Sei sulla pagina 1di 4

SABATO 8 MAGGIO 2004

LA REPUBBLICA 35

DIARIO
DI

TRENTANNI FA LA VITTORIA NEL REFERENDUM


Era il 13 maggio 1974 la Chiesa e la Dc furono sconfitte Uno scontro fra due modi di concepire la politica e la religione
I manifesti della campagna per il referendum del 74

(segue dalla prima pagina) i voleva un altro 18 aprile scriver Vittorio Gorresio la Chiesa da una parte, la paura dei rossi dallaltra. E Leonardo Sciascia commenter: Contro la vittoria del no, tutto stato fatto, linferno e lo stalinismo sono stati debitamente evocati, i bambini sufficientemente traumatizzati al punto che temevano, la sera del 13 maggio, che il padre e la madre dovessero lasciare la casa e abbandonarli per sempre. Ma la maggioranza dei votanti, esattamente il 59,3%, votarono a favore del mantenimento della legge. In molte citt del Nord la percentuale dei favorevoli fu ancora pi alta: raggiunse il 79,8% a Torino, il 73,2% a Bologna, il 63% a Trieste. Ma i divorzisti vinsero anche in citt di radicato insediamento cattolico e democristiano come Padova, Treviso o Belluno e in molte citt del Sud. Vinsero con il 67% a Siracusa e con il 63% a Catania. Conosciuti i risultati, in tutte le citt italiane, da Milano a Palermo, da Firenze a Roma una folla immensa, quella notte si rivers per le strade, a festeggiare la vittoria. In maggioranza erano donne. Il nuovo movimento femminista, nato al di fuori se non contro i partiti e le organizzazioni femminili tradizionali, celebrava cos la sua prima vittoria. Finiva quel giorno, con quel voto, il secolare predominio della Chiesa sui sentimenti e sul corpo delle donne. Il risultato colse di sorpresa gran parte del mondo politico e delle gerarchie vaticane. Nel pomeriggio del 13 maggio Enrico Berlinguer, segretario del Pci, chiuso nel suo ufficio di Via delle Botteghe Oscure, aspettava con ansia il risultato. Non aveva mai creduto alla vittoria del no. Di fronte ai primi dati, provenienti dalle citt del Nord, invitava alla prudenza. Bisogna aspettare raccomandava i risultati del Sud Poi anche quei risultati arrivarono. (E Berlinguer la stessa sera dovette pagare una cena a Tonino Tat e a Giglia Tedesco che avevano scommesso con lui che il risultato sarebbe stato favorevole al divorzio). Anche il cardinal Siri, presidente della Cei, chiuso nel palazzo arcivescovile di Genova, attendeva con ansia il risultato del voto. Esponente dellala pi integralista della Curia, aveva ammonito gli elettori: Uno libero di essere peccatore, assassino, ladro quanto vuole, nella misura in cui libero di andare allinferno piuttosto che in Paradiso... I fedeli ora sanno come regolarsi: se voteranno no allabrogazione del divorzio, non credano di essere daccordo con Dio. Si racconta che quando gli vennero comunicate le due cifre, il cardinale

DIVORZIO
Quando lItalia si scopr laica
MIRIAM MAFAI
commentasse: Speravo meglio, ma il 59,3% sufficiente.... Quando il suo collaboratore gli precis che il 59,3% era la percentuale degli elettori che avevano votato a favore della legge sul divorzio, il presule si chiuse in un doloroso silenzio. Al secondo piano del palazzo di Piazza del Ges, sede della Dc, anche Amintore Fanfani aspettava con ansia i risultati. Il segretario della Dc, che lanno precedente, era riuscito a riprendere il controllo del suo partito, aveva adottato nel corso della campagna elettorale referendaria, toni da crociata: i divorzisti aveva ammonito approvano le passioni, la libidine, gli istinti animaleschi degradanti la dignit della persona umana. La sconfitta al referendum non sar senza conseguenze negli assetti interni della Dc: Fanfani rester ancora segretario, ma sar travolto, nel 1975 dal risultato delle elezioni regionali. La vittoria del 12 maggio segna uno spartiacque nella nostra vita politica. Quel risultato infatti non segnalava soltanto una perdita della tradizionale egemonia della Chiesa sulle coscienze degli elettori e delle elettrici, ma anche la crescente importanza di temi che fino allora non erano stati ritenuti meritevoli del dibattito pubblico ma che da quel momento, e ancor pi negli anni successivi, uscendo di prepotenza dalla zona in ombra del privato, avrebbero chiesto e imposto una presa di posizione a forze politiche incerte o riluttanti. Subito dopo infatti sarebbe venuto alla luce un problema tenuto segreto da secoli, laborto, poi quello del delitto donore e delle violenze sessuali, e infine, pi recentemente, quello del riconoscimento delle convivenze etero e omosessuali o dei diritti dei gay. Sono rivendicazioni di una societ che cambia, che mettono in difficolt i partiti tradizionali, fanno emergere nuovi protagonisti. Tra questi i radicali che fin dal 1965 avevano dato vita, per iniziatiIN MOSTRA NELLE MARCHE I FASTI DI UNA GRANDE DINASTIA

