Sei sulla pagina 1di 399

Geometria e Algebra Lineare I

E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella


14 settembre 2007
2
Questi appunti, insieme con il testo consigliato, completano il programma svolto nei corsi di Geometria e Algebra
Lineare I, per il Corso di Laurea in Fisica, A.A. 2007/2008.
Gli argomenti fondamentali, oggetto delle lezioni, sono suddivisi in vari capitoli la cui sequenza rispetta landamen-
to del programma svolto. Sono previsti, inoltre, alcuni capitoli dal titolo Per saperne di pi che contengono
precisazioni, dimostrazioni, esempi particolari che, pur non essendo oggetto del programma, contribuiscono alla
sua chiarezza e ne completano lesposizione. Al termine di ogni argomento compariranno dei capitoli di esercizi,
tutti tratti dalle prove desame assegnate negli anni precedenti a Fisica, tutti gli esercizi sono risolti, a volte appare
solo la loro soluzione, a volte inserito il procedimento di risoluzione ottenuto mediante luso del programma di
calcolo simbolico Mathematica, versione 5.2.
Per una esposizione approfondita e accurata degli argomenti esposti si rimanda ai testi classici di Algebra Lineare
in commercio, queste note non intendono infatti sostituire un testo, ma solo fornire un rapido aiuto agli Studenti
per la preparazione dellesame.
Per chiarimenti, approfondimenti, suggerimenti non si esiti a scrivere a: elsa.abbena@unito.it, o a: annama-
ria.no@unito.it, o a: gianmario.gianella@unito.it.
3
4
Indice
1 Sistemi Lineari 9
1.1 Equazioni Lineari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
1.2 Sistemi lineari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
1.2.1 I sistemi lineari omogenei . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
2 Sistemi Lineari Esercizi 19
2.1 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
2.2 Soluzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
3 Matrici 37
3.1 Lo spazio vettoriale delle matrici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
3.2 Il prodotto di matrici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
3.2.1 I sistemi lineari in forma matriciale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40
3.2.2 La matrice inversa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
3.2.3 La trasposta di una matrice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
3.3 Matrici Quadrate di Tipo Particolare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42
3.4 Le equazioni matriciali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
3.4.1 Calcolo della matrice inversa, primo metodo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
3.5 La traccia di una matrice quadrata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48
3.6 Il Determinante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48
3.6.1 I Teoremi di Laplace . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52
3.6.2 Calcolo della matrice inversa, secondo metodo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54
3.6.3 Il Teorema di Cramer . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
4 Per saperne di pi sulle matrici 57
5 Matrici e Determinanti Esercizi 59
5.1 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59
5.2 Soluzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 63
6 Calcolo Vettoriale 73
6.1 Denizione di vettore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 73
6.2 Somma di vettori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 73
6.3 Il prodotto di un numero reale per un vettore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74
6.4 Dipendenza lineare e basi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 75
6.5 Il cambiamento di base in V
3
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 78
6.6 Langolo tra due vettori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80
6.7 Il prodotto scalare tra due vettori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80
5
6.8 Il prodotto vettoriale o esterno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 82
6.9 Il prodotto misto di tre vettori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 84
6.10 Cambiamenti di basi ortonormali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 85
7 Per saperne di pi sul calcolo vettoriale 87
7.1 Per saperne di pi sul calcolo vettoriale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 87
7.2 Ulteriori propriet sul prodotto vettoriale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 88
8 Calcolo Vettoriale Esercizi 89
8.1 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 89
8.2 Soluzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 94
9 Spazi Vettoriali 111
10 Sottospazi Vettoriali 113
10.1 Denizione ed Esempi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113
10.2 Somma di sottospazi vettoriali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 115
11 Generatori, Basi e Dimensione 119
11.1 Base di uno spazio vettoriale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 119
11.1.1 Basi e Somma diretta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 125
11.2 Rango di una matrice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 127
11.3 Il cambiamento di base . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 131
11.4 Iperpiani Vettoriali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 132
12 Per saperne di pi sui sottospazi vettoriali 133
12.0.1 Per saperne di pi sugli spazi vettoriali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 133
12.0.2 Per saperne di pi sui sottospazi vettoriali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 135
12.0.3 Ancora sui generatori e sulle basi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 135
12.0.4 Equazioni vettoriali e il Teorema del Rango . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 136
13 Sottospazi vettoriali Esercizi 139
13.1 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 139
13.2 Soluzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 150
14 Spazi Vettoriali Euclidei 168
14.1 Denizione di Prodotto Scalare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 168
14.2 Norma di un vettore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 170
14.3 Basi ortonormali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 171
14.4 Il complemento ortogonale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 175
15 Per saperne di pi sugli spazi vettoriali euclidei 178
16 Spazi Vettoriali Euclidei Esercizi 180
16.1 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 180
16.2 Soluzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 183
17 Applicazioni Lineari 189
17.1 Come si denisce unapplicazione lineare tra due spazi vettoriali di dimensione nita . . . . . . . 190
17.2 Matrice associata ad unapplicazione lineare. Equazioni di unapplicazione lineare . . . . . . . . 191
6
17.3 Cambiamenti di base e applicazioni lineari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 193
17.4 Immagine e controimmagine di sottospazi vettoriali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 195
17.5 Operazioni tra applicazioni lineari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 199
18 Diagonalizzazione 202
18.1 Autovalori, Autovettori, Autospazi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 202
18.2 Determinazione degli autovalori e degli autospazi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 204
18.3 Applicazioni lineari semplici e matrici diagonalizzabili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 207
18.4 Il Teorema Spettrale e gli Endomorsmi Autoaggiunti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 209
19 Per saperne di pi sulle applicazioni lineari 213
19.1 Per saperne di pi sugli autospazi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 213
19.2 Forme lineari Dualit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 213
19.2.1 Cambiamento di base in V
-
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 215
19.2.2 Spazio biduale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 216
19.2.3 Isomorsmo canonico tra V e V
-
, solo per gli spazi euclidei . . . . . . . . . . . . . . . . 217
19.2.4 Trasposta di unapplicazione lineare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 217
19.3 Isometrie e similitudini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 219
19.4 Diagonalizzazione simultanea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 221
19.5 Il Teorema di CayleyHamilton . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 225
19.6 Gruppi di Matrici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 227
20 Applicazioni Lineari Esercizi 229
20.1 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 229
20.2 Soluzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 244
21 Diagonalizzazione di Matrici Esercizi 270
21.1 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 270
21.2 Soluzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 279
22 Forme Bilineari e Forme Quadratiche 298
22.1 Forme bilineari simmetriche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 298
22.1.1 Matrice di una forma bilineare simmetrica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 298
22.1.2 Forme bilineari simmetriche in forma matriciale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 300
22.2 Forme quadratiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 301
22.2.1 Rappresentazione di una forma quadratica in forma matriciale . . . . . . . . . . . . . . . 302
22.3 Classicazione delle forme bilineari simmetriche e delle forme quadratiche . . . . . . . . . . . . 303
22.4 Forme canoniche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 309
22.5 Il Teorema di Sylvester . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 312
22.6 Segnatura di una forma quadratica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 313
23 Per saperne di pi sulle Forme Bilineari 316
23.1 Lo spazio vettoriale delle forme bilineari simmetriche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 316
23.2 Il determinante come forma p-lineare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 316
23.3 Rango del prodotto di matrici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 320
23.4 Spazi pseudo-Euclidei . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 320
23.5 Altro metodo di riduzione a forma canonica du una forma quadratica . . . . . . . . . . . . . . . . 321
24 Forme Bilineari e Forme Quadratiche Esercizi 325
7
24.1 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 325
24.2 Soluzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 328
25 Le Coniche: equazioni di secondo grado 337
25.1 Rappresentazione di una retta nel piano con luso del calcolo vettoriale . . . . . . . . . . . . . . . 337
25.1.1 Retta per un punto perpendicolare ad un vettore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 338
25.2 Riduzione delle coniche in forma canonica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 339
26 Per saperne di pi sulle Coniche 351
26.1 Equazioni parametriche delle coniche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 351
26.2 Le coniche in forma polare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 352
27 Le Coniche Esercizi 354
27.1 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 354
27.2 Soluzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 358
8
Capitolo 1
Sistemi Lineari
In questo capitolo si introducono le nozioni di sistema lineare, matrici associate e teorema di RouchCapelli senza
dimostrare alcuni teoremi citati. I dettagli e le dimostrazioni sono rimandate al Capitolo 11.
1.1 Equazioni Lineari
Denizione 1.1 Unequazione lineare nelle incognite x
1
, x
2
, . . . , x
n
unespressione del tipo:
a
1
x
1
+ a
2
x
2
+ . . . + a
n
x
n
= b, (1.1)
dove i coefcienti a
i
, i = 1, . . . , n, e il termine noto b sono numeri reali. Lequazione si dice lineare in quanto
ogni incognita compare a primo grado.
Nel Corso di Geometria e Algebra Lineare II saranno studiate anche equazioni a coefcienti complessi.
Denizione 1.2 Una soluzione dellequazione (1.1) una n-upla di numeri reali (x
0
1, x
0
2, . . . , x
0
n
) che, sostituita
alle incognite, verica lequazione. Risolvere unequazione signica determinarne tutte le soluzioni.
.
Esempio 1.1 Lequazione:
2x
1
+ 3x
2
x
3
+ 4x
4
= 5
ammette innite soluzioni, che dipendono da 3 parametri reali, date da:
|
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
'
x
1
= t
1
x
2
= t
2
x
3
= 5 + 2t
1
+ 3t
2
+ 4t
3
x
4
= t
3
, t
1
, t
2
, t
3
e .
Si osservi che, risolvendo lequazione rispetto ad unaltra incognita, si ottiene lo stesso insieme di soluzioni
(rappresentato in modo diverso).
Denizione 1.3 Unequazione lineare si dice omogenea se il termine noto nullo.
chiaro che unequazione lineare omogenea se e solo se ammette la soluzione formata da tutti zeri.
Esempio 1.2 Lequazione omogenea:
2x 3y = 0
9
10 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
ammette innite soluzioni che dipendono da un parametro, date da:
|
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
'
x = t
y =
2
3
t, t e .
Si osservi che la soluzione (0, 0) si ottiene ponendo t = 0.
1.2 Sistemi lineari
Un sistema lineare di m equazioni in n incognite un insieme di equazioni lineari del tipo
|
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
'
a
11
x
1
+ a
12
x
2
+ . . . . . . + a
1n
x
n
= b
1
a
21
x
1
+ a
22
x
2
+ . . . . . . + a
2n
x
n
= b
2
:
a
m1
x
1
+ a
m2
x
2
+ . . . . . . + a
mn
x
n
= b
m
, a
i j
e , b
i
e .
(1.2)
x
1
, x
2
, . . . , x
n
sono le incognite. I coefcienti a
i j
sono dotati di due indici per agevolare il riconoscimento della loro
posizione nel sistema lineare. Lindice i (indice di riga) stabilisce il numero dellequazione in cui il coefciente
compare, lindice j (indice di colonna) stabilisce il numero dellincognita di cui a
i j
il coefciente. Per esempio
a
23
il coefciente della terza incognita nella seconda equazione. I termini noti b
i
hanno solo unindice essendo
unicamente riferiti al numero dellequazione in cui compaiono. Il sistema considerato lineare in quanto ogni
equazione che lo compone di primo grado. Analogamente al caso delle equazioni, un sistema lineare si dice
omogeneo se tutte le equazioni che lo compongono hanno termine noto nullo, cio se b
i
= 0 per ogni i = 1, . . . , m.
Anche in questo caso vale la:
Denizione 1.4 Una soluzione di un sistema lineare di m equazioni in n incognite una n-upla di numeri reali
(x
0
1, x
0
2, . . . , x
0
n
) che sostituita ordinatamente alle incognite verica tutte le equazioni del sistema. Risolvere un
sistema lineare signica determinarne tutte le soluzioni.
chiaro che ogni sistema lineare omogeneo se e solo se ammette la soluzione formata da tutti zeri: (0, 0, . . . , 0).
Un sistema lineare si dice compatibile se ammette soluzioni, altrimenti incompatibile.
Vi sono metodi diversi per risolvere i sistemi lineari, in questo corso si dar ampio spazio al metodo di riduzione di
Gauss in quanto pi veloce (anche dal punto di vista computazionale). Iniziamone la spiegazione con un esempio.
Esempio 1.3 Risolvere il seguente sistema lineare di due equazioni in due incognite usando il metodo di riduzione:
_
x + y = 4
2x 3y = 7.
Il sistema lineare dato equivalente a:
_
x + y = 4
2(x + y) (2x 3y) = 2 4 7
ossia:
_
x + y = 4
5y = 1
che ammette come unica soluzione: _
19
5
,
1
5
.
Il metodo usato per risolvere lesempio precedente segue dalla:
Universit di Torino
Capitolo 1 Sistemi Lineari 11
Denizione 1.5 Due sistemi si dicono equivalenti se ammettono le stesse soluzioni.
e dal:
Teorema 1.1 Due sistemi lineari sono equivalenti se e solo se luno ottenuto dallaltro eseguendo le quattro
operazioni sotto elencate:
1. scambiare tra di loro due equazioni;
2. moltiplicare unequazione per un numero diverso da zero;
3. sostituire ad una equazione la somma di se stessa con unaltra equazione moltiplicata per un qualsiasi
coefciente;
4. una qualsiasi combinazione delle operazioni 2. 3. prima elencate.
Dimostrazione. Dimostriamo che il sistema (1.2) equivalente al sistema che si ottiene sostituendo alla prima
equazione se stessa moltiplicata per un coefciente = 0. Si osservi che se tale sostituzione avviene per la i -
esima equazione sufciente operare con la prima operazione per ricondurci al caso in esame. In altri termini
dimostriamo che (1.2) equivalente a:
|
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
'
(a
11
x
1
+ a
12
x
2
+ . . . . . . + a
1n
x
n
) = b
1
a
21
x
1
+ a
22
x
2
+ . . . . . . + a
2n
x
n
= b
2
:
a
m1
x
1
+ a
m2
x
2
+ . . . . . . + a
mn
x
n
= b
m
, = 0.
(1.3)
Si deve procedere in due passi.
i) Hp: (x
0
1, x
0
2, . . . , x
0
n
) soluzione di (1.2); Ts: (x
0
1, x
0
2, . . . , x
0
n
) soluzione di (1.3).
ii) Hp: (x
0
1, x
0
2, . . . , x
0
n
) soluzione di (1.3); Ts: (x
0
1, x
0
2, . . . , x
0
n
) soluzione di (1.2).
i) Ovvio, per ogni valore di e .
ii) sufciente dimostrare la tesi per la prima equazione. Per ipotesi si ha:
(a
11
x
0
1
+ a
12
x
0
2
+ . . . . . . + a
1n
x
0
n
) = b
1
,
essendo = 0 si possono dividere ambo i membri dellidentit precedente per , da cui segue la tesi.
Per le altre due dimostrazioni si procede allo stesso modo .
Esempio 1.4 I due sistemi seguenti non sono equivalenti:
_
x + y = 4
2x 3y = 7,
_
x + y = 4
0(2x 3y) + 2(x + y) = 0 7 + 2 4.
Si osservi che le operazioni descritte nel Teorema 1.1 operano solo sui coefcienti del sistema lineare e non sulle
incognite. Ci suggerisce di sostituire ad un sistema una tabella dei coefcienti e dei temini noti ed operare solo
su questa. Illustriamo questo procedimento mediante lEsempio 1.3.
Al sistema lineare:
_
x + y = 4
2x 3y = 7
associamo la tabella:
Dipartimento di Matematica
12 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
_
1 1
2 3
.
.
.
.
.
.
.
.
.
4
7

e operiamo su di essa per il passaggio successivo sostituendo alla seconda riga se stessa a cui sottraiamo il prodotto
di due volte la prima: R
2
R
2
2R
1
, ottenendo cos:
_
1 1
0 5
.
.
.
.
.
.
.
.
.
4
1

che corrisponde al sistema ridotto:
_
x + y = 4
5y = 1.
Bench la denizione intuitiva di sistema ridotto sia chiara, ne daremo la denizione formale pi avanti.
La tabella usata prende il nome di matrice completa del sistema lineare, o matrice dei coefcienti e termini
noti, il tratto verticale prima dellultima sua colonna intende solo distinguere i coefcienti del sistema dai termini
noti. La trattaziane generale sulle matrici rimandata al capitolo successivo, qui introduciamo solo alcune nozioni
elementari. evidente che il numero delle righe della matrice completa associata ad un sistema lineare corrisponde
al numero delle equazioni del sistema, il numero delle colonne pari al numero delle incognite aumentato di una
unit, ossia della colonna formata dai termini noti. Le operazioni di riduzione che permettono di trasformare un
sistema lineare in un sistema ridotto ad esso equivalente si traducono sulle righe della matrice in modo ovvio e si
possono riassumere, rispettivamente nelle seguenti:
1. R
i
= R
j
;
2. R
i
R
i
, = 0;
3. R
i
R
i
+ R
j
, e ;
4. una qualsiasi combinazione delle operazioni 2. 3. elencate: R
i
R
i
+ R
j
, = 0.
In generale, al sistema (1.2) si associano due matrici:
A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
a
11
a
12
. . . a
1n
a
21
a
22
. . . a
2n
: : :
a
m1
a
m2
a
mn
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
(1.4)
detta matrice dei coefcienti: matrice di m righe e n colonne,
e
(A|B) =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
a
11
a
12
. . . a
1n
a
21
a
22
. . . a
2n
: : :
a
m1
a
m2
a
mn
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
b
1
b
2
:
b
m
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
(1.5)
detta matrice completa di m righe e n + 1 colonne.
Esempio 1.5 Nel sistema lineare seguente formato da tre equazioni in tre incognite:
|
.
.
.

.
.
.
'
x + y + 2z = 9
2x + 4y 3z = 1
3x + 6y 5z = 0
la matrice completa (formata da tre righe e quattro colonne) :
(
.
.
.
.
.
.
'
1 1 2
2 4 3
3 6 5
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
9
1
0
\
.
.
.
.
.
.
!
.
Universit di Torino
Capitolo 1 Sistemi Lineari 13
Procedendo alla riduzione mediante le tre operazioni consentite si ottiene:

R
2
2R
1
R
2
R
3
3R
1
R
3
(
.
.
.
.
.
.
'
1 1 2
0 2 7
0 3 11
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
9
17
27
\
.
.
.
.
.
.
!

R
3
3R
2
2R
3
(
.
.
.
.
.
.
'
1 1 2
0 2 7
0 0 1
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
9
17
3
\
.
.
.
.
.
.
!
da cui si perviene al sistema ridotto:
|
.
.
.

.
.
.
'
x + y + 2z = 9
2y + 7z = 17
z = 3
(1.6)
che ammette una sola soluzione:
|
.
.
.

.
.
.
'
x = 1
y = 2
z = 3.
Esempio 1.6 Nel sistema lineare seguente formato da tre equazioni in tre incognite:
|
.
.
.

.
.
.
'
x
1
+ x
2
= 1
2x
1
+ x
2
+ 3x
3
= 2
x
1
+ 2x
2
+ 3x
3
= 1
la matrice completa :
(
.
.
.
.
.
.
'
1 1 0
2 1 3
1 2 3
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
1
2
1
\
.
.
.
.
.
.
!
.
Procedendo alla riduzione mediante le tre operazioni consentite si ottiene:

R
2
R
2
+ 2R
1
R
3
R
3
+ R
1
(
.
.
.
.
.
.
'
1 1 0
0 3 3
0 3 3
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
1
0
2
\
.
.
.
.
.
.
!

R
2

1
3
R
2
R
3
R
3
R
2
(
.
.
.
.
.
.
'
1 1 0
0 1 1
0 0 0
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
1
0
2
\
.
.
.
.
.
.
!
da cui si perviene al sistema ridotto:
|
.
.
.

.
.
.
'
x
1
+ x
2
= 1
x
2
+ x
3
= 0
0 = 2
che chiaramente incompatibile.
Esempio 1.7 Nel sistema lineare seguente formato da tre equazioni in tre incognite:
|
.
.
.

.
.
.
'
x
1
+ x
2
x
3
= 1
2x
1
+ 2x
2
+ x
3
= 0
x
1
+ x
2
+ 2x
3
= 1
la matrice completa :
(
.
.
.
.
.
.
'
1 1 1
2 2 1
1 1 2
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
1
0
1
\
.
.
.
.
.
.
!
.
Procedendo alla riduzione mediante le tre operazioni consentite si ottiene:

R
2
2R
1
R
2
R
3
R
1
R
3
(
.
.
.
.
.
.
'
1 1 1
0 0 3
0 0 3
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
1
2
2
\
.
.
.
.
.
.
!

R
3
R
2
R
3
(
.
.
.
.
.
.
'
1 1 1
0 0 3
0 0 0
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
1
2
0
\
.
.
.
.
.
.
!
Dipartimento di Matematica
14 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
da cui si perviene al sistema ridotto:
_
x
1
+ x
2
x
3
= 1
3x
3
= 2
che ammette innite soluzioni che dipendono da un parametro:
|
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
x
1
=
1
3
t
x
2
= t
x
3
=
2
3
, t e .
Gli esempi studiati impongono la denizione formale dellultima matrice che si ottiene, ossia della matrice asso-
ciata al sistema ridotto:
Denizione 1.6 Una matrice si dice ridotta per righe se in ogni sua riga non nulla esiste un temine non nullo al
di sotto del quale vi sono tutti zeri.
Segue, in modo naturale, la denizione annunciata di sistema lineare ridotto:
Denizione 1.7 Un sistema lineare si dice ridotto se la matrice dei coefcienti ad esso associata ridotta per
righe.
Risolvere un sistema lineare con il metodo di riduzione comporta pervenire, mediante le operazioni consentite,
alla matrice dei coefcienti ridotta per righe. Dai teoremi che seguono sar chiaro che tra tutte le matrici complete
ridotte per righe, dovremmo considerare solo quelle in cui anche la matrice dei coefcienti ridotta per righe. Si
possono allora presentare queste possibilit:
a. quella illustrata nellesempio 1.5. Il numero delle righe non nulle della matrice completa ridotta per righe
uguale al numero delle righe non nulle della matrice dei coefcienti ridotta per righe ed uguale al numero
delle incognite, quindi lultima riga non nulla della matrice dei coefcienti contiene soltanto un numero non
nullo, allora il sistema ridotto associato compatibile e ha una sola soluzione.
b. Quella illustrata nellesempio 1.7. Il numero delle righe non nulle della matrice completa ridotta per righe
uguale al numero delle righe non nulle della matrice dei coefcienti ed minore del numero delle incognite;
lultima riga non nulla della matrice dei coefcienti contiene almeno un numero non nullo; allora il sistema
ridotto compatibile e ammette innite soluzioni che dipendono da un parametro.
c. Quella illustrata nellesempio 1.6. Il numero delle righe non nulle della matrice completa ridotta per righe
maggiore (di una unit) del numero delle righe non nulle della matrice dei coefcienti ridotta per righe e
pertanto il sistema ridotto associato incompatibile.
La denizione seguente (che avr un ruolo cruciale in tutto il corso) permette, in modo elementare, di distinguere
le situazioni prima esposte.
Denizione 1.8 Si dice rango di una matrice ridotta per righe il numero delle righe non nulle.
In letteratura, le notazioni pi comuni per indicare il rango di una matrice sono: rank(A) = rg(A) = r(A) = (A).
I tre esempi prima elencati possono essere riscritti, quindi, nel modo seguente:
a. rank(A) = rank(A|B) = 3; il rango delle due matrici uguale e coincide con il numero delle incognite;
b. rank(A) = rank(A|B) = 2; il rango delle due matrici uguale ma inferiore di una unit al numero delle
incognite;
Universit di Torino
Capitolo 1 Sistemi Lineari 15
c. rank(A) = 3, rank(A|B) = 4; i due ranghi sono diversi, quindi il sistema incompatibile.
Abbiamo cos quasi dimostrato il famoso:
Teorema 1.2 Teorema di RouchCapelli. Un sistema lineare compatibile se e solo se il rango della matrice
dei coefcienti coincide con il rango della matrice completa.
Si osservi, infatti, che il Teorema di Rouch -Capelli banalmente dimostrato solo nel caso dei sistemi ridotti; per
completare la dimostrazione necessario introdurre la denizione di rango di una matrice qualsiasi e provare che
le operazioni di riduzione per righe di una matrice non ne alterano il rango; ci sar oggetto del Capitolo 11.
Osservazione 1.1 I sistemi lineari omogenei. Si osservi che il Teorema di Rouch Capelli sempre vericato nel
caso dei sistemi lineari omogenei, che sono, quindi, sempre compatibili. Perci solo interessante capire se essi
ammettano una sola soluzione (quella nulla) o innite, e ci dipende dal rango della matrice dei coefcienti. Per
la loro soluzione sufciente ridurre per righe la matrice dei coefcienti (questo caso sar esaminato in dettaglio
nel Paragrafo 1.2.1).
Osservazione 1.2 Anche se gi intuitivamente chiaro, si dimostrer formalmente che il rango della matrice dei
coefcienti di un sistema lineare un numero inferiore o uguale al minore tra il numero delle equazioni e il numero
delle incognite.
Osservazione 1.3 Al pi il rango della matrice completa differisce di una unit dal rango della matrice dei
coefcienti.
Esercizio 1.1 Discutere e risolvere, al variare del parametro a e , il seguente sistema lineare:
|
.
.
.

.
.
.
'
x + 2y 3z = 4
3x y + 5z = 2
4x + y + (a
2
14)z = a + 2.
Iniziamo con la riduzione per righe della matrice completa, sono riportati i passaggi essenziali.
(A|B) =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 2 3
3 1 5
4 1 a
2
14
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
4
2
a + 2
\
.
.
.
.
.
.
!

R
2
3R
1
R
2
R
3
4R
1
R
3
(
.
.
.
.
.
.
'
1 2 3
0 7 14
0 7 2 a
2
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
4
10
14 a
\
.
.
.
.
.
.
!

R
3
R
2
R
3
(
.
.
.
.
.
.
'
1 2 3
0 7 14
0 0 a
2
16
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
4
10
a 4
\
.
.
.
.
.
.
!
.
La matrice dei coefcienti ridotta per righe, quindi si presentano i seguenti casi:
1. rank(A) = 3 se e solo se a
2
16 = 0 ossia se e solo se a / e 4, 4;
2. rank(A) = 2 se e solo se a = 4 oppure a = 4.
Per determinare le soluzioni del sistema dobbiamo considerare tre casi:
1. a / e 4, 4: poich rank(A) = 3 anche rank(A|B) = 3. Il sistema compatibile e ammette una sola soluzio-
ne, che si determina o a partire dal sistema ridotto associato, oppure procedendo allulteriore riduzione della
matrice completa nel modo seguente:
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 2 3
0 7 14
0 0 1
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
4
10
a 4
(a + 4)(a 4)
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!

R
2

1
7
R
2
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 2 3
0 1 2
0 0 1
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
4
10
7
1
a + 4
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!

R
2
R
2
+ 2R
3
R
1
R
1
+ 3R
3
Dipartimento di Matematica
16 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 2 0
0 1 0
0 0 1
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
4a + 19
a + 4
10a + 54
7(a + 4)
1
a + 4
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!

R
1
R
1
2R
2
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 0 0
0 1 0
0 0 1
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
8a + 25
7(a + 4)
10a + 54
7(a + 4)
1
a + 4
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
In questo modo si leggono, ordinatamente in colonna, i valori delle tre incognite.
2. a = 4. Sostituendo nellultimo passaggio di riduzione della matrice completa (A|B) si ha:
(
.
.
.
.
.
.
'
1 2 3
0 7 14
0 0 0
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
4
10
8
\
.
.
.
.
.
.
!
da cui segue che rank(A) = 2 mentre rank(A|B) = 3, il sistema , quindi, incompatibile.
3. a = 4. Sostituendo nellultimo passaggio di riduzione della matrice completa (A|B) si ha:
(
.
.
.
.
.
.
'
1 2 3
0 7 14
0 0 0
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
4
10
0
\
.
.
.
.
.
.
!

R
2

1
7
R
2
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 2 3
0 1 2
0 0 0
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
4
10
7
0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
,
da cui segue che rank(A) = rank(A|B) = 2 (2 < 3, con 3 numero delle incognite) il sistema , quindi,
compatibile e ammette innite soluzioni che dipendono da un parametro date da:
|
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
x =
8
7
t
y =
10
7
+ 2t
z = t, t e .
Osservazione 1.4 Le soluzioni del sistema precedente possono essere riscritte nel modo seguente:
(x, y, z) = _
8
7
t,
10
7
+ 2t, t = _
8
7
,
10
7
, 0 + t(1, 2, 1), t e ,
mettendo cos meglio in evidenza la dipendenza dal parametro t .
Esempio 1.8 A maggior chiarimento di quanto esposto nellesempio precedente osserviamo che si pu procedere
in modo leggermente diverso per determinare le soluzioni di un sistema lineare. Quando si perviene alla matrice
completa ridotta per righe, anzich continuare lesercizio scrivendo il sistema ridotto associato si pu, in modo
equivalente, procedere allo stesso calcolo mediante unulteriore riduzione della matrice completa allo scopo di
pervenire alla lettura nellultima colonna (quella dei termini noti) delle soluzioni del sistema. Questo metodo,
molto efcace quando si ha una sola soluzione, pu presentare alcune difcolt di calcolo negli altri casi. Lo
illustriamo con un esempio e precisamente partiamo dallultima passaggio di riduzione nellEsempio 1.5. Quando
la matrice dei coefcienti ridotta per righe si inizia con il far comparire 1 sulla sua diagonale principale e poi,
partendo dallultima riga e risalendo verso la prima, si annullano i numeri sopra la diagonale principale.
Universit di Torino
Capitolo 1 Sistemi Lineari 17
(
.
.
.
.
.
.
'
1 1 2
0 2 7
0 0 1
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
9
17
3
\
.
.
.
.
.
.
!

R
2

1
2
R
2
R
3
R
3
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 1 2
0 1
7
2
0 0 1
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
9

17
2
3
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!

R
2
R
2
+
7
2
R
3
R
1
R
1
2R
3
(
.
.
.
.
.
.
'
1 1 0
0 1 0
0 0 1
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
3
2
3
\
.
.
.
.
.
.
!

R
2
R
1
R
2
(
.
.
.
.
.
.
'
1 0 0
0 1 0
0 0 1
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
1
2
3
\
.
.
.
.
.
.
!
.
Si osservi che sullultima colonna, si legge, in ordine, proprio la soluzione del sistema.
1.2.1 I sistemi lineari omogenei
Ricordiamo che un sistema lineare omogeneo un sistema lineare avente tutti i termini noti nulli, del tipo:
|
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
'
a
11
x
1
+ a
12
x
2
+ . . . . . . + a
1n
x
n
= 0
a
21
x
1
+ a
22
x
2
+ . . . . . . + a
2n
x
n
= 0
:
a
m1
x
1
+ a
m2
x
2
+ . . . . . . + a
mn
x
n
= 0, a
i j
e ,
(1.7)
la cui matrice dei coefcienti coincide con (1.4) e quella completa :
(A|B) =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
a
11
a
12
. . . a
1n
a
21
a
22
. . . a
2n
: : : :
a
m1
a
m2
a
mn
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
0
0
:
0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
; (1.8)
quindi i loro ranghi coincidono, infatti un sistema lineare omogeneo ammette sempre almeno la soluzione nulla.
molto interessante distinguere il caso di una sola soluzione da quello di innite soluzioni, si ha:
i) se rank(A) = n =numero delle incognite, esiste solo la soluzione nulla.
ii) Se rank(A) = k < n esistono innite soluzioni che dipendono da n k parametri.
Esempio 1.9 Il seguente sistema lineare omogeneo di quattro equazioni e cinque incognite:
|
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
'
x
3
+ x
4
+ x
5
= 0
x
1
x
2
+ 2x
3
3x
4
+ x
5
= 0
x
1
+ x
2
2x
3
x
5
= 0
2x
1
+ 2x
2
x
3
+ x
5
= 0
associato alla matrice dei coefcienti:
A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 0 1 1 1
1 1 2 3 1
1 1 2 0 1
2 2 1 0 1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
Procedendo alla sua riduzione per righe (si osservi che inutile ridurre per righe la matrice completa) si ha:

R
3
= R
1
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 1 2 0 1
0 0 1 1 1
1 1 2 3 1
2 2 1 0 1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!

R
3
R
1
+ R
3
R
4
R
4
2R
1
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 1 2 0 1
0 0 1 1 1
0 0 0 3 0
0 0 3 0 3
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
Dipartimento di Matematica
18 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I

R
3

1
3
R
3
R
4

1
3
R
4
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 1 2 0 1
0 0 1 1 1
0 0 0 1 0
0 0 1 0 1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!

R
4
R
2
R
4
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 1 2 0 1
0 0 1 1 1
0 0 0 1 0
0 0 0 1 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
Si deduce che rank(A) = 3, esistono, quindi, innite soluzioni che dipendono da 5 3 = 2 parametri.
Il sistema ridotto associato :
|
.
.
.

.
.
.
'
x
1
+ x
2
2x
3
x
5
= 0
x
3
+ x
4
+ x
5
= 0
x
4
= 0
(1.9)
le cui soluzioni sono:
|
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
'
x
1
= t
1
t
2
x
2
= t
2
x
3
= t
1
x
4
= 0
x
5
= t
1
, t
1
, t
2
e .
Osservazione 1.5 Le soluzioni del sistema precedente si possono scrivere come:
(x
1
, x
2
, x
3
, x
4
, x
5
) = (t
1
t
2
, t
2
, t
1
, 0, t
1
) = t
1
(1, 0, 1, 0, 1) + t
2
(1, 1, 0, 0, 0), !t
1
, t
2
e .
Osservazione 1.6 Si consideri il sistema lineare:
|
.
.
.

.
.
.
'
x
1
+ x
2
2x
3
x
5
= 5
x
3
+ x
4
+ x
5
= 4
x
4
= 3
che ha la matrice dei coefcienti coincidente con il sistema lineare omogeneo (1.9). Le sue soluzioni sono:
(x
1
, x
2
, x
3
, x
4
, x
5
) = (t
1
t
2
+7, t
2
, t
1
+1, 3, t
1
) = t
1
(1, 0, 1, 0, 1) +t
2
(1, 1, 0, 0, 0) +(7, 0, 1, 3, 0), !t
1
, t
2
e .
Si osservi che (7, 0, 1, 3, 0) soluzione del sistema dato, mentre t
1
(1, 0, 1, 0, 1) + t
2
(1, 1, 0, 0, 0) soluzione
del sistema omogeneo associato.
Analogamente, il sistema lineare, dello stesso tipo del precedente,
|
.
.
.

.
.
.
'
x
1
+ x
2
2x
3
x
5
= 1
x
3
+ x
4
+ x
5
= 2
x
4
= 1
ha soluzioni:
(x
1
, x
2
, x
3
, x
4
, x
5
) = (t
1
t
2
+7, t
2
, t
1
+3, 1, t
1
) = t
1
(1, 0, 1, 0, 1)+t
2
(1, 1, 0, 0, 0)+(7, 0, 3, 1, 0), !t
1
, t
2
e .
Universit di Torino
Capitolo 2
Sistemi Lineari Esercizi
2.1 Esercizi
Discutere e risolvere, al variare degli eventuali parametri reali, i seguenti sistemi lineari:
[1]
|
.
.
.

.
.
.
'
x
1
+ x
2
x
3
= 1
2x
1
+ 2x
2
+ x
3
= 0
x
1
+ x
2
+ 2x
3
= 1.
[2]
|
.
.
.

.
.
.
'
2x
1
+ x
2
+ x
3
= 1
x
1
2x
2
+ x
3
= 2
x
1
+ x
2
2x
3
= 4.
[3]
|
.
.
.

.
.
.
'
2x
1
x
2
x
3
4x
4
= 9
4x
1
3x
3
x
4
= 0
8x
1
2x
2
5x
3
9x
4
= 18.
[4]
|
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
'
2x 2y + z + 4t = 0
x y 4z + 2t = 0
x + y + 3z 2t = 0
3x 3y + z + 6t = 0.
[5]
|
.
.
.

.
.
.
'
x + y + az = 1
x + 2y + bz = 3
y + cz = 2.
[6]
|
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
'
2x + y z = 1
x + 2y 2z = 0
3x y + 2z = 1
x y + z = k.
[7]
|
.
.
.

.
.
.
'
ax y + z = 2
x ay + z = 3 a
2
x y + az = a + 1.
19
20 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
[8]
|
.
.
.

.
.
.
'
x + y + z = a
x ay z = 1
2x + y + az = a + 1.
[9]
|
.
.
.

.
.
.
'
x + y + z = 2 1
x + y + z =
x + y + z = 1.
[10]
|
.
.
.

.
.
.
'
2x + az = 1
3x + ay 2z = 2
ax + 2z = 1.
[11]
|
.
.
.

.
.
.
'
x + y z = 1
2x + 3y + kz = 3
x + ky + 3z = h.
[12]
|
.
.
.

.
.
.
'
kx + y + z = 1
x + ky + z = 1
x + y + kz = h.
[13]
|
.
.
.

.
.
.
'
x y + z = 5
2x + y + 2z = b
3x 3y + az = 1.
[14]
|
.
.
.

.
.
.
'
2x 3y + 2z = 1
x + y 2z = 2
4x y + az = b.
[15]
|
.
.
.

.
.
.
'
(3 k)x y z = a
2x (4 k)y 2z = b
3x 3y (5 k)z = c.
[16]
|
.
.
.

.
.
.
'
(2 k)x ky + (1 k)z = 1 2k
(4 2k)x 3ky + (1 2k)z = 1 k
(2 k)x 2ky + kz = 5k.
[17]
|
.
.
.

.
.
.
'
(h + 1)x hy + (2h + 1)z = 3 + 2h
(h + 1)x hy + 2hz = 1 + 3h
(h 1)x (2h + 1)z = 3(h + 1).
[18]
|
.
.
.

.
.
.
'
(m 1)x + y + mz = 0
m(1 m)x + (1 m)y 2m
2
z = 2
(m 1)x + 2y 2z = m + 3.
Universit di Torino
Capitolo 2 Sistemi Lineari Esercizi 21
[19]
|
.
.
.

.
.
.
'
(k + 1)x + (k + 1)y + 2z = 1
x + ky + z = 1
(1 k)x + (k 1)z = 0.
[20]
|
.
.
.

.
.
.
'
kx 2(k + 1)y + z = 4 2k
(k + 1)y + z = k + 3
2kx 5(k + 1)y + 2z = 8 9k.
[21]
|
.
.
.

.
.
.
'
kx + 2y + 2kz = 1
kx + (3 k)y + 3kz = 1
kx + (k + 1)y + 2kz = 2.
[22]
|
.
.
.

.
.
.
'
x
1
+ x
2
+ x
3
= a
ax
1
+ x
2
+ 2x
3
= 2
x
1
+ ax
2
+ x
3
= 4.
[23]
|
.
.
.

.
.
.
'
x y + z t = a
2
2x + y + 5z + 4t = a
x + 2z + t = 2.
[24]
|
.
.
.

.
.
.
'
2x
1
+ ax
2
+ x
3
= 2
x
1
+ x
2
+ ax
3
= 4
x
1
+ x
2
+ x
3
= a.
[25]
|
.
.
.

.
.
.
'
x + z + 2t = 2
x y + z + t = a
2
4x + y + 2z + 5t = a.
[26]
|
.
.
.

.
.
.
'
2x y + 3z + t = 0
4x + y 2z t = 0
2x + 5y + az 5t = 0.
[27]
|
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
'
x
1
+ 2x
2
x
3
+ x
4
= 0
x
1
+ ( 2)x
2
+ x
3
= 0
2x
2
+ x
3
= 0
x
1
2x
2
+ x
3
+ x
4
= 0.
[28]
|
.
.
.

.
.
.
'
x + y z = 0
x + (2 + 1)y ( + 1)z = 2 + 1
x + y z = 1.
[29]
|
.
.
.

.
.
.
'
x y z = 0
3x + y + 2z = 0
4x + y = 0.
Dipartimento di Matematica
22 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
[30]
|
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
'
3x + 2y + z = 1
5x + 3y + 3z = 2
7x + 4y + 5z = 3
x + y z = 0.
[31]
|
.
.
.

.
.
.
'
x + y + hz = 2h
x + y + 2z = 1
2x hy + 4z = 2.
[32]
|
.
.
.

.
.
.
'
hx + y + hz = 1
2x y + 2z = h 1
3x + 3y + (h + 2)z = h 2.
[33]
|
.
.
.

.
.
.
'
x ay + z = a
ax 2y + 3z = 1
3x 2y + az = 5a.
[34]
|
.
.
.

.
.
.
'
2x + ay = 1
x + y z = 2
ax y + z = 2.
[35]
|
.
.
.

.
.
.
'
x + y + (h 1)z = 2h 2
x + y + 2z = 1
2x + (h + 1)y + (h 1)
2
z = 2.
[36] Vericare che per a = 1 il seguente sistema lineare incompatibile:
|
.
.
.

.
.
.
'
x + 2y z = 0
x + z = 1
x + 4y + az = 0.
[37] Discutere la compatibilit del seguente sistema lineare, al variare dei parametri
h, k e . Determinare esplicitamente le soluzioni, quando possibile:
|
.
.
.

.
.
.
'
hx + y + z = 2
x y = 1
hx 2y 2z = k.
[38] Discutere la compatibilit del seguente sistema lineare, al variare dei parametri
h, k e . Determinare esplicitamente le soluzioni, quando possibile:
|
.
.
.

.
.
.
'
x
1
+ 2x
2
+ x
3
= 1
x
1
+ (2 h)x
2
+ (2 + h)x
3
= 2
x
1
+ (2 + 3h)x
2
2hx
3
= k.
Universit di Torino
Capitolo 2 Sistemi Lineari Esercizi 23
[39] Discutere la compatibilit del seguente sistema lineare, al variare dei parametri
h, k e . Determinare esplicitamente le soluzioni, quando possibile:
|
.
.
.

.
.
.
'
2x
1
x
2
x
3
= 0
(2 h)x
1
+ (2 + h)x
2
x
3
= 1
(2 + 3h)x
1
2hx
2
x
3
= k.
[40] Dato il sistema lineare:
|
.
.
.

.
.
.
'
2x
1
x
2
x
3
= 0
(2 h)x
1
+ (2 + h)x
2
x
3
= 0
(2 + 3h)x
1
2hx
2
x
3
= k, h, k e ,
i) determinare tutte le soluzioni nel caso di h = k = 0;
ii) discutere lesistenza delle soluzioni e determinarle (quando possibile) al variare di h, k e .
[41] Dato il sistema lineare:
|
.
.
.

.
.
.
'
x
1
+ x
2
+ x
3
= k
x
1
kx
2
+ x
3
= 1
x
1
+ kx
2
+ x
3
= k, k e ,
i) determinare tutte le soluzioni nel caso di k = 1.
ii) Discutere lesistenza delle soluzioni, al variare di k e .
[42] Al variare dei parametri h, k e , determinare le soluzioni del seguente sistema lineare:
|
.
.
.

.
.
.
'
x
1
+ 2x
2
x
3
= 0
2x
1
+ (3 + k)x
2
3x
3
= 0
(k 1)x
1
+ 4x
2
3x
3
= h.
[43] Discutere e risolvere il seguente sistema di equazioni lineari, al variare del parametro a e :
|
.
.
.

.
.
.
'
(a 1)x + y z = 1
x + ay + z = a + 1
x + y + z = 2a.
[44] Discutere e risolvere al variare del parametro h e il seguente sistema lineare:
|
.
.
.

.
.
.
'
x
1
+ 2x
2
hx
3
= 0,
hx
1
+ 3x
2
+ (1 h
2
)x
3
= h + 1,
(6 2h
2
)x
2
+ 2x
3
= h
2
+ 3h + 2.
[45] Discutere e risolvere al variare del parametro h e il seguente sistema lineare:
|
.
.
.

.
.
.
'
x
1
x
2
+ hx
3
= 1
x
1
+ hx
2
x
3
= h
(h 1)x
1
2hx
2
+ (h
2
+ 1)x
3
= 2h
[46] Discutere e risolvere al variare del parametro t e il seguente sistema lineare:
|
.
.
.

.
.
.
'
tx
1
+ (1 t)x
2
2tx
3
= 2
x
1
+ tx
2
+ tx
3
= 0
2x
1
+ tx
2
+ tx
3
= t
Dipartimento di Matematica
24 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
[47] Discutere e risolvere al variare del parametro k e il seguente sistema lineare:
|
.
.
.

.
.
.
'
x
1
x
2
+ 2x
3
= k
2x
1
kx
2
x
3
= 1
kx
1
2x
2
x
3
= 4
[48] Determinare le soluzioni del seguente sistema lineare al variare del parametro h e :
|
.
.
.

.
.
.
'
x 2y z = 6
hx 2y z = 2
x + y = h.
[49] Discutere e determinare le soluzioni del seguente sistema lineare, al variare di a in campo reale:
|
.
.
.

.
.
.
'
x + y z = 1
2x + 3y 2az = 3
x + ay 3z = a.
[50] Discutere e determinare le soluzioni del seguente sistema lineare, al variare di k in campo reale. Determinare
esplicitamente le soluzioni, quando possibile:
|
.
.
.

.
.
.
'
x + ky + z = 0
kx y + 2z = 1
x y + 2z = k.
2.2 Soluzioni
[1]
A = {{1,1,-1},{2,2,1},{1,1,2}}; X = {x1,x2,x3}; B = {1,0,-1};
Solve[A.X == B,X]
Solve ::

svars

: Equations may not give solutions for all solve variables.


x1 -
1
3
- x2,x3 - -
2
3

x
1
= +
1
3
, x
2
= , x
3
=
2
3
, e .
[2]
A = {{-2,1,1},{1,-2,1},{1,1,-2}};
X = {x1,x2,x3}; B = {1,-2,4};
Reduce[A.X == B,X]
False
Il sistema incompatibile.
Universit di Torino
Capitolo 2 Sistemi Lineari Esercizi 25
[3]
A = {{2,-1,-1,-4},{4,0,-3,-1},{8,-2,-5,-9}};
X = {x1,x2,x3,x4}; B = {9,0,18};
Solve[A.X == B,X]
Solve ::

svars

: Equations may not give solutions for all solve variables.


x1 -
3 x3
4
+
x4
4
,x2 - -9 +
x3
2
-
7 x4
2

x
1
=
3
4

1
+
1
4

2
, x
2
= 9 +
1
2

1

7
2

2
, x
3
=
1
, x
4
=
2
,
1
,
2
e .
[4]
A = {{2,-2,1,4},{1,-1,-4,2},{-1,1,3,-2},{3,-3,1,6}};
NullSpace[A]
{{-2,0,0,1],{1,1,0,0]]
x =
1
2
2
, y =
1
, z = 0, t =
2
,
1
,
2
e .
[5]
A = {{1,1,a},{1,2,b},{0,1,c}}; X = {x,y,z}; B = {1,3,2};
Reduce[A.X == B,X]
a == b - c&&x == -1 - b z + 2 c z&&y == 2 - c z||
x == -1&&y == 2&&z == 0&&a - b + c = 0
Se a = b c : x = 1, y = 2, z = 0;
se a = b c : x = 1 + (2c b), y = 2 c, z = , e .
[6]
A = {{2,1,-1},{1,2,-2},{3,-1,2},{1,-1,1}};
X = {x,y,z}; B = {1,0,-1,k};
Reduce[A.X == B,X]
k == 1&&x ==
2
3
&&y == -
11
3
&&z == -
10
3
Se k = 1: non esistono soluzioni;
se k = 1 : x =
2
3
, y =
11
3
, z =
10
3
.
[7]
A = {{a,-1,1},{1,-a,1},{1,-1,a}};
X = {x,y,z}; B = {2,3 - a2,a + 1};
Reduce[A.X == B,X]
a == 1&&x == 2 + y - z||a == -2&&x == -1 + z&&y == -z||
x == 1&&y == a&&z == 2&& - 1 + a = 0&&2 + a = 0
Se a / e 2, 1 : x = 1, y = a, z = 2;
se a = 2 : x = 1 + t, y = t, z = t, t e ;
se a = 1 : x = 2 + , y = , z = , , e .
Dipartimento di Matematica
26 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
[8]
A = {{1,1,1},{1,-a,-1},{2,1,a}}; X = {x,y,z}; B = {a,1,a + 1};
Reduce[A.X == B,X]
a == 0&&x == 1 + z&&y == -1 - 2 z||a == 1&&x == 1&&y == -z||
x == a&&y == 1&&z == -1&& - 1 + a = 0&&a = 0
Se a / e 0, 1 : x = a, y = 1, z = 1;
se a = 0 : x = 1 + t, y = 1 2t, z = t, t e ;
se a = 1 : x = 1, y = t, z = t, t e .
[9]
A = {{1,1,a},{1,a,1},{a,1,1}}; X = {x,y,z}; B = {2a - 1,a,1};
Reduce[A.X == B,X]
a == 1&&x == 1 - y - z||
x == -
2
2 + a
&&y ==
a
2 + a
&&z ==
2 1 + a)
2 + a
&& - 1 + a = 0&&2 + a = 0
Se / e 1, 2 : x =
2
+ 2
, y =

+ 2
, z =
2( + 1)
+ 2
;
se = 2: non esistono soluzioni;
se = 1 : x = h k + 1, y = h, z = k, h, k e .
[10]
A = {{2,0,a},{3,a,-2},{a,0,2}}; X = {x,y,z}; B = {1,2,1};
Reduce[A.X == B,X]
a == 2&&x ==
1
2
1 - 2 z)&&y ==
1
4
1 + 10 z)||
x ==
1
2 + a
&&y ==
3 + 2 a
a 2 + a)
&&z ==
1
2 + a
&& - 2 + a = 0&&a = 0&&2 + a = 0
Se a / e 2, 0, 2 : x =
1
2 + a
, y =
2a + 3
a(2 + a)
, z =
1
2 + a
;
se a = 0, a = 2: il sistema incompatibile;
se a = 2: x =
1
2
t, y =
1
4
+
5
2
t, z = t, t e .
[11]
A = {{1,1,-1},{2,3,k},{1,k,3}}; X = {x,y,z}; B = {1,3,h};
Reduce[A.X == B,X]
h == -3&&k == -3&&x == 0&&y == 1 + z||
h == 2&&k == 2&&x == 5 z&&y == 1 - 4 z||
x == 1 -
6
6 - k - k
2
+
3 h
6 - k - k
2
-
2 k
6 - k - k
2
+
h k
6 - k - k
2
&&
y ==
-6 + 2 h - k + h k
-6 + k + k
2
&&z ==
-h + k
-6 + k + k
2
&& - 2 + k = 0&&3 + k = 0
Se k / e 3, 2, !h e : esiste una sola soluzione;
se k = 3, h = 3: esistono innite soluzioni che dipendono da unincognita libera;
Universit di Torino
Capitolo 2 Sistemi Lineari Esercizi 27
se k = 3, h = 3: non esistono soluzioni;
se k = 2, h = 2: esistono innite soluzioni che dipendono da unincognita libera;
se k = 2, h = 2: non esistono soluzioni.
[12]
A = {{k,1,1},{1,k,1},{1,1,k}}; X = {x,y,z}; B = {1,1,h};
Reduce[A.X == B,X]
h == 1&&k == 1&&x == 1 - y - z||
h == -2&&k == -2&&x == -1 + z&&y == -1 + z||x ==
-h + k
-2 + k + k
2
&&
y ==
-h + k
-2 + k + k
2
&&z ==
-2 + h + h k
-2 + k + k
2
&& - 1 + k = 0&&2 + k = 0
Se k / e 1, 2, !h e : esiste una sola soluzione;
se k = 2, h = 2: esistono innite soluzioni che dipendono da unincognita libera;
se k = 2, h = 2: non esistono soluzioni;
se k = 1, h = 1: esistono innite soluzioni che dipendono da due incognite libere;
se k = 1, h = 1: non esistono soluzioni.
[13]
A = {{1,-1,1},{2,1,2},{-3,-3,a}}; X = {x,y,z}; B = {5,b,1};
Reduce[A.X == B,X]
a == -3&&b == 2&&x ==
1
3
7 - 3 z)&&y == -
8
3
||
x ==
27 + 5 a - 3 b + a b
3 3 + a)
&&y ==
1
3
-10 + b)&&z ==
2 -2 + b)
3 + a
&&3 + a = 0
Se a = 3, !b e : esiste una sola soluzione;
se a = 3, b = 2: esistono innite soluzioni che dipendono da unincognita libera;
se a = 3, b = 2: non esistono soluzioni.
[14]
A = {{2,-3,2},{1,1,-2},{4,-1,a}}; X = {x,y,z}; B = {1,2,b};
Reduce[A.X == B,X]
a == -2&&b == 5&&x ==
1
5
7 + 4 z)&&y ==
3
5
1 + 2 z)||
x ==
-6 + 7 a + 4 b
5 2 + a)
&&y ==
3 -8 + a + 2 b)
5 2 + a)
&&z ==
-5 + b
2 + a
&&2 + a = 0
Se a = 2, !b e : esiste una sola soluzione;
se a = 2, b = 5: esistono innite soluzioni che dipendono da unincognita libera;
se a = 2, b = 5: non esistono soluzioni.
Dipartimento di Matematica
28 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
[15]
A = {{3 - k,-1,-1},{2,-4 + k,-2},{3,-3,-5 + k}};
X = {x,y,z}; B = {a,b,c};
Reduce[A.X == B,X]
3 a == c&&3 b == 2 c&&k == 2&&x ==
1
3
c + 3 y + 3 z)||
b == -a - c&&k == 8&&x ==
1
18
-3 a + c - 6 z)&&
y ==
1
18
-3 a - 5 c + 12 z)||x ==
7 a - b - c - a k
16 - 10 k + k
2
&&
y ==
2 a - 6 b + 2 c + b k
16 - 10 k + k
2
&&z ==
3 a + 3 b - 5 c + c k
16 - 10 k + k
2
&& - 8 + k = 0&& - 2 + k = 0
Se k / e 2, 8, !a, b, c e : esiste una sola soluzione;
se k = 2, b = 2a e c = 3a: esistono innite soluzioni che dipendono da due incognite libere;
se k = 2, b = 2a, o c = 3a: non esistono soluzioni;
se k = 8, a + b + c = 0: esistono innite soluzioni che dipendono da unincognita libera;
se k = 8, a + b + c = 0: non esistono soluzioni.
[16]
A = {{2 - k,-k,1 - k},{4 - 2k,-3k,1 - 2k},{2 - k,-2k,k}};
X = {x,y,z}; B = {1 - 2k,1 - k,-5k};
Reduce[A.X == B,X]
k == 0&&x == 0&&z == 1||
x ==
8 -1 + k)
-2 + k
&&y ==
4 - 3 k
k
&&z == -3&& - 2 + k = 0&&k = 0
Se k / e 0, 2: esiste una sola soluzione;
se k = 0 : x = 0, y = t, z = 1, t e ;
se k = 2: non esistono soluzioni.
[17]
A = {{h + 1,-h,2h + 1},{h + 1,-h,2h},{-h - 1,0,-2h - 1}};
X = {x,y,z}; B = {3 + 2h,1 + 3h,-3h - 3};
Reduce[A.X == B,X]
h == 0&&x == 1&&z == 2||
x ==
1 + 2 h
2
1 + h
&&y == 1&&z == 2 - h&&h = 0&&1 + h = 0
Se h / e 1, 0: esiste una sola soluzione;
se h = 1: non esistono soluzioni;
se h = 0 : x = 1, y = t, z = 2, t e .
[18]
A = {{m - 1,1,m},{m(1 - m),1 - m,-2m2},{m - 1,2,-2}};
X = {x,y,z}; B = {0,2,m + 3};
Reduce[A.X == B,X]
m == -1&&x == 1&&y == 2 + z||m == 1&&y == 1&&z == -1||
1
2 - 3 m + m
2
==
1
1 - m
-
1
2 - m
&&x ==
-4 - m
-2 + m
&&
y ==
-4 + 2 m + m
2
-2 + m
&&z ==
1
-2 + m
&& - 2 + m = 0&& - 1 + m = 0&&1 + m = 0
Universit di Torino
Capitolo 2 Sistemi Lineari Esercizi 29
Se m / e 1, 1, 2: esiste una sola soluzione;
se m = 1, m = 1: esistono innite soluzioni che dipendono da unincognita libera;
se m = 2: non esistono soluzioni.
[19]
A = {{k + 1,k + 1,2},{1,k,1},{1 - k,0,k - 1}};
X = {x,y,z}; B = {1,1,0};
Reduce[A.X == B,X]
x == -
1
-2 + k + k
2
&&y ==
1 + k
-2 + k + k
2
&&
z == -
1
-2 + k + k
2
&& - 1 + k = 0&&2 + k = 0
Se k / e 2, 1: esiste una sola soluzione;
se k = 2, k = 1: non esistono soluzioni.
[20]
A = {{k,-2(k + 1),1},{0,k + 1,1},{2k,-5(k + 1),2}};
X = {x,y,z}; B = {4 - 2k,k + 3,8 - 9k};
Reduce[A.X == B,X]
x ==
1 + 12 k
k
&&y ==
5 k
1 + k
&&z == 3 - 4 k&&k = 0&&1 + k = 0
Se k / e 1, 0: esiste una sola soluzione;
se k = 1, k = 0: non esistono soluzioni.
[21]
A = {{k,2,2k},{k,3 - k,3k},{k,k + 1,2k}};
X = {x,y,z}; B = {1,1,2};
Reduce[A.X == B,X]
x == -
2
-1 + k
+
1
k
&&y ==
1
-1 + k
&&z ==
1
k
&& - 1 + k = 0&&k = 0
Se k / e 0, 1: esiste una sola soluzione;
se k = 0, k = 1: non esistono soluzioni.
[22]
A = {{1,1,1},{a,1,2},{1,a,1}}; X = {x,y,z}; B = {a,2,4};
Reduce[A.X == B,X]
a == 2&&y == 2&&z == -x||
x ==
-1 - 2 a
-1 + a
&&y ==
4 - a
-1 + a
&&z == 3 + a&& - 2 + a = 0&& - 1 + a = 0
Se a / e 1, 2: esiste una sola soluzione;
se a = 1: non esistono soluzioni;
se a = 2: esistono innite soluzioni che dipendono da unincognita libera.
Dipartimento di Matematica
30 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
[23]
A = {{1,-1,1,-1},{2,1,5,4},{1,0,2,1}};
X = {x,y,z,t}; B = {a2,a,2};
Reduce[A.X == B,X]
a == -3&&x == 2 - t - 2 z&&y == -7 - 2 t - z||
a == 2&&x == 2 - t - 2 z&&y == -2 - 2 t - z
Se a / e 3, 2: non esistono soluzioni;
se a e 3, 2: esistono innite soluzioni che dipendono da due incognite libere.
[24]
A = {{2,a,1},{1,1,a},{1,1,1}}; X = {x1,x2,x3}; B = {2,4,a};
Reduce[A.X == B,X]
a == 2&&x1 == -x2&&x3 == 2||
x1 == 3 + a&&x2 ==
-1 - 2 a
-1 + a
&&x3 ==
4 - a
-1 + a
&& - 2 + a = 0&& - 1 + a = 0
Se a / e 1, 2: esiste una sola soluzione;
se a = 1: non esistono soluzioni;
se a = 2: esistono innite soluzioni che dipendono da unincognita libera.
[25]
A = {{1,0,1,2},{-1,-1,1,1},{4,1,2,5}};
X = {x,y,z,t}; B = {2,a2,a};
Reduce[A.X == B,X]
a == -3&&x == 2 - 2 t - z&&y == -11 + 3 t + 2 z||
a == 2&&x == 2 - 2 t - z&&y == -6 + 3 t + 2 z
Se a / e 3, 2: non esistono soluzioni;
se a e 3, 2: esistono innite soluzioni che dipendono da due incognite libere.
[26]
A = {{2,-1,3,1},{4,1,-2,-1},{2,5,a,-5}};
X = {x,y,z,t}; B = {0,0,0};
Reduce[A.X == B,X]
a == -13&&x == -
z
6
&&y ==
1
3
3 t + 8 z)||
x == 0&&y == t&&z == 0&&13 + a = 0
Se a = 13: esistono innite soluzioni che dipendono da unincognita libera;
se a = 13: esistono innite soluzioni che dipendono da due incognite libere.
Universit di Torino
Capitolo 2 Sistemi Lineari Esercizi 31
[27]
A = {{1,2,-1,a},{-1,a - 2,1,0},{0,2,1,0},{-1,-2,1,a}};
Solve[Det[A] == 0]
{{a - 0],{a - 0]]
NullSpace[A/.a - 0]
{{0,0,0,1],{4,-1,2,0]]
Se a = 0: esiste solo la soluzione nulla;
se a = 0: esistono innite soluzioni che dipendono da due incognite libere.
[28]
A = {{1,1,-1},{1,2a + 1,-a - 1},{1,a,-1}};
X = {x,y,z}; B = {0,2a + 1,a - 1};
Reduce[A.X == B,X]
a == 1&&x == -3 + y&&z == -3 + 2 y||
x ==
-1 - a
a
&&y == 1&&z == -
1
a
&& - 1 + a = 0&&a = 0
Se / e 0, 1: esiste una sola soluzione;
se = 0: non esistono soluzioni;
se = 1: esistono innite soluzioni che dipendono da unincognita libera.
[29]
A = {{1,-1,-1},{3,1,2},{4,a,0}};
Solve[Det[A] == 0]
a - -
4
5

NullSpace[A/.a - -4/5]
-
1
4
,-
5
4
,1
Se =
4
5
: x = y = z = 0;
se =
4
5
: x =
1
4
t, y =
5
4
t, z = t, t e .
[30]
A = {{3,2,1},{5,3,3},{7,4,5},{1,1,-1}};
X = {x,y,z}; B = {1,2,3,0};
Solve[A.X == B,X]
Solve ::

svars

: Equations may not give solutions for all solve variables.


{{x - 1 - 3 z,y - -1 + 4 z]]
x = 3t + 1, y = 4t 1, z = t, t e .
Dipartimento di Matematica
32 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
[31]
A = {{1,1,h},{1,1,2},{2,-h,4}}; X = {x,y,z}; B = {2h,-1,-2};
Reduce[A.X == B,X]
h == -2&&x ==
1
2
-5 - 2 y)&&z ==
3
4
||
x == -
5 h
-2 + h
&&y == 0&&z ==
1 + 2 h
-2 + h
&& - 2 + h = 0&&2 + h = 0
Se h / e 2, 2: x =
5h
2 h
, y = 0, z =
1 2h
2 h
;
se h = 2: x =
5
2
t, y = t, z =
3
4
, t e ;
se h = 2: il sistema incompatibile.
[32]
A = {{h,1,h},{2,-1,2},{3,3,h + 2}};
X = {x,y,z}; B = {-1,-h - 1,-h - 2};
Reduce[A.X == B,X]
h == -2&&x ==
1
3
1 - 2 z)&&y ==
1
3
-1 + 2 z)||
h == 1&&x == -1 - z&&y == 0||
x == 3&&y == -1 + h&&z == -4&& - 1 + h = 0&&2 + h = 0
Se h / e 2, 1: x = 3, y = 1 + h, z = 4;
se h = 2: x = t, y = t, z =
1 3t
2
, t e ;
se h = 1: x = 1 , y = 0, z = , e .
[33]
A = {{1,-a,1},{a,-2,3},{3,-2,a}}; B = {a,-1,5a}; X = {x,y,z};
Reduce[A.X == B,X]
a == 1&&x == 3 + z&&y == 2 1 + z)||x == -
2 1 + 9 a)
-12 + a + a
2
&&
y == -1 +
15
12 - 13 a + a
3
-
20 a
12 - 13 a + a
3
+
5 a
2
12 - 13 a + a
3
&&
z == 5 -
62
12 - 13 a + a
3
+
64 a
12 - 13 a + a
3
-
2 a
2
12 - 13 a + a
3
&&
- 3 + a = 0&& - 1 + a = 0&&4 + a = 0
Se a / e 4, 1, 3: esiste una sola soluzione;
se a = 4: non esistono soluzioni;
se a = 1: x = 3 + t, y = 2(1 + t), z = t, t e ;
se a = 3: non esistono soluzioni.
[34]
A = {{2,a,0},{1,1,-1},{a,-1,1}}; B = {1,-2,2}; X = {x,y,z};
Reduce[A.X == B,X]
a == -1&&x ==
1 + y
2
&&z ==
1
2
5 + 3 y)||
x == 0&&y ==
1
a
&&z ==
1 + 2 a
a
&&a = 0&&1 + a = 0
Universit di Torino
Capitolo 2 Sistemi Lineari Esercizi 33
Se a / e 1, 0: x = 0, y =
1
a
, z =
1 + 2a
a
;
se a = 1: x =
1 + t
2
, y = t, z =
1
2
(5 + 3t), t e ;
se a = 0: il sistema incompatibile.
[35]
A = {{1,1,h - 1},{1,1,2},{2,-h + 1,(h - 1)2}};
B = {2h - 2,-1,-2}; X = {x,y,z};
Reduce[A.X == B,X]
h == -1&&x ==
1
2
-5 - 2 y)&&z ==
3
4
||
x == -
2 -1 - h + h
2
)
-3 + h
&&y == -1 + 2 h&&z ==
-1 + 2 h
-3 + h
&& - 3 + h = 0&&1 + h = 0
Se h / e 1, 3: x =
2(1 h + h
2
)
3 + h
, y = 1 + 2h, z =
1 + 2h
3 + h
;
se h = 1: x =
1
2
(5 2t), y = t, z =
3
4
, t e ;
se h = 3: il sistema incompatibile.
[36]
A = {{1,2,-1},{-1,0,1},{1,4,-1}}; X = {x,y,z}; B = {0,1,0};
Reduce[A.X == B,X]
False
[37]
A = {{-h,1,1},{1,-1,0},{h,-2,-2}}; X = {x,y,z}; B = {2,-1,k};
Reduce[A.X == B,X]
h == 0&&k == -4&&y == 1 + x&&z == 1 - x||
x ==
-4 - k
h
&&y ==
-4 + h - k
h
&&z ==
4 - 3 h + k - h k
h
&&h = 0
Se h = 0, !k e : esiste una sola soluzione;
se h = 0, k = 4: non esistono soluzioni;
se h = 0, k = 4: esistono innite soluzioni che dipendono da unincognita libera.
Dipartimento di Matematica
34 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
[38]
A = {{1,2,1},{1,2 - h,2 + h},{1,2 + 3h,-2h}};
X = {x1,x2,x3}; B = {1,2,k};
Reduce[A.X == B,X]
h == -2&&k == -2&&x1 == -2 -1 + 2 x2)&&x3 == -1 + 2 x2||
h == 0&&k == 0&&x1 == -2 x2&&x3 == 1||x1 ==
-2 h + h
2
- 2 k - 3 h k
2 h + h
2
&&
x2 ==
h + k + h k
h 2 + h)
&&x3 ==
2 + k
2 + h
&&h = 0&&2 + h = 0
Se h / e 2, 0, !k e : esiste una sola soluzione;
se h = k = 2: esitono innite soluzioni che dipendono da unincognita libera;
se h = 2, k = 2: non esistono soluzioni;
se h = k = 0: esistono innite soluzioni che dipendono da unincognita libera;
se h = 0, k = 0: non esistono soluzioni.
[39]
A = {{2,-1,-1},{2 - h,2 + h,-1},{2 + 3h,-2h,-1}};
X = {x1,x2,x3}; B = {0,1,k};
Reduce[A.X == B,X]
h == -10&&k == -3&&x2 ==
1
7
-1 + 10 x1)&&x3 ==
1
7
1 + 4 x1)||
h == 0&&k ==
1
3
&&x2 ==
1
3
&&x3 ==
1
3
-1 + 6 x1)||
x1 ==
-1 + 2 h + 3 k + h k
h 10 + h)
&&x2 ==
3 + k
10 + h
&&
x3 ==
-2 + h + 6 k + h k
h 10 + h)
&&h = 0&&10 + h = 0
Se h / e 10, 0, !k e : esiste una sola soluzione;
se h = 10, k = 3: esistono innite soluzioni che dipendono da unincognita libera;
se h = 10, k = 3: non esistono soluzioni;
se h = 0, k =
1
3
: esistono innite soluzioni che dipendono da unincognita libera;
se h = 0, k =
1
3
: non esistono soluzioni.
[40]
A = {{2,-1,-1},{2 - h,2 + h,-1},{2 + 3h,-2h,-1}};
X = {x1,x2,x3}; B = {0,0,k};
Reduce[A.X == B,X]
h == -10&&k == 0&&x2 ==
10 x1
7
&&x3 ==
4 x1
7
||
h == 0&&k == 0&&x2 == 0&&x3 == 2 x1||
x1 ==
3 + h) k
10 h + h
2
&&x2 ==
k
10 + h
&&x3 ==
6 + h) k
10 h + h
2
&&h = 0&&10 + h = 0
Se h / e 10, 0, !k e : esiste una sola soluzione;
se h = 10, k = 0: esistono innite soluzioni che dipendono da unincognita libera;
se h = 10, k = 0: non esistono soluzioni;
se h = 0, k = 0: esistono innite soluzioni che dipendono da unincognita libera;
se h = 0, k = 0: non esistono soluzioni.
Universit di Torino
Capitolo 2 Sistemi Lineari Esercizi 35
[41]
A = {{1,1,1},{1,-k,1},{-1,k,1}}; X = {x1,x2,x3}; B = {k,-1,k};
Reduce[A.X == B,X]
k == -1&&x1 == -x2&&x3 == -1||
x1 ==
1
2
-1 + k)&&x2 == 1&&x3 ==
1
2
-1 + k)&&1 + k = 0
Se k = 1: x
1
=
1
2
(1 + k), x
2
= 1, x
3
=
1
2
(1 + k);
se k = 1: x
1
= t, x
2
= t, x
3
= 1, t e .
[42]
Reduce[{x1 + 2x2 - x3 == 0,2x1 + (3 + k)x2 - 3x3 == 0,
(k - 1)x1 + 4x2 - 3x3 == h},{x1,x2,x3}]
h == 0&&k == 2&&x1 == -x2&&x3 == x2||
h == 0&&k == 5&&x1 == 2 x2&&x3 == 4 x2||x1 ==
h -3 + k)
10 - 7 k + k
2
&&
x2 ==
h
10 - 7 k + k
2
&&x3 ==
h -1 + k)
10 - 7 k + k
2
&& - 5 + k = 0&& - 2 + k = 0
Se k / e 2, 5: x
1
=
h(k 3)
k
2
7k + 10
, x
2
=
h
k
2
7k + 10
, x
3
=
h(k 1)
k
2
7k + 10
;
se k = 2, h = 0: x
1
= t, x
2
= t, x
3
= t, t e ;
se k = 5, h = 0: x
1
= 2t, x
2
= t, x
3
= 4t, t e ; negli altri casi il sistema incompatibile.
[43]
A = {{a - 1,1,-1},{1,a,1},{1,1,1}};
X = {x,y,z}; B = {1,a + 1,2a};
Reduce[A.X == B,X]
a == 1&&y ==
3 - x
2
&&z ==
1 - x
2
||-1 + a) a = 0&&
x ==
3 + 2 a
a
&&y ==
1
2
1 + 2 a - a x)&&z ==
1
2
-1 + 2 a - 2 x + a x)
Se a / e 0, 1 : x =
2a + 3
a
, y = 1, z =
2a
2
a 3
a
;
se a = 0: il sistema incompatibile;
se a = 1 : x = 3 2t, y = t, z = t 1, t e .
[44] Se h = 0, h = 2, esiste una sola soluzione: x
1
=
1 h
2
, x
2
=
h + 1
2(2 h)
, x
3
=
h + 1
2(2 h)
;
se h = 0, esistono innite soluzioni: x
1
= t, x
2
=
t
2
, x
3
= 1 +
3
2
t, !t e ;
se h = 2, non esistono soluzioni.
[45] Se h = 1: esistono innite soluzioni dipendenti da un parametro libero (ht + t, 1 + t, t), t e .
se h = 1: esistono innite soluzioni dipendenti da due parametri liberi (1 + u + v, u, v), u, v e .
Dipartimento di Matematica
36 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
[46] Se t = 0 e t = 1, esiste una sola soluzione: x = t, y =
t
2
2t + 2
1 + t
, z =
t
2
+ t 3
1 +t
;
se t = 0, esistono innite soluzioni: x = 0, y = 2, z = a, !a e ;
se t = 1, non esistono soluzioni.
[47] Se k = 3 e k = 2, il sistema compatibile e ammette una soluzione:
x
1
=
k + 3
2(2 k)
, x
2
=
7 k
2(2 k)
, x
3
=
1 k
2
;
se k = 3, il sistema ha innite soluzioni: x
1
= 2 t, x
2
= t 1, x
3
= t, t e ;
se k = 2, il sistema incompatibile.
[48] Se h = 1 esiste una sola soluzione:
x =
4
h 1
, y =
h
2
h + 4
h 1
, z =
2(h
2
+ 2h + 3)
h 1
;
se h = 1, il sistema incompatibilile.
[49] Se a / e 0, 2, esiste una soluzione: _
3 2a
a 2
,
a
a 2
,
1
a 2
;
se a = 0, esistono innite soluzioni dipendenti da un parametro: (3t, 1 2t, t), t e R;
se a = 2, non esistono soluzioni.
[50] Per k / e _1,
1
2
_, esiste la soluzione: _1,
k 1
1 + 2k
,
k
2
k 1
1 + 2k
;
per k = 1, esistono innite soluzioni dipendenti da un parametro: (1 3t, t, 1 + 2t), t e R;
per k =
1
2
, non esistono soluzioni.
Universit di Torino
Capitolo 3
Matrici
Scopo di questo capitolo formalizzare il concetto di matrice gi introdotto nel Capitolo 1 e studiare le propriet
essenziali dellinsieme delle matrici, che costituisce un valido esempio di Spazio Vettoriale, struttura algebrica che
sar oggetto di studio del Capitolo 9.
3.1 Lo spazio vettoriale delle matrici
Denizione 3.1 Una matrice di m righe e di n colonne, ad elementi reali, una tabella del tipo:
A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
a
11
a
12
. . . a
1n
a
21
a
22
. . . a
2n
: : :
a
m1
a
m2
a
mn
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
, (3.1)
con a
i j
e , i = 1, . . . , m, j = 1, . . . , n.
Per convenzione, le matrici vengono indicate con le lettere maiuscole dellalfabeto e linsieme della matrici di m
righe ed n colonne sar indicato con
m,n
, o, talvolta, A

(m, n). In forma compatta, la matrice (3.1) si pu anche


scrivere come:
A = (a
i j
), 1 s i s m, 1 s j s n. (3.2)
Esempio 3.1 I numeri reali possono essere considerati come matrici di una riga ed una colonna, =
1,1
.
Esempio 3.2 Le matrici che hanno lo stesso numero di righe e di colonne si dicono quadrate e tale numero si
dice ordine della matrice. Per esempio: A = _
1 2
3 4
una matrice quadrata di ordine 2.
Esempio 3.3 Le matrici con una riga e n colonne si dicono matrici riga, per esempio A = | 1 2 3 4 ] e
1,4
una matrice riga.
Esempio 3.4 Le matrici con m righe e una colonna si dicono matrici colonna, per esempio A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1
2
3
4
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
e
4,1

una matrice colonna.


Esempio 3.5 La matrice (a
i j
) e
m,n
, con tutti gli elementi a
i j
= 0, !i, j , si dice matrice nulla e si indica con 0,
da non confondersi con il numero 0 e .
37
38 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
Esempio 3.6 Nel caso di una matrice quadrata A = (a
i j
), tutti gli elementi del tipo a
ii
costituiscono la diagonale
principale. Rivestiranno in seguito molta importanza le matrici diagonali, vale a dire le matrici aventi elementi
tutti nulli al di fuori della diagonale principale (a
i j
= 0, !i, j | i = j ), in altri termini linsieme delle matrici:
1(
n,n
) =
|
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
'
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
a
11
0 . . . 0
0 a
22
. . . 0
: : :
0 0 . . . a
nn
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
, a
ii
e
)
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
!
. (3.3)
Esempio 3.7 Un caso particolare dellesempio precedente costituito dalla matrice unit I e
n,n
ossia la
matrice diagonale avente tutti 1 sulla diagonale principale:
I =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 0 . . . 0
0 1 . . . 0
: : :
0 0 . . . 1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
La denizione che segue stabilisce la relazione di uguaglianza tra matrici.
Denizione 3.2 Due matrici A e B sono uguali se:
i) hanno lo stesso numero di righe e di colonne: A = (a
i j
), B = (b
i j
) e
m,n
,
ii) gli elementi di posto uguale coincidono: a
i j
= b
i j
, !i = 1, . . . , m, !j = 1, . . . , n.
Introduciamo ora le denizioni di somma di matrici e di prodotto di una matrice per un numero reale.
Denizione 3.3 Si denisce somma delle due matrici A = (a
i j
), B = (b
i j
) entrambe appartenenti a
m,n
, la
matrice:
A + B = (a
i j
+ b
i j
), (3.4)
quindi anche A + B e
m,n
.
Esempio 3.8 La somma delle matrici A = _
1 2
3 4
e B = _
0 5
2 7
la matrice A + B = _
1 7
1 11
.
Non denita la somma della matrice A con la matrice C = _
0 3 2
1 5 6
.
Teorema 3.1
m,n
con loperazione di somma di matrici ha la struttura di gruppo commutativo, vale a dire per
la somma di matrici valgono le propriet: commutativa, associativa, esistenza dellelemento neutro ed esistenza
dellopposto.
Dimostrazione. lasciata per esercizio ed la naturale conseguenza del fatto che (, +) un gruppo commutativo.
Lelemento neutro la matrice nulla introdotta nellesempio 3.5, lopposto della matrice A = (a
i j
) la matrice
A = (a
i j
) .
Denizione 3.4 Si denisce prodotto di un numero reale per una matrice A = (a
i j
) e
m,n
la matrice che si
ottiene moltiplicando ogni elemento di A per lo scalare , ossia:
A = (a
i j
),
quindi A ancora una matrice di R
m,n
.
Esempio 3.9 Se A = _
1 2
3 4
, il prodotto 3A la matrice _
3 6
9 12
.
Universit di Torino
Capitolo 3 Matrici 39
Teorema 3.2 Per il prodotto di un numero reale per una matrice valgono le seguenti propriet:
1. (A + B) = A + B, ! e , !A, B e
m,n
;
2. ( + )A = A + A, !, e , !A e
m,n
;
3. ()A = (A), !, e , !A e
m,n
;
4. 1A = A, !A e
m,n
.
Dimostrazione: Si tratta di un semplice esercizio.
Osservazione 3.1 Si osservi che linsieme di matrici
m,n
, rispetto alle operazioni di somma e di prodotto per
numeri reali appena denite, ha le stesse propriet dellinsieme dei vettori V
3
dello spazio, rispetto alle operazioni
di somma di vettori e di prodotto di un vettore per un numero reale; sono, infatti, entrambi esempi di spazio
vettoriale, come sar precisato nel Capitolo 9.
3.2 Il prodotto di matrici
La denizione di prodotto di matrici, oggetto di questo paragrafo, trova una sua giusticazione nella rappresen-
tazione mediante matrici dei movimenti in uno spazio vettoriale e nella composizione di tali movimenti. Per una
completa esposizione dellargomento si rimanda al Capitolo 17.
Denizione 3.5 Il prodotto della matrice A = (a
i j
) e
m,n
con la matrice B = (b
i j
) e
n,p
la matrice C =
(c
i j
) e
m,p
i cui elementi sono dati da:
c
i j
= a
i1
b
1 j
+ a
i2
b
2 j
+ . . . + a
in
b
n j
= E
n
k=1
a
ik
b
k j
. (3.5)
Per denizione quindi, si possono solo moltiplicare matrici di tipo particolare, ossia il primo fattore deve avere il
numero di colonne pari al numero delle righe del secondo fattore. La matrice prodotto avr il numero di righe del
primo fattore e il numero di colonne del secondo fattore. Da questa affermazione segue che stiamo per denire un
prodotto non commutativo. A titolo di esempio, consideriamo il prodotto delle matrici:
A = _
1 2 3
4 5 6
, B =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 1 2 3
0 1 2 4
3 5 7 9
\
.
.
.
.
.
.
!
.
Vogliamo denire una matrice C = (c
i j
) = AB e R
2,4
di cui calcoliamo in ordine gli elementi:
c
11
si ottiene sommando i prodotti degli elementi della prima riga di A con gli elementi della prima colonna di B:
c
11
= 1 1 + 2 0 + 3 3 = 10.
c
12
si ottiene sommando i prodotti degli elementi della prima riga di A con gli elementi della seconda colonna di
B: c
12
= 1 (1) + 2 1 + 3 5 = 16 e cos via. La matrice C dunque:
C = _
10 16 27 38
22 31 60 86
.
Per la sua particolare denizione, questo tipo di prodotto di matrici si dice prodotto righe per colonne.
Osservazione 3.2 chiaro che il prodotto di due matrici quadrate dello stesso ordine ancora una matrice dello
stesso ordine, ma anche in questo caso non vale la propriet commutativa, per esempio date: A = _
1 2
3 4
e
B = _
0 1
2 3
si ha AB = _
4 7
8 15
mentre BA = _
3 4
11 16
.
Dipartimento di Matematica
40 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
Osservazione 3.3 Il prodotto di matrici ha singolari particolari, per esempio:
AB = _
1 2
1 2
_
2 2
1 1
= _
0 0
0 0
,
in assoluto contrasto con il solito prodotto di numeri reali in cui se ab = 0 allora necessariamente o a = 0 o b = 0.
Esempio 3.10 Si osservi che, date A = | 1 2 3 4 ] e
1,4
e B =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1
2
3
4
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
e
4,1
, allora: AB = (30) e
1,1
,
mentre:
BA =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 2 3 4
2 4 6 8
3 6 9 12
4 8 12 16
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
e
4,4
.
Teorema 3.3 Per il prodotto di matrici valgono le seguenti propriet:
1. la propriet associativa: (AB)C = A(BC), per ogni A e
m,n
, B e
n,k
, C e
k,p
;
2. le propriet distributive del prodotto rispetto alla somma: A(B +C) = AB + AC, per ogni A e
p,m
, B, C e

m,n
e (X +Y)Z = XZ +YZ, per ogni X, Y e
m,n
, Z e
n,k
(si osservi la necessit di enunciare entrambe
le propriet per la mancanza della propriet commutativa del prodotto);
3. nel caso delle matrici quadrate, la matrice unit I e
n,n
lelemento neutro rispetto al prodotto, ossia:
AI = IA = A, !A e
n,n
.
Dimostrazione: lasciata per esercizio nei casi pi semplici, per gli altri si rimanda al Capitolo 4.
3.2.1 I sistemi lineari in forma matriciale
Usando la denizione di prodotto di matrici, si pu scrivere in modo compatto un generico sistema lineare di m
equazioni in n incognite del tipo (1.2). Siano:
A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
a
11
a
12
. . . a
1n
a
21
a
22
. . . a
2n
: : :
a
m1
a
m2
a
mn
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
e
m,n
la matrice dei coefcienti,
X =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
x
1
x
2
:
x
n
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
e
n,1
la matrice colonna delle incognite e
B =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
b
1
b
2
:
b
m
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
e
m,1
la matrice colonna dei termini noti, allora il sistema lineare (1.2) si pu scrivere come:
AX = B.
Universit di Torino
Capitolo 3 Matrici 41
3.2.2 La matrice inversa
Avendo introdotto il prodotto di matrici (che generalizza il prodotto di numeri reali) appare naturale introdurre il
concetto di inverso; a differenza del caso dei numeri necessario prestare particolare attenzione alla denizione in
quanto il prodotto di matrici non commutativo.
Denizione 3.6 Sia A e
n,n
una matrice quadrata. A di dice invertibile se esiste una matrice X e
n,n
tale
che:
AX = XA = I, (3.6)
dove I indica la matrice unit di ordine n.
Teorema 3.4 Se esiste una matrice inversa di A e
n,n
, allora essa unica.
Dimostrazione: Si supponga per assurdo che esistano due matrici diverse X, X

e
n,n
che vericano la (3.6).
Allora:
X

= IX

= (XA)X

= X(AX

) = XI = X
che assurdo. Si ossservi che, nella dimostrazione, si usata la propriet associativa del prodotto di matrici.
La matrice X cos denita di dice matrice inversa di A e si indica con A
1
.
Per la matrice inversa valgono le seguenti propriet la cui dimostrazione lasciata per esercizio.
Teorema 3.5 1. Se A, B e
n,n
sono due matrici invertibili, allora (AB)
1
= B
1
A
1
.
2. (A
1
)
1
= A, per ogni matrice invertibile A.
Nei paragra successivi affronteremo il problema di calcolare linversa di una matrice, di conseguenza, si tratter
di trovare le condizioni afnch una matrice quadrata sia invertibile. Si consiglia, prima di continuare la lettura, di
svolgere il seguente esercizio.
Esercizio 3.1 Determinare le condizioni afnch la matrice:
A = _
a
11
a
12
a
21
a
22

sia invertibile e, in questi casi, calcolare A


1
. Si osservi che lesercizio equivale a discutere e risolvere il sistema
lineare:
AX = _
a
11
a
12
a
21
a
22
_
x
11
x
12
x
21
x
22
= _
1 0
0 1

di quattro equazioni nelle quattro incognite x
11
, x
12
, x
21
, x
22
.
3.2.3 La trasposta di una matrice
Denizione 3.7 Data una matrice A e
m,n
si denisce trasposta di A, e la si indica con
t
A, la matrice di
n,m
che si ottiene scambiando le righe con le colonne della matrice A, in simboli se A = (a
i j
) allora
t
A = (b
i j
) e
b
i j
= a
ji
, i = 1, . . . , m, j = 1, . . . , n.
Esempio 3.11 Se A = _
1 2 3
4 5 6
allora
t
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 4
2 5
3 6
\
.
.
.
.
.
.
!
. Se A = | 1 2 3 4 ] allora
t
A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1
2
3
4
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
Dipartimento di Matematica
42 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
Osservazione 3.4 Si osservi che se una matrice quadrata, allora anche la sua trasposta una matrice quadrata
dello stesso ordine.
Per la matrice trasposta valgono le seguenti propriet la cui dimostrazione lasciata per esercizio e si pu leggere
nel Capitolo 4.
Teorema 3.6 1.
t
(A + B) =
t
A +
t
B, !A, B e
m,n
.
2.
t
(A) =
t
A, !A e
m,n
, ! e .
3.
t
(AB) =
t
B
t
A, !A e
m,n
, !B e
n,k
.
4. Se A e
n,n
una matrice invertibile e A
1
la sua inversa, allora (
t
A)
1
=
t
(A
1
).
3.3 Matrici Quadrate di Tipo Particolare
1. Le matrici triangolari superiori del tipo:
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
a
11
a
12
. . . . . . . . . a
1n
0 a
22
. . . . . . . . . a
2n
: : : : :
0 0 . . . a
kk
. . . a
kn
: : : :
0 0 . . . 0 . . . a
nn
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
e
n,n
,
come gi stato osservato nel Capitolo 1, ci permettono di calcolare agevolmente il loro rango. facile
osservare che la somma di due matrici triangolari superiori ancora una matrice triangolare superiore, lo
stesso per il prodotto di un numero reale per una matrice triangolare superiore. Molto pi sorprendente il
fatto che il prodotto di due matrici triangolari superiori, entrambe dello stesso ordine, ancora una matrice
triangolare superiore. Supponiamo, infatti, di calcolare C = (c
i j
) e
n,n
prodotto delle matrici triangolari
superiori A = (a
i j
) e
n,n
e B = (b
i j
) e
n,n
. Il fatto che A sia una matrice triangolare superiore equivale
a a
i j
= 0 con i > j , analoga affermazione per la matrice B. Per semplicit calcoliamo lelemento c
21
della matrice prodotto C = AB, lasciando il calcolo in generale per esercizio. Per denizione di prodotto di
matrici (3.5) si ha:
c
21
= a
21
b
11
+ a
22
b
21
+ . . . a
2n
b
n1
= 0b
11
+ a
22
0 + . . . + a
2n
0 = 0.
Si possono denire in modo analogo le matrici triangolari inferiori, con propriet simili a quelle descritte
nel caso delle matrici triangolari superiori.
2. Le matrici diagonali introdotte nellEsempio 3.6. La caratteristica principale di tali matrici la loro analo-
gia al campo dei numeri reali, infatti il prodotto di due matrici diagonali ancora una matrice dello stesso
tipo, avente ordinatamente sulla diagonale il prodotto degli elementi corrispondenti delle due matrici date. Il
rango di una matrice diagonale pari al numero degli elementi non nulli della diagonale principale, nel caso
di rango massimo, linversa di una matrice diagonale ha sulla diagonale principale ordinatamente gli inversi
dei corrispettivi elementi della matrice data, (la verica di queste affermazioni lasciata per esercizio).
3. Le matrici simmetriche sono denite come linsieme delle matrici quadrate A tali che:
A =
t
A.
Scrivendo esplicitamente la denizione data si ottiene che una matrice simmetrica del tipo:
A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
a
11
a
12
. . . a
1n
a
12
a
22
. . . a
2n
: : :
a
1n
a
2n
. . . a
nn
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
Universit di Torino
Capitolo 3 Matrici 43
in altri termini, una matrice A = (a
i j
) e
n,n
simmetrica se:
a
i j
= a
ji
, !i, j = 1, . . . , n.
Per esercizio si calcoli la somma di due matrici simmetriche, il prodotto di una matrice simmetrica per un
numero reale, il prodotto di due matrici simmetriche, la trasposta di una matrice simmetrica e si decida se si
ottiene ancora una matrice simmetrica.
4. Le matrici antisimmetriche sono denite come linsieme delle matrici quadrate A tali che:
A =
t
A.
Scrivendo esplicitamente la denizione data si ottiene che una matrice antisimmetrica del tipo:
A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 a
12
. . . a
1n
a
12
0 . . . a
2n
: : :
a
1n
a
2n
. . . 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
in altri termini, una matrice A = (a
i j
) e
n,n
antisimmetrica se:
a
i j
= a
ji
, !i, j = 1, . . . , n,
quindi a
ii
= 0, i = 1, . . . , n. Per esercizio si calcoli la somma di due matrici antisimmetriche, il prodotto di
una matrice antisimmetrica per un numero reale, il prodotto di due matrici antisimmetriche, la trasposta di
una matrice antisimmetrica e si decida se si ottiene ancora una matrice antisimmetrica.
5. Le matrici ortogonali sono denite come linsieme delle matrici quadrate A e
n,n
tali che:
t
AA = I
con I matrice unit di ordine n. Si verichi per esercizio che ogni matrice ortogonale invertibile e che
la trasposta di una matrice ortogonale una matrice ortogonale. Si verichi inoltre che il prodotto di due
matrici ortogonli ancora ortogonale e linversa di una matrice ortogonale ortogonale. Si decida se tale
propriet ancora valida per la somma di due matrici ortogonali e per il prodotto di una matrice ortogonale
per un numero reale qualsiasi. Lesercizio risolto nel Capitolo 4.
3.4 Le equazioni matriciali
Per equazione matriciale si intende unequazione le cui incognite sono matrici. Se si escludono gli esempi banali
di equazioni lineari (ogni numero reale pu essere considerato una matrice), abbiamo gi studiato nel Paragrafo
3.2.1 un esempio di equazione matriciale AX = B con A e
m,n
, X e
n,1
, B e
m,1
risolvendo un generico
sistema lineare. In questo paragrafo ci occupiamo dello studio di unequazione del tipo:
AX = B (3.7)
con A e
m,n
, X e
n,p
, B e
m,p
. Le incognite sono, quindi, gli elementi di X.
Si osservi che, se si in grado di risolvere lequazione (3.7), si anche in grado di risolvere unequazione del tipo:
YC = D (3.8)
con incognita Y ; infatti operando con la trasposta su ambo i membri di (3.8) ci si riconduce a (3.7), avendo cura di
notare che lincognita ricavata sar
t
Y .
Scrivendo esplicitamente (3.7) ci si riconduce alla risoluzione di un sistema lineare. Infatti posti:
Dipartimento di Matematica
44 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
a
11
a
12
. . . a
1n
a
21
a
22
. . . a
2n
: : :
a
m1
a
m2
. . . a
mn
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
e
m,n
, X =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
x
11
x
12
. . . x
1p
x
21
x
22
. . . x
2p
: : :
x
n1
x
n2
. . . x
np
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
e
n,p
,
B =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
b
11
b
12
. . . b
1p
b
21
b
22
. . . b
2p
: : :
b
m1
b
m2
. . . b
mp
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
e
m,p
,
la prima riga del prodotto AX = B corrisponde al seguente sistema lineare di p-righe:
|
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
'
a
11
x
11
+ a
12
x
21
+ . . . + a
1n
x
n1
= b
11
a
11
x
12
+ a
12
x
22
+ . . . + a
1n
x
n2
= b
12
:
a
11
x
1p
+ a
12
x
2p
+ . . . + a
1n
x
np
= b
1p
.
(3.9)
Mettendo in evidenza le righe di X e di B nel modo seguente:
X =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
X
1
X
2
:
X
n
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
=
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
x
11
x
12
. . . x
1p
x
21
x
22
. . . x
2p
: : :
x
n1
x
n2
. . . x
np
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
, B =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
B
1
B
2
:
B
m
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
=
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
b
11
b
12
. . . b
1p
b
21
b
22
. . . b
2p
: : :
b
m1
b
m2
. . . b
mp
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
,
il sistema (3.9) si pu scrivere come:
a
11
X
1
+ a
12
X
2
+ . . . + a
1n
X
n
= B
1
.
Ripetendo lo stesso calcolo per le altre righe di AX = B si ottiene che tale equazione matriciale equivale al sistema
lineare di equazioni vettoriali:
|
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
'
a
11
X
1
+ a
12
X
2
+ . . . + a
1n
X
n
= B
1
a
21
X
1
+ a
22
X
2
+ . . . + a
2n
X
n
= B
2
:
a
m1
X
1
+ a
m2
X
2
+ . . . + a
mn
X
n
= B
m
,
con incognite le righe: X
1
, . . . , X
n
. Per il Teorema 1.2 di RouchCapelli, essendo tale sistema equivalente ad un
sistema lineare di m p equazioni in n p incognite, esso ammette soluzioni se e solo se il rango della matrice
dei coefcienti A e il rango della matrice completa (A|B) coincidono. Si procede, pertanto, alla riduzione per righe
della matrice completa:
(A|B) =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
a
11
a
12
. . . a
1n
a
21
a
22
. . . a
2n
: : :
a
m1
a
m2
. . . a
mn
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
b
11
b
12
. . . b
1p
b
21
b
22
. . . b
2p
: : :
b
m1
b
m2
. . . b
mp
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
Si distinguono tre casi:
i) rank(A) = rank(A|B): non esistono soluzioni;
ii) rank(A) = rank(A|B) = n ossia il numero dei vettori incogniti: esiste una sola soluzione;
iii) rank(A) = rank(A|B) = k < n: esistono innite soluzioni che dipendono da n k vettori.
Esempio 3.12 Per determinare le soluzioni dellequazione matriciale AX = B, con:
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
2 3 1
1 0 1
0 3 1
\
.
.
.
.
.
.
!
, B =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 2 2
0 1 1
1 0 4
\
.
.
.
.
.
.
!
Universit di Torino
Capitolo 3 Matrici 45
si procede con la riduzione per righe della matrice completa (A|B), per esempio nel modo seguente:
(A|B) =
(
.
.
.
.
.
.
'
2 3 1
1 0 1
0 3 1
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
1 2 2
0 1 1
1 0 4
\
.
.
.
.
.
.
!

R
2
R
1
2R
2
(
.
.
.
.
.
.
'
2 3 1
0 3 1
0 3 1
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
1 2 2
1 0 4
1 0 4
\
.
.
.
.
.
.
!
,
da cui si deduce che rank(A) = rank(A|B) = 2; si ottengono cos innite soluzioni che dipendono da un vettore
libero. Ponendo:
X =
(
.
.
.
.
.
.
'
X
1
X
2
X
3
\
.
.
.
.
.
.
!
e
3,3
la matrice (A|B) ridotta per righe d luogo al sistema ridotto:
_
2X
1
+ 3X
2
+ X
3
= (1, 2, 2)
3X
2
X
3
= (1, 0, 4)
le cui soluzioni sono:
|
.
.
.

.
.
.
'
X
1
= (3a + 1, 3b + 1, 3c + 3)
X
2
= (a, b, c)
X
3
= (3a 1, 3b, 3c 4), !a, b, c e .
3.4.1 Calcolo della matrice inversa, primo metodo
Come immediata conseguenza del paragrafo precedente procediamo al calcolo delleventuale matrice inversa di
una matrice quadrata A = (a
i j
) e
n,n
risolvendo lequazione matriciale
AX = I.
Dobbiamo, quindi, ridurre per righe la matrice completa:
(A|I) =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
a
11
a
12
. . . a
1n
a
21
a
22
. . . a
2n
: : :
a
n1
a
n2
. . . a
nn
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
1 0 . . . 0
0 1 . . . 0
: : :
0 0 . . . 1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
evidente che rank(A|I) = n, infatti si ha limportante:
Teorema 3.7 Data A e
n,n
si ha:
A
1
= rank(A) = n. (3.10)
Dimostrazione: Se esiste A
1
allora rank(A) = n ovvia conseguenza dellosservazione che precede lenunciato
del Teorema. Il viceversa non pu essere dimostrato a questo punto del corso, si rimanda, pertanto al Capitolo
11. Infatti se rank(A) = n allora esiste una sola matrice X e
n,n
tale che AX = I (per il Teorema 1.2 di
Rouch-Capelli), ma per dimostrare che anche XA = I e dedurre quindi che X = A
1
si deve risolvere lequazione
matriciale
t
A
t
X = I . Pertanto necessario dimostrare che anche
t
A ha lo stesso rango di A, oggetto del Teorema
24.1 .
Segue un esempio di calcolo della matrice inversa usando il metodo qui indicato. Un secondo metodo sar spiegato
nel Paragrafo 24.1.
Esercizio 3.2 Se esiste, determinare linversa della matrice:
A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 0 2 0
1 0 0 1
0 1 3 0
2 1 5 3
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
Dipartimento di Matematica
46 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
Procediamo alla riduzione per righe della matrice (A|I), il calcolo del rango di A contenuto in questo procedi-
mento.
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 0 2 0
1 0 0 1
0 1 3 0
2 1 5 3
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
1 0 0 0
0 1 0 0
0 0 1 0
0 0 0 1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!

R
1
= R
3
R
2
= R
1
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 0 0 1
0 1 3 0
0 0 2 0
2 1 5 3
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
0 1 0 0
0 0 1 0
1 0 0 0
0 0 0 1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!

R
3

1
2
R
3
R
4
R
4
+ 2R
1
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 0 0 1
0 1 3 0
0 0 1 0
0 1 5 5
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
0 1 0 0
0 0 1 0
1
2
0 0 0
0 2 0 1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!

R
4
R
2
+ R
4
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 0 0 1
0 1 3 0
0 0 1 0
0 0 8 5
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
0 1 0 0
0 0 1 0
1
2
0 0 0
0 2 1 1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!

R
4
8R
3
+ R
4
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 0 0 1
0 1 3 0
0 0 1 0
0 0 0 5
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
0 1 0 0
0 0 1 0
1
2
0 0 0
4 2 1 1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
A questo punto dellesercizio si deduce che rank(A) = 4, pertanto la matrice A invertibile. Per calcolare diretta-
mente linversa conviene procedere riducendo ulteriormente la matrice a sinistra come descritto nellEsempio 1.8
nel Capitolo 1. Dallultimo passaggio segue:

R
4

1
5
R
4
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 0 0 1
0 1 3 0
0 0 1 0
0 0 0 1
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
0 1 0 0
0 0 1 0
1
2
0 0 0
4
5
2
5

1
5

1
5
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!

R
2
R
2
+ 3R
3
R
1
R
1
R
4
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 0 0 0
0 1 0 0
0 0 1 0
0 0 0 1
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

4
5
3
5
1
5
1
5
3
2
0 1 0
1
2
0 0 0
4
5
2
5

1
5

1
5
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
Si legge cos a destra, nellultimo passaggio lespressione di A
1
, infatti le operazioni di riduzione che iniziano
dalla matrice completa (A|I), essendo rank(A) = rank(A|I) = n non possono far altro che portare a (I|A
1
). In altri
termini dallequazione matriciale AX = I , moltiplicando a sinistra per A
1
si ottiene IX = A
1
.
Esercizio 3.3 Data la matrice:
A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 3 1 2
h 0 0 0
1 1 0 0
0 0 0 h
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
,
stabilire per quali valori di h e esiste la sua inversa. Determinare esplicitamente A
1
quando possibile:
Universit di Torino
Capitolo 3 Matrici 47
Procediamo, come nellesercizio precedente, alla riduzione per righe della matrice completa (A|I).
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 3 1 2
h 0 0 0
1 1 0 0
0 0 0 h
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
1 0 0 0
0 1 0 0
0 0 1 0
0 0 0 1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!

R
2
hR
1
R
2
R
3
R
1
R
3
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 3 1 2
0 3h h 2h
0 2 1 2
0 0 0 h
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
1 0 0 0
h 1 0 0
1 0 1 0
0 0 0 1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!

R
2
= R
3
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 3 1 2
0 2 1 2
0 3h h 2h
0 0 0 h
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
1 0 0 0
1 0 1 0
h 1 0 0
0 0 0 1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!

R
3
2R
3
3hR
2
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 3 1 2
0 2 1 2
0 0 h 2h
0 0 0 h
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
1 0 0 0
1 0 1 0
h 2 3h 0
0 0 0 1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
,
a questo punto si deduce che rank(A) = 4 se e solo se h = 0, quindi solo in questo caso esiste A
1
, assumiano
perci h = 0 e procediamo con la riduzione per ottenere la matrice inversa:

R
2

1
2
R
2
R
3

1
h
R
3
R
4

1
h
R
4
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 3 1 2
0 1
1
2
1
0 0 1 2
0 0 0 1
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
1 0 0 0

1
2
0
1
2
0
1
2
h
3 0
0 0 0
1
h
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!

R
2
R
2
+
1
2
R
3
R
1
R
1
R
3
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 3 0 0
0 1 0 0
0 0 1 2
0 0 0 1
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
0
2
h
3 0
0
1
h
1 0
1
2
h
3 0
0 0 0
1
h
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!

R
1
R
1
+ 3R
2
R
3
R
3
2R
4
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 0 0 0
0 1 0 0
0 0 1 0
0 0 0 1
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
0
1
h
0 0
0
1
h
1 0
1
2
h
3
2
h
0 0 0
1
h
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
,
A
1
si legge a destra nellultimo passaggio di riduzione.
Dipartimento di Matematica
48 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
3.5 La traccia di una matrice quadrata
Denizione 3.8 Sia A una matrice quadrata, di ordine n, ad elementi reali. Si denisce traccia di A, e si indica
con tr(A) la somma degli elementi della sua diagonale principale. Se A = (a
i j
) allora:
tr(A) = a
11
+ a
22
+ . . . + a
nn
= E
n
i=1
a
ii
. (3.11)
Si ha il seguente:
Teorema 3.8 1. tr(A + B) = tr(A) + tr(B);
2. tr(kA) = ktr(A);
3. tr(AB) = tr(BA),
per ogni A, B e
n,n
, per ogni k e .
Dimostrazione: quasi un esercizio ed riportata nel Capitolo 4
Come immediata conseguenza dellultimo punto del precedente teorema si ottiene:
tr(P
1
AP) = tr(A), (3.12)
per ogni A e
n,n
e per ogni matrice invertibile P di
n,n
, propriet che sar molto importante nel Capitolo 18.
3.6 Il Determinante
Scopo di questo paragrafo associare ad ogni matrice quadrata un numero particolare detto determinante della
matrice in modo da dimostrare il seguente:
Teorema 3.9 Una matrice quadrata A invertibile se e solo se il suo determinante non nullo.
Introdurremo la denizione di determinante in modo sperimentale senza troppo rigore matematico; per una
discussione precisa e per la dimostrazione di tutte le propriet si rimanda al Capitolo 23.
Il determinante di una matrice quadrata una funzione det :
n,n
che verica queste prime propriet:
1. Se a un numero reale, ossia una matrice quadrata di ordine 1, allora det a = a.
2. Se A = _
a
11
a
12
a
21
a
22
allora det A =
.
.
.
.
.
.
.
.
.
a
11
a
12
a
21
a
22
.
.
.
.
.
.
.
.
.
= a
11
a
22
a
12
a
21
.
Osservando con attenzione lo sviluppo del determinante nel caso della matrice quadrata di ordine 2, si nota che
compaiono 2 addendi, ciascuno dei quali il prodotto di due fattori, ciascuno dei quali inizia con la sequenza
(1, 2) seguita dalle 2 permutazioni di (1, 2): (1, 2) e (2, 1), la prima permutazione (pari) impone il segno positivo
alladdendo a
11
a
22
, la seconda permutazione (dispari) impone il segno negativo alladdendo a
12
a
21
.
Possiamo cos indovinare la legge del determinante di una matrice qualsiasi. Per capire meglio, controlliamo
ancora il suo sviluppo del determinante nel caso delle matrici di ordine 3. Lesempio che segue riassume, nel caso
particolare dellordine 3, la teoria dei determinanti delle matrici di ordine n che stiamo per esporre. Si consiglia
di studiarlo con grande attenzione e farne riferimento per dimostrare le propriet generali dei determinanti che
verranno man mano esposte.
Esempio 3.13 noto dal calcolo combinatorio che le permutazioni dei numeri 1, 2, 3 sono 3! = 6, tre di esse sono
pari (le permutazioni circolari) e precisamente: (1, 2, 3), (3, 1, 2), (2, 3, 1) e tre sono dispari: (1, 3, 2), (3, 2, 1), (2, 1, 3).
Universit di Torino
Capitolo 3 Matrici 49
Pi precisamente, se a partire dalla terna (1, 2, 3) si perviene alla terna (2, 1, 3) si effettuato uno scambio che
comporta un segno negativo associato alla permutazione (2, 1, 3); effettuati due scambi si ha segno positivo e cos
via. Per meglio visualizzare le permutazioni e contare il numero degli scambi intermedi in modo da ottenere il
segno della permutazione nale utile la classica notazione del calcolo combinatorio:
_
1 2 3
2 1 3
.
Infatti una permutazione di 1, 2, 3 non altro che una funzione biiettiva dallinsieme 1, 2, 3 in s.
Parafrasando lo sviluppo del determinante di una matrice quadrata di ordine 2, indoviniamo lo sviluppo del
determinate di una matrice quadrata di ordine 3, ponendo:
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
a
11
a
12
a
13
a
21
a
22
a
23
a
31
a
32
a
33
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
= a
11
a
22
a
33
+ a
13
a
21
a
32
+ a
12
a
23
a
31
a
11
a
23
a
32
a
13
a
22
a
31
a
12
a
21
a
33
= E

()a
1(1)
a
2(2)
a
3(3)
dove indica una qualsiasi permutazione dei numeri 1, 2, 3 e () il suo segno. Si osserva che, per costruzione,
ogni addendo contiene un elemento appartenente a ciascuna riga e a ciascuna colonna, in altri termini in ogni
addendo non esistono due elementi appartenenti ad una stessa riga o ad una stessa colonna.
Possiamo, quindi, enunciare la denizione di determinante di una matrice quadrata di ordine n.
Denizione 3.9 Il determinante di una matrice quadrata A = (a
i j
) di ordine n dato da:
det A = E

()a
1(1)
a
2(2)
. . . a
n(n)
, (3.13)
dove indica una qualsiasi permutazione dei numeri 1, 2, . . . , n e () il suo segno.
Da questa denizione di deducono le seguenti propriet.
Teorema 3.10 1. Sia A una matrice quadrata di ordine n avente una riga (oppure una colonna) formata da
tutti 0, allora det A = 0.
2. det A = det
t
A. Da questa propriet segue che ogni affermazione dimostrata per le righe di una matrice
anche valida per le colonne.
3. Se A e
n,n
una matrice triangolare superiore allora det A = a
11
a
22
. . . a
nn
, la stessa propriet vale nel
caso di una matrice triangolare inferiore.
Dimostrazione: 1. una ovvia conseguenza della Denizione 3.9 e dellosservazione nellEsempio 3.13.
2. Consideriamo il caso del determinante di una matrice di ordine 2, il caso generale una generalizzazione di
questo ragionamento. Come gi osservato, in questo caso: det A = a
11
a
12
a
12
a
21
, mentre
det
t
A =
.
.
.
.
.
.
.
.
.
a
11
a
21
a
12
a
22
.
.
.
.
.
.
.
.
.
= a
11
a
22
a
21
a
12
= a
11
a
12
a
12
a
21
= det A;
infatti il determinante della matrice trasposta si ottiene semplicemente applicando la propriet commutativa del
prodotto ad ogni addendo.
3. Dimostriamo per semplicit la propriet nel caso di A e
4,4
e lasciamo al lettore la dimostrazione nel caso
generale. Sia:
A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
a
11
a
12
a
13
a
14
0 a
22
a
23
a
24
0 0 a
33
a
34
0 0 0 a
44
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
,
Dipartimento di Matematica
50 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
dalla denizione di determinante (3.13) si ha:
det A = E

()a
1(1)
a
2(2)
a
3(3)
a
4(4)
.
Lunico elemento non nullo dellultima riga a
44
, quindi la formula precedente si riduce a:
det A = E

()a
1(1)
a
2(2)
a
3(3)
a
44
, (3.14)
con permutazione dei numeri 1, 2, 3. Di nuovo, lunico elemento non nullo di tale somma, appartenente alla
terza riga, a
33
, quindi (3.14) si riduce a:
det A = E

()a
1(1)
a
2(2)
a
33
a
44
con permutazione dei numeri 1, 2. Procedendo allo stesso modo si perviene alla tesi .
di importanza fondamentale il teorema che segue:
Teorema 3.11 Sia A una matrice quadrata di ordine n ridotta per righe, allora:
rank(A) = n = det A = 0 (3.15)
e, analogamente:
rank(A) < n = det A = 0. (3.16)
Dimostrazione: Ovvia dal fatto che il determinante di una matrice quadrata ridotta per righe data dal prodotto
degli elementi della diagonale principale, come osservato nel Teorema 3.10.
Il teorema che segue permette di estendere il risultato precedente ad una matrice qualsiasi.
Teorema 3.12 1. Moltiplicare il determinante di una matrice per un numero e equivale a moltiplicare
tutti gli elementi di una sua riga (o di una sua colonna) per .
2. Scambiare tra di loro due righe (o due colonne) di una matrice equivale a cambiare segno al suo determi-
nante.
3. Una matrice con due righe (o due colonne) uguali ha determinante nullo.
4. Se alla riga R
i
di una matrice si sostituisce la particolare combinazione lineare R
i
+ R
j
(dove R
j
indica
una riga parallela) il determinante non cambia, analoga propriet vale per le colonne.
Dimostrazione:
1. ovvio dalla denizione di determinante.
2. conseguenza della denizione di determinante e del fatto che lo scambio di due righe comporta il cam-
biamento di segno di ciascuna permutazione. Per esempio, nel caso della matrice quadrata di ordine 2 si
ha:
.
.
.
.
.
.
.
.
.
a
11
a
12
a
21
a
22
.
.
.
.
.
.
.
.
.
= a
11
a
22
a
12
a
21
,
invece
.
.
.
.
.
.
.
.
.
a
21
a
22
a
11
a
12
.
.
.
.
.
.
.
.
.
= a
21
a
12
a
22
a
11
= a
11
a
22
+ a
12
a
21
.
Universit di Torino
Capitolo 3 Matrici 51
3. Segue dalla propriet precedente, infatti scambiando le due righe (colonne) uguali si ottiene la stessa ma-
trice, se prima dello scambio il suo determinate era , dopo lo scambio esso diventer (per la propriet
precedente), ma poich la matrice non cambia = , da cui la tesi.
4. Calcoliamo il determinante di una matrice quadrata di ordine n mettendo in evidenza le sue righe e lopera-
zione richiesta.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
R
1
:
R
i
+ R
j
:
R
j
:
R
n
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
=
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
R
1
:
R
i
:
R
j
:
R
n
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
+
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
R
1
:
R
j
:
R
j
:
R
n
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
luguaglianza precedente una evidente conseguenza della denizione di determinante, quindi la tesi segue
dalla terza propriet .
Come ovvia conseguenza del teorema precedente si ha:
Teorema 3.13 Sia A una matrice quadrata di ordine n allora:
rank(A) = n = det A = 0 (3.17)
e, analogamente:
rank(A) < n = det A = 0. (3.18)
Osservazione 3.5 Quando si riduce una matrice quadrata allo scopo di calcolarne il determinante si pu procedere
(a differenza del caso del calcolo del rango) operando indifferentemente sia sulle righe sia sulle colonne.
Esercizio 3.4 Calcolare il determinante della seguente matrice, riducendola a forma triangolare superiore:
A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 1 2 1
3 1 1 2
2 2 2 1
1 0 1 1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
Per esempio si pu procedere come segue:
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
1 1 2 1
3 1 1 2
2 2 2 1
1 0 1 1
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

C
1
=C
2

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
1 1 2 1
1 3 1 2
2 2 2 1
0 1 1 1
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

R
2
R
2
+ R
1
R
3
R
3
+ 2R
1
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
1 1 2 1
0 4 3 3
0 4 2 3
0 1 1 1
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

R
3
R
3
R
2
R
4
R
4

1
4
R
2
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
1 1 2 1
0 4 3 3
0 0 1 0
0 0
1
4

7
4
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

R
3
R
3
R
4
4R
4

1
4
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
1 1 2 1
0 4 3 3
0 0 1 0
0 0 1 7
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

R
4
R
4
R
3

1
4
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
1 1 2 1
0 4 3 3
0 0 1 0
0 0 0 7
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
= 7
Dipartimento di Matematica
52 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
Il Teorema che segue stabilisce importanti propriet del determinante in relazione al prodotto di una matrice per
uno scalare, al prodotto di matrici e alla somma di matrici.
Teorema 3.14 1. det(A) =
n
det A, !A e
n,n
, ! e ;
2. Teorema di Binet: det(AB) = det Adet B, !A, B e
n,n
;
3. Se A una matrice invertibile, allora det A
1
= (det A)
1
;
4. In generale: det(A + B) = det A + det B con A, B e
n,n
.
Dimostrazione:
1. ovvia dalla Denizione 3.4 di prodotto di un numero reale per una matrice e dalla denizione (3.9) di
determinante.
2. Si tratta di una propriet sorprendente e di difcile dimostrazione. vera nel caso di matrici triangolari su-
periori, ricordando che il prodotto di due matrici triangolari superiori ancora una matrice dello stesso tipo
e che il determinante di una matrice triangolare superiore il prodotto degli elementi della diagonale princi-
pale (lo stesso anche vero nel caso delle matrici triangolari inferiori). Nel capitolo 18 si dimostrer questa
propriet nel caso delle matrici diagonalizzabili, ma solo nel Capitolo 23 si arriver ad una dimostrazione in
generale.
3. una conseguenza del Teorema di Binet applicato a AA
1
= I con I matrice unit. Si ha det Adet A
1
=
det I = 1 da cui la tesi. Si deduce, da tale propriet, che:
se A e
n,n
invertibile, allora det A = 0.
4. sufciente un controesempio, si considerino a questo scopo le matrici A = _
1 2
3 4
, B = _
1 2
4 5
.
3.6.1 I Teoremi di Laplace
Esempio 3.14 Consideriamo lo sviluppo del determinate di una matrice di ordine tre descritto nellEsempio 3.13
e svolgiamo qualche calcolo.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
a
11
a
12
a
13
a
21
a
22
a
23
a
31
a
32
a
33
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
= a
11
a
22
a
33
+ a
13
a
21
a
32
+ a
12
a
23
a
31
a
11
a
23
a
32
a
13
a
22
a
31
a
12
a
21
a
33
= a
11
(a
22
a
33
a
23
a
32
) a
12
(a
21
a
33
a
23
a
31
) + a
13
(a
21
a
32
a
22
a
31
)
= a
11
.
.
.
.
.
.
.
.
.
a
22
a
23
a
32
a
33
.
.
.
.
.
.
.
.
.
a
12
.
.
.
.
.
.
.
.
.
a
21
a
23
a
31
a
33
.
.
.
.
.
.
.
.
.
+ a
13
.
.
.
.
.
.
.
.
.
a
21
a
22
a
31
a
32
.
.
.
.
.
.
.
.
.
= a
31
.
.
.
.
.
.
.
.
.
a
12
a
13
a
22
a
23
.
.
.
.
.
.
.
.
.
a
32
.
.
.
.
.
.
.
.
.
a
11
a
13
a
21
a
23
.
.
.
.
.
.
.
.
.
+ a
33
.
.
.
.
.
.
.
.
.
a
11
a
12
a
21
a
22
.
.
.
.
.
.
.
.
.
a
12
.
.
.
.
.
.
.
.
.
a
21
a
23
a
31
a
33
.
.
.
.
.
.
.
.
.
+ a
22
.
.
.
.
.
.
.
.
.
a
11
a
13
a
31
a
33
.
.
.
.
.
.
.
.
.
a
32
.
.
.
.
.
.
.
.
.
a
11
a
13
a
21
a
23
.
.
.
.
.
.
.
.
.
Il calcolo precedente permette di indovinare una regola di calcolo del determinante, valida per le matrici di ordine
n. Per fare ci conviene introdurre alcune denizioni.
Denizione 3.10 Sia A = (a
i j
) e
n,n
, si chiama minore dellelemento a
i j
della matrice A il determinante M
i j
della matrice di ordine n 1 che si ottiene da A togliendo li -esima riga e la j -esima colonna.
Universit di Torino
Capitolo 3 Matrici 53
Esempio 3.15 Data la matrice
A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 2 3 4
5 6 7 8
9 10 11 12
1 2 3 4
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
il minore M
12
:
M
12
=
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
5 7 8
9 11 12
1 3 4
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
= 64.
Denizione 3.11 Sia A = (a
i j
) e
n,n
, si chiama cofattore o complemento algebrico dellelemento a
i j
il numero
C
i j
denito da:
C
i j
= (1)
i+j
M
i j
.
Esempio 3.16 NellEsempio 3.15 il cofattore dellelemento a
12
C
12
= M
12
= 64.
LEsempio 3.14 suggerisce il seguente importante teorema per il calcolo del determinante di una matrice quadrata.
Teorema 3.15 Primo Teorema di Laplace. Il determinante di una matrice quadrata A = (a
i j
) e
n,n
dato da:
det A = E
n
k=1
a
ik
C
ik
= E
n
h=1
a
h j
C
h j
. (3.19)
In altri termini, ssata la riga i -esima, det A si ottiene moltiplicando gli elementi di tale riga per i rispettivi
cofattori, inoltre tale calcolo non dipende dalla riga scelta. Lultimo membro di (3.19) afferma che tale propriet
vale anche per la j -esima colonna.
Dimostrazione: un calcolo che segue da (3.13), allo stesso modo con cui stato condotto nellEsempio 3.14.
Esempio 3.17 Usiamo il Primo Teorema di Laplace per calcolare il determinante della matrice oggetto dellEser-
cizio 3.4. La presenza del numero 0 al posto (42) di tale matrice suggerisce di sviluppare il determinante rispetto
alla seconda colonna oppure rispetto alla quarta riga. Scriviamo esplicitamente entrambi i calcoli:
det A =
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
3 1 2
2 2 1
1 1 1
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
+
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
1 2 1
2 2 1
1 1 1
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
2
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
1 2 1
3 1 2
1 1 1
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
= _3
.
.
.
.
.
.
.
.
.
2 1
1 1
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
2 1
1 1
.
.
.
.
.
.
.
.
.
+ 2
.
.
.
.
.
.
.
.
.
2 2
1 1
.
.
.
.
.
.
.
.
.
_
+_
.
.
.
.
.
.
.
.
.
2 1
1 1
.
.
.
.
.
.
.
.
.
2
.
.
.
.
.
.
.
.
.
2 1
1 1
.
.
.
.
.
.
.
.
.
+
.
.
.
.
.
.
.
.
.
2 2
1 1
.
.
.
.
.
.
.
.
.
_
2 _
.
.
.
.
.
.
.
.
.
1 2
1 1
.
.
.
.
.
.
.
.
.
2
.
.
.
.
.
.
.
.
.
3 2
1 1
.
.
.
.
.
.
.
.
.
+
.
.
.
.
.
.
.
.
.
3 1
1 1
.
.
.
.
.
.
.
.
.
_
=
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
1 2 1
1 1 2
2 2 1
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
1 1 1
3 1 2
2 2 1
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
1 1 2
3 1 1
2 2 2
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
,
si lascia la conclusione dei calcoli al lettore, osservando per che la determinazione dello stesso determinante
condotta nellEsercizio 3.4 stato molto pi agevole.
Teorema 3.16 Secondo Teorema di Laplace. In una matrice quadrata A = (a
i j
) e
n,n
la somma dei prodotti
degli elementi di una riga (o colonna) per i cofattori di una riga (o una colonna) parallela zero, in formule:
E
n
k=1
a
ik
C
jk
= E
n
h=1
a
hi
C
h j
= 0, i = j. (3.20)
Dipartimento di Matematica
54 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
Dimostrazione: una evidente conseguenza del Teorema 3.12, secondo punto, infatti (3.20) si pu interpretare
come lo sviluppo del determinante di un matrice in cui, nel primo caso, la riga j -esima coincide con la riga
i -esima e nel secondo caso, la colonna j -esima coincide con la riga i -esima .
3.6.2 Calcolo della matrice inversa, secondo metodo
In questo paragrafo si introdurr un altro metodo di calcolo della matrice inversa A
1
di una matrice data A,
facendo uso della nozione di determinante. Iniziamo, a tale, scopo, con la denizione di una matrice particolare
associata ad una qualsiasi matrice quadrata A.
Denizione 3.12 Data A e
n,n
, si consideri la matrice B = (C
i j
) e
n,n
avente ordinatamente come elementi i
cofattori di A, la trasposta di tale matrice prende il nome di aggiunta di A e si indica con adj(A).
Esempio 3.18 Data:
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 2 3
1 2 5
0 1 2
\
.
.
.
.
.
.
!
la sua aggiunta
adj(A) =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 1 4
2 2 8
1 1 4
\
.
.
.
.
.
.
!
.
Teorema 3.17 Sia A una matrice quadrata di ordine n, se det A = 0 allora esiste linversa di A e:
A
1
=
1
det A
adj(A). (3.21)
Dimostrazione: Sia B = (b
i j
) =
1
det A
adj(A), il teorema dimostrato se AB = (c
i j
) = I , in altri termini se c
i j
=
i j
,
dove
i j
il simbolo di Kronecker, ossia
ii
= 1 e
i j
= 0, i = j . Calcoliamo:
c
ii
= E
n
k=1a
ik
b
ik
=
1
det A
E
n
k=1a
ik
C
ik
=
1
det A
det A = 1;
la precedente uguaglianza segue dal Primo Teorema di Laplace.
c
i j
= E
n
k=1a
ik
b
jk
=
1
det A
E
n
k=1a
ik
C
jk
= 0
per il Secondo Teorema di Laplace .
Osservazione 3.6 Il Teorema precedente, insieme con il Teorema 3.14 e il Teorema 3.11 permettono di concludere
che, nel caso di una matrice quadrata A e
n,n
:
A
1
= det A = 0 = rank(A) = n. (3.22)
Esempio 3.19 agevole applicare il metodo di calcolo della matrice inversa appena introdotto nel caso di una
matrice quadrata di ordine 2, infatti se
A = _
a
11
a
12
a
21
a
22

e det A = 0 allora:
A
1
=
1
det A
.
.
.
.
.
.
.
.
.
a
22
a
12
a
21
a
11
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
Universit di Torino
Capitolo 3 Matrici 55
Esempio 3.20 Considerata la matrice A descritta nellEsempio 3.2, calcoliamone linversa usando il procedimento
descritto. Si tratta di calcolarne il determinante e poi 16 determinanti di matrici quadrate di ordine 3, quindi la
matrice aggiunta. Si ottiene:
A
1
=
1
det A
adj(A) =
1
10
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
8 6 2 2
15 0 10 0
5 0 0 0
8 8 2 2
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
3.6.3 Il Teorema di Cramer
conseguenza del paragrafo precedente un metodo di calcolo che permette di risolvere i sistemi lineari che hanno
il numero delle equazioni pari al numero delle incognite, del tipo:
|
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
'
a
11
x
1
+ a
12
x
2
+ . . . . . . + a
1n
x
n
= b
1
a
21
x
1
+ a
22
x
2
+ . . . . . . + a
2n
x
n
= b
2
:
a
n1
x
1
+ a
n2
x
2
+ . . . . . . + a
nn
x
n
= b
n
.
(3.23)
La matrice dei coefcienti A = (a
i j
) e
n,n
quadrata, se det A = 0 allora il sistema (3.23) compatibile (questa
affermazione segue dal Teorema 1.2 di RouchCapelli), in notazione matriciale (cfr. Paragrafo 3.2.1) (3.23)
diventa:
AX = B, (3.24)
dove X e
n,1
la matrice dei coefcienti e B e
n,1
. Poich det A = 0, A invertibile, possiamo moltiplicare
ambo i membri di (3.24) per A
1
, ottenendo cos:
X = A
1
B. (3.25)
Dal Teorema 3.17, sostituendo lespressione di A
1
, si ha:
X =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
x
1
x
2
:
x
n
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
=
1
det A
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
C
11
C
21
. . . C
n1
C
12
C
22
. . . C
n2
: : :
C
1n
C
2n
. . . C
nn
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
b
1
b
2
:
b
n
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
da cui, uguagliando, si ricava:
x
1
=
1
det A
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
b
1
a
12
. . . a
1n
b
2
a
22
. . . a
2n
: : :
b
n
a
n2
. . . a
nn
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
e, in generale:
x
i
=
1
det A
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
a
11
a
12
. . . b
1
. . . a
1n
a
21
a
22
. . . b
2
. . . a
2n
: : : : : :
a
n1
a
n2
. . . b
n
. . . a
nn
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
,
dove li -esima colonna quella dei termini noti. La formula precedente, che permette di determinare le soluzioni
(una per volta) del sistema lineare del tipo (3.23) avente det A = 0, nota come Teorema di Cramer.
Esempio 3.21 Dato il sistema lineare:
|
.
.
.

.
.
.
'
2x
1
x
2
+ x
3
= 0
3x
1
+ 2x
2
5x
3
= 1
x
1
+ 3x
2
2x
3
= 4
il determinante della matrice dei coefcienti:
Dipartimento di Matematica
56 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
det A =
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
2 1 1
3 2 5
1 3 2
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
= 28 = 0
quindi esiste una sola soluzione che pu essere determinata usando il Teorema di Cramer nel modo seguente:
x
1
=
1
28
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
0 1 1
1 2 5
4 3 2
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
, x
2
=
1
28
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
2 0 1
3 1 5
1 4 2
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
, x
3
=
1
28
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
2 1 0
3 2 1
1 3 4
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
Non difcile osservare che il il Teorema di Cramer, appena dimostrato nel caso dei sistemi lineari compatibili,
aventi per lo stesso numero di equazioni e di incognite, pu essere agevolmente esteso anche ad un qualsiasi
sistema lineare compatibile, infatti vale il Teorema seguente.
Teorema 3.18 Ogni sistema lineare compatibile di Cramer.
Dimostrazione: Sia AX = B un sistema compatibile con A e
m,n
, X e
n,1
, B e
n,1
e sia r = rank(A, B). Non
restrittivo supporre che le prime r righe della matrice completa siano l.i. (eventualmente permutando lordine
delle equazioni). Supponiamo, quindi, di avere un sistema equivalente ad AX = B con matrice completa (A

, B

).
Dalla matrice A

possibile estrarre una matrice quadrata C di ordine r con determinante non nullo. Portando a
secondo membro le colonne di A

diverse da quelle di C si ottiene la matrice completa di un sistema di Cramer .


Esempio 3.22 Si consideri il sistema lineare:
_
x + 3y + z = 1
x + 2y z = 0,
osservato che il rango della matrice dei coefcienti 2 e assunta z come incognita libera, il sistema dato si pu
scrivere:
_
x + 3y = z 1
x + 2y = z.
Tale sistema (quadrato) di Cramer perch
.
.
.
.
.
.
.
.
.
1 3
1 2
.
.
.
.
.
.
.
.
.
= 5. Le soluzioni sono:
x =
.
.
.
.
.
.
.
.
.
z 1 3
z 2
.
.
.
.
.
.
.
.
.
5
= z
2
5
, y =
.
.
.
.
.
.
.
.
.
1 z 1
1 z
.
.
.
.
.
.
.
.
.
5
=
1
5
.
Universit di Torino
Capitolo 4
Per saperne di pi sulle matrici
Esercizio 4.1 Si dimostri che:
(AB)C = A(BC), !A e
m,n
, !B e
n,p
, !C e
p,l
.
Soluzione: Siano A = (a
i j
) e
m,n
, B = (b
i j
) e
n,p
, C = (c
i j
) e
p,l
; Allora AB = (d
i j
) e
m,p
e d
i j
=
E
n
k=1a
ik
b
k j
. (AB)C = (e
i j
) e
m,l
con e
i j
= E
p
h=1d
ih
c
h j
= E
p
h=1(E
n
k=1a
ik
b
kh
)c
h j
= E
p
h=1E
n
k=1a
ik
b
kh
c
h j
che lespres-
sione del generico elemento della matrice a primo membro. Per il secondo membro si ha: BC = ( f
i j
) e
n,l
con
f
i j
= E
p
h=1b
ih
c
h j
, quindi: A(BC) = (g
i j
) e
m,l
dove g
i j
= E
n
k=1a
ik
f
k j
= E
n
k=1a
ik
(E
p
h=1b
kh
c
h j
) = E
n
k=1E
p
h=1a
ik
b
kh
c
h j
,
da cui segue la tesi.
Esercizio 4.2 Si dimostri che:
t
(AB) =
t
B
t
A, !A e
n,p
, !B e
p,m
.
Soluzione: Date la matrici A = (a
i j
), i = 1, . . . , n, j = 1, . . . , p e B = (b
i j
), i = 1, . . . , p, j = 1, . . . , m, il loro
prodotto la matrice C = AB = (c
i j
), i = 1, . . . , n, j = 1, . . . , m di
n,m
dove c
i j
= E
p
k=1a
ik
b
k j
. La matrice a primo
membro
t
(AB) = (d
i j
), i = 1, . . . , m, j = 1, . . . , n di
m,n
ha elementi del tipo: d
i j
= c
ji
= E
p
k=1a
jk
b
ki
.
La matrice
t
A = (e
i j
), i = 1, . . . , p, j = 1, . . . , n di
p,n
ha elementi del tipo: e
i j
= a
ji
. La matrice
t
B = ( f
i j
), i =
1, . . . , m, j = 1, . . . , p di
m,p
ha elementi del tipo: f
i j
= b
ji
. La matrice prodotto
t
B
t
A = (g
i j
, i = 1, . . . , m, j =
1, . . . , n di
m,n
ha elementi del tipo: g
i j
= E
p
k=1 f
ik
e
k j
= E
p
k=1b
ki
a
jk
= E
p
k=1a
jk
b
ki
, da cui la tesi.
Esercizio 4.3 Si dimostri che:
(
t
A)
1
=
t
(A
1
),
per ogni matrice invertibile A e
n,n
.
Soluzione: Si tratta di dimostrare che
t
(A
1
) linversa di (
t
A), infatti:
t
(A
1
)(
t
A) =
t
(AA
1
) =
t
I = I.
Esercizio 4.4 Dimostrare le principali propriet delle matrici ortogonali.
Soluzione: Il prodotto di due matrici ortogonali una matrice ortogonale, infatti se
t
AA = I e
t
BB = I , allora
t
(AB)(AB) =
t
B(
t
AA)B =
t
BB = I .
In modo analogo si dimostra che linversa di una matrice ortogonale una matrice ortogonale.
Da
t
A = A
1
segue A =
t
(A
1
) da cui si ottiene che anche
t
A una matrice ortogonale.
57
58 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
Il determinante di una matrice ortogonale vale 1, infatti da
t
AA = I segue det(A)
2
= 1. Daltra parte esistono
matrici aventi determinante 1 senza essere ortogonali, per esempio: _
1 1
0 1
.
Si osservi che la matrice unit I ortogonale, ma 2I non lo , quindi linsieme delle matrici ortogonali non
chiuso rispetto alla somma, ovviamente neanche rispetto al prodotto per scalari.
Esercizio 4.5 Dimostrare che:
tr(AB) = tr(BA), !A, B e
n,n
.
Soluzione: Gli elementi della diagonale principale del prodotto AB sono c
ii
= E
n
h=1a
ih
b
hi
, quindi:
tr(AB) = E
n
l=1
c
ll
= E
n
h,l=1
a
lh
b
hl
.
Daltra parte, siano d
ii
gli elementi della diagonale principale del prodotto BA, si ha: d
ii
= E
n
k=1b
ik
a
ki
, la traccia
diventa:
tr(BA) = E
n
m=1
d
mm
= E
n
m,k=1
b
mk
a
km
da cui segue la tesi.
Universit di Torino
Capitolo 5
Matrici e Determinanti Esercizi
5.1 Esercizi
[1] Dopo aver vericato che la matrice:
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 2 0
1 2 2
1 1 1
\
.
.
.
.
.
.
!
invertibile, calcolare A
1
.
[2] Dopo aver vericato che la matrice:
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 3 1
2 1 1
2 1 0
\
.
.
.
.
.
.
!
invertibile, calcolare A
1
.
[3] Data la matrice:
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 2 3
0 1 2
1 4 h
\
.
.
.
.
.
.
!
,
al variare del parametro reale h discutere lesistenza della matrice A
1
e calcolarla, quando possibile, usando
due metodi diversi.
[4] Data la matrice:
A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 3 1 2
h 0 0 0
1 1 0 0
0 0 0 h
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
,
determinare i valori di h per cui A invertibile, e in questi casi, scrivere A
1
.
[5] i) Stabilire per quali valori di h e la matrice:
A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 2 1 1
2 1 0 0
0 1 1 h
3 2 1 1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
59
60 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
invertibile.
ii) Posto h = 0, determinare linversa di A.
[6] Stabilire per quali valori di h e la matrice:
A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 h 1 0
0 1 2 1
h + 1 0 0 0
0 2 1 3
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
invertibile.
Calcolare il determinante delle seguenti matrici, riducendole, eventualmente, a forma triangolare superiore.
[7] A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 2 1 3
4 1 0 0
2 1 1 0
1 0 2 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
[8] A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 2 3 4 1
5 2 6 0 1
2 3 4 1 7
0 1 2 3 4
1 1 0 0 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
[9] A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 0 0 1 2
1 3 2 1 0
4 3 2 1 5
1 1 2 1 3
0 2 3 1 4
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
[10] A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 2 3 4
2 3 4 1
3 4 1 2
4 1 2 3
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
[11] A =
(
.
.
.
.
.
.
'
k + 1 k + 2 k + 3
1 2 3
1 2k 2 2k 3 2k
\
.
.
.
.
.
.
!
.
[12] A =
(
.
.
.
.
.
.
'
x x 1 x 2
1 x 2 x 3 x
4 5 6
\
.
.
.
.
.
.
!
.
Universit di Torino
Capitolo 5 Matrici e Determinanti Esercizi 61
[13] Date le matrici:
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 1 0
1 0 1
0 1 a
2
2
\
.
.
.
.
.
.
!
, X =
(
.
.
.
.
.
.
'
x
1
x
2
x
2
\
.
.
.
.
.
.
!
, B =
(
.
.
.
.
.
.
'
2
3
a
\
.
.
.
.
.
.
!
,
determinare le soluzioni del sistema lineare AX = B, al variare di a in . Quando possibile effettuare il calcolo
delle soluzioni anche usando il Teorema di Cramer.
[14] Date le matrici:
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
2 3 1
1 a
2
14 4
1 5 3
\
.
.
.
.
.
.
!
, X =
(
.
.
.
.
.
.
'
x
1
x
2
x
2
\
.
.
.
.
.
.
!
, B =
(
.
.
.
.
.
.
'
4
a + 2
2
\
.
.
.
.
.
.
!
,
determinare le soluzioni del sistema lineare AX = B, al variare di a in . Quando possibile effettuare il calcolo
delle soluzioni anche usando il Teorema di Cramer.
[15] Date le matrici:
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
2 3 2 1
4 6 1 2
6 9 1 1
\
.
.
.
.
.
.
!
, X =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
x
1
x
2
x
3
x
4
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
,
B
1
=
(
.
.
.
.
.
.
'
1
2
0
\
.
.
.
.
.
.
!
, B
2
=
(
.
.
.
.
.
.
'
1
2
3
\
.
.
.
.
.
.
!
, B
3
=
(
.
.
.
.
.
.
'
0
0
0
\
.
.
.
.
.
.
!
,
determinare le soluzioni dei sistemi lineari AX = B
1
, AX = B
2
, AX = B
3
.
[16] Determinare le soluzioni del seguente sistema lineare, al variare di h in campo reale:
(
.
.
.
.
.
.
'
1 2h 3 2h
2
1 h 2
1 h 1 h
2
\
.
.
.
.
.
.
!
(
.
.
.
.
.
.
'
x
1
x
2
x
3
\
.
.
.
.
.
.
!
=
(
.
.
.
.
.
.
'
2h
1
h
\
.
.
.
.
.
.
!
, h e .
[17] Al variare dei parametri reali h e k, determinare, quando esiste, una matrice X tale che:
XA = B,
dove:
A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 2
0 1
3 5
0 h
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
, B =
(
.
.
.
.
.
.
'
3 1
1 2
k 0
\
.
.
.
.
.
.
!
.
[18] Al variare dei parametri reali h e k, determinare, quando esiste, una matrice X tale che:
XA = B,
dove:
A = _
1 2 3
1 h 2h
, B =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 1 1
2 1 0
3 0 k
0 0 k
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
Dipartimento di Matematica
62 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
[19] Si considerino le seguenti matrici:
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
5 1 0
3 0 1
4 1 3
\
.
.
.
.
.
.
!
, B =
(
.
.
.
.
.
.
'
2 1
2 0
h k
\
.
.
.
.
.
.
!
h, k e ,
stabilire per quali valori di h, k e lequazione matriciale AX = B compatibile e determinare, quando
possibile, le soluzioni di tale equazione.
[20] Al variare del parametro e , discutere e risolvere, quando possibile, lequazione matriciale AX = B,
dove:
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 1
0 2 1
0 1
\
.
.
.
.
.
.
!
, B =
(
.
.
.
.
.
.
'
1
0 1
+ 2 0
\
.
.
.
.
.
.
!
.
[21] Al variare del parametro e , discutere e risolvere, quando possibile, lequazione matriciale AX = B,
dove:
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
1
1 2
1
\
.
.
.
.
.
.
!
, B =
(
.
.
.
.
.
.
'
1
0 0
+ 2 0
\
.
.
.
.
.
.
!
.
[22] Stabilire per quali valori di h e k in le seguenti equazioni matriciali:
AX = B, X

A = B,
dove:
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
3 1
1 2
2 h
\
.
.
.
.
.
.
!
, B =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 1 1
0 1 3
0 k h + k
\
.
.
.
.
.
.
!
,
sono compatibili. Determinare, quando possibile, le loro soluzioni.
[23] Date le matrici:
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
2 1
h 2
1 0
\
.
.
.
.
.
.
!
, B =
(
.
.
.
.
.
.
'
3 1 k
2 0 3
4 k 1
\
.
.
.
.
.
.
!
determinare, al variare di h, k e , le soluzioni dellequazione matriciale AX = B.
[24] Al variare di , e , discutere e risolvere, quando possibile, lequazione matriciale:
AX = B,
dove:
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 2 1 3
0 3 1 5
1 0 8
\
.
.
.
.
.
.
!
, B =
(
.
.
.
.
.
.
'
2 1
0 1
3 0
\
.
.
.
.
.
.
!
.
[25] Date le matrici:
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 1 2 3
1 0 5 6
3 h 1 0
\
.
.
.
.
.
.
!
, B =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 1
5 3
k 1
\
.
.
.
.
.
.
!
,
determinare, al variare di h, k e , le soluzioni dellequazione AX = B.
Universit di Torino
Capitolo 5 Matrici e Determinanti Esercizi 63
[26] Risolvere la seguente equazione matriciale: AX = B, dove:
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 1
2 k
1 h
\
.
.
.
.
.
.
!
, B =
(
.
.
.
.
.
.
'
0 1
1 1
0 k
\
.
.
.
.
.
.
!
, h, k e .
[27] Risolvere la seguente equazione matriciale: AX = B, dove:
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 1
h 1
1 + k 3
\
.
.
.
.
.
.
!
, B =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 0
k 0
0 1
\
.
.
.
.
.
.
!
, h, k e .
[28] Stabilire per quali valori di h e k in le seguenti equazioni matriciali:
AX = B, X

A = B,
dove:
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 0 1
2 1 3
4 h k
\
.
.
.
.
.
.
!
, B =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 3
1 0
3h 6
\
.
.
.
.
.
.
!
sono compatibili. Determinare, quando possibile, le loro soluzioni.
[29] Risolvere, in campo reale, lequazione matriciale AX = B, dove:
A = _
2 1 1
1 0 5
, B = _
2 5 8 1
6 7 7 9
.
5.2 Soluzioni
[1]
A = {{1,2,0},{-1,2,2},{1,-1,-1}};
Det[A]
2
MatrixForm[Inverse[A]]

0 1 2
1
2
-
1
2
-1
-
1
2
3
2
2
|

det A = 2, A
1
=
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 1 2
1
2

1
2
1

1
2
3
2
2
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
Dipartimento di Matematica
64 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
[2]
A = {{1,3,-1},{2,1,-1},{2,-1,0}};
Det[A]
-3
MatrixForm[Inverse[A]]

1
3
-
1
3
2
3
2
3
-
2
3
1
3
4
3
-
7
3
5
3
|

det A = 3, A
1
=
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1
3

1
3
2
3
2
3

2
3
1
3
4
3

7
3
5
3
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
[3]
A = {{1,2,3},{0,1,2},{-1,4,h}};
Solve[Det[A] == 0]
{{h - 9]]
MatrixForm[Inverse[A]]

-8 + h
-9 + h
12 - 2 h
-9 + h
1
-9 + h
-
2
-9 + h
3 + h
-9 + h
-
2
-9 + h
1
-9 + h
-
6
-9 + h
1
-9 + h
|

Esiste A
1
per ogni h = 9;
A
1
=
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
8 + h
9 + h
12 2h
9 + h
1
9 + h
2
9 + h
3 + h
9 + h
2
9 + h
1
9 + h
6
9 + h
1
9 + h
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
Universit di Torino
Capitolo 5 Matrici e Determinanti Esercizi 65
[4]
A = {{1,-3,1,2},{h,0,0,0},{1,-1,0,0},{0,0,0,h}};
Solve[Det[A] == 0]
{{h - 0],{h - 0]]
MatrixForm[Inverse[A]]

0
1
h
0 0
0
1
h
-1 0
1
2
h
-3 -
2
h
0 0 0
1
h
|

Esiste A
1
per ogni h = 0;
A
1
=
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0
1
h
0 0
0
1
h
1 0
1
2
h
3
2
h
0 0 0
1
h
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
[5]
A = {{1,2,1,1},{2,1,0,0},{0,1,1,h},{3,2,1,1}};
Solve[Det[A] == 0]
{{h - 1]]
MatrixForm[Inverse[A/.h - 0]]

-
1
2
0 0
1
2
1 1 0 -1
-1 -1 1 1
1
2
-1 -1
1
2
|

i) Esiste A
1
per ogni h = 1;
ii) A
1
=
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'

1
2
0 0
1
2
1 1 0 1
1 1 1 1
1
2
1 1
1
2
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
Dipartimento di Matematica
66 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
[6]
A = {{0,h,1,0},{0,1,2,1},{h + 1,0,0,0},{0,2,1,3}};
Solve[Det[A] == 0]
{h - -1],h -
1
5

A invertibile per h / e _1,


1
5
_.
[7]
A = {{0,2,-1,-3},{4,1,0,0},{2,-1,1,0},{1,0,-2,0}};
Det[A]
39
det A = 39.
[8]
A = {{1,2,3,4,-1},{5,-2,6,0,-1},
{2,-3,4,-1,7},{0,1,2,3,4},{1,-1,0,0,0}};
Det[A]
93
det A = 93.
[9]
A = {{0,0,0,1,2},{1,3,2,-1,0},
{4,3,2,1,5},{1,-1,2,1,3},{0,2,3,-1,4}};
Det[A]
99
det A = 99.
[10]
A = {{1,-2,3,-4},{-2,3,-4,1},{3,-4,1,-2},{-4,1,-2,3}};
Det[A]
160
det A = 160.
[11]
A = {{k + 1,k + 2,k + 3},{1,2,3},{1 - 2k,2 - 2k,3 - 2k}};
Det[A]
0
det A = 0.
Universit di Torino
Capitolo 5 Matrici e Determinanti Esercizi 67
[12]
A = {{x,x - 1,x - 2},{1 - x,2 - x,3 - x},{4,5,6}};
Det[A]
0
det A = 0.
[13]
A = {{1,1,0},{1,0,-1},{0,-1,a2 - 2}};
X = {x1,x2,x3}; B = {2,3,a};
Reduce[A.X == B,X]
a == 1&&x1 == 3 + x3&&x2 == -1 - x3||
x1 ==
4 + 3 a
1 + a
&&x2 ==
-2 - a
1 + a
&&x3 ==
1
1 + a
&& - 1 + a = 0&&1 + a = 0
Se a / e 1, 1: esiste una sola soluzione;
se a = 1: non esistono soluzioni;
se a = 1: esistono innite soluzioni che dipendono da unincognita libera.
[14]
A = {{2,-3,1},{1,a2 - 14,4},{-1,5,3}};
X = {x1,x2,x3}; B = {4,a + 2,2};
Reduce[A.X == B,X]
a == 4&&x1 ==
2
7
5 + 7 x2)&&x3 ==
1
7
8 - 7 x2)||
x1 ==
2 27 + 5 a)
7 4 + a)
&&x2 ==
1
4 + a
&&x3 ==
25 + 8 a
7 4 + a)
&& - 4 + a = 0&&4 + a = 0
Se a = 4: esiste una sola soluzione;
se a = 4: non esistono soluzioni;
se a = 4: esistono innite soluzioni che dipendono da unincognita libera.
[15]
A = {{2,-3,-2,1},{4,-6,1,-2},{6,-9,-1,-1}};
X = {x1,x2,x3,x4}; B1 = {1,2,0};B2 = {1,2,3}; B3 = {0,0,0};
Reduce[A.X == B1,X]
False
Reduce[A.X == B2,X]
x1 ==
1
10
5 + 15 x2 + 3 x4)&&x3 ==
4 x4
5
Reduce[A.X == B3,X]
x1 ==
3
10
5 x2 + x4)&&x3 ==
4 x4
5
AX = B
1
incompatibile, AX = B
2
ammette innite soluzioni (non nulle) che dipendono da due incognite libere:
Dipartimento di Matematica
68 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
X =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
3
2
1
0
0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!

1
+
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
3
10
0
4
5
1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!

2
+
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1
2
0
0
0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
,
1
,
2
e .
AX = B
3
ammette innite soluzioni (compresa la soluzione nulla) che dipendono da due incognite libere:
X =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
3
2
1
0
0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!

1
+
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
3
10
0
4
5
1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!

2
,
1
,
2
e .
[16]
Reduce[{{-1,2h,3 - 2h2},{1,h,2},{-1,h,1 - h2}}.{x1,x2,x3} ==
{2h,1,h},{x1,x2,x3}]
h == 1&&x1 == -x3&&x2 == 1 - x3||
x1 ==
1
1 + h
&&x2 ==
2 + h
h 1 + h)
&&x3 ==
1
-1 - h
&& - 1 + h = 0&&h = 0&&1 + h = 0
Se h / e 1, 0, 1: x
1
=
1
1 + h
, x
2
=
2 + h
h(1 + h)
, x
3
=
1
1 h
;
se h = 1: x
1
= t, x
2
= 1 t, x
3
= t, t e .
se h = 1 e h = 0 il sistema incompatibile.
[17]
a = {{1,2},{0,1},{3,5},{0,h}}; b = {{3,1},{-1,2},{k,0}};
x = {{x1,x2,x3,x4},{x5,x6,x7,x8},{x9,x10,x11,x12}};
Reduce[Transpose[a].Transpose[x] == Transpose[b]]
k == 3 x11 + x9&&x1 == -3 -1 + x3)&&x10 == -5 x11 - h x12 - 2 x9&&
x2 == -5 + x3 - h x4&&x5 == -1 - 3 x7&&x6 == 4 + x7 - h x8
X =
(
.
.
.
.
.
.
'
3 3a 5 + a hd a d
1 3b 4 + b he b e
k 3c 2k + c hf c f
\
.
.
.
.
.
.
!
, a, b, c, d, e, f , h, k e .
[18]
a = {{1,2,3},{-1,h,2h}};
b = {{0,1,-1},{-2,1,0},{-3,0,k},{0,0,k}};
x = {{x1,x2},{x3,x4},{x5,x6}};
Reduce[Transpose[a].Transpose[x] == Transpose[b]]
False
Lequazione matriciale incompatibile, per ogni h, k e .
Universit di Torino
Capitolo 5 Matrici e Determinanti Esercizi 69
[19]
a = {{5,1,0},{3,0,1},{4,-1,3}};
b = {{2,1},{2,0},{h,k}}; x = {{x1,x2},{x3,x4},{x5,x6}};
Reduce[a.x == b]
h == 4&&k == -1&&x3 == 2 - 5 x1&&x4 == 1 - 5 x2&&x5 == 2 - 3 x1&&x6 == -3 x2
Se h = 4 o k = 1: non esistono soluzioni;
se h = 4 e k = 1: lequazione matriciale ha innite soluzioni che dipendono da un vettore libero:
X =
(
.
.
.
.
.
.
'
a b
2 5a 1 5b
2 3a 3b
\
.
.
.
.
.
.
!
, a, b e .
[20]
a = {{l,1,-1},{0,2,1},{0,1,l}};
b = {{l,1},{0,1},{l + 2,0}};x = {{x1,x2},{x3,x4},{x5,x6}};
Reduce[a.x == b]
x1 ==
2 3 + l + l
2
)
l -1 + 2 l)
&&x2 ==
-2 + l
l -1 + 2 l)
&&
x3 ==
-2 - l
-1 + 2 l
&&x4 ==
l
-1 + 2 l
&&x5 ==
2 2 + l)
-1 + 2 l
&&x6 ==
1
1 - 2 l
Se e _0,
1
2
_: non esistono soluzioni;
se / e _0,
1
2
_: allora X =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
2(
2
+ + 3)
(1 2)
2
(1 2)
+ 2
1 2

1 2
2( + 2)
1 2
1
1 2
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
[21]
a = {{l,1},{1,2},{-1,l}};
b = {{l,1},{0,0},{l + 2,0}}; x = {{x1,x2},{x3,x4}};
Reduce[a.x == b]
l == -2&&x1 ==
4
5
&&x2 == -
2
5
&&x3 == -
2
5
&&x4 ==
1
5
Se = 2: non esistono soluzioni;
se = 2: X =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
4
5

2
5

2
5
1
5
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
Dipartimento di Matematica
70 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
[22]
a = {{3,-1},{1,2},{2,h}}; b = {{1,1,-1},{0,1,3},{0,k,h + k}};
x = {{x1,x2,x3},{x4,x5,x6}};
Reduce[a.x == b]
h == 4&&k == 2&&x1 ==
2
7
&&x2 ==
3
7
&&
x3 ==
1
7
&&x4 == -
1
7
&&x5 ==
2
7
&&x6 ==
10
7
Se h = 4 o k = 2: lequazione matriciale AX = B incompatibile;
se h = 4 e k = 2: X =
1
7
_
2 3 1
1 2 10
.
Lequazione X

A = B priva di signicato.
[23]
a = {{2,-1},{h,2},{1,0}}; b = {{3,-1,k},{-2,0,-3},{4,-k,1}};
x = {{x1,x2,x3},{x4,x5,x6}};
Reduce[a.x == b]
h == -3&&k == 2&&x1 == 4&&
x2 == -2&&x3 == 1&&x4 == 5&&x5 == -3&&x6 == 0
Se h = 3 o k = 2: lequazione matriciale incompatibile;
se h = 3 e k = 2: X = _
4 2 1
5 3 0
.
[24]
a = {{1,2,1,-3},{0,3,1,5},{1,l,0,-8}};
b = {{2,1},{0,1},{m - 3,0}};
x = {{x1,x2},{x3,x4},{x5,x6},{x7,x8}};
Reduce[a.x == b]
l == -1&&m == 5&&x1 == 2 + x3 + 8 x7&&
x2 == x4 + 8 x8&&x5 == -3 x3 - 5 x7&&x6 == 1 - 3 x4 - 5 x8||
m == 5 + x3 + l x3&&x1 == 2 + x3 + 8 x7&&x2 == 8 x8&&
x4 == 0&&x5 == -3 x3 - 5 x7&&x6 == 1 - 5 x8&&1 + l = 0
Se = 1: lequazione matriciale ammette innite soluzioni che dipendono da un vettore libero:
X
4
= (a, b), a, b e ;
se = 1, = 5: non esistono soluzioni;
se = 1, = 5: esistono innite soluzioni che dipendono da due vettori liberi:
X
4
= (a, b), X
3
= (c, d), a, b, c, d e .
Universit di Torino
Capitolo 5 Matrici e Determinanti Esercizi 71
[25]
a = {{1,-1,2,3},{-1,0,5,6},{3,h,-1,0}};
b = {{1,-1},{5,-3},{k,-1}};
x = {{x1,x2},{x3,x4},{x5,x6},{x7,x8}};
Reduce[a.x == b]
k == -3 + 2 x3 + h x3&&x1 ==
1
3
-3 + 2 x3 + x5)&&x2 ==
1
3
1 -
4
2 + h
+ x6&&
x4 == -
2
2 + h
&&x7 ==
1
9
6 + x3 - 7 x5)&&x8 ==
1
9
- 4 -
2
2 + h
- 7 x6
Se h = 2: non esistono soluzioni; se h = 2: esistono innite soluzioni che dipendono da un vettore libero:
X
4
= (a, b), a, b e .
[26]
A = {{1,1},{2,k},{-1,h}};
B = {{0,-1},{1,1},{0,k}}; X = {{x1,x2},{x3,x4}};
Reduce[A.X == B]
h == -1&&k == 1&&x1 == 1&&x2 == 2&&x3 == -1&&x4 == -3
Se h = 1 e k = 1: X = _
1 2
1 3
; in tutti gli altri casi non esistono soluzioni.
[27]
A = {{1,1},{h,-1},{1 + k,3}};
B = {{-1,0},{k,0},{0,1}}; X = {{x1,x2},{x3,x4}};
Reduce[A.X == B,{x1,x2,x3,x4}]
h == -1&&k == 1&&x1 == -3&&x2 == -1&&x3 == 2&&x4 == 1
Se h = 1 e k = 1: X = _
3 1
2 1
; in tutti gli altri casi non esistono soluzioni.
[28]
A = {{1,0,-1},{2,1,3},{-4,h,k}};
B = {{1,-3},{1,0},{3h,-6}}; X = {{x1,x2},{x3,x4},{x5,x6}};
Reduce[A.X == B,{x1,x2,x3,x4,x5,x6}]
x1 ==
h - k
4 + 5 h - k
&&x2 == -
3 -2 + 3 h - k)
4 + 5 h - k
&&
x3 ==
16 + 15 h + k
4 + 5 h - k
&&x4 == -
6 11 + k)
4 + 5 h - k
&&x5 == -
4 1 + h)
4 + 5 h - k
&&
x6 ==
6 3 + h)
4 + 5 h - k
&&3 + h = 0&& - 4 - 5 h + k = 0||
h == -3&&x1 ==
3 + k
11 + k
&&x2 == -3&&x3 ==
29 - k
11 + k
&&x4 == 6&&
x5 == -
8
11 + k
&&x6 == 0&&11 + k = 0&& - 4 - 5 h + k = 0
X

A = B non ha senso.
AX = B ammette una soluzione se 4 5h + k = 0, allora:
Dipartimento di Matematica
72 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
X =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
h k
4 + 5h k

3(2 + 3h k)
4 + 5h k
16 + 15h + k
4 + 5h k

6(11 + k)
4 + 5h k

4(1 + h)
4 + 5h k
6(3 + h)
4 + 5h k
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
In tutti gli altri casi lequazione incompatibile.
[29]
a := {{2,1,-1},{1,0,5}};
b := {{-2,5,-8,-1},{6,-7,7,9}};
x := {{x1,x2,x3,x4},{x5,x6,x7,x8},
{x9,x10,x11,x12}};
Reduce[a.x == b,{x1,x2,x3,x4,x5,x6,x7,x8,x9,
x10,x12}]
x3 == 7 - 5 x11&&x5 ==
16
5
-
11 x1
5
&&
x6 ==
18
5
-
11 x2
5
&&x7 == -22 + 11 x11&&x8 ==
4
5
-
11 x4
5
&&
x9 ==
6
5
-
x1
5
&&x10 == -
7
5
-
x2
5
&&x12 ==
9
5
-
x4
5
X =
(
.
.
.
.
.
.
'
5
1
6 5
2
+ 7 5
3
7 5
4
9
9
1
14 9
2
9 9
3
22 9
4
19

1

2

3

4
\
.
.
.
.
.
.
!
,
1
,
2
,
3
,
4
e .
Universit di Torino
Capitolo 6
Calcolo Vettoriale
Il calcolo vettoriale elementare costituisce il fondamento per lAlgebra Lineare e la Geometria Analitica nel piano
e nello spazio, inoltre si rivela uno strumento prezioso per le matematiche applicate e la Fisica in particolare.
6.1 Denizione di vettore
Denizione 6.1 Si consideri un segmento AB appartenente ad una retta r dello spazio ambiente S
3
.
Esso ha una direzione quella della retta r, un verso, ad esempio, quello da A verso B e una lunghezza, la lunghezza
di AB indicata con lABl e detta norma di AB.
Un segmento suddetto si dice segmento orientato e la totalit di tutti i segmenti orientati paralleli ad AB, equiversi
e della stessa lunghezza si dice vettore u.
Quindi ad un vettore u si associa:
|
.
.
.

.
.
.
'
direzione
verso
norma = lul e
+
Se A = B il segmento orientato si indica con 0 e si dice vettore nullo, per il quale valgono le propriet:
0 lunico vettore con l0l = 0, direzione e verso indeterminati.
Se lul = 1, u si dice versore.
Notazioni: u;
.
AB, u= B A, AB. AB detto un rappresentante del vettore u.
1. V
3
: insieme dei vettori nello spazio;
2. V
2
: insieme dei vettori nel piano;
3. V
1
: insieme dei vettori nella retta.
6.2 Somma di vettori
Denizione 6.2 La somma di due vettori u, v di V
3
un vettore, che si indica con u + v, denito nel seguente
modo: ssato un punto Odi S
3
, siano OA e OB rispettivamente due segmenti orientati di u e v allora u+v = OC,
dove OC il segmento orientato che si determina con la regola del parallelogramma.
Il punto C il simmetrico di O rispetto al punto medio di AB.
N.B. Dati i vettori u, v, il vettore u + v un vettore complanare con u e v cio ammette un rappresentante nello
stesso piano.
73
74 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
Teorema 6.1 1. !u, v e V
3
, u + v = v + u (propriet commutativa);
2. !u, v, w e V
3
, (u + v) + w = u + (v + w) (propriet associativa);
3. 0 e V
3
| !u e V
3
, u + 0 = u. (0 detto vettore nullo o elemento neutro);
4. !u e V
3
, u e V
3
| u + 0 = u. (u detto lopposto di u).
Inoltre:
!u, v e V
3
: lu + vl s lul + lvl; lu + vl | lul lvl | .
Osservazione 6.1 Siano u, v e V
3
due vettori e scelti due rispettivi segmenti orientati consecutivi u = AB,
v = BC, risulta: u + v = AC:
Dato un qualsiasi vettore u e due direzioni non parallele tra di loro, esistono e sono unici due vettori in quelle
direzioni, diciamo: u
1
ed u
2
tali che: u = u
1
+ u
2
. Loperazione prende il nome di scomposizione di un vettore
lungo le due direzioni assegnate.
6.3 Il prodotto di un numero reale per un vettore
Denizione 6.3 Il prodotto di un numero reale per un vettore u e V
3
un vettore che
si indica con u, detto prodotto di per u, denito nel seguente modo:
1. se =0 o u = 0, allora u = 0
2. Se = 0 e u = 0 si pone u = v, dove:
la direzione di v coincide con la direzione di u;
il verso di v concorde con quello di u se > 0, discorde se < 0;
lvl = ||lul.
Teorema 6.2 1. ! e , !u, v e V
3
: (u + v) = u + v;
2. !, e , !u e V
3
: ( + )u = u + u
3. !, e , !u e V
3
: (u) = ()u;
4. 1u = u, !u e V
3
.
Denizione 6.4 Linsieme V
3
con le operazioni di somma di due vettori e relative quattro propriet e di prodotto
di uno scalare per un vettore e relative quattro propriet, si dice spazio vettoriale su .
Osservazione 6.2 V
3
il primo esempio di spazio vettoriale. Scopo dellalgebra lineare studiare gli spazi
vettoriali in generale.
Osservazione 6.3 nche (V
3
, +, .), (V
2
, +, .) e (V
1
, +, .) sono esempi di spazi vettoriali su . Poich le operazioni
di somma e di prodotto sono le stesse per V
1
, V
2
, V
3
, gli spazi V
1
, V
2
sono detti sottospazi vettoriali di V
3
.
Denizione 6.5 Si dice combinazione lineare dei vettori v
1
, v
2
, ..., v
n
, unespressione del tipo:
1
v
1
+
2
v
2
+
... +
n
v
n
, dove
1
,
2
...
n
, sono numeri reali e prendono il nome di coefcienti della combinazione lineare.
Denizione 6.6 I vettori u, v e V
3
si dicono paralleli se hanno la stessa direzione.
I vettori u, v, w e V
3
si dicono complanari se le loro direzioni sono parallele ad uno stesso piano.
Universit di Torino
Capitolo 6 Calcolo Vettoriale 75
6.4 Dipendenza lineare e basi
Denizione 6.7 I vettori v
1
, v
2
, ..., v
n
si dicono linearmente indipendenti (l.i.) se lunica combinazione lineare
che d il vettore nullo quella con i coefcienti tutti nulli. i.e.
1
v
1
+
2
v
2
+ ... +
n
v
n
= 0
1
=
2
= ... =

n
= 0. I vettori v
1
, v
2
, ..., v
n
sono linearmente dipendenti (l.d.), in caso contrario, cio se esistono dei coefcienti

1
,
2
, ...,
n
non tutti nulli tali che:
1
v
1
+
2
v
2
+ .... +
n
v
n
= 0.
Esempio 6.1 Se u = 2v; allora u + v = 0 con = 2, = 1. Pertanto i vettori u e v; sono l.d.
Teorema 6.3 n vettori sono linearmente dipendenti se e solo se uno di essi (almeno) si pu rappresentare come
combinazione lineare dei rimanenti.
Dimostrazione. Per la dimostrazione si deve procedere in due passi. Se, per ipotesi, sono dati i vettori u
1
, u
2
...u
n
tali che
1
u
1
+
2
u
2
+... +
n
u
n
= 0 si ottiene con i coefcienti
1
,
2
...
n
non tutti nulli. Se
1
= 0, poich esiste
(
1
)
1
si ha: u
1
= ((
1
)
1
)(
2
)(u
2
) ... ((
1
)
1
)(
n
)(u
n
). Per il viceversa si procede in modo analogo .
Teorema 6.4 1. Due vettori u e v e V
3
sono linearmente dipendenti se e solo se sono paralleli, ossia se e
solo se appartengono alla stessa retta vettoriale.
2. Tre vettori u, v e w e V
3
sono linearmente dipendenti se e solo se sono complanari.
3. Quattro vettori di V
3
sono linearmente dipendenti.
Conseguenze:
1. Il numero massimo di vettori l.i. in V
1
1;
2. Il numero massimo di vettori l.i. in V
2
2;
3. Il numero massimo di vettori l.i. in V
3
3;
Dimostrazione.
1. Se a l b, e | b = a, con || =
lbl
lal
;
2. Se i vettori u, v, w sono complanari (esclusi casi banali di parallelismo o vettori nulli), si pu ottenere, ad
esempio, u = v + w. Il viceversa ovvio.
3. Partendo da quattro vettori u = OA, v = OB, z = OC, w = OD tali che tre di essi almeno non siano
complanari, ad esempio: siano i primi tre, ed i primi due individuino un piano . Lestremo D del quarto
vettore lo proiettiamo su secondo la direzione del vettore z ed otteniamo un punto P estremo del vettore
OP. Tale vettore su si decompone in modo unico nella base (u , v) nel seguente modo:
OP = a(OA) + b(OB), dove a,b e . Intersechiamo ora il vettore z = OC con un piano per D e parallelo
a ottenendo un punto Q estremo del vettore (OQ) = c(OC), dove c e . Poich evidente che (OD) =
(OP) + (OQ),per la complanarit dei vettori, risulta (OD) = a(OA) + b(OB) + c(OC) e, per larbitrariet dei
vettori scelti, si ha la lineare dipendenza dei vettori dati .
Teorema 6.5 Dati 3 vettori l.i. u
1
, u
2
, u
3
, ogni vettore x e V
3
si scrive in modo unico come combinazione
lineare dei 3 vettori dati.
Dimostrazione. Dal Teorema precedente segue che x decomposto nel seguente modo: x = x
1
u
1
+ x
2
u
2
+ x
3
u
3
.
Se x = y
1
u
1
+ y
2
u
2
+ y
3
u
3
ci implica che: 0 = (x
1
y
1
)u
1
+ (x
2
y
2
)u
2
+ (x
3
y
3
)u
3
.
Poich u
1
, u
2
, u
3
sono l.i., segue che x
1
= y
1
, x
2
= y
2
, x
3
= y
3
.
Osservazione 6.4

Il Teorema precedente vale anche nel caso di V
2
e di V
1
, infatti: in V
2
dati due vettori l.i.
u
1
, u
2
, !x e V
2
x = x
1
u
1
+ x
2
u
2
. Ossia il vettore dato si scrive in modo unico come c.l. dei due vettori l.i.
Analogamente in V
1
, dato un vettore u
1
, !x e V
1
, x = x
1
u
1
in modo unico.
Dipartimento di Matematica
76 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
Denizione 6.8 Si dice base di V
3
una qualsiasi terna di vettori linearmente indipendenti. Si dice dimensione di
V
3
il massimo numero di vettori linearmente indipendenti in essa contenuti.
Osservazione 6.5 3 vettori l.i. di V
3
costituiscono una base; 2 vettori l.i. di V
2
costituiscono una base; 1 vettore
l.i. di V
1
costituisce una base;
In V
3
esistono innite basi (ogni terna di vettori l.i.)
Denizione 6.9 Fissata una base J=(e
1
, e
2
, e
3
) di V
3
, per ogni v e V
3
, esiste una combinazione lineare in
modo unico: v = x
1
e
1
+ x
2
e
2
+ x
3
e
3
, dove: (x
1
, x
2
, x
3
) sono dette componenti di v rispetto alla base J. Si ha
quindi unapplicazione biunivoca che associa ad ogni vettore v le sue componenti (x
1
, x
2
, x
3
) rispetto alla base
J. Perci un vettore di V
3
sar anche indicato con le sue componenti o, in forma matriciale, con:
V =
(
.
.
.
.
.
.
'
x
1
x
2
x
3
\
.
.
.
.
.
.
!
.
Posto u = u
1
e
1
+u
2
e
2
+u
3
e
3
, v = v
1
e
1
+v
2
e
2
+v
3
e
3
, rispetto alla base J, per le propriet dello spazio vettoriale
V
3
, risulta:
u + v = (u
1
+ v
1
)e
1
+ (u
2
+ v
2
)e
2
+ (u
3
+ v
3
)e
3
;
u = (u
1
)e
1
+ (u
2
)e
2
+ (u
3
)e
3
,
cio le componenti della somma di due vettori si ottengono semplicemente sommando le rispettive componenti,
mentre le componenti di (v) si ottengono moltiplicando per ogni componente di v.
Teorema 6.6 n vettori (n=1,2,3) di V
3
sono linearmente indipendenti se e soltanto se la matrice A avente per
righe rispettivamente le componenti degli n vettori, ha rango n, ossia (n vettori di V
3
sono l.d. = rankA < n).
.
Casi importanti
1. x l y = x = y (vettori paralleli) In termini di componenti si ha: x = (x
1
, x
2
, x
3
), y = (y
1
, y
2
, y
3
)
|
.
.
.

.
.
.
'
y
1
= x
1
y
2
= x
2
y
3
= x
3
= rank _
x
1
x
2
x
3
y
1
y
2
y
3
= 1.
Esempio 6.2 In termini numerici: x = (1, 2, 3), y = (2, 4, 6).
2. Tre vettori (x, y, z) sono complanari = (x, y, z) sono l.d., per esempio z = x + y, con x, y e V
3
. In
termini di componenti:
|
.
.
.

.
.
.
'
z
1
= x
1
+ y
1
z
2
= x
2
+ y
2
z
3
= x
3
+ y
3
= rank
(
.
.
.
.
.
.
'
x
1
x
2
x
3
y
1
y
2
y
3
z
1
z
2
z
3
\
.
.
.
.
.
.
!
= 2.
Esempio 6.3 In termini numerici, se a = (1, 3, 1), b = (4, 1, 0), c = (2, 5, 2) Come sono posizonati i tre vettori
nello spazio?
(
.
.
.
.
.
.
'
1 3 1
4 1 0
2 5 2
\
.
.
.
.
.
.
!

R
3
R
3
+ 2R
1
(
.
.
.
.
.
.
'
1 3 1
4 1 0
4 1 0
\
.
.
.
.
.
.
!
oppure:
Universit di Torino
Capitolo 6 Calcolo Vettoriale 77
(
.
.
.
.
.
.
'
1 3 1
0 11 4
0 11 4
\
.
.
.
.
.
.
!
.
Il rango della matrice 2 e ci implica che i vettori siano l.d. ossia complanari. Poich i vettori a e b non sono
paralleli, determiniamo il valore dei coefcienti:
|
.
.
.

