Sei sulla pagina 1di 161

Appunti di Topologia Generale

(Geometria 3, A.A. 2008-09)


Andrea Loi
Dipartimento di Matematica Universit`a di Cagliari Italy
e-mail address: loi@unica.it
web-page: http://loi.sc.unica.it/

Introduzione
I prerequisiti per questo corso di Geometria 3 (Topologia Generale) sono gli
argomenti svolti nei corsi di Algebra 1, Analisi 1, Analisi 2, Geometria 1 e Geometria 2 delle laurea triennale in Matematica. In particolare lo studente dovr`a
conoscere i concetti di base della teoria degli insiemi, il concetto di cardinalit`a
(insiemi numerabili e non), il concetto di gruppo, funzioni continue in una variabile, le nozioni di base sugli spazi vettoriali e sulle matrici nonch`e la teoria delle
coniche e delle quadriche e delle loro forme canoniche. In ogni caso queste note
cercheranno di essere le pi`
u autocontenute possibile.

Indice
1 Richiami
1.1 Insiemi e funzioni tra insiemi .
1.2 La completezza di R . . . . .
1.3 La topologia della retta . . . .
1.4 Funzioni continue da R in R .
1.5 Esercizi . . . . . . . . . . . .

.
.
.
.
.

6
6
9
12
17
20

.
.
.
.
.

22
22
24
26
28
30

3 Topologie e spazi topologici


3.1 Definizioni e esempi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3.2 Interno, chiusura, frontiera and all that Jazz . . . . . . . . . . . .
3.3 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

33
33
39
46

4 Basi
4.1 Definizioni e esempi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.2 Topologie generate da basi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.3 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

53
53
55
57

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

2 Spazi metrici
2.1 Definizioni e esempi . . . . . . . . . . .
2.2 Applicazioni continue tra spazi metrici
2.3 Distanze topologicamente equivalenti .
2.4 Altre applicazioni tra spazi metrici . .
2.5 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . .

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

5 Numerabilit`
a, propriet`
a di separazione
5.1 Numerabilit`a . . . . . . . . . . . . . .
5.2 Propriet`a di separazione . . . . . . . .
5.3 Successioni in uno spazio topologico . .
5.3.1 Esercizi . . . . . . . . . . . . .

e
.
.
.
.

successioni
. . . . . . . .
. . . . . . . .
. . . . . . . .
. . . . . . . .

6 Applicazioni tra spazi topologici


6.1 Applicazioni continue, aperte e chiuse . . . . . .
6.2 Costruzione di funzioni continue . . . . . . . . .
6.3 Continuit`a e continuit`a sequenziale . . . . . . .
6.4 Applicazioni continue e propriet`a di separazione
6.5 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
7 Omeomorfismi di Rn e variet`
a
n
7.1 Affinit`a e isometrie di R . .
7.2 Alcuni sottospazi di R e R2
7.3 Sottoinsiemi convessi di Rn .
7.4 Variet`a topologiche . . . . .
7.5 Esercizi . . . . . . . . . . .

topologiche
. . . . . . . .
. . . . . . . .
. . . . . . . .
. . . . . . . .
. . . . . . . .

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.

59
59
63
66
72

.
.
.
.
.

74
74
78
81
82
83

.
.
.
.
.

87
87
89
93
94
100

8 Prodotti
103
8.1 La topologia prodotto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 103
8.2 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 111
9 Spazi connessi
9.1 Spazi connessi . . . . .
9.2 Connessione per archi .
9.3 Componenti connesse .
9.4 Esercizi . . . . . . . .

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

114
114
120
124
125

10 Spazi compatti
129
10.1 Spazi compatti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 129
10.2 Compattezza negli spazi metrici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 133

10.3 Il lemma dellapplicazione chiusa . . . . . . . . . . . . . . . . . . 136


10.4 Spazi numerabilmente e sequenzialmente compatti . . . . . . . . . 139
10.5 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 141
11 Quozienti
11.1 La topologia quoziente e le identificazioni . .
11.2 Spazi quoziente . . . . . . . . . . . . . . . .
11.3 Propriet`a universale del quoziente . . . . . .
11.4 Dallastratto al concreto . . . . . . . . . . .
11.5 Spazi quoziente, numerabilit`a e separabilit`a
11.6 Lo spazio proiettivo reale . . . . . . . . . . .
11.7 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

143
143
146
149
151
153
155
157

Capitolo 1
Richiami
In questo capitolo fisseremo le notazioni e ricorderemo alcuni risultati sulla topologia delle retta e delle funzioni continue da R a R che verranno generalizzati nei
capitoli successivi a spazi pi`
u generali.

1.1

Insiemi e funzioni tra insiemi

Dati due insiemi X e Y , la notazione Y X `e usata per denotare che Y `e un


sottoinsieme di X. Con questo non escludiamo che X = Y . Se Y X linsieme
degli elementi di X che non appartengono a Y `e denotato con X \ Y , mentre
linsieme vuoto `e denotato con .
Il prodotto cartesiano X Y di due insiemi X e Y `e linsieme delle coppie ordinate
(x, y) con x X e y Y . Quindi
X Y = {(x, y) | x X, y Y }.
Il prodotto cartesiano di una famiglia finita {Xi | i = 1, 2, . . . , n} di insiemi `e
definito in modo analogo:
X1 X2 . . . Xn = {(x1 , x2 , . . . xn ) | xi Xi , i = 1, 2, . . . , n}.

Una funzione o applicazione f : X Y tra due insiemi X e Y `e una corrispondenza che associa ad ogni elemento x X un unico elemento f (x)
Y.
Siano X, Y, Z tre insiemi. Date due funzioni f : X Y e g : Y Z si definisce
la composizione di g con f la funzione g f : X Z definita come
(g f )(x) = g(f (x)), x X.
La funzione identit`a idX : X X `e definita da idX (x) = x per ogni x X.
Chiaramente se f : X Y `e una funzione allora
f idX = f, idY f = f.
Una funzione f : X Y `e detta iniettiva se a elementi distinti di X corrispondono
immagini diverse, cio`e se:
f (x) = f (y) x = y.
Una funzione f : X Y `e detta suriettiva se ogni y Y `e immagine di qualche
x X, cio`e se:
y Y x X tale che f (x) = y.
una funzione f : X Y `e detta bigettiva se `e iniettiva e suriettiva. Equivalentemente f : X Y `e bigettiva se esiste g : Y X tale che:
g f = idX

(1.1)

f g = idY

(1.2)

La (1.1) si esprime anche dicendo che f ha uninversa sinistra. Una funzione


f : X Y ha uninversa a sinistra se e solo se `e iniettiva.
La (1.2) si esprime anche dicendo che f ha uninversa destra. Una funzione
f : X Y ha uninversa a destra se e solo se `e suriettiva.

Limmagine della funzione f : X Y , denotata con f (X) oppure con Im(f ), `e


il sottoinsieme di Y definito da:
Im(f ) = f (X) = {y Y | y = f (x) per qualche x X}.
Sia f : X Y una funzione. L immagine f (A) di un qualsiasi sottoinsieme A
di X `e linsieme delle immagini dei punti di A. La controimmagine f 1 (B) di un
qualsiasi sottoinsieme B Y `e linsieme dei punti di X le cui immagini tramite
f sono in B. In simboli
f (A) = {f (x) | x A},
f 1 (B) = {x X | f (x) B}
Quindi una funzione f : X Y induce una funzione, anchessa denotata con
f , dallinsieme della parti P(X) di X allinsieme delle parti P(Y ) di Y e una
funzione denotata con f 1 dallinsieme P(Y ) a P(X). I tre teoremi che seguono
sintetizzano le propriet`a di queste funzioni (che per noi saranno di importanza
vitale per tutto il corso). Le dimostrazioni sono lasciate per esercizio.
Teorema 1 Sia f : X Y una funzione. Allora, per ogni coppia di sottoinsiemi
A, B X valgono le seguenti relazioni:
(a) f (A B) = f (A) f (B).
(b) f (A B) f (A) f (B).
(c) f (A \ B) f (A) \ f (B).
(d) A B f (A) f (B).
Pi`
u in generale per ogni famiglia di insiemi {Aj }jJ in X
(e) f (jJ Aj ) = jJ f (Aj ).
(f ) f (jJ Aj ) jJ f (Aj )

Teorema 2 Sia f : X Y una funzione. Allora, per ogni coppia di sottoinsiemi


A, B Y valgono le seguenti relazioni:
(g) f 1 (A B) = f 1 (A) f 1 (B).
(h) f 1 (A B) = f 1 (A) f 1 (B).
(i) f 1 (A \ B) = f 1 (A) \ f 1 (B).
(l) A B f 1 (A) f 1 (B).
Pi`
u in generale per ogni famiglia di insiemi {Aj }jJ in Y
(m) f 1 (jJ Aj ) = jJ f 1 (Aj ).
(n) f 1 (jJ Aj ) = jJ f 1 (Aj ).
Come corollario della (i) siccome f 1 (Y ) = X si ottiene
Corollario 1 Sia f : X Y una funzione e A Y . Allora
f 1 (Y \ A) = X \ f 1 (A).
Teorema 3 Sia f : X Y e sia A X e B Y . Allora:
(o) A f 1 (f (A)).
(p) f (f 1 (B)) B.

1.2

La completezza di R

Ricordiamo che linsieme dei numeri reali `e completo. La completezza di R `e


equivalente al seguente:
Assioma dellestremo superiore: Per ogni insieme A R dei numeri reali
superiormente limitato (cio`e esiste b R tale che b a per ogni a A) esiste
sup(A) = s R (cio`e s a, a A e se b a, a A, allora s b).

Un elemento b tale che b a, per ogni a A `e detto maggiorante dell insieme


A. Quindi lassioma dellestremo superiore si pu`o enunciare dicendo che se un
insieme ammette un maggiorante allora linsieme dei maggioranti ha minimo (e
questo minimo `e esattamente sup(A)).
Osservazione 1 Osserviamo che linsieme dei numeri razionali razionale non `e
completo. Infatti il suo sottoinsieme
A = {x Q | x > 0, x2 < 2}
`e limitato superiormente ma non esiste sup(A).
Una conseguenza immediata di questo assioma `e che linsieme dei numeri naturali
N = {1, 2, . . . } R non `e limitato superiormente. Infatti se lo fosse allora per
lassioma dellestremo superiore esisterebbe b = sup({N}). Allora b 1 non `e un
maggiorante per N e quindi esiste n0 N tale che b 1 < n0 ossia b < n0 + 1.
Ma n0 N implica che n0 + 1 N e quindi b non pu`o essere un maggiorante per
N.
Altre due conseguenze importantissime dellassioma dellestremo superiore sono
espresse nei teoremi che seguono.
Teorema 4 (Q `e denso in R) Dati due numeri reali distinti a e b esiste un
numero razionale compreso tra di essi.
Dimostrazione: Possiamo sempre supporre a < b. Se a `e negativo e b positivo
il numero zero `e un numero razionale tale che a < 0 < b. Se a oppure b `e zero
si ragiona come segue. Supponiamo a = 0 (il caso b = 0 `e simile), quindi 0 < b.
Vogliamo far vedere che esiste un intero positivo n0 N tale che 0 < n10 < b. Se n0
non esistesse allora b n1 per ogni n N. Ossia n 1b per ogni numero naturale e
questo contraddice il fatto che i numeri naturali non sono superiormente limitati.
Consideriamo il caso in cui a < b con a e b positivi. Allora b a `e positivo e

10

quindi con un ragionamento simile a quello appena fatto esiste n0 N tale che
0 < n10 < b a cio`e
1
a+
< b.
n0
0
b (infatti esiste m N tale che
Sia m0 il minimo intero positivo tale che m
n0
m
b altrimenti N sarebbe limitato superiormente). Ne segue che mn0 1
< b.
n0
0
Vogliamo dimostrare che
m0 1
< b.
a<
n0

Resta quindi da mostrare che a <

m0 1
.
n0

Se per assurdo

m0 1
n0

a allora

m0
m0 1
1
1
=
+
a+
<b
n0
n0
n0
n0
che contraddice il fatto che
tra a e b.

m0
n0

b. Quindi

m0 1
n0

`e un numero razionale compreso




Teorema 5 (Propriet`a degli intervalli nidificati) Sia I1 = [a1 , b1 ], I2 = [a2 , b2 ],


In = [an , bn ] . . . una successione di intervalli chiusi nidificati cio`e
I1 I2 In
Allora esiste un punto s comune a ogni intervallo, cio`e s In per ogni n N.
Dimostrazione: La condizione I1 I2 implica che
a1 a2 e b 2 b 1 .
In effetti vale la seguente relazione:
am < bn , m, n N.
Infatti, se m > n allora am < bm bn e se m n allora am an < bn .
Questo significa che bn `e un maggiorante per linsieme A = {a1 , a2 , . . . } degli
estremi sinistri. Per lassioma dellestremo superiore di R esiste sup(A) = s.
Chiaramente an s bn per ogni n e quindi s In per ogni n.


11

Osservazione 2 La propriet`a degli intervalli nidificati non `e valida se si considerano intervalli che non sono chiusi e limitati. Per esempio la famiglie di intervalli
(0, k1 ] e [k, +), k N sono nidificate ma non soddisfano la tesi del Teorema 5.
Osservazione 3 Il punto s descritto nel Teorema 5 potrebbe non essere unico. Si
pensi al caso che tutti gli Ij siano uguali a I1 . In questo caso j Ij = I1 `e costituito
da un numero infinito di punti (quelli di I1 ). Anzi il punto s `e unico se e solo se
limj |Ij | = 0, dove Ij denota la lunghezza dellintervallo Ij , cio`e Ij = bj aj .

1.3

La topologia della retta

Insiemi aperti. Sia A R un sottoinsieme dei numeri reali R. Si dice che x


`e interno ad A se e solo se esiste > 0 tale che l intervallo (x , x + ) `e
contenuto in A:
x (x , x + ) A.
Linsieme A `e aperto se e solo se ogni suo punto `e interno.
Esempio 1 Lintervallo (a, b) `e aperto (cos` come R, (0, +) sono aperti).
Esempio 2 Lintervallo [a, b] non `e aperto (cos` come non sono aperti [0, +) e
[0, 1))
Esempio 3 Linsieme vuoto `e un insieme aperto (non vi `e alcun punto in
che non sia un punto interno).
Valgono i seguenti fatti di facile verifica:
(a) Lunione di insiemi aperti di R `e aperto
(b) Lintersezione di un numero finito di insiemi aperti di R `e un aperto.
Osservazione 4 La condizione (b) non pu`o essere eliminata. Si pensi ad esempio
alla famiglia di aperti An = ( n1 , n1 ) con n N. Allora n An = {0} che non `e
aperto.

12

Punti di accumulazione. Sia A un sottoinsieme di R. Un punto x R `e


un punto di accumulazione di A se ogni insieme aperto U contenente x contiene
un punto di A differente da x. In altre parole, per ogni aperto U , x U ,
A (U \ {x}) 6= . Linsieme dei punti di accunulazione sar`a denotato con D(A).
Linsieme D(A) `e detto derivato di A. Si osservi che se x `e di accumulazione per
A allora ogni aperto (e quindi ogni intervallo) contenente x contiene infiniti punti
di A.
Esempio 4 Sia A = {1, 21 , 13 , . . . } allora 0 `e un punto di accunulazione per A.
Esempio 5 Ogni punto x R `e un punto di accumulazione per linsieme dei
numeri razionali Q.
Esempio 6 Linsieme degli interi Z non possiede punti di accumulazione. In
altre parole D(Z) = .
Lultimo esempio mostra che anche se un insieme `e infinito non `e detto che abbia
un punto di accumulazione. Il seguente teorema fornisce una condizione generale
affinche questo capiti.
Teorema 6 (BolzanoWeierstrass) Sia A un insieme infinito e limitato di numeri reali. Allora A possiede almeno un punto di accumulazione.
Dimostrazione: Sia I1 un intervallo contenente A. Dividiamo I1 a met`
a cio`e
c1 +d1
c1 +d1
se I1 = [c1 , d1 ] allora prendiamo i due intervalli [c1 , 2 ] e [ 2 , d1 ]. Almeno
uno di questi due intervalli, chiamiamolo I2 , dovr`a contenere infiniti punti di A.
Dividiamo I2 a met`a, cio`e in due intervalli chiusi e limitati come sopra . Almeno
uno di questi intervalli chiusi , chiamiamolo I3 , dovr`a contenere infiniti punti di
A. Iterando questo procedimento possiamo quindi trovare degli intervalli chiusi
e nidificati I1 I2 Ij ognuno dei quali contiene infiniti punti di A e
la lunghezza di Ij tende a zero al crescere di j. Per il Teorema 5 esiste un punto
p comune a tutti gli intervalli. Il punto p `e ovviamente di accumulazione per linsieme A. Infatti se (a, b) `e un aperto che contiene p esister`a un j0 suffcientemente
grande tale che p Ij0 (a, b) e allora (a, b) contiene infiniti punti di A.


13

Insiemi chiusi Un sottoinsieme C di R `e detto un insieme chiuso se il suo


complementare R \ C `e aperto.
Teorema 7 (caratterizzazione dei chiusi di R) Un sottoinsieme C R `e chiuso
se e solo se contiene tutti i suoi punti di accumulazione.
Dimostrazione: lasciata per esercizio (senza consultare gli appunti di Analisi!)

Esempio 7 Lintervallo [a, b] `e chiuso visto che il suo complementare (, a)
(b, +) `e aperto essendo lunione di due insiemi aperti.
Esempio 8 Linsieme A = {1, 21 , 13 , . . . } non `e chiuso in quanto 0 `e un punto di
accumulazione per A, il quale non appartiene ad A.
Esempio 9 Linsieme vuoto e R sono insiemi chiusi dal momento che i loro
complementari e cio`e R e sono aperti.
Ricordiamo che una classe di insiemi A = {Ai } ricopre un insieme A se A `e
contenuto nellunione degli elementi di A, cio`e A i Ai . Equivalentemente
A ricopre A se per ogni x A esiste un indice i0 tale che x Ai0 . Il seguente
teorema `e senza dubbio il teorema pi`
u importante sugli intervalli chiusi e limitati.
Teorema 8 (HeineBorel) Sia A = [a, b] un intervallo di R chiuso e limitato
e sia A = {Ai }iI una famiglia di sottoinsiemi aperti di R che ricopre A, cio`e
A iI Ai . Allora A contiene una sottofamiglia finita {Ai1 , . . . , Aim } che ricopre
A, cio`e A Ai1 Aim .
Dimostrazione: Supponiamo per assurdo non si possa estrarre da A un ricoprimento finito di [a, b]. Allora dividiamo A = I1 a met`
a cio`e prendiamo i due
a+b
a+b
intervalli [a, 2 ] e [ 2 , b]. Almeno uno di questi due intervalli, diciamo I2 , non
pu`o essere ricoperto da un numero finito di elementi di A. Dividiamo I2 a met`a,
cio`e in due intervalli chiusi e limitati come sopra . Almeno uno di questi due intervalli, diciamo I3 non pu`o essere ricoperto da un numero finito di elementi di A.

14

Iterando questo procedimento possiamo trovare degli intervalli chiusi e nidificati


I1 I2 Ij ognuno dei quali non pu`o essere ricoperto da un numero
finito di elementi di A e la lunghezza di Ij tende a zero al crescere di j. Per il
Teorema 5 esiste un punto p comune a tutti gli intervalli. In particolare p I1 e
quindi esiste un insieme aperto Ai0 A che contiene p. Ma allora esiste j0 tale
che p Ij0 Ai0 e quindi Ij0 pu`o essere ricoperto da Ai0 e questo contraddice la
costruzione degli Ij .

Osservazione 5 Nel teorema precedente occorre che siano soddisfatte entrambe
le condizioni, cio`e che lintervallo sia chiuso e limitato (si veda lEsercizio 3).
Successioni. Denotiamo con N+ linsieme dei numeri naturali positivi. Unapplicazione f : N+ R si chiama una successione di elementi di R. Per ogni
n N+ limmagine xn = f (n) si chiama n-esimo termine della successione f .
Lusuale definizione di successione convergente `e la seguente. La successione xn
si dice convergente al punto x R e si scriver`a
lim xn = x,

(e x si dice limite della successione) se per ogni  > 0 esiste un intero positivo n0
tale che |xn x| <  per ogni n n0 .
Possiamo anche enunciare la convergenza in modo equivalente in termini di aperti
dicendo che limn xn = x se per ogni aperto U contenente x esiste n0 N+ tale
che xn U per ogni n n0 .
Una sottosuccesione di xn di R `e una successione xnk , k = 1, 2 ottenuta in
corrispondenza di una successione crescente di interi positivi
n1 < n 2 < n 3 < . . . .
Equivalentemente una sottosuccessione della successione f : N+ R `e una successione ottenuta come composizione f : N+ R dove : N+ N+ `e
unapplicazione crescente.

15

Non `e detto che una succesione sia convergente (per esempio?), `e per`o molto importante capire quando esiste una sua sottosuccessione convergente. Osserviamo
che se xn converge a x0 , allora x0 `e un punto di accumulazione dellinsieme {xn }.
Il viceversa non `e vero (per esempio?). A questo riguardo abbiamo il seguente
teorema e il suo fondamentale corollario.
Teorema 9 Se linsieme delle immagini {xn } di una successione xn contiene un
punto di accumulazione x0 , allora xn contiene una sottosuccessione xnk convergente a x0 .
Dimostrazione: Dato che x0 `e un punto di accumulazione per {xn }, ognuno
degli intervalli aperti
1
1
U1 = (x0 1, x0 + 1), U2 = (x0 , x0 + ), . . .
2
2
contiene un numero infinito di elementi dellinsieme {xn } e quindi della successione xn . Costruiamo una sottosuccessione xnk come segue:
sia xn1 un punto qualunque di U1 ;
sia xn2 con n2 > n1 un punto che sta in U2 ;
sia xn3 con n3 > n2 un punto che sta in U3 .
Si noti che possiamo sempre scegliere un elemento della successione xnj dato che
in ogni Uj cadono infiniti punti della successione xn . Mostriamo che xnk converge
a x0 . Chiaramente xnk `e una sottosuccessione di xn . Sia U un insieme aperto
contenente x0 . Allora U contiene un intervallo (x0 , x0 + ) U , per qualche
> 0. Sia k0 N tale che k0 > 1 . Allora
Uk0 (x0 , x0 + ) U.
Perci`o se k > k0 allora xnk Uk Uk0 (x0 , x0 + ) U , ossia limk xnk =
x0 .


16

Corollario 2 Ogni successione limitata di numeri reali contiene una sottosuccessione convergente. Equivalentemente una successione di punti di un intervallo
[a, b] in R contiene una sottosuccessione convergente.
Dimostrazione: Se linsieme {xn } `e finito allora la successione xn contiene una
sottosuccessione convergente (fatta tutta di termini costanti). Se {xn } `e infinito
per il Teorema di BolzanoWeierstrass linsieme limitato {xn } contiene un punto
di accumulazione. Ma allora per il Teorema 9 la successione xn contiene una
sottosuccessione convergente. Lultima affermazione segue del fatto che [a, b] `e
limitato (e quindi posso applicare il teorema) e chiuso (e quindi contiene i suoi
punti di accumulazione).


1.4

Funzioni continue da R in R

La classica definizione di funzione continua si enuncia dicendo che una funzione


f : R R `e continua in un punto x0 se per ogni  > 0 esiste =  > 0 tale che:
se |x x0 | <

allora |f (x) f (x0 )| < .

(1.3)

Si dice poi che f : R R `e continua se `e continua in ogni punto x R.


Si osservi che |x x0 | < significa x0 < x < x0 + , ossia x appartiene
allintervallo aperto (x0 , x0 + ). Similmente |f (x) f (x0 )| <  significa che
f (x) appartiene allintervallo aperto (f (x0 ) , f (x0 ) + ). Perci`o dire che
|x x0 | <

implica |f (x) f (x0 )| < 

significa che
x (x0 , x0 + ) implica f (x) (f (x0 ) , f (x0 ) + )
che a sua volta `e equivalente a
f ((x0 , x0 + )) (f (x0 ) , f (x0 ) + ).

17

Dal momento che un insieme aperto di R che contiene un punto contiene sempre
un intervallo contenente quel punto possiamo riformulare la definizione di funzione
continua come segue. Una funzione f : R R `e continua nel punto x0 R
se per ogni insieme aperto Vf (x0 ) contenente f (x0 ) esiste un insieme aperto Ux0
contenente x0 tale che f (Ux0 ) Vf (x0 ) .
In effetti possiamo esprimere la continuit`a di una funzione usando solo aperti
come mostra il seguente importante teorema.
Teorema 10 Una funzione f : R R `e continua se e solo se la controimmagine
di un insieme aperto `e un insieme aperto.
Dimostrazione: Sia f : R R continua e sia V un sottoinsieme aperto di R.
Vogliamo dimostrare che f 1 (V ) `e aperto. Sia x f 1 (V ), allora f (x) V .
Per definizione di funzione continua esiste Ux un aperto contenente x tale che
f (Ux ) V . Quindi si ottiene che:
Ux f 1 (f (Ux )) f 1 (V ).
Abbiamo quindi dimostrato che per ogni x f 1 (V ) esiste un aperto Ux tale che
x Ux f 1 (V ).
Quindi
f 1 (V ) = xf 1 (V ) Ux .
Perci`o f 1 (V ) pu`o essere scritto come unione di insiemi aperti e quindi `e esso
stesso un aperto. Viceversa, supponiamo che la controimmagine di un aperto sia
un aperto. Vogliamo dimostrare che f `e continua in ogni punto x R. Sia x R
fissato e sia Vf (x) un insieme aperto contenente f (x). Allora Ux = f 1 (Vf (x) ) `e
un insieme aperto contenente x con la propriet`a f (Ux ) = f (f 1 (Vf (x) )) Vf (x) .
Quindi f `e continua in x, per larbitrariet`a di x.

Ricordiamo infine due importantissimi teoremi riguardanti funzioni definite in un
intervallo limitato [a, b], a < b.

18

Teorema 11 (del valor medio) Sia f : [a, b] R una funzione continua. Allora
f assume tutti i valori compresi tra f (a) e f (b).
Dimostrazione: Possiamo supporre che f (a) sia minore di f (b). Sia y0 R tale
che f (a) < y0 < f (b). Vogliamo trovare un punto p [a, b] tale che f (p) = y0 .
Sia g : [a, b] R la funzione continua definita da g(x) = f (x) y0 . Questa
funzione soddisfa g(a) < 0 < g(b) quindi stiamo cercando un punto p [a, b] tale
che g(p) = 0. Quindi ci siamo ricondotti a dimostrare che se g `e una funzione
continua in ogni punto dellintervallo [a, b] e se g(a) < 0 < g(b) allora, esiste
p [a, b] tale che g(p) = 0. Sia A linsieme dei punti di [a, b] per cui g `e negativa,
cio`e
A = {x [a, b] | g(x) < 0}.
Linsieme A non `e vuoto in quanto a A soddisfa g(a) < 0. Sia p = sup(A) (che
esiste per lassioma dellestremo superiore). Chiaramente a p b (in quanto
p `e il pi`
u piccolo dei maggioranti di A e g(b) > 0). Vogliamo dimostrare che
g(p) = 0. Se g(p) < 0 allora per il Teorema della permanenza del segno (Esercizio
7) esiste > 0 tale che la funzione g `e negativa in (p , p + ) [a, b]. Quindi
(p , p + ) A e questo contraddice il fatto che p `e un maggiorante. Daltra
parte g(p) > 0 sempre per il Teorema della permanenza del segno esiste > 0 tale
che la funzione g `e positiva in (p , p + ) [a, b]. Quindi (p , p + ) A = e
questo contraddice il fatto che p `e il pi`
u piccolo dei maggioranti. Quindi g(p) = 0.

Teorema 12 (Weierstrass) Sia f : [a, b] R una funzione continua. Allora f
`e limitata, cio`e esistono due numeri reali m, M m < M tali che m f (x)
M, x [a, b].
Dimostrazione: Sia p [a, b]. Allora esiste un intervallo aperto Sp contenente
p tale che f sia limitata in Sp (perche?). Gli intervalli Sp sono un ricoprimento
aperto di [a, b]. Per il Teorema di HeineBorel questo ricoprimento ammette un
sottoricoprimento finito, cio`e esistono Sp1 , . . . , Spk tali che [a, b] kj=1 Spj e f `e
limitata in ognuno dei Spj . Quindi f `e limitata in [a, b] (perche?).


19

Conclusione Tutti i concetti definiti in questo capitolo possono essere espressi


usando la distanza Euclidea (|xy|, x, y R) o addiritura usando solo gli insiemi
aperti. Nel prossimo capitolo cercheremo di generalizzare questo fatti a spazi con
una distanza i cosidetti spazi metrici. Dopo aver capito che molte cose (anche se
non tutte) funzionano per gli spazi metrici ci dimenticheremo anche della distanza
e passeremo, nel Capitolo 3, al mondo degli spazi topologici (che includono come
caso molto particolare gli spazi metrici) e dove quello che conta veramente sono
gli insiemi aperti!

1.5

Esercizi

Esercizio 1 Dimostrare i Teoremi 1, 2 e 3.


Esercizio 2 Verificare con degli esempi che le inclusioni nei Teoremi 1, 2 e 3
possono essere strette e capire sotto quali condizioni (iniettivit`a e suriettivita
della f ).
Esercizio 3 Si dimostri che il Teorema di Heine-Borel non `e valido per intervalli
aperti e limitati e per intervalli chiusi ma illimitati.
Esercizio 4 Dimostrare il Teorema 7.
Esercizio 5 Si dimostri che C R `e chiuso se e solo se per ogni successione
xn C convergente ad un punto x, il punto x appartiene a C.
Esercizio 6 Si dimostri che il Teorema 12 (di Weierstrass) non `e valido per
intervalli aperti (a, b).
Esercizio 7 (Teorema della permanenza del segno) Sia f : R R una funzione
continua in un punto p R. Si dimostri che se f (p) > 0 (risp. f (p) < 0) allora
esiste un intervallo aperto S contenente p tale che f `e positiva (risp. negativa)
per ogni punto di S.

20

Esercizio 8 Sia f : R R una funzione continua tale che f (q) = 0 per ogni
q Q. Si dimostri che f (x) = 0 per ogni x R.
Esercizio 9 Si costruiscano due funzioni f : R R e g : R R che non siano
continue in nessun punto e tali che la loro somma f + g sia continua in ogni punto
di R.
Esercizio 10 Si consideri una funzione f : R R tale che f (x) = 0 se x `e
irrazionale e f (x) = 1b se x = ab `e razionale (dove ab `e lunico modo per scrivere
il numero razionale x come quoziente di numeri interi a e b primi fra loro). Si
dimostri che f `e continua in ogni punto irrazionale mentre `e discontinua in ogni
punto razionale.

21

Capitolo 2
Spazi metrici
La nozione di continuit`a di una funzione reale richiamata alla fine del capitolo
precedente si pu`o generalizzare facilmente al caso di applicazioni f : Rn Rm ,
dove Rp denota il prodotto cartesiano di R per se stesso p volte. Infatti basta
sostituire il modulo con la norma nella (1.3) (come?). In effetti possiamo definire
il concetto di continuit`a tra spazi molto pi`
u generali, gli spazi metrici che sono
largomento di questo capitolo.

2.1

Definizioni e esempi

Uno spazio metrico `e un insieme non vuoto X su cui `e definita una distanza o
metrica, cio`e unapplicazione
d:X X R
tale che per ogni x, y, z X
(d1) d(x, y) 0 e d(x, y) = 0 se e solo se x = y (positivit`a);
(d2) d(x, y) = d(y, x) (simmetria);
(d3) d(x, z) d(x, y) + d(y, z) (disuguaglianza triangolare).

22

Uno spazio metrico `e quindi una coppia (X, d). Se d e d0 sono distanze diverse
allora gli spazi metrici (X, d) e (X, d0 ) sono da considerarsi diversi.
Negli esempi che seguono descriviamo vari esempi di spazi metrici. Rinviamo lo
studente agli esercizi alla fine del capitolo per la verifica che le distanze definite
in questi esempi siano effettivamente distanze.
Esempio 10 I numeri reali R con la metrica d(x, y) = |x y| sono uno spazio
metrico. Pi`
u in generale Rn con la metrica Euclidea
deucl (x, y) = kx yk,
dove

v
uX
u n
kx yk = t (xj yj )2 .
j=1

Esempio 11 Sempre in Rn definiamo la seguente metrica




d (x, y) =

n
X

|xj yj |.

j=1

Esempio 12 Unaltra metrica in Rn si ottiene ponendo


d (x, y) = max{|xj yj |}.
j

Esempio 13 (metrica discreta) Sia X un insieme non vuoto arbitrario. Possiamo


sempre definire una metrica su X ponendo:
(
0 se x = y
ddis (x, y) =
(2.1)
1 se x 6= y
Questa si dice metrica discreta su X.
Esempio 14 (metrica indotta) Sia X uno spazio metrico con metrica dX e Y un
sottoinsieme non vuoto. Se poniamo
dY (x, y) = dX (x, y), x, y Y

(2.2)

si definisce una metrica su Y detta restrizione di dX a Y . Lo spazio metrico (Y, dY )


si chiamer`a sottospazio di (X, dX ), e questo `e chiamato lo spazio ambiente.

23

Esempio 15 Per ogni spazio metrico X con metrica d e per ogni r > 0, ponendo
dr (x, y) = rd(x, y) si ottiene una metrica su X.

2.2

Applicazioni continue tra spazi metrici

Diamo ora la definizione di applicazione continua tra spazi metrici. Diremo che
unapplicazione f : X Y tra due spazi metrici, con distanze dX e dY rispettivamente, `e continua nel punto x X se per ogni  > 0 esiste  tale
che
dY (f (x), f (y)) < 
per ogni y X tale che dX (x, y) <  . La f verr`a detta continua se `e continua
in ogni punto di X. Questa definizione `e chiaramente una generalizzazione della
nozione di continuit`a definita per funzioni da R in R dove sia nel dominio che nel
codominio si utilizza la metrica Euclidea.
Esempi di applicazioni continue sono le funzioni costanti, la funzione identit`a tra
uno spazio metrico e se stesso e linclusione di un sottospazio metrico nel suo
ambiente (perche?).
Definiamo ora il concetto di insieme aperto. Sia X uno spazio metrico con metrica
d. Siano x X e r > 0. Il disco aperto di centro x e raggio r `e
Dr (x) = {y X | d(x, y) < r}.
Un sottoinsieme di X si dice aperto rispetto alla metrica d se `e unione di dischi
aperti, oppure e vuoto. Con questa definizione lintero spazio X ed i dischi aperti
sono insiemi aperti. Una definizione equivalente di insieme aperto `e la seguente.
Proposizione 1 Un sottoinsieme S X `e aperto se e solo se per ogni x S
esiste r(x) > 0 tale che Dr(x) (x) sia contenuto in S.
Dimostrazione: Se S `e aperto, S = iI Di , dove Di sono dischi aperti. Sia
x S allora esiste i0 tale che x Di0 S. Viceversa se per ogni x S esiste
r(x) > 0 tale che Dr(x) (x) S allora S = xX Dr(x) (x).


24

Proposizione 2 Sia X uno spazio metrico. Valgono le seguenti propriet`


a:
e X sono aperti;
lunione di una qualunque famiglia di insiemi aperti `e un insieme aperto;
lintersezione di due (e quindi di un numero finito) di insiemi aperti `e
aperto.
Dimostrazione: lasciata per esercizio.

