Sei sulla pagina 1di 1

9

VITA

10 FEBBRAIO 2012

ITALIA
Imagoeconomica

Chi dona soldi a un partito ha pi vantaggi scali di chi sostiene una onlus. Non solo: le organizzazioni politiche sono esenti da Imu e imposte di bollo. E i controlli sui conti sono a dati a uno scaricabarile senza responsabilit. Cos, chi vuol fare il furbo...

di Antonio Sgobba
ONARE SOLDI A UN PARTITO pi conveniente di una donazione a una qualsiasi onlus. Per esempio, se un privato decide di regalare al Pd o al Pdl tra i 51,64 e i 103.391,38 euro gode di una detrazione dimposta del 19%. Laliquota massima prevista dalle legge. Se invece vuole donarli a unassociazione non pro t, le agevolazioni scali si fermano alle donazioni sino a 70mila euro. Vi sembra giusto che un privato abbia pi convenienza scale a dare un contributo ai politici anzich ai volontari?, si chiede Paolo Bracalini, autore di Partiti Spa (Ponte alle Grazie). E non il solo vantaggio di cui godono. Le sedi di partito non pagano lIci, ora Imu, continua Bracalini, e non pagano neanche le imposte di bollo o di registro che un qualsiasi cittadino obbligato a versare. Insomma, i partiti hanno vita facile dal punto di vista economico. Anche quando rispettano la legge.

Mister 13 milioni
Luigi Lusi, ex tesoriere della Margherita e senatore Pd, accusato di una clamorosa appropriazione indebita.

Bilanci dei partiti: uno scandalo anche quando sono in regola


ce ne sono di molto permissive. In base mi e di di cile comprensione, aggiun- legge che regola i rimborsi la numero 2 del 1997, modi cata successivamente alla legge 157 del 1999, i partiti sono ob- ge Paola. bligati a presentare alla Camera i renSulla carta il Collegio avrebbe anche nel 1999 e nel 2002. Da allora le cose diconti annuali delle spese: la condi- il potere di sospendere i nanziamenti, sono peggiorate, i fondi aumentati in zione per ricevere i rimborsi elettorali. di fatto non mai accaduto. Anche se maniera esponenziale, stata introdotI rimborsi elettorali erogati i revisori fanno dei rilievi, ai ta la possibilita di presentare i rendidurante la seconda Repubpartiti non costa nulla adem- conti persino con linterruzione anticila casta blica, dal 1994 ad oggi, ampiere e presentare un bilan- pata della legislatura. Possibili vie duscita? Alcuni partiti, montano a 3.091.598.819 cio corretto. Tanto nessuno euro. Enormi fondi pubbliva a controllare, ricorda Bra- come il Pd, fanno rivedere i loro conti a societ come la PricewaterhouseCooci distribuiti senza controlli calini. e sulla base di semplici autodichiaraTutto questo avviene perch i par- per. A darsi a societ esterne un zioni, osserva Paola. titi, dal punto di vista giuridico, sono primo passo, riconosce lavvocato. Funziona cos: i rendiconti presen- enti di diritto privato. Semplici asso- Ma non su ciente: ci vogliono obtati vengono analizzati dal Collegio dei ciazioni, come il circolo del tennis o la blighi legislativi stringenti, e ci vorrebrevisori nominato dallu cio di Presi- boccio la, continua Paola, ma i soldi be unautorit indipendente in grado denza della Camera. I revisori sono cin- dei rimborsi sono soldi pubblici. La di emanare sanzioni pesanti. que, nominati in stretta osservanza del manuale Cencelli: nella presente legislatura, tre a Pdl e Lega, uno al Pd, uno allUdc. Si tratta di professionisti della consulenza tributaria, al momento so- Misiani (Pd): Il controllo contabile lo fa una societ di revisione no tre docenti e due commercialisti. Che poteri hanno? Praticamente nesAntonio Misiani, deputato bergamasco del Pd, si trova a ricoprire un suno. Il loro ruolo solo formale, dice ruolo molto delicato in questo periodo: tesoriere del partito. Dopo lo Bracalini. La Camera lente pagatore scandalo che ha colpito il suo collega Luigi Lusi, chi ricopre questa e dovrebbe controllare i fondi pagati, mansione braccato dalla stampa. Forse anche per questo, parte allatin realt non lo fa, si accontenta della tacco: I nostri bilanci sono disponibili online, chiunque pu andare a dichiarazione, e i controlli avvengono leggerseli, documentato no allultimo euro. solo sulla corrispondenza tra i bilanci Che cosa far il Pd per evitare che si possa ripetere il caso Lusi? e il modello previsto dalla legge. NesC gi una nostra proposta di legge: chiediamo che la certi cazione sia sun controllo sostanziale sullimpiego obbligatoria per tutte le forze politiche. La revisione dei conti, poi, deve dei soldi. Le relazioni del Collegio dei essere a data alla Corte dei Conti, che ha gi i mezzi per farlo. revisori sottolineano che i rendiconti E al vostro interno, come rassicurate gli elettori sulla regolarit delle spese? dovrebbero rispondere a criteri di chiaGuardi, abbiamo le veri che periodiche della societ di controllo ogni rezza e precisione, e fanno dei rilievi tre mesi. I revisori arrivano e guardano n dentro gli armadi. di natura formale, a erma lavvocato. Ma se ci si a da ad esperti esterni, a quel punto il tesoriere che Il problema cosa c dietro quei nuruolo ha? Non diventa inutile? meri. I revisori non possono stabilirlo, No, il tesoriere conserva comunque un ruolo politico. Indinon hanno nemmeno il potere di chierizza le spese, speci cando dove vanno impegnati i fondi, e dere fatture e scontrini per controllare. rendendo conto di questa destinazione. In teoria i bilanci che vengono presenSicuri che a darsi a societ di revisione esterne sia una garanzia? tati dovrebbero essere decifrabili attraAnche i bilanci Parmalat erano certi cati dalla Deloitte verso poste contabili, ma le voci di speLe rispondo traducendo un detto milanese: piuttosto che sa sono spesso generiche, a volte enorniente, meglio piuttosto.

Zona franca

La aire Lusi, lex tesoriere della Margherita accusato di aver sottratto 13 milioni di fondi pubblici alle casse del suo partito, solo un di pi. Non c da stupirsi che si siano veri cati casi come questo, a erma Francesco Paola, esperto di Diritto penale delleconomia e coautore con Elio Veltri di I soldi dei partiti (Marsilio). La gestione economica dei partiti italiani in preda allanarchia totale, il sistema stesso che la regola si presta a illeciti e tru e di ogni tipo, dice Paola. Perch? Non ci sono regole, risponde lavvocato. O, meglio,

Solo autodichiarazioni

La legge c... Una proposta di Sturzo rimasta nel cassetto


Riconoscimento e acquisto di personalit giuridica dei partiti politici nonch controllo pubblico dei loro nanziamenti. Non lultima proposta degli anti casta. La citazione tratta da un progetto di legge presentato al Senato nel 1958 da don Luigi Sturzo. Tra le altre cose si chiedeva il deposito dello statuto alla cancelleria del tribunale civile del luogo in cui hanno sede legale e lobbligo ogni anno a presentare alla stessa il rendiconto delle entrate e delle uscite. Lobiettivo era limitare le spese, regolare i contributi pubblici e dare la possibilit ai cittadini di prendere visione degli atti e denunciare ai magistrati le eventuali violazioni di legge. Loccultamento della verit per omissione o variazione di cifre era considerato falso in atto pubblico, non privato, com oggi. La proposta non fu mai discussa.

Il tesoriere ha solo un ruolo politico