Sei sulla pagina 1di 9

Il terzo occhio

Di Roy Eugene Davis


(Titolo originale: The third eye CSA Press 1969)

Questo Libretto fu scritto da Roy Eugene Davis nel 1969. Ho deciso di tradurlo in quanto il soggetto mi intrigava, pur essendo consapevole che se il sig. Davis dovesse scrivere oggi un testo simile, cambierebbe molti dei contenuti (Con gli anni la sua comprensione spirituale sicuramente cambiata). Leggendo il testo, in ogni caso, ho riscontrato allincirca la medesima linea di pensiero che il sig. Davis ha oggi e pertanto ho deciso di andare avanti con il progetto. Non essendo un grande maestro spirituale, ma un semplice canale dei maestri, questo il mio modo di servire e di evolvere sul sentiero. Spero che sia questo libretto, sia tutti gli altri che potete trovare sulle mie pagine web possano esservi daiuto. Il testo (come tutti quelli scritti da Davis del resto) non semplicissimo e richiede una lettura attenta e ripetuta, ma molto scorrevole. Non vi consiglio di leggerlo una sola volta da pagina iniziale a pagina finale tutto di un fiato, perch probabilmente non assimilereste quasi nulla. Gli scritti di Davis non sono sempre facili, ma sappiate che difficilmente potrete trovare testi come i suoi in circolazione (inerenti al kriya yoga), in grado di indicarvi i lati essenziali della pratica. Leggete il libretto una volta dallinizio alla fine, dopodich rileggetelo capitolo per capitolo, soffermandovi su ci che non vi di facile e immediata comprensione. Ho inserito alcune note per aiutarvi ad approfondire alcuni concetti. In ogni caso, se aveste bisogno di maggiori ragguagli, potete contattarmi tramite e-mail allindirizzo: fsyukteswarji@yahoo.com. Questo libretto per vostro utilizzo personale. Non avete il permesso di pubblicarlo su giornali, riviste o altri siti web senza il mio espresso consenso. Furio Sclano Ministro in Italia del Center for Spiritual Awareness Luglio 2006

Chi non ha mai avuto un senso di fascino sentendo parlare del terzo occhio? Forse parte del magico connesso con questa espressione dovuto al fatto che tutti noi sappiamo a livello intuitivo che in quel punto che siamo attirati, quando iniziamo il nostro percorso allindietro (1) verso la realizzazione cosciente dello spirito. A volte ci si riferisce al terzo occhio come: stella (o cancello) dellest, occhio interiore, occhio dellintuizione, colomba che discende dal cielo, occhio di Shiva, ecc. Possiamo leggere anche dei trattati che descrivono cosa avviene quando questo centro si apre. Esiste inoltre lidea che il terzo occhio si possa aprire grazie ad una connessione elettrica tra la ghiandola pineale e quella pituitaria. Il numero di persone che (con lo scopo di aprire il terzo occhio n.d.t.) hanno praticato esercizi di respirazione, tecniche di concentrazione profonda e che hanno persino sperato di ricevere un colpo in testa (qualsiasi cosa purch il lavoro sia fatto . ), sarebbe sufficiente a formare una legione. Sappiamo una cosa: i riferimenti nelle scritture e nella letteratura dellocculto, riguardanti il terzo occhio, abbondano. Un libro che vendette moltissime copie ad esempio, contenente parecchie storie bizzarre mescolate a punti di vista filosofici, fu pubblicato qualche anno fa. Una spiegazione che si d circa lo stato originale di coscienza di Adamo, sostiene che lo stesso fosse concentrato nel giardino delleden volto verso Est. Adamo, ovviamente, rappresenta il primo essere umano sul pianeta. Nel vecchio testamento (Ezechiele 43:1-2) leggiamo: pi tardi, mi port fino al cancello; lo stesso cancello che guarda a est e ad un tratto la

gloria del Dio di Israele arriv dalla via dellest e la sua voce era come il rumore di molte acque. La terra risplendette nella sua gloria. Questa la testimonianza caratteristica di tutti coloro che dirigono la loro
attenzione allinterno e che vengono elevati al di sopra della coscienza del corpo, fino al punto dove lintuizione (la capacit dellanima di percepire chiaramente) rivela la verit. Il rumore di molte acque , ovviamente, la prova della percezione di Om (Amen), ossia la vibrazione cosmica.

