Sei sulla pagina 1di 177

Il vangelo di Ges secondo Paramhansa Yogananda. Volume terzo. Edizioni Vidyananda.

Traduzione e disposizione del testo originale inglese a cura delle edizioni Vidyananda. La foto di copertina tratta da un acquerello originale dipinto dal fratello artista di Yogananda, Sananda Lal Ghosh, e donato personalmente all'editore nel 1977. PREFAZIONE OM Carissime anime, da pi parti ci stato chiesto di dire qualcosa su queste interpretazioni del Vangelo di Ges da parte del grande Yogi Paramhansa Yogananda. Yogananda nacque in India il 5 gennaio 1893. Fin dall'inizio la sua vita fu benedetta da santi genitori e precettori, discepoli del grande Yogavatar di Benares Lahiri Mahasaya. Infine, il suo ardente desiderio di conoscere Dio gli fece incontrare il suo Guru; Swami Sri Yukteswarji, un grande discepolo di Lahiri Mahasaya. Sotto la sua guida Yogananda raggiunse la realizzazione di Dio, e la sua sete spirituale si plac per sempre alla fonte di vita eterna dell'Infinito. Nel 1920 Yogananda and in America, in obbedienza al comando del suo Guru e del Divino Babaji Maharaj. La sua missione fu quella di far conoscere in occidente l'antica scienza spirituale dello Yoga (Kriya Yoga), e mostrare la perfetta unit esistente tra il vero insegnamento di Ges contenuto nel Vangelo e il vero insegnamento della Bhagavad Gita, la Bibbia ind. Per potere svolgere meglio la sua missione in America, Yogananda fond un, organizzazione religiosa, chiamata prima Yogoda Satsanga e quindi Self-Realization Fellowship. Dopo la met degli anni venti, stabilito il suo quartier generale a Los Angeles, Yogananda cominci la pubblicazione di una rivista spirituale che nel corso degli anni ebbe vari nomi: Inner Culture, East-West, Self-Realization. A partire dal 1932 cominciarono ad apparire regolarmente sulla rivista le interpretazioni e i commenti di Yogananda sul vangelo di Ges Cristo e la Bhagavad Gita di Sri Krishna. In ogni numero c'era un articolo sul Vangelo e uno sulla Gita. Il commento al Vangelo, apparso regolarmente per vent'anni, giunse al termine nel marzo del 1952. Per una "strana" coincidenza, l'ultimo articolo della serie - The final experience, che trattava dell'esperienza finale di Ges, dopo la crocifissione - coincise con il mahasamadhi (l'uscita finale di uno Yogi dal corpo) di Paramhansaji. La rivista era gi stampata, quando Yogananda lasci fisicamente questa terra, il 7 marzo 1952. Negli ultimi anni della sua vita, trascorsi ininterrottamente in nirvikalpa samadhi (il pi alto stato di estasi o coscienza divina), egli pass gran parte del suo tempo in ritiro (spesso nel deserto della Valle della Morte, in California), lavorando giorno e notte per completare i suoi scritti, e principalmente i commenti alla Bibbia (Genesi e Apocalisse) e alla Gita. Gli insegnamenti di Ges sono stati ricevuti e interpretati da Yogananda nello stato di Coscienza Cristica. Yogananda insegnava che la Coscienza Cristica di Ges, liberata dalla crocifissione teologica, poteva essere riportata una seconda volta nelle anime degli uomini. Questa era la vera "Seconda venuta di Cristo". E il titolo che Yogananda diede al suo commento al Vangelo, e che intitolava la serie di articoli apparsi sulla rivista, era proprio: "La seconda venuta di Cristo". Il sottotitolo era: "Passi verso la realizzazione della Coscienza che era in Cristo Ges". La citazione dei passi del Vangelo commentati era tratta dal libro: "Walks & words of Jesus" del Rev. M. N. Olmsted. Per quanto ci risulta, il commento di Yogananda al Vangelo non mai stato pubblicato in volume in nessuna lingua. A partire dal 1979 una casa editrice di Dallas, l'Amrita Foundation - che si dichiara dedicata agli scritti e agli

insegnamenti originali e non cambiati di Paramhansa Yogananda - ha cominciato a pubblicare parte dei commenti e altri scritti. Non sappiamo di altre iniziative negli ultimi anni. La nostra traduzione basata sul testo originale di Yogananda apparso a puntate sulla sua rivista dal 1932 al 1952. Per quanto riguarda la disposizione del testo, abbiamo cercato di attenerci il pi possibile alla successione cronologica degli articoli, cos come, venivano pubblicati nella rivista. Abbiamo preferito seguire di proposito una traduzione il pi letterale possibile dell'opera, a volte anche a scapito della bella forma italiana, proprio per cercare di mantenere al massimo il senso, lo stile, il tono e il linguaggio dell'originale inglese. E certo non facile tradurre Yogananda. Il suo stile molto prolisso, traboccante. Spesso usa numerosi aggettivi per definire un concetto o una parola; e sovente crea nuovi aggettivi; anche composti, che in italiano devono essere tradotti con pi parole. Ci sono frasi lunghissime, e nomi completamente inventati, bellissimi, che esprimono perfettamente il concetto che sottintendono; per esempio, alcuni di questi nomi li abbiamo tradotti con: vitatroni (lifetrons), astralfulminati (astralocuted), chiesismo (Churchianity) - il senso di queste parole sar chiaro dal contesto nel quale appaiono. Nel corso dell'opera si trovano molte ripetizioni o ricapitolazioni dovute spesso alla necessit di riprodurre in sintesi al lettore argomenti di cui aveva parlato negli articoli precedenti, apparsi magari qualche anno prima. Inoltre questo un metodo particolarmente usato dai Maestri indiani, provenienti da una cultura principalmente a trasmissione orale; la ricapitolazione serve a mettere in rilievo un particolare aspetto del discorso, o ad aiutare il lettore a capire o assorbire meglio un concetto per lui nuovo. In conclusione, il commento al Vangelo scritto da Yogananda non qualcosa da leggere, ma piuttosto una Scrittura da meditare e assorbire lentamente ogni giorno, per imparare a espandere gradualmente la nostra coscienza umana nella Coscienza Cristica. Con questo augurio, noi offriamo questi scritti di Paramhansaji alle anime che cercano sinceramente la Verit. L'EDITORE

"Perch non, v' nulla di nascosto che non debba essere rivelato, e nulla di segreto che non debba essere manifestato. Quello che vi dico nelle tenebre ditelo nella luce, e quello che vi stato detto all'orecchio predicatelo sui tetti". (Matteo 10: 26-27). "Se rimanete fedeli alla mia parola, sarete veramente miei discepoli; conoscerete la verit e la verit vi far liberi". (Giovanni 8: 31-32).

LA SECONDA VENUTA DI CRISTO "E a tutti quelli che l'hanno accolto ha dato il potere di diventare figli di Dio". (Giovanni 1: 12). Come una piccola coppa non pu contenere in s l'oceano, non importa quanto sia desiderosa di farlo, allo stesso modo la coppa della coscienza umana materiale non pu contenere l'universale Coscienza Cristica, non importa quanto la desideri. Ma quando, grazie a certi metodi di concentrazione e meditazione yoga, il devoto espande lo spazio della sua coscienza fino all'onniscienza, allora pu contenere dentro la sua la coscienza universale presente in tutti gli atomi (Coscienza Cristica). Questo e il significato di "l'hanno accolto". Perci, secondo Ges, tutte le anime che possono effettivamente realizzare la loro unit con la Coscienza Cristica, per mezzo dell'intuitiva autorealizzazione, possono essere chiamate "Figli di Dio".

Tutte le sacre Scritture, come la Bhagavad Gita (la Bibbia ind) e la Bibbia cristiana, hanno un triplice significato. In altre parole, le sacre Scritture si occupano dei tre fattori che costituiscono l'essere umano, cio, il materiale, il mentale e lo spirituale. Dunque, tutte le vere sacre Scritture sono state scritte per essere di beneficio al corpo, alla mente e all'anima dell'uomo. Le vere Scritture sacre sono come pozzi d'acqua Divina, che possono placare la triplice sete materiale, mentale e spirituale dell'uomo. Inoltre, le vere Scritture devono aiutare realmente l'uomo d'affari, l'intellettuale, e l'uomo spirituale. Sebbene sia l'interpretazione materiale che quella psicologica delle sacre Scritture siano necessarie, bisogna ricordare che gli autori delle Scritture si sottoposero a grandi sofferenze per mostrare all'uomo che l'interpretazione spirituale della massima importanza. Un uomo materialmente o intellettualmente pieno di successo pu non essere l'uomo veramente e scientificamente di successo che fa della vita un perfetto successo; mentre l'uomo spirituale il felice uomo "completo", pieno di salute di ricchezza intellettiva, sempre contento e veramente prospero, in possesso della saggezza che tutto soddisfa. Poich, con l'intuizione, gli autori spirituali cercarono per prima cosa di rendere l'uomo spirituale, io do l'interpretazione spirituale inserendo nel mezzo anche l'interpretazione psicologica e materiale. Queste interpretazioni aiuteranno ugualmente l'aspirante spirituale, l'intellettuale e l'uomo che lavora. Queste interpretazioni, ricevute e interpretate attraverso la Coscienza Cristica, rappresentano il metodo scelto dai Maestri per mostrare al mondo la comune base scientifica della percezione intuitiva, dove possono trovare unita la Bibbia cristiana, la Bhagavad Gita, e le sacre Scritture di tutte le vere religioni. Quest'interpretazione spirituale del vangelo rivela e libera la Verit nascosta nelle tenebrose caverne degli studi speculativi e teologici. Ges Cristo fu crocifisso una volta ma il suo insegnamento stato e viene crocifisso continuamente dalla gente ignorante. La comprensione e l'applicazione di questi insegnamenti, percepiti intuitivamente, cerca di mostrare come la Coscienza Cristica di Ges, liberata dalla crocifissione teologica, pu essere riportata una seconda volta nelle anime degli uomini. Queste interpretazioni spirituali delle parole di Ges Cristo nascono dall'intuizione, e verranno realizzate universalmente vere se saranno meditate con percezione intuitiva. Esse devono essere studiate coscientemente e meditate ogni giorno dai veri cristiani e da tutti i sinceri devoti di Dio. L'universale Coscienza Cristica apparve nel corpo di Ges, ed ora, attraverso specifiche tecniche di concentrazione e meditazione, e queste interpretazioni intuitive delle sacre Scritture, la Coscienza Cristica sta venendo una seconda volta per manifestarSi nella coscienza di ogni vero devoto di Dio. Ogni uomo e un Cristo potenziale, e tutti coloro che possono rendere la loro concentrazione abbastanza lunga e profonda possono ricevere Cristo nella loro coscienza.

IL BUON PASTORE D LA VITA PER LE PECORE "Allora Ges disse: 'Io sono venuto in questo mondo per giudicare, perch coloro che non vedono vedano e quelli che vedono diventino ciechi'". (Giovanni 9: 39). "Io sono la Coscienza Cristica presente nel cosmo per giudicarlo e guidarlo intelligentemente. Inoltre, la stessa Coscienza Cristica manifestata nel mio corpo per dare saggezza discriminativa a coloro che, pur spiritualmente ignoranti, tuttavia confessano la loro ignoranza di non vedere e fanno il possibile per vedere la verit La saggezza manifestata nella mia vita aiuter a risvegliare quelli che pensano di conoscere la verit, ma che di fatto sono ignoranti. Per mezzo della mia saggezza l'umile aspirante spiritualmente cieco vedr la verit, e la luce della mia saggezza riveler la cecit delle persone sagge materialmente, ma ignoranti spiritualmente, che pensano di vedere la

verit mentre non la vedono". Spiritualmente Ciechi "Alcuni dei farisei che erano con lui udirono queste parole e gli dissero: 'Forse siamo ciechi anche noi?'. Ges rispose loro: 'Se foste ciechi non avreste alcun peccato ma siccome dite: Noi vediamo, il vostro peccato rimane'". (Giovanni 9: 40-41). "Se riconosceste le vostre mentalit spiritualmente cieche, allora non avreste peccato, ma sareste da me aiutati a liberarvi dall'ignoranza; ma siccome nella vostra ignoranza dite: 'Vediamo', mentre invece non conoscete la verit, perci il peccato dell'ignoranza rimane con voi". Qui Ges sottolinea che coloro che riconoscono la loro cecit spirituale, e cercano di guarirsi con l'aiuto del giusto guru-precettore, sono sulla strada della libert dal peccato. Quelli che invece pensano di possedere la visione spirituale, ma non ce l'hanno, si troveranno impigliati nella rete del peccato o dell'ignoranza. "'In verit, in verit vi dico: chi non entra nel recinto delle pecore per la porta, ma vi sale da un'altra parte, un ladro e un brigante. Chi invece entra per la porta il pastore delle pecore. Il guardiano gli apre e le pecore ascoltano la sua voce: egli chiama le sue pecore a una a una e le conduce fuori. E quando ha condotto fuori tutte le pecore, cammina innanzi a loro, e le pecore lo seguono, perch conoscono la sua voce. Un estraneo invece non lo seguiranno, ma fuggiranno da lui, perch non conoscono la voce degli estranei'. Questa parabola disse loro Ges; ma essi non capirono che cosa significava ci che diceva loro".(Giovanni 10: 1-6). "Con la certezza della verit intuitiva che sento dentro di me, io vi dico che ogni cosiddetto maestro spirituale che non ha fatto passare la sua coscienza attraverso la porta della Coscienza Cosmica, ma che con presunzione, falsa personalit, magnetismo animale, finta spiritualit e insincera oratoria cerca di custodire l'ovile dei sinceri ricercatori spirituali un ladro metafisico, che con false immagini ruba la devozione dei ricercatori. La Devozione per Dio "Ogni falso maestro spirituale che con false apparenze storna la devozione dei suoi devoti verso di s un ladro e un brigante. Il vero guru-precettore rivolge tutta la devozione dei suoi discepoli a Dio. Il falso maestro si compiace dell'adorazione dei suoi ciechi seguaci e quindi un ladro psicologico; mentre il maestro spirituale che ha ottenuto la Coscienza Cristica il vero guru-pastore o guida dei seguaci ricercatori, ubbidienti e umili come agnelli. "A un vero guru, il Guardiano Celeste apre la porta a tutti i misteri divini. I sinceri devoti che sono in sintonia con la voce o le vibrazioni del guru, e sono coscientemente attirati a lui, ottengono successo seguendo la sua direzione fino a raggiungere il cielo della Coscienza Cosmica. Quando il maestro spirituale guida in meditazione la coscienza dei suoi devoti verso Dio, lui stesso va avanti a loro verso la Coscienza Cosmica attraverso l'estasi profonda. "Tutti i sinceri devoti che meditano col loro avanzato guru immerso nella estasi imparano gradualmente a seguire la sua coscienza fino alla dimora della Coscienza Cosmica. Stando in sintonia col loro guru avanzato, i devoti sentono intuitivamente la sua voce o le sue vibrazioni e cercano di seguirlo ed essere come lui. I veri devoti non seguiranno uno straniero o un maestro non riconosciuto da Dio. I veri devoti eviteranno e non saranno in sintonia con i cosiddetti maestri spirituali autoelettisi".

Quando Ges parla della 'porta' vuol dire che ogni maestro spirituale deve entrare per la porta della Coscienza Cristica prima di poter essere un pastore spirituale che conduce i suoi devoti a Dio. Con 'Vi sale da un'altra parte', Ges voleva dire che molti cosiddetti maestri spirituali attirano l'attenzione dei devoti con una falsa via materiale fatta di oratoria, magnetismo animale, ecc. Quando Ges dice 'Chi entra per la porta il pastore delle pecore', vuole dire che solo quei maestri che hanno ottenuto la Coscienza Cristica o la Coscienza Cosmica possono essere veri pastori spirituali o guru capaci di guidare i devoti nel regno di Dio. Quando dice 'Un estraneo non lo seguiranno', vuol dire che Dio manda ai sinceri ricercatori un maestro spirituale o guru ordinato da Lui. Segni di un Vero Maestro Con queste parole Ges vuole dire in particolare che Dio che mette insieme i veri maestri spirituali e i sinceri devoti, a differenza dei predicatori autoelettisi che raccolgono folle di seguaci col magnetismo animale, l'oratoria e altri mezzi non spirituali. Ges aveva detto prima: 'Nessuno pu venire a me se il Padre non l'attira', perci evidente che secondo lui i sinceri devoti non seguono mai dei popolari maestri spirituali che si sono autoeletti. Quando un cosiddetto maestro spirituale attira un largo seguito con il suo magnetismo personale, e non per la sua autorealizzazione, lui stesso spiritualmente cieco e conduce altri ricercatori spiritualmente ciechi nella fossa dell'ignoranza. "Allora Ges disse loro di nuovo: 'In verit, in verit vi dico: io sono la porta delle pecore. Tutti coloro che sono venuti prima di me sono ladri e briganti, ma le pecore non li hanno ascoltati. Io sono la porta: se uno entra attraverso me, sar salvo; entrer e uscir e trover pascolo. Il ladro non viene se non per rubare, uccidere e distruggere; io sono venuto perch abbiano la vita e l'abbiano in abbondanza. Io sono il buon pastore. Il buon pastore offre la vita per le pecore. Il mercenario invece, che non pastore e al quale le pecore non appartengono, vede venire il lupo, abbandona le pecore e fugge, e il lupo le rapisce e le disperde; egli un mercenario e non gli importa delle pecore. Io sono il buon pastore, conosco le mie pecore e le mie pecore conoscono me, come il Padre conosce me e io conosco il Padre; e offro la vita per le pecore. E ho altre pecore che non sono di quest'ovile; anche queste devo condurre; ascolteranno la mia voce e diventeranno un solo gregge e un solo pastore. Per questo il Padre mi ama: perch offro la mia vita, per poi riprenderla di nuovo. Nessuno me la toglie, ma la offro da me stesso, poich ho il potere di offrirla e il potere di riprenderla di nuovo. Questo comando ho ricevuto dal Padre mio'". ( Giovanni 10: 7-18). "Con la mia intuizione divina vi dichiaro che la Coscienza Cristica in me, come nelle altre grandi anime liberate, la sola porta attraverso cui tutti i devoti possono entrare nella Coscienza Cosmica. Tutti i cosiddetti maestri spirituali che cercano d'esaltare e di mettere le loro coscienze prima o davanti alla Coscienza Cristica sono ladri e briganti metafisici che prendono la devozione dei devoti per loro stessi e non per Dio. La Coscienza Cristica la 'Porta' "Tutti i grandi maestri che realizzano che la Coscienza Cristica in me la sola porta per Dio sono autentici; ma quei cosiddetti maestri spirituali che sono venuti prima di me - cio, che hanno presentato ai loro devoti la loro coscienza e personalit prima della Coscienza Cristica - sono ladri e briganti metafisici. Quei maestri che hanno esaltato la loro ego-coscienza, e non la Coscienza Cristica in loro, non hanno potuto avere le mie pecore o i sinceri devoti perch li ascoltassero. Se un devoto realizzer con la meditazione la Coscienza Cristica presente in me e in lui, sar salvato dalla sofferenza delle reincarnazioni e avr il privilegio d'andare coscientemente nella Coscienza

Cosmica, o di rinascere nuovamente nel mondo per aiutare l'umanit; e trover il pascolo della felicit eterna. "I cosiddetti maestri spirituali, che sono ladri metafisici, vengono nel mondo non per conoscere Dio o per dare la Sua coscienza agli altri, ma solo per rubare la devozione dei ricercatori della verit. Questi falsi maestri spirituali distruggono la propria saggezza e quella dei loro seguaci. "La Coscienza Cristica apparsa in questo corpo, chiamato Ges, perch le anime sincere abbiano la vita eterna e la sua abbondante saggezza e libert. La Coscienza Cristica in me il pastore di tutti i veri ricercatori e il ricettacolo di tutte le virt, capace di guidare tutti i devoti che meditano profondamente fino alla Coscienza Cosmica. Il pastore o il vero maestro spirituale trasmette la sua vita eterna agli ubbidienti e umili devoti, ed pronto a sacrificare tutto ci che necessario per loro. "Ogni cosiddetto maestro spirituale, che non un vero pastore, non sa come sintonizzare la coscienza dei suoi devoti con la Coscienza Cristica che non percepisce dentro di s. Tutti i falsi maestri sono impotenti e scappano quando vedono i loro devoti attaccati dal lupo dell'ignoranza e delle difficolt materiali e spirituali. Tutti i ciechi seguaci d'ignoranti maestri spirituali sono presi dal lupo dell'ignoranza e dispersi nella sfera delle rinascite. Il ministro mercenario che fa vita religiosa solo per mantenersi va predicando meccanicamente da un posto all'altro, non preoccupandosi di ci che succede alle anime dei suoi seguaci. Devoti di Altre Vite "La Coscienza Cristica in me il vero pastore che riconosce i sinceri ricercatori spirituali, differenti dai cercatori di curiosit; e i veri ricercatori riconoscono lo Spirito in me. La Coscienza Cosmica conosce la Coscienza Cristica in me, e la Coscienza Cristica in me conosce la Coscienza Cosmica; la Coscienza Cristica in me offre la vita eterna che in essa per tutti i veri devoti. "E ci sono altri devoti di altre incarnazioni che io conosco dal passato, ma che non appartengono all'ovile o al gruppo di discepoli di questa vita. Anche loro devo condurre al Padre Celeste, o Coscienza Cosmica, mediante la mia voce o Vibrazione Cosmica. Tutti i sinceri devoti appartengono all'unico gregge della Verit e avranno in me il solo pastore della Coscienza Cristica. "Il Padre Celeste mi ama perch servo i veri devoti con la vita eterna, sia con il corpo chiamato Ges sia dopo che quel corpo se ne andr dalla terra. Nessun essere umano pu distruggere la vita eterna della mia Coscienza Cristica o la vita nel mio corpo, a meno che io non la offra volontariamente per il bene di tutti. Il Padre Celeste mi ha dato il potere di offrire la vita del corpo chiamato Ges e anche il potere di ridargliela una volta che se ne andr da esso. Ho ricevuto questo comando e potere dal mio Padre Celeste". Quando Ges disse 'Tutti coloro che sono venuti prima di me sono ladri e briganti, ma le pecore non li hanno ascoltati', egli non voleva dire che Abramo, Mos, Elia, Budda, Giovanni Battista e tutti i grandi maestri che vennero prima di lui furono ladri e briganti, ma che tutti i falsi maestri che cercavano d'esaltare le loro coscienze umane eclissando la Coscienza Cristica in loro erano ladri o falsi profeti che rubavano la devozione dei devoti per i loro interessi. Con le parole 'Tutti coloro che sono venuti prima di me', Ges voleva indicare tutti i maestri ignoranti che manifestano le loro personalit davanti alla gente e nascondono la Coscienza Cristica. un peccato che tantissimi seguaci ortodossi del chiesismo abbiano frainteso queste parole di Ges, pensando ch'egli volesse dire che tutti i maestri che sono venuti sulla terra prima di lui sono stati ladri e briganti. Altri Grandi Maestri Vennero Prima di Ges Budda fu un grande maestro indiano del quinto secolo avanti Cristo che ebbe molti discepoli liberati. Anche Elia, che visse molto tempo prima di Ges, era

un grande profeta che ebbe veri discepoli, incluso Eliseo (che era Ges in un'incarnazione passata). Perci Ges non avrebbe mai potuto dire che tutti i profeti e i veggenti venuti prima di lui erano ladri metafisici che rubavano per loro la devozione dei sinceri ricercatori. Quando dice 'Io sono la porta', Ges non parla della sua personalit fisica, ma dell'eterna Coscienza Cristica dentro di s. E quando parla di mercenari, si riferisce a un tipo di ministro professionale pi interessato alle offerte dei suoi seguaci che alla loro reale emancipazione attraverso la meditazione. Un tale mercenario non mai interessato alla reale emancipazione delle anime dei suoi seguaci. Per distinguersi dai falsi maestri, Ges dichiar che per il potere ricevuto da Dio e grazie alla sua autorealizzazione non solo poteva prendersi cura delle anime durante la loro vita terrena, ma anche nel loro stato dopo la morte. Ecco perch disse 'Ho altre pecore che non sono di quest'ovile'. 'Questo ovile' si riferisce ai discepoli che vivevano al tempo di Ges. Quando disse 'Ho il potere di offrirla e riprenderla di nuovo', Ges voleva dire che dal comando di Dio e dalla propria autorealizzazione aveva ricevuto il potere di far crocifiggere il suo corpo e di risuscitarlo nuovamente a suo piacimento. "Sorse di nuovo dissenso tra i Giudei per queste parole. Molti di essi dicevano: 'Ha un demonio ed fuori di s; perch lo state ad ascoltare?'. Altri invece dicevano: 'Queste parole non sono di un indemoniato; pu forse un demonio aprire gli occhi ai ciechi?'. Ricorreva in quei giorni a Gerusalemme la festa della Dedicazione. Era d'inverno. Ges passeggiava nel tempio, sotto il portico di Salomone. Allora i Giudei gli si fecero intorno e gli dissero: 'Fino a quando terrai l'animo nostro sospeso? Se tu sei il Cristo, diccelo apertamente'. Ges rispose: 'Ve l'ho detto e non credete; le opere che compio nel nome del Padre mio, queste mi danno testimonianza; ma voi non credete, perch non siete mie pecore. Le mie pecore ascoltano la mia voce ed io le conosco, ed esse mi seguono. Io do loro la vita eterna e non andranno mai perdute, e nessuno le rapir dalla mia mano. Il Padre mio che me le ha date pi grande di tutti, e nessuno pu rapirle dalla mano del Padre mio. Io e il Padre mio siamo una cosa sola'". (Giovanni 10: 19-30). "Io vi dico chi sono, ma voi non di corpi e anime che ho fatto nel alla Coscienza Cristica dentro di siete devoti e svegli come i miei ascoltano la Vibrazione Cosmica e loro. La Coscienza Cristica in me seguono scrupolosamente. 'Non Andranno Mai Perdute' "Quando i miei devoti contatteranno pienamente la Coscienza Cristica in me, non faranno pi l'esperienza della morte, ma riconosceranno la vita eterna in loro. Essi non sentiranno pi d'essere morti come le anime comuni. N alcun uomo n alcun desiderio materiale riuscir a strapparli dalla mia Coscienza Cristica, una volta che vi saranno stabiliti. I veri devoti, una volta fissati nella Coscienza Cristica dalla continua meditazione profonda e dall'estasi, non dovranno reincarnarsi di nuovo senza volerlo. "Mio Padre, la Coscienza Cosmica che ha emanato la Coscienza Cristica in me sentita da tutti i profondi devoti, pi grande di tutte le cose. Una volta che raggiungono la sfera della Coscienza Cosmica, i devoti non possono essere costretti a reincarnarsi sulla terra dal potere di alcuni possibili desideri materiali delle incarnazioni passate. La Coscienza Cristica presente nel mio corpo e nella creazione vibratoria una sola cosa con e la riflessione della Coscienza Cosmica presente al di l della creazione, come la luna riflessa in un lago la stessa che splende nel cielo". Quando disse 'Voi non siete mie pecore', Ges voleva dire che i Giudei che dubitavano di lui non erano degni di ricevere la grazia divina ed essere redenti mi credete. Le miracolose opere di guarigione nome del Padre mio celeste danno testimonianza me. Eppure voi non credete in me, perch non discepoli. Con la meditazione i miei discepoli percepiscono la Coscienza Cristica dentro di in sintonia coi sinceri devoti che mi

tramite lui. Egli sottoline continuamente che nessuno pu trovare Dio se non un sincero ricercatore e non gli viene permesso da Lui d'incontrare un vero guru. Quando disse 'E nessuno le rapir dalla mia mano', Ges voleva dire che nessun uomo n alcun desiderio materiale riuscir a strappare il vero devoto dalla sua mano, o dalla Coscienza Cristica in lui.

LA RISURREZIONE DI LAZZARO 'IO SONO LA RISURREZIONE E LA VITA' "Di nuovo i Giudei presero delle pietre per lapidarlo. Ges rispose loro: 'Vi ho fatto vedere molte opere buone da parte di mio Padre; per quale di esse mi volete lapidare?'. Gli risposero i Giudei: 'Non ti lapidiamo per un'opera buona, ma per la bestemmia; e perch tu, che sei uomo, ti fai Dio'. Rispose loro Ges 'Non forse scritto nella vostra Legge: Ho detto: voi siete di? Ora, se essa chiama di coloro ai quali viene rivolta la parola di Dio (e la Scrittura non pu essere annullata) a colui che il Padre ha consacrato e mandato nel mondo, voi dite: Tu bestemmi perch ho detto: Sono Figlio di Dio? Se non compio le opere del Padre mio, non credetemi; ma se le compio, anche se non volete credere a me, credete almeno alle opere, perch sappiate e conosciate che il Padre in me e io nel Padre'. Cercarono quindi di prenderlo di nuovo, ma egli sfugg" loro di mano. And nuovamente al di l del Giordano, nel luogo dove prima battezzava Giovanni e si ferm l. Molti andarono da lui e dicevano: 'Giovanni non ha fatto alcun segno, ma tutto quello che Giovanni ha detto di costui era vero'. E in quel luogo molti credettero in lui". (Giovanni 10: 31-42). "Nei vostri libri spirituali non sta scritto esattamente ci che ho detto? Non solo io, ma tutti voi siete di? Se la Scrittura chiama tutti di perch nati dalla Vibrazione Cosmica emanata da Dio Padre, questa verit non pu essere nullificata dalla vostra incredulit. Come potete accusare di bestemmia me, che sono un'immagine perfetta di Dio e sono stato santificato e mandato da Lui come esempio spirituale per il mondo? "Perch ho affermato in verit che la Coscienza Cristica in me il Figlio o la sola riflessione di Dio Padre, voi immaginate erroneamente che sto bestemmiando. Se non manifesto le opere divine ispirate dalla Coscienza Cosmica riflessa nella mia Coscienza Cristica, allora non credetemi. Se per manifesto le opere ispirate dalla Coscienza Cosmica, anche se non credete in me, credete almeno nel Divino manifestato nelle mie opere. Credendo e concentrandovi sulle opere divine possibile che conosciate e crediate che la Coscienza Cosmica riflessa nella Coscienza Cristica dentro di me, e che la mia Coscienza Cristica il riflesso della Coscienza Cosmica". Quando qui Ges cita la sacra Scrittura (Salmo 82: 6) che dice 'Voi siete di', egli vuol dire che tutte le anime pure sono potenzialmente fatte ad immagine di Dio Padre. Diciamo che dieci persone con gli occhi aperti e novanta con gli occhi chiusi sono sdraiate sulla spiaggia sotto il sole, ma le novanta con gli occhi chiusi non vedono il sole come le dieci con gli occhi aperti. Similmente, alcune anime con gli occhi della saggezza aperti si vedono come emanazioni di Dio, mentre altre anime - pur essendo ugualmente emanazioni di Dio - non lo realizzano perch hanno gli occhi della saggezza chiusi. Per questo, anche se tutte le anime sono potenzialmente fatte ad immagine di Dio, c' differenza tra loro in conformit al grado della loro autorealizzazione. Ges, che aveva veramente realizzato la presenza di Dio dentro di s, non parlava della sua natura umana come Dio, perci poteva dire: 'Io e il Padre mio siamo una sola cosa'. Ma le persone che non hanno coscientemente realizzato Dio in loro non dovrebbero assolutamente dire 'io sono Dio', anche se potenzialmente sono di. Finch uno non realizza e percepisce la presenza di Dio dentro di s, non dovrebbe mai dire 'io sono Dio'. Ges non disse mai 'io sono Dio'; ma espresse la verit che la sua coscienza, emanata da Dio, era una sola cosa con Lui.

L'Oceano e l'Onda L'onda fatta della stessa essenza dell'oceano, ma essa non potrebbe dire 'io sono l'oceano', mentre l'oceano potrebbe dire 'io sono l'onda'. Essendo fatto ad immagine di Dio, l'uomo una Sua manifestazione. Egli non potrebbe dire 'io sono Dio', ma potrebbe dire in verit: 'Dio diventato il mio S'. Come l'oceano calmo potrebbe esistere senza onde, ma le onde non potrebbero esistere senza l'oceano, cos Dio Padre potrebbe esistere senza l'uomo e la creazione, ma questi non potrebbero esistere senza di Lui. "Era allora malato un certo Lazzaro di Betania, il villaggio di Maria e di Marta sua sorella. Maria era quella che aveva cosparso d'olio profumato il Signore e gli aveva asciugato i piedi con i suoi capelli; suo fratello Lazzaro era malato. Le sorelle mandarono dunque a dirgli: 'Signore, ecco, colui che ami malato'. All'udire questo Ges disse. 'Questa malattia non per la morte, ma per la gloria di Dio, affinch il Figlio di Dio venga glorificato' Ges voleva molto bene a Marta, a sua sorella e a Lazzaro. Quand'ebbe dunque sentito che era malato, si trattenne due giorni nel luogo dove si trovava". (Giovanni 11: 1-6). "La malattia di Lazzaro, sebbene pu portare la morte, non finir nella morte. Lazzaro morir di malattia, ma risusciter di nuovo perch il potere di Dio manifestato nel Figlio di Dio possa essere gloriosamente rivelato per dare la speranza della vita immortale all'uomo perseguitato dalla morte". In queste parole Ges dice che alcune malattie terminano nella morte, ma la malattia di Lazzaro avrebbe manifestato la gloria della risurrezione divina. Ges non voleva dire che Lazzaro era destinato a morire per permettere la manifestazione del potere divino della risurrezione, ma che grazie al potere divino egli avrebbe risuscitato Lazzaro, che (come lui aveva visto con il suo occhio profetico) stava per cadere vittima della morte. "Poi disse ai discepoli: 'Andiamo di nuovo in Giudea!'. I discepoli gli dissero 'Rabbi, poco fa i Giudei cercavano di lapidarti, e tu ci vuoi tornare?'. Ges rispose 'Non sono forse dodici le ore del giorno? Se uno cammina di giorno, non inciampa perch vede la luce di questo mondo; ma se invece cammina di notte, inciampa perch gli manca la luce'". (Giovanni 11: 7-10). "Chi cammina di giorno non inciampa. Chi cammina di notte inciampa. Se un anima cammina nella luce della saggezza, vede la grande luce che regola il cosmo e non pu fare alcun errore nel suo operato; ma l'anima ignorante che cammina nella notte dell'ignoranza inciampa e commette errori nel suo agire, perch non vede la luce guida della saggezza dentro di s". 'La Luce del Mondo' Quando Ges parla della luce del mondo, vuole indicare l'Energia Cosmica e la luce della saggezza. Dio Padre riflesso come Coscienza Cristica e Vibrazione Cosmica. La Coscienza Cristica e la luce del mondo (o l'Intelligenza che governa la creazione) sono un'unica e stessa cosa. Luce del mondo significa anche Energia Cosmica. La Vibrazione Cosmica si manifesta come Suono Cosmico ed Energia Cosmica. I devoti possono sentire il Suono Cosmico e vedere l'Energia Cosmica pervadenti tutta la creazione, e possono percepire la luce della saggezza o la Coscienza Cristica latente nella Vibrazione Cosmica manifestata come Suono Cosmico ed Energia Cosmica. "Cosi parl, e poi soggiunse: 'Il nostro amico Lazzaro s' addormentato, ma io vado a svegliarlo'. Allora i discepoli gli dissero: 'Signore, se s' addormentato, guarir'. Ges invece parlava della morte di lui, ma essi pensarono che si riferisse al riposo del sonno". (Giovanni 11:

11-13). "Il nostro amico Lazzaro s' addormentato nel sonno della morte illusoria, ma io sto andando da lui affinch la Coscienza Cristica in me gli faccia abbandonare la sua illusione". Il sonno una morte temporanea e la morte un sonno prolungato. Sia lo stato comune del sonno che lo stato della morte fanno parte dell'illusorio sogno cosmico. Come nel sogno una persona pu camminare o dormire o morire, cos gli esseri umani sotto l'influenza del sogno cosmico si vedono addormentati nel sonno della morte o svegli nello stato dopo la morte. Cristo conosceva l'universo come un sogno cosmico, perci disse: "Vedo che l'anima di Lazzaro sta sognando il sonno della morte. Io sto andando a fargli sognare che invece vivo. Avendo realizzato che il cosmo un sogno, far sognare all'anima di Lazzaro la vita invece della morte". "Allora Ges disse loro apertamente: 'Lazzaro morto, e sono contento per voi di non essere stato l, perch crediate. Ors, andiamo da lui!'. Allora Tommaso chiamato Didimo, disse ai condiscepoli: 'Andiamo anche noi a morire con lui!'. Ges dunque and e trov Lazzaro che era gi da quattro giorni nel sepolcro. Betania distava da Gerusalemme meno di due miglia e molti Giudei erano venuti da Marta e Maria, a consolarle per il loro fratello. Marta dunque, come seppe che veniva Ges, gli and incontro; Maria invece stava seduta in casa. Marta disse a Ges: 'Signore, se tu fossi stato qui, mio fratello non sarebbe morto! Ma anche ora so che qualunque cosa chiederai a Dio, egli te la conceder'. Ges le disse: 'Tuo fratello risusciter'. Gli rispose Marta: 'So che risorger nella risurrezione dell'ultimo giorno'". (Giovanni 11: 14-24). "L'anima di Lazzaro ha lasciato il suo corpo fisico e io sono contento per voi che non ero l ad impedirne la morte, perch allora non avreste potuto vedere il miracolo della risurrezione divina. Quando vedrete il miracolo della risurrezione divina di Lazzaro operato per volont di Dio, allora comprenderete la Sua gloria e potenza". Significato di Risurrezione 'Risurrezione dell'ultimo giorno' significa che dopo che le anime buone e cattive lasciano questa terra ed entrano nel mondo astrale, esse rimangono l a godersi per un p il riposo dopo la morte - una pensione dopo il duro lavoro della vita. Quindi, dopo quel periodo di riposo, ogni anima viene giudicata secondo la legge del karma o le buone e le cattive azioni fatte nelle vite passate, per essere poi risuscitata in una sfera pi alta o in una pi bassa o sul piano della terra. Risurrezione si riferisce alla transizione di un'anima da un corpo all'altro, come Elia rinacque come Giovanni Battista. Risurrezione significa anche il ritorno della vita per la seconda volta in un corpo morto, come nel caso di Lazzaro. Risurrezione anche il risveglio delle anime, dallo stato di sonno o di riposo dopo la morte, allo stato di veglia in sfere pi alte o pi basse. L'ultimo giorno non una data fissata nel tempo quando, al suono di una tromba, tutte le anime riappariranno nei loro corpi morti. Quest'idea di risurrezione assurda, perch nella Sua saggezza Dio non fa aspettare le anime per migliaia d'anni, perch risuscitino in un certo giorno che non mai arrivato. Se Gabriele suonasse la sua tromba domani, allora le anime morte e sepolte oggi risusciterebbero domani, mentre le anime seppellite venti secoli fa si sveglierebbero dopo aver atteso per venti secoli. Dopo la morte, le anime intelligenti non potrebbero rimanere a guardare per migliaia d'anni le loro ossa ridotte in polvere, aspettando il suono di una tromba. La tromba di Gabriele si riferisce al suono della Vibrazione Cosmica che odono tutte le anime che dal sonno dopo la morte risuscitano nelle sfere pi alte. L'ultimo giorno si riferisce a quel particolare momento quando ogni anima, dopo aver assaporato il sonno della morte, viene giudicata dalla legge cosmica per andare in altre sfere.

"Ges le disse: 'Io sono la risurrezione e la vita; chi crede in me, anche se morto, vivr, chiunque vive e crede in me, non morr in eterno. Credi tu questo?'. Gli rispose: 'Si, o Signore, io credo che tu sei il Cristo, il Figlio di Dio che deve venire nel mondo'. Dopo queste parole and a chiamare di nascosto Maria, sua sorella, dicendo. 'Il Maestro qui e ti chiama'. Ella, udito ci, s'alz in Fretta e and da lui. Ges non era entrato nel villaggio, ma si trovava ancora laddove Marta lo aveva incontrato. Allora i Giudei che erano in casa con lei a consolarla, quando videro Maria alzarsi in fretta e uscire, la seguirono pensando che andasse al sepolcro per piangere l. Invece Maria, quando giunse dov'era Ges, vistolo si gett ai suoi piedi dicendo: 'Signore, se tu fossi stato qui, mio fratello non sarebbe morto!'. Allora Ges quando la vide piangere, e piangere anche i Giudei che erano venuti con lei, si commosse profondamente e si turb". (Giovanni 11: 25-33). "Non essendo identificata con la vita corporea, la mia anima non limitata dalla coscienza dell'ego o dell'io-sono. L'anima identificata col corpo e le sue limitazioni la coscienza dell'ego o dell'io-sono. Ma Io (il mio Spirito) sono la risurrezione e la vita. La mia anima una sola cosa con la Coscienza Cristica e la Vita Cosmica in essa, nella quale vedo che le anime sono risuscitate in diversi modi dallo stato di sonno dopo la morte allo stato di veglia in sfere pi alte o pi basse o sul piano terreno. Non Forzato a Reincarnarsi "Quel devoto che con la meditazione impara a comunicare con la Coscienza Cristica e la Vita Cosmica, impara anche a credere nella Coscienza Cristica in me. Anche se fisicamente o spiritualmente morto, egli pu risuscitare la vita nel suo corpo morto o far risuscitare la sua anima dal sonno della morte alla sfera della Coscienza Cosmica. Ogni anima evoluta che impara a percepire permanentemente la vita eterna in me, e crede o comunica con la Coscienza Cristica in me, non sar mai forzata a reincarnarsi in un corpo fisico e assistere al cambiamento della morte che lo prende". In questo passo bisogna capire che cosa Ges vuol dire con 'Io sono'. Ogniqualvolta dice 'Io sono', Ges parla della sua anima che una sola cosa con la Coscienza Cristica; ma quando la persona comune dice 'io sono', si riferisce al proprio corpo o ai suoi possessi fisici o alle sue acquisizioni intellettuali; per esempio, un uomo pu dire 'io sono forte', o 'io sono ricco', o 'io sono specialista in letteratura o in filosofia'. Quando un uomo comune dice: 'Io sono pieno di vitalit', parla della giovane vita limitata dalla forma del suo corpo. Ma quando Ges dice 'Io sono la risurrezione', vuol dire: "Io sono la Coscienza Cristica in cui tutte le anime risorgono da uno stato di coscienza inferiore a uno stato superiore di sviluppo interiore". Quando Ges dice 'Io sono la vita', non pu essere accusato d'egotismo, poich vuol dire: "La mia vita una sola cosa con la Vita Cosmica in tutto. Per questo sento che tutte le creature viventi nascono da me e s'addormentano in me". Significato di 'Credere' Le sue parole 'Chi crede in me' non si riferiscono a quelli che credono che Ges visse fisicamente, ma a quei devoti avanzati che si sono convinti praticamente dell'espansione delle loro coscienze fino alla Coscienza Cristica in tutto. 'Anche se morto' si riferisce sia alla morte fisica che a quella spirituale. Chi in sintonia con la Coscienza Cristica pu riapparire nel suo corpo morto, se lo desidera. Una persona che temporaneamente spiritualmente morta pu riguadagnare la sua Coscienza Cristica. 'Vivr' si riferisce alla risurrezione della vita nel corpo fisico o alla risurrezione di un'anima da una sfera di coscienza pi bassa a una pi alta. 'Chiunque vive e crede in me' si riferisce a chiunque comunica permanentemente

con la Coscienza Cristica dentro di s, e quindi crede o convinto dell'immortale Coscienza Cristica ugualmente presente in lui e in Cristo. 'Non morr' si riferisce sia alla morte fisica che a quella spirituale. Tutte le anime che possono comunicare permanentemente con la Coscienza Cristica non vedranno mai la morte spirituale per ignoranza, o la morte fisica mediante le reincarnazioni forzate. Le anime che s'identificano col corpo creano dei desideri che li riporteranno continuamente sulla terra, finch non esauriranno questi desideri terreni e ritorneranno in Dio. Le anime che vincono i desideri materiali diventano pilastri nel tempio di Dio e 'non usciranno pi'. Le anime liberate non devono reincarnarsi e di conseguenza non fanno l'esperienza della morte del corpo fisico. Anche le anime che sono tutt'uno con la Coscienza Cristica non sperimenteranno mai la morte della saggezza a causa dell'ignoranza. Essendo un'avanzata discepola di Ges, Marta comprese ci che il maestro voleva dire quando disse 'Io sono la risurrezione e la vita', e cos rispose con realizzazione ed esattezza, diversamente dai comuni credenti ciechi: 'S", Signore, io credo che tu sei il Cristo, il Figlio di Dio manifesto in questo corpo chiamato Ges". "E disse: 'Dove l'avete posto?'. Gli risposero: 'Signore, vieni a vedere!'. Ges pianse. Dissero allora i Giudei: 'Guarda come lo amava!'. Ma alcuni di loro dissero: 'Costui che ha aperto gli occhi al cieco non poteva anche fare in modo che questi non morisse?'. Intanto Ges, ancora profondamente commosso, giunse al sepolcro. Era una grotta e contro vi era posta una pietra". (Giovanni 11: 34-38). La Sua Compassione Universale Quando Ges - umano e divino com'era - vide piangere Maria e i Giudei, con la sua compassione universale sent nel suo grande spirito le vibrazioni del loro dolore. Ges non pianse perch fu sopraffatto dal dolore, ma perch sent nel suo cuore tenero e divinamente sensibile il grandissimo dolore delle amate discepole, Marta e Maria, e dei loro amici. "Ges disse: 'Togliete la pietra!'. Gli rispose Marta, la sorella del morto: 'Signore, gi puzza, perch di quattro giorni'. Le disse Ges: 'Non t'ho detto che, se credi, vedrai la gloria di Dio?'". (Giovanni 11: 39-40). "Non t'ho detto - e fatto sentire le mie vibrazioni - che se sei convinta dell'onnipotente Coscienza Cristica in me, tu vedrai la potenza e la gloria della Coscienza Cosmica che si manifester presto?". 'Gloria di Dio' non significa che Egli cerca la gloria o il riconoscimento dell'uomo, ma che i devoti avanzati hanno il privilegio di contemplare la gloria o l'attiva manifestazione della potenza di Dio sulla terra. "Tolsero dunque la pietra. Ges allora alz gli occhi e disse: 'Padre, ti ringrazio d'avermi ascoltato. Io lo so che m'ascolti sempre, ma l'ho detto per la gente che mi sta intorno, perch credano che tu m'hai mandato'". (Giovanni 11: 41-42). "O Coscienza Cosmica, Ti ringrazio d'aver vibrato il Tuo potere assoluto nella Coscienza Cristica in me. Senza alcun dubbio, con certezza e intuizione io so che Tu vibri sempre il potere assoluto della Tua Coscienza Cosmica in risposta ai vibranti desideri divini della mia Intelligenza Cristica; ma l'ho detto (che mi ascolti sempre) per il bene della gente che mi sta intorno, perch sappiano che la mia Coscienza Cristica la riflessione della Tua Coscienza Cosmica ed stata manifestata in questo corpo chiamato Ges dal Tuo sommo desiderio". Quando Ges disse 'Padre, ti ringrazio d'avermi ascoltato', egli insegn all'umanit che Dio non solo Spirito, ma che chiamato con devozione risponde come un padre umano. Se l'amore del padre per il figlio la riflessione dell'amore del Padre Celeste, allora quanto pi amorevole il Padre Celeste

verso quel bambino e tutti i Suoi figli. Quando Ges disse 'Lo so che m'ascolti sempre', voleva dire che l'Intelligenza Cristica ch'egli percepiva dentro di s dirige intelligentemente per l'eternit l'opera della creazione mediante il potere ricevuto dalla Coscienza Cosmica. 'Sempre' vuol dire che la Coscienza Cristica opera per l'eternit la volont della Coscienza Cosmica nell'universo. "E detto questo, grid a gran voce: 'Lazzaro, vieni fuori!'. E il morto usc", con i piedi e le mani avvolti in bende, e il volto coperto da un sudario. Ges disse loro: 'Scioglietelo e lasciatelo andare'". (Giovanni 11: 43-44). "O anima disincarnata di Lazzaro, riappari nel corpo risanato dall'Energia Cosmica di Dio". "Mentre stava per compiersi il tempo in cui sarebbe stato tolto dal mondo, si diresse decisamente verso Gerusalemme e mand avanti dei messaggeri. Questi s'incamminarono ed entrarono in un villaggio dei Samaritani per preparare per lui. Ma quelli non vollero riceverlo, perch era diretto verso Gerusalemme. Quando videro ci, i discepoli Giacomo e Giovanni dissero: 'Signore, vuoi che diciamo che scenda un fuoco dal cielo e li Consumi?'. Ma Ges si volt e li rimprover, e disse: 'Voi non sapete di che spirito siete. Perch il Figlio dell'uomo non venuto a distruggere le anime degli uomini, ma a salvarle'. E si avviarono verso un altro villaggio". (Luca 9: 51-56). "Voi non siete consapevoli di quale natura divina siete fatti, altrimenti non avreste espresso lo spirito di vendetta, usando la forza maligna sotto l'influenza delle emozioni sataniche. Poich la Coscienza Cristica non s' manifestata nel corpo (Figlio dell'uomo) per distruggere le vite degli uomini con le forze maligne, ma per salvarli dalla morte e dall'illusione mediante il potere divino e le vie divine". Qui Ges dice ai discepoli di differenziare l'immagine di Dio e le qualit divine in loro dai mali e dalle forze sataniche che si manifestano in loro attraverso il canale dell'ignoranza. Ricordando chiaramente la sua missione divina sulla terra, Ges sottoline che doveva usare la forza divina non per operare distruzioni, ma per salvare anime. Ges realizz che se avesse usato la forza divina per scopi cattivi, sarebbe diventato uno strumento di Satana. Egli disse ai discepoli che per compiacere Dio essi dovevano manifestare con buone azioni le virt nascoste, spesso eclissate dietro pensieri satanici. Inoltre disse ai discepoli che la forza maligna non pu essere conquistata dal male, ma dalla forza buona di Dio. L'Amore Conquista la Collera un errore comune agli uomini cercare di vincere la collera con la collera, quando essa pu essere conquistata solo dall'amore. Cercare d'eliminare le persone cattive col fuoco e la spada inutile; anche se i loro corpi venissero conquistati dalla forza bruta, le loro anime rimarrebbero ugualmente pi forti nel male e nella collera. Per conquistare il male uno deve usare il potere divino dell'amore. Milioni di persone stanno facendo il male, ma non sono punite spettacolarmente da potenti forze mandate dal cielo, perch Dio vuole conquistarle solo con l'amore e la saggezza, sussurrate loro tramite la coscienza. Poich Dio ha dato all'uomo il libero arbitrio di scegliere tra bene e male, Egli non interferisce fermando le sue cattive azioni con i poteri celesti. Dio cerca d'influenzare i Suoi figli afflitti dall'errore attraverso le umili e clementi personalit dei Suoi veri santi e devoti. Le anime cristiche che comunicano con Dio hanno chiaramente affermato che chiunque aspira a conoscerLo deve comportarsi in maniera divina, e imparare a conquistare il male col bene, l'odio con l'amore, le azioni vendicative con amorevoli azioni d'aiuto, la crudelt con la gentilezza, l'ingiustizia con la giustizia, la falsit con la

verit, la gelosia con l'amore, la tentazione con la meditazione, l'agitazione con la calma, l'arroganza teologica con l'autorealizzazione. Ges disse ai discepoli che la sua missione sulla terra era d'espandere le vite umane nella Coscienza di Dio, e non di distruggerle nell'oblo della morte. "Un altro disse: 'Ti seguir, Signore, ma prima lascia che mi congedi da quelli di casa'. Ma Ges gli rispose: 'Nessuno che ha messo mano all'aratro, e poi si volge indietro, adatto per il regno di Dio'". (Luca 9: 61-62). "Ogni uomo di rinuncia che, avendo rinunciato alle limitazioni di un ambiente materiale e preparandosi ad arare la sua coscienza con disciplina e saggezza, si volge indietro all'ambiente materiale abbandonato, non degno di concentrarsi alla realizzazione del vasto regno della Coscienza Cosmica nascosto dentro". Qui Ges descrive chiaramente il rigoroso sentiero dell'uomo di rinuncia. Rinunciare a tutte le cose per ottenere la Coscienza di Dio saggio, perch nulla pu essere goduto senza la coscienza dataci da Dio. Al momento della morte ognuno costretto a lasciare tutto istantaneamente, senza preavviso. Finch Dio non viene realizzato pi saggio lasciare tutto volontariamente ed eliminare tutti i legami materiali per ottenerLo. meglio compiere tutti i doveri materiali dopo avere realizzato Dio, perch allora non potranno causare infelicit. Compiere i doveri materiali con la coscienza spiritualmente impreparata vuol dire cadere vittima di avidit, collera, egoismo, malattie, infelicit, dolore, ansie, paure e morte. Perci i santi pensano giustamente che adempiendo i doveri materiali dopo la realizzazione di Dio possono essere realmente felici sia spiritualmente che materialmente. Le sacre Scritture dell'India consigliano che i bambini dovrebbero lasciare il loro ambiente familiare materiale e vivere per parecchi anni in compagnia di grandi maestri spirituali. Dopo aver ricevuto una completa educazione spirituale, i giovani ritornano nel mondo per condurre la vita di capifamiglia; e diventano esempi spirituali ideali nella societ, in quanto guidano le loro vite materiali con la disciplina spirituale e la felicit divina. Naturalmente ci sono alcuni bambini in India che diventano rinuncianti per tutta la vita. Ges stesso fu un uomo di rinuncia, non essendosi mai sposato n identificato con una singola famiglia. Egli sapeva che suo padre era Dio e che il suo regno era in tutto lo spazio. La Bhagavad Gita dice: 'Rinuncia a tutti i doveri per pensare solo a Me', perch nessun dovere pu essere adempiuto senza i poteri intellettivi e l'energie mentali che vengono da Dio. 'Io ti liberer da tutti i peccati derivati dall'abbandono dei doveri minori, se tu cercherai sinceramente Me - che do la vita a tutti'. Altrove la Bhagavad Gita dice: 'Chiunque rinuncia esternamente alle limitazioni di un ambiente materiale e si ritira in solitudine, ma internamente continua a pensare alle gioie temporanee del mondo al quale ha rinunciato, un simulatore, indegno di comprendere l'importanza della rinuncia ai piaceri temporanei della vita per ricevere la gioia eterna dello Spirito'. Ges sapeva che la psicologia della rinuncia consiste nell'eliminare tutti i desideri materiali dalla mente, per fare di essa un tempio della Coscienza di Dio. Come la Bhagavad Gita, Ges mise in evidenza che uno stupido a rinunciare esternamente ai piaceri materiali mentre internamente pensa ad essi; tale persona non riceve il beneficio del contatto di Dio. Insieme alla rinuncia esteriore dei piaceri materiali ci dev'essere anche la loro rinuncia interiore. Quando c' questo, la mente - libera dai piaceri dei sensi e dalle abitudini materiali - comincia a stabilirsi nel regno della beatitudine in meditazione. Rinuncia Interiore psicologicamente e metafisicamente impossibile liberarsi da una cattiva abitudine con la rinuncia materiale. Le cattive abitudini se ne vanno solo quando sono respinte sia dal dominio del pensiero che da quello delle azioni. Poich il pensiero la fonte dell'azione, pensare male pu essere tanto pericoloso quanto agire male. Tutti i devoti devono capire che la rinuncia

mentale di primaria importanza per la realizzazione di Dio. meglio praticare la rinuncia interiore nel mondo piuttosto che, senza preparazione, fuggire dal mondo e andare in una foresta, e vivere l rimuginando sulle gioie terrene abbandonate. Il sentiero dello yoga - con delle tecniche spirituali - insegna a comunicare prima con Dio mentre si vive nel mondo, e non a rinunciare solo esternamente ad esso e a diventare un parassita sociale, dipendendo economicamente dai guadagni delle persone del mondo che lavorano duramente. I grandi maestri che rinunciano al mondo, e offrono un grande servizio spirituale, sono giustificati a rinunciare ai pi piccoli doveri della vita familiare per il dovere superiore reso alla pi grande famiglia umana. Molte persone che hanno paura di lottare per vivere spesso cercano di rinunciare alla vita del mondo per vivere sulle spalle altrui. Queste persone diventano fisicamente, mentalmente e spiritualmente pigre e non ottengono mai la Coscienza Divina. Solo quelli che lasciano tutto, spinti interiormente dall'amore sincero per Dio, sono giustificati nella loro rinuncia. Questi rinuncianti non Si preoccupano se patiscono la fame o muoiono per amore di Dio.

SIGNIFICATO DI SATANA E COME VINCERE LA SUA ILLUSIONE "Andate: ecco, io vi mando come agnelli in mezzo ai lupi; non portate borsa, n bisaccia, n sandali e non salutate nessuno lungo la strada. In qualunque casa entriate, dite prima: Pace a questa casa. Se vi sar un figlio della pace, la vostra pace scender su di lui, altrimenti ritorner a voi. Restate in quella casa, mangiando e bevendo di quello che hanno, perch l'operaio degno della sua mercede. Non passate di casa in casa. Quando entrerete in una citt e vi accoglieranno, mangiate quello che vi sar messo dinnanzi, curate i malati che vi si trovano e dite loro: S' avvicinato a voi il regno di Dio". (Luca 10: 3-9). "Dopo essere stati veri operai o devoti, e avere raccolto la messe della saggezza e del contatto di Dio, andate nel mondo a dividere la vostra realizzazione divina con gli altri. Nei vostri viaggi non appesantite la vostra coscienza con cose materiali come borse e vestiti. Non salutate nessuno lungo la strada, ma nella mente continuate a pensare a Dio, dando a Lui la massima attenzione. Quando entrate in una casa datele pace. Restate l accettando la loro ospitalit, mangiate quello che vi danno, guarite i malati e dite loro che il regno della beatitudine celeste molto vicino, proprio dietro la loro coscienza di veglia. Insegnate loro a entrare con la meditazione nel regno della Coscienza Cosmica e della beatitudine divina. "Chi ascolta voi ascolta me, chi disprezza voi disprezza me. E chi disprezza me disprezza Colui che mi ha mandato". (Luca 10: 16). "Ogni devoto che ascolta i vostri insegnamenti e vi segue, segue me. O discepoli, la mia Coscienza Cristica con voi attraverso la vostra devozione e meditazione, e chiunque sar in sintonia con voi sar in sintonia con la mia Coscienza Cristica. Chi odia voi odia la mia Coscienza Cristica, si ribella contro di essa e non in armonia con la Coscienza Cosmica, di cui io sono la riflessione". Qui Ges fa notare come i ricercatori della verit possono raggiungere la Coscienza Cosmica sintonizzando le loro coscienze con veri guru, che a loro volta sono stati istruiti dai loro maestri cristici. Attraverso la gerarchia e la catena dei veri guru, un ricercatore spirituale propriamente introdotto a Dio. "I settantadue tornarono pieni di gioia, dicendo: 'Signore, anche i demoni si sottomettono a noi nel tuo nome'. Egli disse: 'Vedevo Satana cadere come la folgore dal cielo. Ecco, vi ho dato il potere di camminare sopra i serpenti e gli scorpioni e sopra ogni potenza del nemico; e nulla vi potr danneggiare. Non

rallegratevi per perch i demoni si sottomettono a voi; ma rallegratevi piuttosto perch i vostri nomi sono scritti nei cieli'". (Luca 10: 17-20). "Mentre ero nella mia onnipresente Coscienza Cristica vedevo l'illusione satanica come una cosciente forza cosmica e un'energia simile alla folgore scacciata fuori dalla celeste Coscienza Cosmica. Ecco, io vi do il potere divino col quale riuscirete a conquistare i serpenti, gli scorpioni e tutti i nemici umani e i flagelli animali creati da Satana, cos che nulla potr danneggiarvi fisicamente. Ecco, con la mia Coscienza Cristica vi dar la forza di volont con la quale riuscirete a controllare l'attorcigliata forza serpentina alla base della spina dorsale che nutre i desideri sessuali e altri cattivi istinti velenosi e tormentosi come gli scorpioni. Quando conoscerete la tecnica per ritirare l'attorcigliata forza serpentina dalla base della spina dorsale alla regione celeste nel cervello, allora avrete il pieno autocontrollo sulla sregolata forza sessuale e tutti gli altri tormentosi desideri che impediscono al devoto d'ottenere la beatitudine celeste. Non esultate perch gli spiriti e le forze maligne sono sotto il vostro controllo, ma piuttosto rallegratevi del fatto positivo che le vostre anime hanno ottenuto abbastanza autorealizzazione divina d'avere accesso alla regione celeste della Coscienza Cosmica". Origine di Satana Qui Ges descrive l'origine di Satana, che all'inizio era un arcangelo o una cosciente forza celeste dotata d'energia cosmica per creare solo cose belle. A questo arcangelo di Dio fu dato il potere e la libert di creare tutto ci che voleva, secondo la volont di Dio. Quando per tutte le cose create raggiunsero la perfezione e cominciarono a ritirarsi nuovamente in Dio, l'arcangelo ebbe paura di perdere i1 suo potere creativo, se tutte le cose si fossero ritirate in Dio dopo una perfetta esistenza materiale. Perci egli si ribell contro Dio e cre cattivi modelli per annullare i buoni modelli creati secondo la volont di Dio. Da allora Satana cre il dolore, i desideri, la morte, la disarmonia e la guerra nella natura e negli uomini, perch essi fossero legati al piano terreno dall'imperfezione e non potessero ritirarsi in Dio e fondersi in Lui. Questo ci che Ges intendeva dicendo che Satana cadeva dal cielo. Con l'energia cosmica in sintonia col cielo, l'arcangelo cre perfette cose celesti; ma da quando si ribell contro Dio, l'arcangelo fu mutato in una forza decaduta dalla grazia divina e non guidata dalle vibrazioni celesti di Dio. L'Intelligente Energia Cosmica che opera in armonia con le vibrazioni della Coscienza Cosmica, o Volont di Dio, chiamata energia che opera in armonia con la Coscienza Divina. Mentre ogni energia controllata dalla cosciente forza cosmica di Satana chiamata energia satanica caduta dal cielo. Come la Coscienza Cosmica nello spazio rappresenta il cielo, cos quella sfera dello spazio dove c' la creazione e la presenza dell'imperfetta creazione rappresenta il campo della malvagia forza satanica che cerca d'operare imperfezioni in tutta la creazione. Similmente, nel corpo umano ci sono due regioni distinte: la regione celeste e quella satanica. La regione celeste nel corpo umano s'estende dal plesso dorsale e dal centro del cuore fino al plesso cerebrale. La regione satanica e il ricettacolo degli istinti pi bassi s'estendono dal cuore in gi, attraverso i plessi lombare, sacrale e coccigeo. Quando con la meditazione tutta l'energia viene concentrata dai sensi nel cervello, si dice che il devoto ha ottenuto il cielo. Per molte persone che non meditano trovano che le loro coscienze scendono in basso insieme alla folgore satanica, o forza vitale, che dalla regione celeste del cervello cade gi fino alla regione dei sensi. Evitare l'Illusione dei Sensi La forza satanica dentro ogni essere umano fa cadere continuamente la forza vitale simile alla folgore dalla regione celeste verso i sensi. Per questo i

riflettori dei sensi ci rivelano soltanto l'attrazione degli oggetti dei sensi. Questo ci che anche Ges trov nei corpi dei suoi discepoli: la forza vitale cadeva dal cervello verso il basso; ma Ges insegn loro a rivoltare la forza vitale verso il cervello con la meditazione e la forza di volont. Questo permise ai discepoli di godere della coscienza celeste nel cervello e di liberarsi dalle torturanti forze sessuali. La forza vitale ritirata nel cervello rivela la beatitudine celeste e le forze celesti, e impedisce alle sensazioni inferiori che pervadono i plessi lombare, sacrale e coccigeo di raggiungere il cervello. Per questo Ges disse ai suoi discepoli che dovevano rallegrarsi non solo perch erano liberi dai demoni o dalle cattive passioni alla base della spina dorsale, ma perch avevano il potere di ritirare l'energia dall'attorcigliato passaggio serpentino alla base della spina dorsale e potevano quindi stabilire le loro coscienze nella regione celeste nel cervello. Quando Ges disse 'I vostri nomi sono scritti nei cieli', voleva dire che con l'obbedienza e la meditazione i discepoli avevano acquisito abbastanza spiritualit da poter essere richiamati nella dimora del Padre Celeste. "In quello stesso istante Ges esult nello Spirito Santo e disse: 'Ti rendo lode Padre, Signore del cielo e della terra, che hai nascosto queste cose ai dotti e ai sapienti e le hai rivelate ai piccoli. S, Padre, perch cos a te piaciuto. Ogni cosa mi stata affidata dal Padre mio e nessuno sa chi il Figlio se non il Padre, n chi il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio lo voglia rivelare'". (Luca 10: 21-22). "Ti ringrazio, Padre Celeste - che come Coscienza Cosmica permei la regione senza vibrazioni al di l della creazione (cielo), e come Coscienza Cristica sei manifesto nella regione vibratoria (terra) - perch hai nascosto la saggezza interiore agli individui egotisticamente saggi e teoricamente prudenti, e hai rivelato il mistero della verit ai Tuoi figli semplici e innocenti, che in saggezza sono solo dei piccoli paragonati alla Tua saggezza. S", Padre Celeste, perch questo modo di rivelare Te stesso ai Tuoi figli pieni di semplicit e sincerit spirituale sembrato giusto al Tuo giudizio. "La verit e la saggezza della Coscienza Cosmica sono trasmesse alla Coscienza Cristica perch la creazione sia intelligentemente governata da essa. Nessun uomo materialista sa cos' la Coscienza Cristica (Figlio) eccetto la Coscienza Cosmica, che il Padre della Coscienza Cristica; e nessuno pu conoscere la Coscienza Cosmica se non mediante la Coscienza Cristica (Figlio). I devoti possono raggiungere la Coscienza Cosmica soltanto percependo prima la Coscienza Cristica in meditazione". L'Estasi Superiore L'uomo comune limitato dalla coscienza del corpo e dalle sue relazioni, ma con la meditazione egli elimina tutti gli attaccamenti corporei e realizza la super-beatitudine della meditazione che sta oltre il subcosciente. L'esperienza del subcosciente viene fatta durante il sonno o nello stato di sonnolenza semicosciente. Il profondo stato supercosciente contrassegnato da un'insondabile profondit di beatitudine. Quando il devoto va in estasi e diventa una sola cosa con lo stato supercosciente per molti anni, allora - con l'aiuto del suo guru e di tecniche superiori - ottiene l'estasi superiore nella quale vede una grande luce e percepisce un'infinita coscienza, in cui vede luccicare come lucciole tutti i pianeti, gli universi, i fiumi di stelle e gli oggetti che vibrano. Quando col suo occhio interiore il devoto pu vedere questo vasto spazio e vedere in esso sia il suo corpo che tutte le altre cose, allora si dice che ha ottenuto la Coscienza Cristica. In questo stato il devoto percepisce l'intero universo vibratorio e tutto ci ch' in esso come suo, cos come sente tutte le cellule e le differenti parti del proprio corpo fisico. Dopo avere ottenuto la Coscienza Cristica il devoto va oltre, al di l dello spazio vibratorio, nello stato indescrivibile della Coscienza Cosmica. L, nessun turbine di vibrazione o

mutamento pu mai disturbare la visione o la coscienza del devoto. Dopo aver ottenuto questo stato nell'estasi suprema o nirvikalpa samadhi, il devoto vede e percepisce simultaneamente sia la Coscienza Cosmica senza vibrazioni che l'oceano vibratorio con le bolle di tutti i pianeti, le nebulose, le comete, le stelle e gli universi creati. Cristo realizz questo stato, perci disse: "Il Padre (Coscienza Cosmica) conosce il Figlio (Coscienza Cristica) e il Figlio conosce il Padre". "E volgendosi ai discepoli, in disparte, disse. 'Beati gli occhi che vedono ci che voi vedete. Perch vi dico che molti profeti e re hanno desiderato vedere ci che voi vedete, ma non lo videro, e udire ci che voi udite, ma non l'udirono'". (Luca 10: 23-24). "Benedetti sono i vostri occhi fisici, perch voi siete pieni di buon karma grazie al quale potete vedere i miracoli fatti dal silente Dio tramite la mia vita. Molti profeti e potenti re desiderarono vedere le dimostrazioni divine che voi vedete, ma non riuscirono a vederle. Molti devoti hanno desiderato sentire parole di saggezza da un'anima che conosce Dio, ma non sono riusciti ad avere questo privilegio". L'Umilt di Dio Passano secoli prima che sulla terra venga un'anima divina che possa dimostrare apertamente e tuttavia sottilmente i poteri e le prove della presenza del grande Dio, che nella Sua umilt Si votato al silenzio. D'altro canto l'uomo ama credere in Dio attraverso prove definite della Sua esistenza e per mezzo dei miracoli divini. I grandi devoti sanno che Dio non soddisfa mai coi miracoli la vana curiosit dei dubitanti Tommasi. Per Dio ha operato sufficienti miracoli nella natura e ha dato all'uomo il grandissimo dono dell'intelligenza perch possa comprendere che ogni cosa, inclusa la sua mente, proviene dall'Intelligenza Divina. L'uomo deve usare l'intelligenza e il libero arbitrio datigli da Dio per amare e cercare Dio in preferenza agli oggetti da Lui creati nel cosmo. Dio ha dato all'uomo la libert di scegliere Lui e la Sua saggezza, oppure Satana e la sua illusione. Dio ha dato all'uomo, fatto a Sua immagine, il dono supremo del libero arbitrio. E se l'uomo usasse il suo libero arbitrio per scacciare Satana e cercare Dio, questo farebbe a Lui molto piacere. Per questo Ges disse a Tommaso: "Perch mi hai visto, tu hai creduto. Benedetti quelli che non hanno visto e tuttavia hanno creduto". E natura di Dio rivelarSi silenziosamente e sottilmente ai Suoi devoti. Conoscendo la volont di Dio, Ges rifiut di mostrare segni e miracoli spettacolari per provare la sua divinit e la presenza di Dio. Ges manifest i miracoli delle guarigioni, di risuscitare i morti e di camminare sulle acque ai veri credenti, rigorosamente sotto la guida e il permesso divino. Egli mise sempre in evidenza che stava facendo esattamente la volont di Dio. Per questo disse che i discepoli erano assai fortunati di poter assistere alla manifestazione dei poteri divini, che solo rarissimamente vengono manifestati apertamente, come nella vita di Ges e di pochi grandi maestri dell'India. "Un dottore della legge si alz per metterlo alla prova: 'Maestro, che devo fare per ereditare la vita eterna?'. Ges gli disse: 'Che cosa sta scritto nella Legge? Che cosa vi leggi?'. Costui rispose: 'Amerai il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore con tutta la tua anima, con tutta la tua forza e con tutta la tua mente, e il prossimo tuo come te stesso'. E Ges: 'Hai risposto bene; f questo e vivrai'". (Luca 10: 25-28). Duplice Dovere dell'Uomo "Se puoi amare Dio con l'effettiva meditazione e comunione quotidiana, e mostrare con le tue azioni che ami il tuo prossimo (il fratello divino) come ami

te stesso, allora t'innalzerai sopra la coscienza del mutamento illusorio e vedrai dappertutto lo Spirito immutabile". Una delle pi ardenti preghiere contenute in Sussurri dall'Eternit dice: "Padre Celeste, possa il Tuo amore splendere per sempre nel santuario della mia devozione e possa io riuscire a risvegliare il Tuo amore in tutti i cuori". Questa preghiera indica il supremo dovere dell'uomo: amare Dio e dare lo stesso amore ai propri fratelli. Uno dovrebbe dividere la propria realizzazione divina col suo prossimo, perch il prossimo fuori della propria famiglia e tuttavia pi vicino del mondo in genere. Di solito le persone danno tutto per istinto alle loro famiglie, ma non agli estranei. La gente non si cura del mondo, pensando che sia lontano e distante. Quando una persona vive solo per se stessa, dal punto di vista spirituale non vive affatto, perch impedisce l'espansione della propria vita. Mentre quando uno estende la propria simpatia dalla sua famiglia al prossimo e al mondo intero, espande la sua piccola vita nell'immensa vita di Dio; e questo connette la vita dell'uomo alla sua sorgente, la Vita Eterna. Molte persone vivono in una piccola pozzanghera d'egoismo, senza mai percepire l'immensa vita di Dio. Chi vive senza sapere che la sua vita proviene dalla vita eterna, non vive affatto. Le anime di coloro che conducono una vita materiale muoiono e si reincarnano, e dimenticano le loro vite passate; e quindi si pu dire che non vivono affatto. Ogni devoto che grazie alla meditazione percepisce la vita eterna dietro la sua esistenza mortale, vive per sempre - Cio cosciente della sua esistenza anche dopo la sua morte, o anche se dovesse passare ancora attraverso parecchie incarnazioni sulla terra. "Ma quegli, volendo giustificarsi, disse a Ges: 'E chi il mio prossimo?'. Ges rispose: 'Un uomo scendeva da Gerusalemme a Gerico e incapp nei briganti, che lo spogliarono, lo percossero e poi se ne andarono, lasciandolo mezzo morto. Per caso, un sacerdote scendeva per la medesima strada e quando lo vide pass oltre dall'altra parte. Anche un levita, giunto in quel luogo, lo vide e pass oltre. Invece un Samaritano, che era in viaggio, passandogli accanto lo vide e n'ebbe compassione. Gli si accost e gli fasci le ferite, versandovi olio e vino; poi, caricatolo sopra il suo giumento, lo port in una locanda e si prese cura di lui. Il giorno dopo prese due denari e li diede all'albergatore, dicendo: Abbi cura di lui e ci che spenderai in pi te lo rifonder al mio ritorno. Chi di questi tre ti sembra sia stato il prossimo di colui che s'imbatt nei briganti'. Quegli rispose: 'Chi ha avuto compassione di lui'. E Ges gli disse: 'V e anche tu f lo stesso'". (Luca 10: 29-37). Qui Ges descrive meravigliosamente il significato di prossimo e il dovere di ogni uomo verso i suoi simili. Ges realizz che nessun uomo si pu occupare di tutti i suoi doveri e anche di quelli delle persone afflitte del mondo. La vita umana breve e si pu fare solo fino a un certo punto. Anche Ges disse che era venuto principalmente per il bisogno di certe persone. Anche se Ges e i maestri programmano il loro tempo per aiutare i veri devoti, tuttavia i loro insegnamenti possono essere seguiti universalmente in tutti i tempi. Con questo esempio Ges vuol dire che anche se uno non pu occuparsi di tutte le persone sofferenti del mondo, dovrebbe per aiutare quelle persone afflitte che capitano inequivocabilmente lungo il suo sentiero. Chi il Nostro 'Prossimo'? Aiutare ogni persona che si trova vicino a voi nel vostro ambiente o in una terra straniera vuol dire amare il prossimo come se stessi. Da qualsiasi parte, chiunque entra in stretto rapporto con una persona fisicamente, mentalmente o spiritualmente, questi il prossimo. Ci sono due vie per conoscere Dio: 1) AmandoLo con la mente, il cuore e l'anima. Amare Dio 'con tutta la forza' significa staccare la vitalit o la forza vitale dai cinque sensi, liberando cos la mente dai turbamenti di Satana. Un uomo non potrebbe amare interiormente Dio e concentrarsi nello stesso tempo

su qualche piacere dei sensi. Dopo che la mente stata interiorizzata e distaccata dalle sensazioni, allora il devoto pu usare questa mente libera per amare Dio; e quindi comincer ad amarLo nel suo cuore. Quando il devoto sentir che il suo cuore saturo di Dio, allora Lo sentir nei recessi pi profondi dell'anima. E dopo aver sentito Dio nell'anima, Lo sentir ovunque. Questa la via trascendentale per conoscere Dio ritirando la mente dalla natura. 2) Mentre uno impara a percepire Dio all'interno, dovrebbe anche cercare di condividere la sua esperienza di Dio col prossimo. Dare un aiuto fisico a un vicino bene, dargli un aiuto mentale e morale meglio, ma dargli la Coscienza di Dio e la liberazione dall'ignoranza la cosa migliore. Uno dovrebbe servire il prossimo secondo questa regola.