Come per il caso delle funzioni da R in R la continuit`a tra spazi metrici pu`o essere
espressa in termini di insiemi aperti.
Teorema 13 Unapplicazione f : X Y tra due spazi metrici `e continua se e
solo se per ogni aperto V di Y f 1 (V ) `e aperto in X.
Dimostrazione: Siano dX e dY le due distanze su X e Y rispettivamente. Supponiamo f continua, V un aperto non vuoto di Y e x f 1 (V ). Quindi f (x) V ,
essendo V aperto esiste  > 0 tale che D (f (x)) V . Per la continuit`a di f in x
esiste  > 0 tale che
f (D (x)) D (f (x)).
Ma allora
D (x) f 1 (f (D (x))) f 1 (D (f (x))) f 1 (V ).
0.5 `e arbitrario ne segue che f 1 (V ) `e aperto. Supponiamo viceversa che la
controimmagine tramite f di qualsiasi aperto di Y sia un aperto di X. Allora
per ogni  > 0, D (f (x)) `e un aperto di Y e quindi f 1 (D (f (x))) `e aperto in X.
Poich`e x f 1 (D (f (x))) esiste  > 0 tale che
D (x) f 1 (D (f (x))),
cio`e per ogni y X tale che dX (x, y) <  si ha
dY (f (x), f (y)) < 
e quindi f `e continua in x. Siccome x `e arbitrario segue che f `e continua.

25

2.3

Distanze topologicamente equivalenti

Pu`o capitare che due distanze d1 e d2 diverse su uno spazio topologico X definiscano gli stessi insiemi aperti. In questo caso diremo che d1 e d2 sono topologicamente equivalenti. Un criterio molto utile per capire se due distanze sono
topologicamente equivalenti `e il seguente.
Proposizione 3 Due distanze d1 e d2 su uno spazio metrico X sono topologicamente equivalenti se e solo se per ogni x X sono verificate le due condizioni
seguenti:
(a) Per ogni disco aperto Dr1 (x) rispetto alla metrica d1 esiste un disco aperto
Ds2 (x) rispetto alla metrica d2 tale che Ds2 (x) Dr1 (x);
(b) Per ogni disco aperto Dr2 (x) rispetto alla metrica d2 esiste un disco aperto
Ds1 (x) rispetto alla metrica d1 tale che Ds1 (x) Dr2 (x).
Dimostrazione: Sia U un aperto rispetto alla metrica d1 . Per la Proposizione
1 per ogni punto x X esiste Dr1 (x) tale che x Dr1 (x) U . Per la (a) esiste un
disco Ds2 (x) rispetto alla metrica d2 tale che Ds2 (x) Dr1 (x) e quindi U `e aperto
anche rispetto alla metrica d2 . Se invece U `e un aperto rispetto alla metrica d2
per la Proposizione 1 per ogni punto x X esiste Dr2 (x) tale che x Dr2 (x) U .
Per il punto (b) esiste un disco Ds1 (x) tale che Ds1 (x) Dr2 (x) e quindi U `e aperto
anche rispetto alla metrica d2 .

Esempio 16 La metrica dr definita nellEsempio 15 `e equivalente alla metrica
d. Infatti per ogni  > 0 si ha:
r
D (x) = {y X | d(y, x) < } = {y X | rd(y, x) < r} = Dr
(x),

dove abbiamo denotato con D e Dr i dischi aperti rispetto a d ed a dr rispettivamente. Segue che la famiglia dei dischi aperti rispetto a d `e la stessa di quella
dei dischi aperti di dr . Quindi d e dr sono topologicamente equivalenti.

26

Esempio 17 Un altro esempio interessante `e dato dalle distanze deucl , d e d su


Rn degli Esempi 10, 11 e 12. Queste distanze sono topologicamente equivalenti.
Usiamo le seguenti notazioni per i dischi di raggio r e centro x nelle tre distanze.
Il disco di centro x e raggio r rispetto alla metrica Euclidea deucl verr`a denotato
con Br (x) e si chiamer`a la n-palla Euclidea aperta di raggio r:
Br (x) = {y Rn | deucl (x, y) = kx yk < r}
Il disco di centro x e raggio r rispetto alla metrica d verr`a denotato con Rr (x) e
si chiamer`a l n-rombo Euclideo aperto di diagonali di lunghezza2r (parallele agli
assi):
n
X
n

Rr (x) = {y R | d (x, y) =
|xj yj | < r}
j=1

Il disco di centro x e raggio r rispetto alla metrica d verr`a denotato con Qr (x)
e si chiamer`a l n-cubo Euclideo aperto di spigolo di lunghezza 2r:
Qr (x) = {y Rn | d (x, y) = max{|xj yj |} < r} = {y Rn | |xj yj | < r}.
j

Per dimostrare che le distanze deucl , d e d sono topologicamente equivalenti


useremo la Proposizione 3. In effetti mostreremo che per ogni r > 0 e per ogni
x Rn valgono le seguenti inclusioni.
Q nr (x) Rr (x) Br (x) Qr (x).
Sia z Q nr (x) questo significa che maxj |xj zj | < nr . Allora
n
X

|xj zj | < n max |xj zj | < n


j

j=1

r
=r
n

e quindi z Rr (x).
P
Sia z Rr (x) questo significa che nj=1 |xj zj | < r. Allora
n
X
j=1

(xj zj ) =

n
X

n
X
|xj zj | < (
|xj zj |)2 < r2 ,
2

j=1

j=1

27

qP
n

zj )2 < r e quindi z Br (x).


P
Infine sia z Br (x) questo significa che nj=1 (xj zj )2 < r2 . Allora per ogni
j = 1, . . . , n,
n
X
2
|xj zj |
(xj zj )2 < r2
ossia

j=1 (xj

j=1

e dunque |xj zj | < r. Ne segue che maxj |xj zj | < r e quindi z Qr (x).

2.4

Altre applicazioni tra spazi metrici

Diremo unapplicazione f : X Y tra spazi metrici `e uniformemente continua


se per ogni  esiste  tale che dY (f (x), f (y)) <  per ogni dX (x, y) <  .
Diremo che f : X Y `e M -Lipschitziana se esiste una costante M > 0 (M si
chiama costante di Lipschitz)
dY (f (x), f (y)) M dX (x, y), x, y X.
Diremo che f `e Lipschitiziana se `e Lipschitiziana in ogni punto di X.
Proposizione 4 Se f : X Y `e M -Lipschitiziana allora f `e uniformemente
continua. Se f `e uniformemente continua allora f `e continua.
Dimostrazione: lasciata per esercizio.

Unapplicazione lineare L : Rn Rm `e continua rispetto alle distanze Euclidee.


Per dimostrarlo possiamo usare invece la metrica Euclidea su Rn e Rm la metrica
d in quanto questa `e topologicamente equivalente a quella Euclidea. Possiamo
anche supporre che L non sia identicamente nulla altrimenti la continuit`a di L `e
immediata essendo una funzione costante. Sia aij `e la matrice che rappresenta L
rispetto alla base canonica. Allora
P
P
d (L(x), L(y)) = | nj=1 a1j (xj yj )| + + | nj=1 amj (xj yj )|
Pn
Pn
j=1 |a1j | |xj yj | + +
j=1 |amj | |xj yj |
Pn
P
(maxj |a1j |) j=1 |xj yj | + + (maxj |amj |) nj=1 |xj yj |
M md (x, y),

28

dove M = max |aij | > 0 (L `e strettamente positivo in quanto L non `e lapplicazione nulla). Segue che L e M m-Lipschitziana e quindi L `e continua.
In particolare siano 1 i1 < i2 < < im n. Allora la proiezione
pi1 ,...,im : Rn Rm , x 7 (xi1 , . . . , xim ),
essendo lineare `e continua.
Unapplicazione f : X Y tra due spazi metrici `e unisometria se f `e biunivoca
e
dY (f (x), f (y)) = dX (x, y).
Chiaramente unisometria `e continua (essendo 1-Lipschitziana) e anche la sua
inversa `e continua. In particolare la traslazioni di Rn sono continue. Due spazi
metrici si dicono isometrici se esiste un isometria f : X Y . Ldentit`a di
uno spazio metrico in se stesso, linversa di unisometria, e la composizione di
due isometrie sono altrettante isometrie. Quindi lisometria `e una relazione di
equivalenza tra spazi metrici.
Siano X e Y due spazi metrici. Unapplicazione bigettiva f : X Y si dice un
omeomorfismo se `e continua e se anche la sua inversa f 1 : Y X `e continua.
Ogni isometria `e un omeomorfismo ma esistono omoeomorfismi che non sono
isometrie. Per esempio lapplicazione esponenziale exp : R (0, +), x 7 ex `e
un omeomorfismo perche ha inversa continua
log : (0, +) R, y 7 log(y).
Ma exp non `e unisometria infatti manda lintervallo illimitato (, 0] nell
intervallo limitato (0, 1].
Due spazi metrici X e Y si dicono omeomorfi se esiste un omeomorfismo f : X
Y . Non `e difficile verificare che lomeomorfismo `e una relazione di equivalenza
tra spazi metrici.
Conclusione A questo punto potremo definire i concetti analoghi a quelli del caso
di R come: insiemi chiusi, punti di accumulazione, punti interni, successioni,...

29

Faremo tutto questo (e molto di pi`


u) nei prossimi capitoli per gli spazi topologici
dei quali gli spazi metrici sono un caso particolare.

2.5

Esercizi

Esercizio 11 Dimostrare che le distanze definite negli Esempi 10, 11, 12, 13, 14,
15. sono effettivamente distanze.
Esercizio 12 Dimostrare che i numeri razionali Q (con la metrica indotta da
quella Euclidea) e i numeri reali R (con la metrica Euclidea) non sono omeomorfi.
Esercizio 13 Dimostrare la Proposizione 4. Trovare esempi di funzioni continue
ma non uniformemente continue e uniformemente ma non Lipschiziane.
Esercizio 14 Dimostrare che ponendo
d(x, y) = min{|xj yj |}
j

non si definisce una metrica in Rn .


Esercizio 15 Sia (Y, d) uno spazio metrico ed f : X Y unapplicazine iniettiva. Sia : X X R cos` definita:
(x, y) = d(f (x), f (y)).
Si dimostri che `e una metrica su X e che f : (X, ) (f (X), df (X) ) `e
unisometria, dove df (X) denota la metrica indotta su X dalla metrica d di Y .
Esercizio 16 Dire quali dei seguenti sottoinsiemi di R2 e di R3 sono aperti
rispetto alla metrica Euclidea.
{(x, y) R2 | x = y}, {(x, y) R2 | xy 6= 0}, {(x, y) R2 | y 6= 0}
{(x, y, z) R3 | x = y}, {(x, y) R3 | x2 + y 2 + z 2 < 1}.

30

Esercizio 17 Si dimostri che


{(x, y, z) R3 | x2 + y 2 < 1}
{(x, y, z) R3 | 1 < x2 + y 2 + z 2 < 2}
sono sottoinsiemi aperti di R3 (rispetto alla topologia Euclidea)
Esercizio 18 Dimostrare che i seguenti insiemi di Rn non sono aperti.
Zn , Qn , {x Rn | kxk 1}, {x Rn | kxk = 1}
Esercizio 19 Siano A e B due sottospazi vettoriali di Rn entrambi di dimensione
k. Dimostrare che A e B sono omeomorfi.
Esercizio 20 Dimostrare la Proposizione 2.
Esercizio 21 Sia (X, d) uno spazio metrico e y X. Dimostrare che lapplicazione d : X R, x 7 d(x, y) `e continua.
Esercizio 22 Sia (X, d) uno spazio metrico. Mostrare che in generale lintersezione di una famiglia di insiemi aperti non `e necessariamente un aperto.
Esercizio 23 Siano d1 e d2 due distanze su un insieme X. Supponiamo che
esistano due numeri positivi a e b tale che
ad1 (x, y) d2 (x, y) bd1 (x, y), x, y X.
Dimostrare che le distanze d1 e d2 sono topologicamente equivalenti. Cosa si pu`o
affermare della funzione identit`a idX : X X rispetto alle metriche d1 e d2 ?
Esercizio 24 Dimostrare che le distanze degli Esercizi 10, 11 e 12 soddisfano le
seguenti relazioni disuguaglianze
d (x, y) deucl (x, y) d (x, y) nd (x, y), x, y Rn .
Dare una dimostrazione alternativa (a quella fornita nellEsempio 17) del fatto
che d , deucl e d sono topologicamente equivalenti.

31

Esercizio 25 Dimostrare che se X `e uno spazio metrico con metrica d, anche


:X X R
d(x, y)
(x, y) =
1 + d(x, y)
`e una metrica su X. Verificare che `e limitata, cio`e (x, y) `e sempre minore
di una costante per ogni x, y X. Dimostrare inoltre che `e topologicamente
equivalente alla metrica d.
Esercizio 26 Siano d1 e d2 distanze topologicamente equivalenti su un insieme
X. Dimostrare che lidentit`a di X in se stesso `e un omeomorfismo se si considera
il dominio con la metrica d1 e il codominio con la metrica d2 .
Esercizio 27 Descrivere i dischi di centro x X e raggio r > 0 per la metrica
discreta (cfr. Esempio 13).
Esercizio 28 Disegnare i dischi di centro x X e raggio r > 0 per le distanze
degli Esempi 10, 11 e 12 nel caso n = 1 e n = 2.
Esercizio 29 Un sottoinsieme S di uno spazio metrico (X, d) si dice limitato se
esistono x X e r > 0 tali che S Dr (x). Dopo aver descritto due esempi in
Rn di insiemi limitati e non, dimostrare che:
(a) ogni sottoinsieme finito di uno spazio metrico `e limitato;
(b) lunione di una famiglia finita di sottoinsiemi limitati di uno spazio metrico
X `e un sottoinsieme limitato di X.

32

Capitolo 3
Topologie e spazi topologici
3.1

Definizioni e esempi

Sia X un insieme non vuoto. Una topologia su X `e una classe non vuota T di
sottoinsiemi di X, cio`e T P(X) (dove P(X) denota linsieme delle parti di X)
soddisfacenti le seguenti propriet`a:
Top1. , X T ;
Top2. Lunione di un numero qualsiasi di insiemi di T appartiene a T ;
Top3. Lintersezione di due insiemi qualsiasi di T appartiene a T .
Gli elementi di T si chiamano insiemi aperti o aperti della topologia T . Se la
topologia T `e chiara dal contesto parleremo di aperti senza specificare T . Le
propriet`a precedenti si esprimono quindi dicendo che linsieme vuoto e X sono
aperti, lunione di una qualsiasi famiglia di aperti `e un aperto e lintersezione di
due aperti (e quindi di un numero finito di aperti) `e un aperto.
Osservazione 6 Osserviamo che la propriet`a T `e superflua. Infatti, se
Uj T allora j Uj = , cio`e lunione sulla famiglia vuota `e linsieme vuoto.

33

Uno spazio topologico `e un insieme X in cui `e stata assegnata una topologia T ,


e sar`a denotato con (X, T ) o semplicemente con X sottointendendo la topologia
per comodit`a di notazione quando sar`a chiara dal contesto. Gli elementi di X si
diranno punti e linsieme X supporto dello spazio topologico (X, T ).
0
Se T e T sono due topologie su un insieme non vuoto X, diremo che T `e meno
0
0
0
fine di T o che T `e pi`
u fine di T se ogni aperto di T `e anche aperto di T . In
0
questo caso scriveremo T < T . Pu`o anche accadere che due topologie non siano
confrontabili (cio`e non `e detto che una sia pi`
u fine o meno fine dellaltra) come
vedremo negli esempi che seguono. Quindi linsieme delle topologie su uno spazio
X `e un insieme parzialmente ordinato dalla relazione dordine <.
Esempio 18 (spazi topologici banali) La topologia Tban = {, X} `e chiamata la
topologia banale e lo spazio (X, Tban ) con questa topologia `e chiamato uno spazio
topologico banale. Osserviamo che la topologia banale `e la meno fine tra tutte le
topologie su un insieme non vuoto X.
Esempio 19 (spazi topologici discreti) La topologia Tdis = P(X) `e chiamata la
topologia discreta e lo spazio (X, Tdis ) `e uno spazio topologico discreto. Osserviamo
che in uno spazio topologico discreto tutti gli insiemi sono aperti. In particolare
linsieme {x}, x X `e aperto. Se in uno spazio topologico (X, T ) gli insiemi {x}
sono aperti per ogni x X allora (per la propriet`a Top 2) T = Tdis . La topologia
discreta `e la pi`
u fine tra tutte le topologie su un insieme non vuoto X.
Esempio 20 (topologia definita tramite gli insiemi chiusi) Sia (X, T ) uno spazio
topologico. Un insieme C X `e detto chiuso se il suo complementare, X \ C `e
aperto, cio`e X \ C T . Dalle leggi di De Morgan e dalle Top1, Top2 e Top3 si
ricava immediatamente che e X sono chiusi, lunione di due insiemi (e quindi
di un numero finito) di chiusi `e un insieme chiuso e lintersezione di un numero
arbitrario di insiemi chiusi `e un insieme chiuso. Viceversa una famiglia F di
insiemi di un insieme X (non vuoto) che soddisfa le tre condizioni seguenti:
C1. , X T ;
C2. lintersezione di un numero qualsiasi di elementi di F appartiene a F ;

34

C3. lunione di due insiemi qualsiasi di F appartiene a F .


definisce una topologia T su X ponendo U T (cio`e U `e aperto) se e solo se
X \ U F. Quindi T `e una (lunica) topologia su X nella quale F `e la famiglia
degli insiemi chiusi.
Esempio 21 (intersezioni di topologie) Sia Tj , j J una famiglia di topologie
su un insieme non vuoto X. Allora lintersezione jJ Tj di queste topologie `e
ancora una topologia su X. Infatti siccome tutte le topologie Tj contengono
e X, allora , X jJ Tj ; per verificare la Top2 sia {Ak }kK `e una famiglia di
elementi di jJ Tj , cio`e Ak jJ Tj per ogni k. Allora Ak Tj , j. Siccome le Tj
sono topologie allora k Ak Tj , j e quindi k Ak j Tj ; infine per verificare la
Top3 siano A1 e A2 in jJ Tj questo implica che A1 , A2 Tj , j e siccome tutte
le Tj sono topologie A1 A2 Tj , j e quindi A1 A2 jJ Tj . Chiaramente
la topologia jJ Tj `e meno fine di ognuna delle Tj ed `e la topologia pi`
u fine con
0
0
questa propriet`a, cio`e se T `e una topologia su X tale che jJ Tj T Tj , j
0
J allora T = jJ Tj .
Esempio 22 (topologie generate da famiglie di insiemi) Data F P(X) una
famiglia di sottoinsiemi di X possiamo definire la topologia generata da F come
lintersezione di tutte le topologie T che contengono F. Denoteremo questa
topologia con hFi. In simboli
hFi = F T T .
Questa topologia `e chiaramente la topologia meno fine tra tutte quelle che contengono F (questa `e in effetti una topologia perche intersezione tra topologie).
Osserviamo anche che gli elementi di F sono aperti in questa topologia.
Esempio 23 (lunione di due topologie non `e una topologia) Sia X = {a, b, c}
un insieme con tre elementi e siano T1 e T2 le topologie su X definite come
T1 = {X, , {a}}, T2 = {X, , {b}}.

35

Allora
T1 T2 = {X, , {a}, {b}}
non `e una topologia in quanto linsieme {a, b} = {a}{b} non appartiene a T1 T2
contravvenendo alla Top2 della definizione di topologia.
Esempio 24 (topologia sullunione disgiunta di due spazi topologici) Indicheremo la somma disgiunta tra due insiemi X1 e X2 con X1 tX2 . La somma disgiunta
di due insiemi X1 e X2 `e per definizione
X1 t X2 = X1 {0} X2 {1}.
Intuitivamente X1 t X2 `e una giustapposizione disgiunta di una copia di X1 e di
una copia di X2 che non possiamo scrivere come X1 X2 perche X1 e X2 non sono
necessariamente disgiunti, come quando, ad esempio X1 = X2 e X1 X2 = X1 `e
costituito da una sola copia di X1 . Dati due spazi topologici (X1 , T1 ) e (X2 , T2 )
possiamo definire in modo naturale una topologia, che denoteremo con T1 t T2
sullunione disgiunta di X1 e X2 . La topologia T1 t T2 `e definita come
T1 t T2 = {A1 t A2 | A1 T1 , A2 T2 }.
Lo spazio topologico (X1 t X2 , T1 + T2 ) `e detto lunione toplogica disgiunta degli
spazi topologici (X1 , T1 ) e (X2 , T2 ). In modo analogo si definisce una topologia
sulla somma disgiunta di un numero arbitrario di spazi topologici.
Esempio 25 (topologia metrica) Ogni spazio metrico `e uno spazio topologico.
Gli aperti sono definiti come quegli insiemi tali che per ogni punto esiste un disco
centrato in quel punto di raggio positivo che `e contenuto nellinsieme. La topologia indotta dalla metrica d verr`a denotata con Td . In particolare la topologia
euclidea E di Rn , `e quella indotta dalla metrica euclidea.
Esempio 26 (spazi metrizzabili) Uno spazio topologico (X, T ) `e detto metrizzabile se esiste su X una metrica d che induce la topologia T , cio`e, usando le
notazioni dellEsempio 25, T = Td . Osserviamo Td = Td0 non implica necessaria0
mente che d = d . Segue dal paragrafo 2.3 del Capitolo 2 che due metriche topologicamente equivalenti su un insieme non vuoto X inducono la stessa topologia

36

su X. Osserviamo infine che uno spazio discreto (X, Tdis ) `e sempre metrizzabile.
Infatti la metrica discreta induce la topologia discreta (giustificare).
Osservazione 7 (il problema della metrizzazione) Capire se un dato spazio topologico `e metrizzabile non `e in generale semplice. Una soluzione parziale di
questo problema `e stata fornita da Urysohn, come conseguenza del famoso lemma che prese il suo nome (ne daremo un cenno nel Capitolo 6, Teorema 17). Ma
il problema fu risolto completamente solo negli anni 50 da diversi matematici in
modo indipendente.
Esempio 27 (spazi non metrizzabili) Non tutti gli spazi sono metrizzabili. In
uno spazio metrico (X, d) (con almeno due elementi) per ogni coppia di punti
x 6= y esistono sempre due aperti disgiunti contenenti x e y. Infatti, posto
i dischi Dr (x) e Dr (y) sono disgiunti. Quindi linsieme X = {a, b} con la
r = d(x,y)
2
topologia T = {X, , {a}} non soddisfa questa propriet`a e conseguentemente non
`e metrizzabile. Altri esempi di spazi non metrizzabili si possono costruire tenendo
presente il seguente fatto: ogni spazio metrizzabile (X, Td ) a supporto finito `e
discreto, cio`e T = Tdis . Infatti se X = {x1 , . . . , xn } e mj < min d(xj , xk ), j 6= k
allora Dmj (xj ) (il disco di centro xj e raggio mj ) contiene solo xj . Quindi linsieme
{xj } `e un insieme aperto j e quindi Td = Tdis (cf. Esempio 19). Quindi uno
spazio topologico (X, T ) a supporto finito tale che T =
6 Tdis non `e metrizzabile.
Esempio 28 (talismano contro le false interpretazioni) Se (X, d) `e uno spazio
metrico. Allora anche (X, ) `e uno spazio metrico, dove
(x, y) =

d(x, y)
.
1 + d(x, y)

Inoltre le topologie su X indotta da e d coincidono, cio`e Td = T (si veda


lEsercizio 25 del Capitolo 2). Osserviamo che per la metrica tutti gli insiemi
sono limitati (infatti tutte le distanze in sono minori di 1), In particolare il fatto
che una metrica sia limitata non si riflette sulla topologia.
Esempio 29 (la topologia indotta dalla topologia metrica) Sia (X, Td ) uno spazio
metrizzabile con metrica d e sia Y X un sottoinsieme qualsiasi (non vuoto) di

37

X. La restrizione della metrica d a Y induce una metrica dY su Y . La topologia


TdY si dice topologia indotta da X su Y . Segue che
DY,r (y) = Dr (y) Y,
dove DY,r (y) e Dr (y)Y sono i dischi di centro y e raggio r in Y e in X rispettivamente. Segue che gli aperti di Y sono tutti della forma Y A dove A `e un aperto
di X. Osserviamo che un aperto in Y non `e necessariamente aperto in X. Per
esempio lintervallo Y = [0, 1] R = X `e aperto in se stesso ma (ovviamente)
non aperto in X.
Esempio 30 (la topologia indotta) Se S `e un sottoinsieme non vuoto di uno
spazio topologico (X, T ) si pu`o considerare la famiglia TS dei sottoinsiemi di S
della forma S A, al variare di A tra gli aperti di X. Non `e difficile vedere che TS
`e una topologia su S che chiameremo topologia indotta da X su S. Considerato
come spazio topologico con la topologia indotta, S si chiama sottospazio topologico
o brevemente sottospazio di X. Nel caso particolare che X sia metrizzabile come
nellesempio precedente la topologia indotta da X su S `e quella indotta dalla
metrica. Torneremo sul concetto di topologia indotta dopo aver sviluppato il
concetto di funzione continua nel Capitolo 6.
Esempio 31 (la topologia cofinita e la topologia conumerabile) Sia X un insieme
non vuoto e Tcof P(X) la famiglia di sottoinsiemi di X costituita dallinsieme
vuoto, da X e dagli insiemi il cui complementare `e finito. Si verifica facilmente che
Tcof `e una topologia su X che si chiama topologia cofinita. La topologia cofinita
Tcof su R `e strettamente meno fine della topologia euclidea (ogni aperto di Tcof
`e aperto per la topologia euclidea) mentre lintervallo (0, 1) non `e aperto in Tcof
in quanto il suo complementare non `e finito). Osserviamo infine che Tcof = Tdis
se e solo se X ha supporto finito (giustificare). Pi`
u in generale sia X un insieme
non vuoto e Tcon P(X) la famiglia di sottoinsiemi di X costituita dallinsieme
vuoto da X e dagli insiemi il cui complementare `e numerabile oppure finito. Si
dimostra facilmente Tcon `e una topologia su X. Questa topologia sar`a chiamata
la topologia conumerabile su X.

38

Esempio 32 (Le topologia is e id su R) La famiglia


is = {(, b)| b R} {} {R}
`e una topologia su R strettamente meno fine della topologia euclidea (ogni insieme
di is `e aperto per la topologia euclidea, ma (0, 1) `e un aperto per la topologia
euclidea ma non per is ). Analogamente la famiglia
id = {(a, +)| a R)} {} {R}
`e una topologia su R strettamente meno fine della topologia euclidea Osserviamo infine che le topologie is e id non sono confrontabili. Infatti, per esempio,
(, 0) is , (, 0)
/ id e (0, +) id , (0, )
/ is .

3.2

Interno, chiusura, frontiera and all that Jazz

Sia X uno spazio topologico e S un sottoinsieme di X. Un punto x X si dice


interno a S se esiste un aperto U contenente x e U S. Il punto x X si dice
esterno se esiste un aperto U contenente x tale che U S = . Equivalentemente
un punto x X `e esterno a S se x `e interno a X \ S. Un punto x X si dice di
punto di frontiera di S se x non `e n`e interno n`e esterno a S. Quindi un punto x
`e di frontiera se per ogni aperto U contenente x, U S 6= e U (X \ S) 6= .
Linsieme dei punti interni (risp. esterni, di frontiera) di S verr`a indicato con
Int(S) (risp Est(S), Fr(S)). Dalla definizione di punto interno segue che un
punto interno sta in S e quindi
Int(S) S.
Inoltre Est(S) = Int(X \ S) X \ S e quindi
Est(S) S = .
Lo spazio topologico X si pu`o scrivere come unione disgiunta dei tre insiemi
appena definiti cio`e
X = Int(S) Est(S) Fr(S).
(3.1)

39

Osservazione 8 Osserviamo che mentre la frontiera Fr(S) `e sempre disgiunta


da Int(S), Fr(S) S pu`o essere sia vuoto che diverso dal vuoto. Per esempio,
lintervallo se S = [a, b) X = R con la topologia usuale Fr(S) = {a, b}, a S,
mentre b
/ S. Notiamo inoltre che
Fr(S) = Fr(X \ S).
Giocando con i concetti appena definiti possiamo fornire delle definizioni equivalenti di aperto e chiuso per uno spazio topologico.
Proposizione 5 (caratterizzazione degli aperti) Sia S un sottoinsieme di uno
spazio topologico X. Allora:
(a) Int(S) `e lunione di tutti gli aperti contenuti in S, cio`e il pi`
u grande aperto
contenuto in S;
(b) S `e aperto se e solo se S = Int(S);
(c) S `e aperto se e solo se S Fr(S) = .
Dimostrazione: per la (a), sia U un qualunque aperto contenuto in S. Per far
vedere che U `e contenuto in Int(S) bisogna mostrare che ogni punto x U `e
interno a S. Ma questo `e chiaro dal momento che U funge da aperto contenente
x e contenuto in S. Mostriamo ora che Int(S) `e aperto. Sia x Int(S) quindi
esiste un aperto Ux contenente x e Ux S. Dalla (a) segue che Ux Int(S).
Quindi Int(S) = xInt(S) Ux `e aperto perche unione di aperti.
Per dimostrare la (b), sia S un aperto. Allora il pi`
u grande aperto contenuto in
S `e S stesso. Quindi da (a) segue che S = Int(S). Se invece Int(S) = S essendo
Int(S) aperto anche S lo `e.
Per dimostrare la (c), possiamo limitarci a dimostrare (usando la (b)) che S =
Int(S) se e solo se S Fr(S) = . Se S = Int(S), allora dalla Int(S) Fr(S) =
(che `e sempre vera) si ha S Fr(S) = . Viceversa supponiamo che S Fr(S) = .
Per x S esiste un aperto U contentente x interamente contenuto in Int(S) (se
non esistesse un tale U , x sarebbe un punto di frontiera per S) e quindi x Int(S).
Essendo x arbitrario e siccome Int(S) S si deduce che S = Int(S).


40

Proposizione 6 (caratterizzazione dei chiusi) Sia S un sottoinsieme di uno


spazio topologico X. Allora le seguenti condizioni sono equivalenti:
(a) S `e chiuso (cio`e il suo complementare `e aperto);
(b) Est(S) = X \ S;
(c) S = Int(S) Fr(S);
(d) Fr(S) S.
Dimostrazione:
(a) (b) siccome stiamo assumendo che S sia chiuso e cio`e X \ S `e aperto, segue
che Int(X \ S) = X \ S (per la (b) della proposizione precedente). Daltra parte
Int(X \ S) = Est(S) quindi Est(S) = X \ S.
(b) (c) la condizione Est(S) = X \S insieme a (3.1) implica S = Int(S)Fr(S).
(c) (d) ovvia.
(d) (a) se Fr(S) S segue che Fr(S) (X \ S) = e dal fatto che Fr(S) =
Fr(X \ S) si deduce che Fr(X \ S) (X \ S) = e quindi X \ S `e aperto per la
(c) della proposizione precedente.

Loperazione che consiste nel prendere linterno di un sottoinsieme di uno spazio
topologico X pu`o essere interpretata come lapplicazione Int : P(X) P(X),
chiamato operatore di interno, che porta un sottoinsieme S nellaperto Int(S).
Sorge spontaneo chiedersi se esiste un operatore analogo alloperatore di interno
che ad un insieme S di uno spazio topologico X associa un insieme chiuso. La
risposta `e si. Definiamo S come il pi`
u piccolo sottoinsieme chiuso contenente
S o come lintersezione di tutti i chiusi contenenti S. Linsieme S si chiama la
chiusura di S. Notiamo che S `e chiuso perche intersezione di chiusi (Esempio 20).
I punti di S si chiamano punti di aderenza di S. Notiamo che se S T X allora
S T X. La proposizione che segue fornisce alcune propriet`a delloperatore
di chiusura.
Proposizione 7 Sia S un sottoinsieme di uno spazio topologico X.

41

(a) S `e chiuso se e solo se S = S.


(b) S = X \ Est(S);
(c) S = Int(S) Fr(S) = S Fr(S).
Dimostrazione: La (a) `e immediata. Per dimostrare la (b) osserviamo che
Est(S) `e un aperto che non ha punti in comune con S (infatti `e uguale a Int(X\S))
e quindi S X \ Est(S). Questo implica che S X \ Est(S) in quanto S
`e il pi`
u piccolo chiuso contenente S. Resta quindi da dimostrare linclusione
X \ Est(S) S o equivalentemente X \ S Est(S). Osserviamo ora che X \ S `e
un aperto contenuto in X \S e quindi sar`a anche contenuto in Est(S) = Int(X \S)
(che `e il pi`
u grande aperto contenuto in X \S) e questo conclude la dimostrazione
della parte (b). La (c) segue dalla (b). Infatti S = X \ Est(S) e X = Int(S)
Est(S)Fr(S) implicano che S = Int(S)Fr(S). Daltra parte S S e Fr(S) S
implicano che S Fr(S) S = Int(S)Fr(S) S Fr(S) e quindi S = S Fr(S).

Dato un sottoinsieme S X di uno spazio topologico, un punto x X si
dice punto di accumulazione dellinsieme S se ogni aperto contenente x contiene
almeno un punto di S diverso da x, cio`e se per ogni aperto U contenente x,
(U \ {x}) S 6= .
Linsieme dei punti di accumulazione di S si chiama il derivato di S e si denota
con D(S). Notiamo che
Fr(S) \ S D(S).
La chiusura pu`o essere espressa in termini del derivato di S.
Proposizione 8 Sia S un sottoinsieme di uno spazio topologico X. Allora
S = S D(S).
Inoltre un punto x X `e aderente a S (cio`e x S) se e solo se per ogni aperto
U contenente x, U S 6= .

42

Dimostrazione: Dimostriamo prima linclusione S D(S) S. Dal momento


che S S basta far vedere che D(S) S che segue immediatamente da D(S)
Est(S) = (per definizione di D(S) e Est(S)) e da S = X \ Est(S) (per il punto
(b) della proposizione precedente). Dimostriamo ora linclusione S S D(S).
Sia x S, se x S non c`e niente da dimostrare. Assumiamo quindi che
x
/ S. Quindi per la (c) della proposizione precedente x Fr(S). Siccome
Fr(S) \ S D(S) segue che x D(S).
Per dimostrare lultima parte della proposizione notiamo che unimplicazione `e
ovvia, cio`e se x S allora o x appartiene a S oppure a D(S) in ogni caso un
qualunque aperto contenente x interseca S. Viceversa se un qualunque aperto
contenente x interseca S allora x non `e un punto esterno a S, cio`e x
/ Est(S) =
X \ S e quindi x S.

Concludiamo le teoria relativa a questo paragrafo con il concetto di densit`a. Sia
S X un sottoinsieme di uno spazio topologico X. Diremo che S `e denso in X
se la sua chiusura coincide con X, cio`e S = X. La seguente proposizione descrive
alcune condizioni equivalenti alla densit`a.
Proposizione 9 Sia S un sottoinsieme di uno spazio topologico X. Allora le
seguenti condizioni sono equivalenti.
(a) S `e denso in X;
(b) Int(X \ S) = ;
(c) S interseca ogni insieme aperto non vuoto.
Dimostrazione: (a) (b) ricordiamo le (oramai familiari) uguaglianze
Int(X \ S) = Est(S) = X \ S.
Se vale (a) ossia se S = X allora Int(X \ S) = .
(b) (c) supponiamo per contraddizione che la (c) sia falsa cio`e che esista un
insieme aperto non vuoto U tale che U S = . Vogliamo far vedere che la (b) `e

43

falsa cio`e Int(X \ S) 6= . Infatti se esistesse un tale aperto U allora U Est(S).