PIERO DELLA FRANCESCA RAFFAELLO TIZIANO


GIORGIO MANGANELLI

IO DIFFIDO della sorta di divorzio patrocinato dallonorevole Fortuna, ed anzi direi che non provo interesse allintroduzione in Italia di alcuna forma di divorzio. Il matrimonio indissolubile non solo mi va benissimo, ma positivamente mi diverte. () Il divorzio, inoltre, getterebbe unombra su una delle istituzioni fondamentali del mondo occidentale, una delle poche rimaste pure e schiette: ladulterio. Io ho grande stima delladulterio, questa oscura, catacombale commistione di desideri e di affetti, per cui un essere dilacerato, come vuole la sua paradossale struttura, tra inconciliabili amori e predilezioni contrastanti. A me pare che la storia stessa delle nazioni sia come un mirabile, ininterrotto adulterio, in cui tutti gli accoppiamenti sono legalmente e moralmente sbagliati, ma oscuramente fatali. Ora, il divorzio getterebbe un odioso sospetto su questo purissimo rapporto. Costei, o costui, vuol forse farsi sposare? Vuole sostituire alla vecchia una nuova legalit, o vuole onestamente partecipare alla intrinseca illegalit dellesistere?

DIVORZIO.

4 aprile 3 ottobre 2004

i della

Rovere

Senigallia, Palazzo del Duca Urbino, Palazzo Ducale Pesaro, Palazzo Ducale Urbania, Palazzo Ducale
Infoline tel.02 54915 www.idellarovere.it Catalogo Electa Produzione Arthemisia

va di Marco Pannella, Adele Aglietta e Adele Faccio, alla Lid (Lega Italiana per il Divorzio), e che avranno un ruolo da protagonisti in tutte le successive battaglie per i diritti civili. Nel 1965 il divorzio non veniva considerato dal maggiore partito della sinistra, una rivendicazione da iscrivere nella propria agenda politica. Fu dunque il socialista Loris Fortuna che firm una proposta di legge, che ricalcava quella altro socialiche un sta, Renato Sansone, aveva presentato dieci anni prima senza riuscire a portarla in discussione. Ma i tempi stavano rapidamente cambiando, dal punto di vista politico e sociale. I socialisti con il centrosinistra erano entrati nel governo. LItalia era nel pieno di un processo di modernizzazione, che trasformava vecchie mentalit, costumi, modi di vita, aspirazioni. I cosiddetti fuorilegge del matrimonio pretendevano ormai di uscire dalla clandestinit, e scoprivano di avere una buona parte della pubblica opinione al loro fianco. La legge sul divorzio verr approvata il 1 dicembre 1970, nel pieno dellonda lunga sollevata non solo dal movimento studentesco ed operaio o dalle manifestazioni del nascente movimento femminista, ma anche dalle irrequietezze che si vanno manifestando in settori cattolici, pi legati, come le Acli, al mondo operaio. Ma le gerarchie restano intransigenti. E sulla questione si pronuncer con durezza la Conferenza Episcopale Italiana: in uno stato democratico come quello italiano, nel quale i diritti della famiglia come societ originaria, precedente lo stato, vengono riconosciuti dalla Costituzione, non si pu modificare la struttura fondamentale della famiglia stessa senza aver direttamente accertato il pensiero e la volont della maggioranza del popolo. Era dunque la richiesta di un pronunciamento popolare sullargomento, attraverso la convocazione di un referendum. Lo scambio venne accettato. I partiti laici avrebbero approvato la legge sul referendum, mentre la Dc e il Msi, rinunciando allostruzionismo, avrebbero consentito lapprovazione del divorzio. Le gerarchie non hanno dubbio sullesito del risultato. Ma non riescono a richiamare alla disciplina tutto il laicato cattolico. Si pronunciano per il no, in nome della libert di coscienza, numerose personalit cattoliche, guidate da intellettuali di grande autorit e prestigio come Pietro Scoppola e Luigi Pedrazzi, da dirigenti della Cisl e delle Acli come Luigi Macario, Pierre Carniti, Emilio Gabaglio, Cesare del Piano. (Un sacerdote, il monaco benedettino don Giovanni Franzoni verr sospeso a divinis per aver sostenuto la loro posizione). Anche a questi cattolici del no si dovr la vittoria laica del 12 maggio 1974.

36 LA REPUBBLICA

DIARIO

SABATO 8 MAGGIO 2004

LE TAPPE PRINCIPALI

LA PROPOSTA 1965 Il primo ottobre il deputato socialista Loris Fortuna presenta alla Camera una proposta di legge per listituzione del divorzio. Lopposizione della Dc dura e intransigente

LA LEGGE 1970 Il primo dicembre viene varata la cosiddetta legge Fortuna-Baslini. Nel 1971 e nel 1973 la Corte Costituzionale stabilir che la legge sul divorzio non viola la disciplina concordataria

LE FIRME 1971 Il 19 giugno il Comitato nazionale per il referendum sul divorzio di Gabrio Lombardi deposita presso la Cassazione la richiesta di referendum abrogativo accompagnata da 1.370.134 firme

ERA IL SEGRETARIO DELLA DC DI ALLORA E PRESE SU DI S LE SORTI DELLO SCONTRO

LULTIMA SCONFITTA DI FANFANI IL CROCIATO


GIAMPAOLO PANSA

I LIBRI
DIANA DE VIGILI La battaglia sul divorzio. Dalla costituente al referendum, Franco Angeli 2000 GUIDO CRAINZ Il paese mancato. Dal miracolo economico agli anni Ottanta, Donzelli 2003 MARIA GRAZIA MASELLA Dallaltare al tribunale. Per una nuova logica della separazione, Feltrinelli 2003 GIANNA SCHELOTTO Distacchi e altri addii. Quando separarsi fa bene, Mondadori 2003 ANNA LAURA ZANATTA Le nuove famiglie, il Mulino 2003 ANNA TONELLI Politica e amore. Storia delleducazione ai sentimenti nellItalia contemporanea, il Mulino 2003 JOHN STUART MILL HARRIET TAYLOR Sulleguaglianza e lemancipazione femminile, Einaudi 2001 MARZIO BARBAGLI CHIARA SARACENO Separarsi in Italia, il Mulino 1998

(segue dalla prima pagina) AVEVA il sarcasmo assatanato di un guerriero politico sui trentanni. Del resto, in guerra si sentiva, il Mezzotoscano, il Nano Maledetto, il Fanfascista, come lo bollavano le sinistre antagoniste del tempo. Non sapendo che, invece di deprimerlo, lo eccitavano. Un giorno, in piazza Sturzo, dove sorgeva il santuario maggiore della Dc, il Professore mi ringhi sorridendo: Continui pure a scrivere contro di me. Faccia conto che sia io a pagarle ogni suo articolo.... Anche nella battaglia per abrogare la legge BasliniFortuna che istituiva il divorzio, Fanfani si dimostr pi che mai se stesso. Ossia un politico con un formidabile complesso di superiorit. Indisponente. Ispido. Iracondo. Schiumante. Con la sfuriata facile. E con la battuta alla nervo di bue, una frustata che mandava ko lavversario. Si considerava nato per comandare. Da bambino, al paese natale, Pieve Santo Stefano, se gli amici giocavano a fare il prete, lui proclamava: Io far il vescovo!. Anni dopo, quando nella Dc pensavano di giubilarlo per anzianit, sogghignava cos: Chi nasce bischero, resta bischero anche se giovane. Nella Dc lo temevano, tanto da battezzarlo il Tiranno. Ma lui considerava gli altri capi bianchi degli uomini di paglia. Aldo Moro faceva dormire. Ciriaco De Mita parlava turco e senza interprete. Mariano Rumor era un abate gommoso. Arnaldo Forlani, detto Perequil, rappresentava leterno ritorno del sempre uguale. Toni Bisaglia, superbo nel gestire il potere, incespicava nelle parole pi semplici. Insomma, il Nano maledetto-fascista perfetto, era un tipo umano di cui si persa la razza, nella politica di oggi. Chi gli assomiglia? Silvio Berlusconi? Ma in un confronto alla tiv, il Tiranno lavrebbe fatto secco. E Fausto Bertinotti? Al tappeto nel primo round. La coppia Fassino & Rutelli? Al pronto soccorso dopo dieci minuti. Massimo DAlema? Ecco, forse lui sarebbe stato capace di resistergli: sarcasmo contro sarcasmo, carognata su carognata. Dunque, stava scritto negli astri che lultima battaglia contro il divorzio toccasse al Mezzotoscano. Ridiventato segretario della Dc il 17 giugno 1973, volle prendere sulle sue spalle tutto il peso dello scontro. Un accordo interno

GUERRA SANTA

Per ottenere il bis del 48, Fanfani chiam alle armi tutto il centro-destra Ma i partiti laici si mostrarono refrattari rispose solo il Msi di Almirante

,,

alla Dc aveva deciso lastensione dai comizi di Rumor, presidente del Consiglio, di Paolo Emilio Taviani, ministro dellInterno e di Moro, che stava agli Esteri. E Fanfani concluse: far io, e far bene! Pensava davvero che il divorzio fosse il diavolo capace di distruggere, con le famiglie, la societ italiana? Forse s. Disse a Guido Quaranta, di Panorama: La legge sul divorzio

un ingombrante rottame di cui dobbiamo liberarci. Ma il suo obiettivo primario era un altro: stravincere sul campo della lotta politica. Come aveva fatto Alcide De Gasperi il 18 aprile 1948, un evento che ricordo volentieri azzannava Fanfani, e che disturba molta gente. Adesso il suo nemico era il Pci di Enrico Berlinguer. Un partito in ascesa, guidato da un leader che era

