Sei sulla pagina 1di 12

Veronica Prestini Universit di Napoli LOrientale- Istituto italiano per gli studi storici, Napoli

Diplomazia ed economia nella politica ottomana di Cosimo I (1537-1574)


Se sono ben note le fitte relazioni diplomatiche tra Firenze e Istanbul nella seconda met del XV secolo, i cui vitali contatti commerciali si rispecchiarono nel legame particolare che un Lorenzo il Magnifico alla corte ottomana, meno conosciuti sono invece i rapporti che Cosimo I intrattenne con la Porta durante il suo principato. Ai disordini politici provocati dal cambiamento dellassetto istituzionale del nuovo stato mediceo corrispose anche una certa difficolt nella colonia di Pera dove a stento si riusciva nel mantenimento dellEmino, il rappresentante della nazione fiorentina presso la Porta. Il disagio nel garantire una regolare e stabile rappresentanza ufficiale a Costantinopoli, a cui si aggiunse un effettivo iniziale calo dei commerci toscano-ottomani, ha generalmente indotto gli storici a concludere che dagli anni Trenta del Cinquecento in poi il commercio col Levante fosse passato in secondo piano negli interessi medicei. Questa tesi, bench generalmente accettata, non appare adeguatamente suffragata dai dati. Per tutto il XVI secolo infatti, nonostante qualche calo temporaneo, il Levante ottomano, Barberia inclusa, continu ad essere essenziale alleconomia dello stato mediceo, poich le importazioni di specifiche materie prime, in particolare della seta greggia (filo di seta), dei pellami e dei coloranti per i tessuti, costituivano degli input determinanti per le sue manifatture. La permanenza e le rilevanti dimensioni di questi traffici emergono in effetti dalle ricerche svolte sullapprovvigionamento della Toscana attraverso Livorno sul versante tirrenico e attraverso Ancona e Ragusa (Dubrovnik) sul versante adriatico e dalla centralit del ruolo svolto dai mercanti toscani lungo lasse commerciale che univa il nord Europa alle sponde orientali del Mediterraneo, come del resto indicato a suo tempo da Braudel. Ci che ci premerebbe di mettere in rilievo in questa occasione, alla luce di documenti inediti, sono le relazioni di tipo diplomatico che intercorsero tra i Medici e gli ottomani nel quadro degli interessi commerciali e personali che legavano ancora strettamente le due realt politiche durante la delicata fase di costruzione del nuovo stato italiano e del consolidamento del potere di Cosimo I. Si evidenzier come, allinterno delle intricate dinamiche e dei complessi equilibri politici internazionali, le relazioni con gli ottomani abbiano sempre occupato una posizione di primo piano nella strategia diplomatica del Duca, con un occhio di riguardo anche alla politica estera ottomana, segnata da unimplicazione crescente negli affari europei, la cui giustificazione risiedeva sia nellinstallazione solida e stabile degli ottomani nello spazio balcanico e mediterraneo, sia nei conflitti che continuarono ad opporli ai loro vicini e anche nei rapporti pi stretti che essi instaurarono con alcuni sovrani occidentali. sullo sfondo di quella Culture de lAntagonisme magistralmente definita da Poumarde e che ha caratterizzato le relazioni tra Islam e lEuropa cristiana nellepoca moderna, che noi intendiamo proporre il nostro lavoro, frutto di ricerche recenti ed attualmente in corso in vari archivi italiani ed in quello di Firenze in particolare. I rapporti che legarono Cosimo de Medici al Gran Turco rappresentano bene la complessit e la ricchezza delle relazioni che si stabilirono fra la Cristianit e il mondo ottomano nel Rinascimento.