.
.
.
'
+ 4 = 2
3 + = 5
= 2
, _
= 2
= 1
e perci c = 2a + b.
Teorema 6.7 Sia J = (e
1
, e
2
, e
3
) una base di V
3
, i vettori x = (x
1
, x
2
, x
3
), y = (y
1
, y
2
, y
3
), z = (z
1
, z
2
, z
3
) sono l.i.
= non sono l.d. e quindi devono avere:
rank
(
.
.
.
.
.
.
'
x
1
x
2
x
3
y
1
y
2
y
3
z
1
z
2
z
3
\
.
.
.
.
.
.
!
= 3.
Dimostrazione. I tre vettori sono l.i. se e solo se
1
x+
2
y+
3
z = 0 se e solo se
i
= 0, i = 1, 2, 3. Le componenti
del precedente vettore conducono al sistema:
|
.
.
.

.
.
.
'

1
x
1
+
2
y
1
+
3
z
1
= 0

1
x
2
+
2
y
2
+
3
z
2
= 0

1
x
3
+
2
y
3
+
3
z
3
= 0
,
che ammette la sola soluzione nulla se e solo se:
rank
(
.
.
.
.
.
.
'
x
1
y
1
z
1
x
2
y
2
z
2
x
3
y
3
z
3
\
.
.
.
.
.
.
!
= 3.
Esercizio 6.1 Stabilire per quali valori di h e i vettori u
1
= (1, 0, h), u
2
= (2, 1, 1), u
3
= (h, 1, 1) dati,
rispetto ad una base J = (x, y, z), formano una nuova base di V
3
.
Deve essere rank
(
.
.
.
.
.
.
'
1 0 h
2 1 1
h 1 1
\
.
.
.
.
.
.
!
= 3, allora:
(
.
.
.
.
.
.
'
1 0 h
2 1 1
h 1 1
\
.
.
.
.
.
.
!

R
2
R
2
2R
1
R
3
R
3
hR
1
(
.
.
.
.
.
.
'
1 0 h
0 1 1 + 2h
0 1 1 + h
2
\
.
.
.
.
.
.
!

R
3
R
3
+ 2R
2
(
.
.
.
.
.
.
'
1 0 h
0 1 1 + 2h
0 0 2h + h
2
\
.
.
.
.
.
.
!
.
Ci implica che h
2
+ 2h sia diverso da zero o equivalentemente che , h = 0, h = 2.
Esempio 6.4 1. Provare che i vettori u = e
1
e
2
+ 3e
3
, v = 2e
1
+ e
2
e
3
, w = e
1
+ 2e
2
+ e
3
, sono una base
di V
3
.
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 1 3
2 1 1
1 2 1
\
.
.
.
.
.
.
!

R
2
R
2
+ R
1
R
3
R
3
+ 2R
1
(
.
.
.
.
.
.
'
1 1 3
3 0 2
3 0 7
\
.
.
.
.
.
.
!

R
3
R
3
R
2
(
.
.
.
.
.
.
'
1 1 3
3 0 2
0 0 5
\
.
.
.
.
.
.
!
.
rank(A) = 3 = u, v, w sono l.i. e perci formano una base di V
3
.
2. Sono dati i vettori u = 2e
1
+ e
2
e
3
, v = e
1
+ e
3
, w = e
1
+ e
2
2e
3
. Vericare che u, v, w sono l.d. ed
esprimerne uno di essi come combinazione lineare dei rimanenti.
Dipartimento di Matematica
78 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
Posto
(
.
.
.
.
.
.
'
2 1 1
1 0 1
1 1 2
\
.
.
.
.
.
.
!
, rank(A) = 2 < 3 = u, v, w sono l.d. ossia u + v + w = (2e
1
+ e
2
e
3
) + (e
1
+
e
3
) + (e
1
+ e
2
2e
3
) = (2 + + )e
1
+ ( + )e
2
+ ( + 2)e
3
= 0. se e soltanto se esistono valori
non tutti nulli di , , per i quali le tre precedenti componenti sono tutte nulle. Ossia:
|
.
.
.

.
.
.
'
2 + + = 0
+ = 0
+ 2 = 0
,
quindi:
(
.
.
.
.
.
.
'
2 1 1
1 0 1
1 1 2
\
.
.
.
.
.
.
!

R
3
R
3
R
1
(
.
.
.
.
.
.
'
2 1 1
1 0 1
3 0 3
\
.
.
.
.
.
.
!

R
3
R
3
3R
1
(
.
.
.
.
.
.
'
2 1 1
1 0 1
0 0 0
\
.
.
.
.
.
.
!
,
_
2 + + = 0
=
, _
+ = 0
+ = 0
, _
=
=
.
I vettori u, v, w sono perci l.d. e quindi, posto per esempio = 1, si ottiene u = v + w.
6.5 Il cambiamento di base in V
3
Siano date due basi J = (e
1
, e
2
, e
3
) e J

= (e

1
, e

2
, e

3
) di V
3
. Ad un vettore x e V
3
sono associate le compo-
nenti: (x
1
, x
2
, x
3
) rispetto alla base J e le componenti (x

1, x

2, x

3) rispetto alla base J

. Si vuole trovare il legame


intercorrente tra le componenti di uno stesso vettore nelle due basi differenti. Poich data la base J

, sono note
le componenti dei suoi vettori rispetto alla base J. Poniamo cio:
|
.
.
.

.
.
.
'
e

1
= a
11
e
1
+ a
21
e
2
+ a
31
e
3
e

2
= a
12
e
1
+ a
22
e
2
+ a
32
e
3
e

3
= a
13
e
1
+ a
23
e
2
+ a
33
e
3
Afnch il sistema precedente rappresenti un cambiamento di base in V
3
occorre che i vettori della base J

siano
l.i., ossia che:
P =
(
.
.
.
.
.
.
'
a
11
a
12
a
13
a
21
a
22
a
23
a
31
a
32
a
33
\
.
.
.
.
.
.
!
,
dove rankP = 3. Ci premesso, determiniamo le espressioni che legano le componenti di x nelle basi J e J

.
Scriviamo in foma matriciale il legame fra le due basi:
(
.
.
.
.
.
.
.
'
e

1
e

2
e

3
\
.
.
.
.
.
.
.
!
=
t
P
(
.
.
.
.
.
.
'
e
1
e
2
e
3
\
.
.
.
.
.
.
!
e cos pure il vettore:
x : X =
(
.
.
.
.
.
.
'
x
1
x
2
x
3
\
.
.
.
.
.
.
!
e X

=
(
.
.
.
.
.
.
.
'
x

1
x

2
x

3
\
.
.
.
.
.
.
.
!
, nelle rispettive basi.
Poich !x e V
3
: x = x
1
e
1
+ x
2
e
2
+ x
3
e
3
= x

1e

1
+ x

2e

2
+ x

3e

3
, determiniamo la relazione tra le componenti:
(x
1
, x
2
, x
3
) e (x

1, x

2, x

3).
x =
t
(
.
.
.
.
.
.
.
'
x

1
x

2
x

3
\
.
.
.
.
.
.
.
!
(
.
.
.
.
.
.
.
'
e

1
e

2
e

3
\
.
.
.
.
.
.
.
!
=
t
(
.
.
.
.
.
.
.
'
x

1
x

2
x

3
\
.
.
.
.
.
.
.
!
t
P
(
.
.
.
.
.
.
'
e
1
e
2
e
3
\
.
.
.
.
.
.
!
=
t
(
.
.
.
.
.
.
'
x
1
x
2
x
3
\
.
.
.
.
.
.
!
(
.
.
.
.
.
.
'
e
1
e
2
e
3
\
.
.
.
.
.
.
!
.
Universit di Torino
Capitolo 6 Calcolo Vettoriale 79
Per lunicit delle componenti si ha:
t
(
.
.
.
.
.
.
'
x
1
x
2
x
3
\
.
.
.
.
.
.
!
=
t
(
.
.
.
.
.
.
.
'
x

1
x

2
x

3
\
.
.
.
.
.
.
.
!
t
P
da cui:
(
.
.
.
.
.
.
'
x
1
x
2
x
3
\
.
.
.
.
.
.
!
= P
(
.
.
.
.
.
.
.
'
x

1
x

2
x

3
\
.
.
.
.
.
.
.
!
.
Si ottengono cos le equazioni del cambiamento di riferimento in notazione matriciale, dove si osservi che le
colonne della matrice P sono le componenti della nuova base rispetto alla vecchia base.
In forma sintetica si pu anche scrivere X = PX

.
Esempio 6.5 Dati i vettori u = 2e
1
+e
2
+e
3
, v = e
1
+2e
2
+e
3
, z = e
1
e
2
2e
3
, w = e
1
2e
2
+e
3
,vericare
che J = (u, v, z) una base di V
3
e trovare le componenti di w rispetto a J.
P =
(
.
.
.
.
.
.
'
2 1 1
1 2 1
1 1 2
\
.
.
.
.
.
.
!

R
2
R
2
+ 2R
1
R
3
R
3
+ R
1
(
.
.
.
.
.
.
'
2 1 1
5 0 1
3 0 2
\
.
.
.
.
.
.
!

R
3
R
3
+ R
2
(
.
.
.
.
.
.
'
2 1 1
5 0 1
8 0 0
\
.
.
.
.
.
.
!
,
dove rank(P) = 3, quindi i vettori u, v, z sono l.i.
Si cercano le componenti (x

1, x

2, x

3) e
3
tali che w = x

1u + x

2v + x

3z. Risolviamo il sistema:


|
.
.
.

.
.
.
'
2x

1 x

2 + x

3 = 1
x

1 + 2x

2 x

3 = 2
x

1 + x

2 2x

3 = 1.
(
.
.
.
.
.
.
'
2 1 1 1
1 2 1 2
1 1 2 1
\
.
.
.
.
.
.
!

R
2
R
2
+ 2R
1
R
3
R
3
+ R
1
(
.
.
.
.
.
.
'
2 1 1 1
5 0 1 4
3 0 1 0
\
.
.
.
.
.
.
!

R
3
R
3
+ R
2
(
.
.
.
.
.
.
'
2 1 1 1
5 0 1 4
8 0 0 4
\
.
.
.
.
.
.
!
,
R
3

1
4
R
3
(
.
.
.
.
.
.
'
2 1 1 1
5 0 1 1
2 0 0 1
\
.
.
.
.
.
.
!
R
1
R
2
R
1
(
.
.
.
.
.
.
'
3 1 0 3
5 0 1 4
2 0 0 1
\
.
.
.
.
.
.
!
R
2
2R
2
5R
3
R
1
2R
1
3R
3
(
.
.
.
.
.
.
'
0 2 0 3
0 0 2 3
2 0 0 1
\
.
.
.
.
.
.
!
.
Si perviene alla soluzione:
|
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
x

1 =
1
2
x

2 =
3
2
x

3 =
3
2
.
Allora w =
1
2
u
3
2
v
3
2
z.
Osservazione 6.6 Quanto stato detto per V
3
si pu particolarizzare facilmente in modo da ottenere risultati
analoghi per i vettori di V
2
e V
1
.
Dipartimento di Matematica
80 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
6.6 Langolo tra due vettori
Considerati due vettori non nulli u = OA, v = OB e scelti i rispettivi rappresentanti con estremi in comune, si
denisce angolo di due vettori langolo convesso formato da due loro segmenti orientati u = OA, v = OB.
=

AOB = uv, dove 0 s s .
= 0 implica u l v
= implica u l v
=

2
uv
Langolo tra i vettori 0 = u e v un qualunque angolo; in particolare il vettore nullo parallelo ed ortogonale a
qualunque vettore.
Introduciamo tre nuove operazioni che coinvolgono la nozione di angolo:
1. prodotto scalare tra due vettori
(La pi importante e la si pu generalizzare a dim> 3)
2. Il prodotto vettoriale o esterno tra due vettori
(Solo in V
3
e di grande signicato sico)
3. Il prodotto misto tra tre vettori
(Combinazione lineare delle 2 relazioni precedenti)
6.7 Il prodotto scalare tra due vettori
Denizione 6.10 Il prodotto scalare di due vettori una funzione che si indica con : V
3
V
3
che ad ogni
coppia di vettori u, v associa un numero reale che indichiamo con:
u v = lullvl cos uv
.
Osservazione 6.7 1. Si pu dare la stessa denizione in V
2
2. si pu generalizzare a dim n.
3. Se 0 s <

2
u v > 0
4. Se =

2
u v = 0
5. Se >

2
u v < 0
Osservazione 6.8 Se u = v, ci implica che u u = lullul lul =
_
u u.
Questultima formula sar usata per calcolare la lunghezza di un vettore.
Osservazione 6.9 Dati 3 vettori complanari non paralleli si ha che per ogni vettore x appartenente al piano
individuato dai 3 vettori, si scompone in inniti modi diversi rispetto ai 3 vettori dati.
u = v
3
+ u
1
= v
3
+
1
v
1
+
2
v
2
(Si sceglie una direzione arbitraria nel piano individuato dai vettori v
1
, v
2
)
Denizione 6.11 Una terna di vettori u, v, w di V
3
si dice positiva (negativa) se la pi piccola rotazione nel
piano u, v, che sovrappone u a v vista dal semispazio individuato da w in senso antiorario (orario).
u = OA
u = OB
w = OC.
Universit di Torino
Capitolo 6 Calcolo Vettoriale 81
Denizione 6.12 Una base di V
3
detta ortogonale se costituita da tre vettori a due a due ortogonali, si dice
ortonormale se ortogonale ed formata da versori.
Notazioni
1. Se u ortogonale a v allora: u, v e uv una terna ortogonale.
2. Una base ortonormale positiva J = (i, j, k).
Il prodotto scalare gode delle seguenti propriet:
Teorema 6.8 1. u v = v u, !u, v e V
3
, propriet commutativa.
2. u v = 0 = u = 0 o v = 0 o uv.
3. ! e R, !u, v e V
3
(u v) = (u) v = u (v).
4. u (v
1
+ v
2
) = u v
1
+ u v
2
.
Dimostrazione
La 1) una conseguenza immediata della denizione di prodotto scalare;
Per la 2) Tenuto conto della relazione cos u.v =
u.v
lullvl
, se il prodotto scalare di due vettori u, v zero, ci implica
che o lul = 0 o lvl = 0 o cos uv = 0 o uv. Si ricordi che il vettore nullo ortogonale ad ogni vettore. Per il
viceversa si procede a ritroso.
Per la 3) occorre distinguere
|
.
.
.

.
.
.
'
= 0
> 0
< 0
Consideriamo ad esempio il caso < 0. Otteniamo (u) v = lu llvl cos

(u)v = lullvl cos =
||lullvl cos = u v = lullvl cos , dove cos = cos . La 4) si lascia al lettore per esercizio.
Prodotto scalare in componenti
Sia J = (v
1
, v
2
, v
3
) una base di V
3
.
x = x
1
v
1
+ x
2
v
2
+ x
3
v
3
=
(
.
.
.
.
.
.
'
x
1
x
2
x
3
\
.
.
.
.
.
.
!
y = y
1
v
1
+ y
2
v
2
+ y
3
v
3
=
(
.
.
.
.
.
.
'
y
1
y
2
y
3
\
.
.
.
.
.
.
!
.
x.y = x
1
y
1
v
1
v
1
+ (x
1
y
2
+ x
2
y
1
)v
1
v
2
+ ...
Abbiamo 9 termini, non conosciamo v
i
v
j
che dipendono dalla posizione e dalla lunghezza dei vettori della base.
Per facilitare i conti scegliamo una base ortonormale.
Sia J = (i, j, k) una base otonormale positiva di V
3
, si ha:
1. i i = j j = k k = 1, ossia i vettori della base sono tre versori;
2. i j = j k = i k = 0, vale a dire i vettori della base sono vettori a due a due ortogonali.
Osservazione 6.10 Esistono innite basi ortonormali; nel caso del piano avremmo ogni base ortonormale costi-
tuita da due versori ortogonali.
Siano u = x
1
i + x
2
j + x
3
k e v = y
1
i + y
2
j + y
3
k le decomposizioni di u e v nella base J, risulta:
u v = x
1
y
1
+ x
2
y
2
+ x
3
y
3
lul
2
= x
2
1
+ x
2
2
+ x
2
3
,
Dipartimento di Matematica
82 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
cos uv =
x
1
y
1
+ x
2
y
2
+ x
3
y
3
_
x
2
1
+ x
2
2
+ x
2
3
_
y
2
1
+ y
2
2
+ y
2
3
,
Inoltre, !v = 0, si ha:
cos

iv =
y
1
lvl
, cos

jv =
y
2
lvl
, cos

kv =
y
3
lvl
I coefcienti di v) sono detti coseni direttori del vettore v. Essi sono le componenti, rispetto alla base J, del
versore
v
lvl
, quindi:
cos
2

iv + cos
2

jv + cos
2

k, v = 1.
Il signicato geometrico del prodotto scalare
Sia u = 0 ed r una retta orientata parallela ad u.
Siano v e V
3
, v = AB, A

le proiezioni ortogonali dei punti AB su r.


Denizione 6.13 Deniamo componente ortogonale di v rispetto a u, la misura con segno del segmento A

.
Si indica con v
u
e risulta : v
u
= lvl. cos u, v.
Osservazione 6.11 Si noti che u v = lulv
u
= lvlu
v
. Sia v = (x
1
, x
2
, x
3
) rispetto alla base ortonormale
J = (i, j, k). Le componenti (x
1
, x
2
, x
3
) sono le componenti ortogonali di v
u
rispetto ai versori i, j, k.
Vettore proiezione ortogonale di un vettore
Siano u = 0, r una retta orientata parallela ad u che individua una retta vettoriale U, v e V
3
, v = AB, A

le
proiezioni ortogonali di A e B su r, indichiamo con v
u
il vettore rappresentato da A

.
v
u
detto vettore proiezione ortogonale di v sulla retta vettoriale U.
Si ricava: v
u
= lvl cos uv
u
lul
=
u.vu
lul
2
.
Teorema 6.9 v
u
proiezione ortogonale di un vettore u sul vettore u ha le seguenti propriet, il vettore:
1. u tale che v u sia perpendicolare a u;
2. u il vettore con tale che lv ul
2
sia minima.
6.8 Il prodotto vettoriale o esterno
Denizione 6.14 Il prodotto vettoriale la legge che ad ogni coppia di vettori u, v e V
3
associa il
vettore u ^ v detto anche (u vettore v), o vector cross product, in simboli:
^ : V
3
V
3
V
3
, (v, v) u ^ v e cos denito:
1. lu ^ vl = lul lvl sin u, v,
2. u ^ v ortogonale al piano individuato sia da u che da v,
3. (u ^ v, u, v) una terna positiva (oppure: regola della mano destra: u = indice, v = medio, u ^ v =
pollice).
Osservazione 6.12 Il prodotto vettoriale ha senso soltanto in V
3
, non in V
2
, non in dim maggiore di 3.
Teorema 6.10 Il prodotto vettoriale di due vettori u, v il vettore nullo se e soltanto se i due vettori sono paralleli.
Universit di Torino
Capitolo 6 Calcolo Vettoriale 83
Dimostrazione
u ^ v = 0
|
.
.
.

.
.
.
'
u = 0
oppure v = 0
oppuresin uv = 0(che implica uv = 0 o )
.
Per il viceversa basta ripercorrere al contrario la dimostrazione precedente.
Il prodotto vettoriale gode delle seguenti propriet:
Teorema 6.11 1. !u, v e V
3
: u ^ v = u ^ v, propriet anticommutativa;
2. !u, v e V
3
, ! e R : (u) ^ v = u ^ (v) = (u ^ v): propriet di omogeneit;
3. !u, v, w e V
3
: u ^ (v + w) = u ^ v + u ^ w, propriet distributiva;
Dimostrazione di 2). Si possono presentare i seguenti casi: = 0, < 0, > 0.
Consideriamo il caso > 0.
E sufciente sviluppare lespressione l(u) ^ vl per avere
l(u)l lvl sin

(u)v = lllul lvl sin

(u)v, per sin = sin = sin( ) e perci lllul lvl sin uv =
lllu ^ vlu ^ v.
La dimostrazione di 3 al Cap 7.
Osservazione 6.13 Vericare che non vale in generale: u ^ (v ^ w) = (u ^ v) ^ w, come si pu controllare
facilmente per esercizio.
Denizione 6.15 Siano u = 0 ed un piano perpendicolare ad u. Sia v e V
3
, u = OA con = 0 e ; la
proiezione di A su sia A

. Il vettore v

rappresentato da OA

detto proiezione ortogonale di v su . Si


osservi che risulta: u ^ v = u ^ v

.
Il signicato geometrico del prodotto vettoriale
1. La norma del prodotto vettoriale di due vettori u ^ v rappresenta larea del parallelogramma
individuato dai due vettori. In simboli, se u = OA , v = OB , u ^ v = OC, poich:
lu ^ vl = lul lul cos uv = S(OAMB), ossia la supercie che si ottiene dal prodotto della base per laltez-
za, ossia la norma di un vettore per la lunghezza del segmento uscente dallaltro vettore e perpendicolare al
primo.
2. Siano: u un versore e v un vettore tale che uv. Siano: OA, OB due segmenti orientati rispettivamente
relativi ai vettori u e v e V
3
ed il piano per O perpendicolare al vettore u. Sia OB

ottenuto da OB
mediante la rotazione di

2
sul piano in senso antiorario rispetto al semipiano individuato da u. E`
immediato vericare che: u ^ v = OB

.
Vettore proiezione ortogonale di un vettore su di un piano individuato da due vettori
Siano dati tre vettori: u = OA, v = OB, w = OC. Detto il piano di u, v, su di esso si vuole ottenere la
proiezione ortogonale del vettore w che chiamiamo x = OP. Per questo si consideri il vettore u ^ v e vi si
proietti ortogonalmente il vettore w ottenendo z = OD. Per costruzione i vettori x, w, z sono complanari ed il
quadrilatero OACD un parallelogramma, perci : x + z = w. La proiezione richiesta quindi x = w z ossia:
x = w
u^v.w(u^v)
lu^vl
2
.
Il prodotto vettoriale in componenti
Dipartimento di Matematica
84 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
E fondamentale distinguere tra base ortonormale positiva: i ^ j = k e base ortonormale negativa: i ^ j = k.
Scegliamo una base ortonormale positiva J = (i, j, k). Si ricavano: i ^ i = j ^ j = k ^ k = 0. i ^ j = k,
k ^ i = j, j ^ k = i. j ^ i = k, i ^ k = j, k ^ j = i.
Allora scelti due vettori: x = x
1
i + x
2
j + x
3
k e y = y
1
i + y
2
j + y
3
k, risulta:
x ^ y = (x
1
i + x
2
j + x
3
k) ^ (y
1
i + y
2
j + y
3
k) = (x
1
y
2
x
2
y
1
)k + (x
1
y
3
x
3
y
1
)j + (x
3
y
2
+ x
2
y
3
)i =
per denizione si considera come:
=
.
.
.
.
.
.
.
.
.
x
2
x
3
y
2
y
3
.
.
.
.
.
.
.
.
.
i
.
.
.
.
.
.
.
.
.
x
1
x
3
y
1
y
3
.
.
.
.
.
.
.
.
.
j +
.
.
.
.
.
.
.
.
.
x
1
x
2
y
1
y
2
.
.
.
.
.
.
.
.
.
k =
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
i j k
x
1
x
2
x
3
y
1
y
2
y
3
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
,
dove
.
.
.
.
.
.
.
.
.
x
2
x
3
y
2
y
3
.
.
.
.
.
.
.
.
.
il determinante della matrice _
x
2
x
3
y
2
y
3
ed il risultato ottenuto prende il nome di pseudo
determinante.
6.9 Il prodotto misto di tre vettori
Denizione 6.16 Il prodotto misto la funzione: V
3
V
3
V
3
che ad ogni terna ordinata di vettori u, v, w e
V
3
, associa un numero reale cos determinato: u v ^w che si ottiene eseguendo i prodotti nellordine in cui sono
eseguibili.
Teorema 6.12 1. u v ^ w = 0 u, v, w sono complanari;
2. u v ^ w = u ^ v w, !u, v, w e V
3
.
3. u v ^ w = v w^ u = w u ^ v = w v ^ u = u w^ v = u w ^ v, !u, v, w e V
3
.
Dimostrazione. Per dimostrare 1) basta usare le componenti;
Le 2)e 3)si dimostrano pure agevolmente per via algebrica;
la dimostrazione geometrica di tutte le propriet unimmediata conseguenza del signicato geometrico del
prodotto misto.
Il signicato geometrico del prodotto misto
1. Siano u, v, w vettori di V
3
non complanari. Allora valgono le seguenti equivalenze: u v ^ w > 0 =
u, v, w sono una base positiva di V
3
; uv^w < 0 = u, v, w sono una base negativa di V
3
, !u, v, w e V
3
;
2. Siano OA, OB, OC tre segmenti orientati relativi ai vettori u, v, w rispettivamente. Consideriamo il paral-
lelepipedo / di spigoli: OA, OB, OC e proviamo che il valore assoluto del prodotto misto dei 3 precedenti
vettori eguaglia il volume di /. In simboli: lu v ^ wl = Vol(/).
Dimostrazione Osservato che u v ^ w = lv ^ wl u.cos, dove indica langolo formato dai vettori
v ^ w ed u mentre ucos laltezza relativa alla base individuata v e w, si ha lasserto. Il volume
del parallelepipedo rappresenta 6 volte il volume del tetraedro individuato da u, v, w, come si prova con
semplici calcoli.
Attenzione: un volume con segno:
si parla di terna positiva se u ^ v w > 0,
Si parla di terna negativa se u ^ v w < 0,
Esempio 6.6 i ^ j.k = 1, terna ortonormale positiva i ^ j.k = 1, terna ortonormale negativa
Teorema 6.13 Il prodotto misto di tre vettori nullo se e solo se i vettori sono complanari. In simboli
u ^ v w = 0 se e solo se i vettori u, v, w sono complanari.
Universit di Torino
Capitolo 6 Calcolo Vettoriale 85
Dimostrazione u ^ v w = 0 se, per esempio, x = 0, oppure u ^ v = 0 cio ulv oppure u ^ vu. Il viceversa
analogo.
Il prodotto misto in componenti
Continuando ad usare una base positiva, dati i vettori:
u = x
1
i + x
2
j + x
3
k, v = y
1
i + y
2
j + y
3
k, w = z
1
i + z
2
j + z
3
k, si ottiene:
u (v ^ w) =
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
x
1
x
2
x
3
y
1
y
2
y
3
z
1
z
2
z
3
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
= x
1
.
.
.
.
.
.
.
.
.
y
2
y
3
z
2
z
3
.
.
.
.
.
.
.
.
.
x
2
.
.
.
.
.
.
.
.
.
y
1
y
3
z
1
z
3
.
.
.
.
.
.
.
.
.
+ x
3
.
.
.
.
.
.
.
.
.
y
1
y
2
z
1
z
2
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
Osservazione 6.14 Si cos ricavato un sorprendente legame tra il prodotto misto di tre vettori ed il determinante
avente per righe rispettivamente le componenti dei vettori stessi. Ci consente, sia pure soltanto in dimensione 3,
di leggere le propriet dei determinanti attraverso le propriet del prodotto misto.
Osservazione 6.15 Riassumendo le propriet precedenti si pu dire che il prodotto misto di tre vettori nullo se
e solo se i vettori sono complanari, se e solo se il determinante della loro matrice zero, se e solo se il rango della
loro matrice minore di 3.
6.10 Cambiamenti di basi ortonormali
Siano J = (i, j) e J

= (i

, j

) due basi ortonormali di V


2
e si supponga che J sia positiva. Posto =

i, i

, si ha, a
meno di multipli di 2:
1.

i, j

= +

2
se J

pure positiva, mentre:


2.

i, j

=

2
se J

negativa e pertanto:
3. i

= (cos i + sin j, j

= (sin i + cos j), dove = 1.


Detta A la matrice avente come colonne le componenti di i

, j

rispetto alla base J,


cio:
A = _
cos sin
sin cos

,
si verica che det A = AA = I. Perci A una matrice ortogonale di ordine 2. Indicate poi con (x, y), (x

, y

)
le componenti di uno stesso vettore OP, relativo alle due basi, rispettivamente, si ottiene:
4.
_
x = x

cos y

sin
y = x

sin + y

cos
(6.1)
o anche, utilizzando la regola di Cramer, le formule inverse ci forniscono:
5.
(_
x

= x cos + y sin
y

= (x sin + y cos )
(6.2)
Pertanto (22.5) o (25.4) rappresentano le formule di trasformazione delle componenti del vettore OP allorch
si passa da una base ortonormale ad unaltra base ortonormale nello spazio V
2
.
Siano J = (i, j, k) e J

= (i

, j

, k

) due basi ortonormali di V


3
e si supponga J positiva. Se si indica con:
Dipartimento di Matematica
86 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
a
11
a
12
a
13
a
21
a
22
a
23
a
31
a
32
a
33
\
.
.
.
.
.
.
!
.
La matrice avente per colonne le componenti dei vettori i

, j

, k

rispettivamente, risulta:
t
AA = I (6.3)
ossia
t
A = A
1
ed inoltre det A = i

^ k

= 1 a seconda che la base J

sia positiva o negativa.


Una matrice A soddisfacente (23.6) prende il nome di matrice ortogonale di ordine 3 e rappresenta la
matrice del cambiamento di basi ortonormali nello spazio V
3
.
Universit di Torino
Capitolo 7
Per saperne di pi sul calcolo vettoriale
7.1 Per saperne di pi sul calcolo vettoriale
Presentiamo una denizione di vettore pi rigorosa, che si basa sul concetto di relazione di equivalenza e di classi
di equivalenza.
Denizione 7.1 Due segmenti orientati AB e CD dello spazio sono detti equipollenti se i punti medi dei segmenti
AD e BC coincidono.
Teorema 7.1 La relazione di equipollenza una relazione di equivalenza, basta vericare che:
AB ~ AB, propriet riessiva;
AB ~ CD CD ~ AB, propriet simmetrica;
AB ~ CD e CD ~ EF AB ~ EF, propriet transitiva.
Linsieme dei segmenti orientati dello spazio viene suddiviso in classi di equipollenza, ogni classe contiene tutti e
soli i segmenti orientati equipollenti ad un segmento dato e pu essere rappresentata da un qualsiasi segmento che
la costituisce.
Denizione 7.2 Le classi di equivalenza di segmenti orientati dello spazio sono dette vettori liberi.
Notazioni:
.
u, u: vettore libero;
.
AB, u = B A: AB un rappresentante della classe u.
Denizione 7.3 Si dice vettore nullo 0 la classe di equivalenza costituita da tutti i segmenti orientati di lunghezza
nulla.
Sia v \ = 0, v = AB, associamo al vettore v:
1. una direzione, quella della retta AB.
2. un verso, quello da A a B.
3. un numero strettamente positivo, detto modulo, uguale alla lunghezza del segmento AB ed indicato anche
con
l AB l.
Denizione 7.4 I vettori di modulo 1 sono detti versori. Linsieme dei vettori liberi dello spazio viene indicato
con V
3
.
Osservazione 7.1 Fissato un punto dello spazio O, detto origine, si stabilisce una ovvia corrispondenza biunivoca
tra i punti P dello spazio e i vettori denita da: OP v = OP.
87
88 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
7.2 Ulteriori propriet sul prodotto vettoriale
Si verica che sussistono le seguenti propriet:
1. (u ^ v) (w
1
+ w
2
) = (u ^ v w
1
) + u ^ v w
2
), !u, v, w
1
, w
2
e V
3
;
2. (u ^ v) ^ w = (u w)v (v w)u), !u, v, w e V
3
;
3. (u ^ v) (w^ z) = (u w)(v z) (u z)(v.w), !u, v, w e V
3
;
4. (u ^ v) ^ w + (v ^ w) ^ u + (w^ u) ^ v0, !u, v, w e V
3
.
Dimostrazione: Dimostreremo le propriet (1) e (2).
(1) Scelto un vettore generico a e V
3
eseguiamo il seguente prodotto scalare:
a x = a) [w^ (v
1
+ v
2
)] che, per la proprier 1.7 (b) equivale a
a ^ w (v
1
+ v
2
. Ora si applica la propriet distributiva del prodotto scalare e si ottiene a ^ w v
1
+ a ^ w v
2
) =
a w ^ v
1
+ a w ^ v
2
) e quindi a [w^ v
1
+ w ^ v
2
] = a y.
Allora a x = a y e pure a x a y = 0, !a e V
3
, e perci x y = 0, ossia x = y e cio lasserto
w ^ (v
1
+ v
2
) = w ^ v
1
+ w ^ v
2
.
2) !u, v, w e V
3
, il vettore u ^ v ^ w ortogonale al vettore u ^ v e quindi complanare con u e v. Esistono
pertanto degli scalari x, y e tali da potere scrivere: u ^ v w = xu + yv.
Se moltiplichiamo ambo i membri scalarmente per w, abbiamo:
0 = x(u w) + y(v w) a cui si soddisfa ponendo: x = v w, y = u w(con arbitrario), si ha perci
u ^ v ^ w = [u w)v (v w)u]. (7.1)
Si pu vericare che lo scalare non dipende da u, v, w ossia costante. Infatti supponiamo per assurdo che
dipenda, ad esempio, da u e scriviamo: (u ^ v) ^ w = (u)[(u w)v (v w)u].
Scelto un vettore arbitrario a, abbiamo le seguenti identit:
(u ^ v) a = (u ^ v)(w ^ a) = (a ^ w)(v ^ u ma (u ^ v) a = (u)[u w)v a v w)u a], e scambiando u
con a : (u ^ w) u = (u)[a v)w u w v)a u]; e dal confronto si deduce (a) = (u).
Ossia essendo a arbitrario non dipende da u e analogamente si verica che non dipende da v e da w.
Posto u = i, v = j = w = i in (7.1) troviamo i ^ j ^ i = (j), ossia = 1 in quanto si riconosce direttamente che
i ^ j ^ i = j.
Sostituendo = 1 in (7.1), rimane provato lasserto .
Universit di Torino
Capitolo 8
Calcolo Vettoriale Esercizi
8.1 Esercizi
Tutti gli esercizi, a meno di esplicita dichiarazione contraria, sono da considerarsi nello spazio vettoriale reale
V
3
dei vettori ordinari, riferito ad una base ortonormale positiva J = (i, j, k). I simboli: , ^indicano,
rispettivamente, il prodotto scalare e il prodotto vettoriale (esterno) tra due vettori.
[1] Dati i vettori:
a = hi j + 3k, b = i hj + kk, c = 2i + kk, h, k e ,
trovare per quali valori di h, k e esistono dei vettori x e V
3
tali che:
a ^ x + x ^ b = c
e determinare, quando possibile, le componenti di x.
[2] Se a e c sono vettori non nulli, ortogonali, calcolare:
a ^ (a ^ c);
a (a ^ c).
[3] Dati i vettori: a = (1, 2, 0) e b = (0, 1, 1), determinare una base ortogonale positiva di V
3
contenente a e un
vettore complanare ad a e a b.
[4] i) I vettori: a = (1, 2, 0) e b = (0, 1, 1) possono rappresentare i lati di un rettangolo?
ii) Determinare i vettori v che rappresentano le altezze del parallelogramma individuato da a e da b.
[5] i) I vettori: a = (1, 1, 0) e b = (2, 0, 1) possono rappresentare i lati di un rombo?
ii) Determinare le rette vettoriali bisettrici degli angoli individuati da a e da b.
[6] Dati i vettori: a = (1, 0, 2) e b = (0, 1, 1), determinare una base ortogonale positiva contenente a e un
vettore c ortogonale sia ad a sia a b.
89
90 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Lezioni di Geometria e Algebra Lineare I
[7] Dati i vettori:
a = (1, 3, h), b = (1, 5, 0), c = (1, 2, 1),
determinare per quali valori di h e , esiste un vettore x di V
3
che verica tutte le seguenti condizioni:
i) x sia complanare ad a e a c;
ii) x sia perpendicolare a b ^ c;
iii) il vettore proiezione ortogonale di x su c sia c.
[8] Dati i vettori: u = (2, 1, 3) e v = (0, 2, 3), determinare il vettore x simmetrico di u rispetto a v.
[9] Dati i vettori: u = (2, 1, 3) e v = (0, 2, 3), determinare i vettori bisettori degli angoli individuati da u e v.
[10] Dati i vettori:
a = (1, 2, 3), b = (1, 3, 1), c = (0, 1, 1),
determinare, se esistono, i vettori x tali che:
2(x a)b + x ^ b = c.
[11] Calcolare il valore della seguente espressione:
(a + b c) (a b + c) ^ (a + b + c),
dove a, b, c sono vettori qualsiasi dello spazio vettoriale reale V
3
.
[12] Dati i vettori: u = (1, 1, 1) e v = (1, 0, 0), scomporre il vettore v nella somma di un vettore parallelo ad u e
di un vettore ortogonale ad u.
[13] Siano u, v vettori di V
3
, provare che:
lu ^ vl
2
= (u u)(v v) (u v)
2
.
[14] Vericare che i vettori: u = 2(i +j k) e v = i +k sono ortogonali e determinare le componenti del vettore
w = i 3j + 2k rispetto alla base J

= (u, v, u ^ v).
[15] Dati i vettori: u = i k e v = i + j, determinare i vettori x di V
3
, complanari a u e a v, ortogonali a u + v
e di norma 1.
[16] Dati i vettori: u = i 2j k e v = i + j k,
i) vericare che u ortogonale a v;
ii) determinare i vettori x tali che u ^ x = v.
[17] Dati i vettori: u = (1, 1, 0) e v = (0, 1, 1), determinare i vettori x di V
3
tali che la loro proiezione ortogonale
sul piano individuato da u e v sia il vettore a = 3u + 4v.
Universit di Torino
Capitolo 8 Calcolo Vettoriale Esercizi 91
[18] Dati i vettori:
u = (1, 1, h), v = (2, 0, h), w = (2, 1, 0),
determinare per quali valori di h e esistono uno o pi vettori x e V
3
che vericano simultaneamente le seguenti
condizioni:
i) x perpendicolare ad u;
ii) il vettore proiezione ortogonale di x su v 2v;
iii) il volume con segno del tetraedro individuato dai vettori x, v, w vale 8.
[19] i) Dati i vettori: a = (1, 0, 1) e b = (2, 1, 2), si determini il vettore x tale che:
a) larea del parallelogramma individuato da a e da x sia 6.
b) J

= (a, b, x) sia una base ortogonale positiva.


ii) Si determinino le componenti del vettore c = 4i j + 3k rispetto alla base J

.
[20] i) Dati i vettori: a = (2, 1, 1) e b = (0, 1, 1), si determinino tutti i vettori x tali che la proiezione ortogonale
di x sul piano vettoriale generato da a e da b sia il vettore a + b.
ii) Scelto un vettore x particolare, si determinino le componenti del vettore c = 4i j + 3k rispetto alla base
J

= (a, b, x).
[21] Dati i vettori:
x = i j + 2k,
y = i + j 2k,
z = i,
i) esistono dei valori di e per cui i tre vettori risultino complanari?
ii) Esistono dei valori di e per cui il vettore x bisechi langolo formato da y e da z?
[22] Dati i seguenti vettori:
a
1
= (1, 3, 2),
a
2
= (2, a 6, a + 4),
a
3
= (1, a 3, a
2
+ a + 1),
b = (0, 2, a 1), a e ,
i) determinare i valori del parametro a per cui i vettori a
1
, a
2
, a
3
sono linearmente indipendenti.
ii) Posto a = 2, determinare le componenti del vettore b rispetto alla base a
1
, a
2
, a
3
.
[23] Dati i vettori: u
1
= (1, 1, 2), u
2
= (2, 1, 3), u
3
= (3, 0, h), dire per quali valori di h i vettori u
1
, u
2
, u
3
sono
linearmente indipendenti.
[24] Dati i vettori: u = (1, 3, 2), v = (2, 1, 1), vericare che sono linearmente indipendenti. Trovare per quali
valori di t il vettore w = (t, 0, 1) appartiene al piano vettoriale individuato da u e da v e, per tali valori,
determinare le sue componenti rispetto ai vettori u e v.
[25] Dati i vettori a = (0, 1, 2), b = (3, 1, 1), c = (1, 2, 2), determinare la proiezione ortogonale di c sul piano
individuato da a e b.
Dipartimento di Matematica
92 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Lezioni di Geometria e Algebra Lineare I
[26] Dati i vettori: v
1
= (1, 2 2k, 2), v
2
= (1, 2 + 2k, 16), v
3
= (4, 7 k, 8), k e ,
i) per quali valori di k i vettori v
1
, v
2
, v
3
sono linearmente dipendenti?
ii) Per tali valori provare che J = (v
1
, v
2
) una base del piano vettoriale generato da v
1
, v
2
, v
3
e trovare le
componenti di v
3
rispetto a J.
[27] Dati i vettori:
a = i + 2j + k, b = 2i j + k, c = i j,
i) vericare che (a, b, c) una base di V
3
.
ii) Costruire una base ortonormale (e
1
, e
2
, e
3
) di V
3
tale che e
1
sia parallelo ad a ed e
2
sia complanare ad a e a
b.
[28] Dati i vettori:
u = i hk, v = hj k, w = hi + 2hj k, h e ,
i) determinare, se esiste, un valore di h per cui i vettori u, v, w siano complanari.
ii) Determinare, se esiste, un valore di h per cui i vettori u e v siano paralleli.
iii) Determinare, se esiste, un valore di h per cui i vettori u, v, w costituiscano una base ortogonale.
iv) Posto h = 2, determinare il vettore proiezione ortogonale di u sul piano generato da v e da w.
[29] Determinare un vettore unitario perpendicolare a u = i j e a v = i + k, con componente positiva lungo k.
[30] Dati i vettori:
u = 2hi j + hk, v = hi j, w = i hj, h e ,
i) determinare, se esiste, un valore di h per cui i vettori u, v, w siano complanari.
ii) Determinare, se esiste, un valore di h per cui i vettori u e v siano paralleli.
[31] Dati i vettori:
a = 2i + 2j + hk, b = i j + 2hk, h e ,
i) determinare h in modo che la ^ bl
2
= 56.
ii) possibile determinare h in modo che a sia ortogonale a b? E in modo che a sia parallelo a b? Giusticare
le risposte.
[32] Dati i vettori: u = (1, 0, 1) e v = (0, 1, 1),
i) determinare i vettori complanari a u e a v, ortogonali ad u e aventi norma
_
2 .
ii) Determinare le componenti del vettore i rispetto alla base formata da u, v, u ^ v.
[33] Dati i vettori: u = (1, 2, 1), v = (1, 0, 2), w = (t, t, t + 2), t e ,
i) determinare il valore di t in modo tale che u, v, w siano complanari ed esprimere w come combinazione lineare
di u e di v.
ii) Posto t = 1, determinare il vettore w

perpendicolare a u, a v, avente norma uguale alla norma di w e


formante un angolo ottuso con j.
[34] Utilizzando il prodotto scalare, dimostrare che:
un parallelogramma ha quattro lati uguali se e solo se le diagonali sono perpendicolari.
Universit di Torino
Capitolo 8 Calcolo Vettoriale Esercizi 93
[35] Utilizzando il prodotto scalare, dimostrare che le diagonali del rombo sono bisettrici degli angoli.
[36] Dati i vettori:
u = (, , 1), v = (1, 2, 1), w = (, 1, ), e ,
i) determinare, se esistono, dei valori di per cui il volume del tetraedro individuato da u, v, w sia 5.
ii) Determinare, se esistono, dei valori di per cui u, v, w siano complanari e langolo tra v e w sia ottuso.
iii) Posto = 2, dopo aver vericato che ( = (u, v, w) una base non ortogonale, determinare le componenti di
j rispetto a (.
[37] Dati i seguenti vettori:
a = i j + 3k, b = i 2j + k,
c = i j k, d = i + 3j k,
stabilire per quali valori di e esistono dei vettori x complanari con a e b e tali che:
x ^ c = d.
Determinare, quando possibile, le componenti di x.
[38] Dati i vettori:
a = hi j k, b = j + k,
determinare, al variare di h e , se esistono, tutti i vettori x e V
3
che verichino contemporaneamente le seguenti
condizioni:
i) a, b e x devono essere complanari;
ii) a deve essere ortogonale a x;
iii) la proiezione ortogonale di x su b deve essere 2b.
[39] Dato linsieme di vettori:
1 = u = i + k, v = j + k, w = 2i j + k, t = 3i j + 3k .
i) Calcolare (u + v) ^ w t;
ii) Determinare le componenti del vettore i rispetto alla base (u, v, u ^ v).
iii) Determinare il vettore proiezione ortogonale del vettore u sul vettore w.
Dipartimento di Matematica
94 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Lezioni di Geometria e Algebra Lineare I
8.2 Soluzioni
GraphicsShapes;
ConeRadius=0.1;
Arrow3D[
{x1_,y1_,z1_},
{x2_,y2_,z2_},
nome_String]:=
Block[
{dx,dy,dz,rho,rhoxy,g,g1,g2,g3,l,theta,psi},
CompoundExpression[
dx =x2-x1;
dy =y2-y1;
dz =z2-z1;
rho = Sqrt[dx^2+dy^2+dz^2];
rhoxy = Sqrt[dx^2+dy^2];
(* Calcoliamo ora gli angoli di Eulero *)
theta = If[rho==0,0,ArcCos[dz/rho]];
psi = If[rhoxy==0,
0,
If[dx>=0,
ArcCos[dy/rhoxy],
2Pi-ArcCos[dy/rhoxy]]];
g =Graphics3D[Cone[ConeRadius,ConeRadius,10]];
g1 = TranslateShape[g,{0,0,rho-ConeRadius}];
g2=RotateShape[g1,0,theta,psi];
g3 = TranslateShape[g2,{x1,y1,z1}];
l = Graphics3D[{Thickness[0.005],
Text[StyleForm[nome,
FontSize->24,
FontWeight->"Bold"],
{x2,y2,z2}],
Line[{{x1,y1,z1},{x2,y2,z2}}]}];
{l,g3}]];
Arrow3D[{x1_,y1_,z1_},{x2_,y2_,z2_}]:=Arrow3D[{x1,y1,z1},{x2,y2,z2},""];
Arrow3D[{x2_,y2_,z2_},nome_String]:=Arrow3D[{0,0,0},{x2,y2,z2},nome];
Arrow3D[{x2_,y2_,z2_}]:=Arrow3D[{0,0,0},{x2,y2,z2},""];
Programma scritto dal prof. Stefano Berardi per la rappresentazionne graca dei vettori nello spazio.
[1]
a = {h,-1,3}; b = {1,-h,k}; c = {-2,0,k}; X = {x,y,z};
Reduce[Cross[a,X] + Cross[X,b] == c,X]
h == 1&&k == 0&&x == 0&&y ==
2
3
||
- 3 k + k
2
== 2 - 2 h&&x ==
k z
2
&&y ==
1
2
k
2
-1 + h
+ z&& - 1 + h = 0
Se h = 1 e k(k 3) = 2 2h: x = _
k
2
t,
k
2
_
2
h 1
+ t , t , t e ;
se h = 1 e k(k 3) = 2 2h: non esistono soluzioni;
Universit di Torino
Capitolo 8 Calcolo Vettoriale Esercizi 95
se h = 1 e k = 0: x = _0,
2
3
, t , t e ;
se h = 1 e k = 0: non esistono soluzioni.
[2] a ^ (a ^ c) = lal
2
c; a (a ^ c) = o.
[3]
a = {1,2,0}; b = {0,1,1};
ab = Cross[a,b]
{2,-1,1]
c = Cross[a,Cross[a,b]]
{2,-1,-5]
Show[Arrow3D[a,

],Arrow3D[b,

],Arrow3D[ab,

ab

],Arrow3D[c,

a(ab)

]]
a
b
a^b
a^(a^b)
-Graphics3D-
J

= (a, a ^ b, a ^ (a ^ b), per esempio.


Dipartimento di Matematica
96 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Lezioni di Geometria e Algebra Lineare I
[4]
a = {1,2,0}; b = {0,1,1};
a.b
2
<< LinearAlgebraOrthogonalization
v1 = b - Projection[b,a]
-
2
5
,
1
5
,1
v2 = a - Projection[a,b]
{1,1,-1]
Show[Arrow3D[a,a],Arrow3D[b,b],Arrow3D[v1,v1],Arrow3D[v2,v2]]
a
b
v1
v2
-Graphics3D-
i) No;
ii) v
1
= (1, 1, 1), v
2
= _
2
5
,
1
5
, 1.
Universit di Torino
Capitolo 8 Calcolo Vettoriale Esercizi 97
[5]
a = {1,1,0}; b = {2,0,1};
a.a - b.b
-3
<< LinearAlgebraOrthogonalization
b1 = Normalize[a] + Normalize[b]

2
+
2

5
,
1

2
,
1

b2 = Normalize[a] - Normalize[b]

2
-
2

5
,
1

2
,-
1

Show[Arrow3D[a,a],Arrow3D[b,b],Arrow3D[b1,b1],
Arrow3D[b2,b2],ViewPoint- > {0.499, -2.226, 0.084}]
a
b
b1
b2
-Graphics3D-
i) No;
ii) _
1
_
2

2
_
5
,
1
_
2
,
1
_
5
.
[6]
a = {1,0,-2}; b = {0,1,-1};
c = Cross[a,b]
{2,1,1]
Cross[a,c]
{2,-5,1]
J = (a, c = (2, 1, 1), a ^ c).
Dipartimento di Matematica
98 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Lezioni di Geometria e Algebra Lineare I
[7]
a = {1,3,h};b = {-1,5,0}; c = {1,-2,-1}; X = {x,y,z};
Reduce[{Cross[a,c].X == 0,Cross[b,c].X == 0,X.c/c.c == -1},X]
h == -
8
3
&&x ==
1
8
-18 + 5 y)&&z ==
1
8
30 - 11 y)||
x == -1&&y == 2&&z == 1&&8 + 3 h = 0
Se h =
8
3
esiste una sola soluzione;
se h =
8
3
esistono innite soluzioni che dipendono da unincognita libera.
[8]
u = {2,1,3};v = {0,2,3};
<< LinearAlgebraOrthogonalization
x = 2Projection[u,v] - u
- 2,
31
13
,
27
13

Show[Arrow3D[u,u],Arrow3D[v,v],Arrow3D[x,x]]
u
v
x
-Graphics3D-
x = _2,
31
13
,
27
13
.
Universit di Torino
Capitolo 8 Calcolo Vettoriale Esercizi 99
[9]
u = {2,1,3}; v = {0,2,3};
<< LinearAlgebraOrthogonalization
Normalize[u] + Normalize[v]

2
7
,
2

13
+
1

14
,
3

13
+
3

14

Normalize[u] - Normalize[v]

2
7
,-
2

13
+
1

14
,-
3

13
+
3

14

b =
(
.
.
.
.
'
_
14
7
,
13
_
14 28
_
13
182
,
39
_
14 42
_
13
182
\
.
.
.
.
!
.
[10]
a = {1,2,3}; b = {-1,3,-1}; c = {0,1,1}; x = {x1,x2,x3};
Solve[2 (x.a) b + Cross[x,b] == c, x]
x1 -
5
11
,x2 - -
2
11
,x3 - 0
Show[Arrow3D[a,

],Arrow3D[b,

],Arrow3D[c,

],Arrow3D[{5/11,-2/11,0},

],
ViewPoint- > {0.09, -2.28, -0.02}]
a
b
c
x
-Graphics3D-
Dipartimento di Matematica
100 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Lezioni di Geometria e Algebra Lineare I
x = _
5
11
,
2
11
, 0 .
[11] (a + b c) (a b + c) ^ (a + b + c) = 4a b ^ c.
[12]
Show[Arrow3D[{1,1,1},u],Arrow3D[{1,0,0},v],
Arrow3D[{1/3,1/3,1/3}],Arrow3D[{2/3,-1/3,-1/3}]]
u
v
-Graphics3D-
v =
1
3
u + _
2
3
,
1
3
,
1
3
.
[13] Usare le denizioni e le identit trigonometriche.
[14]
u = {2,2,-2}; v = {1,0,1};
m = {u,v,Cross[u,v]}
{{2,2,-2],{1,0,1],{2,-4,-2]]
LinearSolve[Transpose[m],{1,-3,2}]
-
2
3
,
3
2
,
5
12

v =
2
3
u +
3
2
v +
5
12
(u ^ v).
Universit di Torino
Capitolo 8 Calcolo Vettoriale Esercizi 101
[15]
u = {1,0,-1}; v = {1,1,0};x = {x1,x2,x3};
Solve[{Det[{u,v,x}] == 0,x.(u + v) == 0,x.x == 1},x]
x1 - 0,x2 - -
1

2
,x3 - -
1

2
,x1 - 0,x2 -
1

2
,x3 -
1

x =
(
.
.
.
.
'
0,
_
2
2
,
_
2
2
\
.
.
.
.
!
.
[16]
u = {1,-2,-1}; v = {1,1,-1}; x = {x1,x2,x3};
u.v
0
Solve[{Cross[u,x] == v},x]
Solve ::

svars

: Equations may not give solutions for all solve variables.


{{x1 - -1 - x3,x2 - 1 + 2 x3]]
Show[Arrow3D[u,u],Arrow3D[v,v],Arrow3D[{-1,1,0},x],
Arrow3D[{-2,3,1},x],Arrow3D[{0,-1,-1},x],
Arrow3D[{-3,5,2},x],ViewPoint- > {1.88, 0.09, -0.02}]
u v
x
x
x
x
-Graphics3D-
x = (1 , 1 + 2, ), e .
Dipartimento di Matematica
102 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Lezioni di Geometria e Algebra Lineare I
[17]
Show[Arrow3D[{1,1,0},u],Arrow3D[{0,1,1},v],
Arrow3D[{3,7,4},a],Arrow3D[{4,6,5},x],
Arrow3D[{2,8,3},x],Arrow3D[{6,4,7},x]]
u
v
a
x
x
x
-Graphics3D-
x = (3 + , 7 , 4 + ), e .
[18]
u = {1,-1,h}; v = {2,0,h}; w = {-2,1,0}; x = {x1,x2,x3};
Reduce[{x.u == 0,x.v/v.v == 2, Det[{x,v,w}] == 48}, x]
h == -2&&x1 == 8 + x3&&x2 == 8 - x3||
x1 ==
4 -2 + 7 h - 2 h
2
+ h
3
)
-2 + h
&&x2 == -
2 4 + 10 h - 2 h
2
+ h
3
)
-2 + h
&&
x3 == -
6 8 - 2 h + h
2
)
-2 + h
&& - 2 + h = 0&&2 + h = 0&&4 + h
2
= 0
Se h = 2 esiste un solo vettore x,
se h = 2 non esistono vettori x,
se h = 2 esistono innite soluzioni che dipendono da unincognita libera.
Universit di Torino
Capitolo 8 Calcolo Vettoriale Esercizi 103
[19]
a = {1,0,-1}; b = {2,1,2};X = {x,y,z};
Solve[{Cross[a,X] .Cross[a,X] == 36,Cross[a,b] == X},X]
{{y - -4,x - 1,z - 1]]
LinearSolve[Transpose[{a,b,{1,-4,1}}],{4,-1,3}]

1
2
,
13
9
,
11
18

i) x = (1, 4, 1). ii) c = _


1
2
,
13
9
,
11
18
.
[20]
a = {2,1,1}; b = {0,1,1};x = {2,0,4};
LinearSolve[Transpose[{a,b,x}],{4,-1,3}]
{1,-2,1]
i) x = a + b + (a ^ b), e .
ii) c = a 2b + x, se x = (2, 0, 4).
[21]
x = {1,-1,2l}; y = {l,l,-2}; z = {1,0,0};
Solve[Det[{x,y,z}] == 0,l]
{{l - -1],{l - 1]]
<< LinearAlgebraOrthogonalization
Solve[Cross[Normalize[y] + Normalize[z], x] == {0,0,0},l]
{]
Solve[Cross[Normalize[y] - Normalize[z], x] == {0,0,0},l]
{]
i) = 1. ii) No.
[22]
a1 = {1,3,-2};a2 = {-2,a - 6,a + 4};
a3 = {-1,a - 3,a2 + a + 1};b = {0,-2,a - 1};
Solve[Det[{a1,a2,a3}] == 0,a]
{{a - -1],{a - 0],{a - 1]]
LinearSolve[Transpose[{a1,a2,a3}/. a - 2],b/. a - 2]
{-3,-2,1]
i) a / e 1, 0, 1; ii) b = 3a
1
2a
2
+ a
3
.
[23]
u1 = {1,1,2};u2 = {2,-1,3}; u3 = {3,0,h};
Solve[Det[{u1,u2,u3}] == 0]
{{h - 5]]
Dipartimento di Matematica
104 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Lezioni di Geometria e Algebra Lineare I
h = 5.
[24]
u = {1,3,2};v = {-2,1,1};w = {t,0,-1};
RowReduce[{u,v}]
1,0,-
1
7
,0,1,
5
7

Solve[Det[{u,v,w}] == 0]
{{t - 7]]
Solve[(w/.t - 7) == a u + b v,{a,b}]
{{a - 1,b - -3]]
t = 7; w = u 3v.
[25]
a = {0,1,2};b = {3,-1,1}; c = {-1,2,2};
p = c - (c. Cross[a,b])/(Cross[a,b].Cross[a,b]) Cross[a,b]
-
7
6
,
5
3
,
13
6

Show[Arrow3D[a,a],Arrow3D[b,b],Arrow3D[c,c],
Arrow3D[p,p],ViewPoint- > {1.63, 0.09, 3.59}]
a
b
c
p
-Graphics3D-

7
6
i +
5
3
j +
13
6
k.
Universit di Torino
Capitolo 8 Calcolo Vettoriale Esercizi 105
[26]
v1 = {-1,-2 - 2k,-2};v2 = {1,-2 + 2k,16}; v3 = {4,-7 - k,8};
Solve[v3 == a v1 + b v2]
a - -4,b - 0,k - -
5
3

i) k =
5
3
. ii) v
3
= 4v
1
.
[27]
a = {1,2,1}; b = {2,-1,1}; c = {1,-1,0};
Det[{a,b,c}]
2
<< LinearAlgebraOrthogonalization
g = GramSchmidt[{a,b,c}]

6
,

2
3
,
1

6
,

11

210
,-4

2
105
,

5
42
,
3

35
,
1

35
,-

5
7

Show[Arrow3D[a, a],Arrow3D[b,b],Arrow3D[c,c],
Arrow3D[g[[1]]],Arrow3D[g[[2]]],Arrow3D[g[[3]]]]
a
b
c
-Graphics3D-
ii) Per esempio: e
1
=
(
.
.
.
.
'
_
6
6
,
_
6
3
,
_
6
6
\
.
.
.
.
!
; e
2
=
1
_
210
(11, 8, 5), e
3
= e
1
^ e
2
.
Dipartimento di Matematica
106 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Lezioni di Geometria e Algebra Lineare I
[28]
u = {1,0,-h}; v = {0,h,-1}; w = {h,2h,-1};
Solve[Det[{u,v,w}] == 0]
{{h - 0],{h - -f],{h - f]]
Solve[Cross[u,v] == {0,0,0}]
{]
Solve[{u.v == 0,u.w == 0,v.w == 0}]
{]
(u - (u.Cross[v,w])/(Cross[v,w].Cross[v,w])Cross[v,w])/.h - 2

1
6
,
5
6
,-
1
3

i) h = 0. ii) No. iii) No. iv) _


1
6
,
5
6
,
1
3
.
[29]
u = {1,-1,0}; v = {1,0,1}; X = {x,y,z};
Solve[{X.u == 0,X.v == 0, X.X == 1},X]
y - -
1

3
,z -
1

3
,x - -
1

3
,y -
1

3
,z - -
1

3
,x -
1

1
_
3
(i j + k).
Universit di Torino
Capitolo 8 Calcolo Vettoriale Esercizi 107
[30]
u = {2h,-1,h}; v = {h,-1,0}; w = {1,-h,0};
Solve[Det[{u,v,w}] == 0]
{{h - -1],{h - 0],{h - 1]]
Solve[Cross[u,v] == 0]
{{h - 0],{h - 0]]
h = 0;
Show[Arrow3D[u,

],Arrow3D[v,

],Arrow3D[w,

],
ParametricPlot3D[a + v + b + w,{a,0,1.5},{b,0,1.5}],
ImageSize - 300]
u v
w
-Graphics3D-
i) h = 0, h = 1. ii) h = 0.
[31]
a = {2,2,h}; b = {1,-1,2h};
Solve[Cross[a,b].Cross[a,b] == 56]
h - -2

5
17
,h - 2

5
17

Solve[a.b == 0]
{{h - 0],{h - 0]]
Solve[Cross[a,b] == 0]
{]
i) h = 2
_
5
17
.
ii) Si per h = 0, no perch le loro proiezioni ortogonali sul piano vettoriale individuato da i e da j sono ortogonali.
Dipartimento di Matematica
108 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Lezioni di Geometria e Algebra Lineare I
[32]
u = {1,0,1}; v = {0,1,1}; X = {x,y,z};
Solve[{X.Cross[u,v] == 0, X.u == 0, X.X == 2},X]
y - -
2

3
,x -
1

3
,z - -
1

3
,y -
2

3
,x - -
1

3
,z -
1

LinearSolve[Transpose[{u,v,Cross[u,v]}],{1,0,0}]

2
3
,-
1
3
,-
1
3

i)
_
3
3
(1, 2, 1). ii) _
2
3
,
1
3
,
1
3
.
[33]
u = {1,2,-1}; v = {1,0,2}; w = {-t,t,t + 2};w

= {x,y,z};
Solve[Det[{u,v,w}] == 0]
t - -
4
9

Solve[w == a u + b v]
a - -
2
9
,b -
2
3
,t - -
4
9

Solve[{t == -1,w

.u == 0,w

.v == 0,w

.w

== w.w},w

]
y - -3

3
29
,x - 4

3
29
,z - -2

3
29
,
y - 3

3
29
,x - -4

3
29
,z - 2

3
29

i) t =
4
9
, w =
2
9
u +
2
3
v.
ii) w

=
(
.
.
.
.
'
4
_
3
_
29
,
3
_
3
_
29
,
2
_
3
_
29
\
.
.
.
.
!
[34] Se lxl
2
= lyl
2
, dalla denizione di norma e dalle propriet del prodotto scalare, segue:
(x + y) (x y) = 0. Il viceversa si ottiene in modo analogo.
[35] Si assume che lxl
2
= lyl
2
. Dalla formula del prodotto scalare, segue:
cos(x, x + y) = cos(y, x + y) e cos(x, x y) = cos(y, x y).
Universit di Torino
Capitolo 8 Calcolo Vettoriale Esercizi 109
[36]
u = {l,-l,1};v = {1,2,1};w = {l,-1,l};
Solve[Det[{u,v,w}] == 30]
l -
1
4
1 -

249,l -
1
4
1 +

249
A = Solve[Det[{u,v,w}] == 0]
l - -
1
2
,{l - 1]
v.w/.A[[1]]
-3
v.w/.A[[2]]
0
l = 2;
Det[{u,v,w}]
5
LinearSolve[Transpose[{u,v,w}],{0,1,0}]
0,
2
5
,-
1
5

i) =
1
_
249
4
.
ii) =
1
2
.
iii) j =
2
5
v
1
5
w.
[37]
a = {t,-1,3}; b = {1,-2,1};c = {1,-1,-1};
d = {1,3,-t};x = {x1,x2,x3};
Reduce[{Det[{x,a,b}] == 0,Cross[x,c] == d},x]
t == 2&&x1 == 1&&x2 == 1&&x3 == 2
= 2, x = (1, 1, 2).
[38] Se h = 0: esiste una sola soluzione: x = _
4
h
, 2, 2; se h = 0: non esistono soluzioni.
[39] i) 3;
ii) i =
2
3
(i + k)
1
3
(j + k)
1
3
(i j + k);
iii)
1
2
(2i j + k).
Dipartimento di Matematica
110 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Lezioni di Geometria e Algebra Lineare I
Universit di Torino
Capitolo 9
Spazi Vettoriali
Introduciamo in questo capitolo la denizione di spazio vettoriale, concetto su cui si basa lalgebra lineare. In
Geometria e Algebra Lineare I si studieranno solo gli spazi vettoriali costruiti sul campo dei numeri reali, in
Geometria e Algebra Lineare II si studieranno gli spazi vettoriali sul campo complesso. La denizione trae origine
dal ben noto esempio dellinsieme dei vettori nello spazio tri-dimensionale ordinario, si intende algebrizzare tale
concetto con il duplice scopo di dimostrare teoremi dalle conseguenze essenziali nel caso dello spazio ordinario e
di estendere tali nozioni a dimensione superiore a 3.
Denizione 9.1 Un insieme V si dice spazio vettoriale sul campo dei numeri reali se sono denite su V le
seguenti due operazioni:
i) la somma: + : V V V rispetto alla quale V ha la struttura di gruppo commutativo, ossia valgono le
propriet:
1. commutativa: x + y = y + x, !x, y e V ;
2. associativa: (x + y) + z = x + (y + z), !x, y, z e V ;
3. esistenza dellelemento neutro: 0 e V | 0 + x = x + 0, !x e V ;
4. esistenza dellopposto: !x e V x e V | x + (x) = (x) + x = 0;
ii) il prodotto per numeri reali: V V tale che (, x) x per cui valgono le seguenti propriet:
1. (x+y) = x+y, !x, y e V, ! e ; si osservi che tale propriet non pu essere chiamata distributiva
del prodotto rispetto alla somma, in quanto coinvolge elementi appartenenti ad insiemi diversi;
2. ( + )x = x + x, !x e V, !, e ;
3. ()x = (x), !x e V, !, e ;
4. 1x = x, !x e V .
Gli elementi di V prendono il nome di vettori e saranno, in generale, indicati in grassetto, gli elementi di
prendono il nome di scalari, lelemento neutro 0 di V viene detto vettore nullo.
Osservazione 9.1 Si pu dare una denizione analoga di spazio vettoriale ma costruito su un qualsiasi campo, per
esempio sul campo dei numeri razionali o dei numeri complessi .
Verranno descritti di seguito gli esempi ritenuti pi signicativi, si rimanda al Capitolo 12 per ulteriori esempi ed
esercizi.
111
112 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
Esempio 9.1 Iniziamo con gli esempi che hanno dato il nome alla struttura di spazio vettoriale appena denita.
V
1
, V
2
, V
3
: gli insiemi dei vettori della retta, del piano e dello spazio rispettivamente, sono esempi di spazio vetto-
riale su rispetto alle operazioni di somma di vettori e di prodotto di un vettore per un numero reale denite in
modo elementare.
Esempio 9.2 Linsieme delle matrici
m,n
di m righe e n colonne, ad elementi reali, denite nel Capitolo 3 sono
una famiglia di esempi di spazi vettoriali rispetto alle operazioni di somma e di prodotto per numeri reali l denite.
Esempio 9.3 Lesempio fondamentale:

n
= (x
1
, x
2
, . . . , x
n
) | x
i
e , i = 1, . . . , n.
un caso particolare dellesempio precedente ma, visto il ruolo fondamentale che avr in tutto il corso, lo trattiamo
a parte.
La somma di due n-uple di
n
denita come:
(x
1
, x
2
, . . . , x
n
) + (y
1
, y
2
, . . . , y
n
) = (x
1
+ y
1
, x
2
+ y
2
, . . . , x
n
+ y
n
).
Il vettore nullo dato dalla n-upla: (0, 0, . . . , 0) e lopposto del vettore (x
1
, x
2
, . . . , x
n
) il vettore (x
1
, x
2
, . . . , x
n
).
Il prodotto di un numero reale per un elemento di
n
denito da:
(x
1
, x
2
, . . . , x
n
) = (x
1
, x
2
, . . . , x
n
).
Si osservi che, come caso particolare, ha la struttura di spazio vettoriale su . In questo caso, le operazioni di
somma e di prodotto per scalari coincidono con le usuali denizioni di somma e di prodotto di numeri reali.
Esempio 9.4 Il campo dei numeri razionali un esempio di spazio vettoriale su (ma non su ), analogamente
il campo dei numeri complessi ha la struttura di spazio vettoriale su se stesso e anche su . Si lascia per esercizio
la spiegazione dettagliata di tali affermazioni.
Esempio 9.5 Linsieme delle funzioni reali di variabile reale: /() = f : un esempio di spazio
vettoriale su , dove la somma denita da:
( f + g)(x) = f (x) + g(x), !f , g e /(), !x e
e il prodotto di una funzione per un numero reale :
(f )(x) = ( f (x)), !f e /(), ! e , !x e .
Si verica facilmente che il vettore nullo la funzione nulla : O(x) = 0, !x e , lopposto di f la funzione f
denita in modo evidente:
(f )(x) = f (x), !x e .
Vale il seguente teorema, il cui enunciato naturalmente intuibile.
Teorema 9.1 In V , spazio vettoriale reale, si ha:
1. il vettore nullo 0 unico;
2. per ogni vettore x e V lopposto x unico;
3. se x + y = x + z allora y = z, per ogni x, y, z e V ;
4. x = 0, con e e x e V = = 0 oppure x = 0;
5. (1)x = x, per ogni x e V .
Dimostrazione: La dimostrazione, quasi un esercizio, si pu leggere nel Capitolo 12.
Universit di Torino
Capitolo 10
Sottospazi Vettoriali
La nozione di sottospazio vettoriale, oggetto di questo capitolo, intende estendere lidea dellinsieme dei vettori
del piano visto come sottoinsieme dei vettori dello spazio aventi entrambi la stessa struttura di spazio vettoriale,
con le stesse operazioni, riferite allo stesso campo di scalari.
10.1 Denizione ed Esempi
Denizione 10.1 Sia V uno spazio vettoriale reale, +, V un sottospazio vettoriale di V se + uno spazio
vettoriale rispetto alle stesse operazioni di V , ossia se chiuso rispetto alle operazioni di somma e di prodotto
per scalari denite in V , vale a dire:
!x, y e += x + y e +,
! e , !x e += x e +,
che equivale a:
!, e , !x, y e += x + y e +.
.
Osservazione 10.1 Segue dalla denizione che il vettore nullo deve necessariamente appartenere ad ogni sotto-
spazio vettoriale.
Esempio 10.1 Linsieme dei vettori ordinari del piano V
2
un sottospazio vettoriale di V
3
, insieme dei vettori
dello spazio. Linsieme dei vettori di una retta V
1
un sottospazio vettoriale di V
2
e di V
3
. Si noti il comune abuso
di linguaggio, con V
1
da intendersi una retta vettoriale (gracamente un insieme di rette parallele, una direzione),
con V
2
da intendersi un piano vettoriale (gracamente un insieme di piani paralleli, una giacitura).
Esempio 10.2 Si osservi che, nonostante , linsieme dei numeri razionali (spazio vettoriale su ) non un
sottospazio vettoriale di , in quanto su non denito lo stesso prodotto di , il prodotto di un numero reale
per un numero razionale non necessariamente razionale.
Esempio 10.3 In ogni spazio vettoriale V compaiono necessariamente due sottospazi vettoriali: V e 0. Essi
coincidono solo se V = 0. Tali sottospazi si dicono improprii.
Ci occupiamo ora della rappresentazione dei sottospazi vettoriali di
n
mediante equazioni. Per capire meglio la
teoria, iniziamo con un esercizio.
113
114 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
Esercizio 10.1 Dati i seguenti sottoinsiemi di
3
:
7 = (x
1
, x
2
, x
3
) e
3
| 2x
1
+ 3x
2
x
3
= 0,
J = (x
1
, x
2
, x
3
) e
3
| 2x
1
+ 3x
2
x
3
= x
2
+ x
3
= 0,
( = (x
1
, x
2
, x
3
) e
3
| 2x
1
+ 3x
2
x
3
= 5,
1 = (x
1
, x
2
, x
3
) e
3
| 2x
2
1 + 3x
2
x
3
= 0,
dire quali sono sottospazi vettoriali di
3
giusticando la risposta.
Soluzione: facile osservare che ( non un sottospazio perch non contiene il vettore nullo, in altri termini
lequazione lineare che denisce ( non omogenea.
Dimostriamo che 7 un sottospazio vettoriale di
3
. Siano (x
1
, x
2
, x
3
) e (y
1
, y
2
, y
3
) due elementi di 7 ossia tali
che: 2x
1
+3x
2
x
3
= 2y
1
+3y
2
y
3
= 0, dimostriamo che la loro somma (x
1
+y
1
, x
2
+y
2
, x
3
+y
3
) un elemento di
7, vale a dire 2(x
1
+y
1
) +3(x
2
+y
2
) (x
3
+y
3
) = 0, che ovvia conseguenza dellappartenenza ad 7 di (x
1
, x
2
, x
3
)
e di (y
1
, y
2
, y
3
). Analogamente si dimostra che (x
1
, x
2
, x
3
) = (x
1
, x
2
, x
3
) un elemento di 7 per ogni e e
per ogni (x
1
, x
2
, x
3
) e 7.
Si dimostra in modo analogo che J un sottospazio vettoriale di
3
.
1 non un sottospazio vettoriale di
3
, pur contenendo il vettore nullo, infatti dati (1, 0, 2), (2, 0, 8) e 1 la loro
somma (3, 0, 10) non appartiene a 1 (2 3
2
10 = 8).
Lesercizio precedente suggerisce il seguente risultato di carattere generale.
Esempio 10.4 Esempio fondamentale di sottospazio. L insieme delle soluzioni di un sistema lineare omogeneo
di n incognite un sottospazio vettoriale di
n
. La dimostrazione, che una conseguenza evidente dellesempio
precedente, pu essere anche ottenuta procedendo in modo sintetico. Infatti, sia
A(A) = X e
n
| AX = 0, A e
m,n

linsieme da considerarsi, dove si identica


n,1
con
n
. Dati X
1
, X
2
e A(A), allora AX
1
= AX
2
= 0. Si deve
dimostrare che X
1
+ X
2
e A(A) per ogni , e , ma A(X
1
+ X
2
) = AX
1
+ AX
2
= 0. Si osservi che con O
si indica la matrice nulla di
n,1
. A(A) prende il nome di nullspace (o nullicatore) di A.
Osservazione 10.2 Quanti vettori contiene un sottospazio vettoriale?
Continuiamo con un elenco di sottospazi notevoli dello spazio vettoriale delle matrici
m,n
. Le veriche sono
lasciate per esercizio.
Esempio 10.5 Il sottoinsieme 1(
n,n
) di
n,n
(spazio vettoriale delle matrici quadrate di ordine n) formato dalle
matrici diagonali, denito in 3.3, un sottospazio vettoriale.
Esempio 10.6 Il sottoinsieme 7(
n,n
) di
n,n
delle matrici triangolari superiori, denito in 3.3, un sottospazio
vettoriale; analoga affermazione per il sottoinsieme delle matrici triangolari inferiori.
Esempio 10.7 Linsieme delle matrici simmetriche (cfr. 3.3):
S(
n,n
) = A e
n,n
|
t
A = A
un sottospazio vettoriale di
n,n
, Infatti se A
1
, A
2
e S(
n,n
) si ha che
t
A
1
= A
1
e
t
A
2
= A
2
, allora
t
(A
1
+ A
2
) =
t
A
1
+
t
A
2
= A
1
+ A
2
, la dimostrazione della chiusura rispetto al prodotto per scalari lasciata per esercizio.
Esempio 10.8 Linsieme delle matrici antisimmetriche (cfr. 3.3):
7(
n,n
) = A e
n,n
|
t
A + A = 0
un sottospazio vettoriale (per la dimostrazione si procede in modo analogo allesempio precedente.)
Universit di Torino
Capitolo 10 Sottospazi Vettoriali 115
Osservazione 10.3 Si osservi che linsieme delle matrici ortogonali (cfr. 3.3):
O(n) = A e
n,n
|
t
AA = I
non un sottospazio vettoriale di
n,n
, perch non contiene il vettore nullo.
Osservazione 10.4 Si osservi che linsieme:
+= A e
n,n
| det A = 0
non un sottospazio vettoriale di
n,n
. Perch?
10.2 Somma di sottospazi vettoriali
Siano +
1
e +
2
due sottospazi vettoriali di uno spazio vettoriale V costruito su . Si ha:
Teorema 10.1 Lintersezione insiemistica +
1
| +
2
un sottospazio vettoriale di V .
Dimostrazione. immediata conseguenza delle denizioni di sottospazio vettoriale e di intersezione insiemistica.
Esempio 10.9 Siano:
+
1
= (x
1
, x
2
, x
3
) e
3
| 3x
1
+ x
2
+ x
3
= 0,
+
2
= (x
1
, x
2
, x
3
) e
3
| x
1
x
3
= 0.
La loro intersezione il sottospazio:
+
1
| +
2
= (x
1
, x
2
, x
3
) e
3
| 3x
1
+ x
2
+ x
3
= x
1
x
3
= 0
= (a, 4a, a), a e .
Esempio 10.10 In V
3
, spazio vettoriale reale dei vettori ordinari, riferito ad una base ortonormale positiva
J = (i, j, k), i sottospazi:
+
1
= [(i, j), +
2
= [(i, k)
si intersecano nella retta vettoriale:
+
1
| +
2
= [(i).
Si ricordi che la notazione [(a) indica linsieme di tutti i vettori che sono paralleli ad a, analogamente [(a, b)
indica linsieme dei vettori complanari ad a, b; nel Capitolo 11 si generalizzer questa notazione.
Lunione di due sottospazi non , in generale, un sottospazio vettoriale, come si deduce dagli esempi prima citati.
Infatti si ha:
NellEsempio 10.9 +
1
| +
2
non un sottospazio perch, per esempio, la somma di (1, 2, 5) e +
1
insieme
con (2, 3, 2) e +
2
non appartiene a +
1
| +
2
.
NellEsempio 10.10 il vettore v = (2i + 3j) + (4k) non appartiene a +
1
| +
2
pur essendo somma di un vettore
di +
1
e di un vettore di +
2
.
Esercizio 10.2 In quali casi lunione di due sottospazi un sottospazio?
Gli esempi precedenti giusticano la seguente:
Denizione 10.2 Si denisce somma di +
1
e +
2
linsieme:
+
1
+ +
2
= x e V | x = x
1
+ x
2
, x
1
e +
1
, x
2
e +
2
.
Dipartimento di Matematica
116 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
Teorema 10.2 1. +
1
+ +
2
un sottospazio vettoriale.
2. +
1
+ +
2
il pi piccolo sottospazio contenente +
1
e +
2
.
Dimostrazione. 1. Segue dalla denizione di somma di sottospazi e dalla denizione di sottospazio vettoriale.
2. +
1
, +
1
++
2
in quanto i suoi elementi possono essere scritti come x +0, per ogni x e +
1
, considerando
il vettore nullo 0 come elemento di +
2
. Dimostrazione analoga per +
2
. La somma +
1
+ +
2
il pi pic-
colo sottospazio contenente +
1
e +
2
perch ogni altro sottospazio con questa propriet deve necessariamente
contenere tutte le combinazioni lineari di elementi di +
1
e di +
2
e, quindi, deve contenere +
1
+ +
2
.
La denizione di somma si estende in modo naturale a pi di due sottospazi:
Denizione 10.3 Siano +
i
, i = 1, . . . , k, sottospazi vettoriali di V . La loro somma data da:
+
1
+ +
2
+ . . . + +
k
= x e V | x = x
1
+ x
2
+ . . . + x
k
, x
i
e +
i
, i = 1, . . . k.
Anche in questo caso si pu dimostrare una propriet analoga al Teorema 10.2.
Si presti particolare attenzione ai seguenti esempi.
Esempio 10.11 Siano:
+
1
= (x
1
, x
2
, 0) e
3
, x
1
, x
2
e ,
+
2
= (0, 0, x
3
) e
3
, x
3
e .
Si verica che +
1
| +
2
= 0 e +
1
| +
2
=
3
. Ogni elemento (x
1
, x
2
, x
3
) e
3
si scrive, in modo unico,
come somma di un elemento di +
1
e di un elemento di +
2
, infatti:
(x
1
, x
2
, x
3
) = (x
1
, x
2
, 0) + (0, 0, x
3
).
Esempio 10.12 Siano:
+
1
= (x
1
, x
2
, 0) e
3
, x
1
, x
2
e ,

2
= (x
1
, 0, x
3
) e
3
, x
1
, x
3
e .
Si verica che +
1
|
2
= (x
1
, 0, 0), x
1
e e +
1
|
2
=
3
. In questo caso, per esempio, (1, 2, 3) e
3
si
pu scrivere in inniti modi diversi come somma di un elemento di +
1
e di un elemento di
2
, infatti:
(1, 2, 3) = (a, 2, 0) + (b, 0, 3), a, b e | a + b = 1.
Ci suggerisce la seguente:
Denizione 10.4 Siano +
1
, +
2
sottospazi vettoriali di V , la somma +
1
+ +
2
si dice diretta e si scrive:
+
1
q+
2
(10.1)
se ogni vettore x e +
1
q+
2
si decompone in modo unico come x = x
1
+ x
2
con x
1
e +
1
e x
2
e +
2
.
La precedente denizione si estende a pi di due sottospazi nel modo seguente:
Denizione 10.5 Siano +
i
, i = 1, . . . k, sottospazi vettoriali di V ; la loro somma si dice diretta e si scrive:
+
1
q+
2
q. . . q+
k
se ogni vettore x di tale somma si decompone in modo unico come:
x = x
1
+ x
2
+ . . . + x
k
con x
i
e +
i
, i = 1, . . . k.
Universit di Torino
Capitolo 10 Sottospazi Vettoriali 117
Sar utile la seguente:
Denizione 10.6 +
1
e +
2
, sottospazi vettoriali di V , si dicono supplementari se:
+
1
q+
2
= V.
Osservazione 10.5 La somma di due o pi sottospazi generata dallunione dei medesimi nel senso che i vettori
del sottospazio somma sono combinazioni lineari dei vettori dei sottospazi addendi.
Osservazione 10.6 V
3
= [(i) q[(j) q[(k) = [(i, j) q[(k) = . . . . . . .
Esercizio 10.3 In V
3
quanti sono i sottospazi supplementari di [(i, j)?
Teorema 10.3 Lo spazio vettoriale delle matrici quadrate si decompone nel modo seguente:

n,n
= S(
n,n
) q7(
n,n
),
dove S(
n,n
) indica il sottospazio delle matrici simmetriche di
n,n
, 7(
n,n
) il sottospazio delle matrici anti-
simmetriche deniti negli Esempi 10.7 e 10.8.
Dimostrazione. Segue dalla scrittura:
2A = (A +
t
A) + (A
t
A)
e dal fatto che A +
t
A una matrice simmetrica, mentre A
t
A antisimmetrica.
I seguenti teoremi caratterizzano la somma diretta:
Teorema 10.4
+= +
1
q+
2
=+= +
1
+ +
2
e +
1
| +
2
= 0.
Dimostrazione. Se la somma dei due sottospazi diretta, allora ogni x e +si scrive in modo unico come x
1
+x
2
,
con x
1
e +
1
e x
2
e +
2
. Per assurdo, se y(= 0) e +
1
| +
2
allora lespressione x = (x
1
+ y) + (x
2
y)
contraddice lipotesi.
Si supponga che +
1
| +
2
= 0 e + = +
1
+ +
2
ed, inoltre, per assurdo, sia x = x
1
+ x
2
= y
1
+ y
2
, con
x
1
, y
1
e +
1
, x
2
, y
2
e +
2
e x
1
= y
1
oppure (o anche ) x
2
= y
2
. Segue che x
1
y
1
= x
2
+ y
2
da cui si
perviene ad una contraddizione.
Il seguente esempio mostra che tale teorema non pu essere esteso al caso della somma diretta di pi sottospazi.
Esempio 10.13 In V
3
, rispetto ad una base ortonormale positiva J = (i, j, k), si considerino i sottospazi vettoriali:
+
1
= [(i, j); +
2
= [(i + k); +
3
= [(j + k).
chiaro che +
1
| +
2
| +
3
= 0, e +
1
+ +
2
+ +
3
= V
3
ma la loro somma non diretta; per esempio:
i + j + k = [ai + (1 a)j] + [(1 a)i + (1 a)k] + (aj + ak), a e .
Il teorema che caratterizza la somma diretta di pi di due sottospazi, , infatti, il seguente:
Teorema 10.5
+= +
1
q+
2
q . . . q+
k
= +
i
| (+
1
+ +
2
+ . . . +
.
+
i
+ . . . + +
k
) = 0,
e += +
1
+ +
2
+ . . . + +
k
, i = 1, . . . k.
(
.
+
i
indica che si deve escludere il sottospazio +
i
dalla somma).
Dipartimento di Matematica
118 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
Esercizio 10.4 Avvertenza: Il seguente esercizio risolto a titolo di esempio per chiarire i concetti esposti in
questo paragrafo. Nel capitolo successivo indicheremo un metodo pi rapido per risolvere problemi analoghi.
In
4
si considerino i sottospazi vettoriali:
+
1
= (x
1
, x
2
, x
3
, x
4
) e
4
| x
1
+ 2x
2
+ 3x
3
+ x
4
= 0,
+
2
= (x
1
, x
2
, x
3
, x
4
) e
4
| x
1
+ x
2
= x
1
+ x
3
= x
1
x
2
+ x
3
= 0,
dimostrare che +
1
q+
2
=
4
.
Soluzione: Innanzi tutto osserviamo che effettivamente +
1
e +
2
sono sottospazi vettoriali di
4
essendo deniti
tramite sistemi lineari omogenei. La loro intersezione +
1
| +
2
coincide con le soluzioni del sistema lineare
omogeneo formato da tutte le equazioni che deniscono +
1
e da tutte le equazioni che deniscono +
2
, nel
nostro caso si ha:
|
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
'
x
1
+ 2x
2
+ 3x
3
+ x
4
= 0
x
1
+ x
2
= 0
x
1
+ x
3
= 0
x
1
x
2
+ x
3
= 0
le cui soluzioni, come spiegato nel Paragrafo 1.2, dipendono dal rango della matrice dei coefcienti:
A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 2 3 1
1 1 0 0
1 0 1 0
1 1 1 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
;
riducendo per righe la matrice A si ottiene rank(A) = 4 da cui segue che +
1
| +
2
= 0.
Per dimostrare che +
1
+ +
2
=
4
si devono scrivere esplicitamente le espressioni dei vettori di +
1
e di +
2
.
Nel primo caso, risolvendo lequazione che denisce +
1
, si ottiene che (x
1
, x
2
, x
3
, x
4
) e +
1
se (x
1
, x
2
, x
3
, x
4
) =
(2t
1
3t
2
t
3
, t
1
, t
2
, t
3
), !t
1
, t
2
, t
3
e . Invece, risolvendo il sistema lineare che denisce +
2
, si ha che
(x
1
, x
2
, x
3
, x
4
) e +
2
se (x
1
, x
2
, x
3
, x
4
) = (0, 0, 0, ), ! e . Si ottiene la tesi provando che un generico vet-
tore (x
1
, x
2
, x
3
, x
4
) e
4
si pu scrivere come somma di un vettore di +
1
e di un vettore di +
2
, in altri termini
dato (x
1
, x
2
, x
3
, x
4
) esistono opportuni valori di t
1
, t
2
, t
3
, e per cui (x
1
, x
2
, x
3
, x
4
) = (2t
1
3t
2
t
3
, t
1
, t
2
, t
3
+),
che ovvio dalla scrittura stessa. Il Teorema 10.4 e il calcolo dellintersezione dei due sottospazi assicurano che
tali valori sono unici.
Universit di Torino
Capitolo 11
Generatori, Basi e Dimensione
11.1 Base di uno spazio vettoriale
Denizione 11.1 Dati i vettori v
1
, v
2
, . . . , v
n
di V , spazio vettoriale su , il vettore x denito da:
x = x
1
v
1
+ x
2
v
2
+ . . . + x
n
v
n
(11.1)
si dice combinazione lineare (c.l.) di v
1
, v
2
, . . . , v
n
. I numeri reali x
1
, x
2
, . . . , x
n
si dicono coefcienti della
combinazione lineare.
Fissati i vettori v
1
, v
2
, . . . , v
n
in V si vogliono considerare tutte le loro combinazioni lineari. Tale insieme indicato
con:
[(v
1
, v
2
, . . . , v
n
),
o con < v
1
, v
2
, . . . , v
n
>, prende il nome (dallinglese) di span di v
1
, v
2
, . . . , v
n
, di cui v
1
, v
2
, . . . , v
n
sono i
generatori. Si ha:
Teorema 11.1 [(v
1
, v
2
, . . . , v
n
) un sottospazio vettoriale di V ed il piu piccolo sottospazio vettoriale di V
contenente i vettori v
1
, v
2
, . . . , v
n
.
La dimostrazione lasciata per esercizio.
Esempio 11.1 In V
3
, rispetto alla base ortonormale J = (i, j, k), il piano vettoriale [(i, j) un sottospazio
vettoriale.
Il teorema che segue, la cui dimostrazione un esercizio, permette di cambiare generatori in un sottospazio
vettoriale.
Teorema 11.2 In [(v
1
, v
2
, . . . , v
n
) si possono aggiungere o sostituire pi generatori con loro combinazioni li-
neari.
Osservazione 11.1 Come immediata conseguenza del teorema precedente si ottiene che [(v
1
, v
2
, . . . , v
n
) am-
mette inniti generatori.
Esempio 11.2 Il piano [(i, j) di V
3
si pu denire come [(i, j) = [(3i + 4j, i 100j, 4i, 0) e cos via, ma non
come [(i).
Esempio 11.3 Lo spazio vettoriale dei numeri reali pu essere generato da un qualsiasi numero non nullo: =
[(1) = [(35).
Esempio 11.4
3
= [((1, 0, 0), (0, 1, 0), (0, 0, 1)) = [((1, 2, 3), (2, 3, 0), (0, 0, 2), (4, 5, 6)).
119
120 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
Esempio 11.5
2,2
generato, per esempio, dalle matrici: _
1 0
0 0
, _
0 1
0 0
, _
0 0
1 0
, _
0 0
0 1
ma anche
dalle matrici: _
2 0
0 0
, _
0 4
0 0
, _
0 0
7 0
, _
0 0
0 8
, _
0 0
0 0
, _
7 2
0 9
.
Esempio 11.6 Consideriamo il sottospazio vettoriale:
J = (x
1
, x
2
, x
3
) e
3
| 2x
1
+ 3x
2
x
3
= x
2
+ x
3
= 0
introdotto nellEsercizio 10.1 e determiniamone un sistema di generatori. A tale scopo si deve risolvere il sistema
lineare omogeneo, come descritto nel Paragrafo 1.2 e si ottengono innite soluzioni che dipendono da un parametro
t e date da:
|
.
.
.