LEONARDO SCIASCIA

Lesigenza del divorzio non pi della borghesia, ma delle classi popolari. Perch il divorzio c gi, e non ha contribuito alla dissoluzione della famiglia
Nero su nero 1979

ABRAHAM B. YEHOSHUA

Scorro svelto laccordo di divorzio che ho preparato. Fatto bene davvero. Potr pubblicare un libro sul divorzio e chiedere una cattedra universitaria
Un divorzio tardivo 1982

lopposto del Mezzotoscano, una pericolosa gattamorta a sentire Giampaolino Cresci, laffannato-butirroso porta parola del Professore. Per ottenere il bis del Quarantotto, Fanfani chiam alle armi tutto il centro-destra italico. Ma i partiti laici si mostrarono refrattari. E, a conti fatti, lunico vero alleato del Professore si rivel il Msi di Giorgio Almirante. Che dichiar subito lobiettivo della campagna per il S abrogazionista, con una serie di slogan che non lasciavano dubbi. Il primo gridava: 12 maggio: plebiscito del S, plebiscito anticomunista, per impedire al Pci di andare al potere. La guerra di Fanfani part male. Sotto lincubo di un sondaggio Doxa che diceva: 50,3 per cento di No, 35,7 di S, 14 di incerti. Ma non esistevano pronostici in grado di deprimere il Professore. Spieg ai suoi che la volont e lattivismo potevano ribaltare qualunque previsione. Riconferm la certezza di vincere. E arriv a immaginare, cos dissero, quel che avrebbe fatto dopo il trionfo del S: elezioni anticipate, riforma istituzionale, repubblica presidenziale. Una sicurezza blindata, ma con un verme nascosto. Con il senno di poi, mi azzardo a scrivere che Fanfani avrebbe dovuto scorgerlo allistante. LItalia stava mutando. Era gi esploso il Sessantotto. Poi lautunno caldo. Quindi il dilagare del femminismo. Dappertutto emergeva una gran voglia di cambiare, confusa, incoerente, velleitaria, per vera. Un terremoto in arrivo. Il Mezzotoscano poteva fermarlo? Lui silluse di s. E scelse come campo di battaglia quella parte del paese che pi gli assomigliava: il Mezzogiorno. Dopo un passaggio a Bologna e a Roma, Fanfani cominci la discesa al Sud. Ad Ancona gli and male, perch la sinistra antagonista lo insult e gli tagli i fili del microfono. Poi inizi a battere lAbruzzo, la Puglia, la Calabria, sempre in auto-

DIRITTI CIVILI
Nel 74 i diritti civili entrarono nel dibattito politico, grazie alle campagne radicali (a destra Marco Pannella). Sopra, un manifesto del Psi

mobile e a ritmi sfiancanti. Era la fine di aprile. A Taranto fu accolto da folle osannanti. E disse alle donne presenti: Oggi, dopo una scappatella, i vostri mariti tornano a casa. Domani, con il divorzio, chiss!. A Bari, al teatro Petruzzelli, stracolmo di tifosi, ammon: Non ci si sposa soltanto per godere. Poi commiser i nonni costretti a fare i baby-sitters dei nipoti abbandonati. Proprio a Bari, si alz un collega nonno che gli raccont di averne cinquantatr, di nipoti. Fanfani gli regal una risata sarcastica: Ve lo immaginate questo povero nonnino, se per avventura tutti i suoi figli divorziassero?. A Cosenza, feudo del socialista Giacomo Mancini, trov un po di freddezza. A Reggio Calabria, nel pomeriggio del 24 aprile, fu costretto a battagliare con i suoi alleati del Msi, che gli chiedevano lamnistia per i boia-chimolla della rivolta. In Sicilia ebbe un successone. Parlando dovunque di corna. E leggendo la lettera di una signora divorziata e am-

SABATO 8 MAGGIO 2004

DIARIO

LA REPUBBLICA 37

IL REFERENDUM 1974 Il 12 e il 13 maggio si vota per il referendum sul divorzio. Al di l di tutte le previsioni vince il No allabrogazione della legge, con il 59,3% dei voti. Alle urne si sono recati l87,7 % degli aventi diritto, pi di 33 milioni di italiani

DIVORZIO VELOCE 2003 Nel 2003 tre proposte di legge mirano a velocizzare liter burocratico del divorzio. Il testo unico sul cosiddetto divorzio veloce viene bocciato con 218 voti contrari e 202 favorevoli

