Sei sulla pagina 1di 153

INDICE

Parte I – Il Modulo Sketcher


La realizzazione di profili semplici............................................................... pag. 3
Come creare un profilo ..................................................................................... pag. 5
Come creare un rettangolo ............................................................................... pag. 8
Come creare un cerchio ..................................................................................... pag. 9
Come creare un cerchio passante per tre punti .............................................. pag. 10
Come creare un cerchio utilizzando le coordinate .......................................... pag. 11
Come creare un cerchio tri-tangente ............................................................... pag. 12
Come creare un arco .......................................................................................... pag. 13
Come creare un arco passante per tre punti ................................................... pag. 14
Come creare una spline ..................................................................................... pag. 15
Come unire due elementi utilizzando un arco o una spline ........................... pag. 17
Come creare una linea ....................................................................................... pag. 18
Come creare una linea bi-tangente .................................................................. pag. 19
Come creare una linea bisettrice ...................................................................... pag. 20
Come creare un asse .......................................................................................... pag. 21
Come creare un punto ....................................................................................... pag. 22
Come creare un punto utilizzando le coordinate ............................................ pag. 23
Come creare punti equidistanti ........................................................................ pag. 24
Come creare un punto intersezione .................................................................. pag. 25
La realizzazione di profili pre-definiti ....................................................... pag. 26
Come creare un rettangolo orientato ............................................................... pag. 27
Come creare un parallelogramma ................................................................... pag. 28
Come creare un foro allungato ......................................................................... pag. 29
Come creare un foro cilindrico allungato ........................................................ pag. 30
Come creare un esagono .................................................................................... pag. 31
Le operazioni sui profili .................................................................................. pag. 32
Come creare un raccordo .................................................................................. pag. 33
Come creare uno smusso ................................................................................... pag. 35
Come realizzare il taglio di elementi ................................................................pag. 39
Come realizzare il taglio di elementi chiusi intersecanti ................................pag. 42
Come chiudere degli elementi aperti ................................................................pag. 44
Come creare il complemento di un arco ..........................................................pag. 45
Come creare l’interruzione di elementi ............................................................pag. 46
Come creare elementi simmetrici .....................................................................pag. 47
Come realizzare la traslazione di elementi ......................................................pag. 48
Come realizzare la rotazione di elementi .........................................................pag. 50
Come realizzare la scala di elementi .................................................................pag. 52
Come realizzare l’offset di elementi .................................................................pag. 54
Settaggio dei vincoli ...........................................................................................pag. 57
Cosa sono i vincoli? ............................................................................................pag. 57
Vincoli geometrici ...........................................................................................pag. 57
Vincoli dimensionali .......................................................................................pag. 58
Il significato dei colori dei vincoli .....................................................................pag. 58
Come creare vincoli dimensionali/geometrici ..................................................pag. 60
Come creare un vincolo di contatto ..................................................................pag. 64
Come creare un vincolo tramite un box di dialogo ..........................................pag. 66

Parte II – Il Modulo Part Design


Features basate su schizzi.................................................................................pag. 68
Come creare un prisma.......................................................................................pag. 69
Come creare un prisma multiplo .......................................................................pag. 73
Come creare un prisma con raccordi e sformo ................................................pag. 75
Come creare una tasca........................................................................................pag. 77
Come creare una tasca multipla ........................................................................pag. 79
Come creare una tasca con raccordi e sformo..................................................pag. 81
Come creare un albero........................................................................................pag. 83
Come creare una linguetta .................................................................................pag. 85
Come creare un foro ...........................................................................................pag. 87
Come unire una costa..........................................................................................pag. 91
Come creare una scanalatura.............................................................................pag. 93

12
Come creare una nervatura ............................................................................... pag. 95
Come creare un loft ............................................................................................ pag. 97
Come creare un loft rimosso.............................................................................. pag. 100
Features di dettagliatura .................................................................................. pag. 102
Come creare un raccordo su uno spigolo ......................................................... pag. 103
Come creare uno smusso su uno spigolo........................................................... pag. 105
Come creare un angolo di sformo ..................................................................... pag. 107
Come creare uno svuotamento .......................................................................... pag. 109
Come creare una filettatura maschiatura ........................................................ pag. 111
Features di trasformazione ............................................................................. pag. 113
Come realizzare una traslazione ....................................................................... pag. 114
Come realizzare una rotazione .......................................................................... pag. 115
Come realizzare una simmetria......................................................................... pag. 116
Come realizzare uno specchio............................................................................ pag. 117
Come realizzare una matrice rettangolare....................................................... pag. 118
Come realizzare una matrice polare ................................................................. pag. 120
Come realizzare un’operazione di scala ........................................................... pag. 122
Elementi di riferimento .................................................................................... pag. 123
Come realizzare un punto di riferimento ......................................................... pag. 124
Come realizzare una linea di riferimento ......................................................... pag. 127
Come realizzare un piano di riferimento.......................................................... pag. 130

Parte III – Il Modulo Assembly


Come inserire componenti esistenti .................................................................. pag. 135
Come manipolare i componenti......................................................................... pag. 136
Come creare un vincolo di coincidenza............................................................. pag. 138
Come creare un vincolo di offset ....................................................................... pag. 140
Come creare un vincolo di contatto .................................................................. pag. 142
Come creare un vincolo di angolo ..................................................................... pag. 144
Come visualizzare il browser del catalogo pezzi presente in CATIA ............ pag. 146
Come riusare una matrice definita nel modulo Part design ........................... pag. 148
IL MODULO SKETCHER

IL MODULO SKETCHER

Il modulo sketcher fornisce un insieme di funzionalità per creare e modificare degli schizzi. È
possibile realizzare schizzi costituiti da elementi fra loro vincolati.

La realizzazione di profili semplici

Di seguito vengono presentati i comandi più importanti presenti in Sketcher che permettono la
realizzazione di qualsiasi profilo.
Crea un profilo costituito da linee ed archi

Crea un rettangolo; il comando richiede la definizione dei due punti estremi

Crea un cerchio; il comando richiede il centro ed un punto sul cerchio

Crea un cerchio passante per tre punti; il comando richiede l’individuazione


dei tre punti
Crea un cerchio utilizzando le coordinate; il comando richiede l’inserimento
nel box di dialogo delle coordinate del centro ed il valore del raggio
Crea un cerchio tri-tangente; il comando richiede l’individuazione dei tre
elementi a cui il cerchio deve essere tangente
Crea un arco; il comando richiede l’individuazione del centro dell’arco e dei
punti iniziali e finali.
Crea un arco passante per tre punti; il comando richiede l’individuazione dei
tre punti.
Crea una spline; il comando richiede i punti per i quali far passare la spline.

Connette due elementi utilizzando archi o spline: il comando richiede i due


elementi da unire e la scelta del tipo di curva con il quale realizzare l’unione

Crea una linea: il comando richiede l’individuazione dei due punti estremi

Crea una linea bi-tangente: il comando richiede l’individuazione dei due


elementi a cui la linea deve essere tangente.
Crea una linea bisettrice: il comando richiede l’individuazione delle due linee

3
Parte I

Il Modulo Sketcher

14
IL MODULO SKETCHER

Crea un asse: il comando richiede l’individuazione dei punti estremi dell’asse

Crea un punto: il comando richiede la posizione del punto sullo schermo.

Crea un punto utilizzando le coordinate: il comando richiede l’inserimento


nel box di dialogo delle coordinate del punto
Crea punti equidistanti: il comando richiede l’inserimento nel box di dialogo
del numero e della spaziatura dei punti equidistanti su una linea o curva
Crea un punto intersezione: il comando richiede la selezione degli elementi
intersecanti

4
IL MODULO SKETCHER

Come creare un profilo

Questa sezione mostra come creare il seguente profilo chiuso costituito da linee ed archi:

Dopo aver cliccato sull’icona compare la barra degli strumenti di sketcher :

dove

attiva lo snap al punto

se attivo l’elemento è di costruzione, altrimenti è standard

attiva i vincoli geometrici

attiva i vincoli di quota

se attivo l’elemento che si sta per tracciare è una linea

se attivo l’elemento che si sta per tracciare è un arco tangente

se attivo l’elemento che si sta per tracciare è un arco per tre punti

5
IL MODULO SKETCHER

Inserendo le coordinate del primo punto, ad esempio:

(in alternativa il posizionamento del punto può essere effettuato con il mouse, premendo il
tasto sinistro)

e del secondo

(è da notare come sia possibile inserire, in alternativa la lunghezza della linea e l’angolo)

si ottiene la linea che appare con i vincoli di quota:

Cliccando sull’icona si attiva la funzione arco tangente. Nella barra che compare è
possibile introdurre la posizione del punto finale o il raggio dell’arco. Essendo attivi i vincoli
geometrici, il sistema “guida” l’operatore alla realizzazione di un semi-cerchio.

6
IL MODULO SKETCHER

Dopo aver individuato la posizione del secondo punto dell’arco, si riattiva la funzione linea.
Essendo attivi i vincoli geometrici, il sistema “guida” l’operatore alla realizzazione di una
linea tangente all’arco di cerchio e della medesima lunghezza dell’altra.

Selezionando nuovamente è possibile tracciare un altro semi-cerchio che chiude il


profilo

7
IL MODULO SKETCHER

Come creare un rettangolo

Dopo aver cliccato sull’icona compare la barra degli strumenti di sketcher :

Inserendo le coordinate del primo punto, ad esempio:

e del secondo

(è da notare come sia possibile inserire, in alternativa la larghezza e l’altezza del rettangolo)

si ottiene il rettangolo che appare con i vincoli di quota:

Cliccando due volte su uno qualsiasi dei due vincoli di quota (ad esempio 50 mm), compare
un box di dialogo per la modifica del rispettivo valore.

8
IL MODULO SKETCHER

Come creare un cerchio

Dopo aver cliccato sull’icona compare la barra degli strumenti di sketcher :

Inserendo le coordinate del centro e del raggio, ad esempio:

si ottiene il cerchio che appare con i vincoli di quota:

Cliccando due volte sulla quota del raggio, compare il box di dialogo

che permette di modificare sia la quota di riferimento (raggio o diametro) che il valore
numerico.

9
IL MODULO SKETCHER

Come creare un cerchio passante per tre punti

Dopo aver cliccato sull’icona compare la barra degli strumenti di sketcher:

Inserendo le coordinate del primo punto e del raggio, ad esempio:

del secondo

e del terzo

si ottiene il cerchio che appare con i vincoli di quota:

10
IL MODULO SKETCHER

Come creare un cerchio utilizzando le coordinate

Dopo aver cliccato sull’icona compare il seguente box di dialogo:

Inserendo le coordinate del centro ed il valore del raggio, ad esempio:

si ottiene il cerchio che appare con i vincoli di quota:

Nel box di dialogo, entrando nel menù Polare, è possibile inserire la posizione del
centro del cerchio in forma polare, ovvero definendo il raggio e l’angolo.

