Sei sulla pagina 1di 41
UnUn popo’’ didi storiastoria delldell’’influenzainfluenza 412412 a.Ca.C:: IppocrateIppocrate descrivedescrive
UnUn popo’’ didi storiastoria delldell’’influenzainfluenza
412412 a.Ca.C:: IppocrateIppocrate descrivedescrive unun’’epidemiaepidemia didi influenzainfluenza
~1450~1450-- Italia:Italia: malattiamalattia dovutadovuta allall’’ influenzainfluenza delledelle stellestelle
15621562-- Edimburgo:Edimburgo: descrizionedescrizione accurataaccurata delladella sintomatologiasintomatologia
(lettera(lettera didi LordLord RandolfRandolf aa LordLord CecilCecil -- novembrenovembre 1562)1562)
15101510--1930:1930: ~30~30 pandemiepandemie
19181918--1919:: pandemiapandemia didi spagnolaspagnola
--originaorigina aa FortFort RileyRiley (USA)(USA) 11.3.191811.3.1918
-- dada 2020 aa 4040 milionimilioni didi mortimorti
--USA:USA: 500.000500.000 morti;morti; 25.000.00025.000.000 casicasi
-- PhiladelphiaPhiladelphia:: 33°°settimanasettimana ottobreottobre 19181918 4.0004.000 mortimorti
NewNew York,York, 1918:1918: EpidemiaEpidemia didi SpagnolaSpagnola
NewNew York,York, 1918:1918: EpidemiaEpidemia didi SpagnolaSpagnola
QualeQuale etiologiaetiologia?? FineFine ‘‘800800-- R.PfeifferR.Pfeiffer:: HaemophilusHaemophilus
QualeQuale etiologiaetiologia??
FineFine ‘‘800800-- R.PfeifferR.Pfeiffer:: HaemophilusHaemophilus influenzaeinfluenzae
19181918-- J.J.KoenJ.J.Koen (Fort(Fort Dodge):Dodge): CorrelazioneCorrelazione tratra fluflu umanaumana ee fluflu animaleanimale
19281928-- C.N.C.N. MacBrydeMacBryde (Bureau(Bureau AnimalAnimal IndustryIndustry):): trasmissionetrasmissione frafra maialimaiali
concon mucomuco
19331933-- W.Smith,W.Smith, C.H.Andrews,C.H.Andrews, P.P.LaidlawP.P.Laidlaw (National(National InstituteInstitute forfor
MedicalMedical ResearchResearch):): filtratofiltrato didi lavaggiolavaggio farifaringeongeo dada uomouomo inin nasonaso didi
furetti;furetti; successivosuccessivo passaggipassaggioo inin topitopi concon polmonitepolmonite -- ceppoceppo AA
19401940-- idemidem concon ceppoceppo denominatodenominato BB
19401940-- F.M.F.M. BurnetBurnet (Australia);(Australia); moltiplicazionemoltiplicazione inin cavitcavitàà allantoideaallantoidea
embrioneembrione didi pollopollo
19411941-- ScopertaScoperta poterepotere emoagglutinanteemoagglutinante
19491949-- IsolamentoIsolamento deldel virusvirus CC
Antigeni e anticorpi EmoagglutininaEmoagglutinina:: permettepermette ll’’assorbimentoassorbimento delledelle
Antigeni e anticorpi
EmoagglutininaEmoagglutinina:: permettepermette ll’’assorbimentoassorbimento delledelle
particelleparticelle viralivirali sullasulla membranamembrana delledelle cellulecellule inin cuicui
avverravverràà successivamentesuccessivamente lala replicazionereplicazione
AnticorpiAnticorpi antianti--emoagglutininaemoagglutinina:: impedisconoimpediscono alal virusvirus
didi aggredireaggredire lele cellulecellule delldell’’apparatoapparato respiratoriorespiratorio ee
quindiquindi didi moltiplicarsimoltiplicarsi
