Sei sulla pagina 1di 1

-TRX IL:21/10/14 21:28-NOTE:

-MSGR - 14 PESARO - 45 - 22/10/14-N:


45
Mercoled 22Ottobre2014
www.ilmessaggero.it
PesaroUrbino
URBINO
MAFIA CONTRO
LEGALIT
Questamattina si tiene
allUniversit di Urbinoun
interessante incontroche ha
come temaMafia contro
legalit. Lincontrorientra
nellambitodell ciclodi
conferenze dedicate al
fenomenodelle infiltrazioni
mafioseche stato
appositamente organizzato
dal Dipartimentodi
Giurisprudenza
dellUniversitdi Urbino.
Lincontro apertoatutti gli
interessati, soprattuttoagli
esperti e agli studiosi
dellargomento, edavr come
protagonista NandoDalla
Chiesache, questamattina
alle11, nellAulaMagna del
Dipartimentoinvia Matteotti
1, discuter del rapportotrale
istituzioni e la criminalit
organizzata, che harisvolti
ormai sempre pislegati dai
tradizionali confini
territoriali. Acondurre la
discussione, apertaanche agli
interventi del pubblico, saril
giornalistaGiacomodi
Girolamo, direttore di
marsala.it e collaboratore del
FattoQuotidianoe di
Repubblica.
PESARO
AIUTO ALLO STUDIO
CON IL MANTELLO
E ormai unpuntofermo, una
certezzae unriferimento.
Uniniziativache crealegami
trale persone, risponde ai
bisogni comuni e promuove i
valori della condivisione e del
servizioallacomunit. Si
chiamaAiutoallostudio
ripartedomani. Unservizio
gratuitoe fondamentale per
tante famiglie del quartiere di
VillaSanMartinoe nonsolo,
che grazie allAssociazione Il
Mantello, potrannofar
studiare i propri figli,
altrimenti soli, pressola
scuolaelementare DonBosco.
Linvito rivoltononsoloai
genitori del quartiere di Villa
SanMartinomaatutti coloro
voglianoutilizzare questo
importanteservizioe
soprattuttoai giovani che
decidonodi dedicare alcune
oredella propria giornata, in
unotticadi volontariato, per
aiutare i pipiccoli inuna
delleattivit piimportanti
dellalorovita. I bambini che
frequentanola scuola media
sarannoseguiti dalla
coordinatrice Letizia Villa, la
referenteDanielaBostrenghi,
i volontari del Mantelloe tanti
giovani che diventeranno, per
i ragazzi, modello, esempioe
inalcuni casi anche amici.
E possibile chiedere
informazioni chiamandoil
numero338-8118227, inviando
unamail allindirizzo
letiziavilla@gmail.com.
BORGO PACE
Far esplodere una bomba non
solo un lavoro da artificieri.
Soprattutto se lordigno della
seconda guerra mondiale con-
tiene 150 kg di tritolo e occorre-
r evacuare lintero paese di
Borgo Pace per il 31 ottobre. Un
pensiero allora va per forza an-
che ai rischi di sciacallaggio.
Quanto teme il prefetto Attilio
Visconti. Avremo tante case
vuote, di questi tempi non si sa
mai per cui necessario presi-
diare il territorio per evitare
furti e intrusioni. Il Prefetto
dar infatti disposizioni alle
Forze di Polizia affinch venga
svolta unininterrotta e atten-
ta attivit di vigilanza e di con-
trollo sulle abitazioni lasciate
libere per evitare malaugurati
fenomeni di sciacallaggio.
Questo leffetto collaterale. Ma
le operazioni sono state scandi-
te nella riunione operativa (fo-
to) di ieri mattinainPrefettura,
cui hanno partecipato il sinda-
co e i rappresentanti del 1 Co-
mando Forze di Difesa Interre-
gionale Nord di Padova, del
Reggimento Genio Ferrovieri
Compagnia Ufficio Oai di Ca-
stelmaggiore (Bo), oltre alle for-
ze dellordine locali. La data
quella del 31 ottobre per le ope-
razioni di bonifica dellordigno
bellicodi matrice inglese.