Ma allora Est(S) = Int(X \ S) 6= .
(c) (a) Sia x X. Mostriamo che x S, e quindi X = S. Per la (c)
qualunque aperto del punto x deve intersecare S e questo, per la seconda parte
della Proposizione 8, implica che x S.

Esempio 33 In R con la topologia usuale tutti gli insiemi finiti, gli intervalli
chiusi [a, b] e le loro unioni finite sono chiusi (come abbiamo visto nel Capitolo 1).
Ogni sottoinsieme finito di R ha derivato vuoto e interno vuoto e quindi coincide
con la sua frontiera. Se a < b e S `e uno degli intervalli (a, b), (a, b], [a, b), [a, b]
allora: Int(S) = (a, b), Fr(S) = {a, b}, D(S) = [a, b].
Esempio 34 Nello spazio topologico Rn con la topologia Euclidea, sia Br (x) =
{y Rn | kxyk < r} ln palla aperta di centro x e raggio r. Cerchiamo linterno,
lesterno, la frontiera, la chiusura e il derivato di Br (x). Essendo la palla aperta
Int(Br (x)) = Br (x). Siano
F = {y Rn | kx yk = r}, E = {y Rn | kx yk > r}.
Mostriamo che E = Est(Br (x)) e F = Fr(Br (x)). Ovviamente si ha
Rn = Br (x) E F = Br (x) Est(Br (x)) Fr(Br (x)),
dove le unioni sono disgiunte. Quindi basta dimostrare E Est(Br (x)) e F
Fr(Br (x)).
Verifichiamo che E Est(Br (x)). Sia y E e s = kx yk r. Basta provare
che Bs (y) Br (x) = . Se per assurdo esistesse z Bs (y) Br (x) allora
kx yk kx zk + kz yk < r + s = kx yk
che `e assurdo e quindi E Est(Br (x)).
Verifichiamo ora che F Fr(Br (x)). Sia y F e sia B (y) una palla di raggio
> 0 e centro arbitrario y F . Vogliamo verficare che B (y) interseca sia punti

44

di Br (x) sia punti dellesterno di Br (x). Sar`a sufficiente verificare che esistono due
punti z, w B (y) tali che z Br (x) (cio`e kz xk < r) e w E Est(Br (x))
(cio`e kw xk > r). Per fare questo consideriamo ia retta che unisce x a y; le sue
equazioni parametriche sono {zt = tx + (1 t)y, t R}. Si ottiene
kzt xk = ktx + (1 t)y xk = |1 t|ky xk = |1 t|r
e
kzt yk = ktx + (1 t)y yk = |t|kx yk = |t|r.
Sia ora z = zs e w = zs , dove s `e un numero reale positivo pi`
u piccolo del
minimo tra 1 e r , cio`e 0 < s < min{1, r }. Allora
kz xk = kzs xk = (1 s)r < r
e
kz yk = kzs yk = sr <

r = ,
r

cio`e z Br (x) B (y). Analogamente


kw xk = kzs xk = (1 + s)r > r
e
kw yk = kzs yk = | s|r = sr <

r = ,
r

cio`e w E B (y) Est(Br (x)) B (y).


Segue che:
B r (x) = Br (x) Fr(Br (x)) = Br (x) F = {y Rn | kx yk r}.
Infine si ha
D(Br (x)) = B r (x).
Infatti sia y B r (x) = Br (x) F . Allora, per ogni > 0 e per t sufficientemente
piccolo risulta zt (B (y) \ {y}) Br (x) (se y Br (x) questo `e ovvio se y F
segue dalla costruzione precedente). Di conseguenza B r (x) D(Br (x)), cio`e
D(Br (x)) = B r (x).

45

Esempio 35 Linsieme dei numeri razionali soddisfa: Int(Q) = , Est(Q) = ,


Fr(Q) = R. Si osservi che Q `e denso in R cio`e Q = Q Fr(Q) = R e D(Q) = R.
Esempio 36 Sia R con la topologia cofinita Tcof dove gli insiemi chiusi sono R
e gli insiemi finiti. Allora se a < b si ha (a, b) = R, Int ((a, b)) = , Fr ((a, b)) =
D ((a, b)) = R.

3.3

Esercizi

Esercizio 30 Sia X = {a, b, c, d, e}. Si determinino le topologie su X generate


da
S1 = {{a}, {a, b, c}, {c, d}}, S2 = {{a, b, c}, {b, c, d}, {a, b, c, e}}
S3 = {{b, c}, {a, b, c}, {b, c, d}}, S4 = {{b}, {b, c}, {b, c, d}}
Esercizio 31 Sia X = {a, b, c, d, e}. Si determini per ognuna delle seguenti classi
di sottoinsiemi di X se si tratta di una topologia su X:
T1 = {X, , {a}, {a, b}, {a, c}}
T2 = {X, , {a, b, c}, {a, b, d}, {a, b, c, d}}
T3 = {X, , {a}, {a, b}, {a, c, d}, {a, b, c, d}}
Esercizio 32 Sia T una topologia su un insieme X costituita da quattro insiemi:
T = {X, , A, B}, dove A e B sono sottoinsiemi propri distinti non vuoti di X.
Quali condizioni devono soddisfare A e B.
Esercizio 33 Si elenchino tutte le topologie su X = {a, b, c} costituite esattamente da quattro elementi (si confronti il risultato con lesercizio precedente).
Esercizio 34 Sia En la classe dei sottoinsiemi di N costituita da N da e da tutti
i sottoinsiemi di N della forma En = {n, n + 1, n + 2, . . . }, n N. Si dimostri che
En `e una topologia e si elenchino gli aperti contenenti il numero 6 N.

46

Esercizio 35 Sia T la famiglia di sottoinsiemi di R2 costituita dallinsieme vuoto, da R2 e dagli insiemi il cui complementare `e unione di un numero finito di
punti e di un numero finito di rette. Dimostrare che T `e una topologia su X.
Dimostrare inoltre che
Tcof < T < E,
dove Tcof `e la topologia cofinita e E `e la topologia euclidea.
Esercizio 36 Dimostrare che le seguenti famiglie di insiemi di R non sono topologie su R.
T1 = {(q, +)| q Q)} {} {R}
T2 = {(, a]) | a R)} {} {R}
T3 = {(a, b)| a < b, a, b R)} {} {R}
Esercizio 37 Sia S = {(x, y) R2 | 1 x, y < 1}. Trovare un sottospazio X
di R2 contenente S nel quale S, rispetto alla topologia indotta da X, sia:
aperto e chiuso;
chiuso ma non aperto;
aperto ma non chiuso.
Esercizio 38 Dimostrare che la famiglia
T = {X, , {a}, {c, d}, {a, c, d}, {b, c, d, e}}
definisce una topologia su X = {a, b, c, d, e}. Trovare linterno, lesterno, la
frontiera, la chiusura e il derivato del sottoinsieme S = {a, b, c} X.
Esercizio 39 In uno spazio topologico X siano E un sottoinsieme denso e U un
aperto. Dimostrare che E U U .
Esercizio 40 Sia X uno spazio topologico. Dimostrare che la topologia su X `e
quella discreta se e solo se per ogni sottoinsieme A di X, D(A) = .

47

Esercizio 41 Sia (X, <) un insieme parzialmente ordinato. La topologia su X


generata dai sottoinsiemi di X della forma:
{x X| x < p, p X}
oppure
{x X| p < x, p X}
`e detta topologia dordine su X. Se p < q useremo la seguente notazione
< p, q >= {x X| x < q} {x X| p < x}.
Si noti che la topologia dordine su R coincide con quella Euclidea. Dimostrare
che la relazione R su R2 definita da: (a, b)R(c, d) se e solo se a < c oppure a = c
e b < d definisce un ordinamento totale su R2 chiamato ordine lessicografico. Sia
T la topologia dordine su R2 generata da R. Siano P = (0, 0) e Q = (1, 1).
Descrivere i punti dellaperto < P, Q > nello spazio topologico (R2 , T ).
Esercizio 42 Sia (X, d) uno spazio metrico e Dr (x) un suo disco. Si dimostri
che valgono le seguenti inclusioni:
Est(Dr (x)) {y X| d(x, y) > r}
Fr(Dr (x)) {y X| d(x, y) = r}
Dr (x) {y X| d(x, y) r}
e che possono essere strette. (Si confronti con lEsempio 34). (Suggerimento: per
mostrare che le inclusioni sono in generale strette si consideri il disco di centro
lorigine e raggio unitario D1 (0) = B1 (0) X nello spazio metrico (X, d) dove
X = {(x, y) R2 | y 1, y 0}
e d `e la metrica indotta da quella Euclidea di R2 ).
Esercizio 43 Sia S un sottoinsieme di uno spazio metrico (X, d). Si dimostri che
la chiusura S di S `e linsieme S = {x X| d(x, S) = 0}, dove d(x, S) `e lestremo
inferiore delle distanze d(x, s) al variare di s S. Si deduca che un sottoinsieme
C di uno spazio metrico (X, d) `e chiuso se e solo se {x X| d(x, C) = 0} C.

48

Esercizio 44 Si dimostri con un esempio esistono insiemi chiusi A, B disgiunti


tali che d(A, B) = 0, dove d(A, B) `e lestremo inferiore delle distanze d(a, b) al
variare di a A e b B.
Esercizio 45 Si dimostri che dati comunque due sottoinsiemi A e B di uno spazio
topologico X si ha:
Fr(A B) Fr(A) Fr(B)
Int(A B) Int(A) Int(B), Int(A B) = Int(A) Int(B)
Est(A B) = Est(A) Est(B), Est(A B) Est(A) Est(B)
D(A B) = D(A) D(B), D(A B) D(A) D(B)
A B = A B, A B A B.
Trovare inoltre esempi dove le inclusioni sono strette. (Suggerimento: provare
con sottoinsiemi di R).
Esercizio 46 Trovare esempi di sottoinsiemi A, B di uno spazio topologico X
dove Fr(A B) non `e incluso in Fr(A) Fr(B) e dove Fr(A) Fr(B) non `e incluso
Fr(A B). (Suggerimento: provare con sottoinsiemi di R).
Esercizio 47 Sia S un sottospazio di uno spazio topologico (X, T ) e A S.
Indichiamo con TS la topologia su S (indotta da T ). Denotiamo con IntS (A),
EstS (A), FrS (A), DS (A) rispettivamente, linterno, lesterno, la frontiera e il
derivato di A rispetto a TS . Dimostrare che:
(a) IntS (A) S Int(A), (b) EstS (A) = S Est(A),
(c) FrS (A) S Fr(A),

(d) DS (A) = S D(A).

Trovare inoltre un esempio dove le inclusioni (a) e (c) sono strette. (Suggerimento:
provare con S = A = Q).
Esercizio 48 Sia X = {x R2 | x2 > 0, kxk 1}. Dire quali dei seguenti
sottoinsiemi sono chiusi in X con la topologia di sottospazio di R2 :
1
{x R2 | x2 > 0, kxk = 1}, {x R2 | x2 , kxk < 1},
2

49

{(0, t) R | 0 < t < 1}, {(t, t) R | 0 < t <

2
}.
2

Esercizio 49 Sia
S = {(x, y) R2 | x 0, y > 0}.
Determinare interno, esterno, frontiera, chiusura e derivato di S rispetto alla
topologia Euclidea di R2 .
Esercizio 50 In R consideriamo il sottoinsieme
S={

n
, n = 0, 1, . . . }.
n+1

Dimostrare che S = S {1} nella topologia Euclidea, mentre S = R nella


topologia cofinita.
Esercizio 51 Sia X uno spazio topologico. Un intorno di un punto x X `e un
insieme N che contiene un aperto U contenente x (x U N ). Ovviamente
ogni aperto `e un intorno di ogni suo punto. Si dimostri il viceversa e cio`e che se
U X `e un intorno di ogni suo punto allora U `e aperto.
Esercizio 52 Sia x un punto di uno spazio topologico (X, T ) e N (x) linsieme
costituito da tutti gli intorni di x, che chiameremo il sistema di intorni di x
rispetto a T . Dimostrare che valgono le seguenti propriet`a:
a) se N1 e N2 appartengono a N (x) allora N1 N2 N (x);
b) se N N (x) e X M N , allora M N (x).
Esercizio 53 Sia X un insieme non vuoto; supponiamo che per ogni x X sia
assegnata una famiglia N (x) di sottoinsiemi di X con le seguenti propriet`a:
a) N (x) 6= e ogni N N (x) contiene x;
b) se N1 e N2 appartengono a N (x) allora N1 N2 N (x);
c) se N N (x) e X M N , allora M N (x)

50

d) se N N (x), esiste M N (x) tale che M N ed M N (y) per ogni


y M.
Dimostrare che esiste una ed una sola topologia T su X tale che per ogni x X
N (x) sia il sistema di intorni di x rispetto a T .
Esercizio 54 Sia X un insieme non vuoto. Un operatore di chiusura su X `e
unapplicazione C : P(X) P(X) tale che:
C() = ,
C(C(S)) = C(S), S P(X),
C(A B) = C(A) C(B), A, B P(X).
Dimostrare che se C `e un operatore di chiusura su X e se T denota la famiglia di
tutti i sottoinsiemi C di X tali che C(X \ C) = X \ C, allora T `e una topologia.
Dimostrare inoltre che per ogni sottoinsieme S di X si ha:
C(S) = S
nella topologia T .
Esercizio 55 Sia X un insieme non vuoto. Un operatore di interno su X `e
unapplicazione I : P(X) P(X) tale che:
I(X) = X ,
S I(S), S P(X),
I(I(S)) = I(S), S P(X),
I(A B) = I(A) I(B), A, B P(X).
Dimostrare che se I `e un operatore di interno su X e se T denota la famiglia
di tutti i sottoinsiemi A di X tali che I(A) = A, allora T `e una topologia.
Dimostrare inoltre che per ogni sottoinsieme S di X si ha:
I(S) = Int(S)
nella topologia T .

51

Esercizio 56 Mostrare con un esempio che gli operatori di interno e di chiusura


non commutano.

52

Capitolo 4
Basi
In generale lavorare con tutti gli aperti di una topologia T pu`o essere complicato .
Descriveremo in questo capitolo alcune sottofamiglie pi`
u semplici ma significative
di insiemi aperti che vanno sotto il nome di basi della topologia T .

4.1

Definizioni e esempi

Sia T una topologia sullinsieme non vuoto X. Una base di T `e una famiglia B
di aperti B T tale che ogni aperto di X sia unione di elementi di B, cio`e per
ogni A T esiste Bj B, j J tale che A = jJ Bj . Equivalentemente B T
`e una base di T se per ogni A T e per ogni punto x A esiste Bx B tale
che x Bx A. Le due definizioni sono equivalenti. Infatti se x `e un punto
di un aperto A T siccome per ipotesi A = jJ Bj allora x deve appartenere
a Bj0 A per un qualche j0 J; viceversa dato A T se per ogni x A
esiste Bx B, x Bx , allora A pu`o esprimersi come unione di elementi di B,
A = xA Bx .
Osservazione 9 (la base non `e unica) Sia B una base per una topologia T su
un insieme non vuoto X. Allora ogni famiglia di aperti C T tale che B C `e
ancora una base per T . Infatti C `e una famiglia di aperti e ogni A T si pu`o
scrivere come A = jJ Bj con Bj B C.

53

Proposizione 10 (unicit`a della topologia una volta scelta una base) Sia X un
insieme non vuoto e siano T e T due topologie su X. Se B `e una base sia per
T che per T , allora T = T .
Dimostrazione: Possiamo limitarci a dimostrare che T < T (infatti la relazione T < T seguir`a scambiando il ruolo delle due topologie). Sia quindi A T .
Siccome B `e una base per T , A = j Bj , Bj B. Ma B T T cio`e i Bj sono
aperti per T e quindi (per la Top2 che definisce la topologia T ) la loro unione
A = j Bj T .

Esempio 37 (base per uno spazio metrico) Sia (X, d) uno spazio metrico. La
famiglia di tutti i dischi aperti `e una base per la topologia Td indotta dalla metrica
d.
Esempio 38 (basi per la topologia Euclidea) Le seguenti famiglie sono basi per
la topologia Euclidea su Rn
Bn = {Br (x), x Rn , r > 0} le n-palle aperte;
Rn = {Rr (x), x Rn , r > 0} gli n-rombi aperti;
Qn = {Qr (x), x Rn , r > 0} gli n-cubi aperti.
Esempio 39 (base per la topologia discreta) Sia (X, Tdis ) uno spazio topologico
con la topologia discreta. Allora B = {{x}}xX `e una base per la topologia Tdis .
Osserviamo inoltre che se C `e una base per Tdis allora B C.
Esempio 40 (base per la topologia indotta) Sia S un sottoinsieme di uno spazio
topologico (X, T ) con la topologia indotta TS (cfr. Esempio 30). Sia B una base
per la topologia T . Allora
S = {S B, B B}
`e una base per la topologia TS .

54

4.2

Topologie generate da basi

Cerchiamo adesso di rispondere alla seguente importante domanda: data una


famiglia di sottoinsiemi B di un insieme non vuoto X, esiste una topologia T su
X che ha B come base?
Chiaramente se una tale topologia esistesse allora X essendo un aperto deve essere
unione di elementi di B, X = BB B, cio`e B `e un ricoprimento di X. Inoltre se
B1 , B2 B allora B1 B2 sarebbe un aperto e quindi unione di elementi di B. In
effetti sono questi due ingredienti che ci permettono di rispondere alla domanda
precedente.
Proposizione 11 Sia B una famiglia di sottoinsiemi di un insieme non vuoto
X tali che:
B `e ricoprimento di X;
dati comunque B1 , B2 B allora B1 B2 `e unione di elementi di B.
Allora esiste un unica topologia TB su X che ha B come base. Inoltre TB =< B >,
ossia TB `e la topologia generata da B (cfr. Esempio 21).
Dimostrazione: Definiamo TB P(X) come
A TB A = j Bj , Bj B.
A parole gli elementi di TB sono quei sottoinsiemi di X che si possono scrivere
come unione di elementi di B. Se dimostriamo che questa `e effettivamente una
topologia, ovviamente B sar`a una base per TB e per la Proposizione 10, TB `e
univocamente determinata. Osserviamo che il vuoto appartiene a TB come unione
della famiglia vuota di elementi di B (cfr. Osservazione 6), mentre X TB per
il fatto che B `e un ricoprimento di X. Per dimostrare la Top2, sia {Aj }jJ una
famiglia di sottoinsiemi di TB . Per definizione di TB , Aj = kK Bjk con Bjk B.
Quindi
jJ Aj = jJ (kK Bjk ) = jJ,kK Bjk ,

55

ossia jJ Aj si scrive come unione di elementi di B e quindi appartiene a TB . Per


dimostrare la Top3, siano A1 = lL B1l , B1l B, A2 = kK B2k , B2l B due
elementi di TB allora
A1 A2 = (lL B1l ) (kK B2k ) = lL,kK (B1l B2k ).
Per ipotesi B1l B2k `e un elemento di B e quindi anche A1 A2 si esprime come
unione di elementi di B. Per dimostrare lultima asserzione dobbiamo dimostrare
che TB = BT T = hBi. Essendo TB una topologia che include B si ha evidentemente BT T < TB . Dimostriamo che TB < BT T . Sia A TB allora
A = j Bj , Bj B. Ma Bj B appartiene a ogni T che contiene B e quindi A = j Bj appartiene a ogni T che contiene B perche tali T sono topologie.
Conseguentemente A = j Bj appartiene allintersezione di tutte le topologie che
contengono B ossia A = j Bj < BT T .

Esempio 41 (le topologie js e jd ) La famiglia degli intervalli della forma (a, b]
R, a < b `e una base per una topologia js su R. Infatti soddisfa le condizioni della
Proposizione 11. Osserviamo che gli elementi di js della forma (a, b] non sono
aperti della topologia euclidea E. Quindi js 6= E. Daltra parte ogni intervallo
(a, b) pu`o scriversi come
(a, b) = m>

1
ba

(a, b

1
],
m

e quindi js `e strettamente pi`


u fine della topologia euclidea su R, E < js .
Osserviamo inoltre che non solo gli insiemi (a, b] sono aperti in js ma anche
i loro complementari R \ (a, b] sono aperti in js , quindi gli insiemi (a, b] sono
contemporaneamente aperti e chiusi in (R, js ). Infatti
R \ (a, b] = (, a] (b, +)
Il primo insieme appartiene a js in quanto (, a] = nZ,n<a (n, a] mentre
(b, +) appartiene alla topologia euclidea e quindi a js in quanto E < js .

56

Analogamente la famiglia degli intervalli della forma [a, b) R, a < b soddisfa le


condizioni della Proposizione 11 e quindi `e una base per una topologia jd su R.
Come per la topologia js , la topologia jd `e pi`
u fine di E.
Le topologie js e jd non sono confrontabili. Infatti lunione di intervalli della
forma [a, b) (risp (a, b]) `e uguale a R, agli intervalli della forma (a, b) oppure della
forma [a, +) (risp. (, b])). Quindi gli aperti della forma (a, b] js (risp.
[a, b) jd ) non si possono ottenere come unione di aperti di jd (risp. come unione
di aperti di js ) e quindi le due topologie non sono confrontabili.

4.3

Esercizi

Esercizio 57 Si dimostri che una topologia T su un insieme non vuoto X `e finita


(cio`e `e costituita da un numero finito di aperti) se e solo se T ha una base finita.
Esercizio 58 Si dimostri che la famiglia {Qr (x) \ {x}|x Rn , r > 0} `e una base
per la topologia Euclidea di Rn .
Esercizio 59 Dimostrare che la famiglia di insiemi
B = {(, a]| a R}
`e una base per una topologia T su R pi`
u fine della topologia is , dove is `e la
topologia dellEsempio 32.
Esercizio 60 Dimostrare che la famiglia
B = {[a, b]| a < b, a, b R}
non `e una base per alcuna topologia su R. Descrivere inoltre la topologia TB
generata da B.
Esercizio 61 Dimostrare che la famiglia
B = {(, 1), (a, b)| 0 < a < b, a, b R}

57

`e una base per una topologia TB su R. Dimostrare che TB `e meno fine della
topologia euclidea E su R. Per quali valori di a linsieme (, a) `e un aperto di
TB ? Quale `e la topologia che si ottiene se la condizione 0 < a < b viene sostituita
con la condizione a < b?
Esercizio 62 Sia B una famiglia di sottoinsiemi di un insieme non vuoto X totalmente ordinata dallinclusione insiemistica. Si dimostri che se B `e un ricoprimento
di X allora `e una base per una topologia su X.
Esercizio 63 Sia B la famiglia di tutti i rettangoli semi aperti in R2 , cio`e della
forma
{(x, y)| a x < b, c y < d, a, b, c, d R}.
Si dimostri che:
1. B `e una base per una topologia T su R2 ;
2. la topologia indotta da T sulle retta S = {x + y = 0} `e la topologia discreta
su S;
0

3. la toplogia indotta da T sulla retta S = {x y = 0} non `e la topologia


discreta su R.
Esercizio 64 Sia S un sottoinsieme di uno spazio topologico. Dimostrare che
S `e denso in X se e solo se esiste una base B per la topologia di X tale che S
intersechi ogni aperto non vuoto appartenente a B.

58

Capitolo 5
Numerabilit`
a, propriet`
a di
separazione e successioni
5.1

Numerabilit`
a

Sia x un punto di uno spazio topologico (X, T ). Una famiglia Bx di sottoinsiemi


aperti contenenti x `e detta base locale in x se per ogni aperto A contenente x
esiste Bx Bx tale che x Bx A.
Osservazione 10 (Basi e basi locali) Sia B una base per una topologia T su X
e sia x X. Allora gli elementi della base B che contengono x ossia
Bx = {B B| x B}
formano una base locale nel punto x. Viceversa se per ogni punto x `e assegnata
una base locale Bx , allora
B = xX Bx
`e una base della topologia di X.
Uno spazio topologico (X, T ) `e detto uno spazio N1 o primo numerabile se soddisfa la seguente condizione (chiamata il primo assioma di numerabilit`
a): per ogni
x X esiste una base locale numerabile per la topologia T .

59

Uno spazio topologico (X, T ) `e detto uno spazio N2 o secondo numerabile se


soddisfa la seguente condizione (chiamata il secondo assioma di numerabilit`
a):
per ogni x X esiste una base numerabile per la topologia T .
Uno spazio topologico (X, T ) `e detto uno spazio N3 o terzo numerabile se soddisfa
la seguente condizione (chiamata il t erzo assioma di numerabilit`
a): esiste un
sottoisieme S X denso e numerabile.
Osservazione 11 Solitamente uno spazio N3 `e detto separabile. Non useremo
questa terminologia che `e (a mio modesto avviso) alquanto fuorviante visto che
esistono in topologia altri importanti assiomi di separabilit`
a dei quali parleremo
nel prossimo paragrafo.
Esempio 42 (esistono spazi che non sono N1 ) Lo spazio topologico (R, Tcof )
dove Tcof `e la topologia cofinita (Esempio 31) non `e N1 . Supponiamo infatti che
(R, Tcof ) sia primo numerabile. Allora 1 R possiede una base locale numerabile
B1 = {Bn | n N}. Siccome Bn `e aperto R \ Bn `e chiuso e quindi finito. Perci`o
A = nN (R \ Bn ) `e un unione numerabile di insiemi finiti e quindi numerabile.
Ma R non `e numerabile; quindi esiste p R, p 6= 1 tale che p R \ A. Quindi
per la legge di De Morgan:
p R \ A = nN Bn .
Quindi p appartiene a Bn per ogni n. Daltra parte R \ {p} `e aperto e contiene
1 in quanto 1 6= p. Dato che B1 `e una base locale intorno a 1 esiste un Bn0 B1
tale che 1 Bn0 R \ {p}. Quindi p
/ Bn0 . Ma ci`o contraddice lasserzione
secondo cui p Bn per ogni n N. Quindi `e falsa lipotesi che (R, Tcof ) sia primo
numerabile.
Esempio 43 (ogni spazio metrico `e N1 ) Sia (X, d) uno spazio metrico. Per ogni
x X la famiglia dei dischi aperti Bx = {Dr (x), r R} definisce una base locale
in x. In effetti ogni spazio metrico `e N1 infatti la famiglia D 1 (x) costitutisce una
n
base locale numerabile per ogni x X.

60

Esempio 44 (esistono spazi N1 che non sono metrizzabili) Un qualunque insieme


con almeno due elementi con la topologia banale `e uno spazio N1 (in effetti anche
N2 ) ma non `e metrizzabile in quanto due elementi distinti non possono essere
separati da nessuna coppia di aperti.
Esempio 45 (Rn `e N2 ) R con la topologia Euclidea `e N2 . Infatti gli aperti della
forma (x , x + ) con x, Q sono una base numerabile per R. Pi`
u in generale
n
R `e N2 (cfr. Corollario 3).
Esempio 46 (ogni spazio N2 `e N1 ) Sia X uno spazio topologico N2 e sia B una
base numerabile per X. Dato x X, gli elementi della base B che contengono x
ossia
Bx = {B B| x B}
formano una base locale numerabile intorno al punto x (cfr. Osservazione 10).
Esempio 47 (esistono spazi N1 che non sono N2 ) La retta R con la topologia
discreta `e N1 (perche `e uno spazio metrico) ma non `e N2 . Infatti una qualunque
base di (R, Tdis ) dovrebbe contenere gli insiemi {x}, x R e non sarebbe quindi
numerabile in quanto la cardinalit`a di una tale base sarebbe maggiore di quella
dei reali.
Esempio 48 (esistono spazi metrizzabili che non sono N3 ) Sia (R, Tdis ) dove Tdis
denota la topologia discreta. (R, Tdis ) `e uno spazio metrico ma non N3 . Infatti
ogni sottoinsieme di questo spazio `e contemporaneamente aperto e chiuso. Quindi
lunico sottoinsieme denso in (R, Tdis ) `e R stesso che non `e numerabile.
Proposizione 12 (N2 N3 ) Sia X uno spazio N2 . Allora X `e N3 .
Dimostrazione: Sia B = {Bn | n N} una base numerabile di X. In ogni
aperto non vuoto Bn B scegliamo un punto xBn e sia
S = {xBn | Bn B}.
Allora, per costruzione, S `e un insieme numerabile che interseca ogni elemento
della base B. DallEsercizio 64 segue che S = X e quindi X `e N3 .


61

Esempio 49 (esistono spazi N3 che non sono N2 ) Sia jd la topologia su R dellEsempio 41. Allora Q `e denso in (R, jd ). Siccome Q `e numerabile segue che (R, jd )
`e N3 . Daltra parte (R, jd ) non `e N2 . Sia infatti B una base qualunque per jd .
Mostreremo che B non `e numerabile. Infatti per ogni x R deve esistere Ax B
tale che x Ax [x, +) in quanto questultimo `e un aperto per jd . Consideriamo lapplicazione f : R B che a x R associa f (x) = Ax . Questapplicazione
`e iniettiva in quanto se x 6= y allora Ax 6= Ay . Conseguentemente la cardinalit`a
di B sar`a maggiore o uguale a quella dei reali che non sono numerabili. Quindi
la base B non pu`o essere numerabile.
Proposizione 13 (N3 + metrizzabile N2 ) Sia X uno spazio topologico N3 e
metrizzabile allora X `e secondo numerabile.
Dimostrazione: La condizione N3 implica che esiste un sottoinsieme S denso e
numerabile di X. Sia
B = {Dq (x)| x S, q > 0, q Q}
la famiglia dei dichi aperti di centro punti di S e raggio razionale. Ovviamente
B `e numerabile (in quanto Q e S sono numerabili). Se dimostriamo che B `e una
base seguir`a che X `e secondo numerabile. Per fare questo `e sufficiente far vedere
che per ogni y X e ogni aperto U , y U , esiste un elemento della base che si
interpone tra y e U , cio`e esiste un numero q Q e x S tale che
y Dq (x) U.
Fissiamo un tale y e un tale aperto U . Siccome U e aperto esiste r > 0 (r R)
tale che Dr (y) U e siccome S `e denso esiste un x D r3 (y) S (per la (c) della
Proposizione 9 del Capitolo 3). Allora se q Q tale che 3r < q < 2r
:
3
d(y, x) <

r
<q
3

ossia y Dq (x). Inoltre per ogni z Dq (x)


d(z, y) d(z, x) + d(x, y) < q +

62

r
<r
3

ossia Dq (x) Dr (y). Quindi


y Dq (x) Dr (y) U.

Dal momento che Rn `e metrizzabile e N3 (S = Qn `e un suo sottoinsieme denso e
numerabile) si ha:
Corollario 3 Lo spazio Euclideo Rn `e N2 .

5.2

Propriet`
a di separazione

In questo paragrafo studieremo le propriet`a si separazione di uno spazio topologico. Se per la numerabilit`a si richiedeva che ci fosse un numero di aperti che
fosse il pi`
u piccolo possibile (numerabile o finito) nelle propriet`a di separazione si
previlegiano quelle topologie che hanno molti aperti che siano in grado si separare
il pi`
u possibile i punti o gli insiemi chiusi.
Uno spazio topologico X `e uno spazio di Hausdorff (o spazio T2 ) se soddisfa il
seguente assioma:
Assioma di separazione di Hausdorff: Dati comunque x e y in X con x 6= y
esistono due aperti U e V di X tali che x U , y V e U V = .
Gli esempi pi`
u importanti di spazi di Hausdorff sono gli spazi metrizzabili (in
n
particolare R ) con la topologia Euclidea. Uno spazio topologico con la topologia
banale con almeno due punti non `e di Hausdorff.
Un fatto molto importante dellessere T2 `e che tutti i suoi punti sono chiusi.
Proposizione 14 In uno spazio di Hausdorff X ogni punto `e un sottoinsieme
chiuso.
Dimostrazione: Sia x X e sia y un punto di X diverso da x. Esistono
allora due aperti disgiunti Ux e Vy tali che x Ux e y Vy . In particolare
y Vy X \ {x}. Quindi X \ {x} `e unione degli aperti Vy e quindi aperto. 

63

Uno spazio topologico X dove ogni punto `e un chiuso si chiama T1 . Quindi per
la proposizione precedente ogni spazio di Hausdorff `e T1 .
Esempio 50 (esistono spazi topologici non T1 ) Uno spazio X con almeno due
punti dotato della topologia banale non `e T1 .
Esempio 51 (esistono spazi topologici T1 ma non T2 ) Sia (X, Tcof ) uno spazio
topologico infinito con la topologia cofinita. Allora (X, Tcof ) `e T1 . Daltra parte X
non `e di Haussdorff infatti siano x e y due punti distinti e supponiamo per assurdo
che esistano due aperti disiugnti U e V contenenti x e y rispettivamente. Allora
sia U che V dovrebbero essere costituiti da un numero finito di punti essendo
contenuti in X \ V e X \ U rispettivamente. Quindi X si potrebbe scrivere come
unione disgiunta dei tre insiemi finiti U , V e X \ (U V ) (X \ (U V ) `e finito in
quanto complementare dellaperto U V ). Questo contraddice lipotesi che X `e
un insieme infinito e mostra che (X, Tcof ) non `e T2 .
Unaltra caratterizzazione degli spazi T1 `e la seguente.
Proposizione 15 Uno spazio topologico X `e T1 se solo se per ogni coppia di
punti distinti x e y esistono due aperti U e V tali che x U e y
/ U, y V e
x
/ V.
Dimostrazione: Se X `e T1 gli insiemi X \ {x} e X \ {y} sono due aperti
che soddisfano le condizioni della proposizione. Viceversa supponiamo che X
soddisfi le condizioni della proposizione e sia x X, vogliamo mostrare che x `e
chiuso. Per ogni y X \ {x} esiste Vy aperto tale che y Vy e x
/ Vy . Quindi
y Vy X \ {x}. Segue che X \ {x} `e aperto e quindi x `e chiuso.

Esistono altre due importanti propriet`a di separazione.
Uno spazio topologico T1 `e detto regolare o T3 se soddisfa la seguente condizione:
(reg): per ogni sottoinsieme chiuso C in X e ogni x X \ C esistono due aperti
disgiunti U e V tali che x U , C V .

64

Uno spazio topologico T1 `e detto normale o T4 se soddisfa la seguente condizione:


(norm) per ogni coppia di sottoinsiemi chiusi e disgiunti C1 e C2 in X esistono
due aperti disgiunti U e V tali che C1 U , C2 V .
Valgono le seguenti implicazioni di facile verifica (Esercizio 72)
T4 T3 T2 T1 .

(5.1)

Osservazione 12 Le condizioni (reg) e (norm) non sono superflue. Cio`e esistono


spazi che le soddisfano e non sono T1 . Per esempio X = {a, b, c} con la topologia
T = {X, , {a}, {b, c}} non `e T1 ma soddisfa la propriet`a (reg). Notiamo anche
che esistono spazi che soddisfano la (norm) ma non soddisfano la (reg). Per
esempio X = {a, b, c} con la topologia T = {X, , {a}, {b}, {a, b}}.
Il comportamento delle propriet`a di separazione rispetto ai sottospazi `e il seguente:
Proposizione 16 Ogni sottospazio di uno spazio Ti , i = 1, 2, 3 `e ancora Ti . Un
sottospazio chiuso di uno spazio T4 `e ancora T4 .
Dimostrazione: lasciata per esercizio.

Concludiamo questo paragrafo con il seguente importante risultato.