I DEVOTI DEVONO ESSERE UNA COMBINAZIONE DI MARTA E MARIA "Mentre erano in cammino, entr in un villaggio e una donna, di nome Marta, lo accolse in casa sua. Essa aveva una sorella, chiamata Maria, che sedutasi ai piedi di Ges ascoltava la sua parola. Marta invece era tutta presa dai molti servizi; pertanto si fece avanti e disse: 'Signore, non ti curi che mia sorella mi ha lasciata sola a servire? Dille dunque che mi aiuti'. Ma Ges le rispose: 'Marta, Marta, tu ti preoccupi e ti agiti per molte cose, ma una sola la cosa di cui c' bisogno. Maria s' scelta la parte migliore, che non le sar tolta'". (Luca 10: 38-42). "Marta, tu ti curi delle cose e dei doveri materiali, sei preoccupata e la tua mente errabonda, pensando a molte cose; ma tutto ci di cui hai bisogno fare attentamente il supremo dovere spirituale verso Dio, pensando sempre a Lui mentre compi i diversi doveri materiali. Maria ha scelto la parte migliore, di pensare solo a Dio e coltivare il suo amore per Lui attraverso l'ispirazione delle mie parole e della mia saggezza. Perci il suo desiderio d'ascoltare me invece d'adempiere i distraenti doveri materiali del mondo sar esaudito". Lezione per Tutti In queste parole di Ges c' una grande lezione per tutti i ricercatori di Dio, sia che vivano in una famiglia o in un eremitaggio. Dei rinuncianti che vivono in un eremitaggio pensano che svolgere l i doveri materiali sia sufficiente per essere spirituali. Altri rinuncianti pensano di poter ottenere la Coscienza di Dio compiendo il loro dovere spirituale meditando con il grande maestro o guru a capo dell'ashram. Naturalmente il pi alto scopo di un ashram quello d'offrire un rifugio in cui cercare Dio. Dei rinuncianti talmente presi dai doveri materiali che dimenticano di meditare su Dio non hanno il diritto di vivere in un ashram. Nessuno pu negare che il solo scopo di un ashram dev'essere quello d'ottenere Dio. Se alcuni studenti vi ottengono Dio trascurando i doveri materiali, va bene; ma i doveri materiali devono essere compiuti da alcuni membri della comunit. Coloro che compiono i doveri materiali dell'ashram col pensiero di servire Dio sono sulla giusta strada e alla fine riceveranno la grazia di Dio; ma quelli che compiono i doveri materiali dell'ashram dimenticando Dio non meritano di stare l, perch non ne ricavano giovamento spirituale. Tuttavia bisogna ricordare che meglio compiere dei doveri materiali in un ambiente spirituale che in uno materiale, poich la persona assorta nei doveri materiali in un eremitaggio avrebbe l una maggiore possibilit di pensare a Dio che non se s'immergesse nei doveri materiali in un ambiente materiale. Ges ammon" Marta che pur facendo i necessari doveri familiari, tuttavia la sua mente era molto lontana da Dio mentre lavorava; e lei avrebbe dovuto pensare soltanto a una cosa - Dio - mentre compiva i suoi doveri materiali. Perci Ges sostenne l'azione di Maria: d'ascoltare le sue parole e pensare prima di tutto a Dio in preferenza a tutti gli altri doveri. Maria non voleva evitare deliberatamente i

lavori di casa, ma la sua mente era talmente assorta in Ges e in Dio che in nessun modo avrebbe potuto fare qualche altro lavoro. Per questo Ges approv la sua azione. Dovere o non dovere, se uno cerca al massimo di conoscere prima di tutto Dio, questa la pi grande virt, poich non si pu compiere alcun dovere senza trarne il potere da Dio. Compiere il supremo dovere di cercare di conoscere Dio trascurando di compiere dei doveri inferiori va bene, ma compiere dei doveri materiali in un ambiente spirituale dimenticando Dio insensato e imperdonabile. Per compiere dei doveri materiali in un ashram pensando sempre a Dio indubbiamente la suprema virt. Sia Marta che Maria In altre parole, ogni membro spirituale di un ashram deve possedere sia le qualit di Marta che quelle di Maria, per raggiungere la perfezione. L'aspirante spirituale che serve ugualmente Dio e l'uomo riceve presto l'illuminazione e la grazia divina. Marta serv" Ges e lo compiacque, ma Maria lo serv" spiritualmente ascoltando le sue parole, e con ci lo compiacque di pi. Marta si compiaceva servendo Ges, ma non assorbendo il suo spirito, mentre Maria fece il possibile per unirsi con lo spirito di Ges. Ges non volle che Maria imitasse i modi materiali di Marta, ma volle che Marta seguisse le orme di Maria; e avrebbe permesso a Maria d'aiutare la sorella nelle faccende di casa se lei le avesse fatte col solo pensiero di Dio e senza distrazioni. Chiunque vive in un ashram dev'essere in grado di svolgere alternativamente i ruoli di Marta e Maria, per raggiungere la perfezione. Ogni ricercatore della verit, sia che viva in famiglia o in un ashram, deve riuscire a esprimere la natura duale di Marta e Maria, compiendo i doveri materiali col pensiero di Dio, o facendo il dovere spirituale di meditare soltanto su Dio senza farsi distrarre dai doveri materiali, secondo le circostanze. Nessun membro di una famiglia o di un eremitaggio deve trascurare i propri doveri materiali pretendendo di meditare, come nessuno deve disturbare un altro membro spirituale quando questi realmente assorto in Dio. Significato Interiore del 'Padre Nostro' "Un giorno Ges si trovava in un luogo a pregare. Quando ebbe finito uno dei discepoli gli disse: 'Signore, insegnaci a pregare, come anche Giovanni ha insegnato ai suoi discepoli'. Ed egli disse loro: 'Quando pregate dite: Padre, sia santificato il tuo nome, venga il tuo regno; dacci ogni giorno il nostro pane quotidiano, e perdonaci i nostri peccati, perch anche noi perdoniamo ad ogni nostro debitore, e non c'indurre in tentazione'". (Luca 11: 1-4). "Quando pregate, dite dentro la vostra mente: O Fonte di tutte le nostre coscienze, Padre nostro Coscienza Cosmica, presente nella regione senza vibrazioni della beatitudine celeste, possa la Vibrazione Cosmica (il Tuo nome) emanata da Te sulla terra essere consacrata e usata per coltivare la Tua coscienza e non la coscienza materiale. Fa che la Tua assoluta e reale coscienza appaia nella coscienza umana. Fa che la Tua volont guidata dalla saggezza sia la forza guida degli uomini illusi, come la Tua volont seguita dalle anime liberate nel mondo astrale. Dacci il nostro pane quotidiano, cibo e prosperit per il corpo, efficienza e potere per la mente, saggezza e beatitudine per le nostre anime. Dacci il pane fisico, mentale e spirituale che nutra i nostri corpi, le nostre menti e le nostre anime. Come noi perdoniamo al fratello che ci debitore, perdona a noi (Tuoi figli) il peccato di non ricordare il nostro debito con Te - poich a Te dobbiamo la salute, la vita e l'anima. "Non c'indurre in tentazione, nemmeno per provare il nostro piccolo potere spirituale. Non lasciarci nella fossa della tentazione, dove cadiamo per il cattivo uso della ragione dataci da Te; ma se Tua volont metterci alla prova quando saremo pi forti, allora - Padre - rendiTi pi seducente della

tentazione, e aiutaci perch con il nostro sforzo e la Tua forza spirituale possiamo liberarci da tutti i mali fisici, mentali e spirituali che ci affliggono". Qui Ges dice che sebbene questa terra proviene dalla vibrazione divina, a causa della malvagit degli uomini essa non consacrata dal Suo nome o vibrazione. La saggezza e la beatitudine di Dio sono i soli poteri reali esistenti nella Coscienza Cosmica, e Ges prega perch questi poteri assoluti di Dio possano manifestarsi nella coscienza umana, che spesso immersa nell'illusione. Inoltre Ges prega perch come gli angeli sono guidati dalla saggia volont di Dio, cos anche le persone del mondo siano volontariamente guidate dalla saggezza di Dio. Ges prega per il triplice pane che nutre il corpo, la mente e l'anima. E dice che come noi dobbiamo perdonare i fratelli che ci sono debitori, anche se dimenticano il loro obbligo, cos Dio deve perdonare i Suoi figli, anche se questi dimenticano che devono a Lui la vita e tutto. 'Salvaci dalla Tentazione' Ges implica che Dio non potrebbe mai, come uno scolaro malizioso, indurre qualcuno nel male o in tentazione; Dio potrebbe solo permettere a Satana di saggiare i veri devoti mettendoli alla prova. Ges voleva dire: 'Dio, non lasciarci nella tentazione'. Voleva dire 'Non lasciarci' e non 'Non indurci'. Ges preg perch il Padre Celeste liberasse ogni anima dall'incantesimo di Satana e dell'illusione cosmica (male). "Poi aggiunse: 'Se uno di voi ha un amico e va da lui a mezzanotte a dirgli: Amico, prestami tre pani, perch giunto da me un amico da un viaggio e non ho nulla da mettergli davanti; e se quegli dall'interno gli risponde: Non m'importunare, la porta gi chiusa e i miei bambini sono a letto con me, non posso alzarmi per darteli; vi dico che, anche se non s'alzer a darglieli per amicizia, s'alzer a dargliene quanti gliene occorrono almeno per la sua insistenza. Ora io vi dico: Chiedete e vi sar dato, cercate e troverete, bussate e vi sar aperto. Perch chi chiede ottiene, chi cerca trova, e a chi bussa sar aperto. Quale padre tra voi, se il figlio gli chiede un pane, gli dar una pietra? o se gli chiede un pesce, gli dar invece del pesce una serpe? o se gli chiede un uovo, gli dar uno scorpione? Se voi dunque, che siete cattivi, sapete dare cose buone ai vostri figli, quanto pi il Padre vostro celeste dar lo Spirito Santo a coloro che glielo chiedono!'". (Luca 11: 5-13). "Io vi dico che se chiederete con ostinazione la verit divina a Dio, la riceverete. Se cercherete Dio con perseveranza nell'oscura foresta della meditazione, Lo troverete. Bussando continuamente con le vostre preghiere alla porta del silenzio che conduce a Dio, essa vi sar aperta e la vostra coscienza entrer nella regione celeste della beatitudine. Ogni devoto che chiede costantemente la realizzazione di Dio, ricever senza dubbio l'illuminazione divina. I Bassifondi della Materia "Ogni figliol prodigo di Dio che dalla beatitudine della meditazione fuggito nei bassifondi delle distrazioni materiali, un giorno torner a Dio passando per la porta della pace e gli sar permesso d'entrare nella propria casa di beatitudine interiore. Essendo un figlio di Dio, anche se smarrito nella foresta dei desideri materiali, il devoto che chiede con insistenza una via d'uscita trover la strada del ritorno alla dimora della beatitudine. Chi bussa continuamente alla porta di Dio con i palpiti della sua sincera devozione, sar certamente ricevuto dentro le porte aperte del Suo cuore. "La devozione pu forzare la porta del cuore di Dio, perch si apra e il devoto entri dentro. Se un figlio di Dio chiede al Padre Celeste il pane della vita

eterna, Egli non gli dar la pietra dell'ignoranza materiale. Se un devoto chiede a Dio il cibo della saggezza, Egli non gli dar il serpente dell'illusione. Se il devoto chiede a Dio la manna divina e la piena beatitudine divina, Egli non gli dar lo scorpione dell'agitazione e della sofferenza mentale. "Se anche gli illusi esseri umani sanno dare cose buone ai loro figli, quanto pi il nostro Padre Celeste - che il ricettacolo di tutte le virt - dar la conoscenza della Vibrazione Cosmica e tutti i poteri ai figli Suoi fatti a Sua immagine? Senza dubbio Dio d la suprema saggezza ai Suoi figli che Gliela chiedono; inoltre Egli Si dona al devoto che Lo desidera con ostinazione". "Mentre diceva questo, una donna alz la voce in mezzo alla folla e disse: 'Beato il ventre che ti ha portato e il seno da cui hai preso il latte!'. Ma egli disse: 'Beati piuttosto coloro che ascoltano la parola di Dio e la osservano!'". (Luca 11: 27-28). "Meglio che portare bambini divini sul piano fisico quella conoscenza mediante la quale un individuo pu ascoltare in meditazione la rivelante e onnisciente parola di Dio, il Suono Cosmico di Om (Amen), e sapere come stare continuamente in sintonia con esso e disciplinare la vita con le sue istruzioni intuitive interiori". Qui Ges, come Patanjali, parla di Dio che Si manifesta come Vibrazione Cosmica, che a sua volta si manifesta come Suono e Luce Cosmica. La prima manifestazione di Dio quando desider creare fu la Vibrazione Cosmica. Dio non ha bocca o corde vocali o polmoni o respiro, perch qualcuno possa sentirLo parlare come un essere umano. Dio Spirito presente in tutto lo spazio. Nella creazione la Sua parola o vibrazione sempre presente come Suono Cosmico. Questo Suono Cosmico lo Spirito Santo o Vibrazione Santa. Ogni vero devoto pu ascoltare il Suono Cosmico che emana dalla manifestazione vibratoria cosmica di Dio. Il Suono Cosmico contiene l'Intelligenza di Dio e suggerisce al devoto tutti i suoi desideri divini tramite delle percezioni intuitive. Il Suono Cosmico o Om Il Suono Cosmico la parola di Dio. Lo Spirito di Dio parla ai devoti attraverso il Suono Cosmico. Durante la meditazione del devoto, il Suono Cosmico o Om pu vibrare il volere divino in qualsiasi tipo di linguaggio udibile o intelligibile. Dio pu anche usare il Suono Cosmico perch vibri in lettere luminose di qualsiasi lingua, che si rivelano nella meditazione del devoto. Il linguaggio eterico in suoni o in lettere emesso dal Suono Cosmico pu essere udibile o visibile a un singolo devoto o a un gruppo di devoti, secondo il volere divino. Cos Dio d vibranti consigli al devoto attraverso il Suono Cosmico. (Vedi il giorno di Pentecoste negli 'Atti degli Apostoli'). Il Suono Cosmico la matrice di tutti i linguaggi umani e di tutti i tipi di raggi esistenti nel cosmo. Ges dice al devoto (esoterico) che egli deve sapere come ricevere la guida di Dio attraverso il Suono Cosmico che si ode in meditazione e, contattando regolarmente il Suono Cosmico, deve sapere come disciplinare tutta la sua vita. Tutti gli yogi e i grandi devoti realmente avanzati nella meditazione sanno come contattare Dio come Vibrazione Cosmica. Questi yogi sono inebriati dalla gioia sentita nel Suono Cosmico. Sotto l'influenza del Suono Cosmico o Spirito Santo, i discepoli di Cristo si sentirono inebriati come se si fossero ubriacati di vino nuovo. Ges disse che avrebbe mandato lo Spirito Santo ai suoi discepoli, dopo che sarebbe stata tolta loro l'ispirazione della sua presenza fisica. Dopo la risurrezione, quando Ges incontr i suoi discepoli tra l'altro insegn loro l'arte di contattare lo Spirito Santo, e disse: "Ricevete lo Spirito Santo". Le Sette Manifestazioni di Dio

Ogni devoto che va nel silenzio o ciecamente o con una tecnica cosciente, la prima cosa che sente quando la sua concentrazione diventa profonda il Suono Cosmico. Dio Si manifesta al devoto che medita come Suono Cosmico, Luce Cosmica, percezione della Vibrazione Cosmica, Gioia Cosmica sempre-nuova, Saggezza Cosmica, Amore Cosmico e Devozione Cosmica. Queste sono le sette manifestazioni di Dio percepite distintamente dai devoti che vanno profondamente in meditazione. Molti devoti sono confusi circa le manifestazioni di Dio e quindi non possono realizzare queste sette distinte manifestazioni. Ogni devoto che in meditazione vede Dio non come una piccola luce, ma come una Luce Cosmica, ha il contatto di Dio. Similmente, il devoto che percepisce Dio come la Gioia Cosmica sempre-nuova o una qualsiasi delle sette manifestazioni pu essere certo di stare contattando Dio. Il devoto che durante la meditazione contatta Dio come saggezza non ha bisogno di studiare libri; un vero devoto come lui riceve tutta la saggezza dalla sua intuizione. Qui Ges dice chiaramente come Dio parla ai devoti attraverso la Parola o la Vibrazione Cosmica. Inoltre egli avverte il suo uditorio che ascoltare una o due volte il Suono Cosmico non abbastanza, ma dice che bisogna osservarlo, cio osservare continuamente il Suono Cosmico nella propria coscienza e farsi guidare da esso. Parlando dello Spirito Santo come del grande Consolatore, Ges descrive Dio come Vibrazione Cosmica o Parola o Suono Cosmico o Amen. Quando parla dello Spirito Santo come del grande Consolatore, egli vuol dire che Dio Si manifesta al devoto in meditazione non solo come Vibrazione Cosmica, ma anche come la Gioia sempre-nuova che d all'uomo il supremo conforto e la libert da ogni dolore. Ges insegn la tecnica per contattare Dio per mezzo dello Spirito Santo, ma nel corso dei secoli, a causa della rigorosa segretezza, la tecnica scomparsa dal mondo cristiano. "Mentre le folle gli si accalcavano, Ges cominci a dire: 'Questa generazione una generazione malvagia; essa chiede un segno, ma non le sar dato alcun segno se non quello di Giona. Perch come Giona fu un segno per quelli di Ninive, cos anche il Figlio dell'uomo lo sar per questa generazione. La regina del sud sorger nel giudizio insieme con gli uomini di questa generazione e li condanner; perch essa venne dalle estremit della terra per ascoltare la sapienza di Salomone. Ed ecco c' qui ben pi di Salomone. Quelli di Ninive sorgeranno nel giudizio insieme con questa generazione e la condanneranno; perch essi si convertirono alla predicazione di Giona. Ed ecco, c' qui ben pi di Giona'". (Luca 11: 29-32). "La gente comune vuole un segno spettacolare o un miracolo che manifesti il potere e la presenza di Dio; ma raramente Dio permette queste dimostrazioni spettacolari della Sua presenza". Miracoli Quotidiani di Dio Con queste parole Ges vuol dire che sia nella natura che nell'uomo Dio sta operando abbastanza miracoli che danno prova di Lui. L'onnipotente Padre Celeste dotato di ogni grazia umile. Egli vuole che tutti i devoti che vogliono essere onnipotenti come Lui, e manifestare la Sua vera immagine, siano umili e non mostrino miracoli o segni solo per soddisfare la curiosit di persone incredule e superficiali. Ges fece i miracoli per aiutare la gente e per dimostrare sottilmente la presenza di Dio. Ma non us mai i miracoli per sopprimere la cattiveria dell'uomo con la costrizione o la forza bruta. Ges venne per dimostrare la superiorit della forza spirituale sulla forza bruta. Anche quando fanno i miracoli, le anime divine come Ges non li usano per sfidare la forza bruta o la malvagit dell'uomo, ma come un'utile forza benigna che esprime umilmente la potenza segreta di Dio. Perci, nessun devoto che possiede dei poteri miracolosi deve usarli per sopprimere con la forza la malvagit dell'uomo o per soddisfare la sua curiosit.

'SE IL TUO OCCHIO SINGOLO, IL TUO CORPO PIENO DI LUCE' "Nessuno accende una lucerna e la mette in luogo nascosto o sotto il moggio ma sopra il lucerniere, perch quanti entrano vedano la luce. La lucerna del tuo corpo l'occhio. Se il tuo occhio singolo, anche il tuo corpo pieno di luce; ma se malato, anche il tuo corpo nelle tenebre. Bada dunque che la luce che in te non sia tenebra! Se il tuo corpo tutto luminoso, senza alcuna parte nelle tenebre, tutto sar luminoso, come quando la lucerna ti illumina con il suo bagliore". (Luca 11: 33-36). "Nessun vero devoto ama compiere i miracoli o mostrare i suoi poteri divini per sfidare gli increduli. Tuttavia quando un devoto ha acceso la lucerna della saggezza dentro di s, non la mette in un luogo segreto della sua mente n la nasconde sotto il moggio dell'indifferenza; ma la mette sul lucerniere del vivere aperto e sincero, affinch i ricercatori della verit possano vedere e trarre profitto dalla luce della sua saggezza. "La luce che rivela Dio nel corpo l'occhio spirituale nel mezzo della fronte, visto dai devoti quando i loro occhi si chiudono in meditazione. Quando il devoto, con gli occhi semichiusi, focalizza la sua visione nel punto tra le sopracciglia, le luci dei due occhi diventano una singola luce, visibile come il singolo occhio spirituale, il telescopio divino col quale si pu visionare il regno di Dio. Quando il devoto pu percepire attraverso l'occhio spirituale, sia il suo corpo fisico che quello cosmico vengono riempiti dalla luce emanata dalla Vibrazione Cosmica. "Quando invece lo sguardo e la mente di un uomo si concentrano su cattivi moventi e azioni, la sua vita viene riempita dall'oscurit dell'ignoranza e delle abitudini che producono sofferenza. Pieno di Luce Astrale "Perci badate che la saggezza e la luce cosmica che sono in voi non rimangano nascoste dietro l'oscurit dell'ignoranza, dell'indifferenza spirituale e dell'abitudine di non meditare. Se tutto il vostro corpo sar pieno di saggezza e luce astrale, tutta l'oscurit fisica e mentale scomparir e vedrete l'intero cosmo pieno di luce, saggezza e gioia cosmica. Come d luce una lucerna che splende luminosa, cos quando la luce dell'autorealizzazione si manifester pienamente in voi, riceverete gioia indescrivibile e la guida ininterrotta della saggezza divina". "Quando fin" di parlare un fariseo lo invit a pranzo. Egli entr e si mise a tavola. Il fariseo si meravigli che non avesse fatto le abluzioni prima del pranzo. Allora il Signore gli disse: 'Voi farisei purificate l'esterno della coppa e del piatto, ma il vostro interno pieno di rapina e d'iniquit. Stolti! Colui che ha fatto l'esterno non ha fatto anche l'interno? Piuttosto date in elemosina quel che c' dentro, ed ecco che tutto per voi sar puro. Ma guai a voi, farisei, che pagate la decima della menta, della ruta e di ogni erbaggio, e poi trascurate la giustizia e l'amore di Dio. Queste cose bisognava curare senza trascurare le altre. Guai a voi, farisei, che amate i primi posti nelle sinagoghe e i saluti sulle piazze. Guai a voi! perch siete come quei sepolcri che non si vedono e la gente vi passa sopra senza saperlo'". (Luca 11: 37-44). "O ipocriti, voi siete soliti mostrare la pulizia fisica della coppa esterna della vostra vita, ma non vi curate di pulire la vostra vita interiore che piena d'avidit, di malvagit e di cattivi pensieri. Siete stolti a non sapere che Dio ha fatto sia l'esterno che l'interno della coppa della vostra vita. Dovreste mantenere pura la vostra vita esterna con le

buone azioni, e mantenere pura la vostra vita interna con i buoni pensieri e la meditazione. Il corpo, la mente e l'anima, fatti secondo l'immagine perfetta di Dio, devono essere mantenuti regolarmente perfetti, con la disciplina interna ed esterna. "Non dovete concentrarvi sulla disciplina esterna a tal punto da dimenticare di purificare la vostra vita interiore. Dopo aver purificato la vostra vita interna ed esterna con la saggezza e la meditazione, date in elemosina o dividete la vostra vita spirituale con gli altri. Allora vedrete che il cosmo intero pieno di purezza. Siate puri e rendete altri puri. Ma a causa delle vostre cattive azioni, voi ipocriti raccoglierete molte sofferenze. Infatti preferite pagare la decima al popolo con denaro e spezie, ma dimenticate d'insegnar loro la legge del karma che giudica divinamente le azioni degli uomini; dimenticate d'insegnar loro come possono purificare la loro vita interiore percependo l'amore di Dio in meditazione. Dovevate prima purificare la vostra vita interiore, senza tralasciare nello stesso tempo di purificare la vostra vita esteriore. Evitate la Lode Esteriore "Col vostro amore del riconoscimento degli uomini e non di quello di Dio, voi farisei v'attirerete molte sofferenze. Col vostro desiderio di lodi umane, mantenete la vostra vita esterna ipocritamente disciplinata, dimenticando invece di prestare attenzione alla spiritualizzazione della vostra vita interiore. Dimenticando di coltivare le gioie della vita eterna, v'attirerete molte sofferenze. Voi amate ignorantemente i primi posti nelle sinagoghe e i saluti della gente sulle piazze, che alimentando la vostra vanit accrescono la vostra ignoranza e aggravano la vostra sofferenza. "Con la vostra azione ipocrita di mostrarvi esternamente santi per farvi notare, voi attirerete molte sofferenze per l'ispessimento della vostra ignoranza. Come la superficie esterna di un sepolcro generalmente sembra bella, mentre il suo interno riempito da un orrendo cadavere, cos con la vostra maschera di santit esterna voi apparite come dei bei sepolcri, mentre il vostro interno pieno di vita in putrefazione e di saggezza corrotta. La gente vede la vostra bellezza esteriore e dimentica la vostra bruttezza interiore". "Uno dei dottori della legge intervenne: 'Maestro, dicendo questo offendi anche noi'. Egli rispose: 'Guai anche a voi, dottori della legge, che imponete agli uomini dei pesi insopportabili, mentre quei pesi voi non li toccate nemmeno con un dito! Guai a voi, che costruite i sepolcri ai profeti, mentre i vostri padri li hanno uccisi. Cos voi date testimonianza e approvazione alle opere dei vostri padri: essi li uccisero e voi costruite loro i sepolcri. Per questo la sapienza di Dio ha detto: Mander loro profeti e apostoli ed essi li uccideranno e li perseguiteranno, perch sia chiesto conto a questa generazione del sangue di tutti i profeti, versato fin dall'inizio del mondo dal sangue di Abele fino al sangue di Zaccaria, che fu ucciso tra l'altare e il santuario. Si, vi dico, ne sar chiesto conto a questa generazione! Guai a voi, dottori della legge, che avete tolto la chiave della scienza. Voi non siete entrati, e a quelli che volevano entrare l'avete impedito'. Quando usci di l, gli scribi e i farisei cominciarono a trattarlo ostilmente e a farlo parlare su molti argomenti, tendendogli insidie, per sorprenderlo in qualche parola uscita dalla sua bocca". (Luca 11: 45-54). "Secondo la legge del karma, la malvagit prodotta dallo spargimento del sangue dei profeti fin dalla fondazione del mondo vibra su questa generazione malvagia, causandole varie sofferenze. I peccati derivati dal sangue dei profeti uccisi, da Abele a Zaccaria, vibrano nell'etere e causeranno molte sofferenze a questa generazione". Vibrazioni Eteriche Un famoso ed onesto avvocato dei nostri giorni disse a un suo cliente: "Se

vuole tenersi fuori dai guai, si tenga lontano dai processi, dai tribunali e dagli avvocati, e anche da me, che sono un avvocato". Molti cattivi avvocati, per avere dei guadagni venali, hanno occultato la verit con le loro ingegnose argomentazioni e liberato criminali mandando innocenti in rovina o a morte. Molti cattivi avvocati hanno combattuto contro la verit e hanno causato sofferenza ad uomini buoni. Molte persone malvage hanno ucciso profeti e santi. I cattivi effetti (karma) derivati dai peccati degli assassini che rimangono impuniti vibrano nell'etere per generazioni, causando carestie, incendi, epidemie, pestilenze, terremoti, guerre, conflitti sanguinosi, corruzione e malvagit. Come dei germi di malattia diffusi da una trib poco igienica possono resistere e rimanere in un posto anche dopo che la trib migra altrove, cos le vibrazioni batteriche dei pensieri e delle tendenze peccaminose create in un posto dalla gente di una generazione rimangono e continuano nella prossima o nelle generazioni successive. Le diverse razze moderne dei popoli della terra sono composte delle buone e delle cattive vibrazioni di tutti i loro antenati, sin dall'inizio del mondo. Come un individuo responsabile per tutti i semi delle azioni delle sue vite passate, sottilmente accumulati nella sua mente subcosciente e nel cervello, cos ogni razza individuale responsabile delle azioni passate dei suoi padri e antenati, sottilmente accumulate nella mente subcosciente di quella razza. Ed questo che determina la differenza delle razze: gli Americani, utilitaristi; gli Ind, ricercatori spirituali; gli Inglesi, colonialisti; i Francesi, liberali; e cos via. Gli Ind amano la pace perch i loro antenati amarono la pace, e alcune nazioni occidentali vogliono combattere a causa della loro stirpe guerriera. Ogni generazione soffre o prospera pi o meno in conformit alle azioni passate dei suoi antenati. Questo era ci che Ges intendeva quando disse: 'Sar chiesto conto a questa generazione del sangue di tutti i profeti, versato fin dall'inizio del mondo'. "Nel frattempo, radunatesi migliaia di persone che si calpestavano a vicenda, Ges cominci a dire anzitutto ai discepoli: 'Guardatevi dal lievito dei farisei, che l'ipocrisia. Non c' nulla di nascosto che non sar svelato, n di segreto che non sar conosciuto. Pertanto ci che avrete detto nelle tenebre, sar udito in piena luce, e quanto avrete detto all'orecchio nelle stanze pi interne, sar annunciato sui tetti'". (Luca 12: 1-3). "Come la fermentazione rovina il latte, cos i farisei usano l'ipocrisia per fermentare e distruggere le loro menti e anime. Come il lievito opera segretamente nel pane, cos l'ipocrisia gonfia segretamente l'ego. Non importa come le persone, come i farisei, nascondano la malvagit sotto la maschera della falsa virt, nondimeno tutta la malvagit nascosta brucer come fuoco il velo che la nasconde e sar manifesta al mondo. Tutto Sar Conosciuto "Non si pu nascondere nulla che non sar conosciuto. Tutte le cose buone e cattive vengono infine risapute. Anche tutti i cattivi pensieri che gli uomini pensano e ripetono dentro di s nell'oscura segretezza e intimit delle loro menti vibrano nell'etere e sono col registrati. "Dio, che onnisciente, conosce tutte le cose buone e cattive che segretamente vanno e vengono nell'intimo delle menti umane. Per la legge della vibrazione, tutti i segreti detti o sussurrati in luoghi privati saranno pubblicamente conosciuti, un giorno o l'altro. In realt non ci sono segreti nel mondo, perch anche quando un uomo muore con certi segreti nell'anima, essi sono letti apertamente da Dio, che ha innumerevoli occhi nell'etere e nello spazio. Essendo la Mente di tutte le menti e la Vita di tutto il cosmo, Dio conosce tutto ci che nasce e muore nelle menti umane, e tutte le cose che succedono nella natura e in ogni punto dello spazio cosmico". "A voi che siete miei amici dico: Non temete coloro che uccidono il corpo e dopo non possono fare pi nulla. Vi mostrer invece chi dovete temere: Temete

colui che, dopo aver ucciso, ha il potere di gettare nella Geenna. S, ve lo dico, temete costui. Non si vendono forse cinque passeri per due soldi? Eppure nemmeno uno di essi dimenticato davanti a Dio. Anche i capelli del vostro capo sono tutti contati. Non temete, voi valete pi di molti passeri". (Luca 12: 4-7). "Amici miei (amici scelti dall'amore di mio Padre nel mio cuore e non impostimi come parenti dalla natura), io vi dico ardentemente di non temere coloro che minacciano d'uccidere il vostro corpo, perch anche se potrebbero far questo, non potrebbero uccidere o causare sofferenze alla vostra mente o all'anima. Per ammonir i cattivi, che devono imparare a rispettare e ad amare Dio, che anche dopo la morte dei corpi ha il potere di rendere le anime coscienti e far soffrire loro coscientemente tutta la malvagit accumulata in una o in molte vite. Perci imparate a temere maggiormente le vostre cattive azioni, che possono obbligare la legge divina a rendervi coscienti delle vostre cattive azioni e tendenze anche dopo la morte. Dovete temere di disobbedire alla legge divina, che dopo la morte pu rendervi consapevoli delle vostre cattive tendenze e della vostra autocreata coscienza in fiamme (inferno). Onniscienza di Dio "Essendo onnisciente e onnipresente, Dio non dimentica di curare il destino d'insignificanti passeri, n dimentica di contare quanti capelli avete sul capo. "Tutto questo universo, con tutti i suoi dettagli, stato progettato dall'intelligenza del Padre Cosmico. Quando Lo conoscerete, capirete il perch di tutte le circostanze e gli avvenimenti inesplicabili, e vi meraviglierete alla saggezza del Padre che guida tutto e cerca di sventare le azioni disarmoniche di Satana e dell'illusione cosmica. Voi che siete fatti ad immagine di Dio e valete molto pi dei passeri, non dovete temere la negligenza divina, piuttosto siate certi che Egli v'aiuter a ritrovare le tracce verso il Suo regno d'eterna beatitudine, se farete lo sforzo di conoscerLo nella meditazione profonda". Bisogna capire che sebbene il fuoco e la spada possono ferire il corpo, l'ignoranza danneggia l'anima anche dopo che questa uscita dal corpo. La concezione dell'inferno come del luogo dove le anime sono bruciate dal fuoco e dallo zolfo ridicola. Il fuoco materiale pu produrre la sensazione di bruciare solo sul corpo fisico. Nello stato dopo la morte, l'anima disincarnata e non pu sentire le sensazioni fisiche; ma pu essere consapevole delle cattive tendenze infernali acquisite durante la vita terrena. E queste cattive tendenze potrebbero manifestarsi in un autocreato inferno mentale o in torture peggiori dell'infuocato inferno fisico. Un inferno di fuoco pu torturare il corpo solo per un p, perch l'incoscienza della morte esclude tutte le sensazioni fisiche; ma l'inferno mentale della malvagit pu rimanere nell'anima indefinitamente dopo la morte, finch l'anima individuale non si pentir e pregher per avere la liberazione. Con la sua cocciutaggine e ostinazione ad essere malvagia anche nello stato dopo la morte, un'anima pu far durare quest'inferno mentale finch vuole. Questo ci che s'intende con 'fuoco eterno dell'inferno'. Anche nella vita terrena uno pu creare un inferno mentale. "Inoltre vi dico: Chiunque mi riconoscer davanti agli uomini, anche il Figlio dell'uomo lo riconoscer davanti agli angeli di Dio; ma chi mi rinnegher davanti agli uomini sar rinnegato davanti agli angeli li Dio. A chi parler contro il Figlio dell'uomo sar perdonato, ma a chi bestemmier contro lo Spirito Santo non sar perdonato. E quando vi condurranno davanti alle sinagoghe, ai magistrati e alle autorit, non preoccupatevi come discolparvi o che cosa dire; perch lo Spirito Santo vi insegner in quel momento ci che dovrete dire". (Luca 12: 8-12).

"L'intelligente Vibrazione Cosmica, la manifestazione fisica di Dio, instiller nella vostra sviluppata intuizione la necessaria saggezza specifica, nel momento in cui vi sar chiesto di dire qualcosa in difesa della verit e di voi stessi". In questi passi Ges dice ai devoti avanzati di usare la Vibrazione Cosmica e la sua saggezza, e non l'ego e le sue limitazioni, per farsi guidare nei momenti critici. Molte persone parlano, guidate soltanto dall'egoismo, dalla paura e dal limitato ego; e il risultato dei loro discorsi spesso disastroso per loro. Le anime evolute trovano pi saggio far guidare la loro intelligenza, volont e parola dalla saggezza divina dello Spirito Santo (OM). Tutti i sinceri devoti che hanno percepito il Suono Cosmico o lo Spirito Santo in meditazione, possono guidare vantaggiosamente l'intuizione e la parola secondo le direttive della saggezza infinita, in tutti i problemi della vita. "Uno della folla gli disse: 'Maestro, d" a mio fratello che divida con me l'eredit'. Ma egli rispose: 'O uomo, chi mi ha costituito giudice o mediatore sopra di voi?'". (Luca 12: 13-14). "Uomo materialista, Dio e il tuo karma devono essere i giudici per dividere l'eredit in questione". Qui Ges voleva dire d'essere principalmente interessato nelle cose spirituali, perci non voleva preoccuparsi della divisione delle propriet. "E disse loro: 'Guardatevi e tenetevi lontano da ogni cupidigia, perch la vita di un uomo non dipende dall'abbondanza dei beni che possiede'". (Luca 12: 15). E assai comune che le persone che possiedono troppi beni siano infelici, perch spendono il loro tempo a preoccuparsi dei loro possessi, e non a godere di ci che hanno. Inoltre Ges fece notare che le persone che pensano che le loro vite sono sicure grazie ai beni che possiedono si sbagliano di grosso. E illustr questo punto con la seguente parabola: "Disse poi una parabola: 'La campagna di un uomo ricco aveva dato un buon raccolto. Egli ragionava tra s: Che far, poich non ho dove riporre i miei raccolti? E disse: Far cos: demolir i miei magazzini e ne costruir di pi grandi e vi raccoglier tutto il grano e i miei beni. Poi dir a me stesso: Anima mia, hai a disposizione molti beni, per molti anni; riposati, mangia, bevi e datti alla gioia. Ma Dio gli disse: Stolto, questa notte stessa ti sar richiesta la tua vita. E quello che hai preparato di chi sar? Cos di chi accumula tesori per s, e non arricchisce davanti a Dio'". (Luca 12: 16-21). In queste parole Ges parla della falsa sicurezza che la bramosia dei possessi materiali trasmette all'anima. Molti uomini lavorano duramente nel mondo per le cose materiali e accumulano grandi somme di denaro, per poi morire quando dovrebbero goderne. Questi eventi mostrano chiaramente quant' stupido sprecare tutto il proprio tempo a far soldi per il benessere del corpo transitorio, che pu morire in qualsiasi momento. Sarebbe meglio che ognuno acquisisse le ricchezze della permanente beatitudine della meditazione quotidiana, della saggezza e delle qualit divine che si sviluppano servendo gli altri. Le ricchezze materiali guadagnate faticosamente devono essere abbandonate senza preavviso al momento della morte, mentre tutte le qualit spirituali acquisite con la meditazione, l'abnegazione e l'autodisciplina sono tesori permanenti dell'anima che l'accompagneranno per l'eternit, quando il corpo cesser d'esistere. Le ricchezze materiali producono l'ammirazione temporanea delle persone mondane, ma sono inutili al momento della morte; mentre le ricchezze spirituali guadagnate da uno possono non attirare l'ammirazione delle persone mondane, ma sono molto utili all'anima dopo la morte. Le ricchezze spirituali assicurano all'anima la libert eterna e la certezza della felicit permanente. Perci - dice Ges - gli esseri umani dovrebbero sforzarsi al massimo d'utilizzare il breve tempo prezioso della vita

per ottenere la messe dell'Immortalit e non del disinganno. Il denaro e le ricchezze non assicurano la libert dalle malattie, dalla morte, dagli incidenti o dalle sofferenze mentali, ma la beatitudine divina acquisita in meditazione d all'anima un'immutabile felicit sia nei momenti di grandi prove e tribolazioni sia al momento della morte. Nella sua vita Ges dimostr questo! Rinunci a tutti gli agi materiali e anche al benessere del corpo per diventare libero e virtuoso agli occhi di Dio.

COME COSTRUIRE UN MONDO SENZA GUERRE "Poi disse ai discepoli: 'Per questo vi dico: Non preoccupatevi per la vostra vita, di quello che mangerete; n per il vostro corpo, come lo vestirete. La vita vale pi del cibo e il corpo pi del vestito. Guardate i corvi: non seminano e non mietono, non hanno dispensa n granaio, e Dio li nutre. E quanto pi degli uccelli valete voi! Chi di voi, per quanto s'affanni, pu aggiungere un'ora sola alla sua vita? Se dunque non avete potere neanche per la pi piccola cosa, perch v'affannate per il resto? Guardate come crescono i gigli: non filano e non tessono; eppure vi dico che neanche Salomone, con tuffa la sua gloria, vestiva come uno di loro. Se dunque Dio veste cos l'erba del campo, che oggi c' e domani si getta nel forno, quanto pi voi, gente di poca fede? Non cercate perci che cosa mangerete e berrete e non state con l'animo in ansia: di tutte queste cose si preoccupa la gente del mondo; ma il Padre vostro sa che ne avete bisogno. Cercate piuttosto il regno di Dio, e queste cose vi saranno date in aggiunta'". (Luca 12: 22-31). "Perci vi dico: non preoccupatevi continuamente riguardo al cibo che mangerete o al tipo di vestito che indosserete. Sta alla vita eterna sostenere la vita umana, e non soltanto al cibo; dovete realizzare questo! Il corpo stato creato per esprimere la saggezza dell'anima, e non solo per essere abbellito coi vestiti. "Guardate i corvi: essi non complicano le loro vite con inutili desideri o brame d'illimitate ricchezze, eppure Dio li nutre, malgrado non abbiano n dispensa n granaio n denaro in banca. Anche voi - che siete pi importanti dei corvi - sarete curati da Dio, purch impariate ad avere fede assoluta che Lui la Vita della vostra vita, e che il cibo e il vestito non sono le cose che mantengono la vostra vita. "Quando con tutti i vostri sforzi e affanni non potete aggiungere un'ora sola alla vostra vita, perch dovreste preoccuparvi del corpo, che mantenuto direttamente da Dio e dall'abbondanza della natura e indirettamente dai vostri sforzi fisici e dalla capacit di guadagnare? Guardate i Gigli "Guardate come sono belli e profumati i gigli. Essi si mantengono senza un salario o un lavoro! Tuttavia Salomone, con tutta la potenza terrena che aveva acquisito e tutti i suoi vestiti regali, non sembr mai cos divino e grazioso come i gigli cresciuti da Dio. Dio ha il potere di vita e di morte su tutte le cose grandi e piccole; Egli vestir voi, che siete fatti a Sua immagine e tuttavia avete cos poca fede nei poteri immortali che sono in voi come discendenti diretti di Dio. Non sprecate tutto il vostro tempo preoccupandovi delle necessit fisiche, e non dubitate che Dio - che vi ha dato la vita e ha creato tutte le cose commestibili per sostenerla - Si ricorder di sostenere la vostra vita. "Tutte le nazioni della terra passano follemente il loro tempo andando in cerca di cibo e bevande e del benessere nazionale; per questo vanno fuori strada e si fanno prendere dall'egoismo industriale che porta alle guerre e alla distruzione. Che le nazioni della terra cerchino invece Dio, e vivano sotto la volta della fratellanza spirituale internazionale. E ai paesi fratelli che

vivranno in pace e nella coscienza divina, il Padre Celeste - che conosce i bisogni di tutti - dar una prosperit durevole, ben guadagnata con la fratellanza internazionale, la buona volont e il lavoro mondiale. Le nazioni e gli individui della terra che cercano il regno di Dio acquisendo la felicit permanente per mezzo della meditazione quotidiana, vedranno che insieme all'acquisizione dell'armonia e della permanente felicit spirituale avranno automaticamente salute, prosperit e ricchezze materiali". Con queste parole Ges d alle nazioni e agli individui della terra la migliore ricetta per la felicit nazionale e individuale. La condizione delle persone e delle nazioni moderne, pazze per il denaro, mostra chiaramente che con l'egoismo esse stanno distruggendo sia la felicit nazionale che quella individuale. Sia l'egoismo nazionale che quello individuale creano disordine e bisogno nella famiglia e nel paese. Il lavoro competitivo moderno pericoloso perch ciascuno cerca di portare via i beni degli altri. Cos, in una comunit di mille uomini d'affari, ciascuno ha 999 nemici e concorrenti. Ges disse a ciascun uomo di dividere i suoi beni con tutti. Secondo questa legge, in una comunit di mille persone ciascuno ha 999 aiutanti. Se invece di concentrarsi sugli armamenti e l'egoismo nazionale, i capi dei diversi paesi volgessero le menti dei loro seguaci verso l'acquisizione di pace, prosperit, fratellanza internazionale e la gioia della meditazione, oggi la terra diventerebbe un paradiso; e prosperit, salute e benessere materiale s'aggiungerebbero ai tesori spirituali delle nazioni. Le Complicazioni della Civilt Se le nazioni della terra non complicassero la civilt con l'egoismo industriale che porta alla sovrapproduzione, tutti avrebbero abbondantemente da mangiare e vivrebbero nella prosperit. Ma giacch l'egoismo nazionale e la prosperit materiale sono le sole mete di pressoch tutti i paesi, il mondo vive nel caos e nella confusione, che risultano in carestie e nelle inevitabili sofferenze delle guerre. Se tutte le nazioni della terra vivessero nella fratellanza e volessero compiacere Dio e Cristo, si scambierebbero alimenti e vestiti e non soffrirebbero mai il bisogno, la carestia o la povert. L'attuale sistema economico dello sfruttamento e del guadagno illecito fallito, e soltanto la fratellanza delle nazioni, degli industriali e delle industrie essenziali potrebbe dare durevole prosperit al mondo. Le persone e le nazioni che vivono in sintonia con Dio e i Suoi ideali di pace e fratellanza, vivranno in perpetua prosperit e nella felicit spirituale. Ma tutte le nazioni che credono nel potere della spada e nell'egoismo industriale e patriottico, prima o poi causeranno la rovina fisica, mentale e spirituale sia a esse stesse che alle altre nazioni. Dio - che la Provvidenza del cosmo - conosce i bisogni degli individui e delle nazioni; e se sfama i corvi, quanto pi dar ci che serve all'individuo e alla nazione che sono in sintonia con i Suoi ideali! Le attuali condizioni caotiche del mondo sono il risultato del vivere con ideali empi. Gli individui e le nazioni potranno essere protetti dalla distruzione completa se vivranno secondo gli ideali celesti della fratellanza, della cooperazione industriale e dello scambio internazionale di beni materiali ed esperienze spirituali. L'egoismo nazionale non riuscito a dare la sicurezza e la prosperit, mentre invece ha causato disastri nazionali, guerre, disoccupazione, paure, insicurezza, fame e calamit naturali (come terremoti, uragani e tempeste di sabbia - che sono i risultati indiretti delle cattive azioni accumulate dagli individui e dalle nazioni). Le Ricchezze Materiali Oggi imperativo che gli individui e le nazioni abbandonino l'egoismo industriale, per nutrire e vestire il corpo internazionale. Le nazioni della terra devono imparare ad acquistare saggezza, a meditare e a vivere in sintonia

con l'Infinito, per poter nutrire l'anima nazionale con la felicit eterna. Le nazioni ricche in prosperit, ma non in saggezza e nella gioia divina della meditazione, potrebbero perdere la loro sbilanciata prosperit materiale per mezzo di guerre civili, lotte tra capitale e lavoro, e guai con i vicini invidiosi che potrebbero invidiare la loro prosperit materiale. Capitale e lavoro dovrebbero collaborare - come le membra e il cervello - per la felicit del corpo e dell'anima della nazione, e non lottare per cadere nella distruzione reciproca. Con le suddette parole Ges non voleva dire che nessuno dovrebbe mangiare o vestirsi, o soddisfare le necessit della vita; ma intendeva dire che gli uomini non dovrebbero sprecare le loro vite pensando solo al cibo e ai vestiti, come fa la maggioranza delle persone del mondo. Anche i grandi scienziati e letterati mangiano e si vestono, ma le loro menti sono completamente assorte negli argomenti in cui si sono specializzate. Ges ammonisce la gente a non essere materialista e usare tutta la loro energia preoccupandosi di cibo e vestiti. Ges ci dice di concentrarci sulla vita eterna - che la sorgente di ogni vita e ottenere l'immortalit, mentre accidentalmente mangiamo o ci vestiamo senza preoccuparci troppo. Ges mangi e si vest", ma tutta la sua mente era concentrata su Dio. E facendo questo trov la sorgente della vita, e non perse tempo nell'acquisizione dei bisogni transitori che sostengono l'impermanente casa corporea dell'anima immortale. Similmente, le nazioni della terra potrebbero essere molto pi felici se propugnassero una vita semplice e un pensiero elevato, e concentrassero pi le loro menti sullo sviluppo spirituale, sulla poesia e sulla filosofia, e meno sullo sviluppo di lavori complicati e sulla follia da denaro che porta alla distruzione della felicit fisica. Il lavoro esiste per la felicit dell'uomo, ma l'uomo non stato fatto per il lavoro. E necessario solo quel tanto di lavoro che non interferisce con lo sviluppo spirituale dell'uomo; ma essendo competitivo, il lavoro moderno impegna tutto il tempo dell'uomo, sfibrandolo e rendendolo incapace di concentrarsi per fare la sua vita veramente e spiritualmente felice. "Non temere, piccolo gregge, perch piaciuto al Padre vostro darvi il suo regno. Vendete ci che avete e datelo in elemosina, fatevi delle borse che non si consumano un tesoro inesauribile nei cieli, dove i ladri non arrivano e la tignola non corrode. Perch dov' il vostro tesoro, l sar il vostro cuore". (Luca 12: 32-34). "Non temere, piccolo gregge di devoti, perch grazie alla vostra devozione il Padre sentir il diritto e il piacere di darvi il regno dell'Onnipresenza che v'appartiene, poich siete fatti a Sua immagine. Desiderio Solo per Dio "Poich il vostro solo desiderio quello di conoscere Dio e seguire il sentiero della rinuncia, vendete tutte le vostre propriet terrene e distribuite il denaro ricavato ai poveri e ai bisognosi. Non pensate a portare borse materiali che marciscono e si consumano con l'uso, ma portate con voi il ricettacolo imperituro dell'intuizione sviluppata con la meditazione profonda; e metteteci dentro i tesori della saggezza, della gioia sempre-nuova e della coscienza dell'Onnipresenza, che mai finiranno o vi saranno tolti. I tesori celesti acquisiti con la meditazione non potranno essere rubati dal ladro della morte o distrutti dalla tignola del tempo. Gli uomini del mondo si concentrano sull'instabilit dei piaceri materiali, ma voi fate che il vostro cuore si concentri sui piaceri duraturi della realizzazione divina che avete acquisito". Con queste parole Ges ribadisce che i figli prodighi di Dio devono ricordare l'immagine divina in loro, meritando cos l'emancipazione spirituale. Nessuno pu ottenere il regno spirituale da Dio seguendo soltanto le leggi spirituali, perch il Padre Celeste si riserva il diritto di dare la salvezza quando lo ritiene opportuno. Bisogna per ricordare che Dio ha gi fatto l'uomo a Sua

immagine, e quindi l'uomo destinato a riacquistare la sua divinit anche se ora sepolto profondamente sotto le macerie d'incarnazioni d'illusione. piaciuto molto al Padre Celeste imprimere la Sua perfetta immagine nei Suoi figli, e quando questi rinunceranno a identificarsi con la loro natura umana e tireranno fuori la loro perfetta immagine divina, allora e solo allora il Padre Celeste sar compiaciuto di riceverli nella Sua dimora d'immortalit. Nei passi suddetti Ges descrive il dovere dell'uomo d'assoluta rinuncia che vuole conoscere solamente Dio, abbandonando tutto il resto. Per questo Ges dice che tutti i rinuncianti che possiedono dei beni dovrebbero venderli e dare il ricavato in elemosine, e concentrarsi solo ad acquisire la borsa dell'intuizione: piena dei tesori celesti delle imperiture qualit divine. "'Siate pronti, con la cintura ai fianchi e le lucerne accese; siate simili a coloro che aspettano il padrone quando torna dalle nozze, per aprirgli subito, appena arriva e bussa. Beati quei servi che il padrone al suo ritorno trover ancora svegli; in verit vi dico, si cinger le sue vesti, li far mettere a tavola e passer a servirli. E se giungendo nel mezzo della notte o prima dell'alba, l" trover cos, beati loro! Sappiate bene questo: se il padrone di casa sapesse a che ora viene il ladro, non si lascerebbe scassinare la casa. Anche voi tenetevi pronti, perch non sapete a che ora verr il Figlio dell'uomo'. Allora Pietro disse. 'Signore, questa parabola la dici per noi o per tutti?'. Il Signore rispose: 'Qual dunque l'amministratore fedele e saggio, che il Signore porr a capo della sua servit, per distribuire a tempo debito la razione di cibo? Beato quel servo che il padrone, arrivando, trover al suo lavoro. In verit vi dico, lo metter a capo di tutti i suoi averi. Ma se quel servo dicesse in cuor suo: Il padrone tarda a venire, e cominciasse a percuotere i servi e le serve, a mangiare, a bere e a ubriacarsi, il padrone di quel servo arriver nel giorno in cui meno se l'aspetta e in un'ora che non sa, e lo punir con rigore assegnandogli il posto tra gli infedeli. Il servo che, conoscendo la volont del padrone, non avr disposto o agito secondo la sua volont, ricever molte percosse; quello invece che, non conoscendola, avr fatto cose meritevoli di percosse, ne ricever poche. A chiunque fu dato molto, molto sar chiesto: a chi fu affidato molto, sar richiesto molto di pi'". (Luca 12: 35-48). "Mantenete la vostra volont spirituale pronta e concentrata dentro, contemplando le diverse luci o stelle che si trovano nel midollo spinale lungo il quale potete condurre la vostra coscienza dal corpo finito all'infinito, facendo passare tramite loro la vostra coscienza e forza vitale nello Spirito. Dovete essere come veri devoti e aspettare che la divina Coscienza Cosmica si manifesti nella vostra casa corporea, quando ritorna dalla sua unione di nozze con la natura e si manifesta chiaramente nella coscienza del devoto senza la copertura segreta delle manifestazioni esterne. Coscienza Cosmica "Quando la Coscienza Cosmica arriva e bussa alle porte dell'intuizione del devoto, dev'essere ricevuta con devozione. Quei servi e devoti di Dio saranno benedetti con l'emancipazione eterna, quando la Coscienza Cosmica arriver nelle loro coscienze e le trover piene di saggezza e pronte a ricevere Dio e a bandire l'ignoranza. In verit vi dico con la verit che sento dentro di me, Dio andr dal sincero devoto e lo servir col cibo della vera saggezza e della comunione divina. E quando Dio verr una, due o tre volte nella vigile coscienza dei devoti, essi saranno benedetti con la libert spirituale per aver superato tutte le prove della comunione divina. Beato quel devoto che tiene la sua casa fisica e mentale ben guardata dalla saggezza, cos che il ladro dell'ignoranza non pu entrare bruscamente e aprire un varco nella sua coscienza per rubare le sue qualit spirituali. Come un ladro entra all'improvviso e furtivamente in una casa, allo stesso modo ricordate che la Coscienza Cristica si presenta al devoto improvvisamente e di soppiatto, per vedere se questi pronto a riceverla.

Rinviare Pericoloso "Il vero devoto sempre pronto a ricevere la Coscienza Cristica in qualsiasi momento venga, ma il devoto irregolarmente saggio spesso non riesce ad afferrare la manifestazione della Coscienza Cristica. Quel servo che continuamente fedele e costantemente saggio e pronto il Signore Dio lo porr a capo della sua casa fisica e mentale, e gli dar abbastanza cibo o saggezza per controllare tutti i servi dei sensi. Quando la Coscienza Cristica visiter improvvisamente il devoto e lo trover pieno di saggezza, allora quel devoto avr veramente il pieno controllo di se stesso, grazie al contatto permanente della Coscienza Cristica. "Ma il devoto incurante ed eccentrico che pensa di non meditare tutti i giorni perch la manifestazione della Coscienza Divina ritarda, e quindi comincia a maltrattare i servi dei sensi e ad insultare e abusare delle serve dei suoi sentimenti elevati, e a godere degli oggetti dei sensi e ad ubriacarsi d'illusioni, vedr che la Coscienza Cristica si manifester coscientemente in lui un giorno in cui non la star cercando, in un momento in cui non sar spiritualmente pronto. E trovandolo spiritualmente negligente, la Coscienza Cristica si staccher e s'allontaner dalla coscienza del devoto incurante. "Per la sua devozione, questo devoto negligente riceve un contatto temporaneo di Dio, ma per la sua negligenza Lo perde di nuovo e viene classificato con gli infedeli che non hanno mai avuto il contatto di Dio. Quel devoto che percep" intuitivamente la volont di Dio, ma non si prepar ad affrontare le prove divine o ad ubbidire alla volont divina, si ritrover nei guai e nel dolore acuto per aver perso Dio dopo averLo trovato. Mentre il devoto che trascura inconsciamente la venuta di Dio non soffrir tanto. Molta vigilanza ed equilibrio spirituale sono richiesti dai devoti dotati di saggezza, cosi come gli uomini s'aspettano molto dai capi sociali degni di fiducia". Qui Ges parla dei devoti avanzati, che non dovrebbero mai concentrarsi sul corpo, ma sulla coscienza divina e sui sette ricettacoli d'energia nella spina dorsale, affinch l'ignoranza non l'invada mai ed essi siano sempre pronti a ricevere la manifestazione di Dio che si nasconde dietro la Sua sposa: la natura. Il ritorno del Signore dalle nozze significa che Dio nascosto e impegnato nella natura; ma bandendo tutte le illusioni delle manifestazioni naturali Egli Si rivela al vero devoto come Luce e Coscienza Cosmica. Dio pu venire, attirato dalla devozione dell'incurante devoto, ma andr via perch questi negligente e indulge nel godimento dei sensi. Quei devoti che sanno coscientemente che Dio potrebbe manifestarSi in loro e tuttavia rifiutano di rinunciare al piacere dei sensi, vedranno l'improvvisa manifestazione di Dio in loro e la Sua improvvisa partenza. E quindi conosceranno l'acutezza della sofferenza mentale per aver trovato Dio, il Salvatore dell'universo, e averLo perso improvvisamente subito dopo. Il motivo per cui Dio visita il devoto che Egli risponde sempre alla sua devozione, ma se capita che il devoto conduce una vita poco spirituale Egli s'allontana dopo esserSi manifestato fugacemente a lui. Mentre l'allontanarsi di Dio da questi devoti incuranti sembra procurar loro molta sofferenza, tuttavia essi dovrebbero essere incoraggiati a cercarLo permanentemente. Molti credono che il contatto di Dio sia impossibile, ma l'incurante devoto sa diversamente, anche se solo per un attimo. Pur nella sofferenza, egli realizza che abbandonando le sue incuranti abitudini materiali riuscir a conoscere Dio permanentemente. Quindi Ges parl della terza classe di devoti, quelli che seguono le regole spirituali meccanicamente. Se per caso contattassero Dio un attimo in meditazione, essi non soffrirebbero molto per averLo perso, proprio per la mancanza di profondit nel loro sentimento spirituale. Dio non prende i devoti a frustate, ma essi sentono le fitte della sofferenza per il fatto di perderLo subito dopo averLo trovato. Quando la devozione del devoto matura, Dio si manifesta a lui, anche se allora egli potrebbe non cercare le manifestazioni divine. Ma per contattare Dio permanentemente, il devoto deve mantenere la sua coscienza divina sempre vigile durante gli stati di sonno, sogno e veglia. Ogni devoto che d importanza a una qualsiasi azione

fisica o mentale oltre che alla concentrazione esclusiva su Dio, non pu trattenerLo permanentemente. "'Sono venuto a portare il fuoco sulla terra; e come vorrei che fosse gi acceso! C' un battesimo che devo ricevere; e come sono angosciato, finch non sia compiuto! Pensate che io sia venuto a portare la pace sulla terra? No, vi dico, ma la divisione. D'ora innanzi in una casa di cinque persone si divideranno tre contro due o due contro tre; padre contro figlio e figlio contro padre, madre contro figlia e figlia contro madre, suocera contro nuora e nuora contro suocera'. Diceva ancora alle folle: 'Quando vedete una nuvola salire da ponente, subito dite Viene la pioggia, e cos accade. Ipocriti! Sapete giudicare l'aspetto della terra e del cielo, e come mai questo tempo non sapete giudicarlo? E perch non giudicate da voi stessi ci che giusto?'". (Luca 12: 49-57). "Sono venuto sulla terra per diffondere il fuoco della saggezza, che brucer spietatamente tutte le barriere dell'ignoranza. Ora il fuoco gi acceso dalla fiamma della saggezza che brucia l'ignoranza, e come potrei sentirmi soddisfatto finch ci non sar compiuto? Quelli che pensano che sia venuto a portare la pace sulla terra, si sbagliano, perch la mia saggezza creer anche divisione, tra buoni e cattivi. Quelli che mi seguiranno con sincerit e intelligenza si separeranno da quelli che vivranno nelle tenebre. La pace non potr regnare nella famiglia in cui il padre seguir i miei insegnamenti e il figlio seguir le illusioni sataniche". Nelle suddette parole Ges parla dell'ardente natura della saggezza, che d pace a coloro che sono in sintonia con essa e brucia quelli che le sono contro. La verit come il fuoco, che maneggiato propriamente d luce e calore, mentre chiunque cerca d'entrarvi dentro e di combatterlo viene bruciato. La verit ha una potente vibrazione. I sinceri devoti si sintonizzano con la verit elevando le loro vibrazioni con la disciplina spirituale, ma gli ignoranti che combattono la verit con l'ignoranza si ritrovano infelici. "Quando vai col tuo avversano dal magistrato, lungo la strada procura d'accordarti con lui, perch non ti trascini davanti al giudice e il giudice ti consegni all'esecutore e questi ti getti in prigione. Ti assicuro che non ne uscirai finch non avrai pagato fino all'ultimo spicciolo". (Luca 12: 58-59). "Ogni devoto che facendo introspezione s'accorge che il suo avversario - la legge karmica - vuole portarlo davanti al magistrato della legge cosmica, deve pregare che sia liberato dal subire le conseguenze delle sue cattive azioni, perch molte persone condannate dal giudice della legge cosmica sono gettate nella prigione della sofferenza dagli esecutori delle tendenze karmiche (le tendenze che derivano dalle cattive azioni). Ti assicuro che non uscirai dal tribunale della legge cosmica e della legge del karma finch non avrai pagato, bruciando il tuo cattivo karma con la sofferenza e la preghiera". Qui Ges sta parlando dell'imperscrutabile legge di causa ed effetto che regola tutte le azioni (la legge del karma), sicch quando una persona ha gi compiuto delle azioni buone o cattive, deve raccoglierne i risultati buoni o cattivi. La legge del cattivo karma un grande avversario dell'uomo, perch porta numerose sofferenze. L'uomo si potr parzialmente e, a suo tempo, completamente liberare dagli effetti del cattivo karma, se pregher continuamente chiedendo perdono al magistrato divino, il creatore della legge cosmica che guida tutte le vite e tutte le azioni. "In quello stesso tempo si presentarono alcuni a riferirgli circa quei Galilei, il cui sangue Pilato aveva mescolato con quello dei loro sacrifici. Prendendo la parola Ges rispose: 'Credete che quei Galilei fossero pi peccatori di tutti i Galilei, per aver subito tale sorte? No, vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo. O quei diciotto sopra i quali rovin la torre di Siloe e li uccise, credete che fossero pi colpevoli di tutti gli abitanti di Gerusalemme? No, vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso

modo'".

(Luca 13: 1-5).

Qui Ges sta parlando della legge del karma, correggendo un errore nella mente di coloro che pensavano d'essere virtuosi perch erano rimasti vivi, mentre quelli che erano stati uccisi da Pilato o dalla caduta della torre erano considerati grandi peccatori. ridicolo per gli assassini che la scampano compatire quelli che hanno pagato la loro colpa con la morte; poich gli assassini scampati incontreranno lo stesso fato quando saranno presi. Allo stesso modo Ges spieg che le persone intorno a lui erano veri peccatori, in attesa della punizione legittima; ed era ridicolo che pensassero che i Galilei uccisi e le diciotto persone perite sotto la torre fossero peccatori pi grandi di loro. Ges voleva dire che la morte dovuta a un decreto legale o a una disgrazia non sempre significa che i morti sono grandi peccatori. Degli individui viventi potrebbero essere molto pi peccatori di quelli morti. La morte non sempre una conseguenza dei peccati, n Dio manda la morte per le azioni peccaminose dell'individuo. Certamente il peccato produce la morte spirituale, la perdita della gioia immortale, che pi grave della morte fisica. Il peccato produce il tormento della coscienza e una corrosiva punizione mentale interiore che a volte sono pi gravi della morte fisica. Perci Ges disse: "Non pensate che le persone uccise fossero pi colpevoli, perch tra di voi ci sono peccatori pi grandi di quelli. Se non vi correggete e non rinunciate alle cattive azioni, la vostra vita spirituale perir, cosa che sar pi grave della morte fisica". Ges mette in guardia contro la pratica di alcune persone che non s'analizzano mai, e pensano d'essere pi virtuose di altre che hanno subito la malattia o la morte.

PU UN GURU ALLEVIARE IL CATTIVO KARMA DEI DISCEPOLI? "Disse pure questa parabola: 'Un tale aveva un fico piantato nella vigna e and a cercarvi i frutti, ma non ne trov. Allora disse al vignaiolo: Ecco, son tre anni che vengo a cercar frutti da questo fico, ma non ne trovo. Taglialo, perch deve sfruttare il terreno? Ma quegli rispose: Padrone, lascialo ancora quest'anno, perch gli zappi intorno e vi metta del concime, e vedremo se porter frutto per l'avvenire; altrimenti lo taglierai'". (Luca 13: 6-9). Qui Ges parla del potere di un guru-precettore, che pu intercedere per un discepolo fuorviato e alleviare le conseguenze delle sue cattive azioni. La 'vigna' rappresenta i buoni discepoli, il 'fico' rappresenta il peccatore e il 'vignaiolo' rappresenta il maestro spirituale che 'cura' o disciplina i suoi seguaci. La seguente storia vera illustra come un autentico guru-precettore in sintonia con Dio pu intercedere per un discepolo in difficolt. Swami Pranavananda, un grande discepolo di Lahiri Mahasaya (il maestro del mio maestro), mi raccont questa storia: "Io e un altro amico mio avevamo meditato otto ore a notte per otto anni. Solevamo dormire di giorno e meditare tutta la notte, quando il silenzio e la quiete regnavano ovunque nella citt di Benares. Nel corso degli otto anni di meditazione profonda, ebbi visioni di santi e una grande pace scese su di me, ma sembrava che per qualche karma delle mie vite passate ci fosse una barriera tra me e la visione finale di Dio. La Mia Difficile Ricerca "Ogniqualvolta dicevo al mio guru: 'Maestro, ho meditato praticamente tutta la notte, ma sembra che non abbia successo', egli mi consolava ripetutamente dicendo: 'Medita profondamente; hai molto karma passato da vincere'. Ma dopo otto anni di meditazione sempre pi profonda da parte mia, durante i quali non lasciai nulla d'intentato per cercare di contattare Dio, cominciai a scoraggiarmi mentalmente, mentre interiormente mi sentivo stanco.

"Una notte pensai che poich il mio guru era coscientemente in contatto con Dio, egli poteva intercedere in mio favore e chiedere a Dio di perdonare le mie azioni passate e manifestarSi a me. Armato con questa determinazione, andai da Lahiri Mahasaya e gli dissi: 'Signore, stanotte sono venuto per discutere con voi. Ho fatto tutto quello che m'avete detto, eppure non ho raggiunto la mta finale d'incontrare effettivamente Brahman (Dio)'. Lahiri Mahasaya cerc di stornarmi con argomenti consolanti, che presto un giorno avrei avuto il Suo contatto. Ma io non gli prestai attenzione, e continuai a invocare e a chiedere, come farebbe un figlio con sua madre per ottenere qualche favore. Dopo due ore d'argomentazioni e discussioni, infine Lahiri Mahasaya disse all'improvviso, convinto della mia determinazione: 'Non infastidirmi pi. Il tuo desiderio sar esaudito stanotte'. "Tornai a casa mia. Mentre stavo meditando profondamente quella stessa notte, accadde. Brahman, la Visione Cosmica dell'Infinito, Si manifest dentro di me quella notte. Come il fiore cade quando spunta il frutto, cos da quel giorno non dovetti pi meditare, perch avevo guadagnato l'oggetto della meditazione il contatto dello Spirito - che rimasto lo stesso sin da quel giorno e rimarr sempre lo stesso per l'eternit". Bisogna ricordare che lo Swami che mi raccont questa storia non ottenne l'emancipazione finale solo con otto anni di meditazione. Egli aveva meditato per parecchie vite prima, ma il suo contatto finale con l'Infinito era impedito da alcune cattive azioni passate. Il suo guru, Lahiri Mahasaya, intercesse per il discepolo e l'aiut a raggiungere la mta finale. Buone Vite Passate Tutti quelli che hanno cominciato la meditazione nel sentiero di Dio in questa vita, hanno sicuramente meditato su Dio in molte delle loro vite passate. Nel mondo vivono milioni di persone che, a causa delle loro vite materialistiche passate, adesso non pensano mai alla meditazione. La cattiva volont impedisce loro di cercare Dio; e la loro cattiva volont nasce dall'aver vissuto materialisticamente per molte vite. Chiunque in questa vita ha una grande inclinazione a conoscere Dio dev'essere estremamente incoraggiato a meditare sempre pi con maggiore e profonda concentrazione, poich se lo far sicuramente contatter Dio. Nessun devoto, solo perch medita, pu intimare a Dio di manifestarSi in lui. Ogni devoto deve rinunciare all'egoismo metafisico, che consiste nel pensare: 'Ho meditato talmente tanto che Dio deve manifestarSi'. Insieme alla meditazione profonda ci dev'essere devozione profonda e abbandono a Dio. Allora certamente Dio viene intrappolato nella rete della devozione incondizionata del devoto. "Un giorno di sabato stava insegnando in una sinagoga, e c'era l una donna che da diciotto anni aveva uno spirito che la teneva inferma; era curva e non poteva alzarsi in alcun modo. Ges la vide, la chiam a s e le disse: 'Donna, sei libera dalla tua infermit', e le impose le mani. Subito quella si raddrizz e glorificava Dio. Ma il capo della sinagoga sdegnato perch aveva operato quella guarigione di sabato rivolgendosi alla folla disse: 'Ci sono sei giorni in cui si deve lavorare; venite dunque a farvi curare in quei giorni, e non di sabato'. Il Signore replic: 'Ipocriti! non scioglie forse ciascuno di voi il bue o l'asino dalla mangiatoia, per condurlo a bere in giorno di sabato? E questa figlia d'Abramo, che Satana teneva lesa da diciott'anni, non doveva essere sciolta da questo legame in giorno di sabato?'. Mentre egli diceva queste cose, tutti i suoi avversari si vergognavano, ma la folla intera esultava per tutte le meraviglie da lui compiute". (Luca 13: 10-17). "Donna, per grazia divina il tuo karma passato stato bruciato e ora sei libera dalla tua infermit". Ges guar" la donna imponendo le sue mani su di lei. Con questo metodo Ges mand la curativa energia cosmica positiva attraverso la sua mano destra e la curativa energia cosmica negativa attraverso la sua mano sinistra. L'energia cosmica entr nel corpo della donna e fece s" che la forza vitale effettuasse la riparazione richiesta nel corpo.

La Forza Vitale ha Potere La forza vitale nel corpo ha il potere assoluto di costruire o distruggere il corpo; ma la forza vitale pu agire solo secondo la volont del padrone del corpo. Molte persone non sanno che la loro volont pu comandare al corpo di compiere miracolosi cambiamenti in esso. Quando la volont umana diventa paralizzata o disconosce il suo potere sulla forza vitale nel corpo, la forza vitale rimane perlopi disubbidiente all'azione della volont. Quando la volont paralizzata dalla malattia, dev'essere stimolata dalla forte volont di un potente guaritore. Allora la volont paralizzata del paziente viene guarita e la forza vitale nel suo corpo, stimolata dalla volont del guaritore, viene risvegliata per compiere la guarigione desiderata "Mentre era in cammino verso Gerusalemme passava per citt e villaggi, insegnando. Un tale gli chiese: 'Signore, sono pochi quelli che si salvano?'. Rispose: 'Sforzatevi d'entrare per la porta stretta, perch molti, vi dico cercheranno d'entrarvi ma non ci riusciranno. Quando il padrone di casa s'alzer e chiuder la porta, rimasti fuori comincerete a bussare alla porta, dicendo: Signore, aprici. Ma egli vi risponder: Non vi conosco, non so di dove siete. Allora comincerete a dire: Abbiamo mangiato e bevuto in tua presenza e tu hai insegnato nelle nostre piazze. Ma egli replicher: Vi dico che non so di dove siete. Allontanatevi da me, voi tutti operatori d'iniquit! L ci sar pianto e stridor di denti quando vedrete Abramo, Isacco e Giacobbe e tutti i profeti nel regno di Dio, e voi cacciati fuori. Verranno da oriente e da occidente, da settentrione e da mezzogiorno e siederanno a mensa nel regno di Dio. Ed ecco, ci sono alcuni tra gli ultimi che saranno i primi, e alcuni tra i primi che saranno ultimi'". (Luca 13: 22-30). In risposta alla domanda 'Sono pochi quelli che si salvano?' Ges rispose: "Tutti quelli che si sforzano d'entrare nel regno della Coscienza Cosmica con l'aiuto di un guru-precettore e le tecniche superiori da lui insegnate, troveranno la porta stretta dell'autorealizzazione per entrare nell'Infinito. Per vi dico che ci saranno molti che proveranno a cercare il regno di Dio e ad entrarvi da soli, dopo aver ignorato il guru - come me - mandato loro da Dio; ma non avranno successo, perch ignorano il messaggero divino, il guru mandato da Dio. Opportunit Perduta "Una volta che il maestro guru-precettore viene tolto dalla terra egli deve chiudere la porta del suo insegnamento. Quindi, se qualcuno venisse e bussasse alla porta della preghiera dicendo: 'Signore guru, aprimi la porta divina', il guru risponderebbe: 'Hai avuto l'opportunit di ricevermi e non l'hai fatto, perci ora non posso accettarti'. E se quelli dicessero ancora: 'Signore guru, abbiamo mangiato e bevuto in tua presenza, tu hai insegnato nelle nostre piazze, perch non dovresti rispondere alle nostre preghiere?', la voce interiore del devoto in preghiera risponderebbe: 'Il Signore non ti conosce, devi allontanarti, perch sei un operatore d'iniquit'. "Tutte le anime che vogliono la salvezza devono riconoscere il guru-messaggero di Dio mandato in risposta alle loro preghiere. Se non lo fanno, non troveranno la salvezza da soli in questa vita o nel mondo astrale dopo la morte. Ma se quando rinasceranno pregheranno per avere un guru e continueranno a meditare, Dio mander loro nuovamente un guru-messaggero per la loro redenzione. Ogni devoto che ignora il messaggero divino mandato in risposta alle sue preghiere subir la punizione di non incontrare un altro guru in quella vita terrena e nel mondo astrale dopo la morte. "Io profetizzo che in futuro ci saranno molti devoti nella parte orientale, occidentale, settentrionale e meridionale del mondo, che per la loro devozione incontreranno i giusti guru, e impareranno a meditare propriamente e a porre le

loro coscienze nella Coscienza Cosmica di Dio Padre; ed ecco, ci saranno molti devoti tra loro, provenienti dalle diverse parti del mondo, che mediteranno fino agli ultimi giorni delle loro vite e che saranno i primi ad entrare nel regno della Coscienza Cosmica. Tuttavia ci saranno molti devoti tra loro che sebbene avranno cominciato a meditare prima nella vita, non saranno per regolari nella meditazione, e per questo alla fine, dopo molto tempo, se persisteranno, in ultimo otterranno la Coscienza Cosmica". Bisogna Seguire il Guru Nelle suddette parole Ges parla dell'assoluta necessit di seguire un guru, una volta che questi viene mandato in risposta alle preghiere del devoto. Nessuno pu incontrare casualmente un guru-precettore senza possedere del buon karma. Perci quei devoti che ignorano il guru e poi si pentono, e desiderano conoscere Dio dopo che il guru se n' andato, con la persistenza nella meditazione devono svilupparsi a tal punto che dopo la loro morte possono avvicinarsi al cielo. In tal modo il devoto avr fatto qualche progresso, ma sar tutto ci che potr ottenere. Vedr molti altri profeti e devoti che hanno seguito il loro guru presente nel cielo, ma egli non riuscir ad entrarvi. E dovr tornare sulla terra per pentirsi ancora, e pregare e incontrare il guru datogli da Dio, e trovare la salvezza tramite lui. Generalmente Dio Stesso non insegna, ma Si serve delle parole, della mente e della coscienza di un guru avanzato per insegnare al devoto ricercatore. Una volta che Dio manda un guru in risposta al forte desiderio innato del discepolo, questi deve ubbidire al guru, altrimenti non avr la salvezza, almeno in quella vita e nel mondo astrale dopo la morte. Una volta che un discepolo sceglie un messaggero divino o un guru mandato da Dio, questi non pu essere cambiato in nessuna incarnazione. Un vero guru e un vero discepolo stabiliscono il patto divino che s'aiuteranno reciprocamente con l'amore, la comprensione, la lealt e la meditazione, finch entrambi non raggiungeranno l'emancipazione finale in Dio. Bisogna ricordare che tutti quei devoti che ignorano un grande guru, dopo la morte possono avere una visione fugace del cielo, se la guadagnano con dei meriti spirituali. Ges voleva dire che quei ricercatori che durante la sua vita terrena lo ignorarono, ma in seguito cercarono con insistenza il regno di Dio e il Suo contatto, dopo la morte avrebbero avuto una visione fugace del cielo dove avrebbero visto Abramo, Isacco, Giacobbe e tutti i profeti nel regno della Coscienza Cosmica. Solo che ad essi, per quella volta, non sarebbe stato permesso d'entrare. Comunque, bisogna ricordare che qualcosa meglio di niente, e che tutti quei devoti che avranno una visione fugace del cielo sicuramente formeranno nelle loro anime un grande desiderio d'entrare nel regno di Dio. Quando rinasceranno, queste anime avranno fin dalla nascita un desiderio straordinario di conoscere Dio. Questo desiderio, se nutrito da preghiere, buone azioni e ricerca spirituale, attirer loro da Dio il giusto guru che li guider lungo il sentiero divino. Nelle suddette parole Ges dice chiaramente chi pu entrare nel regno di Dio. Egli non disse mai che solo pochi o molti entreranno nel regno di Dio, ma disse che i sinceri ricercatori attireranno a s il giusto guru-precettore. Se seguiranno il messaggero mandato da Dio, quella sar la via pi facile o la porta stretta per entrare nella Coscienza Cosmica. Perci evidente che tutti i ricercatori del regno di Dio devono pregare profondamente, e cercare finch non trovano il giusto guru che in contatto con Dio e mandato in risposta alle preghiere del devoto. La Speranza del Cielo Inoltre con queste parole Ges d la speranza del cielo a tutti i figli prodighi di Dio, nei quali celata l'immagine potenziale del Padre. In risposta alla domanda: 'Solo pochi entreranno nel regno di Dio?', Ges non limita il numero o

fa del cielo il possesso esclusivo di pochi aristocratici spirituali. Invece mette in rilievo che molti devoti che cercano Dio - Cristiani, Ind, Musulmani, Ebrei e molti altri - sorgeranno nei quattro angoli della terra. Ma saranno realmente qualificati solo quelli che persisteranno nel sentiero divino da quando lo cominciarono sino al termine, finch non raggiungeranno la salvezza. Essi saranno i primi, o entreranno comparativamente presto nella Coscienza Cosmica e nello stato d'emancipazione finale. Mentre tutti quei devoti che cominciano a camminare sul sentiero di Dio, ma poi sono irregolari nel seguirlo, potrebbero impiegare parecchie incarnazioni (purch siano persistenti) per ottenere la Coscienza Cosmica e l'emancipazione finale. Questo ci che Ges intendeva dicendo che gli ultimi saranno primi e molti tra i primi saranno ultimi. Tutti i devoti il cui entusiasmo spirituale dopo essere entrati nel sentiero uniforme e persistente sino alla fine, saranno i primi a ottenere la Coscienza Cosmica; ma quei devoti che prima entrano nel sentiero spirituale e poi diventano lenti o irregolari nel percorrere il sentiero della meditazione, possono impiegare pi di un'incarnazione per entrare in ultimo nella Coscienza Cosmica e ottenere l'emancipazione finale. meraviglioso sapere che Ges assicur a tutti i ricercatori della verit che troveranno certamente Dio - perch sono fatti a Sua immagine - purch abbandonino il vagabondaggio dissipatore nella terra dell'ignoranza e della coscienza materiale. Con l'aiuto del giusto guru-precettore e con la meditazione regolare, uno pu ritornare sui propri passi nella casa della Coscienza Cosmica. Salvezza Ritardata Ges dice che solo i ricercatori che ignorano il messaggero divino mandato in risposta alle loro preghiere avranno ritardata la loro salvezza; ma non appena gli esseri umani, anche i pi grandi peccatori, comprenderanno la follia delle loro cattive azioni, si pentiranno. Tutti quelli che si pentono delle loro malvagit, e cercano di seguire energicamente il sentiero spirituale, certamente incontreranno il giusto guru-precettore e raggiungeranno lo stato di Coscienza Cosmica. In un concorso per esami, alcuni che furono tra i primi ad accedervi potrebbero essere gli ultimi a superarlo, mentre alcuni tra gli ultimi a iscriversi potrebbero risultare i primi, per la loro coscienziosa applicazione. Secondo Ges non il momento in cui un devoto entra nel sentiero spirituale che conta, ma la sua perseveranza nel sentiero, che gli permette d'ottenere il regno di Dio. Ges dice chiaramente che molti devoti da oriente e occidente, da nord e da sud, con una ricerca perseverante e con l'aiuto di un'anima esemplare o del guru-precettore, infine riusciranno a sedere a mensa o a stabilire permanentemente le loro coscienze nel regno di Dio. "In quel momento s'avvicinarono alcuni farisei a dirgli. 'Parti e vattene via di qui, perch Erode ti vuole uccidere'. Egli rispose: 'Andate a dire a quella volpe: Ecco, io scaccio i demoni e compio guarigioni oggi e domani; e il terzo giorno sar perfetto. Per necessario che oggi, domani e il giorno seguente io vada per la mia strada, perch non possibile che un profeta muoia fuori di Gerusalemme. Gerusalemme, Gerusalemme, che uccidi i profeti e lapidi coloro che ti sono inviati, quante volte ho voluto radunare i tuoi figli come una gallina i suoi pulcini sotto le ali e voi non avete voluto! Ecco, la vostra casa vi sar lasciata deserta! Vi dico infatti che non mi vedrete pi fino al tempo in cui direte: Benedetto colui che viene nel nome del Signore!'". (Luca 13: 31-35). Andate e dite al malvagio Erode che io sono venuto per scacciare l'ignoranza e i demoni per un certo periodo della mia vita, come ordinato dal Padre Celeste, e dopo - ma non prima - sar crocifisso. Quindi con l'aiuto del Padre raggiunger la perfezione finale, dopo tre giorni nel mondo astrale necessari per curare o esaurire i miei karma passati. Ora per, nonostante il malvagio Erode e tutti i suoi poteri, camminer libero oggi, domani, il giorno dopo e cos via finch non

verr il mio tempo; poich gli eventi non possono essere diversi da come hanno predetto i profeti, che il mio corpo perir a Gerusalemme. Come una Madre Divina "O Gerusalemme, o gente di Gerusalemme, che uccidi i profeti e lapidi coloro che sono mandati da Dio, quante volte ho raccolto i tuoi figli sotto la mia protezione divina, come una gallina i suoi pulcini sotto le sue ali, ma voi non avete voluto essere salvati dai danni dell'illusione. Ricordate, voi tutti troverete le case delle vostre vite vuote e desolate, incapaci di percepirmi come la Coscienza Cristica in tutto. In verit vi dico che non vedrete il mio corpo n la Coscienza Cristica in esso fino a quando non vi pentirete e mediterete ed espanderete le vostre coscienze, cosicch la Coscienza Cristica manifestata in me una prima volta potr manifestarsi in voi una seconda volta. "Quando realizzerete e riuscirete a manifestare la Coscienza Cristica nelle vostre coscienze, allora potrete vedermi in visione come Ges, ma non prima". In queste parole Ges mostra chiaramente la sua natura onnisciente. Quando alcuni gli dissero che Erode l'avrebbe ucciso, egli rispose che non gli sarebbe successo nulla finch non fosse arrivato il tempo stabilito dal divino e dal karma per la sua crocifissione e la sua perfezione nel terzo giorno. Quando disse 'Il terzo giorno sar perfetto', chiaramente evidente che Ges era sia umano che divino, e che con la preghiera e l'uso della volont divina doveva raggiungere la perfezione. Tutte le anime sono potenzialmente divine, ma non appena entrano nella carne soffrono d'imperfezione. Ci vuole tempo perch queste anime riguadagnino la perfezione, mentre lungo le incarnazioni s'innalzano al di sopra dell'attaccamento corporeo e tramite la meditazione ritornano allo Spirito. Quelli che desiderano intensamente ritornare a Dio possono conseguire la perfezione in una vita, purch meditino profondamente e ottengano l'estasi (samadhi). Se Ges fosse stato completamente divino non avrebbe detto 'Il terzo giorno sar perfetto'. Ges sapeva che nei tre giorni dopo la crocifissione doveva scacciare l'ignoranza dagli altri, disseminare la saggezza, comunicare con Dio e bruciare tutto il Karma dei suoi corpi fisico, astrale e causale. E quindi la sua anima avrebbe ottenuto l'unit completa col Padre. Unit con Dio Ogniqualvolta Ges diceva: 'Io e mio Padre siamo uno', voleva dire che potenzialmente e per mezzo della sua avanzata saggezza percepiva la sua unit con Dio. Ma qui dice che avrebbe irrevocabilmente ottenuto la coscienza della completa unit col Padre dopo aver bruciato tutto il suo Karma nella sua vita terrena e nei tre giorni dopo la crocifissione. Ges si rammaric che la gente di Gerusalemme, pur avendo questa grande opportunit d'essere salvata, non si curasse d'ascoltare la voce della saggezza e perseguitasse i profeti. Perci Ges disse: "Gerusalemme e persone del mondo che non m'apprezzate, un giorno cercherete me e la Coscienza Cristica in me, ma non riuscirete a trovarla finch non vi sarete pentiti dei vostri modi materiali e non avrete conseguito uno sviluppo spirituale. L'onnipresente Coscienza Cristica che apparve nel mio corpo rimarr immanifesta fino a quando i devoti non espanderanno le loro coscienze e si porranno in sintonia con essa. La Coscienza Cristica, manifestatasi dapprima in me in quest'epoca, dovr manifestarsi una seconda volta nella coscienza del devoto espansa dalla meditazione. Allora e solo allora il devoto riuscir a percepire la Coscienza Cristica com' manifestata in me, e avr pure una visione di questo corpo, nel quale s' manifestata la Coscienza Cristica".

'CHI NON PORTA LA SUA CROCE E MI SEGUE, NON PU ESSERE MIO DISCEPOLO' "Un sabato era andato a casa di uno dei capi dei farisei per pranzare e la gente stava ad osservarlo. Davanti a lui c'era un idropico. Rivolgendosi ai dottori della legge e ai farisei, Ges disse: ' lecito o no guarire di sabato?'. Ma essi tacquero. Egli lo prese per mano, lo guar e lo conged. Poi disse: 'Chi di voi se un asino o un bue gli cade in un pozzo, non lo tirer subito fuori in giorno di sabato?'. E non potevano rispondere nulla a queste parole". (Luca 14: 1-6). Dopo aver fatto notare all'assemblea che non esiste un periodo inadatto per fare il bene, Ges guari l'uomo malato. Egli sapeva che i farisei erano ipocriti nella loro pretesa della rigida osservanza del sabato. "Osservando poi come gli invitati sceglievano i primi posti, disse loro una parabola: 'Quando sei invitato a nozze da qualcuno, non metterti al primo posto, perch non ci sia un altro invitato pi ragguardevole di te e chi ha invitato te e lui venga a dirti: Cedigli il posto! E allora con vergogna dovrai occupare l'ultimo posto. Invece quando sei invitato va a metterti all'ultimo posto, perch venendo chi ti ha invitato ti dica: Amico, vieni pi avanti. Allora ne avrai onore davanti a tutti i commensali. Perch chi si esalta sar umiliato, e chi si umilia sar esaltato'". (Luca 14: 7-11). legge divina che chi pretende d'essere pi grande di quello che, certamente verr scoperto dallo specchio della critica pubblica; mentre chi, assorto nella sua grandezza, la nasconde dietro l'umilt, sar scoperto e ammirato dalla gente. Nelle suddette parole Ges spiega perch l'egotismo un difetto satanico, e l'umilt una qualit divina. Grande com', Dio non parla mai di s ed sempre nascosto nella Sua umilt. Per questo esaltato e lodato nel tempio dell'amore del devoto. Chiunque conosce Dio silenzioso e umile come Lui. Chiunque egotista viene riconosciuto facilmente come uno che pretende d'essere pi di quello che. Chi non grande continuamente impegnato a fare intendere alla gente quant' grande, ma dopo la gente lo scopre. Chi assorto nella grandezza non ha tempo di parlare agli altri della propria grandezza. Non sempre una persona che pretende d'essere umile realmente umile, n una persona che accidentalmente fa notare le sue realizzazione o cosciente delle sue grandi qualit pu essere sempre accusata d'egotismo. Ci sono molte persone che mettono la maschera dell'umilt per pretendere d'essere grandi quando invece non lo sono; e ci sono molte persone, schiette e oneste, che non esitano a parlare delle loro capacit senza supervalutarsi, e che quindi non sono egoistiche. Ges voleva dire che se un uomo pretendesse d'essere migliore di quello che, attirerebbe l'attenzione della gente e le loro critiche, e le sue pretese sarebbero gradualmente smascherate. Quando un uomo veramente grande e nasconde la sua nobilt dietro un velo d'umilt, sar apprezzato. Chiunque egotista seguace dell'illusione satanica, mentre chi umile esprime una qualit di Dio. "Disse poi a colui che l'aveva invitato: 'quando offri un pranzo o una cena, non invitare i tuoi amici, n i tuoi fratelli, n i tuoi parenti, n i ricchi vicini, perch non si sentano anch'essi obbligati a contraccambiare. Al contrario quando dai un banchetto, invita poveri, storpi, zoppi e ciechi; e sarai beato, perch non hanno da ricambiare. E sarai ricompensato alla risurrezione dei giusti'". (Luca 14: 12-14). In questi versi Ges parla dell'inutilit spirituale di tenere grandi feste per far piacere a coloro che non hanno bisogno di nutrimento, o di dar feste per amore della vanit sociale. Egli considera queste feste come uno spreco di denaro, tempo e lavoro, e come una perdita di qualit divine per concentrarsi

sul volubile prestigio sociale. Le cene di gala, socialmente vantaggiose, in genere non sono d'alcun beneficio spirituale. Mentre dar da mangiare ai poveri, dai quali non possibile essere ricambiati, vuol dire riconoscere e servire Dio nei templi fisici degli infelici. Usando le parole 'Risurrezione dei giusti', Ges vuol dire che a tempo debito, quando le giuste azioni di un uomo saranno pesate e giudicate dalla legge di causa ed effetto che governa tutte le azioni, costui ricever la sua ricompensa sotto forma di potere d'attirare prosperit. "Uno dei commensali, udito ci gli disse: 'Beato chi manger il pane nel regno di Dio!'. Ges rispose: 'Un uomo diede una grande cena e fece molti inviti. All'ora della cena, mand il suo servo a dire agli invitati: Venite, pronto. Ma tutti Quanti cominciarono a scusarsi. Il primo disse: Ho comprato un campo e devo andare vederlo, ti prego, considerami giustificato. Un altro disse: Ho comprato cinque paia di buoi e vado a provarli; ti prego, considerami giustificato. Un altro disse: Ho preso moglie e quindi non posso venire. Al suo ritorno il servo rifer tutto questo al padrone. Allora il padrone di casa, sdegnato, disse al servo: Esci subito per le piazze e per le vie della citt e conduci qui poveri, storpi, ciechi e zoppi. Poi il servo disse: Signore, stato fatto come hai ordinato, ma ancora c' posto. Allora il padrone disse al servo: V per le strade e lungo le siepi e spingili a entrare, perch la mia casa si riempia. Perch vi dico: Nessuno di quegli uomini che erano stati invitati guster la mia cena'. Nel frattempo molta gente andava con lui, ed egli si volt e disse: 'Se uno viene a me e non odia il padre, la madre, la moglie, i figli, i fratelli e le sorelle e perfino la propria vita, non pu essere mio discepolo. Chi non porta la sua croce e mi segue, non pu essere mio discepolo. Chi di voi, volendo costruire una torre, non si siede prima a calcolare la spesa, per vedere se ha i mezzi per portarla a termine? Per evitare che, se getta le fondamenta e non pu finire il lavoro tutti coloro che vedono comincino a deriderlo, dicendo: Costui ha iniziato a costruire ma non ha potuto finire il lavoro. Oppure quale re, partendo in guerra contro un altro re, non siede prima a esaminare se pu affrontare con diecimila uomini chi gi viene incontro con ventimila? Se no, mentre l'altro ancora lontano gli manda un'ambasceria per la pace? Cos chi di voi non rinunzia a tutti i suoi averi, non pu essere mio discepolo. Il sale buono, ma se anche il sale perdesse il sapore, con che cosa gli si render? Non serve n per la terra n per il concime, e cos si getta via. Chi ha orecchi per intendere, intenda'". (Luca 14: 15-35). "Dio spesso manda un certo uomo o un particolare maestro, che organizza una grande festa spirituale e invita molti ricercatori della verit a parteciparvi. Il maestro manda un devoto per chiedere agli altri ricercatori di venire e unirsi alla festa spirituale della saggezza. Quando i ricercatori invitati si scusano con motivi e impegni materiali, come acquistare una propriet o prendere moglie, e dichiarano la loro incapacit di partecipare alla festa spirituale della saggezza offerta dal maestro, questi si rattrista che gli invitati abbiano scelto l'inferiore felicit materiale invece dell'inesauribile felicit spirituale. 'Ancora c' Posto' "Allora il maestro chiede a uno dei suoi devoti discepoli preferiti d'andare in citt e invitare i materialmente poveri ma spiritualmente ricchi, i fisicamente storpi ma spiritualmente sani, i fisicamente zoppi ma spiritualmente buoni, i fisicamente ciechi ma benedetti con la visione spirituale, perch si uniscano alla festa della saggezza. Il devoto discepolo fa come gli viene detto, ma ancora c' posto per altri nella grande festa della saggezza del maestro. "Allora il maestro dice nuovamente al devoto: 'V ovunque, nelle strade affaccendate e nei campi, e col potere irresistibile del tuo insegnamento ed esempio spirituale porta altri ricercatori che partecipino alla grande festa della saggezza che io offro. Tutti questi ricercatori saranno felici e m'impegneranno a servire il cibo della saggezza, occupando tutto il mio tempo. E

non riuscir a trovare tempo per servire quelli che per prima invitai a unirsi a me nella festa della saggezza, ma rifiutarono il mio invito'. "Perci se uno viene invitato a cercare la Coscienza Cristica in me, ma riluttante a rinunciare al suo attaccamento ai legami di parentela, o coniugali o filiali o ai doveri della vita materiale, non pu essere un discepolo-invitato degno d'essere deliziato con la liberante saggezza divina. Chiunque non pronto al sacrificio supremo della sua felicit materiale, anche fino al martirio, non pu essere mio discepolo-invitato e godere della festa dello Spirito. "Chiunque vuole costruire una torre senza prima calcolare la spesa necessaria per finirla, e dopo aver costruito le fondamenta si ferma per mancanza di fondi, oggetto di scherno. Similmente, il re che non cerca d'organizzare almeno diecimila soldati per combattere i ventimila del nemico, deve fare proposta di resa. "Similmente, ogni devoto che vuole costruire la torre della saggezza deve pagare il prezzo della rinuncia, dell'autodisciplina e della meditazione. Ogni devoto che vuole mantenere la sovranit della sua anima deve sapere come sviluppare la sua forza con la meditazione e la compagnia spirituale, per combattere il nemico delle cattive abitudini e, con l'aiuto di Dio e del maestro, imparare a domare le potenti schiere delle cattive tendenze che invadono il suo corpo e la sua mente. "Chi vuol essere invitato alla grande festa della saggezza offerta da un maestro deve poterne pagare il prezzo, e sacrificare tutti i legami sociali, politici, mondani e fisici, e tutte le abitudini mentali e corporee. Chi con autodisciplina rinuncia a tutti gli impegni materiali per unirsi alla festa della saggezza considerato un discepolo. Il Discepolo Come il Sale "Un vero discepolo come il sale buono. Egli condisce la propria vita e le vite altrui con la rinuncia e la coltivazione delle qualit divine. Come il sale insapore non pu essere usato per niente, cos un discepolo che perde il suo spirito di rinuncia non serve n a s n agli altri. Chi ha orecchie di ricettivit e percezione spirituale, ascolti e comprenda le parole di saggezza che io pronuncio". Nelle suddette parole, quando dice d'odiare la propria famiglia Ges non vuol dire che tutti i devoti devono odiare i loro congiunti e parenti o detestare le proprie vite. Egli aveva detto altrove: 'Chi mia sorella, chi mio fratello?'. E inoltre aveva detto: 'Non vi preoccupate del corpo, di cosa mangerete o cosa indosserete, ma cercate prima di tutto il regno di Dio e tutte le altre cose vi saranno date in aggiunta'. Ges mette in evidenza che nessuno pu compiere i suoi doveri verso genitori, moglie o parenti, o verso il proprio corpo e la propria vita, senza i doni dell'intelligenza, della vita e dell'azione che provengono soltanto da Dio. Perci, chiunque cerca Dio dev'essere capace di rinunciare all'amore per i doni dati da Lui, al fine d'ottenere Dio Stesso. Di solito il prezzo dell'attaccamento materiale la dimenticanza di Dio e interminabili sofferenze; mentre il prezzo per la realizzazione di Dio principalmente l'assoluta rinuncia mentale e secondariamente, se necessario, la rinuncia a tutti i possessi materiali e agli attaccamenti corporei. Nella Bhagavad Gita, il Signore Krishna dice la stessa cosa: "Rinunciando a tutti i doveri, pensa soltanto a Me. Poich non si pu compiere alcun dovere senza le facolt ricevute da Me, Io ti perdoner i peccati causati dal non adempimento dei doveri minori purch siano trascurati per cercare soltanto Me".

LA LEGGE DELLE ANIME GEMELLE E DEL MATRIMONIO SPIRITUALE "S'avvicinavano a lui tutti i pubblicani e i peccatori per ascoltarlo. I

farisei e gli scribi mormoravano: 'Costui riceve i peccatori e mangia con loro'. Allora egli disse loro questa parabola: 'Chi di voi, se ha cento pecore e ne perde una, non lascia le novantanove nel deserto e va dietro a quella perduta, finch non la ritrova? E ritrovatala, se la mette in spalla tutto contento, e tornato a casa chiama gli amici e i vicini dicendo: Rallegratevi con me, perch ho ritrovato la mia pecorella smarrita. Cos, vi dico, ci sar pi gioia in cielo per un peccatore convertito, che per novantanove giusti che non hanno bisogno di conversione. O quale donna, se ha dieci dramme e ne perde una, non accende la lucerna e spazza la casa e cerca attentamente, finch non la ritrova? E dopo averla trovata, chiama le amiche e le vicine, dicendo: Rallegrate con me, perch ho ritrovato la dramma che avevo perduta. Cos, vi dico, c' gioia davanti agli angeli di Dio per un solo peccatore che si converte'". (Luca 15: 1-10). "C' qualche pastore divino che, pur avendo cento discepoli ubbidienti, trovandone uno smarrito nel deserto della tentazione non lasci i buoni discepoli per cercare, trovare e salvare quello perduto? Non naturale per il guru, se riesce a trovare e a salvare il discepolo perduto, abbracciarlo e gioire per averlo salvato dalla distruzione ingannevole? Discepoli Irredenti "Di solito il guru nasce nello stesso periodo di alcuni dei suoi discepoli irredenti delle incarnazioni passate; e quando li ritrova gioisce. Quando ne trova uno che stato smarrito a lungo nelle nebbie delle incarnazioni, egli si rallegra grandemente. "Come un guru contento di ritrovare un discepolo perduto, cos il Padre Celeste e le anime liberate del cielo sono piene di contentezza quando un'anima afflitta dall'errore si pente delle sue cattive vie e cerca di tornare nel regno celeste. Il Padre Celeste Si rallegra in tutte le anime virtuose, ma esulta particolarmente quando vede un'anima perduta ritornare nel Suo regno. "Come una donna che trova la moneta perduta con l'ausilio della luce di una lucerna si rallegra con le sue amiche, cos Dio, persa un'anima nell'oscurit dell'illusione, manda la luce della buona compagnia e dell'ispirazione interiore per salvare quell'anima perduta. E quando l'anima torna nuovamente nel regno della Coscienza Divina, Dio e le Sue anime liberate - splendenti di saggezza si rallegrano in cielo per l'anima ribelle che s' pentita dei suoi errori e vuole tornare a casa del Padre". In questi passi Ges paragona il guru e i suoi discepoli al pastore e alle pecore. Il pastore felice d'avere cento pecore, ma se ne perde una e quindi la ritrova, ha una gioia in pi. Lo stesso vale per il pastore divino che salva il discepolo, dopo che questi s'era perduto nel mondo a causa di disubbidienza, tentazione, cattive compagnie e cattivo Karma nascosto. La metafora del pastore e delle pecore mette in evidenza la natura protettiva del guru-precettore, che salva i discepoli perch non siano feriti dal lupo dell'illusione e della cattiva compagnia. I discepoli sono paragonati a pecore perch seguono il maestro ubbidientemente, docilmente, umilmente, gioiosamente e innocentemente, con fede perfetta. Dio desidera che i Suoi devoti abbiano queste qualit delle pecore, ma non la loro stupidit e animalit. Ges us la metafora della donna e delle monete d'argento per dire che come una donna ama ciecamente le sue monete d'argento con tutti i suoi sentimenti e la sua devozione, e viene turbata emotivamente perdendone una (non importa quanto sia insignificante) e poi molto contenta quando la ritrova - cos Dio ama tutti i Suoi devoti incondizionatamente, con tutto il cuore e con sentimento, e diventa ansioso quando vede che anche un insignificante devoto si perde temporaneamente nei labirinti dell'illusione. Come la Madre Divina Quando un uomo perde del denaro intellettualmente consapevole della misura

della sua perdita; e se la perdita insignificante non si preoccupa. Ma quando una donna molto emotiva ama poche monete d'argento, viene estremamente turbata anche perdendo una piccola moneta. Similmente non solo Dio intellettualmente consapevole della perdita di un devoto al Suo regno, ma - come la grande Madre Divina - Egli desidera intensamente riprendere dai bassifondi dell'illusione anche il figlio pi insignificante. Nella seconda metafora Ges mette in evidenza il grande amore incondizionato di Dio per i Suoi devoti, e come Egli - con i Suoi angeli liberati - di fatto gioisce quando un figlio peccatore si pente delle sue follie e cerca di tornare nel Suo regno d'eterna libert. "Disse ancora: 'Un uomo aveva due figli. Il pi giovane disse al padre: Padre, dammi la parte dei beni che mi spetta. E il padre divise tra loro le sostanze. Dopo pochi giorni il figlio pi giovane, raccolte le sue cose, pare per un paese lontano e l sperper le sue sostanze vivendo da dissoluto. Quando ebbe speso tutto, in quel paese venne una grande carestia ed egli cominci a trovarsi nel bisogno. Allora and e si mise a servizio di uno degli abitanti di quella regione, che lo mand nei campi a pascolare i porci. Avrebbe voluto saziarsi con le carrube che mangiavano i porci ma nessuno gliene dava. Allora rientr in se stesso e disse: Quanti salariati in casa di mio padre hanno pane in abbondanza, e io qui muoio di fame! Mi lever e andr da mio padre e gli dir: Padre, ho peccato contro il cielo e contro di te, non son pi degno d'essere chiamato tuo figlio. Trattari come uno dei tuoi garzoni. Part" e s'incammin verso suo padre. Quando era ancora lontano il padre lo vide e commosso gli corse incontro, gli si gett al collo e lo baci. Il figlio gli disse: Padre, ho peccato contro il cielo e contro di te; non son pi degno d'essere chiamato tuo figlio. Ma il padre disse ai servi: Presto, portate qui il vestito pi bello e rivestitelo, mettetegli l'anello al dito e i calzari ai piedi. Prendete il vitello grasso, ammazzatelo, mangiamo e facciamo festa, perch questo mio figlio era morto ed tornato in vita, era perduto ed stato ritrovato. E cominciarono a far festa. Ma il figlio maggiore si trovava nei campi. Al ritorno, quando fu vicino a casa, ud la musica e le danze; e chiamato un servo gli domand cosa fosse tutto quello. Il servo gli rispose: E tornato tuo fratello e tuo padre ha fatto ammazzare il vitello grasso perch lo ha riavuto sano e salvo. Allora si arrabbi, e non voleva entrare. Il padre allora usc" a pregarlo. Ma lui rispose al padre: Ecco, io ti servo da tanti anni e non ho mai trasgredito un tuo comando, e tu non mi hai dato mai un capretto per far festa coi miei amici. Ma ora che tornato questo tuo figlio, che ha divorato i tuoi averi con le prostitute, per lui hai ammazzato il vitello grasso. Gli rispose il padre: Figlio, tu sei sempre con me e tutto ci che mio tuo; ma bisognava far festa e rallegrarsi, perch questo tuo fratello era morto ed tornato in vita, era perduto ed stato ritrovato". (Luca 15: 11-32). "Sulla terra nacquero due devoti dotati di grande saggezza, ereditata dalle loro vite passate e per grazia del Padre Celeste. Il devoto pi giovane era fiero di possedere la ricchezza della saggezza che gli era toccata in sorte per le sue azioni passate, e divenne incurante e troppo pieno di fiducia in s. Con le ricchezze della saggezza nascoste nel cuore, and nel paese lontano dell'illusione e della tentazione, dove dissip tutte le sue qualit virtuose identificandosi coi piaceri dei sensi. Quando rimase a lungo nell'illusione, insieme a molti altri, incontr la grande carestia della sofferenza interiore e desider nuovamente del cibo di saggezza, ma non pot trovarne. Fame di Verit "In quell'ambiente illusorio trov un devoto. Questi stava educando e disciplinando alcune avide anime sensuali ('porci') con elementari istruzioni morali. Il giovane devoto che aveva perso la sua saggezza divina vivendo dissolutamente desider sottoporsi anche a quella disciplina elementare, tanto era affamato di verit e profondamente pentito delle sue cattive vie, ma sembrava che non potesse trovare niente per soddisfare la sua fame disperata di

pane divino. "Quando per il continuo pentimento il giovane dimentic la sua identificazione coi sensi e si concentr sul suo s interiore ('rientr in se stesso'), pens cos: 'Il mio Padre Celeste ha una riserva inesauribile di pane di saggezza e di beatitudine divina, mentre qui io muoio di fame di pace, beatitudine e saggezza. Adesso mi lever, alzer la mia coscienza dal piano delle sensazioni, ritorner da mio Padre nel regno della Coscienza Cosmica e vibrer a Lui le mie preghiere intuitive interiori: Padre, Padre Celeste, ho agito contro le leggi della felicit celeste indulgendo nei piaceri dei sensi, e ho oscurato la Tua vera immagine con l'ignoranza, perci nella mia coscienza attuale non posso considerarsi degnamente Tuo figlio, fatto nella Tua vera immagine. Riprendimi e dammi qualsiasi posizione e dovere insignificante possa fare sulla terra per espiare le mie cattive azioni'. "Allora il giovane devoto si lev, innalz la sua coscienza verso il piano cosmico e s'avvicin alla Coscienza Cosmica (Padre); ma quando era ancora molto lontano dalla mta della Coscienza Cosmica, a causa della sua passata indulgenza nei sensi, il Padre Celeste lo vide avvicinarsi al Suo regno. E pieno d'amore incondizionato per quel devoto prodigo, fece piovere la coscienza divina e la beata Presenza sul giovane, avvolgendolo con l'abbraccio onnipresente della beatitudine divina. Festa in Cielo "Quindi il Padre Celeste ricevette il devoto prodigo nel regno del Suo mondo astrale, dove innumerevoli devoti liberati regnavano con Sua Maest Celeste. Il giovane devoto ud" il Padre Celeste comandare ai Suoi angeli di portare i vestiti migliori, fatti di luci astrali e di percezioni interiori, per adornare la sua anima. Al devoto fu messo l'anello divino che splendeva col diamante della verit; e ai suoi piedi astrali furono messi i calzari dell'eterna potenza. Ci fu festa nel regno astrale per il ritorno del prodigo devoto, al quale fu offerto il vitello grasso della saggezza e della beatitudine divina. Il Padre Celeste disse ai Suoi angeli: Uniamoci tutti al devoto in saggezza e in interminabile gioia, perch questo Mio figlio prodigo era spiritualmente morto ed ora pi che mai vivo nella Mia Coscienza Cosmica; era perduto nei bassifondi dell'illusione ed ora stato ritrovato, dopo aver riportato la sua coscienza nella casa della Mia Coscienza Cosmica. E tutti si unirono con la gioia eterna. "Ora il fratello maggiore del giovane devoto si trovava nel campo della visione cosmica. Man mano che andava nel profondo e s'avvicinava al mondo astrale, udiva la musica delle sfere e il danzare degli angeli. Nella sua visione chiam un angelo e gli chiese perch c'era quell'insolita gioia nel cielo. L'angelo rispose: Il tuo prodigo fratello che vagava nell'illusione tornato nel regno della saggezza e della gioia sempre-nuova, e il Padre Celeste gli ha dato eterne benedizioni. Il Padre Celeste contento perch il tuo giovane fratello traviato ha riguadagnato la sua saggezza ed tornato in salvo nella coscienza celeste, senza rimanere a lungo prigioniero negli abissi delle reincarnazioni. "Quando il devoto pi anziano ud" questo, rimase perplesso e non voleva avvicinarsi alla presenza del Padre. Perci, attraverso la sua stessa intuizione, la Coscienza Cosmica lo avvicin con alcuni pensieri spirituali e percezioni interiori. Ma il devoto pi anziano vibr in visione questa risposta: 'Padre Celeste, ecco, per tanti anni Ti ho servito nella Coscienza Cosmica, e non ho mai trasgredito le Tue leggi divine nemmeno con un desiderio d'attaccamento ai sensi o infrangendo i Tuoi comandamenti, eppure non mi hai mai dato una tale abbondanza di benedizioni. Mentre non appena questo Tuo figlio prodigo arrivato nel Tuo regno - lui che ha sperperato i Tuoi doni di saggezza indulgendo nelle tentazioni sessuali - Tu gli hai offerto il vitello grasso della saggezza per gioire immeritatamente'. "Il Padre Celeste fece vibrare la seguente saggezza nel cuore dell'avanzato devoto che fraintendeva: 'Figlio devoto, tu sei sempre nella Mia Coscienza Cosmica, e tutte le verit - incluso il vitello grasso della saggezza - sono sempre state tue. Tu non devi prendertela perch abbiamo ritenuto giusto

festeggiare con particolare gioia cosmica per il fratello spiritualmente perduto, che spiritualmente era morto e ora divinamente vivo, ed tornato nel nostro regno di gioia sempre-nuova per rafforzare la nostra e la tua gioia. Esulta!'". Dio ci Incontra a Met Strada Nella suddette parole Ges ci dice che al Padre Celeste piace moltissimo vedere tutti i Suoi figli, una volta perduti nei bassifondi della materia e dei piaceri materiali, tornare nuovamente nella beatitudine celeste tramite la meditazione profonda e l'estasi divina. Ges Cristo ammonisce i devoti avanzati, gi nella coscienza divina, a non sentirsi trascurati vedendo in visione Dio e i Suoi angeli che festeggiano particolarmente un giovane devoto peccatore una volta perduto e ora ritrovato. Dicendo: 'Quando era ancora lontano il padre lo vide e commosso gli corse incontro, gli si gett al collo e lo baci', Ges d all'umanit sofferente la grande assicurazione che il Padre Celeste incontra come minimo a met strada il devoto che diligentemente e continuamente prega per tornare nel regno celeste. Se un devoto fa uno sforzo per conoscere Dio, presto o tardi vedr che il Divino risponder coscientemente alle sue preghiere. Tuttavia bisogna ricordare che segretamente Dio risponde sempre alle preghiere dei devoti, e colui che non vede una manifestazione visibile di Dio in risposta alle sue preghiere non si deve scoraggiare. Quando Dio convinto dell'estrema sincerit e della completa rinuncia del devoto, coscientemente e palesemente Egli risponde alle sue preghiere. Nessun devoto deve ritenersi soddisfatto dalle preghiere che non ricevono risposta; ma deve pregare incessantemente finch non capisce coscientemente, al di l di ogni dubbio, che il Padre Celeste ascolta le sue preghiere. "'Nessun servo pu servire a due padroni: o odier l'uno e amer l'altro oppure si affezioner all'uno e disprezzer l'altro. Non potete servire a Dio e a mammona'. I farisei, che erano attaccati al denaro, ascoltavano tutte queste cose e si burlavano di lui. Ed egli disse: 'Voi vi ritenete giusti davanti agli uomini, ma Dio conosce i vostri cuori: perch ci che esaltato fra gli uomini cosa detestabile a Dio'". (Luca 16: 13-15). "Voi farisei, essendo avidi di denaro, giustificate le vostre cattive azioni davanti agli occhi ciechi degli uomini, ma Dio - che presente nei vostri cuori - sa chi siete. Le ricchezze terrene e la gloria umana, tenute in grandissima considerazione tra le persone materialiste, sono ritenute insignificanti dalla saggezza di Dio". Qui Ges si riferisce alla pratica comune delle persone mondane e degli uomini d'affari che, con avidit e modi disonesti, ottengono l'eminenza sociale tanto stimata dalle persone del mondo. Dio per, che onnisciente e sa quanti uomini d'affari ottengono il benessere sociale e materiale col vile mezzo immorale di distruggere la felicit altrui, considera questi uomini molto bassi. "La Legge e i Profeti fino a Giovanni; d'allora in poi viene annunziato il regno di Dio e ognuno si sforza per entrarvi. E pi facile che passino il cielo e la terra, anzich cada un solo trattino della Legge. Chiunque ripudia la propria moglie e ne sposa un'altra, commette adulterio; e chi sposa una donna ripudiata dal marito, commette adulterio". (Luca 16: 16-18). "Le leggi divine furono enunciate dai profeti e date al mondo fino a Giovanni; d'allora in poi il regno della Coscienza di Dio stato annunziato apertamente, e ogni uomo sincero ha cercato d'entrarvi. Vi dico che pi facile che abbiano fine il cielo e la terra, piuttosto che una particella della legge divina non riesca a provare la sua realt. Significato di 'Adulterio'

"Secondo la legge divina, se un'anima sotto l'influenza della tentazione ripudia la propria anima gemella spirituale e ne sposa un'altra per soddisfare la propria lussuria, commette un atto d'adulterio o di trasgressione sessuale. Qualsiasi uomo sposa quella donna divorziata per soddisfare la propria lussuria, e non cerca di trovare e sposare la propria anima gemella, commette un atto d'adulterio". Nelle suddette parole Ges proclama l'immutabile legge dell'amore spirituale che dovrebbe ispirare tutte le forme di matrimonio. Ges presuppone automaticamente che ogni legame tra uomo e donna chiamato matrimonio debba essere prima di tutto basato sulle leggi spirituali dell'unione divina. Secondo lui, le unioni fatte male non sono veri matrimoni. Ges voleva dire che il matrimonio un'istituzione divina per la propagazione della specie e ogni matrimonio senza un fondamento di vita spirituale non un vero matrimonio, ma animalit o un'unione animale casuale come quella che esiste nel mondo animale. Procreando per caso e senza fare distinzioni, gli animali generano perfettamente delle buone specie e propagano il loro tipo, ma l'istituzione del matrimonio fu formulata dal Padre Divino sulla base dell'amore spirituale. Un matrimonio senza amore spirituale perci un'unione animale e non pu essere considerato un vero matrimonio. Dio ragione e sentimento ed energia cosmica. Egli fece l'uomo e la donna a Sua immagine. Perci l'uomo e la donna sono fatti di ragione, sentimento ed energia cosmica; ma per creare una differenza tra loro, Dio ricorse a un espediente. Quando fece l'uomo, us ragione, sentimento ed energia cosmica, mantenendo la ragione predominante; ed ecco perch le caratteristiche dell'uomo manifestano la fredda ragione. Dio fece la donna usando sentimento, ragione ed energia cosmica; e poich mantenne il sentimento predominante in lei, per questo le caratteristiche della donna esprimono e suscitano sentimento. Per la legge della relativit, Dio dovette dividerli in uomo e donna; ma quando vide che l'uomo e la donna, essendo fatti a Sua immagine, erano essenzialmente uguali, Egli cre delle differenze superficiali nei loro corpi e nelle loro menti. La ragione, essendo aggressiva, rese l'uomo positivo, con degli sviluppi sessuali positivi; mentre la donna, dotata di profondi sentimenti, era negativa e in lei si formarono profondi recessi sessuali. Maschile e Femminile Dio cre queste differenze fisiologiche e mentali per fare qualche distinzione tra uomo e donna. L'ideale unione spirituale tra loro fu ordinata perch l'uomo potesse manifestare la ragione nascosta nella donna, e la donna potesse aiutare l'uomo a rivelare il suo sentimento nascosto. Fatto questo, l'uomo e la donna s'aiutano reciprocamente a sviluppare la perfetta ragione e il perfetto sentimento, le pure qualit divine. Quando anche questo compiuto, uomo e donna vengono liberati unendosi prima tra loro e quindi, in seguito, immergendosi in Dio. Quando Dio eman le anime, da Lui uscirono come mezze-anime nella creazione anime positive e negative - anime impregnate di ragione e sentimento, anime maschili o femminili. Corrispondente a ogni anima maschile c' un'anima femminile. Quando due anime simili si uniscono in un matrimonio perfetto vengono liberate. Ecco perch i matrimoni sbagliati aumentano l'appetito sessuale, e la disunione nell'amore e nelle anime porta all'infelicit. Mentre nel giusto matrimonio, dove le mezze-anime diventano una sola e infine si uniscono con lo Spirito di Dio, l'unione chiamata matrimonio tra anime gemelle. Un matrimonio tra anime gemelle caratterizzato dal fatto che marito e moglie non vivono pi sul piano sessuale, ma stando insieme in perfetto amore si uniscono soltanto con Dio. Tutte le cosiddette anime gemelle che non hanno estinto le loro brame sessuali non sono affatto anime gemelle. Un matrimonio molto armonioso, ma privo della realizzazione di Dio, pu essere un matrimonio morale, ma non si pu chiamare un matrimonio spirituale tra anime gemelle, il cui fine la liberazione in Dio. Bisogna comunque ricordare che sebbene le mezze-anime dovrebbero generalmente

incontrare le loro altre met - cio, l'uomo ideale dovrebbe incontrare la donna ideale, e per mezzo del matrimonio spirituale trovare la liberazione in Dio tuttavia sia l'uomo che la donna che cercano la comunione con la perfezione di Dio, attraverso la meditazione e l'estasi, possono trovare l'unit e la liberazione in Dio senza incontrare le loro anime gemelle. Questo metodo di perfezione e di matrimonio con Dio il santissimo matrimonio tra anima e Spirito, dove Dio l'Amato Divino, positivo e maschile, e tutte le anime sono le Sue amate spose, negative. E vero che essenzialmente le anime non hanno sesso; la combinazione e l'unit tra anima e Spirito il vero matrimonio spirituale. Soltanto sul piano della creazione un'anima pu essere considerata come maschile o femminile, o mezza-anima. Al di l dei mondi creati - dove prevale la legge della relativit - c' il mondo spirituale, libero da sesso e dualit. L'Amante Divino Dio come Amante Divino eternamente sposato ad ogni anima, e non l'abbandona mai neanche quando questa abbandona Lui per vagare nei bassifondi dell'illusione. Come il Perfetto Amante, Dio segue ogni anima attraverso le incarnazioni finch non ritorna a Lui. Ecco perch Ges fa notare che il pi alto ideale di matrimonio l'unione delle anime gemelle in Dio. Perci se un'anima gemella abbandona la sua vera anima gemella per soddisfare la lussuria, infrange la legge della sacra unione in Dio e cade nel baratro dell'adulterio. Adulterio significa che un uomo e una donna stanno insieme principalmente per la soddisfazione della lussuria. Molti matrimoni moderni che nascono sul piano sessuale sono adulteri, e terminano in qualche forma di separazione fisica o mentale, quando finiscono i desideri sessuali. La maggior parte dei matrimoni moderni sono adulteri; ecco perch falliscono. Ci che Ges intendeva era che il matrimonio fu istituito divinamente per offrire alle anime gemelle ideali la liberazione dal mondo materiale al mondo spirituale; ma quando lo scopo del matrimonio la soddisfazione della brama sessuale, diventa adulterio. Essendo per la soddisfazione della lussuria, l'unione adultera diametralmente opposta all'unione divina delle anime gemelle nel matrimonio Spirituale - in cui il sesso pu essere oppure non essere usato per la procreazione di bambini, e che ha uno scopo: unirsi a Dio innalzandosi gradualmente al di sopra degli impulsi sessuali. Secondo Ges, tutti i matrimoni che non sono matrimoni spirituali tra anime gemelle, e dove lo scopo l'indulgenza sessuale, sono matrimoni adulteri. Per Ges non intese mai che quando un marito spirituale ripudia la moglie sbagliata scelta male, e sposa la sua anima gemella, egli commette adulterio; piuttosto Ges avrebbe sciolto un matrimonio adultero per un matrimonio spirituale. Una Famosa Signora Conosco una famosissima signora che in giovent fu convinta dai suoi genitori a sposare un marito lussurioso. Questi sperper tutto il denaro della moglie e non visse mai secondo i voti del matrimonio. Un giorno and veramente oltre e cerc di colpirla alzando una sedia. Con la sua divina innocenza ella fiss di colpo i suoi occhi spirituali sull'anima del malvagio marito, e per la prima volta realizz chi era, e che lei era unita a un'anima malvagia. Con voce ferma disse: Ora ti riconosco; Vattene. Le mani del malvagio marito s'irrigidirono, per cos dire; lasci cadere la sedia e usc" correndo da casa, con estremo timore e paura, per non tornare mai pi. L'anima malvagia non pot sopportare le penetranti vibrazioni fulminanti della moglie spirituale. Molto tempo dopo questa signora evolvette grandemente in spiritualit e attir la sua vera anima gemella. Con protratte osservazioni notai che il loro matrimonio era una vera unione tra anime gemelle. Dopo aver vissuto temporaneamente sul piano sessuale, hanno vissuto per anni sul piano dell'amore e della comunione spirituale, assolutamente senza relazioni sessuali. Ogni

giorno non vedono l'ora di rivedersi, come fossero appena sposati; e vogliono rivedersi per poter sentire l'unit di Dio dentro di loro. Ora io so che Ges non avrebbe considerato questa donna divorziata e il suo secondo marito come adulteri. Le anime comuni dovranno passare attraverso un processo di selezione di compagni, attraverso un matrimonio o pi matrimoni sbagliati, prima che si spiritualizzino e grazie alle prove e alle sofferenze attirino le loro anime gemelle per il giusto matrimonio spirituale, e vengano liberate in Dio. E solo dopo che le anime gemelle si sono riunite nel matrimonio spirituale - sia per il primo matrimonio o dopo varie esperienze di matrimoni sbagliati - che se si separassero a causa di tentazioni sessuali commetterebbero adulterio e renderebbero vano lo stesso scopo del matrimonio spirituale: la liberazione in Dio attraverso la vera unione matrimoniale. Quando un uomo e una donna hanno il coito per soddisfare principalmente i loro istinti sessuali, ci adulterio. Nell'adulterio le menti delle parti coinvolte sono totalmente concentrate sull'esplosione fisica della forza vitale, e cos decadono dalla gioia celeste dell'unione spirituale. Pi grande l'unione sessuale, maggiore la disunione nello Spirito. Chi Sono le Anime Gemelle? Le anime gemelle, essendo principalmente unite nello Spirito e nell'amore, trovano che la gioia sempre-nuova di Dio il respiro della loro esistenza. Pi si uniscono nello Spirito, meno si concentrano sulla vita sessuale. Nel matrimonio perfetto, le anime gemelle - anche se praticano l'unione sessuale per procreare dei figli spirituali, per portare anime buone sulla terra - hanno le menti principalmente impegnate e assorte nel perfetto amore di Dio. Quindi sono libere dall'adulterio. Perci il matrimonio da solo non libera dall'adulterio, ma il matrimonio spirituale pu liberare uno dall'adulterio e dal vanificare il vero scopo del matrimonio, che un mezzo divino per liberare le anime in Dio attraverso la giusta unione. Bisogna ricordare nuovamente che uomo e donna, unendosi singolarmente con Dio in meditazione, possono ottenere la perfezione senza passare attraverso il mezzo del matrimonio spirituale. E questo un metodo migliore - seguito dallo stesso Ges - di quello della liberazione delle anime attraverso il matrimonio ideale. Le anime animali che hanno incontrollati appetiti sessuali attirano sempre a loro dei compagni sessuali. Questo il principale motivo del fallimento dei matrimoni moderni. Le anime avanzate che si prefiggono Dio come unico obiettivo possono chiamare le loro anime gemelle sul piano dei sogni o delle visioni, e in questo modo unire le loro anime in Dio. Questo lo fanno col permesso divino, per obbedire formalmente alla legge divina concernente le anime maschili e femminili. Cos le anime gemelle ideali possono incontrarsi sul piano dei sogni, o delle visioni, ed essere liberate. Anime gemelle che vivono in zone diverse della terra, o perfino su pianeti differenti, possono unirsi nei sogni o in visioni e liberarsi. Bisogna ricordare con precisione che l'uomo o la donna ideale che medita, e non vive sul piano sessuale, sviluppa un magnetismo spirituale per mezzo del quale pu attirare la giusta anima gemella sul piano terreno, o sul piano dei sogni o su quello astrale o su quello delle visioni coscienti che si hanno in meditazione profonda. Le parole di Ges possono essere comprese solo da coloro che meditano profondamente e si concentrano sulla Coscienza Cristica che lui possedeva. Gli altri interpretano male le sue parole, che tra l'altro hanno sub"to delle trasformazioni a causa dell'erronea traduzione dall'aramaico. Argomento Mal Compreso Bisogna ricordare rigorosamente che nessuno dovrebbe abusare della verit

concernente il matrimonio spirituale e le anime gemelle. Ci sono molti individui lussuriosi, sia uomini che donne, che hanno un solo obiettivo nella vita: soddisfare e stimolare la loro coscienza sessuale cercando nuovi compagni sessuali con la scusa di cercare l'anima gemella. Queste persone scoprono anime gemelle nei vicoli, nei bar e in equivoche sale da ballo. Quei mariti e quelle mogli che sono gi sposati da tempo e hanno cresciuto i figli, e considerano il loro matrimonio non spirituale e completamente sessuale, non dovrebbero comunque cercare il divorzio o nuove anime gemelle, ma dovrebbero cercare di non vivere pi sul piano sessuale. Essi dovrebbero meditare, e cercare di soddisfare il desiderio istintivo d'amore perfetto e di gemellaggio delle anime, cercando d'unirsi con la pi perfetta tra tutte le anime gemelle, lo Spirito Divino. In ogni anima, virtuosa o viziosa, c' un desiderio istintivo e una naturale attrazione a cercare la perfetta anima gemella. Questo desiderio istintivo d'incontrare l'anima gemella nato-in-cielo e non pu essere estinto nemmeno con innumerevoli esperienze lussuriose, ma pu essere appagato solo dall'elevazione spirituale, o attraendo l'anima gemella o unendosi con Dio. Il metodo di liberazione delle anime attraverso l'unione delle anime gemelle nel matrimonio perfetto comporta del pericolo, poich vivendo erroneamente le anime gemelle possono allontanarsi da Dio e sprofondare nell'illusione e nella reincarnazione. Ma se l'anima, uomo o donna, si unisce anche solo una volta con la pi perfetta anima gemella - Dio - lui o lei non potranno deviare mai pi dalla mta suprema: la liberazione. Ecco perch Ges, Swami Shankara e altri Salvatori hanno mostrato il sentiero della liberazione unendo le loro anime soltanto con Dio.

IL POTERE SCIENTIFICO DELLA FEDE 'QUANTO UN GRANELLO Dl SENAPE' "C'era un uomo ricco, che vestiva di porpora e di bisso e tutti i giorni banchettava lautamente. Un mendicante, di nome Lazzaro, giaceva alla sua porta, coperto di piaghe, bramoso di sfamarsi delle briciole che cadevano dalla mensa del ricco. Perfino i cani venivano a leccare le sue piaghe. Un giorno il povero mor e fu portato dagli angeli in seno ad Abramo. Mor pure il ricco e fu sepolto. Stando nell'inferno tra i tormenti, lev gli occhi e vide da lontano Abramo e Lazzaro accanto a lui. Allora grid: Padre Abramo, abbi piet di me e manda Lazzaro a intingere nell'acqua la punta del dito per bagnarmi la lingua, perch questa fiamma mi tortura. Abramo rispose: Figlio, ricordati che hai ricevuto i tuoi beni durante la vita e Lazzaro parimenti i suoi mali; ora invece lui consolato mentre tu sei in mezzo ai tormenti. Per di pi, tra noi e voi stato fissato un grande abisso: quelli che di qui vogliono passare da voi non possono, n da l si pu attraversare fino a noi. E quegli replic: Allora, padre, ti prego di mandarlo a casa di mio padre, perch ho cinque fratelli. Li ammonisca, perch non vengano anch'essi in questo luogo di tormento. Abramo rispose: Hanno Mos e i Profeti, li ascoltino. E lui: No, padre Abramo, ma se qualcuno dai morti andr da loro, si ravvederanno. Abramo rispose: Se non ascoltano Mos e i Profeti, neppure se uno risuscitasse dai morti saranno persuasi". (Luca 16: 19-3). "Il debole mendicante virtuoso, sebbene apparentemente dimenticato da tutti, dopo la morte fu portato dagli angeli di Dio nelle alte regioni astrali dove vivono i profeti liberati come Abramo. Mentre il ricco che aveva dimenticato completamente di coltivare la Coscienza Divina e aveva vissuto dissolutamente, quando divenne cosciente dopo il sonno della morte s'accorse di stare nella cupa regione vibratoria dove le anime malvage vivono negli incubi. L'anima del ricco peccatore si trov nel tormento, perch era stata gettata nell'agitata regione vibratoria del mondo astrale. "Da lontano vide coi suoi occhi astrali la terra dove il corpo astrale di Lazzaro si muoveva insieme alle anime liberate dei profeti; allora l'anima del peccatore grid con la sua voce astrale: 'Padre Abramo, abbi piet e

mandami Lazzaro, perch con la sua presenza astrale e col dito della sua volont intinto nelle acque fresche della saggezza possa consolarmi e rinfrescare la mia lingua di cattive vibrazioni materiali autocrate, che ho portato qui dalla passata esistenza terrena vissuta erroneamente. Sono tormentato dalle fiamme e dal calore dei miei desideri materiali inappagati e dalla brama d'esistenza materiale'. "Abramo rispose: 'Figlio, ricordati che hai ricevuto la prosperit materiale e che, immerso in essa, hai dimenticato Dio; mentre Lazzaro, pur tormentato da brutte esperienze fisiche, non dimentic di coltivare la Coscienza Divina. Ora, secondo la legge di causa ed effetto che regola tutte le azioni umane, visto che nella vita passata hai dimenticato di coltivare la felicit Divina, non puoi riceverla ora nello stato dopo la morte. E siccome Lazzaro, pur ostacolato dall'infermit, coltiv la Coscienza e la Beatitudine Divina con la meditazione interiore, ora sta raccogliendo il risultato delle sue buone azioni passate, e sta ricevendo la gioia semprenuova del Grande Consolatore, lo Spirito Santo o Vibrazione Santa. "'In base alle differenti leggi dell'esistenza e di causa ed effetto, i pesci vivono nell'acqua, i vermi nella terra, gli uomini sulla terra, gli uccelli nell'aria e gli angeli nella regione eterea senz'aria. In conformit alle cattive vibrazioni della tua vita passata, adesso hai attirato la regione vibratoria oscura e grossolana dei bassifondi della terra astrale. Quelli che hanno delle buone vite passate risiedono, divisi dall'abisso di un'altra vibrazione, sulle rive delle sottili regioni vibratorie dove soltanto alle anime pi elevate permesso vivere e respirare beatitudine. A causa delle tue cattive azioni ora vivi nella regione vibratoria dove dovrai rimanere per un p in mezzo alle vibrazioni soffocanti dei tuoi desideri inappagati, finch col pentimento non troverai la libert. Come un pesce, abituato alla vibrazione grossolana dell'acqua, non pu vivere nella sottile atmosfera rarefatta della terra, cos attualmente tu non puoi abbandonare la regione astrale fatta di vibrazioni grossolane che tu stesso hai scelto, n puoi venire a vivere nella regione astrale pi sottile, dove noi respiriamo soltanto divine vibrazioni rarefatte di luce, amore e beatitudine. Le Vibrazioni Differiscono "'Tu sei abituato alle vibrazioni grossolane, perci ora devi vivere nelle vibrazioni grossolane del mondo astrale finch non ti pentirai e migliorerai, meritandoti quindi la promozione a una migliore esistenza terrena o al piano superiore dove siamo noi. Le persone dalle vibrazioni pi sottili che vivono con noi non possono raggiungerti senza il permesso divino, n alcuno di voi che vive l pu venire qua senza il decreto divino'". Con le suddette parole Ges ammonisce tutte le persone amanti del corpo che fanno cattivo uso dei doni di Dio, nel pi completo oblo del loro bisogno di ritornare nell'eterno regno di beatitudine del Padre. Secondo la legge di causa ed effetto, dopo la morte queste persone vivranno in un inferno autocreato nel mondo astrale, lamentandosi per la perdita del respiro, del corpo, delle sensazioni corporee e dei desideri inappagati, invece di realizzare che dopo la morte avrebbero potuto godere della gioia sempre-nuova, uno stato divino non condizionato dalle limitazioni terrene di respiro, cibo e bevande. Per questo Ges aveva detto altrove: 'Non cercate il cibo, ma cercate prima di tutto il regno di Dio'. Inoltre aveva detto: 'L'uomo non deve vivere di solo pane, ma della parola di Dio'; affinch, secondo la legge di causa ed effetto, dopo la morte l'uomo potesse vivere della parola di Dio o della Vibrazione Cosmica e della Beatitudine Cosmica. Inoltre Ges d alla gente virtuosa che soffre una grande assicurazione, per cui non deve sentirsi scoraggiata o invidiare il temporaneo benessere fisico del ricco che pu essere seguito da un'estrema penuria dopo la morte. Tutte le persone giuste e virtuose che in questo mondo soffrono, senza cessare d'essere virtuose fino al termine delle loro vite, avranno certamente una grande libert astrale dopo la morte. I grandi santi praticano volontariamente lunghi digiuni, l'assenza di respiro della meditazione, il controllo del cuore e altre pratiche,

affinch dopo la morte possano godere dello stato incondizionato di beatitudine senza considerarlo come una sorta di tortura o di diniego delle comodit terrene. Ges dice che nell'altro mondo ci sono regioni vibratorie differenti per le anime virtuose e malvage, che attirano le regioni a loro adeguate secondo i meriti o i demeriti autocrati. Dimostra Altruismo Il ricco tormentato nell'inferno autocreato dalle cattive vibrazioni dei suoi desideri inappagati era abbastanza grande da non pregare Abramo per la sua liberazione, ma per quella dei suoi fratelli. Anche se Abramo non pot accondiscendere ai desideri del ricco peccatore senza il decreto divino, comunque evidente che il ricco peccatore era pentito e molto altruista, in quanto pur essendo tormentato pens alla libert dei suoi fratelli e non alla propria. Con il pentimento, la preghiera e la meditazione nel mondo astrale, egli poteva esaurire le sue cattive azioni autocrate ed essere liberato. Come nel mondo fisico le anime possono agire continuamente male e andare verso la prigione sotterranea dell'ignoranza e della sofferenza, oppure possono agire bene e quindi andare verso la libert, similmente nel mondo astrale molte anime possono diventare coscienti ed esaurire coscientemente le loro cattive azioni aumentando le azioni virtuose, oppure possono diventare pi cattive nutrendo dei pensieri ribelli. Il rifiuto d'Abramo di mandare Lazzaro sulla terra, ad avvertire i cinque fratelli del ricco morto circa i frutti della vita dissoluta, era in conformit col decreto divino. Dio non vuole dimostrazioni spettacolari dei Suoi poteri, influenzando cos il libero arbitrio dell'uomo. Spesso Dio manda dei profeti divini che con un'umile, ma grande vita spirituale cercano di convincere i Suoi figli guidati dall'errore a camminare nei sentieri della giustizia. "Disse ancora ai suoi discepoli: ' inevitabile che avvengano scandali, ma guai a colui per cui avvengono. Sarebbe meglio per lui che gli si legasse al collo una pietra da mulino e venisse gettato nel mare, piuttosto che scandalizzare uno di questi piccoli'". (Luca 17: 1-2). Il Male Produce Sofferenza "In questo vasto mondo con tanti tipi di persone impossibile impedire a tutti di offendere i bambini e quei santi e devoti la cui fede in Dio pura e innocente; ma secondo la legge del Karma, la sofferenza s'abbatter su chiunque diventer deliberatamente strumento per maltrattare questi 'piccoli'". Nelle suddette parole Ges fa notare che malgrado nel mondo ci sar sempre il male, tuttavia non c' motivo per cui una persona debba deliberatamente fare di s un perpetuatore del male. Molti cercano scuse per fare il male, dicendo: Tantissimi fanno del male e conducono vite dissolute, perci giusto che anch'io faccia cos. Uno dovrebbe tenersi lontano dal male per il proprio interesse. Sotto la guisa di offrire un piacere temporaneo, alla fine il male produce solo sofferenza. I bambini sono l'incarnazione non diluita di purezza divina, innocenza, amicizia, non attaccamento, gioia, docilit, fiducia, amore, dolcezza e semplicit. Chiunque disturba fisicamente, mentalmente o spiritualmente un bambino o una persona pura, agisce contro la manifestazione divina. La persecuzione di santi e bambini bestemmia contro Dio, perch Egli chiaramente manifesto attraverso la loro purezza. "State attenti! Se un tuo fratello pecca, rimproveralo; ma se si pente, perdonagli. E se pecca sette volte al giorno contro di te, e sette volte ti dice: Mi pento, tu gli perdonerai". (Luca 17: 3-4).

Qui Ges sottolinea che non importa quante volte un uomo fa il male, l'immagine divina dentro di lui rimane sempre immacolata. Non appena chi fa il male si pente, la copertura del male viene rimossa e si manifesta nuovamente la splendente immagine divina. Quando un malfattore si pente, rimuovendo cos il velo dell'ignoranza dalla sua anima, se uno non gli perdonasse e lo accusasse ancora dell'errore passato, rimetterebbe in lui la coscienza di fare il male. E se egli l'assorbisse, eclisserebbe di nuovo l'immagine divina in lui. Perci la psicologia del perdono consiste nell'aiutare il peccatore a rimuovere il velo del male dalla sua anima, incoraggiandolo nelle buone azioni. Uno deve perdonare un peccatore finch questi non si pente veramente delle sue cattive azioni; altrimenti lo aiuterebbe a ripetere deliberatamente le cattive azioni. Un fratello deve perdonare un altro fratello afflitto dall'errore tutte le volte possibili, se questi cerca realmente d'abbandonare le vie del male, ma cade occasionalmente per debolezza di volont e per la forza delle abitudini carnali. Un fratello deve perdonare un altro fratello molte volte, seguendo l'esempio del Padre Celeste, che ci perdona innumerevoli o infinite volte. "Gli apostoli dissero al Signore: 'Aumenta la nostra fede!'. Il Signore rispose 'Se aveste fede quanto un granello di senapa, potreste dire a questo gelso: Sii sradicato e trapiantato nel mare, ed esso vi ascolterebbe'". (Luca 17: 5-6). In queste parole Ges spiega come Dio, col potere autosviluppante della volont divina, la fiducia totale nel Suo potere, e grazie al potere onnicreativo del Suo pensiero e della Sua immaginazione, abbia creato questo universo emanandolo dalla Sua immaginazione. Dio ha fede in S stesso, che pu fare quello che vuole, e per questo Egli pu. Essendo fatti a Sua immagine, anche noi abbiamo nascoste dentro l'onnipotente volont, immaginazione e fiducia in s che ha Dio. Se rimuovessimo la stretta da piovra delle abitudini e delle credenze ereditarie e realizzassimo il potere onnicreativo della fede dentro di noi, potremmo compiere tutte le cose considerate soprannaturali. La Fede Creativa nella natura della fede creare tutto ci che desidera. Quando l'anima rimane a lungo identificata con l'illusorio corpo di sogno, essa assume le sue debolezze e dimentica d'esercitare la fede onnipotente celata in s. La fede viene perduta addolorandosi o rallegrandosi per le mutevoli condizioni di malattia e salute che invadono il corpo. L'anima non pu essere n malata n sana, poich fatta secondo l'immagine incorporea del perfetto Dio. Ogni anima che si realizza come l'immagine perfetta di Dio non si rallegra per la salute di sogno del corpo, n s'addolora o viene turbata dalla malattia di sogno del tempio fisico. Chiunque ama la salute in preferenza alla malattia, o ha paura della malattia e quando viene si preoccupa, sta sognando l'illusione cosmica e internamente non libero. Perci ogni anima deve meditare sul suo gioioso s e mantenere lo stato di gioia sempre-nuova della sua coscienza, senza farsi disturbare dall'esultanza per la salute del corpo di sogno o dalla preoccupazione per la possibile malattia del corpo di sogno. E molto meglio realizzare la salute dell'anima, che l'immortalit, piuttosto che acquisire col potere mentale la salute temporanea del corpo, che al momento della morte dev'essere gettato via. Attraverso la meditazione il devoto pu contattare Dio e sentire la fede onnipotente dentro di s. Ges realizz la presenza di Dio e della Sua fede onnipotente, e per questo pot camminare sul mare, risvegliare i morti e risuscitare il suo corpo crocifisso. Dalla sua esperienza Ges dice a tutti i devoti che la fede non pu essere aumentata dalla cieca credenza, ma unendo il s con Dio. Essere uno con Dio vuol dire poter fare tutto ci che Lui fa. Qualsiasi devoto che non medita per contattare Dio, e che con tutto il suo credo umano e con forte immaginazione dicesse: 'Tu albero laggi, ti ordino d'andare nelle profondit del mare', rimarrebbe deluso. Uno dev'essere prima di tutto sicuro d'aver fede, prima di comandare all'albero di sradicarsi e trapiantarsi nel mare, come suggerito da Ges.

Il Pi Grande dei Miracoli Per dimostrare il potere della fede non bisogna provare dapprima coi miracoli. Prima di tutto uno deve cercare di compiere il pi grande di tutti i miracoli: unire l'anima con Dio, per la soddisfazione cosciente del s e del Padre Divino. Ges dice ai suoi discepoli che per realizzare la fede onnipotente dentro il proprio s bisogna realizzare prima di tutto la presenza di Dio dentro. Quelli che conoscono Dio possono fare tutto. Dio che sparge i fiori delle vie lattee sul giardino dello spazio, Dio che accende la fiamma della vita nelle lampade delle innumerevoli creature, Dio che ha creato ogni atomo, sentimento e pensiero in tutte le creature viventi, pu fare tutto. Ges voleva dire esattamente questo. Nel rimuovere le difficolt con la forza della volont, come fa la gente dotata di una grande forza di volont, non c' niente d'eccezionale; ma Ges disse di distruggere le limitazioni della volont umana sintonizzandola con quella divina. Facendo questo non solo riusciremo a risolvere i difficili problemi della vita, ma riusciremo effettivamente a smuovere le montagne o gli alberi e anche a creare pianeti, a risuscitare i morti o a fare qualsiasi altra cosa - proprio come fa Dio. Questi miracoli non si possono realizzare con le affermazioni e credendo nel potere della mente, ma solo mediante la comunione cosciente con Dio onnipotente, e realizzando l'inseparabile unione tra anima e Spirito. "Chi di voi se ha un servo ad arare o a pascolare il gregge, gli dir quando rientra dal campo: Vieni subito a metterti a tavola? Non gli dir piuttosto: Preparami da mangiare, rimboccati la veste e servimi, finch io abbia mangiato e bevuto; e dopo mangerai e berrai anche tu? Si riterr obbligato verso il suo servo, perch ha eseguito gli ordini ricevuti? Cos anche voi, quando avrete fatto tutto quello che vi stato ordinato, dite: Siamo servi inutili! Abbiamo fatto quanto dovevamo fare". (Luca 17: 7-10). Nella parabola del servo, Ges dice che nessun devoto deve sentirsi esultante o pi giusto e virtuoso degli altri, o aspettarsi che il Padre Celeste gli sia grato o lo onori solo perch segue il sentiero divino e osserva i comandamenti per il proprio bene e la propria emancipazione. Tuttavia mentre questo comportamento porta al suo bene e alla sua liberazione, di fatto per non un favore reso a Dio, ma solo il dovere dell'uomo, il dovere di chi vive sotto il Padrone Divino. "Durante il viaggio verso Gerusalemme, Ges attravers la Samaria e la Galilea. Entrando in un villaggio, gli vennero incontro dieci lebbrosi, che fermatisi a distanza, alzarono la voce dicendo: 'Ges maestro, abbi piet di noi!'. Appena li vide Ges disse: 'Andate a presentarvi ai sacerdoti'. E mentre andavano furono sanati. Uno di loro, vedendosi guarito, torn indietro lodando Dio a gran voce; e si gett ai suoi piedi per ringraziarlo. Era un samaritano. Ma Ges osserv: 'Non si trovato chi tornasse a rendere gloria a Dio se non questo straniero?'". (Luca 17: 11-18). Qui che Dei dal Ges mette in evidenza la natura materiale della maggioranza delle persone, sono molto ingrate anche quando sono maggiormente beneficiate. Immaginate! dieci lebbrosi che ebbero la buona fortuna d'essere guariti istantaneamente potere divino, solo uno ritorn per ringraziare Dio e Ges.

Senso Spirituale Al tempo di Ges i Giudei si supponevano pi spirituali delle altre razze, come i bramini dell'India. Paragonati ai Samaritani, i Giudei erano considerati di una religione e una razza superiore. Ma Ges sottoline che uno straniero, un samaritano di bassa casta, aveva sentito il bisogno spirituale di ringraziare lui e glorificare Dio.

"E gli disse: 'Alzati e v; la tua fede ti ha guarito'". (Luca 17: 19). Dicendo 'La tua fede ti ha guarito', Ges mise in rilievo uno dei due fattori della guarigione. Come per far nascere una pianta sono necessari il giusto seme e il giusto terreno, Cos per produrre la guarigione divina sono necessari sia l'illimitato potere di Dio che fluisce attraverso il guaritore sia la fede della persona da guarire. Dicendo 'La tua fede ti ha guarito', Ges sottoline che la fede del lebbroso fu il fattore principale che attir il potere divino della guarigione tramite lui. "Interrogato dai farisei: 'Quando verr il regno di Dio?', egli rispose: 'Il regno di Dio non viene in modo da attirare l'attenzione, perci nessuno dir: Eccolo qui, o eccola l. Perch il regno di Dio dentro di voi!'". (Luca 17: 20-2). "Il regno di Dio non viene cercandolo nelle nuvole, n possono trovarlo coloro che dicono: Ecco, qui o l, da qualche parte nelle nuvole. Concentratevi dentro di voi e troverete la sfera della Coscienza di Dio nascosta dietro la vostra coscienza materiale". Molte persone pensano al paradiso come a un luogo fisico, a un punto dello spazio al di sopra delle nuvole e delle stelle. Di fatto il regno di Dio consiste di Coscienza Cosmica ed energia astrale, che sono molto pi sottili di tutte quelle forme di vibrazioni raggruppate insieme come pianeti, aria ed ambiente terreno. Tutti gli oggetti materiali che producono le sensazioni di vista, odorato, udito, gusto e tatto costituiscono un gioco di forze esistenti oltre la coscienza umana. L'origine di tutti gli oggetti e delle vibrazioni materiali sta al di fuori di essi. La Coscienza Cosmica - contraddistinta dalla gioia sempre-nuova e dall'immortalit - ha creato la coscienza umana e perci sta dentro di essa. La Coscienza Cosmica proiett prima la coscienza umana, e dopo fu proiettata l'energia astrale. L'energia fisica energia astrale condensata, e la materia energia fisica condensata. Quindi la Coscienza Cosmica sta nascosta dentro strati di materia, energia fisica, energia astrale e coscienza. Il Cielo Dentro Ecco perch Ges disse che gli esseri umani non devono ignorantemente cercare il cielo nel dominio delle sensazioni e della materia o dell'energia fisica, ma lo trovano principalmente celato dentro la coscienza umana. Per questo la maggioranza delle persone che identificano le loro coscienze con le sensazioni e i piaceri corporei e le comodit terrene si concentrano sulle vibrazioni materiali, mentre le anime che meditano ritirano le loro menti dagli oggetti dei sensi di vista, udito, odorato, gusto e tatto, e da tutte le sensazioni fisiche e dai pensieri disturbanti, e si concentrano profondamente dentro il loro stato di silenzio o di pensieri neutralizzati. E quando riescono a neutralizzare i pensieri, trovano che le loro menti percepiscono un ineffabile senso di pace interiore. Questo il primo barlume di cielo che viene a coloro che riescono a interiorizzare la mente. I devoti che possono bandire a volont dalle loro menti tutte le sensazioni e i pensieri disturbanti, e concentrarsi dentro la grotta della conseguente pace, trovano certamente il regno della Coscienza di Dio, che si manifesta gradualmente come onnipresenza, onniscienza, gioia sempre-nuova e visione della luce eterna in cui tutte le anime liberate si muovono in Dio, materializzandosi o smaterializzandosi a piacimento. Nessuno pu entrare nel cielo della Coscienza Cosmica se non pu entrare in s attraverso le porte della concentrazione e della meditazione. Ecco perch Ges disse 'Il regno di Dio dentro di voi', cio, dentro le vostre menti e le vostre percezioni spirituali. Nessuno pu entrare in questo cielo se cosciente solo del mondo e rimane identificato coi suoi piaceri dei sensi.

"Disse ancora ai discepoli: 'Verr un tempo in cui desidererete vedere anche uno solo dei giorni del Figlio dell'uomo, ma non lo vedrete. Vi diranno. Eccolo l, o eccolo qua; non andateci, non seguitemi. Perch come il lampo, guizzando, brilla da un capo all'altro del cielo, cos sar il Figlio dell'uomo nel suo giorno. Ma prima necessario che egli soffra molto e venga ripudiato da questa generazione. Come avvenne al tempo di No, cos sar nei giorni del Figlio dell'uomo; mangiavano, bevevano, s'ammogliavano e si maritavano, fino al giorno in cui No entr nell'arca; e venne il diluvio e li fece perire tutti. Come avvenne pure al tempo di Lot: mangiavano, bevevano, compravano, vendevano, piantavano, costruivano; ma nel giorno in cui Lot usc" da Sodoma, piovve fuoco e zolfo dal cielo e li fece perire tutti. Cos sar nel giorno in cui il Figlio dell'uomo si riveler. In quel giorno, chi sar sulla terrazza, se le sue cose sono in casa, non scenda a prenderle; cos chi sar nel campo non torni indietro. Ricordatevi della moglie di Lot! Chi cercher di salvare la propria vita la perder, chi invece la perde la salver. Vi dico: in quella notte due saranno in un letto; uno verr preso e l'altro lasciato; due donne staranno a macinare insieme una verr presa e l'altra lasciata; due uomini saranno nel campo: uno verr preso e l'altro lasciato'". (Luca 17: 22-36). "Verr un tempo, subito dopo la mia morte, quando desidererete molto vedere un Figlio dell'uomo o corpo umano che manifesti la Coscienza Cristica come me, ma non lo vedrete (perch una manifestazione completa della Coscienza Cristica com' manifestata nel mio corpo avviene raramente, una volta ogni tanto, dopo moltissimi anni o secoli). I farisei vi diranno spesso: Guardate, abbiamo un grande maestro qui o l in quel paese. Non andate dietro questi falsi profeti. Rimanete attaccati al guru-precettore datovi da Dio e attraverso il quale dovrete essere redenti secondo il decreto divino. Come il lampo parte da un capo del cielo e l'attraversa velocemente fino all'altro capo, cos la Coscienza Cristica manifestata nel mio corpo completa e assoluta come non fu mai in nessun altro in questa generazione. Questo corpo, in cui s' manifestata la Coscienza Cristica, dovr affrontare persecuzioni e la crocifissione e sar ripudiato da questa generazione, solo per essere accettato in seguito da tutto il mondo, come il lampo che copre tutto il cielo. Ammonimento di Ges Come la gente mangiava, beveva, s'ammogliava e rifiutava i consigli di No, cos questa generazione ebbra d'ignoranza rifiuter me. Come quelli che respinsero No non realizzarono il loro errore finch non lo videro scomparire nell'arca che galleggiava sulle acque, cos questa generazione incurante non realizzer la sua malvagit finch io non me ne sar andato, assorbito nell'arca divina della Coscienza Cosmica. E come con la scomparsa di No and via l'unico mezzo di salvezza della gente, cos con la mia scomparsa se ne andr la possibilit di salvezza per la gente malvagia di questa generazione. E come il diluvio fece perire tutte le persone che non prestarono attenzione all'ammonimento di No, cos quelli di questa generazione che non ascoltano il mio ammonimento saranno spazzati via dal diluvio dell'ignoranza. "Come al tempo di Lot le persone mangiavano, bevevano, compravano, vendevano, piantavano e costruivano, ma nel giorno in cui Lot usc" da Sodoma piovvero fuoco e meteore dal cielo uccidendoli tutti, cos sar nel giorno in cui il mio corpo sar tolto dalla terra e si riveler in cielo. Il fuoco dell'ignoranza e lo zolfo della sofferenza cadranno su quelli che conducevano una vita materialista nel tempo in cui io predicavo il regno di Dio. Quando me ne sar andato, che quei discepoli avanzati che hanno innalzato le loro coscienze sopra la dimora corporea non s'identifichino con i piaceri fisici, ridiscendendo dalla Coscienza Cosmica per godere dei piaceri del corpo. "Quando la mia voce spirituale ammonitrice tacer nel silenzio, chi ha spaziato nei campi della Coscienza Cosmica non torni indietro a identificarsi con la coscienza materiale. Ricordate la moglie di Lot, che era alquanto avanzata spiritualmente e si stava allontanando dal fuoco dell'ignoranza e dallo zolfo

della sofferenza, ma si volt indietro e rivolse la sua attenzione alle sensazioni e ai piaceri del corpo. La sua vita spirituale fu mutata in pietra, completamente distrutta. "Chi sar costantemente concentrato a salvare e a proteggere la propria vita fisica, la perder nell'obl"o della morte e nelle nebbie delle incarnazioni, ma chi rinuncer alla propria vita - per trovare la vita eterna in Dio attraverso la meditazione - la trover prolungata e preservata nella vita eterna. E quando verr la notte della confusione e della dissoluzione karmica, allora di due anime che staranno dormendo nel letto o nella sfera astrale dopo la morte, la virtuosa sar presa per essere liberata, mentre quella viziosa sar lasciata nel mondo astrale pronta a reincarnarsi sulla terra. Delle anime di due donne che nello stato dopo la morte staranno cercando d'esaurire il loro Karma, la migliore sar liberata e la peggiore sar reincarnata sulla terra, affinch possa esaurire il suo Karma sul piano terreno. E di due devoti che dopo la morte si muoveranno nel campo della meditazione, quello avanzato sar preso nella Coscienza Cosmica mentre l'altro sar reincarnato sulla terra" Nelle suddette parole Ges ammonisce i discepoli contro le tentazioni d'ascoltare falsi profeti, e spiega la necessit di trovare la salvezza mediante il guru o il messaggero divino attraverso le cui parole, mente e saggezza Dio istruisce il sincero devoto. Anche se era umile, Ges disse ai suoi discepoli che non avevano bisogno dl nessun altro grande maestro, poich in lui era manifestata la pienezza di Dio. Come il lampo illumina il cielo da un capo all'altro, cos la Coscienza Cristica manifestata in lui e nei suoi insegnamenti doveva illuminare non solo le menti dei discepoli, ma l'intera umanit per sempre. Nella vita di Ges, nel Figlio dell'uomo o nel suo corpo fisico, erano manifestate le pi alte qualit di Dio. Per questo Ges disse ai discepoli che non avevano bisogno d'andare da altri profeti, verso i quali i farisei avrebbero potuto tentarli d'andare. Ges ammoni i discepoli a non infrangere la legge divina peccando d'infedelt a lui, il guru-messaggero mandato da Dio. Dicendo 'Non lo vedrete', Ges vuol dire che un messaggero come lui appare sulla terra una volta ogni tanti anni o secoli. Nel suo ammonimento Ges dice che chi si concentra troppo sulla manifestazione temporanea della vita fisica perder di vista la vita infinita che le sta dietro. Chi pronto a sacrificare qualsiasi cosa della vita fisica per guadagnare la conoscenza dell'infinito, trover la vita umana mutata in vita eterna. Inoltre Ges fa notare che la legge del Karma molto sottile, poich non giudica le persone secondo il loro stato sociale, ma per quello che sono realmente dentro e per le tendenze che hanno accumulate nelle loro menti. Uomini apparentemente simili, impegnati in attivit esterne ed occupazioni similari, sono nondimeno differenti secondo la qualit dei loro pensieri e della loro vita interiore. Perci Ges disse che sebbene delle persone possano vivere insieme a casa o nel lavoro, tuttavia dopo la morte alcune saranno liberate per le loro buone azioni, mentre altre saranno lasciate dietro a causa delle loro azioni materiali, perch si reincarnino sulla terra per ricevere ulteriore ammaestramento e purificazione.

L'ANIMA NEI TRE CORPI, DEPREDATA DAI DESIDERI IL DIVORZIO "'Due uomini saranno nel campo: uno verr preso e l'altro lasciato'. Allora i discepoli gli chiesero. 'Dove Signore?'. Ed egli rispose: 'Dove sar il cadavere, l si raduneranno anche gli avvoltoi'". (Luca 17: 36-37). "Dovunque l'anima racchiusa nel corpo fisico di sedici elementi o nel corpo astrale di diciannove elementi o nel corpo causale di trentacinque elementi, l si raduneranno anche gli avvoltoi dei desideri che vivono sull'umano attaccamento dei sensi per mantenere l'anima prigioniera". Nelle suddette parole Ges espone una grande verit metafisica, che si pu spiegare come segue: Se dell'acqua salata viene messa in tre giare, l'una dentro

l'altra, e quindi le tre giare sigillate vengono messe nell'oceano, allora l'acqua salata - sebbene dentro l'oceano - non pu venire a contatto con esso a causa delle giare sigillate. Se si rompe la prima giara, l'acqua salata non pu ancora venire a contatto con l'acqua dell'oceano. Ma se si rompono le altre due giare, allora l'acqua salata viene liberata dai suoi contenitori e diventa tutt'uno con l'acqua dell'oceano. L'anima (lo Spirito individualizzato) similmente racchiusa e imprigionata in tre corpi, esistenti l'uno dentro l'altro. L'anima accolta nel corpo causale di trentacinque elementi, che a sua volta racchiuso dal corpo astrale di diciannove elementi, che racchiuso dal corpo fisico di sedici elementi. La forza coesiva di questi tre corpi il desiderio. Nella vita terrena, quando il desiderio di vivere gravemente scosso dalla malattia, viene la morte. L'anima per rimane racchiusa nei corpi astrale e causale, che sono tenuti insieme dal potere dei desideri fisici inappagati. Ges impieg tre giorni per bruciare definitivamente tutti i desideri del corpo fisico, astrale e causale - per distruggere tutte le limitazioni e liberare la sua anima nell'oceano dello Spirito. Ogni anima deve similmente eliminare i desideri fisici, astrali e causali e rompere le limitazioni che la tengono prigioniera. Solo allora l'anima desiderosa potr unirsi con l'eterno Spirito. Molte anime, a causa dei desideri e dell'imprigionamento nei tre corpi, pur vivendo nello Spirito non possono unirsi ad Esso, come l'acqua salata racchiusa nelle tre giare immerse nell'oceano non pu riunirsi ad esso. Individuazione delle Anime Ges voleva dire che le anime buone e cattive (di cui disse 'Una verr presa, l'altra lasciata') potevano essere individuate a seconda del luogo dove si trovavano i loro corpi. Quando si in un corpo fisico, Ges fece notare che l'anima imprigionata a causa degli avvoltoi dei desideri materiali. Quando un'anima si trova nel mondo astrale, Ges disse che prigioniera l a causa degli avvoltoi dei desideri astrali. La presenza di un corpo causale significa, secondo Ges, che l'anima imprigionata per l'influenza degli avvoltoi dei desideri causali. Quando viene liberata dai tre piccoli corpi limitanti, l'anima viene unita al suo corpo cosmico, dove le aquile delle sublimi percezioni volano alte nella Coscienza Cosmica. Gli avvoltoi sono i desideri, sia materiali che spirituali. Perci Ges disse che gli avvoltoi dei desideri fisici che rimangono ingabbiati nel corpo vivono della carne delle sensazioni, mentre gli avvoltoi dei desideri imprigionati nel corpo astrale vivono delle pi sottili sensazioni astrali, e gli avvoltoi dei desideri causali viventi nel corpo causale vivono di percezioni ancora pi sottili. Le aquile delle percezioni supercoscienti vivono nel corpo cosmico, quando l'anima lascia la prigione dei tre corpi e diventa una sola cosa con lo Spirito dal corpo cosmico. Essendo invisibile, l'anima pu essere distinta solo dalla presenza del suo corpo. La presenza del corpo indica che la sua esistenza resa possibile dai desideri; perci quando i discepoli chiesero dove sarebbero andate le anime, Ges rispose: Si pu distinguere se le anime invisibili si trovano nel piano fisico, astrale, causale o nel cosmo, a seconda che siano imprigionati nei tre piccoli corpi o nel grande corpo cosmico. I tre corpi piccoli sono tenuti insieme dai tre tipi di desideri fisici, astrali e causali, mentre il corpo cosmico d'infinit manifestato nella volont divina. I desideri fisici sono quelli che godono delle sensazioni corporee di vista, udito, odorato, tatto e gusto. Desideri Astrali

I desideri astrali consistono nel godere tutto in termini di vibrazioni. Gli esseri astrali amano vedere la creazione in termini di luce mutevole; vogliono ascoltare musica astrale, odorano luce, toccano luce, gustano luce. I desideri causali consistono nel godere tutto con l'intuizione soltanto. Le anime racchiuse solo nel corpo causale vedono l'intero universo come materializzazione delle idee di sogno di Dio. Le anime nel corpo causale possono materializzare qualunque cosa nel pensiero. Esse considerano il godimento delle sensazioni fisiche o delle percezioni astrali grossolano e soffocante per le raffinate sensibilit dell'anima. Perci le anime racchiuse in un corpo causale esauriscono i loro desideri materializzando tutto ci che vogliono in sogni o immaginazioni condensate. Coloro che si trovano avvolti solo dal velo sottile del corpo causale possono creare qualsiasi oggetto proprio come fa il Padre Celeste. Giacch tutta la creazione il sogno cosmico di Dio, l'anima racchiusa nel causale realizza che pu creare qualunque cosa proprio come fa il Padre Celeste. Non appena l'anima lascia i desideri fisici ed entra nei desideri astrali e causali, trova che pu materializzare qualunque cosa in termini di luce o di pensieri condensati o di sogni. Ottenendo questo potere, si sente meno tentata dalle percezioni astrali o dalle superpercezioni causali di quanto uno non si senta quando viene attaccato dalle tentazioni fisiche grossolane. Il terzo giorno, dopo la crocifissione, quando Ges incontr Maria Maddalena ebbe il desiderio di vederla, ma non le permise di toccarlo perch non era ancora risorto; cio, la sua anima non aveva lasciato le ultime limitazioni dei corpi astrale e causale. Quando l'anima di Ges ascese dai tre corpi, ricevette lo stesso potere che ha Dio; e cos rimodell il suo corpo e vi entr dentro, invece d'entrare in una forma embrionale e rinascere come un bambino che gradualmente si sarebbe sviluppato nel corpo di un uomo. La Parabola del Giudice "Disse loro una parabola sulla necessit di pregare sempre, senza stancarsi: 'In una citt c'era un giudice che non temeva Dio e non aveva riguardo per nessuno. In quella citt c'era anche una vedova, che andava da lui e gli liceva: Fammi giustizia contro il mio avversario. Per un certo tempo egli non volle, ma poi disse tra s: Anche se non temo Dio n rispetto alcuno, poich questa vedova cosi molesta le far giustizia, perch non venga a importunarti continuamente'. E il Signore soggiunse: 'Avete udito ci che dice il giudice disonesto. E Dio non far giustizia ai suoi eletti che gridano a Lui giorno e notte, e li far aspettare a lungo? Vi dico che far loro giustizia prontamente. Ma il Figlio dell'uomo, quando verr, trover la fede sulla terra?'". (Luca 18: 1-8). "Ricordate, se anche un giudice ingiusto risponder alle continue preghiere, quanto pi Dio, il pi grande di tutti i giudici onesti, punir il nemico satanico dei suoi eletti devoti, le cui preghiere d'aiuto spirituale (rivolte a Lui giorno e notte) Egli ha ascoltato a lungo pazientemente. Vi dico che Dio risponde prontamente all'appello dei sinceri devoti, distruggendo l'ignoranza satanica che tortura le loro menti con la sofferenza e l'infelicit, e di cui vogliono liberarsi con la preghiera continua. Similmente, la venuta della Coscienza Cristica incarnata in me in risposta alle preghiere dei sinceri devoti della terra, che con la loro fede nel potere divino vogliono essere liberati dalle illusioni sataniche che causano la sofferenza". Con queste parole Ges dice a tutti i devoti di non scoraggiarsi se vedono che Dio apparentemente non risponde alle loro preghiere. E spiega che come un giudice dal cuore duro risponde alle continue preghiere di una donna, cos Dio buono e giusto com' - risponde molto pi volentieri alle continue e incessanti preghiere del devoto. I veri devoti vogliono che la falsa illusione satanica dispensatrice di torture sia punita e bandita dai confini della mente. Essi pregano continuamente per poter adorare Dio senza la distrazione dell'illusione satanica.

Risposta alla Preghiera Ges dice che nella sua venuta sulla terra vi avrebbe trovato fede; cio, avrebbe trovato devoti con l'intuizione o la fede sviluppata. Ges dice che l'intuizione sviluppata dei devoti avanzati che vivono sulla terra giustifica la sua venuta. Anche la Bhagavad Gita, la pi grande sacra scrittura ind, dice: "Ogniqualvolta c' un declino della virt, Dio di tanto in tanto Si manifesta per proteggere i veri devoti, venendo sulla terra nel corpo di un grande maestro". Quando un devoto medita e prega intensamente, avverte intuitivamente la presenza di Dio come un sentimento di gioia sempre-nuova che lo pervade. Quando il devoto comunica ripetutamente con Dio attraverso la sua convinzione intuitiva, sviluppa la fede o la convinzione intuitiva di Dio, che Si manifesta a lui come tangibile gioia sempre-nuova. Questa gioiosa presenza sempre-nuova ispira il devoto con una maggiore fede o convinzione intuitiva dell'esistenza di Dio, nascosto dietro le porte della meditazione. La fede non credenza, che una cosa incerta. La credenza la condizione iniziale della mente che cerca di speculare su Dio, ma la fede l'immutabile convinzione definitiva ottenuta dopo che il devoto conosce Dio con certezza contattandoLo in meditazione. Fu la fede o la convinzione intuitiva di devoti altamente avanzati come Pietro e Giovanni che ag" come un magnete di preghiera continua per attirare Ges Cristo sulla terra. "Disse pure questa parabola per alcuni che presumevano d'essere giusti e disprezzavano gli altri: 'Due uomini salirono al tempio a pregare: uno era fariseo e l'altro pubblicano. Il fariseo stava in piedi e pregava cosi tra s: O Dio, ti ringrazio che non sono come gli altri uomini, ladri, ingiusti, adulteri, e neppure come questo pubblicano. Digiuno due volte la settimana e pago le decime di quanto possiedo. Il pubblicano invece, fermatosi a distanza, non osava nemmeno alzare gli occhi al cielo, ma si batteva il petto dicendo: O Dio, abbi piet di me peccatore! Io vi dico che questi torn a casa sua giustificato, a differenza dell'altro; perch chi si esalta sar umiliato, e chi si umilia sar esaltato'". (Luca 18: 9-14). Questo pubblicano e peccatore, sebbene meno virtuoso del fariseo, nondimeno aveva umilt e sincerit; e cos cre il buon Karma grazie al quale pot ricevere la vibrazione purificante di Dio. A causa del suo ego montuoso, il fariseo non pot raccogliere le gocce di pioggia delle benedizioni divine che cadevano sia su di lui che sul pubblicano. Il pubblicano raccolse le gocce di pioggia della misericordia divina nella valle del suo profondo e umile cuore. Ogni uomo che immagina d'essere grande, e pretende d'esserlo davanti agli altri, sar smascherato e disonorato davanti allo sguardo critico della gente, la cui attenzione ha attirato a s con la sua presunzione. Chi realmente umile saturo di magnetismo divino; e anche se nascosto, attira a s l'apprezzamento e il riconoscimento umano e divino. Sostenendo la preghiera sincera del peccatore pubblicano e deprezzando la preghiera egoistica del fariseo, Ges non voleva dire che il peccatore pubblicano era superiore in virt al fariseo conforme alla legge. Ma voleva dire che se solo il fariseo con la sua natura conforme alla legge avesse coltivato l'umilt, avrebbe attirato la misericordia divina e sarebbe stato pi grande del pubblicano umile, ma peccatore.

IL DIVORZIO "Allora gli si avvicinarono alcuni farisei per metterlo alla prova e gli chiesero: ' lecito ad un uomo ripudiare la propria moglie per qualsiasi motivo?'. Ed egli rispose: 'Non avete letto che il Creatore da principio li cre maschio e femmina, e disse: Per questo l'uomo lascer suo padre e sua madre e si unir a sua moglie, e i due saranno una carne sola? Cos che non sono pi due,

ma una carne sola. Quello dunque che Dio ha congiunto l'uomo non lo separi'. Gli obiettarono: 'Perch allora Mos ha ordinato di darle l'atto di ripudio e di mandarla via?'. Rispose loro Ges: 'Per la durezza del vostro cuore Mos vi permise di ripudiare le vostre mogli, ma da principio non fu cos. Perci vi dico: Chiunque ripudia la propria moglie, se non in caso di concubinato, e ne sposa un'altra, commette adulterio;...e chi sposa una donna ripudiata commette adulterio'". (Matteo 19: 3-9; Luca 16: 18). "Per la mancanza d'amore e sentimento nel vostro cuore, Mos vi diede l'atto del ripudio. Non avete letto che all'inizio della creazione Dio cre anime gemelle tra maschi e femmine, intendendo che per la divina attrazione dell'anima tra un uomo e la sua compagna, egli avrebbe lasciato padre e madre e si sarebbe unito a sua moglie? Quando un uomo e sua moglie si uniscono come vere anime gemelle saranno una sola carne o agiranno in armonia e all'unisono nel corpo, nella mente e nell'anima; le loro anime non agiranno con ideali differenti, ma come due corpi, due menti e due anime con un unico ideale. "Perci, quando una vera anima gemella maschile si unisce alla sua vera anima gemella femminile secondo la via di liberazione mondana dell'unione in conformit al decreto divino, che quella legge non sia dissacrata e annullata dall'uomo ignorante con un'erronea interpretazione della legge del divorzio data da Mos. Mos vide che molti di voi avevano perso il magnetismo divino richiesto per attirare le vostre anime gemelle; e invece vi trov crudeli di cuore, che attiravate le compagne sbagliate, provocando cos i conseguenti problemi matrimoniali; perci vi diede la legge del divorzio, per paura che maltrattaste le mogli erroneamente sposate. "Nei primi tempi della creazione non c'era bisogno di una legge del divorzio, perch uomini e donne conducevano una vita naturale e quindi non correvano il pericolo d'accoppiarsi erroneamente e non c'era bisogno di separazione. "Se un uomo ripudia la moglie correttamente sposata - eccetto in caso di trasgressione sessuale - e ne sposa un'altra, commette adulterio; cio, infrange la legge del matrimonio d'amore e dell'unione delle anime per il piacere dello stimolo sessuale dato da un nuovo matrimonio fisico mal fatto. Allo stesso modo, ogni uomo che non cerca la propria anima gemella, ma sposa una donna divorziata per il piacere del sesso, parimenti colpevole d'adulterio. "Vi dico ancora, ripetutamente, che chi ripudia la moglie che la propria anima gemella, e sposa un'altra donna mosso dall'attrazione sessuale, commette un peccato d'adulterio contro la sua vera moglie. Similmente, se una donna ripudia il marito che la propria anima gemella, e mossa dall'attrazione fisica sposa un altro uomo, commette un peccato sessuale". Nelle suddette parole Ges sottolinea che tutti i matrimoni dovrebbero avvenire tra anime gemelle, attratte reciprocamente dal magnetismo divino e non dal magnetismo animale del sesso. Questa era la legge divina originaria del matrimonio: che a ogni vero uomo corrispondeva una vera donna; e se ciascuno dei due avrebbe vissuto giustamente sulla terra, si sarebbero uniti nel matrimonio decretato dalla legge divina. L'Antico Matrimonio Ges dice che questa era la legge all'inizio. Nei primi tempi delle civilt scomparse, sconosciute alla storia, la gente viveva pi naturalmente ed era pi spirituale. Uomini e donne s'accoppiavano correttamente e non c'era bisogno di divorzio; ma i tempi cambiarono, e con l'abuso della volont e della ragione le persone divennero pi materialiste. Cos i loro cuori non poterono pi attirare le giuste anime gemelle. Mos trov questa situazione e diede la legge secondaria del divorzio, come un mezzo per salvare le mogli mal sposate dalla tirannia dei crudeli mariti. Questa legge doveva servire come una spada a doppio taglio, per proteggere anche i mariti dalle mogli crudeli sposate erroneamente. Ges fa notare che quando uomini e donne si sposano come vere anime gemelle, il divorzio diventa inutile e molto raro, sebbene un uomo potrebbe divorziare dalla moglie anima gemella se questa stata talmente sciocca da peccare di fornicazione nella mente o nel

corpo. Bisogna ricordare che l'adulterio si commette sia nella mente che nel corpo. Ogni donna correttamente sposata a suo marito, ma che a causa dell'illusione e del cattivo uso della ragione sviluppa internamente una continua e irrinunciabile attrazione sessuale per un altro uomo, commette adulterio mentale e dovrebbe - se il marito lo permette - chiedere il divorzio. Inoltre, se per ignoranza una donna commettesse effettivamente adulterio, allora sarebbe legittimo che suo marito divorziasse da lei, e viceversa. In questi passi Ges sta cercando di sottolineare la legge delle vere anime gemelle. Egli dice che uomini e donne dovrebbero condurre vite pure e cercare la liberazione unendosi nel perfetto amore divino. Ges fa notare che i divorzi sono innaturali e inutili, poich secondo il piano di Dio gli uomini e le donne che sono anime gemelle ideali non dovrebbero sposarsi per il sesso, ma per realizzare il Suo perfetto amore divino attraverso il loro perfetto amore reciproco. Ges ci ammonisce che il matrimonio per il mero piacere sessuale avviene solo tra uomini e donne che non sono anime gemelle. Quindi i matrimoni accoppiati male sono adulteri e distruggono la stessa struttura con cui fatta la societ e la nazione. Il Divorzio Moderno I moderni matrimoni mal fatti sono case smembrate. Gli uomini e le donne di oggi dovrebbero seguire il consiglio di Ges, conducendo una vita ideale e sposandosi solo quando sono sicuri di essere anime gemelle. Uomini e donne dovrebbero ricordare che l'ideale del matrimonio non il sesso o il vantaggio sociale, ma la liberazione in Dio attraverso il perfetto amore divino. Se gli uomini e le donne fossero pi spirituali e nel matrimonio seguissero la legge dell'attrazione spirituale e non quella dell'attrazione sessuale, realizzerebbero il matrimonio spirituale e troverebbero la libert in Dio. Allora e solo allora i divorzi diverrebbero sempre meno, fino a scomparire. "Gli dissero i discepoli: 'Se questa la condizione dell'uomo rispetto alla donna non conviene sposarsi'. Ed egli rispose: 'Non tutti possono capire questo ma solo coloro ai quali stato concesso. Vi sono infatti eunuchi nati cos dal ventre della madre, ve ne sono alcuni che sono stati resi eunuchi dagli uomini, e vi sono altri che si sono fatti eunuchi per amore del regno dei cieli. Chi pu capire, capisca'". (Matteo 19: 10-12). "Non tutti gli uomini e le donne possono capire questo mio precetto, tranne quelli che ne sono degni; cio, fisicamente e mentalmente pronti a conformarsi ad esso. Vi sono alcuni eunuchi che furono costretti ad esserlo, giacch nacquero tali dal ventre delle loro madri. Vi sono alcuni eunuchi che furono resi tali dagli altri uomini attraverso operazioni artificiali. "E vi sono eunuchi, o celibi per scelta, che si sono resi volontariamente tali ritirando la mente, la volont e l'energia dalla regione sessuale, per poter ricevere la gioia eterna della Coscienza Cosmica rinunciando al temporaneo piacere sessuale creato dall'illusione satanica. Chiunque capace e degno di capire questo precetto, lo segua e trover il regno di Dio". Celibi per Dio Dopo aver detto che il matrimonio ideale tra anime gemelle per realizzare l'amore perfetto di Dio un mezzo di liberazione per le persone mondane, qui Ges continua dicendo che vi sono uomini e donne che rinunciano completamente al matrimonio e cercano il regno di Dio mediante il celibato. Come nel matrimonio perfetto l'amore divino primario e l'unione sessuale secondaria, cos un uomo o una donna - singolarmente - unendo l'anima con Dio e rinunciando completamente al piacere sessuale, pu trovare il perfetto amore divino e la liberazione spirituale.

