Sei sulla pagina 1di 10

coperta Fabbrica Incubi

4-06-2008

10:54

Pagina 1

UNA

MENTE SCHIZOFRENICA SPESSO


COSTITUISCE LA VIA DI ACCESSO A UN
MONDO INSOSPETTABILE DA CHI VIVE IN
UNO STATO DINNOCENTE NORMALIT.

La

Fabbrica
degli Incubi

Finalmente esplode anche in Italia il sinistro genio di Thomas Ligotti.

Oggi il suo universo del brivido viene presentato con i dovuti crismi,
in una graphic novel basata sulla pluripremiata collezione The Nightmare
Factory (vincitrice del Bram Stoker Award e del World Fantasy Award).
Un gruppo di clown in un festival invernale, fidanzate senza scrupoli, manicomi in disfacimento, i sogni infranti degli spettatori di un teatro... i personaggi della sofisticata narrativa di Ligotti non abusano di violenza estrema e facili clich per creare incubi. Sanno instillare il terrore attraverso le
atmosfere, le emozioni, la shockante seduzione della pazzia.
Tra gli artisti che hanno realizzato questo seminale adattamento dellopera di Ligotti stelle del calibro di Stuart Moore, Joe Harris, Colleen
Doran (Sandman), Ben Templesmith (30 Giorni di Notte), Ted McKeever (Batman), e Michael Gaydos (Alias). Ogni racconto accompagnato
da una prefazione inedita dello stesso Thomas Ligotti.

Stuart Moore
Joe Harris
Colleen Doran

Ben Templesmith
Ted MCKeever
Michael Gaydos

CON NUOVE INTRODUZIONI DI

Thomas Ligotti
F O X AT O M I C . C O M

ISBN 978-88-95195-90-2

Fox Atomic Comics

An Imprint of A HarperCollinsPublishers
Consigliato a unn pubblico maturo

Euro 10,90

788895 195902

L a Fabbrica degli incubi

Esaltato dalla critica americana, che ha paragonato il suo horror filosofico e nichilista a un provocatorio mix di Poe, Kafka e Lovecraft, i racconti di Ligotti sono stati finora tradotti da noi solo in una manciata di antologie Mondadori, Newton Compton e Sperling & Kupfer.

Basato sullomonima
antologia di

Thomas Ligotti

Fabbrica degli Incubi

17-06-2008

12:18

Pagina 5

lappellativo di clown,
Per me, ha sempre avuto
una nobile connotazione.
In quanto antropologo,
occupandomi di vari riti
pre-quaresimali, io stesso
ho sempre recitato una
parte dietro la mia
maschera da pagliaccio.
ho sempre avuto a
cuore quel ruolo
Come nientaltro
in vita mia.

cosi`, quando un amico


mi scrisse di un festival
che si tiene ogni anno
nella citta`di Mirocaw

un festival che
prevedeva la
partecipazione
di clown

il mio interesse decisamente


si risveglio` .

Fabbrica degli Incubi

17-06-2008

12:19

Pagina 6

Non molto tempo dopo,


distinto mi allontanai per un
po dai miei impegni e Mi DEDiCAi allo studio di mirocaw.

raggiungere la citta`
comporto` parecchie svolte
disorientanti, una deviazione,
e infine una ripida salita

finche` un cartello
mi informo` che ero
arrivato in citta`.

inizialmente Mirocaw mi fece


pensare a un album di vecchie
foto soprattutto quelle
scattate quando non si tiene
ben ferma la macchina fotografica, cosicche`, una volta
sviluppate, si ottengono immagini con strane angolazioni.

ma nonostante
la disarmonia,
prima di tutto
mi interessava
trovare
il municipio.

signore..?

mi scusi,
signore

Fabbrica degli Incubi

17-06-2008

12:19

non lo richiamai anche se,


improvvisamente

Pagina 7

infine una persona mi indico`


come raggiungere il municipio e
il centro ricreativo di Mirocaw

posso
aiutarla?

il suo viso mi sembro`


vagamente familiare.

si`. ho sentito
parlare del
festival

vorrei delle
informazioni
il festival.

vuole dire
quello che
si tiene
in inverno?

quanti
ce ne sono?

solo uno.

uh, allora
immagino che sia
proprio quello!