F. Ozden Mercan - European University Institute Department of History and Civilization

What Went Wrong? Relations between the Medicis and the Ottoman Empire in the Second Half of the Sixteenth-Century
The diplomatic and commercial relations between the Florentine rulers and the Ottoman Empire dated back to the time of Sultan Mehmed II (1451-1481), who invited the Florentine merchants and granted them trade privileges as a part of his policy of reviving and rebuilding Constantinople as his new capital after the conquest. The exact date of the first formal ahidname granted to the Florentines by Mehmed II is not known as the document is missing. However, this ahidname was subsequently renewed by Bayezid II (1488, 1499), Selim I (1513) and Sleyman I (1527). Florentine merchants were quite dominant in the silk and wool trade traffic in the first half of the sixteenth century and they established several commercial companies in Pera (Istanbul), Bursa and Adrianople. However, according to the dominant view in the historiography, the Florentines soon lost interest in the Levant trade and from 1520s onward turned their face to the new routes westwards and developed connections more with the Spanish merchants. On the other hand, the two diplomatic attempts by the Florentines to the Ottoman court in the second half of the sixteenth century seem to confute this argument. This paper focuses on these two diplomatic attempts by the Medicis for commercial privileges in the Ottoman lands. One of these was between 1574-1578 during the rule of Grand Duke Francesco I deMedici and the other one was in 1598-1599 during the time of Grand Duke Ferdinando I deMedici, brother of Francesco I. Both attempts, though started successfully, ended in failure for different reasons and due to various factors. Still, these attempts show that the Medici rulers were quite interested in the Eastern Mediterranean trade zone and they developed their diplomatic and political strategies accordingly to get a share from the Levant trade. By asking the question What went wrong? the paper aims to concentrate not only on the negotiation process itself but also on the interplay of various factors and groups (such as Venetians and French) in the failure of the negotiations. The main sources of this paper will be the letters and treaties exchanged between the Florentines and the Ottomans, preserved in the Mediceo del Principato filza 4274 and 4275. These will be also complemented by some Venetian and European sources. In the light of these sources, the paper intends to unfold the different connections and networks in the individual level between the Florentine agents and the Ottoman administrators and the role of the middlemen in the negotiations. Moreover, through reading between the lines in these letters, the paper will try to give an insight into the Florentine perceptions of the Ottomans and vice versa. The Florentines and their relations with the Ottoman Empire in the sixteenth century is one of the least investigated subjects. Apart from a few articles with limited focus, there is no study handling this topic. Thus, instead of presenting a traditional narrative of unsuccessful diplomatic relations between the two states, this paper intends to go beyond and provide a different perspective by analyzing network relations and perceptions.

Niccol Capponi Archivist, Centro Studi Famiglia Capponi

Pointed red cross ahoy: The flip side of Tuscan maritime history in the eastern Mediterranean
Reading the early accounts about the exploits of the Knights of St. Stephen, one gets a very romantic impression: a band of universally gallant and totally unbesmirched Christian fighters, engaged from bridges of their galleys, in a constant struggle against the Muslim infidels solely for the greater glory of the Catholic faith. This vulgate is still rampant in some circles, even after scholars have pointed out that, maybe, one should think in grey, rather than in stark black or white, when dealing with the Stephanian Order. Yet, even those committed to defend the knights Christian and military reputation have anachronistically missed a number of crucial historical points. It is quite common to see the fleet of Medicean Tuscany lumped together with the Order of Saint Stephen. In fact they were two distinct entities: the Grand Ducal galley squadron was financed entirely through state funds, the Stephanian Order grudgingly agreeing to contribute 8,000 scudi in 1628 (5% of all expenses). Second, like always in early-modern warfare, a fleet is as much a military as a commercial enterprise. Significantly, the big push of the Tuscan fleet towards the eastern Mediterranean happened after 1621, when the lack of targets in North Africa and the Ionian sea meant seeking them in the Levant. Yet, and this is seldom mentioned, by that date the galley fleet was a straight financial loss for the Grand Duke, forcing the Tuscan government to seek alternative options to rowing war vessels. The debate about which fleet was heated at the Tuscan court in the 1620s, and by the end of the decade plans had been made to switch from oars to sails. There were sound reasons behind this decision. Round ships could carry more cargo than galleys and this was of crucial importance for carrying one of the most valuable commodities of the time: grain. Tuscany had experienced acute shortages of grain in the early decades of the seventeenth century, and the constant state of war with the Ottoman Empire did not allow the Grand Dukes to tap into the Eastern markets. True, grain was often brought as contraband to Livorno by Jewish merchants, but this was hardly sufficient for Tuscanys needs. Thus the Tuscans support of Fakhr-ed-Din in his war against the Ottomans should also be seen as an attempt to create a trading bridgehead in the Levant. Eventually, the whole operation failed, mainly due to logistic difficulties in maintaining a sailing fleet, plus the ferocious competition of Venetian and English merchants in the East, not to mention the hostility of the traditionalists within Tuscanys military establishment. In the end, the Tuscans decided it was more convenient to throw in the towel, scotch most of their fleet and rely on corsairs and foreign merchants, Ottomans included, for their needs. For the Grand Dukes crusading spirit was just fine, provided that In Gods name was not an obstacle to Good profit.