Il terzo occhio quello dellintuizione Ognuno di noi percepisce questo mondo attraverso la vista e gli altri sensi e lintuizione ci permette di percepire ci che pi sottile della creazione grossolana. Quando lintuizione risvegliata, si afferma che il terzo occhio sia aperto e che luomo inizi a possedere vista divina. Impareremo, andando avanti, come accelerare il risveglio dellintuizione e a come utilizzarla saggiamente. In India, secoli fa, durante una passata era illuminata, alcune giovani persone furono iniziate da un sacerdote. Questa iniziazione culmin nel risveglio della loro intuizione, che fu indicata esteriormente applicando un punto di pasta di sandalo sulla fronte, nel punto in mezzo alle sopracciglia. Questo segno era lindicazione del risveglio interiore mentre ora, nella maggior parte dei casi, solo un simbolo. Lintuizione risvegliata si pu utilizzare saggiamente per discernere la verit nelle scritture, la natura dellanima, per ottenere comprensione circa la natura della Realt e per risolvere i problemi della vita. Si pu utilizzarla anche in modo non saggio, facendo cose come lettura dellaura, chiaroveggenza, predizione del futuro, ecc. (il tutto con lo scopo di guadagno personale o divertimento). Ovviamente non esiste ragione grazie alla quale non dovremmo usare lintuizione per avanzare nel percorso dellautorealizzazione o per vivere meglio nella societ. In ogni caso, un forte desiderio di risveglio intuitivo, motivato solo dalla voglia di gratificare piccoli capricci o di ottenere potere personale, la prova di una motivazione egoista e pu condurre solo alla confusione. Lanatomia occulta delluomo Ogni studente delle scienze occulte conosce i sette centri vitali nel corpo delluomo, situati nel sistema nervoso cerebro-spinale. Nella parte alta della testa troviamo il centro della corona (detto anche loto dai mille petali), la batteria del corpo. Nel punto in mezzo alle sopracciglia c il terzo occhio, connesso direttamente con il midollo allungato, che contiene i centri di controllo delle varie funzioni vitali, ossia battito del cuore, respirazione, temperatura, ecc. I cinque centri inferiori sono: Cervicale dietro alla gola nella spina dorsale Dorsale in mezzo alle scapole Lombare dietro allombelico Sacrale e coccigeo nella parte inferiore della spina dorsale

I chakra nella spina dorsale

Esistono anche sette piani, dalla pura coscienza alla manifestazione piena della creazione fisica. I sette punti vitali del corpo delluomo corrispondono esattamente a questi piani. Nel corpo, i centri pi bassi sono nutriti (o sostenuti) dallenergia che fluisce dal chakra della corona (ruota o centro della forza) e distribuiti attraverso il centro del terzo occhio. I corpi fisico, astrale e causale delluomo sono sigillati (o connessi) a questi punti vitali. Il corpo con i suoi sette punti vitali definito come il contenitore sigillato della conoscenza. Senza il risveglio intuitivo, la conoscenza non disponibile. Nelluomo ci sono tutti i segreti e i misteri delluniverso, ossia ogni manifestazione esteriore si riflette nelluomo stesso. Questo il motivo per cui parliamo di autorealizzazione. Quando realizziamo il vero S (la natura dellanima), conosciamo noi stessi come individualizzazioni di Dio, fatte realmente a sua immagine e somiglianza.
Cosa? Non lo sai che il tuo corpo il tempio dello Spirito Santo che in te, che hai avuto da Dio e che non tuo? ( Corinzi 6:19)

Quando un uomo fa cadere lego (il senso di separazione da Dio), realizza di non essere di sua propriet, bens unespressione della vita divina. La piena realizzazione di questo concetto la salvezza, ossia la vera libert delluomo. San Giovanni, come stato riportato nel libro delle rivelazioni, percep il suo corpo con i sette centri risplendenti e laura intorno ad esso. Con una visione chiaroveggente, questi punti vitali si possono osservare come luci pulsanti di colore diverso, secondo la loro vibrazione. A livello fisico, i centri corrispondono ai principali gangli nervosi nella colonna spinale. Poich i veicoli dellanima sono fusi (o sigillati) a questi centri, i maestri suggeriscono di focalizzare lattenzione sul terzo occhio - durante la meditazione per pentirci, ossia per orientare nuovamente noi stessi nel punto giusto, trascendendo lidentificazione con mente e corpo e diventando consapevoli della vera origine (di tutto n.d.t.). Questo il vero significato della parola pentimento. Pentirsi significa distogliere lattenzione dalla manifestazione materiale e diventare consapevoli della Realt. Quando sediamo in meditazione con il nostro sguardo assorto nel terzo occhio, veniamo innalzati e trascendiamo sia il subconscio, sia i problemi del mondo per tutto il periodo della meditazione. La persona comune, con lattenzione diretta allesterno, si identifica pienamente con mille e pi cose interessanti e seducenti, perdendo la strada nella vita e dimenticando la sua vera natura. In profonda meditazione per, si dirige il potere di cuore, mente e anima verso il terzo occhio (e oltre) e i risultati arrivano velocemente. Questo tipo di abbandono completo del (piccolo) s e dellego culmina nella realizzazione del (grande) S (detta anche autorealizzazione n.d.t.). Sarebbe bello se tutte le anime che ricercano sinceramente imparassero questa lezione in fretta, praticassero la meditazione nel modo corretto e diventassero libere. Luomo, mentre dirige lattenzione allinterno nel modo corretto, sale le scale che portano alla realizzazione del S, passo dopo passo.. dalla coscienza grossolana, passando per le dimensioni psichiche e mentali, attraverso la porta del regno interiore, oltre il senso dellillusione e fino al raggiungimento della realizzazione del supremo S. Non esiste altra via per la libert, questa via ben definita e chiunque la pu seguire. Esiste una via scientifica per la realizzazione del S; per avere successo sul percorso servono solo perseveranza e comprensione. Ovviamente, deve esserci desiderio di verit. Fermarsi lungo il percorso ed essere coinvolti dai fenomeni un errore. Ogni maestro ha detto questo e lo ha fatto per una buona ragione. I consigli dei maestri sono lautorit, perch essi conoscono la via! Un potente metodo di meditazione Durante la meditazione, sedete semplicemente in modo tranquillo, con lattenzione focalizzata nel terzo occhio. Lasciate che gli occhi si muovano verso lalto, mentre il vostro sguardo si dirige in quel punto. Siate consapevoli del vostro respiro.andate sempre pi profondamente nel terzo occhio (2) . Penetratelo .. abbandonatevi allattrazione magnetica che viene dallalto. Otterrete dei risultati. Non c bisogno di visualizzare, pregare o cercare di far accadere qualcosa. Semplicemente rilassatevi e date voi stessi ad un potere pi grande che far il resto. Luomo non pu salvare se stesso; solo labbandono alla volont divina (lamore per Dio) lo far. Cercate di andare oltre tutto fino allorigine, qualsiasi cosa si presenti, sia essa sotto forma di sensazione, luce interiore, suono, ecc. Questo il segreto del successo nella meditazione. Non fermatevi lungo il percorso e non rimanete affascinati dalle esperienze interiori, poich vi illuderete pensando di diventare spirituali. A volte, succedono cose interessanti. Una volta, anni fa, calmai la mente dopo circa unora di concentrazione interiore. Ad un certo punto, senza preavviso, diventai un punto di consapevolezza allinterno del mio corpo. Potevo vedere dal mio punto di osservazione tutti gli organi del corpo sospesi e immersi in una luce bianca.

