Sei sulla pagina 1di 20

1

"La definizione di crescita personale secondo l'Huna 'accrescere


la consapevolezza, le capacit e la felicit' e si applica a tutte le
forme di consapevolezza, dagli atomi alle galassie, che si tratti di
forme animali, vegetali o minerali. Negli esseri umani la spinta
verso la crescita localizzata nel Ku (Il subconscio).

Serge Kahili King, Sciamano Huna

IL VERO SEGRETO HUNA

In Polinesia, fin da tempi molto remoti si sviluppata una filosofia
chiamata Huna, cio "segreto" o "conoscenza nascosta".
Il segreto per non inteso come lintenzione di nascondere
qualcosa alla conoscenza dei pi. Lappellativo riferito invece al
carattere misterioso delle cose della vita e alla loro qualit invisibile,
che spesso le rende difficili da interpretare.

Non si tratta di una Religione che prevede lesistenza di una fede
o di particolari credenze, nonch gestita da una gerarchia di
maestri (che sanno la Verit e la insegnano) e di discepoli (che la
imparano)!
Anzi la filosofia Huna compatibile con qualunque religione!
Si tratta piuttosto di una teoria filosofica aperta, senza alcun
dogma, ma con lintento di risolvere funzionalmente e in pratica
gli ostacoli che si presentano. E una filosofia il cui unico obiettivo
di essere efficace. In sostanza i seguaci della filosofia Huna
utilizzano questo sapere esclusivamente per scopi pratici.

I Maestri di questa dottrina sono chiamati sciamani Kahuna alle
Hawaii, sciamani Tahuna a Tahiti, e sciamani Tohunga presso i
Maori.
2

Non tracciata ununica retta via da seguire per camminare nella
Luce; se esistono delle tecniche efficaci per risolvere i problemi
sono sempre compatibili con la filosofia Huna, limportante che
questi sistemi funzionino veramente.
Essa non conosce lunica Verit, semplicemente propone un
metodo efficace.


Esistono sette principi alla base del pensiero Huna, ma le modalit
in cui questi principi si manifestano nella realt, sono innumerevoli
(addirittura infiniti).

"In virt del simbolismo esoterico del numero 7, gli sciamani
Huna sono soliti indicare tra le centinaia di idee del loro sistema
sette Principi Fondamentali, dal carattere rivelativo, in quanto
capaci di risvegliare in ognuno profonda conoscenza intorno ai
misteri dell'esistere. Sette viene tradotto in hawaiano con la parola
HIKU:
HI, che significa scorrere, rappresenta il principio femminile e
KU, che significa stare immobile, rappresenta il principio maschile.
I sette principi fondamentali degli sciamani Huna delle Hawaii
costituiscono una sorta di visione del mondo - un interessantissimo
paradigma e, contemporaneamente, un riferimento pragmatico per
chi voglia cimentarsi con l'arte dello sciamanismo in un contesto
moderno e urbano." Dario Canil

http://www.reiki.info/Energie/Sciamanismo/Huna-Sciamani-
Kahuna/Principi-Huna.htm

I SETTE PRINCIPI HUNA
3

Huna significa Segreto, ma noi conosciamo il segreto, perch
non un segreto che deve rimanere nascosto, semplicemente un
segreto perch dai pi stato dimenticato.


IKE: IL MONDO E' QUELLO CHE PENSI CHE SIA
(tutto illusione, i sistemi sono soggettivi)

Alla base di Huna c la convinzione che ciascuno di noi sia
formato da tre s:

KU - il subconscio;
LONO - il s cosciente;
AUMAKUA - s superiore.

E ognuno di noi crea la propria personale realt tramite le proprie
idee, i propri pensieri, le proprie abitudini e le proprie
convinzioni.
Noi siamo dei potenti co-creatori della realt e Huna non fa altro
che renderci coscienti di questo e insegnarci ad essere creatori
consapevoli.
E tutto dipende dalla prospettiva da cui si parte: se penso di farcela
sicuramente ce la far; se penso di non farcela sicuramente non ce
la far.
Noi siamo responsabili di tutto ci che ci accade e siamo noi che
diamo un valore a ci che ci accade.