Laura Cirri Scuola Normale Superiore, Pisa

Il Sacro Militare Ordine di Santo Stefano e i Turchi: lettura comparativa dellapparato iconografico ed emblematico dei granduchi toscani
Nel 1561 Cosimo I de Medici fonda il Sacro Militare Ordine dei Cavalieri di Santo Stefano, unistituzione militare-monastica con il compito di raccogliere leredit marinara dellantica repubblica pisana e combattere le scorrerie dei Turchi e altri infedeli nel Mediterraneo. Lepisodio bellico pi famoso nella storia dellOrdine resta la partecipazione, nel 1571, alla battaglia di Lepanto. I cavalieri dellOrdine erano suddivisi in cavalieri di giustizia, cappellani e frati serventi. La croce bifida rossa dellOrdine entra nelliconografia granducale, in qualit di gran maestro il granduca a partire da Cosimo I verr seppellito con la gran cappa dellOrdine. Centrale nella politica dellOrdine rimane la lotta contro i Turchi, specialmente allepoca dei primi granduchi. Il presente contributo vuole porre laccento su come la lotta contro i turchi e i suoi rapporti con lOrdine di Santo Stefano diventarono mezzi strumentali da parte dei Medici per la glorificazione della casata e del Granducato di Toscana, mediante lutilizzo di un apparato simbolico ed emblematico che ritorna come tema ricorrente in varie testimonianze artistiche, che saranno prese in esame. Il neonato Stato toscano doveva trovare una propria posizione e affermazione nel quadro geo-politico delle grandi europee e a partire da Cosimo I, con il grande contributo del figlio Ferdinando I, lo sforzo dei granduchi fu quello di creare un alone di grandezza per accrescere anche in termini illusori i confini e la potenza medicea. Partendo dalle ragioni della creazione dellOrdine di Santo Stefano e dopo averne introdotto un breve profilo storico e araldico, liconografia che sta alla base degli affreschi della Sala di Bona presso Palazzo Pitti sar un punto centrale del presente contributo. Questo ambiente faceva parte degli appartamenti dei forestieri e fu realizzato per volere di Ferdinando I e Cristina di Lorena. Lintera iconografia della sala, concepita da Ferdinando I come sala del trono, basata sulle vittorie dei cavalieri di Santo Stefano sui turchi, nelle pareti laterali sono infatti affrescate le conquiste delle citt di Bona e di Prevesa, realizzate dallartista Bernardino Poccetti tra il 1607 e il 1611. Nella Sala di Bona i turchi diventano un medium per rendere visibile la potenza navale medicea. La stessa propaganda si applica nella chiesa dei Cavalieri a Pisa, dove le bandiere turche diventano mostre della potenza navale medicea. La chiesa, progettata da Giorgio Vasari, fu consacrata nel 1569. Lintervento si concentrer quindi sulla collezione dei trofei di guerra, e in particolare la serie delle bandiere e dei fanali, conquistati ai turchi tra il secolo XVI e gli inizi del XVIII. Anche altri esempi potranno rientrare in questo percorso, ad esempio il cortile affrescato dal Volterrano presso Villa La Petraia. Questo contributo propone una lettura trasversale e comparativa di questi differenti episodi storici, artistici ed emblematici, gi studiati da specialisti di settore, ma che verranno presi in considerazione sotto un profilo pi ampio di affermazione della casata medicea e come in questo programma di glorificazione rientri anche il tema della lotta contro i turchi, che esce dalla capitale dello Stato toscano e investe anche le altre citt del granducato.