11
IL MODULO SKETCHER

Come creare un cerchio tri-tangente

Supponiamo di aver disegnato, con uno dei metodi già presentati, tre cerchi.

Dopo aver cliccato sull’icona e selezionato con il mouse i tre elementi, si ottiene il
cerchio tri-tangente:

12
IL MODULO SKETCHER

Come creare un arco

Dopo aver cliccato sull’icona compare la barra degli strumenti di sketcher :

Inserendo:

- le coordinate del centro

- le coordinate del punto iniziale

- le coordinate del punto finale

si ottiene l’arco che appare con i vincoli di quota:

13
IL MODULO SKETCHER

Come creare un arco passante per tre punti

Dopo aver cliccato sull’icona ,

inserendo:

- le coordinate del punto iniziale

- le coordinate del secondo punto

- le coordinate di quello finale

si ottiene l’arco che appare con l’indicazione del centro:

14
IL MODULO SKETCHER

Come creare una spline

Dopo aver cliccato sull’icona compare la barra degli strumenti di sketcher :

Il comando richiede l’inserimento da tastiera o tramite mouse, della posizione dei punti di
controllo della spline.

Supponendo ad esempio di voler realizzare una spline con i seguenti 4 punti di controllo:

si ottiene

- L’inserimento dell’ultimo punto di controllo deve avvenire con un doppio click.

- Cliccando su un qualsiasi punto di controllo, compare il box di dialogo

15
IL MODULO SKETCHER

che permette di modificare la posizione degli stessi.

16
IL MODULO SKETCHER

Come unire due elementi utilizzando un arco o una spline

Supponiamo di aver disegnato tre linee complanari

Dopo aver cliccato sull’icona compare la barra degli strumenti di sketcher :

selezionando le due linee da connettere, il programma calcola la curva tangente ad entrambe

Di default il programma connette i due elementi secondo un arco. Cliccando sull’icona

degli strumenti dello sketcher, si effettua l’unione dei due elementi secondo una
spline.

17
IL MODULO SKETCHER

Come creare una linea

Dopo aver cliccato sull’icona compare la barra degli strumenti di sketcher :

inserendo il punto iniziale

e quello finale

si ottiene la linea desiderata

18
IL MODULO SKETCHER

Come creare una linea bi-tangente

Supponiamo di aver disegnato due cerchi come in figura

Dopo aver cliccato sull’icona , selezionando con il mouse i due cerchi nella parte
superiore, si ottiene

19
IL MODULO SKETCHER

Come creare una linea bisettrice

Supponiamo di aver disegnato le due linee seguenti:

Dopo aver cliccato sull’icona e selezionato le due linee, si ottiene:

La bisettrice ottenuta è una retta infinita.

20
IL MODULO SKETCHER

Come creare un asse

Dopo aver cliccato sull’icona compare la barra degli strumenti di sketcher :

inserendo il punto iniziale

e quello finale

si ottiene l’asse con l’indicazione dei punti estremi

21
IL MODULO SKETCHER

Come creare un punto

Dopo aver cliccato sull’icona compare la barra degli strumenti di sketcher :

cliccando sullo schermo con il tasto destro del mouse in corrispondenza delle coordinate
desiderate, ad esempio

si ottiene

22
IL MODULO SKETCHER

Come creare un punto utilizzando le coordinate

Dopo aver cliccato sull’icona compare il seguente box do dialogo:

nella quale è possibile introdurre le coordinate del punto sia in forma cartesiana (H, V) che
polare (raggio, angolo)

23
IL MODULO SKETCHER

Come creare punti equidistanti

Supponiamo di aver disegnato un cerchio:

Dopo aver cliccato sull’icona e selezionato il cerchio, compare il seguente box di


dialogo

nel quale è possibile indicare il numero di punti equidistanti da sovrapporre al cerchio.

24
IL MODULO SKETCHER

Come creare un punto intersezione

Supponiamo di aver disegnato un cerchio ed una retta:

Dopo aver cliccato sull’icona e selezionato con il mouse la retta e il cerchio, si ottiene:

25
IL MODULO SKETCHER

La realizzazione di profili pre-definiti

Il modulo di sketcher fornisce la seguente serie di profili pre-definiti:

Crea un rettangolo il comando richiede la definizione dei due punti estremi

Crea un rettangolo orientato; il comando richiede la definizione di due punti per


l’individuazione del primo lato e di un punto per la definizione della lunghezza del
rettangolo
Crea un parallelogramma; il comando richiede la definizione di due punti per
l’individuazione del primo lato e di un punto per la definizione della lunghezza del
parallelogramma
Crea un foro allungato; il comando richiede il centro sull’asse centrale, il punto
corrispondente alla lunghezza del foro e l’angolo
Crea un foro cilindrico allungato; il comando richiede il centro sull’asse circolare
centrale, il punto corrispondente alla lunghezza del foro e l’angolo
Crea un esagono; il comando richiede la definizione del centro dell’esagono e la
dimensione

26
IL MODULO SKETCHER

Come creare un rettangolo orientato

Dopo aver cliccato sull’icona compare la barra degli strumenti di sketcher :

inserendo il punto iniziale

ed il punto finale del primo lato

e la posizione del punto che definisce la lunghezza del rettangolo

si ottiene il rettangolo desiderato con l’indicazione dei vincoli di orientamento

27
IL MODULO SKETCHER

Come creare un parallelogramma

Dopo aver cliccato sull’icona compare la barra degli strumenti di sketcher :

inserendo il punto iniziale

ed il punto finale del primo lato

e la posizione del punto che definisce la lunghezza e l’orientamento del parallelogramma

si ottiene il parallelogramma desiderato con l’indicazione dei vincoli di orientamento

28
IL MODULO SKETCHER

Come creare un foro allungato

Dopo aver cliccato sull’icona compare la barra degli strumenti di sketcher :

inserendo la posizione del primo

e del secondo centro

ed indicando il valore del raggio

si ottiene il foro allungato desiderato con l’indicazione dei vincoli di orientamento ed il valore
del raggio

29
IL MODULO SKETCHER

Come creare un foro cilindrico allungato

Dopo aver cliccato sull’icona compare la barra degli strumenti di sketcher :

inserendo la posizione del centro del cerchio

inserendo la posizione del punto iniziale

e di quello finale

ed indicando il valore del raggio

si ottiene il foro cilindrico allungato desiderato con l’indicazione dei vincoli di orientamento

30
IL MODULO SKETCHER

Come creare un esagono

Dopo aver cliccato sull’icona compare la barra degli strumenti di sketcher :

inserendo la posizione del centro dell’esagono

e di un punto dell’esagono

si ottiene

31
IL MODULO SKETCHER

Le operazioni sui profili

Il modulo di sketcher fornisce la seguente serie di operazioni da effettuare sui profili:

Crea un raccordo (arco tangente a due curve) tra due linee utilizzando
un’operazione di taglio
Crea uno smusso tra due linee utilizzando un’operazione di taglio

Effettua un taglio di due elementi intersecanti (sia di una che di entrambe)

Realizza la cancellazione di elementi intersecanti con altri utilizzando le operazioni


di interruzione e taglio
Realizza la chiusura di elementi quali cerchi, ellissi o spline utilizzando
un’operazione di relimitazione
Crea un arco complementare

Interrompe una linea utilizzando un punto sulla linea ed un altro che non si trova
sulla stessa
Crea elementi simmetrici utilizzando una linea, una linea di costruzione o un asse

Effettua la traslazione di elementi 2D.

Effettua la rotazione di elementi 2D.

Realizza l’operazione di scala di un profilo intero

Realizza l’operazione di offset, ovvero duplica un qualsiasi elemento di schetcher

32
IL MODULO SKETCHER

Come creare un raccordo

Supponiamo di aver disegnato il seguente rettangolo

e di voler raccordare gli spigoli.

Dopo aver cliccato sull’icona , compare la barra degli strumenti di sketcher:

selezionando:

il primo elemento

il secondo elemento

il raggio

si ottiene:

33
IL MODULO SKETCHER

- Selezionando l’icona vengono tagliate entrambe le linee in corrispondenza


della tangenza con il raccordo;

- Selezionando l’icona viene tagliata solamente la prima linea selezionata in


corrispondenza della tangenza con il raccordo

- Selezionando l’icona non vengono tagliate nessuna delle due linee

34
IL MODULO SKETCHER

Come creare uno smusso

Questa sezione mostra come creare uno smusso tra ogni tipo di curva (linee, archi,
circonferenze, spline, ecc.) utilizzando una delle seguenti definizioni:

Supponiamo di aver disegnato il seguente rettangolo

e di voler smussare gli spigoli.

Dopo aver cliccato sull’icona , compare la barra degli strumenti di sketcher:

selezionando:

il primo elemento

35
IL MODULO SKETCHER

il secondo elemento

compare la nuova barra degli strumenti di sketcher:

Selezionando le due lunghezze

si ottiene:

Di seguito vengono presentate alcune configurazioni possibili nella realizzazione di uno


smusso.

Smusso tra linee non perpendicolari

36
IL MODULO SKETCHER

Smusso tra linee intersecanti

Smusso tra linee non intersecanti

Smusso tra curve intersecanti

Smusso tra curve non intersecanti

37
IL MODULO SKETCHER

- Selezionando l’icona vengono tagliate entrambe le linee in corrispondenza


della tangenza con il raccordo;

- Selezionando l’icona viene tagliata solamente la prima linea selezionata in


corrispondenza della tangenza con il raccordo

- Selezionando l’icona non vengono tagliate nessuna delle due linee

38
IL MODULO SKETCHER

Come realizzare il taglio di elementi

Questa sezione mostra come tagliare due elementi di qualsiasi tipo (linee, archi,
circonferenze, spline ecc.) intersecanti.

Supponiamo di aver disegnato due spline

e di volerle relimitare.

Dopo aver cliccato sull’icona , compare la barra degli strumenti di sketcher:

selezionando il primo elemento

ed il secondo

39
IL MODULO SKETCHER

si ottiene

- La posizione della delimitazione dipende da come vengono selezionati i due


elementi; facendo riferimento a due linee intersecanti:

40
IL MODULO SKETCHER

- Selezionando l’icona viene relimitata solamente il primo elemento


selezionato in corrispondenza del punto intersezione

41
IL MODULO SKETCHER

Come realizzare il taglio di elementi chiusi intersecanti

Supponiamo di voler realizzare il seguente profilo

Dopo aver disegnato i due cerchi

cliccando sull’icona , compare la barra degli strumenti di sketcher:

Selezionando il cerchio più piccolo nella zona che va eliminata, si ottiene:

Procedendo in maniera analoga per il cerchio più grande, si ottiene:

42
IL MODULO SKETCHER

- Selezionando l’icona viene conservato la parte dell’elemento selezionata con


il mouse;

- Selezionando l’icona l’elemento viene interrotto in corrispondenza dei punti


intersezione ma non cancellato

43
IL MODULO SKETCHER

Come chiudere degli elementi aperti

Supponiamo di avere un arco passante per tre punti e di volerlo chiudere:

Cliccando sull’icona e selezionando l’elemento, si ottiene:

Questo comando permette di chiudere elementi quali cerchi, ellissi o spline.