Venerd unulteriore riunione
tecnico-operativa che si terr
nel Comune di Borgo Pace, e
quindi verr emessa unordi-
nanza prefettizia per le precau-
zioni da adottare durante le
operazioni e indicare il luogo
di brillamento secondo quanto
stabiliranno gli artificieri di Ca-
stelmaggiore.
Per garantire lordine e la sicu-
rezza pubblica durante le ope-
razioni di brillamento la Prefet-
tura ha gi chiesto allEnac di
interdire il sorvolo a tutto il
traffico aereo sulla zona di de-
spolettamento e brillamento
dalle ore 10 alle ore 15, orario
stimato di chiusura delle opera-
zioni. Si andr a togliere lin-
nesco in modo tale che la bom-
ba potr essere rimossa insicu-
rezza - ha spiegato Visconti -
ogni anno vengono trovate
5000 bombe in tutta Italia, ma
un ordigno di questo peso
molto raro per cui servono pre-
cauzioni ulteriori. Ci saranno
abitazioni da sgomberare per
cui saremo presenti gi dal
giorno prima per coordinare le
operazioni.
Alla riunione hanno partecipa-
to anche i volontari della Prote-
zione Civile, i vigili del fuoco,
gli uomini del 118, Aspes e Enel,
tutti impegnati nelle operazio-
ni.
Luigi Benelli
RIPRODUZIONERISERVATA
Lattrezzatura sequestrata dalla polizia stradale
Una studentessa
universitaria
I funerali del giovane pap ieri pomeriggio a Monte Porzio
FARMACIE DI TURNO
Pesaro: Pantano v. Dandolo6.
Fano: SantElena via Alighieri
59. Urbino: Lucciarini portici
Garibaldi 12.
TAXI
Taxi Pesaro piazza del Popo-
lo 0721/31430; piazzale Matte-
otti 0721/34053; viale Repub-
blica 0721/34780; stazione
0721/ 31111. Taxi Fano Stazio-
ne: 0721/ 803910.
`
Automezzi truccati
denunciato imprenditore
di Fossombrone
`
Ieri pomeriggio
i funerali di Mario
Louis Spadoni
LINCHIESTA
I suoi autisti guidavano per ore,
senza le soste e senza i giorni di ri-
poso previsti per legge. Eppure,
dal cronotachigrafo risultava tut-
to in regola: quei camion rispetta-
vano le tabelle di marcia. Peccato,
per, che mentre per il dispositivo
di controllo elettronico i veicoli
erano fermi, in realt stavano ma-
cinando chilometri su strada. A
scoprire la furbata messa in atto
da un imprenditore 52enne di
Fossombrone, di origine campa-
na, sono stati gli agenti della Poli-
zia Stradale di Pesaro e di Urbino
che lo hanno denunciato per at-
tentato alla sicurezza dei traspor-
ti. Luomo, inoltre, titolare di una
ditta di autotrasporti con sede le-
gale a Napoli ma operante nella
nostra provincia, dovr mettere
mano al portafoglio vista la maxi
multa da 1.632 euro che pagher
per aver fatto circolare i camion
con il cronotachigrafo alterato.
Per lui anche la sospensione della
patente e il sequestro dei due au-
tocarri della ditta. Autocarri che
eranostati fermati dallapoliziasu
cui era stato trovato il dispositivo
illegaleche, rispettoa una ventina
di chilometri percorsi, faceva ri-
sultare un tragitto di appena 20
metri, inbarbaai cronotachigrafi.