NeuroaminidasiNeuroaminidasi:: favoriscefavorisce ilil distaccodistacco delledelle particelleparticelle
viralivirali neoformateneoformate dalladalla membranamembrana cellularecellulare
AnticorpiAnticorpi antianti--neurominidasineurominidasi:: limitanolimitano ll’’infezioneinfezione
dada cellulacellula aa cellulacellula
SOTTOTIPISOTTOTIPI DIDI EMOAGGLUTININAEMOAGGLUTININA serbatoi H1 H2 H3 H4 H5 H6 H7 H8 H9 H10 H11
SOTTOTIPISOTTOTIPI DIDI EMOAGGLUTININAEMOAGGLUTININA
serbatoi
H1
H2
H3
H4
H5
H6
H7
H8
H9
H10 H11 H12 H13 H14
Uomo
x
x
x
Suino
x
x
Cavallo
x
x
Foca
x
x
Tacchino
x
x
x
x
x
x
x
Pollo
x
x
x
x
x
x
Anatra
x
x
x
x
x
x
x
x
x
x
x
x
x
Crostacei
x
SOTTOTIPISOTTOTIPI DIDI NEUROAMINIDASINEUROAMINIDASI serbatoi N1 N2 N3 N4 N5 N6 N7 N8 N9 Uomo x
SOTTOTIPISOTTOTIPI DIDI NEUROAMINIDASINEUROAMINIDASI
serbatoi
N1
N2
N3
N4
N5
N6
N7
N8
N9
Uomo
x
x
Suino
x
x
Cavallo
x
x
Foca
x
x
x
Tacchino
x
x
x
x
x
x
Pollo
x
x
x
x
x
Anatra
x
x
x
x
x
x
x
x
Crostacei
x
ClassificazioneClassificazione deidei virusvirus influenzaliinfluenzali •• TipoTipo AA •• serbatoio:serbatoio:
ClassificazioneClassificazione deidei virusvirus influenzaliinfluenzali
•• TipoTipo AA
•• serbatoio:serbatoio: uomouomo eded animalianimali
•• numerosinumerosi sottotipisottotipi (H(H 11--14;14; NN 11--9)9) ee variantivarianti
minoriminori
•• TipoTipo BB
•• serbatoio:serbatoio: uomouomo
•• nessunnessun sottotipo,sottotipo, solosolo variantivarianti minoriminori
•• TipoTipo CC
•• serbatoio:serbatoio: uomouomo
•• nessunnessun sottotiposottotipo
Virus ORTHOMYXOVIRIDAE ORTHOMYXOVIRUS tipo A Umani ed animali tipo B C A/H1N1 A/H2N2 solo umani
Virus
ORTHOMYXOVIRIDAE
ORTHOMYXOVIRUS
tipo A
Umani ed animali
tipo B C
A/H1N1
A/H2N2
solo umani
A/H3N2
TrasmissioneTrasmissione allall’’uomouomo didi virusvirus aviariaviari H5N1H5N1 1997,1997, HongHong KongKong 1818
TrasmissioneTrasmissione allall’’uomouomo didi virusvirus aviariaviari
H5N1H5N1
1997,1997, HongHong KongKong
1818 casicasi
66 decessidecessi
H9N2H9N2
1999,1999, CinaCina meridionalemeridionale
1999,1999, HongHong KongKong
55 casicasi
22 casicasi
Epidemia di influenza aviaria A (H5N1) Hong Kong -1997 Caso n° 1 2 3 4
Epidemia di influenza aviaria A (H5N1)
Hong Kong -1997
Caso n°
1
2
3
4
5
6
7
8
9 10 11 12 13 14 15 16 17 18
Sesso
M
M
F
M
F
M
F
M
M
M
F
F
F
F
M
F
F
F
Età
3
2 13 54 5 37 27 2
4
1
3 60 25 14 3 19
6 34
Condizione D
G
D
D
GGGGGGG D D GGGG D
2001: Numerosi isolamenti di virus H5N1 in polli
Questo virus differisce geneticamente da quello
del 1997 e non si conoscono casi nell’uomo
InstabilitInstabilitàà geneticagenetica deidei virusvirus influenzaliinfluenzali AntigenicAntigenic ShiftShift
InstabilitInstabilitàà geneticagenetica deidei virusvirus influenzaliinfluenzali
AntigenicAntigenic ShiftShift (tipo(tipo A)A)
•• RicombinazioneRicombinazione geneticagenetica tratra virusvirus umaniumani ee
tratra virusvirus umaniumani ee animalianimali
•• TrasmissioneTrasmissione interspecieinterspecie
•• RicomparsaRicomparsa didi virusvirus circolanticircolanti nelnel passatopassato