Maria Alberti - Accademia di Belle Arti di Venezia

Il mondo arabo e la scoperta del teatro Gli spettacoli medicei descritti da uno spettatore deccezione: lemiro druso Fakhr ad-Din.
Quando, dal 1613 al 1615, lemiro libanese Fakhr ad-Din al-Maan si rifugi in Toscana, entr in contatto con una realt molto diversa da quella del mondo musulmano, in cui era nato e cresciuto. Perfettamente consapevole di quanto fosse straordinaria lesperienza che aveva vissuto in Italia, lemiro fiss sulla carta le impressioni e le conoscenze acquisite durante il suo soggiorno, fornendoci quella che considerata una delle pi antiche testimonianze scritte in lingua araba sugli usi e costumi europei, tra cui il teatro, a lui sconosciuto. Questa proposta di contributo focalizza lattenzione sulla descrizione degli spettacoli e delle feste organizzati dalla corte medicea in onore dellospite straniero, tanto pi interessanti dal momento che tali manifestazioni costituivano unassoluta novit per chiunque appartenesse a una cultura eminentemente non-rappresentativa come quella islamica. Quella contenuta nelle note di viaggio di Fakhr ad-Din , quindi, con ogni probabilit, la pi antica descrizione in lingua araba sul teatro. noto come gli spettacoli, per i Medici, ricoprissero un ruolo diplomatico di primissimo piano, allo scopo di veicolare messaggi politici e impressionare gli ospiti con concrete dimostrazioni del grado di sviluppo culturale, artistico, economico e sociale dello stato che li accoglieva; si pu quindi capire quanto potesse rimanerne colpito uno spettatore che guardasse ad essi con occhio assolutamente vergine. Nel mondo islamico, sostanzialmente iconoclasta, le arti figurative sono bandite, mentre quelle rappresentative, se si eccettuano le forme tradizionali di teatro delle ombre o di narrazione epica, hanno avuto sviluppo solo a partire dagli ultimi due secoli. La stessa parola araba che significa teatro, Masrah, venne coniata nella prima met del XIX secolo dal viaggiatore egiziano Rif alTahtw, che trascorse cinque anni in Francia. Per questo, le note di viaggio dellemiro, oltre allo stupore e alla meraviglia, rivelano una grande difficolt nel raccontare avvenimenti e usanze a lui totalmente estranei. Egli, per esprimersi, doveva per forza ricorrere a tortuosi quanto interessanti giri di parole, oppure a termini che, pur avendo nella sua lingua un diverso significato, evocassero in qualche modo ci che voleva dire. Oltre alla relazione piuttosto approssimativa di alcuni spettacoli, la cui identificazione stata resa possibile dal riscontro incrociato con i coevi documenti medicei, queste annotazioni contengono tuttavia descrizioni puntuali, soprattutto per quanto riguarda macchine sceniche ed effetti illuminotecnici allora in uso. Particolarmente degne di nota, infine, sono alcune considerazioni sulla danza di corte che, partendo dalla stupita constatazione che uomini e donne ballavano insieme, giungono a investire la riflessione sulle diverse modalit di rapporto tra generi esistenti nelle opposte sponde del Mediterraneo.

Tessa C. Gurney University of North Carolina at Chapel Hill

Oracles, Jews, Bandits, Slaves: The Early Modern Mediterranean At Play in the Theater of Giovan Battista Andreini
There is an unfortunate dearth of scholarship on sixteenth and seventeenth century playwright and capocomico Giovan Battista Andreini. English scholars occasionally remember Andreini as a possible source for Miltons Paradise Lost. Some theater scholars may remember him as the son of the famous Isabella Andreini, sixteenth century leading lady of the Compagnia dei Gelosi. Though current scholarship seems to have forgotten about Andreini, he was lauded in Italy and throughout Europe as one of the most talented actors, directors and playwrights of the age. Andreini was a favorite of the Medici both at home and abroad. Hosted several times by Maria de Medici at the French court in Paris, he later presented her with the original manuscript of his sacra rappresentazione LAdamo. At home on Italian soil, he dedicated his theater treatise La Saggia Egiziana to Antonio de Medici, frequently presented work at the Florentine Medici court and participated in the citys illustrious Accademia degli Spensierati. In Andreinis work, no longer are the dramatis personae limited to wise servants, doltish doctors, lusty old men and effusive young lovers. Enter slaves, Jews, Muslims and bandits from all over the vast and diverse Mediterranean. No longer do players solely don the archetypical Pantaloon or Harlequin costumes. Andreini might dress them in traditional Turkish garb, as in La Turca. He may disguise his innamorata as a slave boy, as in Lo schiavetto. As Andreini himself said in his acclaimed dialogue on the art of theater, comedy is a mirror of the present. What, then, is reflected about the Early Modern Mediterranean and its multifarious international players in Andreinis Orientalist work? What can we infer about Medici tastes by examining the work that Andreini dedicated to or performed for the familys illustrious members? This paper will survey what we can learn about popular perception of the Mediterranean Other in Italy from a study of the international players present in Andreinis Orientalist plays. It will explore Andreinis reasoning in his choice of an Egyptian to deliver his landmark dialogue on the art of theater in La Saggia Egiziana. Finally, it will discuss how Andreinis innovations changed the face of Italian theater forever.