Questi ultimi, infatti, registrano i
dati acquisiti su un hard disk e su
una tessera, denominata scheda
conducente (quando inserita)
che riassume tutta lattivit di gui-
da fatta. Il sistema si interfaccia
con un sensore di movimento in-
stallato sul cambio del camion
che in grado di trasformare gli
impulsi magnetici in dati numeri-
ci, immagazzinati appunto nel
cronotachigrafo. Un sistema pre-
ciso che in grado di memorizza-
re i dati identificativi del veicolo
ma anche la distanza percorsa, i
periodi di guida e il riposo del con-
ducente, i guasti e la velocit. I da-
ti contenuti nellhard disk devono
essere poi conservati come obbli-
go di legge dalle imprese di auto-
trasporto. E chiaro che riuscire
ad alterare i risultati del cronota-
chigrafo pu essere per limpresa
un modo per aggirare la normati-
va ottenendo labbassamento dei
costi fissi legati al trasporto ed un
vantaggio economico illegale nei
confronti dei concorrenti. Ma tut-
to ci pu avere ripercussioni ne-
gative sia sul camionista che
avrebbe una minore tutela sul po-
sto di lavoro viste le ore di guida
notevolmente prolungate sia sul-
la sicurezza. Per questo, le indagi-
ni della Polizia Stradale di Pesaro
continuano per verificare non so-
lo se ci sono altre ditte di autotra-
sporti della provincia che hanno
voluto fare le furbe ma anche se
esistono connivenze. Le alterazio-
ni al cronotachigrafo, infatti, non
possonoessere realizzate senzala
disponibilit di sistemi fatti ad
hoc, in vendita su un mercato pa-
rallelo e illegale in cui si aggirano
soggetti dediti a questi traffici ille-
citi. La Polizia non esclude nem-
meno la complicit e la disponibi-
lit di persone qualificate e abilita-
te per legge a compiere operazio-
ni di installazione, calibrazione e
revisione dei dispositivi.
EmyIndini
MONTE PORZIO
Unatmosfera carica di dolore,
commozione e incredulit ha se-
gnato l'ultimo saluto di Monte
Porzio al giovane pap Mario
Louis Spadoni. Nelle esequie cele-
brate ieri pomeriggio dal parroco
don Luigi Gianantoni la comuni-
t parrocchiale di San Michele
Arcangelo si stretta intorno ai
familiari, alla moglie e ai figli (i
pi piccoli erano per assenti)
dell'istruttore di taekwondo mor-
to sabato scorso in un drammati-
co incidente stradale mentre face-
va ritorno a casa. Con lui, a bordo
della Fiat Marea che si cappotta-
ta alluscita di una curva lungo la
provinciale che da San Giorgio di
Pesaro conduce al centro abitato
di Monte Porzio, cera anche la fi-
glia di 10 anni, che per fortuna ha
riportato solamente delle lievi
conseguenze. Ma il pap non ce
lha fatta ed morto sul colpo.
Mario Louis Spadoni aveva 41 an-
ni, era originario di Buenos Aires
ma la sua casa era da tempo nel
piccolo centro della Valcesano
tanto che verr tumulato nel ci-
mitero del paese. E' successa
una tragedia, ora nostro dovere
di cristiani capireche lacroce che
ci capitatasulle spalle segnodi
rinascita, ha detto il parroco in
apertura della cerimonia fune-
bre. Ha usato parole semplice, du-
re e dirette il sacerdote. Non mi
piace fare proclami n usare toni
mirabolanti come fanno altri dall'
altare in certe occasioni. Ora il
momento di capire, tutti, che la
modernit non ci esime dalle col-
pe n soprattutto dalla morte.
Dopo le letture del Vangelo, dedi-
cate al profeta Isaia (il Signore
il mio pastore e nonmanco di nul-
la), alle lettera di san Paolo apo-
stolo ai Filippesi e il vangelo di
Luca nel celebre dialogo tra Ges
e i ladroni, il parroco ha rivolto
un appello sul piano pratico che
rimanda alla sicurezza delle stra-
de e alla loro manutenzione: In-
vito i fedeli a farsi delle domande
e a cercare delle risposte. Quante
volte percorrendo quella strada
honotatountombinononchiuso
e non ho potuto fare a meno di
chiedermi: chi paga per queste
mancanze? Chi deve pensare a si-
stemarele carreggiate?.