INTERVISTA A EMMA BONINO: IL RUOLO DEI RADICALI

GLI INCREDIBILI ANNI SETTANTA


MARIA STELLA CONTE
mma Bonino, non molto tempo fa lei dis- intollerabile che lidea io non lo farei debba dise: il divorzio fu linizio di tutto. Di tutto ventare tu non lo farai. Questa apertura fu resa cosa? possibile non dai dibattiti sullaborto ma dal diFu linizio di unItalia che sulla carta era po- vorzio. pulista, che nella realt magari era anche cattoDopo di che? Dove sono finite le donne? Eplica, e che tuttavia aveva capito la differenza tra pure di occasioni ultimamente ce ne sono state: reato e peccato, tra scelta individuale e libert di una per tutte, la legge sulla fecondazione assicoscienza. Io non cero in piazza nel 1974, lan- stita che molti indicano come premessa ad una no del referendum sul divorzio. Eppure, il Paese revisione dellaborto; ma possiamo ricordare che avevo di fronte quando lanno dopo comin- anche solo il bonus alle mamme di secondogeciai a lavorare con Adele Faccio; quando nel 75 niti; o il naufragio del divorzio breve; o le batturaccogliemmo le firme per il referendum sulla- te del premier Berlusconi sulle donne che doborto; quando nel 76 il partito vrebbero imparare dalla sua radicale and alle elezioni con mamma come si fa la spesa al tutte donne come capolista e mercato per risparmiare. Inin Parlamento entrai non solo somma ci sarebbe da sceglieio ma ben 53 deputate e 11 sere. LE IMMAGINI natrici, quello era un Paese Il punto che i movimenIL TESTO di davvero straordinario: che ti femministi e femminili ad Giorgio Manaveva imparato che se voleva un certo punto hanno pensaganelli, (1922ancora il divorzio doveva rito: questi diritti non ce li toglie 1990) scrittore, spondere no; che andava a pi nessuno. E non capivano narratore, critimessa la domenica, ma nelle dunque su cosa altro dovesseco e giornalista, urne decideva secondo coro impegnarsi, partendo dal che costituisce scienza; che pensava autonopresupposto che le conquiil Sillabario mamente.... Come memoria ste, una volta fatte, sono per tratto da Lunastorica dellItalia delle grandi sempre. E stato un errore rio dellorfano battaglie civili, piuttosto moperch nulla per sempre; sannita pubblivimentato seguirla. Perch perch i sistemi democratici cato da Adelphi Emma Bonino di ricordi ne ha vanno avanti e indietro, vivonel 1991 messi via tanti; perch i telefono di scontro e confronto; ni squillano e risponde sempre perch le istituzioni di per s personalmente; perch c hanno una funzione conseruna troupe televisiva che invatrice. calza; perch non le piace aver Quale potrebbe essere ogfretta ma il tempo se ne va. gi una battaglia che abbia E poi perch nessuno la stessa forza diromcome lei un intreccio pente del divorzio? cos curioso di pasSenza dubbio sione e ragione, di quella sulla feconpubblico e privadazione assistita: to (tanto per riuna legge, che ci manere negli porta indietro anni Settanta). nel tempo, a Il che, obbietquel: io non lo tivamente, farei, tu non lo non facilita. farai. E una Era un Italegge pazzelia molto disca non solo versa quella per quanto ridi allora? guarda la proMolto, ma creazione ma proprio molto per le ricerche diversa. embrionali: sePerch, com condo il rapporto oggi questo Paese? Dulbecco, dieci miE un Paese che lioni di italiani malati dorme, imbambolato, potrebbero beneficiare assopito. Incurante di quel di questo genere di ricerca. che fanno le istituzioni. Come Una legge che trentanni fa se dicesse: ok, decidete un po non sarebbe passata? come vi pare, tanto poi me la Non in questo clima; la sicavo per conto mio. Una sonistra non ha avuto il coraggio ciet sempre pi laica ma polidi chiudere la partita quando GLI AUTORI ticamente sempre meno esipoteva; la destra lo ha fatto. LA CAMPAGNA per il gente, che pensa in termini inMa scusi, se la gente dorreferendum del 74 fu dividuali, non collettivi e alla me, se come lei dice i gruppi un momento del tutto quale vengono negate cose che politici non intendono schieparticolare nella stoin altri paesi europei sono la rarsi, chi vi aspettate che vi ria della propaganda. norma: la pillola del giorno dosegua? I manifesti in cui camNon lo so. Ma dobbiamo po, la RU486.... peggiavano i No e i provarci: abbiamo una legge Gli anni Settanta furono deSi sono rimasti deche quanto al limite dei tre cisivi non solo per la legge e il gli esempi di grafica, embrioni non ha eguali nemreferendum sul divorzio. Pascos come le prime meno in Arabia Saudita. Allos linterruzione volontaria di pagine dei quotidiani ra spero in chi vive lo sconcergravidanza, la riforma del diche annunciavano il to ma non ha voce per espriritto di famiglia, listituzione risultato merlo. Magari prima o poi i ds degli asili nido pubblici, le avranno il coraggio di uscire norme sulle lavoratrici madri, allo scoperto. i consultori familiari, la parit Non sar che certi metodi tra uomini e donne sul lavodi lotta - i digiuni, i gesti plaro... Sullo sfondo - nel campo dellimpegno civile - la disobbedienza dei cat- teali di provocazione - oggi sono inadeguati, tolici, i movimenti femministi e femminili, i di- vecchi, quasi irritanti? Pu essere. Il problema che non ne trovo algiuni, gli spinelli in piazza... Una societ, nel betri: sono allesaurimento della mia creativit. ne e nel male, irrequieta, in ebollizione. Vero. Anche se eravamo non soli, ma isolati Dietro le quinte, tutti mi incitano: sviluppo e lis. Noi eravamo gli unici ad aver fatto della tra- bert, sviluppo e libert... Poi per niente. A parduzione politica della sessualit la propria bat- te alcune amiche, non vedo schierate neanche le taglia politica. Il Pci, per dire, era convinto che donne diessine. Dal punto di vista dei diritti civili, meglio i avremmo perso sul divorzio e si schier solo il cinque anni della sinistra o gli ultimi tre del cengiorno prima del referendum. Avevate per forti sponde sociali, le donne ad tro destra? La sinistra ha commesso peccati di omissioesempio, anche quelle cattoliche. Questo s. Ricordo, ai tempi dellaborto, la lo- ne quando ha creato i presupposti di questa siro attenzione. C una frase che continuo a ripe- tuazione; il centro-destra ora conduce il gioco e tere e che mi fu detta proprio da una cattolica: E lo fa secondo le proprie regole.