William Kynan-Wilson Trinity College, Cambridge

Imagining and Re-Imagining the Orient: The Ottoman Imagery of Jacopo Ligozzi in Medici Florence
In 1577 the Veronese artist Jacopo Ligozzi (1547-1627) arrived in Florence and swiftly established himself as one of the most prolific and important artists to work for the Medici family. Among his early Florentine works is an intriguing and little understood collection of drawings that depicted various Ottoman characters in their distinctive dress, accompanied by exotic animals and brief descriptive labels. For example, he portrayed a Turkish Janissary with a bear, a Greek woman with a ram and, most intriguingly, a mufti (Islamic lawmaker) with a chained monster. This paper will explore these images and, by examining previously unknown manuscripts, it will shed new light on the production of this album its sources, iconography and dating. More specifically, I will use these drawings to reflect upon the role that texts and images of the Orient played in mediating and defining the Medici experience of the Ottoman world. Ligozzis Ottoman drawings have been variously dated from 1577 to 1585, albeit with little evidence to support these dates, while previous studies have situated this imagery in relation to printed engravings of Ottoman society, namely the illustrated travel accounts of Nicholas de Nicolay (first published 1576). However, this interpretation overlooks an extensive corpus of manuscripts known as Ottoman costume albums, which were pictorially simple but highly popular drawings of Constantinople and its diverse inhabitants. My paper will demonstrate how these costume albums were the principal iconographic sources for Ligozzi and, moreover, how they provide an interpretative key with which to more fully understand these drawings. First, it is possible to re-date Ligozzis drawings with greater accuracy; the closest parallels are no longer Nicolays engravings of the 1570s, but instead a group of five neglected costume albums that date to between 1587 and 1590. This lends further weight to the hypothesis that Ferdinando I was the patron of this album. Second, the labels employed by Ligozzi also point to the influence of Ottoman costume albums and I will explore how he mistranslated and misidentified various figures in the process of copying from these manuscripts. Finally, my paper will conclude by considering how the Ligozzi album sheds new light upon the production, dissemination and reception of Ottoman culture and iconography in Medici Florence. In particular, I will consider what these images say of Florentine perceptions of the Orient by comparing these drawings with other contemporary European images of Ottoman Turkey. Ligozzis album attests to the exoticism and imaginative force of Turkish culture, which finds parallel with Austro-Hungarian images of Turkey (which focused upon scenes of the Ottoman military), but contrast with the mercantile-orientated images found in Venetian and English collections. Therefore, through detailed comparison it is possible to trace, with precision, the contrasting images of the Orient whether real or imaginary. Above all, Ligozzis collection of drawings indicates one of the principal means by which texts and images mediated, defined and even distorted European experiences of the Ottoman Empire in the late sixteenth century.