AntigenicAntigenic DriftDrift (tutti(tutti ii tipi)tipi)
•• DerivaDeriva antigenicaantigenica dovutadovuta aa mutazionimutazioni
puntiformipuntiformi
HH 33 NN 22 20022002 19681968 HH 11 NN 11 CineseCinese HH sw1sw1 NN 11
HH 33 NN 22
20022002
19681968
HH 11 NN 11
CineseCinese
HH sw1sw1 NN 11
19771977
19761976
RussaRussa
HH 55 NN 11
SuinaSuina
19971997
HH 99 NN 22
AviariaAviaria
19991999
AviariaAviaria
HH 22 NN 22
HH 33 NN 22
HH 22 NN 22
19571957
19001900
18891889
AsiaticaAsiatica
HH ?? NN ??
HH 11 NN 11
HH 11 NN 11
HH sw1sw1 NN 11
19311931
19181918
19481948
SpagnolaSpagnola
FluFlu umanaumana A/Hong Kong/68 H 3 N 2 Flu suina A/Swine/Iowa/30 H sw1 N 1
FluFlu umanaumana
A/Hong Kong/68
H 3 N 2
Flu suina
A/Swine/Iowa/30
H sw1 N 1
Altre 251
combinazio
ni possibili
H 3 N 1
H 3 N 2
H sw1 N 1
H 3 N 1
H sw1 N 2
Somministrazione di anticorpi anti-H sw1 e anti-N 2
Webster e Campbell, 1982
H 3 N 1
H 3 N 1
SovramortalitSovramortalitàà correlatacorrelata aa influenza*influenza* NegliNegli USA,USA, nelnel periodoperiodo
SovramortalitSovramortalitàà correlatacorrelata aa influenza*influenza*
NegliNegli USA,USA, nelnel periodoperiodo invernoinverno 19721972--7373 -- invernoinverno
19941994--95,95, ilil numeronumero didi decessidecessi correlaticorrelati adad influenzainfluenza
(19(19 susu 2323 epidemie)epidemie) èè stato:stato:
•• menomeno didi 20.00020.000 inin 88 epidemieepidemie
•• tratra 20.00020.000 ee 40.00040.000 inin 55 epidemieepidemie
•• oltreoltre 40.00040.000 inin 66 epidemieepidemie
InIn Francia,Francia, invernoinverno 19891989--90:90:
•• 88--1010 milionimilioni casicasi
•• 7.5007.500 ricoveriricoveri
•• 16.00016.000 decessidecessi correlaticorrelati
** decessidecessi dovutidovuti direttamentedirettamente oo indirettamenteindirettamente adad influenzainfluenza
Distribuzione per età della mortalità associata ad influenza 0-59 anni 6% 60-69 anni 11% =
Distribuzione per età della mortalità
associata ad influenza
0-59 anni
6%
60-69 anni
11%
= 80 anni
70-79 anni
55%
28%
Sprenger et al.1992
Il sistema di sorveglianza in Italia
Il sistema di sorveglianza in Italia
LaLa sorveglianzasorveglianza internazionaleinternazionale UnUn networknetwork internazionaleinternazionale perper lala
LaLa sorveglianzasorveglianza internazionaleinternazionale
UnUn networknetwork internazionaleinternazionale perper lala sorveglianzasorveglianza
delldell’’influenzainfluenza èè statostato concepitoconcepito perper lala primaprima voltavolta
nelnel 19471947 ee ll’’OMSOMS divennedivenne responsabileresponsabile delladella
gestionegestione quandoquando ll’’OrganizzazioneOrganizzazione fufu fondatafondata nelnel
19481948
IlIl NetworkNetwork oraora consisteconsiste inin 110110 CentriCentri NazionaliNazionali perper
ll’’InfluenzaInfluenza inin 8383 PaesiPaesi ee inin 44 CentriCentri CollaborativiCollaborativi
OMSOMS didi riferimentoriferimento ee ricercaricerca inin AustraliaAustralia
(Melbourne),(Melbourne), GiapponeGiappone (Tokyo),(Tokyo), RegnoRegno UnitoUnito
((LondonLondon)) ee USAUSA (Atlanta).(Atlanta).