KALA: TUTTO E' POSSIBILE
(tutto collegato, la separazione unillusione, non esistono
4
limiti).

Non esistono veri confini tra lio interiore e il mio corpo, tra me e
te, tra noi e gli altri tra le persone e le cose e nemmeno tra luomo
e Dio. Tutto Uno e la molteplicit dipende solo dalla nostra
percezione della realt.
Nella concezione Huna tutto quello che , che stato o che
diverr la stessa cosa. Le separazioni sono solo convenzioni
funzionali umane.
Perci non esistono limiti per le connessioni che ognuno di noi
puo ottenere. Si pu entrare in contatto con pi cose o situazioni
sia nel tempo che nello spazio. Basta rimanere aperti alla
possibilit.
Inoltre, diretta conseguenza di questo, che ognuno di noi ha in
s un potenziale di creativit infinito, sia in qualit che in quantit.
Noi possiamo manifestare qualunque cosa siamo capaci di pensare.
E lo possiamo fare come e quando vogliamo, perch il mondo
ci che in virt di come noi lo vediamo.
I limiti sono solo quelli che ci poniamo noi.
Se noi accettiamo la possibilit lo possiamo manifestare nella realt.


MAKIA: L'ENERGIA VA DOVE SI DIRIGE
L'ATTENZIONE
(e lattenzione va dove fluisce lenergia)

Ecco perch importantissimo essere sempre consapevoli delle
emozioni che si provano e di cosa le provoca. Le nostre emozioni
son quelle che danno la direzione al nostro cammino, quelle che
definiscono la nostra vita.
Se noi impariamo a gestire il flusso di energia (mana) determinato
5
dalle nostre emozioni, controllandole (controllare le emozioni non
significa inibirle, ma semplicemente esserne coscienti) sviluppiamo
anche il nostro potere creativo.
Noi otteniamo quello su cui ci concentriamo maggiormente (in
positivo e in negativo)
Il modo pi semplice per accrescere il Mana quello di allenarsi
a trasformare gli atteggiamenti negativi (che ci procurano
sensazioni di malessere) in atteggiamenti positivi (che ci procurano
emozioni piacevoli).
In sostanza il trucco quello di essere consapevoli e accettare con
compassione tutti i pensieri e le sensazioni negative senza
combatterle, semplicemente, quando si presentano, trasformandoli
coscientemente in emozioni benevole.
Un emozione spiacevole pu sempre essere bilanciata da una
positiva.

Pi lattenzione forte, pi i nostri tre s sono allineati (conscio,
subconscio, io superiore), pi i risultati saranno evidenti e veloci a
manifestarsi.
L attenzione dellio cosciente dipende dalla nostra volont ( una
nostra scelta!); lattenzione del subconscio dipende dalle abitudini
(il subconscio regolato dalle abitudini. Pi siamo abituati ad una
certa situazione pi vera per il nostro subconscio);
Lallineamento del S superiore dipende dalla concordanza dei
primi due. Il S superiore sempre indirizzato al meglio per noi
stessi, se le altre nostre due componenti sono allineate al meglio il
gioco fatto. Ecco che il nostro allineamento ci permette di
superare dubbi, paure timori angosce, senza doverli combattere,
ma semplicemente accettandoli e quindi superandoli!
Quindi anche in questo caso lallenamento (mentale)
unoperazione fondamentale. Se noi riusciamo a mantenere
6
centrata lattenzione su ci che vogliamo sufficientemente a lungo,
essa diventer unabitudine a livello di frequenza superiore e
avremo cos addomesticato il nostro subconscio alla nostra volont
(Conscio).
In base ai principi Huna non bisogna pregare qualche essere
superiore per ottenere qualcosa, non dobbiamo supplicare,
implorare chicchessia, non dobbiamo cercare di forzare le cose
piegando al nostro volere qualche volont superiore;
semplicemente dobbiamo focalizzare la nostra mente su ci che
desideriamo con l aspettativa di realizzarla.
Per poter essere ci che vogliamo essere, necessario pensare
intensamente a come vogliamo diventare. Maggiori sono i
particolari che evochiamo meno reali saranno i dubbi e i timori e
pi allineata alle aspettative sar la manifestazione.