Sean Nelson - Kunsthistorisches Institut in Florenz, Max-Planck Institut

Answering the Call: Crusade and Ottoman Spolia in the Medici Collections
In 1570, the Medici court received an avviso containing a letter from the Ethiopian King, Prester John. In this document, the legendary Christian ruler pleaded with European princes to end the Ottoman siege of Cyprus. Beginning with the capture of Egypt, Prester John suggested that a Christian army could ultimately liberate the Holy Sepulchre. The letter mimicked a call to crusade that had been made repeatedly since the middle ages, reportedly by the very same man. Forwarded by Cosimo Bartoli to Florence, the letter was believed to be the wild imaginings of a forger. Yet, the fictional call had potential to be real; a portrait of Prester John in the guardaroba testified to his historical veracity. Moreover, his request for aid also had the potential to be answered. Ottoman spolia within the very same space displayed the success of the Grand Duchy in the Levant. Through a study of Ottoman spolia and its display in the Medici collections this paper will investigate how the Dukes fashioned themselves as knights of the church. Obtained largely by the military efforts of the Cavalieri di Santo Stefano, Ottoman flags functioned as one of the major material reminders of Medicean victory in the Levant. An inventory of flags captured from off the coast of Alexandria in 1602 offers a glimpse at the sheer amount of material in circulation after a successful incursion. The practice of collecting flags was widespread and often this type of spolia would be housed in churches. Such a history of display was common and extended to the Florentine Republic. Giovanni Villani described an Egyptian flag placed in the Baptistery, taken during the siege of Damietta in 1188. While this earlier crimson banner attested to the historical role of Florence in the very first crusades, later Ottoman flags in the guardaroba renewed this crusader image. Still, the representation of Muslim banners reached beyond the material. From the coat-of-arms of Eleonora da Toledo, to the chivalric romance Orlando Furioso, captured flags of the infidel remained a prevalent symbol of the superiority of Christianity. Within the Medici armory, captured Turkish weapons amplified this display of Christian chivalry. Turkish arms and armor often operated as diplomatic gifts to fellow Christians concerned with the Ottoman advance, such as the Electors of Saxony. However, the Dukes also displayed Turkish weaponry with complimentary objects to project the historical relevance of their efforts. By the era of the Grand Duchy, the sword of Charlemagne featured prominently in tours of the weapons collection, recorded in early modern descriptions as set in a cabinet amongst Muslim arms. The sword of the Holy Roman Emperor, paired with weapons captured from the Turks, inspired historical imagination to recall Charlemagnes role as defender of the Holy Church against the Moors. Offering evidence of their cinquecento and seicento victories over the Ottomans throughout the Levant, the Medici fashioned themselves as the new paladins of Christendom, answering Prester Johns eternal call.

Marta Caroscio, Irene Sabatini Independent Scholars

Fascinated by the Levant: Imported Ceramics and Carpets in 16th century Tuscany
Questo contributo vuole analizzare linfluenza orientale sulla cultura materiale della Firenze del XVI-XVII secolo. La relazione fra importazioni e prodotti locali deve essere considerata da due punti di vista. Da un lato, i manufatti importati come prodotti finiti e considerati generi esotici, dallaltro le produzioni locali che imitano questi modelli di riferimento. Per quanto riguarda il primo aspetto ci soffermeremo sulla presenza di oggetti provenienti dal Medio Oriente e dallarea ottomana nelle collezioni medicee, con particolare riferimento ai tappeti e alle ceramiche, senza trascurare la circolazione di questi prodotti sul territorio regionale e il conseguente impatto che ebbero sulla formazione del gusto. In riferimento alle imitazioni locali devono essere considerati sia laspetto decorativo, sia i materiali; in tal senso assume un ruolo rilevante limportazione delle materie prime. Consideriamo dei casi concreti di committenza medicea. Cosimo III, al ritorno dalla Spagna, fa edificare la chiesa di S. Lucia allAmbrogiana (Montelupo Fiorentino, 1678), dove oggi sono conservati nella sacrestia due tappeti: un Cuenca, ed uno Smirne. Anche se i documenti darchivio non evidenziano riscontri sicuri in merito, si pu presupporre un uso decorativo di questi esemplari, coevi alledificio. Se il primo, per tipologia e tecnica di lavorazione, chiaramente riconducibile alla manifattura spagnola e testimonia dunque il legame storico tra il convento e la corte madrilena, lorigine del secondo va invece rintracciata in Anatolia, e precisamente a Ushak, bench il nome faccia riferimento al porto di Smirne, da dove venivano imbarcati. Le importazioni dallarea dinfluenza ottomana non riguardano solo i tessili, ma anche altri oggetti che, sebbene di pregio, sono testimonianza della cultura materiale. Rientrano in questo ambito le ceramiche, in particolare quelle provenienti dal Medio Oriente dopo la prima fase dellespansione ottomana, ossia dal volgere del XV secolo, che porta al controllo del Mar Rosso e alla circolazione mercantile sul Golfo Persico. Da questo momento mutano i modelli di riferimento: la presenza di porcellana cinese nella Guardaroba medicea testimonia un crescente interesse orientale e laffermarsi di un nuovo gusto. Vi sono specificit funzionali degli oggetti realizzati in Estremo e Medio Oriente per il mercato locale, rispetto a quelli destinati al consumo Europeo: caratteristiche che implicano la circolazione di modelli di riferimento in entrambe le direzioni. Emblematico in tal senso il riferimento nel carteggio di Francesco I (1565), cui si deve peraltro lesperimento della porcellana medicea, di un possibile invio al Cairo di una cassa con piatti e scodelle di terra facendo richiesta che in su questa foggia vogliamo le porcellane. Si delinea cos una committenza attenta a recepire le novit del mercato, ma che non rinuncia alle esigenze funzionali e al proprio gusto. Nello stesso periodo non sono assenti importazioni di ceramiche di produzione ottomana con motivi decorativi che si radicano presto nel gusto occidentale. Partendo da questi esempi concreti intendiamo riflettere sui seguenti punti: Limpatto degli accordi politico-economici e dello svilupparsi di nuove rotte commerciali Il ruolo del collezionismo nella formazione del gusto e nel creare una domanda sul mercato La diffusione degli oggetti importati in Toscana La reinterpretazione e lassimilazione dei modelli nelle produzioni locali