44
IL MODULO SKETCHER

Come creare il complemento di un arco

Supponiamo di avere un arco passante per tre punti e di volerne disegnare il complemento:

Cliccando sull’icona e selezionando l’elemento, si ottiene:

45
IL MODULO SKETCHER

Come creare l’interruzione di elementi

Supponiamo di avere una linea ed un punto non intersecanti e di voler interrompere la prima
in corrispondenza del secondo:

Cliccando sull’icona , selezionando l’elemento che deve essere interrotto (la linea) e
l’elemento che interrompe (il punto), si ottiene:

46
IL MODULO SKETCHER

Come creare elementi simmetrici

Supponiamo di voler disegnare un profilo costituito da due cerchi disposti simmetricamente


rispetto ad un asse.

Dopo aver disegnato il cerchio e l’asse

cliccando sull’icona , selezionando il cerchio e l’asse, si ottiene:

47
IL MODULO SKETCHER

Come realizzare la traslazione di elementi

Supponiamo di aver realizzato il seguente profilo

e di voler spostare la posizione del foro allungato rispetto all’asse. Cliccando sull’icona ,
compare la seguente finestra di dialogo

nella quale risulta essere disattivata la funzione “Modo Duplicazione”. Selezionando il foro
allungato, il punto iniziale e finale dello spostamento, si ottiene:

48
IL MODULO SKETCHER

Se nella finestra di dialogo che permette la definizione della traslazione si attiva la


funzione “Modo Duplicazione”, è possibile individuare il numero di volte in cui
l’elemento viene duplicato (Ricorrenze); la distanza tra ogni elemento e quello
successivo è pari a quella tra il punto iniziale e finale dello spostamento

49
IL MODULO SKETCHER

Come realizzare la rotazione di elementi

Supponiamo di aver realizzato il seguente profilo

e di voler ruotare il foro allungato rispetto all’asse. Cliccando sull’icona , compare la


seguente finestra di dialogo

nella quale risulta essere disattivata la funzione “Modo Duplicazione”. Selezionando il foro
allungato, il punto centrale, iniziale e finale della rotazione, si ottiene:

50
IL MODULO SKETCHER

Se nella finestra di dialogo che permette la definizione della rotazione si attiva la


funzione “Modo Duplicazione”, è possibile individuare il numero di volte in cui
l’elemento viene duplicato (Ricorrenze); la distanza angolare tra ogni elemento e quello
successivo è pari a quella tra il punto iniziale e finale della rotazione.

51
IL MODULO SKETCHER

Come realizzare la scala di elementi

Supponiamo di aver realizzato il seguente profilo

e di voler scalare il foro allungato. Cliccando sull’icona , compare la seguente finestra


di dialogo

nella quale risulta essere disattivata la funzione “Modo Duplicazione”. Selezionando il foro
allungato, il punto iniziale e finale, si ottiene:

52
IL MODULO SKETCHER

- Se nella finestra di dialogo che permette la definizione della scala si attiva la


funzione “Modo Duplicazione”, è possibile scalare l’elemento, mantenendo però
quello originario.

- Attivando la funzione “Conservazione dei vincoli”:

! i vincoli interni sono conservati ma rivalutati;

! i vincoli geometrici esterni sono eliminati;

! i vincoli dimensionali esterni sono modificati e rivalutati.

53
IL MODULO SKETCHER

Come realizzare l’offset di elementi


Supponiamo di voler realizzare l’offset del seguente segmento di retta

Cliccando sull’icona , selezionando l’elemento e la sua nuova posizione, si ottiene

ovvero un segmento di retta copia di quello iniziale e disposto parallelamente.

54
IL MODULO SKETCHER

Di seguito vengono presentate alcune configurazioni possibili nella realizzazione di un offset.


Offset di un elemento

Offset di un elemento utilizzando il metodo della propagazione della tangente

Offset di un elemento utilizzando il metodo della propagazione del punto

55
IL MODULO SKETCHER

Offset di un elemento simmetricamente rispetto ad un altro

56
IL MODULO SKETCHER

Settaggio dei vincoli

In questa sezione viene mostrato come introdurre i vincoli geometrici o dimensionali su un


qualsiasi tipo di elemento

Crea vincoli dimensionali e geometrici; questo comando permette di imporre dei


vincoli su elementi o tra due o tre elementi.
Crea vincoli di contatto; questo comando applica un vincolo con il relativo
posizionamento che può essere confrontato ad un contatto.
Crea vincoli utilizzando un box di dialogo; questo comando impone diversi vincoli
geometrici tra uno o più elementi, utilizzando un box di dialogo

Cosa sono i vincoli?

Vincoli geometrici
Un vincolo geometrico è una relazione che forza una limitazione tra uno o più elementi
geometrici. Per esempio, un vincolo geometrico può richiedere che due linee siano parallele.
È possibile imporre un insieme di vincoli su un elemento o tra due o più elementi.

Numero di elementi Vincolo geometrico corrispondente Simbolo


Fisso

Un elemento Orizzontale
Verticale
Coincidenza

Concentricità

Tangenza
Due elementi Parallelismo

Punto medio

Perpendicolarità

Simmetria
Tre elementi
Punto equidistante

Tab. 1: Vincoli geometrici possibili


Quando s’impongono i vincoli, bisogna ricordarsi che:

- un vincolo verde è un vincolo valido per default;

- un vincolo giallo indica che la definizione non è valida.

57
IL MODULO SKETCHER

Vincoli dimensionali
Un vincolo dimensionale è un vincolo che determina il valore della misura dell’oggetto
geometrico. Per esempio, esso controlla la lunghezza di una linea, o la distanza tra due punti.
È possibile imporre un insieme di vincoli su un elemento o tra due o più elementi.
Numero di elementi Vincolo geometrico corrispondente Simbolo
Lunghezza
Raggio/diametro
Un elemento
Semi-asse maggiore
Semi-asse minore
Distanza
Due elementi
Angolo

Tab. 2: Vincoli dimensionali possibili

Il significato dei colori dei vincoli

Predisporre i vincoli su uno schizzo rappresenta sicuramente una delle operazioni più delicate
e complicate dell’intera modellazione della parte. Il modulo sketcher aiuta l’operatore
assegnando colori diversi ai vincoli a seconda delle condizioni dell’elemento vincolato.

58
IL MODULO SKETCHER

Colore e diagnostica Soluzione


Bianco: elemento sotto vincolato
La geometria è stata vincolata: tutte le dimensioni rilevati sono Aggiungere vincoli
soddisfatte ma ci sono alcuni gradi di libertà rimanenti

Marrone: elemento non modificato


Alcuni elementi geometrici sono sovra-definiti o non consistenti.
Come risultato la geometrica dipende da elementi che non saranno
ricalcolati Rimuovere uno o più vincoli

Verde: elemento ben vincolato


Tutte le dimensioni rilevanti sono soddisfatte.
Viola: elemento sovra-vincolato
Sull’elemento sono applicati un numero eccessivo di vincoli Rimuovere uno o più vincoli
dimensionali

Rosso: Elemento inconsistente


Almeno un valore dimensionale deve essere cambiato. Questo è Aggiungere dimensioni.
anche il caso quando gli elementi sono sotto-vincolati ed il sistema Settare in maniera opportuna i valori
propone valori di default che non conducono ad una soluzione. delle dimensioni

59
IL MODULO SKETCHER

Come creare vincoli dimensionali/geometrici

Questa sezione mostra come imporre vincoli dimensionali o geometrici tra uno, due o tre
elementi.

Come vincolare la dimensione caratteristica di un elemento

Supponiamo di aver disegnato il seguente cerchio:

Cliccando sull’icona e selezionando il cerchio, viene rappresentato il valore del


diametro

Cliccando due volte sulla quota, è possibile modificarne il valore.

Come vincolare la distanza tra due elementi

Supponiamo di aver disegnato un cerchio ed una linea

60
IL MODULO SKETCHER

e di voler vincolare la loro distanza minima. Cliccando sull’icona , selezionando il


cerchio e la linea, viene rappresentato il valore della loro distanza

Cliccando due volte sulla quota, è possibile modificarne il valore.

Come imporre la condizione di tangenza tra due elementi

Supponiamo di aver disegnato un cerchio ed una linea

e di voler imporre la condizione di tangenza. Cliccando sull’icona , selezionando il


cerchio e la linea, viene rappresentato il valore della loro distanza; cliccando con il tasto
destro del mouse compare il menu

dal quale, scegliendo la condizione di tangenza si ottiene:

61
IL MODULO SKETCHER

Come definire la direzione di un vincolo dimensionale

Supponiamo di aver disegnato un cerchio ed una linea

e di voler vincolare la loro distanza verticale tra il centro del cerchio ed il primo punto della

linea. Cliccando sull’icona , selezionando il centro del cerchio ed il primo punto della
linea, viene rappresentato il valore della loro distanza, cliccando con il tasto destro del mouse
compare il menu

dal quale, scegliendo la direzione di misura verticale si ottiene:

62
IL MODULO SKETCHER

Cliccando due volte sulla quota, è possibile modificarne il valore.

63
IL MODULO SKETCHER

Come creare un vincolo di contatto

Questa sezione mostra come applicare un vincolo con il relativo posizionamento che può
essere comparato ad un contatto. Tali vincoli possono essere creati tra due elementi; i più
importanti sono:

- concentricità;

- coincidenza;

- tangenza.

Supponiamo di aver disegnato due cerchi

Cliccando sull’icona e selezionando i due cerchi si ottiene:

E’ da notare come il secondo elemento selezionato è quello che si sposta per soddisfare il
vincolo imposto.

A seconda degli elementi che vengono selezionati, il programma propone diversi tipi di
vincolo:

64
IL MODULO SKETCHER

- un punto ed una linea: coincidenza;

- due cerchi o due ellissi: concentricità;

- due linee: coincidenza;

- due punti: coincidenza;

- una linea ed un cerchio: tangenza;

- un punto ed ogni altro elemento: coincidenza;

- due curve (eccetto cerchi e/o ellissi): tangenza;

65
IL MODULO SKETCHER

Come creare un vincolo tramite un box di dialogo

Supponiamo di aver disegnato due linee

e di voler imporre la condizione di perpendicolarità. Dopo aver selezionato i due elementi

e cliccato sull’icona , compare il seguente box di dialogo:

Selezionando la condizione di perpendicolarità, si ottiene:

66
Parte II
Il Modulo Part Design

67
IL MODULO PART DESIGN

IL MODULO PART DESIGN

La modellazione di parti di CATIA consente di modellare parti meccaniche 3D, secondo uno
schema parametrico – associativo, combinando la potenza del disegno basato su feature con la
flessibilità di un approccio booleano.