Ovunque ponessi lo sguardo, ero in grado di vedere. Il cuore, i polmoni, il fegato, lintestino, il cervello . Ogni cosa! Ero un punto di consapevolezza con la capacit di percepire qualsiasi cosa volessi. Questa esperienza dur per parecchi minuti. Pi avanti, lessi che gli yogi conoscono questa luce interiore e possono, in modo simile, osservare linterno dei loro corpi, di quelli altrui e persino il lavoro della natura. Alcune persone dotate di capacit chiaroveggenti possono dirigere la loro attenzione nel corpo di unaltra persona, vedere allinterno di quel corpo e comprendere quale sia il problema da risolvere. Poterlo fare una grande benedizione. La visione del terzo occhio dona ad una persona la capacit di vedere attraverso le apparenze materiali fino a raggiungere il cuore delle cose. Anni fa avevo labitudine di fare letture alle persone. Mi sedevo davanti a loro e dicevo alcune cose sulla loro personalit o sulla loro vita (3). Non dovevo sforzarmi per farlo, poich mi veniva naturalmente. Ora per non lo faccio pi. Mi fermai non appena iniziai a comprendere che le persone si aspettavano da me un ruolo di chiromante e non volevano assumersi responsabilit personali per loro stesse. Ovviamente, utilizzo lintuizione per sapere le cose sulle persone, in modo da conoscerle e sapere come istruirle nella maniera migliore sul percorso spirituale. La maggior parte dei problemi personali possono essere risolti essendo onesti con se stessi, con la meditazione e lattivit responsabile. Fare una lettura serve a poco. Naturalmente, siamo tutti interessati a sapere qualcosa su noi stessi, specialmente circa i ruoli fantastici che abbiamo avuto nelle nostre incarnazioni precedenti, il nostro potenziale non sfruttato oppure su cosa potrebbe accadere nel nostro futuro se le cose andassero bene. Una lettura psichica (4) pu soddisfare la curiosit di una persona, dare prova dellabilit del lettore e rendere la vita noiosa di qualcuno pi interessante. Un vecchio proverbio recita: dai un pesce ad un uomo oggi e dovrai dargliene uno anche domani. Insegnali a pescare e si sfamer da solo per tutta la vita. Preferisco insegnare alle persone come conoscere Dio e avere fiducia in se stessi per tutta leternit, piuttosto di intrattenerli e basta. La manifestazione trina A volte, dopo che la mente agitata si calmata e tutte le immagini subconscie sono assenti, possiamo vedere nel terzo occhio unaura dorata con una parte blu allinterno e, al centro della stessa, una massa bianca di luce. Questa ultima il riflesso dellaspetto trino della Realt. La parte dorata la luce di Om (spirito santo), il blu la luce dellintelligenza universale (coscienza cristica o coscienza di Krishna) e il bianco la luce della coscienza incondizionata (Spirito). Quando percepirai queste luci, abbandonati ad esse e lasciati attirare al loro interno. Non c nulla di cui avere paura (5), sarai attirato in una sintonia con il grande potere della vita e con una presenza.quindi nella coscienza cosmica e successivamente nella consapevolezza del puro essere. Anche se non si manifesteranno esperienze drammatiche, mentre contemplerai le cose di cui sto parlando, noterai che la tua intuizione diventer pi acuta e la tua comprensione pi profonda. Inizierai automaticamente a sapere cose che non sapevi prima. Questa evidenza del risveglio del terzo occhio sar la prova del chiarimento della tua coscienza. I maestri a volte hanno labitudine di toccare i discepoli nel centro dellocchio spirituale (il terzo occhio) con la mano in gesto di benedizione. Questo non solamente un rituale esteriore. Quando una persona risvegliata entra nellaura di una che non lo , le forze vitali di questa ultima vengono sollecitate e si accelera lintuizione. So dalla mia esperienza con Paramahansa Yogananda (il mio guru) che, quando mi trovavo insieme a lui (oppure quando ero in sintonia con lui), mi sentivo innalzato, avevo un impulso pi forte verso la meditazione, mi era pi facile essere in sintonia con linfinito e notavo che i miei piccoli problemi cessavano di esistere. Concrete benedizioni possono fluire attraverso mani, occhi e da anima ad anima. Dio, nella forma di un maestro o di una persona illuminata, benedice il mondo. Il mondo non lo comprende (6). Le persone che non hanno la percezione del terzo occhio tendono a prendere in giro e/o a deridere coloro che vivono o cercano di vivere la via spirituale, ma indipendentemente da questo, sappiate che il percorso spirituale molto particolare e lo dobbiamo intraprendere da soli (7). Il terzo occhio come uno specchio in grado di riflettere Attraverso la visione interiore possiamo vedere posti distanti, comunicare con altre persone e discernere le verit della natura. Possiamo discernere ci che non percepibile dai sensi. Possiamo, utilizzando in modo appropriato la visione del terzo occhio, vedere senza restrizioni di tempo e spazio. Per esempio, immaginiamo di voler comunicare con qualcuno che si trova ad una certa distanza da noi e di non avere un telefono a disposizione.