Francesco Martelli (Archivio di Stato di Firenze)

Smirne, Istanbul e la corte ottomana nella seconda met del Seicento attraverso la corrispondenza degli osservatori medicei
Dopo i vivaci scambi commerciali col Levante instaurati nel Quattrocento dalla Repubblica fiorentina, la politica di forte contrasto nei confronti dellImpero ottomano, alla quale il principato mediceo si era allineato soprattutto dopo la creazione da parte del duca Cosimo I dellOrdine militare di Santo Stefano (1561), aveva nel secolo successivo ostacolato lo sviluppo di questi rapporti, pur considerati sempre di vitale importanza dalle imprese commerciali toscane. Tuttavia, nonostante la situazione di perdurante ostilit militare, gli scambi economici non vennero mai meno, ed il granduca Ferdinando II riusc anzi, nel 1668, a concludere con lImpero Ottomano, nellambito del recente trattato di pace stabilito tra la Porta e limpero asburgico, un importante accordo di commercio. Si sperava cos, attraverso una ripresa degli scambi economici col Levante, di sostenere la declinante industria e il commercio del Granducato, e di alimentare il traffico del porto di Livorno. Ostacolo ad una tale politica, sollecitata dagli operatori economici toscani, erano nel passato state le spedizioni di corsa delle galere dell Ordine di Santo Stefano, che comunque avevano fatto segnare, dopo la vendita della maggior parte delle unit della flotta alla Francia effettuata dallo stesso granduca Ferdinando II nel 1647, un drastico ridimensionamento, riducendosi di fatto ad una attivit di pattugliamento delle coste toscane contro le incursioni dei pirati barbareschi. Il trattato del 1668, che garantiva alle navi commerciali toscane di operare nei porti ottomani a condizioni favorevoli sotto la bandiera imperiale, non ebbe per sensibili risultati: il conseguente progetto di creazione di una grande compagnia di commercio tedesca a Livorno per mercanteggiare nel Levante mediterraneo presentava infatti risvolti assai delicati, perch avrebbe comportato la concessione di privilegi e franchigie lesive delluguaglianza rispetto alle altre nazioni che commerciavano nel porto franco toscano. Questo ambizioso progetto rimase di fatto interrotto con la morte del granduca Ferdinando, nel 1670. Tuttavia linteresse a coltivare pi intensi rapporti col Levante mediterraneo non venne certo meno col nuovo granduca Cosimo III: un interesse nel quale alle valenze economiche si intrecciavano strettamente la necessit di attingere informazioni dirette sulla politica e gli avvenimenti della corte ottomana, ma pi in generale la curiosit dello stesso granduca riguardo ai pi svariati aspetti della cultura, religione, societ del grande impero turco. Non bisogna dimenticare poi che verso la fine del Seicento Livorno costituiva il principale porto di smistamento del mercato della seta proveniente dal grande emporio marittimo di Smirne, dove affluiva soprattutto dalla Persia tramite carovane. Oltre ad Istanbul, grande capitale sede della corte ottomana, era proprio Smirne protagonista di un grande sviluppo in vistosa controtendenza rispetto alla generale crisi dellimpero ottomano, affascinante esempio di citt multietnica in cui alla libert di commercio si accompagnava quella religiosa il centro su cui si concentrava lattenzione toscana. Anche se i tentativi di Cosimo III dei Medici di veder qui riconosciuta, accanto alle esistenti nazioni, anche una rappresentanza consolare toscana, non furono coronati da successo, la presenza toscana nel principale porto mercantile turco assai attiva. Le navi e gli interessi commerciali della Toscana devono per presentarsi, per trovare tutela, sotto altra bandiera: inglese, francese e soprattutto olandese. Una significativa e vivace testimonianza dei rapporti tra Granducato e Levante ottomano durante il primo trentennio di governo di Cosimo III de Medici costituita da un consistente e poco esplorato nucleo documentario conservato nel grande fondo Mediceo del principato dell Archivio di Stato di Firenze. Si tratta soprattutto di corrispondenza: lettere originali provenienti da Istanbul e Smirne alle quali si intrecciano le minute di risposta, scritte in nome del Granduca da uno dei suoi principali e pi stretti funzionari, il segretario e canonico Apollonio Bassetti. Assai variegato il panorama dei