InfluenzaInfluenza LikeLike IllnessIllness ((ILIILI)) AffezioneAffezione respiratoriarespiratoria acutaacuta adad
InfluenzaInfluenza LikeLike IllnessIllness ((ILIILI))
AffezioneAffezione respiratoriarespiratoria acutaacuta adad esordioesordio bruscobrusco eded
improvvisoimprovviso concon febbrefebbre >> 3838°°C,C, accompagnataaccompagnata dada
almenoalmeno unun sintomosintomo tratra ii seguentiseguenti sintomisintomi generaligenerali::
cefalea,cefalea,
malesseremalessere generalizzato,generalizzato,
sensazionesensazione didi febbrefebbre (sudorazione,(sudorazione, brividi),brividi),
asteniaastenia
ee dada almenoalmeno unouno deidei seguentiseguenti sintomisintomi respiratorirespiratori::
tosse,tosse,
faringodiniafaringodinia,,
congestionecongestione nasale.nasale.
Italia: sorveglianza clinico- epidemiologica
Italia: sorveglianza clinico- epidemiologica
IlIl sistemasistema didi sorveglianzasorveglianza inin EuropaEuropa ee nelnel mondomondo
IlIl sistemasistema didi sorveglianzasorveglianza inin EuropaEuropa
ee nelnel mondomondo
La pianta presenta i livelli dei attività dell’influenza, come stimato da ciascuno dei network dell’
La pianta presenta i livelli dei attività dell’influenza, come
stimato da ciascuno dei network dell’ EISS.
I colori rappresentano i livelli epidemiologici.
A = Dominanza virus A
H3 = Dominanza virus A(H3N2)
H1 = Dominanza virus A(H1N1)
B = Dominanza virus B
SorveglianzaSorveglianza epidemiologicaepidemiologica inin EuropaEuropa 19991999--20002000
SorveglianzaSorveglianza
epidemiologicaepidemiologica
inin EuropaEuropa
19991999--20002000
SORVEGLIANZA VIROLOGICA Situazione al 24 Gennaio 2001 Centri Universitari afferenti all’I.S.S.- Presso l’Università
SORVEGLIANZA VIROLOGICA
Situazione al 24 Gennaio 2001
Centri Universitari afferenti all’I.S.S.- Presso l’Università di
Parma sono stati isolati 3 virus influenzali di tipo A/H1N1, da
campioni clinici prelevati nella 2 a e 3 a settimana, da pazienti di 27,
3 e 6 anni.
Anche presso l’Università di Firenze è stato identificato in PCR ed
isolato in colture cellulari un ceppo A/H1N1, da un paziente di 19
anni.
L’Università di Palermo riporta un caso di influenza A/H1N1
identificato, al momento, solo in PCR.
Medici sentinella- Presso il Laboratorio di Virologia (ISS), è stata
eseguita la caratterizzazione antigenica del ceppo A/H1N1 isolato
da un campione proveniente dalla Basilicata (vedi report del 17
gennaio 2001).
SORVEGLIANZA VIROLOGICA
Situazione al 28 Febbraio 2001
Centri Universitari afferenti all’I.S.S.- Presso i Centri Universitari di Parma,
Sassari e Perugia sono stati isolati 4 virus influenzali di tipo A/H1N1, prelevati
da pazienti di 3, 13, 9 e 26 anni.