I FILM
DIVORZIO ALLITALIANA Il barone Fef per liberarsi della moglie e sposare la giovane cugina, spinge la consosrte a tradirlo e la uccide. Di Pietro Germi, protagonista Marcello Mastroianni, del 1961. KRAMER CONTRO KRAMER Lei esce di casa, lui rimane col figlio. Poi chiede laffidamento del bambino. Duro conflitto in tribunale, fino allhappy end. Protagonisti Meryl Streep e Dustin Hoffman, regia di Robert Benton, anno 1979. PRIMA TI SPOSO POI TI ROVINO Il pi brillante avvocato divorzista degli Stati Uniti trova pane per i suoi denti nella ex moglie di un suo cliente. Di Joel ed Ethan Coen, con George Clooney e Catherine Zeta-Jones. Del 2003 I FUORILEGGE DEL MATRIMONIO Film a episodi sulle situazioni asurde e dolorose provocate in Italia dalla mancanza di una legge che permetta di divorziare. Del 1963, di Paolo e Vittorio Taviani e Valentino Orsini. Tra gli attori, Ugo Tognazzi, Annie Girardot, Romolo Valli

malata, con il marito peccatore morto prima di lei, rimasta sola e senza pi diritto alla pensione di reversibilit. A Enna infiamm la platea parlando della famiglia come strumento di progresso, garanzia di continuit fecondatrice della terra genitrice, focolare capace di riscaldare idee e affetti, culla della santit pi fervida. A Caltanissetta, i suoi fans

andarono in delirio alla storia della moglie che scappa con la serva. Ad Agrigento garant di non andare in cerca di avventure se, dopo il 12 maggio, con gli alleati di centro-sinistra le cose si fossero aggiustate. A Palermo, il 27 aprile, riusc a destreggiarsi tra i vari potentati dic, primo fra tutti quello andreottiano di Salvo Lima. E anche qui spieg che lobiettivo del Pci era di eliminare

HENRY JAMES

La decisione del divorzio era stata confermata. Dopo essere stati del tutto insignificanti insieme, sarebbero stati, da separati, decisamente notevoli
Quel che sapeva Maisie 1897

SNDOR MRAI

Dopo otto anni divorziamo. Non ci siamo mai traditi. Non abbiamo mai litigato. Ma non sopportavamo pi quello che ognuno di noi taceva dellaltro
Divorzio a Buda 1935

ogni ostacolo democratico verso le luminose mete di cui Praga ci ha offerto lultimo esempio. Fanfani ritorn a Roma convinto di aver ribaltato i sondaggi? Forse no. Il fronte divorzista si stava rivelando sempre pi forte. Andava da Berlinguer a Ugo La Malfa, da Giuseppe Saragat a Francesco De Martino, passando anche per qualche dic come Piero Bassetti. E il voto del 12 maggio gli conferm che aveva perso: i No allabrogazione della legge erano il 59,3 per cento, i S soltanto il 40,7. In cifre assolute, 19 milioni di voti contro 13 milioni. Ma sul Mezzogiorno, il Professore aveva visto giusto: il S aveva vinto in Molise, in Campania, in Puglia, in Basilicata, in Calabria. E in Sicilia aveva perso soltanto per un pelo. Quel voto fu linizio della caduta di Fanfani. Lanno successivo, le Regionali del 15-16 giugno videro il trionfo del Pci (33,4 per cento dei voti contro i 35,3 della Dc). LItalia fior di giunte rosse. Fanfani, che si era speso in duecentodieci comizi in meno di due mesi, fu costretto a dimettersi. Segretario della Dc divenne Benigno Zaccagnini. Di quei giorni convulsi, nel caldo torrido di fine luglio 1975, mi sono rimaste due immagini. La protesta degli autisti dei capi bianchi, non tamburi bens clacson nella notte di piazza Sturzo. E il grido rivolto a noi cronisti dal milanese Massimo De Carolis: Stiamo morendo. Ma ci rimpiangerete. Io vi dico che rimpiangerete la Dc!.