Questo il metodo: Sedetevi calmi e rendete la mente tranquilla. Osservate il terzo occhio (punto in mezzo alle sopracciglia) ad occhi chiusi con un atteggiamento di aspettativa. Pensate alla persona con la quale volete comunicare e sentite la sua presenza. Questa pratica rimuove lidea che lo spazio sia una barriera. Potete visualizzare la persona nel terzo occhio, bench la visualizzazione non sia necessaria. In quel momento, pronunciate mentalmente il nome della persona e fate la vostra richiesta (o mandate il vostro messaggio) con convinzione. Sentite che il messaggio stato ricevuto, dopodich rilassatevi e accettate di aver fatto tutto ci che dovevate. Il dubbio e lagitazione mentale sono come statici che interferiscono con i vostri sforzi. Se, in questo momento, volete sapere qualcosa sul benessere di una persona, invece di mandare un messaggio, osservate al vostro interno e desiderate di sapere. Dopodich siate calmi e ricettivi. Dopo un po, una certa quantit di impressioni invaderanno la vostra mente, arriveranno delle sensazioni forti e avrete unimpressione generale su come stiano andando le cose per quella specifica persona. Se un vostro amico ha bisogno di aiuto in questo momento, osservate interiormente e sappiate che in questo momento in uno stato di perfezione, felice e completo in ogni modo. Accettatelo come un fatto e abbandonate il pensiero. Lo spirito presente ovunque e, quando vedrete e saprete dal posto in cui siete che una persona libera, il lavoro sar stato fatto. (8) Non pensate di dover inviare pensieri attraverso lo spazio, poich facendo in questo modo vi limiterete semplicemente a fare un lavoro con la vostra mente. Quando siete calmi interiormente, siete oltre le dimensioni del tempo e dello spazio. Essere in grado di sapere che una persona in uno stato di completezza una via migliore che non cercare di visualizzare la perfezione, inviare raggi di luce o costruire (mentalmente n.d.t.) campi di energia. Questi sono metodi astrali. Possiamo funzionare come lo spirito, trascendere il livello psichico e i nostri sforzi possono avere risultati istantanei. Ci sar unalimentazione di potere e luce attraverso lindividuo e prevarr larmonia. Ho avuto spesso lesperienza di non cercare di sapere nulla su una persona specifica quando, rimanendo calmo e con gli occhi aperti o chiusi, unimmagine di qualcuno si manifestata improvvisamente nella mia coscienza, unitamente ad una qualche sensazione e ad una necessit di intraprendere una forma di comunicazione. Dopo aver fatto il lavoro spirituale, quando questo successo, non raro che una persona mi abbia scritto per dirmi di aver avuto bisogno di aiuto e di come era stata aiutata. Luci interiori A volte, mentre meditiamo, osserviamo interiormente immagini, scene di posti, volti di persone conosciute e non, ecc. Per la maggior parte si tratta di immagini subconscie che galleggiano subito sotto la superficie della mente cosciente. Non abbiamo bisogno di tentare di comprenderle, poich possiamo vedere oltre di esse. Con il tempo, possiamo vedere figure geometriche brillanti che cambiano costantemente, dopodich potremo osservare delle magnifiche luci chiare. Se persistiamo, percepiremo immediatamente la luce bianca ed con questa che possiamo lavorare durante la meditazione. Possiamo provare ad immergerci in essa e, alla fine, trascenderla. Durante la meditazione, ogni percezione di luce o suono prova della dualit, anche se pu essere un passo essenziale per il nostro progresso. Una signora, una volta, mi disse di vedere dei volti che la guardavano, quando chiudeva gli occhi per meditare. Fu terrorizzata da questa cosa e smise di praticare. Le dissi: Di cosa hai paura? Ci sei solo tu nella tua testa, giusto? A quel punto, cess di aver paura delle immagini - prodotte dalla sua stessa mente e le stesse non si presentarono pi. Bench io sappia che alcune persone abbiano visioni e ricevano una guida interiore (9), penso che sia meglio imparare a conoscere direttamente piuttosto di fidarsi di una visione. Fintanto che le informazioni sono filtrate dalla mente, come succede nelle visioni, c sempre la necessit di interpretarle correttamente. So di molte persone che sono diventate confuse in modo irrimediabile, cercando di seguire troppo attentamente visioni o sogni. Invece di desiderare visioni, che alcune persone sostengono provenire da Dio, dovremmo cercare di diventare consapevoli del fatto che Dio si sta esprimendo in noi e attraverso di noi, anche in questo momento. Questa realizzazione dissolver la credenza di separazione, che il maggior problema delluomo. Rimanere attaccati alle visioni significa perdersi nellillusione e avere una barriera verso lilluminazione. Sri Ramakrishna, un santo dellIndia che lasci questo mondo verso la fine del secolo scorso, raccont le sue esperienze ai suoi discepoli. Quando era giovane, bramava il raggiungimento della realizzazione del S ed essendo di natura devozionale, spesso entrava in uno stato di beatitudine interiore e aveva visioni della Madre Divina (il suo concetto di Dio).