Teorema 14 Ogni spazio topologico metrizzabile (X, T ) `e normale.
Dimostrazione: Siano C1 e C2 due insiemi chiusi e disgiunti dello spazio metrico
(X, d) (d `e una qualunque metrica tale che T = Td ). Se uno dei due chiusi, per
esempio C1 `e uguale allinsieme vuoto allora e X sono due aperti disgiunti tali
che C1 , C2 X. Quindi supponiamo che nessuno dei due chiusi sia linsieme
vuoto. Sia p C1 . Dato che C1 e C2 sono disgiunti, p
/ C2 . Per lEsercizio 43
del Capitolo 3, d(p, C2 ) = p > 0 (ricordiamo che dato S X, d(x, S) denota
lestremo inferiore delle distanze d(x, s) al variare di s S). Analogamente

65

per q C2 , d(q, C1 ) = q > 0. Consideriamo i dischi aperti Dp = D p (p) e


3
Dq = D q (q). Vogliamo dimostrare che i due insiemi
3

U = pC1 Dp e V = qC2 Dq
sono aperti disgiunti e che contengono rispettivamente C1 e C2 . Il fatto che sono
aperti deriva dal fatto che sono unione di aperti. Inoltre C1 U e C2 V per
costruzione. Ci resta da mostrare che U V = . Supponiamo il contrario e sia
s U V . Allora esiste p0 C1 e q0 C2 tale che s Dp0 e s Dq0 . Sia
d(p0 , q0 ) = . Allora
d(p0 , C2 ) = p0  e d(q0 , C1 ) = q0 .
Inoltre, siccome s Dp0 e s Dq0
d(p0 , s) <

p0
3

e d(s, q0 ) <

q0
.
3

Per la diguaglianza triangolare otteniamo allora:


 = d(p0 , q0 ) d(p0 , s) + d(s, q0 ) <

p0 q0


2
+
+ = .
3
3
3 3
3

che `e la contraddizione cercata.

Osservazione 13 Esistono spazi topologici T2 che non sono T3 , spazi T3 che non
sono T4 , sottospazi S di spazi T4 che non sono T4 (cfr. Proposizione 16) e spazi
normali che non sono metrizzabili (cfr. Teorema 14). La costruzione di tali spazi
(pur non essendo complicata) non fa parte di queste note.

5.3

Successioni in uno spazio topologico

Sia X uno spazio topologico. Denotiamo con N+ linsieme dei numeri naturali
positivi. Unapplicazione f : N+ X si chiama una successione di elementi di
X. Per ogni n N+ limmagine xn = f (n) si chiama n-esimo termine della
successione f .

66

La successione xn si dice convergente al punto x X (e x si dice limite della


successione) se per ogni aperto U contenente x esiste n0 N+ tale che xn U
per ogni n n0 e si scriver`a
lim xn = x.
n

Una sottosuccesione di xn `e una successione xnk , k = 1, 2 ottenuta in corrispondenza di una successione crescente di interi positivi n1 < n2 < n3 < . . . . Equivalentemente una sottosuccessione della successione f : N+ X `e una successione
ottenuta come composizione f : N+ X dove : N+ N+ `e unapplicazione
crescente.
La seguente proposizione chiarisce i legami tra i punti di aderenza di un insieme
e il concetto di successione.
Proposizione 17 Sia S un sottoinsieme di un spazio topologico X e sia xn , xn
S una successione tale che limn xn = x. Allora x S.
Dimostrazione: Infatti la convergenza di xn a x implica che per qualunque
aperto U contenente x esista xn U S e quindi xn S per la seconda parte
della Proposizione 8 del Capitolo 3.

Vogliamo capire se vale il viceversa, cio`e se dato un punto x S, S X, esiste
una successione di punti di S convergente a x. Chiaramente se x S allora la
successione costante xn = x converge a x ma se x D(S) non possiamo affermare
niente come mostra il seguente esempio.
Esempio 52 (punti di accumulazione che non sono limiti di successioni) Sia
X = R con la topologia conumerabile Tcon cio`e un insieme `e aperto se e solo se
il suo complementare `e numerabile o finito (Esempio 31 Capitolo 3). Osserviamo
che una successione xn in (R, Tcon ) `e convergente a un punto x R se e solo
se `e della forma x1 , x2 , . . . , xk , x, x, . . . x . . . cio`e, a parte un numero finito k di
termini, xj = x per ogni j > k. Sia infatti A linsieme costituito dai punti di
xn diversi da x allora X \ A `e un aperto nella topologia Tcon contenente x (in
quanto il complementare di un insieme numerabile o finito) e quindi contiene tutti

67

tranne un numero finito di punti della successione xn (in quanto la successione xn


converge a x). Segue quindi che A `e finito e quindi xn `e della forma descritta. Per
mostrare che esistono punti di accumulazione che non sono limiti di successioni
consideriamo linsieme S = R \ {0}. Allora 0 R `e un punto di accumulazione
per S, cio`e ogni aperto U in (R, Tcon ) contenente 0 interseca S in un punto diverso
da 0. (Infatti un tale aperto sarebbe della forma U = R \ N dove N `e un insieme
numerabile o finito e quindi
U S = (R \ N ) R \ {0} = R \ (N {0}) 6= .)
Supponiamo per assurdo che esista una successione xn S = R \ {0} convergente
a 0 allora dovrebbe essere della forma x1 , x2 , . . . , xk , 0, 0, . . . 0 . . . e quindi 0
S = R \ {0} che `e assurdo.
Cosa sta succedendo nellEsempio 52? Il problema `e che non si riesce a numerare
linsieme degli aperti del punto x in modo da costruire una successione convergente a x. Infatti (R, Tcon ) non `e N1 (Esercizio 70). In effetti se lo spazio `e N1 il
viceversa della Proposizione 17 `e valido, come mostra la Proposizione 18 seguente.
Prima di enunciarla dimostriamo un lemma molto utile.
Lemma 1 Sia X uno spazio topologico N1 e x X.
Esiste una base locale nidificata di x, cio`e una base locale numerabile Bx =
{B1 , . . . , Bn , . . . } tale che
B1 B2 Bn ;
se xn `e una successione in X tale che xn Bn per ogni n allora xn converge
a x.
Dimostrazione: Per dimostrare la prima parte sia U1 , U2 , . . . Un , . . . `e una base
locale di x (che esiste in quanto X `e N1 ) allora
B1 = U1 , B2 = U1 U2 , Bn = U1 U2 Un

68

`e una base locale nidificata. Che sia nidificata `e ovvio per dimostrare che `e una
base sia U un aperto contenente x. Allora esiste n0 tale che x Un0 U e quindi
x Bn0 Un0 U . Per dimostrare la seconda parte sia U un aperto contenente
x. Allora esiste n0 e Bn0 Bx tale che xn0 Bn0 U (in quanto Bx `e una base
locale) e quindi xn Bn Bn0 U per ogni n n0 (in quanto Bx `e nidificata).
Questo mostra che limn xn = x.

Proposizione 18 Sia S un sottoinsieme di un spazio topologico X primo nu Allora esiste una successione xn S tale che limn xn =
merabile e x S.
x.
Dimostrazione: Se x S \ D(S) allora la successione costante xn = x converge
a x. Sia x D(S) e sia Bx = {B1 , . . . , Bn , . . . } una base locale nidificata di x.
Allora esiste xn (Bn \ {x}) S per ogni n e quindi xn converge a x.

Osservazione 14 La dimostrazione precedente mostra che quando x D(S)
allora la successione xn convergente a x pu`o essere scelta di elementi di S diversi
da x.
Ci poniamo adesso la domanda di capire se il Teorema 9 del Capitolo 1 sia valido
in spazi topologici qualunque. Il seguente esempio mostra che anche in uno spazio
N1 esistono punti di accumulazione di una successione xn che non sono limiti di
nessuna sottosuccessione xnk di xn .
Esempio 53 (punti di accumulazione che non sono limiti di sottocuccessioni)
Sia X = {a, b, c} con la topologia
T = {X, , {a, b}}.
Sia x1 = a, xn = c, n 2 una successione in X convergente a c. Si osservi che
b `e un punto di accumulazione di xn , cio`e b D({xn }). Infatti qualunque sia
laperto U che contiene b, U contiene a oppure c che sono punti di xn . Daltra
parte se esistesse una sottosuccessione convergente xnk di xn questa non potrebbe
convergere a b dovendo convergere a c.

69

Il Teorema 9 del Capitolo 1 si estende spazi che oltre a essere primo numerabili
sono T1 .
Proposizione 19 Sia X uno spazio topologico N1 e T1 . Sia xn una successione
in X e sia x D({xn }) allora esiste una sottosuccessione xnk di xn convergente
a x.
Dimostrazione: Se esistesse un numero infinito di n tali che xn = x allora
esisterebbe una sottosuccessione di xn convergente a x (fatta tutta di termini
costanti). Possiamo quindi supporre, trascurando un numero finito di termini di
xn , che xn 6= x per ogni n. Sia Bx = {B1 , . . . , Bn , . . . } una base locale nidificata
di x, la cui esistenza `e garantita dal Lemma 1. Siccome x `e di accumulazione
per xn esiste n1 1 tale che xn1 B1 (in quanto B1 `e aperto). Supponiamo
per induzione di aver scelto n1 < n2 < nm tali che xnk Bk , k = 1, . . . , m.
Siccome lo spazio `e T1 esiste un aperto U contenente x che non interseca linsieme finito {xn | 1 n nm }. Essendo x `e di accumulazione per xn esiste
nm+1 (necessariamente maggiore di nm ) tale che xnm+1 Bm+1 U e quindi la
sottosuccessione xnk converge a x, per la seconda parte del Lemma 1. .

Infine vogliamo capire quando il limite di una successione `e unico. Lesempio
seguente mostra che in generale questo `e falso.
Esempio 54 (non unicit`a del limite) Sia X un insieme non vuoto e sia Tban la
topologia banale su X. Sia xn una successione in X. Si osservi che X `e lunico
insieme aperto contenente un qualsiasi x X e che inoltre X contiene ogni punto
della successione xn . Perci`o la successione converge a ogni punto x X. Quindi
se X contiene almeno due punti il limite non `e unico.
Cosa sta succedendo in questesempio? Si tratta di un problema di separabilit`a.
Infatti se lo spazio in questione `e T2 si ha:
Proposizione 20 Sia X uno spazio topologico di Hausdorff e sia xn una succesione in X. Se xn `e convergente il suo limite `e unico.

70

Dimostrazione: lasciata per esercizio.

Osservazione 15 Osserviamo che essere T1 `e una condizione troppo debole per


dedurre lunicit`a del limite. Ad esempio sia (R, Tcof ) la topologia cofinita su R
che, per lEsempio 51 `e T1 ma non T2 , e sia xn una successione con infiniti punti
(per esempio xn = n) allora xn converge a ogni punto dello spazio (Esercizio 80,
parte (i)).
Dal momento che uno uno spazio metrizzabile (X, T ) `e N1 (Esempio 43) e T2
dallanalisi svolta in questo paragrafo otteniamo il seguente teorema.
Teorema 15 Sia (X, T ) uno spazio topologico metrizzabile. Allora:
1. un punto x appartiene a S, S X, se e solo se esiste una successione
xn , xn S convergente a x;
2. un punto x appartiene a D(S), S X se e solo se esiste una successione
xn , xn S (X \ x) convergente a x;
3. Sia xn una successione in X e sia x D({xn }) allora xn contiene una
sottosuccessione xnk convergente a x;
4. ogni successione convergente ha un unico limite.
Concludiamo il paragrafo descrivendo gli insiemi chiusi di spazi metrici in termini
di successioni. Prima una definizione. Diremo che un sottoinsieme S di uno
spazio metrico X `e chiuso per successioni se il limite di una qualunque successione
convergente costituita di elementi di S appartiene a S.
Corollario 4 Un sottoinsieme di uno spazio metrico `e chiuso se e solo se `e chiuso
per successioni.
Dimostrazione: la dimostrazione `e una conseguenza immediata del punto (a)
della Proposizione 7 e del punto 1 del Teorema 15.


71

5.3.1

Esercizi

Esercizio 65 Esibire un esempio di spazio N1 che non sia N3 e un esempio di


spazio N3 che non sia N1 .
Esercizio 66 Dimostrare che (R, jd ) `e N1 e non metrizzabile.
Esercizio 67 Sia (X, T ) uno spazio topologico e sia Bx una base locale in x X.
Si consideri un sottoinsieme S X tale che x S X. Si dimostri che
Bx,S = {S B | B Bx }
`e una base locale in x di S rispetto alla topologia indotta TS .
Esercizio 68 Si dimostri che un sottospazio S X di uno spazio N1 (risp. N2 )
`e ancora N1 (risp. N2 ).
Esercizio 69 Si dimostri che un spazio discreto X `e N3 se e solo se `e numerabile.
Esercizio 70 Dimostrare che (R, Tcon ) non `e N1 .
Esercizio 71 Si dimostri che uno spazio topologico (X, T ) `e T1 se e solo se la
topologia T `e pi`
u fine della topologia cofinita Tcof su X.
Esercizio 72 Si dimostri che uno spazio topologico normale `e regolare e che uno
spazio regolare `e di Haussdorff.
Esercizio 73 Si dimostri la Proposizione 16.
Esercizio 74 Si dimostri che un sottoinsieme finito di uno spazio topologico T1
non possiede punti di accumulazione.
Esercizio 75 Siano T < T due topologie sullinsieme non vuoto X. Se T `e T1
(risp. T2 ) allora T `e T1 (risp. T2 ).
Esercizio 76 Sia (X, T ) uno spazio topologico T1 finito. Si dimostri che T
coincide con la topologia discreta su X, cio`e T = Tdis .

72

Esercizio 77 Si dimostri che un sottospazio S X di uno spazio N3 non `e in


generale N3 . (Suggerimento: utilizzare lesercizio precedente e lEsercizio 63 del
Capitolo 4).
Esercizio 78 Si consideri la topologia js su R ossia la topologia avente come
base gli intervalli (a, b]. Si trovi se esiste il limite delle seguenti successioni nella
topologia js : {an } = { n1 }, {bn } = { n1 }, {cn } = {(1)n+1 n1 }.
Esercizio 79 Siano T e T due topologie su un insieme non vuoto X tali che
T < T , sia xn una successione in X e siano L e L gli insiemi costituiti dai limiti
di xn rispetto alle topologie T e T .
(i) Dimostrare che L L;
(ii) Dedurre che se xn `e una successione convergente in (R, jd ) allora xn converge
ad un unico limite;
(iii) determinare un esempio di successione convergente ad un unico limite in
(X, T ) e non convergente in (X, T )
Esercizio 80 Sia X un insieme infinito e Tcof la topologia cofinita su X.
(i) Dimostrare che una successione xn in X formata da elementi tutti diversi
tra loro converge ad ogni elemento x X;
(ii) sia T una topologia su X meno fine di Tcof . Dimostrare che (X, T ) non `e
metrizzabile.
Esercizio 81 Dimostrare la Proposizione 20.
Esercizio 82 Sia X uno spazio topologico N1 . Dimostrare che X `e di Hausdorff
se e solo se ogni successione convergente ha un unico limite. Si verifichi inoltre con
un esempio che esistono spazi non di Hausdorff dove ogni successione convergente
ha un unico limite.

73

Capitolo 6
Applicazioni tra spazi topologici
6.1

Applicazioni continue, aperte e chiuse

Siano X e Y due spazi topologici e f : X Y unapplicazione. Diremo che f


`e continua nel punto x X se per ogni aperto A contenente f (x) Y esiste un
aperto B contenente x tale che f (B) A. Diremo che f `e continua se `e continua
in ogni punto. La seguente proposizione descrive alcune condizioni equivalenti
del concetto di continuit`a.
Proposizione 21 Sia f : X Y unapplicazione tra spazi topologici e sia B
una base della topologia di Y . Le seguenti condizioni sono equivalenti:
(i) f `e continua;
(ii) f 1 (V ) `e aperto in X per ogni aperto V di Y ;
(iii) f 1 (C) `e chiuso in X per ogni chiuso C di Y ;
(iv) f 1 (B) `e aperto in X per ogni B B;
f (A) per ogni sottoinsieme A di X;
(v) f (A)
f 1 (B) per ogni sottoinsieme B di Y ;
(vi) f 1 (B)
(vii) f 1 (Int B) Int(f 1 (B)) per ogni sottoinsieme B di Y .

74

Dimostrazione: (nel corso della dimostrazione faremo uso implicito dei Teoremi
1, 2 e del Corollario 1 del Capitolo 1).
(i) (ii) Sia V un aperto di Y e sia x f 1 (V ) (se non esiste un tale x allora
f 1 (V ) = che `e aperto). Siccome f `e continua in x allora esiste un aperto
Ux f 1 (V ) contenente x. Siccome x `e arbitrario questo significa che f 1 (V ) `e
aperto, in quanto unione degli aperti Ux .
(ii) (i) sia V un aperto contenente f (x) allora f 1 (V ) `e un aperto contenente
x tale che f (f 1 (V )) V .
(iii) (v) siccome f (A) `e chiuso allora f 1 (f (A)) `e chiuso. Inoltre
A f 1 (f (A)) f 1 (f (A))
e quindi A f 1 (f (A)) (in quanto A `e il pi`
u piccolo chiuso che contiene A) la
quale implica
f (f 1 (f (A))) f (A).
f (A)
(v) (iii) sia C Y un chiuso. Allora


f f 1 (C) f (f 1 (C)) C = C
che implica f 1 (C) f 1 (C) e quindi f 1 (C) = f 1 (C) `e chiuso.
Le altre implicazioni sono lasciate come esercizio.

Siano X e Y due spazi topologici. Unapplicazione f : X Y si dice aperta (risp.


chiusa) se per ogni sottoinsieme aperto (risp. chiuso) A X (risp. C X)
linsieme f (A) (risp. f (C)) `e aperto (risp. chiuso) in Y . Osserviamo che se
S X `e un sottoinsieme di uno spazio topologico con la topologia indotta allora
lapplicazione inclusione i : S , X : s 7 s `e continua. Inoltre S `e aperto (risp.
chiuso) in X se e solo se linclusione i : S , X `e aperta (risp. chiusa).
Lapplicazione f : X Y si dice un omeomorfismo oppure equivalenza topologica
se f `e continua, biunivoca e linversa f 1 : Y X `e continua. Unapplicazione
biunivoca e continua `e un omeomorfismo se e solo se `e anche aperta oppure chiusa.
Unapplicazione f : X Y si dice un omeomorfismo locale, se ogni x possiede un aperto che viene mandato da f omeomorficamente su un aperto di Y .

75

Ogni omeomorfismo `e un omeomorfismo locale, ma non vale il viceversa. Per


esempio ogni applicazione tra spazi topologici dotati della topologia discreta `e un
omeomorfismo locale ma `e un omeomorfismo se e solo se `e una bigezione.
Due spazi topologici X e Y si dicono omeomorfi, oppure topologicamente equivalenti se esiste un omeomorfismo f : X Y . Scriveremo X ' Y per indicare che
X e Y sono omeomorfi. E facile verificare che:
lidentit`a di uno spazio in se stesso `e un omeomorfismo;
se f : X Y `e un omeomorfismo, anche f 1 : Y X `e un omeomorfismo:
se f : X Y e g : Y Z sono omeomorfismi, la composizione g f : X
Z `e un omeomorfismo.
Quindi lequivalenza topologica `e una relazione di equivalenza tra spazi topologici.
Una propriet`a che una volta posseduta da uno spazio X `e anche posseduta da
ogni spazio ad esso omeomorfo a X si dice propriet`
a topologica. Ovviamente ogni
propriet`a che si definisce solo in termini di insiemi aperti o di funzioni continue `e
una propriet`a topologica.
Esempio 55 (funzioni costanti) Siano X e Y due spazi topologici e y0 Y .
Lapplicazione cy0 : X Y, x 7 y0 `e continua. Infatti la controimmagine di un
aperto di Y tramite cy0 `e linsieme vuoto o X stesso.
Esempio 56 (dominio discreto) Ogni applicazione da uno spazio discreto X in
uno spazio Y `e continua.
Esempio 57 (codominio banale) Ogni applicazione da uno spazio X in uno
spazio Y con la topologia banale `e continua.
Esempio 58 (composizione di funzioni continue) Siano X, Y, Z spazi topologici
e f : X Y , g : Y Z due applicazioni continue. Se f `e continua in x X e
g `e continua in f (x) Y allora g f : X Z `e continua in x.

76

Esempio 59 (funzioni con codominio Rn ) Sia X uno spazio topologico. Unapplicazione f : X Rn `e continua in x X se e solo se sono continue in x le
sue componenti cio`e le applicazioni fj : X R, fj = pj f , dove pj : Rn R
denota la j-esima proiezione di Rn in R. Siccome la composizione di applicazioni
continue `e continua allora se f `e continua in x0 lo saranno anche le fj . Viceversa
supponiamo che tutte le fj siano continue in x0 e prendiamo
Qr (f (x0 )) = {y Rn | |yi fi (x)| < r, i = 1, . . . , n}
ln-cubo di centro f (x) e spigolo di lunghezza 2r. Dal momento che la famiglia di
insiemi Qr (f (x0 )) al variare di r costituisce un base locale di Rn intorno a f (x0 )
`e sufficiente mostrare (per la (iv) della Proposizione 21) che f 1 (Qr (f (x0 ))) `e un
aperto di X contenente x0 . Ma
f 1 (Qr (f (x0 ))) = {x X| |fi (x) fi (x0 )| < r, i = 1, . . . , n} = ni=1 Ai ,
dove
Ai = {x X| |fi (x) fi (x0 )| < r} = fi1 ((fi (x0 ) r, fi (x0 ) + r))
Sicccome le f1 , . . . , fn sono continue, allora gli insiemi Ai sono aperti e quindi lo
`e la loro intersezione finita.
Esempio 60 (le proiezioni sono aperte) Sia pi : Rn R la proiezione i-esima,
i = 1, . . . , n. E immediato verificare che pi (Qr (x)) = (xi r, xi + r). `e quindi pi
`e aperta (cfr. Esercizio 88) e continua (in quanto lineare). Se n 2 la proiezione
pi , i = 1, . . . , n non `e chiusa. Infatti, per ogni j 6= i, limmagine del chiuso
C = {xi xj 1 = 0} tramite pi `e data da pi (C) = R \ {0} che `e aperto.
Esempio 61 (le inclusioni lineari sono chiuse) Sia m n
i : Rm Rn , (x1 , . . . , xm ) 7 (x1 , . . . , xm , 0, . . . , 0)
linclusione naturale. Allora i `e continua (in quanto lineare) e chiusa. Per dimostrarlo sia C Rm un chiuso e sia xn = (yn , 0), yn C, una successione in

77

i(C) convergente a un punto x = (y, 0) Rn . Per dimostrare che i(C) `e chiuso `e


sufficiente mostrare che x i(C), ossia y C (cfr. Corollario 4 del Capitolo 5)
ma questo segue in quanto C `e chiuso. Se m < n lapplicazione i non `e aperta.
Infatti Int(i(Rm )) = (giustificare).

6.2

Costruzione di funzioni continue

Sia f : X Y unapplicazione continua tra spazi topologici e sia T un sottospazio di Y tale che f (X) T . Ponendo g(x) = f (x), x X, resta definita
unapplicazione g : X T che `e continua. Infatti un aperto di T `e della forma
T V , V aperto in Y , e g 1 (T V ) = f 1 (V ) che `e aperto in quanto f `e continua.
Lapplicazione g si chiama applicazione indotta da f .
Unapplicazione f : X Y si chiama embedding topologico se lapplicazione
X f (X) indotta da f `e un omeomorfismo (dove f (X) `e dotato della topologia
indotta da quella di Y ). In particolare un omeomorfismo f : X Y `e un
embedding topologico.
Esempio 62 Sia X un insieme diverso dal vuoto e siano T1 e T2 due topologie
su X. Supponiamo che T1 sia strettamente pi`
u fine di T2 . Allora lidentit`a
id : X X, x 7 id(x) = x `e un embedding topologico pur non essendo un
omeomorfismo.
Esempio 63 Linclusione i : S X, s 7 i(s) = s, di un sottospazio nel suo
ambiente `e un embedding topologico.
Esempio 64 Sia f : (X, ) (Y, d) un applicazione tra spazi metrici tale che
(x, x0 ) = d(f (x), f (x0 )), x, x0 X.
Allora f `e un embedding topologico rispetto alle topologie T e Td su X e Y
rispettivamente (cfr. Esercizio 15 Capitolo 2).

78

Sia f : X Y unapplicazione continua tra spazi topologici, S un sottospazio di


X ed i : S X linclusione. La composizione f i : S Y `e unapplicazione
continua che si chiama restrizione di f a S e si denota con f|S . Se viceversa
g : S Y `e unapplicazione continua, ogni applicazione continua f : X Y tale
che f|S = g si chiama estensione continua di g su X.
Vogliamo ora far vedere che sotto opportune ipotesi due funzioni continue possono
essere incollate insieme. Supponiamo che F sia un ricoprimento di uno spazio
topologico X, cioe X = F F F e sia f : X Y unapplicazione continua. Per
ogni F F consideriamo la restrizione f|F : F Y . Allora la famiglia di
applicazioni continue
{f|F : F Y | F F}
soddisfa le condizioni di compatibilit`
a
(f|F1 )|F1 F2 = (f|F2 )|F1 F2 , F1 , F2 F,
in quanto sia il primo che il secondo membro sono uguali alla restrizione di f a
F1 F2 . Supponiamo viceversa di avere un ricoprimento F dello spazio X `e una
famiglia di applicazioni continue
{fF : F Y | F F}
soddisfacenti le condizioni di compatibilit`a
(fF1 )|F1 F2 = (fF2 )|F1 F2 , F1 , F2 F.

(6.1)

Possiamo allora definire lincollamento delle applicazioni {fF } come lapplicazione


f : X Y data da
f (x) = fF (x), x F.
(6.2)
Si ha ovviamente
f|F = fF , F F.
Ci piacerebbe che lapplicazione f : X Y ottenuta incollando le funzione
fF fosse continua. Ma in generale questo `e falso. Per esempio lapplicazione

79

f : R R definita da f (x) = 0 per x (, 0] e f (x) = 1 per x (0, +) non


`e continua anche se `e lincollamento delle funzioni costanti (e quindi continue)
f1 : (, 0] R, x 7 0 e f2 : (0, +) R, x 7 1.
In questesempio la famiglia di F `e costituita dai due insiemi F1 = (, 0] e
F2 = (0, +) uno dei quali, (, 0] non ne aperto ne chiuso. La proposizione
che segue mostra che se la famiglia F `e costituita solo da aperti o solo da un
numero finito di chiusi allora la funzione ottenuta incolllando le fF `e continua.
Proposizione 22 Sia F un ricoprimento di uno spazio topologico X,
{fF : F Y | F F}
una famiglia di applicazioni continue a valori in uno spazio topologico Y , soddisfacenti alle condizioni di compatibilit`
a (6.1) e sia f : X Y lincollamento
delle fF da (6.2). Supponiamo che una delle seguenti condizioni sia soddisfatta:
(a) tutti gli F F sono aperti (ossia F `e un ricoprimento aperto);
(b) F `e una famiglia finita di insiemi chiusi (ossia F `e un ricoprimento chiuso
finito).
Allora f `e continua.
Dimostrazione: Supponiamo che valga la (a). Sia V un aperto di Y . Vogliamo
mostrare che f 1 (V ) `e aperto. Poich`e F `e un ricoprimento di X, si ha
f 1 (V ) = f 1 (V ) (F F F ) = F F (f 1 (V ) F ) = F F fF1 (V ),
dove lultima uguaglianza segue da (6.2). Siccome le applicazioni fF sono continue
F F fF1 (V ) `e unione di insiemi aperti e quindi aperto. Se invece `e soddisfatta
la (b), e C `e un insieme chiuso in Y allora le stesse considerazioni portano a
f 1 (C) = F F fF1 (C)
che `e unione finita di insiemi chiusi e quindi chiuso.

80

Osservazione 16 Lipotesi (b) delle proposizione precedente non si pu`o estendere ad un numero arbitrario di insiemi chiusi. Per esempio sia X = [0, 1] R e
1
F0 = {0}, Fi = [ i+1
, 1i ], for i = 1, 2, . . . . Definiamo funzioni costanti f0 : {0}
1
, 1i ] R, x 7 1. Lincollamento di queste funzioni `e la funR, x 7 0 e fi : [ i+1
zione f : [0, 1] R tale che f (0) = 0 e f (x) = 1, x (0, 1] che ovviamente non `e
continua.

6.3

Continuit`
a e continuit`
a sequenziale

Unapplicazione f : X Y `e detta sequenzialmente continua in x se per ogni


successione xn tale che limn xn = x si ha che limn f (xn ) = f (x). Unapplicazione f : X Y `e detta sequenzialmente continua se `e sequenzialmente
continua per ogni x X.
Proposizione 23 Sia f : X Y unapplicazione continua tra spazi topologici.
Allora f `e sequenzialmente continua.
Dimostrazione: Sia xn una successione in X convergente ad un punto x X e
sia V un aperto contenente f (x). Allora, per la continuit`a di f , esiste un aperto
U contenente x tale che f (U ) V . Per la convergenza di xn a x esiste n0 N+
tale che xn U per ogni n n0 . Questo implica che f (xn ) f (U ) V per ogni
n n0 e quindi la successione f (xn ) converge a f (x).

In generale non vale il viceversa della proposizione precedente come mostra il
seguente esempio.
Esempio 65 (una funzione sequenzialmente continua ma non continua)
Sia (R, Tcon ) (Tcon la topologia conumerabile) e
f = idR : (R, Tcon ) R,
dove nel codominio si considera la topologia Euclidea. La funzione f non `e
continua ((0, 1) non `e aperto in (R, Tcon )) pur essendo sequenzialmente continua.
Infatti se xn `e una successione convergente a x in (R, Tcon ) esiste n0 N+ tali che

81

xn = x per n n0 (cfr. Esempio 52) e quindi f (xn ) converge a f (x) (dato che
f (xn ) = f (x) per n n0 ).
Se lo spazio X `e N1 vale la conversa della proposizione precedente.
Proposizione 24 Sia X uno spazio topologico N1 . Una funzione f : X Y
sequenzialmente continua `e continua.
Dimostrazione: Sia x X. Dimostreremo che se f non `e continua in x allora
esiste una successione xn in X convergente a x tale che la sua immagine f (xn )
non `e convergente a f (x). Se f non `e continua allora esiste un aperto V di Y
contenente f (x) per il quale non pu`o esistere alcun aperto U contenente x tale
che f (U ) V . In particolare se Bx = {Bn | n N} `e una base locale nidificata
di x allora, per ogni n, esiste xn Bn tale che xn
/ f 1 (V ). Per il Lemma 1 del
Capitolo 5 la condizione xn Bn , n N, implica che xn converge a x. Daltra
parte xn
/ f 1 (V ), n N, implica che f (xn ) non converge a f (x) (infatti V `e
un aperto di Y contenente f (x) che non contiene nessun punto di f (xn )).

Dato che ogni spazio metrico `e N1 otteniamo il seguente:
Corollario 5 Sia X uno spazio metrico. Una funzione f : X Y `e continua
se e solo se `e sequenzialmente continua.

6.4

Applicazioni continue e propriet`


a di separazione

Le propriet`a di separazione di uno spazio topologico X hanno delle implicazioni


forti sulle funzioni continue a valori reali definite sullo spazio topologico X. Per
esempio in uno spazio con la topologia banale le uniche funzioni continue a valori
reali sono le costanti; oppure se per ogni coppia di punti distinti x e y esiste
una funzione continua f : X R tale che f (x) 6= f (y) allora X `e di Hausdorff.
Infatti gli insiemi


r 
r
r 
r
1
1
U =f
(f (x) , f (x) + ) , V = f
(f (y) , f (y) + )
2
2
2
2

82

dove r = |f (x) f (y)| sono due aperti disgiunti contenenti x e y rispettivamente.


In effetti vale anche un qualcosa di analogo per gli spazi normali, come espresso
dal seguente teorema dovuto a Urysohn (la cui dimostrazione non fa parte di
queste note).
Teorema 16 (Lemma di Urysohn) Siano C0 e C1 due sottoinsiemi chiusi non
vuoti e disgiunti di uno spazio normale X. Allora esiste unapplicazione continua
f : X [0, 1] tale che f (x) = 0, per x C0 , e f (x) = 1, per x C1 .
Il Lemma di Urysohn `e un tassello importante per fornire una soluzione al problema della metrizzazione discusso nel Capitolo 3 (Osservazione 7). Infatti questo
lemma `e un ingrediente fondamentale per dimostrare il seguente:
Teorema 17 Uno spazio topologico normale e N2 `e metrizzabile.
Enunciamo per completezza anche il seguente:
Teorema 18 (lemma di estensione di Tietze) Sia C un sottoinsieme chiuso di
uno spazio normale X e sia f : C R una funzione reale continua. Allora f
possiede unestensione continua f : X R.

6.5

Esercizi

Esercizio 83 Si dimostrino le implicazioni lasciate senza dimostrazione della


Proposizione 21.
Esercizio 84 Sia X uno spazio topologico e siano f, g : X R applicazioni
continue e R. Dimostrare che ognuna delle seguenti applicazioni `e continua:
f : X R, (f )(x) = f (x), x X;
|f | : X R, |f |(x) = |f (x)|, x X;
f + g : X R, (f + g)(x) = f (x) + g(x), x X;

83

f g : X R, (f g)(x) = f (x)g(x), x X.
Esercizio 85 Sia X uno spazio topologico e siano f, g : X Rn applicazioni
continue e R. Dimostrare che ognuna delle seguenti applicazioni `e continua:
f : X Rn , (f )(x) = f (x), x X;
kf k : X R, kf k(x) = |f (x)|, x X;
f + g : X R, (f + g)(x) = f (x) + g(x), x X.
Esercizio 86 Sia X uno spazio topologico e f : X R unapplicazione continua
tale che f (x) 6= 0, x X. Dimostrare che lapplicazione
1
1
1
: X R, ( )(x) =
, xX
f
f
f (x)
`e continua.
Esercizio 87 Sia X uno spazio topologico tale che per ogni sottoinsieme S X
si abbia Int(S) = . Dimostrare che ogni applicazione f : Y X da uno spazio
topologico Y in X `e continua.
Esercizio 88 Sia B una base di uno spazio topologico X e sia Y uno spazio
topologico. Dimostrare che unapplicazione f : X Y `e aperta se f (B) `e un
aperto di Y per ogni B B.
Esercizio 89 Dimostrare che unapplicazione lineare iniettiva (risp. suriettiva)
tra spazi vettoriali `e chiusa (risp. aperta).
Esercizio 90 Si dimostri che unapplicazione aperta e iniettiva f : X Y tra
due spazi topologici `e chiusa.
Esercizio 91 Consideriamo le topologie js e jd su R definite nellEsempio 41
del Capitolo 3. Dimostrare che lapplicazione f : R R, x 7 x definisce un
omeomorfismo tra (R, jd ) e (R, js ).

84

Esercizio 92 Dimostrare che un omeomorfismo locale `e unapplicazione aperta.


Esercizio 93 Dimostrare che lapplicazione f : R R, x 7 x2 non `e un omeomorfismo locale. Posto S = R\{0}. Verificare che f|S : S R `e un omeomorfismo
locale.
Esercizio 94 Dimostrare che un embedding topologico f : X Y `e un omeomorfismo locale se e solo se `e unapplicazione aperta.
Esercizio 95 Siano X e Y due spazi topologici, f : X Y un omeomorfismo ed
S un sottospazio di X. Dimostrare che la restrizione f|S : S Y `e un embedding
topologico.

Esercizio 96 Sia f : A X Y unapplicazione continua che si estende a A.