Ges sottolinea che per ottenere la felicit eterna della Coscienza Cosmica, alla coscienza sessuale devono rinunciare sia le persone sposate che i celibi. Ges dice che vi sono eunuchi nati tali, eunuchi creati artificialmente ed anche eunuchi spirituali. Gli eunuchi spirituali sono quelli che ritirano completamente volont, energia, desiderio e forza sessuale dai nervi sessuali, in modo da non sentire mai alcun impulso sessuale fisico. Ges fa appello a quegli eunuchi per scelta che rinunciano al piacere del sesso per ottenere il piacere eterno del regno di Dio. Il regno di Dio la realizzazione della Coscienza Cosmica e delle sue gioie attraverso la meditazione quotidiana e l'estasi. Gli eunuchi spirituali non sono quelli che distruggono la loro potenza sessuale e diventano veri eunuchi, ma quelli che non usano mai i loro desideri sessuali per stimolare i nervi sessuali fisici. Ges stesso rinunci al piacere sessuale per il regno di Dio. Anche l'ordine degli Swami in India sottolinea la rinuncia della coscienza sessuale per ottenere la felicit della Coscienza Cosmica.

CAMBIARE LA RICCHEZZA TEMPORALE CON LA RICCHEZZA DIVINA "Gli presentavano dei bambini perch li toccasse, ma i discepoli li sgridavano. Ges vedendo questo s'indign, e disse loro: 'Lasciate che i bambini vengano a me e non glielo impedite, perch a chi come loro appartiene il regno di Dio. In verit vi dico: Chi non accoglie il regno di Dio come un bambino, non entrer in esso'. E prendendoli tra le braccia e imponendo loro le mani li benediceva". (Marco 10: 13-16). "Lasciate che i bambini vengano a me. Non allontanateli. Tutti gli uomini che hanno realizzato la Coscienza Cosmica sono come bambini nella loro semplicit. In verit vi dico, chiunque cerca di conseguire la Coscienza Cosmica senza essere semplice, distaccato, sincero, buono e fedele come un bambino, non pu entrare in quello stato divino". "Mentre usciva per mettersi in viaggio, un tale gli corse incontro e, gettandosi in ginocchio davanti a lui, gli domand: 'Maestro buono, che devo fare per avere la vita eterna?'. Ges gli disse: 'Perch mi chiami buono? Nessuno buono se non Dio solo. Tu conosci i comandamenti: Non uccidere, non commettere adulterio, non rubare, non dire falsa testimonianza, non frodare, onora il padre e la madre'. Egli allora rispose: 'Maestro, tutte queste cose le ho osservate fin dalla mia giovinezza'. Allora Ges, fissatolo, lo am e gli disse: 'Una sola cosa ti manca: v, vendi quello che hai e dallo ai poveri e avrai un tesoro in cielo; poi vieni, prendi la croce e seguimi'. Ma egli attristatosi per quelle parole, se ne and afflitto, perch aveva molti beni. E Ges, volgendo lo sguardo attorno, disse ai suoi discepoli: 'Quanto difficilmente coloro che hanno ricchezze entreranno nel regno di Dio!'. I discepoli rimasero stupefatti a queste parole; ma Ges riprese: 'Figlioli, com' difficile entrare nel regno di Dio! E pi facile che un cammello passi per la cruna di un ago, che un ricco entri nel regno di Dio'. Essi, ancora pi sbigottiti, dicevano tra loro: 'E chi mai si pu salvare?'. Ma Ges, guardandoli disse: 'Questo impossibile agli uomini, ma non a Dio! Perch tutto possibile a Dio'". (Marco 10: 17-27). "Perch mi chiami buono? Poich nessun bene pu esistere senza l'unico Bene che Dio. Se vuoi riunire la tua vita con la vita eterna, segui i comandamenti o le leggi tramite cui la vita umana pu essere trasmutata in vita eterna. "Tu conosci i comandamenti, che sono: Non uccidere, altrimenti perderai il tuo amore cosmico per tutti e il potere di vedere Dio in tutti. Non commettere adulterio, perch identificandoti con il piacere sessuale vieni ingannato e spinto a dimenticare la gioia sempre-nuova di Dio presente nella tua anima l'immagine perfetta di Dio. Non rubare, altrimenti annegherai nell'abisso

dell'egoismo e perderai la visione del vasto S, che pu essere conosciuto solo amando gli altri e dando. Non dire falsa testimonianza, perch quando metti il velo della menzogna sulla tua coscienza, esso nasconde la presenza della verit divina dentro di te. Non frodare nessuno, poich l'inganno della falsit oscura la saggezza divina. Onora il padre e la madre, poich sono la manifestazione fisica di Dio che si prende cura di te attraverso la ragione paterna e l'amore incondizionato della madre. Ama il prossimo tuo come te stesso, e quindi non concentranti sul tuo piccolo s, ma unisciti con lo Spirito in tutti, amando tutti - a cominciare dal prossimo che ti sta pi vicino. "Se vuoi essere perfetto, una cosa ti manca: v, vendi tutto quello che hai e d il ricavato ai poveri. Rifiutando il potere delle ricchezze materiali otterrai il tesoro della Coscienza Cosmica e dell'eterna beatitudine. Dopo prendi la croce - adotta l'attitudine e la determinazione mentale di rinunciare a tutto per la realizzazione della Coscienza Cosmica - e segui i miei metodi di disciplina per realizzare la Coscienza Cristica in me. "O miei discepoli, in verit vi dico che - come vedete analizzando la mentalit del giovane ricco, riluttante a rinunciare alle sue temporanee ricchezze materiali per avere la ricchezza eterna in Dio - finch un ricco soddisfatto con le sue ricchezze, difficile che cerchi il regno della Coscienza Cosmica e dell'eterna felicit. "Cari figli-devoti, quant' difficile per coloro che sono immersi nelle comodit dei piaceri materiali immaginare l'eterna felicit della Coscienza Cosmica! pi facile che un cammello passi per la cruna di un ago, piuttosto che un ricco - corpulento e gibboso di felicit materiale come un cammello - entri per la porta sottile della meditazione che conduce alla Coscienza Cosmica. Con le loro abitudini di grossolani piaceri fisici, i ricchi trovano difficile coltivare l'abitudine del piacere divino che si prova in meditazione. "Gli uomini materialisti sono irrequieti, ma anche se capissero che per le loro cattive abitudini sembrerebbe impossibile entrare nel regno di Dio, tuttavia se pregheranno - con l'aiuto e le benedizioni di Dio potranno entrare nella Coscienza Cosmica. Poich ci che per l'uomo impossibile compiere da solo, pu essere fatto con l'aiuto di Dio e della Sua onnipotenza". In queste parole, Ges - assorto nell'amore di Dio - parla di Dio come del solo Buono, esistente dentro di lui e ovunque. Ges non poteva vedere nessun bene separato da Dio, e perci nella sua grande coscienza non poteva vedere il bene in lui separato da Dio. Poich Ges era uno con Dio, non poteva vedere nemmeno la sua esistenza separata da Lui, e non sentiva separazione egoistica tra il suo s e Dio. I Dieci Comandamenti I dieci comandamenti non sono ordini autocratici di Dio all'uomo, ma sono stati dati all'uomo perch vivesse in questo mondo d'illusione cosmica e di tentazione satanica come figlio di Dio, fatto a Sua immagine e manifestante le qualit divine, piuttosto che come figlio dell'illusione e della carne identificato coi sensi e col male. L'omicidio viene commesso identificandosi con l'avidit, l'egoismo o la collera, che sono tutte qualit sataniche che distruggono la coscienza di pace dell'anima. L'adulterio sviluppa l'identificazione col corpo fisico e la perdita della coscienza dell'Onnipresenza. Rubare sviluppa l'egoismo e la perdita della coscienza di possedere tutto che viene dal contatto divino. Il dire falsa testimonianza sviluppa la cecit spirituale e la perdita della percezione intuitiva della verit dentro di S. Il frodare sviluppa la falsit mentale, che si frappone come un velo tra la coscienza umana e la coscienza divina. Chi onora il padre e la madre vede in loro la presenza del Padre Divino, che protegge il bambino assumendo la forma fisica di padre e madre. Chi ama il suo prossimo, tutti gli esseri umani, gli uccelli, gli animali, i fiori - e tutte le cose viventi intorno a lui - come espressioni di Dio, sente la presenza di Dio in tutti loro. Amare tutte le creature viventi esistenti nelle vicinanze del s come uno ama il S, vuol dire sentire la presenza del S, o dello Spirito, in tutto. Chi ama solo s stesso esclude la coscienza di Dio presente in tutte le

creature viventi. La persona la cui mente predisposta ad amare tutte le creature come ama s stessa, sente Dio in tutto. Quando Ges seppe che il giovane obbediva ai dieci comandamenti e tuttavia non aveva la coscienza di Dio, vide che il giovane era ancora attaccato alle ricchezze. E allora osserv: "Coloro che si sentono soddisfatti dal benessere dei piaceri temporanei non sono inclini a cercare la sottile felicit eterna della Coscienza di Dio". Ges fa notare che le ricche persone materialiste, che identificano le loro anime con le frivole e fisicamente confortevoli abitudini dei benestanti, trovano che le loro abitudini fisiche gli impediscono di coltivare l'abitudine divina d'essere assorbiti nella gioia della meditazione. Come un cammello non pu passare per la cruna di un ago, cos per le persone con abitudini lussuose difficile coltivare la quieta abitudine di godere del contatto di Dio e della beatitudine divina nella meditazione. Pi sono aristocratiche le proprie abitudini, meno sensibili si alla coscienza di Dio; pi uno sviluppa la coscienza di Dio, meno abitudini aristocratiche rimangono. Ricchezze Mentali e Ricchezze Spirituali Le abitudini aristocratiche consistono nel non riuscire a vivere semplicemente, senza lussuosi ambienti circostanti, senza una numerosa servit e senza i piaceri dei sensi. Solo perch uno vive in case sontuose e tra le comodit materiali, ci non significa necessariamente che non pu farne a meno. Non la posizione di un ricco che distrugge la sua coscienza di Dio, ma la sua attitudine mentale, quando posseduto dai suoi possessi. Ges us il termine 'ricco' per indicare una persona che pensa falsamente d'essere ricca a causa dei pochi possessi materiali presi in prestito da Dio e che, prima o poi, la morte gli toglier. E sciocco da parte di qualsiasi uomo materialmente benestante pensare d'essere ricco quando in realt non lo. Se si studiano da vicino le abitudini materiali di molte persone ricche, si capisce facilmente perch Ges parl in quel modo. Molti di loro sono impegnati giorno e notte a pensare al denaro, non importa quanto gi ne possiedono, e sono occupati a escogitare nuovi modi di godimento fisico. Perci, al momento della preghiera e della meditazione, non possono concentrarsi su Dio perch i loro pensieri oscillano costantemente e si volgono verso le molte cose materiali a loro disponibili. Ges condann le abitudini materiali del ricco e non il suo possesso di ricchezze, poich alcune persone ricche sono state benedette divinamente. Esse possono fare molto bene servendo come esempi per sviluppare la coscienza di Dio negli altri, e alleviando le sofferenze della povert altrui. Ma quando un ricco viene talmente inebriato dal suo potere temporale che dimentica d'acquisire l'indeperibile ricchezza della realizzazione divina, e cerca follemente di costruire la sua vita sull'insicurezza delle ricchezze materiali allora dev'essere biasimato. Tuttavia Ges assicura all'umanit che le persone ricche e materialiste, che non possono trovare Dio a causa delle loro cattive abitudini e perch sono irrimediabilmente immerse negli interessi materiali, possono compiere ci che apparentemente sembra impossibile. Con l'aiuto di Dio, che onnipotente, esse possono entrare per la porta nel regno di Dio - purch cerchino il Suo aiuto con il pentimento e la meditazione. "Allora Pietro prese a dirgli: 'Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito, che cosa dunque ne otterremo?'. E Ges disse loro: 'In verit vi dico: voi che mi avete seguito, nella nuova creazione, quando il Figlio dell'uomo sar seduto sul trono della sua gloria, sederete anche voi su dodici troni a giudicare le dodici trib d'Israele. Chiunque avr lasciato case, o fratelli, o sorelle, o padre, o madre, o figli o campi per il mio nome, ricever cento volte tanto e avr in eredit la vita eterna. E molti dei primi saranno ultimi, e molti degli ultimi saranno primi'". (Matteo 19: 27-30).

"Con la convinzione della verit, vi dico che voi che m'avete seguito o ottenuto la mia Coscienza Cristica con la preghiera e la meditazione profonda, dopo la risurrezione del Figlio dell'uomo - o la spiritualizzazione del mio corpo fisico nello Spirito Cosmico - vedrete che la mia Coscienza Cristica glorificata dall'estasi seder sul trono dell'onnipresente Coscienza Cosmica. Anche le vostre anime - inclusa quella di Giuda, che a causa del suo tradimento sar liberata solo dopo molte incarnazioni - siederanno sul trono dell'onnipresente Coscienza Cosmica. Voi sarete liberati in dodici momenti differenti, secondo il tempo necessario per esaurire tutti i semi delle vostre azioni delle vite passate. "Quando le vostre anime diventeranno una sola cosa con la Coscienza Cristica e la Coscienza Cosmica, potrete vedere che le anime delle dodici trib d'Israele e degli altri esseri umani vengono giudicate nel mondo astrale secondo le azioni compiute nella vita terrena. Le anime che hanno del buon Karma vengono liberate in Dio, mentre le anime con cattivo Karma si reincarnano sulla terra per lavorare ancora per la loro libert spirituale. "Con la vostra visione divina vedrete che, secondo la legge di causa ed effetto che governa tutte le azioni umane, chiunque avr lasciato sinceramente case, o fratelli, o sorelle, o padre, o madre, o moglie, o figli, o terre per ottenere lo Spirito Santo e la Coscienza Cristica, ricever cento volte tanto in questa vita terrena. Essi riceveranno consolazioni spirituali, fratelli divini, sorelle e madri divine, discepoli e amici divini - insieme a persecuzioni da parte della satanica illusione cosmica, che cercher di minare la loro fede in Dio. Le anime che hanno rinunciato a tutto - ai possessi, ai piaceri dei sensi e agli attaccamenti umani - per ottenere la coscienza di Dio, riguadagneranno la vita eterna nascosta nelle loro anime. "Per alcuni entrati prima nel sentiero spirituale potranno essere ultimi ad entrare nella Coscienza Cosmica, e per mancanza di sufficiente intensit spirituale e in conformit ai loro diversi gradi di perseveranza e di realizzazione spirituale. Quei devoti che pur essendo venuti ultimi sono dotati di grande intensit spirituale, potranno essere i primi ad entrare nella Coscienza Cosmica e nella libert eterna. In tutti i casi, le persone il cui entusiasmo spirituale continuer fino al termine saranno le prime ad entrare nella libert eterna". Qui Ges assicura ai discepoli e a tutti i suoi seguaci che la rinuncia ai possessi materiali, l'abnegazione e l'accettazione della povert per ottenere la Coscienza Cosmica non sono invano. Quelli che rinunciano a tutto nella vita mondana troveranno tutto: sia Dio che tutte le cose necessarie per provvedere alla vita materiale. Ges fa notare che il fine della rinuncia non l'autotortura o un'esistenza negativa, ma il positivo conseguimento del tesoro eterno, Dio. Per Ges avverte che i rinuncianti, anche se ricompensati sulla terra e in cielo, devono essere preparati ad affrontare le persecuzioni e le tentazioni della carne dovute al potere dell'illusione cosmica, che cerca d'impedire ai ricercatori la realizzazione della Coscienza Cosmica. Ma una volta conquistate le tentazioni della carne, in seno alla Coscienza Cosmica riceveranno le gioie della continua ed eterna felicit sempre-nuova. Tempo Contro Intensit Inoltre Ges dice ai suoi discepoli che quando siederanno nell'onnipresente Coscienza Cosmica otterranno l'onnipresenza, e con essa potranno vedere il destino di tutte le anime sia dopo la morte che durante la loro esistenza umana. Egli sottolinea che perseverare nella ricerca spirituale il solo modo in cui si pu ottenere la Coscienza Cosmica, e che il tempo della sua realizzazione presto o tardi - dipende dall'intensit del devoto nel praticare la meditazione e la disciplina spirituale. "Il regno dei cieli simile a un padrone di casa che va all'alba per prendere a giornata dei lavoratori per la sua vigna. Accordatosi con loro per un denaro al giorno, li mand nella sua vigna. Uscito poi verso le nove del mattino, ne vide altri che stavano sulla piazza disoccupati e disse loro: Andate anche voi nella

mia vigna; quello che giusto ve lo dar. Ed essi andarono. Usc" di nuovo verso mezzogiorno e verso le tre, e fece altrettanto. Uscito ancora verso le cinque, ne vide altri che stavano l e disse loro: Perch ve ne state qui tutto il giorno oziosi? Gli risposero: Perch nessuno ci ha presi a giornata. Ed egli disse loro: Andate anche voi nella mia vigna. Quando fu sera, il padrone della vigna disse al suo fattore: Chiama gli operai e d loro la paga, incominciando dagli ultimi fino ai primi. Venuti quelli delle cinque del pomeriggio, ricevettero ciascuno un denaro. Quando arrivarono i primi, pensavano che avrebbero ricevuto di pi. Ma anch'essi ricevettero un denaro ciascuno. Nel ritirarlo per mormoravano contro il padrone dicendo: Questi ultimi hanno lavorato un'ora soltanto e li hai trattati come noi, che abbiamo sopportato il peso della giornata e il caldo. Ma rispondendo a uno di loro, il padrone disse: 'Amico, io non ti faccio torto. Non ti sei accordato con me per un denaro? Prendi il tuo e vattene; ma io voglio dare anche a quest'ultimo quanto a te. Non posso fare del mio quel che voglio? Oppure sei invidioso perch sono buono?'. Cos gli ultimi saranno primi, e i primi gli ultimi". (Matteo 20: 1-16). "Il regno di Dio simile a un maestro che viene sulla terra e, come un divino padrone di casa, invita le persone materiali a lavorare spiritualmente, a meditare nella vigna della supercoscienza per guadagnarsi il salario della saggezza. Il maestro chiam tutti i ricercatori spirituali che erano senza lavoro, avendo rinunciato a tutti i possessi materiali e tuttavia incapaci di trovare Dio. E disse loro: 'Venite, all'alba della mia venuta sulla terra v'invito a lavorare nella vigna della mia autodisciplina, e per il vostro lavoro nel campo della disciplina vi dar la saggezza'. "Poi il maestro usc" verso le nove e vide molti ricercatori e rinuncianti che stavano inattivi nella piazza dell'attivit materiale, incapaci di trovare Dio e il giusto guru che li guidasse nel sentiero divino. Perci il maestro disse loro: 'Andate nella vigna della mia disciplina e, secondo il vostro lavoro spirituale, vi sar data la saggezza che meriterete', e quei ricercatori lo seguirono. Il maestro va di nuovo verso mezzogiorno e le tre, e riun" altri discepoli che desideravano lavorare nella vigna dell'autodisciplina per ricevere il salario della saggezza. Quindi il maestro va ancora verso le cinque e trov alcuni rinuncianti oziosi. Quando vide che non avevano un precettore spirituale che li guidasse, chiese loro di lavorare nella sua vigna-scuola di disciplina, assicurando che avrebbero ricevuto la saggezza secondo l'intensit del loro lavoro. "Quindi il maestro chiam l'amministratore - la legge di causa ed effetto che regola tutte le azioni umane - e ordin che ai lavoratori spirituali, dall'ultimo al primo venuto, fosse data la saggezza divina. Quando per, per la loro intensit spirituale, i discepoli venuti ultimi ricevettero la stessa saggezza di quelli ch'erano entrati per primi nella scuola di disciplina, allora quelli venuti prima cominciarono a mormorare, dicendo al maestro: 'O buon uomo della casa di Dio, noi ci aspettavamo pi saggezza, poich siamo stati con te pi a lungo e abbiamo sopportato il caldo delle tante prove e il peso dell'autodisciplina molto pi di quelli che sono venuti ultimi. Com' che hai dato uguale saggezza sia a quelli che vennero ultimi che a quelli che furono i primi?'. "Il maestro rispose: 'Tutti i ricercatori spirituali - che sono figli divini di Dio - ottengono la stessa saggezza sia che vengano prima o dopo, purch il loro entusiasmo spirituale sia intenso. Andate in pace, perch dovreste essere soddisfatti con quello che avete ricevuto. In conformit ai desideri del Padre Celeste, mi consentito dare la stessa saggezza eterna sia a quelli che vennero ultimi che a quelli che vennero per primi, poich tutti quelli che hanno un'intensa fame di spiritualit meritano la stessa saggezza eterna. Siccome in me scorre l'eterna saggezza di Dio, io sento dentro la Sua eterna giustizia e imparzialit che mi guida a dare imparzialmente la saggezza a tutti i ricercatori. Perci l'ultimo ad entrare nel sentiero spirituale pu, per la sua intensit, diventare il primo a ricevere la saggezza; mentre il primo, a causa del suo tiepido entusiasmo spirituale, potrebbe essere l'ultimo a ricevere l'emancipazione'. "Ecco perch molti possono essere chiamati da un maestro per il loro desiderio

spirituale, ma pochi sono eletti a ricevere la Coscienza Cosmica; e quei pochi sono scelti secondo l'intensit della meditazione e della disciplina spirituale che praticano". Qui Ges voleva comunicare a tutti gli aspiranti che un uomo potrebbe entrare in giovane et nel sentiero spirituale, senza tuttavia riuscire a ottenere la Coscienza Cosmica - per mancanza di sufficiente ardore spirituale - fino all'ultima parte della sua vita. Mentre un altro uomo spirituale potrebbe entrare nel sentiero di Dio nell'ultima parte della sua vita e tuttavia, per il suo intenso ardore spirituale, ottenere rapidamente la Coscienza Cosmica; e cos, pur essendo l'ultimo, pu essere il primo nella realizzazione divina. Inoltre Ges voleva dire a tutti i ricercatori che non ha importanza se una persona spirituale entra nel sentiero divino presto o tardi nella vita, o se ottiene la Coscienza Cosmica in poco tempo o dopo molto tempo, poich nella realizzazione finale tutti troveranno in Dio la stessa infinita saggezza, immortalit e gioia sempre-nuova. Nel regno della Coscienza Divina tutti i devoti sono ugualmente perfetti e sono trattati da pari dal Padre Cosmico. Nessun devoto riceve pi degli altri, perch a ogni devoto dato tutto. Perci nel regno della Coscienza Divina tutte le anime liberate sono pari nel loro stato spirituale. Nessuno superiore a un altro, perch sono tutti uno con il grande Dio. "Mentre saliva a Gerusalemme, Ges prese in disparte i dodici e lungo la via disse loro: 'Ecco, stiamo salendo a Gerusalemme e il Figlio dell'uomo sar consegnato ai sommi sacerdoti e agli scribi, che lo condanneranno a morte e lo consegneranno ai pagani perch sia schernito, flagellato e crocifisso, ma il terzo giorno risusciter'". (Matteo 20: 17-19). "Ecco, stiamo andando a Gerusalemme, e tutte le predizioni che sono state fatte dai profeti riguardo al mio corpo fisico - in cui racchiusa la Coscienza Cristica - si avvereranno. Il mio corpo fisico sar consegnato nelle mani dei sommi sacerdoti e degli scribi col tradimento. Essi lo condanneranno a morte e lo daranno ai Gentili, che lo scherniranno e lo flagelleranno, vi sputeranno sopra e infine lo uccideranno. Ma nel terzo giorno, dopo che il triplice Karma (i semi delle azioni del corpo fisico, astrale e causale) sar stato bruciato, il mio corpo verr spiritualizzato dall'energia divina e risusciter". Qui Ges menziona per la prima volta le profezie degli antichi profeti circa la sua vita futura.

IL CIELO ONNIPRESENZA "Allora gli si avvicin la madre dei figli di Zebedeo con i suoi figli, e si prostr per chiedergli qualcosa. Egli le disse: 'Che cosa vuoi?'. Gli rispose: 'Di' che questi miei figli siedano uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno'. Rispose Ges: 'Voi non sapete quello che chiedete. Potete bere il calice che io sto per bere, e ricevere il battesimo con cui io sono battezzato?'. Gli dicono: 'Lo possiamo'. Ed egli soggiunse: 'Il mio calice lo berrete e sarete battezzati con lo stesso mio battesimo; per non sta a me concedere che vi sediate alla mia destra o alla mia sinistra, ma per coloro per i quali stato preparato dal Padre mio'. Gli altri dieci, udito questo si sdegnarono con i due fratelli; ma Ges, chiamatili a s, disse: 'I capi delle nazioni, voi lo sapete, dominano su di esse e i grandi esercitano su di esse il potere. Non cos dovr essere tra voi; ma chi vorr diventare grande tra voi, si far vostro servo, e chi vorr essere il primo tra voi, si far vostro schiavo; proprio come il Figlio dell'uomo, che non venuto per essere servito, ma per servire e dare la sua vita in riscatto per molti'". (Matteo 20: 20-28; Marco 10: 35-45). "Voi non sapete che cosa stupenda chiedete. Potete bere la saggezza dal calice della Coscienza Cosmica dal quale sto per bere? O ricevere il battesimo della

Gioia Cosmica, con cui io sono battezzato?". Gli dissero: "Lo possiamo". E Ges rispose: "Siete degni di bere la saggezza dallo stesso calice, e sarete battezzati con la stessa Gioia Cosmica - la Vibrazione Cosmica dello Spirito Santo - con cui io sono battezzato. Ma sedere alla mia destra o alla mia sinistra in un punto dello spazio non pu essere disposto da me, perch il Padre Celeste incorona tutte le anime spirituali nell'onnipresenza". Gli studiosi biblici che dicono di non trovare nei Vangeli nessuna definizione del cielo da parte di Ges non comprendono il significato nascosto delle sue parole. In questo passo, Cristo respinge ogni nozione di cielo come un posto limitato, e ne indica la sua natura onnipresente. Quando gli altri discepoli udirono la richiesta, s'indignarono contro i due fratelli Giacomo e Giovanni. Ma Ges li chiam a s e disse loro: "Voi sapete che i capi designati a dominare le nazioni esercitano su di esse il loro potere, e sapete anche che i grandi capi esercitano il potere sugli altri che governano i popoli. Ma questo tipo di governo gerarchico, con capi supremi che comandano capi subalterni, non pu sussistere tra voi, che siete figli di Dio - fatti a Sua immagine - e tutti uguali ai Suoi occhi. "Chiunque vorr diventare grande tra voi, servir tutti e sar il servo di tutti; e chi vorr essere il primo agli occhi del cielo, servir tutti fisicamente, mentalmente, moralmente e spiritualmente. Infatti la Coscienza Cristica in me non venuta per essere servita, ma per servire tutti e dare l'esempio della luce divina con il sacrificio e la vita ideale, perch seguendone l'esempio altri possano essere liberati e ottenere la Coscienza Cosmica". Nelle suddette parole Ges sottolinea che tutte le anime e i discepoli degli insegnamenti cristici che riusciranno a ottenere la saggezza e la gioia della Coscienza Cristica e la percezione della Vibrazione Cosmica, saranno incoronati nell'onnipresenza di Dio - dove saranno tutti uguali, avendo realizzato lo stesso eterno Dio. Inoltre egli ci dice che per essere il pi grande agli occhi del Divino, uno dev'essere il pi piccolo agli occhi del mondo, servendo tutti in qualsiasi modo. Ges fece notare che la Coscienza Cristica in lui non s'era incarnata sulla terra per ricevere l'adorazione degli uomini, ma per offrire loro il supremo servizio, dimostrando la Coscienza Divina in atti di supremo sacrificio fisico, mentale e spirituale.

I FANATICI DELLA FILANTROPIA "Ges si trovava a Betania, nella casa di Simone il lebbroso. Mentre stava a mensa giunse una donna con un vasetto d'alabastro, pieno d'olio profumato di nardo genuino, di gran valore; e rotto il vasetto d'alabastro, vers l'unguento sul suo capo. Ci furono alcuni che si sdegnarono fra di loro: 'Perch tutto questo spreco d'olio profumato? Si poteva benissimo vendere quest'olio a pi di trecento denari e darli ai poveri!'. Ed erano furenti contro di lei. Allora Ges disse: 'Lasciatela stare; perch le date fastidio? Ha compiuto verso di me un'opera buona; i poveri infatti li avete sempre con voi e potete far loro del bene quando volete, me invece non mi avete sempre. Essa ha fatto ci che poteva, ungendo in anticipo il mio corpo per la sepoltura. In verit vi dico che ovunque sar annunziato il vangelo nel mondo, si racconter pure ci che essa ha fatto, in suo ricordo'". (Marco 14: 3-9). Ges onor perpetuamente la donna solo per una ragione - la sola che motivava ogni sua azione sulla terra: che soltanto Dio pu essere il supremo Ideale della vita. Le opere di carit, la compassione per i sofferenti, possono solo accrescere - ma mai superare - il bisogno dell'uomo di riconoscere la sua dipendenza dal Creatore. Poich la donna ebbe la discriminazione spirituale di offrire apertamente il suo omaggio a Dio - che lei vedeva in Ges - piuttosto che all'uomo (neanche al povero), Cristo la lod come una devota perspicace che i tempi avrebbero infine acclamato. Ges vide chiaramente che le menti degli uomini sono aperte a qualsiasi forma

di deviazione, inclini a qualsiasi requisitoria per una minuzia. C' solo un problema nella vita: stabilire l'unit con Dio; ma questa semplicit primaria stata ottenebrata da un milione di problemi. L'uomo non capace di dare un amore monoteistico a Dio, e dissimula le sue infedelt con uno scrupoloso rispetto davanti all'altare esterno della carit. Questi gesti umanitari sono virtuosi, giacch per un attimo divertono l'attenzione dell'uomo da s stesso, ma non lo esentano dal suo unico dovere nella vita: il senso di gratitudine a Dio. Questo dovere, assunto dall'uomo col primo respiro di un'aria liberamente concessa dal suo solo Benefattore, fu compiuto dalla donna che Ges sostenne energicamente, facendo tacere i numerosi fanatici che avrebbero messo l'uomo davanti a Dio. Poich Ges conosceva benissimo ogni passo da svelare nel dramma divino della propria vita, in occasione di questa festa fece due profezie. La sua crocifissione era vicina, poich fu da questa tavola che Giuda and a pattuire coi sacerdoti il prezzo della vita del suo maestro. Perci Ges parl della sua imminente sepoltura. Il secondo riferimento al futuro riguardava la diffusione mondiale della sua missione, allora conosciuta solo da sezioni di una piccola provincia giudaica. Elogiando la donna, egli voleva dire - come in altre innumerevoli occasioni che soltanto Dio degno di ogni onore; e non meramente di unguenti esterni, ma di ogni sacrificio dell'ego che i cuori pieni d'amore dei devoti possono offrire come segno della loro gioia in Lui.

I DIECI POTERI DEI COMANDAMENTI "Disse dunque: 'Un uomo di nobile stirpe and in un paese lontano per ricevere un titolo regale e poi ritornare. Chiamati dieci servi, consegn loro dieci mine, dicendo: Impiegatele fino al mio ritorno. Ma i suoi cittadini lo odiavano e gli mandarono dietro un'ambasceria a dire: Non vogliamo che costui regni su di noi. Quando fu di ritorno, dopo aver ottenuto il titolo di re fece chiamare i servi ai quali aveva consegnato il denaro, per vedere quanto ciascuno avesse guadagnato. Si present il primo e disse: Signore, la tua mina ha fruttato altre dieci mine. Gli rispose: Bene, o servo buono; poich ti sei mostrato fedele nel poco, ricevi il potere sopra dieci citt. Poi si present il secondo e disse: La tua mina, signore, ha fruttato altre cinque mine. Anche a questo disse: Anche tu sarai a capo di cinque citt. Venne poi anche l'altro e disse: Signore, ecco la tua mina, che ho tenuto riposta in un fazzoletto; avevo paura di te che sei un uomo severo e prendi quello che non hai messo in deposito, mieti quello che non hai seminato. Gli rispose: Dalle tue stesse parole ti giudico servo malvagio! Sapevi che sono un uomo severo, che prendo quello che non ho messo in deposito e mieto quello che non ho seminato: perch allora non hai consegnato il mio denaro a una banca? Al mio ritorno l'avrei riscosso con gli interessi. Poi disse ai presenti: Toglietegli la mina e datela a colui che ne ha dieci. Gli risposero: Signore, ma ha gi dieci mine! Ora io vi dico: A chi ha sar dato, ma a chi non ha sar tolto anche quello che ha. E quei miei nemici che non volevano che diventassi loro re, conduceteli qui e uccideteli davanti a me'". (Luca 19: 12-27). L'interpretazione di questa parabola la seguente: "Un maestro, venuto sulla terra per redimere molte anime, aveva dieci devoti nel suo eremitaggio. Un giorno li chiam per dire che stava andando a predicare il suo messaggio a un altro gruppo di persone materialiste che vivevano nell'illusione, lontano dalla verit. Il maestro disse che dopo avere stabilito i suoi insegnamenti spirituali in quel regno lontano, sarebbe tornato all'eremitaggio. Egli istru" i dieci discepoli a seguire rigorosamente i precetti morali, i dieci comandamenti, e a mantenere le loro coscienze assorte nelle sacre vibrazioni di pace che permeavano l'eremitaggio. Lasciando un'abbondanza di benedizioni, simbolizzate dal dono delle dieci mine, egli part". Sapeva che durante la sua assenza i discepoli avrebbero avuto molte tentazioni, perch le persone materialiste della

citt in cui il maestro operava disdegnavano i suoi ideali. Infatti dopo la sua partenza, gli mandarono un messaggio di scherno, sperando che non tornasse pi. "Invece, dopo aver completato la sua missione, torn di nuovo all'eremitaggio ed esamin lo stato di salute spirituale dei suoi discepoli. Trovatone uno molto avanzato, il maestro disse: 'Tu sei stato un buon discepolo, hai migliorato te stesso e gli altri. Per la tua fedelt alla verit e alla disciplina, diventerai maestro delle dieci sfere dei poteri divini che vengono onorando i dieci comandamenti' . "Il maestro vide che anche un altro discepolo era cresciuto in statura spirituale, e lodandolo gli disse: 'Tu sarai in possesso di cinque poteri spirituali'. "Infine il maestro si rattrist notando un altro discepolo che non aveva fatto alcun progresso spirituale. Come scusa, il discepolo disse: 'Non ho dimenticato le discipline e le tecniche di meditazione che mi hai lasciate, ma le ho tenute inutilizzate e nascoste dentro di me. Temevo di non poter mai essere austero e rigoroso come te. Pensavo di non poter aspirare a raggiungere il tuo alto stato d'eminenza spirituale in cui tu - senza considerare la legge umana di causa ed effetto, o l'azione fisica - riesci ad acquisire tutto con la forza della tua volont'. "Il maestro si dispiacque e disse: 'Ti giudicher dalle tue stesse parole. Tu sapevi in cuor tuo che stato con grandi austerit che ho conseguito questa realizzazione al di sopra delle comuni leggi della natura. Anche se difficili, i miei metodi di disciplina t'avrebbero dato grandi risultati se li avessi seguiti secondo le mie istruzioni. Anche se li avessi praticati meccanicamente, essi sarebbero entrati profondamente in circolazione nella tua mente subcosciente, e cos avrebbero fruttato a te - e di conseguenza a me, come tuo maestro e amico un aumento d'esperienza spirituale'. "Il maestro disse allora al gruppo riunito: 'Ecco, per stupidit mentale questo discepolo disubbidiente non ha stimolato la sua fame spirituale con i miei metodi di disciplina. Perci anche quel p di spiritualit che aveva lo sta lasciando, per la forza delle cattive abitudini che si sviluppano. D'altro canto, l'amato discepolo che ha decuplicato la sua statura spirituale con il cibo spirituale quotidiano, adesso ricever da me la ricchezza spirituale che altrimenti avrei potuto dare a questo traviato, per il quale ora non posso far nulla. Perci vi dico: Ogni sincero discepolo che con la meditazione profonda e l'autodisciplina acquisisce delle abitudini spirituali attirer a s sempre pi spiritualit; ma il discepolo irregolare e negligente perder anche quel p di potere spirituale col quale ha cominciato, perch deperir per mancanza di nutrimento'". La Forza dell'Abitudine In questa parabola Ges illustra la grande forza delle abitudini. Una persona con buone abitudini attirer a s pi virt; mentre chi ha in s pochissime virt, senza zelo costante perder anche quelle. Similmente, una persona con cattive abitudini attirer a s un male ancora pi grande, mentre un uomo che ha in s poca malvagit perder anche quella, se persister nelle buone azioni. Perci, nella parabola, la ricompensa di dieci citt si riferisce ai dieci poteri che si sviluppano nel devoto che segue fedelmente i comandamenti. Eliminando l'istinto o l'impulso di uccidere, uno ottiene un magnetismo divino col quale s'assicura la fiducia dell'uomo ed anche quella delle bestie e degli uccelli. Chi vince fisicamente e mentalmente tutte le tentazioni sessuali diventa pieno di beatitudine divina e di continuo entusiasmo spirituale. Chi ha bandito dalla sua mente e dalle sue azioni ogni desiderio di rubare, o di possedere ricchezze, attira a s tutto ci che gli necessita nella vita. Chi ha rimosso tutti gli impulsi di travisare o distorcere la verit, stabilisce dentro di s un grande potere per cui non d mai falsa testimonianza; le sue parole s'avverano sempre. Chi non defrauda mai un altro e tratta giustamente con tutti gli uomini nella mente e nei fatti, acquisisce un discernimento per mezzo del quale nessuno capace d'imbrogliarlo. Un uomo simile possiede semplicit

divina e capacit di penetrazione in tutte le nature umane. Chi ha conquistato completamente il desiderio di frodare o d'occultare o di manipolare i fatti o gli eventi a suo vantaggio, non pu essere ingannato da nessun essere umano e neppure da maya, l'illusione cosmica. Chi onora il padre e la madre vede in tutti i genitori l'incarnazione protettiva di Dio. Ogni persona che ama la sua famiglia, il suo paese, tutte le nazioni, gli uccelli, le bestie e tutte le creature viventi, come prossimo o esseri con cui condividere ugualmente il mondo, sviluppa la coscienza dell'onnipresenza e dell'onniscienza. I devoti che praticano alla perfezione i precetti morali o i dieci comandamenti, e che meditano su Dio, si troveranno in possesso di tutti i poteri spirituali. Quando nelle parole finali della parabola il maestro o il 'nobile' parla dei 'miei nemici', si riferisce alle persone mondane contrarie alla coltivazione della Coscienza Cristica tramite la meditazione e l'autodisciplina. 'Uccidetemi' non indica la morte fisica, ma la distruzione delle percezioni spirituali. Quelli che si rifiutano di coltivare la visione dell'anima scoprono naturalmente che la loro vita spirituale distrutta. 'Davanti a me' si riferisce alla Coscienza Cosmica di un maestro, che pu vedere tutte le persone spiritualmente ribelli pronte a essere uccise dall'illusione.

LA VITTORIA DEL MITE "Quando fu vicino a Betfage e a Betania, presso il monte degli Ulivi, invi due discepoli dicendo: 'Andate nel villaggio di fronte; entrando troverete un puledro legato, sul quale nessuno mai salito, scioglietelo e portatolo qui. E se qualcuno vi chieder: Perch lo sciogliete?, direte cos: Il Signore ne ha bisogno'. Gli inviati andarono e trovarono tutto come aveva detto. Mentre scioglievano il puledro, i proprietari dissero loro: 'Perch sciogliete il puledro?'. Essi risposero: 'Il Signore ne ha bisogno'. Lo condussero allora da Ges; e gettati i loro mantelli sul puledro, ve lo fecero salire sopra. E via via che egli avanzava, stendevano i loro mantelli sulla strada. Era ormai vicino alla discesa del monte degli Ulivi, quando tutta la folla dei discepoli, esultando, cominci a lodare Dio a gran voce, per tutti i prodigi che aveva veduto, dicendo: 'Benedetto colui che viene, il Re, nel nome del Signore. Pace in cielo e gloria nel pi alto dei cieli!'. Alcuni farisei tra la folla gli dissero: 'Maestro, rimprovera i tuoi discepoli'. Ma egli rispose: 'Vi dico che, se questi taceranno, grideranno le pietre'". (Luca 19: 29-40). Questo giorno straordinario della vita di Ges un ulteriore esempio della sua onniscienza e onnipotenza. Con la sua Coscienza Cosmica, egli percep" la presenza del distante puledro - che Matteo, nella sua versione della storia, ci dice era un'asina - e con poche parole semplici Cristo autorizz i due messaggeri ad avere il permesso del proprietario di prendere, per uno straniero, l'animale fino ad allora mai cavalcato. Come in altre occasioni della sua vita, anche qui Ges prova di non aver bisogno della persuasione dell'oro, e trova sempre pronto a portata di mano tutto ci che serve ai suoi piani. Ci che accadde quel giorno a Gerusalemme, cosa che i discepoli realizzarono solo dopo (vedi Giovanni 12: 24-16), era accentrato sulla realizzazione letterale della profezia del Vecchio Testamento (Zaccaria 9: 9-10): "Esulta grandemente figlia di Sion, giubila, figlia di Gerusalemme! Ecco, a te viene il tuo Re. Egli giusto e vittorioso, umile e cavalca un asinello, un puledro figlio d'asina. Far sparire i carri da Efraim e i cavalli da Gerusalemme, e l'arco di guerra sar spezzato. Annuncer la pace alle genti, il suo dominio sar da mare a mare, e dal fiume Eufrate fino ai confini della terra".

Nelle versioni di Matteo 21: 1-11 e di Giovanni 12: 12-16, come pure nella storia di Luca riportata sopra, apprendiamo che l'ingresso trionfale di Cristo a Gerusalemme fu veramente un momento in cui i figli e le figlie di Sion 'esultarono grandemente' e 'giubilarono', quando videro e salutarono col suo titolo il loro Re che 'cavalcava un asino', come Zaccaria aveva predetto anticamente. Che Cristo abbia scelto l'umile asino come sua cavalcatura simbolico del suo modo di vivere, quanto il fatto che nacque in una stalla. Zaccaria parl esattamente di un Messia che avrebbe fatto 'sparire i carri... i cavalli... e l'arco di guerra... e annuncer la pace alle genti'. Il Principe della Pace, il cui solo grido di guerra poteva essere: Vittoria al Mite!, non cavalcava uno scalcitrante destriero in mezzo a un esercito armato da capo a piedi, ma montava un puledro mansueto, piccolo e utile alle vie quotidiane della pace. I suoi 'guerrieri', non certo pomposi uomini d'arme, erano soltanto un insignificante gruppo di discepoli disinteressati. Invero questo Re, davanti al quale le moltitudini stendevano rami di palma, dimostr ancora una volta che un figlio di Dio celebra il suo dominio nella mitezza e nell'umilt. Quando Ges rimprover i farisei, voleva dire che quel giorno Si doveva compiere la Scrittura; che dovevano avverarsi le parole di Zaccaria, che richiedevano che le moltitudini 'esultassero grandemente' e 'giubilassero'. Se gli uomini fossero stati costretti a tacere, le stesse pietre - permeate anch'esse da Dio, presente in ogni atomo della creazione - avrebbero ricevuto il potere di tener fede alla Scrittura. Gli uomini di realizzazione divina, come Ges e Giovanni Battista, sanno che solo Dio sostiene la struttura dell'universo e che Egli pu prorompere da ogni zolla e molecola. Poich agli occhi mortali una pietra appare inerte e senza Spirito, sia Ges che Giovanni Battista se ne servirono, in occasioni simili di rimprovero pubblico, come una sfida alla fede. La storia riguardante Giovanni si trova in Luca (3: 7-8): "Diceva alle folle che andavano a farsi battezzare da lui: 'Razza di vipere, chi vi ha insegnato a sfuggire all'ira imminente? Fate dunque opere degne della conversione e non cominciate a dire dentro di voi: Abbiamo Abramo per padre! Perch vi dico che Dio pu far nascere figli ad Abramo anche da queste pietre'". C' un'ulteriore interpretazione del riferimento di Ges alle pietre. Se il cosmo contro la forza, se il sole non lotta con i pianeti, ma si ritira al momento debito per dare alle stelle il loro piccolo dominio, a che serve il nostro pugno di ferro? Invero, ne potr venire pace? Perci, rifiutando la richiesta dei farisei, Ges voleva dire che la giustizia divina non un'astrazione figurata, e che un uomo di pace - anche se gli fosse strappata la lingua - troverebbe ancora la sua parola e la sua difesa nel principio base della creazione, nello stesso ordine universale. "Pensate voi - disse Ges ai farisei - di far tacere gli uomini di pace? Come potete sperare di soffocare la voce di Dio, quando le stesse pietre cantano la Sua giustizia e la Sua onnipresenza. Vorreste che gli uomini non celebrassero la pace, ma soltanto la guerra? Quindi preparatevi a far cadere le fondamenta del mondo; perch non saranno soltanto gli uomini buoni, ma le pietre o la terra, e l'acqua e il fuoco e l'aria che insorgeranno contro di voi, per dare testimonianza alla Sua ordinata armonia". Cos, come aveva previsto molto tempo prima Zaccaria, in questa occasione Cristo annunci 'la pace alle genti', proclamando che la buona volont e non la crudelt arma il nerbo universale. Colui che ' giusto e vittorioso, umile e cavalca un asinello' conoscer i frutti interminabili della vittoria, pi dolci al palato di quelli cresciuti su un suolo insanguinato.

TEMPIO O SPELONCA DI LADRI?

"Quando fu vicino e vide la citt, pianse su di essa, dicendo: 'Se avessi compreso anche tu, almeno in questo giorno, la via della pace. Ma ormai stata nascosta ai tuoi occhi. Verranno giorni per te in cui i tuoi nemici ti cingeranno di trincee, ti circonderanno e ti stringeranno da ogni parte; abbatteranno te e i tuoi figli dentro di te e non lasceranno in te pietra su pietra, perch non hai riconosciuto il tempo in cui sei stata visitata'". (Luca 19: 41-44). "O Gerusalemme, io piango per te! Se solo avessi compreso la pace politica, sociale e divina di cui stai godendo in questo periodo per la mia presenza! Ma non riesci a vedere la grande opportunit che il Padre Divino ti sta offrendo per acquisire la pace eterna. O gente di Gerusalemme, verr il giorno in cui la vostra saggezza e quella dei vostri figli sar nascosta sotto il suolo dell'ignoranza, e l'edificio dell'ordine e dell'armonia sar ridotto in macerie, perch non avete riconosciuto n apprezzato questa visita del Divino - espresso in me - che fu ordinata per vostro beneficio ed elevazione". Cos Ges espresse la dolorosa compassione che sent durante il suo ingresso trionfale a Gerusalemme. Egli non parl egoisticamente, ma glorific impersonalmente il grande Dio che percepiva dentro di s, addolorandosi perch la gente di Gerusalemme non realizzava l'importanza della sua manifestazione divina. Si rattrist perch quelle persone dotate d'intelligenza e libero arbitrio erano cos stupide e cieche da non apprezzare l'illimitato potere divino dentro di lui, e farsi liberare in gran numero. Guardandole, Ges realizz e profetizz che per la loro mancanza d'apprezzamento spirituale in futuro la gente di Gerusalemme sarebbe stata afflitta da guerre e carestie, e da una crescente ignoranza spirituale. "E quando entr a Gerusalemme, tutta la citt fu in agitazione e la gente si chiedeva: 'Chi costui?'. E la folla rispondeva: 'Questi Ges, il profeta di Nazaret di Galilea'. Poi Ges entr nel tempio e scacci tutti quelli che vi trov a comprare e a vendere; rovesci i tavoli dei cambiavalute e le sedie dei venditori di colombe e disse loro: 'La Scrittura dice: La mia casa sar chiamata casa di preghiera, ma voi ne avete fatto una spelonca di ladri'". (Matteo 21: 10-13). Tutti i profeti concordano che ogni tempio dedicato all'adorazione dell'unico Dio - in qualunque Sua forma - dev'essere una casa di meditazione e comunione; e non un luogo dove, con la corruzione organizzata, venditori senza scrupoli e preti materialisti hanno come solo obiettivo quello di sfruttare i pellegrini e i devoti. Quando Ges li rimprover dicendo: 'Le sacre Scritture dichiarano che il mio tempio sar una casa di comunione divina, ma voi ne avete fatto un centro per derubare la gente col clericalismo, vendendo cose non necessarie!', egli non voleva dire che peccato per i fedeli dare delle offerte volontarie o comprare libri religiosi per aiutare la chiesa. Quando il ricavato della vendita di scritti che risvegliano l'anima usato per favorire la causa divina religiosamente giustificabile; e non c' male ad accettare un'offerta volontaria, se essa viene usata per mantenere la casa di Dio, dove la gente pu andare per pregare e comunicare con Lui. Ma bisogna sempre ricordare che la chiesa vera e propria dev'essere un luogo dedicato interamente a risvegliare la coscienza di Dio nell'uomo e quindi tutti i tipi di attivit materiali devono essere col evitati quanto pi possibile. Ges voleva dire che la chiesa non dev'essere un luogo per 'cambiavalute e venditori di colombe e piccioni' - cio, un luogo dove l'enfasi posta sulla vendita di amuleti, ricordi e tutti i generi di 'sussidi' ispirati dalla superstizione per aiutare il fedele a ottenere la grazia di Dio. Oggi tutte le maggiori religioni del mondo hanno dei templi i cui custodi meritano un rimprovero come quello espresso da Ges. Nessun tempio dovrebbe essere un luogo dove il prete (ministro, custode, ecc.) pensa giorno e notte a sfruttare i fedeli con la paura o l'adulazione, senza mai cercare d'ispirarli con la

Presenza Divina comunicando prima con Dio dentro di s. Vibrazioni Contraddittorie In India i pellegrini che visitano un tempio mettono le loro donazioni volontarie in un apposita cassetta, o pongono le loro offerte sull'altare. Nei veri templi, dove si cerca devotamente la presenza di Dio, non si richiede denaro dentro il luogo d'adorazione. Se si conduce qualche sorta d'affare nel tempio di Dio, si lasciano delle vibrazioni d'affari che disturbano i pensieri dei veri devoti. Ecco perch nella casa della preghiera non ci devono essere vibrazioni contraddittorie, n scontro tra pensieri materiali e spirituali. Una casa di Dio non dev'essere n un luogo per venerare la personalit del Suo rappresentante terreno, n un posto comodo dove ascoltare sermoni intellettuali o sentimentali, n un luogo confortevole dove gustare della buona musica senza concentrare i propri pensieri su Dio. La casa del Signore, e tutto ci che vi si fa, deve avere uno scopo: la comunione diretta e individuale con Dio. Altrimenti viene trasformata in una spelonca dove i ladri del materialismo e delle cattive vibrazioni esercitano il potere supremo. Negli eremitaggi indiani, dove vivono grandi maestri, c' pochissimo di quel modo di predicare in cui il maestro sviluppa molti pensieri per i discepoli come si fa nelle chiese occidentali. Invece, negli eremitaggi orientali, maestro e discepolo spesso siedono insieme e discutono di princ"pi spirituali. E insieme, o individualmente, attraverso delle tecniche di concentrazione e meditazione, essi cercano di comunicare con Dio. Le chiese occidentali trarranno molto vantaggio spirituale quando non saranno pi luoghi che cercano d'attirare congregazioni di fedeli con nuovi e insoliti sermoni domenicali - luoghi d'intrattenimento intellettuale o emotivo - ma diventeranno templi dove i fedeli e le guide insieme potranno comunicare con la Coscienza Cristica e la Coscienza Cosmica.

MORTE E VITA ETERNA "Tra quelli che erano saliti per il culto durante la festa, c'erano anche alcuni Greci. Questi si avvicinarono a Filippo, che era di Betsaida di Galilea, e gli chiesero: 'Signore, vogliamo vedere Ges'. Filippo and a dirlo ad Andrea, e poi Andrea e Filippo andarono a dirlo a Ges. Ges rispose: ' giunta l'ora che sia glorificato il Figlio dell'uomo. In verit, in verit vi dico: Se il chicco di grano caduto a terra non muore, rimane solo; se invece muore, produce molto frutto. Chi ama la sua vita la perde; e chi odia la sua vita in questo mondo, la conserver per la vita eterna. Se uno mi vuol servire mi segua; e dove sono io, l sar pure il mio servo. Se uno mi serve, il Padre lo onorer. Ora l'anima mia turbata; e che dir? Padre, salvami da quest'ora? Ma per questo sono venuto a quest'ora!'". (Giovanni 12: 20-27). Ora Ges parl nuovamente della prova che l'aspettava. "S'avvicina il tempo in cui il mio corpo sar glorificato nello Spirito mediante la risurrezione, ma prima... ricordate bene quel che vi dico. Se un chicco di grano non viene messo nel terreno e non muore, rimane senza moltiplicarsi, ma se viene sepolto rinascer come pianta e produrr molte spighe di grano". Ges stava avvisando i discepoli che se non si fosse sacrificato, la divinit in lui non Si sarebbe moltiplicata e non avrebbe fatto del bene agli altri. Egli sapeva che se - come il chicco di grano - avesse sacrificato il suo corpo per la verit, non solo avrebbe ricevuto la vita eterna per s, ma con il suo esempio avrebbe mostrato la via agli altri. Egli sapeva che l'autoconservazione egoistica una barriera mentale che impedisce all'anima di espandersi nello Spirito. "Chi ama la sua vita fisica, pensando che sia permanente, la perder di vista nell'oblio della morte - continu Ges - ma chi sacrifica le comodit di questa vita fisica per trovare la vita eterna sempre presente dietro la materia, vedr

la sua vita temporale mutata in vita eterna". E notando la devozione dei suoi discepoli, aggiunse: "Se un devoto desidera servire lo Spirito dentro di me, segua la mia Coscienza". (Soltanto con la meditazione un devoto pu innalzare la sua coscienza dal piano fisico, attraverso i piani dei sensi, della subcoscienza e della supercoscienza, fino al piano dove dimora la Coscienza Cristica). "Ogni devoto in sintonia con me sar presente nel piano della Coscienza Cristica dove io risiedo sempre, e sar riconosciuto dal Padre: la Coscienza Cosmica presente oltre la creazione". Le sacre Scritture ind dicono che chi conosce Brahman, lo Spirito, diventa Spirito. Perci anche Ges assicur che tutti i devoti che meditano e diventano una sola cosa con la sua coscienza, vengono eternamente insediati nella Coscienza Cristica e nella Coscienza Cosmica. Lo Scopo della Sua Nascita Quindi la sua mente si ferm di nuovo sull'immediato futuro, e confid: Ora la mia anima turbata perch si avvicina il momento della mia grande prova. E che cosa dir? Pregher il Padre di salvarmi da quest'ora tenebrosa? Potrei... tuttavia per quest'ora sono nato!". Egli sapeva che s'era incarnato per dimostrare la vittoria dello Spirito sul corpo, del perdono divino sulla forza bruta, della compassione sulla crudelt, dell'apparente mitezza del potere divino contrastato dall'egoismo del potere materiale temporaneamente trionfante. Sapeva che la grazia del potere onnipotente di suo Padre si sarebbe manifestata attraverso la sua docile sottomissione alla croce. E la natura amorevole e clemente del Padre si sarebbe manifestata attraverso il suo perdono dell'umanit - espresso durante la crocifissione del suo corpo. "Piuttosto devo pregare: 'Padre Celeste, ispira la mia volont, perch mediante la mia prova siano glorificate la Tua volont e le Tue vibrazioni divine'". "'Padre, glorifica il tuo nome'. Venne allora una voce dal cielo: 'L'ho glorificato e di nuovo lo glorificher!'. La folla che era presente e aveva udito, diceva che era stato un tuono. Altri dicevano: 'Un angelo gli ha parlato'. Ma Ges rispose: 'Questa voce non venuta per me, ma per voi. Ora il giudizio di questo mondo; ora il principe di questo mondo sar gettato fuori. E io, quando sar elevato da terra, attirer tutti a me'". (Giovanni 12: 28-32). Quando Ges preg: 'Padre, glorifica il Tuo nome. Manifesta la gloria della Tua presenza mediante la Vibrazione Cosmica presente nell'etere', immediatamente i discepoli udirono provenire dall'etere silenzioso una vibrazione divina che vibr in suoni intelligibili. Ma le persone intorno a lui erano confuse riguardo all'origine e al significato di quei suoni. Alcuni udirono le parole e dissero che aveva parlato un angelo; altri udirono soltanto come il rombo di un tuono. Quindi Ges spieg che avevano udito la divina voce eterea di Dio, che non s'era manifestata per lui, ma per provare la verit della sua testimonianza e della sua vita. Egli profetizz che secondo la legge cosmica del Karma (il 'giudizio' che visita questo mondo), il principe del mondo (la Coscienza Cristica che governa il cosmo materiale) manifestato nel suo corpo sarebbe stato gettato fuori dalla manifestazione corporea mediante la crocifissione. Egli aggiunse che quando per grazia di Dio la sua anima sarebbe stata innalzata dal corpo e dalla coscienza terrena allo stato di Coscienza Cristica, la sua vita e i suoi insegnamenti avrebbero allora attirato l'attenzione di tutte le genti per tutti i tempi, e sarebbero diventati un faro di saggezza e di luce che li avrebbe liberati dall'illusione cosmica e dalle sue sofferenze. L'ultima battaglia tra la natura divina di Ges e la sua natura fisica indicata nella sua espressione d'incertezza riguardo alla vittoria finale sulla carne. Le parole 'quando sar elevato' sono molto significative; e provano chiaramente che questo evento culminante nella vita di Ges, anche se predetto dai profeti, avrebbe potuto essere cambiato in quel momento se Ges avesse fatto cattivo uso del suo libero arbitrio, cedendo alle tentazioni della carne. cos emozionante sapere che Dio - silenzioso nei secoli - ruppe

istantaneamente il Suo silenzio al devoto appello di Ges e, come un padre umano, assicur i discepoli che Ges rappresentava veramente Sua Maest Divina. "Questo diceva per indicare di quale morte doveva morire. Allora la folla gli rispose: 'Non abbiamo appreso dalla Legge che il Cristo rimane in eterno, e come dici tu che il Figlio dell'uomo dev'essere elevato? Chi questo Figlio dell'uomo?'. Allora Ges desse: 'Ancora per poco tempo la luce con voi. Camminate mentre avete la luce, perch non vi sorprendano le tenebre; chi cammina nelle tenebre non sa dove va. Mentre avete la luce credete nella luce, per diventare figli della luce'". (Giovanni 12: 33-36). Le suddette parole necessitano di poca spiegazione. Ges ripete nuovamente ai suoi discepoli che solo per poco tempo la Luce della Coscienza Cristica continuer a manifestarsi nel suo corpo. Egli li consigli ad affrettarsi lungo il sentiero alla luce della sua presenza divina, perch le tenebre dell'illusione non li sorprendessero e impedissero loro di raggiungere il regno della Coscienza Cosmica. Poich le anime che cercano di seguire il sentiero spirituale senza la luce della saggezza di un guru-precettore sono spesso avvolte dalle tenebre dell'illusione e non trovano la strada che porta a Dio. "Con tutta la vostra forza, siate una sola cosa con la Luce in me - li incit perch anche voi siate figli dell'immortalit e della saggezza divina come lo sono io. Cos disse loro che tutti i devoti che erano in sintonia con lui, e quindi con Dio, sarebbero stati simili a Dio.

E ABBASTANZA LA FEDE? "La Mattina dopo, tornando in citt, ebbe fame. Vedendo un fico sulla strada, gli si avvicin, ma non trovandovi altro che foglie, gli disse 'Non nasca mai pi frutto da te'. E subito quel fico si secc. Vedendo ci i discepoli rimasero stupiti e dissero: 'Come mai il fico si seccato immediatamente?'. Rispose Ges: 'In verit vi dico: Se avrete fede e non dubiterete, non solo potrete fare ci che stato fatto a questo fico ma anche se direte a questo monte: Levati di l" e gettai nel mare, ci avverr. E tutto quello che chiederete nella preghiera, con fede, lo otterrete. (Matteo 21: 18-22). Perch il Fico si Secc? In questo incidente abbiamo un interessante contrasto tra l'umano e il divino, che si manifestano simultaneamente in un uomo: la reazione umana a un disappunto che prende forma nel potere divino. Ges era affamato e nella stagione sbagliata cerc dei fichi su un albero di fico coperto di foglie; ma non trovandone, volle che il fico cessasse d'esistere! E la volont e la forza vitale presenti nel corpo di Ges, stando in sintonia con la Volont e la Vita Cosmica, ritirarono la vita e la volont che sostenevano il fico. Come un ingegnere elettrotecnico che pu accedere al generatore principale che controlla la corrente elettrica di una citt pu accendere o spegnere a volont una sola luce o tutte le luci, cos Ges - essendo una sola cosa con la Vita Cosmica - pot riaccendere la vita nella lampada spenta del corpo inanimato di Lazzaro, o spegnere la vita che sosteneva il fico. Sebbene fu irragionevole per Ges aspettarsi che il fico desse frutti fuori stagione (poich produceva secondo le leggi della natura istituite dal Creatore), tuttavia la sua azione impulsiva mostr ai discepoli che non era un comune essere umano, ma che era tutt'uno con l'Ingegnere Elettrotecnico Cosmico, e poteva accendere la vita in qualsiasi cosa o staccarla da qualsiasi oggetto, secondo la sua volont. In altre parole, l'azione di Ges mostr ai discepoli che l'uomo, fatto ad immagine di Dio, pu fare tutto ci che pu Dio, purch dimentichi l'illusione e

tramite la meditazione innalzi la sua coscienza dal corpo e l'unisca con l'immagine perfetta di Dio dentro di s. Le Scritture ind dicono che chi conosce lo Spirito diventa Spirito. Ges dimostr che, essendo uno con lo Spirito, aveva il dominio su tutte le cose, proprio come ce l'ha lo Spirito. Quando i discepoli espressero stupore all'immediata risposta dell'albero alla sua sentenza di morte, Ges utilizz l'incidente per illustrare il potere della fede - non la fede cieca, ma la fede profonda nata dalla realizzazione personale delle grandi leggi metafisiche. Quando disse 'Se avrete fede e non dubiterete', voleva dire che se uno ha dapprima la realizzazione intuitiva di Dio Onnipotente dentro di s, grazie alla meditazione e alla comunione, allora non potr avere dubbi sul Suo potere onnipotente. Allora, e solo allora - dopo essere diventato uno con Lui - non solo il devoto potr usare il potere per cambiare un fico, ma potr effettivamente comandare a montagne e pianeti di spostarsi dai loro posti fissi cos come potr ordinare la rimozione di tutte le difficolt che lo circondano. Fede Contro Karma Ges non disse questo semplicemente come un'allegoria. Egli intendeva effettivamente dire che come Dio fa sorgere montagne da sotto i mari o fa scomparire continenti dalla vista, cos le anime liberate che sono in sintonia con Lui - come lo era Ges - sono in contatto con quel potere illimitato. Comunque, quando Ges disse 'E tutto quello che chiederete nella preghiera, con fede, lo otterrete', non voleva dire che se tutte le persone di questo mondo pregassero e credessero pienamente di poter diventare ricche quanto Creso entro un anno, i loro desideri sarebbero stati esauditi. Tutte le persone della terra non potrebbero cambiare improvvisamente le loro abitudini, e cambiare istantaneamente il Karma (risultato delle azioni) delle loro vite presenti e di quelle passate, solo con la preghiera e la credenza, cambiando anche il loro ambiente circostante e diventando improvvisamente ricche come Henry Ford Secondo le attuali condizioni karmiche della terra un tale evento impossibile. La prosperit umana dev'essere meritata ed condizionata dall'ambiente. In questo mondo ci sono un gran numero di persone che hanno cervelli superiori e maggiore forza di volont di Henry Ford, ma non sono state poste nello stesso ambiente, con lo stesso sottofondo karmico che permise a Henry Ford di guadagnare la fortuna che adesso controlla. In effetti la persona media di oggi dovr lavorare duro ancora per molte vite prima che la legge dell'evoluzione finanziaria le permetta d'entrare a far parte della classe milionaria. Tutti i conseguimenti umani devono essere meritati, tutte le capacit umane acquisite. E ci sono molte altre capacit d'acquisire oltre quella di far soldi, molte altre forme d'evoluzione karmica pi importanti dell'evoluzione finanziaria. Nondimeno tutti gli esseri umani - essendo gi fatti ad immagine di Dio possono mediante la preghiera, la meditazione e le buone amicizie, svilupparsi fino ad ottenere la comunione con Dio e la convinzione intuitiva della presenza onnipotente di Dio dentro di loro. Questo pi che fede cieca: convinzione basata sulla realizzazione. Quindi, dopo aver ottenuto la Coscienza Divina, potranno realizzare tutto ci per cui pregano e in cui credono. Questo ci che intendeva Ges. E poich siamo fatti ad immagine di Dio, in breve tempo - anche in una vita - possiamo diventare una sola cosa con Dio onnipotente. E chi prima stabilisce la sua unione con Dio pu quindi essere pi potente di Henry Ford, se vuole; ma, paradossalmente, la ricchezza e il potere materiale non sono mai gli obiettivi della persona illuminata! Naturalmente Ges aveva stabilito la sua unione con Dio mediante la preghiera, la meditazione e la sua evoluzione passata. Ecco perch, come figlio divino, poteva fare tutto come Dio. Ges realizz: 'Io e mio Padre siamo uno', e per questo ebbe poteri onnipotenti come Dio; poteva fare miracoli, risuscitare i morti e guarire quando voleva, poich aveva stabilito per prima cosa la sua identit con Dio. Molte persone, per, fanno al contrario. Pregano per cose che il loro Karma e il loro livello evolutivo non possono Permette loro d'avere al presente, e credono realmente che le loro preghiere saranno esaudite; ma quando

i loro desideri non vengono esauditi, sono presi dal dubbio e s'interrogano sull'efficacia delle preghiere e sull'esistenza di Dio. Molte persone commettono quest'errore perch prendono il detto di Ges 'E tutto quello che chiederete nella preghiera, con fede, lo otterrete', senza il suo contesto: 'Se avrete fede (non fede cieca, ma la convinzione intuitiva dell'onnipotente presenza di Dio dentro il s illuminato) e non dubiterete (che la Presenza e il potere sono dentro)'. Un mendicante riceve un'elemosina da mendicante, ma un figlio divino che uno con Dio riceve la parte del figlio. A causa dell'illusione, l'uomo - fatto a Sua immagine - s'identifica col corpo e le sue limitazioni, e cos perde il suo stato divino di figlio di Dio dotato di poteri illimitati. Ecco perch, come mendicante, l'uomo non pu aspettarsi che le sue preghiere per l'eredit divina dei grandi poteri siano esaudite. Quando per, grazie alla meditazione, l'uomo dimentica le sue limitazioni fisiche e si concentra sul potere illimitato dell'anima, allora riconosce la sua immortalit. Un uomo che si concentra costantemente sullo Spirito onnipotente dentro di s, sviluppa fede intuitiva in Esso e non potr mai dubitarne. Perci in queste parole di Ges c' una lezione per tutti quelli che credono nella preghiera: Cercate prima il contatto con Dio, e quindi potrete aspettavi che le vostre richieste siano esaudite. Non v'aspettate risposta alle vostre preghiere mentre siete in uno stato di disunione con Dio, solo perch 'credete' e pregate e supplicate laboriosamente. "Ges allora disse loro: 'Abbiate fede in Dio! In verit vi dico: chi dicesse a questo monte: Levati e gettati nel mare senza dubitare in cuor suo, ma credendo che quanto dice avverr, ci gli sar accordato. Per questo vi dico: Tutto quello che domandate nella preghiera, abbiate fede di averlo ottenuto e vi sar accordato. E quando vi mettete a pregare, se avete qualcosa contro qualcuno, perdonate, perch anche il Padre vostro che nei cieli perdoni a voi i vostri peccati. Se invece non perdonate, neanche il Padre vostro che nei cieli vi perdoner le vostre offese'". (Marco 11: 22-26). Allora Ges ricord ai discepoli i poteri illimitati della volont e della fede - quando sono guidati dalla comunione intuitiva con Dio. "Scoprite Dio dentro di voi con la meditazione e l'estasi, perch in verit vi dico che chi in comunione con Dio pu creare, con la sua forza di volont, vibrazioni cos potenti che anche una montagna potrebbe essere sradicata e gettata nel mare. Coloro che stabiliscono questa comunione non potranno mai dubitare che l'onnipotente potere di Dio risiede nei loro cuori. Perci il devoto che comunica realmente con Dio sa che qualunque cosa desideri sar esaudito (si materializzer), e qualunque cosa dice s'avverer". Ges per chiar" che questi doni sono dati all'uomo solo dopo che egli ha fatto l'esperienza della comunione divina, e ha cambiato il suo stato da quello di uomo illuso a quello di figliolanza divina. Allora il devoto deve aver cura di credere - d'essere certo - che tutto ci che desidera quando prega gli viene dal potere onnipotente di Dio - e quindi lo ricever. Purificare la Mente e il Cuore Inoltre quando uno cerca di comunicare con Dio deve avere la mente pura e il cuore pieno d'amore. Non va bene pregare o meditare con l'odio nella propria coscienza. Se uno perdona chi l'ha offeso, allora anche il Padre onnisciente la Coscienza Cosmica che, sebbene invisibile, presente e avvolge il devoto che prega - perdoner le offese spirituali del supplicante. Ma se il Padre onnisciente vede un'attitudine immisericorde verso quelli che hanno offeso Suo figlio, allora anch'Egli pu parimenti rifiutare il perdono per i peccati spirituali di quel figlio. Cos Ges parl della legge di causa ed effetto che regola tutte le nostre azioni, e disse che la legge della condotta non dev'essere regolata soltanto dalla giustizia, ma anche dal perdono e dall'amore. Il saggio devoto deve prestare attenzione all'insegnamento di Ges. Non cercate di punire una persona

che vi ha offeso - anche se siete sicuro che lo merita. Cercate di perdonarlo perch vostro fratello, fatto ad immagine di Dio. Anche voi siete colpevole di molte offese contro Dio e gli uomini. Ma se il Padre onnisciente vede che voi, uno dei Suoi figli, perdonate il fratello che v'offende, allora Egli mitigher l'inscrutabile legge di causa ed effetto che governa tutte le azioni umane, e perdoner alcune delle vostre colpe spirituali, come voi avete perdonato il fratello nell'errore.

LA VIGNA DELLA MEDITAZIONE "Entrato nel tempio, mentre insegnava gli si avvicinarono i sommi sacerdoti e gli anziani del popolo e gli dissero: 'Con quale autorit fai questo? Chi ti ha dato questa autorit?'. Ges rispose: 'Vi far anch'io una domanda e se mi risponderete, anch'io vi dir con quale autorit faccio questo. Il battesimo di Giovanni d'onde veniva? Dal cielo o dagli uomini?'. Ed essi riflettevano tra s dicendo: 'Se diciamo: Dal cielo, ci risponder: Perch dunque non gli avete creduto? Se diciamo: Dagli uomini, abbiamo timore della folla, perch tutti considerano Giovanni un profeta'. Rispondendo perci a Ges, dissero: 'Non lo sappiamo'. Allora anch'egli disse loro: 'Neanch'io vi dico con quale autorit faccio queste cose'. 'Che ve ne pare? Un uomo aveva due figli e rivoltosi al primo disse: Figlio, v oggi a lavorare nella vigna. Ed egli rispose: S", signore; ma non and. Rivoltosi al secondo, gli disse lo stesso. Ed egli rispose: Non ne ho voglia; ma poi, pentitosi, ci and. Chi dei due ha compiuto la volont del padre?'. Dicono: 'L'ultimo'. E Ges disse loro: In verit vi dico: I pubblicani e le prostitute vi passano avanti nel regno di Dio. E venuto a voi Giovanni nella via della giustizia e non gli avete creduto; i pubblicani e le prostitute invece gli hanno creduto. Voi, al contrario, pur avendo visto queste cose, non vi siete nemmeno pentiti per credergli'". (Matteo 21: 23-32). Ges fece tacere le domande dei sommi sacerdoti e degli anziani quando pose quella semplice domanda riguardo ai poteri di Giovanni. Ammettere l'autorit divina di Giovanni avrebbe attirato il meritato rimprovero di Ges circa la loro attitudine precedente, mentre negarla avrebbe suscitato la collera della gente. Alla loro ammissione d'incapacit a rispondere alla sua domanda, Ges rispose: "Giacch non potete dirmi con quale autorit battezzava Giovanni, neanch'io vi dir con quale autorit faccio queste cose. Ma ditemi che ne pensate della parabola che vi racconto: Due Devoti "Un maestro aveva due devoti sulla terra, e disse a uno di loro: 'Figlio, v oggi nella vigna della meditazione e sforzati di far crescere l'uva della realizzazione divina. E quando l'avrai fatto, l'uva matura ti dar il vino inebriante dell'inesauribile gioia divina'. Ma per il sopraggiungere dell'illusione temporanea, il devoto rispose 'Non mediter, perch non mi sento nell'attitudine di farlo!' Tuttavia, dopo la dovuta riflessione, si liber dall'illusione e comprese quanto era stupido il suo atto di disubbidienza al maestro, che voleva che meditasse per il suo bene. Quindi, con grande devozione, obbed" al maestro e cominci a meditare profondamente. "Poi il maestro and dal secondo devoto e gli chiese di meditare. Questi rispose prontamente: 'Lo far, signore', ma in seguito non riusc a mantenere la promessa. Ora non vi chiaro quale dei due obbed" alla volont del maestro?". Preti o Prostitute?

Quando tutti furono d'accordo che il primo devoto ribelle, che poi aveva corretto i suoi modi, era pi obbediente di quello cortese che non era riuscito a mantenere la promessa fatta, Ges continu "Dalla verit che sento dentro di me, vi dico che anche i pubblicani e le prostitute sono superiori a voi in realizzazione. Perch il grande maestro Giovanni venuto a voi tutti, e per voi non l'avete n compreso n accettato; ma i pubblicani e le prostitute - che in precedenza non avevano ascoltato la voce della verit - quando Giovanni and da loro ponderarono, e quindi si liberarono dell'illusione, si pentirono e meditarono su Dio. E per questo esauriranno presto gli effetti delle cattive azioni del loro passato ed entreranno nel regno della Coscienza Cosmica, molto prima di voi che come sommi sacerdoti e anziani vi ritenete superbamente superiori. "E quando conosceste la sua giusta vita e la sua saggezza, e la trasformazione che aveva operato in quelli che un tempo erano stati peccatori, neanche allora vi pentiste ed entraste nella vigna della meditazione per cercare la comunione Divina. No, non l'avete creduto, n avete seguito i suoi consigli; n vi siete pentiti della vostra disubbidienza e malvagit, perch foste salvati seguendo il suo esempio. Ora potete giudicare da soli perch i pubblicani e le prostitute sintonizzandosi con Giovanni, che era saturo di Dio - possono entrare nel regno di Dio prima di voi. Ges confuse deliberatamente i suoi nemici, non rivelando con quale autorit faceva i miracoli. Egli realizz che i sommi sacerdoti e gli scribi sapevano in cuor loro ch'egli operava col potere di Dio, e nondimeno gli avevano posto la domanda per poterlo accusare di gloriarsi d'essere uno con Dio. Invece egli rispose francamente con la spiacevole verit che l'arrogante coscienza della loro posizione sociale e sacerdotale aveva impedito loro di trovare la salvezza tramite Giovanni. evidente che le parole di Ges sono un'assicurazione rivolta a tutti i peccatori e ai trasgressori della legge divina: che seguendo un guru-precettore ispirato da Dio, e liberandosi dell'illusione, essi possono entrare nel regno di Dio molto pi velocemente di quelle persone, orgogliose delle loro piccole idee morali e della loro limitata comprensione, che pensano di poter entrare nella Coscienza Cosmica senza alcun aiuto.

RACCOGLIERE CATTIVO KARMA "'Ascoltate un'altra parabola: C'era un padrone che piant una vigna e la circond con una siepe, vi scav un frantoio, vi costru una torre, poi l'affid a dei vignaioli e se ne and. Quando fu il tempo dei frutti, mand i suoi servi dai vignaioli a ritirare il raccolto. Ma quei vignaioli presero i servi e uno lo bastonarono, l'altro lo uccisero, l'altro lo lapidarono. Di nuovo mand altri servi pi numerosi dei primi, ma quelli li trattarono allo stesso modo. In ultimo mand loro il proprio figlio, dicendo: Avran rispetto di mio figlio! Ma i vignaioli, visto il figlio, dissero tra s: Costui l'erede; venite, uccidiamolo, e avremo noi l'eredit. E, presolo, lo cacciarono fuori della vigna e l'uccisero. Quando dunque verr il padrone della vigna che far a quei vignaioli?'. Gli rispondono: 'Far morire miseramente quei malvagi e dar la vigna ad altri vignaioli che gli consegneranno i frutti a suo tempo'. E Ges disse loro: 'Non avete mai letto nelle Scritture: La pietra che i costruttori hanno scartata diventata pietra angolare; dal Signore stato fatto questo ed mirabile agli occhi nostri? Perci vi dico: vi sar tolto il regno di Dio e sar dato a un popolo che lo far fruttificare. Chi cadr sopra questa pietra si sfraceller; e qualora essa cadr su qualcuno, lo stritoler'. Udite queste parabole, i sommi sacerdoti e i farisei capirono che parlava di loro e cercavano di catturarlo; ma avevano paura della folla che lo considerava un profeta". (Matteo 21: 33-46). Usando una semplice parabola Ges disse ai suoi ascoltatori che il padrone Cosmico una volta cre questa terra come una vigna per coltivarvi

l'onniliberante saggezza. La circond con l'aura delle Sue vibrazioni divine, scav nella coscienza umana il frantoio dell'intuizione e vi costru" la torre della visione spirituale. Poi l'affid ad alcuni Suoi figli di una generazione, e quindi Si nascose per un lungo periodo nel piano inaccessibile della Coscienza Cosmica. Tempo dopo, quando Dio pens che i figli a cui aveva affidato la fertile vigna della terra avessero raccolto i frutti di molte belle esperienze, mand uno dei Suoi profeti a raccogliere parte dei loro frutti d'amore e gratitudine. Ma la gente della terra lo baston e rifiut d'accettarlo come messaggero divino. In maniera simile, molti altri profeti mandati sulla terra furono bastonati e uccisi. Uno di questi venne nella forma di Giovanni, e anche lui fu trattato indegnamente. Infine il Signore della vigna della terra, avendo una sola riflessione di Coscienza Cristica nella creazione vibratoria, in ultimo decise di mandare alle sprezzanti e crudeli persone della terra quella Coscienza riflessa nella forma di un Avatar (Incarnazione). E Dio pens che il Suo popolo ingrato L'avrebbe ora riconosciuto, riverendo Suo figlio. Ma gli uomini erano ebbri d'illusione; e nella loro perversit desideravano godere le benedizioni della terra senza accettare Dio e i Suoi profeti. Anche se percepivano che questo figlio era un vero rappresentante di Dio, in cui la Sua Coscienza era pienamente manifesta, essi lo uccisero, sperando di governare la terra in sua vece secondo i loro desideri. Naturalmente ora Ges stava parlando di se stesso, predicendo la sua crocifissione - che sarebbe stato il culmine dei maltrattamenti che questi egoistici ufficiali religiosi gli avrebbero inflitto - e il risultato che ne sarebbe inevitabilmente conseguito. Poich con la legge cosmica il Signore della vigna della terra avrebbe punito coloro che avevano crocifisso Suo figlio, e avrebbe affidato la vigna della terra a una nuova generazione di persone che avrebbero cercato di far crescere i frutti della saggezza nella stagione delle loro vite. Questa punizione fu prevista anche dai suoi ascoltatori dopo aver udito la parabola. Parlando degli altri vignaioli che avrebbero reso i frutti della vigna a suo tempo, Ges si riferiva alle generazioni future di devoti che avrebbero accettato la sua vita esemplare e i suoi insegnamenti, trovando con ci nel regno di Dio una fertile regione cos abbondante di beatitudine che avrebbero dovuto restituirne parte sotto forma di lode o adorazione. La Pietra Angolare Scartata Ges continu profetizzando che la Coscienza Cristica che i costruttori di quella civilt avevano rifiutato era una delle pietre principali richieste per costruire la dimora della vita celeste sulla terra. "Questo doveva essere secondo l'operare del Signore - egli disse loro - ed meraviglioso ai nostri occhi. Perci vi dico che per avere scartato me e la Coscienza Cristica, il regno della Coscienza Divina non si manifester in voi, ma si manifester in quelle persone che in futuro apprezzeranno i miei insegnamenti coltivandoli nelle loro coscienze. E ogni anima che resister alla pietra infrangibile di questi insegnamenti vedr la sua vita fatta a pezzi dalla disarmonia, dall'illusione e dall'infelicit. Mentre quelli che vivranno deliberatamente in maniera sbagliata, e profaneranno volutamente i miei insegnamenti e perseguiteranno i miei veri seguaci, vedranno che per la loro follia costringeranno la pietra della legge cosmica a cadere su di loro e a distruggerli". In altre parole, Ges li mise a conoscenza di quella legge cosmica per la quale chi colpisce una pietra viene ferito, non dal desiderio della pietra di ferirlo, ma dalla propria follia. Similmente, chiunque abbastanza folle da resistere coscientemente all'insegnamento incorruttibile della verit, si ferir distruggendo la sua vita spirituale e ritardando la sua evoluzione.