.
.
.
'
x
1
= 2t
x
2
= t
x
3
= t.
In altri termini, il generico elemento di J del tipo (2t, t, t) = t(2, 1, 1), !t e , ossia (2, 1, 1) un generatore
di J.
Le denizioni e le propriet che seguono preparano alla denizione rigorosa di dimensione di uno spazio vettoriale.
Denizione 11.2 I vettori v
1
, v
2
, . . . , v
n
di V si dicono linearmente indipendenti (l.i.) se lunica loro combina-
zione lineare che d il vettore nullo ha coefcienti tutti nulli, vale a dire:
x
1
v
1
+ x
2
v
2
+ . . . + x
n
v
n
= 0 = x
1
= x
2
= . . . = x
n
= 0. (11.2)
Linsieme v
1
, v
2
, . . . , v
n
di vettori l.i. si dice libero.
Osservazione 11.2 Si osservi che in (11.2) vale anche limplicazione opposta.
Enunciamo, ora, la denizione che nega la Denizione 11.2.
Denizione 11.3 I vettori v
1
, v
2
, . . . , v
n
di V si dicono linearmente dipendenti (l.d.) se esiste almeno una loro
combinazione lineare che d il vettore nullo a coefcienti non tutti nulli.
Prima di proporre alcuni esempi conviene dimostrare la seguente propriet, molto facile, ma utile per riconoscere
vettori l.d. o l.i.
Teorema 11.3 I vettori v
1
, v
2
, . . . , v
n
di V sono l.d. se e solo se uno di essi si pu esprimere come c.l. dei
rimanenti.
Dimostrazione: Hp: Siano v
1
, v
2
, . . . , v
n
l.d. Allora: x
1
v
1
+ x
2
v
2
+ . . . + x
n
v
n
= 0 con x
1
= 0 (se il coefciente
non nullo non fosse x
1
potremmo commutare in modo da porre al primo posto il coefciente non nullo), perci
possibile ricavare:
v
1
=
x
2
x
1
v
2
. . .
x
n
x
1
v
n
da cui la tesi. Il viceversa lasciato per esercizio .
La verica degli esempi che seguono lasciata per esercizio:
Esempio 11.7 Ogni insieme del tipo: J = x con x = 0 libero.
Esempio 11.8 In V
3
i vettori di una base ortonormale J = (i, j, k) sono linearmente indipendenti, lo stesso vale
per ogni sottoinsieme non vuoto di J.
Universit di Torino
Capitolo 11 Generatori, Basi e Dimensione 121
Esempio 11.9 Se in un insieme di vettori J compare il vettore nullo, allora J non libero.
Esempio 11.10 Se 7 un insieme libero, allora ogni suo sottoinsieme non vuoto libero.
Esempio 11.11 Se ( un insieme di vettori l.d. allora ogni insieme che lo contiene formato da vettori l.d.
La denizione che segue estende la nozione di base data nel caso particolare di V
3
dei vettori ordinari dello spazio
e di V
2
dei vettori del piano.
Denizione 11.4 Sia V uno spazio vettoriale su , un insieme di vettori J = (v
1
, v
2
, . . . , v
n
) di V si chiama
base di V se:
1. J un insieme libero:
2. J un insieme di generatori di V , ossia [(J) = V .
Esempio 11.12 1. In V
3
una base data da J = (i, j, k), in V
2
una base data da J = (i, j).
2. In
n
una base data da: J = (e
1
= (1, 0, . . . , 0), e
2
= (0, 1, . . . , 0), . . . , e
n
= (0, 0, . . . , 1)).
Questa base particolare, molto naturale, prende il nome di base standard o base canonica. Per esempio,
nel caso particolare di
4
si ha che la quaterna: (1, 2, 3, 4) si scrive come 1e
1
+ 2e
2
+ 3e
3
+ 4e
4
, da
cui la giusticazione della particolare denominazione della base usata. Sempre in
4
se si considera, per
esempio, la base: J

= (f
1
= (2, 0, 0, 0), f
2
= (0, 3, 0, 0), f
3
= (0, 0, 1, 0), f
4
= (0, 0, 0, 4)) si ha: (1, 2, 3, 4) =
1
2
f
1
+
2
3
f
2
+ 3f
3
+ 1f
4
che una decomposizione molto meno naturale della precedente.
3. Analogamente al caso di
n
, la base canonica dello spazio vettoriale delle matrici
m,n
formata, ordinata-
mente, dalle mn matrici E
i j
aventi il numero 1 al posto i j e 0 per ogni altro elemento. Nel caso particolare
di
2,3
la base canonica formata dalle 6 matrici seguenti:
E
11
= _
1 0 0
0 0 0
, E
12
= _
0 1 0
0 0 0
, E
13
= _
0 0 1
0 0 0
,
E
21
= _
0 0 0
1 0 0
, E
22
= _
0 0 0
0 1 0
, E
23
= _
0 0 0
0 0 1
;
quindi:
_
1 2 3
4 5 6
= E
11
+ 2E
12
+ 3E
13
+ 4E
21
+ 5E
22
+ 6E
23
.
Il teorema che segue caratterizza le basi in V .
Teorema 11.4 1. Sia J = (v
1
, v
2
, . . . , v
n
) una base dello spazio vettoriale reale V , allora ogni vettore x di
V si decompone in modo unico come:
x = x
1
v
1
+ x
2
v
2
+ . . . + x
n
v
n
, (11.3)
con (x
1
, x
2
, . . . , x
n
) e
n
.
2. Se (v
1
, v
2
, . . . , v
n
) un insieme di vettori di V tale che ogni vettore x di V si decompone in modo unico
rispetto a tali vettori come in (11.3) allora linsieme (v
1
, v
2
, . . . , v
n
) una base di V .
La dimostrazione di questo teorema lasciata per esercizio.
Dipartimento di Matematica
122 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
Osservazione 11.3 Fissata una base J in V , per ogni vettore x di V la n-upla, individuata univocamente da
(11.3), si indica spesso con la matrice colonna: X =
(
.
.
.
.
.
.
'
x
1
:
x
n
\
.
.
.
.
.
.
!
. I numeri reali x
i
sono le componenti di x rispetto
alla base J.
Osservazione 11.4 Fissata una base J in V , dati due vettori x e y di V le cui matrici colonne delle componenti
sono: X =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
x
1
x
2
:
x
n
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
e Y =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
y
1
y
2
:
y
n
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
, il vettore x + y ha componenti:
X +Y =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
x
1
+ y
1
x
2
+ y
2
:
x
n
+ y
n
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
e il vettore x (! e ) ha componenti:
X =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
x
1
x
2
:
x
n
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
Si osservi, inoltre, lassoluta coerenza tra le denizioni di somma di matrici e somma di vettori e tra prodotto di un
numero reale per una matrice e prodotto di un numero reale per un vettore.
Dalla denizione di base di uno spazio vettoriale e dal teorema ad essa relativo emergono naturalmente le seguenti
domande:
1. In ogni spazio vettoriale esiste sempre almeno una base?
2. Nel caso affermativo, quante basi esistono?
3. Nel caso in cui esistano molte basi, quanti vettori contengono ciascuna?
Nel caso particolare degli spazi dei vettori ordinari V
3
e V
2
, aiutati dalla visualizzazione geometrica, conosciamo
gi le risposte alle precedenti domande, i teoremi che seguono permettono di dare analoghe risposte solo nel caso
particolare degli spazi vettoriali che ammettono un numero nito di generatori, ossia per gli spazi vettoriali detti
nitamente generati. Pertanto tutta la trattazione che segue sar esclusivamente rivolta a questo tipo di spazi
vettoriali, quali, ad esempio:
n
e lo spazio delle matrici
m,n
, (cfr. Esempio 11.12). Per non perdere la scansione
logica del discorso, enunciamo uno di seguito allaltro i teoremi previsti, anteponendo il commento e le loro
conseguenze alla loro dimostrazione.
Teorema 11.5 (Teorema dellesistenza di una base.) Sia V uno spazio vettoriale nitamente generato e sia
= (w
1
, w
2
, . . . , w
m
) un sistema di generatori. Linsieme contiene almeno una base.
Osservazione 11.5 Dal teorema precedente e dallOsservazione 11.1 segue che, essendo possibile ottenere inniti
sistemi di generatori, esistono innite basi in uno spazio vettoriale nitamente generato.
Teorema 11.6 (Lemma di Steinitz.) Sia J(v
1
, v
2
, . . . , v
n
) una base di uno spazio vettoriale V e sia
J = (u
1
, u
2
, . . . , u
p
) un insieme libero, allora p s n.
Teorema 11.7 (Teorema della dimensione.) Tutte le basi di uno spazio vettoriale V hanno lo stesso numero di
vettori.
Denizione 11.5 In uno spazio vettoriale V nitamente generato il numero dei vettori appartenenti ad una base
prende il nome di dimensione di V e si indica con dimV .
Universit di Torino
Capitolo 11 Generatori, Basi e Dimensione 123
Esempio 11.13 1. Segue dallEsempio 11.12 che dimR
n
= n.
2. Segue dallEsempio 11.12 che dimR
m,n
= mn.
Per dimostrare il Teorema 11.5 necessario anteporre il seguente lemma tecnico:
Teorema 11.8 Sia J = a
1
, a
2
, . . . , a
k
un insieme libero di V . Sia x e V un vettore che non c.l. dei vettori di
J, allora linsieme J | x libero in V .
Dimostrazione: Si procede per assurdo, i dettagli sono lasciati al Lettore.
Dimostrazione del Teorema 11.5: Per la dimostrazione si procede con un numero nito di passi applicati allinsie-
me , procedimento autorizzato dal fatto che nito. Si inizia supponendo che ogni vettore di sia diverso
dal vettore nullo, in caso contrario si procede togliendo tutti gli eventuali vettori nulli da .
Primo passo: Si considera linsieme J
1
= w
1
e i vettori rimanenti w
i
, i = 2, . . . , m. Se ogni w
i
l.d. da
w
1
, ossia se esistono numeri reali
i
tali che w
i
=
i
w
1
, i = 2, . . . , m, allora J
1
una base di V e il teorema
dimostrato. In caso contrario si considera il primo vettore di che non verica questa condizione. Sia, per
esempio: w
2
=
2
w
1
, si procede con il:
secondo passo: Si considera linsieme libero (cfr. Teorema 11.8) J
2
= w
1
, w
2
. Si presentano due possibilit: o
ogni vettore rimanente in c.l. dei vettori di J
2
, allora J
2
una base di V (quindi segue la tesi) oppure esiste
almeno un vettore di che non c.l. di J
2
, supponiamo sia w
3
; in questo caso si procede con il:
terzo passo: Si considera linsieme libero (cfr. Teorema 11.8) J
3
= w
1
, w
2
, w
3
e si procede come nel secondo
passo. Il procedimento termina dopo un numero nito di passi, al pi m. Si cos costruita una base di V a partire
dal primo vettore w
1
di . evidente che procedendo con lo stesso metodo a partire da un altro vettore di o da
unaltro sistema di generatori di V si ottengono innite basi .
Osservazione 11.6 Il metodo descritto nella dimostrazione precedente prende spesso il nome di metodo degli
scarti successivi proprio per il procedimento di calcolo che prevede.
Esercizio 11.1 In 7(
3,3
), sottospazio vettoriale di
3,3
delle matrici antisimmetriche, si consideri linsieme
= (A
1
, A
2
, A
3
, A
4
, A
5
, A
6
, A
7
) con:
A
1
=
(
.
.
.
.
.
.
'
0 1 2
1 0 3
2 3 0
\
.
.
.
.
.
.
!
, A
2
=
(
.
.
.
.
.
.
'
0 0 1
0 0 1
1 1 0
\
.
.
.
.
.
.
!
, A
3
=
(
.
.
.
.
.
.
'
0 0 0
0 0 5
0 5 0
\
.
.
.
.
.
.
!
,
A
4
=
(
.
.
.
.
.
.
'
0 0 0
0 0 0
0 0 0
\
.
.
.
.
.
.
!
, A
5
=
(
.
.
.
.
.
.
'
0 1 2
1 0 0
2 0 0
\
.
.
.
.
.
.
!
, A
6
=
(
.
.
.
.
.
.
'
0 1 1
1 0 4
1 4 0
\
.
.
.
.
.
.
!
, A
7
=
(
.
.
.
.
.
.
'
0 5 1
5 0 2
1 2 0
\
.
.
.
.
.
.
!
.
Si dimostri che un sistema di generatori di 7(
3,3
) e se ne estragga una base.
Soluzione: Per rispondere al primo quesito si deve esprimere la generica matrice A e 7(
3,3
) come combinazione
lineare degli elementi di . Tale verica lasciata per esercizio.
Procedendo come nella dimostrazione del Teorema 11.5 si ha:
primo passo: Sia J
1
= A
1
. Si verica subito che A
1
, A
2
un insieme libero in 7(
3,3
), si passa quindi al:
secondo passo: Sia J
2
= A
1
, A
2
. Si verica che A
1
, A
2
, A
3
un insieme libero, si procede, quindi, con il:
terzo passo: Sia J
3
= A
1
, A
2
, A
3
. Si verica che ogni altro vettore di c.l. di J
3
, si deduce, cos che J
3
una
base di 7(
3,3
). Tutte le veriche sono lasciate per esercizio.
Per la dimostrazione del Teorema 11.6 si rimanda al Capitolo 12.
Dimostrazione del Teorema 11.7: Siano J = (v
1
, v
2
, . . . , v
n
) e J

= (w
1
, w
2
, . . . , w
m
) due basi di V , si tratta di
dimostrare che n = m. Si consideri J base di V e J

insieme libero di V , dal Teorema 11.6 segue che m s n,


invertendo i ruoli di J e di J

si perviene alla tesi .


Dipartimento di Matematica
124 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
Esempio 11.14 1. A partire dalla scrittura di una matrice diagonale si verica facilmente che dim1(
n,n
)
n. La sua base canonica formata ordinatamente dalle matrici E
ii
, i = 1, ., n, denite nellEsempio 11.12.
2. A partire dalla scrittura di una matrice triangolare superiore, si verica facilmente che dim7(
n,n
) =
n(n + 1)
2
e la sua base canonica data, ordinatamente, dalle matrici E
i j
con 1 s i s j s n denite
nellEsempio 11.12.
3. A partire dalla scrittura di una matrice simmetrica si verica facilmente che dimS(
n,n
) =
n(n + 1)
2
e la sua
base canonica :
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 0 . . . 0
0 0 . . . 0
: : :
0 0 . . . 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 1 . . . 0
1 0 . . . 0
: : :
0 0 . . . 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
, . . . ,
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 0 . . . 1
0 0 . . . 0
: : :
1 0 . . . 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 0 . . . 0
0 1 . . . 0
: : :
0 0 . . . 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
, . . . . . . ,
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 0 . . . 0
: : : :
0 . . . 0 1
0 . . . 1 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 0 . . . 0
0 0 . . . 0
: : :
0 0 . . . 1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
4. A partire dalla scrittura di una matrice antisimmetrica si verica facilmente che dim7(
n,n
) =
n(n 1)
2
e
la sua base canonica :
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 1 0 . . . 0
1 0 0 . . . 0
0 0 0 . . . 0
: : : :
0 0 0 . . . 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 0 1 . . . 0
0 0 0 . . . 0
1 0 0 . . . 0
: : : :
0 0 . . . . . . 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
, . . . ,
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 0 . . . 0 0
0 0 . . . 0 0
: : : :
0 0 . . . 0 1
0 0 . . . 1 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
Concludiamo con lenunciato di un teorema che sar molto usato nel corso.
Teorema 11.9 (Teorema del completamento della base.) Sia V uno spazio vettoriale di dimensione n e sia
J = (v
1
, v
2
, . . . , v
n
) una sua base. Dato linsieme libero J = (a
1
, a
2
, . . . , a
k
), (k s n), esiste una nuova base J

di V contenente tutti i vettori di J e n k vettori di J.


Dimostrazione: Si consideri linsieme 7 = J|J, poich 7 contiene una base, V = [(7). Si applichi il Teorema
11.5 ad 7 partendo dai vettori di J, segue cos la tesi .
Esercizio 11.2 Nel sottospazio S(
3,3
) delle matrici simmetriche di ordine 3 completare linsieme libero:
J =
|
.
.
.

.
.
.
'
I
1
=
(
.
.
.
.
.
.
'
1 2 0
2 0 0
0 0 0
\
.
.
.
.
.
.
!
, I
2
=
(
.
.
.
.
.
.
'
1 0 0
0 1 0
0 0 1
\
.
.
.
.
.
.
!
, I
3
=
(
.
.
.
.
.
.
'
0 1 1
1 0 0
1 0 0
\
.
.
.
.
.
.
!
)
.
.
.

.
.
.
!
no ad ottenere una base.
Soluzione: Si consideri la base canonica di S(
3,3
) contenente ordinatamente le matrici:
A
1
=
(
.
.
.
.
.
.
'
1 0 0
0 0 0
0 0 0
\
.
.
.
.
.
.
!
, A
2
=
(
.
.
.
.
.
.
'
0 1 0
1 0 0
0 0 0
\
.
.
.
.
.
.
!
, A
3
=
(
.
.
.
.
.
.
'
0 0 1
0 0 0
1 0 0
\
.
.
.
.
.
.
!
,
A
4
=
(
.
.
.
.
.
.
'
0 0 0
0 1 0
0 0 0
\
.
.
.
.
.
.
!
, A
5
=
(
.
.
.
.
.
.
'
0 0 0
0 0 1
0 1 0
\
.
.
.
.
.
.
!
, A
6
=
(
.
.
.
.
.
.
'
0 0 0
0 0 0
0 0 1
\
.
.
.
.
.
.
!
,
Universit di Torino
Capitolo 11 Generatori, Basi e Dimensione 125
allora si possono riscrivere (per comodit di calcolo) i vettori di J usando le loro componenti rispetto alla base J.
Si ha: I
1
= (1, 2, 0, 0, 0, 0), I
2
= (1, 0, 0, 1, 0, 1), I
3
= (0, 1, 1, 0, 0, 0). Si applica il Teorema 11.5 allinsieme
di generatori = I
1
, I
2
, I
3
, A
1
, A
2
, A
3
, A
4
, A
5
, A
6
partendo dagli elementi di J. Si ottiene, al quarto passo, che
(I
1
, I
2
, I
3
, A
1
, A
2
, A
4
) una base di S(
3,3
). I dettagli di calcolo sono lasciati al Lettore.
Dai teoremi precedenti segue subito il:
Teorema 11.10 1. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione n e J = (v
1
, v
2
, . . . , v
n
) un insieme libero di V ,
allora J una base di V .
2. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione n e J = (v
1
, v
2
, . . . , v
n
) un sistema di generatori di V , allora J
una base di V .
11.1.1 Basi e Somma diretta
Sia V uno spazio vettoriale, su , di dimensione n e sia J = (v
1
, v
2
, . . . , v
n
) una sua base, allora:
V = [(v
1
) q[(v
2
) q . . . q[(v
n
),
oppure, per esempio:
V = [(v
1
, v
2
) q[(v
3
, v
4
, v
5
) q . . . q[(v
n1
, v
n
).
La seguente propriet, in un certo senso, inverte laffermazione precedente:
Teorema 11.11 Sia V = +
1
q+
2
q . . . q+
k
allora possibile formare una base di V mediante lunione dei
vettori appartenenti ad una base per ciascuno dei sottospazi +
i
, i = 1, . . . , k.
Dimostrazione. Siano dim+
1
= n
1
, dim+
2
= n
2
, . . . , dim+
k
= n
k
le dimensioni dei sottospazi considerati e
siano: (a
11
, a
12
, . . . , a
1n
1
) una base di +
1
, (a
21
, a
22
, . . . , a
2n
2
) una base di +
2
e cos via no a (a
k1
, a
k2
, . . . , a
kn
k
)
base di +
k
. Linsieme di vettori:
(a
11
, a
12
, . . . , a
1n
1
, a
21
, a
22
, . . . , a
2n
2
, . . . , a
k1
, a
k2
, . . . , a
kn
k
)
una base dello spazio V . Il risultato segue dalla denizione di somma diretta e di base.
Immediata conseguenza del teorema precedente il seguente:
Teorema 11.12 Se V = +
1
q+
2
q . . . q+
k
, allora:
dimV = dim+
1
+ dim+
2
+ . . . + dim+
k
.
Esercizio 11.3 Vale il viceversa del teorema precedente?
Nel caso della somma di due sottospazi ricordiamo la Formula di Grassmann la cui dimostrazione scritta nel
Capitolo 12.
Teorema 11.13 Se += +
1
+ +
2
, allora:
dim+= dim+
1
+ dim+
2
dim(+
1
| +
2
).
Esercizio 11.4 In
5
si consideri il seguente sottospazio vettoriale:
+= (x
1
, x
2
, x
3
, x
4
, x
5
) | x
1
+ x
2
+ 2x
3
+ x
4
x
5
= 0.
i) Si decomponga + nella somma diretta di due sottospazi +
1
e +
2
.
ii) Si scriva il vettore (5, 2, 1, 3, 2) di + come somma di un vettore di +
1
e di un vettore di +
2
.
Dipartimento di Matematica
126 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
Soluzione: i) Per esempio si controlla che i sottospazi:
+
1
= [((1, 1, 0, 0, 0), (2, 0, 1, 0, 0)),
+
2
= [((1, 0, 0, 1, 0), (1, 0, 0, 0, 1))
vericano la condizione richiesta; infatti la loro intersezione si riduce al vettore nullo e la loro somma riproduce
+.
Quante sono le risposte possibili? Si provi ad elencarne almeno due diverse.
ii) Dal calcolo diretto si ha:
(5, 2, 1, 3, 2) = (0, 2, 1, 0, 0, ) + (5, 0, 0, 3, 2).
Esercizio 11.5 In
2,2
si considerino i sottospazi:
+
1
= __
x
1
x
2
x
3
x
4
e
2,2
| x
1
+ x
4
= x
2
+ x
3
= 0_,
+
2
= __
x
1
x
2
x
3
x
4
e
2,2
| x
1
x
4
= x
2
x
3
= 0_.
Provare che +
1
q+
2
=
2,2
.
Soluzione: Per lintersezione sufciente osservare che la matrice dei coefcienti del sistema lineare omogeneo:
|
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
'
x
1
+ x
4
= 0
x
2
+ x
3
= 0
x
2
x
3
= 0
x
1
x
4
= 0
ha determinante non nullo. Rimane da provare che +
1
q +
2
=
2,2
. Per quanto osservato, per ogni matrice
_
a b
c d
e
2,2
, con semplici calcoli, si ottiene:
1
2
_
a d b c
b + c a + d
+
1
2
_
a + d b + c
b + c a + d
= _
a b
c d

e ci prova la decomposizione (unica) di un vettore di
2,2
nella somma di due vettori di +
1
e +
2
, rispettiva-
mente.
Esercizio 11.6 In
3,3
si considerino i sottospazi:
+
1
=
|
.
.
.

.
.
.
'
(
.
.
.
.
.
.
'
0 a b
0 0 c
0 0 0
\
.
.
.
.
.
.
!
e
3,3
| a, b, c e
)
.
.
.

.
.
.
!
, +
2
= 1(
3,3
),
+
3
=
|
.
.
.

.
.
.
'
(
.
.
.
.
.
.
'
x
1
0 0
x
2
x
3
0
x
4
x
5
0
\
.
.
.
.
.
.
!
e
3,3
| 2x
1
x
3
= 0, x
1
+ 3x
3
= 0
)
.
.
.

.
.
.
!
.
Provare che +
1
q+
2
q+
3
=
3,3
.
Soluzione: Si pu vericare direttamente che ogni vettore di
3,3
si decompone in modo unico come somma di tre
vettori di +
1
, +
2
e +
3
, rispettivamente.
Universit di Torino
Capitolo 11 Generatori, Basi e Dimensione 127
Osservazione 11.7 Come immediata conseguenza dei Teoremi 11.9 e 11.11 segue che, dato un sottospazio vetto-
riale 7 di V con dim7 = k e dimV = n un suo supplementare J tale che 7q J = V ha dimensione n k.
Una sua base si ottiene considerando i vettori che si aggiungono ad una base di 7 per ottenere una base di V . Si
ottiene, quindi, che esistono inniti spazi supplementari di 7, ovviamente se 7 = V e 7 = 0.
Esercizio 11.7 Dato il sottospazio vettoriale 1 di
4
denito da:
1 = (x
1
, x
2
, x
3
, x
4
) e
4
| x
1
+ x
2
+ x
4
= x
3
= 0
si determinino due sottospazi diversi entrambi supplementari di 1.
Soluzione: Risolvendo il sistema lineare omogeneo che denisce 1 si ottiene che un generico vettore di 1
del tipo: (t
1
, t
2
, 0, t
1
t
2
), !t
1
, t
2
e da cui segue che dim1 = 2 e (a
1
= (1, 0, 0, 1), a
2
= (0, 1, 0, 1))
una base di 1. Si verica facilmente (usando il metodo degli scarti successivi descritto nella Dimostrazione del
Teorema 11.5) che, ad esempio, (a
1
, a
2
, e
1
= (1, 0, 0, 0), e
3
= (0, 0, 1, 0)) una base di
4
, quindi un sottospa-
zio supplementare di 1 dato da 7
1
= [(e
1
, e
3
). Con un procedimento analogo si verica che, ad esempio,
(a
1
, a
2
, e
3
= (0, 0, 1, 0), e
4
= (0, 0, 0, 1)) unaltra base di
4
, quindi possiamo denire un altro sottospazio,
diverso dal precedente, supplementare di 1 dato da 7
2
= [(e
3
, e
4
).
Osservazione 11.8 Lintroduzione del concetto di rango di una matrice permetter di risolvere gli esercizi proposti
in questo paragrafo in un altro modo, a volte pi rapido.
11.2 Rango di una matrice
In questo paragrafo introdurremo la denizione formale di rango, mentre quella data nel Capitolo 1 ne costituisce
il metodo di calcolo.
Sia A = (a
i j
) e
m,n
una matrice di m righe e n colonne. indichiamo nel modo seguente le righe:
R
1
= (a
11
, a
12
, . . . , a
1n
)
R
2
= (a
21
, a
22
, . . . , a
2n
)
:
R
m
= (a
m1
, a
m2
, . . . , a
mn
).
(11.4)
I vettori R
i
e
n
prendono il nome di vettori riga della matrice A e il sottospazio:
F(A) = [(R
1
, R
2
, . . . , R
n
) (11.5)
lo spazio vettoriale delle righe di A. Per costruzione F(A) un sottospazio di
n
, ed avendo m generatori la
sua dimensione sar al pi pari al minore tra i numeri m ed n.
Ripetiamo lo stesso discorso per le colonne di A. Siano:
C
1
= (a
11
, a
21
, . . . , a
m1
)
C
2
= (a
12
, a
22
, . . . , a
m2
)
:
C
n
= (a
1n
, a
2n
, . . . , a
mn
)
(11.6)
i vettori colonna di A. Lo spazio vettoriale:
((A) = [(C
1
, C
2
, . . . , C
m
) (11.7)
lo spazio vettoriale delle colonne di A. Per costruzione ((A) un sottospazio di
m
, ed avendo n generatori la
sua dimensione sar al pi pari al minore tra i numeri m ed n.
Vale il seguente:
Dipartimento di Matematica
128 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
Teorema 11.14 (Teorema del Rango.) In una matrice A e
m,n
si ha:
dimF(A) = dim((A). (11.8)
Nel Capitolo 12 si propone una dimostrazione di questo teorema, ma si dovr aspettare il Capitolo 17 per unaltra
dimostrazione, molto pi sintetica.
Il teorema appena enunciato giustica la fondamentale:
Denizione 11.6 Si denisce rango di una matrice A e
m,n
la dimensione dello spazio vettoriale delle righe di
A (o delle colonne) di A:
rank(A) = dimF(A) = dim((A). (11.9)
Osservazione 11.9 Come conseguenza immediata del precedente teorema si ha anche che rank(A) = rank(
t
A),
per ogni A e
m,n
.
Le propriet che seguono sono volte a dimostrare che la denizione di rango di una matrice, appena enunciata,
coincide con la denizione di rango data nel Paragrafo 1.2. Si procede come segue:
1. Sia A

una matrice ridotta per righe, dimostreremo che il numero delle righe non nulle di A

coincide con la
dimensione dello spazio delle righe di A

2. Dimostreremo che il processo di riduzione di una matrice per righe descritto nel Paragrafo 1.2 non cambia
la dimensione dello spazio delle righe di A, pur cambiando la matrice A.
3. A corretta conclusione, si devono aggiungere la denizione di matrice ridotta per colonne e il procedimento
di riduzione per righe.
Teorema 11.15 Nel caso di una matrice ridotta per righe A e
m,n
le due denizioni di rango coincidono.
Dimostrazione: Sia A una matrice ridotta per righe del tipo seguente:
A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
a
11
a
12
. . . . . . . . . a
1n
0 a
22
. . . . . . . . . a
2n
: : : : :
0 . . . 0 a
kk
. . . a
kn
0 . . . 0 . . . 0 0
: : : : :
0 0 0 . . . 0 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
si tratta di dimostrare che il numero delle righe di A non nulle k coincide con dimF(A). Il risultato quasi ovvio
ed la conseguenza della particolare posizione delle componenti nulle nelle righe di A. Infatti, dallequazione:

1
R
1
+
2
R
2
+ . . . +
k
R
k
= 0
segue il sistema lineare omogeneo la cui prima equazione
1
a
11
= 0 ed essendo a
11
= 0 allora
1
= 0.
Sostituendo questo risultato nella seconda equazione si ottiene
2
= 0 e cos via, da cui segue che le righe non
nulle della matrice A ridotta per righe sono l.i .
Teorema 11.16 Le operazioni autorizzate per ridurre una matrice A per righe non cambiano la dimensione dello
spazio vettoriale delle righe di A.
Dimostrazione: Si ricordino le operazioni, descritte nel Paragrafo 1.2, autorizzate per ridurre per righe una matrice,
segue in modo evidente che esse non cambiano lo spazio vettoriale F(A), quindi non cambiano la sua dimensione.
Si pu ripetere tutto il procedimento di riduzione di una matrice sulle colonne, di conseguenza, dopo aver ridotto
per colonne la matrice, il suo rango sar dato dal numero di colonne non nulle. Pi precisamente:
Universit di Torino
Capitolo 11 Generatori, Basi e Dimensione 129
Denizione 11.7 Una matrice A si dice ridotta per colonne se in ogni sua colonna non nulla esiste un elemento
non nullo a destra del quale ci sono tutti zeri.
Esempio 11.15 La seguente matrice ridotta per colonne:
A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 0 0
1 1 0
2 3 4
5 6 7
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
Teorema 11.17 Il rango di una matrice A (inteso come la dimensione dello spazio delle colonne di A) si calcola
riducendo la matrice A per colonne, in altri termini eseguendo sulle colonne le operazioni seguenti:
1. scambiare tra di loro due colonne C
i
=C
j
;
2. moltiplicare tutti gli elementi di una colonna per un numero reale non nullo: C
i
C
i
;
3. sostituire ad una colonna una c.l. di se stessa con una colonna parallela C
i
C
i
+ C
j
;
4. una combinazione delle operazioni precedenti;
e poi, contando il numero di colonne non nulle della matrice ridotta per colonne ottenuta.
La dimostrazione un evidente esercizio.
Osservazione 11.10 Si osservi che riducendo per colonne la matrice completa di una sistema lineare non si ottiene
un sistema lineare equivalente al sistema dato.
Esercizio 11.8 Calcolare il rango della matrice:
A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 2 1
1 1 0
1 2 4
1 1 1
3 1 2
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
riducendola per colonne.
Teorema 11.18 (Teorema di Nullit pi Rango.) Sia AX = 0 un sistema lineare omogeneo con matrice dei
coefcienti A e
m,n
e incognite X e
n,1
. Si indichi con S il sottospazio di
n
delle soluzioni del sistema
lineare dato e sia k (k s n) il rango di A, allora:
rank(A) + dimA(A) = n. (11.10)
Anche se la dimostrazione del teorema precedente ovvia, la sua importanza sar fondamentale nel resto del corso.
La denominazione nullit deriva dalla traduzione del termine nullspace che indica in inglese il sottospazio A(A).
Una delle applicazioni della denizione di rango di una matrice la possibilit di risolvere in modo pi agevole
alcuni degli esercizi gi proposti. Sia, infatti, J = (v
1
, v
2
, . . . , v
n
) una base di V e siano w
1
, w
2
, . . . , w
k
i
generatori di un sottospazio W di V . Per trovare una base di W si pu procedere scrivendo la matrice A e
k,n
che ha come vettori riga i vettori w
i
, i = 1, ., k. Riducendo la matrice per righe, i vettori riga non nulli della
matrice ridotta per righe che si ottiene costituiscono una base di + e la dimensione di + coincide con il rango
della matrice A.
Attenzione al fatto che se si riduce la matrice A per colonne i vettori riga della matrice ridotta per colonne non
determinano pi una base di +.
Analogamente se +
1
e +
2
sono due sottospazi di V di cui si conoscono i vettori della base, per determinare
una base e la dimensione di +
1
+ +
2
si pu procedere scrivendo la matrice B che ha come vettori riga i vettori
precedenti. Riducendo la matrice B per righe si ha che il rango di B coincide con la dimensione di +
1
+ +
2
e i
vettori riga non nulli della matrice ridotta per righe che si ottiene costituiscono una base di +
1
+ +
2
.
Dipartimento di Matematica
130 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
Esercizio 11.9 Determinare una base del sottospazio 1 di
4
cos denito:
1 = [((1, 2, 0, 1), (2, 4, 1, 1), (0, 0, 1, 1), (1, 2, 4, 5), (1, 1, 0, 5)).
Soluzione: Si riduce per righe la matrice A ottenuta ponendo in riga i generatori di 1. Si ha:
A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 2 0 1
2 4 1 1
0 0 1 1
1 2 4 5
1 1 0 5
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!

R
2
2R
1
R
2
R
4
R
4
R
1
R
5
R
5
R
1
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 2 0 1
0 0 1 1
0 0 1 1
0 0 4 4
0 3 0 4
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!

R
2
= R
5
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 2 0 1
0 3 0 4
0 0 1 1
0 0 4 4
0 0 1 1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!

R
4
4R
3
R
4
R
5
R
3
R
5
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 2 0 1
0 3 0 4
0 0 1 1
0 0 0 0
0 0 0 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
da cui segue che rank(A) = 3, quindi dim1 = 3 e una sua base data dalle prime tre righe della matrice A, cio
dai vettori:
z
1
= (1, 2, 0, 1), z
2
= (0, 3, 0, 4), z
3
= (0, 0, 1, 1).
Osservazione 11.11 Si consiglia di rifare gli esercizi precedentemente svolti usando il metodo proposto in questo
capitolo (Esercizi 9.1, 9.2, 9.5 e 9.6)
Esercizio 11.10 Dato il sottospazio di
4
7 = (x
1
, x
2
, x
3
, x
4
) e
4
| x
1
x
2
= x
1
x
3
= 0,
determinare la dimensione e una base di 1+ 7 e 1| 7, con 1 denito nellEsercizio 11.9.
Soluzione: Una base di 7 data ad esempio da w
1
= (1, 1, 1, 0), w
2
= (0, 0, 0, 1). Per trovare una base e la
dimensione di 1+7 e si riduce per righe la matrice B ottenuta ponendo in riga i vettori z
1
, z
2
, z
3
, w
1
, w
2
. Si ha:
B =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 2 0 1
0 3 0 4
0 0 1 1
1 1 1 0
0 0 0 1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!

R
4
R
4
R
1
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 2 0 1
0 3 0 4
0 0 1 1
0 1 1 1
0 0 0 1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!

R
4
3R
4
R
2
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 2 0 1
0 3 0 4
0 0 1 1
0 0 3 7
0 0 0 1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
Si vede quindi che il rango di B 4, cio che 1+ 7 =
4
. Dalla Formula di Grassmann si ha che dim(1|7) =
3 + 2 4 = 1. Per trovare una base di 1| 7 si pu procedere nel seguente modo: un vettore dellintersezione
della forma:

1
z
1
+
2
z
2
+
3
z
3
=
1
w
1
+
2
w
2
.
Per trovare il vettore della base si deve risolvere il sistema lineare omogeneo nelle incognite (
1
,
2
,
3
,
1
,
2
) as-
sociato alla precedente equazione. Si pu allora procedere per risolvere il sistema lineare omogeneo alla riduzione
per righe della corrispondente matrice dei coefcienti:
C =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 0 0 1 0
2 3 0 1 0
0 0 1 1 0
1 4 1 0 1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
Si trova come soluzione del sistema:
1
=
1
,
2
=
1
3

1
,
3
=
1
,
2
= 0. Quindi _w
1
+
10
3
w
2
una base per
1| 7.
Universit di Torino
Capitolo 11 Generatori, Basi e Dimensione 131
11.3 Il cambiamento di base
Nello spazio vettoriale V (costruito su ), di dimensione n, si considerino due basi:
J = (v
1
, v
2
, . . . , v
n
), J

= (v

1
, v

2
, . . . , v

n
).
Si ponga:
|
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
'
v

1 = p
11
v
1
+ p
21
v
2
+ . . . + p
n1
v
n
,
v

2 = p
12
v
1
+ p
22
v
2
+ . . . + p
n2
v
n
,
:
v

n
= p
1n
v
1
+ p
2n
v
2
+ . . . + p
nn
v
n
.
(11.11)
La matrice:
P = M
J,J

= (p
i j
), i, j = 1, . . . , n,
che cos determinata e che prende il nome di matrice del cambiamento di base, ottenuta ponendo ordinata-
mente in colonna le componenti dei vettori della base J rispetto ai vettori della base J.
La ragione della scelta delle colonne sar giusticata nella trattazione delle applicazioni lineari (cfr. Capitolo 17).
P una matrice quadrata, ad elementi reali, di rango massimo. (Perch?)
Le equazioni (11.11) si possono scrivere, in notazione matriciale, come:
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
v

1
v

2
:
v

n
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
=
t
P
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
v
1
v
2
:
v
n
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
. (11.12)
Considerato un qualsiasi vettore x e V , il problema del cambiamento di base consiste nel determinare le relazioni
che intercorrono tra le componenti di x rispetto alle due basi introdotte.
Supponiamo, quindi, che:
x = x
1
v
1
+ x
2
v
2
+ . . . + x
n
v
n
= x

1
v

1
+ x

2
v

2
+ . . . + x

n
v

n
,
vale a dire, in notazione matriciale:
x = | x
1
x
2
. . . x
n
]
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
v
1
v
2
:
v
n
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
= | x

1 x

2 . . . x

n
]
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
v

1
v

2
:
v

n
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
Sostituendo le (11.12) ed uguagliando si perviene alle relazioni:
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
x
1
x
2
:
x
n
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
= P
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
x

1
x

2
:
x

n
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
che saranno spesso indicate come:
X = PX

,
dove X e X

sono, rispettivamente, le matrici colonna delle componenti di x rispetto alla base J e alla base J

.
Tali relazioni prendono il nome di equazioni del cambiamento di base e risolvono il problema posto.
Esercizio 11.11 i) Vericare che J

= __
1 2
2 1
, _
2 1
1 3
, _
4 1
1 5
una base di S(
2,2
).
ii) Trovare le componenti della matrice A = _
4 11
11 7
rispetto alla base J

.
Dipartimento di Matematica
132 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
Soluzione: i) Sia J = __
1 0
0 0
, _
0 1
1 0
, _
0 0
0 1
la base standard di S(
2,2
). La matrice del cambiamento
di base, ottenuta ponendo in colonna le componenti dei vettori di J

rispetto a J, :
P =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 2 4
2 1 1
1 3 5
\
.
.
.
.
.
.
!
.
Si verica che: det P = 52, quindi i tre vettori dati formano, effettivamente, una base di S(
2,2
).
ii) Le componenti richieste sono le soluzioni del sistema lineare:
(
.
.
.
.
.
.
'
4
11
7
\
.
.
.
.
.
.
!
= P
(
.
.
.
.
.
.
.
'
x

1
x

2
x

3
\
.
.
.
.
.
.
.
!
,
ossia: x

1 = 4, x

2 = 2, x

3 = 1.
11.4 Iperpiani Vettoriali
Denizione 11.8 Sia V uno spazio vettoriale (su ) di dimensione n. Ogni sottospazio vettoriale di dimensione
n 1 prende il nome di iperpiano vettoriale.
Per denizione, quindi, un iperpiano vettoriale generato da n 1 vettori di V linearmente indipendenti.
Esempio 11.16 In
4
si consideri liperpiano generato dai vettori a
1
= (1, 0, 1, 4), a
2
= (0, 1, 1, 2), a
3
=
(0, 0, 3, 4). Si tratta del sottospazio:
+= (x
1
, x
2
, x
3
, x
4
) = k
1
a
1
+ k
2
a
2
+ k
3
a
3
, k
1
, k
2
, k
3
e .
Vale il:
Teorema 11.19 Sia J = (v
1
, v
2
, . . . , v
n
) una base di V , e siano (x
1
, x
2
, . . . , x
n
) le componenti di un qualsiasi vet-
tore x di V , rispetto alla base J, allora tutte e sole le equazioni lineari omogenee in (x
1
, x
2
, . . . , x
n
) rappresentano
un iperpiano vettoriale di V .
La dimostrazione lasciata per esercizio.
Esempio 11.17 In
4
, lequazione:
x
1
+ x
2
+ 3x
3
+ 2x
4
= 0
individua liperpiano generato, ad esempio, dai vettori (1, 1, 0, 0), (3, 0, 1, 0), (2, 0, 0, 1).
Esercizio 11.12 Qual lequazione delliperpiano considerato nellEsempio 11.16?
Soluzione: I vettori a
1
, a
2
, a
3
, x = (x
1
, x
2
, x
3
, x
4
) appartengono a + se e solo se sono linearmente dipendenti,
ossia se la matrice quadrata, di ordine 4, le cui righe sono le componenti dei 4 vettori, ha determinante nullo.
Lequazione richiesta :
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
1 0 1 4
0 1 1 2
0 0 3 4
x
1
x
2
x
3
x
4
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
= 0.
La motivazione dellultimo passaggio lasciata al Lettore.
Universit di Torino
Capitolo 12
Per saperne di pi sui sottospazi vettoriali
In tutto il capitolo, V indicher uno spazio vettoriale reale nitamente generato.
12.0.1 Per saperne di pi sugli spazi vettoriali
Esempio 12.1 Sia [x] linsieme dei polinomi nella variabile x a coefcienti reali, ossia:
[x] = p(x) = a
0
+ a
1
x + a
2
x
2
+ . . . + a
n
x
n
+ . . . , !a
i
e . (12.1)
Le usuali operazioni di somma di polinomi e di prodotto di un polinomio per un numero reale conferiscono a [x]
la struttura di spazio vettoriale. chiaro che [x], i numeri reali sono, infatti, i polinomi di grado 0. Il vettore
nullo di [x] il numero 0, mentre lopposto del polinomio p(x) = a
0
+a
1
x +a
2
x
2
+. . . +a
n
x
n
+. . . il polinomio
p(x) = a
0
a
1
x a
2
x
2
. . . a
n
x
n
. . .. Sottospazi notevoli di [x] sono gli insiemi dei polinomi di grado non
superiore ad un numero ssato, in formule, indichiamo:

n
[x] = p(x) = a
0
+ a
1
x + a
2
x
2
+ . . . + a
n
x
n
, !a
i
e , i = 1, 2, . . . , n (12.2)
il sottospazio dei polinomi di grado minore o uguale ad n. (La verica che
n
[x] sia un sottospazio vettoriale
lasciata per esercizio).
Si osservi che, per esempio, linsieme dei polinomi di grado 3 non un sottospazio vettoriale (non contiene il
vettore nullo e non coincide con
3
[x].
facile vericare che:

n
[x] = [(1, x, x
2
, . . . , x
n
) (12.3)
inoltre (1, x, x
2
, . . . , x
n
) un insieme libero, quindi
n
[x] ha dimensione n + 1.
Si osservi inoltre che [x] un esempio di spazio vettoriale non nitamente generato.
Esercizio 12.1 i) Vericare che il campo dotato delle seguenti operazioni:
x q y =
3
_
x
3
+ y
3
,
x =
3
_
x, ! e , !x, y e ,
(12.4)
uno spazio vettoriale su se stesso.
ii) Vericare se tale propriet ancora valida nel caso delle operazioni:
x qy =
3
_
x
3
+ y
3
,
x =
_
x, ! e , !x, y e .
(12.5)
133
134 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
Soluzione: i) Si verica facilmente che (, q) un gruppo abeliano, con 0 elemento neutro e x opposto di
x e . Anche la verica delle quattro propriet del prodotto per scalari semplice.
ii) La denizione di prodotto per scalari: x non verica, per esempio la seguente propriet:
( + ) x = x q x,
infatti:
( + ) x =
_
+ x
mentre
x q x =
_
x q
_
x =
3
_
(
_
)
3
+ (
_
)
3
x.
Osservazione 12.1 Perch lo spazio vettoriale delle funzioni reali di variabile reale /(, ) descritto nellEsem-
pio 9.5 non nitamente generato?
Sia S un sottoinsieme nito di , e indichiamo con /(S, ) lo spazio vettoriale costruito in modo analogo
allEsempio 9.5. Tale spazio nitamente generato, infatti una sua base data da X =
s
, s e S insieme delle
funzioni caratteristiche di S, ossia:

s
: S | _

s
(s) = 1,

s
(t) = 0, !t e S, t = s.
X genera /(S, ), infatti per ogni f e /(S, ), f = E
seS
f (s)
s
. Si controlla facilmente che X un insieme
libero. evidente che da questo tipo di ragionamento si perviene ad una base di /(, ) formata da inniti
elementi.
Esercizio 12.2 Dimostrazione del Teorema 9.1: In V , spazio vettoriale reale, si ha:
1. il vettore nullo 0 unico;
2. per ogni vettore x e V , lopposto x unico;
3. se x + y = x + z allora y = z, per ogni x, y, z e V ;
4. x = 0 = = 0 oppure x = 0, con e e x e V ;
5. (1)x = x, per ogni x e V .
Dimostrazione:
1. Per assurdo, siano 0 e 0

due vettori nulli, 0 = 0

. Allora 0 = 0 + 0

essendo 0

il vettore nullo, ma anche


0 + 0

= 0

essendo 0 il vettore nullo, da cui la tesi.


2. Per assurdo, siano x
1
e x
2
due opposti di x, con x
1
= x
2
, allora (x + x
1
) + x
2
= 0 + x
2
, ma anche
(x + x
1
) + x
2
= x + (x
1
+ x
2
) = x + (x
2
+ x
1
) = (x + x
2
) + x
1
= x
1
, da cui lassurdo.
3. Segue in modo evidente dalla propriet precedente, infatti da x + y = x + z si ha x + y x = x + z x da
cui la tesi.
4. Iniziamo con il dimostrare che 0x = 0 e che 0 = 0. Si ha 0x = (0+0)x = 0x+0x applicando la propriet
precedente si ha 0x = 0. Analogamente: 0 = (0 + 0) = 0 + 0, da cui 0 = 0.
Viceversa dimostriamo ora che se x = 0, allora, necessariamente = 0 oppure (non esclusivo) x = 0.
Nel punto precedente stato provato che 0x = 0, supponiamo, quindi, = 0 e proviamo che da x = 0
segue necessariamente x = 0. Se = 0 allora esiste
1
. Da 0 =
1
0 =
1
(x) = (
1
)x = 1x segue la
tesi.
5. La tesi consiste nel provare che x + (1)x = 0, ma 1x + (1)x = (1 1)x = 0x = 0.
Universit di Torino
Capitolo 12 Per saperne di pi sui sottospazi vettoriali 135
12.0.2 Per saperne di pi sui sottospazi vettoriali
Esercizio 12.3 Dimostrare la Formula di Grassmann 11.13. Siano +
1
e +
2
sottospazi vettoriali di V , allora:
dim(+
1
+ +
2
) = dim+
1
+ dim+
2
dim(+
1
| +
2
). (12.6)
Dimostrazione: Siano: dimV = n, dim+
1
= l, dim+
2
= p, con l, p s n. Poniamo dim(+
1
|+
2
) = k, dove
k s l, p. Si lasciano per esercizio i vari casi particolari e si tratta solo il caso di k < l e k < p.
Sia J = (a
1
, . . . , a
k
) una base di +
1
| +
2
. J , quindi, un insieme libero sia in +
1
sia in +
2
. Dal Teorema
11.9 si possono costruire ( = (a
1
, . . . , a
k
, b
k+1
, . . . , b
l
) base di +
1
e 1 = (a
1
, . . . , a
k
, c
k+1
, . . . , c
p
) base di +
2
.
La tesi consiste nel dimostrare che c = (a
1
, . . . , a
k
, b
k+1
, . . . , b
l
, c
k+1
, . . . , c
p
) una base di +
1
+ +
2
.
Per costruzione c un sistema di generatori, proviamo che libero. A tale scopo consideriamo la combinazione
lineare a coefcienti reali:

1
a
1
+ . . . +
k
a
k
+
k+1
b
k+1
+ . . . +
l
b
l
+
k+1
c
k+1
+ . . . +
p
c
p
= 0. (12.7)
Sia:
c =
k+1
c
k+1
. . .
p
c
p
, (12.8)
per denizione c e +
2
, da (12.7) segue che c =
1
a
1
+ . . . +
k
a
k
+
k+1
b
k+1
+ . . . +
l
b
l
, quindi c e +
1
,
pertanto c e +
1
|+
2
. Allora esistono opportuni coefcienti reali
i
tali che: c =
1
a
1
+ . . . +
k
a
k
. Da (12.8)
si ottiene:

1
a
1
+ . . . +
k
a
k
+
k+1
c
k+1
+ . . . +
p
c
p
= 0, (12.9)
ma i vettori che compaiono in (12.9) sono i vettori di 1, pertanto sono linearmente indipendenti, da cui segue, tra
laltro, che
k+1
= . . . =
p
= 0, sostituendo in (12.7) e ricordando che la combinazione lineare rimasta formata
dai vettori della base ( si ha la tesi.
12.0.3 Ancora sui generatori e sulle basi
Esercizio 12.4 Dimostrare il Lemma di Steinitz 11.6. Sia J = (v
1
, v
2
, . . . , v
n
) una base di uno spazio vettoriale
V e sia J = (u
1
, u
2
, . . . , u
p
) un insieme libero, allora p s n.
Dimostrazione: Siano (
1
,
2
, . . . ,
n
) le componenti di u
1
rispetto alla base J. Poich J libero, u
1
= 0,
pertanto almeno una componente tra i
1
non nulla; supponiamo sia
1
(in caso contrario si riordinano i vettori
di J). Dalla relazione:
u
1
=
1
v
1
+
2
v
2
+ . . . +
n
v
n
(12.10)
ricaviamo:
v
1
=
1
1
u
1

1
1

2
v
2
. . .
1
1

n
v
n
.
In altri termini: v
1
e [(u
1
, v
2
, . . . , v
n
).
Vogliamo dimostrare che linsieme (u
1
, v
2
, . . . , v
n
) una base di V .
Iniziamo con il provare che si tratta di un sistema di generatori; da (12.10) segue che, per ogni x e V , si ha:
x = x
1
v
1
+ x
2
v
2
+ . . . + x
n
v
n
= x
1
(
1
1 u
1

1
1
2
v
2
. . .
1
1
n
v
n
) + x
2
v
2
+ . . . + x
n
v
n
=
1
u
1
+
2
v
2
+ . . . +
n
v
n
da cui la tesi.
Dipartimento di Matematica
136 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
Linsieme (v
2
, v
3
, . . . , v
n
) libero essendo un sottoinsieme non vuoto di J (Esempio 9.10). Il vettore u
1
non
appartiene a (v
2
, v
3
, . . . , v
n
), quindi linsieme (u
1
, v
2
, . . . , v
n
) un insieme libero (la dimostrazione di questa
affermazione si lascia per esercizio, si consiglia di procedere per assurdo).
Si osservi che, a questo punto, partendo dalla base J abbiamo ottenuto una nuova base J
1
= (u
1
, v
2
, . . . , v
n
) in
cui si sostituito al primo vettore il primo vettore di J. Iteriamo questo procedimento, passando a considerare il
vettore u
2
ed esprimiamolo come combinazione lineare dei vettori di J
1
. Si ha:
u
2
=
1
u
1
+
2
v
2
+ . . . +
n
v
n
.
Di nuovo, essendo u
2
non nullo, esiste almeno una sua componente tra le
i
non nulla. Non pu succedere che

1
= 0 e gli altri
i
= 0, i = 2, . . . , n, perch i vettori u
1
, u
2
sono linearmente indipendenti, pertanto possiamo
supporre
2
= 0. Ricaviamo v
2
in funzione dei vettori rimanenti e dimostriamo che J
2
(u
1
, u
2
, v
3
, . . . , v
n
) una
base, in modo analogo al caso precedente e procediamo di nuovo con un terzo vettore. Questo tipo di ragionamento
autorizzato dal fatto che J e J sono insiemi niti. Il procedimento descritto si arresta per due motivi:
a. si sono esauriti tutti i vettori di J, allora abbiamo inserito i vettori di J allinterno di J, da cui segue la tesi;
b. si sono esauriti prima i vettori di J e rimangono ancora dei vettori in J, segue che J contiene una base che
assurdo, essendo J libero .
12.0.4 Equazioni vettoriali e il Teorema del Rango
Denizione 12.1 Dati i vettori a
1
, a
2
, . . . , a
m
, b di uno spazio vettoriale reale V , la relazione:
x
1
a
1
+ x
2
a
2
+ . . . x
m
a
m
= b (12.11)
un equazione vettoriale nellincognita (x
1
, x
2
, . . . , x
n
).
Denizione 12.2 Soluzione di unequazione vettoriale una mupla (x
0
1, x
0
2, . . . , x
0
m
) e
m
che sostituita in
(12.11) la verica.
Esempio 12.2 Nei capitoli precedenti abbiamo incontrato pi volte equazioni vettoriali, per esempio la denizione
di vettori l.i. fa uso di unequazione vettoriale di cui si chiede che ammetta solo la soluzione nulla.
Lesempio precedente impone la seguente:
Denizione 12.3 Lequazione vettoriale (12.11) si dice omogenea se b = 0 con 0 vettore nullo di V . chiaro
che unequazione vettoriale omogenea ammette la soluzione nulla: (0, 0, . . . , 0).
Il teorema che segue determina le condizioni afnch unequazione vettoriale ammetta soluzioni e propone anche
il metodo per determinarle.
Teorema 12.1 (Teorema di RouchCapelli.) Lequazione vettoriale (12.11) ammette soluzioni se e solo se:
dim[(a
1
, a
2
, . . . , a
m
) = dim[(a
1
, a
2
, . . . , a
m
, b). (12.12)
Dimostrazione: Innanzi tutto si osservi che [(a
1
, a
2
, . . . , a
m
) , [(a
1
, a
2
, . . . , a
m
, b) ed, inoltre, se dim[(a
1
, a
2
, . . . ,
a
m
) = k allora k s dim[(a
1
, a
2
, . . . , a
m
, b) s k + 1.
Supponiamo che lequazione (12.11) ammetta soluzioni, dobbiamo dimostrare che:
[(a
1
, a
2
, . . . , a
m
, b) , [(a
1
, a
2
, . . . , a
m
).
Per ipotesi esiste una mupla di numeri reali (x
0
1, x
0
2, . . . , x
0
m
) tale che x
0
1a
1
+ x
0
2a
2
+ . . . x
0
m
a
m
= b, da cui segue la
tesi, (cfr. Teorema 11.2).
Viceversa, supponiamo che dim[(a
1
, a
2
, . . . , a
m
) = dim[(a
1
, a
2
, . . . , a
m
, b). Conviene distinguere due casi:
Universit di Torino
Capitolo 12 Per saperne di pi sui sottospazi vettoriali 137
(a) dim[(a
1
, a
2
, . . . , a
m
) = dim[(a
1
, a
2
, . . . , a
m
, b) = m;
(b) dim[(a
1
, a
2
, . . . , a
m
) = dim[(a
1
, a
2
, . . . , a
m
, b) = k < m.
Caso (a): Se dim[(a
1
, a
2
, . . . , a
m
) = dim[(a
1
, a
2
, . . . , a
m
, b) = m, i vettori a
1
, a
2
, . . . , a
m
costituiscono una base
sia di [(a
1
, a
2
, . . . , a
m
) sia di [(a
1
, a
2
, . . . , a
m
, b), allora il vettore b si esprime in modo unico come combina-
zione lineare dei vettori a
1
, a
2
, . . . , a
m
e, quindi, lequazione (12.11) ammette una sola soluzione costituita dalle
componenti di b rispetto alla base (a
1
, a
2
, . . . , a
m
).
Caso (b): Dal Teorema 11.5 segue che esistono k vettori tra i a
i
, i = 1, . . . , m, che formano una base di
[(a
1
, a
2
, . . . , a
m
). Supponiamo che siano i primi k (in caso contrario si riordinano i vettori in modo da ottenere
questo risultato), quindi [(a
1
, a
2
, . . . , a
k
) = [(a
1
, a
2
, . . . , a
m
), ma per ipotesi si ha anche che [(a
1
, a
2
, . . . , a
k
) =
[(a
1
, a
2
, . . . , a
m
, b). Segue che esistono k scalari x
0
1, x
0
2, . . . , x
0
k tali che:
b = x
0
1
a
1
+ x
0
2
a
2
+ . . . + x
0
k
a
k
.
Allora il Teorema dimostrato perch la mupla (x
0
1, x
0
2, . . . , x
0
k, 0, . . . , 0) e
m
una soluzione dellequazione
vettoriale (12.11).
In questo caso, esistono innite soluzioni che dipendono da m k parametri, infatti scelti ad arbitrio gli scalari

k+1
, . . . ,
m
, il vettore b
k+1
a
k+1
. . .
m
a
m
appartiene a [(a
1
, a
2
, . . . , a
k
) pertanto:
b = x
0
1
a
1
+ x
0
2
a
2
+ . . . + x
0
k
a
k
+
k+1
a
k+1
+ . . . +
m
a
m
da cui segue la tesi .
Il Lettore verichi per esercizio (usando la denizione di rango di una matrice) che il teorema di RouchCapelli
appena dimostrato coincide con il Teorema di RouchCapelli 1.2 enunciato nel Paragrafo 1.2.
Esercizio 12.5 Dimostrare il Teorema del Rango 11.14: In A matrice di
m,n
, la dimensione dello spazio vet-
toriale generato dalle righe di A coincide con la dimensione dello spazio vettoriale generato dalle colonne di A,
ossia:
dimF(A) = dim((A). (12.13)
Dimostrazione: Sia
A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
a
11
a
12
. . . a
1n
a
21
a
22
. . . a
2n
: : :
a
m1
a
m2
. . . a
mn
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
F(A) = [(R
1
, R
2
, . . . , R
m
) ,
n
lo spazio delle righe di A, dove:
R
1
= (a
11
, a
12
, . . . , a
1n
)
R
2
= (a
21
, a
22
, . . . , a
2n
)
:
R
m
= (a
m1
, a
m2
, . . . , a
mn
).
((A) = [(C
1
, C
2
, . . . , C
n
) ,
m
lo spazio delle colonne di A, dove:
C
1
= (a
11
, a
21
, . . . , a
m1
)
C
2
= (a
12
, a
22
, . . . , a
m2
)
:
C
n
= (a
1n
, a
2n
, . . . , a
mn
).
Siano k = dim((A) e h = dimF(A). La tesi si ottiene dimostrando che k s h, infatti, per la disuguaglianza
opposta sufciente considerare
t
A, per cui si ha F(A) = ((
t
A) e ((A) = F(
t
A). Applicando il fatto che k s h a
t
A segue h s k.
Dipartimento di Matematica
138 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
Si consideri il sistema lineare omogeneo AX = 0 avente A come matrice dei coefcienti e X =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
x
1
x
2
:
x
n
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
come
matrice delle incognite. Dalla sua scrittura esplicita:
|
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
'
a
11
x
1
+ a
12
x
2
+ . . . + a
1n
x
n
= 0
a
21
x
1
+ a
22
x
2
+ . . . + a
2n
x
n
= 0
:
a
m1
x
1
+ a
m2
x
2
+ . . . + a
mn
x
n
= 0
(12.14)
si deduce che esso equivalente allequazione vettoriale:
x
1
C
1
+ x
2
C
2
+ . . . + x
n
C
n
= 0,
le cui soluzioni dipendono da k = dim((A), (cfr. Teorema 12.1). Essendo h = dimF(A), supponiamo che le
prime h righe di A siano l.i., questa non unipotesi restrittiva perch in caso contrario possiamo effettuare uno
scambio di righe. Supponiamo, quindi, che linsieme (R
1
, R
2
, . . . , R
h
) sia libero. Per la teoria sui sistemi lineari
(cfr. Capitolo 1) il sistema (12.14) equivalente al sistema:
|
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
'
a
11
x
1
+ a
12
x
2
+ . . . + a
1n
x
n
= 0
a
21
x
1
+ a
22
x
2
+ . . . + a
2n
x
n
= 0
:
a
h1
x
1
+ a
h2
x
2
+ . . . + a
hn
x
n
= 0
(12.15)
che , a sua volta, equivalente allequazione vettoriale:
x
1
a
1
+ x
2
a
2
+ . . . + x
n
a
n
= 0
dove:
a
1
= (a
11
, a
21
, . . . , a
h1
)
a
2
= (a
12
, a
22
, . . . , a
h2
)
:
a
n
= (a
1n
, a
2n
, . . . , a
hn
).
Dal fatto che (12.14) e (12.15) sono equivalenti segue:
dim[(a
1
, a
2
, . . . , a
n
) = dim((A) = k
ma [(a
1
, a
2
, . . . , a
n
) ,
h
, da cui la tesi .
Universit di Torino
Capitolo 13
Sottospazi vettoriali Esercizi
13.1 Esercizi
In tutti gli esercizi di questo capitolo si sono adottate notazioni standard, in particolare si indicato con:
-
n
lo spazio vettoriale delle n-uple di numeri reali, di dimensione n, riferito alla base canonica (e
1
= (1, 0, . . . , 0),
e
2
= (0, 1, 0, . . . , 0), . . . , e
n
= (0, 0, . . . , 1));
-
m,n
lo spazio vettoriale delle matrici di tipo (m, n), ad elementi reali, riferito alla base canonica:
(
.
.
.
.
.
.
'
(
.
.
.
.
.
.
'
1 0 . . . 0
. . . . . . . . . . . .
0 0 . . . 0
\
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
'
0 1 . . . 0
. . . . . . . . . . . .
0 0 . . . 0
\
.
.
.
.
.
.
!
, . . . ,
(
.
.
.
.
.
.
'
0 0 . . . 0
. . . . . . . . . . . .
0 0 . . . 1
\
.
.
.
.
.
.
!
\
.
.
.
.
.
.
!
.
-
n,n
lo spazio vettoriale delle matrici quadrate di ordine n, ad elementi reali, riferito alla base canonica standard
(il caso particolare della precedente);
- S(
n,n
) lo spazio vettoriale delle matrici simmetriche di ordine n ad elementi reali rispetto alla base canonica:
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 0 . . . 0
0 0 . . . 0
. . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . .
0 0 . . . 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 1 . . . 0
1 0 . . . 0
. . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . .
0 0 . . . 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
, . . . ,
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 0 . . . 1
0 0 . . . 0
. . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . .
1 0 . . . 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 0 . . . 0
0 1 . . . 0
. . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . .
0 0 . . . 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
, . . . . . . ,
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 0 . . . 0
0 0 . . . 0
. . . . . . . . . . . .
0 . . . 0 1
0 . . . 1 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 0 . . . 0
0 0 . . . 0
. . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . .
0 0 . . . 1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
- 7(
n,n
) lo spazio vettoriale delle matrici antisimmetriche di ordine n ad elementi reali rispetto alla base canonica:
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 1 0 . . . 0
1 0 0 . . . 0
. . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . .
0 0 0 . . . 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 0 1 . . . 0
0 0 0 . . . 0
1 0 0 . . . 0
. . . . . . . . . . . . . . .
0 0 . . . . . . 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
, . . . ,
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 0 . . . 0 0
0 0 . . . 0 0
. . . . . . . . . . . . . . .
0 0 . . . 0 1
0 0 . . . 1 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
- tr(A) indica la traccia della matrice A e
n,n
, vale a dire la somma degli elementi della diagonale principale.
139
140 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
[1] In
3
sono dati i vettori u
1
= (1, 1, 2), u
2
= (2, 1, 3), u
3
= (3, 0, h); dire per quali valori di h i vettori
u
1
, u
2
, u
3
sono linearmente indipendenti.
[2] In
4
sono dati i vettori u
1
= (1, 1, 0, 1), u
2
= (2, 1, 1, 0), u
3
= (3, 0, 1, 1), u
4
= (0, 1, 1, 0); trovare una
base del sottospazio di
4
, generato dai vettori u
1
, u
2
, u
3
, u
4
.
Vericato che i vettori u
1
, u
2
, u
4
sono linearmente indipendenti, determinare per quali valori di t il vettore v =
(1, 1, 2t 8, t + 1) e [(u
1
, u
2
, u
4
).
Per i valori di t trovati, determinare le componenti di v rispetto ai vettori u
1
, u
2
, u
4
.
[3] Dati i vettori: u = (1, 3, 2), v = (2, 1, 1) in
3
, vericare che + = [(u, v) ha dimensione 2. Trovare per
quali valori di t , il vettore w = (t, 0, 1) appartiene allo spazio + e, per tali valori, determinare le sue componenti
rispetto ai vettori u e v.
[4] Siano +
1
il sottospazio di
3
generato dai vettori: u
1
= (1, 1, 1), u
2
= (2, 1, 1), +
2
il sottospazio di
3
generato dai vettori: v
1
= (1, 2, 1), v
2
= (1, 1, 2). Trovare +
1
| +
2
, dim(+
1
|+
2
) ed una sua base.
[5] Nello spazio vettoriale
4
si considerino i sottospazi: +
1
= [(a, b, c), dove:
a = (2, 0, 1, 0), b = (1, 1, 0, 1), c = (0, 3, 1, 1); +
2
= [(e, f , g), dove e = (1, 1, 5, 4),
f = (0, 3, 2, 1), g = (2, 7, 16, 5).
i) Vericato che linsieme J = (a, b, c) una base di +
1
, stabilire per quale valore di h e il vettore v =
(5, h, 1, h) appartiene a +
1
e, per tale valore, decomporlo rispetto alla base J.
ii) Trovare un sottospazio +
3
di
4
tale che +
3
q+
2
=
4
.
[6] In
4
, scrivere le equazioni di due iperpiani vettoriali, diversi, ma entrambi supplementari della retta vettoriale
1 = [((2, 0, 4, 3)).
[7] Sono dati, in
4
, i sottospazi vettoriali:
1 = (x, y, z, t) e
4
| x + 2y = 2t = 0,
7 = [((1, 2, 0, 1), (2, 4, 1, 1), (0, 0, 1, 1), (1, 2, 4, 5), (1, 1, 0, 5)).
i) Determinare la dimensione e una base sia di 1 sia di 7.
ii) Determinare la dimensione e una base sia di 1| 7 sia di 1+ 7.
iii) Il vettore x = (1, 2, 3, 4) appartiene a 1+7? In caso affermativo decomporlo nella somma di un vettore di 1
e di un vettore di 7, in tutti i modi possibili (a meno di un cambiamento di variabile libera).
[8] In
2,2
si considerino i sottoinsiemi:
S = __
x
1
x
2
x
3
x
4
| x
2
= x
3
_
delle matrici simmetriche e:
7 = __
x
1
x
2
x
3
x
4
| x
1
+ x
4
= 0_
delle matrici a traccia nulla. Si dimostri che S e 7 sono sottospazi vettoriali di
2,2
; si determinino le loro
dimensioni ed una base per ciascuno di essi.
Universit di Torino
Capitolo 12 Sottospazi vettoriali Esercizi 141
[9] Dire se i seguenti sottoinsiemi di
2,2
:
1 = __
x y
z t
| 2x y z = x + 3y 2t = 0_,
7 = __
x y
z t
| x y + 2 = t = 0_
sono sottospazi vettoriali. In caso affermativo determinarne una base e la dimensione.
[10] Nello spazio vettoriale
4
sono dati i sottospazi:
1 = (x
1
, x
2
, x
3
, x
4
) e
4
| 2x
1
x
2
+ x
3
= x
1
+ x
2
x
4
= 0,
7 = [((0, 0, 1, 1), (1, 1, 0, 0)).
i) Calcolare la dimensione e una base di 1.
ii) Calcolare la dimensione e una base di 1+ 7. Si tratta di una somma diretta?
[11] i) Vericare che le matrici:
A
1
= _
1 2
1 0
, A
2
= _
1 0
2 1
, A
3
= _
0 2
2 1
, A
4
= _
4 1
2 3

costituiscono una base di
2,2
e determinare le componenti della matrice A = _
1 0
0 1
rispetto a tale base.
ii) Dati i sottospazi vettoriali di
2,2
:
7 = __
x
1
x
2
x
3
x
4
| x
1
+ 2x
2
= 0_,
J = __
x
1
x
2
x
3
x
4
| x
1
+ x
4
= x
2
+ 2x
3
= 0_,
determinare una base e la dimensione di 7 e di J. Determinare una base e la dimensione di 7| J e di 7+ J.
[12] Sono dati in
4
i sottospazi vettoriali:
1 = (x, y, z, t) e
4
/ x 2z = 2y = 0,
7 = [((0, 2, 1, 1), (1, 2, 1, 1), (1, 2, 3, 1), (1, 2, 7, 1)).
i) Determinare la dimensione e una base sia di 1 sia di 7.
ii) Determinare la dimensione e una base di 1+ 7.
[13] In
5
i sottospazi:
7 = (x
1
, x
2
, x
3
, x
4
, x
5
) e
5
/ x
1
+ x
2
= x
3
= 0,
J = [((1, 2, 1, 2, 1), (0, 1, 1, 1, 1), (1, 0, 1, 0, 1), (2, 3, 1, 3, 1))
sono supplementari?
Dipartimento di Matematica
142 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
[14] In
4
si considerino i vettori:
a = (1, 1, 1, 0), b = (0, 1, 1, 1), c = (1, 1, 0, 0).
i) Vericare che a, b, c sono linearmente indipendenti.
ii) Determinare un vettore d in modo che a, b, c, d siano linearmente indipendenti.
iii) Dire se il sottospazio 1 = (x, y, z, t) e
4
/ y = z + t = 0 contenuto in 7 = [(a, b, c).
[15] In
3
si consideri il sottospazio vettoriale:
+= (x, y, z) e
3
/ x + y + z = x + hy + (2 h)z = x h
2
y + (3h 4)z = 0.
i) Al variare di h e , determinare la dimensione e una base di +.
ii) Al variare di h e , determinare un sottospazio supplementare di + in
3
.
[16] In S(
3,3
) completare linsieme libero:
J =
|
.
.
.

.
.
.
'
(
.
.
.
.
.
.
'
1 0 3
0 0 2
3 2 0
\
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
'
0 1 2
1 1 0
2 0 0
\
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
'
0 0 0
0 5 2
0 2 6
\
.
.
.
.
.
.
!
)
.
.
.

.
.
.
!
no ad ottenere una base.
[17] Data la matrice:
A = _
6 9
4 6
,
i) provare che i sottoinsiemi:
/ = X e
2,2
| AX = XA, = X e
2,2
| AX = XA
sono sottospazi vettoriali e trovare una base per ciascuno di essi.
ii) Determinare una base per i sottospazi vettoriali / | e / + .
iii) Data la matrice:
C = _
0 h 2
0 h 3
, h e ,
stabilire per quale valore di h la matrice C appartiene al sottospazio vettoriale / + .
Assegnato ad h tale valore, trovare due matrici C
1
e / e C
2
e in modo tale che C = C
1
+C
2
.
[18] In
4
si consideri il sottoinsieme:
+
1
= (x
1
, x
2
, x
3
, x
4
) e
4
| x
1
+ 2x
3
+ x
4
= x
3
x
4
= 0.
i) Vericare che +
1
un sottospazio vettoriale di
4
e determinarne una base e la dimensione.
Si considerino, inoltre, i sottospazi:
+
2
= [(a, b, c), dove a = (1, 0, 2, 0), b = (0, 1, 1, 1), c = (3, 2, 8, 2),
+
3
= [(e, f , g), dove e = (0, 1, 2, 1), f = (2, 1, 3, 1), g = (1, 2, 4, 2).
ii) Si determinino una base e la dimensione di +
2
e di +
3
.
iii) Si determinino una base e la dimensione di +
1
| (+
2
+ +
3
).
Universit di Torino
Capitolo 12 Sottospazi vettoriali Esercizi 143
[19] Si considerino gli insiemi:
1 =
|
.
.
.

.
.
.
'
(
.
.
.
.
.
.
'
1 0 0
a 1 0
b c 1
\
.
.
.
.
.
.
!
, a, b, c e
)
.
.
.

.
.
.
!
;
7 =
|
.
.
.

.
.
.
'
(
.
.
.
.
.
.
'
a 0 0
b c 0
d e f
\
.
.
.
.
.
.
!
, a, b, c, d, e, f e
)
.
.
.

.
.
.
!
.
1 e 7 sono sottospazi vettoriali di
3,3
? In caso affermativo se ne determini una base e la dimensione.
[20] I sottospazi:
1 = [(a = (1, 2, 0, 0), b = (0, 1, 3, 0), c = (2, 1, 0, 0), d = (5, 4, 0, 0)),
7 = (x, y, z, t) e
4
| 2x + 3y z = x z = 0
sono supplementari in
4
?
[21] In
4
si considerino i sottospazi vettoriali:
+
1
= (x
1
, x
2
, x
3
, x
4
) e
4
| x
1
+ 2x
2
+ 3x
3
+ x
4
= 0,
+
2
= (x
1
, x
2
, x
3
, x
4
) e
4
| x
1
+ x
2
= x
1
+ x
3
= x
1
x
2
+ x
3
= 0;
provare che +
1
q+
2
=
4
.
[22] In
5
, determinare una base e la dimensione dellintersezione e della somma dei due sottospazi:
+
1
= (x
1
, x
2
, x
3
, x
4
, x
5
) e
5
| 2x
1
x
2
x
3
= x
4
3x
5
= 0,
+
2
= (x
1
, x
2
, x
3
, x
4
, x
5
) e
5
| 2x
1
x
2
+ x
3
+ 4x
4
+ 4x
5
= 0.
[23] In
5
, determinare una base e la dimensione dellintersezione e della somma dei due sottospazi:
+
1
= (x
1
, x
2
, x
3
, x
4
, x
5
) e
5
| x
1
= 3x
2
+ 2x
3
3x
4
3x
5
= 0,
+
2
= (x
1
, x
2
, x
3
, x
4
, x
5
) e
5
| 13x
1
26x
2
+ 6x
3
9x
4
9x
5
= 0.
[24] In
5
si consideri linsieme:
+
1
= (x
1
, x
2
, x
3
, x
4
, x
5
) e
5
| 2x
1
+ x
2
= x
3
= 0.
i) Si verichi che +
1
un sottospazio vettoriale di
5
, se ne determini una base e la dimensione.
ii) Sia +
2
= [(a, b, c, d), dove:
a = (0, 3, 1, 2, 0), b = (0, 0, 2, 1, 1), c = (0, 6, 10, 10, 6), d = (0, 3, 7, 1, 3),
se ne determini una base e la dimensione.
iii) Si provi che +
1
q+
2
=
5
.
iv) Si determini un sottospazio +
3
di
5
tale che dim(+
1
|+
3
) = 1 e dim+
3
= 3.
Dipartimento di Matematica
144 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
[25] In
2,2
si considerino le matrici:
A
1
= _
1 2
1 0
, A
2
= _
0 3
1 2
, A
3
= _
1 1
0 1
, A
4
= _
3 2
1 1
.
Si verichi che linsieme J = (A
1
, A
2
, A
3
, A
4
) una base di
2,2
e si esprima la matrice A = _
2 1
1 2
nella
base J.
[26] i) Date le seguenti matrici dello spazio vettoriale 7(
3,3
):
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
0 1 2
1 0 0
2 0 0
\
.
.
.
.
.
.
!
, B =
(
.
.
.
.
.
.
'
0 0 2
0 0 1
2 1 0
\
.
.
.
.
.
.
!
si completi linsieme A, B in modo da ottenere una base J

di 7(
3,3
).
ii) Si determinino le componenti della matrice:
C =
(
.
.
.
.
.
.
'
0 1 2
1 0 3
2 3 0
\
.
.
.
.
.
.
!
rispetto alla base J

.
[27] Siano 1 e + due sottospazi vettoriali di dimensione 2 di
3
.
i) Provare che 1| + = o.
ii) Determinare tutte le possibili dimensioni di 1| + e costruire un esempio in ciascuno dei casi.
[28] i) Vericare che J

= __
1 2
2 1
, _
2 1
1 3
, _
4 1
1 5
una base di S(
2,2
).
ii) Trovare le componenti della matrice A = _
4 11
11 7
rispetto alla base J

.
[29] i) Si verichi che:
J =
|
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
'
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 x
1
x
2
x
3
x
1
0 x
4
x
5
x
2
x
4
0 x
6
x
3
x
5
x
6
0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
| x
1
+ x
2
+ x
3
= 2x
2
+ x
4
= x
5
x
6
= 0
)
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
!
,
un sottospazio vettoriale di 7(
4,4
), se ne calcoli una base e la dimensione.
ii) Si determini una base e la dimensione dei seguenti sottospazi di 7(
4,4
):
( = [
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 1 2 3
1 0 2 3
2 2 0 1
3 3 1 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 0 1 2
0 0 0 1
1 0 0 7
2 1 7 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 1 1 2
1 0 2 3
1 2 0 1
2 3 1 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 2 1 1
2 0 0 2
1 0 0 12
1 2 12 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
;
1 = [
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 0 2 1
0 0 0 1
2 0 0 0
1 1 0 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 0 1 2
0 0 0 0
1 0 0 1
2 0 1 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
Universit di Torino
Capitolo 12 Sottospazi vettoriali Esercizi 145
iii) E vero che J q( = 7(
4,4
) ?
iv) Si determini una base e la dimensione di 1|(J + ().
v) Si determini un sottospazio vettoriale c supplementare a 1.
vi) Si decomponga la matrice:
A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 1 1 1
1 0 2 1
1 2 0 1
1 1 1 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
nella somma di una matrice di c e di una matrice di 1.
vii) A invertibile? Se s, si determini A
1
.
[30] Data la matrice A = _
0 1
0 2
,
i) determinare una base per il sottospazio +,
2,2
generato da A,
t
A, A +
t
A.
ii) Dimostrare che il sottoinsieme:
1 = __
a b
0 2b
, a, b e _
un sottospazio di
2,2
e determinarne una base.
iii) Determinare una base per i sottospazi ++ 1 e +| 1.
[31] i) In S(
3,3
) si consideri linsieme:
7 =
|
.
.
.

.
.
.
'
(
.
.
.
.
.
.
'
x
1
x
2
x
3
x
2
x
4
x
5
x
3
x
5
x
6
\
.
.
.
.
.
.
!
| x
1
+ 2x
4
x
6
= 2x
6
x
2
= x
3
+ 3x
5
= 0
)
.
.
.