Features basate su schizzi


Le feature sono entità da combinare per modellare la parte voluta. Le feature presentate di
seguito sono ottenute applicando i rispettivi comandi su profili creati con il modulo Sketcher o
Generative Shape Design.
Alcune operazioni consistono nell’aggiunta mentre altre nella sottrazione di materiale. In
questa sezione verranno analizzati i seguenti comandi:
Crea un prisma
Crea un prisma multiplo
Crea un prisma con raccordi e sformo

Crea una tasca

Crea una tasca multipla

Crea una tasca con raccordi e sformo

Crea un solido di rivoluzione


Crea una linguetta

Crea un foro

Crea una costa


Crea una scanalatura

Crea una nervatura

Crea un loft

Crea un loft rimosso

68
IL MODULO PART DESIGN

Come creare un prisma


Creare un prisma significa estrudere una superficie o un profilo in una o due dimensioni.
In questa sezione verranno mostrate tutte le opzioni più importanti che CATIA presenta nel
momento in cui si decide di creare un prisma.
Supponiamo di avere disegnato il seguente profilo utilizzando il modulo sketcher:

cliccando sull’icona si ha accesso alla seguente finestra di dialogo:

In essa sono presenti le seguenti sezioni:


a) primo limite
a.1) Tipo
a.1.1) quota: l’estrusione viene eseguita per una lunghezza definita;
a.1.2) fino al prossimo elemento: l’estrusione viene eseguita fino all’elemento
successivo (piano, faccia, ecc.);
a.1.3) fino all’ultimo elemento: l’estrusione viene eseguita fino all’ultimo
elemento;

69
IL MODULO PART DESIGN

a.1.4) fino al piano: va specificato il piano fino al quale eseguire l’estrusione;


a.1.5) fino alla superficie: va specificata la superficie fino alla quale eseguire
l’estrusione;
a.2) Lunghezza: in essa va specificata la dimensione dell’estrusione
b) Profilo/superficie

b.1) Selezione: permette di selezionare il profilo. Cliccando sull’icona , è


possibile editare il profilo da estrudere.
b.2) spessore:
b.3) inverti lato:
c) Estensione specchiata: attivando tale opzione, l’estrusione viene effettuata lungo le
due direzioni normali al profilo utilizzando il medesimo valore di Lunghezza.
d) Inverti direzione: Attivando tale opzione si inverte la direzione di estrusione.

Selezionando:
Tipo = quota
Lunghezza = 20 mm
Selezione = schizzo1
si ottiene:

- il valore di Lunghezza non può essere superiore a 1000000 mm;


- è possibile creare estrusioni a partire da alcuni profili che non necessariamente
devono intersecarsi. Nell’esempio seguente, lo schizzo da estrudere è costituito
da un quadrato e da un cerchio;

70
IL MODULO PART DESIGN

- è possibile creare un prisma lungo una direzione che non necessariamente deve
essere perpendicolare al piano di sketch.
Supponiamo di aver modellato un parallelepipedo e di voler costruire un
prisma a base semi-circolare lungo una linea:

Cliccando sull’icona , compare la finestra di dialogo

Selezionando l’icona , vengono rese visibili nuove funzioni:

71
IL MODULO PART DESIGN

Deselezionando l’opzione Normale al profilo e prendendo come Riferimento la


linea, si ottiene:

72
IL MODULO PART DESIGN

Come creare un prisma multiplo


Creare un prisma multiplo significa estrudere profili multipli appartenenti ad uno stesso
schizzo usando diversi valori di lunghezza.
In questa sezione verranno presentate tutte le opzioni più importanti che CATIA presenta nel
momento in cui si decide di creare un prisma multiplo.
Supponiamo di aver disegnato il seguente profilo utilizzando il modulo sketcher:

Cliccando sull’icona si ha accesso alla seguente finestra di dialogo:

In essa sono presenti le seguenti sezioni:


a) Primo limite
a.1) Tipo
a.1.1) quota: l’estrusione viene eseguita per una lunghezza definita;
a.2) Lunghezza: in essa va specificata la dimensione dell’estrusione di ogni
singolo dominio.

b) Domini

b.1) Num.: numero progressivo del dominio;

73
IL MODULO PART DESIGN

b.2) Dominio: elemento costitutivo del profilo

b.3) Spessore: lunghezza di estrusione del profilo


Nell’esempio vengono effettuate cinque estrusioni.
Selezionando, nella finestra di dialogo, un dominio di estrusione, esso verrà visualizzato in
blu nell’area di disegno.
Selezionando:
per il dominio di estrusione 1 una lunghezza di 20 mm;
per il dominio di estrusione 2 una lunghezza di 15 mm;
per il dominio di estrusione 3 una lunghezza di 15 mm;
per il dominio di estrusione 4 una lunghezza di 5 mm;
per il dominio di estrusione 5 una lunghezza di 10 mm;
si ottiene:

- è possibile realizzare, per ognuno dei domini di estrusione, un prisma lungo una
direzione che non necessariamente deve essere perpendicolare al piano di
sketch.

74
IL MODULO PART DESIGN

Come creare un prisma con raccordi e sformo


In questa sezione verrà esaminato il metodo di realizzazione di un prisma con facce aventi
angoli di sformo e spigoli raccordati.
Supponiamo di avere disegnato il seguente profilo utilizzando il modulo Sketcher:

cliccando sull’icona si ha accesso alla seguente finestra di dialogo:

In essa sono presenti le seguenti sezioni:


a) Primo limite
a.1) Lunghezza: lunghezza dell’estrusione;
b) Secondo limite: è obbligatorio. E’ dato da piani o facce.
c) Sformo
c.2) Angolo: valore dell’angolo di sformo.
c.3) Elemento neutro: elemento da cui si applica l’angolo di sformo:
c.3.1) Primo limite;
c.3.2) Secondo limite;
d) Margini
d.1) Raggio laterale: definisce i raccordi sugli spigoli verticali;

75
IL MODULO PART DESIGN

d.2) Primo raggio limite:definisce il raccordo sul contorno;


d.3) Secondo raggio limite: definisce i raccordi sugli spigoli del secondo limite;
e) Inverti direzione:Inverte la direzione di estrusione.
Selezionando:
Primo limite_lunghezza = 20mm
Secondo limite = piano xy
Sformo_angolo = 5deg
Elemento neutro = primo limite
Margini
Raggio laterale = 5mm
Primo raggio limite=5mm
Secondo raggio limite=5mm
si ottiene:

- Il secondo raggio limite sarà il raggio di raccordo con una faccia definita come
secondo limite. Ad esempio applicando il comando prisma con raccordi e
sformo su un profilo posizionato sulla faccia superiore di un prisma
preesistente, e indicando questa come secondo limite, si ottiene:

76
IL MODULO PART DESIGN

Come creare una tasca


Creare una tasca consiste nell’estrudere un profilo o una superficie e rimuovere il materiale
risultante da tale estrusione.
In questa sezione verranno mostrate tutte le opzioni più importanti che CATIA presenta nel
momento in cui si decide di creare una tasca.
Supponiamo di aver disegnato, con il modulo sketcher, un profilo sulla faccia superiore di un
prisma di altezza 20mm, come in figura:

cliccando sull’icona si ha accesso alla seguente finestra di dialogo:

In essa sono presenti le seguenti sezioni:


a) primo limite
a.1) Tipo
a.1.1) quota: l’estrusione viene eseguita per una lunghezza definita;
a.1.2) fino al prossimo elemento: l’estrusione viene eseguita fino all’elemento
successivo (piano, faccia, ecc.);
a.1.3) fino all’ultimo elemento: l’estrusione viene eseguita fino all’ultimo
elemento;

77
IL MODULO PART DESIGN

a.1.4) fino al piano: : l’estrusione viene eseguita fino al piano da selezionare;


a.1.5) fino alla superficie: : l’estrusione viene eseguita fino alla superficie da
selezionare;
a.2) Lunghezza: in essa va specificata la dimensione dell’estrusione
b) Profilo/superficie

b.1) Selezione: permette di selezionare il profilo. Cliccando sull’icona , è


possibile editare il profilo da estrudere.
b.2) spessore:
b.3) inverti lato: permette di scegliere se rimuovere il materiale dentro il profilo
selezionato (opzione di default) o se rimuovere il materiale che circonda il
profilo selezionato.
c) Estensione specchiata: attivando tale opzione, l’estrusione viene effettuata lungo
le due direzioni normali al profilo utilizzando il medesimo valore di Lunghezza.
d) Inverti direzione: Attivando tale opzione si inverte la direzione di estrusione.
Selezionando:
Tipo = quota
Lunghezza = 20 mm
Selezione = schizzo2
si ottiene:

- Essendo la lunghezza di estrusione del profilo pari all’altezza del prisma, la


tasca risulterà passante.

78
IL MODULO PART DESIGN

Come creare una tasca multipla


Creare una tasca multipla significa creare una tasca costituita da diversi profili appartenenti ad
uno stesso schizzo, usando diversi valori di lunghezza.
In questa sezione verranno presentate tutte le opzioni più importanti che CATIA presenta nel
momento in cui si decide di creare una tasca multipla.
Supponiamo di aver disegnato, con il modulo sketcher, un profilo sulla faccia superiore di un
prisma di altezza 40mm, come in figura:

Cliccando sull’icona si ha accesso alla seguente finestra di dialogo:

In essa sono presenti le seguenti sezioni:


c) Primo limite
a.1) Tipo

79
IL MODULO PART DESIGN

a.1.1) quota: l’estrusione viene eseguita per una lunghezza definita;


a.2) Lunghezza: in essa va specificata la dimensione dell’estrusione di ogni
singolo dominio.

d) Domini
b.1) Num.: numero progressivo del dominio;
b.2) Dominio: elemento costitutivo del profilo
b.3) Spessore: lunghezza di estrusione del profilo
Nell’esempio vengono effettuate quattro estrusioni.
Selezionando, nella finestra di dialogo, un dominio di estrusione, esso verrà visualizzato in
blu nell’area di disegno.
Selezionando:
per il dominio di estrusione 1 una lunghezza di 20 mm;
per il dominio di estrusione 2 una lunghezza di 30 mm;
per il dominio di estrusione 3 una lunghezza di 30 mm;
per il dominio di estrusione 4 una lunghezza di 10 mm;
si ottiene:

- I profili dello schizzo da estrudere devono essere chiusi e non si devono


intersecare.

80
IL MODULO PART DESIGN

Come creare una tasca con raccordi e sformo


In questa sezione verrà esaminato il metodo di realizzazione di una tasca con facce aventi
angoli di sformo e spigoli raccordati.
Supponiamo di aver disegnato, con il modulo sketcher, un profilo sulla faccia superiore di un
prisma di altezza 40mm, come in figura:

cliccando sull’icona si ha accesso alla seguente finestra di dialogo:

In essa sono presenti le seguenti sezioni:


a) Primo limite
a.1) Lunghezza: lunghezza dell’estrusione;
b) Secondo limite: è obbligatorio. E’ dato da piani o facce.
c) Sformo
c.2) Angolo: valore dell’angolo di sformo.