A DIVERTIRVI
, VENITE
E
R
O
V
R FA

PE

Eh

Fabbrica degli Incubi

17-06-2008

12:19

Pagina 8

scusi se glielo
domando ma
queste giornate non
coincidono in qualche
modo con il periodo
natalizio?

PER FAVO

RE, VENIT

SFILATE

CORTEI

TIRVI

e` la
tradizione.

IN MASC

HERA

BANDE M
LOTTERIA

E A DIVER

USICALI

DINVER

NO
INCORON
A
REGINA ZIONE DELLA
DELLIN
VERNO
DIC. 19-2
1

nientaltro?

si`.

puo` dirmi
se questo
festival ha
qualcosa a che
fare con
i clown?

si`, certo,
ci sono alcune
persone in maschera.
Per conto mio,
non ho mai
cioe`, si`.
ci sono
dei clown.

una
specie.

Fabbrica degli Incubi

17-06-2008

12:19

Pagina 9

a questo punto, il mio


interesse decisamente
si risveglio`.
la strada fuori citta` mi porto`
attraverso la zona sud di Mirocaw

alla biblioteca
pubblica non trovai
molte informazioni
su Mirocaw.
scoprii che i suoi abitanti
erano americani del
mid-west di lunga data,
discendenti di un
intraprendente
gruppo di coloni del
New England
del 18 secolo.

dove le poche
persone incontrate per strada
avevano lA stessa
espressione
desolata di quel
vecchio che avevo
visto prima.

un articolo attiro` la mia


attenzione un articolo di
ventanni prima, due settimane
dopo la fine della festa
di quellanno.

Elizabeth Beadle,
moglie di Samuel Beadle

le autorita` locali liquidarono


la scomparsa della donna come un
suicidio festivo
quel che oggi si chiamerebbe
disordine affettivo stagionale.

tornai a casa
il giorno stesso, a
mani vuote riguardo
il caso di Mirocaw.

poco tempo dopo, comunque,


ricevetti una sorpresa

Fabbrica degli Incubi

17-06-2008

12:19

Pagina 10

lo stesso collega che mi aveva parlato di


Mirocaw, mi spedi` un articolo di ventanni
fa scritto da un mio vecchio professore:
il Dott. Raymond Thoss.
Uomo dalla personalita` straordinaria,
Thoss influenzava inevitabilmente chiunque
entrasse in contatto con lui. noi studenti
sentivamo che ci stava insegnando piu` di
quel che potessimo umanamente apprendere e che lui stesso era in possesso di una
conoscenza piu` vasta e piu` profonda di
quel che potesse umanamente trasmettere.
ma fu il titolo del suo articolo
che mi colpi`. Lultima festa di
Arlecchino: appunti preliminari
su un festival locale.
gran parte dellarticolo era abilmente
misterioso ma le stravaganze di Thoss
erano indubbiamente presenti. sottolineava che il festival di Mirocaw traeva
molti suoi elementi dai Saturnali romani.

accennava brevemente a unantica


setta di gnostici siriani che credevano
tra le altre eresie religiose
che lumanita` fosse stata creata
dagli angeli. tuttavia questi angeli
non avevano il potere di dar vita a
un essere eretto e cosi`,
per un certo tempo, luomo striscio`
sulla terra come un verme.
infine, il creatore rimedio`
a questa situazione grottesca.
il mio ex-professore
non aveva pubblicato piu` nulla
da quando si era ritirato dal
mondo accademico, circa ventanni fa.

cominciai a sospettare
dovera finito.

poiche` luomo che avevo fermato per


strada a Mirocaw luomo con quello
sconcertante sguardo assente

assomigliava straordinariamente a una versione


molto invecchiata del
dott. Raymond Thoss.

Fabbrica degli Incubi

17-06-2008

12:20

Pagina 11

e ora

nonostante il mio entusiasmo per Mirocaw


e i suoi misterisoprattutto il suo
rapporto sia con Thoss, sia con i miei
personali interessi di studio

devo
confessare
una cosa.

contemplavo i giorni a venire invaso da senso


di frigido torpore e una profonda depressione.

poiche`, da superstizioso,
speravo che questa
occupazione potesse
alleviare il peso della mia
disperazione stagionale.

