x + y + 2z = b
[13]

3x 3y + az = 1.

Sistemi Lineari

Capitolo 1

2x 3y + 2z = 1
x + y 2z = 2
[14]

4x y + az = b.

(3 k)x y z = a
2x (4 k)y 2z = b
[15]

3x 3y (5 k)z = c.

(2 k)x ky + (1 k)z = 1 2k
(4 2k)x 3ky + (1 2k)z = 1 k
[16]

(2 k)x 2ky + kz = 5k.

(1 + h)x hy + (1 + 2h)z = 3 + 2h
(1 + h)x hy + 2hz = 1 + 3h
[17]

(1 h)x (1 + 2h)z = 3(1 + h).

(1 + h)x + y + hz = 0
h(1 + h)x (1 + h)y 2h2 z = 2
[18]

(1 + h)x + 2y 2z = 3 + h.

(1 + k)x + (1 + k)y + 2z = 1
x + ky + z = 1
[19]

(1 + k)x + (1 + k)z = 0.

kx 2(1 + k)y + z = 4 2k
(1 + k)y + z = 3 + k
[20]

2kx 5(1 + k)y + 2z = 8 9k.

kx + 2y + 2kz = 1
kx (3 + k)y + 3kz = 1
[21]

kx + (1 + k)y + 2kz = 2.

x1 + x2 + x3 = a
ax1 + x2 + 2x3 = 2
[22]

x1 + ax2 + x3 = 4.

11

12

Sistemi Lineari

x y + z w = a2
2x + y + 5z + 4w = a
[23]

x + 2z + w = 2.

2x y + 3z + w = 0
4x + y 2z w = 0
[24]

2x + 5y + az 5w = 0.

x1 + 2x2 x3 + hx4 = 0

x1 + (2 + h)x2 + x3 = 0
[25]
2x

2 + x3 = 0

x1 2x2 + x3 + hx4 = 0.

x+yz =0
x + (1 + 2h)y (1 + h)z = 1 + 2h
[26]

x + hy z = 1 + h.

xyz =0
3x + y + 2z = 0
[27]

4x + hy = 0.

3x + 2y + z = 1

5x + 3y + 3z = 2
[28]
7x + 4y + 5z = 3

x + y z = 0.

x + y + hz = 2h
x + y + 2z = 1
[29]

2x hy + 4z = 2.

hx + y + hz = 1
2x y + 2z = 1 h
[30]

3x + 3y + (2 + h)z = 2 h.

x ay + z = a
ax 2y + 3z = 1
[31]

3x 2y + az = 5a.

Capitolo 1

2x + ay = 1
x + y z = 2
[32]

ax y + z = 2.

x + y + (1 + h)z = 2 + 2h
x + y + 2z = 1
[33]

2x + (1 h)y + (1 + h)2 z = 2.

hx + y + z = 2
x y = 1
[34]

hx 2y 2z = k.

x1 + 2x2 + x3 = 1
x1 + (2 h)x2 + (2 + h)x3 = 2
[35]

x1 + (2 + 3h)x2 2hx3 = k.

2x1 x2 x3 = 0
(2 h)x1 + (2 + h)x2 x3 = 1
[36]

(2 + 3h)x1 2hx2 x3 = k.

x1 + 2x2 x3 = 0
2x1 + (3 + k)x2 3x3 = 0
[37]

(1 k)x1 + 4x2 3x3 = h.

(1 + a)x + y z = 1
x + ay + z = 1 + a
[38]

x + y + z = 2a.

x1 + 2x2 hx3 = 0,
hx1 + 3x2 + (1 h2 )x3 = 1 + h,
[39]

(6 2h2 )x2 + 2x3 = 2 + 3h + h2 .

x1 x2 + hx3 = 1
x1 + hx2 x3 = h
[40]

(1 + h)x1 2hx2 + (1 + h2 )x3 = 2h.

13

14

Sistemi Lineari

hx1 + (1 h)x2 2hx3 = 2


x1 + hx2 + hx3 = 0
[41]

2x1 + hx2 + hx3 = h.

x1 x2 + 2x3 = k
2x1 kx2 x3 = 1
[42]

kx1 2x2 x3 = 4.

x + ky + z = 0
kx y + 2z = 1
[43]

x y + 2z = k.

hx y = 1
x hy + z = 2
[44]

2x hy + 2z = k.

x + y z = 1
2x + 3y 2az = 3
[45]

x + ay 3z = a.

x 2y z = 6
hx 2y z = 2
[46]

x + y = h.

x1 + (1 + k)x2 5x3 = 4
2x1 (2 + k)x2 + (10 + 2k)x3 = 8
[47]

x1 + x2 + (5 + 2k)x3 = 4 2k + k 2 .

3x + 2ky + z = 7
(3 + k)x (1 + k)y z = 12
[48]

(6 + k)x + 8ky + 2z = 11 + h.

x + hy + hz = 1
x + hy + z = 0
[49]

x hz = 0.

Capitolo 1

15

x+yz =0
x 2y + (1 + k)z = 1
[50]

(2 + k)x + y z = h.

x+y+z =0
(3 + a)x + (1 + 2a)y z = 3
[51]

(2 + a2 )x + az = 2 + a.

x + y + 2z = 0
x + hy + 2z = h
[52]

2x + y + 2hz = 1.

x 2y + kz = 3
x + (2 + 4k)y + 2kz = 4
[53]

3x + (3 + k)y + 3kz = 8 + h.

[54] Dato il sistema lineare:

2x1 x2 x3 = 0
(2 h)x1 + (2 + h)x2 x3 = 0

(2 + 3h)x1 2hx2 x3 = k,

h, k R,

1. determinare tutte le soluzioni nel caso di h = k = 0.


2. Discutere lesistenza delle soluzioni e determinarle (quando e` possibile) al variare
di h, k R.
[55] Dato il sistema lineare:

x1 + x2 + x3 = k
x1 kx2 + x3 = 1

x1 + kx2 + x3 = k,

k R,

1. determinare tutte le soluzioni nel caso di k = 1.


2. Discutere lesistenza delle soluzioni, al variare di k R.

Sistemi Lineari

16

1.2

Soluzioni


[1] Linsieme delle soluzioni e`

2
1
x1 = , x2 = , x3 =
3
3


|R .

[2] Il sistema lineare e` incompatibile.


[3] Linsieme delle soluzioni e` :



3
1
1
7
x1 = 1 + 2 , x2 = 9 + 1 2 , x3 = 1 , x4 = 2 | 1 , 2 R .
4
4
2
2
[4] Linsieme delle soluzioni e` :
{(x = 1 22 , y = 1 , z = 0, w = 2 ) | 1 , 2 R}.
[5] Se a 6= b c lunica soluzione e` (x = 1, y = 2, z = 0);
se a = b c linsieme delle soluzioni e` :
{(x = 1 + (2c b)t, y = 2 ct, z = t) | t R}.
[6] Se k 6= 1 il sistema lineare e` incompatibile;


2
11
10
se k = 1 lunica soluzione e` x = , y = , z =
.
3
3
3
[7] Se a
/ {2, 1} lunica soluzione e` (x = 1, y = a, z = 2);
se a = 2 esistono infinite soluzioni (x = 1 + t, y = t, z = t), t R;
se a = 1 esistono infinite soluzioni (x = 2 + , y = , z = ), , R.
[8] Se a
/ {0, 1} lunica soluzione e` (x = a, y = 1, z = 1);
se a = 0 esistono infinite soluzioni (x = 1 + t, y = 1 2t, z = t), t R;
se a = 1 esistono infinite soluzioni (x = 1, y = , z = ), R.

[9] Se h
/ {2, 1} lunica soluzione e`


2
h
2(1 + h)
x=
, y=
, z=
;
2+h
2+h
2+h

Capitolo 1

17

se h = 2 il sistema lineare e` incompatibile;


se h = 1 esistono infinite soluzioni (x = 1 t t0 , y = t, z = t0 ), t, t0 R.

[10] Se a
/ {2, 0, 2} lunica soluzione e` x =


1
3 + 2a
1
, y=
, z=
;
2+a
a(2 + a)
2+a

se a = 2, a = 0 il sistema lineare e` incompatibile;




1
5
1
se a = 2 esistono infinite soluzioni x = t, y = + t, z = t , t R.
2
4
2
[11] Se k
/ {3, 2} e h R lunica soluzione e` :


h + k
6 + 2h k + hk
h + k
x=
, y=
, z=
;
2 + k
(3 + k)(2 + k)
(3 + k)(2 + k)
se k = 3 e h 6= 3 il sistema lineare e` incompatibile;
se k = 3 e h = 3 esistono infinite soluzioni (x = 0, y = t, z = 1 + t), t R;
se k = 2 e h 6= 2 il sistema lineare e` incompatibile;



1
se k = 2 e h = 2 esistono infinite soluzioni x = , y = (5 4), z =
, R.
5
5
[12] Se k
/ {2, 1} e h R lunica soluzione e` :


h + k
2 + h + hk
h + k
, y=
, z=
;
x=
(1 + k)(2 + k)
(1 + k)(2 + k)
(1 + k)(2 + k)
se
se
se
se

k
k
k
k

= 2 e h 6= 2 il sistema lineare e` incompatibile;


= 2 e h = 2 esistono infinite soluzioni (x = t, y = t, z = 1 + t), t R;
= 1 e h 6= 1 il sistema lineare e` incompatibile;
= 1 e h = 1 esistono infinite soluzioni (x = , y = , z = 1 ), , R.

[13] Se a 6= 3 e b R lunica soluzione e` :




1
4 + 2b
27 + 5a 3b + ab
, y = (10 + b), z =
;
x=
3(3 + a)
3
3+a
se a = 3 e b 6= 2 il sistema lineare e` incompatibile;
se a = 3 e b = 2 esistono infinite soluzioni:

18

Sistemi Lineari


8
1
x = t, y = , z = (7 3t) , t R.
3
3

[14] Se a 6= 2 e b R lunica soluzione e` :




6 + 7a + 4b
3(8 + a + 2b)
5 + b
x=
, y=
, z=
;
5(2 + a)
5(2 + a)
2+a
se a = 2 e b 6= 5 il sistema lineare e` incompatibile;
se a = 2 e b = 5 esistono infinite soluzioni:


1
3
x = t, y = (1 + t), z = (7 + 5t) , t R.
2
4

[15] Se k
/ {2, 8} e a, b, c R lunica soluzione e` :


2a 6b + 2c + bk
3a + 3b 5c + ck
7a b c ak
, y=
, z=
;
x=
(2 + k)(8 + k)
(2 + k)(8 + k)
(2 + k)(8 + k)
se k = 2 e b 6= 2a o c 6= 3a il sistema lineare e` incompatibile;
se k = 2 e b = 2a e c = 3a esistono infinite soluzioni:
(x = , y = , z = a + ), , R;
se k = 8 e a + b + c 6= 0 il sistema lineare e` incompatibile;
se k = 8 e a + b + c = 0 esistono infinite soluzioni:


1
1
x = t, y = (3b + 2c 12t), z = (3b + 4c 18t) , t R.
6
6


[16] Se k
/ {0, 2} lunica soluzione e`


8(1 + k)
4 3k
x=
, y=
, z = 3 ;
2 + k
k

se k = 0 esistono infinite soluzioni (x = 0, y = t, z = 1), t R;


se k = 2 il sistema lineare e` incompatibile.


1 + 2h2
[17] Se h
/ {1, 0} lunica soluzione e` x =
, y = 1, z = 2 h ;
1+h
se h = 1 il sistema lineare e` incompatibile;
se h = 0 esistono infinite soluzioni (x = 1, y = t, z = 2), t R.

Capitolo 1

19

[18] Se h
/ {1, 1, 2} lunica soluzione e` :


4+h
4 2h h2
1
x=
, y=
, z=
;
2h
2h
2h
se h = 1 esistono infinite soluzioni (x = 1, y = t, z = 2 + t), t R;
se h = 1 esistono infinite soluzioni (x = s, y = 1, z = 1), s R;
se h = 2 il sistema lineare e` incompatibile.

[19] Se k
/ {2, 1} lunica soluzione e` :


1
1+k
1
x=
, y=
, z=
;
(1 + k)(2 + k)
(1 + k)(2 + k)
(1 + k)(2 + k)
se k {2, 1} il sistema lineare e` incompatibile.


[20] Se k
/ {1, 0} lunica soluzione e`


5k
1 + 12k
, y=
, z = 3 4k ;
x=
k
1+k

se k {1, 0} il sistema lineare e` incompatibile.


[21] Se k
/ {0, 1} lunica soluzione e` x =


1 k
1
1
, y=
, z=
;
(1 + k)k
1 + k
k

se k {0, 1} il sistema lineare e` incompatibile.


[22] Se a
/ {1, 2} lunica soluzione e`


1 2a
4a
x1 =
, x2 =
, x3 = 3 + a ;
1 + a
1 + a

se a = 1 il sistema lineare e` incompatibile;


se a = 2 esistono infinite soluzioni (x1 = t, x2 = 2, x3 = t), t R.
[23] Se a
/ {3, 2} il sistema lineare e` incompatibile;
se a = 3 esistono infinite soluzioni:
(x = 2 2 , y = 7 2, z = , w = ), , R;
se a = 2 esistono infinite soluzioni:
(x = 2 2t s, y = 2 t 2s, z = t, w = s), t, s R.

20

Sistemi Lineari

[24] Se a 6= 13 esistono infinite soluzioni (x = 0, y = t, z = 0, w = t), t R;


se a = 13 esistono infinite soluzioni:
(x = , y = , z = 6, w = 16 + ), , R.
[25] Se h 6= 0 esiste solo la soluzione nulla (x1 = 0, x2 = 0, x3 = 0, x4 = 0);


1
1
se h = 0 esistono infinite soluzioni x1 = t, x2 = t, x3 = t, x4 = s , t, s R.
4
2

[26] Se h
/ {0, 1} lunica soluzione e`


1 h
1
x=
, y = 1, z =
;
h
h

se h = 0 il sistema lineare e` incompatibile;


se h = 1 esistono infinite soluzioni (x = t, y = 3 + t, z = 3 + 2t), t R.
4
esiste solo la soluzione nulla (x = 0, y = 0, z = 0);
5


4
1
5
se h = esistono infinite soluzioni x = t, y = t, z = t , t R.
5
4
4
[27] Se h 6=

[28] Esistono infinite soluzioni (x = 1 3t, y = 1 + 4t, z = t), t R.



[29] Se h
/ {2, 2} lunica soluzione e` x =


5h
1 2h
, y = 0, z =
;
2h
2h


5
3
se h = 2 esistono infinite soluzioni x = t, y = t, z =
, t R;
2
4
se h = 2 il sistema lineare e` incompatibile.

[30] Se h
/ {2, 1} lunica soluzione e` (x = 3, y = 1 + h, z = 4);


1 3t
se h = 2 esistono infinite soluzioni x = t, y = t, z =
, t R;
2
se h = 1 esistono infinite soluzioni (x = 1 , y = 0, z = ), R.

Capitolo 1

[31] Se a
/ {4, 1, 3} lunica soluzione e` :


2(1 + 9a)
3 + 4a a2
2 + 3a + 5a2
x=
, y=
, z=
;
(4 + a)(3 + a)
(4 + a)(3 + a)
(4 + a)(3 + a)
se a = 4 il sistema lineare e` incompatibile;
se a = 1 esistono infinite soluzioni (x = 3 + t, y = 2(1 + t), z = t), t R;
se a = 3 il sistema lineare e` incompatibile.


1
1 + 2a
[32] Se a
/ {1, 0} lunica soluzione e` x = 0, y = , z =
;
a
a


1+t
1
se a = 1 esistono infinite soluzioni x =
, y = t, z = (5 + 3t) , t R;
2
2
se a = 0 il sistema lineare e` incompatibile.
[33] Se h
/ {1, 3} lunica soluzione e` :


2(1 h + h2 )
1 2h
x=
, y = 1 + 2h, z =
;
3h
3h


3
1
, t R;
se h = 1 esistono infinite soluzioni x = (5 2t), y = t, z =
2
4
se h = 3 il sistema lineare e` incompatibile.
[34] Se h 6= 0 e k R lunica soluzione e` :


4 + h k
4 3h + k hk
4 k
x=
, y=
, z=
;
h
h
h
se h = 0 e k =
6 4 il sistema lineare e` incompatibile;
se h = 0 e k = 4 esistono infinite soluzioni (x = t, y = 1 + t, z = 1 t), t R.
[35] Se h
/ {2, 0} e k R lunica soluzione e` :


2h 2k 3hk + h2
h + k + hk
2+k
x1 =
, x2 =
, x3 =
;
h(2 + h)
h(2 + h)
2+h
se h = 2 e k 6= 2 il sistema lineare e` incompatibile;

21

22

Sistemi Lineari

se h = 0 e k 6= 0 il sistema lineare e` incompatibile;


se h = k = 0 esistono infinite soluzioni (x1 = 2t, x2 = t, x3 = 1), t R;
se h = k = 2 esistono infinite soluzioni (x1 = 2 4s, x2 = s, x3 = 1 + 2s), s R.
[36] Se h
/ {10, 0} e k R lunica soluzione e` :


1 + 2h + 3k + hk
3+k
2 + h + 6k + hk
x1 =
, x2 =
, x3 =
;
h(10 + h)
10 + h
h(10 + h)
se h = 10 e k 6= 3 il sistema lineare e` incompatibile;
se h = 10 e k = 3 esistono infinite soluzioni:


1
1
x1 = t, x2 = (1 + 10t), x3 = (1 + 4t) , t R;
7
7
se h = 0 e k 6=

1
il sistema lineare e` incompatibile;
3

1
esistono infinite soluzioni:
3


1
1
x1 = , x2 = , x3 = + 2 , R.
3
3

se h = 0 e k =

[37] Se k
/ {2, 5} e h R lunica soluzione e` :


h(3 + k)
h
h(1 + k)
x1 =
, x2 =
, x3 =
;
(2 + k)(5 + k)
(2 + k)(5 + k)
(2 + k)(5 + k)
se k = 2 e h = 0 esistono infinite soluzioni (x1 = t, x2 = t, x3 = t), t R;
se k = 5 e h = 0 esistono infinite soluzioni (x1 = 2s, x2 = s, x3 = 4s), s R;
se k {2, 5} e h 6= 0 il sistema lineare e` incompatibile.


3 + 2a
3 a + 2a2
[38] Se a
/ {0, 1} lunica soluzione e` x =
, y = 1, z =
;
a
a
se a = 0 il sistema lineare e` incompatibile;
se a = 1 esistono infinite soluzioni (x = 3 2t, y = t, z = 1 + t), t R.
[39] Se h
/ {0, 2} lunica soluzione e` :

Capitolo 1

23



1 h
1+h
1+h
x1 =
, x2 =
, x3 =
;
2
2(2 h)
2(2 h)


t
3
se h = 0 esistono infinite soluzioni x1 = t, x2 = , x3 = 1 + t , t R;
2
2
se h = 2 il sistema lineare e` incompatibile.
[40] Se h 6= 1 esistono infinite soluzioni:
(x1 = (1 h)t, x2 = 1 + t, x3 = t), t R;
se h = 1 esistono infinite soluzioni (x1 = 1 + u + v, x2 = u, x3 = v), u, v R.
[41] Se h
/ {1, 0} lunica soluzione e` :


3 + h + h2
2 2h h2
, x3 =
;
x1 = h, x2 =
1+h
1+h
se h = 1 il sistema lineare e` incompatibile;
se h = 0 esistono infinite soluzioni (x1 = 0, x2 = 2, x3 = t), t R.
[42] Se k
/ {3, 2} lunica soluzione e` :


7k
1k
3+k
, x2 =
, x3 =
;
x1 =
2(2 k)
2(2 k)
2
se k = 3 esistono infinite soluzioni (x1 = 2 t, x2 = 1 + t, x3 = t), t R;
se k = 2 il sistema lineare e` incompatibile.




1
1 + k
1 k k 2
[43] Se k
/ , 1 lunica soluzione e` x = 1, y =
, z=
;
2
1 + 2k
1 + 2k
se k =

1
il sistema lineare e` incompatibile;
2

se k = 1 esistono infinite soluzioni (x = 1 3t, y = t, z = 1 + 2t), t R.


[44] Se h 6= 0 e k R lunica soluzione e` :


4 + h k
4 k
4 h + k 2h2 h2 k
x=
, y=
, z=
;
h2
h
h2

Sistemi Lineari

24

se h = 0 e k =
6 4 il sistema lineare e` incompatibile;
se h = 0 e k = 4 esistono infinite soluzioni (x = t, y = 1, z = 2 t), t R.


3 2a
a
1
[45] Se a
/ {0, 2} lunica soluzione e` x =
, y=
, z=
;
2 + a
2 + a
2 + a
se a = 0 esistono infinite soluzioni (x = 3t, y = 1 2t, z = t), t R;
se a = 2 il sistema lineare e` incompatibile.
[46] Se h 6= 1 lunica soluzione e` :


4
4 h + h2
2(3 + 2h + h2 )
x=
, y=
, z=
;
1 + h
1 + h
1 + h
se h = 1 il sistema lineare e` incompatibile.
[47] Se k
/ {0, 2} il sistema lineare e` incompatibile;
se k = 0 esistono infinite soluzioni (x1 = 4 + t1 + 5t2 , x2 = t1 , x3 = t2 ), t1 , t2 R;
se k = 2 esistono infinite soluzioni (x1 = 4 + 7t, x2 = 2t, x3 = t), t R.

[48] Se k
/


1
0,
3


e h R lunica soluzione e` :


3 h 17k hk
2+h
9 + 3h + 44k + 3hk + 17k 2 2hk 2
x=
, y=
, z=
;
k(1 + 3k)
1 + 3k
k(1 + 3k)

se k = 0 e h 6= 3 il sistema lineare e` incompatibile;


se k = 0 e h = 3 esistono infinite soluzioni (x = , y = 5, z = 7 3), R;
se k =

1
e h 6= 2 il sistema lineare e` incompatibile;
3

1
e h = 2 esistono infinite soluzioni:
3


15 + t
57 17t
x = t, y =
, z=
, t R.
4
6

se k =


[49] Se h
/ {0, 1} lunica soluzione e`


h
1+h
1
x=
, y=
, z=
;
1h
h(1 h)
1h

Capitolo 1

25

se h = 0 o h = 1 il sistema lineare e` incompatibile.


[50] Se k
/ {1, 1} e h R lunica soluzione e` :


h
1 2h + k hk
1 3h + k
x=
, y=
;
, z=
1+k
1 + k 2
1 + k 2
se k = 1 e h 6= 0 il sistema lineare e` incompatibile;
se k = 1 e h = 0 esistono infinite soluzioni (x = 1 + 2t, y = t, z = 1 + 3t), t R;
2
il sistema lineare e` incompatibile;
3


1
1
2
se k = 1 e h = esistono infinite soluzioni x = , y = + , z = , R.
3
3
3

se k = 1 e h 6=





1
2 + a
2 2a
1
[51] Se a
/ 0,
, z=
lunica soluzione e` x = , y =
;
2
a
a2
a2
se a = 0 il sistema lineare e` incompatibile;
se a =

1
esistono infinite soluzioni (x = 2t, y = 3 9t, z = 3 + 7t), t R.
2

[52] Se h
/ {1, 2} lunica soluzione e` :


h
1
1h
x=
, y=
, z=
;
2h
1h
2(2 h)(1 h)
se h {1, 2} il sistema lineare e` incompatibile.
[53] Se k
/ {3, 0} e h R lunica soluzione e` :


2(2 + h k + 2hk)
1 + h
3 + 5k 4hk
x=
, y=
, z=
;
3+k
3+k
k(3 + k)
se k = 3 e h 6= 1 il sistema lineare e` incompatibile;
se k = 3 e h = 1 esistono infinite soluzioni:


2t
1
x = t, y =
, z=
(17 + 6t) , t R;
10
15

26

Sistemi Lineari

se k = 0 e h R il sistema lineare e` incompatibile.


[54] 1. Linsieme delle soluzioni e` {(x1 = t, x2 = 0, x3 = 2t) | t R}.
2. Se h
/ {10, 0} e k R lunica soluzione e` :


3k + hk
k
6k + hk
x1 =
, x2 =
, x3 =
;
h(10 + h)
10 + h
h(10 + h)
se h = 10 e k 6= 0 il sistema lineare e` incompatibile;
se h = 10 e k = 0 esistono infinite soluzioni:


10
4
x1 = t, x2 =
t, x3 = t , t R;
7
7
se h = 0 e k 6= 0 il sistema lineare e` incompatibile;
se h = 0 e k = 0 esistono infinite soluzioni (x1 = s, x2 = 0, x3 = 2s), s R.
[55] 1. Se k = 1 linsieme delle soluzioni e` {(x1 = t, x2 = t, x3 = 1) | t R}.
2. Se k 6= 1 il rango della matrice dei coefficienti e` 3, pertanto il sistema lineare e`
compatibile;
se k = 1 i ranghi della matrice dei coefficienti e della matrice completa sono
entrambi 2, pertanto il sistema lineare e` compatibile e ammette infinite soluzioni
(cfr. punto 1.).

Capitolo 2
Matrici e Determinanti
2.1

Esercizi

[1] Dopo aver verificato che la matrice:

1
2
0
2
2
A = 1
1 1 1

e` invertibile, calcolare A1 .
[2] Dopo aver verificato che la matrice:

1
3 1
1 1
A= 2
2 1
0

e` invertibile, calcolare A1 .
[3] Data la matrice:

0
A=
1

2
1
4

3
2 ,
h

discutere, al variare del parametro reale h, lesistenza della matrice A1 e calcolare A1


in questi casi.
27

Matrici e Determinanti

28

[4] Data la matrice:

1 3
h
0
A=
1 1
0
0

2
0
,
0
h

1
0
0
0

determinare i valori di h R per cui A e` invertibile e scrivere A1 in questi casi.


[5] 1. Stabilire per quali valori di h R la matrice:

1
2
A=
0
3

2
1
1
2

1
0

h
1

1
0
1
1

e` invertibile.
2. Posto h = 0, determinare linversa di A.
[6] Stabilire per quali valori di h R la matrice:

0
0
A=
1+h
0

h
1
0
2

1
2
0
1

0
1

0
3

e` invertibile.
[7] Calcolare il determinante della seguente matrice, riducendola eventualmente a forma
triangolare superiore:

0
2 1 3
4
1
0
0
.
A=
2 1
1
0
1
0 2
0

[8] Calcolare il determinante della seguente matrice, riducendola eventualmente a forma


triangolare superiore:

Capitolo 2

A=

1
2
5 2
2 3
0
1
1 1

29

3
4 1
6
0 1

4 1
7
.
2
3
4
0
0
0

[9] Calcolare il determinante della seguente matrice, riducendola eventualmente a forma


triangolare superiore:

A=

0
0
1
3
4
3
1 1
0
2

0
1
2 1
2
1
2
1
3 1

2
0
5
3
4

[10] Calcolare il determinante della seguente matrice, riducendola eventualmente a forma


triangolare superiore:

1 2
3 4
2
3 4
1
.
A=
3 4
1 2
4
1 2
3
[11] Calcolare il determinante della seguente matrice, riducendola eventualmente a forma
triangolare superiore:

A=

1+k

2+k

3+k

k R.

12k 22k 32k


[12] Calcolare il determinante della seguente matrice, riducendola eventualmente a forma
triangolare superiore:

A=
1h
4

1+h 2+h
2h
5

3h
,
6

h R.

Matrici e Determinanti

30

[13] Data la matrice:

1
k
2
k2
3+k ,
A= 1
2
2 k+k 5+2k
con k R,
1. calcolare il determinante di A (si suggerisce di ridurre opportunamente la matrice
per righe).
2. Determinare per quali valori del parametro reale k la matrice A e` invertibile.
[14] Data la matrice:

1+h h2
4+h
,
4
A = h 3 h
0
h
0
con h R,
1. calcolare il determinante di A.
2. Determinare per quali valori del parametro reale h la matrice A e` invertibile.
[15] Date le matrici:

1
1
0
0
1 ,
A= 1
0 1 2+a2

x1
X = x2 ,
x3

2
B = 3 ,
a

determinare le soluzioni del sistema lineare AX = B , al variare di a in R. Quando e`


possibile, trovare le soluzioni applicando il Teorema di Cramer.
[16] Date le matrici:

2
3
1
A = 1 14+a2 4 ,
1
5
3

x1
X = x2 ,
x3

4
B = 2+a ,
2

determinare le soluzioni del sistema lineare AX = B , al variare di a in R. Quando e`


possibile, trovare le soluzioni applicando il Teorema di Cramer.

Capitolo 2

31

[17] Date le matrici:

x1
x2

X=
x3 ,
x4

2 3 2
1

4 6
1 2 ,
A=
6 9 1 1

1
B1 = 2 ,
0

1
B2 = 2 ,
3

0
B3 = 0 ,
0

determinare le soluzioni dei sistemi lineari AX = B1 , AX = B2 , AX = B3 .


[18] Determinare le soluzioni del seguente sistema lineare, al variare di h in R:

x1
2h
1 2h 3 2h2
x2 = 1 .
1 h
2
2
1 h 1 h
x3
h

[19] Date le matrici:

1
0
A=
3
0

2
1
,
5
h

3 1
B = 1 2 ,
k 0

determinare, al variare dei parametri reali h e k , una matrice X tale che XA = B.


[20] Date le matrici:


A=


1 2 3
,
1 h 2h

0
2
B=
3
0

1 1
1
0
.
0
k
0
k

determinare, al variare dei parametri reali h e k , una matrice X tale che XA = B.

Matrici e Determinanti

32

[21] Date le matrici:

5
1

3
0
A=
4 1

0
1 ,
3

2 1
B = 2 0 ,
h k

stabilire per quali valori di h, k R lequazione matriciale AX = B e` compatibile e


determinare, quando e` possibile, le soluzioni di tale equazione.

[22] Date le matrici:

1 1
2
1 ,
1
h

0
A=
0

h
1
1 ,
B= 0
2+h 0

discutere e risolvere, al variare del parametro h R, lequazione matriciale AX = B.


[23] Date le matrici:

1
A=
1

1
2 ,
k

k
1
0 ,
B= 0
2+k 0

discutere e risolvere, al variare del parametro k R, lequazione matriciale AX = B .


[24] Date le matrici:

3 1
2 ,
A= 1
2
h

1
B= 0
0

1 1
1
3 ,
k h+k

stabilire per quali valori di h e k in R le seguenti equazioni matriciali:


AX = B,

X 0 A = B,

sono compatibili. Determinare, quando e` possibile, le loro soluzioni.

Capitolo 2

33

[25] Date le matrici:

2 1
2 ,
A= h
1
0

3 1
k
0 3 ,
B = 2
4 k
1

determinare, al variare di h, k R, le soluzioni dellequazione matriciale AX = B .


[26] Date le matrici:

0
A=
1

2
3
h

1 3
1
5 ,
0 8

2
1
1 ,
B= 0
3+k 0

discutere e risolvere, al variare di h, k R, lequazione matriciale AX = B.


[27] Date le matrici:

3
6 ,
0

1 1
2
0
5
A = 1
3
h 1

1 1
B = 5 3 ,
k 1

determinare, al variare di h, k R, le soluzioni dellequazione matriciale AX = B .


[28] Date le matrici:

1
A= 2
1

1
k ,
h

0 1
1 ,
B= 1
0
k

h, k R,

risolvere lequazione matriciale AX = B .


[29] Date le matrici:

1
1
1 ,
A= h
1+k
3

k
B=
0

risolvere lequazione matriciale AX = B .

0
0 ,
1

h, k R,

Matrici e Determinanti

34

[30] Date le matrici:

2
A=
4

0 1
1
3 ,
h
k

1 3
0 ,
B= 1
3h 6

stabilire per quali valori di h e k in R le seguenti equazioni matriciali:


AX = B,

X 0A = B

sono compatibili. Determinare, quando e` possibile, le loro soluzioni.


[31] Date le matrici:

A=

2 1 1
1 0
5


,


B=

2
5 8 1
6 7
7
9


,

risolvere lequazione matriciale AX = B.


[32] 1. Date le matrici:

3
2k
2
A = 3 2+2k 1 ,
k
0
1

2+2k
B = 2+2k ,
1+k 2

discutere la compatibilit`a dellequazione matriciale AX = B, al variare del parametro k R, e determinare, quando e` possibile, la matrice X.
2. Date due matrici quadrate A e B dello stesso ordine, e` sempre valida lidentit`a:
A2 B 2 = (A + B)(A B)? Giustificare la risposta.

2.2

Soluzioni

[1] La matrice A e` invertibile in quanto det(A) = 2,

0
1
2

1
1

1
A1 = 2 2
.

1
3

2
2
2

Capitolo 2

[2] La matrice A e` invertibile in quanto det(A) = 3,

1
1
2

3
3
3

2
2
1
1

.
A =

3
3
3

4
7
5

3
3
3

[3] Esiste A1 per ogni h 6= 9;


8 + h 12 2h
1
9 + h 9 + h 9 + h

3+h
2
2
1
A =
9 + h 9 + h 9 + h

1
6
1
9 + h 9 + h 9 + h

[4] Esiste A1 per ogni h 6= 0;

1
0
0
0

1
0
1
0

A1 =

2
2
1
3

h
h

1
0
0
0
h

[5] 1. Esiste A1 per ogni h 6= 1.


2. Per h = 0 linversa di A e` :

35

Matrici e Determinanti

36

A1

1
2

1
2

1
2


[6] A e` invertibile per ogni h


/


1
1,
.
5

[7] det(A) = 39.


[8] det(A) = 93.
[9] det(A) = 99.
[10] det(A) = 160.
[11] det(A) = 0, per ogni k R.
[12] det(A) = 0, per ogni h R.
[13] 1. det(A) = k 2 (1 + k).
2. A e` invertibile se e solo se k
/ {0, 1}.
[14] 1. det(A) = h(2 + h)(2 + h).
2. A e` invertibile se e solo se h
/ {2, 0, 2}.
[15] Se a
/ {1, 1} lunica soluzione e` :

Capitolo 2

4 + 3a
1+a

2 a
X=
1+a

1+a
che, in questo caso, pu`o essere determinata anche usando il Teorema di Cramer;
se a = 1 il sistema lineare e` incompatibile;
se a = 1 esistono infinite soluzioni:

0
1
X = 2 + 1 t, t R.
3
1
[16] Se a
/ {4, 4} lunica soluzione e` :

2(27 + 5a)
7(4 + a)

X=
,

4+a

25 + 8a
7(4 + a)
che, in questo caso, pu`o essere determinata anche usando il Teorema di Cramer;
se a = 4 il sistema lineare e` incompatibile;
se a = 4 esistono infinite soluzioni:

0
1

5 1

X = 7 + 2 t, t R.

13 1

14
2
[17] AX = B1 e` incompatibile;
AX = B2 ammette infinite soluzioni:

37

Matrici e Determinanti

38

3
2

X=

+
1

10

+
2

1
2

1 , 2 R;

AX = B3 ammette infinite soluzioni:

X=
1 +

3
10

2 ,
4

1 , 2 R.

[18] Se h
/ {1, 0, 1} lunica soluzione e` :

x1

1
1+h

2+h


x2 =

h(1 + h)

x3
1+h

se h = 1 e h = 0 il sistema lineare e` incompatibile;


se h = 1 esistono infinite soluzioni, date da:

x1
0
1
x2 = 1 + 1 t,
x3
0
1

t R.

Capitolo 2

[19] Esistono infinite soluzioni, date da:

3 3a 5 + a hd
4 + b he
X = 1 3b
k 3c 2k + c hf

a
b
c

d
e ,
f

(a, b, c), (d, e, f ) R3 .

[20] Lequazione matriciale e` incompatibile per ogni valore reale di h e k .


[21] Se h 6= 4 o k 6= 1 lequazione matriciale e` incompatibile;
se h = 4 e k = 1 lequazione matriciale ha infinite soluzioni:

a
b
1 5b , (a, b) R2 .
X = 2 5a
2 3a
3b


1
lunica soluzione e` :
[22] Se h
/ 0,
2
2(3 + h + h2 )

h(1 2h)

2+h
X=

1 2h

2(2 + h)
1 2h

2h
h(1 2h)

h
;
1 2h

1
1 2h



1
se h 0,
lequazione matriciale e` incompatibile.
2
[23] Se k 6= 2 lequazione matriciale e` incompatibile;
se k = 2 lunica soluzione e` :

4
2

5
5

X=
.
2
1

5
5

39

Matrici e Determinanti

40

[24] Se h 6= 4 o k 6= 2 lequazione matriciale AX = B e` incompatibile;


se h = 4 e k = 2 lunica soluzione e` :


1
2 3 1
X=
;
7 1 2 10
lequazione matriciale X 0 A = B e` priva di significato.

[25] Se h 6= 3 o k 6= 2 lequazione matriciale e` incompatibile;


se h = 3 e k = 2 lunica soluzione e` :


4 2 1
X=
.
5 3 0

[26] Se h 6= 1 lequazione matriciale ammette infinite soluzioni:

3 + 2h + k + 8a + 8ah

1+h

5 + k

1+h
X=

15 3k 5a 5ah

1+h

8b

1 5b

(a, b) R2 ;

se h = 1, k 6= 5 lequazione matriciale e` incompatibile;


se h = 1, k = 5 esistono infinite soluzioni:

2 + 8a + c

c
X=
5a 3c
a

8b + d

d
,
1 5b 3d
b

(a, b), (c, d) R2 .

[27] Se h 6= 2 esistono infinite soluzioni:

Capitolo 2

3+k

2+h

X=
3h 2k + 6a + 3ah

2+h

5 5h + 5k 14a 7ah
3(2 + h)

2+h

,
2 h + 6b + 3bh

2+h

8 + h 14b 7hb
3(2 + h)

se h = 2 lequazione matriciale e` incompatibile.

[28] Se h = 1 e k = 1 lunica soluzione e` :




1
2
X=
;
1 3
se h 6= 1 o k 6= 1 lequazione matriciale e` incompatibile.

[29] Se h = 1 e k = 1 lunica soluzione e` :




3 1
X=
;
2
1
se h 6= 1 o k 6= 1 lequazione matriciale e` incompatibile.

[30] Se k 6= 4 + 5h lunica soluzione e` :


3(2 + 3h k)
hk

4 + 5h k
4 + 5h k

6(11 + k)
16 + 15h + k
X=

4 + 5h k
4 + 5h k

4(1 + h)
6(3 + h)

4 + 5h k
4 + 5h k

41

se k = 4 + 5h lequazione matriciale e` incompatibile.

(a, b) R2 ;

Matrici e Determinanti

42

Lequazione matriciale X 0 A = B e` priva di significato.


[31] Esistono infinite soluzioni:

6+51

X = 1491
1

7+52
992
2

7+53
2293
3

9+54
1994 , (1 , 2 , 3 , 4 ) R4 .
4

[32] 1. Se k
/ {3, 1} lunica soluzione e` :

4 + 3k + k 2

3+k

3 + 5k

X=
;
2(3 + k)

3 + 5k

3+k

se k = 3 lequazione matriciale e` incompatibile;


se k = 1 esistono infinite soluzioni:

2t
X = t ,
2t

t R.

2. No perche, in generale, AB 6= BA, come ad esempio nel caso delle matrici:






1 1
1 1
A=
, B=
.
1
1
0 1

Capitolo 3
Calcolo Vettoriale
3.1

Esercizi

Tutti gli esercizi, a meno di esplicita dichiarazione contraria, sono da considerarsi inseriti
nello spazio vettoriale reale V3 dei vettori ordinari, riferito ad una base ortonormale positiva B = (i, j, k). I simboli e indicano, rispettivamente, il prodotto scalare e
il prodotto vettoriale o esterno tra due vettori.
[1] Dati i vettori:
a = hi j + 3k,

b = i hj + kk,

c = 2i + kk,

h, k R,

trovare per quali valori di h, k esistono dei vettori x tali che:


ax+xb=c
e determinare, quando e` possibile, le componenti di x.
[2] Dati due vettori a e c non nulli e ortogonali, semplificare le seguenti espressioni:
a (a c);

a (a c).

[3] Dati i vettori a = (1, 2, 0), b = (0, 1, 1), determinare una base ortogonale positiva
contenente a e un vettore complanare ad a e a b.
[4] 1. I vettori a = (1, 2, 0), b = (0, 1, 1) possono rappresentare i lati di un rettangolo?
2. Determinare una coppia di vettori paralleli alle altezze del parallelogramma individuato da a e da b.
43

Calcolo Vettoriale

44

[5] 1. I vettori a = (1, 1, 0), b = (2, 0, 1) possono rappresentare i lati di un rombo?


2. Determinare le rette vettoriali bisettrici degli angoli individuati da a e da b.
[6] Dati i vettori a = (1, 0, 2), b = (0, 1, 1), determinare una base ortogonale
positiva contenente a e un vettore c ortogonale sia ad a sia a b.
[7] Dati i vettori:
a = (1, 3, h),

b = (1, 5, 0),

c = (1, 2, 1),

h R,

determinare per quali valori di h esiste un vettore x che verifichi simultaneamente le


seguenti condizioni:
a. x sia complanare ad a e a c;
b. x sia ortogonale a b c;
c. il vettore proiezione ortogonale di x su c sia c.
[8] Dati i vettori u = (2, 1, 3), v = (0, 2, 3), determinare il vettore x simmetrico di u
rispetto a v.
[9] Dati i vettori u = (2, 1, 3), v = (0, 2, 3), determinare le rette vettoriali bisettrici degli
angoli individuati da u e da v.
[10] Dati i vettori:
a = (1, 2, 3),

b = (1, 3, 1),

c = (0, 1, 1),

determinare i vettori x tali che:


2(x a)b + x b = c.
[11] Calcolare il valore dellespressione:
(a + b c) (a b + c) (a + b + c),
dove a, b, c sono vettori qualsiansi.

Capitolo 3

45

[12] Dati i vettori u = (1, 1, 1), v = (1, 0, 0), decomporre il vettore v nella somma di
un vettore parallelo ad u e di un vettore ortogonale ad u.
[13] Siano u, v vettori di V3 , provare che:
ku vk2 = kuk2 kvk2 (u v)2 .
[14] Verificare che i vettori u = 2(i + j k), v = i + k sono ortogonali e determinare
le componenti del vettore w = i 3j + 2k rispetto alla base B 0 = (u, v, u v).
[15] Dati i vettori u = i k, v = i + j, determinare i vettori x, complanari a u e a v,
ortogonali a u + v e di norma 1.
[16] Dati i vettori u = i 2j k, v = i + j k,
1. verificare che u e` ortogonale a v.
2. Determinare i vettori x tali che u x = v.
[17] Dati i vettori u = (1, 1, 0), v = (0, 1, 1), determinare i vettori x tali che la loro
proiezione ortogonale sul piano vettoriale individuato da u e v sia il vettore 3u + 4v.
[18] Dati i vettori:
u = (1, 1, h),

v = (2, 0, h),

w = (2, 1, 0),

h R,

determinare per quali valori di h esistono uno o pi`u vettori x che verifichino tutte le
seguenti condizioni:
a. x sia ortogonale ad u;
b. il vettore proiezione ortogonale di x su v sia 2v;
c. il volume (con segno) del tetraedro individuato dai vettori x, v, w valga 8.
[19] 1. Dati i vettori a = (1, 0, 1), b = (2, 1, 2), determinare i vettori x che verifichino tutte le seguenti condizioni:
a. larea del parallelogramma individuato da a e da x sia 6;
b. B 0 = (a, b, x) sia una base ortogonale positiva.
2. Calcolare le componenti del vettore c = (4, 1, 3) rispetto alla base B 0 .

Calcolo Vettoriale

46

[20] 1. Dati i vettori a = (2, 1, 1), b = (0, 1, 1), determinare tutti i vettori x tali che la
proiezione ortogonale di x sul piano vettoriale generato da a e da b sia il vettore
a + b.
2. Scelto un vettore x tra quelli determinati nel punto 1., calcolare le componenti del
vettore c = (4, 1, 3) rispetto alla base B 0 = (a, b, x).
[21] Dati i vettori:
x = i j + 2hk,

y = hi + hj 2k,

z = i,

h R,

1. esistono dei valori di h per cui i tre vettori risultino complanari?


2. Esistono dei valori di h per cui il vettore x bisechi langolo formato da y e da z?
[22] Dati i vettori:
a1 = (1, 3, 2),

a2 = (2, 6 + a, 4 + a),

a3 = (1, 3 + a, 1 + a + a2 ),

b = (0, 2, 1 + a),

a R,

1. determinare i valori del parametro a per cui i vettori a1 , a2 , a3 siano linearmente


indipendenti.
2. Posto a = 2, determinare le componenti del vettore b rispetto alla base (a1 , a2 , a3 ).
[23] Determinare i valori di h in R per cui i vettori:
u1 = (1, 1, 2),

u2 = (2, 1, 3),

u3 = (3, 0, h)

siano linearmente indipendenti.


[24] Dati i vettori u = (1, 3, 2), v = (2, 1, 1), verificare che sono linearmente indipendenti. Trovare per quali valori di t in R il vettore w = (t, 0, 1) appartiene al piano
vettoriale individuato da u e da v e, per tali valori, determinare le sue componenti rispetto
alla base (u, v) del piano vettoriale.
[25] Dati i vettori a = (0, 1, 2), b = (3, 1, 1), c = (1, 2, 2), determinare la proiezione ortogonale di c sul piano vettoriale individuato da a e b.

Capitolo 3

47

[26] Dati i vettori:


v1 = (1, 2 2k, 2),

v2 = (1, 2 + 2k, 16),

v3 = (4, 7 k, 8),

k R,

1. per quali valori di k i vettori v1 , v2 , v3 sono linearmente dipendenti?


2. Per i valori di k ottenuti al punto 1., provare che B 0 = (v1 , v2 ) e` una base del piano
vettoriale generato da v1 , v2 , v3 e trovare le componenti di v3 rispetto a B 0 .
[27] Dati i vettori:
a = i + 2j + k,

b = 2i j + k,

c = i j,

1. verificare che (a, b, c) e` una base di V3 .


2. Costruire una base ortonormale (e1 , e2 , e3 ) di V3 tale che e1 sia parallelo ad a ed
e2 sia complanare ad a e a b.
[28] Dati i vettori:
u = i hk,

v = hj k,

w = hi + 2hj k,

h R,

1. determinare un valore di h per cui i vettori u, v, w siano complanari.


2. Determinare un valore di h per cui i vettori u e v siano paralleli.
3. Trovare un valore di h per cui i vettori u, v, w costituiscano una base ortogonale.
4. Posto h = 2, determinare il vettore proiezione ortogonale di u sul piano vettoriale
generato da v e da w.
[29] Determinare un vettore di norma 1, ortogonale a u = i j e a v = i + k, con
componente positiva lungo k.
[30] Dati i vettori:
u = 2hi j + hk,

v = hi j,

w = i hj,

h R,

1. determinare, se esiste, un valore di h per cui i vettori u, v, w siano complanari.


2. Determinare, se esiste, un valore di h per cui i vettori u e v siano paralleli.

Calcolo Vettoriale

48

[31] Dati i vettori:


a = 2i + 2j + hk,

b = i j + 2hk,

h R,

1. determinare h in modo che ka bk2 = 56.


2. E` possibile determinare h in modo che a sia ortogonale a b? E in modo che a sia
parallelo a b? Giustificare le risposte.
[32] Dati i vettori u = (1, 0, 1), v = (0, 1, 1),
1. determinare i vettori complanari a u e a v, ortogonali ad u e aventi norma

2.

2. Determinare le componenti del vettore i rispetto alla base (u, v, u v).


[33] Dati i vettori:
u = (1, 2, 1),

v = (1, 0, 2),

w = (h, h, 2 + h),

t R,

1. determinare il valore di t in modo che u, v, w siano complanari ed esprimere w


come combinazione lineare di u e di v.
2. Posto h = 1, determinare il vettore w0 ortogonale a u, a v, avente norma uguale
alla norma di w e formante un angolo ottuso con j.
[34] Utilizzando il prodotto scalare di due vettori, dimostrare che un parallelogramma ha
quattro lati congruenti se e solo se le diagonali sono ortogonali.
[35] Utilizzando il prodotto scalare di due vettori, dimostrare che le diagonali del rombo
sono bisettrici degli angoli.
[36] Dati i vettori:
u = (h, h, 1),

v = (1, 2, 1),

w = (h, 1, h),

h R,

1. determinare i valori di h per cui il volume (con segno) del tetraedro individuato da
u, v, w sia 5.
2. Determinare i valori di h per cui u, v, w siano complanari e langolo tra v e w sia
ottuso.

Capitolo 3

49

3. Posto h = 2, dopo aver verificato che B 0 = (u, v, w) e` una base non ortogonale,
determinare le componenti di j rispetto a B 0 .
[37] Dati i vettori:
a = hi j + 3k, b = i 2j + k, c = i j k, d = i + 3j hk,

h R,

1. stabilire per quali valori di h esistono dei vettori x complanari ad a e a b e tali che
x c = d.
2. Determinare, quando e` possibile, le componenti di x rispetto alla base B = (i, j, k).
[38] Dati i vettori:
a = hi j k,

b = j + k,

h R,

determinare, al variare di h, tutti i vettori x che verifichino contemporaneamente le


seguenti condizioni:
a. a, b e x siano complanari;
b. a sia ortogonale a x;
c. il vettore proiezione ortogonale di x su b sia 2b.
[39] Dati i vettori:
u = i + k,

v = j + k,

w = 2i j + k,

t = 3i j + 3k,

1. calcolare (u + v) w t.
2. Determinare le componenti del vettore i rispetto alla base (u, v, u v).
3. Determinare il vettore proiezione ortogonale di u su w.
[40] Dati i vettori:
u = (1, h, 1),

v = (h, 1, 1),

w = (1, 1, h),

h R,

determinare, al variare di h, i vettori x tali che:


x u = 1,

x v = 2 h,

x w = h.

[41] Decomporre il vettore v = (1, 2, 1) nella somma di un vettore appartenente al piano


vettoriale W di equazione x + y z = 0 (rispetto ad una base ortonormale B = (i, j, k))
e di un vettore parallelo a u = (1, 1, 1).

Calcolo Vettoriale

50

[42] Dati i vettori u = (0, h, 1), v = (2, 1, 1), con h R, determinare, al variare di
h, i vettori x che verifichino tutte le seguenti condizioni:
a. x, u, v siano complanari;
b. il vettore proiezione ortogonale di x su k sia k;
c. il prodotto scalare di x con u sia 1 + 2h.
[43] Dati i vettori u = (1, 1, 2), v = (h, 0, 1), con h R, determinare, al variare di h,
i vettori x che verifichino tutte le seguenti condizioni:
a. il vettore proiezione ortogonale di x su u v sia 2(u v);
b. il prodotto scalare di x con v sia h;
c. x sia ortogonale a k.
[44] Dati i vettori:
u = (1, 2, 1),

v = (0, h, 1),

w = (0, h, 1),

h R,

determinare, al variare di h, i vettori x che verifichino tutte le seguenti condizioni:


a. il vettore proiezione ortogonale di x su u sia (1/6)u;
b. il prodotto scalare di x con v sia 1;
c. il prodotto misto x i w sia 1 2h.
[45] Dati i vettori:
a = i k,

b = i + hj + k,

h R,

determinare, al variare di h, i vettori x che verifichino tutte le seguenti condizioni:


a. il volume (con segno) del tetraedro individuato da a, b e x sia 1;
b. b sia ortogonale a x;
c. il vettore proiezione ortogonale di x su a sia a.

Capitolo 3

51

[46] Dati i vettori a = 2i + k, b = j + k,


1. verificare che a, b, i sono linearmente indipendenti e determinare le componenti di
j rispetto alla base (a, b, i).
2. Determinare il vettore x di norma 6, appartenente al piano vettoriale individuato
da b e da i, ortogonale ad a e formante un angolo ottuso con i.
3. Calcolare larea del triangolo di lati a e b.
[47] Dati i vettori u = i + 2j k, v = 2i 3j + k, w = i + j 2k,
1. determinare i vettori x che verifichino tutte le seguenti condizioni:
a. x sia ortogonale a u,
b. x sia complanare a v e a w,

c. x abbia norma 7.
2. Verificare che B 0 = (u, v, w) e` una base di V3 .
3. Scrivere le equazioni del cambiamento di base dalla base B = (i, j, k) alla base
B 0 = (u, v, w).
4. Determinare le componenti del vettore a = 5i + 7j + 2k rispetto alla base B 0 .
[48] Determinare il vettore simmetrico di u = (0, 1, 1) rispetto al piano vettoriale H dei
vettori x = (x1 , x2 , x3 ) tali che x1 + 2x2 + x3 = 0.
[49] Dati i vettori u = i + 2j k, v = i j,
1. decomporre u nella somma di un vettore ortogonale ad u e di un vettore avente la
stessa direzione di v.
2. Trovare tutti i vettori complanari ad u e a v e ortogonali a u v.
3. Determinare una base ortonormale B 0 = (a, b, c) di V3 tale che a sia parallelo a u
e b sia complanare a u e a v.

Calcolo Vettoriale

52

[50] Dati i vettori:


a = i j + 3k,

b = i + 2j,

c = i j k,

1. determinare un vettore x parallelo ad a e di lunghezza 2.


2. Determinare un vettore y complanare ad a e a b, ortogonale a b e che forma un
angolo ottuso con a.
3. Verificare che B 0 = (a, b, c) e` una base di V3 e determinare le componenti di k
rispetto alla base B 0 .
4. Calcolare il vettore proiezione ortogonale p del vettore b sul piano vettoriale individuato da a e da c. Esprimere, quindi, p come combinazione lineare dei vettori a
e c.
[51] Dati i vettori:
u = i 2j + 3k,

v = 2i j + 2k,

w = i + j k,

1. determinare i vettori x che verifichino tutte le seguenti condizioni:


a. x sia complanare ad u e a v,
b. x sia ortogonale a w,

c. x abbia norma 26.


2. Calcolare v w.
3. Scrivere le equazioni del cambiamento di base dalla base B = (i, j, k) alla base
B 0 = (v, w, v w).
4. Determinare le componenti del vettore a = 3i + 9j + 13k rispetto alla base B 0 .

3.2

Soluzioni

[1] Se h 6= 1 e k(3 + k) 6= 2 2h non esistono soluzioni;


se h 6= 1 e k(3 + k) = 2 2h esistono infiniti vettori:




1h
2 + (1 h)t
x=
t i+
j + t k, t R;
3 + k
3 + k

Capitolo 3

53

se h = 1 e k 6= 0 non esistono soluzioni;


se h = 1 e k = 0 esistono infiniti vettori x =

2
j + t k, t R.
3

[2] Dalle definizioni di prodotto vettoriale e scalare segue:


a (a c) = kak2 c; a (a c) = 0.
[3] Una delle basi richieste e` (a, a b, a (a b)), dove:
a b = 2i j + k, a (a b) = i j 5k.
[4] 1. No perche i vettori a e b non sono ortogonali.
2. Per esempio i vettori richiesti sono:


2 1
v1 = (1, 1, 1), v3 = , , 1 .
5 5
[5] 1. No perche i vettori a e b non hanno la stessa lunghezza.
2. Le rette vettoriali richieste sono generate dai vettori:


1
2
1
1
vers a + vers b = + , , ,
2
5
2
5


2
1
1
1
vers a vers b = , , .
2
5
2
5
[6] Una delle basi richieste e` (a, c, a c), con c = (2, 1, 1).
8
il vettore richiesto e` x = (1, 2, 1);
3


8
1
1
se h = esistono infiniti vettori x =
(18 + 5t), t, (30 11t) , t R.
3
8
8
[7] Se h 6=

[8] Il vettore x si trova imponendo la condizione u + x = 2p, dove p e` il vettore


proiezione ortogonale di u su v;

Calcolo Vettoriale

54


x=


31 27
2, ,
.
13 13

[9] Le rette vettoriali richieste sono generate dai vettori:

!
14 13 14 + 28 13 39 14 + 42 13
,
,
,
vers u + vers v =
7
182
182

vers u vers v =

!
14 13 14 28 13 39 14 42 13
,
,
.
7
182
182

[10] Si trova un solo vettore x che verifica la condizione assegnata:




5
2
x=
, ,0 .
11
11
[11] (a + b c) (a b + c) (a + b + c) = 4 a b c.
1
[12] La decomposizione e` v = u +
3

2
1
1
, ,
3
3
3


e si trova per esempio imponendo

la condizione v = u + (1 2 , 1 , 2 ), , 1 , 2 R.
[13] La verifica segue dalle definizioni di prodotto vettoriale e di prodotto scalare e da
note identit`a trigonometriche.
[14] I vettori u e v sono ortogonali in quanto u v = 0.
Il vettore w, espresso rispetto alla base B 0 , e` dato da:
3
5
2
w = u+ v+
(u v).
3
2
12

2
2
2
2
[15] Si trovano due vettori x1 =
j+
k, x2 =
j
k.
2
2
2
2
[16] 1. I vettori u e v sono ortogonali in quanto u v = 0.
2. I vettori richiesti sono infiniti, dati da x = (1 , 1 + 2, ), R.

Capitolo 3

55

[17] I vettori richiesti sono infiniti, dati da x = (3 + , 7 , 4 + ), R.


[18] Se h
/ {2, 2} il vettore richiesto e` :


4(2 + 7h 2h2 + h3 ) 2(4 + 10h 2h2 + h3 )
6(8 2h + h2 )
x=
,
,
;
2 + h
2 + h
2 + h
se h = 2 esistono infiniti vettori x = (8 + t, 8 t, t), t R;
se h = 2 non esistono vettori che verificano le condizioni assegnate.

[19] 1. Esiste il solo vettore x = (1, 4, 1).


2. Il vettore c, espresso rispetto alla base B 0 , e` c =

13
11
1
a+
b+
x.
2
9
18

[20] 1. Esistono infiniti vettori dati da x = a + b + (a b), R.


2. Scelto x = (2, 0, 4), allora c = a 2b + x.

[21] 1. I vettori x, y, z sono complanari se e solo se h = 1.


2. Non esiste alcun valore di h per cui x verifichi la propriet`a richiesta.

[22] 1. I vettori a1 , a2 , a3 sono linearmenti indipendenti se e solo se a


/ {1, 0, 1}.
2. b = 3a1 2a2 + a3 .
[23] I vettori u1 , u2 , u3 sono linearmenti indipendenti se e solo se h 6= 5.

[24] I vettori u e v sono linearmente indipendenti perche le loro componenti non sono
ordinatamente in proporzione. Il valore di t richiesto e` t = 7; w = u 3v.

[25] Indicando con p la proiezione ortogonale di c su a b, il vettore x richiesto e` tale




7 5 13
che x + p = c; x = , ,
.
6 3 6

Calcolo Vettoriale

56

[26] 1. I vettori v1 , v2 , v3 sono linearmente dipendenti se e solo se k = 5/3.


2. B 0 e` una base in quanto e` formata da due vettori linearmente indipendenti;
il vettore v3 , espresso rispetto alla base B 0 , e` dato da v3 = 4v1 .
[27] 1. E` sufficiente verificare che i tre vettori dati sono linearmente indipendenti.
2. Una delle basi richieste e` (e1 , e2 , e3 ) con:
e1 = vers a, e2 = vers(a (a b)), e3 = e1 e2 , ossia:

6
6
6
1
e1 =
i+
j+
k, e2 =
(11 i + 8j 5k), e3 = e1 e2 .
6
3
6
210
[28] 1. I vettori u, v, w sono complanari per h = 0.
2. Non esistono valori di h per cui i vettori u e v siano paralleli.
3. Non esistono valori di h per cui i vettori u, v, w formino una base ortogonale.
4. Il vettore richiesto e`

5
1
1
i + j k.
6
6
3

1
[29] Un vettore richiesto e` (i j + k).
3
[30] 1. I vettori u, v, w sono complanari se h = 0 oppure se h = 1.
2. I vettori u, v sono paralleli se h = 0.
r
[31] 1. I valori di h cercati sono h = 2

5
.
17

2. a e` ortogonale a b se h = 0. Non esiste alcun valore di h per cui a e b sono


paralleli perche le loro proiezioni ortogonali sul piano vettoriale individuato da i e
da j sono ortogonali.

3
3
[32] 1. Si ottengono i due vettori
(1, 2, 1),
(1, 2, 1).
3
3

Capitolo 3

57

2. Il vettore i, espresso rispetto alla base (u, v, u v), e` dato da:


i=

2
1
1
u v (u v).
3
3
3

2
2
4
[33] 1. u, v, w sono complanari se h = , inoltre w = u + v.
9
9
3

!
4 3
3 3
2 3
2. w0 = , ,
.
29
29
29
[34] Se x e y sono i lati congruenti di un parallelogramma, segue kxk2 = kyk2 ; dalla
definizione di norma e dalle propriet`a del prodotto scalare segue (x + y) (x y) = 0.
Il viceversa si ottiene in modo analogo.
[35] Siano x e y i lati di un rombo, allora kxk2 = kyk2 e dalla definizione di prodotto
scalare segue:
cos(x,\
x + y) = cos(y,\
x + y) e cos(x,\
x y) = cos(y,\
x y).

[36] 1. I valori di h richiesti sono h =

249

1
2. Il valore di h richiesto e` h = .
2
3. B 0 e` una base perche contiene tre vettori linearmente indipendenti, non e` una base
ortogonale perche u v 6= 0; j = (2/5)v (1/5)w.
[37] 1. Il valore di h richiesto e` h = 2.
2. Il vettore x, espresso rispetto alla base B, e` dato da x = i + j + 2k.

2 2
[38] Se h 6= 0 il vettore richiesto e` x =
i + 2 j + 2 k;
h
se h = 0 non esiste alcun vettore che verifica tutte le condizioni assegnate.
[39] 1. (u + v) w t = 3.

Calcolo Vettoriale

58

2. i =

2
1
1
u v (u v).
3
3
3

3. Il vettore richiesto e`

1
(2i j + k).
2

[40] Se h
/ {2, 1} il vettore che risolve il problema e` :


1+h
1
3+h
x=
,
,
;
2+h 2+h 2+h
se h = 2 non esiste alcun vettore x che verifica le condizioni assegnate;
se h = 1 si ottengono infiniti vettori x = (t, u, 1 t u), t, u R.

[41] La decomposizione e` v =

1 4 5
, ,
3 3 3


+


2
2 2
, , .
3 3
3


2(2 + h)
, 2, 1 ;
[42] Se h
/ {0, 1} il vettore richiesto e` x =
1h


t
se h = 0 i vettori richiesti sono infiniti, dati da t, , 1 , t R;
2


se h = 1 non esiste alcun vettore che verifica le condizioni assegnate.






3 8h 10h2
1
,0 ;
[43] Se h
/ , 0 il vettore richiesto e` x = 1,
2
1 + 2h
se h =

1
non esiste alcun vettore che verifica le condizioni assegnate;
2

se h = 0 i vettori richiesti sono infiniti, dati da x = (t, 4 + t, 0), t R.



[44] Se h 6= 1 il vettore richiesto e` x =


2+h
1
1 + 2h

,
,
;
1+h
1+h 1+h

se h = 1 non esiste alcun vettore che verifica le condizioni assegnate;


se h = 1 i vettori richiesti sono infiniti, dati da x = (3t, t, 1 t), t R.

[45] Se h 6= 0 il vettore richiesto e` x =

3+h
h

2
i j+
h

3 + h
h


k;

Capitolo 3

59

se h = 0 non esiste alcun vettore che verifica le condizioni assegnate.


[46] 1. Per esempio si pu`o controllare che il determinante della matrice avente come colonne le componenti dei vettori dati vale 1; il vettore j, espresso rispetto alla base
(a, b, i), e` dato da j = a b 2i.
2. Il vettore richiesto e` x = (1, 2, 2).
3. Larea del triangolo di lati a e b e`

1
3
ka bk = .
2
2

[47] 1. Si ottengono due vettori:


1
1
x1 = (3i + 2j + k), x2 = (3i + 2j + k).
2
2
2. E` sufficiente controllare che i vettori u, v e w siano linearmente indipendenti ed,
infatti, la matrice:

1
2 1
2 3
1 ha rango 3.
1
1 2
3. Le equazioni del cambiamento di base da B a B 0 sono:

x = x0 + 2y 0 + z 0
y = 2x0 3y 0 + z 0

z = x0 + y 0 2z 0 .
4. a = 7u + v 4w.
[48] Il vettore simmetrico di u e` (1, 1, 0).
[49] 1. La decomposizione richiesta e` u = (7i 4j k) + (6i + 6j).
2. Si trovano infiniti vettori (10, , 3), R.
1
1
3. a = vers u = (1, 2, 1), b = vers(u (u v)) = (7, 4, 1),
6
66
1
c = vers(u v) = (1, 1, 3).
11

Calcolo Vettoriale

60

2
2
6
[50] 1. Per esempio x = i j + k.
11
11
11
2. Per esempio y = 2i j 15 k.
3. Si pu`o verificare, ad esempio, che il determinante della matrice avente sulle righe le
componenti dei vettori a, b e c e` 8;
1
1
3
a + b + c e` la decomposizione del vettore k rispetto alla base B 0 .
8
4
8


4
2
2
1
4
2
1
5
4. p = b i + j + k = i + j k = a c.
3
3
3
3
3
3
2
6
k=

[51] 1. Si ottengono due vettori:


1
1
x1 = (7i 2j + 5k), x2 = (7i 2j + 5k).
3
3
2. v w = i + 4j + 3k.
3. Le equazioni del cambiamento di base da B a B 0 sono:

x = 2x0 + y 0 z 0
y = x0 + y 0 + 4z 0

z = 2x0 y 0 + 3z 0 .
4. a = v 2w + 3v w e` la decomposizione del vettore a rispetto alla base B 0 .

Capitolo 4
Spazi Vettoriali e Sottospazi Vettoriali
4.1

Esercizi

In tutti gli esercizi di questo capitolo si sono adottate le notazioni usuali, in particolare si
e` indicato con:
- Rn lo spazio vettoriale, di dimensione n, delle n-uple di numeri reali, riferito alla base
standard (o canonica):
(e1 = (1, 0, . . . , 0), e2 = (0, 1, 0, . . . , 0), . . . , en = (0, 0, . . . , 1)).
- Rm,n lo spazio vettoriale, di dimensione mn, delle matrici con m righe ed n colonne,
ad elementi reali, riferito alla base canonica:

1 0 ... 0
0 1 ... 0
0 0 ... 0
. .

.. , E = .. ..
.. , . . . ,E = .. ..
.. .
. .
E11 = .. ..
mn
. 12 . .
.
.
0 0 ... 0
0 0 ... 0
0 0 ... 1
- Rn,n lo spazio vettoriale, di dimensione n2 , delle matrici quadrate di ordine n ad
elementi reali (caso particolare del precedente).
- S(Rn,n ) lo spazio vettoriale, di dimensione n(n + 1)/2, delle matrici simmetriche di
ordine n ad elementi reali, riferito alla base:

1
0
..
.
..
.