81
IL MODULO PART DESIGN

c.3) Elemento neutro: elemento da cui si applica l’angolo di sformo:


c.3.1) Primo limite;
c.3.2) Secondo limite;
d) Margini
d.1) Raggio laterale: definisce i raccordi sugli spigoli verticali;
d.2) Primo raggio limite:definisce il raccordo sul contorno;
d.3) Secondo raggio limite: definisce i raccordi sugli spigoli del secondo limite;
e) Inverti direzione:Inverte la direzione di estrusione.
Selezionando:
Primo limite lunghezza = 20mm
Secondo limite = faccia1
Sformo angolo = 5deg
Elemento neutro = primo limite
Margini
Raggio laterale = 5mm
Primo raggio limite=5mm
Secondo raggio limite=5mm
Si ottiene:

82
IL MODULO PART DESIGN

Come creare un albero


In questa sezione verrà illustrato come creare un albero, cioè un solido di rivoluzione, usando
un profilo.
Supponiamo di aver definito il seguente profilo utilizzando il modulo sketcher, avendo posto
l’asse di simmetria (non visualizzato), attorno cui effettuare la rivoluzione, alla sua sinistra:

Cliccando sull’icona si ha accesso alla seguente finestra di dialogo:

In essa sono presenti le seguenti sezioni:


a) Limiti
a.1) Primo angolo: angolo da cui far partire la rivoluzione del profilo.
a.2) Secondo angolo: angolo finale della rivoluzione del profilo.
b) Profilo

b.1) Selezione: permette di selezionare il profilo. Cliccando sull’icona , è


possibile editare il profilo da ruotare.
b.3) Inverti lato: quando possibile inverte il lato in cui viene posto il materiale.
c) Asse: permette di selezionare l’asse di rivoluzione (nel caso in esame , il profilo e
l’asse appartengono allo stesso schizzo, per cui non è necessario selezionare un
asse).

83
IL MODULO PART DESIGN

Selezionando:
Primo angolo = 0deg
Secondo angolo = 270deg
Si ottiene:

- se si fossero lasciate le opzioni di default (primo angolo = 360deg, secondo


angolo = 0deg), la rivoluzione sarebbe stata completa. La somma dei due angoli
non può essere superiore a 360deg;

- il profilo per il solido di rivoluzione può essere chiuso o aperto; in questo


secondo caso il profilo va chiuso con l’asse di rivoluzione

84
IL MODULO PART DESIGN

Come creare una linguetta


Creare una linguetta significa rimuovere materiale da solidi già esistenti. In questa sezione
verrà mostrato come creare una linguetta (scanalatura) dalla rivoluzione di un profilo attorno
ad un asse.
Supponiamo di aver disegnato un cilindro e un profilo con il modulo sketcher come nelle
figure seguenti:

Cliccando sull’icona si ha accesso alla seguente finestra di dialogo:

In essa sono presenti le seguenti sezioni:

85
IL MODULO PART DESIGN

a) Limiti
a.1) Primo angolo:angolo da cui far partire la rivoluzione del profilo..
a.2) Secondo angolo: l’angolo finale di rivoluzione del profilo.
b) Profilo

b.1) Selezione: permette di selezionare il profilo. Cliccando sull’icona , è


possibile editare il profilo da ruotare.
b.3) Inverti lato: quando possibile inverte il lato in cui viene posto il materiale.
c) Asse: permette di selezionare l’asse di rivoluzione .

Selezionando:
Primo angolo = 0deg
Secondo angolo = 180deg
Si ottiene:

86
IL MODULO PART DESIGN

Come creare un foro


In questa sezione verrà mostrato come creare un foro senza utilizzare gli strumenti dello
Sketcher.
Supponiamo di aver disegnato il solido seguente:

selezionando i due spigoli come in figura, ciccando sull’icona e selezionando la faccia


superiore del solido, si ha accesso alla seguente finestra di dialogo:

In essa sono presenti le seguenti sezioni:


a) estensione
a.1)
a.1.1) cieco
a.1.2) Fino al prossimo elemento
a.1.3) Fino all’ultimo elemento
a.1.4) Fino al piano
a.1.5) Fino alla superficie

87
IL MODULO PART DESIGN

a.2) Diametro: diametro del foro


a.3) Profondità: è selezionabile solo in caso di foro cieco, va specificata la
profondità del foro.
a.4) Limite: è selezionabile solo con la scelta nella prima sezione di Fino al piano
o Fino alla superficie.
a.5) Offset: è selezionabile solo con la scelta nella prima sezione di Fino al
prossimo elemento, Fino all’ultimo elemento, Fino al piano o Fino alla
superficie. In essa va specificata la distanza dal prossimo elemento,
dall’ultimo elemento, dal piano o dalla superficie fino a cui far giungere il
foro.
a.6) Direzione:
a.6.1) inverti: inverte il verso di creazione del foro.
a.6.2) Normale alla superficie: se selezionato, consente di ottenere un foro
normale alla superficie, altrimenti andrà selezionata la direzione
scegliendo un riferimento.

a.7) Posizionamento dello schizzo: Cliccando sull’icona è possibile


specificare i vincoli di posizionamento del foro.
a.8) Fondo: è selezionabile solo in caso di foro cieco, va specificato il tipo di
fondo del foro desiderato, piatto o fondo a V, in quest’ultimo caso andrà
specificato l’angolo.
b) Tipo

b.1) Semplice

b.2) Conico

b.3) A sede allargata;

88
IL MODULO PART DESIGN

b.4) A sede svasata

b.5) A sede svasata allargata

In ogni caso andranno specificati i parametri desiderati.


c) Definizione di filettatura: può essere eseguito un foro filettato attivando l’opzione
Filettato e definendo le caratteristiche della filettatura nella cornice definizione di
filettatura (la filettatura non sarà visibile nel modulo Part Design).
Selezionando:
Fino al prossimo elemento
Diametro = 20mm
e lasciando gli altri parametri di default, verrà visualizzata la seguente anteprima:

Cliccando due volte sulle quote visualizzate è possibile modificarle e quindi vincolare la
posizione del foro a quella voluta. Si può arrivare quindi ad avere:

89
IL MODULO PART DESIGN

90
IL MODULO PART DESIGN

Come creare una costa


Creare una costa significa estrudere un profilo lungo una curva di riferimento.
Possono essere create coste anche a partire da schizzi che contengono diversi profili, i quali
però devono essere chiusi e non devono intersecarsi.
Per esempio si può facilmente ottenere un tubo a partire da uno schizzo composto da due
cerchi concentrici e da un altro schizzo che rappresenta una curva di riferimento:

Supponiamo di aver disegnato un profilo chiuso e una curva di riferimento come nella figura
di seguito:

Selezionando il profilo e cliccando sull’icona appare la seguente finestra di dialogo:

In essa sono presenti le seguenti sezioni:

91
IL MODULO PART DESIGN

a) Profilo: Permette di selezionare il profilo da estrudere. Cliccando sull’icona ,


è possibile editare il profilo da estrudere.
b) Direttrice: Permette di selezionare la curva di riferimento. Cliccando sull’icona

, è possibile editare la direzione di riferimento.


c) Controllo del profilo:
c.1) Mantieni l’angolo: viene mantenuto il valore dell’angolo compreso tra il
piano contenente il profilo da estrudere e la tangente alla direzione di
riferimento.
c.2) Direzione di estrusione: il profilo viene estruso rispettando una specifica
direzione. Per definire questa direzione andrà selezionato un piano o uno
spigolo. E’ necessario usare questa opzione quando la curva di riferimento è
un’elica, la direzione di estrusione sarà l’asse dell’elica.
c.3) Superficie di riferimento: L’angolo compreso tra l’asse h e la superficie di
riferimento selezionata rimane costante.
d) Unisci estremità:
Selezionando:
Profilo = schizzo.2;
Direttrice = schizzo.1;
Mantieni l’angolo;
Si ottiene:

92
IL MODULO PART DESIGN

Come creare una scanalatura


Creare una scanalatura significa estrudere un profilo lungo una curva di riferimento per
rimuovere materiale.
Possono essere create coste anche a partire da schizzi che contengono diversi profili, i quali
però devono essere chiusi e non devono intersecarsi.
Supponiamo di aver disegnato un prisma, un profilo chiuso e una curva di riferimento come
nella figura di seguito:

Selezionando il profilo e cliccando sull’icona appare la seguente finestra di dialogo:

In essa sono presenti le seguenti sezioni:

a) Profilo: Permette di selezionare il profilo da estrudere. Cliccando sull’icona ,


è possibile editare il profilo da estrudere.
b) Direttrice: Permette di selezionare la curva di riferimento. Cliccando sull’icona

, è possibile editare la direzione di riferimento.


c) Controllo del profilo:
c.1) Mantieni l’angolo: Viene mantenuto il valore dell’angolo compreso tra il
piano contenente il profilo da estrudere e la tangente alla direzione di
riferimento.

93
IL MODULO PART DESIGN

c.2) Direzione di estrusione: Il profilo viene estruso rispettando una specifica


direzione. Per definire questa direzione andrà selezionato un piano o uno
spigolo. E’ necessario usare questa opzione quando la curva di riferimento è
un’elica, la direzione di estrusione sarà l’asse dell’elica.
c.3) Superficie di riferimento: L’angolo compreso tra l’asse h e la superficie di
riferimento selezionata rimane costante.
d) Unisci estremità:
Selezionando:
Profilo = schizzo.2;
Direttrice = schizzo.3;
Mantieni l’angolo;
Si ottiene:

94
IL MODULO PART DESIGN

Come creare una nervatura


In questa sezione verrà mostrato come creare una nervatura specificando direzioni di
creazione.
Supponiamo di avere un solido e un profilo da estrudere come nella figura seguente.

Selezionando il profilo e cliccando sull’icona si ha accesso alla seguente finestra di


dialogo:

In essa sono presenti le seguenti sezioni:


a) Modalità:
a.1) Dal lato: l’estrusione viene fatta nel piano del profilo e lo spessore è
aggiunto perpendicolarmente al piano.
a.2) Dalla parte superiore:l’estrusione viene fatta perpendicolarmente al piano
del profilo e lo spessore è aggiunto nel piano del profilo.
b) Spessore:
b.1) Spessore1: valore dello spessore da aggiungere ad un lato del profilo.

95
IL MODULO PART DESIGN

b.2) Spessore2: valore dello spessore da aggiungere all’altro lato del profilo.
b.3) Fibra neutra: questa opzione permette di aggiungere lo stesso spessore ad
entrambi i lati del profilo.
b.4) Inverti direzione: Inverte la direzione di estrusione.
c) Profondità:
c.1) Inverti direzione: Inverte la direzione di creazione del materiale della
nervatura.
d) Profilo:
d.1) Selezione: Permette di selezionare il profilo da estrudere. Ciccando

sull’icona è possibile editare il profilo da estrudere. Se il profilo è un


profilo aperto, bisogna accertarsi esso intersechi il solido.
Selezionando:
Modalità = Dal lato;
Spessore = 14mm (fibra neutra);
Si ottiene:

- Di seguito è riportata una applicazione dell’opzione “dalla parte superiore”.