.
.
.
!
e si verichi che 7 un sottospazio vettoriale, se ne calcoli una base e la dimensione.
ii) Si determini un sottospazio vettoriale J supplementare a 7.
iii) Si decomponga la matrice:
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
0 1 2
1 3 1
2 1 5
\
.
.
.
.
.
.
!
nella somma di una matrice di 7 e di una matrice di J.
iv) A invertibile? Se s, si determini A
1
.
v) Si determini una base e la dimensione dei seguenti sottospazi di S(
3,3
):
( = [
(
.
.
.
.
.
.
'
(
.
.
.
.
.
.
'
1 2 1
2 1 3
1 3 0
\
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
'
0 2 1
2 1 3
1 3 2
\
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
'
1 0 1
0 0 1
1 1 0
\
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
'
1 2 2
2 3 4
2 4 2
\
.
.
.
.
.
.
!
\
.
.
.
.
.
.
!
,
1 = [
(
.
.
.
.
.
.
'
(
.
.
.
.
.
.
'
0 1 1
1 0 1
1 1 0
\
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
'
1 1 0
1 0 1
0 1 2
\
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
'
2 0 1
0 0 1
1 1 0
\
.
.
.
.
.
.
!
\
.
.
.
.
.
.
!
.
vi) vero che 7q( = S(
3,3
) ?
vii) Si determini una base e la dimensione di 1| (7+ ().
Dipartimento di Matematica
146 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
[32] Dato 1 = __
a b
0 a
, a, b e _, sottospazio vettoriale di
2,2
,
i) si determini un altro sottospazio + tale che 1q+ =
2,2
.
ii) Data la matrice A = _
1 2
3 0
, si scomponga A nella somma di una matrice A
1
e 1 e di una matrice A
2
e +.
[33] In
4
si consideri il sottospazio vettoriale:
+= [((1, 3, 0, 1), (2, 5, 1, 2), (1, 2, 1, 0)).
i) Si verichi che + un iperpiano vettoriale di
4
e se ne determini la sua equazione.
ii) Si determinino due sottospazi vettoriali di
4
, diversi, entrambi supplementari di +.
[34] In
5
si considerino i sottospazi:
1 = [((1, 3, 2, 2, 3), (1, 4, 3, 4, 2), (2, 3, 1, 2, 9)),
+ = [((1, 3, 0, 2, 1), (1, 5, 6, 6, 3), (2, 5, 3, 2, 1)),
determinare una base 1+ + e una base di 1| +.
[35] Si provi che i seguenti sottospazi di
4
:
1 = [((1, 2, 1, 3), (2, 4, 1, 2), (3, 6, 3, 7))
+ = [((1, 2, 4, 11), (2, 4, 5, 14))
sono uguali.
[36] i) Determinare linsieme ( di tutte le matrici di
3,3
che commutano (rispetto al prodotto) con la matrice:
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
0 1 0
0 0 1
0 0 0
\
.
.
.
.
.
.
!
.
ii) Vericare che ( un sottospazio vettoriale di
3,3
, determinarne una base e la sua dimensione.
iii) Determinare due sottospazi diversi, entrambi supplementari di ( in
3,3
.
[37] Sono dati i seguenti sottospazi vettoriali di
5
:
+
1
= [((1, 1, 0, 1, 1), (1, 2, 2, 1, 2), (0, 1, 2, 0, 1), (1, 3, 4, 1, 3));
+
2
= (x
1
, x
2
, x
3
, x
4
, x
5
) e
5
| x
1
x
4
+ 2x
5
= x
2
+ x
3
= 0,
i) provare che
5
= +
1
q+
2
.
ii) Decomporre il vettore a = (0, 2, 0, 0, 0) nella somma di un vettore a
1
e +
1
e di un vettore a
2
e +
2
.
[38] Si considerino i sottospazi vettoriali di
4
:
+
1
= [((1, 1, 0, 2), (0, 2, 1, 3), (2, 0, 1, 7), (3, 5 1, 3)),
+
2
= (x
1
, x
2
, x
3
, x
4
) e
4
/ x
1
+ x
2
2x
3
= 3x
3
x
4
= 0.
i) Trovare una base per ciascuno dei sottospazi +
1
, +
2
, +
1
| +
2
, +
1
+ +
2
.
ii) Vericare che il vettore a = (0, 2, 1, 3) appartiene a +
1
+ +
2
determinando esplicitamente due vettori
a
1
e +
1
e a
2
e +
2
tali che a = a
1
+ a
2
.
Universit di Torino
Capitolo 12 Sottospazi vettoriali Esercizi 147
[39] Si considerino i seguenti sottospazi vettoriali di
2,2
:
+
1
= _X e
2,2
/ AX = XA, dove A = _
1 3
0 1
_,
+
2
= X e
2,2
| tr(X) = 0.
i) Determinare una base per i sottospazi +
1
, +
2
, +
1
| +
2
e +
1
+ +
2
.
ii) Trovare un sottospazio vettoriale +
3
che sia supplementare a +
1
.
[40] Si determinino almeno due sottospazi vettoriali diversi ma entrambi supplementari di:
+= (x
1
, x
2
, x
3
) e
3
| 3x
1
x
3
= x
2
+ 5x
3
= 0.
[41] In S(R
3,3
) completare linsieme libero:
J =
|
.
.
.

.
.
.
'
(
.
.
.
.
.
.
'
1 2 0
2 0 0
0 0 0
\
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
'
1 0 0
0 1 0
0 0 1
\
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
'
0 1 1
1 0 0
1 0 0
\
.
.
.
.
.
.
!
)
.
.
.

.
.
.
!
no ad ottenere una base.
[42] Dati i sottospazi vettoriali di
5
:
+
1
= [((1, 0, 2, 0, 1), (0, 1, 0, 1, 0), (0, 1, 1, 1, 3), (1, 0, 1, 0, 2)),
+
2
= (x
1
, x
2
, x
3
, x
4
, x
5
) e
5
/ x
1
+ 3x
3
x
5
= x
2
2x
3
+ x
4
+ x
5
= 0,
i) determinare una base per ciascuno dei sottospazi vettoriali +
1
, +
2
, +
1
|+
2
, +
1
+ +
2
;
ii) stabilire per quali valori di h e il vettore (1, 2, h, 2, 1) appartiene a +
1
.
[43] In
5
sono dati i seguenti sottoinsiemi:
+
1
= [((2, 1, 1, 0, 2), (1, 1, 0, 0, 2), (0, 2, 0, 1, 1)),
+
2
= (x
1
, x
2
, x
3
, x
4
, x
5
) e
5
/ x
1
x
2
x
3
x
4
= x
1
x
5
= x
4
= 0.
i) Provare che +
2
un sottospazio vettoriale di
5
.
ii) Determinare la dimensione e una base per +
1
e +
2
rispettivamente.
iii) Trovare +
1
+ +
2
e +
1
| +
2
.
[44] Completare il seguente insieme:
|
.
.
.

.
.
.
'
(
.
.
.
.
.
.
'
1 1 1
1 2 0
1 0 0
\
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
'
0 2 0
2 1 1
0 1 0
\
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
'
1 0 0
0 1 0
0 0 0
\
.
.
.
.
.
.
!
)
.
.
.

.
.
.
!
in modo da ottenere una base di S(
3,3
).
[45] In
4
sia dato il sottospazio vettoriale:
1 = (x, y, z, t) e
4
/ 2x + y z = x + 3t = 0,
determinare la dimensione e una base di un sottospazio vettoriale 7 di
4
tale che 1q7 =
4
.
Dipartimento di Matematica
148 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
[46] Dati i seguenti sottospazi vettoriali di
4
:
+= [((0, 1, 0, 1), (1, 2, 2, 1), (1, 0, 2, 1)),
= (x
1
, x
2
, x
3
, x
4
) e
4
| x
1
x
2
x
3
= 2x
2
+ x
3
= 0,
i) trovare una base per +, , ++ e +|;
ii) stabilire per quale valore di h e il vettore (1, h, h + 1, h) appartiene a ++ .
iii) per il valore di h ricavato nel punto precedente, decomporre il vettore u cos ottenuto nella somma di un vettore
di + e di un vettore di .
[47] In
4
si consideri il sottoinsieme:
+
1
= (x
1
, x
2
, x
3
, x
4
) e
4
| 2x
1
+ x
2
+ x
4
= x
1
x
4
= 0.
i) Vericare che +
1
un sottospazio vettoriale di
4
e determinarne una base e la dimensione.
Si considerino, inoltre, i sottospazi:
+
2
= (x
1
, x
2
, x
3
, x
4
) e
4
| x
1
+ x
2
x
3
+ 2x
4
= x
1
= 0,
e +
3
= [(a, b, c), dove:
a = (1, 1, 2, 3), b = (1, 2, 0, 1), c = (1, 7, 6, 11).
ii) Trovare una base e la dimensione di +
2
e di +
3
.
iii) Individuare una base e la dimensione di +
2
+ +
3
e di +
1
| (+
2
+ +
3
).
[48] Si determinino le equazioni di due sottospazi vettoriali diversi ma entrambi supplementari di:
+= (x
1
, x
2
, x
3
) e
3
| x
1
+ 3x
3
= 4x
2
+ x
3
= 0.
[49] Nello spazio R
4
sono dati i seguenti sottospazi:
1 = |(x
1
, x
2
, x
3
, x
4
) e R
4
| x
3
= 0, x
4
= x
1
x
2
| ,
7 = |(x
1
, x
2
, x
3
, x
4
) e R
4
| x
4
= 0, x
3
= x
1
+ x
2
| .
i) Trovare una base J di 1 e una base ( di 7 rispettivamente.
ii) Determinare una base e la dimensione per i sottospazi 1+ 7 e 1| 7.
iii) Vericare che il vettore (2, 1, 0, 1) appartiene ad 1 ed esprimerlo come combinazione lineare della base J
scelta.
[50] Dati i seguenti sottospazi vettoriali di
4
:
+
1
= [((0, 1, 1, 0), (1, 1, 1, 1), (2, 1, 3, 2)),
+
2
= (x
1
, x
2
, x
3
, x
4
) e
4
| x
1
+ x
2
= x
3
+ x
4
= 0,
+
3
= (x
1
, x
2
, x
3
, x
4
) e
4
| x
1
+ x
2
+ x
3
= x
1
+ x
4
= 0,
i) trovare una base e la dimensione di +
1
, +
2
, +
3
, +
1
+ +
2
, +
1
| +
2
;
ii) dire se la somma +
2
+ +
3
diretta.
Universit di Torino
Capitolo 12 Sottospazi vettoriali Esercizi 149
[51] In
2,2
si considerino i sottospazi vettoriali:
+
1
= __
x
1
x
2
x
3
x
4
e
2,2
| x
1
+ x
3
= 0_
+
2
= __
x
1
x
2
x
3
x
4
e
2,2
| x
1
x
3
= x
2
= 0_.
Determinare:
i) una base e la dimensione di +
1
e di +
2
;
ii) una base e la dimensione di +
1
+ +
2
;
iii) una base e la dimensione di +
1
| +
2
.
[52] In
2,2
si considerino i due sottospazi:
+
1
= [_A = _
1 2
0 1
,
t
A, B = _
1 0
1 1
, A + 2B ,
+
2
= __
x
1
x
2
x
3
x
4
e
2,2
| x
1
+ x
2
x
3
+ x
4
= x
1
+ x
2
= 0_,
Determinare una base e la dimensione di:
i) +
1
;
ii) +
2
;
iii) +
1
+ +
2
;
iv) +
1
| +
2
.
[53] Dati i seguenti sottospazi vettoriali di
4
:
+
1
= (x
1
, x
2
, x
3
, x
4
) e
4
| x
1
x
2
+ 2x
3
+ x
4
= 0,
2x
1
+ x
2
+ 2x
3
+ x
4
= 0,
3x
2
2x
3
x
4
= 0,
+
2
= (x
1
, x
2
, x
3
, x
4
) e
4
| x
1
x
2
+ x
3
+ x
4
= 0, x
1
+ 2x
2
= 0,
i) trovare una base e la dimensione di +
1
, +
2
, +
1
+ +
2
, +
1
|+
2
;
ii) dire se la somma +
1
+ +
2
diretta.
[54] Dati i seguenti sottospazi vettoriali di
5
:
+
1
= [((0, 1, 1, 0, 1), (1, 1, 1, 1, 1), (2, 1, 3, 2, 0)),
+
2
= (x
1
, x
2
, x
3
, x
4
, x
5
) e
5
| x
1
+ x
2
= x
3
+ x
4
= x
5
= 0,
i) trovare una base e la dimensione di +
1
, +
2
, +
1
+ +
2
, +
1
|+
2
;
ii) dire se la somma dei sottospazi [((1, 0, 0, 0, 0), (1, 1, 0, 0, 0)) e [((0, 0, 0, 0, 1)) diretta.
Dipartimento di Matematica
150 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
13.2 Soluzioni
Base[L_] :=
If[Not[MatrixQ[L]],
Print[
L

argomento non `e una lista di vettori di uguale dimensione],


base = {};
{l,dim} = Dimensions[L];
zeros = Table[0,{dim}];
Print[Vett.Base];
Do[ {nuovabase = Append[base,L[[i]]],
If[Last[RowReduce[nuovabase]] , zeros,
base = nuovabase],
Print[i, ,base] },{i,l}];
Print[Risultato];base]
Questo programma, scritto dal prof. Stefano Berardi, permette, dato un insieme di vettori dello stesso spazio
vettoriale, di estrarne una base, usando il metodo degli scarti successivi.
[1]
m = {{1,1,2},{2,-1,3},{3,0,h}};
Solve[Det[m] == 0, h]
{{h - 5]]
h = 5.
[2]
u1 = {1,-1,0,1};u2 = {2,1,1,0};u3 = {3,0,1,1};u4 = {0,1,-1,0};
L = {u1,u2,u3,u4};
B = Base[L]
Vett.Base
1 {{1,-1,0,1]]
2 {{1,-1,0,1],{2,1,1,0]]
3 {{1,-1,0,1],{2,1,1,0]]
4 {{1,-1,0,1],{2,1,1,0],{0,1,-1,0]]
Risultato
{{1,-1,0,1],{2,1,1,0],{0,1,-1,0]]
Solve[Det[A = {u1,u2,u4,{1,-1,2t - 8,t + 1}}] == 0]
{{t - 2]]
v = A[[4]]/.t - 2
{1,-1,-4,3]
LinearSolve[Transpose[{u1,u2,u4}], v]
{3,-1,3]
(u
1
, u
2
, u
4
), t = 2, (3, 1, 3).
Universit di Torino
Capitolo 12 Sottospazi vettoriali Esercizi 151
[3]
u = {1,3,2};v = {-2,1,1};w = {t,0,-1};
RowReduce[{u,v}]
1,0,-
1
7
,0,1,
5
7

Solve[w == a u + b v,{t,a,b}]
{{t - 7,a - 1,b - -3]]
t = 7, (1, 3).
[4]
u1 = {1,1,-1};u2 = {2,-1,1};v1 = {1,2,-1};v2 = {-1,-1,2};
Reduce[x u1 + y u2 == z v1 + w v2,{x,y,z,w}]
x == -
8 w
3
&&y ==
w
3
&&z == -w
-w v1 + w v2
{-2 w,-3 w,3 w]
dim(+
1
| +
2
) = 1, +
1
| +
2
= [((2, 3, 3)).
[5]
a = {2,0,1,0};b = {-1,1,0,1};c = {0,3,-1,-1};e = {1,1,5,4};
f = {0,3,-2,1};g = {2,7,-16,-5};v = {5,-h,1,h};
L = {a,b,c};
B = Base[L]
Vett.Base
1 {{2,0,1,0]]
2 {{2,0,1,0],{-1,1,0,1]]
3 {{2,0,1,0],{-1,1,0,1],{0,3,-1,-1]]
Risultato
{{2,0,1,0],{-1,1,0,1],{0,3,-1,-1]]
Solve[Det[{a,b,c,v}] == 0]
{{h - -2]]
h = -2
Solve[v == x a + y b + z c,{x,y,z}]
-2
{{x - 2,y - -1,z - 1]]
i) h = 2, (2, 1, 1). ii) Per esempio: +
3
= [((0, 1, 5, 0), (0, 0, 2, 0)).
[6] Per esempio: x + 2y z + t = 0, y + z t = 0.
Dipartimento di Matematica
152 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
[7]
Solve[{x + 2y == 0,2t == 0},{x,y,z,t}]
Solve ::

svars

: Equations may not give solutions for all solve variables.


{{x - -2 y,t - 0]]
L =
{{1,2,0,1},{2,4,-1,1},{0,0,1,1},{1,2,4,5},{1,-1,0,5}};
B = Base[L]
Vett.Base
1 {{1,2,0,1]]
2 {{1,2,0,1],{2,4,-1,1]]
3 {{1,2,0,1],{2,4,-1,1]]
4 {{1,2,0,1],{2,4,-1,1]]
5 {{1,2,0,1],{2,4,-1,1],{1,-1,0,5]]
Risultato
{{1,2,0,1],{2,4,-1,1],{1,-1,0,5]]
A = {L[[1]],L[[2]],L[[5]],{-2,1,0,0},{0,0,1,0}};
RowReduce[A]
{{1,0,0,0],{0,1,0,0],{0,0,1,0],{0,0,0,1],{0,0,0,0]]
B = x A[[1]] + y A[[2]] + z A[[3]]; F = t A[[4]] + w A[[5]];
Solve[B == F,{x,y,z,t,w}]
Solve ::

svars

: Equations may not give solutions for all solve variables.


x -
51 w
26
,y - -w,z - -
5 w
26
,t -
3 w
26

F/.%
-
3 w
13
,
3 w
26
,w,0
Solve[{1,2,3,4} == B + F,{x,y,z,t}][[1]]
x -
1
26
182 - 51 w),y - -3 + w,z -
5 w
26
,t -
3 w
26

Simplify[B/.%]
1 +
3 w
13
,2 -
3 w
26
,3 - w,4
Simplify[F/.%%]
-
3 w
13
,
3 w
26
,w,0
i) dim1 = 2, 1 = [((2, 1, 0, 0), (0, 0, 2, 0)), dim7 = 3,
7 = [((1, 2, 0, 1), (2, 4, 1, 1), (1, 1, 0, 5)).
ii) 1+ 7 =
4
, dim(1|7) = 1, 1|7 = [((6, 3, 26, 0)).
iii) (1, 2, 3, 4) = _1 +
3
13
k, 2
3
26
k, 3 k, 4 + _
3
13
k,
3
26
k, k, 0 , k e .
[8] dimS = 3, S = [__
1 0
0 0
, _
0 1
1 0
, _
0 0
0 1
;
dim7 = 3, 7 = [__
1 0
0 1
, _
0 1
0 0
, _
0 0
1 0
.
Universit di Torino
Capitolo 12 Sottospazi vettoriali Esercizi 153
[9] 7 non un sottospazio vettoriale. dim1 = 2;
1 = [
(
.
.
.
.
.
'
(
.
.
.
.
.
'
1 0
2
1
2
\
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
'
0 1
1
3
2
\
.
.
.
.
.
!
\
.
.
.
.
.
!
.
[10]
A := {{1,2,0,3},{-1,1,3,0},{0,0,1,1},{1,1,0,0}}
Det[A]
-9
i) dim1 = 2, 1 = [((1, 2, 0, 3), (1, 1, 3, 0)).
ii) dim(1+ 7) = 4, 1q7.
[11]
m = {{1,2,-1,0},{1,0,2,-1},{0,2,-2,1},{4,1,-2,3}};
Det[m]
-13
LinearSolve[Transpose[m],{1,0,0,1}]
-
10
13
,
7
13
,
8
13
,
4
13

Solve[{x1 + 2x2 == 0,x1 + x4 == 0,x2 + 2x3 == 0},{x1,x2,x3,x4}]


Solve ::

svars

: Equations may not give solutions for all solve variables.


x1 - -x4,x2 -
x4
2
,x3 - -
x4
4

i) A =
10
13
A
1
+
7
13
A
2
+
8
13
A
3
+
4
13
A
4
.
ii) dim7 = 3, 7 = [__
2 1
0 0
, _
0 0
1 0
, _
0 0
0 1
;
dimJ = 2, J = [__
1 0
0 1
, _
0 2
1 0
;
dim(7+ J) = 4, 7+ J = [__
2 1
0 0
, _
0 0
1 0
, _
0 0
0 1
, _
1 0
0 1
;
dim(7| J) = 1, 7| J = [__
4 2
1 4
.
[12] i) dim1 = 2, 1 = [((2, 0, 1, 0), (0, 0, 0, 1));
dim7 = 3, 7 = [((0, 2, 1, 1), (1, 2, 1, 1), (1, 2, 7, 1)).
ii) dim(1+ 7) = 4, 1+ 7 = [((2, 0, 1, 0), (0, 0, 0, 1), (0, 2, 1, 1), (1, 2, 1, 1)).
[13] S.
Dipartimento di Matematica
154 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
[14] ii) d = (0, 0, 0, 1) per esempio. iii) 1\ , 7.
[15]
Reduce[{x + y + z == 0,x + h y + (2 - h) z == 0,
- x - h2 y + (3h - 4) z == 0},{x,y,z}]
h == 1&&x == -y - z||h == 2&&x == -2 z&&y == z||
x == 0&&y == 0&&z == 0&& - 2 + h = 0&& - 1 + h = 0
Se h / e 1, 2: += 0;
se h = 1: += [((1, 1, 0), (1, 0, 1));
se h = 2, += [((2, 1, 1)).
ii) Se h / e 1, 2:
3
; se h = 1: [((1, 0, 0)) per esempio; se h = 2 [((0, 1, 2), (0, 0, 1)) per esempio.
[16] J =
(
.
.
.
.
.
.
'
(
.
.
.
.
.
.
'
1 0 3
0 0 2
3 2 0
\
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
'
0 1 2
1 1 0
2 0 0
\
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
'
0 0 0
0 5 2
0 2 6
\
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
'
0 0 1
0 0 0
1 0 0
\
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
'
0 0 0
0 0 1
0 1 0
\
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
'
0 0 0
0 0 0
0 0 1
\
.
.
.
.
.
.
!
\
.
.
.
.
.
.
!
.
[17]
A = {{6,-9},{4,-6}}; X = {{x1,x2},{x3,x4}};
Solve[A.X == X.A,{x1,x2,x3,x4}]
Solve ::

svars

: Equations may not give solutions for all solve variables.


x1 - 3 x3 + x4,x2 - -
9 x3
4

Solve[A.X == -X.A,{x1,x2,x3,x4}]
Solve ::

svars

: Equations may not give solutions for all solve variables.


x1 - -x4,x2 -
9 x3
4
+ 3 x4
Solve[{A.X == X.A,A.X == -X.A},{x1,x2,x3,x4}]
Solve ::

svars

: Equations may not give solutions for all solve variables.


x1 - -x4,x2 -
3 x4
2
,x3 - -
2 x4
3

A1 = {12,-9,4,0};A2 = {1,0,0,1};A3 = {0,9,4,0};
A4 = {-1,3,0,1};c = {0,h - 2,0,h - 3};
d = Solve[c == x A1 + y A2 + z A3 + w A4,{x,y,z,w,h}][[1]]
Solve ::

svars

: Equations may not give solutions for all solve variables.


x - -
1
6
+
w
6
,y - 2 - w,z -
1
6
-
w
6
,h - 5
Simplify[(x/.d[[1]]) A1 + (y/.d[[2]] )A2]
w,-
3
2
-1 + w),
2
3
-1 + w),2 - w
Simplify[(z/.d[[3]])A3 + (w/.d[[4]])A4]
- w,
3 1 + w)
2
,-
2
3
-1 + w),w
i) / = [__
12 9
4 0
, _
1 0
0 1
, = [__
0 9
4 0
, _
1 3
0 1
.
ii) / | = [__
6 9
4 6
,
Universit di Torino
Capitolo 12 Sottospazi vettoriali Esercizi 155
/ + = [__
12 9
4 0
, _
1 0
0 1
, _
2 3
0 0
.
iii) h = 5, C
1
=
(
.
.
.
.
.
.
.
.
'
w
3
2
(1 + w)
2
3
(1 + w) 2 w
\
.
.
.
.
.
.
.
.
!
, C
2
=
(
.
.
.
.
.
.
.
.
'
w
3
2
(1 + w)

2
3
(1 + w) w
\
.
.
.
.
.
.
.
.
!
, w e .
Dipartimento di Matematica
156 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
[18]
Solve[{x1 + 2x3 + x4 == 0,x3 - x4 == 0},{x1,x2,x3,x4}]
Solve ::

svars

: Equations may not give solutions for all solve variables.


{{x1 - -3 x4,x3 - x4]]
a = {1,0,2,0}; b = {0,1,-1,1};c = {3,-2,8,-2};
L = {a,b,c}
B = Base[L]
{{1,0,2,0],{0,1,-1,1],{3,-2,8,-2]]
Vett.Base
1 {{1,0,2,0]]
2 {{1,0,2,0],{0,1,-1,1]]
3 {{1,0,2,0],{0,1,-1,1]]
Risultato
{{1,0,2,0],{0,1,-1,1]]
e = {0,1,2,1};f = {2,1,3,1};g = {1,-2,4,-2};
L1 = {e,f,g};
B1 = Base[L1]
Vett.Base
1 {{0,1,2,1]]
2 {{0,1,2,1],{2,1,3,1]]
3 {{0,1,2,1],{2,1,3,1],{1,-2,4,-2]]
Risultato
{{0,1,2,1],{2,1,3,1],{1,-2,4,-2]]
L2 = {a,b,e,f,g}
B2 = Base[L2]
{{1,0,2,0],{0,1,-1,1],{0,1,2,1],{2,1,3,1],{1,-2,4,-2]]
Vett.Base
1 {{1,0,2,0]]
2 {{1,0,2,0],{0,1,-1,1]]
3 {{1,0,2,0],{0,1,-1,1],{0,1,2,1]]
4 {{1,0,2,0],{0,1,-1,1],{0,1,2,1]]
5 {{1,0,2,0],{0,1,-1,1],{0,1,2,1]]
Risultato
{{1,0,2,0],{0,1,-1,1],{0,1,2,1]]
A = x {0,1,0,0} + y {-3,0,1,1} ;B = z e + t f + w g;
Solve[A == B,{x,y,z,t,w}]
Solve ::

svars

: Equations may not give solutions for all solve variables.


{{x - 15 w,y - 15 w,z - 40 w,t - -23 w]]
A/.%
{{-45 w,15 w,15 w,15 w]]
i) +
1
= [((0, 1, 0, 0), (3, 0, 1, 1)), dim+
1
= 2.
ii) +
2
= [((1, 0, 2, 0), (0, 1, 1, 1)), dim+
2
= 2;
Universit di Torino
Capitolo 12 Sottospazi vettoriali Esercizi 157
+
3
= [((0, 1, 2, 1), (2, 1, 3, 1), (1, 2, 4, 2)), dim+
3
= 3.
iii) +
2
+ +
3
= +
3
, +
1
| (+
2
+ +
3
) = [((3, 1, 1, 1)), dim(+
1
| (+
2
+ +
3
)) = 1;
[19] 1 non un sottospazio vettoriale;
7 = [
(
.
.
.
.
.
.
'
(
.
.
.
.
.
.
'
1 0 0
0 0 0
0 0 0
\
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
'
0 0 0
1 0 0
0 0 0
\
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
'
0 0 0
0 1 0
0 0 0
\
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
'
0 0 0
0 0 0
1 0 0
\
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
'
0 0 0
0 0 0
0 1 0
\
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
'
0 0 0
0 0 0
0 0 1
\
.
.
.
.
.
.
!
\
.
.
.
.
.
.
!
,
dim7 = 6.
[20] No.
[21] +
1
= (2t
3
3t
2
t
1
, t
3
, t
2
, t
1
), t
1
, t
2
, t
3
e e +
2
= (0, 0, 0, ), e da cui segue la tesi.
[22] dim(+
1
| +
2
) = 2, +
1
| +
2
= [((1, 2, 0, 0, 0), (0, 8, 8, 3, 1)),
dim(+
1
+ +
2
) = 5.
[23] dim(+
1
| +
2
) = 2, +
1
| +
2
= [((0, 0, 3, 2, 0), (0, 0, 3, 0, 2)),
dim(+
1
+ +
2
) = 5.
[24] i) dim+
1
= 3, +
1
= [((1, 2, 0, 0, 0), (0, 0, 0, 1, 0), (0, 0, 0, 0, 1));
ii) dim+
2
= 2, +
2
= [(a, b).
iv) +
3
= [((1, 2, 0, 0, 0), (1, 0, 0, 0, 0), (0, 0, 1, 0, 0)).
[25]
m = {{1,2,-1,0},{0,3,-1,-2},{1,-1,0,1},{3,2,-1,1}};
a = {2,-1,-1,2};
LinearSolve[Transpose[m], a]
{2,0,3,-1]
_
2 1
1 2
= 2A
1
+ 3A
3
A
4
.
Dipartimento di Matematica
158 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
[26]
a = {1,2,0}; b = {0,2,1};d = {0,1,0}; c = {1,2,3};
LinearSolve[Transpose[{a,b,d}],c]
{1,3,-6]
i) J

=
(
.
.
.
.
.
.
'
A, B,
(
.
.
.
.
.
.
'
0 0 1
0 0 0
1 0 0
\
.
.
.
.
.
.
!
\
.
.
.
.
.
.
!
.
ii) C = A + 3B 6
(
.
.
.
.
.
.
'
0 0 1
0 0 0
1 0 0
\
.
.
.
.
.
.
!
.
[27] i) Poich dim1+ dim+ = 4 > 3 = dim
3
, dalla relazione di Grassmann segue che dim(1|+) 1.
ii) Si possono avere solo i seguenti casi:
1. dim(1|+) = 1 se dim(1+ +) = 3, per esempio: 1 = [((1, 0, 0), (0, 1, 0)),
+ = [((0, 1, 0), (0, 0, 1)), quindi 1+ + = [((1, 0, 0), (0, 1, 0), (0, 0, 1)).
2. dim(1|+) = 2 se dim(1+ +) = 2 = dim1 = dim+, per esempio:
1 = + = [((1, 0, 0), (0, 1, 0)).
[28]
a1 = {1,-2,1}; a2 = {2,1,3}; a3 = {4,-1,-5}; a = {4,-11,-7};
Det[{a1,a2,a3}]
-52
LinearSolve[Transpose[{a1,a2,a3}],a]
{4,-2,1]
ii) A = (4, 2, 1) rispetto alla base J

.
Universit di Torino
Capitolo 12 Sottospazi vettoriali Esercizi 159
[29]
Solve[{x1 + x2 + x3 == 0,2x2 + x4 == 0,x5 - x6 == 0},
{x1,x2,x3,x4,x5,x6}]
Solve ::

svars

: Equations may not give solutions for all solve variables.


x1 - -x3 +
x4
2
,x2 - -
x4
2
,x5 - x6
c = {{1,2,3,-2,-3,1},{0,1,2,0,1,7},
{1,-1,2,2,3,1},{2,-1,1,0,-2,-12}};
B = Base[c]
Vett.Base
1 {{1,2,3,-2,-3,1]]
2 {{1,2,3,-2,-3,1],{0,1,2,0,1,7]]
3 {{1,2,3,-2,-3,1],{0,1,2,0,1,7],{1,-1,2,2,3,1]]
4 {{1,2,3,-2,-3,1],{0,1,2,0,1,7],{1,-1,2,2,3,1]]
Risultato
{{1,2,3,-2,-3,1],{0,1,2,0,1,7],{1,-1,2,2,3,1]]
A = x{0,2,-1,0,1,0} + y{0,1,-2,0,0,1};
B = z{1,0,0,0,0,0} + t{0,0,1,0,0,0}+
w{0,0,0,1,0,0} + u{0,0,0,0,0,1};
Solve[{-1,-1,-1,2,1,1} == A + B,{x,y,z,t,w,u}][[1]]
{x - 1,y - -3,z - -1,t - -6,w - 2,u - 4]
A/.%
{0,-1,5,0,1,-3]
B/.%%
{-1,0,-6,2,0,4]
a = {{0,-1,-1,-1},{1,0,2,1},{1,-2,0,1},{1,-1,-1,0}};
Det[a]
4
MatrixForm[Inverse[a]]

0
1
2
-
1
2
1
-
1
2
0 -
1
2
1
2
1
2
1
2
0 -
1
2
-1 -
1
2
1
2
0
|

i) J = [
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 1 1 0
1 0 2 0
1 2 0 0
0 0 0 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 1 0 1
1 0 0 0
0 0 0 0
1 0 0 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 0 0 0
0 0 0 1
0 0 0 1
0 1 1 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
, dimJ = 3.
ii) ( = [
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 1 2 3
1 0 2 3
2 2 0 1
3 3 1 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 0 1 2
0 0 0 1
1 0 0 7
2 1 7 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 1 1 2
1 0 2 3
1 2 0 1
2 3 1 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
,
dim( = 3.
Dipartimento di Matematica
160 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
1 = [
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 0 2 1
0 0 0 1
2 0 0 0
1 1 0 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 0 1 2
0 0 0 0
1 0 0 1
2 0 1 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
,
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
, dim1 = 2.
iii) J q( = 7(
4,4
).
iv) 1 = 1|(J + ().
v) c = [
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 1 0 0
1 0 0 0
0 0 0 0
0 0 0 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 0 0 1
0 0 0 0
0 0 0 0
1 0 0 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 0 0 0
0 0 1 0
0 1 0 0
0 0 0 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 0 0 0
0 0 0 0
0 0 0 1
0 0 1 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
vi)
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 1 1 1
1 0 2 1
1 2 0 1
1 1 1 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
=
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 1 0 6
1 0 2 0
0 2 0 4
6 0 4 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
+
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 0 1 5
0 0 0 1
1 0 0 3
5 1 3 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
vii) det A = 4, A
1
=
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0
1
2

1
2
1

1
2
0
1
2
1
2
1
2
1
2
0
1
2
1
1
2
1
2
0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
[30] i) += [(A,
t
A). ii) 1 = [__
1 0
0 0
, _
0 1
0 2
.
iii) ++ 1 = [__
1 0
0 0
, _
0 1
0 2
, _
0 0
1 2
, +| 1 = [__
0 1
0 2
.
[31]
a = {{0,1,2},{1,3,1},{2,1,5}};
Det[a]
-13
MatrixForm[Inverse[a]]

-
14
13
3
13
5
13
3
13
4
13
-
2
13
5
13
-
2
13
1
13
|

i) 7 = [
(
.
.
.
.
.
.
'
(
.
.
.
.
.
.
'
2 0 0
0 1 0
0 0 0
\
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
'
1 2 0
2 0 0
0 0 1
\
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
'
0 0 3
0 0 1
3 1 0
\
.
.
.
.
.
.
!
\
.
.
.
.
.
.
!
, dim7 = 3.
Universit di Torino
Capitolo 12 Sottospazi vettoriali Esercizi 161
ii) Per esempio J = [
(
.
.
.
.
.
.
'
(
.
.
.
.
.
.
'
1 0 0
0 0 0
0 0 0
\
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
'
0 0 1
0 0 0
1 0 0
\
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
'
0 0 0
0 0 0
0 0 1
\
.
.
.
.
.
.
!
\
.
.
.
.
.
.
!
.
iii)
(
.
.
.
.
.
.
'
0 1 2
1 3 1
2 1 5
\
.
.
.
.
.
.
!
=
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'

11
2
1 3
1 3 1
3 1
1
2
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
+
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
11
2
0 5
0 0 0
5 0
9
2
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
iv) A
1
=
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'

14
13
3
13
5
13
3
13
4
13

2
13
5
13

2
13
1
13
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
v) ( = [
(
.
.
.
.
.
.
'
(
.
.
.
.
.
.
'
1 2 1
2 1 3
1 3 0
\
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
'
0 2 1
2 1 3
1 3 2
\
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
'
1 0 1
0 0 1
1 1 0
\
.
.
.
.
.
.
!
\
.
.
.
.
.
.
!
; dim( = 3.
1 = [
(
.
.
.
.
.
.
'
(
.
.
.
.
.
.
'
0 1 1
1 0 1
1 1 0
\
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
'
1 1 0
1 0 1
0 1 2
\
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
'
2 0 1
0 0 1
1 1 0
\
.
.
.
.
.
.
!
\
.
.
.
.
.
.
!
; dim1 = 3.
vi) S, vii) 1 = 1| (7q().
[32] i) + = [__
0 0
1 0
, _
0 0
0 1
.
ii) A
1
= _
1 2
0 1
, A
2
= _
0 0
3 1
.
[33] ii) Per esempio: [((1, 0, 0, 0)), [((0, 1, 0, 0)).
[34] 1+ + = [((1, 3, 2, 2, 3), (0, 1, 1, 2, 1), (0, 0, 1, 0, 1)); 1| + = [((1, 4, 3, 4, 2)).
[35] 1 = + = [((1, 2, 1, 3), (0, 0, 3, 8)).
[36]
X = {{x1,x2,x3},{x4,x5,x6},{x7,x8,x9}};
A = {{0,1,0},{0,0,1},{0,0,0}};
Reduce[A.X == X.A, {x1,x2,x3,x4,x5,x6,x7,x8,x9}]
x1 == x5&&x2 == x6&&x4 == 0&&x7 == 0&&x8 == 0&&x9 == x5
i)
(
.
.
.
.
.
.
'
x
1
x
2
x
3
0 x
1
x
2
0 0 x
1
\
.
.
.
.
.
.
!
, x
1
, x
2
, x
3
e .
Dipartimento di Matematica
162 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
ii)
(
.
.
.
.
.
.
'
(
.
.
.
.
.
.
'
1 0 0
0 1 0
0 0 1
\
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
'
0 1 0
0 0 1
0 0 0
\
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
'
0 0 1
0 0 0
0 0 0
\
.
.
.
.
.
.
!
\
.
.
.
.
.
.
!
.
iii) Per esempio:
[
(
.
.
.
.
.
.
'
(
.
.
.
.
.
.
'
0 0 0
0 0 0
1 0 0
\
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
'
0 0 0
1 0 0
0 0 0
\
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
'
0 0 0
0 0 0
0 1 0
\
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
'
0 1 0
0 0 0
0 0 0
\
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
'
0 0 0
0 1 0
0 0 0
\
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
'
0 0 0
0 0 0
0 0 1
\
.
.
.
.
.
.
!
\
.
.
.
.
.
.
!
,
[
(
.
.
.
.
.
.
'
(
.
.
.
.
.
.
'
0 0 0
0 0 0
1 0 0
\
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
'
0 0 0
1 0 0
0 0 0
\
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
'
0 0 0
0 0 0
0 1 0
\
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
'
0 0 0
0 0 1
0 0 0
\
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
'
1 0 0
0 0 0
0 0 0
\
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
'
0 0 0
0 1 0
0 0 0
\
.
.
.
.
.
.
!
\
.
.
.
.
.
.
!
.
[37]
L = {{1,-1,0,1,1},{1,-2,-2,1,2},
{0,1,2,0,-1},{-1,3,4,-1,-3}};
B = Base[L]
Vett.Base
1 {{1,-1,0,1,1]]
2 {{1,-1,0,1,1],{1,-2,-2,1,2]]
3 {{1,-1,0,1,1],{1,-2,-2,1,2]]
4 {{1,-1,0,1,1],{1,-2,-2,1,2]]
Risultato
{{1,-1,0,1,1],{1,-2,-2,1,2]]
Solve[{x1 - x4 + 2x5 == 0,x2 + x3 == 0},{x1,x2,x3,x4,x5}]
Solve ::

svars

: Equations may not give solutions for all solve variables.


{{x1 - x4 - 2 x5,x2 - -x3]]
RowReduce[{a = {1,-1,0,1,1},b = {1,-2,-2,1,2},
c = {1,0,0,1,0},d = {-2,0,0,0,1},e = {0,-1,1,0,0}}]
{{1,0,0,0,0],{0,1,0,0,0],
{0,0,1,0,0],{0,0,0,1,0],{0,0,0,0,1]]
A = x a + y b; B = z c + t d + w e;
Solve[{0,2,0,0,0} == A + B,{x,y,z,t,w}]
{{x - 2,y - -1,z - -1,t - 0,w - -2]]
A/.%
{{1,0,2,1,0]]
B/.%%
{{-1,2,-2,-1,0]]
i) +
1
= [((1, 1, 0, 1, 1), (1, 2, 2, 1, 2)),
+
2
= [((1, 0, 0, 1, 0), (2, 0, 0, 0, 1), (0, 1, 1, 0, 0)), da cui +
1
q+
2
=
5
;
ii) (0, 2, 0, 0, 0) = (1, 0, 2, 1, 0) + (1, 2, 2, 1, 0).
[38] i) +
1
= [((1, 1, 0, 2), (0, 2, 1, 3)), +
2
= [((2, 0, 1, 3), (1, 1, 0, 0)),
+
1
+ +
2
= [((1, 1, 0, 2), (0, 2, 1, 3), (0, 0, 0, 1)), +
1
| +
2
= [((0, 2, 1, 3)).
ii) a
1
= 3(1, 1, 0, 2), a
2
= (3, 1, 1, 3).
Universit di Torino
Capitolo 12 Sottospazi vettoriali Esercizi 163
[39]
A = {{1,3},{0,-1}};X = {{x1,x2},{x3,x4}};
Solve[A.X == X.A]
Solve ::

svars

: Equations may not give solutions for all solve variables.


x3 - 0,x1 -
2 x2
3
+ x4
a = {1,0,0,1};b = {2,3,0,0};c = {1,0,0,-1};
d = {0,1,0,0};e = {0,0,1,0};
B = x a + y b; F = z c + t d + w e;
Solve[B == F,{x,y,z,t,w}]
Solve ::

svars

: Equations may not give solutions for all solve variables.


x - -
t
3
,y -
t
3
,z -
t
3
,w - 0
B/.%

t
3
,t,0,-
t
3

i) +
1
= [__
1 0
0 1
, _
2 3
0 0
, +
2
= [__
1 0
0 1
, _
0 1
0 0
, _
0 0
1 0
,
+
1
| +
2
= [__
1 3
0 1
, +
1
+ +
2
=
2,2
.
ii) Per esempio: +
3
= [__
0 0
1 0
, _
0 0
0 1
.
[40] Per esempio: [((0, 1, 0), (1, 0, 0)); [((0, 1, 0), (0, 0, 1)).
[41] J =
(
.
.
.
.
.
.
'
(
.
.
.
.
.
.
'
1 2 0
2 0 0
0 0 0
\
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
'
1 0 0
0 1 0
0 0 1
\
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
'
0 1 1
1 0 0
1 0 0
\
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
'
0 1 0
1 0 0
0 0 0
\
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
'
0 0 0
0 1 0
0 0 0
\
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
'
0 0 0
0 0 1
0 1 0
\
.
.
.
.
.
.
!
\
.
.
.
.
.
.
!
.
[42]
a1 = {1,0,-2,0,1};a2 = {0,1,0,-1,0};
a3 = {0,0,-1,0,3}; x = {1,2,h,-2,1};
Solve[x == x1 a1 + x2 a2 + x3 a3,h]
{{h - -2]]
i) +
1
= [((1, 0, 2, 0, 1), (0, 1, 0, 1, 0), (0, 0, 1, 0, 3)),
+
2
= [((1, 1, 0, 0, 1), (0, 1, 0, 1, 0), (3, 2, 1, 0, 0)),
+
1
| +
2
= [((1, 0, 1, 0, 2), (0, 1, 0, 1, 0)),
+
1
+ +
2
= [((1, 0, 2, 0, 1), (0, 1, 0, 1, 0), (0, 0, 1, 0, 3), (0, 0, 0, 1, 6).
ii) h = 2.
[43] i) +
2
un sottospazio vettoriale di
5
perch i suoi elementi sono soluzioni di un sistema lineare omogeneo;
si pu direttamente dimostrare che +
2
chiuso rispetto alla somma e al prodotto per numeri reali.
Dipartimento di Matematica
164 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
ii) dim+
1
= 3, ((2, 1, 1, 0, 2), (1, 1, 0, 0, 2), (0, 2, 0, 1, 1)) una base di +
1
.
dim+
2
= 2, +
2
= [((1, 1, 0, 0, 1), (0, 1, 1, 0, 0)).
iii) dim(+
1
+ +
2
) = 4, +
1
+ +
2
= [((1, 1, 0, 0, 1), (0, 2, 0, 0, 3), (0, 0, 2, 0, 3), (0, 0, 0, 1, 2));
dim(+
1
| +
2
) = 1, +
1
| +
2
= [((2, 1, 1, 0, 2)).
[44] Per esempio:
|
.
.
.

.
.
.
'
(
.
.
.
.
.
.
'
0 0 0
0 0 0
0 0 1
\
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
'
0 0 0
0 1 0
0 0 0
\
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
'
0 0 0
0 0 1
0 1 0
\
.
.
.
.
.
.
!
)
.
.
.

.
.
.
!
.
[45] 1 = [((3, 6, 0, 1), (0, 1, 1, 0)), per esempio: 7 = [((0, 0, 1, 0), (0, 0, 0, 1)).
Universit di Torino
Capitolo 12 Sottospazi vettoriali Esercizi 165
[46]
L = {a = {0,1,0,-1},b = {1,-2,2,1},c = {1,0,2,-1}};
Base[L]
Vett.Base
1 {{0,1,0,-1]]
2 {{0,1,0,-1],{1,-2,2,1]]
3 {{0,1,0,-1],{1,-2,2,1]]
Risultato
{{0,1,0,-1],{1,-2,2,1]]
Solve[{x1 - x2 - x3 == 0,2x2 + x3 == 0},{x1,x2,x3,x4}]
Solve ::

svars

: Equations may not give solutions for all solve variables.


x1 -
x3
2
,x2 - -
x3
2

d = {1,-1,2,0};e = {0,0,0,1};
L1 = {a,b,d,e};
Base[L1]
Vett.Base
1 {{0,1,0,-1]]
2 {{0,1,0,-1],{1,-2,2,1]]
3 {{0,1,0,-1],{1,-2,2,1]]
4 {{0,1,0,-1],{1,-2,2,1],{0,0,0,1]]
Risultato
{{0,1,0,-1],{1,-2,2,1],{0,0,0,1]]
A = x a + y b; B = z d + w e;
Solve[A == B,{x,y,z,w}]
Solve ::

svars

: Equations may not give solutions for all solve variables.


{{x - z,y - z,w - 0]]
A/.%
{{z,-z,2 z,0]]
F = Solve[{1,h,h + 1,-h} == A + B]
Solve ::

svars

: Equations may not give solutions for all solve variables.


{{h - 1,w - 1,x - 3 - z,y - 1 - z]]
Simplify[A/.F]
{{1 - z,1 + z,2 - 2 z,-2]]
Simplify[B/.F]
{{z,-z,2 z,1]]
i) += [((0, 1, 0, 1), (1, 2, 2, 1)); = [((1, 1, 2, 0), (0, 0, 0, 1));
++ = [((0, 1, 0, 1), (1, 2, 2, 1), (0, 0, 0, 1)), +| = [((1, 1, 2, 0))
ii) h = 1; iii) (1, 1, 2, 1) = (1 z, 1 + z, 2 2z, 2) + (z, z, 2z, 1), z e .
Dipartimento di Matematica
166 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
[47]
Solve[{2x1 + x2 + x4 == 0,x1 - x4 == 0}]
Solve ::

svars

: Equations may not give solutions for all solve variables.


x1 - -
x2
3
,x4 - -
x2
3

Solve[{x1 + x2 - x3 + 2x4 == 0,x1 == 0}]
Solve ::

svars

: Equations may not give solutions for all solve variables.


{{x1 - 0,x2 - x3 - 2 x4]]
L = {a = {1,-1,2,3},b = {-1,-2,0,1},c = {1,-7,6,11}};
B = Base[L]
Vett.Base
1 {{1,-1,2,3]]
2 {{1,-1,2,3],{-1,-2,0,1]]
3 {{1,-1,2,3],{-1,-2,0,1]]
Risultato
{{1,-1,2,3],{-1,-2,0,1]]
x = {0,1,1,0};y = {0,-2,0,1};
RowReduce[{x,y,a,b}]
{{1,0,0,0],{0,1,0,0],{0,0,1,0],{0,0,0,1]]
i) +
1
un sottospazio vettoriale di
4
perch formato dalle soluzioni di un sistema lineare omogeneo in 4
incognite. dim+
1
= 2, +
1
= [((1, 3, 0, 1), (0, 0, 1, 0)).
ii) +
2
= [((0, 1, 1, 0), (0, 2, 0, 1)); +
3
= [(a, b).
iii) +
2
q+
3
=
4
, quindi +
1
| (+
2
q+
3
) = +
1
.
[48] += [((12, 1, 4)); se +q+

=
3
, allora per esempio:
+

= (x
1
, x
2
, x
3
) e
3
| x
1
= 0 oppure +

= (x
1
, x
2
, x
3
) e
3
/ x
3
= 0.
[49] i) J = [((1, 0, 0, 1), (0, 1, 0, 1)), ( = [((1, 0, 1, 0), (0, 1, 1, 0));
ii) 1+ 7 = [((1, 0, 0, 1), (0, 1, 0, 1), (1, 0, 1, 0)), 1| 7 = [((1, 1, 0, 0));
iii) (2, 1, 0, 1) = 2(1, 0, 0, 1) (0, 1, 0, 1).
[50] i) +
1
= [((1, 1, 1, 1), (0, 1, 1, 0)), dim+
1
= 2;
+
2
= [((1, 1, 0, 0), (0, 0, 1, 1)), dim+
2
= 2;
+
3
= [((0, 1, 1, 0), (1, 1, 0, 1)), dim+
3
= 2;
+
1
+ +
2
= [((1, 1, 1, 1), (0, 1, 1, 0), (0, 0, 1, 1)), dim+
1
+ dim+
2
= 3,
+
1
| +
2
= [((1, 1, 1, 1)), dim(+
1
| +
2
) = 1.
ii) +
2
q+
3
.
[51] i) +
1
= [__
1 0
1 0
, _
0 1
0 0
, _
0 0
0 1
, dim+
1
= 3;
Universit di Torino
Capitolo 12 Sottospazi vettoriali Esercizi 167
+
2
= [__
1 0
1 0
, _
0 0
0 1
, dim+
2
= 2.
ii) +
1
+ +
2
=
2,2
.
iii) +
1
| +
2
= [__
0 0
0 1
.
[52] i) +
1
= [(A,
t
A, B), dim+
1
= 3;
ii) +
2
= [__
1 1
0 0
, _
0 0
1 1
, dim+
2
= 2;
iii) +
1
+ +
2
=
2,2
;
iv) +
1
| +
2
= [__
1 1
1 1
.
[53] i) +
1
= [((2, 1, 0, 3), (0, 0, 1, 2)), dim+
1
= 2;
+
2
= [((2, 1, 0, 3), (0, 0, 1, 1)), dim+
2
= 2;
+
1
+ +
2
= [((2, 1, 0, 3), (0, 0, 1, 2), (0, 0, 1, 1)), dim(W
1
+W
2
) = 3;
+
1
| +
2
= [((2, 1, 0, 3)), dim(+
1
| +
2
) = 1;
ii) la somma +
1
+ +
2
non diretta.
[54] i) +
1
= [((0, 1, 1, 0, 1), (1, 1, 1, 1, 1), (2, 1, 3, 2, 0)), dim+
1
= 3;
+
2
= [((1, 1, 0, 0, 0), (0, 0, 1, 1, 0)), dim+
2
= 2;
+
1
+ +
2
= [((0, 1, 1, 0, 1), (1, 1, 1, 1, 1), (2, 1, 3, 2, 0), (1, 1, 0, 0, 0)), dim(+
1
+ +
2
) = 4;
+
1
| +
2
= [((1, 1, 1, 1, 0)), dim(+
1
|+
2
) = 1.
ii) S, la somma diretta.
Dipartimento di Matematica
Capitolo 14
Spazi Vettoriali Euclidei
Lo scopo di questo capitolo di estendere il concetto di prodotto scalare agli spazi vettoriali di dimensione supe-
riore a tre, e, quindi, di introdurre le nozioni di perpendicolarit e di angolo anche in questi casi, permettendo, di
conseguenza, lo studio della geometria euclidea negli spazi di dimensione qualsiasi.
14.1 Denizione di Prodotto Scalare
Denizione 14.1 Sia V uno spazio vettoriale costruito su . Si denisce prodotto scalare la funzione:
: V V , (x, y) x y, !x, y e V, (14.1)
per cui valgano le seguenti propriet:
1. x y = y x !x, y e V ;
2. (x
1
+ x
2
) y = x
1
y + x
2
y, !x
1
, x
2
, y e V ;
3. (x) y = (x y) = x (y), ! e , !x, y e V ;
4. x x 0 e x x = 0 = x = 0.
Uno spazio vettoriale V su cui denito un prodotto scalare prende il nome di spazio vettoriale euclideo.
Esempio 14.1 Il solito prodotto scalare x y = lxl yl cos(
.
xy) conferisce a V
3
e a V
2
la struttura di spazio
euclideo.
Esempio 14.2 Su
n
si denisce un prodotto scalare naturale che ricalca il calcolo in componenti, rispetto ad
una base ortonormale, del prodotto scalare in V
3
, ricordato nellesempio precedente. Precisamente si pone:
(x
1
, x
2
, . . . , x
n
) (y
1
, y
2
, . . . , y
n
) = x
1
y
1
+ x
2
y
2
+ . . . + x
n
y
n
= E
n
i=1
x
i
y
i
. (14.2)
Si lascia per esercizio la verica delle quattro propriet di denizione di prodotto scalare. Con la notazione
familiare di:
X =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
x
1
x
2
:
x
n
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
, Y =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
y
1
y
2
:
y
n
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
la (14.2) si scrive come:
168
Capitolo 14 Spazi vettoriali Euclidei 169
X Y =
t
XY. (14.3)
Il prodotto scalare (14.3) prende il nome di prodotto scalare standard su
n
, che viene cos dotato della struttura
di spazio euclideo.
Esempio 14.3 Si consideri la funzione: :
3

3
:
(x
1
, x
2
, x
3
) (y
1
, y
2
, y
3
) = 3x
1
y
1
+ 4x
2
y
2
+ 5x
3
y
3
, (14.4)
si verichi che un prodotto scalare su
3
, chiaramente diverso dal prodotto scalare standard.
Lesempio appena incontrato permette di affermare che, almeno su
n
, possibile denire inniti prodotti scalari,
quindi innite strutture euclidee.
Esempio 14.4 Si consideri la funzione - :
3

3
:
(x
1
, x
2
, x
3
) - (y
1
, y
2
, y
3
) = x
1
y
1
+ x
2
y
2
x
3
y
3
,
si osserva che - non un prodotto scalare su
3
, per esempio (0, 0, 1) - (0, 0, 1) = 1 che contraddice il quarto
assioma di denizione di prodotto scalare.
Esempio 14.5 Si consideri la funzione :
3

3
:
(x
1
, x
2
, x
3
) (y
1
, y
2
, y
3
) = x
1
y
1
+ x
2
y
2
,
non un prodotto scalare su
3
, per esempio (0, 0, 1) (0, 0, 1) = 0 che contraddice il quarto assioma di
denizione di prodotto scalare.
Il teorema seguente dimostra che uno spazio vettoriale reale di dimensione nita ammette sempre un prodotto
scalare.
Teorema 14.1 Sia V uno spazio vettoriale su di dimensione n e sia J = (v
1
, ., v
n
) una sua base. Esiste un
prodotto scalare su V tale che, per ogni x, y e V ,
x y =
t
XY, (14.5)
dove:
X =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
x
1
x
2
:
x
n
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
, Y =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
y
1
y
2
:
y
n
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
e x
i
e y
i
, i = 1, ., n, sono le componenti di x e y rispetto alla base J.
La dimostrazione lasciata al Lettore per esercizio.
Dal teorema precedente segue che ogni spazio vettoriale reale uno spazio Euclideo e poich esistono innite basi
sullo stesso spazio vettoriale, esistono anche inniti prodotti scalari sullo stesso spazio vettoriale.
Esercizio 14.1 Vericare che la funzione:
:
n,n

n,n
, | (A, B) A B = tr (
t
AB) (14.6)
un prodotto scalare su
n,n
.
Esempio 14.6 Se si considera il precedente prodotto scalare in
2,2
, si ha che:
A B = tr __
a
11
a
12
a
21
a
22
_
b
11
b
12
b
21
b
22
= a
11
b
11
+ a
12
b
12
+ a
21
b
21
+ a
22
b
22
.
Quindi, se si usa la base canonica (E
i j
, i, j = 1, 2) di
2,2
, il precedente prodotto scalare in componenti corrisponde
al prodotto scalare su
4
. Si pu vericare che la stessa propriet vale in
n,n
per ogni n.
Dipartimento di Matematica
170 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
14.2 Norma di un vettore
Denizione 14.2 Sia (V, ) uno spazio vettoriale Euclideo. Si denisce norma di un vettore x di V il numero
reale positivo denito da:
||x|| =
_
x x.
Si osservi che la precedente denizione ha senso perch, per il quarto assioma di denizione di prodotto scalare,
x x 0, !x e .
Esempio 14.7 In V
3
, dotato del solito prodotto scalare, la norma di un vettore x coincide con la sua usuale
lunghezza.
Esempio 14.8 Sullo spazio Euclideo (
3
, ), dotato del prodotto scalare standard, si ha ||x|| =
_
x
2
1
+ x
2
2
+ x
2
3
, per
ogni x = (x
1
, x
2
, x
3
) e
3
.
Esempio 14.9 Se si considera su
3
il prodotto scalare denito nellEsempio 14.3 si ha che ||x|| =
_
3x
2
1
+ 4x
2
2
+ 5x
2
3
.
Esempio 14.10 Sullo spazio Euclideo (
n
, ), dotato del prodotto scalare standard, si ha
||x|| =
_
x
2
1
+ x
2
2
+ . . . + x
2
n
, per ogni x = (x
1
, x
2
, . . . , x
n
) e
n
.
Esempio 14.11 In generale se su uno spazio vettoriale su di dimensione n si considera il prodotto scalare (14.5)
la norma di un vettore x = x
1
v
1
+ .+ x
n
v
n
data da:
||x|| =
_
t
XX =
_
x
2
1
+ .+ x
2
n
.
Esempio 14.12 La norma di un vettore A e
2,2
rispetto al prodotto scalare considerato nellEsempio 14.6 data:
||A|| =
_
tr(
t
AA) =
_
a
2
11
+ a
2
12
+ a
2
21
+ a
2
22
.
Un oggetto si chiama norma solo se denisce un numero reale positivo che verica determinate propriet, come
si verica nel teorema seguente.
Teorema 14.2 1. ||x|| 0, per ogni x e V e ||x|| = 0 se e solo se x = 0.
2. ||x|| = || ||x||, ! e , !x e V.
3. Teorema di Pitagora: Se x y = 0, allora ||x + y||
2
= ||x||
2
+ ||y||
2
.
4. Disuguaglianza di Cauchy-Schwartz: |x y| s ||x|| ||y||, !x, y e V .
5. Disuguaglianza triangolare: ||x + y|| s ||x|| + ||y||, !x, y e V .
Dimostrazione:
1. La dimostrazione lasciata per esercizio.
2. La dimostrazione lasciata per esercizio.
3. Segue da:
(x + y) (x + y) = ||x||
2
+ 2x y + ||y||
2
. (14.7)
4. La disuguaglianza di Cauchy-Schwartz banalmente soddisfatta se uno dei vettori coincide con il vettore
nullo. Proviamola, quindi, nel caso in cui x e y siano entrambi diversi dal vettore nullo. Per ogni e si
pu considerare il polinomio di secondo grado in :
||x + y||
2
= (x + y) (x + y) =
2
||x||
2
+ 2x y + ||y||
2
.
Per la propriet 1. si ha che
2
||x||
2
+ 2x y + ||y||
2
0, per ogni e e quindi il trinomio di secondo
grado deve avere discrimante negativo, cio ((x y)
2
||x||
2
||y||
2
) s 0, per ogni x, y e V .
Universit di Torino
Capitolo 14 Spazi vettoriali Euclidei 171
5. Usando (14.7) e la disuguaglianza di Cauchy-Schwartz si ha:
||x + y||
2
s ||x||
2
+ 2||x|| ||y|| + ||y||
2
= (||x|| + ||y||)
2
,
per ogni x, y e V .
Come conseguenza della disuguaglianza di Cauchy-Schwartz si ha che
|x y|
||x|| ||y||
s 1 e quindi:
1 s
x y
||x|| ||y||
s 1,
per ogni x, y e V . Si pu allora dare la seguente:
Denizione 14.3 Dati x, y e V si denisce come angolo tra i due vettori x e y langolo e [0, ] tale che:
cos =
x y
||x|| ||y||
.
Dalla precedente denizione si pu facilmente vericare che x y = 0 se e solo x ortogonale a y. Inoltre la
precedente nozione di angolo permette di introdurre lusuale geometria analitica dello spazio in spazi Euclidei di
dimensione maggiore di 3.
14.3 Basi ortonormali
Denizione 14.4 Sia (V, ) uno spazio vettoriale euclideo di dimensione n. Una base J = (e
1
, ., e
n
) di V si dice
ortonormale se verica le seguenti condizioni:
1. e
i
e
j
= 0, per ogni i = j , i, j = 1, ., n.
2. ||e
i
|| = 1, per ogni i = 1, ., n.
Esempio 14.13 In
3
la base canonica:
(e
1
= (1, 0, 0), e
2
= (0, 1, 0), e
3
= (0, 0, 1))
ortonormale rispetto al prodotto scalare standard.
Pi in generale in
n
, rispetto al prodotto scalare standard, la base canonica
J = (e
1
= (1, 0, ., 0), ., e
n
= (0, ., 0, 1))
una base ortonormale.
Esercizio 14.2 Si determini in
3
una base ortonormale rispetto al prodotto scalare:
x y = 2x
1
y
1
+ 3x
2
y
2
+ 4x
3
y
3
. (14.8)
Soluzione: immediato vericare che i vettori della base standard (e
1
, e
2
, e
3
) sono a due ortogonali e quindi
vericano la condizione 1. della Denizione 14.4. Se si calcola la norma dei tre vettori, rispetto al prodotto scalare
che si sta considerando, si ha:
||e
1
|| =
_
2, ||e
2
|| =
_
3, ||e
3
|| = 2.
Quindi i vettori _
1
_
2
e
1
,
1
_
3
e
1
,
1
2
e
3
formano una base ortonormale di
3
dotato del prodotto scalare (14.8).
Esempio 14.14 In
n,n
la base standard (E
i j
), i, j = 1, ., n, una base ortonormale rispetto al prodotto scalare
denito nellEsercizio 14.6.
Dipartimento di Matematica
172 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
Se si scrive lespressione del prodotto scalare in componenti, rispetto ad una base ortonormale, su uno spazio
vettoriale Euclideo di dimensione n, si ottiene la stessa espressione del prodotto scalare standard su
n
, come si
pu dedurre dal seguente teorema, la cui dimostrazione un facile esercizio.
Teorema 14.3 Sia (V, ) uno spazio vettoriale euclideo.
1. Se J = (e
1
, ., e
n
), una base ortonormale e, dati due vettori qualsiasi:
x = x
1
e
1
+ .+ x
n
e
n
, y = y
1
e
1
+ .+ y
n
e
n
allora:
x y = x
1
y
1
+ .+ x
n
y
n
=
t
XY,
dove per
t
XY si denota il prodotto della matrice riga e della matrice colonna formate rispettivamente dalle
componenti di x e y.
2. Se J = (e
1
, ., e
n
) una base di V tale che, per ogni coppia di vettori qualsiasi:
x = x
1
e
1
+ .+ x
n
e
n
, y = y
1
e
1
+ . + y
n
e
n
,
su ha:
x y = x
1
y
1
+ . + x
n
y
n
,
allora J una base ortonormale.
Si pu provare che su uno spazio vettoriale euclideo esiste sempre una base ortonormale. A tale scopo necessario
dimostrare il seguente:
Lemma 14.1 Sia (V, ) uno spazio vettoriale euclideo di dimensione n. Un insieme I = v
1
, ., v
n
di n vettori
tale che:
1. v
i
= 0, per ogni i = 1, .n;
2. v
i
v
j
= 0, per ogni i = j , i, j = 1, .n
una base.
Dimostrazione: Occorre dimostrare che i vettori v
1
, ., v
n
sono linearmente indipendenti, cio lunica loro com-
binazione lineare che d il vettore nullo quella con coefcienti tutti nulli. Infatti, se si considera lequazione
vettoriale:

1
v
1
+ .+
n
v
n
= 0
e si moltiplicano scalarmente entrambi i membri con ogni v
i
, i = 1, ., n, si ha
i
v
i
v
i
= 0. Dalla condizione 1.
segue che
i
= 0, per ogni i = 1, ., n.
Teorema 14.4 Sia (V, ) uno spazio vettoriale euclideo di dimensione n e sia J = (v
1
, ., v
n
) una base di V . A
partire dalla base J possibile costruire una base ortonormale J

= (e
1
, ., e
n
).
Come conseguenza del precedente Teorema si ha anche che su uno spazio vettoriale euclideo esistono innite basi.
Dimostrazione: Per dimostrare il teorema si utilizza un metodo di calcolo per costruire una base ortonormale noto
come il processo di ortonormalizzazione di Gram-Schmidt.
A partire dalla base J si procede con un numero nito di passi, nel modo seguente:
1) si pu considerare come primo vettore della base ortonormale il versore e
1
= vers v
1
=
v
1
||v
1
||
.
Universit di Torino
Capitolo 14 Spazi vettoriali Euclidei 173
2) Per costruire il secondo vettore e
2
si considera il vettore a
2
= v
2
+ e
1
, con e e si determina in modo
tale che a
2
e
1
= 0. Imponendo tale condizione si ottiene:
= v
2
e
1
.
Quindi e
2
= vers(v
2
(v
2
e
1
)e
1
) un vettore di norma 1 e ortogonale a e
1
.
3) Per costruire il terzo vettore e
3
, si considera il vettore a
3
= v
3
+
1
e
1
+
2
e
2
, con
1
,
2
e e si impongono
le due condizioni
_
a
3
e
1
= 0 = v
3
e
1
+
1
,
a
3
e
2
= 0 = v
3
e
2
+
2
.
Il terzo vettore si ottiene quindi come versore del vettore v
3
(v
3
e
1
)e
1
(v
3
e
2
)e
2
.
Iterando questo procedimento si ottiene, quindi, un insieme di n vettori
e
k
= vers(v
k
(v
k
e
1
)e
1
. (v
3
e
k1
)e
k1
), k = 1, ., n,
a due ortogonali e di norma unitaria. Per Il Lemma 14.1, i vettori (e
1
, ., e
n
) costituiscono una base.
Si osservi che se (e
1
, ., e
n
) una base ortonormale, dato un vettore v, si ha: che
v = (v e
1
)e
1
+ .+ (v e
n
)e
n
.
Il vettore:
(v e
1
)e
1
+ . + (v e
k1
)e
k1
rappresenta, geometricamente, il vettore proiezione di v sul sottospazio generato dai vettori e
1
, ., e
k
.
Inoltre, si pu applicare il procedimento di ortonormalizzazione di Gram-Schmidt considerando come vettore e
1
il
versore di uno qualunque dei vettori v
i
della base. Poich esistono innite basi in V si pu concludere che esistono
innite basi ortonormali nello spazio euclideo (V, ), ed altrettanto chiaro che una base ortonormale rispetto ad
un prodotto scalare non necessariamente ortonormale rispetto ad un altro prodotto scalare (cfr. Esercizio 14.2).
Esercizio 14.3 Si consideri sullo spazio euclideo (
4
, ), dotato del prodotto scalare standard, la base
J = (v
1
, v
2
, v
3
, v
4
) con:
v
1
= (1, 2, 0, 0), v
2
= (0, 1, 1, 0),
v
3
= (0, 0, 1, 1), v
4
= (0, 0, 0, 5).
Determinare una base ortonormale a partire da J.
Soluzione: Applichiamo il procedimento di ortonormalizzazione di Gram-Schmidt alla base J. Si considera:
e
1
=
v
1
||v
1
||
=
1
_
5
(1, 2, 0, 0).
Il secondo vettore e
2
dato dal versore di:
v
2
(v
2
e
1
)e
1
= (0, 1, 1, 0)
2
_
5
1
_
5
(1, 2, 0, 0) = _
2
5
,
1
5
, 1, 0 .
Quindi e
2
=
_
30
6
_
2
5
,
1
5
, 1, 0.
Analogamente si considera come e
3
il versore di:
v
3
(v
3
e
1
)e
1
(v
3
e
2
)e
2
.
Dipartimento di Matematica
174 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
e cos via.
Si consideri la matrice P del cambiamento di base da una base ortonormale J = (e
1
, ., e
n
) ad unaltra base
ortonormale J

= (e

1, ., e

n
). P una matrice invertibile che ha sulle colonne le componenti dei vettori e

i
,
i = 1, .n, rispetto alla base J e si pu vericare che lelemento di posto i, j del prodotto
t
PP dato dal prodotto
scalare e

i
e

j
scritto in componenti rispetto alla base J. Quindi
t
PP = I , cio P una matrice ortogonale. Poich
si ha anche che P
t
P = I , ragionando nello stesso modo si deduce anche che i vettori riga costituiscono una base
ortonormale. Segue cos limportante:
Teorema 14.5 Due basi in uno spazio vettoriale euclideo sono ortonormali se e solo se la matrice del loro
cambiamento di base una matrice ortogonale.
Per le matrici ortogonali si hanno le seguenti propriet, alcune delle quali sono gi state anticipate nel Capitolo 4.
Teorema 14.6 1. Il prodotto di due matrici ortogonali una matrice ortogonale.
2. La matrice identit ortogonale.
3. Linversa di una matrice ortogonale P
1
ortogonale.
4. Se P una matrice ortogonale, anche la sua trasposta
t
P ortogonale.
5. P una matrice ortogonale se e e solo se le righe e le colonne di P sono le componenti di una base
ortonormale.
5. Il determinante di una matrice ortogonale P vale 1.
Dimostrazione:
1. Se P e Q sono matrici ortogonali si ha:
t
(PQ)PQ =
t
Q
t
PPQ = I
e quindi la matrice prodotto PQ ortogonale.
2. La verica lasciata per esercizio.
3. Da
t
P = P
1
segue che (
t
P)
1
= (P
1
)
1
da cui la tesi.
4. Da
t
P = P
1
segue che
t
(
t
P) =
t
(P
1
) da cui la tesi.
5. La verica lasciata per esercizio.
6. Per il Teorema di Binet 3.17 si ha che det(
t
PP) = det(
t
P) det P = det I = 1. Quindi (det P)
2
= 1.
Non vale il viceversa della propriet 6. . Ad esempio, se si considera la matrice
A = _
1 1
0 1

si ha che il determinante di A 1 ma A non ortogonale.
Esercizio 14.4 Determinare una matrice ortogonale P in
3,3
in modo tale che il primo vettore riga sia a =
(
.
.
.
.
'
0,
_
2
2
,
_
2
2
\
.
.
.
.
!
.
Universit di Torino
Capitolo 14 Spazi vettoriali Euclidei 175
Soluzione. Per determinare la matrice ortogonale occorre completare linsieme libero a a una base ortonormale
(a, b, c). Si pu, ad esempio, completare linsieme libero a ad una base con i due vettori
v
1
= (1, 0, 0), v
2
= (0, 0, 1).
Per determinare una base ortonormale, a partire dalla base (a, v
1
, v
2
), si pu applicare il metodo di ortonormaliz-
zazione di Gram-Schmidt, considerando
b = vers(v
2
(v
2
a)a) = vers(1, 0, 0) = v
2
,
c = vers(v
3
(v
3
a)a (v
3
b)b) = vers _0,
1
2
,
1
2
.
La matrice ortogonale cercata ad esempio:
P =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0
_
2
2

_
2
2
1 0 0
0
_
2
2
_
2
2
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
14.4 Il complemento ortogonale
Siano (V, ) uno spazio vettoriale euclideo di dimensione n e +un suo sottospazio vettoriale di dimensione k s n.
Denizione 14.5 Si dice complemento ortogonale di + e lo si denota con +

il sottoinsieme di V formato da
tutti i vettori di V ortogonali ad ogni vettore di +, cio
+

= x e V | x y = 0, !y e +.
Osservazione 14.1 Scelta una base (a
1
, ., a
k
) di +, si pu osservare che la condizione x y = 0, !y e +
equivalente a
x a
i
= 0, !i = 1, ., k.
Infatti si ha:
x y = x (
1
a
1
+ . . . +
k
a
k
) = 0,
per ogni
i
e , i = 1, ., k. Ma questa condizione vercata se e solo se x a
i
= 0, per ogni i = 1, ., k.
Si pu provare il seguente:
Teorema 14.7 1. +

, V un sottospazio vettoriale di V .
2. +q+

= V .
3. (+

= +.
Dimostrazione:
1. La dimostrazione lasciata al Lettore per esercizio.
2. Per provare che +++

= V si pu osservare che scelta una base (a


1
, ., a
k
) di + e, costruita la matrice
A avente come vettori riga i vettori della base, si ottiene una matrice A e
k,n
di rango k il cui nullspace
coincide con +

. Quindi dal Teorema 11.18 segue che dim+

+ dim+ = n = dimV . La verica che


+| +

= 0 segue dal fatto che se x e +| +

(x = 0) si ha che x x = 0 e quindi x = 0.
Dipartimento di Matematica
176 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
3. ovvia conseguenza di 2. . Infatti +

q(+

= V ma si ha anche che +

q+= V e quindi segue 3.


per lunicit del complemento ortogonale.
Si pu osservare che +

un sottospazio vettoriale di V supplementare di +, ma mentre esistono inniti


sottospazi vettoriali di V supplementari di +, il complemento ortogonale unico.
Osservazione 14.2 Si osservi che se += 0, allora +

= V e se += V allora +

= 0.
Esercizio 14.5 Nello spazio vettoriale euclideo (
3
, ) munito del prodotto scalare standard, determinare il com-
plemento ortogonale +

del sottospazio vettoriale


+= (x
1
, x
2
, x
3
) e
3
| x
1
+ x
2
+ x
3
= 0.
Soluzione. Per lOsservazione 14.1 si pu prima determinare una base di + e poi linsieme dei vettori x
ortogonali a tutti i vettori della base.
Una base di + , ad esempio, data dai due vettori:
a
1
= (1, 1, 0), a
2
= (1, 0, 1).
Il complemento ortgonale + formato da tutti i vettori x = (x
1
, x
2
, x
3
) e V che vericano le due condizioni:
_
x a
1
= x
1
+ x
2
= 0,
x a
2
= x
1
+ x
3
= 0.
Si vede che +

corrisponde al nullspace della matrice:


A = _
1 1 0
1 0 1
,
cio al complemento ortogonale dello spazio delle righe R(A) e +

= [(1, 1, 1).
Si osservi che una base di +

ha come componenti i coefcienti dellequazione x


1
+ x
2
+ x
3
= 0 che denisce
+. Si giustichi teoricamente questo fatto, ma si presti particolare attenzione a non applicare questa regola nel
caso in cui + sia denito come combinazione lineare di alcuni vettori.
Esercizio 14.6 In
2,2
si consideri il sottospazio vettoriale:
+= A e
2,2
| tr A = 0.
Si determinino due sottospazi vettoriali supplementari a + e il suo complemento ortogonale, rispetto al prodotto
scalare denito nellEsercizio 14.6.
Soluzione: Innanzi tutto si osservi che, per le propriet della traccia di una matrice quadrata, + un sottospazio
vettoriale. facile ottenere che:
+= [__
1 0
0 1
, _
0 1
0 0
, _
0 0
1 0
,
pertanto + un iperpiano vettoriale di
2,2
. I sottospazi +
1
= [__
1 0
0 1
e +
2
= [__
0 0
0 1
sono
entrambi supplementari di +; il complemento ortogonale +

coincide con +
1
.
Esercizio 14.7 Siano +
1
e +
2
sottospazi vettoriali dello spazio euclideo (V, ). Dimostrare che:
(+
1
+ +
2
)

= +

1 | +

2 ,
(+
1
| +
2
)

= +

1 + +

2 .
Universit di Torino
Capitolo 14 Spazi vettoriali Euclidei 177
Dipartimento di Matematica
Capitolo 15
Per saperne di pi sugli spazi vettoriali
euclidei
Esempio 15.1 Sia V uno spazio vettoriale euclideo di dimensione n e sia J(e
1
, e
2
, . . . , e
n
) una sua base ortonor-
male. Sia + = [(a
1
, . . . , a
k
) un sottospazio di V generato dai k vettori (a
1
, . . . , a
k
) linearmente indipendenti
dati da:
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
a
1
a
2
:
a
k
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
=
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
a
11
a
12
. . . a
1n
a
21
a
22
. . . a
2n
: :
a
k1
a
k2
. . . a
kn
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
e
1
e
2
:
e
k
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
= A
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
e
1
e
2
:
e
k
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
A dunque una matrice di
k,n
di rango k. Il complemento ortogonale di + formato dai vettori x di V la cui
matrice X delle componenti soluzione del sistema lineare omogeneo:
AX = 0.
Pertanto il nullspace di A A(A) coincide con +

. Se si indica con F(A) lo spazio delle righe di A e con ((A) lo


spazio delle colonne di A (cfr. Capitolo 11) segue:
F(A)

= A(A), ((A)

= A(
t
A).
Esempio 15.2 Si considerino i due prodotti scalari seguenti su
3
:
x y = x
1
y
1
+ x
2
y
2
+ x
3
y
3
,
x y = 3x
1
y
1
+ 4x
2
y
2
+ x
3
y
3
,
dove x = x
1
e
1
+ x
2
e
2
+ x
3
e
3
, y = y
1
e
1
+ y
2
e
2
+ y
3
e
3
e J = (e
1
= (1, 0, 0), e
2
= (0, 1, 0), e
3
= (0, 0, 1)) la
base canonica di
3
. ben noto che J anche una base ortonormale rispetto al prodotto scalare ma non
ortonormale rispetto a .
La base J

= __v
1
=
1
_
3
, 0, 0 , v
2
= _0,
1
2
, 0 , v
3
= (0, 0, 1) ortonormale rispetto al prodotto scalare , ma,
ovviamente, la matrice:
P =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1
_
3
0 0
0
1
2
0
0 0 1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
non ortogonale. Si osservi inoltre che se x = x

1v
1
+ x

2v
2
+ x

3v
3
, y = y

1v
1
+ y

2v
2
+ y

3v
3
, allora x y =
x

1y

1 + x

2y

2 + x

3y

3 essendo J

una base ortonormale rispetto a .


178
Capitolo 15 Per saperne di pi sugli spazi vettoriali euclidei 179
Sia a
1
= (1, 0, 2), a
2
= (1, 3, 4), a
3
= (0, 3, 4) una base di
3
. A partire da tale base, usando il metodo di Gram
Schmidt si vogliono determinare una base ortonormale rispetto a e una base ortonormale rispetto a . Nel primo
caso si ottiene: ( =
(
.
.
.
.
'
_
1
_
5
, 0,
2
_
5
,
(
.
.
.
.
'

4
7
_
5
,
3
_
5
7
,
2
7
_
5
\
.
.
.
.
!
, _
6
7
,
2
7
,
3
7

\
.
.
.
.
!
. La matrice:
Q =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1
_
5

4
7
_
5

6
7
0
3
_
5
7

2
7
2
_
5
2
7
_
5
3
7
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
ortogonale.
Rispetto al prodotto scalare si ottiene la base ortonormale:
(

=
(
.
.
.
.
.
'
v

1 = _
1
_
7
, 0,
2
_
7
, v

2 =
(
.
.
.
.
.
'

_
2
231
,
1
2
_
21
22
,
_
3
154
\
.
.
.
.
.
!
, v

3 =
(
.
.
.
.
.
'

_
2
11
,
1
2
_
22
,
3
_
22
\
.
.
.
.
.
!
\
.
.
.
.
.
!
.
La matrice R che ha sulle colonne le componenti della base (

non una matrice ortogonale, mentre lo deve essere


la matrice del cambiamento di base da J

a (

, ottenuta dal prodotto P


1
R. Si lascia per esercizio sia la verica
dellortogonalit dellultima matrice sia la giusticazione del fatto che essa si ottenga proprio nel modo indicato.
Dipartimento di Matematica
Capitolo 16
Spazi Vettoriali Euclidei Esercizi
16.1 Esercizi
In tutti gli esercizi di questo capitolo, salvo esplicita dichiarazione, si sono adottate notazioni standard, in partico-
lare si indicato con:
-
n
lo spazio vettoriale euclideo delle n-uple di numeri reali, di dimensione n, dotato del prodotto scalare
standard, che rende ortonormale la base canonica (e
1
= (1, 0, . . . , 0), e
2
= (0, 1, 0, . . . , 0), . . . , e
n
= (0, 0, . . . , 1)).
- V
3
lo spazio vettoriale euclideo reale, di dimensione 3, dei vettori ordinari, riferito alla base ortonormale positiva
J = (i, j, k). In questambito: ^indica il prodotto vettoriale o esterno e il prodotto scalare.
[1] Nello spazio vettoriale euclideo ordinario V
3
, dato il piano vettoriale:
+ = [(a
1
= i + j, a
2
= i j + k)
.
i) Si determini il complemento ortogonale +

di +.
ii) Si scrivano tutti i vettori v di V
3
tali che il volume del tetraedro generato da a
1
, a
2
, v sia 2. Linsieme dei
vettori v cos individuato un sottospazio vettoriale di V
3
?
iii) Dato il vettore a = i + j k si calcolino le proiezioni ortogonali di a su + e su +

.
[2] Nello spazio vettoriale euclideo
4
si verichi che i due vettori:
a
1
= (1, 2, 1, 3), a
2
= (2, 1, 3, 1) (16.1)
sono ortogonali. Si completi linsieme a
1
, a
2
no ad ottenere una base ortogonale di
4
.
[3] Dato:
+= _X e
2,2
| AX = XA, dove A = _
1 3
0 1
_,
sottospazio vettoriale di
2,2
, determinare il suo complemento ortogonale (rispetto al prodotto scalare X Y =
tr(
t
XY), X, Y e
2,2
).
[4] Nello spazio vettoriale euclideo
3
sono dati i vettori:
v
1
= (3, 0, 4), v
2
= (1, 2, 0), v
3
= (2, 2, 4), v
4
= (4, 2, 4)
180
Capitolo 16 Spazi Vettoriali Euclidei Esercizi 181
e sia += [(v
1
, v
2
, v
3
, v
4
).
i) Trovare una base ortonormale J di +.
ii) Completare J no ad ottenere una base ortonormale 1 di
3
.
iii) Determinare la matrice del cambiamento di base dalla base canonica ( di
3
alla base 1 e viceversa.
[5] Dato il sottospazio 1 = [((1, 1, 3, 1)) dello spazio vettoriale euclideo
4
, trovare una base ortonormale per
il sottospazio 1

.
[6] Sia:
A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 2 4 1
2 3 9 1
1 0 6 5
2 5 7 5
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
e
4,4
.
Indicati con F(A) e ((A) gli spazi vettoriali generati dalle righe e dalle colonne di A, rispettivamente, si determi-
nino:
i) base e dimensione di F(A) | ((A) e di F(A) + ((A);
ii) il complemento ortogonale di ((A) in
4
, rispetto al prodotto scalare standard di
4
.
[7] Dati i seguenti sottospazi di
4
:
1 = (x, y, z, t) e
4
| 2x y + t = z t = 0,
+ = (x, y, z, t) e
4
| x + y = y z = x + t = 0,
i) vericare che la somma di 1 e di + diretta;
ii) trovare una base ortonormale di 1

.
[8] Dato il sottospazio:
+= (x, y, z) e
3
| x 2y + z = 2x y z = 0
determinare una base ortonormale di +q+

a partire da una base di +.


[9] i) In
5
, i sottospazi:
7 = (x
1
, x
2
, x
3
, x
4
, x
5
) e
5
| x
1
+ x
2
= x
3
= 0,
J = [((1, 2, 1, 2, 1), (0, 1, 1, 1, 1), (1, 0, 1, 0, 1), (2, 3, 1, 3, 1)),
sono supplementari?
ii) Determinare le equazioni del complemento ortogonale di 7 rispetto al prodotto scalare standard di
5
e una
sua base ortonormale.
[10] Data la base:
J = (a = (1, 0, 1), b = (0, 1, 1), c = (2, 1, 2))
di
3
, determinare una base ortonormale, a partire da J, utilizzando il procedimento di ortonormalizzazione di
GramSchmidt.
[11] In V
3
dato il vettore v = i + j k. Determinare una base ortonormale del piano vettoriale ortogonale a v.
Dipartimento di Matematica
182 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
[12] Nello spazio euclideo
4
sono dati i vettori:
v
1
= (1, 0, 1, 1), v
2
= (1, 1, 0, 0), v
3
= (0, 0, 1, 1).
i) Vericare che v
1
, v
2
, v
3
formano una base J di += [(v
1
, v
2
, v
3
).
ii) Trovare una base ortonormale di + a partire dalla base J.
[13] Determinare una matrice ortogonale in modo tale che la sua prima riga sia data da:
(
.
.
.
.
'
0,
_
2
2
,
_
2
2
\
.
.
.
.
!
.
[14] Determinare una base ortonormale per il complemento ortogonale /

del sottospazio:
/ = (x, y, z, t) e
4
| x y = z t = y + z = 0.
[15] In
4
dato il sottospazio 1 = [((0, 1, 0, 1), (1, 1, 1, 0)) e sia J una sua base.
i) Trovare una base ortonormale J

di 1

.
ii) Costruire una base ortonormale di
4
a partire dalla base J

|J.
[16] In
4
si consideri il vettore a = (1, 2, 1, 2).
i) Si scriva lequazione del complemento ortogonale [(a)

di [(a);
ii) si determini una base di [(a)

;
iii) si determini una base ortonormale di [(a)

.
[17] Nello spazio vettoriale euclideo
4
dato il sottospazio vettoriale:
W = (x
1
, x
2
, x
3
, x
4
) e
4
| x
1
+ x
2
= 2x
3
+ x
1
= 0,
determinare le equazioni del complemento ortogonale di W e una sua base ortonormale.
[18] Completare linsieme libero:
u
1
= (1, 0, 1), u
2
= (1, 2, 0)
in modo da ottenere una base J = (u
1
, u
2
, u
3
) di
3
. Applicare quindi il metodo di ortonormalizzazione di
Gram-Schmidt alla precedente base per ottenere una base ortonormale di
3
.
[19] Determinare una base ortonormale del sottospazio vettoriale:
+= (x
1
, x
2
, x
3
, x
4
) e
4
| x
1
x
2
+ x
3
x
4
= 0
e il suo complemento ortogonale +

.
[20] Determinare una base ortonormale del sottospazio vettoriale:
1 = [((1, 1, 0, 0), (0, 1, 1, 0), (0, 2, 3, 4))
di
4
e estendere tale base ad una base ortonormale di
4
.
Universit di Torino
Capitolo 16 Spazi Vettoriali Euclidei Esercizi 183
[21] i) In
4
scrivere le equazioni del complemento ortogonale +

del sottospazio:
+= (x
1
, x
2
, x
3
, x
4
) e
4
| x
1
+ x
2
= x
2
+ x
3
= 0.
ii) Determinare una base e la dimensione di +

.
iii) Determinare una base ortonormale di +

.
[22] i) In
4
, rispetto al prodotto scalare standard, scrivere lequazione del complemento ortogonale +

del
sottospazio += [((1, 2, 1, 0)) e determinarne una base.
ii) Determinare una base ortonormale di +

.
16.2 Soluzioni
[1]
a1 = {1,1,0};a2 = {1,-1,1};
NullSpace[{a1,a2}]
{{-1,1,2]]
v = {x,y,z};
Solve[Det[{a1,a2,v}] == 12,v]
Solve ::

svars

: Equations may not give solutions for all solve variables.