0 ... ...
0 ... ...
.. . .
.
.
..
...
.
0 0 ... ...

0
0
..
.
..
.
0

0
1
..
.
..
.

1 ... ...
0 ... ...
.. . .
.
.
..
..
.
.
0 0 ... ...
61

0
0
..
.
..
.
0

, . . . ,

0
0
..
.
..
.

0 ... ...
0 ... ...
.. . .
.
.
..
..
.
.
1 0 ... ...

1
0
..
.
..
.
0

Spazi Vettoriali e Sottospazi Vettoriali

62

0
0
..
.
..
.

0 ... ...
1 ... ...
.. . .
.
.
..
...
.
0 0 ... ...

0
0
..
.
..
.

0 ... ...
.. . .
.
.
..
...
.

0
..
.
..
.

0
..
.
..
.

, . . . ,

0 ... ... 0 1
0
0 ... ... 1 0

0 ... ...
.. . .
.
.
..
..
.
.

0
..
.
..
.

0
..
.
..
.

0 ... ... 0 0
0 ... ... 0 1

- A(Rn,n ) lo spazio vettoriale, di dimensione n(n 1)/2, delle matrici antisimmetriche


di ordine n ad elementi reali, riferito alla base:

0 1 ... ... 0
0 0 1 ... 0
0 0 ... 0 0
1 0 . . . . . . 0 0 0 0 . . . 0
0 0 . . . 0 0

.. .. . .
.. 1 0 0 . . . 0
.. .. . .

.
.
.
.
.
. .
, . . . , . .
.
. ,
.
. .
. .

. . .. ... ... ... . . . ...


.. ..

0 0 ... 0 1
. .
0 0 0 ... 0
0 0 . . . 1 0
0 0 ... ... 0
- V3 lo spazio vettoriale, di dimensione 3, dei vettori ordinari, riferito ad una base ortonormale positiva B = (i, j, k). In questambito indica il prodotto scalare tra due
vettori e il prodotto vettoriale o esterno tra due vettori.
- Rn [x] lo spazio vettoriale reale, di dimensione n + 1, dei polinomi di grado minore o
uguale a n, nella variabile x, a coefficienti reali, riferito alla base (1, x, x2 , . . . , xn ).
- tr(A) indica la traccia della matrice quadrata A Rn,n , vale a dire la somma degli
elementi della diagonale principale di A.
- tA = (bij ) Rn,m indica la trasposta della matrice A = (aij ) Rm,n , vale a dire la
matrice i cui elementi sono dati da bij = aji , i = 1, 2, . . . , m, j = 1, 2, . . . , n.
- L(v1 , v2 , . . . , vk ) indica il sottospazio vettoriale di uno spazio vettoriale V generato dai
vettori v1 , v2 , . . . , vk di V.
- Il vettore nullo di un generico spazio vettoriale e` denotato con il simbolo o, a meno di
diversa indicazione.
[1] In R3 stabilire per quali valori del parametro reale h i vettori:
u1 = (1, 1, 2),
sono linearmente indipendenti.

u2 = (2, 1, 3),

u3 = (3, 0, h)

Capitolo 4

63

[2] In R4 sono dati i vettori:


u1 = (1, 1, 0, 1),

u2 = (2, 1, 1, 0),

u3 = (3, 0, 1, 1),

u4 = (0, 1, 1, 0).

Trovare la dimensione e una base del sottospazio vettoriale L(u1 , u2 , u3 , u4 ) di R4 .


Verificato che i vettori u1 , u2 , u4 sono linearmente indipendenti, determinare per quali
valori di t R il vettore v = (1, 1, 8 + 2t, 1 + t) appartiene a L(u1 , u2 , u4 ).
Per i valori di t trovati scrivere v come combinazione lineare dei vettori u1 , u2 , u4 .
[3] Dati i vettori u = (1, 3, 2) e v = (2, 1, 1) in R3 , verificare che V = L(u, v) ha
dimensione 2. Trovare per quali valori di t R il vettore w = (t, 0, 1) appartiene al
sottospazio vettoriale V e, per tali valori, determinare le sue componenti rispetto alla base
(u, v) di V .
[4] Siano W1 il sottospazio vettoriale di R3 generato dai vettori:
u1 = (1, 1, 1),

u2 = (2, 1, 1),

W2 il sottospazio vettoriale di R3 generato dai vettori:


v1 = (1, 2, 1),

v2 = (1, 1, 2).

Trovare la dimensione e una base di W1 W2 .


[5] In R4 si considerino i sottospazi vettoriali:
W1 = L(a, b, c),

dove

a = (2, 0, 1, 0), b = (1, 1, 0, 1), c = (0, 3, 1, 1);

W2 = L(e, f , g),

dove

e = (1, 1, 5, 4), f = (0, 3, 2, 1), g = (2, 7, 16, 5).

1. Verificato che linsieme B = {a, b, c} e` una base di W1 , stabilire per quale valore
di h R il vettore v = (5, h, 1, h) appartiene a W1 e, per tale valore, decomporlo
rispetto alla base B.
2. Trovare la dimensione e una base di un sottospazio vettoriale W3 di R4 tale che
W2 W3 = R4 .
[6] In R4 scrivere le equazioni di due iperpiani vettoriali diversi, ma entrambi supplementari della retta vettoriale H = L((2, 0, 4, 3)).

Spazi Vettoriali e Sottospazi Vettoriali

64

[7] 1. In R3 [x], considerati i polinomi:


p1 (x) = x (1 + h)x2 , p2 (x) = h + x, p3 (x) = 1 x3 , p4 (x) = 4x, h R,
determinare i valori di h per cui (p1 (x), p2 (x), p3 (x), p4 (x)) e` una base di R3 [x].
2. Fissato uno dei valori di h determinati nel punto precedente, trovare le componenti
di q(x) = 1 + x + x2 + x3 rispetto a tale base.
[8] Dire se i sottoinsiemi di R2,2 :



x y
2,2
H=
R | 2x y z = x + 3y 2t = 0 ,
z t

K=

x y
z t

2,2


|xy+2=t=0

sono sottospazi vettoriali. In caso affermativo determinarne la dimensione e una base.


[9] In R4 sono dati i sottospazi vettoriali:
H = {(x1 , x2 , x3 , x4 ) R4 | 2x1 x2 + x3 = x1 + x2 x4 = 0},
K = L((0, 0, 1, 1), (1, 1, 0, 0)).
1. Calcolare la dimensione e una base di H.
2. Calcolare la dimensione e una base di H + K. Si tratta di una somma diretta?
[10] Verificare che le matrici:





1 2
1
0
0
A1 =
, A2 =
, A3 =
1 0
2 1
2

2
1



4
, A4 =
2

costituiscono una base di R2,2 e determinare le componenti della matrice:




1 0
A=
0 1
rispetto a tale base.

1
3

Capitolo 4

65

[11] Dati i sottospazi vettoriali di R2,2 :





x1 x2
H=
R2,2 | x1 + 2x2 = 0 ,
x3 x4

K=

x1 x2
x3 x4

2,2


| x1 + x4 = x2 + 2x3 = 0 ,

determinare la dimensione e una base di H e di K. Determinare la dimensione e una base


di H + K e di H K.
[12] Sono dati in R4 i sottospazi vettoriali:
H = {(x, y, z, t) R4 | x 2z = 2y = 0},
K = L((0, 2, 1, 1), (1, 2, 1, 1), (1, 2, 3, 1), (1, 2, 7, 1)).
1. Determinare la dimensione e una base sia di H sia di K.
2. Determinare la dimensione e una base di H + K.
[13] In R5 i sottospazi vettoriali:
A = {(x1 , x2 , x3 , x4 , x5 ) R5 | x1 + x2 = x3 = 0},
B = L((1, 2, 1, 2, 1), (0, 1, 1, 1, 1), (1, 0, 1, 0, 1), (2, 3, 1, 3, 1))
sono supplementari?
[14] In R4 si considerino i vettori:
a = (1, 1, 1, 0),

b = (0, 1, 1, 1),

c = (1, 1, 0, 0).

1. Verificare che a, b, c sono linearmente indipendenti.


2. Determinare un vettore d in modo che i vettori a, b, c, d siano linearmente indipendenti.
3. Dire se il sottospazio vettoriale H = {(x, y, z, t) R4 | y = z +t = 0} e` contenuto
in K = L(a, b, c).

Spazi Vettoriali e Sottospazi Vettoriali

66

[15] In R3 si consideri il sottospazio vettoriale W i cui elementi (x, y, z) sono soluzioni


del sistema lineare omogeneo:

x+y+z =0
x + hy + (2 h)z = 0

x h2 y (4 3h)z = 0, h R.
1. Al variare di h determinare la dimensione e una base di W.
2. Al variare di h determinare la dimensione e una base di un sottospazio vettoriale H
supplementare di W in R3 .
[16] In S(R3,3 ) completare linsieme libero:


0 1
1 0 3

0 0 2 , 1
1
I=

3 2 0
2
0


2
0

0 ,
0
0
0

0
0
5
2

2 6

fino ad ottenere una base di S(R3,3 ).


[17] Data la matrice:

A=

6 9
4 6


,

1. provare che i sottoinsiemi:


F = {X R2,2 | AX = XA},

G = {X R2,2 | AX = XA}

sono sottospazi vettoriali di R2,2 e trovare la dimensione e una base per ciascuno di
essi.
2. Determinare la dimensione e una base per i sottospazi vettoriali F + G e F G .
3. Data la matrice:


C=

0 2+h
0 3+h


,

h R,

stabilire per quale valore di h la matrice C appartiene al sottospazio vettoriale


F + G.
Assegnato ad h tale valore, trovare due matrici C1 F e C2 G in modo tale che
C = C1 + C 2 .

Capitolo 4

67

[18] In R4 si consideri il sottoinsieme:


W1 = {(x1 , x2 , x3 , x4 ) R4 | x1 + 2x3 + x4 = x3 x4 = 0}.
1. Verificare che W1 e` un sottospazio vettoriale di R4 e determinarne la dimensione e
una base.
Si considerino, inoltre, i sottospazi vettoriali:
W2 = L(a, b, c),

dove

a = (1, 0, 2, 0), b = (0, 1, 1, 1), c = (3, 2, 8, 2),

W3 = L(e, f , g),

dove

e = (0, 1, 2, 1), f = (2, 1, 3, 1), g = (1, 2, 4, 2).

2. Determinare la dimensione e una base di W2 e di W3 .


3. Determinare la dimensione e una base di W1 (W2 + W3 ).
[19] Si considerino i sottoinsiemi di R3,3 :

1 0 0

H = a 1 0 R3,3 | a, b, c R ,

b c 1

a 0 0

3,3

b c 0
K=
R | a, b, c, d, e, f R .

d e f
H e K sono sottospazi vettoriali di R3,3 ? In caso affermativo determinarne la dimensione
e una base.
[20] I seguenti sottospazi vettoriali di R4 :
H = L((1, 2, 0, 0), (0, 1, 3, 0), (2, 1, 0, 0), (5, 4, 0, 0)),
K = {(x, y, z, t) R4 | 2x + 3y z = x z = 0}
sono supplementari?
[21] Si considerino i sottoinsiemi di R3 [x]:
H = {p(x) = ax + bx2 + x3 R3 [x] | a, b R},
K = {p(x) = ax + bx2 + cx3 R3 [x] | a, b, c R}.

Spazi Vettoriali e Sottospazi Vettoriali

68

H e K sono sottospazi vettoriali di R3 [x]? In caso affermativo determinarne la dimensione e una base.
[22] In R4 si considerino i sottospazi vettoriali:
W1 = {(x1 , x2 , x3 , x4 ) R4 | x1 + 2x2 + 3x3 + x4 = 0},
W2 = {(x1 , x2 , x3 , x4 ) R4 | x1 + x2 = x1 + x3 = x1 x2 + x3 = 0},
provare che W1 W2 = R4 .
[23] Determinare la dimensione e una base della somma e dellintersezione dei due sottospazi vettoriali di R5 :
W1 = {(x1 , x2 , x3 , x4 , x5 ) R5 | 2x1 x2 x3 = x4 3x5 = 0},
W2 = {(x1 , x2 , x3 , x4 , x5 ) R5 | 2x1 x2 + x3 + 4x4 + 4x5 = 0}.
[24] In R4 [x] si considerino i sottospazi vettoriali:
H = L(x + x2 , x2 + x3 , x3 + x4 , 2x + 5x2 3x4 ),
K = {p(x) R4 [x] | p(x) e` divisibile per 2 x + x2 }.
1. Determinare la dimensione e una base di H + K e di H K.
2. Dato il polinomio q(x) = 2 + 2x + 4x4 , verificare che q(x) H + K e decomporre q(x) nella somma di un polinomio di H e di un polinomio di K. Tale
decomposizione e` unica?
[25] In R4 [x] si considerino i sottospazi vettoriali:
W1 = L(1 x2 + 5x3 , x + 2x2 + 3x3 + x4 , 2 x 4x2 + 7x3 x4 ),
W2 = L(x3 x4 , x2 x3 ),
W3 = L(x4 ).
Provare che W1 W2 W3 = R4 [x].

Capitolo 4

69

[26] In R5 si consideri linsieme:


W1 = {(x1 , x2 , x3 , x4 , x5 ) R5 | 2x1 + x2 = x3 = 0}.
1. Verificare che W1 e` un sottospazio vettoriale di R5 e determinarne la dimensione e
una base.
2. Determinare la dimensione e una base di W2 = L(a, b, c, d), dove:
a = (0, 3, 1, 2, 0), b = (0, 0, 2, 1, 1), c = (0, 6, 10, 10, 6), d = (0, 3, 7, 1, 3).
3. Dimostrare che W1 W2 = R5 .
4. Determinare la dimensione e una base di un sottospazio vettoriale W3 di R5 tale
che dim(W1 W3 ) = 1 e dim(W3 ) = 3.
[27] In R2,2 si considerino le matrici:




1 2
0
3
A1 =
, A2 =
,
1 0
1 2


A3 =

1 1
0
1


,


A4 =

3
1

2
1


.

Verificare che linsieme B 0 = {A1 , A2 , A3 , A4 } e` una base di R2,2 e determinare le


componenti della matrice:


2 1
A=
1
2
rispetto alla base B 0 .
[28] 1. In A(R3,3 ) si considerino le matrici:

0 1 2
0
0

0
0
A = 1 0 0 , B =
2 0 0
2 1

2
1 ,
0

verificare che linsieme {A, B} e` libero e completarlo in modo da ottenere una base
B 0 di A(R3,3 ).
2. Determinare le componenti della matrice:

0
1

0
C = 1
2 3
rispetto alla base B 0 .

2
3
0

Spazi Vettoriali e Sottospazi Vettoriali

70

[29] Siano U e V due sottospazi vettoriali di dimensione 2 di R3 .


1. Provare che U V =
6 {o}.
2. Determinare tutte le possibili dimensioni di U V e costruire un esempio in ciascuno dei casi.
[30] In R4 [x] si consideri il sottospazio vettoriale W dei polinomi aventi il numero 3
come radice.
1. Decomporre W nella somma diretta di due sottospazi vettoriali W1 e W2 .
2. Scrivere il polinomio 3 5x + 5x2 10x3 + 3x4 di W come somma di un
polinomio di W1 e di un polinomio di W2 .
[31] In R4 [x] si consideri linsieme W1 dei polinomi divisibili per p(x) = 3x + x2 .
1. Verificare che W1 e` un sottospazio vettoriale di R4 [x], determinarne la dimensione
e una base.
2. Sia W2 = L(p1 (x), p2 (x), p3 (x), p4 (x)), dove:
p1 (x) = 6x2 5x3 + x4 ,
p2 (x) = 12 + x + x2 ,
p3 (x) = 36 3x + 3x2 5x3 + x4 ,
p4 (x) = 12 x + 11x2 10x3 + 2x4 .
Determinare la dimensione e una base di W2 .
3. Determinare la dimensione e una base di W1 W2 .
4. Determinare un sottospazio vettoriale W3 di R4 [x] tale che W1 W3 = R4 [x].
[32] 1. Verificare che:
0



B =

1 2
2
1

 
2
,
1

1
3

 

4 1
,
1 5

e` una base di S(R2,2 ).


2. Trovare le componenti della matrice:


4 11
A=
11 7
rispetto alla base B 0 .

Capitolo 4

[33] 1. Verificare che:

0
x1
x2

x
0
x
1
4
H=
x2 x4
0

x3 x5 x6

71

x3

x5
R4,4 | x1 + x2 + x3 = 2x2 + x4 = x5 x6 = 0
x6

e` un sottospazio vettoriale di A(R4,4 ), determinarne la dimensione e una base.


2. Determinare la dimensione e una base dei sottospazi vettoriali di A(R4,4 ):

0
1

K = L
2
3

0
2

1
1


1
2
3
0
0
1
0
0 2 3
0
0
,

2
0
1
1
0
0
3 1
0
2 1 7


2
0
1 1
1
1
0
2
,

7
1 2
0
0
2 3 1

2
3
,
1
0

2 1
1

0
0 2
;

0
0 12
2 12
0

0
0
0
0

U = L
2
0
1 1

2 1
0

0
1 0
,
0
0 1
0
0
2

0
1 2

0
0
0
.
0
0
1
0 1
0

3. E` vero che H K = A(R4,4 ) ?


4. Determinare la dimensione e una base di U (H + K).
5. Determinare la dimensione e una base di un sottospazio vettoriale V supplementare
di U .
6. Decomporre la matrice:

0 1 1 1
1
0
2
1

A=
1 2
0
1
1 1 1
0

nella somma di una matrice di V e di una matrice di U .

Spazi Vettoriali e Sottospazi Vettoriali

72

[34] Data la matrice:



A=

0 1
0 2


,

1. determinare la dimensione e una base per il sottospazio vettoriale W di R2,2 generato dalle matrici:
A, tA, A + tA.
2. Dimostrare che il sottoinsieme:

U=

a b
0 2b


R

2,2


| a, b R

e` un sottospazio vettoriale di R2,2 ; determinarne la dimensione e una base.


3. Determinare la dimensione e una base per i sottospazi vettoriali W + U e W U .
[35] In R3 [x] si considerino i polinomi:
p1 (x) = 3 x + x2 ,
p2 (x) = x x2 + 2x3 ,
p3 (x) = 2 x2 + x3 ,
p4 (x) = x 2x2 + 3x3 .
Verificare che linsieme B = {p1 (x), p2 (x), p3 (x), p4 (x)} e` una base di R3 [x] e determinare le componenti del polinomio p(x) = x x2 rispetto alla base B.
[36] 1. In S(R3,3 ) e` dato il sottoinsieme:

x1 x2 x3
A = x2 x4 x5 S(R3,3 ) | x1 +2x4 x6 = x2 + 2x6 = x3 +3x5 = 0 ,

x3 x5 x6
verificare che A e` un sottospazio vettoriale e calcolarne la dimensione e una base.
2. Determinare la dimensione e una base di un sottospazio vettoriale H di S(R3,3 )
supplementare di A.

Capitolo 4

73

3. Decomporre la matrice:

1
A=
2

1
3
1

2
1
5

nella somma di una matrice di A e di una matrice di H.


4. Determinare la dimensione e una base dei sottospazi vettoriali di S(R3,3 ):

1
2 1
0 2 1
1 0 1
U = L 2 1 3 , 2 1 3 , 0 0 1 ,
1
3 0
1 3 2
1 1 0

1
2
2
2 3
4 ,
2
4 2

0
V = L 1
1


1 1
1 1
0
1 , 1
0
1
0
0
1


0
2
1 , 0
2
1

0
0
1

1
1 .
0

5. E` vero che A U = S(R3,3 ) ?


6. Determinare la dimensione e una base di V (A U).
[37] Dato il sottospazio vettoriale di R2,2 :



a b
2,2
U=
R | a, b R ,
0 a
1. determinare la dimensione e una base di un sottospazio vettoriale V supplementare
di U in R2,2 .
2. Data la matrice:


A=

1
3

2
0


,

decomporre A nella somma di una matrice A1 U e di una matrice A2 V.


[38] In R4 e` dato il sottospazio vettoriale:
W = L((1, 3, 0, 1), (2, 5, 1, 2), (1, 2, 1, 0)).

Spazi Vettoriali e Sottospazi Vettoriali

74

1. Verificare che W e` un iperpiano vettoriale di R4 e trovare la sua equazione, rispetto


alla base canonica di R4 .
2. Determinare la dimensione e una base di due sottospazi vettoriali diversi H e K di
R4 , entrambi supplementari di W.
[39] In R5 si considerino i sottospazi vettoriali:
U = L((1, 3, 2, 2, 3), (1, 4, 3, 4, 2), (2, 3, 1, 2, 9)),
V = L((1, 3, 0, 2, 1), (1, 5, 6, 6, 3), (2, 5, 3, 2, 1)).
Determinare la dimensione e una base di U + V e di U V.
[40] Dimostrare che i sottospazi vettoriali di R4 :
U = L((1, 2, 1, 3), (2, 4, 1, 2), (3, 6, 3, 7)),
V = L((1, 2, 4, 11), (2, 4, 5, 14))
sono uguali.
[41] 1. In R5 [x] si consideri linsieme A dei polinomi aventi come radice i numeri 1, 2,
e 3. Verificare che che A e` un sottospazio vettoriale di R5 [x] e calcolarne la
dimensione e una base.
2. Determinare la dimensione e una base di un sottospazio vettoriale H supplementare
di A.
3. Decomporre il polinomio p(x) = x2 + 3x3 nella somma di un polinomio di A e di
un polinomio di H. Tale decomposizione e` unica?
4. Determinare la dimensione e una base dei sottospazi vettoriali di R5 [x]:
U = L(1 + x + x2 , x3 + x5 , 2 + 2x + 2x2 3x3 3x5 , x2 + 3x3 x4 ),
V = L(2 + x x3 , x4 x5 , x + x2 + x3 x4 ).
5. E` vero che U V = R5 [x]?
6. Determinare la dimensione e una base di A (U + V).

Capitolo 4

75

[42] In R5 [x] si consideri linsieme B 0 = {1, 1 + x, 1 + x2 , 1 + x3 , 1 + x4 , 1 + x5 }.


1. Verificare che B 0 e` una base di R5 [x], usando due metodi diversi.
2. Determinare le componenti del polinomio p(x) = 1 x x2 + x3 x4 + x5 rispetto
alla base B 0.
[43] 1. Determinare linsieme W di tutte le matrici di R3,3 che commutano (rispetto al
prodotto) con la matrice:

0 1 0
A = 0 0 1 .
0 0 0
2. Verificare che W e` un sottospazio vettoriale di R3,3 , determinarne la dimensione
e una base.
3. Determinare la dimensione e una base di due sottospazi vettoriali diversi H e K,
entrambi supplementari di W in R3,3 .
[44] Dati i sottospazi vettoriali di R5 :
W1 = L((1, 1, 0, 1, 1), (1, 2, 2, 1, 2), (0, 1, 2, 0, 1), (1, 3, 4, 1, 3)),
W2 = {(x1 , x2 , x3 , x4 , x5 ) R5 | x1 x4 + 2x5 = x2 + x3 = 0},
1. dimostrare che R5 = W1 W2 .
2. Decomporre il vettore a = (0, 2, 0, 0, 0) nella somma di un vettore a1 W1 e di
un vettore a2 W2 .
[45] Si considerino i sottospazi vettoriali di R4 :
W1 = L((1, 1, 0, 2), (0, 2, 1, 3), (2, 0, 1, 7), (3, 5, 1, 3)),
W2 = {(x1 , x2 , x3 , x4 ) R4 | x1 + x2 2x3 = 3x3 x4 = 0}.
1. Trovare la dimensione e una base per ciascuno dei sottospazi vettoriali:
W1 ,

W2 ,

W1 + W2 ,

W1 W2 .

2. Verificare che il vettore a = (0, 2, 1, 3) appartiene a W1 + W2 determinando


esplicitamente due vettori a1 W1 e a2 W2 tali che a = a1 + a2 .

76

Spazi Vettoriali e Sottospazi Vettoriali

[46] Si considerino i sottospazi vettoriali di R2,2 :





1
3
2,2
W1 = X R | AX = XA, dove A =
,
0 1
W2 = {X R2,2 | tr(X) = 0}.
1. Determinare la dimensione e una base per i sottospazi vettoriali W1 , W2 , W1 + W2
e W1 W2 .
2. Trovare la dimensione e una base di un sottospazio vettoriale W3 che sia supplementare di W1 .
[47] Determinare la dimensione e una base di almeno due sottospazi vettoriali diversi H
e K ma entrambi supplementari, in R3 , di:
W = {(x1 , x2 , x3 ) R3 | 3x1 x3 = x2 + 5x3 = 0}.
[48] Completare linsieme libero di S(R3,3 ):


1
0
1 2 0
I = 2 0 0 , 0 1

0 0 0
0
0


0
0
0 , 1
1
1

1 1
0
0

0
0

in modo da ottenere una base di S(R3,3 ).


[49] Dati i sottospazi vettoriali di R5 :
W1 = L((1, 0, 2, 0, 1), (0, 1, 0, 1, 0), (0, 1, 1, 1, 3), (1, 0, 1, 0, 2)),
W2 = {(x1 , x2 , x3 , x4 , x5 ) R5 | x1 + 3x3 x5 = x2 2x3 + x4 + x5 = 0},
1. determinare la dimensione e una base per ciascuno dei sottospazi vettoriali W1 ,
W2 , W1 + W2 , W1 W2 .
2. Stabilire per quali valori di h R il vettore (1, 2, h, 2, 1) appartiene a W1 .
[50] In R5 sono dati i sottoinsiemi:
W1 = L((2, 1, 1, 0, 2), (1, 1, 0, 0, 2), (0, 2, 0, 1, 1)),
W2 = {(x1 , x2 , x3 , x4 , x5 ) R5 | x1 x2 x3 x4 = x1 x5 = x4 = 0}.

Capitolo 4

77

1. Provare che W2 e` un sottospazio vettoriale di R5 .


2. Determinare la dimensione e una base per W1 e W2 , rispettivamente.
3. Trovare la dimensione e una base di W1 + W2 e di W1 W2 .
[51] In R4 e` dato il sottospazio vettoriale:
H = {(x, y, z, t) R4 | 2x + y z = x + 3t = 0},
determinare la dimensione e una base di un sottospazio vettoriale K di R4 tale che
H K = R4 .
[52] Dati i sottospazi vettoriali di R4 :
W = L((0, 1, 0, 1), (1, 2, 2, 1), (1, 0, 2, 1)),
Z = {(x1 , x2 , x3 , x4 ) R4 | x1 x2 x3 = 2x2 + x3 = 0},
1. trovare la dimensione e una base per W , Z , W + Z e W Z.
2. Stabilire per quale valore di h R il vettore u = (1, h, 1 + h, h) appartiene a
W + Z.
3. Per il valore di h ricavato nel punto precedente, decomporre il vettore u cos`
ottenuto nella somma di un vettore di W e di un vettore di Z .
[53] In R4 si consideri il sottoinsieme:
W1 = {(x1 , x2 , x3 , x4 ) R4 | 2x1 + x2 + x4 = x1 x4 = 0}.
1. Verificare che W1 e` un sottospazio vettoriale di R4 e determinarne la dimensione
e una base.
Si considerino, inoltre, i sottospazi vettoriali:
W2 = {(x1 , x2 , x3 , x4 ) R4 | x1 + x2 x3 + 2x4 = x1 = 0}
e W3 = L(a, b, c), dove:
a = (1, 1, 2, 3),

b = (1, 2, 0, 1),

c = (1, 7, 6, 11).

Spazi Vettoriali e Sottospazi Vettoriali

78

2. Trovare la dimensione e una base di W2 e di W3 .


3. Individuare la dimensione e una base di W2 + W3 e di W1 (W2 + W3 ).
[54] In R4 sono dati i sottospazi vettoriali:
H = {(x1 , x2 , x3 , x4 ) R4 | x3 = 0, x1 + x2 = x4 },
K = {(x1 , x2 , x3 , x4 ) R4 | x4 = 0, x1 + x2 = x3 }.
1. Trovare la dimensione e una base B di H e la dimensione e una base C di K.
2. Determinare la dimensione e una base per i sottospazi vettoriali H + K e H K.
3. Verificare che il vettore (2, 1, 0, 1) appartiene ad H ed esprimerlo come combinazione lineare della base B scelta.
[55] Dati i sottospazi vettoriali di R4 :
W1 = L((0, 1, 1, 0), (1, 1, 1, 1), (2, 1, 3, 2)),
W2 = {(x1 , x2 , x3 , x4 ) R4 | x1 + x2 = x3 + x4 = 0},
W3 = {(x1 , x2 , x3 , x4 ) R4 | x1 + x2 + x3 = x1 + x4 = 0},
1. trovare la dimensione e una base di W1 , W2 , W3 , W1 + W2 , W1 W2 .
2. Dire se la somma W2 + W3 e` diretta.
[56] In R2,2 si considerino i sottospazi vettoriali:
W1 = L (A, tA, B, A + 2B),

con A =

W2 =

x1 x2
x3 x4

1 2
0 1

2,2


,


B=

1 0
1 1


,


| x1 + x2 x3 + x4 = x1 + x2 = 0 .

Determinare la dimensione e una base di:

Capitolo 4

79

1. W1 .
2. W2 .
3. W1 + W2 .
4. W1 W2 .
[57] Dati i sottospazi vettoriali di R4 :
W1 = {(x1 , x2 , x3 , x4 ) R4 | x1 x2 + 2x3 + x4 = 0,
2x1 + x2 + 2x3 + x4 = 0,
3x2 2x3 x4 = 0},
W2 = {(x1 , x2 , x3 , x4 ) R4 | x1 x2 + x3 + x4 = x1 + 2x2 = 0},
1. trovare la dimensione e una base di W1 , W2 , W1 + W2 , W1 W2 .
2. Dire se la somma W1 + W2 e` diretta.
[58] Dati i sottospazi vettoriali di R5 :
W1 = L((0, 1, 1, 0, 1), (1, 1, 1, 1, 1), (2, 1, 3, 2, 0)),
W2 = {(x1 , x2 , x3 , x4 , x5 ) R5 | x1 + x2 = x3 + x4 = x5 = 0},
1. trovare la dimensione e una base di W1 , W2 , W1 + W2 , W1 W2 .
2. Dire se la somma dei sottospazi vettoriali:
H1 = L((1, 0, 0, 0, 0), (1, 1, 0, 0, 0)),

H2 = L((0, 0, 0, 0, 1))

e` diretta.
[59] Si considerino in R2,2 i sottospazi vettoriali:
W1 = {X R2,2 | tr(X) = 0},

W2 = L

1
1

0
1

 
 

2
1
4 3
,
,
.
0 1
2
5

1. Determinare la dimensione e una base di W1 e di W2 .


2. Determinare la dimensione e una base di W1 + W2 . Dire se W1 + W2 e` una somma
diretta.
3. Determinare la dimensione e una base di W1 W2 .

Spazi Vettoriali e Sottospazi Vettoriali

80

[60] Si considerino in R2,2 i sottospazi vettoriali:


W1 = {X R2,2 | tX = X},

W2 = L

1
1

1
0

 
1
,
0

2
1

 

1
0
,
.
2 1

1. Determinare la dimensione e una base di W1 e W2 .


2. Determinare la dimensione e una base di W1 + W2 . Dire se W1 + W2 e` una somma
diretta.
3. Determinare la dimensione e una base di W1 W2 .
[61] Dati i sottospazi vettoriali di R4 :
W1 = {(x1 , x2 , x3 , x4 ) R4 | x1 x2 + 2x3 5x4 = x2 + x4 = 0},



3 1
1
, 1, ,
,
W2 = L (1, 2, 3, 1),
2
2 2
1. determinare la dimensione e una base di W1 + W2 .
2. Determinare la dimensione e una base di W1 W2 .
[62] In R2,2 si considerino i sottospazi vettoriali:



x1 x2
2,2
W1 =
R | x2 + 2x3 x4 = x1 = 0 ,
x3 x4

W2 = L

3 1
1 2

 
 
 

0 1
3 1
3 3
,
,
,
.
0 1
1 0
1 2

1. Determinare la dimensione e una base di W1 + W2 e W1 W2 .


2. Data la matrice:


A=

3 3
h 1


,

h R,

determinare il valore di h per cui A W1 + W2 e, per tale valore, decomporre A


nella somma di una matrice A1 W1 e di una matrice A2 W2 .

Capitolo 4

81

[63] In R2,2 si considerino i sottospazi vettoriali:





x1 x2
2,2
W1 =
R | x1 + x3 = 0 ,
x3 x4

W2 =

x1 x2
x3 x4

2,2


| x1 x3 = x2 = 0 .

Determinare:
1. la dimensione e una base di W1 e W2 ;
2. la dimensione e una base di W1 + W2 ;
3. la dimensione e una base di W1 W2 .
[64] In V3 , determinare, al variare di k R, i vettori del piano vettoriale:
W = {x = x1 i + x2 j + x3 k V3 | x1 + x3 = 0}
tali che larea del parallelogramma individuato da x e da u = (0, 0, 2) sia uguale a 4k 2 .
Per quali valori di k linsieme di questi vettori forma un sottospazio vettoriale di V3 ?
[65] Si considerino in R2,2 le matrici:

A=

k
2
1k 0








1 2
0 1
0 0
, A1 =
, A2 =
, A3 =
, k R.
0 0
1 0
0 1

1. Dire per quali valori di k la matrice A appartiene al sottospazio vettoriale W1 di


R2,2 generato da A1 e A2 .
2. Stabilire per quali valori k i due sottospazi vettoriali L(A, A1 ) e L(A2 , A3 ) sono
in somma diretta.
3. Determinare la dimensione e una base dellintersezione W1 W2 , con:



x1 x2
2,2
W2 =
R | x1 x4 = 0 .
x3 x4

Spazi Vettoriali e Sottospazi Vettoriali

82

[66] Determinare la dimensione e una base per la somma e lintersezione dei due sottospazi vettoriali di R2,2 :



x y
2,2
W1 =
R | x + 2y + z 3t = x + z t = 0 ,
z t

W2 = L

1
1
1 1

 
2
,
1

3
1

 
1
,
1

0
2


.

[67] In R2,2 si considerino i sottospazi vettoriali:





x y
2,2
W1 =
R |xz =y+t=0 ,
z t

W2 = L

1
0

0
1

 
0
,
1

1
0

 

3
2
,
.
2 3

Determinare:
1. la dimensione e una base di W1 e di W2 ;
2. la dimensione e una base di W1 S(R2,2 );
3. la dimensione e una base di W2 + A(R2,2 ). Si tratta di una somma diretta?
[68] Si considerino in R2,2 i sottospazi vettoriali:



x1 x2
2,2
W1 =
R | x1 x2 = x3 x4 = 0 ,
x3 x4

W2 = L

1 1
2
1

 
2
,
1

0
3

 

0 2
,
.
3 1

1. Determinare la dimensione e una base di W1 e di W2 .


2. Determinare una base e la dimensione di W1 + W2 . Dire se W1 + W2 e` una somma
diretta.
3. Decomporre la matrice:

A=

1
1
1 2

come somma di una matrice in W1 e di una matrice in W2 .

Capitolo 4

83

[69] In R4 , sono dati i sottospazi vettoriali:


H1 = L((1, 2, 1, 3), (0, 1, 2, 3), (2, 1, 8, 3)),
H2 = {(x1 , x2 , x3 , x4 ) R4 | x1 + x3 = 0},
H3 = {(x1 , x2 , x3 , x4 ) R4 | x1 + x2 + x3 = x2 + 2x3 = 0}.
1. Determinare la dimensione e una base di H1 , H2 , H3 .
2. Determinare la dimensione e una base di H1 + H2 e di H1 H2 . Si tratta di una
somma diretta?
3. Determinare la dimensione e una base di H1 + H3 e di H1 H3 . Si tratta di una
somma diretta?
4. Dato il vettore a = (1, 2, 0, 3) di R4 , dimostrare che a appartiene a H1 + H2 e
decomporre a nella somma di due vettori a1 H1 e a2 H2 .
[70] In R2,2 , rispetto alla base canonica, scrivere lequazione di un iperpiano vettoriale
supplementare del sottospazio vettoriale:


1 2
W=L
.
0 1
[71] In R2,2 si consideri il sottospazio vettoriale W delle matrici aventi traccia nulla.
Verificare che:

B=

1
0
1 1

 
 
2
2
1
,
,
0 2
1

1
1



e` una base di W ed esprimere la matrice:




5
0
A=
1 5
rispetto alla base B.
[72] Dati i sottospazi vettoriali di R4 :
H = L(u, v, w),

dove

u = (1, 3, 1, 2), v = (2, 1, 2, 0), w = (1, 1, 1, 1),

K = {(x1 , x2 , x3 , x4 ) R4 | x2 + 2x3 = x1 + x2 + x4 = 0},

Spazi Vettoriali e Sottospazi Vettoriali

84

1. verificare che B = (u, v, w) e` una base di H. Trovare, inoltre, la dimensione e una


base di K, H + K e H K.
2. Stabilire per quali valori di h R il vettore a = (h, 4, 0, 1) appartiene a H e, per
tali valori di h, determinare le componenti di a rispetto alla base B di H.

[73] In V3 determinare, al variare di k R, i vettori x del piano vettoriale:


W = {x = x1 i + x2 j + x3 k V3 | x1 + x3 = 0}
la cui proiezione ortogonale sul vettore u = j + k sia uguale a k u, con k R. Per quali
valori di k linsieme di questi vettori forma un sottospazio vettoriale di V3 ?

4.2

Per saperne di piu` Esercizi

[1] Verificare che linsieme:

V = {a + b 2 | a, b Q}
e` uno spazio vettoriale sul campo dei numeri razionali Q, rispetto alle operazioni di
somma e di prodotto per scalari cos` definite:

(a + b 2) + (a0 + b0 2) = (a + a0 ) + (b + b0 ) 2,

(a + b 2) = a + b 2,
con a, a0 , b, b0 , Q. V e` uno spazio vettoriale su R?
[2] Sia R = R {0}, verificare che R R e` uno spazio vettoriale su R rispetto alle
operazioni di somma e di prodotto per scalari cos` definite:
(x, y) (x0 , y 0 ) = (x + x0 , yy 0 ),
(x, y) = (x, y ),
con x, x0 , R e y, y 0 R .

Capitolo 4

85

[3] Stabilire se linsieme R R e` uno spazio vettoriale reale rispetto alle operazioni:
(x, y) + (x0 , y 0 ) = (x + x0 , y + y 0 )
(x, y) = (x, y),
con x, x0 , y, y 0 , R.
[4] Dati i vettori di R4 :
a1 = (1, 1, 1, 1), a2 = (1, 1, 1, 1), a3 = (1, 1, 1, 1), b = (8, 2, 0, 10),
risolvere, se e` possibile, lequazione vettoriale:
x1 a1 + x2 a2 + x3 a3 = b.
[5] Dati i vettori di R4 :
a1 = (1, 0, 1, 1), a2 = (1, 1, 0, 3), a3 = (1, 1, 1, 4), b = (2, 0, 2, 3),
risolvere, se e` possibile, lequazione vettoriale:
x1 a1 + x2 a2 + x3 a3 = b.

4.3

Soluzioni

[1] I vettori dati sono linearmente indipendenti se h 6= 5.


[2] dim(L(u1 , u2 , u3 , u4 )) = 3. Una base di L(u1 , u2 , u3 , u4 ) e` (u1 , u2 , u4 ).
Il valore di t richiesto e` t = 2. Per tale valore si ha v = 3u1 u2 + 3u4 .
[3] I vettori u e v sono linearmente indipendenti in quanto le loro componenti non sono a
due a due proporzionali. Il valore di t richiesto e` t = 7. Per tale valore si ha w = u 3v.
[4] dim(W1 W2 ) = 1, W1 W2 = L((2, 3, 3)).

Spazi Vettoriali e Sottospazi Vettoriali

86

[5] 1. B e` una base di W1 in quanto i vettori che la compongono sono linearmente indipendenti. Il valore di h richiesto e` h = 2, per tale valore si ha v = 2a b + c.
2. dim(W3 ) = 2, per esempio W3 = L((0, 1, 5, 0), (0, 0, 2, 0)).
[6] Ad esempio, le equazioni di due iperpiani vettoriali diversi sono:
x + 2y z + t = 0, y + z t = 0, con (x, y, z, t) R4 .
[7] 1. I quattro polinomi assegnati formano una base di R3 [x] se h 6= 1 e h 6= 0.
1
1
2. Se h = 1 allora q(x) = p1 (x) + 2p2 (x) p3 (x) p4 (x).
2
8
[8] H e` un sottospazio vettoriale,

1
0
0

H = L
,
1
2
1
2

dim(H) = 2,

;
3
2

K non e` un sottospazio vettoriale perche non contiene il vettore nullo.


[9] 1. dim(H) = 2, H = L((1, 2, 0, 3), (1, 1, 3, 0)).
2. dim(H + K) = 4, quindi H + K = R4 ; la somma e` diretta.
[10] Le quattro matrici sono linearmente indipendenti e pertanto costituiscono una
base di R2,2 ; A =

10
7
8
4
A1 +
A2 +
A3 +
A4 .
13
13
13
13


[11] dim(H) = 3, H = L

dim(K) = 2, K = L

1
0

 
 
1
0 0
0
,
,
0
1 0
0


0
0 2
,
;
1
0
1

2
0

dim(H + K) = 4, H + K = R2,2 ;


4 2
dim(H K) = 1, H K = L
.
1 4

0
1


;

Capitolo 4

87

[12] 1. dim(H) = 2, H = L((2, 0, 1, 0), (0, 0, 0, 1));


dim(K) = 3, K = L((0, 2, 1, 1), (1, 2, 1, 1), (1, 2, 7, 1)).
2. dim(H + K) = 4, H + K = R4 .
[13] I sottospazi vettoriali A e B sono supplementari.
[14] 1. Segue, per esempio, dallapplicazione del metodo degli scarti successivi.
2. Per esempio d = (0, 0, 0, 1).
3. H non e` contenuto in K perche, per esempio, il vettore e1 = (1, 0, 0, 0) H ma
e1
/ K.
[15] 1. Se h
/ {1, 2} allora W = {o};
se h = 1 allora dim(W) = 2 e W = L((1, 1, 0), (1, 0, 1));
se h = 2 allora dim(W) = 1 e W = L((2, 1, 1)).
2. Se h
/ {1, 2} W = {o}, il sottospazio vettoriale supplementare H di W e` R3 ;
se h = 1 dim(H) = 1, per esempio H = L((1, 0, 0));
se h = 2 dim(H) = 2, per esempio H = L((0, 1, 2), (0, 0, 1)).
[16] Una delle basi richieste e` :

1 0 3
0

0 0 2 , 1
B=
3 2 0
2

0 0 1
0 0 0 ,
1 0 0

1
1
0
0
0
0

2
0 0
0
0 , 0 5
2 ,
0
0 2 6

0 0
0 0 0
0 1 , 0 0 0 .
1 0
0 0 1

[17] 1. La verifica che F e G siano sottospazi vettoriali segue dalle propriet`a del prodotto
di matrici.

dim(F) = 2, F = L

12 9
4
0

 
1
,
0

0
1


;

Spazi Vettoriali e Sottospazi Vettoriali

88


dim(G) = 2, G = L

0
4

9
0

 
1
,
0



12 9
4
0



6 9
4 6

2. dim(F + G) = 3, F + G = L

dim(F G) = 1, F G = L


.

3
1

 
1
,
0

0
1

 
2
,
0

3
0


;


.

3. Il valore di h richiesto e` h = 5, per tale valore segue:

C1 =

3
3
w
(1 + w)
w
(1 + w)

2
2

, C2 =
2

2
(1 + w)
2w
(1 + w)
w
3
3

w R.
[18] 1. W1 e` un sottospazio vettoriale di R4 perche i suoi elementi sono soluzioni di un
sistema lineare omogeneo;
dim(W1 ) = 2, W1 = L((0, 1, 0, 0), (3, 0, 1, 1)).
2. dim(W2 ) = 2, W2 = L((1, 0, 2, 0), (0, 1, 1, 1));
dim(W3 ) = 3, W3 = L((0, 1, 2, 1), (2, 1, 3, 1), (1, 2, 4, 2)).
3. W2 + W3 = W3 ;
dim(W1 (W2 + W3 )) = 1, W1 (W2 + W3 ) = L((3, 1, 1, 1)).
[19] H non e` un sottospazio vettoriale, perche non contiene il vettore nullo, mentre K e`
un sottospazio vettoriale di R3,3 ;

1 0 0

0 0 0
dim(K) = 6, K = L
0 0 0

0 0
0 0
1 0

0 0 0
, 1 0 0
0 0 0

0
0 0
0 , 0 0
0
0 1

0
, 0
0

0
0 ,
0

0 0
1 0 ,
0 0

0 0 0
0 0 0 .
0 0 1

Capitolo 4

89

[20] No. I due sottospazi vettoriali H e K non sono supplementari in R4 perche dim(H) =
3 e dim(K) = 2.
[21] H non e` un sottospazio vettoriale di R3 [x] perche non contiene il vettore nullo.
K e` un sottospazio vettoriale di R3 [x], dim(K) = 3, K = L(x, x2 , x3 ).
[22] W1 = {(2t3 3t2 t1 , t3 , t2 , t1 ) R4 | t1 , t2 , t3 R} e
W2 = {(0, 0, 0, ) R4 | R}, da cui segue la tesi.
[23] dim(W1 + W2 ) = 5, W1 + W2 = R5 ;
dim(W1 W2 ) = 2, W1 W2 = L((1, 2, 0, 0, 0), (0, 8, 8, 3, 1)).
[24] 1. dim(H) = 3, H = L(2x + 5x2 3x4 , x2 + x4 , x3 + x4 );
dim(K) = 3, K = L(2 x + x2 , 2x x2 + x3 , 2x2 x3 + x4 );
dim(H + K) = 4, H + K = L(2 x + x2 , 2x + 5x2 3x4 , x2 + x4 , x3 + x4 );
dim(H K) = 2, H K = L(2x x2 + x3 , 2x2 x3 + x4 ).
2. Il polinomio q(x) appartiene a H+K poiche e` combinazione lineare degli elementi
della base di H + K; esistono infinite decomposizioni di q(x):
q(x) = [(3 + 2)x + (1 + + 2)x2 + ( + )x3 + (4 )x4 ]
+[2 (1 + 2)x + (1 2)x2 + ( )x3 + x4 ],

[25] Il rango di

, R.

1
0 1
5
0
0
1
2
3
1

2 1 4
7 1
e` 5, da cui segue la tesi.
0
0
0
1 1

0
0
1 1
0
0
0
0
0
1

[26] 1. W1 e` un sottospazio vettoriale di R5 perche i suoi elementi sono soluzioni di un


sistema lineare omogeneo;
dim(W1 ) = 3, W1 = L((1, 2, 0, 0, 0), (0, 0, 0, 1, 0), (0, 0, 0, 0, 1)).

90

Spazi Vettoriali e Sottospazi Vettoriali

2. dim(W2 ) = 2, W2 = L(a, b).


3. La tesi segue dal fatto che lunione di una base di W1 con una base di W2 costituisce
una base di R5 .
4. dim(W3 ) = 3, per esempio W3 = L((1, 2, 0, 0, 0), (1, 0, 0, 0, 0), (0, 0, 1, 0, 0)).
[27] B 0 e` una base di R2,2 perche le matrici A1 , A2 , A3 , A4 sono linearmente indipendenti, inoltre A = 2A1 + 3A3 A4 .

0
[28] 1. Per esempio B 0 = A, B, 0
1

0
2. C = A + 3B 6
1

0
0
0

0
0
0

1
0 .
0

1
0 .
0

[29] 1. Poiche dim(U) + dim(V) = 4 > 3 = dim(R3 ), dalla formula di Grassmann


segue che dim(U V) 1.
2. Si possono avere solo i seguenti casi:
a. dim(U V) = 1 se dim(U + V) = 3, per esempio U = L((1, 0, 0), (0, 1, 0)),
V = L((0, 1, 0), (0, 0, 1)), quindi U + V = L((1, 0, 0), (0, 1, 0), (0, 0, 1)).
b. dim(U V) = 2 se dim(U + V) = 2 = dim(U) = dim(V), per esempio:
U = V = L((1, 0, 0), (0, 1, 0)).
[30] 1. dim(W1 ) = 2, per esempio W1 = L(3 x, 3x x2 );
dim(W2 ) = 2, per esempio W2 = L(3x2 x3 , 3x3 x4 ).
2. 3 5x + 5x2 10x3 + 3x4 = (3 5x + 2x2 ) + (3x2 10x3 + 3x4 ).
[31] 1. La verifica segue dalle definizioni e dalle propriet`a della somma di polinomi e del
prodotto di un numero reale per un un polinomio;

Capitolo 4

91

dim(W1 ) = 3, W1 = L(3x + x2 , 3x2 + x3 , 3x3 + x4 ).


2. dim(W2 ) = 2, W2 = L(p1 (x), p2 (x)).
3. dim(W1 W2 ) = 1, W1 W2 = L(6x2 5x3 + x4 ).
4. dim(W3 ) = 2, per esempio W3 = L(1, x).

[32] 1. Si tratta di tre matrici simmetriche linearmente indipendenti.


2. La matrice A ha componenti (in ordine) 4, 2, 1 rispetto alla base B 0 .

[33] 1. H e` un sottospazio vettoriale di A(R4,4 ) perche i suoi elementi sono soluzioni di


un sistema lineare omogeneo;
dim(H) = 3,

0 1
1
1
0
2

H = L
1
2
0
0
0
0


0
0 1
1
0
0
,

0
0
0
0
1
0

0
0
0
0


1
0
0
0
0
0
0
0
,

0
0
0
0
0
0 1 1

1
.
1
0

2. dim(K) = 3,

0
1

K = L
2
3


1
2
3
0
0
1

0 2 3 0
0
0
,
2
0
1 1
0
0
3 1
0
2 1 7

0
0
0
0

dim(U) = 2, U = L
2
0
1 1


2 1
0
0
0
1
,
0
0 1
0
0
2


2
0
1 1

1 1
0
2
,
7 1 2
0
0
2 3 1

3
.
1
0

0
1 2

0
0
0
.

0
0
1
0 1
0

3. S`, H K = A(R4,4 ) in quanto linsieme formato da una base di H e da una base


di K e` una base di A(R4,4 ).
4. U (H + K) = U .

Spazi Vettoriali e Sottospazi Vettoriali

92

0
1

5. Ad esempio, dim(V) = 4, V = L
0
0

0
0
0
0

0 1
0
0

0
1
0
0

1
0
0
0

0
0

0 0
,
0 0
0
0

0
0
0
0


0
0
0
0
,
0 0
0
1

0
0
0
0
0
0
0 1

0
.
1
0


0 1
0 6
0
0 1
5
1

0
2
0 0
0
0
1
6. A =
+
0 2
0
4 1
0
0 3
6
0 4
0
5 1
3
0

0
0
0
0

0
0
0
0

1
0
,
0
0

e` la decomposizione richiesta.

[34] 1. dim(W) = 2, W = L(A, tA).


2. La verifica che U e` un sottospazio vettoriale segue dalle definizioni di somma e di
prodotto per scalari in R2,2 ;



1 0
0 1
dim(U) = 2, U = L
,
.
0 0
0 2




1 0
0 1
0 0
3. dim(W + U) = 3, W + U = L
,
,
;
0 0
0 2
1 2


0 1
.
dim(W U) = 1, W U = L
0 2

[35] B e` una base di R3 [x] in quanto i suoi quattro vettori sono linearmente indipendenti.
La decomposizione richiesta e` x x2 = p1 (x) +

3
3
3
p2 (x) + p3 (x) p4 (x).
2
2
2

[36] 1. A e` un sottospazio vettoriale di S(R3,3 ) perche i suoi elementi sono soluzioni di


un sistema lineare omogeneo;

Capitolo 4

2
dim(A) = 3, A = L 0
0

93

0
1
0 , 2
0
0

0
1
0

0
0
0 , 0
1
3

2
0
0

0 3
0
1 .
1
0

1 0 0
0 0 1
0 0 0
2. dim(H) = 3, per esempio H = L 0 0 0 , 0 0 0 , 0 0 0 .
0 0 0
1 0 0
0 0 1

11

1
3. A =

11
3
1

11
3
2


1 + 0


1
5
2

0
0
0

9
2

e` la decomposizione richiesta.

1
2
4. dim(U) = 3, U = L 2 1
1
3

1
dim(V) = 3, V = L
1

1
0
3 , 2
0
1

2
1
3

1 1
1 1

0
1 , 1
0
1
0
0
1

1
1
3 , 0
2
1

0
2

1 ,
0
2
1

1
1 ;
0

0
0
1
0
0
1

1
1 .
0

5. S`, perche lunione di una base di A con una base di U costituisce una base S(R3,3 ).
6. dim(V (A U)) = 3, V (A U) = V .


[37] 1. dim(V) = 2, per esempio V = L

2. A1 =

1
0

2
1

0 0
1 0



0 0
,
.
0 1




0
0
, A2 =
.
3 1

[38] 1. Poiche dim(W) = 3, W e` liperpiano vettoriale di equazione 3x1 x2 x3 = 0.


2. dim(H) = dim(K) = 1, per esempio H = L((1, 0, 0, 0)) e K = L((0, 1, 0, 0)).

Spazi Vettoriali e Sottospazi Vettoriali

94

[39] dim(U + V) = 3, U + V = L((1, 3, 2, 2, 3), (0, 1, 1, 2, 1), (0, 0, 1, 0, 1));


dim(U V) = 1, U V = L((1, 4, 3, 4, 2)).
[40] dim(U) = dim(V) = 3, inoltre U = L((1, 2, 1, 3), (0, 0, 3, 8)) e sia (1, 2, 1, 3)
sia (0, 0, 3, 8) appartengono a V.
[41] 1. La verifica segue dalle definizioni e dalle propriet`a della somma di polinomi e del
prodotto di un numero reale per un polinomio;
dim(A) = 3,
A = L(6 11x + 6x2 x3 , 6x 11x2 + 6x3 x4 , 6x2 11x3 + 6x4 x5 ).
2. dim(H) = 3, per esempio H = L(x3 , x4 , x5 ).
3. p(x) =

1
1
(6x2 11x3 + 6x4 x5 ) + (29x3 6x4 + x5 );
6
6

tale decomposizione e` unica in quanto A H = R5 [x].


4. dim(U) = 3, U = L(1 + x + x2 , x2 + 3x3 x4 , x3 + x5 );
dim(V) = 3, V = L(2 + x x3 , x4 x5 , x + x2 + x3 x4 ).
5. S`, si tratta di una somma diretta in quanto linsieme formato dallunione di una
base di U e di una base di V e` una base di R5 [x].
6. dim(A (U + V)) = 3, A (U + V) = A.
[42] 1. B 0 e` una base perche il determinante della matrice avente sulle colonne le componenti dei vettori della base data, rispetto alla base (1, x, x2 , x3 , x4 , x5 ) di R5 [x],
e` 1. In alternativa, si pu`o controllare che il rango di tale matrice vale 6.
2. p(x) = (2, 1, 1, 1, 1, 1) rispetto alla base B 0.

x1 x2 x3

[43] 1. W = 0 x1 x2 R3,3 | x1 , x2 , x3 R .

0 0 x1
2. La verifica che W e` un sottospazio vettoriale segue dalle propriet`a della somma di
matrici e da quelle del prodotto di uno scalare per una matrice.

Capitolo 4

95

dim(W) = 3,

1 0 0
0 1 0
0 0 1
W = L 0 1 0 , 0 0 1 , 0 0 0 .
0 0 1
0 0 0
0 0 0
3. dim(H) = dim(K) = 6, per esempio H = L(E31 , E21 , E32 , E12 , E22 , E33 ),
K = L(E31 , E21 , E32 , E23 , E11 , E22 ).

[44] 1. dim(W1 ) = 2, W1 = L((1, 1, 0, 1, 1), (1, 2, 2, 1, 2));


dim(W2 ) = 3, W2 = L((1, 0, 0, 1, 0), (2, 0, 0, 0, 1), (0, 1, 1, 0, 0)),
da cui segue W1 W2 = R5 in quanto W1 W2 = {o}.
2. a = a1 + a2 , con a1 = (1, 0, 2, 1, 0), a2 = (1, 2, 2, 1, 0), e` la decomposizione
richiesta.

[45] 1. dim(W1 ) = 2, W1 = L((1, 1, 0, 2), (0, 2, 1, 3));


dim(W2 ) = 2, W2 = L((2, 0, 1, 3), (1, 1, 0, 0));
dim(W1 + W2 ) = 3, W1 + W2 = L((1, 1, 0, 2), (0, 2, 1, 3), (0, 0, 0, 1));
dim(W1 W2 ) = 1, W1 W2 = L((0, 2, 1, 3)).
2. a appartiene a W1 + W2 perche e` combinazione lineare dei tre vettori della sua
base indicata in 1. Una decomposizione richiesta e` :
a = a1 + a2 , con a1 = 3(1, 1, 0, 2), a2 = (3, 1, 1, 3).


[46] 1. dim(W1 ) = 2, W1 = L

dim(W2 ) = 3, W2 = L

1
0

0
1

1
0
0 1

 
2
,
0

 
0
,
0

3
0
1
0


;

 
0
,
1

dim(W1 + W2 ) = 4, W1 + W2 = R2,2 ;

dim(W1 W2 ) = 1, W1 W2 = L

1
3
0 1


.

0
0


;

Spazi Vettoriali e Sottospazi Vettoriali

96


2. dim(W3 ) = 2, per esempio W3 = L

0 0
1 0



0 0
,
.
0 1

[47] dim(H) = dim(K) = 2, per esempio H = L((0, 1, 0), (1, 0, 0)),


K = L((0, 1, 0), (0, 0, 1)).

2
[48] B =
0

2
0
0

0
1
0


0
1
0

0 ,
0 1
0
0
0
1
0
0


0
0
0 , 0
0
0


0
0

0 ,
1
1
1
0
1
0

1 1
0
0 ,
0
0


0
0
0 , 0
0
0

0
0
1

0
1 .
0

[49] 1. dim(W1 ) = 3, W1 = L((1, 0, 2, 0, 1), (0, 1, 0, 1, 0), (0, 0, 1, 0, 3));


dim(W2 ) = 3, W2 = L((1, 1, 0, 0, 1), (0, 1, 0, 1, 0), (3, 2, 1, 0, 0));
dim(W1 + W2 ) = 4,
W1 + W2 = L((1, 0, 2, 0, 1), (0, 1, 0, 1, 0), (0, 0, 1, 0, 3), (0, 0, 0, 1, 6));
dim(W1 W2 ) = 2, W1 W2 = L((1, 0, 1, 0, 2), (0, 1, 0, 1, 0)).
2. Il valore di h richiesto e` h = 2.
[50] 1. W2 e` un sottospazio vettoriale di R5 perche i suoi elementi sono soluzioni di un
sistema lineare omogeneo.
2. dim(W1 ) = 3, W1 = L((2, 1, 1, 0, 2), (1, 1, 0, 0, 2), (0, 2, 0, 1, 1));
dim(W2 ) = 2, W2 = L((1, 1, 0, 0, 1), (0, 1, 1, 0, 0)).
3. dim(W1 + W2 ) = 4,
W1 + W2 = L((1, 1, 0, 0, 1), (0, 2, 0, 0, 3), (0, 0, 2, 0, 3), (0, 0, 0, 1, 2));
dim(W1 W2 ) = 1, W1 W2 = L((2, 1, 1, 0, 2)).
[51] dim(H) = 2, H = L((3, 6, 0, 1), (0, 1, 1, 0));
dim(K) = 2, per esempio K = L((0, 0, 1, 0), (0, 0, 0, 1)).

Capitolo 4

97

[52] 1. dim(W) = 2, W = L((0, 1, 0, 1), (1, 2, 2, 1));


dim(Z) = 2, Z = L((1, 1, 2, 0), (0, 0, 0, 1));
dim(W + Z) = 3, W + Z = L((0, 1, 0, 1), (1, 2, 2, 1), (0, 0, 0, 1));
dim(W Z) = 1, W Z = L((1, 1, 2, 0)).
2. Il valore richiesto e` h = 1.
3. Per h = 1 si ha:
u = (1, 1, 2, 1) = (1 z, 1 + z, 2 2z, 2) + (z, z, 2z, 1), z R.
[53] 1. W1 e` un sottospazio vettoriale di R4 perche i suoi elementi sono soluzioni di un
sistema lineare omogeneo.
dim(W1 ) = 2, W1 = L((1, 3, 0, 1), (0, 0, 1, 0)).
2. dim(W2 ) = 2, W2 = L((0, 1, 1, 0), (0, 2, 0, 1));
dim(W3 ) = 2, W3 = L(a, b).
3. dim(W2 W3 ) = 4, W2 W3 = R4 , quindi W1 (W2 W3 ) = W1 .
[54] 1. dim(H) = 2, B = ((1, 0, 0, 1), (0, 1, 0, 1));
dim(K) = 2, C = ((1, 0, 1, 0), (0, 1, 1, 0)).
2. dim(H + K) = 3, H + K = L((1, 0, 0, 1), (0, 1, 0, 1), (1, 0, 1, 0));
dim(H K) = 1, H K = L((1, 1, 0, 0)).
3. (2, 1, 0, 1) = 2(1, 0, 0, 1) (0, 1, 0, 1) e` la combinazione lineare richiesta.
[55] 1. dim(W1 ) = 2, W1 = L((1, 1, 1, 1), (0, 1, 1, 0));
dim(W2 ) = 2, W2 = L((1, 1, 0, 0), (0, 0, 1, 1));
dim(W3 ) = 2, W3 = L((0, 1, 1, 0), (1, 1, 0, 1));
dim(W1 + W2 ) = 3, W1 + W2 = L((1, 1, 1, 1), (0, 1, 1, 0), (0, 0, 1, 1));
dim(W1 W2 ) = 1, W1 W2 = L((1, 1, 1, 1)).
2. La somma W2 + W3 e` diretta in quanto lunione di una base di W2 con una base di
W3 costituisce una base di R4 .

98

Spazi Vettoriali e Sottospazi Vettoriali

[56] 1. dim(W1 ) = 3, W1 = L(A, tA, B).




1 1
0
2. dim(W2 ) = 2, W2 = L
,
0
0
1

0
1


.

3. dim(W1 + W2 ) = 4, W1 + W2 = R2,2 .


1 1
4. dim(W1 W2 ) = 1, W1 W2 = L
.
1
1

[57] 1. dim(W1 ) = 2, W1 = L((2, 1, 0, 3), (0, 0, 1, 2));


dim(W2 ) = 2, W2 = L((2, 1, 0, 3), (0, 0, 1, 1));
dim(W1 + W2 ) = 3, W1 + W2 = L((2, 1, 0, 3), (0, 0, 1, 2), (0, 0, 1, 1));
dim(W1 W2 ) = 1, W1 W2 = L((2, 1, 0, 3)).
2. La somma W1 + W2 non e` diretta in quanto dim(W1 W2 ) = 1.

[58] 1. dim(W1 ) = 3, W1 = L((0, 1, 1, 0, 1), (1, 1, 1, 1, 1), (2, 1, 3, 2, 0));


dim(W2 ) = 2, W2 = L((1, 1, 0, 0, 0), (0, 0, 1, 1, 0));
dim(W1 + W2 ) = 4,
W1 +W2 = L((0, 1, 1, 0, 1), (1, 1, 1, 1, 1), (2, 1, 3, 2, 0), (1, 1, 0, 0, 0));
dim(W1 W2 ) = 1, W1 W2 = L((1, 1, 1, 1, 0)).
2. La somma dei due sottospazi vettoriali H1 e H2 e` diretta in quanto lunione di una
base di H1 con una base di H2 costituisce un insieme libero.





1
0
0 1
0
[59] 1. dim(W1 ) = 3, W1 = L
,
,
0 1
0 0
1



1 0
2
1
dim(W2 ) = 2, W2 = L
,
.
1 1
0 1

0
0


;

2. dim(W1 + W2 ) = 4, W1 + W2 = R2,2 e non e` una somma diretta.




3 2
3. dim(W1 W2 ) = 1, W1 W2 = L
.
1
3

Capitolo 4



1
0

[60] 1. dim(W1 ) = 3, W1 = L

dim(W2 ) = 2, W2 = L

1
1

99


0
,
1

1
1
,
0
0


0
,
0

2
.
1

0
0

1
0


;

0
1

2. dim(W1 + W2 ) = 4, W1 + W2 = R2,2 e non e` una somma diretta in quanto:


dim(W1 ) + dim(W2 ) = 5.

3. dim(W1 W2 ) = 1, W1 W2 = L

0
1

1
1


.

[61] dim(W1 ) = 2, W1 = L((2, 0, 1, 0), (4, 1, 0, 1));


dim(W2 ) = 1, W2 = L((1, 2, 3, 1)).
1. dim(W1 + W2 ) = 3, W1 + W2 = L((2, 0, 1, 0), (4, 1, 0, 1), (1, 2, 3, 1)).
2. dim(W1 W2 ) = 0.

[62] 1. dim(W1 + W2 ) = 3, W1 + W2 = L

dim(W1 W2 ) = 1, W1 W2 = L

0
0

0
0


1
3
,
1
1

1
.
1

1
2



0 2
,
;
1
0

2. A appartiene a W1 + W2 per h = 1/2, in questo caso si ha A = A1 + A2 , con:

0
2
3
1

.
A1 =
, A2 =
3
1
2
1

2

[63] 1. dim(W1 ) = 3, W1 = L

dim(W2 ) = 2, W2 = L

1
1

1
1



0
0 1
0
,
,
0
0 0
0


0
0 0
,
.
0
0 1

2. dim(W1 + W2 ) = 4, W1 + W2 = R2,2 .

0
3. dim(W1 W2 ) = 1, W1 W2 = L
0

0
1


.

0
1


;

100

Spazi Vettoriali e Sottospazi Vettoriali

[64] I vettori che verificano le due condizioni richieste hanno componenti (x3 , x2 , x3 )
tali che x22 = 4k 4 x23 , da cui segue che essi formano un sottospazio vettoriale di V3 se
e solo se k = 0 (in questo caso il sottospazio vettoriale si riduce al vettore nullo).
[65] 1. La matrice A appartiene al sottospazio vettoriale W1 se k = 1.
2. I due sottospazi vettoriali L(A, A1 ) e L(A2 , A3 ) sono sempre in somma diretta.
Se k 6= 1 la loro somma e` R2,2 , se k = 1 la loro somma e` un sottospazio vettoriale
di R2,2 di dimensione 3.
3. dim(W1 W2 ) = 1, W1 W2 = L(A2 ).
[66] dim(W1 + W2 ) = 4, W1 + W2 = R4 ;

5
dim(W1 W2 ) = 1, W1 W2 = L
2


7
7


.