96
IL MODULO PART DESIGN

Come creare un loft


Generare un loft significa creare un’estrusione lungo una curva (dorsale), utilizzando due o
più profili planari intermedi, nel rispetto di una o più linee guida.
Si supponga di avere tre profili non complanari, i cui vertici siano uniti da linee, come in
figura:

Cliccando sull’icona si ha accesso alla seguente finestra di dialogo:

In essa sono presenti le seguenti sezioni:


a) Guide: l’estrusione dei profili viene limitata, trasversalmente alla direzione di
estrusione, dalle curve guida selezionate.
b) Dorsale: per dorsale s’intende la curva che punto per punto è perpendicolare alle
sezioni costitutive il volume ottenuto con il loft. Date delle profili di sezione
intermedi, CATIA calcola la dorsale; in questa sezione l’operatore può imporre
una curva come dorsale.
c) Accoppiamento: In questa sezione è possibile selezionare il tipo di accoppiamento
dei profili sezione intermedi:

97
IL MODULO PART DESIGN

c.1) Rapporto: i profili sono accoppiati in accordo al rapporto dell’ascissa


curvilinea;
c.2) Tangenza: i profili sono accoppiati in accordo ai loro punti dove la tangente
è discontinua. Se i profili non hanno lo stesso numero di punti, non possono
essere uniti da questo comando.
c.3) Tangenza e curvatura: i profili sono accoppiati in accordo ai loro punti dove
la curvatura è discontinua. Se i profili non hanno lo stesso numero di punti,
non possono essere uniti da questo comando.
c.4) Vertici: i profili sono accoppiati in accordo ai loro vertici. Se i profili non
hanno lo stesso numero di vertici i non possono essere uniti da questo
comando.
d) Relimitazione:Si può decidere se relimitare il loft nella sezione iniziale, in quella
finale o su entrambe.
Selezionando i tre profili come profili di sezione intermedi e lasciando i parametri di default si
ottiene:

Nell’esempio considerato, selezionando come guide le quattro linee che uniscono i profili
(n.b. la linea guida deve essere una unione tra più linee), si ottiene:

98
IL MODULO PART DESIGN

- Quando viene non viene attivata nessuna delle due opzioni di delimitazione del
loft,

o se la dorsale è stata definita dall’utente, il loft è delimitato dalle


estremità della dorsale;

o se la dorsale è calcolata automaticamente e non sono definite curve


guida, il loft è delimitato dalle sezioni iniziali e finali;

o se la dorsale è calcolata automaticamente e sono definite curve guida, il


loft è delimitato dalle estremità delle curve guida.

99
IL MODULO PART DESIGN

Come creare un loft rimosso


Generare un loft rimosso significa rimuovere lungo una curva (dorsale), utilizzando due o più
profili planari intermedi, nel rispetto di una o più linee guida.
Si supponga di avere un prisma, due profili non complanari uniti da linee come in figura:

Cliccando sull’icona si ha accesso alla seguente finestra di dialogo:

In essa sono presenti le seguenti sezioni:


a) Guide: l’estrusione dei profili viene limitata, trasversalmente alla direzione di
estrusione, dalle curve guida selezionate.
b) Dorsale: per dorsale s’intende la curva che punto per punto è perpendicolare alle
sezioni costitutive il volume ottenuto con il loft. Date delle profili di sezione
intermedi, CATIA calcola la dorsale; in questa sezione l’operatore può imporre
una curva come dorsale.
c) Accoppiamento: In questa sezione è possibile selezionare il tipo di accoppiamento
dei profili sezione intermedi:

100
IL MODULO PART DESIGN

c.1) Rapporto: i profili sono accoppiati in accordo al rapporto dell’ascissa


curvilinea;
c.2) Tangenza: i profili sono accoppiati in accordo ai loro punti dove la tangente
è discontinua. Se i profili non hanno lo stesso numero di punti, non possono
essere uniti da questo comando.
c.3) Tangenza e curvatura: i profili sono accoppiati in accordo ai loro punti dove
la curvatura è discontinua. Se i profili non hanno lo stesso numero di punti,
non possono essere uniti da questo comando.
c.4) Vertici: i profili sono accoppiati in accordo ai loro vertici. Se i profili non
hanno lo stesso numero di vertici i non possono essere uniti da questo
comando.
d) Relimitazione:Si può decidere se relimitare il loft nella sezione iniziale, in quella
finale o su entrambe.
Selezionando i due profili come sezione iniziale e finale e le quattro linee come guide, si
ottiene:

101
IL MODULO PART DESIGN

Features di dettagliatura
Le feature presentate di seguito sono ottenute applicando i rispettivi comandi su uno o più
solidi.
In questa sezione verranno analizzati i seguenti comandi:
Crea un raccordo su uno spigolo
Crea uno smusso su uno spigolo

Crea un angolo di sformo

Crea uno svuotamento

Crea una filettatura maschiatura

102
IL MODULO PART DESIGN

Come creare un raccordo su uno spigolo


Supponiamo di aver realizzato un prisma:

e di voler raccordare gli spigoli della faccia superiore.

Cliccando sull’icona , compare la seguente finestra di dialogo:

In essa sono presenti le seguenti sezioni:


a) Raggio: valore del raggio del raccordo.
b) Oggetti per il raccordo: in questa sezione vanno specificati gli spigoli o le facce
del solido da raccordare.
c) Propagazione:sono possibili le opzioni “tangenza” e “minima”.
c.1) Tangenza: il raccordo viene effettuato sullo spigolo selezionato e sugli
spigoli ad esso tangenti.
c.2) Minima: il raccordo viene effettuato sulla porzione di spigolo selezionata,
senza tener conto di eventuali tangenze.
d) Nastri di relimitazione: Questa opzione è visualizzata solo nel caso in cui si è
scelto “tangenza” nel campo propagazione. Taglia raccordi che si sovrappongono.
Selezionando:
Raggio = 10 mm
Oggetti per il raccordo = 1 Faccia (quella superiore)
Propagazione: tangenza

103
IL MODULO PART DESIGN

Si ottiene:

- Selezionando nel campo “oggetti per il raccordo” uno spigolo rettilineo del
solido:

con le opzioni “tangenza” e “minima” si ottengono rispettivamente:

104
IL MODULO PART DESIGN

Come creare uno smusso su uno spigolo


Supponiamo di aver realizzato un prisma:

e di voler smussare gli spigoli della faccia superiore.

Cliccando sull’icona , compare la seguente finestra di dialogo

In essa sono presenti le seguenti sezioni:


a) Modo: è possibile definire lo smusso selezionando il valore di una lunghezza e di
un angolo (Lunghezza1/Angolo), oppure selezionando il valore di due lunghezze.
b) Lunghezza 1: valore della lunghezza nella direzione indicata dalla freccia rossa.
c) Angolo (Lunghezza 2): valore dell’angolo dello smusso (valore della lunghezza
nella direzione non indicata dalla freccia).
d) Oggetti da smussare: in questa sezione vanno specificati gli spigoli o le facce del
solido da smussare.
e) Propagazione: sono possibili le opzioni “tangenza” e “minima”.
e.1) Tangenza: lo smusso viene effettuato sullo spigolo selezionato e sugli
spigoli ad esso tangenti.
e.2) Minima: lo smusso viene effettuato sulla porzione di spigolo selezionata,
senza tener conto di eventuali tangenze.

105
IL MODULO PART DESIGN

Selezionando:
Modo: Lunghezza1/Angolo
Lunghezza1 = 5 mm
Angolo = 45 deg
Oggetti per lo smusso = 1 Faccia (quella superiore)
Propagazione: tangenza
Si ottiene:

106
IL MODULO PART DESIGN

Come creare un angolo di sformo


Supponiamo di aver realizzato un cubo:

e di voler attribuire un angolo di sformo alle facce verticali.

Cliccando sull’icona , compare la seguente finestra di dialogo

In essa sono presenti le seguenti sezioni:

a) Tipo di sformo: sformo ad angolo costante; sformo ad angolo variabile.


Nel caso di sformo ad angolo costante si ha ancora:
b) Angolo: valore dell’angolo di sformo.
c) Facce da modellare: vanno selezionate le facce alle quali si intende attribuire un
angolo di sformo.
d) Selezione per faccia neutra:la selezione delle facce da sformare avviene mediante
la scelta della faccia neutra.

107
IL MODULO PART DESIGN

e) Elemento neutro:
e.1) Selezione: va selezionato l’elemento neutro, ossia l’elemento che non subirà
modifiche durante la creazione dello sformo.
e.2) Propagazione:
Nessuna: non c’è propagazione
Liscia: Il comando integra le facce tangenti alla faccia neutra per
definire l’elemento neutro.
f) Direzione di estrazione: corrisponde al riferimento dal quale le facce da sformare
sono definite (viene indicata con una freccia rossa).
f.1) Selezione: va selezionata la direzione di estrazione
f.2) Controllata dal riferimento: quando attiva, tutte le volte che l’elemento
verrà modificato definendo la direzione di estrazione, lo sformo verrà
modificato di conseguenza.
Selezionando:
Angolo = 5 deg
Selezione per faccia neutra
Elemento neutro = 1 Faccia (quella superiore)
Direzione di estrazione = da default
Si ottiene:

108
IL MODULO PART DESIGN

Come creare uno svuotamento

Supponiamo di aver realizzato il solido seguente:

e di voler creare una cavità, ossia uno svuotamento, mantenendo uno spessore uniforme sui
lati.

Cliccando sull’icona , compare la seguente finestra di dialogo

In essa sono presenti le seguenti sezioni:


a) Spessore interno predefinito: valore dello spessore da mantenere verso l’interno
b) Spessore esterno predefinito: valore dello spessore da mantenere verso l’esterno.
c) Facce da cancellare: vanno selezionate le facce da rimuovere per creare la cavità.
d) Facce con altro spessore: permette di attribuire un diverso spessore alle facce
selezionate.

109
IL MODULO PART DESIGN

Selezionando:
Spessore interno predefinito = 2mm
Spessore esterno predefinito = 0
Facce da cancellare = Faccia 1 (quella superiore)
Facce con altro spessore = nessuna selezione
Si ottiene:

- Prendendo in considerazione lo stesso solido, selezionando nel campo “facce


con altro spessore” la superficie interna del foro, è possibile immettere un
diverso valore dello spessore (ad esempio 8mm):

110
IL MODULO PART DESIGN

Come creare una filettatura/maschiatura

Il comando filettatura/maschiatura permette di creare una filettatura oppure una maschiatura a


seconda dell’entità cilindrica selezionata.

Supponiamo di aver realizzato un cilindro cavo avente 30 mm di diametro esterno e 14 mm di


diametro interno, e di voler realizzare una maschiatura sul diametro esterno.

