Sei sulla pagina 1di 244

Esercizi di Algebra Lineare e

Geometria
Prof. Ernesto Dedò
Dipartimento di Matematica
Politecnico di Milano
ernesto.dedo@polimi.it

II edizione,
gennaio 2012

1
Quest’opera è stata rilasciata con licenza Creative Commons Attribuzione -
Non opere derivate 3.0 Unported. Per leggere una copia della licenza visita il sito web http:
//creativecommons.org/licenses/by-nc/3.0/legalcode o spedisci una lettera a
Creative Commons, 171 Second Street, Suite 300, San Francisco, California, 94105, USA. In
particolare ne è vietato l’uso commerciale.
Queste dispense sono state composte con LATEX
Indice

Indice i

Elenco delle figure iv

Elenco delle tabelle vi

Prefazione vii

1 Introduzione 1
1.1 Esercizi di ripasso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
1.2 Calcolo combinatorio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8

2 I sistemi lineari, introduzione 11

I Algebra lineare 15

3 Matrici 17
3.1 Definizione di matrice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
3.2 Operazioni sulle matrici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
3.3 Matrici a blocchi ed equivalenza di matrici . . . . . . . . . . . 21

4 Spazi vettoriali 25
4.1 Sottospazi e basi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
4.2 Quesiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34

5 Determinante e rango di una matrice. Matrice inversa 37


5.1 Determinante e rango . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
5.2 Matrice inversa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
5.3 Quesiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44

6 Teoria dei sistemi 45


6.1 Quesiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54

7 Applicazioni lineari, prodotti scalari 57

i
ii Indice

7.1 Applicazioni lineari e matrice rappresentativa . . . . . . . . . 57


7.2 Prodotti scalari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64
7.3 Basi ortonormali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66
7.4 Quesiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 68

8 Autovalori ed autovettori 71
8.1 Quesiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79

9 Diagonalizzazione, matrici ortogonali 83


9.1 Quesiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 92

10 Teorema di Cayley–Hamilton. Polinomio minimo 95


10.1 Quesiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 98

II Geometria piana 101

11 La retta nel piano 103


11.1 Coordinate cartesiane . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 103
11.2 La retta, esercizi introduttivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 104
11.3 Esercizi vari sulla retta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 109

12 La circonferenza nel piano 111

13 Le coniche 117
13.1 Quesiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 122

14 Fasci di coniche 125

15 Luoghi geometrici 133

16 Proiettività ed involuzioni 139

17 Polarità piana 145

18 Centro 153
18.1 centro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 153
18.2 Triangoli autopolari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 159

III Geometria dello spazio 163

19 Generalità sulllo spazio 165

20 Rette e piani nello spazio 169


20.1 Piani e rette . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 169
Indice iii

20.2 Esercizi vari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 175


20.3 Quesiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 179
20.4 Vero o Falso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 179
20.5 A risposta multipla . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 179

21 Sfera e circonferenza nello spazio 181


21.1 Sfera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 181
21.2 Circonferenza nello spazio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 184
21.3 Quesiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 186

22 Cilindri, coni e proiezioni 189


22.1 Cilindro e cono . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 189
22.2 Proiezioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 194
22.3 Quesiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 197

23 Superfici rigate e di rotazione 199


23.1 Quesiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 205

24 Quadriche 207

25 Luoghi nello spazio 213

Esercizi di ricapitolazione 217


Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 217
Quesiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 222
Temi esame dell’ultimo anno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 224
Elenco delle figure

1.1 Il cubo dell’esercizio 1.20 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3


1.2 Triangolo con tre semicerchi dell’esercizio 1.25 . . . . . . . . . . . 4
1.3 Esercizio 24.1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
1.4 finestra: esercizio 1.61 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8

11.1 Esercizio 11.3 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 103

12.1 I triangoli simili dell’Esercizio 12.5 . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113


12.2 Esercizio 12.9 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 114

13.1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 117
13.2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 118
13.3 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 119

14.1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 128
14.2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 130

15.1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 134
15.2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 135
15.3 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 135
15.4 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 136
15.5 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 137

16.1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 142

17.1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 147
17.2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 148
17.3 Esercizio 17.20 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 149

18.1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 154
18.2 Esercizio 18.21 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 158
18.3 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 160

19.1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 165

iv
Elenco delle figure v

20.1 Distanza di due rette sghembe . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 177

21.1 Circonferenza nello spazio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 184

22.1 Proiezione sul piano xy . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 191

23.1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 203
23.2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 204
Elenco delle tabelle

1 Lettere greche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ix
2 Simboli usati nell’eserciziario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . x

vi
Prefazione

If you can’t solve a problem, you can always look up the


answer. But please, try first to solve it by yourself; then
you’ll learn more and you’ll learn faster.
Se non sai risolvere un problema, puoi sempre andare a
vedere la risposta. Ma per favore, tenta prima di risolverlo da
solo: imparerai di più e più alla svelta.

Donald E. Knuth1
The TEXbook (1983)

Questa raccolta di esercizi è soprattutto rivolta agli studenti del corso di


Geometria ed algebra lineare. Le notazioni sono quelle presenti nelle dispense
del corso.
Di molti esercizi è dato un esempio di risoluzione, a volte in più modi, che
è bene confrontare tra loro. Di qualcuno è dato solo un suggerimento per la
risoluzione, di quasi tutti il risultato finale.
Gli esercizi contrassegnati con un ∗ presentano maggiori difficoltà op-
pure contengono spunti particolari od ancora costituiscono veri e propri
complementi, per esempio sono contrassegnati tutti quelli svolti in più di un
modo.
Il primo capitolo contiene una sessantina di esercizi di ripasso, cioè esercizi
che chi inizia questo genere di studi dovrebbe saper affrontare con disinvoltu-
ra. Essi sono volutamente in ordine sparso, per allenare lo studente a passare
con disinvoltura e sicurezza da un argomento all’altro, e costituiscono un
buon test per verificare la propria preparazione.
In ogni altro capitolo, dopo i primi esercizi introduttivi, vi sono esercizi di
difficoltà paragonabile a quella dei temi d’esame, molti di essi, infatti sono
addirittura stati proposti come temi d’esame negli anni passati.
In alcuni capitoli sono anche presenti quesiti a risposta chiusa.
Il testo è seguito da due appendici, la prima delle quali contiene una
raccolta di esercizi vari, in ordine sparso, tratti spesso da temi d’esame, che
dovrebbero servire a misurare la preparazione dell’allievo. Di questi esercizi
o quesiti non è data nè la risposta nè una traccia di soluzione, in modo che
1 Matematico ed informatico americano nato nel 1938, autore, tra l’altro di The TEXbook.

vii
viii Prefazione

l’allievo possa allenarsi a verificare i risultati ottenuti, mentre la seconda contiene


i testi dei temi d’esame dello scorso anno.
Questo testo non è un eserciziario, cioè non è un testo in cui ogni capitolo
contiene un numero di esercizi sufficiente a garantire la preparazione su quel
particolare argomento, ma piuttosto una raccolta di esercizi a partire dai quali
si può formare un adeguato allenamento.

Consigli per la risoluzione degli esercizi2


Come si risolve un esercizio di Matematica? Ecco una domanda che mi è stata
rivolta centinaia di volte. Questa domanda ha una sola risposta Non esiste un
metodo, una ricetta, una regola generale per risolvere un esercizio di Matematica.
Quasi ogni quesito, esercizio, problema può essere affrontato da vari punti di
vista e svolto, di conseguenza, in molti modi, anche significativamente diversi.
Tuttavia qualche consiglio di carattere generale si può sempre dare.
Per imparare a risolvere un esercizio di Matematica, soprattutto un pro-
blema di tipo nuovo, mai visto, occorre abituarsi prima ancora di procedere
materialmente alla risoluzione a:
1. leggere attentamente l’enunciato dell’esercizio, se necessario anche più
volte: molto spesso si possono evitare gravi ma banali errori se si legge
e si medita sulla formulazione dell’esercizio;
2. cercare di cogliere a quali argomenti della teoria l’esercizio si riferisce e,
per ciascuno di essi, identificare le condizioni necessarie e sufficienti a
risolvere l’esercizio;
3. richiamare le nozioni che servono allo svolgimento dell’esercizio da
quanto si è imparato, oppure andando sui libri a ripassarle
e dopo, ma solo dopo questo lavoro impostare la risoluzione.
Spesso molti studenti, soprattutto i migliori, si rendono conto che uno
stesso esercizio si può risolvere in più modi e chiedono quale si deve usare. Io
credo che la cosa migliore sia di usare quello con cui ci si sente più a proprio
agio. Per poter fare ciò occorre quindi provare a risolvere gli esercizi in più
modi, alcuni dei quali saranno più lunghi, altri più rapidi, altri più eleganti
(non sempre gli ultimi due coincidono).
Siccome in Matematica è fin troppo facile sbagliare e l’errore è sempre in
agguato, è importantissimo abituarsi fin dal principio a verificare i risultati
ottenuti: è sempre necessaria (ed in molti casi sufficiente) una verifica “a buon
senso” della ragionevolezza dei risultati ottenuti: per esempio se si chiede
“. . . l’equazione dell’ellisse che. . . ” e si ottiene l’equazione di una parabola,
significa, ovviamente, che c’è qualcosa di sbagliato3 . In caso di errore si
2 Da leggere con attenzione e non saltare a pie’ pari
3 L’esempio scelto è volutamente provocatorio, ma non è assurdo: capita spesso di trovare
errori analoghi nella correzione dei temi di esami, errori che con un minimo di attenzione si
potevano evitare.
ix

può verificare passaggio per passaggio tutta la risoluzione dell’esercizio alla


ricerca dell’errore, ma spesso è più utile rifare l’esercizio in un modo diverso
perché, verificando passaggio per passaggio, è facile rifare lo stesso errore
nello stesso punto. Altre volte si possono usare i risultati ottenuti per un
controllo, ad esempio se si deve risolvere un sistema arrivati alla soluzione si
può controllare sostituendo i valori trovati nel sistema dato.
In ogni caso la cosa più importante è quella di abituarsi sempre a fare una,
almeno sommaria, verifica.
Sarò grato a chi mi segnalerà eventuali errori od omissioni.

La tabella 1 fornisce un elenco di tutte le lettere greche, maiuscole e mi-


nuscole, con il loro nome in italiano. Mentre la tabella 2 a pagina x elenca i
simboli maggiormente usati nel testo con il loro significato.

Tabella 1: Lettere greche


Lettere greche
minuscole maiuscole nome
α A alfa
β B beta
γ Γ gamma
δ ∆ delta
eoε E epsilon
ζ Z zeta
η H eta
θoϑ Θ theta
ι I iota
κ K kappa
λ Λ lambda
µ M mi
ν N ni
ξ Ξ csi
o O omicron
π Π pi
ρo$ R ro
σoς Σ sigma
τ T tau
υ Υ ipsilon
φoϕ Φ fi
χ X chi
ψ Ψ psi
ω Ω omega
x Prefazione

Tabella 2: Simboli usati nell’eserciziario

N insieme dei numeri naturali


Z insieme dei numeri interi
Q insieme dei numeri razionali
R insieme dei numeri reali
C insieme dei numeri complessi
∀ per ogni
∃ esiste
∃! esiste un unico
∈ appartiene ad un insieme
∪ unione di insiemi
∩ intersezione di insiemi
∑ somma
∏ prodotto
⊥ perpendicolare
h·, ·i prodotto scalare
∞ infinito
℘ insieme delle parti
< minore
> maggiore
≤ minore o uguale
≥ maggiore o uguale
⊂ sottoinsieme proprio
⊆ sottoinsieme
⊕ somma diretta di insiemi
Ø insieme vuoto
< #»
v 1 , . . . , #»
vn > spazio vettoriale generato dai vettori #»
v 1 , . . . , #»
vn
Pn ( x ) Insieme dei polinomi di grado n nella variabile x
Mn Insieme delle matrici quadrate di ordine n
Mm,n Insieme delle matrici di tipo m × n
Capitolo 1

Introduzione

1.1 Esercizi di ripasso


Questi esercizi introduttivi costituiscono un utile ripasso di argomenti fondamentali
appartenenti al programma della Scuola Superiore: alcuni sono praticamente imme-
diati, altri necessitano di qualche riflessione, comunque vanno svolti tutti e con molta
cura, soprattutto nell’intento di utilizzarli come un “test” della propria preparazione.
Volutamente non sono nè in ordine di difficoltà nè in ordine di argomento.
1.1 Enunciare un teorema vero il cui inverso sia falso.
1.2 Si considerino nel piano 8 rette delle quali 4 parallele tra loro; quanti
sono, al massimo, i loro punti di intersezione?
1.3 Dire quali delle seguenti terne di numeri possono rappresentare le lun-
ghezze dei lati di un triangolo non degenere:
a 3; 4; 5 b 2; 8; 8 c 1; 5; 7 d 2; 10; 12 e 3; 10; 15
.
1.4 Perché la retta r sia perpendicolare al piano α, a quante rette di α occorre
e basta che sia perpendicolare? Tali rette possono essere in posizione
generica o devono sottostare a qualche vincolo?
1.5 Senza far conti inutili, risolvere l’equazione:
 2
2 3
−  
3 7 5
 3 x− = 0.
1 3 4

2 7

1.6 Per quanti valori del parametro a le equazioni


x3 + ax + 2 = 0 e x3 + x + 2a = 0
hanno almeno una radice in comune?

1
2 Capitolo 1. Introduzione

1.7 Scrivere un’equazione di primo grado che abbia come radice 3.


1.8 Enunciare un teorema falso il cui inverso sia vero.
1.9 Un quadrato di lato 20cm ha un vertice nel centro di un altro quadrato
di lato 10cm; calcolare l’area della regione comune.
1.10 Scrivere un’equazione di primo grado in due incognite che abbia come
soluzione la coppia ordinata (−3, 4).
1.11 Enunciare un inverso del Teorema di Pitagora.
1.12 Senza far conti inutili, risolvere l’equazione:
 2
2 3
−   
3 7 5 3
 3 x− 3x − =0
1 3 4 7

2 7

1.13 Quale delle seguenti proposizioni è la negazione della proposizione


”Ogni numero è pari”:
a Tutti i numeri sono dispari b esiste un numero dispari c esiste un numero
multiplo di 3

1.14 Si considerino nello spazio un piano α ed un punto P tale che P 6∈ α. Per


ciascuno dei seguenti quesiti scegliere una tra le risposte: nessuno, uno
ed uno solo, infiniti.
i) Quante sono le rette passanti per P e parallele ad α?
ii) Quante sono le rette passanti per P e perpendicolari ad α?
iii) Quanti sono i piani passanti per P e paralleli ad α?
iv) Quanti sono i piani passanti per P e perpendicolari ad α?
1.15 Dire quali delle seguenti affermazioni sono vere e quali sono false e, per
ciascuna, dire quale delle rimanenti ne costituisce la negazione:
a Ogni quadrato è un parallelogrammo b Ogni parallelogrammo è un quadrato
c Esiste un quadrato che è un parallelogrammo d Esiste un parallelogrammo che
è un quadrato e Nessun quadrato è un parallelogrammo f Nessun parallelo-
grammo è un quadrato g Esiste un parallelogrammo che non è un quadrato h
Esiste un quadrato che non è un parallelogrammo.

1.16 Scrivere tre equazioni di secondo grado in una incognita che abbiano
come radici (−2, 7).
 2

1.17 L’espressione 2− x 2 + 2x + 2−3x è equivalente a:
3 2 2 1
a 2− x + 2− x + 23x b 2− x+1 + 2− x+ x + 2−4x c 2 x + 2 x + 2−3
3 2
d 4− x + 4− x + 43x .
1.1. Esercizi di ripasso 3

1.18 Se a e b sono numeri reali positivi tali che ab = b a e b = 9a, il valore di a


è: √ √ √
1 9 3 4
a 9 b 9 c 9 d 9 e 3.

1.19 Siano a e b due numeri interi positivi tali che il loro prodotto sia multiplo
di 10. Quale delle seguenti affermazioni è sicuramente vera?
a a e b sono entrambi multipli di 10 b a è multiplo di 10 oppure b è multiplo di
10 c a è un numero pari oppure b è un numero pari d a è pari e b è multiplo di 5
e a e b sono entrambi pari

1.20 Nel cubo di figura 1.1 si consideri il triangolo ABC dove AC è uno
spigolo, AB la diagonale di una faccia e BC la diagonale del cubo. Allora:
AB = AC 2 vero 2 falso
Il triangolo ABC è rettangolo 2 vero 2 falso
BC è il lato più lungo 2 vero 2 falso
l’angolo A B̂C è di 45◦ 2 vero 2 falso

Figura 1.1: Il cubo dell’esercizio 1.20

1.21 Sia x un numero reale; indichiamo con b x c il più grande intero relativo
minore o uguale a x. Quale delle seguenti affermazioni è vera qualunque
siano i numeri reali x e y?
a b x c = −b x c b b x2 c = b x c2 c b2x c = 2 · b x c d b x + 1c = b x c + 1 e
se x < y; allora b x c < byc

1.22 Si considerino i numeri interi multipli di 6.


a quelli compresi tra 1 e 100 sono meno di quelli compresi tra 12001 e 12100 b
quelli compresi tra 1 e 100 sono tanti quanti quelli compresi tra 12001 e 12100 c quelli
4 Capitolo 1. Introduzione

compresi tra 1 e 100 sono più di quelli compresi tra 12001 e 12100 d quelli compresi
tra 1 e 100 sono la metà di quelli compresi tra 12001 e 12100 e quelli compresi tra 1 e
100 sono il doppio di quelli compresi tra 12001 e 12100

1.23 Siano m, n e p tre numeri interi positivi; se m > n > p si può dedurre
che:
a m−p ≥ 2 b p−m > 2 c m>1en>1ep>1 d m−n > n−p e
m+p > 4

1.24 Siano x ed y due numeri reali; se x > y si può dedurre che:


a 2x > y b x > 2y c x+y > 0 d y−x < 0 e x > y+1

1.25 Sia ABC un triangolo rettangolo di ipotenusa AC; siano C1 e C2 i semi-


cerchi aventi per diametri i cateti e sia C3 quello avente per diametro
AC (vedi figura 1.2). Quale delle seguenti affermazioni è sempre vera?
a L’area di C3 è minore della somma delle aree di C1 e C2 b L’area di C3 è uguale
alla somma delle aree di C1 e C2 c L’area di C3 è maggiore della somma delle aree
di C1 e C2

Figura 1.2: Triangolo con tre semicerchi dell’esercizio 1.25

1.26 Quante terne ordinate di numeri reali non nulli hanno la proprietà che
ciascuno di essi è il prodotto degli altri due?
a 1 b 2 c 3 d 4 e 5

1.27 Un triangolo ha un lato lungo 6cm ed uno lungo 10cm. Quale delle
seguenti non può essere la misura del terzo lato?
a 6.5cm b 10cm c 15.5cm d 17cm

1.28 Siano S la somma dei numeri interi da 1 a 100 e Σ la somma degli interi
pari da 2 a 200. Allora:
a S>Σ b Σ = 2100 S c S = 2Σ d Σ = 2S e S=Σ
1.1. Esercizi di ripasso 5

1.29 Affinché un poligono di n lati sia regolare. . .


a è necessario che sia circoscrivibile ad una circonferenza b è sufficiente che sia
circoscrivibile ad una circonferenza c è necessario e sufficiente che sia circoscrivibile
ad una circonferenza d non è nè necessario nè sufficiente che sia circoscrivibile ad
una circonferenza

1.30 Un trapezio ABCD circoscritto ad una circonferenza di raggio 5cm ha


l’area di 150cm2 . Allora la somma dei lati obliqui AD e BC è:
a 30cm solo se il trapezio è rettangolo b sempre 30cm c 30cm solo se il
trapezio è isoscele d è sempre diversa da 30cm

1.31 Si considerino le seguenti affermazioni riguardanti due numeri reali a e


b

α) Se ab = 0 allora a = 0 e b = 0
β) Se ab = 0 allora o a = 0 oppure b = 0
γ) Se ab = 1 allora o a = 1 oppure b = 1
δ) Se ab = 1 allora a = 1 e b = 1

Dire quali sono vere:


a Solo la β b sia la α che la β c solo la γ d sia la γ che la δ e sia la α che
la δ

1.32 Un esagono regolare ha lo stesso perimetro di un triangolo equilatero;


qual è il rapporto tra l’area dell’esagono e quella del triangolo?
4 3

a 1 b 3 c 2 d 3 e 2

1.33 Siano a, b e c tre numeri interi con massimo comun divisore uguale a 1.
Allora:
a due di essi sono primi fra loro b il prodotto dei tre numeri è il loro minimo
comune multiplo c fra i tre numeri non ce ne sono due pari d almeno uno dei
tre numeri è multiplo di 3 e nessuna delle precedenti risposte è vera

1.34 Considera l’affermazione: Per ogni numero naturale n il numero 2n + 1 è


primo. Mostrare con un esempio che è falsa.

1.35 P è un punto interno al triangolo acutangolo ABC tale che i tre triangoli
APB, APC e BPC hanno la stessa area. Questo accade sicuramente se P
coincide con:
a il baricentro b l’ortocentro c l’incentro d il circocentro e nessuna
delle precedenti risposte è vera

1.36 Siano m ed n due numeri interi positivi qualsiasi, e p e q così definiti:


p = MCD (m, n) e q = MCD (2m, 4n); quale delle seguenti affermazioni
è vera?
a È sempre p = q b È sempre q = 2p c È sempre q = 4p d se m è dispari
e allora è q = 2p
6 Capitolo 1. Introduzione

 80
1
1.37 La metà di è:
2
 80  40  81  79
1 1 1 1
a b c d
4 2 2 2

x

1.38 Risolvere l’equazione x = xx .
1.39 Sommando i numeri 2n + 1, 2n + 3, 2n + 5, dove n è un numero naturale,
si ottiene sempre
a un numero dispari b un multiplo di 3 c il triplo di uno dei tre numeri d
tutte e tre le risposte precedenti sono corrette

1.40 Determinare k in modo che l’equazione

3kx2 + (2k + 9) x + k − 1 = 0

ammetta come soluzioni due numeri che siano la tangente e la cotangen-


te di uno stesso angolo.

1.41 Costruire una circonferenza passante per due punti A e B e tangente ad


una retta non passante per alcun punto interno al segmento AB.
1.42 Dividere un numero per 0, 2 equivale a moltiplicarlo per
1 1
a b c 2 d 5
5 2
√  x +2
1.43 Risolvere l’equazione x x = x .

1.44 Costruire un triangolo ABC conoscendo il lato AB e le due altezze h BH


e hCK .

1.45 Le lunghezze delle diagonali d1 e d2 e di un lato a di un parallelogrammo


ABCD sono espressi rispettivamente dalle formule: d1 = 4uv, d2 =
2(u2 − v2 ) ed a = u2 + v2 . Dimostrare che ABCD è un rombo.

1.46 Dimostrare che ogni numero naturale dispari è la somma di due naturali
consecutivi.

1.47 Dimostrare che se si aumenta di 1 il prodotto di quattro numeri naturali


consecutivi si ottiene un quadrato.

1.48 Se in un triangolo denotiamo i lati con a, b e c e gli angoli ad essi


relativamente opposti con α, β, γ, verificare che vale l’identità:

a(sin β − sin γ) + b(sin γ − sin α) + c(sin α − sin β) = 0

1.49 Se aggiungiamo 1 al numeratore ed al denominatore di una frazione


positiva minore di 1 otteniamo
a Una frazione equivalente alla precedente b Una frazione minore della prece-
dente c Una frazione maggiore della precedente d Non si può dire in generale
1.1. Esercizi di ripasso 7

1.50 Nella figura 1.3 sono rappresentati il quadrato ABCD ed il rettangolo


ARST. Sapendo che il lato del quadrato è di 10cm, che PC = PS e che la
lunghezza del segmento PC è la metà della lunghezza della diagonale
del quadrato, calcolare l’area del rettangolo ARST

Figura 1.3: Esercizio 24.1

1.51 Esistono due triangoli non congruenti aventi due lati ed un angolo
rispettivamente congruenti? Se no dimostrarlo, se sì esibire un esempio.

1.52 Se h e k sono due numeri interi positivi legati dalla relazione 3k = 2h,
allora possiamo affermare che:
a La loro somma è un multiplo di 5 b La loro somma è un numero dispari
c Il loro prodotto è pari e non è mai multiplo di 4 d Uno dei due è dispari e
Nessuno dei precedenti asserti è necessariamente verificato

1.53 Mostrare che l’equazione



5
√ √
3
x+ x= x

non ammette soluzioni positive.

1.54 Se x e y sono due numeri reali che assumono tutti i valori nell’intervallo
(−2, 3) escluso lo zero, dire quali sono i valori massimi e minimi che
x
possono assumere le espressioni x + y, x − y, x · y, .
y

3
1.55 Senza
√ usare strumenti di calcolo automatico, confrontare i numeri 81
e 27.
8 Capitolo 1. Introduzione

1.56 Discutere e risolvere l’equazione


x x x
− + = 1.
1 − a2 a−1 a+1

1.57 Sapendo che è log10 7 = 0.845 . . . determinare il numero delle cifre di


7100

1.58 Quanti sono gli assi di simmetria di un triangolo equilatero?

1.59 Risolvere a mente l’equazione

( x − 5)2 = 25

1.60 Una popolazione di 1000 stelle marine aumenta del 20% all’anno. Qual
è l’aumento, in percentuale, ogni due anni?

Figura 1.4: finestra: esercizio 1.61

1.61 Una finestra ha la forma di un rettangolo sormontato da un semicerchio


avente per diametro un lato del rettangolo, come mostrato in figura 1.4.
Sapendo che l’altezza complessiva della finestra è di 6m e l’area della
parte rettangolare è 18m2 calcolare l’area della finestra.

1.2 Calcolo combinatorio


Alcuni semplici esercizi di calcolo combinatorio per risolvere i quali basta poco più
della definizione delle nozioni viste

1.62 Scrivere tutte le possibili permutazioni dei seguenti insiemi:

A = {1}; B = {5, 6}; C = { a, b, c}


1.2. Calcolo combinatorio 9

1.63 Calcolare

i) 5! + 6!
52!
ii)
50!
[ i) 5! = 2 · 3 · 4 · 5 = 120; 6! = 5! · 6 = 120 · 6 = 720 quindi 5! + 6! = 840
52! 52 · 51 · 50!
ii) = = 52 · 51 = 2652 ]
50! 50!

1.64 Trovare il numero delle disposizioni di 10 elementi a 4 a 4.

1.65 Trovare il numero delle disposizioni di n + 4 elementi presi a n − 2 alla


volta.
[ Essendo Dnk = n(n − 1) · · · (n − k + 1) si ha:
(n + 4)(n + 3) · · · [n + 4 − (n − 2) + 1] = (n − 4)(n − 3) · · · 8 · 7 ]

1.66 Risolvere l’equazione Dn,5 = 30Dn−2,4


[ Ricordando l’espressione di Dnk si ha:
n(n − 1)(n − 2)(n − 3)(n − 4) =
= 30(n − 2)(n − 3)(n − 4)(n − 5)

ed osservando che dev’essere n ≥ 6 si ha, dividendo ambo i membri per


(n − 2)(n − 3)(n − 4) che è: n(n − 1) = 30(n − 5) da cui le due soluzioni
n1 = 6 e n2 = 25 ]

1.67 Calcolare C15,13 e C6,4 + C5,0 [ 105; 16]

1.68 Risolvere il sistema (


Cx,y = Cx,y+2
Cx,2 = 66

x ( x −1)
[ Risolviamo la seconda equazione: si ha = 66 da cui le due soluzioni
2
x1 = −11 e x2 = 12. La prima, essendo x > 2 è da scartare, sostituendo
la seconda nella prima equazione si ha C12,y = C12,y+2 ma dalle propriete.i
coefficienti binomiali sappiamo anche che Cm,n = Cm,m−n qundi C12,y =
C12,12−y da cui 12 − y = y + 2 e quindi y = 5. ]

1.69 Risolvere le seguenti equazioni:


Dn−2,3 = 4Dn−3,2 20Dn−2,3 = Dn,5 Dn,4 = 15Dn−2,3
[6; 5; 10; 6]
10 Capitolo 1. Introduzione

1.70 Verificare le seguenti uguaglianze:


Dn,n−6
i) Cn,6 = C15,6 = C15,9 C10,5 + C10,6 = C11,6
Pn−6
1.71 Il numero delle combinazioni di n elementi a 3 a 3 è un quinto del
numero delle combinazioni di n + 2 elementi a 4 a 4. Trovare n.
[n = 14 oppure n = 3]

1.72 Qual è il massimo numero n di elementi di un insieme I tale che il


numero delle permutazioni di I sia inferiore a 100? e a 200?

1.73 Risolvere i seguenti sistemi di equazioni:


( (
Cn,m = Cn,m+2 Cm,n = Cm,n+1
a) b) .
Cn,2 = 153 Dm,2 = 20

[a) m = 8, n = 18 b) m = 5 n = 2]
Capitolo 2

I sistemi lineari, introduzione

In questo capitolo vengono proposti alcuni sistemi da risolvere con metodi elementari,
cioè quelli imparati nelle Scuole Superiori. È importante provare a risolverli con
metodi diversi e verificare sempre i risultati trovati.

2.1 ( (
x=7 x+y = 5
3x + 5y = 1 x−y = 9
[ x = 7, y = −4; x = 7, y = −2]

2.2 ( (
x+y = 0 x−y = 1
x−y = 4 x + 2y = 3
5 2
[ x = 2, y = −2; x = ,y = ]
3 3
2.3 (
4y − x = y − 4x
x+y−1 = 1−x−y
[ non ha soluzioni]

2.4 
 x + y( x + 1) = ( x − 1)(y − 1)
 1
3x + 2y =
3
 
2 7
[ − , ]
3 6

2.5 
 x+y y+1
 + =2
11 6

 x 2y − 1
=
2 3
[[6, 5]]

11
12 Capitolo 2. I sistemi lineari, introduzione

2.6 
 1 2 3
x + y − 4 = 4x − y + 1
2 3 2

( x − 1)2 + ( y + 1)2 = ( x + 1)2 + ( y − 1)2
 
15 15
[ − ;− ]
4 4
Risolvere i seguenti sistemi letterali, verificare le soluzioni ed eventual-
mente discuterle1 :

2.7 ( (
x+y = a ax + by = ac
x−y = b x = by
   
a+b a−b ac ac
[ ; ; ; con b 6= 0 e a 6= −1. . . ]
2 2 a + 1 b ( a + 1)

2.8 ( (
ax + by = ab ax − by = b2 − 2a2
bx + ay = ab ax + 2by = a2 − 2b2
   
ab ab a2 − b2
[ ; con a 6= ±b. . . ; − a; con a 6= 0 e b 6= 0. . . ]
a+b a+b b

2.9 
 nx py 1
+ 2 =
m2−n 2 n −m 2 m+n

nx + py = m + n
 
m n
[ ; ]
n p
Risolvere i seguenti sistemi di più di due equazioni in più di due
incognite

2.10  
x+y = 8
  3x − 5y = 1

y + z = 28 4x + 3z = 2

 

z + x = 14 3y − 2z = 7
[[−3, 11, 17] ; [2, 1, −2]]

2.11  

 x − 1 = 3z 
 x + y + z = 14
1−z = y x + z = 6y

 

2(1 − 4x ) − 3z = 9y + 3 3x − 4y − 4z = 0
[ [−2, 2, −1] [8, 2, 4]]
1Discutere un sistema lineare dipendente da uno o più parametri significa trovare per
quali valori del o dei parametri il sistema ammette soluzioni e per ciascuno di essi quante ne
ammette.
13

* 2.12 Determinare i valori di a in modo che risultino impossibili i sistemi


( (
x+y = 1 3ax − y = 3
2x + ay = 3 x + 2y = 6

[a = 2; a = − 16 ]

2.13 Consideriamo gli stessi sistemi dell’esercizio precedente; determinare se


esistono valori del parametro a per cui essi ammettono infinite soluzioni.
[ No, No]

2.14 Trovare due soluzioni distinte di ciascuno dei seguenti sistemi (che
hanno ciascuno infinite soluzioni)

(  1 2
x+y+z = 1  x − y − 2z =
2 3
x + 2y + 3z = 4  1 1
x+ y− z = 1
2 3
[Ad esempio { x = −1, y = 1, z = 1}; { x = −2, y = 3, z = 0} e { x = 0, y =
4 16 2
3, z = −1}; { x = 15 , y = − 15 , z = 0} . . . ]

2.15 La seguente uguaglianza di rapporti dà luogo ad un certo numero di


equazioni indipendenti, quante? quali?

3x − y z + 2y 3
= = .
3 4 x−z

2.16 Indicare quale o quali dei seguenti sistemi può ammettere soluzione
nel campo dei numeri reali. (Si richiede di escludere quelli impossibili
senza risolvere i sistemi)
( (
x+y = 1 x+y = 2
a 2 2
b
x + y = −2 3x − y = 2
( ( (
2x + 2y = 5 x+y = 1 x+y = 5
c d e
x+y = 3 x+y = 2 x−y = 5
Parte I

Algebra lineare

15
Capitolo 3

Matrici

3.1 Definizione di matrice


 
1 3 2
2 3 1
3.1 Data la matrice A = 
3
, determinare gli elementi a31 , a13
1 2
2 1 3
[a31 = 3, a13 = 2]

3.2 Verificare che per qualunque valore del parametro k la matrice


 
2 0
A=
4 3
soddisfa la disuguaglianza

A2 + kA + I 6= 0

3.3 Scrivere la trasposta di ciascuna delle seguenti matrici:


 
−1  
  1 2 3
A =  0 ; B = 3 0 −4 ; C = ;
3 2 1
3
 
1 2    
3 4 1 0 1 1 2 3
D=   
5 6 ; E = 0 1 2 ; F = 2 5
 7 .
2 3 1 3 7 2005
0 0

3.4 Calcolare la traccia delle matrici


   
  1 0 1 a b c
1 3 0 −1 3 b a c 
0 −1
3 2 1 c a b
[0, 1, 2a + b]

17
18 Capitolo 3. Matrici

3.2 Operazioni sulle matrici


3.5 Se A e B sono, rispettivamente, le matrici sottoelencate, calcolare, quan-
do è posssibile, la matrice C = A + B
     
1 2 −2 1 −1 3
i) A = B= [ ]
3 4 3 5 6 9
     
1 2 3 3 2 0 4 4 3
ii) A = B= [ ]
3 4 5 0 1 3 3 5 8
   
1 2 3 2 0
iii) A = B= [Non sono dello stesso tipo]
3 4 0 1 3

3.6 Se A e B sono, rispettivamente, le matrici sottoelencate, calcolare, quan-


do è posssibile, la matrice C = A · B
     
1 2 −2 1 4 11
i) A = B= [ ]
3 4 3 5 6 23
   
1 2 3 3 2 0
ii) A = B= [A non è conformabile con B]
3 4 5 0 1 3
     
1 2 3 2 0 3 4 6
iii) A = B= [ ]
3 4 0 1 3 9 10 12

3.7 Sia A una matrice quadrata di ordine n; verificare che risulta A2 = − A


se e solo se è ( I + A)2 = A.

3.8 Siano A una matrice quadrata di ordine m emisimmetrica e P una matri-


ce di tipo (m, n). Verificare che la matrice B = PT AP è emisimmetrica.
 
  0
3.9 Date le matrici A = 1 3 2 e B =  1 , determinare AB e BA.
−3
 
  0 0 0
[ −3 ;  1 3 2]
−3 −9 −6
.
   
h h−1 h−1 h−1
3.10 Si considerino le matrici A = eB= determi-
k k−1 k k−2
nare i valori di k e h in modo che sia verificata la relazione A · B = 0.
[h = k = 1]
 
a b
3.11 Si consideri la matrice A = . Determinare gli eventuali valori
c 1−a
dei parametri in modo che A sia idempotente (cioè sia A2 = A).
[bc = a − a2 ]
3.2. Operazioni sulle matrici 19

3.12 Siano date le matrici


   
0 k 1 k −1 0
A= e B= .
k −2 0 k 0 2

Verificare che non esiste alcun valore di k per cui sia BA T = I.

[ Se poniamo C = BA T l’elemento c21 è:

c21 = b21 a11 + b22 a21 + b23 a31 = k · 0 + 0 · k + 2 · 1 = 2 6= 0

e quindi C non può essere la matrice unità. ]



k 0
3.13 Data la matrice A = , determinare k in modo che la matrice
2 k+1
B = A2 + A − 2I sia simmetrica. [k = −1]

3.14 Determinare per  valoridi a, b, c e d sono non nulle e permutabili


 quali
a 0 c d
le matrici A = eB= . [b · d = 0 e a 6= 0 oppure c 6= 0]
b a 0 c

 che ogni matrice simmetrica permutabile con la matrice A =


3.15 Verificare

1 0
è permutabile con qualunque matrice di ordine 2.
2 3

3.16 Determinare tutte le matrici quadrate di ordine 2 triangolari inferiori


non simmetriche per cui si abbia A2 + A = 0    
0 0 −2 0
[ , con b 6= 0]
b −2 b 0
 
−1 1
3.17 Determinare tutte le matrici permutabili con A = .
−1 2

[ Le matrici
 cercate devono,
 ovviamente,essere quadrate e di ordine
 2: sia
a b c−a d−b − a − b a + 2b
X= si ha AX = e XA = ugua-
c d 2c − a 2c − b −c − d c + 2d

 c − a = −a − b


 d − b = a + 2b
gliando gli elementi di ugual posto si ottiene il sistema

 2c − a = −c − d


2d − b = c + 2d
 
a b
che ammette la soluzione c = −b e d = 3b + a da qui le matrici .
−b a + 3b
]
20 Capitolo 3. Matrici

3.18 Trovare tutte le matrici quadrate X di ordine 2 tali che


 
2 1 0
X =I=
0 1
     √ 
±1 0 ±1 k ± 1 − hk √h
[ ]
k ±1 0 ±1 k ± 1 − hk
   
1 1 −1 2
3.19 Si considerino le matrici A = eB= . Verificare che le
0 h 0 1
relazioni ( AB)2 = A2 B2 e AB 6= BA sono incompatibili per qualsiasi
valore di h.

3.20 Determinare due matrici non nulle A e B di ordine  che sia BA =
 2 tali
0 x a b
2AB. [Ad esempio A =
0 y
eB=
0 0
con ax + by = 0.]

   
1 0 n 1 0
3.21 Sia A = . Dimostrare, per induzione, che A = .
2 1 2n 1

3.22 Dimostrare che non esiste nessuna matrice per cui valgano simultanea-
mente le relazioni ( 2
X + 2X − 2I = 0
.
X 2 − X − 6I = 0

3.23 Siano A(2, 3), B(3, 4) C (4, 1), esiste la matrice D = A · B · C? se si di che
tipo è? [ Si, di tipo (2, 1)]

3.24 Siano A(2, 3) B(3, 3) e C (3, 2). La matrice ABC è quadrata? se sì di che
ordine? [Sì, di ordine 2]

3.25 Scrivere tre matrici A , B e C tali che non esista ABC ma esistano AB ed
AC.

3.26 Scrivere due matrici A e B di tipi rispettivamente (2, 3) e (3, 2) tali che
AB = 0 e BA 6= 0
   
1 0 1 4 3 4
3.27 Sia A = 0 1 0 ; calcolare A . 3 [A = 0 1 0]
3

1 1 1 4 3 4

3.28 Facendo riferimento alla matrice dell’esercizio 3.27 ed al risultato


 trovato,

16 15 16
calcolare A5 [A5 =  0 1 0 ]
4 3 4
   
1 0 2 x
3.29 Date le matrici A = eB= , calcolare A2 · B2 e ( AB)2 e
a b 3 y
osservare i risultati.
3.3. Matrici a blocchi ed equivalenza di matrici 21

3.30 Risolvere, quando è possibile, i seguenti sistemi matriciali:


( ( 2
X − 2Y = I X + X − 2I = 0
X + Y = 2Y X 2 − 3X + 2I = 0
(
X − 2I = XT
X + 2XT = 0

5 1
[X = 3 I, Y= 3 I; X = I; impossibile]

3.31 Determinare per quali valori di k il sistema matriciale




 X 2 = kX
X−Y = 0


( X − I )Y + YX = 0

ammette soluzioni non nulle. [k = 12 ]


(
X = −YT
3.32 Risolvere il sistema matriciale
2X + 2Y = 0
[X = −Y con X ed Y emisimmetriche]

3.3 Matrici a blocchi ed equivalenza di matrici


3.33 Ripartire le seguenti matrici in quattro blocchi conformabili ed eseguire
il prodotto a blocchi
   
1 2 1 0 a b
A = 0 0 2 B = 0 c d 
0 0 3 1 e f

 
1 2 3
3.34 Si consideri la matrice A = 3 2 1. Trovare una matrice equivalente
2 1 3
 
1 2 3
alla A che sia triangolare superiore. [0 −4 −8]
0 0 3

3.35 Sia A la matrice dell’esercizio 3.34. Trovare una matrice equivalente



ad

− 12
5 0 0
A che sia triangolare bassa. [ 7
3
5
3 0]
2 1 3

3.36 Se A è ancora la matrice dell’esercizio 3.34, esiste una matrice diagonale


equivalente ad A?
22 Capitolo 3. Matrici

3.37 Trovare il rango delle seguenti matrici:


 
  1 2 3  
1 2 0 1 0 0 0 1
2 6
A = 2 1 1 B=
0
 C = 1 1 1 0
0 3
3 3 1 1 1 1 1
3 0 1

[r ( A) = 3, r ( B) = 3, r (C ) = 2]

3.38 Sia  
0 0 1 0
0 0 0 1
A=
0
.
0 1 0
0 0 0 1
 
B1
Se B è una matrice 4 × 4 divisa in blocchi B = dove B1 e B2 sono
B2
 
B
matrici 2 × 4, mostrare che AB = 2 con una opportuna partizione in
B2
 
2 3 −2 −3
 1 −1 1 −1
blocchi di A. Verificare il risultato con B = 
 −2 1

2 −1
1 2 −1 −2

3.39 Ripartire le seguenti matrici in quattro blocchi conformabili ed eseguire


il prodotto a blocchi
   
1 2 1 0 a b
A = 0 0 2 B = 0 c d 
0 0 3 1 e f

* 3.40 Se A è una matrice m × n e B è una matrice p × q chiamiamo  somma


A 0
diretta di A e B la matrice a blocchi A ⊕ B = . In generale
0 B
 
A1 0 . . . 0
 0 A2 . . . 0 
A1 ⊕ A2 ⊕ · · · ⊕ A n =  
· · · · · · · · · · · ·. Siano ora
0 0 . . . An
   
1 2 0 1
A1 = A2 =
−1 1 1 0
   
3 −1 1 2
B1 = B2 =
1 −2 3 4
Mostrare che:
3.3. Matrici a blocchi ed equivalenza di matrici 23

i) ( A1 ⊕ A2 ) + ( B1 ⊕ B2 ) = ( A1 + B1 ) ⊕ ( A2 + B2 )
ii) ( A1 ⊕ A2 ) · ( B1 ⊕ B2 ) = ( A1 B1 ) ⊕ ( A2 B2 )

3.41 Tenendo conto della definizione data nell’esercizio 3.40, se Ai e Bi sono


matrici quadrate di ordine ni (i = 1, . . . , m), mostrare che

( A1 ⊕ · · · ⊕ Am )( B1 ⊕ · · · ⊕ Bm ) = ( A1 B1 ⊕ · · · ⊕ Am Bm )

3.42 Se Ai è quadrata di ordine ni (i = 1, . . . , l) e se A = A1 ⊕ · · · ⊕ Al


mostrare che
! !
m m m
∑ ck Ak = ∑ ck A1k ⊕···⊕ ∑ ck Akl
k =1 k =1 k =1

 z = a + ib un numero complesso. Definiamo la matrice reale M(z) =


* 3.43 Sia
a −b
. Verificare che per ogni coppia di numeri complessi z e w si ha
b a

M ( z + w ) = M ( z ) + M ( w ); M (zw) = M (z) M (w).


Capitolo 4

Spazi vettoriali

La scrittura < ~v1 , . . . , ~vn > indica lo spazio vettoriale generato dai vettori ~v1 , . . . , ~vn
cioè l’insieme di tutte le possibili combinazioni lineari di questi vettori. Indicheremo
da qui in avanti con Pn ( x ) lo spazio vettoriale dei polinomi di grado non maggiore
di n nella variabile x, e con Mm,n (K) quello delle matrici di tipo n × m sul campo
K; dove non esplicitamente precisato si sottintende K = R.

4.1 Sottospazi e basi


4.1 Fornire esempi di leggi di composizione in insiemi numerici che non
corrispondano ad operazioni dell’aritmetica elementare.

4.2 Fornire esempi di insiemi non chiusi rispetto ad opportune leggi di


composizione.

4.3 Scrivere due differenti combinazioni lineari dei vettori


       
~v = 1 0 −1 ~ = −1 0 2
w ~u = 0 2 1 ~z = 0 0 3

4.4 Scrivere 3 vettori di R4 linearmente indipendenti

4.5 Scrivere tre vettori di R4 linearmente dipendenti ma non proporzionali


a due a due.

4.6 Riferendosi ai vettori dell’esercizio 4.3 dire:

i) se sono linearmente dipendenti o linearmente indipendenti


[4 vettori in R3 sono sempre dipendenti]

ii) dire se ~v, w


~ e ~u sono linearmente indipendenti [Si]

iii) dire se ~v, w


~ e ~z sono linearmente dipendenti o indipendenti.

25
26 Capitolo 4. Spazi vettoriali

[Da a[1, 0, −1] + b[−1, 0, 2] + c[0, 0, 3] = 0 si ottiene a = b = −3c e


quindi ~v, w
~ e ~z sono linearmente dipendenti perché esiste una loro
~ − ~z, che coincide con il
combinazione lineare, ad esempio 3~v + 3w
vettore nullo senza che siano nulli tutti i coefficienti.]

4.7 Dati i seguenti 4 vettori di R3 : ~e1 = [1, 0, 0], ~


e2 = [0, 1, 0], ~u = [3, 4, 2] e
~v = [2, 5, 0], quale bisogna eliminare tra ~u e ~v in modo che i rimanenti 3
formino una base. [~v = 2~e1 + 5~e2 . . . ]

4.8 Trovare una base {~ e2 } di R2 tale che


e1 , ~

[1, 0] = ~e1 + ~e2


[0, 1] = ~e1 − ~e2 .
h i h i
1 1 1 1
[~e1 = 2, 2 , ~e2 = 2, −2 ]

4.9 Sia V = R2+ l’insieme delle coppie ordinate di numeri reali strettamente
positivi. Definiamo in V le seguenti operazioni come somma e prodotto
per uno scalare:

[ a, b] ⊕ [c, d] = [ ac, bd] e α ⊗ [ a, b] = [ aα , bα ]


Verificare che:

i) Rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto per uno scalare


V non è uno spazio vettoriale.
ii) Rispetto a queste operazioni, V è uno spazio vettoriale su R e
determinare il vettore nullo e l’opposto del vettore [ a, b].
h i
1 1
[. . . 0 = [1, 1], −[ a, b] = a, b ;...]

4.10 Sia V uno spazio vettoriale sul campo K e rispettivamente ~v e w


~ due
vettori di V e λ e µ due scalari di K; dimostrare che

~ , λ 6= 0 =⇒ ~v = w
i) λ~v = λw ~
ii) λ~v = µ~v, ~v 6= 0 =⇒ λ = µ

* 4.11 Verificare che l’insieme


  
a 2b
V ≡ : a, b ∈ R
3b a

è un sottospazio dello spazio vettoriale M2 delle matrici quadrate di


ordine 2.
4.1. Sottospazi e basi 27

[ Dobbiamo controllare che l’operazione di combinazione lineare


 sia interna

a1 2b1
ad V . Consideriamo due matrici generiche di I A1 = ed
3b1 a1
 
a2 2b2
A2 = e due scalari λ1 e λ2 ; si ha:
3b2 a2
λ1 A1 + λ2 A2 =
 
λ1 a1 + λ2 a2 λ1 · 2b2 + λ2 · 2b2
= =
λ1 · 3b1 + λ2 · 3b2 λ1 a1 + λ2 a
 
λ1 a1 + λ2 a2 2(λ1 b1 + λ2 b2 )
= =
3(λ1 b1 + λ2 b2 ) λ1 a1 + λ2 a2
 
α 2β
= ∈V
3β α
con α = λ1 a1 + λ2 a2 e β = λ1 b1 + λ2 b2 . ]

4.12 Stabilire se l’insieme R2 delle coppie ordinate di numeri reali è uno


spazio vettoriale rispetto alle operazioni
i) [ x, y] + [ x 0 , y0 ] = [ x + x 0 , y + y0 ] e α[ x, y] = [1, αy]. [No]
ii) [ x, y] + [ x 0 , y0 ] = [ xy0 .yx 0 ] e α[ x, y] = [ x α , yα ] [Sì]

4.13 Stabilire se l’insieme R3 delle terne ordinate di numeri reali è uno spazio
vettoriale rispetto alle operazioni
i) [ x, y, z] + [ x 0 , y0 , z0 ] = [ x 0 , y0 , z + z0 ] e α[ x, y, z] = [αx, αy, αz].
ii) [ x, y, z] + [ x 0 , y0 , z0 ] = [ x 0 + y0 , y0 , z + z0 ] e α[ x, y, z] = [αx, y, z]
4.14 Sia R il campo reale e V l’insieme di tutte le funzioni che assumono
valore positivo sull’intervallo [ a, b]. Definiamo la somma di due funzioni
e la moltiplicazione di una funzione per uno scalare con le seguenti
uguaglianze:
f ⊕ g = f g; α f = fα f , g ∈ V α ∈ R.
Verificare se, con le operazioni indicate, V è uno spazio vettoriale su R.
* 4.15 Verificare che le progressioni aritmetiche reali, rispetto alla somma ter-
mine a termine ed al prodotto per uno scalare definiti in modo naturale,
formano uno spazio vettoriale su R.
* 4.16 Verificare che l’insieme delle soluzioni di un sistema lineare omogeneo
di p equazioni in q incognite, rispetto alle usuali operazioni forma uno
spazio vettoriale sul campo a cui appartengono i coefficienti.
4.17 Sia W l’insieme {~v1 , ~v2 , ~v3 , ~v4 } dove
~v1 = [1, 2, 1] ~v2 = [2, 1, 2]
~v3 = [0, 0, 1] ~v4 = [1, 0, 0]
28 Capitolo 4. Spazi vettoriali

i) verificare che sono linearmente dipendenti e per ciascuno di essi


trovare la combinazione lineare degli altri tre da cui è formato.
[ Ad esempio v1 = 2v2 − 3v3 − 3v4 ]

ii) elencare tutti i sottoinsiemi di W linearmente indipendenti.