0
1
[67] 1. dim(W1 ) = 2, W1 = L
,
;
0 1



1 0
0 1
dim(W2 ) = 2, W2 = L
,
.
0 1
1 0


1
1
2. dim(W1 S(R2,2 )) = 1, W1 S(R2,2 ) = L
.
1 1
1
1

0
0

3. La somma e` diretta, in quanto linsieme formato dai vettori di una base di W2 e da


un vettore non nullo di A(R2,2 ) e` libero.




1 0
0 1
0 1
2,2
W2 A(R ) = L
,
,
.
0 1
1 0
1 0




1
0 0
[68] 1. dim(W1 ) = 2, W1 = L
,
;
0
1 1



1 1
2 0
dim(W2 ) = 2, W2 = L
,
.
2
1
1 3
1
0

2. Si tratta di una somma diretta, in quanto lunione di una base di W1 con una base
di W2 costituisce un insieme libero.

Capitolo 4

101

dim(W1 W2 ) = 4, W1 W2 = R2,2 .
3. La decomposizione richiesta e` :

 

2 2
1 1
A=
+
.
0 0
1 2
[69] 1. dim(H1 ) = 2, H1 = L((1, 2, 1, 3), (0, 1, 2, 3));
dim(H2 ) = 3, H2 = L((1, 0, 1, 0), (0, 1, 0, 0), (0, 0, 0, 1));
dim(H3 ) = 2, H3 = L((3, 2, 1, 0), (0, 0, 0, 1)).
2. dim(H1 + H2 ) = 4, H1 + H2 = R4 ;
dim(H1 H2 ) = 1, H1 H2 = L((1, 2, 1, 3)),
la somma non e` diretta in quanto dim(H1 H2 ) = 1.
3. dim(H1 + H3 ) = 4, H1 + H3 = R4 ;
dim(H1 H3 ) = 0, H1 H3 = {o},
la somma e` diretta in quanto dim(H1 H3 ) = 0.
4. a appartiene a H1 + H2 = R4 , la decomposizione richiesta non e` unica ed e` :


1
3
a = , 2 + , + 1, 3 +
2
2


3
3
+ + 1, 2 + , 1, 3 +
, R.
2
2

[70] Per esempio il sottospazio vettoriale H =

x1 x2
x3 x4

2,2


| x1 = 0

e` un iperpiano vettoriale di R2,2 tale che W H = R2,2 .


[71] B e` una base di W perche e` formata da tre vettori linearmente indipendenti di W;
la decomposizione richiesta e` :

A = 7

1
0
1 1


+3

2
2
0 2

1
6
1

1
1


.

102

Spazi Vettoriali e Sottospazi Vettoriali

[72] 1. I vettori u, v, w sono linearmente indipendenti, pertanto B e` una base di H;


dim(K) = 2, K = L((2, 2, 1, 0), (1, 0, 0, 1));
dim(H + K) = 4, per esempio una base di H + K e` (u, v, w, (2, 2, 1, 0));
dim(H K) = 1, H K = L((1, 2, 1, 1)).
2. Il vettore a appartiene ad H se e solo se h = 0, in tal caso risulta:
a = u + 2v + 3w.
[73] I vettori appartenenti a W hanno componenti (x1 , x2 , x1 ). Imponendo la seconda
condizione si ottiene: x2 x1 = 2k , ossia i vettori del tipo (x1 , 2k + x1 , x1 ).
Linsieme dei vettori {(x1 , 2k + x1 , x1 ) | k R} e` un sottospazio vettoriale di V3 se e
solo se k = 0.

4.4

Per saperne di piu` Soluzioni

[1] V e` uno spazio vettoriale sul campo dei numeri razionali Q in quanto le due operazioni assegnate verificano le otto propriet`a che definiscono
uno spazio vettoriale. Il
vettore nullo e` il numero 0, lopposto del vettore a + b 2 e` il vettore a b 2,
con
a, b
Q. Vnon e`uno spazio vettoriale su R perche, per esempio, il prodotto
3(a + b 2) = a 3 + b 6, con a, b Q, non appartiene a V.
[2] La verifica segue dalle propriet`a della somma di numeri reali, del prodotto di numeri
reali e delle potenze. Il vettore nullo e` (0, 1) e lopposto di (x, y) e` (x, 1/y).
[3] Non si tratta di uno spazio vettoriale perche, se lo fosse, il prodotto del vettore (x, y)
per lo scalare 1 che risulta essere (1)(x, y) = (x, y) dovrebbe avere come risultato
lopposto del vettore (x, y) che invece e` (x, y).
[4] Lequazione vettoriale ammette una sola soluzione (x1 = 4, x2 = 5, x3 = 1).
[5] Lequazione vettoriale non ammette soluzioni.

Capitolo 5
Spazi Vettoriali Euclidei
5.1

Esercizi

In tutti gli esercizi di questo capitolo si sono adottate le notazioni usuali, in particolare si
e` indicato con:
- Rn lo spazio vettoriale euclideo, di dimensione n, delle n-uple di numeri reali, dotato
del prodotto scalare standard, che rende ortonormale la base canonica:
(e1 = (1, 0, . . . , 0), e2 = (0, 1, 0, . . . , 0), . . . , en = (0, 0, . . . , 1)).
- Rm,n lo spazio vettoriale euclideo, di dimensione mn, delle matrici con m righe ed n
colonne, ad elementi reali, dotato del prodotto scalare standard X Y = tr(tX Y ), con
X, Y Rm,n , che rende ortonormale la base canonica:

..
E11 = .
0

0
.. , E =
. 12
0 ... 0
0 ...
..
.

0
.. , . . . , E =

mn
.
0 0 ... 0
0
..
.

1 ...
..
.

0
.. .
.
0 0 ... 1
0
..
.

0 ...
..
.

Con tr(tX Y ) si intende la traccia del prodotto della trasposta della matrice X con la
matrice Y.
- V3 lo spazio vettoriale euclideo, di dimensione 3, dei vettori ordinari, riferito ad una
base ortonormale positiva B = (i, j, k). In questambito indica il prodotto scalare
tra due vettori e il prodotto vettoriale o esterno tra due vettori.
- H il complemento ortogonale del sottospazio vettoriale H dello spazio vettoriale
euclideo (V, ).
103

Spazi Vettoriali Euclidei

104

- Il vettore nullo di un generico spazio vettoriale e` denotato con il simbolo o, a meno di


diversa indicazione.
[1] In V3 , e` dato il piano vettoriale V = L(a1 , a2 ), con:
a1 = i + j,

a2 = i j + k.

1. Determinare la dimensione e una base del complemento ortogonale V di V in V3 .


2. Scrivere tutti i vettori v di V3 tali che il volume del tetraedro generato da a1 , a2 , v
sia 2. Linsieme dei vettori v cos` individuato e` un sottospazio vettoriale di V3 ?
3. Dato il vettore a = i + j k, calcolare i vettori proiezione ortogonale di a su V e
su V .
[2] In R4 verificare che i due vettori:
a1 = (1, 2, 1, 3),

a2 = (2, 1, 3, 1)

sono ortogonali. Completare linsieme libero {a1 , a2 } fino ad ottenere una base ortogonale di R4 .
[3] Dato il sottospazio vettoriale di R2,2 :



1
3
2,2
W = X R | AX = XA, dove A =
,
0 1
determinare la dimensione e una base del suo complemento ortogonale.
[4] In R3 sono dati i vettori:
v1 = (3, 0, 4),

v2 = (1, 2, 0),

v3 = (2, 2, 4),

v4 = (4, 2, 4)

e sia W = L(v1 , v2 , v3 , v4 ).
1. Trovare la dimensione e una base ortonormale B 0 di W.
2. Completare B 0 fino ad ottenere una base ortonormale D di R3 .
3. Determinare la matrice del cambiamento di base dalla base canonica C di R3 alla
base D e viceversa.
[5] Dato il sottospazio vettoriale H = L((1, 1, 3, 1)) di R4 , trovare la dimensione e una
base ortonormale del sottospazio vettoriale H .

Capitolo 5

105

[6] Sia:

1 2
2 3
A=
1
0
2 5

4
1
9 1
R4,4 ,
6 5
7
5

indicati con R(A) e C(A) gli spazi vettoriali generati dalle righe e dalle colonne di A
rispettivamente, determinare:
1. la dimensione e una base di R(A) + C(A) e di R(A) C(A);
2. la dimensione e una base del complemento ortogonale di C(A) in R4 .
[7] Dati i sottospazi vettoriali di R4 :
U = {(x, y, z, t) R4 | 2x y + t = z t = 0},
V = {(x, y, z, t) R4 | x + y = y z = x + t = 0},
1. verificare che la somma U + V e` diretta.
2. Trovare la dimensione e una base ortonormale di U .
[8] Dato il sottospazio vettoriale di R3 :
W = {(x, y, z) R3 | x 2y + z = 2x y z = 0},
determinare una base ortonormale di W W a partire da una base ortonormale di W.
[9] 1. In R5 i sottospazi vettoriali:
W1 = {(x1 , x2 , x3 , x4 , x5 ) R5 | x1 + x2 = x3 = 0},
W2 = L((1, 2, 1, 2, 1), (0, 1, 1, 1, 1), (1, 0, 1, 0, 1), (2, 3, 1, 3, 1)),
sono supplementari?
2. Determinare le equazioni del complemento ortogonale di W1 , la dimensione e una
sua base ortonormale.

Spazi Vettoriali Euclidei

106

[10] Data la base B = (a, b, c) di R3 , con:


a = (1, 0, 1),

b = (0, 1, 1),

c = (2, 1, 2),

determinare una base ortonormale di R3 , a partire da B, utilizzando il procedimento di


ortonormalizzazione di GramSchmidt.
[11] In V3 e` dato il vettore v = i + j k. Determinare una base ortonormale del piano
vettoriale ortogonale a v.
[12] In R4 sono dati i vettori:
v1 = (1, 0, 1, 1),

v2 = (1, 1, 0, 0),

v3 = (0, 0, 1, 1).

1. Verificare che v1 , v2 , v3 formano una base B di W = L(v1 , v2 , v3 ).


2. Trovare una base ortonormale di W a partire dalla base B.
[13] Determinare una matrice ortogonale in modo tale che la sua prima riga sia:
!

2
2
,
.
0,
2
2
[14] Determinare la dimensione e una base ortonormale del complemento ortogonale F
del sottospazio vettoriale di R4 :
F = {(x, y, z, t) R4 | x y = z t = y + z = 0}.
[15] In R4 e` dato il sottospazio vettoriale U = L((0, 1, 0, 1), (1, 1, 1, 0)) e sia B una
sua base.
1. Trovare la dimensione e una base ortonormale B 0 di U .
2. Costruire una base ortonormale di R4 a partire dalla base B 0 B.
[16] In R4 si consideri il vettore a = (1, 2, 1, 2).
1. Scrivere lequazione del complemento ortogonale L(a) di L(a), rispetto alla base
canonica di R4 .
2. Determinare la dimensione e una base ortonormale di L(a) .

Capitolo 5

107

[17] Completare linsieme libero {u1 , u2 }, dove:


u1 = (1, 0, 1),

u2 = (1, 2, 0),

in modo da ottenere una base B = (u1 , u2 , u3 ) di R3 . Applicare, quindi, a B il metodo


di ortonormalizzazione di GramSchmidt per ottenere una base ortonormale di R3 .
[18] Determinare la dimensione e una base ortonormale del sottospazio vettoriale di R4 :
W = {(x1 , x2 , x3 , x4 ) R4 | x1 x2 + x3 x4 = 0}
e la dimensione e una base del suo complemento ortogonale W .
[19] Determinare la dimensione e una base ortonormale del sottospazio vettoriale di R4 :
H = L((1, 1, 0, 0), (0, 1, 1, 0), (0, 2, 3, 4))
e completare tale insieme libero ad una base ortonormale di R4 .
[20] 1. In R4 , rispetto alla base canonica, scrivere le equazioni del complemento ortogonale W del sottospazio vettoriale:
W = {(x1 , x2 , x3 , x4 ) R4 | x1 + x2 = x2 + x3 = 0}.
2. Determinare la dimensione e una base ortonormale di W .
[21] 1. In R4 , rispetto alla base canonica, scrivere lequazione del complemento ortogonale W del sottospazio vettoriale W = L((1, 2, 1, 0)).
2. Determinare la dimensione e una base ortonormale di W .
[22] Si consideri la matrice:

1
0
A=
1
1

2
1
1
3

1
2
0
2

2
1
.
0
4

1. Determinare la dimensione e una base di R(A), spazio vettoriale delle righe di A,


e la dimensione e una base di C(A), spazio vettoriale delle colonne di A.
2. Determinare la dimensione e una base di R(A) , complemento ortogonale di R(A).
Stabilire se R(A) e C(A) sono in somma diretta e se R(A) = C(A) .

Spazi Vettoriali Euclidei

108

[23] In R2,2 si considerino i sottospazi vettoriali:





x1 x2
2,2
W1 =
R | x1 x3 = 0 ,
x3 x4

W2 = L

1
2
1 1




0
1
1
0
,
,
.
2 1
3 1

1. Determinare la dimensione e una base di W1 + W2 e W1 W2 , rispettivamente.


2. Determinare la dimensione e una base ortonormale del complemento ortogonale del
sottospazio vettoriale W1 in R2,2 .
[24] In R4 sono dati i sottospazi vettoriali:
W1 = L((0, 1, 2, 0), (2, 0, 2, 1), (1, 1, 1, 0), (2, 1, 0, 1)),
W2 = {(x, y, z, t) R4 | x + 2y = 2y + z 2t = 0};
1. determinare la dimensione e una base di W1 + W2 , e di W1 W2 .
2. Rispetto alla base canonica di R4 , scrivere le equazioni del complemento ortogonale di W2 e determinarne la dimensione e una sua base ortonormale.
[25] In R3 determinare la dimensione e una base del complemento ortogonale di L(a),
con a = (1, 0, 2) e una base ortonormale di R3 contenente il versore di a.
[26] In R2,2 determinare la dimensione e una base ortonormale del complemento ortogonale del sottospazio vettoriale S(R2,2 ) delle matrici simmetriche.
[27] In R4 , dato il sottospazio vettoriale:
W = {(x1 , x2 , x3 , x4 ) R4 | x1 + x2 = x3 = x1 + x4 = 0},
1. scrivere lequazione che determina il suo complemento ortogonale W .
2. Determinare la dimensione e una base ortonormale di W .
[28] In R2,2 determinare la dimensione e una base ortonormale del complemento ortogonale del sottospazio vettoriale delle matrici aventi traccia nulla.

Capitolo 5

109

[29] In R2,2 , date le matrici:



A=

1 0
0 1


,


B=

0 1
1 0


,

si considerino i sottospazi vettoriali:






x1 x2
2,2
W1 = X =
R | AX = XB ,
x3 x4

W2 = L

1
1

2
0



1 1
2
,
,
3
3
4

5
3


.

1. Determinare la dimensione e una base di W1 + W2 e di W1 W2 .


2. Determinare la dimensione e una base di un sottospazio vettoriale supplementare di
W1 in R2,2 e che contenga A.
3. Determinare la dimensione e una base del complemento ortogonale di W2 in R2,2 .
[30] In R4 si consideri il sottospazio vettoriale:
W = {(x1 , x2 , x3 , x4 ) R4 | x1 + x2 2x3 = 2x2 3x3 = 0}.
1. Determinare la dimensione e una base ortonormale del complemento ortogonale del
sottospazio vettoriale W .
2. Determinare la dimensione e una base del sottospazio vettoriale P di R4 tale che
dim(W P) = 1 e P non sia contenuto interamente in W.

5.2

Soluzioni

[1] 1. dim(V ) = 1, V = L(i j 2k).


2. v = (12 + x2 + 2x3 )i + x2 j + x3 k, con x2 , x3 R; linsieme di tali vettori non
costituisce un sottospazio vettoriale di V3 perche non contiene il vettore nullo.
3. a =

1
1
(2i + 4j k) + (i j 2k),
3
3

quindi le proiezioni ortogonali di a su V e su V sono, rispettivamente:


1
1
(2i + 4j k), (i j 2k).
3
3

Spazi Vettoriali Euclidei

110

[2] Poiche a1 a2 = 0, a1 e a2 sono ortogonali. Per completare linsieme libero {a1 , a2 }


in modo da ottenere una base ortogonale di R4 si pu`o determinare una base ortogonale di
L(a1 , a2 ) . Quindi una base ortogonale richiesta e` , ad esempio:



a1 , a2 ,



1 1 1
1 1
1
, , , 0 , , , 0,
.
3 3 3
3 3
3

[3] W e` il sottospazio vettoriale di R2,2 , di dimensione 2, dato da:



W=L

2 3
0 0



1 0
,
,
0 1



3 2
0 3





4
8
5
6
3
, ,
, 0,
,
5
5
5 29
29
5 29

dim(W ) = 2, W = L

[4] 1. dim(W) = 2, B 0 =



0 0
,
.
1 0

e` una base ortonormale di W.



2. D =

3. A =




3
5
6
2
3
4
8
4
, ,
, 0,
,
, , ,
.
5
5
5 29
29
5 29
29
29
29

4
8
3

5
5 29
29

5
2

29
29

4
6
3


5
5 29
29

e` la matrice (ortogonale) del cambiamento di base da C a D;


A = A1 e` la matrice del cambiamento di base da D a C .

[5] dim(H ) = 3. Una base ortonormale di H e` :

Capitolo 5



111




1
1 1 1
1
1
1
1
2
, , 0, 0 , , , 0, , , , ,
.
2 2 2
2
2
2
6
6
6

[6] 1. La somma R(A) + C(A) = R4 e` diretta, quindi R(A) C(A) = {o}.


2. dim(C(A) ) = 2, C(A) = L((3, 2, 1, 0), (4, 1, 0, 1)).
[7] 1. Il sistema lineare omogeneo costituito dalle equazioni di U e dalle equazioni di V
ammette solo la soluzione nulla, pertanto la somma U + V e` diretta.
2. dim(U ) = 2. Una base ortonormale di U e` :
! r
!!
r
r
1
1
1
5
2
2
6
.
, , 0, ,
, ,
,
3
33
11
6
6
66
66
[8] Una base ortonormale del sottospazio vettoriale W W e` :
r !!



1
1
1
1
1
1
2
1
, , , , ,0 , , ,
,
3
3
3
3
2
2
6
6


1
1
1
, ,
con
base ortonormale di W .
3
3
3
[9] 1. I due sottospazi vettoriali dati sono supplementari in quanto linsieme formato da
una base di W1 e da una base di W2 e` una base di R5 .
2. W1 = {(x1 , x2 , x3 , x4 , x5 ) R5 | x1 x2 = x4 = x5 = 0},
dim(W1 )

= 2,

W1


=L



1
1
, , 0, 0, 0 , (0, 0, 1, 0, 0) .
2
2

[10] Una base ortonormale richiesta e` :


!
r


!
1
1
1
2 1
1
1
1
, 0, , ,
, , , ,
.
3
2
2
6
6
3
3
3
[11] Una base ortonormale richiesta e` :

Spazi Vettoriali Euclidei

112

1
1
1
1
i + j, i + j +
2
2
6
6

2
k .
3

[12] 1. I vettori v1 , v2 , v3 formano una base di W in quanto la matrice avente per righe
le componenti dei vettori dati ha rango 3.
2. Una base ortonormale richiesta e` :
! 
r


!
1
1
1
1
2
3
1
1
1
, 0, , , ,
, 0, 0, ,
, ,
.
5
3
3
3
15
15
15
2
2

[13] Per esempio 1


2
2

2
2

0
0 .

2
2
2
2

[14] dim(F ) = 3. Una base ortonormale di F e` :


!
r
!!


1
1
1
1
1
1
1
2
3
, , 0, 0 , , ,
,0 , , , ,
.
3
2
2
6
6
2 3
2 3 2 3 2
[15] 1. dim(U ) = 2. Una base ortonormale di U e` :



1
1
1
2
1
2
0
.
B =
, 0, , 0 , , , ,
2
2
10
10
10
10
2. Una base ortonormale richiesta e` :



1
1
1
2
1
2
, 0, , 0 , , , ,
,
2
2
10
10
10
10



1
1
2
1
2
1
0, , 0, , , , ,
.
2
2
10
10
10
10
[16] 1. L(a) = {(x1 , x2 , x3 , x4 ) R4 | x1 + 2x2 x3 + 2x4 = 0}.

Capitolo 5

2. dim(L(a) ) = 3. Una base ortonormale di L(a) e` :






1
1
1
1
1
1
2
1
3
, 0, , 0 , , , , 0 , , , ,
.
2
2
3
3
3
15
15
15
15
[17] u1 = (1, 0, 1), u2 = (1, 2, 0), u3 = (0, 0, 1);
una base ortonormale richiesta e` :
 
 


1
2
1
1
4
1
1 2
, 0, ,
, , ,
, ,
.
3
3 3
2
2
3 2 3 2 3 2
[18] dim(W) = 3. Una base ortonormale di W e` :


1
1
1
(1, 1, 0, 0), (1, 1, 2, 0), (1, 1, 1, 3) ;
2
6
12
dim(W ) = 1, W = L((1, 1, 1, 1)).
[19] dim(H) = 3. Una base ortonormale di H e` :


1
1
1
(1, 1, 0, 0), (1, 1, 2, 0),
(1, 1, 1, 12) ;
2
6
147
una base ortonormale di R4 richiesta e` :


1
1
1
1
(1, 1, 0, 0), (1, 1, 2, 0),
(1, 1, 1, 12), (4, 4, 4, 1) .
7
2
6
147
[20] 1. W = L((1, 1, 1, 0), (0, 0, 0, 1));
W = {(x1 , x2 , x3 , x4 ) R4 | x1 + x2 + x3 = x4 = 0}.
2. dim(W ) = 2, una base ortonormale di W e` :



1
1
1
2
1
, 0, , 0 , , , , 0 .
2
2
6
6
6
[21] 1. W = {(x1 , x2 , x3 , x4 ) R4 | x1 + 2x2 + x3 = 0}.
2. dim(W ) = 3. Una base ortonormale di W e` :

113

Spazi Vettoriali Euclidei

114


(0, 0, 0, 1),



1
1
1
1
1
, 0, , 0 , , , , 0 .
2
2
3
3
3

[22] 1. dim(R(A)) = 3, R(A) = L((1, 2, 1, 2), (0, 1, 2, 1), (0, 0, 1, 1));


dim(C(A)) = 3, C(A) = L((1, 0, 1, 1), (0, 1, 1, 1), (0, 0, 1, 1)).
2. dim(R(A) ) = 1, R(A) = N (A) = L((3, 3, 1, 1)). R(A) e` in somma diretta
con C(A), ma C(A) = L((2, 0, 1, 1)) non coincide con R(A) .
[23] 1. dim(W1 + W2 ) = 4, W1 + W2 = R2,2 ;


1
2
dim(W1 W2 ) = 1, W1 W2 = L
.
1 1
2. dim(W1 ) = 1. Una base ortonormale di W1 e` :
1

[24] 1. dim(W1 ) = 3, W1 = L((0, 1, 2, 0), (2, 1, 0, 1), (1, 0, 1, 0));


dim(W2 ) = 2, W2 = L((2, 1, 2, 0), (0, 0, 2, 1));
dim(W1 + W2 ) = 4, W1 + W2 = R4 ;
dim(W1 W2 ) = 1, W1 W2 = L((2, 1, 0, 1)).
2. W2 = {(x, y, z, t) R4 | 2x y + 2z = 2z + t = 0},
dim(W2 ) = 2, una base ortonormale di W2 e` :



2 1
2
3
10
4
8
0, , , , , , ,
.
3 3
3
29 3 29
3 29 3 29
[25] dim(L(a) ) = 2, L(a) = L((2, 0, 1), (0, 1, 0)).
Una base ortonormale di R3 contenente il versore di a e` :

Capitolo 5



115




1
2
2
1
, 0, , (0, 1, 0), , 0,
.
5
5
5
5

[26] dim(S(R2,2 ) ) = 1. Una base ortonormale di S(R2,2 ) e` :

0
1

[27] 1. W = {(x1 , x2 , x3 , x4 ) R4 | x1 x2 x4 = 0}.


2. dim(W ) = 3. Una base ortonormale di W e` :




1
1
1
1
2
, , 0, 0 , (0, 0, 1, 0), , , 0,
.
2
2
6
6
6
[28] Il complemento ortogonale del sottospazio vettoriale delle matrici quadrate di ordine
2 aventi traccia nulla ha dimensione 1 e una sua base ortonormale e` :
1

.
1

[29] 1. dim(W1 + W2 ) = 4, W1 + W2 = R2,2 ;




1 1
dim(W1 W2 ) = 1, W1 W2 = L
.
3
3
2. La dimensione di un sottospazio vettoriale supplementare di W1 in R2,2 che contenga A e` uguale a 2. Una base richiesta e` :
 

0 0
A,
.
0 1


6 3

3. dim(W2 ) = 1, W2 = L
.
0
1

116

Spazi Vettoriali Euclidei

[30] 1. dim(W) = 2, W = L((1, 3, 2, 0), (0, 0, 0, 1));


dim(W ) = 2, W = L((2, 0, 1, 0), (3, 1, 0, 0)).
Una base ortonormale di W e` :
!!
r
r


2
5
2
1
3
, 0, , 0 , ,
, 3
,0 .
14
35
5
5
70
2. dim(P) = 2, per esempio P = L((0, 0, 0, 1), (0, 1, 0, 0)) perche i vettori:
(1, 3, 2, 0), (0, 1, 0, 0), (0, 0, 0, 1) sono linearmente indipendenti e (1, 3, 2, 0) W.

Capitolo 6
Applicazioni Lineari
6.1

Esercizi

In tutti gli esercizi di questo capitolo si sono adottate le notazioni usuali, in particolare si
e` indicato con:
- Rn lo spazio vettoriale euclideo, di dimensione n, delle n-uple di numeri reali, dotato
del prodotto scalare standard, che rende ortonormale la base canonica:
(e1 = (1, 0, . . . , 0), e2 = (0, 1, 0, . . . , 0), . . . , en = (0, 0, . . . , 1)).
- Rm,n lo spazio vettoriale euclideo, di dimensione mn, delle matrici con m righe e n
colonne, ad elementi reali, dotato del prodotto scalare standard X Y = tr(tX Y ), con
X, Y Rm,n , che rende ortonormale la base canonica:

..
E11 = .
0

0
.. , E =
. 12
0 ... 0
0 ...
..
.

0
.. , . . . , E =

mn
.
0 0 ... 0
0
..
.

1 ...
..
.

0
.. .
.
0 0 ... 1
0
..
.

0 ...
..
.

Con tr( tX Y ) si intende la traccia del prodotto della trasposta della matrice X con la
matrice Y.
- Rn,n lo spazio vettoriale euclideo delle matrici quadrate di ordine n, ad elementi reali,
riferito alla base canonica (il caso particolare della precedente).
- S(Rn,n ) lo spazio vettoriale delle matrici simmetriche di ordine n ad elementi reali, di
dimensione n(n + 1)/2 riferito alla base:
117

Applicazioni Lineari

118

1
0
..
.
..
.

0 ... ...
0 ... ...
.. . .
.
.
..
..
.
.
0 0 ... ...

0
0
..
.
..
.

0 ... ...
1 ... ...
.. . .
.
.
..
..
.
.
0 0 ... ...

0
0
..
.
..
.

0
0
..
.
..
.

0
0
..
.
..
.

1 ... ...
0 ... ...
.. . .
.
.
..
..
.
.
0 0 ... ...

0
..
.
..
.

0
1
..
.
..
.

0 ... ...
.. . .
.
.
..
..
.
.

,
.
.
.
,

0
0
..
.
..
.

, . . . ,

0 ... ... 0 1
0
0 ... ... 1 0

0
0
..
.
..
.

0 ... ...
0 ... ...
.. . .
.
.
..
..
.
.
1 0 ... ...

0 ... ...
.. . .
.
.
..
..
.
.

0
..
.
..
.

1
0
..
.
..
.

0
0
..
.
..
.

0 ... ... 0 0
0 ... ... 0 1

- A(Rn,n ) lo spazio vettoriale delle matrici antisimmetriche di ordine n ad elementi reali,


di dimensione n(n 1)/2, riferito alla base:

0
1

..
.
.
..

1 ... ...
0 ... ...
.. . .
.
.
..
..
.
.
0 0 ... ...

0
0
..
.
..
.
0

0
0

1
,
..
.

0
0
0
..
.

1
0
0
..
.

...
...
...
..
.

0
0
0
..
.

0 0 0 ... 0

, . . . ,

0 0 ... 0
0 0 ... 0
.. .. . .
..
.
. .
.
0 0 ... 0
0 0 . . . 1

0
0
..
.

1
0

- Rn [x] lo spazio vettoriale reale, di dimensione n + 1, dei polinomi di grado minore o


uguale a n, nella variabile x, a coefficienti reali, riferito alla base (1, x, x2 , . . . , xn ).
- V3 lo spazio vettoriale euclideo, di dimensione 3, dei vettori ordinari, riferito ad una
base ortonormale positiva B = (i, j, k). In questambito indica il prodotto scalare
tra due vettori e il prodotto vettoriale o esterno tra due vettori.
- Se f : V W e` unapplicazione lineare tra due spazi vettoriali V e W, allora f (H)
indica limmagine del sottospazio vettoriale H di V, f 1 (K) indica la controimmagine
del sottospazio vettoriale K di W e f 1 (w) indica linsieme delle controimmagini del
vettore w W. M B,C (f ) indica la matrice associata ad f rispetto alla base B di V e alla
base C di W.
- Il vettore nullo di un generico spazio vettoriale e` indicato con il simbolo o.

Capitolo 6

119

[1] In R3 e` dato lendomorfismo f definito da:

f (e1 ) = 2e1 e2
f (e2 ) = e1 + e3

f (e3 ) = e1 + e2 e3 .
Trovare una base di ker f. Lendomorfismo f e` iniettivo?
[2] Data lapplicazione lineare f : R4 R3 , la cui matrice, rispetto alle basi canoniche
di R4 e di R3 , e` :

1 0 1 1
A = 2 1 1 3 ,
1 1 0 2
trovare una base di ker f e una base di im f .
[3] Sia f lendomorfismo di R4 , la cui matrice, rispetto alla base canonica, e` :

2 1
0 1
0 1
0
1
.
A=
1 0 1
0
2 1
0
0
Calcolare dim(ker f ) e dim(im f ).
[4] In V3 si consideri un vettore u non nullo. Determinare il nucleo e limmagine delle
applicazioni lineari:
f1 : V3 R, f1 (x) = u x,
f2 : V3 V3 ,

f2 (x) = u x.

[5] In R3 si consideri lendomorfismo f dato da:

f (e1 ) f (e2 ) f (e3 ) = o


2f (e1 ) f (e2 ) = 3e1 + 2e2 e3

f (e1 ) + f (e2 ) = 3e1 e2 + 2e3 .


1. Lendomorfismo f e` iniettivo? f e` suriettivo?
2. Determinare una base di ker f e una base di im f .

Applicazioni Lineari

120

3. Determinare t R tale che u = (1 + t, 2t, 1) appartenga a im f .


4. Per il valore di t ottenuto nel punto precedente, calcolare le componenti del vettore
u rispetto ad una base di im f .
5. Trovare un vettore x non appartenente a im f .
6. ker f e im f sono in somma diretta?
7. Determinare le controimmagini del vettore y = (3, 4, 1).
[6] E` dato lendomorfismo f di R3 la cui matrice, rispetto alla base canonica di R3 , e` :

4
2
2
A = 4 1+a2 1+a , a R.
8
4
3+a2
1. Per quali valori di a lendomorfismo f e` iniettivo?
2. Per i restanti valori di a determinare la dimensione e una base di ker f.
3. Posto a = 1, trovare le controimmagini del vettore (1, 2, 0).
Posto a = 1:
4. dire se esiste una base di R3 che contenga una base di ker f .
5. ker f e im f sono in somma diretta?
6. Per quali valori di h, k, l R il vettore (h, k, l) ammette controimmagini?
7. Esiste un endomorfismo g di R3 tale che ker g = im f e im g = ker f ?
[7] Data la matrice:

2
A=
1

x
2
y 3 ,
z
t

x, y, z, t R,

associata ad un endomorfismo f di R3 , rispetto alla base canonica (e1 , e2 , e3 ) di R3 , e`


possibile determinare x, y, z, t in modo tale che:
f (e1 + e2 + e3 ) = 2(e1 + e2 ),

ker f 6= {o}?

[8] In R4 sono dati i vettori u1 = (1, 2, 0, 4), u2 = (1, 1, 1, 0), u3 = (0, 0, 1, 2).

Capitolo 6

121

1. Verificare che u1 , u2 , u3 sono linearmente indipendenti e trovare una base di R4


che li contiene.
2. Rispetto alle basi canoniche di R3 e di R4 , scrivere la matrice associata ad unapplicazione lineare f non nulla di R4 in R3 tale che:

f (u1 ) = o
f (u2 ) = o

f (u3 ) = o.
[9] Rispetto alla base canonica B di R3 , sono assegnati lendomorfismo f di R3 individuato dalla matrice:

1 0 2
A= 0 1 1
2 1 5
ed i vettori u = (1, 2, k), v = (1, 0, 2), w = (0, 1, 0), con k R.
1. Provare che per nessun valore di k R il vettore u appartiene a ker f .
2. Determinare per quali valori di k i vettori u, v, w formano una base C di R3 .
3. Per k = 1 determinare le componenti dei vettori della base B rispetto alla base C .
4. Per k = 0 e considerati i sottospazi vettoriali:
U = L(u, v, w),

V = L(f (e1 ), f (e2 ), e3 ),

trovare un isomorfismo g : U V.
5. Scrivere la matrice associata a g rispetto alla base B.
[10] Sia f lendomorfismo di R3 definito da:
f ((x, y, z)) = (2x + 2y, x + z, x + 3y 2z).
1. Stabilire se f e` suriettivo. In caso negativo, determinare un vettore privo di controimmagine.
2. Stabilire se f e` iniettivo. In caso negativo, determinare due vettori che abbiano la
stessa immagine.
3. Sia H = L(a, b) con a = (1, 0, 1), b = (0, 1, 1). Stabilire se w = (4, 3, 2)
appartiene a f (H).

Applicazioni Lineari

122

[11] Sia f : R4 R3 lapplicazione lineare la cui matrice, rispetto alle basi canoniche
di R4 e di R3 , e` :

3
1 2
0

A = t t
, t R.
0
0

1 1

1. Calcolare la dimensione e una base sia di ker f sia di im f al variare di t in campo


reale.
2. Determinare una base di R4 contenente una base di ker f per ogni valore di t.
3. Determinare le controimmagini del vettore (1, 0, 1) per ogni valore di t.
4. Posto t = 0, esiste k R tale che il vettore (3 + k, k, 1, 2k) ker f ?
[12] Sia f lapplicazione lineare da R3 in R2,2 cos` definita:


3y z 2z
f ((x, y, z)) =
.
xy
y
1. Trovare una base di im f .
2. Dire se f e` iniettiva.
3. Trovare i vettori v di R3 tali che f (v) = 3f ((1, 2, 1)).
4. Dire se la matrice:


A=

1 2
3 4

ammette controimmagini.
[13] Sia f : R3 R2,2 lapplicazione lineare cos` definita:


a
a+b
f ((a, b, c)) =
.
a+b+c
0
1. Scrivere la matrice associata ad f rispetto alle basi canoniche di R3 e di R2,2 .
2. Determinare la dimensione e una base di im f .

Capitolo 6

123

[14] Si consideri lapplicazione lineare f : R5 R3 cos` definita:


f ((x1 , x2 , x3 , x4 , x5 )) = (x1 + x3 , 2x1 + x2 x4 + x5 , 3x2 x3 + x4 + 2x5 ).
1. Trovare una base di ker f e dire se f e` suriettiva.
2. Dato V = L(u, v, w), dove:
u = (1, 1, 0, 0, 0),

v = (0, 1, 0, 1, 1),

w = (0, 0, 3, 0, 0),

determinare la dimensione dellimmagine f (V) di V.


3. Verificare che, per ogni a R5 e per ogni s, t R, il vettore:
b = a + s(1, 3, 1, 0, 5) + t(0, 3, 0, 1, 4)
e` controimmagine di f (a).
[15] 1. Stabilire se la funzione che ad ogni matrice di R3,3 associa il suo determinante e`
unapplicazione lineare da R3,3 in R.
2. Stabilire se la funzione da R3,3 in R che ad ogni matrice di R3,3 associa la sua traccia e` unapplicazione lineare. In caso positivo, stabilire se e` suriettiva e determinare
la dimensione e una base del suo nucleo.
[16] Si considerino gli spazi vettoriali R2 , R3 , R4 riferiti alle rispettive basi canoniche
B, B 0 , B 00 . Date le applicazioni lineari:


1 1 2
3
2
B0 ,B
f : R R , A = M
(f ) =
,
1 2 3
4

g : R R ,

B=M

B00 ,B


(g) =

3 4
5 9

3
0
4 1


,

determinare, se esiste, unapplicazione lineare h : R4 R3 tale che f h = g .


[17] Determinare, se esiste, unopportuna applicazione lineare g tale che:
g f = h,

Applicazioni Lineari

124

dove f : R4 R3 e` cos` definita:


0
x1 = x1 + x2 + x3 + x4
x0 = x2 x3 + 3x4
20
x3 = 2x1 + 2x2 x3 x4
e h : R4 R2 e` definita da:


y1 = x1 + 2x2 3x3
y2 = x1 + x2 + x3 2x4 .

[18] 1. Determinare unapplicazione lineare f : R3 R4 tale che:


im f = L((1, 2, 0, 4), (2, 0, 1, 3)).
2. Determinare unapplicazione lineare f : R3 R4 tale che:
ker f = L((1, 0, 1)).
3. Determinare tutte le applicazioni lineari f : R4 R3 iniettive.
[19] Determinare tutte le applicazioni lineari f : R3 R3 che verificano contemporaneamente le seguenti condizioni:
a. ker f = L((1, 1, 0), (0, 1, 1)),
b. im f = L((0, 0, 1)).
[20] In uno spazio vettoriale V di dimensione 2, rispetto ad una base B = (v1 , v2 ), si
considerino gli endomorfismi f e g individuati dalle matrici:




1 2
3 1
B,B
B,B
A = M (f ) =
, B = M (g) =
.
1 0
1 1
1. Determinare le componenti del vettore (f g)(v1 + v2 ).
2. Scrivere le componenti dei vettori x di V tali che:
f (x) = g(x)
e dei vettori y di V tali che:
(f g)(y) = (g f )(y).

Capitolo 6

125

[21] Dato lendomorfismo f : R3 R3 cos` definito:


f ((x, y, z)) = (x + y, 2y z, 2x 4y + 3z),
determinare unapplicazione lineare g : R3 R3 tale che:
im f = im g,

ker f ker g = {o}.

[22] Si consideri lapplicazione lineare f : R4 S(R2,2 ) tale che:






1 2
1 1
f (e1 ) =
,
f (e2 ) =
,
2 3
1 0

f (e3 ) =

1 0
0 1


,


f (e4 ) =

1 1
1 k


,

k R.

Trovare, per ogni valore di k , una base sia di ker f sia di im f.


[23] 1. Verificare che esiste ununica applicazione lineare f : R4 S(R2,2 ) tale che:




2 1
0 2
f ((1, 0, 1, 0)) =
, f ((0, 1, 0, 1)) =
,
1 3
2 2




1 1
1 3
f ((0, 0, 0, 1)) =
, f ((1, 0, 0, 1)) =
.
1 2
3 2
2. Trovare una base sia di ker f sia di im f.
3. Determinare una base del sottospazio vettoriale f 1 (W), dove:



y1 y2
2,2
W=
S(R ) | y1 + 2y3 = y2 + y3 = 0 .
y2 y3
[24] Sia f : R5 R3 unapplicazione lineare la cui matrice associata, rispetto alle basi
canoniche di R5 e di R3 , e` :

1
0 1
2
3
0
1
2 .
A = 2 1
3
1
1 3 5
1. Determinare una base sia di ker f sia di im f.

Applicazioni Lineari

126

2. Stabilire per quali valori di h R il vettore (2, h, h2 ) appartiene a im f .


3. Rappresentare mediante equazioni il sottospazio vettoriale f (W), dove:
W = {(x1 , x2 , x3 , x4 , x5 ) R5 | x1 x3 = 2x1 x2 + x4 x5 = 0}.
[25] Considerata lapplicazione lineare:
f : R3 R4
tale che:
f ((x1 , x2 , x3 )) = (x1 + x2 , 2x1 + x2 + x3 , x1 + x3 , x2 x3 ),
determinare la dimensione e una base di f 1 (K), dove K e` il sottospazio vettoriale di R4
dato da:
K = {(y1 , y2 , y3 , y4 ) R4 | y1 + y2 = 0}.
[26] Sia f : R3 R4 lapplicazione lineare di equazioni:

y 1 = x1 + x2 + x3

y 2 = x2 + x3
y3 = 2x1 + x2 + x3

y4 = x1 + 2x2 + 2x3 .
1. Determinare la dimensione e una base sia di ker f sia di im f .
2. Determinare la dimensione e una base di f (H), dove:
H = {(x1 , x2 , x3 ) R3 | x1 + 2x2 = 0}.
3. Determinare la dimensione e una base di f 1 (K), dove:
K = {(y1 , y2 , y3 , y4 ) R4 | y1 + 2y2 = 0}.
[27] In R2 , R3 , R4 , riferiti alle rispettive basi canoniche, si considerino le applicazioni
lineari:
f : R4 R2 , g : R2 R3 ,
associate, rispettivamente, alle matrici:

A = M (f ) =

1
2
0 1


0
3
,
2 1

1 2
1 .
B = M (g) = 2
1
0

Capitolo 6

127

1. Determinare la dimensione e una base sia di ker(g f ) sia di im(g f ).


2. Sia H liperpiano vettoriale di R4 di equazione x2 = 0, determinare la dimensione
e una base del sottospazio vettoriale G = H ker(g f ).
3. Calcolare la dimensione e una base di (g f )(H) e di (g f )1 (K), dove K e`
liperpiano vettoriale:
K = {(y1 , y2 , y3 ) R3 | y3 = 0}.
[28] In R3 sono dati i vettori:
v1 = (3, 1, 0),

v2 = (1 + a, 0, 1),

v3 = (0, 1, 1 + a),

a R.

1. Verificare che, al variare di a, linsieme {v1 , v2 , v3 } e` una base di R3 .


2. Sia f : R3 R4 lapplicazione lineare cos` definita:

f (v1 ) = (1, 0, 0, 0)
f (v2 ) = (0, 1 + a, 0, 1)

f (v3 ) = (1, 2 + a, 0, 0),


scrivere la matrice associata ad f, rispetto alle basi canoniche di R3 e di R4 .
3. Determinare, al variare di a R, la dimensione e una base di im f .
[29] Data lapplicazione lineare f : R4 R3 tale che:
f ((x1 , x2 , x3 , x4 )) = (5x1 + 4x2 + x3 + x4 , x1 x2 + 2x3 , 3x1 + 2x2 + 5x3 + x4 ),
1. trovare una base sia di ker f sia di im f.
2. Trovare una base dei sottospazi vettoriali W e W ker f , dove:
W = L((1, 1, 1, 2), (7, 3, 2, 1), (2, 4, 3, 7)).
[30] Sia f : R2 R3 lapplicazione lineare cos` definita:

f (e1 ) = e01 + e02 e03
f (e2 ) = 2e01 e03 ,
dove B = (e1 , e2 ) e` la base canonica di R2 e B 0 = (e01 , e02 , e03 ) e` la base canonica di R3 .

Applicazioni Lineari

128

1. f e` iniettiva?
2. Calcolare la dimensione e una base di f (H), dove:
H = {(x1 , x2 ) R2 | x1 + x2 = 0}.
3. Calcolare la dimensione e una base di f 1 (K), dove:
K = {(y1 , y2 , y3 ) R3 | y1 + y2 = 0}.
[31] Si consideri lapplicazione lineare f : R4 S(R2,2 ) cos` definita:

f ((0, 0, 1, 1)) =

f ((1, 0, 0, 1)) =

0
1

1
2
2 1

1
2




2
0
, f ((0, 1, 1, 0)) =
,
0 2


,


f ((2, 1, 0, 0)) =

1
1

1
1


.

1. Scrivere la matrice associata ad f rispetto a basi da indicarsi esplicitamente.


2. f e` suriettiva? Calcolare la dimensione e una base di ker f .
3. Determinare esplicitamente i vettori dellinsieme:


1 2
1
H=f
.
2 1
Dire se H e` un sottospazio vettoriale di R4 .
[32] Si consideri lapplicazione lineare f : R4 R3 definita da:

f (e1 ) = f1 f2 + 2f3

f (e2 ) = f1 + f3
f (e3 ) = f1 2f2

f (e4 ) = f2 f3 ,
con (e1 , e2 , e3 , e4 ) base canonica di R4 e con (f1 , f2 , f3 ) base canonica di R3 .
1. Determinare la dimensione e una base sia di ker f sia di im f .
2. Determinare una base di f (H), con:
H = L((1, 1, 0, 0), (1, 3, 0, 2), (1, 5, 0, 2)).

Capitolo 6

129

3. Determinare una base di f 1 (K), con:


K = {(y1 , y2 , y3 ) R3 | y1 + y2 = 2y2 + y3 = 0}.
[33] Si consideri lapplicazione lineare f : R4 R3 definita da:
f ((x1 , x2 , x3 , x4 )) = (x1 x2 , x2 + x3 + x4 , x1 x2 x4 ).
1. Determinare la dimensione e una base sia di ker f sia di im f .
2. Determinare una base di f (H), con:
H = {(x1 , x2 , x3 , x4 ) R4 | x1 x2 = 0}.
3. Determinare una base di f 1 (K), con:
K = {(y1 , y2 , y3 ) R3 | y1 y2 y3 = 0}.
[34] In R4 sono dati i vettori u1 = (1, 1, 0, 1), u2 = (0, 1, 1, 2).
1. Scrivere la matrice associata allapplicazione lineare f : R2 R4 , rispetto alle
basi canoniche (e1 , e2 ) di R2 e (e01 , e02 , e03 , e04 ) di R4 , tale che:

f (e1 ) = u1
f (e2 ) = u2 .
2. Determinare una base di ker f e una base di im f. f e` iniettiva? f e` suriettiva?
3. Determinare la dimensione e una base di im f f (H), con H = L(a), dove
a = (1, 1).
[35] Sia f : R4 R3 lapplicazione lineare cos` definita:
f ((x1 , x2 , x3 , x4 )) = (2x1 , x1 x2 , x1 + x2 + x3 ).
1. Scrivere la matrice associata ad f rispetto alle basi canoniche di R4 e di R3 .
2. Determinare la dimensione e una base sia di ker f sia di im f .

Applicazioni Lineari

130

3. Determinare le equazioni dei sottospazi vettoriali f (W), con:


W = {(x1 , x2 , x3 , x4 ) R4 | x1 + x2 + 2x3 = 0}
e f 1 (W 0 ), con:
W 0 = {(y1 , y2 , y3 ) R3 | y2 + 2y3 = 0}.
[36] Sia f : R4 R2 lapplicazione lineare di equazioni:

y 1 = x1 x 2 + x3
y2 = x1 + 2x2 + x3 x4 .
1. Dimostrare che f e` suriettiva.
2. Calcolare una base di ker f .
3. Calcolare la dimensione e una base dellimmagine del sottospazio vettoriale H di
R4 definito da:
H = {(x1 , x2 , x3 , x4 ) R4 | x1 + x4 = x3 = 0}.
4. Calcolare f 1 (u), dove u = (1, 1). Si ottiene un sottospazio vettoriale di R4 ?
[37] Si consideri lapplicazione lineare f : R3 R2,2 cos` definita:


x1
x2 + x3
.
f ((x1 , x2 , x3 )) =
x1 + x2 x2 x3
1. Scrivere la matrice associata ad f rispetto a basi da indicarsi esplicitamente.
2. Calcolare la dimensione e una base di ker f e di im f . Dire se f e` iniettiva e/o
suriettiva.
3. Determinare la dimensione e una base dellimmagine f (H) del sottospazio vettoriale:


H = (x1 , x2 , x3 ) R3 | x1 x2 + x3 = 0 .
4. Determinare la dimensione e una base della controimmagine f 1 (K) del sottospazio vettoriale:


0 2
K=L
.
1 0

Capitolo 6

131

5. Determinare, se esiste, una base B 0 di R3 tale che la matrice associata ad f rispetto


a B 0 e alla base standard di R2,2 sia:

1 0 0
0 1 0

A0 =
0 0 1 .
0 0 0

[38] Si consideri lapplicazione lineare f : R2,2 R3 cos` definita:



f

x1 x2
x3 x4


= (x2 + x4 , x1 + x3 , x1 + x2 + x4 ).

1. Scrivere la matrice associata ad f rispetto a basi da indicarsi esplicitamente.


2. Calcolare la dimensione e una base sia di ker f sia di im f . Dire se f e` iniettiva e/o
suriettiva.
3. Determinare la dimensione e una base dellimmagine f (H) del sottospazio vettoriale:



x1 x2
2,2
R | x1 x3 = x3 + 2x4 = 0 .
H=
x3 x4
4. Determinare la dimensione e una base della controimmagine f 1 (K) del sottospazio vettoriale K = L((0, 2, 1)).
5. Determinare, se esiste, una base B 0 di R3
alla base standard di R2,2 e a B 0 sia:

0
0

1
A =
0

tale che la matrice associata ad f rispetto

1 0 0
0 0 0 .
0 1 0

[39] Si consideri lapplicazione lineare f : R4 R2,2 cos` definita:



f ((x1 , x2 , x3 , x4 )) =

x2 + x3 x1 + x4
x1 x4 x2 + x3

1. Calcolare una base di ker f e una base di im f .


.

132

Applicazioni Lineari

2. Determinare la dimensione e una base dellimmagine del sottospazio vettoriale:


H = {(x1 , x2 , x3 , x4 ) R4 | x1 x2 x3 = 0}
e determinare la dimensione e una base della controimmagine del sottospazio vettoriale:
K = {X R2,2 | tX = X}.
3. Determinare la dimensione e una base del sottospazio vettoriale ker f W , con:
W = L((1, 2, 2, 1), (1, 1, 0, 0), (1, 3, 4, 2)).
La somma ker f + W e` diretta?
[40] Si consideri lapplicazione lineare f : R3 R2 definita da:
f ((x, y, z)) = (x + y + z, 2x + z).
1. Determinare una base di ker f e una base di im f .
2. Calcolare f 1 ((1, 1)) e determinare la dimensione e una base di f (H), dove H e`
definito da:
H = {(x1 , x2 , x3 ) R3 | x1 + 2x2 = 0}.
3. Determinare la matrice associata ad f rispetto alla base canonica B di R3 e alla
base C 0 = ((1, 2), (1, 1)) di R2 .
[41] Data lapplicazione lineare f : R3 R2 tale che:

f ((1, 0, 0)) = (2, 1)


f ((0, 1, 0)) = (1, 1)

f ((0, 0, 1)) = (1, 0),


1. scrivere la matrice associata a f rispetto alle basi canoniche di R3 e R2 .
2. Determinare la dimensione e una base sia di ker f sia di im f .
3. Determinare una base della controimmagine mediante f del sottospazio vettoriale:
K = {(y1 , y2 ) R2 | y1 y2 = 0}.

Capitolo 6

133

[42] Si consideri lapplicazione lineare f : R3 R4 definita da:

f (e1 ) = f1 + 2f2 f3
f (e2 ) = f2 + f3 f4

f (e3 ) = f1 + f3 2f4 ,
dove (e1 , e2 , e3 ) indica la base canonica di R3 e (f1 , f2 , f3 , f4 ) e` la base canonica di R4 .
1. Determinare la dimensione e una base sia di ker f sia di im f .
2. Determinare una base del sottospazio vettoriale immagine f (H), con:
H = L((1, 1, 0), (0, 1, 2), (1, 3, 4)).
3. Determinare una base del sottospazio vettoriale controimmagine f 1 (K), con:
K = {(y1 , y2 , y3 , y4 ) R4 | y1 2y2 + y3 = y2 y4 = 0}.
[43] Sia A(R3,3 ) lo spazio vettoriale delle matrici antisimmetriche di ordine 3. Si consideri lapplicazione lineare f : A(R3,3 ) R3 definita da:

0
x1 x2
f x1 0 x3 = (2x2 + ax3 , 2x1 + x2 + x3 , ax1 + x2 + x3 ), a R.
x2 x3 0
1. Determinare, al variare di a R, una base di ker f e una base di im f .
2. Determinare, al variare di a R, la dimensione e una base dellimmagine del
sottospazio vettoriale:

0
x1 x2

H = x1 0 x3 A(R3,3 ) | x1 + 2x2 x3 = 0

x2 x3 0
e determinare la dimensione e una base della controimmagine del sottospazio vettoriale K = L((1, 1, 1)) di R3 .
[44] Sia f : R1 [x] R2 [x] tale che:
f (a + bx) = a + (a + b)x + (a 2b)x2 ,
1. f e` unapplicazione lineare?

a, b R,

Applicazioni Lineari

134

2. In caso affermativo, scrivere la matrice A associata ad f rispetto alla base (1, x) di


R1 [x] e alla base (1, x, x2 ) di R2 [x].
3. Determinare, se esiste, unapplicazione lineare g : R2 [x] R1 [x] tale che
f g = 3 id, dove id : R2 [x] R2 [x] e` lidentit`a.
[45] Sia f : R2 [x] R1 [x] tale che:
f (a + bx + cx2 ) = a + b + c + (2a 3b)x,

a, b, c R,

1. f e` unapplicazione lineare?
2. In caso affermativo, scrivere la matrice A associata ad f rispetto alle basi canoniche
di R2 [x] e R1 [x].
3. Determinare, se esiste, unapplicazione lineare g : R1 [x] R2 [x] tale che
f g = 4 id, dove id : R1 [x] R1 [x] e` lidentit`a.
[46] Determinare una base del nucleo e una base dellimmagine dellapplicazione lineare:
f : R3 [x] R2,2
tale che:
2

f (3 + x + x ) =

4
3

f (2 2x2 + x3 ) =

12
2



,

5 15
5
0

2
6
2 1

8
0

f (x + x + x ) =

,

f (4 2x + x2 ) =

24
3


,

.

[47] Data lapplicazione lineare f : R2 [x] R3 [x] tale che:


f (a0 + a1 x + a2 x2 )
= a0 + 3a2 + (3a1 6a2 )x + (a0 3a2 )x2 + (2a0 + a1 + ha2 )x3 ,

h R,

1. determinare, per ogni h R, una base sia di ker f sia di im f.


2. Scelto h in modo tale che dim(ker f ) = 1, trovare una base dei sottospazi vettoriali
f (W1 ) e f 1 (W2 ), dove:
W1 = {a0 + a1 x + a2 x2 R2 [x] | 3a0 + 4a1 + a2 = 0},
W2 = {q(x) R3 [x] | q(x) ha una radice uguale a 0}.

Capitolo 6

135

[48] Si consideri lapplicazione lineare:


f : R2 [x] R3 [x]
cos` definita:
f (a0 + a1 x + a2 x2 ) = (a1 + a2 ) + (a0 + a2 )x + (a0 + a1 )x2 + (a0 + a1 + a2 )x3 .
1. Determinare una base di ker f e una base di im f .
2. Individuare la dimensione e una base di f (H), dove H e` il sottospazio vettoriale di
R2 [x] dei polinomi aventi una radice uguale a 2.
3. Individuare la dimensione e una base di f 1 (K), dove K e` il sottospazio vettoriale
di R3 [x] dei polinomi aventi una radice uguale a 3.
[49] Si consideri lapplicazione lineare f : R4 R3 , definita da:
f ((x1 , x2 , x3 , x4 )) = (x1 x3 + 2hx4 , x1 + hx2 x3 , 2x1 + x2 + hx4 ),

h R.

1. Determinare la matrice associata a f rispetto alle basi canoniche B = (e1 , e2 , e3 , e4 )


di R4 e C = (f1 , f2 , f3 ) di R3 .
2. Determinare, al variare di h R, una base sia di ker f sia di im f .
3. Determinare, al variare di h R, una base della controimmagine delliperpiano
vettoriale:
K = {(y1 , y2 , y3 ) R3 | y1 y2 = 0}.
4. Determinare, al variare di h R, una base dellimmagine del sottospazio vettoriale
H = L(v1 , v2 , v3 ), dove:
v1 = e1 2e3 ,

v2 = e 2 ,

v 3 = e4 .

5. Posto h = 0, determinare la matrice associata allapplicazione lineare g : H R3


che si ottiene come restrizione di f a H rispetto alle basi D = (v1 , v2 , v3 ) di H e
C di R3 .

Applicazioni Lineari

136

6.2

Per saperne di piu` Esercizi

[1] In R3 si considerino le basi:


B1 = ((0, 1, 1), (1, 0, 1), (1, 1, 1)),

B2 = ((0, 1, 1), (1, 0, 1), (1, 1, 1)).

1. Determinare le rispettive basi duali B1 e B2 .


2. Determinare la matrice del cambiamento di base da B1 a B2 .
3. Partendo dalla base B1 , con quale procedimento si pu`o calcolare B1 ?
[2] Dato uno spazio vettoriale V di dimensione 3, riferito ad una base B = (v1 , v2 , v3 ),
si consideri la base duale B = (1 , 2 , 3 ) di B in V .
1. Assegnate le forme lineari:
f = 21 + 32 3 ,

g = 1 2 + 3 ,

determinare una base e la dimensione di ker f ker g .


2. Data la base C = (v1 v2 + v3 , v2 + v3 , 2v1 + v2 + v3 ) di V determinare la base
(C ) duale della base biduale di C .
[3] Sia B = (v1 , v2 , v3 ) una base di uno spazio vettoriale V di dimensione 3 e sia
B = (1 , 2 , 3 ) la base duale di B.
1. Calcolare le componenti, rispetto a B , della forma lineare f su V3 tale che:

f (v1 + v2 ) = 1
f (v2 + v3 ) = 2

f (v1 + v3 ) = 0.
2. Trovare una base di ker f .
[4] Considerate le due funzioni:
Z
f1 (p(x)) =

Z
p(x)dx,

f2 (p(x)) =

p(x)dx,
0

p(x) R1 [x],

Capitolo 6

137

1. Verificare che (f1 , f2 ) e` una base dello spazio vettoriale duale R1 [x] .
2. Determinare la base duale di (f1 , f2 ).
[5] Considerate le tre funzioni:
Z

p(x)dx,

f1 (p(x)) =

f2 (p(x)) = p0 (1),

f3 (p(x)) = p(0),

p(x) R2 [x],

1. verificare che (f1 , f2 , f3 ) e` una base dello spazio vettoriale duale R2 [x] .
2. Determinare la base duale di (f1 , f2 , f3 ).
[6] Si considerino in R3 la base canonica B = (e1 , e2 , e3 ) e nello spazio vettoriale duale
(R3 ) la sua base duale B = (1 , 2 , 3 ). Sono date, rispetto a B e a B , la base:
B1 = ((1, 1, 0), (0, 1, 1), (1, 1, 1))
di R3 e la base:
B2 = ((1, 1, 0), (0, 1, 1), (1, 1, 1))
di (R3 ) . Determinare:
1. le basi B1 e B2 duali delle basi B1 e B2 , rispettivamente;
2. la matrice del cambiamento di base da B2 (base di R3 la cui base duale e` B2 ) a B1 .
3. Calcolare (2v1 +^
3v2 v3 )(f1 2f2 + f3 ), dove:
v1 = e1 e2 + e3 ,
f 1 = 1 3 ,

6.3

v2 = e1 e3 ,

f2 = 1 + 2 + 3 ,

v3 = 2e1 + e2 3e3 ,
f3 = 32 + 23 .

Soluzioni

[1] ker f = {o}; f e` iniettivo.


[2] ker f = L((1, 1, 0, 1), (1, 1, 1, 0)); im f = L((1, 2, 1), (0, 1, 1)).

Applicazioni Lineari

138

[3] dim(ker f ) = 0, dim(im f ) = 4.


[4] ker f1 = {x V3 | x u = 0}, im f1 = R.
ker f2 = {x V3 | x = u, R}, im f2 = {y V3 | y u = 0}.

6
B,B

1
[5] 1. A = M (f ) =
1

9 3
0
1 ,
3 2

con B base canonica di R3 ;


det(A) = 0, quindi lendomorfismo f non e` ne iniettivo ne suriettivo.
2. ker f = L((1, 1, 1)); im f = L((6, 1, 1), (3, 0, 1)).
3. u appartiene ad im f se e solo se t =

4. u =

4
.
5


8
13
,
, rispetto alla base ((6, 1, 1), (3, 0, 1)) di im f.
5
5

5. Per esempio (1, 0, 0).


6. S`, ker f e im f sono in somma diretta perche linsieme formato dallunione della
base di ker f, precedentemente ottenuta, insieme con la base di im f, prima ricavata, e` una base di R3 .
7. Non esistono controimmagini del vettore y perche y
/ im f .
[6] 1. f e` iniettivo per a 6= 1.
2. Se a = 1 dim(ker f ) = 1, ker f = L((1, 2, 0));
se a = 1 dim(ker f ) = 2, ker f = L((1, 0, 2), (1, 2, 0)).
3. Non esistono controimmagini di tale vettore.
4. La risposta e` affermativa e segue dal teorema del completamento della base.

Capitolo 6

139

5. Se a = 1 dim(im f ) = 1, im f = L((1, 1, 2)). La somma di ker f e di im f e` diretta perche linsieme formato dallunione della base di ker f, precedentemente
ottenuta, con la base di im f, prima ricavata, e` una base di R3 .
6. Se l = 2h = 2k , allora (l, h, k) im f e:



1
1
1
1
3
f ((2k, k, k)) =
k t1 t2 , t1 , t2 R | t1 , t2 R .
4
2
2
7. S`, esiste un endomorfismo g, per esempio quello di matrice associata:

1 1
1
2 1 rispetto alla base canonica B di R3 .
M B,B (g) = 0
2
0 1

[7] La risposta e` affermativa e la matrice che si ottiene e` :

1 1
2
3 3 .
A= 2
1 4
5

[8] 1. I vettori dati sono linearmente indipendenti perche la matrice avente sulle righe le
loro componenti ha rango 3. Una delle basi richieste e` per esempio (u1 , u2 , u3 , e4 ).

0
2. M (f ) = 0
0

21 21
22 22
23 23

1
2 , 1 , 2 , 3 R.
3

[9] 1. ker f = L((2, 1, 1)) da cui segue la tesi.


2. (u, v, w) e` una base di R3 per k 6= 2.
3. e1 = 2u v + 4w, e2 = w,

1
4. Per esempio M C,B (g) = 0
2

e3 = u + v 2w.

0 0
1 0 .
1 1

Applicazioni Lineari

140

5. M B,B (g) =
0

0
0
1

1

2

1
.
2

[10] 1. Lendomorfismo f non e` suriettivo perche il rango della matrice associata e` 2.


Un vettore privo di controimmagine e` , per esempio, e3 = (0, 0, 1).
2. Lendomorfismo f non e` iniettivo infatti ker f = L((1, 1, 1)),
per esempio f ((1, 1, 1)) = o e f ((2, 2, 2)) = o.
3. Il vettore w non appartiene a f (H) in quanto:
f (H) = {(x0 , y 0 , z 0 ) R3 | 3x0 4y 0 2z 0 = 0}.
[11] 1. Se t 6= 0 dim(ker f ) = 1, ker f = L((1, 1, 2, 0)), dim(im f ) = 3, im f = R3 ;
se t = 0 dim(ker f ) = 2, ker f = L((2, 1, 0, 1), (3, 0, 2, 1)),
dim(im f ) = 2, im f = L((1, 0, 1), (2, 0, 1)).
2. Se t 6= 0 una base di R4 richiesta e` :
((1, 1, 2, 0), (0, 1, 0, 0), (0, 0, 1, 0), (0, 0, 0, 1));
se t = 0 una base di R4 richiesta e` :
((2, 1, 0, 1), (3, 0, 2, 1), (0, 0, 1, 0), (0, 0, 0, 1)).



5
2
4
1
R |tR ;
3. Se t 6= 0 f ((1, 0, 1)) =
t, t, 2t,
3
3
se t = 0 allora:
f


((1, 0, 1)) =

3
1
1 2t1 t2 , t1 , t2 , 2 t1 t2
2
2

4. Non esiste alcun k con la propriet`a richiesta.



[12] 1. im f = L

0 0
1 0




3 0
1 2
,
,
.
1 1
0 0


R | t1 , t2 R .
4

Capitolo 6

141

2. S`, f e` iniettiva in quanto dim(im f ) = 3.


3. Esiste un solo vettore v = (3, 6, 3).
4. La matrice A non ammette controimmagini.

1
1
[13] 1. M (f ) =
1
0

0
1
1
0

0
0
.
1
0


2. dim(im f ) = 3, im f = L

1 1
1 0




0 1
0 0
,
,
.
1 0
1 0

[14] 1. ker f = L((1, 3, 1, 0, 5), (4, 3, 4, 5, 0)); im f = R3 .


2. dim(f (V)) = 3, f (V) = R3 .
3. La verifica che f (b) = f (a) segue dal calcolo di ker f .

[15] 1. Per esempio, date:

1 0 0
A = 0 1 0 ,
0 0 1

0 1 1
B = 0 0 2 ,
0 0 3

si ha det(A) = 1 e det(B) = 0, quindi det(A) + det(B) = 1. Ma:

1 1 1
A+B = 0 1 2
0 0 4
e det(A + B) = 4 6= det(A) + det(B), quindi la funzione che ad ogni matrice di
R3,3 associa il suo determinante non e` lineare.
2. S`, lapplicazione e` lineare e suriettiva, la verifica segue dalle propriet`a della traccia
di una matrice quadrata. Il nucleo ha dimensione 8 ed e` costituito da tutte le matrici
quadrate di ordine 3 aventi traccia nulla, una base del nucleo e` :

Applicazioni Lineari

142

0 1 0
0 0 1
0 0 0
0 0 0
0 0 0 , 0 0 0 , 1 0 0 , 0 0 1 ,
0 0 0
0 0 0
0 0 1
0 0 0

0 0 0
0 0 0
1
0 0
1 0
0
0 0 0 , 0 0 0 , 0 1 0 , 0 0
0 .
1 0 0
0 1 0
0
0 0
0 0 1

1 1 1 2 2 3 1 4
00
0
[16] M B , B (h) = 2 + 1 5 + 2 1 + 3 1 + 4 , 1 , 2 , 3 , 4 R.
1
2
3
4
[17] Non esiste g .

1
2
2
0
[18] 1. M (f ) =
0 1
4 3

1
1
2. M (f ) =
2
1

0
0
, rispetto alle basi canoniche di R3 e di R4 .
0
0

1 1
0 1
, rispetto alle basi canoniche di R3 e di R4 .
0
2
0 1

3. Non esistono applicazioni lineari iniettive di dominio R4 e codominio R3 .

0
[19] M (f ) =

0
0
0
0 , R, 6= 0, rispetto alla base canonica di R3 .