L'INVITATO INDEGNO "Ges riprese a parlar loro in parabole e disse: 'Il regno dei cieli simile a un re che fece un banchetto di nozze per suo figlio. E mand i suoi servi a chiamare gl'invitati alle nozze, ma questi non vollero venire. Di nuovo mand altri servi a dire: Ecco ho preparato il mio pranzo; i buoi e gli animali ingrassati sono gi macellati e tutto pronto: Venite alle nozze. Ma quelli non se ne curarono e andarono chi al proprio campo, chi ai proprio affari; altri poi presero i suoi servi, li insultarono e li uccisero. Allora il re s'indign e, mandate le sue truppe, fece uccidere quegli assassini e bruciare la loro citt. Poi disse ai suoi servi: Il banchetto nuziale pronto, ma gl'invitati non ne erano degni; andate ora ai crocicchi delle strade, e tutti quelli che troverete, chiamateli alle nozze. Usciti nelle strade, quei servi raccolsero quanti trovarono, buoni e cattivi, e la sala si riemp" di commensali. Il re entr per vedere i commensali e, scorto un tale che non indossava l'abito nuziale, gli disse: Amico come sei potuto entrare qui senz'abito nuziale? E quegli ammutol". Allora il re ordin ai servi: Legatelo mani e piedi e gettatelo fuori nelle tenebre; ivi sar pianto e stridor di denti. Perch molti sono i chiamati, ma pochi gli eletti'". (Matteo: 22: 1-14). Illustrando come il devoto che sa apprezzare pu entrare nel regno dei cieli, rispondendo degnamente all'invito di Dio, Ges disse: Il Padre Celeste fece nascere sulla terra uno dei Suoi devoti liberati affinch, al momento giusto, si celebrassero le sue nozze con la saggezza Divina come esempio per l'umanit, perch assistendo a questo sacro matrimonio i sinceri devoti imparassero qualcosa delle gioie dell'Unione Divina. In effetti, quando un devoto liberato si sposa veramente alla verit e ai princ"pi divini, legge spirituale che l'Unione Divina venga solitamente celebrata dal Padre Celeste. Egli manda in diverse direzioni i servi del magnetismo e delle vibrazioni divine ad attirare altri ricercatori, perch si uniscano alle festivit in onore del matrimonio del devoto liberato con l'amabile spirito della Verit. Messaggeri Vibratori Cos, in questo esempio, il Padre Divino mand i messaggeri vibratori e magnetici per far sapere ad altri ricercatori che potevano unirsi a questa celebrazione estatica, durante la quale sarebbe stato offerto a tutti il cibo prelibato e accuratamente preparato della saggezza; ma molti ricercatori non prestarono attenzione a questa risposta di Dio alle loro precedenti preghiere. Essi non accettarono l'invito di Dio a partecipare alla festa della saggezza, e continuarono nelle loro occupazioni materiali. Alcuni ricercatori incuranti ignorarono semplicemente l'invito di Dio all'evento liberatore. Altri, studenti superficiali, soffocarono i messaggeri divini delle vibrazioni che trasmettevano l'annuncio ai loro cuori. Quando il Padre Celeste sent le cattive vibrazioni emanate da quelli che aveva cercato di benedire, sent differentemente e mand le Sue armate delle leggi cosmiche e karmiche (le diverse leggi che regolano le azioni umane) per punire gli assassini delle buone vibrazioni e bruciare la citt della loro coscienza col fuoco dell'invisibile disciplina divina. Lo Studente Ipocrita Allora il grazioso Signore mand nuovamente i Suoi servi invisibili nei cuori di altri ricercatori. In risposta all'annuncio della cerimonia che vince l'ignoranza, dei ricercatori - buoni e cattivi vennero dalle strade principali e secondarie della vita per partecipare alle nozze del devoto liberato con la Verit. Il Padre Divino, per, entr come un invisibile padrone di casa per esaminare gli ospiti che avevano risposto al Suo invito, e scopr" che ai devoti s'era

unito un ipocrita che non aveva l'abito nuziale della sincerit. E cosa poteva rispondere questi, quando il Padrone di casa l'accus d'ipocrisia? Rimase senza parole! Allora il Padrone onnipotente ordin alle forti vibrazioni buone di buttar fuori quest'ipocrita che non s'era evoluto sufficientemente per unirsi alla compagnia del bene. E quindi lo gettarono nuovamente nella regione tenebrosa dell'ignoranza. Troppo tardi l'ipocrita realizz il suo errore, e pianse e batt i denti perch aveva perduto la possibilit d'ottenere pi luce. Molti ricercatori, con un diverso grado d'intensit dell'impulso spirituale, attirano in loro in maniera intermittente l'attenzione della coscienza celeste, ma solo pochi vengono eletti ad entrare nella Coscienza Cosmica cio, quelli che per il loro sincero e continuo interesse nella verit e in Dio, dimostrato con la meditazione profonda e la vita spirituale, hanno meritato tale invito. Ora lasciate che vi ripeta ancora una volta i punti salienti di questa importante parabola. Come la cerimonia nuziale di una coppia ideale ispira con un commovente esempio d'amore gli invitati in sintonia con loro, cos la vita ideale di un santo sposato alla Verit ispira in altri ricercatori il desiderio di sposarsi con la saggezza. Ogniqualvolta sulla terra nasce un profeta, Dio manda dei messaggeri vibratori per invitare tutti coloro che sono consapevoli di queste alte vibrazioni a seguire il profeta. Ma quando alcuni che s'erano considerati dei ricercatori ignorano il Suo invito, la loro percezione spirituale viene distrutta per lungo tempo, finch non Si pentiranno e meriteranno un'altra opportunit. Naturalmente, altre anime sul sentiero dell'autorealizzazione apprezzano il profeta e i suoi insegnamenti, trascurati dai ricercatori superficiali. Inoltre ci sono ipocriti che s'attaccano intorno a grandi maestri - e a organizzazioni che diffondono le verit divine - solo per il suo fascino e l'amore delle festivit o per il proprio prestigio personale. Ma quando Dio li trova senza l'abito della sincerit, allora li getta nelle tenebre della loro ignoranza autocreata. Ecco perch molti riescono ad attirare l'attenzione di Dio con le loro preghiere, ma solo quei pochi che sono spiritualmente meritevoli - per la loro incessante preghiera e meditazione - possono avere felicemente una comunione spirituale con Dio.

LA PERFETTA ANIMA GEMELLA "Gli mandarono per alcuni farisei ed erodiani per coglierlo in fallo nel discorso. E venuti, gli dissero: 'Maestro, sappiamo che sei veritiero e non ti curi di nessuno; infatti non guardi in faccia agli uomini, ma insegni la via di Dio secondo verit. lecito o no dare il tributo a Cesare? Lo dobbiamo dare o no?'. Ma egli, conoscendo la loro ipocrisia, disse: 'Perch mi tentate? Portatemi un denaro, perch lo veda'. Essi glielo portarono. Ed egli chiese loro: 'Di chi quest'immagine e l'iscrizione?'. Gli risposero: 'Di Cesare'. Ges disse loro: 'Date a Cesare ci che di Cesare e a Dio ci che di Dio'. E rimasero ammirati di lui". (Marco 12: 13-17). Ges disse ai farisei: "Rendete perci al vostro re terreno Cesare le cose terrene, come il denaro, che egli pensa gli appartenga; ma nel vostro cuore, mentalmente, rendete a Dio ogni onore e gloria, perch Egli il vero padrone di tutte le cose materiali, mentali, terrene e celesti". Cos Ges consigli a tutti i devoti di conformarsi alla legge e rispettare le usanze dei loro paesi pagando le tasse, ecc.; ma pur facendo questo, essi dovrebbero offrire interiormente l'omaggio delle loro anime a Dio soltanto, giacch Egli il Re dei re, il Creatore del paese nativo, della terra e del cielo, e il Padrone di tutte le cose, inclusi i possessi familiari, sociali, nazionali, internazionali e cosmici. "Si presentarono a lui dei sadducei, i quali dicono che non c' risurrezione, e lo interrogarono dicendo: 'Maestro, Mos ci ha lasciato scritto che se il

fratello di uno muore e lascia la moglie senza figli, suo fratello ne prenda la moglie per dare discendenti al fratello. C'erano sette fratelli. Il primo prese moglie e mor senza lasciare discendenza; allora la prese il secondo, che mor senza lasciare discendenza; e il terzo e gli altri, ma nessuno dei sette lasci discendenza. Infine, dopo tutti, mor anche la donna. Nella risurrezione, quando risorgeranno, a chi di loro apparterr la donna? Poich tutt'e sette l'hanno avuta in moglie'. Rispose loro Ges: 'Non siete voi in errore, dal momento che non conoscete le Scritture, n la potenza di Dio? Quando risusciteranno dai morti, infatti, non prenderanno moglie n marito ma saranno come angeli nei cieli. A riguardo poi della risurrezione dei morti, non avete letto nel libro di Mos, a proposito del Roveto, come Dio gli parl dicendo Io sono il Dio di Abramo, il Dio di Isacco e di Giacobbe? Non Dio dei morti ma dei viventi! Voi siete in grande errore'". (Marco 12: 18-27). Ges realizz che i sadducei avevano fatto un terribile errore mischiando questioni terrene con esperienze celesti. Essi non comprendevano n le Scritture che citavano n il potere o la saggezza di Dio; perci le loro conclusioni sulle questioni terrene e le cose celesti - che sono in tantissimi aspetti differenti - erano fallaci. Il matrimonio fisico praticato in questo mondo inteso soltanto per la propagazione della specie e l'unione delle anime gemelle, che vengono liberate dopo aver trovato il perfetto amore di Dio mediante l'intensa disciplina spirituale e la meditazione. Queste coppie imparano molte lezioni dal matrimonio fisico, come ad esempio il modo d'unire ragione e sentimento (positivo e negativo) e fare di due corpi uno solo attraverso il rispetto reciproco e la cooperazione disinteressata. Tuttavia, solo le anime che hanno gi trovato il perfetto amore di Dio possono andare in cielo e rimanervi (cio, essere liberate dalla reincarnazione). Quindi il matrimonio o la disciplina fisica, o anche la meditazione, non sono necessari dopo che uno arriva in 'cielo'. Il fiore necessario per avere il frutto. Quando viene il frutto, il fiore cade. Le esperienze umane di matrimonio, amore, successo, studio, meditazione, esercizio, disciplina, sono tutte necessarie per produrre il frutto dell'autorealizzazione; ma una volta ottenuta l'illuminazione e la conseguente liberazione, tutte le esperienze umane diventano non necessarie. Per questo Ges disse che le anime che si sono gi perfezionate tramite il matrimonio, la rinuncia, la meditazione, ecc., non hanno bisogno di fare queste esperienze in cielo. Di fatto, ogni anima in cielo sposata con Dio. Ogni anima comparativamente negativa, e quando s'unisce col positivo Spirito di Dio allora trova l'unione e l'amore perfetto. Quindi in cielo non ci pu essere matrimonio fisico. Com' meraviglioso sapere che nel mondo astrale tutte le anime liberate sono complete e perfette, essendo unite con l'amore perfetto di Dio: l'unica Anima gemella perfetta! Creare con la Volont Inoltre, quando le anime delle persone fisicamente morte sono liberate e promosse a vivere in una vibrazione pi sottile (il mondo astrale, o cielo), godono di quella sfera con sensibilit astrali pi sottili. Nel cielo le anime hanno corpi astrali e possono creare altri corpi astrali con la forza della volont. L'unione sessuale indispensabile per la nascita fisica, perci la consuetudine del matrimonio prevale sul piano terreno. Ma siccome le anime del mondo astrale possono creare tutto ci che desiderano con la forza della volont, per loro nessun mezzo fisico necessario. Nel mondo astrale, o cielo, tutte le anime liberate hanno lo stesso stato spirituale l'immortalit - e sono tutte uguali agli occhi di Dio. Ges stava certamente parlando di loro quando disse che coloro che risuscitano sono 'come angeli nei cieli'. Comunque, quando disse che nell'aldil non ci sarebbe stato matrimonio, Ges non parl contro la legge del divorzio, ingiunta da Mos per far fronte a certe condizioni temporanee della societ. Perch altrove aveva detto che quando le persone mutano i loro cuori e s'accorgono d'essersi sposate malamente meglio che ottengano il divorzio. Naturalmente, quando si sposano le anime gemelle

ideali non c' mai alcuna necessit di divorzio. E se queste coppie volessero il divorzio malgrado il fatto d'essere anime gemelle, e che lo scopo supremo del matrimonio di cercare l'amore perfetto di Dio allora errerebbero tanto quanto quelli che vivono insieme senza che ci sia l'amore e il rispetto reciproco ad unirli. Naturalmente molte delle anime che sono in cielo o nel mondo astrale non sono l per rimanervi, ma solo per sostarvi un po' prima di ritornare sulla terra e continuare la battaglia per la liberazione. Per esempio, prendiamo la donna menzionata nella domanda formulata dai sadducei: la vedova senza prole dei sette fratelli. Giungendo nel mondo astrale, sarebbe stata considerata un'anima senza sesso con un corpo astrale; e perci non avrebbe potuto essere la moglie di nessuno. E se durante la sua vita terrena questa vedova non avesse raggiunto l'emancipazione spirituale, allora dopo essersi riposata per un po' nello stato dopo la morte - avrebbe dovuto reincarnarsi sulla terra, molto probabilmente come donna. Cos, se avesse vissuto giustamente, avrebbe avuto una nuova possibilit d'attirare la sua anima gemella e trovare il perfetto amore di Dio e liberarsi; oppure avrebbe potuto trovare l'amore Divino senza l'ausilio di un compagno. Le anime di uomini e donne in realt appartengono soltanto a Dio - nonostante certe affinit spirituali esistenti tra loro, com' evidente tra le anime gemelle. Quindi, nello stato dopo la morte, quando le anime di uomini e donne lasciano la terra diventano senza sesso, e il 'matrimonio' e tutto ci che significa diventa ivi impossibile. Questo per non significa che le anime che s'amarono profondamente, o che sono state grandi amiche durante la loro permanenza sul piano terreno, cessano di riconoscersi reciprocamente o non sentono pi la pura amicizia divina una volta raggiunto il mondo astrale, dopo la morte. Ges sapeva che tutte le cose provenienti dal Dio vivente devono essere 'viventi', e che non c' morte nella natura. Quando le anime passano dal piano fisico ai piani astrali, cambiano luogo e forma, ma non sono mai 'morte'. Ges cerc di far capire ai sadducei che Abramo, Isacco, Giacobbe e tutte le anime che generalmente sono considerate morte al mondo, in realt non sono morte; ma sono viventi in Dio, o in cielo o reincarnate sulla terra. Tra le Incarnazioni Infatti, quando le anime lasciano i loro templi fisici, i loro corpi astrali vengono 'risuscitati' nel mondo astrale, e qui rimangono o per andare a suo tempo in piani superiori o per tornare a reincarnarsi sulla terra - secondo le loro azioni passate. Ma le anime non possono morire. Ges ricord ai sadducei che nel libro di Mos sta scritto che Dio fece vibrare la Sua presenza come la luce sempre viva della saggezza, e bruci il roveto dell'ignoranza nella coscienza di Mos. Con le Sue vibrazioni, Dio voleva dire a Mos: "Io sono il Dio di Abramo, di Isacco e di Giacobbe, che vissero sulla terra e vengono considerati morti. Ma essi sono viventi in Me. Nessun'anima pu morire, perch Io sono la Vita Eterna e tutte le cose che provengono da Me sono eternamente viventi. Perci Io sono il Dio di Abramo e di tutti i cosiddetti morti, che in realt sono eternamente viventi in Me".

CONQUISTARE LA LIBERAZIONE "Allora s'avvicin uno degli scribi che li aveva uditi discutere, e visto come aveva ben risposto gli domand: 'Qual il primo di tutti i comandamenti?'. Ges rispose: 'Il primo: Ascolta, Israele: Il Signore Dio nostro l'unico Signore; amerai dunque il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima, con tutta la tua mente e con tuta la tua forza. E il secondo questo: Amerai il prossimo tuo come te stesso. Non c' altro comandamento pi importante di questi'". (Marco 12: 28-31).

Il Sovrano Cosmico, il nostro Protettore - Dio - l'unico Signore e Maestro di tutta la creazione. E tu - come uno dei Suoi figli, creato a Sua immagine e in rapporto di parentela divina con Lui - devi amare spontaneamente il tuo Creatore con l'amore che Egli ha messo in te. Questa - disse Ges allo scriba - la pi importante di tutte le leggi cosmiche comandate dallo Spirito per l'elevazione dell'anima. Devi amare tuo Padre, Dio, con tutto l'amore divino del tuo cuore, con tutta l'intuizione della tua anima, con tutta l'attenzione della tua mente, e con tutta la tua determinazione mentale e la tua energia fisica. Questo il primo e il pi grande comandamento divino per la tua liberazione. Poich, secondo la legge cosmica, attraverso il portale del tuo amore Egli pu essere uno con te, e quindi liberarti dalla schiavit dell'infelicit e dell'illusione. Amare Dio vuol dire trovare l'appagamento eterno e la libert da tutti i desideri umani che creano le sofferenze delle continue nascite e morti. La sete d'amore che c' nei nostri cuori perch siamo fatti ad immagine dell'amore di Dio. Che Dio comandi all'uomo d'amarLo al di sopra di tutte le cose pu sembrare disdicevole da parte della Divinit onnipotente; ma tutti gli avatar e i santi, compreso Ges, hanno sentito nei loro cuori che la pi grande legge cosmica di liberazione amare e contattare fisicamente, mentalmente e con tutta l'anima la Sorgente di tutto. Essi hanno realizzato che come l'oceano pu vivere senza le onde, cos Dio pu vivere senza il nostro amore; e come l'onda non pu vivere senza l'oceano, cos noi non possiamo esistere senza l'amore di Dio. Perci gli avatar e i santi ripetono all'umanit che dobbiamo amare Dio non per costrizione o comandamento, ma perch Egli ci ha fatti a Sua immagine. E se Lo ameremmo, allora potremmo sentire l'oceano del Suo amore dietro la piccola onda d'amore nei nostri cuori. Un grande santo dell'India disse: "L'uomo pi intelligente colui che per prima cosa cerca con tutto il cuore finch non Lo trova. Perch trovando Lui, riceve ogni altra cosa insieme a Lui". Pi di un uomo nel mondo usa stupidamente il suo cuore, la sua mente, la sua anima e la sua forza fisica per cercare il denaro o l'amore umano o il potere terreno, solo per perderli - se mai avesse avuto la fortuna di trovarli - al momento della morte. Perci l'uomo pi intelligente chi impiega tutta la sua energia per trovare Dio, l'unico tesoro che soddisfer per sempre tutte le brame del suo cuore. Molte persone cercano di trovare Dio mediante sacrifici o preghiere distratte, o vaneggiamenti sinuosi nella foresta della teologia. Generalmente questo non d risultati; ma quando una persona usa la sincerit del suo cuore e i sentimenti pi profondi, e l'intuizione della sua anima, e tutti i poteri di concentrazione della sua mente, e tutta la sua forza fisica nello sforzo di meditare e d'imparare a conoscere Dio, sicuramente avr successo. C' un solo Essere, Creatore perfino dei processi di pensiero coi quali pensiamo, dell'amore col quale amiamo, delle anime con cui rivendichiamo l'immortalit, delle menti con cui ragioniamo e realizziamo. Perci, per conoscerLo coscientemente, dobbiamo usare energicamente tutti i Suoi doni mentali e fisici per fare lo sforzo supremo d'esprimere in meditazione il nostro amore per Lui, finch Egli non Si manifester coscientemente. Molte Forme di Prove Bisogna ricordare questo: uno deve conoscere Dio per amarLo. Nessuno pu amare qualcosa di cui completamente ignorante. Nessuno pu amare una persona che gli completamente sconosciuta. Ma coloro che meditano profondamente 'conoscono', perch ricevono prova dell'esistenza di Dio come la Gioia sempre-nuova che si sente in meditazione, o il Suono Cosmico che si sente nel silenzio profondo, o l'Amore Cosmico che si sente concentrandosi nel cuore, o la Saggezza Cosmica che si percepisce nella saggezza sviluppata dalla meditazione, o la Luce Cosmica che si vede nelle visioni, o la Vita Cosmica che si sente durante la meditazione, quando la piccola vita si unisce alla pi grande Vita in tutto. Ogni devoto che anche per una volta ha percepito Dio come la Vibrazione Cosmica o la Gioia sempre-nuova in meditazione, ecc., non pu fare a meno d'amarLo attraverso le Sue qualit tangibili. Molte persone non amano mai realmente Dio

perch non sanno quant' amabile il Signore quando visita il cuore del devoto-meditante come Luce Cosmica, Amore Travolgente, Gioia sempre-nuova, ecc. Naturalmente, questo tipo di contatto trascendentale con Dio per mezzo della meditazione possibile solo ai devoti determinati che persistono nella meditazione e nelle continue preghiere piene d'ardente devozione. Chi il Tuo Prossimo? La seconda grande legge spirituale che porta alla liberazione dell'anima che amerai il tuo prossimo (tutte le razze e le creature che vivono nelle tue prossimit, cio, che vengono a contatto con te ovunque) come ami te stesso, cio, la tua anima. Devi amare il tuo prossimo come una manifestazione del tuo pi grande s o Dio. Amare i genitori, i parenti, i vicini, i compaesani, tutte le razze della terra, tutte le creature, i fiori e gli astri che vivono nelle tue prossimit (cio, nello spazio della tua coscienza), vuol dire amare la manifestazione tangibile di Dio in tutti loro. Perci quelli che non possono amare Dio nelle manifestazioni sottili che si percepiscono in meditazione devono imparare ad amarLo nella natura, nei genitori e in tutti gli esseri che in qualche modo percepiscono o contattano. Dio che diventa il padre per proteggere il bambino, la madre per amarlo incondizionatamente, e gli amici per aiutare il piccolo senza limitazioni. Dio che diventato la terra e le stelle per dilettare il bambino. Sempre Lui diventato sia il cibo che il bimbo sostenuto dal cibo. E quando il bambino maturer e svilupper l'intelligenza, potr imparare (con la meditazione) ad adorare Dio installato nel suo tempio; oppure (attraverso l'amore del prossimo) L'adorer nei templi dei suoi genitori, degli amici e di tutte le creature e le cose esistenti nell'universo. Ci sono santi che imparano ad amare Dio nel modo trascendentale, nella meditazione e nell'estasi, ma finch non impareranno ad amarLo ugualmente cos come Si manifesta in tutti gli esseri che vivono intorno alle prossimit dell'anima, non avranno mai la redenzione completa. Tutti i santi e i saggi hanno scoperto che ogniqualvolta l'anima contatta Dio, sia nella meditazione trascendentale che servendoLo nel prossimo, allora vengono automaticamente rispettate tutte le leggi cosmiche. Chiunque pu contattare Dio, in qualsiasi modo, non deve pi ubbidire ad altre leggi, perch diventa cos buono e intuitivo che ubbidisce automaticamente a tutte le leggi cosmiche. vero che millenni d'oscurit raccolti nell'anima possono essere scacciati seguendo numerose regole di condotta; ma quando con lo sforzo supremo della mente la luce onnipervadente di Dio visita l'anima, allora non c' pi oscurit n necessario inventare regole di condotta per distruggere quell'oscurit interiore, che viene spazzata via per sempre dall'avvento della grande luce. Perci, secondo Ges e gli altri grandi: Amare Dio - la sorgente dell'intelligenza, dell'amore, della vita e di tutte le realizzazioni umane attraverso la preghiera e la meditazione continua, e amare Dio manifestato nel prossimo tramite il servizio fisico, mentale e spirituale, sono le due fondamenta su cui sono costruite tutte le altre leggi di condotta umana e le vite dei liberati. Non c' altra legge spirituale pi grande di queste due. "Allora lo scriba gli disse: 'Hai detto bene, maestro, e secondo verit che Egli unico e non v' altri all'infuori di Lui; amarLo con tutto il cuore, con tutta la mente e con tutta la forza, e amare il prossimo come se stesso, val pi di tutti gli olocausti e i sacrifici'. Ges, vedendo che aveva risposto saggiamente, gli disse: 'Non sei lontano dal regno di Dio'. E nessuno aveva pi il coraggio d'interrogarlo". (Marco 12: 32-34). Poich lo scriba mostr d'aver capito che amare Dio con tutta l'anima in meditazione, e poi amarLo nel prossimo, superiore a tutti gli altri comandamenti e alle formalit religiose dei sacrifici e degli olocausti, Ges lod la sua spiegazione dei due comandamenti. Realizzando che la mente dell'uomo era gi pienamente concentrata su Dio, Ges assicur lo scriba che la sua mentalit e i suoi sforzi spirituali mostravano che avrebbe presto ottenuto un

alto grado di coscienza spirituale.

ERA CRISTO FIGLIO DI DAVIDE? "Ges continuava a parlare, insegnando nel tempio: 'Come mai gli scribi dicono che il Messia figlio di Davide? Poich Davide stesso ha detto, mosso dallo Spirito Santo: Il Signore ha detto al mio Signore: Siedi alla mia destra, finch ponga i tuoi nemici come sgabello dei tuoi piedi. Davide stesso lo chiama Signore: allora come pu essere suo figlio?'. E la numerosa folla lo ascoltava volentieri". (Marco 12: 35-37). Lo stesso Davide, dopo aver sentito la Vibrazione Cosmica dello Spirito Santo, scrisse nel libro dei Salmi che il Signore Dio (il Padre esistente al di l della creazione vibratoria) espresse il Suo desiderio alla Coscienza Cristica presente nella creazione vibratoria (al Signore della creazione). Se il messaggio vibratorio del Padre si potesse mettere in parole, si potrebbe spiegare cos: "Siedi (esisti) nella Mia giustizia e nella Mia coscienza di verit come Mio vero riflesso nella creazione; e opera cos in tutta la creazione finch, col potere onnipotente del Mio amore, Io ponga i tuoi nemici satanici delle illusioni - che ostacolano costantemente il tuo perfetto lavoro di creazione - come tuoi schiavi e sgabello dei tuoi piedi". Descrivendo questa esperienza, lo stesso Davide - nelle sue parole - chiam Cristo 'Mio Signore'. E Davide non avrebbe usato questo titolo parlando di un figlio. Inoltre, come avrebbe potuto l'Intelligenza Cristica presente in tutta la creazione essere limitata al corpo fisico di un figlio di Davide? Piuttosto si dovrebbe dire che l'Intelligenza Cristica, o la sola riflessione di Dio Padre nella creazione vibratoria, a volte considerata come il 'figlio unigenito'. Ges conosceva chiaramente la vera definizione della Coscienza Cristica. Egli sapeva che il 'Cristo' era la Coscienza Universale presente in tutta la creazione vibratoria, e che la Coscienza Cristica s'era anche manifestata a Davide in una visione, come menzionato sopra, ed era pienamente riflessa nel proprio corpo conosciuto come Ges. In altre parole, la Coscienza Cosmica (oltre la creazione) e la Coscienza Cristica (nella creazione vibratoria), e l'interscambio dei loro pensieri vibratori, si manifestarono per qualche tempo nella coscienza di Davide per mezzo di una visione. Ma quella stessa Coscienza Cristica era stabilmente e pienamente riflessa nella vita e nella coscienza di Ges. E poich quella Coscienza era pienamente manifestata in lui, Ges si fece chiamare 'Cristo', ma precis che la Coscienza Cristica in lui non poteva essere chiamata correttamente figlio di Davide. "Diceva loro mentre insegnava: 'Guardatevi dagli scribi, che amano passeggiare in lunghe vesti, essere salutati nelle piazze, avere i primi seggi nelle sinagoghe e i primi posti nei banchetti. Divorano le case delle vedove e ostentano di fare lunghe preghiere; essi riceveranno una condanna pi grave'". (Marco 12: 38-40). Ges ammon" i suoi ascoltatori a non essere ipocriti come gli scribi che, per amore della lode umana, fanno mostra di religiosit andando in giro vestiti con lunghi abiti sacri e ricevendo avidamente in pubblico i saluti di devoti spiritualmente ciechi. Questi simulatori amano i primi posti importanti in ogni casa di culto e i posti pi eminenti nelle feste. Ges consigli ai suoi seguaci di diffidare degli uomini che con la falsit offendono Dio, che vede nei cuori di tutti. Inoltre egli descrisse questi ipocriti come uomini che usano il loro abito di santit per ottenere denaro e propriet dalle vedove e da altre persone prive di protezione. Essi fingono d'essere religiosi ostentando lunghe preghiere, che attirano l'attenzione degli uomini, ma non di Dio. Secondo la legge del karma che regola tutte le azioni umane, questi scribi ipocriti falsamente religiosi potranno avere un solo destino: la condanna. Cio, a causa

della loro ipocrisia essi saranno immersi in un'infelicit e un'illusione ancora pi grande, rimanendo molto lontani da Dio. Sfortunatamente, pratica comune di maestri, predicatori e preti ipocriti di tutte le epoche predicare con un'esagerata mostra di fervore, o pregare a lungo e naturalmente in pubblico per convincere gli altri della loro santit, per poi ricevere l'attenzione, le propriet e il denaro della gente. Questi falsi preti e predicatori - che usano la religione per fare affari, e la santit per il loro benessere materiale e per sfruttare Dio per il loro guadagno materiale - si creano un gran brutto karma. Con parole e azioni essi bestemmiano contro Dio e le Sue leggi, attirando a s ulteriori illusioni e infelicit. E evidente che non c' niente di male se si usano i metodi commerciali nella religione, ma molto brutto usare la religione per promuovere gli affari.

ACCETTABILE IL VOSTRO DONO? "E sedutosi di fronte al tesoro, osservava come la folla gettava monete nel tesoro. E tanti ricchi ne gettavano molte. Ma venuta una povera vedova vi gett due spiccioli, cio un quattrino. Allora, chiamati a s i discepoli, disse loro: 'In verit vi dico che questa vedova ha gettato nel tesoro pi di tutti gli altri. Poich tutti hanno dato del loro superfluo, ma essa, nella sua povert, vi ha messo tutto quello che aveva, tutto quanto aveva per vivere'". (Marco 12: 41-44). Ges non stava solo osservando la gente e la quantit delle loro offerte, ma con la verit della sua intuizione stava anche analizzando lo spirito che le dettava. Egli chiam i discepoli a osservare l'azione della vedova perch il suo spirito di generosit faceva splendere il suo piccolo dono davanti a Dio, e l'episodio era un bellissimo esempio di un principio divino. E spieg loro che sebbene la povera vedova avesse messo solo un quattrino nel tesoro del tempio, in effetti - per la sua devozione - aveva dato pi di tutte le persone ricche e indifferenti che avevano gettato pi denaro nel ricettacolo, ma senza alcuna devozione nei loro cuori. Poich tutti gli altri che avevano dato offerte imponenti al tempio di Dio avevano sborsato solo una piccola parte delle loro abbondanti ricchezze, senza causare alcun problema a loro stessi; mentre la vedova, malgrado il suo bisogno, diede alla causa di Dio tutto ci che aveva, anche se era quello che aveva per vivere. Il Motivo Nascosto Tutte le persone possono trarre profitto prestando attenzione alla lezione che i discepoli di Ges impararono quel giorno: dare alla causa di Dio con devozione, in uno spirito di sacrificio e non con orgoglio. Se quando d del denaro a un tempio un ricco motivato dall'orgoglio della sua ricchezza, il suo dono potr beneficiare il tempio, ma la sua azione non sar considerata una grande virt dalla legge cosmica di Dio; cio, non attirer n la coscienza di Dio n la legge cosmica perch dia dei risultati spirituali, poich manca di devozione. Mentre quando una persona povera d con devozione poche monete alla causa di Dio, forse quel denaro sar poco utile, ma il suo spirito di carit arricchir il dono. E evidente che dare di pi non significa pi devozione, n dare meno significa meno devozione. D'altro canto pure vero che quando qualcuno d una grande quantit delle sue ricchezze materiali con naturalezza e con grande devozione, il dono accettato da Dio; e quando un povero d un minimo e s'inorgoglisce, pensando di stare facendo molto bene considerati i suoi mezzi, oppure d quel poco senza devozione, allora anche il suo atto senza valore per quanto riguarda il progresso spirituale. In altre parole, un tempio o una chiesa accetta tutti i doni, ma Dio accetta solo quelli offerti alla Sua causa con spirito di sacrificio, con amore e devozione.

Nei Templi Orientali Nei templi orientali a Dio vengono offerti fiori, frutta e denaro. Tutte queste offerte aiutano i devoti a mantenere il tempio; ma Dio Stesso accetta solo la devozione e l'amore dei cuori umani che si manifestano nell'offerta dei doni. Dio non mangia le offerte di frutta dei devoti, ma riceve la devozione che proviene da quelle offerte. Egli non accetta la quantit dei doni dati alla Sua causa, ma la qualit della devozione legata a quei doni. Tutti i veri devoti devono analizzare periodicamente le loro coscienze ed essere sicuri di stare dando a Dio con spirito d'amore e al massimo delle loro capacit, e non secondo ci che possono dare facilmente senza alcuna difficolt o sacrificio. Ricordate che la povera vedova diede tutto ci che possedeva quando don un quattrino, e in pi satur il dono con la sua inestimabile devozione; perci Dio lo ricevette con pi grande gioia di quei ricchi doni provenienti da cuori orgogliosi che non conoscevano il sacrificio.

CONDANNA DEI FARISEI "Allora Ges si rivolse alla folla e ai discepoli dicendo: 'Sulla cattedra di Mos si sono seduti gli scribi e i farisei. Fate e osservate quanto vi dicono, ma non fate secondo le loro opere, perch dicono e non fanno. Legano infatti pesanti fardelli e li impongono sulle spalle della gente, ma loro non vogliono muoverli neppure con un dito. Tutte le loro opere le fanno per essere ammirati dagli uomini: allargano i loro filatteri e allungano le frange; amano i posti d'onore nei conviti, i primi seggi nelle sinagoghe, essere salutati nelle piazze ed anche sentirsi chiamare 'rabb"' dalla gente. Ma voi non fatevi chiamare 'rabb', perch uno solo il vostro maestro e voi siete tutti fratelli. E non chiamate nessuno 'padre' sulla terra, perch uno solo il Padre vostro, quello del cielo. E non fatevi chiamare 'maestri', perch uno solo il vostro Maestro, il Cristo'". (Matteo 23: 1-10). Nelle suddette parole Ges dice che gli scribi e i farisei che esternamente credevano in Mos e nei suoi insegnamenti ora occupavano fisicamente il suo posto d'autorit nel tempio, e si presentavano come i depositari dei suoi insegnamenti. Perci Ges consigli ai discepoli d'osservare tutte le buone regole che si chiedeva loro di seguire (perch giusto seguire buone regole religiose, anche quando sono imposte da maestri indegni), senza per seguire l'esempio del loro modo di vivere, in quanto essi erano ipocriti e non praticavano gli insegnamenti che predicavano. Cio, i farisei dicevano cose sante, dando l'impressione che le seguivano, ma in effetti non facevano ci che chiedevano agli altri di fare. Erano il tipo di maestri che caricano pesanti doveri e pesi economici difficili da sostenere sulle spalle dei ciechi devoti, col pretesto di renderli spirituali. Ma i farisei stessi non portavano il peso dei doveri religiosi, n praticavano ci che insegnavano. In realt tutte le cerimonie e le opere religiose che facevano miravano ad impressionare e a suscitare l'ammirazione dei devoti creduloni. Nei loro cuori non erano spirituali, ma compivano le cerimonie religiose solo per far pensare alla gente che lo erano. Cercavano di fare effetto portando come amuleti su di loro delle grandi pergamene contenenti passi della Bibbia, e indossavano vestiti vistosi dalle grandi frange. Volevano i posti pi importanti nelle feste e nelle sinagoghe, ed erano lusingati dai saluti delle persone che nelle piazze si rivolgevano a loro chiamandoli 'rabb"'. Cos essi non davano un buon esempio. Come disse Ges ai discepoli, uno non deve mai desiderare d'essere chiamato 'rabb"' o 'signore' o 'maestro', perch c' solo un Maestro della creazione e di tutte le cose create: Dio onnipresente, la cui riflessione la Coscienza Cristica. Noi tutti siamo Suoi figli, e perci

siamo fratelli. (Per questo internamente non dovete mai pensare che qualcuno sulla terra sia vostro padre, poich l'unico Dio che vi ha dato un padre che si prendesse cura di voi il solo vero Padre, esistente nella regione celeste senza vibrazioni). Ges ricord loro di non desiderare mai d'essere chiamati 'maestri', poich soltanto la Coscienza Cristica l'unico Maestro Divino. Tuttavia, chi in sintonia con la Coscienza Cristica in tutto - come lo era Ges - un maestro e pu essere un guru che pu guidare discepoli. "Il pi grande tra voi sia vostro servo; chi si esalta sar abbassato e chi si umilia sar esaltato. Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che chiudete il regno dei cieli davanti agli uomini; perch cos non ci entrate voi, n lasciate entrare quelli che vogliono entrarci. Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che percorrete il mare e la terra per fare un solo proselito e, ottenutolo, lo rendete figlio della Geenna il doppio di voi. Guai a voi, guide cieche, che dite: Se si giura per il tempio non vale, ma se si giura per l'oro del tempio si obbligati. Stolti e ciechi: che cos' pi grande, l'oro o il tempio che santifica l'oro? E dite ancora: Se si giura per l'altare non vale, ma se si giura per l'offerta che vi sta sopra, si resta obbligati. Ciechi! Che cos' pi grande, l'offerta o l'altare che santifica l'offerta? Ebbene, chi giura per l'altare, giura per l'altare e per quanto vi sta sopra; e chi giura per il tempio, giura per il tempio e per Colui che l'abita. E chi giura per il cielo, giura per il trono di Dio e per Colui che vi assiso". (Matteo 23: 11-22). "Ricordate - disse Ges ai discepoli e a coloro che l'ascoltavano - che secondo la legge divina il pi grande spiritualmente il pi umile e colui che trova grande piacere nel servire umilmente in ogni modo. Chiunque cercher d'aumentare i meriti del proprio ego per essere lodato dalla gente attirer invece delle critiche, e sar screditato agli occhi degli altri. Mentre chi veramente grande, ma nella sua umilt lo nasconde, sar innalzato davanti agli altri". Quindi Ges si rivolse con tono duro agli scribi e ai farisei: "Voi scribi e farisei vi state attirando un'incalcolabile sofferenza! Con la vostra falsit e il vostro cattivo esempio chiudete la porta della possibilit a quelli intorno a voi che desiderano la Coscienza Cosmica; e non solo non cercate d'entrare voi stessi nella Coscienza Cosmica, mediante la disciplina e la meditazione profonda, ma non volete nemmeno che c'entrino gli altri. O guide ipocrite, con il vostro cattivo karma v'attirerete molta sofferenza; perch smuovete cielo e terra per fare un proselito, ma dopo che questi ha seguito il vostro esempio due volte pi ignorante di voi - poich chi segue il vostro cattivo esempio aggiunge alla propria ignoranza quella delle vostre vie peccaminose. (Quando uno studente spiritualmente cieco segue un maestro ignorante, lo sfortunato studente aggiunge alla sua cecit spirituale l'ignoranza del maestro che segue stupidamente). Gradi di Trasgressione "Guai spirituali cadono su quelle ignoranti guide spirituali che dicono che se uno giura per il corpo o per le cattive abitudini profana il tempio corporeo dell'anima, ma ci non ha cattive conseguenze (perch apparentemente o visibilmente non si perde nulla). Quanto sciocchi e ciechi sono coloro che considerano le trasgressioni riguardanti l'oro (che utile solo materialmente) come un male pi grande delle trasgressioni contro il tempio corporeo, che solo d valore e utilit all'oro! Chiunque profana l'altare del corpo con brutte parole o azioni, profana anche il dono dello Spirito: l'anima che vi dimora. Come potete credere che l'altare del corpo che sostiene il dono dell'anima sia insignificante? Chiunque profana l'altare del corpo tende anche a profanare l'anima che vi sta dentro. Similmente, chiunque profana il tempio dell'anima profana automaticamente lo Spirito che vi dimora; e la persona che con brutte azioni o parole, o con cattivi pensieri, bestemmia contro il trono celeste senza vibrazioni di Dio, bestemmia anche contro Dio che vi dimora. L'altare del corpo e l'anima ivi presente, il tempio dell'anima e lo Spirito che vi sta dentro, e

il cielo e il Padre Celeste che vi dimora - tutti sono importanti, e quindi nessuno deve trasgredire le loro leggi n col pensiero n con le parole n con le azioni". "Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che pagate la decima della menta, dell'anto e del cumino, e trasgredite le prescrizioni pi gravi della legge: la giustizia, la misericordia e la fedelt. Queste cose bisognava praticare, senza omettere quelle. Guide cieche, che filtrate il moscerino e ingoiate il cammello! Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che pulite l'esterno del bicchiere e del piatto mentre all'interno sono pieni di rapina e d'intemperanza. Fariseo cieco, pulisci prima l'interno del bicchiere, sicch anche l'esterno diventi pulito! Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che siete simili a sepolcri imbiancati, che all'esterno son belli a vedersi, ma dentro son pieni d'ossa di morti e d'ogni putridume. Cos anche voi apparite giusti all'esterno davanti agli uomini, ma dentro siete pieni d'ipocrisia e d'iniquit. Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che innalzate sepolcri ai profeti e adornate le tombe dei giusti, e dite: Se fossimo vissuti al tempo dei nostri padri, non saremmo stati loro complici nel versare il sangue dei profeti. Cos testimoniate contro voi stessi d'essere figli degli uccisori dei profeti. E colmate la misura dei vostri padri! Serpenti, razza di vipere, come potrete scampare dalla condanna della Geenna?". (Matteo 23: 23-33). Continuando a indicare le debolezze di scribi e farisei, Ges dichiar che l'ignoranza spirituale il destino di tutti quelli che prestano grande attenzione alla consuetudine di pagare certe tasse obbligatorie, ma dimenticano d'adempiere i doveri pi importanti, come ad esempio seguire la legge spirituale della disciplina interiore che conduce alla saggezza divina, praticare il perdono divino e sviluppare il contatto intuitivo di Dio attraverso la meditazione. Essi avrebbero dovuto praticare la disciplina spirituale per purificare le loro anime, compiendo nello stesso tempo i doveri materiali necessari alla purificazione dei loro corpi. Invece essi non riuscivano ad ingoiare il piccolo moscerino del male implicito nella trasgressione di una cerimonia religiosa, mentre ingoiavano inconsapevolmente il grosso cammello dell'ignorante trasgressione spirituale! Era come se temessero una piccola indigestione teologica, ma non gli importasse di soffrire d'indigestione spirituale acuta. Egli consigli ai farisei di pulire prima l'anima e la mente che sono all'interno, perch dopo anche la vita esteriore potr essere pura. Cio, difficilmente la purezza esteriore pu influenzare la purezza dell'anima, mentre la purezza della vita interiore produce invariabilmente la purezza della vita esteriore. Dare la massima importanza all'apparenza e alle azioni esteriori vuol dire diventare come un sepolcro imbiancato, che esternamente bello, ma dentro contiene solo ossa sudice e putrefatte. Come i sepolcri imbiancati, esternamente belli, i comportamenti religiosi ipocriti nascondono solo le empie e oscene abitudini interiori che producono sofferenza. Gli Assassini dei Profeti Quindi Ges accus gli scribi e i farisei d'ipocrisia nel costruire e decorare le tombe dei profeti e delle anime giuste che i loro padri avevano ucciso, offrendo cos omaggio ai morti per nascondere l'istinto d'assassinio dei profeti ereditato dai loro padri. Egli vide che essi cercavano di nascondere le azioni sanguinarie dei loro padri, e la natura ereditata da loro, dicendo che se fossero vissuti al tempo dei loro antenati non avrebbero preso parte a quelle uccisioni! Nondimeno essi avevano dentro tendenze malvage qualitativamente simili a quelle dei loro antenati, perch erano stati obbligati dal cattivo karma a nascere nelle cattive famiglie guidate da quegli antenati uccisori di profeti. Ed essendo stati per generazioni serpenti umani e operatori d'iniquit, come avrebbero potuto sfuggire alle molte sofferenze infernali pronte ad assalire i loro corpi, le loro menti e le loro anime? Naturalmente Ges stava descrivendo la legge del karma. Il male apparentemente

acquisito per eredit in effetti dovuto alle cattive azioni delle vite passate della stessa persona. Un'anima malvagia che nel passato ha commesso delle cattive azioni viene attirata e nasce in una cattiva famiglia. Le tendenze manifestate non si possono vincere con cerimonie religiose ipocrite e pompose, n onorando la memoria dei maestri religiosi. Queste cattive tendenze autocreate ed ereditarie si possono sradicare dall'anima solo con il pentimento e la meditazione, abbandonando l'ipocrisia e le cattive abitudini, e - cosa pi importante - concentrandosi ogni giorno sulla purificazione dell'anima. Chi Vi Punisce? "Sebbene avesse compiuto tanti miracoli davanti a loro, non credevano in lui; perch s'adempisse la parola detta dal profeta Isaia: 'Signore, chi ha creduto alla nostra parola? E a chi stato rivelato il braccio del Signore?'. Per questo non potevano credere, perch Isaia aveva detto ancora: 'Ha reso ciechi i loro occhi e indurito il loro cuore, perch non vedano con gli occhi e non comprendano con il cuore, e si convertano e io li guarisca!'. Questo disse Isaia quando vide la sua gloria e parl di lui. Tuttavia, anche tra i capi, molti credettero in lui, ma non lo riconoscevano apertamente a causa dei farisei, per non essere espulsi dalla sinagoga; amavano infatti la gloria degli uomini pi della gloria di Dio". (Giovanni 12: 37-43). Alcune parole del passo riportato sopra potrebbero essere facilmente interpretate male. Bisogna ricordare che anche se Isaia scrisse che gli occhi degli uomini erano stati accecati e i loro cuori induriti perch non vedessero o comprendessero le leggi di Dio, tuttavia mai e per nessun motivo Dio acceca o danneggia deliberatamente e vendicativamente degli esseri umani per i loro peccati. Molti esseri umani, per, portano dentro i semi di azioni erronee sotto forma di cattive tendenze. Questo, comunque, dovuto alle cattive azioni compiute deliberatamente nelle vite passate, e cos essi vengono accecati o paralizzati nell'intelletto e non riescono a comprendere la saggezza divina. Fa piacere notare che anche in quei giorni alcuni dei capi credevano in cuor loro in Ges, ma non lo riconoscevano apertamente perch avevano paura d'essere scomunicati dalla sinagoga, dai farisei. Questi governanti amavano la lode inconsistente degli uomini in preferenza dell'eternamente sostanziale, meritevole e fruttuoso apprezzamento di Dio. Questo succede ancora in tutti i paesi ai giorni nostri. Per esempio, alcuni famosi Occidentali accettano in cuor loro i grandi insegnamenti dei Maestri dell'Oriente, tuttavia hanno paura di riconoscerlo per timore d'essere scomunicati dagli insegnamenti secolari del chiesismo. Anche queste persone amano la gloria della societ pi della gloria di Dio. "Ges allora grid a gran voce: 'Chi crede in me, non crede in me, ma in colui che mi ha mandato; chi vede me, vede colui che mi ha mandato. Io come luce sono venuto nel mondo, perch chiunque crede in me non rimanga nelle tenebre. Se uno ascolta le mie parole e non le osserva, non lo condanno; perch non sono venuto per condannare il mondo, ma per salvare il mondo. Chi mi respinge e non accoglie le mie parole, ha chi lo condanna: la parola che ho annunziato lo condanner nell'ultimo giorno. Perch io non ho parlato da me, ma il Padre che mi ha mandato, egli stesso mi ha ordinato che cosa devo dire e annunziare. E io so che il suo comandamento vita eterna. Le cose dunque che io dico, le dico come il Padre le ha dette a me'". (Giovanni 12: 44-50). Ges assicurava continuamente i suoi devoti e seguaci che dentro il suo s fisico c'era la Coscienza Cristica, e dietro di questa c'era la Coscienza Cosmica; e chiunque si sarebbe sintonizzato con questo s interiore, o Coscienza Cristica, avrebbe realizzato la sua vera natura e sarebbe stato condotto fuori dall'oscurit dell'illusione e della sofferenza. Egli si preoccupava di spiegare che non era venuto per punire quelli che non ascoltavano le sue parole, ma per salvare le persone mondane che l'avrebbero ascoltato, e anche quelle che dapprima l'avevano rifiutato e in seguito l'avrebbero ascoltato. Ges sapeva che

tutti quelli che avrebbero ascoltato le sue parole, sia in quel tempo che dopo di lui, non avrebbero potuto dimenticarle neanche se apparentemente le respingevano. Ed egli sapeva che alcuni di quelli che respingevano le sue parole e i suoi insegnamenti, al termine delle loro vite avrebbero realizzato la loro follia confrontando le loro cattive azioni con le sue parole di saggezza (mantenute nelle loro memorie), e avrebbero capito d'essersi puniti con le loro stesse azioni, perch allora sarebbe stato troppo tardi per convertirsi. In altre parole, ogni ricercatore che respinge la comunione con la Coscienza Cristica, non ascoltando e non agendo secondo gli insegnamenti di chi impregnato da quella Coscienza, crea del cattivo karma. Egli punisce se stesso perch rimane ignorante a causa delle sue stupide azioni. E al termine della vita le parole di saggezza a cui non ha prestato attenzione si risvegliano nella sua memoria, e lo condannano, ricordandogli la sua stupidit, le sue cattive azioni e la risultante sofferenza. Quando la Coscienza Cristica pronunci parole di saggezza tramite Ges, fu per il desiderio vibratorio della Coscienza Cosmica, da cui promanano tutte le cose. Essa fece vibrare i Suoi desideri come un grande comandamento riguardante tutto ci che doveva essere espresso al mondo attraverso le labbra di Ges, come detti, consigli e parabole ai discepoli, e discorsi alle moltitudini. Ges realizz intuitivamente che la saggezza che scendeva nella Coscienza Cristica dalla Coscienza Cosmica, e da lui formulata in parole, era eternamente vera e avrebbe dato eternamente la vita a tutti. Perci dichiar che tutto quello che il suo s fisico pronunciava mediante la Coscienza Cristica in lui era ci che la Coscienza Cosmica gli vibrava come comandamenti da dare per la guida del mondo.

PROFEZIE DI GUERRA "Mentre Ges, uscito dal tempio, se ne andava, gli s'avvicinarono i suoi discepoli per fargli osservare le costruzioni del tempio. Ges disse loro: 'Vedete tutte queste cose? In verit vi dico, non rester qui pietra su pietra che non sar diroccata'". (Matteo 24: 1-2). Nell'occhio della sua mente Ges vide che tutti i grandi edifici che stavano di fronte ai suoi discepoli impressionati, sicuramente in futuro sarebbero stati ridotti a pezzi; ogni pietra dei muri sarebbe precipitata e sarebbe stata sepolta sottoterra. Perci cerc di mostrar loro la natura transitoria dei grandi edifici tangibili, impressionanti e apparentemente eterni: una massa di grandi pietre. Queste, come gli uomini famosi con innumerevoli pensieri e preziose esperienze, a tempo debito sarebbero stati ridotti in polvere. Ges deve aver consigliato ai suoi seguaci di non farsi impressionare dall'apparenza fisica di un paese e dei suoi edifici, n dai suoi grandi uomini, ma di dimenticarli e cercare il duraturo regno di Dio dentro. "Sedutosi poi sul monte degli Ulivi, i discepoli gli si avvicinarono e, in disparte, gli dissero: 'Dicci, quando accadranno queste cose? e quale sar il segno della tua venuta e della fine del mondo?'. Ges rispose: 'Guardate che nessuno v'inganni; molti verranno nel mio nome, dicendo: lo sono il Cristo, e trarranno molti in inganno. Sentirete poi parlare di guerre e di rumori di guerre. Guardate di non allarmarvi; necessario che tutto questo avvenga, ma non ancora la fine. Si sollever popolo contro popolo e regno contro regno; vi saranno carestie e terremoti in vari luoghi; ma tutto questo solo l'inizio dei dolori. Allora vi consegneranno ai supplizi e vi uccideranno, e sarete odiati da tutti i popoli a causa del mio nome. Molti ne resteranno scandalizzati, ed essi si tradiranno e odieranno a vicenda. Sorgeranno molti falsi profeti e inganneranno molti; e per il dilagare dell'iniquit, l'amore di molti si raffredder. Ma chi perseverer sino alla fine, sar salvato. Frattanto questo vangelo del regno sar predicato in tutto i mondo, perch ne sia data testimonianza a tutte le genti; e allora verr la fine. Quando dunque vedrete l'abominio della desolazione, di cui parl il profeta Daniele, stare nel luogo

santo - chi legge comprenda - allora quelli che sono in Giudea fuggano ai monti, chi si trova sulla terrazza non scenda a prendere la roba di casa, e chi si trova nel campo non torni indietro a prendersi il mantello. Guai alle donne incinte e a quelle che allatteranno in quei giorni. Pregate perch la vostra fuga non accada d'inverno o di sabato. Poich vi sar allora una grande tribolazione, quale mai avvenne dall'inizio del mondo fino a ora, n mai pi ci sar. E se quei giorni non fossero abbreviati, nessun vivente si salverebbe ma per amore degli eletti quei giorni saranno abbreviati. Allora se qualcuno vi dir. Ecco, il Cristo qui! oppure: E l! non ci credete. Sorgeranno infatti falsi cristi e falsi profeti che faranno grandi portenti e miracoli, cos da indurre in errore, se possibile, anche gli eletti. Ecco, ve l'ho predetto. Se dunque vi diranno: Ecco, nel deserto, non ci andate; oppure: in casa, non ci credete. Perch come il lampo viene da oriente e brilla fino a occidente, cos sar la venuta del Figlio dell'uomo. Perch dovunque sar il cadavere, l si raduneranno gli avvoltoi'". (Matteo 24: 3-28). Ges rispose da maestro alle numerose domande dei discepoli. E li mise ripetutamente in guardia che anche durante la loro stessa vita molti falsi profeti avrebbero affermato d'essere il Cristo ritornato, ma essi non avrebbero dovuto prestare alcuna attenzione a queste manifestazioni dell'influenza dell'illusione cosmica. Inoltre egli vide che le guerre e i rumori di guerre sarebbero continuati, e chiese ai discepoli di non perdere la coscienza dell'immortalit neanche quando avrebbero assistito a questi conflitti, che devono succedere per effetto delle cattive azioni di massa. La Durata della Terra Ges sapeva che la fine del mondo non sarebbe venuta - cio, lo scopo per cui il mondo era stato creato non sarebbe stato raggiunto - finch i disordini fisici avrebbero guastato la vita sulla terra. Egli voleva dire che i disordini terreni presuppongono l'imperfezione umana; e fino a quando gli esseri umani continueranno ad essere imperfetti dovranno reincarnarsi sulla terra. Perci fino a quando ci sar la reincarnazione delle anime sulla terra, essa dovr continuare ad esistere e non potr finire. Ma quando tutte le anime saranno liberate perch manifesteranno la Coscienza Cristica, allora le persone liberate rimarranno in seno a Dio, e gli atomi turbinanti della terra disabitata saranno liberati. Tutto questo voleva dire Ges quando disse: 'Ma non ancora la fine'. E sempre a questo si riferiva quando disse: 'E questo vangelo del regno sar predicato in tutto il mondo, perch ne sia data testimonianza a tutte le genti; e allora verr la fine'. Era questo un altro modo di dire che solo quando tutte le persone della terra impareranno a seguire l'esempio dei veri santi cristici, assorbendo i loro insegnamenti e manifestando la Coscienza Cristica, esse potranno essere liberate; e allora e solo allora verr la fine del mondo. Cio, una volta adempiuto lo scopo della salvezza umana universale - per il quale il mondo stato creato - allora gli atomi della terra saranno richiamati in Dio. Questa spiegazione, che Ges Cristo ha fatto scendere nella mia coscienza, mostra chiaramente la follia di molti cosiddetti profeti che ogni pochi anni profetizzano ai loro creduloni e ciechi seguaci la fine del mondo - che avverrebbe in tale data e in tale anno. Non stupisce che Ges mise in guardia dai falsi profeti! Una Falsa Profezia Alcuni anni fa un fanatico che si era autoeletto riformatore disse ai suoi discepoli che dovevano vendere o dar via le loro propriet, e in lunghi e fluenti abiti aspettare la fine del mondo sulla cima di un monte vicino New York. Egli promise che loro sarebbero stati accolti in cielo, mentre il resto dell'umanit sarebbe perito in un grande diluvio. Il giorno stabilito, vestiti angelicamente, i discepoli creduloni attesero invano per tutto il giorno e la

lunga notte la fine del mondo che la loro guida cieca aveva profetizzato. Alla fine si stancarono d'aspettare in cima al monte e vennero gi - di nuovo a terra, in pi di un senso - rimpiangendo la perdita delle propriet che avevano date via. Quindi, delusi nelle loro aspirazioni celesti, cercarono di riottenere legalmente le loro propriet terrene. Tutte le persone credulone che s'aspettano la fine del mondo entro pochi anni possono pure svegliarsi, e considerare la profezia di Ges che la fine ci sar solo quando gli insegnamenti ispirati dalla Coscienza Cristica (che visita la terra continuamente negli avatar) libereranno tutte le persone della terra. Guerre e Calamit Quando Ges disse che nazioni sarebbero insorte contro altre nazioni, stava prevedendo tutte le guerre che il mondo ha visto d'allora - incluse le guerre asiatiche ed egiziane, le guerre in India, la guerra dei cent'anni, le guerre delle rose, le conquiste romane e britanniche, la rivoluzione francese, e la prima e la seconda guerra mondiale. Le sue profezie si sono e continuano ad avverarsi. Ci sono state guerre razziali in molte terre; ci sono state lotte tra un regno e un altro. Terribili carestie hanno colpito la Palestina, l'India, la Cina e altre parti della terra. Terribili 'flagelli bianchi' hanno colpito la Gran Bretagna; in effetti, spaventose pestilenze di molti tipi hanno colpito pressoch ogni paese, come l'epidemia dell'influenza 'spagnola' che da sola fece pi vittime della prima guerra mondiale. I terremoti hanno devastato il Giappone l'India, alcune zone dell'America e molte altre parti del mondo. Gli spettacoli spaventosi delle inondazioni, o delle devastazioni dovute al fuoco (come i grandi incendi di Londra, Chicago e San Francisco), o i danni delle guerre, sono stati severi ammonimenti mandati agli uomini dal cielo, perch realizzassero l'incertezza della vita e cambiassero le loro vie. Le cattive azioni accumulate da tutte le persone della terra sono immagazzinate nell'etere come bombe vibratorie nascoste, pronte a esplodere sotto forma di calamit naturali o sociali. E Ges profetizz giustamente che questi segni di guerre e calamit varie saranno solo l'inizio dei guai e delle sofferenze umane, se gli uomini non cambieranno i loro modi di vivere. In un'altra occasione Ges aveva detto: 'A chi ha sar dato; e a chi non ha, sar tolto anche quello che ha'. E questo si applica perfettamente alle abitudini terrene delle civilt! Se con il loro cattivo karma le persone attirassero guerre e sofferenze, queste calamit continuerebbero a moltiplicarsi; mentre se non creassero costantemente cattivo karma e sofferenze, anche quel po' di male che potrebbero avere svanirebbe. Ges disse chiaramente: 'Guerre e calamit non sono segni della fine del mondo, ma piuttosto avvertimenti riguardanti l'inizio delle sofferenze umane'. Persecuzione e Morte Inoltre Ges disse ai discepoli che dopo la sua morte sarebbero stati perseguitati, e predisse che alcuni di loro sarebbero stati uccisi. Questa profezia s'avver con grande precisione, poich a uno a uno molti dei dodici furono martirizzati: pugnalati, crocifissi, decapitati, lapidati, scorticati vivi o uccisi da frecce. (Secondo la tradizione, le vite dei dodici finirono cos: Matteo fu ucciso con una spada in Etiopia; Marco fu trascinato a morte per le strade di Alessandria; Luca fu impiccato in Grecia; Giovanni fu messo in un calderone d'olio bollente, ma si salv miracolosamente e quindi fu bandito a Patmos, dove mor di morte naturale; Pietro fu crocifisso a Roma a testa in gi; Giacomo il Maggiore fu decapitato a Gerusalemme, Giacomo il Minore fu buttato da un pinnacolo del tempio, e quindi battuto a morte, Bartolomeo fu scorticato vivo; Andrea fu legato a una croce, e mor predicando ai suoi persecutori, Tommaso ebbe il corpo trapassato da una lancia; Mattia fu prima lapidato e quindi decapitato; Giuda Taddeo fu ucciso con le frecce; Barnaba dei Gentili fu lapidato a Salonicco,

Paolo dopo varie torture e persecuzioni fu decapitato a Roma; le notizie riguardanti la morte di Filippo e di Simone il Cananeo sono oscure e contrastanti; Giuda Iscariota s'impicc.) Inoltre egli predisse in verit che malgrado tutte le persecuzioni il suo insegnamento si sarebbe diffuso in tutte le nazioni. E di fatto le sue parole si sono avverate, poich il Nuovo Testamento tradotto nella maggior parte delle lingue della terra. Quando disse che molti si sarebbero scandalizzati e traditi l'un l'altro, Ges previde che i membri non cristiani di una famiglia avrebbero tradito i loro parenti cristiani, causando perfino la loro morte. Per i devoti hanno la sua assicurazione che coloro che si concentreranno pazientemente sull'immortalit delle loro anime - anche durante le persecuzioni o la morte - infine troveranno l'immortalit e la pace in Dio. Quando Ges parl della dissacrazione del 'luogo santo', stava profetizzando l'invasione di Gerusalemme da parte di molte nazioni. In quella terra ci dovevano essere guerre tra Cristiani e Non Cristiani, tra Crociati e Saraceni. Le tribolazioni che descrive mostrano di nuovo l'operare della legge del karma. Karma Mitigato 'Ma per amore degli eletti quei giorni saranno abbreviati', promise Ges. Oggi come allora, se l'uomo dovesse pagare tutto il karma accumulato per incarnazioni 'nessun vivente si salverebbe'. Ma come ha spiegato lui, anche se dei sinceri devoti hanno in loro dei semi di cattive azioni passate, essi vedranno che per le loro virt e la grazia di Dio molto del loro karma sar bruciato e il termine delle sofferenze sar abbreviato. Ges ammon" ancora i suoi veri seguaci a non farsi attirare o ingannare dai falsi profeti che affermano d'essere maestri cristici, e cercano d'attirare le persone con trucchi magici e miracoli ipnotici. Per bisogna ricordare che mentre Ges mise in guardia i suoi seguaci contro i 'falsi cristi' e i 'falsi profeti', egli non afferm mai che la Coscienza Cristica s'era manifestata solamente nel suo corpo chiamato Ges e che non avrebbe potuto manifestarsi in nessun'altra anima cristica in alcun tempo. In effetti, come disse Giovanni: 'A tutti coloro che l'hanno ricevuto (la Coscienza Cristica), a loro ha dato il potere di diventare figli di Dio'. Come il carbone non riceve o riflette la luce del sole che gli cade sopra, mentre il diamante che gli a fianco riflette i raggi del sole, cos con la meditazione i grandi devoti rendono le loro anime pure e trasparenti per ricevere e riflettere i raggi della Coscienza Cosmica tramite le loro vite; mentre le mentalit di carbone non riflettono la luce della saggezza di Dio proprio per l'oscurit delle loro impurit, malgrado essa cada ugualmente su di loro. Perci le anime che con la meditazione rendono le loro vite spiritualmente trasparenti per ricevere e riflettere i raggi di Dio, pienamente manifesto in loro, possono veramente chiamarsi figli di Dio, o Cristi. La Seconda Venuta Infine, quando disse: 'Perch come il lampo viene da oriente e brilla fino a occidente, cos sar la venuta del Figlio dell'uomo', Ges non intendeva parlare di una futura incarnazione, ma voleva dire che la Coscienza Cristica, gi manifesta nel suo corpo, era una grande luce che a suo tempo avrebbe illuminato il mondo da oriente a occidente. E come gli avvoltoi localizzano da lontano un cadavere e si raccolgono intorno ad esso, cos la gente dalle parti pi lontane della terra avrebbe presagito un ricco pasto nei suoi insegnamenti e si sarebbe raccolta intorno ad essi. Purtroppo, interpretando male questo passo, molti pensano che Ges verr di nuovo 'come un lampo che fuoriesce dalle nuvole'. La Coscienza Cristica che era pienamente manifestata in Ges pu venire una seconda volta in ciascun uomo, in

qualsiasi momento, a condizione che egli espanda la coppa della propria coscienza fino a poter contenere l'oceano della Coscienza Cristica. Mille Cristi mandati sulla terra non redimeranno i suoi abitanti finch essi stessi non diventeranno cristici, manifestando una seconda volta nelle loro coscienze la Coscienza che apparve in Ges. Io lamento spesso che sebbene Ges fu crocifisso una volta, i suoi insegnamenti vengono crocifissi continuamente per mano della teologia dogmatica e dei teologi ignoranti. Certamente venuto il momento d'impedire che i veri insegnamenti cristici dati da Ges siano crocifissi dalla misconoscenza teologica. Questi antichi insegnamenti devono essere risuscitati dalla tomba del dogmatismo con l'aiuto dell'autorealizzazione e con l'illuminata percezione del loro vero significato. Bisogna ricordare che da quando la Coscienza Cristica si manifest pienamente nella coscienza di Ges, dovere dei ricercatori spirituali espandere la propria coscienza individuale e manifestarvi la seconda venuta di quella Coscienza. E inutile aspettare che un altro Cristo scenda dalle nuvole. Dio, che umile anche se onnipotente, non permetter mai una dimostrazione spettacolare della Sua gloria davanti all'empio sguardo delle persone malvage. Ma con la disciplina morale, la preghiera devozionale continua e la meditazione profonda, Dio pu essere contattato come la gioia sempre-nuova del silenzio. Questa gioia sempre-nuova sentita in meditazione denota anche il contatto con l'Intelligenza Cristica, poich Dio e la Coscienza Cristica sono Uno. Quando il devoto percepisce Dio (o Cristo) come la gioia tangibile e sempre-nuova della meditazione, egli deve amare quello stato divino con tutta la devozione del suo cuore, con tutta l'intuizione dell'anima, con tutta la concentrazione indivisa della mente, e con tutta la forza e l'energia del corpo. Facendo questo il devoto pratica il supremo comandamento (legge) necessario per conoscere Dio; allora il suo contatto con quella Coscienza, percepita come la gioia sempre-nuova della meditazione, sar la vera seconda venuta di Cristo - che avr luogo proprio nella coscienza del devoto.

VEDRETE IL FIGLIO DELL'UOMO? "Subito dopo la tribolazione di quei giorni, il sole si oscurer, la luna non dar pi la sua luce, gli astri cadranno dal cielo e le potenze dei cieli saranno sconvolte. Allora comparir nel cielo il segno del Figlio dell'uomo, allora si batteranno il petto tutte le trib della terra, e vedranno il Figlio dell'uomo venire sulle nubi del cielo con grande potenza e gloria. E mander i suoi angeli che col potente suono di una tromba raduneranno tutti i suoi eletti dai quattro venti, da un'estremit all'altra dei cieli. Imparate poi la parabola dal fico: quando il suo ramo gi diventa tenero e spuntano le foglie, sapete che l'estate vicina. Cos anche voi, quando vedrete tutte queste cose, sappiate che Egli vicino, proprio alle porte. In verit vi dico: non passer questa generazione prima che tutto ci accada. Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno. Quanto a quel giorno e a quell'ora, nessuno lo sa, neanche gli angeli del cielo, ma solo il Padre. Come fu ai giorni di No cosi sar la venuta del Figlio dell'uomo. Infatti, come nei giorni che precedettero il diluvio, mangiavano e bevevano, prendevano moglie e marito, fino a quando No entr nell'arca. E non s'accorsero di nulla finch venne il diluvio e inghiott" tutti cos sar anche alla venuta del Figlio dell'uomo". (Matteo 24: 29-39). Non appena le grandi tribolazioni (terremoti, alluvioni, ecc.) avranno sconvolto la terra per il suo cattivo karma di massa, la colpiranno dei guai ancora pi grandi dovuti all'aumento del male. E cos, per le vibrazioni distruttive delle nazioni che l'abitano, l'armonia della terra sar perduta, sicch anche il sole e la luna perderanno temporaneamente l'energia e la luce che danno la vita, e grandi astri e meteore usciranno dalle loro orbite e s'avvicineranno alla terra, creando disquilibri geografici e provocando angoscia nelle menti dei popoli. E

per lo squilibrio del sole e della luna, che pi o meno controllano gli oceani, i mari saranno sconvolti da sollevamenti e onde travolgenti. Allora i cuori e le menti delle persone materialiste saranno estremamente colpiti, vedendo lo squilibrio della terra e lo sconvolgimento delle forze celesti causato dalle proprie cattive vibrazioni. E man mano che le persone si pentiranno, pregheranno e mediteranno, gradualmente cresceranno in spiritualit; e quelle che si saranno sviluppate sufficientemente vedranno 'nel cielo il segno del Figlio dell'uomo', ossia la visione (segno) tangibile di Cristo attraverso l'occhio spirituale ridestato. Cio, ad esse saranno concesse visioni della Coscienza Cristica incarnata, materializzata dai misteri della regione celeste manifestanti la grande potenza e la gloria della Coscienza Cosmica. E i devoti vedranno anche altri angeli, o anime liberate, che vibreranno con la Vibrazione Cosmica ('il potente suono di una tromba'). E nella luce della loro risvegliata Coscienza Cristica, questi devoti vedranno anche un raduno e una manifestazione di anime liberate (gli eletti o prescelti) provenienti dalle quattro direzioni o dagli angoli pi remoti della terra, e dalle lontane regioni del mondo astrale. E quindi capite che Ges stava dicendo ai suoi discepoli che quando essi - o i futuri devoti - avrebbero guardato nell'occhio spirituale e innalzato la coscienza fino al plesso cerebrale (il sahasrara o il loto dai mille raggi vitali nel cervello, o la luce cranica che appare come lana bianca, o la manifestazione che splende come il sole in tutta la sua potenza), tramite le suddette visioni avrebbero visto qualche forma incarnata della Coscienza Cristica, e forse anche delle anime liberate nel mondo astrale. Allora questi devoti avrebbero capito d'essere abbastanza avanzati spiritualmente e che presto sarebbero stati liberati dalle reincarnazioni e dalle sofferenze terrene, trovando dimora nello stato senza paura, senza dolore e pieno di gioia sempre-nuova della Coscienza Cosmica. Quando disse che 'tutte le trib della terra' avrebbero visto 'il Figlio dell'uomo venire sulle nubi del cielo con grande potenza e gloria', Ges stava spiegando che i veri devoti di tutti i paesi - quelli che si pentono degli errori passati e si evolvono spiritualmente - sarebbero riusciti a guardare nell'occhio spirituale e a sollevare la coscienza dai sensi alla regione cerebrale, dove avrebbero potuto vedere la Coscienza Cristica incarnata (Ges) venir fuori dalla nuvolosa oscurit eterea degli occhi chiusi, splendente con l'immensa gloria e la luminosa potenza celeste. Sfortunatamente questa velata promessa di Ges circa il Figlio dell'uomo che sarebbe venuto sulle nubi del cielo ha creato grandi malintesi tra le molte sette cristiane. Queste credono fermamente che Dio far venire Ges dalle nubi del cielo in una gloriosa, spettacolare e vistosa esibizione, e con il Suo potere distrugger le persone 'malvage' (non sottomesse) della terra e dar la salvezza ai devoti prescelti. Tuttavia sono passati venti secoli da quando furono proferite queste parole, e Ges non ancora uscito apertamente dalle nuvole davanti ai diversi popoli o trib; ma molti sinceri devoti come San Francesco, hanno testimoniato d'aver visto Ges venir fuori dalle nuvole e dall'oscurit dei loro occhi chiusi con grande potenza e gloria. E San Francesco, che nei boschi di Assisi vide Ges e parl con lui, e scrisse di questo, testimonia a tutta l'umanit - proprio come hanno fatto altri santi - l'adempimento della profezia di Ges: che i devoti di qualsiasi paese che si volgono dalle occupazioni materiali e si evolvono spiritualmente, nelle loro visioni vedranno Ges Cristo e le anime liberate. Ma sarebbe triste e sciocco se alcuni seguaci creduloni s'aspettassero che in qualche giorno futuro Ges venisse fuori dalle nubi per governare il mondo. Il grande Iddio non ha bisogno di compiere questo miracolo spettacolare per convincere i Suoi figli della Sua natura onnipotente. L'Avvicinarsi della Liberazione Per illustrare come il devoto riconosce i segni dell'avvicinarsi dell'autorealizzazione, Ges parl delle piccole foglie del fico che appaiono per indicare l'avvicinarsi dell'estate. Allo stesso modo qualsiasi discepolo o sincero devoto che ha una visione materializzata di Cristo, o di qualche anima

liberata, pu realizzare con la propria intuizione che l'albero della sua salvezza ha emesso i teneri ramoscelli della realizzazione e le foglie della percezione divina, e che l'estate della sua liberazione finale vicina. Inoltre Ges previde che non sarebbe passata nemmeno quella generazione d'abitanti della terra prima che alcuni di essi avrebbero cominciato a sforzarsi di trovare la liberazione mediante i suoi insegnamenti. Egli sapeva che la verit delle sue parole, essendo una riflessione della Coscienza Cosmica, sarebbe sopravvissuta alla dissoluzione della terra e dei mondi astrali. La verit e la saggezza sono eterne e immutabili, mentre tutte le cose create, come la terra e le forze astrali, sono soggette al mutamento. Le parole di Ges rappresentano la verit eterna e perci sopravviveranno a tutte le cose create. Quando Ges disse: 'Quanto a quel giorno e a quell'ora, nessuno lo sa, neanche gli angeli del cielo, ma solo il Padre', egli stava lodando la grandezza di Dio onnipotente che solo pu conoscere certe cose, perch nemmeno i Suoi pi grandi devoti possono sapere tutto ci che Lui sa. E gi stato spiegato che il momento della liberazione di un individuo del tutto incerto, e dipende dai meriti spirituali da lui acquisiti e dal grado o dalla profondit della sua devozione. E poich il giorno e l'ora della liberazione del devoto dipendono dal suo ardore spirituale e dalla profondit della sua meditazione, che possono avvicinarli o ritardarli, solo la Coscienza Cosmica sa e pu predire quel momento. Bisogna per ricordare che Ges disse anche: 'Io e mio Padre siamo uno'; e tutte le sacre Scritture orientali dicono: 'Il conoscitore dello Spirito diventa lo Spirito'. Pertanto tutti i devoti liberati che sono uno con Dio sono uno con la Coscienza Cosmica. L'Arca della Salvezza Perci state attenti, pregate continuamente, meditate, e osservate l'ingannevole mente per vedere se centrata su Dio oppure no; perch non sapete quando vi sorprenderanno le prove e le illusioni, per verificare se siete qualificati per la liberazione. Perch come le persone del tempo di No ignorarono lui e la sua arca, e non si fecero trovare preparate quando venne il diluvio, cos oggi le persone comuni si lasciano spazzar via dal diluvio dell'illusione e si rifiutano d'essere salvate entrando nell'arca della meditazione progettata con le tecniche insegnate da un vero guru-precettore. E come No trasport nell'arca tutti gli animali e la colomba della pace, e infine fu salvato dal Signore, cos se il devoto vuole raggiungere la salvezza dell'autorealizzazione deve trasportare nella sua arca della meditazione tutte le sue preziose intuizioni ed esperienze terrene e la colomba dell'aspirazione.

IL FATO DEL DEVOTO NEGLIGENTE "Allora due uomini saranno nel campo: uno sar preso e l'altro lasciato. Due donne macineranno alla mola: una sar presa e l'altra lasciata. Vegliate dunque, perch non sapete in che giorno verr il Signore vostro. Considerate bene questo se il padrone di casa sapesse in quale ora della notte viene il ladro, veglierebbe e non Si lascerebbe scassinare la casa. Perci anche voi siate pronti, perch il Figlio dell'uomo verr nell'ora che meno immaginate. Qual dunque il servo fedele e prudente che il padrone ha preposto ai suoi domestici con l'incarico di dar loro il cibo al tempo dovuto? Beato quel servo che il padrone al suo ritorno trover ad agire cos!' In verit vi dico: gli affider l'amministrazione di tutti i suoi beni. Ma se questo servo malvagio dicesse in cuor suo: Il mio padrone tarda a venire, e cominciasse a percuotere i suoi compagni e a bere e a mangiare con gli ubriaconi, il padrone arriver nel giorno in cui il servo meno se l'aspetta e nell'ora che non sa, lo separer e gli riserver la sorte che meritano gli ipocriti: e l sar pianto e stridor di denti". (Matteo 24: 40-51).

In questi versi Ges parl ancora del tempo imprevedibile in cui verr il 'Figlio dell'uomo'. Quando parl di due uomini che si trovano nello stesso campo, e uno sar preso e l'altro lasciato egli si riferiva al fatto che generalmente due persone con la stessa vocazione esternamente appaiono simili, mentre internamente uno pu essere un grande devoto di Dio e l'altro un uomo molto materialista. Dio per non d la salvezza (autorealizzazione) alle persone secondo le loro mansioni esterne, ma in conformit alle loro qualit spirituali interiori. Perci di due che lavorano nel campo, o in fabbrica, il virtuoso sar portato in cielo (sar salvato, o liberato dal reincarnarsi), mentre il materialista sar lasciato sulla terra per esaurire le sue cattive azioni. E quindi necessario per il sincero devoto meditare ed essere vigilante sulla condizione della sua coscienza interiore o divina respingendo l'attacco delle illusioni mentre aspetta l'ora in cui la Coscienza Cosmica e la Coscienza Cristica lo visiteranno per offrirgli la liberazione finale. L'Autorit dell'Anima Ogni anima ha l'autorit di disciplinare i suoi servi dei sensi. A ogni senso dato da svolgere un compito particolare, e all'intuizione assegnato l'importante compito di vigilare sulla casa corporea per impedire che essa sia violata dal ladro dell'illusione cosmica; poich la Coscienza Cristica (il Figlio dell'uomo) nel corpo nascosta profondamente dietro l'illusione cosmica. I servi dei sensi devono essere tenuti pronti per quell'ora sconosciuta quando il maestro - la Coscienza Cristica, il padrone della casa corporea - si manifester, perch non li trovi addormentati nel sonno dell'illusione. Tutti i devoti devono sapere questo: se il sincero devoto sa come proteggere la casa corporea dall'attacco del ladro dell'illusione, allora pu impedire che essa sia devastata dalla sofferenza e dall'ignoranza. Quindi tutti i buoni devoti devono mantenere le loro coscienze e i servi dei sensi costantemente pronti in attesa della venuta del Signore della casa corporea, e devono vigilare ed essere sempre pronti a difendersi dagli attacchi improvvisi dell'illusione. Contrasto nei Devoti Il devoto saggio e fedele viene divinamente incaricato di fungere come amministratore della famiglia dei suoi sensi, e quando questi raggiungono la maturit o lo stato di buona volont ad essere buoni, allora li nutre col cibo della disciplina e della saggezza. Benedetto sar quel devoto quando la Coscienza Cristica si manifester e lo trover meditante e col giusto dominio sui suoi sensi. Questo devoto spiritualmente vigilante rimarr a capo di tutti i sensi, e avr anche il controllo delle propriet delle qualit spirituali e di tutti i beni materiali. Ma il devoto cattivo o negligente che in cuor suo pensa che le sue meditazioni sono inutili e che la Coscienza Cristica tarder ancora a manifestarsi in lui, e quindi comincia a battere i suoi sensi beneducati con la verga delle tentazioni e li costringe a godere dei piaceri dei sensi e a ubriacarsi d'illusioni, potrebbe accorgersi improvvisamente che la Coscienza Cristica si manifesta in lui (a causa delle sue buone azioni passate) nel momento in cui meno se l'aspetta. E poich la sua coscienza impreparata alla visita del Signore, la trover presto separata o divisa dalla Coscienza Divina. Quindi egli sar classificato come un ipocrita, perch ha fatto finta di compiere i suoi doveri spirituali mentre in cuor suo non ha creduto che le sue azioni avrebbero causato la visita della Coscienza di Dio. E allora pianger e sar furente con se stesso, per la debolezza che ha portato alla sua separazione dalla Coscienza Cristica. Perci necessario che tutti i devoti meditino regolarmente e profondamente, e mantengano sempre viva la fiamma della devozione nel tempio dell'anima, cosicch possano sempre vedere e ricevere Dio in qualsiasi momento inatteso Si

manifestasse. E la continua vigilanza spirituale e la fervente attesa magnetica del devoto che attira Dio a lui.