Dimostrare che se Y `e T2 allora lestensione `e unica.
Esercizio 97 Siano f, g : X Y due applicazioni continue, con Y di Hausdorff.
Dimostrare che se esiste un sottoinsieme denso D X tale che f (x) = g(x), x
D, allora f = g.
Esercizio 98 Sia f : X Y un omeomorfismo e sia S un sottoinsieme di
X. Verificare che f trasforma Int(S), Est(S), Fr(S), S e D(S) in Int(f (S)),
Est(f (S)), Fr(f (S)), f (S)e D(f (S)).
Esercizio 99 Dimostrare che essere N1 (risp. N2 , N3 ) `e una propriet`a topologica.
Esercizio 100 Dimostrare che le propriet`a di separazione T1 , T2 , T3 , T4 sono propriet`a topologiche.
Esercizio 101 Sia X uno spazio topologico dove per ogni coppia di sottoinsiemi
chiusi e disgiunti C1 e C2 esiste una funzione continua f : X [0, 1] tale che
f (C1 ) = 0 e f (C2 ) = 1. Dimostrare che X `e T4 . (Si confronti questo esercizio
con il Lemma di Urysohn, Teorema 16).

85

Esercizio 102 Dimostrare, la seguente generalizzazione del Lemma di Urysohn.


Siano C0 e C1 due sottoinsiemi chiusi non vuoti e disgiunti di uno spazio normale
X. Allora esiste unapplicazione continua f : X [a, b] tale che f (x) = a per
x C0 e f (x) = b per x C1 .
Esercizio 103 Verificare che il Teorema 18 non `e valido se C non `e un sottoinsieme chiuso di X.

86

Capitolo 7
Omeomorfismi di Rn e variet`
a
topologiche
7.1

Affinit`
a e isometrie di Rn

Il gruppo degli omeomorfismi di Rn , denotato con Omeo(Rn ), possiede due sottogruppi notevoli: il gruppo delle affinit`a Aff(Rn ) e il gruppo delle isometrie
Isom(Rn ).
Unaffinit`a f Aff(Rn ) `e unapplicazione f : Rn Rn della forma
f (x) = Ax + b
dove A GL(n, R) `e una matrice quadrata invertibile, x = (x1 , . . . xn )T , b =
(b1 , . . . , bn )T Rn sono vettori colonna. Unaffinit`a f `e continua in quanto composizione di unapplicazione lineare A, con la traslazione di vettore b. Inoltre f
`e invertibile e la sua inversa f 1 `e data da f 1 (y) = A1 y A1 b che `e continua. Quindi Aff(Rn ) Omeo(Rn ). In effetti `e facile vedere che Aff(Rn ) `e un
sottogruppo di Omeo(Rn ). Due sottoinsiemi A e B di Rn si diranno affinemente
equivalenti se esiste f Aff(Rn ) tale che f (A) = B.
Due importanti propriet`a di Aff(Rn ) sono espresse dalla seguente:
Proposizione 25 Sia f Aff(Rn ) unaffinit`
a di Rn .

87

f porta insiemi limitati di Rn in insiemi limitati di Rn ;


f porta punti allineati di Rn in punti allineati di Rn .
Dimostrazione: lasciata per esercizio.

La proposizione precedente ci permette di trovare facilmente insiemi A e B che


non siano affinemente equivalenti. Per esempio due sottoinsiemi uno limitato e
laltro illimitato di Rn non sono affinemente equivalenti; un cerchio C `e un quadrato Q non sono affinemente equivalenti pur essendo entrambi limitati (vedremo
nel prossimo paragrafo che esiste f Omeo(R2 ) tale che f (C) = Q).
Un isometria f Isom(Rn ) `e unapplicazione f : Rn Rn che sia unisometria
rispetto alla metrica Euclidea (cfr. Paragrafo 2.4 del Capitolo 2) e cio`e
kf (x) f (y)k = kx yk, x, y Rn ,
dove k k denota la norma Euclidea. Si pu`o dimostrare (vedi corso di Geometria
2) che il gruppo delle isometrie `e costituito da tutte e sole le applicazioni affini
della forma
f (x) = Ax + b
dove A O(n) `e una matrice ortogonale cio`e una matrice tale che AAt = In .
Segue che le isometrie di Rn sono un sottogruppo delle affinit`a di Rn . Abbiamo
quindi le inclusioni tra gruppi:
Isom(Rn ) Aff(Rn ) Omeo(Rn ).
Due sottoinsiemi A e B di Rn si diranno congruenti se esiste f Isom(Rn ) tale che
f (A) = B. E facile trovare esempi di sottoinsiemi di Rn che sono affinemente
equivalenti ma non congruenti. Per esempio due intervalli (0, 1) e (0, a) sono
affinemente equivalenti (cfr. prossimo paragrafo) ma non congruenti, se a 6= 1.
Sia W Rn un sottospazio vettoriale di Rn di dimensione k n e sia b Rn .
Linsieme
W + b = {w + b | w W } Rn
`e chiamato sottospazio affine di dimensione k di Rn . Osserviamo che W + b = W
se e solo se b W .

88

7.2

Alcuni sottospazi di R e R2

Cominciamo a descrivere gli omeomorfismi tra gli intervalli di R. Dati [a, b], a < b
e [c, d], c < d due intervalli chiusi sia a destra che a sinistra `e immediato verificare
che lapplicazione
dc
(x a)
(7.1)
f : R R, x 7 c +
ba
`e unaffinit`a di R (questapplicazione `e ottenuta considerando la retta nel piano
che passa per i punti P0 (a, c), P1 (b, d)). Inoltre la restrizione di f allintervallo
[a, b] ha immagine in [c, d] e quindi definisce un omeomorfismo tra [a, b] e [c, d]
(cfr. Esercizio 47). Osserviamo che f (a) = c e f (b) = d e quindi la restrizione di
f ad [a, b) induce un omeomorfismo tra [a, b) e [c, d) e tra (a, b) e (c, d). Laffinit`a
di R
cd
(x a)
(7.2)
g : R R, x 7 d +
ba
(ottenuta considerando la retta nel piano che passa per i punti P0 (a, d), P1 (b, c))
`e un omeomorfismo da R in R e la sua restrizione ad [a, b] definisce un omeomorfismo tra [a, b] e [c, d] tale che f (a) = d e f (b) = c. Quindi la restrizione di g ad
[a, b) induce un omeomorfismo tra [a, b) e (c, d].
In definitiva abbiamo dimostrato che se a < b, c < d:
[a, b] ' [c, d] ' [0, 1]
(a, b) ' (c, d) ' (0, 1)
[a, b) ' [c, d) ' (c, d] ' [0, 1) ' (0, 1].
Passiamo ora al caso di intervalli illimitati. Osserviamo preliminarmente che
[a, +) `e omeomorfo a [c, +]. Infatti la restrizione della (7.1) a [a, +) induce un omeomorfismo tra [a, +) e [c, +). Inoltre la restrizione della (7.2)
a [a, +) induce un omeomorfismo tra [a, +) e (, d]. Conseguentemente
abbiamo i seguenti omeomorfismi:
[a, +) ' [c, +) ' (, d] ' [0, +) ' (, 0].

89

Vediamo ora se qualche intervallo limitato pu`o essere omeomorfo a qualche intervallo illimitato. Il nostro talismano (Esempio 28, Capitolo 3) ci fa pensare
che non c`e nessuna motivazione perche non esista un tale omeomorfismo. Sicuramente un tale omeomorfismo non potr`a essere unapplicazione affine (come
le applicazioni (7.1) e (7.2)) in quanto le applicazioni di questa forma portano
insiemi limitati in insiemi limitati (cfr. Paragrafo 7.1). Proviamo con le funzioni
fratte che mandano punti al finito in punti allinfinito. Sia
x
.
(7.3)
h : [0, 1) R, x 7
1x
Questapplicazione `e un embedding topologico da [0, 1) in R. Restringendo il
codominio a [0, +) otteniamo un omeomorfismo [0, 1) ' [0, +) la cui inversa
`e
x
h1 : [0, +) [0, 1) : x 7
.
x+1
Inoltre la restrizione di h allintervallo aperto (0, 1) definisce un omeomorfismo
(0, 1) ' (0, +). Infine osserviamo che ( 2 , 2 ) `e omeomorfo a R tramite lapplicazione tan : ( 2 , 2 ) R, x 7 tan(x). Riassumendo abbiamo mostrato
che:
due intervalli aperti limitati o no (compreso R) sono omeomorfi e possiamo
quindi scegliere come rappresentante della classe di equivalenza topologica
lintervallo (0, 1);
due intervalli chiusi e limitati sono omeomorfi (in effetti affinemente equivalenti) e possiamo quindi scegliere come rappresentante della classe di
equivalenza topologica lintervallo [0, 1];
due intervalli aperti da una parte e chiusi dallaltra, limitati o illimitati, sono
omeomorfi e possiamo quindi scegliere come rappresentante della classe di
equivalenza topologica lintervallo [0, 1).
Quindi la cardinalit`a delle classi di equivalenza topologica di intervalli di R `e
minore o uguale a 3. In effetti la cardinalit`a `e proprio 3 in quanto valgono i
seguenti fatti (vedi Corollario 6 del Capitolo 9):

90

gli intervalli [0, 1] e (0, 1) non sono omeomorfi;


gli intervalli [0, 1] e [0, 1) non sono omeomorfi;
gli intervalli (0, 1) e [0, 1) non sono omeomorfi.
Osservazione 17 Osserviamo che per`o valgono i seguenti fatti:
non esiste f Omeo(R) che induce un omeomorfismo tra [0, 1] e (0, 1) ;
non esiste f Omeo(R) che induce un omeomorfismo tra [0, 1] e [0, 1);
non esiste f Omeo(R) che induce un omeomorfismo tra (0, 1) e [0, 1).
Passiamo ora a descrivere i sottoinsiemi di R2 costruiti a partire da intervalli.
Siano P1 , P2 , . . . , Pm di R2 (m 2) con Pi 6= Pi+1 , 1 i m 1. Si chiama
poligonale Pol = Pol(P1 , . . . Pm ) (di vertici P1 , . . . Pm ) lunione degli m 1 segmenti chiusi P1 P2 , P2 P3 , . . . Pm1 Pm . Pol `e detta poligonale chiusa se Pm = P1
(osserviamo che una poligonale `e un sottoinsieme chiuso di R2 ). Diremo che Pol
`e un poligonale semplice se i suoi segmenti non consecutivi sono a due a due disgiunti e se due segmenti consecutivi si intersecano solo nellestremo comune. Si
pu`o dimostrare che ogni poligonale semplice e chiusa `e omeomorfa a S 1 (il cerchio
unitario) e che una poligonale semplice ma non chiusa `e omeomorfa a [0, 1]. Negli
Esercizi 107 e 108 viene richiesto di dimostrare questo in due casi particolari. La
dimostrazione generale si pu`o ottenere adattando le dimostrazioni di questi due
esercizi al caso generale.
Infine mostriamo che i quadrati e i dischi di R2 sono omeomorfi. In vista degli
Esercizi 115 e 116 possiamo limitarci a dimostrare che Q1 (0) = {(x, y) R2 | |x| <
1, |y| < 1} (cio`e il quadrato aperto di centro lorigine e raggio 1) `e omeomorfo a
B1 (0) = {(x, y) R2 | x2 + y 2 < 1} (cio`e il disco aperto di centro lorigine e raggio
1). In effetti costruiremo un omeomorfismo f Omeo(R2 ) tale che f (B1 (0)) =
Q1 (0) (e quindi f (S 1 ) = Fr(Q1 (0))). Cominciamo a definire lapplicazione
: R2 \ {0} Fr(Q1 (0))

91

come (z) = Fr(Q1 (0)) rz dove rz `e la semiretta di origine O = (0, 0) passante


per il punto z. Mostriamo che `e continua. Le due rette y x = 0 e x + y = 0
suddividono R2 in quattro regioni chiuse:
C1 = {(x, y) R2 | |y| x}, C2 = {(x, y) R2 | |x| y},
C3 = {(x, y) R2 | |y| x}, C4 = {(x, y) R2 | |x| y}.
Si verifica facilmente che le restrizioni di a C1 \ {0}, C2 \ {0}, C3 \ {0} e C4 \ {0}
sono date rispettivamente da
y
1 : C1 \ {0} Fr(Q1 (0)), (x, y) 7 (1, ),
x
x
2 : C2 \ {0} Fr(Q1 (0)), (x, y) 7 ( , 1),
y
y
3 : C3 \ {0} Fr(Q1 (0)), (x, y) 7 (1, ),
x
x
4 : C4 \ {0} Fr(Q1 (0)), (x, y) 7 ( , 1),
y
che sono tutte applicazioni continue. Dal momento che C1 \{0}, C2 \{0}, C3 \{0}
e C4 \ {0} `e un ricoprimento chiuso e finito di R2 \ {0}, segue dalla Proposizione
22 che `e continua. Sia ora f : R2 R2 lapplicazione definita da:
f (0) = 0, f (z) = k(z)k z.
Mostriamo che f `e un omeomorfismo. La continuit`a di f nei punti di R2 \ {0}
discende dal fatto che la norma k k : R2 R `e continua e f `e il prodotto di
funzioni continue. Per dimostrare che f `e continua nellorigine verifichiamo che
per ogni  > 0 e posto  = 2 , f (B (0)) B (0). Sia infatti z B (0), z 6= 0,

allora, dal momento che k(z)k 2,


kf (z)k = k(z)kkzk

2kzk < .

Per verificare che f `e una bigezione definiamo


g : R2 R2 , g(0) = 0, g(w) =

92

1
w, w R2 \ {0}.
k(w)k

Lapplicazione g `e continua. Infatti g nei punti di R2 \ {0} `e prodotto di funzioni


continue e inoltre per ogni  > 0 si ha g(B (0)) B (0). Quindi per concludere
che f Omeo(R2 ) basta far vedere che g `e linversa di f . Infatti per ogni
z R2 \ {0} si ha
g(f (z)) = g(k(z)kz) =
f (g(w)) = f (

k(z)kz
k(z)kz
=
=z
k(k(z)kz)k
k(z)k

w
w
w
w
) = k(
)k
= k(w)k
= w,
k(w)k
k(w)k k(w)k
k(w)k

dove stiamo usando il fatto che per ogni t > 0 e z R2 \ {0} (tz) = (z).
Infine, resta da verificare che f (B1 (0)) = Q1 (0) ossia che f (B1 (0)) Q1 (0) e
g(Q1 (0)) B1 (0). La verifica `e lasciata al lettore.

7.3

Sottoinsiemi convessi di Rn

Un sottoinsieme K Rn `e detto convesso se per ogni coppia di punti P e Q


in K il segmento che li congiunge P Q = {(1 t)P + tQ| t I} `e interamente
contenunto in K. Un solido convesso `e un sottoinsieme convesso il cui interno `e
non vuoto. Gli esempi pi`
u semplici di solidi convessi sono Dn e Rn , mentre un
retta di Rn `e convessa ma non `e un solido convesso.
Notiamo che la convessit`a pu`o essere definita solo per sottoinsiemi di Rn e non `e
una propriet`a topologica. Per esempio il grafico di y = x2 , x (0, 1) in R2 (che
non `e convesso) `e omeomorfo a (0, 1) (che `e convesso).
Si verifica immediatamente che lintersezione arbitraria di una famiglia di convessi di Rn e ancora un insieme convesso (se si considera linsieme vuoto come
convesso). Infatti, sia {Aj }jJ , una famiglia di sottoinsiemi convessi di Rn con
intersezione K = j Aj diversa dal vuoto e siano P e Q due punti in K. Allora,
siccome Aj `e convesso e contiene sia P che Q, contiene anche P Q. Quindi il segmento che unisce P e Q appartiene a tutti gli Aj , e dunque alla loro intersezione
K. Siccome questo ragionamento si pu`o fare per ogni possibile scelta di P e Q in
K, segue che K `e un insieme convesso.

93

Sia S Rn un qualunque sottoinsieme. Linviluppo convesso K(S) di S `e lintersezione di tutti gli insiemi convessi contenenti S. Quindi K(S) `e il pi`
u piccolo sottoinsieme convesso che contiene S. Per esempio linviluppo convesso di
S 1 = Fr(B1 (0)) `e B1 (0).
Nel Capitolo 10 dimostreremo il Teorema 34 che asserisce che un solido convesso
K Rn (cio`e convesso con interno non vuoto) chiuso e limitato di Rn `e omeomorfo
a Dn = B1 (0) tramite un omeomorfismo che invia la frontiera di K nella frontiera
di Dn cio`e S n1 (cfr. con i risultati del paragrafo precedente).

7.4

Variet`
a topologiche

Prima di definire il concetto di variet`a topologica abbiamo bisogno di una definizione che dia lidea intuitiva di cosa significa che uno spazio topologico assomigli
localmente allo spazio Euclideo. Diremo che uno spazio topologico X `e localmente Euclideo di dimensione n se per ogni punto x X esiste un aperto contenente
x omeomorfo ad un insieme aperto di Rn . In effetti possiamo anche essere pi`
u
n
specifici su quali insiemi aperti di R considerare. Infatti vale il seguente:
Lemma 2 Uno spazio topologico X `e localmente Euclideo di dimensione n se e
solo se una delle seguenti propriet`a `e verificata:
(a) per ogni punto x X esiste un aperto contenente x omeomorfo ad una
n-palla aperta di Rn ;
(b) per ogni punto x X esiste un aperto contenente x omeomorfo a Rn .
Dimostrazione: Ovviamente uno spazio che soddisfa (a) oppure (b) `e localmente Euclideo di dimensione n. Viceversa, supponiamo che X sia localmente
Euclideo di dimensione n. Dal momento che una palla aperta in Rn `e omeomorfa a Rn (Esercizio 114), le propriet`a (a) e (b) sono equivalenti, quindi possiamo
limitarci a dimostrare la (a). Dato un qualunque punto x X, sia U un aperto
contenente x che ammette un omeomorfismo : U V , dove V `e un sottoinsieme aperto di Rn . Il fatto che V sia aperto significa che esiste una qualche

94

palla aperta Br ((x)) intorno a (x) contenuta in V , e allora 1 (Br ((x)) `e un


aperto contenente x omeomorfo alla palla aperta Br ((x)).

Se X `e localmente Euclideo di dimensione n, un omeomorfismo da un insieme
aperto U X ad un sottoinsieme aperto di Rn `e chiamato carta coordinata
(o semplicemente carta). Chiameremo ogni aperto di X che `e omeomorfo ad
una palla aperta di Rn una palla Euclidea di X. Quindi il lemma precedente
asserisce che in uno spazio localmente Euclideo ogni punto `e contenuto in una
palla Euclidea di X.
Osservazione 18 La definizione di spazio localmente Euclideo ha senso anche
quando n = 0. Siccome R0 `e per convenzione un singolo punto, il lemma precedente implica che uno spazio topologico X `e localmente Euclideo di dimensione
0 se e solo se ogni punto ha un intorno omeomorfo ad uno spazio con un solo
punto, o in altre parole se e solo se lo spazio X ha la topologia discreta.
Possiamo ora definire il concetto di variet`a topologica. Una variet`
a topologica
di dimensione n (o n-variet`a) `e uno spazio topologico M che soddisfa le tre
condizioni seguenti:
(i) M `e localmente Euclideo;
(ii) M `e di Hausdorff;
(iii) M soddisfa il secondo assioma di numerabilit`a.
Osservazione 19 Nessuna delle tre condizioni precedenti `e ridondante. Esistono
per esempio spazi topologici localmente Euclidei e di Hausdorff che non soddisfano il secondo assioma di numerablilit`a (si consideri, per esempio, lunione non
numerabile di variet`a topologiche con la topologia definita nellEsempio 24 del
Capitolo 3), spazi topologici di Hausdorff e N2 che non sono localmente Euclidei
(cfr. Corollario 7 del Capitolo 9) e spazi topologici localmente Euclidei e N2 che
non sono di Hausdorff (cfr. Esercizio 164 del Capitolo 11).

95

Le variet`a di dimensione uno si chiamano curve topologiche e quelle di dimensione


due superficie topologiche. Una loro classificazione topologica richiede metodi
pi`
u avanzati di quelli sviluppati in queste note.
Esempio 66 (lo spazio Euclideo) Rn `e lesempio pi`
u semplice di variet`a topologica di dimensione n. Infatti `e N2 , T2 e lapplicazione identit`a id : Rn Rn `e
una carta (globale) di ogni punto di Rn .
Esempio 67 (aperti di una variet`a) Qualunque insieme aperto A di una variet`a
topologica X di dimensione n `e ancora una variet`a topologica di dimensione n
(con la topologia indotta). Infatti per ogni x A esiste un aperto in U X
omeomorfo ad un insieme aperto V di Rn e lintersezione A U `e un aperto che
`e ancora omeomorfo ad un aperto di Rn . Quindi A `e localmente Euclideo di
dimensione n. Le propriet`a T2 e N2 seguono dal fatto che un sottospazio di uno
spazio T2 (risp. N2 ) `e T2 (risp. N2 ).
Esempio 68 (grafici) Sia U Rn un sottonsieme aperto di Rn e f : U Rk
unapplicazione continua. Vogliamo dimostrare che il grafico di f , cio`e
(f ) = {(x, y) = (x1 , . . . xn , y1 , . . . yk ) Rn+k | x U, y = f (x)}
`e una variet`a topologica di dimensione n (globalmente) omeomorfa a U . Per
costruire un omeomorfismo esplicito tra U e (f ) consideriamo lapplicazione
f : U (f ), x 7 (x, f (x)).
Questapplicazione `e continua perche lo `e f . La sua inversa `e la restrizione (f )
della proiezione (x, y) = x che `e continua perche la restrizione di unapplicazione
continua. Segue che f : U Rn+k `e un embedding topologico e
f (U ) ' U ' (f ).
Esempio 69 (la sfera) La sfera di centro lorigine e raggio 1 di Rn , n 1 ha
equazione cartesiana
S n1 = {x Rn | kxk = 1}.

96

Con la topologia indotta da quella di Rn , S n1 `e una variet`a topologica di dimensione n 1. Per dimostrare questo osserviamo che S n1 `e N2 e T2 (perche
sottospazio di Rn ). Quindi per dimostrare che S n1 `e una variet`a topologica `e
sufficiente dimostrare che `e localmente Euclidea. Nel caso n = 1, S 0 = {1, +1}
che `e una variet`a topologica di dimensione 0 (con la topologia discreta). Per n 1
mostreremo che ogni punto di S n1 ha un intorno che `e il grafico di una funzione
continua e dallEsempio 68 seguir`a che la sfera `e localmente Euclidea. Per ogni
i = 1, 2, . . . , n, sia Ui+ il sottoinsieme di Rn dove xi > 0 e Ui il sottoinsieme
di Rn dove xi < 0. Se x `e un punto in S n1 , qualche sua coordinata xi dovr`a

essere diversa da zero e quindi gli insiemi U1 , . . . Un1


sono un ricorpimento di

n1
n1
S . Osserviamo che se x S
Ui possiamo ricavare xi usando lequazione
kxk = 1. Infatti
q
xi = 1 x21 x2i1 x2i+1 x2n .
In altre parole la porzione di S n1 in Ui `e il grafico di una funzione continua da
un aperto di Rn1 (omeomorfo a B1 (0)) a R e quindi S n1 Ui ' B1 (0). Qundi
S n1 `e una variet`a topologica di dimensione n 1 che pu`o essere ricoperta da
2n-carte.
Un altro modo per mostrare che la sfera `e localmente Euclidea, usando il minor
numero possibile di carte, `e quello delle proiezioni. Cominciamo a descrivere
la proiezione da un punto su un iperpiano. Siano H e P0 rispettivamente un
iperpiano e un punto di Rn tali che P0
/ H. Sia H0 lunico iperpiano per P0
n
parallelo a H. Per ogni punto P R \ H0 , sia r la retta per i punti P0 e
P e sia Q = r H. Lapplicazione : Rn \ H0 H tale che (P ) = Q
si chiama la proiezione sulliperpiano H dal punto P0 . Verifichiamo che `e
continua. Per semplificarci i calcoli assumiamo che che P0 = (0, 0, . . . , d), d > 0
e H sia liperpiano xn = 0. Liperpiano H0 passante per P0 e parallelo a H ha
equazione xn = d. Sia P = (y1 , . . . , yn ) Rn \ H0 e sia r la retta per P0 e P
che ha equazioni parametriche {x1 = ty1 , . . . , xn1 = tyn1 , xn = d + t(yn d)}.
Il punto (P ) `e ottenuto intersecando r con H, cio`e ponendo xn = 0. Quindi

97

t=

d
dyn

dy1
dyn1
,...,
, 0).
(7.4)
d yn
d yn
Le componenti di sono quozienti di applicazioni continue e pertanto `e continua.
(P ) = (

Sia ora N = (0, . . . , 0, 1) il polo nord della (n 1)-sfera unitaria S n1 di Rn .


Proiettando dal punto N alliperpiano H = {xn = 0} si ottiene lapplicazione
N : S n1 \ {N } H ' Rn1 ,
chiamata proiezione stereografica dal polo nord. Lespressione analitica di N si
ottiene usando la (7.4) con d = 1:
xn1
x1
,...,
, 0), P = (x1 , . . . , xn1 , xn ) S n1 .
N (P ) = (
1 xn
1 xn
In effetti la proiezione stereografica dal polo nord `e invertibile. Per calcolare la sua
inversa sia y = (y1 , . . . , yn1 , 0) H e sia r la retta per N e per y. Questa retta
ha equazioni parametriche {x1 = ty1 , x2 = ty2 , . . . , xn1 = tyn1 , xn = 1 t}
e interseca la sfera S n1 in N `e in un ulteriore punto z che corrisponde alla
radice non nulla dellequazione (ty1 )2 + (tyn1 )2 + (1 t)2 = 1. Risolvendo
2
lequazione si ottiene t2 (1 + kyk2 ) = 2t, da cui t = 1+kyk
o quindi definire
2 e si pu`
unapplicazione continua
f : H S n1 \ {N }, y 7 z = (

2y1
2yn1 kyk2 1
,
.
.
.
,
,
).
1 + kyk2
1 + kyk2 1 + kyk2

Dalla costruzione geometrica risulta che f `e linversa di N (il lettore `e invitato


a verificare analiticamente che N f = idH e f N = idS n1 ). Lo stesso
ragionamento si pu`o eseguire considerando il polo sud S = (0.0, . . . 0, 1). Con
considerazioni del tutto analoghe si ottiene che S : S n1 H si scrive come
xn1
x1
S (P ) = (
,...,
, 0), P = (x1 , . . . , xn1 , xn ) S n1 .
1 + xn
1 + xn
che `e continua, la cui inversa `e
g : H S n1 \ {N }, y 7 z = (

2y1
2yn1 1 kyk2
,
.
.
.
,
,
).
1 + kyk2
1 + kyk2 1 + kyk2

98

Segue che N e S sono due carte che ricoprono S n1 e quindi S n1 `e una varieta
topologica.
La domanda naturale e se sia possibile trovare una sola carta sulla sfera o, equivalentemente se la sfera S n sia omeomorfa a Rn . La risposta `e no (cfr. Esempi
83 e 83 del Capitolo 10).
Esempio 70 (la ciambella) Consideriamo la superficie di rotazione Ciamb (Ciamb
sta per ciambella) ottenuta facendo ruotare il cerchio (y R)2 + z 2 = r2 di
centro (R, 0), R > r del piano yz intorno allasse z. Lequazione cartesiana di tale
superficie `e data da
p
(7.5)
( x2 + y 2 R)2 + z 2 = r2 .
Vogliamo mostrare che Ciamb `e una variet`a topologica di dimensione 2, cio`e una
superficie topologica. Lapplicazione F : R2 Ciamb definita da
F (u, v) = ((R + r cos 2u) cos 2v, (R + r cos 2u) sin 2v, r sin 2u))

(7.6)

`e unapplicazione continua dal piano a Ciamb. Lapplicazione F non `e iniettiva


in quanto F (u + m, v + n) = F (u, v) per ogni coppia di interi (m, n). Per`o esiste
un aperto U0 di (u0 , v0 ) tale che la restrizione di F a U0 , F : U0 F (U0 ), `e
invertibile con inversa continua (i dettagli sono lasciati come esercizio al lettore).
Quindi Ciamb `e una superficie topologica (le propriet`a T2 e N2 sono immediate
in quanto Ciamb R3 ).
Concludiamo questo capitolo con quattro importanti risultati (la cui dimostrazione non fa parte di queste note).
Teorema 19 Se n 6= m allora Rm non `e omeomorfo a Rn . Conseguentemente
una variet`a topologica non pu`o essere contemporaneamente di dimensione m e n
se m 6= n (cfr. Corollario 9 per il caso m = 1 e n 2).
Teorema 20 Ogni variet`a topologica `e uno spazio topologico normale e quindi
(per il Teorema 17 del Capitolo 6) metrizzabile.

99

Teorema 21 La palla chiusa n-dimensionale Dn = B1 (0) non `e una variet`


a
topologica.
Teorema 22 La sfera S 2 e Ciamb sono due superfici topologiche non omeomorfe.

7.5

Esercizi

Esercizio 104 Costruire un omeomorfismo esplicito tra (0, 1) e R.


Esercizio 105 Descrivere le classi di congruenza degli intervalli di R.
Esercizio 106 Siano I e J due intervalli di R, I limitato e J illimitato. Dimostrare che non esiste f Omeo(R) tale che f (I) = J (cfr. lomeomorfismo
(7.3)).
Esercizio 107 Determinare un omeomorfismo tra la circonferenza e la poligonale chiusa (il triangolo) Pol = Pol(P1 , P2 , P3 , P1 ), con P1 (0, 0), P2 (1, 0), P3 (0, 1).
(Suggerimento: suddividere la circonferenza S 1 in tre insiemi S1 = {(x, y)
S 1 | y 0}, S2 = {(x, y) S 1 | x 0, y 0} e S3 = {(x, y) S 1 | x 0, y 0}.
Definire poi i tre omeomorfismi
h1 : S1 P1 P2 : (x, y) 7 (

x+1
, 0),
2

h2 : S2 P1 P3 : (x, y) 7 (0, y),


h3 : S3 P3 P2 : (x, y) 7 (x, x + 1),
e usare il lemma di incollamento per dimostrare che si incollano ad un omeommorfismo h : S 1 Pol).
Esercizio 108 Siano P1 (a, 0), P2 (0, c), P3 (b.0) tre punti di R2 con a, b, c >
0. Determinare un omeomorfismo di R2 che trasformi il segmento P1 P3 nella
poligonale Pol(P1 , P2 , P3 ). (Suggerimento: si ragioni in modo simile alleserczio
precedente suddividendo la poligonale in due parti P1 P2 e P2 P3 , definendo gli
omeomorfismi f1 : P1 0 P1 P2 : (x, y) (x, y + ac x + c) e f2 : 0P3 P2 P3 :
(x, y) (x, y cb x+c) e dimostrando che f1 e f2 si incollano ad un omeomorfismo
f : P1 P2 Pol(P1 , P2 , P3 )).

100

Esercizio 109 Sia n 1 un intero. Si identifichi linsieme Mn (R) delle matrici


2
quadrate nn a elementi reali allo spazio Euclideo Rn , associando a ogni matrice
2
A = (aij ) il punto (a11 , . . . , a1n , a21 , . . . , a2n . . . , an1 , . . . , ann ) Rn . Dimostrare
che lapplicazione determinante det : Mn (R) R, A 7 det A `e continua.
Esercizio 110 Dimostrare la Proposizione 25.
Esercizio 111 Si dimostri che un sottospazio affine A di dimensione k in Rn ,
k n `e omeomorfo a Rk . Si dimostri inoltre che A `e convesso ma non `e un solido
convesso.
Esercizio 112 Il sottoinsieme
n = {x Rn | x1 + + xn 1, xi 0, i = 1, . . . , n}
di Rn `e chiamato ln simplesso. Dimostrare che ln simplesso n `e linviluppo
convesso dellinsieme finito {0, e1 , . . . en } di Rn , dove 0 `e lorigine di Rn e e1 , . . . en
sono i vettori della base canonica di Rn . Dimostrare inoltre che n `e un solido
convesso.
Esercizio 113 Determinare un chiuso di R2 il cui inviluppo convesso non `e
chiuso.
Esercizio 114 Si dimostri che lapplicazione
f : B1 (0) Rn , x 7

x
1 kxk

definisce un omeomorfismo tra B1 (0) e Rn . Dedurre che Br (x) ' Rn .


Esercizio 115 Siamo r, s > 0 e x, y Rn . Dimostrare che Qr (x) e Qs (y) sono
variet`a topologiche omeomorfe.
Esercizio 116 Siamo r, s > 0 e x, y Rn . Dimostrare che Br (x) e Bs (y) sono
variet`a topologiche omeomorfe.

101

Esercizio 117 Sia S+n1 = {x S n1 | xn 0} la (n 1)-calotta superiore


chiusa di S n1 . Dimostrare, usando il Teorema 21, che S+n non `e una variet`a
topologica. Dimostrare inoltre che S+n `e omeomorfa alla (n 1)-calotta inferiore
chiusa Sn1 = {x S n1 | xn 0}.
Esercizio 118 Dimostrare le asserzioni fatte alla fine dellEsempio 70.
Esercizio 119 Dimostrare che le coniche (risp. quadriche) non degeneri del
piano (risp. spazio) Euclideo sono curve (risp. superfici) topologiche.

102

Capitolo 8
Prodotti
In questo capitolo costruiremo una nuova topologia a partire da spazi toplogici
noti: la topologia prodotto definita sul prodotto cartesiano di spazi topologici.

8.1

La topologia prodotto

Siano X1 , . . . , Xn spazi topologici. Definiamo la seguente famiglia di sottoinsiemi


del prodotto cartesiano X1 Xn
B = {U1 Un | Ui `e aperto in Xi , i = 1, . . . n}.
La famiglia B soddisfa le condizioni della Proposizione 11 del Capitolo 4. Infatti
linsieme X1 Xn appartiene a B (in quanto Xi `e aperto in Xi ) e quindi, in
particolare B `e un ricoprimento di X1 Xn . Inoltre se B1 = U11 Un1
e B2 = U12 Un2 appartengono a B la loro intersezione B1 B2 = (U11
U12 ) (Un1 Un2 ) appartiene a B (e quindi `e ovviamente unione di elementi
di B). La topologia che ha B come base `e chiamata la topologia prodotto. Quindi
un aperto della topologia prodotto `e un sottoinsieme del prodotto cartesiano
X1 Xn che si pu`o scrivere come unioni degli elementi di B. Per esempio
nel piano R2 = R R, la topologia prodotto `e generata dagli insiemi della forma
I J, dove I e J sono insiemi aperti di R. Un tipico insieme aperto `e un rettangolo
aperto. Ma ovviamente esistono anche insiemi aperti che non sono rettangoli!

103

Proposizione 26 La topologia prodotto su Rn = R R coincide con la


topologia Euclidea.
Dimostrazione: Consideriamo la famiglia
C = {J1 Jn | Ji = (ai , bi ), i = 1, . . . n}.
Gli elementi di C sono aperti della topologia prodotto di Rn e ogni aperto della
topologia prodotto di Rn `e unione di elementi di C. Segue che C `e una base per
la topologia prodotto di Rn . Daltra parte C `e anche una base per la topologia
Euclidea di Rn (giustificare) e quindi, per la Proposizione 10 del Capitolo 4, le
due topologie (quella prodotto e quella Euclidea) coincidono.