[20] 1. (f g)(v1 + v2 ) = 4v1 + 4v2 .


2. x = (, 2), R; y = (t, t), t R.

1
1
0
2 1 , rispetto alla base canonica B di R3 ;
[21] M B,B (f ) = 0
2 4
3

Capitolo 6

143

ker f = L((1, 1, 2)), im f = L((1, 0, 2), (1, 2, 4));

1
1
B,B

0
2
per esempio M (g) =
2 4

1 1

2
1
[22] M (f ) =
3
0

1
0
1

0
0 , ker g = L((0, 0, 1)).
0

1
1 , k R,
k

e` la matrice associata ad f rispetto alla base canonica di R4 e alla base di S(R2,2 )


introdotta allinizio del capitolo;
se k 6= 2 ker f = L((1, 2, 3, 0)), im f = S(R2,2 );

se k = 2 ker f = L((2, 1, 0, 3), (1, 0, 1, 2)), im f = L

1 1
1 0



1 0
,
.
0 1

[23] 1. Esiste una sola applicazione lineare f perche i vettori (1, 0, 1, 0), (0, 1, 0, 1),
(0, 0, 0, 1), (1, 0, 0, 1) costituiscono una base di R4 .

2 1
B,B0

2
3
M
(f ) =
0
4

0
1
3 1 ,
3 2

dove B e` la base canonica di R4 e B 0 e` la base di S(R2,2 ) indicata allinizio del


capitolo.



0 1
1 1
2. ker f = L((3, 6, 8, 0), (1, 2, 0, 4)); im f = L
,
.
1 1
1 2
3. f 1 (W) = ker f L((7, 2, 0, 0)) = L((3, 6, 8, 0), (1, 2, 0, 4), (7, 2, 0, 0)).
[24] 1. ker f = L((3, 4, 0, 0, 1), (2, 3, 0, 1, 0), (1, 2, 1, 0, 0));
im f = L((0, 1, 1), (1, 0, 1)).
2. I valori richiesti sono h = 2, h = 1.
3. Tenendo conto che f (W) e` un iperpiano vettoriale di R3 , si ha:

Applicazioni Lineari

144

f (W) = {(y1 , y2 , y3 ) R3 | y1 + y2 + y3 = 0}.

1
2
[25] M (f ) =
1
0

1
0
1
1

0
1
1 1

e` la matrice associata ad f rispetto alle basi canoniche di R3 e di R4 ;


dim(f 1 (K)) = 2, f 1 (K) = L((2, 3, 0), (1, 1, 1)).

1
0
[26] 1. M (f ) =
2
1

1
1
1
2

1
1

1
2

e` la matrice associata ad f rispetto alle basi canoniche di R3 e di R4 ;


dim(ker f ) = 1, ker f = L((0, 1, 1));
dim(im f ) = 2, im f = L((1, 0, 2, 1), (1, 1, 1, 2)).
2. dim(f (H)) = 2, f (H) = L((1, 1, 1, 2), (1, 1, 3, 0)).
3. dim(f 1 (K)) = 2, f 1 (K) = L((0, 1, 1), (3, 1, 0)).
[27] 1. dim(ker(g f )) = 2, ker(g f ) = L((4, 2, 1, 0), (1, 1, 0, 1));
dim(im(g f )) = 2, im(g f ) = L((2, 1, 0), (5, 0, 1)).
2. dim(G) = 1, G = L((6, 0, 1, 2)).
3. dim((g f )(H)) = 2, (g f )(H) = L((1, 2, 1), (2, 1, 0));
dim((g f )1 (K)) = 3, (g f )1 (K) = L((6, 0, 1, 1), (4, 2, 1, 0), (0, 0, 1, 0)).
[28] 1. I vettori sono linearmente indipendenti per ogni valore di a R in quanto il de-

Capitolo 6

145

terminante della matrice avente come righe le componenti dei tre vettori dati vale
2 a2 .

1 + a + a2
3(1 + a + a2 )

2 + a2
2 + a2

2. M (f ) =

0
0

1+a
3(1 + a)

2
2+a
2 + a2

1 + 4a + a

2 + a2

3
2 + a2
2

3. Se a 6= 2 dim(im f ) = 3,
im f = L((1, 0, 0, 0), (0, 1 + a, 0, 1), (1, 2 + a, 0, 0));
se a = 2 dim(im f ) = 2, im f = L((1, 0, 0, 0), (0, 1, 0, 1)).

[29] 1. ker f = L((1, 1, 0, 1), (0, 2, 1, 9)); im f = L((5, 1, 3), (4, 1, 2)).
2. W = L((1, 1, 1, 2), (0, 2, 1, 3)), W ker f = L((3, 5, 1, 6)).

[30] 1. S`, f e` iniettiva perche la matrice ad essa associata ha rango 2.


2. dim(f (H)) = 1, f (H) = L((1, 1, 0)).
3. dim(f 1 (K)) = 1, f 1 (K) = L((1, 1)).

[31] 1. La matrice associata ad f rispetto alla base canonica B = (e1 , e2 , e3 , e4 ) di R4 e


alla base di S(R2,2 ) introdotta allinizio del capitolo e` data da:

0 1
B,C

5
A = M (f ) = 2
2
5

1
5
3

1
4 .
1

2. S`, f e` suriettiva perche A ha rango 3;


dim(ker f ) = 1, ker f = L((6, 1, 3, 2)).

Applicazioni Lineari

146




1
1
3. H =
1 6t, t, 3t, 2t R4 | t R ,
2
2
H non e` un sottospazio vettoriale di R4 perche non contiene il vettore nullo.
[32] 1. dim(ker f ) = 1, ker f = L((1, 1, 0, 1));
dim(im f ) = 3, im f = R3 .
2. f (H) = L((2, 1, 3)).
3. f 1 (K) = L((1, 0, 0, 0), (0, 1, 0, 1)).
[33] 1. dim(ker f ) = 1, ker f = L((1, 1, 1, 0));
dim(im f ) = 3, im f = R3 .
2. f (H) = L((0, 1, 1), (0, 1, 0)).
3. f 1 (K) = L((1, 0, 0, 0), (0, 0, 0, 1), (0, 1, 1, 0)).
[34] 1. La matrice associata a f rispetto alle basi canoniche di R2 e di R4 e` :

1 0
1 1

0 1 .
1 2
2. ker f = {o} e quindi f e` iniettiva, im f = L(u1 , u2 ) e f non e` suriettiva.
3. dim(im f f (H)) = 1, im f f (H) = L(f (a)) = L((1, 0, 1, 3)).

2
0
[35] 1. M (f ) = 1 1
1
1

0
0
1

0
0 .
0

2. dim(ker f ) = 1, ker f = L((0, 0, 0, 1));


dim(im f ) = 3, im f = R3 .
3. f (W) = {(y1 , y2 , y3 ) R3 | y1 y2 2y3 = 0};
f 1 (W 0 ) = {(x1 , x2 , x3 , x4 ) R4 | 3x1 + x2 + 2x3 = 0}.

Capitolo 6

147

[36] 1. La matrice associata ad f rispetto alle basi canoniche di R4 e R2 e` :




1 1 1
0
M (f ) =
,
1
2 1 1
il suo rango e` 2, quindi f e` suriettiva.
2. ker f = L((1, 0, 1, 0), (0, 1, 1, 3)).
3. dim(f (H)) = 2, f (H) = R2 .
4. f 1 (u) = {(t1 , t2 , 1 t1 + t2 , 2 + 3t2 ) | t1 , t2 R},
non e` un sottospazio vettoriale di R4 perche non contiene il vettore nullo.

[37] 1. La matrice associata ad f rispetto alle basi canoniche di R3 e di R2,2 e` :

1 0
0
0 1
1
.
A=
1 1
0
0 1 1
2. dim(ker f ) = 0, ker f = {o}, f e` iniettiva;


1 0
0
dim(im f ) = 3, im f = L
,
1 0
1

1
1



0
1
,
,
0 1

f non e` suriettiva.

3. dim(f (H)) = 2, f (H) = L

1
0

1
1



1 1
,
.
1
1

4. dim(f 1 (K)) = 1, f 1 (K) = L((0, 1, 1)).


5. Si tratta di ricavare una matrice invertibile X R3,3 tale che A0 = AX . Una tale
matrice non esiste.

[38] 1. La matrice associata ad f rispetto alle basi canoniche di R2,2 e di R3 e` :

0 1 0 1
A = 1 0 1 0 .
1 1 0 1

Applicazioni Lineari

148



0 1
0
1

2. dim(ker f ) = 1, ker f = L


;

dim(im f ) = 3, im f = R3 ,
f non e` iniettiva, f e` suriettiva.
3. dim(f (H)) = 2, f (H) = L((1, 0, 3), (1, 0, 1)).
4. dim(f

(K)) = 2, f


(K) = L

1
3

0
0



0 1
,
.
0
1

5. Si tratta di ricavare una matrice invertibile X R3,3 tale che A0 = XA. Una tale
matrice non esiste.

[39] 1. ker f = L((1, 0, 0, 1), (0, 1, 1, 0));



im f = L

1 0
0 1

 

0 1
,
.
1 0


2. dim(f (H)) = 2, f (H) = L

1 1
1 1

 

0 1
,
;
1 0

dim(f 1 (K)) = 3, f 1 (K) = L((1, 0, 0, 0), (0, 1, 1, 0), (0, 0, 0, 1)).


3. dim(ker f W) = 1, ker f W = L((1, 2, 2, 1)) e quindi la somma ker f +W
non e` diretta.

[40] 1. ker f = L((1, 1, 2)); im f = R2 .


2. f 1 ((1, 1)) = (0, 1, 1) + ker f , dove per (0, 1, 1) + ker f si intende il sottoinsieme
di R3 ottenuto sommando il vettore (0, 1, 1) con ogni vettore di ker f ;
dim(f (H)) = 2, f (H) = R2 .

2
1
3
0

B,C
3. M (f ) =
.

2
1
0

3
3
1
3

Capitolo 6

[41] 1. La matrice associata ad f rispetto alle basi canoniche di R3 e di R2 e` :



M (f ) =

2
1
1 1

1
0


.

2. dim(ker f ) = 1, ker f = L((1, 1, 3));


dim(im f ) = 2, im f = R2 .
3. f 1 (K) = L((1, 0, 1), (0, 1, 2)).

[42] 1. dim(ker f ) = 1, ker f = L((1, 2, 1));


dim(im f ) = 2, im f = L((1, 2, 1, 0), (0, 1, 1, 1)).
2. f (H) = L((1, 3, 2, 1), (2, 1, 3, 5)).
3. f 1 (K) = L((1, 2, 1)).

[43] 1. Se a 6= 2 ker f = {o} e im f = R3 .

0
Se a = 2 ker f = L 0
1

0
1
0 1 e im f = L((0, 1, 1), (2, 1, 1)).
1
0

2. Per ogni a R dim(f (H)) = 2, f (H) = L((a, 3, 1 + a), (2 + 2a, 3, 3));


per a 6= 2 dim(f 1 (K)) = 1 e una sua base e` ad esempio:

2a

2a

2 + a + a2
6+a

2
(2 a)
(2 a)2
Se a = 2 f 1 (K) = ker f .

2 + a + a2

(2 a)2

6+a
.
2

(2 a)

149

Applicazioni Lineari

150

[44] 1. S`, f e` unapplicazione lineare perche e` definita tramite equazioni lineari omogenee.

1
0
1 .
2. La matrice richiesta e` A = 1
1 2
3. Non esiste alcuna applicazione lineare g che verifica le condizioni richieste.
[45] 1. f e` unapplicazione lineare perche le equazioni che la definiscono sono lineari
e omogenee.

2. La matrice richiesta e` A =

1
1
2 3

1
0


.

3. g esiste ed e` associata alla seguente matrice, costruita rispetto alla base (1, x) di
R1 [x] e alla base (1, x, x2 ) di R2 [x]:

M (g) =

3
2+ v
2

u
v
,

5
5
4 u 2 v
2
2
3
u
2

(u, v) R2 .

[46] La matrice associata ad f, rispetto alla base (1, x, x2 , x3 ) di R3 [x] e alla base canonica di R2,2 , e` :

1 1
2
1
3 3
6
3
.
M (f ) =
0
1
2 1
1
0 1
0
3

ker f = L(x + x ), im f = L



1
0

3
1


1
,
1

3
0



2
6
,
.
2 1

[47] 1. Se h 6= 4 ker f = {o}, im f = L(1 x2 + 2x3 , 3x + x3 , 3 6x 3x2 + hx3 );


se h = 4 ker f = L(3 + 2x + x3 ), im f = L(1 x2 + 2x3 , 3x + x3 ).

Capitolo 6

151

2. f (W1 ) = L(4 + 9x + 4x2 5x3 ), f 1 (W2 ) = L(3 + 2x + x2 , x).


[48] 1. ker f = {o}, im f = L(x + x2 + x3 , 1 + x2 + x3 , 1 + x + x3 ).
2. dim(f (H)) = 2, f (H) = L(1 2x x2 x3 , 1 + x 2x2 x3 ).
3. dim(f 1 (K)) = 2, f 1 (K) = L(3 4x + x2 , 2 13x + 13x2 ).

1 0 1 2h
0 .
[49] 1. A = M B,C (f ) = 1 h 1
2 1
0
h


3
1
2. Se h 6= 0 ker f = L
1 h, 2, 1 + h, 1 ;
2
2
im f = L((1, 0, 0), (0, 1, h), (1, 2, 0));
se h = 0 ker f = L((1, 2, 1, 0), (0, 0, 0, 1)), im f = L((1, 0, 0), (0, 1, 0)).
3. f 1 (K) = {(x1 , x2 , x3 , x4 ) R4 | 2hx4 hx2 = 0, h R} quindi:
se h 6= 0 f 1 (K) = L((1, 0, 0, 0), (0, 2, 0, 1), (0, 0, 0, 1));
se h = 0 f 1 (K) = R4 .
4. f (H) = L((0, h, 1), (2h, 0, h), (3, 3, 2)), quindi:
se h 6= 0 dim(f (H)) = 3, f (H) = R3 ;
se h = 0 dim(f (H)) = 2, f (H) = L((3, 3, 2), (0, 0, 1)).

3 0 0
5. La matrice richiesta e` M D,C (g) = 3 0 0 .
2 1 0

6.4

Per saperne di piu` Soluzioni

[1] 1. Le basi duali richieste sono:


B1 = ((1, 0, 1), (0, 1, 1), (1, 1, 1)), B2 = ((1, 0, 1), (0, 1, 1), (1, 1, 1));
le componenti dei vettori delle basi duali sono date rispetto alla base duale B del-

Applicazioni Lineari

152

la base canonica B di R3 .
2. La matrice del cambiamento di base da B a B1 e` :

1
0
1
1
1 ;
A= 0
1 1 1
la matrice del cambiamento di base da B a B2 e` :

1 0 1
B = 0 1 1 ;
1 1 1
pertanto la matrice del cambiamento di base da B1 a B2 e` :

1 2 2
A1 B = 2 1 2 .
2 2 3
3. E` noto che lo spazio vettoriale biduale (R3 ) e` canonicamente isomorfo a R3 ,
quindi le componenti di un generico vettore x di R3 , rispetto alla base B1 , sono
anche le componenti dellimmagine di x, tramite lisomorfismo canonico da R3 a
(R3 ) , rispetto alla base B1 duale di B1 . Di conseguenza per ottenere la base B1
e` sufficiente calcolare la base duale di B1 oppure determinare la matrice (tA)1 , le
cui colonne sono le componenti dei vettori cercati.
[2] 1. ker f ker g = {x1 v1 + x2 v2 + x3 v3 V | 2x1 + 3x2 x3 = x1 x2 + x3 = 0}
= L(2v1 3v2 5v3 ), dim(ker f ker g) = 1.
2. La base (C ) coincide con C .


1 3 1
[3] 1. Le componenti di f , rispetto alla base B , sono , ,
.
2 2 2

2. ker f = L((1, 0, 1), (3, 1, 0)).


[4] 1. f1 , f2 sono forme lineari linearmente indipendenti (la verifica segue dalla loro
definizione e dalle propriet`a del calcolo differenziale e integrale).
2. Se p(x) = a + bx, allora:

Capitolo 6

153

b
, f2 (p(x)) = 2a + 2b;
2


1
quindi la base duale richiesta e` 2 2x, + x .
2
f1 (p(x)) = a +

[5] 1. f1 , f2 , f3 sono forme lineari linearmente indipendenti (la verifica segue dalla loro
definizione e dalle propriet`a del calcolo differenziale e integrale).
2. Se p(x) = a + bx + cx2 , allora:
f1 (p(x)) = a +

b
c
+ , f2 (p(x)) = b + 2c, f3 (p(x)) = a.
2
3

La base duale richiesta e` :




3 2 1
3 2
3 2
3x x , x + x , 1 3x + x .
2
2
4
2

[6] 1. B1 = (2 3 , 1 + 2 , 1 2 + 3 ), B2 = (e2 + e3 , e1 + e2 , e1 e2 e3 ),
dove i vettori e1 , e2 , e3 sono stati identificati con i vettori della base B di (R3 )
duale della base B di (R3 ) mediante lisomorfismo canonico da R3 a (R3 ) .
2. Sia P la matrice del cambiamento di base da B a B1 , ossia:

1 0 1
P = 1 1 1 .
0 1 1
La matrice Q del cambiamento di base da B (base duale di B) a B1 (base duale
di B1 ) e` Q = (tP )1 . Da 1. si ha che la matrice S del cambiamento di base da B
(base duale di B) a B2 (base duale di B2 ) e` :

1
0 1
1
1 .
S= 1
0 1 1
Di conseguenza, la matrice R del cambiamento di base da B a B2 verifica luguaglianza S = (tR)1 . Quindi la matrice del cambiamento di base da B2 a B1 e` :

Applicazioni Lineari

154

0
R1 P = tSP = 1
0

1
0
0
0 .
0 1

3. (2v1 +^
3v2 v3 )(f1 2f2 + f3 ) = 8,
per la soluzione si tenga presente il punto 1..

Capitolo 7
Diagonalizzazione
7.1

Esercizi

In tutti gli esercizi di questo capitolo si sono adottate le notazioni usuali, in particolare si
e` indicato con:
- Rn lo spazio vettoriale euclideo, di dimensione n, delle n-uple di numeri reali, dotato
del prodotto scalare standard, che rende ortonormale la base canonica:
(e1 = (1, 0, . . . , 0), e2 = (0, 1, 0, . . . , 0), . . . , en = (0, 0, . . . , 1)).
- Rm,n lo spazio vettoriale euclideo, di dimensione mn, delle matrici aventi m righe e
n colonne, ad elementi reali dotato del prodotto scalare standard X Y = tr(tX Y ), con
X, Y Rm,n , che rende ortonormale la base canonica:

..
E11 = .
0

0
.. , E =
. 12
0 ... 0
0 ...
..
.

0
.. , . . . , E =

mn
.
0 0 ... 0
0
..
.

1 ...
..
.

0
.. .
.
0 0 ... 1
0
..
.

0 ...
..
.

Con tr(tX Y ) si intende la traccia della matrice prodotto della trasposta della matrice X
con la matrice Y.
- Rn,n lo spazio vettoriale euclideo delle matrici quadrate di ordine n, ad elementi reali,
riferito alla base canonica (il caso particolare della precedente).
- S(Rn,n ) lo spazio vettoriale delle matrici simmetriche di ordine n ad elementi reali, di
dimensione n(n + 1)/2, riferito alla base:
155

Diagonalizzazione

156

1
0
..
.
..
.

0 ... ...
0 ... ...
.. . .
.
.
..
..
.
.
0 0 ... ...

0
0
..
.
..
.

0 ... ...
1 ... ...
.. . .
.
.
..
..
.
.
0 0 ... ...

0
0
..
.
..
.

0
0
..
.
..
.

0
0
..
.
..
.

1 ... ...
0 ... ...
.. . .
.
.
..
..
.
.
0 0 ... ...

0
..
.
..
.

0
1
..
.
..
.

0 ... ...
.. . .
.
.
..
..
.
.

,
.
.
.
,

0
0
..
.
..
.

, . . . ,

0 ... ... 0 1
0
0 ... ... 1 0

0
0
..
.
..
.

0 ... ...
0 ... ...
.. . .
.
.
..
..
.
.
1 0 ... ...

0 ... ...
.. . .
.
.
..
..
.
.

0
..
.
..
.

1
0
..
.
..
.

0
0
..
.
..
.

0 ... ... 0 0
0 ... ... 0 1

- A(Rn,n ) lo spazio vettoriale delle matrici antisimmetriche di ordine n ad elementi reali,


di dimensione n(n 1)/2, riferito alla base:

0
1

..
.
.
..

1 ... ...
0 ... ...
.. . .
.
.
..
..
.
.
0 0 ... ...

0
0
..
.
..
.
0

0
0

1
,
..
.

0
0
0
..
.

1
0
0
..
.

...
...
...
..
.

0
0
0
..
.

0 0 0 ... 0

, . . . ,

0 0 ... 0
0 0 ... 0
.. .. . .
..
.
. .
.
0 0 ... 0
0 0 . . . 1

0
0
..
.

1
0

- Rn [x] lo spazio vettoriale reale, di dimensione n + 1, dei polinomi di grado minore o


uguale a n, nella variabile x, a coefficienti reali, riferito alla base (1, x, x2 , . . . , xn ).
- V3 lo spazio vettoriale euclideo, di dimensione 3, dei vettori ordinari, riferito ad una
base ortonormale positiva B = (i, j, k). In questambito indica il prodotto scalare
tra due vettori e il prodotto vettoriale o esterno tra due vettori.
- Se f : V W e` un applicazione lineare tra due spazi vettoriali V e W allora f (H)
indica limmagine del sottospazio vettoriale H di V, mentre f 1 (K) indica la controimmagine del sottospazio vettoriale K di W. M B,C (f ) indica la matrice associata ad f
rispetto alla base B di V e alla base C di W.
- H indica il complemento ortogonale del sottospazio vettoriale H di uno spazio vettoriale euclideo (V, ).
- Il vettore nullo di un generico spazio vettoriale e` indicato con il simbolo o.

Capitolo 7

157

[1] Trovare gli autovalori e gli autospazi della matrice:

2 1 0
A = 1 2 1 .
0 1 2
[2] Trovare gli autovalori e gli autospazi della matrice:

2
1
1
3 .
A = 1 2
3
4 1
[3] Trovare gli autovalori e gli autospazi della matrice:

0 2 2
4
2 .
A= 2
2 2
0
[4] Trovare gli autovalori e gli autospazi della matrice:

1 1
0 0
1
2
1
0
A=
0 1
1 0
0
0
0 1
[5] Trovare gli autovalori e gli autospazi della matrice:

3 1 0 0
1
3 0 0
A=
0
0 4 1
0
0 1 4
[6] Trovare gli autovalori e gli autospazi della matrice:

1 4 3 0
4
1 0 0
A=
3
0 1 0
0
0 0 1

Diagonalizzazione

158

[7] Trovare gli autovalori e gli autospazi della matrice:

2 0 0 0
0 1 1 0

A=
0 1 1 0 .
0 0 0 2
[8] Trovare gli autovalori e gli autospazi della matrice:

2 1
0
0
1 2
0
0
A=
0
0
2 1
0
0 1 2

[9] Data la matrice:

A = 3
4

2 1 + a
5
2 ,
4
1

a R,

1. determinare per quali valori del parametro a la matrice A ammette lautovalore


= 1.
2. Posto a = 0, esistono tre autovettori di A linearmente indipendenti?
[10] Si considerino le matrici:

1
0
A = 1 1
2
3

0
0 ,
2

1
0
B = 0 1
0
0

0
0 .
2

1. Determinare (se esiste) una matrice invertibile P tale che P 1AP = B .


2. Esiste una matrice ortogonale Q tale che Q1AQ = B ?
[11] Data la matrice:

0
h
h
,
1
h + h2
1
A=
1 + h
0
1 + h
1. trovare i valori di h per cui A ha rango minore di 3.
Posto h = 1 nella matrice A:

h R,

Capitolo 7

159

2. determinare autovalori e autospazi di A;


3. A e` diagonalizzabile?
[12] Data la matrice:

1
2 4
A = 2 2 2 ,
4 2
1
trovare:
1. gli autovalori e gli autospazi di A;
2. una base ortonormale di R3 costituita da autovettori di A;
3. una matrice ortogonale P tale che P 1AP sia una matrice diagonale.
[13] Data la matrice:

3
2
1
A = 3 2 1 + h ,
6
4
2

h R,

1. trovare il valore di h per cui la matrice A ammette lautovalore = 3.


2. Posto h = 2, provare che A e` diagonalizzabile, trovare una matrice diagonale D
simile ad A e un cambiamento di base che la realizzi.
[14] Dire se la matrice:

1 2
2 3
A=
1
0
2 5

4
1
9 1

6 5
7
5

ammette lautovalore = 0.
[15] Al variare di a R discutere e risolvere il sistema lineare omogeneo AX = O,
dove:

1
1 2 + a
x1
0 , X = x2
A = 1 + 2a 1
0
0
a
x3
e O R3,1 e` la matrice nulla. Posto a = 1, scrivere la matrice B = tA + A e trovare
gli autovalori di B .

Diagonalizzazione

160

[16] Data la matrice:

0
a
A=
1
0

a 1
0
1
1 1
0
0

0
0
,
0
a

a R,

1. dire per quali valori del parametro a la matrice A ha rango massimo.


2. Posto a = 0, trovare gli autovalori e gli autospazi di A.
[17] Data la matrice:

0 2 a
A = 2 1 1 ,
a 1 1

a R,

1. trovare i valori di a per i quali il rango di A e` 2.


2. Posto a = 2, trovare autovalori e autospazi di A.
[18] Sono date le matrici:

1 0
1
,
2
A= 1 h
2
1 h 1 h

x
X = y ,
z

0
B = 1 ,
h

h R.

1. Discutere, al variare del parametro h, le soluzioni dellequazione matriciale


AX = B .
Posto h = 0 nella matrice A:
2. scrivere la matrice C = A tA e ridurla a forma diagonale;
3. dire se i vettori rappresentati dalle righe della matrice A costituiscono una base
ortonormale di R3 .
[19] Data la matrice:

0 1
k
h 1 ,
A = 1
k 1
0

h, k R,

1. determinare per quali valori di h, k R la matrice A e` invertibile.


Posto h = 0, k = 1,

Capitolo 7

161

2. verificato che A e` diagonalizzabile, determinare una matrice diagonale D e una


matrice invertibile P tale che D = P 1AP .
3. Giustificare il fatto che la matrice A sia ortogonalmente diagonalizzabile e trovare
una matrice ortogonale Q che la diagonalizzi.
[20] Sia A Rn,n una matrice invertibile.
1. Stabilire la relazione che intercorre tra gli autovalori di A e gli autovalori di A1 .
2. Supponendo che A sia diagonalizzabile, vale a dire che esistano una matrice invertibile P e una matrice diagonale D tali che P 1AP = D, verificare che anche A1
e` diagonalizzabile e determinare una matrice invertibile P 0 e una matrice diagonale
D0 tali che (P 0 )1 A1 P 0 = D0 .
[21] Sia A Rn,n . Si consideri A2 = A A.
1. Stabilire la relazione che intercorre tra gli autovalori di A e gli autovalori di A2 .
2. Supponendo che A sia diagonalizzabile, vale a dire che esistano una matrice invertibile P e una matrice diagonale D tali che P 1AP = D, verificare che anche A2
e` diagonalizzabile e determinare una matrice invertibile P 0 e una matrice diagonale
D0 tali che (P 0 )1 A2 P 0 = D0 .
[22] Data la matrice:

0
1
A=
0
0

1
0
0
0

0
0
1
2

0
0
,
2
1

determinarne gli autovalori e una base di ciascun autospazio e dire se A e` diagonalizzabile.


[23] Data la matrice:

A = 1
2
1. determinarne gli autovalori.

1
0
1

1
1 ,
0

Diagonalizzazione

162

2. A e` diagonalizzabile? In caso affermativo, determinare una matrice P in R3,3 tale


che P 1AP sia una matrice diagonale.
[24] 1. Per quali valori del parametro h R il sistema lineare:

x hy + z = 1
x + hy z = 0

3x y + z = 2, h R,
ammette infinite soluzioni?
Detta A la matrice dei coefficienti del sistema lineare:
2. trovare per quali valori di h esiste A1 ;
3. posto h = 1, dire se A e` diagonalizzabile.
[25] Sia A Rn,n , dimostrare oppure dare un controesempio alle seguenti implicazioni:
1. A diagonalizzabile = A invertibile;
2. A invertibile = A diagonalizzabile.
[26] Sia:

1 3

3
2
A=
5 4

5
1 ,
0

determinare la matrice B = A + tA. Verificare che B e` diagonalizzabile e scrivere una


matrice D diagonale simile a B .
[27] Sia:

1
0 1
0 1
1
A=
0
0
1
0
0
k

0
0
,
1
0

k R.

1. Per quali valori di k la matrice A e` invertibile?


2. Per quali valori di k la matrice A e` diagonalizzabile?

Capitolo 7

163

[28] Si consideri la matrice simmetrica:

2 2 1
5
2 .
A = 2
1
2
2

1. Stabilire se A e` invertibile e, in caso affermativo, determinare A1 .


2. Calcolare gli autovalori e una base di ciascun autospazio di A.
3. Determinare una matrice P tale che P 1AP = D, dove D e` una matrice diagonale
e con P non necessariamente ortogonale.
4. Determinare una matrice ortogonale Q tale che Q1AQ = D.
[29] Verificare che la matrice:

1
2 1
2
3 2
A=
1 2
1
0
0
0

0
0

0
0

e` diagonalizzabile e determinare una matrice D diagonale, simile ad A.


[30] Verificare che la matrice:

10 14
0
9
0
A= 6
9 18 1
e` diagonalizzabile e determinare una matrice P R3,3 tale che la matrice D = P 1AP
sia diagonale.
[31] Determinare per quali valori del parametro reale k la matrice:

1
0
0
0

1 + k 2
1
0
0

A=
3k 3 2k 5 + k 30
0
1
0
5 + 5k
k + k 2 k + k 3 1
e` , rispettivamente:

Diagonalizzazione

164

1. invertibile,
2. diagonalizzabile.
[32] 1. Data la matrice:

0
1

1 1
A=
1
0

1
h
0 1 ,
1
0

h R,

determinare, al variare di h, il rango di A.


2. Posto h = 1, trovare autovalori e una base di ciascun autospazio della matrice
B = A tA e scrivere una matrice P che diagonalizzi ortogonalmente B .
[33] Data la matrice:

1
0
A=
1
0

0
1
0
h

4
0
0 1
,
2
0
0
1

h R,

stabilire per quali valori di h la matrice A e` , rispettivamente:


1. invertibile,
2. diagonalizzabile.
[34] Sia A una matrice quadrata qualsiasi.
1. Provare che A e la matrice trasposta tA hanno gli stessi autovalori.
2. Data la matrice:

2 3
3 4
A=
0
3
3 3

0
3
0
3
,
2 3
0
2

trovare una base di ciascun autospazio di A e di tA e stabilire se gli autospazi


coincidono oppure no (ricordare il punto 1.).

Capitolo 7

165

[35] Stabilire per quali valori di h R la matrice:

2
3 1
A = 2 3 h
4
6 2
e` diagonalizzabile.
[36] Determinare per quali valori di a e b in campo reale la matrice:

1 0 0
A= 0 1 a
0 0 b
e` diagonalizzabile, e, in questi casi, determinare una matrice diagonale D simile ad A e
una matrice invertibile P tale che D = P 1AP .
[37] Stabilire per quali valori di h R la matrice:

1 0 h
A= 0 2 0
h 1 1
e` diagonalizzabile.
[38] Stabilire per quali valori di h R la matrice:

2
0
0
A = 2 h 1 + h 1
2 + h
0
h
e` diagonalizzabile.
[39] Sia A R4,4 una matrice simmetrica di rango 2 che ammette lautovalore = 2 e
sia V = L((1, 2, 0, 1), (0, 1, 1, 0)) lautospazio relativo a tale autovalore.
1. Determinare una base di R4 formata da autovettori di A.
2. Scrivere una matrice D simile ad A.

Diagonalizzazione

166

[40] Sia A R4,4 una matrice simmetrica con solo due autovalori distinti 1 = 1, 2 = 3
e sia U = L((0, 1, 0, 1)) un autospazio.
1. Determinare una base ortonormale di R4 formata da autovettori di A.
2. Determinare una matrice diagonale simile ad A.
[41] E` data la matrice:

2
A=
2

2h
2
k

2h
0 ,
2

h, k R.

1. Posto k = 0:
a. trovare per quale valore di h la matrice A ha autovalore = 2.
b. Scelto h = 1 e verificato che A e` diagonalizzabile, determinare una matrice
diagonale D simile ad A e una matrice P del cambiamento di base che la
realizzi.
c. Perche P pu`o essere una matrice ortogonale?
2. Posto invece h = 0, stabilire per quali valori di k la matrice A e` diagonalizzabile.
[42] Sia data la matrice:

2
A=
2

2
2
0

2a
0 ,
2

a R.

1. Posto a = 1, trovare gli autovalori e una base di ciascun autospazio di A. A e`


diagonalizzabile?
Posto a = 0:
2. verificato che la matrice A ha rango massimo, determinare una base ortonormale
B dello spazio vettoriale generato dai vettori riga di A ed una base ortonormale C
dello spazio vettoriale generato dai vettori colonna di A.
3. Scrivere la matrice P del cambiamento di base tra B e C e stabilire di che tipo di
matrice si tratta.

Capitolo 7

167

[43] 1. Data la matrice:

1 3
h
0
A=
1 1
0
0

1
0
0
0

2
0
,
0
h

h R,

determinare i valori di h per cui A e` invertibile e in questi casi calcolare A1 .


2. Posto h = 0, trovare gli autovalori e gli autospazi di A.
3. Stabilire, in questo caso, se A e` diagonalizzabile, giustificando accuratamente la
risposta.
[44] Data la matrice:

0 1 0
A = 1 0 0 ,
0 0 0
scrivere tutte le matrici diagonali simili ad A.
[45] Data la matrice:

4 2 1
A = 2 3 2 ,
1 2 4
1. verificato che = 1 e` un autovalore di A, determinarne gli autovalori e una base di
ciascun autospazio;
2. determinare una matrice P (non necessariamente ortogonale) che diagonalizzi A;
3. determinare una matrice Q ortogonale che diagonalizzi A.

[46] Data la matrice simmetrica:

3 0 0
A = 0 0 3 ,
0 3 0
1. determinarne gli autovalori e una base di ciascun autospazio di A.

Diagonalizzazione

168

2. Determinare una matrice diagonale D e una matrice P (non necessariamente ortogonale) tale che P 1AP = D.
3. Determinare una matrice ortogonale Q tale che t QAQ = D.

[47] Sia A una matrice quadrata, ad elementi reali, di ordine 8, il cui polinomio caratteristico e` :
P () = 3 ( 1)(2 2)( 3)2 .
1. Quanto pu`o valere il rango di A? (Giustificare la risposta).
2. A pu`o essere diagonalizzabile? (Giustificare la risposta).

[48] Data la matrice:

2
A=
1

0 1
1
0 ,
1
1

1. determinarne gli autovalori e gli autospazi;


2. scrivere tutte le matrici diagonali simili ad A.
[49] Sia A R2,2 una matrice tale che tr(A) = 2
unico autovalore.

p
det(A). Provare che A ammette un

[50] In R4 sono dati i vettori:


v1 = (1, 2, 0, 1),

v2 = (1, 0, 1, 0),

v3 = (1, 0, 0, 2),

v4 = (0, 1, 0, 1).

1. Verificare che v1 , v2 , v3 , v4 sono linearmente indipendenti.


2. Stabilire se le seguenti condizioni definiscono un endomorfismo f di R4 :

f (v1 ) = v1

f (v2 ) = 2v1 + v2
f (v3 ) = v2 + v3

f (v4 ) = v3

f (v1 + v2 + v3 ) = (2, 2, 1, 1).

Capitolo 7

169

Verificare che le seguenti condizioni definiscono un endomorfismo g di R4 :

g(v1 ) = v1

g(v2 ) = 2v1 + v2
g(v3 ) = v2 + v3

g(v4 ) = v3

g(v1 + v2 + v3 ) = (2, 6, 0, 1).


3. Determinarne gli autovalori e una base di ciascun autospazio di g.
4. g e` diagonalizzabile?
[51] Si consideri lendomorfismo f di R2,2 associato alla matrice:

1 0
h
0
0 1

0
h
, h R.
A=
3 0 2 + h

0
0 3
0
2 + h
1. Determinare la dimensione e una base di ker f e di im f , al variare di h in R.
2. Posto h = 1, determinare una base di autovettori di ciascun autospazio e stabilire
se f e` diagonalizzabile.
3. Posto h = 1, trovare una base di f 1 (G), dove G e` il sottospazio vettoriale
definito da:

G=

x1 x2
x3 x4

2,2


| 4x1 + x2 x3 = 3x2 3x3 4x4 = 0 .

[52] Data la funzione:


f : R2,2 R2,2
cos` definita:

 

x1 x2
x1 + 17x2 + 10x3 + 9x4
x2
f
=
,
x3 x4
11x2 + 8x3 + 6x4
13x2 8x3 6x4
1. verificare che f e` un endomorfismo e determinare la matrice A associata ad f ,
rispetto alla base canonica di R2,2 .
2. Determinare la dimensione e una base di ker f e di im f .

Diagonalizzazione

170

3. Determinare la dimensione e una base di f (H), dove:





x1 x2
2,2
H=
R | 4x1 + 2x3 x4 = 0 ,
x3 x4
e la dimensione e una base di f 1 (K), dove:



y1 y2
2,2
K=
R | y1 + y4 = y3 = 0 .
y3 y4
4. Calcolare gli autovalori di f e una base di ciascun autospazio.
5. f e` diagonalizzabile? Se la risposta e` affermativa, scrivere una matrice diagonale
D a cui f e` associata e determinare una matrice del cambiamento di base P tale
che D = P 1AP .
[53] Sia V il sottoinsieme di R2,2 formato dalle matrici aventi traccia nulla.
1. Verificare che V e` un sottospazio vettoriale di R2,2 e che B = (A1 , A2 , A3 ), dove:






0 1
0 0
1
0
A1 =
, A2 =
, A3 =
,
0 0
1 0
0 1
e` una base di V .
2. Trovare, rispetto alla base B, la matrice dellendomorfismo f di V tale che:



1

h
1

f (A1 + A2 ) =

2+h 1+h




0 1
f (2A2 + A3 ) =
3 0




3h
2

, h R.
f (A1 A2 + A3 ) =
3 + h 3 + h
3. Stabilire per quali valori di h R lendomorfismo f e` , rispettivamente:
a. un isomorfismo,
b. diagonalizzabile.

Capitolo 7

171

[54] Sia B = (v1 , v2 , v3 ) una base di uno spazio vettoriale V di dimensione 3.


1. determinare la matrice associata, rispetto alla base B, allendomorfismo f di V
tale che:

ker f = L(v2 v3 )

f (3v1 + v2 v3 ) = 9v1

f (v + v + v ) = 3v + 2v + 4v .
1
2
3
1
2
3
2. f e` diagonalizzabile?
[55] Si considerino le matrici associate, rispetto alla base canonica, agli endomorfismi
f : R3 R3 tali che siano verificate entrambe le seguenti condizioni:
a. ker f = {(x1 , x2 , x3 ) R3 | x1 + x2 + x3 = 0},
b. f (H) H, dove H = {(x1 , x2 , x3 ) R3 | x3 = 0}.
Determinare quali tra queste matrici sono diagonalizzabili, quindi individuare una base di
R3 formata da autovettori di f in questi casi.
[56] Nello spazio vettoriale V3 e` data la funzione f : V3 V3 cos` definita:
f (x) = i x + 2j x k x.
1. Provare che f e` un endomorfismo di V3 .
2. Determinare la dimensione e una base di ker f e di im f .
3. f e` diagonalizzabile?
[57] Si consideri la funzione:
f : R2,2 R2,2 ,

A 7

1
(A + tA).
2

1. Verificare che f e` un endomorfismo di R2,2 .


2. Scrivere la matrice associata ad f rispetto alla base canonica di R2,2 .
3. Determinare la dimensione e una base di ker f e di im f .
4. f e` diagonalizzabile? In caso affermativo, determinare una base di R2,2 di autovettori e la matrice a cui f e` associata, rispetto a tale base.

Diagonalizzazione

172

[58] Verificare che le matrici:

2 14 7
2 ,
A = 0 2
0 6
5

1
A0 = 0
0

0
2
0

0
0
2

sono associate allo stesso endomorfismo f : R3 R3 . Se A e` riferita alla base canonica


di R3 , determinare una base a cui e` riferita la matrice A0 .
[59] Si consideri lendomorfismo f : R2,2 R2,2 cos` definito:

 


 

h 2h
2 0
2h 2
1
2
f
=
, f
=
,
1 1
1 1
0 1
4
1

f

0 1
3
1




=

0 6+h
1 1


,


f

1
2
1 2




=

h 2 2h
5
2


,

con h R.
1. Scrivere la matrice associata ad f rispetto alla base canonica di R2,2 .
2. Al variare di h R, determinare la dimensione e una base di ker f e di im f .
3. Per quali valori di h esiste f 1 ? Determinare, in questi casi, la matrice associata
ad f 1 .
4. Per quali valori di h lendomorfismo f e` diagonalizzabile?
[60] Sia:
2,2

T (R ) =



x1 x2
x3 x4

2,2


| x3 = 0

il sottospazio vettoriale di R2,2 delle matrici triangolari superiori. Si consideri lendomorfismo f : T (R2,2 ) T (R2,2 ) tale che:

 

1
2
8 10

f
=

0 1
0 10

 


0
1
6 8
f
=
0 1
0 10


 


1 2
5 7

=
.
f
0 0
0 6

Capitolo 7

173

1. Si verifichi che f e` ben definito.


2. Scrivere la matrice A associata ad f rispetto alla base:

 
 

1 0
0 1
0 0
B=
,
,
0 0
0 0
0 1
di T (R2,2 ).
3. Determinare la dimensione e una base di ker f e di im f .
4. Dato:

H=

x1 x2
0 x3


T (R ) | x1 + 3x2 = 0 ,
2,2

determinare la dimensione e una base di f (H) e di f 1 (H).


5. f e` diagonalizzabile?
6. In caso affermativo scrivere una matrice D diagonale simile ad A e una base di
T (R2,2 ) a cui D e` riferita.
[61] Sia f : V3 V3 la funzione cos` definita:
f (x) = a x + (b a)(b x),
dove a = i j + k, b = i + k.
1. Verificare che f e` un endomorfismo di V3 .
2. Scrivere la matrice associata ad f rispetto alla base B = (i, j, k).
3. Determinare la dimensione e una base di ker f e di im f .
4. Determinare la dimensione e una base di f (W), dove W = {x V3 | x a = 0} e
la dimensione e una base di f 1 (U), dove U = {x V3 | x b = o}.
5. Verificare che C = (i + j, i j + k, 2k) e` una base di V3 e scrivere la matrice A0
associata ad f rispetto alla base C .
6. f e` diagonalizzabile?

Diagonalizzazione

174

[62] In R2,2 si consideri la funzione:


f : R2,2 R2,2 ,

A 7 tA.

1. Verificare che f e` un endomorfismo di R2,2 .


2. Scrivere la matrice associata ad f rispetto alla base canonica di R2,2 .
3. f e` invertibile? In caso positivo, determinare una matrice associata a f 1 .
4. f e` diagonalizzabile? In caso positivo, scrivere una matrice diagonale simile alla
matrice associata ad f e determinare una base rispetto alla quale tale matrice e` data.
[63] Si consideri lendomorfismo:
f : R2,2 R2,2 ,
dove:


A=

X 7 AX XA,

1
h
1 1


,

h R.

1. Determinare, al variare di h, la dimensione e una base di ker f .


2. Stabilire per quali valori di h lendomorfismo f e` diagonalizzabile.
3. Posto h = 3, trovare una base di R2,2 formata da autovettori di f .
4. Posto h = 0, determinare la dimensione e una base del sottospazio vettoriale
im f W , dove:

W=

x1 x2
x3 x4

2,2


| 2x1 + x3 = 2x2 3x3 + 2x4 = 0 .

[64] In V3 si considerino i vettori a = i j, b = j + k. Sia f : V3 V3 la funzione


cos` definita:


xab
a b.
f (x) = x
k a b k2
1. Provare che f e` un endomorfismo e precisarne il suo significato geometrico.
2. Scrivere la matrice associata ad f rispetto alla base B = (i, j, k).

Capitolo 7

175

3. Dopo aver verificato che B 0 = (a, b, a b) e` una base di V3 , scrivere la matrice


associata ad f rispetto alla base B 0 .
4. Determinare la dimensione e una base sia di ker f sia di im f . Stabilire se f e`
diagonalizzabile e, in caso affermativo, trovare una base di V3 formata da autovettori di f . (Questo punto non richiede calcoli se le risposte vengono adeguatamente
giustificate).
[65] Si consideri lendomorfismo f di S(R2,2 ) tale che:

 

1
0
1
0

f
=

0 0
0 h

 


0 1
0 2
f
=
1 0
2 1


 


1 0
1+h
0

=
,
f
0 1
0
1+h

h R.

1. Stabilire per quali valori di h f e` diagonalizzabile.


2. Posto h = 1, trovare la dimensione e una base del sottospazio vettoriale f (W),
dove:



a b
2,2
W=
S(R ) | a b + c = 0 .
b c
[66] Si consideri il seguente endomorfismo di R2,2 :
2,2

f :R

2,2

R ,

X 7 B XB,


dove B =

1
0
h 1


,

h R.

1. Trovare per quali valori di h R lendomorfismo f e` un isomorfismo.


2. Stabilire per quali valori di h R lendomorfismo f e` diagonalizzabile.
3. Posto h = 1, trovare una base di R2,2 formata da autovettori di f .
[67] Sia f lendomorfismo di R3 che verifica simultaneamente le seguenti condizioni:
a. ker f = {(x1 , x2 , x3 ) R3 | x1 + x3 = x2 + x3 = 0};
b. f ((1, 0, 1)) = (1, 2, 3);

Diagonalizzazione

176

c. (1, 1, 0) e` un autovettore di f relativo allautovalore 1.


1. Trovare la matrice di f rispetto alla base canonica di R3 .
2. Stabilire se f e` diagonalizzabile e, in caso positivo, trovare una base di R3 formata
da autovettori di f .

[68] Data la matrice:



B=

1
2
h 6


,

h R,

si consideri lendomorfismo di R2,2 :


f : R2,2 R2,2 ,

X 7 XB.

1. Per ogni valore di h, determinare la dimensione e una base di ker f e di im f .


2. Scelto lunico valore di h per cui f non e` un isomorfismo, stabilire se f e` diagonalizzabile.
3. Per il valore di h determinato nel punto precedente, trovare la dimensione e una
base di f (W), dove:
W = {X R2,2 | tX = X}.
[69] Dato lendomorfismo:
f : R2,2 R2,2
tale che f (A) = tA,
1. scrivere la matrice associata ad f rispetto alla base canonica di R2,2 ;
2. determinare la dimensione e una base di ker f e di im f ;
3. determinare la dimensione e una base di f (S(R2,2 )) e di f (A(R2,2 ));
4. determinare una base di ciascun autospazio di f ;
5. f e` diagonalizzabile?

Capitolo 7

177

[70] In R2,2 si considerino i sottoinsiemi:




2,2

S(R ) =

x1 x2
x3 x4

2,2


| x2 = x3

delle matrici simmetriche e:



W=

x1 x2
x3 x4

2,2


| x1 + x4 = 0

delle matrici a traccia nulla.


1. Dimostrare che S(R2,2 ) e W sono sottospazi vettoriali di R2,2 , determinare le loro
dimensioni e una base di ciascuno.
2. Data lapplicazione lineare:
f : S(R2,2 ) W
cos` definita:

f

x1 x2
x2 x3




=

2x2 2x3 2x1 + 4x2 + 2x3


2x1 2x2
2x2 + 2x3


,

calcolare la dimensioni e una base sia di ker f sia di im f .


3. Determinare la dimensione e una base di f (H), dove:

H=

x1 x2
x2 x3


S(R ) | x1 + x2 + x3 = 0
2,2

e la dimensione e una base di f 1 (K), dove:



K=

y1
y2
y3 y1


W | y1 + 3y3 = 0 .

4. Detta A la matrice associata a f rispetto ad una base di S(R2,2 ) e ad una base di


W , stabilire se A e` diagonalizzabile e, in caso affermativo, determinare una matrice
diagonale D simile ad A.

Diagonalizzazione

178

[71] Dato lendomorfismo f : R3 R3 definito, relativamente alla base canonica di


R3 , dalla matrice:

0
h
h
h+h2
1 , h R,
A= 1
1+h
0
1+h
1. trovare il valore di h per cui ker f abbia dimensione 2 e determinarne una base.
2. Posto h = 1, determinare gli autovalori e gli autospazi di f .
3. f e` diagonalizzabile?
[72] Dato lendomorfismo f : R4 R4 definito da:
f ((x, y, z, t)) = (0, 0, x, y),
1. determinare la dimensione e una base sia di ker f sia di im f .
2. Calcolare la dimensione e una base sia di f (H) sia di f 1 (H), dove:
H = {(x, y, z, t) R4 | x + y z t = 0}.
3. Determinare autovalori e autospazi di f . Lendomorfismo f e` diagonalizzabile?
[73] Sia f : R4 R3 unapplicazione lineare la cui matrice, rispetto alle basi canoniche di R4 e di R3 , e` :

2
0
1 3
0
1 , h R.
A = 1 1
3
1 1 2h
1. Al variare di h, trovare la dimensione e una base di ker f e di im f .
Posto h = 1:
2. stabilire per quali valori di k R, il vettore (k 2 2, k 2, 2k) appartiene a im f.
3. Determinare la dimensione e una base sia di f (H) sia di f 1 (K), dove:
H = {(x1 , x2 , x3 , x4 ) R4 | x1 x2 = x3 + x4 = 0},
K = {(y1 , y2 , y3 ) R3 | 2y1 + y2 2y3 = 0}.
4. Dire se lendomorfismo di R4 associato, rispetto alla base canonica di R4 , alla
matrice tA A e` diagonalizzabile.

Capitolo 7

179

[74] In V3 , rispetto ad una base ortonormale positiva B = (i, j, k), dato il vettore a =
2i j + k, si consideri la funzione f : V3 V3 definita da f (x) = 2x a.
1. Verificare che f e` un endomorfismo di V3 .
2. Scrivere la matrice associata ad f rispetto alla base B.
3. Determinare la dimensione e una base sia di ker f sia di im f .
4. Determinare la dimensione e una base sia di f (W) sia di f 1 (W), dove W e` il
sottospazio vettoriale di V3 costituito da tutti i vettori ortogonali ad a.
5. Determinare gli autovalori di f e una base di ciascun autospazio. f e` diagonalizzabile?
[75] Data lapplicazione lineare f : R4 R2 definita da:
f ((x, y, z, w)) = (x z, y + z),
1. scrivere la matrice A di f rispetto alle basi canoniche di R4 e di R2 .
2. Trovare la dimensione e una base sia di ker f sia di im f .
3. Trovare gli autovalori e gli autospazi della matrice B = tA A.
4. Determinare la dimensione e una base di f 1 (H), dove:
H = {(a, a) R2 | a R}.
[76] Si consideri lendomorfismo f : R3 R3 definito da:

f (e1 ) = e1 2e2 + 2e3


f (e2 ) = 2e1 + 4e3

f (e3 ) = e2 ,
con (e1 , e2 , e3 ) base canonica di R3 .
1. Determinare la dimensione e una base sia di ker f sia di im f .
2. Calcolare gli autovalori e gli autospazi di f e dire se f e` diagonalizzabile.
3. Determinare i vettori v di R3 tali che f (v) = 2v.

Diagonalizzazione

180

[77] In R3 si considerino i vettori:


u2 = (2, 1, 0),

u1 = (1, 0, 2),

u3 = (0, 1, 1).

1. Provare che B1 = (u1 , u2 , u3 ) e` una base di R3 .


2. Scrivere le componenti del vettore e2 = (0, 1, 0) di R3 rispetto alla base B1 .
3. Siano U = L(u1 , u2 ) e V = L(u3 ), definito lendomorfismo:
f : R3 R3
tale che lautospazio relativo allautovalore 2 sia U e lautospazio relativo allautovalore 1 sia V , scrivere la matrice A1 associata ad f rispetto alla base B1 e indicare
le operazioni da svolgere (senza sviluppare i calcoli) per determinare la matrice A
associata ad f rispetto alla base canonica di R3 .
[78] In R2,2 si considerino le matrici:

U1 =

1 1
0 0


,


U2 =

0 1
0 1


,


U3 =

0 0
1 1


,


U4 =

1 0
0 0


.

1. Verificare che B 0 = (U1 , U2 , U3 , U4 ) e` una base di R2,2 e determinare le componenti


di:


1 0
A=
0 3
rispetto a B 0 .
2. Scrivere la matrice associata, rispetto alla base canonica B = (E11 , E12 , E21 , E22 ),
allendomorfismo f : R2,2 R2,2 cos` definito:
(

f (E11 ) = f (E22 ) = U3
f (E12 ) = f (E21 ) = U1 U4 .

3. Determinare la dimensione e una base sia di ker f sia di im f .


4. Calcolare gli autovalori di f e dire se f e` diagonalizzabile.

Capitolo 7

181

[79] Nello spazio vettoriale V3 si consideri la funzione:


f : V3 V3 ,

x 7 x 2(x u) u,

dove u = (0, 1, 1).


1. Verificare che f e` un endomorfismo di V3 .
2. Scrivere la matrice associata ad f rispetto alla base B = (i, j, k).
3. Determinare la dimensione e una base sia di ker f sia di im f .
4. Calcolare gli autovalori e gli autospazi di f .
5. f e` diagonalizzabile? In caso positivo determinare una base di V3 formata da
autovettori di f .
6. Sia H il sottospazio vettoriale di V3 dei vettori ortogonali ad u. Calcolare la
dimensione e una base sia di f (H) sia di f 1 (H).

[80] Nello spazio vettoriale V3 si consideri lapplicazione lineare f : V3 V3 cos`


definita:

f (2i + j) = 5i 4j + k

f (j + 2k) = i 4j 5k

f (i + k) = i 2j k.
1. Scrivere la matrice A associata ad f rispetto alla base B = (i, j, k) e verificare che
A e` simmetrica.
2. Determinare la dimensione e una base sia di ker f sia di im f .
3. Trovare gli autovalori e gli autospazi di f .
4. Determinare la dimensione e una base di f (H), dove:
H = {x V3 | x (2i + j 2k) = o}
e scriverne le equazioni, rispetto alla base B, che definiscono f (H).

Diagonalizzazione

182

[81] Si consideri lapplicazione lineare f : R2,2 R4 , con matrice associata:

1
0
A=
2
0

0
0
0
0
1
1
,
0 2 2
1 1
0

rispetto alle basi canoniche di R2,2 e di R4 .


1. Determinare la dimensione e una base sia di ker f sia di im f .
2. Determinare la dimensione e una base di f 1 (K), con:
K = {(y1 , y2 , y3 , y4 ) R4 | y1 y2 = y2 + y4 = 0}.
3. Deteminare gli autovalori e gli autospazi di A. La matrice A e` diagonalizzabile?
4. Determinare unapplicazione lineare g : R4 R2,2 tale che:

ker g = im f,

g((0, 0, 1, 0)) =

1 2
0 1


.

g e` unica?
[82] In R2,2 si consideri il sottospazio vettoriale A(R2,2 ) delle matrici antisimmetriche.
1. Determinare un sottospazio vettoriale W supplementare di A(R2,2 ).
2. Sapendo che ogni matrice A di R2,2 si decompone in modo unico come:
A = A1 + A2 ,

A1 A(R2,2 ), A2 W,

scrivere, rispetto a basi opportune, la matrice associata allendomorfismo:


f : R2,2 R2,2 ,

A 7 A2 .

3. Considerato il prodotto scalare standard di R2,2 , determinare, con adeguata giustificazione, i casi in cui f e` un endomorfismo autoaggiunto.

Capitolo 7

183

[83] Si considerino le applicazioni lineari: f : R2 R3 e g : R3 R2 associate alle


matrici, rispetto alle opportune basi canoniche:



1
1
1
2
0
0 , B = M (g) =
A = M (f ) = 0
.
0 1 2
1 1
1. Determinare la dimensione e una base sia di ker f sia di im f .
2. Determinare la dimensione e una base sia di ker g sia di im g .
3. Determinare la dimensione e una base di g(H), con:
H = {(x, y, z) R3 | x + y = 0}.
4. Calcolare gli autovalori e gli autospazi di h1 = g f e di h2 = f g .
5. h1 e h2 sono diagonalizzabili? In caso affermativo scrivere tutte le matrici diagonali
associate ad h1 e ad h2 .
[84] Si consideri lapplicazione lineare f : R3 R3 di equazioni:
0
x =x+y+z
y 0 = (3 + a)x + (1 + 2a)y z
0
z = (2 + a2 )x + az,
a R.
1. Al variare di a determinare la dimensione e una base sia di ker f sia di im f .
2. Posto a = 0, determinare gli autovalori di f e stabilire se, in questo caso, lendomorfismo f e` diagonalizzabile.
[85] 1. Dati i numeri reali a, b, c R, verificare che esiste ed e` unico lendomorfismo f
di R3 tale che:

f (e1 e2 ) = (1 a) e1 + e2

f (e2 e3 ) = (a b) e1 (1 + c) e2 e3

f (2e + e ) = (2 + b) e + c e + e ,
1
3
1
2
3
dove B = (e1 , e2 , e3 ) e` la base canonica di R3 .

Diagonalizzazione

184

2. Verificare che la matrice associata a f rispetto alla base B e` :

1
a b
A = 0 1 c .
0
0 1
3. Determinare per quali valori di a, b, c la matrice A e` diagonalizzabile.
[86] Si consideri la funzione:
f : R2,2 R2,2 ,
con:


A=

X 7 AX,

1 1
0
1


.

1. Verificare che f e` un endomorfismo.


2. Scrivere la matrice associata ad f rispetto alla base canonica B di R2,2 .
3. Determinare la dimensione e una base sia di ker f sia di im f .
4. Sia H il sottospazio vettoriale di R2,2 delle matrici aventi traccia nulla, determinare
la dimensione e una base sia di f (H) sia di f 1 (H) e le loro equazioni, rispetto
alla base B.
5. Calcolare gli autovalori e gli autospazi di f .
6. f e` diagonalizzabile?
[87] Dato lendomorfismo f di R4 cos` definito:
f ((x, y, z, w)) = (x + w, x + 2y w, x + 2z w, 3w),
1. scrivere la matrice associata ad f rispetto alla base canonica di R4 .
2. Verificare che f e` un isomorfismo.
3. Trovare gli autovalori e gli autospazi di f .
4. Dire se esistono due vettori distinti u, v R4 per i quali f (u) = f (v).

Capitolo 7

185

[88] Nello spazio vettoriale V3 e` dato il vettore


a = i + 2j. Si consideri la funzione f : V3 V3 definita da f (x) = x a.
1. Verificare che f e` un endomorfismo e scrivere la matrice ad esso associata, rispetto
alla base B = (i, j, k).
2. Indicata con H la retta vettoriale generata da a, calcolare la dimensione e una base
di f (H) e giustificare, mediante considerazioni geometriche, la risposta ottenuta.
3. Indicato con K il piano vettoriale ortogonale al vettore a, calcolare la dimensione e
una base di f 1 (K) e giustificare, mediante considerazioni geometriche, la risposta
ottenuta.
4. Calcolare gli autovalori di f e una base dei relativi autospazi.
[89] Nello spazio vettoriale V3 e` dato il vettore w = (0, 1, 2). Definito lendomorfismo
f : V3 V3 tale che f (x) = w x, scrivere la matrice associata, rispetto alla base
B = (i, j, k), allendomorfismo g aggiunto di f .
[90] Si consideri lendomorfismo f : R3 R3 cos` definito:
f ((x1 , x2 , x3 )) = (x1 + kx2 , x1 + x3 , x2 x3 ),

k R.

1. Al variare di k stabilire se f e` iniettivo e/o suriettivo.


2. Al variare di k calcolare la dimensione e una base sia di f (H) sia di f 1 (H), dove:
H = {(x1 , x2 , x3 ) R3 | x1 x2 = 0}.
3. Posto k = 1, determinare gli autovalori di A e una base di R3 formata da autovettori di A.
[91] Verificare che un endomorfismo f : V V di uno spazio vettoriale reale V tale
che f 2 = f , dove per f 2 si intende la composizione f f , ha come possibili autovalori
solo i numeri 0 e 1.
[92] Verificare che se f : V V e` un endomorfismo diagonalizzabile di uno spazio
vettoriale reale V , anche f 2 , dove per f 2 si intende la composizione f f , e` diagonalizzabile. Vale il viceversa?

Diagonalizzazione

186

[93] Verificare che un endomorfismo f : V V di uno spazio vettoriale reale V tale


che f 3 = f , dove per f 3 si intende la composizione f f f , ha come possibili autovalori
solo i numeri 0, 1 e 1.
[94] Si consideri lendomorfismo f : R3 R3 tale che:

f (e1 ) = e1 e3

f (e2 ) = e2

f (e ) = e + e .
3
1
3
1. Determinare la dimensione e una base sia di ker f sia di im f . Verificare che:
ker f im f = R3 .
2. Dire perche f e` diagonalizzabile. Senza calcolare gli autospazi determinare una
base B 0 di R3 formata da autovettori di f e scrivere la matrice associata ad f
rispetto a tale base.
3. Esplicitare il legame tra la matrice associata ad f rispetto alla base canonica B =
(e1 , e2 , e3 ) e la matrice associata ad f rispetto alla base B 0 .
[95] Si considerino le seguenti matrici:

2 0 0
A = 0 1 0 ,
1 0 1

1
0

1
2
B=
1 1

0
0 .
1

1. Stabilire se A e B sono diagonalizzabili. In ciascun caso affermativo, determinare


una matrice diagonale simile alla matrice data e una matrice del cambiamento di
base che permette di pervenire alla matrice diagonale ottenuta.
2. Dire se A e B sono matrici associate ad uno stesso endomorfismo f : R3 R3 ,
rispetto a basi diverse (giustificare la risposta).
[96] Si consideri la funzione:
f : R2 [x] R2 [x]
tale che:
f (a0 + a1 x + a2 x2 ) = (2a0 9a1 + 3a2 ) + (a0 + 4a1 a2 )x + (a0 + 3a1 )x2 .

Capitolo 7

187

1. Verificare che f e` un endomorfismo di R2 [x].


2. Determinare la dimensione e una base sia di ker f sia di im f .
3. Determinare la dimensione e una base di f (H), dove H e` il sottospazio vettoriale
dei polinomi di R2 [x] aventi una radice uguale a 2.
4. Determinare gli autovalori di f e una base per ciascun autospazio.
5. f e` diagonalizzabile? In caso affermativo, scrivere una matrice diagonale a cui f e`
associata e una base rispetto alla quale tale matrice e` data.
[97] Si consideri lapplicazione lineare:
f : R2,2 R3 [x],
cos` definita:


a b
f
= 2a b d (3b + 2c d)x + (4a + 7b + 6c 5d)x2 + (3a + c 2d)x3 .
c d
1. Trovare la dimensione e una base sia di ker f sia di im f .
2. La matrice associata ad f , rispetto alle basi canoniche di R2,2 di R3 [x], e` diagonalizzabile?
3. Verificare che:
G = {p(x) R3 [x] | p(x) e` divisibile per x}
e` un sottospazio vettoriale di R3 [x] e determinare la dimensione e una base di
f 1 (G).
[98] 1. Scrivere la matrice, rispetto alla base canonica, dellendomorfismo f di R3 [x]
sapendo che:
a. f (1 + x x3 ) = x + x2 x3 ,
b. f (2 + x2 ) = h + 3x hx2 ,

h R;

c. p(x) = x3 e` un autovettore di f ;
d. f (x x3 ) {a1 + a2 x + a3 x2 + a4 x3 R3 [x] | a3 + 4a4 = 0};

Diagonalizzazione

188

e. 2 + x3 ker f.
2. Trovare, per ogni valore di h R, la dimensione e una base sia di ker f sia di im f .
3. Stabilire per quali valori del parametro h lendomorfismo f e` diagonalizzabile.
[99] Si consideri lendomorfismo f di R2 [x] cos` definito:

f (2 + 3x 4x2 ) = 2 4x + 3kx2

f (1 2x + 3x2 ) = 1 + 3x 2kx2

f (5 4x + x2 ) = 5 + x 4kx2 , k R.
1. Scrivere la matrice A, associata ad f rispetto alla base B = (1, x, x2 ).
2. Determinare la dimensione e una base sia di im f sia di ker f , al variare del parametro k in campo reale.
3. Stabilire per quali valori di k lendomorfismo f e` invertibile e, in questi casi,
scrivere la matrice associata a f 1 , rispetto alla base B.
4. Determinare, al variare di k , la dimensione e una base di f (H), dove:
H = {x(a0 + a1 x) R2 [x] | a0 , a1 R}
e di f 1 (K), dove:
K = {a0 (x 2)(x 3) R2 [x] | a0 R}.
5. Per quali valori di k esiste un endomorfismo g di R2 [x] tale che g f = 3 id (dove
id indica lidentit`a in R2 [x])? Determinare, quando e` possibile, la matrice associata
a g , rispetto alla base B.
6. Per quali valori di k lendomorfismo f e` diagonalizzabile? In questi casi, scrivere una matrice diagonale A0 associata ad f e una base rispetto alla quale questa
matrice e` data.
[100] Si consideri loperatore di derivazione:
d : R5 [x] R5 [x],

p(x) 7 p0 (x),

che associa ad ogni polinomio la sua derivata prima.

Capitolo 7

189

1. Giustificare che d e` un endomorfismo di R5 [x].


2. Determinare tutti gli autovalori di d e una base dei relativi autospazi.
3. Verificare che d non e` diagonalizzabile.
[101] In R3 [x] si consideri il sottospazio vettoriale:
W1 = L(1 + x, x + x2 ).
1. Determinare un sottospazio vettoriale W2 di R3 [x] tale che:
W1 W2 = R3 [x].
2. E` noto che ogni polinomio p(x) R3 [x] si pu`o scrivere in modo unico come:
p(x) = p1 (x) + p2 (x),

p1 (x) W1 , p2 (x) W2 ;

data la funzione:
f : R3 [x] R3 [x],

p(x) 7 p1 (x) p2 (x),

verificare che f e` un endomorfismo di R3 [x].


3. Determinare la matrice A associata ad f rispetto alla base B = (1, x, x2 , x3 ) di
R3 [x].
4. Determinare la dimensione e una base sia di ker f sia di im f .
5. Calcolare la dimensione e una base sia di f (W1 ) sia di f 1 (W1 ).
6. f e` diagonalizzabile?
[102] Si consideri lendomorfismo:
f : R2 [x] R2 [x]
cos` definito:
f (a0 + a1 x + a2 x2 ) = 2a0 + (12a0 + 8a1 + 12a2 )x + (8a0 4a1 6a2 )x2 .
1. Determinare la dimensione e una base sia di ker f sia di im f .
2. Calcolare la dimensione e una base sia di f (W) sia di f 1 (W), dove W e` il
sottospazio vettoriale di R2 [x] dei polinomi aventi 3 come radice.
3. f e` diagonalizzabile? In caso affermativo, determinare una base di R2 [x] rispetto
alla quale la matrice associata ad f sia diagonale.

Diagonalizzazione

190

[103] Data lapplicazione lineare f : R2,2 R3 [x] definita da:




a b
f
= a + (b + c)x2 + dx3 ,
c d
1. trovare la matrice A associata ad f rispetto alla base canonica di R2,2 e alla base
(1, x, x2 , x3 ) di R3 [x].
2. Determinare la dimensione e una base sia di ker f sia di im f .
3. A e` diagonalizzabile? In caso positivo, scrivere una matrice diagonale D e una
matrice P tale che D = P 1 AP .

7.2

Per saperne di piu` Esercizi

[1] Per ciascuna delle seguenti coppie A, B di matrici verificare che sono simultaneamente diagonalizzabili e determinare una base comune di autovettori. Trovare, inoltre,
una matrice diagonale D simile ad A ed una matrice diagonale D0 simile a B .

2 0 0
1 0 0
1. A = 0 2 0 , B = 2 3 0 .
1 0 3
2 0 3

3 2 2
2
0 ,
2. A = 0
0 1
1

66

4
3. A =
53

1
24
4. A =
0
8

190
13
148

2
1
1
0
0 .
B= 0
0 1 1

68
4 ,
55

0
2
0
1
48
6
,
0
2
0
0 16 1

30

2
B=
25

2
12
B=

0
16

16 16
4
16
0
0
0
0
,
5. A =
48
48 12 48
0
0
0
0

96
8
75

32
2 .
27
0 8
3 24
0 2
0 32

0
3
.
0
2

9
12 3 12
3 3
1
3
.
B=
12 12
4
12
9 12
3
12

Capitolo 7

0
2
1

0
0 ,
1

1
B = 3
3

1
8

0 1
7. A =
0
4

8
0 ,
3

1
6. A = 3
5

3
8. A = 1
1

0
1
4 1 ,
0
3

3
3

9. A = 2 2
1
1

0
0 ,
0

1
0
2
2 1 2
10. A =
0
0 1
0
0
0

1
11. A = 0
0

1 5
2 3 ,
0 1

191

0
0 .
1

0
4
3

B = 1
1

4
2 .
0

3
2
0

3 3
2
B = 1 1 2 .
1 3
0

6
4 4
4 .
B = 4 2
2
2
0

0
2
,
0
1

1
1
B=
0
0

1
B= 0
0

0
0
0 1
0
1
0
0

0
1
.
0
1

3 3
4 3 .
0
1

[2] Nello spazio vettoriale R3,3 sono date le matrici:

1
0
A = 8 1
8
0

0
4 ,
3

0 1
2
B= 3
4
2

1
0 .
0

1. Verificare che A e B sono simultaneamente diagonalizzabili.


2. Determinare una base di R3 che le diagonalizzi entrambe.
3. Dopo aver verificato che A e B sono invertibili, stabilire se sia possibile trovare
una base di R3 che diagonalizzi simultaneamente A1 e B 1 .

Diagonalizzazione

192

7.3

Soluzioni

[1] Autovalori con le relative molteplicit`a:

1 = 2, m1 = 1; 2 = 2 2, m2 = 1; 3 = 2 + 2, m3 = 1;

autospazi V1 = L((1, 0, 1)), V2 = L((1, 2, 1)), V3 = L((1, 2, 1)).


[2] Autovalori con le relative molteplicit`a:
1 = 5, m1 = 1; 2 = 0, m2 = 1; 3 = 4, m3 = 1;
autospazi V1 = L((0, 1, 1)), V2 = L((1, 1, 1)), V3 = L((9, 7, 11)).
[3] Autovalori con le relative molteplicit`a:
1 = 0, m1 = 1; 2 = 2, m2 = 2;
autospazi V1 = L((1, 1, 1)), V2 = L((1, 0, 1), (1, 1, 0)).
[4] Autovalori con le relative molteplicit`a:
1 = 0, m1 = 1; 2 = 1, m2 = 2; 3 = 3, m3 = 1;
autospazi V1 = L((1, 1, 1, 0)), V2 = L((0, 0, 0, 1), (1, 0, 1, 0)),
V3 = L((1, 2, 1, 0)).
[5] Autovalori con le relative molteplicit`a:
1 = 2, m1 = 1; 2 = 3, m2 = 1; 3 = 4, m3 = 1; 4 = 5, m4 = 1;
autospazi V1 = L((1, 1, 0, 0)), V2 = L((0, 0, 1, 1)), V3 = L((1, 1, 0, 0)),
V4 = L((0, 0, 1, 1)).
[6] Autovalori con le relative molteplicit`a:
1 = 4, m1 = 1; 2 = 1, m2 = 2; 3 = 6, m3 = 1;
autospazi V1 = L((5, 4, 3, 0)), V2 = L((0, 0, 0, 1), (0, 3, 4, 0)),
V3 = L((5, 4, 3, 0)).
[7] Autovalori con le relative molteplicit`a:

Capitolo 7

193

1 = 0, m1 = 1; 2 = 2, m2 = 3;
autospazi V1 = L((0, 1, 1, 0)), V2 = L((0, 0, 0, 1), (0, 1, 1, 0), (1, 0, 0, 0)).

[8] Autovalori con le relative molteplicit`a:

1 = 5, m1 = 2; 2 = 5, m2 = 2;

autospazi V1 = L((0, 0, 2 + 5, 1), (2 + 5, 1, 0, 0)),

V2 = L((0, 0, 2 5, 1), (2 5, 1, 0, 0)).

[9] 1. Il valore richiesto e` a = 0 e si ottiene imponendo la condizione det(A I) = 0.


2. A non ammette tre autovettori linearmente indipendenti.

0 2

[10] 1. P = 1 1
1
7

0
0 .
1

2. Una tale matrice Q non esiste, perche A non e` simmetrica.

[11] 1. I valori richiesti sono h = 0, h = 1.


2. Autovalori con le relative molteplicit`a:
1 = 1, m1 = 1; 2 = 0, m2 = 1; 3 = 1, m3 = 1;
autospazi V1 = L((1, 1, 0)), V2 = L((1, 1, 1)), V3 = L((1, 1, 0)).
3. S`, A e` diagonalizzabile, poiche ogni autovalore ha molteplicit`a 1.

[12] 1. Autovalori con le relative molteplicit`a:


1 = 3, m1 = 2; 2 = 6, m2 = 1;
autospazi V1 = L((1, 0, 1), (1, 2, 0)), V2 = L((2, 1, 2));

2.


1
1
, 0, ,
2
2

! 

!
1 2 2 1
2 1
2
,
,
,
, ,
;
3 3
3
3 2 3 3 2

Diagonalizzazione

194

3. P = 0

1

3 2

2 2
3
1

3 2

2
3

1 .

[13] 1. Il valore richiesto e` h = 2.


2. Autovalori con le relative molteplicit`a:
1 = 0, m1 = 2; 2 = 3, m2 = 1;
autospazi V1 = L((1, 0, 3), (2, 3, 0)), V2 = L((1, 1, 2)).

0 0 0
D = 0 0 0 data rispetto alla base:
0 0 3
B = ((1, 0, 3), (2, 3, 0), (1, 1, 2)).
[14] A ammette lautovalore = 0 perche det(A) = 0.
[15] Se a 6= 0 si ha una sola soluzione X = O, con O R3,1 matrice nulla;
se a = 0 si hanno infinite soluzioni:

t

t , t R.
X=
0

2 2
1
0 ,
B = tA + A = 2 2
1
0 2
i cui autovalori con le relative molteplicit`a sono:
1 = 3, m1 = 1; 2 = 2, m2 = 2; 3 = 3, m3 = 1.
[16] 1. A ha rango massimo se e solo se a
/ {0, 2}.

Capitolo 7

2. Autovalori con le relative molteplicit`a:


1 = 2, m1 = 1; 2 = 0, m2 = 2; 3 = 1, m3 = 1;
autospazi V1 = L((1, 1, 2, 0)), V2 = L((0, 0, 0, 1), (1, 1, 0, 0)),
V3 = L((1, 1, 1, 0)).

[17] 1. Il valore richiesto e` a = 2.


2. Autovalori con le relative molteplicit`a:
1 = 2, m1 = 1; 2 = 0, m2 = 1; 3 = 4, m3 = 1;
autospazi V1 = L((2, 1, 1)), V2 = L((0, 1, 1)), V3 = L((1, 1, 1)).

[18] 1. Se h
/ {1, 0, 1} esiste una sola soluzione;
se h {1, 0} non esistono soluzioni;
se h = 1 esistono infinite soluzioni che dipendono da unincognita libera.

2 3 0
2. C = 3 5 1 ; una matrice diagonale simile a C e` :
0 1 2

0 0 0
D = 0 2 0 ;
0 0 7
3. la risposta e` negativa.

[19] 1. I valori richiesti sono k 6= 0 e h 6= 2/k .

1
0
2. D = 0 1
0
0

0
0 ,
2

1
P = 0
1

1
1
1 1 .
0
1

3. A e` simmetrica, una matrice ortogonale richiesta e` :

195

Diagonalizzazione

196

1
2

Q=
0

3
1

1

3

1

.
3

[20] 1. Se 1 , 2 , . . . , k sono gli autovalori di A con relative molteplicit`a m1 , m2 , . . . , mk ,


1
1
1
rispettivamente, allora 1
con le stesse
1 , 2 , . . . , k sono gli autovalori di A
molteplicit`a m1 , m2 , . . . , mk .
2. D0 = D1 , P 0 = P .
[21] 1. Se 1 , 2 , . . . , k sono gli autovalori di A con relative molteplicit`a m1 , m2 , . . . , mk ,
rispettivamente, allora 21 , 22 , . . . , 2k sono gli autovalori di A2 . Se i e` un autovalore di A con molteplicit`a mi e i non e` un autovalore di A allora 2i e` autovalore di A2 con molteplicit`a mi . Se, invece, i e i sono entrambi autovalori
di A con molteplicit`a mi e mi rispettivamente, allora 2i e` autovalore di A2
con molteplicit`a mi + mi .
2. D0 = D2 , P 0 = P .
[22] Autovalori con le relative molteplicit`a:
1 = 1, m1 = 2; 2 = 1, m2 = 1; 3 = 3, m3 = 1;
autospazi V1 = L((0, 0, 1, 1), (1, 1, 0, 0)), V2 = L((1, 1, 0, 0)), V3 = L((0, 0, 1, 1)).
A e` diagonalizzabile.
[23] 1. Autovalori con le relative molteplicit`a:
1 = 1, m1 = 1; 2 = 0, m2 = 1; 3 = 2, m3 = 1.
2. S`, A e` diagonalizzabile in quanto ha tre autovalori distinti,

0
1 1
P = 1 2 0 .
1
1 1

Capitolo 7

[24] 1. Il valore richiesto e` h = 1.


2. A e` invertibile se e solo se h 6= 1.
3. A non e` diagonalizzabile.

[25] 1. Falso, per esempio O =

2. Falso, per esempio A =

0 0
0 0

1 1
0 1


e` diagonale ma non e` invertibile.


e` invertibile ma non e` diagonalizzabile.

2
0
0
4 3 , B e` simmetrica, quindi e` diagonalizzabile;
[26] B = 0
0 3
0

2+ 13

2 13

D=
0

[27] 1. A e` invertibile se e solo se k 6= 0.


2. A e` diagonalizzabile se e solo se k > 1/4, k 6= 0, k 6= 2.
[28] 1. det(A) = 7, quindi A e` invertibile;
6
7

2
=
7

2
7

A1

3
7

2
7

1
7

2
.

7

6
7

2. Autovalori con le relative molteplicit`a:

197

Diagonalizzazione

198

1 = 1, m1 = 2; 2 = 7, m2 = 1;
autospazi V1 = L((1, 0, 1), (2, 1, 0)), V2 = L((1, 2, 1)).

0
3. P =
1

2 1
1
2 .
0
1

1
1
1


2
3
6

1
2

4. Q =
.

3
6

1
1
1

2
3
6

[29] A e` simmetrica, quindi e` diagonalizzabile;

0
0
0
0

0
0
0

D=
.
5
33
0

0
0

5+ 33
0
0
0
2
[30] A e` diagonalizzabile perche ammette tre autovalori distinti;

3
0 0
2 0 7
6 .
D = 0 1 0 , P = 1 0
0
0 2
0 1 15
[31] 1. A e` invertibile per ogni k R.
2. A e` diagonalizzabile se e solo se k = 1.
[32] 1. Se h 6= 1 il rango di A e` 3,

Capitolo 7

199

se h = 1 il rango di A e` 2.

3 2 1
3 1 ,
2. B = 2
1
1 2
autovalori di B (tutti di molteplici`a 1) 1 = 0, 2 = 3, 3 = 5;
autospazi di B V1 = L((1, 1, 1)), V2 = L((1, 1, 2)), V3 = L((1, 1, 0));

1
1
1

3
6
2

1
1
1

P =
.

3
6
2

1
2

0
3
6
[33] 1. A e` invertibile se e solo se h 6= 1;
2. A e` diagonalizzabile se e solo se h < 0.
[34] 1. A e tA hanno gli stessi autovalori in quanto hanno lo stesso polinomio caratteristico.
2. Gli autovalori di A sono 1 = 1, 2 = 2 entrambi con molteplicit`a 2, gli autospazi ad essi relativi sono rispettivamente generati da:
{(0, 1, 0, 1), (1, 1, 1, 0)} e da {(1, 1, 0, 1), (0, 0, 1, 0)};
gli autovalori di tA coincidono con gli autovalori di A ma i rispettivi autospazi sono
diversi, infatti sono, rispettivamente, generati da:
{(1, 0, 0, 1), (1, 1, 0, 0)} e da {(1, 1, 0, 1), (1, 0, 1, 0)}
[35] A e` diagonalizzabile se e solo se h > 25/24.
[36] A e` diagonalizzabile:
i) se b 6= 1 e a = (b 1), R, allora:

Diagonalizzazione

200

1 0 0
D = 0 1 0 ,
0 0 b

1 0 0
P = 0 1 ;
0 0 1

ii) se b = 1 e a = 0, allora A = I e A0 = I.

[37] A e` diagonalizzabile se e solo se h 6= 1.

[38] La matrice A e` diagonalizzabile per ogni h R.


[39] 1. V = L((2, 1, 1, 0), (1, 0, 0, 1)), quindi una base richiesta e` :
B = ((1, 2, 0, 1), (0, 1, 1, 0), (2, 1, 1, 0), (1, 0, 0, 1)).
2. La matrice D simile ad A e relativa alla base B e` :

2
0
D=
0
0

0
2
0
0

0
0
0
0

0
0
.
0
0

[40] 1. Per esempio, si pu`o supporre V1 = U e completare la base ortonormale




1
1
di V1 ad una base ortonormale B di R4 data da:
0, , 0,
2
2





1
1
1
1
B=
0, , 0, , (1, 0, 0, 0), 0, , 0, , (0, 0, 1, 0) .
2
2
2
2

1
0
2. Per esempio D =
0
0

0
3
0
0

0
0
3
0

0
0
.
0
3

[41] 1. Posto k = 0:
a. A ammette lautovalore 2, per ogni h R.

Capitolo 7

2
b. D = 0
0

0
0 ,
4

0
2
0

2
0
P = 1 1
1
1

201

1
1 .
1

c. A e` simmetrica pertanto si pu`o ottenere una base ortonormale di autovettori.


2. Posto h = 0, A e` diagonalizzabile per k = 0.

[42] 1. No, A non e` diagonalizzabile.


2. Per esempio:
B = ((0, 1, 0), (1, 0, 0), (1, 0, 1)),
 
 


1
2
1
1
1
1
1
1
, , ,
.
C=
0, , , , ,
2
2
6
6
6
3
3
3

3. P =

0
3

1
1
1


e` una matrice ortogonale.
2
6
3

1
1
1

2
6
3

[43] 1. Se h 6= 0 la matrice A e` invertibile e:

1
h

1
h

2
h

.
2

1
h

2. Autovalori con le relative molteplicit`a:

Diagonalizzazione

202

1 = 0, m1 = 2; 2 =

1
1
(1 5), m2 = 1; 3 = (1 + 5), m3 = 1;
2
2

autospazi:

V1 = L((1, 1, 0, 1), (1, 1, 2, 0)), V2 = L

V 3 = L



1
(1 5), 0, 1, 0 ,
2



1
(1 + 5), 0, 1, 0 .
2

3. La matrice A e` diagonalizzabile perche la dimensione degli autospazi coincide con


la molteplicit`a dei relativi autovalori.

[44] Le matrici diagonali simili ad A sono:

1
0

0 1
D1 =
0
0

0
1

0 , D2 =
0
0
0

0
0
1

0
0 , D3 =
0
0 1
0

0
1
0

0
0 ,
0

0
0
0 , D5 = 0
1
0

0
0
0
0
1
0 , D6 = 0 1
0 1
0
0

0
0 .
1

1
D4 = 0
0

0
0
0

[45] 1. Autovalori (tutti di molteplicit`a 1) 1 = 1, 2 = 3, 3 = 7;


autospazi V1 = L((1, 2, 1)), V2 = L((1, 0, 1)), V3 = L((1, 1, 1));

1
1

0
2. P = 2
1 1

1
1 ;
1

1
1

6
2

0
3. Q =

1
1

6
2

1

.
3

Capitolo 7

203

[46] 1. Autovalori con le relative molteplicit`a:


1 = 3, m1 = 2; 2 = 3, m2 = 1;
autospazi V1 = L((1, 0, 0), (0, 1, 1)), V2 = L((0, 1, 1)).

3
0
2. D = 0 3
0
0

0
3. Q =

0
1

2
1

0
1
0
0 , P = 0
1
3
0 1
0

0
1 .
1


.
2

[47] 1. A ha autovalori con relative molteplicit`a:


1 = 0, m1 = 3; 2 = 1, m2 = 1; 3 =

4 = 2, m4 = 1; 5 = 3, m5 = 2.

2, m3 = 1;

Poiche 1 dim(V1 ) 3 e rank(A) = 8 dim(V1 ) si ha 5 rank(A) 7.


2. A e` diagonalizzabile se e solo se dim(V1 ) = 3 e dim(V5 ) = 2.

[48] 1. La matrice A ha tre autovalori distinti 1 = 0, 2 = 2, 3 = 3;


i relativi autospazi sono V1 = L((1, 2, 3)), V2 = L((1, 2, 1)), V3 = L((1, 1, 0)).
2. Le matrici diagonali simili ad A sono:

0 0 0
0 0 0
2 0 0
0 2 0 , 0 3 0 , 0 0 0 ,
0 0 3
0 0 2
0 0 3

2 0 0
3 0 0
3 0 0
0 3 0 , 0 0 0 , 0 2 0 .
0 0 0
0 0 2
0 0 0

204

Diagonalizzazione

[49] Il polinomio caratteristico di A e` P () = (

p
det(A))2 da cui segue la tesi.

[50] 1. Il rango della matrice avente sulle righe le componenti dei vettori dati e` 4.
2. f non e` un endomorfismo perche f (v1 + v2 + v3 ) 6= f (v1 ) + f (v2 ) + f (v3 ),
g invece e` un endomorfismo in quanto g(v1 + v2 + v3 ) = g(v1 ) + g(v2 ) + g(v3 ).
3. Gli autovalori di g e le loro rispettive molteplicit`a sono:
1 = 0, m1 = 1; 2 = 1, m2 = 3;
i relativi autospazi sono V1 = L((2, 1, 1, 1)), V2 = L((1, 0, 0, 0)).
4. No, g non e` diagonalizzabile.

[51] 1. Se h 6= 1 ker f = {O} e im f = R2,2 , O R2,2 e` la matrice nulla;



 

1 0
0 1
se h = 1 ker f = L
,
e
1 0
0 1

 

1 0
0 1
im f =
,
.
3 0
0 3
2. Gli autovalori di f con le rispettive molteplicit`a e gli autospazi sono:
1 = 2, m1 = 2, V1 = im f ; 2 = 0, m2 = 2, V2 = ker f ;
f e` diagonalizzabile.

 
 

1 0
0 1
1 1
1
3. f (G) = L
,
,
.
1 0
0 1
0 0

[52] 1. f e` un endomorfismo perche le equazioni che lo definiscono sono lineari e omogenee nelle variabili x1 , x2 , x3 , x4 .

1
17 10
9
0
1
0
0
.
A=
0
11
8
6
0 13 8 6


6 0
2. dim(ker f ) = 1, ker f = L
;
3 4

Capitolo 7

205



 
 

1 0
17
1
10
0
dim(im f ) = 3, im f = L
,
,
.
0 0
11 13
8 8

 
 

37
0
17
1
7
0
3. dim(f (H)) = 3, f (H) = L
,
,
;
24 24
11 13
5 5
dim(f

(K)) = 2, f


(K) =

10
11

8
0

 
6
,
3

0
4


.

4. Gli autovalori di f con le rispettive molteplicit`a e gli autospazi sono:


1 = 0, m1 = 1; 2 = 1, m2 = 2; 3 = 2, m3 = 1;
V1 = L((6, 0, 3, 4)), V2 = L((0, 1, 1, 3), (1, 0, 0, 0)),
V3 = L((1, 0, 1, 1)).

0
0
5. S`, f e` diagonalizzabile, D =
0
0

0
1
0
0

0
0
1
0

0
6
0

0 1
0
, P =
3 1
0
2
4
3

1 1
0
0
.
0 1
0
1

[53] 1. V e` un sottospazio vettoriale di R2,2 in quanto la traccia e` unapplicazione lineare. (A1 , A2 , A3 ) e` una base di V perche i suoi elementi sono generatori di V linearmente indipendenti.

0
1 1
2 1 , h R.
2. M B,B (f ) = h
h 1
2
3. a. f e` un isomorfismo se h 6= 0.
b. f e` diagonalizzabile se h > 9/8. Infatti il polinomio caratteristico di f e` :
P () = 3 + 42 + (3 + 2h) 2h = 0.
Si consiglia di usare un qualsiasi programma di calcolo simbolico per la soluzione del problema.

3 0 0
[54] 1. M B,B (f ) = 0 1 1 .
0 2 2

Diagonalizzazione

206

2. S`, f e` diagonalizzabile.

a a a
[55] A = M (f ) = b b b , a, b R;
0 0 0
A e` diagonalizzabile se a + b 6= 0, oppure se a = b = 0. Nel primo caso una base
di autovettori e` data da ((1, 0, 1), (1, 1, 0), (a, b, 0)). Nel secondo caso, trattandosi
dellapplicazione lineare nulla, ogni base di R3 e` una base di autovettori.
[56] 1. La linearit`a segue dalle propriet`a del prodotto vettoriale.

0
B,B

2. M (f ) = 1
2

1
2
0 1 ,
1
0

rispetto alla base ortonormale B = (i, j, k);


dim(ker f ) = 1, ker f = L(i 2j + k);
dim(im f ) = 2, im f = L(j + 2k, i + k).
3. No, f non e` diagonalizzabile.

[57] 1 La linearit`a segue dalle propriet`a della matrice trasposta.

1
0
0
0

1
1
0
0

2
2

2. M (f ) =

1
1
0
0

2
2

0
0
0
1
e` la matrice associata ad f rispetto alla base canonica di R2,2 .


0 1
3. dim(ker f ) = 1, ker f = L
;
1 0

Capitolo 7


dim(im f ) = 3, im f = L

1 0
0 0

207

 
 

0 1
0 0
,
,
.
1 0
0 1

4. S`, f e` diagonalizzabile ed e` associata alla matrice:

1
0
D=
0
0

0
1
0
0

0
0
1
0

0
0
,
0
0

scritta rispetto alla base:



 
 
 

1 0
0 1
0 0
0 1
B=
,
,
,
.
0 0
1 0
0 1
1 0

[58] A0 = P 1AP,

2
P =
3

0
1
2

1
0 ,
0

dalla matrice P si risale alla base richiesta.

h
0
0 h
[59] 1. M (f ) =
0
2
0
0

0
0
2
0
, h R,
1
0
0 1

M (f ) e` la matrice associata ad f rispetto alla base canonica di R2,2 .


2. Se h 6= 4, h 6= 0 ker f = {O} (O indica la matrice nulla di R2,2 ), im f = R2,2 ;


0 1
se h = 4 allora dim(ker f ) = 1, ker f = L
,
2 0

 
 

1 0
0 0
0 2
dim(im f ) = 3, im f = L
,
,
.
0 0
0 1
1 0


1 0
se h = 0 allora dim(ker f ) = 1, ker f = L
,
0 0

Diagonalizzazione

208


dim(im f ) = 3, im f = L

 
 

0 2
0 0
,
,
;
1 0
0 1

0 0
1 0

3. Se h 6= 4, h 6= 0 esiste f 1 e:
1
h

1
M (f ) =

1
4+h

h
4+h

2
4+h

2
4+h

M (f 1 ) e` la matrice associata ad f 1 rispetto alla base canonica di R2,2 .


4. f e` diagonalizzabile per ogni h R.

[60] 1. S` perche sono assegnate le immagini degli elementi di una base di T (R2,2 ).

1 3

3 5
2. A =
6 6

3
3 .
4

3. ker f = {O}, dove O indica la matrice nulla di R2,2 ; im f = T (R2,2 ).



4. dim(f (H)) = 2, f (H) = L

dim(f

(H)) = 2, f

3 7
0 12


(H) = L

3 3
0 2

 

3 3
,
;
0 4
 

0 2
,
.
0 3

5. S`, la molteplicit`a degli autovalori coincide con la dimensione degli autospazi.

2
0
6. D = 0 2
0
0

0
0 ,
4


B=

1 1
0 0

 
 

1 0
1 1
,
,
.
0 1
0 2

Capitolo 7

209

[61] 1. La linearit`a di f segue dalle propriet`a del prodotto vettoriale.

0 3 1
0 3 .
2. A = M B,B (f ) = 3
1
3
0
3. dim(ker f ) = 1, ker f = L(3i j + 3k);
dim(im f ) = 2, im f = L(3j + k, i + k).
4. f (W) = L(i + 6j + k, 3i + 3j + 4k), f 1 (U) = ker f .

0
0 ,
2

1
1

1 1
5. P =
0
1

0
1
A = P AP = 3

7
2

1
1

3
2

2
.

6. f non e` diagonalizzabile.

[62] 1. La linearit`a di f segue dalle propriet`a della matrice trasposta.

1
0
2. M (f ) =
0
0

0
0
1
0

0
1
0
0

0
0

0
1

e` la matrice associata ad f rispetto alla base canonica di R2,2 .


3. S`, una matrice richiesta e` M (f 1 ) = M (f ), perche f f e` lidentit`a di R2,2 .
4. S`, f e` diagonalizzabile;

1
0
D=
0
0

0
1
0
0

0
0
0
0
e` associata ad f rispetto alla base:
1
0
0 1

Diagonalizzazione

210


B=

1 0
0 0

 
 
 

0 1
0 0
0 1
,
,
,
.
1 0
0 1
1 0

0 1
h
0
h
2
0
h
, h R,
[63] 1. M (f ) =
1
0 2 1
0
1 h
0
e` la matrice associata ad f rispetto alla base canonica di R2,2 .

 

1 0
2 h
dim(ker f ) = 2, ker f = L
,
.
0 1
1 0
2. f e` diagonalizzabile se h > 1.


 


2 3
3 9
3. B =
,
,
.
1 0
1 3


1 2
4. dim(im f W) = 1, im f W = L
.
2 1
1 1
1
1

 
1
,
0

0
1

[64] 1. f associa ad ogni vettore x di V3 la sua proiezione ortogonale sul piano vettoriale
individuato da a e da b, da cui segue la linearit`a di f.
2
3

1
B,B
2. M (f ) =
3

3
2
3
1
3

1
3

1
.
3

2
3

1 0 0
0 0
3. M B ,B (f ) = 0 1 0 .
0 0 0
4. dim(ker f ) = 1, ker f = L(i + j k);
dim(im f ) = 2, im f = L(2i j + k, i 2j k).

Capitolo 7

211

f e` diagonalizzabile, una base di autovettori e` data da (i j + k, i + k, i + j).


I risultati conseguiti nel punto 4. si possono ottenere tenendo conto del significato
geometrico di f : infatti gli autospazi di f sono, rispettivamente, generati dai vettori paralleli e ortogonali ad a b.

1 0 h
[65] 1. M (f ) = 0 2 0 , h R,
h 1 1
e` la matrice associata ad f rispetto alla base di S(R2,2 ) data da:


1 0
0 0

 
 

0 1
0 0
,
,
;
1 0
0 1

f e` diagonalizzabile per ogni h


/ {1, 1}.

2. dim(f (W)) = 1, f (W) = L

1 2
2 2


.

1
h
0
0
0 1
0
0

[66] 1. M (f ) =
2
h h 1 h , h R,
0 h
0
1
e` la matrice associata ad f rispetto alla base canonica di R2,2 ;
f e` un isomorfismo per ogni valore di h R, in quanto det(M (f )) = 1, h R.
2. f e` diagonalizzabile per ogni valore di h R.
3. Una base richiesta e` :


1
2
0 1

 
0
,
1

0
0

 
1
,
0

0
1

 
2
,
1

0
0


.

[67] 1. La matrice associata allendomorfismo f si ottiene imponendo le seguenti


condizioni:

Diagonalizzazione

212

f ((1, 1, 1)) = (0, 0, 0)

f ((1, 0, 1)) = (1, 2, 3)

f ((1, 1, 0)) = (1, 1, 0),


da cui segue:

0
1
1
0
1 ,
M (f ) = 1
1 1 2

dove M (f ) indica la matrice associata ad f rispetto alla base canonica di R3 .


2. f e` diagonalizzabile, una base di R3 formata da autovettori e` :
((1, 1, 1), (1, 1, 0), (1, 0, 1)).

1
h
0
0
2 6
0
0
, h R,
[68] 1. M (f ) =
0
0 1
h
0
0
2 6
e` la matrice associata ad f rispetto alla base canonica di R2,2 ;
se h 6= 3 f e` un isomorfismo in quanto det M (f ) = (6 2h)2 ;

 

3 1
0 0
se h = 3 dim(ker f ) = 2, ker f = L
,
;
0 0
3 1

 

1 2
0 0
dim(im f ) = 2, im f = L
,
.
0 0
1 2
2. Se h = 3 f e` diagonalizzabile.


3 6
3. dim(f (W)) = 1, f (W) = L
.
1 2

1
0
[69] 1. M (f ) =
0
0

0
0
1
0

0
1
0
0

0
0

0
1

e` la matrice associata ad f rispetto alla base canonica di R2,2 ;

Capitolo 7

213

2. ker f = {O}, dove O indica la matrice nulla di R2,2 , im f = R2,2 ;


3. dim(f (S(R2,2 ))) = 3, f (S(R2,2 )) = S(R2,2 );
dim(f (A(R2,2 ))) = 1, f (A(R2,2 )) = A(R2,2 );
4. gli autospazi di f sono S(R2,2 ) e A(R2,2 ) relativi, rispettivamente, agli autovalori
1 e 1;
5. s`, f e` diagonalizzabile perche S(R2,2 ) A(R2,2 ) = R2,2 .

[70] 1. S(R2,2 ) e W sono sottospazi vettoriali di R2,2 perche definiti da unequazione


lineare omogenea;


2,2

dim(S(R )) = 3, B =


dim(W) = 3, B =

1 0
0 0

1
0
0 1

 
 

0 1
0 0
,
,
base di S(R2,2 );
1 0
0 1

 
 

0 1
0 0
,
,
base di W .
0 0
1 0

0 2 2
0
4
2 ,
2. A = M B,B (f ) = 2
2 2
0

dim(ker f ) = 1, ker f = L

dim(im f ) = 2, im f = L

0 1
1 0


3. dim(f (H)) = 2, f (H) = L

1
1
1 1

1 1
0 1



;

 

1 1
,
.
0 1
 

1 0
,
;
1 1

1 1
dim(f 1 (K)) = 2, f 1 (K) = L
1
1

2 0 0
4. A e` diagonalizzabile e D = 0 2 0 .
0 0 0

 
4
,
3

3
0


.

Diagonalizzazione

214

[71] 1. Se h = 0 allora dim(ker f ) = 2 e ker f = L((1, 0, 1), (0, 1, 0)).


2. Gli autovalori di f con le loro rispettive molteplicit`a e gli autospazi sono:
1 = 1, m1 = 1; 2 = 0, m2 = 1; 3 = 1, m3 = 1;
V1 = L((1, 1, 0)), V2 = L((1, 1, 1)), V3 = L((1, 1, 0)).
3. f e` diagonalizzabile in quanto ha tre autovalori distinti.
[72] 1. dim(ker f ) = 2, ker f = im f = L((0, 0, 1, 0), (0, 0, 0, 1)).
2. f (H) = im f ; dim(f 1 (H)) = 3, f 1 (H) = {(x, y, z, t) R4 | x + y = 0}.
3. Lunico autovalore di f e` = 0, di molteplicit`a m = 4,
lautospazio ad esso relativo e` V = ker f , f non e` diagonalizzabile.
[73] 1. Se h 6= 1 dim(ker f ) = 1, ker f = L((1, 1, 2, 0)), im f = R3 ;
se h = 1 dim(ker f ) = 2, ker f = L((1, 1, 2, 0), (0, 1, 3, 1));
dim(im f ) = 2, im f = L((2, 1, 3), (0, 1, 1)).
2. I valori di k richiesti sono k = 4 e k = 1.
3. dim(f (H)) = 2, f (H) = L((2, 0, 2), (4, 1, 3));
dim(f 1 (K)) = 3, f 1 (K) = L((1, 1, 2, 0), (0, 4, 3, 0), (0, 1, 3, 1)).
4. S`, perche la matrice tA A e` simmetrica.

[74] 1. La linearit`a di f segue dalle propriet`a del prodotto vettoriale.

0
2
B,B

0
2. M (f ) = 2
2 4

2
4 .
0

3. dim(ker f ) = 1, ker f = L((2, 1, 1));


dim(im f ) = 2, im f = L((0, 1, 1), (1, 0, 2)).
4. dim(f (W)) = 2, f (W) = L((4, 2, 10), (4, 4, 4));

Capitolo 7

215

dim(f 1 (W)) = 3,
f 1 (W) = L((2, 1, 0), (1, 0, 0), (2, 1, 1)).
5. Lunico autovalore di f e` = 0, di molteplicit`a m = 1,
lautospazio ad esso relativo e` V1 = ker f , f non e` diagonalizzabile.


[75] 1. A =

1
0

0 1
1
1

0
0


.

2. dim(ker f ) = 2, ker f = L((1, 1, 1, 0), (0, 0, 0, 1)), im f = R2 .


3. Gli autovalori della matrice B con le rispettive molteplicit`a e gli autospazi sono:
1 = 0, m1 = 2; 2 = 1, m2 = 1; 3 = 3, m3 = 1;
V1 = ker f, V2 = L((1, 1, 0, 0)), V3 = L((1, 1, 2, 0)).
4. dim(f 1 (H)) = 3, f 1 (H) = ker f L((1, 1, 0, 0)).

[76] 1. dim(ker f ) = 1, ker f = L((2, 1, 4));


dim(im f ) = 2, im f = L((1, 0, 2), (0, 1, 0)).
2. Gli autovalori di f con le loro rispettive molteplicit`a e i relativi autospazi sono:
1 = 0, m1 = 2; 2 = 1, m2 = 1; V1 = ker f, V2 = L((1, 0, 2)),
f non e` diagonalizzabile.
3. Non esistono vettori v 6= o di R3 tali che f (v) = 2v perche 2 non e` un autovalore
di f , quindi solo f (o) = 2o = o.

[77] 1. I tre vettori sono linearmente indipendenti perche la matrice:

1
2
0
1 ha rango 3.
P = 0 1
2
0 1


1 4
2
, ,
.
2. Le componenti richieste sono
5
5 5

Diagonalizzazione

216

2 0 0
3. A1 = 0 2 0 , A1 = P 1AP , quindi A = P A1 P 1 .
0 0 1
[78] 1. B 0 e` una base perche la matrice:

1
1
P =
0
0

0
1
0
1

0
0
1
1

1
0
ha rango 4;
0
0

A = 3U1 + 3U2 + 4U4 .

0 2 2

0 1 1
2. M B,B (f ) =
1
0
0
1
0
0

0
0
.
1
1


 

1
0
0 1
3. dim(ker f ) = 2, ker f = L
,
;
0 1
1 0

 

0 0
2 1
dim(im f ) = 2, im f = L
,
.
1 1
0
0
4. Lunico autovalore e` = 0 di molteplicit`a m = 2, quindi f non e` diagonalizzabile.
[79] 1. La linearit`a di f segue dalle propriet`a della somma di vettori e del prodotto scalare tra due vettori.

1
0
0
2. A = M B,B (f ) = 0 1 2 .
0 2 1
3. Poiche det(A) = 3, ker f = {o} e im f = V3 .
4. Autovalori con le relative molteplicit`a:
1 = 3, m1 = 1; 2 = 1, m2 = 2;
autospazi V1 = L((0, 1, 1)), V2 = L((0, 1, 1), (1, 0, 0)).

Capitolo 7

217

5. S`, f e` diagonalizzabile; una base di autovettori e` ((0, 1, 1), (0, 1, 1), (1, 0, 0)).
6. H = V2 , dim(H) = 2, f (H) = f 1 (H) = H.

2 1
1
[80] 1. A = 1 2 1 .
1 1 2
2. dim(ker f ) = 1, ker f = L((1, 1, 1));
dim(im f ) = 2, im f = L((2, 1, 1), (1, 2, 1)).
3. Autovalori con le relative molteplicit`a:
1 = 3, m1 = 2; 2 = 0, m2 = 1;
autospazi V1 = L((1, 0, 1), (1, 1, 0)), V2 = ker f .
4. dim(f (H)) = 1,
f (H) = {x = x1 i + x2 j + x3 k V3 | 5x2 + 2x3 = 5x1 + 7x3 = 0}.
Per esempio f (H) = L((7, 2, 5)).


[81] 1. dim(ker f ) = 1, ker f = L

0 1
1
1


;

dim(im f ) = 3, im f = L((1, 0, 2, 0), (0, 0, 0, 1), (0, 1, 2, 1)).



 

1 1
1 0
1
1
2. dim(f (K)) = 2, f (K) = L
,
.
0
1
1 0
3. Gli autovalori di A, con le relative molteplicit`a, sono:
1 = 0, m1 = 1; 2 = 1, m2 = 2; 3 = 3, m3 = 1;
gli autospazi sono V1 = L((0, 1, 1, 1)),
V2 = L((0, 1, 2, 3), (1, 0, 2, 2)), V3 = L((0, 1, 2, 1)).
S`, A e` diagonalizzabile.
4. La matrice associata allapplicazione lineare g , rispetto alle basi canoniche di R4 e
di R2,2 , e` :

Diagonalizzazione

218

2
4

0
2

2
4
0
2

1
2
0
1

0
0
.
0
0

g e` unica perche i vettori (1, 0, 2, 0), (0, 0, 0, 1), (0, 1, 2, 1), (0, 1, 2, 0) formano una base di R4 .

[82] 1. Per esempio, W pu`o essere il sottospazio vettoriale S(R2,2 ) delle matrici simmetriche di R2,2 .


2,2

2. A(R ) = L (B1 ), dove B1 =

0 1
1 0


W = L (B2 , B3 , B4 ), dove B2 =
Rispetto alla base

0 0
0 1
M (f ) =
0 0
0 0

1 0
0 0

e





0 1
0 0
, B3 =
, B4 =
.
1 0
0 1

(B1 , B2 , B3 , B4 ) la matrice associata a f e` :

0 0
0 0
.
1 0
0 1

3. f e` autoaggiunto se e solo se W = A(R2,2 ) .

[83] 1. dim(ker f ) = 1, ker f = L((1, 1)); dim(im f ) = 1, im f = L((1, 0, 1)).


2. dim(ker g) = 1, ker g = L((4, 2, 1)), im g = R2 .
3. g(H) = R2 .
4. Autovalori con le relative molteplicit`a e autospazi di h1 :
1 = 0, m1 = 1; 2 = 1, m2 = 1; V1 = L((1, 1)), V2 = L((1, 2));
autovalori con le relative molteplicit`a e autospazi di h2 :
1 = 0, m1 = 2; 2 = 1, m2 = 1; V1 = L((2, 0, 1), (3, 1, 0)),
V2 = L((1, 0, 1)).

Capitolo 7

219

5. S`, sia h1 sia h2 sono diagonalizzabili.


Matrici diagonali associate ad h1 :

D1 =

0
0
0 1


,


D2 =

1
0

0
0


.

Matrici diagonali associate ad h2 :

0
0

0
D1 =
0

0
0
0
0 ,
0 1

0
0
0

0 1
D2 =
0
0

0
0 ,
0

1
0

0
D3 =
0

0
0
0

0
0 .
0



1
ker f = {o}, im f = R3 ;
[84] 1. Se a
/ 0,
2
se a = 0 dim(ker f ) = 1, ker f = L((0, 1, 1));
dim(im f ) = 2, im f = L((1, 3, 2), (1, 1, 0));
1
dim(ker f ) = 1, ker f = L((2, 9, 7));
2



1
dim(im f ) = 2, im f = L (1, 0, 0), 1, 1,
.
2

2. Gli autovalori di f sono 1 = 2, 2 = 2, 3 = 0 (tutti di molteplicit`a 1),


quindi f e` diagonalizzabile.
se a =

[85] 1. Esiste ed e` unico lendomorfismo f perche i vettori e1 e2 , e2 e3 , 2e1 + e3


sono linearmente indipendenti.
2. Si tratta di ricavare f (e1 ), f (e2 ), f (e3 ) e si trovano, ordinatamente, le colonne
della matrice A.
3. Gli autovalori di A, con le relative molteplicit`a, sono:
1 = 1, m1 = 2; 2 = 1, m2 = 1.
I rispettivi autospazi hanno dimensione pari alla molteplicit`a degli autovalori se e
solo se 2b = ac.

Diagonalizzazione

220

[86] 1. La linearit`a di f segue dalle propriet`a della somma e del prodotto di matrici.

0 1
0
1
0 1
.
0
1
0
0
0
1

0
2. B = M B,B (f ) =
0
0

3. Poiche det(B) = 1, ker f = {O}, dove O indica la matrice nulla di R2,2 e


im f = R2,2 .



y1 y2
2,2
4. dim(f (H)) = 3, f (H) =
R | y1 + y3 + y4 = 0
y3 y4

=L

dim(f

(H)) = 3, f

1
1
0 1


(H) =

x1 x2
x3 x4


=L


0
,
0

1 0
0 0

1
0
2,2


1
,
1

0
0


;


| x 2 x3 x4 = 0




0 1
0 1
,
,
.
1 0
0 1

5. f ammette solo lautovalore = 1 di molteplicit`a m = 4,



lautospazio relativo e` V = L

0 1
0 0



1 0
,
.
0 0

6. No, f non e` diagonalizzabile.

1
1
[87] 1. M (f ) =
1
0

0
2
0
0

0
1
0 1

2 1
0
3

e` la matrice associata ad f rispetto alla base canonica di R4 .


2. f e` un isomorfismo in quanto M (f ) ha determinante non nullo.
3. Gli autovalori di f con le rispettive molteplicit`a e gli autospazi sono:
1 = 1, m1 = 1; 2 = 2, m2 = 2; 3 = 3, m3 = 1;

Capitolo 7

221

V1 = L((1, 1, 1, 0)), V2 = L((0, 1, 0, 0), (0, 0, 1, 0)), V3 = L((1, 1, 1, 2)).


4. No perche f e` un isomorfismo e perci`o e` iniettivo.
[88] 1. Il fatto che f sia un endomorfismo segue agevolmente dalle propriet`a del prodotto
vettoriale. La matrice richiesta e` :

0
0 2
0
1 .
M B,B (f ) = 0
2 1
0
2. f (H) = {o} in quanto a a = o.
3. f 1 (K) = V3 in quanto x a e` un vettore ortogonale ad a.
4. f ammette solo lautovalore 0 il cui autospazio e` H.
[89] La matrice richiesta e` :

0
B,B

M (g) = 2
1

2 1
0
0 .
0
0

[90] 1. Se k 6= 1 f e` un isomorfismo.
Se k = 1 dim(ker f ) = 1 e dim(im f ) = 2 pertanto f non e` ne iniettivo ne
suriettivo.
2. Per ogni k R si ha:
dim(f (H)) = 2, f (H) = L((1 + k, 1, 1), (0, 1, 1));
dim(f 1 (H)) = 2, f 1 (H) = L((1, 0, 0), (0, 1, k)).

3. Se k = 1 A ha autovalori 1 = 0, 2 = 3, 3 = 3, tutti di molteplicit`a 1;


una base di autovettori e` data da:

((1, 1, 1), (2 + 3, 1 + 3, 1), (2 3, 1 3, 1)).


[91] Se x e` un autovettore di f 2 con autovalore ad esso relativo, per ipotesi si ha

Diagonalizzazione

222

f 2 (x) = f (x) = x. Applicando f ad ambo i membri dellultima uguaglianza segue


x = 2 x da cui = 2 e quindi la tesi.

[92] Sia A la matrice associata ad f , allora per ipotesi esiste una matrice P tale che
D = P 1AP , con D matrice diagonale. Elevando al quadrato la relazione precedente
segue D2 = P 1A2 P , ossia f 2 e` diagonalizzabile. Non vale il viceversa, per esempio la
matrice:


0 1
A=
0 0
non e` diagonalizzabile mentre A2 lo e` .

[93] Se x e` un autovettore di f 3 con autovalore ad esso relativo, per ipotesi si ha


f 3 (x) = f (x) = x. Applicando f , due volte, ad ambo i membri dellultima uguaglianza
segue x = 3 x da cui = 3 e quindi la tesi.

1
B,B

0
[94] 1. M (f ) =
1

0 1
1
0 ;
0
1

dim(ker f ) = 1,

ker f = L((1, 0, 1));

dim(im f ) = 2,

im f = L((1, 0, 1), (0, 1, 0)).

Poiche i tre vettori (1, 0, 1), (0, 1, 0), (1, 0, 1) sono linearmente indipendenti segue la tesi.
2. f e` diagonalizzabile perche e` associato ad una matrice simmetrica.
Gli autovalori sono 1 = 0, 2 = 1, 3 = 2, tutti di molteplicit`a 1. Di conseguenza
si possono scegliere, rispettivamente, i vettori:
e01 = (1, 0, 1), e02 = (0, 1, 0), e03 = (1, 0, 1)
come autovettori ad essi relativi. La matrice associata ad f rispetto alla base
B 0 = (e01 , e02 , e03 ) e` la matrice diagonale:

0 0 0
D = 0 1 0 .
0 0 2

Capitolo 7

223

3. La matrice del cambiamento di base da B a B 0 e` :

0
P =
1

0
1
1
0 e D = P 1AP .
0 1

[95] 1. A0 = C 1AC,

2
0

0
A =
0

B 0 = E 1BE,

2
B0 = 0
0

0
1
0
0
1
0

0
0 ,
1

0
0 ,
1

0
C=
1

0
0 ;
1

0
1
0

0
1
E = 1 1
1
0

0
0 .
1

2. A e B sono associate allo stesso endomorfismo perche A0 = B 0 , quindi:


B = (CE 1 )1A(CE 1 ).

[96] 1. f e` un endomorfismo perche e` definito tramite equazioni lineari omogenee;

2 9
3
4 1
M (f ) = 1
1
3
0
e` la matrice associata ad f rispetto alla base (1, x, x2 ) di R2 [x].
2. dim(ker f ) = 1, ker f = L(3 + x + x2 );
dim(im f ) = 2, im f = L(2 + x + x2 , 3 x).
3. H = L(2+x, 2x+x2 ), dim(f (H)) = 2, f (H) = L(5+2x+x2 , 73x2x2 ).
4. Gli autovalori di f con le relative molteplicit`a e gli autospazi sono:
1 = 0, m1 = 1; 2 = 1, m2 = 2; V1 = ker f, V2 = L(1 + x2 , 3 + x).
5. S`, f e` diagonalizzabile ed e` associata alla matrice:

0 0 0
D= 0 1 0
0 0 1

Diagonalizzazione

224

rispetto alla base B = (3 + x + x2 , 1 + x2 , 3 + x).

[97] 1. La matrice associata a f


di R3 [x] e` :

2 1
0
0 3 2
M (f ) =
4
7
6
3
0
1

rispetto alla base canonica di R2,2 e alla base (1, x, x2 , x3 )

1
1
;
5
2

2
dim(ker f ) = 2, ker f = L
0

1
3

 

1 2
,
;
3
0

dim(im f ) = 2, im f = L(2 + 4x2 + 3x3 , 1 3x + 7x2 ).


2. No, la matrice M (f ) non e` diagonalizzabile.
3. G e` un sottospazio vettoriale perche la somma di due polinomi divisibili per x e` un
polinomio divisibile per x, lo stesso vale per il prodotto di un numero reale per un
polinomio divisibile per x.




1 2
1 2
2 1
1
1
dim(f (G)) = 3, f (G) = L
,
,
.
0 0
3
0
0 3

[98] 1. La matrice associata a f rispetto alla base (1, x, x2 , x3 ) di R3 [x] e` :

0
0
h
0

0
1
3
0

M (f ) =
, h R.

0
1
h
0

7
3
3
3

4
4
2
2
2. det(M (f )) = 0 per ogni valore di h R, quindi:
dim(ker f ) = 1, ker f = L(2 + x3 ),


7 3
3 3
3
2
2
dim(im f ) = 3, im f = L x , x + x x , h + 3x hx + x .
4
2

Capitolo 7



3
3. f e` diagonalizzabile se h
/ 3,
.
10

1 0 0
[99] 1. A = 0 0 1 ,
0 k 0

k R.

2. Se k 6= 0 ker f = {0}, im f = R2 [x];


se k = 0 dim(ker f ) = 1, ker f = L(x), dim(im f ) = 2, im f = L(1, x).
3. f e` invertibile per k 6= 0:

A1

= 0

1
.
k

4. H = L(x, x2 ), f (H) = L(x, kx2 ), quindi:


se k 6= 0 dim(f (H)) = 2; se k = 0 dim(f (H)) = 1;


1
1
2
se k 6= 0 f (K) = L 6 + x 5x ; se k = 0 f 1 (K) = ker f.
k
5. Esiste g solo se k 6= 0:

M B,B (g) = 0

3
.
k

6. f e` diagonalizzabile solo se k > 0,

k
A0 =

0
0

0
,

225

Diagonalizzazione

226


una base di autovettori e`


1
1
1, x + x2 , x + x2 .
k
k

[100] 1. La linearit`a di d segue dalle propriet`a di derivazione dei polinomi.


La matrice associata a d, rispetto alla base B = (1, x, x2 , x3 , x4 , x5 ) di R5 [x] e` :

0 1 0 0 0 0
0 0 2 0 0 0

0 0 0 3 0 0
B,B

.
M (d) =

0
0
0
0
4
0

0 0 0 0 0 5
0 0 0 0 0 0
2. Lunico autovalore, la sua molteplicit`a e lautospazio ad esso relativo sono:
1 = 0, m1 = 6, V1 = L(1).
3. d non e` diagonalizzabile.

[101] 1. Per esempio W2 = L(x2 , x3 ) e C = (1 + x, x + x2 , x2 , x3 ) e` la base di R3 [x]


che segue, in modo naturale, da W1 W2 = R3 [x].
2. f e` lineare per le propriet`a della somma di polinomi e del prodotto di un polinomio
per un numero reale.
3. E` pi`u agevole determinare:

1 0
0
0

0
1
0
0
A0 = M C,C (f ) =
0 0 1
0
0 0
0 1

da cui segue:

0
A = M B,B (f ) =
2
0
4. ker f = {0},

0
0
0
1
0
0
.
2 1
0
0
0 1

im f = R3 [x].

Capitolo 7

227

5. dim(f (W1 )) = dim(f 1 (W1 )) = 2, f (W1 ) = f 1 (W1 ) = W1 , in quanto f f e`


lidentit`a di R3 [x].
6. S`, f e` diagonalizzabile.
[102] 1. dim(ker f ) = 1, ker f = L(3x + 2x2 );
dim(im f ) = 2, im f = L(1 6x + 4x2 , 2x x2 ).
2. dim(f (W)) = 2, f (W) = L(3 + 22x 14x2 , 2x + x2 );
dim(f 1 (W)) = 2, f 1 (W) = L(6 + 19x, 3x 2x2 ).
3. S`, f e` diagonalizzabile, una base richiesta e` (3x + 2x2 , 1 + x2 , 1 + 2x).
[103] 1. La matrice associata richiesta e` :

1
0
A=
0
0

0
0
1
0

0
0
1
0

0
0
.
0
1


2. dim(ker f ) = 1, ker f = L

0 1
1
0


;

dim(im f ) = 3, im f = L(1, x2 , x3 ).
3. S`, A e` diagonalizzabile. Le due matrici richieste sono:

0
0
D=
0
0

7.4

0
1
0
0

0
0
1
0

0
0
,
0
1

0
1
P =
1
0

0
0
0
1

0
0
1
0

1
0
.
0
0

Per saperne di piu` Soluzioni

[1] In ciascuno dei casi proposti le matrici A e B sono simultaneamente diagonalizzabili


in quanto AB = BA. Come richiesto, sono elencati di seguito, per ciascun caso, una base
B di autovettori che diagonalizza simultaneamente le matrici A e B date, una matrice
diagonale D simile ad A e una una matrice diagonale D0 simile a B .

Diagonalizzazione

228

1. B = ((1, 1, 1), (0, 1, 0), (0, 0, 1)),

2 0 0
D = 0 2 0 ,
0 0 3

1 0 0
D0 = 0 3 0 .
0 0 3

2. B = ((1, 0, 0), (1, 0, 1), (0, 1, 1)),

3
D= 0
0

0
0 ,
2

0
1
0

0
0 .
0

2
0
D0 = 0 1
0
0

3. B = ((32, 2, 25), (14, 1, 11), (1, 0, 1)),

1 0 0
D = 0 1 0 ,
0 0 2

1 0 0
D0 = 0 2 0 .
0 0 2

4. B = ((1, 0, 0, 4), (0, 3, 0, 1), (2, 0, 1, 0), (0, 1, 0, 0)),

1 0
0 1
D=
0 0
0 0

0
0
2
0

0
0
,
0
1

0
D0 =
0
0

0
2
0
0

0
0
2
0

0
0
.
0
3

5. B = ((1, 0, 0, 1), (0, 1, 4, 0), (0, 1, 0, 1), (1, 0, 3, 0)),

0
0
D=
0
0

0
0
0
0

0
0
0
0

0
0
,
0
4

0
D0 =
0
0

0
1
0
0

0
0
0
0

0
0
.
0
0

6. B = ((0, 1, 1), (1, 1, 2), (0, 0, 1)),

2 0

0 1
D=
0 0

0
0 ,
1

4
0

0
D =
0

0
1
0

0
0 .
1

Capitolo 7

229

7. B = ((1, 1, 1), (1, 1, 1), (2, 0, 1)),

1
0

0 1
D=
0
0

0
0 ,
3

1
0

0
D =
0

0
1
0

0
0 .
2

8. B = ((1, 1, 1), (1, 1, 1), (1, 1, 1)),

2
D= 0
0

0
4
0

0
0 ,
4

0
0
2
0 .
0 4

2
D0 = 0
0

9. B = ((2, 2, 1), (1, 1, 0), (3, 2, 1)),

0
D= 0
0

0
0
0

0
0 ,
1

0
D0 = 0
0

0
2
0

0
0 .
2

10. B = ((0, 1, 0, 0), (1, 0, 1, 0), (1, 0, 0, 1), (1, 1, 0, 0)),

1
0
0 1
D=
0
0
0
0

0
0
1
0

0
0
,
0
1

0
D0 =
0
0

0
1
0
0

0
0
1
0

0
0
.
0
1

11. B = ((1, 0, 0), (2, 1, 1), (1, 1, 0)),

1 0
D = 0 1
0 0

0
0 ,
2

1
D0 = 0
0

0
1
0

0
0 .
4

[2] 1. A e B sono simultaneamente diagonalizzabili perche AB = BA.


2. Per esempio una base che diagonalizza sia A sia B e` :
B = ((0, 1, 1), (1, 1, 2), (1, 3, 2)).
3. Poiche det(A) = 3 e det(B) = 2, le matrici A e B sono invertibili. La base B
indicata in 2. diagonalizza simultaneamente anche A1 e B 1 .

230

Diagonalizzazione

Capitolo 8
Forme Bilineari e Forme Quadratiche
8.1

Esercizi

In tutti gli esercizi di questo capitolo, salvo esplicita dichiarazione, si sono adottate
notazioni standard, in particolare si e` indicato con:
- Rn lo spazio vettoriale euclideo, di dimensione n, delle n-uple di numeri reali, dotato
del prodotto scalare standard, che rende ortonormale la base canonica:
(e1 = (1, 0, . . . , 0), e2 = (0, 1, 0, . . . , 0), . . . , en = (0, 0, . . . , 1)).
- Rm,n lo spazio vettoriale euclideo, di dimensione mn, delle matrici aventi m righe e
n colonne, ad elementi reali dotato del prodotto scalare standard X Y = tr(tX Y ), con
X, Y Rm,n , che rende ortonormale la base canonica:

..
E11 = .
0

0
.. , E =
. 12
0 ... 0
0 ...
..
.

0
.. , . . . , E =

mn
.
0 0 ... 0
0
..
.

1 ...
..
.

0
.. .
.
0 0 ... 1
0
..
.

0 ...
..
.

Con tr(tX Y ) si intende la traccia della matrice prodotto della trasposta della matrice X
con la matrice Y.
- V3 lo spazio vettoriale euclideo, di dimensione 3, dei vettori ordinari, riferito ad una
base ortonormale positiva B = (i, j, k). In questambito indica il prodotto scalare
tra due vettori e il prodotto vettoriale o esterno tra due vettori.
- In generale la notazione H indicher`a il sottospazio vettoriale ortogonale (rispetto ad
una forma bilineare simmetrica qualsiasi, non necessariamente un prodotto scalare) al
231

232

Forme Bilineari e Forme Quadratiche

sottospazio vettoriale H dello spazio vettoriale V su cui e` definita la forma bilineare


simmetrica.
- Il vettore nullo di un generico spazio vettoriale e` indicato con il simbolo o.
[1] Su V, spazio vettoriale reale di dimensione 3 riferito ad una base B = (v1 , v2 , v3 ),
si consideri la forma quadratica:
Q(x) = 2x2 x3 + 2x3 x1 + 2x1 x2 ,
con x = x1 v1 + x2 v2 + x3 v3 . Classificare Q e trovare una base di V rispetto alla quale
Q si scrive in forma canonica.
[2] Su V, spazio vettoriale reale di dimensione 4 riferito ad una base B = (v1 , v2 , v3 , v4 ),
si consideri la forma quadratica:
Q(x) = 2x21 + 2x1 x2 + 2x22 + 2x23 2x3 x4 + 2x24 ,
con x = x1 v1 + x2 v2 + x3 v3 + x4 v4 .
1. Verificare che la forma bilineare simmetrica associata a Q e` un prodotto scalare
su V.
2. Trovare una base ortonormale, rispetto a , di V.
3. Dato il sottospazio vettoriale:
F = {x = x1 v1 + x2 v2 + x3 v3 + x4 v4 V | x1 2x2 + x3 = 2x1 + x2 x4 = 0},
determinare la dimensione e una base per F , sottospazio vettoriale ortogonale ad
F rispetto a , e verificare che V = F F .
[3] Si consideri la funzione:
: R2,2 R2,2 R,

(A, B) 7 tr(A tB),

dove tr(A) denota la traccia della matrice A.


1. Verificare che e` un prodotto scalare su R2,2 .

Capitolo 8

233

2. Dato il sottospazio vettoriale di R2,2 :


F = {A R2,2 | tr(A) = 0},
trovare la dimensione e una base per F , complemento ortogonale di F rispetto
alla forma bilineare simmetrica .
3. Si consideri una base di R2,2 del tipo B = B1 B2 , dove B1 e` una base di F e B2
e` una base di F . Scrivere lespressione di rispetto alla base B.
[4] Sia V uno spazio vettoriale reale di dimensione 3 riferito ad una base B = (v1 , v2 , v3 ).
1. Trovare la matrice, rispetto alla base B, del prodotto scalare definito in modo opportuno sapendo che B 0 = (v1 +v2 +v3 , v1 +v2 , v1 +v3 ) e` una base ortonormale
(rispetto a ).
2. Determinare la dimensione e una base per F complemento ortogonale (rispetto a
) del piano vettoriale:
F = {x = x1 v1 + x2 v2 + x3 v3 V | x1 + x3 = 0}.
3. Calcolare la norma del vettore a = v1 + v2 v3 (rispetto a ).
[5] Sia V uno spazio vettoriale reale di dimensione 3 riferito ad una base B = (v1 , v2 , v3 ).
Data la funzione : V V R definita da:
(x, y) = 2(x1 y1 + x2 y2 + x3 y3 ) (x1 y3 + x3 y1 ),
con x = x1 v1 + x2 v2 + x3 v3 , y = y1 v1 + y2 v2 + y3 v3 , verificare che (V, ) e` uno spazio
vettoriale euclideo e trovarne una base ortonormale rispetto a .
[6] Data la matrice simmetrica:

1 1 1
A = 1 1 1 ,
1 1 1
1. determinare una matrice B tale che tBAB sia una matrice diagonale.
2. Classificare la forma quadratica Q : R3 R associata ad A, rispetto alla base
canonica di R3 .

Forme Bilineari e Forme Quadratiche

234

[7] Classificare e determinare la segnatura della forma quadratica Q : R5 R che,


rispetto alla base canonica di R5 , e` associata alla matrice:

1
3 4 1
2
3
0 0
7 1

.
4
0
0
0
0
A=

1
7 0
2 1
2 1 0 1
3
[8] 1. Verificare che lo spazio vettoriale V, di dimensione 3, rispetto alla forma bilineare
simmetrica associata alla forma quadratica:
Q(x) = 3(x21 + x22 + x23 ) 2(x1 x2 + x2 x3 + x1 x3 )
e` uno spazio vettoriale euclideo, (x e` un generico vettore di V, (x1 , x2 , x3 ) sono le
componenti di x rispetto ad una base B = (v1 , v2 , v3 ) fissata in V ).
2. Determinare una base ortonormale di V, rispetto al prodotto scalare .
[9] Classificare la seguente forma quadratica su R4 :
Q((x1 , x2 , x3 , x4 )) = x21 + 4x22 + 11x23 + 24x24 2x1 x3 4x1 x4 + 4x2 x3 + 16x3 x4 .
[10] Date le matrici:

1
0
1
x
0
2
1+h
1 , X = y , B = 1 , h R,
A=
2
2hh 1+h 1
z
1+h
1. discutere, al variare del parametro reale h, le soluzioni dellequazione matriciale
AX = B .
2. Posto h = 0 nella matrice A, determinare lespressione polinomiale della forma
quadratica Q di R3 associata alla matrice tAA, rispetto alla base canonica di R3 e
ridurla a forma canonica.
3. Posto h = 1 nella matrice A, trovare la dimensione e una base ortonormale dello
spazio vettoriale euclideo R(A) (spazio vettoriale generato dalle righe di A, il
prodotto scalare su R(A) e` il prodotto scalare standard di R3 ).

Capitolo 8

235

[11] Determinare la segnatura delle seguenti forme quadratiche definite su R4 :


1. Q1 ((x1 , x2 , x3 , x4 )) = 2x21 + 2x1 x2 + 2x22 + 2x23 + 2x3 x4 + 2x24 ;
2. Q2 ((x1 , x2 , x3 , x4 )) = 2x21 2x1 x2 2x22 + 2x23 2x3 x4 2x24 ;
3. Q3 ((x1 , x2 , x3 , x4 )) = x21 4x1 x2 2x1 x3 + 4x3 x4 + 4x23 ;
4. Q4 ((x1 , x2 , x3 , x4 )) = 3x21 2x1 x2 + 3x22 + 4x23 + 2x3 x4 4x24 .
[12] Data la forma quadratica Q : R3 R cos` definita:
Q((x, y, z)) = 2x2 + y 2 + 5z 2 + 2(xy xz + yz),
classificarla e determinare una base rispetto alla quale Q assuma una forma canonica.
[13] Si consideri la forma quadratica Q : R3 R cos` definita:
Q((x1 , x2 , x3 )) = 2x21 + 4x1 x3 + x22 x23 .
1. Classificare Q determinandone la segnatura.
2. Individuare una base di R3 rispetto alla quale Q possa essere scritta in forma
canonica.

[14] Classificare la forma quadratica Q : R4 R definita da:


Q((x, y, z, t)) = x2 8xy + y 2 + 6xz + z 2 + t2 ,
ridurla a forma canonica e determinare la matrice del cambiamento di base dalla base
standard di R3 ad una base che permette di ottenere tale forma canonica.
[15] Classificare la forma quadratica Q : R3 R definita da:
Q((x, y, z)) = 5x2 + 2xy + 5y 3 + 6xz + 6yz + 3z 2
e ridurla a forma canonica.

236

Forme Bilineari e Forme Quadratiche

[16] Si consideri la forma quadratica Q su R4 definita da:


Q((x1 , x2 , x3 , x4 )) = x21 + 2x22 + x23 + x24 2x1 x2 2x2 x3 .
1. Classificare Q e scriverla in forma normale.
2. Scrivere Q in forma canonica e determinare una base di R4 rispetto alla quale Q
assume tale espressione.
[17] Sia (V, ) uno spazio vettoriale euclideo di dimensione 3, riferito ad una base ortonormale B = (e1 , e2 , e3 ). Sia F il piano vettoriale di equazione x1 2x2 + x3 = 0,
((x1 , x2 , x3 ) sono le componenti di un generico vettore x di V, rispetto alla base B). Tenendo conto che V = F F e che ogni vettore u di V si decompone in modo unico
come u = u1 + u2 con u1 F e u2 F , si consideri lendomorfismo p : V V,
proiezione ortogonale di V su F , definito da p(u) = u1 .
1. Verificare che la funzione:
Q : V R,

u 7 u p(u),

e` una forma quadratica su V e classificarla.