JacopoZuccari
RIPRODUZIONERISERVATA
Pap morto, anche il prete
invoca strade pi sicure
Il furbetto del camioncino
Controlli anti-sciacalli
nel giorno della bomba
LORDIGNO BELLICO
SAR FATTO BRILLARE
IL 31 OTTOBRE
LA PREFETTURA DISPONE
EVACUAZIONE DEL PAESE
E PREVENZIONE FURTI
URBINO
Matita copiativa e scheda elet-
torale addio. Ora le elezioni
studentesche si fanno con il
voto telematico. Per la prima
volta nella storia dell'Ateneo,
oggi e domani i 15mila univer-
sitari voteranno i propri rap-
presentati sedendosi di fronte
ad un computer posizionato
nei sei seggi elettorali. Adogni
studente, nel seggio elettora-
le, verr consegnato un foglio
con codice utente e password,
con cui potr accedere e vota-
re. Dopo le tante polemiche
tra le diverse associazioni tor-
na la calma in questi due gior-
ni di elezioni. Tre le associa-
zioni studentesche che hanno
presentato le proprie liste:
"FuoriKorso Link Urbino",
"Agor" e "1506". Sei i seggi po-
sizionati all'internodi palazzo
Albani in via Bramante, colle-
gio Raffaello in piazza della
Repubblica, polo Mattei nella
strada rossa, palazzo Battifer-
ri invia Saffi, nelle sedi univer-
sitarie di Fano e Pesaro. Si vo-
ta per il rinnovo dei rappre-
sentati dei tre grandi organi,
degli otto dipartimenti (Scien-
ze di base e fondamentali,
Scienze della comunicazione
e discipline umanistiche, Giu-
risprudenza, Scienze della ter-
ra, della vita e dell'ambiente,
Scienze dell'uomo, Scienze
biomolecolari, Studi interna-
zionali. Storia, lingue e cultu-
re e Economia societ e politi-
ca) e delle sessanta scuole.
Verranno eletti due studenti
che siederanno nel Senato ac-
cademico, tre all'interno del
consiglio d'Ateneo, e uno nel
consiglio d'amministrazione
dell'Ersu.
Diverso il discorso per i dipar-
timenti. In totale saranno di-
ciannove i rappresentanti: tre
nei dipartimenti con pi di
1800 iscritti, due invece in
quelli che non arrivano a que-
sta cifra. Per le scuole invece
tutto verr posticipato nella
stragrande maggioranza dei
casi tra 30 giorni quando ver-
ranno indette le elezioni sup-
pletive. Questo perch le tre
associazioni non hanno
espresso candidati nell'80%
delle scuole. I nuovi eletti dei
tre grandi organi e degli otto
dipartimenti comporranno il
nuovo consiglio studentesco
da cui emerger il nuovo pre-
sidente.
Fino alla prima seduta del
consiglio rimarranno in cari-
ca sia i vecchi rappresentanti
che il presidente uscente, Pier-
giuseppe Gaballo. Il nuovo
presidente dovr anche sfrut-
tare l'opportunit di poter se-
dere all'interno del consiglio
comunale. Tutti i rappresen-
tanti rimarranno in carica per
i prossimi due anni e non po-
trannoessere rieletti.
AndreaPerini
RIPRODUZIONERISERVATA
Ateneo, studenti al voto
Tre liste e scelta telematica
CRONOTACHIGRAFI
MANOMESSI
LA POLIZIA STRADALE
AVVIA UNINDAGINE
SU UNA SOCIET
DI AUTOTRASPORTI