{{x - 12 + y + 2 z]]
i) +

= [(a
3
= i j 2k).
ii) v = (12 + x
2
+ 2x
3
)i + x
2
j + x
3
k, x
2
, x
3
e ; linsieme di tali vettori non costituisce un sottospazio vettoriale
di V
3
.
iii) a =
1
3
(2i + 4j k) +
1
3
(i j 2k).
[2]
<< LinearAlgebraOrthogonalization
a1 = {1,-2,1,3}; a2 = {2,1,-3,1};
a1.a2
0
GramSchmidt[{a1,a2,{0,0,1,0},{0,0,0,1}},Normalized - False]
{1,-2,1,3],{2,1,-3,1],
1
3
,
1
3
,
1
3
,0, -
1
3
,
1
3
,0,
1
3

_a
1
, a
2
, _
1
3
,
1
3
,
1
3
, 0 , _
1
3
,
1
3
, 0,
1
3
.
Dipartimento di Matematica
184 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
[3]
A = {{1,3},{0,-1}}; X = {{x1,x2},{x3,x4}};
Solve[A.X == X.A]
Solve ::

svars

: Equations may not give solutions for all solve variables.


x3 - 0,x1 -
2 x2
3
+ x4
a = Tr[Transpose[X].{{2,3},{0,0}}];
b = Tr[Transpose[X]];
Solve[{a == 0,b == 0}]
Solve ::

svars

: Equations may not give solutions for all solve variables.


x1 - -x4,x2 -
2 x4
3

+= [__
2 3
0 0
, _
1 0
0 1
, +

= [__
3 2
0 3
, _
0 0
1 0
.
[4]
m = {{3,0,4},{1,2,0},{2,-2,4},{4,2,4}};
b = RowReduce[m]
1,0,
4
3
,0,1,-
2
3
,{0,0,0],{0,0,0]
<< LinearAlgebraOrthogonalization
GramSchmidt[{b[[1]],b[[2]]}]

3
5
,0,
4
5
,
8
5

29
,
5

29
,-
6
5

29

A = GramSchmidt[{%[[1]],%[[2]],{0,0,1}}]

3
5
,0,
4
5
,
8
5

29
,
5

29
,-
6
5

29
, -
4

29
,
2

29
,
3

29

MatrixForm[Transpose[A]]

3
5
8
5

29
-
4

29
0
5

29
2

29
4
5
-
6
5

29
3

29
|

A.Transpose[A]
{{1,0,0],{0,1,0],{0,0,1]]
i) J = __
3
5
, 0,
4
5
, _
8
5
_
29
,
5
_
29
,
6
5
_
29
.
ii) ( = __
3
5
, 0,
4
5
, _
8
5
_
29
,
5
_
29
,
6
5
_
29
, _
4
_
29
,
2
_
29
,
3
_
29
.
iii) A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
3
5
8
5
_
29

4
_
29
0
5
_
29
2
_
29
4
5

6
5
_
29
3
_
29
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
la matrice del cambiamento di base da ( a 1;
Universit di Torino
Capitolo 16 Spazi Vettoriali Euclidei Esercizi 185
t
A = A
1
la matrice del cambiamento di base da 1 a (.
[5]
(
.
.
.
.
.
'
_
1
_
2
,
1
_
2
, 0, 0, ,
(
.
.
.
.
.
'

3
_
22
,
3
_
22
,
_
2
11
, 0
\
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
'

1
2
_
33
,
1
2
_
33
,
_
3
2
_
11
,
_
11
2
_
3
\
.
.
.
.
!
\
.
.
.
.
.
!
.
[6] i) La somma F(A) + ((A) diretta, quindi la loro intersezione 0;
ii) ((A)

= [((3, 2, 1, 0), (4, 1, 0, 1)).


[7]
<< LinearAlgebraOrthogonalization
GramSchmidt[{{2,-1,0,1},{2,-1,1,0} }]

2
3
,-
1

6
,0,
1

6
,

2
33
,-
1

66
,

6
11
,-
5

66

ii) 1

= [
(
.
.
.
.
.
'
(
.
.
.
.
.
'
_
2
3
,
1
_
6
, 0,
1
_
6
\
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
'
_
2
33
,
1
_
66
,
_
6
11
,
5
_
66
\
.
.
.
.
.
!
\
.
.
.
.
.
!
.
[8]
<< LinearAlgebraOrthogonalization
GramSchmidt[{{1,1,1},{-1,1,0},{-1,0,1}}]

3
,
1

3
,
1

3
, -
1

2
,
1

2
,0, -
1

6
,-
1

6
,

2
3

(
.
.
.
.
.
'
_
1
_
3
,
1
_
3
,
1
_
3
, _
1
_
2
,
1
_
2
, 0 ,
(
.
.
.
.
.
'

1
_
6
,
1
_
6
,
_
2
3
\
.
.
.
.
.
!
\
.
.
.
.
.
!
.
[9] i) S;
ii) 7

= (x
1
, x
2
, x
3
, x
4
, x
5
) e
5
| x
1
x
2
= x
4
= x
5
= 0 = __
1
_
2
,
1
_
2
, 0, 0, 0, (0, 0, 1, 0, 0).
[10]
<< LinearAlgebraOrthogonalization
GramSchmidt[{{1,0,1},{0,1,1},{2,1,2}}]

2
,0,
1

2
, -
1

6
,

2
3
,
1

6
,
1

3
,
1

3
,-
1

(
.
.
.
.
.
'
_
1
_
2
, 0,
1
_
2
,
(
.
.
.
.
.
'

1
_
6
,
_
2
3
,
1
_
6
\
.
.
.
.
.
!
, _
1
_
3
,
1
_
3
,
1
_
3

\
.
.
.
.
.
!
.
Dipartimento di Matematica
186 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
[11]
<< LinearAlgebraOrthogonalization
GramSchmidt[{{-1,1,0},{1,0,1}}]
-
1

2
,
1

2
,0,
1

6
,
1

6
,

2
3

(
.
.
.
.
.
'
_
1
_
2
,
1
_
2
, 0 ,
(
.
.
.
.
.
'
1
_
6
,
1
_
6
,
_
2
3
\
.
.
.
.
.
!
\
.
.
.
.
.
!
.
[12]
<< LinearAlgebraOrthogonalization
m = {{1,0,1,-1},{1,-1,0,0},{0,0,1,1}};
RowReduce[m]
{{1,0,0,-2],{0,1,0,-2],{0,0,1,1]]
GramSchmidt[m]

3
,0,
1

3
,-
1

3
,

15
,-

3
5
,-
1

15
,
1

15
,0,0,
1

2
,
1

ii)
(
.
.
.
.
.
'
_
1
_
3
, 0,
1
_
3
,
1
_
3
,
(
.
.
.
.
.
'
2
_
15
,
_
3
5
,
1
_
15
,
1
_
15
\
.
.
.
.
.
!
, _0, 0,
1
_
2
,
1
_
2

\
.
.
.
.
.
!
.
[13]
<< LinearAlgebraOrthogonalization
MatrixForm[
GramSchmidt[{{0,Sqrt[2]/2,-Sqrt[2]/2},{1,0,0},{0,0,1}}]]

0
1

2
-
1

2
1 0 0
0
1

2
1

2
|

Per esempio: A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0
_
2
2

_
2
2
1 0 0
0
_
2
2
_
2
2
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
Universit di Torino
Capitolo 16 Spazi Vettoriali Euclidei Esercizi 187
[14]
<< LinearAlgebraOrthogonalization
GramSchmidt[{{-1,1,0,0},{1,0,1,0},{-1,0,0,1}}]
-
1

2
,
1

2
,0,0,
1

6
,
1

6
,

2
3
,0,
-
1
2

3
,-
1
2

3
,
1
2

3
,

3
2

/

= [
(
.
.
.
.
.
'
_
1
_
2
,
1
_
2
, 0, 0,
(
.
.
.
.
.
'
1
_
6
,
1
_
6
,
_
2
3
, 0
\
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
'

1
2
_
3
,
1
2
_
3
,
1
2
_
3
,
_
3
2
\
.
.
.
.
!
\
.
.
.
.
.
!
.
[15] i) J

= __
1
_
2
, 0,
1
_
2
, 0 , _
1
_
10
,
2
_
10
,
1
_
10
,
2
_
10
.
ii) J

= __
1
_
2
, 0,
1
_
2
, 0 , _
1
_
10
,
2
_
10
,
1
_
10
,
2
_
10
, _0,
1
_
2
, 0,
1
_
2
, _
2
_
10
,
1
_
10
,
2
_
10
,
1
_
10
.
[16] i) y
1
+ 2y
2
y
3
+ 2y
4
= 0.
ii) ((1, 0, 1, 0), (0, 1, 2, 0), (0, 0, 2, 1)).
iii) __
1
_
2
, 0,
1
_
2
, 0 , _
1
_
3
,
1
_
3
,
1
_
3
, 0 , _
1
_
15
,
2
_
15
,
1
_
15
,
3
_
15
.
[17] +

= [((1, 0, 2, 0), (0, 1, 2, 0)) e


1
=
1
_
5
(1, 0, 2, 0), e
2
=
1
3
_
5
(4, 5, 2, 0).
[18] u
1
= (1, 0, 1), u
2
= (1, 2, 0), u
3
= (0, 0, 1);
e
1
= _
1
_
2
, 0,
1
_
2
, e
2
= _
1
3
_
2
,
4
3
_
2
,
1
3
_
2
, e
3
= _
2
3
,
1
3
,
2
3
.
[19] += [_
1
_
2
(1, 1, 0, 0),
1
_
6
(1, 1, 2, 0),
1
_
12
(1, 1, 1, 3), W

= [((1, 1, 1, 1)).
[20] _
1
_
2
(1, 1, 0, 0),
1
_
6
(1, 1, 2, 0),
1
_
147
(1, 1, 1, 12),
1
7
(4, 4, 4, 1).
[21] i) += [((1, 1, 1, 0), (0, 0, 0, 1));
+

= (x
1
, x
2
, x
3
, x
4
) e
4
| x
1
+ x
2
+ x
3
= x
4
= 0;
ii) +

= [((1, 0, 1, 0), (0, 1, 1, 0));


iii) +

= [__
1
_
2
, 0,
1
_
2
, 0 , _
1
_
6
,
2
_
6
,
1
_
6
, 0 .
Dipartimento di Matematica
188 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
[22] i) +

= (x
1
, x
2
, x
3
, x
4
) e
4
| x
1
+ 2x
2
+ x
3
= 0;
+

= [(0, 0, 0, 1), (0, 1, 2, 0), (1, 0, 1, 0)).


ii) +

= [_(0, 0, 0, 1), _
1
_
2
, 0,
1
_
2
, 0 , _
1
_
3
,
1
_
3
,
1
_
3
, 0.
Universit di Torino
Capitolo 17
Applicazioni Lineari
Scopo di questo capitolo introdurre la nozione di applicazione lineare tra due spazi vettoriali, mettendoli cos in
relazione lun laltro in modo da poter denire il concetto di movimento in uno spazio vettoriale.
Denizione 17.1 Dati due spazi vettoriali V e W entrambi deniti su , si dice applicazione lineare o trasfor-
mazione lineare o omomorsmo da V in W una funzione f : V W che verica le seguenti propriet:
f (x + y) = f (x) + f (y),
f (x) = f (x), ! e , !x, y e V.
(17.1)
V prende il nome di dominio di f e W ne il codominio.
Segue un elenco di funzioni di cui si lascia al Lettore la verica delleventuale linearit.
Esempio 17.1 i : V V tale che i(x) = x, !x e V , lapplicazione identica o identit, unapplicazione
lineare.
Esempio 17.2 O : V V tale che O(x) = 0, !x e V , lapplicazione lineare nulla, unapplicazione lineare.
Esempio 17.3 f :
2
tale che f (x, y) = 3x + 2y lineare.
Esempio 17.4 f :
2
tale che f (x, y) = 3x + 2y + 5 non unapplicazione lineare.
Esempio 17.5 f :
2
tale che f (x, y) = x
2
+ 2y non unapplicazione lineare.
Esempio 17.6 f : V
3
tale che f (x) = a x, con prodotto scalare e a vettore ssato non nullo, lineare.
Esempio 17.7 f : V
3
V
3
tale che f (x) = a ^ x, con ^ prodotto vettoriale e a vettore ssato non nullo
lineare.
Esempio 17.8 f :
n,n
tale che f (A) = det A non unapplicazione lineare.
Esempio 17.9 f :
n,n
tale che f (A) = tr A unapplicazione lineare.
Esempio 17.10 Se V = +
1
q+
2
, noto dalla Denizione 10.4 che ogni vettore x di V si decompone in modo
unico come x = x
1
+x
2
, con x
1
e +
1
e x
2
e +
2
, le funzioni: f
1
: V V, x x
1
e f
2
: V V, x x
2
sono applicazioni lineari e prendono il nome di proiezioni di V su +
1
e su +
2
rispettivamente.
Esempio 17.11 La funzione f : V
2
V
2
, denita da f ((x
1
, x
2
)) = (x
1
, x
2
), dove (x
1
, x
2
) sono le componenti
di un qualsiasi vettore di V
2
, rispetto alla base ortonormale J = (i, j), lineare. Si tratta dellapplicazione che
associa ad ogni vettore il suo simmetrico rispetto a j.
189
190 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
Esempio 17.12 La funzione f : V
3
V
3
, denita da f ((x
1
, x
2
, x
3
)) = (x
1
, x
2
, x
3
), dove (x
1
, x
2
, x
3
) sono le com-
ponenti di un qualsiasi vettore di V
3
rispetto alla base ortonormale J = (i, j, k), lineare. Si tratta dellapplicazione
che associa ad ogni vettore il suo simmetrico rispetto al piano vettoriale generato da i, j.
Esempio 17.13 f :
n

n
denita da f (X) = AX dove X e
n
(ma considerata come una matrice colonna
di
n,1
) e A e
n,n
unesempio di applicazione lineare per le propriet del prodotto di matrici. Pi in generale:
f :
n

m
denita da f (X) = AX, con X e
n
e A e
m,n
anchessa unapplicazione lineare.
La dimostrazione del seguente teorema lasciata per esercizio:
Teorema 17.1 Sia f : V W unapplicazione linerare, si ha:
1. f (0
V
) = 0
W
; dove 0
V
indica il vettore nullo di V e 0
W
indica il vettore nullo di W ;
2. f (x) = f (x), !x e V ;
3. f (
1
x
1
+
2
x
2
+ . . . +
n
x
n
) =
1
f (x
1
) +
2
f (x
2
) + . . . +
n
f (x
n
), !
i
e , !x
i
e V, i = 1, . . . , n.
17.1 Come si denisce unapplicazione lineare tra due spazi vettoriali di
dimensione nita
Teorema 17.2 (Teorema fondamentale delle applicazioni lineari.) Sia V uno spazio vettoriale reale di dimen-
sione n e J = (v
1
, v
2
, . . . , v
n
) una sua base. Dato a
1
, a
2
, . . . , a
n
, insieme di vettori qualsiasi di uno spazio
vettoriale W , allora esiste ed unica lapplicazione lineare:
f : V W
tale che:
f (v
i
) = a
i
, i = 1, . . . , n.
In altri termini: per assegnare unapplicazione lineare tra due spazi vettoriali V e W , di cui almeno V di
dimensione nita, sufciente dare i trasformati, mediante la funzione, dei vettori di una base di V .
Dimostrazione. Sia x = x
1
v
1
+ x
2
v
2
+ . . . + x
n
v
n
e V , si denisce f ponendo:
f (x) = x
1
a
1
+ x
2
a
2
+ . . . + x
n
a
n
.
Si prova il teorema nei quattro passi seguenti:
1. f una funzione, infatti il vettore f (x) ovunque denito ed univocamente determinato, per lesistenza e
lunicit delle componenti di x, rispetto alla base J.
2. Dalla denizione di f si ha f (v
i
) = a
i
, i = 1, . . . , n.
3. Per dimostrare la linearit di f si deve vericare che:
f (x + y) = f (x) + f (y), !x, y e V, !, e .
La tesi segue dalla denizione di f , ponendo: x = x
1
v
1
+ x
2
v
2
+ . . . + x
n
v
n
, y = y
1
v
1
+ y
2
v
2
+ . . . + y
n
v
n
. Un
semplice calcolo prova che: f (x + y) = (x
1
+ y
1
)a
1
+ (x
2
+ y
2
)a
2
+ . . . + (x
n
+ y
n
)a
n
= f (x) + f (y).
4. Lapplicazione f unica. Infatti, se, per assurdo, esistesse unapplicazione lineare g : V W , g = f , tale che
g(v
i
) = a
i
, i = 1, . . . , n, allora g(x) = g(x
1
v
1
+ . . . + x
n
v
n
) = x
1
g(v
1
) + . . . + x
n
g(v
n
) = x
1
a
1
+ . . . + x
n
a
n
, per ogni
x e V ; ci implicherebbe g(x) = f (x), !x e V e quindi g = f , che assurdo .
Universit di Torino
Capitolo 17 Applicazioni Lineari 191
17.2 Matrice associata ad unapplicazione lineare. Equazioni di unap-
plicazione lineare
Dal Teorema 17.2 segue che denire una applicazione lineare tra due spazi vettoriali di dimensione nita equivale
a dare le immagini degli elementi di una base del dominio. Siano, quindi, V uno spazio vettoriale di dimensione n
e J = (v
1
, v
2
, . . . , v
n
) una sua base, e W uno spazio vettoriale di dimensione m e ( = (w
1
, w
2
, . . . , w
m
) una sua
base. Si intende denire lapplicazione lineare f : V W ponendo:
|
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
'
f (v
1
) = a
11
w
1
+ a
21
w
2
+ . . . + a
m1
w
m
f (v
2
) = a
12
w
1
+ a
22
w
2
+ . . . + a
m2
w
m
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
f (v
n
) = a
1n
w
1
+ a
2n
w
2
+ . . . + a
mn
w
m
(17.2)
che equivale ad assegnare la matrice:
A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
a
11
a
12
. . . a
1n
a
21
a
22
. . . a
2n
: : :
a
m1
a
m2
. . . a
mn
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
e
m,n
(17.3)
ottenuta mettendo, ordinatamente, in colonna le immagini dei vettori della base J espressi rispetto alla base (.
La matrice A prende il nome di matrice associata allapplicazione lineare f rispetto alle basi J e ( e si indica
come: A = M
J,(
( f ). La scelta di porre in colonna le componenti una convenzione, che si ripercuote fortemente
sulle considerazioni successive. In notazione matriciale le relazioni (17.2) si scrivono come:
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
f (v
1
)
f (v
2
)
:
f (v
n
)
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
=
t
A
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
w
1
w
2
:
w
m
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
. (17.4)
Dato un generico vettore x di V , ci si propone di calcolare la sua immagine f (x) mediante la matrice A. Sia
X =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
x
1
x
2
:
x
n
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
la matrice delle componenti di x rispetto alla base J. Poniamo f (x) = y
1
w
1
+y
2
w
2
+. . . +y
m
w
m
, se
si indica con Y =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
y
1
y
2
:
y
m
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
la matrice delle componenti di f (x) rispetto alla base (, allora:
f (x) =
t
Y
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
w
1
w
2
:
w
m
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
. (17.5)
Per la linearit di f si ha:
f (x) = f (x
1
v
1
+ x
2
v
2
+ . . . + x
n
v
n
) = x
1
f (v
1
) + x
2
f (v
2
) + . . . + x
n
f (v
n
) =
t
X
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
f (v
1
)
f (v
2
)
:
f (v
n
)
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
Da (17.5) e da (17.4) segue:
f (x) =
t
Y
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
w
1
w
2
:
w
m
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
=
t
X
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
f (v
1
)
f (v
2
)
:
f (v
n
)
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
=
t
X
t
A
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
w
1
w
2
:
w
m
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
,
Dipartimento di Matematica
192 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
ossia, per lunicit delle componenti di un vettore rispetto ad una base:
Y = AX, (17.6)
che il legame cercato tra le componenti di un vettore x e la sua immagine f (x). Il sistema lineare (17.6) di m
equazioni in n incognite prende il nome di equazioni dellapplicazione lineare f .
Gli esempi che seguono mettono in luce la fondamentale importanza delle relazioni appena dimostrate.
Esempio 17.14 La matrice associata allapplicazione identit: i : V V tale che i(x) = x, !x e V la matrice
unit di ordine n se dimV = n (cfr. Esempio 17.1).
Esempio 17.15 La matrice associata allapplicazione nulla: O : V V tale che O(x) = 0, !x e V la matrice
nulla di ordine n se dimV = n (cfr. Esempio 17.2).
Esempio 17.16 Le equazioni dellapplicazione lineare:
f :
3

3
, (x, y, z) (2x + 3y, y, 3x 2z) (17.7)
sono:
|
.
.
.

.
.
.
'
x

= 2x + 3y
y

= y
z

= 3x 2z,
(17.8)
quindi la matrice associata allapplicazione lineare, rispetto alla base canonica di
3
:
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
2 3 0
0 1 0
3 0 2
\
.
.
.
.
.
.
!
.
Di conseguenza, limmagine del vettore (2, 0, 3) si calcola mediante il prodotto:
(
.
.
.
.
.
.
'
2 3 0
0 1 0
3 0 2
\
.
.
.
.
.
.
!
(
.
.
.
.
.
.
'
2
0
3
\
.
.
.
.
.
.
!
oppure sostituendo ordinatamente in (17.8) i numeri 2, 0, 3 al posto di x, y, z, rispettivamente.
Esempio 17.17 Riprendiamo lEsempio 17.7: in V
3
, spazio vettoriale dei vettori ordinari, riferito ad una base
ortonormale positiva J = (i, j, k), si consideri lendomorsmo f : V
3
V
3
denita da f (x) = x ^ a, con a
vettore di V
3
non nullo. La matrice associata ad f , rispetto alla base J pu essere determinata in due modi:
i) si calcola f (x), ponendo x = x
1
i + x
2
j + x
3
k e a = a
1
i + a
2
j + a
3
k, si ha:
f (x) = (a
3
x
2
+ a
2
x
3
)i + (a
3
x
1
a
1
x
3
)j + (a
2
x
1
+ a
1
x
2
)k,
allora la matrice associata ad f , rispetto alla base J, :
(
.
.
.
.
.
.
'
0 a
3
a
2
a
3
0 a
1
a
2
a
1
0
\
.
.
.
.
.
.
!
,
si osservi che A una matrice antisimmetrica.
ii) Si pu pervenire alla matrice A calcolando le immagini dei vettori di J e mettendo sulle colonne, rispettiva-
mente, le componenti di f (i), f (j), f (k).
Universit di Torino
Capitolo 17 Applicazioni Lineari 193
Esempio 17.18 Rispetto alle basi canoniche del dominio e del codominio, la matrice associata allapplicazione
lineare: f :
3

2,2
denita da:
f ((a, b, c)) = _
a a + b
a + b + c 0

la matrice di
4,3
data da:
A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 0 0
1 1 0
1 1 1
0 0 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
Esercizio 17.1 Si scrivano le matrici associate alle applicazioni lineari introdotte negli Esempi 17.3, 17.6, 17.9,
17.10, 17.11, 17.12, 17.13, dopo aver ssato basi opportune nel dominio e nel codominio.
Esercizio 17.2 In
3
, rispetto alla base standard J = (e
1
, e
2
, e
3
), dato lendomorsmo f tale che:
|
.
.
.

.
.
.
'
f (e
1
) f (e
2
) f (e
3
) = 0
2f (e
1
) f (e
2
) = 3e
1
+ 2e
2
e
3
f (e
1
) + f (e
2
) = 3e
1
e
2
+ 2e
3
,
scrivere la matrice A = M
J,J
( f ) associata ad f rispetto alla base canonica J.
Soluzione: Si osservi che si ottiene la soluzione risolvendo il sistema di equazioni vettoriali assegnato e si osservi
anche che esiste ed unica la soluzione solo se la matrice dei coefcienti di tale sistema ha rango massimo.
Procediamo, quindi, con la riduzione per righe:
(
.
.
.
.
.
.
'
1 1 1
2 1 0
1 1 0
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
0 0 0
3 2 1
3 1 2
\
.
.
.
.
.
.
!

(
.
.
.
.
.
.
'
1 1 1
2 1 0
1 0 0
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
0 0 0
3 2 1
6 1 1
\
.
.
.
.
.
.
!
da cui si ha:
|
.
.
.

.
.
.
'
f (e
1
) = 6e
1
+ e
2
+ e
3
f (e
2
) = 9e
1
+ 3e
3
f (e
3
) = 3e
1
+ e
2
2e
3
,
quindi la matrice cercata :
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
6 9 3
1 0 1
1 3 2
\
.
.
.
.
.
.
!
.
17.3 Cambiamenti di base e applicazioni lineari
Per la lettura di questo paragrafo si deve fare costante riferimento al Paragrafo 11.3 sul cambiamento di base in uno
spazio vettoriale. Si vogliono, infatti, determinare le relazioni che intercorrono tra tutte le matrici associate alla
stessa applicazione lineare, costruite cambiando base sia nel dominio sia nel codominio. Dal paragrafo precedente
segue che, dati due spazi vettoriali V e W , entrambi costruiti su , supponendo che dimV = n e data J =
(v
1
, v
2
, . . . , v
n
) base di V , supponendo inoltre che dimW = m e data ( = (w
1
, w
2
, . . . , w
m
) base di W , la matrice
associata ad f , rispetto a J e a ( A = M
J,(
( f ) e
m,n
. Detta X e
n,1
la matrice delle componenti di un
generico vettore x di V , rispetto alla base J, la matrice Y delle componenti di f (x), rispetto a ( data da:
Y = AX (17.9)
.
Dipartimento di Matematica
194 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
Si inizia con leffettuare un cambiamento di base in V . Sia J

= (v

1, v

2, . . . , v

n
) una nuova base di V , allora
la matrice X

e
n,1
delle componenti del vettore x, rispetto alla base J

si ottiene mediante le equazioni del


cambiamento di base:
X = PX

, (17.10)
dove P indica la matrice invertibile di ordine n del cambiamento di base da J in J

.
Si effettua anche un cambiamento di base in W . Sia (

= (w

1, w

2, . . . , w

m
) una nuova base di W , allora le
componenti del vettore f (x), rispetto alla base (

sono date da:


Y = QY

, (17.11)
dove Q indica la matrice invertibile di ordine m del cambiamento di base da ( a (

in W . Di conseguenza,
indicata con A

la matrice A

= M
J

,(

( f ) e
m,n
associata ad f , rispetto alle basi J

e (

, le equazioni di f ,
rispetto a tali basi, sono:
Y

= A

. (17.12)
Scopo di questo paragrafo quello di individuare la relazione che intercorre tra A e A

. Sostituendo le equazioni
(17.10) e (17.11) in (17.9) si ha:
QY

= APX

ossia:
A

= Q
1
AP (17.13)
che stabilisce la relazione cercata tra le innite matrici associate ad f .
Nel caso particolare di un endomorsmo f : V V ed effettuando un solo cambiamento di base, la (17.13) si
riduce a:
A

= P
1
AP. (17.14)
Le matrici associate allendomorsmo f , calcolate rispetto alla stessa base nel dominio e nel codominio, sono in
relazione tra loro mediante la (17.14), e prendono il nome di matrici simili. Per esse vale il seguente teorema la
cui dimostrazione lasciata per esercizio.
Teorema 17.3 Matrici simili hanno:
1. lo stesso determinante,
2. la stessa traccia.
Esercizio 17.3 In
4
sono dati i vettori: v
1
= (1, 2, 0, 1), v
2
= (1, 0, 1, 0), v
3
= (1, 0, 0, 2), v
4
= (0, 1, 0, 1),
dopo aver vericato che costituiscono una base ( di
4
, si consideri lendomorsmo g cos denito:
g(v
1
) = v
1
, g(v
2
) = 2v
1
+ v
2
, g(v
3
) = v
2
+ v
3
, g(v
4
) = v
3
.
Si scrivano le matrici associate a g sia rispetto alla base ( sia rispetto alla base canonica J di
4
.
Soluzione: La matrice P, ottenuta mettendo in colonna le componenti dei vettori di (, la matrice del cambia-
mento di base da J a ( solo se ha rango 4, infatti si ha che:
P =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 1 1 0
2 0 0 1
0 1 0 0
1 0 2 1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
e det P = 1. La matrice associata a g rispetto alla base ( :
A

= M
(,(
(g) =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 2 0 0
0 1 1 0
0 0 1 1
0 0 0 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
Da (17.14) segue che la matrice A associata a g, rispetto alla base canonica J di
4
, si ottiene dal prodotto:
A = PA

P
1
.
Universit di Torino
Capitolo 17 Applicazioni Lineari 195
17.4 Immagine e controimmagine di sottospazi vettoriali
Sia f : V W unapplicazione lineare tra due spazi vettoriali V e W entrambi deniti su . In questo paragrafo
vogliamo studiare limmagine mediante f di un generico sottospazio vettoriale 1 di V e la controimmagine
mediante f di un generico sottospazio 7 di W . Iniziamo con il seguente teorema.
Teorema 17.4 Sia 1 , V un sottospazio vettoriale di V allora linsieme f (1) denito da:
f (1) = y e W | x e 1, f (x) = y
un sottospazio vettoriale di W .
La dimostrazione lasciata per esercizio.
Pi precisamente, se dimV = n, supponiamo che dim1 = h s n. Sia (a
1
, a
2
, . . . , a
h
) una base di 1, allora
ogni vettore x di 1 si esprime come: x = x
1
a
1
+ x
2
a
2
+ . . . + x
h
a
h
, con x
1
, x
2
, . . . , x
h
e . Di conseguenza:
f (x) = x
1
f (a
1
) +x
2
f (a
2
) +. . . +x
h
f (a
h
) da cui segue che i vettori f (a
1
), f (a
2
), . . . , f (a
h
) sono generatori di f (1),
in altri termini:
dim f (1) s h.
Esercizio 17.4 Sia f :
3

4
lapplicazione lineare denita da:
f (x
1
, x
2
, x
3
) = (x
1
+ x
2
, 2x
1
+ x
2
+ x
3
, x
1
+ x
3
, x
2
x
3
),
calcolare una base e la dimensione di f (1), dove:
1 = (x
1
, x
2
, x
3
) e
3
| x
1
+ x
2
+ x
3
= 0.
Soluzione: Si verica che dim1 = 2 e una base di 1 data da (a = (1, 0, 1), b = (0, 1, 1)), pertanto f (1)
generato da ( f (a) = (1, 1, 0, 1), f (b) = (1, 0, 1, 1)). Si vede che si tratta di due vettori l.i., pertanto costituiscono
una base di f (1) e dim f (1) = 2.
Data lapplicazione lineare f : V W , come caso particolare del precedente si pu considerare il sottospazio di
W dato da f (V), che comporta la seguente:
Denizione 17.2 Si denisce sottospazio immagine e si indica con imf il sottospazio f (V) di W .
In modo naturale si ha il seguente:
Teorema 17.5 Unapplicazione lineare f : V W suriettiva se e solo se imf = W .
Se dimV = n e J = (v
1
, v
2
, . . . , v
n
) una sua base, allora segue che
imf = [( f (v
1
), f (v
2
), . . . , f (v
n
))
quindi:
dimimf s dimV.
Se dimW = m e ( = (w
1
, w
2
, . . . , w
m
) una base di W , indicata con A la matrice di
m,n
associata ad f rispetto
alle basi J e (, dal Paragrafo 17.2 segue che:
dimimf = dim((A) = rank(A),
dove ((A) indica lo spazio delle colonne della matrice A. Vale anche levidente ma importante:
Teorema 17.6 Tutte le matrici associate alla stessa applicazione lineare hanno le stesso rango. In particolare
matrici simili hanno lo stesso rango.
Dipartimento di Matematica
196 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
Osservazione 17.1 Non esiste alcuna applicazione lineare suriettiva da
2
in
3
. Perch?
Esercizio 17.5 Si calcoli imf dove f :
3

4
lapplicazione lineare denita nellEsercizio 17.4.
Soluzione: La matrice associata ad f (rispetto alle basi canoniche di
3
e di
4
) :
A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 1 0
2 1 1
1 0 1
0 1 1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
;
riducendo A per colonne si ottiene:
A

C
2
C
1
C
2
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 0 0
2 1 1
1 1 1
0 1 1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!

C
3
C
2
C
3
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 0 0
2 1 0
1 1 0
0 1 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
quindi rank(A) = 2 e anche dimimf = 2, una base di imf data dalle due colonne non nulle della matrice ridotta
per colonne, ossia imf = [((1, 2, 1, 0), (0, 1, 1, 1)).
Occupiamoci ora del problema analogo relativo ad un sottospazio 7 di W. Si ha:
Teorema 17.7 Sia f : V W unapplicazione lineare tra i due spazi vettoriali V e W . La controimmagine di
un sottospazio vettoriale 7 di W denita da:
f
1
(7) = x e V | f (x) e 7
un sottospazio vettoriale di V .
Dimostrazione: un facile esercizio. Si faccia per molta attenzione a non confondere la notazione f
1
(7) con
f
1
che, come si vedr in seguito, indica linversa di f , ma f
1
non sar denita per ogni f .
Osservazione 17.2 Pu succedere che la controimmagine di un sottospazio vettoriale sia linsieme vuoto? In quali
casi tale controimmagine coincide con tutto il dominio? Invece quasi evidente che f
1
(7) = f
1
(7| imf ).
Esercizio 17.6 Data lapplicazione lineare f :
3

4
denita come:
f (x
1
, x
2
, x
3
) = (x
1
+ x
2
, 2x
1
+ x
2
+ x
3
, x
1
+ x
3
, x
2
x
3
)
si calcoli la controimmagine del sottospazio vettoriale 7 di
4
:
7 = (y
1
, y
2
, y
3
, y
4
) | y
1
+ y
2
= 0.
Soluzione: 7 dato da:
7 = (t
1
, t
1
, t
2
, t
3
) | t
1
, t
2
, t
3
e
quindi le componenti dei vettori x e
3
la cui immagine appartiene a 7 sono le soluzioni dellequazione vettoriale
AX = Y , con A matrice associata ad f (rispetto alle basi canoniche di
3
e di
4
) e Y componenti del generico
vettore di 7.
Nel nostro caso si ha:
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 1 0
2 1 1
1 0 1
0 1 1
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
t
1
t
1
t
2
t
3
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!

R
2
2R
1
R
2
R
3
R
1
R
3
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 1 0
0 1 1
0 1 1
0 1 1
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
t
1
3t
1
t
1
t
2
t
3
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!

R
3
R
2
R
3
R
4
R
2
R
4
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 1 0
0 1 1
0 0 0
0 0 0
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
t
1
3t
1
2t
1
+t
2
3t
1
t
3
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
Universit di Torino
Capitolo 17 Applicazioni Lineari 197
da cui si ottiene che il sistema compatibile se e solo se:
_
t
2
= 2t
1
t
3
= 3t
1
Si controlli per esercizio che tali condizioni coincidono con la denizione di 7 | imf . Risolvendo il sistema
lineare si ottiene:
|
.
.
.

.
.
.
'
x
1
= t
1

x
2
=
x
3
= 3t
1
+ , !, t
1
e
da cui segue:
f
1
(7) = [((1, 1, 1), (1, 0, 3)).
Si osservi che, in alternativa, in questo caso, si poteva pervenire allo stesso risultato sostituendo nellequazione di
7 : y
1
+ y
2
= 0 le equazioni dellapplicazione lineare relative: y
1
= x
1
+ x
2
e y
2
= 2x
1
+ x
2
+ x
3
, da cui segue:
3x
1
+ 2x
2
+ x
3
= 0
che lequazione di f
1
(7).
Estremamente importante il caso particolare della controimmagine del sottospazio 0
W
del codominio, da cui
segue la denizione:
Denizione 17.3 Il nucleo di unapplicazione lineare f : V W il sottospazio vettoriale di V controimmagine
del sottospazio 0
W
del codominio W e si indica con:
ker f = x e V | f (x) = 0
W
.
Osservazione 17.3 Il fatto che ker f sia un sottospazio vettoriale di V segue dal Teorema 17.7
Esempio 17.19 Nel caso dellidentit, denita nellEsempio 17.1, ker f = 0 e imf = V
Esempio 17.20 Nel caso dellapplicazione nulla, denita nellEsempio 17.2, ker f = V e imf = 0.
Esempio 17.21 Nel caso dellapplicazione lineare denita nellEsempio 17.6 ker f il piano perpendicolare al
vettore a mentre imf = .
Il calcolo del sottospazio imf costituisce un test per valutare leventuale suriettivit dellapplicazione lineare in
questione. Lo studio di ker f , invece, legato alliniettivit di f , e precisamente:
Teorema 17.8 Sia f : V W unapplicazione lineare tra gli spazi vettoriali V e W , f iniettiva se e solo se
ker f = 0
V
.
Dimostrazione: Se ker f = 0
V
, si tratta di dimostrare che f iniettiva, ossia che se f (x) = f (y), con x, y e V
allora x = y. Ma da f (x) = f (y) segue x y = 0
V
da cui la tesi.
Viceversa, se f iniettiva e se si suppone, per assurdo, che esista un vettore x e ker f , x = 0 allora f (x) =
f (0
V
) = 0
W
, che assurdo .
Per il calcolo esplicito di ker f , consideriamo la matrice A associata allapplicazione lineare f : V W , rispetto
alle basi J = (v
1
, v
2
, . . . , v
n
) di V e ( = (w
1
, w
2
, . . . , w
m
) di W . Per denizione un vettore x appartiene a ker f
se f (x) = 0
W
, che, usando le equazioni dellapplicazione lineare f equivale a:
AX = 0 (17.15)
dove X indica le componenti di x rispetto alla base J, quindi calcolare ker f equivale a risolvere il sistema lineare
omogeneo (17.15). Dal Teorema 11.18 segue:
dimker f = dimV rank(A).
Dipartimento di Matematica
198 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
Esempio 17.22 Calcoliamo ker f nel caso dellapplicazione lineare introdotta nellEsercizio 17.7. Riducendo per
righe la matrice associata ad f si ha:
A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 1 0
2 1 1
1 0 1
0 1 1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!

R
2
2R
1
R
2
R
3
R
1
R
3
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 1 0
0 1 1
0 1 1
0 1 1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!

R
3
R
2
R
3
R
4
R
2
R
4
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 1 0
0 1 1
0 0 0
0 0 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
da cui si ottiene che rank(A) = 2 = dimimf , mentre dimker f = 1 = 3 2. Risolvendo il sistema lineare
omogeneo ridotto associato alla matrice ridotta per righe segue che: ker f = [((1, 1, 1)). Si osservi che, per
determinare esplicitamente imf , si deve ridurre la matrice A per colonne.
Esercizio 17.7 Sia f :
3

3
lendomorsmo denito da:
|
.
.
.

.
.
.
'
f (e
1
) = 2e
1
f (e
2
) = e
1
+ e
2
+ e
3
f (e
3
) = e
1
+ e
2
e
3
,
con J = (e
1
, e
2
, e
3
) base canonica di
3
. Calcolare ker f e imf .
Soluzione: La matrice associata ad f , rispetto alla base canonica J di
3
:
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
2 1 1
0 1 1
0 1 1
\
.
.
.
.
.
.
!
.
Poich det A = 4, il rango di A 3, quindi dimimf = 3, ossia imf =
3
e dimker f = 0, quindi ker f = 0.
Il lemma che segue stabilisce che condizione equivalente alliniettivit dellapplicazione lineare che la dimensio-
ne dellimmagine di ogni sottospazio vettoriale coincida con la dimensione del sottospazio stesso. Infatti:
Lemma 17.1 Lapplicazione lineare f : V W iniettiva se e solo se limmagine di ogni insieme libero un
insieme libero.
Dimostrazione: Sia f : V W iniettiva e sia a
1
, a
2
, . . . , a
k
un insieme di vettori l.i., si tratta di dimostrare
che linsieme f (a
1
), f (a
2
), . . . , f (a
k
) libero. La tesi segue dalla denizione di vettori l.i. e dal Teorema 17.8.
Viceversa, dal fatto che f (x) = 0
V
se x = 0 segue che necessariamente ker f = 0
V
, da cui la tesi .
Denizione 17.4 Unapplicazione lineare f : V W che sia biiettiva prende il nome di isomorsmo tra V e
W . Se possibile denire un isomorsmo tra due spazi vettoriali questi si dicono isomor.
Il teorema che segue stabilisce una relazione tra le dimensioni di ker f e di V e il rango della matrice associata
allapplicazione lineare f da cui si ottiene unaltra dimostrazione del Teorema del Rango 11.14.
Teorema 17.9 (Il Teorema del Rango.) Sia f : V W unapplicazione lineare, allora:
dimker f + dimimf = dimV.
Si osservi che dimker f = dimA(A) = n dimF(A), con A matrice associata ad f e A(A) il nullspace di A e
dimimf = dim((A), da cui segue che dimF(A) = dim((A), vale a dire il Teorema del Rango, 11.14.
Dimostrazione: Supponiamo che dimV = n e dimker f = h s n. Se h = 0 e se h = n il teorema dimostrato.
(Perch?) Supponiamo h < n e sia (a
1
, a
2
, . . . , a
h
) una base di ker f . Per il Teorema 11.9 completiamo tale
insieme di vettori no ad ottenere una base di V : (a
1
, . . . , a
h
, b
1
, . . . , b
nh
). Consideriamo il sottoinsieme di W :
( = ( f (b
1
), f (b
2
), . . . , f (b
nh
)), la tesi segue se si dimostra che ( una base di imf .
Universit di Torino
Capitolo 17 Applicazioni Lineari 199
Iniziamo con il dimostrare che ( un insieme di generatori di imf . Sia x un vettore di V , come tale si ha:
x = x
1
a
1
+ . . . + x
h
a
h
+ x
h+1
b
1
+ . . . + x
n
b
nh
,
da cui:
f (x) = x
1
f (a
1
) + . . . + x
h
f (a
h
) + x
h+1
f (b
1
) + . . . + x
n
f (b
nh
) = x
h+1
f (b
1
) + . . . + x
n
f (b
nh
)
poich i vettori a
i
appartengono a ker f , quindi ( un sistema di generatori di imf .
Per lindipendenza lineare si ha:

1
f (b
1
) + . . . +
nh
f (b
nh
) = 0
W
ossia:
f (
1
b
1
+ . . . + +
nh
b
nh
) = 0
W
da cui segue che il vettore
1
b
1
+. . . ++
nh
b
nh
appartiene a ker f , come tale si pu scrivere come c.l. della base
(a
1
, a
2
, . . . , a
h
) di ker f , dallespressione esplicita di tale combinazione lineare e dal fatto che (a
1
, . . . , a
h
, b
1
, . . . , b
nh
)
una base di V segue la tesi .
Nel caso particolare di un endomorsmo di V , tutti i risultati man mano ottenuti si possono riassumere nel seguente
teorema, la cui dimostrazione lasciata per esercizio.
Teorema 17.10 Sia f : V V un endomorsmo di uno spazio vettoriale reale V , allora:
1. f un isomorsmo se e solo se ker f = 0
V
.
2. f un isomorsmo se e solo se imf = V .
Lultimo teorema di questo paragrafo stabilisce la condizione necessaria e sufciente afnch due spazi vettoriali
siamo isomor:
Teorema 17.11 Due spazi vettoriali sono isomor se e solo se essi hanno la stessa dimensione.
Dimostrazione: Il fatto che due spazi vettoriali isomor abbiamo la stessa dimensione segue in modo evidente dai
teoremi precedenti.
Viceversa, consideriamo due spazi vettoriali V e W tali che dimV = dimW = n, il teorema segue se siamo in
grado di denire un isomorsmo tra di essi. Siano J = (v
1
, v
2
, . . . , v
n
) e ( = (w
1
, w
2
, . . . , w
n
) basi di V e di
W rispettivamente. Deniamo f : V W ponendo f (v
1
) = w
1
, . . . , f (v
n
) = w
n
, f lisomorsmo cercato. I
dettagli della dimostrazione sono lasciati al Lettore .
Esempio 17.23 Il cambiamento di base in uno spazio vettoriale (descritto nel Paragrafo 11.3) un esempio di
automorsmo dello spazio vettoriale stesso. Si lascia per esercizio la sua descrizione esplicita e il calcolo della
matrice ad esso associata.
17.5 Operazioni tra applicazioni lineari
In questo paragrafo si inizia con il dimostrare che linsieme:
[(V, W) = f : V W | f unapplicazione lineare
uno spazio vettoriale su . Infatti, date f , g e [(V, W), si denisce somma di f e di g la funzione data da:
( f + g)(x) = f (x) + g(x), !x e V,
f + g ancora un elemento di [(V, W), la verica lasciata per esercizio.
Dipartimento di Matematica
200 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
Si dimostra anche facilmente che, per la somma di applicazioni lineari appena denita, valgono le proriet commu-
tativa ed associativa. Esiste, inoltre, lelemento neutro dato dallapplicazione lineare nulla denita nellEsempio
17.2 e lapplicazione lineare opposta di f e [(V, W), data da: (f )(x) = f (x), !x e V .
In modo altrettanto naturale, possibile denire il prodotto di una funzione per un numero reale f e [(V, W)
come:
(f )(x) = f (x), !x e V, ! e .
Si verica che tale prodotto ancora unapplicazione lineare per cui valgono le quattro propriet di denizione di
prodotto di un numero reale per un vettore (la verica un facile esercizio). Segue che [(V, W) un esempio di
spazio vettoriale su .
Siano dimV = n e J = (v
1
, v
2
, . . . , v
n
) base di V e dimW = m e ( = (w
1
, w
2
, . . . , w
m
) base di W . Siano
A = M
J,(
( f ) e
m,n
la matrice associata a f e B = M
J,(
(g) e
m,n
la matrice associata a g; un esercizio
dimostrare che A + B la matrice associata a f + g, rispetto alle basi J e (. Inoltre A la matrice associata a
f . Viene cos denita, in modo naturale, la funzione:
: [(V, W)
m,n
tale che ( f ) = A, ossia la funzione che associa ad ogni applicazione lineare f la sua matrice (rispetto alle
basi J e ( del dominio e del codominio).
un esercizio vericare che un isomorsmo, quindi, segue dal Teorema 17.11 che
dim[(V, W) = mn.
Occupiamoci ora della composizione di due applicazioni lineari opportunamente denite. Sia f : V W unap-
plicazione lineare, ponendo dimV = n e J = (v
1
, v
2
, . . . , v
n
) una base di V , dimW = m e ( = (w
1
, w
2
, . . . , w
m
)
una base di W, indichiamo con A e
m,n
la matrice associata ad f rispetto alle basi J e (. Sia g : W Z
unaltra applicazione lineare, posto dimZ = p e 1 = (w
1
, w
2
, . . . , w
p
) una base di Z, indichiamo con B e
p,m
la matrice associata a g rispetto alle basi ( e 1. La funzione:
g f : V Z | (g f )(x) = g( f (x)), !x e V
prende il nome di composizione delle applicazioni lineari f e g. un facile esercizio vericare che g f unap-
plicazione lineare. Procediamo, quindi, al calcolo della matrice ad essa associata. Le equazioni dellapplicazione
lineare f sono Y = AX, dove X indica la matrice colonna di
n,1
delle componenti del generico vettore x di V
e Y indica la matrice colonna di
m,1
delle componenti di f (x). Calcolando limmagine di f (x) mediante g si
ottiene Z = BY dove Z indica la matrice colonna di
p,1
delle componenti di g( f (x)), sostituendo si ha:
Z = BY = BAX,
quindi la matrice C e
p,n
associata a g f , rispetto alle basi J e 1 data dal prodotto:
C = BA.
Questo risultato costituisce unaltra giusticazione della denizione di prodotto di matrici (righe per colonne)
introdotto nel Capitolo 3
Esercizio 17.8 Si considerino gli spazi vettoriali
2
,
3
,
4
riferiti alle rispettive basi canoniche J, J

, J

.
Date le applicazioni lineari:
f :
3

2
, A = M
J

,J
( f ) = _
1 1 2
1 2 3
,
g :
4

2
, B = M
J

,J
(g) = _
3 4 3 0
5 9 4 1
,
determinare, se esiste, unapplicazione lineare h :
4

3
tale che f h = g.
Universit di Torino
Capitolo 17 Applicazioni Lineari 201
Soluzione: Allapplicazione lineare h (rispetto alla basi canoniche del dominio e del codominio) si associa una
matrice X e
3,4
, tale che AX = B. Si tratta, quindi, di risolvere lequazione matriciale cos ottenuta usamdo i
metodi insegnati nel Capitolo 3.
Nel caso particolare di [(V, V), ossia dello spazio vettoriale degli endomorsmi di V (a volte anche indicato con
End(V)), la composizione unoperazione interna, per cui vale la propriet associativa, esiste lelemento neutro
(lapplicazione lineare identica) ma non vale la propriet commutativa. Da nozioni elementari di algebra segue
che una funzione invertibile se e solo se una biiezione. Supponiamo che f e End(V) sia una biiezione, esiste,
allora la funzione inversa f
1
di f denita come lunica funzione per cui: f
1
f = f f
1
= i , con i identit di
V . Si ha:
Teorema 17.12 Se f un endomorsmo di V invertibile, anche f
1
un endomorsmo di V .
Dimostrazione: un esercizio lasciato al Lettore.
Dal fatto che la matrice associata alla composizione di due applicazioni lineari sia il prodotto delle matrici asso-
ciate alle due applicazioni (scegliendo opportunamente le basi) segue che allapplicazione lineare inversa di f sia
associata la matrice inversa a quella associata ad f (rispetto alla stessa scelta di basi in V ). Si noti lassoluto accor-
do tra risultati noti sullesistenza dellinversa di una matrice quadrata (rango massimo) e sullesistenza dellinverso
di un endomorsmo (biiettivit quindi rango massimo della matrice associata).
Esempio 17.24 Sia R[] : V
2
V
2
la rotazione, in senso antiorario di angolo di ogni vettore x del piano
V
2
. Dal cambiamento di basi ortonormali noto che la matrice di tale applicazione lineare, rispetto ad una base
ortonormale J = (i, j), :
A() = _
cos sin
sin cos
, (17.16)
mentre le equazioni di R[], che applicata ad un vettore x = xi + yj fornisce il vettore R[](x) = x

i + y

j, sono:
_
x

= cos x sin y
y

= sin x + cos y
(17.17)
Si lascia per esercizio la verica del fatto che la composizione delle rotazioni: R[] e R[], rispettivamente di
angoli e la rotazione R[ + ]. Analogamente linversa della rotazione R[] la rotazione R[].
Dipartimento di Matematica
Capitolo 18
Diagonalizzazione
Questo capitolo di importanza fondamentale per le sue svariate applicazioni in matematica e in sica. Si vuo-
le determinare, nel caso di un endomorsmo, tra tutte le innite matrici ad esso associate almeno una matrice
particolarmente semplice: una matrice diagonale. In altri termini si vuole determinare una base opportuna dello
spazio vettoriale V , su cui lendomorsmo denito, rispetto alla quale la matrice ad esso associata sia diagona-
le. Purtroppo questo scopo non pu essere sempre raggiunto, come inizieremo a mettere in evidenza con alcune
denizioni ed esempi.
18.1 Autovalori, Autovettori, Autospazi
Iniziamo con lintrodurre una denizione fondamentale per lo scopo che ci siamo proposti.
Denizione 18.1 Sia f : V V un vettore x = 0 (0 il vettore nullo di V ) si dice autovettore di f se esiste
uno scalare e tale che:
f (x) = x, (18.1)
si dice autovalore relativo allautovettore x.
Osservazione 18.1 evidente dalla denizione di autovettore la necessit di scegliere x diverso dal vettore nullo
di V , infatti 0 = 0 per ogni e .
Anteponiamo due facili propriet agli esempi, per poter meglio capire la denizione appena enunciata.
Teorema 18.1 Sia x un autovettore dellendomorsmo f di V , allora lautovalore ad esso relativo unico.
Dimostrazione: Per assurdo siano =

due autovalori di x, allora: f (x) = x =

x da cui (

)x = 0,
quindi segue la tesi .
Teorema 18.2 Sia un autovalore di un endomorsmo f di V , tutti gli autovettori relativi a insieme con il
vettore nullo di V costituiscono un sottospazio vettoriale di V , indicato esplicitamente come:
V

= x e V | f (x) = x (18.2)
detto autospazio relativo allautovalore .
Dimostrazione: un facile esercizio che segue dalla Denizione 10.1 di sottospazio vettoriale .
Esempio 18.1 Lidentit i : V V , denita in 17.1, ammette solo lautovalore 1, lautospazio V
1
coincide con
V . Si osservi che la matrice ad essa associata la matrice unit, che una matrice diagonale avente 1 (lautovalore)
sulla diagonale principale.
202
Capitolo 18 Diagonalizzazione 203
Esempio 18.2 Lapplicazione lineare nulla, denita nellEsempio 17.2, ammette solo lautovalore 0, lunico au-
tospazio V
0
coincide con V . Anche in questo caso si osservi che la matrice nulla ad essa associata diagonale e
sulla diagonale principale ha lautovalore 0.
Esempio 18.3 Sia f un qualsiasi endomorsmo non iniettivo. Dal Teorema 24.1 si ha che ker f = 0, per
denizione di nucleo, allora, f ammette lautovalore 0 e lautospazio ad esso relativo V
0
coincide con ker f .
Viceversa, se f iniettivo, allora ker f = 0, quindi non esiste lautovalore 0 per f .
Esempio 18.4 Sia f : V
3
V
3
lapplicazione lineare cos denita: f (x) = (x u)u con u versore ssato nello
spazio dei vettori ordinari V
3
. Si vede che f (x) = 0 solo se x un vettore perpendicolare a u. Quindi esiste
lautovalore 0 e lautospazio ad esso relativo V
0
= ker f che coincide con il piano vettoriale ortogonale ad u.
Daltra parte, lunica altra possibilit per avere f (x) = x f (x) = x, che si ottiene solo se x parallelo ad u,
pertanto esiste anche lautovalore 1 e lautospazio V
1
= [(u). Si osservi che:
V
0
qV
1
= V
3
.
Esempio 18.5 A titolo di esempio, procediamo con il calcolo degli eventuali autovalori della rotazione, in senso
antiorario, di angolo nel piano, (cfr. Esempio 17.24) vale a dire alla trasformazione lineare R[] : V
2
V
2
le
cui equazioni sono:
_
x

= cos x sin y
y

= sin x + cos y.
Se e un autovalore di R[] ed x un autovettore ad esso relativo, allora R[](x) = x ossia:
_
cos x sin y = x
sin x + cos y = y.
Risolvendo il sistema lineare omogeneo precedente si ottiene che esistono soluzioni non nulle se e solo se il rango
della matrice dei coefcienti:
_
cos sin
sin cos

1, ossia se il determinante di tale matrice nullo, in altri termini, se e solo se:

2
2 cos + 1 = 0
ossia se e solo se cos = 1, da cui segue che solo le rotazioni di angolo 0 e ammettono autovalori, ma
tali rotazioni coincidono con lidentit, gi studiata in un esempio precdente, e con la rotazione di angolo di
equazioni
_
x

= x
y

= y
che ammette solo lautovalore 1 perch denita da f (x) = x, !x e V
2
.
Prima di procedere al calcolo degli autovalori e degli autovettori nel caso generale, procedimento che generalizza
lesempio appena esposto, citiamo una conseguenza importante delle denizioni date.
Teorema 18.3 La somma degli autospazi diretta. In altri termini, indicati con
1
,
2
, . . . ,
k
gli autovalori di f ,
allora:
V

1
qV

2
q . . . qV

k
.
Si osservi che il teorema appena enunciato afferma solo che V

1
qV

2
q. . . qV

k
, V , lo studio delluguaglianza
tra questi due insiemi sar oggetto di un prossimo paragrafo.
Dimostrazione: Proponiamo solo la dimostrazione nel caso di due autospazi, il caso generale conseguenza del
lemma trascritto di seguito la cui dimostrazione rimandata al Capitolo 19.
Dimostrare che V

1
qV

2
equivale a provare che V

1
|V

2
= 0, (cfr. Teorema 10.4), infatti, se per assurdo esiste
x e V

1
|V

2
, x = 0, allora f (x) =
1
x =
2
x da cui segue (
1

2
)x = 0, quindi
1
=
2
.
Dipartimento di Matematica
204 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
Lemma 18.1 Siano
1
,
2
, . . . ,
k
autovalori distinti di un endomorsmo f : V V e siano V

1
, V

2
, . . . , V

k
gli autospazi ad essi corrispondenti. Scelti in modo arbitrario gli autovettori x
1
, x
2
, . . . , x
k
, uno per ciascuno del
corrispondente autospazio, allora linsieme J = x
1
, x
2
, . . . , x
k
libero.
Infatti dal Lemma appena citato segue che la somma degli autospazi necessariamente diretta. Preso x in V

1
q
V

2
q . . . qV

k
, supponiamo, per assurdo, che ammetta due decomposizioni diverse del tipo:
x = x
1
+ x
2
+ . . . + x
k
= y
1
+ y
2
+ . . . + y
k
dove x
i
, y
i
e V

i
, i = 1, . . . , k, allora si ha che:
(x
1
y
1
) + (x
2
y
2
) + . . . + (x
k
y
k
) = 0
in evidente contrasto con lenunciato del Lemma .
18.2 Determinazione degli autovalori e degli autospazi
Sia f : V V un endomorsmo di V , supponiamo che dimV = n e che J = (v
1
, v
2
, . . . , v
n
) sia una sua base.
Indicate con A e
n,n
la matrice associata ad f rispetto alla base J e con X e
n,1
la matrice delle componenti
di un vettore x di V rispetto alla base J, la formula (18.1) si traduce, in componenti, nella relazione:
AX = X
vale a dire in:
(A I)X = 0 (18.3)
dove I e
n,n
indica la matrice unit e 0 e
n,1
la matrice nulla. Dalla teoria dei sistemi lineari omogenei
descritta nel Paragrafo 1.2.1, segue che il sistema lineare omogeneo (18.3) ammette soluzioni non nulle se e solo
se rank(A I) < n, ossia se e solo se:
det(A I) = 0. (18.4)
Si perviene allo stesso risultato, riscrivendo (18.1) come:
( f i)(x) = 0
(facendo uso delle denizioni di somma e di prodotto per scalari di endomorsmi introdotte nel Paragrafo 17.5),
dove i indica lapplicazione identica di V , pertanto gli autovettori di f , relativi allautovalore , coincidono con
gli elementi di ker( f i).
Procediamo alla studio dettagliato dellequazione (18.4) che prende il nome di polinomio caratteristico della
matrice A o dellendomorsmo f . Iniziamo con la sua determinazione nel caso particolare delle matrici quadrate
di ordine 2, ossia nel caso di endomorsmi di uno spazio vettoriale di dimensione 2. Si osservi che, afnch queste
affermazioni abbiano senso, ci si aspetta di dimostrare che tutte le matrici associate allo stesso endomorsmo (le
matrici simili) hanno lo stesso polinomio caratteristico.
Esempio 18.6 Sia
A = _
a
11
a
12
a
21
a
22
e
2,2
,
calcoliamo il suo polinomio caratteristico ponendo:
det(A I) =
.
.
.
.
.
.
.
.
.
a
11
a
12
a
21
a
22

.
.
.
.
.
.
.
.
.
= 0
da cui segue:
det(A I) =
2
trA + det A = 0.
Universit di Torino
Capitolo 18 Diagonalizzazione 205
Nel caso di una matrice quadrata di ordine n, si ottiene che:
det(A I) = (1)
n

n
+ (1)
n1
tr A
n1
+ . . . + det A = O (18.5)
infatti:
1. trattandosi del calcolo del determinante di A I , matrice quadrata di ordine n, ciascun termine di tale
determinante il prodotto di n termini appartenenti a righe e colonne diverse (cfr. Capitolo 3), quindi il
poninomio in che si ottiene avr necessariamente grado n.
2. Il termine di grado massimo si ha solo dal prodotto degli elementi sulla diagonale principale: (a
11
)(a
22

) . . . (a
nn
), quindi il coefciente di tale termine deve essere (1)
n
.
3. Anche il termine di grado n1 si ottiene solo dal prodotto degli elementi della diagonale principale (provare,
per esempio, a fare il calcolo esplicito nel caso particolare delle matrici quadrate di ordine 3), abbastanza
facile notare che il suo coefciente deve essere (1)
n1
tr A.
4. Il termine noto si ottiene ponendo = 0, quindi deve essere det A. Allora lequazione (18.4) ammette la
soluzione 0 se e solo se det A = 0, in assoluto accordo con ci che era gi stato osservato: esiste lautovalore
nullo se e solo se ker f = 0.
5. Per il Teorema Fondamentale dellAlgebra in cui si afferma che ogni polinomio di grado n, a coefcienti
complessi, ammette n radici, segue che ogni matrice A e
n,n
ammette al pi n autovalori.
6. Se unequazione, a coefcienti reali, ammette una radice complessa, allora ammette anche una seconda rdice
complessa che la coniugata della precedente (si pensi alla formula risolutiva delle equazioni di secondo
grado), pertanto una matrice reale quadrata di ordine pari pu non ammettere autovalori (non si dimentichi
che si sta solo trattando il caso degli spazi vettoriali reali), mentre una matrice reale quadrata di ordine dispari
ammette almeno un autovalore.
Esempio 18.7 Se si considera ad esempio la matrice quadrata di ordine 2:
A = _
2 2
1 1
,
si ha che il suo polinomio caratteristico
det(A I) =
2
3 + 4
e quindi non ha radici reali.
Esempio 18.8 Sia f :
4

4
lendomorsmo che, rispetto alla base canonica di
4
, associato alla matrice:
A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
2 0 0 0
0 2 6 6
0 0 3 3
0 0 2 2
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
,
vogliamo calcolare gli autovalori e gli autospazi di f (o, il che lo stesso, di A).
Si inizia con il calcolo del determinante:
det(A I) =
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
2 0 0 0
0 2 6 6
0 0 3 3
0 0 2 2
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
e si ha:
det(A I) = ( 1)( + 2)
2
= 0
Dipartimento di Matematica
206 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
da cui si ottengono tre autovalori:
1
= 0,
2
= 1,
3
= 2. Ci si aspetta, quindi, di ottenere tre autospazi. Si
procede al loro calcolo uno alla volta.
V

1
coincide con ker f , che si ottiene riducendo per righe la matrice A. Si lasciano i dettagli per esercizio, si
ottiene rank(A) = 3, quindi dimker f = dimV

1
= 1 e V

1
= [((0, 0, 1, 1)).
Per
2
= 1 si ottiene:
A I =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
3 0 0 0
0 3 6 6
0 0 2 3
0 0 2 3
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
,
con rank(A I) = 3 e quindi risolvendo il sistema lineare omogeneo corrispondente allequazione matriciale
(A I)X = 0 si ottiene
V

2
= [((0, 2, 3, 2)).
Nel caso di
3
= 2 si ha:
A + 2I =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 0 0 0
0 0 6 6
0 0 5 3
0 0 2 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
,
con rank(A + 2I) = 2 e quindi:
V

3
= [((1, 0, 0, 0), (0, 1, 0, 0)).
Dimostriamo ora il teorema gi annunciato, vale a dire: matrici simili hanno lo stesso polinomio caratteristico,
infatti si ha:
Teorema 18.4 Sia f un endomorsmo di uno spazio vettoriale V di dimesione n. Il polinomio caratteristico non
dipende dalla base di V scelta per la sua determinazione.
Dimostrazione: Si ottiene la tesi provando che:
det(A I) = det(P
1
AP I)
con A matrice quadrata di ordine n, P matrice invertibile di ordine n, I matrice unit di ordine n. Usando le
propriet del prodotto di matrici, la formula di Binet e il calcolo del determinante dellinversa di una matrice si ha:
det(P
1
AP I) = det(P
1
(A I)P) = det P
1
det(A I) det P = det(A I) .
Osservazione 18.2 Si osservi che esistono matrici che hanno lo stesso polinomio caratteristico ma che non sono
simili, per esempio le due matrici:
A = _
1 0
0 1
, B = _
1 1
0 1
.
I dettagli della spiegazione sono lasciati al Lettore.
Il teorema che segue stabilisce unimportante relazione tra la dimensione di un autospazio e la molteplicit del
proprio autovalore nel polinomio caratteristico. A tale scopo ricordiamo che una radice di un polinomio p()
(il cui coefciente del termine di grado massimo 1) si dice avere molteplicit h se il polinomio ( )
h
divide
p() ma ( )
h+1
non divide p().
Teorema 18.5 Sia f un endomorsmo di uno spazio vettoriale V , sia un suo autovalore di molteplicit m

e
sia V

lautospazio relativo ad , allora:


1 s dimV

s m

.
Universit di Torino
Capitolo 18 Diagonalizzazione 207
Dimostrazione: Se un autovalore, allora dimV

1. Per dimostrare laltra parte della tesi si supponga che


dimV

= k s n = dimV . Se k = n, la tesi ovvia perch f (x) = x, !x e V . Supponiamo, quindi, k < n.


Sia (a
1
, a
2
, . . . , a
k
) una base di V

. Completiamo tale base no ad ottenere la base di V (cfr. Teorema 11.9):


J = (a
1
, a
2
, . . . , a
k
, b
k+1
, . . . , b
n
). La matrice A = M
J,J
( f ) assume la forma seguente:
A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 . . . 0 a
1k+1
. . . a
1n
0 . . . 0 a
2k+1
. . . a
2n
: : : : :
0 0 . . . a
kk+1
. . . a
kn
0 0 . . . 0 a
k+1k+1
. . . a
k+1n
: : : : :
0 0 . . . 0 a
nk+1
. . . a
nn
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
il cui polinomio carateristico :
det(A I) = ( )
k
Q()
dove Q() un polinomio in di grado n k, ci signica che la molteplicit di almeno k .
Esempio 18.9 Si osservi che nellEsempio 18.8 si sono ottenuti 3 autovalori distinti:
1
= 0 con molteplicit
m

1
= 1,
2
= 1 con molteplicit m

2
= 1 e
3
= 2 di molteplicit m

3
= 2. I tre autospazi V

1
, V

2
, V

3
avevano
dimensione 1, 1, 2 rispettivamente e:
V

1
qV

2
qV

3
=
4
.
Esercizio 18.1 Si calcolino gli autovalori e gli autospazi della matrice quadrata:
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
2 0 0
0 1 1
0 0 1
\
.
.
.
.
.
.
!
.
Soluzione: Il polinomio caratteristico della matrice A dato da:
det(A I) =
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
2 0 0
0 1 1
0 0 1
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
= (2 )(1 )
2
.
Si ottengono quindi come autovalori di A:
1
= 2 con molteplicit m

1
= 1 e
2
= 1 con molteplicit m

2
= 2.
Gli autospazi relativi ai due autovalori sono:
V

1
= [((1, 0, 0)),
V

2
= [((0, 1, 0)).
In questo caso si ha quindi che V

1
qV

2
un sottospazio vettoriale di
3
di dimensione 2.
18.3 Applicazioni lineari semplici e matrici diagonalizzabili
Iniziamo con due importanti denizioni, palesemente equivalenti.
Denizione 18.2 Un endomorsmo f : V V di uno spazio vettoriale reale V si dice semplice se esiste una
base di V rispetto alla quale la matrice associata ad f diagonale.
Denizione 18.3 Una matrice quadrata A e
n,n
si dice diagonalizzabile se esiste una matrice invertibile P di
ordine n tale che:
P
1
AP = D
con D matrice diagonale di ordine n.
Dipartimento di Matematica
208 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
Nei paragra precedenti abbiamo incontrato alcuni esempi di endomorsmi semplici, quali ad esempio, lappli-
cazione identit, lapplicazione nulla. In questo paragrafo cercheremo di precisare quando un endomorsmo
semplice e come si procede, in pratica, alla diagonalizzazione di una matrice quadrata, dopo aver controllato che
ci sia possibile.
Il primo teorema (la cui dimostrazione evidente, quindi lasciata per esercizio) provvede un metodo pratico,
utile per riconoscere se un endomorsmo semplice.
Teorema 18.6 f : V V semplice se e solo se esiste una base di autovettori di V .
Possiamo perci enunciare quelli che usualmente vengono indicati come i criteri di diagonalizzazione.
Teorema 18.7 Le seguenti affermazioni sono equivalenti:
1) f semplice.
2) V = V

1
q .qV

k
, dove
1
, .,
k
sono gli autovalori distinti di f e V

1
, ., V

k
i relativi autospazi.
3) dimV = dimV

1
+.+dimV

k
, dove
1
, .,
k
sono gli autovalori distinti di f e V

1
, ., V

k
i relativi autospazi.
4) Ogni radice del polinomio caratteristico p() di f reale e per ogni radice (cio autovalore)
i
di molteplicit
m

i
si ha che la dimensione dellautospazio V

i
coincide con la molteplicit m

i
.
Dimostrazione: Per provare lequivalenza delle quattro affermazioni si proveranno le seguenti implicazioni:
1) = 4) = 3) = 2) = 1).
Per provare limplicazione 1) = 4) supponiamo quindi che f sia semplice, cio che esista una base J di V
tale che la matrice A associata ad f rispetto alla base J sia diagonale, con gli autovalori di f come elementi
della diagonale principale. Se indichiamo con
1
, .,
k
gli autovalori distinti di f e con m

1
, ., m

k
le relative
molteplicit, si ha che il polinomio caratteristico di f dato da:
p() = (
1
)
m

1
.(
k
)
m

k
,
da cui segue che ogni radice del polinomio caratteristico reale. Inoltre, per ogni autovalore
i
si ha:
dimV

i
= n rank(A
i
I) = m

i
.
Per provare limplicazione 4) = 3) si pu osservare che per ipotesi ogni radice del polinomio caratteristico reale
e quindi la somma delle moltiplicit delle radici distinte, cio degli autovalori distinti, coincide con il grado del
polinomio caratteristico.
Per limplicazione 3) = 2) sappiamo gi che la somma di tutti gli autospazi relativi agli autovalori distinti
1
, .,
k
diretta. Per 3) tale somma diretta ha dimensione n e quindi coincide con V .
Per provare lultima implicazione 2) = 1) si pu osservare che, se per ogni autospazio V

i
, i = 1, ., k si considera
una base J
i
, allora lunione:
J
1
| .| J
k
una base di V poich la somma degli autospazi diretta ed formata da autovettori di f .
Osservazione 18.3 La decomposizione 2) anche nota come decomposizione spettrale di V .
In base ai precedenti criteri si ha quindi che lendomorsmo dellEsempio 18.8 semplice, mentre lendomorsmo
dellEsempio 18.1 non semplice, in quanto per lautovalore
2
= 1 si ha che dimV

2
< m

2
.
Come conseguenza immediata del Teorem 18.6 si ha il seguente
Teorema 18.8 Se f un endomorsmo di uno spazio vettoriale V di dimensione n con n autovalori distinti,
allora f semplice.
La dimostrazione lasciata come esercizio al Lettore.
Universit di Torino
Capitolo 18 Diagonalizzazione 209
18.4 Il Teorema Spettrale e gli Endomorsmi Autoaggiunti
Nel caso particolare delle matrici simmetriche si pu dimostrare il fondamentale:
Teorema 18.9 Il Teorema Spettrale.
1. Sia A una matrice simmetrica, allora A sempre diagonalizzabile, esistono quindi una matrice diagonale
D e una matrice invertibile P tali che:
D = P
1
AP.
2. Sia A una matrice simmetrica, sempre possibile individuare una matrice ortogonale Q tale che:
D = Q
1
AQ =
t
QAQ.
Per dimostrare il teorema precedente conviene studiare le propriet delle applicazioni lineari la cui matrice asso-
ciata simmetrica. Purtroppo le dimostrazioni complete di alcune affermazioni sono immediate solo nel caso degli
spazi vettoriali deniti sul campo complesso e non sono dimostrabili in campo reale, pertanto, in questa sede,
si segnaleranno i passaggi delle dimostrazioni che non siamo ancora in grado di dimostrare e si rimada al corso di
Geometria e Algebra Lineare II per le dimostrazioni complete.
Denizione 18.4 Sia (V, ) uno spazio vettoriale euclideo e f un endomorsmo di V . f si dice autoaggiunto se:
f (x) y = x f (y), !x, y e V.
Esempio 18.10 Sia V =
2
con la struttura standard di spazio euclideo, lendomorsmo f :
2

2
denito
da f (x, y) = (y, x + 2y), !(x, y) e
2
autoaggiunto. Infatti:
f (x, y) (x

, y

) = (y, x + 2y) (x

, y

) = yx

+ xy

+ 2yy

;
(x, y) f (x

, y

) = (x, y) (y

, x

+ 2y

) = xy

+ yx

+ 2yy

.
Teorema 18.10 Se V uno spazio vettoriale euclideo ed f un endomorsmo autoaggiunto, allora tutte le
soluzioni del polinomio caratteristico di f sono reali.
Dimostrazione: Useremo, nel corso della dimostrazione, alcune nozioni elementari sui numeri complessi, per la
loro facilit non richiedono particolare dimestichezza con largomento. Sia = a + ib e un autovalore di A e
z = x + iy un suo autovettore. (V pensato come spazio vettoriale denito su ). I vettori x, y sono vettori reali
di V . Sia f lendomorsmo autoaggiunto associato ad A, allora f (z) = z. Sostituendo le espressioni precedenti
si ha: f (x + iy) = (a + ib)(x + iy). Sviluppando i calcoli e uguagliando la parte reale e la parte immaginaria si
ottiene: f (x) = axby, f (y) = bx+ay. Essendo f autoaggiunto: f (x) y = x f (y), sostituendo le espressioni
precedenti si ottiene: b(x x + y y) = 0 da cui segue b = 0 ossia la tesi .
Teorema 18.11 Se
1
e
2
sono due autovalori distinti di un endomorsmo autoaggiunto, allora i relativi auto-
spazi V

1
e V

2
sono ortogonali.
Dimostrazione: !x e V

1
e !y e V

2
si ha:
f (x) y = (
1
x) y =
1
(x y) = x f (y) = x (
2
y) =
2
(x y) =
2
(x y).
Segue che (
1

2
)(x y) = 0, ma
1
=
2
, perci x y = 0 .
Teorema 18.12 Sia f un endomorsmo di uno spazio vettoriale Euclideo di dimensione n e sia J una base
ortonormale di V . f autoaggiunto se e solo se la matrice A = M
J,J
( f ) e
n,n
simmetrica.
Dipartimento di Matematica
210 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
Dimostrazione: Indicati con: A la matrice dellendomorsmo, X, Y, AX, AY le matrici colonne delle componenti,
rispettivamente, dei vettori x, y, f (x), f (y) nella base J, lespressione:
x f (y) = f (x) y
si pu scrivere nella seguente forma matriciale equivalente:
t
X (AY) =
t
(AX)Y
oppure:
t
XAY =
t
X
t
AY,
la quale, essendo valida per ogni x, y e V , fornisce A =
t
A. Quindi la matrice A simmetrica. Il viceversa del
teorema si prova procedendo a rovescio nel calcolo.
Teorema 18.13 Se A e
n,n
una matrice simmetrica, tutte le radici della sua equazione caratteristica sono
reali.
Dimostrazione: immediata conseguenza del Teorema 18.10.
Analogamente segue il:
Teorema 18.14 Se A e
n,n
una matrice simmetrica reale, tutte le radici dellequazione caratteristica di A
sono reali. In particolare A ha n autovalori reali, se contati ciascuno con la relativa molteplicit.
Prima di enunciare il teorema che permette di compiere un altro passo essenziale nella diagonalizzazione delle
matrici simmetriche dobbiamo inserire la seguente:
Denizione 18.5 Sia f : V V un endomorsmo e + un sottospazio vettoriale di V . + si dice invariante
per f se f (+) , +.
Esempio 18.11 Ogni autospazio invariante per lendomorsmo a cui riferito. Si lasciano i dettagli di questa
dimostrazione per esercizio.
Esercizio 18.2 Sia f : V
3
V
3
lendomorsmo, la cui matrice associata, rispetto alla base ortonormale positiva
J = (i, j, k) di V
3
, :
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
cos sin 0
sin cos 0
0 0 1
\
.
.
.
.
.
.
!
.
Si descriva il signicato geometrico di f e si dimostri che il piano [(i, j) un sottospazio invariante di f .
Esercizio 18.3 Sia f :
3

3
un endomorsmo tale che f
3
= f f f = 0 e tale che f
2
= 0, con 0
applicazione nulla di V . Si dimostri che ker( f
2
) (che contiene ker( f )) un sottospazio invariante per f . (Si
osservi che f
3
(x) = f ( f
2
(x)), !x e V ).
Teorema 18.15 Se f un endomorsmo autoaggiunto di uno spazio vettoriale euclideo V e + un sottospazio
vettoriale di V invariante rispetto a f , allora anche il complemento ortogonale +

invariante rispetto a f .
Dimostrazione: Per ogni x e +

e per ogni y e + si ha: f (x) y = x f (y) = 0, poich f (y) e +

per
ipotesi. Quindi f (x) ortogonale a tutti gli elementi di + e perci appartiene a +

.
Teorema 18.16 Sia f un endomorsmo autoaggiunto di uno spazio vettoriale euclideo V di dimensione n. Esiste
una base ortonormale di V formata da autovettori di f .
Ci signica che, praticamente, si procede in questo modo:
Universit di Torino
Capitolo 18 Diagonalizzazione 211
1. il teorema afferma che: se f autoaggiunto allora semplice quindi:
V = V

1
qV

2
q . . . qV

k
, k s n,
dove
i
, i = 1, . . . , k, sono gli autovalori distinti di f .
2. Se
i
=
j
allora V

i
V

j
, (Teorema 18.11).
3. Si trova una base per ciascun autospazio, la si normalizza con il metodo di GramSchmidt.
4. Lunione delle basi cos ottenute una base ortonormale formata da autovettori di f .
Dimostrazione: Sia + = V

1
qV

2
q . . . qV

k
, k s n, dove
i
, i = 1, . . . , k, sono gli autovalori distinti di f .
Per denizione + , V . Si vuole provare che + = V . Se, per assurdo, + = V , allora V = +q +

con
+

= 0. Si ha: f (+) , + perch somma diretta di autospazi e f (+

) , +

per il Teorema 18.15. La


restrizione f

di f a +

: +

, cos denita: f

(w) = f (w), !w e +

, ancora un endomorsmo
autoaggiunto (essere autoaggiunto una propriet di tipo universale). f

ammette almeno un autovalore (essendo
questi tutti reali), ci implica lesistenza di un autovettore x = 0 di f

in +

. Per x anche autovettore di f e


come tale deve appartenere a +, da cui lassurdo. Allora += V .
Come immediata conseguenza dei Teoremi precedenti si ha la dimostrazione del teorema spettrale.
Esercizio 18.4 Sia f ndomorsmo di
3
associato alla matrice:
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
2 1 0
1 1 1
0 1 2
\
.
.
.
.
.
.
!
(18.6)
rispetto alla base canonica di
3
. Dimostrare che f autoaggiunto e trovare una base ortonormale di
3
formata
da autovettori di f . Inoltre, diagonalizzare la matrice A mediante una matrice ortogonale.
Soluzione: f autoaggiunto perch la matrice di f reale simmetrica e la base canonica ortonormale, rispetto
al prodotto scalare standard di
3
.
Per trovare una base ortonormale di
3
che diagonalizzi A si devono determinare gli autospazi di f . Si ottiene:
autovalori:
1
= 0,
2
= 2,
3
= 3;
autospazi: V

1
= [(v
1
= (1, 2, 1)), V

2
= [(v
2
= (1, 0, 1)), V

3
= [(v
3
= (1, 1, 1)).
La base ortonormale richiesta si ottiene, semplicemente, considerando i versori di v
1
, v
2
, v
3
(perch?), quindi la
matrice ortogonale che diagonalizza A :
P =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'

1
_
6
1
_
2
1
_
3
2
_
6
0
1
_
3
1
_
6
1
_
2

1
_
3
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
da cui:
t
PAP = D =
(
.
.
.
.
.
.
'
0 0 0
0 2 0
0 0 3
\
.
.
.
.
.
.
!
.
Dipartimento di Matematica
212 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
Esercizio 18.5 Sia V uno spazio vettoriale euclideo e +
1
, +
2
due suoi sottospazi supplementari, ossia V =
+
1
q+
2
. Si considerino i due endomorsmi f
1
e f
2
di V , proiezioni su +
1
e su +
2
rispettivamente, vale a
dire: se x = x
1
+ x
2
, per ogni x in V (x
1
e +
1
e x
2
e +
2
) allora f
1
(x) = x
1
e f
2
(x) = x
2
(cfr. 17.10).
Dire se e quando f
1
e f
2
sono autoaggiunti.
Universit di Torino
Capitolo 19
Per saperne di pi sulle applicazioni lineari
19.1 Per saperne di pi sugli autospazi
Esercizio 19.1 Si dimostri il Lemma 18.1. Siano
1
,
2
, . . . ,
k
autovalori distinti di un endomorsmo f : V V
e siano V

1
, V

2
, . . . , V

k
gli autospazi ad essi corrispondenti. Scelti in modo arbitrario gli autovettori x
1
, x
2
, . . . , x
k
,
uno per ciascuno del corrispondente autospazio, allora linsieme J = x
1
, x
2
, . . . , x
k
libero.
Dimostrazione: Si procede per induzione sul numero k di sottospazi. Il caso k = 1 ovvio.
Supponiamo, per ipotesi induttiva che i vettori x
1
, x
2
, . . . , x
k1
siano l.i. dove ogni x
i
un autovettore di V

i
. Si
tratta di dimostrare che linsieme: (x
1
, x
2
, . . . , x
k1
, x
k
) libero, con x
k
autovettore di V

k
.
Per assurdo si suppone che ci non avvenga, vale a dire che:
x
k
=
1
x
1
+
2
x
2
+ . . . +
k1
x
k1
, (19.1)
(si precisi bene perch laffermazione precedente sia equivalente a supporre che i vettori x
1
, x
2
, . . . , x
k1
, x
k
siano
l.d.). Si applichi lendomorsmo f ad ambo i membri di (19.1), si sfrutti la sua linearit e il fatto che ogni vettore
x
i
un autovettore, si ha:

k
x
k
=
1

1
x
1
+
2

2
x
2
+ . . . +
k1

k1
x
k1
(19.2)
invece, moltiplicando ambo i membri di (19.1) per
k
si ha:

k
x
k
=
1

k
x
1
+
2

k
x
2
+ . . . +
k1

k
x
k1
(19.3)
uguagliando (19.2) e (19.3) segue:

1
(
1

k
)x
1
+
2
(
2

k
)x
2
+ . . . +
k1
(
k1

k
)x
k1
= 0
i vettori coinvolti nella relazione precedente sono l.i. per ipotesi induttiva, quindi tutti i coefcienti sono nulli,
ma, essendo gli autovalori distinti si ottiene:
1
=
2
= . . . =
k1
= 0, risultato che sotituito nella formula 19.1
comporta x
k
= 0, assurdo, trattandosi di un autovettore .
19.2 Forme lineari Dualit
In questo paragrafo si intendono studiare le particolari propriet delle applicazioni lineari f : V , ricordando
che il campo dei numeri reali un esempio di spazio vettoriale reale di dimensione 1.
Denizione 19.1 Sia V uno spazio vettoriale su ; unapplicazione lineare f : V , cio un elemento di
[(V, ), si dice forma lineare o funzionale lineare su V . Lo spazio vettoriale [(V, ) si dice spazio vettoriale
duale di V e lo si indica con V
-
.
213
214 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
Esempio 19.1 Una forma lineare f su
n
si pu scrivere come:
f ((x
1
, x
2
, . . . , x
n
)) = a
1
x
1
+ a
2
x
2
+ . . . + a
n
x
n
, a
i
e , i = 1, . . . , n,
per ogni (x
1
, x
2
, . . . , x
n
) e
n
. Il nucleo di f dato dai vettori x e
n
per i quali a
1
x
1
+ a
2
x
2
+ . . . + a
n
x
n
= 0 e
costituisce perci un iperpiano vettoriale di
n
.
Alla dimensione dello spazio vettoriale V
-
si perviene con il seguente:
Teorema 19.1 Se V uno spazio vettoriale su di dimensione nita, allora:
dimV = dimV
-
.
Dimostrazione: Sia dimV = n e J = (v
1
, v
2
, . . . , v
n
) una sua base. Per il Teorema 17.2, esistono e sono uniche le
applicazioni lineari f
i
: V , i = 1, . . . , n, cos denite:
|
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
'
f
1
(v
1
) = 1
f
1
(v
2
) = 0
:
f
1
(v
n
) = 0,
|
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
'
f
2
(v
1
) = 0
f
2
(v
2
) = 1
:
f
2
(v
n
) = 0, . . . . . . ,
|
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
'
f
n
(v
1
) = 0
f
n
(v
2
) = 0
:
f
n
(v
n
) = 1,
che si possono anche scrivere nella forma:
f
i
(v
j
) =
i j
,
dove
i j
il simbolo di Kronecker (
i j
= 0, i = j e
ii
= 1). Di conseguenza !x e V, x = x
1
v
1
+x
2
v
2
+. . . +x
n
v
n
risulta:
f
i
(x) = x
i
, i = 1, . . . , n.
Ci premesso, occorre provare che J
-
= ( f
1
, f
2
, . . . , f
n
) una base di V
-
, ossia:
i) J
-
un sistema di generatori. Infatti, per ogni forma f e V
-
, posto:
f (v
1
) = a
1
, f (v
2
) = a
2
, . . . , f (v
n
) = a
n
e per ogni vettore x = x
1
v
1
+ x
2
v
2
+ . . . + x
n
v
n
e V , si ha:
f (x) = x
1
f (v
1
) + x
2
f (v
2
) + . . . + x
n
f (v
n
) = x
1
a
1
+ x
2
a
2
+ . . . + x
n
a
n
= a
1
f
1
(x) + a
2
f
2
(x) + . . . + a
n
f
n
(x) = (a
1
f
1
+ a
2
f
2
+ . . . + a
n
f
n
)(x).
Allora:
f = a
1
f
1
+ a
2
f
2
+ . . . + a
n
f
n
.
ii) J
-
un sistema di vettori linearmente indipendenti. A tale scopo basta osservare che la matrice associata ad f
M( f ) = | a
1
a
2
. . . a
n
] perci f = 0
V
- (forma nulla di V ) se e solo se M( f ) = | 0 0 . . . 0 ] .
Denizione 19.2 La base J
-
dello spazio V
-
, costruita nel modo su esposto, detta base duale della base J di
V .
Esempio 19.2 Sia f :
2
una forma lineare, perci: f ((x, y)) = f (x, y) = ax + by, !(x, y) e
2
, con
a, b e . Se J = ((1, 0), (0, 1)) la base standard di
2
, la sua base duale J
-
= ( f
1
, f
2
) data dalle forme che
operano nel modo seguente:
f
1
(x, y) = x f
1
(1, 0) + y f
1
(0, 1) = x,
f
2
(x, y) = x f
2
(1, 0) + y f
2
(0, 1) = y,
da cui si ottiene: f (x, y) = af
1
(x, y) + bf
2
(x, y), ossia: f = af
1
+ bf
2
.
Universit di Torino
Capitolo 19 Per saperne di pi sulle applicazioni lineari 215
N.B. Si dovrebbe scrivere f (x) = f ((x, y)) con x = (x, y); per semplicit si omettono (anche in seguito) le doppie
parentesi.
Esempio 19.3 Si consideri V
3
, spazio dei vettori ordinari, riferito alla base ortonormale J = (i, j, k). Fissato un
vettore a = 0, la funzione:
a : V
3
,
denita da a (x) = a x, !x e V
3
, ( indica il prodotto scalare tra vettori) una forma lineare. In particolare
la base duale di J data da: J
-
= (i, j, k). Si tratta delle forme che associano ad ogni vettore le rispettive
componenti.
19.2.1 Cambiamento di base in V
-
Siano J = (v
i
) e J

= (v

i
), i = 1, . . . , n, due basi di V e siano J
-
= ( f
i
) e J
-
= ( f

i
), i = 1, . . . , n, le basi duali di
J e di J

, rispettivamente. La matrice del cambiamento di base da J a J

P = (a
i j
) e, quindi:
v

i
= a
1i
v
1
+ a
2i
v
2
+ . . . + a
ni
v
n
, i = 1, . . . , n;
mentre la matrice del cambiamento di base da J
-
a J
-
Q = (b
i j
), ossia:
f
i
= b
1i
f

1
+ b
2i
f

2
+ . . . + b
ni
f

n
, i = 1, . . . , n.
(Sia P sia Q sono matrici invertibili, di ordine n, ad elementi in ).
Da quanto precede si osserva che:
f
i
(v

j
) = (b
1i
f

i
+ b
2i
f

2 + . . . + b
ni
f

n
)(v

j
) = b
ji
;
f
i
(v

j
) = f
i
(a
1 j
v
1
+ a
2 j
v
2
+ . . . + a
mj
v
n
) = a
i j
;
vale a dire:
Q =
t
P;
in altri termini, la matrice del cambiamento di base da J
-
a J
-
la trasposta della matrice del cambiamento di
base da J a J

.
Esercizio 19.2 In
2
, riferito alla base canonica J = (e
1
= (1, 0), e
2
= (0, 1)) (J
-
= ( f
1
, f
2
) base duale di J),
trovare la base J
-
= ( f

1, f

2) duale della base J

= (e

1 = (1, 2), e

2 = (1, 1)).
R. In base al risultato precedentemente esposto, la matrice del cambiamento di base da J
-
a J
-
Q =
t
P, con
P = _
1 1
2 1
.
Si perviene allo stesso risultato mediante il calcolo esplicito che si pu impostare in questo modo. Si ponga:
f

1
(x, y) = a
1
x + a
2
y, f

2
(x, y) = b
1
x + b
2
y
e si determinino i coefcienti a
1
, a
2
, b
1
, b
2
in modo che f

i
(e

j
) =
i j
. Risolvendo i sistemi lineari che si deducono
si ha:
f

1(x, y) = x + y = ( f
1
+ f
2
)(x, y)
f

2(x, y) = 2x + y = (2f
1
+ f
2
)(x, y), !(x, y) e
2
.
La matrice del cambiamento di base (ottenuta, per denizione, ponendo in colonna le componenti delle forme su
ottenute) :
_
1 2
1 1
=
t
P
1
.
Dipartimento di Matematica
216 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
Osservazione 19.1 A completamento dellesercizio, si riassumono, in forma matriciale, le relazioni che intercor-
rono tra le due basi di
2
, le basi duali corrispondenti e le relative equazioni del cambiamento di base:
_
e

1
e

2
=
t
P_
e
1
e
2
; _
x
y
= P_
x

;
_
f

1
f

2
= P
1
_
f
1
f
2
; _
a
b
=
t
(P
1
) _
a

.
Esercizio 19.3 Determinare la base duale della base: J = ((1, 0, 2), (0, 1, 1), (2, 1, 2)) dello spazio vettoriale

3
.
R. Sia J
-
= ( f
1
, f
2
, f
3
) la base duale di J, allora: f
1
= (1, 0, 2), f
2
= (0, 1, 1), f
3
= (2, 1, 2); le componenti sono
date rispetto alla base duale della base canonica di
3
.
19.2.2 Spazio biduale
Fissato un vettore x e V , al variare di f e V
-
, gli scalari f (x) deniscono una funzione:

x : V
-
,

x( f ) = f (x), !f e V
-
.
Si pu, pertanto, dare la seguente:
Denizione 19.3 Per ogni spazio vettoriale V , il duale dello spazio V
-
di dice spazio biduale e di indica con
V
--
. Esso rappresenta [(V
-
, ).
Osservazione 19.2 Per lo spazio V
--
si ha:
dimV = dimV
-
= dimV
--
.
Teorema 19.2 Per ogni vettore x e V , lapplicazione

x lineare, cio appartiene allo spazio [(V
-
, ).
Dimostrazione. una immediata conseguenza della denizione.
Teorema 19.3 Siano V uno spazio vettoriale su e V
--
lo spazio biduale di V . Lapplicazione : V V
--
tale che (x) =

x, !x e V , un isomorsmo.
Si osservi che, dalla denizione, tale isomorsmo non dipende dalla scelta di basi in V o in V
--
, pertanto si tratta
di un isomorsmo canonico.
Dimostrazione. Si prova che:
a) lineare, ossia !x, y e V, !, e , (x + y) = (x) + (y). Infatti, !f e V
-
:
(x + y)( f ) =

(x + y)( f ) = f (x + y)
= f (x) + f (y) =

x( f ) +

y( f ) = ((x) + (y))( f ).
b) ker f = o. Se

x = o
V
-- , !f e V
-
, risulta :

x( f ) = f (x) = o allora x = o.
Poich dimV = dimV
--
= n, per note propriet, un isomorsmo .
Osservazione 19.3 Si considerino una base J = (v
1
, v
2
, . . . , v
n
) di V e la sua base duale J
-
= ( f
1
, f
2
, . . . , f
n
). I
vettori cos deniti:

e
1
= (e
1
),

e
2
= (e
2
), . . . ,

e
n
= (e
n
)
Universit di Torino
Capitolo 19 Per saperne di pi sulle applicazioni lineari 217
formano una base

J di V
--
. Dal Teorema 5.4 e dal fatto che

e
i
( f
j
) = f
j
(e
i
) =
i j
, i, j = 1, . . . , n,

J la base duale
di J
-
. Allora ogni elemento

x di V
--
si scompone, rispetto alla base

J, come:

x =

x
1

e
1
+

x
2

e
2
+. . . +

x
n

e
n
, dove
le componenti

x
i
sono date da:

x
i
=

x( f
i
). Daltra parte:

x( f
i
) = f
i
(x) = x
i
, quindi

x
i
= x
i
.
cos provato che le componenti di x e V , relative alla base J, sono anche le componenti dellimmagine di x
tramite lisomorsmo canonico : V V
--
, relativamente alla base

J, biduale della base J; perci, anche in
questo senso, lo spazio V
--
si pu identicare con V .
19.2.3 Isomorsmo canonico tra V e V
-
, solo per gli spazi euclidei
Sia V uno spazio vettoriale euclideo di dimensione nita. In questo caso lo spazio duale V
-
canonicamente
isomorfo a V . Si perviene a questo importante risultato in questo modo:
Teorema 19.4 Fissato x e V , la funzione x : V denita da x (y) = x y, !y e V , ( prodotto scalare
su V ) una forma lineare.
Dimostrazione. Segue dal fatto che x (ay
1
+ by
2
) = ax y
1
+ bx y
2
, !a, b, e , !y
1
, y
2
e V .
N.B. Si osservi che la propriet precedente falsa nel caso di uno spazio vettoriale Hermitiano. In questo caso, a
chi canonicamente isomorfo V
-
?
Teorema 19.5 Sia V uno spazio euclideo, la funzione
i : V V
-
, data da i(x) = x,
un isomorsmo. Viene cos denito lisomorsmo canonico tra i due spazi vettoriali.
Dimostrazione. Si dimostra facilmente che la funzione i lineare. Liniettivit segue dal calcolo di ker i , ossia:
ker i = x e V | i(x) = o
V
- = x e V/ x y = 0, !y e V = o.
19.2.4 Trasposta di unapplicazione lineare
Sia F : V W unapplicazione lineare da uno spazio vettoriale V in uno spazio vettoriale W (entrambi costruiti
su ). Per ogni forma f e W
-
, la composizione f F unapplicazione lineare da V in , ossia f F e V
-
. Si
pu, allora, dare la seguente:
Denizione 19.4 Data unapplicazione lineare F : V W , lapplicazione
t
F da W
-
in V
-
cos denita:
t
F( f ) = f F, !f e W
-
si dice trasposta dellapplicazione lineare F.
Teorema 19.6 Lapplicazione
t
F lineare.
Dimostrazione. conseguenza immediata della denizione.
Osservazione 19.4 La denominazione traspostaper lapplicazione
t
F deriva dal seguente teorema:
Teorema 19.7 Siano F : V W unapplicazione lineare ed A la matrice di F rispetto alle basi (v
i
) di V e
(v

j
) di W. Allora
t
A la matrice di
t
F relativa alle basi duali di (v

j
) e di (v
i
), rispettivamente.
Dimostrazione: Indicata con M( f ) la matrice della generica forma lineare f di W
-
, si consideri la denizione
dellapplicazione lineare
t
F :
t
F( f ) = f F, f e W
-
. Essa si pu porre nella forma matriciale: M[(
t
F)( f )] =
t
[M( f )M(F)], tenuto conto che entrambi i membri rappresentano un vettore colonna e che M( f ) un vettore riga.
Si ottiene, pertanto, la relazione: M(
t
F)
t
M( f ) =
t
M(F)
t
M( f ) che sussiste per ogni
t
M( f ) e perci prova lasserto
.
Dipartimento di Matematica
218 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
Teorema 19.8 Se F, G e [(V, W) e a e , allora:
i)
t
(F + G) =
t
F +
t
G,
ii)
t
(aF) = a
t
F.
La dimostrazione si lascia per esercizio.
Teorema 19.9 Siano U, V, W spazi vettoriali sullo stesso campo , allora, per ogni F e [(V, W) e per ogni
G e [(V, U), nello spazio [(U
-
, V
-
) abbiamo:
t
(G F) =
t
F
t
G.
Dimostrazione. Dalla denizione di applicazione lineare trasposta, si pu scrivere:
t
(G F)(h) = h (G F), !h e U
-
,
t
G(h) = h G, !h e U
-
,
t
F( f ) = f F, !f e W
-
.
Sostituendo nellultima relazione f con h G, si ottiene:
t
F(h G) = (h G) F = h (G F) = (G F)(h), !h e U
-
.
Poich:
t
F(h G) =
t
F(G(h)) = (
t
F
t
G)(h), risulta:
(
t
F
t
G)(h) =
t
(G F)(h),
da cui la tesi .
Se F e End(V), allora
t
F e End(V
-
) e:
t
I
V
( f ) = f I
V
= I
V
- ( f ), !f e V
-
,
dove I
V
lisomorsmo identico di V e I
V
- lisomorsmo identico di V
-
. Pertanto
t
I
V
= I
V
- . Ci premesso, si
pu enunciare il:
Teorema 19.10 Per ogni isomorsmo F e Gl(V), si ha
t
F e Gl(V
-
) e:
(
f
F)
1
=
t
(F
1
).
Dimostrazione. Per ogni F e Gl(V) anche F
1
e Gl(V) e si ha:
F F
1
= F
1
F = I
V
,
da cui si ottiene:
t
(F F
1
) =
t
(F
1
F)
t
I
V
= I
V
-
e per il Teorema precedente:
t
(F
1
)
t
F =
t
F
t
(F
1
) = I
V
- ,
quindi
t
F e Gl(V
-
) e la sua inversa (
t
F)
1

t
(F
1
) .
Esercizio 19.4 Siano F :
4

3
lapplicazione lineare la cui matrice, rispetto alle basi canoniche di
4
e di

3
, :
M(F) =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 2 1 2
1 1 1 1
2 1 0 1
\
.
.
.
.
.
.
!
Universit di Torino
Capitolo 19 Per saperne di pi sulle applicazioni lineari 219
ed f :
3
la forma lineare di matrice, rispetto alla base canonica di
3
:
M( f ) = | 1 2 2 ] .
Determinare la forma
t
F( f ).
Soluzione: Per denizione di applicazione lineare trasposta,
t
F( f ) = f F, la cui matrice associata data da:
M( f F) = M( f )M(F).
Quindi:
M( f F) = | 1 2 2 ]
(
.
.
.
.
.
.
'
1 2 1 2
1 1 1 1
2 1 0 1
\
.
.
.
.
.
.
!
= | 1 2 3 2 ]
e la forma richiesta risulta essere:
t
F( f )
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
x
y
z
t
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
= | 1 2 3 2 ]
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
x
y
z
t
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
= x + 2y 3z 2t .
19.3 Isometrie e similitudini
Sia V uno spazio vettoriale euclideo, di dimensione nita e sia il prodotto scalare di V . La denizione
seguente estende (in modo naturale) a dimensioni superiori il concetto elementare di isometria o movimento
euclideo nel piano e nello spazio.
Denizione 19.5 Un isomorsmo f di V prende il nome di isometria se:
l f (x)l = lxl, !x e V.
Osservazione 19.5 Si pu generalizzare la denizione precedente al caso di isomorsmi tra due spazi vettoriali
euclidei in questo modo: dati due spazi vettoriali euclidei V e W , con la stessa dimensione, un isomorsmo
f : V W si dice isometria se conserva la norma dei vettori.
Esempio 19.4 Ogni rotazione R[] (in senso antiorario) di angolo del piano vettoriale V
2
unisometria (cfr.
Esempio 17.24). Da fatti noti, segue, quindi, che una matrice associata a R[] (rispetto alla base (i, j)) del tipo:
_
cos sin
sin cos
.
Esempio 19.5 Lidentit: i : V V , denita da i(x) = x, !x e V , unisometria.
Esempio 19.6 Lapplicazione i : V V denita da i(x) = x, !x e V , unisometria.
Alcune tra le principali propriet delle isometrie sono riassunte nel seguente:
Teorema 19.11 Sia V uno spazio vettoriale euclideo di dimensione n.
1) Ogni endomorsmo f : V V tale che l f (x)l = lxl, !x e V , unisometria.
2) Se f unisometria allora:
f (x) f (y) = x y, !x, y e V.
Dipartimento di Matematica
220 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
3) La composizione di due isometrie unisometria.
4) Linversa di unisometria unisometria.
5) f unisometria di V se e solo se le immagini dei vettori di una base ortonormale di V formano una base
ortonormale di V .
6) Gli autovalori di unisometria sono: 1
7) f unisometria di V se e solo se la matrice associata ad f , rispetto ad una base ortonormale di V , una
matrice ortogonale.
Dimostrazione.
1) sufciente provare che ker f = 0. Infatti se x e ker f si ha f (x) = 0; daltra parte l f (x)l = l0l = 0 = lxl,
quindi x = 0.
2) Segue dal fatto che:
l f (x + y)l
2
= l f (x) + f (y)l
2
= l f (x)l
2
+ 2f (x) f (y) + l f (y)l
2
= lx + yl
2
e:
lx + yl
2
= lxl
2
+ 2x y + lyl
2
.
3) Se f e g sono isometrie, allora l( f g)(x)l = l f (g(x))l = l f (x)l = lxl, !x e V .
4) Sia f unisometria. Si ha: l f ( f
1
(x))l = li(x)l, ma l f ( f
1
(x))l = l f
1
(x)l = lxl, !x e V , da cui la tesi, (i
lidentit in V ).
5) Se f unisometria e J = (e
1
, e
2
, . . . , e
n
) una base ortonormale, allora
J

= ( f (e
1
), f (e
2
), . . . , f (e
n
)) una base ortonormale perch f conserva la norma dei vettori e i loro prodotti
scalari. Viceversa, siano J = (e
1
, e
2
, . . . , e
n
) e J

= ( f (e
1
), f (e
2
), . . . , f (e
n
)) due basi ortonormali. Dato x =
x
1
e
1
+x
2
e
2
+. . . +x
n
e
n
e V , allora lxl
2
= x
2
1 +x
2
2 +. . . +x
2
n
, daltra parte f (x) = x
1
f (e
1
) +x
2
f (e
2
) +. . . +x
n
f (e
n
),
quindi l f (x)l = lxl. Si osservi che il calcolo della norma dei vettori x e f (x) ha assunto lespressione suddetta
in quanto riferito a due basi ortonormali.
6) Sia un autovalore di f , quindi f (x) = x, allora: l f (x)l
2
= lxl
2
=
2
lxl
2
= lxl
2
da cui la tesi.
7) Sia A la matrice associata ad f , rispetto ad una base ortonormale di V , e siano X

= AX le equazioni di f .
Poich, per ogni x e V , l f (x)l
2
= lxl
2
e ricordando che lxl
2
=
t
XX si ha
t
X

=
t
(AX)(AX) =
t
X
t
AAX =
t
XX,
da cui segue la tesi. Si osservi che lxl
2
=
t
XX solo se X la matrice colonna delle componenti di x rispetto ad
una base ortonormale .
Osservazione 19.6 i) Dalla denizione di isometria e da 2) segue che le isometrie conservano gli angoli tra i
vettori.
ii) Da 3) e da 4) segue che linsieme delle isometrie un gruppo (si veda la denizione di gruppo nellultimo
paragrafo di questo capitolo) rispetto alla composizione di funzioni.
iii) Si osservi che se un isomorsmo conserva i prodotti scalari allora non necessariamente unisometria, (le
similitudini sono unesempio di questo fatto).
iv) Si osservi che se unisomorsmo ha autovalori pari a 1 non detto che sia unisometria, per esempio si
Universit di Torino
Capitolo 19 Per saperne di pi sulle applicazioni lineari 221
consideri lisomorsmo di
2
denito dalla matrice:
A = _
1 1
0 1
.
Esercizio 19.5 Si consideri in
2
la struttura euclidea determinata dal prodotto scalare (x
1
, x
2
) (x
2
, y
2
) = x
1
y
1
+
4x
2
y
2
. Vericare che lisomorsmo di
2
associato alla matrice:
A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
_
3
2
1

1
4
_
3
2
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
unisometria di
2
. Per quale motivo A / e O(2)?
Soluzione: Le equazioni di f sono:
|
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
'
x

1 =
_
3
2
x
1
+ x
2
x

2 =
1
4
x
1
+
_
3
2
x
2
.
sufciente vericare che:
l f (x)l
2
= (x

1)
2
+ 4(x

2)
2
= x
2
1 + 4x
2
2 = lxl
2
, !x = (x
1
, x
2
) e
2
.
La matrice A non ortogonale perch non associata ad una base ortonormale (rispetto al prodotto scalare
introdotto), infatti A associata alla base ((1, 0), (0, 1)), ma l(0, 1)l = 2.
Denizione 19.6 Sia f : V V un isomorsmo dello spazio euclideo V . f prende il nome di similitudine di
rapporto a se:
l f (x)l = alxl, x e V,
da cui si deduce che a deve essere un numero reale positivo non nullo.
Osservazione 19.7 Ogni isometria una similitudine di rapporto 1.
Il seguente teorema, di cui non si riporta la dimostrazione, in quanto si tratta di un semplice esercizio, riassume
alcune tra le principali propriet delle similitudini.
Teorema 19.12 Sia V uno spazio vettoriale euclideo di dimensione n.
1) Se f una similitudine allora f conserva gli angoli tra i vettori.
2) Se f una similitudine di rapporto a allora gli autovalori di f sono: a.
3) La matrice associata ad una similitudine di rapporto a, rispetto ad una base ortonormale di V , aA con
A e O(n).
19.4 Diagonalizzazione simultanea
Ricordando che un endomorsmo f su uno spazio vettoriale V si dice diagonalizzabile se esiste una base di V di
autovettori di f , si pu introdurre la seguente:
Dipartimento di Matematica
222 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
Denizione 19.7 Due endomorsmi f e g su V , entrambi diagonalizzabili, si dicono simultaneamente diago-
nalizzabili se esiste una base di V i cui vettori sono sia autovettori di f sia autovettori di g. Pi precisamente:
se A e B sono, rispettivamente, le matrici associate a f e a g rispetto ad una base di V , allora f e g sono
simultaneamente diagonalizzabili se esiste una matrice P, invertibile, tale che:
A = PDP
1
, B = PD

P
1
,
dove D e D

sono due matrici diagonali (D ha sulla diagonale principale gli autovalori di f , contati con la
relativa molteplicit, e D

quelli di g).
Il teorema seguente ha il duplice scopo di stabilire la condizione necessaria e sufciente afnch due endomorsmi
siano simultaneamente diagonalizzabili e di spiegare, nella sua dimostrazione, il metodo che si deve seguire per
determinare una base comune di autovettori.
Teorema 19.13 Siano f e g due endomorsmi sullo stesso spazio vettoriale V , ciascuno dei quali sia diagonaliz-
zabile. Essi sono simultaneamente diagonalizzabili se e solo se:
f g = g f ,
ossia se e solo se:
AB = BA
per le matrici associate a f e a g.
Dimostrazione: Se f e g sono simultaneamente diagonalizzabili, allora valgono le formule:
A = PDP
1
, B = PD

P
1
,
da cui immediato provare che AB = BA.
Viceversa, supponiamo che gli endomorsmi f e g siano diagonalizzabili e che il loro prodotto commuti. Indicati
con V

1
, V

2
, . . . , V

h
gli autospazi relativi a f , sussiste la relazione: V = V

1
qV

2
q . . . qV

h
.
Si osserva, intanto, che lendomorsmo g trasforma ogni vettore di V

i
in un vettore dello stesso autospazio. Infatti,
per ogni vettore x e V

i
, risulta che:
f (g(x)) = ( f g)(x) = (g f )(x) = g( f (x)) = g(
i
x) =
i
g(x)
quindi g(x) e V

i
.
Sia y un autovettore di g, ossia g(y) = y, e . Come immediata conseguenza della decomposizione spettrale
di V negli autospazi di f , y si pu scrivere, in modo unico, come:
y = w
1
+ w
2
+ . . . + w
h
, w
i
e V

i
, i = 1, . . . , h.
Poich y autovettore, almeno uno dei w
i
non nullo. Per quanto osservato e per la linearit di g, si ha:
g(y) = g(w
1
) + g(w
2
) + . . . + g(w
h
) = y = w
1
+ w
2
+ . . . + w
h
,
dove g(w
i
) e V

i
, i = 1, . . . , h. Per lunicit della decomposizione di un vettore nella somma dei vettori degli
autospazi, si ottiene:
g(w
1
) = w
1
, g(w
2
) = w
2
, . . . , g(w
h
) = w
h
.
Questo prova che per ogni autovettore di g possibile determinare almeno un autovettore simultaneo di f e di g.
Inne, per la diagonalizzabilit di g, esiste una base (y
1
, y
2
, . . . , y
n
) di autovettori di g, ciascuno dei quali si pu
decomporre nella somma di autovettori simultanei di f e di g. Questi ultimi autovettori sono, ovviamente, dei
generatori dello spazio V e perci da essi si pu estrarre una base .
Universit di Torino
Capitolo 19 Per saperne di pi sulle applicazioni lineari 223
Esercizio 19.6 Sono dati due endomorsmi f e g su
3
le cui matrici, rispetto alla base canonica di
3
, sono
rispettivamente:
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
2 0 0
0 2 0
1 0 3
\
.
.
.
.
.
.
!
, B =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 0 0
2 3 0
2 0 3
\
.
.
.
.
.
.
!
.
Vericare che f e g sono simultaneamente diagonalizzabili e determinare una base comune di autovettori.
Soluzione: f e g sono simultaneamente diagonalizzabili perch:
AB = BA =
(
.
.
.
.
.
.
'
2 0 0
4 6 0
7 0 9
\
.
.
.
.
.
.
!
.
Lendomorsmo f ha autovalori:

1
= 2, m

1
= 2,
2
= 3, m

2
= 1
ed autospazi:
V

1
= [((1, 0, 1), (0, 1, 0)), V

2
= [((0, 0, 1));
mentre lendomorsmo g ha autovalori:

1
= 1, m

1
= 1,

2
= 3, m

2
= 2
ed autospazi:
V

1
= [(y
1
= (1, 1, 1)), V

2
= [(y
2
= (0, 1, 0), y
3
= (0, 0, 1)).
evidente che gli autovettori di g: y
1
, y
2
, y
3
sono anche autovettori di f e, quindi, costituiscono la base richiesta
(y
1
e V

1
). Si consiglia di usare il programma Mathematica per lo svolgimento dellesercizio.
Esercizio 19.7 Date le matrici:
A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
16 16 4 16
0 0 0 0
48 48 12 48
0 0 0 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
, B =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
9 12 3 12
3 3 1 3
12 12 4 12
9 12 3 12
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
,
provare che sono simultaneamente diagonalizzabili e che commutano. Determinare, quindi, una matrice che le
diagonalizza simultaneamente.
Soluzione: Gli autovalori e gli autospazi di A e di B sono, rispettivamente:

1
=
2
=
3
= 0,
4
= 4,
V
1
= [(v
1
= (1, 0, 0, 1), v
2
= (1, 0, 4, 0), v
3
= (1, 1, 0, 0)), V
2
= [(v
4
= (1, 0, 3, 0));

1
=
2
= 0,
3
= 1,
4
= 3,
V

1 = [(v

1 = (0, 1, 0, 1), v

2 = (1, 0, 3, 0)), V

2 = [(v

3 = (0, 1, 4, 0)), V

3 = [(v

4(1, 0, 0, 1));
ci che prova la diagonalizzabilit di entrambe le matrici.
A e B commutano, infatti:
AB = BA =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 0 0 0
0 0 0 0
0 0 0 0
0 0 0 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
Dipartimento di Matematica
224 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
Il Teorema precedente assicura lesistenza di una base comune di autovettori che si determinano seguendo il me-
todo esposto nella dimostrazione. Perci si considera, ad esempio, la base J

= (v

1, v

2, v

3, v

4) di
4
e si de-
compongono i vettori della base J = (v
1
, v
2
, v
3
, v
4
) di
4
attraverso i vettori della base J

, con lavvertenza di
raggruppare e sommare gli autovettori appartenenti alo stesso autospazio. Si hanno le seguenti equazioni:
|
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
'
v
1
= v

4
v
2
= v

1 + v

3 + v

4
v
3
= v

1 v

4
v
4
= v

2,
dalle quali risulta che (casualmente) i vettori della base J

sono autovettori comuni alle due matrici. Scambiando


il ruolo delle basi J e J

, si avrebbe:
|
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
'
v

1 = v
1
+ v
3
v

2 = v
4
v

3 = v
2
+ v
3
v

4 = v
1
,
dove si osserva che la base comune formata dai vettori v

1, v

2, v

3, v

4 , ossia, nuovamente, la base J

.
Un altro modo per determinare una base comune di autovettori di due matrici A e B diagonalizzabili e che com-
mutano, consiste nellestrarre una base dellinsieme unione delle basi dei sottospazi: V
i
|V

j
, i = 1, 2, . . . , r, j =
1, 2, . . . , s, con r, s s n, dove V
i
e V

j
rappresentano gli autospazi delle matrici A e B rispettivamente.
Nel caso in esame, ommettendo i calcoli per brevit, si ottiene:
V
1
|V

1 = [((0, 1, 0, 1)),
V
1
|V

2 = [((0, 1, 4, 0)),
V
1
|V

3 = [((1, 0, 0, 1)),
V
2
|V

1 = [((1, 0, 3, 0)),
V
2
|V

2 = 0,
V
2
|V

3 = 0,
ossia, nuovamente, i vettori di J

. Anche attraverso questo modo di procedere, appare evidente che la base richiesta
non unica.
Osservazione 19.8 Si vuole concludere il paragrafo con unosservazione che pu suggerire un ulteriore metodo
per risolvere lo stesso problema.
Il cambiamento di base in
n
, di matrice P (avente per colonne i vettori (v
1
, v
2
, . . . , v
n
)) trasforma B nella matrice
R = P
1
BP avente per colonne i vettori (g(v
1
), g(v
2
), . . . , g(v
n
)) che appartengono agli autospazi di f (come segue
dal teorema precedente). Di conseguenza, R risulta costituita da blocchi in numero pari al numero di autospazi
V

i
di f e con ordine dato dalla dimensione di V

i
. Poich ciascuno di tali blocchi diagonalizzabile, per la
diagonalizzabilit di g, esiste una matrice Q che diagonalizza R, ossia la matrice: Q
1
(P
1
BP)Q = (PQ)
1
B(PQ)
assume la forma diagonale (si tenga conto che il cambiamento di base di matrice Q opera tra due basi i cui rispettivi
vettori appartengono agli stessi autospazi di f ). Allora la matrice PQ diagonalizza g, ma diagonalizza anche f
perch (PQ)
1
A(PQ) = Q
1
(P
1
AP)Q = Q
1
DQ = D, dove D una matrice diagonale simile ad A. La base
cercata si ottiene, pertanto, dalle colone della matrice PQ.
Applichiamo questo metodo allesercizio precedente, si ha:
P =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 1 1 1
0 0 1 0
0 4 0 3
1 0 0 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
, P
1
=
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 0 0 1
3 3 1 3
0 1 0 0
4 4 1 4
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
, R = P
1
BP =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
3 3 3 0
0 1 0 0
0 1 0 0
0 0 0 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
Universit di Torino
Capitolo 19 Per saperne di pi sulle applicazioni lineari 225
Inoltre:
Q =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 0 1 0
0 1 0 0
1 1 0 0
0 0 0 1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
una matrice che diagonalizza R, mentre per quanto osservato:
PQ =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 1 1 1
0 0 1 0
0 4 0 3
1 0 0 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 0 1 0
0 1 0 0
1 1 0 0
0 0 0 1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
=
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 0 1 1
1 1 0 0
0 4 0 3
1 0 1 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
una matrice che diagonalizza simultaneamente A e B, com anche immediato osservare dalle sue colonne che
riproducono ancora la base J

.
19.5 Il Teorema di CayleyHamilton
Il teorema che segue, di svariate applicazioni, sorprendente, perch afferma, in pratica che sostituendo una
matrice quadrata nel suo polinomio caratteristico si ottiene la matrice nulla; infatti:
Teorema 19.14 Il Teorema di CayleyHamilton. Ogni matrice quadrata uno zero del suo polinomio caratte-
ristico.
Dim. Sia P() il polinomio caratteristico della matrice A e
n,n
:
P() = det(A I) = (1)
n

n
+ a
n1

n1
+ . . . + a
1
+ a
0
. (19.4)
Sia B() laggiunta della matrice A I , (cfr. Denizione 3.12). Gli elementi di B(), essendo i cofattori della
matrice (A I), di ordine n, sono polinomi in di grado non superiore a n 1. Quindi si pu scrivere:
B() = B
n1

n1
+ . . . + B
1
+ B
0
, (19.5)
dove le B
i
sono matrici quadrate di ordine n i cui elementi non dipendono da . Per capire meglio: se
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
2 0 0
1 3 0
1 1 1
\
.
.
.
.
.
.
!
,
allora si ha:
P() =
3
+ 6
2
11 + 6.
Poich:
(A I) =
(
.
.
.
.
.
.
'
2 0 0
1 3 0
1 1 1
\
.
.
.
.
.
.
!
allora:
B() =
(
.
.
.
.
.
.
'

2
4 + 5 0 0
1
2
3 + 2 0
+ 4 2
2
5 + 6
\
.
.
.
.
.
.
!
da cui:
B() =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 0 0
0 1 0
0 0 1
\
.
.
.
.
.
.
!

2
+
(
.
.
.
.
.
.
'
4 0 0
1 3 0
1 1 5
\
.
.
.
.
.
.
!
+
(
.
.
.
.
.
.
'
5 0 0
1 2 0
4 2 6
\
.
.
.
.
.
.
!
.
Dipartimento di Matematica
226 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
Ricordando il calcolo esplicito della matrice inversa (cfr. Teorema 3.17), segue che:
(A I)B() = det(A I)I.
Sostituendo le espressioni di (19.4) e (19.5) ed uguagliando i coefcienti dei termini di ugual grado si ha:
B
n1
= (1)
n
I
AB
n1
B
n2
= a
n1
I
AB
n2
B
n3
= a
n2
I
. . . . . . . . .
AB
1
B
0
= a
1
I
AB
0
= a
0
I.
Moltiplicando le precedenti equazioni, rispettivamente, per A
n
, A
n1
, . . . , A, I e sommando si ha:
(1)
n
A
n
+ a
n1
A
n1
+ . . . + a
1
A + a
0
I = 0. (19.6)
Esempio 19.7 Sia A una matrice quadrata di ordine 2, dal teorema di CayleyHamilton segue che:
A
2
= tr(A)A det(A)I.
Si possono cos ottenere le potenze di A in funzione delle potenze precedenti, per esempio:
A
3
= tr(A)A
2
det(A)A; A
4
= tr(A)A
3
det(A)A
2
e cos via.
Esempio 19.8 Se A invertibile, poich da (19.6), si ha
A(1)
n
A
n1
+ a
n1
A
n2
+ . . . + a
1
Ij = det(A)I,
moltiplicando entrambi i membri per A
1
, si ottiene:
A
1
= (det(A))
1
(a
0
A
n1
+ a
1
A
n2
+ . . . + a
1
I).
Per esempio, se A una matrice quadrata di ordine 2, la formula precedente si riduce a:
A
1
= (det(A))
1
(A + tr(A)I).
Esercizio 19.8 Determinare linversa della matrice
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 0 1
0 2 1
1 1 0
\
.
.
.
.
.
.
!
,
usando il Teorema di Cayley-Hamilton
Soluzione: Il polinomio caratteristico di A :

3
+ 3
2
2 1.
Usando il Teorema 19.14 si ricava:
A
3
+ 3A
2
2A I = 0
e quindi
A
1
= A
2
+ 3A 2I,
da cui svolgendo i calcoli:
A
1
=
(
.
.
.
.
.
.
'
1 1 2
1 1 1
2 1 2
\
.
.
.
.
.
.
!
.
Universit di Torino
Capitolo 19 Per saperne di pi sulle applicazioni lineari 227
19.6 Gruppi di Matrici
Un insieme G dotato di unoperazione, il prodotto, per cui valgano le propriet: associativa, esistenza dellelemen-
to neutro e inverso per ogni suo elemento, prende il nome di gruppo. La struttura di gruppo molto importante in
geometria, come metteranno in evidenza gli esempi che seguono e che, in realt sono gi stati incontrati durante il
corso. Esempi pi facili di gruppo sono gli insiemi di numeri: ( 0, ), ( 0, ) con lusuale operazione di
prodotto.
Un sottoinsieme H di un gruppo G prende il nome di sottogruppo se chiuso rispetto alloperazione di prodotto
(ossia se il prodotto di due elementi di H un elemnto di H) e se per ogni elemento di H il suo inverso ancora un
elemnto di H. Si osservi che la nozione di sottogruppo ha forti analogie con il concetto di sottospazio vettoriale, a
lungo discusso in tutto il corso.
[1] GL(n, ) = A e
n,n
| det A = 0:
il gruppo lineare generale reale, comprende tutte le matrici reali, di ordine n, non singolari. Si tratta, quindi,
delle matrici che legano i cambiamenti di base in
n
o in uno spazio vettoriale reale di dimensione n.
Caso particolare:
GL(1, ) = \ 0.
[2] SL(n, ) = A e GL(n, ) | det A = 1:
il gruppo lineare speciale, si tratta di un sottogruppo di GL(n, ).
Caso particolare:
SL(1, ) = 1.
[3] O(n) = O(n, ) = A e GL(n, ) |
t
AA = I:
il gruppo ortogonale; un sottogruppo di GL(n, ) che comprende tutte le matrici ortogonali. Si tratta, quindi,
delle matrici che legano il cambiamento di base tra basi ortonormali di
n
o di uno spazio vettoriale euclideo di
dimensione n. Le righe e le colonne di una matrice ortogonale sono le componenti di basi ortonormali di
n
,
rispetto al prodotto scalare standard. Inoltre, O(n) il gruppo delle matrici associate alle isometrie lineari (come
spiegato in questo stesso capitolo) ed , anche, il gruppo delle matrici che conservano i prodotti scalari (vale a
dire le forme quadratiche di segnatura (n, 0) (le forme quadratiche saranno oggetto di studio del Capitolo 20). Se
A e O(n) allora det A = 1.
Caso particolare:
O(1) = 1, 1 = S
0
, ossia la sfera di di raggio 1.
[4] SO(n) = O(n) |SL(n, ) = A e O(n)/ det A = 1:
il gruppo ortogonale speciale, si osservi che, a differenza dellinsieme delle matrici di O(n) di determinante
1, SO(n) un sottogruppo.
Casi particolari:
SO(1) = 1;
Dipartimento di Matematica
228 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
SO(2) = __
cos sin
sin cos
| e _.
[5] O(p, q) = A e GL(n, ) |
t
AI
p,q
A = I
p,q

dove:
I
p,q
=
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 0 . . . . . . . . . . . . 0
0 1 0 . . . . . . . . . 0
0 0 1 0 . . . . . . 0
0 0 . . . . . . . . . . . . 0
0 0 . . . 1 0 . . . 0
0 0 . . . . . . 1 . . . 0
0 0 . . . . . . . . . 1 0
0 0 . . . . . . . . . . . . 1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
il numero 1 ripetuto p volte e il numero 1: q volte, p + q = n.
Questo gruppo riveste unimportanza particolare perch dato dalle matrici che conservano le forme quadratiche
di segnatura (p, q) (le forme quadratiche saranno oggetto di studio del Capitolo 20). Si verica facilmente che se
A e O(p, q), allora det A = 1.
Casi particolari:
i) O(n) = O(n, 0) = O(0, n), segue dalla denizione.
ii) O(p, q) isomorfo a O(q, p).
iii) O(3, 1) il gruppo di Lorentz.
[6] SO(p, q) = O(p, q) | SL(n, ).
iii) SO(1, 1) = __
cosh sinh
sinh cosh
, e _,
questo risultato segue da calcoli elementari.
Universit di Torino
Capitolo 20
Applicazioni Lineari Esercizi
20.1 Esercizi
In tutti gli esercizi di questo capitolo si sono adottate notazioni standard, in particolare si indicato con:
-
n
lo spazio vettoriale delle n-uple di numeri reali, di dimensione n, riferito alla base canonica (e
1
= (1, 0, . . . , 0),
e
2
= (0, 1, 0, . . . , 0), . . . , e
n
= (0, 0, . . . , 1));
-
m,n
lo spazio vettoriale delle matrici di tipo (m, n), ad elementi reali, riferito alla base canonica:
(
.
.
.
.
.
.
'
(
.
.
.
.
.
.
'
1 0 . . . 0
. . . . . . . . . . . .
0 0 . . . 0
\
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
'
0 1 . . . 0
. . . . . . . . . . . .
0 0 . . . 0
\
.
.
.
.
.
.
!
, . . . ,
(
.
.
.
.
.
.
'
0 0 . . . 0
. . . . . . . . . . . .
0 0 . . . 1
\
.
.
.
.
.
.
!
\
.
.
.
.
.
.
!
.
-
n,n
lo spazio vettoriale delle matrici quadrate di ordine n, ad elementi reali, riferito alla base canonica standard
(il caso particolare della precedente);
- S(
n,n
) lo spazio vettoriale delle matrici simmetriche di ordine n ad elementi reali rispetto alla base canonica:
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 0 . . . 0
0 0 . . . 0
. . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . .
0 0 . . . 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 1 . . . 0
1 0 . . . 0
. . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . .
0 0 . . . 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
, . . . ,
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 0 . . . 1
0 0 . . . 0
. . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . .
1 0 . . . 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 0 . . . 0
0 1 . . . 0
. . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . .
0 0 . . . 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
, . . . . . . ,
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 0 . . . 0
0 0 . . . 0
. . . . . . . . . . . .
0 . . . 0 1
0 . . . 1 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 0 . . . 0
0 0 . . . 0
. . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . .
0 0 . . . 1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
- 7(
n,n
) lo spazio vettoriale delle matrici antisimmetriche di ordine n ad elementi reali rispetto alla base canonica:
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 1 0 . . . 0
1 0 0 . . . 0
. . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . .
0 0 0 . . . 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
,
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 0 1 . . . 0
0 0 0 . . . 0
1 0 0 . . . 0
. . . . . . . . . . . . . . .
0 0 . . . . . . 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
, . . . ,
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 0 . . . 0 0
0 0 . . . 0 0
. . . . . . . . . . . . . . .
0 0 . . . 0 1
0 0 . . . 1 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
229
230 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
- V
3
lo spazio vettoriale reale, di dimensione 3, dei vettori ordinari, riferito alla base ortonormale positiva J =
(i, j, k). In questambito: ^ indica il prodotto vettoriale o esterno e il prodotto scalare.
-
t
A indica la trasposta della matrice A e
m,n
.
- tr(A) indica la traccia della matrice A e
n,n
, vale a dire la somma degli elementi della diagonale principale.
[1] In
3
si consideri lendomorsmo f dato da:
f (e
1
) = 2e
1
e
2
,
f (e
2
) = e
1
+ e
3
,
f (e
3
) = e
1
+ e
2
e
3
.
Trovare una base di ker f .
[2] data lapplicazione lineare f :
4

3
, la cui matrice, rispetto alle basi canoniche, :
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 0 1 1
2 1 1 3
1 1 0 2
\
.
.
.
.
.
.
!
.
Trovare una base di ker f e una base di imf .
[3] Sia f lendomorsmo di
4
, la cui matrice, rispetto alla base canonica, :
A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
2 1 0 1
0 1 0 1
1 0 1 0
2 1 0 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
Calcolare dimker f e dimimf .
[4] In V
3
, si consideri un vettore u = (u
1
, u
2
, u
3
) = (0, 0, 0). Determinare il nucleo e limmagine degli omomor-
smi:
f
1
: V
3
, f
1
(x) = u x,
f
2
: V
3
V
3
, f
2
(x) = u ^ x.
[5] In
3
si consideri lendomorsmo f dato da:
f (e
1
) f (e
2
) f (e
3
) = 0,
2f (e
1
) f (e
2
) = 3e
1
+ 2e
2
e
3
,
f (e
1
) + f (e
2
) = 3e
1
e
2
+ 2e
3
.
i) f iniettivo? f suriettivo?
ii) Trovare ker f e imf .
iii) Determinare t e tale che u = (t + 1, 2t, 1) e imf .
iv) Per il valore di t ottenuto, calcolare le componenti del vettore u rispetto alla base di imf .
v) Trovare un vettore x / e imf .
vi) ker f e imf sono in somma diretta?
vii) Determinare le controimmagini del vettore y = (3, 4, 1).
Universit di Torino
Capitolo 20 Applicazioni Lineari Esercizi 231
[6] dato lendomorsmo f di
3
la cui matrice, rispetto alla base canonica di
3
, :
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
4 2 2
4 a
2
+ 1 a + 1
8 4 a
2
+ 3
\
.
.
.
.
.
.
!
, a e .
i) Per quali valori di a f iniettivo?
ii) Per i restanti valori di a determinare ker f e la sua dimensione.
iii) Posto a = 1, trovare le controimmagini del vettore (1, 2, 0).
Posto a = 1:
iv) dire se esiste una base di
3
che contenga una base di ker f .
v) ker f e imf sono in somma diretta?
vi) Esiste g e End(
3
) tale che ker g = imf e img = ker f ?
vii) Per quali valori di h, k, l e il vettore (h, k, l) ammette controimmagini?
[7] Data la matrice:
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 x 2
2 y 3
1 z t
\
.
.
.
.
.
.
!
, x, y, z, t e ,
associata ad un endomorsmo f di
3
, possibile completare A sapendo che:
f (e
1
+ e
2
+ e
3
) = 2(e
1
+ e
2
),
ker f = 0?
[8] In
4
sono dati i vettori v
1
= (1, 2, 0, 1), v
2
= (1, 0, 1, 0), v
3
= (1, 0, 0, 2), v
4
= (0, 1, 0, 1).
i) Vericare che v
1
, v
2
, v
3
, v
4
sono linearmente indipendenti.
ii) Dire se esistono gli endomorsmi f e g di
4
rispettivamente tali che:
f (v
1
) = v
1
,
f (v
2
) = 2v
1
+ v
2
,
f (v
3
) = v
2
+ v
3
,
f (v
4
) = v
3
f (v
1
+ v
2
+ v
3
) = (2, 2, 1, 1);
g(v
1
) = v
1
g(v
2
) = 2v
1
+ v
2
g(v
3
) = v
2
+ v
3
g(v
4
) = v
3
g(v
1
+ v
2
+ v
3
) = (2, 6, 0, 1).
iii) Vericato che g un endomorsmo, determinarne autovalori e autospazi.
iv) g diagonalizzabile?
[9] In
4
sono dati i vettori: u
1
= (1, 2, 0, 4), u
2
= (1, 1, 1, 0), u
3
= (0, 0, 1, 2).
i) Vericare che u
1
, u
2
, u
3
sono linearmente indipendenti e trovare una base che li contiene.
ii) Rispetto alle basi canoniche di
3
e di
4
, scrivere la matrice associata ad unapplicazione lineare f non nulla
di
4
in
3
tale che:
f (u
1
) = 0, f (u
2
) = 0, f (u
3
) = 0.
[10] Sono assegnati lendomorsmo f di
3
individuato dalla matrice:
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 0 2
0 1 1
2 1 5
\
.
.
.
.
.
.
!
ed i vettori u = (1, 2, k), v = (1, 0, 2), w = (0, 1, 0).
Dipartimento di Matematica
232 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
i) Provare che per nessun valore di k e u e ker f .
ii) Determinare per quali valori di k i vettori u, v, w formano una base ( di
3
.
iii) Posto k = 1, determinare le componenti dei vettori della base J rispetto alla base (.
iv) Posto k = 0 e considerati i sottospazi vettoriali: 1 = [(u, v, w) e + = [( f (e
1
), f (e
2
), e
3
), trovare
unisomorsmo g : 1 +.
v) Scrivere la matrice associata a g rispetto alla base J.
[11] Sia f lendomorsmo di
3
denito da:
f (x, y, z) = (2x + 2y, x + z, x + 3y 2z).
i) Dire se f suriettivo. In caso negativo, determinare un vettore privo di controimmagine.
ii) Dire se f iniettivo. In caso negativo, determinare due vettori che abbiano la stessa immagine.
iii) Sia c = [(a, b), dove a = (1, 0, 1), b = (0, 1, 1). Dire se il vettore w = (4, 3, 2) appartiene a f (c).
[12] Sia f :
4

3
lapplicazione lineare la cui matrice, rispetto alle basi canoniche, :
A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 2
3
2
0
t t 0 0
1 1 1 1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
, t e .
i) Calcolare ker f e imf al variare di t e .
ii) Posto t = 0, esiste k e tale che il vettore (k + 3, k, 1, 2k) e ker f ?
iii) Determinare una base di
4
contenente una base di ker f .
iv) Determinare le controimmagini del vettore (1, 0, 1).
[13] Sia f lapplicazione lineare da
3
in
2,2
cos denita:
f (x, y, z) = _
3y z 2z
x y y
.
i) Trovare una base di imf .
ii) Dire se f iniettiva.
iii) Trovare i vettori v di
3
tali che f (v) = 3f (1, 2, 1).
iv) Dire se la matrice _
1 2
3 4
ammette controimmagine.
[14] Sia f :
3

2,2
lapplicazione lineare cos denita:
f (a, b, c) = _
a a + b
a + b + c 0
.
i) Scrivere la matrice associata ad f rispetto alle basi canoniche di
3
e di
2,2
.
ii) Determinare imf .
Universit di Torino
Capitolo 20 Applicazioni Lineari Esercizi 233
[15] Si consideri lapplicazione lineare f :
5

3
cos denita:
f (x
1
, x
2
, x
3
, x
4
, x
5
) = (x
1
+ x
3
, 2x
1
+ x
2
x
4
+ x
5
, 3x
2
x
3
+ x
4
+ 2x
5
).
i) Trovare ker f e dire se f suriettiva.
ii) Dato + = [(u, v, w), dove u = (1, 1, 0, 0, 0), v = (0, 1, 0, 1, 1), w = (0, 0, 3, 0, 0), determinare la dimensione
dellimmagine di +.
iii) Vericare che, !a e
5
e !s, t e , il vettore b = a + s(1, 3, 1, 0, 5) +t(0, 3, 0, 1, 4) controimmagine di
f (a).
[16] i) Dire se la funzione che ad ogni matrice di
3,3
associa il suo determinante unapplicazione lineare di

3,3
in .
ii) Dire se la funzione di
3,3
in che ad ogni matrice associa la sua traccia unapplicazione lineare. In caso
positivo, stabilire se suriettiva e determinare il suo nucleo.
[17] Si consideri lendomorsmo f di R
2,2
associato alla matrice:
A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 0 h 0
0 1 0 h
3 0 h 2 0
0 3 0 h 2
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
, h e .
i) Determinare una base per ker f e una base per imf , al variare di h in R.
ii) Posto h = 1, determinare una base di autovettori per ciascun autospazio e stabilire se f semplice.
iii) Posto h = 1, trovare una base per f
1
(), dove il sottospazio vettoriale denito da:
= __
x
1
x
2
x
3
x
4
| 4x
1
+ x
2
x
3
= 3x
2
3x
3
4x
4
= 0_.
[18] Data la funzione:
f :
2,2

2,2
cos denita:
f _
x
1
x
2
x
3
x
4
= _
x
1
+ 17x
2
+ 10x
3
+ 9x
4
x
2
11x
2
+ 8x
3
+ 6x
4
13x
2
8x
3
6x
4
,
i) si verichi che f unapplicazione lineare e si determini la matrice A associata ad f .
ii) Si determini una base di ker f e una base di imf .
iii) Si determinino f (1), dove:
1 = __
x
1
x
2
x
3
x
4
| 4x
1
+ 2x
3
x
4
= 0_,
e f
1
(7), dove:
7 = __
x
1
x
2
x
3
x
4
| x
1
+ x
4
= x
3
= 0_.
iv) Si calcolino gli autovalori di f e una base per ciascun autospazio.
v) f semplice? Se la risposta affermativa, si scriva una matrice diagonale A

a cui f associata e si determini


la matrice del cambiamento di base B tale che A

= B
1
AB.
Dipartimento di Matematica
234 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
[19] Sia + il sottoinsieme di
2,2
formato dalle matrici aventi traccia nulla.
i) Vericare che + un sottospazio vettoriale di
2,2
e che J = (A
1
, A
2
, A
3
), dove:
A
1
= _
0 1
0 0
, A
2
= _
0 0
1 0
, A
3
= _
1 0
0 1
,
una base di +.
ii) Trovare, rispetto alla base J, la matrice dellendomorsmo f di + tale che:
f (A
1
+ A
2
) = _
h 1 1
2 + h h + 1
,
f (2A
2
+ A
3
) = _
0 1
3 0
,
f (A
1
A
2
+ A
3
) = _
3 h 2
h 3 h 3
.
iii) Stabilire per quali valori di h e f , rispettivamente:
a) un isomorsmo,
b) diagonalizzabile.
[20] i) Sia V uno spazio vettoriale reale di dimensione 3, riferito ad una base J = (v
1
, v
2
, v
3
); si determini la
matrice associata allapplicazione lineare f : V V tale che:
ker f = [((0, 1, 1)),
f (3, 1, 1) = (9, 0, 0), f (1, 1, 1) = (3, 2, 4).
ii) f semplice?
[21] Si considerino le matrici associate, rispetto alla base canonica, alle applicazioni lineari f :
3

3
tali
che:
ker f = (x
1
, x
2
, x
3
) e
3
| x
1
+ x
2
+ x
3
= 0,
f (1) , 1, dove 1 = (x
1
, x
2
, x
3
) e
3
| x
3
= 0.
Determinare quali tra queste matrici sono diagonalizzabili, quindi individuare una base di autovettori di
3
.
[22] In V
3
data la funzione f : V
3
V
3
cos denita:
f (x) = i ^ x + 2j ^ x k ^ x.
i) Provare che f lineare.
ii) Determinare una base per ker f e una base per imf .
iii) f semplice?
[23] Si considerino gli spazi vettoriali
2
,
3
,
4
riferiti alle rispettive basi canoniche J, J

, J

. Date le
applicazioni lineari:
f :
3

2
, A = M
J

,J
( f ) = _
1 1 2
1 2 3
,
g :
4

2
, B = M
J

,J
(g) = _
3 4 3 0
5 9 4 1
,
determinare, se esiste, unapplicazione lineare h :
4

3
tale che f h = g.
Universit di Torino
Capitolo 20 Applicazioni Lineari Esercizi 235
[24] Si consideri la funzione:
f :
2,2

2,2
, f (A) =
1
2
(A +
t
A), A e
2,2
.
i) Vericare che f unapplicazione lineare.
ii) Scrivere la matrice associata ad f rispetto alla base canonica di
2,2
.
iii) Determinare una base per ker f e una base per imf .
iv) f semplice? In caso affermativo, determinare una base di
2,2
di autovettori e la matrice a cui f associata,
rispetto a tale base.
[25] Vericare che le seguenti matrici:
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
2 14 7
0 2 2
0 6 5
\
.
.
.
.
.
.
!
e:
A

=
(
.
.
.
.
.
.
'
1 0 0
0 2 0
0 0 2
\
.
.
.
.
.
.
!
sono associate allo stesso endomorsmo f :
3

3
. Se A riferita alla base canonica di
3
, determinare la
base a cui riferita la matrice A

.
[26] Si consideri lapplicazione lineare f :
2,2

2,2
cos denita:
f _
2 0
1 1
= _
2h 2
1 1
, f _
1 2
0 1
= _
h 2h
4 1
,
f _
0 1
3 1
= _
0 h + 6
1 1
, f _
1 2
1 2
= _
h 2h + 2
5 2
, h e .
i) Scrivere la matrice associata ad f rispetto alla base canonica di
2,2
.
ii) Al variare di h e , determinare una base e la dimensione di ker f e una base e la dimensione di imf .
iii) Per quali valori di h esiste f
1
? Determinare, in questi casi, la matrice associata ad f
1
.
iv) Per quali valori di h f semplice?
[27] Determinare, se esiste, unopportuna applicazione lineare g tale che:
g f = h,
dove f :
4

3
cos denita:
|
.
.
.

.
.
.
'
x

1 = x
1
+ x
2
+ x
3
+ x
4
x

2 = x
2
x
3
+ 3x
4
x

3 = 2x
1
+ 2x
2
x
3
x
4
e h :
4

2
denita da:
_
x

1 = x
1
+ 2x
2
3x
3
x

2 = x
1
+ x
2
+ x
3
2x
4
.
Dipartimento di Matematica
236 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
[28] i) Determinare unapplicazione lineare f :
3

4
tale che:
imf = [((1, 2, 0, 4), (2, 0, 1, 3)).
ii) Determinare unapplicazione lineare f :
3

4
tale che:
ker f = [((1, 0, 1)).
iii) Determinare tutte le applicazioni lineari f :
4

3
iniettive.
[29] Sia:
7 = __
x
1
x
2
0 x
3
e
2,2
, x
1
, x
2
, x
3
e _
il sottospazio vettoriale di
2,2
delle matrici triangolari superiori. Si consideri lendomorsmo f : 7 7 tale
che:
f _
1 2
0 1
= _
8 10
0 10
,
f _
0 1
0 1
= _
6 8
0 10
,
f _
1 2
0 0
= _
5 7
0 6
.
i) f ben denito?
ii) Scrivere la matrice A associata ad f rispetto alla base canonica di 7.
iii) Determinare una base e la dimensione di ker f e di imf .
iv) Dato 1 = __
x
1
x
2
0 x
3
e 7 | x
1
+ 3x
2
= 0_, determinare una base e la dimensione di f (1) e di f
1
(1).
v) f semplice?
vi) In caso affermativo si scriva una matrice A

diagonale simile ad A e la base di 7 a cui A

riferita.
[30] Scrivere tutte le applicazioni lineari f :
3

3
tali che:
i) ker f = [((1, 1, 0), (0, 1, 1)),
ii) imf = [((0, 0, 1)).
[31] Sia f : V
3
V
3
la funzione cos denita:
f (x) = a ^ x + (b a)(b ^ x), x e V
3
,
dove a = i j + k, b = i + k.
i) Vericare che f unapplicazione lineare.
ii) Scrivere la matrice associata ad f rispetto alla base J = (i, j, k).
iii) Determinare una base per ker f e una base per imf .
iv) Determinare f (+), dove += x e V
3
| x a = 0 e f
1
(1), dove: 1 = x e V
3
| x ^ b = 0.
v) Vericare che ( = (i +j, i j +k, 2k) una base di V
3
e scrivere la matrice A

associata ad f rispetto alla base


(.
vi) f semplice?
Universit di Torino
Capitolo 20 Applicazioni Lineari Esercizi 237
[32] In uno spazio vettoriale V di dimensione 2, rispetto alla base J = (v
1
, v
2
), si considerino gli endomorsmi
f e g individuati dalle matrici:
A = M
J,J
( f ) = _
1 2
1 0
, B = M
J,J
(g) = _
3 1
1 1
.
i) Si determinino le componenti del vettore ( f g)(v
1
+ v
2
).
ii) Si scrivano le componenti dei vettori x di V tali che:
f (x) = g(x)
e dei vettori y di V tali che:
( f g)(y) = (g f )(y).
[33] Sia data lapplicazione lineare f :
3

3
cos denita:
f (x, y, z) = (x + y, 2y z, 2x 4y + 3z), (x, y, z) e
3
.
Determinare unapplicazione lineare g :
3

3
tale che imf = img e ker f | ker g = o.
[34] In
2,2
si consideri la funzione:
f :
2,2

2,2
| f (A) =
t
A, A e
2,2
.
i) Vericare che f unapplicazione lineare.
ii) Scrivere la matrice associata ad f rispetto alla base canonica di
2,2
.
iii) f invertibile? In caso positivo, determinare una matrice associata a f
1
.
iv) f semplice? In caso positivo, scrivere una matrice diagonale simile ad f e determinare una base rispetto alla
quale tale matrice data.
[35] Si consideri lapplicazione lineare f :
4
S(
2,2
) tale che:
f (e
1
) = _
1 2
2 3
,
f (e
3
) = _
1 0
0 1
,
f (e
2
) = _
1 1
1 0
,
f (e
4
) = _
1 1
1 k
, k e .
Trovare, per ogni k e , una base per ker f e imf .
[36] i) Vericare che esiste ununica applicazione lineare f :
4
S(
2,2
) tale che:
f (1, 0, 1, 0) = _
2 1
1 3
, f (0, 1, 0, 1) = _
0 2
2 2
,
f (0, 0, 0, 1) = _
1 1
1 2
, f (1, 0, 0, 1) = _
1 3
3 2
.
ii) Trovare una base per ker f ed imf (precisare le basi scelte per scrivere la matrice di f ).
iii) Determinare una base per il sottospazio vettoriale f
1
(+), dove:
+= __
y
1
y
2
y
2
y
3
e
2,2
| y
1
+ 2y
3
= y
2
+ y
3
= 0_.
Dipartimento di Matematica
238 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
[37] Si consideri lendomorsmo:
f :
2,2

2,2
, X f (X) = AX XA,
dove:
A = _
1 h
1 1
, h e .
i) Determinare, per ogni h e , una base di ker f .
ii) Stabilire per quali valori di h e f semplice.
iii) Posto h = 3, trovare una base di
2,2
formata da autovettori di f .
iv) Posto h = 0, determinare una base per il sottospazio vettoriale imf |+, dove:
+= __
x
1
x
2
x
3
x
4
e
2,2
| 2x
1
+ x
3
= 2x
2
3x
3
+ 2x
4
= 0_.
[38] Sia f :
5

3
unapplicazione lineare la cui matrice :
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 0 1 2 3
2 1 0 1 2
3 1 1 3 5
\
.
.
.
.
.
.
!
.
i) Determinare una base per ker f e imf .
ii) Stabilire per quali valori di h e il vettore (2, h, h
2
) appartiene a imf .
iii) Rappresentare mediante equazioni il sottospazio vettoriale f (+), dove:
+= (x
1
, x
2
, x
3
, x
4
, x
5
) e
5
| x
1
x
3
= 2x
1
x
2
+ x
4
x
5
= 0.
[39] In V
3
si considerino i vettori a = (1, 1, 0) e b = (0, 1, 1). Sia f : V
3
V
3
la funzione cos denita:
f (x) = x _
x a ^ b
l a ^ b l
2
a ^ b, x e V
3
.
i) Provare che f unapplicazione lineare e precisare il suo signicato geometrico.
ii) Scrivere la matrice associata ad f rispetto alla base J = (i, j, k).
iii) Dopo aver vericato che J

= (a, b, a ^ b) una base di V


3
, scrivere la matrice associata ad f rispetto alla
base J

.
iv) Determinare ker f e imf . Stabilire se f semplice e, in caso affermativo, trovare una base di V
3
formata da
autovettori di f . (Questo punto non richiede calcoli se le risposte vengono adeguatamente giusticate).
[40] Si consideri lendomorsmo f di S(
2,2
) tale che:
f _
1 0
0 0
= _
1 0
0 h
, f _
0 1
1 0
= _
0 2
2 1
,
f _
1 0
0 1
= _
1 + h 0
0 1 + h
.
i) Stabilire per quali valori di h e , f semplice.
ii) Posto h = 1, trovare una base per il sottospazio vettoriale f (+), dove:
+= __
a b
b c
e S(
2,2
) | a b + c = 0_.
Universit di Torino
Capitolo 20 Applicazioni Lineari Esercizi 239
[41] Si consideri il seguente endomorsmo di
2,2
:
f :
2,2

2,2
, X B
1
XB, dove B = _
1 0
h 1
.
i) Trovare per quali valori di h e f un isomorsmo.
ii) Stabilire per quali valori di h e f semplice.
iii) Posto h = 1, trovare una base di
2,2
formata da autovettori di f .
[42] Sia f lendomorsmo di
3
che verica le seguenti condizioni:
a) ker f = (x
1
, x
2
, x
3
) e
3
| x
1
+ x
3
= x
2
+ x
3
= 0;
b) f (1, 0, 1) = (1, 2, 3);
c) (1, 1, 0) un autovettore di f relativo allautovalore 1.
i) Trovare la matrice di f rispetto alla base canonica di
3
.
ii) Stabilire se f semplice e, in caso positivo, trovare una base di
3
formata da autovettori.
[43] Si consideri il seguente endomorsmo di
2,2
:
f :
2,2

2,2
, X XB, dove B = _
1 2
h 6
.
i) Determinare ker f e imf , per ogni valore di h e .
ii) Scelto lunico valore di h per cui f non un isomorsmo, stabilire se f semplice.
iii) Trovare una base per f (+), dove:
+= X e
2,2
|
t
X = X,
(usare il valore di h determinato nel punto ii).
[44] Dato lendomorsmo:
f :
2,2

2,2
tale che f (A) =
t
A, A e
2,2
:
i) scrivere la matrice associata ad f rispetto alla base canonica di
2,2
;
ii) determinare ker f e imf ;
iii) determinare f (S) e f (7), dove S il sottospazio vettoriale delle matrici simmetriche e 7 il sottospazio
vettoriale delle matrici antisimmetriche;
iv) determinare gli autospazi di f ;
v) f semplice? (Giusticare la risposta).
[45] In
2,2
si considerino i sottoinsiemi:
S = __
x
1
x
2
x
3
x
4
e
2,2
| x
2
= x
3
_
delle matrici simmetriche, e:
7 = __
x
1
x
2
x
3
x
4
e
2,2
| x
1
+ x
4
= 0_
delle matrici a traccia nulla.
Dipartimento di Matematica
240 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
i) Si dimostri che S e 7 sono sottospazi vettoriali di
2,2
, si determinino le loro dimensioni e una base per
ciascuno.
ii) Data lapplicazione lineare:
f : S 7
cos denita:
f _
x
1
x
2
x
2
x
3
= _
2x
2
2x
3
2x
1
+ 4x
2
+ 2x
3
2x
1
2x
2
2x
2
+ 2x
3
,
calcolare la dimensioni e una base sia di ker f sia di imf .
iii) Determinare f (1), dove:
1 = __
x
1
x
2
x
2
x
3
e S | x
1
+ x
2
+ x
3
= 0_
e f
1
(7), dove:
7 = __
x

1 x

2
x

3 x

1
e 7 | x

1
+ 3x

3
= 0_.
iv) Detta A la matrice associata a f rispetto ad una base di S e ad una base di 7, si stabilisca se A diagonaliz-
zabile e, in caso affermativo, si determini una matrice diagonale A

simile ad A.
[46] Considerata lapplicazione lineare:
f :
3

4
tale che:
f (x
1
, x
2
, x
3
) = (x
1
+ x
2
, 2x
1
+ x
2
+ x
3
, x
1
+ x
3
, x
2
x
3
),
si determini f
1
(1), dove 1 il sottospazio vettoriale di
4
dato da:
1 = (y
1
, y
2
, y
3
, y
4
) e
4
| y
1
+ y
2
= 0.
[47] Sia f :
3

4
lapplicazione lineare di equazioni:
|
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
'
x

1 = x
1
+ x
2
+ x
3
x

2 = x
2
+ x
3
x

3 = 2x
1
+ x
2
+ x
3
x

4 = x
1
+ 2x
2
+ 2x
3
.
i) Determinare la dimensione e una base sia di ker f sia di imf .
ii) Determinare la dimensione e una base di f (1), dove:
1 = (x
1
, x
2
, x
3
) e
3
| x
1
+ 2x
2
= 0.
iii) Determinare la dimensione e una base di f
1
(7), dove:
7 = (x
1
, x
2
, x
3
, x
4
) e
4
| x
1
+ 2x
2
= 0.
[48] Data lapplicazione lineare f :
3

3
denita, relativamente alla base canonica di
3
, dalla matrice:
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
0 h h
1 h
2
h 1
h 1 0 h 1
\
.
.
.
.
.
.
!
, h e ,
i) trovare il valore di h per cui ker f abbia dimensione 2 e determinarne una base;
ii) posto h = 1, determinare autovalori e autovettori di f ;
iii) f semplice?
Universit di Torino
Capitolo 20 Applicazioni Lineari Esercizi 241
[49] Dato lendomorsmo f :
4

4
denito da:
f (x, y, z, t) = (0, 0, x, y),
i) determinare una base di ker f e una base di imf .
ii) Calcolare f (1) e f
1
(1), dove:
1 = (x, y, z, t) e
4
| x + y z t = 0.
iii) Determinare autovalori e autospazi di f . f semplice?
[50] Sia f :
4

3
unapplicazione lineare la cui matrice :
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
2 0 1 3
1 1 0 1
3 1 1 2h
\
.
.
.
.
.
.
!
, h e
i) trovare una base per ker f e una base per imf al variare di h e .
Posto h = 1:
ii) stabilire per quali valori di k e , il vettore (k
2
2, k 2, 2k) appartiene a imf ;
iii) determinare f (1) e f
1
(7), dove:
1 = (x
1
, x
2
, x
3
, x
4
) e
4
| x
1
x
2
= x
3
+ x
4
= 0,
7 = (x
1
, x
2
, x
3
) e
3
| 2x
1
+ x
2
2x
3
= 0.
iv) Dire se lendomorsmo di matrice
t
AA semplice.
[51] Dato il vettore a = 2i j + k, si consideri la funzione f : V
3
V
3
cos denita: f (x) = 2x ^ a,
i) vericare che f unapplicazione lineare;
ii) scrivere la matrice associata ad f rispetto alla base J;
iii) determinare una base di ker f e una base di imf ;
iv) determinare una base sia di f (+) sia di f
1
(+), dove + il sottospazio vettoriale di V
3
costituito da tutti i
vettori ortogonali ad a;
v) determinare gli autovalori di f e una base per ciascun autospazio. f semplice?
[52] Data lapplicazione lineare f :
4

2
cos denita:
f (x, y, z, w) = (x z, y + z),
sia A la matrice di f rispetto alle basi canoniche di
4
e di
2
rispettivamente.
i) Scrivere la matrice A;
ii) trovare ker f ed imf ;
iii) trovare autovalori ed autovettori della matrice
t
AA;
iv) determinare f
1
(1), dove 1 = (a, a), a e .
[53] In
2
,
3
,
4
, riferiti alle rispettive basi canoniche, si considerino le applicazioni lineari:
f :
4

2
, g :
2

3
,
Dipartimento di Matematica
242 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
associate, rispettivamente, alle matrici:
A = M( f ) = _
1 2 0 3
0 1 2 1
, B = M(g) =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 2
2 1
1 0
\
.
.
.
.
.
.
!
.
i) Determinare la dimensione e una base sia per ker(g f ) sia per im(g f ).
ii) Sia 1 liperpiano vettoriale di
4
di equazione x
2
= 0. Determinare la dimensione e una base del sottospazio
= 1|ker(g f ).
iii) Calcolare (g f )(1) e (g f )
1
(7) dove 7 liperpiano di
3
di equazione y
3
= 0.
[54] In
3
sono dati i vettori:
v
1
= (3, 1, 0), v
2
= (1 + a, 0, 1), v
3
= (0, 1, a + 1), a e .
i) Vericare che, al variare di a e , linsieme (v
1
, v
2
, v
3
) una base di
3
.
ii) Sia f :
3

4
lapplicazione lineare cos denita:
f (v
1
) = (1, 0, 0, 0)
f (v
2
) = (0, a + 1, 0, 1)
f (v
3
) = (1, a + 2, 0, 0),
scrivere la matrice associata ad f , rispetto alle basi canoniche di
3
e di
4
.
iii) Determinare la dimensione e una base di imf , al variare di a e .
[55] Si consideri lapplicazione lineare f :
3

3
denita da:
f (e
1
) = e
1
2e
2
+ 2e
3
,
f (e
2
) = 2e
1
+ 4e
3
,
f (e
3
) = e
2
rispetto alla base canonica (e
1
, e
2
, e
3
) di
3
.
i) Determinare una base e la dimensione di ker f e imf .
ii) Calcolare autovalori e autospazi di f e dire se f diagonalizzabile.
iii) Determinare i vettori v di
3
tali che f (v) = 2v.
[56] Data lapplicazione lineare f :
4

3
tale che:
f (x
1
, x
2
, x
3
, x
4
) = (5x
1
+ 4x
2
+ x
3
+ x
4
, x
1
x
2
+ 2x
3
, 3x
1
+ 2x
2
+ 5x
3
+ x
4
),
i) trovare una base per ker f e imf ;
ii) trovare una base per i sottospazi vettoriali + e +| ker f , dove:
+= [((1, 1, 1, 2), (7, 3, 2, 1), (2, 4, 3, 7)).
[57] In
3
si considerino i vettori:
u
1
= (1, 0, 2), u
2
= (2, 1, 0), u
3
= (0, 1, 1).
i) Provare che J
1
= (u
1
, u
2
, u
3
) una base di
3
.
ii) Scrivere le componenti del vettore e
2
= (0, 1, 0) di
3
rispetto alla base J
1
.
iii) Siano 1 = [(u
1
, u
2
) e + = [(u
3
); denita lapplicazione lineare f :
3

3
tale che: lautospazio
relativo allautovalore 2 sia 1 e lautospazio relativo allautovalore 1 sia +, scrivere la matrice A
1
associata ad
f rispetto alla base J
1
e indicare le operazioni da svolgere (ma non fare i calcoli) per determinare la matrice A
associata ad f rispetto alla base canonica di
3
.
Universit di Torino
Capitolo 20 Applicazioni Lineari Esercizi 243
[58] In
2,2
si considerino le matrici:
u
1
= _
1 1
0 0
, u
2
= _
0 1
0 1
, u
3
= _
0 0
1 1
, u
4
= _
1 0
0 0
.
i) Si verichi che J

= (u
1
, u
2
, u
3
, u
4
) una base e si determinino le componenti di A = _
1 0
0 3
ripetto a J

.
ii) Scrivere la matrice associata, rispetto alla base J, allapplicazione lineare f :
2,2

2,2
cos denita:
f (e
1
) = f (e
4
) = u
3
, f (e
2
) = f (e
3
) = u
1
u
4
.
iii) Determinare una base di ker f e una base di imf .
iv) Calcolare gli autovalori di f e dire se f semplice.
[59] Sia f :
2

3
lapplicazione lineare cos denita:
f (e
1
) = e

1
+ e

2
e

3
, f (e
2
) = 2e

1
e

3
,
dove J = (e
1
, e
2
) la base canonica di
2
e J

= (e

1, e

2, e

3) la base canonica di
3
.
i) f iniettiva?
ii) Calcolare una base e la dimensione di f (1), dove:
1 = (x
1
, x
2
) e
2
| x
1
+ x
2
= 0.
iii) Calcolare una base e la dimensione di f
1
(7), dove:
7 = (y
1
, y
2
, y
3
) e
3
| y
1
+ y
2
= 0.
Dipartimento di Matematica
244 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
20.2 Soluzioni
[1]
A = {{2,-1,1},{1,0,1},{-1,1,-1}};
NullSpace[Transpose[A]]
{]
ker f = 0.
[2]
A = {{1,0,1,1},{2,1,1,3},{1,1,0,2}};
NullSpace[A]
{{-1,-1,0,1],{-1,1,1,0]]
RowReduce[Transpose[A]]
{{1,0,-1],{0,1,1],{0,0,0],{0,0,0]]
ker f = [((1, 1, 0, 1), (1, 1, 1, 0)), imf = [((1, 2, 1), (0, 1, 1)).
[3]
A = {{2,1,0,-1},{0,1,0,1},{1,0,-1,0},{2,1,0,0}};
Det[A]
-2
dimker f = 0, dimimf = 4.
[4] M( f
1
) = | u
1
u
2
u
3
];
ker f
1
= x e V
3
| x u; imf
1
= ;
M( f
2
) =
(
.
.
.
.
.
.
'
0 u
3
u
2
u
3
0 u
1
u
2
u
1
0
\
.
.
.
.
.
.
!
;
ker f
2
= x e V
3
| x l u, imf = x e V
3
| x u.
Universit di Torino
Capitolo 20 Applicazioni Lineari Esercizi 245
[5]
a = LinearSolve[{{1,-1,-1},{2,-1,0},{-1,1,0}},
{{0,0,0},{3,2,-1},{3,-1,2}}]
{{6,1,1],{9,0,3],{-3,1,-2]]
MatrixForm[A = Transpose[a]]

6 9 -3
1 0 1
1 3 -2
|

Det[A]
0
NullSpace[A]
{{-1,1,1]]
Solve[{t + 1,2t,-1} == x{6,1,1} + y{3,0,1},{t,x,y}]
t -
4
5
,x -
8
5
,y - -
13
5

Det[{{1,0,0},{6,1,1},{3,0,1}}]
1
Det[{{1,-1,1},{6,1,1},{3,0,1}}]
1
LinearSolve[A,{3,4,-1}]
LinearSolve ::

nosol

: Linear equation encountered which has no solution.


LinearSolve[{{6,9,3],{1,0,-1],{1,3,2]],{3,4,-1]]
i) A = M( f ) =
(
.
.
.
.
.
.
'
6 9 3
1 0 1
1 3 2
\
.
.
.
.
.
.
!
, det A = 0, quindi f non ne iniettiva ne suriettiva.
ii) ker f = [((1, 1, 1)), imf = [((6, 1, 1), (3, 0, 1)). iii) t =
4
5
.
iv) u = _
8
5
,
13
5
. v) (1, 0, 0) per esempio.
vi) S. vii) Non esistono.
Dipartimento di Matematica
246 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
[6]
A = {{4,2,2},{4,a2 + 1,a + 1},{8,4,a2 + 3}};
Solve[Det[A] == 0]
{{a - -1],{a - -1],{a - 1],{a - 1]]
NullSpace[A/.a - -1]
{{-1,2,0]]
NullSpace[A/. a - 1]
{{-1,0,2],{-1,2,0]]
Solve[{A/.a - -1 }.{x,y,z} == {1,-2,0},{x,y,z}]
{]
Det[{{-1,0,2},{-1,2,0},{1,1,2}}]
-10
B := {{-1,-1,1},{0,2,-1},{2,0,-1}}
NullSpace[B]
{{1,1,2]]
Reduce[(A/.a - 1).{x,y,z} == {h,k,l},{x,y,z}]
2 h == l&&2 k == l&&x ==
1
8
l - 4 y - 4 z)
i) a = 1.
ii) Se a = 1: ker f = [((1, 2, 0)), imf = [((1, 1, 2), (1, 0, 2));
se a = 1: ker f = [((1, 0, 2), (1, 2, 0)), imf = [((1, 1, 2)).
iii) Non esistono. iv) S (teorema del completamento della base). v) S.
vi) Per esempio: M(g) =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 1 1
0 2 1
2 0 1
\
.
.
.
.
.
.
!
.
vii) Se l = 2h = 2k, allora f
1
(h, k, l) = __
1
8
l
1
2
t
1
2
t

, t, t

, l, t, t

e _.
[7]
Solve[{1,2,-1} + {x,y,z} + {2,-3,t} == {2,2,0},{x,y,z,t}]
Solve ::

svars

: Equations may not give solutions for all solve variables.


{{x - -1,y - 3,z - 1 - t]]
Solve[Det[{{1,-1,2},{2,3,-3},{-1,1 - t,t}}] == 0]
{{t - 5]]
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 1 2
2 3 3
1 4 5
\
.
.
.
.
.
.
!
.
[8] ii) f non un endomorsmo, g un endomorsmo.
iii)
1
= 0, m

1
= 1,
2
= 1, m

2
= 3, V

1
= [((2, 1, 1, 1)), V

2
= [((1, 0, 0, 0)).
Universit di Torino
Capitolo 20 Applicazioni Lineari Esercizi 247
iv) No.
[9]
u1 = {1,-2,0,4}; u2 = {-1,1,1,0};u3 = {0,0,1,2};
RowReduce[{u1,u2,u3}]
{{1,0,0,0],{0,1,0,-2],{0,0,1,2]]
ii) M( f ) =
(
.
.
.
.
.
.
'
0 2
1
2
1

1
0 2
2
2
2

2
0 2
3
2
3

3
\
.
.
.
.
.
.
!
,
1
,
2
,
3
e .
[10]
A = {{1,0,2},{0,1,1},{2,1,5}};
NullSpace[A]
{{-2,-1,1]]
u = {1,-2,k}; v = {1,0,2}; w = {0,1,0};
Solve[Det[{u,v,w}] == 0]
{{k - 2]]
k = 1;
p = Transpose[{u,v,w}];
MatrixForm[Inverse[p]]

2 0 -1
-1 0 1
4 1 -2
|

k = 0;
m = LinearSolve[{u,v,w},{{1,0,2},{0,1,1},{0,0,1}}]
{1,0,4],{0,0,1], -
1
2
,
1
2
,-
3
2

MatrixForm[Transpose[m]]

1 0 -
1
2
0 0
1
2
4 1 -
3
2
|

i) ker f = [((2, 1, 1)) da cui segue la tesi. ii) k = 2.


iii) e
1
= 2u v + 4w, e
2
= w, e
3
= u + v 2w.
iv) Per esempio: M
(,J
( f ) =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 0 0
0 1 0
2 1 1
\
.
.
.
.
.
.
!
.
Dipartimento di Matematica
248 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
v) M
J,J
( f ) =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 0
1
2
0 0
1
2
4 1
3
2
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
[11]
A = {{2,2,0},{1,0,1},{1,3,-2}};
NullSpace[A]
{{-1,1,1]]
LinearSolve[A,{0,0,1}]
LinearSolve ::

nosol

: Linear equation encountered which has no solution.