13 virus, sempre appartenenti al sottotipo A/H1N1, sono stati identificati,
tramite PCR, nei Centri Universitari di Genova (3), Perugia (2), Firenze (4) e
Palermo (4).
Le Università di Perugia e Milano riportano l’identificazione di 13 ceppi
influenzali di tipo A, non ancora sottotipizzati.
2 virus influenzali di tipo B sono stati isolati presso le Università di Milano e
di Parma, da campioni raccolti nella 7a e 8a settimana da pazienti di 2 e 5
anni.
Medici sentinella – Presso il Laboratorio di Virologia (I.S.S.), sono stati
identificati in PCR ed isolati in colture cellulari 3 virus influenzali appartenenti
al sottotipo A/H1N1.
I campioni clinici, provenienti dalle Regioni Trentino e Basilicata, sono stati
prelevati da pazienti di 14, 17 e 9 anni.
OrganizzazioneOrganizzazione MondialeMondiale delladella SanitSanitàà Obiettivo: Ridurre morbosità e mortalità dovute
OrganizzazioneOrganizzazione MondialeMondiale delladella SanitSanitàà
Obiettivo: Ridurre morbosità e mortalità dovute alle epidemie
annuali di influenza e prepararsi alla prossima pandemia
influenzale
Principali attività da attuare:
• Aumentare la qualità e la copertura della sorveglianza virologica ed
epidemiologica
2. Far meglio comprendere il peso sanitario ed economico
dell’influenza, compresi i benefici derivanti dal controllo
dell’epidemia e dall’esser pronti alla pandemia
3. Espandere l’uso dei vaccini esistenti in particolare nei paesi in via di
sviluppo e nei gruppi ad alto rischio ed accelerare l’introduzione di
nuovi vaccini
4.Essere sempre più pronti ad affrontare epidemie nazionali e
pandemie globali, compresa la fornitura di vaccini e farmaci
ControlloControllo ee prevenzioneprevenzione delldell’’influenza:influenza: strategiastrategia
ControlloControllo ee prevenzioneprevenzione delldell’’influenza:influenza: strategiastrategia
ImplementareImplementare
sorveglianzasorveglianza
prevenzioneprevenzione
terapiaterapia
virologicavirologica
vaccinoprofilassivaccinoprofilassi
influenzainfluenza
complicanzecomplicanze
clinicoclinico--epidemiologicaepidemiologica
chemioprofilassichemioprofilassi
ChemioprofilassiChemioprofilassi delldell’’influenza:influenza: indicazioniindicazioni GliGli agentiagenti
ChemioprofilassiChemioprofilassi delldell’’influenza:influenza: indicazioniindicazioni
GliGli agentiagenti antiviraliantivirali nonnon devonodevono diveniredivenire ilil primoprimo mezzomezzo
didi prevenzioneprevenzione delldell’’influenzainfluenza alal postoposto deidei vaccini,vaccini, mama
sonosono raccomandatiraccomandati inin certicerti casicasi comecome complementocomplemento oo
sostituzionesostituzione delladella vaccinazione:vaccinazione:
SoggettiSoggetti aa rischiorischio vaccinativaccinati dada << 22 settimsettim.,., inin periodoperiodo epidemico.epidemico.
SoggettiSoggetti nonnon vaccinativaccinati aa contattocontatto concon soggettisoggetti aa rischio,rischio, inin
periodoperiodo epidemico.epidemico.
SoggettiSoggetti concon immunodeficienza.immunodeficienza.