I DEVOTI STOLTI "Il regno dei cieli simile a dieci vergini che, prese le loro lampade, andarono incontro allo sposo. Cinque di esse erano stolte e cinque sagge; le stolte presero le lampade, ma non presero con s olio; le sagge invece, insieme alle lampade, presero anche dell'olio nei vasetti. E siccome lo sposo tardava, s'assopirono tutte e dormirono. A mezzanotte si lev un grido: ecco lo sposo! andategli incontro! Allora tutte quelle vergini si destarono e prepararono le loro lampade. E le stolte dissero alle sagge: Dateci del vostro olio, perch le nostre lampade si spengono. Ma le sagge risposero: No, perch non manchi per noi e per voi; andate piuttosto dai venditori e compratevelo. Ora, mentre quelle andavano a comprarlo, arriv lo sposo e le vergini che erano pronte entrarono con lui alle nozze, e la porta fu chiusa. Pi tardi arrivarono anche le altre vergini e cominciarono a dire: Signore, signore, aprici! Ma egli rispose: In verit vi dico: non vi conosco. Vegliate, dunque, perch non sapete n il giorno n l'ora". (Matteo 25: 1-13). Il regno dei cieli fu ardentemente desiderato da dieci rinuncianti che, in meditazione, una volta avevano acceso le lampade della loro autorealizzazione ed erano andati incontro allo sposo della Coscienza Cristica. Cinque di questi celibi erano saggi, mentre gli altri cinque erano spiritualmente stolti. I cinque stolti avevano le lampade dell'autorealizzazione, ma non avevano abbastanza olio (devozione e regolarit nella meditazione) per mantenerle continuamente accese; mentre i devoti saggi avevano nei loro cuori abbastanza olio d'entusiasmo spirituale e di profonda e regolare meditazione, perci le loro lampade di saggezza avrebbero continuato ad ardere ininterrottamente. La Devozione Non Trasferibile Quando lo sposo della Coscienza Cristica tard a manifestarsi nei dieci devoti, tutti rimasero per un po' in una parziale illusione, inconsapevoli del ritardo nel loro progresso. Ma nello stato medio - cio, quando s'erano spinti a met strada verso il sorgere della realizzazione divina - dentro le loro anime ci fu una vibrazione che significava che lo sposo della Coscienza Cristica stava per manifestarsi, ed essi dovevano cercare d'innalzare le lampade delle loro coscienze per incontrarlo. Allora i celibi che s'erano preparati innalzarono le lampade accese dell'autorealizzazione, mentre i cinque devoti stolti rimasero nelle tenebre. Quindi essi chiesero ai cinque saggi: "Per favore, dateci parte dell'olio della vostra devozione e delle vibrazioni spirituali delle buone abitudini, perch la luce della nostra autorealizzazione s' spenta per mancanza di continuo ardore spirituale". Ma i saggi rinuncianti risposero: "Non si pu fare. L'olio della devozione non pu essere trasferito. Non potete ottenere questo combustibile se non l'acquistate con le vostre pratiche spirituali quotidiane". La Porta Chiusa E cosi mentre i devoti impreparati cercavano di risvegliare la loro devozione spirituale, lo sposo della Coscienza Cristica si manifest nella coscienza dei cinque devoti celibi che s'erano preparati, ed essi andarono con lui nel regno dello Spirito, per unirsi per sempre con la Coscienza Cosmica. Quindi la porta della manifestazione divina fu chiusa per un po'. Sicch quando i cinque devoti stolti pregarono, per cercare di risvegliare la loro devozione sepolta sotto l'illusione: "Signore Coscienza Cristica, manifestati nelle nostre

coscienze", la voce interiore rispose: "In verit, non siete ancora pronti per conoscere (contattare) la Coscienza Cristica dentro di voi". Perci necessario che tutti i devoti meditino profondamente e mantengano la coscienza interiore e l'intuizione sempre vigili in attesa del giorno e dell'ora sconosciuta quando la Coscienza Cristica (il Figlio dell'uomo) si manifester in loro. Quando Ges raccont la parabola delle dieci vergini, egli voleva dire che neanche i casti rinuncianti possono andare incontro a Dio solo con la lampada dell'autorealizzazione, se non hanno anche l'olio della devozione, della meditazione costante e dell'ardore spirituale - per mantenere sempre accesa l'ispirazione dell'autorealizzazione. Tutti quelli che mantengono stabile la fiamma dell'ardore spirituale saranno certamente in grado d'intercettare l'Uno Divino, quando entrer segretamente nella stanza del cuore perpetuamente illuminato dalla devozione.

CHE COSA INTENDEVA GES CON 'PUNIZIONE ETERNA' "Quando il Figlio dell'uomo verr nella sua gloria con tutti gli angeli, si sieder sul trono della sua gloria. E saranno riunite davanti a lui tutte le genti, ed egli separer gli uni dagli altri come il pastore separa le pecore dai capri, e porr le pecore alla sua destra e i capri alla sinistra. Allora il re dir a quelli che stanno alla sua destra: Venite, benedetti del Padre mio, ricevete in eredit il regno preparato per voi fin dalla fondazione del mondo. Perch ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere; ero forestiero e mi avete ospitato, nudo e mi avete vestito, malato e mi avete visitato, carcerato e siete venuti a trovarmi. Allora i giusti gli risponderanno: Signore, quando mai ti abbiamo veduto affamato e ti abbiamo dato da mangiare, assetato e ti abbiamo dato da bere? Quando ti abbiamo visto forestiero e ti abbiamo ospitato o nudo e ti abbiamo vestito? E quando ti abbiamo visto ammalato o in carcere e siamo venuti a visitarti? Rispondendo, il re dir loro: In verit vi dico: ogni volta che avete fatto queste cose a uno solo di questi miei fratelli pi piccoli, l'avete fatto a me. Poi dir a quelli alla sua sinistra: Via lontano da me, maledetti, nel fuoco eterno, preparato per il diavolo e per i suoi angeli. Perch ho avuto fame e non mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e non mi avete dato da bere; ero forestiero e non mi avete ospitato, nudo e non mi avete vestito malato e in carcere e non mi avete visitato. Anch'essi allora risponderanno: Signore quando mai ti abbiamo visto affamato o assetato o forestiero o nudo o malato o in carcere e non ti abbiamo assistito? Ma egli risponder: In verit vi dico: ogni volta che non avete fatto queste cose a uno di questi miei fratelli pi piccoli, non l'avete fatto a me. E costoro se ne andranno al supplizio eterno, e i giusti alla vita eterna". (Matteo 25: 31-46). L'Intelligenza Cristica presente nella creazione vibratoria discerne lo stato di tutti gli uomini buoni e cattivi della terra; e quando dopo la morte arrivano nel mondo astrale, essi vengono giudicati secondo i loro meriti e demeriti. I virtuosi sono liberati e ascendono nella Coscienza Cosmica; mentre gli altri, a causa delle loro cattive azioni, sono rimandati a reincarnarsi sulla terra, un luogo di sofferenza perpetua dove i fuochi dei desideri insaziabili bruciano sempre. In questi versi Ges spiega parzialmente perch le anime virtuose vengono liberate mentre quelle impure sono rimandate sulla terra. Tutti i devoti virtuosi che meditano non solo contemplano la Coscienza Cristica dentro di s, ma realizzano che essa parimenti presente in tutte le anime. Ecco perch, dopo aver servito Cristo con devozione nel tempio della meditazione, essi continuano a servirlo nelle anime affamate, assetate, abbandonate, povere, malate e imprigionate della terra. Come disse Ges, la liberazione pu venire solo quando i devoti realizzano la presenza della Coscienza Cristica dentro di s, e provano inoltre a percepire effettivamente la sua presenza negli altri.

Servire Cristo nell'Uomo Quando il devoto vedr lo Spirito di Cristo negli altri, li servir volentieri; cosicch gli si potr dire: "Quando Io Intelligenza Cristica ero presente nelle anime degli affamati, tu mi hai dato da mangiare. Quando ero assetato mi hai dato da bere, e mi hai ospitato sebbene apparivo uno straniero - con la mia Divinit nascosta in una povera creatura mortale. Quando hai vestito i poveri, in effetti hai vestito e aiutato me, l'Intelligenza Cristica celata in loro. E quando hai visitato i malati, hai servito l'Intelligenza Cristica presente in loro. Quando mi trovavo nei corpi dei prigionieri, sei venuto a visitarmi! Poich sono presente in tutti i fratelli della terra - dal pi grande al pi piccolo - ogniqualvolta hai dato dell'aiuto fisico, mentale o spirituale a qualcuno di loro, in effetti hai servito me. Ed Io, che sono coscientemente presente in tutti i figli di mio Padre, sono cosciente di tutto l'aiuto che essi hanno ricevuto da te durante il tuo soggiorno terreno. E amando me nel tuo prossimo, tu hai ereditato il mio amore e la mia protezione eterna!". Poi Ges parl delle anime che non meditano mai e non scoprono la presenza di Cristo dentro di loro, e che quindi non realizzano mai che Lui presente nell'affamato, nell'assetato e in tutte le anime oppresse e tormentate dalle prove. Egli disse che queste anime ignoranti e indifferenti dovranno ritornare sulla terra, che - con i desideri insaziabili, il cattivo karma sempre crescente e il fuoco perennemente acceso dell'infelicit - un luogo di perpetua illusione e continua punizione. Il Fuoco dei Cattivi Desideri La legge cosmica vibrer il suo decreto a queste anime senza proferir parole; tuttavia, volendolo, esso si potrebbe esprimere cos: "Allontanatevi dalla mia presenza nel mondo astrale, voi tutti che siete condannati dalle vostre stesse cattive azioni a bruciare nel fuoco apparentemente incessante dei cattivi desideri creati per ignoranza. Sebbene l'Intelligenza Cristica era ugualmente presente in tutti i vostri fratelli terreni grandi e piccoli, in nessun modo avete aiutato quella presenza in coloro che erano nel bisogno. Ora dovrete andarvene dal mondo astrale e reincarnarvi sulla terra. Non potrete essere liberati finch non avrete eliminato le vostre cattive azioni passate servendo la Coscienza Cristica in tutti, e realizzando la natura eterna della vita dentro di voi". Bisogna capire esattamente e ricordare sempre che quando Ges parlava di fuoco eterno preparato per il diavolo e i suoi angeli, o quando parlava di punizione eterna, egli non voleva dire che nella regione celeste c'era un luogo particolare dove le anime venivano condannate alla prigionia e alla punizione eterna in base al misto di peccati e virt di una vita - che in genere dura meno di cent'anni! L'uomo fatto ad immagine di Dio e quindi, non importa per quanto tempo errer, non potr mai essere gettato nella prigione sotterranea della punizione eterna. Gli esseri umani crudeli e vendicativi, che vorrebbero punire eternamente i loro nemici, sono inclini a pensare che per gli errori di pochi anni Dio mandi i malfattori in quelle regioni. Questo impossibile, poich tutte le anime - non importa quanto siano peccatrici - hanno dentro la perfetta immagine di Dio; e perci vengono offerte loro continue opportunit di tornare sulla terra. Esse si reincarnano qui per esaurire il loro karma, fino a quando non raggiungono lo stadio di ricordare la perfetta immagine di Dio dentro di loro, e cos vengono finalmente liberate. Nello stesso tempo, con continui desideri terreni, esse creano ed alimentano i fuochi che le bruciano. I fuochi perpetui dei desideri terreni sono parimenti una tortura sia per le anime demoniache che per quelle intellettualmente brillanti o 'angeliche'. Perci ricordate che non esiste nei cieli o sottoterra un luogo dove le anime vengono rinchiuse per le loro cattive azioni - sebbene le parole 'punizione eterna' descrivono la terra dove si reincarnano le anime imperfette. Infatti per la costante presenza dell'illusione cosmica, questa terra un luogo di eterna o almeno di continua sofferenza e infelicit. Perci

ascoltate l'esortazione di Ges rivolta a tutti i devoti. Non abbracciate l'ignoranza e i desideri terreni, continuando cos a reincarnarvi su questa terra ingannevole che genera sofferenza.

GES E LA COSCIENZA CRISTICA "E Ges mand Pietro e Giovanni dicendo: 'Andate e preparate per noi la Pasqua, perch possiamo mangiare'. Ed essi gli chiesero: 'Dove vuoi che la prepariamo?'. Egli rispose: 'Appena entrati in citt vi verr incontro un uomo che porta una brocca d'acqua. Seguitelo nella casa in cui entrer, e direte al padrone di casa: Il Maestro ti dice: Dov' la stanza in cui posso mangiare la Pasqua con i miei discepoli? Ed egli vi mostrer una grande sala addobbata al piano superiore; l preparate'". (Luca 22: 8-12). Nelle suddette parole di Ges vediamo rivelati il suo grande potere e la sua divinit. Chiedendo ai suoi discepoli d'andare in citt e trovare e seguire un uomo con una brocca d'acqua, e quindi entrare nella casa in cui questi sarebbe entrato e chiedere al padrone di casa di mostrar loro la stanza per la cena pasquale, Ges ag certamente come l'onnisciente Dio. Ges era onnisciente e onnipresente - per questo sapeva che nel momento in cui i discepoli sarebbero giunti in citt, avrebbero incontrato l'uomo con la brocca, ecc. Ges non conosceva le cose lontane per mezzo della telepatia, ma perch era onnisciente. Un comune essere umano identificato col suo corpo, e i suoi occhi vedono una certa parte dello spazio e del mondo. Ma con la sua Coscienza Cristica Ges vedeva tutto attraverso innumerevoli occhi in ogni particella dello spazio. La coscienza presente nel corpo di Ges non era limitata da esso ma era ovunque ed era tutto. E tuttavia impossibile descrivere nel linguaggio umano lo stato di coscienza di Ges. La coscienza di una persona comune centrata nel cervello e attraverso i nervi sensori-motori si riversa nel mondo, conoscendolo con i sensi della vista, dell'udito, dell'odorato, del gusto, del tatto, ecc. Ma la coscienza del Cristo, anche se manifestata nel corpo chiamato Ges, non era accentrata l. La sua coscienza era invece centrata nello stesso tempo in ogni particella di spazio del cosmo. Ges aveva realizzato che la coscienza di Dio era onnipresente, e una volta descrisse ci dicendo: 'Non si vendono due passeri per un soldo? Eppure nessuno di essi cadr senza il volere del Padre'. Non solo Dio sa tutto, ma Egli vede, sente, tocca, ascolta e gusta tutto e ovunque nello stesso tempo, sebbene non abbia occhi n orecchi n naso n il senso del tatto. La Sua intuizione percepisce e conosce tutto col suo stesso potere. L'uomo ha bisogno di molti sensi per conoscere la materia. Ma Dio, che tutto e in tutto, conosce tutto ora (cio nel presente, attraverso il passato, il futuro e l'eternit). Poich Ges era in sintonia con Dio, la sua coscienza non era accentrata nel suo cervello, ma impregnava ogni atomo dello spazio, incluso ogni luogo della terra. Cos Ges pot dire che quando i discepoli sarebbero entrati in citt avrebbero incontrato l'uomo con la brocca. La sua coscienza era in contatto con molti sinceri devoti che erano pronti a esaudire i suoi desideri, ed egli desiderava osservare la festa della Pasqua in casa di un discepolo particolarmente devoto. La coscienza di Ges era presente nel suo corpo, nei pensieri e nelle menti dei discepoli, sulla strada su cui questi camminarono per andare in citt, nella stessa citt, nell'uomo con la brocca, e anche nella brocca e in tutto l'etere esistente tra il suo corpo e la citt.

Fu estremamente eccezionale che Ges dimostrasse il suo potere onnipresente ai discepoli non con le parole, ma con le azioni. "Essi andarono e trovarono tutto come aveva detto loro, e prepararono la Pasqua. Quando venne l'ora, si mise a tavola e gli apostoli con lui, e disse: 'Ho desiderato ardentemente mangiare questa Pasqua con voi, prima di soffrire. Poich vi dico: non la manger pi, finch non si compia nel regno di Dio'". (Luca 22: 13-16). Per suo particolare desiderio e libera scelta Ges volle agire come un uomo tra gli uomini, e mangi la cena di Pasqua coi discepoli come segno d'addio sulla terra prima che il suo corpo soffrisse sulla croce. Sapeva infatti che non avrebbe pi mangiato alcun cibo materiale finch non fossero avvenute la sua crocifissione e risurrezione, e non avesse ottenuto la completa Coscienza Cosmica. Quindi, dopo aver raggiunto la perfezione e risuscitato il suo corpo, egli li avrebbe incontrati e avrebbe mangiato di nuovo con loro. toccante sapere che pur essendo divino Ges era anche umano; poich ebbe il desiderio terreno di fare una cena d'addio coi suoi cari discepoli prima che cominciasse la sua grande prova. Per un attimo Ges sent umanamente l'avvicinarsi della separazione temporanea dagli amati discepoli.

IL POTERE VINCENTE DELL'UMILT "Poi vers dell'acqua nel catino e cominci a lavare i piedi dei discepoli e ad asciugarli con l'asciugamano di cui s'era cinto. Venne dunque da Simon Pietro e questi gli disse: 'Signore, tu lavi i piedi a me?'. Rispose Ges: 'Quello che faccio, tu ora non lo capisci, ma lo capirai dopo'. Gli disse Pietro: 'Non mi laverai mai i piedi!'. Gli rispose Ges: 'Se non ti laver, non avrai parte con me'. Gli disse Simon Pietro: 'Signore, non solo i piedi, ma anche le mani e il capo!'. Soggiunse Ges: 'Chi ha fatto il bagno, non ha bisogno che di lavarsi i piedi ed tutto mondo; e voi siete mondi, ma non tutti'. Sapeva infatti chi l'avrebbe tradito; per questo disse: 'Non tutti siete mondi'. Quando dunque ebbe lavato loro i piedi e riprese le vesti, sedette di nuovo e disse loro: 'Sapete ci che vi ho fatto? Voi mi chiamate Maestro e Signore e dite bene, perch lo sono. Se dunque io, il Signore e il Maestro, ho lavato i vostri piedi, anche voi dovete lavarvi i piedi l'un l'altro. Vi ho dato infatti l'esempio, perch facciate anche voi come ho fatto io. In verit, in verit vi dico: un servo non pi grande del suo padrone, n un inviato pi grande di chi lo ha mandato. Sapendo queste cose, sarete beati se le metterete in pratica'". (Giovanni 13: 5-17). Ges espresse il desiderio di lavare i piedi ai discepoli, malgrado sapesse che in quel momento essi non avrebbero realizzato perch lo stava facendo, ma l'avrebbero capito dopo. Prima di tutto egli voleva mostrare col suo esempio che anche se era il maestro, era abbastanza umile da lavare i piedi dei discepoli. E sperava che essi a loro volta avrebbero non solo 'lavato i piedi' l'uno dell'altro - trattando ciascun altro nello stesso spirito - ma avrebbero cercato di servire mentalmente, fisicamente e spiritualmente le persone del mondo. Egli voleva dire che quei discepoli che volevano essere come il maestro dovevano agire come lui, servendo tutti senza discriminare se si trattava di amici o nemici, come lui lav i piedi di tutti i suoi discepoli: anche di Giuda, che s'accingeva a tradirlo. Le sue azioni volevano dimostrare

che servire tutti con umilt divina la vera via che porta alla felicit. Anche il Padre Celeste serve in questo modo, perch in silenzio ed umilt ha creato l'acqua del pozzo, ed essendo in ogni persona Egli usa l'acqua per lavare i piedi di tutti, anche delle persone egoiste e materialiste che non pensano mai a Lui. Purezza Spirituale Un altro motivo che spinse Ges a lavare i piedi dei discepoli fu perch volle dimostrare drammaticamente il fatto che quelli che erano spiritualmente puri non avevano bisogno di lavarsi i piedi, tranne uno di loro che era spiritualmente impuro. E quindi decise d'esprimere questo fatto lavando i piedi a tutti i discepoli. Quando Pietro si rifiut d'essere servito in questo modo, Ges l'ammon: "Se non ti laver spiritualmente, non sarai spiritualmente collegato a me come un discepolo lo col suo maestro". Naturalmente Ges non stava parlando dell'importanza della pulizia fisica, ma sottoline come cosa primaria e principale l'importanza della pulizia spirituale, com' evidente quando disse: "Chi ha fatto il bagno spiritualmente ha bisogno solo di un'occasionale pulizia dei piedi, o del corpo fisico, per essere completamente mondo - sia spiritualmente che fisicamente. La maggior parte di voi sono spiritualmente puri, ma non tutti". Cos egli predisse drammaticamente il tradimento di Giuda. Inoltre Ges si rifer al fatto che lo riconoscevano come Signore della creazione e guru-precettore o maestro, e ammise che ' cos per desiderio del Padre mio'. E poich il servo spirituale o discepolo non pi grande del suo maestro - o guru-precettore - per quanto riguarda lo sviluppo spirituale, n a lui uguale finch non ottiene la liberazione finale e diventa uno col maestro, perci n Ges n i suoi discepoli che furono mandati sulla terra da Dio potevano essere pi grandi di Dio. E se Dio in Ges serv tutti i discepoli (che furono creati da Dio), allora era certamente giusto che anch'essi seguissero l'esempio divino servendo tutti. Inoltre Ges assicur loro che se avessero imparato e ricordato tutte queste cose, e avessero seguito l'esempio divino servendo umilmente tutti, allora sarebbero stati spiritualmente felici.

PU UN MAESTRO PRENDERE SU DI S IL KARMA DEGLI ALTRI? "E preso un calice, rese grazie e disse: 'Prendetelo e dividetelo tra voi poich vi dico: non berr pi del frutto della vite, finch non verr il regno di Dio". (Luca 22: 17-18). Ges diede ai suoi discepoli del fresco succo d'uva caricato con le sue vibrazioni, perch dopo averlo bevuto potessero sentirsi energizzati e purificati. molto probabile che Ges bevve succo d'uva non fermentato; ma anche se bevve vino, lui e i suoi discepoli non s'ubriacarono mai. Se Ges bevve vino, lo fece per seguire le usanze del suo tempo. Inoltre lui e i suoi discepoli erano cos avanzati che un p di succo d'uva o un p di vino non li avrebbe toccati. Ma questo non dev'essere considerato un pretesto, dagli individui schiavi dei sensi, per bere il vino che stimola i sensi, oblitera la ragione e causa il degrado spirituale. Ges e i suoi discepoli erano ebbri solo col vino dell'estasi e del contatto sempre gioioso di Dio. cos per tutti i grandi devoti. Satana invent l'ebbrezza del vino e l'intossicazione dell'attaccamento

sessuale per illudere le persone con surrogati, e impedir loro di bere il vino dell'estasi divina con la meditazione profonda. Quelli che cercano l'estasi divina devono tenersi rigorosamente lontani da tutte le cose intossicanti o stimolanti i sensi. Perch coloro che creano l'abitudine d'intossicarsi con il vino o il sesso e diventano schiavi di questi, constateranno che le abitudini sensuali e di bere impediranno loro di gustare la sana estasi superiore ed eternamente inebriante della comunione con Dio. "Poi, preso un pane, rese grazie, lo spezz e lo diede loro dicendo: 'Questo il mio corpo che dato per voi; fate questo in memoria di me'". (Luca 22: 19). In queste parole Ges mostr i suoi sentimenti umani. Egli profetizz che in futuro gli uomini del mondo e i discepoli avrebbero reso grazie a Dio, e spezzato e mangiato il pane in memoria simbolica del suo corpo, che fu spezzato sulla croce per essere di nutrimento spirituale ai suoi discepoli e a tutta l'umanit. Molte persone ortodosse credono scioccamente che quando rendono grazie e spezzano il pane, pensando a Cristo, mangiano effettivamente il suo corpo. Ges non propugn il cannibalismo o l'idea d'essere cannibali. Egli chiese semplicemente che gli uomini ricordassero il suo glorioso esempio di realizzazione divina e di sacrificio spirituale sulla croce, pensando ad esso ogniqualvolta spezzavano il pane e rendevano grazie a Dio. "Poi prese il calice e, dopo aver reso grazie, lo diede loro, dicendo: 'Bevetene tutti, perch questo il mio sangue della nuova alleanza, versato per molti, in remissione dei peccati. Io vi dico che da ora non berr pi di questo frutto della vite fino al giorno in cui lo berr nuovo, con voi, nel regno del Padre mio'". (Matteo 26: 27-29). Ges paragon il suo sacrificio sulla croce al calice, e la lezione spirituale implicita nell'esempio della sua crocifissione al contenuto del calice del sacrificio. Egli chiese a tutti i suoi discepoli di bere dal calice, e con ci voleva significare che essi dovevano assorbire le lezioni di perdono, amore divino, suprema fortezza, saggezza, discernimento, forza di volont, amore supremo di Dio, amore supremo dei figli di Dio, vincere la forza bruta con la forza spirituale, ecc., mostrate come esempio nel suo sacrificio della vita fisica sulla croce . Egli voleva che realizzassero che tutti coloro che avessero sacrificato tutto per ottenere la Coscienza Divina (ma ci non significa che ognuno dev'essere crocifisso fisicamente per conoscere Dio), avrebbero realmente trovato il modo di liberarsi dalla sofferenza derivante dagli effetti peccaminosi delle cattive azioni delle loro numerose vite passate . Questi ricercatori alla fine sarebbero riusciti a liberare scientificamente le loro anime dalla schiavit della legge di causa ed effetto. Ges sugger che i suoi discepoli pensassero sempre a questo simbolo spirituale e si ricordassero del calice del sacrificio, e del vino della saggezza che vi sta dentro, ogniqualvolta gli sarebbe capitato di bere da un calice. Quindi promise che non avrebbe bevuto di nuovo il succo della vite fino a quando, dopo la crocifissione, non avrebbe risuscitato il suo corpo e sarebbe apparso ai discepoli in carne ed ossa; allora avrebbe bevuto con loro il vino della saggezza spremuto dalla Coscienza Cosmica

finalmente ottenuta. Remissione dei Peccati Nelle suddette parole, quando parl di remissione dei peccati, Ges non intendeva dire che la sua crocifissione avrebbe lavato via tutti i peccati degli uomini del mondo di tutti i tempi. Questo impossibile. Molti Cristiani ortodossi pensano che il sacrificio di Cristo sulla croce li salver, se solo credono in Ges; e quindi si sentono liberi di fare ci che gli pare. Senza dubbio le sofferenze di Ges sulla croce assorbirono e mitigarono parte dei peccati dei suoi discepoli, ma parlando di remissione dei peccati Ges voleva dire in particolare che il sacrificio della sua stessa vita sulla croce - per ottenere la completa Coscienza Divina - avrebbe ispirato tutti i sinceri ricercatori spirituali ad abbandonare tutto, tutte le inferiori cose materiali, per ottenere la superiore e suprema esperienza della comunione Divina. E dopo avere raggiunto questo stato, essi sarebbero stati liberi dalla legge del karma (azione), che mantiene le anime incatenate alla ruota di nascite, morti e rinascite. Con il termine 'nuova alleanza' Ges voleva dire: insegnamenti nuovi. 'Sangue' si riferisce al sacrificio sulla croce. "Il Figlio dell'uomo se ne va, come stato stabilito; ma guai a quell'uomo dal quale tradito!". (Luca 22: 22). Quando Ges disse che se ne sarebbe andato 'come stato stabilito', non voleva dire che Dio aveva stabilito in maniera autoritaria che lui fosse crocifisso. Le Scritture predissero le sofferenze di Ges perch i suoi autori calcolarono matematicamente gli effetti della legge del karma su Ges e i suoi discepoli. Ogni grande maestro come Ges pu alleggerire il peso degli effetti peccaminosi delle azioni dei suoi discepoli, prendendo quegli effetti su di s. Come, frapponendo la sua mano, un uomo forte pu alleggerire o impedire il colpo di un uomo verso un altro, cos con la forza della volont i grandi maestri possono alleviare gli effetti delle azioni incombenti e imminenti nelle vite dei loro discepoli. Perci, secondo il calcolo metafisico delle operazioni della legge cosmica del karma che regola tutte le azioni umane, risulta che la morte di Ges sulla croce fu dovuta al fatto che egli prese su di s gli effetti delle cattive azioni (karma) dei suoi discepoli e di molti altri devoti. Ges rinuncio con gioia al suo corpo per evitare i colpi del cattivo karma che stavano per abbattersi sui suoi discepoli. Egli avrebbe potuto salvarsi facilmente, ma per amore della verit ag in un modo che sapeva avrebbe causato la sua morte. La Legge Sociale Contro la Legge Cosmica Il secondo motivo del suo passaggio sulla croce fu perch egli prefer infrangere la legge sociale di procacciare nutrimento al clero piuttosto che infrangere le leggi della verit e della coscienza. Bisogna per ricordare che sebbene Ges infranse una legge cattiva fatta dall'uomo - e per questo fu messo a morte - tuttavia secondo la legge cosmica quella stessa azione gli fece guadagnare la vita eterna. Dunque, sebbene nella sua grande saggezza la legge cosmica diede a Ges Cristo la morte temporanea, tuttavia per quello stesso sacrificio gli diede la vita eterna. Gli autori delle Scritture conoscevano intuitivamente le leggi delle azioni che regolavano la vita di Ges e dei suoi discepoli, e cos poterono predire la sua morte.

Quindi la crocifissione di Cristo non era 'predestinata'. Ges stesso disse che avrebbe potuto farsi dare pi di dodici legioni di angeli perch lo salvassero dalla dura prova sulla croce (Matteo 26: 53), ma egli volle glorificare Dio sacrificando la sua vita per Lui e i Suoi figli. Ges dimostr perfettamente la sua realizzazione dei due pi grandi comandamenti, amando Dio con tutto il cuore, la mente, la forza e l'anima, e amando altres tutta l'umanit come s stesso. Rinunciando completamente all'attaccamento alla vita fisica, Ges prese la strada pi breve per la realizzazione della vita eterna. Eterna Ricompensa Come risultato delle sue azioni - per venti secoli, fino a oggi e per tutta l'eternit - Ges ha goduto e godr coscientemente la sua comunione immortale con la gioia sempre-nuova di Dio. Rifiutando una vita, egli eredit la vita eterna; mentre molti stupidi esseri umani cercano per prima cosa pane, denaro, fama, sesso e amore, sprecando molte vite e reincarnandosi continuamente senza conseguire mai l'immortalit. Ges disse: 'Colui che vincer (tutti i desideri) lo render un pilastro d'immortalit nella casa di mio Padre , e non ne uscir pi (non si reincarner)'. Le persone comuni, e anche molti ricercatori, pensano che per raggiungere la Cristit sia necessario essere crocifissi solo fisicamente. Ma bisogna ricordare che Ges aveva crocifisso la sua ignoranza con la saggezza, la sua agitazione con la meditazione, i suoi desideri con la rinuncia, le sue tentazioni dei sensi con l'interiorizzazione della coscienza, il suo odio con l'amore, l'egoismo con l'altruismo, ecc., prima che fosse pronto a soffrire sulla croce. Fu quello il prerequisito necessario alla Cristit. Chiunque pu crocifiggere l'attaccamento fisico con la comunione Divina raggiunger quello stato in cui non gli sar difficile, se necessario, crocifiggere il suo corpo per Dio e la verit. Mancanza di Giudizio di Giuda Sebbene Ges fosse cos grande, spesso permise all'amato discepolo Giovanni di poggiarsi sul suo petto. Questo rivela certamente la sua natura divinamente umana. meraviglioso sapere che Dio, pienamente manifestato nel corpo di Ges, era cos umanamente amoroso, perch ci dimostra che se uno ama Dio profondamente ha la possibilit di ricevere il Suo amore. E poich Ges era cos amorevole, certamente Dio pu essere amorevole con i Suoi devoti. Perci quando Ges disse 'Vi d un comandamento nuovo, che vi amiate l'un l'altro', egli diede ai discepoli uno dei suoi pi grandi sermoni; cio, che a loro non sarebbe servito a niente amare lui, se non si fossero amati l'un l'altro come li amava lui. Con questo Ges insegn ai discepoli non solo a percepire Dio come la grande manifestazione d'amore e di gioia sempre-nuova nella meditazione, ma anche ad amarLo tangibilmente nella Sua presenza nei templi dei corpi umani. Quando Ges disse 'Io conosco quelli che ho scelto' (Giovanni l3: l8), non voleva dire d'avere scelto Giuda come un mezzo meccanico idoneo per adempiere il comando divino e inscenare il dramma della vita, della morte e della risurrezione come fosse un burattino nelle mani di Dio. Egli afferm semplicemente che la sua intuizione divina percep i pensieri di Giuda che voleva tradirlo perch era sotto l'influsso dell'illusione satanica. Quando disse 'Il Figlio dell'uomo se ne va, come stato stabilito; ma guai a quell'uomo dal quale tradito', Ges sottoline la

legge cosmica delle azioni che stava per portargli inevitabilmente la dura prova; e volle altres sottolineare la responsabilit di Giuda, che si offr volontariamente per essere lo strumento dell'illusione e di Satana. Ges voleva dire che Giuda avrebbe dovuto reincarnarsi parecchie volte, perch per poche monete d'argento aveva tradito il suo grande guru-precettore spirituale. Rinunciare al regno di Dio per poche monete, tradendo la guida che doveva condurvelo, mostra certamente mancanza di giudizio e grande attaccamento per le cose terrene. Senza dubbio ogni persona del genere dovr reincarnarsi ripetutamente per esaurire i suoi desideri terreni, prima di potere avere la liberazione. Da fonte autentica io so che Giuda s' reincarnato venti secoli dopo la sua impiccaggione, ed stato liberato solo pochi anni fa in India, dopo essere nato come discepolo di un grande maestro - per desiderio di Ges.

UN METODO DI PREDIZIONE INFALLIBILE "Sorse anche una discussione: chi di loro poteva essere considerato il pi grande. Ma Ges disse: 'I re delle nazioni le governano e coloro che hanno il potere su di esse si fanno chiamare benefattori. Per voi per non dev'essere cos; ma il pi grande tra voi sia come il pi piccolo, e chi comanda come colui che serve. Infatti chi pi grande, chi siede a tavola o chi serve? Non forse chi siede a tavola? Eppure io sto in mezzo a voi come colui che serve. Voi siete quelli che avete perseverato con me nelle mie prove; ed io preparo per voi un regno, come il Padre l'ha preparato per me, perch possiate mangiare e bere alla mia mensa nel mio regno e vi sediate sul trono a giudicare le dodici trib d'Israele'". (Luca 22: 24-30). Ges ammoni i discepoli a non cercare d'imitare i re che governano i popoli. Inoltre sottoline uno dei punti pi importanti dei suoi insegnamenti, e cio che colui che realmente il pi grande dev'essere il pi piccolo, e il servo di tutti. Chi un vero capo serve tutti; poich chi desidera costantemente il riconoscimento e la lode superficiale degli uomini riceve poca ammirazione sincera, ma chi serve tutti siede come il re dell'amore sui troni dei loro cuori, e perci il pi grande. Nel cosiddetto mondo civile, chi siede a tavola e mangia di solito considerato socialmente pi grande di colui che serve; ma in cielo e differente. Per questo Ges accentu, con esempi e parabole, l'importanza del servizio. Secondo le leggi divine, il pi grande colui che serve; infatti tutti gli esseri celesti trovano gioia suprema nel servirsi reciprocamente, e non nell'ottenere o domandare una vana adorazione. Quindi Ges fece sapere d'aver realizzato che quelli con cui stava parlando erano i discepoli fedeli - quelli che avevano continuato a seguirlo durante le tribolazioni e le prove dovute alle tentazioni dell'illusione satanica - e che egli si stava preparando a riceverli nel regno della Coscienza Cristica, poich suo Padre gli aveva ordinato di essere la Coscienza Cristica presente nella creazione. Allora - egli promise - essi avrebbero comunicato (mangiare) e sarebbero stati permeati con la Beatitudine Divina (bere), perch sarebbero stati sul suo piano d'esistenza (alla mia mensa) nel regno della Coscienza Cristica, e ciascuno si sarebbe seduto sul trono della propria intuizione

divina e avrebbe potuto contemplare la legge del karma, e comprendere il suo giudizio mentre giudicava i discendenti delle dodici trib d'Israele e di tutta l'umanit. "Gli disse Simon Pietro: 'Signore, dove vai?'. Ges gli rispose: 'Dove vado io per ora non puoi seguirmi; ma pi tardi mi seguirai'". (Giovanni 13: 36). Rispondendo a Pietro, Ges avrebbe potuto chiarire ci che intendeva dire in questo modo: "Io m'appresto a unire permanentemente la coscienza del mio corpo con la Coscienza Cristica in tutto. Nello stato attuale del tuo sviluppo spirituale non puoi meditare abbastanza profondamente da riuscire a innalzare la tua coscienza sopra la subcoscienza, la supercoscienza e l'estasi, e seguirmi fino all'onnipresente Coscienza Cristica in tutto. Ma verr il tempo in cui potrai farlo". "Il Signore disse: 'Simone, Simone, ecco, Satana vi ha cercato per vagliarvi come il grano; ma io ho pregato per te, perch non venga meno la tua fede; e tu, una volta ravveduto, conferma i tuoi fratelli'". (Luca 22: 31-32). Guardando Pietro con gli occhi dell'intuizione, Ges vide che a causa di certe debolezze passate e del suo cattivo karma il discepolo aveva attirato a s la satanica illusione cosmica. Grazie alla sua intuizione miracolosa, Ges sapeva che cosa si celava nell'anima di Simon Pietro. Egli realizz che Simone aveva nascoste dentro di s alcune tendenze passate di debolezza mentale, e quindi avrebbe temporaneamente ceduto alle tentazioni del male. Ma Ges vide in Pietro anche buone tendenze e saggezza, e decise di rinforzarle col potere celeste, cos come Satana influenzava e operava sulle cattive tendenze di Pietro. E poich, per l'effetto combinato dell'influenza satanica e del suo karma passato, la saggezza di Simone poteva essere scrollata dalla sua coscienza come il grano viene separato dalla pula - allora Ges preg in suo favore il Padre onnipotente, chiedendo che la convinzione intuitiva della sua saggezza non venisse scacciata dalle scosse della tentazione. E quindi istru Simone che quando - con la grazia di Dio, la sua preghiera e la forza delle buone tendenze da lui stesso accumulate - sarebbe stato libero dall'illusione, egli avrebbe dovuto dar forza ai suoi condiscepoli e ai ricercatori spirituali col potere della sua riguadagnata saggezza. "Pietro gli disse: 'Signore, con te sono pronto ad affrontare il carcere e la morte'. Ges gli rispose: 'Pietro, io ti dico: oggi non canter il gallo prima che tu non abbia negato per tre volte di conoscermi'". (Luca 22: 33-34). Con la sua conoscenza onnisciente, Ges predisse che Simone l'avrebbe rinnegato tre volte prima che cantasse il gallo. Essendo una sola cosa con Dio e con tutto lo spazio, Ges vedeva lo svolgimento dei diversi eventi futuri guidati dalla legge universale di causa ed effetto. Ci sono molti metodi per divinare il futuro. Il futuro di una persona pu essere predetto con l'osservazione del suo carattere, con l'astrologia, e seguendo le tracce delle sue azioni passate di questa vita e delle vite passate. Quest'ultimo metodo implica il potere dell'onniscienza. E questo fu l'unico potere che uso Ges nel profetizzare. Di solito la gente intelligente predice il comportamento

futuro di una persona tramite l'osservazione e l'inferenza. ma questo metodo e difettoso, in quanto la conclusione potrebbe essere completamente sbagliata, se ci fosse il minimo errore nell'osservazione del suo vero comportamento. Mentre sappiamo che ogni conoscenza a cui si arriva mediante il potere dell'onniscienza e invariabilmente vera.

LA VIOLENZA MIGLIORE DELLA CODARDIA? "Poi disse: 'Quando vi ho mandati senza borsa, ne bisaccia, ne sandali, vi forse mancato qualcosa?'. Risposero: 'Nulla'. Ed egli aggiunse: 'Ma ora, chi ha una borsa la prenda, come pure una bisaccia; e chi non ha spada, venda il mantello e ne compri una. Perch vi dico che deve compiersi in me questa parola della Scrittura: E fu annoverato tra i malfattori. Infatti tutto quello che mi riguarda volge al suo termine . Ed essi dissero: 'Signore, ecco qui due spade. Ma egli rispose 'Basta!'". (Luca 22: 35-38). Nelle suddette parole Ges sottolinea la necessit d'adattarsi all'ambiente. Egli ricord loro che dei discepoli nobili o avanzati non dovrebbero usare ne borsa ne bisaccia ne alcun tipo di protezione durante la manifestazione della Coscienza Cristica; poich chiunque in sintonia con l'universale Coscienza Cristica trover appagati tutti i suoi bisogni. Ogni devoto che ha raggiunto quello stato non deve preoccuparsi del suo corpo, e pensare a cosa manger o cosa indosser, perch tutte le cose gli saranno date come parte della sua realizzazione divina. Per Ges aggiunse che le persone che sono in uno stato di coscienza normale dovrebbero usare il buon senso e procurarsi le cose necessarie, e avere un certo tipo di protezione. Ges sapeva che secondo la legge divina di causa ed effetto, e le predizioni delle Scritture, i suoi discepoli sarebbero passati per molte prove e tribolazioni, e avrebbero potuto aver bisogno di denaro o anche di una spada. Per questo chiese ai discepoli di stare attenti e di procurarsi le necessit minime della vita e una certa protezione. In questo passo Ges menziona anche la predizione della Scrittura: che egli sarebbe stato considerato un criminale comune e sarebbe stato crocifisso insieme a due criminali. Ges voleva dire che il Dio dentro di lui era abbastanza umile da farsi classificare insieme ai criminali comuni - agli occhi dell'ignoranza e che, malgrado questo, la grandezza della divinit avrebbe fatto spicco sullo sfondo della tenebrosa incomprensione umana. Per questo Ges disse che tutto ci che accadeva nella sua vita aveva uno scopo divino, un fine divino. Quando Usare la Forza S, una ragionevole protezione sufficiente. Ges sentiva che se i suoi discepoli avessero portato due spade, ci avrebbe mostrato che erano coraggiosi e pratici; per non voleva che si armassero tutti come soldati! Egli credeva che la pi grande protezione stava nel potere della loro virt e saggezza, e non nelle spade. Ges era abbastanza pratico da prevedere che se i suoi discepoli avessero portato armi visibili sarebbero stati sufficientemente protetti contro i

persecutori fanatici senza scrupoli, e due spade sarebbero state sufficienti a far scappare i persecutori codardi. In realt Ges voleva che le due spade servissero a questo scopo, e non desider mai che fossero usate per spargimenti di sangue. Le persone spirituali - che sono realmente umili dentro, e non possono venire turbate dalle persecuzioni - non dovrebbero comunque offrirsi come zerbini per essere inutilmente calpestate dagli ignoranti. Per vincere i loro persecutori, le persone virtuose devono manifestare retti pensieri e impavidit. Ges previde che la giusta indignazione di Pietro avrebbe causato il taglio dell'orecchio del centurione, tuttavia prefer che i suoi discepoli fossero coraggiosi e manifestassero una giusta indignazione, piuttosto che fossero codardi e scappassero. Egli realizz che l'impatto della persecuzione avrebbe scatenato il terrore nei cuori di alcuni dei suoi discepoli, perci chiese loro di combattere per la causa divina piuttosto che scappare per vilt. Naturalmente egli aveva insegnato loro che la via suprema sta nel conquistare il male con la forza spirituale - nel volgere la guancia sinistra quando viene colpita la destra - ma sottoline anche che a volte necessario resistere al male con la forza fisica, quando manca il potere spirituale di resistere al male. Fuggire il male per paura vile e non spirituale; resistere al male con la forza fisica meglio; ma resistere al male con la superiore forza spirituale la cosa migliore. In questo passo viene provato chiaramente quanto pratico e adattabile era Ges. Ai discepoli avanzati di solito consigliava l'assoluta rinuncia, ma egli riconobbe che a volte anche i rinuncianti potrebbero aver bisogno di soldi e protezione - quand' necessario secondo i dettami del buon senso - e che le persone del mondo dovrebbero adattarsi al loro ambiente circostante.

IN SINTONIA CON DIO MEDIANTE IL GURU "Non si turbi il vostro cuore. Voi credete in Dio, credete anche in me. Nella casa del Padre mio ci sono molte dimore; se no, ve l'avrei detto. Io vado a prepararvi un posto; e quando sar andato e vi avr preparato un posto, ritorner e vi prender con me, perch siate anche voi dove sono io. E voi sapete dove vado, e ne conoscete la via". (Giovanni 14: 1-4). Ci che Ges intendeva con i consigli e le promesse di questi versetti potrebbe essere pi ampiamente espresso cos: "Non sia turbato il vostro sentimento (o cittwa), non importa quali prove vi si presentino. Mantenete la vostra percezione spirituale, nata dalla meditazione, fissa sulla Coscienza Cosmica al di l della creazione e sulla Coscienza Cristica presente nella creazione. Non importa quali prove vengano, continuate a percepire la Coscienza Divina su entrambi i piani: nella regione vibratoria e nella regione al di l di tutte le vibrazioni. Nel regno della Coscienza Cosmica e della creazione cosmica (la casa del Padre ci sono molte dimore, o regioni con differenti vibrazioni, dove le anime dimorano in conformit alle vibrazioni buone o cattive acquisite sulla terra. In altre parole, come i vermi vivono sottoterra, i pesci nell'acqua gli uomini nell'atmosfera alcuni pianeti in regioni prive d'aria, e uomini diversi in differenti comunit buone o cattive, cos nello stato dopo la morte le anime vivono in differenti regioni vibratorie, secondo i loro meriti e demeriti spirituali. Se non fosse cos, ve l'avrei detto.

"Come vostro guru, e come messaggero nominato divinamente, io andr avanti a voi a fondermi con la Coscienza Cosmica, e l vi preparer un posto, secondo le vostre realizzazioni spirituali. E quando la Coscienza Cristica in me si fonder nella Coscienza Cosmica, cercher di portarvi l. Attirata dalla vostra devozione e dalla vostra estasi, la mia Coscienza Cristica torner di nuovo - si manifester una seconda volta nella vostra coscienza - e assorbir in s la coscienza nata dal corpo, affinch anch'essa diventi onnipresente. E quando accadr questo, saprete dov' andata la mia Coscienza Cristica. Vi andr presto, non appena avr dissolto il corpo dopo la risurrezione. E quando saprete che la dimora della Coscienza Cristica l'onnipresenza, allora riuscirete a comunicare coscientemente con essa in qualsiasi momento". Il Posto del Guru Quando disse 'Vado a prepararvi un posto', Ges conosceva il compito di un vero guru-precettore, che anche dopo la sua morte pu aiutare le anime dei discepoli ad ottenere la Coscienza Cosmica. Questo ci che dicono le sacre Scritture ind: che nessuno pu trovare la verit da solo, ma soltanto con l'aiuto del guru-precettore che viene mandato da Dio in risposta alle preghiere del discepolo. Dio Spirito, e come tale istruisce il sincero discepolo attraverso la voce, la ragione, le parole e l'esempio di un guru mandato da Lui. Che sia ben chiaro a tutti i membri di chiese, a tutti i Cristiani e a tutti i sinceri ricercatori di ogni razza e religione, che non possono trovare Dio per procura. Cio, normalmente i loro peccati non possono essere rimessi col metodo del vicario (a meno che non siano presi dal guru); perci essi dovrebbero cercare la salvezza attraverso un guru illuminato mandato da Dio, e non seguendo ciecamente qualcuno che non ha ancora redento la sua anima con la comunione Divina. Quando disse: 'Non si turbi il vostro cuore', Ges cit di fatto un grande aforisma spirituale. Vi ho detto spesso che le anime vengono sulla terra per osservare il filmato cosmico con la calma interiore e la coscienza distaccata che s'addice ad immagini perfette di Dio. Ma quando le anime formano simpatie e antipatie verso le esperienze terrene, perdono la coscienza immortale e la conoscenza della perfetta immagine di Dio dentro di loro, e rimangono impigliate nella ruota di nascite e morti. Ogni anima che durante il soggiorno terreno dimentica la sua natura spirituale forma degli attaccamenti terreni, e cos dovr reincarnarsi qui finch non esaurir i suoi desideri mondani e non riguadagner la Coscienza Divina perduta. Ecco perch Ges e gli yogi consigliano a tutti i ricercatori spirituali di affrontare prove, fortune, disgrazie e battaglie per la giustizia con un cuore non turbato. Questa e la grande via della salvezza. "Gli disse Tommaso: 'Signore, non sappiamo dove vai e come possiamo conoscere la via?' Gli rispose Ges: 'Io sono la via, la verit e la vita. Nessuno viene al Padre se non per me. Se conosceste me, conoscereste anche il Padre; e fin d'ora lo conoscete e l'avete veduto'". (Giovanni 14: 5-7). La Coscienza Cristica presente in Ges, e in tutta la creazione vibratoria e nei fenomeni, il noumeno (la verit), la vita e la sostanza primaria di tutta la creazione. Nessun essere umano, che una parte della creazione vibratoria, pu portare la sua coscienza nella Coscienza Cosmica - che sta al di l della creazione vibratoria

e della Coscienza Cristica - senza prima passare attraverso la creazione vibratoria e la Coscienza Cristica, facendo l'esperienza della Vibrazione Cosmica o Spirito Santo'. In altre parole, per 'andare al Padre' ogni coscienza umana deve prima espandersi e ottenere la realizzazione della Vibrazione Cosmica, e quindi conoscere la Coscienza Cristica - per poter raggiungere la Coscienza Cosmica. Perci, se qualche discepolo di Ges aveva gi contattato con la meditazione la Coscienza Cristica in lui, allora aveva pure contattato la Coscienza Cosmica che si riflette come Coscienza Cristica nella creazione. Egli continu dicendo che tutti quelli che l'avevano 'conosciuto' (che avevano contattato la Coscienza Cristica in lui) dovevano ricordarsi sempre d'avere gi contattato automaticamente anche la Coscienza Cosmica (il Padre), poich la Coscienza Cosmica e la sua riflessione unigenita nella creazione - la Coscienza Cristica - sono una sola cosa. Come potete vedere, qui Ges spieg chiaramente qual era il suo Spirito interiore. Egli non pose mai l'accento sul suo corpo ma sempre sullo Spirito onnipresente dentro il corpo. E importante ricordare quanto gi espresso sopra: la Coscienza Cristica e la verit, la sostanza primaria, il noumeno, la vita esistente dietro tutta la creazione vibratoria. Quando Ges disse 'Lo conoscete e l'avete veduto', non intese mai dire che tutte le migliaia di persone che videro il suo corpo realizzarono che la c'era una manifestazione della Coscienza Cristica, e perci del Padre. Soltanto quei discepoli avanzati che si sintonizzarono con la Coscienza Cristica, attraverso la meditazione profonda, poterono realizzare la presenza del Padre e della Coscienza Cristica manifestati nel corpo di Ges. "Gli disse Filippo: 'Signore, mostraci il Padre e ci basta'. Gli rispose Ges: 'Da tanto tempo sono con voi e tu non mi hai conosciuto, Filippo? Chi ha visto me ha visto il Padre. Come puoi dire: Mostraci il Padre? Non credi che io sono nel Padre e il Padre e in me? Le parole che vi dico, non le dico da me; ma il Padre che in me, e lui che fa le opere. Credetemi: io sono nel Padre e il Padre in me; se non altro, credetelo per le stesse opere. In verit, in verit vi dico: chi crede in me, compir anche lui le opere che io faccio; e ne far di pi grandi, perch io vado al Padre. Qualunque cosa chiederete nel nome mio, la far, perch il Padre sia glorificato nel Figlio. Se mi chiederete qualcosa nel mio nome, la far. Se mi amate, osservate i miei comandamenti. E io pregher il Padre, che vi dar un altro Consolatore perch rimanga con voi per sempre: lo Spirito di verit che il mondo non pu ricevere, perch non lo vede e non lo conosce. Ma voi lo conoscete, perch dimora con voi e sar in voi. Non vi lascer orfani, torner da voi. Ancora un poco e il mondo non mi vedr pi; voi invece mi vedrete, perch io vivo e voi pure vivrete. In quel giorno voi saprete che io sono nel Padre, e voi in me, e io in voi. Chi accoglie i miei comandamenti e li osserva, questi mi ama. E chi mi ama sar amato dal Padre mio, e anch'io lo amer e mi manifester a lui'". (Giovanni 14: 8-21). I discepoli ancora non capivano, e quando Filippo chiese di vedere il Padre, Ges spieg nuovamente. Evidentemente Filippo non l'aveva ancora 'conosciuto', ne aveva percepito la Coscienza Cristica

da lungo tempo manifestata nel suo corpo. Ges parl brevemente, ma voleva dire: "Chi, mediante l'estasi, ha contattato la Coscienza Cristica in me, automaticamente ha pure contattato la Coscienza Cosmica di cui sono la riflessione. Allora perch mi chiedi di mostrarti il Padre, quando sai che non puoi contattarLo senza prima contattare la Coscienza Cristica in me?". E poich bisogna sollevare la coscienza secondo i gradi menzionati prima, egli ripete: "Nessuno viene al Padre se non per me", significando che la Coscienza Cristica in lui era nella Coscienza Cosmica, e che la Coscienza Cosmica si rifletteva in essa. Egli continu dicendo che le parole di saggezza pronunciate dalla sua bocca non erano guidate da lui o dal suo ego, ma dalle vibrazioni della Coscienza Cosmica alle quali era sintonizzata la sua coscienza. Egli non era cosciente dell'ego che operava dietro il corpo - come lo sono invece la maggior parte degli esseri umani - ma riconosceva che il Padre Cosmico che stava dietro alla sua Coscienza Cristica era il solo agente dietro le opere del suo corpo e della sua mente cristica. Egli disse che dapprima essi dovevano credere che la sua Coscienza Cristica era una sola cosa con la Coscienza Cosmica, e che Essa era riflessa nella sua coscienza; e dopo aver saputo ci, con la meditazione, avrebbero potuto realizzare questa verit. Ma se intanto non potevano credere che il Padre era in lui, egli chiese che credessero almeno nella manifestazione divina del Padre in tutte le sacre e buone opere manifestate tramite la sua vita. Profezia di Pi Grandi Opere Quindi - per tutte le verit presenti, passate e future che percepiva dentro di s - Ges profetizz ai discepoli che ogni devoto che con la meditazione profonda si fosse convinto della presenza dell'onnipotente Coscienza Cristica in s e in Ges, avrebbe potuto fare tutte le opere miracolose di guarire, risuscitare i morti, ecc., che furono manifestate mediante il corpo chiamato Ges. Questa profezia includeva anche i devoti futuri, poich egli intendeva dire che tutti quelli che erano (e che sono adesso o saranno) in sintonia con la Coscienza Cristica avrebbero compiuto miracoli pi grandi di quelli manifestati da lui. Egli predisse queste verit perch sapeva che la sua Coscienza Cristica doveva presto riunirsi con la Coscienza Cosmica. E promise che qualunque cosa un devoto avesse chiesto, mentre sentiva la Vibrazione Cosmica e la Coscienza Cristica in lui (o nel suo 'nome'), egli l'avrebbe materializzata - affinch la Coscienza Cosmica fosse glorificata tramite la sua onnipotente riflessione nella Coscienza Cristica. Inoltre disse che se nella meditazione profonda un devoto avesse contattato il suo nome (o la Vibrazione Cosmica, e la Coscienza Cristica), e quindi avesse pregato per qualche cosa, egli l'avrebbe materializzata. Le stesse esortazioni che Ges diede allora ai suoi discepoli sono valide anche oggi. Se un devoto lo ama (cio, ama contattare la Coscienza Cristica in lui), allora deve impegnarsi a seguire i comandamenti - o le leggi della disciplina fisica e mentale e della meditazione - che sono necessari per manifestare la Coscienza Cristica nella coscienza individuale. Quindi Ges disse che avrebbe pregato per i suoi discepoli e tutti i ricercatori spirituali, affinch con la meditazione profonda potessero contattare l'altro Consolatore delle sofferenze umane: lo Spirito Santo o la Vibrazione Cosmica che esiste eternamente in ogni anima. Lo 'Spirito di verit di cui egli parl e la Coscienza Cosmica, un oceano che non pu essere contenuto nella piccola coppa della coscienza materialista fino a quando non viene espansa.

Con la coscienza espansa, a momenti il devoto potr sentire l'oceano della Coscienza Cosmica - che ora sta dentro - e col tempo imparer ad esserne costantemente consapevole. Infine Ges disse agli amati discepoli avanzati che sebbene il suo corpo sarebbe presto scomparso, nondimeno avrebbe lasciato con loro l'arte di contattare la grande Beatitudine consolante presente nella Vibrazione Cosmica, e attraverso quel contatto la Coscienza Cristica sarebbe stata nuovamente rivelata a loro. Solamente il fatto che la Coscienza Cristica e presente in tutta la creazione rende possibile che ognuno viva. Egli accenn a questo, e aggiunse che nel giorno in cui la grande saggezza si sarebbe manifestata in loro grazie all'espansione delle loro coscienze, essi avrebbero realizzato che tutte le forme sono correlate: la Coscienza Cristica sta nel petto della Coscienza Cosmica, la coscienza del devoto manifestata nella Coscienza Cristica e quindi la vita di Cristo pu manifestarsi nella vita risvegliata del devoto. Ogni ricercatore spirituale che in sintonia con i comandamenti d'autodisciplina di Ges, e li pratica nella vita, alla fine riuscir a contattare la Coscienza Cristica presente in lui (e in ognuno) e l'amer devotamente. E ogni devoto che ama la Coscienza Cristica riceve sia l'amore presente in quella Coscienza che l'amore presente nella Coscienza Cosmica, e lo vedr manifestarsi nella sua coscienza.

COME CRISTO DIMORA COI DEVOTI "Gli disse Giuda, non l'Iscariota: 'Signore, com' che devi manifestarti a noi e non al mondo?', Gli rispose Ges: 'Se uno mi ama, osserver la mia parola e il Padre mio lo amer, e noi verremo a lui e prenderemo dimora in lui. Chi non mi ama, non osserva le mie parole; la parola che voi ascoltate non mia, ma del Padre che mi ha mandato. Queste cose vi ho detto mentre sto ancora con voi. Ma il Consolatore, lo Spirito Santo che il Padre mander nel mio nome, egli v'insegner ogni cosa e vi ricorder tutto ci che vi ho detto. Vi lascio la pace, vi do la mia pace. Ma non come la d il mondo, io la do a voi. Non sia turbato il vostro cuore e non abbia timore. Avete udito che vi ho detto: Vado, ma torner a voi; se mi amaste, vi rallegrereste che io vado dal Padre, perch il Padre pi grande di me'". (Giovanni 14: 22-28). Ges sapeva che dopo la risurrezione il suo corpo non sarebbe apparso davanti agli uomini del mondo. Perci disse che dopo la risurrezione sarebbe stato visibile solo ai suoi discepoli avanzati e ai devoti illuminati, e che era importante che essi realizzassero che non stava parlando del suo corpo fisico che sarebbe apparso ai devoti. Quando una persona devota ama la Coscienza Cristica che era in Ges e desidera contattarla attraverso la meditazione, sicuramente seguir le parole di saggezza di Ges e le forme d'autodisciplina che porteranno a quel contatto. Il devoto che potr contattare regolarmente la Coscienza Cristica sentir anche l'amore della Coscienza Cosmica; e ambedue si manifesteranno nella coscienza di quel devoto e le loro vibrazioni unite si stabiliranno permanentemente in lui. Mentre la persona che non segue questi insegnamenti spirituali e non contatta la Vibrazione Cosmica non potr percepire la Coscienza Cristica in s, e quindi non potr attaccarvisi. Quando disse 'E noi verremo a lui e prenderemo dimora in lui', Ges voleva dire esattamente che l'avanzato devoto

che tramite la meditazione realizza lo stato di Coscienza Cristica e arriva ad amarla, gradualmente percepir lo stato di Coscienza Cosmica. Tale devoto potr sentire la Coscienza Cristica nella creazione e la Coscienza Cosmica al di l della creazione; e quindi la sua coscienza diventer l'altare onnipresente dove regneranno entrambe - ed entrambe 'prenderanno dimora' in lui. Come un uomo pu avere sia una grande saggezza che una grande devozione per Dio, cos il devoto avanzato ha molti e diversi stati elevati di coscienza. Egli percepisce lo Spirito Santo come grande beatitudine, l'Intelligenza Cristica come grande saggezza, e la Coscienza Cosmica come l'essenza dell'amore, della saggezza e di tutto ci che esiste nel cosmo. L'uomo comune guidato dalla sua conoscenza libresca dall'esperienza del mondo e dalle abitudini acquisite nelle incarnazioni passate, ma il devoto avanzato guidato dalle intelligenze di Dio, di Cristo e dello Spirito Santo. Promessa del Consolatore Egli ricord loro di nuovo che la Vibrazione Cosmica - la Parola o lo Spirito Santo, il cui suono udivano dentro - non era una manifestazione del suo potere, ma l'emanazione della Coscienza Cosmica, che rifletteva anche la Coscienza Cristica presente in lui. Mentre era con loro per ordine divino, Ges disse molte verit ai discepoli, ma promise che quando con la meditazione avrebbero contattato lo Spirito Santo, o la Vibrazione Cosmica, allora avrebbero realizzato che il Padre stava mandando la Vibrazione Cosmica 'nel suo nome', o attraverso la sua Coscienza Cristica. E dalla Vibrazione Santa cos contattata in meditazione sarebbe emanata la grande Beatitudine Cristica presente in essa, per consolarli in tutte le avversit. Inoltre Ges disse che la Vibrazione Cosmica che avrebbero dovuto contattare in meditazione gli avrebbe dato non solo grande consolazione e beatitudine, ma avrebbe portato loro la conoscenza di tutte le cose e avrebbe richiamato alla memoria tutta la saggezza che egli aveva istillato in loro. Poich lo Spirito Santo, o Vibrazione Cosmica, la fonte di tutta la creazione materializzata e quindi la fonte di ogni saggezza terrena e astrale. Diversamente dal mondo, che d solo cose deperibili, egli lasci loro l'indeperibile pace cristica, dandola a tutti quelli ch'erano in grado di raggiungerla, perch potessero goderne sempre durante la meditazione e l'estasi. Il cuore il centro delle emozioni, cos egli vi si rifer dicendogli di mantenere i loro sentimenti liberi dalle vibrazioni distruttive dell'agitazione e della paura, perch il lago della coscienza potesse rimanere calmo per riflettere la Coscienza Cristica senza distorsioni. Quindi ricord loro d'avere gi detto prima della sua partenza e del suo ritorno (poich presagiva la sua imminente crocifissione e risurrezione), e della dissoluzione finale del suo corpo nello Spirito, e che da quel momento in poi la sua Coscienza Cristica si sarebbe manifestata nella coscienza meditante di ciascun devoto. E aggiunse che se essi amavano la Coscienza Cristica in lui, si sarebbero rallegrati per amor suo perch stava andando a riunirsi con la Coscienza Cosmica, che era ancora pi grande della Coscienza Divina in lui. "Io sono la vera vite e il Padre mio il vignaiolo. Ogni tralcio che in me non porta frutto lo toglie, e ogni tralcio che porta frutto lo pota perch porti pi frutto. Voi siete gi mondi per la parola che vi ho annunciato. Rimanete in me e io in voi. Come il tralcio non pu far frutto da s stesso se non rimane nella vite, cos neanche voi se non rimanete in me. Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane

in me e io in lui, fa molto frutto, perch senza di me non potete far nulla. Chi non rimane in me viene gettato via come il tralcio, e si secca; e poi lo raccolgono e lo gettano nel fuoco e lo bruciano". (Giovanni 15: 1-6). La Coscienza Cristica che era in Ges la vite dell'essenza e della vita cosmica, che ha infiniti rami da cui pendono ammassi di universi sistemi stellari e planetari, atomi ed elettroni, e tutte le cose create del cosmo. La vite della Coscienza Cristica piantata nel giardino della Vibrazione Cosmica, con le radici che arrivano fino ai pi minuscoli atomi di tutte le forme di materia (solidi, liquidi, gassosi, energia e forza vitale). La vite della Coscienza Cristica e coltivata dall'onnipotente e suprema Coscienza Cosmica. Mediante il processo della morte, la Coscienza Cosmica riforma e cambia ogni cosa o essere che per ignoranza o per qualche altro motivo non produce il frutto della giusta manifestazione. Inoltre la Coscienza Cosmica pota - con le forbici delle prove spirituali - ogni ramo dell'intelligenza umana che produce buoni frutti, affinch porti ancora pi frutti di saggezza, amore e beatitudine. I discepoli di Ges furono molto fortunati perch tutte le loro brutte vibrazioni d'incarnazioni e il loro cattivo karma furono spazzati via dall'onniconsolante Vibrazione Cosmica che il Maestro aveva fatto manifestare in loro. Nessun devoto, o tralcio di coscienza umana, pu manifestare i frutti della saggezza da s stesso, senza essere collegato con la vite dell'onnipresente Coscienza Cristica che emana tralci viventi, materializzati nelle forme umane e nelle forme di tutte le creature viventi. Ogni devoto che pratica la meditazione e ottiene ripetute comunioni estatiche fino a sentirsi stabilito nella Coscienza Cristica, e sente che l'Intelligenza Cristica s' manifestata in lui, sviluppa molti frutti di saggezza e beatitudine divina. E un certo grado del potere dell'universale Coscienza Cristica manifestato in tutti noi, perch non potremmo vivere, respirare, vedere, ascoltare, odorare, gustare, toccare, pensare, volere, sentire, o ottenere l'autorealizzazione senza il contatto cosciente o incosciente con la Coscienza Cristica nascosta dietro la nostra coscienza. Lo Sforzo Cosciente Necessario Tuttavia se un uomo invisibilmente sostenuto dalla Coscienza Cristica non cercasse di percepire coscientemente la Sua esistenza in lui attraverso la meditazione e l'autodisciplina, la sua coscienza diventerebbe come un tralcio tagliato, e la felicit spirituale nascosta in esso si seccherebbe. Questi versetti mostrano chiaramente che Ges non parlava come un uomo, n diceva che l'inizio e la fine della manifestazione di Dio sulla terra coincidevano con la nascita e la morte del suo corpo. Egli sapeva che la Coscienza Cristica dentro di s l'energia che accende le luci degli atomi e di tutte le vite. E fu con quest'idea che disse: 'Perch senza di me non potete far nulla'. Nel seguente versetto Ges voleva dire che non sufficiente che la Coscienza Cristica sostenga tutti gli esseri umani; ciascuno deve realizzare, con lo sforzo cosciente della meditazione, d'essere sostenuto da essa. Perci le persone comuni che vivono senza conoscere la Fonte che sta dietro le loro vite, alla fine scoprono che la loro felicit nella vita s' appassita per mancanza di comunione spirituale, come avvizzisce un ramo quando non riceve sostentamento dall'albero di cui una parte. Tutte le anime materialiste che vivono senza conoscere la loro

connessione con la Coscienza Cristica sono gettate nel fuoco dell'infelicit, e vengono temporaneamente bruciate dalle sofferenze finch non si svegliano. Perci chiaro che quando Ges disse 'lo bruciano', non voleva dire che tutte le persone materialiste che non sono consapevoli della Coscienza Cristica vengono distrutte per sempre nei fuochi di un vero inferno, ma che esse vengono temporaneamente bruciate nel fuoco autocreato dell'infelicit acceso vivendo erroneamente. Ma Ges insegn anche che questi individui materialisti, pur soffrendo temporaneamente nel fuoco autocreato dell'illusione, possono salvarsi con la buona compagnia, la meditazione, la lealt a un guru degno e la comunione con la Coscienza Cristica.

GES E LA COSCIENZA CRISTICA "E Ges mand Pietro e Giovanni dicendo: 'Andate e preparate per noi la Pasqua, perch possiamo mangiare'. Ed essi gli chiesero: 'Dove vuoi che la prepariamo?'. Egli rispose: 'Appena entrati in citt vi verr incontro un uomo che porta una brocca d'acqua. Seguitelo nella casa in cui entrer, e direte al padrone di casa: Il Maestro ti dice: Dov' la stanza in cui posso mangiare la Pasqua con i miei discepoli? Ed egli vi mostrer una grande sala addobbata al piano superiore; l preparate'". (Luca 22: 8-12). Nelle suddette parole di Ges vediamo rivelati il suo grande potere e la sua divinit. Chiedendo ai suoi discepoli d'andare in citt e trovare e seguire un uomo con una brocca d'acqua, e quindi entrare nella casa in cui questi sarebbe entrato e chiedere al padrone di casa di mostrar loro la stanza per la cena pasquale, Ges ag certamente come l'onnisciente Dio. Ges era onnisciente e onnipresente - per questo sapeva che nel momento in cui i discepoli sarebbero giunti in citt, avrebbero incontrato l'uomo con la brocca, ecc. Ges non conosceva le cose lontane per mezzo della telepatia, ma perch era onnisciente. Un comune essere umano identificato col suo corpo, e i suoi occhi vedono una certa parte dello spazio e del mondo. Ma con la sua Coscienza Cristica Ges vedeva tutto attraverso innumerevoli occhi in ogni particella dello spazio. La coscienza presente nel corpo di Ges non era limitata da esso ma era ovunque ed era tutto. E tuttavia impossibile descrivere nel linguaggio umano lo stato di coscienza di Ges. La coscienza di una persona comune centrata nel cervello e attraverso i nervi sensori-motori si riversa nel mondo, conoscendolo con i sensi della vista, dell'udito, dell'odorato, del gusto, del tatto, ecc. Ma la coscienza del Cristo, anche se manifestata nel corpo chiamato Ges, non era accentrata l. La sua coscienza era invece centrata nello stesso tempo in ogni particella di spazio del cosmo. Ges aveva realizzato che la coscienza di Dio era onnipresente, e una volta descrisse ci dicendo: 'Non si vendono due passeri per un soldo? Eppure nessuno di essi cadr senza il volere del Padre'. Non solo Dio sa tutto, ma Egli vede, sente, tocca, ascolta e gusta tutto e ovunque nello stesso tempo, sebbene non abbia occhi n orecchi n naso n il senso del tatto. La Sua intuizione percepisce e conosce tutto col suo stesso potere. L'uomo ha bisogno di molti sensi per conoscere la materia. Ma Dio, che tutto e in tutto, conosce tutto ora (cio nel presente, attraverso il passato, il futuro e l'eternit). Poich Ges era in sintonia con Dio, la sua coscienza non era accentrata nel suo cervello, ma impregnava ogni atomo dello spazio, incluso ogni luogo della terra. Cos Ges pot dire che quando i discepoli sarebbero entrati

in citt avrebbero incontrato l'uomo con la brocca. La sua coscienza era in contatto con molti sinceri devoti che erano pronti a esaudire i suoi desideri, ed egli desiderava osservare la festa della Pasqua in casa di un discepolo particolarmente devoto. La coscienza di Ges era presente nel suo corpo, nei pensieri e nelle menti dei discepoli, sulla strada su cui questi camminarono per andare in citt, nella stessa citt, nell'uomo con la brocca, e anche nella brocca e in tutto l'etere esistente tra il suo corpo e la citt. Fu estremamente eccezionale che Ges dimostrasse il suo potere onnipresente ai discepoli non con le parole, ma con le azioni. "Essi andarono e trovarono tutto come aveva detto loro, e prepararono la Pasqua. Quando venne l'ora, si mise a tavola e gli apostoli con lui, e disse: 'Ho desiderato ardentemente mangiare questa Pasqua con voi, prima di soffrire. Poich vi dico: non la manger pi, finch non si compia nel regno di Dio'". (Luca 22: 13-16). Per suo particolare desiderio e libera scelta Ges volle agire come un uomo tra gli uomini, e mangi la cena di Pasqua coi discepoli come segno d'addio sulla terra prima che il suo corpo soffrisse sulla croce. Sapeva infatti che non avrebbe pi mangiato alcun cibo materiale finch non fossero avvenute la sua crocifissione e risurrezione, e non avesse ottenuto la completa Coscienza Cosmica. Quindi, dopo aver raggiunto la perfezione e risuscitato il suo corpo, egli li avrebbe incontrati e avrebbe mangiato di nuovo con loro. toccante sapere che pur essendo divino Ges era anche umano; poich ebbe il desiderio terreno di fare una cena d'addio coi suoi cari discepoli prima che cominciasse la sua grande prova. Per un attimo Ges sent umanamente l'avvicinarsi della separazione temporanea dagli amati discepoli.

IL POTERE VINCENTE DELL'UMILT "Poi vers dell'acqua nel catino e cominci a lavare i piedi dei discepoli e ad asciugarli con l'asciugamano di cui s'era cinto. Venne dunque da Simon Pietro e questi gli disse: 'Signore, tu lavi i piedi a me?'. Rispose Ges: 'Quello che faccio, tu ora non lo capisci, ma lo capirai dopo'. Gli disse Pietro: 'Non mi laverai mai i piedi!'. Gli rispose Ges: 'Se non ti laver, non avrai parte con me'. Gli disse Simon Pietro: 'Signore, non solo i piedi, ma anche le mani e il capo!'. Soggiunse Ges: 'Chi ha fatto il bagno, non ha bisogno che di lavarsi i piedi ed tutto mondo; e voi siete mondi, ma non tutti'. Sapeva infatti chi l'avrebbe tradito; per questo disse: 'Non tutti siete mondi'. Quando dunque ebbe lavato loro i piedi e riprese le vesti, sedette di nuovo e disse loro: 'Sapete ci che vi ho fatto? Voi mi chiamate Maestro e Signore e dite bene, perch lo sono. Se dunque io, il Signore e il Maestro, ho lavato i vostri piedi, anche voi dovete lavarvi i piedi l'un l'altro. Vi ho dato infatti l'esempio, perch facciate anche voi come ho fatto io. In verit, in verit vi dico: un servo non pi grande del suo padrone, n un inviato pi grande di chi lo ha mandato. Sapendo queste cose, sarete beati se le metterete in pratica'". (Giovanni 13: 5-17). Ges espresse il desiderio di lavare i piedi ai discepoli, malgrado sapesse che in quel momento essi non avrebbero realizzato perch lo stava facendo, ma l'avrebbero capito dopo. Prima di tutto egli voleva mostrare col suo esempio che anche se era il maestro, era

abbastanza umile da lavare i piedi dei discepoli. E sperava che essi a loro volta avrebbero non solo 'lavato i piedi' l'uno dell'altro - trattando ciascun altro nello stesso spirito - ma avrebbero cercato di servire mentalmente, fisicamente e spiritualmente le persone del mondo. Egli voleva dire che quei discepoli che volevano essere come il maestro dovevano agire come lui, servendo tutti senza discriminare se si trattava di amici o nemici, come lui lav i piedi di tutti i suoi discepoli: anche di Giuda, che s'accingeva a tradirlo. Le sue azioni volevano dimostrare che servire tutti con umilt divina la vera via che porta alla felicit. Anche il Padre Celeste serve in questo modo, perch in silenzio ed umilt ha creato l'acqua del pozzo, ed essendo in ogni persona Egli usa l'acqua per lavare i piedi di tutti, anche delle persone egoiste e materialiste che non pensano mai a Lui. Purezza Spirituale Un altro motivo che spinse Ges a lavare i piedi dei discepoli fu perch volle dimostrare drammaticamente il fatto che quelli che erano spiritualmente puri non avevano bisogno di lavarsi i piedi, tranne uno di loro che era spiritualmente impuro. E quindi decise d'esprimere questo fatto lavando i piedi a tutti i discepoli. Quando Pietro si rifiut d'essere servito in questo modo, Ges l'ammon: "Se non ti laver spiritualmente, non sarai spiritualmente collegato a me come un discepolo lo col suo maestro". Naturalmente Ges non stava parlando dell'importanza della pulizia fisica, ma sottoline come cosa primaria e principale l'importanza della pulizia spirituale, com' evidente quando disse: "Chi ha fatto il bagno spiritualmente ha bisogno solo di un'occasionale pulizia dei piedi, o del corpo fisico, per essere completamente mondo - sia spiritualmente che fisicamente. La maggior parte di voi sono spiritualmente puri, ma non tutti". Cos egli predisse drammaticamente il tradimento di Giuda. Inoltre Ges si rifer al fatto che lo riconoscevano come Signore della creazione e guru-precettore o maestro, e ammise che ' cos per desiderio del Padre mio'. E poich il servo spirituale o discepolo non pi grande del suo maestro - o guru-precettore - per quanto riguarda lo sviluppo spirituale, n a lui uguale finch non ottiene la liberazione finale e diventa uno col maestro, perci n Ges n i suoi discepoli che furono mandati sulla terra da Dio potevano essere pi grandi di Dio. E se Dio in Ges serv tutti i discepoli (che furono creati da Dio), allora era certamente giusto che anch'essi seguissero l'esempio divino servendo tutti. Inoltre Ges assicur loro che se avessero imparato e ricordato tutte queste cose, e avessero seguito l'esempio divino servendo umilmente tutti, allora sarebbero stati spiritualmente felici.

PU UN MAESTRO PRENDERE SU DI S IL KARMA DEGLI ALTRI? "E preso un calice, rese grazie e disse: 'Prendetelo e dividetelo tra voi poich vi dico: non berr pi del frutto della vite, finch non verr il regno di Dio". (Luca 22: 17-18). Ges diede ai suoi discepoli del fresco succo d'uva caricato con le sue vibrazioni, perch dopo averlo bevuto potessero sentirsi energizzati e purificati. molto probabile che Ges bevve succo d'uva non fermentato; ma anche se bevve vino, lui e i suoi discepoli

non s'ubriacarono mai. Se Ges bevve vino, lo fece per seguire le usanze del suo tempo. Inoltre lui e i suoi discepoli erano cos avanzati che un p di succo d'uva o un p di vino non li avrebbe toccati. Ma questo non dev'essere considerato un pretesto, dagli individui schiavi dei sensi, per bere il vino che stimola i sensi, oblitera la ragione e causa il degrado spirituale. Ges e i suoi discepoli erano ebbri solo col vino dell'estasi e del contatto sempre gioioso di Dio. cos per tutti i grandi devoti. Satana invent l'ebbrezza del vino e l'intossicazione dell'attaccamento sessuale per illudere le persone con surrogati, e impedir loro di bere il vino dell'estasi divina con la meditazione profonda. Quelli che cercano l'estasi divina devono tenersi rigorosamente lontani da tutte le cose intossicanti o stimolanti i sensi. Perch coloro che creano l'abitudine d'intossicarsi con il vino o il sesso e diventano schiavi di questi, constateranno che le abitudini sensuali e di bere impediranno loro di gustare la sana estasi superiore ed eternamente inebriante della comunione con Dio. "Poi, preso un pane, rese grazie, lo spezz e lo diede loro dicendo: 'Questo il mio corpo che dato per voi; fate questo in memoria di me'". (Luca 22: 19). In queste parole Ges mostr i suoi sentimenti umani. Egli profetizz che in futuro gli uomini del mondo e i discepoli avrebbero reso grazie a Dio, e spezzato e mangiato il pane in memoria simbolica del suo corpo, che fu spezzato sulla croce per essere di nutrimento spirituale ai suoi discepoli e a tutta l'umanit. Molte persone ortodosse credono scioccamente che quando rendono grazie e spezzano il pane, pensando a Cristo, mangiano effettivamente il suo corpo. Ges non propugn il cannibalismo o l'idea d'essere cannibali. Egli chiese semplicemente che gli uomini ricordassero il suo glorioso esempio di realizzazione divina e di sacrificio spirituale sulla croce, pensando ad esso ogniqualvolta spezzavano il pane e rendevano grazie a Dio. "Poi prese il calice e, dopo aver reso grazie, lo diede loro, dicendo: 'Bevetene tutti, perch questo il mio sangue della nuova alleanza, versato per molti, in remissione dei peccati. Io vi dico che da ora non berr pi di questo frutto della vite fino al giorno in cui lo berr nuovo, con voi, nel regno del Padre mio'". (Matteo 26: 27-29). Ges paragon il suo sacrificio sulla croce al calice, e la lezione spirituale implicita nell'esempio della sua crocifissione al contenuto del calice del sacrificio. Egli chiese a tutti i suoi discepoli di bere dal calice, e con ci voleva significare che essi dovevano assorbire le lezioni di perdono, amore divino, suprema fortezza, saggezza, discernimento, forza di volont, amore supremo di Dio, amore supremo dei figli di Dio, vincere la forza bruta con la forza spirituale, ecc., mostrate come esempio nel suo sacrificio della vita fisica sulla croce . Egli voleva che realizzassero che tutti coloro che avessero sacrificato tutto per ottenere la Coscienza Divina (ma ci non significa che ognuno dev'essere crocifisso fisicamente per conoscere Dio), avrebbero realmente trovato il modo di liberarsi dalla sofferenza derivante dagli effetti peccaminosi delle cattive azioni delle loro numerose vite passate . Questi ricercatori alla fine sarebbero riusciti a liberare scientificamente le loro anime dalla schiavit della legge di causa ed effetto. Ges sugger

che i suoi discepoli pensassero sempre a questo simbolo spirituale e si ricordassero del calice del sacrificio, e del vino della saggezza che vi sta dentro, ogniqualvolta gli sarebbe capitato di bere da un calice. Quindi promise che non avrebbe bevuto di nuovo il succo della vite fino a quando, dopo la crocifissione, non avrebbe risuscitato il suo corpo e sarebbe apparso ai discepoli in carne ed ossa; allora avrebbe bevuto con loro il vino della saggezza spremuto dalla Coscienza Cosmica finalmente ottenuta. Remissione dei Peccati Nelle suddette parole, quando parl di remissione dei peccati, Ges non intendeva dire che la sua crocifissione avrebbe lavato via tutti i peccati degli uomini del mondo di tutti i tempi. Questo impossibile. Molti Cristiani ortodossi pensano che il sacrificio di Cristo sulla croce li salver, se solo credono in Ges; e quindi si sentono liberi di fare ci che gli pare. Senza dubbio le sofferenze di Ges sulla croce assorbirono e mitigarono parte dei peccati dei suoi discepoli, ma parlando di remissione dei peccati Ges voleva dire in particolare che il sacrificio della sua stessa vita sulla croce - per ottenere la completa Coscienza Divina - avrebbe ispirato tutti i sinceri ricercatori spirituali ad abbandonare tutto, tutte le inferiori cose materiali, per ottenere la superiore e suprema esperienza della comunione Divina. E dopo avere raggiunto questo stato, essi sarebbero stati liberi dalla legge del karma (azione), che mantiene le anime incatenate alla ruota di nascite, morti e rinascite. Con il termine 'nuova alleanza' Ges voleva dire: insegnamenti nuovi. 'Sangue' si riferisce al sacrificio sulla croce. "Il Figlio dell'uomo se ne va, come stato stabilito; ma guai a quell'uomo dal quale tradito!". (Luca 22: 22). Quando Ges disse che se ne sarebbe andato 'come stato stabilito', non voleva dire che Dio aveva stabilito in maniera autoritaria che lui fosse crocifisso. Le Scritture predissero le sofferenze di Ges perch i suoi autori calcolarono matematicamente gli effetti della legge del karma su Ges e i suoi discepoli. Ogni grande maestro come Ges pu alleggerire il peso degli effetti peccaminosi delle azioni dei suoi discepoli, prendendo quegli effetti su di s. Come, frapponendo la sua mano, un uomo forte pu alleggerire o impedire il colpo di un uomo verso un altro, cos con la forza della volont i grandi maestri possono alleviare gli effetti delle azioni incombenti e imminenti nelle vite dei loro discepoli. Perci, secondo il calcolo metafisico delle operazioni della legge cosmica del karma che regola tutte le azioni umane, risulta che la morte di Ges sulla croce fu dovuta al fatto che egli prese su di s gli effetti delle cattive azioni (karma) dei suoi discepoli e di molti altri devoti. Ges rinuncio con gioia al suo corpo per evitare i colpi del cattivo karma che stavano per abbattersi sui suoi discepoli. Egli avrebbe potuto salvarsi facilmente, ma per amore della verit ag in un modo che sapeva avrebbe causato la sua morte. La Legge Sociale Contro la Legge Cosmica Il secondo motivo del suo passaggio sulla croce fu perch egli prefer infrangere la legge sociale di procacciare nutrimento al clero

piuttosto che infrangere le leggi della verit e della coscienza. Bisogna per ricordare che sebbene Ges infranse una legge cattiva fatta dall'uomo - e per questo fu messo a morte - tuttavia secondo la legge cosmica quella stessa azione gli fece guadagnare la vita eterna. Dunque, sebbene nella sua grande saggezza la legge cosmica diede a Ges Cristo la morte temporanea, tuttavia per quello stesso sacrificio gli diede la vita eterna. Gli autori delle Scritture conoscevano intuitivamente le leggi delle azioni che regolavano la vita di Ges e dei suoi discepoli, e cos poterono predire la sua morte. Quindi la crocifissione di Cristo non era 'predestinata'. Ges stesso disse che avrebbe potuto farsi dare pi di dodici legioni di angeli perch lo salvassero dalla dura prova sulla croce (Matteo 26: 53), ma egli volle glorificare Dio sacrificando la sua vita per Lui e i Suoi figli. Ges dimostr perfettamente la sua realizzazione dei due pi grandi comandamenti, amando Dio con tutto il cuore, la mente, la forza e l'anima, e amando altres tutta l'umanit come s stesso. Rinunciando completamente all'attaccamento alla vita fisica, Ges prese la strada pi breve per la realizzazione della vita eterna. Eterna Ricompensa Come risultato delle sue azioni - per venti secoli, fino a oggi e per tutta l'eternit - Ges ha goduto e godr coscientemente la sua comunione immortale con la gioia sempre-nuova di Dio. Rifiutando una vita, egli eredit la vita eterna; mentre molti stupidi esseri umani cercano per prima cosa pane, denaro, fama, sesso e amore, sprecando molte vite e reincarnandosi continuamente senza conseguire mai l'immortalit. Ges disse: 'Colui che vincer (tutti i desideri) lo render un pilastro d'immortalit nella casa di mio Padre , e non ne uscir pi (non si reincarner)'. Le persone comuni, e anche molti ricercatori, pensano che per raggiungere la Cristit sia necessario essere crocifissi solo fisicamente. Ma bisogna ricordare che Ges aveva crocifisso la sua ignoranza con la saggezza, la sua agitazione con la meditazione, i suoi desideri con la rinuncia, le sue tentazioni dei sensi con l'interiorizzazione della coscienza, il suo odio con l'amore, l'egoismo con l'altruismo, ecc., prima che fosse pronto a soffrire sulla croce. Fu quello il prerequisito necessario alla Cristit. Chiunque pu crocifiggere l'attaccamento fisico con la comunione Divina raggiunger quello stato in cui non gli sar difficile, se necessario, crocifiggere il suo corpo per Dio e la verit. Mancanza di Giudizio di Giuda Sebbene Ges fosse cos grande, spesso permise all'amato discepolo Giovanni di poggiarsi sul suo petto. Questo rivela certamente la sua natura divinamente umana. meraviglioso sapere che Dio, pienamente manifestato nel corpo di Ges, era cos umanamente amoroso, perch ci dimostra che se uno ama Dio profondamente ha la possibilit di ricevere il Suo amore. E poich Ges era cos amorevole, certamente Dio pu essere amorevole con i Suoi devoti. Perci quando Ges disse 'Vi do un comandamento nuovo, che vi amiate l'un l'altro', egli diede ai discepoli uno dei suoi pi grandi sermoni; cio, che a loro non sarebbe servito a niente amare lui, se non si fossero amati l'un l'altro come li amava lui. Con questo Ges insegn ai discepoli non solo a percepire Dio come la grande manifestazione d'amore e di gioia sempre-nuova nella meditazione, ma anche ad amarLo tangibilmente nella Sua presenza nei templi dei corpi umani.