MANAWA: ADESSO E' IL MOMENTO DEL POTERE
(adesso in relazione all'attenzione e il potere aumenta con
l'attenzione)

Nel qui e ora abbiamo la possibilit di cambiare il prima e il
dopo, o meglio possiamo modificare linfluenza del passato
(modificando le nostre credenze limitanti) per manifestare ci che
vogliamo nel futuro.
Lunico vero freno che rimane al nostro potere sono il dubbio e la
paura che ci fanno tentennare nei nostri propositi. La mancanza di
fiducia in noi stessi e nelle nostre potenzialit ci frega!!!
Quindi bando agli indugi!! Ma bisogna sempre mantenere viva la
consapevolezza. Perchattenzione! quello che vogliamo possiamo
ottenerlo con tutte le sue conseguenze!

7

ALOHA: AMARE E' ESSERE FELICI INSIEME
(l'amore aumenta col diminuire della critica; tutto vivo, cosciente
e sensibile).

Il significato profondo del termine hawaiano aloha :
condivisione (alo) gioiosa (oha) dellenergia Vitale (ha) ora (alo).

Il segreto ascoltare sempre le proprie emozioni e andare dove ci
mostra il cuore. Lasciarsi trasportare dai sentimenti e fidarsi di essi,
ci del nostro Io superiore che comunica con gli altri due s
attraverso le emozioni e i sentimenti.
Ogni Azione che noi intraprendiamo collegata al s delle
emozioni, se noi impariamo a valutare quelle non potremo pi
sbagliare quando agiamo. Se una certa cosa ci fa stare
profondamente bene giusta per noi e viceversa!
Se noi agiamo in sintonia con le nostre emozioni luniverso ci
asseconder nella manifestazione dei nostri desideri.

COME DENTRO, COS FUORI!


MANA: TUTTO IL POTERE VIENE DA DENTRO
(tutto intriso di potere; il potere viene dall'autorevolezza)

Il nome originario di questa filosofia era ho-omana, che significa
creare mana, e mana la forza vitale.
Quando abbiamo capito come accrescere la forza vitale, abbiamo
imparato ad aumentare le nostre potenzialit creative.
Tutto il potere viene da dentro!
Al di fuori di noi non esiste alcun potere perch il potere
8
delluniverso che agisce attraverso noi, passando da dentro di noi
non da fuori! Noi facciamo parte delluniverso e luniverso parte
di noi in un unico UNO.
Noi siamo il canale che attiva il potere delluniverso e le nostre
scelte emozionali gli danno la direzione.
Nessuno pu avere potere su di noi se non siamo noi a darglielo e
noi non abbiamo potere sugli altri.
Nemmeno un Maestro ha potere su di noi, nessuno pu trasferire
in noi il suo potere, perch esso gi dentro ognuno di noi, solo
che spesso non ne siamo consapevoli.


PONO: L'EFFICACIA E' LA MISURA DELLA VERITA'
(c' sempre un altro modo per fare la stessa cosa).

Non esiste una verit assoluta, esiste invece la verit effettiva
soggettiva che dipende dal punto di vista dellindividuo.
Non esiste una via predefinita da percorrere, perch quello che
pu andare bene per me non va necessariamente bene per te. Ogni
situazione ha molteplici punti di vista e molteplici strade che
conducono alla soluzione migliore; che si tratti di questioni
spirituali, mentali o fisiche non fa alcuna differenza.

Huna una teoria che si basa esclusivamente sulla pratica. Ogni
sistema di conoscenza considerato conveniente se risulta utile.
Quindi non esiste mai un unico modo per realizzare un intento,
dato che i punti di vista da cui si percepisce una certa situazione
sono molteplici anche le modalit di azione risultano molteplici
senza che una sia pi vera di unaltra, dipende appunto dal punto
di vista. Cio tutti i sistemi di conoscenza e di azione risultano in
qualche modo soggettivi, nel senso che sono mediati
9
dallindividuo. Siamo liberi di usare il sistema pi adatto al nostro
modo di essere, se per ci assicuriamo di porre sempre estrema
attenzione a rispettare i punti di vista e i modi di agire degli altri!
La tua libert finisce dove inizia quella degli altri!



