Sei sulla pagina 1di 2

Sindrome del tunnel carpale

la pi frequente neuropatia da compressione degli arti superiori.


dovuta alla compressione del nervo mediano a livello del polso a causa di
unaumentata pressione allinterno del tunnel carpale.
pi frequente nel sesso femminile e insorge fra i 40-60 anni.
Nel bambino e negli adolescenti dovuta o a traumi o ad anomalie genetiche.
Anatomia
Il tunnel carpale situato sul lato palmare del polso ed delimitato
dorsalmente dalle ossa del carpo e ventralmente dal legamento trasverso del
carpo. Al suo interno decorrono:
- Nervo mediano, che un nervo misto sensitivo- motorio
- 9 strutture tendinee
o I quattro tendini flessori superficiali delle dita (2 ,3, 4, 5 )
o I quattro tendini dei flessori profondi delle dita
o Il flessore profondo del pollice
Linnervazione sensitiva del nervo mediano comprende a livello palmare
leminenza tenar e 4 dita e mezza mentre su lato dorsale la cute delle falangi
distali.
Eziologia
Idiopatiche (nella maggioranza dei casi)
1. Aumento della compressione a livello del tunnel carpale
2. Congestione dei vasa nervorum
3. Edema e infiammazione
4. Deposizione di tessuto fibroso e blocco della trasmissione asso
plasmatica
Inoltre:
- Siccome il nervo in stretto contatto con le guaine dei tendini un
continuo sfregamento dato da attivit ripetitive crea una situazione di
reciproco stress e microtraumatismo che pu aggravare la situazione.
- La compressione dei tendini con il legamento trasverso del carpo durante
i movimenti del polso e delle dita determina un danno della sinoviale e
un conseguente aumentato deposito di tessuto connettivo responsabile
anche questo dellaumento pressorio.
Secondarie
- Alterazioni anatomiche
o Modifiche dello spessore del canale
Anomalie ossee congenite come lacromegalia
o Aumentato contenuto del canale
Fratture
Tumori ossei
Ematomi
- Alterazioni fisiopatologiche
o Neuropatie (Diabetica)
o Condizioni infiammatorie
AR
Artriti da microcristalli (gotta e pseudo gotta)
PM e DM
Ssc

LES
o Alterato bilancio idrico (insuff renale, cardiaca, epatica)
Clinica
Possono essere individuati 3 stadi:
I.
Primo stadio
a. Gonfiore
b. Intorpidimento
c. Formicolii (parestesia)
d. Dolore
Sul territorio di innervazione del nervo mediano responsabili dei
caratteristici risvegli notturni e quindi presente prevalentemente
durante la notte.
II.
Secondo stadio
a. Persistenza della sintomatologia parestesica durante le ore diurne
b. Deficit motorio con difficolt alla prensione degli oggetti
III.
Terzo stadio
a. Ipo\atrofia delleminenza tenar con attenuazione dei sintomi
sensitivi
Diagnosi
Test provocativi:
- Compressione del canale carpale per un minuto con la mano in posizione
di dorsi flessione che evocher le caratteristiche paraestesie
- Segno di Phalen flessione forzata del polso per 30 secondi
- Test dello sfingomanometro: pressione applicata con lo strumento al di
sopra della sistolica per una durata di 30 secondi che evoca una
sintomatologia tipica
Manovre per la valutazione della forza muscolare:
- Prova della pinza
- Prova di abduzione dellalluce contro resistenza
Manovre per la sensibilit
Strumentali
- EMG
- Ecografia con le quali posso vedere il nervo ed evidenziare le cause locali
di compressione
Terapia
- Terapia della malattia di base
- Terapia fisica splinting
- Terapia locale
o Infiltrazione di corticosteroidi
o Ultrasuoni
- Nei casi di compromissione grave del nervo si fa la terapia chirurgica