Quando Ges disse 'Io conosco quelli che ho scelto' (Giovanni l3: l8), non voleva dire d'avere scelto Giuda come un mezzo meccanico idoneo per adempiere il comando divino e inscenare il dramma della vita, della morte e della risurrezione come fosse un burattino nelle mani di Dio. Egli afferm semplicemente che la sua intuizione divina percep i pensieri di Giuda che voleva tradirlo perch era sotto l'influsso dell'illusione satanica. Quando disse 'Il Figlio dell'uomo se ne va, come stato stabilito; ma guai a quell'uomo dal quale tradito', Ges sottoline la legge cosmica delle azioni che stava per portargli inevitabilmente la dura prova; e volle altres sottolineare la responsabilit di Giuda, che si offr volontariamente per essere lo strumento dell'illusione e di Satana. Ges voleva dire che Giuda avrebbe dovuto reincarnarsi parecchie volte, perch per poche monete d'argento aveva tradito il suo grande guru-precettore spirituale. Rinunciare al regno di Dio per poche monete, tradendo la guida che doveva condurvelo, mostra certamente mancanza di giudizio e grande attaccamento per le cose terrene. Senza dubbio ogni persona del genere dovr reincarnarsi ripetutamente per esaurire i suoi desideri terreni, prima di potere avere la liberazione. Da fonte autentica io so che Giuda s' reincarnato venti secoli dopo la sua impiccaggione, ed stato liberato solo pochi anni fa in India, dopo essere nato come discepolo di un grande maestro - per desiderio di Ges.

UN METODO DI PREDIZIONE INFALLIBILE "Sorse anche una discussione: chi di loro poteva essere considerato il pi grande. Ma Ges disse: 'I re delle nazioni le governano e coloro che hanno il potere su di esse si fanno chiamare benefattori. Per voi per non dev'essere cos; ma il pi grande tra voi sia come il pi piccolo, e chi comanda come colui che serve. Infatti chi pi grande, chi siede a tavola o chi serve? Non forse chi siede a tavola? Eppure io sto in mezzo a voi come colui che serve. Voi siete quelli che avete perseverato con me nelle mie prove; ed io preparo per voi un regno, come il Padre l'ha preparato per me, perch possiate mangiare e bere alla mia mensa nel mio regno e vi sediate sul trono a giudicare le dodici trib d'Israele'". (Luca 22: 24-30). Ges ammoni i discepoli a non cercare d'imitare i re che governano i popoli. Inoltre sottoline uno dei punti pi importanti dei suoi insegnamenti, e cio che colui che realmente il pi grande dev'essere il pi piccolo, e il servo di tutti. Chi un vero capo serve tutti; poich chi desidera costantemente il riconoscimento e la lode superficiale degli uomini riceve poca ammirazione sincera, ma chi serve tutti siede come il re dell'amore sui troni dei loro cuori, e perci il pi grande. Nel cosiddetto mondo civile, chi siede a tavola e mangia di solito considerato socialmente pi grande di colui che serve; ma in cielo e differente. Per questo Ges accentu, con esempi e parabole, l'importanza del servizio. Secondo le leggi divine, il pi grande colui che serve; infatti tutti gli esseri celesti trovano gioia suprema nel servirsi reciprocamente, e non nell'ottenere o domandare una vana adorazione. Quindi Ges fece sapere d'aver realizzato che quelli con cui stava

parlando erano i discepoli fedeli - quelli che avevano continuato a seguirlo durante le tribolazioni e le prove dovute alle tentazioni dell'illusione satanica - e che egli si stava preparando a riceverli nel regno della Coscienza Cristica, poich suo Padre gli aveva ordinato di essere la Coscienza Cristica presente nella creazione. Allora - egli promise - essi avrebbero comunicato (mangiare) e sarebbero stati permeati con la Beatitudine Divina (bere), perch sarebbero stati sul suo piano d'esistenza (alla mia mensa) nel regno della Coscienza Cristica, e ciascuno si sarebbe seduto sul trono della propria intuizione divina e avrebbe potuto contemplare la legge del karma, e comprendere il suo giudizio mentre giudicava i discendenti delle dodici trib d'Israele e di tutta l'umanit. "Gli disse Simon Pietro: 'Signore, dove vai?'. Ges gli rispose: 'Dove vado io per ora non puoi seguirmi; ma pi tardi mi seguirai'". (Giovanni 13: 36). Rispondendo a Pietro, Ges avrebbe potuto chiarire ci che intendeva dire in questo modo: "Io m'appresto a unire permanentemente la coscienza del mio corpo con la Coscienza Cristica in tutto. Nello stato attuale del tuo sviluppo spirituale non puoi meditare abbastanza profondamente da riuscire a innalzare la tua coscienza sopra la subcoscienza, la supercoscienza e l'estasi, e seguirmi fino all'onnipresente Coscienza Cristica in tutto. Ma verr il tempo in cui potrai farlo". "Il Signore disse: 'Simone, Simone, ecco, Satana vi ha cercato per vagliarvi come il grano; ma io ho pregato per te, perch non venga meno la tua fede; e tu, una volta ravveduto, conferma i tuoi fratelli'". (Luca 22: 31-32). Guardando Pietro con gli occhi dell'intuizione, Ges vide che a causa di certe debolezze passate e del suo cattivo karma il discepolo aveva attirato a s la satanica illusione cosmica. Grazie alla sua intuizione miracolosa, Ges sapeva che cosa si celava nell'anima di Simon Pietro. Egli realizz che Simone aveva nascoste dentro di s alcune tendenze passate di debolezza mentale, e quindi avrebbe temporaneamente ceduto alle tentazioni del male. Ma Ges vide in Pietro anche buone tendenze e saggezza, e decise di rinforzarle col potere celeste, cos come Satana influenzava e operava sulle cattive tendenze di Pietro. E poich, per l'effetto combinato dell'influenza satanica e del suo karma passato, la saggezza di Simone poteva essere scrollata dalla sua coscienza come il grano viene separato dalla pula - allora Ges preg in suo favore il Padre onnipotente, chiedendo che la convinzione intuitiva della sua saggezza non venisse scacciata dalle scosse della tentazione. E quindi istru Simone che quando - con la grazia di Dio, la sua preghiera e la forza delle buone tendenze da lui stesso accumulate - sarebbe stato libero dall'illusione, egli avrebbe dovuto dar forza ai suoi condiscepoli e ai ricercatori spirituali col potere della sua riguadagnata saggezza. "Pietro gli disse: 'Signore, con te sono pronto ad affrontare il carcere e la morte'. Ges gli rispose: 'Pietro, io ti dico: oggi non canter il gallo prima che tu non abbia negato per tre volte di conoscermi'". (Luca 22: 33-34). Con la sua conoscenza onnisciente, Ges predisse che Simone

l'avrebbe rinnegato tre volte prima che cantasse il gallo. Essendo una sola cosa con Dio e con tutto lo spazio, Ges vedeva lo svolgimento dei diversi eventi futuri guidati dalla legge universale di causa ed effetto. Ci sono molti metodi per divinare il futuro. Il futuro di una persona pu essere predetto con l'osservazione del suo carattere, con l'astrologia, e seguendo le tracce delle sue azioni passate di questa vita e delle vite passate. Quest'ultimo metodo implica il potere dell'onniscienza. E questo fu l'unico potere che uso Ges nel profetizzare. Di solito la gente intelligente predice il comportamento futuro di una persona tramite l'osservazione e l'inferenza. ma questo metodo e difettoso, in quanto la conclusione potrebbe essere completamente sbagliata, se ci fosse il minimo errore nell'osservazione del suo vero comportamento. Mentre sappiamo che ogni conoscenza a cui si arriva mediante il potere dell'onniscienza e invariabilmente vera.

LA VIOLENZA MIGLIORE DELLA CODARDIA? "Poi disse: 'Quando vi ho mandati senza borsa, n bisaccia, n sandali, vi forse mancato qualcosa?'. Risposero: 'Nulla'. Ed egli aggiunse: 'Ma ora, chi ha una borsa la prenda, come pure una bisaccia; e chi non ha spada, venda il mantello e ne compri una. Perch vi dico che deve compiersi in me questa parola della Scrittura: E fu annoverato tra i malfattori. Infatti tutto quello che mi riguarda volge al suo termine . Ed essi dissero: 'Signore, ecco qui due spade. Ma egli rispose 'Basta!'". (Luca 22: 35-38). Nelle suddette parole Ges sottolinea la necessit d'adattarsi all'ambiente. Egli ricord loro che dei discepoli nobili o avanzati non dovrebbero usare n borsa n bisaccia n alcun tipo di protezione durante la manifestazione della Coscienza Cristica; poich chiunque in sintonia con l'universale Coscienza Cristica trover appagati tutti i suoi bisogni. Ogni devoto che ha raggiunto quello stato non deve preoccuparsi del suo corpo, e pensare a cosa manger o cosa indosser, perch tutte le cose gli saranno date come parte della sua realizzazione divina. Per Ges aggiunse che le persone che sono in uno stato di coscienza normale dovrebbero usare il buon senso e procurarsi le cose necessarie, e avere un certo tipo di protezione. Ges sapeva che secondo la legge divina di causa ed effetto, e le predizioni delle Scritture, i suoi discepoli sarebbero passati per molte prove e tribolazioni, e avrebbero potuto aver bisogno di denaro o anche di una spada. Per questo chiese ai discepoli di stare attenti e di procurarsi le necessit minime della vita e una certa protezione. In questo passo Ges menziona anche la predizione della Scrittura: che egli sarebbe stato considerato un criminale comune e sarebbe stato crocifisso insieme a due criminali. Ges voleva dire che il Dio dentro di lui era abbastanza umile da farsi classificare insieme ai criminali comuni - agli occhi dell'ignoranza e che, malgrado questo, la grandezza della divinit avrebbe fatto spicco sullo sfondo della tenebrosa incomprensione umana. Per questo Ges disse che tutto ci che accadeva nella sua vita aveva uno scopo divino, un fine divino.

Quando Usare la Forza S, una ragionevole protezione sufficiente. Ges sentiva che se i suoi discepoli avessero portato due spade, ci avrebbe mostrato che erano coraggiosi e pratici; per non voleva che si armassero tutti come soldati! Egli credeva che la pi grande protezione stava nel potere della loro virt e saggezza, e non nelle spade. Ges era abbastanza pratico da prevedere che se i suoi discepoli avessero portato armi visibili sarebbero stati sufficientemente protetti contro i persecutori fanatici senza scrupoli, e due spade sarebbero state sufficienti a far scappare i persecutori codardi. In realt Ges voleva che le due spade servissero a questo scopo, e non desider mai che fossero usate per spargimenti di sangue. Le persone spirituali - che sono realmente umili dentro, e non possono venire turbate dalle persecuzioni - non dovrebbero comunque offrirsi come zerbini per essere inutilmente calpestate dagli ignoranti. Per vincere i loro persecutori, le persone virtuose devono manifestare retti pensieri e impavidit. Ges previde che la giusta indignazione di Pietro avrebbe causato il taglio dell'orecchio del centurione, tuttavia prefer che i suoi discepoli fossero coraggiosi e manifestassero una giusta indignazione, piuttosto che fossero codardi e scappassero. Egli realizz che l'impatto della persecuzione avrebbe scatenato il terrore nei cuori di alcuni dei suoi discepoli, perci chiese loro di combattere per la causa divina piuttosto che scappare per vilt. Naturalmente egli aveva insegnato loro che la via suprema sta nel conquistare il male con la forza spirituale - nel volgere la guancia sinistra quando viene colpita la destra - ma sottoline anche che a volte necessario resistere al male con la forza fisica, quando manca il potere spirituale di resistere al male. Fuggire il male per paura vile e non spirituale; resistere al male con la forza fisica meglio; ma resistere al male con la superiore forza spirituale la cosa migliore. In questo passo viene provato chiaramente quanto pratico e adattabile era Ges. Ai discepoli avanzati di solito consigliava l'assoluta rinuncia, ma egli riconobbe che a volte anche i rinuncianti potrebbero aver bisogno di soldi e protezione - quand' necessario secondo i dettami del buon senso - e che le persone del mondo dovrebbero adattarsi al loro ambiente circostante.

IN SINTONIA CON DIO MEDIANTE IL GURU "Non si turbi il vostro cuore. Voi credete in Dio, credete anche in me. Nella casa del Padre mio ci sono molte dimore; se no, ve l'avrei detto. Io vado a prepararvi un posto; e quando sar andato e vi avr preparato un posto, ritorner e vi prender con me, perch siate anche voi dove sono io. E voi sapete dove vado, e ne conoscete la via". (Giovanni 14: 1-4). Ci che Ges intendeva con i consigli e le promesse di questi versetti potrebbe essere pi ampiamente espresso cos: "Non sia turbato il vostro sentimento (o cittwa), non importa quali prove vi si presentino. Mantenete la vostra percezione spirituale, nata dalla meditazione, fissa sulla Coscienza Cosmica al di l della creazione e sulla Coscienza Cristica presente nella creazione. Non importa quali prove vengano, continuate a percepire la Coscienza Divina su entrambi i piani: nella regione vibratoria e

nella regione al di l di tutte le vibrazioni. Nel regno della Coscienza Cosmica e della creazione cosmica (la casa del Padre ci sono molte dimore, o regioni con differenti vibrazioni, dove le anime dimorano in conformit alle vibrazioni buone o cattive acquisite sulla terra. In altre parole, come i vermi vivono sottoterra, i pesci nell'acqua gli uomini nell'atmosfera alcuni pianeti in regioni prive d'aria, e uomini diversi in differenti comunit buone o cattive, cos nello stato dopo la morte le anime vivono in differenti regioni vibratorie, secondo i loro meriti e demeriti spirituali. Se non fosse cos, ve l'avrei detto. "Come vostro guru, e come messaggero nominato divinamente, io andr avanti a voi a fondermi con la Coscienza Cosmica, e l vi preparer un posto, secondo le vostre realizzazioni spirituali. E quando la Coscienza Cristica in me si fonder nella Coscienza Cosmica, cercher di portarvi l. Attirata dalla vostra devozione e dalla vostra estasi, la mia Coscienza Cristica torner di nuovo - si manifester una seconda volta nella vostra coscienza - e assorbir in s la coscienza nata dal corpo, affinch anch'essa diventi onnipresente. E quando accadr questo, saprete dov' andata la mia Coscienza Cristica. Vi andr presto, non appena avr dissolto il corpo dopo la risurrezione. E quando saprete che la dimora della Coscienza Cristica l'onnipresenza, allora riuscirete a comunicare coscientemente con essa in qualsiasi momento". Il Posto del Guru Quando disse 'Vado a prepararvi un posto', Ges conosceva il compito di un vero guru-precettore, che anche dopo la sua morte pu aiutare le anime dei discepoli ad ottenere la Coscienza Cosmica. Questo ci che dicono le sacre Scritture ind: che nessuno pu trovare la verit da solo, ma soltanto con l'aiuto del guru-precettore che viene mandato da Dio in risposta alle preghiere del discepolo. Dio Spirito, e come tale istruisce il sincero discepolo attraverso la voce, la ragione, le parole e l'esempio di un guru mandato da Lui. Che sia ben chiaro a tutti i membri di chiese, a tutti i Cristiani e a tutti i sinceri ricercatori di ogni razza e religione, che non possono trovare Dio per procura. Cio, normalmente i loro peccati non possono essere rimessi col metodo del vicario (a meno che non siano presi dal guru); perci essi dovrebbero cercare la salvezza attraverso un guru illuminato mandato da Dio, e non seguendo ciecamente qualcuno che non ha ancora redento la sua anima con la comunione Divina. Quando disse: 'Non si turbi il vostro cuore', Ges cit di fatto un grande aforisma spirituale. Vi ho detto spesso che le anime vengono sulla terra per osservare il filmato cosmico con la calma interiore e la coscienza distaccata che s'addice ad immagini perfette di Dio. Ma quando le anime formano simpatie e antipatie verso le esperienze terrene, perdono la coscienza immortale e la conoscenza della perfetta immagine di Dio dentro di loro, e rimangono impigliate nella ruota di nascite e morti. Ogni anima che durante il soggiorno terreno dimentica la sua natura spirituale forma degli attaccamenti terreni, e cos dovr reincarnarsi qui finch non esaurir i suoi desideri mondani e non riguadagner la Coscienza Divina perduta. Ecco perch Ges e gli yogi consigliano a tutti i ricercatori spirituali di affrontare prove, fortune, disgrazie e battaglie per la giustizia con un cuore non turbato. Questa e la grande via della salvezza. "Gli disse Tommaso: 'Signore, non sappiamo dove vai e come possiamo conoscere la via?' Gli rispose Ges: 'Io sono la via, la verit e la vita. Nessuno viene al

Padre se non per me. Se conosceste me, conoscereste anche il Padre; e fin d'ora lo conoscete e l'avete veduto'". (Giovanni 14: 5-7). La Coscienza Cristica presente in Ges, e in tutta la creazione vibratoria e nei fenomeni, il noumeno (la verit), la vita e la sostanza primaria di tutta la creazione. Nessun essere umano, che una parte della creazione vibratoria, pu portare la sua coscienza nella Coscienza Cosmica - che sta al di l della creazione vibratoria e della Coscienza Cristica - senza prima passare attraverso la creazione vibratoria e la Coscienza Cristica, facendo l'esperienza della Vibrazione Cosmica o Spirito Santo'. In altre parole, per 'andare al Padre' ogni coscienza umana deve prima espandersi e ottenere la realizzazione della Vibrazione Cosmica, e quindi conoscere la Coscienza Cristica - per poter raggiungere la Coscienza Cosmica. Perci, se qualche discepolo di Ges aveva gi contattato con la meditazione la Coscienza Cristica in lui, allora aveva pure contattato la Coscienza Cosmica che si riflette come Coscienza Cristica nella creazione. Egli continu dicendo che tutti quelli che l'avevano 'conosciuto' (che avevano contattato la Coscienza Cristica in lui) dovevano ricordarsi sempre d'avere gi contattato automaticamente anche la Coscienza Cosmica (il Padre), poich la Coscienza Cosmica e la sua riflessione unigenita nella creazione - la Coscienza Cristica - sono una sola cosa. Come potete vedere, qui Ges spieg chiaramente qual era il suo Spirito interiore. Egli non pose mai l'accento sul suo corpo ma sempre sullo Spirito onnipresente dentro il corpo. E importante ricordare quanto gi espresso sopra: la Coscienza Cristica e la verit, la sostanza primaria, il noumeno, la vita esistente dietro tutta la creazione vibratoria. Quando Ges disse 'Lo conoscete e l'avete veduto', non intese mai dire che tutte le migliaia di persone che videro il suo corpo realizzarono che la c'era una manifestazione della Coscienza Cristica, e perci del Padre. Soltanto quei discepoli avanzati che si sintonizzarono con la Coscienza Cristica, attraverso la meditazione profonda, poterono realizzare la presenza del Padre e della Coscienza Cristica manifestati nel corpo di Ges. "Gli disse Filippo: 'Signore, mostraci il Padre e ci basta'. Gli rispose Ges: 'Da tanto tempo sono con voi e tu non mi hai conosciuto, Filippo? Chi ha visto me ha visto il Padre. Come puoi dire: Mostraci il Padre? Non credi che io sono nel Padre e il Padre e in me? Le parole che vi dico, non le dico da me; ma il Padre che in me, e lui che fa le opere. Credetemi: io sono nel Padre e il Padre in me; se non altro, credetelo per le stesse opere. In verit, in verit vi dico: chi crede in me, compir anche lui le opere che io faccio; e ne far di pi grandi, perch io vado al Padre. Qualunque cosa chiederete nel nome mio, la far, perch il Padre sia glorificato nel Figlio. Se mi chiederete qualcosa nel mio nome, la far. Se mi amate, osservate i miei comandamenti. E io pregher il Padre, che vi dar un altro Consolatore perch rimanga con voi per sempre: lo Spirito di verit che il mondo non pu ricevere, perch non lo vede e non lo conosce. Ma voi lo conoscete, perch dimora con voi e sar in voi. Non vi lascer orfani, torner da voi. Ancora un

poco e il mondo non mi vedr pi; voi invece mi vedrete, perch io vivo e voi pure vivrete. In quel giorno voi saprete che io sono nel Padre, e voi in me, e io in voi. Chi accoglie i miei comandamenti e li osserva, questi mi ama. E chi mi ama sar amato dal Padre mio, e anch'io lo amer e mi manifester a lui'". (Giovanni 14: 8-21). I discepoli ancora non capivano, e quando Filippo chiese di vedere il Padre, Ges spieg nuovamente. Evidentemente Filippo non l'aveva ancora 'conosciuto', ne aveva percepito la Coscienza Cristica da lungo tempo manifestata nel suo corpo. Ges parl brevemente, ma voleva dire: "Chi, mediante l'estasi, ha contattato la Coscienza Cristica in me, automaticamente ha pure contattato la Coscienza Cosmica di cui sono la riflessione. Allora perch mi chiedi di mostrarti il Padre, quando sai che non puoi contattarLo senza prima contattare la Coscienza Cristica in me?". E poich bisogna sollevare la coscienza secondo i gradi menzionati prima, egli ripete: "Nessuno viene al Padre se non per me", significando che la Coscienza Cristica in lui era nella Coscienza Cosmica, e che la Coscienza Cosmica si rifletteva in essa. Egli continu dicendo che le parole di saggezza pronunciate dalla sua bocca non erano guidate da lui o dal suo ego, ma dalle vibrazioni della Coscienza Cosmica alle quali era sintonizzata la sua coscienza. Egli non era cosciente dell'ego che operava dietro il corpo - come lo sono invece la maggior parte degli esseri umani - ma riconosceva che il Padre Cosmico che stava dietro alla sua Coscienza Cristica era il solo agente dietro le opere del suo corpo e della sua mente cristica. Egli disse che dapprima essi dovevano credere che la sua Coscienza Cristica era una sola cosa con la Coscienza Cosmica, e che Essa era riflessa nella sua coscienza; e dopo aver saputo ci, con la meditazione, avrebbero potuto realizzare questa verit. Ma se intanto non potevano credere che il Padre era in lui, egli chiese che credessero almeno nella manifestazione divina del Padre in tutte le sacre e buone opere manifestate tramite la sua vita. Profezia di Pi Grandi Opere Quindi - per tutte le verit presenti, passate e future che percepiva dentro di s - Ges profetizz ai discepoli che ogni devoto che con la meditazione profonda si fosse convinto della presenza dell'onnipotente Coscienza Cristica in s e in Ges, avrebbe potuto fare tutte le opere miracolose di guarire, risuscitare i morti, ecc., che furono manifestate mediante il corpo chiamato Ges. Questa profezia includeva anche i devoti futuri, poich egli intendeva dire che tutti quelli che erano (e che sono adesso o saranno) in sintonia con la Coscienza Cristica avrebbero compiuto miracoli pi grandi di quelli manifestati da lui. Egli predisse queste verit perch sapeva che la sua Coscienza Cristica doveva presto riunirsi con la Coscienza Cosmica. E promise che qualunque cosa un devoto avesse chiesto, mentre sentiva la Vibrazione Cosmica e la Coscienza Cristica in lui (o nel suo 'nome'), egli l'avrebbe materializzata - affinch la Coscienza Cosmica fosse glorificata tramite la sua onnipotente riflessione nella Coscienza Cristica. Inoltre disse che se nella meditazione profonda un devoto avesse contattato il suo nome (o la Vibrazione Cosmica, e la Coscienza Cristica), e quindi avesse pregato per qualche cosa, egli l'avrebbe materializzata. Le stesse esortazioni che Ges diede allora ai suoi discepoli sono valide anche oggi. Se un devoto lo ama (cio, ama contattare la Coscienza Cristica in lui), allora deve impegnarsi a seguire i

comandamenti - o le leggi della disciplina fisica e mentale e della meditazione - che sono necessari per manifestare la Coscienza Cristica nella coscienza individuale. Quindi Ges disse che avrebbe pregato per i suoi discepoli e tutti i ricercatori spirituali, affinch con la meditazione profonda potessero contattare l'altro Consolatore delle sofferenze umane: lo Spirito Santo o la Vibrazione Cosmica che esiste eternamente in ogni anima. Lo 'Spirito di verit di cui egli parl e la Coscienza Cosmica, un oceano che non pu essere contenuto nella piccola coppa della coscienza materialista fino a quando non viene espansa. Con la coscienza espansa, a momenti il devoto potr sentire l'oceano della Coscienza Cosmica - che ora sta dentro - e col tempo imparer ad esserne costantemente consapevole. Infine Ges disse agli amati discepoli avanzati che sebbene il suo corpo sarebbe presto scomparso, nondimeno avrebbe lasciato con loro l'arte di contattare la grande Beatitudine consolante presente nella Vibrazione Cosmica, e attraverso quel contatto la Coscienza Cristica sarebbe stata nuovamente rivelata a loro. Solamente il fatto che la Coscienza Cristica e presente in tutta la creazione rende possibile che ognuno viva. Egli accenn a questo, e aggiunse che nel giorno in cui la grande saggezza si sarebbe manifestata in loro grazie all'espansione delle loro coscienze, essi avrebbero realizzato che tutte le forme sono correlate: la Coscienza Cristica sta nel petto della Coscienza Cosmica, la coscienza del devoto manifestata nella Coscienza Cristica e quindi la vita di Cristo pu manifestarsi nella vita risvegliata del devoto. Ogni ricercatore spirituale che in sintonia con i comandamenti d'autodisciplina di Ges, e li pratica nella vita, alla fine riuscir a contattare la Coscienza Cristica presente in lui (e in ognuno) e l'amer devotamente. E ogni devoto che ama la Coscienza Cristica riceve sia l'amore presente in quella Coscienza che l'amore presente nella Coscienza Cosmica, e lo vedr manifestarsi nella sua coscienza.

COME CRISTO DIMORA COI DEVOTI "Gli disse Giuda, non l'Iscariota: 'Signore, com' che devi manifestarti a noi e non al mondo?', Gli rispose Ges: 'Se uno mi ama, osserver la mia parola e il Padre mio lo amer, e noi verremo a lui e prenderemo dimora in lui. Chi non mi ama, non osserva le mie parole; la parola che voi ascoltate non mia, ma del Padre che mi ha mandato. Queste cose vi ho detto mentre sto ancora con voi. Ma il Consolatore, lo Spirito Santo che il Padre mander nel mio nome, egli v'insegner ogni cosa e vi ricorder tutto ci che vi ho detto. Vi lascio la pace, vi do la mia pace. Ma non come la d il mondo, io la do a voi. Non sia turbato il vostro cuore e non abbia timore. Avete udito che vi ho detto: Vado, ma torner a voi; se mi amaste, vi rallegrereste che io vado dal Padre, perch il Padre pi grande di me'". (Giovanni 14: 22-28). Ges sapeva che dopo la risurrezione il suo corpo non sarebbe apparso davanti agli uomini del mondo. Perci disse che dopo la risurrezione sarebbe stato visibile solo ai suoi discepoli avanzati e ai devoti illuminati, e che era importante che essi realizzassero che non stava parlando del suo corpo fisico che sarebbe apparso ai devoti. Quando una persona devota ama la Coscienza Cristica che era in Ges e desidera contattarla attraverso la meditazione,

sicuramente seguir le parole di saggezza di Ges e le forme d'autodisciplina che porteranno a quel contatto. Il devoto che potr contattare regolarmente la Coscienza Cristica sentir anche l'amore della Coscienza Cosmica; e ambedue si manifesteranno nella coscienza di quel devoto e le loro vibrazioni unite si stabiliranno permanentemente in lui. Mentre la persona che non segue questi insegnamenti spirituali e non contatta la Vibrazione Cosmica non potr percepire la Coscienza Cristica in s, e quindi non potr attaccarvisi. Quando disse 'E noi verremo a lui e prenderemo dimora in lui', Ges voleva dire esattamente che l'avanzato devoto che tramite la meditazione realizza lo stato di Coscienza Cristica e arriva ad amarla, gradualmente percepir lo stato di Coscienza Cosmica. Tale devoto potr sentire la Coscienza Cristica nella creazione e la Coscienza Cosmica al di l della creazione; e quindi la sua coscienza diventer l'altare onnipresente dove regneranno entrambe - ed entrambe 'prenderanno dimora' in lui. Come un uomo pu avere sia una grande saggezza che una grande devozione per Dio, cos il devoto avanzato ha molti e diversi stati elevati di coscienza. Egli percepisce lo Spirito Santo come grande beatitudine, l'Intelligenza Cristica come grande saggezza, e la Coscienza Cosmica come l'essenza dell'amore, della saggezza e di tutto ci che esiste nel cosmo. L'uomo comune guidato dalla sua conoscenza libresca dall'esperienza del mondo e dalle abitudini acquisite nelle incarnazioni passate, ma il devoto avanzato guidato dalle intelligenze di Dio, di Cristo e dello Spirito Santo. Promessa del Consolatore Egli ricord loro di nuovo che la Vibrazione Cosmica - la Parola o lo Spirito Santo, il cui suono udivano dentro - non era una manifestazione del suo potere, ma l'emanazione della Coscienza Cosmica, che rifletteva anche la Coscienza Cristica presente in lui. Mentre era con loro per ordine divino, Ges disse molte verit ai discepoli, ma promise che quando con la meditazione avrebbero contattato lo Spirito Santo, o la Vibrazione Cosmica, allora avrebbero realizzato che il Padre stava mandando la Vibrazione Cosmica 'nel suo nome', o attraverso la sua Coscienza Cristica. E dalla Vibrazione Santa cos contattata in meditazione sarebbe emanata la grande Beatitudine Cristica presente in essa, per consolarli in tutte le avversit. Inoltre Ges disse che la Vibrazione Cosmica che avrebbero dovuto contattare in meditazione gli avrebbe dato non solo grande consolazione e beatitudine, ma avrebbe portato loro la conoscenza di tutte le cose e avrebbe richiamato alla memoria tutta la saggezza che egli aveva istillato in loro. Poich lo Spirito Santo, o Vibrazione Cosmica, la fonte di tutta la creazione materializzata e quindi la fonte di ogni saggezza terrena e astrale. Diversamente dal mondo, che d solo cose deperibili, egli lasci loro l'indeperibile pace cristica, dandola a tutti quelli ch'erano in grado di raggiungerla, perch potessero goderne sempre durante la meditazione e l'estasi. Il cuore il centro delle emozioni, cos egli vi si rifer dicendogli di mantenere i loro sentimenti liberi dalle vibrazioni distruttive dell'agitazione e della paura, perch il lago della coscienza potesse rimanere calmo per riflettere la Coscienza Cristica senza distorsioni. Quindi ricord loro d'avere gi detto prima della sua partenza e del suo ritorno (poich presagiva la sua imminente crocifissione e risurrezione), e della dissoluzione finale del suo corpo nello Spirito, e che da quel momento in poi la sua Coscienza Cristica si sarebbe manifestata nella coscienza meditante di ciascun devoto. E aggiunse che se essi amavano la Coscienza Cristica in lui, si sarebbero rallegrati per amor suo perch stava andando a riunirsi con la Coscienza Cosmica, che era ancora

pi grande della Coscienza Divina in lui. "Io sono la vera vite e il Padre mio il vignaiolo. Ogni tralcio che in me non porta frutto lo toglie, e ogni tralcio che porta frutto lo pota perch porti pi frutto. Voi siete gi mondi per la parola che vi ho annunciato. Rimanete in me e io in voi. Come il tralcio non pu far frutto da s stesso se non rimane nella vite, cos neanche voi se non rimanete in me. Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me e io in lui, fa molto frutto, perch senza di me non potete far nulla. Chi non rimane in me viene gettato via come il tralcio, e si secca; e poi lo raccolgono e lo gettano nel fuoco e lo bruciano". (Giovanni 15: 1-6). La Coscienza Cristica che era in Ges la vite dell'essenza e della vita cosmica, che ha infiniti rami da cui pendono ammassi di universi sistemi stellari e planetari, atomi ed elettroni, e tutte le cose create del cosmo. La vite della Coscienza Cristica piantata nel giardino della Vibrazione Cosmica, con le radici che arrivano fino ai pi minuscoli atomi di tutte le forme di materia (solidi, liquidi, gassosi, energia e forza vitale). La vite della Coscienza Cristica e coltivata dall'onnipotente e suprema Coscienza Cosmica. Mediante il processo della morte, la Coscienza Cosmica riforma e cambia ogni cosa o essere che per ignoranza o per qualche altro motivo non produce il frutto della giusta manifestazione. Inoltre la Coscienza Cosmica pota - con le forbici delle prove spirituali - ogni ramo dell'intelligenza umana che produce buoni frutti, affinch porti ancora pi frutti di saggezza, amore e beatitudine. I discepoli di Ges furono molto fortunati perch tutte le loro brutte vibrazioni d'incarnazioni e il loro cattivo karma furono spazzati via dall'onniconsolante Vibrazione Cosmica che il Maestro aveva fatto manifestare in loro. Nessun devoto, o tralcio di coscienza umana, pu manifestare i frutti della saggezza da s stesso, senza essere collegato con la vite dell'onnipresente Coscienza Cristica che emana tralci viventi, materializzati nelle forme umane e nelle forme di tutte le creature viventi. Ogni devoto che pratica la meditazione e ottiene ripetute comunioni estatiche fino a sentirsi stabilito nella Coscienza Cristica, e sente che l'Intelligenza Cristica s' manifestata in lui, sviluppa molti frutti di saggezza e beatitudine divina. E un certo grado del potere dell'universale Coscienza Cristica manifestato in tutti noi, perch non potremmo vivere, respirare, vedere, ascoltare, odorare, gustare, toccare, pensare, volere, sentire, o ottenere l'autorealizzazione senza il contatto cosciente o incosciente con la Coscienza Cristica nascosta dietro la nostra coscienza. Lo Sforzo Cosciente Necessario Tuttavia se un uomo invisibilmente sostenuto dalla Coscienza Cristica non cercasse di percepire coscientemente la Sua esistenza in lui attraverso la meditazione e l'autodisciplina, la sua coscienza diventerebbe come un tralcio tagliato, e la felicit spirituale nascosta in esso si seccherebbe. Questi versetti mostrano chiaramente che Ges non parlava come un uomo, n diceva che l'inizio e la fine della manifestazione di Dio sulla terra coincidevano con la nascita e la morte del suo corpo. Egli sapeva che la Coscienza Cristica dentro di s l'energia che accende le luci degli atomi e di tutte le vite. E fu con

quest'idea che disse: 'Perch senza di me non potete far nulla'. Nel seguente versetto Ges voleva dire che non sufficiente che la Coscienza Cristica sostenga tutti gli esseri umani; ciascuno deve realizzare, con lo sforzo cosciente della meditazione, d'essere sostenuto da essa. Perci le persone comuni che vivono senza conoscere la Fonte che sta dietro le loro vite, alla fine scoprono che la loro felicit nella vita s' appassita per mancanza di comunione spirituale, come avvizzisce un ramo quando non riceve sostentamento dall'albero di cui una parte. Tutte le anime materialiste che vivono senza conoscere la loro connessione con la Coscienza Cristica sono gettate nel fuoco dell'infelicit, e vengono temporaneamente bruciate dalle sofferenze finch non si svegliano. Perci chiaro che quando Ges disse 'lo bruciano', non voleva dire che tutte le persone materialiste che non sono consapevoli della Coscienza Cristica vengono distrutte per sempre nei fuochi di un vero inferno, ma che esse vengono temporaneamente bruciate nel fuoco autocreato dell'infelicit acceso vivendo erroneamente. Ma Ges insegn anche che questi individui materialisti, pur soffrendo temporaneamente nel fuoco autocreato dell'illusione, possono salvarsi con la buona compagnia, la meditazione, la lealt a un guru degno e la comunione con la Coscienza Cristica.

L'AMORE DI DIO "Se rimanete in me e le mie parole rimangono in voi, chiederete quel che vorrete e vi sar dato. In questo glorificato il Padre mio: che portiate molto frutto e diventiate miei discepoli. Come il Padre ha amato me, cos anch'io ho amato voi. Rimanete nel mio amore. Se osserverete i miei comandamenti, rimarrete nel mio amore, come io ho osservato i comandamenti del Padre mio e rimango nel suo amore. Questo vi ho detto perch la mia gioia dimori in voi e la vostra gioia sia piena". (Giovanni 15: 7-11). Ges promise ai discepoli che quando le loro coscienze sarebbero state in perfetta sintonia con la Coscienza Cristica e con le emanazioni creative della Vibrazione Cosmica, essi avrebbero potuto dimostrare il principio creativo, poich la volont umana sarebbe stata in sintonia con l'Intelligenza e l'Energia Cosmica. Ogni devoto di qualsiasi epoca che in sintonia con la Coscienza Cristica, e quindi manifesta saggezza, materializza la gloria e la saggezza della Coscienza Cosmica celata in tutta la creazione. Ges dichiar che i suoi veri discepoli erano quelli che avevano espanso le loro coscienze fino alla Coscienza Cristica; e che egli li amava con lo stesso amore divino, imparziale, incondizionato e immortale col quale il Padre Celeste amava lui, e che egli sentiva sempre dentro di s. Ges voleva essere sicuro che dopo il trapasso del suo corpo i discepoli avrebbero continuato ad essere consapevoli dell'amore divino che egli li aveva aiutati a sentire nei loro cuori. Poich sapeva che se un devoto avesse seguito le leggi di Dio, amandoLo come la gioia della meditazione, e amandoLo presente nei cuori di tutte le creature viventi (il 'prossimo' sono tutti quelli che uno incontra), egli avrebbe sempre sentito coscientemente l'infinito Amore Divino. Ges osserv il pi grande comandamento di suo Padre amandoLo con tutta la devozione del cuore, la concentrazione della mente e l'intuizione dell'anima, e ritirando tutta l'energia dai piaceri dei

sensi e focalizzandola su di Lui. Cos Ges e tutti i veri devoti rimangono eternamente nell'amore infinito, sempre-gioioso e sempre-nuovo del Signore. Le verit che Ges diede ai suoi discepoli, vibrandole in loro tramite lo Spirito Santo (o Vibrazione Cristica), furono donate perch la gioia sempre-nuova di Dio presente in lui potesse rimanere permanentemente con loro dopo che il suo corpo sarebbe stato dissolto nello Spirito. Egli desiderava che, tramite la comunione profonda possibile nella meditazione, essi trasmutassero la loro piccola gioia della meditazione nella gioia piena e assoluta dello Spirito. "Questo il mio comandamento: che vi amiate l'un l'altro, come io ho amato voi. Nessuno ha un amore pi grande di questo: dare la vita per i propri amici. Voi siete miei amici, se farete quel che vi comando. Non vi chiamo pi servi, perch il servo non sa quel che fa il suo padrone; ma vi ho chiamati amici, perch tutto ci che ho udito dal Padre ve l'ho fatto conoscere. Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi, e vi ho costituiti perch andiate e portiate frutto, e il vostro frutto rimanga; perch tutto quello che chiederete al Padre nel nome mio, ve lo conceder". (Giovanni 15: 12-16). Non si pu esprimere amore pi grande del sacrificio della vita per il bene supremo dei propri amici, soprattutto quando grazie al potere onnipotente dell'inebriante amore divino uno pu far sentire il proprio affetto profondo per gli altri. Tutti quelli che per la trasparente purezza di mente e cuore possono ricevere la luce imparziale dell'amore di Dio, sono veri figli di Dio, Ges sapeva che quando qualcuno dei discepoli avrebbe potuto sentire l'amore di Dio in tutto, la sua coscienza sarebbe stata trasmutata in Coscienza Cristica. Perci disse che avrebbe chiamato amici tutti coloro che avrebbero manifestato la Coscienza Cristica, accettandoli sulla base dell'uguaglianza divina e dell'uguale autorealizzazione poich la Coscienza Cristica in lui era la stessa di quella manifestata in tutte le anime illuminate. Egli disse che d'allora in poi non avrebbe pi considerato i discepoli avanzati come 'servi' - quelli che servono il Maestro, ma non conoscono le vie del Maestro (la Coscienza Cristica, il Signore della creazione) - ma come 'amici divini' che condividevano con lui la conoscenza della Coscienza Cristica. E a tutti quelli che erano in sintonia con lui, trasmise le vibrazioni di saggezza che riceveva dalla Coscienza Cosmica. Le parentele di sangue vengono imposte all'individuo, mentre gli amici generalmente si scelgono per amore reciproco . I tipi d'amore paterno, materno, coniugale e filiale sono parzialmente motivati da obblighi istintivi e, come tali, sono imperfetti. Ma l'amore tra amici, che si sviluppa dalla spontanea attrazione reciproca dei cuori, generalmente basato sull'altruismo ed privo di costrizioni; perci pi perfetto. E incoraggiante sentire che Ges chiamava i suoi discepoli non servi o inferiori, ma amici. Il regno divino pieno di persone che hanno un'uguale realizzazione di Dio e, quindi, un uguale felicit. Mentre il regno della terra ornato con le illusioni delle disuguaglianze, e pieno di gelosie, difficolt e insoddisfazioni. Tutti i Maestri Sono Uguali Tutti gli uomini che hanno ottenuto la completa illuminazione, o autorealizzazione, sono uguali agli occhi di Dio e ugualmente

onorati nel regno divino, malgrado i discepoli ignoranti pensino che alcuni maestri siano pi grandi di altri. (Naturalmente c' differenza nel grado d'autorealizzazione dei devoti, ma non appena raggiungono lo stato finale della Coscienza Cosmica sono tutti uguali). I profeti completamente liberati appartenenti a differenti religioni non possono essere giudicati secondo le loro diverse espressioni d'autorealizzazione, poich possiedono la stessa saggezza e Coscienza Divina. I veri profeti lavorano, silenziosamente o esternamente, per accrescere il numero dei devoti cristici sulla terra. Ges ammaestr molti discepoli che infine ebbero la sua stessa perfetta autorealizzazione. Ecco perch stato detto che a tutti quelli che l'hanno ricevuto, ha dato il potere di diventare figli di Dio. Il Loro Guru Divino Quindi Ges disse che non erano stati i discepoli a scegliere lui, ma che in risposta alle loro preghiere di molte vite, e alla volont del Padre Celeste, era stata scelta la sua particolare incarnazione della Coscienza Cristica perch li guidasse lungo il sentiero spirituale e li saturasse con l'ardore divino grazie al quale sarebbero potuti andare nell'estasi profonda e manifestare quell'infallibile saggezza che sarebbe rimasta per sempre con loro. Essi non sapevano che Ges stava venendo per loro; ma egli venne volontariamente come guru-precettore mandato da Dio per amore della loro salvezza eterna. 'Amatevi l'Un l'Altro' "Questo vi comando: amatevi l'un l'altro. Se il mondo vi odia, sappiate che prima di voi ha odiato me. Se foste del mondo, il mondo amerebbe ci ch' suo; poich invece non siete del mondo, ma io vi ho scelti dal mondo, per questo il mondo vi odia. Ricordatevi della parola che vi ho detto: Un servo non pi grande del suo padrone. Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi; se hanno osservato la mia parola, osserveranno anche la vostra. Ma tutto questo vi faranno a causa del mio nome, perch non conoscono colui che mi ha mandato. Se non fossi venuto e non avessi parlato loro, non avrebbero alcun peccato; ma ora non hanno scusa per il loro peccato. Chi odia me, odia anche il Padre mio. Se non avessi fatto in mezzo a loro opere che nessun altro ha mai fatto, non avrebbero alcun peccato ora invece hanno visto e hanno odiato me e il Padre mio. Ma questo perch s'adempisse la parola scritta nella loro Legge: Mi hanno odiato senza ragione". (Giovanni 15: 17-25). Quando comand ai discepoli di amarsi l'un l'altro con il suo onniliberante amore divino, Ges li ammon che se le persone mondane li odiavano per la loro spiritualit, essi dovevano realizzare che tali persone avevano odiato Ges e la Verit molto tempo prima che odiassero i suoi seguaci. Se i discepoli fossero stati mondani e materialisti, gli uomini del mondo li avrebbero amati come loro parenti, ma siccome non erano del mondo e Ges aveva scelto di guidarli fuori della mondanit, egli profetizz che essi sarebbero stati odiati proprio perch erano differenti. Poi ricord loro una lezione precedente: il discepolo non pi grande del maestro; e disse che poich gli uomini del mondo avevano perseguitato lui, il maestro, avrebbero perseguitato anche i

suoi discepoli. Mentre le persone che nelle loro vite praticavano gli insegnamenti di Ges avrebbero seguito anche il consiglio spirituale dei discepoli, gli altri li avrebbero perseguitati per aver manifestato la sua beatitudine e le sue vibrazioni cristiche, poich non sapevano che la coscienza in lui era il riflesso della Coscienza Cosmica. Quindi egli tocc un punto che da allora ha causato molte discussioni teologiche ed stato spesso grossolanamente male interpretato. Egli disse che se la Coscienza Cristica in lui non fosse stata manifestata al mondo con il suo parlare apertamente del Padre Cosmico, allora la gente che non credeva in Dio non sarebbe stata accusata del peccato d'averLo ignorato deliberatamente dopo aver visto i Suoi miracoli dimostrati tramite le azioni di Ges. Ma dopo aver udito le sue parole e aver veduto le sue dimostrazioni di guarigione, il suo risuscitare i morti, e la sua stessa risurrezione per grazia di Dio - Ges dichiar - in avvenire la gente del mondo non avrebbe avuto scuse per nascondere dietro il velo dell'ignoranza la propria indifferenza e incredulit nei confronti di Dio. In altre parole, prima della manifestazione di Dio in Ges molte persone usavano la scusa che non credevano in Dio perch non sapevano nulla di Lui o non avevano alcun segno della Sua esistenza. Ma da quando l'invisibile, silente e onnipotente Dio ha mostrato chiaramente - in maniera precisa e abbondante, tramite Ges e la sua vita - la Sua esistenza, santit, potenza e amore, e i comandamenti per autodisciplinarsi, la gente non ha pi avuto ulteriori scuse per non credere in Dio e non seguire il sentiero spirituale, n per essere cos assorta nel ricevere e godere i doni di Dio da dimenticare completamente la Sua esistenza e i doveri verso di Lui. D'allora in poi non ci pu essere scusa per dimenticarLo col pretesto che troppo elusivo, misterioso, irrealizzabile, nascosto o, forse, inesistente. Prova di Dio Ges sentiva che coloro che odiavano le dimostrazioni dell'esistenza e della potenza divina mostrate mediante la sua vita, odiavano anche la Coscienza Cosmica che l'aveva mandato sulla terra per proclamare la presenza di Dio in maniera potente, ma umile. Egli sapeva che con la sua risurrezione sarebbe stato rivelato l'onnipotente potere di Dio, e con la sua crocifissione sarebbe stata rivelata l'umilt di Dio, che vuole insegnare ai Suoi figli ribelli e ignoranti soltanto con l'amore. Se Ges non avesse fatto dei miracoli divini per glorificare l'esistenza, la potenza e l'amore di Dio come nessun uomo comune ha fatto mai, allora i miscredenti non potrebbero essere accusati d'ignorare deliberatamente Dio - cosa che il pi grande peccato umano, che porta invariabilmente con se tutte le forme di sofferenza fisica, mentale e spirituale. Poich un'anima nell'ignoranza deve soffrire per incarnazioni, causate dai desideri insoddisfatti, mentre la realizzazione di Dio soddisfa tutti i desideri del cuore umano e quindi libera l'anima. Perci perdere Dio vuol dire commettere il peccato di tenere l'anima prigioniera in un'infinit di reincarnazioni e sofferenze. Ma quando gli uomini del mondo videro la, manifestazione di Dio nella vita di Ges, odiarono Dio quando odiarono Ges. Generalmente le persone odiano un uomo per le sue malefatte, ma essi odiarono Ges senza alcun motivo. il fato dei profeti essere odiati senza motivo - eccetto che per la loro santit. Ges era odiato solo perch era buono, e non perch aveva commesso qualche brutta azione o aveva pronunciato qualche falsa parola che poteva aver provocato ragionevolmente l'odio degli uomini.

CHE COS' LO 'SPIRITO SANTO' O IL 'CONSOLATORE'? "Quando verr il Consolatore che io vi mander dal Padre, lo Spirito di verit che procede dal Padre, egli mi render testimonianza. E voi pure mi renderete testimonianza, perch siete stati con me fin dal principio". (Giovanni 15: 26-27). Ges disse: "Il Padre emana lo Spirito Santo, il grande Consolatore - dentro il quale c' la Coscienza Cristica. Nella meditazione profonda il grande Consolatore - la Beatitudine della Vibrazione Cosmica - vi si riveler come un'emanazione dalla mia Coscienza Cristica e dal Padre, o Coscienza Cosmica. Allora, col potere assolutamente convincente della verit e dell'intuizione, saprete che mediante la sua consolante beatitudine la Vibrazione Cosmica proclama la presenza della Coscienza Cristica dentro di s. In altre parole, quando sentirete il grande e gioioso contatto della Vibrazione Cosmica, percepirete che emana dalla Coscienza Cristica e dalla Coscienza Cosmica. "Quando il mio corpo se ne sar andato, la Coscienza Cristica in me vi mander la grande e consolante Vibrazione Cosmica, che porta in s la testimonianza della sua emanazione dalla Coscienza Cristica. Il devoto-discepolo far dapprima l'esperienza della Vibrazione Cosmica e della Beatitudine (l'Om o lo Spirito Santo); quindi far l'esperienza della presenza dell'Intelligenza Cristica (il Figlio) all'interno dello Spirito Santo; e infine percepir la presenza della Coscienza Cosmica (il Padre) dentro l'Intelligenza Cristica. "Le vostre anime saranno testimoni di queste eterne verit, perch come emanazioni della Coscienza Cristica in me sono state potenzialmente presenti nella mia Intelligenza Cristica fin dall'inizio della creazione finita, quando l'Infinito cominci le Sue emanazioni vibratorie". Queste parole trasmettono un grande messaggio di Ges Cristo a tutte le persone del mondo, ai suoi veri seguaci e credenti. Ges promise che dopo la sua morte avrebbe mandato il Consolatore. Ora sorge la domanda: Pu ogni cristiano dire veramente che Ges Cristo ha mantenuto la sua promessa manifestando coscientemente lo Spirito Santo nei credenti cristiani? Credere nello Spirito Santo e una cosa; ma l'effettivo contatto con lo Spirito Santo qualcos'altro! Mandando gli insegnamenti dell'Autorealizzazione in America il grande Yogavatar Lahiri Mahasaya ha dato al mondo l'effettiva tecnica del vero contatto con lo Spirito Santo: la Vibrazione e il Suono Cosmico udito in meditazione nello stato elevato di beatitudine e consolazione divina. L'Effettiva Tecnica Ogni studente dell'Autorealizzazione che ha praticato la tecnica scientifica sa di contattare lo Spirito Santo come un Suono Cosmico onnipervadente accompagnato da un'indescrivibile consolazione spirituale. Coloro che hanno orecchie spirituali per ascoltare, ascoltino che la promessa di Ges Cristo - di mandare lo Spirito Santo e il Consolatore - viene adempiuta oggi, dopo venti secoli di fraintendimenti. Con la pratica di una tecnica ben definita, i sinceri studenti dell'Autorealizzazione conoscono e contattano lo Spirito Santo e vengono riempiti dall'eterna ed elettrizzante beatitudine. Invero essi sono i veri 'credenti' in Ges Cristo! Nei secoli passati, anche grandi santi come San Francesco d'Assisi e

Santa Teresa d'Avila conobbero l'arte di contattare lo Spirito Santo, la Coscienza Cristica e la Coscienza Cosmica - la triplice Unit. Ges dice ripetutamente ai suoi discepoli di essere l'Intelligenza Cristica, e non un corpo fisico, e assicura loro che quando sentiranno la Vibrazione Cosmica dentro, sapranno con certezza che egli l'Intelligenza Cristica eternamente esistente in ogni fibra della Santa Vibrazione Cosmica. Ges dice ai discepoli che tutte le anime furono emanate dalla Coscienza Cristica all'inizio della creazione finita di mondi e pianeti. Perci l'uomo - come anima pura - dopo una lunga separazione apparente attraverso incarnazioni d'illusione, merita d'essere riunito con l'Intelligenza Cristica. Inoltre Ges spiega che tutte le anime, prima che l'illusione o maya le vincesse, sapevano che l'Intelligenza Cristica era la loro Sorgente. Perci tutte le anime che si liberano dall'illusione rendono testimonianza della loro inseparabile connessione con la Coscienza Cristica. 'Dal principio' significa dall'inizio della creazione delle cose finite. Nello Spirito non c' n inizio n fine. Le categorie di inizio e fine si applicano alle onde della creazione, che sorgono sul petto dell'Oceano Infinito e terminano pure in esso, quando la tempesta dell'illusione cosmica si ritira al comando sovrano di Dio.

CRISTO PREDICE LA SUA CROCIFISSIONE "Vi ho detto queste cose perch non vi scandalizziate. Vi cacceranno dalle sinagoghe; anzi, verr l'ora in cui chiunque vi uccider creder di rendere culto a Dio. E faranno ci, perch non hanno conosciuto n il Padre n me. Ma io vi ho detto queste cose perch, quando giunger la loro ora, ricordiate che ve ne ho parlato. Non ve le ho dette dal principio, perch ero con voi. Ora per vado da colui che mi ha mandato e nessuno di voi mi domanda: Dove vai? Anzi, perch vi ho detto queste cose, la tristezza ha riempito il vostro cuore. Ora io vi dico la verit: bene per voi che io me ne vada, perch se non me ne vado, non verr a voi il Consolatore; ma quando me ne sar andato, lo mander a voi. E quando verr, egli convincer il mondo riguardo al peccato, alla giustizia e al giudizio. Riguardo al peccato, perch non credono in me; riguardo alla giustizia, perch vado dal Padre e non mi vedrete pi; riguardo al giudizio, perch il principe di questo mondo stato giudicato. Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso. Quando per verr lo Spirito di verit, egli vi guider alla verit tutta intera, perch non parler da s, ma dir tutto ci che ascolta e vi annuncer le cose future. Egli mi glorificher, perch ricever del mio e ve l'annuncer. Tutto quello che il Padre ha mio; per questo ho detto che prender del mio e ve l'annuncer. Ancora un poco e non mi vedrete; un p ancora e mi vedrete, perch io vado al Padre". (Giovanni 16: 1-16). Ges disse: "Vi sto parlando del futuro, perch non vi offendiate con me per non avervi avvertiti. Subirete molte tribolazioni,

che proveranno la vostra forza spirituale. I vostri persecutori vi scacceranno dalle congregazioni ortodosse, e uccideranno perfino qualcuno di voi, miei discepoli! pensando con ci di stare servendo un Dio assetato di sangue! Quei capi religiosi sono accecati dall'ignoranza; non sanno nulla della saggezza della Coscienza Cosmica, o della Coscienza Cristica pienamente manifestata in me. Ho aspettato finora per parlarvi delle persecuzioni che v'aspettano perch fino a quando sono stato al vostro fianco la protezione di Dio stata sempre con voi, e non c'era motivo d'allarmarsi. "Ora per la Coscienza Cristica in me seguir la via interiore verso la Coscienza Cosmica dalla quale e venuta; la missione della mia incarnazione esterna quasi terminata. I vostri cuori sono naturalmente pieni di tristezza e paura. Tuttavia ho voluto parlarvi di questi violenti eventi futuri perch vi prepariate ad affrontarli con coraggio cristiano. Cercate il Padre Vi chiederete perch me ne vado, abbandonandovi apparentemente alla collera dei miei nemici. Il motivo che fin quando sarete attaccati solo al Figlio, non cercherete il Padre. Non voglio che pensiate a me come a un piccolo corpo fisico; dovete invece concentrarvi sul mio vasto corpo: l'intero cosmo che emana dalla Vibrazione Cosmica dello Spirito Santo. Il piccolo corpo che adesso attira la vostra attenzione se ne andr, e le vostre menti potranno ricevere l'Aum o lo Spirito Santo: l'elargitore della consolazione eterna. Mi Manifester Come Aum "Siccome il mio corpo fisico se ne sta andando, mi manifester dentro di voi nella mia Coscienza Cristica e Cosmica; la Vibrazione Aum scaccer ogni vostra tristezza e paura. Nello stato d'onniscienza che presto scender su di voi, capirete come operer la legge divina (del karma) per punire negli uomini il peccato che li ha fatti perseguitare me, e ha tramato per privare i miei discepoli della legittimit della mia presenza tra loro. Essi pensano di giudicarmi, non sapendo che la Coscienza Cristica in me il Giudice onnipresente di tutti gli uomini! "Ho ancora molte verit da rivelarvi, ma nell'attuale stato mortale delle vostre coscienze non riuscireste ad afferrarle. Tuttavia quando lo Spirito di Verit, o Spirito Santo, si manifester nelle vostre coscienze, Esso guider le vostre menti lontano dalle apparenze materiali. La Vibrazione Cosmica non parla da s, ma trasmette fedelmente le vibrazioni dell'Intelligenza Cristica presente in essa. Lo Spirito Santo vi istruir per mezzo di visioni e con la vostra intuizione, e vi riveler tutti i segreti del passato, del presente e del futuro. La Vibrazione Cosmica o lo Spirito Santo manifesta in pieno la saggezza e la gloria della Coscienza Cristica. Tutta la saggezza del Padre o Coscienza Cosmica, e presente anche nel Figlio o Coscienza Cristica. Perci ho detto che lo Spirito Santo vi trasmetter da me tutta la conoscenza che io, a mia volta, ho ricevuto dal Padre. "Ora sono con voi ma tra un p non vedrete pi il mio corpo che sar crocifisso. Ma poco dopo la crocifissione vedrete nuovamente il mio corpo risorto. Sia che appaia davanti a voi o che scompaia dalla vista mortale io sono eternamente vivente nel Padre, nella Coscienza Cosmica". Verit Meravigliose

In questo suo ultimo lungo discorso ai discepoli, Cristo rivel molte stupende verit metafisiche. Quando disse 'Vado da colui che mi ha mandato' voleva dire che il Figlio - o la Coscienza Cristica nella creazione - deve infine fondersi nel Padre, nella suprema Coscienza Cosmica. Ges avvert i discepoli che se l'avessero considerato solo come un corpo fisico, avrebbero sofferto molto quando quel corpo sarebbe stato portato via. Se essi si fossero concentrati solo sul suo piccolo corpo chiamato Ges, non avrebbero conosciuto il suo vasto corpo cosmico costituito d'innumerevoli cellule di stelle, atomi, forza vitale e ioni di tutte le vibrazioni. I discepoli che non fossero riusciti a comunicare con Ges come Spirito sarebbero rimasti senza guida dopo la morte del suo corpo. Mentre i discepoli che avevano realizzato Ges come Spirito avrebbero avuto in lui lo stesso Signore vivente per tutta l'eternit. Non Soggetto alla Morte Per questo Ges disse ai suoi discepoli di non pensare a lui come a un corpo soggetto alla morte, ma come allo Spirito eterno. Il suo corpo - disse - doveva essere eliminato, per poterli liberare dall'illusione che lui fosse un essere fisico. Solamente dopo la rimozione di quest'illusione i discepoli sarebbero riusciti a sintonizzarsi col suo vasto corpo fatto di Vibrazione Cosmica: il grande Spirito Santo Consolatore. Con le parole 'Quando verr, egli convincer il mondo riguardo al peccato', Ges voleva dire che attraverso l'onniscienza della Vibrazione Cosmica i suoi discepoli avrebbero fatto conoscere le cattive azioni di coloro che avevano perseguitato e condannato Ges opponendosi cos alla legge della giustizia. Ges chiama lo Spirito Santo 'Spirito di verit' perch l'essenza di tutte le leggi vibratorie manifestate nel cosmo. La Vibrazione Cosmica e il Potere Invisibile che attraverso variazioni di vibrazione materializza le forme esterne di tutte le cose create. Ges spiega che la Vibrazione Cosmica non pu dire nulla da s, ma manifesta fedelmente tutto ci che riceve dal maestro Intelligenza Cristica. In altre parole, le variazioni nella Vibrazione Cosmica sono create dall'Intelligenza Cristica in essa. La Vibrazione Cosmica non pu agire da se (perch completamente libera dal principio egoico), ed interamente guidata dall'Intelligenza Cristica. Per questo Ges dice che 'Non parler da se, ma dir tutto ci che ascolta'. 'Tutto Mio' Quando dice 'Tutto quello che il Padre ha mio', Ges vuol dire che tutti i devoti che tramite la meditazione profonda ottengono la Coscienza Cristica, ricevono inoltre tutta la saggezza e la potenza della Coscienza Cosmica. Ogni essere umano che rinuncia alla coscienza dell'io limitato, e s'identifica con la Coscienza Cosmica, reclamer come proprio possesso l'universo e tutte le cose che si trovano in esso. "Allora alcuni dei suoi discepoli si chiesero tra loro: 'Che cos' questo che ci dice: Ancora un poco e non mi vedrete, e un p ancora e mi vedrete; e questo: Perch vado al Padre?'. Dicevano perci: 'Cos' mai questo 'un poco' di cui parla? non comprendiamo quello che vuol dire'. Ges cap che volevano interrogarlo e disse loro: 'Vi domandate tra voi perch ho detto: Ancora un poco e non mi vedrete,

e un p ancora e mi vedrete? In verit, in verit vi dico: voi piangerete e vi rattristerete, ma il mondo si rallegrer. Voi sarete afflitti, ma la vostra afflizione si cambier in gioia. La donna, quando partorisce, afflitta, perch e giunta la sua ora, ma quando ha dato alla luce il bambino, non si ricorda pi dell'afflizione per la gioia che venuto al mondo un uomo. Cos anche voi, ora, siete nella tristezza; ma vi vedr di nuovo e il vostro cuore si rallegrer e nessuno vi potr togliere la vostra gioia. In quel giorno non mi domanderete pi nulla. In verit, in verit vi dico: Qualunque cosa chiederete al Padre nel mio nome, egli ve la dar. Finora non avete chiesto nulla nel mio nome. Chiedete ed otterrete, perch la vostra gioia sia piena. Queste cose ve l'ho dette in similitudini; ma verr l'ora in cui non vi parler pi in similitudini, ma vi mostrer apertamente il Padre. In quel giorno chiederete nel mio nome, e io non vi dico che pregher il Padre per voi: il Padre stesso vi ama, poich voi avete amato me, e avete creduto che io sono venuto da Dio. Sono uscito dal Padre e sono venuto nel mondo; ora lascio di nuovo il mondo, e vado al Padre'". (Giovanni 16: 17-28). La Gioia della Risurrezione Ges disse: "Vi state chiedendo cosa volevo dire? Invero, per la verit che gi vedo, vi dico che quando sar crocifisso voi piangerete e vi lamenterete, mentre il mondo malvagio si rallegrer. Ma il vostro dolore sar mutato in gioia, perch voi mi vedrete di nuovo in carne ed ossa dopo che risusciter per grazia del Padre Celeste. "Voi vi rattristerete, dandomi per morto; ma quale gioia proverete vedendomi risorto dalla morte! Come una donna e nel dolore durante il parto, ma dimentica ogni afflizione quando vede la nuova creatura venuta al mondo, cos tutti i miei discepoli saranno afflitti dal dolore finch non vedranno il miracolo del mio corpo risuscitato, partorito dal travaglio della mia sofferenza fisica. Allora i vostri cuori gioiranno veramente! Il vostro dolore svanir presto, ma la vostra gioia eterna e irrevocabile! "Adesso vi domandate tra voi, ma presto, nella vostra onniscienza, non chiederete nulla; qualsiasi conoscenza vorrete, vi sar data dalla Coscienza Cosmica - mediante la Vibrazione Cosmica e la Coscienza Cristica in essa. Finora non avete sentito la Vibrazione Cosmica, e pertanto non avete chiesto nulla; ma nello stato di Coscienza Cosmica riceverete ogni conoscenza, e conoscerete la pienezza della gioia dello Spirito. Finora ho dovuto ammaestrarvi con parole e similitudini, ma verr presto il tempo in cui tutta la saggezza del Padre si manifester chiaramente nelle vostre coscienze. Il Consolatore "Quando verr il Consolatore, voi pregherete nel mio nome, ed io vi dico che pregher il Padre di manifestarSi dentro di voi. Lo stesso Padre vi ama, poich voi avete sentito l'amore universale della Coscienza Cristica in me e siete convinti che la mia Coscienza

Cristica venuta dalla Coscienza Cosmica. Sono stato manifestato dal Padre Cosmico e ora sono nel mondo; ma presto lascer il mondo e sar riassorbito di nuovo nel Padre Cosmico". "Gli dissero i discepoli: 'Ecco, adesso parli chiaramente e non fai pi uso di similitudini. Ora conosciamo che sai tutto e non hai bisogno che alcuno t'interroghi. Per questo crediamo che sei uscito da Dio'. Rispose loro Ges: 'Adesso credete? Ecco verr l'ora, anzi gi venuta, in cui vi disperderete ciascuno per conto proprio e mi lascerete solo; ma io non sono solo, perch il Padre con me. Vi ho detto queste cose perch abbiate pace in me. Nel mondo voi avrete tribolazioni, ma abbiate fiducia: Io ho vinto il mondo!'". (Giovanni 16: 29-33). Ges disse: "E venuta l'ora nel dramma della mia vita quando, a causa dell'illusione satanica, voi sarete dispersi e ciascuno penser egoisticamente a se stesso, e mi lascerete solo a soffrire. Tuttavia io non sono mai solo, perch la Coscienza Cosmica sempre manifesta nella mia Coscienza Cristica. Vi ho detto queste cose affinch troviate pace contattando la Coscienza Cristica presente dentro di voi e dentro di me. In questo mondo voi conoscerete le persecuzioni, ma non scoraggiatevi! Dopo avrete la gioia eterna. Io ho ottenuto la gioia eterna vincendo tutti i piaceri temporanei nati dai desideri mondani". Ges chiese ai discepoli di non scoraggiarsi, perch anche se all'inizio avrebbero incontrato la persecuzione fisica, dopo avrebbero meritato la vita eterna della percezione celeste. Ges espresse la verit che le gioie che si provano dopo un grande dolore sono doppiamente benvenute, e che quindi i discepoli si sarebbero rallegrati oltre misura quando egli sarebbe risuscitato dopo essere stato considerato morto. Quando disse 'Chiedete al Padre nel mio nome', Ges voleva dire che tutti i devoti che desiderano che le loro preghiere siano esaudite devono per prima cosa imparare a comunicare - tramite la meditazione profonda - con la Vibrazione Cosmica e la Coscienza Cristica in essa. 'Non Pi in Similitudini' Quando disse 'Non vi parler pi in similitudini, ma vi mostrer apertamente il Padre', Ges diede a tutti i ricercatori divini la grande certezza che quelli che cercano incessantemente Dio alla fine comunicheranno coscientemente con Lui e Lo incontreranno faccia a faccia. Allora la mente del devoto non giocher pi a nascondino con Dio nel labirinto ('similitudini') dei dubbi. Ges ci assicura che Dio reale e pu essere contattato senza rimanere pi nascosto dietro lo schermo di mistero e di simbolismo mistico delle Scritture. La chiara certezza data da Cristo - che possibile contattare il Padre Celeste - dovrebbe ispirare ogni ricercatore spirituale a raddoppiare i propri sforzi e il proprio entusiasmo per realizzare Dio, nascosto dietro il velo dei dubbi intellettuali. Quando disse 'Io ho vinto il mondo', Ges voleva dire che vincendo il desiderio per i piccoli piaceri temporanei della terra, egli aveva sviluppato il gusto per l'indeperibile beatitudine della Coscienza Divina ed era riuscito a conquistare quella gioia per sempre.

ERA GIUDA 'DESTINATO' A TRADIRE GES? IL LIBERO ARBITRIO

"Cos parlo Ges. Quindi, alzati gli occhi al cielo, disse: 'Padre, giunta l'ora, glorifica il Figlio tuo, perch il Figlio glorifichi te. Poich tu gli hai dato potere sopra ogni essere umano, perch egli dia la vita eterna a tutti coloro che gli hai dato. questa e la vita eterna: che conoscano te, l'unico vero Dio, e colui che hai mandato, Ges Cristo. Io ti ho glorificato sulla terra, compiendo l'opera che mi hai dato da fare. E ora, Padre, glorificami davanti a te, con quella gloria che avevo presso di te prima che il mondo fosse. Ho manifestato il tuo nome agli uomini che mi hai dato dal mondo. Erano tuoi e li hai dati a me, ed essi hanno osservato la tua parola. Ora essi sanno che tutte le cose che mi hai dato vengono da te, perch le parole che tu mi hai dato le ho date a loro; ed essi le hanno accolte e sanno veramente che sono uscito da te, e hanno creduto che tu mi hai mandato. Io prego per loro; non prego per il mondo, ma per coloro che mi hai dato, perch sono tuoi. Tutte le cose mie sono tue e tutte le cose tue sono mie, e io sono glorificato in loro. Io non sono pi nel mondo; essi invece sono nel mondo, e io vengo a te. Padre santo, custodisci nel tuo nome coloro che mi hai dato, perch siano una cosa sola, come noi. Quand'ero con loro, conservavo nel tuo nome coloro che mi hai dato e li ho custoditi; e nessuno di loro s' perduto, tranne il figlio della perdizione, perch s'adempisse la Scrittura. Ma ora io vengo a te; e dico queste cose nel mondo, perch abbiano la pienezza della mia gioia in se stessi. Io ho dato a loro la tua parola, e il mondo li ha odiati perch non sono del mondo, come io non sono del mondo. Non chiedo che tu li tolga dal mondo, ma che li custodisca dal male. Essi non sono del mondo. Come neppur io sono del mondo. Santificali nella verit. La tua parola e verit. Come tu mi hai mandato nel mondo, anch'io li ho mandati nel mondo; e per loro io consacro me stesso, perch anch'essi siano consacrati nella verit. N prego solo per questi, ma anche per quelli che per la loro parola crederanno in me; perch siano tutti una cosa sola. Come tu, Padre, sei in me e io in te, siano anch'essi una sola cosa in noi, perch il mondo creda che tu mi hai mandato. E la gloria che tu mi hai dato, io l'ho data a loro, perch siano come noi una cosa sola. Io in loro e tu in me, perch siano perfetti nell'unit, e il mondo sappia che tu mi hai mandato e li hai amati come hai amato me. Padre, voglio che anche quelli che mi hai dato siano con me dove sono io, perch contemplino la gloria che mi hai dato; poich tu mi hai amato prima della creazione del mondo. Padre giusto, il mondo non ti ha conosciuto, ma io ti ho conosciuto; questi sanno che tu mi hai mandato. E ho fatto conoscere loro il tuo nome e lo far conoscere,

perch l'amore col quale mi hai amato sia in essi, ed io in loro'". (Giovanni 17: 1-26). Ges disse: "O Padre, mediante la Tua Coscienza Cosmica mi stai dicendo che giunta l'ora della mia prova. Glorifica Tuo figlio con potenza, perch egli glorifichi felicemente la Tua potenza e presenza al mondo. O Coscienza Celeste, poich hai dato a Tuo figlio (la Coscienza Cristica riflessa) potere su tutti gli esseri umani e la materia, benedicilo affinch con la Tua grazia possa dare la vita eterna ai discepoli mandatigli da Te. "E questa la vita eterna che voglio per i miei discepoli: che tramite la meditazione e la preghiera possano raggiungere l'unione con il loro guru-precettore Ges, lo Spirito Santo, la Coscienza Cristica che gli sta dietro, e la Coscienza Cosmica che esiste al di l di tutti loro. Con la Coscienza Cristica in me, ho proclamato tangibilmente e chiaramente la Tua gloria nascosta alle persone dubbiose della terra. Padre Celeste, io ho compiuto l'opera che mi hai affidato per la redenzione dei Tuoi veri amanti. Lo Spirito Assoluto "E ora, Padre, carica la mia Coscienza Cristica col potere illimitato della Tua Coscienza Cosmica. Unisci completamente la mia Coscienza Cristica alla Tua Coscienza Cosmica, com'era in origine prima che il cosmo e la Coscienza Cristica in esso fossero separati e proiettati fuori da Te. Distruggi le limitazioni della separazione dissolvendo la mia Coscienza Cristica nella Tua Coscienza Cosmica". Qui Ges fa riferimento allo Spirito Assoluto che esiste senza il cosmo. Lo Spirito e sempre-esistente, sempre-cosciente e sempre-nuova Beatitudine. Quando lo Spirito era, null'altro esisteva. Quando lo Spirito proiett fuori da S la creazione vibratoria, divenne tre: Dio Padre, o la Coscienza Cosmica che esiste al di l della creazione vibratoria; la Vibrazione Cosmica o Spirito Santo; e l'Intelligenza Cristica che agisce dentro e attraverso Aum o lo Spirito Santo. Essendo separate da Dio, la Vibrazione Cosmica e la Coscienza Cristica in essa vennero limitate nella loro potenza; per questo Ges disse; 'Padre, glorificami davanti a te con quella gloria che avevo presso di te prima che il mondo fosse'. 'Gloria' si riferisce al Potere Cosmico. 'Prima che il mondo fosse' significa prima che la Vibrazione Cosmica e la Coscienza Cristica in essa fossero proiettati fuori da Dio. Nelle suddette parole Ges prega per l'unit indivisa con lo Spirito; senza alcun tipo di limitazione. Qualsiasi separazione da Dio implica limitazione e l'operare dell'illusione. Per questo Ges preg che tutte le forme d'illusione si dissolvessero dalla sua coscienza, perch potesse sentire lo stesso potere che la sua anima sentiva prima che venisse proiettata e separata dal Padre Cosmico. Ges disse: "La Coscienza Cristica in me ha manifestato le Tue vibrazioni ai ricercatori spirituali scelti in mezzo alle persone del mondo, e che sono venuti a me in virt della Tua grazia e per la forza delle loro preghiere. Essi erano Tuoi devoti, e li hai mandati a me perch facessi conoscere loro la Tua volont tramite la mia tangibile forma umana. Padre Celeste, questi devoti si sono sintonizzati con la Vibrazione Cosmica e cos hanno messo in pratica nelle loro vite i Tuoi desideri. E ora questi discepoli sanno che tutto ci che viene dalla Coscienza Cristica deve prima venire dalla Tua Coscienza Cosmica; essi sanno che tutta la saggezza manifestata dalla mia Coscienza Cristica ha origine nella Tua Coscienza Cosmica. "La Coscienza Cristica in me ha insegnato a questi devoti come essere in sintonia, tramite la meditazione quotidiana, con le Vibrazioni Cosmiche ('parole') che Tu m'hai dato per continuare l'opera

della creazione. Ed espandendo le coppe delle loro coscienze, questi devoti hanno ricevuto l'oceano della Vibrazione Cosmica e hanno percepito in essa l'universale Coscienza Cristica, e pertanto hanno realizzato che la Coscienza Cristica in me e stata emanata dalla Tua Coscienza Cosmica. Cos i devoti sanno che io sono venuto da Te". 'Hanno Osservato la Tua Parola' Quando disse 'Hanno osservato la Tua parola', Ges voleva dire che sintonizzandosi con la Vibrazione Cosmica i devoti erano riusciti a percepire il volere e la saggezza di Dio, trasmessi dalla vibrazione dello Spirito Santo. Generalmente Dio non usa parole udibili, ma spesso trasmette la Sua vibrazione al devoto mediante il Suono Cosmico o lo Spirito Santo. San Giovanni disse che mediante il Suono Cosmico ebbe visioni e ricevette la saggezza cosmica: "Nel giorno del Signore fui rapito nello Spirito, e udii dietro a me una voce potente, come di tromba". 'Le parole che Tu mi hai dato le ho date a loro, ed essi le hanno accolte', significa che espandendo le loro coscienze e approfondendo la concentrazione i devoti sono riusciti ad afferrare le parole o la Vibrazione Cosmica che emana dalla Coscienza Cristica e dalla Coscienza Cosmica. Qui Ges sottolinea che ogni devoto deve imparare la tecnica per sintonizzarsi ogni giorno con la Vibrazione Cosmica. Egli disse: "Io prego in particolare per coloro che cercano veramente Te, e non per le persone del mondo che non hanno interesse a conoscerTi. Prego per la redenzione di coloro che Tu mi hai mandato perch li guidassi fino alla liberazione nel Tuo regno. Infatti per la loro consapevolezza di Te, tutti i sinceri devoti appartengono a Te. Tutti i devoti che appartengono a me appartengono a Te. Io ho sentito la gloria della Tua potenza manifestata attraverso i Tuoi veri devoti. "Ora il mio corpo e la Coscienza Cristica in esso andranno oltre la portata degli uomini; mentre questi ricercatori rimarranno nel mondo dell'illusione, senza l'ispirazione di poter vedere la Tua manifestazione in me. Perci io prego che in mia assenza Tu li aiuti. Padre Celeste, mantieni le Tue vibrazioni in questi discepoli, perch anch'essi siano una sola cosa con Te, come lo sono io". La Responsabilit di Ges Nelle suddette parole Ges si sent umanamente responsabile per i suoi discepoli durante la sua assenza. Egli sapeva che durante la sua lontananza Satana (qualsiasi cattiva tendenza acquisita) avrebbe cercato di distruggere la vita spirituale dei discepoli. Perci implor ripetutamente il Padre per loro: "Tu mi hai dato i discepoli, che appartengono a Te e a me, per questo durante la mia assenza devi proteggerli dall'influenza del male. Poich io voglio realizzare con successo i Tuoi desideri, aiutandoli a salvarsi esaurendo il loro karma". La Voce di Dio Ges chiese al Padre Santo di salvare i discepoli mediante il Suo nome, cio mediante la Vibrazione Cosmica che emana da Dio e che viene udita dai devoti in meditazione. Come un vero guru-precettore, Ges preg perch essi godessero della sua stessa comunione divina. Ges disse: "Quand'ero nel mondo con i discepoli; ho insegnato loro il metodo col quale sintonizzarsi con la Tua Vibrazione Cosmica. I discepoli che Tu mi hai mandato per essere ammaestrati

e liberati, li ho fatti vibrare con la Tua Coscienza; e nessuno di loro s' perso nel male, tranne colui (Giuda) che s' fatto figlio o alleato di Satana (l'illusione cosmica). E questo ci che predissero le Scritture, visualizzando intuitivamente nel lontano passato la legge di causa ed effetto. Ora venuto il tempo in cui la Coscienza Cristica dentro di me si riunir con la Coscienza Cosmica dentro di Te. E dico queste cose al mondo perch i discepoli possano manifestare in loro la gioia infinita dello Spirito e contemplare la Sua gloria". Quando Ges parlo di Giuda come del 'figlio della perdizione', voleva dire che Giuda s'alle volontariamente con Satana, e lasci il sentiero di Dio per quello dell'illusione. Dicendo 'Perch s'adempisse la Scrittura', Ges non voleva dire che Giuda era stato scelto dal cielo perch lo tradisse, ma che mediante la loro visione telescopica spirituale i profeti avevano potuto vedere nel distante futuro e osservare le leggi matematiche del karma che avrebbero regolato le vite di Ges e di Giuda; e cos avevano potuto predire il tradimento di Giuda. Come un dottore, osservando la costituzione di un bambino, pu predire se a quarant'anni questi sar forte o debole, cos grazie alla visione interiore i profeti possono predire l'esatta influenza che il potere del libero arbitrio e gli effetti delle azioni gi compiute avranno sugli uomini per molte incarnazioni. Tuttavia le profezie sono condizionate da determinate circostanze; gli eventi karmici possono essere cambiati dall'uso straordinario del libero arbitrio e dal potere della concentrazione yoga. Ges Ammon Giuda Per esempio, quando Ges disse chiaramente a Giuda che lui s'apprestava a tradirlo, esercitando il libero arbitrio e con l'aiuto della preghiera Giuda avrebbe potuto liberarsi da quel tradimento. Ges non menzion il tradimento per torturare Giuda, ma per ammonirlo contro la cattiva azione che stava progettando. Grazie alla sua onniscienza Ges conosceva la natura interiore di Giuda, e tutto il karma delle sue incarnazioni passate, e le predizioni dei profeti; perci l'ammon con amore. Ges aveva detto: 'Guai a colui che tradisce il Figlio dell'uomo' e con ci voleva dire a Giuda che scegliendo di tradirlo avrebbe attirato su di s molta sofferenza. Ma Giuda era talmente inebriato dall'illusione che non prest attenzione all'ammonimento, e continu l'opera di tradimento. Cos vediamo chiaramente che ognuno l'artefice del proprio destino ed libero d'agire come vuole. Il pi grande maestro non pu influenzare il libero arbitrio di un individuo, e salvarlo, se questi non desidera usare il proprio libero arbitrio per salvarsi. N Cristo n Satana possono influenzare un individuo a meno che questi non decide d'essere influenzato. Per il grande male accumulato nelle vite passate, Giuda era insensibile alla santa influenza di Ges, e perci lo trad; ma in seguito si pent e scont parte del suo cattivo karma impiccandosi. Non si deve per dedurre che l'impiccagione aiut Giuda a liberarsi dal peccato d'aver tradito Ges, ma la sua autodistruzione prov che s'era pentito. Il Peccato del Suicidio Il suicidio un crimine spirituale molto grave. Giuda avrebbe fatto molto meglio se avesse scelto di vivere e avesse meditato giorno e notte su Dio, neutralizzando con lo sviluppo spirituale gli effetti delle sue cattive azioni. Le persone deboli che vogliono

suicidarsi sperano scioccamente d'evitare d'addossarsi valorosamente il peso della vita, per liberarsi cos dal loro cattivo karma. Ogni uomo inquieto dovrebbe cercare d'esaurire pazientemente tutto il suo cattivo karma tramite la meditazione e la preghiera. Ges disse: "A causa del loro modo sbagliato di vivere le persone del mondo hanno odiato la saggezza che davo loro; mi ascoltavano solo con le orecchie e dimenticavano presto le mie parole. Ma i discepoli che hanno ricevuto e sentito la Tua saggezza, tramite la Vibrazione Cosmica sentita in meditazione, si sono sintonizzati con Te; essi non sono attaccati ai falsi piaceri del mondo, cos come io sono sopra le tentazioni del mondo illusorio. Io prego perch i discepoli siano protetti dalle tentazioni dell'illusione, mentre rimangono nel mondo per redimere gli altri con l'esempio delle loro vite. Non prego perch i discepoli per la propria salvezza siano tolti dal mondo, e siano cos impediti di salvare altre anime e proclamare la Tua gloria. Essendo spirituali, i discepoli non appartengono al dominio del mondo illusorio, come la Coscienza Cristica in me e al di sopra dell'illusione cosmica. "Padre Celeste, con la manifestazione della gioia concreta della Vibrazione Cosmica, o verit, purifica i desideri karmici passati dei discepoli da ogni simpatia nascosta per i fenomeni o i piaceri materiali transitori. Come la mia Coscienza Cristica e stata riflessa nel cosmo per guidarlo, cos Essa ha emanato nel mondo le anime e le forme dei discepoli e di tutti gli altri esseri. Per amore dei discepoli e per dar loro un vero esempio come Tuo rappresentante, io mi sono purificato di tutti i desideri terreni e del karma passato. Possano far questo anche i discepoli, contattando in meditazione la verit o lo Spirito Santo". Ges Diede l'Esempio In questi passi i termini 'verit' e 'parola' indicano lo Spirito Santo o la Vibrazione Cosmica, che e la sola verit che sta alla base di tutti i mutevoli fenomeni vibratori. Ges vuol dire chiaramente che come la Coscienza Cristica stata emanata dalla Coscienza Cosmica, cos tutti gli esseri sono stati emanati dalla Coscienza Cristica. meraviglioso vedere che Ges voleva che i suoi discepoli si santificassero con la meditazione e seguendo la sua vita, ispirati dal suo esempio ideale. Ges non volle aiutare i discepoli con le parole, ma col suo esempio. "N prego solo per i discepoli, ma per i sinceri ricercatori di tutti i tempi - per quelli che saranno miei seguaci non solo nel nome, ma perch sentiranno la mia Coscienza Cristica 'per la loro parola', cio, tramite la Vibrazione Cosmica che questi altri sentiranno mediante i discepoli perfetti - perch grazie alla comune autorealizzazione tutti i devoti possano infine essere un sola cosa con la Tua Coscienza Cosmica. E come la Tua Coscienza Cosmica presente nella mia Coscienza Cristica, e viceversa, io prego che le anime dei veri devoti siano una cosa sola nelle Nostre Coscienze. Prego anche perch con l'esempio delle loro vite divine i devoti facciano realizzare all'empio mondo che la Tua Coscienza Cosmica stata glorificata dalla Sua manifestazione in me. "E la potenza e la gloria che ho ricevuto da Te nella mia Coscienza Cristica, io la trasmetto ai miei discepoli, perch siano una sola cosa con Te, come lo siamo noi. La mia Coscienza Cristica manifestata nel devoto e la Tua Coscienza manifestata in me renderanno il discepolo perfetto. Io prego perch le persone del mondo sappiano che la Tua Coscienza Cosmica s' manifestata in me, e che Tu hai amato i discepoli e la gente del mondo in generale come hai amato me. "Padre Celeste, io prego perch anche i discepoli che Tu mi

hai mandato ottengano la Coscienza Cristica nella quale si dissolver la mia coscienza umana, perch possano contemplare la Tua gloria manifestata tramite me. Padre Celeste, io so che Tu hai amato la Coscienza Cristica in me prima che avesse inizio la creazione". L'Amore di Dio per Tutti gli Uomini Nelle suddette parole Ges spiega che non preg solo per i discepoli, ma anche per i sinceri ricercatori di tutte le generazioni. Inoltre chiarisce che i suoi veri seguaci non sarebbero stati tali solo nel nome, ma perch avrebbero contattato la Coscienza Cristica e la Vibrazione Cosmica che si sente in meditazione. Questi sono quelli che possono essere 'salvati'. Inoltre Ges preg per gli uomini di tutto il mondo, perch potessero realizzare che Dio li ama e ha manifestato il Suo amore divino mandando lui sulla terra. Quando disse 'Tu mi hai amato prima della creazione del mondo', Ges voleva dire che quando la Vibrazione Cosmica e la Coscienza Cristica furono emanate da Dio, il Suo amore era presente nella Coscienza Cristica anche prima che avesse luogo la creazione. Ges disse: "Giustissimo Padre Celeste, la gente del mondo non Ti ha contattato, ma la Coscienza Cristica in me conosce la Tua Coscienza, e questi miei discepoli sanno che Tu mi hai mandato e che io non sono venuto sulla terra per qualche motivo o bisogno personale. Ho manifestato la Tua vibrazione nei discepoli e proclamer sempre Te a tutti i ricercatori spirituali. Io prego perch l'amore inebriante, incondizionato e onnipotente col quale Tu hai amato me sia manifestato nei discepoli insieme alla mia Coscienza Cristica". Dio Soltanto! Con le parole 'Ho fatto conoscere loro il tuo nome, e lo far conoscere', Ges mostra chiaramente che un vero guru-precettore mandato da Dio in risposta alle preghiere dei sinceri devoti. Ed dovere di un vero guru-precettore far s che lo studente ami solo Dio. Il maestro egotista vuole che i suoi studenti lo adorino, ma il vero guru riceve la devozione dei suoi studenti solo per poterla dirigere a Dio soltanto!