Egli non vedeva lora di meditare ogni giorno a causa della gioia che sperimentava in quei momenti. Non sapeva che le visioni erano proiezioni della sua mente e dei suoi desideri. Pi avanti, egli incontr Totapuri, il suo guru. Questo maestro poneva laccento su un modo di vedere assoluto della Realt. Il guru di Ramakrishna gli mostr come meditare e trascendere la visione della Madre Divina, in modo da poter entrare nella consapevolezza del Puro Essere, ossia la pi alta condizione di samadhi (realizzazione dellunit). Non condanno visioni, luce, gioia, beatitudine, ecc. Sto semplicemente riaffermando gli insegnamenti dei maestri. Alla fine, non importa quanto possano essere attraenti ed elevanti le nostre esperienze interiori, bisogna trascenderle. Un passo avanti importante nella pratica della meditazione Un passo avanti nella pratica della meditazione si ha quando sentiamo unattrazione definitiva dallalto. Nei nostri primi sforzi, solitamente dobbiamo lavorare per meditare. Non sempre facile calmare la mente e mantenere alto lentusiasmo. Dopo un certo punto, per, gli sforzi di elevarsi incontrano una forza di attrazione dallalto che ci attira letteralmente nella consapevolezza dello spirito. Questo il motivo per cui si dice che quando luomo alza una mano verso Dio, Dio stesso ne allunga due per attirarlo verso la libert. Questa attrazione dallalto magnetica, ossia dovuta allaspetto positivo dello spirito (definito a volte come lamore di Dio). Quando gli effetti di questa attrazione sono manifesti nelle nostre vite, si afferma di essere catturati dai raggi della Grazia di Dio. Una definizione della Grazia che amo : Lattivit dello spirito nella (e attraverso la) vita delluomo, che lo trasforma e lo rigenera. Per questa ragione enfatizzo limportanza della meditazione regolare. Yoganandaji suggeriva ai suoi discepoli di meditare profondamente con regolarit. Ricordo che mi disse: Medita ogni giorno pi profondamente di quanto hai fatto il giorno prima. Ovviamente non sempre possibile, ma possiamo tentare. In unaltra occasione, mi raccont di quando, da giovane residente nellashram del suo guru in India, lavorava alacremente tutto il giorno per preparare cibo per gli ospiti. Alla fine della giornata era cos stanco da riuscire a malapena a raggiungere la sua stanza. Solo questa volta, pensava. Il maestro non si arrabbier se per una volta non medito, prima di andare a dormire. Il suo addestramento, per, era stato troppo perfetto e (dopo aver pensato quanto detto prima) si sedeva subito per meditare. Immediatamente, veniva assorbito dalla luce e aveva delle grandi esperienze che duravano anche per ore. Ricordando quegli episodi, soleva dire sorridendo: Vedi cosa avrei perso, se non avessi meditato. Quando si magnetizza il cervello, quale risultato della nostra contemplazione costante di materie spirituali troviamo una stabile attrazione in quella direzione e la meditazione diventa facile e gioiosa. Prova in ogni momento Nota, quando sei vigile, in che modo comunichi con lambiente circostante attraverso gli occhi. Sei consapevole delle tue vicinanze immediate. Nota, quando sei di cattivo umore o in uno stato simile, come tendi a ritirarti e a non mantenere la comunicazione con lambiente che ti circonda, a volte, con gli occhi puntati verso il basso e la tua attenzione che riflette ricordi subconsci o problemi. Quando ti senti depresso/a, fai cos: alza gli occhi volontariamente oltre il livello normale e sii consapevole dellambiente circostante. Comunica con esso in quel momento. Inizierai a sentirti immediatamente rinnovato e diventerai pi ottimista. Prova e vedrai che funziona. Quando gli occhi sono abbassati, tendiamo ad identificarci con il subconscio, mentre quando sono ad altezza normale tendiamo ad identificarci con il mondo esterno e le situazioni del presente. Quando gli occhi sono innalzati verso il terzo occhio, tendiamo ad identificarci con la parte supercosciente, ossia il livello della mente oltre la mente. Il potere della kundalini Non ci potrebbe essere discussione sul terzo occhio e sullanatomia occulta delluomo, senza menzionare, almeno brevemente, la forza sottile conosciuta come kundalini. Durante i miei giorni da monaco, ho sempre sentito alcuni confratelli che facevano riferimenti velati ai loro sforzi privati di risvegliare questa energia dormiente, ma mi sempre sembrato che laura di mistero che li circondava (per il fatto di aver reso pubbliche le loro pratiche private) era leffetto maggiore. Non ho mai visto accadimenti drammatici nelle vite delle persone il cui scopo principale era di risvegliare la kundalini o di aprire i centri dei chakra.