Cliccando sull’icona ,e selezionando la superficie cilindrica esterna, compare la seguente


finestra di dialogo

In essa sono presenti le seguenti sezioni:


a) Definizione geometrica:
a.1) Faccia laterale: va selezionata la faccia su cui eseguire la maschiatura (o
filettatura)

111
IL MODULO PART DESIGN

a.2) Faccia limite: va selezionata la faccia limite essa deve essere piana.
a.3) Inverti direzione: Inverte la direzione della maschiatura (filettatura).
b) Definizione numerica:
b.1) Tipo:
Nessuno standard: si utilizzano valori definiti dall’utente
Metrico passo fine:si utilizzano i valori standard AFNOR (se compatibili
con il diametro scelto)
Metrico passo grosso: si utilizzano i valori standard AFNOR (se compatibili
con il diametro scelto)
b.2) Diametro della filettatura: è uguale a quello del supporto selezionato.
b.3) Diametro del riferimento:
b.4) Altezza del riferimento:
b.4) Passo: passo della filettatura.
b.5) E’ possibile scegliere tra una filettatura destrorsa e una filettatura
sinistrorsa.
c) Standard:
c.1) Aggiungi: è possibile aggiungere valori standard definiti in altri file (Excel,
Lotus). Cliccando aggiungi appare una finestra,dialogando con la quale si
riesce ad aggiungere i propri standard.
c.2) Rimuovi: è possibile rimuovere degli standard presenti.

Una volta definiti i parametri desiderati, confermando con OK, non ci sarà una
rappresentazione geometrica della maschiatura, ma essa apparirà nell’albero di specificazione.

112
IL MODULO PART DESIGN

Features di trasformazione
In questa sezione verranno analizzati i seguenti comandi:
Realizza una traslazione
Realizza una rotazione

Realizza una simmetria

Realizza uno specchio

Realizza una matrice rettangolare

Realizza una matrice polare

Realizza un’operazione di scala

113
IL MODULO PART DESIGN

Come realizzare una traslazione

In questa sezione verrà illustrato come traslare il pezzo che si sta modellando.

Dopo aver selezionato l’elemento da traslare, cliccando sull’icona , si accede alla seguente
finestra di dialogo:

In essa sono presenti le seguenti sezioni:


a) Direzione: va selezionata una linea per prendere la sua orientazione come
direzione di traslazione, oppure un piano per prendere la sua normale come
direzione di traslazione.
b) Distanza: va specificata la distanza di traslazione.

114
IL MODULO PART DESIGN

Come realizzare una rotazione


In questa sezione verrà illustrato come ruotare intorno ad un asse il pezzo che si sta
modellando.

Dopo aver selezionato l’elemento da ruotare, cliccando sull’icona si accede alla seguente
finestra di dialogo:

In essa sono presenti le seguenti sezioni:


a) Asse: va selezionato un asse di rotazione, ad esempio uno spigolo o una linea di
riferimento.
b) Angolo: va specificata l’angolo di rotazione.

115
IL MODULO PART DESIGN

Come realizzare una simmetria


In questa sezione verrà illustrato come modificare una geometria mediante una operazione di
simmetria.
Dopo aver selezionato l’elemento di cui si vuole realizzare la simmetria, cliccando sull’icona

, si accede alla seguente finestra di dialogo:

In essa è presente la seguente sezione:


a) Riferimento: va selezionato un riferimento (punto, linea, piano) con cui effettuare
la simmetria.
In questo modo si crea un elemento simmetrico a quello originale , mentre quest’ultimo
risulta non visibile, pur rimanendo nell’albero di specificazione.

116
IL MODULO PART DESIGN

Come realizzare uno specchio


Specchiare un corpo, o una serie di feature, consiste nel duplicare questi elementi usando una
simmetria.
Supponiamo di aver modellato il seguente solido:

Selezionando entrambe le operazioni di prisma e cliccando sull’icona si ha accesso alla


seguente finestra di dialogo:

In essa sono presenti le seguenti sezioni:


a) Elemento di riferimento: va selezionato un piano oppure una faccia come
riferimento rispetto al quale effettuare la simmetria.
b) Oggetto da specchiare: vanno specificati gli elementi da specchiare.
Selezionando:
Elemento di riferimento = faccia 1 (quella verticale anteriore);
si ottiene:

117
IL MODULO PART DESIGN

Come realizzare una matrice rettangolare


Le matrici permettono di duplicare l’intera geometria o una serie di feature e di posizionare
gli elementi duplicati sulla parte che si sta modellando.
Supponiamo di aver realizzato una tasca sulla superficie di un prisma, come in figura:

Selezionando l’oggetto tasca e cliccando sull’icona , si ha accesso alla seguente finestra


di dialogo

In essa sono presenti le seguenti sezioni:


Prima direzione/Seconda direzione: si accede alla definizione della matrice,
specificando le caratteristiche desiderate per due diverse direzioni.

a) Parametri:
a.1) Ricorrenze e lunghezza: andranno specificate nei rispettivi campi il numero
di ricorrenze e la lunghezza entro cui inserire le ricorrenze.

118
IL MODULO PART DESIGN

a.2) Ricorrenze e distanza: andranno specificate nei rispettivi campi il numero di


ricorrenze e la distanza tra esse;
a.3) Distanza e lunghezza: andranno specificate nei rispettivi campi la distanza
tra ogni ricorrenza e la lunghezza entro cui inserire le ricorrenze;
b) Direzione di riferimento:
b.1) Elemento di riferimento: andrà specificatala direzione di riferimento
selezionando uno spigolo oppure una faccia;
b.2) Inverti: si inverte la direzione di riferimento;
c) Oggetto per la matrice:
c.1) Oggetto: va selezionato l’oggetto (o gli oggetti) da duplicare.

Selezionando:
Parametri = Ricorrenze e lunghezza;
Ricorrenze = 3;
Lunghezza = 80mm;
Elemento di riferimento = Faccia 1 (quella superiore);
sia per la prima che per la seconda direzione;
si ottiene:

- Quando si multiselezionano le feature da duplicare, la prima feature non deve


essere una feature di dettagliatura;
- Non si possono duplicare feature di trasformazione o svuotamenti.

119
IL MODULO PART DESIGN

Come realizzare una matrice polare


Supponiamo di aver realizzato il pezzo di figura:

selezionando l’oggetto tasca e cliccando sull’icona si ha accesso alla seguente finestra di


dialogo:

In essa sono presenti le seguenti sezioni:


− Riferimento assiale
a) Parametri:
a.1) Ricorrenze e angolo totale: andranno specificate nei rispettivi campi il
numero di ricorrenze e l’angolo entro cui inserire le ricorrenze;
a.2) Ricorrenze e distanza angolare: andranno specificate nei rispettivi campi il
numero di ricorrenze e la distanza angolare tra le ricorrenze.
a.3) Distanza angolare e angolo totale: andranno specificate nei rispettivi campi
la distanza angolare tra le ricorrenze e l’angolo entro cui inserire le
ricorrenze;

120
IL MODULO PART DESIGN

a.4) Corona completa: andrà specificato solo il numero di ricorrenze volute nei
360 gradi;
b) Direzione di riferimento:
b.1) Elemento di riferimento: andrà specificato l’asse di riferimento
selezionando una superficie o una faccia;
b.2) Inverti: si inverte la direzione di riferimento;
c) Oggetto per la matrice:
c.1) Oggetto: va selezionato l’oggetto (o gli oggetti) da duplicare.

− Definizione di corona: modificando opportunamente i parametri, è possibile


disporre gli elementi duplicati in una corona.
Selezionando
Parametri = Corona completa;
Ricorrenze = 4;
Elemento di riferimento = Faccia 1 (quella orizzontale);
si ottiene:

- Quando si multiselezionano le feature da duplicare, la prima feature non deve


essere una feature di dettagliatura;
- Non si possono duplicare feature di trasformazione o svuotamenti.
- Un esempio di applicazione di definizione di corona risulta essere:

121
IL MODULO PART DESIGN

Come realizzare una operazione di scala

Supponiamo di voler scalare il pezzo che si sta modellando, cliccando sull’icona , si ha


accesso alla seguente finestra di dialogo:

In essa sono presenti le seguenti sezioni:


a) Riferimento: va selezionato un punto o una faccia o un piano rispetto a cui
effettuare un ridimensionamento.
b) Rapporto: va specificato il rapporto di scala.
- Punto come riferimento:

- Faccia come riferimento:

122
IL MODULO PART DESIGN

Elementi di riferimento
In questa sezione verranno analizzati i seguenti comandi:
Realizza un punto di riferimento
Realizza una linea di riferimento

Realizza un piano di riferimento

123
IL MODULO PART DESIGN

Come realizzare un punto di riferimento

Cliccando sull’icona è possibile realizzare un punto di riferimento tramite le seguenti


opzioni:

a) coordinate.

E’ possibile inserire il valore delle coordinate del punto


rispetto al sistema di riferimento corrente.
Alternativamente è possibile definire un nuovo punto di
riferimento da cui valutare le coordinate.

b) su curva.

b1) Curva:andrà selezionata la curva su cui inserire il


punto.

b2) Distanza dal riferimento: può essere espressa come


distanza dal riferimento sulla curva (l) o in rapporto alla
lunghezza della curva (l/lc); può essere da un punto di
vista geometrico (la distanza è misurata lungo la curva) o
euclideo (la distanza è quella assoluta dal riferimento).

b3) Riferimento: va scelto il punto di riferimento.

c) su piano

Andrà specificato il piano del punto, e le coordinate sul


piano, in relazione al sistema di riferimento corrente o in
alternativa si può scegliere un altro riferimento.

124
IL MODULO PART DESIGN

d) sulla superficie

Andranno selezionati: la superficie su cui disporre


il punto; una linea per poter assumere la sua
orientazione come direzione di riferimento o un
piano per prendere la sua normale come
riferimento; la distanza da un punto preso come
riferimento.

e) centro del cerchio

Andrà selezionato un cerchio, un arco di cerchio o


un’ellisse, per posizionare il punto nel loro centro.

f) tangente su curva

Andranno selezionate una curva su cui disporre il


punto e una direzione: sarà creato un punto per
ogni tangente.

Vediamo un esempio

Poiché sono creati più punti apparirà la seguente finestra:

Si: è possibile selezionare un elemento di


riferimento. Il punto più vicino a questo sarà
creato.

No: sono creati tutti i punti.

125
IL MODULO PART DESIGN

g) Tra

Andranno selezionati due punti e la percentuale di


distanza a partire dal primo punto selezionato alla quale
il nuovo punto deve trovarsi (nel mezzo: rapporto =0,5).

Inverti direzione: il rapporto è misurato a partire dal


secondo punto selezionato.