4.18 Delle seguenti terne di vettori di R3 , dire quali sono linearmente dipen-
denti e quali linearmente indipendenti.

i) ~v1 = [2, 1, 0], ~v2 = [0, −1, 1] e ~v3 = [1, 1, 0]


ii) ~v1 = [1, 1, 1], ~v2 = [−2, −2, −2] e ~v3 = [0, 1, 1]
iii) ~v1 = [0, 1, 0], ~v2 = [1, −1, 2] e ~v3 = [2, 1, 3]

[ Gli unici linearmente dipendenti sono quelli della terna ii).]

4.19 Trovare due sottoinsiemi di R2 , uno dei quali sia chiuso rispetto alla
somma ma non rispetto al prodotto per uno scalare e l’altro, viceversa,
sia chiuso rispetto al prodotto per uno scalare ma non rispetto alla
somma.

[Ad esempio [ a, b] con a e b interi pari su R è chiuso rispetto alla somma


ma non rispetto al prodotto per uno scalare. . . ]

4.20 Verificare che l’insieme delle matrici quadrate di ordine fissato è uno
spazio vettoriale rispetto alle usuali operazioni di somma tra matrici e
di prodotto di una matrice per uno scalare.

4.21 Mostrare che l’intersezione insiemistica V = W ∩ U di due spazi vetto-


riali è uno spazio vettoriale.

4.22 Verificare, su esempi, che invece l’unione V = W ∪ U non è, in generale,


uno spazio vettoriale.

4.23 Scrivere 3 basi per R3 .

4.24 Trovare 2 basi per lo spazio vettoriale M2 delle matrici quadrate di


ordine 2 .

4.25 Verificare che le matrici quadrate di ordine 2 a traccia nulla sono un


sottospazio di M2 e determinarne una base.

4.26 Dei seguenti sottoinsiemi di R3 , stabilire quali sono sottospazi rispetto


alle usuali operazioni di somma e prodotto per uno scalare:

i) S1 = {[ x, y, z]| x + 2y + 2z = 0};
ii) S2 = {[ x, y, z]| x = y, z = 2};
4.1. Sottospazi e basi 29

iii) S3 = {[ x, y, z]| x = 2y, z = 0};


iv) S4 = {[ x, y, z]| x2 + y2 + z2 = 1};
v) S5 = {[ x, y, z]| x2 + y = 0};
 
x
vi) S6 = [ x, y, z]| = 1, y 6= 0 .
y
[i); iii); v) e vi).]

4.27 Per ciascuno dei seguenti insiemi di vettori stabilire se si tratta di un


sottospazio di un appropriato spazio vettoriale.

i) Tutti i vettori di Rn le cui componenti sono numeri interi.


ii) Tutti i vettori del piano ciascuno dei quali giace su uno degli assi
coordinati.
iii) Tutti i vettori del piano il cui secondo estremo giace su una data
retta (considerando come primo estremo l’origine).
iv) Tutti i vettori del piano i cui estremi giacciono su una data retta.
v) Tutti i vettori dello spazio i cui secondi estremi non giacciono su
una data retta.
vi) Tutti i vettori del piano i cui secondi estremi giacciono nel primo
quadrante.
n
vii) Tutti i vettori di Rn le cui componenti xi sono tali che ∑ xi = 0.
1
n
viii) Tutti i vettori di Rn le cui componenti xi sono tali che ∑ xi = 1.
1
ix) Tutti i vettori che si ottengono come combinazioni lineari dei vettori
v1 , v2 , . . . , vk in Rn .

4.28 In R3 sono dati i seguenti insiemi di vettori:

i) S1 = {[1, 1, 1], [0, 1, 1], [1, 0, 0]};


ii) S2 = {[2, 1, 0], [0, 1, 0], [−1, 0, 1]};
iii) S3 = {[1, 1, 2], [−1, 0, −1], [0, 1, 0], [0, 0, 1]}.

Stabilire, per ciascuno di essi, se costituiscono un sistema di generatori


e, in particolare, se sono delle basi per R3 .
[ S1 ed S2 sono delle basi, S3 è un sistema di generatori.]

4.29 Nello spazio vettoriale R3 si consideri la base canonica

B = {~e1 = [1, 0, 0], ~e2 = [0, 1, 0], ~e3 = [0, 0, 1]}

ed i seguenti sottospazi
30 Capitolo 4. Spazi vettoriali

i) W1 generato da {~e1 + 2~e3 , ~e3 , ~e1 +~e3 },


ii) W2 generato da {~e1 , ~e1 −~e2 , ~e1 +~e3 },
iii) W3 generato da {~e2 , 2~e2 , ~e1 − e3 , ~e1 + 2~e2 −~e3 }.
Per ciascuno di essi determinare una base e la dimensione.
[W1 =< [1, 0, 2], [0, 0, 1], [1, 0, 1] > quindi dimW1 = 3;
W2 =< [1, 0, 0][1, −1, 0], [1, 0, 1] > quindi dimW2 = 3;
W3 =< [0, 1, 0], [1, 0, −1] > quindi dimW3 = 2.]

* 4.30 Determinare una base e la dimensione del sottospazio V di R4 formato


dai vettori del tipo [ a, a + b, b − a, b] e del sottospazio U di R3 costituito
da vettori del tipo [ a + c, b − a, b + c].
[Sia ~v il generico vettore di V, si ha:
~v = [ a, a + b, b − a, b] = a[1, 1, −1, 0] + b[0, 1, 1, 1]
questo significa che i vettori ~v1 = [1, 1, −1, 0] e ~v2 = [0, 1, 1, 1] sono un
sistema di generatori per V; non essendo proporzionali sono indipendenti,
quindi formano una base per V, che ha dunque dimensione 2.
Analogamente sia ~u = [ a + c, b − a, b + c] il generico vettore di U sarà:
~u = a[1, −1, 0] + b[0, 1, 1] + c[1, 0, 1]

cioè i tre vettori ~u1 = [1, −1, 0], ~u2 = [0, 1, 1] e ~u3 = [1, 0, 1] costituisco-
no un sistema di generatori. Si osserva però che non sono linearmente
indipendenti perché ~u3 = ~u1 + ~u2 quindi non formano una base per U.
Una qualsiasi coppia di questi tre vettori forma un insieme indipendente e
quindi una base, da cui dimU = 2.]

OSSERVAZIONE 4.1. La traccia di soluzione della seconda parte di questo


esercizio mette in luce come non sempre la dimensione di un sottospazio coincide
con il numero dei parametri presenti nell’espressione del generico vettore.
La traccia di soluzione della seconda parte di questo esercizio mette in
luce come non sempre la dimensione di un sottospazio coincide con il
numero dei parametri presenti nell’espressione del generico vettore.
* 4.31 In V = P3 ( x ) si considerino i sottoinsiemi

S ≡ { p ( x ) ∈ V | p (0) = 1 e p (1) = 0}

e
T = { p ( x ) ∈ V | p (0) = p (1) = 0}.
Stabilire se rispetto alle usuali operazioni di somma e di prodotto per
uno scalare nello spazio dei polinomi S e T sono sottospazi e, qualora
lo siano, determinare una base per ciascuno di essi.
4.1. Sottospazi e basi 31

[S è l’insieme dei polinomi p( x ) = ax3 + bx2 + cx + d per cui p(0) = 1


e p(1) = 0, quindi, dato che p(0) = d e p(1) = a + b + c + d il generico
polinomio di S è del tipo ax3 + bx2 − ( a + b + 1) x + 1; si vede subito che
S non è chiuso né rispetto alla somma né rispetto al prodotto per uno
scalare infatti, per esempio, x + 1 ∈ S ma il suo prodotto 2( x + 1) = 2x + 2
non vi appartiene, in quanto il termine noto è diverso da 1.
Il generico vettore di T è il polinomio ax3 + bx2 − ( a + b) x; valutiamo se T
è chiuso rispetto alle operazioni definite in V: per la somma consideriamo
due generici elementi di T , ax3 + bx2 − ( a + b) x e a0 x3 + b0 x2 − ( a0 + b0 ) x
sommandoli si ottiene ( a + a0 ) x3 + (b + b0 ) x2 − [( a + a0 ) + (b + b0 )] x che
è ancora un elemento di T , inoltre α[ x3 + bx2 − ( a + b)] = αax3 + αbx2 −
(αa + αb) x che a sua volta è elemento di T , il quale, quindi è sottospazio di
V. Osservando che ax3 + bx2 − ( a + b) x = a( x3 − x ) + b( x2 − x ) possiamo
affermare che i polinomi x3 − x e x2 − x generano T ; essendo poi essi
linearmente indipendenti, infatti sono di gradi diversi, formano una base
per T quindi possiamo concludere che T ha dimensione 2.]

4.32 Sia Vc = { p ∈ P7 ( x )| p(1) = c}. Determinare per quali valori di c ∈ R


Vc è sottospazio di P7 ( x ). [ c = 0]

4.33 Si considerino i polinomi p1 ( x ) = 3, p2 ( x ) = 2 + x3 , p3 ( x ) = x − x2 −


4x3 , p4 ( x ) = x2 − x3 e p5 ( x ) = x + 2x2 . Dall’insieme { p1 , p2 , p3 , p4 , p5 }
estrarre, se possibile, una base per P3 ( x ).

[dim (P3 ( x )) = 4, basta estrarre quattro polinomi indipendenti, per esem-


pio p1 , p2 , p3 , p4 ]

4.34 Se {~e1 , ~e2 , ~e3 } è una base di R3 si considerino gli insiemi B1 = {~e1 , ~e1 +
~e2 , ~e1 +~e3 } e B2 = {~e1 +~e2 , ~e1 + 2~e2 +~e3 , 2~e1 + 3~e2 +~e3 }; dimostrare che
B1 è una base di R3 , mentre B2 non lo è.
[ I vettori di B2 non sono indipendenti, infatti. . . ]

4.35 Trovare le componenti del vettore ~v = 2~e1 +~e2 + 7~e3 rispetto alla base
B1 dell’esercizio 4.34 [ [−5, 1, 7]]

4.36 Mostrare che l’insieme {[ a, c], [b, d]} è una base di R2 se e solo se ad −
bc 6= 0.

4.37 Per quali valori del parametro t l’insieme B = {[2, t], [t, 2]} è una base
di R2 ? [ ∀t 6= ±2]

4.38 Si considerino i polinomi p1 = t + 1, p2 = t2 + 2t + 1 e p3 = t2 − t.


Dimostrare che { p1 , p2 , p3 } è una base di P2 (t) e trovare le componenti
di q1 = t2 − t − 2 e q2 = t2 + 3 rispetto a questa base.
32 Capitolo 4. Spazi vettoriali

[p1 , p2 , p3 sono linearmente indipendenti, infatti α(1 + t) + β(t2 + 2t + 1) +


γ(t2 − t) = 0 ⇒ ( β + γ)t2 + (α + 2β − γ)t + α + β = 0. . . si perviene ad un
sistema lineare omogeneo che ha solo la soluzione banale. . . q1 = −3p1 + p2 ;
q2 = 4p1 − p2 + 2p3 ]

* 4.39 Siano, in V = P2 (t), p1 (t) = t2 − 2t , p2 (t) = 1 + 2t, p3 (t) = 2 − t2 ,


q1 (t) = −1 + t, q2 (t) = −1 + t − t2 , q3 (t) = 2t + 2t2 . Dimostrare che
B = { p1 , p2 , p3 } e C = {q1 , q2 , q3 } sono due basi di V. Trovare la
matrice di passaggio da B a C .

[
i) Scriviamo ciascun vettore di B come combinazione lineare dei vettori
di C , in seguito costruiremo la matrice che ha per righe i coefficienti
di tali combinazioni1 . . .

p1 = 3q1 − 3q2 − q3
3
p2 = −4q1 + 3q2 + q3
2
p3 = −5q1 + 3q2 + q3
 
3 −3 −1
 3
da cui la matrice richiesta −4 3 ;
2
−5 3 1
ii) Ricorrendo alle basi canoniche, moltiplichiamo la matrice H di pas-
saggio dalla base B a quella canonica per la matrice che trasforma
la base canonica in C ovvero la matrice inversa (Si veda capitolo 6)
della matrice K di passaggio dalla base C a quella canonica. Poiché
le coordinate di un vettore rispetto alle basi canoniche coincidono
proprio con le sue componenti, è semplice costruire queste matrici:
   
0 −2 1 −1 1 0
H = 1 2 0 , K =  −1 1 −1 ,
2 0 −1 0 2 2

calcolando poi HK −1 si perviene al risultato precedente.

4.40 Siano ~v1 = [0, 2, 0], ~v2 = [1, −1, 0] e ~v3 = [3, 1, 5]. Dimostrare che
B = {~v1 , ~v2 , ~v3 } è una base di R3 e trovare la matrice del cambiamento
di base dalla base B alla base canonica.  
0 2 0
[ ~v1 , ~v2 e ~v3 sono indipendenti. . . 1 −1 0 .]
3 1 5
1 Qualora non sia semplice trovare tale combinazione, basta risolvere il sistema di tre
equazioni nelle tre incognite a, b e c che si ottiene uguagliando, componente per componente, i
vettori p e aq1 + bq2 + cq3 .
4.1. Sottospazi e basi 33

4.41 Trovare la matrice di passaggio dalla base {1 − α, x − α, ( x − α)2 , . . . , ( x −


α)n } alla base {1, x, x2 , . . . , x n } nello spazio vettoriale dei polinomi di
grado non maggiore di n.

4.42 Come varia la matrice di passaggio da una base ad un’altra

i) se si scambiano due vettori della prima base


ii) se si scambiano due vettori della seconda base
iii) se in entrambe le basi i vettori sono dati in ordine inverso
 
1 2
4.43 Data la matrice A = si consideri l’insieme
−2 −4

W = { X ∈ M2 (R)| AX = 0}.

Dimostrare che W è sottospazio di M2 (R), calcolarne la dimensione e


determinarne una base. [ dimW = 2. . . ]

4.44 Sia V = Mn,m lo spazio vettoriale delle matrici di tipo (n, m). Indichiamo
con Eij la matrice di V che ha l’elemento di posto i, j uguale a 1 e tutti
gli altri elementi nulli. Dimostrare che { E11 . . . Enm } è una base di V e
che la dimensione di V è m · n.

4.45 Sia V uno spazio vettoriale di dimensione n e sia {~v1 , . . . , ~vn } un sistema
di n generatori di V. Dimostrare che esso è una base.
[ Occorre e basta mostrare che sono indipendenti...]

* 4.46 Siano V e W due sottospazi di uno stesso spazio vettoriale; dimostrare


che

i) V ∪ W ⊆ V + W;
ii) V + W è il più piccolo sottospazio contenente V ∪ W.

[i) Sia ~u ∈ V ∪ W, ciò significa che ~u ∈ V oppure ~u ∈ W, in entrambi i casi


~u si può esprimere come elemento di V + W, come ~u = ~u + 0W se ~u ∈ V
oppure come ~u = ~u + 0V se u ∈ W.
ii) Supponiamo che esista un sottospazio V 0 contenente l’unione V ∪ W,
dimostriamo che esso contiene necessariamente anche la somma, cioè che
V + W ⊆ V 0 : sia ~u ∈ V + W cioè ~u = ~v + w
~ con ~v ∈ V e w
~ ∈ W; ~v e w
~ sono
anche elementi di V ∪ W e quindi di V 0 dato che V ∪ W ⊆ V 0 ; poiché V 0 è
uno spazio vettoriale, contiene, oltre a ~v e w
~ , anche la loro somma ~v + w
~,
cioè ~u.]
34 Capitolo 4. Spazi vettoriali

4.47 Siano U e W due sottospazi dello spazio vettoriale V tali che V = U + W.


Indichiamo con B e C , rispettivamente una base di U ed una di W.
Mostrare che se la somma è diretta, cioè se U ∩ W = {0} allora B ∪ C è
una base di V, e trovare un esempio per cui U ∩ W 6= {0} e B ∪ C non
è una base di V.

4.48 Indichiamo con Sn e Sn0 rispettivamente l’insieme delle matrici simme-


triche ed emisimmetriche di ordine n. Dimostrare che sono entrambi
sottospazi di Mn e calcolarne le rispettive dimensioni.

[Basta verificare la chiusura rispetto alle combinazioni lineari. . . le dimen-


n ( n + 1) n ( n − 1)
sioni sono rispettivamente e ]
2 2

4.49 Dimostrare che Mn = Sn ⊕ Sn0 dove Mn , Sn , Sn0 sono quelli definiti


nell’esercizio 4.48.

4.50 Dimostra che se P(t) è l’insieme di tutti i polinomi in una variabile


(quindi se non si precisa il grado) non esiste un sistema di generatori
finito.

4.2 Quesiti
Q.4.1 I vettori [1, 2, 3], [4, 5, 6], [7, 8, 9] e [10, 11, 12] sono linearmente indipen-
denti. 2 vero 2 falso

Q.4.2 Se B = {~u, ~v, w ~ } è una base per lo spazio vettoriale V, allora B 0 =


{~u, 3~v, 3~v + w
~ } è un’altra base per V. 2 vero 2 falso

Q.4.3 Il sottospazio vettoriale generato da tre vettori linearmente indipendenti


~ è uguale al sottospazio generato da ~u − ~v, ~v − w
~u, ~v, w ~,w~ − ~u.
2 vero 2 falso

Q.4.4 Il sottospazio vettoriale generato da tre vettori linearmente indipendenti


~u, ~v, w
~ è uguale al sottospazio generato da ~u + ~v, ~v + w
~,w~ + ~u.
2 vero 2 falso

Q.4.5 Nello spazio vettoriale delle funzioni continue su R la dimensione del


sottospazio generato da {1, cos2 x, sin2 x } è: a 0; b 1; c 2; d 3.

Q.4.6 I vettori [1, 2, 1], [2, a, a + 1], [ a, 0, 1] sono lineramente indipendenti per
a infiniti valori di a ma non tutti b a 6= 1 e a 6= −4 c ogni valore
di a d a = 1.
4.2. Quesiti 35

Q.4.7 La dimensione dello spazio vettoriale intersezione tra quello delle matri-
ci triangolari alte e quello delle matrici triangolari basse è: a 2n;
b n 2 c 0 d n.
Q.4.8 Dire quali delle seguenti implicazioni sono vere, dove V è uno spazio
vettoriale e ~u, ~v, w
~ sono vettori di V.
a {~u, ~v, w
~ } generano V ⇒ {~u, ~v} generano V b {~u, ~v, w
~ } sono li-
nearmente indipendenti ⇒ {~u, ~v} sono linearmente indipendenti c
{~u, ~v} generano V ⇒ {~u, ~v, w
~ } generano V d {~u, ~v, w
~ } sono linear-
mente dipendenti ⇒ almeno due tra i vettori ~u, ~v, w
~ sono linearmente
dipendenti.
Q.4.9 In uno spazio vettoriale V di dimensione n a n + 1 vettori sono sem-
pre linearmente dipendenti; b n − 1 vettori sono sempre linearmente
indipendenti; c se n vettori qualsiasi sono linearmente indipendenti,
allora essi formano una base; d esistono n − 1 vettori che generano
V.
Q.4.10 Siano U e W due sottospazi di un medesimo spazio vettoriale V. Quale
o quali dei seguenti non è , in generale, sottospazio di V? a U ∪ W;
b U ∩ W; c U + W; d (U + W ) ∪ (U ∩ W ).
Q.4.11 Siano U e V due sottospazi di Rn . Indicare le proprietěre: a dim(U +
V ) ≥ dimU + dimV b dim(U ∩ V ) < dimU; c se U ∩ V = {0}
allora dim(U + V ) = dimU + dimV d se U + V = Rn allora U ∩ V =
{0}.
Q.4.12 Sia W il sottospazio di R4 generato dai vettori
~ 1 = [0, k, k, 1] e w
w ~ 2 = [1, k, k, 0].
Allora a dimW = 1 se k = 1; b dimW = 0 se e solo se k = 0; c
dimW > 0 se e solo se k 6= 0; d dimW = 2 ∀k.
Q.4.13 Sia {~v1 , ~v2 , ~v3 , ~v4 } una base dello spazio vettoriale V e si considerino i
vettori:
~u1 = ~v1 − ~v2
~u2 = ~v1 − ~v3
~u1 = ~v1 + ~v3 .
Indicare le proprietà vere a ~u1 , ~u2 , ~u3 sono linearmente indipendenti;
b ~u1 , ~u2 , ~u3 generano un sottospazio di dimensione 2; c ~u1 , ~u2 , ~u3
generano un sottospazio di dimensione 3 d {~u1 , ~u2 , ~u3 } formano una
base per V.
Capitolo 5

Determinante e rango di una


matrice. Matrice inversa

5.1 Determinante e rango


5.1 Calcolare il determinante delle seguenti matrici:
 
  1 0 −1
1 −3
A= B = 2 3 −1
2 5
4 0 −2
   
1 0 3 1 0 0
C = 3 5 8 D = 2 6 0 .
1 0 3 3 4 5

[Rispettivamente 11, 6, 0, 30]


   
1 2 5 6
5.2 Date le matrici A = eA= , calcolare det( AB), det( A2 B),
3 4 7 8
det(3A). [4, 16, −18]

1 a b + c

5.3 Calcolare il determinante 1 b a + c . [0]
1 c a + b

5.4 Calcolare il determinante delle seguenti matrici:


 
1 2 1 2 1  
0 0 1 1 1 1 2 3 4
  2 1 2 1
A=  1 1 0 0 0 
 B 
0 0 −1 1 .
 [det A = 2; det B = −32]
0 0 1 1 2
3 4 1 2
1 2 2 1 1

5.5 Calcolare i seguenti determinanti:

37
38 Capitolo 5. Determinante e rango di una matrice. Matrice inversa


a b 0 0 1 1 1 1 0 0 0 a

0 a b 0 a 1 1 1 0 0 b 0
.
0 0 a b b a 1 1 0 c 0 0

c 0 0 a c b a 1 d 0 0 0
[−b( a3 + b3 ); − a3 + 3a2 − 3a + 1; abcd]

5.6 Verificare che è nullo il seguente determinante di ordine n



1 − n 1 1 ... 1

1 1−n 1 ... 1

1 1 1−n ... 1 .

... ... ... ... . . .

1 1 1 . . . 1 − n
[Ogni riga è la somma delle altre. . . ]

5.7 Per quali valori del parametro si annulla il determinante di ciascuna


delle seguenti matrici:

   
1 1 −h 1 k 1
A =  1 −h 1 , B =  1 −1 k + 1 ,
−h 1 1 − k −1 0
 
1 2 −5 h  
3 −1 1 2k 4 + k
h 0
C=2
, D = 3 −2 − k  .
3 −9 0 
1 k 1
1 −1 2 0
4
[2, −1; 0, −1; 0, 5; −3, −1]

5.8 Date le matrici


   
1 1 2 2 −2 k −3 3
A= e B=
2 2 −1 −1 3 −3 2 2

determinare gli eventuali valori del parametro k per i quali la matrice


ABT è singolare. [2]

5.9 Trovare due matrici non singolari A e B per cui det



(A +

B) =det A +
0 1 2 −1
det B [Ad esempio A =
−1 1
eB=
1 0
]

5.10 È vero che det( A T ) = (det A)T ?

5.11 Verificare che ogni matrice emisimmetrica di ordine dispari è singolare.

5.12 Siano rispettivamente S e E una matrice simmetrica ed emisimmetrica,


entrambe di ordine 2. Verificare che si ha det(S + E) = det S + det E.
5.1. Determinante e rango 39

5.13 Si può estendere il risultato precedente all’ordine 3?


5.14 Verificare, senza sviluppare il determinante, che l’equazione

0 x − a x − b

x + a 0 x − c = 0

x + b x + c 0
ammette una radice x = 0. [Per x = 0 la matrice è emisimmetrica di ordine 3]

5.15 Verificare che l’equazione



x − a a − 1

a 2x 0 = 0

1 − a 0 3x
ha una soluzione nulla qualunque sia a. [Come l’esercizio 5.14]

5.16 Verificare che l’equazione



1 2x x + 1

2 a − x = 0

1 x 1
ammette una radice nulla per ogni valore di a. Determinare poi a in
modo che anche l’altra radice sia nulla.
[Per x = 0 la matrice ha due righe uguali. . . a = −2]

* 5.17 Risolvere la seguente equazione nella variabile x:



2x −1 −1 −1

−1 2x −1 −1

−1 −1 2x −1 = 0

−1 −1 −1 2x

[ Sommando alla prima colonna tutte le altre si ha l’equazione equivalente



2x − 3 −1 −1 −1

2x − 3 2x −1 −1

2x − 3 −1 2x −1 = 0,

2x − 3 −1 −1 2x

che a sua volta equivale alla



1 −1 −1 −1

1 2x −1 −1
(2x − 3) = 0.
1 −1 2x −1
1 −1 −1 2x
A questo punto sommando la prima colonna a tutte le altre si ottiene:

1 0 0 0

1 2x + 1 0 0
(2x − 2) ,
1 0 2x + 1 0
1 0 0 2x + 1
40 Capitolo 5. Determinante e rango di una matrice. Matrice inversa

infine, tenendo conto che il determinante di una matrice triangolare è il


prodotto degli elementi principali, si perviene all’equazione (2x − 3)(2x +
3
1)3 = 0 che ha la radice semplice x = 2 e la radice x = − 12 di molteplicità
3. ]

5.18 Date le matrici


   
1 0 −2 −2 −1 4
A =  −2 1 1 , B= 4 3 −2 ,
3 −2 0 −6 1 0
 
−2 −1 4
C=  4 1 −2
−6 5 0

verificare che si ha det C = det B − 8 det A senza calcolare esplicitamente i


determinanti.

[ Ponendo D = −2A si osserva che la matrice D ha la prima e la terza


colonna uguali a quelle di B e che la seconda colonna di C è la somma di
quelle di D e di B. Si ha quindi det C = det B + det D = det B + det(−2A)
da cui ricordando che A è di ordine 3, si ha det C = det B + (−2)3 det A. . . ]

5.19 Determinare i valori del parametro per i quali si annullano i seguenti


determinanti

1 2 −5 h
1 a+1 a2 1 −2k 1
3 −1 h 0
3 2a + 4 4 − a 0 1 −k .
2 3 − 9 0
−1 a − 3 −1 1 2 1
1 −1 −2 0
[a = 1, − 75 ; h = 0, −8; k = 0, −1]

5.20 Determinare tutte le matrici reali per cui si ha I = det A · A.

5.21 Determinare tutte le matrici reali per cui si ha A = det A · A.

5.22 Siano A e B due matrici non singolari di ordine n verificare che se


AB = kBA, allora k è radice n–esima dell’unità.

5.23 Verificare che se A, B, C sono matrici di ordine dispari per cui vale
ABC + BCA = 0 una di esse è singolare.

5.24 Determinare due matrici di ordine 2 linearmente indipendenti tali che


ogni loro combinazione lineare sia singolare.
5.1. Determinante e rango 41

5.25 Determinare i valori di α e β in corrispondenza dei quali le matrici


     √3 
tan

α 0 3
a =  33  , B =  tan β  e C = tan α
0 1 + tan β 0

sono linearmente indipendenti


[α = ± π6 + kπ oppure β = − π4 + kπ con π ∈ Z]

5.26 È sempre vero che det( AB) = det( BA)?


[Sì se A e B sono quadrate dello stesso ordine]

* 5.27 Calcolare, al variare del parametro reale, il rango di ciascuna delle


seguenti matrici:
     
k 0 −1 1 1 h t 2t 2 0
A =  0 k −1 B = 1 0 1  C =  2 t − 1 1 t
−2 1 k 1 1 h3 3t 2 3 t

[
i) A è una matrice quadrata di ordine 3, quindi ha rango 3 per tutti e soli
i valori di k per cui è det A 6= 0. det A = k(k − 1)(k + 1)) ⇒
r ( A) = 3
k −1

per k 6= −1, 0, 1. Per k = −1, 0, 1 r ( A) = 2 perché = k2 + 1 è
1 k
sempre diverso da 0 in R.
ii) B è una matrice di tipo (4, 3), quindi il suo rango è al  massimo
 3,
1 1
inoltre è almeno 2 perché, per esempio, la sottomatrice è non
1 0
singolare. Utilizzando il teorema di Kroneker orliamo questa  sottoma- 
1 1 h
trice in tutti i modi possibili, ottenendo le matrici B1 = 1 0 1 
1 1 h3
 
1 1 h
e B2 = 1 0 1 i cui determinanti sono, rispettivamente, h − h3
1 1 1
e h − 1; il rango sarà allora >2 per tutti i valori di h che annullano
entrambi i determinanti, cioè per h = 1. Per tutti gli altri valori si avrà
r ( B) = 3
iii) C Per poter applicare
 ilteorema di kroneker consideriamo, ad esempio,
2 0
la sottomatrice formata dalle prime due righe e dalle ultime
1 t
due colonne e supponiamo, per il momento, che t 6= 0 in modo che sia
non singolare (Naturalmente dovremo poi esaminare a parte il caso
t = 0)

]
42 Capitolo 5. Determinante e rango di una matrice. Matrice inversa

* 5.28 Si consideri la matrice


 
2h − 2 8 0 4
 1 0 3 2h + 1
A=
 h+2 h+2

0 h 
3 3h 0 2h − 1
Determinare i valori di h per cui la prima riga di A è combinazione
lineare delle altre.
[ La matrice A dev’essere singolare, quindi, essendo
det A = −6(h − 2)(h − 1)(h + 1) = 0,
i possibili valori di h vanno cercati tra h = 2 e h = ±1.
 
2 8 0 4
1 0 3 5
Per h = 2 si ha la matrice 
4 4 0 2 in cui la prima riga è il doppio della
3 6 0 3
quarta meno la terza e quindi, poiché il rango di A non cambia aggiungendo
la prima riga, essa è combinazione lineare delle altre. Considerazioni
analoghe ci permettono di asserire che anche h = −1 va bene.
 
0 8 0 4
1 0 3 3
Se invece h = 1, si ha la matrice  
3 3 1 1 ; le ultime due righe sono
3 3 1 1
uguali, quindi la prima riga dovrebbe essere combinazione lineare delle
prime due, ma si osserva subito che le prime tre righe sono indipendenti: è
diverso da zero il determinante formato dalle prime tre righe e dalle prime
tre colonne, quindi tale valore è da scartare. In conclusione la prima riga è
combinazione lineare delle altre solo per h = −1 ed h = 2. ]

* 5.29 Se ω è una radice immaginaria di -1, mostrare che



1 ω ω2 ω3

ω ω2 ω3 1 √
= ±3i 3.
ω ω
2 3 1 ω

ω 3 1 ω ω 2

[Il determinante è (ω 4 − 1)3 . . . ]


 
2 1 2
5.30 Sia A =  1 1 1. Senza sviluppare il determinante, determinare α in
α 2 3
modo che det A = 0. [α = 3]

5.31 Trovare sotto quali condizioni l’equazione nell’incognita x


 
a+x b
det =0
b c+x
ammette radici coincidenti. [( a + c)2 − 4ac + 4b2 = 0]
5.2. Matrice inversa 43

5.2 Matrice inversa

5.32 Sia A = A−1 . Che valori può assumere il determinante di A?


[det A = ±1]

5.33 Mostrare che se A è non singolare, allora anche A−1 è non singolare e
che ( A−1 )−1 = A.
 
1 2 1
5.34 Sia A = . Verificare che A−1 = A.
4 −1 9
 
1 0 1
5.35 Sia A =  2 3 4 . Verificare che si ha:
−1 0 −2

1
A−1 = − ( A2 − 2A − 4I ).
3

5.36 Determinare tutte le matrici X quadrate, non singolari, del second’ordine


che soddisfano la relazione X 3 = X.
 1− a2

a
[ Dovendo X essere non singolare si ha X 2 = I, da cui X = c
c −a
 
±1 b
oppure X = ]
0 ±1

5.37 Siano date le matrici


   
−1 h 1 k
A= eB= .
0 h 0 2

Determinare i valori di h e k per cui sussiste la relazione

AB−1 + B = 0

[B2 = − A da cui h = −4, k = − 43 ]

5.38 Sia T una matrice triangolare superiore di ordine n. Verificare che

( I − T ) n = I + T + T 2 + · · · + T n −1

[Si può procedere per induzione su n. . . ]

5.39 Mostrare che l’inversa di una matrice diagonale D non singolare è a sua
volta diagonale. [Se D è non singolare, allora ∀i aii 6= 0. . . ]

5.40 Mostrare che:


44 Capitolo 5. Determinante e rango di una matrice. Matrice inversa

i) Una matrice triangolare è non singolare se e solo se tutti i suoi


elementi principali sono diversi da 0;
ii) l’inversa di una matrice triangolare non singolare è a sua volta
triangolare.

5.41 Mostrare che se A e B sono quadrate non singolari permutabili, allora


anche A−1 e B−1 sono permutabili.

* 5.42 Nel campo complesso si consideri la matrice


 
1 + i 2 + 2i
A= .
3 + 3i 7 + 7i
 
1 7 − 7i −2 + 2i
Verificare che A−1 =
2 −3 + 3i 1−i
* 5.43 Nel campo complesso mostrare che se A = B + iB conB matrice ad
elementi reali, allora se esiste B−1 è A−1 = 21 B−1 − iB−1 .

* 5.44 Nel campo complesso sia A = B + iC dove B e C sono matrici reali


e B 6= ±C è vero che A−1 = 12 ( B−1 − iC −1 )? Giustificare la risposta.
[solo nel caso in cui CB−1 = BC −1 . . . ]

5.3 Quesiti
Q.5.14 Siano A e B due matrici quadrate dello stesso ordine. Se esistono A−1 e
B−1 allora esiste ( A + B)−1 . 2 vero 2 falso

Q.5.15 Siano A e B come nel quesito 5.14. Se inoltre è A + B 6= 0 allora esiste


( A + B ) −1 . 2 vero 2 falso
 
B 0
Q.5.16 Se A = dove B e C sono non singolari, allora anche A è non
0 C
singolare. 2 vero 2 falso

Q.5.17 Sia A una matrice m × n di rango r. Allora ogni minore di A di tipo


(r + 1) × (r + 1) è singolare. 2 vero 2 falso

Q.5.18 Se A è non singolare, allora det A = det A−1 . 2 vero 2 falso

Q.5.19 Se A è quadrata con elementi interi allora det A è un numero intero.


2 vero 2 falso

Q.5.20 Se Ax = 0, A è quadrata e x è un vetttore colonna tale che x 6= 0, allora


A = 0. 2 vero 2 falso

Q.5.21 Sia A quadrata tale che A2 = I. Allora A = A−1 . 2 vero 2 falso


Capitolo 6

Teoria dei sistemi

Questo capitolo è dedicato ai sistemi lineari: si tratta di applicare il Teorema di Rouché-


Capelli o quello di Cramer, od i loro corollari applicati ai sistemi omogenei. Spesso
si tratterà di discutere un sistema dipendente da uno o più parametri: ciò significa
stabilire per quali valori dei parametri il sistema è possibile ed in corrispondenza di
essi trovare quante soluzioni ci sono.

6.1 Risolvere i sistemi:



 x+y+z+t =0



 − x − y − 2z + t
 =1
x−y−z−t = −1



 x − y − 2z + t =0



2x + 2y + 3z = −1

[[ x = − 12 ; y = − 32 z; t = 21 (1 + z)]]


 x + 3y + z + 2w = 1


 3x + 2y + z + w = −1
,

 4x + 3y + 2z − t + 4w = 2


5x + 4z + 3w = 1

[[y = − 79 x − 1; z = − 26
7 x − 2; w =
23
7 x + 3; t = 41
7 x + 3] ]



 2x + y = 1
3x + 2y + z = 0


− x − 3y + z = 4

[[ 23 ; −2; − 12 ]]

45
46 Capitolo 6. Teoria dei sistemi

6.2 Dire per quali valori dei parametri è possibile il seguente sistema.


 ax + y − z = 0
x + ay − z = b


( a + 1) x + 3y − 2z = b
[ [ Se b = 0 ∀ a; se b 6= 0 per a 6= 1]

6.3 Dato il sistema 



 2x + y + hz + 3t = a
4x + 2y − 2z + 6t = b


−2x + hy + z − 3t = c
determinare i valori di h in corrispondenza dei quali il sistema è risolu-
bile per qualsiasi scelta del termine noto. [[ h 6 = −1] ]

6.4 Risolvere i seguenti sistemi


 
 2x2 − 4x3 + x4 =1  x+y+z+t = 1

 

 x1 − 3x2 − x3 + x4 =0  8x + 4y + 2z + t = 5

 x1 − x2 + 4x3 − 2x4 = −1 
 27x + 9y + 3z + t = 14

 

2x1 − 2x2 − x3 + 2x4 =0 64x + 16y + 4z + t = 30
   
1 1 2 1 1 1
[ − , ,− ,0 ; , , ,0 ]
18 18 9 3 6 2

6.5 Sia   
1 2 x1
Ax =
3 λ x2
i) Per quali valori del parametro λ il sistema Ax = 0 ammette
un’unica soluzione? Per quali più di una?
 
1
ii) Se b1 = , per quali valori di λ il sistema Ax = b1 non ammette
3
soluzioni? Per quali ne ammette una sola? Per quali ne ammette
più di una?
 
1
iii) Se b2 = , per quali valori di λ il sistema Ax = b2 non ammette
1
soluzioni? Per quali ne ammette una sola? Per quali ne ammette
più di una?
(
x1 + 2x2 = 0
[i) Ax è il sistema che è omogeneo, quindi ammette un’u-
3x1 + λx2 = 0

1 2
nica soluzione (quella banale) se e solo se 6= 0 da cui λ 6= 6;. . . ]
3 λ
47

6.6 Sia   
−1 2 1 x
Ax =  3 −1 2   y  .
0 1 λ z

i) Per quali valori del parametro λ il sistema Ax = 0 ammette


un’unica soluzione? Per quali più di una?
 
1
ii) Se b1 = 1, per quali valori di λ il sistema Ax = b1 non ammette
1
soluzioni? Per quali ne ammette una sola? Per quali ne ammette
più di una?
 
1
iii) Se b2 = 1, per quali valori di λ il sistema Ax = b2 non ammette

0
soluzioni? Per quali ne ammette una sola? Per quali ne ammette
più di una?

[i)per λ 6= 1 solo la soluzione banale. . . ]

6.7 Discutere e risolvere i seguenti sistemi lineari dipendenti da un parame-


tro

 

 x − y + 2z = 1  2x + ky = 2

kx + y + z = k + 1 kx + 2y = k

 

x + ky − kz = −2 kx + kz = k
 
 3x + 2y + hz = 11
 
 x2 + x3 = λ
2x − 6y − 3z = 0 2x1 + 3x2 + 7x3 = 5

 

hx + 4y + 2z = 7 x1 − 3x2 − x3 = −2


 x + ( k − 1) y + z = 1
2x + ky + kz = k


kx + 2y + (2k − 2)z = 4 − k

[Il primo sistema, di tre equazioni in tre incognite, ammette una ed una
1 −1 2

sola soluzione se e solo se det A = k 1 1 6= 0. Si ha det A =
1 k −k
(k + 1)(k − 3) quindi si annulla
per k = −1 e k = 3. Dunque ∀k 6 = −1, 3
1 −1 2 1 1 2

k + 1 1 1 k k + 1 1

−2 k −k 1 −2 − k
l’unica soluzione è: x = y = ez =
(k + 1)(k − 3) (k + 1)(k − 3)
48 Capitolo 6. Teoria dei sistemi


1 −1 1

k 1 k + 1  
1 −1 2
1 k −2
. Per k = −1 la matrice dei coefficienti −1 1 1 ha
(k + 1)(k − 3)
1 −1 1
rango r ( A) = 2 ; la matrice
 B completata con la colonna dei termini noti
1 −1 2 1
B =  −1 1 1 0 ha anch’essa rango r ( B) = 2, quindi il sistema è
1 −1 1 2
possibileed ammette  ∞3−2 = ∞1 soluzioni; analogamente
 per k = 3 si
1 −1 2 1 −1 2 1
ha A = 3 1 1 e quindi r ( A) = 2 e B = 3 1 1 4 e
1 3 −3 1 3 −3 −2
r ( B) = 2 da cui ∞1 soluzioni.. . . ]

6.8 Discutere e risolvere i seguenti sistemi dipendenti da più parametri reali


 
 x + 2y + az = 1
 
 2x + y = a
2x + ay + 8z = −1 2x + z = b

 

4x + 7y + z = b 4x + y + z = c
 
 3kx + 3y + (k + 2)z = h
  kx + y + z = 1

x + 2y + 2z = k + 1 x + ky + z = h

 

x + ky + kz = 1 x + y + kz = h2
 
2 1 0
[La matrice dei coefficienti del secondo sistema è A = 2 0 1, pa-
4 1 1
lesemente
singolare (la terza riga è la somma delle prime due). Poiché
2 1
6= 0 si ha r ( A) = 2 per qualsiasi valore dei parametri. La matrice
2 0
 
2 1 0 a
completa B = 2 0 1 b ha rango 2 se e solo se c = a + b quindi in
4 1 1 c
questo caso il sistema è possibile ed ammette ∞1 soluzioni. ]

6.9 Al variare dei parametri che in essi compaiono, si discuta la risolubilità


dei seguenti sistemi lineari

i) 
 x − 2hy + z + t = h

y − hz = 0


x + 2y + z − ht = 0
[h 6= −1 : ∞1 soluzioni; h = −1 impossibile]
49

ii) 

 hx − y − 2z = 1
hx − (h + 1)y − 3z = 1


hx − y − z = 2h + 1
[h 6= 0 : 1 soluzione; h = 0: impossibile]
iii) 

 x+y = 2
x−y−z = 3+h


x + 2y + kz = 4
1
[k 6= 2 : 1 soluzione∀h; k = 12 , h = −5 : ∞1 soluzioni; k = 12 , h 6= −5 impossibile]

* 6.10 Discutere e risolvere al variare dei parametri complessi a e k il seguente


sistema nel campo complesso, cioè con x, y, z ∈ C.

 x + 2y + kz = 0

ky − z = 1


kx + z = a

6.11 Determinare il valore del parametro k per cui le matrici


     
k−1 0 1 k−1 0 −2
A= , B= , C=
2 k+1 0 k+2 1 1

sono linearmente dipendenti.

[Le matrici sono linearmente dipendenti se xA + yB + zC = 0 per qualche


terna { x, y, z} con almeno un elemento non nullo. Ma xA + yB + zC =
0 rappresenta un sistema lineare omogeneo di quattro equazioni nelle
tre incognite x, y e z, dunque le matrici sono dipendenti se e solo se il
sistema ammette soluzioni non banali e questo avviene solo se la matrice
dei coefficienti ha rango minore di 3. . . k = −1.]


1 2 3
6.12 Sia A = 1 3 4 . Mostrare che il sistema Ax = b ha un unica solu-
1 2 4
zione qualunque sia il vettore b. Mostrare poi che Ax = Ay se e solo se
x = y.

[r ( A) = 3; r ([ A|b]) non può essere maggiore di 3, perché [ A|b] ha solo tre


righe, non può essere minore di 3, perché det A è un minore di [ A|b] di
ordine 3 non nullo per ipotesi, dunque il sistema ammette una ed una sola
soluzione ∀b. . . ]
50 Capitolo 6. Teoria dei sistemi

Per gli esercizi dal 6.13 al 6.19 occorre discutere e, quando possibile, risolvere i
sistemi.

6.13 

 x + ky − z = 0
( k + 1) x + ( k + 2) y = 0


x + (k + 1)y + kz = 0
[k 6= ±1 solo la soluzione banale; k = ±1 ∞1 soluzioni]

6.14 

 hx + 2y = 1
x + (h + 1)y = 2h


(2h − 1) x + (3 − h)y = h + 2
[h = 0 1 soluzione; h 6= 0 impossibile]

6.15 
 (h − 1) x + 4y = 0


 x + ( h − 1) y = 0

 hx + (2 − h)z − 4t = 0


hy − z + (2 − h)t = 0
[h 6= 3, 0, −1, 4 solo soluzione banale; h = 3, 0, −1, 4 ∞1 soluzioni]

6.16 
 2x + (h − 1)y + z = 3


 x + 2y = 4 − h

 x + ((2h + 1)y − z = 4 − h


x + (1 + h ) y − z = 1
[h = 4 una soluzione; h 6= 4 non esistono soluzioni]

6.17 

 x+y = 1
2hx − y = −(1 + h)


1(1 − 4h) x + 2y = 3 + 2h
[h 6= − 13 impossibile; h = − 13 una soluzione]

6.18 

 ( h + 1) x + y + z = 2 + h
(3 + h) x + z = 2h2


(5 + h) + y + (1ih)z = 6 − h
[h 6= −4, 1 una soluzione; h = 1 ∞1 soluzioni; h = −4 impossibile]
51

6.19 (
x + ( h2 + 1) y − z = 2 − h
2x + (5 − h2 )y + 2h2 z = 2h
[h = 1 ∞2 soluzioni; h 6= 1 impossibile]

6.20 Scrivere un sistema lineare di tre equazioni in tre incognite, dipendente


da un parametro k, in modo che, se k 6= 0, il sistema ammetta la sola
soluzione [1, 0, 1] e se k = 0 ammetta infinite soluzioni.

6.21 Dimostrare che un sistema lineare omogeneo di m equazioni in n inco-


gnite con m < n ammette sempre soluzioni non banali.
[ r ≤ min(m, n) ⇒ r < n]

6.22 Trovare per quali valori reali di k esiste una matrice X ∈ M3,2 (R) tale
che    
2 1 −1 0 1
3 0 1 X = 2 0 .
1 −1 2 2 k
 
x t
[Sia X =  y u allora si ha
z v
   
2x + y − z 2t + u − v 0 1
 3x + z 3t + v  = 2 0
x − y + 2z t − u + 2v 2 k

che rappresenta un sistema lineare di 6 equazioni in 6 incognite. . . ]

6.23 Determinare i parametri a, b e c in modo che il sistema




 x + y + az = a
2x − (1 − b)z = 1 − b


x − y + cz = 0

ammetta ∞1 soluzioni. [b = 1 − a; c = −2a]




 ax + bz + t = 0
6.24 Si consideri il sistema 2x − by + 2z + at = 0 . Determinare per quali


bx − by + az − 3t = 0

 x = −3


 y = −1
valori dei parametri a e b il sistema ammette la soluzione ; in

 z = −1


t = −2
52 Capitolo 6. Teoria dei sistemi

questo caso verificare che ci sono altre soluzioni e determinarle.



 x = 5β − 2α


 y =α
[a = −2, b = 4; .]

 z =β


t = 6β − 4α

6.25 Discutere, al variare del parametro, il sistema


    
h 0 0 x h
 h2 − 1 h + 1 2  y  = 1
1 − h2 1 1 z 0

[h 6= 0, 1 una soluzione; h = 0 ∞1 soluzioni; h = 1 impossibile]

6.26 Stabilire per quali valori del parametro è possibile il sistema


   
m 4   0
 1 m x =  0 
y
1 2 m

[m = 0, −2]

6.27 Trovare le quaterne (h, x, y, z) per le quali sia verificata la seguente


relazione matriciale:
    
x y z 1 1
 y z x   1  = ( h + 2) 1
z x y h 1

[h 6= 1, 2; (h, 1, 1, 1), (1, α, β, 3 − α − β), (−2, γ, γ, γ)]

6.28 Si considerino le matrici


       
x y z 1
     
A1 = y , A2 = z , A3 = x e B =  1
z x y −2

Determinare le quaterne (h, x, y, z) in modo che sia verificata la relazione

A1 + hA2 + hA3 = B.
  
[h 6= 1, − 12 ; h, − h−
1 1 2 1
1 , − h−1 , − h−1 , 2 , α, α, α ]

6.29 Si considerino le matrici


   
1 0 0 1 1 −h  
0 − h 1   −1 − h  x
1
A= 0
, 
B= e X = y

1 1 h 0 0
z
0 0 h −1 1 1
53

Determinare i valori di h per cui esistono matrici non nulle X tali che sia
verificata la relazione
2AX = BX
[h = 1]

6.30 Date le matrici    


2 1 −1 x
A = 0 h 1  e X = y
0 0 h−1 z
Determinare i valori di h e le terne non nulle ( x, y, z) per cui è verificata
l’uguaglianza
AX = A−1 X.
   
α γ
[h = −1 :  β, (α, β) 6= (0, 0); h = 2:  0  , γ 6= 0]
−β 0

6.31 Si consideri il sistema:



 λx1 + x2 − x3 + νx4 = −λ

x1 − λx2 + x3 − x4 = µn


x1 − λx2 − µx3 − νx4 = 1

ove λ, µ, ν sono numeri reali e n ∈ N. Dire per quali valori di λ, µ, ν e


per quali n il sistema è risolubile e precisando in ognuno dei casi quante
soluzioni ammette.

[ Se A è la matrice completa del sistema, r ( A) = 3 per (µ, ν) 6= (−1, 1)


qualsiansi siano λ ed n, quindi in questo caso si hanno ∞1 soluzioni. Se
µ = −1 e ν = 1 ∀λ si ha r ( A) = 3 se n dispari, quindi ancora ∞1 soluzioni,
mentre si ha r ( A) = 2 se n è pari, quindi ∞2 soluzioni. In conclusione il
sistema è sempre risolubile ed ammette ∞1 soluzioni per qualunque terna
λ, µ, ν ed n dispari, mentre ne ammette ∞2 ∀λ, µ, ν ed n pari. ]

6.32 Discutere e risolvere il sistema




 x + 2y − 3z = h
2x − y + 4z = −h


3hx + hy + h2 z = h

ove h ∈ R è un parametro.

[ Per h 6= 0 e h 6= 1 una soluzione, per h = 0 ∞1 soluzioni, per h = 1


nessuna soluzione ]
54 Capitolo 6. Teoria dei sistemi

6.1 Quesiti
Vero o Falso
Q.6.22 Un sistema di n equazioni in n + 1 incognite ammette sempre soluzioni.
2 vero 2 falso

Q.6.23 Il sistema Ax = b dove A è una matrice di tipo m, n di rango m, ammette


sempre almeno una soluzione. 2 vero 2 falso

Q.6.24 Se Ax = 0, A è una matrice quadrata di ordine n e x 6= 0 allora det A = 0


2 vero 2 falso

Q.6.25 Per k = 1 il sistema



 x+y+z−3 = 0


 kx − (k + 2)z + 1 = 0

 ky − y + 3x = 0


kx + y + z = k

è possibile 2 vero 2 falso

A risposta multipla
Q.6.26 Nel sistema lineare Ax = b il rango della matrice A è uguale al numero
delle righe di A, allora il sistema a ammette al più una soluzione
b ammette almeno una soluzione c non ammette soluzioni d
ammette esattamente una soluzione.

Q.6.27 Sia A una matrice quadrata di ordine n. Allora l’equazione matriciale


Ax = 0 ammette soluzioni non banali se e solo se a r ( A) = n b
r ( A) < n c A 6= 0 d A = 0.