Mi chiedo come mai i veri santi che si affidano allinfinito lavorino in sintonia con il piano cosmico e facciano le cose con umilt. Le persone disincantate, coloro che manifestano presunti miracoli e i non-realizzati sono nella maggior parte dei casi coloro che sono ossessionati da forze segrete, tecniche misteriose e poteri psichici. E vero che al nostro interno abbiamo una forza cosmica dormiente (la kundalini, appunto) che, se la si risveglia, attiver alcuni centri vitali nel corpo delluomo, donandogli sensazioni di beatitudine e forse alcune abilit psichiche. Non dobbiamo per interessarci troppo a questa forza. Se meditiamo, lavoriamo in modo responsabile nel mondo, rimaniamo in sintonia con linfinito e ci affidiamo ad esso, sperimenteremo una piena libert spirituale. Ho conosciuto molte persone psichicamente dotate che non erano autorealizzate, come ne ho visto anche altrettante che sperimentavano le meditazioni pi estatiche, unitamente a visioni e sensazioni di beatitudine, che non avevano una chiara comprensione a livello cosmico. Come conseguenza naturale della meditazione e della sintonia interiore, le energie vitali inizieranno a fluire nel sistema nervoso, portando un senso di benessere e ripulendo il subconscio da immagini e schemi negativi e indesiderati. La kundalini, la forza cosmica dormiente, si risveglia naturalmente quale conseguenza di calma, rilassamento, meditazione e contemplazione sulle cose inerenti allo spirito. Non c bisogno di fare esercizi complicati, diete speciali o lunghe sessioni di esercizi respiratori. Forse un giorno scriver pi estensivamente su questo argomento; per adesso lasciatemi dire che quando trascorriamo il nostro tempo focalizzati nel terzo occhio, le cose succederanno nellordine giusto, in modo che gli sviluppi naturali siano assicurati a tutti i livelli. Siate centrati in Dio La pratica del kriya yoga insegnata da me e da altri discepoli del mio guru Paramahansa Yogananda, non un esercizio di respirazione. E una tecnica che ha lo scopo di controllare il flusso della forza vitale e di dirigerlo intenzionalmente allinterno del percorso cerebro-spinale. Il kriya yoga assicura velocemente la concentrazione completa e la meditazione profonda, portando anche ad un raffinamento del sistema nervoso. Chiunque sia stato appropriatamente iniziato pu praticare il kriya con beneficio. La cosa importante da ricordare questa: diventando strumenti del divino sulla terra, qualsiasi risveglio richiesto arriver nel momento pi opportuno e nel modo pi giusto. Ci che per ognuno di noi importante, di imparare a vivere in questo mondo con il giusto atteggiamento e con la coscienza della nostra natura divina. Molte persone dotate non contribuiscono mai al benessere della societ, n sono felici o complete. Laltruismo e una vita vissuta in sintonia con il divino, sono la via per la libert. Milioni di persone nella nostra societ hanno fatto esperienze con lLSD (10) o con altre sostanze stupefacenti che dovrebbero espandere la coscienza. Qualcuna di esse ha avuto qualche intuizione, ma la maggior parte di queste persone sono state catturate da esperienze illusorie. Le droghe non sono nuove, poich sono state utilizzate per secoli. I saggi per ci hanno detto che non sono necessarie e che possono essere causa di problemi mentali ed emotivi. Uno degli effetti pi benefici dellaver ottenuto la visione del terzo occhio (o la percezione dello stesso) si ha quando la nostra consapevolezza diviene pi acuta e il nostro apprezzamento della vita pi pronunciato. A quel punto, riscontriamo che la guida fluisce costantemente da dentro, siamo portati a fare le cose nel modo e nel momento giusti, comprendiamo facilmente la verit nelle scritture e negli scritti ispirati e osserviamo che qualsiasi cosa facciamo, se appropriata per il momento, unattivit spirituale. La consapevolezza spirituale non ci rende inadatti a vivere nella societ, ma ci rende pi utili e fa s che la nostra presenza in questo mondo sia proficua. Sempre a quel punto, possederemo una nuova vibrazione ed un reale senso di scopo, mentre riconosceremo che linfinito sta recitando tutti i ruoli nel dramma cosmico, dove ognuno di noi un partecipante. Le immagini che il mondo ci presenta attraverso i sensi, sono appunto solamente immagini, riflessi e scene che cambiano. Luomo centrato in Dio non si muove mai dalla sua posizione. E sempre saldamente ancorato e sa di essere uno spirito libero. Partecipando pienamente alle attivit del mondo, sa che, mentre le scene esteriori cambiano, lui non cambia mai. Egli non dipende da nessuna specifica manifestazione esteriore per la sua sicurezza. La sua sicurezza risiede nella sua chiara realizzazione della vita, perch conosce la verit. Non ho detto: Sta usando la verit. Fintanto che esiste il pensiero di utilizzare il potere, non siamo illuminati. La cosa ideale che il potere e lintelligenza si esprimano in noi e attraverso di noi. Questa la vera libert spirituale. Roy Eugene Davis