Osservazione 20 La topologia prodotto pu`o essere anche definita per prodotti
infiniti con una definizione leggermente pi`
u complicata. In queste note saremo
interessati solo ai prodotti finiti.
Nei capitoli precedenti abbiamo osservato che ciascuna prioiezione
i : Rn R : (x1 , . . . xn ) 7 xi , i = 1, . . . , n
`e continua (in quanto lineare) a aperta (cfr. Esempio 60). Questi fatti si generalizzano alla topologia prodotto:
Proposizione 27 Siano X1 , . . . Xn spazi topologici, sia X1 Xn lo spazio
prodotto (cio`e lo spazio topologico con la topologia prodotto). Allora le proiezioni
i : X1 Xn Xi , (x1 , . . . , xn ) 7 xi , i = 1, . . . , n
sono continue e aperte.
Dimostrazione: Sia U un aperto di Xi . Allora
i1 (U ) = X1 Xi1 U Xi+1 Xn

104

che (per la definizione della topologia prodotto) `e un sottoinsieme aperto di X1


Xn . Questo mostra che i `e continua. Sia ora U1 Un un aperto di
base per la topologia prodotto (cio`e Ui Xi `e aperto in Xi per ogni i = 1, . . . , n).
Per mostrare che ciascuna i `e aperta `e suffciente mostrare (cfr. Esercizio 88 del
Capitolo 6) che i (U1 Un ) `e aperto in Xi . Ma questo `e chiaro in quanto
i (U1 Un ) = Ui il quale `e un aperto di Xi .

Sia T una topologia qualunque sul prodotto cartesiano X = X1 Xn .
Diremo che T soddisfa la propriet`a universale del prodotto se per qualunque spazio
topologico Y unapplicazione
f : Y X1 Xn
`e continua se e solo se ognuna delle sue funzioni componenti fi = i f : Y Xi
`e continua.
La seguente proposizione asserisce che la topologia prodotto soddisfa la propriet`a
universale del prodotto e generalizza quello che abbiamo visto nellEsempio 59
del Capitolo 6 riguardo alle applicazioni da uno spazio topologico in Rn .
Teorema 23 (propriet`a universale della topologia prodotto) Siano X1 , . . . Xn spazi topologici. Allora la topologia prodotto su X1 Xn soddisfa la propriet`
a
universale del prodotto.
Dimostrazione: Sia Y uno spazio topologico qualunque e
f : Y X1 Xn , y 7 (f1 (y), . . . , fn (y))
unapplicazione. Se f `e continua allora, per la Proposizione 27,
fi = i f : Y Xi
`e continua in quanto composizione di funzioni continue. Viceversa supponiamo
che ciascuna delle fi sia continua e mostriamo che f `e continua in ogni punto
y Y . Fissiamo y Y . Sia A un aperto di X1 Xn che contiene
x = (x1 , . . . xn ) = f (y) = (f1 (y), . . . , fn (y)).

105

Sia U1 Un A un aperto di base per la topologia prodotto (cio`e Ui Xi


`e aperto in Xi ) tale che xi Ui per ogni i = 1, . . . , n. Siccome ogni fi `e continua
in y e fi (y) = xi esiste un sottoinsieme aperto Vi Y tale fi (Vi ) Ui per
i = 1, . . . , n. Allora laperto V = V1 Vn di Y `e tale che
f (V ) f1 (V ) fn (V ) U1 Un A
e quindi f `e continua in y.

La proposizione seguente mostra che la topologia prodotto `e univocamente determinata dalla propriet`a universale del prodotto.
Teorema 24 (unicit`a della topologia prodotto) Siano X1 , . . . Xn spazi topologici.
La topologia prodotto su X1 Xn `e lunica topologia che soddisfa la propriet`
a
universale del prodotto.
Dimostrazione: Sia T una topologia qualunque sul prodotto cartesiano X =
X1 Xn che soddisfa la propriet`a universale del prodotto e indichiamo con
Tprod la topologia prodotto su X. Siccome T soddisfa la propriet`a universale del
prodotto prendendo
f = idX : Y = (X, T ) (X, T )
lidentit`a di X (che `e continua) si deduce che le proiezioni
i idX = i : (X, T ) Xi
sono continue. Quindi, usando il fatto che Tprod soddisfa la propriet`a universale
del prodotto (Teorema 23) segue che
f = idX : Y = (X, T ) (X, Tprod )
`e continua e quindi Tprod `e meno fine di T . Infine usando ancora il fatto che T
soddisfa la propriet`a universale del prodotto e che le proiezioni i : (X, Tprod )
Xi sono continue (Proposizione 27) segue che
f = idX : Y = (X, Tprod ) (X, T )
`e continua e quindi T `e meno fine di Tprod . Conseguentemente T = Tprod .

106

Proposizione 28 (altre propriet`a della topologia prodotto) Siano X1 , . . . , Xn spazi topologici.


(a) La topologia prodotto `e associativa nel senso che le tre topologie prodotto
X1 X2 X3 , (X1 X2 ) X3 = X1 (X2 X3 ) nellinsieme X1 X2 X3
coincidono.
(b) Per ogni i e ogni xj Xj , j 6= i, lapplicazione
fi : Xi X1 Xn , x 7 (x1 , . . . , xi1 , x, xi+1 , . . . xn )
`e un embedding topologico di Xi nello spazio prodotto X1 Xn .
(c) Se per ogni i, Bi `e una base per la topologia di Xi , allora la famiglia di
insiemi
B = {B1 Bn | Bi Bi }
`e una base per la topologia prodotto su X1 Xn .
(d) Se Si `e un sottospazio di Xi , i = 1, . . . n. La topologia prodotto su S1
Sn coincide con la topologia indotta sul prodotto cartesiano S1 Sn
dalla topologia prodotto di X1 Xn .
(e) Se ogni Xi `e T1 (risp. T2 , T3 ) allora lo `e anche X1 Xn .
(f ) Se ogni Xi `e N1 (risp. N2 , N3 ) allora lo `e anche X1 Xn .
Dimostrazione: Le dimostrazioni sono lasciate per esercizio.

Osservazione 21 Esistono spazi T4 tali che il loro prodotto non `e T4 . In effetti


si pu`o dimostrare (noi non lo faremo) che il prodotto topologico (R, jd ) (R, jd ),
dove jd `e definita nellEsempio 41 del Capitolo 4 non `e T4 nonostante (R, jd ) sia
T4 .
Se fi : Xi Yi , i = 1, . . . , k son applicazioni qualunque (non necessariamente
continue). Lapplicazione
f1 fk : X1 Xk Y1 Yk , (x1 , . . . xk ) 7 (f1 (x1 ), . . . fk (xk ))

107

`e chiamata lapplicazione prodotto associata alle applicazioni fi : Xi Yi , i =


1, . . . , k.
Proposizione 29 Il prodotto di applicazioni continue `e continua e il prodotto tra
omeomorfismi `e un omeomorfismo.
Dimostrazione: Sia U1 Uk un aperto di base per la topologia prodotto
(ogni Uj `e aperto di Xj per j = 1, . . . , k). Allora
(f1 fk )1 (U1 Uk ) = f11 (U1 ) fk1 (Uk )
`e un aperto in X1 Xk , in quanto prodotto degli aperti fj1 (Uj ). Segue
allora (dalla (iv) della Proposizione 21 del Capitolo 6) che f1 fk `e continua
La seconda affermazione segue dalla prima in quanto linversa dellapplicazione
prodotto f1 fk : X1 Xk Y1 Yk dove fj : Xj Yj
sono bigezioni `e data da g1 gk : Y1 Yk X1 Xk , dove le
gj : Yj Xj sono le inverse delle fj .

Gli spazi prodotto ci permettono di costruire vari esempi di variet`a come mostra
la seguente proposizione.
Proposizione 30 Siano M1 , . . . Mk variet`
a topologiche di dimensione n1 , . . . , nk .
Allora il prodotto M = M1 Mk `e una variet`
a topologica di dimensione
n1 + + nk .
Dimostrazione: Siccome ognuna delle Mj `e di Hausdorff e soddisfa il secondo
assioma di numerabilit`a segue dalle (f) e (g) della Proposizione 28 che anche il
prodotto M `e di Hausdorff e N2 . Quindi rimane da dimostrare che M `e localmente
Euclideo. Dato un punto x = (x1 , . . . xk ) M1 Mk , per ogni j = 1, . . . , k
esiste un aperto Uj contenente xj e un omeomorfismo j da Uj ad un sottoinsieme
aperto Vj di Rnj (questo perche ciascuna Mj `e localmente Euclidea di dimensione
nj ). Per la proposizione precedente lapplicazione prodotto 1 k `e un
omeomorfismo dallaperto U1 Uk contenente x al sottoinsieme aperto V1
Vk di Rn1 ++nk .


108

Esempio 71 (il toro) Un esempio molto importante di variet`a `e il toro n-dimensionale


Tn = S 1 S 1
cio`e il prodotto di n copie di S 1 con la topologia prodotto. Nel caso n = 2, T2
verr`a chiamato semplicemente il toro. Siccome S 1 `e un sottospazio di R2 , per le
Proposizione 28 parte (d), T2 pu`o essere considerato come un sottospazio di R4
con la topologia indotta da quella Euclidea. Infatti `e semplicemente linsieme dei
punti di (x1 , x2 , x3 , x4 ) R4 tali che
x21 + x22 = 1, x23 + x24 = 1.

(8.1)

Daltra parte facendo ruotare una circonferenza del piano xz avente centro nel
punto C(R, 0, 0), R > 0 e raggio r < R intorno allasse z si ottiene la superficie a
ciambella Ciamb descritta nell Esempio 70 del Capitolo precedente. Dimostriamo
che T2 e Ciamb sono omeomorfi. Lidea chiave per costruire un omeomorfismo `e
che la superficie Ciamb `e parametrizzata da due angoli = 2u e = 2v come
mostra la (7.6). Potremo quindi cercare di usare questi angoli per parametrizzare
i cerchi di T2 = S 1 S 1 . Ispirati da queste considerazioni e da (8.1) definiamo
lapplicazione continua F : T2 Ciamb R3 :
F (x1 , x2 , x3 , x4 ) = ((R + rx3 )x1 , (R + rx3 )x2 , rx4 ).
Si verifica facilmente che lapplicazione continua G : Ciamb T2 :
p
x2 + y 2 R z
y
x
,p
,
, )
G(x, y, z) = ( p
r
r
x2 + y 2
x2 + y 2
`e linversa di F . (Il fatto che G(Ciamb) T2 lo si pu`o verificare usando
p
lequazione cartesiana della ciambella e cio`e ( x2 + y 2 R)2 + z 2 = r2 .
Esempio 72 (Rn \ {0} ' S n1 R) Dimostriamo che Rn \ {0} e S n1 R sono
omeomorfi per ogni n 1. Dal momento che lintervallo (0, ) `e omeomorfo ad
R usando lEsercizio 124 possiamo limitarci a dimostrare che Rn \{0} `e omemorfo
a S n1 (0, ). Definiamo lapplicazione
x
f : Rn \ {0} S n1 (0, ), x 7 (
, kxk).
kxk

109

Questapplicazione `e continua (infatti ha componenti continue) e la sua inversa


(anchessa continua) `e data da
g : S n1 (0, ) Rn \ {0}, (y, t) 7 ty,
come si verifica facilmente.
Esempio 73 (S n1 \ {N, S} ' S n2 R) Dimostriamo che, per n 2,
B = S n1 \ {N, S} = {(x1 , . . . , xn ) Rn | x21 + + x2n = 1, xn 6= 1}
la sfera S n1 Rn privata del polo nord N = (0, . . . , 0, 1) e del polo sud S =
(0, . . . , 0, 1) `e omeomorfa al cilindro C = S n2 R Rn1 R = Rn , cio`e
2
C = (y1 , . . . , yn ) Rn | y12 + y22 + + yn1
= 1}.

Guidati dalla visualizzazione di questi spazi in R2 (o in R3 ) definiamo le applicazioni:


f : B C, x 7 f (x) = rx C
(8.2)
e
g : C B, y 7 g(y) = ry B,

(8.3)

dove rx (risp. ry ) `e la semiretta di origine 0 e passante per x B (risp.


y C). Se dimostriamo che questapplicazioni sono continue e luna linversa
dellaltra seguir`a che gli spazi in questione sono effettivamente omeomorfi. Sia
x = (x1 , . . . , xn ) B, cio`e x21 + + x2n = 1, xn 6= 1. La semiretta rx ha equazione parametrica {(tx1 , . . . txn ), t 0} e interseca B per quei valori di t tali che
t2 x21 + t2 x2n1 = 1 e cio`e
t=

1
(x21

+ + x2n1 ) 2

(Si osservi che x21 + + x2n1 non si annulla in quanto xn = 1). Segue che
lespressione analitica di (8.2) `e data da:
f (x) =

1
1

(x21 + + x2n1 ) 2

110

(x1 , . . . , xn ).

2
= 1. La semiretta ry ha equazione
Sia y = (y1 , . . . , yn ) C, cio`e y12 + + yn1
parametrica {(ty1 , . . . tyn ), t 0}. Quindi g(y) `e individuato dai valori di t > 0
1
tali che t2 y12 + t2 yn2 = 1, cio`e t = 1+y
2 . Ne segue che lespressione analitica di
n
(8.3) `e data da:
1
g(y) =
1 (y1 , . . . , yn ).
(1 + yn2 ) 2
Quindi f e g sono continue essendolo le loro componenti. Il fatto che f e g sono
una linversa dellaltra `e una semplice verifica lasciata al lettore.

Osservazione 22 Notiamo che nella costruzione degli omeomorfismi degli Esempi 72 e 73 stiamo implicitamente utlizzando la (d) della Proposizione 28.
Concludiamo il capitolo con una risultato che mostra come le applicazioni continue possono avere dei comportamenti controintuitivi.
Teorema 25 (curva di Peano) Sia I = [0, 1] e I 2 = I I. Esiste un applicazione
continua e suriettiva
f : I I 2.

8.2

Esercizi

Esercizio 120 Sia f : X Y unapplicazione continua tra spazi topologici, Y


di Hausdorff. Dimostrare che il grafico
f = {(x, f (x)) X Y | x X}
`e chiuso in X Y .
Esercizio 121 Si dimostri che uno spazio X `e di Hausdorff se e solo se la
diagonale = {(x, x) x X} `e sottoinsieme chiuso di X X.
Esercizio 122 Dimostrare che il prodotto di due spazi metrizzabili X1 e X2 `e
metrizzabile. (Suggerimento: se d1 e d2 sono due distanze su X1 e X2 dimostrare che d ((x1 , x2 ), (y1 , y2 )) = max{d1 (x1 , y1 ), d2 (x2 , y2 )} definisce una metrica su
X1 X2 che induce la topologia prodotto).

111

Esercizio 123 Dimostrare che se X1 e X2 sono due spazi topologici l applicazione:


f : X1 X2 X2 X1 , (x1 , x2 ) 7 (x2 , x1 )
`e un omeomorfismo rispetto alle topologie prodotto su X1 X2 e X2 X1 .
Esercizio 124 Dimostrare che se X, Y e Z sono tre spazi topologici e X ' Y
allora X Z ' Y Z.
Esercizio 125 Siano S1 e S2 sottoinsiemi degli spazi topologici X1 e X2 rispettivamente. Dimostrare che nel prodotto topologico si ha:
Int(S1 S2 ) = Int(S1 ) Int(S2 ), S1 S2 = S 1 S 2 ,
Est(S1 S2 ) = (Est(S1 ) X2 ) (X1 Est(S2 )),
Fr(S1 S2 ) = (Fr(S1 ) S2 ) (S1 Fr(S2 )),
D(S1 S2 ) = (D(S1 ) S2 ) (S1 D(S2 )).
Esercizio 126 Dimostrare che se X1 e X2 sono due spazi dotati della topologia
discreta (risp. banale), allora la loro topologia prodotto `e quella discreta (risp.
banale).
Esercizio 127 Dimostrare che se X `e uno spazio topologico con la metrica
discreta e Y uno spazio topologico qualunque allora la proiezione
: X Y Y, (x, y) 7 y
`e un omeomorfismo locale.
Esercizio 128 Siano f : X Y e g : X Z due applicazioni tra spazi
topologici. e sia
F : X Y Z : x 7 (f (x), g(x)).
Dimostrare che se F `e aperta allora f e g sono aperte. Mostrare inoltre che se f
e g sono aperte lapplicazione F non `e necessariamente aperta.

112

Esercizio 129 Si dimostri la Proposizione 28.


Esercizio 130 Si dimostri che una corona circolare chiusa (cio`e la regione del
piano che si trova tra da due cerchi concentrici di raggio diverso compresi i cerchi)
`e omeomorfa a S 1 [0, 1].

113

Capitolo 9
Spazi connessi
In questo capitolo parleremo di spazi connessi. La definizione di connessione `e
strutturata in modo tale che gli spazi connessi abbiano propriet`a simili a quelle
degli intervalli della retta reale i quali sono costituiti da un solo pezzo. Ricordiamo, per esempio, che uno dei fatti pi`
u importanti sulle funzioni continue di
una variabile `e il Teorema del valor medio (Teorema 11 del Capitolo 1). In questo
capitolo, tra le altre cose, vogliamo generalizzare questo teorema ad uno spazio
topologico connesso qualunque (Teorema 26).

9.1

Spazi connessi

Sia X `e uno spazio topologico. Una separazione {U, V } di X `e una coppia di


aperti non vuoti e disgiunti U e V di X tali che X = U V . Diremo che X `e
sconnesso se esiste una sua separazione, altrimenti X si dir`a connesso.
Sia S X un sottoinsieme di X. Una separazione {U, V } di S `e una coppia di
aperti non vuoti (non necessariamente disgiunti) U e V di X tali che
U S 6= , V S 6= , (U S) (V S) = , S U V.

(9.1)

Diremo che S `e sconnesso se esiste una sua separazione altrimenti S si dir`a


connesso. Quindi un sottoinsieme S X `e connesso se e solo se S `e connesso
come spazio topologico dotato della topologia indotta da X.

114

La seguente proposizione mostra che il concetto di connessione non dipende dal


sottospazio nel quale vive un insieme connesso.
Proposizione 31 (propriet`a assoluta dei connessi) Siano S e T , S T , due
sottoinsiemi di uno spazio topologico X. Allora S `e un sottoinsieme connesso
di X se e solo se S `e un sottoinsieme connesso di T (questultimo dotato della
topologia indotta da X).
Dimostrazione: Supponiamo che S sia sconnesso in X cio`e esistano U e V
aperti di X tali che valga la (9.1). La quale `e equivalente alla:
U 0 S 6= , V 0 S 6= , (U 0 S) (V 0 S) = , S U 0 V 0 ,

(9.2)

dove U 0 = U T e V 0 = V T . Quindi U 0 = U T e V 0 = V T , che sono due


aperti di T per la topologia indotta, sono una separazione di S in T e quindi S `e
sconnesso in T . Viceversa se S `e sconnesso in T allora vale la (9.2) per opportuni
aperti U 0 = U T e V 0 = V T di T . Segue allora la (9.1) e quindi S `e sconnesso
in X.

Mentre `e facile costruire esempi di spazi sconnessi (per esempio una retta meno
un punto o due cerchi disgiunti) dimostrare che uno spazio topologico `e connesso
non `e sempre facile. Per esempio Rn , n 0, e S n , n 1, sono spazi connessi, ma
la dimostrazione non `e immediata.
Una definizione alternativa di insieme connesso, molto utile in pratica, `e la
seguente:
Proposizione 32 Uno spazio topologico X `e connesso se e solo se gli unici
sottoinsiemi di X che sono sia aperti che chiusi in X sono linsieme e X
stesso.
Dimostrazione: Supponiamo prima che X sia connesso, e assumiamo che U
X sia aperto e chiuso. Allora V = X \ U `e aperto e chiuso in X. Essendo X
connesso si hanno solo due possibilit`a: V = , U = X oppure V = X, U = ,
altrimenti {U, V } sarebbe una separazione di X. Viceversa supponimao che X

115

sia sconnesso. Allora possiamo scrivere X = U V , dove U e V sono due aperti


non vuoti e disgiunti di X. Questo implica che U `e un sottoinsieme non vuoto di
X sia aperto che chiuso.

Dimostriamo ora che i sottoinsiemi connessi di R (che non siano un punto o
linsieme vuoto) sono tutti e soli gli intervalli.
Proposizione 33 Un sottonsieme di R con almeno due punti `e connesso se e
solo se `e un intervallo.
Dimostrazione: Assumiamo prima che J R sia un intervallo. Se J non fosse
connesso esisterebbero due sottoinsiemi aperti U, V R che separano J, cio`e
U J 6= , V J 6= , (U J) (V J) = , J U V.
Sia a U J e b V J con a < b (possiamo sempre assumere a < b
altrimenti cambiamo il ruolo di U e V ). Allora [a, b] J in quanto J `e un
intervallo. Siccome U e V sono aperti di R, esiste  > 0 tale che [a, a + ) U J
e (b , b] V J. Sia c = sup(U [a, b]). Dal momento che U J e V J
sono disgiunti segue che a +  c b . In particolare, a < c < b e quindi
c J U V . Ma se c U allora esisterebbe > 0 tale che
(c , c + ) U [a, b],
che `e in contrasto con la definizione di c (infatti c non sarebbe un maggiorante
per linsieme U [a, b]). In modo simile se c V allora esisterebbe > 0 tale che
(c , c + ) V [a, b]
e c non sarebbe il pi`
u piccolo dei maggioranti dellinsieme U [a, b]. Queste
contraddizioni mostrano che J `e connesso.
Viceversa, supponiamo che J R sia costituito dal almeno due punti e non sia
un intervallo. Esistono quindi a, b, c R tali che a < c < b, a, b J e c
/ J.
Allora gli insiemi (, c) e (c, +) separano J e cos` J non `e connesso.

Una delle propriet`a pi`
u importanti della connessione e che `e preservata da applicazioni continue:

116

Teorema 26 (teorema principale sulla connessione) Siano X e Y due spazi topologici e sia f : X Y unapplicazione continua. Se X `e connesso allora f (X)
`e connesso. In particolare la connessione `e una propriet`
a topologica.
Dimostrazione: Se f (X) fosse sconnesso allora esisterebbero due insiemi aperti
U, V Y , la cui intersezioni con f (X) sono non vuote e disgiunte e la cui unione
contiene f (X). Segue che {f 1 (U ), f 1 (V )} `e una separazione di X, e quindi X
`e sconnesso.

Alcune conseguenze del teorema precedente sono espresse dai tre corollari seguenti
(le dimostrazioni dei primi due sono immediate e lasciate per esercizio).
Corollario 6 Lintervallo [0, 1] non `e omeomorfo a [0, 1), [0, 1] non `e omeomorfo
a (0, 1) e [0, 1) non `e omeomorfo a (0, 1).
Corollario 7 Sia X R2 lunione dellasse x e dellasse y. Allora X non `e una
variet`
a topologica rispetto alla topologia indotta da R2 .
Corollario 8 (teorema del valor medio per spazi topologici) Sia X uno spazio
topologico connesso e f : X R una funzione continua a valori reali. Se x, y X
allora f assume tutti i valori compresi tra f (x) e f (y).
Dimostrazione: Se f (x) = f (y) non c`e niente da dimostrare. Se f (x) 6= f (y)
allora, per il Teorema 26, f (X) `e un sottoinsieme connesso di R e quindi `e un
intervallo per la Proposizione 33. In particolare [f (x), f (y)] f (X).

Proposizione 34 (altre propriet`a degli spazi connessi)
(a) Siano S e T , S T , due sottoinsiemi di uno spazio topologico X. Supponiamo che S sia un sottoinsieme connesso di X e che {U, V } sia una
separazione di T . Allora S U oppure S V .
(b) Sia X uno spazio topologico e S X connesso. Allora ogni sottoinsieme T
tale che S T S `e connesso (in particolare se S `e connesso allora lo `e
anche S).

117

(c) Sia X uno spazio topologico e sia {Sj }jJ una famiglia di sottospazi connessi
di X con almeno un punto in comune. Allora jJ Sj `e connesso.
(d) Un prodotto finito X1 Xk di spazi topologici `e connesso se e solo
ciascun Xj , j = 1, . . . k, `e connesso.
Dimostrazione: Per dimostrare la parte (a), supponiamo che {U, V } sia una
separazione di T , cio`e U e V sono due aperti di X tali che U T e V T sono
due insiemi non vuoti e disgiunti e T U V . Allora {U T, V T } `e una
separazione di S come sottoinsieme di T (questultimo con la topologia indotta).
Per il punto (a) S `e connesso in T (essendo, per ipotesi connesso in X) e quindi
S U T oppure S V T . Quindi S U oppure S V .
Per dimostrare la (b) assumiamo che {U, V } sia una separazione di T , allora per il
punto (a) (essendo S connesso), S U oppure S V . Supponiamo per esempio
S U (il caso S V `e analogo). Ossia V S = . Dal momento che V `e aperto
segue che V Est(S) = X \ S. Quindi V S = e quindi V T = (in quanto
V T V S) che `e in contraddizione con il fatto che V T 6= ). Quindi non
pu`o esistere una separazione di T e quindi T `e connesso.
Per dimostrare la (c), sia x un punto contenuto in ogni Sj e supponiamo che
{U, V } sia una separazione di jJ Sj . Possiamo supporre x U (altrimenti
scambiamo il ruolo di U e V ). Per la parte (a) (essendo ciascun Sj connesso),
Sj U , j J. Segue che jJ Sj U . Quindi V (jJ Sj ) = e non pu`o
esistere un separazione di jJ Sj , che `e quindi connesso.
Dal momento che
X1 Xk = (X1 Xk1 ) Xk
per dimostrare la (d) possiamo limitarci a dimostrare il risultato per due spazi X
e Y e poi ragionare per induzione. Supponiamo quindi che X e Y siano connessi
e che {U, V } sia una separazione di X Y . Scegliamo un punto (x0 , y0 )
U . Linsieme {x0 } Y `e connesso perche omeomorfo a Y . Siccome {x0 } Y
contiene il punto (x0 , y0 ) U segue dalla (a) che {x0 } Y U . Allora, per
ogni y Y , linsieme X {y} `e connesso (in quanto omeomorfo a X) e contiene

118

(x0 , y) U . Ancora dalla (a) si deduce che X {y} U . Di conseguenza


X Y = yY (X {y}) U e quindi (X Y ) V = . Quindi non pu`o esistere
una separazione di X Y che `e quindi connesso. Viceversa se X Y `e connesso
allora le proiezioni naturali 1 : X Y X (risp. 2 : X Y Y ) sono
continue e suriettive (cfr. Proposizione 27 del Capitolo 8) e quindi X (risp. Y ) `e
connesso per il Teorema 26.

Esempio 74 La sfera S n1 , n 2, `e lunione dei due connessi non disgiunti
S n1 \ {N } ' Rn1 e S n1 \ {S} ' Rn1 (cfr. Esempio 69 del Capitolo 7) e
quindi per la (c) della Proposizione 34, S n1 `e connessa per n 2. Si osservi che
S 0 = {1, 1} non `e connesso. Un altro modo per dimostare che S n1 `e connessa
`e di utilizzare il punto (b) della Proposizione 34 (come?).
Esempio 75 Rn , n 1, `e connesso per la (d) della Proposizione 34 in quanto
prodotto di n copie di R.
Esempio 76 Analogamente il toro n-dimensionale Tn (cfr, Esempio 71 del Capitolo 8) `e connesso in quanto prodotto di n copie di S 1 .
Come corollario dellEsercizio 75 e del Teorema 26 otteniamo:
Corollario 9 Rn , n 2, non `e omeomorfo a R.
Dimostrazione: lasciata per esercizio.

Esempio 77 Il gruppo lineare GLn (R) Mn (R), ossia linsieme delle matri2
ci quadrate n per n invertibili con la topologia indotta da Rn = Mn (R) (cfr.
Esercizio 109) `e una variet`a topologica sconnessa di dimensione n2 . Infatti lapplicazione det : GLn (R) R che ad una matrice A associa il suo determinante
det A `e continua e suriettiva. Se GLn (R) fosse connesso allora, per il Teorema 26,
la sua immagine in R tramite lapplicazione determinante dovrebbe essere connessa mentre `e uguale a R \ {0} che `e sconnesso. Osserviamo infine che GLn (R)
2
`e un sottoinsieme aperto di Rn = Mn (R) in quanto controimmagine dell aperto
R \ {0} tramite lapplicazione determinante. Segue quindi dall Esempio 67 del
Capitolo 7 che GLn (R) `e una variet`a topologica di dimensione n2 .

119

Esempio 78 Sia O(n) il gruppo ortogonale di ordine n cio`e linsieme delle matrici
quadrate A Mn (R) tali che AAt = In , dove At denota la trasposta di A e In
la matrice identit`a n per n. O(n) `e uno spazio topologico disconnesso con la
2
topologia indotta da quella di Mn (R) = Rn . Infatti limmagine di O(n) tramite
lapplicazione determinante `e linsieme sconnesso {1, 1} e per il Teorema 26
O(n) non `e connesso. Chiaramente O(n) `e di Hausdorff e ha una base numerabile
2
in quanto sottospazio di Rn = Mn (R). In effetti si pu`o dimostrare (noi non lo
faremo) che O(n) `e una variet`a topologica di dimensione n(n1)
2
Concludiamo questo paragrafo con due importanti teoremi (le cui dimostrazioni
non fanno parte di queste note). Il primo riguardante le applicazioni continue
da Dn = B1 (0) a se stesso il secondo le applicazioni continue da S n a Rn . Questi risultati sono stati inseriti in questo paragrafo relativo alla connessione, in
quanto nel caso n = 1 la loro dimostrazione si pu`o ottenere usando il concetto di
connessione (si vedano gli Esercizi 140 e 141).
Teorema 27 (teorema del punto fisso di Brouwer) Ogni applicazione continua
f : Dn Dn , n 1, ha un punto di fisso cio`e esiste un punto x Dn tale che
f (x) = x.
Teorema 28 Una funzione continua f : S n Rn , n 1, manda nello stesso
punto almeno una coppia di punti diametralmente opposti, cio`e esiste x S n tale
che f (x) = f (x).
Il teorema precedente. nel caso n = 2, ha un interpretazione metereologica: In
ogni dato istante esistono due punti antipodali sulla terra (identificata con S 2 ) in
cui si ha la stessa temperatura e pressione (supponendo che la temperatura e la
pressione siano funzione continue da S 2 in R).

9.2

Connessione per archi

Esiste una condizione pi`


u manegevole per verificare se uno spazio `e connesso
quella di connessione per archi. Sia X uno spazio topologico e siano x, y X.

120

Un arco in X da x a y `e unapplicazione continua f : I = [0, 1] X tale che


f (0) = x e f (1) = y. Diremo che X `e connesso per archi se per ogni x, y X
esiste un arco in X tra x e y. Osserviamo che se f : I X `e un arco da x
in y allora g : I X definito da g(t) = f (1 t) `e un arco da y in x. Inoltre
se f : I X `e un arco da x a y e g : I X `e un arco da y in z allora
possiamo cotruire un arco tra x e z. Infatti lapplicazione h : I X definita
come h(t) = f (2t) se 0 t 21 e h(t) = g(2t 1) se 12 t 1 `e unapplicazione
continua per la Proposizione 22 del Capitolo 6 e soddisfa h(0) = x e h(1) = z.
Teorema 29 La connessione per archi implica la connessione.
Dimostrazione: Supponiamo che X sia uno spazio topologico connesso per archi
ma non connesso e sia {U, V } una sua separazione. Possiamo scegliere x U e
y V (in quanto nessuno dei due `e vuoto) e sia f : I X un arco tra x e y
in X. Allora f 1 (U ) e f 1 (V ) sono sottoinsiemi aperti e disgiunti di [0, 1] che
ricoprono [0, 1]. In pi`
u 0 f 1 (U ) e 1 f 1 (V ) quindi nessuno dei due `e vuoto.
Questo implica che [0, 1] `e sconnesso in contrasto con la Proposizione 33.

La connessione per archi soddisfa una propriet`a analoga a quella della connessione
(cfr. Teorema 26):
Proposizione 35 Sia X uno spazio topologico connesso per archi e f : X Y
una funzione continua e suriettiva da X in uno spazio topologico Y . Allora Y `e
connesso per archi.
Dimostrazione: Siano y1 e y2 due punti di Y . Per la suriettivit`a di f esistono
x1 , x2 X tali che y1 = f (x1 ) e y2 = f (x2 ). Siccome X `e connesso esiste un arco
c : I X tra x1 e x2 . Allora f c : I Y `e un arco tra y1 e y2 .

Esempio 79 (i convessi sono connessi per archi) Un sottoinsieme S Rn convesso `e connesso per archi e quindi connesso. Infatti presi due suoi punti P e Q il segmento di retta che li congiunge sta in S e quindi f : I Rn , f (t) = tQ + (1 t)P
`e un arco in S tra P e Q. In particolare Rn `e connesso per archi.

121

Esempio 80 Rn \ {0}, n 2 `e una variet`a topologica connessa per archi (pur


non essendo convessa).
Esempio 81 (spazio connesso ma non connesso per archi) Per costruire un esempio di spazio connesso ma non sono connesso per archi consideriamo i seguenti
sottoinsiemi del piano.
1
C = {( , y)| y [0, 1], n 1 intero}, Ix = {(x, 0)| x (0, 1]}
n
E immediato verificare che C Ix `e connesso per archi e quindi connesso. Vogliamo mostrare che linsieme
X = {P0 } C Ix , P0 = (0, 1)
`e connesso ma non connesso per archi. Per mostrare che X `e connesso notiamo
che P0 D(C Ix ) e quindi C Ix X C Ix e la connessione di X segue
dal punto (b) della Proposizione 34. La dimostrazione che X non sia connesso
per archi `e tecnicamente un p`o pi`
u complicata anche se intuitivamente chiara
se si fa un disegno. In ogni caso, siccome non bisogna mai fidarsi dei disegni,
ecco la dimostrazione. Sia f : I X un arco che inizia in P0 cio`e f (0) =
P0 . Vogliamo mostrare che questo arco `e costante cio`e f (I) = {P0 } (questo
infatti mostra che non pu`o esistere un arco tra P0 e un qualunque punto di X).
Osserviamo che f 1 (P0 ) I `e non vuoto (in quanto 0 f 1 (P0 )) e chiuso
in I (in quanto controimmagine di un chiuso tramite unapplicazione continua).
Se dimostrassimo che f 1 (P0 ) `e anche aperto dal momento che I `e connesso
seguirebbe dalla Proposizione 32 che f 1 (P0 ) = I ossia f (I) = {P0 } e avremo
finito. Per dimostrare che f 1 (P0 ) `e aperto consideriamo laperto U di X (nella
topologia indotta da R2 ) definito come
1
U = X {(x, y) R2 | y > }.
2
Si osservi che U `e lunione disgiunta di P0 e dei segmenti
1
1
{( , y) | < y 1}, n 1.
n
2

122

Ognuno di questi segmenti `e simultaneamente aperto e chiuso in U . Infatti ognuno


di questi si pu`o ottenere come intersezione di un opportuno rettangolo chiuso o
aperto di R2 con U . Sia t0 f 1 (P0 ), per la continuit`a di f esiste un  > 0 tale
che f (J) U , J = (t0 , t0 + ) I. Vogliamo dimostrare che J f 1 (P0 )
ossia che f (J) = {P0 } (e questo dimostrerebbe che f 1 (P0 ) `e aperto in I). Se per
assurdo esistesse un t1 J tale che f (t1 ) 6= P0 allora f (t1 ) dovrebbe appartenere
ad uno dei segmenti che compongono U e quindi lintersezione di tale segmento
con f (J) sarebbe un sottoinsieme non vuoto simultaneamente aperto e chiuso
di f (J) e strettamente contenuto in f (J). Questo `e in contraddizione con la
connessione di f (J) (il quale `e connesso in quanto immagine del connesso J
attraverso lapplicazione continua f : J U ).
Lesempio precedente `e, per fortuna, patologico. Infatti per gli spazi localmente
Euclidei vale il seguente:
Teorema 30 Sia M uno spazio localmente Euclideo. Se M `e connesso allora `e
connesso per archi. In particolare una variet`
a topologica connessa `e connessa per
archi.
Dimostrazione: Fissiamo x M e sia Cx linsieme costituito dai punti di x
che possono essere uniti a x con un arco,. Questo significa che y Cx se e solo
se esiste unapplicazione continua f : I M tale che f (0) = x e f (1) = y.
Ovviamente Cx 6= in quanto x Cx (x pu`o essere unito a se stesso attraverso
larco costante). Inoltre Cx `e un insieme aperto. Infatti per ogni y Cx sia U
un aperto di M contenente y per il quale esiste un omeomorfismo : U Rn
(questo perche M `e localmente Euclidea). Segue che per ogni punto z U esiste
un arco in U che lo unisce a y e quindi ogni punto di U pu`o essere unito tramite
un arco a x. Quindi Cx `e aperto. Esattamente con lo stesso ragionamento si
dimostra che M \ Cx `e aperto. Infatti M \ Cx `e costituito dai punti di M che non
possono essere uniti a x e usando ancora un intorno coordinato si trova un aperto
di punti che non possono essere uniti a x. Risulta quindi che Cx `e un insieme non
vuoto contemporaneamente aperto e chiuso in M . Ma M `e connesso e quindi

123

dalla Proposizione 32 segue che M = Cx , cio`e ogni punto y M pu`o essere unito
a x tramite un arco. Essendo x arbitrario segue che M `e connesso per archi. 

