Sei sulla pagina 1di 4

RONAGO Pasqua 2003 - n.

2
2003
Foglio di informazione della Comunit Parrocchiale Santi Vittore e Defendente in Ronago
PASQUA DI CRISTO,
SII PER TUTTI
LA FESTA
DELLO STUPORE,
DELLA FEDE,
DELLA SPERANZA
oi Cristiani stiamo celebrando la PASQUA, cio
la Risurrezione, la VTA. Ma, guardandoci attor-
no, sembra tutto il contrario. La vita il dono pi pre-
zioso che abbiamo, il resto viene di conseguenza. A
volte questo dono lo sciupiamo, di questa ricchezza
non ne facciamo tesoro. Prima vengono le cose, il guadagno, i nostri interessi, poi le perso-
ne, i valori, il vero ben-essere.
N
Non facile per nessuno vivere la Pasqua, neppure per Ges Cristo: "allontana da me que-
sto calice", "Dio mio, perch mi hai abbandonato?". Eppure, per arrivare alla Pasqua biso-
gna passare attraverso questa strettoia della rinuncia e della solitudine. Altrimenti non si ar-
riverebbe alla vita, alla risurrezione: rimarremmo chiusi come un pulcino nel nostro guscio.
La logica strana, diciamo pure scandalosa e pazzesca, del cristiano inizia da una stalla (Be-
tlemme) e si conclude in un sepolcro vuoto, passando dal Golgota, la croce.
una via non molto frequentata oggi, anzi scongiurata. Pur essendo smaniosi di vita, vita-
lit, di gioia e libert pensiamo che questi si possano comprare tranquillamente al super-
mercato in offerta speciale. Supermercato no, ma "offerta speciale" s! proprio un'offerta
straordinaria quella che ci viene da Ges Cristo: parla di vita e lui muore perch noi vivia-
mo; parla di pace e lui ce la dona soffrendo ingiustamente; parla di amore e lui dona tutto se
stesso. Oggi noi siamo abituati non solo a pensare, ma anche ad agire in modo molto diver-
so. E cos, invece che in pace siamo nella paura, invece che liberi siamo condizionati, inve-
ce che nella vita siamo circondati da messaggi e immagini di morte. Morte a cui non voglia-
mo pensare o che disprezziamo o che pensiamo sia solo quella degli altri. La morte ha un
senso se la inseriamo nella morte di Ges oppure se per dare vita agli altri; anche la vita
ha un senso solo se inserita in quella di Ges o se diventa un dono per gli altri.
BUONA PASQUA!
nuovo
Consiglio Pastorale Parrocchiale
pprofittiamo di questo foglio per presentare il nuovo Consiglio Pastorale Parroc-
chiale, che rimarr in carica fino agli inizi del 2006. Ringraziarne i componenti
per aver accettato questo impegno non facile. Questo organismo vorrebbe essere un
segno di una fede che si fa sensibile, disponibile e concreta. Una fede che vuole arri-
vare ovunque: dalla liturgia alla caritas, dalle missioni all'oratorio. Una comunit,
come una famiglia, non fatta solo da alcuni o di buoni sentimenti, ma da tutti e an-
che da gesti compiuti in sintonia con la Parola di Dio e in comunione con tutta la
Chiesa.
A
Don Eugenio
Membri di diritto Verga Don Eugenio
Somaini Antonietta
Capiaghi Luciana
Alberio Guerrino
Membri sceIti
Catechesi e formazione Bianchi Renata
Cantaluppi Alba
Liturgia Somaini Anna
Caritas vagnes Mariangela
Grisoni Erminia
Alberio Rosanna (Gam)
Longa Ausilia (Terza et)
Famiglia Maestri Mattia e Raffaella
Giovani Grisoni Donata
Alberio Giovanni
Operativo Capiaghi Raffaele
Associazioni Rezzonico Enrico (Focolarini)
Grisoni Maria (Azione Cattolica)
Zone Centro Robbiani Patrizia
Merlina Lampona Tettamanti Carlo
Ronaghino Somaini Viviana
Mulini Maffia Betty
Membri nominati Grisoni Arnoldo
Varsalona Vittore
Malinverno Elena
SETTMANA SANTA ovvero della
PASSONE del FGLO di DO per l'UMANT
13 APRILE DOMENICA DELLE PALME
ore 7.30 S. Messa
ore 9.45 Benedizione ulivo sul piazzale Ambrosoli
Processione alla Chiesa - S. MESSA
ore 15.00 Celebrazione della Prima Riconciliazione
14 APRILE LUNED SANTO
ore 7.30 S. MESSA
ore 20.00 Celebrazione comunitaria della penitenza
15 APRILE MARTED SANTO
ore 15.30 Confessioni per i ragazzi di 1
A
media
ore 16.30 Confessioni per i ragazzi di 2
A
media
ore 20.00 S. MESSA
ore 20.30 22.00 Confessioni per i giovani
16 APRILE MERCOLED SANTO
ore 15.30 -17.30 Confessioni
ore 18.00 S. MESSA
17 APRILE GOVED SANTO
ore 10.00 n Cattedrale, a Como: consacrazione degli Olii
ore 15.30-18.00 Confessioni
ore 20.30 S. MESSA nella Cena del Signore
Adorazione Eucaristica
18 APRILE VENERD SANTO
ore 7.00 Lodi mattutine
ore 15.00 Azione Liturgica della Passione del Signore e
Adorazione della Croce
ore 16.30 -18.30 Confessioni
ore 20.30 Via Crucis
19 APRILE SABATO SANTO
ore 7.00 Lodi mattutine
ore 9.30-11.30 Confessioni
ore 15.30-17.30 Confessioni
ore 21.00 SOLENNE VEGLA PASQUALE
20 APRILE PASQUA DEL SIGNORE
ore 7.30 S. MESSA
ore 10.00 S. MESSA SOLENNE
ore 17.00 Lode Vespertina
Nelle mattinate della Settimana Santa, confessione e comunione per gli ammalati.
C
i
c
l
o
s
t
i
l
a
t
o

i
n

p
r
o
p
r
i
o
RISORGERE
continuamente
a Pasqua vuole cambiare la nostra vita quotidiana. La nostra vita quotidiana la
prova se a Pasqua abbiamo celebrato solamente un momento di euforia oppure
se in mezzo alla nostra vita avvenuta la risurrezione. Ci esercitiamo nella vita da ri-
sorti. mpariamo a risorgere continuamente: quando non ci riesce qualcosa sul lavo-
ro, quando sorgono conflitti nella relazione, quando commettiamo degli sbagli e sia-
mo delusi di noi stessi. Risurrezione significa risollevarsi di continuo, non restare a
terra quando cadiamo. Risurrezione significa credere che il Risorto cammina insieme
a me. Cristo dall'altra riva entra di continuo nella mia vita, per mostrarmi che la risur-
rezione trasforma ci che vano in qualcosa di riuscito, che quanto morto diventa
vivo, quanto oscuro chiaro. La fede nella risurrezione mi guarisce dalla mia vita fe-
rita e mi insegna a sollevarmi alla vera vita, la vita che Dio ha pensato per me. La ri-
surrezione vuole insegnarmi gi qui e ora la vita. Mi promette che questa vita supera
anche la soglia della morte, che indistruttibile, perch nella morte e risurrezione di
Ges l'amore ha vinto per sempre la morte.
L
A. Grun
Dopo Pasqua, Don Eugenio passer per la benedizione delle famiglie.
Terminer la Via Volta e proseguir in Val Mulini.