2. Trovare una base di V rispetto alla quale Q si scriva in forma canonica.
[18] Si consideri la matrice simmetrica:

0 0 1
A = 0 1 0 .
1 0 0

1. Determinare una matrice diagonale D simile ad A e una matrice ortogonale P tale


che tP AP = D.
2. Scrivere lespressione polinomiale della forma bilineare simmetrica:
: R3 R3 R
di cui A e` la matrice associata (rispetto alla base canonica) e classificarla.
3. Determinare la dimensione e una base del sottospazio vettoriale ortogonale (rispetto
a ) a W = L(e1 , e1 + e2 e3 ) con (e1 , e2 , e3 ) base canonica di R3 .

Capitolo 8

237

4. Determinare un vettore isotropo non nullo della forma quadratica Q associata a .


[19] Data la forma bilineare simmetrica : R3 R3 R definita da:
(x, y) = x1 y1 + x1 y2 + x2 y1 + x2 y2 + x3 y3 ,
con x = (x1 , x2 , x3 ) e y = (y1 , y2 , y3 ) generici vettori di R3 ,
1. determinare la dimensione e una base del sottospazio vettoriale ortogonale a W =
L(a), rispetto a , con a = (2, 0, 1). La base scelta e` ortogonale rispetto a ?
2. Determinare linsieme dei vettori isotropi della forma quadratica Q associata a .
Tale insieme e` un sottospazio vettoriale di R3 ?
3. Classificare la forma quadratica Q e determinarne una forma canonica, scrivendo
esplicitamente una base a cui tale forma canonica e` riferita.
[20] In R3 si consideri la forma quadratica:
Q((x1 , x2 , x3 )) = x21 4x1 x2 2x1 x3 + 4x2 x3 + x23 .
1. Determinarne una forma canonica, la segnatura e una base di R3 rispetto alla quale
Q si scrive in forma canonica.
2. Determinarne la forma normale e una base di R3 rispetto alla quale Q si scrive in
forma normale.
3. Determinare la dimensione e una base del sottospazio vettoriale ortogonale a W =
L((1, 1, 0)), rispetto alla forma bilineare simmetrica associata a Q.
4. Determinare la dimensione e una base di ker e del suo sottospazio ortogonale
rispetto a .
[21] 1. Determinare la matrice associata alla forma quadratica Q su R3 rispetto alla base
canonica B = (e1 , e2 , e3 ) tale che la sua forma bilineare simmetrica verifichi le
seguenti condizioni:

ker = L(e2 )

(e1 , e1 + e3 ) = 1
(e3 , e1 + e2 ) = 2

(e1 + e3 , e1 e3 ) = 0.
2. Classificare la forma quadratica Q e calcolarne la segnatura.

Forme Bilineari e Forme Quadratiche

238

[22] Si consideri la forma quadratica Q : R4 R definita da:


Q(x) = x22 + 2x1 x3 + x24 ,
con x = (x1 , x2 , x3 , x4 ) R4 .
1. Classificare Q e calcolarne la segnatura.
2. Scrivere Q in forma normale e determinare una base di R4 rispetto alla quale Q
assume tale forma.
3. Determinare un vettore isotropo non nullo di Q.
4. Determinare le equazioni del sottospazio vettoriale ortogonale a:
W = {(x1 , x2 , x3 , x4 ) R4 | 2x2 x3 = x1 2x3 = 0}
e scrivere una sua base ortogonale (rispetto alla forma bilineare simmetrica associata a Q).
[23] In R3 e` data la forma quadratica:
Q((x1 , x2 , x3 )) = 6x1 x3 + 3x22 .
1. Classificare Q.
2. Scrivere Q in forma canonica e determinare una base di R3 rispetto alla quale Q
assume tale forma.
3. Scrivere Q in forma normale e determinare una base di R3 rispetto alla quale Q
assume tale forma.
4. Scrivere linsieme dei vettori isotropi di Q e determinare esplicitamente due vettori
isotropi la cui somma non sia un vettore isotropo (precisare con cura la base rispetto
alla quale sono dati i vettori isotropi scelti).
5. Se x e` un vettore isotropo, i vettori della retta vettoriale L(x) sono isotropi?
[24] Sia Q : R3 R la forma quadratica definita da:
Q((x, y, z)) = x2 + 2y 2 + z 2 2xy + 2yz.
Determinare la forma normale di Q e una matrice del cambiamento di base che permette
di scrivere Q in tale forma.

Capitolo 8

239

[25] Si consideri la forma quadratica Q : R4 R definita da:


Q((x1 , x2 , x3 , x4 )) = x21 + 2x1 x2 + x22 + 2x23 + 4x3 x4 + 2x24 .
1. Classificare Q e determinarne la segnatura.
2. Scrivere la matrice del cambiamento di base dalla base canonica di R4 ad una base
rispetto alla quale Q si scrive in forma normale.
3. Determinare linsieme dei vettori isotropi rispetto a Q. Tale insieme e` un sottospazio vettoriale di R4 ?
[26] 1. In R3 , rispetto alla base canonica B = (e1 , e2 , e3 ), scrivere le matrici associate
alle forme bilineari simmetriche:
: R3 R3 R
per le quali i vettori della base B e il vettore e1 + e2 + e3 sono isotropi.
2. Tra tutte le forme bilineari individuate in 1., determinarne una non nulla per la quale
i vettori (1, 1, 0) e (1, 1, 1) siano ortogonali e classificarla.
[27] Dato h R, si consideri la forma quadratica su R4 :
Q((x1 , x2 , x3 , x4 )) = 2x21 + 2(x1 x2 + x1 x3 + x1 x4 3x2 x3 x2 x4 + hx3 x4 ),
1. determinare il parametro h in modo che il vettore v = (1, 1, 1, 1) sia isotropo.
Per tale valore di h, determinare una base di ker , dove e` la forma bilineare
simmetrica associata a Q.
2. Classificare e scrivere Q in forma normale.
[28] 1. In R3 , rispetto alla base canonica B = (e1 , e2 , e3 ), determinare la forma bilineare simmetrica:
: R3 R3 R
che verifichi le seguenti condizioni:
a. (e1 , e1 ) = (e2 , e2 ) = (e3 , e3 ) = 1,
b. i vettori e1 + e2 , e1 + e3 , e2 + e3 sono isotropi.
2. Determinare una base di R3 rispetto alla quale la forma quadratica associata a si
possa scrivere in forma canonica.

240

Forme Bilineari e Forme Quadratiche

[29] Si consideri la forma quadratica di R3 :


Q((x1 , x2 , x3 )) = x21 + x22 2x1 x3 + 2x2 x3 .
1. Calcolare il rango di Q e la sua segnatura.
2. Determinare la dimensione e una base di un sottospazio vettoriale H di R3 , se
esiste, su cui la forma quadratica Q sia definita positiva.
3. Determinare la dimensione e una base del sottospazio vettoriale ortogonale (rispetto
alla forma bilineare simmetrica associata a Q), al piano vettoriale:
F = {(x1 , x2 , x3 ) R3 | x1 + x2 x3 = 0}.

[30] In V3 , spazio vettoriale reale dei vettori ordinari riferito ad una base ortonormale
positiva B = (i, j, k), e` dato il vettore a = 2i + 2j.
1. Verificare che la funzione Q : V3 R, definita da:
Q(x) = (a x) (k x),
e` una forma quadratica.
2. Verificare che la matrice associata alla forma quadratica Q rispetto alla base B e` :

0
0 1
0
0 1 .
1 1
0
3. Classificare la forma quadratica Q.
4. Determinare linsieme I dei vettori isotropi di Q. I e` un sottospazio vettoriale di
V3 ?
[31] 1. Verificare che la funzione R2 R2 R, con matrice associata rispetto alla base
canonica di R2 :


2 1
A=
,
1
1
e` un prodotto scalare su R2 .

Capitolo 8

241

2. Dopo aver controllato che lendomorfismo f di R2 con matrice associata rispetto


alla base canonica di R2 :


1 2
B=
2 1
non e` autoaggiunto (rispetto al prodotto scalare dato in 1.), determinare la matrice
associata allendomorfismo g aggiunto di f (le matrici associate ad f e a g si
intendono date rispetto alla base canonica di R2 ).

8.2

Soluzioni

[1] Q ha segnatura (1, 2) quindi e` non degenere e indefinita; una base rispetto alla quale
Q si scrive in forma canonica e` :
! 
r

!

1
1
1
1
2
1
1
1
, , , ,
.
, 0, , ,
3
2
2
6
6
3
3
3

[2] 1. Q ha segnatura (4, 0) quindi la forma bilineare simmetrica associata a Q e` un


prodotto scalare.
2. Una base ortonormale rispetto a e` :


 
 
 

1
1
1
1
1
1
1
1
0, 0, , , , , 0, 0 , 0, 0, , , , , 0, 0 .
2
2
2
2
2
2
2
2

3. dim(F) = 2, F = L((1, 0, 1, 2), (0, 1, 2, 1));



dim(F ) = 2, F = L

 

11
10
10 5
, , 1, 0 , , , 0, 1 .
3
3
3 3

La tesi e` ovvia essendo un prodotto scalare, in ogni caso e` sufficiente verificare


che i quattro vettori trovati sono linearmente indipendenti.

[3] 1. Se A =

x1 x2
x3 x4




y1 y2
, B=
, allora:
y3 y4

(A, B) = x1 y1 + x2 y2 + x3 y3 + x4 y4 .

Forme Bilineari e Forme Quadratiche

242


2. dim(F) = 3, F = L

1
0
0 1



dim(F ) = 1, F = L

1
0

 
0
,
0
0
1

1
0

 
0
,
1

0
0


;


.

3. La matrice associata a , rispetto alla base:



B=


1
,
0

1
0
0 1

2
0
M () =
0
0

0
1
0
0

0
0
1
0

0
1


1
,
0

0
1


1
,
0

0
1


, e` :

0
0
.
0
2

[4] 1. La matrice richiesta e` :

3 4
2
4
6 3 .
2 3
2

2. dim(F ) = 1, F = L
3. kak =




3 3
, ,1 .
2 2

(a, a) = 5.

[5] La matrice associata a , rispetto a B, e` :

0
M () =
1

0 1
2
0 ,
0
2

i suoi autovalori sono 1 = 2, 2 = 3, 3 = 1 (tutti di molteplicit`a 1), quindi e` un


prodotto scalare su R3 . Una base ortonormale, rispetto a , e` :

 
 

1
1
1
1
1
, 0, , 0, , 0 , , 0,
B=
.
2
2
2
6
6

Capitolo 8

1 1
1
[6] 1. B = 0
1
0

243

1
1 .
1

Come si pu`o notare, la matrice B non e` ortogonale e di conseguenza la matrice A


e la matrice tBAB non sono simili.
2. La segnatura di Q e` (1, 0), quindi Q e` degenere e semidefinita positiva.

[7] La segnatura di Q e` (3, 2), Q e` non degenere e indefinita.

[8] 1. La segnatura di Q e` (3, 0), quindi la forma bilineare simmetrica associata a Q


e` un prodotto scalare.
2. Una base ortonormale rispetto a e` :

 
 

1
1
1
1
1
1
1
1
, , , , ,0 , , ,
.
3
3
3
2 2 2 2
2 6
2 6
6
[9] Si tratta di un prodotto scalare.

[10] 1. Se h = 0 si hanno infinite soluzioni (x = t, y = 1 t, z = t), t R;


se h = 2 o h = 1 non esistono soluzioni;
se h
/ {2, 1, 0} le soluzioni sono:


3+h
1
1
, y=
, z=
.
x=
2 h
(1 + h)(2 + h)
2+h
2. La forma quadratica associata alla matrice tAA ha la seguente espressione:
Q(x) = 5x21 + 4x1 x2 + 6x1 x3 + 2x22 + 3x23 con x = (x1 , x2 , x3 ) R3 ;

Q in forma canonica e` Q(x) = (5 7)y12 + (5 + 7)y22 dove x ha componenti


y1 , y2 , y3 rispetto ad una base per cui Q assume la forma canonica indicata.
3. dim(R(A)) = 3, una base ortonormale di R(A), rispetto al prodotto scalare standard di R3 , e` :

Forme Bilineari e Forme Quadratiche

244


1
1
, 0, ,
2
2

! 

!
1 2 2
1
2 1 2
,
, , , ,
.
3 3 3
3 2 3
3 2

[11] 1. Segnatura di Q1 : (4, 0).


2. Segnatura di Q2 : (2, 2).
3. Segnatura di Q3 : (2, 2).
4. Segnatura di Q4 : (3, 1).

[12] La segnatura di Q e` (2, 0)quindi Q e` degenere


e semidefinita positiva; una forma

canonica di Q e` Q(x) = (4 + 2)y12 + (4 2)y22 , dove y1 , y2 , y3 sono le componenti


di x relative ad una base rispetto alla quale Q assume la forma indicata.

[13] 1. La segnatura di Q e` (2, 1), quindi Q e` una forma quadratica non degenere e
indefinita.
2. Una forma canonica di Q e` Q(x) = y12 + 3y22 2y32 , dove y1 , y2 , y3 sono le
componenti di x rispetto alla base:


 

2
1
2
1
B = (0, 1, 0), , 0, , , 0,
.
5
5
5
5

[14] Q e` non degenere e indefinita, una forma canonica e` Q(x) = y12 + y22 + 6y32 4y42 ;
la matrice richiesta e` :

P =

3
2 2

5
5
0

2 2

4
5

5 2

5 2

Capitolo 8

245

[15] La segnatura di Q e` (2, 0), si tratta, pertanto, di una forma degenere e semidefinita
positiva; una forma canonica di Q e` Q(x) = 4y12 + 9y22 .
[16] 1. La segnatura di Q e` (3, 0); la forma normale di Q e` Q(x) = z12 + z22 + z32 .
2. Una forma canonica di Q e` Q(x) = y12 + y22 + 3y32 , dove y1 , y2 , y3 sono le
componenti di x rispetto alla base:
! 



!
1
1
1
1
1
1
2 1
(0, 0, 0, 1), , 0, , 0 , , , , 0 , , , , 0 .
2
2
6
3
6
3
3
3
[17] 1. Il fatto che Q sia una forma quadratica segue dalle propriet`a del prodotto scalare
e delle applicazioni lineari; dalla definizione si ha che la segnatura e` (2, 0), infatti
Q(x) = x21 + x22 dove x1 , x2 , x3 sono le componenti di x rispetto alla base ortonormale (a, b, c), con (a, b) base ortonormale di F e (c) base ortonormale di F .
2. Una base richiesta e` :

!


2
1
1
2
5
, ,0 , , , ,
5
5
30
15
6

[18] 1. D =
0
0

0
,
0 1

P = 1

!!

1
2 1
, ,
.
6
3
6
1

2
0
1

0 .

2. (x, y) = x1 y3 + y1 x3 + x2 y2 , con x = (x1 , x2 , x3 ), y = (y1 , y2 , y3 ).


e` una forma bilineare simmetrica, non degenere di segnatura (2, 1).
3. dim(W ) = 1, W = L((1, 1, 0)).
4. Linsieme dei vettori isotropi e` {(x1 , x2 , x3 ) R3 | 2x1 x3 + x22 = 0}, per esempio

(1, 2, 1) e` un vettore isotropo.


[19] 1. Una base del sottospazio vettoriale ortogonale a W e` ((1, 0, 2), (0, 1, 2)), che non

Forme Bilineari e Forme Quadratiche

246

e` ortogonale rispetto a in quanto ((1, 0, 2), (0, 1, 2)) = 5.


2. Linsieme dei vettori isotropi e` il sottospazio vettoriale di R3 dato da L((1, 1, 0)).
3. Q e` semidefinita positiva e di segnatura (2, 0).
Una forma canonica di Q e` data da Q(x) = y12 + 2y22 , dove x ha componenti
y1 , y2 , y3 rispetto alla base:


 

1
1
1
1
(0, 0, 1), , , 0 , , , 0 .
2
2
2
2
[20] 1. Una forma canonica di Q e` Q(x) = 4y12 2y22 , dove x ha componenti y1 , y2 , y3
rispetto alla base (f1 , f2 , f3 ), con:
1
1
1
f1 = (1, 1, 1), f2 = (1, 2, 1), f3 = (1, 0, 1).
3
6
2
La segnatura di Q e` (1, 1).
2. La forma normale di Q e` Q(x) = z12 z22 , dove x ha componenti z1 , z2 , z3 rispetto
alla base:


1
1
f1 , f2 , f3 .
2
2
3. Il sottospazio vettoriale ortogonale a W rispetto a e` :
W = {(x1 , x2 , x3 ) R3 | x1 + 2x2 x3 = 0}.
Pertanto: dim(W ) = 2 e W = L((1, 0, 1), (0, 1, 2)).
4. dim(ker ) = 1, ker = L((1, 0, 1)), inoltre il suo sottospazio ortogonale rispetto
a e` R3 .
[21] 1. La matrice associata a Q, rispetto alla base canonica B = (e1 , e2 , e3 ) di R3 , e` :

1
A= 0
2

0
2
0
0 .
0 1

2. La segnatura di Q e` (1, 1), si tratta di una forma quadratica degenere e indefinita.

Capitolo 8

247

[22] 1. Q e` una forma quadratica non degenere, indefinita, di segnatura (2, 2).
2. La forma normale di Q e` Q(x) = z12 + z22 z32 z42 , dove z1 , z2 , z3 , z4 sono le
componenti di x rispetto alla base:


1
1
(0, 0, 0, 1), (1, 0, 1, 0), (0, 1, 0, 0), (1, 0, 1, 0) .
2
2
3. Un vettore isotropo non nullo e` dato ad esempio da (0, 1, 0, 1).
4. Il sottospazio vettoriale W , ortogonale a W, e` definito da:
W = {(x1 , x2 , x3 , x4 ) R4 | x4 = 2x1 x2 + 4x3 = 0};
dim(W ) = 2 e una sua base ortogonale e` ad esempio:



7 1
(1, 2, 0, 0), , , 1, 0 .
4 2

[23] 1. Q ha segnatura (2, 1), pertanto la forma quadratica e` non degenere e indefinita.
2. Una forma canonica di Q e` Q(x) = 3y12 + 3y22 3y32 , dove y1 , y2 , y3 sono le
componenti di x rispetto alla base:





1
1
1
1
, 0, , (0, 1, 0), , 0,
.
2
2
2
2

3. La forma normale di Q e` Q(x) = z12 + z22 z32 , dove z1 , z2 , z3 sono le componenti


di x rispetto alla base (f1 , f2 , f3 ), con:

f1 =






1
1
1
1
1
, 0, , f2 = 0, , 0 , f3 = , 0, .
6
6
3
6
6

4. Linsieme dei vettori isotropi e` :


I = {x = x1 f1 + x2 f2 + x3 f3 R3 | x21 + x22 = x23 }.
Per esempio la somma dei vettori isotropi f1 e f3 non e` un vettore isotropo.
5. Lequazione che definisce i vettori isotropi e` omogenea, nel senso che ogni suo termine e` di secondo grado, pertanto se x e` un vettore isotropo anche x, con R,
e` ancora un vettore isotropo.

Forme Bilineari e Forme Quadratiche

248

[24] La forma normale di Q e` Q(x) = z12 + z22 , dove z1 , z2 , z3 sono le componenti del
vettore x riferite alla base determinata dalla seguente matrice:
1
1
1

2
3 2
3

1
2

3 2
3

1
1
1

2
3 2
3

[25] 1. Q e` una forma quadratica degenere e semidefinita positiva con segnatura (2, 0).
2. La matrice del cambiamento di base richiesta e` :
1

1
2

1
2

.
1

2 2

2 2

La forma normale di Q e` Q(x) = z12 + z22 , dove z1 , z2 , z3 , z4 sono le componenti


di x rispetto alla base:


 
 
 

1
1
1
1
1 1
1
1
, , 0, 0 , 0, 0, , ,
.
, , 0, 0 , 0, 0, ,
2 2
2
2
2
2
2 2 2 2

3. Linsieme dei vettori isotropi I coincide con:


ker = L((1, 1, 0, 0), (0, 0, 1 1)),
dove indica la forma bilineare associata alla forma quadratica Q. Quindi I e` un
sottospazio vettoriale di R4 .

Capitolo 8

249

[26] 1. La matrice associata alla generica forma bilineare e` :

a12

a13

0
a12 a13
A = a12

a13 a12 a13


0

, a12 , a13 R.

2. Imponendo, inoltre, la condizione di ortogonalit`a richiesta si ha:

0 0
t
A = 0 0 t , t R,
t t 0
e, per esempio, per t = 1 si ha una forma bilineare degenere la cui forma quadratica
ha segnatura (1, 1).
[27] 1. Il valore di h richiesto e` h = 2. In questo caso ker = L((1, 1, 0, 1)).
2. La segnatura di Q e` (2, 1). La sua forma normale e` Q(x) = z12 + z22 z32 , dove
z1 , z2 , z3 , z4 sono le componenti di x rispetto ad una base opportuna.
[28] 1. La matrice associata a e` :

1 1 1
1 1 .
A = 1
1 1
1
2. La segnatura della forma quadratica associata a e` (2, 1), una base richiesta e` :
 
 


1
3
6
3
1
1
1
1
, 0, , , , , , ,
.
2
2
2
2
2
3
3
3
[29] 1. Il rango della forma quadratica Q e` 2 e la segnatura e` (1, 1).

2. Q e` definita positiva sul sottospazio vettoriale H = L((1 3, 1 + 3, 2)) di dimensione 1, infatti H e` lautospazio relativo allautovalore positivo della matrice
A associata a Q rispetto alla base canonica di R3 .
3. dim(F ) = 1, F = L((3, 1, 1)).

250

Forme Bilineari e Forme Quadratiche

[30] 1. La verifica segue dalle propriet`a del prodotto vettoriale e del prodotto scalare, o,
in alternativa, dal calcolo dellespressione polinomiale di Q, rispetto alla base B,
infatti Q(x) = 2x1 x3 2x2 x3 .
2. Come affermato nel punto precedente: Q(x) = 2x1 x3 2x2 x3 .
3. La segnatura di Q e` (1, 1), si tratta, quindi, di una forma quadratica, degenere e
indefinita.
4. I = {x = x1 i + x2 j + x3 k V3 | x3 (x1 + x2 ) = 0}. Si tratta dellunione di
due sottospazi vettoriali distinti, quindi I non e` un sottospazio vettoriale (per esempio la somma dei due vettori (1, 1, 5) e (1, 1, 0) di I e` il vettore (2, 0, 5) che non
appartiene a I ).
[31] 1. La matrice A definisce un prodotto scalare su R2 perche ha due autovalori
positivi.
2. f non e` autoaggiunto perche tBA 6= AB . La matrice associata allendomorfismo
g e` data da:


3
0
.
6 1

Capitolo 9
Geometria Analitica nel Piano
9.1

Esercizi

Gli esercizi di questo capitolo, relativi a rette, circonferenze e coniche ridotte a forma canonica, sono tratti per lo pi`u dai testi attualmente in uso nelle scuole secondarie superiori
e, in generale, non sono argomento di studio nei corsi universitari. Si e` deciso, comunque,
di inserire questi esercizi nel testo per dare modo al Lettore di rivedere nozioni note, in
preparazione ai capitoli successivi.
Tutti gli esercizi di questo capitolo sono assegnati nel piano, rispetto ad un riferimento
cartesiano (ortonormale, monometrico, positivo) R = (O, x, y), o, in modo equivalente, rispetto al riferimento cartesiano R = (O, i, j), dove (i, j) e` una base ortonormale positiva dello spazio vettoriale V2 su cui e` definito il piano affine di punti che viene
considerato.
[1] Scrivere lequazione cartesiana e le equazioni parametriche della retta congiungente i
punti A e B nei seguenti casi:
1. A = (3, 1), B = (2, 1);
2. A = (3, 4), B = (2, 4).
[2] Dati i punti A = (1, 2), B = (1, 3), determinare le coordinate del punto medio M
del segmento AB e le coordinate del punto A0 simmetrico di A rispetto a B .
[3] Determinare larea del triangolo ABC, con A = (1, 1), B = (4, 2), C = (2, 3).
251

252

Geometria Analitica nel Piano

[4] Date le rette r : x + 2y 1 = 0, s : x + y + 2 = 0, determinare lequazione della


retta r0 simmetrica di r rispetto ad s.
[5] Di un triangolo ABC sono noti i vertici A = (4, 3), B = (2, 1) ed il baricentro
G = (1, 2). Determinare le coordinate del vertice C .
[6] Dati i punti G = (1, 1), C = (0, 1), determinare:
1. le coordinate dei punti A, B , vertici del triangolo ABC avente G come baricentro
e tale che i lati AC, BC siano ortogonali rispettivamente ai vettori i j e 2i + j;
\ sia retto.
2. le coordinate dei punti K della retta GC tali che langolo AKB
[7] Date le rette r : ax + 2y + 1 = 0, s : x + y c = 0, con a, c parametri reali,
determinare per quali valori dei parametri le rette sono:
1. incidenti;
2. parallele non coincidenti;
3. coincidenti;
4. ortogonali.
[8] Dati i punti A = (0, 1), B = (1, 4) e la retta r : x y = 0 determinare il punto H
di r tale che il triangolo ABH sia isoscele sulla base AB .
[9] Dati i punti O = (0, 0), A = (3, 0), B = (2, 3), determinare le coordinate del punto
dincontro delle altezze (ortocentro) del triangolo OAB .
[10] Scrivere le equazioni cartesiane delle rette r ed s passanti per il punto A = (2, 3)
e rispettivamente parallela ed ortogonale alla retta di equazione 2x + y 2 = 0.
[11] Date le rette r1 : 2xay +2a1 = 0, r2 : 3x+ay a+1 = 0, a R, determinare
per quali valori del parametro a:
1. le rette r1 ed r2 sono parallele;

Capitolo 9

253

2. le rette r1 ed r2 sono ortogonali;


3. il loro punto comune appartiene alla retta r3 : x + 2y = 0.
[12] Dati i punti O = (0, 0), A = (4, 0), B = (2, 4), determinare le coordinate del punto
dincontro degli assi (circocentro) del triangolo OAB .
[13] Determinare le coordinate del vertice D del parallelogramma ABCD in cui si ha
A = (1, 2), B = (2, 3), C = (5, 4).
[14] Dati i punti A = (2, 1), B = (4, 3),
1. determinare lequazione del fascio di circonferenze passanti per A e B .
2. Determinare la circonferenza del fascio avente centro sulla retta s passante per A e
parallela allasse y .
[15] Determinare lequazione della circonferenza tangente nellorigine alla retta r di
equazione 2x + 3y = 0 e avente il centro sulla retta s : x + 2y 2 = 0.
[16] Determinare lequazione della circonferenza tangente alle rette r1 : y = 0, r2 : y = 5
e con centro sulla retta r3 : 3x 7y + 7 = 0.
[17] Determinare lequazione della circonferenza passante per lorigine O = (0, 0), per
ilpunto A = (1, 1) e che stacca sulla retta r : x + y 2 = 0 una corda di lunghezza
2 2.
[18] Determinare le equazioni delle circonferenze passanti per lorigine O = (0, 0), per
il punto A = (1, 0) e tangenti alla retta r : x 2y + 1 = 0.
[19] Trovare lequazione del luogo dei punti del piano tali che il rapporto delle loro
distanze dai due punti A = (1, 2), B = (3, 1) sia uguale a 3.
[20] Trovare il luogo dei punti del piano aventi rapporto costante tra le distanze da due
punti distinti.

254

Geometria Analitica nel Piano

[21] Date le circonferenze C1 : x2 + y 2 6y + 9 = 0, C2 : x2 + y 2 4x + 4 = 0,


determinare il centro ed il raggio della circonferenza del fascio:
(x2 + y 2 6y + 9) + (x2 + y 2 4x + 4) = 0,

, R, (, ) 6= (0, 0),

corrispondente a = 1, = 2.
[22] Dato il fascio di circonferenze:
((x 3)2 + y 2 ) + (x 1) = 0,

, R, (, ) 6= (0, 0),

determinare il centro e il raggio della circonferenza che si ottiene per / = 2.


[23] Determinare le equazioni delle circonferenze tangenti allasse x, sapendo che passano per il punto di coordinate (3, 3) e che hanno il centro sulla retta di equazione:
1
1
x + y 4 = 0.
2
3
[24] Determinare lequazione della circonferenza tangente nellorigine O = (0, 0) alla
retta 2x + 3y = 0 e avente il centro sulla retta x + 2y 2 = 0.
[25] Determinare i centri delle circonferenze tangenti allasse x e passanti per i punti di
coordinate:
 


5
1
,1 ,
1,
.
2
2
[26] Determinare le coordinate dei punti di intersezione della circonferenza di centro
C = (3, 0) e raggio 3 con la circonferenza di centro C 0 = (0, 3) e passante per il punto
A = (3, 3).
[27] Determinare lequazione della circonferenza passante per il punto (0, 2) e tangente
nellorigine alla retta 2x + y = 0.
[28] Determinare i vertici del triangolo isoscele che ha per base il segmento intercettato
dalla circonferenza 7x2 + 7y 2 19x + 11y 6 = 0 sulla retta di equazione:
1
3
y = x+
2
2

ed ha il vertice sulla retta parallela alla base e passante per il punto


5
2, .
3

Capitolo 9

255

[29] Nel fascio di circonferenze:


(x2 + y 2 + y + 2) + (2x + y) = 0,

, R, (, ) 6= (0, 0),

determinare lequazione dellasse radicale, le coordinate dei punti base e lequazione dellasse centrale del fascio, ossia della retta passante per i centri di tutte le circonferenze del
fascio.
[30] Nel fascio di circonferenze individuato dalle due circonferenze di equazione:
x2 + y 2 2x + 2y 8 = 0,

x2 + y 2 + 6y 16 = 0,

determinare la circonferenza C1 avente il centro C sullasse x. Indicato con A uno dei


punti base del fascio, detto D il punto di intersezione della tangente a C1 in A con la retta
passante per i centri delle due circonferenze, scrivere lequazione della circonferenza C2
passante per C, A, D e verificare che C2 appartiene al fascio dato.
[31] Determinare vertici, fuochi, direttrici ed eventuali asintoti delle coniche:
1. 4x2 + 6y 2 = 18;
2. 3x2 + 2y 2 = 12;
3. 7x2 5y 2 = 7;
4. 3x2 + 8y 2 = 24;
5. x2 5y = 0;
6. 2y 2 8x2 = 12.
[32] Trovare le equazioni delle coniche aventi:
1. fuoco F = (2, 1), direttrice x = 1, eccentricit`a e =

1
;
2

2. fuoco F = (4, 3), direttrice x = 2, eccentricit`a e =

3
;
2


3. fuoco F =


3
1
, direttrice x = 1, eccentricit`a e = 1.
,
2
4

Geometria Analitica nel Piano

256

[33] Date le rette r : y = 1 ed s : x + y 5 = 0, determinare:


1. la circonferenza tangente alla retta r nel suo punto P = (2, 1) ed avente centro
sulla retta s;
2. il punto Q simmetrico di P rispetto ad s;
3. la distanza di P da s;
4. lequazione della parabola di fuoco P e direttrice s.
[34] Dato il triangolo T di vertici A = (4, 5), B = (1, 2), C = (1, 3),
1. determinarne larea ed il perimetro.
2. Determinare il vertice V di un triangolo isoscele avente la stessa area di T e la
stessa base AB .
3. Osservare che il triangolo T e` ottusangolo in B e determinare lequazione della
circonferenza circoscritta a T .
4. Determinare lequazione della parabola di fuoco il punto A e direttrice BC .




1
5
[35] Dati i punti P1 = 1,
e P2 = 3,
,
4
4
1. determinare larea e il perimetro del quadrato Q avente come diagonale P1 P2 .
2. Determinare lequazione della circonferenza circoscritta a Q.
3. Determinare lequazione dellellisse E di fuochi P1 e P2 e semiasse maggiore di
lunghezza pari al lato del quadrato Q. (Non occorre sviluppare i calcoli).
4. Dire se gli altri due vertici di Q sono contenuti in E , giustificando la risposta.

9.2

Soluzioni

[1] 1. La retta ha equazione cartesiana 2x + y 5 = 0 ed equazioni parametriche:



x = 3 + t,
y = 1 2t, t R;

Capitolo 9

257

2. la retta ha equazione cartesiana y 4 = 0 ed equazioni parametriche:


(

x = 3 + t,
y = 4,

t R.

[2] Il punto medio M del segmento AB e` M = (1, 5/2); il punto A0 simmetrico di A


rispetto a B e` A0 = (1, 4).
[3] Larea del triangolo ABC vale 5/2.
[4] La retta r0 simmetrica della retta p rispetto alla retta s ha equazione r0 : 2x+y+7 = 0.
[5] Il vertice C ha coordinate C = (3, 2).
[6] 1. I punti richiesti sono A = (1, 2), B = (2, 0);

2. si trovano due punti K1 =

3+ 5
, 1 , K2 =
2

3 5
,1 .
2

[7] 1. a 6= 2 nel caso delle rette incidenti;


2. a = 2, c 6= 1/2 nel caso delle rette parallele non coincidenti;
3. a = 2, c = 1/2 nel caso delle rette coincidenti;
4. a = 2 nel caso delle rette ortogonali.

[8] Il punto H richiesto ha coordinate H = (1/4, 1/4).


[9] Lortocentro ha coordinate (2, 2/3).
[10] Le rette richieste sono r : 2x + y 1 = 0, s : x 2y 8 = 0.

258

Geometria Analitica nel Piano

[11] 1. Le rette r1 , r2 non sono parallele per ogni valore di a;

2. le rette r1 , r2 sono ortogonali per a = 6;

3. Il punto comune alle rette r1 , r2 appartiene alla retta r3 se a = 8 3 6.


[12] Il circocentro ha coordinate (2, 3/2).
[13] Le coordinate del vertice D sono D = (4, 3).
[14] 1. Il fascio di circonferenze richiesto ha equazione:
(x2 + y 2 6x + 4y + 11) + (x + y 1) = 0, , R.
2. La circonferenza cercata ha equazione x2 + y 2 4x + 6y + 9 = 0.
2 
2

3
13
1
+ y
=
.
[15] La circonferenza richiesta ha equazione x
2
4
16

2 
2
7
5
25
[16] La circonferenza richiesta ha equazione x
.
+ y
=
2
2
4

2 
2
3
11
65
[17] La circonferenza richiesta ha equazione x
+ y
=
.
8
8
32
[18] Le circonferenze richieste hanno equazioni:
2

2

1
1
+ y (3 10) = + (3 10)2 .
x
2
4

[19] Il luogo dei punti del piano ha equazione x2 + y 2 7x +

11
85
y+
= 0.
4
8

[20] Siano C = (a, b) e C 0 = (a0 , b0 ) i due punti distinti e k il rapporto tra d(P, C) e
d(P, C 0 ), con P = (x, y) punto generico del piano. Il luogo richiesto ha equazione:
(x a)2 + (y b)2 k 2 [(x a0 )2 + (y b0 )2 ] = 0.

Capitolo 9

259

[21] La circonferenza ha centro C = (4, 3) e raggio

[22] La circonferenza ha centro C = (4, 0) e raggio

26.

5.

[23] Le equazioni delle circonferenze richieste sono:


x2 + y 2 12x 6y + 36 = 0, x2 + y 2 + 18x 51y + 81 = 0.

[24] 2x2 + 2y 2 2x 3y = 0 e` lequazione della circonferenza richiesta.

[25] I centri delle circonferenze sono

32 5 72 5
,
.
2
2

[26] I punti di intersezione richiesti sono (0, 0), (3, 3).

[27] x2 + y 2 4x 2y = 0 e` lequazione della circonferenza richiesta.

[28] I vertici del triangolo isoscele considerato sono (1, 1), (3, 0), (1/3, 17/6).

[29] Lasse radicale ha equazione 2x + y = 0; non vi sono punti base;


lasse centrale ha equazione y = 1/2 (x 1).

[30] Si ottiene:
C1 : x2 + y 2 3x 4 = 0; A = (4, 0); D = (4, 5) ; C2 : x2 + y 2

11
x 5y + 6 = 0;
2

C2 appartiene al fascio:
(x2 + y 2 2x + 2y 8) + (x2 + y 2 + 6y 16) = 0, , R, (, ) 6= (0, 0),
infatti la sua equazione deriva da = 11/4, = 21/12. La situazione geometrica e`
rappresentata nella Figura 9.1.

Geometria Analitica nel Piano

260

10

-5

-5

-10

Figura 9.1: Esercizio n. 30

10

Capitolo 9

[31] 1. Si tratta di unellisse con:





3
vertici , 0 , (0, 3); fuochi
2

261

!
r
3
3
, 0 ; direttrici x = 3
;
2
2

2. si tratta di unellisse con:

vertici (2, 0), (0, 6); fuochi (0, 2); direttrici y = 3 2;


3. si tratta di uniperbole con:
r
vertici (1, 0); fuochi
r
asintoti x =

!
r
1 5
3
, 0 ; direttrici x =
;
5
2 3

5
y;
7

4. si tratta di unellisse con:

8
vertici (2 2, 0), (0, 3); fuochi ( 5, 0); direttrici x = ;
5
5. si tratta di una parabola con:


5
5
vertice (0, 0); fuoco 0,
; direttrice y = ;
4
4
6. si tratta di uniperbole con:
r !
r

15
6
vertici (0, 6); fuochi 0,
; direttrici y = 2
;
2
5
asintoti y = 2x.
[32] 1. Si tratta dellellisse di equazione 3x2 + 4y 2 + 18x + 8y + 19 = 0;
2. si tratta delliperbole di equazione 5x2 4y 2 + 4x + 24y 64 = 0;
3. si tratta della parabola di equazione 16y 2 + 16x + 24y 3 = 0.
[33] 1. La circonferenza richiesta ha equazione (x 2)2 + (y 3)2 = 4;
2. Q = (4, 3) e` il punto simmetrico di P rispetto a s;

3. |d(P, s)| = 2 e` la distanza richiesta;


4. (x + y 5)2 = 2[(x 2)2 + (y 1)2 ] e` lequazione della parabola richiesta.

262

Geometria Analitica nel Piano

[34] 1. Larea di T e` 9/2 mentre il suo perimetro vale 3 2 + 29 + 5.


2. V = (4, 2) e` il vertice del triangolo isoscele richiesto.

3. Il triangolo e` ottusangolo in B perche BA BC = 3;

2 
2
7
29
145
la circonferenza cercata ha equazione x
.
+ y
=
6
6
18
4. La parabola richiesta ha equazione 5[(x 4)2 + (y 5)2 ] = (x + 2y 5)2 .

[35] 1. Larea di Q vale 5/2 mentre il suo perimetro e` 2 10.



2
3
5
2
2. La circonferenza richiesta ha equazione (x 2) + y
= .
4
4
s



2 s
2
1
5
5
2
3. E : (x 1)2 + y
+ (x 3)2 + y
=
4
4
2
e` lequazione dellellisse cercata.
4. S`, infatti i due vertici del quadrato verificano la definizione di ellisse come luogo
geometrico.

Capitolo 10
Riduzione a Forma Canonica delle
Coniche
10.1

Esercizi

Tutti gli esercizi di questo capitolo sono assegnati nel piano, rispetto ad un riferimento
cartesiano (ortonormale, monometrico, positivo) R = (O, x, y), o, in modo equivalente, rispetto al riferimento cartesiano R = (O, i, j), dove (i, j) e` una base ortonormale positiva dello spazio vettoriale V2 su cui e` definito il piano affine di punti che viene
considerato.
Con:
C : a11 x2 + 2a12 xy + a22 y 2 + 2a13 x + 2a23 y + a33 = 0
si indica unequazione di secondo grado nelle incognite x ed y, essa rappresenta il luogo
dei punti di una conica C nel piano xy rispetto al riferimento cartesiano R = (O, x, y).
Si associano a C le due matrici simmetriche:



a11 a12 a13
a11 a12
A=
, B = a12 a22 a23 .
a12 a22
a13 a23 a33
Lequazione matriciale:


x
y


=P

X
Y


+

x0
y0

e` lequazione della rototraslazione di assi dal riferimento R = (O, x, y) al riferimento


R0 = (O0 , X, Y ), dove O0 ha coordinate (x0 , y0 ) rispetto al riferimento R = (O, x, y) e
P e` una matrice ortogonale di ordine 2 con det(P ) = 1.
263

Riduzione a Forma Canonica delle Coniche

264

Se rank(B) = 3 si ha una conica non degenere, si distinguono i seguenti casi:


se det(A) < 0 la conica e` uniperbole;
se det(A) = 0 la conica e` una parabola;
se det(A) > 0 la conica e` unellisse.
Le equazioni in forma canonica delle coniche non degeneri, rispetto al riferimento
R0 = (O0 , X, Y ), sono:

X2
Y2
+
= 1 : ellisse immaginaria;
a2
b2

X2
Y2
+
= 1 : ellisse;
a2
b2

X2
Y2
Y2
X2
2 2 = 1 o 2 2 = 1 : iperbole;
a
b
b
a

Y2
X2

= 1 : iperbole equilatera;
a2
a2

Y 2 + aX = 0 o X 2 + aY = 0 : parabola.
Se rank(B) < 3 si ha una conica degenere. Le equazioni in forma canonica delle
coniche degeneri, rispetto al riferimento cartesiano R0 = (O0 , X, Y ), sono:

X2
Y2
+
= 0 : punto reale o coppia di rette immaginarie coniugate;
a2
b2

X2
Y2

= 0 : coppia di rette incidenti;


a2
b2

X 2 = a o Y 2 = a, a > 0 : coppia di rette parallele distinte;


X 2 = 0 o Y 2 = 0 : coppia di rette parallele coincidenti;
X 2 = a o Y 2 = a, a < 0 : coppia di rette immaginarie parallele.
Le coniche degeneri vengono anche rappresentate attraverso le loro componenti rispetto al riferimento cartesiano R = (O, x, y), che si possono agevolmente ricavare dalle equazioni del cambiamento di riferimento da R = (O, x, y) a
R0 = (O0 , X, Y ).

Capitolo 10

265

Ridurre a forma canonica le seguenti coniche e scrivere esplicitamente il cambiamento di


riferimento usato:
[1] 2x2 y 2 4x + 2y 3 = 0.
[2] 3x2 + y 2 6x + 1 = 0.
[3] x2 + y 2 + 1 = 0.
[4] x2 + y 2 2x + 4y 2 = 0.
[5] x2 y 2 = 0.
[6] x2 + y 2 = 0.
[7] x2 + 3y 2 4x + 6y + 1 = 0.
[8] x2 + y 2 1 = 0.
[9] 4(x2 + y 2 ) 3x + 4 = 0.
[10] x2 + 4y 2 4x 8y + 7 = 0.
[11] 4x2 + y 2 8x 4y + 7 = 0.
[12] x2 4y 2 4x + 8y 1 = 0.
[13] 5x2 + 2xy + 2y 2 + x + 1 = 0.
[14] 2x2 2xy + 2y 2 + 2x 1 = 0.

266

Riduzione a Forma Canonica delle Coniche

[15] x2 + 4xy 2y 2 2x + 4y + 1 = 0.
[16] y 2 xy + 1 = 0.

[17] x2 3xy + y 2 4 2(x y) + 6 = 0.


[18] x2 + 6xy 7y 2 2x 6y 19 = 0.
[19] 3x2 + 4xy + 3y 2 + 2x 2y 3 = 0.
[20] 3x2 + 2xy + 3y 2 + 6x + 2y + 1 = 0.
[21] x2 2xy + y 2 2x 2y = 0.
[22] x2 4xy + 4y 2 + 5y 9 = 0.
[23] 3x2 + 2xy + 3y 2 + 10x 2y + 9 = 0.
[24] 2x2 3xy 2y 2 5x + 10y 5 = 0.
[25] 7x2 8xy + y 2 6x + 6y = 0.
[26] 5x2 + 4xy + 2y 2 2x 4y + 2 = 0.
[27] 3x2 4xy 2x + 4y 1 = 0.
[28] 4x2 4xy + y 2 1 = 0.

[29] 2x2 8xy + 8y 2 8 5x + 5y 5 = 0.

[30] 16x2 + 16xy + 4y 2 + 2 5x + 16 5y + 65 = 0.

Capitolo 10

267

[31] 2x2 2xy + 2y 2 6x + 6y + 5 = 0.


[32] x2 + 4xy + 4y 2 2y = 0.
[33] x2 + 4xy + 4y 2 + x 3y 1 = 0.
[34] 5x2 + 2xy + 5y 2 + x = 0.
[35] 2x2 12xy 7y 2 + 12x + 14y + 8 = 0.
[36] 5x2 + 4xy + 2y 2 2x 4y + 1 = 0.

[37] x2 + 8xy + 7y 2 + 18 5x = 0.
[38] 3x2 + 4xy + 4x 1 = 0.
[39] 2xy + x y 4 = 0.
[40] 3x2 4xy + y = 0.
[41] 6xy + x + y 1 = 0.
[42] 2x2 + 2xy + 2y 2 + 6x + 6y + 5 = 0.
[43] Classificare la conica di equazione:
3x2 + 2xy + 3y 2 4x 4y 7 = 0.
[44] Classificare le seguenti coniche e scriverle in forma canonica; trovare inoltre semiassi, eccentricit`a, centro, vertici, fuochi, assi, direttrici ed eventuali asintoti:
1. x2 + 2y 2 + 4x + 4y 2 = 0;

268

Riduzione a Forma Canonica delle Coniche

2. x2 2y 2 + 6x 8y 5 = 0;
3. 2y 2 8y + 5x 9 = 0;
4. 2x2 + 4y 2 + 4x 16y + 2 = 0;
5. x2 2y 2 + 4x 4y 2 = 0.
[45] Si consideri la famiglia di coniche:
F : (x2 y 2 2x + 2y + 1) + t(x2 + y 2 2x 2y) = 0,

t R.

1. Per quali valori di t si ottengono coniche degeneri?


2. Verificare che tutte le coniche non degeneri appartenenti a F hanno lo stesso centro.
3. Ridurre a forma canonica la conica di F passante per il punto P = (0, 1).
[46] Data la famiglia di coniche:
F : (3x2 + 4y 2 + 2x + 1) + t(2x2 + 2y 2 + 8y + 1) = 0,

t R,

1. dire per quali valori di t la famiglia F contiene ellissi, iperboli, parabole e circonferenze;
2. scrivere le equazioni delle parabole appartenenti a F ;
3. trovare la conica di F passante per lorigine e determinarne centro, vertici e fuochi.
[47] Data la famiglia di coniche:
F : (y 2 6x y 1) + t(x2 y 1) = 0,

t R,

1. individuare la conica di F che si ottiene per t = 3 e scriverne le equazioni degli


assi e delle direttrici;
2. esistono dei valori di t per i quali si ha una circonferenza appartenente a F ? Se s`,
se ne determinino il centro e il raggio;
3. verificare che la famiglia F contiene uniperbole equilatera della quale si chiedono
lequazione, le coordinate dei fuochi e leccentricit`a.

Capitolo 10

269

[48] Data la famiglia di coniche:


F : (y 2 4x 2y + 5) + t(y 2 + 2x 2y) = 0,

t R,

1. verificare che F contiene solo parabole aventi il fuoco sulla retta y = 1;


2. scrivere lequazione della parabola di F passante per il punto (0, 3) e trovarne il
vertice.
[49] Data la famiglia di coniche:
Ca : (1 + a2 )x2 + 2(1 + a)xy + 2x 1 = 0,

a R,

1. determinare per quali valori del parametro a la conica Ca e` degenere.


2. Posto a = 1, verificare che C1 e` uniperbole. Determinare la sua forma canonica e
scrivere le equazioni del cambiamento di riferimento usato.

[50] Per quali valori di h R la conica:

(1 + h)x 2 3xy + (1 + h)y 2 + 2x


2

3(2 + h)
y=0
6

e` una parabola non degenere del piano? Determinare, rispetto ad un opportuno riferimento cartesiano, la forma canonica di tale parabola. Scrivere, inoltre, esplicitamente il
cambiamento di riferimento usato.
[51] Data la matrice:

A=

2
2
2 1


,

1. determinare, se esiste, una matrice ortogonale P (con determinante positivo) in


modo tale che P 1AP sia una matrice diagonale.
2. Considerata la conica:
2x2 + 4xy y 2 1 = 0,
classificarla, ridurla a forma canonica e scrivere le equazioni del cambiamento di
riferimento usato.

Riduzione a Forma Canonica delle Coniche

270

[52] Data la conica:


5x2 + 24xy 5y 2 6x 4y + 2 = 0,
1. riconoscere che si tratta di uniperbole e scrivere esplicitamente le equazioni del
cambiamento di riferimento che permettono di rappresentarla in forma canonica.
2. Determinarne le coordinate del centro, le equazioni degli assi e degli asintoti.
[53] 1. Data la parabola di equazione:
4x2 4xy + y 2 y = 0,
determinarne le coordinate del vertice, lequazione dellasse e lequazione in forma
canonica.
2. Scrivere lequazione della retta tangente alla parabola nel suo punto P = (1, 1).
[54] Ridurre a forma canonica lequazione della conica:
5x2 + 4xy + 2y 2 6x + 1 = 0
e scrivere le equazioni dei suoi assi.
[55] Ridurre a forma canonica lequazione della conica:
7x2 8xy + y 2 6x + 6y + 1 = 0
e determinarne le equazioni degli assi.
[56] Data la famiglia di coniche:
Ca : 3x2 + 2axy + 3y 2 + 2x 2y 3 = 0,

a R,

1. classificare le coniche di Ca , al variare di a in R.


2. Trovare lequazione in forma canonica della conica corrispondente al valore a = 1
ed il relativo cambiamento di riferimento.

Capitolo 10

271

[57] Data la famiglia di coniche:


Ct : tx2 + txy y 2 y t = 0,

t R,

1. classificare le coniche di Ct , al variare di t R.


2. Scrivere in forma canonica le equazioni delle parabole appartenenti a Ct .
3. Posto t = 4, scrivere in forma canonica lequazione della conica appartenente a
Ct cos` ottenuta.
[58] Classificare, al variare del parametro h R, le coniche della famiglia:
x2 + 2hxy + y 2 + 2x + h = 0.
[59] Data la conica:
x2 xy +

1 2
y 2x + 6y + 6 = 0,
4

1. verificare che non e` degenere;


2. verificare che e` una parabola;
3. sapendo che il vertice e` V = (7/5, 6/5), trovare lasse e la tangente nel vertice;
4. verificare che e` la parabola di fuoco F = (1, 2) e direttrice d : x + 2y 1 = 0.
[60] Data la conica:
3x2 2xy + 3y 2 + 2x + 2y = 0,
1. e` degenere?
2. Ha centro?
3. Di che conica si tratta?
4. Ricavarne lequazione in forma canonica.
5. La conica contiene solo punti reali?

Riduzione a Forma Canonica delle Coniche

272

[61] Data la conica:


2xy x y + 1 = 0,
1. verificare che non e` degenere;
2. verificare che e` uniperbole equilatera;
3. trovarne il centro;
4. determinarne gli asintoti;
5. verificare che la conica passa per P = (0, 1) e trovarne la retta tangente in P .
[62] Riconoscere che lequazione:
x2 2xy + y 2 + 10x + 2y + 7 = 0
rappresenta una parabola di cui si chiedono le coordinate del vertice e lequazione dellasse.
[63] Riconoscere che lequazione:
7x2 2xy + 7y 2 + 34x + 2y + 31 = 0
rappresenta unellisse di cui si chiedono le coordinate dei vertici.
[64] Data la famiglia di coniche:
Ch : x2 + 2hxy + 4y 2 + 8x 6y = 0,

h R,

classificare le coniche Ch , al variare di h. Posto h = 0, ridurre la conica cos` ottenuta a


forma canonica e determinare il cambiamento di riferimento usato per tale riduzione.
[65] Data la famiglia di coniche:
Ch : 8x2 + 2hxy + 2y 2 2x 4y + 1 = 0,
1. stabilire per quali valori di h la conica Ch e` una parabola.

h R,

Capitolo 10

273

2. Per ciascuno dei valori di h determinati nel punto 1. scrivere lequazione di Ch in


forma canonica.
[66] Scrivere lequazione dellellisse avente centro nellorigine e vertici nei punti:

A1 = (4 2, 4 2), A2 = (4 2, 4 2), B1 = ( 2, 2), B2 = ( 2, 2),


indicando esplicitamente le equazioni del cambiamento di riferimento usato.
[67] Data la famiglia di coniche:
C : 3x2 xy + 2y 2 4y = 0,

R,

1. determinare i valori di per cui C e` una parabola.


2. Determinare i valori di per cui C e` degenere e, in questo caso, scrivere C come
prodotto di due rette, eventualmente immaginarie.
[68] Data la famiglia di coniche di equazione:
(1 h2 )x2 + 2hxy + 2x 4y + 4 = 0,

h R,

1. classificare le coniche al variare di h.


2. Verificato che per h = 2 si ha uniperbole, ridurla a forma canonica.
[69] Verificare che la conica di equazione:
16x2 24xy + 9y 2 6x 8y + 50 = 0
e` una parabola, di cui si chiedono lequazione in forma canonica, le equazioni del cambiamento di riferimento usato e le coordinate del vertice.
[70] Ridurre a forma canonica la conica:
C : 2x2 + 2xy + 2y 2 + 4x + 2y 3 = 0,
scrivendo esplicitamente le equazioni del cambiamento di riferimento usato e le equazioni
dei suoi assi.

Riduzione a Forma Canonica delle Coniche

274

[71] Verificare che la conica di equazione:


x2 4xy + y 2 + 6x 6y + 4 = 0
e` uniperbole di cui si chiedono le coordinate dei vertici.
[72] Data la famiglia di coniche:
6x2 4xy + 9ky 2 + 12x 4y + 1 = 0,

k R,

1. posto k = 1, determinare lequazione in forma canonica della conica cos` ottenuta


e scrivere le equazioni del cambiamento di riferimento usato.
2. Determinare per quali valori di k si ottiene una conica degenere e, in questi casi,
determinare anche le sue componenti (ossia le equazioni delle rette in cui si spezza).
[73] Data la conica:

1
= 0,
4
verificare che si tratta di uniperbole e calcolarne le equazioni degli asintoti.
x2 + 4xy + y 2

10.2

2x

Soluzioni

[1] Si tratta di uniperbole di equazione in forma canonica:


  
  
X2
Y2
x
X
1

= 1, con
=
+
.
y
Y
1
2
4
[2] Si tratta di unellisse di equazione in forma canonica:
  
  
3 2 Y2
x
X
1
X +
= 1, con
=
+
.
y
Y
0
2
2
[3] E` unellisse immaginaria.
[4] E` la circonferenza di centro C = (1, 2) e raggio

7.

Capitolo 10

275

[5] E` la conica degenere (x y)(x + y) = 0.


[6] E` la conica degenere (x iy)(x + iy) = 0.
[7] La conica e` unellisse di equazione in forma canonica:
  
 

X2
Y2
x
X
2
+
= 1, con
=
+
.
y
Y
1
6
2
[8] Si tratta della circonferenza di centro O = (0, 0) e raggio 1.
[9] E` una circonferenza immaginaria.
[10] Si tratta di unellisse di equazione in forma canonica:
  
  
x
X
2
2
2
X + 4Y = 1, con
=
+
.
y
Y
1
[11] La conica e` unellisse di equazione in forma canonica:
  
  
X
1
x
4X 2 + Y 2 = 1, con
=
+
.
y
Y
2
[12] La conica e` uniperbole di equazione in forma canonica:
  
  
x
X
2
2
2
X 4Y = 1, con
=
+
.
1
y
Y
[13] E` unellisse immaginaria.
[14] Si tratta di unellisse di equazione in forma canonica:


2
2
x
X

2
3 2 9 2
2
X + Y = 1, con =


5
5

2
2
y
Y
2
2

2
3

+
.
1

Riduzione a Forma Canonica delle Coniche

276

-2

-1

-1

-2

Figura 10.1: Esercizio n. 14

Capitolo 10

277

Nella Figura 10.1 e` rappresentata lellisse rispetto ai tre riferimenti usati, ossia come da
equazione assegnata, dopo la rotazione ed infine in forma canonica.

[15] Si tratta di uniperbole di equazione in forma canonica:




5
2 5
x
X

5
9
3
5
X 2 + Y 2 = 1, con =


4
8

5
2 5
y
Y
5
5

1
3

+
2
3

Nella Figura 10.2 e` rappresentata liperbole rispetto ai tre riferimenti usati, ossia come da
equazione assegnata, dopo la rotazione ed infine in forma canonica.

[16] Si tratta di uniperbole di equazione in forma canonica:


p

p
2+ 2
2 2
x


2
2
21 2
2+1 2

X
Y = 1, con =
p
p

2
2

2 2
2+ 2
y
2
2
[17] Si tratta di uniperbole di equazione in forma canonica:
1
1 X
x

2

2
5 2 25 2

X +
Y = 1, con =

4
4
1
1

y
Y
2
2
[18] La conica e` uniperbole di equazione in forma canonica:
3
1 X
x

10
10
1 2 2 2

X Y = 1, con =

10
5
1
3

y
Y
10
10
[19] La conica e` unellisse di equazione in forma canonica:

5 2

+
.

8

5 2

Riduzione a Forma Canonica delle Coniche

278

-4

-2

-2

-4

Figura 10.2: Esercizio n. 15

Capitolo 10

1 2

2
X + Y = 1, con
5


2

=
1

y
2

279

1 X 1

+
.

Y
1
2

[20] La conica e` unellisse di equazione in forma canonica:


1
1 X 1
x



2
2



X 2 + 2Y 2 = 1, con =


1
1

Y
0
y
2
2

[21] La conica e` una parabola di equazione in forma canonica:



2
2
x
X
2 2

Y 2 2X = 0, con =

2
2
y
Y
2
2
[22] La conica e` una parabola di equazione in forma canonica:
2
1 X
x

5


5
1


2
Y = X, con =

+
1

5
2

y
Y
5
5

21
5

.
8
5

[23] La conica e` unellisse di equazione in forma canonica:


1
1 X 2
x

2

2
2
X + 2Y = 1, con =

+
.
1

y
Y
1
2
2
[24] La conica e` uniperbole equilatera di equazione in forma canonica:

280

Riduzione a Forma Canonica delle Coniche

1 2 1 2

X Y = 1, con
2
2

3 X 2
1

10


10

=
+
3

1

y
Y
1
10
10

[25] La conica e` degenere di equazione in forma canonica:


2
1 X 1
x



5
5



2
2
9X Y = 0, con =

+ .


1
2

Y
1
y
5
5
La conica si decompone in (7x y 6)(x y) = 0.
[26] La conica e` unellisse di equazione in forma canonica:
1
2 X 1
x

3

5
5



2
2
3X + 18Y = 1, con =

+
4
2
1

Y
y
3
5
5
[27] La conica e` degenere di equazione in forma canonica:
2
1 X 1
x


5
5


2
2
4X Y = 0, con =

+ .
1

2

y
Y
1
5
5
La conica si decompone in (3x 4y + 1)(x 1) = 0.
[28] La conica e` degenere di equazione in forma canonica:
2
1 X
x

5
5
1

Y 2 = , con =

.
5
1

Y
y
5
5

Capitolo 10

281

La conica si decompone in (2x y + 1)2 = 0.


[29] La conica e` una parabola di equazione in forma canonica:
2
1
1 X
x


5
2 5


2Y 2 3X = 0, con =
+

2
3

y
Y
5
5
2 5

[30] La conica e` una parabola di equazione in forma canonica:


1
1
2 X
x


5
5
5


2
2Y 3X = 0, con =

+
2

1
9


y
Y
5
5
2 5
[31] La conica e` unellisse di equazione in forma canonica:
1
1 X 1
x

2


X 2 + 3Y 2 = 1, con =

+
1

y
1
Y
2
2
[32] Si tratta di una parabola di equazione in forma canonica:
2
1 X
x


5
5
2


2
5Y = X, con =

+
1

5
2

y
Y
5
5

6
25

.
2
25

[33] Si tratta di una parabola di equazione in forma canonica:


2
1 X 3
x

5
5
5
5


2
Y =
X, con =

+
5
1

1
2

Y
y
20
5
5

282

Riduzione a Forma Canonica delle Coniche

[34] Si tratta di unellisse di equazione in forma canonica:


1
1 X 5
x

48
2
2
384 2 576 2


X +
Y = 1, con =

+
5
5
1
1
1

y
Y
48
2
2
[35] Si tratta di uniperbole di equazione in forma canonica:
1
2 X 0
x

5


5
2 2 1 2


X Y = 1, con =

+ .
3
3
2

y
Y
1
5
5
[36] Si tratta di unellisse di equazione in forma canonica:
2
1 X
x

5
5
9 2 3 2


X + Y = 1, con =

2
4
1
2

Y
y
5
5

1
3

+
4
3

[37] Si tratta di uniperbole di equazione in forma canonica:


2
1 X 35
x


5
5
5
X2
Y2

= 1, con =
+


315
35
1
20
2

y
Y
5
5
5
[38] La conica e` uniperbole di equazione in forma canonica:
2
1 X 0
x

5


2
2
4X Y = 1, con =

+
1

2

y
Y
1
5
5

[39] La conica e` uniperbole equilatera di equazione in forma canonica:

Capitolo 10

2 2 2 2

X Y = 1, con
7
7

2

=
1

y
2

283

1 X 1

2
2

+
1
1

Y
2
2

[40] La conica e` uniperbole di equazione in forma canonica:


2
1 X
x


5
5
64 2 16 2


Y = 1, con =
X +

3
3
1
2

Y
y
5
5

1
4

+
.
3
8

[41] La conica e` uniperbole equilatera di equazione in forma canonica:


1
1 X 1
x

6
2
2
18 2 18 2



X
Y = 1, con =

+
7
7
1
1
1

Y
y
6
2
2
[42] La conica e` unellisse di equazione in forma canonica:
1
1 X 1
x


2
2


X 2 + 3Y 2 = 1, con =

+
1

y
Y
1
2
2

[43] Si tratta di unellisse, infatti det(A) = 8 > 0 e det(B) = 72 6= 0.

[44] 1. La conica e` unellisse di equazione, in forma canonica,

semiassi a = 2 2, b = 2, eccentricit`a e =

X2
Y2
+
= 1;
8
4

2
; centro (2, 1);
2

vertici (2 2 2, 1), (2, 1 2); fuochi (4, 1), (0, 1);


assi x + 2 = 0, y + 1 = 0; direttrici x + 6 = 0, x 2 = 0;

Riduzione a Forma Canonica delle Coniche

284

2. la conica e` uniperbole di equazione, in forma canonica,

semiassi a = 6, b = 3, eccentricit`a e =
vertici (3

X2
Y2

= 1;
6
3

3
; centro (3, 2);
2

6, 2); fuochi (6, 2), (0, 2); assi x + 3 = 0, y + 2 = 0;

direttrici x + 5 = 0, x + 1 = 0; asintoti x + 3 = 2(y + 2);

3. la conica e` una parabola di equazione, in forma canonica, 2Y 2 + 5X = 0;






17
111
161
, 2 ; fuoco
, 2 ; asse y 2 = 0; direttrice x =
;
vertice
5
40
40
4. la conica e` unellisse di equazione, in forma canonica,

semiassi a = 2 2, b = 2, eccentricit`a e =

X2
Y2
+
= 1;
8
4

2
; centro (1, 2);
2

vertici (1 2 2, 2), (1, 2 2); fuochi (3, 2), (1, 2);


assi x + 1 = 0, y 2 = 0; direttrici x + 5 = 0, x 3 = 0;
5. la conica e` uniperbole di equazione, in forma canonica,

Y2
X2

= 1;
4
2

6
semiassi a = 2, b = 2, eccentricit`a e =
; centro (2, 1);
2

vertici (2 2, 1); fuochi (2 6, 1), (2 + 6, 1);

2
2
6; asintoti y +1 =
(x+2).
assi x+2 = 0, y +1 = 0; direttrici x = 2
3
2

[45] 1. I valori di t richiesti sono 1, 1/2, 1.


2. Il centro di tutte le coniche della famiglia e` il punto C = (1, 1), infatti, mediante la
traslazione:


x
X
1


=
+
y
Y
1

Capitolo 10

285

si ottengono circonferenze ed ellissi scritte in forma canonica per ogni valore di t,


ad eccezione di quelli indicati nel punto precedente.
3. X 2 +

Y2
= 1 e` lequazione della conica cercata.
3

[46] 1. Le coniche devono essere non degeneri, vale a dire:


det(B) = 28t3 30t2 + 24t + 8 6= 0;
poiche det(A) = (3 + 2t)(4 + 2t) si ottengono:
ellissi se t < 2 oppure t > 3/2,
iperboli se 2 < t < 3/2,
parabole se t = 2 o t = 3/2,
non esistono circonferenze appartenenti a F;
2. 2y 2 + 4x 24y 1 = 0 se t = 3/2,
x2 2x + 16y + 1 = 0 se t = 2,
sono le equazioni delle parabole appartenenti a F;
3. si tratta di unellisse di equazione x2 + 2y 2 + 2x 8y = 0 con centro (1, 2);



 

3
3
3
vertici (1 3, 2), 1, 2 ; fuochi 1 , 2 , 1 + , 2 .
2
2
2

[47] 1. La conica richiesta ha equazione 3x2 y 2 + 6x 2y 2 = 0;

3
assi x + 1 = 0, y + 1 = 0; direttrici x = 1
;
3
2. si ottiene una circonferenza se t = 1, il suo centro e il suo raggio sono,

rispettivamente, C = (3, 1), r = 2 3;


3. si ottiene uniperbole equilatera se t = 1; la sua equazione e` :

x2 y 2 + 6x = 0, i fuochi sono (3 3 2, 0), (3 + 3 2, 0),

leccentricit`a e` e = 2.

286

Riduzione a Forma Canonica delle Coniche

[48] 1. Per ridurre a forma canonica tutte le coniche della famiglia si deve imporre,
nella traslazione, Y = y 1 da cui la tesi;
2. lequazione della parabola richiesta e` 5y 2 10y + 28x 15 = 0,


5
il cui vertice e` V =
,1 .
7

[49] 1. Ca e` degenere se a = 1.
2. La conica e` uniperbole in quanto det(A) = 4.
nica e` :
1
1
x

2
2

2X 2 2Y 2 = 1, con =
1
1

y
2
2

La sua equazione in forma cano



+
1

Y
2

[50] La conica e` una parabola per h = 2. La sua equazione in forma canonica e` :



1
3
1
x
X


2
32
2

4Y 2 + 3X = 0, con =

+ .

7 3
1
3
y
Y
96
2
2
2
1

5
5

[51] 1. P =
e` la matrice ortogonale cercata.
1
2

5
5
2. Si tratta di uniperbole la cui equazione in forma canonica e` :
 


x
X
2
2
3X 2Y = 1, con
=P
.
y
Y

[52] 1. La conica e` uniperbole di equazione in forma canonica:

Capitolo 10

13X + 13Y = 1, con

287

2 X 3

13
13

+
2
3

Y
13
13

13

=
2

y
13


2. liperbole determinata nel punto 1. ha centro


3 2
,
;
13 13

assi di equazioni 2x 3y = 0, 3x + 2y 1 = 0;
1
1
asintoti di equazioni y = 5x 1, y = x + .
5
5

[53] 1. La parabola assegnata ha vertice V =

asse


9
1

,
,
200 100

x = t 200

y = 2t +
,
100

t R.