Lessere Umano

Nella tradizione Hawaiana si pensa che lessere umano sia
formato da una serie di elementi:

- Il Corpo Fisico;
- Lenergia Vitale;
- La Mente.

Nella cultura occidentale si tende ad identificare la mente con il
cervello, ma se per mente intendiamo il nostro io pensante, capace
di provare emozioni, stati danimo, capace di avere un senso di
identit, di coscienza ecc. scientificamente non mai stato
dimostrato che questa mente corrisponda al cervello umano.
Gli Sciamani Hawaiani (la corrente Kahuna) sostengono che la
mente sia qualcosa di etereo e immateriale che utilizza il cervello
come mezzo fisico per agire.

Questa Mente a sua volta nellantica tradizione Huna formata da
tre elementi, non veramente distinti, ma ognuno dei quali ha una
diversa funzione.

LONO - il s cosciente;
KU - il subconscio;
10
AUMAKUA - s superiore.

LONO: IL SE COSCIENTE

Noi siamo sempre sintonizzati con il nostro LONO, per lo
meno quando siamo svegli.
A sua volta la mente cosciente strettamente connessa alla realt
fisica in cui siamo immersi, e si occupa di comunicare, di valutare,
di ragionare, di decidere, di agire, di desiderare e di sognare.

La mente cosciente quella che si colloca tra il subcosciente e lio
superiore ed il timoniere del vascello, quello che prende le
decisioni, quello che fa uso del famoso libero arbitrio
La mente cosciente quella che possiamo identificare con il
pensiero e con la volont.
Lono non esattamente onnipotente perch deve sottostare alle
limitazioni fisiche (5 sensi) e delle leggi delluniverso (forza di
gravit, forze elettriche e magnetiche, colori e suoni le cui
vibrazioni sono al di fuori della sua capacit di percezione ecc.)
Ma pur non essendo onnipotente dipende da lui quanto piacevole
o meno sar il nostro soggiorno sulla terra.
LIo superiore sa qual lobiettivo e l in un modo o in un altro si
arriver, ma come ci si arriver dipende in grandissima parte
dallIo cosciente, tramite il libero arbitrio

Per inciso il libero arbitrio nella tradizione Hawaiana non
inteso come la libert assoluta di fare tutto ci che ci aggrada
indipendentemente dalle esigenze di chi e di cosa ci circonda
(anche nella nostra cultura questo atteggiamento viene definito
anarchia non libert), Il libero arbitrio quello che ci permette
di decidere come vogliamo reagire (in maniera attiva o passiva e
11
con quale modalit) alle esperienze che viviamo e cosa vogliamo
sperimentare e sentire ora per costruirci il dopo.
Il potere pi grande a disposizione di LONO la creativit e
attraverso limmaginazione di ci che sar e ancora non si pu
attingere alle illimitate risorse dellUniverso dove tutto possibile
ed esiste sempre un modo per ottenere ci a cui si aspira.

Poich il Subconscio non sa distinguere tra accadimenti
immaginari e situazioni reali, LONO in grado di influenzare KU
mantenendo lattenzione cosciente focalizzata sulla manifestazione
di qualcosa. Facendo questo per un tempo sufficientemente lungo
si induce il subconscio a registrare questa cosa nel suo archivio
come se fosse una cosa reale. A questo punto essendo LONO e
KU allineati su quella determinata cosa, sar lIo superiore, in
contatto costante con lenergia delluniverso, ad attivarsi per dare
energia al nostro obiettivo e manifestarlo nella nostra realt.

Ecco perch il s cosciente considerato un co-creatore della
realt. Tutto questo meccanismo (complesso solo in apparenza) fa
parte appieno diritto delle nostre naturali potenzialit e possiamo
usufruirne senza pericolo di portare via niente a nessuno.