SoggettiSoggetti nonnon vaccinabilivaccinabili (es.(es. perper allergie)allergie)
SoggettiSoggetti istituzionalizzati,istituzionalizzati, inin cacasoso didi epidemiaepidemia inin istituzioneistituzione
Agenti antivirali Amantadina, Rimantadina Sono inibitori di M2 Sono efficaci solo nei confronti dei virus
Agenti antivirali
Amantadina, Rimantadina
Sono inibitori di M2
Sono efficaci solo nei confronti dei virus di tipo A
Hanno anche effetto profilattico
Zanamivir, Oseltamivir
Sono inibitori della neuroaminidasi
Sono efficaci nei confronti dei virus di tipo A e B
Hanno anche effetto profilattico
VACCINI 1935 Smith riesce a coltivare il virus in uova embrionate di pollo Purificazione con
VACCINI
1935
Smith riesce a coltivare il virus in uova embrionate di pollo
Purificazione con mezzi chimici
Altissimo residuo di proteine estranee
FREQUENTI EFFETTI COLLATERALI
Primi anni settanta si passa alla purificazione con mezzi fisici
Le proteine estranee si riducono quasi a niente
IL VACCINO INTERO E’ ANCORA POCO TOLLERATO
SOPRATTUTTO NEI GIOVANI
1976
VACCINI 1978/79 INTRODUZIONE DI VACCINI BIVALENTI + A/H1N1 1984/85 PRIMI TRIALS SU SPLIT E SUB-UNIT
VACCINI
1978/79 INTRODUZIONE DI VACCINI BIVALENTI + A/H1N1
1984/85 PRIMI TRIALS SU SPLIT E SUB-UNIT
1987 RICHIAMO IN INVERNO PER ARGINARE L’EMERGENZA DEL
NUOVO CEPPO A/H1N1
1993/94 VIENE AUMENTATA LA QUANTITA’ DI ANTIGENE
1994/95 PRIMI TRIALS CLINICI SU
VACCINI ADDIZIONATI DI
ADIUVANTE
ADIUVANTI Vengono usati per aumentare l’efficacia dei vaccini circa dal 1920 TANTE SOSTANZE CON ATTIVITA’
ADIUVANTI
Vengono usati per aumentare l’efficacia dei vaccini circa dal
1920
TANTE SOSTANZE CON ATTIVITA’ ADIUVANTE
Sali di alluminio
Prodotti batterici
Citochine
Acidi grassi
Liposomi
Acido glicolico
Vettori vivi
Emulsioni olio-acqua
… ALTRO…
GRANDISSIMO SVILUPPO NEGLI ULTIMI ANNI
MECCANISMO D’AZIONE NON DEL TUTTO CHIARO
ADIUVANTI – cosa fanno ? • They can increase the immunogenicity of antigens • They
ADIUVANTI – cosa fanno ?
• They can increase the immunogenicity of antigens
• They can be used to enhance the speed and duration
of the immune response
• They can stimulate the cell-mediate immunity
• They can promote the induction of mucosal immunity
• They can enhance the immune responses in
immunologically immature
• They can enhance the immune responses in senescent
individuals
• They can decrease the dose of antigen and reduce
vaccine cost
Singh, O’Hagan. Advances in vaccine adjuvants – Nature Biotecn. 1999
Vaccinoprofilassi:Vaccinoprofilassi: virusvirus inattivatiinattivati virionevirione interointero virionevirione
Vaccinoprofilassi:Vaccinoprofilassi:
virusvirus inattivatiinattivati
virionevirione interointero
virionevirione disgregatodisgregato
splitsplit
subunitsubunitàà viralivirali
antigeniantigeni purificatipurificati
COSTITUZIONE DEI VACCINI • a virus attenuato Adattamento a 25° C • a virus intero
COSTITUZIONE DEI VACCINI
• a virus attenuato
Adattamento
a 25° C
• a virus intero inattivato:
formolo
contiene particelle virali complete ed inattivati
• split: contiene particelle virali disgregate ed
altamente purificate
• a sub-unità: contiene solo gli antigeni
purificati HA ed NA
MF 59
MF 59