La sua equazione in forma canonica e il cambiamento di riferimento usato sono:

2 5
X;
5Y =
5
2

1
2 X

5

2
1

y
Y
5
5

9
200

+
1
100

2. Lequazione della retta tangente alla parabola nel suo punto P e` 4x 3y 1 = 0.

[54] La conica e` unellisse di equazione in forma canonica:



1
2 X
x

5
5
1 2

X + 3Y 2 = 1, con =

2

2
1

y
Y
5
5
con assi di equazioni x + 2y 3 = 0, 2x y 1 = 0.

288

Riduzione a Forma Canonica delle Coniche

[55] Si tratta di uniperbole di equazione in forma canonica:


1
2 X 1
x

5


X 2 9Y 2 = 1, con =

+ ;
2

1

y
Y
1
5
5
i cui assi hanno equazioni x + 2y 3 = 0, 2x y 1 = 0.

[56] 1. Se a < 3, a > 3 si hanno delle iperboli;


se 3 < a < 3 si hanno delle ellissi;
se a = 3 si ha una conica degenere;
se a = 3 si ha una parabola;
se a = 11/3 si ha una conica degenere.
2. La conica e` unellisse di equazione in forma canonica:
1
1 X
x


2
2
X2


+ Y 2 = 1, con =

2
1
1

Y
y
2
2

1
2

+
1
2

[57] 1. Se t < 4, t > 0 si hanno delle iperboli;


se 4 < t < 0 si hanno delle ellissi;
se t = 4 si ha una parabola;

se t = 0 e se t = 2 5 si hanno coniche degeneri.

2. Si ottiene una parabola non degenere per t = 4. 5 5Y 2 = 2X e` lequazione


in forma canonica della parabola con cambiamento di riferimento:
1
2 X 409
x

200
5
5

+
.
2

1
399

y
Y
100
5
5

Capitolo 10

289

3. La conica richiesta coincide con quella studiata nel punto precedente.


[58] Se 1 < h < 1 si hanno delle ellissi;
se h = 1 si hanno delle parabole;
se h < 1, h > 1 si hanno delle iperboli.
[59] 1. La conica e` non degenere perche:




1 1 1


2




1

1

3 6= 0;

4
2





1
3
6
2. si tratta di una parabola perche:




1
1

2


= 0;
1

1




2
4
la forma canonica e il cambiamento di riferimento sono:
1
2 X
x

5

5 2

Y = 2 5X; =

4
2
1

y
Y
5
5

7
5


;
+
6

3. asse di equazione 2x y 4 = 0, tangente nel vertice di equazione x + 2y + 1 = 0


(si e` usata la regola degli sdoppiamenti). In alternativa, si osservi che la tangente
ad una parabola nel suo vertice e` la retta passante per il vertice e ortogonale allasse;
4. e` sufficiente ricordare che la parabola e` il luogo dei punti P = (x, y) equidistanti
dalla direttrice d e dal fuoco F .
[60] 1. No, perche det(B) 6= 0.
2. S`. Il centro ha coordinate (1/2, 1/2).

290

Riduzione a Forma Canonica delle Coniche

3. La conica e` unellisse.
4. 2X 2 + 4Y 2 = 1 e` lequazione della conica in forma canonica.
5. S`.
[61] 1. Si tratta di una conica non degenere in quanto:



1

0
1

2




1

det(B) =
1
0 6= 0;
2





1
1

1

2
2
2. la conica e` uniperbole equilatera di equazione in forma canonica:
1
1 X
x


2
2


2X 2 2Y 2 = 1, con =

+
1

1

y
Y
2
2


1 1
3. centro
,
;
2 2
4. asintoti di equazioni x =

1
2

;
1
2

1
1
, y= ;
2
2

5. lequazione della retta tangente alliperbole nel punto P e` x y + 1 = 0 (si e` usata


la regola degli sdoppiamenti).
[62] La conica e` una parabola di equazione in forma canonica:
1
1 X 5
x

2

4
2


2
Y = 3 2X, con =

+
1

3
1

y
Y
4
2
2


5 3
vertice ,
, asse di equazione x y + 2 = 0.
4 4

Capitolo 10

291

10

-20

10

-10

-10

-20

Figura 10.3: Esercizio n. 63

292

Riduzione a Forma Canonica delle Coniche

Nella Figura 10.3 e` rappresentata la parabola rispetto ai tre riferimenti usati, ossia come
da equazione assegnata, dopo la rotazione ed infine in forma canonica.
[63] La conica e` unellisse di equazione in forma canonica:
1
1 X 5
x

2

2
2
X2
2 2


+ Y = 1, con =

;
+
2
3
1
1
1

y
Y
2
2
2




3
7
3 1
, A2 = , ,
i cui vertici sono A1 = ,
2 2
2
2
!

2 3 5 2 2 3 2
2 3 5 2 2 3 2

,
, B2 =
,
.
B1 =
2 2
2 2
2 2
2 2
[64] Se h = 73/24 la conica e` degenere, altrimenti e` non degenere;
se 2 < h < 2 la conica e` unellisse;
se h < 2 e h > 2 la conica e` uniperbole;
se h = 2 la conica e` una parabola.
Se h = 0 si ha lellisse di equazione in forma canonica:


x
X
4
4 2 16 2


X +
Y = 1, con =
.
+
3
73
73
y
Y
4
[65] 1. Ch e` una parabola se h = 4.
2. Se h = 4 la conica C4 e` una parabola la cui equazione in forma canonica e` :

1
2 X 1
x

10

5
5

10Y 2 2 5X = 0, con =

+
;

1
2
1

y
Y
5
5
5
se h = 4 la conica C4 e` una parabola la cui equazione in forma canonica e` :

Capitolo 10

10Y + X = 0, con

5
2

293

2 X 7

150
5

+
.
23
1

Y
75
5

[66] 17x2 + 17y 2 30xy 128 = 0 e` lequazione dellellisse cercata. La sua equazione
in forma canonica e` :
1
1 X
x

2

2
1 2 1 2

X + Y = 1, con =

.
64
4
1

y
Y
2
2

[67] 1. C e` una parabola se = 2 6.

2. C e` degenere se = 0, in questo caso C0 e` ( 3x + 2iy)( 3x 2iy) = 0.


[68] 1. Se h = 1 la conica e` degenere, altrimenti e` non degenere.
Per h = 0 si ha una parabola. Per h 6= 0 si ha sempre uniperbole.
2. Si tratta di uniperbole di equazione in forma canonica:
1
2 X 1
x

5


5
1 2 4 2


X + Y = 1, con =

+
3
3
2

1

y
Y
1
5
5
[69] Si tratta di una parabola di equazione in forma canonica:


3
4
x
X
3

5
2
5

2
Y = X, con =

+ ;
5
4

3
y
Y
4
5
5
le coordinate del vertice sono (3, 4).
[70] Si tratta di unellisse di equazione in forma canonica:

Riduzione a Forma Canonica delle Coniche

294

3 2 1 2

X + Y = 1, con
5
5

1
1 X

2

=
1
1

y
Y
2
2

le equazioni dei suoi assi sono x y + 1 = 0, x + y + 1 = 0.

[71] La conica e` uniperbole di equazione in forma canonica:


1
1 X 1
x


2
2
3 2 1 2



X Y = 1, con =

+
2
2
1

1

y
Y
1
2
2

i cui vertici sono

33 3+3
,
,
3
3

3+3
33
,
.
3
3

[72] 1. Se k = 1 la conica e` unellisse di equazione in forma canonica:


1
2 X 1
x


5
5


2X 2 + Y 2 = 1, con =

+
2

y
Y
0
5
5

2. La conica e` degenere per k = 2/27 e le sue componenti hanno equazioni:

6x 2y + 6 30 = 0, 6x 2y + 6 + 30 = 0.

[73] Si tratta di uniperbole perche det(B) = 1/4 e det(A) = 2;


la sua equazione in forma canonica e` :

3X 2 Y 2 =

, con
12

1
1 X

2

=
1
1

Y
y
2
2

1

3 2

+

2

3 2

Capitolo 10

gli asintoti hanno equazioni:

1
1
1
x + y = 3
2
2
2


1
1
1
x+ y
.
6
2
2

295

296

Riduzione a Forma Canonica delle Coniche

Capitolo 11
Geometria Analitica nello Spazio
11.1

Esercizi

In questo capitolo sono inseriti esercizi di geometria analitica nello spazio che riguardano
la rappresentazione di piani, rette, sfere e circonferenze.
Con V3 si denota lo spazio vettoriale euclideo, di dimensione 3, dei vettori ordinari,
riferito ad una base ortonormale positiva B = (i, j, k). In questambito indica il
prodotto scalare tra due vettori e il prodotto vettoriale o esterno tra due vettori.
Inoltre, tutti gli esercizi di questo capitolo sono assegnati nello spazio ordinario, rispetto
ad un riferimento cartesiano (ortonormale, monometrico, positivo) R = (O, x, y, z) o, in
modo equivalente, rispetto al riferimento cartesiano R = (O, i, j, k), dove (i, j, k) e` una
base ortonormale positiva dello spazio vettoriale V3 su cui e` definito lo spazio affine di
punti che viene considerato.

[1] Date le rette:



xy =0
r1 :
2x z + 5 = 0,


r2 :

xy6=0
x 2y + z 6 = 0,


r3 :

3x 2z + 2 = 0
3y + z 4 = 0,

1. scrivere le equazioni della retta s incidente r1 ed r2 e parallela a r3 .


2. Trovare lequazione della sfera passante per i punti A = (1, 1, 2), B = (2, 1, 1)
e tangente alla retta r3 nel punto C = (0, 1, 1).
3. Determinare
le equazioni delle circonferenze contenute nella sfera , aventi raggio
p
pari a 14/3 e tangenti alla retta r3 .
297

Geometria Analitica nello Spazio

298

[2] Determinare le equazioni della circonferenza tangente nellorigine alla retta:

x = 2t
y = 3t
r:

z = t, t R
e passante per il punto A = (1, 0, 1).
[3] Dati i piani:
1 : x + y + z h = 0,

2 : x + ky = 0,

3 : x + y z 1 = 0,

h, k R,

1. studiare, al variare di h e k in campo reale, la loro posizione reciproca.


2. Posto h = 1, k = 1, si consideri la retta r = 1 2 . Determinare le equazioni
della retta s simmetrica di r rispetto al piano 3 e scrivere lequazione del piano
che contiene r ed s.
3. Trovare lequazione della sfera passante per il punto A = (3, 1, 1) e tangente al
piano 3 nel punto B = (1, 1, 1).
[4] Dati i punti:


1 3
1
, ,
C=
,
2
2 2

P = (1, 0, 0),

Q = (0, 1, 3),

R = (0, 0, 1)

ed il piano : x y = 0,
1. determinare lequazione della sfera 1 di centro C e raggio

7/2.

2. Trovare lequazione del piano 0 passante per i punti P , Q, R.


3. Determinare lequazione della sfera 2 avente il centro sul piano e contenente la
circonferenza C intersezione della sfera 1 con il piano 0 .
[5] Dati il punto A = (3, 3, 1) e le rette:

r:

2x y + 3z + 5 = 0
x y + 2z + 1 = 0,


s:

x + 2y 1 = 0
3y z 2 = 0,

1. determinare lequazione del piano passante per A, parallelo a r e a s.


2. Determinare lequazione della sfera tangente a in A e avente il centro sul piano
coordinato xy .

Capitolo 11

299

[6] Date le rette:



r:

x2=0
y5=0

e s passante per lorigine, parallela al piano di equazione 3x+2y+z+5 = 0 e complanare


con la retta di equazioni x y + z = y 3 = 0, verificare che r e s sono sghembe e
determinare la loro minima distanza.

[7] Determinare le equazioni della circonferenza passante per i punti A = (1, 2, 1),
B = (0, 2, 4), C = (2, 1, 3).

[8] Dati il piano : kx y + hz 1 = 0 con h, k R e la retta:



r:

x hz 2 = 0
3x + y = 0,

1. stabilire per quali valori di h e k :


a. la retta ed il piano sono incidenti;
b. la retta e` parallela al piano e non contenuta nel piano;
c. la retta e` contenuta nel piano;
d. la retta ed il piano sono perpendicolari.
2. Si ponga h = k = 1 e si considerino i punti A = (2, 1, 0), B = (0, 2, 2). Verificare
che le rette s1 passante per A e perpendicolare a , e s2 passante per B e parallela
a r, sono sghembe.

[9] Determinare le equazioni di tutte le circonferenze del piano y = 0 tangenti allasse z


nel punto P = (0, 0, 1).

[10] Dati il piano : 2x + y = 0 ed i punti A = (0, 0, 2), B = (1, 2, 0) di ,


determinare il luogo dei punti C di tali che larea del triangolo ABC sia 6.

[11] Dati i punti A = (1, 2, 0), B = (0, 0, 4), C = (1, 2, 2), determinare le equazioni
della circonferenza circoscritta al triangolo ABC .

Geometria Analitica nello Spazio

300

[12] Dati il punto A = (9, 0, 0) ed il vettore u = 2i k,


1. trovare lequazione del piano passante per A e ortogonale ad u.
2. Determinare lequazione della sfera tangente al piano nel punto P = (7, 1, 4)
e avente il centro sul piano : x y + z = 0.
3. Trovare, infine, le equazioni della retta tangente a in P e parallela al piano
coordinato yz .

[13] 1. Determinare il piano contenente la retta:

x=t
y = 2t 1
r:

z = t + 1,

tR

e passante per lorigine.


2. Dopo aver verificato che lintersezione della sfera:
: x2 + y 2 + z 2 2x + 2z 2 = 0
con il piano e` una circonferenza C, trovare lequazione della sfera 0 contenente
C e avente il centro sul piano 0 : x + 2y 1 = 0.

[14] Date le rette:

x = at + 1
y = 2t + 2
r:

z = 3t + 3,


s:
t R,

bx y + 2 = 0,
3x z + 1 = 0,

al variare dei parametri a e b in campo reale, studiare la posizione reciproca di r ed s.

[15] 1. Determinare lequazione del piano passante per il punto A = (2, 3, 0), parallelo
alla retta r : x = y = z e perpendicolare al piano : x + y + z = 2.
2. Tra tutte le sfere tangenti al piano nel punto B = (1, 1, 2), determinare quelle
tangenti alla sfera : x2 + y 2 + z 2 = 16.

Capitolo 11

301

[16] Nello spazio vettoriale reale V3 , rispetto ad una base ortonormale positiva B =
(i, j, k), sono dati i vettori:
v = (1, 0, 2).

u = (1, 2, 3),

1. Determinare le equazioni della retta r che passa per il punto A = (0, 1, 1) ed e`


parallela al vettore u e le equazioni della retta s complanare ad r, che passa per il
punto B = (3, 0, 2) e che e` ortogonale a v.
2. Calcolare la distanza (in valore assoluto) dellorigine dalla retta r.
3. Determinare lequazione della sfera avente il centro in B e tangente alla retta r.
[17] Data la circonferenza C del piano z + 1 = 0, di centro Q = (2, 3, 1) e raggio
determinare le equazioni delle sfere passanti per C e tangenti alla retta:

r:

3,

x=0
y 3 = 0.

[18] Determinare le equazioni della retta s perpendicolare al piano : 2x+2yz+1 = 0


e incidente le rette:


x = 2t
x3=0
y = 2
r1 :
r2 :
y 3z = 0,

z = t, t R.
[19] 1. Determinare le equazioni della retta r passante per lorigine, incidente la retta:

x=t
y = 3t
s:

z = 2 t, t R
e ortogonale al vettore n = j + 2k.
2. Scrivere lequazione della sfera avente il centro sulla retta r e passante per i punti
A = (1, 0, 0), B = (0, 0, 1).
3. Determinare lequazione del luogo dei centri delle circonferenze appartenenti a e
aventi raggio 1/2.

Geometria Analitica nello Spazio

302

[20] Date le rette:

x=2+t
y = 1 t
r:

z = 4 + 3t,

t R,

x=3+u
y =2+u
s:

z = 4 + u,

u R,

1. verificare che sono sghembe e determinare le equazioni della loro perpendicolare


comune.
2. Determinare le equazioni della circonferenza tangente a r nel punto P = (2, 1, 4)
e passante per il punto A = (0, 0, 1).
[21] Data la sfera:
: x2 + y 2 + z 2 24x + 3y + 4z + 4 = 0,
1. determinare le equazioni della retta r parallela al piano coordinato xy e tangente a
nel punto A = (0, 0, 2), e le equazioni della retta s parallela al piano coordinato
xz e tangente a nel punto B = (24, 3, 2).
2. Verificare che le rette r e s sono sghembe e determinare la loro minima distanza.
[22] Determinare le equazioni dei piani1 e 2 passanti per la retta r : 2x+1 = y4 = z
e aventi distanza (in valore assoluto) 2 2 dal punto P = (1, 1, 1).
[23] Date le rette:

r:

xy+z =0
y + 3z = 0,


s:

x+y1=0
y + 3z 2 = 0,

1. verificare che r e s sono sghembe e determinare la loro minima distanza.


2. Determinare le equazioni delle sfere aventi il centro sulla retta s e tangenti al piano
z = 0. Tali sfere appartengono ad un fascio?
[24] 1. Determinare le equazioni delle rette appartenenti al piano 1 : x y + 3 = 0,

parallele al piano 2 : x z + 1 = 0 e aventi distanza (in valore assoluto) 14 dal


punto A = (1, 1, 0).
2. Determinare centro e raggio della circonferenza intersezione del piano 1 con la
sfera di centro lorigine e raggio 4.

Capitolo 11

303

[25] Fra tutte le sfere passanti per la circonferenza:



C:

x2 + y 2 + z 2 9 = 0
2x + 4y + 4z 9 = 0,

determinare quelle tangenti al piano di equazione x = 3.

[26] Determinare la lunghezza della proiezione ortogonale del segmento AB , con:


A = (0, 0, 1),

B = (1, 2, 3),

sulla retta:

r:

xy+z =0
x + y z = 0.

[27] Determinare le equazioni della retta tangente nellorigine O alla circonferenza:



C:

x2 + y 2 + z 2 + x + y = 0
x2 + y 2 + z 2 y + z = 0.

[28] Determinare le coordinate del punto simmetrico dellorigine O rispetto alla retta:

r:

x+y+z =0
x + y 1 = 0.

[29] Fra tutte le sfere tangenti al piano : x + y + z = 2 nel punto P = (1, 1, 2),
determinare
quelle secanti il piano coordinato xy secondo una circonferenza di raggio

pari a 2.

[30] Dati il piano : x + y + z = 0 e il punto P = (0, 0, 1), determinare le equazioni


dellerette di , parallele al piano coordinato xy e aventi distanza (in valore assoluto)
d = 2 da P.

[31] Determinare le equazioni delle sfere tangenti ai piani coordinati yz e xz e passanti


per i punti A = (1, 3, 2), B = (3, 1, 2).

Geometria Analitica nello Spazio

304

[32] Data la circonferenza:



C:

x2 + y 2 + z 2 4 = 0
x y + z = 0,

1. verificare che il punto A = (2, 1, 1) del piano : x y + z = 0 e` esterno alla


circonferenza C .
2. Determinare le equazioni delle rette del piano uscenti da A e tangenti alla circonferenza C .
[33] Determinare le equazioni delle sfere tangenti al piano : x y + 2z 1 = 0 nel
punto P = (1, 0, 0) e tangenti allasse z .
[34] Determinare, al variare dei parametri reali h e k , la posizione reciproca delle rette:


x + hy + z = 0
x y + hz 1 = 0
r:
s:
2x y + 3z + k = 0,
2x y + z + k = 0.
[35] Determinare lequazione della sfera passante per il punto A = (1, 1, 1) e per la
circonferenza del piano : x + 2y + z 7 = 0 di centro C = (2, 3/2, 2) e raggio uguale
a 1/2.
[36] Determinare le coordinate del punto P 0 simmetrico del punto P = (1, 2, 4) rispetto al piano di equazione x + y 2z 3 = 0.
[37] Determinare le equazioni delle sfere tangenti al piano : 2x + y 2z 6 = 0 nel
punto P = (2, 2, 0) e tangenti alla retta r: x + z + 2 = y 2 = 0.
[38] Determinare, al variare dei parametri reali h e k , la posizione reciproca dei tre piani:
1 : x + hy + z = 0,

2 : x y + hz 1 = 0,

3 : 2x + hy + z + k = 0.

[39] Dati il punto P = (1, 2, 1) e le rette:


y1
2x
=
= 1 2z,
r1 :
2
3
determinare:


r2 :

z=0
3x y 2 = 0,

Capitolo 11

305

1. lequazione della sfera passante per il punto H = (0, 0, 2 33) che interseca il
piano coordinato xy secondo la circonferenza:
C : x2 + y 2 24(x + y) 132 = 0,
la cui equazione e` scritta in tale piano;
2. le equazioni della retta r3 passante per P, perpendicolare alla retta r2 e incidente
la retta r1 ;
3. larea del triangolo M N P, dove M e N sono i punti di intersezione della retta r1
con la sfera .
[40] Dati i punti:
P1 = (2, 0, 0),

P2 = (3, 2, 1),

P3 = (2, 1, 1),

P4 = (0, 0, 2),

1. detta H la proiezione ortogonale di P1 sulla retta P3 P4 e detta K la proiezione


ortogonale di P3 sulla retta P1 P2 , determinare le equazioni delle rette P1 H e P3 K
e studiarne la loro posizione reciproca.
2. Scrivere le equazioni della circonferenza circoscritta al triangolo P1 P2 P3 .
[41] Date le rette:

x + y + 2z 1 = 0
s1 :
2x + 2y + z + 1 = 0,


s2 :

x 2y + z + 1 = 0
2x 4y + 1 = 0,

1. verificare che s1 e s2 sono sghembe.


2. Scrivere le equazioni della retta r perpendicolare comune a s1 e a s2 .
3. Determinare le coordinate dei punti di intersezione P1 = s1 r e P2 = s2 r.
4. Determinare lequazione della sfera tangente a s1 e a s2 nei punti P1 e P2 .
[42] Determinare le equazioni della retta tangente in P = (0, 0, 1) alla sfera di equazione:
x2 + y 2 + z 2 2x + y z = 0
e che interseca la retta:

x1

=y
2
s:

z 2 = 0.

306

Geometria Analitica nello Spazio

[43] Assegnati il punto A = (1/2, 1, 2) sul piano : 2x y + z = 0 e la retta:



x1=0
s:
3y z + 1 = 0,
determinare:
1. le equazioni delle rette di che passano per A e che formano con s un angolo
tale che:
3
cos =
2;
5
2. lequazione della sfera di centro A e tangente alla retta s.
[44] Dati la sfera:
: x2 + y 2 + z 2 2x 4y 2z = 0,
e il piano:
: x + y z = 0,
determinare:
1. le coordinate del centro ed il raggio della circonferenza C intersezione di con ;
2. le equazioni della retta tangente a C nellorigine O.
[45] Dati il piano:
: x y + 2z = 0
e la retta:
r : x = 2y = z,
determinare:
1. le equazioni della retta r0 simmetrica di r rispetto ad ;
2. lequazione del piano individuato da r e da r0 ;
3. le equazioni delle bisettrici degli angoli formati da r e da r0 ;
4. le equazioni delle sfere aventi il centro sulla retta r, tangenti al piano e passanti
per il punto A = (2, 0, 2).

Capitolo 11

307

[46] Dati la retta:



r:
il punto A = (1, 2, 1/2) e h =

xy+z =0
2x + y + z 1 = 0,

p
17/2, determinare:

1. i punti di r che hanno distanza (in valore assoluto) h da A;


2. lequazione della sfera tangente in A al piano passante per A e per r e avente il
centro sul piano di equazione y = 0.
[47] 1. Discutere, al variare dei parametri h e k in R, la posizione reciproca dei tre piani:
1 : x 2y + hz = 1,
2 : 2x 4y kz = 2,
3 : (h k)x (4 k)y (h + 2k)z = 4 h.
2. Posto h = 1, k = 2, i piani 1 e 2 si incontrano in una retta. Determinare le equazioni delle sfere tangenti sia a 1 sia a 2 (contemporaneamente) e passanti per il
punto P = (2, 0, 0).
[48] Determinare le equazioni delle rette parallele al piano coordinato xy e tangenti alla
circonferenza:
 2
x + y 2 + z 2 2x + 3y = 0
C:
x + 2y + z + 2 = 0.
[49] Dati il piano : x + hy + 4z + k = 0, h, k R e la retta:

2x y + z 1 = 0
r:
5x z + 2 = 0,
1. studiare la loro posizione reciproca al variare dei parametri h, k.
2. Trovare le equazioni dellacirconferenza C di centro C = (2, 0, 3) che stacca su r
una corda di lunghezza 2 3.
3. Determinare le equazioni delle rette tangenti a C parallele al vettore a = 2i j + k.

Geometria Analitica nello Spazio

308

[50] Determinare le equazioni delle rette passanti per il punto M = (0, 0, 1), parallele al
piano : x + z = 0 e tangenti alla sfera di centro C = (0, 4, 2) e raggio 2.
[51] Date le rette:

x + az + 1 = 0
r:
ax + y 7 = 0,


s:

x+ya=0
y 1 = 0,
a R,

1. al variare del parametro a in campo reale, studiare la loro posizione reciproca.


2. Posto a = 2, trovare lequazione del piano che contiene le due rette.
3. Posto a = 1, trovare lequazione della sfera tangente ad entrambe le rette ed avente
diametro di lunghezza pari alla minima distanza tra r ed s.
[52] Dati il piano : 2x 3y + hz + 1 = 0 e le rette:


x = 1 + t
xyz+k =0
y =4t
r:
s:
x + z 1 = 0,

z = t,
1. stabilire per quali valori dei parametri reali h, k:
a. la retta r e il piano sono incidenti;
b. la retta r e il piano sono paralleli;
c. la retta r e` contenuta nel piano .
2. Posto h = 2 e k = 3, trovare le equazioni della retta perpendicolare a ed
incidente sia r sia s.
[53] Date le rette:

r1 :

x+y2=0
x + z 4 = 0,


r2 :

xyz =0
4x 2y z 4 = 0,

1. determinare lequazione del piano contenente r1 e ortogonale a r2 .


2. Determinare le equazioni della retta passante per P0 = (1, 0, 1), ortogonale a r1
ed incidente la retta r3 : x y + z = 3x + y 7 = 0.

3. Determinare le equazioni delle sfere di raggio 2, aventi centro su r1 e tangenti al


piano : x z + 2 = 0.

Capitolo 11

309

[54] Date le rette:



r:

2x + 2y + z = 0
y + z 2 = 0,


s:

2x + y + 5 = 0
2x z + 10 = 0,

1. verificare che le rette r ed s sono parallele e trovare lequazione del piano che le
contiene.
2. Calcolare la distanza (in valore assoluto) tra le rette r ed s.
3. Determinare le equazioni delle sfere aventi centro sulla retta r e tangenti sia al
piano : 2x 2y + z 1 = 0 sia alla retta s.
[55] Dati i piani:
1 : x hy + z 1 = 0,
2 : 2x + y + (1 h)z + 1 h = 0,
3 : (1 + h)x + 3y 2z = 0,

h R,

1. determinare, per ogni h, la loro posizione reciproca.


2. Posto h = 0, si considerino la retta r = 1 2 ed il punto A = r 3 . Scrivere
le equazioni della retta passante per A, ortogonale a r e parallela al piano 3 .
3. Trovare lequazione della sfera tangente in A al piano 3 ed avente centro sulla
retta s : x + 2y 5 = y + z 8 = 0.
[56] Dati i punti P0 = (1, 0, 0), P1 = (0, 0, 3) e la retta s : x = y = z ,
1. trovare le equazioni della retta r passante per P0 , perpendicolare ed incidente la
retta s.
2. Scrivere le equazioni delle sfere tangenti allasse x nel punto P0 , passanti per il
punto P1 e tangenti alla retta s.
[57] Dati il piano : x + 2y 2z + 1 = 0 e la retta r : 2x + y + z = 2x y 3z = 0,
1. scrivere lequazione del piano contenente r e perpendicolare a .
2. Determinare
p i punti della retta s : x + y = x z = 0 che hanno distanza (in valore
assoluto) 3/2 dalla retta r.

310

Geometria Analitica nello Spazio

3. Sia C la circonferenza intersezione del piano con la sfera:


: x2 + y 2 + z 2 2x 2y + h = 0,

h R.

Trovare il valore di h in modo tale che il raggio di C sia 1.


[58] Dati il punto A = (1, 0, 1) e i piani:
1 : x z 3 = 0,

2 : y z 1 = 0,

1. determinare le equazioni delle rette


contenute nel piano 1 , parallele al piano 2 ed
aventi distanza (in valore assoluto) 13 dal punto A.
2.
Sia C la circonferenza intersezione del piano 2 con la sfera di centro A e raggio
6. Stabilire se il punto B = (2, 1, 0) del piano 2 e` interno o esterno a C .
3. Trovare le rette tangenti a C parallele al piano 1 .
[59] Dati i punti A = (3, 2, 0), B = (3, 1, 3) e la retta:

2y z + 1 = 0
r:
x 3y + z 3 = 0,
1. dopo aver verificato che le rette AB ed r sono incidenti, trovare il loro punto di
intersezione ed il piano che le contiene.
2. Scrivere lequazione della sfera passante per A e B ed avente centro su r.
3. Determinare lequazione del piano tangente a nel punto A.
4. Trovare lequazione della circonferenza C contenuta nella sfera e tale che A, B
siano estremi di un diametro di C .
[60] Date la sfera : x2 + y 2 + z 2 2x + y = 0 e la retta:

2x + z 5 = 0
r:
y + z = 0,
1. trovare le equazioni dei piani tangenti a che contengono la retta r.
2. Determinare lequazione della sfera 0 tangente a nellorigine ed avente centro
sul piano : x 2y z + 2 = 0.
3. Trovare le circonferenze contenute nella sfera , che appartengono a piani perpendicolari a r ed hanno raggio 1/2.

Capitolo 11

311

[61] Dati i piani:


1 : x + ky + z k = 0,
2 : kx + y + z 1 = 0,
3 : x + y + kz k 2 = 0,

k R,

1. determinare, al variare di k , la loro posizione reciproca.


2. Posto k = 0, trovare le equazioni della retta passante per il punto A = (1, 1, 2),
parallela a 1 e complanare con la retta r = 2 3 .

3. Posto k = 1, si consideri la circonferenza C di centro B = (0, 0, 1) e raggio 2


contenuta nel piano 3 . Trovare lequazione della sfera contenente la circonferenza
C e tangente alla retta s = 1 2 .
[62] Si consideri la retta:

r:

x 2z 4 = 0
y 3z 1 = 0,

1. determinare lequazione del piano passante per r e parallelo allasse z . Calcolare


la distanza tra e lasse z .
2. Trovare il centro e il raggio della circonferenza C di equazioni:
 2
x + y 2 + z 2 + 2x 2y 1 = 0
xy =0
e determinare le equazioni della retta tangente a C nel punto P = (0, 0, 1).
[63] Determinare le equazioni della retta tangente alla sfera:
: x2 + y 2 + z 2 6y + 5 = 0
nel punto A = (0, 1, 0) e ortogonale alla retta:

x+y+z+2=0
r:
x y + z = 0.
[64] Date le rette:

r1 :

x+y+1=0
2x y z = 0,


r2 :

x + y + 2z 5 = 0
x y + 1 = 0,

x=t+1
y = 2t
r3 :

z = t + 1,

t R,

Geometria Analitica nello Spazio

312

1. determinare le equazioni della retta parallela a r1 e complanare sia a r2 sia a r3 .


2. Dopo aver verificato che r2 e r3 sono sghembe, trovare la retta ortogonale ed
incidente entrambe.
3. Determinare le equazioni della circonferenza di centro C = (1, 2, 1) tangente alla
retta r3 .
[65] Dati il piano : x z = 0 e il punto P = (2, 0, 1), determinare il luogo C dei punti
di aventi distanza (in valore assoluto) uguale a 3 da P .
[66] Date le rette:

x=1+t
y =1t
r:

z = 1,
t R,


s:

x + y 2z = 0
2x 3y + z = 0

e il punto P0 = (1, 2, 3),


1. determinare le equazioni della retta r0 , passante per P0 , ortogonale alla retta r e
complanare con la retta s.
2. Determinare la posizione reciproca di r e s.
3. Verificare che:


C:

x2 + y 2 + z 2 2x + 4y 4z = 0
x2 + y 2 + z 2 9 = 0

e` una circonferenza di cui si richiedono il centro e il raggio.


[67] Dati il punto C = (1, 0, 2) e la retta:

x=t+4
y=t
r:

z = 3, t R,
1. determinare le equazioni della circonferenza di centro C e tangente a r.
2. Trovare i punti A e B di r tali che il triangolo ABC sia rettangolo in A e abbia
area 3.

Capitolo 11

313

[68] Dati il piano : x z 2 = 0 e la sfera : x2 + y 2 + z 2 2x = 0, scrivere le


equazioni della retta tangente a in P = (1, 0, 1) e parallela al piano .
[69] Data la circonferenza:

C:

x2 + y 2 + z 2 2y 6z + 1 = 0
x + y z 1 = 0,

1. determinare le coordinate del centro ed il raggio di C .


2. Determinare le equazioni della retta tangente a C nel punto A = (2, 0, 1).
[70] Data la sfera:
: x2 + y 2 + z 2 4x 2y + 4z 16 = 0,
trovare le equazioni dei piani paralleli al piano : x 2y 2z + 12 = 0 che intersecano
secondo una circonferenza di raggio 4.
[71] Dati la circonferenza:

C:

(x 2)2 + (y 1)2 + z 2 = 5
z=0

ed il vettore v = 3i 6j,
1. utilizzando il calcolo vettoriale, calcolare larea del triangolo individuato dai vettori
v e j.
2. Verificare che la retta passante per lorigine e parallela a v e` tangente alla circonferenza C .

3. Determinare le equazioni delle sfere passanti per C ed aventi raggio 6.


[72] Date le rette:

2x y + z 4 = 0
r:
y + z 2 = 0,


s:

x + y 1 = 0
x + z + 1 = 0,

, R,

1. discuterne la loro posizione reciproca, al variare dei parametri reali , .

Geometria Analitica nello Spazio

314

2. Posto = = 0, dopo avere verificato che r ed s risultano sghembe, determinare


le equazioni della loro perpendicolare comune.

[73] Si considerino la sfera : x2 + y 2 + z 2 2x 2z 2 = 0 e i vettori u = 2i j e


v = ij+3k, determinare le equazioni dei piani paralleli ai vettori u e v che intersecano
in circonferenze di raggio 1.
[74] Dati la retta:

r:

x+yz =1
x 2y = 0,

e il vettore v = (k + j) i, scrivere le equazioni della retta incidente r e lasse z e


parallela a v.
[75] Date le rette:

r1 :

3x + 2y + 2z 1 = 0
x + 2y = 0,


r2 :

xy+1=0
x + y + z = 0,

r3 :

y2
x
=
= z,
3
2

determinare le equazioni della retta incidente r1 ed r2 e parallela a r3 .


[76] Dati la sfera : x2 + y 2 + z 2 4x + 6y = 0 ed il vettore v = 2i j + 3k,
1. determinare le equazioni della retta tangente alla sfera nellorigine O ed ortogonale a v.
2. Verificare che interseca il piano di equazione y = 0 in una circonferenza di cui
si chiedono il centro ed il raggio.
[77] Dati i punti A = (1, 0, 0), B = (0, 1, 2), C = (1, 2, 0), D = (3, 0, 2),
1. verificare che A, B, C, D non sono complanari.
2. Determinare lequazione del piano contenente A, B, C .
3. Scrivere lequazione della sfera di centro D e tangente a .

Capitolo 11

315

[78] Dati i punti A = (0, 1, 1), B = (4, 1, 3) e la retta:



y2=0
r:
x + z 2 = 0,
1. determinare i punti di r tali che il triangolo ABP abbia area 3.
2. Determinare le equazioni della circonferenza avente centro nel punto medio del
segmento AB e tangente alla retta r.
[79] Dati i punti A = (1, 2, 1), B = (2, 1, 1),
1. determinare il punto P dellasse x equidistante da A e da B .
2. Verificare che i punti A, B, P non sono allineati e calcolare larea del triangolo
AP B .
3. Determinare le equazioni della circonferenza passante per A, B e di centro P .
[80] Dati i punti A = (1, 1, 3), B = (1, 1, 1),
1. determinare le equazioni della retta r passante per il punto A e parallela al vettore
di componenti (1, 1, 0);
2. determinare le equazioni dei piani passanti per r e aventi distanza (in valore assoluto) pari a 2 dal punto B ;
3. scrivere le equazioni della circonferenza di centro B e tangente alla retta r.
[81] Determinare le equazioni delle circonferenze di diametro OB , con O = (0, 0, 0) e
B = (0, 0, 1), appartenenti al piano avente distanza (in valore assoluto) uguale a 1 dal
punto D = (1, 1, 1).
[82] Determinare le equazioni della circonferenza C di centro C = (1, 0, 1) che interseca
la retta:

xz =0
r:
2x y + 1 = 0
secondo una corda di lunghezza 2.

Geometria Analitica nello Spazio

316

[83] Date le rette:



r:

xy+1=0
x + y + z = 0,

s:

x + 3y = 0
x + y = 0,

1. verificare che r e s sono sghembe.


2. Determinare le equazioni della retta incidente sia r sia s e parallela al vettore
v = (i k) j.

[84] Date le rette:


x1
= y = z 2,
r:
2


s:

4x + 3z 19 = 0
y+1=0

ed il punto P = (1, 2, 0),


1. trovare le equazioni della retta passante per P ed incidente sia r sia s;
2. determinare le equazioni della circonferenza tangente in Q = (1, 0, 2) alla retta r e
passante per il punto P .

[85] Date le sfere:


1 : x2 + y 2 + z 2 = 6,

2 : (x 1)2 + (y 2)2 + (z + 2)2 = 3,

1. verificare che 1 2 e` una circonferenza C .


2. Trovare le equazioni delle sfere contenenti C e tangenti al piano z = 0.
[86] Assegnati i punti A = (1, 0, 1), B = (0, 1, 1), C = (1, 3, 0), D = (0, 7, 5),
1. verificare che sono complanari;
2. scrivere le equazioni delle rette AC e BD e verificare che si intersecano;
3. determinare lequazione della sfera passante per i punti A, B e C ed avente il centro
sulla retta x = y = 0.

Capitolo 11

317

[87] Dati i punti A = (0, 1, 3), B = (1, 1, 0), C = (4, 5, 1),


1. trovare lequazione del piano passante per i tre punti;
2. verificare che il triangolo ABC e` rettangolo in B ;
3. trovare le equazioni della retta BC ;
4. determinare la distanza (in valore assoluto) di A dalla retta BC ;
5. trovare lequazione della sfera di centro A e raggio la distanza (in valore assoluto) di B da C ;
6. stabilire se lorigine O e` interno o esterno a .
[88] Data la sfera : x2 + y 2 + z 2 2x 4y 4 = 0, stabilire se:
1. il punto P = (1, 1, 1) e` interno alla sfera;
2. il piano : x + 2y + 2z + 1 = 0 interseca la sfera;
3. la retta:


r:

x 2y 2 = 0
yz+2=0

interseca la sfera;
4. la sfera di centro C = (1, 1, 2) e raggio R = 1 ha punti in comune con .
[89] Data la sfera:
: x2 + y 2 + z 2 2x 2y 2z = 0,
1. determinare le equazioni della retta tangente a nellorigine O e parallela al piano
: x y + z 2 = 0.
2. Verificare che lintersezione tra la sfera e il piano e` una circonferenza di cui si
chiedono le coordinate del centro e la lunghezza del raggio.
[90] 1. Determinare le equazioni della retta s passante per il punto P = (1, 2, 0) e
incidente le rette:


xz1=0
x+y+z1=0
r1 :
r2 :
y = 0,
2x 3y z + 3 = 0.
2. Studiare la posizione reciproca di r1 e r2 .

Geometria Analitica nello Spazio

318

[91] Dati il punto P = (1, 1, 2), il piano : x+y+z2 = 0 e la retta r : xy = z = 0,


1. verificare che il punto P appartiene a .
2. Determinare le equazioni della retta s giacente sul piano , passante per P e
incidente la retta r.
3. Calcolare la distanza del punto P dalla retta r.
[92] Dati il punto P = (2, 2, 2) e i piani 1 : x + y + z 2 = 0, 2 : 2x + 3y z = 0,
1. verificare che il punto P appartiene al piano 1 .
2. Determinare le equazioni della retta r giacente sul piano 1 , passante per P e
parallela al piano 2 .
3. Calcolare la distanza tra r e il piano 2 .
[93] Determinare larea e il perimetro del triangolo di vertici A = (0, 1, 2), B = (1, 1, 1),
C = (2, 1, 2).
[94] Dati il piano : x y + z 3 = 0 e la retta:

x+yz =0
r:
x + ky + z = 0, k R,
1. studiare, al variare di k , la posizione reciproca di e di r.
Posto k = 1:
2. determinare le equazioni della retta s simmetrica di r rispetto ad .
3. Determinare lequazione della sfera tangente a r nellorigine O ed avente centro
nel punto proiezione ortogonale di O sul piano .
[95] Date le rette:

x=t
y = 2
r:

z = 12t 1,


s:
t R,

y=1
z = 2,

Capitolo 11

319

1. verificare che sono sghembe.


2. Determinare lequazione del piano passante per r e per lorigine del sistema di
riferimento.
3. Scrivere lequazione della sfera di centro lorigine che interseca s in un segmento
di lunghezza 2.
[96] Dati il punto A = (1, 3, 1) e la retta:

x = 2t
y=t
r:

z = t + 1,

t R,

determinare:
1. la distanza di A da r;
2. il punto del piano contenente sia A sia r che ha distanza minima dallorigine.
[97] Dato il punto P = (1, 2, 1), determinare:
1. il punto simmetrico di P rispetto al punto Q = (0, 1, 2);
2. il punto simmetrico di P rispetto al piano : x + y z = 0;
3. la distanza di P da ;
4. le equazioni della circonferenza appartenente al piano di equazione x = z , con
centro in P e raggio 1;
5. il piano passante per P, Q e per lorigine.
[98] Dati i punti A = (1, 1, 5), B = (2, 2, 1), C = (1, 2, 2), D = (2, 1, 2),
1. verificare che A, B, C, D sono i vertici di un tetraedro e calcolarne il volume con
segno.
2. Determinare le equazioni della circonferenza C circoscritta al triangolo ABC .

Geometria Analitica nello Spazio

320

[99] Date le rette:



r:

x2=0
y + z = 0,

s:

x 3y + 5 = 0
y + z 4 = 0,

1. determinare la loro posizione reciproca.


2. Determinare lequazione del piano passante per r e parallelo a s.
3. Determinare la posizione reciproca tra la sfera:
: x2 + y 2 + z 2 24x + 3y + 4z + 4 = 0
e la retta r.
[100] Dati i punti A = (1, 0, 1), B = (2, 1, 0), C = (1, 2, 1) e la retta:

3x 1 = z
s:
2y + 1 = z,
1. determinare la posizione reciproca delle rette AB ed s.
2. Calcolare il centro ed il raggio della circonferenza per A, B, C .
[101] Date le sfere:
1 : x2 + y 2 + z 2 2x 99 = 0,
2 : x2 + y 2 + z 2 4x + 1 = 0,
determinare la loro posizione reciproca.
[102] Data la retta:

r:

x + 2y + kz = 0
2x 5y + z = 1,

k R,

determinare, se esiste, un valore di k per cui:


1. r passa per il punto A = (0, 0, 1);
2. r e` incidente la retta:


s:

2x 5y + z = 0
x 3z = 0;

3. r e` parallela al piano : x + 2y = 0;
4. r e lasse z sono sghembe.

Capitolo 11

321

[103] Dati la sfera:


: x2 + y 2 + z 2 4x + 8y + 6z + 2 = 0
e il piano : z 1 = 0,
1. verificare che e` una circonferenza C di cui si chiedono il centro e il raggio.
2. Determinare le equazioni dei piani tangenti a e paralleli a .

[104] Dato il piano : x + y + z = 0,


1. determinare
le equazioni delle sfere tangenti a nellorigine O ed aventi raggio

pari a 3.
2. Verificato che tali sfere hanno equazioni x2 +y 2 +z 2 2(x+y+z) = 0, determinare
i piani tangenti alle sfere, paralleli a e non passanti per lorigine.
[105] Dati i punti P = (0, 0, 1), Q = (1, 1, 1), R = (1, 2, 1):
1. determinare le equazioni della retta s passante per lorigine e per il punto P ;
2. determinare lequazione della sfera passante per Q, per R e tangente nellorigine
alla retta s;
3. verificato che ha equazione x2 + y 2 + z 2 12x 9y = 0, trovare il centro e il
raggio della circonferenza intersezione di con il piano 2z = 1.

[106] Date le rette:


r : x 4 = z = 0,
s : 2x + y + z + 3 = 2x 2y + z = 0,
determinare:
1. lequazione del piano passante per il punto A = (0, 2, 3) e parallelo a r e a s;
2. le equazioni della retta p ortogonale e incidente sia r sia s.

322

[107] Date le rette:

x=t2
y = kt + 3
r:

z = 2t 1,

Geometria Analitica nello Spazio


s:
t R,

xy+2=0
2ky z 4k 1 = 0,

k R,

1. determinare, al variare di k, la posizione reciproca di r e di s.


2. Posto k = 0, determinare lequazione del piano passante per lorigine e parallelo
sia a r sia a s.
[108] Dati la retta:

x=t4
y = 2t + 1
r:

z = 3t 3,

tR

ed il piano : x + ky + z + 4 = 0,
1. discutere la posizione reciproca di r e al variare del parametro k in R.
2. Posto k = 2, determinare la distanza tra r e .
[109] Determinare lequazione del luogo dei punti dello spazio tali che il rapporto delle
loro distanze dai punti A = (1, 2, 3), B = (0, 1, 0) sia uguale a 2.
[110] Dati i punti A = (1, 2, 0), B = (1, 1, 1) e il piano : 2x y + z = 0,
1. determinare i punti della retta per A, perpendicolare al piano , aventi distanza (in
valore assoluto) pari a 2 dal punto B .
2. Determinare le equazioni delle sfere di raggio 3 passanti per la circonferenza:

xy+z =0
C:
x2 + y 2 + z 2 2x 4y + 1 = 0.
[111] Dati la sfera:
: x2 + y 2 + z 2 2x 4y + 1 = 0
e la retta:

x=1t
y=2
r:

z = t, t R,

Capitolo 11

323

1. determinare le equazioni dei piani perpendicolari a r e tangenti a .


2. Trovare centro e raggio della circonferenza C che si ottiene intersecando la sfera
con il piano x = 0.
[112] Dati il piano : x y + 2z 1 = 0 e la retta:

2x + z 5h = 0
r:
hx + y z 7 = 0, h R,
1. stabilire per quale valore del parametro h la retta r e` parallela al piano e precisare
se la retta e` contenuta nel piano.
2. Trovare lequazione del piano tangente alla sfera:
: x2 + y 2 + z 2 2x 2y + 2z 1 = 0
nel punto A = (1, 1, 3) (appartente a ).
[113] Dati il piano : x + y + 2z 1 = 0 e il punto A = (1, 1, 0),
1. calcolare la distanza di A da .
2. Determinare le equazioni della retta passante per A, parallela a e al piano coordinato xz .
3. Il punto A e` esterno o interno alla sfera ?
[114] Date le rette:

r:

xy =0
y + 2z 1 = 0,

x=t
y = 3 + 4t
s:

z = 1 + t, t R,

1. dimostrare che r e s sono complanari ma non parallele.


2. Determinare lequazione del piano contenente r e s e determinare le coordinate del
punto H intersezione di r e s.
3. Determinare le equazioni della retta r0 complanare ad r e a s e simmetrica di r
rispetto a s.
4. Determinare le equazioni delle sfere aventi centro sulla retta s e tangenti ai piani
coordinati xy e xz .

324

Geometria Analitica nello Spazio

[115] Dati la retta:



r:

2x + y 4 = 0
xz2=0

e il piano : x y + z + 1 = 0, determinare:
1. i punti della retta r aventi distanza (in valore assoluto) pari a 2 dal piano ;
2. lequazione della sfera tangente al piano nel punto A = (0, 1, 2) e passante
per lorigine;
3. le equazioni delle circonferenze con centro sulla retta p proiezione ortogonale di r
su , tangenti a r e con raggio pari a 1.

[116] Dati la retta:



r:

xy =0
y + z = 0,

il piano : x + y + z + 1 = 0 e il punto P = (2, 0, 0), trovare:


1. lequazione del piano passante per il punto P e parallelo al piano ;
2. la distanza del punto P dalla retta r;
3. lequazione del piano passante per la retta r ed ortogonale al piano di equazione
x + z = 0.

[117] Dati la retta:



r:

x + 2y 1 = 0
2y z 2 = 0,

il piano : x z + 1 = 0 ed i punti A = (2, 1, 1), C = (2, 1, 3), trovare:


1. i vertici B e D di uno dei due quadrati ABCD tali che AC sia una sua diagonale
ed il vertice B appartenga alla retta r;
2. lequazione della sfera di centro A che interseca il piano secondo una circonferenza C di raggio 1;
3. il centro della circonferenza C.

Capitolo 11

325

[118] Dati le rette:



r:

x3=0
z 1 = 0,


s:

x+3=0
y1=0

e il punto P = (2, 1, 1),


1. verificato che r ed s sono sghembe, scrivere lequazione del piano passante per r
e parallelo a s e lequazione del piano passante per s e parallelo a r. Determinare
la posizione reciproca dei due piani.
2. Determinare lequazione della retta contenente P ortogonale sia a r sia a s.
3. Trovare i piani passanti per s ed aventi distanza 2, in valore assoluto, da P .
4. Data la circonferenza C del piano x + y 2z + 1 = 0 di centro
P e raggio 2,

scrivere le equazioni delle sfere passanti per C e aventi raggio 7.


[119] Dati i punti A = (2, 1, 3), B = (0, 2, 1) ed il piano : 2x y + 2z 2 = 0,
1. trovare il punto simmetrico di A rispetto a .
2. Trovare lequazione della retta proiezione ortogonale della retta AB su .
3. Determinare lequazione del piano passante per lorigine, parallelo alla retta AB
ed ortogonale al piano .
4. Data la circonferenza:


C:

x2 + y 2 + z 2 = 4
x + y z + 3 = 0,

a. determinare il centro e il raggio di C ;


b. determinare lequazione della sfera passante per C ed avente centro su .
[120] Dati le rette:

xy+z+1=0
r:
y + 2z 1 = 0,


s:

x 2y + 2z + 1 = 0
x+1=0

e il punto P = (1, 0, 0),


1. stabilire se r ed s sono sghembe e trovare le equazioni dei piani passanti per la retta
s e che contengono, rispettivamente, i punti in cui r incontra i piani coordinati.

Geometria Analitica nello Spazio

326

2. Determinare le equazioni della retta passante per il punto P ed incidente sia la retta
r sia la retta s.
3. Trovare la distanza dellorigine dalla retta r.
4. Determinare le equazioni delle sfere tangenti in P al piano 2x y + 2z 2 = 0 e
che hanno raggio 2.
[121] Si consideri la sfera : x2 + y 2 + z 2 x = 0 e la sua intersezione C con il piano
coordinato di equazione z = 0.
1. Trovare lequazione della sfera passante per C e avente il centro sul piano:
: x + 2y z 5 = 0.
2. Determinare lequazione del piano passante per la retta intersezione di con z = 0
e per il centro della sfera .
[122] Dati la retta:

x = 2 2t
y = 2,
r:

z = t,
t R,
il piano : x z + 2 = 0 ed i punti A = (1, 0, 1), B = (1, 1, 1), determinare:
1. la posizione reciproca della retta r con la retta passante per A, B ;
2. lequazione del piano che contiene la retta r e passante per A;
3. lequazione della sfera passante per A e tangente al piano nel punto B .
[123] Dati il piano : x y + 2z + 1 = 0 e la retta r : x 1 = y + z = 0,
1. determinare lequazione del piano contenente la retta r e ortogonale al piano ;
2. determinare centro e raggio della circonferenza intersezione della sfera:
: x2 + y 2 + z 2 2x 2y + 1 = 0
con il piano .

Capitolo 11

327

[124] Dati il piano : 3x 4y z 2 = 0 ed i punti A = (0, 2, 1), B = (1, k, 0),


al variare di k in R,
1. trovare il valore di k per il quale la retta AB e` parallela al piano .
Posto k = 1:
2. determinare il luogo dei punti P del piano tali che i segmenti P A e P B siano
lati di un rombo.
3. Determinare lequazione del piano passante per A, B e parallelo allasse z .
4. Determinare le equazioni delle sfere
passanti per la circonferenza del piano y = 0,
di centro C = (2, 0, 1) e raggio 2 e tangenti al piano x = 0.

11.2

Soluzioni
1

x
-1

Figura 11.1: Esercizio n. 2

-1
1

Geometria Analitica nello Spazio

328


[1] 1. s :

5x + y 3z + 15 = 0
4x y 3z 24 = 0

e` la retta richiesta.
2. : (x 1)2 + (y 3)2 + (z 1)2 = 5 e` la sfera richiesta.
3. Le due circonferenze richieste hanno equazioni:

(x 1)2 + (y 3)2 + (z 1)2 = 5
x + y z + 2 = 0,


(x 1)2 + (y 3)2 + (z 1)2 = 5


21x 3y 15z + 18 = 0.

[2] La circonferenza richiesta ha equazioni:

x2 + y 2 + z 2 8 x + 2 y 10 z = 0
9
9
9

x y z = 0.
La situazione geometrica e` illustrata nella Figura 11.1.
[3] 1. Se k 6= 1 e h R i tre piani si intersecano in un punto;
se k = 1 e h = 1 i tre piani appartengono allo stesso fascio proprio;
se k = 1 e h 6= 1 un piano e` parallelo alla retta intersezione degli altri due.

x = + 5t

1
2. s :
y = + 5t

z = 2t, t R;
il piano contenente r e s ha equazione x y = 0.
3. La sfera richiesta ha equazione x2 + y 2 + z 2 4x 4y + 5 = 0.
[4] 1. 1 : x2 + y 2 + z 2 x + y 3z + 1 = 0 e` la sfera richiesta.
2. 0 : x + 2y z + 1 = 0 e` il piano richiesto.

Capitolo 11

329

2
0
0

-2
-2

x
2

Figura 11.2: Esercizio n. 4

Geometria Analitica nello Spazio

330

-10
0

x
0
10

-10

20

10

z
0

-10

Figura 11.3: Esercizio n. 5

Capitolo 11

331

3. 2 : x2 + y 2 + z 2 3x 3y z 1 = 0 e` la sfera richiesta.
La situazione geometrica e` illustrata nella Figura 11.2.
[5] 1. : 2x + y + z 4 = 0 e` il piano richiesto.
2. La sfera richiesta ha equazione (x 1)2 + (y + 4)2 + z 2 = 6.
La situazione geometrica e` illustrata nella Figura 11.3.
[6] Le equazioni di s sono 3x + 2y + z = x y + z = 0. Le rette r eds non possono
essere ne parallele ne incidenti. La loro minima distanza e` d(r, s) = 19/ 13.
[7] La circonferenza passante per i punti A, B, C ha equazioni:

2 
2
1
182
1

x+
+ y
+ (z 2)2 =
5
5
25

x + y z + 2 = 0.
[8] 1. a. Se h 6= 0 e k 6= 4 la retta r e il piano sono incidenti;
5
oppure se k = 4, per ogni valore di h, la retta r e`
2
parallela al piano ma non contenuta in esso;

b. se h = 0 e k 6=

c. se h = 0 e k =
r
d. se h =

5
la retta r e` contenuta nel piano ;
2

1
1
e k = la retta r e il piano sono perpendicolari.
3
3

2. Le rette s1 e s2 non possono essere ne parallele ne incidenti.


[9] Al variare di , R, con (, ) 6= (0, 0), si ottiene il fascio di circonferenze:

(x2 + y 2 + z 2 2z + 1) 2x = 0
y = 0.
[10] Il luogo richiesto e` formato dalla due rette parallele di equazioni:

Geometria Analitica nello Spazio

332

2x + y = 0

2x 4y + 5z 10 12 5 = 0.

[11] La circonferenza richiesta ha equazioni:



2 
2 
2
1
1
3
63

x
+ y
+ z
=
10
5
2
10

2x y = 0.

-4

-2

-5

x
Figura 11.4: Esercizio n. 13

[12] 1. : 2x z 18 = 0 e` il piano richiesto.


2. : x2 + y 2 + z 2 6x 2y + 4z 6 = 0 e` la sfera richiesta.

Capitolo 11

333

3. La retta richiesta ha equazioni:



2x z 18 = 0
x 7 = 0.
[13] 1. : x y z = 0 e` il piano richiesto.
2. Lintersezione tra e e` una circonferenza reale in quanto la distanza (in valore
assoluto) del centro di da e` minore del raggio di . 0 = .
La situazione geometrica e` illustrata nella Figura 11.4.
[14] Se a = 1 e b = 2, le due rette sono parallele non coincidenti;
se 2ab 3b + 2 = 0 e a 6= 1 oppure b 6= 2, le due rette sono incidenti, altrimenti sono
sghembe.
[15] 1. Il piano richiesto ha equazione x y 5 = 0.
2. Le sfere richieste hanno equazioni:

3
4
(x + y + z 2) = 0.
(x 1)2 + (y + 1)2 + (z 2)2
3

[16] 1. r :

2x y + 1 = 0
3x z 1 = 0,


s:

3y + 7z 14 = 0
x + 2z 1 = 0

sono le rette richieste.

3 3
2. |d(O, r)| = e` la distanza cercata.
14
3. La sfera richiesta ha equazione (x + 3)2 + y 2 + (z 2)2 =

250
.
14

[17] Le due sfere richieste hanno equazioni:


x2 + y 2 + z 2 4x 6y + 4z + 13 = 0,

[18] s :

5x 2y + 6z 15 = 0
x + 2z = 0

x2 + y 2 + z 2 4x 6y + 9 = 0.

Geometria Analitica nello Spazio

334

e` la retta richiesta.

[19] 1. r :

3x + y = 0
y + 2z = 0

e` la retta richiesta.
2. : x2 + y 2 + z 2 1 = 0 e` la sfera richiesta.
3. Il luogo di punti richiesto e` la sfera di equazione x2 + y 2 + z 2

3
= 0.
4

10

-10
20
0
20

10

-20
0

Figura 11.5: Esercizio n. 21

[20] 1. Le due rette date sono sghembe perche non sono ne parallele ne incidenti. La
retta perpendicolare ad entrambe ha equazioni:

Capitolo 11

335

yz+2=0
4x + 7y + z 5 = 0.

2. La circonferenza cercata ha equazioni:


 2
x + y 2 + z 2 + 10x + 16y 8z + 7 = 0
3y + z 1 = 0.

[21] 1. r :

8x y = 0
z + 2 = 0,


s:

y+3=0
8x y 195 = 0.

2. Le due rette date sono sghembe perche non sono ne parallele ne incidenti. La loro

minima distanza vale d(r, s) = 195/ 65.


La situazione geometrica e` illustrata nella Figura 11.5.
[22] 1 : y z 4 = 0, 2 : 4x y z + 6 = 0 sono i piani richiesti.
[23] 1. Le due rette date sono sghembe perche non sono ne parallele ne incidenti. La

loro minima distanza vale d(r, s) = 2/ 10.


2. Le sfere richieste hanno equazione:
x2 + y 2 + z 2 + 2(3t + 1)x + 2(3t 2)y 2tz + (3t + 1)2 + (3t 2)2 = 0, t R,
non si tratta di un fascio di sfere in quanto il parametro t non e` lineare.
[24] 1. Le due rette richieste hanno equazioni:


xy+3=0
xy+3=0
x z = 0,
x z + 3 = 0.



3 3
46
2. La circonferenza ha centro nel punto C = , , 0 e raggio
.
2 2
2
[25] Le due sfere richieste hanno equazioni:
x2 + y 2 + z 2 9 = 0,

x2 + y 2 + z 2

3
3
3
45
x y z
= 0.
4
2
2
8

[26] La lunghezza della proiezione ortogonale richiesta e` 2 2.

336

Geometria Analitica nello Spazio

[27] La retta richiesta ha equazioni:



x + 2y z = 0
x + y = 0.
[28] Il punto richiesto ha coordinate (1, 1, 2).
[29] Le due sfere richieste hanno equazioni:
x2 + y 2 + z 2 + 4y 2z + 2 = 0,

x2 + y 2 + z 2 8x 4y 10z + 18 = 0.

[30] Le due rette richieste hanno equazioni:

x + y + z= 0
x + y + z= 0
2 10
2 + 10
z=
z=
,
.
3
3
[31] Le due sfere richieste hanno equazioni:

[x (4 2)]2 + [y (4 2)]2 + z 2 = (4 2)2 .


[32] 1. E` sufficiente osservare che il punto A e` esterno alla sfera a cui appartiene C,
infatti, la distanza (in valore assoluto) di A dal centro della sfera e` maggiore del
suo raggio.
2. Le due rette richieste hanno equazioni:
(
xy+z =0

(4 2 6)x + (5 2 6)y + z 12 6 6 = 0.
[33] Le due sfere richieste hanno equazioni:

1 5
2
2
2
(x + y + z 2x + 1) +
(x y + 2z 1) = 0.
2
[34] Se k = (1 2h)/(1 + h), h 6= 1 le rette r ed s sono incidenti, altrimenti sono
sghembe; non sono mai parallele.
[35] La sfera richiesta ha equazione x2 + y 2 + z 2 2x + y 2z 4 = 0.

Capitolo 11

[36] Il punto richiesto e` P 0 = (5, 2, 4).


[37] Le due sfere richieste hanno equazioni:
x2 + y 2 + z 2 2y 4z 4 = 0,

x2 + y 2 + z 2 8x 6y + 4z + 20 = 0.

[38] Per ogni h, k R i piani 1 , 2 , 3 si intersecano in un punto.


[39] 1. : x2 + y 2 + z 2 24x 24y 132 = 0 e` la sfera richiesta;

8x + 5y 2z 20 = 0
2. r3 :
x + 3y 7 = 0
e` la retta richiesta;

3. larea del triangolo M N P vale 2 93.

x = 2 + 4t
y=t
[40] 1. P1 H :

z = 7t, t R,

x = 2 7t0
y = 1 + 4t0
P3 K :

z = 1 + t0 , t0 R,

sono le rette richieste, inoltre le due rette sono sghembe, in quanto


non sono ne parallele ne incidenti.
2. La circonferenza richiesta ha equazioni:
 2
x + (y 2)2 + (z + 1)2 = 9
x + y + 3z 2 = 0.
[41] 1. Le due rette date sono sghembe perche non sono ne parallele ne incidenti.

6y + 1 = 0
2. r :
x+y+1=0
e` la retta richiesta.




5
1
5
1
1
3. P1 = , , 1 , P2 = , ,
sono i punti richiesti.
6
6
6
6
2

2 
2 
2
5
1
1
9
4. La sfera richiesta ha equazione x +
+ y+
+ z
=
.
6
6
4
16

337

Geometria Analitica nello Spazio

338

[42] La retta richiesta ha equazioni:



2x y z + 1 = 0
x 2y z + 1 = 0.
[43] 1. Le due rette richieste hanno equazioni:

1
1 1

x= +t
x = + t0

2
2 2

y = 1

z = 2 2t,

y = 1 + 6t0

z = 2 + 5t0 ,

t R,


2. la sfera richiesta ha equazione

1
x
2

2

t0 R;

+ (y + 1)2 + (z + 2)2 =


[44] 1. La circonferenza C ha centro nel punto C =

1 4 5
, ,
3 3 3

2. la retta richiesta ha equazioni:



x+yz =0
x + 2y + z = 0.
[45] 1. La retta richiesta e` r0 : y = z = 0;
2. il piano richiesto ha equazione 2y + z = 0;
3. le due bisettrici richieste hanno equazioni:

x = 5t
x = t0
y=t
y = t0

z = 2t, t R,
z = 2t0 , t0 R;
4. le due sfere richieste hanno equazioni:

2 
2 
2
8
4
8
24
x
+ y
+ z+
=
,
5
5
5
25

2 
2 
2
8
4
8
8
x
+ y
+ z+
= .
3
3
3
3

1
.
4
r


e raggio

14
;
3

Capitolo 11

339



1 1
[46] 1. I due punti richiesti hanno coordinate (1, 0, 1), 0, ,
;
2 2
2. la sfera richiesta ha equazione x2 + y 2 + z 2 24x 15z +

45
= 0.
4

[47] 1. Se k 6= 2h si ottiene un punto di intersezione comune ai tre piani;


se k = 2h i tre piani appartengono allo stesso fascio proprio;
se h 6= 1 i tre piani appartengono allo stesso fascio proprio;
se h = 1 i tre piani coincidono.
2. La famiglia di sfere richiesta ha equazione:
(x a)2 + (y b)2 + z 2 =

(a 2b 1)2
,
6

a, b R.

[48] Le due rette richieste hanno equazioni:

x + 2y + z + 2 = 0

13

z=
.
4
[49] 1. Se h 6= 3 e k R la retta e il piano sono incidenti;
se h = 3 e k 6= 5 la retta e` parallela al piano;
se h = 3 e k = 5 la retta giace sul piano.

4x + 3y 5z + 7 = 0
2. C :
x2 + y 2 + z 2 4x 6z + 4 = 0.
3. Le due rette richieste hanno equazioni:

4x + 3y 5z + 7 = 0
x + 7y + 5z 17 15 3 = 0.
[50] Le due rette richieste hanno equazioni:


6x + 7y 6z + 6 = 0
2x y 2z + 2 = 0
x + z 1 = 0,
x + z 1 = 0.

340

Geometria Analitica nello Spazio

[51] 1. Se a = 0 le due rette sono parallele ma non coincidenti;


se a {2, 3} le rette sono incidenti;
in tutti gli altri casi le due rette sono sghembe.
2. Il piano che contiene le due rette date ha equazione 2x y + 7 = 0.
3. La sfera richiesta ha equazione x2 + y 2 + z 2 3x 5y + 8z + 20 = 0.
[52] 1. a. Se h 6= 4, k R r e sono incidenti;
b. se h = 4, k 6= 0 r e sono paralleli;
c. se h = 4, k = 0 r e` contenuta in .
2. La retta richiesta ha equazioni:

x+z1=0
5x + 4y z 11 = 0.
[53] 1. Il piano richiesto e` x + 3y 2z + 2 = 0.
2. La retta richiesta ha equazioni:

xy+z =0
z + 1 = 0.
3. Le due sfere richieste hanno equazioni:
(x 2)2 + y 2 + (z 2)2 = 2,

x2 + (y 2)2 + (z 4)2 = 2.