Q.6.28 Sia A una matrice 37 × 38 ad elementi reali. Allora Ax = 0 a deve


avere una soluzione non nulla b non può avere soluzioni non nulle
c può o no avere soluzioni non nulle in dipendenza da A d non è
un sistema lineare.

Q.6.29 Sia A una matrice 38 × 37 ad elementi reali. Quale delle risposte dell’e-
sercizio 6.28 è vera?

Q.6.30 Se il sistema lineare Ax = b di n equazioni in n incognite ammette


almeno due soluzioni, allora a r ( A) = n − 1 b r ( A) < n c
det A 6= 0 d det A = 0.
6.1. Quesiti 55

Q.6.31 Si consideri il sistema



 3x + (2k − 3)y + 3(k − 1)z = 1

2x + (k − 3)y + 2(k − 1)z = k (6.1)


3x + (2k − 3)y + (4k − 5)z = 1

allora il sistema 6.1 ammette una ed una sola soluzione a per due valori
di k b per nessun valore di k c per infiniti valori di k ma non per
tutti d per esattamente un valore di k.

Q.6.32 Nel sistema lineare Ax = b il rango della matrice A è uguale al numero


delle equazioni; allora si può dire che il sistema ammette a al più
una soluzione b almeno una soluzione c nessuna soluzione d
esattamente una soluzione.

Q.6.33 Il sistema Ax = b di m equazioni in n incognite ammette ∞1 soluzioni.


Allora: a m ≥ n − 1; b r ( A) ≤ n − 1; c n = m e det A = 0; d
n < m + 1.

Q.6.34 Se il sistema lineare Ax = b di m equazioni in n incognite ammette al


più una soluzione, allora a r ( A) < n; b r ( A) = m; c r ( A) = n;
d r ( A) = n − 1.

Q.6.35 Il sistema lineare Ax = b di m equazioni in n incognite ammetta ∞1


soluzioni. Allora: a m ≥ n − 1; b r ( A) ≤ n − 1; c n = M e
det A = 0; d n < m + 1.

Q.6.36 Sia Ax = 0 un sistema lineare omogeneo di n equazioni in n incognite.


Il sistema ammette: a almeno una soluzione se e solo se det A 6= 0;
b solo la soluzione banale, se i vettori colonna di A sono linearmente
indipendenti; c infinite soluzioni se e solo se det A = 0; d infinite
soluzioni.

Q.6.37 Sia Ax = b un sistema lineare di m equazioni in n incognite. Per ogni


b il sistema ha al più una soluzione se: a i vettori colonna di A
sono linearmente dipendenti; b i vettori riga di A sono linearmente
indipendenti; c i vettori colonna di A sono linearmente indipendenti;
d i vettori riga di A sono linearmente dipendenti.

Q.6.38 Se la matrice A, di m righe e n colonne, ha rango massimo, le soluzioni


del sistema lineare omogeneo Ax = 0 sono: a infinite se m ≤ n;
b solo la soluzione banale se m < n; c infinite se m < n; d solo la
soluzione banale se n ≤ m.
56 Capitolo 6. Teoria dei sistemi

Q.6.39 Sia A una matrice di tipo (m, n) tale che il sistema Ax = b abbia almeno
una soluzione per ogni vettore b. Allora: a m = n − 1; b m = n;
c m ≤ n; d M ≥ n.
Capitolo 7

Applicazioni lineari, prodotti


scalari

7.1 Applicazioni lineari e matrice rappresentativa


7.1 Sia f l’applicazione R 7→ R tale che f ( x ) = ax2 + bx + c. Determinare
a, b e c in modo che:

i) f sia iniettiva
ii) f sia suriettiva

7.2 Dimostrare che l’applicazione f : Dn 7→ Rn che associa ad ogni matrice


diagonale di ordine n il vettore di Rn costituito dalla n–pla ordinata
degli elementi principali è un isomorfismo.

* 7.3 Sia f : C2 7→ C2 l’applicazione che associa ad ogni coppia di numeri


complessi i loro coniugati. Verificare che f è R–lineare, cioè se si con-
sidera C2 come spazio vettoriale su R, ma non è C–lineare, cioè non è
lineare se si considera C2 come spazio vettoriale su C.

[ Per verificare che f è lineare su R consideriamo due qualsiansi elementi di


C2 , ad esmpio [z, w] e [z0 , w0 ] ed una coppia (λ, µ) di numeri reali. Avremo
allora, utilizzando la notazione algebrica dei numeri complessi,

f (λ[z, w] + µ[z0 , w0 ]) =
= f (λ[ x + iy, a + ib] + µ[ x 0 + iy0 , a0 + ib0 ]) =
= f ([λx + µx 0 + i (λy + µy0 ), λa + µa0 + i (λb + µb0 )]) =
= [λx + µx 0 − i (λy + µy0 ), λa + µa0 − i (λb + µb0 )] =
= [λ( x − iy) + µ( x 0 − iy0 ), λ( a − ib) + µ( a0 − ib0 )] =
= λ[ x − iy, a − ib] + µ[ x 0 − iy0 , a0 − ib0 ] =
= λ[z, w] + µ[z0 , w0 ] =
= λ f ([z, w]) + µ f ([z0 , w0 ]).

57
58 Capitolo 7. Applicazioni lineari, prodotti scalari

Quindi f conservando le combinazioni lineari su R, è lineare.


Analogamente si ottiene:
f (i [z, w]) = f (iz, iw] =
= f (i [ x + iy), i ( a + ib)] =
= f ([−y + ix, −b + ia]) =
= [−y − ix, −b − ia].
Mentre invece
i f ([z, w] = i [z, w] = i [ x − iy, a − ib] = [y + ix, b + ia].

7.4 Di ciascuna delle seguenti applicazioni dire se sono iniettive, suriettive,


lineari o no.
i) f : N 7→ Z tale che f (n) = 5n
ii) f : R 7→ R tale che f ( x ) = x3
iii) f : Z × Z 7→ Z tale che f ([ a, b]) = a + b
iv) f : N 7→ Z × Z tale che f (n) = [n2 , n + 1]
[ i) iniettiva; ii) non lineare; iii) suriettiva ma non iniettiva; iv) non lineare ]

7.5 Sia V il sottospazio di R3 formato dai vettori che hanno la terza com-
ponente nulla, cioè V = {[ x1 , x2 , 0]| x1 , x2 ∈ R}. Siano f 1 , f 2 e f 3 tre
applicazioni V 7→ V tali che, rispettivamente:
f 1 ([ x, y, 0]) = [2x − y, x, 0],
f 2 ([ x, y, 0]) = [ x2 , 2y, 0],
f 3 ([ x, y, 0]) = [ x + 1, y, 0].

Mostrare che, delle tre, solo f 1 è lineare.


[Verifichiamo che f 1 conserva le combinazioni lineari; siano v = [ x, y, 0] e
v0 = [ x 0 , y0 , 0] due generici elementi di V, si ha:
f 1 (αv + βv0 ) = [2(αx + βx 0 ) − (αy + βy0 ), αx + βx 0 , 0] =
= [2αx − αy + 2βx 0 − βy0 , αx + βx 0 , 0] =
= [2αx − αy, αx, 0] + [2βx 0 − βx 0 , βx 0 , 0] =
= α[2x − y, x, 0] + β[2x 0 − y0 , x 0 , 0] =
= α f 1 (V ) + β f 1 ( v 0 ).
f 2 non è nè additiva nè omogenea, infatti, per esempio,
2 f 2 ([1, 0, 0]) = 2[1, 0, 0] = [2, 0, 0]
ma
f 2 (2[1, 0, 0]) = f 2 ([2, 0, 0]) = [4, 0, 0].
]
7.1. Applicazioni lineari e matrice rappresentativa 59

7.6 Sia V = Mn lo spazio vettoriale delle matrici quadrate di ordine n.


Dimostrare che se A ∈ V allora l’applicazione A 7→ tr ( A) è lineare,
dove tr ( A) indica la traccia della matrice A.

7.7 Dimostrare che se f : V 7→ W allora

i) Se dimV > dimW allora f non può essere iniettiva.


ii) Se dimV < dimW allora f non può essere suriettiva.
iii) Se dimV = dimW allora f è iniettiva se e solo se f è suriettiva.
[Ricordare la relazione dimV = dimKer f + dimIm f e che se f è lineare
allora essa è iniettiva se e solo se Ker f = {0V }]

* 7.8 Sia f : R3 7→ R3 l’applicazione lineare tale che:

f ([1, 0, 0]) = [3, 2, 1],


f ([0, 1, 0]) = [−1, 2, −3],
f ([0, 0, 1]) = [2, 4, −2],

e sia gα : R2 7→ R3 l’applicazione lineare tale che:

gα ([1, 2]) = [6, 4, 2] e gα ([2, −1]) = [α, 0, 4]

Determinare per quali valori del parametro reale α si ha Im( f ) =


Im( gα ).

[Lo spazio vettoriale Im( f ) è generato dai vettori f (e1 ) = [3, 2, 1], f (e2 ) =
[−1, 2, −3] e f (e3 ) = [2, 4, −2], dove e1 , e2 ed e3 sono i vettori della ba-
se canonica di R3 ; se essi fossero indipendenti l’immagine di f avreb-
be dimensione 3 e quindi non potrebbe coincidere con l’immagine di gα
perché dimIm( gα ) ≤ dimIm(R2 ) ∀α; ma f (e3 ) = f (e1 ) + f (e2 ) ed essen-
do f (e1 ) e f (e2 ) linearmente indipendenti, essi costituiscono una base
per l’Im( f ). Anche l’immagine di gα ha dimensione 2, infatti i vetto-
ri g1 = [6, 4, 2] e g2 = [α, 0, 4] sono indipendenti per ogni valori di α,
quindi per determinare per quali valori di α i due spazi coincidono basta
trovare per quali valori i vettori g1 e g2 sono generati da f (e1 ) e f (e2 ):
g1 = [6, 4, 2] = 2[3, 2, 1] = 2 f (e1 ) mentre
g2 è combinazione
lineare di f (e1 )
α 0 4

e f (e2 ) se e solo se il determinante 3 2 1 è uguale a zero; da cui si
−1 2 −3
ha α = 4. ]

7.9 Calcolare la dimensione di Im( f ) ∩ Im( gα ) al variare di α, dove f e gα


sono le applicazioni definite nell’esercizio 7.8
60 Capitolo 7. Applicazioni lineari, prodotti scalari

* 7.10 Sono date le applicazioni lineari f i : R3 7→ R2 tali che


f 1 ([ x1 , x2 , x3 ]) = [5x1 + 2x2 + 7x3 , x1 + x2 − x3 ];
f 2 (([ x1 , x2 , x3 ]) = [ x1 + x2 + x3 , x2 − x3 ];
f 3 ([ x1 , x2 , x3 ]) = [− x1 − x2 − x3 , x3 ].

i) Trovare la matrice rappresentativa A di ciascuna di esse rispetto


alle basi canoniche.
ii) Trovare la matrice rappresentativa A0 di ciascuna di esse rispetto
alle basi B = {v1 = [1, 1, 0], v2 = [0, 1, 1], v3 = [1, 0, 1]} e B 0 =
{ f 10 = [−1, 1], f 20 = [1, 1]} rispettivamente.

[Illustriamo la soluzione per l’applicazione f 1 : i ) Basta scrivere la matrice


che
 ha per  righe i vettori immagine tramite f 1 della base canonica: A =
5 1
2 1.
7 −1
ii ) I modo. Scriviamo le immagini dei vettori di B come combinazione
lineare dei vettori di B’: i coefficienti di tali combinazioni lineari saranno i
vettori riga della matrice richiesta:
5 9
f 1 (v1 ) = [7, 2] = − v10 + v20
2 2
9 0 9
f 1 (v2 ) = [9, 0] = − v1 + v20
2 2
f 1 (v3 ) = [12, 2] = −6v10 + 6v20 .
 
5 9
− 2 2
 
 
da cui la matrice A0 = 
− 9 9;
 2 2
 
−6 6
II modo. Ricaviamo A0 come prodotto delle tre matrici H AK −1 , dove H è
la matrice del cambiamento di base in R3 dalla base B a quella canonica, A
è la matrice del punto i ) e K è la matrice di passaggio in R2 dalla base B’ a
quella canonica ( e quindi la sua inversa è quella che ci serve, cioè quella
che trasforma la base canonica in B’). . . ]

7.11 Siano:
f 1 ([ x1 , x2 , x3 ]) = [ x1 , x2 , 0],
f 2 ([ x1 , x2 , x3 ]) = [ x1 + x2 , x1 − x2 , 0],
f 3 ([ x1 , x2 , x3 ]) = [0, 0, x1 + x2 + x3 ],
e f 4 ([ x1 , x2 , x3 ]) = [ x1 − x2 , 0, x3 − x2 ] quattro applicazioni lineari da R3
a R3 .
7.1. Applicazioni lineari e matrice rappresentativa 61

i) Trovare le matrici rappresentative di queste applicazioni rispetto


alla base {[1, 0, 1], [1, 1, 0], [0, 1, 1]}.
ii) Trovare le matrici
√rappresentative
√ √ √di queste applicazioni rispetto
alla base B = {[ 2, 2, 0], [− 2, 2, 0], [0, 0, 1]}
7.12 Sia f ([ x1 , x2 , x3 ]) = [ x1 + x2 , x2 + x3 , x3 + x1 , x1 + x2 + x3 ] un’applica-
zione lineare f : R3 7→ R4 . Trovare la matrice rappresentativa rispetto
alle basi:
{[1, 1, 0], [0, 1, 1], [1, 0, 1]}
{[1, 0, 0, 0], [0, 1, 0, 0], [0, 0, 1, 0], [0, 0, 0, 1]}.
 
2 1 1 2
[ 1 2 1 2 .]
1 1 2 2

7.13 Per ciascuna delle seguenti matrici e basi, trovare le applicazioni lineari
ad esse associate
 
2 2 2
i) A = 3 2 1 {[1, 0, 0], [0, 1, 0], [0, 0, 1]}.
1 0 −1
 
2 1 −1
ii) B = {[1, 1], [−1, −2]}
1 −1 −2
e {[1, 0, 0], [0, 1, 0], [0, 0, 1]}.
 
3 −1
iii) C = −3 1 {[1, 1, 1], [1, 1, 0], [0, 1, 1]}
1 0
e {[1, 1], [−1, −2]}.
  −1
1 1
[B) H = è la matrice di passaggio dalla base canonica alla
−1 −2
base {[1, 1], [−1, −2]}, quindi HB è la matrice di passaggio associata all’ap-
plicazione lineare richiesta rispetto alle basi canoniche (la base dello spaio
di arrivo è già quella  canonica). Basta quindi moltiplicare il vettore riga
5 1 −4
[ x, y] per HB: [ x, y] = [5x − 3y, x, −4x + 3y].
−3 0 3
C ) f ([ x, y, z]) = [3x − 7y + 8z, 4x − 9y + 10z]. ]

7.14 Sia f : R3 7→ R2 l’applicazione lineare rappresentata, rispetto alle basi


canoniche, dalla matrice  
1 1
1 2 .
0 1
Trovare la matrice che rappresenta la f rispetto alle basi
B1 {[1, 0, 0], [1, 1, 0], [1, 1, 1]} e B2 {[1, 0], [1, 1]}.
62 Capitolo 7. Applicazioni lineari, prodotti scalari

7.15 Sia f : R2 7→ R2 rappresentata, rispetto alla base canonica, dalla ma-
1 3
trice . Trovare la matrice che rappresenta la f rispetto alla base
3 5
B {[1, 3], [3, 5]}.

7.16 Siano dati i vettori di R3

~v1 = [1, 0, 1], ~v2 = [0, 1, −1], ~v3 = [0, 0, 2]

~ 1 = [3, 1, 0],
w ~ 2 = [−1, 0, 2],
w ~ 3 = [0, 2, 0].
w
Dimostrare:

i) che B = {~v1 , ~v2 , ~v3 } è una base per R3 ;


ii) che esiste un’unica applicazione lineare f : R3 7→ R3 tale che
~ i ∀i = 1 . . . 3;
f (~vi ) = w [ f ([ x, y, z]) = [3x − y, y + z, 2y]]

iii) trovare inoltre la matrice associata a f rispetto a B e rispetto



alla

3 1 0
base canonica. [  −1 0 2]
0 2 0

7.17 Si consideri, per ogni terna λ, µ, ν ∈ R e per ogni intero positivo n


l’applicazione lineare Lλ,µ,ν,n : R4 7→ R3 associata, rispetto alle basi
canoniche, alla matrice
 
λ 1 −1 ν
A =  1 −λ2n 1 −1
1 −λ 2n −µ −ν

Determinare per quali λ, µ, ν, n il nucleo di Lλ,µ,ν,n ha dimensione 2.

[ Per il teorema della dimensione, si ha:

4 = dimKer ( L) + dimIm( L) = dimKer ( L) + r ( A) (7.1)

dunque dalla (7.1) si ha dimKer ( L) = 4 − r ( A) quindi dev’essere r ( A) =


2. . . ]

 
1 2
7.18 Sia A la matrice , e sia f : M2 (R) 7→ M2 (R) l’applicazione data
2 4
da: f ( X ) = AX − XA. Calcolare il rango di f e trovare la dimensione
ed una base di Ker f , Im f .
   
a b 2c − 2b −2a − 3b + 2d
[Se X = allora f ( X ) = ; il Ker f è
c d 2a + 3c − 2d 2b − 2c
l’insieme delle matrici X tali che f ( X ) sia la matrice nulla, per cui, ugua-
gliando a zero componente pr componente, si hanno le matrici del tipo
7.1. Applicazioni lineari e matrice rappresentativa 63

 
3
d − 2 b b 
 : Ker f ha dimensione 2 ed una sua base è la coppia di matrici
b d
   
−3 2 1 0
e ; dimIm f = dimM2,2 ( R) − dimKer f = 4 − 2 = 2 ed una
2 0 0 1
   
0 −2 2 0
sua base è la coppia e .Per quanto riguarda il rango r di
2 0 3 −2
f , cioè il rango della matrice associata ad f rispetto ad una qualunque base,
si può dimostrare che esso coincide con la dimensione dell’immagine di f ,
quindi nel nostro caso r = 2. ]



1 1
7.19 Sia A la matrice , e sia f : M2 (R) 7→ M2 (R) l’applicazione data
1 0
da: f ( X ) = AX − XA. Dimostrare che f è lineare, trovare Ker f , Im f e
mostrare che M2 (R) = Ker f ⊕ Im f .
7.20 Mostrare che z 7→ αz è una trasformazione lineare di C in sè. Se z = x +
iy, qual è la matrice rappresentativa di questa trasformazione rispetto
alla base {1, i }?
7.21 Trovare se esistono le applicazioni lineari specificate in ciascuno dei
seguenti casi: se esistono fornire almeno un esempio, in caso contrario
giustificare la risposta.
i) f 1 : R4 7→ R3 tale che f 1 sia suriettiva e che il nucleo di f 1 sia
generato dal vettore [1, 0, 1, 0].
ii) f 2 : R2 7→ R2 tale che l’immagine di f 2 sia generata dal vettore
[1, 1].
iii) f 3 : R3 7→ R3 tale che f 3 sia iniettiva e che l’immagine di f 3 sia
generata dai vettori [1, 1, 1] e [−1, 2, 0].
* 7.22 Esiste un’isomorfismo (cioè un’applicazione lineare biunivoca) tra lo
spazio M3,4 delle matrici di tipo 3 × 4 e quello M6,2 delle matrici 6 × 2?
Se esiste trovare un esempio, se non esiste giustificare la risposta1 .
7.23 Sia f a P2 (t) 7→ R3 tale che ∀ p ∈ P2 (t) si ha
f a ( p) = [ p(0), p( a), p(1)].
Trovare per quali valori di a l’applicazione f a è un isomorfismo.
7.24 Sia V come nell’esercizio 4.14 a pagina 27. Dimostrare che V è isomorfo
a W, spazio vettoriale delle funzioni definite su [ a, b] rispetto alle usuali
definizioni di somma di funzioni e di prodotto di una funzione per uno
scalare.
1 Più in generale si può dimostrare che spazi vettoriali definiti su uno stesso campo e

finitamente generati sono isomorfi se e solo se hanno la stessa dimensione.


64 Capitolo 7. Applicazioni lineari, prodotti scalari

7.2 Prodotti scalari


7.25 In R3 , quali dei seguenti non sono prodotti scalari?

i) h x, yi = x1 y1 + 2x2 y2 + 3x3 y3 ;
ii) h x, yi = x1 y1 + 2x2 y2 − 3x3 y3 ;
iii) h x, yi = x1 y2 + x2 y3 + x3 y1 .

[Il secondo, perché h x, x i può essere negativo, ad esempio per x = [0, 0, 1];
il terzo, in quanto per alcuni vettori si può avere h x, x i = 0 con x 6= 0, ad
esempio ancora con x = [0, 0, 1]. ]

7.26 Delle seguenti applicazioni h·, ·i : R3 × R3 7→ R dire quali sono prodotti


scalari in V = R3

i) hv, wi = v21 + w22 + v3 w3 ;


ii) hv, wi = v1 w1 − v1 w2 − v2 w1 + 3v2 w2 + πv3 w3 ;
iii) hv, wi = v1 w2 + v2 w1 + v3 w2 + v3 w1 + v1 w3 ;
iv) hv, wi = 3v1 w1 − v1 w2 + v3 w3 ;
v) hv, wi = −v1 w1 + v1 w2 + v2 w1 − v2 w2 − v3 w3 ;
vi) hv, wi = v1 w1 − v2 w2 ;
√ √
vii) hv, wi = 400v1 w1 + 3 πv1 w3 + 3 πv3 w1 + 227v3 w3 .

[ Solo ii ); ad esempio i ) non lo è perché non è bilineare. . . ]

7.27 Mostrare che (~x + ~y)T (~x + ~y) = ~x T~x + ~y T~y se e solo se ~x T~y = 0.

* 7.28 Una matrice simmetrica reale A si dice definita positiva se e solo se


x T Ax > 0 ∀ x ∈ Rn , si dice semidefinita positiva se e solo se x T Ax ≥
0 ∀ x ∈ Rn . In modo analogo si definiscono le matrici definite e semi-
definite negative. Quali delle seguenti matrici appartengono ad una di
queste categorie?
       
3 0 1 3 1 2 −1 1
A= B= C= D= .
0 0 3 2 2 4 1 −1
[ A e C sono semidefinite positive, D è semidefinita negativa]

7.29 Tenendo conto della definizione data nell’esercizio precedente, mostrare


che se A è una qualunque matrice reale, A T A e AA T sono semidefinite
positive; e che AA T è definita positiva se e solo se è non singolare.

7.30 Dire
 per
 quali valori del parametro λ è definita positiva la matrice

1 1 x
. [ [ x, y] A = x2 + 2xy + λy2 da cui λ > 1]
1 λ y
7.2. Prodotti scalari 65

* 7.31 Sia V = P3 (t) lo spazio vettoriale dei polinomi ad una indeterminata


a coefficienti reali e di grado non maggiore di 3. Sia B = {1, t, t2 } una
Z 1
base di V. Poniamo h p, qi = p(t)q(t)dt. Mostrare che
0

i) h p, qi così definito è un prodotto scalare;


ii) la matrice che rappresenta questo prodotto scalare rispetto alla base
Bè  
1 12 31
M =  12 13 41  ;
1 1 1
3 4 5

iii) verificare che M è definita positiva.

* 7.32 Quali dei seguenti sono prodotti scalari in V = C2 ?


 
1 i
i) h~x, ~yi = ~x · · ~y;
−i 2
 
1 1
ii) h~x, ~yi = ~x · · ~y;
1 1
 
1 i
iii) h~x, ~yi = ~x · · ~y;
i 2
 
0 1
iv) h~x, ~yi = ~x · · ~y;
1 0
 
−1 1 − i
v) h~x, ~yi = ~x · · ~y;
1 + i −1
 
−1 1 + i
vi) h~x, ~yi = ~x · · ~y.
1 + i −1

* 7.33 Sia H (t) l’insieme dei polinomi a coefficienti complessi definiti sull’in-
tervallo [ a, b] dell’asse reale.
Z b
Mostrare che h f , gi = f (t) g(t)dt definisce un prodotto scalare in
a
H ( t ).

* 7.34 Sia S ∈ Mn (R) simmetrica e siano

h·, ·i : Rn × Rn 7→ R

e
hh·, ·ii : Mn (R) × Mn (R) :7→ R
rispettivamente definite da:

h x, yi = yt Sx
66 Capitolo 7. Applicazioni lineari, prodotti scalari

e
hh A, Bii = tr ( BT SA)
per ogni x, y ∈ Rn e per ogni A, B ∈ Mn (R). Dimostrare che sono
entrambi prodotti scalari e che h·, ·i è definito positivo se e solo se lo è
hh·, ·ii.

7.35 Sia V uno spazio vettoriale con norma k·k. Verificare che

kv + wk2 + kv − wk2 = 2(kvk2 + kwk2 ).

7.3 Basi ortonormali


* 7.36 Ortonormalizzare i seguenti insiemi di vettori:

i) {[1, 1, 1], [1, 2, 3], [0, 0, 1]}.


  
i i i
ii) √ , √ , √ , [0, i, 0], [0, 0, −i ] .
3 3 3
iii) {[1, 0, 0, 0], [2, 1, 1, −1], [0, 1, 1, 2], [1, 1, −1, 0]}.

[Dobbiamo ottenere, a partire dai vettori dati ~e1 , ~e2 ed ~e3 , tre vettori ~v1 ,
~v2 e ~v3 tali che h~v1 , ~v2 i = 0,h~v1 , ~v3 i = 0 e h~v3 , ~v2 i = 0. Sia ~v1 = ~e1 =
[1, 1, 1]; poniamo ~v2 = ~e2 + α~v1 Poiché ~v1 e ~v2 devono essere ortogonali,
h~v , ~e i
cioè h(~e2 + αv1 ), ~v1 i = 0 si ricava che α = − 1 2 , dunque α = −2 e
h~v1 , ~v1 i
dunque ~v2 = [−1, 0, 1]. Analogamente sia ~v3 = ~e3 + β~v1 + γ~v2 ; imponendo
1 1
l’ortogonalità di ~v3 sia a ~v1 che a ~v2 si ottiene β = − e γ = − da cui ~v3 =
  3 2
1 1 1
, − , . Naturalmente occorre ora normalizzare i tre vettori ottenuti
6 3 6 h i
~v1
con questo procedimento2 ottenendo infine ~u1 = √ = √1 , √1 , √1 , ~u2 =
h i h√ √ √ i 3 3 3 3
~v2 ~v3 6 6 6
√ = − √1 , 0, √1 e ~u3 = q = 6 , − 3 , 6 ... ]
2 2 2 1
6

7.37 Mostrare che se X = {~x1 , . . . , ~xr } è una famiglia di vettori a due a due
ortogonali nello spazio vettoriale V di dimensione n, X può essere
completato ad una base. [ Se sono ortogonali sono indipendenti, quindi. . . ]

7.38 Come l’esercizio precedente ma essendo X un insieme di vettori orto-


normali.

 V = R mostrare
n
7.39 In  che, se {~v1 , . . . , ~vn } è una base ortogonale, allora
~v1 ~vn
,..., è una base ortonormale. [ Sono tutti a norma 1.]
k~v1 k k~vn k
2 che prende il nome di procedimento di Grahm–Schmidt.
7.3. Basi ortonormali 67

7.40 Si determini una base di R3 ortonormale rispetto al prodotto scalare


standard, che sia costituita da autovettori della matrice
 
0 2 2
2 0 2 .
2 2 0
     
1 1 1
[~u1 = √1 1 , ~u2 = √1  0 , ~u3 = √1 −2 .]
3 2 6
1 −1 −1

7.41 Trovare una base ortonormale, rispetto al prodotto scalare standard, del
sottospazio V di R4 , generato dai vettori

~v1 = [1, −1, 1, −1], ~v2 = [5, 1, 1, 1] e ~v3 = [−3, −3, 1, −3].

* 7.42 Nello spazio vettoriale V = P3 (τ ) dei polinomi di grado non maggiore


di 3 nella variabile τ definiamo il prodotto scalare
Z 1
h p(τ ), q(τ )i = p(τ )q(τ )dτ.
0

Ortonormalizzare i vettori {1, τ, τ 2 } rispetto a questo prodotto scalare.

7.43 Trovare una base ortonormale rispetto a ciascuno dei prodotti scalari
trovati nell’esercizio 7.26 a pagina 64

* 7.44 In V = P1 (t) si consideri la trasformazione lineare f : V 7→ V tale che


f (αt + β) = 2αt + 3β. Trovare una base ortogonale di V rispetto alla
quale la matrice rappresentativa di f sia triangolare superiore.

* 7.45 In R3 sia definito un prodotto scalare h, i rispetto al quale i vettori


v~1 = [1, 0, 0], v~2 = [0, 2, 0] e v~3 = [0, 0, 3] formano una base ortonormale.
Dati w~ 1 = [2, 2, 0] e w~ 2 = [0, 4, 9] calcolare hw ~ 2 i.
~ 1, w

[ Essendo w ~ 1 = 2v~1 + v~2 e w


~ 2 = 2v~2 + 3v~3 , si ottiene, in forza della
bilinearità del prodotto scalare e dell’ortonormalità della base,

hw ~ 2 i = h2v~1 + v~2 , 2v~2 + 3v~3 i =


~1, w
= h2~v1 , 2~v2 i + h2~v1 , 3~v3 i + h~v2 , ~v2 i + h~v2 , 3~v3 i =
= 4 h~v1 , ~v2 i + 6 h~v1 , ~v3 i + 2 h~v2 , ~v2 i + 3 h~v2 , ~v3 i =
= 4×0+6×0+2×1+3×0 = 2

]
68 Capitolo 7. Applicazioni lineari, prodotti scalari

7.4 Quesiti
Vero o Falso
Q.7.40 Se f è un’applicazione di uno spazio vettoriale V in se stesso tale che
f ( x + y) = f ( x ) + f (y) allora, per ogni scalare α ∈ R ed ogni vettore
x ∈ V accade che f (αx ) = α f ( x ). 2 vero 2 falso
Q.7.41 Esiste una trasformazione lineare di V in V tale che se A e B sono due
matrici ad essa associate (rispetto ad opportune basi) si ha det A 6= det B.
2 vero 2 falso
Q.7.42 Un’applicazione lineare R3 7→ R2 è sempre suriettiva.
2 vero 2 falso
Q.7.43 Nello spazio vettoriale Mn delle matrici quadrate di ordine n la corri-
spondenza f definita da f ( A) = h( A + A T ), con A ∈ Mn ed h ∈ R è
un’applicazione lineare. 2 vero 2 falso
Q.7.44 Sia f : V 7→ W un’applicazione lineare, allora dimKer f = dimV − dimW.
2 vero 2 falso
Q.7.45 Nello spazio vettoriale Mn delle matrici quadrate reali di ordine n, la
corrispondenza f ( A) = h( A + A T ) dove A ∈ Mn e h ∈ R, è un’applica-
zione lineare. 2 vero 2 falso
 
1 1
Q.7.46 h x, yi = x T y è un prodotto scalare. 2 vero 2 falso
1 1
p
Q.7.47 Se k x k = h x T , x i allora k x + yk < k x k + kyk. 2 vero 2 falso
 
1 2
Q.7.48 La matrice A = è semidefinita positiva. 2 vero 2 falso
2 4
Q.7.49 Ogni insieme di vettori ortogonali è indipendente.
2 vero 2 falso
Q.7.50 Ogni insieme di vettori ortonormali è indipendente.
2 vero 2 falso
Q.7.51 Sia f : V 7→ V un’applicazione lineare. Se v1 , v2 , . . . , vn sono linearmente
indipendenti, allora lo sono anche f (v1 ), f (v2 ), . . . , f (vn ).
2 vero 2 falso

A risposta multipla
Q.7.52 Si
 consideri
 l’applicazione f : M2 (R) 7→ M2 (R) tale che f ( A) =
1 0
A; il nucleo dell’endomorfismo3 f ha dimensione a 0 b
2 0
3 Un endomorfismo è un’applicazione lineare per cui dominio e codominio coincidono.
7.4. Quesiti 69

1 c 2 d 3.

Q.7.53 Sia L l’applicazione


  lineare a cui è associata, rispetto a certe basi, la
1 h
matrice h 0. Allora a dimKerL = dimImL ∀h; b dimKerL =
0 h
dimImL per un solo valore di h; c dimKerL + dimImL = 3 per ogni
valore di h; d dimKerL + dimImL = 3 per infiniti valori di h ma non
per tutti.

Q.7.54 L’applicazione lineare F : R3 7→ R3 definita da

f ([ x, y, z]) = [hx, x − hy, y + hz]

è a iniettiva per infiniti ma non tutti i valori di h; b suriettiva per


infiniti ma non tutti i valori di h; c iniettiva per ogni h; d suriettiva
per ogni h.
 
2 −i
Q.7.55 La matrice H = è: a definita positiva; b definita ne-
i 1
gativa; c semidefinita positiva ma non definita; d nessuna delle
risposte precedenti.

Q.7.56 Definiamo il prodotto h x, yi = x ∗ Hy (dove x ∗ indica il coniugato traspo-


sto del vettore x ∈ C2 ). Quale delle seguenti
 matrici,
  ad H,
sostituita
 
1 i 1 1 1 i
fornisce un prodotto scalare? a ; b ; c ;
−i 2 1 1 i 2
 
0 1
d .
1 0

Q.7.57 Quale dei seguenti insiemi di vettori è ortogonale?


a {[i, i ], [−i, −i ]}; b {[1, 1], [−1, 0]};
c {[i, i ], [−i, i ]}; d {[1, 0], [1, 0]}.

Q.7.58 Se i vettori della famiglia {[1, 1], [1, −1]} vengono ortonormalizzati, si
ottengono i vettori:
√ √ √ √
a {[ 2, 2], [ 2, − 2]}; b {[1, 0], [0, 1]};
nh √ √ i h √ √ io
2 2 2 2
c {[1, 1], [1, −1]}; d 2 , 2 , 2 , − 2 .
Capitolo 8

Autovalori ed autovettori

La ricerca degli autovalori di una matrice quadrata deve ovviamente ritenersi ambien-
tata, salvo esplicito avviso contrario, nel campo complesso C.

* 8.1 Si consideri la matrice


 
h 1 0
A = 1 − h 0 2 
1 1 h

Determinare h in modo che essa ammetta un autovalore uguale a 1: in


corrispondenza di tale valore del parametro, trovare gli altri autovalori.

[ Il polinomio caratteristico di A è:

λ − h −1 0

ϕ(λ) = h − 1 λ −2 = λ3 − 2hλ2 + (h2 + h − 3)λ − h2 + 3h − 2;
−1 −1 λ − h

dovrà essere ϕ(1) = 0 quindi 1 − 2h + h2 + h − 3 − h2 + 3h − 2 = 0, da cui


h = 2; sarà allora ϕ A (λ) = λ3 − 4λ2 + 3λ = λ(λ2 − 4λ + 3) che si annulla,
oltre che per λ1 = 1, anche per λ2 = 0 e λ3 = 3. ]

8.2 Sia A una qualsiasi matrice quadrata. Dimostrare che A e A T hanno gli
stessi autovalori ma non necessariamente gli stessi autovettori.

[A ed A T hanno lo stesso polinomio caratteristico, infatti det(λI − A) =


det(λI − A) T = det(λIT − A T ) = det(λI − A T )]

71
72 Capitolo 8. Autovalori ed autovettori

8.3 Trovare autovalori ed autovettori delle seguenti matrici:

  
  1 1 1 0 −2 1
2 7
A= ; B = 0 1 0 ; C =  2 −5 2 ;
7 24
1 1 1 −1 2 −2
     
1 −2 −4 −11 −24 −18 1 0 0
D = 0 0 −2 ; E= 8 17 12 ; F = 0 1 1 ;
0 1 3 −2 −4 −2 0 0 1
   
1 0 0 1 4 0 −2 0  
0 2 1 1
4 −2 0 
 ; H = 0 2 0 5
G= 0  
 ; K = 0 2 1 .
3 −1 0 3 0 −1 0
0 0 2
0 0 0 1 0 −1 0 −2

 
λ−1 −1 −1
[Per la matrice B: la matrice λI − B è  0 λ−1 0  quindi il suo
−1 −1 λ− 1
λ − 1 −1
polinomio caratteristico è ϕ(λ) = det(λI − B) = (λ − 1) =
−1 λ − 1
(λ − 1)(λ2 − 2λ) = λ(λ − 1)(λ − 2) dunque gli autovalori  sono 0,1e 2. Tro-
1 1 1 x
viamo gli autovettori associati ad essi: per λ = 0 si ha 0 1 0  y  = 0
1 1 1 z


 x + y + z = 0
da cui il sistema omogeneo y = 0 che ammette come autoso-


x+y+z = 0
    
k 0 −1 −1 x
luzione { x = k, y = 0, z = −k } e quindi  0; per λ = 1  0 0 0  y  =
−k −1 −1 0 z
(  
−y − z = 0 k
0 e quindi il sistema da cui l’autovettore −k; infine per
−x − y = 0 k
   
1 −1 −1 x 
 x − y − z =0
λ = 2 si ha  0 1 0   
y = 0 cioè y = 0 e quindi


−1 −1 1 z −x − y + z = 0
 
k
0. . .
k
Per la matrice C si vede che gli autovalori sono: {−5, −1, −1}: perλ = −5
−1
si ha (5I − C ) x = 0 da cuix = −k, y = −2k, z = k e quindi −2 è
1
l’autovettore associato. Per quanto riguarda l’autovalore λ = −1 si ha
l’unica equazione x − 2y + z = 0 da cui x =  − k, 
 2h y = h, z = k e quindi si
2 −1
ottengono i due autovettori indipendenti 1  0. Per quanto riguarda
0 1
73

le altre matrici le soluzioni sono:


√  √     
√ 170 − 11 − 170 − 11 1 0 −2
A{13 ± 170}  7

7
; D {1, 1, 2} 0 −2 −1 ;
1 1 0 1 1
   3     
−2 − 6 1 0
 
E{1, 1, 2}  1  20 −4 ; F {1, 1, 1} 0 1 ;
0 1 1 0 0
  0   2     
1 0 1 0 0
0  2  3   
  1   0  − i − 2  
  i − 2 ;
  
G {1, 1, 1, 2}    3    ; H {1, 2, i, −i }  0  
0  1  1 1  1   0   0 
0 0 0 0 0 1 1
 
1
K {2, 2, 2} 0 .
0
]

8.4 Per ciascuna delle seguenti matrici trovare gli autovalori, gli autovettori
associati, ed una base per gli autospazi associati.
   
1 1 0 1 0 0
A = 0 1 0 ; B = 0 1 0 ;
0 0 2 0 0 2
   
0 2 −1 −1 3 0
C = 0 2 −1 ; D =  3 −1 0 ;
0 1 0 −2 −2 6
 
6 −4 −1
E = 6 −4 −1 ;
0 0 1
(  
−y = 0 k
[Matrice A autovalori {1, 1, 2} per λ = 1 da cui 0, per λ = 2
−z = 0 0
(  
x−y = 0 0
da cui 0 quindi si hanno due autovettori indipendenti
y=0 h
[1, 0, 0] e [0, 0, 1] e l’autospazio ha 
dimensione 2; matrice B autovalori
x =k

{1, 1, 2} per λ = 1 si ha il sistema y = h e quindi due autovettori in-


z=0

x = 0

dipendenti: [1, 0, 0] e [0, 1, 0]; per λ = 2 si ha y = 0 e quindi l’autovettore


z=l
[0, 0, 1] dunque l’autospazio ha dimensione 3. . . ]
74 Capitolo 8. Autovalori ed autovettori

8.5 Sia  
1 1 2
A = 1 2 1 .
2 1 1
Mostrare che 4 è un autovalore di A, trovare gli altri autovalori e gli
autovettori associati.
3 2
 èλ − 4λ
[Il polinomio caratteristico  −λ + 4, autovalori {1, −1, 4}, auto-
1 −1 1
vettori rispettivamente −2  0 1.]
1 1 1

8.6 Sia A quadrata di ordine 2, simile ad A3 . Calcolare det A sapendo che


gli autovalori di A sono entrambi negativi.

[ Da A = P−1 A3 P si ha det A = det( A3 ) quindi det A = 0, ±1; siccome


entrambi gli autovalori sono negativi, det A > 0 dunque. . . ]

8.7 Mostrare che (λ − 2)2 è un divisore del polinomio caratteristico della


matrice  
−8 −10 7 −9
 0 2 0 0 
A=  −9 −9
.
8 −9 
1 1 −1 2
Trovare gli autovalori e gli autovettori associati di A.

[Il polinomio caratteristico è λ4 − 4λ3 +3λ2 +


 4λ−4 =   λ − 1)(λ −
(λ+ 1)(
1 −1 −1 −3
0  0  1  0
2)2 autovalori {−1, 1, 2, 2} autovettori     
1  0  0  −3]
0 1 0 1

* 8.8 Se A T x = λx allora x T A = λx T ; x T è chiamato autovettore riga di A


associato a λ.
i) Trovare gli autovalori e gli autovettori riga e colonna della matrice
 
i 1+i
A= .
0 1−1

ii) Se A è quadrata di ordine n, x è un autovettore colonna associato


a λ e y T è un autovettore riga associato a µ 6= λ, mostrare che1
y T x = 0.
1 Questa relazione equivale a dire, come abbiamo visto, che x e y sono ortogonali.
75

8.9 Dare un esempio di una matrice 2 × 2 ad elementi reali, i cui autovalori


 
0 −3
non siano reali. [
4 2
.]

8.10 Gli elementi di una matrice quadrata A di ordine 2 sono interi naturali.
Determinare A sapendo che det A = 3 e tr ( A) = 5.
 
1+i 2 1−i
8.11 Sia A = 3 − i −1 + i i . Calcolare λ1 + λ2 + λ3 , λ1 λ2 + λ1 λ3 +
4 7 + i 2 − 5i
λ2 λ3 e λ1 λ2 λ3 senza calcolare il polinomio caratteristico di A. Trovare
poi i tre autovalori e confrontare i risultati.

[Tenere conto delle relazioni tra gli autovalori di A, i coefficienti del polino-
mio caratteristico ed i minori principali di A. . . ]

8.12 Mostrare che se A è una matrice quadrata reale di ordine n con n dispari,
allora A ha almeno un autovalore reale.
[Ricordare il Teorema Fondamentale dell’Algebra e le sue conseguenze. . . ]

8.13 Come conseguenza di quanto mostrato nell’esercizio 8.12 fornire un


esempio di una matrice quadrata reale di ordine 3 che abbia

un solo

1 0 0
autovalore reale. [ Ad esempio la matrice 2 0 −3]
3 4 2

8.14 Sia A ∈ Mn (R) e sia ϕ A (λ) il suo polinomio caratteristico. Mostrare che
se A è emisimmetrica allora

ϕ A (λ) = (−1)n ϕ A (−λ)

e dedurre da ciò il noto risultato che se n è dispari, A è singolare.

[Basta ricordare che A è emisimmetrica se A = − A T quindi λI − A =


λI + A T e che det(− A) = (−1)n det A. . . ]

8.15 Sia f : P3 ( x ) 7→ P3 ( x ) tale che f ( p) = xp0 ( x ) dove p0 ( x ) è la derivata


di p( x ). Trovare autovalori ed autovettori della matrice associata ad f
rispetto alla base canonica {1, x, x2 , x3 }

8.16 Per quali valori del parametro h la matrice


 
−1 2 − h
A =  −1 2 −1 
0 0 1−h
76 Capitolo 8. Autovalori ed autovettori

 
2
ammette l’autovettore 1?

1

 −2 + 2 · 1 − h · 1 = 2λ

[Dalla definizione si ha, nel caso in esame, −2 + 2 · 1 − 1 = λ . . . h = 2]


(1 − h ) · 1 = λ


a 4 0
* 8.17 Si considerino la matrice A =  b 0 b  ed il polinomio
0 4 c

ϕ(λ) = λ3 − 3λ2 + 2λ + h. (8.1)

Determinare a, b, c ed h in modo che A abbia rango < 3 ed ammetta la


(8.1) come polinomio caratteristico.

[Siccome A è singolare ed il determinante di una matrice coincide con il


termine noto del suo polinomio caratteristico, si ha det A = −4b( a + c) =
h = 0 ne segue che h = 0 oppure a + c = 0. Ricordando le relazioni tra gli
elementi di A ed i coefficienti del polinomio caratteristico, si ha tr ( A) =

a 0 a 4 0 b
a+c = 3

a + c = −(−3) = 3 e + + = 2. . . b=0 ⇒
0 c b 0 4 c 

ac = 2
[ a, b, c] = [1, 0, 2] ∨ [2, 0, 1].]

 
1 0 1
8.18 Si consideri la matrice A = 0 0 2. Determinare per quali valori
1 0 k
reali di k A ammette un autovalore λ = 0 di molteplicità algebrica 2.
In corrispondenza di questi valori determinare l’altro autovalore e gli
autovettori di A.
 
[Il polinomio caratteristico è λ λ2 − (1 + k)λ + k − 1 che ammette la radi-
ce λ = 0 doppia se k = 1. . . ]

8.19 Determinare per quali valori del parametro k la matrice


 
0 k 1
2k − 1 k − 1 k 
1 3k − 2 0
 
1
ammette come autovettore il vettore #»
x =  1 [k = 1]
−2
77

8.20 Sia A quadrata di ordine 2. Determinarne gli autovalori sapendo che è


det( I − A) = 4 e det(4I − A) = 1.

[ Il polinomio caratteristico è ϕ(λ) = det(λI − A) = λ2 + aλ + b; le


relazioni date ci dicono che ϕ(1) = 4 e ϕ(4) = 1 di conseguenza. . . ]

8.21 Data la matrice  


0 1 a
A = b c d
e f g
Determinare A in modo che sia emisimmetrica ed ammetta l’equazione
caratteristica
λ3 + 2aλ + d = 0

[c = g = 0, b=-1; d = f = 0, a = −e = 1]
 
a 4 0
8.22 Si considerino la matrice A =  b 0 b  e l’equazione λ3 − 3λ2 + 2λ +
0 4 c
h = 0. Determinare i valori di a, b, c ed h in modo che A abbia rango
minore di 3 ed ammetta la precedente come equazione caratteristica.
[| A| = 0 ⇒ h = 0; λ = 0, 1, 2 ⇒ a = 1, b = 0, c = 2; a = 2, b = 0, c = 1.]

8.23 Sia A una matrice quadrata di ordine 2 non nulla e singolare tale che
A2 + A = 0; determinare gli autovalori di A.
[ | A| = | I + A| = 0 : λ = 0, 1]

8.24 Verificare che non esistono matrici non nulle che siano contemporanea-
mente idempotenti ed emisimmetriche.

[ Se A è idempotente allora A2 − A = 0 quindi gli autovalori di A posssono


essere solo 0 o 1. Poiché la traccia di una matrice emisimmetrica è nulla
ne segue che gli autovalori devono essere tutti nulli, ma da A( A − I ) = 0
segue che o A = 0 oppure gli autovalori non sono uguali. ]



2 1
8.25 Si consideri la matrice B = ; determinare, al variare di h le matrici
h h
A che hanno gli autovalori non nulli e soddisfano la relazione"A = A2#B.
1 − 1h
[Dev’essere det A 6= 0 quindi h 6= 0: A = B−1 = ]
2
−1 h
78 Capitolo 8. Autovalori ed autovettori

8.26 Trovare tutte le matrici quadrate


  del terz’ordine emisimmetriche che
−3
ammettono l’autovettore  0 associato all’autovalore 0.
1
 
0 1 0
[α −1 0 −3 (con α 6= 0)]
0 3 0
 
2 k−1
8.27 Determinare gli autovettori della matrice al variare del para-
k 1
    1− k 
α β k β con α, β 6 = 0]
metro k. [λ = k + 1, 2 − k; per k = 0 :
α 0
per k 6= 0 :
β

8.28 Determinare gli autovettori della matrice


 
1 −1 1
 0 2 1
−2 0 0
  1+ √3   1− √3 

√ t h k
 2   2 
[autovalori 1, 1 ± 3,  2t  ,  1√ h ,  √ 1 k]
1− 3 3−3
−2t −h k

* 8.29 Trovare
  tutte le matrici quadrate singolari che ammettono l’autovettore
1
.
1
 
a b
[ Se indichiamo con A = la matrice e con λ l’autovalore a cui
c d
l’autovettore è associato, la relazione
 
1
(λI − A) =0
1
ci dice che deve esistere un valore di λ per cui è risolubile il sistema
(
λ−a−b = 0
,
−c + λ − d = 0

cioè dev’essere a + b = c + d. Ma poiché la matrice cercata dev’essere


 
a b
anche singolare, si ha inoltre ad = bc. Da qui otteniamo le matrici e
a b
 
−b b
.]
c −c

 
2 k−1
8.30 Determinare gli autovettori della matrice A = al variare del
k 1
parametro k ∈ R.     
α β 1− k
[λ = k + 1, 2 − k; k=0: ; k 6= 0 : k β con (α, β 6= 0)]
α 0 β
8.1. Quesiti 79

8.31 Siano A e B due matrici quadrate dello stesso ordine, ciascuna delle
quali ammette l’autovettore x associato all’autovalore λ. Mostrare che
la matrice A + B ammette l’autovalore 2λ.
[Ax = λx, Bx = λx =⇒ ( A + B) x . . . ]

* 8.32 Determinare tre autovettori linearmente indipendenti della matrice


 
1 1 1
A = 1 1 1 .
1 1 1

[ Il polinomio caratteristico di A è ϕ(λ) = −λ2 (λ − 3) e quindi gli autova-


lori sonoλ1 = λ2 = 0 e λ3 = 3. Per λ = 0 otteniamo gli
 autovettori dal
 −x − y − z = 0
 x = α

sistema − x − y − z = 0 che ammette l’autosoluzione y = β con

 

−x − y − z = 0 z = −α − β
α2 + β2 6= 0. Da qui si ricava, ponendo rispettivamente α = 1, β = 0
e α = 0β = 1, che due autovettori indipendenti sono, per esempio,
1 0
 0 e  1: In corrispondenza dell’autovalore λ3 = 3 si ha il siste-
−1 −1
 

 2x −y−z = 0 x = γ

ma − x + 2y − z = 0 che ammette l’autosoluzione y = γ e quindi un

 

− x − y − 2z = 0 z=γ
 
1
autovettore, indipendente dai precedenti, può essere, per esempio 1. ]
1

8.1 Quesiti
Vero o Falso
Q.8.59 Esiste una matrice che ammette  come   −
autovalori
  1, 1, 0 e come autovet-
−3 0 2
tori rispettivamente associati  0 , 1 e  0
6 1 −4
2 vero 2 falso
Q.8.60 Siano A e B due matrici quadrate dello stesso ordine, ciascuna delle quali
ammette l’autovettore x associato all’autovalore λ. Allora la matrice
A + B ammette l’autovalore 2λ 2 vero 2 falso
Q.8.61 Esistono matrici ad elementi reali che ammettono come polinomio carat-
teristico il polinomio ϕ(λ) = λ3 − λ 2 vero 2 falso
Q.8.62 Sia A una matrice invertibile, allora A e A−1 hanno gli stessi autovettori.
2 vero 2 falso
80 Capitolo 8. Autovalori ed autovettori

Q.8.63 Se x è autovettore di A associato a λ e y è autovettore di A associato a µ


allora x + y è autovettore di A associato a λ + µ. 2 vero 2 falso

Q.8.64 Ogni matrice quadrata è individuata dai suoi autovalori e dai corrispon-
denti autovettori. 2 vero 2 falso

Q.8.65 Siano A e B due matrici quadrate non singolari dello stesso ordine tali
che AB = 2A + B. Allora B non puøammettere l’autovalore λ = 2 ed A
non può ammettere l’autovalore λ = 1. 2 vero 2 falso

Q.8.66 Sia A quadrata singolare di ordine 2 con traccia non nulla. Allora A
ammette due autovettori indipendenti. 2 vero 2 falso

Q.8.67 Siano A e B due matrici quadrate dello stesso ordine, ciascuna delle
quali ammette l’autovettore x0 associato all’autovalore λo . Allora la
matrice A + B ammette l’autovalore 2λ0 . 2 vero 2 falso

Q.8.68 Se A è invertibile, allora A non ammette alcun autovalore nullo.


