Sei sulla pagina 1di 1

8

LA GAZZETTA DELLO SPORT MARTED 17 GI UGNO 2014



CALCIO LEGA PRO
STORIE E PERSONAGGI
su milombardia.gazzetta.it a
PATRIZIO PAVESI
CREMONA
Entusiasmo, voglia e spi-
rito grigiorosso: sono questi gli
elementi che hanno convinto
la propriet della Cremonese
ad affidare a Gigi Simoni la
presidenza della societ. Una
decisione del tutto naturale, vi-
sto il passato di quello che fino
a ieri era il direttore tecnico, al-
lenatore di tante stagioni in Se-
rie A, vincitore a Wembley del-
lAnglo-Italiano e votato dai ti-
fosi come allenatore del cente-
nario. Eppure la stagione
negativa appena conclusa po-
teva far pensare a un addio tra
Simoni e il club che lo ha lan-
ciato nel grande calcio: non sa-
r cos e, anzi, da Simoni ripar-
tir la nuova Cremonese.
Lo scenario Una societ che
vedr defilarsi, ma non disim-
pegnarsi, il Gruppo Arvedi: un
passo indietro gi anticipato
nei giorni scorsi, dettato dal
mancato risultato sportivo di
questanno, ma anche da alcu-
ni passaggi particolarmente
traumatici della vita del club,
su tutti la sconfitta nei playoff
2010 con il Varese. Lobiettivo
era la ricerca di acquirenti o
nuovi soci, possibilmente cre-
monesi, ma la scelta ricaduta
su un simbolo per citt e tifosi.
Per un anno Simoni rivestir il
ruolo di responsabile unico
della prima squadra, con pieno
mandato e coadiuvato da un
cda rinnovato, i cui componen-
ti saranno resi noti nelle prossi-
me ore. Tra questi nessun rap-
presentante della famiglia
Arvedi, che con il neo-presi-
dente ha per gi concor-
dato un budget per la sta-
gione e fissato il primo pa-
letto della nuova filosofia
sportiva: fare giocare i ra-
gazzi meritevoli del vivaio.
Una mezza rivoluzione per il
club lombardo, che negli ulti-
mi anni ha puntato alla Serie B
passando per i grandi nomi,
senza lesinare investimenti che
per non hanno portato ai ri-
sultati sperati. Risultati che in-
vece ha iniziato a raccogliere il
settore giovanile, che ora sar
affidato al coordinamento del-
lex AlbinoLeffe Giovanni Bo-
navita, e sul quale il Gruppo
Arvedi ha ancora intenzione di
puntare con decisione.
Laddio di Zocchi Sul fronte
della prima squadra la palla
passa invece a Simoni. Dopo
laddio del d.s. Zocchi, il nuovo
presidente porter alla sua cor-
te nello stesso ruolo Stefano
Gaimmarioli, gi cercato lo
scorso anno e suo collaborato-
re a Gubbio negli anni del pic-
colo miracolo umbro, culmina-
to nel raggiungimento della B.
Al terzetto ex rossobl man-
cherebbe solo lallenatore, Vin-
cenzo Torrente, esonerato a
campionato in corso ma ancora
sotto contratto: difficile per
che possa tornare sulla panchi-
na della Cremonese, pi pro-
babile che si punti su un nome
nuovo, magari abituato a lavo-
rare con i giovani. Qualunque
sia la scelta tecnica di Simoni,
lunica certezza che dovr es-
sere rapida. La Cremonese ha
diverse compropriet da risol-
vere, una rosa da allestire e
una preparazione da organiz-
zare: il ritiro gi fissato a Folga-
ria stato infatti annullato.
RIPRODUZIONE RISERVATA
Gigi Simoni, 75: qui nel 96 con lallora presidente Domenico Luzzara OMEGA/ANSA
Lex allenatore
rivestir il ruolo
di responsabile
unico, con un
mandato pieno
v
LA
SCHEDA
S
Luigi Simoni
Dirigente,
ex
calciatore e
allenatore
Nato il 22
gennaio 1939 a
Crevalcore
(Bo), da
centrocampista
ha giocato in 6
club, tra cui
Mantova,
Brescia, Juve e
Genoa
Da allenatore ha
esordito al
Genoa nel 75,
poi tantissime
panchine (altri
16), tra cui
lInter di
Ronaldo, con
cui vinse la
Coppa Uefa
97-98,
sfiorando lo
scudetto.
Allenatore della
Cremonese dal
92-93 al
95-96, dei
grigiorossi era
direttore
tecnico dal
gennaio 2013
PRIMAVERA TROFEO DOSSENA
Il Koge va a casa
Ma quanto piace
la punta Jorgenson
Il talento dei danesi conquista
Oggi semifinali con Inter e Milan
DARIO DOLCI
CREMA (Cremona)
Ha perso entrambe le formazioni stra-
niere la 38 edizione del Trofeo Dossena, com-
petizione per squadre della categoria Prima-
vera in corso di svolgimento allo stadio Voltini
di Crema. I danesi dellHb Koge hanno pagato
la fobia dei fulmini e la sconfitta a tavolino con
il Milan, causata dalla loro decisione di non
disputare il secondo tempo sotto pioggia e
lampi. Per comprendere il loro atteggiamento
va detto che, negli ultimi tre anni, in Danimar-
ca ci sono stati due calciatori morti e uno para-
lizzato a causa di fulmini abbattutisi sui campi
di calcio. Leliminazione non ha impedito al-
lattaccante Jorgenson di farsi notare dagli os-
servatori di Udinese, Verona e Atalanta. Il Sa-
rajevo, invece, nonostante i suoi gioiellini
Handic, Radovac e Aganspahic stato prece-
duto di un punto nella classifica finale del gi-
rone dalla Cremonese. I bosniaci hanno deci-
so di rimpatriare subito dopo essere stati eli-
minati, per non incidere sui costi dellorganiz-
zazione. Il loro gesto stato molto
apprezzato.
Stasera le milanesi Dopo la giornata di ripo-
so di ieri, il Trofeo Dossena prosegue questa
sera con la disputa delle semifinali. Alle ore 20
allo stadio Voltini si affronteranno Inter e Udi-
nese. A seguire, alle 22, toccher a Milan
orfano di Inzaghi in panchina e Cremone-
se. La speranza degli sportivi quella di un
derby in finale tra le due squadre milanesi, co-
me gi avvenne nelledizione del 1981, che
premi i rossoneri di Filippo Galli e Incocciati.
RIPRODUZIONE RISERVATA
Cuore Cremonese
Simoni presidente
Guid la squadra negli Anni 90, ora sar il numero 1
Arvedi: niente disimpegno ma un passo indietro
50
LA GAZZETTA DELLO SPORT MARTED 17 GI UGNO 2014