9.3

Componenti connesse

Una componente connessa C X di uno spazio topologico X `e un sottoinsieme


connesso massimale di X, cio`e C `e connesso e non `e un sottoinsieme proprio di
nessun sottoinsieme connesso di X. In particolare X `e connesso se e solo se X `e
una componente connessa di X stesso.
Proposizione 36 Sia X uno spazio topologico. Valgono i seguenti fatti:
ogni componente connessa di X `e un insieme chiuso;
le componenti connesse di X formano una partizione di X;
qualunque sottoinsieme connesso di X `e contenuto in qualche componente
connessa.
Dimostrazione: lasciata per esercizio

Concludiamo il capitolo con un famoso risultato (la cui dimostrazione non fa


parte di queste note).
Teorema 31 Sia S Rn , n 1, uno spazio topologico omeomorfo alla sfera
S n Rn . Allora Rn \ S `e costituito da due componenti connesse C1 e C2 una
limitata `e laltra illimitata la cui frontiera comune `e S.
Nel caso n = 1 il teorema precedente `e chiamato Teorema della curva di Jordan.
In questo caso esiste una generalizzazione di questo teorema, chiamato Teorema di
JordanSchonflies, che afferma che se uno spazio topologico S R2 `e omeomorfo
a S 1 R2 allora S `e omeomorfo a S 1 tramite un omeomorfismo di R2 , cio`e esiste
f Omeo(R2 ) tale che f (S) = S 1 . Questenunicato non vale in dimensione pi`
u
alta, cio`e per n 2. La sfera di Alexander ne `e un esempio. Si tratta di uno spazio

124

topologico A R3 omeomorfo a S 2 tale che la componente illimitata di R3 \ A


(data dal Teorema 31) ha dei buchi e quindi non pu`o esistere f Omeo(R3 )
tale che f (A) = S 2 .

9.4

Esercizi

Esercizio 131 Riconoscere quali dei seguenti sottoinsiemi di R2 sono sconnessi.


A = R2 \ {(x, 0)| x 6= 0}.
B = P \ {(0, y)| y R \ Q}, dove P = {(x, y)| 1 x, y 1}.
C = D1 (1, 0) D1 (1, 0)
D = C.
E = C {(0, 0)}.
Esercizio 132 Dire quali dei seguenti sottoinsiemi di R3 sono connessi.
A = {(1, 0, t)| 0 t 1} {(x, y, 0)| x2 + y 2 = 1} {(x, y, 1)| x2 + y 2 = 1}.
B = A \ {(1, 0, 1)}.
C = A \ {(0, 1, 0)}.
D = {(1, 0, t)| 0 < t < 1} {(x, y, 1)| x2 + y 2 = 1}.
Esercizio 133 Dimostrare che linsieme cosituito dalle circonferenze di centro
lorigine e raggio razionale 1 `e un sottoinsieme sconnesso di R2 .
Esercizio 134 Dimostrare che per ogni t R il sottospazio di R2
Xt = {(x, y)| xy = t}
non `e omemorfo a R.

125

Esercizio 135 Si dimostri che S 1 e [0, 1] non sono omeomorfi e che linsieme
X R2 unione delle circonferenze di raggio 1 e centri (1, 0) e (1, 0) non `e
omeomorfo ne a S 1 ne a [0, 1].
Esercizio 136 Sia SO(n) il gruppo delle matrici ortogonali speciali, cio`e il sottogruppo di O(n) costituito dalle matrici di determinante uguale a 1. Si dimostri
che SO(n) `e una componente connessa di O(n). Si dimostri inoltre che SO(n) `e
una variet`a topologica per n = 1 e per n = 2.
Esercizio 137 Dimostrare i Corollari 6 e 9 e 7.
Esercizio 138 Dire quali coniche (risp. quadriche) degeneri o non del piano
(risp. spazio) Euclideo sono curve (risp. superfici) topologiche.
Esercizio 139 Sia f : I R una funzione continua tale che f (0)f (1) 0.
Dimostrare, usando il Teorema 26, che esiste un punto x I tale che f (x) = 0
(cfr. Teorema 11 del Capitolo 1).
Esercizio 140 Sia f : S 1 R una funzione continua. Dimostrare che esiste
x S 1 tale che f (x) = f (x). (Suggerimento: si consideri la funzione g = h k :
I R composizione delle due funzioni continue h : S 1 R, x 7 f (x) f (x)
e k : I S 1 , x 7 (cos x, sin x) e si utilizzi lesercizio precedente).
Esercizio 141 (teorema del punto fisso di Brouwer per n = 1) Ogni applicazione
continua f : [a, b] [a, b] di un intervallo [a, b], a < b, in se stesso ha un punto
fisso, cio`e esiste x [a, b] tale che f (x) = x. (Suggerimento: usare [a, b] ' [1, 1]
e il Teorema 26).
Esercizio 142 Dimostrare con un esempio che il Teorema del punto fisso di
Brouwer (Teorema 27) non `e valido se si sostituisce il disco chiuso Dn con la palla
aperta B1 (0).
Esercizio 143 Si dimostri la Proposizione 36.

126

Esercizio 144 Sia S un sottoinsieme di uno spazio topologico connesso X. Diremo che S sconnette X se X \ S `e sconnesso. Dimostrare che un iperpiano
di Rn sconnette Rn . Dimostrare inoltre che un sottospazio affine di dimensione
m n 2 di Rn , n 2, non sconnette Rn .
Esercizio 145 Uno spazio topologico `e detto totalmente sconnesso se presi comunque due punti x, y X, esiste una separazione U V di X tale che x U e
y V . Ovviamente uno spazio totalmente sconnesso non `e connesso. Si dimostri
che:
(R, jd ) e (R, js ) sono totalmente sconnessi (cfr. Esempio 41 Capitolo 4);
si dimostri che Q `e totalmente sconnesso;
si dimostri che le componenti di uno spazio topologico X totalmente sconnesso sono i sottoinsiemi costituiti da un solo punto.
Esercizio 146 Determinare un sottoinsieme S sconnesso di uno spazio topologico X tale che gli insiemi Fr(S), Int(S), Est(S), S e D(S) siano connessi.
Esercizio 147 Uno spazio topologico X `e localmente connesso in x X se ogni
suo insieme aperto contenente x contiene un insieme aperto connesso contenente
x. Si dimostri che:
ogni spazio X topologico con la topologia discreta `e localmente connesso;
ogni variet`a topologica `e localmente connessa;
lo spazio dellEsempio 81 non `e localmente connesso (nonostante sia connesso).
Si trovi inoltre un esempio di spazio localmente connesso ma non connesso per
archi.
Esercizio 148 Si considerino i sei punti A0 (0, 0), A1 (1, 0), A2 (2, 0), B0 (0, 1),
B1 (1, 1), B2 (2, 1) in R2 e siano `ij : I R2 , i, j = 0, 1, 2, archi in R2 tra Ai e Bj .

127

Dimostrare, usando il Teorema della curva di Jordan, che esistono due di questi
archi le cui immagini in R2 si intersecano in almeno un punto diverso dai loro
estremi.

128

Capitolo 10
Spazi compatti
Questo capitolo `e dedicato agli spazi topologici compatti. La compattezza `e
definita per far si che gli spazi compatti soddisfino propriet`a simili a quelle degli
insiemi chiusi e limitati di R come il Teorema di HeineBorel, di Weierstrass e di
BolzanoWeierstrass (cfr. Capitolo 1).

10.1

Spazi compatti

Un ricoprimento aperto di uno spazio topologico X `e una famiglia U di sottoinsiemi aperti di X la cui unione `e X. Un sottoricoprimento di un ricoprimento U
di X `e una sottofamiglia di U che sia ancora un ricoprimento di X. Uno spazio
topologico X `e compatto se ogni ricoprimento aperto di X possiede un sottoricoprimento finito. In altre parole X `e compatto se dato un qualsiasi ricoprimento U
di X, esistono un numero finito di aperti U1 , . . . , Uk U tali che X = U1 Uk .
Sia S X un sottoinsieme di X. un ricoprimento aperto di S `e una famiglia U di
sottoinsiemi aperti di X la cui unione contiene S mentre un sottoricoprimento di
un ricoprimento U di S `e una sottofamiglia di U che sia ancora un ricoprimento
di S. Diremo che S X `e compatto se ogni ricoprimento aperto di K possiede
un sottoricoprimento finito. Segue che S X `e compatto se e solo se `e compatto
rispetto alla topologia indotta.

129

La seguente proposizione (analoga alla Proposizione 31 del Capitolo 9 per gli spazi
connessi) mostra che il concetto di compattezza non dipende dal sottospazio nel
quale vive un insieme compatto.
Proposizione 37 (propriet`a assoluta dei compatti) Siano S e T , S T , due
sottoinsiemi di uno spazio topologico X. Allora S `e un sottoinsieme compatto
di X se e solo se S `e un sottoinsieme compatto di T (questultimo dotato della
topologia indotta da X).
Dimostrazione: lasciata per esercizio al lettore.

Dal Teorema 8 del Capitolo 1 sappiamo che qualunque intervallo [a, b] R `e


compatto e che quindi un sottoinsieme di R `e compatto se e solo se `e chiuso e
limitato. Per capire quando uno spazio `e compatto o per cotruire nuovi spazi
compatti a partire da spazi noti, mostriamo alcune propriet`a generali degli spazi
topologici compatti.
La propriet`a pi`
u importante rispetto alle funzioni continue `e il seguente teorema
con il suo corollario. Possiamo affermare, senza esagerare, che questo risultato
sia il pi`
u utilizzato in quelle discipline non solo matematiche dove si utilizza il
concetto di continuit`a.
Teorema 32 (teorema principale sulla compattezza) Siano X e Y spazi topologici
e sia f : X Y una funzione continua. Se X `e compatto allora f (X) `e compatto.
In particolare la compattezza `e una propriet`
a topologica.
Dimostrazione: Sia U un ricoprimento aperto di f (X), cio`e U `e costituito da
aperti di Y la cui unione contiene f (X). Ogni f 1 (U ) `e un insieme aperto di X
in quanto f `e continua. Siccome U ricopre f (X) ogni punto di x sta in qualche
f 1 (U ), e quindi la famiglia {f 1 (U ) | U U} `e un ricoprimento aperto di X.
Siccome X `e compatto, un numero finito di questi aperti, f 1 (U1 ), . . . , f 1 (Uk )
ricopre X, X f 1 (U1 ) f 1 (Uk ). Allora U1 , . . . , Uk `e un ricoprimento
aperto di f (X) in quanto

f (X) f f 1 (U1 ) f 1 (Uk ) = f (f 1 (U1 )) f (f 1 (Uk )) U1 Uk .

130


Il Teorema 12 del Capitolo 1 si estende a spazi topologici arbitrari.
Corollario 10 Sia f : X R una funzione continua. Se X `e compatto allora
f assume un valore minimo e un valore massimo su X.
Dimostrazione: Per il Teorema 32 f (X) `e un sottoinsieme compatto di R e
quindi per la il Teorema di Heine-Borel `e chiuso e limitato. Ne segue che f (X)
contiene il suo estremo superiore e il suo estremo inferiore.

Proposizione 38 (altre propriet`a degli spazi compatti)
(a) Un sottoinsieme chiuso di uno spazio compatto `e compatto;
(b) In uno spazio di Hausdorff X gli insiemi compatti e disgiunti possono essere
separati da insiemi aperti. Cio`e, se K1 e K2 sono sottoinsiemi compatti di
X allora esistono due insiemi aperti e disgiunti U e V tali che K1 U e
K2 V ;
(c) Ogni sottoinsieme compatto di uno spazio di Hausdorff `e chiuso;
(d) Il prodotto finito X1 Xk di spazi compatti `e compatto se solo se
ciascun Xj , j = 1, . . . , k `e compatto.
Dimostrazione: Sia C X un sottoinsieme chiuso della spazio compatto X e
sia U un ricoprimento aperto di C. Allora U {X \ C} `e un ricoprimento aperto
di X. Siccome X `e compatto questo ricoprimento possiede un sottoricoprimento
aperto e finito {U1 , . . . Uk , X \ C}, Uj U, j = 1, . . . , k di X. Quindi C
U1 . . . Uk e questo mostra la (a).
Per dimostrare la (b) consideriamo prima il caso nel quale K2 = {q} `e un solo
punto. Per ogni p K1 esistono insiemi aperti e disgiunti Up e Vp contenenti
rispettivamente p e q (in quanto X `e Hausdorff). La famiglia {Up | p K1 } `e un
ricoprimento aperto di K1 e quindi ha un sottoricoprimento finito {Up1 , . . . , Upk }.
Sia U = Up1 Upk e V = Vp1 Vpk . Allora U e V sono insiemi

131

aperti e disguinti tali che K1 U e {q} V , e quindi questo caso `e dimostrato.


Consideriamo ora il caso generale, cio`e quando K2 `e costituito da pi`
u punti.
Ci`o appena dimostrato ci dice che per ogni q K2 esistono due insiemi aperti
e disgiunti di X, Uq e Vq , tali che K1 Uq e q Vq . Per la compattezza
di K2 , un numero finito di questi aperti {Vq1 , . . . , Vqm } ricoprono K2 . Allora
U = Uq1 Uqm e V = Vq1 Vqm sono due aperti disgiunti che contengono
K1 e K2 rispettivamente e questo conclude la dimostrazione della (b).
Per dimostrare la (c) sia K un sottoinsieme compatto di uno spazio di Hausdorff
X. Sia x X \ K. Per la parte (b), esistono insiemi aperti e disgiunti U e Vx
tali che K U e x Vx . In particolare Vx `e un aperto contenente x e disgiunto
da K. Segue che X \ K = xX\K Vx `e aperto e quindi K `e chiuso.
Per dimostrare la (d) `e sufficiente considerare il prodotto X Y di due spazi
e poi usare linduzione. Supponiamo che X e Y siano compatti e sia U un
ricoprimento aperto di X Y . Sia x X un punto arbitrario di X. Allora
essendo Y ' {x} Y compatto esiste un numero finito U1 , . . . , Uk di elementi
di U tali che {x} Y U1 Uk . Per definizione di topologia prodotto su
X Y per ogni y Y esistono due aperti V di X e W di Y tali che
(x, y) V W U1 Uk .
Gli aperti della forma V W ricoprono {x} Y e quindi, usando ancora il fatto
che Y `e compatto, esistono V1 , . . . , Vm aperti di X contenenti x e W1 , . . . , Wm
aperti di Y tali che
{x} Y (V1 W1 ) (Vm Wm ) U1 Uk .
Sia Zx = V1 Vm . Allora la striscia Zx Y `e contenuta in U1 Uk . In
definitiva abbiamo dimostrato che per ogni x X esiste un sottoinsieme aperto
Zx X tale che Zx Y pu`o essere ricoperto da un numero finito di aperti di U.
La famiglia di aperti {Zx | x X} `e un ricoprimento aperto di X. Essendo X
compatto esiste un numero finito di questi aperti, {Zx1 , . . . , Zxs }, che ricoprono
ancora X e quindi
X Y = si=1 Zxi Y.

132

Siccome un numero finito di insiemi di U ricoprono ciascuna striscia Zxi Y segue


che un numero finito di aperti di U ricopre X Y e quindi X Y `e compatto.
Viceversa se X Y `e compatto allora le proiezioni naturali 1 : X Y X (risp.
2 : X Y Y ) sono continue e suriettive (cfr. Proposizione 27 del Capitolo 8)
e quindi X (risp. Y ) `e compatto per il Teorema 32.

Osservazione 23 Esistono sottoinsiemi di spazi topologici che sono compatti
ma non chiusi. Questo mostra limportanza di essere di Hausdorff nella parte
(c) della proposizione precedente. Per esempio sia X = {a, b} con la topologia
T = {, X, {a}}. Allora il punto a X `e compatto ma non `e chiuso.
Osservazione 24 Il punto (d) della proposizione precedente vale anche per prodotti infiniti (con unopportuna topologia prodotto) e va sotto il nome di
Teorema di Tychonoff.
Come conseguenza della proposizione precedente otteniamo i seguenti corollari,
la cui dimostrazione `e lasciata per esercizio al lettore.
Corollario 11 Uno spazio compatto e di Hausdorff `e normale.
Corollario 12 Sia f : X Y unapplicazione continua, chiusa e suriettiva. Se
X `e uno spazio compatto e di Hausdorff allora Y `e compatto e di Hausdorff.

10.2

Compattezza negli spazi metrici

Ci piacerebbe capire se il Teorema di HeineBorel (8 del del Capitolo 1) valido per


intervalli chiusi e limitati di R possa essere esteso a spazi topologici pi`
u generali
dove ha senso parlare di insieme limitati ossia agli spazi metrici.
Ricordiamo (cfr. Esercizio 29) del Capitolo 2 che un sottoinsieme S di uno spazio
metrico (X, d) `e limitato se esiste un punto x S e r > 0 tale che S Dr (x) (ossia
S `e contenuto in qualche disco centrato in un suo punto). Equivalentemente S `e

133

limitato se il suo diametro diam(S) `e finito, dove diam(S) `e lestremo superiore


delle distanze d(x, y) al variare di x e y in X.
In effetti il Teorema di HeineBorel si pu`o estendere a sottoinsiemi di Rn (Teorema 33 sotto) ma, nel caso di spazi metrici, lunica affermazione vera `e che la
compattezza implica la chiusura e la limitatezza, come mostrano la proposizione
e lesempio che seguono.
Proposizione 39 Un sottoinsieme compatto di uno spazio metrico (X, d) `e chiuso e limitato.
Dimostrazione: Sia K un sottoinsieme compatto di uno spazio metrico (X, d).
Possiamo limitarci a dimostrare che K `e limitato infatti il fatto che K `e chiuso
segue dal punto (c) della Proposizione 38 in quanto uno spazio metrico `e di
Hausdorff. La famiglia
{Dr (x) | x K, r > 0}
`e un ricoprimento aperto di K, che ha quindi un sottoricoprimento finito
{Dr1 (x1 ), . . . , Drm (xm )}.
Allora K `e limitato in quanto contenuto nellunione finita di insiemi limitsati (cfr.
(b) dellEsercizio 29 del Capitolo 2).

Esempio 82 (insiemi chiusi e limitati ma non compatti in spazi metrici) Sia
Z R linsieme degli interi con la metrica discreta. Ogni insieme infinito in
(Z, Tdis ) (Tdis topologia discreta) `e chiuso e limitato ma non compatto. Un altro
esempio `e costituito dallintervallo (0, +) R con la metrica indotta da quella
Euclidea di R. Allora (0, 12 ] `e chiuso e limitato in (0, +) ma dal suo ricoprimento
aperto {( n1 , 1), n N} non `e possibile estrarre un sottoricoprimento finito. Quindi
(0, 21 ] `e un sottoinsieme chiuso e limitato di uno spazio metrico ma non `e compatto.
Teorema 33 (Heine-Borel per Rn ) Un sottoinsieme K di Rn `e compatto se e
solo se K `e chiuso e limitato.

134

Dimostrazione: Se K `e compatto allora `e chiuso e limitato per la Proposizione


39. Viceversa supponiamo che K sia chiuso e limitato. Sia x K, essendo K
limitato esiste r > 0 tale che K Br (x). Quindi
K Br (x) Br (x) Qr (x)
(cfr. Esempio 17 del Capitolo 2). Ma Qr (x) `e omeomorfo a I n = I
I, I = [0, 1] (Esercizio 154). Essendo I compatto, per il Teorema di HeineBorel
(Teorema 8 del Capitolo 1), segue dalla (d) della Proposizione 38 che Qr (x)
`e compatto. Quindi K `e un sottoinsieme chiuso del compatto Qr (x) e quindi
compatto per il punto (a) della Proposizione 38.

Esempio 83 La sfera S n Rn+1 `e compatta in quanto chiusa e limitata in
Rn+1 . Osserviamo che, per ogni, n N S n e Rn non sono variet`a topologiche
omeomorfe. Infatti un tale omeomorfismo dovrebbe portare S n che `e compatto
in Rn che non `e compatto, in contrasto con la Proposizione 32.
Esempio 84 Il toro n-dimensionale Tn = S 1 S 1 `e compatto per la (d)
della Proposizione 38.
Esempio 85 Sia O(n) il gruppo ortogonale di ordine n (cfr. Esempio 78). Vogliamo mostrare che O(n) `e uno spazio topologico compatto con la topologia
2
indotta da quella di Mn (R) = Rn . Per dimostrarlo sia
2

f : Mn (R) = Rn Mn (R), A 7 AAt


lapplicazione continua che ad un matrice A associa AAt . Il punto In Mn (R)
`e un chiuso e quindi la sua controimmagine f 1 (In ) = O(n) `e un chiuso. Inoltre
dalla relazione AAt = In dove A = (aij ) si deduce che
X
aik ajk = ij , i, j = 1, . . . n.
k

Segue che, per i = j


X

a2ik = 1, i = 1, . . . n

135

e quindi
n
X

a2ik = n.

i,k=1

Conseguentemente O(n) si identifica con un sottoinsieme limitato in Mn (R) =


2
Rn , in quanto contenuto nel disco Dn (0), il disco di centro lorigine e raggio

2
n. Quindi O(n) `e un sottoinsieme chiuso e limitato in Mn (R) ' Rn e quindi
compatto per il Teorema 33.

10.3

Il lemma dellapplicazione chiusa

Questo paragrafo `e dedicato ad un risultato utilissimo chiamato lemma dellapplicazione chiusa ed ad una sua interessante applicazione (Teorema 34). Altre
importanti conseguenze di questo lemma verranno descritte nel prossimo capitolo.
Lemma 3 (il lemma dellapplicazione chiusa) Supponiamo che f : X Y sia
unapplicazione continua da uno spazio compatto X ad uno spazio di Hausdorff
Y . Valgono i seguenti fatti.
(a) f `e unapplicazione chiusa;
(b) se f `e una bigezione allora `e un omeomorfismo;
(c) se f `e iniettiva allora `e un embedding topologico.
Dimostrazione: Sia C X un sottoinsieme chiuso di X. Allora per la (a)
della Proposizione 38 C `e compatto. Quindi, segue dal Teorema 32 che f (C)
`e compatto e quindi chiuso per (c) della Proposizione 38. Questo mostra che
f `e unapplicazione chiusa e dimostra la (a). Se f `e bigettiva allora essendo
chiusa la sua inversa `e continua e questo prova la (b). Infine se f `e iniettiva
allora f : X f (X) `e bigettiva. Segue dalla (b) che f : X f (X) `e un
omeomorfismo e quindi f : X Y `e un embedding topologico.

Teorema 34 Sia K un sottoinsieme compatto e convesso di Rn con interno non
vuoto. Allora Dn = B1 (0) e K sono omeomorfi tramite un omeomorfismo G :
Dn K che manda S n1 = Fr(Dn ) in Fr(K).

136

Per dimostrare questo teorema abbiamo bisogno del seguente lemma.


Lemma 4 Sia x0 un punto di Rn e sia
Cx0 = yB1 (0) x0 y,
linsieme costituito da tutti segmenti di retta x0 y che uniscono x0 a y al variare
di y B1 (0). Allora ogni punto tx0 , 0 t < 1, `e interno a Cx0 .
Dimostrazione: Sia 0 t0 < 1 e consideriamo la palla aperta B1t0 (t0 x0 ) di
centro t0 x0 e raggio 1 t0 . Mostreremo che B1t0 (t0 x0 ) Cx0 e che quindi il
punto t0 x0 Int(Cx0 ). Sia quindi z B1t0 (t0 x0 ), cio`e kz t0 x0 k < 1 t0 . Si
1
consideri il punto y0 = x0 + 1t
(z x0 ). Calcolando la sua norma
0
ky0 k = kx0 +

1
1
(z x0 )k =
kz t0 x0 k < 1
1 t0
1 t0

si deduce che y0 B1 (0). Quindi i punti del segmento di retta x0 y0 stanno in Cx0
(per definizione di Cx0 ). Questo segmento pu`o essere parametrizzato da
x0 y0 = {st = x0 + t(y0 x0 ) = x0 +

t
(z x0 ), 0 t 1}
1 t0

e quindi il punto z = s1t0 x0 y0 Cx0 che `e ci`o che volevamo dimostrare.

Dimostrazione del Teorema 34: Sia p un punto interno a K. La traslazione


tp : Rn Rn , x 7 x p
`e un omeomorfismo di Rn che porta il punto p nellorigine 0 Rn e il sottoinsieme
compatto e convesso K di Rn nel sottoinsieme compatto e convesso tp (K) di Rn .
Segue che 0 `e interno a Int(tp (K)) ed esiste quindi una palla aperta B (0)
tp (K) per un opportuno  > 0. Consideriamo inoltre lapplicazione lineare
(multiplo dellidentit`a di Rn )
 : Rn Rn , x 7  (x) =

x


che `e un omeomorfismo (unaffinit`a di Rn ) che porta il sottoinsieme compatto e


convesso tp (K) di Rn nel sottoinsieme compatto e convesso H =  (tp (K)) di

137

Rn e B (0) in B1 (0) H. Per dimostrare il teorema `e allora sufficiente costruire


un omeomorfismo
F : H Dn
tale che F (Fr(H)) = S n1 . Infatti
G = F  tp : K Dn
sar`a lomeomorfismo cercato. Cominciamo a costruire un omeomorfismo
f : S n1 Fr(H)
che sar`a la restrizione a S n1 dellomeomorfismo F che vogliamo costruire. Sia
x Rn , x 6= 0 e sia rx la semiretta di Rn passante per lorigine (compresa
lorigine) e per il punto x. Questa semiretta `e un sottoinsieme chiuso di Rn e
quindi la sua intersezione con H, rx H, `e un sottoinsieme compatto di Rn . Sia
dx : rx H R
la funzione continua che ad un punto y rx H associa le sua distanza dallorigine, cio`e dx (y) = kyk. Segue dal Corollario 10 che esiste almeno un punto
x0 rx H tale che dx (x0 ) = kx0 k kyk per ogni y rx H. Il punto x0 `e
un punto di frontiera per H. Infatti H = Int(H) Fr(H) (in quanto H `e chiuso)
e se x0 Int(H) allora x0 + kxx00 k rx H, per un opportuno > 0 , e quindi
kx0 + kxx00 k k > kx0 k che `e in contrasto con la scelta di x0 . Vogliamo dimostrare
che il punto x0 `e unico, cio`e la semiretta rx interseca Fr(H) in un unico punto x0 .
Per fare ci`o consideriamo linsieme
Cx0 = yB1 (0) x0 y
come nel Lemma 4. Siccome H `e convesso e B1 (0) H segue che B1 (0)
Cx0 H. Dal Lemma 4 ogni punto tx0 , 0 t < 1 `e interno a Cx0 e quindi
interno a H. Conseguentemente ogni altro punto di (rx H) \ {x0 } `e interno
a H e questo mostra lunicit`a di x0 . Risulta quindi ben definita lapplicazione

138

f : S n1 Fr(H) che ad un punto x S n1 associa x0 = f (x) = rx Fr(H).


Questapplicazione `e invertibile e la sua inversa f 1 : Fr(H) S n1 `e data da
f 1 (y) = ry S n1 =

y
, y Fr(H).
kyk

Osserviamo che f 1 `e continua in quanto restrizione a Fr(H) dellapplicazione


y
continua Rn \ {0} S n1 Rn , y 7 kyk
. Segue quindi dal punto (b) del
n1
Lemma 3 che f : S
Fr(H) `e un omeomorfismo in quanto Fr(H) `e compatta
(per il Teorema 33) e S n1 `e di Hausdorff. Estendiamo infine f allapplicazione
F : Dn = B1 (0) H ponendo
F (x) = kxkf (

x
), x Dn \ {0}, F (0) = 0.
kxk

(10.1)

Si verifica che F `e continua, iniettiva e suriettiva (Esercizio 157). Segue, ancora


dal punto (b) del Lemma 3 (Dn `e compatto e H `e di Hausdorff) che F : Dn H
`e un omeomorfismo e questo conclude la dimostrazione del teorema.

Un corollario immediato del teorema precedente `e il seguente corollario (cfr. il
Paragrafo 7.2 e gli Esercizi 115 e 116 del Capitolo 7).
Corollario 13 Siano x, y Rn e r, s > 0. Allora Qr (x), Bs (y) sono omeomorfi.
Pi`
u precisamente esiste un omeomorfismo
F : Qr (x) Bs (y)
che induce un omeomorfismo tra Qr (x) e Bs (y) e tra Int(Qr (x)) e Int(Bs (y)).

10.4

Spazi numerabilmente e sequenzialmente


compatti

Concludiamo questo paragrafo mostrando come i Teoremi 6 e il Corollario 2 del


Capitolo 1, validi per compatti in R, si possano estendere a spazi topologici
compatti arbitrari. Per fare questo abbiamo bisogno di due definizioni.

139

Una spazio topologico X si dice numerabilmente compatto se ogni suo sottoinsieme


infinito ha un punto di accumulazione in X.
Una spazio topologico X si dice sequenzialmente compatto se ogni successione di
punti in X contiene una sottosuccessione convergente ad un punto di X.
Teorema 35 (teorema di BolzanoWeierstrass per spazi topologici) Uno spazio
topologico compatto `e numerabilmente compatto.
Dimostrazione: Sia X uno spazio compatto e S X un suo sottoinsieme
infinito. Supponiamo per assurdo che D(S) = . Allora per ogni punto di x X
esiste un aperto U , x U , tale che U S o `e linsieme vuoto o coincide con
{x} (questultimo caso si verifica quando x S). Linsieme di questi aperti `e
un ricoprimento aperto di X. Per la compattezza di X esiste quindi un numero
finito di aperti che ricoprono X e che contengono al pi`
u un punto di S. Questo
implica che S `e finito che `e in contraddizione con lipotesi.

Teorema 36 Sia X uno spazio topologico compatto, N1 e T1 . Allora X `e sequenzialmente compatto.
Dimostrazione: Sia xn una successione di punti di X. Se la successione `e costituita da un numero finito di punti allora contiene una sottosuccessione (costante)
convergente. Supponiamo quindi che xn sia costituita da un numero infinito di
punti. Dato che X `e compatto e quindi, per il Teorema 35, numerabilmente compatto, linsieme {xn } ha un punto di accumulazione, cio`e esiste x X tale che
x D({xn }). Essendo X sia N1 che T1 segue dalla Proposizione 19 del Capitolo
5 che xn contiene una sottosuccessione xnk convergente al punto x.

Otteniamo quindi il seguente importante corollario che mostra, per esempio, che
per variet`a topologiche e per spazi metrici il concetto di compattezza implica sia
quello di compattezza numerabile che quello di compattezza sequenziale.
Corollario 14 Sia X uno spazio compatto che soddisfi una delle due condizioni:
X `e metrizzabile;

140

X `e di Hausdorff e N2 .
Allora X `e numerabilmente e sequenzialmente compatto.
Osservazione 25 In effetti si pu`o dimostrare (la dimostrazione non fa parte di
queste note) che vale anche il viceversa del corollario precedente e cio`e che per
spazi metrici o per spazi di Hausdorff N2 i due concetti di compattezza appena
introdotti (quello di numerabilmente compatto e sequenzialmente compatto) sono
equivalenti a quello di compattezza.
Osservazione 26 In questo corso non abbiamo (purtroppo) trattato il concetto di spazi metrici completi e della topologia degli spazi di funzioni. Questi
argomenti verranno trattati nei corsi di Analisi delle Laurea Magistrale.

10.5

Esercizi

Esercizio 149 Dimostrare la Proposizione 37.


Esercizio 150 Dimostrare che ogni spazio topologico con la topologia cofinita `e
compatto. Dimostrare inoltre che lo `e ogni suo sottoinsieme.
Esercizio 151 Sia [a, b], a < b lintervallo chiuso di R. Dire se linsieme [a, b] R
`e compatto rispetto alle topologie is , id , js e jd su R (cfr. Esempio 32 del Capitolo
3 e Esempio 41 del Capitolo 4).
Esercizio 152 Sia F una famiglia di sottoinsiemi di un insieme X. Si dice che F ha la propriet`a dellintersezione finita se per ogni sottofamiglia finita {F1 , . . . Fk } F si ha che kj=1 Fj 6= . Verificare che la famiglia F =
{(0, 1), (0, 21 ), (0, 13 ), . . . } di insiemi di R ha la propriet`a dellintersezione finita.
Dimostrare inoltre che uno spazio topologico `e compatto se e solo se per ogni
famiglia F di insiemi chiusi di X che ha la propriet`a dellintersezione finita si ha
F F F 6= .

141

Esercizio 153 Sia S Rn un sottoinsieme non compatto di Rn . Trovare una


funzione continua e illimitata f : S R.
Esercizio 154 Dimostrare che QR (x) `e omeomorfo a I n = I I, I = [0, 1].
Esercizio 155 Dimostrare che lunione di un numero finito di compatti `e un
compatto. Dimostare inoltre che ununione numerabile di spazi compatti non `e
in generale uno spazio compatto.
Esercizio 156 Dimostrare che in uno spazio metrico lintersezione di un numero
arbitrario di compatti `e compatto.
Esercizio 157 Si dimostri che lapplicazione F 1 definita da (10.1) `e continua,
iniettiva e suriettiva.
Esercizio 158 Si suddividano le coniche (risp. quadriche) degeneri o non del
piano (risp. spazio) Euclideo in classi di equivalenze topologiche.
Esercizio 159 Dimostrare i Corollari 11 e 12.
Esercizio 160 Unapplicazione continua f : X Y tra spazi topologici `e detta propria se f 1 (K) `e un sottoinsieme compatto di X per ogni sottoinsieme
compatto K Y . Dimostrare che se X `e compatto e Y `e di Hausdorff allora
unapplicazione continua f : X Y `e propria.
Esercizio 161 Sia f : X Y unapplicazione propria, B un sottospazio di Y
e A = f 1 (B). Dimostrare che la restrizione f|A : A B `e unapplicazione
propria.
Esercizio 162 Dimostrare che ogni applicazione propria tra variet`a topologiche
`e chiusa.
Esercizio 163 Descrivere tutte le applicazioni proprie da R in R.

142

Capitolo 11
Quozienti
In questo capitolo definiremo una nuova topologia: la topologia quoziente. Questa topologia `e ottenuta identificando punti di uno spazio topologico e nasce
dallesigenza di rendere rigorose affermazioni come: incollando i due estremi
dellintervallo [0, 1] R si ottiene un cerchio.