2 vero 2 falso

Q.8.69 Se il polinomio caratteristico di A ha termine noto nullo, allora A è


invertibile 2 vero 2 falso

Q.8.70 Se λ è un autovalore di A, allora la molteplicità algebrica di λ è uguale


alla sua molteplicità geometrica. 2 vero 2 falso
 
−1
Q.8.71 Il vettore colonna v =  0 è un autovettore della matrice
1
 
1 −1 0
A =  −1 2 −1 ?
0 −1 1

2 vero 2 falso

Q.8.72 Siano x1 , x2 , . . . , x p autovettori di una matrice A associati,rispettivamen-


te, agli autovalori distinti λ1 , λ2 , . . . , λ p allora l’insieme x1 , x2 , . . . , x p
è un insieme indipendente. 2 vero 2 falso

Q.8.73 Se A è quadrata di ordine 2, allora il polinomio caratteristico di A è


ϕ(λ) = λ2 − tr ( A)λ + det A. 2 vero 2 falso

Q.8.74 Il determinante di una matrice è zero se e solo se uno dei suoi autovalori
è nullo. 2 vero 2 falso

Q.8.75 Se λ è autovalore di A allora la molteplicità geometrica di λ è uguale al


rango della matrice λI − A. 2 vero 2 falso
8.1. Quesiti 81

Q.8.76 Sia f : R2 7→ R2 l’applicazione lineare definita da f ( x, y) = [3x, −3y].


Allora tutti gli autovalori della matrice associata ad f sono reali.
2 vero 2 falso
 
h 1
Q.8.77 La matrice (h ∈ R) ammette due autovettori indipendenti solo
1 h
per h 6= ±1. 2 vero 2 falso

Q.8.78 Sia A una matrice quadrata singolare di ordine 2 a traccia non nulla.
Allora A ammette due autovettori indipendenti. 2 vero 2 falso

Q.8.79 Siano A e B due matrici quadrate dello stesso ordine ciascuna delle quali
ammette l’autovalore λ associato all’autovettore #»x . Allora la matrice
A + B ammette l’autovalore 2λ associato allo stesso autovettore #»x.
2 vero 2 falso

A risposta multipla

Q.8.80 Siano A e B due matrici quadrate reali di ordine n. Allora è vero che:
a A e B hanno gli stessi autovalori; b A e B hanno gli stessi autovet-
tori; c Valgono le due proprietà precedenti; d Non vale nessuna
delle proprietà precedenti.

Q.8.81 Sia λ un autovalore di una matrice non singolare A. Allora: a


r (λI − A) < r ( A); b r (λI − A) = r ( A); c r (λI − A) > r ( A); d
Nessuna delle risposte precedenti.

Q.8.82 Sia  
1 0 0 0 0
0 1 0 0 0
 
A=
0 0 1 1 0
0 0 0 1 0
0 0 0 0 2

Allora la molteplicità algebrica dell’autovalore 1 è: a 4; b 3; c


2; d 1.

Q.8.83 Sia A come nel quesito Q.8.8.82. Allora la molteplicità geometrica


dell’autovalore 1 è: a 4; b 3; c 2 d 1.

Q.8.84 Sia A = [ aij ] e sia {1, 1, 2, 2, 0} l’insieme dei suoi autovalori, allora la
somma a11 + a22 + a33 + a44 + a55 è: a 3; b −3; c 6; d −6.

Q.8.85 Se l’insieme degli autovalori di A è {1, −2, 0} allora il suo polinomio


caratteristico ϕ(λ) è: a λ3 + λ2 − 2λ; b λ3 − λ2 − 2λ; c − λ3 −
λ2 + 2λ; d −λ3 − λ2 − 2λ.
82 Capitolo 8. Autovalori ed autovettori

Q.8.86 Se A è simile alla matrice diag(1, 2, −1), allora l’insieme degli autovalori
di A è: a {1, 2, −1}; b {1, 12 , −1}; c {1, −2, −1}; d {1, − 12 , −1}.
 
1 2 3
Q.8.87 Se A = 3 0 3 , quale dei seguenti non è un autovalore di A? a
0 0 6
6; b 3; c −2; d 2.

Q.8.88 Sia A quadrata di ordine n ≥ 3 e rango 1, allora A a ha tutti gli au-


tovalori distinti; b ha n autovalori uguali a 1; c ha solo l’autovalore
nullo; d ha solo gli autovalori λ1 = 0 e λ2 = tr ( A)
 
1
Q.8.89 Per quanti valori reali del parametro k il vettore è autovettore del-
k
 
0 k
la matrice ? a nessuno; b tutti; c almeno due; d
2 −1
esattamente uno.
Capitolo 9

Diagonalizzazione, matrici
ortogonali
 
2 1 1
9.1 Determinare se la matrice A = 0 2 0 è o no diagonalizzabile, e, se
1 0 2
lo è, trovare una matrice P tale che P−1 AP sia una matrice diagonale.

[Gli autovalori sono {1, 2, 3} quindi è diagonalizzabile. La matrice P è


formata da tre autovettori indipendenti di A. . . ]

 
1 2 0
9.2 Sia M la matrice 2 −2 0. Trovare, se esiste, una matrice non
−1 0 1
− 1
singolare P tale che P MP sia una matrice diagonale.  
0 2 4
[ Ad esempio P = 0 1 −8 .]
1 −2 1

9.3 Si considerino le matrici


   
−13 6 4 1 1 1
A = −36 17 8  P = 2 1 2 e ∆ = diag(3, 5, 7).
−28 10 11 1 3 2

Mostrare che ∆ = P−1 AP. Quali sono gli autovalori e gli autovettori di
A? e quelli di ∆?

[Autovalori di A e di ∆ {3, 5, 7}, A è diagonalizzabile


   . . .
gli autovettori
  di
1 0 0
A sono le colonne di P, gli autovettori di ∆ sono 0, 1 e 0.]
0 0 1

83
84 Capitolo 9. Diagonalizzazione, matrici ortogonali

9.4 Sia data la matrice  


2 0 1
A = 0 3 0 .
1 0 2
Verificare che A è diagonalizzabile e determinare una matrice invertibile
P e una matrice diagonale ∆ tali che

AP = P∆.

[Gli autovalori {3, 3, 1} sono regolari: 1 perché semplice, 3 perché la sua


molteplicità
 algebrica
 coincide  geometrica, cioè con n − r (λI −
 con quella
−1 0 1 3 0 0
A ); P =  0 1 0 ∆ = 0 3 0]
1 0 1 0 0 1

9.5 Determinare se sono diagonalizzabili in R o in C le matrici dell’eserci-


zio 8.3 a pagina 72. [ Sono tutte diagonalizzabili, tranne F, G e K.]

9.6 Per ciascuno dei valori trovati nell’esercizio 8.16 a pagina 75 dire se la
matrice A è o no diagonalizzabile. [ Sì]
 
  3 0 0
1 0
9.7 Le matrici A = e B = −2 1 0 sono diagonalizzabili?
1 1
1 2 2
[ A no, B si]

9.8 Determinare gli eventuali valori del parametro p per i quali è diagona-
lizzabile la matrice  
1 1 p
A = 1 0 1  .
0 0 2

[Cominciamo a vedere se esistono valori del parametro p per cui gli autova-
lori sono tre distinti. Il polinomio
( caratteristico (λ − 2)[λ(λ − 1) − 1]
di A è )
√ √
−1 − 5 −1 + 5
e quindi gli autovalori sono 2, , ; essendo distinti A
2 2
è diagonalizzabile qualunque sia p.]

* 9.9 Determinare per quali valori del parametro è diagonalizzabile la matrice


 
1 0 0
A = t 0 0 .
1 −2t 1
85

[Gli autovalori sono 1 con moltepicità 2 e 0 semplice, quindi regolare. Dob-


biamo vedere per quali valori di t è regolare
 l’autovalore 1. Consideriamo
0 0 0
la matrice B = 1 · I − A =  −t 1 0; l’autovalore 1 è regolare se
−1 2t 0
r ( B) = 1. È facile osservare che l’unico minore del secondo ordine che
−t 1
potrebbe essere diverso da 0 è = −2t2 + 1 che si annulla per
−1 2t
1 1
t = ± √ . Quindi A è diagonalizzabile solo per t = ± √ .]
2 2

9.10 Determinare i valori dei parametri h e k per i quali è diagonalizzabile la


matrice  
1 0 k−1
A = 0 1 0 .
0 h 2

[Il polinomio caratteristico è (λ − 1)2 (λ − 2) e dunque gli autovalori sono 1


doppio
 e 2 semplice.
 Studiamo la regolarità dell’autovalore 1. B = I − A =
0 0 1−k
0 1 − k
0 0 0  che ha rango 2 se e solo se 6= 0 da cui si
−h −1
0 −h −1
ricava che la matrice è diagonalizzabile se e solo se h(1 − k) = 0 cioè per
h = 0 oppure per k = 1.]

9.11 Stabilire per quali valori reali dei parametri h e k è diagonalizzabile la


matrice  
k h2 k
A = 0 k 2 0 .
k h k

[Il polinomio caratteristico è λ(λ − k2 )(λ − 2k) dunque gli autovalori sono
0, k2 e 2k che sono distinti se k 6= 0 o k 6= 2. Per questi
 valori la
 matrice è
0 h2 0
diagonalizzabile ∀h. Ponendo k = 0 si ottiene A = 0 0 0; si hanno
0 h 0
tre autovalori coincidenti
 e la
 matrice è diagonalizzabile solo se h = 0. Per
2 h2 2
k = 2 si ha A = 0 4 0 gli autovalori sono 0 semplice e 4 doppio. La
2 h 2
matrice 4I − A ha rango 1 se h = 0 oppure se h = −1.]

 
1 2
9.12 Sia A = per quali valori di α A non è diagonalizzabile?
α 1
[ α = 0]
86 Capitolo 9. Diagonalizzazione, matrici ortogonali

9.13 Esiste
 un valore di β per cui non è diagonalizzabile la matrice B =
3 3 1
? [β = − ]
β 1 3

9.14 Se P−1 AP = ∆ e A2 = 0, dimostrare che A = 0.

9.15 Sia A una matrice diagonalizzabile non singolare e siano λ1 , . . . , λn i


suoi autovalori; calcolare gli autovalori di A−1 in funzione dei λi .

[A−1 è diagonalizzabile e simile a ∆−1 . . . gli autovalori di A−1 sono quelli


di ∆−1 cioè 1 1 1
λ1 , λ2 , . . . , λ n ]

9.16 Sia A ∈ M2 (R). Dimostrare che se det A < 0 allora A è diagonalizzabile.


Trovare una matrice reale quadrata di ordine due singolare –diversa
dalla matrice nulla– e non diagonalizzabile.

[Ricordando che il polinomio caratteristico è λ2 − tr ( A)λ + det A si vede


subito che se det A < 0 l’equazione
  caratteristicha ha due radici reali
0 0
distinte; ad esempio la matrice ]
1 0

9.17 Mostrare che ogni matrice nilpotente1 diversa dalla matrice nulla non è
diagonalizzabile.

* 9.18 Sia f α : P3 ( x ) 7→ P3 ( x ) tale che f α ( p( x )) = xp0 ( x − α) dove p0 ( x ) è la


derivata di p( x ). Determinare per quali valori di α ∈ R –se esistono– la
matrice associata a f α è diagonalizzabile.

[La matrice associata all’applicazione è


 
0 0 0 0
0 1 0 0
A= 0 −2α

2 0
0 3α2 −6α 3

i suoi autovalori sono {0, 1, 2, 3} quindi essa è certamente diagonalizzabile


∀α.]

9.19 Siano A una matrice quadrata di ordine 2 singolare e b un opportuno


vettore colonna. Dimostrare che se Ab = b allora A è idempotente.

[A è singolare, quindi ha un autovalore nullo, inoltre la relazione Ab = b


implica che l’altro autovalore è uguale a 1]
1 Ricordiamo che una matrice A si dice nilpotente se esiste un numero k tale che Ak = 0.
87

9.20 Mostrare che è ortogonale la matrice

 
cos ϑ − sin ϑ
A= .
sin ϑ cos ϑ

9.21 Mostrare che ogni matrice ortogonale di ordine 2 con determinante


uguale ad 1 è della forma della matrice A dell’esercizio 9.20 per un
opportuno valore di ϑ.

9.22 Tra le seguenti matrici individuare quelle che sono ortogonali:

 √     
1 2 3 4 3 4
 √2 −  
A=
2
√  B =  45 25  
C =  45 5
 1 2  3 3 ;
√ − −
2 2 5 25 5 5
 √   1 
1 1 2 1  
 √3 √  
√ 1
 1

 1
6 √2   13 1
2
 1 1
2
D= 1 2; E =  √ − 1

=
 1
√ √    F  1 − 1 ;
 3 6 2   3 2   
 1   1  2
2 √ −1 0 1 0 1
√ −√ 0
3 6 3

[ Basta verificare che le colonne siano a due a due ortogonali e normalizzate...]

9.23 La matrice:
 √ √ 
1 3 1 2
 √ 
2 √6 6 2 

 
1 3 1 2
 √ − 
 2 
G = 2 √6 6 
1 3 2 
 −√ 0 
2 6√ 6 
 
1 3 
−3 0 0
2 6

è ortogonale?

9.24 Tra le seguenti matrici trovare, se esiste, una base ortonormale di R3 che
88 Capitolo 9. Diagonalizzazione, matrici ortogonali

le diagonalizzi
     
1 2 −1 1 0 −3 2 0 4
A=  2 0 
0 ; B=  0 0 
0 ; C= 0  2 2 ;
−1 0 −1 −3 0 9 4 2 0
   
2 2 −4 −110 −450 282
1 
D =  2 1 −3 ; E= −450 227 288 ;
529
−2 1 1 282 288 941
     
1 −1 1 1 0 −2 0 2 0
F =  −1 0 1 ; G =  0 0 0 ; H = 2 0 1 .
1 1 1 −2 0 4 0 1 0

[Se la matrice è diagonalizzabile, basta ortonormalizzare gli autovettori


indipendenti. . . ]

9.25 Trovare per quali valori del parametro, se esistono, ciascuna delle se-
guenti matrici è diagonalizzabile e se esistono valori per cui è ortogonal-
mente diagonalizzabile
   
1 0 0 1 1 0
A = 0 0 a ; B = 1 h k ;
0 b 0 0 −1 1
   
λ 0 0 1 0 1
C = µ 1 1 ; D = 0 t 0 ;
0 1 1 s 0 1
 
k+1 2 k−1
E= 0 k 0 .
k k −1

[Basta ricordare che una matrice reale è ortogonalmente diagonalizzabile se


e solo se è simmetrica. . . l’unica che non è ortogonalmente diagonalizzabile
per nessun valore del parametro è la E]

9.26 Si considerino le matrici


   
0 h 0 0 0 0
A =  k 0 0 e B = 0 −1 0 .
0 0 0 0 0 1

Determinare h e k in modo che esista una matrice ortogonale U tale che


AU = UB. [ h = k = 1]
89

9.27 Mostrare che la matrice


√ √ 
2 2
 0
 √2 √
2 
U=
 2 2 
 2 − 0
2
0 0 1

è unitaria (Si chiama unitaria una matrice complessa tale che U ∗ U = I,


dove U ∗ è la coniugata trasposta di U).
   
3
x1 5 − 46 x1
 x2 
* 9.28 Trovare un vettore x =  x2  in modo che la matrice U =  45 √36 
x3 11
0 6 x3
sia unitaria.

* 9.29 Data la matrice non singolare


 
1 i 1−i
A = 1 i 0 
1 0 0

trovare una matrice unitaria U tale che AU sia triangolare superiore.

9.30 Dimostrare che il prodotto di due matrici unitarie è una matrice unitaria.

9.31 Se D = diag(d1 , . . . , dn ) è una matrice diagonale, dimostrare che essa è


unitaria se e solo se |d j | = 1 ∀ j = 1 . . . n.

* 9.32 Sia V lo spazio vettoriale euclideo dei polinomi in una indeterminata di


grado ≤ n. In V definiamo il seguente prodotto scalare:
Z +1
h p( x ), q( x )i = p( x )q( x )dx
−1

dimostrare che i seguenti polinomi2 formano una base ortogonale per


V.

1 dk
p0 ( x ) = 1, pk ( x ) = · [( x2 − 1)k ] (k = 1, 2, . . . , n).
2k k! dx k

9.33 Sono dati i vettori u = [α, 1, 0] T , v = [γ, 1, 1] T e w = [α, β, 0] T dipen-


denti dai parametri reali α, β e γ. Determinare, se esistono, i valori dei
parametri in modo che u, v e w siano autovettori di una matrice reale
simmetrica associati agli autovalori 1, 0, −1.
2 chiamati polinomi di Legendre.
90 Capitolo 9. Diagonalizzazione, matrici ortogonali

9.34 Si considerino le matrici


   
1 0 0 k 0 0
A = 2 1 −1 e B = 0 1 0 .
1 0 1 0 0 1
Verificare che per nessun valore del parametro k esiste una matrice non
singolare X tale che XA = BX
[A non è diagonalizzabile, mentre B è diagonale . . . ]

9.35 Determinare se le seguenti coppie di matrici sono o no simili.


   
1 0 0 1 0 0
0 2 0 , 0 3 0 ;
0 0 3 0 0 2
   
1 2 3 1 2 3
2 3 1 , 2 3 4
3 1 2 3 5 7
[ La prima sì, la seconda no]

9.36 Le matrici
   
−4 −7 −6 −2 −8 −12
A =  −2 −1 −2 e B = −8 −18 −26
6 8 8 −4 −11 −17
sono simili? [ No, non hanno gli stessi autovalori]

9.37 Si considerino le matrici


   
1 0 0 1 0 1
A = 0 k −1 e B = 0 0 0  .
1 k −1 0 0 −1
Trovare k in modo che A e B siano simili.

[Gli autovalori di B sono {1, 0, −1}, per k = 0 gli autovalori coincidono e le


matrici sono entrambe diagonalizzabili. . . ]

9.38 Si considerino la matrice


 
2 0 0
A= h 1 1
h + 1 2h 1
ed una matrice B avente come polinomio caratteristico
p B (λ) = λ3 − 4λ2 + 5λ − 2.
Determinare gli eventuali valori del parametro h per i quali A e B posso-
no essere simili. [ I polinomi caratteristici coincidono solo per h = 0. . . ]
91

9.39 Mostrare che:


i) Se A è non singolare, A è simile a B se e solo se B−1 è simile a A−1 .
ii) Se A è simile a B allora A T è simile a BT .
[ A−1 PA = B ⇐⇒ AP−1 A−1 = B−1 e A−1 PA = B ⇐⇒ A T PT ( A T )−1 = BT ]

9.40 Se A è simile a B, mostrare che tr ( A) = tr ( B).


[ I polinomi caratteristici sono uguali, quindi. . . ]

9.41 Determinare due matrici A, B ∈ M2 (R) che non siano simili, ma che
abbiano uguali determinante, traccia, autovalori e polinomio

caratteri-
  
0 1 0 0
stico. [ Ad esempio
0 0
e
1 0
]

9.42 Si considerino le matrici


   
1 0 0 5 0 0
A = 0 1 0 e B = 0 1 0 .
1 0 5 1 k 1
i) Verificare che A è diagonalizzabile.
ii) Determinare tutti i valori del parametro k in corrispondenza dei
quali B è simile a A.
iii) Determinare una matrice non singolare P tale che P−1 AP sia dia-
gonale.
 
0 0 −4
[ k = 0; P = 0 1 0 ]
1 0 1

9.43 Sia A una matrice reale simmetrica


 del terz’ordine che ammette gli
1 1 0
autovalori 1, 1 e 2 e sia B = 0 1 0. Stabilire se A e B sono simili.
0 0 2
[A è diagonalizzabile perché reale simmetrica, gli autovalori di B sono gli
stessi di A; le matrici sono simili se e solo se B è diagonalizzabile. . . ]

9.44 Ridurre a forma canonica la forma quadratica


ϕ( x, y, z) = z2 + 2xz + 2yz
[ψ( x, y, z) = 2y2 − z2 ]

9.45 Dimostrare che ϕ( x, y, z) = 3x2 non può essere la forma canonica di


ψ( x, y, z) = x2 + y2 + z2 − 2xz
senza calcolare esplicitamente gli autovalori.
92 Capitolo 9. Diagonalizzazione, matrici ortogonali

[La forma canonica di una forma quadratica è del tipo λ1 x2 + λ2 y2 + λ3 z2


dove i λi sono gli autovalori dellamatrice simmetrica
 associata alla for-
1 0 −1
ma. Nel caso della ψ la matrice è  0 1 0 che ha rango 2, quindi
−1 0 1
l’autovalore nullo è semplice, mentre nella ψ è doppio.]

* 9.46 Si consideri l’equazione matriciale

AX = B (9.1)

dove A, B, X sono matrici quadrate di ordine n ed A è non singolare.


Mostrare che la soluzione X dell’equazione (9.1) è ortogonale se e solo
se si ha AA T = BBT .

[ Sia X ortogonale allora, poiché per ipotesi esiste A−1 , si ha X = A−1 B,


inoltre poiché XXT = I si ha

I = XXT = ( A−1 B)( A−1 B) T = A−1 BBT A−


T
1

essendo ( A−1 ) T = ( A T )−1 , moltiplicando ambo i membri a sinistra per A


e a destra per A T si ha

AI A T = A( A−1 BBT A− 1
T ) AT

da cui la tesi.
Viceversa sia AA T = BBT abbiamo ancora X = A−1 B e quindi

XXT = ( A−1 B)( A−1 B) T = A−1 BBT A− 1


T =
A−1 ( AA T ) A− 1
T = (A
−1
A)( A T A− 1
T )= I

9.1 Quesiti
Vero o Falso
Q.9.90 Ogni matrice è simile ad una matrice diagonale. 2 vero 2 falso

Q.9.91 Due matrici sono simili se e solo se hanno gli stessi autovalori con le
stesse molteplicità. 2 vero 2 falso

Q.9.92 Ogni matrice quadrata di ordine 3 con i tre autovalori coincidenti non è
mai diagonalizzabile 2 vero 2 falso

Q.9.93 Sia A una matrice quadrata singolare di ordine due con traccia non nulla.
Allora A ammette due autovettori indipendenti. 2 vero 2 falso
9.1. Quesiti 93

Q.9.94 Sia S l’insieme delle matrici diagonalzzabili mediante la stessa matrice


di passaggio P. Allora le matrici di S sono tutte simili.
2 vero 2 falso

Q.9.95 Una matrice reale di ordine due tale che det A = 0 è sempre diagonaliz-
zabile. 2 vero 2 falso

Q.9.96 Una matrice diagonalizzabile con tutti gli autovalori uguali è sempre
invertibile. 2 vero 2 falso

Q.9.97 Una matrice simile ad una matrice simmetrica è a sua volta simmetrica.
2 vero 2 falso

Q.9.98 Se A è una matrice diagonalizzabile, allora anche A2 è diagonalizzabile


2 vero 2 falso

Q.9.99 Se A è ortogonale, allora anche A ∗ I è ortogonale. 2 vero 2 falso

Q.9.100 Se A è ortogonale, allora anche A − 2I lo è. 2 vero 2 falso

Q.9.101 Se le matrici U e U · V sono ortogonali allora V è ortogonale


2 vero 2 falso

Q.9.102 Se A è diagonalizzabile, allora la molteplicità geometrica di ciascuno dei


suoi autovalori distinti è 1. 2 vero 2 falso

Q.9.103 Due matrici sono simili se e solo se hanno lo stesso polinomio caratteri-
stico 2 vero 2 falso

Q.9.104 Se A non è diagonalizzabile allora gli autovalori di A non sono tutti


distinti. 2 vero 2 falso

Q.9.105 Se A è diagonalizzabile per ogni autovalore λs di molteplicità k, allora


la matrice λs I − A ha rango n − k 2 vero 2 falso
   
0 0 0 1 0 1
Q.9.106 Le matrici A = 0 0 2 e B = 0 2 0 sono simili
h 1 2 1 0 1
2 vero 2 falso

Q.9.107 Se A non è invertibile, allora A non è diagonalizzabile.


2 vero 2 falso

Q.9.108 Se λ è autovalore di una matrice unitaria, allora |λ| ≤ 1


2 vero 2 falso

Q.9.109 Siano A e B due matrici simili. Se A è non singolare, allora B ha un


autovalore nullo. 2 vero 2 falso
94 Capitolo 9. Diagonalizzazione, matrici ortogonali

Q.9.110 Una matrice è diagonalizzabile se e solo se ha tutti gli autovalori distinti.


2 vero 2 falso

Q.9.111 Le forme quadratiche ϕ( x, y, z) = x2 + y2 + z2 + 2yz e ψ( x, y, z) = x2 +


2y2 + z2 − 2xz ammettono una stessa forma canonica.
2 vero 2 falso

Q.9.112 Sia SP l’insieme delle matrici diagonalizzabili con la stessa matrice di


passaggio P. Allora le matrici di SP sono tutte simili.
2 vero 2 falso

A risposta multipla
Q.9.113 Se due matrici quadrate dello stesso ordine hanno gli stessi autovalori
con le stesse molteplicità, allora: b a hanno lo stesso rango; b sono
simili c hanno gli stessi autovettori; d hanno la stessa equazione
caratteristica.

Q.9.114 Quale o quali delle seguenti matrici è ortogonale?


   
sin ϑ cos ϑ sin ϑ cos ϑ
a b
− cos ϑ sin ϑ cos ϑ sin ϑ
   
sin ϑ sin ϑ − sin ϑ cos ϑ
c d .
cos ϑ cos ϑ − cos ϑ sin ϑ
Q.9.115 Per quali valori reali del parametro k le matrici
   
1 k 0 0 0 1
A =  k 2 1 0 e B = 0 2 1
1 1 2 0 0 2

sono simili? a se k = 1 oppure k = −1; b solo se k = −1; c per


nessun valore di k; d solo se k = 1.
Capitolo 10

Teorema di Cayley–Hamilton.
Polinomio minimo

Alcuni esercizi proposti in questo capitolo sono uguali o molto simili ad esercizi
presentati nei capitoli precedenti: questo è stato fatto per mostrare un modo alternativo
di risoluzione, che faccia uso del Teorema di Cayley–Hamilton, spesso più rapido ed
elegante.
10.1 Siano A una matrice quadrata di ordine 2 singolare e b un opportuno
vettore colonna. Dimostrare che se Ab = b, allora A è idempotente
[λ = 0, 1 . . . ]

10.2 Verificare che una matrice A singolare di ordine 2 per cui è tr A = 1 è


idempotente. [Da λ2 − tr Aλ + | A| = 0 si ha A2 − A = 0.]
 
1 2 1
10.3 Se A è la matrice 0 1 0 verificare che
1 2 −1
1
A−1 = − ( A2 − A − 2I ).
2
[Il polinomio caratteristico è −λ3 + λ2 + 2λ − 2. . . A è non singolare. . . ]

10.4 Determinare tutte le matrici che ammettono come equazione caratteristi-


ca l’equazione λ2 − 3λ + 2 = 0.

[Sono matrici di ordine due che soddisfano l’equazione matriciale A2 −


3A + I = 0. . . ]

 
1 0 0
10.5 Sia A la matrice 1 2 0 ; verificare che le matrici A, A2 e A3 sono
1 −1 0
linearmente dipendenti. [Con-
siderando il polinomio caratteristico di A, sussiste la relazione A3 − 3A2 + 2A = 0...]

95
96 Capitolo 10. Teorema di Cayley–Hamilton. Polinomio minimo

10.6 Verificare che una matrice A quadrata di ordine 2 singolare con tr ( A) =


1 è idempotente. [Da λ2 − tr ( A)λ + | A| = 0 si ottiene A2 − A = 0]

10.7 Determinare le matrici di ordine due triangolari inferiori



non simmetri-
  
−2 0 0 0
che per cui sia A2 + 2A = 0 [Sono del tipo
a 0
o
b −2
]

10.8 Verificare che non esistono matrici quadrate del second’ordine singolari
che soddisfano la relazione A2 + A + I = 0.
[Da λ2 − tr ( A)λ + | A| = 0 si ricava A2 − tr ( A) = 0. . . ]
 
2 0
10.9 Sia A = . Verificare che è A2 + kA + I 6= 0 per qualunque k ∈ R.
4 3
[ Gli autovalori di A sono 2 e 3 quindi A2 − 5A + 6I = 0...]

10.10 Determinare i valori che può assumere la traccia di una matrice quadrata
A di ordine due tale che A2 − A + 2I = 0 senza determinare esplicitamente
la matrice.

[Indichiamo con α la traccia di A e con β il suo determinante. Si ha ϕ(λ) =


λ2 − αλ + β da cui A2 − αA + β = 0. Quindi la matrice A deve essere
soluzione del sistema matriciale
(
A2 − A + 2I = 0
A2 − αA + βI = 0

. Sottraendo membro a membro, si ha la relazione

(−α + 1) A + ( β − 2) I = 0.

Se α = 1 allora è β = 2 e la relazione

data coincide con l’equazione caratte-
ristica; gli autovalori sono λ = 1±2i 7 , quindi la traccia è 1. Matrici siffatte
" √ #
1+ i 7
2 0√
esistono, ad esempio 1− i 7
.
0 2
β −2 β −2
Se α 6= 1 si ha A = α−1 I; quindi tale matrice avrà autovalori λ1 = λ2 = α−1
 
β −2 β −2 2
e perciò α = tr ( A) = λ1 + λ2 = 2 α−1 e β = | A| = λ1 λ2 = α−1 .
Si ha dunque il sistema
 β−2

 α = 2α −1

 

 β−2 2
β =
α−1

 α ( α − 1)

β−2 = 2
da cui si ottiene , che ha come so-

 α ( α − 1) α2 ( α − 1)2 1
 +2 = ·
2 √
4 ( α − 1)2
√ ± i 7−3
luzioni α = 1 ± i 7 e β = . In conclusione la traccia di A può
√ 2 √
assumere solo i valori 1, 1 + i 7 e 1 − i 7. ]
97

10.11 Sia A una matrice quadrata di ordine 2 tale che A2 + A( = 0. Determinare


A2 + A = 0
gli autovalori di A. [ ...]
A2 + αA + β = 0

10.12 Verificare che tutte le matrici quadrate di ordine due singolari con traccia
diversa da zero sono diagonalizzabili. [ϕ(λ) = λ2 + kλ con k 6= 0. . . ]

10.13 Sia A una matrice quadrata di ordine 3 avente rango 1 e traccia 3. Stabi-
lire se A è diagonalizzabile e determinare una relazione tra A2 e An per
n > 2. [ϕ(λ) = λ3 − 3λ2 . . . ]

10.14 Sia A quadrata tale che A2 = 0. Dimostrare che A ammette solo l’auto-
valore nullo. [[tr ( A)] A − | A| A = 0. . . ]

10.15 Determinare tutte le matrici quadrate del second’ordine che non sono
diagonalizzabili e che soddisfano la relazione A2 = 0.
 2  
a − ab 0 b
[λ1 = λ2 = 0. . . con b 6= 0]
b −a 0 0

10.16 Sia A quadrata di ordine 2 con A 6= 0; dimostrare che se per un intero


n > 2 si ha An = 0 allora anche A2 = 0. [A2 − tr ( A) A = 0. . . ]

10.17 Sia A quadrata tale che An = 0 per un certo n ∈ N; dimostrare che la


matrice I + A ha tutti gli autovalori uguali a 1. [λ A = 0 . . . ]

10.18 Sia A quadrata del second’ordine. Sia B una matrice diversa da A ma


simile ad essa tale che A2 = B2 . Verificare che
 
2 − det A 0
A = .
0 − det A

[Sia ϕ(λ) = λ2 + αλ + β il polinomio caratteristico


n di A e quindi anche di
A2 +αA+ βI =0
B. Dal teorema di Cayley-Hamilton si ottiene B2 +αB+ βI =0
e sottraendo
membro a membro si ha α( A − B) = 0, che implica, essendo A 6= B, α = 0;
quindi A2 − βI = 0, da cui A2 = − det AI.]

* 10.19 Determinare, al variare del parametro k, il polinomio minimo µ(λ) della


matrice  
2 k k
A = 0 k k − 1
0 0 2
e discuterne la diagonalizzabilità.

[Le radici del polinomio minimo di una matrice A sono tutti e soli gli
autovalori di A con molteplicità non superiori a quelle che hanno come
radici del polinomio caratteristico, quindi, dal momento che ϕ(λ) = (λ −
98 Capitolo 10. Teorema di Cayley–Hamilton. Polinomio minimo

2)2 (λ − k) i possibili polinomi candidati ad essere minimi sono (λ − 2)(λ −


k) e ϕ(λ) stesso (in realtà, per k = 2 ci potrebbe essere anche λ − 2 ma ciò si
esclude,
  che A 6= 2I). A questo punto, poiché si ha ( A − 2I )( A − kI ) =
dato
0 0 k
0 0 0 che coincide con la matrice nulla se e solo se k = 0, si conclude
0 0 0
che A è radice del polinomio (λ − 2)(λ − k) -che risulta dunque il suo
polinomio minimo- solo per k = 0. Per ogni altro valore di k µ(λ) = ϕ(λ).
Una matrice è diagonalizzabile se e solo se le radici del suo polinomio
minimo sono distinte, quindi in questo caso se e solo se k = 0. ]

10.20 Calcolare il polinomio minimo della matrice


 
1 k 2
0 1 k − 2
0 0 1
e determinare per quali valori di k tale matrice è diagonalizzabile.
[Per k = 0, 2 µ(λ) = (λ − 1)2 , per k 6= 0, 2 µ(λ) = ϕ(λ) = (λ − 1)3 ]

* 10.21 Sia A una matrice quadrata singolare di ordine n tale che A2 = 2A.
Stabilire se Aè diagonalizzabile. [Il polinomio minimo ha radici semplici...]

10.22 Sia A quadrata di ordine 2 radice del polinomio A2 − 2A − 3I = 0. Dire


se A è diagonalizzabile.

[ Sia ϕ(λ) = λ2 + αλ + β il polinomio caratteristico di A. Dal teorema di


Cayley-Hamilton si ha il sistema
( 2
A − 2A − 3I = 0
A2 + αA + βI = 0
Quindi −αA − βI = 2A + 3I e dunque (α + 2) A = −(3 + β) I. Se α 6= −2
3+β
si ha A = − I quindi A è scalare. Se invece α = −2 si ha 0 · A =
α+2
−(3 + β) I da cui β = −3, da cui ϕ A (λ) = λ2 − 2λ − 3 dunque gli autovalori
sono distinti e quindi A è diagonalizzabile. ]

10.1 Quesiti
Vero o Falso
Q.10.116 Non esiste nessuna matrice quadrata singolare del secondo ordine che
soddisfa la relazione A2 + A + I = 0 2 vero 2 falso

Q.10.117 Una matrice A quadrata di ordine due tale che A2 − 5I = 0 è diagona-


lizzabile. 2 vero 2 falso
10.1. Quesiti 99

Q.10.118 Una matrice A quadrata di ordine due tale che A2 − A = 2I non è


diagonalizzabile. 2 vero 2 falso
Q.10.119 Una matrice quadrata A di ordine n, singolare, tale che A2 = 2A è
diagonalizzabile. 2 vero 2 falso

A risposta multipla
Q.10.120 Per quali valori del parametro a il polinomio minimo della matrice
 
1 a 0 0
0 2 1 0
 
0 0 a 0
0 0 0 1

ha tutte le radici distinte? a per infiniti valori ma non per tutti b


per ogni valore di a c per a = 1 d per a = 2.
Q.10.121 Sia A una matrice quadrata di ordine n che ammette l’autovalore λ = 1
con molteplicità algebrica n. Allora: a Il polinomio minimo è µ A =
λ − 1; b A è diagonalizzabile; c A = I; d il polinomio caratteri-
stico è ϕ A = (λ − 1)n .
Q.10.122 Siano A e B due matrici quadrate dello stesso ordine. Se µ indica il poli-
nomio minimo e ϕ indica quello caratteristico, indicare le affermazioni
vere: a ϕ A = ϕ B solo se A e B sono simili; b µ A = ϕ B se A e B
sono simili; c µ A = ϕ B solo se A e B sono simili; d µ A = µ B se A e
B sono simili.
 
1 1 0
Q.10.123 Sia µ A il polinomio minimo della matrice A = 1 1 0. Indicare le
1 1 0
proprietěre: a il grado di µ A è 2; b µ A non ha radici multiple; c
µ A coincide con il polinomio caratteristico; d il grado di µ A è 3.
 
2 1 1
Q.10.124 Il polinomio minimo della matrice A = 0 −1 0 ha grado: a 1
0 0 h
per qualche h; b > 3 per qualche h; c 3 per h = 2; d 2 solo per
h = −1.
 
1 0 0
Q.10.125 Per quali valori di h il polinomio minimo della matrice A = h 0 1
1 h2 0
è di secondo grado? a per nessun valore di h; b se h 6= 0 e h 6= 1;
c solo se h = 1; d solo se h = −1.
100 Capitolo 10. Teorema di Cayley–Hamilton. Polinomio minimo

Q.10.126 Indicare le proprietà vere in relazione al polinomio minimo della matri-


ce:  
1 1 0 0
0 2 1 0
 
0 0 3 0
0 0 0 1

a coincide con il polinomio caratteristico; b ha una radice doppia;


c ha radici distinte; d è di quarto grado.
Parte II

Geometria piana

101
Capitolo 11

La retta nel piano

In questo e nei successivi capitoli, salvo avviso contrario, i parametri ed i coefficienti


delle equazioni che compaiono si intendono reali; il sistema di riferimento si intende
cartesiano ortogonale e, se non altrementi specificato, lunghezze ed aree si intendono
in senso elementare.

11.1 Coordinate cartesiane


11.1 Sia P(−2) trovare una nuova origine in modo che P abbia ascissa 3.
[O0 (−5)]

11.2 dati A( a) e B(b) trovare una nuova origine in modo che l’ascissa
 di  A
sia tripla di quella di B. [O0 3b2− a ]

11.3 Dati i punti A(0, 3) e B(5, 0), determinare le coordinate del punto C che
divide il segmento AB in modo che sia AC = 2BC.

Figura 11.1: Esercizio 11.3

103
104 Capitolo 11. La retta nel piano

[ Indicate con H e K (vedi Figura 11.1 nella pagina precedente) rispetti-


vamente le proiezioni di C sull’asse x e sull’asse y, il teorema di Talete
garantisce che se è AC = 2BC si ha anche OH = 2HB e AC = 2OK.
Visto che è
0 < xC < 5 e 0 < yC < 3,
le relazioni precedenti diventano
 rispettivamente xC − 0 = 2(5 − xC ) e

3 − yC = 2(yC − 0); da cui C 103 , 1 .]

11.4 Trovare le coordinate dei vertici di un rombo che non abbia né i lati né
le diagonali paralleli agli assi coordinati.

11.5 Determinare i punti aventi ascisssa ed ordinata opposte e tali che con
A(1, 0) e B(−1, 0) formino un triangolo di perimetro 6.   q q
3 3
[ ±2 7 , ∓2 7 ]

11.6 Dati A(1, 1) e B(3, 5) trovare i punti C tali che il triangolo ABC sia
rettangolo ed isoscele. [C1 (0, 4); C2 (, 2)]

* 11.7 Scrivere l’equazione del cammino di un punto che si muove nel piano
in modo tale che il quadrato della sua distanza dal punto A(−3, 4) è
uguale al doppio del quadrato della sua distanza dall’asse x.
[( x + 3)2 + (y − 4)2 = 2y2 . . . x2 − y2 + 6x − 8y + 25 = 0]

11.2 La retta, esercizi introduttivi


11.8 Verificare che le equazioni

x = t
y = 1+t
( 2
x = 2t − 1
y=t

rappresentano la stessa retta.

11.9 Scrivere l’equazione dei punti del piano equidistanti da A(2, 4) e B(4, 6)..
[ ( x − 2)2 + (y − 42 ) = ( x − 4)2 + (y − 6)2 . . . x + y − 8 = 0 è l’asse del segmento AB]

11.10 Scrivere l’equazione dei punti P del piano tali che il rapporto tra la
1
distanza tra P e A(1, 0) e tra P e la retta x = 9 sia λ = .
3
11.11 Sia r la retta di equazione 7x − 3y + 21 = 0. Dire quali dei seguenti
punti appartengono alla r : A(3, 14), B(4, 13), C (−3, 0) e D (0, 7).
11.2. La retta, esercizi introduttivi 105

[Sostituendo le coordinate dei punti nell’equazione della retta si osserva


che l’unico che non appartiene a r è B.]

11.12 Scrivere l’equazione della retta parallela all’asse x che passa per il punto
A(−2, 2). [ y = 2]

11.13 Scrivere l’equazione della retta parallela all’asse x che passa per il punto
A(3, −4). [ y + 4 = 0]

11.14 Scrivere l’equazione della retta parallela all’asse y passante per il punto
A(−6, 0) [ x + 6 = 0]

11.15 Scrivere l’equazione della retta passante per il punto P(3, −5) perpendi-
colare al vettore v = [4, 2]. [2x + y − 1 = 0]

11.16 Scrivere l’equazione della retta passante per l’origine e per il punto
P(2, 3) [ 3x − 2y = 0]

11.17 Calcolare la lunghezza del segmento staccato sugli assi dalla retta 3x +
4y − 24 = 0
x y
[La retta si scrive in forma segmentaria come + = 1 quindi interseca
8 √6
gli assi nei punti A(8, 0) e B(0, 6) la cui distanza è 64 + 36 = 10]

11.18 Sulla retta di equazione 2x + y − 6 = 0 trovare un punto M equidistante


dai punti A(3, 5) e B(2, 6) [ M (1, 4) ]

11.19 In un sistema di riferimento cartesiano ortogonale un rettanglo ha i lati


lunghi 3 e 4. Scrivere le equazioni di tutti i suoi lati sapendo che è nel III
quadrante, che i suoi lati stanno sugli assi coordinati e il lato più corto
sta sull’asse y. [ x = 0, y = 0, x + 4 = 0, y + 3 = 0]

11.20 Scrivere le equazioni dei lati di un quadrato situato nel I quadrante due
vertici del quale hanno coordinate A(2, 0) e B(5, 0).
[ y = 0, y = 3, x = 2 e x = 5]

11.21 Scrivere in forma segmentaria l’equazione della retta

3x − 4y + 2 = 0
x y
[ + 1 = 1]
− 32 2

11.22 Scrivere l’equazione della retta che taglia l’asse x nel punto A(3, 0) e
x y
l’asse y nel punto B(0, 5). [ + = 1]
3 5
106 Capitolo 11. La retta nel piano

11.23 Calcolare l’angolo formato dalla retta 3x + 2y + 6 = 0 con l’asse x.


3 3
[Risolvendo l’equazione rispetto a y si ottiene y = − x − 3 da cui tan α = − ]
2 2

11.24 Scrivere l’equazione della retta passante per l’origine e formante un


angolo di π4 con l’asse x. [ x − y = 0]

11.25 Trovare le coordinate di un punto A sapendo che la pendenza della retta


passante per l’origine e per A è 34 e la distanza tra l’origine ed il punto A
è pari a 10 unità.

3 y p
[Se la pendenza è 4 significa che x = 34 . La distanza dall’origine è x 2 + y2
da cui il sistema 
 y 3
 =
x 4
 q
 x2 + y2 = 10

che ammette le soluzioni x1 = 6 y1 = 8 e x2 = −6 y2 = −8. Quindi ci sono


le due soluzioni A1 (6, 8) ed A2 (−6, −8) ]

11.26 Un punto P dista 5 unità dall’origine O(0, 0). La pendenza della retta
OP è 43 . Determinare le coordinate di P. [ P1 = (4, 3), P2 (−4, −3)]

11.27 La diagonale di un rettangolo i cui lati giacciono sui semiassi positivi di


un sistema di riferimento cartesiano ortogonale è 20 unità di lunghezza;
la pendenza della diagonale è 43 . Trovare i vertici del rettangolo.
[ (0, 0), (12, 0), (0, 16) e (12, 16)]

11.28 Date le rette ax + by + c = 0 e 3x − 8y + 6 = 0 determinare i coefficienti


a e b in modo che esse siano:

i) parallele [a = 3k, b = −8k, ∀c, k 6= 0]

ii) perpendicolari [3a = 8b ∀c, a 6= 0 6= b]

iii) coincidenti [a = 3k, b = −8k, c = 6k, k 6= 0]

11.29 Scrivere l’equazione della retta parallela alla r : 5x − 4y + 1 = 0 e


passante per il punto comune a s1 : x + 2y + 3 = 0 e s2 : 2x − 3y + 2 = 0

[ La retta cercata è un elemento del fascio individuato da s1 ed s2 che ha


equazione:
F : k( x + 2y + 3) + 2x − 3y + 2 = 0
e che si può scrivere come (k + 2) x + (2k − 3)y + 3k + 2 = 0; basterà allora
trovare la retta di F che ha lo stesso coefficiente angolare di r cioè 54 . Dovrà
k +2 5 1
essere − 2k +3 = 4 , cioè k = 2 ; sostituendo questo valore nell’equazione del
fascio si ottiene 5x − 4y + 7 = 0.
Si poteva anche, considerando l’equazione generale della retta, scrivere
(k − 2)(−4) + (2k − 3)5 = 0 che, ovviamente, forniva lo stesso risultato.
11.2. La retta, esercizi introduttivi 107

Un terzo modo di procedere è quello di partire dal fascio improprio delle


rette parallele ad r, che ha equazione 5x − 4y + k = 0; occorre, in questo
caso, cercare l’equazione dell’ elemento del fascio la cui equazione, con
quelle di s1 ed s2 costituisce un sistema lineare di 3 equazioni in 2 incognite
avente esattamente una soluzione. Il sistema in questione è:

 5x − 4y = −k

x + 2y = −3


2x − 3y − 2
 
5 −4
la sua matrice dei coefficienti è A = 1 2 che ha rango 2. Per avere
2 −3
una ed una sola soluzione occorre e basta che
la matrice completa abbia
5 −4 − k

rango due, quindi dovrà essere 1 2 −3 = 0 e cioè k = 7. ]
2 −3 −2

11.30 Trovare il punto P di intersezione delle rette 3x − 4y + 11 = 0 e 4x −


y − 7 = 0. (
x − 4y + 11 = 0
[Le coordinate di P sono soluzione del sistema da cui P(3, 5).]
4x − y − 7 = 0

11.31 I lati di un triangolo sono le rette rispettivamente di equazioni x + 3y −


3 = 0, 3x − 11y − 29 = 0 e 3x − y + 11 = 0. Trovarne i vertici.

[Intersecando il ati a due a due si hanno tre sistemi lineari, risolvendo i


quali si ottiene A(6, −1), b(−5, −4) e C (−3, 2).]

11.32 Scrivere l’equazione della retta passante per il punto di intersezione


delle rette x + 11y − 27 = 04 e 6x − 7y − 16 = 0 e perpendicolare al
vettore ~v = [4, −3].
[ Il punto comune è P(5, 2) e dunque la retta cercata è: 4x − 3y − 14 = 0]

y = 5x e y = 2x
11.33 Determinare l’angolo acuto tra le rette
m − m1
[Ricordando che tan α = 2 si ha tan α = 2 − 5 = 3 ]
1 + m1 m2 1 + 2 · 5 11

11.34 Scrivere l’equazione della retta passante per il punto P(−2, 4) e parallela
alla retta di equazione 2x − 3y + 6 = 0.

[La retta cercata sarà del tipo 2x − 3y + q = 0. Il coefficiente q si può


determinare imponendo il passaggio per P, cioè deve valere la relazione
(−2) · 2 + 4 · (−3) + q = 0 che diventa −12 − 4 + q = 0 da cui q = 16 e
quindi l’equazione cercata è: 2x − 3y + 16.]
108 Capitolo 11. La retta nel piano

11.35 Stabilire quali tra le seguenti coppie di equazioni rappresentano rette


parallele:

i) 2x − 3y + 4 = 0 e 10x − 15y + 7 = 0;
ii) 25x − 20y − 8 = 0 e 5x + 4y + 4 = 0;
iii) y = −2x + 8 e y = −2x + 1;
iv) y = 3x + 4 e y = −6x − 8.

[ i ) e iii )]

11.36 Per quali valori del parametro a sono parallele le rette di equazioni

x−1 y+4 x+6 y+2


= e = ?
2 5 4 a
[ a = 10]

11.37 Scrivere l’equazione della retta passante per il punto M (2, 3) e perpen-
dicolare alla retta r di equazione 5x − 4y − 20 = 0.

[Ogni retta perpendicolare alla r ha equazione ax + by + c = 0 con 5a −


4b = 0. Allora a = 4 b = 5, imponendo il passaggio per M si ottiene
4x + 5y − 23 = 0.]

11.38 Trovare la distanza del punto P(6, 8) dalla retta 4x + 3y + 2 = 0.


|4 · 6 + 3 · 8 + 2|
[ Si ha: d = √ = 10]
42 + 32

11.39 Trovare la distanza tra le rette parallele r : 4x + 3y − 8 = 0 ed s :


4x + 3y − 33 = 0.