KU: IL SUBCONSCIO

Poi c il KU subconscio la cui area di influenza pi interna
rispetto a quella di LONO.
Esso controlla tutte le funzioni involontarie del nostro corpo,
inoltre fa nascere le emozioni e i sentimenti in maniera automatica.
12
Esso registra tutte le esperienze e le cataloga nel suo personale
archivio.
Su questo livello del nostro io non abbiamo un accesso
volontario, se vogliamo agire su di esso dobbiamo farlo tramite
dei trucchetti, aggirare listinto per manovrarlo con la volont.

Il Subconscio colui che si occupa di tutte le funzioni istintive del
corpo e si preoccupa di catalogare in una particolareggiatissimo
archivio tutte le nostre esperienze e le emozioni ad esse correlate.
Distribuisce automaticamente lenergia dove serve nel corpo e
ripara i piccoli danni. Tutto questo per in maniera automatica,
senza consapevolezza o arbitrariet.
Noi a malapena ci accorgiamo e spesso non ce ne interessiamo per
niente di tutte queste attivit del KU. Va cos e va bene cos, non
importante sapere come funzionano certi processi, basta che
funzionino. Non necessario essere un esperto di anatomia per
poter respirare o digerire!

Il subconscio per tra le sue funzioni esegue anche gli ordini del
s cosciente. Egli una sorta di segretario occulto del s cosciente
prestando sempre estrema attenzione a tutte le emozioni, che
proviamo e cataloga tutte le reazioni impartite dal PONO e le
archivia secondo suoi automatismi.

La mante cosciente non emozionale, razionale, valuta i fatti e
impartisce ordini per reagire, le emozioni le associa il subconscio,
ma questultimo archivia le associazioni: ad una certa situazione
corrisponde una data emozione e una data reazione!

Pi informazioni archivia il KU pi in grado di reagire in
maniera autonoma. I problemi nascono quando KU e PONO non
13
sono allineati sulla stessa linea di azione. Se il PONO decide che
una certa reazione ad una certa situazione non pi accettabile
deve farlo digerire al KU proponendogli un sufficiente numero di
situazioni a cui corrisponde la reazione voluta coscientemente,
finch il ku si convincer accettando la prospettiva del PONO
come vera, e trasformandola in abitudine.

Finch il PONO non ha riallineato il KU a s assisteremo a
processi di autosabotaggio da parte del KU!

Il problema che il s cosciente spesso non ricorda tutto quello
che c nell archivio del subconscio e queste cose archiviate, ma
dimenticate, in parole semplici sono le subdole credenze limitanti
che spesso ci impediscono di avere la vita che vogliamo.,
Il Subconscio invece dal canto suo conserva diligentemente tutto
quello che riguarda la nostra esperienza passata e tutto
alloccasione opportuna (secondo il KU) viene tirato fuori e
utilizzato, finch il s cosciente non decide che il momento di
intervenire.

Il Subconscio istintivamente ricerca il piacere e evita il dolore
come la peste e se proprio non pu fare a meno di affrontare il
dolore sceglie sempre il male minore istintivamente e secondo le
informazioni che gli fornisce il suo archivio.


AUMAKUA: LIO SUPERIORE

Poi c AUMAKUA Il S superiore che si identifica con la
coscienza spirituale delluomo, quella parte dellIO che sembra
osservarci da unaltra dimensione, ma che pare sapere sempre qual
14
la strada giusta e ce la suggerisce, non sempre in maniera
immediatamente comprensibile.
Il S superiore comunica con il s cosciente attraverso le
emozione, a volte attraverso i sogni.

Il S cosciente pu entrare in contatto con lio superiore attraverso
la meditazione.

LIo Superiore, la vera essenza dellessere umano, quella che noi
occidentali definiamo anima, la parte divina che c in ognuno di
noi, la consapevolezza di s oltre il tempo oltre lo spazio e oltre la
vita. LIo superiore a conoscenza del nostro scopo e l ci dirige,
ed consapevole anche del nostro scopo generale nel disegno
globale del mondo attraverso anche le nostre vite passate.
Il nostro Angelo Custode?