• adiuvati: contiene gli antigeni adsorbiti
con un adiuvante
MF 59
• virosomiali
in via di
preparazione
• a DNA
• ricombinanti genetici
• spray intranasali
Emisfero nord Emisfero sud •A/Beijing/262/95 (H1N1) •A/Sydney/5/97 (H3N2) •B/Beijing/184/93 •A/Beijing/262/95
Emisfero nord
Emisfero sud
•A/Beijing/262/95 (H1N1)
•A/Sydney/5/97 (H3N2)
•B/Beijing/184/93
•A/Beijing/262/95 (H1N1)
•A/Sydney/5/97 (H3N2)
•B/Beijing/184/93
•A/Beijing/262/95 (H1N1)
•A/Sydney/5/97 (H3N2)
•B/Beijing/184/93
•A/New Caledonia/20/99(H1N1)
•A/Moscow/10/99(H3N2)
•B/Beijing/184/93
•A/New Caledonia/20/99(H1N1)
•A/Moscow/10/99(H3N2)
•B/Beijing/184/93
•A/New Caledonia/20/99(H1N1)
•A/Moscow/10/99(H3N2)
•B/Sichuan/379/99
•A/New Caledonia/20/99(H1N1)
•A/Moscow/10/99(H3N2)
•B/Sichuan/379/99
1999200020012002
1998
VaccinoVaccino antiinfluenzaleantiinfluenzale:: modalitmodalitàà didi somministrazionesomministrazione tipo di vaccino
VaccinoVaccino antiinfluenzaleantiinfluenzale::
modalitmodalitàà didi somministrazionesomministrazione
tipo di vaccino
età
intero
split
subunità
n° dosi
intervallo
6-35 mesi
X
X
2*semidosi
4 settim.
3-12 anni
X
X
2*
4 settim.
> 12 anni
X
X
X
1
* 2 dosi se primovaccinazione
ChiChi vaccinare?vaccinare? (1)(1) SoggettiSoggetti >> 6565 annianni SoggettiSoggetti (bambini(bambini ee
ChiChi vaccinare?vaccinare? (1)(1)
SoggettiSoggetti >> 6565 annianni
SoggettiSoggetti (bambini(bambini ee adulti)adulti) affettiaffetti da:da:
•• m.m. cronichecroniche debilitantidebilitanti delldell’’apparatoapparato respiratorio,respiratorio, circolatorio,circolatorio,
uropoieticouropoietico
•• m.m. organiorgani emopoieticiemopoietici
•• diabetediabete ee altrealtre m.m. dismetabolichedismetaboliche
•• sindromisindromi dada malassorbimentomalassorbimento intestinaleintestinale
•• fibrosifibrosi cisticacistica
•• altrealtre m.m. congenitecongenite oo acquisitacquisitee concon alterataalterata produzioneproduzione didi
anticorpianticorpi
•• interventiinterventi chirurgicichirurgici programmatiprogrammati
BambiniBambini reumaticireumatici concon ripetutiripetuti episodiepisodi didi patologiapatologia
disreattivadisreattiva cheche richiederichiede somministrazionesomministrazione didi acidoacido
acetilsalicilico,acetilsalicilico, aa rischiorischio didi sindromesindrome didi ReyeReye inin casocaso didi
infezioneinfezione influenzaleinfluenzale
Chi vaccinare? (2) Soggetti che possono trasmettere l’influenza a soggetti ad alto rischio: •Personale sanitario
Chi vaccinare? (2)
Soggetti che possono trasmettere l’influenza a soggetti
ad alto rischio:
•Personale sanitario di assistenza
•Contatti familiari
Soggetti istituzionalizzati
Soggetti addetti a servizi di primario interesse
collettivo
Vittime di catastrofi che alloggiano a lungo in tende o in
prefabbricati
Rifugiati e nomadi che alloggiano in campi ad hoc
Pellegrini che si radunano in gruppi consistenti
ControlloControllo ee prevenzioneprevenzione delldell’’influenza:influenza: obiettiviobiettivi RidurreRidurre
ControlloControllo ee prevenzioneprevenzione delldell’’influenza:influenza: obiettiviobiettivi
RidurreRidurre
mortalitmortalitàà
ricoveriricoveri
morbositmorbositàà
costicosti direttidiretti ee indirettiindiretti