11.1

La topologia quoziente e le identificazioni

Sia X uno spazio topologico, Y un insieme arbitrario e f : X Y unapplicazione


suriettiva. Definiamo una topologia su Y , detta topologia quoziente, nel modo
seguente. Un insieme V Y `e un aperto di Y nella topologia quoziente se e solo se
f 1 (V ) `e aperto in X. In effetti si tratta effettivamente di una topologia in quanto
f 1 () = e f 1 (Y ) = X. Inoltre dalle (g) e (h) del Teorema 2 del Capitolo
1 segue immediatamente che lunione arbitraria di aperti di Y e lintersezione
di un numero finito di aperti di Y `e ancora un aperto di Y . Osserviamo che
un applicazione suriettiva f : X Y `e continua se Y `e dotata della topologia
quoziente. Inoltre se X `e uno spazio topologico, Y un insieme e f : X Y
unapplicazione suriettiva allora la topologia quoziente su Y `e la pi`
u fine tra
tutte le topologie su Y rispetto alla quali f `e continua.
Se X e Y sono spazi topologici, unapplicazione f : X Y `e detta unidentificazione

143

se `e suriettiva e Y ha la topologia quoziente indotta da f , cio`e V `e aperto in Y


se e solo se f 1 (V ) `e aperto in X.
Sia f : X Y unapplicazione suriettiva tra insiemi qualunque. Diremo che un
sottoinsieme U X `e saturo (rispetto a f ) se esiste V Y tale che U = f 1 (V ).
In effetti U X `e saturo se e solo se U = f 1 (f (U )). Infatti se vale questultima
uguaglianza allora posto V = f (U ) si ha U = f 1 (V ). Viceversa se U `e saturo,
cio`e U = f 1 (V ) per un certo V Y allora
f 1 (f (U )) = f 1 (f (f 1 (V ))) = f 1 (V ) = U,
dove nella terza uguaglianza si `e usata la suriettivit`a di f e cio`e che f ammette
uninversa destra. Dato un sottoinsieme U X linsieme f 1 (f (U )) si chiamer`a
la saturazione di U . Il sottoinsieme f 1 (y), y Y `e chiamata la fibra del punto
y. Segue che un insieme `e saturo se `e lunione di fibre di f . Pi`
u precisamente U
`e saturo se e solo se U = yf (U ) f 1 (y).
Gli insiemi saturi ci permettono di caratterizzare le identificazioni.
Proposizione 40 Unapplicazione continua e suriettiva f : X Y tra spazi
topologici `e unidentificazione se e solo se porta insiemi aperti (risp. chiusi)
saturi di X in insiemi aperti (risp. chiusi) di Y .
Dimostrazione: Supponiamo che f sia unidentificazione e sia U X uninsieme aperto e saturo di X, cio`e f 1 (f (U )) = U . Vogliamo dimostrare che f (U ) `e
un aperto in Y rispetto alla topologia quoziente e cio`e che f 1 (f (U )) `e aperto
in X; ma f 1 (f (U )) = U che `e aperto per ipotesi. Viceversa supponiamo che
f (U ) sia un aperto di Y per ogni aperto saturo U X e mostriamo che f `e
unidentificazione. Sia V Y un sottoinsieme di Y tale che f 1 (V ) sia aperto.
Siccome f 1 (V ) `e aperto e saturo di X segue dallipotesi che la sua immagine V = f (f 1 (V )) `e un aperto di Y e questo mostra che f `e unidentifcazione.
Laffermazione relativa ai chiusi segue in modo simile come segue. Se f `e unidentificazione e C X uninsieme chiuso e saturo di X. Vogliamo mostrare che f (C)

144

`e chiuso in Y ossia che Y \ f (C) `e aperto in Y . Siccome f `e unidentificazione


Y \ f (C) `e aperto in Y se e solo se
f 1 (Y \ f (C)) = f 1 (Y ) \ f 1 (f (C)) = X \ C
`e aperto in X e questo segue dal fatto che C `e chiuso. Viceversa supponiamo che f
porti insiemi chiusi e saturi in insiemi chiusi e mostriamo che f `e unidentifcazione.
Sia dunque V Y tale che f 1 (V ) sia aperto in X. Dalle uguaglianze
X \ f 1 (V ) = f 1 (Y ) \ f .1 (V ) = f 1 (Y \ V )
si deduce che f 1 (Y \ V ) `e chiuso e saturo in X. Segue allora dallipotesi che
f (f 1 (Y \ V )) = Y \ V `e chiuso in Y e quindi V `e aperto di Y .

Non `e sempre semplice capire quando unapplicazione tra spazi topologici `e unidentificazione. Le seguente proposizione ci viene incontro.
Proposizione 41 Sia f : X Y unapplicazione continua e suriettiva che sia
anche aperta o chiusa. Allora f `e unidentificazione
Dimostrazione: Se f `e aperta (risp. chiusa) porta insiemi aperti (risp. chiusi)
e saturi in insiemi aperti (risp. chiusi) (in quanto porta qualunque insieme aperto
(risp. chiuso) in un insieme aperto (risp. chiuso)). Segue allora dalla Proposizione
40 che f `e unidentificazione.

Una propriet`a importante delle identificazioni `e che si comportano bene rispetto
alla composizione.
Proposizione 42 (composizione di identificazioni) Siano f : X Y e g :
Y Z due identificazioni. Allora la composizione g f : X Z `e ancora
unidentificazione.
Dimostrazione: Un insieme W Z `e aperto in Z se e solo se g 1 (W ) `e aperto
in Y (in quanto g `e unidentificazione) se e solo se f 1 (g 1 (W )) = (g f )1 (W )
`e aperto in X (in quanto f `e unidentificazione).


145

Esempio 86 Gli esempi pi`


u semplici di identificazioni sono le proiezioni i :
n
R R (cfr. Esempio 60 del Capitolo 6) o pi`
u in generale le proiezioni naturali
i : X1 Xk Xi , i = 1, . . . k (cfr. Capitolo 8).
Esempio 87 Lapplicazione
: I = [0, 1] S 1 R2 , t 7 (cos 2t, sin 2t)
`e chiusa e quindi unidentificazione per la Proposizione 41.
Esempio 88 (un esempio di unapplicazione che non `e un identificazione) Lapplicazione
: I = [0, 1) S 1 R2 , t 7 (cos 2t, sin 2t)
`e bigettiva e continua. Osserviamo che [0, 21 ) `e un sottoinsieme aperto e saturo di I = [0, 1) ma la sua immagine non `e un aperto in S 1 . Quindi non `e
unidentificazione per la Proposizione 40.

11.2

Spazi quoziente

Un modo per costruire identificazioni `e il seguente. Sia una relazione di equivalenza su uno spazio topologico X. Per ogni x X sia [x] la classe di equivalenza
di x, cio`e il sottoinsieme di X costituito da tutti gli y X tali che y x.
Denotiamo con X/ linsieme delle classi di equivalenza le quali formano una
partizione di X, cio`e X pu`o essere scritto come unione disguinta X = xX [x].
Sia : X X/ la proiezione naturale, cio`e lapplicazione che manda ogni
elemento di x X nella sua classe di equivalenza, (x) = [x]. Siccome `e suriettiva possiamo definire la topologia quoziente su X/ . In questo caso diremo che
X/ `e uno spazio quoziente relativo a . Segue che : X X/ `e unidentifcazione. Osserviamo che gli insiemi saturi di X rispetto a sono i sottoinsiemi
di X che sono unioni di classi di equivalenza.
Osservazione 27 Data una qualunque identificazione f : X Y , esiste una
relazione di equivalenza su X tale che Y sia lo spazio quoziente rispetto a
questa relazione di equivalenza cio`e Y ' X/ (cfr. Esercizio 169).

146

Riguardo alla connessione e alla compattezza abbiamo il seguente importante


risultato.
Proposizione 43 Lo spazio quoziente di uno spazio connesso (risp. compatto)
`e connesso (risp. compatto)
Dimostrazione: Il quoziente di uno spazio connesso (risp. compatto) `e limmagine di uno spazio connesso (risp. compatto) tramite unapplicazione continua.
Quindi la proposizione segue immediatamente dal Teorema 26 del Capitolo 9
(risp. Teorema 32 del Capitolo 10).

Esempio 89 (identificazioni che non sono ne aperte ne chiuse) Sia la seguente
relazione di equivalenza in R: x y se e solo se x = y oppure x e y appartengono
allintervallo [0, 1). Sia R/ lo spazio quoziente e sia : R R/ la proiezione
naturale sul quoziente (che `e unidentificazione). Allora il punto ([0, 1)) in R/
non `e ne aperto ne chiuso nonostante sia limmagine tramite dellaperto (0, 1)
R e del chiuso [0, 21 ] R.
Esempio 90 (il cerchio astratto) Sia I = [0, 1] e sia cer la relazione di equivalenza su I definita come:
p cer q p = q oppure {p, q} = {0, 1}.
Lo spazio quoziente I/ cer sar`a chiamato il cerchio astratto.
Esempio 91 (il cilindro astratto) Consideriamo la relazione di equivalenza cil
su I 2 = I I R2 , I = [0, 1], definita come:
p cil q p = q oppure {p, q} = {(0, t), (1, t)}.
Se pensiamo a I 2 come ad un quadrato Q lo spazio quoziente I 2 / cil si ottiene
incollando i due lati verticali di Q. Per questo motivo chiameremo I 2 / cil il
cilindro astratto .

147

Esempio 92 (il toro astratto) Definiamo una relazione di equivalenza t su I 2 :


p t q p = q oppure {p, q} = {(0, t), (1, t)} oppure {p, q} = {(t, 0), (t, 1)}.
Se pensiamo a I 2 come ad un quadrato Q lo spazio quoziente I 2 / t si ottiene
incollando i due lati verticali e i due lati orizzontali di Q. Lo spazio quoxiente
I 2 / t sar`a chiamato il toro astratto
Esempio 93 (il nastro di Mobius) Definiamo una relazione di equivalenza m
su I 2 :
p m q p = q oppure {p, q} = {(t, 0), (1 t, 1)}.
Se pensiamo a I 2 come ad un quadrato Q lo spazio quoziente I 2 / t si ottiene
incollando e torcendo i due lati verticali di Q. Lo spazio quoziente I 2 / m si
chiama il nastro di Mobius astratto.
Osserviamo che il nastro di Mobius astratto I 2 / m pu`o essere visualizzato
come un sottonsieme N di R3 nel modo seguente. Sia AB il segmento del piano
yz dato da y = R e |z| r, 0 < r < R e SR1 = {(x, y, 0) | x2 + y 2 = R2 }, il cerchio
di centro lorigine e raggio R del piano xy. Muoviamo il centro c di AB lungo SR1
e ruotiamo il segmento AB intorno a c nel piano parallelo allasse z e passante
per c in modo tale che quando c descrive un angolo u, AB ruoti di un angolo u2 .
Quando c completa un giro intorno al cerchio SR1 , il segmento AB torna nella sua
posizione iniziale ma con gli estremi invertiti. Lo spazio topologico N R3 , che
chiameremo il nastro di Mobius, `e linsieme dei punti descritti dal segmento AB
durante il suo percorso quando u varia da 0 a 2.
Esempio 94 (la bottiglia di Klein) Definiamo una relazione di equivalenza k
su I 2 :
p k q p = q oppure {p, q} = {(0, t), (1, t)} oppure {p, q} = {(t, 0), (1 t, 1)}.
Lo spazio quoziente I 2 / k si chiama la bottiglia di Klein. Se pensiamo a I 2 come
ad un quadrato Q la bottiglia di Klein si ottiene prima incollando i due lati
verticali di Q e poi incollando e torcendo i due lati orizzontali di Q.

148

Dimostreremo nel Paragrafo 11.4 (Teorema 39) che il cerchio astratto, il cilindro
astratto, il toro astratto e il nastro di Mobius astratto degli Esempi 90, 91, 92 e 93
sono omeomorfi al loro corrispondente concreto . Pi`
u precisamente mostreremo
che
I/ cer ' S 1 , I 2 / cil ' S 1 [0, 1], I 2 / t ' T2 , I 2 / m ' N,
dove T2 `e il toro (cfr. Esempio 71 del Capitolo 8) e N il il nastro di Mobius
descritto alla fine dellEsempio 93. Per fare ci`o abbiamo bisogno di una comprensione pi`
u profonda delle identificazioni, degli spazi quozienti e della loro unicit`a
che culmina nel Corollario 16 del prossimo paragrafo.

11.3

Propriet`
a universale del quoziente

Sia f : X Y unapplicazione continua e suriettiva tra due spazi topologici X


e Y e sia T la topologia su Y . Diremo che T soddisfa la propriet`a universale del
quoziente se per ogni spazio topologico Z unapplicazione g : Y Z `e continua
se e solo se g f `e continua.
I seguenti teoremi mostrano che la topologia quoziente soddisfa la propriet`a
universale del quoziente ed `e `e univocamente determinata da questa propriet`a.
Teorema 37 (la propriet`a universale della topologia quoziente) Sia f : X Y
unidentificazione. Per ogni spazio topologico Z, unapplicazione g : Y Z `e
continua se e solo se g f : X Z `e continua
Dimostrazione: Se g `e continua allora g f `e continua in quanto composizione
di funzioni continue. Viceversa, assumiamo g f continua e sia W Z un aperto.
Allora f 1 (
g 1 (W )) = (
g f )1 (W ) `e aperto in X. Questo implica che g1 (W )
`e aperto in Y (per la definizione della topologia quoziente) e quindi g `e continua.

Teorema 38 (caratterizzazione delle identificazioni tramite la propriet`
a universale) Siano X e Y due spazi topologici, sia f : X Y unapplicazione suriettiva.

149

Allora f `e unidentificazione se e solo se la topologia di Y soddisfa la propriet`


a
universale del quoziente.
Dimostrazione: Se f `e unidentificazione la propriet`a universale del quoziente
`e soddisfatta per il Teorema 11.3. Viceversa, supponiamo che la topologia su
Y , denotata con T soddisfi la propriet`a universale del quoziente. Allora posto
Z = (Y, T ) e g = idY : (Y, T ) Z = (Y, T ) si ottiene che g f = f : X (Y, T )
`e continua. Per dimostrare che f `e unidentificazione mostreremo che (Y, T ) e
(Y, Tf ), dove Tf `e la topologia quoziente su Y sono omeomorfi. Siccome, per
ipotesi f : X (Y, T ) soddisfa la propriet`a universale del quoziente prendendo
Z = (Y, Tf ) e g = idY : (Y, T ) Z = (Y, Tf ) si ottiene che idY : (Y, T ) Z =
(Y, Tf ) `e continua. Applichiamo ora la propriet`a universale allidentificazione
f : X (Y, Tf ) con Z = (Y, T ) e g = idY : (Y, Tf ) Z = (Y, T ). Essendo
f : X (Y, T ) continua si ottiene che idY : (Y, Tf ) Z = (Y, T ) `e continua.
Conseguentemente (Y, T ) e (Y, Tf ) sono omeomorfi e la dimostrazione `e completa.

Corollario 15 (passando al quoziente) Sia f : X Y unidentificazione, Z uno
spazio topologico e g : X Z unapplicazione continua che sia costante nelle fibre
di f , cio`e se f (x) = f (y) allora g(x) = g(y). Allora esiste un unica applicazione
continua g : Y Z tale che g = g f .
Dimostrazione: Lesistenza e lunicit`a dellapplicazione g segue dalla teoria
elementare delle funzioni tra insiemi: dato y Y esiste x X tale che f (x) = y,
e possiamo definire
g : Y Z, g(y) = g(x), y Y.
Le ipotesi mostrano che se x0 X `e un altro elemento di X tale che f (x0 ) = y
allora g(x0 ) = g(x) e quindi g `e ben definita e tale che g = g f . Inoltre g `e
continua per la propriet`a universale del quoziente.

Nella situazione del corollario precedente si usa dire che lapplicazione g : X Z
passa al quoziente rispetto allapplicazione f : X Y .

150

Corollario 16 (unicit`a degli spazi quoziente) Siano f1 : X Y1 e f2 : X Y2


due identificazioni tali che f1 (x) = f1 (y) se e solo se f2 (x) = f2 (y). Allora esiste
un unico omeomorfismo : Y1 Y2 tale che f1 = f2 .
Dimostrazione: Per il Corollario 15 entrambe le applicazioni f1 e f2 passano
al quoziente luna rispetto allaltra. Pi`
u precisamente esistono f1 : Y2 Y1 e
f2 : Y1 Y2 tali che
f1 = f1 f2 e f2 = f2 f1 .
Vogliamo mostrare che f1 `e un omeomorfismo con inversa f2 , ossia che:
f2 f1 = idY2 e f1 f2 = idY1 .
(Questo concluder`a la dimostrazione del corollario ponendo f2 = ). Chiaramente
lapplicazione f1 : X Y1 passa al quoziente rispetto a se stessa in quanto
idY1 f1 = f1 . Daltra parte
(f1 f2 ) f1 = f1 (f2 f1 ) = f1 f2 = f1
e quindi per il Corollario 15 f1 f2 = idY1 . Con un ragionamento analogo si
ottiene f2 f1 = idY2 .


11.4

Dallastratto al concreto

Teorema 39 Il cerchio astratto I/ cer , il cilindro astratto I 2 / cil , il toro


astratto I 2 / t e il nastro di Mobius astratto I 2 / m sono omeomorfi rispettivamente al cerchio S 1 , al cilindro S 1 I, al toro T2 e al nastro di M
obius
N.
Dimostrazione: Consideriamo lidentificazione
: I = [0, 1] S 1 R2 , t 7 (cos 2t, sin 2t)
(Esempio 87). Si verifica immediatamente che (x) = (y) se e solo se x = y
oppure {x, y} = {0, 1} ossia se e solo se (x) = (y), dove : I I/ cer `e la

151

proiezione naturale. Segue allora dal che le due identificazioni e soddisfano


le ipotesi del Corollario 16 e quindi gli spazi I/ cer e S 1 sono omeomorfi.
Consideriamo ora lapplicazione continua
fcil : I 2 S 1 I R3 , (t, s) 7 (cos 2t, sin 2t, s).
Siccome I 2 `e compatto, segue dal Lemma 3 del Capitolo 10 che fcil `e unapplicazione chiusa e suriettiva e quindi unidentificazione per la Proposizione 41. Inoltre
`e facile verificare che fcil (t1 , s1 ) = fcil (t2 , s2 ) se e solo se (t1 , s1 ) cil (t2 , s2 ). Segue
allora che fcil e : I I/ cil soddisfano le ipotesi del Corollario 16 e quindi
I 2 / cil e S 1 I sono omeomorfi.
Per costruire un omeomorfismo tra I 2 / t e T2 consideriamo lapplicazione continua e suriettiva.
ft : I 2 T2 R4 , (u, v) 7 (cos 2u, sin 2u, cos 2v, sin 2v).

(11.1)

Siccome I 2 `e compatto, segue dal Lemma 3 del Capitolo 10 che ft `e unapplicazione chiusa e quindi unidentificazione per la Proposizione 41. Inoltre si ha:
ft (t1 , s1 ) = ft (t2 , s2 ) se e solo se (t1 , s1 ) t (t2 , s2 ). Allora ft e : I I/ t
soddisfano le ipotesi del Corollario 16 e quindi R/ t e S 1 S 1 sono omeomorfi.
Infine dimostriamo che I 2 / m `e omeomorfo al nastro di Mobius N . Consideriamo
lapplicazione continua
fm : I2 Ir R3

u
u
u
(11.2)
(u, v) 7 (R v sin ) sin u, (R v sin ) cos u, v cos
2
2
2
dove I2 = {u R | 0 u 2} e Ir = {r R| r v r}. Segue dalla
visualizzazione geometrica del nastro di Mobius dellEsempio 93 che fm (I2
Ir ) = N . Dal Lemma 3 e dalla Proposizione 41 del Capitolo 10 si deduce che
fm : N fm (N ) `e unidentificazione. Consideriamo lomeomorfismo
h : I 2 I2 Ir , (t, s) 7 (2t, 2rs r).
Allora, per la Proposizione 42, lapplicazione f = fm h : I 2 N `e unidentificazione. Non `e difficile verificare che f (s1 , t1 ) = f (s2 , t2 ) se e solo se

152

(t1 , s1 ) m (t2 , s2 ). Allora le applicazioni fm e : I I/ m soddisfano le


ipotesi del Corollario 16 e quindi I 2 / m ' N .


11.5

Spazi quoziente, numerabilit`


a e separabilit`
a

Lo spazio quoziente di uno spazio topologico X che sia N1 o N2 non `e necessariamente N1 . Anzi il quoziente di uno spazio metrizzabile non `e detto che sia
ancora metrizzabile. Ad esempio `e possibile definire una relazione di equivalenza
su R in modo tale che R/ non sia N1 (e quindi neanche N2 o metrizzabile)
(Esercizio 167).
Proposizione 44 Sia f : X Y unapplicazione continua e suriettiva tra spazi
topologici. Se X `e N3 allora Y `e N3 .
Dimostrazione: Sia D sottoinsieme denso e numerabile di X. Per dimostrare
che Y `e N3 dimostreremo che limmagine f (D) `e un sottoinsieme denso e numerabile di Y . La numerabilit`a di f (D) `e immediata (limmagine di un insieme
numerabile tramite unapplicazione qualunque `e numerabile o finito). Per dimostrare che f (D) `e denso bisogna dimostrare che per ogni sottoinsieme aperto e
non vuoto V di Y si ha f (D) V 6= . Se per assurdo f (D) V = allora
= f 1 (f (D) V ) = f 1 (f (D)) f 1 (V ) D f 1 (V ).
Quindi il sottoinsieme aperto e non vuoto f 1 (V ) di X non interseca D e questo
contraddice il fatto che D `e denso in X.

Come conseguenza della proposizione precedente otteniamo il seguente:
Corollario 17 Sia f : X Y `e unidentificazione. Se X `e N3 allora Y `e N3 .
In particolare lo spazio quoziente di uno spazio topologico N3 `e N3 .
Osservazione 28 Osserviamo che non vale linverso del corollario precedente.
Per esempio, sia X = (R, Tdis ) e Y = ({0, 1}, Tdis ) e sia f : X Y tale che

153

f (x) = 0 se x Q e f (x) = 1 se x R \ Q. Allora f `e unidentificazione aperta,


Y `e N3 (addiritura N2 ), ma X = (R, Tdis ) non `e N3 (cfr. Esempio 48 del Capitolo
5).
Riguardo alle propriet`a di separazione osserviamo che `e facile costruire spazi di
Hausdorff il cui quoziente non sia T1 (e quindi non di Hausdorff) come mostra
lEsempio 88. In effetti esistono variet`a topologiche il cui quoziente `e localmente
Euclideo, N2 ma non di Hausdorff (Esercizio 164).
Nonostante gli esempi precedenti possiamo trovare criteri interessanti (espressi
dai lemmi seguenti) affinche il quoziente di uno spazio N2 sia N2 e il quoziente
di uno spazio di Hausdorff sia di Hausdorff. Sia una relazione di equivalenza
su uno spazio topologico X. Diremo che `e aperta se lapplicazione quoziente
: X X/ `e aperta. Equivalentemente `e aperta se per ogni sottoinsieme
aperto U X, 1 ((U )) `e ancora aperto in X.
Lemma 5 Sia una relazione di equivalenza aperta su uno spazio topologico X.
Se X `e N2 allora anche lo spazio quoziente X/ `e N2 .
Dimostrazione: Sia {Bj }jJ una base numerabile di X e sia W un insieme
aperto di X/ . Allora 1 (W ) = kK Bk per una sottofamiglia di indici K J
(in quanto 1 (W ) `e aperto in X). Allora
W = ( 1 (W )) = kK (Bk ).
Siccome `e aperta {(Bj )}jJ `e una base numerabile per lo spazio quoziente
X/ .

Lemma 6 Sia una relazione di equivalenza aperta su uno spazio topologico X
qualunque. Allora
R = {(x, y) X X | x y} X X
`e un sottoinsieme chiuso di X X (con la toplogia prodotto) se e solo se lo spazio
quoziente X/ `e di Hausdorff.

154

Dimostrazione: Supponiamo che X/ sia di Hausdorff e che (x, y) (X X)\


R, cio`e x non sia equivalente a y o, equivalentemente, (x) 6= (y). Esistono allora
due aperti disgiunti U e V contenenti (x) e (y) rispettivamente. Segue che
U = 1 (U ) e V = 1 (V ) sono due aperti contenenti x e y rispettivamente e che
U V `e un insieme aperto (nella topologia prodotto) contenente il punto (x, y).
Questinsieme non interseca R altrimenti dovrebbe esistere un punto (x0 , y 0 )
U V tale che (x0 ) = (y 0 ) che `e in contraddizione con il fatto che U V = .
Questa contraddizione mostra che il complementare R in X X `e aperto e quindi
R `e un sottoinsieme chiuso di X X. Viceversa, supponiamo che R sia chiuso
in X X. Siano u e v due punti distinti di X/ . Questo significa che esiste
(x, y) X X \ R tale che u = (x) e v = (y). Siccome R X X `e chiuso
devono esistere due aperti U e V di X tali che U V contiene (x, y) e non ha
punti in comune con R. Segue allora dallipotesi che sia aperta che U = (U )
e V = (V ) sono due sottoinsiemi aperti e disgiunti di X/ contenenti u e v
rispettivamente e quindi X/ `e di Hausdorff.


11.6

Lo spazio proiettivo reale

Lo spazio proiettivo reale RPn di dimensione n `e linsieme degli spazi vettoriali


di dimensione 1 di Rn+1 . Sia X = Rn+1 \ {0}. Esiste unapplicazione suriettiva
f : X RPn

(11.3)

che associa al punto x X lo spazio generato da x. Possiamo quindi dotare RPn


della topologia quoziente relativa a f . Alternativamente sia pr la relazione di
equivalenza su X rispetto alla quale x pr y se e solo se esiste R, 6= 0, tale
che x = y. Allora le applicazioni f e : X RP n soddisfano le ipotesi del
Corollario 16 e quindi RP n ' X/ .
Teorema 40 Lo spazio proiettivo reale RPn `e una variet`
a topologica compatta e
connessa di dimensione n.
Dimostrazione: Cominciamo a dimostrare che : X RPn `e aperta. Sia
t R, t 6= 0, e t : X X lomeomorfismo definito da t (x) = tx (la cui inversa `e

155

1
e un aperto in X si ottiene facilmente che 1 ((U )) = t t (U )
t = 1t ). Se U `
e siccome ognuno degli t (U ) `e aperto segue che (U ) `e aperto in RPn e quindi
`e aperta. Segue quindi dal Lemma 5 che RPn `e N2 (essendolo X).
Per dimostrare che RPn `e di Hausdorff consideriamo linsieme
R = {(x, y) X X | x pr y} X X
e lapplicazione continua
f : X X R, (x, y) 7

(xi yj xj yi )2 ,

i,j=1

dove x = (x1 , . . . , xn+1 ) e y = (y1 , . . . , yn+1 ). Notiamo che f (x, y) = 0 se e solo se


x = y, per qualche reale non nullo, cio`e se e solo se x pr y. Allora R = f 1 (0)
`e un sottoinsieme chiuso di X X in quanto controimmagine di un chiuso tramite
unapplicazione continua e segue dal Lemma 6 che RPn `e di Hausdorff.
Mostriamo ora che RPn `e localmente Euclideo e quindi una variet`a topologica.
Per ogni i = 1, . . . , n + 1 sia Ui il sottoinsieme aperto di X definito da
Ui = {x X| xi 6= 0}.
Siccome `e aperta segue che Ui = (Ui ) `e sottoinsieme aperto di RPn . Osserviamo che, per ogni i = 1, . . . , n + 1, lapplicazione


x1
xi1 xi+1
xn+1
n
i : Ui R , [x] 7
,...,
,
,...,
, (x) = [x]
xi
xi
xi
xi
`e ben definita e continua (la continuita segue dalla propriet`a universale del quoziente applicata allidentificazione aperta |Ui : Ui Ui ). Inoltre i `e invertibile
n
con inversa continua 1
i : R Ui data da:
1
i (z) = (z1 , . . . , zi1 , +1, zi , . . . , zn ), z = (z1 , . . . zn ).
Quindi RPn pu`o essere ricoperto dalle n + 1 palle Euclidee Ui , i = 1, . . . , n + 1,
con le relative carte i : Ui Rn e quindi `e una variet`a topologica di dimensione
n.

156

Infine per dimostrare che RPn `e compatto e connesso consideriamo la restrizione


di a S n . Segue dalla Proposizione 43 che (S n ) = RPn `e compatto e connesso in
quanto la sfera `e compatta e connessa (cfr. Esempio 74 del Capitolo 9 e Esempio
83 del Capitolo 10).

Osservazione 29 Lultima parte della dimostrazione precedente mostra che RPn
pu`o essere ottenuto come lo spazio quoziente S n / dove `e la relazione di
equivalenza su S n che identifica i punti antipodali e cio`e x y se e solo se
y = x.

11.7

Esercizi

Esercizio 164 Sia X = R {0} R {1} R2 . Definiamo una relazione di


equivalenza su X dichiarando (x, 0) (x, 1) se x 6= 0. Dimostrare che lo spazio
quoziente `e localmente Euclideo, soddisfa il secondo assioma di numerablit`a ma
non `e di Hausdorff.
Esercizio 165 Sia la relazione di equivalenza su R cos` definita: xy |x| =
|y|. Dimostrare che R/ `e omeomorfo alla semiretta chiusa [0, +).
Esercizio 166 Siano 1 , 2 e le seguenti relazioni dequivalenza su R2 :
(x1 , y1 )1 (x2 , y2 ) y1 = y2 e |x1 | = |x2 |
(x1 , y1 )2 (x2 , y2 ) x1 = x2 e |y1 | = |y2 |
(x1 , y1 )(x2 , y2 ) |x1 | = |x2 | e |y1 | = |y2 |
Dimostrare che R/1 e R/2 sono entrambi omeomorfi al semipiano chiuso {(x, y)
R2 | y 0} , e R2 / `e omeomorfo al quadrante chiuso {(x, y) R2 | x 0, y 0}.
Esercizio 167 Sia la relazione dequivalenza in R definita da x y se e solo
se x = y oppure x e y sono razionali. Dimostrare che lo spazio quoziente R/
non `e ne T1 ne N1 .

157

Esercizio 168 Sia ft : I 2 T2 lidentificazione chiusa definita dalla formula


(11.1). Trovare la saturazione di un punto (u, v) I 2 rispetto allapplicazione ft .
Trovare inoltre la saturazione rispetto a ft degli aperti di I 2 :
1
U = [0, ), V = I 2 {(u, v) R2 | u < v}.
2
Esercizio 169 Dimostrare laffermazione fatta nellOsservazione 27. (Suggerimento: usare il Corollario 16).
Esercizio 170 Dimostrare che S 1 ' RP1 .
Esercizio 171 Si consideri la seguente relazione di equivalenza pr su I 2 :
p pr q p = q oppure {p, q} = {(0, t), (1, 1t)} oppure {p, q} = {(t, 0), (1t, 1).
Dimostrare che lo spazio quoziente I 2 / pr `e omeomorfo al proiettivo reale di
dimensione 2, cio`e I 2 / pr ' RP2 .
Esercizio 172 Definiamo la seguente applicazione dalla sfera S 2 R3 in R4
f : S 2 R4 , (x, y, z) 7 (x2 y 2 , xy.xz, yz).
Consideriamo lo spazio proiettivo RP2 come il quoziente di S 2 tramite la relazione di equivalenza che identifica due punti antipodali (cfr. Osservazione 29).
Dimostrare che lapplicazione f induce un embedding topologico
f : RP2 = S 2 / R4 .
Esercizio 173 Siano r e R due numeri reali positivi tali che r < R. Definiamo
unapplicazione


2
4

f : I R , (x, y) 7 f (x, y) = f1 (x, y), f2 (x, y), f3 (x, y), f4 (x, y)


f1 (x, y) = (R + r cos 2y) cos 2x, f2 (x, y) = (R + r cos 2y) sin 2x
f3 (x, y) = r sin 2y cos x, f4 (x, y) = r sin 2y sin x.
Dimostrare che lapplicazione f induce un embedding topologico
f : I 2 / k R4
dalla bottiglia di Klein in R4 .

158

Esercizio 174 Una variet`a topologica M `e detta orientabile se non contiene un


sottoinsieme omeomorfo ad un nastro di Mobius. Dimostrare che la sfera S 2 e il
toro T2 sono orientabili mentre la bottiglia di Klein e RP2 non lo sono.
Esercizio 175 Siano X e Y due spazi topologici e sia c : X Y unapplicazione.
Diremo che la coppia (Y, c) `e una compattificazione di X se: (i) Y `e compatto,
(ii) c `e un embedding topologico, (iii) c(X) `e denso in Y . Diremo inoltre che due
compattificazioni (Y1 , c1 ) e (Y2 , c2 ) sono equivalenti se esiste un omeomorfismo
f : Y1 Y2 tale che f h1 = h2 . Siano c1 e c2 le inclusioni di S n \ N in S n e di U1
in RPn dove N `e il polo nord di S n e U1 = (U1 ), U1 = {x X| x1 6= 0} (cfr. la
dimostrazione del Teorema 40). Dimostrare che, per n 2, (S n , c1 ) e (RPn , c2 )
sono compattificazioni non equivalenti di Rn .
Esercizio 176 Sia (X, T ) uno spazio topologico e definiamo X come X {},
dove `e un elemento non contenuto in X. Sia T la famiglia di insiemi costituita
dagli U T e dagli insiemi della forma V {}, dove V X e X \V `e compatto
e chiuso in X. Dimostrare che T `e una topologia su X . Dimostrare inoltre
che (X , c) `e una compattificazione di X, dove c denota linclusione di X in X .
Esercizio 177 Sia X uno spazio topologico e A X. Denotiamo con X/A lo
spazio quoziente X/ dove x y se x = y oppure se x e y appartengono a
A. Sia X uno spazio compatto e di Hausdorff e U un sottoinsieme aperto di X
dimostrare che
(U , c) ' X/(X \ U ),
dove c denota linclusione U U . Dedurre che
Dn /S n1 ' S n ,
dove Dn = B1 (0) `e ln-palla chiusa di centro lorigine e raggio unitario. (Suggerimento: sia : X X/(X \ U ) la proiezione naturale sul quoziente. Definire
f : U X/(X \ U ) come f (u) = (u) se u U e f () = (X \ U )).

159

Esercizio 178 Sia M una variet`a topologica compatta. Dimostrare che esiste
un numero naturale N e un embedding topologico
f : M RN .
Dedurre che una variet`a topologica compatta `e metrizzabile (cfr. Teorema 20 del
Capitolo 7). (Suggerimento: ricoprire M con un numero finito di palle Euclidee
e usare lesercizio precedente).

160

Bibliografia
[1] Boothby W., An introduction to Differentiable Manifolds and Riemannian
Geometry, Second Edition, Academic Press 1986.
[2] Campanella G., Esercizi di Topologia Generale, Aracne Roma 1992.
[3] Kelley J. L., General Topology, Graduate Texts in Mathematics 27 Springer 1955.
[4] Kosnioswski C., Introduzione alla topologia algebrica, Zanichelli 1989.
[5] Lee J. M., Introduction to Topological Manifolds, Springer 2000.
[6] Lipschutz S., Topologia, Collana Schaum 1979.
[7] Munkres J. R., Topology, A First Course, Prentice Hall, Englewood Cliffs N.J.
1975.
[8] Singer I.M., Thorpe J.A., Lezioni di Topologia elementare e di Geometria, trad.
it. Boringhieri Torino 1980.

161