[Scegliamo un punto “comodo” su una delle due, per esempio r. Sia A(2, 0).
La distanza delle due rette sarà allora la distanza di A da s. Dunque
|4 · 2 + 3 · 0 − 33|
d= √ = 10 ]
42 + 32

11.40 Stabilire quali delle seguenti coppie di rette sono perpendicolari:

i) 3x − 4y + 12 = 0 e 4x + 3y − 5 = 0;
ii) 4x + 5y − 8 = 0 e 3x − 2y + 4;
x + x1 y − y1 x − x2 y − y2
iii) = e = ;
2 3 3 −2
x + x1 y − y1 x − x2 y − y2
iv) = e = .
5 −4 4 5
11.3. Esercizi vari sulla retta 109

[ i ), iii ) iv)]

11.41 Per quali valori del parametro k sono perpendicolari le rette: y = 5x − 4


1
e y = kx − 2? [k=− ]
5

11.42 Scrivere l’equazione della retta passante per l’origine e perpendicolare


alla retta che taglia l’asse x nel punto A(2, 0) e l’asse y nel punto (0, −6).
[ 2x + 6y = 0]

* 11.43 Scrivere l’equazione dell’asse del segmento di estremi A(1, 2) e B(−1, 0).

[Ci sono vari modi per svolgere questo esercizio, che tengono conto delle
possibili definizioni equivalenti di asse di un segmento:
i) L’asse del segmento è la perpendicolare alla retta AB, di equazione
x − y + 1 = 0, nel punto medio M(0, 1), quindi ha equazione x + y −
1 = 0.
ii) L’asse di un segmento è anche il luogo dei punti equidistanti dagli
estremi, quindi se P( x, y) è un punto generico dell’asse si dovrà avere
( x − 1)2 + (y − 2)2 = ( x + 1)2 + y2 che diventa −2x + 1 − 4y + 4 =
2x + 1 che è appunto l’equazione x + y + 1 = 0

e si perviene, ovviamente, allo stesso risultato ]

OSSERVAZIONE 11.1. Osserviamo esplicitamente che, quando un esercizio si


può svolgere in più modi significativamente diversi, ciascuno di essi fornisce
un metodo di verifica dello svolgimento dell’altro.

11.3 Esercizi vari sulla retta


11.44 Per quale valore della pendenza m la retta y = mx + 9 passa per il punto
P di intersezione delle rette x − y + 5 = 0 e x − 2y + 2 = 0.
3
[ P(−8, −3) m = ]
2

11.45 Una retta r passa per il punto M (2, 5) e forma, con l’asse x, un angolo α
tale che arctan α = 3. Trovare il punto P ∈ r di ascissa −2.
[ La retta ha equazione y = 3x − 1 il punto ha coordinate (−2, −7)]

11.46 Sulla retta r di equazione 2x + 3y − 18 = 0, trovare il punto P la cui


distanza dall’asse y è tre volte quella dall’asse x.
(
2x + 3y − 18 = 0
[Le coordinate del punto soddisfano il sistema e quin-
x = 3y
di P(6, 2).]

11.47 Un triangolo ha vertici nei punti A(−5, −2), B(7, 6) C (5, −4). Trovare:
110 Capitolo 11. La retta nel piano

i) l’equazione del lato AB;


ii) l’equazione della mediana relativa al vertice A;
iii) l’equazione dell’altezza relativa al vertice C
iv) le coordinate dell’ortocentro

[i) −2x + 3y − 4 = 0, ii) −3x + 11y + 7 = 0 iii) −3x + 2y + 7 = 0 iv) (5, −4)]

11.48 In un parallelogrammo le equazioni dei lati uscenti da un vertice A sono


rispettivamente 5x − 3y + 28 = 0 e x − 3y − 4 = 0 mentre le coordinate
del vertice opposto ad A sono (10, 6). Scrivere le equazioni degli altri
due lati e delle diagonali del parallelogrammo.
[Lati: 5x − 3y − 32, x − 3y + 8 = 0; diagonali: 5x − 9y + 4 = 0 e y = 1 ]

11.49 Discutere e, quando possibile, risolvere i seguenti sistemi, fornendo


un’interpretazione geometrica dei risultati ottenuti
 
 x + hy = 1
  2x + (k − 4) = 1

x − 2y = h kx − 6y = k + 1

 

2(h + 1) x + hy = h + 2 − 2x + (2k + 1)y = k − 2
[ Primo sistema:
h 6= 0 impossibile: le tre rette non hanno punti in comune.
h = 0 esiste una ed una sola soluzione: le rette hanno un punto in comune.
Secondo sistema:
h 6= 29 , 1 impossibile: le rette non passano per uno stesso punto;
9
h= 2 esiste una ed una sola soluzione: le tre rette sono distinte ma
appartengono allo stesso fascio.
h=1 ∞1 soluzioni: le tre rette coincidono.
]

11.50 Si considerino le rette:

r1 :x + (h − 2)y = 3 + 4h
r2 :x = 1 + 2h
r3 :x + y = h − h2

Stabilire se esistono valori del parametro h in corrispondenza dei quali


essi appartengono ad un medesimo fascio.

[Il sistema formato dalle tre equazioni deve ammettere una ed una sola
soluzione. . . h = 2.]
Capitolo 12

La circonferenza nel piano

In questo capitolo, così come nei successivi, tra i punti di intersezione delle curve in
questione verranno considerati anche quelli a coordinate complesse, così come tra le
curve riducibili verranno considerate anche quelle rappresentate da polinomi riducibili
in C ma non in R.

12.1 Scrivere l’equazione della circonferenza che ha centro nel punto A(5, −7)
e passa per il punto P(2, −3). [( x − 5)2 + (y + 7)2 = 25]

* 12.2 Scrivere l’equazione della circonferenza che passa per i punti A(3, 1),
B(−2, 6) e C (−5, −3)

[Ci sono vari metodi significativamente diversi per risolvere questo eserci-
zio, ne esaminiamo alcuni:
• Il centro C della circonferenza cercata è il punto equidistante da A,
B e C, quindi si ottiene come intersezione degli assi di due dei tre
segmenti formati ai punti. Nel nostro caso l’asse del segmento AB è
x − y + 3 = 0, l’asse di AC è 2x + y + 3 = 0 da cui le coordinate del
centro C (−2, 1). Il raggio sarà aalora la distanza di C da uno qualsiasi
dei punti dati. Si vede subito che BC = 5 e quindi ( x + 2)2 + (y −
1)2 = 25 cioè x2 + y2 + 4x − 2y − 20 = 0 rappresenta l’equazione della
circonferenza.
• La generica equazione della circonferenza è:

x2 + y2 + ax + by + c = 0; (12.1)

imponendo il passaggio per i tre punti si ottengono tre equazioni in a,


b e c: 

 3a + b + c + 10 = 0
−2a + 6b + c + 40 = 0 ; (12.2)


−5a − 3b + c + 34 = 0
le soluzioni del sistema 12.2 sono i coefficienti della 12.1.
• Infine si può pensare la circonferenza cercata come appartenente al
fascio F individuato da due di questi punti e poi imporre il passaggio
per il terzo.

111
112 Capitolo 12. La circonferenza nel piano

Lo studente è invitato a confrontare e riflettere su questi modi per risolvere


l’esercizio proposto.]

12.3 Scrivere l’equazione delle circonferenze che hanno raggio 2 e passano


per i punti A(−1, 2) e B(1, 0)

[ I centri si possono ottenere come intersezione delle circonferenze di raggio


2 aventti centri rispettivamente in A e B. . . ( x + 1)2 + y2 = 4, ( x − 1)2 +
(y − 2)2 = 4. ]

* 12.4 Fornire una rappresentazione parametrica razionale della circonferenza


di equazione
x2 + y2 − 2x + 2y = 1 (12.3)

[ La circonferenza di equazione (12.3) si scrive anche come

( x − 1)2 + (y + 1)2 = 3, (12.4)



quindi ha centro in C (1, −1) e raggio r = 3. A sua volta l’equazione (12.4)
equivale al sistema √
(
x − 1 = 3 cos α

y + 1 = 3 sin α
con 0 ≤ α ≤ 2π. A questo punto, facendo uso delle cosiddette formule
parametriche e ponendo t = tan α2 ed α 6= π si ottiene
 √ √
 √ 1 − t2 1 + 3 + (1 − 3) t2

x = 1+ 3 =
1 + t2 1 + t2
√ .
 √ 2
 y = −1 + 3 2t = 2 3 − 1 − t

1 + t2 1 + t2
Un generico punto della circonferenza data è dunque
√ √ √ !
1+ 3 + (1 − 3) t2 2 3 − 1 − t2
P ,
1 + t2 1 + t2

dove, come detto t = tan α2 e α 6= π. Questo comporta che il punto P(1 −



3, −1) ottenuto per α = π non è raggiunto dalla parametrizzazione
considerata; si ha però P → P per α → π qundi per t = tan α2 → ∞.
La parametrizzazione cercata puà essere determinata anche in modo più
generale: il punto generico della circonferenza può essere parametrizzato
tramite il coefficiente angolare di una retta che lo congiunge ad un punto
fissato su di essa. Nel caso in esame, considerato il punto P, l’equazione
√ generica retta non verticale passante per esso sarà y + 1 = m( x − 1 +
della
3); dall’intersezione di tale retta con la circonferenza, cioè dal sistema
(
( x − 1)2 + ( y + 1)2 = 3

y + 1 = m ( x − 1 + 3)
113

si ottengono come soluzioni le coordinate del generico punto


√ √ √ !
1 + 3 + (1 − 3) m2 2 3 − 1 − m2
P , .
1 + m2 1 + m2

In effetti abbiamo ancora escluso la retta verticale che, in questo caso, essen-
do tangente in P alla circonferenza, fornisce il punto P stesso, che comun-
que è ottenibile come limite per m → ∞. Osserviamo infine che abbiamo
ottenuto la stessa parametrizzazione perche si ha m = tan β = tan α2 : consi-
derando le corde per un diverso punto si otterrebbero parametrizzazioni
razionali diverse. ]

Figura 12.1: I triangoli simili dell’Esercizio 12.5

12.5 Siano γ la circonferenza di equazione x2 + y2 = 1, A e B le intersezioni


di γ con l’asse x e P un punto di γ; verificare, analiticamente e sintetica-
mente, che le rette AP e BP tagliano l’asse y in punti H e K tali che sia
OK · OH = k con k costante da determinare.
[I triangoli BOH e KOA sono simili (v. fig. 12.1). . . k = 1]

12.6 Rislovere l’esercizio 12.2 con lo strumento dei fasci di circonferenze.

12.7 Scrivere l’equazione di una circonferenza tangente all’asse x nel punto


A(3, 0) ed avente raggio r = 6.
[Il centro sarà C1 (3, 6) oppure C2 (3, −6) da cui...]

12.8 Scrivere le equazioni delle circonferenze passanti per l’origine e tangenti


alle rette r : x − 2y = 0 e s : x + y − 1 = 0.

[Tangenza alla r in O. . . 9x2 + 9y2 − 2(1 ± 10)( x − 2y) = 0]

12.9 Siano
114 Capitolo 12. La circonferenza nel piano

A O

Figura 12.2: Esercizio 12.9

γ la circonferenza di equazione x2 + y2 − 2y = 0,
T un punto della γ, A e B le intersezioni della tangente in T alla γ
rispettivamente con l’asse x e con l’asse y.

Determinare T in modo che i triangoli OAT ed OTB abbiamo la stessa


area. (Vedi figura 12.2) √   √ 
3 3 3 3
[T dev’essere il punto medio di AB (perché?). . . T1 = 2 ,2 e T2 = − 2 ,2 ]

12.10 Scrivere l’equazione


 della circonferenza passante per i tre punti A(1, 1),
14 17
B(6, 1) e C , .
5 5

[Osservare che il triangolo ACB è rettangolo in C, dunque AB è un diame-


 2
tro. . . x − 27 + (y − 1)2 = 25
4 ]

12.11 Scrivere le equazioni delle circonferenze che hanno raggio 2 e passano


per i punti A(−1, 2) e B(1, 0).

[I centri si possono ottenere come intersezione delle circonferenze di centri


A e B e raggio 2. . . ]

* 12.12 Sia r la retta di equazione x + y − 2 = 0 e P il punto di coordinate


(2, 0); scrivere l’equazione della circonferenza tangente in P alla retta r e
passante per l’origine.

[ Tra i tanti metodi per risolvere questo tipo di esercizi, da quello più inge-
nuo, consistente nell’imporre all’equazione generale della circonferenza le
condizioni richieste, a quello più sintetico, consistente nel determinare il
115

centro della circonferenza richiesta come intersezione dell’asse del segmen-


to OP con la perpendicolare ad r passante per P, scegliamo di utilizzare la
tecnica dei fasci. Possiamo procedere in due maniere diverse: cercando nel
fascio di circonferenze tangenti in P ad r quella passante per O oppure nel
fascio delle circonferenze passanti per O e P quella tangente ad r.
• L’equazione del fascio di circonferenze tangenti in P ad r è

( x − 2)2 + y2 + k ( x + y − 2) = 0

ottenuta come combinazione lineare della circonferenza con centro in


P e raggio nullo ( x − 2)2 + y2 = 0) con l’asse radicale del fascio, cioè
la retta r. Imponendo ora il passaggio per l’origine, cioè sostituendo
nell’equazione del fascio le coordinate di O(0, 0), si ottiene k = 2 e
quindi l’equazione della circonferenza cercata x2 + y2 − 2x + 2y = 0.
• Il fascio di circonferenze passanti per O e P si ottiene, per esempio,
combinando linearmente l’asse radicale, cioè la retta OP y = 0 e la
circonferenza che ammette OP come diametro, cioè che ha centro nel
punto medio M di OP e raggio MO che ha equazione ( x − 1)2 + y2 =
0. Quindi la generica circonferenza del fascio sarà ( x − 1)2 + y2 + ky =
0; essa dovrà essere tangente alla retta r, quindi l’equazione risolvente
del sistema (
( x − 1)2 + y2 = 0
x+y−2 = 0
dovrà avere due radici reali coincidenti. Eliminando, per esempio la x
otteniamo 2y2 + (k − 2)y = 0 che ammette la radice nulla contata due
volte se e solo se k = 2, da cui il risultato.

12.13 Scrivere le equazioni delle circonferenze passanti per l’origine e tangenti


alle rette r : x − 2y = 0 ed s : x + y − 1 = 0

[La tangenza ad r è in O. . . 9x2 + 9y2 − 2(1 ± 10( x − 2y) = 0]

12.14 Determinare l’equazione della circonferenza tangente nell’origine alla


retta r : 3x − 4y = 0 e tangente alle rette s : x = 8 e t : x = −2.

[ Il centro è l’intersezione della bisettrice della striscia formata dalle rette s


e t (che sono parallele) e della retta passante per O ortogonale alla tangente
r . . . ( x − 3)2 + (y + 4)2 = 25. ]

12.15 Trovare asse radicale e punti base del fascio di circonferenze

x2 + y2 − x − y + λ( x2 + y2 − 1) = 0.

[x + y − 1 = 0; A(1, 0), B(0, 1)]


116 Capitolo 12. La circonferenza nel piano

12.16 Sia data la famiglia di curve

F : a ( x 2 + y2 − 1) + b ( x 2 − y ) + c ( x − y2 ) = 0

Verificare che le curve di F che passano per il punto P(0, 1) formano un


fascio di circonferenze e trovare i punti base di tale fascio.
[Imponendo il passaggio per P si ottiene b = −c. . . ]

12.17 Sia F il fascio di circonferenze tangenti alla bisettrice del I e I I I quadran-


te nel punto A(1, 1); scrivere l’equazione della curva di F che interseca
l’asse x in due punti simmetrici rispetto al punto B(3, 0).
[Il centro deve essere sulla x = 3. . . ( x − 3)2 + (y + 1)2 = 8]

12.18 Scrivere l’equazione del luogo dei centri delle circonferenze individuato
dalle due circonferenze

γ : x 2 + y2 − y = 0
γ0 : x2 + y2 − 2x + y = 0

[È la congiungente dei centri di γ e γ0 . . . 2x + 2y − 1 = 0]

12.19 Sia F il fascio di circonferenze tangenti alla bisettrice del I e I I I qua-


drante nel punto A(1, 1); denotate con B e C le ulteriori intersezioni della
generica circonferenza di F con le rette di equazioni rispettive x = 1 e
y = 1, scrivere l’equazione del luogo dei punti medi dei segmenti BC.
[È il luogo dei centri delle circonferenze del fascio. . . x + y − 2 = 0]

12.20 Scrivere l’equazione della circonferenza che passa per l’origine O(0, 0),
per il punto C (−1, 0) e taglia gli assi coordinati in due punti aventi la
stessa proiezione ortogonale sulla retta OC.
 2  2
[Il centro è il punto medio di OC. . . x + 12 + y + 21 = 14 ]

12.21 Scrivere l’equazione della circonferenza che passa per i punti A(2, 0) e
B(0, 2) e rispetto alla quale l’origine ha potenza 4.
[x2 + y2 − 4x − 4y + 4 = 0]

* 12.22 Verificare che se γ e γ0 sono due circonferenze, ogni circonferenza del


fascio da esse individuato è il luogo dei punti P tali che il rapporto tra la
potenza di P rispetto a γ e rispetto a γ0 è costante e dedurre da ciò che
l’asse radicale di un fascio F di circonferenze è il luogo dei punti che
hanno la stessa potenza rispetto a tutte le coniche del fascio.
Capitolo 13

Le coniche

Salvo esplicito avviso contrario, in questo capitolo le coniche si intendono irriducibili


e le iperboli non equilatere. Anche se non esplicitamente richiesto si sottintende
che ogni conica di cui si parla vada riconosciuta. Si parlerà anche di luoghi
geometrici, cioè insiemi di punti che godono di certe proprietà; in questo caso il
problema è quello di tradurre queste proprietà in manera analitica, cioè mediante
equazioni e poi, di solito, eliminare uno o più parametri presenti nelle equazioni
trovate per poter ottenere così l’equazione cartesiana del luogo.

13.1 Siano P la parabola di equazione y2 = 4x, A ∈ P B la proiezione


ortogonale di A sull’asse x, e C il simmetrico di B rispetto all’origine
O(0, 0); verificare che la retta CA risulta tangente a P.
[Vedi figura 13.1]

Figura 13.1

13.2 Sia P la parabola di equazione y2 = 2x e P il punto di coordinate (2, 2).

117
118 Capitolo 13. Le coniche

Determinare un punto Q ∈ P tale che l’area del triangolo OPQ sia


uguale a 4.

Figura 13.2

[Ricordando
che l’area di un triangolo di vertici A( a, b), B(c, d) C (e, f ) è
a b 1  

1 c d 1 e ponendo Q t2 , t si ottiene t = . . . da cui i punti Q1 (2, −2)
2 2
e f 1
e Q2 (8, 4). (v. Fig. 13.2) ]

13.3 Siano

P la parabola di equazione y = x2
r ed r 0 due rette perpendicolari uscenti dall’origine,
R ed R0 Le ulteriori intersezioni di P con r ed r 0 rispettivamente.

Verificare che al variare comunque della coppia (r, r 0 ) le rette passanti per
R ed R0 passano sempre per un medesimo punto A, di cui si chiedono
le coordinate. [A(0, 1)]

13.4 Verificare che l’equazione xy − 2x + y − 3 = 0 rappresenta un’iperbole


equilatera.

x2 y2
[ Con un’opportuna rototraslazione di assi l’equazione diventa 2 − 2 =2
che è proprio la forma canonica dell’iperbole equilatera. ]

13.5 Sia P la parabola che ammette come fuoco il punto F (2, 2) e come
vertice il punto V (1, 1); determinare la tangente a P parallela alla retta
r : x − 2y + 3 = 0 ed il suo punto di contatto con P.
[Direttice y = − x. . . ( x − y)2 − 8( x + y − 2) = 0. . . x − 2y = 8, P(16, 4)]
119

13.6 Scrivere l’equazione del luogo dei centri delle circonferenze tangenti
alla bisettrice del I I e IV quadrante e passanti per P(1, 0).
[È la parabola con direttrice x + y = 0 e fuoco P(1, 0). . . x − y)2 − 4x + 2 = 0]

13.7 Scrivere l’equazione dell’iperbole equilatera γ che ammette come fuoco


il punto F (3, 0) e la retta r : x = 1 come direttrice coniugata ad F.
Determinare inoltre il centro ed i vertici di γ.

d( PF ) √
[ Sia P( x, y) : allora d( P,r) = 2. . . x2 − y2 + 2x − 7 = 0. . . ( x + 1)2 − y2 −
√ √
8 = 0. . . C (−1, 0), V1 (−1 − 2 2, 0), V2 (−1 + 2 2, 0). ]

13.8 Siano

t una tangente all’iperbole di equazione xy − y = 1;


A e B le intersezioni di t con l’asse x e con l’altro asintoto, rispettiva-
mente.
A0 l’intersezione dell’asse x con la retta per B parallela alla r : y =
−2x

Trovare la relazione che intercorre tra le ascisse x di A e x 0 di A0 al variare


di t. [x = x20 + 1]

13.9 Si consideri l’ellisse γ di equazione x2 + xy + y2 = 1. Scrivere l’equazio-


ne di una circonferenza che tagli l’ellisse in quattro punti vertici di un
rettangolo.

Figura 13.3
120 Capitolo 13. Le coniche

[ Gli assi dell’ellisse sono le bisettrici


q dei quadranti. . . la circonferenza deve
2

avere centro in O e raggio r con 3 < r < 2, vedi un esempio in Fig. 13.3
nella pagina precedente ]

13.10 Si considerino le parabole P e P 0 che hanno fuoco nel punto F (0, 1) e


come direttrici rispettivamente le rette r : x = 2 e s : y = 2. Trovare le
coordinate dei punti comuni a P e P 0 . [P1 (1, 1) P2 (3, −3)]

13.11 Scrivere l’equazione della parabola che ammette il punto F (1, 1) come
fuoco e come vertice l’origine.
[La direttrice è x + y + 2 = 0 . . . ( x − y)2 − 8( x + y) = 0]

13.12 Determinare fuoco e direttrice della parabola che ha il vertice in O,


ammette come asse la bisettrice del I e III quadrante e passa per il punto
P(2, 1).  
1 1 1
[ F (t, t) r : y = − x − 2t, ponendo PF = d( P, r ). . . F 24 , 24 , y = −x − 12 ]

13.13 Sia P la parabola di equazione y2 + 2x = 0. Scrivere l’equazione della


parabola P 0 che ha fuoco nel punto F (1, 1) e come direttrice la tangente
a P parallela alla retta OF.
[La retta OF ha coefficiente angolare 1. La tangente alla parabola è 2x − 2y = 1. . . ]

13.14 Scrivere l’equazione dell’iperbole equilatera non degenere che passa per
O(0, 0) ha un fuoco sull’asse x ed
√ ammette come direttrice coniugata ad
F la retta di equazione x − y − 5 = 0.
√ √ √ √
[F (t, 0) 6∈ r: d(OF
O,r )
= 2. . . t = − 5. . . xy + 2 5x − 5y = 0]

13.15 Calcolare l’eccentricità della conica

x2 − y2 + 2y − 5 = 0.

[Si tratta di un’iperbole equilatera, quindi e = 2]

13.16 Si considerino Il punto F (2, 0) e la retta d : x − 2y = 0; scrivere l’equa-


zione del luogo
√ dei punti del piano per i quali il rapporto delle distanze
da F e da d è 5 e riconoscerlo.

[F 6∈ d. . . 5 > 1: iperbole. . . 4xy − 3y2 − 4x + 4 = 0 ]

13.17 Si consideri la famiglia di coniche F

2ax2 + 2y2 + 4ax + 2y + 2a = 0 ( a ∈ R)

Determinare le coniche degeneri di F .


121

 
a 0 2a
[La matrice dei coefficienti della conica è A =  0 1 1 . Essa è singola-
2a 1 a
1
re se e solo se a = 0 oppure a = − , da cui le coniche degeneri y2 + y = 0
3
e x2 − 3y2 + 2x − 3y + 1 = 0]

* 13.18 Trovare una rototraslazione di assi che riduca la conica K

x2 − xy + y2 − 5x = 0

a forma canonica.
 
1 5
 1 − − 
 2 2
 
 1 
[La matrice dei coefficienti della conica è A =  − 1

0 ; la
 2 
 
 5 
− 0 0
2
natura di K dipende dal segno del determinante I2 della sottomatrice
 
1
 1 −
 2
B=   formata dalle prime due righe e dalle prime due colonne
1 
− 1 
2
di A; poiché I2 > 0 si tratta di un’ellisse. Per ridurla a forma canonica
dobbiamo far sì che l’origine e gli assi del sistema di riferimento coincidano
rispettivamente con il suo centro ed i suoi assi. Per determinare il centro
dobbiamo risolvere il sistema
 
1  
 1 − 5
 2 x
 

 
   2 0
 1  y +   = ,
− 0
1  0
2
 
10 5
da cui C , ; in seguito consideriamo la traslazione di vettore CO di
3 3

 10
 x0 = x −
equazioni 3 . Sostituendo nell’equazione della conica i valori

 y0 = y − 5
3
di x e y ricavati in funzione di x 0 ed y0 si ottiene l’equazione della conica cen-
trata nell’origine: x2 − xy + y2 = 25 . La direzione degli assi è individuata
3  
1 1
dagli autovettori di B, che sono e ; per ridurre a forma canoni-
1 −1
ca l’equazione della conica è sufficiente ruotare il sistema di riferimento
attorno all’origine di un angolo di π4 . Le e quazioni della rotazione sono


 x0 y0
x = √ − √

2 2
0 0
;

 x y

y = √ + √
2 2
122 Capitolo 13. Le coniche

sostituendo tali valori nell’equazione precedentemente trovata, si ottiene


3 2 9
l’equazione in forma canonica: x + y2 = 1.]
50 50

13.19 Riconoscere le seguenti coniche e poi ridurle a forma canonica:

3x2 − xy + 3y2 − 6x + y − 22 = 0,

[ ellisse, 7x2 + y2 = 50. . . ]

xy + x − 3y + 4 = 0,

[iperbole equilatera. . . ]

4x2 + 4xy + y2 − 4x + 2y + 1 = 0.

[parabola. . . ]

13.20 Scrivere l’equazione della conica passante per i punti A(2, 1), B(2, −1),
C (0, −1), D (0, 1) e E(3, 0) e riconoscerla. [ x2 + 3y2 − 2x − 3 = 0 ellisse.]

13.1 Quesiti
Q.13.127 La conica di equazione ( x − y)2 + 3x = 0 è una parabola non degenere.
2 vero 2 falso

Q.13.128 Esistono coppie di coniche distinte che hanno infiniti punti in comune.
2 vero 2 falso

Q.13.129 L’equazione della conica x2 − 2xy + y2 + x = 0 può essere ridotta, con


un’opportuna rototraslazione, ad una forma canonica del tipo ax2 +
by2 = k con a, b 6= 0 2 vero 2 falso

Q.13.130 Se un fascio di coniche contiene due iperboli equilatere allora esso con-
tiene anche una parabola. 2 vero 2 falso

Q.13.131 L’equazione dell’iperbole equilatera che ha i fuochi nei punti F (0, 0) e


F 0 (−2, 0) nel piano è: a 2x2 − 2y2 + 4x − 1 = 0; b x2 − 2y2 + 3 =
0; c x2 − y2 + 4y = 0; d x2 + y2 + 2x − 1 = 0.

Q.13.132 Nel piano, l’equazione 2x2 + 2xy + y2 + 2y = 0 rappresenta: a una


conica di eccentricità < 1; b un’iperbole; c un’iperbole equilatera;
d un’ellisse.
13.1. Quesiti 123

Q.13.133 Si consideri la famiglia di coniche rappresentata dall’equazione

x2 + kxy + y2 + kx − 1 = 0 (13.1)

allora esiste almeno un valore di k per cui l’equazione 13.1 rappresenta:


a un’iperbole equilatera: b una parabola non degenere; c una
conica degenere; d una circonferenza reale.
Capitolo 14

Fasci di coniche

Da qui in poi il piano si intende completato con gli elementi impropri e con i punti
a coordinate complesse; quando è il caso si useranno le coordinate omogenee nella
forma ( x : y : u); inoltre indicheremo quasi sempre i fasci con un unico parametro
con la convenzione che esso possa, quando non esplicitamente vietato, assumere anche
il valore ∞. L’equazione di una generica conica sarà considerata della forma

a11 x2 + 2a12 xy + a22 y2 + 2a13 xu + 2a23 yu + a33 u2 = 0 (14.1)

ed a questa forma faremo riferimento quando considereremo i coefficienti della (14.1)


nelle soluzioni. Infine precisiamo che il parametro che useremo per scrivere l’equazione
di un fascio potrà essere una qualunque lettera minuscola dell’alfabeto latino (tranne,
ovviamente la x e la y) o di quello greco.

* 14.1 Data la conica


γ : x2 + 2y2 + 2txy + 2y + t = 0, (14.2)
stabilire per quali valori del parametro t la γ è:

i) degenere;
ii) una circonferenza;
iii) un’iperbole equilatera;
iv) una parabola non degenere.

[ Per vedere quando una conica è degenere occorrre e basta vedere quando
si annulla il determinante della
matrice
dei coefficienti, cioè, per quanto
1 t 0

riguarda la (14.2), quando t 2 1 = 0 quindi dev’essere −t3 + 2t −
0 1 t

1 = 0 le cui soluzioni sono t = 1, −1±2 5
. Per ottenere
( una circonferenza,
a11 = a22
invece, occorre e basta che sia risolubile il sistema ; che nel
a12 = 0
caso della (14.2) non ammette soluzioni, essendo a11 = 1 6= 2 = a22

125
126 Capitolo 14. Fasci di coniche

quindi non esiste una circonferenza nel fascio assegnato. Anche per quanto
riguarda l’iperbole equilatera, caratterizzata dal fatto che a11 + a22 = 0
osserviamo che non esiste alcun valore del parametro per cui la conica
(14.2) è un’iperbole equilatera. Infine abbiamo
una parabola quando e
a11 a12
solo quando l’invariante I2 = è nullo. Nel nostro caso si ha
a12 a22

2 − t2 = 0 da cui t = ± 2 che rappresentano i due valori per cui la (14.2)
rappresenta una parabola non degenere (in quanto diversi da quelli trovati
per le coniche degeneri). ]

14.2 Determinare, se esistono, le parabole nel fascio di equazione

λ( x2 + 1) + µ(2xy + 3y2 − 2x + 6y − 4) = 0

[x2 + 1 = 0 degenere e ( x + 3y)2 − 6x + 18y − 11 = 0 non degenere]

14.3 Si consideri il fascio F di coniche passanti per l’origine e per i punti


A(0, 1), B(2, 0) e C (1, 1). Verificare che le intersezioni di tutte le coniche
non degeneri di F con la retta x = 2 sono simmetriche rispetto ad un
medesimo punto M e determinare le coordinate di M. [M(0, 2)]

14.4 Si consideri il fascio di coniche passanti per il punto improprio della


bisettrice del I e III quadrante, per l’origine, per A(0, 2) e tangenti alla
retta y = 2; trovare l’ascissa dell’ulteriore punto in cui la generica conica
del fascio taglia l’asse x.

[ A appartiene alla tangente. . . il fascio è ( x − y)(y − 2) + kx ( x − y + 2) =


0. . . per k = 0 la conica passa per X∞ , per k 6= 0 si ha x P = 2−k2k . ]

14.5 Nel fascio di coniche tangenti alla retta di equazione y = 2 e passanti


per A(0, 1), B(2, 1) e C (1, 2), determinare quelle tangenti all’asse x e
riconoscerle.
[(y − 2)(y − 1) = 0, parabola degenere; x2 + y2 − 2x − 2y + 1 = 0 circonferenza.]

14.6 Determinare, se esistono, le circonferenze nel fascio di coniche che ha


come punti base i punti A(2, 1), B(2, −1), C (0, −1) e D (0, 1).
[x2 + y2 − 2x − 1 = 0]

* 14.7 Esiste una circonferenza che passa per i punti A(1, 0), B(3, 0), C (2, −1)
e D (−1, −2)?

[ Si può scrivere l’equazione della circonferenza che passsa per tre di questi
punti e verificare se passa anche per il quarto, ma, in maniera più elegante,
si può applicare la tecnica dell’esercizio 14.6. . . ]
127


14.8 Sia γ la circonferenza di raggio r = 5 e centro a coordinate entram-
be positive che stacca sugli assi x e y corde AB e CD di lunghezza 2.
Determinare le parabole del fascio di coniche avente come punti base
A, B, C, D.
[Fascio ( x − 2)2 + (y − 2)2 − 5 + kxy = 0. . . k = ±2. . . ( x ± y)2 − 4x − 4y + 3 = 0]

14.9 Scrivere l’equazione della conica che passa per il punto improprio del-
l’asse y, per l’origine e per i punti A(3, 0), B(2, 3) e C (4, 5).
[15x2 − 11xy − 45x + 32y = 0]

14.10 Scrivere l’equazione della conica che passa per i punti O(0, 0), B(1, 1),
C (2, 1) ed è tangente alla retta di equazione 2x − y − 1 = 0 nel punto
D (0, −1) e riconoscerla.
[ È la conica di equazine ( x − 2y)(2x − y − 1) = 0, degenere.]

14.11 Scrivere l’equazione della conica passante per i punti A(1, 0), B(1, −1),
C (2, 2) e tangente alla retta di equazione 3x − y + 1 = 0 nel punto D (0, 1)
e riconoscerla. [ 7x2 − 6xy − y2 − 3x + 5y − 4 = 0 iperbole.]

14.12 Determinare l’equazione della conica passante per P(2, 3) e tangente alla
circonferenza1 x2 + y2 − 2x − 2y = 0 nei punti in cui essa interseca la
retta y = x − 1 e riconoscerla. [16( x2 + y2 − 2x − 2y) − 3( x + y − 1)2 = 0.]

14.13 Determinare l’equazione dell’iperbole tangente nell’origine alla biset-


trice del I e III quadrante, passante per A(1, 0) ed avente un asintoto
parallelo alla bisettrice del II e IV quadrante.
[2x2 + xy − y2 − 2xu + 2yu = 0]

14.14 Scrivere l’equazione dell’iperbole che ha gli stessi asintoti dell’iperbole


x2 − xy − 2y2 + 1 = 0 e passa per il punto P(1, 1).
[x2 − xy − 2y2 + 2 = 0]

14.15 Scrivere l’equazione della conica che passa per i punti A(1, 0), B(0, 2) e
C (2, 2) ed è tangente alle rette r : x − 2y − 1 = 0 ed s : x + 2y − 4 = 0
[A ∈ r e B ∈ s. . . 20x2 + 12xy + 29y2 − 64x + 36y + 44 = 0]

14.16 Scrivere l’equazione dell’iperbole che passa per i punti A(1, 1), B(2, 0) e
C (0, 3) ed ammette come asintoto la retta y = 2x

[L’iperbole è tangente al suo asintoto nel punto improprio. . . 68x2 + 16xy −


25y2 − 142x + 71y + 12 = 0]

14.17 Scrivere l’equazione dell’iperbole che ha come asintoti le rette di equa-


zioni x + 2y − 5 = 0 e 2x − 3y + 4 = 0 e passa per l’origine.
[2x2 + xy − 6y2 − 6x + 23y = 0]
1 Due coniche sono tangenti in un punto se ivi hanno una retta tangente comune.
128 Capitolo 14. Fasci di coniche

14.18 Scrivere l’equazione dell’iperbole equilatera tangente nell’origine all’as-


se x ed avente come asintoto la retta di equazione x + y + 1 = 0:
[x2 − y2 − 2y = 0]

14.19 Scrivere l’equazione della parabola non degenere tangente nell’origine


all’asse x ed in P(0, 1) alla retta di equazione y = x + 1.
[( x − 2y)2 − 2y = 0]

* 14.20 Scrivere l’equazione della parabola che ha l’asse parallelo alla retta
r.y = 3x e passa per i punti A(1, 0), B(0, 1) e C (1, 1).

Figura 14.1

[ L’asse fornisce il punto improprio della parabola, punto in cui essa è


tangente alla retta impropria, quindi i cinque punti sono A, B, C eP∞
contato due volte. Posso scegliere come punti base del fascio A, B e P∞ , P∞
e quindi le coniche degeneri del fascio sono: la retta impropria con la retta
AB, e le rette per A e B parallele alla r (Figura 14.1) ]

14.21 Scrivere l’equazione della conica che ha centro in C (1, 0), è tangente in
A(0, 2) alla retta di equazione y = 2 e passa per il punto P(−1, −1).
[Il centro è centro di simmetria. . . 3x2 + 3xy + 7y2 − 6x − 3y − 22 = 0 ellisse]

14.22 Scrivere l’equazione della conica che passa per l’origine, ha come asse la
retta di equazione 2x + 3y − 6 = 0 ed ammette come vertici i punti in
cui questa retta taglia gli assi coordinati.

[Le tangenti nei vertici sono perpendicolari all’asse. . . x2 + y2 − 3x − 2y = 0


circonferenza]
129

14.23 Scrivere l’equazionne dell’iperbole equilatera che ha centro in C (1, 1),


passa per l’origine ed è ivi tangente alla parabola y = x2 − x.

[ In O ha la stessa tangente della parabola, cioè y = − x. . . C è centro di


simmetria. . . xy − x − y = 0]

* 14.24 Risolvere l’equazione x4 − 4x3 + 8x − 2 = 0.

[ La tecnica dei fasci di coniche permette di risolvere equazioni di quar-


to grado non abbassabili di grado con il Teorema di Ruffini o algoritmi
analoghi.
È facile, nel nostro caso, osservare che l’equazione proposta non ammette
radici razionali (esse possono essere solo ±1 o ±2). Se ora poniamo y = x2
nell’equazione data, si ottiene y2 − 4xy + 8x − 2 = 0, cioè le equazioni di
due coniche: le soluzioni cercate sono allora le ascisse dei punti di interse-
zione delle due coniche, cioè dei punti base del fascio da esse individuato.
Tali punti possono essere individuati facilmente considerando le coniche
degeneri del fascio, che si possono ottenere dall’equazione del fascio ponen-

k −2 4

do I3 = 0; nel nostro caso si ha −2 1 − 2k , cioè k3 − 24k + 32 = 0, che
4 − k −2
2
ammette la soluzione razionale k = 4 a cui corrisponde la conica di equa-

zione (2x − y)2 + 4(2x − y) − 2 = 0. Da essa si ottiene 2x − y = −2 ± 6,
cioè h √ ih √ i
(2x − y) − (−2 + 6) (2x + y) − (−2 − 6) .
Il sistema (
y = x2
2
y − 4xy + 8x − 2 = 0
risulta allora equivalente al sistema
(
y = x2
√ √
(2x − y + 2 − 6)(2x − y + 2 6) = 0

corrispondente ai due sistemi di secondo grado


(
y = x2

2x − y + 2 − 6
(
y = x2

2x − y + 2 + 6

A questo punto basta eliminare la y e si ottengono le quattro soluzioni


p √
cercate, che sono x = 1 ± 3 ∓ 6 ]

14.25 Scrivere l’equazione dell’iperbole equilatera che passa per i punti co-
muni alla circonferenza di equazione x2 + y2 = 1 ed alla parabola di
equazione y2 = x. [x2 − y2 + 2x − 1 = 0]
130 Capitolo 14. Fasci di coniche

* 14.26 Sia γ la circonferenza passante per l’origine ed avente centro nel punto
C (1, 1); siano A e B le ulteriori intersezioni di γ con gli assi coordinati.
Scrivere l’equazione della conica passante per P(1, 2) e tangente alla γ
in P.

Figura 14.2

[ Due coniche sono tangenti in un punto se (e solo se) in quel punto hanno
una retta tangente in comune. Dunque abbiamo un fascio di coniche bitan-
genti, la cui equazione può essere determinata combinando linearmente
l’equazione della conica degenere formata dalla retta AB “contata due volte”
e di quella formata dalla coppia di tangenti in A e B; quest’ultima, (vedi
Figura 14.2) in realtà, non è necessario determinarla, in quanto la stessa
circonferenza γ fà parte del fascio, la cui equazione sarà allora:
x 2 + y2 − 1 + λ ( x + y − 2)2 = 0

Imponendo poi il passaggio per P si ottiene λ = 1 da cui l’equazione della


conica cercata x2 + xy + y2 − 3x − 3y + 2 = 0 che rappresenta un’ellisse. ]

* 14.27 Sono date le parabole


P : ( ax + by)2 + c1 x + d1 y + e1 = 0
P1 : (bx − ay)2 + c2 x + d2 y + e2 = 0
Verificare che i quattro punti in cui esse si intersecano appartengono ad
una medesima circonferenza.
[Basta verificare che nel fascio da esse individuato esiste ua circonferenza. . . ]

OSSERVAZIONE 14.1. Le parabole che compaiono nell’esercizio 14.27 sono due


generiche parabole con gli assi perpendicolari. Pertanto la proprietà enunciata è di
carattere generale.
131

Quesiti
Q.14.134 Le coniche di equazione

( x2 + y) + (t2 + 1)( x2 − y2 ) = 0

costituiscono un fascio 2 vero 2 falso

Q.14.135 L’equazione a( x − 1)2 + b( x − y)2 + c(2x + 1)2 = 0 rappresenta, nel


piano, un fascio di coniche 2 vero 2 falso

Q.14.136 Se un fascio di coniche contiene due circonferenze, allora tutte le coniche


del fascio sono circonferenze. 2 vero 2 falso
Capitolo 15

Luoghi geometrici

Come già accennato all’inizio del capitolo 13 a pagina 117, un luogo geometrico
è un insieme di punti o rette o piani o altri enti geometrici descritto mediante una o
più proprietà di cui questi enti godono. Per risolvere questo tipo di esercizi occorre
tradurre in termini analitici queste proprietà: si perviene di solito ad un certo numero
di equazioni dipendenti da parametri, l’eliminazione dei quali fornisce un’equazione
cartesiana che è quella del luogo richiesto se sono soddisfatte tutte le condizioni,
esplicite od implicite.

15.1 Siano:

r la retta di equazione x − 2y = 0;
s la retta di equazione x + y + 1 = 0;
γ la generica iperbole, tangente nell’origine ad r ed avente s come
asintoto;
P e Q le ulteriori intersezioni di γ con gli assi.

Scrivere l’equazione del luogo dei centri delle circonferenze che passano
per O, P e Q.
[Sono i punti medi dei segmenti PQ. . . 6xy + 2x + y = 0 iperbole equilatera.]

15.2 Siano:

K la parabola di equazione x2 = 4y, F il suo fuoco e V il suo vertice;


r una generica retta per V;
A l’ulteriore intersezione di K con r;
B la proiezione ortogonale di A sull’asse x.

Scrivere l’equazione del luogo descritto dal punto P (v. Fig. 15.1 nella
pagina seguente) intersezione delle rette r e BF e riconoscerlo.
[x2 + 2y2 − 4y = 0 ellisse]

133
134 Capitolo 15. Luoghi geometrici

Figura 15.1

* 15.3 Dati i punti A(− a, 0) e B(2a, 0) scrivere l’equazione del luogo dei punti
P tali che A P̂O = O P̂B.

[ Indicato con P( x, y) il generico punto del piano, se denotiamo con m AP ,


m PO ed m PB i coefficienti angolari delle rette AP, PO, e PB rispettivamente,
dovrà essere
m PO − m AP m PO − m PB
= cioè
1 + m AP · m PO 1 + m PB · m PO
y y y y
x − x+a x −2a − x
y y = y y .
1+ x · x+a 1 + x · x−2a
Con semplici passaggi e ponendo x 6= 0, − a, 2a si ottiene
ay 2ay
= 2
x2 + ax + y2 x − 2ax + y2

da cui, essendo a > 0 e y 6= 0 si ottiene x2 + y2 − 4ax = 0


Per x = 0 si ha√ y = 0 non accettabile perché sull’asse x, per x = − a si
ottiene√y = ± 3 ed, infine, per x = 2a non si ottiene alcun punto. I punti
(− a, ± 3) vanno accettati, in quanto ottenibili nel caso in cui la retta PA è
parallela all’asse y.
Il luogo richiesto è dunque costituito dalla circonferenza con centro C (−2a, 0)
e raggio r = 2a, privata dei punti O e P2 (−4a, 0) (vedi Fig. 15.2) ]

* 15.4 Siano:

γ l’iperbole di equazione xy = 1;
A il vertice di γ a coordinate positive;
B l’altro vertice;
T un punto di γ diverso da i vertici;
t la tangente in T a γ;
n la normale a t passante per A.
135

Figura 15.2

Figura 15.3

Scrivere l’equazione del luogo dei punti comuni ad n ed alla retta BT.

 
[ Si ha A(1, 1), B(−1, −1) e T t, 1t (con t 6= 0, ±1); la tangente in T ha
coefficiente angolare mt = − t12 , dunque quello di n è mn = t2 . Quindi
1
+1
avremo n : y − 1 = t2 ( x − 1) e BT : y + 1 = tt +1 ( x + 1) che diventa, con
le limitazioni di t, y + 1 = 1t ( x + 1); un sistema che dà l’equazione cercata
136 Capitolo 15. Luoghi geometrici


 y + 1 = 1 ( x + 1)
è: t . Ricavando t dalla prima equazione e sostituendolo

y − 1 = t2 ( x − 1)
nella seconda, si perviene, dopo alcuni passaggi, all’equazione ( x − y)[( x +
y)2 − ( x − 1)(y − 1)] = 0. Si verifica facilmente che la retta x = y si ottiene
per t = a caso che abbiamo escluso; le altre condizioni impongono di
1 1
eliminare anche i punti (±1, ±1) ed 3 , 3 . Il risultato è quindi costituito
da tutti e soli i punti P( x, y) le cui coordinate sono radici dell’equazione
( x + y)2 − ( x − 1)(y − 1) = 0, che rappresenta un’ellisse (v. fig. 15.3 nella
pagina precedente). ]

15.5 Siano:

γ la parabola di equazione y2 = x;
γ0 la circonferenza di equazione x2 + y2 − 2y = 0;
r la generica retta passante per l’origine O(0, 0);
A e B rispettivamente le intersezioni di r con γ e γ0 ;
a la retta per A parallela all’asse x;
b la retta per B parallela all’asse y.

Scrivere l’equazione del luogo descritto dal punto di intersezione delle


rette a e b. [L’equazione del luogo è x (1 + y2 ) − 2y = 0. v. fig. 15.4]

Figura 15.4

15.6 Si consideri la curva




 1 − 3t2
x = 2
t −1
γ: .
 2
 y = 3 − 2t − 3t

t2 − 1
137

Dopo averne scritto l’equazione cartesiana ed averla riconosciuta, det-


ti A e B i punti nei quali è tagliata dalla generica retta per l’origine,
determinare il luogo dei punti medi dei segmenti AB.

[ x2 − y2 + 4x − 6y − 6 = 0, iperbole equilatera; x2 − y2 − 2x − 3y = 0
iperbole equilatera. ]

15.7 Sia γ la circonferenza di equazione x2 + y2 = 1, t la generica tangente


alla γ, A il punto comune a t ed all’asse y, d il diametro parallelo a t.
Scrivere l’equazione del luogo dei punti P proiezione ortogonale di A
su d.

Figura 15.5

[ Se indichiamo con T (cos α, sin α) il punto di tangenza la retta t ha equa-


zione cos αx + sin αy = 1. . . x2 ( x2 + y2 ) − y2 = 0 che è la quartica illustrata
in Figura 15.5 ]

15.8 Siano A(1, 0) e B(1, 1) due punti e F il fascio delle circonferenze tangenti
in O = (0, 0) all’asse x; sia H l’ulteriore intersezione della generica
circonferenza del fascio con l’asse y. Detta P la proiezione ortogonale
di A sulla retta HB, scrivere l’equazione del luogo descritto dai punti
P. [x2 + y2 − 2x − y + 1 = 0]

15.9 Si considerino i punti A(1, 0) e B(1, 1) ed il fascio F delle circonferenze


tangenti in O all’asse y. Siano:
138 Capitolo 15. Luoghi geometrici

P l’ulteriore intersezione della generica circonferenza di F con l’asse x;


Q Il punto simmetrico di A rispetto alla retta PB.

Scrivere l’equazione del luogo dei punti Q. [x2 + y2 − 2x − 2y + 1 = 0]

15.10 Siano F il fascio di circonferenze passanti per O e per A(0, 1), sia γ ∈ F
e sia B l’ulteriore intersezione di γ con l’asse x, siano inoltre t la tangente
a γ in B, C l’intersezione di t con l’asse y ed M il punto medio del
segmento BC. Scrivere l’equazione del luogo dei punti M. [y = −2x2 ]

15.11 Determinare il luogo dei punti medi delle corde della circonferenza di
equazione x2 + y2 − 2y − 3 = 0 passanti per l’origine.

[ La generica retta (non verticale) per l’origine ha equazione y = mx,


intersecandola con la circonferenza abbiamo l’equazione (m2 + 1) x2 −
2mx − 3 = 0. Il punto medio  cercato avrà coordinate soluzioni del si-
  y

 m =
 y = mx  x
stema m da cui y da cui, dopo semplici calcoli, si
x = 
 x = x
2
m +1 
 y 2

x2
+1
ottiene l’equazione della circonferenza x2 + y2 − y = 0. ]

15.12 Siano:

γ una circonferenza tangente all’asse x nel punto A(2, 0);


r la tangente alla γ uscente dall’origine e distinta dall’asse x;
P Il punto di contatto della r con la γ.

Scrivere l’equazione del luogo dei punti P al variare di γ. [x2 + y2 = 4]

15.13 Scrivere l’equazione del luogo dei piedi delle perpendicolari condotte
dall’origine alle tangenti alla conica di equazione

8x2 + 3y2 − 12xy − 6x + 4y − 1 = 0


Capitolo 16

Proiettività ed involuzioni

16.1 Nella proiettività di equazione


xx 0 − 3x + 4x 0 + 1 = 0
calcolare l’omologo di 1 e di ∞. [x 0 = 13 ; x 0 = 32 ]

16.2 Trovare i punti uniti delle proiettività:


i) xx 0 − x + x 0 − 2 = 0
ii) m + m0 = 0

[± 2; 0, ∞ ]

16.3 Trovare, in funzione del parametro λ, i punti uniti della proiettività di


equazione λxx 0 − x − x 0 − 2 = 0
[

λ > − 12 x1,2 = 1 ± i −1 − 2λ 6∈ R
λ = − 21 x1,2 = 1

λ < − 21 x1,2 = 1 ± −1 − 2λ ∈ R
]

* 16.4 Scrivere l’equazione della proiettività che manda i punti 0, 1 e ∞ rispet-


tivamente nei punti 3, 2 e 5.