Fondatore Eugenio Scalfari

Direttore Ezio Mauro

9 770390 107009

ALVOHXEBbahaajA CSDEDTDEDM
40508

Anno 29 - Numero 108

1,20 in Italia
PREZZI DI VENDITA ALLESTERO: Austria 1,85; Belgio 1,85; Canada $ 1; Danimarca Kr. 15; Finlandia 2,00; Francia 1,85; Germania 1,85; Grecia 1,60; Irlanda 2,00; Lussemburgo 1,85; Malta Cents 53; Monaco P. 1,85; Norvegia Kr. 16; Olanda 1,85; Portogallo 1,20 (Isole

sabato 8 maggio 2004


1,40); Regno Unito Lst. 1,30; Rep. Ceca Kc 56; Slovenia Sit. 280; Spagna 1,20 (Canarie 1,40); Svezia Kr. 15; Svizzera Fr. 2,80; Svizzera Tic. Fr. 2,5 (con il Venerd Fr. 2,80); Ungheria Ft. 350; U.S.A $ 1. Concessionaria di pubblicit: A. MANZONI & C. Milano - via Nervesa 21, tel. 02/574941

SEDE: 00185 ROMA, Piazza Indipendenza 11/b, tel. 06/49821, Fax 06/49822923. Spedizione abbonamento postale, articolo 1, legge 46/04 del 27 febbraio 2004 - Roma.

INTERNET www.repubblica.it

AB

Il segretario alla Difesa sotto torchio al Congresso. Mi assumo la responsabilit, ma non mi dimetto. Altri video sulle sevizie

CON REPUBBLICA

Torture,lescusediRumsfeld
La Croce Rossa denuncia: sistematica la violenza sui detenuti
REPORTAGE

Gli articoli dal 1976 al 1984

Eugenio Scalfari Luned in edicola il 1 volume della raccolta

MA IL PEGGIO DEVE ARRIVARE


VITTORIO ZUCCONI WASHINGTON LA VOCE di un uomo insospettabile a friggere Rummy sulla sedia rovente del teste divenuto imputato. Signor ministro, domanda una, due, tre, sei volte il senatore John McCain, il reduce dalle torture di Hanoi, al ministro sulla sedia che scotta, a Donald Rumsfeld, chi aveva autorizzato i torturatori?. Forse... il generale le dir.... No, signor segretario, voglio saperlo da lei, dal responsabile della Difesa, non da un generale. S... no... aspetti... mi faccia... veda... il generale potrebbe spiegare.... No, signor segretario, lei non capisce, voglio sapere fin dove arriva, in alto, nel governo della nostra repubblica, questa storia. Vuole sapere quello che tutti sanno gi, che Rumsfeld ormai, politicamente, un morto che parla. Donald Rumsfeld, lex Rummy dArabia, il fustigatore della imbelle vecchia Europa oggi fustigato, si contorce sulla sedia, non pu rispondere. SEGUE A PAGINA 3

Vita blindata a Bagdad dopo le taglie di Bin Laden


dal nostro inviato RENATO CAPRILE BAGDAD AR per il dovere di cronaca, ma lincessante martellamento che da ieri in ogni notiziario stanno facendo le tv satellitari arabe al Jazeera, al Arabiya, al Alam sullultimo messaggio di Bin Laden, ha il sapore dellistigazione tout court allomicidio. La voce del capo di Al Qaeda, giudicata autentica dai tecnici della Cia, che promette dieci chili doro a chiunque uccida Paul Bremer, il governatore dellIraq per conto di Bush, oppure Kofi Annan, il segretario dellOnu e magari i generali della Coalizione mette i brividi. Il principe del terrore fissa un prezzo 500 grammi di oro anche per la vita di gente comune che non pu certo contare sulle protezioni di Bremer o Annan. Gli occidentali tutti, militari o civili che siano, presenti sul sacro suolo iracheno. Anche italiani, quindi. SEGUE A PAGINA 7

Il cartello Licenziate Rumsfeld inalberato al Senato Usa

DA PAGINA 2 A PAGINA 7

A Cumberland la Compagnia dei sei riservisti di Abu Ghraib: Non siamo tutti criminali

Maryland, la caserma della vergogna


dal nostro inviato ALBERTO FLORES DARCAIS A PAGINA 4

Cinquantanni in prima pagina la raccolta completa, in cinque volumi, degli articoli di Eugenio Scalfari pubblicati su Repubblica e lEspresso dal 1955 al 2004 Il 1 volume di 1.300 pagine luned a richiesta con il giornale a soli 9,90 euro in pi

Arriva a quota 1,15 euro mentre il greggio sfonda i 40 dollari al barile: cresce il rischio inflazione