La situazione geometrica e` illustrata nella Figura 11.6.


[54] 1. Le due rette r ed s sono parallele perche i loro parametri direttori sono in proporzione. Il piano che le contiene ha equazione 2x + 2y + z = 0.
2. La distanza richiesta e` |d(r, s)| = 3.
3. Le due sfere richieste hanno equazioni:
2 
2 
2

5
9
1
+ y+
+ z
= 9,
x
4
2
2

(x + 2)2 + (y 2)2 + z 2 = 9.

[55] 1. Se h
/ {1, 2} lintersezione dei piani 1 , 2 , 3 e` un punto;

Capitolo 11

y
0

-3

z
2

-2
0

Figura 11.6: Esercizio n. 53

341

Geometria Analitica nello Spazio

342

se h = 1 un piano e` parallelo alla retta intersezione degli altri due;


se h = 2 i tre piani appartengono allo stesso fascio proprio.
2. La retta richiesta ha equazioni:

x = 4 + 5t
y = 2 + 3t

z = 5 + 2t, t R.
3. La sfera richiesta ha equazione x2 + y 2 + z 2 + 10x 10y 6z + 45 = 0.


[56] 1. r :

x + 2y + 1 = 0
yz =0

e` la retta richiesta.
2. Le due sfere richieste hanno equazioni:


10
2
2
2
2
3 y
z + 1 = 0.
x + y + z + 2x + 2
3
3

[57] 1. Il piano richiesto ha equazione 2x + 2y + 3z = 0.



 

3 3
3
3
3 3
, ,
2. I punti richiesti hanno coordinate
, , , .
2
2 2
2 2
2
7
3. Il valore di h richiesto e` h = .
9
[58] 1. Le due rette richieste hanno equazioni:


xz3=0
xz3=0
2y 2z 3 + 3 = 0,
2y 2z 3 3 = 0.
2. Il punto B e` esterno a C , in quanto esterno alla sfera. Infatti la distanza d(A, B)

uguale a 11 e` maggiore del raggio della sfera.


3. Le due rette richieste hanno equazioni:

yz1=0

2x y z + 3 2 6 = 0.

Capitolo 11

343

[59] 1. Le rette AB ed r sono incidenti perche se si considera un vettore r parallelo


alla retta r (ad esempio r = i + j + 2k) ed un punto D appartenente alla retta r

(ad esempio D = (2, 0, 1)) si ha che il prodotto misto AD AB r = 0, con

AB r 6= o. Il punto dintersezione delle due rette ha coordinate (1, 1, 1);


il piano che le contiene ha equazione x + y z 1 = 0.
2. : x2 + y 2 + z 2 + 4y + 6z 5 = 0.
3. Il piano richiesto ha equazione x + z 3 = 0.
 2
x + y 2 + z 2 + 4y + 6z 5 = 0
4. C :
y+z+2=0
e` la circonferenza cercata.
[60] 1. I due piani richiesti hanno equazioni:
2x y 5 = 0,

18x + 11y + 20z 45 = 0.

2. 0 : x2 + y 2 + z 2 + 2x y = 0 e` la sfera richiesta.
3. Le due circonferenze richieste hanno equazioni:
 2
 2
x + y 2 + z 2 2x + y = 0
x + y 2 + z 2 2x + y = 0
x + 2y 2z + 3 = 0,
x + 2y 2z 3 = 0.
[61] 1. Se k
/ {2, 1} i tre piani si incontrano in un punto;
se k = 2 due piani si incontrano in una retta e il terzo piano e` parallelo a tale
retta;
se k = 1 i tre piani sono coincidenti.
2. La retta richiesta ha equazioni:

xz+1=0
x + z 3 = 0.
 2
x + y 2 + z 2 + 2z 1 = 0
3. C :
x+yz1=0
e` la circonferenza richiesta;
la sfera cercata ha equazione x2 + y 2 + z 2 x y + 3z = 0.

Geometria Analitica nello Spazio

344

[62] 1. : 3x 2y 10 = 0, d(, z) = 10/ 13.


2. La circonferenza C ha centro C = (0, 0, 0) e raggio uguale a 1;
la retta tangente a C nel punto P ha equazioni:

z1=0
x y = 0.
[63] La retta richiesta ha equazioni:

y1=0
x z = 0.
[64] 1. La retta richiesta ha equazioni:

x 2y z + 4 = 0
5x + 2y z 4 = 0.
2. Le due rette date sono sghembe perche non sono ne parallele ne incidenti.
Le equazioni della retta ortogonale e incidente r1 e r2 sono:

x = + t0

8
y = + 2t0

z = 3 + 3t0 , t0 R.
7
3. La circonferenza richiesta e` :
 2
x + y 2 + z 2 2x 4y + 2z + 4 = 0
C:
x + y + z 2 = 0.
[65] Il luogo richiesto e` la circonferenza di equazioni:

(x 2)2 + y 2 + (z 1)2 = 9
x z = 0.

[66] 1. r :

xy+1=0
x 2y + z = 0

Capitolo 11

345

e` la retta richiesta.
2. r ed s sono incidenti nel punto P = (1, 1, 1).
3. Le due sfere date individuano una circonferenza C in quanto la distanza tra i
loro centri e` minore della somma dei loro raggi. La circonferenza C ha centro


1
3
C=
, 1, 1 e raggio
3.
2
2

1
-1

-1

0
-1

y
Figura 11.7: Esercizio n. 68

[67] 1. La circonferenza richiesta ha equazioni:


(
1
x2 + y 2 + z 2 2x + 4z = 0
2
x y + 3z + 5 = 0.
2. I punti richiesti sono:

Geometria Analitica nello Spazio

346


A=


5
3
, , 3 ,
2
2

oppure B =

B=

3 11 + 12
3 11 + 12

+ 4,
, 3
2 11
2 11

3 11 12
3 11 12

+ 4,
, 3 .
2 11
2 11

[68] La retta richiesta ha equazioni x = z = 1.


La situazione geometrica e` illustrata nella Figura 11.7.
[69] 1. La circonferenza C ha centro nel punto C = (1, 2, 2) e raggio

6.

2. La retta richiesta ha equazioni:



2x y 2z 2 = 0
x + y z 1 = 0.
[70] I due piani richiesti hanno equazioni x 2y 2z 13 = 0, x 2y 2z + 5 = 0.
[71] 1. Larea del triangolo vale 3/2.
2. Si verifica che la retta appartiene al piano z = 0 ed ha un solo punto in comune
con la sfera (x 2)2 + (y 1)2 + z 2 = 5.
3. Le due sfere richieste hanno equazioni:
x2 + y 2 + z 2 4x 2y 2z = 0,

x2 + y 2 + z 2 4x 2y + 2z = 0.

[72] 1. Se 6= 1 e 6= 2 le rette sono sghembe;


se 6= 1 e = 2 le rette sono incidenti;
se = 1 e 6= 2 le rette sono parallele;
se = 1 e = 2 le rette sono parallele coincidenti.
2. Le rette date sono sghembe perche non sono ne parallele ne incidenti.
Le equazioni della retta ortogonale ed incidente r ed s sono:

x 2y z + 1 = 0
x z 1 = 0.

Capitolo 11

[73] I due piani richiesti hanno equazioni 3x + 6y + z 4

347

138 = 0.

[74] La retta richiesta ha equazioni:



2x y z = 1
x = 0.
[75] La retta richiesta ha equazioni:

6x 16y + 14z 7 = 0
5x 7y z + 6 = 0.
[76] 1. La retta richiesta ha equazioni:

2x 3y = 0
2x y + 3z = 0.
2. La sfera interseca il piano y = 0 perche la distanza (in valore assoluto) del centro
di da tale piano e` minore del raggio di . La circonferenza ha centro nel punto
C = (2, 0, 0) e raggio 2.

[77] 1. I vettori AB, AC, AD sono linearmente indipendenti.
2. : x y + z = 1 e` il piano richiesto.
3. : 3(x 3)2 + 3y 2 + 3(z 2)2 = 16 e` la sfera richiesta.
[78] 1. I punti richiesti hanno coordinate (5, 2, 3), (8, 2, 6).
2. La circonferenza richiesta ha equazioni:

(x 2)2 + y 2 + (z + 1)2 = 9
2

2x y + 2z 2 = 0.
[79] 1. Il punto P ha coordinate P = (0, 0, 0).

2. I vettori AB, AP non sono paralleli, larea del triangolo ABP vale

35
.
2

Geometria Analitica nello Spazio

348

3. La circonferenza richiesta ha equazioni:


 2
x + y2 + z2 = 6
x 3y 5z = 0.

[80] 1. r :

x+y =0
z3=0

e` la retta richiesta;
2. i due piani richiesti hanno equazioni z 3 = 0, 2x + 2y z + 3 = 0;
3. la circonferenza richiesta ha equazioni:

(x 1)2 + (y 1)2 + (z 1)2 = 6
x + y + z 3 = 0.
[81] Si trovano due circonferenze di equazioni:
 2
 2
x + y2 + z2 z = 0
x + y2 + z2 z = 0
y = 0,
x = 0.
[82] La circonferenza richiesta e` :

(x 1)2 + y 2 + (z 1)2 = 1
C:
x z = 0.
[83] 1. Le due rette date sono sghembe perche non sono ne parallele ne incidenti.
2. La retta richiesta ha equazioni:

xz+2=0
y = 0.
[84] 1. La retta richiesta ha equazioni:

xyz+1=0
4x + 5y + 3z 14 = 0;
2. la circonferenza richiesta ha equazioni:
 2
x + y 2 + z 2 2x 2y 2z + 1 = 0
x y z + 1 = 0.

Capitolo 11

349

[85] 1. La distanza tra i centri delle due sfere date e` minore della somma dei loro raggi,
pertanto esse si intersecano in una circonferenza.
2. Le sfere richieste hanno equazioni:
!
6

6
x2 + y 2 + z 2 6 +
(2x + 4y 4z 12) = 0.
5

[86] 1. I vettori AB, AC, AD sono linearmente dipendenti;

x+1
y
x=0
2. AC :
= = z + 1, BD :
y z 2 = 0;
2
3
sono le rette richieste, esse sono incidenti in quanto:


AC BD 6= o e AC BD AD = 0;


1
3
il punto dintersezione delle due rette e` P = 0, , ;
2
2
3. la sfera richiesta ha equazione x2 + y 2 + z 2 8z 10 = 0.
[87] 1. Il piano richiesto ha equazione 9x + 5y + 3z 14 = 0;

2. BA BC = 0;

y + 6z 1 = 0
3. BC :
x 3z 1 = 0
e` la retta richiesta;

4. |d(A, BC)| = 10 e` la distanza richiesta;


5. : x2 + y 2 + z 2 2y 6z 36 = 0 e` la sfera richiesta;
6. O = (0, 0, 0) e` interno a , in quanto la distanza del punto O dal centro di e`
minore del raggio di .
[88] 1. P e` interno a , in quanto la distanza del punto P dal centro C di e` minore

del raggio di che e` uguale a 3. d(P, C ) = 2 < 3;


2. il piano interseca la sfera, in quanto la distanza (in valore assoluto) del centro C

Geometria Analitica nello Spazio

350

di dal piano e` minore del raggio di . Infatti d(C , ) = 2 < 3;


3. la retta r interseca la sfera, in quanto la distanza (in valore assoluto) del centro C

di dalla retta r e` minore del raggio di . Infatti d(C , r) = 5/ 3 < 3;


4. le due sfere non hanno punti in comune, in quanto la distanza dei centri delle sfere

e` maggiore della somma dei rispettivi raggi che e` uguale a 4. d(C, C ) = 17 > 4.
[89] 1. La retta richiesta ha equazioni:

x+y+z =0
x y + z = 0.
2. Lintersezione tra la sfera ed il piano e` una circonferenza perche la distanza (in
valore assoluto) tra il centro di dal piano e` minore del raggio di .
r


8
4 2 4
La circonferenza considerata ha centro C =
, ,
.
e raggio
3 3 3
3

[90] 1. s :

xz1=0
5x 5y z + 5 = 0

e` la retta richiesta.
2. r1 e r2 sono sghembe in quanto non sono ne parallele ne incidenti.
[91] 1. Le coordinate del punto P verificano lequazione di .

x+y+z2=0
2. s :
xyz =0
e` la retta richiesta.

3. |d(P, r)| = 6 e` la distanza richiesta.


[92] 1. Le coordinate del punto P verificano lequazione di 1 .

x+y+z =2
2. r :
2x + 3y z + 4 = 0
e` la retta richiesta.

Capitolo 11

351

4
3. |d(r, 2 )| = e` la distanza richiesta.
14

[93] Larea ed il perimetro del triangolo ABC sono dati rispettivamente da 1 e 2 + 2 2.


[94] 1. Se k 6= 1 la retta e il piano sono incidenti;
se k = 1 la retta e il piano sono paralleli ma non hanno punti in comune.

x=2
y = 2 + t
2. s :

z = 2 + t, t R,
e` la retta richiesta.
3. : (x 1)2 + (y + 1)2 + (z 1)2 = 3 e` la sfera richiesta.
[95] 1. Le due rette date sono sghembe perche non sono ne parallele ne incidenti.
2. Il piano richiesto ha equazione 24x y + 2z = 0.
3. La sfera richiesta ha equazione x2 + y 2 + z 2 = 6.

[96] 1. La distanza richiesta vale

210
;
6


2. le coordinate del punto richiesto sono


1 3 5
, ,
.
7 7 7

[97] 1. Le coordinate del punto simmetrico di P rispetto a Q sono (1, 4, 3);




1 2 7
2. le coordinate del punto simmetrico di P rispetto a sono , ,
;
3 3 3
2
3. |d(P, )| = e` la distanza richiesta;
3
4. la circonferenza richiesta ha equazioni:
 2
x + y 2 + z 2 2x 4y 2z + 5 = 0
x z = 0;
5. il piano richiesto ha equazione 5x 2y z = 0.

Geometria Analitica nello Spazio

352


[98] 1. I vettori AB, AC e AD sono linearmente indipendenti; il volume, con segno, del
tetraedro vale 9.

(x + 12)2 + (y 3)2 + z 2 = 198
2. C :
5x y + z 9 = 0
e` la circonferenza richiesta.
y

-5
5

0
5

-5

Figura 11.8: Esercizio n. 101

[99] 1. r e s sono sghembe in quanto non sono ne parallele ne incidenti.


2. Il piano richiesto ha equazione y + z = 0.
3. La sfera interseca la retta r in quanto la distanza (in valore assoluto) tra il centro

Capitolo 11

353

di dalla retta r e` minore del raggio di .

[100] 1. Le rette AB ed s sono sghembe.


0

2. La circonferenza richiesta ha centro nel punto C =

9
1
, 1,
4
4


e raggio

33
.
8

[101] 1 ha centro nel punto C1= (1, 0, 0) e raggio uguale a 10; 2 ha centro nel punto
C2 = (2, 0, 0) e raggio uguale a 3, quindi 2 e` allinterno di 1 senza punti in comune.
La situazione geometrica e` illustrata nella Figura 11.8.
y
-5

-5

-5
0

Figura 11.9: Esercizio n. 103

354

Geometria Analitica nello Spazio

[102] 1. Se k = 0 la retta r passa per il punto A;


2. non esiste alcun k R che verifica la condizione richiesta;
3. se k = 4 la retta r e` parallela al piano ;
4. se k 6= 0 la retta r e lasse z sono sghembe.
[103] 1. Lintersezione tra la sfera ed il piano e` una circonferenza in quanto la
distanza del centro di dal piano e` minore del raggio di ; la circonferenza

considerata ha centro nel punto C = (2, 4, 1) e raggio 11.

2. I due piani richiesti hanno equazioni z + 3 3 3 = 0.


La situazione geometrica e` illustrata nella Figura 11.9.
[104] 1. Le due sfere richieste hanno equazioni x2 + y 2 + z 2 2(x + y + z) = 0.
2. I due piani richiesti hanno equazioni x + y + z 6 = 0.
[105] 1. La retta richiesta e` s : x = y = 0;
2. la sfera richiesta e` : x2 + y 2 + z 2 12x 9y = 0;



9 1
3. la circonferenza richiesta ha centro C = 6, ,
e raggio 2 14.
2 2
[106] 1. Il piano richiesto ha equazione 2x + z 3 = 0;
2. la retta richiesta e` p : x 2z 4 = y + 1 = 0.
[107] 1. Se k = 3/2 le rette sono incidenti;
se k = 1 le rette sono parallele, altrimenti sono sghembe.
2. : 2x 2y z = 0 e` il piano richiesto.
[108] 1. Se k 6= 2 la retta r non e` parallela a ;
se k = 2 la retta r e` parallela a .

Capitolo 11

355

5
2. d(r, ) = e` la distanza richiesta.
6
[109] Il luogo richiesto e` la sfera di equazione 3x2 + 3y 2 + 3z 2 + 2x 4y + 6z 10 = 0.

[110] 1. Si ottengono i punti di coordinate (3, 1, 1),


1 7
1
, , .
3 3
3

2. Si ottengono le due sfere di equazioni:


x2 + y 2 + z 2

2
10
16
x y
z + 1 = 0, x2 + y 2 + z 2 6y + 2z + 1 = 0.
3
3
3

[111] 1. I piani richiesti hanno equazioni x + z + 1 2 2 = 0.


2. La circonferenza C ha centro nel punto C = (0, 2, 0) e raggio

3.

[112] 1. Per h = 1 la retta r e` parallela a ma non e` contenuta nel piano.


2. Il piano richiesto ha equazione z + 3 = 0.
1
[113] 1. |d(A, )| = e` la distanza richiesta.
6
2. La retta richiesta ha equazioni:

x + y + 2z 2 = 0
r:
y 1 = 0.
3. A e` esterno a perche la distanza del punto A dal centro della sfera e` maggiore
del raggio di .
[114] 1. r e` parallela al vettore a = (2, 2, 1) e passa per A = (0, 0, 1/2),
s e` parallela a b = (1, 4, 1) e passa per B = (0, 3, 1).

I vettori a e b non sono paralleli e AB a b = 0.


2. Il piano richiesto ha equazione 2x y + 2z 1 = 0, il punto H intersezione di r
e s ha coordinate H = (1, 1, 0).

356

Geometria Analitica nello Spazio

x = 1 + t0

0
3. r :
y = 1 t0

z = t0 , t0 R.
4. Si ottengono le due sfere di equazioni:
2 
2 
2

1
1
1
2
+ y+
+ z+
= ;
x
3
3
3
9

2 
2 
2
4
1
1
1
x
+ y
+ z+
=
.
5
5
5
25

[115] 1. Si ottengono i due punti di coordinate:

!
5 2 3 3 2 3 3 2 3
,
,
;
4
2
4
2. la sfera richiesta ha equazione x2 + y 2 + z 2 5x + 7y z = 0;
3. le due circonferenze richieste hanno equazioni:

xz2=0

!2
!2
!2
3
3
5
3
3
3

+ y
+ z+
= 1.
x 4 4
2
2
4
4

[116] 1. Il piano richiesto ha equazione x + y + z 2 = 0;


2. |d(P, r)| =

2
6 e` la distanza richiesta;
3

3. il piano richiesto ha equazione x 2y z = 0.

[117] 1. Per esempio B = (1, 1, 0), D = (1, 1, 4);


2. la sfera richiesta ha equazione x2 + y 2 + z 2 4x 2y 2z + 3 = 0;
3. il centro della circonferenza C ha coordinate (1, 1, 2).

Capitolo 11

357

[118] 1. Le rette r ed s sono sghembe perche sono ottenute dallintersezione di due piani
paralleli con due piani non paralleli. I piani richiesti sono x3 = 0 e sono paralleli.
2. La retta richiesta ha equazioni y = z = 1.
3. I piani richiesti hanno equazioni y 1 = 0, 20x + 21y + 39 = 0.
4. Le sfere richieste hanno equazioni:

x2 + y 2 + z 2 + (4 2)x + (2 2)y + (2 2)z + 2 2 = 0.


[119] 1. Il punto richiesto ha coordinate (2, 1, 1).
2. La retta richiesta ha equazioni:

xy =0
y + 2z 2 = 0.
3. Il piano richiesto ha equazione x 2y 2z = 0.
4. a. La circonferenza C ha centro nel punto C = (1, 1, 1) e raggio 1.
b. La sfera richiesta ha equazione x2 + y 2 + z 2 + 4x + 4y 4z + 8 = 0.
[120] 1. Le rette r e s sono incidenti, in quanto la matrice avente per righe ordinatamente
i coefficienti ed i termini noti delle equazioni dei piani che individuano le rette r ed
s rispettivamente, ha rango 3.
Si ottiene un solo piano di equazione x y + z + 1 = 0.
2. La retta richiesta ha equazioni:

x + y + 5z 1 = 0
y z = 0.
r
5
3. |d(O, r)| =
e` la distanza richiesta.
7
4. Le sfere richieste hanno equazioni:
3x2 + 3y 2 + 3z 2 14x + 4y 8z + 11 = 0, 3x2 + 3y 2 + 3z 2 + 2x 4y + 8z 5 = 0.
[121] 1. La sfera richiesta ha equazione x2 + y 2 + z 2 x + 9z = 0.
2. Il piano richiesto ha equazione z = 0.

358

Geometria Analitica nello Spazio

[122] 1. Le rette sono sghembe in quanto non sono ne parallele ne incidenti;


2. il piano richiesto ha equazione 2x + y + 4z 6 = 0;
3. la sfera richiesta ha equazione x2 + y 2 + z 2

1
1
x 2y + z 2 = 0.
2
2

[123] 1. Il piano richiesto ha equazione x y z 1 = 0;


r


1
5
5 7
, ,
e raggio
.
2. la circonferenza ha centro nel punto C =
6 6
3
6

[124] 1. Se k =

5
la retta AB e` parallela al piano .
2

2. Il luogo dei punti P richiesto e` la retta di equazioni:



2x 6y + 2z 3 = 0
3x 4y z 2 = 0.
3. Il piano richiesto ha equazione 3x + y + 2 = 0.

4. Le sfere richieste hanno equazioni x2 + y 2 + z 2 4x 2 2y 2z + 3 = 0.

Capitolo 12
Coni, Cilindri, Superfici di Rotazione e
Quadriche
12.1

Esercizi

In questo capitolo sono inseriti gli esercizi di geometria analitica nello spazio che riguardano la rappresentazione di coni, cilindri, superfici di rotazione e quadriche.
Con V3 si denota lo spazio vettoriale euclideo, di dimensione 3, dei vettori ordinari,
riferito ad una base ortonormale positiva B = (i, j, k). In questambito indica il
prodotto scalare tra due vettori e il prodotto vettoriale o esterno tra due vettori.
Inoltre, tutti gli esercizi di questo capitolo sono assegnati nello spazio ordinario, rispetto
ad un riferimento cartesiano (ortonormale, monometrico, positivo) R = (O, x, y, z) o, in
modo equivalente, rispetto al riferimento cartesiano R = (O, i, j, k), dove (i, j, k) e` una
base ortonormale positiva dello spazio vettoriale V3 su cui e` definito lo spazio affine di
punti che viene considerato.
Con:
Q : a11 x2 + a22 y 2 + a33 z 2 + 2a12 xy + 2a13 xz + 2a23 yz + 2a14 x + 2a24 y + 2a34 z + a44 = 0
si indica unequazione di secondo grado nelle incognite x, y e z. Essa rappresenta il
luogo dei punti di una quadrica Q nello spazio rispetto ad un riferimento cartesiano R =
(O, x, y, z). Si associano a Q le due matrici simmetriche:

a11 a12 a13 a14


a11 a12 a13
a12 a22 a23 a24

a12 a22 a23 , B =


A=
a13 a23 a33 a34 .
a13 a23 a33
a14 a24 a34 a44
359

360

Coni, Cilindri, Superfici di Rotazione e Quadriche

Lequazione matriciale:

x
X
x0
y = P Y + y0
z
Z
z0
e` lequazione della rototraslazione di assi dal riferimento R = (O, x, y, z) al riferimento
R0 = (O0 , X, Y, Z), dove il punto O0 ha coordinate (x0 , y0 , z0 ), rispetto al riferimento
R = (O, x, y, z) e P e` una matrice ortogonale di ordine 3 con det(P ) = 1.
Se rank(B) = 4 si ottengono le equazioni delle quadriche in forma canonica
secondo la seguente classificazione:
se rank(A) = 3 si ha:
Y2
Z2
X2
+
+
= 1 : ellissoide;
a2
b2
c2
Y2
Z2
X2
+
+
= 1 : ellissoide immaginario;
a2
b2
c2
X2
Y2
Z2
+

= 1 : iperboloide ad una falda (iperboloide iperbolico);


a2
b2
c2
X2
Y2
Z2

= 1 : iperboloide a due falde.


a2
b2
c2
Se rank(A) = 2 si ha:
Y2
X2
+
z = 0 : paraboloide ellittico.
a2
b2
X2
Y2

z = 0 : paraboloide iperbolico (paraboloide a sella).


a2
b2
Se rank(B) = 3 si hanno quadriche degeneri (del tipo cono e cilindro). In particolare:
se rank(A) = 3 si ha:
X 2 + Y 2 + Z 2 = 0 con 6= 0, 6= 0, 6= 0 : cono reale o immaginario.
Se rank(A) = 2 si ha:

Capitolo 12

361

X2
Y2
+
= 1 : cilindro immaginario;
a2
b2
X2
Y2
+
= 1 : cilindro ellittico;
a2
b2
Y2
X2

= 1 : cilindro iperbolico;
a2
b2
X2
2y = 0 : cilindro parabolico.
a2
Se rank(B) = 2 le quadriche sono coppie di piani reali o immaginari. In particolare:
se rank(A) = 2 si ha:
Y2
X2
+
= 0 : coppia di piani complessi coniugati, incidenti;
a2
b2
X2
Y2

= 0 : coppia di piani incidenti.


a2
b2
Se rank(A) = 1 si ha:
X2
= 1 : piani immaginari paralleli;
a2
X2
= 1 : piani paralleli.
a2
Se rank(B) = 1 si hanno due piani coincidenti di equazione X 2 = 0.

[1] 1. Determinare lequazione del cono S di vertice V = (0, 2, 1) le cui generatrici formano un angolo di /4 con lasse z .
2. Determinare le equazioni delle generatrici del cono S appartenenti al piano di equazione x y + 2 = 0.
[2] Determinare lequazione del cono di vertice V = (0, 0, 2) e di direttrice la circonferenza C passante per i punti A = (1, 1, 0), B = (0, 1, 1), C = (2, 0, 2).

Coni, Cilindri, Superfici di Rotazione e Quadriche

362

[3] Determinare lequazione del cono di vertice lorigine O = (0, 0, 0) e che contiene la
circonferenza del piano z = 4, di centro (2, 0, 4) e raggio 2.
[4] Data la circonferenza:

C:

(x 1)2 + (y 1)2 + (z 1)2 = 3


y 1 = 0,

1. determinare lequazione del cono S di vertice V = (0, 0, 1) che proietta C .


2. Verificato che la conica C 0 intersezione di S con il piano z = 0 ha equazione, in
quel piano:
x2 2xy 2y 2 + 1 = 0,
classificare C 0 .
[5] Determinare lequazione del cono circoscritto alla sfera:
: x2 + y 2 + z 2 2x 2z 2 = 0
con vertice V = (0, 3, 0).
[6] Dati i punti A = (1, 0, 0), B = (0, 1, 2), C = (1, 2, 0), D = (3, 0, 2),
1. verificare che A, B, C, D non sono complanari.
2. Determinare il piano contenente A, B, C .
3. Determinare lequazione della sfera di centro D e tangente a .
4. Determinare lequazione del cono di vertice A e circoscritto a .
[7] Determinare lequazione del cono di vertice lorigine O = (0, 0, 0), circoscritto alla
sfera di centro C = (4, 3, 2) e raggio 2.
[8] Data la sfera di equazione x2 +y 2 +z 2 = 6, scrivere lequazione del cono S di vertice
V = (3, 0, 3) ad essa circoscritto.
[9] Data la sfera:
: x2 + y 2 + z 2 2x 2y 2z = 0,
determinare lequazione del cono circoscritto a con vertice nel punto B = (0, 0, 1).

Capitolo 12

363

[10] Determinare lequazione del cono avente vertice nellorigine e circoscritto alla sfera
di centro A = (1, 3, 1) e raggio 1.
[11] Dati i punti A = (1, 1, 5), B = (2, 2, 1), C = (1, 2, 2), D = (2, 1, 2),
1. determinare le equazioni della circonferenza C circoscritta al triangolo ABC.
2. Determinare lequazione del cono S di vertice D e direttrice C.
[12] Determinare lequazione del cono che proietta la curva:
 2
x + y 2 + z 2 2y + z + 2 = 0
C:
x 2y = 0
dal punto V = (1, 0, 1).
[13] Determinare lequazione del cono S di vertice V = (2, 1, 1) circoscritto alla sfera:
: x2 + y 2 + z 2 2z = 0.
[14] Determinare lequazione del cono di vertice V = (0, 0, 2) circoscritto alla sfera:
: x2 + y 2 + z 2 2x + 2y + 4z 4 = 0.
[15] Dati la sfera:
: x2 + y 2 + z 2 4x + 8y + 6z + 2 = 0
e il piano : z 1 = 0,
1. verificare che la curva e` una circonferenza C di cui si chiedono il centro e il
raggio.
2. Determinare lequazione del cono di vertice lorigine O = (0, 0, 0) e direttrice la
circonferenza C.
[16] Scrivere lequazione del cono S di vertice V = (0, 1, 1) circoscritto alla sfera di
equazione x2 + y 2 + z 2 + 2(x + y + z) = 0.

364

Coni, Cilindri, Superfici di Rotazione e Quadriche

[17] Scrivere lequazione del cono di vertice V = (4, 0, 0) circoscritto alla sfera di centro
C = (1, 1, 1) e raggio 3.
[18] Descrivere le seguenti superfici di equazione:
1. x2 + (y 1)2 = z 2 ;
p
2. z = x2 + y 2 .
[19] Data la sfera:
: x2 + y 2 + z 2 2x + 2z 2 = 0,
determinare lequazione del cono di vertice V = (1, 2, 1) circoscritto alla sfera .
[20] Data la circonferenza:

C:

2x y + z = 0
x2 + y 2 + z 2 2x 4y + 1 = 0,

determinare lequazione del cono di vertice V = (0, 0, 1) con direttrice C .


[21] Data liperbole equilatera I di equazioni:

xy = 5
I:
z = 0,
determinare lequazione del cono S di vertice V = (1, 1, 1) e direttrice I .
[22] Determinare lequazione del cilindro che contiene la parabola P : x = z y 2 = 0 e
che ha le generatrici parallele alla retta r: z = x y = 0.
[23] Determinare lequazione del cilindro circoscritto alla sfera di centro C = (1, 1, 0) e
raggio uguale a 2, avente le generatrici parallele alla retta:

x=t
y = t
s:

z = 2t + 1, t R.
[24] Dati il piano : x z = 0 e il punto P = (2, 0, 1),
1. determinare il luogo C dei punti di aventi distanza pari a 3 da P ;
2. determinare lequazione del cilindro avente direttrice C e generatrici parallele allasse z .

Capitolo 12

365

[25] Data la curva:



C:

x2 + y 2 + z 2 2x + 4y 4z = 0
x2 + y 2 + z 2 9 = 0,

determinare le equazioni della sua proiezione sul piano coordinato xy parallelamente alla
direzione della retta s di equazioni:

x + y 2z = 0
s:
2x 3y + z = 0.
[26] Dati il piano : x z 2 = 0 e la sfera : x2 + y 2 + z 2 2x = 0, determinare lequazione del cilindro avente per direttrice la circonferenza e le generatrici
parallele alla retta r : 2x = y = 2 2z .
[27] Dati la retta:

r:

xy =0
y + z = 1,

il vettore v = (1, 0, 1) e la superficie S di equazione x2 + y 2 + z 2 2xz 2x + 2z = 0,


1. determinare lequazione del piano parallelo ad r, al vettore v e passante per
lorigine.
2. Verificare che S e` un cilindro con generatrici perpendicolari al piano .
3. Sia C la curva ottenuta dallintersezione di S con , verificato che lorigine O
appartiene a C, scrivere lequazione della retta r tangente a C in O.
[28] Data la circonferenza:

C:

x2 + y 2 + z 2 2y 6z + 1 = 0
x + y z 1 = 0,

determinare lequazione del cilindro di direttrice C e generatrici ortogonali al piano che


la contiene.
[29] Dati la sfera:
: x2 + y 2 + z 2 4x 2y + 4z 16 = 0
e il piano : x 2y 2z + 12 = 0, determinare lequazione del cilindro circoscritto a
ed avente le generatrici ortogonali ad .

366

Coni, Cilindri, Superfici di Rotazione e Quadriche

[30] Si considerino il vettore v = (k + j) i e la curva:

x=t
y = t2
C:

z = t2 + t, t R,
determinare lequazione del cilindro S con direttrice C e generatrici parallele a v.
[31] Dati la sfera : x2 +y 2 +z 2 4x+6y = 0 ed il vettore v = 2ij+3k, determinare
lequazione del cilindro circoscritto a ed avente le generatrici parallele a v.
[32] Dati i punti A = (1, 2, 1), B = (2, 1, 1), determinare lequazione del cilindro
circoscritto alla sfera di centro il punto medio del segmento AB , passante per A ed avente
le generatrici parallele allasse x.
[33] Dati la retta:

r:

x+yz =0
xy+z =0

e la sfera : (x 1)2 + (y + 1)2 + (z 1)2 = 3, determinare lequazione del cilindro


circoscritto a , con generatrici parallele a r.
[34] Determinare lequazione del cilindro S che proietta la curva:
 2
x + y 2 + z 2 2x 3y + 1 = 0
C:
xz1=0
secondo la direzione della retta:

r:

x + 3y z 1 = 0
2x + y z + 2 = 0.

[35] Determinare lequazione del cilindro che proietta la circonferenza del piano y = 0
di centro C = (2, 0, 1) e raggio 2, secondo la direzione della retta:

r:

x+yz+1=0
5x y z + 1 = 0.

Capitolo 12

367

[36] Descrivere le seguenti superfici di equazione:


1. z = sin x;
2. x2 + y 2 = 2y .
[37] Data la curva C di equazioni:

C:

x+z =1
x2 y = 0,

determinare lequazione del cilindro avente C come direttrice e con generatrici parallele
al vettore v = (1, 0, 1). Determinare, inoltre, la curva che si ottiene intersecando tale
cilindro con il piano x = 0.
[38] Determinare lequazione del cilindro circolare retto di asse la retta di equazioni:

xy+2=0
z+1=0
e raggio uguale a 3.
[39] Determinare lequazione del cilindro circolare retto di asse la retta:

x=t4
y = 2t + 1
r:

z = 3t 3, t R
e raggio uguale a 3.
[40] Determinare le equazioni della curva C 0 proiezione della curva:
 2
2x + y 2 + z 2 = 1
C:
x+y =0
sul piano y = 2 secondo la direzione della retta:

xy2=0
s:
z=1
e classificare C 0 .

Coni, Cilindri, Superfici di Rotazione e Quadriche

368

[41] Determinare lequazione del cilindro avente le generatrici parallele al vettore


v = (1, 0, 1) e tangente allellissoide di equazione x2 + 3y 2 + z 2 = 1.
[42] Determinare lequazione della superficie S generata dalla rotazione completa intorno alla retta x = y = z 1 della curva C : z = xy x y = 0.
[43] Date le rette:

r:

x + y + 2z 5 = 0
x y + 1 = 0,

x=u+1
y = 2u
s:

z = u + 1,

u R,

determinare lequazione della superficie generata dalla rotazione completa della retta s
intorno a r.
[44] Determinare la superficie generata dalla rotazione completa dellasse z intorno alla
retta x = y = z e verificare che si tratta di un cono con vertice nellorigine.
[45] Determinare la superficie di rotazione S che ha come asse la retta r: x = y + z = 0
e che contiene la retta:

s:

x = 2z 1
y = 3z + 5.

[46] Data la circonferenza:



C:

y 2 + z 2 4y + 3 = 0
x = 0,

determinare lequazione della superficie S generata dalla rotazione completa di C intorno


allasse z .
[47] Data la retta:

x=t+4
y=t
r:

z = 3, t R,

Capitolo 12

369

determinare lequazione della superficie generata dalla rotazione completa della retta r
intorno alla retta s di equazioni:

x=0
z = 3.
[48] Data la curva:

x=0

t
C:
y=

1+t

z = t,

t R, t > 1,

1. verificare che lequazione del cono S con vertice V = (1, 1, 1) che proietta la
curva C e` (y + 1)(z + 1) = (1 x)2 .
2. Detta C 0 la curva intersezione di S con il piano coordinato xy, determinare lequazione della superficie generata dalla rotazione completa di C 0 intorno alla retta:

x=1
r:
z = 0.
Che tipo di superficie di rotazione si trova?
[49] Si considerino le rette:

3x + 2y + 2z 1 = 0
r:
x + 2y = 0,


s:

xy+1=0
x + y + z = 0.

Determinare lequazione della superficie ottenuta dalla rotazione completa della retta r
intorno alla retta s.
[50] Date le rette:

r:

xy+1=0
x + y + z = 0,


s:

x + 3y = 0
x + y = 0,

1. determinare lequazione della superficie S generata dalla rotazione completa di r


intorno ad s. Che tipo di superficie di rotazione si trova?

370

Coni, Cilindri, Superfici di Rotazione e Quadriche

2. Verificare che il punto P = (0, 5, 3) appartiene alla superficie S. Determinare


centro e raggio del parallelo passante per P .

[51] Date le rette:



r:

x+yz =0
2x y = 0,

s:

2x z = 1
x y = 0,

determinare lequazione della superficie generata dalla rotazione completa di s intorno


alla retta r e dire di quale superficie si tratta.
[52] Date le rette:

x=t
y = 2
r:

z = 12t 1,


s:
t R,

y=1
z = 2,

determinare lequazione della superficie generata dalla rotazione completa di r intorno


alla retta s. Calcolare la lunghezza del raggio del parallelo situato sul piano x = 2.
[53] Date le rette:

r:

x2=0
y + z = 0,


s:

x 3y + 5 = 0
y + z 4 = 0,

determinare lequazione della superficie S generata dalla rotazione completa di r intorno


alla retta s e precisare di quale superficie si tratta.
[54] Dati i punti A = (1, 0, 1), B = (2, 1, 0) e la retta s : 3x 1 = 2y + 1 = z ,
1. determinare lequazione della superficie generata dalla rotazione completa della
retta AB intorno alla retta s e precisare di quale superficie si tratta.

2. Trovare il luogo dei punti P = (x, y, z) tali che il triangolo ABP abbia area 3.
[55] Dati i punti Q = (1, 1, 1), R = (1, 2, 1) scrivere lequazione della superficie S
ottenuta dalla rotazione completa della retta, passante per Q e per R, intorno allasse x e
precisare di quale superficie si tratta.

Capitolo 12

371

[56] Descrivere le seguenti superfici di equazione:


1. z = 1 + x2 + y 2 ;
2. z 4 = x2 + y 2 .
[57] Dati lellissoide E : x2 + 3y 2 + z 2 = 1 e la retta:

3x 2z + 2 = 0
r:
y = 0,
1. determinare lequazione del cilindro avente le generatrici parallele al vettore
v = (1, 0, 1) e tangente allellissoide E.
2. Determinare lequazione della superficie ottenuta dalla rotazione completa della
retta r attorno allasse z.
[58] Date le rette:

r:

2x y 3 = 0
x + z 2 = 0,


s:

xy2=0
z = 1,

determinare lequazione della superficie ottenuta dalla rotazione completa della retta r
intorno alla retta s e precisare di quale superficie si tratta.
[59] Dati lellissoide E : 2x2 + y 2 + z 2 = 1 e la retta:

x=3
r:
y = 0,
1. determinare lequazione del cono avente vertice nel punto V = (0, 1, 1) e tangente allellissoide E.
2. Determinare lequazione della superficie ottenuta dalla rotazione completa della
retta r intorno allasse z.
[60] 1. Descrivere la quadrica:
Q:

y2
x2

= 2z.
4
9

2. Verificare che la retta:



r:
appartiene a Q.

3x 2y + 6 = 0
3x + 2y + 12z = 0

372

Coni, Cilindri, Superfici di Rotazione e Quadriche

[61] Data la superficie:


S : x2 2xy + 4yz + 2xz + y 2 + z 2 + 1 = 0,
1. stabilire se S e` simmetrica rispetto allorigine.
2. Indicata con C la curva intersezione di S con il piano z = 1, riconoscere che C
e` una conica e ridurla a forma canonica, determinando esplicitamente le equazioni
del cambiamento di riferimento necessarie per tale riduzione.
[62] Data la matrice simmetrica:

5
2 2
5 2 ,
A= 2
2 2
5
1. determinare una matrice ortogonale Q tale che t QAQ = D, con D matrice diagonale.
2. Classificare la quadrica di equazione:

5
2 2
0
 2
5 2
0
x y z 1
2 2
5
0
0
0
0 1

x
y
= 0.
z
1

[63] Determinare lequazione dellellissoide avente centro nel punto C = (1, 2, 3), assi
paralleli agli assi coordinati x, y, z e semiassi di lunghezza, rispettivamente, uguale a
2, 3, 7.
[64] Descrivere la quadrica di equazione:
x2 + y 2 + kz 2 2x = 0,
al variare di k R.
[65] Descrivere la superficie di equazione:
xy = 2z,
precisando leventuale cambiamento di riferimento usato.

Capitolo 12

373

[66] Descrivere le seguenti superfici di equazione:


1. x2 + z 2 = y ;
2. z = 4 x2 y 2 ;
3. z =

x2
y2
+
;
4
9

4. z = x2 y 2 + 2.
[67] 1. Dimostrare che la superficie:

x = u3 + uv + v
y = cos u + u + vu2
S:

z = u(v + 1),

u, v R

e` una superficie rigata.


2. Determinare i parametri direttori della generica retta di S .
[68] Descrivere la quadrica rigata di equazione:
x2 + 4y 2 z 2 1 = 0,
determinare le equazioni delle due schiere di rette ad essa appartenenti e calcolarne i
parametri direttori.
[69] Determinare il luogo dei punti P dello spazio per i quali e` costante il rapporto k
delle distanze di P :
1. dallorigine e dal punto (0, 0, 1);
2. dallorigine e dal piano z = 0;
3. dal punto (0, 0, 1) e dal piano z = 0;

x=0
4. dallorigine e dalla retta
z = 0;

x=0
5. dallorigine e dalla retta
z = 1;

Coni, Cilindri, Superfici di Rotazione e Quadriche

374

y=0
e dalla retta
z=1

x=0
z = 0;

x=0
e dalla retta
z=0

x=1
z = 0;

y=0
e dalla retta
z=0

x=0
z = 0;

x=0
e dal piano z = 0;
z=1

x=1
e dal piano z = 0;
z=0

x=0
e dal piano z = 0;
y=0

6. dalla retta
7. dalla retta
8. dalla retta
9. dalla retta
10. dalla retta
11. dalla retta

12. dal piano x = 0 e dal piano x 1 = 0;


13. dal piano x = 0 e dal piano z = 0;
14. dal piano z = 0 e dal piano z = 0.
[70] Sono dati liperboloide ad una falda H : x2 + y 2 z 2 = 1 e il paraboloide ellittico
K : 2x2 + y 2 4z = 0.
1. Determinare le equazioni delle rette appartenenti ad H e passanti per il punto
P = (1, 1, 1) appartenente a H.
2. Determinare lequazione del piano tangente ad H in P .
3. Determinare lequazione del cono avente vertice nel punto (0, 0, 1) e circoscritto
al paraboloide K.

12.2

Soluzioni

[1] 1. S : x2 + (y 2)2 (z 1)2 = 0 e` il cono richiesto.


2. Le generatrici richieste sono le due rette di equazioni:

Capitolo 12

375

0
-2

z
0

-2

-2
0

2
4

Figura 12.1: Esercizio n. 3

x=t
y = 2 + t

z = 1 2t,

t R.

[2] Il cono richiesto ha equazione y 2 xy + 2x(z 2) + y(z 2) = 0.


[3] Il cono richiesto ha equazione 4x2 4xz + yz = 0, e` rappresentato nella Figura 12.1.
[4] 1. S : x2 2xy 2y 2 + (z 1)2 = 0 e` il cono richiesto, rappresentato nella Figura
12.2.

Coni, Cilindri, Superfici di Rotazione e Quadriche

376

2. C 0 : x2 2xy 2y 2 + 1 = 0 si tratta delliperbole di equazione, in forma canonica:

1+

13

1 + 13 2
X
Y = 1, con:
2
2




=


y

13 3 13

52
p

(3 + 13) 13 3 13

52

13 + 3 13

52
p

(3 13) 13 + 3 13

52

2
1
0

-3
1
-1
0

1
-1
3

Figura 12.2: Esercizio n. 4, punto 1.

[5] Il cono richiesto ha equazione:

Capitolo 12

3x2 + 3x(y 3) xz (y 3)2 + 3(y 3)z + 3z 2 = 0.



[6] 1. I vettori AB, AC, AD sono linearmente indipendenti.
2. : x y + z = 1 e` il piano richiesto.
3. : 3(x 3)2 + 3y 2 + 3(z 2)2 = 16 e` la sfera richiesta.
4. Il cono richiesto ha equazione (x 1)2 + 6(x 1)z 2y 2 + z 2 = 0.
[7] Il cono richiesto ha equazione 9x2 24xy + 16xz + 16y 2 + 12yz + 21z 2 = 0.
[8] S : (x 3)2 + 6(x 3)(z + 3) + 4y 2 + (z + 3)2 = 0 e` il cono richiesto.
[9] Il cono richiesto ha equazione 2x2 + 2xy + 2y 2 + (z 1)2 = 0.
[10] Il cono richiesto ha equazione 9x2 + y 2 + 9z 2 6xy + 2xz + 6yz = 0.

[11] 1. C :

(x + 12)2 + (y 3)2 + z 2 = 6
5x y + z 9 = 0

e` la circonferenza richiesta.
2. S : 779(x + 2)2 290(x + 2)(y 1) + 83(y 1)2 + 290(x + 2)(z 2)
58(y 1)(z 2) + 83(z 2)2 = 0 e` il cono richiesto.

[12] Il cono richiesto ha equazione:


2(x 1)2 + 9y 2 6(x 1)y + (x 1)(z + 1) 2y(z + 1) + (z + 1)2 = 0.
[13] S : 4(x 2)(y 1) 3(y 1)2 4(z 1)2 = 0 e` il cono richiesto.

[14] Il cono richiesto ha equazione:


7x2 + 2xy + 8x(z 2) + 7y 2 8y(z 2) 8(z 2)2 = 0.

377

378

Coni, Cilindri, Superfici di Rotazione e Quadriche

[15] 1. C = e` una circonferenza in quanto la distanza di dal centro di (che e`

pari a 4) e` minore del raggio di (che e` pari a 3 3). La circonferenza C ha centro


nel punto C = (2, 4, 3) e raggio 3.
2. Il cono richiesto ha equazione x2 + y 2 + 9z 2 4xz + 8yz = 0.
[16] Il cono richiesto e` :
S : 5x2 + 2(y 1)2 + 2(z 1)2 4x(y 1) 4x(z 1) 8(y 1)(z 1) = 0.
[17] Il cono richiesto ha equazione:
7(x 4)2 y 2 z 2 6(x 4)y 6(x 4)z + 2yz = 0.
[18] 1. E` un cono circolare retto di vertice V = (0, 1, 0) e con asse lasse z;
2. si tratta della met`a (rivolta verso lalto) di un cono circolare retto di vertice lorigine
e asse lasse z .
[19] Il cono richiesto ha equazione (x 1)2 2(y 2)(z 1) = 0.
[20] Il cono richiesto ha equazione 13x2 y 2 2xy+(z 1)2 +6x(z 1)+2y(z 1) = 0.
Allo scopo di ottenere una migliore realizzazione grafica (cfr. Fig. 12.3), si sono utilizzate
le equazioni parametriche del cono:



2

x = t 1 + sin




2
2
y = t 2 + sin + cos

3
2




2
2

z = 1 + t sin + cos 1 ,
3
2

t R, [0, 2).

[21] S : (x z)(y z) 5(1 z)2 = 0 e` il cono richiesto.


[22] Il cilindro richiesto ha equazione z = (y x)2 ed e` rappresentato nella Figura 12.4.

Capitolo 12

379

0
-2
-4

-2

-4

-4
-2
0

2
4

Figura 12.3: Esercizio n. 20

Coni, Cilindri, Superfici di Rotazione e Quadriche

380

0
-5

15

-5
0

Figura 12.4: Esercizio n. 22


[23] Il cilindro richiesto ha equazione:
(x y + 2z)2 6(x2 + y 2 + z 2 2x 2y 2) = 0.

[24] 1. Il luogo richiesto e` la circonferenza:



(x 2)2 + y 2 + (z 1)2 = 9
C:
x z = 0;
2. il cilindro richiesto ha equazione (x 2)2 + y 2 + (x 1)2 = 9.

[25] La curva richiesta ha equazioni:

Capitolo 12

9
2y 2z +
2

2

9
+ x 3y + 2z
2

2

381

9
+ x 2y + z
2

2
9 = z = 0.

[26] Il cilindro richiesto ha equazione:


(x + z + 2)2
(x + z 2)2
+ (x + y + z + 2)2 +
(x + z + 2) = 0.
4
4
[27] 1. : x + z = 0 e` il piano richiesto.
2. Si perviene alla tesi riducendo a forma canonica la quadrica assegnata. Si ottiene il
cilindro di equazione X 2 + 2Z 2 = 1 rispetto al cambiamento di riferimento:
1
1

0

2
2



0
y = 1 0



1
1
0
z
2
2

1
2

Y + 0 .

Z
2
X

3. Lorigine appartiene alla curva:


 2
x + y 2 + z 2 2xz 2x + 2z = 0
C:
x + z = 0.
La retta r ha equazioni x = z = 0.
[28] Il cilindro richiesto ha equazione:
x2 + y 2 + z 2 xy + xz + yz 2x 5y 7z + 4 = 0.
[29] Il cilindro richiesto ha equazione:
(x 2y 2z 4)2 9(x2 + y 2 + z 2 4x 2y + 4z 16) = 0.
[30] S : 2x2 + x y z = 0 e` il cilindro richiesto.
[31] Lequazione del cilindro circoscritto alla sfera e` :
(2x y + 3z 7)2 14(x2 + y 2 + z 2 4x + 6y) = 0.

Coni, Cilindri, Superfici di Rotazione e Quadriche

382

[32] Il cilindro richiesto ha equazione:



2
1
7
y
+ z 2 = 0.
2
2

[33] Lequazione del cilindro circoscritto alla sfera e` :


(y + z)2 2(x2 + y 2 + z 2 2x + 2y 2z) = 0.

y
0
-5

-1

-
0

Figura 12.5: Esercizio n. 36, punto 1.

[34] Il cilindro richiesto e` :



2 
2 
2
2
1
5
S : x + (x z 1) + y + (x z 1) + z + (x z 1)
3
3
3

Capitolo 12

383

x
-1

0
1

1
0

-2

Figura 12.6: Esercizio n. 36, punto 2.







2
1
2 x + (x z 1) 3 y + (x z 1) + 1 = 0.
3
3
[35] Il cilindro richiesto ha equazione (2x y 4)2 + (2z 3y 2)2 = 16.
[36] 1. Cilindro di direttrice la curva z = sin x del piano coordinato xz e con generatrici
parallele allasse y, rappresentato nella Figura 12.5;
2. cilindro di direttrice la circonferenza del piano coordinato xy di equazione x2 + (y 1)2 = 1 e generatrici parallele allasse z.
[37] Il cilindro richiesto ha equazione (1 z + x)2 4y = 0.

384

Coni, Cilindri, Superfici di Rotazione e Quadriche

La curva, invece, ha equazioni (1 z + x)2 4y = x = 0, si tratta di una parabola.


[38] Il cilindro richiesto ha equazione:
(x + y 2)2 2(x2 + y 2 + z 2 4y + 2z 4) = 0.
[39] Il cilindro richiesto ha equazione:
13x2 + 10y 2 + 5z 2 4xy 6xz 12yz + 90x 72y + 18z + 117 = 0.

2
xy

3
+ z2 = 1
2
0
[40] C :

y 2 = 0,
la curva C 0 e` unellisse di centro (2, 2, 0).
[41] Il cilindro richiesto ha equazione x2 + 6y 2 + z 2 2xz 2 = 0.
[42] S : xy + (x + y)(z 1) = 0 e` la superficie di rotazione cercata.
[43] La superficie di rotazione richiesta ha equazione:

2
x+yz
2
2
2
(x + 1) + y + (z 3) = 6
+ 8.
2
[44] La superficie di rotazione richiesta ha equazione xy + xz + yz = 0. Trattandosi di
unequazione di secondo grado omogenea in x, y, z , essa rappresenta un cono di vertice
lorigine.
[45] La superficie di rotazione richiesta e` :
S : x2 + y 2 + z 2

7
(y z 5)2 13(y z 5) 26 = 0.
2

[46] La superficie di rotazione richiesta e` S : (x2 + y 2 + z 2 + 3)2 16(x2 + y 2 ) = 0.

Capitolo 12

385

[47] La superficie di rotazione richiesta ha equazione x2 (y + 4)2 + (z + 3)2 = 0,


si tratta di un cono di vertice il punto di coordinate (0, 4, 3).

[48] 1. Si verifica che la superficie richiesta ha proprio equazione:


(y + 1)(z + 1) = (1 x)2 .
2. La superficie di rotazione richiesta ha equazione (x 1)2 + z 2 = 1 + y , si tratta di
un paraboloide di rotazione.

[49] La superficie richiesta ha equazione:



2 
2
2x + 2y 4z + 7
1 x y + 2z
2
2
2
(x + 1) + y + (z 1) =
+
5
5

+

4x + 4y 8z + 9
10

2
,

si tratta di un iperboloide di rotazione ad una falda.


[50] 1. La superficie di rotazione richiesta e` S : 2x2 + 2y 2 z 2 = 1, si tratta di un
iperboloide di rotazione ad una falda.
2. Il punto P appartiene alla superficie S perche le sue coordinate ne verificano lequazione. Il centro e il raggio del parallelo passante per P sono rispettivamente:
C = (0, 0, 3) e 5.

[51] La superficie richiesta ha equazione:


x2 + y 2 + z 2 =

4
2
(x + 2y + 3z + 3)2 (x + 2y + 3z + 3) + 1,
27
9

si tratta di un iperboloide di rotazione ad una falda.


[52] La superficie richiesta ha equazione (12x + 3)2 (y 1)2 (z 2)2 + 9 = 0,

il raggio del parallelo indicato vale 15 2.

Coni, Cilindri, Superfici di Rotazione e Quadriche

386

[53] La superficie di rotazione richiesta e` :


2

S : (x + 5) + y + (z 4) = 65 + 4(3x + y z 6) + 2

3x + y z 6
2

2
,

si tratta di un iperboloide di rotazione ad una falda.

[54] 1. Si tratta delliperboloide di rotazione ad una falda di equazione:



2


2x
+
3y
+
6z
+
4
2x
+
3y
+
6z
+
4
x2 + (y + 1)2 + (z + 1)2 = 3
+4
+ 2.
11
11
2. Si tratta del cilindro circolare retto di asse AB e di equazione:

k(P A)(P B)k = 2 3, ossia (y z 1)2 +(xz 2)2 +(xy 1)2 = 12.
[55] S : 4y 2 + 4z 2 (3x 1)2 4 = 0, si tratta di un iperboloide di rotazione ad una
falda rappresentato nella Figura 12.7.
[56] 1. Paraboloide di rotazione, rivolto verso lalto, di vertice V = (0, 0, 1) e rappresentato nella Figura 12.8;
2. superficie ottenuta dalla rotazione completa della parabola z 2 = x del piano coordinato xz intorno allasse z, rappresentata nella Figura 12.8.
[57] 1. Il cilindro richiesto ha equazione x2 + 6y 2 + z 2 2xz 2 = 0.
2. La superficie di rotazione richiesta ha equazione 9x2 + 9y 2 4z 2 + 8z 4 = 0.

[58] La superficie di rotazione richiesta ha equazione:


(x 1)2 + (y + 1)2 + 3(z 1)2 4(x 1)(y + 1) = 0,
si tratta di un cono, essendo le rette r ed s incidenti nel punto di coordinate (1, 1, 1).
[59] 1. Il cono richiesto ha equazione x2 + yz y + z 1 = 0.
2. La superficie di rotazione richiesta ha equazione x2 + y 2 = 9.

Capitolo 12

387

Figura 12.7: Esercizio n. 55

Coni, Cilindri, Superfici di Rotazione e Quadriche

388

y
0

-5

20

10

-5

x
5
1
0

-1

-1

-1
0
1

Figura 12.8: Esercizio n. 56, punti 1. e 2.

Capitolo 12

389

x
-10

10
0

-10

20

10

-10

Figura 12.9: Esercizio n. 60, punto 1.

10

Coni, Cilindri, Superfici di Rotazione e Quadriche

390

y
0

-5

-5

-5
0

x
5

Figura 12.10: Esercizio n. 61, punto 1.


[60] 1. Q e` il paraboloide iperbolico rappresentato nella Figura 12.9.
2. Le equazioni parametriche della retta r:

x = 2 + t

y=t

1 1

z = t, t R,
2 3
verificano lequazione del paraboloide.
[61] 1. La superficie S e` simmetrica rispetto allorigine: per ogni punto P = (x, y, z)
appartenente a S anche il punto P 0 = (x, y, z) appartiene a S ed e` rappre-

Capitolo 12

391

sentata nella Figura 12.10.


2. C : x2 2xy + y 2 + 2x + 4y + 2 = 0, si tratta della parabola di equazione in forma

canonica 2Y 2 + 3 2X = 0, rispetto al cambiamento di riferimento dato da:

1
1 X

2
2

=
1
1

y
Y
2
2

1
24


.
+

13

24

0.1

0
0.2

-0.1

0
-0.2
0

-0.2

x
0.2

Figura 12.11: Esercizio n. 62

Coni, Cilindri, Superfici di Rotazione e Quadriche

392

x
y

0
4

2
0

-4

Figura 12.12: Esercizio n. 63

[62] 1. D = 0

0 ,

sono le matrici richieste.

2
2

Q= 0

2
2

6
3

6
6

3
3

3
3

Capitolo 12

393

2. Dalla matrice D e` chiaro che si tratta di un ellissoide di rotazione di equazione:


3X 2 + 3Y 2 + 9Z 2 = 1, nel riferimento R0 = (O, X, Y, Z) tale che:

2
6
3
2 6
3



6
3
y = 0

3
3


2
6
3

z
2
6
3

Y .

Lellissoide e` rappresentato nella Figura 12.11.

[63] Lellissoide ha equazione:


(y 2)2
(z 3)2
(x 1)2
+
+
=1
4
9
49
ed e` rappresentato nella Figura 12.12.

[64] Mediante la traslazione:



x
X
1
y = Y + 0 ,
z
Z
0
si ottiene la quadrica ridotta a forma canonica di equazione X 2 + Y 2 + kZ 2 = 1, k R.
Pertanto:
per k = 1 si ha la sfera di raggio 1 e centro lorigine O0 del sistema di riferimento traslato
R0 = (O0 , X, Y, Z);
per k = 0 si ha un cilindro circolare retto con asse parallelo allasse Z ;
per k > 0, k 6= 1 si ha un ellissoide di rotazione;
per k < 0 si ha un iperboloide (ad una falda) di rotazione intorno allasse Z .

[65] Si tratta del paraboloide iperbolico di equazione, in forma canonica:

394

Coni, Cilindri, Superfici di Rotazione e Quadriche

1 2 1 2
X Y = 2Z ,
2
2
rispetto al sistema di riferimento R0 = (O, X, Y, Z) ottenuto da:

2
2
x
X
0
2

y = 2
Y .
2

0
2

z
Z
0
0
1
[66] 1. Paraboloide di rotazione di asse lasse y, rappresentato nella Figura 12.13;
2. paraboloide di rotazione, con concavit`a verso il basso, di vertice V = (0, 0, 4) e
asse lasse z, rappresentato nella Figura 12.13;
3. paraboloide ellittico, con vertice nellorigine, rappresentato nella Figura 12.14;
4. paraboloide iperbolico, rappresentato nella Figura 12.14.
[67] 1. La superficie S e` una rigata in quanto il parametro v compare solo a primo grado
ed e` rappresentata nella Figura 12.15.
2. I parametri direttori della generica retta appartenente ad S sono:
(u + 1, u2 , u), u R.
[68] Si tratta delliperboloide ad una falda la cui forma canonica e` x2 + 4y 2 z 2 = 1,
le due schiere di rette hanno equazioni:

x + 21 y + z = 1
x + 22 y z = 2

1 x 2y 1 z = 1, 1 R;

2 x 2y + 2 z = 1, 2 R;

hanno parametri direttori (1 21 , 1 , 1 21 ) e (1 22 , 2 , 1 + 22 ) rispettivamente.


[69] I luoghi richiesti sono:
1. se k = 1 si ottiene il piano di equazione 2z 1 = 0,

Capitolo 12

20

y
10

-4

-4
0

x
5

-5

-10

z
-20

-30

-5
0

x
5

Figura 12.13: Esercizio n. 66, punti 1. e 2.

395

Coni, Cilindri, Superfici di Rotazione e Quadriche

396

3
1

z
0

-2
0

-3

x
2

y
0
-5

x
0
-5

50

-50

Figura 12.14: Esercizio n. 66, punti 3. e 4.

Capitolo 12

397

-5

-5

-5

Figura 12.15: Esercizio n. 67, punto 1.

Coni, Cilindri, Superfici di Rotazione e Quadriche

398

se 0 < k < 1, oppure k > 1 si ottiene la famiglia di sfere:


x2 (1 k 2 ) + y 2 (1 k 2 ) + z 2 (1 k 2 ) + 2k 2 z k 2 = 0,
se k = 0 si ottengono i piani immaginari coniugati di equazione x2 + y 2 + z 2 = 0;
2. se 0 k 1 si ottengono i piani immaginari coniugati x2 + y 2 + z 2 (1 k 2 ) = 0,
se k < 1 si ottengono i coni di rotazione x2 + y 2 + z 2 (1 k 2 ) = 0;
3. se 0 < k < 1 si ottengono gli ellissoidi di rotazione:


1
x + y + (1 k ) z
1 k2
2

2

k2
= 0,
1 k2

se k > 1 si ottengono gli iperboloidi a due falde di rotazione:




1
x + y + (1 k ) z
1 k2
2

2

k2
= 0,
1 k2

se k = 0 si ottengono i piani immaginari coniugati di equazione:


x2 + y 2 + (z 1)2 = 0,
se k = 1 si ottiene il paraboloide ellittico di rotazione di equazione:
x2 + y 2 2z + 1 = 0;
4. se 0 < k < 1 si ottengono i piani immaginari coniugati:
(1 k 2 )x2 + y 2 + (1 k 2 )z 2 = 0,
se k > 1 si ottengono i coni di rotazione (1 k 2 )x2 + y 2 + (1 k 2 )z 2 = 0,
se k = 1 si ottengono due piani coincidenti y 2 = 0;
5. se 0 < k < 1 si ottengono gli iperboloidi di rotazione ad una falda:


1
(1 k )x k y + (1 k ) z
1 k2
2

2 2

2

k2
= 0,
1 k2

se k > 1 si ottengono gli ellissoidi di rotazione:




1
(1 k )x k y + (1 k ) z
1 k2
2

2 2

2

k2
= 0,
1 k2

Capitolo 12

se k = 0 si ottengono i piani immaginari coniugati x2 + (z 1)2 = 0,


se k = 1 si ottiene il cilindro y 2 + 2z 1 = 0;
6. se 0 < k < 1 oppure k > 1 si ottengono gli iperboloidi ad una falda:

k x y (1 k ) z
2 2

1
1 k2

2

k2
= 0,
k2 1

se k = 0 si ottengono i piani immaginari coniugati y 2 + (z 1)2 = 0,


se k = 1 si ottiene il paraboloide iperbolico x2 y 2 + 2z 1 = 0;
7. se 0 < k < 1 si ottengono i cilindri:

(1 k )z + (1 k ) x +
2

1
1 k2

2

1 + k2 k4
= 0,
1 k2

se k > 1 si ottengono i cilindri immaginari:



(1 k )z + (1 k ) x +
2

1
1 k2

2

1 + k2 k4
= 0,
1 k2

se k = 0 si ottengono i piani immaginari coniugati x2 + z 2 = 0,


se k = 1 si ottiene il piano di equazione 2x 1 = 0;
8. se 0 < k < 1 oppure k > 1 si ottengono i coni k 2 x2 y 2 + (k 2 1)z 2 = 0,
se k = 0 si ottengono i piani immaginari coniugati y 2 + z 2 = 0,
se k = 1 si ottengono i piani incidenti (x + y)(x y) = 0;
9. se 0 < k < 1 si ottengono i cilindri ellittici:


1
x + (1 k ) z
1 k2
2

2

k2

= 0,
1 k2

se k > 1 si ottengono i cilindri iperbolici:



x2 + (1 k 2 ) z

1
1 k2

2

k2

= 0,
1 k2

se k = 0 si ottengono i piani immaginari coniugati x2 + (z 1)2 = 0,


se k = 1 si ottiene il cilindro parabolico x2 2z + 1 = 0;

399

400

Coni, Cilindri, Superfici di Rotazione e Quadriche

10. se 0 k < 1 si ottengono i piani immaginari coniugati (x 1)2 + (1 k 2 )z 2 = 0,


se k > 1 si ottengono i piani reali incidenti (x 1)2 + (1 k 2 )z 2 = 0,
se k = 1 si ottengono i piani coincidenti (x 1)2 = 0;
11. se k 6= 0 si ottengono i coni x2 + y 2 k 2 z 2 = 0,
se k = 0 si ottengono i piani immaginari coniugati x2 + y 2 = 0;
12. se k 6= 0, k 6= 1 si ottengono i piani paralleli x2 k 2 (x 1)2 = 0,
se k = 0 si ottengono due piani coincidenti x2 = 0,
se k = 1 si ottiene il piano di equazione 2x 1 = 0;
13. se k 6= 0 si ottengono i piani incidenti x2 k 2 z 2 = 0,
se k = 0 si ottengono due piani coincidenti x2 = 0;
14. se k 6= 1 si ottengono due piani coincidenti z 2 (1 k 2 ) = 0,
se k = 1 si ottengono tutti i punti dello spazio.
[70] 1. Le rette richieste hanno equazioni:


x1=0
xz =0
y z = 0,
y 1 = 0.
2. Il piano richiesto ha equazione x + y z 1 = 0 e si e` ottenuto applicando la
regola degli sdoppiamenti che permette di determinare il piano tangente ad una
quadrica in un suo punto P0 = (x0 , y0 , z0 ).
3. Il cono richiesto ha equazione 2x2 + 2y 2 (z + 1)2 = 0.