[ L’equazione di una generica proiettività π ( x ) si può scrivere nella forma


αx + β
x0 = γx +δ (con αδ − βγ 6 = 0); nel nostro caso dovrà essere π (0) = 3 cioè
α+ β αx + β
e π (∞) = 5 cioè 5 = lim
β
3 = δ , π (1) = 2 cioè 2 = γ+δ = α
β.
 x →∞ γx +δ

 β = 3δ
Otteniamo dunque il sistema α + β − 2δ = 0 che ammette le soluzioni:


α = 5γ
5x −9
α = 5γ, β = −9γ, δ = −3γ quindi la proiettività è: x 0 = x −3 cioè xx 0 −
5x + 3x 0 − 9 = 0 ]

139
140 Capitolo 16. Proiettività ed involuzioni

16.5 Scrivere l’equazione della proiettività che manda i punti 1, 2 e 5 rispetti-


vamente nei punti 2, 3 e 6 [x 0 = x + 1]

16.6 Scrivere l’equazione della proiettività che ha come punti uniti 1 e ∞ e


manda il punto 0 in 2 [x 0 x − 2 = 0]

16.7 Trovare due involuzioni tali che la loro composizione non sia un’involu-
zione.

* 16.8 Si consideri il fascio F delle parabole passanti per i punti A(0, 1) e


B(1, 1) e per il punto improprio della bisettrice del I e III quadrante;
siano P la generica parabola del fascio e P e P0 le intersezioni di P con
l’asse x. Verificare che che i punti P e P0 si corrispondono in una invo-
luzione della quale si chiedono l’equazione ed i punti uniti. Osservare
che questa involuzione è in realtà una simmetria rispetto ad un punto
M; determinare inoltre l’equazione della parabola del fascio tangente
all’asse x.

[ Essendo la parabola tangente alla retta impropria nel suo punto improprio,
l’equazione del fascio è ( x − y + 1)( x − y) + k(y − 1) = 0. Intersecando
la generica parabola del fascio con la retta y = 0 si ottiene l’equazione
x2 + x − k = 0 che, risolta, fornisce le ascisse di P e P0 ; la somma delle radici
è −1 e dunque l’involuzioen cercata è x + x 0 = −1 cioè x 0 = −1 −x, cheè
proprio la restrizione all’asse x della simmetria rispetto al punto M − 12 , 0 .
I punti uniti di tale involuzione risultano x1 = − 21 ed x2 = ∞: ad essi
corrispondono le coniche del fascio che incontrano l’asse x in due punti
coincidenti, cioè alle parabole del fasci tangenti all’asse x; per determinare
quella non degenere basta imporre il passaggio per M1 : sia avrà allora
− 14 − k = 0 e quindi l’equazione 4( x − y)2 − 4x − 5y + 1 = 0 ]

16.9 Siano:

A il punto (0, 1);


r la generica retta per A;
s la perpendicolare ad r passante per A
R ed S i punti di intersezione della retta di equazione y = 1 con r ed s
rispettivamente

Verificare che R ed S si corrispondono in una involuzione di cui si chiede


l’equazione. [xx 0 + 4 = 0]
1 imponendo il passaggio per X∞ si nota che, intersecando anche due volte la retta im-
propria in P∞ la conica contiene per intero la retta impropria, contata due volte ed è quindi
degenere
141

16.10 Siano:

γ la circonferenza di equazione x2 + y2 = 1;
A il punto (0, 1);
B il punto (0, −1);
r una generica retta per A;
C l’ulteriore intersezione di r con γ;
r0 la retta BC;
R ed R0 le intersezioni dell’asse x con le rette r ed r 0 rispettivamente.

Verificare che R ed R0 si corrispondono in una involuzione di cui si


chiede l’equazione. [xx 0 + 1 = 0]

16.11 Siano:

r la retta di equazione x = 3;
A il punto (2, 0);
γ la circonferenza di diametro OA;
P Il generico punto di γ.

Verificare che le rette OP ed AP staccano su r coppie di punti che si


corrispondono in un’involuzione, di cui si chiede l’equazione.
[yy0 + 3 = 0]

16.12 Siano:

t una generica tangente all’iperbole γ di equazione xy − y − 1 = 0


A e B le intersezioni di t con l’asse x e con l’altro asintoto della γ
rispettivamente
A0 l’intersezione dell’asse x con la retta passante per B e parallela a
quella di equazione y = 2x.

Verificare che i punti A e A0 , al variare della tangente t si corrispondono


in una stessa involuzione. [xx 0 − ( x + x 0 ) + 3 = 0]

16.13 Sia F il fascio di coniche che sono tangenti in O all’asse x ed in A(0, 2)


alla retta di equazione y = 2. Verificare che le coppie di punti che
le coniche di F tagliano sulla retta impropria si corrispondono in
un’involuzione ω determinandone equazione e punti uniti.
y √
[ Sia = m. . . mm0 + k = 0; per k > 0 m1,2 = ±i k 6∈ R, per k = 0 m1,2 = 0,
x √
per k < 0 m1,2 = ± −k ∈ R. ]
142 Capitolo 16. Proiettività ed involuzioni

16.14 Si consideri sull’asse x l’involuzione ω avente uniti i punti M (−1, 0) e


N (1, 0).
Siano:

F il fascio di coniche tangenti nel punto A(0, 1) all’asse y e nel punto


B(1, 2) alla retta di equazione y = 2;
P un punto generico dell’asse x;
P0 il corrispondente di P nella ω.

Verificare che la conica di F che passa per P passa anche per P0 .

16.15 Siano:

P il generico punto della circonferenza γ di equazione x2 + y2 −


2x = 0 no appartenente all’asse x;
t la tangente in P alla γ;
A ed A0 le intersezioni della t rispettivamente con l’asse y e con la retta
di equazione x = 2;
r ed r 0 le rette che dal punto B(−1, 0) proiettano rispettivamente A e
A0 .

Verificare che, al variare di P su γ, r ed r 0 sono coniugate in una stessa


involuzione.

Figura 16.1

[ La circonferenza data ha centro in C (1, 0) e raggio r = 1; il punto P avrà


coordinate (1 + cos α, sin α) (con sin α 6= 0) e quindi la tangente t avrà
equazione
cos α
y − sin α = − ( x − 1 − cos α)
sinα
143

   
da cui A 0, 1+sin
cos α
ed A 0 2, 1−cos α . I coefficienti angolari di AB ed A0 B
α sin α
1−cos α
sono rispettivamente m = 1+sin
cos α 0 0 1+cos α
α e m = sin α da cui mm = sin α ·
2
1−cos α
sin α= 1−3 cos
sinα
α
= 13 ; dalla Figura 16.1 si desume inoltre facilmente che
se P appartiene all’asse x, t coincide o con l’asse y o con la retta x = 2 il che
rende indeterminata la posizione del punto A o del punto A0 . ]

16.16 Si considerino la parabola P di equazione y = x2 − 1 ed i punti A(−1, 0)


e B(0, −1).
Siano:

P un generico punto di P diverso da A o B;


r la retta AP;
s la retta BP;
t la retta simmetrica di s rispetto all’asse x;
u la parallela a t passante per A.

Verificare che la corrispondenza fra le rette r ed u nel fascio di sostegno


A che così si ottiene è un’involuzione [m + m0 + 1 = 0]

16.17 Siano r ed r 0 due rette nel fascio di sostegno A(0, 1) che si corrispondono
nell’involuzione di equazione mm0 − 2 = 0. Verificare che i punti di
intersezione di r ed r 0 con l’asse x si corrispondono in una involuzione e
trovare l’equazione di questa involuzione. [xx 0 = 12 ]
Capitolo 17

Polarità piana

La polarità si intende sempre definita rispetto a coniche irriducibili. Nelle risoluzioni


proposte faremo uso di una delle tante forme dell’equazione della polare, nulla vieta,
se il caso, che lo studente provi a risolvere in altro modo l’esercizio. In alcuni
casi la risoluzione non si baserà su un procedimento solo analitico, ma farà uso di
considerazioni sintetiche legate alla legge di reciprocità: è un invito alla riflessione

17.1 Sia F il fascio di coniche di equazione

y2 − xy + λ(2x2 − 3xy + y2 − 6x + 3y) = 0

Verificare che tutte le coniche del fascio sono tangenti nell’origine ad


una stessa retta ,di cui si chiede l’equazione. [2x + y = 0]

17.2 Determinare la polare dell’origine rispetto alla conica di equazione

ax2 + bxy + cy2 + dx + ey + f = 0

[dx + ey + f = 0]

17.3 Si consideri l’iperbole equilatera γ che ha come asintoto la retta di


equazione y = 2x ed è tangente in P(3, 0) alla retta di equazione 4x +
3y = 12; scrivere l’equazione dell’altro asintoto.
[È la polare di (−2 : 1 : 0). . . x + 2y = 0]

17.4 Un’iperbole equilatera γ ammette come asintoto la retta di equazione


x + 2y − 4 = 0; determinare l’altro asintoto sapendo che γ interseca
l’asse x nei punti P(1, 0) e Q(3, 0).
[. . . 2x2 + 3xy − 2y2 − 8x + 4y + 6 = 0. . . gli asintoti sono ortogonali . . . y − 2x = 0]

17.5 Determinare gli asintoti dell’iperbole equilatera non degenere che passa
per l’origine e per A(1, 0), ha gli asintoti paralleli alle rette x − 5y = 0 e
x − y = 0 e taglia l’asse x secondo un segmento lungo 5.
[. . . x2 − 6xy + 5y2 − x − 25y = 0. . . 2x − 10y − 15 = 0 e 2x − 2y + 13 = 0]

145
146 Capitolo 17. Polarità piana

17.6 Considerate le coniche γ1 : x2 + y2 − 2 = 0 e γ2 : 4xy + 3 = 0, determi-


nare i punti P tali che la polare di P rispetto a γ1 coincida con la polare
di P rispetto a γ2 [(0, 0), (1 : ±1 : 0)]

17.7 Date le coniche γ : x2 + y2 + 4x = 0 e γ0 : y2 − 6x = 0 determinare i


punti P ∈ γ0 tali che la tangente in P alla γ0 sia ortogonale alla polare di

P rispetto a γ. [(2, ± 3)]

17.8 Nel fascio di coniche che passano per l’origine, per i punti A(0, −1) e
B(−1, −1) e sono tangenti alla retta di equazione x + y + 2 = 0 deter-
minare le coniche rispetto alle quali la polare del punto P(−1, 0) e del
punto improprio della retta 2x − 2y − 5 = 0 sono tra loro perpendicolari.
[3x2 + 4xy − y2 + 7x − y = 0; x2 + 2xy − y2 + 3x − y = 0]

* 17.9 Siano:

γ la generica conica che ha fuoco nel punto F (0, 2) e come direttri-


ce coniugata ad F la retta di equazione x + y + 1 = 0;
r la polare del punto P(1, 2) rispetto a γ;
Q ed R le intersezioni di r rispettivamente con la retta di equazione
x = 1 e con l’asse y

Verificare che Q ed R si corrispondono in una proiettività.

[ Si potrebbe scrivere l’equazione di γ ricorrendo alla definizione di conica


tramite fuoco e direttrice, tuttavia la teoria della polarità ci permette una
soluzione più rapida ed elegante: la direttrice può essere infatti vista come la
polare del fuoco, e quindi la congiungente i punti di contatto delle tangenti
uscenti dal fuoco che sono le rette isotrope1 ; γ appartiene allora al fascio
generato dalla direttrice “contata due volte” e dal complesso delle rette
isotrope passanti per F, cioè la circonferenza di centro F e raggio nullo. In
coordinate omogenee l’equazione di tale fascio è: x2 + (y − 2u)2 + k( x +
y + u)2 = 0. La polare di P rispetto alla generica conica del fascio è:

1 · [2x + 2k( x + y + u)]+


+2[2(y − 2u) + 2k( x + y + u)]+
+1[−4(y − 2u) + 2k( x + y + u)] = 0.
 
che, semplificando, diventa x + 3k( x + y + u) = 0. Allora Q = 1, −6k 3k
−1
 
ed R = 3k −3k , 0 (k 6 = 0 in quanto la polarità riguarda solo coniche irriduci-
+1
bili), per k = − 31 si ha R ≡ X∞ (1 : 0 : 0)). Sarà dunque y = −6k −1 = − 2 −
 
3k
1 0 −3k 1 −3k−1 = −1 − 1 ; da y + 2 = − 1 1
3k ed x = 3k+1 cioè x 0 = 3k 3k 3k = x 0 + 1 si
ottiene l’equazione della proiettività yx 0 + x 0 − 1 = 0. ]

1 Ricordiamo che le rette isotrope sono due rette immaginarie che passano per i punti ciclici

del piano e per l’origine e le cui equazioni sono x ± iy = 0.


147

17.10 Un’iperbole equilatera ha un fuoco nel punto F (−1, 0) ed ammette


come polare di F la retta f di equazione 2x + y + 1 = 0; determinarne
l’equazione. [ f è la direttrice. . . 3x2 + 8xy − 3y2 − 2x + 4y − 3 = 0]

17.11 Una parabola P non degenere ha per direttrice la bisettrice del I e


III quadrante e come polare del punto A(−1, 1) la retta di equazione
3x − y + 1 = 0. Determinare il fuoco F e l’assedi simmetria
 r di P.
[F − 32 , 12 , r : x + y + 1 = 0]

17.12 Scrivere l’equazione della conica che passa per il punto A(0, 1), è tan-
gente nell’origine alla bisettrice del I I e IV quadrante ed ammette come
polare di X∞ la retta di equazione x = 2. [x2 + 4y2 − 4x − 4y = 0 ellisse]

17.13 Scrivere l’equazione dell’iperbole passante per i punti O e P(1, −1) per
la quale la retta di equazione y = 1 è un asintoto e quella di equazione
2y + 1 = 0 è la polare del punto Q(1, 1). [xy − 5y2 − x − 7y = 0]

* 17.14 Siano γ la circonferenza di equazione x2 + y2 = 4 ed A il punto (2, 4).


Scrivere l’equazione dell’iperbole equilatera tangente a γ nei punti di
contatto delle tangenti ad essa uscenti da A.

[ Si tratta dell’iperbole equilatera del fascio generato dalla circonferenza


data e dalla polare p A di A “contata due volte”, che è la congiungente i
punti di tangenza. (v. Fig. 17.1)

Figura 17.1

La polare di A è x + 2y − 2u = 0 e dunque il fascio suddetto ha equazione


x2 + y2 − 4 + k( x − 2y − 2)2 = 0; avremo un’iperbole equilatera se I1 =
a11 + a22 = 1 + 1 + k + 4k = 0 cioè per k = − 52 da cui l’iperbole 3x2 −
8xy − 3y2 + 8x + 16y − 28 = 0 ]
148 Capitolo 17. Polarità piana

17.15 Siano γ la conica di equazione 2xy = 1 ed F il punto (1, 1); scrivere


l’equazione dell’involuzione delle rette reciproche uscenti da F.
[F è uno dei fuochi. . . l’involuzione è quella circolare mm0 = −1]

17.16 Scrivere l’equazione dell’iperbole che ha gli stesssi asintoti della x2 −


xy − 2y2 − x + 2y + 1 = 0 ed ammette gli assi cartesiani come rette
reciproche.
[Gli asintoti sono x − 2y = 0 e x + y − 1 = 0. . . ( x − 2y)( x + y − 1) + 1 = 0]

17.17 Una conica γ passa per i punti impropri degli assi cartesiani, per il punto
A(1, 1), ed ammette come polare del punto P(0, −1) la retta di equa-
zione y = 1; scrivere l’equazione dell’involuzione dei punti dell’asse y
reciproci rispetto alla γ. [Y∞ è unito e P è coniugato con A. . . y + y0 = 0]

17.18 Sia γ l’iperbole equilatera che passa per i punti A(0, 1), B(2, 0) e C (1, 1)
ed è tangente alla bisettrice del I e III quadrante; scrivere l’equazione
dell’involuzione dei punti dell’asse x reciproci rispetto a γ
[2xx 0 − 3( x + x 0 ) + 4 = 0]

* 17.19 Si considerino il punto A(0, −1) e la conica γ di equazione 2x2 + 3xy +


3y2 − x − 6y − 1 = 0; scrivere l’equazione dell’iperbole che passa per il
punto B(2, 0) ed ha come asintoti le tangenti alla γ passanti per A.

Figura 17.2

[ Le due tangenti AT1 e AT2 sono le rette che congiungono A con i punti in
cui la polare di A taglia la γ (v. Fig. 17.2). Il fascio a cui appartiene l’iperbole
che cerchiamo sarà il fascio di iperboli avente queste due rette come asintoti,
cioè tangenti nei punti impropri. Lavorando in coordinate omogenee, la
149

polare p A di A ha equazione x + 3y − u = 0. La conica spezzata nelle due


rette AT1 AT2 appartiene al fascio 2x2 + 3xy + 3y2 − xu − 6yu − u2 + k( x +
3y − u) = 0 Ricercando le coniche degeneri, cioè imponendo I3 = 0 si ha
k = ∞, a cui corrisponde la retta p A contata due volte e k = − 12 che è quella
che fa a l caso nostro ed ha equazione x2 − y2 − 2yu − u2 = 0. La conica
richiesta sarà dunque tangente a quest’ultima nei suoi punti impropri, sarà
quindi una conica del fascio x2 − y2 − 2yu − u2 + ku2 = 0. Imponendo il
passaggio per B otteniamo k = −4 da cui l’equazione, in coordinate non
omogenee x2 − y2 − 2y − 4 = 0 che è un’iperbole equilatera. ]

17.20 Siano:

γ l’ellisse di equazione x2 − xy + y2 − 3x + 2 = 0;
P il punto di coordinate (0, −1)
Q il punto (0, 1).

Verificare che i punti P e Q ed i quattro punti di contatto di γ con le


tangenti uscenti da P e da Q appartengono ad una medesima conica.

Figura 17.3: Esercizio 17.20

[Nel fascio di coniche generato da γ e dalle due polari, cercare quella che
passa per Q ed osservare che passa anche per P (vedi Figura 17.3). ]

17.21 Siano:
150 Capitolo 17. Polarità piana

P la parabola di equazione ( x − y)2 − 4( x + y + 1) = 0;


P un punto del piano;
T1 e T2 i punti di contatto delle tangenti uscenti da P con la parabola.

Scrivere l’equazione del luogo dei punti P tali che T1 e T2 siano allineati
con l’origine. [È la polare dell’origine. . . x + y + 2 = 0]

* 17.22 Trovare il polo della retta impropria rispetto alla conica di equazione

x2 − 3y2 − 2x + 2 = 0.

[ Per la legge di reciprocità basterà trovare le polari di due punti impropri


qualsiansi: i più comodi sono X∞ (1 : 0 : 0) e Y∞ (0 : 1 : 0) le due polari
sono rispettivamente la derivata rispetto ad x ( e quella rispetto ad y della
2x − 2u = 0
conica: in coordinate omogenee si ha il sistema che ha come
−6y = 0
soluzione x = u e y = 0 da cui il punto P(1, 0). ]

17.23 Trovare il polo della retta x + y + 3 = 0 rispetto alla conica

2x2 − 3xy + y2 + 3x = 0.

[(1, 2)]

17.24 Siano:

r una retta per l’origine;


P il polo della r rispetto alla circonferenza di equazione x2 + y2 − 2x =
0;
Q il polo della r rispetto all’iperbole di equazione x2 − xy − y + 1 = 0

Trovare le rette r per le quali i corrispondenti punti P e Q sono allineati


con A(−2, 1). [y = 23 x, y = 3x]

17.25 Data la circonferenza di equazione x2 + y2 − 2x + 3y = 0 ed i punti


A(1, 2) e B(2, 0), determinare un punto C che sia reciproco siadi A sia 
di B. [È il polo della retta AB. . . C 20 4
7 ,−7 ]

* 17.26 Verificare che i punti impropri degli assi x e y sono reciproci rispetto a
tutte le coniche che passano per i punti O(0, 0) ed A(2, 0) ed ammettono
come polare del punto P(1, 2) l’asse x. [( x − y)2 + 4x − 8 = 0]

[ La polare di P passa per O ed A che sono quindi i punti di contatto delle


tangenti uscenti da P. L’equazione del fascio, in coordinate omogenee, si
può scrivere come

ky2 + (2x − y)(2x + y − 4u) = 0.


151

La polare di X∞ (1 : 0 : 0) rispetto alla generica conica del fascio ha equa-


zione 2(2x + y − 4u) + 2(2x − y) = 0 e cioè, semplificando, x − u = 0 che
passa per Y∞ (0 : 1 : 0).]

17.27 Data la parabola y = x2 , verificare che l’involuzione dei punti reciproci


da essa subordinata sull’asse x è la simmetria rispetto all’origine.
[. . . i punti uniti sono le intersezioni con l’asse x: O e X∞ . . . ]

* 17.28 Una conica taglia l’asse x nei punti A(2, 0) e B(4, 0) e l’asse y in C (0, 2)
e D (0, 4). Determinare la polare dell’origine.

[ Considerare l’involuzione dei punti reciproci sugli assi. . . i corrispondenti


di O sono rispettivamente A0 (3, 0) e B0 (0, 3). . . la retta AB è x + y − 3 = 0 ]

* 17.29 Si considerino i punti A(0, 1) e B(2, 0) e la retta r di equazione x + 2y = 4;


sia γ la conica non degenere tangente in A all’asse y, tangente in B
all’asse x e tangente anche alla retta r.
Senza determinare l’equazione di γ, trovare le tangenti ad essa uscenti
dal punto P∞ (2 : −1 : 0)

[ Una delle rette cercate è r che è tangente in T (2, 1), l’altra passa per l’altro
 sulla retta OT, che tiene
punto unito dell’involuzione dei punti reciproci

fisso T e manda il punto O nel punto P 1, 12 . . . xx 0 − 4( x + x 0 ) + 4 =
 
0. . . T 0 23 , 13 . . . 3x + 6y − 4 = 0. ]

* 17.30 Scrivere l’equazione dell’iperbole equilatera che ha come asintoto la


retta r : x − y + 1 = 0 e subordina sull’asse x l’involuzione dei punti
reciproci di equazione xx 0 − ( x + x 0 ) = 0.

[ La conica ha r come asintoto, passa per il punto improprio in direzio-


ne ortogonale ad r e per i punti dell’asse x uniti nell’involuzione data,
quindi. . . x2 − y2 − 2x + 4y = 0 ]
Capitolo 18

Centro e diametri di una conica

18.1 Centro, diametri ed assi


* 18.1 Sia γ l’iperbole equilatera che passa per i punti A(0, −1) e B(−2, −1)
ed avente come asintoto la bisettrice del I e I I I quadrante; trovare
l’equazione di γ e le coordinate del suo centro.

[ L’iperbole appartiene al fascio ( x + 1)( x − y) + k( x − y − 1)( x − y + 1) = 0;


è equilatera se e solo se I1 = 1 + k + k = 0 cioè se k = − 12 , quindi ha
equazione x2 − y2 + 2x − 2y + 1 = 0. Il centro è il polo della retta impropria,
dunque il punto di incontro delle polari di X∞ ed Y∞ cioè le sue coordinate
sono soluzione del sistema 
 ∂f

 =0
∂x

 ∂f
 =0
∂y
(
2x + 2 = 0
Nel nostro caso e qundi C (−1, −1). ]
−2y − 2 = 0

18.2 Determinare le coordinate del centro delle coniche non degeneri


 che
hanno equazione del tipo ax2 + by2 + cx + dy + f = 0. c
[ − 2a d
, − 2a ]

18.3 Si consideri l’iperbole γ di equazione xy = 1.


Siano:

A il punto (1, 1);


a la tangente In A a γ;
d il generico diametro di γ;
d0 il diametro coniugato a d rispetto a γ;
P l’intersezione di a con d;
P0 l’intersezione di A con d0 .

153
154 Capitolo 18. Centro

Verificare che P e P0 si corrispondono in una involuzione ω di cui si


chiedono l’equazione ed i punti uniti.
[x = 1+2m , x 0 = 1−2m . . . eliminando m si ha xx 0 − ( x + x 0 ) = 0. . . (0, 2) e 2, 0)]

18.4 Siano:
x2 y2
γ l’ellisse di equazione + = 1;
a2 b2
V un vertice di γ;
t la tangente a γ in V;
p e q due diametri coniugati di γ distinti dagli assi.

verificare che p e q tagliano t in due punti P e Q tali che VP · VQ è


costante comunque vari la coppia p q.

* 18.5 Trovare l’equazione della conica γ che ha centro nelll’origine, un vertice


sulla circonferenza di equazione x2 + y2 = 4 e quale polare del punto
A(0, 1) la retta r di equazione x + y − 2 = 0.

Figura 18.1

[ Se uno dei vertici sta su γ sarà su di essa anche il suo simmetrico rispetto
all’origine. Un asse sarà allora la retta y = mx (si vede subito che i vertici
non appartengono all’asse y). La polare di A passa per C quindi la pola-
re di C passa per A e non può essere la retta y = 2. La generica conica
che ha come asse y = mx, appartiene al fascio (in coordinate omogenee)
x2 + y2 − 4u2 + k(y − mx )2 . Imponiamo che la polare p A di A rispetto alla
18.1. centro 155

generica conica sia r. p A ha equazione 1 · [2y + 2k(y − mx )] + 1 · [−8u] = 0


che diventa kmx − (k + 1)y + 4u = 0. I coefficienti di quest’ultima devo-
 essere proporzionali a quelli dell’equazione di r: otteniamo il sistema
no

 km 4
 =
1 −2
che ha come soluzione k = 1 e m = −2, quindi la conica

 −(k + 1) 4
 =
1 −2
ha equazione 5x2 − 4xy + 2y2 − 4 = 0. Vedi la Figura 18.1 a fronte ]

18.6 Scrivere l’equazione dell’iperbole che ha centro in C (1, 2), passa per
il punto A(−1, −1) e subordina sull’asse x l’involuzione dei punti
reciproci xx 0 − x − x 0 = 0

[ L’iperbole passa anche per il simmetrico di A rispetto a C e per i due punti


uniti dell’involuzione. . . 5x2 − 3y2 − 10x + 12y = 0. ]

18.7 Scrivere l’equazione dell’iperbole equilatera che ha centro in C (1, 1) e


tale che la polare dell’origine sia l’asse x.

[ L’asse x è tangente. . . l’iperbole passa per A(2, 2) con tangente y = 2. . . x2 −


2xy − y2 + 4y = 0. ]

18.8 Considerato il fascio F delle iperboli equilatere che passano per A(1, −2)
ed ammettono la retta di equazione x − 2y = 1 come asintoto,

i) scrivere l’equazione di F ;
ii) Scrivere l’equazione dell’iperbole appartenente ad F che ha centro
nel punto C (3, 1).

[( x − 2y − u)(2x + y) + k( x − 2y − 5u)u = 0; k = −7]

18.9 Determinare l’equazione dell’involuzione dei punti reciproci subordina-


ta sulla retta x = y dalla conica di equazione x2 + 2y2 = 1.
[È la simmetria rispetto al centro, cioè O(0, 0). . . x + x 0 = 0.]

18.10 Scrivere l’equazione della conica che passa per i punti O(0, 0), A(4, 0) e
B(0, 2), è tangente alla retta r : 2x − y + 2 = 0 ed ammette la retta AB
come diametro.

[ Le tangenti agli estremi di un diametro sono tra loro parallele. . . r contiene


A . . . quindi la tangente in B è . . . x2 + y2 − 4x − 2y = 0. ]
156 Capitolo 18. Centro

18.11 Siano:

γ la conica di equazione y2 − x2 − 2y = 0;
C il centro di γ;
A e B rispettivamente i punti (−1, 0) e (0, −2);
D il punto della retta di equazione y = 2 reciproco di A rispetto a γ;
p la retta DB;
p0 la retta DC.

Verificare che le rette p e p0 sono reciproche rispetto a γ.

[ La polare di A è la retta x = y. . . D (2, 2) . . . il diametro coniugato a DC è


parallelelo a DB. . . ]

18.12 Scrivere l’equazione dell’iperbole equilatera che ammette l’asse y come


polare del punto improprio della bisettrice del I I e IV quadrante e
subordina sull’asse x l’involuzione dei punti reciproci di equazione
xx 0 − 1 = 0.

[ Sull’asse x, l’origine è il reciproco di X∞ . . . O sta sul diametro x = 0 dun-


que è il centro. . . gli asintoti sono le bisettrici
 di ogni coppia di diametrico-
√  √
niugati. . . la conica passa per (1, 0). . . y + (1 + 2) x y + (1 − 2) x +
1 = 0. ]

18.13 Dimostrare che tutte le iperboli equilatere che hanno centro nell’origine
e tagliano la retta
 di equazione y = 1 in due punti simmetrici rispetto al
4
punto − 3 , 1 hanno gli stessi asintoti.

[ AO è coniugato all’ax. . . gli asintoti sono le bisettrici di ogno coppia di


diametri coniugati. . . . ]

* 18.14 Sia γ l’iperbole equilatera che ha centro in C (2, 1), passa per l’origine ed
ivi ammette come tangente la retta r di equazione y + 2x = 0; trovare la
retta passante per il punto (−1, 1) che è reciproca dell’asse x rispetto a
γ.

[ Basta trovare il polo dell’asse x: esso sarà l’intersezione della polare di


O, che è r con quella di X∞ Per trovare quest’ultima consideriamo l’in-
voluzione dei diametri coniugati: il diametro CO è coniugato a quello in
direzione di r dunque ad m = −2 corrisponde m0 = 1
2 e quindi consi-
derando l’equazione mm0 + α(m + m0 ) + β = 0 si ottiene la condizione
18.1. centro 157

−1 − 32 α + β = 0; ora, poiché si tratta di un’iperbole equilatera, gli asintoti,


che sono le bistttrici di ogni coppia di diametri coniugati, sono perpen-
dicolari e sono le rette unite nell’involuzione dei diametri coniugati e si
ottengono quindi dall’equazione m2 + 2αm + β = 0 dunque dalle due re-
lazioni ora determinate abbiamo che l’involuzione dei diametri coniugati
di γ è mm0 − 4(m + m0 ) − 3 = 0 la polare di X∞ ha quindi coefficiente
angolare che è soluzione dell’equazione 3 · 0 · m0 − 4(0 + m0 ) − 3 = 0 da
cui m0 = − 43 . Il polo dell’asse x ha allora coordinate che sono soluzione del

 y + 2x = 0
sistema quindi è P0 (−2, 4); la retta richiesta, che è
 y − 1 = − 3 ( x − 2)
4
PP0 , ha dunque equazione y = −3x − 2. ]

* 18.15 Sia γ una conica che ammette come polare dell’origine la retta r di
equazione x = 1, come involuzione dei punti reciproci su r la simmetria
rispetto al punto S(1, 0) e la retta y = −1 come diametro. Determinare
gli asintoti della γ.

[ Nell’involuzione dei punti reciproci su r i punti uniti sono S e R∞ . . . le


tangenti uscenti da O sono quindi l’asse y (che è uno degi asintoti) e l’asse x
. . . il centro è C (0, −1) e l’ax è coniugato a CS . . . l’altro asintoto è l’elemento
unito nell’involuzione dei diametri coniugati. . . Ha coefficiente angolare
m = 12 . . . . ]

18.16 Rispetto ad un’iperbole equilatera γ, l’involuzione delle rette reciproche


uscenti da O(0, 0) ha equazione mm0 + m + m0 + 3 = 0 e la polare di O
è la retta di equazione x = 2; scrivere l’equazione della γ e quelle dei
suoi assi.

[ Le tangenti uscenti da O sono le rette unite. . . x2 − 2xy − y2 − 16x + 16 = 0;


√ √
± x + ( 2 ± 1)y + 4 2 = 0. ]

18.17 Un’iperbole equilatera γ ammette come polare del punto P(1, 1) la retta
p : x = 2 e taglia la p nei punti A(2, 1)3 B(2, 3); scrivere l’equazione
della γ e dei suoi assi.  
3
√ 3
[x2 + 2xy − y2 − 6x + 5 = 0; x − 2 = (−1 ± 2) x − 2 ]

18.18 Scrivere l’equazione dell’iperbole equilatera che ammette i punti O ed


A(0, 1) come reciproci ed ha per asintoti gli assi dell’ellisse di equazione
2x2 − 2xy + 5y2 − 4x + 2y = 0. [( x − 1)2 − 3( x − 1)y − y2 = 25 ]
158 Capitolo 18. Centro

18.19 Si consideri la conica γ : x2 − 2xy + 2y2 − x + 2y = 0; scrivere l’equazio-


ne della parabola avente come asse la retta di equazione x + y + 2 = 0 e
che subordina sull’asse y la stessa involuzione dei punti reciproci subor-
dinata da γ.
[Le intersezioni con l’asse y sono le stesse di γ. . . ( x + y)2 + − x + 9y = 0]

18.20 Si consideri la parabola P di equazione x2 + 2xy + y2 − 4x + 1 = 0;


scrivere l’equazione di una parabola che passa per l’origine ed ha lo
stesso asse di P. [L’asse è x + y + 1 = 0. . . ]

18.21 Scrivere l’equazione della conica che passa per l’origine, per A(1, 0) e
per B(0, 1), è tangente in B alla retta r : x − 2y + 2 = 0 ed ha un asse
parallelo alla retta di equazione x − 3y = 0.

Figura 18.2: Esercizio 18.21

[ La polare di (3 : 1 : 0) deve passare per (1 : −3 : 0) . . . si ottiene l’equa-


zione 2x2 + 3xy − 2y2 − 2x + 2y = 0 che rappresenta un’iperbole. (vedi
figura 18.2) ]

18.22 Scrivere l’equazione della parabola che ha come asse la retta di equa-
zione x + y + 1 = 0 e che subordina sull’asse x l’involuzione dei punti
reciproci ω : xx 0 − 1 = 0

[ La parabola passa per i punti uniti di ω che sono A(−1, 0) e B(1, 0), quindi
A è il vertice. Dunque appartiene al fascio ( x + y + 1)2 + λ( x − y − 1) =
0. . . ]

18.23 Riconoscere le seguenti coniche e determinarne centro, assi e vertice:

3x2 − xy + 3y2 − 6x + y − 22 = 0,
18.2. Triangoli autopolari 159

4x2 − 10xy + 4y2 − 18 = 0.

[La prima conica è un’ellisse che ha centro nel punto (1, 0) e come assi le
rette y = x − 1 e y = 1 − x; intersecando tali assi con la conica si ottengono
√ √
le coordinate
 dei quattro vertici (1 ± 5, ± 5). La seconda è un’iperbole
16 20
di centro − , − ]
9 9

18.24 Nel piano si considerino i punti A(2, 0) e B(−1, 1) e la retta r : x + y = 0.


Scrivere l’equazione della parabola K che passa per A di vertice B ed
asse r e l’equazione della tangente in A a K

18.25 Si consideri la conica γ di equazione x2 + 4y2 − 2x = 0. Determinare i


diametri della conica che intercettano su di essa segmenti di lunghezza
3 √ √ √ √ √ √
2. [d1 ≡ 7x − 2 5y − 7 = 0 e d2 ≡ 7x + 2 5y − 7 = 0]

18.2 Triangoli autopolari


18.26 Si consideri la conica γ di equazione xy − y2 − x = 0; verificare che
il triangolo avente come vertici i punti A(1, 0), B(0, 1) e C (−1, 0) è
autopolare per la γ.

18.27 Determinare i triangoli aventi un vertice nell’origine che sono autopolari


rispetto alle coniche γ : x2 − xy + 2y − 1 = 0 e γ0 : y2 − 2xy − 2y + 1 = 0.

[ La polare dell’origine è, rispetto ad entrambe le coniche, la retta p : y − 1 =


0,. . . le polari di un punto di p rispetto alle due coniche coincidono solo per
i punti (±1, 1),. . . i terzi vertici dei triangoli così ottenuti sono (∓1, 1). ]

18.28 Si consideri il fascio F di coniche aventi come punti base A(1, 0), B(0, 1),
C (−1, 0) e D (0, −1).
Verificare che il triangolo avente come lati le bisettrici dei quadranti e la
retta impropria è autopolare per tutte le coniche di F .

[ Considerando l’involuzione dei punti reciproci sui due assi otteniamo che
il centro è O(0, 0). . . considerando
  la retta x − y + 1 = 0 si ha che la polare
1 1
di (1 : 1 : 0) passa per 2, 2 ...]

18.29 Si consideri il fascio F delle circonferenze tangenti alla bisettrice del


I e III quadrante nel punto A(1, 1); determinare la circonferenza di F
rispetto alla quale è autopolare il triangolo avente per lati la retta y = 1
e gli assi coordinati.
160 Capitolo 18. Centro

[ Il centro sta sulla polare di X∞ , cioè l’asse y . . . è C (0, 2) . . . x2 + (y − 2)2 = 2


. . . verifica tutte le condizioni richieste. ]

18.30 Siano dati i punti C (1, 1), A(1, 0) e B(0, 1); scrivere l’equazione della
conica che ha centro in C ed ammette come autopolare il triangolo OAB.
[2xy − 2x − 2y + 1 = 0. . . del resto gli asintoti sono x = 1 e . . . ]

18.31 Scrivere l’equazione dell’iperbole che ammette come autopolare il trian-


golo di vertici O, A(8, 0) e B(0, 8) e come asintoto la retta di equazione
y = 3x − 16: [15x2 − 2xy − y2 + 16x + 16y − 64 = 0]

18.32 Sia F la famiglia di circonferenze tangenti alla retta di equazione y −


x − 1 = 0; trovare la circonferenza di F rispetto alla quale è autopolare
il triangolo avente per lati le rette x = 1, x = 0 e y = 1.

[ Il centro della circonferenza sta sulla polare di Y∞ , che è la retta y = 1.

Figura 18.3

La tangenza avviene in A(1, 2), dal momento che il punto di tangenza deve
stare sulla polare di (0, 1) (V. Fig. 18.3) che appartiene alla tangente, cioè
sulla retta x = 1. Il centro si ottiene dunque come intersezione della y = 1 e
della perpendicolare in A alla y = x + 1, cioè la x + y − 3 = 0. Pertantio il

centro è C (2, 1) ed il raggio r = CA = 2 da cui x2 + y2 − 4x − 2y − 2 = 0.
]

18.33 Scrivere l’equazione della parabola non degenere che ammette come
autopolare il triangolo di vertici O(0, 0), A(2, 0) e B(0, 1) e che ha la
18.2. Triangoli autopolari 161

tangente nel vertice parallela alla retta AB.


[4x2 − 4xy + y2 + 4x + 8y − 4 = 0]

18.34 Scrivere l’equazione della parabola che ha come asse la retta di equa-
zione x − y + 1 = 0 e rispetto alla qualle il triangolo di vertici O(0, 0),
P(5 : 7 : 4) e Q(0 : −2 : 1) è autopolare dopo aver stabilito se le
condizioni assegnate sono indipendenti.

[ Le condizioni sono 6, non indipendenti. . . ; la rete (5y + 7x )2 + αx2 +


β(3x − y − 2)2 = 0 deve essere del tipo k( x − y)2 + · · · = 0. . . β = −5,
α = 16. . . 2( x − y)2 + 6x − 2y − 2 = 0. ]

18.35 Scrivere l’equazione dell’iperbole equilatera che ha come asse la retta di


equazione 7x − y = 0 ed è tangente in A(2, 0) all’asse x.
Parte III

Geometria dello spazio

163
Capitolo 19

Generalità sulllo spazio



19.1 Calcolare la distanza dell’origine dal punto P(1, 2, −1): [ 6]

19.2 Calcolare la distanza tra i punti A(1, 0, −1) e B(1, −1, 0). [ 2]

19.3 Determinare il punto appartenente al piano yz ed equidistante dai punti 


A(3, 1, 0), B(1, 1, 1) ed O(0, 0, 0). [ 0, 5, − 72 ]

19.4 Calcolare la distanza del punto P(1, −2, 0) dal piano xz. [2]

* 19.5 Calcolare la distanza di A(2, 4, 3) dall’asse x.

Figura 19.1

[ Per calcolare la distanza di un punto A da una retta r occorre considerare


la proiezione ortogonale di A su r. La situazione è quella illustrata nella
Figura 19.1. Considerata, ad esempio, la proiezione ortogonale A xy di A sul

165
166 Capitolo 19. Generalità sulllo spazio

piano xy si ha che A x A xy è perpendicolare all’asse x e dunque, dal Teorema


di Pitagora e riferendoci sempre alla Figura 19.1,
q √ √
2 2
d( A, x ) = AA x = AA xy + A x A xy = 9 + 16 = 25 = 5

infatti AA xy e A x A xy sono due dei segmenti che determinano le coordinate


di A. ]

19.6 Determinare le coordinate dei punti dell’asse x che formano un triangolo


isoscele con i punti A(1, 2, 3) e B(0, −1, 1).

[(6, 0, 0), (±2 3, 0, 0) (2, 0, 0), O]

19.7 Determinare le coordinate dei punti del piano xy che formano un trian-
golo rettangolo in A con A(2, 1, 0) e B(−1, 0, −1) . [(2, k, 0) ∀k.]

1 1
19.8 Esiste una retta che ammette come coseni direttori i numeri 1, e ?
2 3
[No: la somma dei quadrati non è 1]

19.9 Siano 2, −4 e 5 i parametri direttori di una retta; determinarne i coseni



direttori. [ 2√ , −√
4
e ± 35 ]
±3 5 ±3 5

19.10 Trovare i coseni direttori della retta che congiunge l’origine con il punto
P(2, 1, 0). 2
[ √ 1
, √
± 5 ± 5
,0]

19.11 Trovare i coseni direttori della semiretta bisettrice del primo ottante.
[ √1 , √1 , √1 .]
3 3 3

19.12 Determinare l’angolo fomato dalle rette che congiungono l’origine ri-
spettivamente con i punti A(8, 5, 3) e B(6, 2, −3). [ π4 ]

19.13 Siano dati i punti A(2, 4, 4), B(3, 2, 1), C (1, 2, 2) e D (−2, −4, −7); verifi-
care che la retta AB è parallela alla retta CD.
[Hanno i parametri direttori proporzionali.]

* 19.14 Dati i punti A(2, −3, 1) e B(2, 1, −3), dimostrare che la retta AB è per-
pendicolare all’asse x e sghemba con esso.

[ AB sta sul piano x = 2 ortogonale all’asse x; l’intersezione dovrebbe essere


quindi P(2, 0, 0) ma ciò non è possibile perché P non è allineato con A e B,
infatti i parametri direttori delle rette AP e BP non sono proporzionali. ]

19.15 Trovare il simmetrico di A(−2, 1, 3)

i) rispetto all’origine, [(2, −1, −3)]


ii) rispetto al piano, xy [(−2, 1, −3)]
167

iii) rispetto all’asse x, [(−2, −1, −3)]

* 19.16 Generalizzare i risultati dell’esercizio 19.15 determinando le formule che


forniscono le coordinate del simmetrico di un generico punto P dello
spazio rispetto all’origine, rispetto ad uno dei piani coordinati e rispetto
ad uno degli asssi coordinati.

[ Se è P( x0 , y0 , z0 ) si ha (− x0 , −y0 , −z0 ) rispetto all’origine (− x0 , y0 , z0 )


rispetto al piano yz e ( x0 , −y0 , −z0 ) rispetto all’asse x. ]

19.17 Calcolare le coordinate del punto P(1, 0, 0) in un nuovo sistema di rife-


rimento traslato rispetto al primo in cui l’origine è, rispetto al vecchio
sistema (0, −1, 1). [P0 (1, 1, −1)]

19.18 Dimostrare che, se è P( a, b, c) esiste sempre una traslazione del sistema


di riferimento tale che, nel nuovo sistema, P abbia coordinate (α, β, γ)
qualunque siano a, b, c, α, β, γ. [La nuova origine è O0 ( a − α, b − β, c − γ)]

19.19 Trovare, se esiste, una rotazione di centro l’origine che mandi il punto

P(1, 0, 1) nel punto P0 (0, 0, 1). [Non esiste: è PO = 2 e P0 O = 1]
Capitolo 20

Rette e piani nello spazio

20.1 Piani e rette


20.1 Determinare gli eventuali valori del parametro k per i quali i piani
x + (1 − k ) z = 1 − k
kx + y + 2z = 1
(1 − k) x + y + 3z = 2
(1 + k) x + 3y + 7z = 4
hanno in comune un solo punto.

[Il sistema formato dalle quattro equazioni deve ammettere una sola solu-
zione. . . ]

* 20.2 Scrivere l’equazione del piano passante per i punti A(1, 1, 0), B(0, 1, 2) e
C (3, 0, 4).
[Ci sono vari modi per risolvere un esercizio di questo tipo. Ne esaminiamo
due:
i) Il piano cercato sarà parallelo sia al vettore ~v = AB = [−1, 0, 2]
sia al vettore w~ = AC = [2, −1, 4]; ricordando che per un piano
di equazione ax + by + cz + d = 0 le componenti del vettore [ a, b, c]
formano una terna di parametri direttori di una retta ortogonale a tale
piano, possiamo ricavare a, b, c dal prodotto vettoriale ~v × w
~ = [2, 8, 1],
quindi l’equazione del piano sarà della forma 2x + 8y + z + d = 0; per
determinare il termine noto d possiamo imporre il passaggio per uno
dei tre punti, ad esempio A, ottenendo 2 + 8 + d = 0 da cui d = −10.
ii) La generica equazione del piano è ax + by + cz + d = 0 (con [ a, b, c] 6=
[0, 0, 0]); imponendo successivamente il passaggio per i tre punti si
ottiene il sistema di tre equazioni nelle quattro incognite a, b, c e d

 a+b+d = 0

b + 2c + d = 0


3a + 4c + d = 0

169
170 Capitolo 20. Rette e piani nello spazio

le cui soluzioni sono del tipo (2c, 8c, c, −10c): ricordando che l’equa-
zione del piano è definita a meno di un fattore di proporzionalità non
nullo, si perviene al risultato del punto precedente.

20.3 Calcolare il coseno dell’angolo ϕ fra i piani π1 ≡ x + y + z = 1 e


π2 ≡ x − y − z = 2.

hv, wi
[cos ϕ = , con v = [1, 1, 1] e w = [1, −1, −1] parametri direttori
kvk · kwk
h πi 1
delle rette ortogonali rispettivamente a π1 e π2 e ϕ ∈ 0, . . . cos ϕ = .]
2 3

20.4 Calcolare i coseni direttori del piano che taglia sugli assi coordinati
segmenti OX, OY e OZ lunghi rispettivamente 12 , 13 e 3.
[2x + 3y − 13 z = 0. . . ± 19
6
, ± 18 1
19 , e ± 19 ]

20.5 Nello spazio, scrivere le equazioni cartesiane e parametriche della retta


passante per i punti A = (3, 0, 4) e B = (−1, 2, −2).

[La retta cercata è parallela al vettore AB = [ xb − x a , yb − y a , zb − z a ] =


[−4, 2, −6] e quindi, mettendo in evidenza il punto
 A come punto di pas-
 x = 3 − 4t

saggio, si ottengono le equazioni parametriche y = 2t . Per passare


z = 4 − 6t
alla forma cartesiana è sufficiente ricavare il parametro t da una delle tre
y
equazioni, ad esempio in questo caso la seconda (t = ) e sostituirlo nelle
( 2
x = 3 − 2y
altre due: si ottiene ]
z = 4 − 3y

20.6 Determinare la posizione reciproca delle seguenti rette (cioè se sono


parallele, incidenti, coincidenti o sghembe):

(
x+y+z+1 = 0 x = t

r: e s : y = 2t − 1
x−y+z = 3 

z = 1 − 2t

[Come sappiamo due rette sono parallele se e solo se hanno parametri di-
rettori proporzionali. Una terna di parametri direttori di s è evidentemente
1, 2, −2; per quanto
riguarda
la r una
terna di parametri
direttori è data
1 1 1 1 1 1
dai tre minor = 2, −
1 1 = 0 e 1 −1 = −2. Le due terne
−1 1
non sono proporzionali, quindi le rette non sono parallele, nè tantomeno
20.1. Piani e rette 171

coincidenti. Per verificare l’incidenza consideriamo il sistema che si ottie-


( equazioni di r le espressioni parametriche
ne sostituendo nelle ( di x, y e z
t + 2t − 1 + 1 − 2t + 1 = 0 t = −1
di s: otteniamo da cui . Le due
t − (2t − 1) + 1 − 2t = 3 −3t = 1
equazioni sono incompatibili, quindi il sistema non ammette soluzioni e di
conseguenza le rette sono sghembe. ]

20.7 Sia r la retta che passa per i punti A(3, 0, 4) e B(−1, 2, −2) ed s quella
passante per C (2, 2, 5) e D (0, 0, −3). Dimostrare che r ed s si incontrano
e trovare le coordinate del( loro punto comune.
(
x = 3 − 2y x=y
[r: ,s: ; punto comune (1, 1, 1)]
z = 4 − 3y z = −3 + 4y

20.8 Scrivere le equazioni cartesiane del piano e delle rette passanti per il
punto P(0, 1, 0) ed ortogonali alla retta s dell’esercizio 20.7

[Il piano cercato ha equazione 1( x − 0) + 1(y − 1) − 3(z − 0) = 0, cioè


x + y − 3z − 1 = 0, essendo [1, 1, 3] il vettore direzione della retta s; la
direzione v delle rette perpendicolari
( ad s si ricava annullando il prodotto
y = 1 + (3h − 1) x
scalare h[1, 1, −3], vi . . . ]
z = hx

20.9 Calcolare il coseno dell’angolo formato dalle rette


( (
2x + y − z = 0 x−y = 1
r= ed s = .
x+y+z = 1 y−z = 0
[ cos ϕ = 0, quindi le rette sono ortogonali.]

20.10 Calcolare il seno dell’angolo ψ formato dalla retta r dell’esercizio 20.7 e


4
dal piano π1 dell’esercizio 20.3. [ sin ψ = √ ]
42

20.11 Determinare l’equazione del piano che contiene la retta r di equazioni



 x = 1 + 2k

y = 2−k (20.1)


z=k

e passa per il punto P(2, 1, −3).

[Il piano cercato sarà parallelo sia al vettore v[2, −1, 1], che individua la
direzione di r, sia al vettore che ha per estremi P ed un punto qualsiasi
di r, per esempio il punto che si ottiene ponendo k = 0 nelle equazioni
parametriche (20.1) di r e cioè A(1, 2, 0), quindi al vettore w[1, −1, −3]. Il
172 Capitolo 20. Rette e piani nello spazio

prodotto vettoriale v × w = [4, 7, −1] sarà perciò ortogonale al piano in


questione, che avrà quindi equazione 4x + 7y − z + d = 0. Imponendo il
passaggio per A si ottiene d = −18 da cui l’equazione 4x + 7y − z − 18 = 0
]

20.12 Nello spazio, riferito a coordinate cartesiane ortogonali, scrivere l’equa-


zione del piano contenente sia la retta r di equazioni1 x = 2y − 1 = z + 1
sia il punto P(1, 0, −1).