Ed quindi la sorgente di energia vitale in stretto e continuo
contatto con lenergia delluniverso.
Egli conosce lobiettivo che dobbiamo raggiungere attraverso la
nostra esperienza terrena, ma lascia che sia lio cosciente a
disegnare la strada da percorrere (libero arbitrio), interviene solo
nel caso in cui il raggiungimento dellobiettivo sia davvero in
pericolo perch la strada percorsa ci porti talmente fuori rotta da
rischiare che la meta diventi irrecuperabile.
Lintervento del Io superiore avviene tramite inaspettate soluzioni a
problemi, o incontri provvidenziali, guarigioni inspiegabili ecc.
Lunica cosa sicura che lobiettivo verr centrato, in che modo e
con quanta soddisfazione dipende dalle scelte dellio cosciente.
Lio superiore rimane comunque la nostra principale ispirazione e
la nostra guida, attraverso la quale il PONO pu sempre trovare
15
la strada per raggiungere i propri propositi nel modo pi semplice
e produttivo.
Il PONO pu entrare in contatto con lAUMAKUA attraverso la
meditazione e la ricerca introspettiva, perch il contatto tra i due
non sempre aperto automaticamente, anche se lAUMAKUA
sempre presente e consapevole.
AKUA in hawaiano significa Spirito.







Lo Spirito di Aloha

Lo"spirito di Aloha" un potentissimo strumento di risoluzione di
qualunque problema e di attrazione della serenit e della prosperit
nella propria vita.
Attraverso lo "spirito di Aloha" possibile raggiungere qualsiasi
obiettivo e realizzare qualunque sogno anche i pi arditi.
Il significato semantico della parola "ALOHA" : una gioiosa
condivisione dell'energia vitale ORA!
Sostanzialmente lo "spirito di Aloha" considera che maggiormente
si condivide la propria energia vitale (attenzione "si condivide" non
"si cede") pi ci si sintonizza alla compassione Divina (MANA per
gli Hawaiani).
Utilizzare questo potere con amore la strada pi facile per
realizzare tutti i nostri sogni.
Si tratta di una tecnica tanto potente quanto semplice da applicare
(perfino "troppo" semplice da sembrare incredibile!)
16
L'unica difficolt (se di difficolt si pu parlare) quella di
applicare lo "spirito di Aloha" sempre, o quanto pi spesso
possibile.
Ma tanto pi lo applichiamo tanto pi diverr un nostro
atteggiamento mentale istintivo e tanto pi ci spianer la strada
verso il conseguimento dei nostri sogni.
Lo "spirito di Aloha" possiamo sintetizzarlo come segue:

BENEDICI TUTTI E TUTTO QUELLO CHE
RAPPRESENTA CI CHE VUOI OTTENERE!!

Tutto qui!
Troppo facile? S forse troppo facile, ma assolutamente vero!

Benedire significa esattamente "dire bene" quindi apprezzare
mentalmente, ma anche e soprattutto verbalmente. In strettissima
contrapposizione con Maledire ossia "parlare male"...

Perch "dire bene" di ci che ci piace una tecnica cos potente?
Innanzitutto apprezzare qualcosa ci aiuta a focalizzarci su ci che
desideriamo, attivando cos la nostra forza creatrice.
In secondo luogo parlando bene di qualcosa o di qualcuno
esterniamo la nostra energia creativa attraverso le emozioni che
questo ci suscita e le trasformiamo in parole (gradino pi vicino
alla fisicit; vedi: La forza delle parole)
E infine fare dei complimenti a qualcuno o a qualcosa di esterno a
noi, fa in modo che il sentimento di timore o di incredulit non
faccia parte delle nostre emozioni collegate alla manifestazione di
ci che vogliamo (ecco come battere il sabotatore che dentro
ognuno di noi!)
17
Perci le benedizioni che elargiamo al nostro prossimo saranno
utili tanto a chi sono rivolte quanto a noi stessi.

Ricordiamo inoltre che maledire esattamente il processo inverso.
perci giudicare o parlare male di chicchessia un'operazione
assolutamente controproducente in primo luogo per noi stessi.
La "maledizione" (il giudizio critico negativo improduttivo) tende
ad annullare gli effetti della "benedizione". Quindi in sostanza pi
sparliamo del nostro prossimo (o anche di noi stessi attenzione!)
maggiore sar lo sforzo per ottenere dei risultati dalla
"benedizione".