Note (1) Poich siamo unit individualizzate della Realt Suprema, la nostra anima ha assunto un ego nel momento della sua individualizzazione. Poich lo scopo della pratica meditativa quello di realizzare lunit con la Realt Suprema stessa, si pu affermare che il percorso spirituale sia una sorta di viaggio allindietro verso lorigine di noi stessi. (2) La tecnica descritta la meditazione pura. Chi iniziato al kriya yoga dovrebbe sapere che, dopo il kriya e la tecnica di Om, questa la pratica pi importante della meditazione. (3) Anche se in maniera sicuramente molto minore rispetto al sig. Davis, anche io ho sviluppato la capacit di comprendere molto delle persone semplicemente guardandole. Non sarei veritiero se affermassi che ogni persona per me un libro aperto, ma qualcuno indubbiamente lo . Sono convinto che tale capacit sia un prodotto secondario della pratica meditativa e che tutti siamo in grado di svilupparla. (4) Dallinglese psychic reading. Una lettura psichica avviene quando un presunto sensitivo, guardando una persona, dice cose sul suo passato e/o sul suo futuro. (5) Meditavo da circa un anno (era il 1996 mi sembra), quando una notte, trovandomi in uno stato di dormiveglia, mi apparve una grande luce nellocchio spirituale. Percepii una sensazione simile allessere attirato dentro quella luce e ricordo nitidamente di aver provato una sensazione di diffidenza, rifiutandomi di lasciarmi assorbire. Da allora, non mi pi ricapitata unesperienza simile. Per dovere di cronaca, voglio comunque mettere in considerazione la possibilit che lintera esperienza fosse un prodotto del mio subconscio. Se dovesse capitarvi unesperienza del genere, non abbiate timore. (6) C un passo in uno dei vangeli cristiani dove contenuto un passaggio che cita: La luce risplendette nelle tenebre, ma le tenebre non la compresero. Lespressione utilizzata dal sig. Davis intendeva dare una spiegazione di quel passo. (7) Sri Yukteswar disse una volta: Il battello che salpa dalle rive del fiume dellillusione in partenza. Chi andr? Chi andr? Se nessuno va io andr!!. (8) Comportandovi in questo modo manderete vibrazioni positive alla persona (o alle persone) cui state pensando, che verranno sicuramente recepite ad un qualche livello. (9) Questo libretto risale al 1969. Con gli anni Davis ha indurito ulteriormente il suo punto di vista sulle visioni, arrivando a considerarle quasi interamente inaffidabili. E infatti vero che la stragrande maggioranza delle cosiddette visioni sono prodotti del subconscio. (10) LLSD era una droga in uso per lo pi negli anni sessanta e settanta che provocava, tra le altre cose, allucinazioni. Non era raro che persone, assumendola, si buttassero dalla finestra pensando di poter volare.

Roy Eugene Davis

Questa pubblicazione e tutte le altre che potete trovare sul mio sito www.kriyayoga.it sono volutamente gratuite, poich ritengo che gli insegnamenti spirituali non siano qualcosa che debba essere messo in vendita. Il mio progetto come ministro del Center for Spiritual Awareness quello di raggiungere in un prossimo futuro pi citt italiane ed europee possibili per seminari gratuiti e di conseguenza per la diffusione del kriya yoga in Italia e in Europa. Se queste pubblicazioni vi sono utili, vi incoraggio a contribuire con una donazione libera. Gli importi ricevuti saranno utilizzati per: il mantenimento del sito www.kriyayoga.it spostarmi in pi citt possibili per seminari e iniziazioni

stampare materiale da leggere per chi non pu accedere a internet (in particolar modo le persone anziane)

Se vi fa piacere potete utilizzare paypal (www.paypal.it) indicando fsyukteswarji@yahoo.com come beneficiario oppure poste pay (contattatemi privatamente e vi dar i dati per fare la donazione). Vi ringrazio sin da ora per il vostro aiuto Furio Sclano