corrispondenti: dai rappresentanti ufficiali di altre nazioni (ambasciatori e consoli) ai quali era demandata in modo pi o meno ufficiale la rappresentanza degli interessi toscani, agli stessi operatori economici toscani installati sul territorio ottomano, ad inviati -come un giovane Michelangelo Tilli, spedito in missione ufficiale dallo stesso Cosimo III a Costantinopoli a curare un importante personaggio della corte ottomana, il pasci Mustaf, proprio mentre infuriava la guerra che culmin con lassedio di Vienna e la successiva sconfitta Ottomana - a viaggiatori, fino a personaggi dai profili meno inquadrabili che con le loro lettere fanno comunque affluire a Firenze notizie di pi vario genere sullimpero turco. Un esempio particolarmente significativo di queste corrispondenze sono le lettere inviate dai fratelli Giovanni e Domenico Targioni, uomini daffari toscani che avevano impiantato, col sostegno del Granduca, una casa di commercio con sede a Smirne. Queste lettere, che illustrano gli sforzi effettuati per sostenere ed affermare la propria attivit in una situazione che nel corso degli anni 80 del secolo si va facendo sempre pi difficile, ci restituiscono unimmagine diretta della vita e degli avvenimenti, anche drammatici, che si svolgono sul territorio dellImpero ottomano, com il caso del disastroso terremoto che colp Smirne nel luglio 1688.

Margherita Farina (Scuola Normale Superiore, Pisa), Sara Fani (Universit di Napoli LOrientale)

Travelling books: the Typographia Medicea and the East


The Medici Oriental Press, or better Typographia Medicea, founded in Rome in 1584, was a pioneering scientific enterprise, aiming at establishing a trade of printed books in Oriental languages, directed to Eastern territories. The book production was the nexus between several different scopes: besides Pope Gregory XIIIs attempts at establishing political relations with Persia and at reconnecting the Oriental Churches to the Roman Catholic, other interests and curiosities were at work. The funder of the enterprise, cardinal Ferdinando de Medici, saw the opportunity of a fruitful trade, due to the almost complete lack of book printing in the Oriental and Ottoman territories. The scientific and humanistic formation of the director of the Typographia G.B. Raimondi led him to assemble a variegated library of oriental texts, to be used to produce both the punches for the print and the texts of the printed editions, as well as for his own study. Therefore, some travellers and traders skilled in Oriental languages (among which the brothers Giovanni Battista and Girolamo Vecchietti) were sent to Egypt, Ethiopia, Syria, Mesopotamia and Persia, in order to gather and bring back precious copies of important Oriental works, during diplomatic missions on behalf of the Pope. Ferdinando made also an agreement with the Patriarch of Antioch Ignatius Namatallah, who lived in Rome between 1578 and his death (1587) and who supplied the Typographia Medicea with several precious manuscripts. This paper wishes to enlighten the great scientific and intellectual contribution that the enterprise gave to Western knowledge and to the comprehension of the Eastern culture, in terms of genuine curiosity and open-minded approach. Attention will be drawn on the choice of manuscripts to be acquired, focusing on some specific examples revealing the humanistic background of the projects guiding principles. In this respect the linguistic work of Raimondi and his environment are of special interest. Grammars, dictionaries, lexica and translations (often by Raimondi himself) were the key to a polyglot and multicultural universe that flourished in the late Renaissance Rome. The excellent quality of the manuscripts that were gathered during the Typographias lifetime, nowadays scattered among various European libraries, testifies the insight of the people involved. Raimondi assembled a rich collection of rare scientific texts, in the domain of mathematics and natural sciences, the fame of which was widespread in Italy. Scholars borrowed his books and consulted him on several scientific matters, involving his knowledge of the classical and Oriental wisdom.