LinearSolve[{{2,2,0],{1,0,1],{1,3,-2]],{0,0,1]]
Det[{A.{1,0,1},A.{0,1,1},{4,3,-2}}]
4
{}
i), ii) f non ne iniettiva ne suriettiva: ker f = [((1, 1, 1)), imf = [((2, 0, 3), (0, 1, 2)),
per esempio e
3
non ha controimmagine, f (1, 1, 1) = 0 e f (2, 2, 2) = 0.
iii) No.
[12]
A = {{1,2,3/2,0},{t,-t,0,0},{1,1,1,-1}};
Reduce[A.{x,y,z,w} == {0,0,0},{x,y,z,w}]
t == 0&&w ==
1
2
-2 y - z)&&x ==
1
2
-4 y - 3 z)||w == 0&&x == y&&z == -2 y
Solve[a{-2,1,-1,0} + b{-3,0,2,-2} == {k + 3,k,1,2k}]
{]
Reduce[A.{x,y,z,w} == {1,0,-1},{x,y,z,w}]
t == 0&&w ==
1
2
4 - 2 y - z)&&x ==
1
2
2 - 4 y - 3 z)||
w ==
5
3
&&x == y&&z == -
2
3
-1 + 3 y)
i) Se t = 0: ker f = [((2, 1, 0, 1), (3, 0, 2, 1)), imf = [((1, 0, 1), (2, 0, 1));
se t = 0: ker f = [((1, 1, 2, 0)), imf =
3
.
ii) No; iii) se t = 0: ((2, 1, 0, 1), (3, 0, 2, 1), (0, 0, 1, 0), (0, 0, 0, 1));
se t = 0: ((1, 1, 2, 0), (0, 1, 0, 0), (0, 0, 1, 0), (0, 0, 0, 1)).
iv) Se t = 0: f
1
((1, 0, 1)) = _1 2t
1

3
2
t
2
, t
1
, t
2
, 2 t
1

1
2
t
2
, t
1
, t
2
e ;
se t = 0: f
1
((1, 0, 1)) = _t, t,
2
3
2t,
5
3
, t e .
Universit di Torino
Capitolo 20 Applicazioni Lineari Esercizi 249
[13]
A = {{0,3,1},{0,0,2},{1,-1,0},{0,1,0}};
NullSpace[A]
{]
Solve[A.{x,y,z} == 3A.{1,2,1},{x,y,z}]
{{x - 3,y - 6,z - 3]]
Solve[A.{x,y,z} == {1,2,3,4},{x,y,z}]
{]
i) imf = [__
0 0
1 0
, _
3 0
1 1
, _
1 2
0 0
.
ii) S; iii) v = (3, 6, 3). iv) No.
[14] i) M( f ) =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 0 0
1 1 0
1 1 1
0 0 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
ii) imf = [__
1 1
1 0
, _
0 1
1 0
, _
0 0
1 0
.
[15]
A = {{1,0,1,0,0},{2,1,0,-1,1},{0,3,-1,1,2}};
NullSpace[A]
{{-1,-3,1,0,5],{4,-3,-4,5,0]]
RowReduce[{A.{1,-1,0,0,0},A.{0,1,0,1,1},A.{0,0,3,0,0}}]
{{1,0,0],{0,1,0],{0,0,1]]
b = {x1,x2,x3,x4,x5} + s {-1,-3,1,0,5} + t {0,-3,0,1,4};
Simplify[A.b == A.{x1,x2,x3,x4,x5}]
True
i) ker f = [((1, 3, 1, 0, 5), (4, 3, 4, 5, 0)), imf =
3
. ii) f (+) =
3
.
[16] i) No. ii) S, suriettiva, quindi il nucleo ha dimensione 8 ed costituito da tutte le matrici aventi traccia
nulla.
Dipartimento di Matematica
250 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
[17]
A = {{1,0,h,0},{0,1,0,h},{3,0,h - 2,0},{0,3,0,h - 2}};
Reduce[A.{x1,x2,x3,x4} == {0,0,0,0}, {x1,x2,x3,x4}]
h == -1&&x1 == x3&&x2 == x4||
x1 == 0&&x2 == 0&&x3 == 0&&x4 == 0&&1 + h = 0
B = A/. h - -1;
Eigensystem[B]
{{-2,-2,0,0],{{0,1,0,3],{1,0,3,0],{0,1,0,1],{1,0,1,0]]]
Solve[{4x1 + x2 - x3 == 0, 3x2 - 3x3 - 4x4 == 0}, {x1,x2,x3,x4}]
Solve ::

svars

: Equations may not give solutions for all solve variables.


x1 - -
x4
3
,x2 - x3 +
4 x4
3

Reduce[B . {x1,x2,x3,x4} == {-t/3,4t/3 + z,z,t}, {x1,x2,x3,x4}]
x1 ==
1
3
-t + 3 x3)&&x2 ==
1
3
t + 3 x4)&&z == -t
i) Se h = 1: ker f = 0, imf =
2,2
,
se h = 1: ker f = [__
1 0
1 0
, _
0 1
0 1
, imf = __
1 0
3 0
, _
0 1
0 3
.
ii)
1
= 2, m

1
= 2, V

1
= imf ,
2
= 0, m

2
= 2, V

2
= ker f , f semplice.
iii) f
1
() = [__
1 0
1 0
, _
0 1
0 1
, _
1 1
0 0
.
[18]
A = {{1,17,10,9},{0,1,0,0},{0,11,8,6},{0,-13,-8,-6}};
NullSpace[A]
{{-6,0,-3,4]]
A.{1,0,0,4}
{37,0,24,-24]
A.{0,0,1,2}
{28,0,20,-20]
Reduce[A.{x1,x2,x3,x4} == {-t1,t2,0,t1},{x1,x2,x3,x4}]
2 t2 == -t1&&x1 ==
1
8
5 t1 - 12 x4)&&x2 == -
t1
2
&&x3 ==
1
16
11 t1 - 12 x4)
Eigensystem[A]
{{0,1,1,2],
{{-6,0,-3,4],{0,-1,-1,3],{1,0,0,0],{-1,0,-1,1]]]
i) A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 17 10 9
0 1 0 0
0 11 8 6
0 13 8 6
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
ii) ker f = [__
6 0
3 4
, imf = [__
1 0
0 0
, _
17 1
11 13
, _
10 0
8 8
.
Universit di Torino
Capitolo 20 Applicazioni Lineari Esercizi 251
iii) f (1) = [__
37 0
24 24
, _
17 1
11 13
, _
7 0
5 5
,
f
1
(7) = __
10 8
11 0
, _
6 0
3 4
.
iv)
1
= 0;
2
= 1, m

2
= 2;
3
= 2.
v) f semplice, A

=
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 0 0 0
0 1 0 0
0 0 1 0
0 0 0 2
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
, B =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
6 0 1 1
0 1 0 0
3 1 0 1
4 3 0 1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
[19]
LinearSolve[{{1,1,0},{0,2,1},{1,-1,1}},
{{1,2 + h,-h - 1},{1,3,0},{-2,h - 3,3 - h}}]
{{0,h,-h],{1,2,-1],{-1,-1,2]]
MatrixForm[c = Transpose[%]]

0 1 -1
h 2 -1
-h -1 2
|

Solve[Det[c] == 0]
{{h - 0]]
b = Eigenvalues[c]
1,
1
2
3 -

9 + 8 h,
1
2
3 +

9 + 8 h
Flatten[Table[b[[i]] == b[[j]], {i,3},{j,3}]];
Map[Solve,%]
Solve ::

ifun

: Inverse functions are being used by Solve, so some solutions may not be
found
Solve ::

ifun

: Inverse functions are being used by Solve, so some solutions may not be
found
{{]],{{h - -1]],{],{{h - -1]],
{{]],h - -
9
8
,{],h - -
9
8
,{{]]
Eigensystem[c/.h - -1]
{{1,1,2],{{-1,0,1],{1,1,0],{-1,-1,1]]]
Eigensystem[c/.h - -9/8]
1,
3
2
,
3
2
,{0,1,1], -
4
3
,-1,1,{0,0,0]
ii) M
J,J
( f ) =
(
.
.
.
.
.
.
'
0 1 1
h 2 1
h 1 2
\
.
.
.
.
.
.
!
, h e ; iii) a) h = 0; b) h >
9
8
.
Dipartimento di Matematica
252 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
[20]
m1 = {{0,1,-1},{3,1,-1},{1,1,1}};
m2 = {{0,0,0},{9,0,0},{3,2,4}};
LinearSolve[m1,m2]
{{3,0,0],{0,1,2],{0,1,2]]
MatrixForm[a = Transpose[%]]

3 0 0
0 1 1
0 2 2
|

Eigensystem[a]
{{0,3,3],{{0,-1,1],{0,1,2],{1,0,0]]]
M
J,J
( f ) =
(
.
.
.
.
.
.
'
3 0 0
0 1 1
0 2 2
\
.
.
.
.
.
.
!
. ii) S.
[21]
m = {{a,a,a},{b,b,b},{0,0,0}};
Eigensystem[m]
{0,0,a + b],{-1,0,1],{-1,1,0],
a
b
,1,0
A = M( f ) =
(
.
.
.
.
.
.
'
a a a
b b b
0 0 0
\
.
.
.
.
.
.
!
, a, b e ;
A diagonalizzabile se a + b = 0, oppure se a = b = 0. Nel primo caso una base di autovettori data da:
((1, 0, 1), (1, 1, 0), (a, b, 0)).
[22]
i = {1,0,0}; j = {0,1,0}; k = {0,0,1};x = {x1,x2,x3};
Cross[i,x] + Cross[2j,x] - Cross[k,x]
{x2 + 2 x3,-x1 - x3,-2 x1 + x2]
m = {{0,1,2},{-1,0,-1},{-2,1,0}};
NullSpace[m]
{{-1,-2,1]]
Eigensystem[m]
0,-f

6,f

6,
{-1,-2,1],
1
5
f - f + 2

6,-
1
5
f 2 f +

6,1,
-
1
5
f f + 2

6,
1
5
f - 2 f +

6,1
i) La linearit segue dalle propriet del prodotto vettoriale.
ii) M( f ) =
(
.
.
.
.
.
.
'
0 1 2
1 0 1
2 1 0
\
.
.
.
.
.
.
!
;
Universit di Torino
Capitolo 20 Applicazioni Lineari Esercizi 253
ker f = [(i 2j + k), imf = [(j + 2k, i + k). iii) No.
[23]
a = {{1,-1,2},{1,-2,3}}; b = {{-3,-4,3,0},{-5,-9,4,-1}};
x = {{x1,x2,x3,x4},{x5,x6,x7,x8},{x9,x10,x11,x12}};
Reduce[a.x == b]
x1 == -1 - x9&&x10 == -5 + x6&&x11 == 1 + x7&&x12 == -1 + x8&&
x2 == 6 - x6&&x3 == 1 - x7&&x4 == 2 - x8&&x5 == 2 + x9
M
J

,J

=
(
.
.
.
.
.
.
'

1
1
2
+ 1
3
+ 2
4
+ 1

1
+ 2
2
+ 5
3
1
4
+ 1

1

2

3

4
\
.
.
.
.
.
.
!
,
1

2
,
3
,
4
e .
[24]
x = {{x1,x2},{x3,x4}};
1/2 {x + Transpose[x]}
x1,
x2 + x3
2
,
x2 + x3
2
,x4
a = {{1,0,0,0},{0,1/2,1/2,0},{0,1/2,1/2,0},{0,0,0,1}};
NullSpace[a]
{{0,-1,1,0]]
Eigensystem[a]
{{0,1,1,1],{{0,-1,1,0],{0,0,0,1],{0,1,1,0],{1,0,0,0]]]
i) La linearit segue dalle propriet della matrice trasposta.
ii) M( f ) =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 0 0 0
0
1
2
1
2
0
0
1
2
1
2
0
0 0 0 1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
iii) ker f = [__
0 1
1 0
, imf = [__
1 0
0 0
, _
0 1
1 0
, _
0 0
0 1
.
iv) A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 0 0 0
0 1 0 0
0 0 1 0
0 0 0 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
, J = __
1 0
0 0
, _
0 1
1 0
, _
0 0
0 1
, _
0 1
1 0
.
[25]
a = {{2,14,-7},{0,-2,2},{0,-6,5}};
Eigensystem[a]
{{1,2,2],{{-7,2,3],{0,1,2],{1,0,0]]]
Dipartimento di Matematica
254 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
A

= P
1
AP, P =
(
.
.
.
.
.
.
'
7 0 1
2 1 0
3 2 0
\
.
.
.
.
.
.
!
.
[26]
m1 = {{2,0,-1,1},{1,2,0,-1},{0,-1,3,1},{1,2,1,-2}};
m2 = {{2h,-2,-1,-1},
{h,-2h,4,1},{0,h + 6,1,-1},{h,-2h + 2,5,2}};
MatrixForm[M = Transpose[LinearSolve[m1,m2]]]

h 0 0 0
0 -h 2 0
0 2 1 0
0 0 0 -1
|

Reduce[M.{x,y,z,t} == {0,0,0,0},{x,y,z,t}]
h == -4&&t == 0&&x == 0&&z == -2 y||h == 0&&t == 0&&y == 0&&z == 0||
t == 0&&x == 0&&y == 0&&z == 0&&4 + h = 0
Solve[Det[M] == 0]
{{h - -4],{h - 0]]
MatrixForm[Simplify[Inverse[M]]]

1
h
0 0 0
0 -
1
4 + h
2
4 + h
0
0
2
4 + h
h
4 + h
0
0 0 0 -1
|

b = Eigenvalues[M]
- 1,h,
1
2
1 - h -

17 + 2 h + h
2
,
1
2
1 - h +

17 + 2 h + h
2

Flatten[Table[b[[i]] == b[[j]], {i,4},{j,4}]];


Map[Solve,%]
{{{]],{{h - -1]],{{h - -1]],{],{{h - -1]],{{]],{{h - -1]],
{{h - 2]],{{h - -1]],{{h - -1]],{{]],{{h - -1 - 4 f],{h - -1 + 4 f]],
{],{{h - 2]],{{h - -1 - 4 f],{h - -1 + 4 f]],{{]]]
Eigensystem[M/.h - -1]
{{-1,-1,-1,3],
{{0,0,0,1],{0,-1,1,0],{1,0,0,0],{0,1,1,0]]]
Eigensystem[M/.h - 2]
{{-3,-1,2,2],{{0,-2,1,0],{0,0,0,1],{0,1,2,0],{1,0,0,0]]]
i) M( f ) =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
h 0 0 0
0 h 2 0
0 2 1 0
0 0 0 1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
, h e .
ii) Se h = 0, h = 4: ker f = 0, imf =
2,2
;
se h = 0: ker f = [__
1 0
0 0
, imf = [__
0 0
1 0
, _
0 2
1 0
_
0 0
0 1
;
se h = 4: ker f = [__
0 1
2 0
, imf = [__
1 0
0 0
, _
0 0
0 1
_
0 2
1 0
.
Universit di Torino
Capitolo 20 Applicazioni Lineari Esercizi 255
iii) Se h = 0, h = 4: esiste f
1
, M( f
1
) =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1
h
0 0 0
0
1
4 + h
2
4 + h
0
0
2
4 + h
h
4 + h
0
0 0 0 1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
, h e .
iv) f semplice per ogni h e .
[27]
a = {{1,1,1,1},{0,1,-1,3},{2,2,-1,-1}};
b = {{1,2,-3,0},{1,1,1,-2}};
LinearSolve[Transpose[a],Transpose[b]]
LinearSolve ::

nosol

: Linear equation encountered which has no solution.


LinearSolve[{{1,0,2],{1,1,2],{1,-1,-1],{1,3,-1]],
{{1,1],{2,1],{-3,1],{0,-2]]]
Non esiste g.
[28] i) M( f ) =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 2 0
2 0 0
0 1 0
4 3 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
. ii) M( f ) =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 1 1
1 0 1
2 0 2
1 0 1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
iii) Non ne esistono.
[29]
m1 = {{1,2,-1},{0,1,-1},{1,2,0}};
m2 = {{-8,-10,-10},{-6,-8,-10},{-5,-7,-6}};
a = Transpose[LinearSolve[m1,m2]]
{{1,-3,3],{3,-5,3],{6,-6,4]]
MatrixForm[a]

1 -3 3
3 -5 3
6 -6 4
|

NullSpace[a]
{]
a.{-3,1,0}
{-6,-14,-24]
Inverse[a].{-3,1,0}
{0,-2,-3]
Inverse[a].{0,0,1}

3
8
,
3
8
,
1
4

Eigensystem[a]
{{-2,-2,4],{{-1,0,1],{1,1,0],{1,1,2]]]
Dipartimento di Matematica
256 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
i) S.
ii) A =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 3 3
3 5 3
6 6 4
\
.
.
.
.
.
.
!
. iii) ker f = 0, imf = 7.
iv) f (1) = [__
3 7
0 12
, _
3 3
0 4
, f
1
(1) = [__
3 3
0 2
, _
0 2
0 3
.
v) S (la molteplicit degli autovalori coincide con la dimensione degli autospazi);
vi) A

=
(
.
.
.
.
.
.
'
2 0 0
0 2 0
0 0 4
\
.
.
.
.
.
.
!
, J = __
1 1
0 0
, _
1 0
0 1
, _
1 1
0 2
.
[30] M( f ) =
(
.
.
.
.
.
.
'
0 0 0
0 0 0

\
.
.
.
.
.
.
!
, e , = 0.
[31]
x = {x1,x2,x3};a = {1,-1,1}; b = {1,0,1};
Simplify[Cross[a,x] + b.a Cross[b,x]]
{-3 x2 - x3,3 x1 - x3),x1 + 3 x2]
a = {{0,-3,-1},{3,0,-3},{1,3,0}};
NullSpace[a]
{{3,-1,3]]
a.{-1,0,1}
{-1,-6,-1]
a.{1,1,0}
{-3,3,4]
Reduce[a.x == l b, x]
l == 0&&x1 == x3&&x2 == -
x3
3
p = {{1,1,0},{1,-1,0},{0,1,2}};
MatrixForm[Inverse[p].a.p]

0 1 -4
-3 1 2
7
2
-
3
2
-1
|

Eigensystem[a]
0,-f

19,f

19,
{3,-1,3],
1
10
- 9 - f

19,-
3
10
f f +

19,1,

1
10
- 9 + f

19,
3
10
f - f +

19,1
i) La linearit di f segue dalle propriet del prodotto vettoriale.
ii) A = M
J,J
( f ) =
(
.
.
.
.
.
.
'
0 3 1
3 0 3
1 3 0
\
.
.
.
.
.
.
!
.
Universit di Torino
Capitolo 20 Applicazioni Lineari Esercizi 257
iii) ker f = [(3i j + 3k), imf = [(3j + k, i + k).
iv) f (+) = [(i + 6j + k, 3i + 3j + 4k), f
1
(1) = ker f .
v) P =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 1 0
1 1 0
0 1 2
\
.
.
.
.
.
.
!
, A

= P
1
AP =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 1 4
3 1 2
7
2

3
2
1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
. vi) No.
[32]
a = {{1,2},{1,0}}; b = {{3,1},{-1,1}};
(a.b) .{1,1}
{4,4]
Solve[a.{x,y} == b.{x,y},{x,y}]
Solve ::

svars

: Equations may not give solutions for all solve variables.


x -
y
2

Solve[(a.b).{x,y} == (b.a).{x,y},{x,y}]
Solve ::

svars

: Equations may not give solutions for all solve variables.


{{x - -y]]
i) ( f g)(v
1
+ v
2
) = 4v
1
+ 4v
2
. ii) x = (, 2), e , y = (t, t), t e .
[33] M( f ) =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 1 0
0 2 1
2 4 3
\
.
.
.
.
.
.
!
, ker f = [((1, 1, 2)), imf = [((1, 0, 2), (1, 2, 4)),
per esempio: M(g) =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 1 0
0 2 0
2 4 0
\
.
.
.
.
.
.
!
, ker g = [((0, 0, 1)), img = imf .
[34]
a = {{1,0,0,0},{0,0,1,0},{0,1,0,0},{0,0,0,1}};
Inverse[a]
{{1,0,0,0],{0,0,1,0],{0,1,0,0],{0,0,0,1]]
NullSpace[a]
{]
Eigensystem[a]
{{-1,1,1,1],{{0,-1,1,0],{0,0,0,1],{0,1,1,0],{1,0,0,0]]]
i) La linearit di f segue dalle propriet della matrice trasposta.
ii) M( f ) =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 0 0 0
0 0 1 0
0 1 0 0
0 0 0 1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
. iii) M( f
1
) = M( f ).
Dipartimento di Matematica
258 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
iv) f semplice; B

=
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 0 0 0
0 1 0 0
0 0 1 0
0 0 0 1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
J = __
1 0
0 0
, _
0 1
1 0
, _
0 0
0 1
, _
0 1
1 0
.
[35]
m = {{1,-1,1,1},{2,1,0,1},{3,0,1,k}};
Reduce[m.{x1,x2,x3,x4} == {0,0,0},{x1,x2,x3,x4}]
k == 2&&x2 == -2 x1 - x4&&x3 == -3 x1 - 2 x4||
x2 == -2 x1&&x3 == -3 x1&&x4 == 0&& - 2 + k = 0
M( f ) =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 1 1 1
2 1 0 1
3 0 1 k
\
.
.
.
.
.
.
!
, k e ;
se k = 2: imf = S(
2,2
), ker f = [((1, 2, 3, 0));
se k = 2: imf = [__
1 1
1 0
, _
1 0
0 1
, ker f = [((2, 1, 0, 3), (1, 0, 1, 2)).
[36]
a = {{1,0,-1,0},{0,1,0,1},{0,0,0,1},{1,0,0,-1}};
b = {{2,-1,-3},{0,2,2},{1,-1,-2},{1,3,2}};
m = Transpose[LinearSolve[a,b]]
{{2,-1,0,1],{2,3,3,-1],{0,4,3,-2]]
NullSpace[m]
{{-1,2,0,4],{-3,-6,8,0]]
Solve[m.{x1,x2,x3,x4} == {-2t,-t,t}, {x1,x2,x3,x4}]
Solve ::

svars

: Equations may not give solutions for all solve variables.


x1 - -
7 t
8
-
3 x3
8
-
x4
4
,x2 -
t
4
-
3 x3
4
+
x4
2

i) Esiste una sola f perch i vettori: (1, 0, 1, 0), (0, 1, 0, 1), (0, 0, 0, 1), (1, 0, 0, 1) costituiscono una base di
4
.
M
J,J

( f ) =
(
.
.
.
.
.
.
'
2 1 0 1
2 3 3 1
0 4 3 2
\
.
.
.
.
.
.
!
, dove J la base canonica di
4
e J

la base canonica di S(
2,2
).
ii) ker f = [((3, 6, 8, 0), (1, 2, 0, 4)), imf = [ __
0 1
1 1
, _
1 1
1 2
.
iii) f
1
(+) = ker f q[((7, 2, 0, 0)).
Universit di Torino
Capitolo 20 Applicazioni Lineari Esercizi 259
[37]
a = {{1,h},{1,-1}}; x = {{x1,x2},{x3,x4}};
b = a . x - x . a
{{-x2 + h x3,-h x1 + 2 x2 + h x4],{x1 - 2 x3 - x4,x2 - h x3]]
Reduce[b == {{0,0},{0,0}}, {x1,x2,x3,x4}]
x1 == 2 x3 + x4&&x2 == h x3
m = {{0,-1,h,0},{-h,2,0,h},{1,0,-2,-1},{0,1,-h,0}};
c = Eigenvalues[m]
0,0,-2

1 + h,2

1 + h
Flatten[Table[c[[i]] == c[[j]], {i,4},{j,4}]];
Map[Solve,%]
{{{]],{{]],{{h - -1]],{{h - -1]],{{]],{{]],
{{h - -1]],{{h - -1]],{{h - -1]],{{h - -1]],{{]],
{{h - -1]],{{h - -1]],{{h - -1]],{{h - -1]],{{]]]
Eigensystem[m/.h - -1]
{{0,0,0,0],{{1,0,0,1],{2,-1,1,0],{0,0,0,0],{0,0,0,0]]]
Eigensystem[m/.h - 3]
{{-4,0,0,4],
{{-1,-1,1,1],{1,0,0,1],{2,3,1,0],{-3,9,-1,3]]]
i) M( f ) =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 1 h 0
h 2 0 h
1 0 2 1
0 1 h 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
, h e .
ker f = [__
1 0
0 1
, _
2 h
1 0
. ii) h > 1.
iii) J = __
1 1
1 1
, _
1 0
0 1
, _
2 3
1 0
, _
3 9
1 3
.
iv) imf |+= [__
1 2
2 1
.
[38]
A = {{1,0,-1,2,3},{2,-1,0,1,2},{-3,1,1,-3,-5}};
NullSpace[A]
{{-3,-4,0,0,1],{-2,-3,0,1,0],{1,2,1,0,0]]
m = {{0,-1,1},{-1,0,1},{-2,h,h2}};
Solve[Det[m] == 0]
{{h - -2],{h - 1]]
i) ker f = [((3, 4, 0, 0, 1), (2, 3, 0, 1, 0), (1, 2, 1, 0, 0)), imf = [((0, 1, 1), (1, 0, 1)).
ii) h = 2, h = 1. iii) f (+) = (x
1
, x
2
, x
3
) e
3
| x
1
+ x
2
+ x
3
= 0.
Dipartimento di Matematica
260 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
[39]
a = {1,-1,0}; b = {0,1,1}; X = {x,y,z};
Simplify[X - ((X.Cross[a,b])/(Cross[a,b].Cross[a,b]))Cross[a,b]]

1
3
2 x - y + z),
1
3
-x + 2 y + z),
1
3
x + y + 2 z)
m = {{2/3,-1/3,1/3},{-1/3,2/3,1/3},{1/3,1/3,2/3}};
NullSpace[m]
{{-1,-1,1]]
Eigensystem[m]
{{0,1,1],{{-1,-1,1],{1,0,1],{-1,1,0]]]
i) f associa ad ogni vettore x e V
3
la sua proiezione ortogonale sul piano vettoriale individuato da a e da b.
ii) M
J,J
( f ) =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
2
3

1
3
1
3

1
3
2
3
1
3
1
3
1
3
2
3
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
iii) M
J

,J

=
(
.
.
.
.
.
.
'
1 0 0
0 1 0
0 0 0
\
.
.
.
.
.
.
!
.
iv) ker f = [(i + j k), imf = [(2i j + k, i 2j k).
f semplice, J = (i j + k, i + k, i + j). I risultati conseguiti nel punto iv) si possono ottenere tenendo
conto del signicato geometrico di f ; infatti gli autospazi di f sono, rispettivamente, generati dai vettori paralleli
e ortogonali a a ^ b.
Universit di Torino
Capitolo 20 Applicazioni Lineari Esercizi 261
[40]
B = LinearSolve[{{1,0,0},{0,1,0},{1,0,1}},
{{1,0,h},{0,2,1},{1 + h,0,1 + h}}];
A = Transpose[B]
{{1,0,h],{0,2,0],{h,1,1]]
b = Eigenvalues[A]
{2,1 - h,1 + h]
Flatten[Table[b[[i]] == b[[j]], {i,3},{j,3}]];
Map[Solve,%]
{{{]],{{h - -1]],{{h - 1]],{{h - -1]],
{{]],{{h - 0]],{{h - 1]],{{h - 0]],{{]]]
Eigensystem[A/.h - -1]
{{0,2,2],{{1,0,1],{-1,0,1],{0,0,0]]]
Eigensystem[A/.h - 1]
{{0,2,2],{{-1,0,1],{1,0,1],{0,0,0]]]
Eigensystem[A/.h - 0]
{{1,1,2],{{0,0,1],{1,0,0],{0,1,1]]]
(A/.h - 1).{1,0,-1}
{0,0,0]
(A/.h - 1).{0,1,1}
{1,2,2]
i) M( f ) =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 0 h
0 2 0
h 1 1
\
.
.
.
.
.
.
!
, h e ;
f semplice per h / e 1, 1; ii) f (+) = [__
1 2
2 2
.
[41]
X = {{x1,x2},{x3,x4}};B = {{1,0},{h,-1}};
Simplify[Inverse[B].X.B]
{{x1 + h x2,-x2],{h
2
x2 - x3 + h x1 - x4),-h x2 + x4]]
A := {{1,h,0,0},{0,-1,0,0},{h,h2,-1,-h},{0,-h,0,1}}
Solve[Det[A] == 0]
{]
Eigensystem[A]
{-1,-1,1,1],
- 1,
2
h
,0,1,{0,0,1,0],{1,0,0,1],
2
h
,0,1,0
Eigensystem[A/.h - 0]
{{-1,-1,1,1],{{0,0,1,0],{0,1,0,0],{0,0,0,1],{1,0,0,0]]]
Dipartimento di Matematica
262 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
i) M( f ) =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 h 0 0
0 1 0 0
h h
2
1 h
0 h 0 1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
, h e ;
f un isomorsmo per ogni valore di h e .
ii) f semplice per ogni valore di h e .
iii) J = __
1 2
0 1
, _
0 0
1 0
, _
1 0
0 1
, _
2 0
1 0
.
[42]
a = {{-1,-1,1},{1,0,1},{1,-1,0}};
b = {{0,0,0},{1,2,-3},{-1,1,0}};
LinearSolve[a,b]
{{0,1,-1],{1,0,-1],{1,1,-2]]
MatrixForm[A = Transpose[%]]

0 1 1
1 0 1
-1 -1 -2
|

Eigensystem[A]
{{-1,-1,0],{{-1,0,1],{-1,1,0],{-1,-1,1]]]
i) A =
(
.
.
.
.
.
.
'
0 1 1
1 0 1
1 1 2
\
.
.
.
.
.
.
!
.
ii) f semplice, J = ((1, 1, 1), (1, 1, 0), (1, 0, 1)).
[43]
X = {{x1,x2},{x3,x4}}; B = {{-1,2},{h,-6}};
X.B
{{-x1 + h x2,2 x1 - 6 x2],{-x3 + h x4,2 x3 - 6 x4]]
A = {{-1,h,0,0},{2,-6,0,0},{0,0,-1,h},{0,0,2,-6}};
Reduce[A.{x1,x2,x3,x4} == {0,0,0,0}]
h == 3&&x1 == 3 x2&&x3 == 3 x4||
x1 == 0&&x2 == 0&&x3 == 0&&x4 == 0&& - 3 + h = 0
(A/.h - 3).{0,1,-1,0}
{3,-6,1,-2]
Eigensystem[A/.h - 3]
{{-7,-7,0,0],
{{0,0,-1,2],{-1,2,0,0],{0,0,3,1],{3,1,0,0]]]
i) M( f ) =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 h 0 0
2 6 0 0
0 0 1 h
0 0 2 6
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
, h e :
Universit di Torino
Capitolo 20 Applicazioni Lineari Esercizi 263
se h = 3: f un isomorsmo,
se h = 3: ker f = [__
3 1
0 0
, _
0 0
3 1
, imf = [ = __
1 2
0 0
, _
0 0
1 2
.
ii) h = 3: f semplice. iii) f (+) = [__
3 6
1 2
.
[44] i) M( f ) =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 0 0 0
0 0 1 0
0 1 0 0
0 0 0 1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
; ii) ker f = 0, imf =
2,2
;
iii) f (S) = S, f (7) = 7; iv) S, 7; v) s perch S q7 =
2,2
.
[45]
A = {{0,-2,-2},{2,4,2},{-2,-2,0}};
NullSpace[A]
{{1,-1,1]]
A.{-1,0,1}
{-2,0,2]
A.{-1,1,0}
{-2,2,0]
Reduce[A.{x1,x2,x3} == {-3t1,t2,t1},{x1,x2,x3}]
t2 == 2 t1&&x1 ==
1
2
-t1 - 2 x2)&&x3 ==
1
2
3 t1 - 2 x2)
Eigensystem[A]
{{0,2,2],{{1,-1,1],{-1,0,1],{-1,1,0]]]
i) J = __
1 0
0 0
, _
0 1
1 0
, _
0 0
0 1
base di S,
J

= __
1 0
0 1
, _
0 1
0 0
, _
0 0
1 0
base di 7.
ii) A = M
J,J

( f ) =
(
.
.
.
.
.
.
'
0 2 2
2 4 2
2 2 0
\
.
.
.
.
.
.
!
,
ker f = [__
1 1
1 1
, imf = [__
0 1
1 0
, _
1 1
0 1
.
iii) f (1) = [__
1 1
0 1
, _
1 0
1 1
,
f
1
(7) = [__
1 1
1 1
, _
4 3
3 0
.
Dipartimento di Matematica
264 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
iv) A

=
(
.
.
.
.
.
.
'
2 0 0
0 2 0
0 0 0
\
.
.
.
.
.
.
!
.
[46]
A = {{1,1,0},{2,1,1},{1,0,1},{0,1,-1}};
Reduce[A.{x1,x2,x3} == {t1,-t1,t2,t3},{x1,x2,x3}]
t2 == -2 t1&&t3 == 3 t1&&x1 == -2 t1 - x3&&x2 == 3 t1 + x3
M( f ) =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 1 0
2 1 1
1 0 1
0 1 1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
;
f
1
(1) = [((2, 3, 0), (1, 1, 1)).
[47]
A = {{1,1,1},{0,1,1},{2,1,1},{1,2,2}};
NullSpace[A]
{{0,-1,1]]
A.{-2,1,0}
{-1,1,-3,0]
Reduce[A.{y1,y2,y3} == {-2x2,x2,x3,x4},{y1,y2,y3}]
x3 == -5 x2&&x4 == -x2&&y1 == -3 x2&&y2 == x2 - y3
i) M( f ) =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 1 1
0 1 1
2 1 1
1 2 2
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
ker f = [((0, 1, 1)), imf = [((1, 0, 2, 1), (1, 1, 1, 2)).
ii) f (1) = [((1, 1, 1, 2), (1, 1, 3, 0)).
iii) f
1
(7) = [((0, 1, 1), (3, 1, 0)).
[48]
A = {{0,h,h},{1,h2 - h,1},{h - 1,0,h - 1}};
Reduce[A.{x1,x2,x3} == {0,0,0},{x1,x2,x3}]
h == 0&&x1 == -x3||h == 0&&x1 == x2&&x3 == -x2||
h == 1&&x1 == x2&&x3 == -x2||
x1 == 0&&x2 == 0&&x3 == 0&& - 1 + h = 0&&h = 0
Eigensystem[A/.h - 1]
{{-1,0,1],{{-1,1,0],{-1,-1,1],{1,1,0]]]
i) h = 0, ker f = [((1, 0, 1), (0, 1, 0)).
ii)
1
= 1, V

1
= [((1, 1, 0)),
2
= 0, V

2
= [((1, 1, 1)),
3
= 1, V

3
= [((1, 1, 0)).
Universit di Torino
Capitolo 20 Applicazioni Lineari Esercizi 265
iii) f semplice.
[49] i) ker f = imf = [((0, 0, 1, 0), (0, 0, 0, 1)).
ii) f (1) = imf , f
1
(1) = (x, y, z, t) e
4
| x + y = 0.
iii) = 0, m

= 4, V

= ker f , f non semplice.


[50]
A = {{2,0,1,-3},{1,-1,0,1},{-3,1,-1,2h}};X = {x1,x2,x3,x4};
Reduce[A.X == {0,0,0},X]
h == 1&&x2 == x1 + x4&&x3 == -2 x1 + 3 x4||
x2 == x1&&x3 == -2 x1&&x4 == 0&& - 1 + h = 0
h = 1;
Solve[{k2 - 2,k - 2,2k} == x{2,1,-3} + y{0,-1,1}]
y -
1
2
,x - -
1
2
,k - 1,{y - 13,x - 7,k - -4]
Solve[{x1 - x2 == 0,x3 + x4 == 0},X]
Solve ::

svars

: Equations may not give solutions for all solve variables.


{{x1 - x2,x3 - -x4]]
A.{1,1,0,0}
{2,0,-2]
A.{0,0,-1,1}
{-4,1,3]
Reduce[A.X == x{1,-2,0} + y{0,2,1},X]
x == 3 y&&x2 == x1 + x4 + 4 y&&x3 == -2 x1 + 3 x4 + 3 y
i) Se h = 1: ker f = [((1, 1, 2, 0), (0, 1, 3, 1)), imf = [((2, 1, 3), (0, 1, 1));
se h = 1: ker f = [((1, 1, 2, 0)), imf =
3
.
ii) k = 4 e k = 1.
iii) f (1) = [((2, 0, 2), (4, 1, 3)) e f
1
(7) = [((1, 1, 2, 0), (0, 4, 3, 0), (0, 1, 3, 1)).
iv) S perch la matrice
t
AA simmetrica.
Dipartimento di Matematica
266 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
[51]
a = {2,-1,1};X = {x1,x2,x3};
Cross[2X,a]
{2 x2 + 2 x3,-2 x1 + 4 x3,-2 x1 - 4 x2]
A = {{0,2,2},{-2,0,4},{-2,-4,0}};
NullSpace[A]
{{2,-1,1]]
A.{1,2,0}
{4,-2,-10]
A.{0,1,1}
{4,4,-4]
Reduce[A.X == l{1,2,0} + m{0,1,1},X]
x1 ==
1
2
-2 l - m + 4 x3)&&x2 ==
1
2
l - 2 x3)
Eigensystem[A]
0,-2 f

6,2 f

6,
{2,-1,1],
1
5
- 2 + f

6,
1
5
f - f + 2

6,1,

1
5
- 2 - f

6,-
1
5
f f + 2

6,1
i) La linearit di f segue dalle propriet del prodotto vettoriale.
ii) A = M
J,J
( f ) =
(
.
.
.
.
.
.
'
0 2 2
2 0 4
2 4 0
\
.
.
.
.
.
.
!
.
iii) ker f = [((2, 1, 1)), imf = [((0, 1, 1), (1, 0, 2)).
iv) f (+) = [((4, 2, 10), (4, 4, 4)), f
1
(+) = __a
1
2
b + 2z,
1
2
a z, z , a, b, z e _.
v)
1
= 0, V

1
= ker f , f non semplice.
[52] i) _
1 0 1 0
0 1 1 0
;
ii) ker f = [((1, 1, 1, 0), (0, 0, 0, 1)), imf =
2
;
iii)
1
= 0,
2
= 1,
3
= 3; V

1
= ker f ; V

2
= [((1, 1, 0, 0)); V

3
= [((1, 1, 2, 0));
iv) f
1
(1) = ker f + [((1, 1, 0, 0)).
Universit di Torino
Capitolo 20 Applicazioni Lineari Esercizi 267
[53]
A = {{-1,2,0,3},{0,-1,2,-1}};B = {{1,-2},{2,1},{1,0}};
MatrixForm[B.A]

-1 4 -4 5
-2 3 2 5
-1 2 0 3
|

P = NullSpace[B.A]
{{1,-1,0,1],{4,2,1,0]]
RowReduce[Transpose[B.A]]
1,0,
1
5
,0,1,
2
5
,{0,0,0],{0,0,0]
Solve[x{1,0,0,0} + y{0,0,1,0} + z{0,0,0,1} == t P[[1]] + w P[[2]],
{x,y,z,t,w}]
Solve ::

svars

: Equations may not give solutions for all solve variables.


{{x - 6 w,y - w,z - 2 w,t - 2 w]]
Reduce[B.A.{x1,x2,x3,x4} == {t1,t2,0},{x1,x2,x3,x4}]
t1 == -2 t2&&x1 == 2 x2 + 3 x4&&x3 ==
1
2
t2 + x2 + x4)
i) ker(g f ) = [((4, 2, 1, 0), (1, 1, 0, 1)),
im(g f ) = [((2, 1, 0), (5, 0, 1)).
ii) = [((6, 0, 1, 2)).
iii) (g f )(1) = [((1, 2, 1), (2, 1, 0));
(g f )
1
(7) = [((6, 0, 1, 1), (4, 2, 1, 0), (0, 0, 1, 0)).
Dipartimento di Matematica
268 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
[54]
A = {{3,1,0},{-1 + a,0,1},{0,1,a + 1}};
Det[A]
-2 - a
2
Solve[% == 0]
a - -f

2,a - f

2
B = {{1,0,0,0},{0,a + 1,0,1},{1,a + 2,0,0}};
P = LinearSolve[A,B]
0,
-1 + a + a
2
2 + a
2
,0,
1 + a
2 + a
2
,1,-
3 -1 + a + a
2
)
2 + a
2
,0,-
3 1 + a)
2 + a
2
,
0,
1 + 4 a + a
2
2 + a
2
,0,
3
2 + a
2

Q = Transpose[P]
{0,1,0],
-1 + a + a
2
2 + a
2
,-
3 -1 + a + a
2
)
2 + a
2
,
1 + 4 a + a
2
2 + a
2
,{0,0,0],

1 + a
2 + a
2
,-
3 1 + a)
2 + a
2
,
3
2 + a
2

X = Transpose[B].Inverse[Transpose[A]]//FullSimplify
{0,1,0],1 +
-3 + a
2 + a
2
,-
3 -1 + a + a
2
)
2 + a
2
,
1 + a 4 + a)
2 + a
2
,{0,0,0],

1 + a
2 + a
2
,-
3 1 + a)
2 + a
2
,
3
2 + a
2

Reduce[X.{x1,x2,x3} == {0,0,0,0},{x1,x2,x3}]
a == -2&&x2 == 0&&x3 ==
x1
3
||2 + a
2
= 0&&2 + a = 0&&x1 == 0&&x2 == 0&&x3 == 0
ii)
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 1 0
1 + a + a
2
2 + a
2

3(1 + a + a
2
)
2 + a
2
1 + 4a + a
2
2 + a
2
0 0 0
1 + a
2 + a
2

3(1 + a)
2 + a
2
3
2 + a
2
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
iii) Se a = 2 : dimimf = 3, imf = [((1, 0, 0, 0), (0, a+ 1, 0, 1), (1, a + 2, 0, 0));
se a = 2 : dimimf = 2, imf = [((1, 0, 0, 0), (0, 1, 0, 1)).
[55] i) ker f = [((2, 1, 4)), imf = [((1, 0, 2), (0, 1, 0));
ii)
1
= 0, m

1
= 2, V

1
= ker f ,
2
= 1, m

2
= 1, V

2
= [((1, 0, 2)),
f non diagonalizzabile;
iii) non esistono vettori v = o di
3
tali che f (v) = 2v perch 2 non un autovalore di f , quindi solo
f (o) = 2o = o.
[56] ker f = [((1, 1, 0, 1), (0, 2, 1, 9)), imf = [((5, 1, 3), (4, 1, 2)).
ii) += [((1, 1, 1, 2), (0, 2, 1, 3)), +|ker f = [((3, 5, 1, 6)).
Universit di Torino
Capitolo 20 Applicazioni Lineari Esercizi 269
[57] i) Sia P =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 2 0
0 1 1
2 0 1
\
.
.
.
.
.
.
!
, rank(P) = 3;
ii) _
2
5
,
1
5
,
4
5
;
iii) A
1
=
(
.
.
.
.
.
.
'
2 0 0
0 2 0
0 0 1
\
.
.
.
.
.
.
!
, A
1
= P
1
AP, quindi: A = PA
1
P
1
.
[58] i) P =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 0 0 1
1 1 0 0
0 0 1 0
0 1 1 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
, A = 3u
1
+ 3u
2
+ 4u
4
.
ii) M
J,J
( f ) =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 2 2 0
0 1 1 0
1 0 0 1
1 0 0 1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
iii) ker f = [__
1 0
0 1
, _
0 1
1 0
, dimker f = 2;
imf = [__
0 0
1 1
, _
2 1
0 0
, dimimf = 2;
iv) lunico autovalore
1
= 0, m

1
= 2, quindi f non semplice.
[59] i) f iniettiva;
ii) f (1) = [((1, 1, 0)), dim f (1) = 1;
iii) f
1
(7) = [((1, 1)), dim f
1
(7) = 1.
Dipartimento di Matematica
Capitolo 21
Diagonalizzazione di Matrici Esercizi
21.1 Esercizi
Trovare gli autovalori e gli autovettori delle seguenti matrici:
[1] A =
(
.
.
.
.
.
.
'
2 1 0
1 2 1
0 1 2
\
.
.
.
.
.
.
!
.
[2] A =
(
.
.
.
.
.
.
'
2 1 1
1 2 3
3 4 1
\
.
.
.
.
.
.
!
.
[3] A =
(
.
.
.
.
.
.
'
0 2 2
2 4 2
2 2 0
\
.
.
.
.
.
.
!
.
[4] A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 1 0 0
1 2 1 0
0 1 1 0
0 0 0 1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
[5] A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
3 1 0 0
1 3 0 0
0 0 4 1
0 0 1 4
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
[6] A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 4 3 0
4 1 0 0
3 0 1 0
0 0 0 1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
270
Capitolo 21 Diagonalizzazione di Matrici Esercizi 271
[7] A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
2 0 0 0
0 1 1 0
0 1 1 0
0 0 0 2
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
[8] A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
2 1 0 0
1 2 0 0
0 0 2 1
0 0 1 2
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
[9] Data la matrice:
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
a 2 a 1
3 5 2
4 4 1
\
.
.
.
.
.
.
!
, a e ,
i) determinare per quali valori del parametro a la matrice A ammette lautovalore = 1.
ii) Posto a = 0, esistono 3 autovettori di A linearmente indipendenti?
[10] Si considerino le seguenti matrici:
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 0 0
1 1 0
2 3 2
\
.
.
.
.
.
.
!
, B =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 0 0
0 1 0
0 0 2
\
.
.
.
.
.
.
!
.
i) Determinare (se esiste) una matrice P tale che P
1
AP = B.
ii) Esiste una matrice ortogonale Q tale che Q
1
AQ = B?
[11] Data la seguente matrice:
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
0 h h
1 h
2
h 1
h 1 0 h 1
\
.
.
.
.
.
.
!
, h e ,
i) trovare il valore di h per cui A abbia rango minore di 3.
Posto h = 1 nella matrice A:
ii) determinare autovalori ed autovettori di A;
iii) A diagonalizzabile?
[12] Data la matrice:
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 2 4
2 2 2
4 2 1
\
.
.
.
.
.
.
!
,
trovare:
i) gli autovalori e gli autospazi di A;
ii) una base ortonormale di V
3
costituita da autovettori di A;
iii) una matrice ortogonale P tale che P
1
AP sia una matrice diagonale.
Dipartimento di Matematica
272 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
[13] Sia data la matrice:
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
3 2 1
3 2 h + 1
6 4 2
\
.
.
.
.
.
.
!
, h e ,
i) trovare il valore di h per il quale la matrice A ha un autovalore eguale a 3.
ii) Posto h = 2, provare che A diagonalizzabile, trovare una matrice diagonale D ed il cambiamento di base
che la realizzi.
[14] Dire se la matrice:
A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 2 4 1
2 3 9 1
1 0 6 5
2 5 7 5
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
,
ammette lautovalore = 0.
[15] Al variare di a e , discutere e risolvere il sistema lineare omogeneo AX = 0, dove:
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 1 a + 2
2a + 1 1 0
0 0 a
\
.
.
.
.
.
.
!
, X =
(
.
.
.
.
.
.
'
x
1
x
2
x
3
\
.
.
.
.
.
.
!
.
Posto a = 1, scrivere la matrice B =
t
A + A e trovare gli autovalori di B.
[16] assegnata la matrice:
A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 a 1 0
a 0 1 0
1 1 1 0
0 0 0 a
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
, a e .
i) Dire per quali valori del parametro a, la matrice ha rango massimo.
ii) Posto a = 0, trovare autovalori ed autovettori di A.
[17] Data la matrice:
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
0 2 a
2 1 1
a 1 1
\
.
.
.
.
.
.
!
, a e ,
i) trovare i valori di a per i quali il rango di A 2.
ii) Posto a = 2, trovare autovalori ed autovettori di A.
[18] Sono date le seguenti matrici:
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 0 1
1 h 2
1 h 1 h
2
\
.
.
.
.
.
.
!
, X =
(
.
.
.
.
.
.
'
x
y
z
\
.
.
.
.
.
.
!
, B =
(
.
.
.
.
.
.
'
0
1
h
\
.
.
.
.
.
.
!
, h e .
i) Discutere, al variare del parametro h, le soluzioni dellequazione AX = B.
Posto h = 0 nella matrice A:
ii) scrivere la matrice C = A
t
A e ridurla a forma diagonale;
iii) dire se i vettori rappresentati dalle righe della matrice A costituiscono una base ortonormale dello spazio V
3
.
Universit di Torino
Capitolo 21 Diagonalizzazione di Matrici Esercizi 273
[19] data la matrice:
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
0 1 k
1 h 1
k 1 0
\
.
.
.
.
.
.
!
, h, k e .
i) Determinare per quali valori di h, k e A invertibile.
Posto h = 0, k = 1,
ii) vericato che A diagonalizzabile, determinare una matrice diagonale D e una matrice invertibile P tale che
D = P
1
AP.
iii) Dire perch la matrice A ortogonalmente diagonalizzabile e trovare una matrice ortogonale che la diagona-
lizzi.
[20] Sia A e
n,n
una matrice invertibile.
i) Stabilire la relazione che intercorre tra gli autovalori di A e gli autovalori di A
1
.
ii) Supponendo che A sia diagonalizzabile, vale a dire che esistano una matrice invertibile P e una matrice diago-
nale D tali che P
1
AP = D, vericare che A
1
diagonalizzabile e determinare una matrice P

e una matrice D

tali che (P

)
1
A
1
P

= D

.
[21] Sia A e
n,n
. Si consideri A
2
= AA.
i) Stabilire la relazione che intercorre tra gli autovalori di A e gli autovalori di A
2
.
ii) Supponendo che A sia diagonalizzabile, vale a dire che esistano una matrice invertibile P e una matrice diago-
nale D tali che P
1
AP = D, vericare che A
2
diagonalizzabile e determinare una matrice P

e una matrice D

tali che (P

)
1
A
2
P

= D

.
[22] Data la matrice:
A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 1 0 0
1 0 0 0
0 0 1 2
0 0 2 1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
,
determinarne autovalori e autospazi e dire se diagonalizzabile.
[23] Data la matrice:
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 1 1
1 0 1
2 1 0
\
.
.
.
.
.
.
!
,
i) determinarne gli autovalori.
ii) A diagonalizzabile? In caso affermativo, determinare una matrice B in
3,3
tale che B
1
AB sia una matrice
diagonale.
[24] i) Per quali valori del parametro h il sistema:
|
.
.
.

.
.
.
'
x hy + z = 1
x + hy z = 0
3x y + z = 2, h e ,
ammette innite soluzioni?
Detta A la matrice dei coefcienti del sistema:
ii) trovare per quali valori di h esiste A
1
;
iii) posto h = 1, dire se A diagonalizzabile.
Dipartimento di Matematica
274 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
[25] Sia A e
n,n
, dimostrare, oppure dare un controesempio alle seguenti implicazioni:
i) A diagonalizzabile = A invertibile;
ii) A invertibile = A diagonalizzabile.
[26] Sia:
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 3 5
3 2 1
5 4 0
\
.
.
.
.
.
.
!
,
determinare la matrice B = A+
t
A. Vericare che B diagonalizzabile e scrivere una matrice B

diagonale, simile
a B.
[27] Sia:
A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 0 1 0
0 1 1 0
0 0 1 1
0 0 k 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
, k e .
i) Per quali valori di k A invertibile?
ii) Per quali valori di k A diagonalizzabile?
[28] Si consideri la matrice simmetrica:
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
2 2 1
2 5 2
1 2 2
\
.
.
.
.
.
.
!
.
i) Decidere se A invertibile e, in caso affermativo, determinare A
1
.
ii) Calcolare gli autovalori e gli autospazi di A.
iii) Determinare una matrice P (non ortogonale) tale che P
1
AP = D, dove D una matrice diagonale.
iv) Determinare una matrice ortogonale Q tale che Q
1
AQ = D.
[29] Vericare che la matrice:
A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 2 1 0
2 3 2 0
1 2 1 0
0 0 0 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
diagonalizzabile e determinare una matrice A

diagonale, simile ad A.
[30] Vericare che la matrice:
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
10 14 0
6 9 0
9 18 1
\
.
.
.
.
.
.
!
diagonalizzabile e determinare una matrice B e
3,3
tale che B
1
AB sia diagonale.
Universit di Torino
Capitolo 21 Diagonalizzazione di Matrici Esercizi 275
[31] Determinare per quali valori del parametro reale k la matrice:
A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 0 0 0
k
2
1 1 0 0
k
30
2k
5
+ 3k
3
0 1 0
5k + 5 k
2
+ k k
3
k 1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
:
i) invertibile,
ii) diagonalizzabile.
[32] i) Data la matrice:
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
0 1 1 h
1 1 0 1
1 0 1 0
\
.
.
.
.
.
.
!
, h e ,
determinare il rango di A, al variare di h e .
ii) Posto h = 1, trovare autovalori e autospazi della matrice B = A
t
A e scrivere una matrice P che diagonalizzi
ortogonalmente B.
[33] Data la matrice
A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 0 4 0
0 1 0 1
1 0 2 0
0 h 0 1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
, h e ,
stabilire per quali valori di h e la matrice A , rispettivamente:
i) invertibile,
ii) diagonalizzabile.
[34] Sia A una matrice quadrata qualsiasi.
i) Provare che A e la matrice trasposta
t
A hanno gli stessi autovalori.
ii) Trovare gli autospazi da A e
t
A, dove:
A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
2 3 0 3
3 4 0 3
0 3 2 3
3 3 0 2
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
e stabilire se coincidono oppure no (ricordare il punto i).
[35] Stabilire per quali valori di h e la matrice:
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
2 3 1
2 3 h
4 6 2
\
.
.
.
.
.
.
!
diagonalizzabile.
Dipartimento di Matematica
276 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
[36] Si consideri la matrice:
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 0 0
0 1 a
0 0 b
\
.
.
.
.
.
.
!
.
Determinare per quali valori di a, b e A diagonalizzabile, e, in questi casi, determinare una matrice diagonale
A

simile ad A e una matrice B tale che A

= B
1
AB.
[37] Stabilire per quali valori di h e la matrice:
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 0 h
0 2 0
h 1 1
\
.
.
.
.
.
.
!
diagonalizzabile.
[38] Stabilire per quali valori di h e la matrice:
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
2 0 0
2 h 1 + h 1
2 + h 0 h
\
.
.
.
.
.
.
!
diagonalizzabile.
[39] Sia A e
4,4
una matrice simmetrica di rango 2 e sia + = [((1, 2, 0, 1), (0, 1, 1, 0)) lautospazio relativo
allautovalore 2 di A.
i) Determinare una base di autovettori di A.
ii) Scrivere una matrice D simile ad A.
[40] Sia A e
4,4
una matrice simmetrica con due autovalori distinti:
1
= 1,
2
= 3 e sia 1 = [((0, 1, 0, 1)) un
autospazio.
i) Determinare una base ortonormale di autovettori di A.
ii) Scrivere una matrice diagonale simile ad A.
[41] data la matrice:
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
0 2h 2h
2 2 0
2 k 2
\
.
.
.
.
.
.
!
, h, k e .
Posto k = 0:
i) trovare per quale valore di h la matrice A ha autovalore 2.
ii) Scelto h = 1 e vericato che A diagonalizzabile, determinare una sua forma diagonale e la relativa matrice P
del cambiamento di base.
iii) Perch P pu essere ortogonale?
iv) Posto invece h = 0, stabilire per quali valori di k la matrice A diagonalizzabile.
[42] Sia data la matrice:
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
0 2 2a
2 2 0
2 0 2
\
.
.
.
.
.
.
!
, a e .
Universit di Torino
Capitolo 21 Diagonalizzazione di Matrici Esercizi 277
i) Posto a = 1, trovare autovalori e autospazi di A. A diagonalizzabile?
Posto a = 0:
ii) vericato che la matrice A ha rango massimo, determinare una base ortonormale J dei vettori riga di A ed una
base ortonormale ( dei vettori colonna di A.
iii) Scrivere la matrice del cambiamento di base tra J e ( e dire di che tipo di matrice si tratta.
[43] i) Data la matrice:
A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 3 1 2
h 0 0 0
1 1 0 0
0 0 0 h
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
e
4,4
, h e ,
determinare i valori di h per cui A invertibile, e in questi casi, calcolare A
1
.
ii) Posto h = 0, trovare gli autovalori e gli autovettori di A.
iii) Stabilire, in questo caso, se A diagonalizzabile, giusticando accuratamente la risposta.
[44] Data la matrice:
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
0 1 0
1 0 0
0 0 0
\
.
.
.
.
.
.
!
scrivere tutte le matrici diagonali simili ad A
[45] Data la matrice:
(
.
.
.
.
.
.
'
4 2 1
2 3 2
1 2 4
\
.
.
.
.
.
.
!
,
i) vericato che 1 un autovalore di A, determinarne autovalori ed autospazi;
ii) scrivere una matrice P che diagonalizzi A;
iii) scrivere una matrice Q che diagonalizzi ortogonalmente A.
[46] Data la matrice simmetrica:
A =
(
.
.
.
.
.
.
'
3 0 0
0 0 3
0 3 0
\
.
.
.
.
.
.
!
i) determinarne autovalori e autospazi;
ii) Determinare una matrice diagonale D e una matrice invertibile P tale che P
1
AP = D;
iii) Determinare una matrice ortogonale Q tale che
t
QAQ = D.
[47] Per ciascuna delle seguenti coppie di matrici vericare che sono simultaneamente diagonalizzabili e determi-
nare le loro forme diagonali. Trovare, inoltre, una base comune di autovettori.
i) A =
(
.
.
.
.
.
.
'
2 0 0
0 2 0
1 0 3
\
.
.
.
.
.
.
!
, B =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 0 0
2 3 0
2 0 3
\
.
.
.
.
.
.
!
;
ii) A =
(
.
.
.
.
.
.
'
3 2 2
0 2 0
0 1 1
\
.
.
.
.
.
.
!
, B =
(
.
.
.
.
.
.
'
2 1 1
0 0 0
0 1 1
\
.
.
.
.
.
.
!
;
Dipartimento di Matematica
278 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
iii) A =
(
.
.
.
.
.
.
'
66 190 68
4 13 4
53 148 55
\
.
.
.
.
.
.
!
, B =
(
.
.
.
.
.
.
'
30 96 32
2 8 2
25 75 27
\
.
.
.
.
.
.
!
;
iv) A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 0 2 0
24 1 48 6
0 0 2 0
8 0 16 1
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
, B =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
2 0 8 0
12 3 24 3
0 0 2 0
16 0 32 2
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
;
v) A =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
16 16 4 16
0 0 0 0
48 48 12 48
0 0 0 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
, B =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
9 12 3 12
3 3 1 3
12 12 4 12
9 12 3 12
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
Universit di Torino
Capitolo 21 Diagonalizzazione di Matrici Esercizi 279
21.2 Soluzioni
[1]
A = {{2,1,0},{1,2,1},{0,1,2}};
Eigensystem[A]
2,2 -

2,2 +

2,{-1,0,1],1,-

2,1,1,

2,1

1
= 2,
2
= 2
_
2,
3
= 2 +
_
2.
V

1
= [((1, 0, 1)), V

2
= [((1,
_
2, 1)), V

3
= [((1,
_
2, 1)).
[2]
A = {{2,1,1},{1,-2,3},{3,4,-1}};
Eigensystem[A]
{{-5,0,4],{{0,-1,1],{-1,1,1],{9,7,11]]]

1
= 5,
2
= 0,
3
= 4.
V

1
= [((0, 1, 1)), V

2
= [((1, 1, 1)), V

3
= [((9, 7, 11)).
[3]
A = {{0,-2,-2},{2,4,2},{-2,-2,0}};
Eigensystem[A]
{{0,2,2],{{1,-1,1],{-1,0,1],{-1,1,0]]]

1
= 0,
2
= 2 (doppio).
V

1
= [((1, 1, 1)), V

2
= [((1, 0, 1), (1, 1, 0)).
[4]
A = {{1,-1,0,0},{-1,2,-1,0},{0,-1,1,0},{0,0,0,1}};
Eigensystem[A]
{{0,1,1,3],{{1,1,1,0],{0,0,0,1],{-1,0,1,0],{1,-2,1,0]]]

1
= 0,
2
= 1 (doppio),
3
= 3.
V

1
= [((1, 1, 1, 0)), V

2
= [((0, 0, 0, 1), (1, 0, 1, 0)), V

3
= [((1, 2, 1, 0)).
[5]
A = {{3,-1,0,0},{-1,3,0,0},{0,0,4,1},{0,0,1,4}};
Eigensystem[A]
{{2,3,4,5],{{1,1,0,0],{0,0,-1,1],{-1,1,0,0],{0,0,1,1]]]

1
= 2,
2
= 3,
3
= 4,
4
= 5.
Dipartimento di Matematica
280 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
V

1
= [((1, 1, 0, 0)), V

2
= [((0, 0, 1, 1)),
V

3
= [((1, 1, 0, 0)), V

4
= [((0, 0, 1, 1)).
[6]
A = {{1,-4,3,0},{-4,1,0,0},{3,0,1,0},{0,0,0,1}};
Eigensystem[A]
{{-4,1,1,6],
{{-5,-4,3,0],{0,0,0,1],{0,3,4,0],{5,-4,3,0]]]

1
= 4,
2
= 1 (doppio),
3
= 6.
V

1
= [((5, 4, 3, 0)), V

2
= [((0, 0, 0, 1), (0, 3, 4, 0)), V

3
= [((5, 4, 3, 0)).
[7]
A = {{2,0,0,0},{0,1,1,0},{0,1,1,0},{0,0,0,2}};
Eigensystem[A]
{{0,2,2,2],{{0,-1,1,0],{0,0,0,1],{0,1,1,0],{1,0,0,0]]]

1
= 0,
2
= 2 (triplo).
V

1
= [((0, 1, 1, 0)), V

2
= [((0, 0, 0, 1), (0, 1, 1, 0), (1, 0, 0, 0)).
[8]
A = {{2,-1,0,0},{-1,-2,0,0},{0,0,2,-1},{0,0,-1,-2}};
Eigensystem[A]
-

5,-

5,

5,

5,0,0,-2 +

5,1,
- 2 +

5,1,0,0,0,0,-2 -

5,1, - 2 -

5,1,0,0

1
=
_
5 (doppio),
2
=
_
5 (doppio).
V

1
= [((0, 0, 2 +
_
5, 1), (2 +
_
5, 1, 0, 0)),
V

2
= [((0, 0, 2
_
5, 1), (2
_
5, 1, 0, 0)).
[9]
A = {{a,2,a - 1},{-3,5,-2},{-4,4,-1}};
Solve[{CharacteristicPolynomial[A,x]/. x - 1} == 0][[1]]
{a - 0]
Eigensystem[A/.%]
{{1,1,2],{{0,1,2],{0,0,0],{1,1,0]]]
i) a = 0. ii) No.
Universit di Torino
Capitolo 21 Diagonalizzazione di Matrici Esercizi 281
[10]
A = {{1,0,0},{1,-1,0},{2,3,2}};
Eigensystem[A]
{{-1,1,2],{{0,-1,1],{-2,-1,7],{0,0,1]]]
i) P =
(
.
.
.
.
.
.
'
0 2 0
1 1 0
1 7 1
\
.
.
.
.
.
.
!
. ii) No.
[11]
A = {{0,h,h},{1,h2 - h,1},{h - 1,0,h - 1}};
Solve[Det[A] == 0]
{{h - 0],{h - 0],{h - 1],{h - 1]]
Eigensystem[A/.h - 1]
{{-1,0,1],{{-1,1,0],{-1,-1,1],{1,1,0]]]
i) h e 0, 1. ii)
1
= 1,
2
= 0,
3
= 1.
V

1
= [((1, 1, 0)), V

2
= [((1, 1, 1)), V

3
= [((1, 1, 0)). iii) S
[12]
A = {{1,2,-4},{2,-2,-2},{-4,-2,1}};
m = Eigensystem[A]
{{-3,-3,6],{{1,0,1],{-1,2,0],{-2,-1,2]]]
<< LinearAlgebraOrthogonalization
GramSchmidt[m[[2]]]

2
,0,
1

2
, -
1
3

2
,
2

2
3
,
1
3

2
, -
2
3
,-
1
3
,
2
3

i)
1
= 3 (doppio),
2
= 6.
V

1
= [((1, 0, 1), (1, 2, 0)), V

2
= [((2, 1, 2)).
ii) J =
(
.
.
.
.
'
_
1
_
2
, 0,
1
_
2
,
(
.
.
.
.
'

1
3
_
2
,
2
_
2
3
,
1
3
_
2
\
.
.
.
.
!
, _
2
3
,
1
3
,
2
3

\
.
.
.
.
!
.
iii) P =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1
_
2

1
3
_
2
2
3
0
2
_
2
3
1
3
1
_
2
1
3
_
2
2
3
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
Dipartimento di Matematica
282 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
[13]
A = {{3,2,1},{-3,-2,h + 1},{6,4,2}};
Solve[{CharacteristicPolynomial[A,x]/.x - 3} == 0][[1]]
{h - -2]
Eigensystem[A/. %]
{{0,0,3],{{-1,0,3],{-2,3,0],{1,-1,2]]]
i) h = 2. ii)
1
= 0 (doppio),
2
= 3.
V

1
= [((1, 0, 3), (2, 3, 0)), V

2
= [((1, 1, 2)).
D =
(
.
.
.
.
.
.
'
0 0 0
0 0 0
0 0 3
\
.
.
.
.
.
.
!
.
J = ((1, 0, 3), (2, 3, 0), (1, 1, 2)).
[14]
A = {{1,-2,4,1},{2,-3,9,-1},{1,0,6,-5},{2,-5,7,5}};
Det[A]
0
S.
[15]
A = {{1,-1,a + 2},{2a + 1,-1,0},{0,0,a}};
X = {x1,x2,x3}; B = {0,0,0};
Reduce[A.X == B,X]
a == 0&&x2 == x1&&x3 == 0||x1 == 0&&x2 == 0&&x3 == 0&&a = 0
c = A/.a - -1;
MatrixForm[b = Transpose[c] + c]

2 -2 1
-2 -2 0
1 0 -2
|

Eigenvalues[b]
{-3,-2,3]
a = 0: una soluzione (la soluzione nulla);
a = 0: innite soluzioni dipendenti da unincognita libera.
B =
t
A + A =
(
.
.
.
.
.
.
'
2 2 1
2 2 0
1 0 2
\
.
.
.
.
.
.
!
,
1
= 3,
2
= 2,
3
= 3.
Universit di Torino
Capitolo 21 Diagonalizzazione di Matrici Esercizi 283
[16]
A = {{0,a,-1,0},{a,0,1,0},{-1,1,-1,0}, {0,0,0,a}};
Solve[Det[A] == 0]
{{a - 0],{a - 0],{a - 2]]
Eigensystem[A/.%[[1]]]
{{-2,0,0,1],{{1,-1,2,0],{0,0,0,1],{1,1,0,0],{-1,1,1,0]]]
i) a / e 0, 2. ii)
1
= 2,
2
= 0 (doppio),
2
= 1.
V

1
= [((1, 1, 2, 0)), V

2
= [((0, 0, 0, 1), (1, 1, 0, 0)), V

3
= [((1, 1, 1, 0)).
[17]
A = {{0,2,a},{2,1,1},{a,1,1}};
Solve[Det[A] == 0]
{{a - 2],{a - 2]]
Eigensystem[A/.a - 2]
{{-2,0,4],{{-2,1,1],{0,-1,1],{1,1,1]]]
i) a = 2; ii)
1
= 2,
2
= 0,
3
= 4.
V

1
= [((2, 1, 1)), V

2
= [((0, 1, 1)), V

3
= [((1, 1, 1)).
[18]
A = {{1,0,1},{1,h,2},{-1,h,1 - h2}}; X = {x,y,z}; B = {0,1,h};
Reduce[A.X == B,X]
h == 1&&x == -z&&y == 1 - z||
x ==
1
1 + h
&&y ==
2 + h
h 1 + h)
&&z ==
1
-1 - h
&& - 1 + h = 0&&h = 0&&1 + h = 0
m = A/.h - 0;
MatrixForm[c = m.Transpose[m]]

2 3 0
3 5 1
0 1 2
|

Eigensystem[c]
{{0,2,7],{{3,-2,1],{-1,0,3],{3,5,1]]]
i) Se h / e 1, 0, 1: esiste una sola soluzione;
se h e 1, 0: non esistono soluzioni;
se h = 1: esistono innite soluzioni dipendenti da unincognita libera.
ii) C =
(
.
.
.
.
.
.
'
2 3 0
3 5 1
0 1 2
\
.
.
.
.
.
.
!
; D =
(
.
.
.
.
.
.
'
0 0 0
0 2 0
0 0 7
\
.
.
.
.
.
.
!
; iii) no.
Dipartimento di Matematica
284 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
[19]
A = {{0,-1,k},{-1,h,-1},{k,-1,0}};
Solve[ Det[A] == 0]
Solve ::

svars

: Equations may not give solutions for all solve variables.


h -
2
k
,{k - 0]
a = A/.{h - 0,k - 1};
b = Eigensystem[a]
{{-1,-1,2],{{-1,0,1],{1,1,0],{1,-1,1]]]
MatrixForm[Transpose[b[[2]]]]

-1 1 1
0 1 -1
1 0 1
|

<< LinearAlgebraOrthogonalization
MatrixForm[Transpose[GramSchmidt[b[[2]]]]]

-
1

2
1

6
1

3
0

2
3
-
1

3
1

2
1

6
1

3
|

i) k = 0 e h =
2
k
.
ii) D =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 0 0
0 1 0
0 0 2
\
.
.
.
.
.
.
!
; P =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 1 1
0 1 1
1 0 1
\
.
.
.
.
.
.
!
.
iii) A simmetrica, Q =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'

1
_
2
1
_
6
1
_
3
0
_
2
_
3

1
_
3
1
_
2
1
_
6
1
_
3
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
[20] i) Se
1
,
2
, . . . ,
k
sono gli autovalori di A con molteplicit m
1
, m
2
, . . . , m
k
, rispettivamente, allora

1
1 ,
1
2 , . . . ,
1
k
sono gli autovalori di A
1
, con le stesse molteplicit m
1
, m
2
, . . . , m
k
.
ii) D

= D
1
, P

= P.
[21] i) Se
1
,
2
, . . . ,
k
sono gli autovalori di A con molteplicit m
1
, m
2
, . . . , m
k
, rispettivamente, allora

2
1,
2
2, . . . ,
2
k
sono gli autovalori di A
2
, con le stesse molteplicit m
1
, m
2
, . . . , m
k
.
ii) D

= D
2
, P

= P.
Universit di Torino
Capitolo 21 Diagonalizzazione di Matrici Esercizi 285
[22]
A = {{0,1,0,0},{1,0,0,0},{0,0,1,2},{0,0,2,1}};
Eigensystem[A]
{{-1,-1,1,3],
{{0,0,-1,1],{-1,1,0,0],{1,1,0,0],{0,0,1,1]]]
i)
1
= 1 (doppio),
2
= 1,
3
= 3.
V

1
= [((0, 0, 1, 1), (1, 1, 0, 0)), V

2
= [((1, 1, 0, 0)), V

3
= [((0, 0, 1, 1)).
[23]
A = {{1,1,1},{-1,0,1},{2,1,0}};
Eigensystem[A]
{{-1,0,2],{{0,-1,1],{1,-2,1],{1,0,1]]]

1
= 1,
2
= 0,
3
= 2.
ii) A simmetrica, B =
(
.
.
.
.
.
.
'
0 1 1
1 2 0
1 1 1
\
.
.
.
.
.
.
!
.
[24]
A = {{1,-h,1},{1,h,-1},{3,-1,1}}; X = {x,y,z}; B = {1,0,2};
Reduce[A.X == B,X]
h == 1&&x ==
1
2
&&z ==
1
2
1 + 2 y)||x ==
1
2
&&y == 0&&z ==
1
2
&& - 1 + h = 0
Eigensystem[A/.h - 1]
{{0,0,3],{{0,1,1],{0,0,0],{3,-1,5]]]
i) h = 1, ii) h = 1; iii) A non diagonalizzabile.
[25] i) Falso, per esempio: O = _
0 0
0 0
diagonalizzabile ma non invertibile;
ii) falso, per esempio: A = _
1 1
0 1
invertibile ma non diagonalizzabile.
[26]
A = {{1,-3,5},{3,2,1},{-5,-4,0}};
MatrixForm[B = A + Transpose[A]]

2 0 0
0 4 -3
0 -3 0
|

Eigensystem[B]
2,2 -

13,2 +

13,
{1,0,0],0,
1
3
- 2 +

13,1,0,
1
3
- 2 -

13,1
Dipartimento di Matematica
286 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
B =
(
.
.
.
.
.
.
'
2 0 0
0 4 3
0 3 0
\
.
.
.
.
.
.
!
, B

=
(
.
.
.
.
.
.
.
'
2 0 0
0 2 +
_
13 0
0 0 2
_
13
\
.
.
.
.
.
.
.
!
.
[27]
A = {{1,0,-1,0},{0,-1,1,0},{0,0,1,1},{0,0,k,0}};
Solve[Det[A] == 0]
{{k - 0]]
b = Eigenvalues[A]
- 1,1,
1
2
1 -

1 + 4 k,
1
2
1 +

1 + 4 k
Flatten[Table[b[[i]] == b[[j]], {i,4},{j,4}]];
Map[Solve,%]
Solve ::

ifun

: Inverse functions are being used by Solve, so some solutions may not be
found
Solve ::

ifun

: Inverse functions are being used by Solve, so some solutions may not be
found
{{]],{],{{k - 2]],{],{],{{]],{],{{k - 0]],{{k - 2]],
{],{{]],k - -
1
4
,{],{{k - 0]],k - -
1
4
,{{]]
Eigensystem[A/.k - 2]
{{-1,-1,1,2],{{0,1,0,0],{0,0,0,0],{1,0,0,0],{-3,1,3,3]]]
Eigensystem[A/.k - 0]
{{-1,0,1,1],
{{0,1,0,0],{-1,-1,-1,1],{1,0,0,0],{0,0,0,0]]]
Eigensystem[A/.k - -1/4]
- 1,
1
2
,
1
2
,1,
{0,1,0,0], - 4,-
4
3
,-2,1,{0,0,0,0],{1,0,0,0]
{}
i) k = 0. ii) k >
1
4
, k = 0, k = 2.
Universit di Torino
Capitolo 21 Diagonalizzazione di Matrici Esercizi 287
[28]
A = {{2,-2,-1},{-2,5,2},{-1,2,2}};
Det[A]
7
MatrixForm[Inverse[A]]

6
7
2
7
1
7
2
7
3
7
-
2
7
1
7
-
2
7
6
7
|

b = Eigensystem[A]
{{1,1,7],{{1,0,1],{2,1,0],{-1,2,1]]]
MatrixForm[Transpose[b[[2]]]]

1 2 -1
0 1 2
1 0 1
|

<< LinearAlgebraOrthogonalization
MatrixForm[Transpose[GramSchmidt[b[[2]]]]]

2
1

3
-
1

6
0
1

2
3
1

2
-
1

3
1

6
|

i) det A = 7
A
1
=
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
6
7
2
7
1
7
2
7
3
7

2
7
1
7

2
7
6
7
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
ii)
1
= 1 di molteplicit 2,
2
= 7 di molteplicit 1.
V

1
= [((1, 0, 1), (2, 1, 0)), V

2
= [((1, 2, 1)).
iii) P =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 2 1
0 1 2
1 0 1
\
.
.
.
.
.
.
!
.
iv) Q =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1
_
2
1
_
3

1
_
6
0
1
_
3
2
_
6
1
_
2

1
_
3
1
_
6
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
Dipartimento di Matematica
288 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
[29]
A = {{1,2,-1,0},{2,3,-2,0},{-1,-2,1,0},{0,0,0,0}};
RootReduce[Eigensystem[A]]
0,0,
1
2
5 -

33,
1
2
5 +

33,{0,0,0,1],{1,0,1,0],
- 1,
1
4
- 1 +

33,1,0, - 1,
1
4
- 1 -

33,1,0
A

=
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0 0 0 0
0 0 0 0
0 0
5
_
33
2
0
0 0 0
5 +
_
33
2
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
[30]
A = {{-10,-14,0},{6,9,0},{-9,-18,-1}};
Eigensystem[A]
{{-3,-1,2],{{-2,1,0],{0,0,1],{7,-6,15]]]
A

=
(
.
.
.
.
.
.
'
3 0 0
0 1 0
0 0 2
\
.
.
.
.
.
.
!
, B =
(
.
.
.
.
.
.
'
2 0 7
1 0 6
0 1 15
\
.
.
.
.
.
.
!
.
[31]
A = {{1,0,0,0},{k2 - 1,1,0,0},
{k30 - 2k5 + 3k3,0,1,0},{5k + 5,k2 + k,k3 - k,1}};
Solve[Det[A] == 0]
{]
Eigensystem[A]
{{1,1,1,1],{{0,0,0,1],{0,1 - k,1,0],{0,0,0,0],{0,0,0,0]]]
k = 1;
Eigensystem[A]
{{1,1,1,1],{{0,0,0,1],{0,0,1,0],{0,0,0,0],{0,0,0,0]]]
k = -1;
Eigensystem[A]
{{1,1,1,1],{{0,0,0,1],{0,0,1,0],{0,1,0,0],{1,0,0,0]]]
i) A invertibile !k e . ii) A diagonalizzabile se k = 1.
Universit di Torino
Capitolo 21 Diagonalizzazione di Matrici Esercizi 289
[32]
A = {{0,1,1,h},{1,-1,0,-1},{1,0,1,0}};
X = {x1,x2,x3,x4}; B = {0,0,0};
Reduce[A.X == B,X]
h == 1&&x1 == -x3&&x2 == -x3 - x4||
x1 == -x3&&x2 == -x3&&x4 == 0&& - 1 + h = 0
h = 1;
B = A.Transpose[A];
MatrixForm[B]

3 -2 1
-2 3 1
1 1 2
|

b = Eigensystem[B]
{{0,3,5],{{-1,-1,1],{1,1,2],{-1,1,0]]]
<< LinearAlgebraOrthogonalization
MatrixForm[Transpose[GramSchmidt[b[[2]]]]]

-
1

3
1

6
-
1

2
-
1

3
1

6
1

2
1

2
3
0
|

i) Se h = 1: il rango di A 2, se h = 1: il rango di A 3.
ii) B =
(
.
.
.
.
.
.
'
3 2 1
2 3 1
1 1 2
\
.
.
.
.
.
.
!
,
autovalori di B:
1
= 0,
2
= 3,
3
= 5;
autospazi di B: V

1
= [((1, 1, 1)), V

2
= [((1, 1, 2)), V

3
= [((1, 1, 0));
P =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'

1
_
3
1
_
6

1
_
2

1
_
3
1
_
6
1
_
2
1
_
3
2
_
6
0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
Dipartimento di Matematica
290 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
[33]
A = {{-1,0,4,0},{0,1,0,-1},{1,0,2,0},{0,h,0,1}};
Solve[Det[A] == 0]
{{h - -1]]
b = Eigenvalues[A]
- 2,3,f - f +

h,-f f +

h
Flatten[Table[b[[i]] == b[[j]],{i,4},{j,4}]];
Map[Solve,%]
{{{]],{],{{h - -9]],{],{],{{]],{],{{h - -4]],
{{h - -9]],{],{{]],{{h - 0]],{],{{h - -4]],{{h - 0]],{{]]]
h = -9;
Eigensystem[A]
{{-2,-2,3,4],
{{0,1,0,3],{-4,0,1,0],{1,0,1,0],{0,-1,0,3]]]
h = -4;
Eigensystem[A]
{{-2,-1,3,3],
{{-4,0,1,0],{0,1,0,2],{0,-1,0,2],{1,0,1,0]]]
h = 0;
Eigensystem[A]
{{-2,1,1,3],{{-4,0,1,0],{0,1,0,0],{0,0,0,0],{1,0,1,0]]]
i) h = 1; ii) h < 0.
[34]
A = {{2,-3,0,3},{3,-4,0,3},{0,3,2,-3},{3,-3,0,2}};
Eigensystem[A]
{{-1,-1,2,2],
{{0,1,0,1],{-1,-1,1,0],{1,1,0,1],{0,0,1,0]]]
Eigensystem[Transpose[A]]
{{-1,-1,2,2],
{{-1,0,0,1],{-1,1,0,0],{1,-1,0,1],{1,0,1,0]]]
i) A e
t
A hanno gli stessi autovalori in quanto hanno lo stesso polinomio caratteristico.
ii) Gli autovalori di A sono
1
= 1,
2
= 2 entrambi con molteplicit 2, gli autospazi ad essi relativi sono
rispettivamente generati da ((0, 1, 0, 1), (1, 1, 1, 0)) e da ((1, 1, 0, 1), (0, 0, 1, 0)); gli autovalori di
t
A coincidono
con gli autovalori di A ma i rispettivi autospazi sono diversi, infatti sono generati da ((1, 0, 0, 1), (1, 1, 0, 0)) e
da ((1, 1, 0, 1), (1, 0, 1, 0)), rispettivamente.
Universit di Torino
Capitolo 21 Diagonalizzazione di Matrici Esercizi 291
[35]
A = {{2,3,1},{-2,-3,h},{4,6,2}};
b = Eigenvalues[A]
0,
1
2
1 -

25 + 24 h,
1
2
1 +

25 + 24 h
Flatten[Table[b[[i]] == b[[j]], {i,3},{j,3}]];
Map[Solve,%]
Solve ::

ifun

: Inverse functions are being used by Solve, so some solutions may not be
found
Solve ::

ifun

: Inverse functions are being used by Solve, so some solutions may not be
found
{{]],{{h - -1]],{],{{h - -1]],
{{]],h - -
25
24
,{],h - -
25
24
,{{]]
h = -1;
Eigensystem[A]
{{0,0,1],{{-1,0,2],{-3,2,0],{1,-1,2]]]
h = -25/24;
Eigensystem[A]
0,
1
2
,
1
2
, -
3
2
,1,0,
1
2
,-
7
12
,1,{0,0,0]
h >
25
24
.
[36] Se b = 1, allora a = 0, A = I e A

= I ;
se b = 1 allora a = (b 1), e ,
A

=
(
.
.
.
.
.
.
'
1 0 0
0 1 0
0 0 b
\
.
.
.
.
.
.
!
, B =
(
.
.
.
.
.
.
'
1 0 0
0 1
0 0 1
\
.
.
.
.
.
.
!
.
Dipartimento di Matematica
292 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
[37]
A = {{1,0,h},{0,2,0},{h,1,1}};
b = Eigenvalues[A]
{2,1 - h,1 + h]
Flatten[Table[b[[i]] == b[[j]], {i,3},{j,3}]];
Map[Solve,%]
{{{]],{{h - -1]],{{h - 1]],{{h - -1]],
{{]],{{h - 0]],{{h - 1]],{{h - 0]],{{]]]
h = -1;
Eigensystem[A]
{{0,2,2],{{1,0,1],{-1,0,1],{0,0,0]]]
h = 1;
Eigensystem[A]
{{0,2,2],{{-1,0,1],{1,0,1],{0,0,0]]]
h = 0;
Eigensystem[A]
{{1,1,2],{{0,0,1],{1,0,0],{0,1,1]]]
h = 1.
[38]
A = {{2,0,0},{2 - h,-1 + h,-1},{-2 + h,0,h}};
b = Eigenvalues[A]
{2,-1 + h,h]
Flatten[Table[b[[i]] == b[[j]], {i,3},{j,3}]];
Map[Solve,%]
{{{]],{{h - 3]],{{h - 2]],{{h - 3]],{{]],{],{{h - 2]],{],{{]]]
h = 3;
Eigensystem[A]
{{2,2,3],{{-1,0,1],{0,1,0],{0,-1,1]]]
h = 2;
Eigensystem[A]
{{1,2,2],{{0,1,0],{0,-1,1],{1,0,0]]]
La matrice A diagonalizzabile per ogni h e .
[39] i) +

= [((2, 1, 1, 0), (1, 0, 0, 1)), quindi una base di autovettori :


J = ((1, 2, 0, 1), (0, 1, 1, 0), (2, 1, 1, 0), (1, 0, 0, 1)).
Universit di Torino
Capitolo 21 Diagonalizzazione di Matrici Esercizi 293
ii) La matrice D simile ad A e relativa alla base J :
D =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
2 0 0 0
0 2 0 0
0 0 0 0
0 0 0 0
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
[40] i) Per esempio: J = __0,
1
_
2
, 0,
1
_
2
, (1, 0, 0, 0), _0,
1
_
2
, 0,
1
_
2
, (0, 0, 1, 0).
ii) Per esempio: D =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
1 0 0 0
0 3 0 0
0 0 3 0
0 0 0 3
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
[41]
A = {{0,2h,2h},{2,2,0},{2,k,2}};X = {x1,x2,x3};
k = 0;
Reduce[A.X == 2 X,X]
x1 == 0
h = 1;
Eigensystem[A]
{{-2,2,4],{{-2,1,1],{0,-1,1],{1,1,1]]]
Clear[h,k]
h = 0;
Eigenvalues[A]
{0,2,2]
Reduce[A.X == 2X,k]
k == 0&&x1 == 0||x1 == 0&&x2 == 0
i) A ammette lautovalore 2, per ogni h e .
ii) D =
(
.
.
.
.
.
.
'
2 0 0
0 2 0
0 0 4
\
.
.
.
.
.
.
!
, P =
(
.
.
.
.
.
.
'
2 0 1
1 1 1
1 1 1
\
.
.
.
.
.
.
!
.
iii) A simmetrica pertanto si pu ottenere una base ortonormale di autovettori.
iv) A diagonalizzabile per k = 0.
Dipartimento di Matematica
294 E. Abbena, A.M. Fino, G.M. Gianella Geometria e Algebra Lineare I
[42]
A = {{0,2,2a},{2,2,0},{2,0,2}};
a = -1;
Eigensystem[A]
{{0,2,2],{{-1,1,1],{0,1,1],{0,0,0]]]
a = 0;
Det[A]
-8
<< LinearAlgebraOrthogonalization
GramSchmidt[A]
{{0,1,0],{1,0,0],{0,0,1]]
GramSchmidt[Transpose[A]]
0,
1

2
,
1

2
,

2
3
,
1

6
,-
1

6
,
1

3
,-
1

3
,
1

i) A non diagonalizzabile.
ii) Per esempio:
J = ((0, 1, 0), (1, 0, 0), (1, 0, 1)), ( = __0,
1
_
2
,
1
_
2
, _
2
_
6
,
1
_
6
,
1
_
6
, _
1
_
3
,
1
_
3
,
1
_
3
.
iii) P =
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0
2
_
6
1
_
3
1
_
2
1
_
6

1
_
3
1
_
2

1
_
6
1
_
3
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
una matrice ortogonale.
[43]
A = {{1,-3,1,2},{h,0,0,0},{1,-1,0,0},{0,0,0,h}};
Solve[Det[A] == 0]
{{h - 0],{h - 0]]
MatrixForm[Inverse[A]]

0
1
h
0 0
0
1
h
-1 0
1
2
h
-3 -
2
h
0 0 0
1
h
|

h = 0;
Eigensystem[A]
0,0,
1
2
1 -

5,
1
2
1 +

5,{1,1,0,1],
{1,1,2,0],
1
2
1 -

5,0,1,0,
1
2
1 +

5,0,1,0
Universit di Torino
Capitolo 21 Diagonalizzazione di Matrici Esercizi 295
i) Se h = 0, la matrice A invertibile e:
A
1
=
(
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
'
0
1
h
0 0
0
1
h
1 0
1
2
h
3
2
h
0 0 0
1
h
\
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
!
.
ii)
1
= 0, m

1
= 2;
2
=
1
2
(1
_
5), m

2
= 1;
3
=
1
2
(1 +
_
5), m

3
= 1.
V

1
= [((1, 1, 0, 1), (1, 1, 2, 0)), V

2
= [__
1
2
(1
_
5), 0, 1, 0 ; V

3
= [__
1
2
(1 +
_
5), 0, 1, 0