[Questo esercizio è analogo all’esercizio 20.11 ma ne proponiamo una solu-


zione differente, che in questo caso conviene in quanto la retta r è definita
come intersezione di due piani. Tra gli infiniti piani che contengono r e
quindi appartenenti al fascio di equazione

λ( x − 2y + 1) + µ( x − z − 1) = 0 (20.2)

(ottenuta come combinazione lineare delle equazioni dei due piani che
definiscono la r) cerchiamo quello che contiene il punto P. Imponendo
il passaggio per P, sostituendo le coordinate di P nella (20.2), si ottiene
λ(1 + 1) + µ(1 + 1 − 1) = 0 da cui µ = −2λ e quindi, sostituendo, per
esempio, λ = 1 e µ = −2 ancora nella (20.2), si ottiene il piano cercato
x + 2y − 2z − 3 = 0. ]

20.13 Nello spazio si considerino le due rette r e s, rispettivamente di equazioni


x + y = z − 1 = 0 e y = x − z + 1 = 0; verificare che sono complanari e
scrivere l’equazione del piano che le contiene.

[Le coordinate dell’eventuale punto di intersezione sono soluzioni del



 x+y = 0


 z−1 = 0
sistema , quindi le rette si incontrano nel punto P(0, 0, 1).

 y=0


x−z+1 = 0
A questo punto il problema si riconduce a quello degli esercizi 20.11 e 20.12
pur di prendere un punto comodo2 su una delle due rette (ma diverso dal
punto di intersezione) e considerare il piano che passa per questo punto e
per l’altra retta.]

1 Questa espressione è scritta in forma contratta e sta ad indicare la retta ottenuta come
intersezione di due qualsiansi piani tra i tre x = 2y − 1, x = z + 1 e 2y − 1 = z + 1.
2 Nel senso di un punto le cui coordinate siano facilmente trattabili, in questo caso, per

esempio, può esser comodo il punto S(−1, 0, 0) ∈ s.


20.1. Piani e rette 173

20.14 Nello spazio, riferito a coordinate cartesiane ortogonali, si considerino


le rette 
(
x = 2y + 1  x = 2t

r: e s : y = 1+t
y+z = 1 

z = 3−t
verificare che sono complanari e scrivere l’equazione del piano che le
contiene entrambe.

[Le due rette sono parallele3 , quindi si procede come negli esercizi prece-
denti considerando una delle due rette ed un punto dell’altra. Si ottiene il
piano x − y + z = 2. ]

20.15 Nello spazio, riferito a coordinate cartesiane ortogonali, si considerino


le rette 
 x = 1 + kt

r:x=y=z e s : y = 2t .


z = 3−t
Trovare gli eventuali valori del parametro k in corrispondenza dei quali
le rette sono complanari. Per ciascuno di tali valori scrivere l’equazione
del piano che contiene r e s.

[I vettori [1, 1, 1] e [k, 2, 1], che sono i vettori di direzione di r e s rispettiva-


mente, non sono paralleli per alcun valore di k. Procedendo poi in maniera
usuale, si ricava che le rette s’intersecano solo per k = 1 nel punto P(2, 2, 2)
e che il piano che le contiene ha equazione 3x − y − z = 0.]

20.16 Nello spazio, riferito a coordinate cartesiane


( ortogonali scrivere l’equa-
x−y = z
zione del piano passante per la retta r : e parallelo alla retta
z=1
(
x = y+2
s: .
z = −y

[Nel fascio di piani λ( x − y − z) + µ(z − 1) = 0 che ha per sostegno r si


sceglie quello parallelo alla retta s, si ottiene x − y − 1 = 0 ]
3 Per determinare il vettore direzione della retta r in questo caso, in cui mancano delle

incognite nelle equazioni, vale la pena di passare alla forma parametrica fissando, ad esempio,
y come parametro ed esprimendo le altre due incognite in funzione di y ed ottenendo così in
 x = 2t + 1

modo rapido le equazioni parametriche di r che sono y=y e quindi il suo vettore di


z = 1−t
direzione [2, 1, −1].
174 Capitolo 20. Rette e piani nello spazio

retta r passante per P(1, 1, 1), perpendicolare


20.17 Scrivere le equazioni della (
x−y−z = 1
ed incidente alla retta s ≡
2x − y + z = 1

[È facile trovare due piani a cui deve appartenere r: uno è, ovviamente,


quello ortogonale ad s che contiene P e l’altro. . . ]

20.18 Scrivere le equazioni dei(piani passanti per il punto P(0, 0, 2) e paralleli


x−y+z = 1
alla retta r di equazioni .
2x + y + 2z = 0

[Tra i piani passanti per P, cioè quelli di equazione ax + by + c(z − 2) = 0


scegliamo quelli per cui il vettore [ a, b, c] è ortogonale al vettore direzione
di r, cioè [1, 0, −1],. . . ax + by + a(z − 2) = 0 ovvero a( x + z − 2) + by = 0:
osserviamo che tali piani altro non sono che gli infiniti piani del fascio che
ha per sostegno la retta passante per P e parallela a quella data.]

20.19 Nello spazio, si considerino le rette



(
x = t

x+y+z = 1
r: y=t es: .

 x−y−z = 0
z=t
Verificare che sono sghembe e scrivere le equazioni della retta r 0 perpen-
dicolare e incidente ad entrambe.

[Consideriamo un generico punto P ∈ r, quindi di coordinate (t, t, t), ed


uno di s che  possiamo  ottenere passando alle equazioni parametriche di s
1 1
e che sarà , − k, k . A questo punto basta imporre che il vettore PQ,
2 2  
1 1
che ha coordinate − t, − k − t, k − t , sia ortogonale ad entrambe le
2 2
1 1
rette il che avviene per t = e k = . Dunque la retta cercata sarà parallela
  3 4
1 1 1
al vettore ,− ,− cioè al vettore [2, 1, 1] e quindi, mettendo in evi-
6 12 12
 1

 x = + 2h

 3


1
denza il punto P, avrà equazioni parametriche y = − h ed equazioni

 3



z = 1 −h
( 3
x = 1 − 2z
cartesiane .]
y=z

.
20.2. Esercizi vari 175

20.2 Esercizi vari


20.20 Sia P(1, 0, 1). Calcolare la distanza di P dai piani dell’esercizio 20.3 a
|1 + 0 + 1 − 1| 1
pagina 170. [ d( Pπ1 ) = √ = √ , ...]
12 + 12 + 12 3

20.21 Determinare il piano assiale del segmento che ha per estremi i due punti
A(1, −2, 3) e B(−1, 0, 1).

[Basta uguagliare le distanze del punto generico P( x, y, z) del piano cercato


dal punto A e dal punto B: si ha ( x − 1)2 + (y + 2)2 + (z − 3)2 = ( x + 1)2 +
y2 + (z − 1)2 . . . x − y + z − 3 = 0.]

#» #» #»
20.22 Nello spazio, in cui indichiamo rispettivamente con i , j e k i vettori
unitari dei tre assi cartesiani, si determinino i punti P che soddisfano
alle seguenti condizioni:

i) P appartiene al piano x − y = 0
#» #» #»
ii) cos ϑ = √1 , dove ϑ è l’angolo fra la retta OP ed il vettore i + j +k
3

iii) |OP| = 1
 
2 2 1
[P1 (0, 0, 1) e P2 , ,− ]
3 3 3

2
20.23 Scrivere le equazioni dei piani (o del piano) che distano √ dal punto
(6
x−y = 1
P(1, 1, 1) e contengono (o contiene) la retta di equazioni .
y+z = 1
[ Ve n’è uno solo di equazione 2 − 2y − z = 0]

20.24 Risolvere l’esercizio precedente considerando come distanza tra i piani


1
ed il punto il valore √ .
6

[I piani sono due, di equazioni rispettivamente 2x − y + z = 0 e x + y +


2z − 3 = 0]

20.25 Scrivere le equazioni della retta s che(passa per P(0, −1, −1) ed è per-
x = 2y − 1
pendicolare ed incidente alla retta r : . Calcolare inoltre la
x = z+1
distanza di P da r.
176 Capitolo 20. Rette e piani nello spazio

[Il piano π che passa per P ed è perpendicolare ad r interseca r stessa in


un punto H che è la proiezione ortogonale di P su r. La retta  cercata è
1 1 4
quindi la retta PH e la distanza PH è la distanza Pr. Si ha H − , , −
s 3 3 3
 2  2
1 1 4 √
quindi Pr = PH = + +1 + − +1 = 2 ed infine s :
9 3 3

x = t

y = −1 − 4t . ]


z = −1 + 3t

20.26 Calcolare la distanza di P(1, 0, 1) dalle rette dell’esercizio 20.7 a pagi-


na 171

20.27 Calcolare la distanza(tra il piano π di equazione 2x + 2y − z − 2 = 0 e la


x+1 = 0
retta r di equazioni .
2y − z = 0

[Piano e retta sono paralleli (verificarlo) quindi la distanza cercata sarà quella
tra il piano stesso ed un punto qualsiasi della retta. Ad esempio scegliendo
| − 2 − 2| 4
P(−1, 0, 0) si ha d( P, π ) = √ = .]
4+4+1 3

20.28 Siano r e s le due rette parallele dell’esercizio 20.14; calcolare la loro


distanza.
[ Basta calcolare la distanza tra un punto qualsiasi di una retta e l’altra. . . ]

20.29 Calcolare la distanza fra le due rette dell’esercizio 20.7.


[ Le rette sono incidenti, quindi. . . ]

20.30 Calcolare la distanza tra le due rette sghembe dell’esercizio 20.19

[Tra i vari modi per risolvere un esercizio di questo tipo indichiamo i due
seguenti:
i) Consideriamo il vettore AB che ha come estremi un punto qualsiasi
A ∈ r ed uno B ∈ s e calcoliamo la sua proiezione ortogonale sulla
direzione perpendicolare ad entrambe le rette, ovvero quella indivi-
duata da v × w (v essendo il vettore direzione di r e w quello di s); tale
proiezione si ottiene calcolando il prodotto scalare tra AB ed il versore
| h AB, v × wi |
parallelo a v × w, ovvero . I vettori v e w sono stati
kv × wk
ricavati nella risoluzione dell’esercizio
 20.19,
 quindi, considerando
1 1 | h AB, v × wi |
per esempio i punti A(0, 0, 0) e B , , 0 , si ha =
   2 2 kv × wk
1 1 [2, −1, −1] 1 2 1 1
, ,0 , √ = · √ − √ +0 = √ .
2 2 6 2 6 2 6 2 6
20.2. Esercizi vari 177

Figura 20.1: Distanza di due rette sghembe

ii) Consideriamo il fascio di piani F che ha per sostegno una delle due
rette, ad esempio s (che è già scritta in forma cartesiana) e tra tutti que-
sti piani scegliamo quello (π) parallelo ad r. La distanza cercata sarà la
distanza tra r e π, quella tra un qualunque punto P di r ed il piano π v.
Figura 20.1. Il fascio ha equazione λ( x + y + z − 1) + µ( x − y − z) = 0
quindi π ha equazione 4x − 3y − 3z − 1 = 0; scegliendo P(0, 0, 0)
| − 1|
come punto di r si ha d(r, s) = d(r, π ) = d( P, s) = √ =
16 + 4 + 4
1 1
√ = √ .
24 2 6
]

20.31 Si considerino le rette


( (
y=0 x−y+z = 0
r: ed s: .
z=1 3x + y + 2 = 0

i) Verificare che r e s sono sghembe;


ii) determinare la retta incidente e perpendicolare ad entrambe;
iii) trovare la minima distanza tra r ed s.

* 20.32 Siano r e s due rette non parallele. Dimostrare che esiste un unica retta
r 0 ortogonale ed incidente ad entrambe, che la distanza d(r, s) è uguale
alla distanza d( Hr , Hs ) dove Hr e Hs sono, rispettivamente, i punti di
intersezione di r 0 con s e r.

20.33 Sono date le rette



(
x = 2+t

x + y + 2z = 0
r ≡ y = −2t ed s ≡ .

 x+y+z = 0
z = −1 + 3t
178 Capitolo 20. Rette e piani nello spazio

Calcolare la distanza tra la retta r e la retta r 0 passante per il punto


P(2, 1, 3) ortogonale ad r ed incidente a s.
20.34 Scrivere le equazioni del luogo dei punti del piano x = 2 per cui la
distanza
 dal piano π di equazione x = y coincide con quella dalla retta

 x = 2 + t
y = −t .


z=2

|2 − y |
[Sia P(2, y, z) il generico punto del piano x = 2,. . . d( P, π ) = √ , mentre
r 2
y2 2
d( P, r ) = + z − 4z + 4, da cui, uguagliando le distanze, si ottengono
2 (
x=2
le equazioni del luogo 2
]
2z − 8z + 4y + 4 = 0

20.35 Trovare tutti i valori del parametro reale h per cui i tre piani

x + hy − 1 = 0
hx + y + 1 = 0
x + y + hz = 0

appartengono ad un medesimo fascio e scrivere le equazioni della retta


sostegno di questo fascio.
[Il fascio individuato dai primi due piani ha equazione
(1 + λh) x + (h + λ)y − 1 + λ = 0 (20.3)

affinchè il terzo piano appartenga al fascio (20.3) occorre e basta che sia
( = 1 e h = 0. In corrispondenza di questo valore la retta ha equazioni
λ
x−1 = 0
]
y+1 = 0

20.36 Verificare che le rette


( (
x+y = 0 x−z+1 = 0
e
z=1 y=0

sono complanari e determinare le equazioni delle bisettrici dell’angolo


da esse formato.
20.37 Nello spazio, si considerino il piano β : x + y = 1 ed il punto P(1, 1, 0).
Sia α un generico piano per l’asse x ed s la retta α ∩ β. Determinare i
piani α per i quali la distanza di P da α è uguale alla distanza di P da s.
[y = 0]
20.3. Quesiti 179

20.3 Quesiti

20.4 Vero o Falso


(
x − 2y + 3z = 0
Q.20.137 Nello spazio, la retta di equazioni appartiene al
3x − 2y − z + 1 = 0
piano di equazione 4x + 2z + 1 = 0 2 vero 2 falso

Q.20.138 Dati comunque un fascio F dei piani ed una retta r esiste sempre un
piano di F che contiene la r 2 vero 2 falso

Q.20.139 Se la retta a è sghemba con la retta b e la retta b è sghemba con la retta c


allora a e c sono sghembe. 2 vero 2 falso

Q.20.140 I numeri sin t, cos t e t2 − 1 sono i coseni di una retta per al più due
valori del parametro t. 2 vero 2 falso
(
x=0
Q.20.141 La retta di equazioni è la proiezione ortogonale sul piano xy
y=1
(
y=1
della retta . 2 vero 2 falso
y=z

Q.20.142 Date due rette sghembe, esiste sempre un piano parallelo ad entrambe.
2 vero 2 falso

Q.20.143 Date due rette sghembe, esiste un unico piano parallelo ad entrambe.
2 vero 2 falso

Q.20.144 Date due rette sghembe, esiste sempre un piano ortogonale ad entrambe.
2 vero 2 falso

Q.20.145 Il piano di equazione x = y è il simmetrico di quello di equazione


x − y − 2 rispetto al punto P(0, 1, 2). 2 vero 2 falso

20.5 A risposta multipla


Q.20.146 Nello spazio, dati il punto P e la retta r che non si appartengono, quante
sono le rette che passano per P e sono parallele ad r? a due b
nessuna c infinite d una ed una sola.
(
x+y+z = 0
Q.20.147 Le rette r : x = 2y = 3z e s : sono a complanari
2x − y + z = 1
b sghembe c parallele d perpendicolari.
180 Capitolo 20. Rette e piani nello spazio

Q.20.148 Nello spazio, quanti sono i piani del fascio di equazione x + y + kz = 0


che contengono la retta di equazioni x − z = x + y = 0? a tutti;
b nessuno c infiniti ma non tutti d esattamente uno.

Q.20.149 La retta di equazioni y − 2x = z − 3x + 1 = 0 è perpendicolare al piano


a 3x + z = 3; b x − 2y + 3z = 0; c 3y − 2z − 5 = 0; d
x + 2y + 3z = 1.

Q.20.150 La retta di equazioni y − 2x = z − 3x + 1 = 0 è parallela al piano a


3x + z = 3; b x − 2y + 3z = 0; c 3y − 2z − 5 = 0; d
x + 2y + 3z = 1.

Q.20.151 Le rette r ed s di equazioni rispettivamente



(  x = 3t
x + 2z − 6 = 0 
e y = 5+t
x−y = 0  
z = 1−t

sono a incidenti; b parallele; c sghembe; d perpendicolari.

Q.20.152 La distanza tra il piano α di equazione x − y + z = −1 ed il piano β di


√ √
equazione − x + y − z + 2 = 0 è a 2; b 3; c 3 d
0.

Q.20.153 Nello spazio si considerino le rette di equazioni r : x = z = 0 ed


s : x = z − y − 1 = 0, allora a r ed s sono incidenti b r ed s sono
parallele c r ed s sono sghembe d r ed s formano un angolo di
π/4.
Capitolo 21

Sfera e circonferenza nello


spazio

21.1 Sfera
21.1 Determinare centro e raggio della sfera di equazione
x2 + y2 + z2 − 2x + 2y − 6z − 14 = 0.
[ (1, −1, 3); 5]

21.2 Scrivere l’equazione della sfera che ha centro nell’origine e passa per il

punto P(1, −1 − 0). [ la sfera avrà raggio OP = 2. . . ]

21.3 Scrivere l’equazione della sfera che ha centro in C (0, 1, 1) ed è tangente


al piano di equazione x + y + z + 1 = 0.

[Il raggio è la distanza di C dal piano dato, cioè 3 da cui x2 + (y − 1)2 +
( z − 1)2 = 3. . . ]

21.4 Scrivere l’equazione dei piani tangenti alla sfera di equazione x2 + y2 +


z2 + 2x + 4y + 2z + 5 = 0 e paralleli al piano di equazione x + 2y + 2z =
2.

[Il centro della sfera è il punto C (−1, −2, −1), la lunghezza del suo raggio
è 1. . . tra i piani di equazione x + 2y + 2z + d = 0 (cioè quelli paralleli al
piano dato) dobbiamo scegliere quelli a distanza 1 da C. . . si ottiene d = 4 e
d = 10]

21.5 Trovare per quali valori del parametro reale k il piano di equazione
x − 2y + 3z − k = 0 è tangente alla sfera di equazione x2 + y2 + z2 −

4y + 6z − 8 = 0. [ k = ±7 6 − 13]

181
182 Capitolo 21. Sfera e circonferenza nello spazio

( π un piano che passa per il punto P(0, 0, 2), che è parallelo alla retta
21.6 Sia
x−y+z−1 = 0
e tangente alla sfera x2 + y2 + z2 − 1 = 0. Scrivere
2x + y + 2z = 0

l’equazione di π. [ I piani sono due, di equazione x ± 2y + z = 2]

* 21.7 Scrivere l’equazione della sfera che passa per i punti A(1, 0, 0), B(1, 1, 0),
C (1, 0, −2) e per l’origine O(0, 0, 0).

[È un classico esempio di esercizio che si può svolgere in diversi modi: ad


esempio, partendo dall’equazione della generica sfera nello spazio:

x2 + y2 + z2 + ax + by + cz + d = 0 (21.1)

ed imponendo il passaggio per i quattro punti, si ottiene un sistema lineare


di quattro equazioni nelle quattro incognite a, b, c e d. Tale sistema, siccome
i punti non sono complanari, ammette una ed una sola soluzione (dimo-
strarlo per esercizio): soluzione che costituisce l’opportuna quaterna che
sostituita nella (21.1) dł’equazione della sfera cercata.
Oppure si può cercare il centro, che sarà l’intersezione dei piani assiali di
AO, di BO e di CO: i tre piani, siccome i punti non sono complanari, si
incontrano in un unico punto P (dimostrarlo per esercizio) che è proprio
il centro della sfera. Il raggio sarà la distanza di P da uno qualsiasi dei
quattro punti (il più comodo in questo caso è ovviamente O).
Si può anche considerare il fascio di sfere che passa per tre dei quattro
punti, ad esempio O A e B, la cui equazione sarà la combinazione lineare
dell’equazione del piano OAB (z = 0) che rappresenta la sfera di raggio
massimo, e di una qualsiasi sfera passante per i tre punti, ad esempio
quella che ha centro sul piano xy è x2 + y2 + z2 − x − y = 0 e poi tra le
sfere del fascio, scegliere quella che passa per il punto C: si ha quindi
x2 + y2 + z2 − x − y + λz = 0. L’equazione dev’essere soddisfatta dalle
coordinate di C e quindi si ottiene λ = 2 ]

21.8 Data la sfera Γ : x2 + y2 + z2 − 2x + 3y − z − 3 = 0, scrivere l’equazione


del piano tangente a Γ in A(1, 1, 1).
 
[Il centro è C 1, − 32 , 21 . . . il piano sarà quello per A ortogonale alla retta
CA. . . 5(y − 1) + z − 1 = 0 . . . ]

21.9 Scrivere l’equazione della sfera tangente nell’origine


√ O(0, 0, 0) al piano
di equazione x + y + 2z = 0 che ha raggio r = 6 e centro di coordinate
positive.

[Il centro ha coordinate (t, t, 2t) e dista 6 dal piano dato. . . x2 + y2 + z2 −
2x − 2y − 4z = 0.]
21.1. Sfera 183

21.10 Scrivere le equazioni delle due sfere S1 e S2 di raggio 2 che hanno il


centro sulla retta 
 x = 2t − 1

y = −t


z=t
e sono tangenti al piano x − 2y + 2z − 4 =0.   
8 11 11 4 1 1
[ I centri delle due sfere sono C1 ,− , e C2 − , ,− ]
3 6 6 3 6 6

21.11 Scrivere l’equazione di una sfera che passa per il punto P di coordinate
(1, 2, 2) è tangente al piano α di equazione z = 0 ed ha il centro sulla
retta r di equazioni 
x = 1+t

y = 2+t .


z = 1+t
[Il centro sta su r, quindi ha coordinate C (1 + t, 2 + t, 1 + t). La distanza di
C dal piano α, che è 1 + t, deve essere uguale alla distanza di C da P, cioè
(1 + t)2 = (1 + t − 1)2 + (2 + t − 2)2 + (1 + t − 2)2 da cui t2 − 2t = 0 =⇒
t1 = 0, t2 = 2. In conclusione una sfera ha centro in C1 (1, 2, 1) e raggio 1 e
l’altra in C2 = (3, 4, 3) e raggio 3. ]

21.12 Scrivere l’equazione di una sfera avente il centro sulla retta



 x = −2t

y = t+1


z=t
e tangente all’asse x ed al piano di equazione 2x + 2y − z − 8 = 0.

[Il centro C ha coordinate (−2t, t + 1, t) e deve essere equidistante dal piano


dato e dall’asse x; la distanza dal piano è |t + 2| mentre per determinare
la sua distanza dall’asse x basta calcolare quella tra C e la sua proiezione
H (−2t, 0, 0) su tale asse. . . ; uguagliando le due distanze si perviene all’e-
quazione t2 − 2t − 3 = 0 e quindi a due sfere, l’una di centro C1 (2, 0, −1) e
l’altra di centro C2 (−6, 4, 3) entrambe di raggio 5.]

21.13 Scrivere l’equazione delle sfere che hanno il centro sull’asse z e sono
tangenti alle rette

(
x=1 x = t

r: e s: y = 2t .
y=2 

z = −2t
[ x2 + y2 + (z ± 2)2 = 5]
184 Capitolo 21. Sfera e circonferenza nello spazio

* 21.14 Verificare che esiste una sola sfera di raggio non nullo che ha il centro
sulla curva 
 x=t

L : y = t2


z = t3
ed è tangente nell’origine alla retta di equazioni
(
x+y+z = 0
.
x−z = 0

21.2 Circonferenza nello spazio


21.15 Determinare il centro ed il raggio della circonferenza
(
x2 + y2 + z2 − 2y + z − 1 = 0
γ: .
x−y+z = 0

Figura 21.1: Circonferenza nello spazio

[Anche questo esercizio si può risolvere in molti modi. Osservando la figu-


ra 21.1 il centro C 0 della circonferenza può essere visto come la proiezione
ortogonale del centro della sfera sul piano π dato, cioè l’intersezione di π
con la perpendicolare ad esso passante per il centro C della sfera Σ data, (che

 x=t
  

è C 0 0, 1, − 12 ), cioè con la retta y = 1 − t . Si ha dunque t = 12 da cui


 z = −1 + t
2
21.2. Circonferenza nello spazio 185

 
1 1
le coordinate del centro C 2, 2,0 . Il raggio si può determinare applicando
il Teorema di Pitagora al triangolo che ha come cateti la distanza d dei centri
ed il raggio r della circonferenza e come ipotenusa il raggio R della sfera. Si

ottiene r = 12 6. È anche interessante osservare come si può applicare in
questo caso la teoria dei fasci di sfere: il fascio di sfere che passano per γ
ha equazione x2 + y2 + z2 − 2y + z − 1 + k( x − y + z) = 0. Cerchiamo, in
tale fascio, la sfera che ammette la circonferenza considerata come cerchio
massimo, vale a dire quella che ha centro sul piano radicale del fascio e che
avrà gli stessi centro e raggio: dovrà essere: − 2k + k+2 2 − k+2 1 = 0, da cui
k = −1 a cui corrisponde la sfera x2 + y2 + z2 − x − y − 1 = 0.]

21.16 Scrivere le equazioni della circonferenza che passa per i punti O(0, 0, 0),
P(2, 0, 0) ed R(0, 1, 0).

[La circonferenza cercata sarà intersezione tra il piano per i tre punti cioè il
piano z = 0 ed una qualunque sfera passante per i tre punti, ad esempio
x2 + y2 + z2 − 2x − y = 0.]

21.17 Scrivere le equazioni della circonferenza che ha centro nel punto C (1, 1, 1),
giace su un piano parallelo ad α : 2x − 3y + z + 2 = 0 ed ha raggio 3.

[La circonferenza giace ovviamente sul piano parallelo ad α che passa per C
ed è individuata, per esempio, dall’intersezione
( di questo piano con la sfera
x2 + y2 + z2 − 2x − 2y − 2z − 6 = 0
che ha centro in C e raggio 3. . . ]
2x − 3y + z = 0

21.18 Si considerino i punti A(1, −2, 3) e B(−1, 0, 1) e la retta r di equazioni


(
x+y−z−1 = 0
.
2y − z + 2 = 0

Scrivere le equazioni della circonferenza che passa per A e B ed ha centro


sulla r.

[Il centro, che si può ricavare intersecando ( r ed il piano assiale di AB, è


x + 2y + z = 0
C (2, −1, 0), il piano è quello per A, B e C. . . ]
( x − 2)2 + (y + 1)2 + z2 = 11

21.19 Nello spazio sono dati i punti A(0, 1, 1) e B(−1, 1, 2). Scrivere le equa-
zioni della circonferenza che ha centro nel punto C (2, 1, 3) e tangente
alla retta per A e per B.
186 Capitolo 21. Sfera e circonferenza nello spazio

[La circonferenza cercata è intersezione tra il piano per A, B e C e, ad esem-


pio, la sfera che la ammette come cerchio massimo, ( quindi con centro in C e
( x − 2)2 + ( y − 1)2 + ( z − 3)2 = 8
raggio pari alla distanza tra C e la retta AB. . . si ]
y=1

21.20 Scrivere l’equazione di una sfera che ha centro sulla retta 2y = x = 2z,
è tangente al piano xz ed interseca il piano α : 2y − x + 2 = 0 secondo
una circonferenza di raggio 1.

[Il raggio della sfera è uguale alla distanza di C (2t, t, t) dal piano xy ed è
ipotenusa del triangolo rettangolo che ha per cateti la distanza di C dal
piano α ed il raggio della circonferenza. . . applicando il Teorema di Pitagora
|2t − 2t + 2|2 3
si ha + 1 = t2 ⇐⇒ t = ± √ ]
5 5

21.21 Consideriamo le due sfere dell’esercizio 21.10 Determinare un piano che


passi per l’asse z e che le tagli secondo circonferenze aventi lo stesso
raggio.

21.22 Scrivere l’equazione del luogo dei centri delle sfere che tagliano i piani
coordinati xy, xz e yz secondo circonferenze aventi raggi rispettivamente
1, 2, e 3.

21.23 Scrivere l’equazione del luogo dei centri delle circonferenze che passano
per i punti A(1, 0, 0), B(0, q, 0) e (0, 0, r ) con la condizione che qr = 1

21.3 Quesiti
Q.21.154 Nello spazio il raggio della sfera che ha centro in C (1, −1, 1) ed è tan-
gente all’asse y vale 1. 2 vero 2 falso

Q.21.155 Il piano x + y − 2z = 0 è tangente alla sfera di equazione x2 + y2 + z2 −


2x − y = 2. 2 vero 2 falso

Q.21.156 Esiste un solo piano passante per un punto P, parallelo ad una retta r e
tangente ad una sfera. 2 vero 2 falso

Q.21.157 Esiste uno ed un solo piano passante per un punto P, parallelo ad una
retta r e tangente ad una sfera Σ. 2 vero 2 falso

Q.21.158 Il piano tangente nell’origine alla sfera di equazione x2 + y2 + z2 + ax +


by = 0 ha equazione ax + by = 0 ∀ a, b. 2 vero 2 falso
21.3. Quesiti 187

Q.21.159 Nello spazio, quante sono le sfere che hanno centro su una retta data e
passano per due punti distinti, non allineati con il centro? a al più
una b almeno due c una sola d infinite.

Q.21.160 Nello spazio, la circonferenza di equazioni


(
x2 + y2 + z2 − 2x = 0
2x + y = 0

√ 1 √ 1
ha raggio uguale a: a 3 b √ c 2 d √ .
2 5
Q.21.161 Il piano di equazione x + y + z + 1 = 0 rispetto alla sfera di equazione
x2 + y2 + z2 − 2x + 4z + 2 = 0 è a tangente b diametrale c
esterno d secante.

Q.21.162 L’intersezione tra la sfera di equazione x2 + y2 + z2 − 2x + 2y = 2 ed il


piano x + y − z + 1 = 0 a è una circonferenza reale b è una una
circonferenza completamente immaginaria c è ridotta ad un unico
punto d non esiste nè reale nè immaginaria.

Q.21.163 Rispetto alla sfera di equazione x2 + y2 + z2 22x − 4y − 8 = 0 la retta di


equazioni (
x=1
z=0

risulta: a tangente b diametrale c esterna d secante.


Capitolo 22

Cilindri, coni e proiezioni

22.1 Cilindro e cono


22.1 Scrivere l’equazione del cilindro con le generatrici parallele alla retta
r : x = y = 2z che ha come direttrice la curva di equazioni
(
x 2 + y2 + z2 = 1
.
x=0

[Per determinare l’equazione


 del cilindro, consideriamo le rette parallele

 x = x 0 + 27
ad r, cioè di equazioni y = y0 + 2t , passanti per i punti della direttrice:


z = z0 + t
(
(y0 + 2t)2 + z0 + t)2 = 1
si perviene al sistema ; eliminando il parame-
x0 + 2t = 0
 x 2
tro t dalle due equazioni si ottiene (y0 − x0 )2 + z0 − 0 = 1 da cui
2
2 2 2
l’equazione cartesiana 5x + 4y + 4z − 8xy − 4xz − 4 = 0.]

22.2 Verificare che la curva γ di equazioni parametriche


 2
 x = 2t + t + 1

y = − t2 + t


z = 3t − 1

è piana e scrivere le equazioni del cilindro che ha le generatrici parallele


all’asse z e ammette la γ come direttrice.

[Consideriamo l’equazione di un generico piano ax + by + cz + d = 0 e vi


sostituiamo ordinatamente le coordinate del generico punto di γ ottenendo
così un’equazione in t: (2a − b)t2 + ( a + b + c)t + a − c + d = 0; la curva è

189
190 Capitolo 22. Cilindri, coni e proiezioni

piana se e solo se tale equazione è identicamente verificata, cioè è verificata


da ogni valore del parametro t, ciò avviene se e solo se ogni
 suo coefficiente
 a = −c

(compreso il termine noto) è nullo. Si perviene al sistema b = −2c , quindi


d = 2c
γ giace sul piano di equazione x + 2y − z − 2 = 0;. . . ( x + 2y − 1)2 − 3( x −
y − 1) = 0.]

22.3 Verificare che nello spazio l’equazione x2 + y2 = 1 rappresenta un


cilindro con le generatrici parallele all’asse z.
22.4 Determinare tutti i valori del parametro h per i quali la curva L di
equazioni

 x = h+t

y = 1 + ht2


z = h − t2
è piana. Scelto uno di questi valori, scrivere l’equazione del piano che la
contiene. [È piana per ogni h. . . ]

22.5 Scrivere l’equazione del cilindro con le generatrici parallele alla retta di
equazioni x = y = z che ha come direttrice sul piano x − y + z = 1 la
circonferenza di centro C (1, 1, 1) e raggio 1.
[( x − z)2 + (2y − x − z)2 + (y − x )2 = 1]

22.6 Scrivere l’equazione del cilindro che ha le generatrici parallele alla retta
r di equazioni x = 2y = −z ed è tangente alla sfera Σ di equazione
x2 + y2 + z2 − 4x = 0.

[Una direttrice può essere la circonferenza intersezione tra Σ ed il piano


diametrale ortogonale ad r.]

22.7 Scrivere l’equazione di un cilindro che tagli il piano xy secondo l’ellisse


di equazioni (
z=0
x2 + 4y2 = 1
ed il piano xz secondo una circonferenza.
22.8 Sia C il cilindro con le generatrici parallele all’asse y che ammette come
direttrice la curva di equazioni parametriche
 2
 x = 2t + 2

y = t2 − 1 .


z = 2t + 1
22.1. Cilindro e cono 191

( l’equazione dei piani tangenti a C e passanti per la retta di


Determinare
x=1 √
equazioni . [ x − 1 = ± 2( z − 1)]
z=1
22.9 Scrivere l’equazione del luogo dei centri delle sfere che intersecano il
piano π x − y − z = 0 secondo una circonferenza di raggio 1 e passante
per l’origine. Riconoscere tale luogo.

Figura 22.1: Esercizio 22.9, proiezione sul piano xy

[Nel piano π le circonferenze di raggio 1 e passanti per l’origine hanno


come luogo dei centri la circonferenza γ di centro l’origine e raggio 1 (vedi
fig. 22.1), quindi, dal momento che i centri delle sfere considerate stanno
sulle rette perpendicolari a π e passanti per i punti di γ, il luogo richiesto
sarà allora il cilindro avente direttrice γ e generatrici perpendicolari a
3
π. . . x2 + y2 + z2 + xy + xz − yz − = 0. ]
2

22.10 Si considerino la circonferenza H che passa per i punti A(1, 0, 0), B(0, 1, 0)
e C (0, 0, 1) ed il piano α di equazione x = 0. Detta H 0 la circonferenza
simmetrica di h rispetto ad α, scrivere l’equazione del cilindro circolare
retto che ammette H 0 come direttrice.
* 22.11 Scrivere l’equazione del cono di vertice V (1, 0, 2) che ammette come
direttrice la curva di equazioni
(
y2 − 4x − 4 = 0
.
x+z = 0
192 Capitolo 22. Cilindri, coni e proiezioni

[Consideriamo le rette passanti per V e per un generico punto P( x0 , y0 , z0 )


dello spazio; esse hanno equazione

 x = 1 + ( x0 − 1) t

y = y0 t ,


z = 2 + ( z0 − 2) t

poiché tali rette passano per i punti della direttrice, si ha il sistema


(
y0 t )2 − 4(1 + x0 t − t ) − 4 = 0
1 + ( x0 − 1) t + 2 + ( z0 − 2) t = 0

da cui, eliminando il parametro t si ottiene l’equazione del cono che è:


9y2 + 4(2x − z)( x + z − 3) − 4( x + z − 3)2 = 0]

22.12 Data la curva 


 x = t−1

γ: y = t2 − 1 ,


z = t2 + t
scrivere l’equazione del cono con vertice nell’origine che l’ammette come
direttrice. [ La curva è una parabola; y2 − xy + 2xz − yz = 0]

22.13 Si considerino le circonferenze di equazioni rispettive:


( (
x 2 + y2 = 2 0 x 2 + z2 = 2
γ: e γ ;
z=1 y=1

i) scrivere le equazioni dei coni C e C 0 aventi entrambi il vertice


nell’origine e passanti rispettivamente per γ e γ0 ;
ii) trovare le intersezioni tra C e C 0 .

[C : x2 + y2( − 2z2 = 0; C 0 : x2 + z2 − 2y2 = 0; le intersezioni sono le


x = ±z
quattro rette ]
y = ±z

22.14 Sono date le curve


( (
x2 + 2y2 − 3x = 0 2x2 + z2 + 3x = 0
γ: e γ0 : .
y=1 y=0

i) Scrivere l’equazione del cono C avente vertice nell’origine e pas-


sante per γ.
ii) Scrivere l’equazione del cilindro C 0 avente parametri direttori delle
generatrici uguali a 1 e passante per γ0 .
22.1. Cilindro e cono 193

iii) Stabilire se C e C 0 hanno una generatrice in comune.

22.15 Siano:

γ la curva di equazioni
(
x=2
;
y2 − z2 + x2 − 4x + 3 = 0

π il piano di equazione x = 3;
γ0 la curva simmetrica di γ rispetto a π

Scrivere l’equazione del cono che dall’origine proietta1 la γ0 .

22.16 Nello spazio si considerino il punto V (1, 0, 1) e la curva di equazioni


 2
x = t

L : y = 1+t


z=t

i) Verificare che L è piana.


ii) Scrivere le equazioni della proiezione ortogonale della curva L sul
piano xy.
iii) Scrivere l’equazione del cono che proietta la L da V.

22.17 Data la linea 


x = t

γ ≡ y = t2 − 1


z=t

i) stabilire se è o no una curva piana;


ii) scrivere le equazioni dei cilindri C e C 0 che ammettono la γ come
curva direttrice ed hanno le generatrici parallele rispettivamente
allasse x ed all’asse z;
iii) rappresentare analiticamente e riconoscere la curva intersezione di
C e C0 .

( piana e giace sul piano x = z; le equazioni cartesiane di γ sono



y = x2 − 1
; I cilindri hanno equazioni y = z2 − 1 e y = x2 − 1. . . ]
x=z

1 Cioè il cono che ha vertice nell’origine ed ammette la γ0 come direttrice.


194 Capitolo 22. Cilindri, coni e proiezioni

22.18 Verificare che esistono due cilindri C e C 0 che ammettono entrambi come
direttrici le linee
( (
y − z2 = 0 y − 2x − 9x2 = 0
γ: e γ0 : .
x=0 z=0

Determinare le direzioni2 delle generatrici di C e C 0 .

22.2 Proiezioni
* 22.19 Nello spazio si consideri la conica K di equazioni
(
x + ay + bz = 0
.
( x − 2)2 + ( y − 2)2 = 1
Determinare i parametri reali a e b in modo che la proiezione ortogonale
di K sul piano yz sia una circonferenza.

[Per proiettare la curva K lungo la direzione dell’asse x, è sufficiente


eliminare tale variabile dalle equazioni del sistema assegnato, ottenen-
do cosıun’equazione che non contiene la variabile x quindi che rappre-
senta il cilindro con le generatrici parallele all’asse omonimo che ha per
direttrice la curva data e cioè (− ax − bz − 2)2 + (y − 2)2 = 0. Interse-
cando
( il cilindro con il piano yz si arriva alle equazioni della proiezione
x=0
; queste rappresentano una circonferenza
(− ax − bz − 2) + (y − 2)2 = 0
2
(
2ab = 0
se e solo se , ovvero se e solo se a = 0 e b = ±1.]
b2 = a2 + 1

22.20 Verificare che la curva di equazioni parametriche



 x = t−1

y = t2 + 1


z = t2 − t
è piana e scrivere le equazioni della sua proiezione ortogonale
( sul piano
y = ( x + 1)2 + 1
xy. [ Giace sul piano x − y + z + 2 = 0. . . ]
z=0

22.21 Sia γ la circonferenza di equazioni:


(
x2 + y2 + z2 − 2x = 0
.
x+y+z = 0
Scrivere le equazioni della proiezione ortogonale di γ sul piano z = 3.
2 cioè una terna di parametri direttori
22.2. Proiezioni 195

[La proiezione cercata può essere ottenuta scrivendo γ come interzezione


del piano su cui essa giace con il cilindro con generatrici parallele all’asse z
che la ammette come direttrice (infatti il piano su cui è chiesto di proiettare
è ortogonale all’asse z). . . .]

* 22.22 Si consideri, nello spazio, la curva H di equazioni



x = t

y = t2 + 1 .


z = t−1

Riconoscere la H e scrivere le equazioni del cono che la proietta dall’o-


rigine O(0, 0, 0).

[Poiché la natura di una conica non cambia per proiezione


( parallela, possia-
y = x2 + 1
mo proiettare la H , le cui equazioni cartesiane sono su uno
z = x−1
( esempio il piano x = 0, e quindi studiare la natura
dei piani coordinati, ad
y = ( z − 1)2 + 1
della sua proiezione che è una parabola. ]
x = 0,

22.23 Riconoscere il luogo dei punti richiesto nell’esercizio 20.34 a pagina 178.
[ Si tratta di una parabola]

22.24 Sia γ la curva di equazioni


(
z2 − y2 = 1
x=0

e P il punto di coordinate (2, 0, 1).


Riconoscere la curva γ0 simmetrica di γ rispetto a P e scriverne le equa-
zioni. [È l’intersezione
tra il cono di vertice P e direttrice γ ed il piano simmetrico di x = 0 rispetto a P]

22.25 Data la parabola di equazioni


(
y2 = 2x
z=0

equazioni della sua proiezione sul piano yz dalla direzione


scrivere le (
x=z
della retta .
y=0
196 Capitolo 22. Cilindri, coni e proiezioni

22.26 Si consideri la curva  2


x = t

L : y = −2t


z = 4t + 1
e la retta r : x = y − z + 1 = 0. Detto P il generico punto di L, siano
P0 la proiezione ortogonale di P su r e M il punto medio del segmento
PP0 . Scrivere le equazioni del luogo descritto da M al(variare di P e
x = 2y2
riconoscerlo. [parabola di equazioni .]
5y + z − 2 = 0

22.27 Data la curva L di equazioni


 3 2
x = t −t

y=t .

 2
z=t

i) Verificare che L è una curva gobba3 .


ii) Scrivere l’equazione del cono che proietta la L dall’origine.
iii) Determinare l’equazione di un piano che tagli il cono secondo una
parabola.

[. . . l’equazione del cono è xy + yz − z2 = 0. . . ]

22.28 Siano:

α il piano di equazione y = h,
C il cono con vertice nell’origine che ammette come direttrice la
conica di equazioni
(
ax2 − 2y2 + bx + 8 = 0
.
z=1

Determinare per quali valori dei parametri a, b e h il piano α taglia C


secondo una parabola.

22.29 Siano ( r ed una parabola P di equazioni rispettivamente


( date una retta
x=0 y=0
r: eP : . Trovare il punto V ∈ r tale che proiettando
y=1 z = x2
la P da V sul piano xy, si ottenga un’iperbole equilatera. [V (0, 0, 1)]

3 cioè non è piana.


22.3. Quesiti 197

22.3 Quesiti
Q.22.164 Il sistema di equazioni parametriche

 x = t+u

y = t2 + 2u


z = t2 − 3t + u

rappresenta un cilindro. 2 vero 2 falso

Q.22.165 Tutte le sezioni piane di un cilindro circolare sono ellissi con la stessa
eccentricità. 2 vero 2 falso

Q.22.166 Nello spazio ogni equazione in due variabili rappresenta un cilindro


2 vero 2 falso

Q.22.167 Se la proiezione ortogonale di una curva paiana γ sul piano xy è una


conica, allora la stessa γ è una conica. 2 vero 2 falso

Q.22.168 Sia L la linea (


x = y+1
.
z = x2 − 1
La sua proiezione ortogonale sul piano yz è un’iperbole.
2 vero 2 falso

Q.22.169 Il piano di equazione x + y = z taglia il cono x2 + y2 − z2 = 0 secon-


do una a parabola non degenere b iperbole non degenere c
conica degenere in due rette reali d ellisse non degenere.

Q.22.170 Nello spazio, il sistema


 2
x = t u

y = 1 + tu


z = 2 + ( t + 1) u

rappresenta a una curva gobba b un cono c un cilindro d


una superficie del second’ordine.
Capitolo 23

Superfici rigate e di rotazione

* 23.1 Siano date, nello spazio, le rette:


 
 x = 2+t
  x = 2 + 3u

r ≡ y = 1 − 2t ed s≡ y = 1−u .

 

z = 1−t z = 1+u
Scrivere l’equazione della superficie che si ottiene facendo ruotare r
attorno a s.
[Si vede subito che le rette passano entrambe per il punto (2, 1, 1) quindi
sono incidenti: la superficie cercata è dunque un cono rotondo. La sua
equazione può essere ottenuta come quella del luogo delle circonferenze de-
scritte dai punti di r nella rotazione attorno ad s. Il generico punto di r sarà:
P(2 + t, 1 − 2t, 1 − t). Dovremo imporre che P, sul piano α, passante per esso
ed ortogonale ad s, descriva una circonferenza per esempio intersezione di α
stesso con una qualsiasi sfera con centro C ∈ s e raggio PC. α ha equazione
3 · ( x − 2 − t) − 1 · (y − 1 + 2t) + 1 · (z − 1 + t) = 0; se scegliamo C (2, 1, 1), la
sfera di centro C e raggio PC ha equazione ( x − 2)2 + (y − 1)2 + (z − 1)2 =
t2 + 4t2 + t2 . L’equazione
( del cono si otterrà quindi eliminando il parame-
( x − 2)2 + (y − 1)2 + (z − 1)2 = 6t2
tro t dal sistema . Con semplici ma
3x − y + z = 6 + 4t
laboriosi calcoli, eliminando il parametro, si perviene all’equazione
19x2 − 5y2 − 5z2 − 18xy + 18xz − 6yz − 76x − 52y − 20z + 60 = 0

che può essere scritta nella forma omogenea in x − 2, y − 1 e z − 1 il che


dimostra che la superficie è effettivamente un cono con vertice nel punto
(2, 1, 1).]

23.2 Sia r la retta di equazioni (


x=2
.
z = 3y
Scrivere l’equazione della superficie ottenuta facendo ruotare r attorno
all’asse z. [9x2 + 9y2 − z2 = 36]

199
200 Capitolo 23. Superfici rigate e di rotazione

23.3 Sia γ la curva di equazioni parametriche


 3
x = t

y = t2


z=t

e sia r la retta di equazioni


(
x=1
.
y=3

Scrivere l’equazione della superficie ottenuta dalla rotazione di γ attorno


ad r. [( x − 1)2 + (y − 3)2 + z2 = (z3 − 1)2 + (z2 − 3)2 + z2 che si semplifica. . . ]

23.4 Scrivere l’equazione della superficie generata dalla rotazione della curva
di equazioni (
x2 − 2x − 3z + 1 = 0
y=0
attorno alla retta di equazioni
(
x=1
.
y=0

[È opportuno
 notare che una terna di equazioni parametriche della curva

 x=t


y=0
è data da . . . con i soliti metodi si ottiene l’equazione ( x −

 ( t − 1 ) 2

z=
3
2 2
1) + y − 3z = 0]

* 23.5 Sia γ la curva del piano di equazione x = z avente come proiezione


ortogonale sul piano xy la curva
(
0 2x2 + y2 = 1
γ ≡ .
z=0

Scrivere l’equazione della superficie ottenuta dalla rotazione di γ attorno


alla retta (
y=0
r≡
z=x

[γ è una circonferenza con centro nell’origine. . . ruotando attorno ad un suo


diametro descrive una sfera. . . x2 + y2 + z2 = 1]
201

23.6 Si consideri il cono C generato dalla rotazione della retta


(
x=0
r≡
z=2

attorno alla 
x=t

s≡ y=t;


z=2
trovare il centro della circonferenza intersezione di C con il piano x +
y = 2.

[Il piano dato è ortogonale all’asse del cono, quindi si tratta effettivamente

di una circonferenza. . . r = 2]

23.7 Determinare il vertice dei coni di rotazione che hanno come generatrice
la retta r di equazioni parametriche

x = t

y = 2t


z=t

e tagliano il piano x + z = 0 secondo una circonferenza di raggio 1.

[La generatrice interseca il piano dato in O(0, 0, 0). . . la proiezione ortogona-


 dato deve distare 1 da O . . . quindi i possibili vertici
le delvertice sul piano
1 1
sono ± , ±1, ± ]
2 2

23.8 Si considerino le rette


( (
x=2 x−y+z = 0
r: e s:
y=1 x+z = 0

i) Verificare che r e s sono sghembe.


ii) Scrivere l’equazione della superficie S ottenuta dalla rotazione di
r attorno ad s.
iii) Riconoscere la curva intersezione di S con il piano π y = 2.
202 Capitolo 23. Superfici rigate e di rotazione

23.9 Scrivere l’equazione della superficie S ottenuta dalla rotazione della


retta 
x = t

y=t


z = 1−t
attorno alla retta x = y = −z. Riconoscere l’intersezione di S con il
piano z = x
(
x=0
* 23.10 Considerato il cono C generato dalla rotazione della retta r :
z=2

x = t

attorno alla retta s : y = t , trovare il raggio della circonferenza inter-


z=t
sezione di C con il piano di equazione x + y = 2.

[ L’intersezione richiesta è proprio ua circonferenza i quanto il piano dato è


ortogonale all’asse di rotazione. . . il raggio cercato è la distanza dei punti
che le due rette hanno in comune con il piano, rispettivamente ad uno dei

punti del cono ed il centro della circonferenza in questione. . . r = 2. ]

* 23.11 Si consideri la sfera S di equazione x2 + y2 + z2 = 900. Trovare i vertici


dei coni circoscritti alla sfera e tali che la circonferenza di contatto γ
abbia raggio 24.

[ Il cono in questione è certamente di rotazione in quanto tutte le sue


generatrici formano con la retta congiungente il vertice V del cono con il
centro O della sfera angoli della medesima ampiezza (v. Figura 23.1 nella
pagina successiva). Il raggio della circonferenza di contatto corrisponde alla
lunghezza del segmento TH, mentre la lunghezza di OT è il raggio della
sfera: si ha quindi TH = 24 e OT = 30 dunque, considerando il triangolo
[ = 24 ; considerando invece il triangolo
rettangolo OHT otteniamo sin HOT 30
TO
OTV abbiamo VO = [
= TO3 = 35 · 30 = 50. In conclusione i vertici
cos VOT 5
cercati dovranno distare 50 dall’origine e non è necessario imporre loro
alcun’altra condizione: sono dunque tutti i punti della sfera di centro O e
raggio 50, cioè i punti della sfera di equazione x2 + y2 + z2 = 2500. ]

23.12 Sia C il cono avente vertice nell’origine che ammette come direttrice la
circonferenza di equazioni
(
x 2 + z2 = 0
.
y=2
203

Figura 23.1

Scrivere l’equazione dei piani che tagliano C secondo una circonferenza


di raggio 1. [y = ± √2 ]
3

* 23.13 Siano:

x = t

r la retta di equazioni y = 2t ,


z = −t
A il punto (2, 2, 2)
C il cono che passa per A, ha come asse la retta r e come vertice
l’origine O(0, 0, 0).