IL CASO

IL PREZZARIO DI AL QAEDA
RENZO GUOLO
L LISTINO del terrore divulgato nel nuovo messaggio di Bin Laden rivela insieme obiettivi e timori di Al Qaeda. Il prezzario di Osama rivolto innanzitutto al mercato iracheno ed aperto da Bremer, Sanchez e Kimmit. I vertici della leadership politica e militare degli Stati Uniti in Iraq sono valutati ciascuno diecimila grammi doro; a conferma che il nemico americano ha un valore aggiunto particolare nella gerarchia della jihad globale. Ma Osama assegna il medesimo prezzo anche a Kofi Annan e a Lakhdar Brahimi, suo inviato in Iraq. La cosa non stupisce. Nellideologia islamista America e Onu sono percepiti allo stesso modo. La comunit internazionale e le sue istituzioni sono considerate espressione di un potere che avrebbe come fine la distruzione dellislam. Per Al Qaeda, lOnu in Iraq comunque una minaccia da sventare. SEGUE A PAGINA 17

Aumenti record per la benzina


Tasse, il decreto Berlusconi: favoriti i ceti medio-alti
Cimoli: subito il piano industriale. Fumata nera sulle Ferrovie

La Borsa promuove Alitalia il titolo chiude a pi 20%

BORRIELLO e LIVINI ALLE PAGINE 12 e 13

ROMA Nuovi record per petrolio e benzina. Il greggio a New York ha toccato i 40 dollari al barile, livello vicino a quello raggiunto nellottobre del 1990 (linvasione del Kuwait) quando super i 41 dollari. E schizzano verso lalto i prezzi dei carburanti in Italia, con timori di aumenti dei listini fino a 1,2 euro per un litro di verde e a un euro per il gasolio. Da oggi molti distributori segnano 1,14 euro al litro con punte di 1,15 sulle autostrade, con un esborso per le tasche degli automobilisti, rispetto al dicembre 2003, pari a 5,34 euro per un pieno da 60 litri. Il caropetrolio rischia dappesantire i dati sullinflazione di maggio dopo 3 mesi di sostanziale stabilit al 2,3%. In pericolo anche la crescita del Pil. LUCIO CILLIS A PAGINA 27

Da Pechino a Roma lezione di mercato


FEDERICO RAMPINI
L LEADER dellultima potenza comunista della storia venuto a dare una lezione di economia di mercato a Silvio Berlusconi e agli industriali italiani. Accolto a Roma con tutti gli onori da un governo italiano che fino allaltroieri minacciava dazi protezionistici contro Pechino, e da una Confindustria che per mesi ha strepitato sulla concorrenza sleale dei cinesi, il premier Wen Jiabao tra sorrisi e brindisi ha bacchettato gli imprenditori che guardano la competizione cinese come un impatto negativo. Invece dovrebbero chiedersi se la Cina pu reggere a lungo il ritmo di sviluppo di questi anni (e dovrebbero pregare il cielo di s), ha spiegato Wen par- Wen Jiabao lando a braccio con quello stile americano che lo ha reso celebre durante la crisi della Sars. Ha aggiunto che il suo paese non una minaccia, perch possiede abbondanti risorse di manodopera ma anche un grande mercato. Poteva aggiungere a queste parole non lo ha fatto per antica cortesia cinese una lunga lista di imprese americane, tedesche, francesi o svedesi che a differenza delle italiane hanno capito da tempo le potenzialit di quel grande mercato: a Pechino e Shanghai le strade sono intasate di Buick e Audi, il nuovo ceto medio fa la spesa solo da Carrefour e Ikea. SEGUE A PAGINA 18

CHI PAGHER LA RIFORMA


MASSIMO GIANNINI
IL solito spot elettorale, continua a ripetere il centrosinistra. Il consueto, perverso circuito di promesse demagogiche che si autoriproducono, per partenogenesi mediatica. Ma questa volta lopposizione farebbe bene a non sottovalutare limpatto propagandistico dello slogan berlusconiano, riveduto e corretto dal Cavaliere in una delle sue passerelle pubblicitarie per le vie del centro di Roma: Meno tasse per tutti, quindi meno tasse anche per te. SEGUE PAGINA 17

DIARIO

Quando il divorzio svegli lItalia


La caduta di Fanfani
GIAMPAOLO PANSA
OLETE il divorzio? Allora dovete sapere che, dopo, verr laborto. E dopo ancora, il matrimonio tra omosessuali. E magari vostra moglie vi lascer per scappare con la serva!. Eruttava fuoco e fiamme Amintore Fanfani, quel 26 aprile 1974, nel teatro comunale di Caltanissetta. Tre mesi prima aveva compiuto i 66 anni. Ma possedeva i propulsori energetici di un quarantenne. SEGUE A PAGINA 36

La scoperta delle donne


MIRIAM MAFAI
ITALIA si scopr laica una notte di trentanni fa quando si conobbero i risultati del referendum che la Chiesa e la Dc avevano voluto per cancellare la legge sul divorzio approvata dal Parlamento quattro anni prima. Era la notte del 13 maggio 1974. Laffluenza ai seggi aveva sfiorato il 90%. La campagna elettorale era stata furibonda. SEGUE A PAGINA 35

ALLE PAGINE 35, 36 e 37