Perci riassumendo l'atteggiamento vincente :
- Ammirare Piuttosto che criticare;
- Affermare invece di temere o dubitare;
- Apprezzare anzich incolpare;
- Fidarsi al posto di preoccuparsi;
- Accettare invece di respingere!

Ammirate e complimentatevi sinceramente di tutto ci che vi piace
e invece di criticare ci che non vi piace limitatevi ad ignorarlo!










18




LO SCIAMANO CO-CREATORE DELLA VITA

L'approccio dello sciamanismo alla guarigione molto particolare
e quello hawaiano lo ancora di pi.

A prescindere dalla cultura di provenienza, lo sciamano ovunque
sia si impegna socialmente e dimostra grande spirito creativo. La
conoscenza che possiede non fine a se stessa, n tanto meno egli
accetta passivamente gli eventi che si producono. Lo sciamano si
immerge nella vita di tutti i giorni con anima e corpo e concorre a
creare la realt.

Vi una certa soddisfazione dell'anima nell'ammirare la forma
dell'albero e il punto in cui caduto. Lo sciamano piuttosto
come lo scultore che osserva l'albero e viene colto dal desiderio di
trasformarlo in un'immagine interiore... o in uno strumento
d'utilit. Vi sono rispetto e ammirazione per l'albero cos com', e
a ci si aggiunge l'impulso di diventare tutt'uno con l'albero e
creare qualcosa di nuovo. Questo interesse si realizza nell'atto di
guarire, che l'attivit principale dello sciamano. A prescindere
dalla cultura, dal luogo e dal contesto sociale d'origine, l'obiettivo
dello sciamano sempre quello di guarire, mente, corpo o natura.
Questa tendenza al benessere sociale e ambientale , infatti, ci che
distingue lo sciamano dallo stregone descritto da Castaneda, che
segue la via del potere (della libert) e della conoscenza
strettamente personali. E tuttavia, sebbene tutti gli sciamani siano
19
guaritori, la maggior parte di loro segue appunto la via del
guerriero di Castaneda e soltanto una minoranza, fra cui troviamo
gli sciamani di Hawaii, percorre ci che ho definito la via
dell'avventura.


LA VIA DEL GUERRIERO E LA VIA DELL'AVVENTURA

Nella filosofia hawaiana esistono due correnti di pensiero: La Via
del Guerriero e La Via dellAvventura.

Lo sciamano guerriero tende a personificare la paura, la malattia e
la disarmonia, a concentrarsi sullo sviluppo del potere e del
controllo personali e delle tecniche di combattimento per difendersi
da ci. Diversamente lo sciamano che segue la via dell'avventura
tende a spersonificare tali condizioni (cio a trattarle come effetti e
non come cose) e cerca soluzioni basate su tecniche di amore,
cooperazione ed armonia.

Far un semplice esempio dei due diversi approcci: di fronte ad
una persona con problemi psicologici, lo sciamano "guerriero"
potrebbe aiutare a creare una solida barriera psichica che lo
protegga dall'energia negativa di un altro soggetto, mentre lo
sciamano che segue la via dell'avventura insegner ad armonizzare
l'energia in modo da rimanere calmi e divenire persino una causa
di guarigione per l'altro. La via dello sciamano guerriero spesso
una via solitaria, mentre la via dell'avventura per sua natura
estremamente sociale.

Nonostante tale fondamentale differenza, molto difficile, se non
impossibile, distinguere i grandi maestri delle due scuole, per il
20
semplice motivo che, quanto pi un individuo dotato di potere,
tanto pi lo stesso capace di dare amore (perch la paura
sempre meno), mentre a sua volta la crescita della capacit di
amare aumenta il potere (perch c' sempre maggiore sicurezza).
Ho seguito le due vie e ho scelto di insegnare quella dell'avventura
hawaiiana, perch credo che sia la pi pratica e benefica, ma nutro
un grande rispetto per la via del guerriero e per la sua medicina.

Serge Kahili King, A Scuola dallo Sciamano, Edizioni Il Punto
d'Incontro (pag. 10)

http://www.sciamanismo.info/HUNA/Sciamanismo-hawaiano.htm