A Mirocaw ci sarebbero
stati cortei e feste

soffrivo di questa oscura


malattia da molti anni...
uno sconforto periodico
in cui mi seppellivo quando
la terra si faceva fredda
e spoglia, e il cielo
carico di ombre.

DIC. 19-21
INCORONAZION
E DELL
REGINA DELLINVE A
RNO
LOTTERIA DINV
ERNO
BANDE MUSICALI
SFILATE IN MASC
HERA
CORTEI
TE A DIVERTIRVI

PER FAVORE, VENI

tuttavia, non abbandonai


il progetto di tornare
a Mirocaw durante
i giorni del festival.

e la possibilita` di vestire
ancora una volta
i panni del clown.

11

Fabbrica degli Incubi

17-06-2008

12:20

Pagina 12

leffetto di questa
sotto-stagione sulla citta`
era evidentemente negativo.

nel suo breve articolo,


Thoss scriveva che, ogni anno,
mirocaw sembrava subire dei
cambiamenti di natura morale o
spirituale insieme alla
consueta metamorfosi invernale.

cresceva il numero dei suicidi e delle


forme ipocondriache. la situazione
andava poi peggiorando gradualmente, fino a raggiungere il culmine

durante i giorni del


festival di Mirocaw.

la mia instabilita` emotiva era proprio cio`


che mi rendeva piu` adatto ad affrontare
la mia particolare ricerca sul campo.

Secondo il mio piano originario, volevo


evitare il mio solito rite de passage
della depressione invernale.
ma non appena entrai in citta`,
notai un fatto strano:

posso
aiutarla?

salve

12

coperta Fabbrica Incubi

4-06-2008

10:54

Pagina 1

UNA

MENTE SCHIZOFRENICA SPESSO


COSTITUISCE LA VIA DI ACCESSO A UN
MONDO INSOSPETTABILE DA CHI VIVE IN
UNO STATO DINNOCENTE NORMALIT.

La

Fabbrica
degli Incubi

Finalmente esplode anche in Italia il sinistro genio di Thomas Ligotti.

Oggi il suo universo del brivido viene presentato con i dovuti crismi,
in una graphic novel basata sulla pluripremiata collezione The Nightmare
Factory (vincitrice del Bram Stoker Award e del World Fantasy Award).
Un gruppo di clown in un festival invernale, fidanzate senza scrupoli, manicomi in disfacimento, i sogni infranti degli spettatori di un teatro... i personaggi della sofisticata narrativa di Ligotti non abusano di violenza estrema e facili clich per creare incubi. Sanno instillare il terrore attraverso le
atmosfere, le emozioni, la shockante seduzione della pazzia.
Tra gli artisti che hanno realizzato questo seminale adattamento dellopera di Ligotti stelle del calibro di Stuart Moore, Joe Harris, Colleen
Doran (Sandman), Ben Templesmith (30 Giorni di Notte), Ted McKeever (Batman), e Michael Gaydos (Alias). Ogni racconto accompagnato
da una prefazione inedita dello stesso Thomas Ligotti.

Stuart Moore
Joe Harris
Colleen Doran

Ben Templesmith
Ted MCKeever
Michael Gaydos

CON NUOVE INTRODUZIONI DI

Thomas Ligotti
F O X AT O M I C . C O M

ISBN 978-88-95195-90-2

Fox Atomic Comics

An Imprint of A HarperCollinsPublishers
Consigliato a unn pubblico maturo

Euro 10,90

788895 195902

L a Fabbrica degli incubi

Esaltato dalla critica americana, che ha paragonato il suo horror filosofico e nichilista a un provocatorio mix di Poe, Kafka e Lovecraft, i racconti di Ligotti sono stati finora tradotti da noi solo in una manciata di antologie Mondadori, Newton Compton e Sperling & Kupfer.

Basato sullomonima
antologia di

Thomas Ligotti