126
IL MODULO PART DESIGN

Come realizzare una linea di riferimento

Cliccando sull’icona è possibile realizzare una linea di riferimento tramite le seguenti


opzioni:

a) Punto-Punto

La linea è tracciata tra i due punti selezionati. All’interno


dei campi “Inizio” e “fine”, andranno specificate
rispettivamente la distanza tra l’inizio della linea e il
primo punto selezionato, e la distanza tra la fine della
linea e il secondo punto selezionato. Per maschera si
intende una superficie, selezionandola la linea apparterrà
alla superficie, non selezionandola sarà creata una linea
basata sulla minore distanza tra i due punti.

b) Punto-Direzione

Andranno selezionati un punto e una direzione: la linea


creata sarà parallela alla direzione scelta, a partire dal
punto di riferimento. “Inizio”, “Fine” permettono di
specificare le dimensioni della linea.

127
IL MODULO PART DESIGN

c) Angolo/normale alla curva

Selezionando una curva di riferimento, una superficie


maschera contenente la curva, un punto della curva,
inserendo un valore dell’angolo, verrà visualizzata una
linea angolata rispetto alla tangente alla curva di
riferimento nel punto selezionato con angolo voluto.
Selezionando “geometria su riferimento”, la linea
apparterrà alla superficie maschera selezionata.
Selezionando “ripeti l’oggetto dopo l’OK”, è possibile
creare più linee con le stesse caratteristiche, angolate
rispetto alla linea originale di un multiplo dell’angolo
immesso.

d) Tangente alla curva

Andranno selezionati una curva e un secondo elemento,


per definire la tangenza, che può essere un’altra curva o
un punto. Se, come elemento2, viene selezionato un
punto (Tipo Mono-tangente), la linea sarà tangente alla
curva nel punto selezionato; se viene selezionata un’altra
curva (o un punto con l’opzione tipo bi-tangente), sarà
necessario selezionare un piano maschera; la linea in
questo modo sarà tangente a tutte e due le curve. A volte
sono possibile più soluzioni, con il pulsante “soluzione”
successiva si può scegliere quella voluta.

e) Normale alla superficie

Selezionando una superficie e un punto, verrà creata una


linea normale alla superficie nel punto selezionato.

128
IL MODULO PART DESIGN

f) Bisecante

Selezionando due linee e un punto, la linea creata sarà la


bisettrice delle due linee (divide in due parti uguali
l’angolo tra le due linee), a partire dal punto selezionato
(dalla intersezione delle due linee da default).

129
IL MODULO PART DESIGN

Come realizzare un piano di riferimento

Cliccando sull’icona è possibile realizzare un piano di riferimento tramite le seguenti


opzioni:

a) Offset da un piano

Vanno selezionati un piano di riferimento e un valore di


distanza (offset). Verrà creato un piano parallelo a quello
di riferimento alla distanza specificata. “Ripeti l’oggetto
dopo l’OK” permette di creare numerosi piani
equidistanziati.

b) Parallelo per un punto

Vanno selezionati un piano ed un punto. Il piano creato


sarà parallelo a quello selezionato e passante per il punto
selezionato.

c) Angolo/normale a un piano

Vanno selezionati un asse di rotazione, un piano di


riferimento e un angolo di rotazione. Il piano creato
passerà per l’asse selezionato e sarà orientato con
l’angolo voluto rispetto al piano di riferimento.

d) Per tre punti

e) Per tre punti

Vanno selezionati tre punti: il piano risultante passerà


per i tre punti.

130
IL MODULO PART DESIGN

f) Per due linee

Il piano creato passerà per le due linee selezionate.

g) Per un punto e una linea

Il piano creato passerà per il punto e la linea selezionati.

h) Per una curva piana

Il piano conterrà la curva selezionata.

i) Normale ad una curva

Selezionando una curva di riferimento e un punto (da


default viene selezionato il punto di mezzo), il piano
risulta normale alla curva nel punto selezionato.

j) Tangente ad una superficie

Selezionando una superficie di riferimento ed un punto;


il piano risulterà tangente alla superficie nel punto
selezionato.

131
IL MODULO PART DESIGN

k) Equazione

Vanno selezionati i valori dei coefficienti A, B, C, D per


l’equazione del piano Ax+By+Cz=D.

l) Medio per i punti

Vanno selezionati tre o più punti, il piano risultante sarà


il piano medio tra questi punti.

132
Parte III
Il Modulo Assembly

133
IL MODULO ASSEMBLY

IL MODULO ASSEMBLY

Il modulo Assembly design permette il disegno di assiemi con una interfaccia utente flessibile
e intuitiva.
In questa sezione verranno analizzati i seguenti comandi:

Permette di inserire componenti esistenti

Permette di manipolare i componenti

Crea un vincolo di coincidenza

Crea un vincolo di contatto

Crea un vincolo di offset

Crea una vincolo di angolo

Consente di visualizzare il browser del catalogo pezzi presente in CATIA

Consente di riutilizzare la matrice definita nel modulo part design

134
IL MODULO ASSEMBLY

Come inserire componenti esistenti


Questa sezione mostra come inserire componenti esistenti in un assieme.

Dopo aver selezionato “Prodotto2” nell’albero dei componenti, cliccando sull’icona ,


compare la seguente finestra di dialogo:

Dopo aver individuato il file .CATPart da inserire, cliccando sull’icona Apri, il componente
viene aggiunto nell’albero dei componenti.

135
IL MODULO ASSEMBLY

Come manipolare i componenti


Questo comando permette di muovere un componente liberamente utilizzando il mouse. Esso
è particolarmente utile poiché, nell’inserimento dei componenti, il sistema di coordinate
relativo di ognuno viene sovrapposto a quello generale dell’assieme.
Supponiamo di aver inserito nell’assieme i componenti Mozzo e Bronzina:

Selezionando la Bronzina, dopo aver cliccato sull’icona , compare la seguente finestra di


dialogo:

Selezionando, ad esempio, la direzione Y, è possibile allontanare la Bronzina dal Mozzo:

136
IL MODULO ASSEMBLY

137
IL MODULO ASSEMBLY

Come creare un vincolo di coincidenza


Il vincolo di coincidenza viene usato per allineare due elementi. A seconda degli oggetti
selezionati si può ottenere concentricità, coassialità o complanarità.
La seguente tabella mostra gli elementi che possono essere selezionati:

Punto Linea Piano Faccia piana Sfera (punto) Cilindro


(asse)

Punto

Linea

Piano

Faccia piana

Sfera (punto)

Cilindro (asse)

Supponiamo di aver inserito nell’assieme i componenti Mozzo e Bronzina, come in figura:

e di voler imporre un vincolo di cassialità tra i due.

Cliccando sull’icona e selezionando i due assi dei due elementi

viene imposto il vincolo di coassialità:

138
IL MODULO ASSEMBLY

Cliccando su (aggiorna) il vincolo di coassialità viene visualizzato.

Ciccando due volte sul vincolo nell’area di disegno o nell’albero di specificazione si accede
alla finestra di dialogo di definizione di vincolo:

139
IL MODULO ASSEMBLY

Come creare un vincolo di offset


Il vincolo di offset viene utilizzato per imporre la distanza tra elementi appartenenti a due
componenti diversi.
La seguente tabella mostra gli elementi che è possibile selezionare:

Punto Linea Piano Faccia piana

Punto

Linea

Piano

Faccia piana

Supponiamo di voler imporre la distanza nulla tra la Faccia 1 della Bronzina e la Faccia 2 del
Mozzo:

Cliccando sull’icona e selezionando le due facce, si avrà:

140
IL MODULO ASSEMBLY

Inserendo nella finestra di dialogo il valore della distanza desiderato, ad esempio 0mm, ed
aggiornando l’assieme, si ottiene:

141
IL MODULO ASSEMBLY

Come creare un vincolo di contatto


Un vincolo di contatto può essere creato solo tra due facce piane. L’area comune tra le due
facce può essere un piano, una linea o un punto.
La seguente tabella mostra gli elementi che possono essere selezionati:

Faccia piana Sfera Cilindro Cono Cerchio

Faccia piana

Sfera

Cilindro

Cono

Cerchio

Supponiamo di voler imporre un vincolo di contatto tra la Faccia 1 del Mozzo e la Faccia 2
della Flangia dell’esempio riportato in figura

Cliccando sull’icona , selezionando le due facce piane, aggiornando l’assieme, si ottiene:

142
IL MODULO ASSEMBLY

143
IL MODULO ASSEMBLY

Come creare un vincolo di angolo


I vincoli di angolo di dividono in tre categorie:
− Angolo;
− Parallelismo (angolo pari a 0);
− Perpendicolarità (angolo pari a 90°).
Quando si definisce un vincolo di angolo, è necessario inserire un valore dell’angolo che però
non può superare i 90°.
La seguente tabella mostra gli elementi che possono essere selezionati.

Linea Piano Faccia piana Cilindro (asse) Cono (asse)

Linea

Piano

Faccia piana

Cilindro (asse)

Cono (asse)

Consideriamo i due elementi di figura:

in cui è presente un vincolo di coincidenza tra gli assi dei fori posteriori.

Supponiamo di voler disporre i due elementi perpendicolarmente tra loro.

144
IL MODULO ASSEMBLY

Ciccando sull’icona e selezionando le facce come in figura:

si ha accesso alla seguente finestra di dialogo:

Scegliendo l’opzione perpendicolarità si ottiene:

145
IL MODULO ASSEMBLY

Come visualizzare il browser del catalogo pezzi presente in CATIA


Questa sezione mostra come utilizzare parti meccaniche standardizzate, contenute nei
cataloghi presenti in CATIA.
Supponiamo di voler inserire delle rosette 6x12 nel seguente assieme:

Dopo aver cliccato sull’icona , compare la seguente finestra di dialogo:

E’ possibile scegliere tra i seguenti cataloghi:


- catalogo EN;
- catalogo ISO;
- catalogo JIS;
- catalogo US.
Selezionando:
il catalogo ISO

146
IL MODULO ASSEMBLY

Cliccando due volte su:


ISO_Washers (Rosette)
ISO_7089_PLAIN_WASHER_GRADE_A_NORMAL_SERIES
ISO 7089 WASHER 6x12 STEEL GRADE A PLAIN NORMAL SERIES
si ottiene l’inserimento come componente della rosetta desiderata.

147
IL MODULO ASSEMBLY

Come riusare una matrice definita nel modulo Part design


Questa sezione mostra come ripetere un componente utilizzando una matrice definita nel
modulo Part Design. I tipi di matrice disponibili sono
- matrice rettangolare;
- matrice polare;
- matrice personalizzata.
Supponiamo di aver vincolato una rosetta ad un assieme, come in figura

e di doverla ripetere per tutti i fori della flangia, realizzati secondo una matrice polare.

Cliccando sull’icona , compare la seguente finestra di dialogo:

148
IL MODULO ASSEMBLY

Selezionando la rosetta (come Componente di cui creare la ricorrenza) ed uno qualsiasi dei 6
fori (per individuare la matrice), la precedente finestra di dialogo diventa:

Selezionando OK, si ottiene:

149
IL MODULO ASSEMBLY

150