GES NELL'ORA DELLA PROVA "E dopo aver cantato l'inno, andarono verso il monte degli Ulivi. Allora Ges disse loro: 'Voi tutti vi scandalizzerete per causa mia questa notte. Poich sta scritto: Percuoter il pastore e saranno disperse le pecore del gregge; ma dopo la mia risurrezione, vi preceder in Galilea'". (Matteo 26: 30-32). Tramite la sua intuizione divina Ges conosceva esattamente gli eventi che stavano per accadere nella sua vita e in quelle dei discepoli, in conformit alla legge delle azioni (karma) da loro compiute nelle vite passate; eventi che erano stati previsti e predetti nelle Scritture. Anche se Ges sapeva queste cose, nondimeno dentro di s stava sperimentando una grande lotta umana per vincere la prova. Ges non cerc d'interpretare con distacco ipocrita un dramma divinamente scritto; ma dovette lottare e soffrire per esprimere la verit del dramma divino. Per il fatto che Ges profetizz su certi avvenimenti della sua vita, non bisogna pensare che le vite degli uomini siano interamente predestinate. Ges predisse gli avvenimenti della sua vita, che erano gi stabiliti a causa di

certe azioni iniziate nel passato. Gli effetti delle azioni gi compiute sono pi o meno predestinati; tuttavia possono essere modificati dalla volont, dalla meditazione, dalla preghiera, dall'intercessione del proprio guru, e dalla grazia di Dio. Dio ha dato all'uomo il libero arbitrio per permettergli di fare ci che vuole: legarsi con l'illusione o liberarsi con la saggezza. Non mai predestinato quale anima sar salvata e quale sar gettata nell'illusione. Tramite il guru-precettore, Dio d la Sua grazia a quei ricercatori che hanno gi provato sinceramente a cercarLo e ad essere spirituali. I malvagi s'incatenano da soli alla terra con le loro cattive vibrazioni e i loro desideri sensuali, continuando a reincarnarsi in questo mondo finch non si redimeranno esaurendo il cattivo karma passato. Se le vite di Ges, dei discepoli e di tutti gli altri fossero state predestinate e stabilite da Dio prima della loro nascita sulla terra, allora non ci sarebbe alcun problema del male per il quale considerare l'uomo responsabile; allora gli esseri umani vivrebbero sulla terra come burattini. Se Dio avesse voluto che gli esseri umani fossero i Suoi burattini, non avrebbe mai dato loro il libero arbitrio con cui accettarLo o rifiutarLo, secondo il loro volere. La vita di Ges mostra che Dio desidera che tutti gli uomini usino la loro forza di volont, la concentrazione e il libero arbitrio per rinunciare alle tentazioni della carne e accettare la gioia dello Spirito che si sente in meditazione. Se Dio avesse predestinato tutto, l'uomo non si potrebbe ritenere responsabile delle sue cattive azioni; n le sue preghiere per diventare migliore potrebbero essere esaudite, se Dio l'avesse immutabilmente predestinato ad essere cattivo. "Allora Ges and con essi in un podere chiamato Getsemani, e disse ai suoi discepoli: 'Sedetevi qua, mentre io vado l a pregare'... E giunti in quel luogo, disse loro: 'Pregate per non cadere in tentazione'". (Matteo 26: 36; Luca 22: 40). "Pregate Dio di non fare cattivo uso dell'indipendenza datavi da Lui, preferendo essere tentati dall'illusione satanica invece d'ascoltare la vostra divina voce interiore". Con queste parole Ges voleva dire che ogni anima libera d'ascoltare sia la voce satanica della tentazione interiore, sia la voce divina di Dio che s'esprime tramite la coscienza. Ges ammon" i discepoli a rinforzare la loro volont col potere divino, perch essa non fosse governata e influenzata dall'illusione satanica. Ges us la parola 'tentazione' per indicare quello stato mentale quando un individuo viene inebriato da un dannoso impulso maligno, immaginando che dia la felicit, e diventa cos cieco da non riuscire a vedere in quali azioni sta il bene supremo e la vera felicit permanente. Quando disse 'Per non cadere in tentazione', Ges voleva dire che non l'impulso maligno o Satana che spinge la gente a cedere alla tentazione, ma che ciascun individuo libero di respingere la tentazione o di soccombere ad essa. Similmente, sta ad ogni persona rifiutare o accettare il consiglio che Dio d tramite la coscienza. N Dio n satana possono influenzare l'uomo se questi non vuole essere influenzato. Dio pi seducente della tentazione, e cerca d'influenzare la libera volont dell'uomo con la bellezza del bene, e con la saggezza, la felicit e il potere che c' in esso. Satana cerca d'influenzare la libera volont dell'uomo con la promessa della felicit dei sensi, che danno invariabilmente dolore invece che gioia. A volte Satana d alle sue vittime una piccola felicit dei sensi, seguita da molte sofferenze . "Poi s'allontan da loro quanto un tiro di sasso... Prese con s Pietro e i due figli di Zebedeo, e cominci a rattristarsi e ad essere mesto. Quindi confid loro: 'L'anima mia triste fino alla morte; restate qui e vegliate con me'". (Luca 22: 41; Matteo 26: 37-38). "La mia prova talmente dura che il mio cuore gravemente messo alla prova, ed io sono cos triste che non m'importerebbe se morissi. Rimanete qui con me, e pregate e vegliate internamente con gli occhi intuitivi della Coscienza Cristica

perch l'illusione satanica non entri in noi inosservata. Vigilate e uccidete a vista l'illusione con la spada della saggezza". Con queste parole Ges illustra ci di cui parl il grande yogi Patanjali nella filosofia yoga: che perfino grandi uomini d'autorealizzazione divina possono provare dell'illusione e un attaccamento temporaneo nel momento in cui la loro anima-uccello cerca di fuggire dalla gabbia corporea. Come un uccello vissuto a lungo in una gabbia si sente riluttante a lasciarla, anche quando la porta aperta, cos l'anima sente una temporanea avversione a lasciare la sua prigione corporea e a librarsi nella libert onnipresente. Come un uccello da tempo abituato a vivere in gabbia comincia ad amare la sua prigione preferendola alla libert nell'aria, cos un'anima ingabbiata nel corpo non ama lasciarlo al momento della morte. Uccello in Gabbia Quando un uccello ha vissuto a lungo nella gabbia, e quindi viene aperta la porticina, l'uccello potrebbe andar fuori e ritornare velocemente, pensando: "Mio Dio, perch dovrei vagare in un vasto territorio sconosciuto? Fammi tornare nella cara piccola gabbia". Allo stesso modo, l'anima da molto tempo imprigionata nel corpo non ama durante la meditazione o al momento della morte - volare nel luogo nat"o della sua onnipresenza, ma desidera ritornare nella piccola gabbia corporea e muoversi inquieto dentro la sua piccola prigione. L'amore dell'anima per la prigione corporea pu essere paragonato a quello dei prigionieri che vogliono ritornare in galera anche quando vengono liberati sulla parola. Cos Ges, malgrado tutta la sua saggezza e il suo autocontrollo, sent momentaneamente l'influenza dell'illusione e si rattrist per l'imminente prova della crocifissione, preferendo una rapida morte di tristezza piuttosto che una morte lenta sulla croce. Quando disse 'Vegliate con me', Ges voleva dire che i discepoli dovevano sintonizzarsi con la sua Coscienza Cristica, allontanando con ci l'illusione da lui e da loro. "Poi and un p innanzi, si gett a terra e preg che, se fosse possibile, passasse da lui quell'ora. E disse: 'Abb, Padre! Tutto possibile a te, allontana da me questo calice! Tuttavia non ci che io voglio, ma ci che tu vuoi'". (Marco 14: 35-36). Ges disse: "Abb, Padre Onnipotente, Tu puoi fare tutto e io - come Tuo figlio - sto pregando. Amato Padre, se possibile secondo le Tue leggi e se lo vuoi, rimuovi il calice di questa dura prova, cos amara da sperimentare per la mia coscienza. Tuttavia, malgrado il mio desiderio d'evitare questa terribile prova, non sia esaudita la mia volont, ma sia fatta la Tua volont sulla terra". In questi passi Ges preg molto teneramente il Padre trascendentale nascosto dietro le mura celesti dell'etere, come in una famiglia il figlio prediletto pregherebbe fiduciosamente suo padre. Ges preg come un bambino: "Padre Celeste, Tu puoi fare tutto. Allora perch non allontani da me il calice della crocifissione?". Ma mentre pregava perch gli fosse evitata la terribile prova e la tirannia dell'illusione cosmica, Ges realizz la sua piccola debolezza interiore e aggiunse subito: "Padre Celeste, non esaudire la mia volont, paurosa d'affrontare la prova, ma fa che si compia la Tua volont guidata dalla saggezza". Molte persone hanno interpretato male il detto di Cristo: 'Tuttavia sia fatta non la mia, ma la tua volont'. Dicendo questo Ges non voleva dire che l'uomo non deve usare il suo libero arbitrio, che gli stato dato da Dio per essere usato. La differenza tra un martello e un uomo questa, che il primo non ha volont propria e sta dove viene messo, mentre l'uomo ha il suo libero arbitrio, e quindi pu essere uno strumento volontario o involontario di Dio. Dio non vuole che l'uomo sia come un inerte martello che fa meccanicamente tutto ci che vuole Lui. Anzi Dio vuole che egli usi il suo libero arbitrio per realizzare i

Suoi piani sulla terra. Ges non consigli mai alla gente di non usare la propria volont. E fu solo quando s'accorse che la sua volont era influenzata dall'affliggente illusione che Ges preg: "Nonostante la mia volont erronea, si realizzi sulla terra la Tua volont guidata dalla saggezza e datrice di felicit". Ogni studente di metafisica deve ricordare che far guidare la propria volont dalla saggezza o da Dio un'unica e stessa cosa. La volont di Dio non autocratica o irragionevole, ma sempre guidata dalla saggezza. Perci guidare la propria volont con l'astratta saggezza interiore o con la volont di Dio guidata dalla saggezza un'unica e stessa cosa. Di fatto Ges trov la sua volont resa temporaneamente schiava dalla paura della prova sulla croce. Ma subito dopo si scosse dall'illusione e us il suo libero arbitrio per chiedere al Padre di guidare la sua volont solo con la volont divina guidata dalla saggezza. "Gli apparve quindi un angelo dal cielo per confortarlo. Ed essendo in agonia pregava ancora pi intensamente; e il suo sudore divent come gocce di sangue che cadevano a terra... Poi torn dai discepoli ma li trov addormentati e disse a Pietro: 'Non avete potuto vegliare con me neppure un'ora. Vegliate e pregate, per non cadere in tentazione: lo spirito pronto, ma la carne debole'". (Luca 22: 43-44; Matteo 26: 40-41). "Simone, stai dormendo? Che strano, non hai potuto raccogliere nemmeno per un'ora la tua forza di volont, per pregare e vegliare con gli occhi dell'intuizione contro la venuta dell'illusione satanica che vuole entrare nel tempio della mente! Veglia con gli occhi della tua saggezza interiore e prega con amore il Padre Celeste perch tu non faccia cattivo uso del libero arbitrio datoti da Dio, cedendo alle tentazioni e alla debolezza del corpo. Io vedo che il tuo spirito interiore e la tua inclinazione pi profonda vorrebbero seguire spontaneamente il sentiero della virt, vegliare con saggezza e pregare Dio con fede; per m'accorgo che le limitazioni fisiche del tuo corpo e l'abitudine fisica del sonno ostacolano la tua volont di meditare". Comprensione per Pietro Nelle suddette parole Ges espresse stupore che Pietro, per incapacit fisica, non pot rimanere sveglio neppure un'ora a vegliare con gli occhi della saggezza perch l'illusione non invadesse la fortezza dell'anima. Ges esort Pietro a scacciare coscientemente l'illusione; e quando vide che il discepolo voleva pregare, ma che a causa della caduca abitudine fisica il suo corpo continuava ad addormentarsi, egli mostr comprensione a Pietro dicendo: "Sono contento che il tuo spirito vuole pregare, anche se il tuo corpo non pu essere controllato perch abituato a dormire". Dicendo 'Lo spirito invero pronto, ma la carne debole', Ges mostr comprensione verso tutti gli aspiranti volenterosi, sapendo che molto meglio amare Dio e la virt, e fare lo sforzo interiore di pregare, anche se a causa dell'abitudine fisica il corpo diventa agitato o sonnolento. Questo stato migliore di quello in cui il corpo posato esternamente e ipocritamente per la meditazione e la preghiera, mentre la mente interiore vi si ribella. La ribellione del corpo e delle cattive abitudini contro il desiderio dell'anima di meditare non cos brutta come la ribellione della mente interiore contro la meditazione. L'avversione a meditare del corpo molto pi facile da rimuovere dell'avversione dello spirito interiore contro la meditazione. Le debolezze e le cattive abitudini fisiche compiute meccanicamente senza la volont dello spirito interiore colpiscono temporaneamente solo il corpo; e la buona volont dello spirito pu rimuovere quelle cattive abitudini fisiche. Ma quando l'anima riluttante a meditare e il corpo pretende ipocritamente di meditare, allora l'anima radicata nell'ignoranza. Naturalmente bisogna ricordare che quando la buona volont di fare qualcosa debole, e anche il corpo fisico e le sue abitudini sono deboli, questo stato molto pi dannoso di quello in cui lo

spirito pronto a fare qualcosa e solo la carne debole. "Poi s'allontan per la seconda volta, e preg dicendo: 'Padre mio, se non possibile che s'allontani da me questo calice senza che io lo beva, sia fatta la tua volont'". (Matteo 26: 42). Ges disse: "Padre, se il calice di questa prova non si pu allontanare da me senza che ne faccia l'esperienza, sia fatta per me la Tua volont guidata dalla saggezza, e non si realizzi la mia volont oppressa dalla persecuzione". "E quando ritorn, li trov di nuovo addormentati, perch i loro occhi erano stanchi. E lasciatili, and di nuovo a pregare per la terza volta, ripetendo le stesse parole. Quindi torn dai discepoli e disse loro. 'Dormite pure e riposatevi: ecco, l'ora vicina, e il Figlio dell'uomo sar consegnato nelle mani dei peccatori. Alzatevi, andiamo: ecco, s'avvicina colui che mi tradisce'". (Matteo 26: 43-46). Ges disse: "Poich i vostri corpi hanno bisogno di riposo, dormite ora. Quando, malgrado il sonno, avete pregato volentieri, ci sufficiente a compiacere Dio e a distruggere il cattivo karma. Ecco, s'avvicina il momento stabilito dalla legge cosmica quando il Figlio dell'uomo, cio il mio corpo fisico, sar consegnato con l'inganno nelle mani delle anime guidate e ingannate da Satana. Alzatevi, andiamo; ecco, gi qui Giuda, colui che consegner il mio corpo ai peccatori". Ges usava le parole 'Figlio dell'uomo' per indicare il suo corpo, che doveva essere consegnato ai peccatori perch fosse crocifisso. Ges non disse che il 'Figlio di Dio' sarebbe stato consegnato ai peccatori, perch l'anima invisibile - la Coscienza Cristica - essendo Spirito incorporeo, non poteva essere spostata da un punto all'altro dello spazio, n poteva essere crocifissa.

PERCH GES CHIAM GIUDA 'AMICO'? "Mentre ancora parlava, ecco arrivare Giuda, uno dei Dodici, e con lui una gran folla con spade e bastoni, mandata dai sommi sacerdoti e dagli anziani del popolo. Colui che lo tradiva aveva dato loro un segnale, dicendo: 'Quello che bacer, lui; arrestatelo!'. E subito s'avvicin a Ges e disse: 'Salve, Rabbi!'. E lo baci. E Ges gli disse: 'Amico, per questo sei qui!'". (Matteo 26: 47-50). Nelle suddette parole vediamo che Ges chiam Giuda 'amico' anche quando sapeva che non era il caso. Anche se sapeva che Giuda stava per consegnarlo nelle mani dei suoi pi crudeli nemici, Ges non pot fare a meno di vedere in lui Dio e di salutarlo con spirito amichevole. In genere quando una persona fa o parla male contro un'altra, ci produce un grande risentimento in quest'ultima. Ma sebbene Ges sapesse che stava per essere crocifisso a causa del tradimento di Giuda, tuttavia la calma, la cordialit, l'amore e tutte le altre qualit divine non lo lasciarono mai. evidente che Ges si considerava l'amico di tutti, malgrado gli altri si considerassero suoi nemici. Ges era amico con tutti e non poteva farci nulla se gli altri si sentivano ostili a lui. Nel pi gentile e pi patetico dei modi, e pieno di compassione divina, Ges disse: "Caro amico Giuda, giusto da parte tua consegnarmi nelle mani dei miei nemici con un gesto d'amicizia?". Non Inferiore Un altro motivo per cui Ges chiam Giuda 'amico' fu perch non voleva trattarlo da inferiore. Egli diede a Giuda il titolo d'amico per convincerlo che era uguale a lui, e libero di fare come voleva.

Ges parl del tradimento del Figlio dell'uomo perch, materialmente parlando, il corpo di Ges poteva essere tradito; ma la Coscienza Cristica in lui non poteva essere tradita o danneggiata da nessuno. Anzi, con la sua risurrezione, in seguito Ges prov che il suo perfetto grado d'autorealizzazione era sufficiente a dimostrare l'immortalit dello Spirito che aveva abitato il suo corpo. "Allora si fecero avanti, misero le mani addosso a Ges e l'arrestarono. Ed ecco, uno di quelli (Simon Pietro) che erano con Ges allung la mano e trasse fuori la spada, e colp" un servo del sommo sacerdote, e gli mozz un orecchio. Allora Ges gli disse: 'Riponi la tua spada al suo posto, perch tutti quelli che prendono la spada, periranno di spada. Pensi forse che non possa pregare il Padre mio, che mi darebbe subito pi di dodici legioni di angeli? Ma come dunque s'adempirebbero le Scritture, secondo le quali deve avvenire cos?'". (Matteo 26: 50-54). Ges disse: "Malgrado il terribile trattamento che sto ricevendo senza motivo dai miei nemici stia causando in te, Pietro, una giustissima indignazione, devi imparare a tollerare, anche se i miei nemici mi maltratteranno ancora nonostante la mia innocenza". Con queste parole Ges dimostr com'era grande, esortando i suoi discepoli a mantenere le loro qualit divine malgrado le dure prove. Come un agnello guarda con occhi fiduciosi il macellaio che sta per ucciderlo, cos Ges prov amorevolezza per Giuda, che stava per diventare lo strumento della sua morte. Per questo Ges lo chiam 'amico'. E nel momento della battaglia che ci fu quando lo presero, quando i discepoli erano furiosi e uno di loro (Simon Pietro) tagli l'orecchio di Malco, Ges non dimentic mai d'essere divino. E guar istantaneamente l'orecchio di Malco (come ci viene detto in Luca, 22: 51). molto strano che l'immediato potere curativo di Ges, e il suo amore rivolto anche a un nemico dolorante, non ammorbidissero i cuori crudeli e illusi di Malco e degli altri che videro il fatto, causando in loro un risveglio divino. Ges disse: "Riponi la tua spada nel fodero, perch tutti gli individui e le nazioni che usano la spada contro altri, agendo sotto l'influenza della collera, della sete di conquista, dell'egoismo nazionale, dell'avidit industriale o della vendetta, provocheranno l'uso delle spade contro s stessi. Quelli che vogliono uccidere altri saranno bersaglio di assalti omicidi. Io devo bere l'amaro calice della prova spirituale che mio Padre mi ha dato, ma non pensare che l'amato Padre mio non ascolterebbe la mia preghiera e mi lascerebbe indifeso; perch se Lo pregassi, mi manderebbe immediatamente pi di dodici legioni di angeli per proteggermi. Ma se lo facessi non s'adempirebbero le profezie della Scrittura circa la fruttificazione della legge del karma". Nelle suddette parole Ges profetizz alle persone e alle nazioni del mondo che chi crede nel potere delle spade alla fine perir di spada. I gangster moderni che sono sempre armati di pistole, e pronti a usarle, quasi invariabilmente prima o poi vengono uccisi da colpi d'arma da fuoco. Il tipo di guerra moderna prova in maniera decisiva che le guerre aggressive di conquista producono agli invasori perdite altrettanto dolorose quanto ai vinti. Secondo la natura umana, se qualcuno preso dalla collera o da qualsiasi altra cattiva influenza agita la spada contro il nemico, trover una spada tesa contro di s. L'odio suscita altro odio. Come un boomerang, un uomo sanguinario attira lo stesso tipo di vibrazione contro di s. Nazioni conquistatrici e aggressive, state attente, perch chi usa la spada perir di spada! L'Amore e la Spada Spesso la spada fa fallire lo scopo per cui viene usata, mentre l'amore usato

propriamente non manca mai di produrre il risultato desiderato. Ges disse ai discepoli che se voleva avrebbe potuto evitare la prova spirituale della crocifissione facendosi dare da Dio dodici legioni di angeli perch lo proteggessero, oppure avrebbe potuto smaterializzare il suo corpo (potere che di fatto aveva). Invece egli volle ubbidire alla legge di causa ed effetto che regola tutte le azioni umane (la legge del karma). Egli sapeva che i profeti avevano calcolato matematicamente la legge di causa ed effetto che regolava la sua vita e quella delle persone che lo perseguitavano, e cos avevano profetizzato nelle Scritture la sua crocifissione. Non bisogna mai pensare che Ges volle essere crocifisso solo perch il decreto divino era tale, e perch ne avevano parlato i profeti nelle Scritture. Piuttosto, con una forza di volont sovrumana egli volle conquistare tutte le debolezze e i tormenti della carne, e dimostrare il controllo della mente sul corpo. Ges sapeva che la sua stessa vita spirituale era una condanna dell'errata maniera di vivere dei farisei e dei sommi sacerdoti, e perci s'aspettava la morte sulla croce, una forma di punizione in voga ai suoi tempi. Se Ges fosse gi stato completamente divino, come Spirito non avrebbe potuto combattere alcuna battaglia mentale solo perch doveva affrontare la dura prova della crocifissione. Ma poich manifest la sua lotta umana, dicendo 'Padre, allontana da me questo calice; tuttavia sia fatta la Tua volont', ovvio che Ges era sia umano che divino, e che egli conquist la sua natura umana accrescendo la realizzazione della sua natura divina. Un Ges mandato da Dio sulla terra per recitare il dramma divino gi predestinato della crocifissione non potrebbe essere d'esempio per gli esseri umani fatti di carne e ossa e battaglie mentali. Non sarebbe stato niente per Ges come Spirito affrontare la crocifissione, mentre invece stato tanto che l'uomo spirituale Ges abbia conquistato il regno di Dio con la forza della sua volont e innalzandosi al di sopra della sua natura umana. Questo Ges pu infondere in tutti gli esseri umani la speranza che anch'essi realizzino ci che lui realizz come uomo divino. Ges intendeva dire d'essere abbastanza avanzato spiritualmente da poter distruggere la legge del karma che determinava la sua vita e la sua conseguente crocifissione facendosi dare dal Padre suo dodici legioni di angeli, ma che preferiva non infrangere la legge divina chiedendo privilegi speciali. Egli volle soffrire nelle mani della legge cosmica e delle ingiustizie sociali come, in circostanze simili, avrebbe sofferto un uomo comune. Ges voleva dire che aveva studiato la sua vita e il suo effetto sulle persone malvage che voleva correggere, e che s'apprestava a subire le conseguenze del suo coraggio divino. Egli volle dimostrare il potere dell'amore e la natura di Dio, fatta d'amore e perdono. Quando sulla croce disse 'Padre, perdona loro, perch non sanno quello che fanno', Ges dimostr al mondo la sua divinit; e sebbene fosse potente quasi quanto Dio, egli non volle usare alcun'altra forza all'infuori del potere dell'amore per conquistare la malvagit dei suoi fratelli umani. Bisogna ricordare nuovamente che le predizioni delle Scritture riguardanti la crocifissione di Ges non erano un decreto divino predestinato e inalterabile, ma solo una previsione intuitiva dei profeti circa la legge di causa ed effetto che avrebbe regolato la vita di Ges durante la sua incarnazione terrena. Se un uomo cerca di domare serpenti a sonagli, ha pari possibilit di successo o fallimento; similmente, cercando di riformare le velenose persone malvage, Ges aveva uguali possibilit di successo o di morte sulla croce. Mediante le predizioni delle Scritture e grazie alla propria visione, Ges realizz la natura della gente che voleva correggere e per lo pi s'aspettava che nel farlo sarebbe andato incontro alla crocifissione. E come una persona che cerca di domare serpenti pu eliminare la paura d'essere morso smettendo di domarli, cos Ges avrebbe potuto evitare facilmente la dura prova della crocifissione se si fosse contentato di vivere nel deserto e non si fosse preoccupato di correggere la gente. Se un uomo mangia troppo, pu soffrire d'indigestione e dolore allo stomaco; ma con la giusta eliminazione, la giusta dieta e il giusto esercizio pu eliminare il disturbo, oppure pu tenerselo e soffrire senza far nulla; similmente tutti gli effetti delle azioni possono essere pi o meno modificati. Poich Dio ha

dato all'uomo il libero arbitrio, nulla pu essere predestinato. L'uomo soffre per le cattive azioni fatte dopo aver usato il suo libero arbitrio per compierle, ma anche allora pu sempre modificare il risultato delle sue cattive azioni con un antidoto di buone azioni. Naturalmente, potrebbe pure essere che Dio avesse osservato l'elevazione spirituale di Ges nel corso di molte incarnazioni, ed essendo assai compiaciuto del suo progresso avesse scelto la prova spirituale della crocifissione per vedere se Ges fosse riuscito a conquistare la debolezza umana con l'amore divino. Dio avrebbe potuto ordinare la crocifissione di Ges per vedere se egli fosse riuscito a superare la pi grande prova a cui pu essere soggetta la carne, conseguendo cos la vittoria nello Spirito.

QUAL IL VERO SIGNIFICATO DEL MALE? "Allora Ges disse a coloro che gli eran venuti contro, sommi sacerdoti, ufficiali delle guardie del tempio e anziani: 'Siete usciti con spade e bastoni come contro un brigante? Ogni giorno ero con voi nel tempio, e non avete steso le mani contro di me; ma questa la vostra ora, e la potenza delle tenebre'". (Luca 22: 52-53). Nelle suddette parole Ges svergogn i suoi persecutori col suo coraggio e la sua innocenza, dicendo: "Perch avete sentito la necessita di armarvi per catturare questo umile individuo? Certamente non siete venuti a prendere un ladro. Perch non m'avete preso quando stavo in mezzo a voi nel tempio?". Ges disse questo per mostrare che 'l'ora del destino' era perfettamente determinata. In precedenza la forza del male era impotente contro di lui. Ges disse queste parole per comparare la potenza del bene con la potenza delle tenebre. Egli voleva dire che quando ag" sotto la potenza di Dio e del bene nel tempio fu libero e nessuno os toccarlo, mentre ora, in conformit con la legge cosmica, era venuto il tempo in cui Ges si sarebbe sottomesso alle prove spirituali della forza del male. La prova sulla croce fu causata ugualmente da Dio, da Satana e dalla legge del karma. Dio voleva che Ges predicasse impavidamente la verit, anche se ci gli sarebbe costato la vita. Il Padre Celeste voleva che Ges superasse la prova di realizzarsi come Spirito, come uno che ha ottenuto il dominio sulla carne. stato detto prima che dal punto di vista terreno la crocifissione fu causata dalle buone azioni di Ges che s'opponevano alle cattive azioni dei sommi sacerdoti e dei farisei. La legge del karma la legge di causa ed effetto che governa tutte le azioni; quindi anche Ges era governato da questa legge e affront volentieri le conseguenze delle sue buone azioni. E nel far questo fu saggio; perch sebbene temporaneamente sub" le torture della crocifissione per essersi opposto ai malfattori, ci nondimeno per il suo sacrificio spirituale sulla croce la stessa legge del karma lo ricompens col potere di risuscitare il suo corpo e d'ereditare la vita eterna. 'Satana', l'Intelligenza Cosmica Illusoria Satana, o l'intelligenza cosmica illusoria, poteva punire Ges solo in conformit con la legge del karma. E quando vide che con la tentazione dei piaceri dei sensi non era riuscito a volgere Ges contro Dio, Satana progett di punirlo mediante la collera causata nei sommi sacerdoti dall'esempio di vita virtuosa di Ges. Satana s'aspettava che sotto la prova della croce lo spirito di Ges crollasse e dimenticasse Dio, cadendo cos sotto il dominio dell'illusione a causa di una debolezza interiore. Nessun essere umano dotato di libero arbitrio pu venire costretto ad essere buono da Dio o cattivo da Satana. Ma quando un uomo permette al suo libero arbitrio di venire influenzato dai piaceri dei sensi o dall'odio e dalla lussuria creati nel corpo e nella mente da Satana, allora egli diventa uno

strumento del male. Mentre quando usa il suo libero arbitrio per essere influenzato dalle virt create da Dio della gioia divina della meditazione, dell'estasi, della felicit nel fare il bene, dell'amore divino e dell'autocontrollo, allora l'uomo diventa uno strumento di Dio. Ecco perch Ges mise chiaramente in contrasto i due periodi della sua vita: quello in cui predicava liberamente nel tempio sotto il potere di Dio e della Sua protezione, e l'altro in cui la potenza delle tenebre stava causando il suo arresto, che l'avrebbe condotto alla crocifissione. Pochissime persone capiscono i significati profondi celati nelle parole di Ges. Sebbene Satana riusc a fare uccidere Ges sulla croce, servendosi della legge del karma che governava la sua vita e le sue azioni, tuttavia alla fine Satana perse. Poich con la scala della crocifissione creata da Satana, Ges s'allontan da ogni illusione satanica e ascese a Dio. Il male un bene indiretto, in quanto induce la persona intelligente ad allontanarsi da esso. Il male fa fallire il suo scopo, poich offre ai suoi seguaci una piccola felicit al prezzo di una grande sofferenza. La forza maligna perde le sue vittime riflessive, perch non mantiene mai la promessa di dare felicit; al contrario d dolore col pretesto di dare felicit. Dando sofferenza ai suoi seguaci, alla fine il male li volge verso Dio, che solo pu dare la felicit permanente ai Suoi devoti. La virt legata a una sofferenza temporanea dovuta all'abnegazione e all'autocontrollo, tuttavia d presto la felicit eterna ai suoi devoti. In questi passi Ges ci dice che il male non ha potere sugli uomini, e che essi dovrebbero neutralizzare la sua influenza col potere superiore di Dio. sciocco ignorare e negare l'esistenza del male. il male e la sua opera d'infelicit nella creazione che ha prodotto l'antitesi dei profeti, delle preghiere, delle tecniche di meditazione, e delle sacre Scritture del mondo. Se non ci fosse stato il male non sarebbe stato necessario per gli uomini leggere le Scritture, pregare e adottare antidoti contro il male seguendo le leggi della disciplina spirituale. proprio perch esiste il male che dev'essere coltivato il bene. L'Esistenza del Male Quando un uomo ha gli occhi chiusi in una stanza luminosa, per lui esiste l'oscurit e non la luce; mentre altre persone con gli occhi aperti presenti nella stanza vedono solo la luce. Perci nella stanza esistono sia l'oscurit che la luce. L'uomo con gli occhi chiusi percepisce l'oscurit, e la gente con gli occhi aperti percepisce la luce. Se i suoi amici persuadessero l'uomo ad aprire gli occhi, allora lo convincerebbero che nella stanza esiste solo la luce. La stessa analogia valida in questa creazione. Coloro che hanno aperto l'occhio della saggezza vedono solamente la presenza di Dio, del bene e della bellezza. Ma coloro che hanno l'occhio della saggezza chiuso non possono fare a meno di vedere l'oscurit del male, l'odio, la gelosia, la lussuria e l'egoismo. Dio che aiuta le persone che cercano la saggezza a tenere gli occhi aperti e a vedere il bene in tutta la creazione. Mentre Satana che influenza il libero arbitrio degli individui che amano le tenebre a tenere chiusi gli occhi della saggezza e a vedere solo il male nel mondo. "'Ma tutto questo avvenuto perch s'adempissero le Scritture dei profeti'. Allora tutti i discepoli, abbandonatolo, fuggirono". (Matteo 26: 56). "Allora il distaccamento e il comandante e le guardie dei Giudei afferrarono Ges, lo legarono e lo condussero prima da Anna: perch era suocero di Caifa, che era sommo sacerdote quell'anno. Ora Caifa era quello che aveva consigliato ai Giudei: ' meglio che un uomo solo muoia per il popolo'. Intanto Simon Pietro seguiva Ges insieme a un altro discepolo. Questo discepolo era conosciuto dal sommo sacerdote e perci entr con Ges nel cortile del sommo sacerdote; Pietro invece rest fuori, vicino alla porta. Allora l'altro discepolo noto al sommo sacerdote torn fuori, parl alla portinaia e fece entrare anche Pietro... Allora il sommo sacerdote interrog Ges sui suoi discepoli e la sua dottrina.

Ges gli sinagoga nulla in ho detto 12-21).

rispose: 'Io ho parlato al mondo apertamente; ho sempre insegnato nella e nel tempio, dove si riuniscono tutti i Giudei, e non ho mai detto segreto. Perch interroghi me? Interroga quelli che hanno udito ci che loro; ecco, essi sanno che cosa ho detto'". (Giovanni 18:

Poich solo il male ha bisogno di nascondersi, Ges sostenne d'aver insegnato apertamente le verit che considerava elevanti per l'umanit. Ges prefer" che il sommo sacerdote ricevesse testimonianza sui suoi buoni insegnamenti da coloro che l'avevano ascoltato, piuttosto che direttamente da lui. Ges sapeva d'aver insegnato solo bene, e che anche coloro che l'avevano ascoltato sapevano che i suoi insegnamenti erano interamente benefici. Naturalmente Ges era triste che tutti i suoi discepoli l'avevano abbandonato nell'ora della prova. Egli volle vedere se qualcuno avrebbe preso le sue difese e spiegato al sommo sacerdote la bont dei suoi insegnamenti; per questo disse: 'Interroga quelli che hanno udito'. Naturalmente Ges non voleva dire di non aver mai insegnato nulla in segreto ai suoi discepoli, ma voleva dire di non aver mai fatto o detto del male in segreto, n d'aver cospirato contro le leggi del paese. Inoltre voleva dire che i suoi insegnamenti elargitori di vita, essendo buoni, erano stati dati apertamente al mondo. Anche se tutti i discepoli l'abbandonarono nell'ora della prova, e Pietro lo rinneg tre volte, mentre Giuda l'aveva tradito, la maggior parte di loro espiarono i loro peccati contro Ges quando si pentirono e realizzarono tutto ci che aveva fatto per loro. Giuda s'impicc! Pietro, che fu ucciso perch predicava la verit di Cristo, chiese ai suoi persecutori di crocifiggerlo con la testa in gi e i piedi in su, per espiare il peccato d'aver rinnegato tre volte Ges nel momento in cui era temporaneamente sotto l'influenza dell'illusione satanica. "Aveva appena detto questo, quando una delle guardie presenti diede uno schiaffo a Ges, dicendo: 'Cos rispondi al sommo sacerdote?'. Ges gli rispose: 'Se ho parlato male, dimostrami dov' il male; ma se ho parlato bene, perch mi percuoti'". (Giovanni 18: 22-23). Nelle suddette parole Ges manifest con mitezza, ma con fermezza, il suo meraviglioso carattere spirituale. Ges, che era in sintonia con l'universale Coscienza Cristica, che aveva potere su tutta la creazione, che aveva risuscitato i morti e guarito i malati, e alle cui preghiere lo Stesso Padre Celeste rispondeva dalle nubi, era tuttavia abbastanza umile da farsi schiaffeggiare da un piccolo uomo ignorante. Come l'ingegnere elettronico che controllava le lampade di tutte le vite, Ges poteva accendere o spegnere la forza vitale in qualsiasi persona. E come stacc la forza vitale dal fico, cos avrebbe potuto staccarla dai suoi nemici in Gerusalemme, o da tutte le persone del mondo, se tale evento fosse stato necessario e appropriato. Invece Ges si comport con umilt, come Dio, e si sottomise dolcemente alla tirannia di poche persone malvage. Siccome Dio, malgrado la Sua onnipotenza, non punisce chi Lo bestemmia, cos Egli vorrebbe che il devoto divino si comportasse come Lui. E fu per questo per il grande desiderio di compiacere Dio - che Ges si comport in maniera simile a Lui quando fu colpito da un individuo comune. Ges aveva un perfetto senso di giustizia, e non manc d'applicarlo imparzialmente anche nel giudicare s stesso. Perci argoment dolcemente col bruto che l'aveva colpito: "Se ho parlato male, dimostralo; ma se ho parlato bene, non merito d'essere colpito". O re degli imperi terreni, tutti egotisti, ricordate! Se Cristo, che aveva potere su tutto il cosmo, pot essere cos umile, quanta pi umilt dovreste avere voi, che siete tanto inferiori a lui! chiaramente evidente dalla vita di Ges che l'umilt uno dei pi grandi segni del contatto di Dio.

PU UN DEVOTO VEDERE CRISTO?

'LA COLOMBA CHE SCENDE DAL CIELO' "Ora i sommi sacerdoti e tutto il sinedrio cercavano false testimonianze contro Ges per metterlo a morte, ma non ne trovavano, sebbene si fossero presentati molti falsi testimoni. Finalmente ne vennero due per testimoniare il falso contro di lui, dicendo: 'Noi lo abbiamo udito dire: Distrugger questo tempio fatto da mani d'uomo, e in tre giorni ne edificher un altro non fatto da mani d'uomo'. Ma nemmeno su questo punto la loro testimonianza era concorde. Allora il sommo sacerdote, levatosi in mezzo all'assemblea, interrog Ges dicendo: 'Non rispondi nulla? Che cosa testimoniano costoro contro di te?'. Ma egli taceva e non rispondeva. Di nuovo il sommo sacerdote l'interrog, dicendogli: 'Ti scongiuro per il Dio vivente di dirci se sei tu il Cristo, il Figlio di Dio benedetto?'. Ges rispose: 'Tu l'hai detto; anzi io vi dico, d'ora innanzi vedrete il Figlio dell'uomo seduto alla destra della Potenza, e venire sulle nubi del cielo'". (Marco 14: 55-62; Matteo 26: 59-64). Ges disse: "Hai detto veramente cosa sono: un Figlio di Dio. E io vi dico che quando terminer il dramma della mia vita, tutti coloro che saranno in grado di percepire con l'occhio della saggezza vedranno in visione il mio corpo saturo di Cristit, seduto nella posizione che rappresenta i centri cerebro-spinali: nel canale principale dell'eterna potenza. La visione apparir al devoto come se uscisse dalle nuvole scure degli occhi chiusi, dietro i quali si nasconde il cielo". Con queste parole Ges rispose umilmente al sommo sacerdote d'essere il Figlio di Dio, e che in lui c'era la riflessione della Coscienza Cosmica conosciuta come Coscienza Cristica. Perci rispose: 'Tu l'hai detto'. Quando rispose 'D'ora innanzi vedrete il Figlio dell'uomo seduto alla destra della Potenza, e venire sulle nubi del cielo', Ges non voleva dire che in futuro la gente del mondo - saggia e ignorante - avrebbe visto Ges Cristo venire dalle nubi. Raramente Dio permette una dimostrazione spettacolare della potenza divina davanti allo sguardo di una folla che manca di devozione e di comprensione spirituale. Dio, che muove i mondi nello spazio, non ha bisogno d'impressionare gli abitanti della terra con una visione di Cristo che viene fuori dalle nuvole. Se lo desiderasse, Dio potrebbe causare la collisione di tutti gli universi che si muovono nello spazio e dissolverli in s in una colossale esplosione di fuoco. Oppure potrebbe popolare tutto lo spazio di angeli. Ma Dio - la cui via l'Amore e che permise che Ges Cristo fosse ucciso sulla croce, piuttosto che mandare 'dodici legioni di angeli' per proteggerlo mettendo paura nei cuori dei malfattori - non permetterebbe una dimostrazione spettacolare di Cristo che appare dalle nuvole, terrorizzando in questo modo le persone e soggiogandole. Invece di rispondere al sommo sacerdote, Ges lasci di fatto questo messaggio ai ricercatori di tutti i tempi: che ogni sincero devoto che apre il suo occhio spirituale pu avere la visione di Ges e realizzare la Coscienza Cristica in s come la potenza 'destra' di Dio. Come il padrone di una fabbrica ha il suo 'braccio destro', cos il Padrone dell'universo - la trascendentale Coscienza Cosmica - ha il Suo 'braccio destro' nella Coscienza Cristica presente nella creazione. L'Intelligenza Cristica il canale destro di Dio, il solo mezzo attraverso cui il potere della Coscienza Cosmica si materializza nella creazione. La regione celeste della Coscienza Cosmica nascosta dietro le nubi degli occhi chiusi, come le nuvole lontane viste con gli occhi aperti nascondono le regioni al di l. Ogni devoto altamente evoluto che pu guardare attraverso il suo telescopico occhio spirituale vede che le nubi tenebrose degli occhi chiusi, o i luoghi scuri e nuvolosi che si vedono ad occhi aperti nel cielo lontano, scompaiono dalla sua visione. Quando con l'aiuto dell'occhio spirituale il devoto bandisce l'oscurit degli occhi chiusi e l'oscurit esterna dei cieli lontani, allora appare il cosmo astrale celeste, rivelando gli angeli di Dio e molte altre meraviglie luminose. Autentiche visioni possono aversi sia con gli occhi chiusi che aperti. L'oscurit degli occhi chiusi e le cupe profondit del cielo viste dagli occhi

umani agiscono entrambe come muri che nascondono la luminosa regione astrale, o cielo. Per questo San Giovanni disse: "La luce splende nelle tenebre, ma le tenebre non l'hanno accolta" (Giovanni 1: 5). L'oscurit degli occhi chiusi e l'oscurit esterna dei cieli nascondono la luce astrale; quelli che vivono nell'illusione e non possono guardare attraverso il loro occhio 'singolo' vedono l'oscurit, e non realizzano che la luce celeste nascosta dietro ad essa. Quando il devoto avanzato guarda attraverso il suo telescopico occhio spirituale, vede che tutta l'oscurit scomparsa; e vede il luminoso mondo astrale sia con gli occhi chiusi che aperti. Usando la parola 'nubi', Ges voleva indicare l'oscurit che si percepisce con gli occhi chiusi, o l'oscurit dei cieli lontani che si percepisce con gli occhi aperti. Quando disse 'Se perci il tuo occhio singolo, tutto il tuo corpo sar pieno di luce' (Matteo 6: 22), Ges voleva dire che concentrando la visione dei due occhi semichiusi nel punto tra le sopracciglia, uno pu focalizzare le energie ottiche positive-negative dell'occhio destro e sinistro, e vedere nel centro della fronte il luminoso occhio spirituale (la colomba che scende dal cielo). La Porta del Cielo Dopo la meditazione profonda, l'occhio spirituale pu essere visto come una fiamma blu opale circondata da un anello di luce dorata; il centro della luce blu ornato con una stella argentata. Ci considerato simbolicamente la colomba che scende dal cielo, o la colomba di luce che scende sulla coscienza del devoto, e rappresenta la porta del cielo o del mondo astrale. La stella rappresenta la bocca della colomba, mentre le luci blu e dorata intorno ad essa rappresentano le due ali. E come la colomba simbolo di pace, cos la colomba di luce rappresenta la beatitudine del cielo. La persona ignorante non sa nulla di questa luce, ma chiunque ha praticato un p di meditazione pu occasionalmente vederla. Quando il devoto avanza ulteriormente pu vedere questa luce a volont, con gli occhi chiusi o aperti, di giorno o di notte. Quando il devoto avanza ancora di pi pu vedere questa luce finch lo desidera. Quindi, dopo anni di concentrazione profonda, egli pu guardare attraverso i tre occhi telescopici, che si compenetrano l'un l'altro. Come un uomo non pu vedere attraverso un teleobiettivo, se questo non viene messo vicino all'occhio, cos se il devoto non profondamente concentrato non pu scrutare con l'occhio telescopico e contemplare i misteri del cielo: la terra di forze vitali, atomi ed elettroni dove dimorano gli angeli o le anime coi corpi astrali. Gli angeli luminosi vivono nelle dimore di varie luci. Il devoto che pu penetrare la frangia esterna dell'occhio spirituale vede nel cuore di ogni atomo, elettrone e unit di forza vitale. Chi pu penetrare la luce blu, fissata profondamente nel cuore della luce arancione, diviene cosciente dell'intelligenza in ogni essere e in ogni particella di spazio. Andando ancora pi profondamente nel cuore della luce blu, il devoto entra con la sua coscienza nella stella argentata, si lascia dietro le regioni vibratorie e raggiunge lo stato trascendentale della Coscienza Cosmica. La Trinit celeste rappresentata nell'occhio spirituale. Lo Spirito Santo, o l'emblema dell'Energia Cosmica, rappresentato dalla frangia esterna di luce dorata; la sola Coscienza Cristica riflessa (il Figlio unigenito) rappresentata dalla luce blu; e Dio Padre, la Coscienza Cosmica, rappresentato dalla stella argentata dell'occhio spirituale. La Trinit cristiana e la Trinit ind sono la stessa cosa: lo Spirito Santo cristiano chiamato Aum (Om) dagli ind; il Figlio chiamato Tat; e Dio Padre chiamato Sat. Il terzo occhio, o occhio 'singolo', chiamato Tritia Nayan o Shiva Naytra o 'Occhio di Shiva'. Ges voleva dire che dopo la sua esistenza terrena egli sarebbe esistito non solo come Spirito, ma come una forma incarnata percettibile in visione a qualsiasi devoto che si fosse posto in sintonia - che sarebbe uscita dall'oscurit degli occhi chiusi, proveniente dalla regione astrale celeste. Ges diede quella risposta al sommo sacerdote per assicurargli che lui, come

figlio di Dio, aveva ogni potere; e poteva esistere - in qualsiasi momento, anche dopo la crocifissione - o come Spirito oppure incarnato come Figlio dell'uomo o come corpo cristico. 'Sei Tu il Cristo?' "Appena fu giorno, si riun il consiglio degli anziani del popolo, con i sommi sacerdoti e gli scribi; e lo condussero davanti al sinedrio e gli dissero: 'Sei tu il Cristo, diccelo'. Ges rispose: 'Anche se ve lo dico, non mi crederete; se v'interrogo, non mi risponderete. Ma d'ora in poi il Figlio dell'uomo sar seduto alla destra della potenza di Dio'". (Luca 22: 66-69). Ges disse: "Se vi dicessi che la Coscienza Cristica in me, voi non mi credereste, perch non sapete che cosa sono. E se vi chiedessi cosa sono, voi non sapreste rispondermi, n mi lascereste libero; perci a che serve dirvi qualcosa? Quando terminer il dramma di questa esistenza corporea, dopo la risurrezione i devoti avanzati vedranno il Figlio dell'uomo o il mio corpo nel mondo astrale, come una manifestazione della Coscienza Cristica che sostiene i reami vibratori di tutta la creazione". Nelle suddette parole, 'D'ora in poi' si riferisce al mondo astrale che si conosce dopo l'esistenza terrena. 'Figlio dell'uomo' significa corpo. 'Seduto' indica lo spazio occupato dal corpo. Come il corpo fisico richiede uno spazio, cos anche i corpi astrali hanno bisogno di spazio per manifestarsi. 'Mano' significa potere operante, e 'mano destra' indica il potere principale operante nella creazione. 'A destra della potenza di Dio' si riferisce alla Coscienza Cristica che emana da Dio e che la principale intelligenza operante che attiva e d energia a tutta la creazione. "Allora tutti esclamarono: 'Sei tu dunque il Figlio di Dio?'. Ed egli disse loro: 'Voi lo dite che lo sono'". (Luca 22: 70). Nelle suddette parole Ges ha un modo particolarmente umile di dire ai suoi nemici della manifestazione della Coscienza Cristica in s. Anche se avesse detto apertamente che era il Cristo, non sarebbe stato sbagliato, perch era la verit. Ma per timore d'essere egotista e di dare un cattivo esempio alla gente, Ges fu molto diffidente e timido nell'esprimere la grandezza e il potere che c'erano in lui. Nondimeno, malgrado la sua umilt, Ges disse impavidamente la verit, anche se sapeva che la conseguenza di quelle parole sarebbe stata la morte.

COME UN LADRO AND IN PARADISO "Quando giunsero al luogo detto Cranio, l crocifissero lui e i due malfattori, uno alla sua destra e l'altro alla sua sinistra. Ges diceva: 'Padre, perdona loro, perch non sanno quello che fanno'. Poi si divisero le sue vesti e le tirarono a sorte. Il popolo stava a guardare, mentre i capi lo schernivano dicendo: 'Ha salvato gli altri, salvi se stesso, se il Cristo di Dio, il suo eletto'. Anche i soldati lo schernivano, e gli s'accostavano per dargli dell'aceto, e dicevano: 'Se tu sei il re dei Giudei salva te stesso'. C'era anche una scritta, sopra il suo capo: Questi il re dei Giudei. Uno dei malfattori appesi alla croce lo insultava: 'Non sei tu il Cristo? Salva te stesso e anche noi!'. Ma l'altro lo rimproverava: 'Neanche tu hai timore di Dio, bench condannato alla stessa pena? Noi giustamente, perch riceviamo il giusto per le nostre azioni, egli invece non ha fatto nulla di male'. E aggiunse: 'Ges ricordati di me quando entrerai nel tuo regno'. Gli rispose: 'In verit ti dico, oggi sarai con me in paradiso'". (Luca 23: 33-43).

Il Pi Grande Miracolo Ges non volle usare la sua volont umana per proteggere il suo corpo, ma prefer" seguire la volont del Padre Divino di conquistare l'odio con l'amore, piuttosto che col potere della forza soprannaturale dei miracoli. Dicendo 'Padre, perdona loro, perch non sanno quello che fanno', Ges cre nel cuore dell'umanit di tutti i tempi un monumento permanente d'amore, e dimostr la qualit dell'amore divino. Nessun miracolo potrebbe essere pi grande di quello dell'amore di Cristo, che rifiut d'usare il potere divino, o qualsiasi altro mezzo eccetto l'amore, per conquistare l'odio dei suoi malvagi fratelli. Rivolgendosi a Dio come 'Padre', Ges disse: "Padre Celeste, Tu hai creato i padri umani e hai messo in loro l'istinto dell'amore per i figli; perci Tu hai molto pi amore per i Tuoi figli erranti: i fratelli che mi stanno perseguitando". Quando disse 'Perdona loro', Ges voleva dire: "Padre Celeste, essendo onnipotente, solo Tu puoi perdonare i miei persecutori, perch non subiscano le conseguenze dei terribili peccati che hanno commesso contro di me". Soltanto il Padre Celeste, col Suo potere onnipotente, pu perdonare i peccati del cattivo karma di un individuo, quando questi si pente e si sforza di diventare virtuoso. 'Perch non sanno quello che fanno' significa che tutti i peccati, sia fatti coscientemente che incoscientemente, sono commessi a causa dell'innata ignoranza umana. Ogni anima che ha ottenuto la saggezza divina non pu fare cose sbagliate. In risposta alla preghiera di uno dei ladri crocifissi al suo fianco, Ges rispose: "Invero, per la verit che sento dentro di me, io ti prometto che oggi stesso - dopo aver lasciato il corpo - tu sarai alla presenza tangibile del mio corpo astrale, nel mondo astrale fatto di beatitudine celeste". meraviglioso vedere come, tramite la promessa di Ges, a un ladro fu concessa la liberazione spirituale grazie alla sua preghiera al Signore onnipotente manifestato in Ges. Inoltre meraviglioso vedere come Ges, pur soffrendo sulla croce, non manc di rispondere all'appello del ladro coscienzioso che era stato crocifisso accanto a lui. Uno sarebbe volentieri anche un ladro, pur di essere crocifisso a fianco a Ges per potergli chiedere l'emancipazione finale, e ricevere subito l'assicurazione: 'Oggi stesso sarai con me in paradiso'. Le cattive azioni di una persona, che si pente al momento giusto, possono essere perdonate dai grandi maestri o da Dio. Ora, venendo crocifisso, il ladro aveva quasi pagato il debito karmico per i suoi peccati. E a questo punto, quando gi estremamente pentito preg Cristo per avere la redenzione, l'ebbe immediatamente per mano di Ges. Dimora di Beatitudine Quando disse 'Oggi sarai con me in paradiso', Ges conferm a tutta l'umanit la definita presenza di Dio e della Sua onnipresente dimora di beatitudine o paradiso: il luogo dove le anime si raccolgono - dopo la morte - davanti alla Sua Maest Celeste e a tutti i santi liberati. Bisogna ricordare che il cielo non come la terra, dove ogni essere si riconosce dalla sua forma. Quando le anime defunte della terra visitano il regno astrale, non vedono necessariamente Dio sotto forma di un essere umano; ma possono vederLo come una luce, o una voce, o una beata presenza che parla attraverso l'intuizione di tutte le anime astrali riunite. Conformemente alla loro devozione e autorealizzazione, le anime che visitano la terra astrale possono vedere qualsiasi forma materializzata del Padre i loro cuori desiderino. Come i gas invisibili dell'idrogeno e dell'ossigeno possono essere materializzati in ghiaccio, similmente lo Spirito invisibile pu essere materializzato in una forma dalla profonda e condensante devozione del devoto. Triplice Schiavit

Di fatto Ges voleva dire che quando avrebbe lasciato il corpo fisico avrebbe raggiunto la terra astrale, e l, in paradiso, col suo potere divino avrebbe richiamato il corpo astrale del ladro alla presenza del Padre. Bisogna ricordare che nello stato dopo la morte ciascun'anima mantiene il visibile corpo astrale luminoso di diciannove elementi e l'invisibile corpo causale di trentacinque elementi. Anche Ges ebbe bisogno di tre giorni per liberare la sua anima dai suoi corpi astrale e causale. Una volta che l'anima liberata dalla schiavit dei tre corpi - fisico, astrale e causale - essa si fonde con lo Spirito e rimane invisibilmente presente in Esso, ritenendo un'individualit formale, ma diventando nell'essenza una sola cosa con lo Spirito. Ges sapeva che a causa delle sue cattive azioni il ladro era diretto verso le regioni inferiori del mondo astrale; ma quando lo vide pentito, gli promise un viaggio nella parte migliore della terra astrale, nel paradiso. Sebbene il paradiso non sia visibile agli occhi di milioni di mortali, ci nondimeno reale. Ci fu un tempo quando la gente non sapeva dell'esistenza di vibrazioni radio nell'etere, ma oggi milioni di persone le conoscono. Come i suoni e i canti che si muovono nell'etere non possono essere ascoltati da nessuno senza l'ausilio di una radio, e le immagini di persone mandate attraverso l'etere non si possono vedere senza un televisore, cos i canti, le parole e le forme degli angeli o dei luminosi corpi astrali, sebbene apparentemente non esistenti alla percezione mortale, possono tuttavia essere percepiti sintonizzando la radio mentale e sviluppando il potere televisivo interiore con la meditazione. Quando supera la statica dell'agitazione e dei desideri mortali, allora l'anima sviluppa il potere della super-audizione e della super-visione tramite cui pu udire e vedere gli angeli. Gli angeli non hanno ali; ma sono immagini super-elettriche che viaggiano sulle onde eteriche pi velocemente dell'elettricit. Queste immagini intelligenti possono rendersi a volont grandi o piccole, visibili o invisibili nel mondo astrale. Le anime pi potenti e avanzate possono materializzare e smaterializzare i loro corpi astrali sia nel regno astrale che sulla terra. Nello stato dopo la morte, i comuni corpi astrali rimangono confinati in una certa parte del mondo astrale, oppure si reincarnano presto sulla terra, secondo le loro azioni (karma) passate. Le anime confinate nel mondo astrale non hanno il potere di materializzarsi sulla terra a volont. Se fosse stato altrimenti, gli uomini avrebbero incontrato i loro defunti a piacimento. Perci tutti i devoti crocifissi dalle cattive tendenze e dalle sofferenze dovrebbero volgersi dentro e pregare la loro Coscienza Cristica, crocifissa dall'ignoranza, per ottenere la liberazione dell'anima - dal mondo fisico e dalle sue limitazioni - nell'eterna libert del regno astrale del paradiso. Un uomo con l'integrit di Ges Cristo non avrebbe promesso al ladro il paradiso se non fosse esistito realmente. Quindi, invece di rimanere piena di dubbi e d'indifferenza spirituale, ogni anima intelligente dovrebbe sforzarsi di fare il massimo per annientare la statica dell'agitazione e sintonizzarsi con gli angeli e le realt e la libert dell'eterna terra astrale del paradiso.

DIO ABBANDON GES SULLA CROCE? "Stavano presso la croce di Ges sua madre, la sorella di sua madre Maria di Cleofa e Maria di Magdala. Allora Ges, vedendo sua madre e l" accanto il discepolo che egli amava, disse alla madre: 'Donna, ecco tuo figlio!'. Poi disse al discepolo: 'Ecco tua madre!'. E da quel momento il discepolo la prese nella sua casa". (Giovanni 19: 25-27). Percependo il suo profondo stato spirituale mentre s'avvicinava il momento di lasciare il corpo, Ges disse a sua madre riguardo all'amato discepolo che si trovava con lei ai piedi della croce: 'Donna, ecco tuo figlio'. Cio: 'Prendi il mio discepolo come tuo figlio spirituale'. Egli non poteva pensare a Maria come

'madre', perch nella sua coscienza spirituale sapeva che soltanto Dio padre, madre e amante. Perci Ges chiam sua madre 'donna': una donna creata da Dio. Chiedendole d'adottare il suo amato discepolo spirituale, Ges stava cercando di consolare la donna che aveva partorito il suo corpo. Quindi, dicendo: 'Ecco tua madre (considerala come tua madre)', egli cerc di sollevare l'addolorato discepolo con la consolazione di considerare come madre colei che aveva partorito Ges. E verso l'ora nona Ges grid ad alta voce: 'El", El, lam sabactani?', che significa: 'Dio mio, Dio mio, perch mi hai abbandonato?'". (Matteo 27: 46). Ges conosceva molte cose che dovevano accadergli, e non solo tramite le profezie delle Scritture, ma grazie alla sua intuizione e all'analisi della legge del karma che governava la sua vita. Tuttavia egli mostr chiaramente sulla croce i segni della sua ultima battaglia umana. Questo non diminuisce la grandezza di Ges, ma piuttosto lo esalta agli occhi degli uomini. Inoltre questo accende la speranza nei nostri cuori, perch se con l'esercizio della pura forza di volont Ges Cristo trionf sulla carne e le sue tentazioni e s'innalz dal piano umano a quello divino, allora anche noi possiamo conquistare la carne ed essere come lui. facile per un Dio immortale - racchiuso in un corpo, ma non limitato da esso - recitare la parte del dolore o della crocifissione; mentre invece estremamente difficile per un essere umano vincere l'odio altrui e sopportare la crocifissione pur non essendo colpevole. Perci le parole di Ges: 'El, El, lam sabactani? - Padre, Padre, perch mi hai abbandonato?', furono segni di una battaglia umana che la rendono molto pi interessante per gli uomini. Si dice che Ges fosse puramente divino, o Dio disceso sulla terra; ma se fosse stato Dio non avrebbe potuto sentire dolore n struggersi sulla croce. Essendo Spirito e il Creatore della carne, delle sensazioni e di tutto il mondo di sogno, Dio non avrebbe potuto essere toccato dalle torture della carne o dai cambiamenti che avvenivano in un corpo di sogno. Perci se Ges fosse stato Dio, per lui sarebbe stato ipocrita, o un ridicolo drammatizzare, dire a se stesso: 'Dio mio, Dio mio, perch mi hai abbandonato?'. Altrimenti, se Ges fosse stato divino e avesse soltanto eseguito il mandato di Dio, non avrebbe potuto provare dolore o lottare sulla croce, ma per l'intensit della sofferenza avrebbe solo drammatizzato il suo dolore e la sensazione che Dio l'avesse lasciato. Dio, che Verit, non avrebbe mai permesso a Ges d'essere ipocrita o di dire qualcosa che non sentiva realmente. Se Ges fosse stato Dio Stesso, come avrebbe potuto sentire d'essere separato da se stesso? Umano e Divino Ges era sia umano che divino, e con la sua natura divina conquist i dettami della carne dovuti all'opera della tentazione satanica. Nella sua natura umana, Ges sent nella carne il dolore straziante dovuto all'opera dell'intelligenza satanica che voleva fargli dimenticare Dio. Cos, quando la sofferenza sulla croce divenne intensa, per un attimo Ges sent che Dio scivolava via dalla sua coscienza, e sentendosi estremamente addolorato grid: 'Dio mio, Dio mio, perch mi hai abbandonato?'. Nonostante l'intensa sofferenza, Ges non pot sopportare nemmeno per un attimo la separazione da Dio. Dio Gioca a Nascondino Inoltre per qualche istante Dio gioc a nascondino con Ges, mentre questi soffriva sulla croce. Per un attimo Dio Si nascose dietro l'intensa sofferenza di Ges. E come un bambino che conosce solo suo padre, Ges fu pronto a gridare: 'Padre mio, Padre mio, perch mi hai abbandonato?'. Come un bambino condotto per mano dal padre in una densa foresta oscura comincia a gridare se per un attimo lo perde di vista, allo stesso modo grid Ges quando sent la mano guida del

Padre Celeste - che l'aveva guidato lungo la densa foresta delle incarnazioni scomparire nell'oscurit della sofferenza che provava sulla croce. Quando Ges percep" la sua sofferenza pi intensamente della presenza di Dio dentro di s, allora grid: "Mio Dio, perch sto sentendo il dolore pi della Tua presenza? Vieni a me immediatamente!". Vedendo che la sofferenza illusoria di Ges era molto intensa, Dio s'ecliss per vedere se egli L'avrebbe perso di vista; ma non appena Ges Lo chiam, Dio ritorn velocemente e gli fece realizzare che tutta la sofferenza sulla croce era un sogno mentale illusorio che non aveva realt, e che lui era Spirito, non toccato dalla sofferenza.

IL SOGNO COSMICO: PENSIERO MATERIALIZZATO DI DIO Alla fine, con tre giorni di meditazione astrale, Ges conquist l'illusione dei tre corpi di sogno in cui era racchiusa la sua anima. Nel sogno, il solido corpo fisico, il luminoso corpo astrale e il corpo causale fatto d'idee possono essere percepiti come reali; ma quando finisce la completa illusione del sogno, si comprende che erano solo un sogno: il risultato del pensiero materializzato o dell'immaginazione materializzata. Allo stesso modo, il sogno cosmico fece percepire a Ges i suoi corpi fisico, astrale e causale. Ma fu solo quando Ges si svegli in Dio, tre giorni dopo la crocifissione, che egli realizz che il sogno cosmico era finito e che esisteva soltanto lo Spirito. Quando un uomo pensa ad occhi chiusi a un agnello, mentalmente si figura la sua immagine; ma quando un uomo sogna un agnello, lo vede . Nel sogno, l'immagine visibile dell'agnello risulta dal pensiero dell'agnello che viene materializzato nella sua immagine. Quando un uomo sta sognando un agnello, molto difficile ragionare con lui nel sogno e convincerlo che non sta vedendo alcun agnello. Allo stesso modo era difficile per Ges, mentre stava sulla croce di sogno e sotto l'influenza del sogno cosmico, realizzare che non stava soffrendo affatto. Gli incubi e i mal di testa che si hanno nel sogno causano lo stesso sofferenza al sognatore; ma finito il sogno, l'uomo ride delle sue sciocche sofferenze di sogno. Cos, quando Ges ascese nella Coscienza Cosmica, egli rise delle sue sofferenze sulla croce. Prima d'andare a dormire un uomo potrebbe pensare al terrore della crocifissione, e nel sonno potrebbe sognare d'essere crocifisso, e gridare. E se qualcuno - udendolo piangere e gridare nel sonno: 'Vi prego, levatemi dalla croce!' - lo svegliasse e lo liberasse da quel sogno doloroso, egli riderebbe e direbbe: 'Com'era stupido da parte mia gridare che stavo per essere crocifisso'. Universo di Pensiero Analizzando i fatti scopriamo che prima di dormire il suddetto individuo aveva pensato alla crocifissione, e che il suo pensiero s'era materializzato nel sogno; ma quando si svegli vide che il sogno visibile della crocifissione era diventato di nuovo pensiero invisibile. Allo stesso modo, Dio cre l'universo nel pensiero e quindi lo materializz in un universo di sogno; e in seguito cambier di nuovo il pensiero di sogno materializzato dell'universo nell'universo di pensiero. I devoti in sintonia con Dio possono realizzare che l'universo fu dapprima creato nel pensiero e quindi materializzato in un universo di sogno, e che nell'estasi, o nella profonda comunione con Dio in meditazione, quest'universo di sogno pu essere visto come un universo di pensiero. Com' impossibile convincere un uomo in preda agli incubi che non sta soffrendo, finch non si sveglia, allo stesso modo difficilissimo convincere un essere umano sotto l'influenza del sogno cosmico che egli sta solo sognando l'illusione, se non si sveglia nello Spirito. Con la continua buona compagnia, con la meditazione sempre pi profonda, rinunciando alle cattive abitudini e

associandosi con uomini di realizzazione, un aspirante spirituale pu provare che questo cosmo un sogno. Chiunque vorr vivere gli insegnamenti di Cristo, e manterr la sua divinit integra quando sar crocifisso dalle tentazioni e dalle crudelt della gente ignorante, realizzer che il corpo e le sue limitazioni sono illusioni di sogno e trover la liberazione in Dio. Ges dimostr d'essere pronto ad abbandonare il suo sogno di sofferenza sulla croce, quando non volle che la sua coscienza fosse nemmeno minimamente offuscata dal dolore della croce. Un Ges realmente divino e umano che lotta contro le torture e le tentazioni della carne, e che per mezzo della sua forza spirituale ottiene la vittoria su di esse ed eredita la vita eterna, una grande fonte d'ispirazione e di speranza per i deboli e fortemente tentati esseri umani. Mentre un Ges divino e privo di tentazioni - venuto sulla terra per interpretare meccanicamente le parti divine assegnategli dal Padre Celeste e vincere tutte le tentazioni - non potrebbe accendere quel barlume di speranza nei deboli e fortemente tentatati esseri umani. Un dio pu vincere la tentazione perch non tentato affatto, essendo al di sopra della tentazione; ma come ci si potrebbe aspettare questo da una debole creatura fatta di carne, costantemente soggetta a tentazioni interiori ed esteriori fin dall'inizio della sua vita, e senza un preciso ammonimento da parte di Dio eccetto la debole voce dell'indistinta coscienza? Perci, quando Ges disse: 'Mio Dio, mio Dio, perch mi hai abbandonato?', egli mostr a tutta l'umanit che non importa quanto grandi possano essere i tormenti della carne e della tentazione, se un devoto s'aggrappa continuamente a Dio certamente ricever da Lui la risposta finale e l'emancipazione totale. Inoltre Ges mostr che il Padre Celeste umano, in quanto risponde rapidamente alle preghiere del cuore umano, come un padre terreno risponderebbe a un figlio supplichevole. Dio, Amico Incognito 'Mio Dio' significa: mio Padre-Dio. Dio per l'uomo un amico pi reale di quanto l'uomo non lo sia per Lui. Anche se continuamente ignorato dall'uomo, Dio pensa costantemente a lui e l'aiuta col potere di pensare, sentire, gioire e vivere. Quindi Dio il pi Intimo di tutti i parenti intimi e senza di Lui non potremmo amare nessun parente o amico intimo n potrebbero amarci loro. Per la maggior parte Dio rimane con l'uomo in incognito. Ma coi devoti come Ges, Dio diventa personale; esce dai Suoi nascondigli nei desideri e nelle illusioni umane e vive coscientemente sull'altare della devozione del devoto. Cos, nel momento della sofferenza, quando Ges sent venir meno il contatto personale di Dio, egli disse: 'Mio Dio', cio: 'Dio, che io ho realizzato coscientemente che appartieni a me'. "Dopo questo, sapendo che ormai ogni cosa Scrittura Ges disse: 'Ho sete'. C'era l una spugna imbevuta d'aceto in cima a una E dopo aver ricevuto l'aceto, Ges disse: (Giovanni 19: 28-30). era stata compiuta, per adempiere la un vaso pieno d'aceto; posero perci canna e gliel'accostarono alla bocca. 'Tutto compiuto!'".

Prima d'entrare nello Spirito, Ges sent le ultime prove e torture della carne. Non vero che Ges grid 'Ho sete' per adempiere i detti delle Scritture; ma i profeti delle Scritture, studiando con percezione intuitiva la matematica legge cosmica che governa le civilt umane di tutte le epoche, avevano predetto che dopo la crocifissione Ges avrebbe detto 'Ho sete'. Quando disse 'Tutto compiuto', Ges voleva dire: 'La mia opera sulla terra che s' manifestata attraverso questo corpo chiamato Ges - terminata'. Con l'occhio dell'intuizione Ges guard l'effetto generale della missione della sua vita, compiuta col suo libero arbitrio, e l'esamin per vedere fin dove era riuscito a realizzare i desideri del Padre Celeste. Quindi Ges rimase soddisfatto, perch la sua vita e le sue opere erano state approvate e benedette dal Padre Celeste; e sentendo che il suo spirito aveva vinto l'ignoranza satanica, e le prove poste dalla carne e dal Padre Celeste, egli si prepar a ritirare l'anima dal corpo per immergerla nello Spirito.

Naturalmente, dopo aver fatto questo, Ges trasfuse nuovamente la sua anima espansa-nello-Spirito nel suo corpo crocifisso, e lo risuscit e l'immortal. Tutto possibile a Dio e ai Suoi grandi devoti. Nella risurrezione di Ges abbiamo l'assicurazione di Dio che i grandi devoti, se lo desiderano, possono avere non solo l'immortalit dell'anima, ma anche quella del corpo. Quando Ges stava per immergere la sua anima nello Spirito, tutta la natura riconobbe l'evento e il velo del tempio si squarci (Luca 23: 45). Questo fenomeno, interpretato simbolicamente, significa che la vita spiritualmente vittoriosa di Ges squarci e sollev il velo di mistero che nasconde la verit ultima. In senso poetico si potrebbe dire che quando Ges - che era onniscientemente presente sia nel cosmo che nel tempio - lasci il corpo e scomparve dallo sguardo fisico del mondo, neanche il velo del tempio pot trattenere il suo dolore: e i suoi atomi esplosero e liberarono il dolore nascosto.

L'ESPERIENZA FINALE "E gridando ad alta voce Ges disse: 'Padre, nelle Tue mani affido il mio spirito'. E detto questo spir". (Luca 23: 46). "O trascendente Dio Padre, che esisti al di l della creazione, nella Tua infinita presenza, nella Coscienza Cosmica al di l dello spazio, io unisco la mia Coscienza Cristica, dopo averla ritirata dall'esperienza illusoria dell'imprigionamento in una gabbia corporea". Cos Ges descrisse la sua esperienza finale, quando ritir non solo la coscienza corporea e la forza vitale, ma anche l'acquisita Coscienza Cristica che sentiva dentro. Dopo la morte, una persona comune fa l'esperienza di una specie di sonno profondo in una sfera oscura; sonno interrotto da certe esperienze e visioni astrali, nel caso si tratti di un buon individuo normale. Mentre le persone viziose, per la loro esistenza terrena violenta e passionale, dopo la morte sperimentano una specie di incubo. Durante l'esistenza terrena le anime cristiche non vedono solo una parte limitata di spazio, ma col loro occhio intuitivo possono vedere l'intero cosmo illuminato dalla luce astrale e dalla Coscienza Cristica. Un individuo normale consapevole solo del suo corpo che si muove da un posto all'altro, e vede diverse parti di spazio durante la veglia. Tuttavia anche l'individuo normale, durante il sonno, vede il potere della mente che opera nei sogni; e inoltre, durante il sonno profondo, egli sperimenta una sfera limitata di gioia. In altre parole, nel corso della sua vita la persona normale ha delle esperienze limitate dello spazio; mentre il divino uomo cristico, anche durante l'esistenza terrena, non vede solo lo spazio limitato che gli mostrano i suoi occhi fisici, ma attraverso l'occhio interiore vede anche l'intero cosmo manifestato, con tutti i pianeti e le stelle che brillano nello spazio come lucciole. Un uomo con la Coscienza Cristica non solo pu vedere tutta la creazione, ma pu percepire la sua esistenza in ogni atomo. L'uomo dotato di Coscienza Cristica ha anche certe limitazioni, poich pu vedere e sentire tutta la creazione fisica, ma non lo spazio senza vibrazioni che sta al di l, dove esiste Dio Padre. Quando Ges, pur essendo in un posto lontano, disse che Lazzaro stava dormendo, egli dimostr lo stato di Coscienza Cristica, che assai superiore alla telepatia. Ges era cosciente sia delle sensazioni del suo corpo sia delle sensazioni di tutta la creazione animata e inanimata, incluso il corpo di Lazzaro. Ges aveva detto che con la Sua Coscienza Cosmica il Padre Celeste era cosciente non solo della caduta di un insignificante passero, ma di tutto ci che esisteva e nella creazione manifestata e nello spazio infinito al di l della creazione. Con la sua Coscienza Cristica Ges poteva percepire la sua onnipresenza sia nel suo corpo che nell'intero cosmo fisico, ma non era completamente unito con Dio Padre nello spazio oltre la creazione. Dopo aver bruciato i rimanenti semi di karma delle azioni mortali - nei tre giorni dopo la crocifissione - Ges fu in

grado di unire la sua Coscienza Cristica percepita in tutta la creazione con la Coscienza Cosmica, o Dio Padre, che esiste al di l della creazione. Bisogna notare con precisione che Dio Padre non limitato alla sfera dello spazio trascendente. Egli simultaneamente cosciente sia dell'eterno vuoto al di l del cosmo fisico sia di ogni atomo e forza vibratoria nell'intero cosmo fisico. Nel corso della sua vita Ges fu consapevole della sua presenza nel corpo e in tutta la creazione, e dopo certi riti di purificazione estatica durante i tre giorni precedenti la risurrezione - egli ottenne la liberazione finale, diventando cosciente della Coscienza Cosmica al di l dello spazio, come suo Padre, Dio. Dio Padre non limitato a nessun punto dello spazio. Egli dimora apertamente nello spazio oltre la creazione (il cielo), e segretamente nella creazione. I grandi santi possono comunicare con il Padre presente nella creazione, ma quando raggiungono lo stato finale comunicano con Lui nello spazio al di l della creazione. La Coscienza Cosmica, o Dio Padre, nel suo stato puro esiste al di l della creazione, e in segreto esiste come la Coscienza Cristica presente nella creazione. Il Padre Celeste Si divise in Dio Padre al di l della creazione, Coscienza Cristica nella creazione, e Vibrazione Cosmica o Spirito Santo o cosmo. Di fatto, da quando Dio Si divise in queste tre manifestazioni, e nelle innumerevoli creature e in tutta la creazione, gli esseri umani devono innalzarsi per mezzo della meditazione dalla coscienza della pluralit alla coscienza della Trinit formata da Spirito Santo, Coscienza Cristica e Dio Padre. Dopo di questo, il devoto avanzato contempla la Trinit - la manifestazione una e trina di Dio - come l'Uno che sempre-esistente, sempre-cosciente, onnipresente e sempre-nuova Beatitudine.

INDICE Il buon Pastore d la vita per le pecore. Pag. 561 La risurrezione di Lazzaro. 'Io sono la risurrezione e la vita'. pag. 569 Significato di Satana e come vincere la sua illusione. pag. 582 I devoti devono essere una combinazione di Marta e Maria. pag. 591 'Se il tuo occhio singolo, il tuo corpo pieno di luce'. pag. 600 Come costruire un mondo senza guerre. pag. 609 Pu un guru alleviare il cattivo karma dei discepoli? pag. 620 'Chi non porta la sua croce e mi segue, non pu essere mio discepolo'. pag. 630 La legge delle anime gemelle e del matrimonio spirituale. pag. 635 Il potere scientifico della fede. 'Quanto un granello di senape'. pag. 648 L'anima nei tre corpi, depredata dai desideri. Il divorzio. pag. 661 Cambiare la ricchezza temporale con la ricchezza divina. pag. 671 Il cielo onnipresenza. pag. 680 I fanatici della filantropia.

pag. 682 I dieci poteri dei comandamenti. pag. 684 La vittoria del mite. pag. 688 Tempio o spelonca di ladri? pag. 691 Morte e vita eterna. pag. 694 abbastanza la fede? pag. 698 La vigna della meditazione. pag. 703 L'invitato indegno. pag. 708 La perfetta anima gemella. pag. 711 Conquistare la liberazione. pag. 715 Era Cristo figlio di Davide? pag. 719 accettabile il vostro dono? pag. 722 Condanna dei Farisei. pag. 724 Profezie di guerra. pag. 731 Vedrete il Figlio dell'uomo. pag. 738 Il fato del devoto negligente. pag. 742 I devoti stolti. pag. 745 Che cosa intendeva Ges con 'Punizione eterna'. pag. 747 Ges e la Coscienza Cristica. pag. 751 Il potere vincente dell'umilt. pag. 754 Pu un maestro prendere su di s il karma degli altri? pag. 756 Un metodo di predizione infallibile. pag. 762 La violenza migliore della codardia? pag. 765 In sintonia con Dio mediante il Guru. pag. 767 Come Cristo dimora coi devoti. pag. 773 L'amore di Dio. pag. 778 Che cos' lo 'Spirito Santo'? pag. 784 Cristo predice la sua crocifissione. pag. 787 Era Giuda 'destinato' a tradire Ges? Il libero arbitrio. pag. 794 Ges nell'ora della prova. pag. 802 Perch Ges chiam Giuda 'amico'? pag. 809

Qual il vero significato del male? pag. 814 Pu un devoto vedere Cristo? 'La colomba che scende dal cielo'. pag. 819 Come un ladro and in paradiso. pag. 824 Dio abbandon Ges sulla croce? pag. 828 L'esperienza finale. pag. 835

______________________________