Scrivere l’equazione delle sfere tangenti a C aventi raggio 7.

2
[ La semiapertura α del cono è tale che cos α = 3 . . . il centro della sfera
deve appartenere all’asse del cono e la sua distanza dal  vertice O del conoè
√ √ q √ q
data da d = sin7α = √77 = 3. . . i centri possibili sono ± 32 , ± 6, ± 32
3
 q 2  q 2
3

dunque. . . x ∓ 2 + (y ∓ 6)2 + z ± 32 = 7. ]
204 Capitolo 23. Superfici rigate e di rotazione

23.14 Determinare il vertice del cono di rotazione che ammette come paralleli
le circonferenze di equazioni
( (
x 2 + y2 = 1 x 2 + y2 = 4
e
z=3 z=0

Figura 23.2

[ Osservando la figura 23.2, si vede che i triangoli OAV e BCV, che si


formano su uno dei piani che contengono l’asse di rotazione, sono simi-
li. . . V (0, 0, 6) ]

23.15 Nello spazio, si consideri la curva L di equazioni



x = t+1

y = t2 + 1


z = −t

i) Scrivere l’equazione della superficie S( generata dalla rotazione


x=1
della L attorno alla retta di equazioni .
z=0
ii) Trovare
√ il piano che taglia la S secondo una circonferenza di raggio
2.
23.1. Quesiti 205

23.1 Quesiti
Q.23.171 Un cilindro che contiene una circonferenza è sempre di rotazione.
2 vero 2 falso

Q.23.172 L’equazione ( x2 + y2 )2 − ( x2 + y2 )3 − 3 = z rappresenta una superficie


di rotazione attorno all’asse z. 2 vero 2 falso

Q.23.173 La superficie che si ottiene facendo ruotare una retta r attorno ad una
retta s è a un cono; b un cilindro; c dipende dalla posizione
reciproca di r e s; d può essere comunque solo un cilindro oppure un
cono.
(
x − 2y + z = −1
Q.23.174 Nello spazio la rotazione della retta r : attorno alla
x − 2y + kz = 1

x = 1+t

retta s : y = at − 2 rappresenta un cilindro per: a a = − 12 k; b


z = 1 − 2t
ogni valore di a; c nessun valore di a; d a = 21
Capitolo 24

Quadriche

Coni e cilindri in questo capitolo saranno sempre intesi come coni e cilindri quadrici
irriducibili. Lo studente è invitato a riconoscere tutte le quadriche di cui si parla.

24.1 Con un procedimento analogo a quello dell’esempio sul paraboloide


iperbolico, dimostrare che l’iperboloide ad una falda è una superficie
rigata.

24.2 Si considerino la quadrica Q di equazione xy + z = 0 ed il cilindro C le


cui generatrici sono parallele alla retta x = y = z e tangenti a Q. Scrivere
una terna di equazioni parametriche della proiezione ortogonale sul
piano di equazione y = z della curva intersezione di Q e C .

 x=t



 t2 − 1
[ y= 2 ]



 2
 z = t −1

2
(
y2 = x
24.3 Considerata la superficie S : x2 − y2 − 2xz = 0 e la linea γ : ,
z=0

i) riconoscere la S ;
ii) verificare che esiste una linea piana γ0 appartenente ad S ed avente
γ come proiezione ortogonale sul piano xy;
iii) riconoscere la γ0 .
 2
 x − y2 − 2xz = 0
[Cono con vertice nell’origine; 1 ; parabola]
 z = ( x − 1)
2
24.4 Si considerino

la superficie S di equazione x2 + y2 − z2 − 2x − 2z = 1;
il punto P(2, 0, −1);

207
208 Capitolo 24. Quadriche

il piano α di equazione x − 2 = 0.

determinare l’equazione del piano che passa per P, è perpendicolare ad


α e taglia la S secondo una circonferenza.
[S è un iperboloide di rotazione attorno all’asse z . . . z + 1 = 0]

24.5 Verificare che esiste un piano passante per la retta di equazioni x = y = z


che interseca la superficie di equazione x2 + 2y2 − 2z = 0 secondo una
conica la cui proiezione ortogonale sul piano xy ammette come centro
di simmetria il punto C (−1, 1, 0). [x − 2y + z = 0]

24.6 Siano:

Π il paraboloide di equazione x2 + y2 = 2z,


π un piano perpendicolare all’asse y,
P la parabola intersezione di Π con π,
γ la curva che si ottiene proiettando dall’origine la P sul piano di
equazione z = 1.

Determinare π in modo che la γ abbia centro sul piano π. [y = ±1]

24.7 Sia P il paraboloide di equazione ax2 + y2 = 2pz; determinare a in


modo che ogni conica ottenuta tagliando P con un piano non parallelelo
all’asse z abbia come proiezione sul piano xy una circonferenza.
[I piani cercati hanno equazione del tipo z = αx + βy + γ. . . a = 1]

24.8 Scrivere l’equazione del paraboloide di rotazione che ammette come


paralleli le circonferenze di equazioni
( (
x 2 + y2 = 1 x 2 + y2 = 4
e
z=2 z=3
 
[x2 + y2 = 3 z − 23 ]

24.9 Verificare che ogni piano non parallelo all’asse z taglia ( il paraboloide
x2 = 2z
generato dalla rotazione della parabola di equazioni attorno
y=0
all’asse z secondo una conica la cui proiezione sul piano xy è una circon-
ferenza. [Paraboloide x2 + y2 = 2z. . . piani del tipo z = ax + by + c. . . ]

( P che ha come fuoco l’origine e come direttrice


24.10 Si consideri la parabola
x+y = 0
la retta di equazioni ; trovare l’equazione del parboloide che
z = −2
si ottiene facendo ruotare P intorno al suo asse.
209

[ P giace sul piano( di equazione x + y = 0. . . P ha come asse di simmetria


( x − y )2 − 8( z + 1) = 0
l’asse z . . . P : . . . x 2 + y2 = 4( z + 1). ]
x+y = 0

24.11 Scrivere l’equazione della superficie ottenuta dalla rotazione della curva

x = t

γ : y = 2−t


z = ( t − 1)2

attorno alla retta di equazioni y = x = 1 e verificare che si tratta di un


paraboloide. [( x − 1)2 + (y − 1)2 = 2z; traslando il riferimento in (1, 1, 0). . . ]

* 24.12 Verificare che la quadrica di equazione xy + z( x + y) = 0 è un cono di


rotazione e determinarne vertice ed asse.

[ L’equazione è omogenea di secondo grado in x, y e z, quindi se rappresen-


ta una quadrica irriducibile si tratta di un cono con vertice nell’origine; in
effetti, come risulta semplice verificare, è il cono ottenuto dalla rotazione di
uno qualsiasi degli assi coordinati attorno alla retta r : x = y = z: le equa-
zioni della circonferenza descritta dal(generico punto P(α, 0, 0) dell’asse x
x+y+z−α = 0
nella sua rotazione attorno ad r sono ed, eliminando
x 2 + y2 + z2 = α2
α si ha proprio x2 + y2 + z2 = ( x2 + y2 + x2 )2 , cioè xy + yz + xz = 0.
In un altro modo possiamo considerare la matrice rappresentativa della
 
0 12 12 0
 1
0 2 0
1
quadrica che è la A =  2 
 1 1 0 0, singolare e di rango 3 dunque
2 2
0 0 0 0
quadrica specializzata irrducibile: cono o cilindro. La sottomatrice B =
 
0 12 21
 1 0 1  ammette gli autovalori λ1 = λ2 = − 1 e λ3 = 1; non essendoci
2 2 2
1 1
2 2 0
autovalori nulli B non è singolare, quindi non si tratta di un cilindro, quindi
è un cono, reale perché gli autovalori non sono concordi, di rotazione,
perché due di tali autovalori sono uguali. Il vertice, come già osservato è
l’origine; l’asse di rotazione ha la direzione di uno qualsiasi degli autovettori
relativi all’autovalore semplice: dunque da Bx = x abbiamo che [ β, β, β]
con β 6= 0 è il generico autovettore, la cui direzione coincide con quella
della retta r. ]

24.13 Determinare centro ed assi di simmetria della quadrica di equazione


x2 + 2y2 + 3z2 − 2x − 6z + 3 = 0. ( ( (
x=1 y=0 x=1
[( x − 1)2 + 2y2 + 3(z − 1)2 = 1 . . . (1, 0, 1) . . . ; ; ]
y=0 z=1 z=1
210 Capitolo 24. Quadriche

24.14 Individuare un sistema di riferimento in cui la quadrica avente equa-


zione 2x2 + 2y2 − z2 + 4x − 2z = 0 è rappresentata in forma canonica;
dire di che quadrica si tratta e, se di rotazione, determinare l’asse di
rotazione.

[ Nel sistema di riferimento traslato in (−1, 0, −1) si ha 2X 2 + 2Y 2 − Z2 = 1


che è l’equazione di un iperboloide iperbolico di rotazione intorno
( all’asse
x = −1
Z, retta che nel vecchio sistema di riferimento ha equazioni .]
y=0

24.15 Ridurre a forma canonica le equazioni delle seguenti quadriche e rico-


noscerle:

x2 + xy + y2 − z = 0
25x2 + 9y2 − 16z2 − 24yz = 25

[x2 + 3y2 = z, paraboloide ellittico; 25x2 + 25y2 = 1 cilindro rotondo]

24.16 Data la quadrica Q: ( x + y)2 − 2z2 = 1,

i) trovare una forma canonica per l’equazione di Q;


ii) riconoscere la Q;
iii) detta γ la curva intersezione di Q con il piano di equazione 2x −
y − z = 1, rappresentare analiticamente la curva γ0 proiezione
ortogonale di γ sul piano xy e riconoscerla.
(
6x2 − 8xy + 4y + 3 = 0
[2x2 − 2z2 = 1; cilindro iperbolico; , iperbole.]
z=0

* 24.17 Verificare che la quadrica Q: x2 + yz + x = 0 è rigata; trovare quindi


le rette passanti per l’origine ed interamente contenute nella quadrica
e riconoscere la conica intersezione di Q con il piano di equazione
2x − y − z = 0.
 1
1 0 0 2
0 0 0 1

[ La matrice rappresentativa di Q è la A =   che è non sin-
2
0 0 0
1
2
1
2 0 0 0
golare, quindi la quadrica non è degenere (nè riducibile nè cono o cilindro)
e quindi si tratta di una superficie che contiene al masssimo (nel caso in cui
sia rigata) due rette per O; del resto risulta quasi immediato verificare che
l’asse y e l’asse z sono entrambi interamente contenuti in Q.
Il sistema (
x2 + yz + x = 0
2x − y − z = 0
211

è equivalente a (
x2 + (2x + z)z + x = 0
2x − y − z = 0
che rappresenta la conica γ come sezione di un cilindro con le generatri-
( y: la sua proiezione ortogonale sul piano yz ha dun-
ci parallele all’asse
( x + z )2 + x = 0
que equazioni , che sono quelle di una parabola non
y=0
degenere, dunque anche γ è una parabola non degenere. ]

24.18 Considerata la quadrica Q : x2 + y2 = xz + 1

i) trovare tutte le rette interamente conenute nella Q;


ii) riconoscere la conica intersezione di Q con il piano di equazione
z = 2x + 1;
iii) trovare, se esiste, un piano che taglia la Q secondo una circonferen-
za reale.

 y ∓ 1 = λx
[ ; iperbole; ne esistono. . . ]
 y ± 1 = 1 (z − x )
λ

* 24.19 Determinare l’equazione della generica quadrica che(contiene gli assi


x=1
x e y e taglia sul piano x = 1 la conica di equazioni .
yz + y + 1 = 0
Stabilire poi se esiste un paraboloide che soddisfa le condizioni date e,
in caso affermativo, scrinerne l’equazione.

[ Per determinare l’equazione di una quadrica occorre imporre nove condi-


zioni lineari indipendenti.
Contiamo quelle che abbiamo:
• una retta interamente contenuta nella quadrica fornisce tre condizioni
indipendenti, infatti occorre e basta che intersechi la superficie in tre
(più di due) punti;
• una seconda retta, incidente alla prima, ne fornisce altre due, oltre a
quella, già considerata, del punto di incidenza;
• una conica incidente alle due rette appena considerate vuol dire pas-
saggio per altri tre punti (che con i due distinti di incidenza sono
cinque, più dei quattro ordinariamente soluzione del sistema del quar-
t’ordine formato dall’equazione della conica e da quella della quadrica:
sufficienti a garantire che la conica giaccia interamente sulla super-
ficie) in totale abbiamo quindi otto condizioni, dunque un fascio di
quadriche.
Per trovare l’equazione richiesta intersechiamo innanzittutto la generica
quadrica

ax2 + by2 + cz2 + dxy + eyx + f xz + gx + hy + iz + l = 0 (24.1)


212 Capitolo 24. Quadriche

con gli assi x e y rispettivamente; si ottengono le equazioni by2 + hy + l = 0


e cz2 + iz + l = 0 che sono identicamente verificate quando e soltanto
quando è b = h = i = l = 0, quindi la (24.1) diventa

ax2 + dxy + eyz + f xz + gx = 0

che rappresenta una ( quadrica la cui intersezione con il piano x = 1 è la


a + g + dy + eyz + f xz = 0
conica di equazioni che è quella data se e
x=1
soltanto se è f = 0 e d = a + g: si avrà allora ax2 + dxy + dyz + (d − a) x =
0 cioè a( x2 − x ) + d( xy + yz + x ) = 0. Le quadriche in questione sono
irrriducibili, visto che intersecano il piano secondo una conica irriducibile;
possiamo allora porre d 6= 0 e limitarci a considerare equazioni del tipo
xy + yz + x + k[ x ( x − 1)] = 0. Esse rappresentano un paraboloide se e solo
se si ha: k
k
1
1
2 0 1− 2

k 1 0

0 1
0 1 2 1
2 2 6= 0 =
0 1
0 0 2 0 2
2 0 1 0
1− k 0 0 0 2
2
il che accade quando e solo quando k = 0, quindi il paraboloide cercato
esiste, è unico, ed ha equazione xy + yz + x = 0. ]

24.20 Scrivere l’equazione del paraboloide contenente l’asse x, la retta di


equazioni x = z − 2 = 0 ed i punti A(1, 1, 1) e B(0, 0, 1).
[xz + yz − 2y = 0]

24.21 Siano:

α un piano passante per l’asse x;



x = t

A l’intersezione di α con la retta y = t ;


z = 1−t
β il piano per A parallelo al piano yz;
r la retta α ∩ β.

Scrivere l’equazione del luogo delle rette r. [xy + xz − y = 0]

24.22 Riconosere la quadrica di equazione x2 + xz − y2 + z2 + 2y = 0 e deter-


minarne centro ed assi. (
x±z = 0
[Iperboloide ellittico; C (0, 1, 0); x = z = 0, ]
y=1

24.23 Stabilire se esistono valori del parametro reale t per cui è rigata la
quadrica
x2 + y2 − 2yz + tx − 2y = 0.
Capitolo 25

Luoghi nello spazio.


Linee e superfici nello spazio

In questo capitolo vengono proposti esercizi sui luoghi geometrici nello spazio euclideo
tridimensionale ordinario
Come nel caso del piano, nelle soluzioni sono indicate le equazioni in questione,
sottintendendo eventualmente la necessità di eliminare una parte dei punti le cui
coordinate verificano tali relazioni.
Lo studente è invitato a riconoscere tutte le curve e le superfici del secondo ordine,
anche dove non espressamente richiesto.

25.1 Siano:

α un piano passante per l’asse x;



x = t

A l’intersezione di α con la retta di equazioni y = t ,


z = 1−t
β il piano per A parallelo al piano yz,
r la retta α ∩ β.

Scrivere l’equazione del luogo delle rette r. [xy + xz − y = 0]

25.2 Siano:
(
x=y
r la retta di equazioni ,
z=x
α un piano per l’asse z,
β il piano per r perpendicolare ad α,
t la retta comune ad α e β.

Scrivere l’equazione del luogo delle rette t. [x2 + y2 − xz − yz = 0]

213
214 Capitolo 25. Luoghi nello spazio

25.3 Si considerino le rette



(
x + y − 2z = 0  x = 3t

r: , s: x − 1 = y = z e t: y=t .
x=2 

z = t+1

Siano:

π un piano per r,
P π ∩ s,
π 0 Il piano per P e per t,
u la retta π ∩ π 0 .

Scrivere l’equazione del luogo delle rette u.


[x2 − 2y2 + 2z2 + xy − 5xz + 3yz + 3x + y − 4 = 0]

25.4 Siano date le rette:


( (
x−y+z = 0 x−y = 0
a: , b:
y=z y=2
(
5x + 3y + z = 2
c:
3x − y + 2z = 0

Scrivere l’equazione del luogo delle rette che sono incidenti ad a e b e


perpendicolari a c. [x2 − xy − 2xz + 4x − 4y + 4z = 0]

* 25.5 Scrivere l’equazione del luogo delle rette incidenti alle tre rette
( ( (
x−y = 0 y−z = 0 x+1 = 0
a: , b: , c:
z+1 = 0 x−1 = 0 y+z = 0

[ Conviene procedere in questo modo: fissato un punto generico P sulla


retta a, intersechiamo il piano che contiene P e la retta b con quello per
P e la retta c si ottiene così una retta incidente alle tre rette date (occorre
però escludere il caso in cui la complanarità significa parallelismo e non
incidenza).
Sia dunque P(t, t, −1) il fascio di piani di sostegno b ha equazione y −
z + λ( x − 1) = 0 quindi il piano Pb si ottiene per il valore di λ per cui è
t + 1 + λ(t − 1) = 0; quello di sostegno c ha equazione y + z + µ( x + 1) = 0
da cui, sostituendo ancora le coordinate di P, t − 1 + µ(t + 1) = 0. La
generica retta incidente le tre rette date avrà dunque equazioni
(
( t + 1) x + (1 − t ) y + ( t − 1) z − ( t + 1) = 0
; (25.1)
( t − 1) x − ( t + 1) y − ( t + 1) z + t − 1 = 0

una terna di parametri direttori per essa sarà t2 − 1, t2 + 1 e −2t Quindi tale
retta è parallela alla b quando t2 − 1 = 0 e t2 + 1 = −2t, cioè per t = −1
215

e parallela alla c quando è t2 − 1 = 0 e t2 + 1 = 2t, cioè per t = 1; quindi


una retta che fa al caso nostro si otterrà per t 6= ±1. Il sistema (25.1) è
equivalente alle relazioni
x+y−z−1 x+y+z+1
=t=
−x + y − z + 1 x−y−z+1
e quindi il luogo richiesto avrà equazione

( x + y − z − 1)( x − y − z + 1) + ( x + y + z + 1)( x − y + z − 1) = 0

con − x + y − z + 1 6= 0 6= x − y − z + 1. Il risultato è dunque il paraboloide


iperbolico di equazione

x 2 − y2 + z2 − 1 = 0
(
x−y = 0
privato dei punti della retta di equazione .]
z−1 = 0

25.6 Si considerino nello spazio l’asse z e le rette r ed s aventi rispettivamente


equazioni ( (
y=1 x=1
r: ed s:
x=z z=0
Siano:

P il generico punto della r;


i la retta passante per P ed incidente la retta s e l’asse z;
A e B rispettivamente i punti di incidenza della retta i con la s e l’asse z;
M il punto medio del segmento AB.

Scrivere le equazioni del luogo descritto da M al variare di P sulla r e


 1

x =
2
riconoscere tale luogo. [ y iperbole.]

z=−
1 + 2y
Esercizi di ricapitolazione

Questi esercizi, per lo più tratti da vecchi temi d’esame, non sono volutamente in
alcun ordine, né per difficoltà né per argomento, per allenare l’alunno a passare da un
argomento ad un altro con disinvoltura. Non sono dati né suggerimenti né risoluzioni:
lo studente è invitato, anche quando non esplicitamente richiesto, a riconoscere tutte le
coniche e le quadriche risultanti negli esercizi proposti. Il capitolo è diviso in due parti,
la prima composta di esercizi veri e propri, la seconda di quesiti a risposta chiusa.

Esercizi
.1 In S 3 Si considerino il punto V (1, 0, 1) e la curva di equazioni
 2
x = t

L : y = 1+t


z=t
i) Verificare che L è piana
ii) Scrivere le equazioni della proiezione ortogonale della curva l sul
pino xy.
iii) Scrivere l’equazione del cono che proietta la L da V
.2 Si consideri la curva  2
x = t

L : y = −2t


z = 4t + 1
e la retta r : x = y − z + 1 = 0. Detto P il generico punto di L, siano
P0 la proiezione ortogonale di P su r e M il punto medio del segmento
PP0 . Scrivere le equazioni del luogo descritto da M al variare di P e
riconoscerlo.
.3 Determinare tutti i valori del parametro h per i quali la curva di equa-
zioni 
 x = h+t

y = 1 + ht2


z = h − t2

217
218 Esercizi di ricapitolazione

è piana. Scelto uno di questi valori, scrivere l’equazione del piano che la
contiene.

.4 Scrivere l’equazione di un cono rotondo che contenga i tre assi coordina-


ti.

.5 Si consideri l’applicazione

f : R3 7→ R3

tale che

f ([ x, y, z]) = [ x + hy, (h − 1) x2 + y, z + h − 1] con h ∈ R

i) Determinare gli eventuali valori di h in corrispondenza dei quali f


è lineare.
ii) Per ciascuno di tali valori determinare ker f e = f

.6 Sia W l’insieme W = {[ x, y, z] ∈ R3 , x = z}.

i) Verificare che W è sottospazio di R3 .


ii) Introdotto in W il prodotto scalare standard, trovare una base per
W⊥

.7 Nello
( spazio si considerino il punto P(1, 1, 1) e la retta r di equazioni
x−y−z+2 = 0
.
y + 2z = 0

i) Scrivere l’equazione del piano contenente sia P che r.


ii) Determinare la distanza di P da r.

.8 Verificare che l’applicazione f : M2 7→ M2 definiita da


   
a b a+1 0
f =
c d 0 d−1

nonè un omomorfismo.

.9 Si considerino i punti O(0, 0), A(2, 0) e B(2, 3). Scrivere l’equazione


della parabola che ammette il triangolo OAB come autopolare ed ha un
diametro parallelo alla retta x = y.

.10 Siano ~u, ~v e w


~ tre vettori indipendenti di uno spazio vettoriale E; siano V
il sottospazio di E generato dai vettori ~u, ~v e w~ e W quello generato dai
vettori ~u e ~v − w
~ : Stabilire se sono vere o false le seguenti affermazioni:
i) V ⊆ W
Esercizi 219

ii) V ⊇ W
iii) V = W
.11 Scrivere
( l’equazione della superficie ottenuta dalla(rotazione della curva
2
2x + y − 1 = 0 y=1
attorno alla retta di equazioni .
z=0 z=2

.12 Si consideri la matrice  


2 0 3
A = 0 5 0 .
0 k 5
Determinare A in modo che A sia diagonalizzabile.
.13 Scrivere l’equazione di un piano che tagli il cono di equazione x2 + y2 −
z2 = 0 secondo una parabola non degenere.
.14 Sia B = {~v1 , ~v2 , ~v3 , ~v4 } una base dello spazio vettoriale V e siano w
~1 =
~v1 + ~v2 , w
~ 2 = ~v3 , w ~ 4 = ~v1 − ~v2 ; dimostrare che B 0 =
~ 3 = ~v4 − ~v1 e w
{~ ~ 2, w
w1 , w ~ 4 } è un’altra base per V e trovare la matrice di passaggio
~ 3, w
da B a B 0 .
.15 Siano :
K la conica di equazione x2 − 2y = 0.
P il generico punto di K .
t la tangente in P alla K
R la proiezione ortogonale dell’origine O(0, 0) su t
Scrivere l’equazione del luogo dei punti R al variare di P su K .
.16 Sia K una conica non degenere con centro in (0, 0) che ammette come
polare del punto P(2, −2) la retta x − y + 4 = 0. Verificare che le rette
x = y e x = −y sono gli assi di K .
 
1 0
.17 Si consideri in M2 la matrice A = ; verificare che h X, Y i =
0 2
tr ( XAY ) non è un prodotto scalare.
.18 Verificare che le rette

 1
  
 x = 3v −
 2
 x = 5t + 2
 x = u
 

1
a: y=t b: y=u c : y = 2v −

 
 
 2
z = −3t − 1 z = u+1 


z = v+ 1
2
appartengono ad un medesimo fascio.
220 Esercizi di ricapitolazione

.19 Trovare per quali valori del parametro h le matrici


     
1 2 h 1 −1 h
A= , B= ; C=
−1 0 h−1 0 −2h 0
sono linearmente dipendenti.

.20 Trovare le coniche degeneri ed i punti base del fascio di coniche

x2 + y2 − 2x − 2y + λ( xy − y2 + 2y) = 0.

.21 Scrivere l’equazione dell’iperbole che ha il centro nel punto C (1, 0),
ammette come asintoto la retta x + y − 1 = 0 e come polo dell’asse y il
punto A(−1, 0).

.22 Sia V = P2 ( x ). Trovare il valore reale di k per il quale l’applicazione


f : V 7→ V definita da

f (αx2 − βx + γ) = (α − k ) x2 + kx + β

è un endomorfismo1 di V. Determinare poi la matrice ad esso associata


rispetto alla base B = { x2 + 1, x, x + 1}.

 x = −2t

.23 Scrivere l’equazione di una sfera avente il centro sulla retta y = t + 1


z=t
e tangente all’asse x ed al piano 2x + 2y − z − 8 = 0.

 x − (h + 1)y − 2z = h

.24 Discutere il sistema (2h + 1) x + 2y + z = h ove h è un parametro.


2x + (h + 1)y − z = h
Dare una interpretazione geometrica dei risultati ottenuti.

.25 Scrivere l’equazione della conica che ammette il triangolo O(0 : 0 : 1),
A(2 : 0 : 1) e Y∞ (0 : 1 : 0) come autopolare, passa per il punto B(0 : 1 : 1)
ed ha un asse parallelo alla retta di equazione 2x − y + 3 = 0.

.26 Si considerino un punto V variabile sulla circonferenza x2 + y2 = 1 e


la retta r di equazione 2x + y = 0. Scrivere l’equazione del luogo dei
fuochi delle parabole che hanno come direttrice la retta r e vertice nel
punto V.

.27 Verificare che le rette di equazioni


( (
x+y = 0 x−z+1 = 0
e
z=1 y=0
1 Un endomorfismo è un’applicazione lineare di uno spazio vettoriale in sè
Esercizi 221

sono complanari. Determinare poi le equazioni delle bisettrici di tali


rette.
.28 Determinare i valori dei parametri h e k per i quali è diagonalizzbile la
matrice  
1 0 k−1
0 1 0 
0 h 2
.29 Una conica irriducibile K è tangente alle rette x = 1 e y = −1 ed ammet-
te come autopolare il triangolo di vertici O(0, 0), A(1, 0) e B(0, −1). Scri-
vere l’equazione dell’involuzione dei punti dell’asse y reciproci rispetto
aK.
.30 Si considerino nello spazio l’asse z e le rette r ed a aventi rispettivamente
equazioni: ( (
y=1 x=1
R: e a: .
x=z z=0
Siano:
P il generico punto della r;
s la retta passante per P ed incidente la retta a e l’asse z;
A e B rispettivamente i punti di incidenza della s con la a e l’asse z;
M il punto medio del segmento AB.
Trovare le equazioni del luogo descritto da M al variare di P sulla r e
riconoscere tale luogo.
.31 Nello spazio, si consideri la curva L di equazioni parametriche

x = t+1

y = t2 + 1


z = −t
della superficie S generata dalla rotazione di
i) Scrivere l’equazione (
x=1
L attorno alla retta ;
z=0
ii) trovare
√ il piano che taglia la S secondo una circonferenza di raggio
2
.32 Discutere il sistema lineare


 x + 2y − 3z = h
2x − y + 4z = −h


3hx + hy + h2 z = h
ove h è un parametro reale.
222 Esercizi di ricapitolazione

Quesiti
Per ogni quesito la risposta esatta esiste, ma non sempre è una sola.

Q..175 La quadrica di equazione (y − 2x )2 = x


a è spezzata b ha infiniti punti doppi c ha un solo punto doppio d ha
infiniti punti impropri reali

Q..176 Nel piano, indicare le proprietà vere relativamente alla conica di equa-
zione ( x + 1)(y − 1) = 1
a è spezzata b ha due punti impropri immaginari coniugati c ha un solo
punto improprio ma contato due volte d ha due punti impropri reali e distinti

Q..177 Indicare le proprietà vere circa le matrici quadrate dello stesso ordine:
a la somma di matrici diagonalizzabili è diagonalizzabile b se una matrice inver-
tibile è diagonalizzabile allora la sua inversa è diagonalizzabile c la trasposta di una
matrice diagonalizzabile è diagonalizzabile d il prodotto di matrici diagonalizzabili
è diagonalizzabile

Q..178 Se f a : R4 7→ R3 è l’applicazione lineare associata, rispetto alle basi


canoniche alla matrice
 
1 2 0 1
A = 2 4 0 0
0 0 0 0

la dimensione del nucleo di f A è: a 3; b 2; c ∞; d 0.


(
x2 + y2 − z2 − 2x − 2 = 0
Q..179 Nello spazio, le equazioni rappresentano:
x−y+1 = 0
a a una conica con centro in (1; 1; −1) b una parabola con asse parallelo all’asse
z c una parabola con asse parallelo allasse y d una conica con centro in (0; 1; 0)

Q..180 Sia A = [ aik ] una matrice quadrata di ordine n e sia Aik il complemento
algebrico dell’elemento di posto i, k allora:
a ∑in=1 aik Aki = det A b ∑nj=1 aij Akj = δik c ∑nk=1 aik Akj = δij d ∑nk=1 aik Aik =
det A

Q..181 In uno spazio euclideo reale, per quali vettori vale k~uk + k~vk = k~v + ~uk?
a se ~u e ~v sono perpendicolari b solo se ~u e ~v sono paralleli c solo se ~u e ~v
sono perpendicolari d se ~u e ~v sono paralleli
 
1 1 0
Q..182 Sia µ A il polinomio minimo della matrice A = 1 1 0. Indicare le
1 1 0
proprietà vere:
a il grado di µ A è = 2 b µ A non ha radici multiple c µ A coincide con il
polinomio caratteristico d il grado di µ A è = 3
Quesiti 223

Q..183 Se A è una matrice quadrata di ordine n, che ammette l’autovalore λ = 0


con molteplicità algebrica k, allora:
a r ( A) < k b r ( A) ≥ n − k c r ( A) < n − k d r ( A) ≥ k

Q..184 Sia Ax = 0 un sistema lineare omogeneo di n equazioni in n incognite.


Se i vettori riga della matrice A sono linearmente dipendenti, allora il
sistema:
a ammette al più una soluzione b ammette solo la soluzione banale; purché i
vettori colonna siano linearmente indipendenti c non ammette soluzioni non banali
d ammette infinite soluzioni

Q..185 Il sistema  2
 x = cos t − 2

y = sin2 t + 2


z = 2t
a rappresenta una superficie b rappresenta una curva gobba c rappresenta
una curva piana d rappresenta una quadrica riducibile

Q..186 In R3 siano U e V i sottospazi definiti rispettivamente da x = y = z e


z = 0; allora
a U ⊕ V = R3 b U+V = U c U+V = V d U + V = R3

Q..187 Nel piano, la circonferenza passante per A(−1, 0) e tangente all’asse y


in B(0, 1) ha equazione:
a y2 − 2x + 1 b x2 − y2 + 2x = 0 c x2 + y2 − 4x + 3 = 0 d x2 + y2 + 2x −
2y + 1 = 0

Q..188 Nel piano l’iperbole equilatera che ha fuochi nei punti F1 (0, 0) ed F2 (−2, 0)
ha equazione:
a 2x2 − 2y2 + 4x − 1 = 0 b x2 − 2y2 + 3 = 0 c x2 − y2 + 4y == d
x2 + y2 + 2x − 1 = 0

Q..189 Si consideri l’applicazione lineare f di M2 in sè definita da


 
1 0
f ( A) = A;
2 0

allora il nucleo di f ha dimensione


a 0 b 1 c 2 d 3

Q..190 Le matrici
   
2 1−t 0 −1 0 0
A = 0 −1 0 e B =  0 1 2
1 1 − 3t −1 −1 1 0

a sono diagonalizzabili b hanno lo stesso polinomio minimo c hanno lo


stesso polinomio caratteristico d sono simili
224 Esercizi di ricapitolazione

Q..191 Quali delle seguenti proprietà sono vere, essendo A una matrice quadra-
ta di ordine n ed I la matrice unità dello stesso ordine di A ed indicando
con tr( A) la traccia di A?
a tr( I − A) = 1 − tr( A) b tr( A T ) = tr( A) c tr( A + B) = tr( A) + tr( B) d
tr( AB) = tr( A) · tr( B)

Q..192 Nel piano, assegnare un asintoto per una conica significa fornire un
numero di condizioni lineari pari a
a 1 b 2 c 3 d una; ma non lineare

Q..193 Nel piano, la conica che ha centro nel punto C (0, 1), è tangente all’asse x
nel punto A(2, 0) e passa per il punto P(−1, −1) è:
a un’ellisse b una parabola c un’iperbole d degenere

Q..194 Date nel piano due rette ortogonali, le iperboli che le ammettono come
asintoti sono:
a almeno due b una ed una sola c un fascio d una rete

Q..195 Se il sistema lineare Ax = b di m equazioni in n incognite ammette


almeno due soluzioni, allora:
a det A = 0 b ne ammette infinite c r ( A) < m d r ( A) < n

Q..196 Una matrice quadrata emisimmetrica ed idempotente


a non esiste b è la matrice nulla c è la matrice unità d è simile alla
matrice unità
     
0 −1 0 λ 0 λ+1
Q..197 Le matrici A = ,B = eC = sono linear-
0 2λ 0 µ 0 µ
mente indipendenti
a per λ 6= 0 e ∀µ b per λ 6= 0 e µ 6= 0 c per λ = µ d mai

Q..198 Una conica non degenere K è tangente alle rette x = 1 e y = −1


ed ammette come autopolare il triangolo di vertici A(1, 0), B(0, −1) e
O(0, 0).
Scrivere l’equazione dell’involuzione dei punti dell’asse y che sono
reciproci rispetto alla K .

Temi esame dell’ultimo anno


Segue la raccolta dei temi d’esame proposti nell’anno accademico 2010 − 2011
presso la sede di Cremona del Politecnico di Milano.
ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA
Sede di Cremona
Prof. Ernesto Dedò
preappello del 29 giugno 2011

NOME E COGNOME: . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
MATRICOLA: . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . FIRMA: . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

• Scrivere solo le risposte negli appositi spazi di questo foglio. • Riportare calcoli e
motivazioni su altri fogli. • Consegnare (oltre a questo foglio) tutti e soli quelli che
contengono i calcoli e le motivazioni dei risultati ottenuti. • Ogni esercizio completamente
e correttamente svolto, con le opportune motivazioni e giustificazioni, vale al massimo 5
punti.

1. Sia  
λ λ λ−1
M = −λ −1 0 
2 2λ 0
la matrice rappresentativa di una applicazione lineare f : R3 7→ R3 .
i) Stabilire per quali valori di λ la f è un automorfismo
ii) Determinare, negli altri casi, una base e la dimensione del nucleo
e dell’immagine di f

Valori di λ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Nucleo e immagine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

2. Considerata, nello spazio, la famiglia di piani F

x + (2 − h)y + (h2 − 2h + 2)z − 1 = 0

i) determinare i piani di F che sono perpendicolari al piano α di


equazione 2x + y − z = 0
ii) scrivere l’equazione della superficie luogo delle rette passanti per
l’origine e perpendicolari ai piani di F e riconoscerla.

Piani di F ortogonali ad α . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Superficie ottenuta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA 29 giugno 2011

Cognome: Nome: Firma:

preappello. Professore: E. Dedò Matricola:

• Più risposte possono essere corrette. Indicarle con una croce. • Per annullare una risposta ritenuta errata racchiu-
derla in un cerchio. Limitarsi a una correzione per domanda e a non piú di 3 complessivamente • Ogni domanda vale
in tutto 2 punti. Si richiedono almeno 12 punti.

1. Le matrici    
3 0 0 2 1 0
A = 0 3 0 e B = 1 2 0
0 0 1 0 0 3

a hanno polinomi caratteristici diversi; b non sono simili; c hanno lo stesso polinomio caratteristico;
d sono simili.
(
x=3
2. Sia r la retta di equazioni ; allora r è : a ortogonale all’asse x; b parallela al piano xz; c or-
z=1
togonale al piano xz; d parallela all’asse z.

3. La conica di equazione t2 x2 + 4txy + 2y 2 + 2y + t = 0 è degenere a per due valori di t; b per nessun valore
reale di t; c ∀t; d solo per t = 0.

4. Sia A una matrice quadrata reale di ordine n = 2k +1 e sia B = −AT . Allora: a r(A) = r(B) e detA = −detB;
b r(A) = −r(B) e detA = detB; c r(A) = −r(B) e detA = −detB; d r(A) = r(B) e detA = detB.

5. Siano A e B due sistemi di generatori di uno spazio vettoriale V . Allora è sempre vero che a B contiene
almeno una base; b A e B hanno almeno un vettore in comune; c A e B contengono lo stesso numero di
vettori; d A è contenuto in almeno una base.

6. Di una conica γ si conosce l’involuzione dei diametri coniugati, allora si può determinare a gli asintoti di γ;
b la polare di un punto improprio qualsiasi; c il centro; d la natura di γ.

7. Nello spazio sono date le equazioni di tre piani. Se, per il sistema da esse formato il rango della matrice dei
coefficienti è 2 e quello della matrice completa è 3, allora i tre piani a sono paralleli ad una stessa retta;
b non hanno nè punti nè direzioni in comune; c sono paralleli; d hanno solo una direzione in comune.

8. Sia A una matrice quadrata di ordine 2 simmetrica e con determinante


  positivo. A quali delle seguenti matrici A
    0 1 2  
1 1 0 1   1 12
non può essere simile? a ; b ; c 1 0 3 ; d .
3 4 −1 4 −2 0
2 3 0

9. Sia A una qualunque matrice quadrata di ordine 6, allora non ammette inversa: a ogni A con gli elementi
principali uguali a 0; b ogni A per cui la somma degli elementi è uguale a 0; c ogni A che ha una colonna
nulla; d ogni A che ha rango 5.

10. Nello spazio, l’equazione 3x2 + y 2 = 1 rappresenta: a un ellissoide; b un cilindro; c una parabola;
d un’ellisse.
ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA
Sede di Cremona
Prof. Ernesto Dedò
I appello del 13 luglio 2011

NOME E COGNOME: . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
MATRICOLA: . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . FIRMA: . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

• Scrivere solo le risposte negli appositi spazi di questo foglio. • Riportare calcoli e motivazioni
su altri fogli. • Consegnare (oltre a questo foglio) tutti e soli quelli che contengono i calcoli e
le motivazioni dei risultati ottenuti. • Ogni esercizio completamente e correttamente svolto,
con le opportune motivazioni e giustificazioni, vale al massimo 5 punti.

1. Sia  
1 h 0 0
h 1 0 h
M =
0 0 h 0

0 0 0 0
con h ∈ R.
i) Discutere il rango di M al variare di h
ii) Per ogni valore di h trovare una base dello spazio vettoriale generato
dalle colonne di M e completarla ad una base di R4 .
iii) Discutere la diagonalizzabilità di M al variare di h.

Rango di M . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Base . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
M è diagonalizzabile per . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

2. Considerata, nello spazio, la famiglia di piani F x + (2 − h)y + (h2 − 2h +


2)z − 1 = 0

i) determinare i piani di F che sono perpendicolari al piano α di equa-


zione 2x + y − z = 0
ii) scrivere l’equazione della superficie luogo delle rette passanti per
l’origine e perpendicolari ai piani di F e riconoscerla.

Piani di F ortogonali ad α . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Superficie ottenuta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA 13 luglio 2011

Cognome: Nome: Firma:

I appello. Professore: E. Dedò Matricola:

• Più risposte possono essere corrette. Indicarle con una croce. • Per annullare una risposta ritenuta errata racchiu-
derla in un cerchio. Limitarsi a una correzione per domanda e a non piú di 3 complessivamente • Ogni domanda vale
in tutto 2 punti. Si richiedono almeno 12 punti.

1. L’involuzione dei punti reciproci che una conica K induce sulla retta impropria è .

mm0 − 2(m + m0 ) − 3 = 0.

Allora la conica è : a un’iperbole; b non si può stabilire la natura di K; c un’ellisse; d una parabola.

2. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione n > 0 e sia f : V 7→ V tale che Kerf = Imf . Allora a f coincide con
la sua inversa; b dimV è un numero pari; c f è iniettiva; d V è somma diretta di nucleo ed immagine.

3. Siano A e B due matrici quadrate dello stesso ordine tali che AB = I. Allora: a nessuna delle due è singolare;
b il loro determinante può essere solo 1 o −1; c AB = BA; d almeno una delle due è singolare.

4. Nel piano, assegnare un asintoto per una conica significa dare un numero di condizioni pari a: a 2 lineari;
b 3 lineari; c una, ma non lineare; d 1 lineare.

5. Nello spazio il sistema 


 x = 2u + 2v + 2w

y =u+v+w


z = −1

rappresenta a un piano parallelo all’asse y; b una retta parallela all’asse y; c un piano parallelo al piano
xy; d una retta parallela al piano xy.

x = u

6. Nello spazio, la curva intersezione tra la superficie di equazioni y = ut ed il piano di equazione x − y +

 2
z =1+u t
2z + 1 = 0 è : a un’iperbole; b non è una conica; c un’ellisse; d una parabola.

7. In R3 siano v = [h, h + 1, 0], w = [1, 0, h] e sia e2 = [0, 1, 0]. Allora v appartiene allo spazio generato da w ed e2
a per nessun valore di h; b per due valori di h; c per un solo valore di h; d per tutti i valori di h.

8. Nello spazio, siano r e s due rette sghembe non ortogonali. Allora la distanza tra r e s è uguale a alla
lunghezza di un segmento avente gli estremi su r e su s, ortogonale ad entrambe le rette; b alla distanza fra
due piani qualunque che contengono le due rette; c alla distanza fra i due punti di intersezione di r ed s con un
opportuno piano ortogonale ad r; d alla distanza fra un punto qualunque di r ed un qualunque piano passante
per s.

9. Sia A ∈ M100 una matrice simmetrica i cui elementi aij = −1 se i 6= j e gli altri sono nulli. Allora A a ha −99
come autovalore; b ha 1 come autovalore; c ha un autovalore di molteplicità 99; d non ha autovalori
reali.

10. Sia V uno spazio vettoriale e siano v1 , v2 , . . . , vs i vettori di una sua base. Se w1 , w2 , . . . , wr è un sistema di
generatori di V allora a r ≤ s; b r ed s non sono confrontabili; c r = s; d r ≥ s.
ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA
Sede di Cremona
Prof. Ernesto Dedò
II appello del 12 settembre 2011

NOME E COGNOME: . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
MATRICOLA: . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . FIRMA: . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

• Scrivere solo le risposte negli appositi spazi di questo foglio. • Riportare calcoli e
motivazioni su altri fogli. • Consegnare (oltre a questo foglio) tutti e soli quelli che
contengono i calcoli e le motivazioni dei risultati ottenuti. • Ogni esercizio completamente
e correttamente svolto, con le opportune motivazioni e giustificazioni, vale al massimo 5
punti.

1. Trovare il valore reale di k per il quale l’applicazione fk : P 2 (x) 7→


P 2 (x) definita da:

fk (αx2 − βx + γ) = (α − k)x2 + kx + β

è lineare.
Determinare la matrice ad esso associata rispetto alla base
B = {x2 + 1, x, x + 1}
Valori di k . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Matrice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

2. Scrivere l’equazione della conica γ che passa per i punti O(0, 0), A(4, 0)
e B(0, 2), è tangente alla retta 2x − y + 2 = 0 ed ammette la retta AB
come diametro. Riconoscere la conica γ.
Equazione della conica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
La conica è . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA 12 settembre 2011

Cognome: Nome: Firma:

II appello. Professore: E. Dedò Matricola:

• Più risposte possono essere corrette. Indicarle con una croce. • Per annullare una risposta ritenuta errata racchiu-
derla in un cerchio. Limitarsi a una correzione per domanda e a non piú di 3 complessivamente • Ogni domanda vale
in tutto 2 punti. Si richiedono almeno 12 punti.

1. Lo spazio vettoriale intersezione tra quello delle matrici triangolari alte e quello delle matrici triangolari basse,
tutte di ordine n, ha dimensione a 2n; b n2 ; c 0; d n.

2. Siano γ1 e γ2 due circonferenze di ugual raggio giacenti sui piani paralleli π1 e π2 , allora a esiste un cono
circolare che le contiene; b esiste un cono che le contiene ma non è circolare; c non esiste nessun cono che
le contiene; d esiste un cilindro che le contiene.
(
x+y+z =0
3. Le rette r : x = 2y = 3z e s : sono a complanari; b sghembe; c parallele; d per-
2x − y + z = 1
pendicolari.

4. Sia A una matrice di tipo (m, n) e sia r il suo rango. Allora a m ≤ r ≤ n; b r ≤ min(m, n); c r ≤ m;
d r ≤ n.

5. La relazione ”il punto A è coniugato con B rispetto alla conica K” è : a transitiva; b di equivalenza;
c riflessiva; d simmetrica.

6. Sia Ax =0 un sistema lineare omogeneo di m equazioni in n incognite con r = r(A). Allora la dimensione dello
spazio vettoriale delle sue soluzioni è : a m; b n; c r; d n − r.
 
1 0 a−1
7. La matrice  a 3 0  è diagonalizzabile a per infiniti valori di a ma non per tutti; b per a 6= 0;
a 0 3
c solo per a = 0 ed a = 1; d per tutti i valori di a.

8. Quanti sono i piani paralleli a due rette sghembe assegnate? a un fascio; b esattamente due; c esatta-
mente uno; d nessuno.

9. Due matrici che hanno lo stesso polinomio minimo a hanno lo stesso polinomio caratteristico; b hanno gli
stessi autovalori, eventualmente con molteplicità diverse; c hanno gli stessi autovettori; d sono simili.

10. Le coniche che ammettono una data equazione come involuzione dei diametri coniugati sono a una rete;
b due; c una ed una sola; d un fascio.
ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA
Sede di Cremona
Prof. Ernesto Dedò
III appello del 25 gennaio 2012

NOME E COGNOME: . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
MATRICOLA: . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . FIRMA: . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

• Scrivere solo le risposte negli appositi spazi di questo foglio. • Riportare calcoli e motivazioni
su altri fogli. • Consegnare (oltre a questo foglio) tutti e soli quelli che contengono i calcoli e
le motivazioni dei risultati ottenuti. • Ogni esercizio completamente e correttamente svolto,
con le opportune motivazioni e giustificazioni, vale al massimo 5 punti.

1. Si considerino nello spazio l’asse z e le rette r ed s aventi rispettivamente


equazioni ( (
y=1 x=1
r: ed s:
x=z z=0
Siano:

P il generico punto della r;


i la retta passante per P ed incidente la retta s e l’asse z;
A e B rispettivamente i punti di incidenza della retta i con la s e l’asse z;
M il punto medio del segmento AB.
Scrivere le equazioni del luogo descritto da M al variare di P sulla r e
riconoscere tale luogo.

Equazione del luogo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


Riconoscimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

2. Sia V l’insieme
  delle matrici simmetriche di ordine 2 che ammettono il
1
vettore come autovettore.
1

i) Verificare che V è sottospazio vettoriale dello spazio M delle matrici


quadrate di ordine 2.
ii) Calcolare la dimensione di V
ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA 25 gennaio 2012

Cognome: Nome: Firma:

III appello. Professore: E. Dedò Matricola:

• Più risposte possono essere corrette. Indicarle con una croce. • Per annullare una risposta ritenuta errata racchiu-
derla in un cerchio. Limitarsi a una correzione per domanda e a non piú di 3 complessivamente • Ogni domanda vale
in tutto 2 punti. Si richiedono almeno 12 punti.

1. Sia A una matrice quadrata di ordine n che ammette l’autovalore λ = 0 con molteplicità algebrica k. Allora:
a r(A) < n − k; b r(A) > k; c r(A) < k; d r(A) ≥ n − k.
(
x2 − y 2 + z 2 = 1
2. Nello spazio, la proiezione ortogonale della curva sul piano yz è : a una parabola;
x − 2y + z = 0
b un’iperbole; c una conica degenere; d un’ellisse.
(
x+y+z =0
3. Le rette r : x = 2y = 3z e s : sono a complanari; b sghembe; c parallele; d per-
2x − y + z = 1
pendicolari.

4. Sia A una matrice quadrata idempotente (cioè tale che A2 = A), allora a è diagonalizzabile solo se è di ordine
pari; b ammette sempre l’autovalore λ = 0; c ha sempre autovalori distinti; d è sempre diagonalizzabile.

5. Sia A quadrata di ordine 2 radice del polinomio A2 −2A−3I = 0; allora a A non è diagonalizzabile; b nulla
si può dire sulla sua diagonalizzabilità ; c A è diagonalizzabile; d A è simmetrica.

6. Sia Ax =0 un sistema lineare omogeneo di n equazioni in n incognite Se i vettori riga della matrice A sono
linearmente dipendenti, allora il sistema a non ammette soluzioni non banali; b ammette infinite soluzioni;
c ammette al più una soluzione; d ammette solo la soluzione banale, purché le colonne siano linearmente
indipendenti.

7. La matrice  
1 0 a−1
a 3 0 
a 0 3

è diagonalizzabile a per infiniti valori di a ma non per tutti; b per a 6= 0; c solo per a = 0 ed a = 1;
d per tutti i valori di a.

8. Quanti sono i piani paralleli a due rette sghembe assegnate? a un fascio; b esattamente due; c esatta-
mente uno; d nessuno.

9. Per quanti valori del parametro reale h l’applicazione lineare associata alla matrice
 
1 1+h
A = 1 0 
h h−1

è iniettiva? a per nessun valore; b per un solo valore; c per due valori; d per ogni valore.

10. Nel piano, la conica di equazione (x + 1)(y − 1) = 1 a ha un solo punto improprio, contato due volte; b ha
due punti impropri, reali e distinti; c è spezzata; d ha due punti impropri immaginari coniugati.