Sei sulla pagina 1di 2

Mendelssohn

Vita: Amburgo nel 1809. Famiglia benestante ebraica. educazione artistica e


letteraria di prim'ordine. talento precocissimo abile gi a 7 anni e in seguito
divenne acclamato concertista e direttore d'orchestra. attivit concertistica non
solo in Germania. Fond il conservatorio di Lipsia. si ciment in tutti i generi
musicali dell'epoca sinfonie ouverture concerti per strumenti solisti e orchestra ecc per
un totale di 400 composizioni.
Sinfonie: 12 sinfonie di apprendistato (1820-1821). Molto significative le 5 sinfonie
per grande orchestra la cui data di pubblicazione non corrisponde alla data di
composizione. Nelle sinfonie Mendelssohn (tranne che nella seconda) rispetta le
consuetudini compositive dei viennesi e la tipica struttura in 4 movimenti ma con
peculiarit stilistiche: Chiarezza dei profili melodici e predilezione di un
melodismo intenso, equilibrio formale, vivacit ritmica, abilit di
orchestrazione (dosatura contrasti timbrici e evidenziazione delle singole
famiglie orchestrali, descrittivismo programmatico, contrappunto)
L'italiana: ispirata ad un viaggio che fece in Italia. possiamo trovare spunti
popolareggianti nel primo movimento quasi a rappresentare una tarantella. anche
il quarto movimento ispirato ad un tipica danza italiana centromeridionale.
Felix propone un alto livello di stilizzazione di questi spunti popolareggianti.
Lobgesang: questa sinfonia si ricollega alla nona di Beethoven introducendo
nel finale un testo cantato dai solisti e dal coro. propone una forma mista di
sinfonia-cantata. un imponente affresco sonoro di grande impegno
contrappuntistico e orchestrale. vi un variegato uso dei fiati in alcuni temi.
usato il tema motto che apre la sinfonia e che costituisce il perno della composizione.
La Scozzese: ispirata ad un suo viaggio in scozia si nota la tendenza alla compattezza
unitaria infatti movimenti si succedono senza interruzione, i profili tematici sono
accomunati da un salto di quarta. anche qui c' la presenza di carattere popolare.
c' una nitida messa a fuoco dei diversi timbri orchestrali ed un intreccio
polifonico.
Ouverture: la sinfonia classica era nata prima con 3 movimenti poi con 4. nei primi
dell'800 nacque l'ouverture da concerto che si gener dall'ouverture operistica del
700. quest'ultima era in un unico movimento veloce e in forma-sonata. preceduto da
un lento introduttivo. le ouverture con Beethoven si svincolarono dalla destinazione
scenica e vennero proposte come pezzi autonomi. conservando il descrittivismo
teatrale e una tendenza programmatica. Qui si nota la cura dell'aspetto evocativo
strumentale. ES: sogno di una notte di mezza estate in cui con i contrasti ritmici
timbrici e tematici evoca i vari personaggi. c' una alterazione degli equilibri
formali che tipicamente romantica che nasce quando il compositore deve esprimere
contenuti extramusicali. queste saranno poi le basi del poema sinfonico. un genere
che nascer proprio dall'idea di plasmare la forma tradizionale per adattarla alle idee
tratte dalla poesia.
Concerto per violino: si caratterizza sopratutto per il dominio del fattore
melodico che assume diversi volti: tormentato - distesamente sereno -

teneramente cantabile. peculiarit la cadenza dello strumento solista in


posizione insolita (in questo caso posto alla fine dello sviluppo e l'inizio della
ripresa)
Produzione cameristica: