Sei sulla pagina 1di 189

Cap.1 Bibbia e la parola di Dio?

Nessun cristiano al mondo non metterà in dubbio i


l fatto che la Bibbia fu scritta su inspirazione di Dio e che è veramente la parol
a di Dio. Questo argomento che ci viene insegnato come una certezza, non trova u
n minimo di sostenimento proprio nella Bibbia. Quando leggiamo la Bibbia, la pri
ma cosa che ci colpisce è il fatto che tutte le narrazioni si ripetono sempre due
volte, e se qualcuno e curioso e volle verificare se i due racconti sono uguali
se ne accorge con amarezza che sempre sono delle differenze. La domanda legittim
a che ti viene è: per che? Come è possibile che un Dio onnipotente, presente e parte
cipe ai eventi descritti ci da due versioni diversi dei fatti? E possibile che l
a grande mente universale può sbagliare? Sicuramente no. Allora c è un altro motivo
per cui queste inavvertenze si trovano nel libro sacro: non sono la parola di Di
o, ma degli uomini. Sono molti scienziati che hanno dimostrato come tantissime s
critture antiche che raccontavano le storie degli dèi, sono state plagiate, cambia
te e adattate nel decorso dei secoli da diverse culture per rispecchiare i loro
interessi. Nel antichità la persona più importante era il sacerdote, quale in quei t
empi era anche re. Lui officiava il servizio divino nel tempio e nello stesso te
mpo era mediante tra il popolo e Dio. Sono loro che hanno messo per scritto la B
ibbia. Cambiare significato e i personaggi delle scritture antiche non e stato d
ifficile per loro, perche erano le sole persone che sapevano leggere e scrivere
in qui tempi. Periodo in quale fu scritta la Bibbia e un periodo abbasta nza rec
ente,non più di 300 400 anni, perchè plagiare i testi antichi in un epoca remota non
aveva alcun senso, ma fare questa in un periodo quando centinaia e centinaia di
dèi antichi dovevano raggrupparsi in un'unica potenza monoteista[un solo Dio], ri
specchiano i interessi nascenti della chiesa in quel epoca. Che ci piace o no, l
a nostra religione cristiana non e altro che la religione pagana del antica Babi
lonia che si basava sul culto degli dèi, trasformati in un unico Dio. Se avete dei
dubbi su questa affermazione vi faro subito dei esempi che mostrano come senza
accorgessero i sacerdoti ci dicono i fonti da dove hanno copiato la Bibbia. 1. G
iosuè 10/13 non e scritto nel libro di Iashar?E il sole stava fermo in mezzo ai ci
eli e non si affrettò a tramontare per circa un giorno intero. 2. 2 Sam 1/18 ecco
e scritto nel libro di Iashar. La bellezza, o Israele, giace uccisa sui tuoi alt
i luoghi 3. Num 21/14 Perciò si dice nel Libro delle guerre del Signore: Vaheb in
Sufa e le valli del torrente, che si volge verso il sito di Ar Questi esempi ci
portano a farci tante domande a posto delle risposte. Per che la Bibbia menziona
il libro di Iashar una divinità Babilonese? Per che esiste un libro
1
delle guerre del Signore e come mai il Dio buono, giusto, che non uccide e ama i
l prossimo ha avuto delle guerre? E, se era solo lui con i suoi angeli, con chi
ha fatto queste guerre? Nella lettera degli ebrei 11/5, e Giuda 1/14 gli apostol
i parlano di Enoch, il settimo patriarca e del fatto che lui profetizzò. Questa è un
a cosa da verro molto strana e vi spiego per che. Nel 1947 a Qumran furono ritro
vati dei antichi manoscritti conosciuti come i Manoscritti del Mar Morto. Tra qu
esti scritti furono trovati dei scritti di Enoch che gli scienziati li chiamaron
o Il libro di Enoch. A questo punto mi chiedo come facevano i apostoli ha sapere
che lui profetizzo quando nel AT non viene menzionata una cosa del genere? Semp
lice. Tutti conoscevano i suoi libri chiesa compresa solo che tropo ingombranti
per gli interessi e la dogma cristiana. Questi esempi ci portano con il pensiero
a le civiltà antiche e ai loro dèi che hanno fatto tante guerre su questa terra tra
di loro per il potere e il dominio su questo pianeta. Tutti i miti e le leggend
e testimoniano di loro e della loro tecnologia avanzata Un'altra particolarità del
la Bibbia cosi come abbiamo detto prima sta nella ripetizione dei fatti due volt
e. Se quello che inspirò i sacerdoti ha scrivere la Bibbia era Dio, lui non poteva
descrivere i fatti in modi diversi, ma i sacerdoti si, per che la loro inspiraz
ione non veni da Dio ma da due fonti diversi . Vi faccio dei esempi: y Gen7/2 D
ogni animale puro prendine 7 coppie maschio e femmina; invece dell animale impur
o una copia; anche dei uccel li del cielo 7 coppie. y Gen6/19 cui deve prendere
solo due di ogni specie. y 2 Sam24/2Dio incita Davide a fare censimento dei figl
i di Israele y 1Cr21/1 Qui e Satana incitare Davide y 2Sam24/9 in Israele sono t
rovati 800 persone y 1Cr21/5 qui sono 1 100 000 y 2Sam24/9 in Giuda sono 500.000
persone y 1Cr21/5 Qui sono 470.000 y 2RE 24/8 Ioachin ha regnato in G erusalemm
e tre mesi y 2Cr36/9 Qui tre mesi e dieci giorni y 2Sam5e 6 Davide porta arca de
ll alleanza a Gerusalemme dopo aver sconfitto i filistei y 1Cr 13 e 14 Qui prima
di aver sconfitto i filistei y 1Sam 17/23,50 Davide uccide Golia y 2Sam 21/19 Q
ui e Elcanan a ucciderlo y 1 Sam31/4-6 Saul prese la spada e vi si getto sopra..
y 2Sam1/1-16 Qui e un amalecita a uccidere Saul y Gen 37/28 I Madianiti vendono
Giuseppe agli Ismaeliti
2
y Gen 37/36 Qua Madianiti vendono Giuseppe a Potiphar consigliere del faraone y
Esodo2/21 Mosè sposo Zippora figlia di Reuel che partorì Gherson y Esodo3/1 Qua Mosè a
veva Ietro sacerdote di Madian come suocero e anche la sua figlia si chiama Zipp
ora. La lista e tropo lunga per elencare tutti gli errori chi i copiatori della
Bibbia hanno fatto ma se volete potete anche voi cercare di divertirvi pensando
come ci siamo lasciati ingannare dalla chiesa e dalle sue assurde dogme. Un docu
mento alterato come e la Bibbia non può essere chiamato la parola di Dio per che i
n questo modo non possiamo fare altro che umiliare le divinata. Uomo e un essere
imperfetto cosi come imperfetta è anche la sua opera è il suo dio. Possiamo a quest
o punto avere il coraggio di riconoscere che la Bibbia è opera del uomo e non di D
io.
3
Cap.2 Gli ebrei erano veramente un popolo monoteista?
Chi sono veramente gli ebrei? Da dove provengono? Erano veramente un popolo che
seguiva un solo Dio? Da nessuna scrittura o testimonianza antica non mi risulta
che qualche popolo della terra avesse un culto monoteista. Nel mondo antico tutt
i gli popoli adoravano centinaia di dèi; ogni uno di loro avendo un ruolo importan
te nella società degli umani. Per loro si costruivano tempi dove g li uomini li ch
iedevano consigli, per essere sicuri che gli dèi gli sono favorevoli nelle loro im
prese. Errano gli dèi che decidevano la sorte del uomo, errano loro che consigliav
ano o aiutavano gli uomini, ed erano sempre loro che distruggevano quelli che no
n volevano ubbidire. Leggendo la Bibbia decine di volte, spontaneamente mi sono
fatta una domanda insolita. Come mai un popolo che aveva un Dio che f aceva dei
meravigliosi prodigi, era misericordioso, giusto, buono, le ha dato delle regole
e comandamenti da seguire, gli aiutava in ogni impresa, manteneva le promesse ,
gli dava da mangiare, e gli ha dato anche una terra meravigliosa, non veniva se
guito quasi mai? Nella maggior parte del racconto biblico, il popolo di D io rit
ornava subito al culto degli loro dèi. Perche? Cerchiamo di capire con l aiuto del
la Bibbia chi sono e da dove provengono gli ebrei. Nel Deut.7/ 7 Dio spiega al s
uo popolo perche ha scelto proprio loro non perche siete più numerosi di tutti gli
altri popoli il Signore si e unito a vuoi e vi ha scelto; ché anzi vuoi siete il
più piccoli di tutti i popoli. Ma perche il Signore vi ama e per mantenere il giur
amento fatto ai vostri padri . Questo piccolo popolo di quale parla Dio, non esi
steva, e non poteva essere scelto a questo punto. Dio non ha scelto un popolo, D
io ha scelto una famiglia, quella di Abramo. Da questa famiglia scelta da lui è na
to il popolo ebreo. Da quando ha scelto Abramo con la sua famiglia fino al uscit
a dal Egitto, gli ebrei nel decorso di 400 anni sono cresciuti di numero tantiss
imo. Ma loro sono cresciuti con il loro Dio, che amavano e seguivano cecamente.
Allora perche la Bibbia ci dice che tornavano sempre al culto degli dèi? Perche ad
oravano Ball, Ishtar e Maloch che per altro errano i dèi del Summer, Accad e Babil
onia, e non adoravano i dèi egiziani Ra, Amon, Horus che venivano adorati nella te
rra dove loro sono stati per più di 400 anni ? Semplice. Perche questo Dio e stato
seguito solo da personaggi come Abramo, Isacco e Giacobbe, invece il popolo seg
uivano loro solo perche erano i preferiti degli dèi,
4
non perche credevano e adoravano il loro Dio. Cerchiamo di capire il comportamen
to del popolo ebreo verso Dio di Abramo, Isacco, e Giacobbe. Giacobbe sposo le s
ue due cugine, figlie di Labano fratello di sua madre. Quando andrò via dalla casa
del suo zio e suocero nello stesso tempo, Rachelle sua moglie rubo due idoli ch
e erano di suo padre. Suo padre se ne accorse e andò a cercare questi idoli che ra
ppresentavano i suoi dèi, (come l e icone per noi rappresentano dio o Gesù) nelle te
nde di Giacobbe e dei suoi servitori. Sua figlia invece gli nasconde bene e lui
non li trovo. Gen.31/19 e 32 La domanda è: se Dio ha mandato Giacobbe per prenders
i moglie dalle figlie di Labano, suo zio, significa che Labano era una persona f
idata che amava Dio di Giacobbe. Allora perche doveva avere dei idoli e perche d
oveva fare tanta storia per la loro perdita , se lui adorava veramente Dio?. Qua
ndo hai un Dio unico e buono perche devi avere anche dèi? Risposta: perche Labano
non adorava Dio, cosi come non lo facevano ne meno le sue figlie, le moglie di G
iacobbe. Loro adoravano gli dèi che conoscevano e amavano da tante generazioni. Un
altro episodio interessante succede con Mosè. Lui va sulla montagna per ricevere
da Dio le due tavolette della legge e rimane 40 giorni con Dio. In fra tempo, il
suo popolo stufo di aspettare costruisce un vitello d oro per adorarlo come fac
evano con il loro dei. E la stessa domanda: perche? Se mi rispondete che hanno p
ensato d essere abbandonati, io vi chiedo: ma errano tutti orbi? Non vedevano la
montagna dove Mosè era andato ha parlare con Dio? Non vedevano la nuvola seduta s
opra, i tuoni e i lampi, e la montagna tremando? Non è, che non dovevano avvicinar
si perche se no morivano? Risposta. Loro non adoravano questo Dio ma i loro dèi. Q
uando sono usciti dal Egitto per andare verso la terra promessa, per tutto il tr
agitto nel deserto non hanno fatto altro che dubitare e lamentarsi di questo Dio
di Mosè. L antico testamento dall inizio fino alla fine non fa altro che racconta
re del popolo di Dio che dimenticava spesso di lui, torna ndo ai vecchi culti e
ai loro dèi che amavano da sempre, e che venivano sempre puniti da Dio per il loro
comportamento. Nel libro di 2Re 21/4-5 ci viene descritto il comportamento del
re Manasse che ricostruì le alture che suo padre Ezechia aveva distrutto; eresse a
ltari a Baal e fece un palo sacro, come aveva fatto a Cab, re di Israele, venerò t
utto l esercito del cielo e gli rese un culto. Costruì pure altari nel tempio del
Signore, riguardo a quale il Signore aveva detto: in Gerusalemme porrò il mio nome
. Manasse sali al trono quando aveva 12anni, e regnò a Gerusalemme per 55anni. Er
a il figlio di re Ezechia che era un grande seguace di Dio. Come e possibile che
un ragazzo di solo 12 anni, che e stato cresciuto di un padre che ha adorato se
mpre Dio, che ripose tutta la sua fiducia nel Signore, torna a ricostruire altar
i agli dèi, brucio suo
5
figlio, pratico la magia e la divinizzazione e stabili negromanti e indovini con
tro il culto di Dio di suo padre. Perche? Se era cresciuto con il culto di Dio q
uando ha avuto il tempo di imparare il culto degli dèi? La risposta e semplice: gl
i ebrei fino a qualche secolo a.C. non sono mai stati un popolo monoteista. Loro
hanno creduto sempre nei loro dèi.
6
Cap.3 Dio e gli dèi
Se qualcuno di voi pensa che nella Bibbia Dio non ha niente a che fare con gli dèi
vi sbagliate di grosso. Vi mostrerò con le parole della Bibbia che Dio è il capo de
gli dèi e che tutta la Bibbia e una contraffazione grossolana delle scritture anti
che. Tutte le testimonianze del antichità le leggende, i miti, le tavolette d argi
lla, i popoli che oggi vivano nelle foreste o nella giungla ci parlano dei loro
antichi dèi. Tutti questi popoli o meglio tutta l umanità adoravano gli dèi. Per tutto
quello che volevano intraprendere chiedevano il permesso agli dèi, ed erano che g
li dèi che gli aiutavano. Secondo le leggende gli dèi arrivarono sulla terra in volo
dal cielo, per aiutare e insegnare ai umani la loro conoscenza. Ma perche tutti
i popoli antichi ci hanno lasciato una cosi vasta testimonianza del esistenza d
egli dèi? Cosi come ci vengono descritti, gli dèi errano persone dotate di alta pote
nza, intelligenza, conoscenza ed erano immortali. Avevano i loro dolori, ambizio
ni, amori, intrighi, gelosie, compassi oni, cospirazioni, ambizioni ed errori. Q
uesti sentimenti celesti non e che per caso sono anche i nostri sentimenti? Gli
antichi ci dicono che gli dèi avevano un capo supremo a quale tutti si dovevano so
ttomettere: dèi, uomini e tutta la creazione dei cieli e della terra e questo era
Dio. Dio è l essere supremo di tutto l universo e gli dèi i suoi artefici, quelli ch
e dovevano adempire la sua volontà. Ma gli dèi sono divisi tra quelli che fanno e qu
elli che non fanno la volontà di Dio. In poche parole quelli che sono da parte di
Dio e quelli che vogliono prendere il suo posto. Questo fatto non e nuovo per no
i perche anche la bibbia ci dice la stessa cosa di Dio che ha in satana un grand
e oppositore. Nella Bibbia innumerevole volte Dio si arrabbiò e castigò il suo popol
o perche questo spesso tornava ad adorare gli dèi, con tutte le promesse che Dio g
li faceva. Ma se il popolo ebreo tornava spesso ai suoi dèi significa o che non er
ano contenti di questo Dio o che la bibbia è una contraffazione delle scritt ure a
ntiche cosi come abbiamo già cenato prima. Nella scrittura sacra, a parte questo o
stinato ritorno al vecchio culto degli dèi, ci sono decine e decine di passi che a
ttestano l esistenza degli dèi e la supremazia di Dio sopra di loro. Cerchiamo di
vedere nei versetti della Bibbia come Dio e il capo degli dèi e come questi lo dev
ono venerare e ascoltare. Deut.10/17 Dio e Dio degli dèi ; Esodo.20 Non avrai alti
dèi di fronte a me ; 2Cr2/4 Il nostro Dio e più grande di tutti gli dèi ; Salmi86/8 N
essuno c e fra gli dèi, o Signore, che sia simile a te ; Salmi136/1 Lodate il dio
degli dèi ; Salmi82(81)/1 Dio si erige nel assemblea divina, in mezzo agli dèi emana
la sua sentenza ; Salmo82(81)/6 Io riflettei: siete dèi, tutti figli del Altissim
o ; Salmo96(95)/4 Poiché grande il
7
Signore tremendo al di sopra di tutti gli dèi ; Salmo97(96)/7 Sono prostrati davan
ti a lui tutti gli dèi ; Dan. 4/5 Nabucodònosor racconta alla fine viene alla mia pr
esenza Daniele, che aveva nome Baltasar, dal nome del mio Di o e nel quale e lo
spirito degli dèi santi ; Deut.32/17 Sacrificano ai demoni, che non sono Dio, a dèi
che non conoscono, nuovi, venuti da poco, che non hanno temuto i vostri padri .
Questi sono una piccola parte delle testimoniante scritte nella Bibbia che attes
tano in equivocamente l esistenza degli dèi ai quale Dio e il capo supremo. Senza
dubbio la spiegazione dei cristiani sarà che gli dèi sono senza vita e che l uomo de
ve smettere di chinarsi e di adorarli. Ma questo non e vero, i idoli sono senza
vita, perche sono i simboli degli dèi, cosi come le icone sono i simboli di Dio e
di Gesù. I idoli cosi come anche le icone sono senza vita , fatte dalle mani degli
uomini, gli dèi invece erano persone reale, perche se non era cosi, Dio non potev
a essere il loro capo. Dio non poteva stare nel assemblea divina in mezzo agli m
orti, perche in questo caso anche lui era morto. Dio e gli Dio dei viventi e all
ora anche gli dèi erano viventi. Gli dèi si postavamo davanti a lui, e Dio era il Di
o degli dèi. Per questo paradosso, la spiegazione e semplice. I falsari della Bibb
ia, in questi brani hanno omesso di cambiare il nome degli dèi con quello degli an
geli. Gli angeli sono proprio questi dèi che nella Bibbia vengono descritti come p
ersone in carne e ossa. Il loro aspetto fisico e umano, sono belli, splendenti,
vestiti in un modo particolare che gli uomini non potevano avere e abbittavano n
ei palazzi dove i uomo non poteva entrare, a parte quelli scelti. Si spostavano
con diversi cari di luce, con bissare imbarcazioni sul mare o con le loro ali. T
antissimi dèi sono riprodotti con le ali o pure con i loro cari infuocati. Sono lo
ro gli angeli della Bibbia, i messag geri tra l assemblea divina e l umanità. Sono
loro che preparavano il desti no degli uomini; gli dèi o angeli di ièri, gli extrat
errestri di oggi. Nella Bibbia ci vengono descritte diverse persone scelte da Di
o in persona, quale camminavano con lui, erano istruite da lui o dagli angeli e
tra queste qualcuna e passata al immortalità. La chiesa ci insegna che la faccia d
i Dio non l a mai vista nessuno, solo che nelle scritture sono dei passi dove l
uomo a visto Dio faccia a faccia, ha parlato e ha camminato con lui. Il primo ch
e ha visto e ha conosciuto Dio di persona e stato Adamo, che abbittava nel giard
ino di Eden con Dio e con i suoi angeli. Nel libro della Gen3/8 leggiamo: Poi ud
irono il rumore dei passi del Signore allorché passeggiava nel giardino alla brezz
a del giorno e l uomo fuggi con la sua moglie dalla presenza di Dio Allora Dio c
hiamo l uomo e gli domando Dove sei? Rispose: Ho udito il tuo passo e ho avuto p
aura perche io sono nudo . In questo versetto Dio non e uno spirito, al contrari
o e una persona che si rilassava camminando tra gli alberi, e il suono dei suoi
passi umani si odono molto bene. Dio non e un onnisappiente perche non sa dove s
ono Adamo ed Eva ed è per questa che li chiede dove sono e non sa che
8
l uomo se ne accorse della sua nudità. La conversazione, la passeggiata, sono cara
tteristiche umane, mica sentiamo i passi di uno spirito. Nella Gen 3/21 leggiamo
: E Dio fece al uomo e a sua moglie delle tuniche di pelli e li vesti. Troppo bu
ono questo spirito che fa con le sue mani vestiti per i mortali e poi li maledic
e con tutto il male. Un'altra persona istruita da Dio in persona fu Enoch. Gen.5
/21 .Enoch camminava con Dio e non ci fu più, poiché Dio lo rapi . Enoch il settimo
patriarca, camminava con Dio cosi come ha fatto anche suo antenato Adamo ed e tr
a i pochi mortali a cui i fu concessa l immortalità, parche lui fu rapito da Dio n
ei cieli. Anche ai figli di Adamo li fu concesso di conoscere Dio in persona .Ge
n 4/6 Dio disse a Caino Perche sei acceso di ira , Gen4/9 Dove e Abele tuo frate
llo? , Gen4/16 e Caino parti dalla presenza del Signore . Noè, fu un uomo scelto d
a Dio con quale ebbe un legame molto stretto. Dio lo averti del grande diluvio,
i diede il progetto del arca, chiuse la porta del arca dopo di loro, benedice i
suoi figli e fece il patto di non portare mai diluvio su la terra. L arca di Noè,
ricercata di tantissime persone in tutto il mondo, dalla descrizione biblica può e
ssere solo un sommergibile, dal momento in qui Dio chiuse la porta dietro di lui
. Gen7/16 e poi quando le acque si prosciugarono Noè scoperchiò l arca.. Gen8/13. Qu
esta imbarcazione era molto importante dal momento in qui Dio in persona si preo
ccupa di essere ben chiusa. Abramo, è un'altra patriarca che ha beneficiato del at
tenzione di Dio in persona. Abramo conosceva molto bene Dio, perche a lui i fu f
atta la promessa. Lascio la città di Ur dei caldei per seguire il suo Dio, e da lu
i, da sua moglie Sara, e dal suo nipote Lot nasce il popolo ebreo, ed e per ques
to che Dio lo fa vagare per diversi anni in tante terre straniere: per moltiplic
arsi, crescere di numero per diventare un popolo. Adesso cerchiamo di vedere il
legame diretto che Abramo aveva con il suo Dio. Gen8/33 Il Signore appare ad Abr
amo Abramo alzò gli occhi ed ecco tre uomini stavano in piedi presso di lui. Appen
a li vide,.. si posto fino a terra, dicendo: Mio Sig se ho trovato grazia ai tuo
i occhi non passare oltre senza fermarti dal tuo servo. Lasciate che vi faccia p
ortare un può d acqua per lavarvi i piedi.. permettete che vada a prendere un bocc
one di pane e ristorativi il cuore.. perche e per questo che voi siete passati d
al vostro servo Abramo prese una bevanda di latte acido e latte fresco, insieme
col vitello che aveva preparato e li depose davanti a loro; e cosi, mentr egli s
tava in piedi presso di loro quelli mangiavano Poi uomini si alzarono.. e andaro
no ha contemplare dall alto il panorama di Sodoma Poi quelli uomini partirono di
li ma il Signore stava tuttora davanti ad Abramo. Può darsi che uno spirito prend
e l aspetto di un uomo per farsi vedere ma che bisogno ha di lavarsi i piedi, ma
ngiare e dormire perche stanco e sfinito? Poi Abramo dice molto chiaro che il mo
tivo di essere stato visitato e proprio questo. Quando Dio e i suoi angeli mangi
ano, ci viene
9
descritto come lui, un servo, stava in piedi davanti a queste divinità , pronto pe
r servire. Non vi deve sembrare strano perche tutta l umanità e stata schiava degl
i dèi, cosi come nella Bibbia e stata schiava di Dio, perche noi siamo stati creat
i per lavorare per gli dèi e per essere i loro schiavi. Vedete, i spiriti material
izzati si lavano i piedi, bevono latte e mangiano bistecca di vitello. Si presen
tano davanti ad Abramo come uomini stanchi di viaggio, afflitti di fame e di set
te e poi dobbiamo credere che sono spiriti. Ma per favore. E adesso preparatevi
per il bello. I due uomini che hanno visitato Abramo insieme con Dio, sono dei a
ngeli o se preferite dèi, che dovevano andare nella città di Sodoma per castigarla.
In questa città pero abitava Lot, nipote d i Abramo e sentite cosa succede: Lot ri
posava alle porte della città, quando: Gen19/1-10 Non appena li ebbe visti, Lot si
postava con la faccia a terra e disse: Ascoltate .. miei Signore, venite in cas
a del vostro servo, vi passerete la notte, vi laverete i piedi e poi domattina v
e ne andate Prima che se ne andassero a dormire, ecco che gli uomini della città d
i Sodoma s affollarono intorno alla casa di Lot e dissero Dove sono quelli uomin
i che sono ent rati da te questa notte? Portaceli fuori, perche vogliamo abusare
di loro. Allora Lot li disse: Non fratelli miei, non fatte del male .. io ho du
e figlie che non hanno conosciuto uomo .. ve li porti fuori e fatte loro quel ch
e vi pare. Ancora una volta questi uomini - angeli, dovevano lavarsi i piedi, ma
ngiare e dormire. Sodoma e Gomora sono due città dove gli abitanti cosi come tutti
sappiamo praticavano sesso in tutti i modi, ma da li fino a voler scopare gli s
piriti materializzati, come sono gli angeli mi sembra troppo, al meno che gli an
geli non sono persone in carne ossa come noi. Se pensate che le due città furono d
istrutte per la sodomia vi sbagliate, e vi faro vedere in un altro capitolo che
ho ragione. Un altro personaggio biblico che sta volta lotta con Dio tutta la no
tte e non f u sconfitto dal onnipotente e Giacobbe figlio di Isacco. Gen33/25 Gi
acobbe rimase solo, e un uomo lotto contro di lui fino allo spuntar del aurora.
Vedendo che non riusciva a vincerlo, lo prese nel cavo del femore e il femore si
lusso. Quegli disse: Lasciami andare che spunta aurora . Rispose Giacobbe. Non
ti lascerò partire se non mi avrai benedetto Allora Giacobbe chiamo quel luogo Pen
uel perche disse: ho visto Dio faccia a faccia eppure la mia vita e salva. Il so
le spunto e Giacobbe zoppicava del anca Questo versetto non fa altro che stupirc
i, perche un mortale come Giacobbe lotta una notte intera con Dio degli eserciti
ed e più forte di lui. Anzi la divinità lo prega di lasciarlo perche spuntava auror
a. E possibile che un mortale può essere pi ù forte di uno spirito che e stato artef
ice di tutta la creazione, e al quale tutti si sottomettono? Un'altra patriarca
che ha avuto un legame speciale con Dio, è Mosè. Esodo 33/11 Dio parlava con Mosè facc
ia a faccia come un uomo parla con il suo vicino, Esodo 33/29 ..e Mosè non sapeva
che la pelle della sua faccia emetteva raggi
10
perche aveva parlato con Dio . Le tavolette della legge scritte col dito di Dio
i vengono date di Dio in persona sul monte Sinai. Riceve sempre da Dio istruzion
i per costruire la casetta che doveva contenere l arca dell alleanza e li viene
insegnato come doveva fare gli abiti speciali con quale i sacerdoti dovevano ves
tirsi quando maneggiavano l arca. Lui poteva salire sempre sul monte per parlare
con Dio e poteva rimanere giorni o mesi interi per compr endere gli insegnament
i che i venivano dati. Elia e un altro personaggio amato da Dio in tal modo che
i fu concessa l immortalità. Lui fu rapito da Dio in un turbine che lo porto nei c
ieli dove visse vicino al suo Dio. Dopo tutta questa maratona posiamo trae le se
guente conclusioni: y Dio e gli angeli sono persone in carne e ossa cosi come lo
erano gli dèi antichi. y Dio e il loro capo. Tutti vengono descritti come uomini
che hanno gli stessi sentimenti e bisogni come i umani y Uomo e stato sempre il
loro servo, e li temeva per le loro conoscenze evolute. y Venivano sempre ricono
sciuti come persone non appartenenti alla terra , ma al cielo. y Dio, angeli, dèi
di ieri sono gli extraterrestri di oggi.
11
Cap.4 Dio, angeli, dèi e la loro tecnologia
Leggendo la Bibbia dal punto di vista religioso, con la paura del lo sconosciuto
e sentimento di colpa che ci e stato imposto da due mila anni dalla chiesa, non
ci rendiamo conto di quante cose, che oggi con l avanzamento della scienza e te
cnologia, noi possiamo spiegare. Fenomeni che per noi oggi sono familiari, due m
illenni fa passavano come miracoli e meraviglie compiute di Dio e dei suoi angel
i. I popoli antichi non avevano u n grado di conoscenza avanzato e per questo qu
ando descrivevano le cose sconosciute per loro, lo facevano assomigliandole a co
se familiare, conosciute; cosi come per esempio oggi, uno tra di noi incontra un
UFO. Come lo può descrivere, se non ha la minima idea di quella st rana tecnica c
he lo fa muovere o illuminare? In questo modo, i popoli antichi spiegavano tutto
al livello della loro conoscenza. Se siete appassionati di fenomeni UFO, non fa
te tanti sforzi per trovarli oltre, sono a centinaia proprio nella Bibbia. Cerch
erò di darvi qualche esempio significativo che troviamo nelle scritture. Nella Gen
.28/2 Ci viene detto che Giacobbe riposava ed ecco sulla terra era poggiata una
scala che giungeva fino ai cieli e su di essa salivano e scendevano gli angeli d
i Dio al di sopra di essa stava Dio . Stando nei insegnamenti religiosi, un ange
lo che e uno spirito, non vedo perche aveva bisogno di una scala per scendere e
salire nei cieli. Più plausibile si può dire che era una specie di veicolo volante,
tipo elicottero che rilasciava la scala per far scendere o salire i suoi occupan
ti. Un altro fenomeno in cui ci viene descritto un veicolo volante succede quand
o Mosè giunse sulla montagna di Horeb, Esodo.3/1-5 quando un angelo gli apparve in
una fiamma di fuoco nel mezzo di un roveto e il roveto ardeva col fuoco eppure
il roveto non si consumava . Lui spinto dalla curiosità e senza aver paura del ang
elo, vuole avvicinarsi per studiare questo strano fenomeno, solo che Dio lo ferm
o in tempo per non lasciarlo a capire meglio di che cosa si tratta. Oggi noi sap
piamo che questo roveto che ardeva col fuoco e non si consumava era un tipo di c
asula che atterrava verticalmente e che il fuoco veniva dal motore propulsore. U
n alta bella navicella viene descritta quando Dio gui dava il suo popolo nel des
erto in una colona di nuvola. Esodo.14/19 -20 da una parte essa era una nuvola i
nsieme a tenebre. Dall altra parte illuminava la notte. E un gruppo non si avvic
inava al altro gruppo per tutta la notte . E semplice a immaginare che cosa può es
sere. Questa e una nave tipo aereo con il motore in coda (nuvole e tenebre), e d
avanti la cabina del pilota ben illuminata ed e per questo che i due gruppi non
si avvicinavano. Il povero Mosè e stato testimone di tantissimi atterraggi di Dio.
Tante volte entrava nell astronave per parlare con Dio, prendeva insegnamenti,
e studiava i progetti delle cose che doveva costruire, che i venivano fornite pr
oprio da Dio.
12
Esodo.25/40 Guarda e fa secondo il loro progetto che hai visto sul monte . Dio a
vverte sempre Mosè del suo arrivo sul monte Sinai, nella sua astronave e del fatto
che il popolo non doveva toccare nemmeno le falde della montagna per non rischi
are la morte. Esodo.19/10-24 Quando si fecce mattina avviene che c erano tuoni e
lampi, e una densa nuvola sul monte e un altissimo suono di corno e il monte Si
nai fumava tutto e il fumo d essa scendeva come il fumo di una fornace di matton
i. E gli intero monte tremava tantissimo . Mi pare ovvio che stavano assistendo
al atterraggio di una grossa astronave. Nel Esodo.24/15-18 Mosè entro dentro, in m
ezzo alla nuvola e resto 40 giorni e 40 notti . Tra le 12 tribù d Israele, i soli
che potevano fare servizio sacro per Dio errano i Leviti. Loro hanno costruito l
a tenda per il servizio sacro dopo il progetto di costruzione che Dio ha fatto v
edere a Mosè sul monte. Per entrare nel tabernacolo il luogo sacro dove era custod
ita l arca dell alleanza avevano bisogno di abiti speciali. Questa tenda non era
speciale solo perche custodiva l arca, ma anche per il fatto che la tenda era i
l posto dove veniva parcheggiata l astronave del Signore. Per non fare incuriosi
re il popolo gli viene detto che solo i sacerdoti scelti da Dio dovevano entrare
nel luogo santo. Quando l astronave si posava sopra la tenda nel tabernacolo, i
l fumo, cioè la gloria di Dio, era cosi fitta che i preti non potevano fare il ser
vizio al altere. Esodo.40/34-38 e la nuvola copriva la tenda di adunanza, e la g
loria di Dio riempi tabernacolo. E Mosè non poté entrare nella tenda perche la nuvol
a risedeva di sopra d essa e la gloria di Dio riempiva tabernacolo. .1 Re8/10 11
Avviene che quando i sacerdoti uscivano dal luogo santo la nuvola stessa riempi
la casa di Dio e i sacerdoti non potevano stare a fare il loro servizio, a caus
a della nuvola, poiché la gloria di Dio, riempi la casa di Dio . Un alto fenomeno
strano, e che Dio li parlava sempre in mezzo alla nuvola di persona quando quest
a astronave o navicella avvolta nella nebbia era presenta sul campo israelita. N
ei giorni nostri parlare da un veicolo volante si può fare tramite una portavoce.
Quando la nuvola non c erra nel campo Israelita Dio parlava al suo popolo attrav
erso l arca dell alleanza. Gli scienziati hanno costruito l arca rispettando ogn
i dettaglio che ci da la Bibbia. Riv estita d oro che è un buon conduttore elettri
co, l arca funzionava come un radio ricevitore trasmettitore. La tensione elettr
ica era cosi forte che i Leviti dovevano mettersi vestiti speciali e il popolo n
on la dovevano toccare. Lev.16/12 E Dio disse a Mosè: parla con il tuo fratello Ar
one, e non entri in qualsiasi tempo nel luogo santo dentro la cortina, di fronte
al coperchio che e sopra l arca affinché non muoia, poiché apparivo in una nuvola s
opra il coperchio . L arca aveva un potere magico per i israeliti. Con l aiuto d
i questo oggetto furono abbattute le mura di Gerico. A parte il ruolo di ricevit
ore trasmettitore, l arca generava delle onde sonore, perche solo con un tipo di
sonar si potevano abbattere le grossa mura di questa città.
13
Un'altra arma di Dio ci viene descritta quando i figli di Arone dovevano present
are l incesso per il Signore, e questi sbagliando furono uccisi di Dio . Lev.10/
2 Un fuoco usci dalla presenza del Signore e gli divoro, ed essi morirono alla p
resenza del Signore. Questo misterioso fuoco che usci dalla presenza di Dio era
sicuramente un arma da fuoco. In una delle battaglie di Giosuè contro i popoli del
la terra promessa Dio gli aiuto. Giosuè.10/11 Dio scaglio dai cieli su di loro gro
sse pietre fino ad Azeka, cosi che morirono per le pietre della grandine, che qu
elli che i figli d Israele uccisero con la spada . In questo versetto la grandin
ata che viene dal cielo non può essere interpretata come una grossa grandine perch
e la pioggia non viene descritta insieme con le pietre; puoi ci dice chiaro che
Dio scaglio dai cieli , le pietre. Vuol dire che Dio utilizzo un'altra arma mici
diale sconosciuta da noi. A parte l arca del alleanza e diverse arme da fuoco po
tentissime, Dio possedeva anche l arma nucleare, quella che fu utilizzata per di
struggere Sodoma. La Bibbia no n ci parla di una decisione per distruggere anche
la Gomora, ma la bomba destinata per distruggere Sodoma fu cosi potente che dis
trusse anche Gomora. Infatti Gomora viene nominata solo quando sopra di lei piov
eva zolfo e fuoco Gen.19/23 -24. La Bibbia ci dice che Sodoma e Gomora furono di
strutte da Dio per la sua volontà. E difficile a credere che per la loro distruzio
ne e stata utili zzata la bomba atomica, ma gli indizi ci portano alla certezza
che Dio la utilizzò veramente. In anzi tutto Dio ritardo la distruzione perche dov
eva salvare Lot e la sua famiglia, puoi la distruzione veniva dal cielo e proven
iva dal Signore. Questa arma utilizzata non distrusse solo la città e i suoi abita
nti, ma tutta la vale e la vegetazione del suolo Gen.19/23. Non possiamo avere d
ei dubbi perche nel Deut.29/21-22 ci vengono descritti gli effetti di questa arm
a che Dio utilizzo I vostri figli che sorgeranno dopo di voi vedranno i flagelli
di questa terra e le malattie che Dio gli infliggerà non sarà seminata, non darà alcu
n germoglio, su di essa non crescerà erba alcuna; è come la distruzione di Sodoma, G
omora, Adma e Zeboim. Queste città furono distrutte col fuoco e zolfo cadute dal c
ielo. Solo un esplosione atomica può causare la distruzione delle città, di u omini
e della vegetazione. Decine di scienziati che hanno studiato la zona di Mar Mort
o hanno rilevato che in quella zona la radioattivata e m olto più alta del valore
normale anche nei nostri giorni e hanno ipotizzato che solo un disastro di quest
o tipo poteva annientare la vita di questo mare che inghiottì le due città che si tr
ovavano sulla sua riva. Nella seconda guerra mondiale quando gli am ericani hann
o bombardato Giappone con la nucleare, volevano distruggere solo Hiroshima. La p
otenza della bomba invece fu cosi forte che distrusse anche Nagasachi. Solo l at
omica non perdona ne città, ne abitanti, ne animali, ne vegetazione, ne suolo. La
mo glie di Lot fu trasformata in una colona di sale, ma con le parole dei nostri
giorni possiamo dire che fu calcificata dal calore, evaporata.
14
Un altro macchinario volante ci viene scritto nei minimi dettagli da Ezechiele.
Con le descrizioni fate da lui gli studiosi hanno costruito una nave che non e a
ltro che un modulo o capsula che ha i motori propulsori, le ruote che girano una
intorno al altra per metterla in moto, gli occhi che sono intorno alla nave son
o delle finestrine come hanno gli aerei. E gli ang eli che la guidavano errano i
piloti e il personale di bordo. I personaggi biblici che furono trasportati nel
l aria con diversi tipi di velivoli sono Enoch, Elia, Ezechiele e il Re di Tiro,
a quale i fu offerta la di mora dei cieli che puoi i fu tolta per la sua lussur
ia. Da questi versetti la tecnologia di volo che Dio aveva non ci è del tutto stra
na, cosi come anche una parte del arsenale micidiale che Dio adoperava. La tecno
logia di Dio era molto progredita. Il bastone che Dio dette a Mosè apri le acque d
i Mar Roso, l arca dell alleanza prosciugò le acque del Giordano e abate le mura
di Gelico, il mantello di Elia apri le acque di Giordano e il giavellotto di Gio
suè accelero i movimenti delle truppe israelite. Le conclusioni che possiamo trae
sono le seguente: y Se queste cose per i nostri antenati errano i prodigi per no
i oggi sono una tecnologia molto avanzata di quello che noi abbiamo oggi. y Dio
e i suoi angeli sono molto umani, volano come voliamo anche noi, hanno le armi d
i potentissima distruzione, parlano tramite sofisticati apparecchi ed e per ques
to che non possiamo definirli gli spiriti come vuole la chiesa. y I rapimenti di
diverse persone non sono altro che una passeggiata in volo sopra la terra o nel
lo spazio. y La distruzione di Sodoma e Gomora non sono una punizione per il com
portamento degli uomini ma una vera guerra tra le divinità che ha coinvolto anche
l umanità.
15
Cap.5 Matrimoni illeciti e la linea di sangue
Una cosa molto curiosa nella scrittura e la linea pura di sangue che si deve man
tenere tra i membri scelti da Dio per servirlo. Queste persone devono mantenere
la linea di sangue puro solo per i discendenti che diventano i loro successori.
Per mantenere la purezza si dovevano sposare solo con i parenti stretti cioè quell
i di primo e secondo grado. I matrimoni potevano essere innumerevoli, ma il disc
endente puro era quello che risultava dal primo matrimonio legale tra lui e la s
ua sorella. Cerchiamo di studiare la linea di sangue che i patriarchi biblici av
evano. Iniziamo con Abramo che prese la residenza come straniero a Gerar. Il re
di Gerar, Abimèlech prese Sara moglie di Abramo e la porto a casa sua perche Abram
o gli disse che era la sua sorella. Dio avverte Abimèlech di restituire Sara a Abr
amo perche lei e la sua moglie. Il re porto la donna ad Abramo e gli chiese perc
he fu imbrogliato. Abramo rispose Gen.20/11-12 Io mi sono detto: forse non c e t
imore di Dio in questo luogo Inoltre essa e veramente la mia sorella figlia di m
io padre ma non figlia di mia madre, ed e diventata la mia moglie . Un altro ese
mpio sconvolgente succede con Lot e le sue due figlie. Dopo la distruzione di So
doma, città dove Lot viveva con la sua famiglia , lui trovo rifugio in una caverna
della montagna di Zoor. La città e tutti gli a bitanti furono distrutti da Dio, s
alvandosi solo Lot e le sue figlie. Le figlie per la paura di non avere discende
nti perche nessun uomo era rimasto vivo al olocausto, decidono di ubriacare il l
oro vecchio padre e avere dei figli da lui Gen.19/33 Quella notte fecero bere de
l vino al loro padre, e la maggiore viene a coricarsi con il suo padre; ma egli
non si accorse né quando essa si corico ne quando essa si alzo. Al indomani la mag
giore disse alla minore: ecco che ieri mi coricai con nostro padre. Facciamoli b
ere del vino anche questa note e va tu a coricarti con lui e cosi faremmo sussis
tere una discendenza da nostro padre . I figli nati dalle due sorelle con il lor
o padre sono diventati i capo stipiti dei due popoli Moabiti e Ammoniti. Un alto
matrimonio illecito e quello di Isacco, figlio di Abramo. Isacco si doveva spos
are, e per questo Abramo manda il suo servo per prendere una moglie per suo figl
io dalla sua parentela, cioè la figlia di suo fratello Nacor Gen.24/1 -66. Con Gia
cobbe figlio di Isacco la storia si ripete, solo che lui deve prendere moglie un
a delle figlie di fratello di sua madre Labano. Lui si innamoro della figlia min
ore del suo zio, ma come non poteva sposare la piccola finche non si sposava la
figlia grande, ingannato di suo zio che diviene suo suocero, sposo alla fine tut
te due le sue cugine. Un'altra storia strana e la storia di Giuda, il fondatore
della tribù di Giuda da dove Gesù a le sue origini. Giuda si separa dai suoi 11 frat
elli, si sposo e da suo
16
matrimonio nacquero tre figli: Er, Onan e Sela. Quando arrivo il tempo suo figli
o Er sposo una donna che si chiamava Tamar. La disgrazia fa che Er muore giovane
senza lasciare un erede. Giuda fecce sposare il suo secondo figlio Onan con la
vedova del fratello maggiore. Gen.38/9 Onan sapendo che la prole non sarebbe sta
ta sua ogni volta che si univa con la moglie di suo fratello disperdeva per terr
a, per non dare una posterità al suo fratello , succede che anche Onan muore. A qu
esto punto Giuda libera Tamara, e la fa andare alla casa dei suoi genitori fino
quando Sela il suo figlio piccolo cresceva, per farlo puoi sposare con lei. Il t
empo passo, ma Giuda non fa sposare il figlio piccolo con Tamar. Vedendo che non
può sposare il suo coniato Tamar inganna il suo suocero passando per una prostitu
ta e rimane incinta. Essa partorì a Giuda due gemelli. Quando tutto usci allo scop
erto Giuda disse Gen.38/26 Essa e più giusta di me. Infatti e perche io non l ho d
ata al mio figlio Sela . Mosè era figlio di un sacerdote levita che si chiamava Am
ram. Amram prese moglie Iochebed, sua zia anche lei levita. Tutti questi persona
ggi della Bibbia sono tra più conosciuti e più amati da Dio, sono gli uomini scelti
da lui stesso, ma loro non vengono mai puniti per queste unioni illecite. Perche
? I matrimoni o unioni tra fratello e sorella, o tra i cugini di primo grado, o
tra padre e figlia, tra nuora e suocero non si potevano fare perche la pena era
la morte. Questi personaggi lo possono fare. Perche? Perche loro tutti possedeva
no sangue puro, il cosi detto sangue blu, o sangue reale. Questa maniacalità per l
a purezza del sangue si mantiene dall antichità fino ai nostri giorni. Di questo a
rgomento parleremo in un altr o capitolo in quale vi dimostro che il sangue real
e è il sangue di dio o degli dèi che si unirono con le donne umane .
17
Cap.6 La guerra santa e i modelli biblici
La guerra. Pensare o pronunciare questa parola ti fa lacrimare gli occhi e piang
ere il cuore. Per colpa di questa guerra l umanità e stata sconvolta da migliaia d
i anni fino ad oggi da dolore. Per la prima volta in vita mia ho trovato l espre
ssione di guerra santa nella Bibbia Paolina. Che vuol dire guerra santa? In anzi
tutto è una espressione antagonista, perche nessuna guerra del universo non può ess
ere chiamata santa. La guerra per qualsiasi motivo e scoppiata o per qualsiasi g
iusta causa viene fatta significa morte, dolore, sofferenza, fame, miseria, paur
a, frustrazione e malattia. Se la guerra santa si chiama cosi perche e fata nel
nome di Dio o perche Dio l ha ordinata, Dio è un assassino, un criminale, un bugia
rdo e un imbroglione. Se Dio voleva la guerra nel nome suo, non doveva darci il
decalogo perche primo che lo trascura, è proprio lui. E poi perche tanta carta e i
nchiostro per dieci regole quando tutte si riducono a una sola: non rubare. Sent
ite perche: y Non uccidere, perche se hai ucciso hai rubato la vita del tuo pros
simo, hai rubato un figlio, un marito e un padre. y Non comete adultero perche h
ai rubato la felicita del tuo prossimo y Non rendere testimonianza falsa perche
hai rubato la giustizia di un altro y Non desiderare niente dalla casa del tuo p
rossimo perche rubbi il lavoro di una vita y Onora tua madre e tuo padre perche
se no, hai rubato la tranquillità della loro vecchiaia y Osserva il giorno di saba
to perche se no, rubi il riposo del tuo operaio y Non avrai altri dei di fronte
a me, perche se no, hai rubato la mia fiducia y Non ti servirai del nome di Dio
per la menzogna, perche se no, hai rubato la sua lealtà Avete visto? Tutto in due
parole. Ma la guerra santa e tutt un altra cosa. Un Dio buono e giusto non fa le
guerre, ma Dio dell A ntico testamento si. I più importanti modelli Biblici della
guerra santa sono Mosè, Giosuè, Gedeone e Davide, che hanno cospirato tutti con Dio
per prendere possesso della terra promessa. Dio promette al suo popolo una terr
a fertile, bellissima dove sco re latte e miele, e quale rimarrà nel loro possesso
per sempre; ma non dice che questa terra era abitata da altri popoli che a lui
non stavano bene. Per questo motivo, tutti questi popoli dovevano essere stermin
ati, distrutti, rasi al suolo. Questo Dio degli eserciti vuole fare la vendetta
a questi popol i per mano degli ebrei. Con astuzia fa stremare nel deserto il su
o popolo.Li lascia per giorni senza acqua e mangiare, fino quando la loro soffer
enza arriva al limite e si ribellano contro Mosè
18
e il suo Dio. Solo quando i limiti sono estremi gli da acqua, mana, o quaglie da
mangiare. E come se non bastasse gli castiga innumerevole volte perche non cred
ono in lui, e perche gli sembrava più felice la vita di schiavi in Egitto che la l
iberta vigilata in deserto dove sono stati per più di 40 anni sempre per la volontà
di Dio, finche morirono tutti quelli che non avevano fiducia in lui. Se lo stess
o libero arbitro aveva anche Adamo ed Eva avevano ragione di molare tutta questa
dittatura. Dio porta gli ebrei al confine della terra promessa e loro vano ha e
splorare queste terra paradisiaca, ma tornano delusi e impauriti. Il popolo che
abita nella terra e forte e la città sono fortezze grandissime non possiamo salire
contro quel popolo, perche e più forte di noi Num13/28,31. Tutto il popolo mormor
a e piange perche erano consapevoli della loro impotenza. Lo stesso leggiamo in
Giosuè 7/6 Signore perche hai fatto passare Giordano a questo popolo, forse per da
rci nelle mani dell ammoreo e farci distruggere? Ci fossimo accontentati di rest
are al di là del Giordano I cananei e tutti gli abitanti della regione, si voltera
nno contro di noi, e cancelleranno dalla terra il nostro nome . Questa consapevo
lezza di non essere capaci ha sconfiggere i popoli della terra promessa gli trov
erete in tutti i capitoli dove il popol o ebreo doveva conquistare i popoli e le
cita della loro futura terra.. Ma la loro forza è in Dio che lotta per loro e gli
da nelle mani tutto. Cosi la terra promessa diviene la terra conquistata, usurp
ata, rasa al suolo, strappata alle nazioni che non piacevano a questo Dio che no
n conosceva la pietà. Dio ordino di non lasciare nessun superstite fra uomo, donna
e bambini, tutto doveva essere votato al anatema. Vi faccio leggere qualche pas
so dove Dio gli assicura che lui e con loro Deut.31/1-4 Mosè disse: io ho 120 anni
. Non posso più andare e venire. Il Signore mi ha detto: non attraversare questo G
iordano. Il Signore, lui lo attraverserà davanti a te, lui distruggerà quelle nazion
i davanti a te e le caccerà Il Signore farà ad esse come a fatto a Sicon e ad Og re
degli Amorrei e alla loro terra, che ha distrutti . Puoi in Deut.7/17-21 Non dir
e in cuor tuo: quelle nazioni sono più numerose di me: come potrò cacciali? Non teme
re Dio manderà contro di esse i calabroni, fino ad annientare coloro che erano rim
asti e si erano nascosti al tuo sguardo. Non spaventarti innanzi a loro, poiché il
Signore e in mezzo a te: un Dio grande e terribile . Adesso vi faccio leggere q
ualche versetto per farvi capire genocidio e l olocausto provocato dalla guerra
santa di Dio; e per comprendere che la terra promessa e una terra usurpata strap
pata da questo terribile Dio degli ebrei ad alti popoli che avevano altri dèi, pro
babilmente più giusti e buoni; e quale non volevano riconoscere questo assassino c
ome loro Dio. Nei Giudici 2 e 3 Dio mette alla prova i israeliti per mezzo dei p
opoli che Giosuè ha lasciato da conquistare alla sua morte. I popolo che Dio lasci
o per mettere alla prova per mezzo di loro, tutti quelli israeliti che non aveva
no conosciuto le guerre contro i cananei. Egli fece questo solo allo scopo di am
maestrare quelle generazioni d israeliti che non avevano
19
preso parte alle guerre contro i cananei, per insegnare loro a combattere. Erano
i cinque principi dei filistei, tutti i cananei, i sideni, li evei . Sapete com
e chiama la chiesa questo addestramento per la guerra? Peccato, punizione, invoc
azione e salvezza. Giosuè e uno dei modelli biblici della chiesa. Sentite come si
umilia alla vista di un angelo guerriero del Signore Giosuè 5/13 mentre Giosuè si tr
ovava preso Gerico levo lo sguardo ed ecco vide un uomo in piedi dinanzi a se, c
on in mano una spada sguainata. Giosuè le rivolse la parola: sei dei nostri oppure
dei nostri avversari? Quelli rispose: io capo dell esercito del Signore arrivo
in questo momento. Giosuè cade bocconi per adorarlo e poi disse: che cosa comanda
il mio capo al suo servo? Questa umiliazione verso la divinità lo fanno tutti i sc
elti di Dio: Abramo, Mosè, Gedeone, Davide, Salomone e. c. v, per avere il loro ai
uto nelle loro imprese. Vediamo come venivano usurpate queste città , cosa succede
va con i loro abitanti e con il bottino ricavato, perche Dio ordino di non lasci
are nessun superstite sia uomo, donna o bambini. Deut. 2/34 Ci siamo allora impa
droniti di tutte le città, abbiamo vuotato al anatema ogni città abitata, le donne e
i fanciulli, non abbiamo lasciato alcun superstite. Solo del bestiame abbiamo f
atto nostro bottino . Num31/2 Puoi i figli d Israele fecero schiave le donne di
Madian, i loro bambini fecero razzia dei loro animali, dei loro greggi, e di ogn
i loro bene. Num 31/ 15-19 Mosè disse loro: avete lasciato in vita tutte le femmin
e?... ora uccidete ogni maschio tra i bambini e ogni donna unita con un uomo. Tu
tte le ragazze che non sono unite con un uomo le lasciate vivere per voi . Il bo
ttino della conquista di Canaan lo portarono a Mosè e a Arone suo fratello per far
e loro le divisioni tra il popolo. Num 31/ 32-33 675000 pecore, 72000 buoi, 6100
0 asini e 32000 d onne che non si errano unite con uomo . Queste ultime 32000 ra
gazzine erano mantenute in vita per essere violentate di popolo di Dio. Tutti i
crimini e orrori compiute degli ebrei sono state fate per la volontà di Dio. E lui
che imporre al suo popolo cosa devono fare e come si devono comportare con i po
poli conquistati. Nel libro di Giosuè 10/31-43 leggiamo Giosuè Sali da Eglon a Ebron
e l attacco. La passarono a fil di spada con il suo re e le sue città e tutti gli
abitanti, non lasciarono alcun superstite Cosi Giosuè conquisto tutta la regione.
. votò allo sterminio ogni vivente, come ha ordinato il Signore. E Dio disse ancor
a Deut 20/10-18 quando ti avvicinerai a una città per attaccarla, le proporrai la
pace. Se accetta la pace e ti aprirà le porte, allora tutto il popolo che si trova
lavorerà per te e ti servirà. Se invece non accetta la pace con te li farai guerra,
la stringerai d assedio, e il Signore la metterà nelle tue mani. Passerai tutti i
maschi a fil di spada, mentre le donne, i bambini, e quanto ci sarà nella città, tu
tte le sue spoglie, le catturerai Cosi farai a tutte le città molto lontane da te,
quelle che non sono tra le città di queste nazioni. Invece nelle città di questi po
poli che il Signore ti dona in eredita non lascerai viva
20
alcuna anima, ma voterai allo sterminio Hittiti, Ammorei, Cananei,Perizei, Evei
e Gebusei, come ti ha ordinato il tuo Dio Vi prego di avere ancora un può di pazie
nza perche non e tutto, comunque io sottometto alla vostra attenzione una piccol
issima parte delle atrocità che Dio ha ordinato al suo popolo di compiere. Cosi co
me abbiamo visto, gli ebrei non conquistarono la terra per la loro volontà, ma per
la volontà di loro Dio che li aiuto di portare a buon fine la carneficina. Questa
guerra odiosa non e la guerra degli ebrei, ma la guerra di Dio, che si servi de
l popolo ebreo per sconfiggere altri popoli che servivano al tri dèi con quale lui
non era d accordo, probabilmente per che lui voleva i loro territori. La confer
ma la troviamo sempre nel testo biblico Deut3/22 non abbiate paura di loro, poic
hé lo stesso Dio, combatte per voi. 1 Sam17/47 poiché al Signore appartiene la guerr
a e li ha consegnato in vostro potere, 1 Sam 18/17 Saul dice a Davide mostrati v
aloroso e combatti le battaglie del Signore. Non dobbiamo aver dei dubbi che tut
ta questa odiosa guerra santa e la guerra degli dèi per che sempre la Bibbia ci di
ce che dio aveva un esercito composto dai angeli ossia degli dèi che lo seguivano
come leggiamo nel Giosuè 5/13 quando Giosuè incontra questo angelo non sapendo se co
mbatte per loro o per nemico. A questo punto angelo si presenta io, capo del ese
rcito del Signore, arrivo in questo momento. Tutti i miracoli con quale ci ha ab
ituati la chiesa, tipo arca del alleanza, il bastone di Mosè, il giavellotto di Gi
osuè, il fuoco che esce dal Signore, le piaghe del Egitto (conseguenze della nucle
are), le pietre che cadono dal cielo, non sono altro che armi potentissime, degl
i dèi, sconosciute al umanità. Oggi, non abbiamo il diritto al meno per i nostri fig
li di credere ancora in queste favole, e di mantenere ancora aureola di mistero
con quale siamo stati abituati da millenni. Nessuna guerra del mondo non può esser
e chiamata santa, e cosi come abbiamo visto la santità delle atrocità compiute non s
ono altro che guerre tra i tanti dèi che vivevano con gli umani, i loro servi, nei
tempi antichissimi. Vi ricordate che gli antichi hanno menzionato anche nella b
ibbia queste guerre degli dèi nel libro dei Numeri 21/14-15 Libro delle guerre del
Signore ? Questo Dio degli ebrei, che oggi grazie alla chiesa e anche il nostro
, e uno tra i tanti dèi del antichità, che vendicava i suoi territori dai altri dèi co
involgendo nelle loro battaglie anche l umanità. Come abbiamo visto, Dio preparava
le generazioni nuove dell umanità per la guerra, cosi come preparava anche i loro
capi, i bravi seguaci di Dio come Mosè, Giosuè, Gedeone, Davide e Salomone. Questi
personaggi per la chiesa cattolica sono dei modelli biblici, degni di essere seg
uiti di ogni uno tra di noi. Ma chi sono in realtà? Questi modelli biblici, sono i
n realtà guerrieri preparati, figli di re o di sacerdoti, le più alte caste della so
cietà in quei tempi, istruiti e educati dagli dèi. Uomini alti e di bellissimo aspet
to, i modelli biblici erano grandi strateghi e conoscitori della
21
tecnologia militare e degli potentissimi armi di guerra dei loro dèi. Ottenevano g
randi vittorie grazie al loro Dio che prima di ogni battaglia, li metteva sul ta
volo la strategia militare da seguire, aiutati cosi come abbiamo visto dal Signo
re e del suo esercito, che erano sempre in mezzo a loro. E per questo che loro c
onoscevano l esito finale prima della battaglia. Chi poteva resistere alla progr
edita tecnologia militare e alle armi micidiale del buon Dio? Se sostituite Dio,
angeli dèi, con extraterrestri riuscite ha capire meglio quello che la bibbia ci
racconta. Cosi come abbiamo visto, le macchine volanti, questi carri di fuoco, n
on erano una novità per il mondo antico. Tutto quello che non era terrestre, era d
i Dio, cioè extraterrestre, perche solo loro avevano una tecnologia cosi progredit
a. Gli extraterrestri sono stati da sempre sulla terra e i popoli antichi li con
oscevano bene, perche uomo era il loro schiavo e come vedremo più avanti son o lor
o che ci hanno creati per alleggerire il loro lavoro. Adesso vorrei parlare dei
modelli biblici che la chiesa ha scelto da seguire. E vorrei iniziare con Abramo
. Nel capitolo 11 della Genesi ci viene descritta la genealogia dei antenati di
Abramo che scendevano dalla discendenza di Sem, il ramo benedetto dal Signore de
i figli di Noè. Terach padre di Abram si stabili insieme con la sua famiglia nel p
aese di Sinar (il vecchio Sumer), nella città di Ur. Abram nacque li ed e per ques
to che lui era un sumero a tutti gli effetti, e il Sumer era la terra degli dèi. N
el libro di Giosuè 24/2 leggiamo al di la del fiume abitavano anticamente i vostri
padri, Terach padre di Abramo e di Nacor; essi servivano ad altri dèi . E ovvio c
he Dio di Abramo era una divinità tra tanti altri del antico Sumer, e che Abramo l
o conosceva benissimo, si fidava di lui ed e per questo che si trasferì con tutta
la famiglia a Harran. Quando il sovrano di Harran e puoi il faraone d Egitto i c
hiedono chi e, lui rispose che e un ebreo. Zecharia Sitchin, grande scienziato,
conoscitore e traduttore delle lingue semitiche ci spiega il significato delle p
ar ole sumere. La parola ebreo IBRI , deriva dalla radice ABOR che significa att
raversare quindi Abramo proveniva dal altra sponda del fiume Eufrate, come ci co
nferma la Bibbia e vale a dire Mesopotamia o meglio Babilonia. Dopo il trasferim
ento da una città al altra (Caanan, Haran, Ur), Dio cambia il nome di Abram e di S
arai sua moglie in Abramo e Sara. Per capire il motivo, dobbiamo vedere che sign
ificato hanno i loro nomi sumeri. Terach padre di Abramo deriva dal epiteto sume
ro TIR.HU; che disegnava un sacerdote. AB.RAM significa amato dal padre (Terach
aveva 70 anni quando genero Abramo e sicuramente questo figlio era la gioia dell
a sua vecchiaia). SA-RAI (dopo Sara) moglie di Abram significa principessa ; il
nome della moglie di Nacor fratello di Abram, MILCA significa simile a una regin
a . Dio ha cambiato i loro nomi sumeri per distaccarli dalla loro vera origine.
Il significato dei loro nomi suggeriscono una genealogia reale o sacerdotale, ci
oè i personaggi più importanti di quell epoca. La radice reale o sacerdotale della f
amiglia di Abramo viene confermata dal fatto che
22
in qualsiasi paese dove andavano, loro si fermavano sempre preso i sovrani di qu
elle terre. Un nessuno che si sposta da un paese ad altro non ha che fare con il
faraone o con il re, al limite si ferma preso un'altra famiglia umile, insignif
icante come la sua. A questo punto Abramo non era un semplice pastore che faceva
la volontà di Dio come vuole farci credere la chiesa, ma ben si una famiglia nobi
liare. Appartenendo alla casta più alta della società, era quindi una persona istrui
ta, educata, e con grande capacita militare, era un guerriero ed era lo schiavo
del suo Dio. Per il suo Dio vendicativo e crudele fa di tutto. Sposo sua sorella
, seduce la serva di sua moglie Agar che gli partorì un figlio, Ismaele, che abban
donò puoi nel deserto, porto suo figlio Isacco sul monte per sacrificarlo a Dio, s
poso un'altra moglie quale li partorì sei figli e ha avuto decine di concubine, di
ede tutti i suoi beni a Isacco e quanto ad altri figli gli diede dei doni, li li
cenzio , mandandoli lontano da Isacco, verso l oriente, per non dividere i beni
del suo amato successore. Giacobbe, figlio di Isacco un altro modello biblico, s
poso due cugine figlie del suo zio, seduce le serve delle sue mogli con quale co
ncepì dei figli, derubo suo fratello della primo genitura davanti al padre vecchio
e orbo, imbroglio suo suocero per 14 anni e fu un bigamo che fornico con le sue
serve. Mosè e il figlio dei due sacerdoti leviti nato dal matrimonio del padre Am
ram con la sua zia Iochebed Esodo.6/20. Sua madre dopo poco tempo della sua nasc
ita lo mese in un cesto di papiro e lo abbandono sulla riva del Nilo, perche il
faraone ordino la morte di tutti i maschi ebrei, cosi come ci dice la Bibbia. La
domanda e, perche non fa la stessa cosa anche con il suo fratello Arone, che er
a anche lui un maschio ebreo? La risposta e che questa storia e stata copiata da
un'altra che ha le radici sempre sulle sponde del Nilo, solo che i protagonisti
sono altri dèi. Mosè viene trovato dalla figlia del faraone che lo porto alla corte
del suo padre, dove viene cresciuto come figlio del faraone. Cresciuto alla cor
te del sovrano d Egitto, anche lui viene istruito ed educato dalla classe più alta
della nobiltà. Era una persona importante e conosciuta fra gli egiziani ed ebrei.
Era ebreo ma anche egiziano, figlio adottivo del faraone. Mosè scappa dalla corte
del faraone , quando uccide un egiziano che picchiava un ebreo per la paura di
non essere ucciso dal faraone, suo padre come ci dice la Bibbia. Ma quante perso
ne non venivano uccise per i motivi minori di questo? Puoi lui, perche doveva av
ere paura del testimone che ha visto l omicidio? Alla fine era figlio del faraon
e, non poteva essere punito come tutti gli altri. Il motivo non e questo. Mosè ha
tradito le mani quale lo hanno cresciuto, era un omicida e un traditore agli occ
hi della corte egiziana. Più avanti la Bibbia ci descrive Mosè, che era una persona
con una educazione elevata, come uno che e pesante di bocca, uno che non e un pa
rlatore, ma un povero pastore del gregge di suo suocero Ietro. Questa sua incapa
cità di parlare non poteva esistere
23
tenendo conto dal posto da dove e stato cresciuto, è solo una scusa utilizzata dai
falsari biblici per far entrare nella scena suo fratello Arone come sacerdote.
Ma perche le persone della stirpe reale scelta da Dio, passano sempre nella Bibb
ia come persone povere, umile, insignificante, con timore di Dio, quando in real
tà sono persone di alto rango, con grandi conoscenze, che complottano da sempre co
n Dio? Mosè, fu un omicida che seppellisce il povero egiziano nella sabbia, un tra
ditore nei confronti del faraone, un assassino che vuoto all anatema intere città
e i loro abitanti, un rapacce che uccise a sangue freddo migliaia di persone, uo
mini, donne e bambini, un violentatore che prende come bottino di guerra 32000 r
agazzine che vengono mantenute in vita per essere sodomizza te dei suoi uomini,
distrugge il vitello d oro, lo fa polvere, lo butta nel acqua che puoi lo da dà be
re al suo popolo. Per il peccato di aver costruito il vitello istiga il suo popo
lo di levarsi uno contro l altro per uccidersi ed e per questo che 3000 uo mini
furono uccisi da Arone il suo fratello e dei suoi sacerdoti. Cora, un sacerdote
figlio di Levi, insieme con i capi principali dell assemblea, uomini di fama non
sono d accordo con Mosè e Arone, perche loro considerano che tutti gli uomini del
l assembl ea sono santi, non solo Mosè e Arone. Mosè chiama suo amico Dio che ucci s
e Cora e altre 200 persone in un attimo. Questa risa non aveva come motivo la sa
ntità , ma la dittatura di Mosè e di suo fratello che non poteva essere supportata p
iù dei poveri uomini. Quando il popolo ha fatto il vitello, Mosè chiede perdono a Di
o per il peccato di aver fatto i idoli, ma non per il fatto di aver ucciso 3000
persone innocente. Popolo mormorava contro di loro per tutti gli anni della loro
sofferenza e non si fidavano più di Mosè, Arone e del loro Dio. E per questo che gl
i rimproveravano sempre della loro sofferenza, tornando al culto dei loro dèi. I s
acerdoti guerrieri e assassini, sono loro che castigavano il popolo quando non c
redeva più nel loro odioso Dio. E questo il modello di mitezza e umiltà del uomo di
Dio Mosè. Giosuè continuo la guerra santa di Mosè e le sue vittorie sono il frutto del
la tecnologia progredita e dell aiuto di Dio. L arca dell alleanza abate le mura
di Gerico e prosciugo il Giordano, con giavellotto accorcio spazio-tempo e vinc
e la battaglia, e per avere la conferma che tutto questo e la tecnologia di Dio,
Dio stesso scaglio dal cielo pietre con quale ammazzò i suoi nemici. Giosuè, come i
suoi antenati e un criminale, assassino, genocida, bigamo. Uccide a sangue fred
do un uomo che ha conservato una parte del bottino di guerra, per se, impicca ci
nque re stermino tutti gli abitanti delle città palestinesi, brucio Zoar e assassi
no 31 re dei territori usurpati, brucio Gerico e salvo soltanto una prostituta c
on la sua famiglia, perche questa aiuto i suoi uomini. Gedeone, anche lui un for
te guerriero, come solo Dio può sceglie, e un altro eroe della chiesa. Aveva decin
e di mog lie, concubine e settanta figli. I guerrieri affamati di Dio vengono a
mangiare da lui. Complotta con Dio, assassino i re medianiti
24
tagliandoli le teste. Ruba i ornamenti e le lunette dai coli dei cammelli dei su
oi adversari, costruì un effo con quale si prostituì, massacro migliaia di persone p
erche adoravano altri dèi, o perche han no usato di deriderlo, a generato un figli
o crudele e omicida come lui, che assassino i suoi sessantanove fratelli. Davide
un uomo secondo il cuore di Dio e il primo re di Giuda e Israele. Un poligama c
on decine di moglie e concubine non solo ebre, ma di tutte le nazionalità di quale
Dio non fa nemmeno caso, un spregevole ubriacone che danzava mezzo nudo, che fe
ce schifo perfino alla sua moglie Mikal che la disprezzo in cuor suo, un tradito
re che voleva guidare un esercito per distruggere i suoi connazionali, un macell
aio che torturo e assassino migliaia di persone, donne, uomini, bambini, facendo
li passare attraverso fornaci, facendoli a pezzi tagliandoli con asce e seghe. R
api e stupro la moglie di un soldato fedele che puoi ammazzo, rubando la moglie
per se stesso, un crudele vendicatore che sul letto di morte ordino la morte di
due anziani: a uno promesse la protezione e l altro contribuì a rendere suo regno
quello che era. Riceve da Dio suo amico il progetto per costruire il tempio e pu
oi complottarono insieme per l uccisione di milione di persone, hanno castigato
altre che non erano d accordo con loro, non hanno rispettato il comandamento di
non uccidere, e l ipocrita creatore dopo tutto il genocidio combinato da loro du
e gli dice tu non costruirai mio tempio perche le tue mani sono piene di sangue,
sarà tuo figlio Salomone che lo farà per me . Questi ipocriti, bugiardi, assassini,
odiosi omicida, sono i modelli biblici della chiesa. Secondo vuoi possiamo segu
ire e lodare personaggi come loro?
25
Cap.7 Le leggi e le regole di Dio
Sinceramente, la maggior parte delle regole e leggi di Dio fanno veramente schif
o; aberrazioni che nessuna creatura giusta non potrà mai fare e non potrà mai promul
gare e seguire. Sfortunatamente queste leggi vengono seguite oggi di migliaia di
popoli, di migliaia di persone che seguano la Bibbia o altri libri sacri che de
rivano da essa. Le regole, le leggi, la guerra santa sono i esempi vividi di atr
ocità, genocidio, assassinio, dolore, morte, sofferenze, frustrazione, schiavitù, ob
bedienza e paura che Dio vuole per suo popolo e per mondo intero. Aprite gli occ
hi perche tutto questo si fa per Dio e nel nome di Dio. Per questo Dio malvagio,
criminale e assassino, i cavalieri templari (sacerdoti guerrieri del pap a), i
crociati, la inquisizione hanno impaurito il mondo per secoli. I templari e i cr
ociati non hanno passato a fil di spada solo i musulmani, ma anche i cristiani e
d ebrei. Il bagno di sangue che hanno provocato per servire questo Dio e la sua
odiosa chi esa, e costata la vita a due milioni di persone, uomini, donne e bamb
ini. Malgrado, tutta questa atrocità continua anche oggi, e si fa la stessa guerra
santa che pare non voler finire più. Vi metto in confronto i comandamenti con le
leggi e regole che Dio ha dato al suo popolo, e che occupano due capitoli della
Bibbia. NON UCCIDERE (comandamento) Le leggi: y Chiunque cometa adulterio con un
a donna sposata, siano messi a morte l adultero e l adultera y Se un uomo colpis
ce un essere umano sia messo a morte y Nessuna persona votata alla distruzione p
uò essere riscattata, sia messa a morte y Vita per vita, occhio per occhio, dente
per dente, mano per mano e piede per piede y Se una giovane vergine e fidanzata
ad un uomo, e un altro uomo giace con lei gli condurrete fuori dalla porta della
città e gli lapiderete y Quando un uomo a un figli caparbio e ribelle che non asc
olta ne madre ne padre il padre lo condurrà dagl anziani della città e allora lo lap
ideranno tutti gli uomini della città y Le streghe devono essere uccise con le pie
tre Questi sono solo pochi esempi delle orrende leggi di Dio, quale sono in oppo
sizione con i comandamenti. NON COMETERE ADULTERIO (comandamento)
26
Le leggi: y Se i fratelli abitano insieme e uno di loro muore senza figli, la mo
glie del defunto non sposerà uno di fuori; suo coniato andrà da lei e la sposerà compi
endo verso di lei il dovere del coniato y Se vedi tra i prigionieri una donna di
avvenente figura e sei preso d amore verso di lei, te la prenderai moglie. Se p
uoi non provi più amore al suo riguardo, la lascerai andare y Se uno sposa la mogl
ie di suo fratello e un impurità non abbia i figli y Quando un uomo ha due moglie
una amata e una odiata, e gli generano dei figli; se il figlio primogenito e del
l odiata, quando distribuirà i suoi beni, da al figli primogenito dell odiata una
parte doppia di quant o possiede AMA IL TUO PROSSIMO COME AMI TE STRSSO (comanda
mento) Le leggi: y Quando ci sarà una contesa fra uomini il colpevole sarà battuto c
on quaranta battiture. y Se due uomini si azzuffano e la moglie di uno di esse s
i avvicina per liberare il marito stendendo le mani e afferrando costui alle par
te vergognose, le taglierai la mano y Lo schiavo e la schiava della tua proprietà
sono dai popoli che abitano intorno a voi; da loro prenderete i schiavi y Anche
degli figli dei ospiti che abitano presso di voi potete prenderli, essi saranno
vostro possesso y Se un schiavo dice amo il mio padrone; allora il suo padrone l
o farà avvicinare al suo Dio, la farà avvicinare al battente o alla stipite della po
rta e gli forerà l orecchio con un punteruolo e sarà il suo schiavo per sempre y Se
a uno schiavo il suo padrone gli a data la moglie che gli abbia generato figli l
a moglie e i figli sono del padrone, e lui può essere liberato solo Se volete legg
ere ancora alti tipi di atrocità che si possono fare contro il vostro prossimo leg
gete l Antico testamento, e cosi riuscirete a capire che Dio vendicativo, crudel
e, malvagio, assassino, bugiardo, state servendo. Questo è il Dio della chiesa e a
questo pazzo, sadico, cretino che non ci chiniamo e adoriamo. I suoi servitori
vigliacchi, bugiardi, violentatori sono gli eroi e i modelli biblici della chies
a. Preferisco essere chiamata pagana, che prostrarmi davanti al Dio degli eserci
ti, al Dio della morte, al Dio dell odio, al Dio della guerra, al Dio della paur
a , che servite voi tutti i popoli di questo Dio. Dio della Bibbia e una persona
in carne e ossa come sono anche i suoi angeli. Sono persone come noi, e come ab
biamo visto possono essere stanchi affamati, assetati. Se erano spiriti non pote
vano avere bisogno di
27
tutto ciò. Nel libro di Tobia ci viene detto che lui, Tobia non sospettava che Raf
aele poteva essere un angelo; ma nello stesso tempo ci prende per il culo dicend
o quando stavo con vuoi lo facevo per la volontà di Dio. Mi abbiate visto mangiare
, non mangiavo nulla; ciò che vedevate era solo apparenza . Ma come non mangiava n
ulla, ma il piato si svuotava? Questa non e apparenza, ma imbroglio. Questo Dio
non ha mai dato agli uomini il libero arbitrio, lui gli dava soltanto la scelta.
Andavi con lui, ti dava qualche cagata, non andavi eri maledetto e buono per mo
rire. Sentite che maledizione fa Dio buono e amorevole per quelli che non lo seg
uano e non rispettano le sue merdose regole: servirai gli nemici che il Signore
ti manderà contro, nella fame, nella sete, nella nudità e nella privazione di ogni c
osa. Se non cercherai di praticare tutte le parole di questa legge scritte in qu
esto libro, il signore colpirà te e la tua discendenza con str aordinari flagelli,
flagelli grandi e persistenti, infermità maligne e ostinate Signore susciterà contr
o di te anche ogni alta infermità e ogni altro flagello che non e scritto in quest
o libro di leggi . Se non siete ancora convinti che Dio e una persona in carne e
ossa vi faro leggere un altro versetto: 2 Sam.7/5 e 1 Cron.17/4 va a dire a Dav
ide mio servo: non sarai tu a costruire la casa in cui abitare. Di fatti non ho
mai abitato in una casa dal giorno in cui feci uscire Israele da Egitto fino ad
oggi: passai da una tenda ad altra da una dimora ad altra . Era un Dio vendicati
vo e fuggiasco, ed e per questo che non abitava più nel suo palazzo. Lui era parti
to con Abramo per distruggere tutta la terra degli dèi. Leggiamo un'altra testimon
ianza che Dio era una persona in carne e ossa Deut23/13 avrai un luogo fuori dal
l accampamento e uscirai là fuori. Avrai un piolo nel tuo bagaglio e con esso scav
erai quando ti accovaccerai fuori, quindi ti rivolgerai a coprire i tuoi escreme
nti. Puoi che il Signore si muove in mezzo al tuo accampamento per proteggerti e
per mettere i tuoi nemici in tuo potere. Avete visto povero spirito? Gli insegn
o una regola buona per l igiene, ma solo per che aveva paura di non calpestare l
ui la merda. Per la linea di sangue ariano, che doveva essere mantenuta tra i il
luminati scelti da lui, sentite che stronzate ci vengono dette nel libro di Tobb
ia 4/12 guardati, o figlio, da ogni fornicazione e prima di tutto prendi moglie
dalla stirpe da tuoi antenati; non prendere una moglie straniera che non sia del
la tribù di tuo padre, perche noi siamo figli di profeti, ricordati, che già dai tem
pi antichi i nostri antenati, Noè, Abramo, Isacco e Giacobbe tutti presero moglie
fra i loro parenti e furono benedetti . Aaaaa !!!!!!!!!! Ho capito! Per loro la
legge non si applica, si applica solo per le persone comune. E puoi quando cazzo
sono stati questi antenati profeti e che cosa hanno profetizzato? Di quelli che
abbiamo visto fino adesso ci siamo resi conto che loro non sono mai stati profe
tti, ma guerrieri di Dio. Nel libro di 1 Samuele, il popolo vuole un re e chiede
a Samuele ora stabilisci su di noi un re, che ci governi, come fanno gli altri
popoli. Questa cosa dispiacque a
28
Samuele che dice: il Signore, vostro Dio e il vostro re , quando Samuele riferì a
Dio la volontà del popolo Dio si imbestialì e disse: questo sarà il diritto del re che
regnerà su di voi; si prenderà i vostri figli per preporli ai suoi cari e ai suoi c
avali, perche corrono davanti al suo coechio per arare la sua campagna, per miet
ere la sua messe, per fabbricare le sue armi di guerra, e gli attrezzi dei suoi
cari. Prenderà anche le vostre figli come profumiere, cuoche, e fornaie. Prenderà pu
re i vostri campi, le vostre vigne e i vostri oliveti migliori e gli darà ai suoi
ministri, prenderà la decima parte delle vostre sementi e delle vostre vigne e gli
darà ai suoi eunuchi e ai suoi ministri. Prenderà la decima parte del vostro gregge
e voi stessi diventerete suoi schiavi . Ma perche Dio e cosi arrabbiato , e con
le sue regole di minchia gli fa i schiavi del re? Per che dai tempi antichi,uom
o e stato sempre il schiavo e servo di Dio. Uomo lo conosceva bene, lui era il s
uo re. Quando agli uomini li veni idea di governarsi da soli, Dio li controllava
tramite re e i sacerdoti, ministri, eunuchi che erano le persone fidate a lui c
ome da solo afferma. Fu allora che comparse il culto del Signore. Le persone com
une non potevano più parlare con lui di persona come succedeva prima. Era il sacer
dote che doveva intervenire per loro. Quando Dio si spostò in altre terre, lontano
dai suoi servi, parlava con loro tramite i oracoli (radio trasmettitori-ricevit
ori) tipo arca del aleanza. Quando Dio si ritiro di tutto dalla terra, rimasero
i nostri preti, vescovi, sacerdoti per imbrogliarci con centinaia di stronzate.
Il culto per Dio in antichità non era quello che noi oggi pratichiamo, ma era quel
lo di sorvegliare i veicoli volanti e le armi che Dio utilizzava nelle sue impre
se. Dio e un essere dal carattere terribile: crudele, vendicativo, capriccioso,
ingiusto ha detto Thomas Jefferson. Per me è un essere imperfetto, come lo è anche l
umanità da lui creata. Questo terribile Dio creato dalla bibbia e sostenuto dalla
chiesa non può essere per nessun motivo al mondo il padre buono, giusto, amorevol
e e misericordioso di quel saggio che noi chiamiamo Gesù. U miliatevi e vergognate
vi di que llo che avete fatto del vero Padre, per che questo Dio NON E IL PADRE
DÌ Gesù, ma quello di quale lui dice di non servire mai, e che noi chiamiamo Satana.
29
Cap.8 Cosa ci insegna la Bibbia
E adesso per riuscire ha capire di più che la Bibbia e una falsificazione dei scri
tti antichi e che non può essere la parola di Dio perche troppo imperfetta, cerchi
amo di puntare i suoi insegnamenti. y Guerra, furto e rapina y Bugia, paura e co
lpa y Sacrifici umani, animali e cannibalismo y Razzismo e l imbroglio y Ubbidie
nza e sottomissione incondizionata y Poligamia, adulterio, prostituzione, incest
o y Schiavitù y Domingo, assassini, crimini, genocidio y Crudeltà, vendetta, truffa
y Tirannia, vagabondaggio. Le persone vissute 2000 anni fa, e quale si vantano d
i aver scritto questo libro su inspirazione di Dio, non hanno fatto altro che ra
ccontarci che loro non hanno mai creduto in questo Dio che ha fatto di loro crud
eli assassini, violentatori e tiranni di altre nazioni. Credendo di essere un po
polo santo, gradito a Dio, hanno rubato e truffato intere nazioni. La loro fiere
zza di essere santi e nata dal ignoranza e superstizione.
30
Cap.9 Le donne nella Bibbia
Nelle religioni monoteiste, la figura della donna non vale niente. La donna e re
sponsabile del peccato che uomo ha commesso verso il suo Dio. La Bibbia ci dice
come Dio maledice l uomo creato da sé, e la sua donna. Il parto doloroso, inimiciz
ia fra il serpente e i discendenti della donna, il dominio del uomo sopra di lei
, sono poche tra tante frustrazioni che la donna deve subire.Nella scrittura, la
donna e il motivo di lite e infelicità del uomo, per la sua bellezza che li seduc
e e li perde. Le sfortunate, che non possono avere dei figli sono odiate e ripud
iate dai loro mariti, sono sostituite da altre mogli nuove o dalle loro serve c
he devono partorire i figli del marito della loro padrona. In genere i figli nat
i da questi matrimoni ricevono solo doni dai loro padri e vengono poi allontanat
i per non poter dividere le ricchezze con i ulteriori figli legittimi.La prostit
uzione e conosciuta dai vecchi tempi e di solito le prostitute erano le schiave
che dovevano divertire il lo ro padrone. In somma la donna deve stare a casa, ba
dare i figli ed essere ubbidiente, con gli occhi piegati davanti ai loro mariti.
Non poteva entrare in nessun dimenio d attività per che tutto era coperto del ruo
lo importante del uomo. Tutte queste cose sono state ampliate vergognosamente da
lla chiesa che uccideva e annientava a sangue freddo qualsiasi tipo di ribellion
e che le donne scontente volevano fare. Con la comparsa di Maria, madre di Gesù, q
uasi 430 anni fa, per la donna si intravede un può di sollievo, ma e stata sempre
cosi? No. In verità migliaia di anni fa le prime comunità umane erano di origine mat
riarcale. La donna aveva un ruolo importante nella società e nella vita del uomo e
della sua famiglia. Le donne erano il nucleo di tutto. La don na perpetuava la
vita, la sua bellezza era privilegio di felicita negli occhi del uomo, era lei a
d accudire e mantenere saldo qualsiasi cosa nella vita della comunità. La Dèa madre,
la dèa della fertilità era onorata e venerata fino ai tempi dei Romani nel terzo se
colo quando Costantino di Bisanzio emise l edito di tolleranza della religione.
Poi i tempi cambiarono, e la donna, simbolo della vita e della fertilità, diviene
una spregevole ignorante creatura buona a nulla negli occhi di tutti, ubbidiente
, sottomessa, umiliata e de sconsiderata per un peccato che non ha mai commesso.
Gli insegnamenti cristiani vogliono che la donna, che è carne e ossa ha disobbedi
to al comando di Dio. Uomo cosi come dice Dio e solo carne e può sbagliare, ma all
ora che dice Dio a proposito del angelo Lucifero che e uno spirito e quale con a
stuzia ha ingannato Eva? Chi e che ha sbagliato prima? Poi c e un'altra cosa imp
ortante che Dio si vanta di aver dato al umanità: il libero arbitrio. Dove sta in
questo caso? Aaa ,
31
si , Dio non ha dato al uomo il libero arbitrio, ma la punizione pe r la trasgre
ssione della regola. Allora quale e con certezza il suo peccato? Se l uomo ha pe
ccato, è perche non ha voluto più accettare l ignoranza e lo stato di schiavitù e di a
nimale in quale viveva. Nel giardino di Eden dove era stato messo, l uomo non vi
veva felice e contento senza a fare un cazzo. No, lui doveva custodire e lavorar
e il giardino come schiavo e servo di Dio. Innumerevole volte Dio ripete che la
terra e sua davanti al suo popolo la t erra e mia, voi siete residenti forestier
i presso di me, non vendete e comprate la terra in perpetuò perche la terra e mia
. Avete capito? Noi dobbiamo lavorare e custodire la terra fino al suo arrivo, e
allora, quale è il nostro peccato? NESSUNO. Siamo battuti fottuti, e con i soldi
rapinati. Ti ringraziamo Dio, abbiamo tutto ciò che desideriamo.
32
Cap.10 Il diluvio universale
In generale la Bibbia rimane un libro buono ma interpretato e capito male, come
abbiamo visto. Interpretando tutto alla lettera, avvolgendo tutto in un aura di
misticismo e mistero ricaviamo più domande che risposte, più male che bene, e più orro
ri che giustizia. Leggendola invece come una testimonianza antica del passato tr
oviamo il racconto inconfutabile dei cataclismi sconvolgenti che il nostro piane
ta ha subito. La Bibbia ci parla dei grandi terremoti , della comparsa di stelle
brillanti come il sole, di eclissi di sole, quando fu buio a mezzogiorno, di gi
orni quando il sole non tramonto per tutto il giorno, invasioni d insetti e anim
ali, di acqua amara e rossiccia che non si poteva bere, di pioggia anomale e di
un grande diluvio universale. Tutti questi cataclismi e fenomeni celesti insolit
i, succedevano per la colpa degli dèi o di Dio. Nelle tavolette sumere della creaz
ione, ci viene detto che anche gli dèi erano spaventati, tremavano e si ritirarono
nei cieli quando il diluvio inizio. Nemmeno loro non potevano sollevare l umani
tà di questo grande cataclisma che sconvolse la terra, ma riuscirono a conservare
un seme dell umanità, che nella Bibbia viene chiamato Noè. Dio, o gli dèi sapevano di
questo fenomeno molto prim a del suo inizio, e cosi loro avvertirono in tempo qu
esto uomo per poter costruire la sua imbarcazione. Gli dèi sapevano prima, del gra
nde cataclisma perche questi fenomeni che sconvolsero la terra sono ciclici, si
ripetono periodicamente, cosi come anche il libro di Eclesiaste lo conferma qual
che volta si sente dire: Ecco, questa è una cosa nuova. Ma questa fu già nei secoli
che furono prima di no i , Ciò che già e stato, è, ciò che sarà, già fu. Dio riporta sempre
ciò che e scomparso . La costruzione del arca che Noè doveva fare, non creo domande
per gli altri uomini, probabilmente perche Noè o si occupava sempre di costruire i
mbarcazioni, o perch e era Dio stesso che coordinava il progetto. Sicuramente Noè
da solo non poteva costruire una nave di quelle proporzioni. La descrizione che
ci fa la Bibbia, non ci lascia dubbi che a posto di una nave era una specie di s
ommergibile. La lunghezza era impressionante, quasi 150 metri e la larghezza 30
metri, composta di celle compartimentale. Aveva tre piani, inferiore, medio e su
periore che terminavano con un tetto che aveva una porta, che come abbiamo visto
, quando tutto fu caricato dentro, Dio stesso la chiuse dopo Noè. Questa tecnolog
ia cosi avanzata non aveva niente a che fare con l uomo primitivo d allora. Fu u
tilizzato un legno resinoso che dopo la costruzione fu spalmato con bitume dentr
o e fuori. Tutta questa cura, per costruire una nave perfetta nei minimi dettagl
i, non lasciano dubbi sull effetto devastante del cataclisma.
33
La Bibbia ci dice che Noè porto con se delle copie degli animali uccelli e piante
di tutte le specie che esistevano sulla terra a quei tempi, ma solo le specie pu
re; vuol dire che si fece una selezione artificiale di tutto ciò che si voleva man
tenere in seguito. Pensare che tutte queste centinaia di specie stavano nel arca
e impossibile. In un'altra testimonianza del diluvio ci viene detto che lui por
to con se semi di ogni specie, e questo mi sembra più plausibile: ovuli e sperma d
i ogni animale e semi di piante. L arca di Noè era un laboratorio genetico di cons
ervare la vita terrestre. Noè con l aiuto di Dio mantené salda la vita della terra,
ed e questo il mistero del sotto marino scientifico di Noè. E il diluvio? La scien
za ortodossa non vuole accettare una calamita di proporzioni universale, perche
se dovessero accettare come prove inconfutabile migliaia di testimonianze che at
testano l esitanza di un diluvio universale, devono accettare anche la ciclicità c
on quale queste disastri colpiscono la terra. Esiste un ramo della scienza che s
i occupa di tutto ciò che viene scartato come prove, che non hanno nessun senso ri
spetto ai insegnamenti scientifici o quale non combaciano con la scienza ortodos
sa. Le cosi dette ooparts, gli oggetti o siti fuori posti di quale si occupa l a
rcheologia proibita. Centinaia di scienziati, persone oneste, attaccati con l an
ima e cuore al loro lavoro, hanno trovat o le risposte vere per centinaia di dom
ande senza risposte, hanno sostenuto le loro affermazioni con prove solide; e qu
ale fu il ringraziamento per tutto ciò? Sono stati mesi a tacere, discreditati, um
iliati, messi alle margini della società, li fu negata la laurea e rischiarono la
loro vita per far conoscere alla gente l inganno mondiale della scienza. Ridicol
izzate e umiliate queste persone rinunciano a rivelare la verità nel momento in qu
ale se ne accorsero che nessuno non li ascolta, nessuno li vuole credere e che s
ono soli ha custodire una verità di quale nessuno non s interessa. Per qualsiasi s
coperta insolita la scienza prima non fa altro che ridicolizzare, puoi c è una for
te opposizione, e in fine quando le prove schiacciante vengono a gala, riescono
con tanta delusione ad accettare che i loro paradigmi ortodossi sono stati abbat
tuti uno a uno. La tragedia più grande e un altra. L opinione pubblica che vive ne
l ignoranza, disinformazione e inganno credono a loro, ai pilastri delle bugie d
al inizio. Poi come si deve fare per contraddire i grandi cervelloni della scien
za? Non li passa per la mente di avere un briciolo di dubbio, e di cercare anche
loro di scoprire la verità. No. La comodità e troppa, e un disturbo di qualsiasi ge
nere non merita nessun sforzo, ed e questa la nostra sfortuna. Se qualcuno dice
di aver incontrato la vergine Maria tutti credono, vano in tantissimi ad assiste
re al miracolo, ma se un altro li dice, che extraterrestri esistono e che da mil
lenni vivono con noi e tra di noi nessuno non li crede. Perche? Perche la nostra
scienza vuole che siamo soli nell univer so. Allora che senso ha il universo in
finito se solo noi siamo degli esseri intelligenti? E perche dobbiamo essere sol
o noi? Che ci piace o no, gli extraterrestri esistono, e gli uomini antichi con
le loro poche parole
34
incomprensibile a volte, ci testimoniano della loro esistenza; cosi come ci test
imoniano molto più di un milione di oggetti e siti fuori posto, le meraviglie del
mondo antico, che sono una parte del loro passato vissuto con noi la loro creazi
one. Esistono probe tangibile che il diluvio sia realmente accaduto? Si, a centi
naia, se gli archeologi quando compiano le loro ricerche non li fanno risalire a
l periodo di dopo il diluvio. Alan F Alford nel suo libro Il mistero della genes
i delle antiche civiltà ci racconta delle scoperte che testimoniano l esistenza di
un diluvio universale e quale non sono state prese in considerazione degli scie
nziati perche cambierebbero la storia. Nell Alaska settentrionale, quando l uomo
cercava l oro gli scavi hanno portato alla scoperta di migliaia di animali sepo
lti sotto la superficie gelata del terreno. Gli esperti non sono stati in grado
di spiegare come questi animali, tipici abitanti delle zone temperate, siano fin
ite in Alaska. Ulteriori esami hanno mostrato che quelli animai ghiaccino in uno
scenario di colossale carneficina: le loro carcasse sono state trovate in uno s
trato di sabbia fine, contorte e smembrati, mescolate ad alberi, piante e altra
fauna. Un scenario apocalittico di colossale carneficina Nelle Ande in sud d Ame
rica furono trovate trace di sedimenti marini a 3800 m altitudine. Nelle rovine
di Tiahuanaco situate a un altitudine di 4000 m sono state trovate sommerse sott
o quasi 2 m di fango portato da un alluvione la cui origine rimane sconosciuta.
Le acque del lago Titicaca, non lontano da li, sono leggermente salate e gli stu
di hanno mostrato che i pesci e i crostacei che vi risiedono sono in predominanz
a oceanici no d acqua dolce. Sotto la superficie del lago a 18 metri di profondi
tà si trovano estese rovine simile alla cultura che esiste in superficie. Qualche
anno fa in Bosnia in cima alle montagne sotto gli alberi cresciuti li, un archeo
logo dilettante ipotizzò che li dovevano essere sepolte delle piramide antiche. Ma
lgrado la botta che presero gli scienziati davanti alla supposizione di un dilet
tante, tutto fu vero, le piramide esistono, sono più grande di quelle Egiziane e s
i trovano in stato di sepoltura. Le piramide si trovano sotto uno strato di fang
o e sabbia marina e i crostacei di origine oceanica si trovano in abbondanza. Se
qualche scienziato ci dice ancora che la piccola montagna insieme con la pirami
de in cima emerse dal mare come dicono di solito, lo invito gentilmente di andar
e a fare un altro mestiere. Volutamente questa grande scoperta e stata ignorata,
perche una tale testimonianza rovescerà tutte le loro teorie, e la storia dell um
anità dovrebbe essere riscritta. Le piramide di Bosnia sono la testimonianza assol
uta di un cataclisma universale come il diluvio e di esistenza di una civiltà prog
redita che gli ha costruite Questa scoperta, finalmente può abbattere il muro che
la scienza ha costruito intorno alla verità. Dell esistenza del diluvio non mancan
o le testimonianze scritte del popolo antico di tutta la terra. La Bibbia cosi c
ome tanti altri testi antichi ci mettono al attenzione il tragico evento, che pe
r il nostro futuro non merita di essere trascurato. Tantissime scoperte archeolo
giche che testimoniano esistenza di cataclismi subite dalla terra, sono volutame
nte nascoste
35
dalla scienza, volutamente non si fa nessun sforzo per farli conoscere alla gent
e, al contrario vengono contraffate o scartate come prove fuori posto, perche ri
conoscere l esistenza di tali eventi significherebbe la sconfitta di questi scie
nziati e delle loro teorie, quale implicherebbero la riscrittura della storia de
l intera umanit à. Le antiche scritture dopo di quale fu scritta la bibbia testimo
niano l esistenza di grandi sconvolgimenti climatici che la terra subbi nel deco
rso di milioni di anni. L uomo che visse in quel periodo li conosceva e ci lasciò
per scritto tale evento per riuscire a prepararci e a metterci al riparo. Allora
noi che pensiamo ad esserci molto più evoluti di loro perche non li crediamo e fa
cciamo beffe della loro testimonianza? Che cosa ci fa pensare di essere più bravi è
di non essere nessuno come noi? Nei nostri giorni la terra ci ha avvertito abbas
tanza del fatto che qualcosa non e in regola che qualcosa succederà, e con tutto c
iò nessuno si ferma per mettersi al riparo e studiare di più questi fenomeni. Sono p
ersone oneste che gridano in vano che siamo manipolati e che la verità ci è nascosta
. Chi di noi li ascolta? Chi di noi si unisce a loro per il nostro bene? Pochi.
Perche? Perche le nostre convinzioni non ci lasciano a vedere la verità.
36
Cap.11 Il peccato originale
L aberrante dottrina cristiana vuole che tutti gli uomini nascono con un peccato
originale che nessuno non ha mai commesso, ma quale viene ereditato da Adamo, p
er tutte le generazioni successive. Un bambino appena nato, che sfortunatamente
muore subito, dopo la sua nascita, e non ha avuto la possibilità di ricevere il ba
ttesimo va negli inferi. Perche? Dove e scritto nella Bibbia una cosa del genere
? La storia del peccato, penso che e conosciut a da tutti. Adamo poverino peccò pe
rche a mangiato dal albero proibito spinto dalla sua donna, che a sua volta fu s
pinata dal serpente. La scrittura ci dice che Adamo era un essere perfetto dal p
unto di vista fisico, perche assomigliava al suo creatore, ma cretino dal punto
di vista intellettuale. Se lui non poteva fare la distinzione tra il bene e il m
ale, figuriamoci che sapeva cosa implicava il divieto che Dio ordino. Il Creator
e gli disse di non mangiare i frutti del albero della conoscenza del bene e del
male; ma non li disse perche. Nella mente di Adamo esisteva soltanto la parola v
ietato, non devi mangiare, ma quale era la distinzione tra che cosa succedeva se
mangiava o che cosa succedeva se non mangiava, no. Perche doveva avere la colpa
uno che non poteva fare la distinzione fra bene e male, buono o cattivo, giusto
o ingiusto? Tra le tantissime cagate che ci vengono insegnate della chiesa, il
peccat o non commesso del povero Adamo ma che pesa sulle sue spalle, e una cosa
che vale tanto per la cristianità. A questo punto mi chiedo: perche viene punito A
damo che era solo un povero cretino, che non conosceva il bene o il male, e non
viene punito l angelo, che era un essere spirituale intelligente, che sapeva le
conseguenze che l uomo doveva subire inseguito al suo inganno? Se questo angelo
del male o satana era nemico di Dio, che cosa faceva lui nel giardino, dove Dio
viveva con la creatura innocente da lui creata, e dove faceva le sue passeggiate
? Se Dio sa tutto, come mai non sapeva niente di questo inga nno del angelo, che
con l astuzia coinvolse il povero uomo? Se Dio diede al uomo il libero arbitrio
perche lo maledisse quando sbaglio? Se Dio e buono e coretto, lo sa che la libe
rta di scegliere non implica la maledizione o l odio perche l uomo non ha fatto
come desiderava lui. Dio non ci ha dato il libero arbitrio a questo punto, ma la
scelta imposta da lui. Quando mando via Adamo dal Eden non gli disse: stai atte
nto, cerca di fare quello che ai visto cui, abbiate cura di voi e della vostra v
ita, che sarà come la costruirete. No, i disse di essere maledetto, di avere parte
solo di duro lavoro dalle sue mani, sudore sulla fronte per la grande fatica, e
nessuna soddisfazione. Ma proprio giu sto questo Dio, che per la sua incapacità m
esse sulle spalle dell umanità un peccato e una colpa mai commessa. Se io ho la po
ssibilità di scegliere di restare con il mio creatore o andare a vivere per conto
mio, dove sta il mio peccato? Mi sono soltanto servita di scegliere una delle du
e possibilità, quale considero che e la più adatta per la mia vita.
37
L angelo che noi chiamiamo Satana e una creatura spirituale. Il fatto di non ess
ere stato d accordo con Dio e che sia ribellato contro di lui, attiro contro di
se l esclusione della dimora celeste come il suo luogo di abitazione permanente.
Espulso da li la terra divento la sua casa, ma non i fu impedito di andare e to
rnare nei cieli quando voleva, e di assistere all assemblea di Dio con gli angel
i quando si stabiliva la sorte di ogni uomo o del intera umanità. Dio era d accord
o con lui quando doveva andare per distruggere la vita di qualcuno. Satana con i
suoi angeli maligni agiscono cosi, perche Dio li permette di fare questo, e vi
spiego perche. Quando il popolo di Dio non ha voluto più Dio come il loro re, e ha
nno chiesto un re tra di loro, Dio disegno Saul come loro re. Saul doveva manten
ere questa carica fin che Davide, il futuro re non era abbastanza preparato per
accedere al trono. La Bibbia ci dice che Saul ha tentato innumerevole volte di u
ccidere Davide, ma non perche questa era la sua volontà, ma perche Dio mandava uno
spirito maligno che irrompeva su di lui e Saul si mise ha delirare in mezzo all
a casa,mentre Davide suonava, e Saul scaglio la spada per trafiggere Davide. Un
altra volta uno spirito maligno del Signore fu su Saul e Saul cerco di colpire D
avide con la lancia, a questo punto Saul era un indemoniato che agiva sotto l in
fluenza di Satana che Dio mando. Un'altra fiaba biblica la troviamo nel libre di
Giobbe dove abbiamo la conferma che Satana non fa niente dalla sua testa, ma ag
isce su ordine de Dio. Un giorno i figli di Dio andarono ha presentarsi davanti
al Signore e tra di essi viene anche Satana. Il Signore disse a Satana: Da dove
vieni? Satana rispose: Dal vagabondare su la terra dopo averla girata. E Signore
: Ai fatto attenzione al mio servo Giobbe? . Su la terra non c e altro come lui.
Satana rispose: forse Giobbe ti teme per niente. Non ai protetto con una stecca
ta lui, la sua casa e tutto ciò che possiede?.. Ma stendi la mano e colpisci i suo
i beni e vedrai come ti maledica in faccia. La chiesa chiama questo la prova di
fede di Giobbe, ma in effetti e la prova che Dio e l artefice del male che ogni
uno di noi subisce. Cosi come controlla il bene Dio controlla e reagisse anche c
on il male, e l azione del serpente quindi e la responsabilità di Dio, non del uom
o. Detto questo posiamo dire che anche il peccato originale e una prova per vede
re la fede del uomo verso il suo Dio, ma le circostanze sono diverse. Uomo non e
ra capace di fare questa deferenza, solo in seguito ha conosciuto la differenza
fra il bene e il male, per qui non ha peccato. C e poi un'altra domanda che non
mi da pace. Per che Dio, che sa tutto, dubita di tutto il suo creato, terrestri
e spirituali insieme? Perche ha bisogno sempre di prove quando lui conosce dal i
nizio tutto? Non e per caso che e un imbroglione che non sa una minchia, e cosi
riesce ha capire le intenzioni delle persone? Il suo comportamento ci portano ha
pensare che la parola fiducia può essere cancellata dal suo cospetto, per che non
ha fiducia ne meno per la sua persona, dubita anche di se.
38
Nel caso di Adamo, che tipo di fiducia si può mettere in una persona inconsapevole
di qualsiasi cosa. Se io al mio bambino piccolo i dico di non fare certe cose e
lui li fa lo stesso, non significa che non ha fiducia in me, o che dubita della
mia buona fede, significa che non e capace di fare la distinzione tra il bene e
il male, di chi e buono e di chi e cattivo, come ha fatto Adamo ed Eva. La loro
azione non e risultato di sfiducia o disubbidienza, ma di inconsapevolezza. Det
to questo, inutile che la chiesa alimenta l uomo con il sentimento di colpa e di
paura per un peccato mai commesso ne di Adamo né di Eva, né di nessun altro essere
umano vissuto su la terra dalle origini fino ad oggi.
39
Cap.12 Il giorno del Signore e la fine dei giorni
Questi due eventi sono dei argomenti di quale si parla tanto, nella Bibbia, perc
he il loro arrivo portano grandissimi cambiamenti per l umanità, e nello stesso te
mpo grandi cataclismi. I uomini antichi conoscevano l effetto devastante del lor
o passaggio su la terra, ed e per questo che ci hanno lasciato cosi tante testim
onianze, spiegazioni e consigli, per prepararci in qualche modo e avvertirci dei
grandi cambiamenti che il loro passaggi nei presi della terra comportano per l
intera umanità. Nel capitolo dedicato al diluvio universale, abbiamo detto che que
sti cataclismi subiti dalla terra, hanno una ciclicità precisa, cosi come ci confe
rma sempre la Bibbia. Sono tante persone che non vogliono credere nelle parole d
ei antichi, ma ne meno la scienza non e d accordo con una tale affermazione. Sen
za essere uno scienziato, pensando solo a quello che sento e guardando a tutto q
uello che mi circonda, mi rendo conto che niente , di tutto quello che succede s
u questo pianeta, non e altro che ciclicità. Nessun fenomeno di tutto quello che c
i circonda non e altro che un giro che segue e si ripete da migliaia di anni, co
n grande precisione, e che tutto ciò era molto conosciuto nel antichità. Vi chiedere
te forse come mai i antichi erano a conoscenza di tale sapienza, e noi oggi con
tutta la tecnologia di quale disponiamo non siamo capaci a scoprire certe cose.
La risposta e semplice: loro vivevano in contatto diretto con natura e studiavan
o i astri, per ogni loro impresa. Ci sembra stano e tante volte ci viene da ride
re vedendo tutta questa fatica che loro facevano per sapere cosa dicono i astri,
pero non erano loro che sbagliavano, ma noi. Vivere in contatto con natura non
significa stare in bosco o sulla montagna, fuori nel aria aperta. No. Vivere in
contatto con natura significa tenere conto della ciclicità e di tutto quello che s
uccede. Per esempio: sono giorni e mesi precisi quando si deve piantare e mieter
e, periodi precisi quando un uomo deve intraprendere un azione quale dipende sem
pre del allineamento dei astri, q uando vai ha raccogliere i frutti devi chieder
e il permesso alla pianta, per che anche lei e viva , e se lo fai ti darà i frutti
con amore, e tu non devi rompere anche le foglie se non ti sono utile. Quando i
astri ti permettono di seminare, chiedi il permesso alla terra e pregala di ave
re cura delle tue piante. Avendo tutta questa conoscenza, per loro era semplice
, e sapevano con certezza quando la terra si ribella e quando i fenomeni celesti
sconvolgeranno il pianeta. Per i antichi il giorno del Signore e un giorno cata
strofico per la terra e per i suoi abitanti. E il giorno in quale vengono creati
nuovi cieli e nuova terra, è il giorno il quale niente non rimane come era prima.
Cambiano i cieli, cambia anche la terra.
40
Ma come cambiano i cieli e perche? Descrizioni di questi cambiamenti li troviamo
nei libri dei profeti , nei vangeli, Giobbe, salmi e nel libro di rivelazione.
Nei cambiamenti celesti si notano per prima dei effetti strani che subiscono il
sole e la luna per colpa del passaggio di un corpo celeste sconosciuto nei press
i della terra. Sentite come viene descritto questo corpo celeste: Dal settentrio
ne giungono splendori dorate , La perfezione e l intimo di Dio, e più estesa della
terra nella sua dimensione e più vasta del mare , Il numero dei suoi anni e incal
colabile ,Dio sa L ampiezza della terra, dove abita la luce e le tenebre dove ha
nno dimora, sa annodare i legami delle Pleiadi o sciogliere i vincoli di Orione
e guida L Orsa con i suoi piccini , Fisa i cieli come una tenda, costruis ce su
le acque le sue stanze. Con poche parole i antichi ci descrivono questo corpo ce
leste che loro veneravano come un dio che viene dal settentrione, maestoso e bri
llante, le sue dimensioni sono impressionanti, più grosso della terra, molto vecch
io, incalcolabili i suoi anni, viene da lontano dove la luce del sole non arriva
passando probabilmente tutto il sistema solare, perche vengono enumerate tante
costellazioni della nostra galassia. La sua venuta provoca su la terra un grande
cataclisma che fa ann ientare ogni forma di vita, niente rimane, tutto viene pu
rificato. Vediamo come descrive Isaia questo temibile evento,13/9 Il giorno del
Signore arriva crudele per fare dalla terra un deserto Le stelle del cielo le lo
ro costellazioni non fanno brillare la loro luce, il sole si oscura al suo sorge
re e la luna non diffonderà la sua luce renderà l uomo più raro del oro. 42/15 devaste
rà i monti e le valli e inaridirà la loro vegetazione. Cambierà i fiumi in isole e asc
iugherà le lagune Gioiele 3/3-4 ci dice: Faro prodigi nel cielo e sulla terra: san
gue, fuoco e colone di fumo! Il sole si cambierà in tenebre, la luna in sangue, qu
ando vera il giorno del Signore . Amos7/9 In quel giorno faro tramontare il sole
a mezzo il giorno e ottenebro la terra a mezzo di un giorno luminoso. Sofonia 1
/14-18 E vicino il giorno del Signore.. giorno di colera quel giorno, giorno di
angustia e tribolazione, giorno di turbine e tempesta, giorno di turbine e calig
ine, giorno di nebbie e oscurità. Nel giorno di colera.. dal fuoco del suo zelo sa
rà divorata la terra! Infatti distruggerà anzi sterminerà tutti gli abitanti della ter
ra In questo giorno tutti i profeti annunciano un grande cataclisma che distrugg
erà la terra e sterminerà i suoi abitanti. Questo fenomeno non può essere evitato per
che e provocato d un pericolo che viene dai cieli. I nuovi cieli di quale parla
la Bibbia non sono altro che un fenomeno inedito che succede nei cieli, un piane
ta sconosciuto che passa il nostro sistema solare, modifica l attrazione gravita
zionale dei nostri pianeti provocando grandi cataclismi. In questo particolare g
iorno cambiano i cieli e la faccia della terra, e le proporzioni gigantesche del
disastro stermineranno qualsiasi forma di vita. Secondo me, questi disastri di
grande intensità e proporzioni hanno distrutto innumerevole volte la vita su la te
rra, uno di queste verificandosi quando sono stati scomparsi i dinosauri insieme
con gli uomini giganti che vivevano in quei tempi. Lo
41
so, volete dirmi che l uomo non esisteva in quel epoca, ma in verità vi sbagliate.
La scienza vi sta imbrogliando. I posti dove furono trovati i sch eletri di din
osauri pullulavano di scheletri umani gigantesche sepolti insieme con loro. Nel
nord America c e un intera vale dove sono sepolti uomini e dinos auri insieme. U
n altro fenomeno che Bibbia ci descrive con tanti dettagli e l evento conosciuto
come fine dei giorni. Probabilmente tantissimi tra di voi credono che e la stes
sa cosa con il giorno del Signore, ma non e cosi. Cerchiamo di capire che signif
ica la fine dei giorni e quale sono le conseguenze che precedono questi tempi. I
nnanzi tutto ci vengono descritti una serie di eventi che precedono l evento f i
nale, quale si verificheranno in tutte le parte del mondo, ma non parlano della
fine di tutti gli esseri viventi e ne del fato che l umanità sarà annientata, anzi u
n terzo vivrà. Tutto inizierà quando il mondo intero sceglierà un re che governerà su tu
tto il pineta. Le sue azioni malvagi porteranno al inizio a una grave carestia e
a una crisi monetaria senza precedenti, seguita dal obbligo del marchio, che pr
obabilmente sarà un microchip con quale gli uomini potranno prelevare e pagare la
merce con i soldi elettronici. La penuria dei viveri attirerà nuove malattie, fame
e morte. Tutto questo darà inizio a una nuova guerra mondiale. Alla fine della gu
erra l umanità non riuscirà a ricostruire qualcosa, perche si verificheranno sconvol
genti fenomeni celesti che distruggeranno la terra sarà un grande terremoto, il so
le si offusco, da apparire nero come un sacco di crine; la luna tutta prese il c
olore del sangue; le stelle dal cielo precipiteranno sulla terra come i frutti a
cerbi di un fico; monti e isole, tutte scompariranno dal loro posto e la gente s
i rifugeranno nelle caverne e fra le rupi delle montagne. La grandine con fuoco
mescolato a sangue cade sulla terra Una enorme massa incandescente cade nel mare
e una stella enorme che bruciava come una fiaccola cade sulla terza parte dei f
iumi. Fu colpita la terza parte del sole, la terza parte della luna e la terza p
arte delle stelle in modo che si offusco la terza parte di loro e cosi il giorno
non brillava per una sua terza parte e lo stesso la notte. Puoi vidi un cielo n
uovo e una terra nuova. Infatti il cielo e la terra di prima erano scomparsi; ne
pure il mare c era più (Rivelazione). Nello stesso modo anche i vangeli ci parlan
o di questi eventi: Marco24/29 Il sole si oscurerà, la luna perderà la sua splendore
, le stelle cadranno dai cieli e le forze del cielo saranno sconvolte Luca21/25
ci saranno strani fenomeni nel sole, nella luna e nelle stelle. Sulla terra i po
poli saranno presi d angoscia e dallo spavento per il fragore di mare in tempest
a . Gli eventi che devono precedere la fine dei giorni non annienterà la vita dell
a terra. Saranno abbastanza uomini che potranno vivere tranquilli in un regno nu
ovo su una terra nuova e sotto i cieli nuovi. Allora che significa la fine dei g
iorni? Non si riferisce di certo alla fine della vita sulla terra, ma alla fine
del tempo. Il tempo come lo conosciamo noi oggi, non ci sarà più. Non esisteranno ne
orologi ne calendari ne anni e ne giorni. Il tempo cesserà di esistere, perche la
terra passera in un'altra dimensione, elevata e spirituale. La terra passera ne
lla quinta dimensione. I giorni
42
saranno finiti per che il tempo cosi come lo conosciamo noi finirà. La vita su la
terra passera ad un'altra età d oro.
43
Cap.13 Il sangue e i sacrifici richieste da Dio
Per tanto tempo la proibizione divina di non bere sangue e di non mangiare la ca
rne con il suo sangue mi sembrava una regola sanitaria importante che Dio ha dat
o al suo popolo. Le infezioni più pericolose che il nostro organismo può contattare
sono quelli trasmesse via sangue. Nei tempi antichi era difficile capire come un
virus poteva essere trasmesso via sangue. Quando un animale infettato con un vi
rus veniva mangiato senza essere cucinato bene, l uomo si ammalava senza capire
come e da dove ha preso la malattia. In quei tempi la trasfusione no era conosci
uta, per cui dobbiamo prendere alla lettera questa espressione. Quando Dio ha or
dinato questo divieto, significa che veramente il suo popolo mangiava carne crud
a e beveva il sangue. A parte il rischio di danneggiare la salute del organismo,
Dio ci da un altro motivo per quale il sangue non può essere ingerito. Lev 17/10-
16 l anima di ogni vivente e nel suo sangue, in quanto esso e vita perche la vit
a di ogni vivente è il suo sangue. Non dovete mangiare nulla insieme al sangue 19/
26. sia quello di volatile sia quello di bestia..dovete versare in tal caso il s
angue e la dovete coprire di polvere. Nel antichità si faceva espiazione con il sa
ngue dei bambini o dei animali, e l altare si segnava col sangue del offerta sac
rificata. Col sangue furono segnate le case degli ebrei, quando Dio decimò tutti i
primogeniti degli egiziani e una grande quantità di sangue fu sparsa su tutto il
popolo ebreo quando Dio fece il patto con loro. Il spargimento di sangue chiede
sempre un altro spargimento di sangue Gen 9/5 certamente del sangue vostro, ossi
a della vostra vita, io domanderò conto: ne domanderò conto ad ogni animale; della v
ita del uomo io domanderò conto alla mano del uomo Chi sparge il sangue di un uomo
, per mezzo di un altro uomo il suo sangue sarà sparso. Per che si deve avere cosi
tanta cura per il sangue? Perche al immagine di Dio egli ha fato l uomo. E vero
che la vita o l anima di ogni uomo e nel sangue? E se e cosi che cosa si intend
e quando diciamo vita nel sangue. Be ,cerchiamo di rispondere. Il sangue e la co
sa più preziosa di ogni essere vivente. Il sangue trasporta cibo e nutre ogni orga
no del nostro corpo, ossigena il nostro cervello, crea i globuli rossi che mante
ngono la nostra salute, e crea quelli bianchi che mantengono sano il nostro sist
ema immunitario .Ogni uomo ha un gruppo sanguineo e la trasfusione non si può fare
se il donatore-ricevitore non sono compatibili. Ma la cosa più importante che c e
nel sangue, quella che ci da la singolare particolarità di individuo e il DNA. Ne
ssun uomo non può avere il DNA uguale con un altro, ed e questo che ci ha dato l i
mmagine di Dio. Le gene invece , danno ha ogni uno di noi la singolarità come indi
vidui. L elica incompleta del DNA sono la certezza della manipolazione genetica
che il nostro Dio ha esperimentato con noi. Tramite le gene si trasmettono i
44
caratteri ereditari dal genitore al figlio, come colore dei capelli, carattere,
colore dei occhi e della pelle. Vi ricordate che abbiamo parlato del abitudine d
ei nostri modelli biblici di imparentarsi tra di loro, senza che Dio facessi cas
o delle loro unioni illecite? Poi, la spiegazione che ci da la chiesa non può sodd
isfarci perche loro non erano profeti. La verità e altra, mantenere una stretta pa
rentela tra individui con certe particolarità mantiene la purezza della razza e de
l sangue inalterate, mentre negli altri individui si perde, o si indebolisce. La
parentela del sangue ha portato al mantenimento del sangue blu o sangue reale c
ome di solito viene chiamato. Un'altra particolare importanza si da al sangue qu
ando si compiono i riti di sa crificio sul altare del Signore: l olocausto, ripa
razione, comunione, espiatorio e altri schifosissimi modi di spargere il sangue
umano o animale in onore di Dio. Ogni giorno gli ebrei sacrificavano centinaia d
i animali nuotando nei bagni di sangue solo perche dono offerto come odore gradi
to al Signore Levit3/5, o come cibo, dono offerto al Signore Levit3/11. Leggendo
questi orrori spontaneamente ti chiedi che bisogno aveva questo Dio, che e uno
spirito, di odore di carne bruciata e di cibo dal sacrificio, quando ha detto ch
e non devi spargere il sangue. Non ha importanza che il divieto e solo per il sa
ngue umano, mi irrita il concetto. Che bisogno aveva di fiumi di sangue sparsi s
ul altare, e poi prelevato in grossi vasi, da migliaia di animali sgozzati e las
ciati a morire dissanguati veniva buttato? Quanto minchia di santo può essere un l
uogo dove arrivi con centinaia di bue, torri capre e pecore, che puzzano, piscia
no e cagano da per tutto, aspe ttando di essere sgozzate in onore di Dio? Questi
animali vengono sacrificate e poi dissecate per prendere il grasso degli intest
ini, i reni e la coda per essere bruciate in onore di Dio. Com e la coda di un a
nimale una cosa buona da offrire come cibo per Dio quando sta sopra il culo del
animale? Sentite come si fa il sacrificio di comunione Lev 3/7 -11 imponga la ma
no sulla testa della sua offerta e la immoli davanti alla tenda del convegno, e
i figli di Arone ne spargono il sangue intorno al altare. Del sacrificio di comu
nione offra come dono al Signore il grasso, la coda intera, staccandola vicino a
l osso sacro, e il grasso che ricopre gli intestini e tutto il grasso che sta in
torno agli intestini, i due reni con il loro grasso e il grasso intorno ai lombi
e al lombo del fegato che staccherà al di sopra dei reni. Il sacerdote farà fumare
tutto questo sull altare, come cibo, dono offerto al Signore. Ma che cosa mangia
il Signore, solo merda? E questa la santità di Dio, che trasforma il santuario in
un ovile schifoso e puzzolente, di animali uccisi solo per bagnarti del loro sa
ngue e avere la coda come dono gradito come cibo per Dio? Ma che cosa e il Signo
re, un satanista che si diletta delle parti ne onerose della vittima e prende l
energia dal sangue e della paura delle vittime sacrificate? L antico testamento
e pieno anche troppo di descrizioni di sacrifici di ogni tipo che si fanno sul a
ltare di Dio.
45
Nei vecchi tempi, l uomo portava doni alla sua divinità non faceva sacrifici come
chiede questo Dio della Bibbia, che si sforza con tutto il cuore di descrivere b
ene il rituale sacrificale per ogni cosa, e che a me mi fa vomitare senza alcun
sforzo. Questi rituali e sacrifici si fanno anche oggi, solo che quelli per qual
e vengono fatte si chiamano demoni e Satana e io non vedo alcuna differenza tra
Dio e loro. Sentite cosa dice John Milton, nel suo libro Paradiso perduto di Mol
och: Dapprima Moloch, orrendo re, sporco di sangue Di sacrifici umani e delle la
crime dei genitori, Ma, a causa del forte rumore di tamburi e cembali, Non si udì
il pianto dei figli, che attraversarono il fuoco, Verso il suo truce idolo. La p
ratica del spargimento di sangue umano o animale e l etichetta dei satanisti, ch
e nutrono i loro demoni con l energia negativa sprigionata dalla paura e il dolo
re delle vittime sacrificate. Il più famoso satanista del mondo, Aleister Crowley
che sostiene il sacrificio dei bambini, spiega le ragioni della morte rituale ne
l suo libro: Magick in theory and practice : Secondo la teoria dei antichi maghi
, ogni essere vivente è un pozzo di energia che varia per quantità a seconda della d
imensione del animale e per la qualità a seconda del suo carattere mentale e moral
e. Al momento della morte di questo animale, questa energia viene improvvisament
e liberata. Se si vuole il massimo risultato in termini spirituali, bisogna quin
di scegliere una vittima che contenga la più grande e la più pura forza. Un bambino
maschio di perfetta innocenza e notevole intelligenza e la vittima più soddisfacen
te e adatta. Lo scopo di qualsiasi rito e quello di nutrire i demoni. L energia
negativa potentissima che viene sprigionata per la paura e il dolore saziano i d
emoni. Visto quanti sacrifici voleva Dio cristiano, non ho dubbi che lui è un demo
ne. Non vi fate la croce, più avanti vi renderete conto che ho ragione. Nel Deut 3
2/17 Mosè nel suo cantico in onore di Dio ci dice come il popolo ebreo abbandonò il
vero Dio che lo aveva fatto lo provoco a gelosia con dèi stranieri, sacrificando a
i demoni, che non sono Dio, a dèi che non conoscono, nuovi, venuti da poco, che no
n hanno temuto i vostri padri. Sicuramente volete dire che Dio di Mosè e il vero D
io che non e contento dei sacrifici che gli ebrei facevano agli demoni. E no, il
vero Dio, nostro Padre creatore, ci dice che l uomo l ha dimenticato, ed e anda
to dalla parte dei demoni sacrificando per loro, che non sono Dio, e non sono ne
dèi che i loro padri conoscevano prima, ma nuovi, sconosciuti dal popolo. Probabi
lmente non riuscirete ha capire quello che voglio dire, ma più avanti vi dimostrerò
come nella Bibbia sono due Dio. Il vero Dio che non è un dio, ma il Padre del univ
erso che ci ha lascito tutta la sua conoscenza e sapienza fu stato sostituito di
questo rapace che ha soggiogato tutto il mondo mettendo nelle sue mani orrende
la vita di tutti, obbligandoci di venerarlo e di credere nelle bugie del suo lib
ro sacro dal
46
quale ne meno una parola non si riempi. Questo secondo dio e un demone, nel suo
potere e tutta l umanità, è il principe di questo mondo a quale tutti si chinano sen
za volere, credendo che lo fanno per il vero Dio. Con astuzia ha preso il posto
del nostro creatore, e noi tutti veneriamo Satana. Leggiamo che dice il vero Dio
dei sacrifici in Osea 6/6 io vog lio l amore, non i sacrifici, la conoscenza do
Dio, non gli olocausti, e poi Michea 6/6 Con che cosa mi presenterò davanti al Si
gnore, mi incurverò davanti al Dio Altissimo? Mi presenterò a lui con olocausti, con
giovenchi di un anno? Può gradire il Sign ore migliaia di montoni, miriadi di riv
oli d olio? Dovrò offrire il mio primogenito per il mio delitto, il frutto del mio
seno per il mio peccato? Ti è stato annunciato, o uomo, ciò che è bene e ciò che il Sig
nore cerca da te: nient altro che compiere la g iustizia, amare con tenerezza, c
amminare umilmente con tuo Dio! Anche Isaia ci dice come il Padre odia i sacrifi
ci in 1/11-16 Che m importa dell abbondanza dei vostri sacrifici? Sono sazio deg
li olocausti degli arieti e del grasso dei vitelli. Il sangue dei tori, degli ag
nelli, e dei capri non lo gradisco Le vostre mani sono piene di sangue. Lavatevi
, purificatevi, rimuovete dal mio cospetto il male delle vostre azioni, cessate
di operare il male. Vedete è impossibile ha pensare che questo d io che odia il sa
crificio e il spargimento di sangue è lo stesso dio che ci descrive nei minimi det
tagli tutti i ritti di sacrificio che devono essere fati nel suo onore. Ad un an
alisi più attenta ti rendi conto che li sono due dio. Uno è il vero Padre del univer
so e l altro il padre del mondo umano che è un dio demone.
47
Cap.14 L età dell umanità
Lo scopo della vera parola biblica e uno solo: insegnare ad uomo ad arrivare ala
sua vera spiritualità perduta. Facile di parlare difficile di raggiungere. Noi pe
nsiamo che leggendo la Bibbia e facendo quello che la chiesa ci insegna ci porte
rà a raggiungere la spiritualità, ma non e cosi. Quando Dio creo l uomo a sua immagi
ne e somiglianza, l uomo era perfetto. Era un essere spirituale con un corpo mat
eriale. Spirito e materia in una perfetta armonia, il lato positivo e quello neg
ativo, che si trovano in ogni forma di vita del universo, l equilibrio perfetto
tra le due forze antagoniste che creano la perfezione. Materia e antimateria in
una perfetta armonia che creano la perfezione. E possibile? Dal punto di vista d
ella nostra scienza no. Allora? Vediamo che significa essere spirituale e che co
s e un essere spirituale, perche alla fin fine Dio e proprio questo, no? Quando
uno dei discepoli chiede a Gesù quando vera la fine, lui rispose: ai conosciuto il
principio per sapere come sarà la fine? ed e proprio questa la risposta. Come fai
ha sapere chi sei, da dove vieni e cosa sarà, se non riesci ha sapere da dove sei
venuto, che forza e potenza nascondi, che cose impensabile sei capace di fare?
Chi sei tu essere mortale e perche pensi che al inizio eri un essere spirituale?
Sappiamo che Dio creò tutto l universo, ma nessuno non e stato capace di spiegare
come, e chi ha creato Dio. Nel nostro cuore siamo consci che Dio c e, anche se
siamo miscredenti, o atei, ma le tante domande senza risposte ci fanno dubitare
anche quel poco che germoglia nel nos tro cuore. Con le mie parole semplici prov
erò di dare qualche risposta, anche se sicuramente saranno in tanti ha discreditar
mi, e sicuramente non sarà difficile, per che io dal punto di vista scientifico so
no un dilatante. Io non ho paura di parlare di quello che pochi possono capire,
probabilmente perche tutta questa illuminazione e sapere che mi e stata data vie
ne dal alto e poi anche quel saggio che noi chiamiamo Gesù ha detto: Dio ha nascos
to queste cose ai sapienti e le ha fatte conoscere ai piccoli. L universo è l oper
a del Padre, e il Padre la creò dal energia, per che il Padre è energia pura e cosci
ente, intelligente che porto tutto alla luce. Al inizio fu Parola, e Parola e su
ono, e suono e energia, e energia creò materia. Detto più semplice: al inizio fu sol
o energia pura, che si accumulò sempre di più fino quando inizio a vibrare, a suonar
e sempre di più fino quando esplodo, creando in questo modo materia. E più o meno qu
ello che scienziati chiamano Big - Bang, solo che non fu materia ha creare l ene
rgia ma l energia che creò materia. Per quelli che non hanno la minima idea di que
llo che voglio dire , cercherò di spiegare meglio. Quando dico energia sicuramente
tutti pensano ad altre forme di essa, che noi conosciamo, ma io parlo del energ
ia pura che da vita, del energia che ha creato la
48
vita. Per esempio: la terra, le pietre, i minerali sono per tutti materiali senz
a vita, beh, non e cosi. Tutte queste forme che ci circondano esistono per che d
entro di loro c e l energia. La terra nuda vive, la terra è viva ed è cosciente, per
che dentro e piena di energia, e questa energia è cosciente, e questa energia vib
ra. Dalla dimensione in quale viviamo, noi non posiamo vederla, ma questo non si
gnifica che non c e. Un minerale si trasforma, si scioglie con la temperatura pe
r che dentro ha energia, e. c. v. L energia pura ha creato la materia, che a sua
volta ha dentro di se energia. Energia pura e il suono hanno creato la materia.
Maschio e femmina, padre e madre: sono loro i genitori del universo materiale.
La materia creata era perfetta, armoniosa senza errori. La materia era animata d
al energia spirituale pura e anche lei inizio ha creare. Compaiono le prime form
e di vita materiale che col passare del tempo evolverò, e pian pianino crearono fo
rme di vita più complesse, più evolute. Energia spirituale che era dentro la materia
era immortale, e grazie a lei, la prima creazione viveva talmente tanto, che se
mbrava immortale come l energia stessa. Dopo millenni di evoluzione continua, in
perfetta armonia con lo spirito, la materia inizio il suo degrado. L universo h
a tante dimensioni e in ogni uno di loro c e la vita in diversi stadi di evoluzi
one. Noi pensiamo che a vita intelligente e comparsa su la terra per la prima vo
lta, anche se la terra e un pianeta abbastanza giovane, cosi come poteva compari
re anche in altri mondi del nostro universo infinito. Gli esseri intelligenti no
n sono tutti uguali, ma diversi tra di loro, per che le condizioni di vita dei m
ondi universali non sono uguali tra di loro. Un essere intelligente materiale no
n implica l intelligenza a quale pensiamo noi oggi, ma il fatto di sapere vivere
in armonia con il mondo universale, dove lui ha le radici, e questa conoscenza
universale i viene data dallo spirito, dal energia quale lo creò. E questa la sapi
enza che dobbiamo raggiungere noi mortali. Quando fu la grande esplosione, l ene
rgia si spezzò in migliaia di scintille di luce che vagando nello spazio iniziaron
o ha dare vita e forma alla materia, creando cosi i primi pianeti. Il sole e un
frammento di energia che si amalgamò con poca materia formando cosi un pezzo di lu
ce e calore, ed e lui che creo i primi pianeti. Su ogni pianeta del universo c e
vita, ma non su tutte la vita intelligente. Ogni pianeta e ogni dimensione ha p
articolare forme di vita in stretto contatto con le condizioni che esistono su o
gni una di loro. La vita materiale intelligente non fu cosi al inizio. Lo spirit
o che e energia inizio per gioco ha prendere diverse forme, creando materia. Pro
vò tante forme fin che trovò la forma perfetta per materializzarsi e quella forma ch
e di più i piacque fu la forma che noi abbiamo oggi. Questo es sere perfetto, che
era spirito e materia insieme era immortale. Il tempo non c era più e lui poteva v
ivere in armonia con tutta la creazione. Era lui il primo essere spirituale perf
etto che la grande mente universale ha creato. Il tempo e il spazio non esisteva
no e la sua vita era immemorabile. Queste scintille d ener gia pura intelligente
potevano
49
essere tutto e uno solo nello stesso tempo, e ritornavano sempre dal padre che l
i ha create. Tra di loro però furono una parte che inizio ha volere stare di più in
forma materia le, e pian pianino la materia le incatenò. La materia non lasciò più lo
spirito ad andarsene, e cosi rimase prigioniero nella forma. La coscienza univer
sale c era dentro la materia ma non poteva più anda re e tornare quando voleva dal
Padre. La materia iniziò il suo degrado. L energia immortale era dentr o di lei,
ma la sua vita iniziò ad accorciarsi. La materia non poteva vivere in eterno e con
la sua morte poteva liberare finalmente il spirito imprigionato dentro di lei.
Al inizio la coscienza universale che era dentro la materia non era persa. La ma
teria sapeva chi è, e da dove viene. Poi la condizione materiale la portò ha dimenti
care le sue origini, e a vivere solo in questo piccolo universo materiale di qua
le ci leghiamo tanto nel percorso della nostra mortale vita. E questo il degrado
che noi dobbiamo recuperare. La materia deve iniziare ha ricordare da sola chi è,
e da dove viene. Dentro di noi c e lo spirito universale che ci po guidare, sol
o se lo ascoltiamo. Questi esseri spirituali materializzati, al inizio vivevano
nella più alta di mensione universale, vicini al Padre che li ha creati. La loro v
ita scorreva bella e senza preoccupazioni, la luce, l amore, e l unita che esist
eva tra di loro li dava il massimo di soddisfazioni. Mangiare e bere non esistev
ano, perche il loro cibo era luce e calore dal energia del Padre. Non conoscevan
o ne preoccupazioni, ne lavoro, ne l infelicità. Una felicità senza fine era la loro
vita. Loro non conoscevano la vecchiaia, i piedi e le loro braccia erano sempre
robuste. La morte che veniva dopo una lunga catena di anni era come un dolce so
nno. Questo e un brano di una vecchia legenda che racconta le cinque età che l uma
nità ha passato dalla sua creazione, e quale viene chiamata l età d oro. Quando ques
ta età fini e tutti quei uomini morirono, i loro spiriti tornarono dal Padre, ma l
a loro esperienza dentro la materia li trasformo in saggi che tornarono ad aiuta
re la nuova umanità che doveva nascere. Sul nostro pianeta nacque un'altra generaz
ione degli uomini inferiore dal punto di vista spirituale alla prima, e la vita
che si formò in seguito degenero rispetto a quella di prima. Questa età viene chiama
ta l età d argento. La stessa legenda ci dice che uomini di quei tempi non erano p
iù come quelli di prima. La loro felicita, forza e saggezza erano diminuite. Cento
anni vivevano con i loro genitori e corta era la loro vita. Conoscevano dolore
e amarezza e non sapevano che cos e la sottomissione. La morte li infranse e per
irono pure loro. Questo uomo nuovo, non era nato dal spirito che si materializzò,
ma era nato dalla materia stessa che era animata dallo spirito. L imperfezione c
he creava la materia iniziava a farsi vedere. Con ogni generazione che nasceva,
viveva e poi moriva, la materia era predominante. Lo spirito iniziò a manifestarsi
sempre di meno e le generazioni successive persero la loro spiritualità sempre di
più. La generazione d argento comparse su la terra per che questa volta fu materi
a che generò altra
50
materia. A parte le leggende rimaste non abbiamo nessun altra testimonianza di q
uel epoca. La nostra scienza vuole prove per poter sostenere tale affermazioni.
I tempi quando successero tale meraviglie sono remotissimi e le testimonianze ri
maste sono quasi inesistente. Le poche cose rimaste, o non sono state ancora sco
perte o si confondano con quelli di un'altra epoca, per cui chi vuole credere be
ne, chi no, può provare di scoprirle. Quando spari anche la generazione d argento
su la terra nacque la generazione di rame. Iniziando con uomini di questa età le t
estimonianze sono di più. La legenda ci dice che uomini di questa età erano di una f
orza senza uguale. Non lavoravano la terra e non mangiavano i frutti che lei dav
a, erano superbi amavano la guerra, il loro cuore era indomabile, le loro bracci
a molto potenti e la loro altezza era impressionante. Loro erano i giganti di qu
ale parla tutto il mondo antico. Sono sicura che pensate che vi racconto le ball
e, ma sentite il bello, e poi ditemi se la vostra coscienza vi lascia ha contrad
dirmi. Questa generazione e esistita veramente su la terra per che le prove sono
ha centinaia. Questa volta sono prove incontestabili che testimoniano con certe
zza del esistenza dei giganti e per essere più chiara, questa generazione ha vissu
to vicino ai dinosauri. I dinosauri non sono tutti rettili. Sono in una grande v
arietà mammiferi che partoriscono e allattano cuccioli. Dinosauri erano utilizzati
come cavalli dai giganti. Inutile nascondere la testa nella sabbia, che non sap
piamo o che non e possibile. Se vogliamo sapere dove andiamo, dobbiamo ammettere
chi eravamo, chi erano i nostri antenati e per che tutti sono scomparsi, senza
che qualcuno tra di noi si ricorda qualcosa. Per poter proseguire voglio farvi c
apire come sono comparse q ueste due generazioni di uomini. La prima come abbiam
o visto fu un esperienza dello spirito che si materializò. Gli esseri spirituali q
uali si materializzarono non hanno voluto di lasciare poi il corpo perche l armo
nia era perfetta al inizio. Più tardi si resero conto che la materia li imprigiono
e che l invecchiamento che veniva comunque dop o millenni era irreversibile. Do
po la loro scomparsa , i loro spiriti cercarono altre forme di vita per materia
lisarsi. Ho pensato tanto per capire che bisogno avevano di farlo , poi ho capit
o. Dovevano portare la materia a ricordarsi la sua radice spirituale universale.
Lo spirito si intruppò in tante forme di vita al livello di tante dimensioni e di
tanti pianeti dove era possibile la vita. Lo scopo: portare materia al livello
della grande coscienza o sapienza universale, che è il Padre di tutta la creazione
. E per questo che la vita nel universo ha diversi stadi di evoluzione. La mater
ia doveva capire da sola, passando tra tanti stadi, la sua spiritualità. L uomo de
l età d argento era il prodotto della materia stessa, che poteva generare la vita
anche lei. Non era perfetto come primo ed era il prodotto del evoluzione della v
ita su la terra. Loro furono i primi uomini sepolti nella terra, quando la loro
vita fini. Ma perche perirono tutti e non rimase ne meno uno? Perche su la terra
ciclicamente
51
succedono dei cataclismi che la rinnovano e quale ringiovaniscono in qualche mod
o la vecchia vita. L uomo del età di rame, i giganti sono comparsi su la terra dop
o il cataclisma che distrusse l uomo del età d argento. La vita che germogliò in que
l periodo era la vita dei esseri giganti. I animali erano giganteschi, la vegeta
zione era gigantesca e anche l uomo era un gigante. Le leggende parlano di esser
i alti 3000 cubiti , che significa che avevano 12 m di altezza.(un cubito ha 44
cm) . Le loro trace sono trovate in tutte le parti del mondo, solo che la scienz
a ha posto di farli conoscere, li ha passate tutte in un silenzio totale. Nel 19
75 sul Geoscience Research Institute a cura di Berney Neufeld dal titolo Dinisau
r tracks and giant men (tracce di dinosauri e uomini giganti) si parla della sco
perta di orme di dinosauri insieme con orme di piedi umani giganteschi. Naturalm
ente i illuminati della scienza hanno concluso che nel The Glen Rose region of t
he Paluxi River non ci sono prov e sufficiente che dinosauri e uomini giganti ha
nno coabitato insieme. L impronta del piede umano trovata e lunga 38 cm, e Dott.
Berney Neufeld non ha confutata l esistenza di esseri umani giganteschi. Vorrei
tanto fare un elenco con le scoperte in proposit o ma non e il mio argomento. E
numerare qua tutte le scoperte sarebbe impossibile ma chi non si fida può contatta
rmi e li faro vedere anche tante foto interessante. Ci sono poi dei alberi che s
fidando le vicissitudini del tempo testimoniano oggi la vita gig antesca di allo
ra. Il baobab lo troviamo in Africa, raggiunge 20m di altezza 7m di larghezza e
vive da 500 a 1000 anni. L albero di sequoia gigante si trova in nord America, r
aggiunge dai 85m ai 100m di altezza e dai 7m ai 10 m di larghezza, vive dai 2500
ai 5000 anni. Poi c e l albero di eucalipto che passa sempre 120m di altezza. T
utti questi alberi sono protetti dalle autorità per che monumenti naturali. Queste
testimonianze e tante altre sono la certezza della vita dei uomini giganti e at
testano che quello che con leggerezza chiamiamo leggende sono la storia della vi
ta passata del umanità. Questa generazione fu anche lei distrutta di un grande cat
aclisma, solo che qua tutti sono d accordo per che sono tanti scheletri di dinos
auri ritrovati. La maggior parte dei ritrovamenti di scheletri umani giganteschi
furono sotterrati per che i grandi illuminati non potevano spiegare chi sono e
non erano conforme con la loro scienza ortodossa. Adesso parliamo di una generaz
ione più vicina a quella dei nostri giorni , quella antidiluviana. Con la morte de
i giganti e dei dinosauri la terra rimase senza vita, e la leggenda chiama quest
i uomini che nascono dopo la generazione degli eroi. Questi erano un nuovo seme,
più nobile più saggio e della stessa età con gli dèi. Vedete le leggende puntano sempre
le cose importante. Erano un nuovo seme e della stesa età con gli dei. Per che de
lla stessa età con gli dèi, non erano loro che ci hanno creato? E per che un seme nu
ovo? Il Padre, lo spirito universale quando creò la vita la sparse in tutto l univ
erso non solo su la terra. La vita intelligente di tipo umanoide
52
si sviluppò in tutti i mondi del universo solo che su la terra fu annientata innum
erevole volte a causa dei cataclismi che essa subì. Abbiamo vistò in un capitolo pre
cedente come questi sconvolgimenti di proporzioni catastrofiche annientarono qua
lsiasi forma di vita, e l esempio più chiaro , e anche accertato ,e la scomparsa d
ella razza dei giganti. Ogni volta quando si verificarono, la terra rimase nuda.
In seguito germogliò sempre un altro tipo di vita, comparirono altre terre e spar
irono altre, le specie di animali e vegetali cambiarono e anche uomo cambiò. Nei v
ecchi tempi uomo era un giga nte, oggi e un povero nanetto, P rima viveva miglia
ia di anni oggi appena un se colo, prima era un essere spirituale, oggi un insig
nificante mortale. Il nostro seme grazie alla saggezza spirituale fu mantenuto s
alvo e noi siamo veramente, della stessa età con gli dèi, per che la creazione di tu
tti fu fatta nello stesso giorno, solo che la nostra specie fu sempre rinata. De
l seme del umanità, che fu sempre mantenuto saldo ci parla tanto la Bibbia. La pie
tra angolare, il ceppo con le sue radici che rimane quando viene tagliato l albe
ro che Nabucodonosor sognò o il ceppo che rimane in Sion, non sono ha fatto il sem
e del popolo ebreo ma del umanità stessa, che più di tanti altre creazioni di Dio, n
on ha potuto progredire d i più proprio per questo motivo: le catastrofe. La gener
azione degli eroi fu creata dagli dèi. I nostri fratelli cosmici trovarono su la t
erra una specie di umanoidi che vivevano nello stato primitivo degli animali e d
ecisero di creare un essere intelligente, che fu la razza umana antidiluviana. D
opo il diluvio, l umanità sta volta non peri grazie ha loro, per che conservarono
un seme. Tutte le culture del mondo parlano di questo seme, salvato dagli dèi e qu
ale ha diversi nomi. Noi lo chiamiamo Noè perche cosi lo chiama la Bibbia. Di ques
te due generazioni parleremo però in un altro cap itolo. Delle cinque età del umanità
parla Daniele, quando Nabucodonosor, re di Babilonia sogna una grande statua che
aveva testa d oro, il petto e le braccia d argento, il ventre e le cosce di bro
nzo, le gambe di ferro e i piedi erano parte di ferro e par te d argilla. Il mur
o che i teologi hanno costruito con le loro teorie, si può abbattere con un dito,
come vedremo più avanti, perche la vera Bibbia non parla del popolo ebreo, ma del
intera umanità. Tutte le profezie non sono altro, che eventi vissuti e raccontati
dei antichi per le future generazioni.
53
Cap.15 Spirito e anima
La chiesa ci insegna che dobbiamo comportarci bene, come esseri spirituali, per
guadagnarci la vita eterna. E che cosa si deve fare per essere spirituali? Nient
e di quello che dicono loro. Allora che cos e lo spirito? E l energia intelligen
te immortale che viene da l Padre, ed e la nostra coscienza. Lo spirito e una sc
intilla di energia pura intelligente che viene dal Padre, per guidare la materia
verso la conoscenza universale, per portarla alla consapevolezza della sua vera
origine spirituale e delle sue inimmaginabile potenzialità, per alzare la materia
nella sfera spirituale in quale e lo spirito, e quando dico materia, intendo l
anima. Quando l anima diventerà spirituale la materia sarà immortale, ed e questo il
messaggio del Padre per l umanità. Lo spirito e luce. Viene della luce e nella lu
ce torna, lui e tutto e nello stesso tempo uno solo. E in tutte le cose, e sa tu
tto. Lui ha creato tutto, mantiene tutto in vita e sa tutto. Lui è il Padre e nell
o stesso tempo tutti noi. Noi tutta la sua creazione siamo luce e nella luce tor
neremo. Noi siamo l energia, l amore e unita. Niente viene alla luce senza spiri
to ed e per questo che e in tutto. Gesù dice: spaccate il legno, io sono dentro. A
lzate la pietra, e li mi troverete. nel intimo di un essere di luce c e luce e i
llumina tutto il mondo. Beati solitari e eletti. Voi siete venuti dalla luce e n
ella luce tornerete. Spirito e anima sono le due parti immortali che fanno p art
e di ogni uno di noi. Nella Bibbia sono tanti versetti dove si fa una distinz io
ne chiara tra anima, corpo e spirito. Tess 5/23: E sia conservato sano sotto ogn
i aspetto lo spirito, e l anima e il corpo di voi fratelli. Un essere spirituale
di luce non ha un corpo fisico. Lui ha la capacita di materia lisarsi in ogni f
orma di vita, perche la luce e l energia, e l energia e vita. Spirito e anima so
no le due forze, maschile e femminile, che danno la perfezione spirituale. Il no
stro corpo, ciò e la materia le ha divise. Lo spirito vive nel nostro cervello ed
e lui la nostra coscienza che il Padre dice che dobbiamo ascoltare. Il cervello
e il centro di comando di tutto l organismo, e lo spirito e il suo angelo custod
e che mantiene il legame tra spiritualità e materia. Per esempio, noi non ci ricor
diamo delle nostre vite passate ma i bambini si. Ci sono dei bambini che non sta
ccano il legame tr a materia e spiritualità subito alla nascita come succede sempr
e. Questi si ricordano fino intorno ai 5, 6 anni, de le loro vite passate, dei p
osti della terra o dei altri pianeti ,dove loro hanno vissuto. Raccontano cose s
trane nei minimi dettagli e hanno nostalgia di quei posti e delle persone loro c
are. Queste sono persone sagge che il Padre manda con missioni precis e su la te
rra. Gesù dice di questi bambini: guardatevi di disprezzare questi bambini poiché vi
dico che i loro angeli nel cielo vedono sempre la faccia di Padre mio. Ma perch
e i
54
bambini ricordano le cose che normalmente, non li possono sapere? Perche non son
o loro che ricordano questo, ma lo spirito, che e dentro di loro. Lui ha ricordi
di tutta la vita passata del uomo. Abbiamo detto che il cervello e la cabina di
comando di tutto l organismo, e che lo spirito e il pilota. Il comandante. Ades
so vi do un esempio: supponiamo che una persona ha un arresto cardiaco. Il cuore
si ha fermato, il sangue non circola più nelle sue vene e arterie, e con tutto ciò,
il cervello funziona. Con lo sforzo dei medici,e delle loro apparecchiature, il
cuore viene rimesso in motto, e questa persona torna in vita. Se la stessa pers
ona, che ha subito l arresto cardiaco, nello stesso momento subisce anche la mor
te cerebrale, (l arresto del funzionamento del cervello) nessuna rianimazione de
l mondo non lo farà tornare in vita. Un a persona non tornerà mai in vita, se il suo
cervello e morto. Una persona in stato vegetativo, ha tutti i organi mantenuti
in vita dai macchinari, ma il suo cervello funziona. E in coma, ma lo spirito e
ancora dentro di lui, e questa persona anche dopo molti anni di coma può tornare a
lla sua vita normale. Questa e la morte clinica, quando l anima ha lasciato il c
orpo, ed e reversibile. Se invece la stessa persona ha una trauma cerebrale, il
cervello viene ossigenato e mante nuto in vita con i macchinari, ma tutti i orga
ni del suo corpo sono illesi, quella persona può essere dichiarata morta. Il suo t
ronco cerebrale e morto, e quella non tornerà mai più in vita. Questo processo e irr
eversibile. Adesso sottolineammo: un uomo e morto quando il suo spirito, ch e e
nel suo cervello se ne esce, questa e la morte cerebrale ed e irreversibile, per
che lo spirito quando esce non torna più. La morte clinica invece, succede quando
il cuore cessa di funzionare, ma il suo cervello e ancora vivo. Il suo tronco c
erebrale n on ha subito ancora la morte, e questo processo e reversibile, l uomo
può tornare ha vivere, perche l anima può tornare nel corpo. Tutto quello che abbia
mo detto fino adesso ci viene confermato dalla Bibbia: Sal 78/39 e si ricordava
che erano carne, che spirito esce e non torna più, Sal 146/4 il suo spirito esce,
egli torna al suolo; in quel giorno periscono in effetti i suoi pensieri. , la p
olvere torna alla polvere e lo spirito torna al vero Dio che lo ha mandato Ecle.
12/7, Rom 8/14-15 tutti quelli che sono condotti dallo spirito di Dio, sono fig
li di Dio, Giobb 32/8 di sicuro c è lo spirito negli uomini mortali, il soffio del
Onnipotente, che da loro intendimento, Giobb 34/14,15 Dio raccoglie a sé lo spiri
to e il respiro (anima), che ogni carne spirerà insieme e l uomo terreno stesso to
rnerà alla polvere , Salm 104/29,30 se togli il loro spirito, spirano, e tornano a
lla polvere, se mandi il tuo spirito, sono creati, e rinnovi la faccia della ter
ra. Giacomo 2/26 in realtà come il corpo senza spirito e morto 1Cor.15/44 se ce un
corpo fisico ce n e anche uno spirituale , Galati5/16 continuate a camminare se
condo lo spirito Ecle. 8/8 non ce uomo che abbia potere sullo spirito, per tratt
enerlo dentro di se .
55
Vi siete mai chiesti perche una persona nello stato di ipnosi, parla delle cose
che nemmeno lui non sapeva che li sa? Raccontano cose strane oppure eventi passa
ti o futuri, perche? Perche con la ipnosi si parla con lo spirito di quella pers
ona. E lui che racconta cose passate o future, a quale l uomo fisico non poteva
mai pensare o conoscere. E proprio questo spirito che noi dobbiamo conoscere, e
a lui che dobbiamo accedere, ed e questa la spiritualità che cerchiamo, la coscien
za che noi siamo spirituali, che siamo luce e Padre, e che una volta trovato il
nostro spirito saremo quelli che eravamo prima. Tante volte siamo mesi nelle sit
uazioni in quale possiamo agire solo attraverso il nostro istinto, senza pensare
che l istinto non e altro che il nostro spirito che lo fa per noi. Il regno di
Dio e il nostro spirito universale che viene dal Padre, il regno di Dio e dentro
di noi e fuori di noi, il regno di Dio siamo noi tutti. A proposito di questo,
Gesù dice: se con loro che vi guidano vi dicono: ecco il regno di Dio e in cielo!
Allora gli uccelli dal cielo vi precederanno. Se vi dicono: e nel mare! Allora i
pesci di mare vi precederanno. Il regno è invece dentro di voi e fuori di voi. Qu
ando vi conoscerete, allora sarete conosciuti e saprete che voi siete figli di D
io che vive , Quando conoscerai te stesso si manifesterà ciò che ti e nascosto, perc
he nel intimo di un uomo di luce c è luce e illumina tutto il mondo , quando di du
e farete uno, sarete figli del uomo, e quando direte a un monte: allontanati!, s
i allontanerà . Noi abbiamo perso il regno di Dio, perche abbiamo perso il contatt
o con il nostro spirito. Non siamo più consci del grande tesoro che abbiamo dentro
di noi. La chiesa e la sua dogma ci tengono stretti, raccontando di peccato, pa
ura, colpa e altre minchiate create da loro solo per dominarci, per essere come
vogliono loro: un gregge di ignoranti con un solo pastore, e loro i lupi che suc
chiano fino al sangue i soldi del nostro lavoro, promettendoci la vita eterna, n
el paradiso. La vita eterna e già in noi, e grazie a loro non sappiamo come accede
re a lei. Lo spirito che noi dobbiamo ritrovare ci porterà a essere noi stessi, e
per questo non abbiamo bisogno ne di religioni, ne di paura, ne di colpa del pec
cato, ne di adorare nessuno e ne del povero Cristo ammazzato dalla chiesa e sepo
lto sempre da lei, in questo modo umiliando senza vergogna la divinità. E l anima?
L anima e la parte spirituale, che a perso la sua spiritualità. Si e divisa dallo
spirito universale andando per conto suo. L anima e la parte spirituale che da
vita alla carne, che la fa respirare, e l energia che mete in moto il cuore e an
ima tutte le parti organiche del nostro corpo. L anima cosi come anch e lo spiri
to, e immortale, lei ci da la vita e crea la vita, ma non ci da l intendime nto,
la coscienza. Il seguito a questa divisione tra l anima e spirito e successo la
rottura del uomo con l universo. Questo ci dice il saggio uomo che noi chiamiam
o Gesù, quando afferma allorché di due farete uno, allorché farete la parte interna co
me l esterna, la parte esterna come l interna e la parte superiore come l inferi
ore, allorché dal maschio e
56
dalla femmina farete un unico essere sicché non vi sia più né maschio ne femmina, allo
rché farete occhi in luogo di un occhio, una mano in luogo di una mano, un piede i
n luogo di un piede e un immagine in un luogo di immagine, allora entrerete nel
regno. Lo spirito e l anima, maschio e femmina, positivo e negativo, l immagine
e realtà, interno è esterno l unione perfetta delle cose opposte che creano la perfe
zione spirituale della materia, e di quali siamo privi in questo momento. Ci man
ca la pace, l unita e l amore che ci possono svegliare e renderci liberi. La col
pa di tutto questo pasticcio e l anima. L anima ci da la vita. La Bibbia ci dice
che Dio ha fatto l uomo e a messo in lui l alito della vita, e l uomo diviene u
n anima vivente, un corpo vivente precisamente. Ma dove sta l anima nel nostro c
orpo? Nel Pantateuco ci viene detto di non mangiare la carne con il suo sangue L
ev.17 poiché l anima della carne e nel sangue , l anima di ogni sorta di carne e i
l suo sangue mediante l anima in esso , Deut. 17/14 perche il sangue è l anima e t
u non devi mangiare . Quando Caino uccide Abele, Dio disse a Caino che hai fatto
? Ascolta! Il sangue di tuo fratello grida a me dal suolo . Ma come fa il sangue
a gridare? Il sangue no ma l anima vivente che e uscita strappata dal corpo, si
. L omicidio di una persona stacca l anima dal corpo in modo violento, e lei non
riesce a capire per quale sbaglio e stata buttata fuori, ed e per questo che gr
ida al Padre di fare giustizia. L anima distaccata dal corpo la troviamo in Mate
o10/28 dove ci viene detto non avete paura di quelli che uccidono il corpo, ma n
on possono uccidere l anima , Mat.6/25 non vale l anima più del cibo, e il corpo p
iù del vestito? , 1Re 17/21,22 Elia vuole far tornare in vita un fanciullo e dice:
o mio Dio, ti prego, fa che l anima di questo fanciullo torni in lui. E Dio asc
oltando la voce di Elia, cosi che l anima del fanciullo torno in lui e egli ripr
ese la vita , Ri v.20/4 Giovanni vide le anime di quelli che furono giustiziati
con la scure , Giob.12/10 nelle mani di Dio e L anima di ogni uno che vive e lo
spirito di ogni carne d uomo . Lo spirito e l anima sono immortale perche l ener
gia e immortale. L anima e la nostra energia vitale, e dimorando nel sangue e ne
l cuore a iniziato a perdere le qualità spirituale, attaccandosi sempre di più alla
materia, di quale e fato il nostro corpo; a dimenticato la spiritualità da quale e
tratta. Si e attaccata alle cose mortale terrestre, e non vuole più tornale alé cos
e universale in qui a le radici. L anima si rende conto di questo solo quando ab
bandona il corpo mortale e diventa consapevole dei sbagli che a commesso. Per tu
tte le cose negative o malvagi che un uomo fa nella sua vita viene punito dal gi
udizio di Dio. Ma come fa Dio a punirmi se io sono morto? Semplice. Lo dice la B
ibbia. La punizione o il castigo la subisce la nostra anima immortale, che quand
o esce dal nostro carpo si trova davanti ai amici e parenti morti. I preti ci pa
rlano tanto della salvezza che e venuta con Cristo, e del fato che ci possiamo s
alvare. Ma quello che dicono loro non a alcun senso. Che pericolo corriamo noi u
omini che ci
57
dobbiamo salvare? A che cosa ci serve a salvarci se siamo già morti? No i abbiamo
il libero arbitrio che ci da la possibilità di vivere come vogliamo dal punto di v
isita fisico, no? Ma dal punto di vista spirituale come e la storia? La Bibbia c
i dice che quando un uomo sbaglia per la sua colpa o no, viene giudicato dopo le
leggi del uomo, il Padre invece giudica l uomo dopo il suo cuore, perche dal cu
ore del uomo vengono l amore o odio, bontà o cattiveria, tristezza o felicita. Qua
ndo noi giudichiamo qualcuno per le sue azioni, nessuno sa veramente che cosa er
a nel suo cuore in quel momento, ma il Padre, si. Lui sa che il torto che a fato
quell uomo ad un altro uomo viene da un cuore cattivo o buono, pieno di rabbia
o di dolore. La malvagità o l amore di qualsiasi umano viene dal suo cuore. Ma chi
controlla il cuore del uomo? E, si, e l anima e a lei che si fa il giudizio. No
n pensate che siate soli e nessuno vi vede perche vi sbagliate. Noi viviamo in u
na dimensione inferiore incatenati dalla nostra negatività, e i esseri spirituali
che ci guardano sano quali sono i buoni e i cattivi, e vi spiego come. Qualsiasi
persona buona o cattiva emette delle vibrazioni che sono energia. Noi non li ve
diamo, cosi come non vediamo tante cose. Queste vibrazioni d energia sono sonore
e luminose, e quando una persona si muove lascia dietro di se delle scie lumino
se e sonore, che al livello spirituale di altre dimensioni si vedono. Quando l a
nima di una persona e negativa, piena di odio, invidia, cattiveria la scia lumin
osa piena di luce non ce, la sua scia di luce diventa tenebre e buio fitto. Ques
te sono le scie talmente opposte, ma sono anche persone ne tanto buone ne tanto
cattive, cosi cosi, e in questo caso la loro scia è ne luce ne tenebre è chiusa, e c
osi via. Ogni uno di noi rifletta quello che e dentro. Questo positivismo e nega
tivismo rimane impresso anche nelle cose dove queste persone abitano o hanno abi
tato. Non vi e mai successo di andare in un posto o in una casa in quale con tut
ta buona accoglienza che vi viene fatta non vi sentite nel vostro agio, e fredda
, vi crea un sentimento di negatività o di paura. Tutte queste scie di luce, o gri
gi, o fitte, sono le manifestazioni del anima di ogni uno di noi, dopo queste sc
ie viene giudicata la nostra anima, detto meglio veniamo giudicati dopo i nostri
sentimenti. I nostri sentimenti sono la conseguenza delle nostre azioni buone o
cattive. La Bibbia parla tantissimo del castigo delle nostre anime che aspettan
o in inferno il giudizio o la salvezza. Prima di proseguire p erò, voglio sottolin
eare il fato che il corpo del uomo non sa nulla dopo la sua morte. Per il cadave
re non c'è più guadagno, il loro ricordo e andato Il loro amore, il loro odio, le lo
ro ambizioni, tutto ormai e scomparso. Non hanno ormai più parte alcuna con il mon
do, con tutto ciò che si fa sotto il sole. Questo corpo morto non risusciterà mai, p
erche la carne con il sangue non possono stare nel regno del Padre. Infatti la s
crittura ci dice che, i risuscitati saranno come gli angeli senza sesso, ed e ve
ro, perche l energia pura che e luce non a bisogno di sesso per moltiplicarsi. U
na sola piccoli scintilla di questa energia può assumere qualsiasi forma di vita e
la sua potenza e illimitata.
58
La salvezza di quale parla la scrittura non e quella del corpo, ma quella dell a
nima; il castigo e il fuoco eterno aspetta alle nostre anime. Se qualcuno pensa
che deve aspettare il giudizio di Dio si sbaglia. Il giudizio per la tua anima l
o fai proprio tu, qua, sulla terra, e la pena la deve scontare la tua anima dopo
la morte del corpo. L anima deve andare in alto per unirsi allo spirito e forma
re cosi l essere spirituale perfetto che era prima. Ma l anima peccatrice non può
tornare in alto, e rimane qua imprigionata aspettando un'altra rincarnazione. Tu
tta la Bibbia ci parla della salvezza della nostra anima, e del castigo che deve
subire. La fede per la salvezza delle nostre anime non sta in quella fede che v
iene predicata dalla chiesa, che vede il più grosso peccato proprio nel amore, nel
desiderio più bello, più umano, più magico che qualsiasi tra di noi ha, di unirsi con
la persona amata. Giob.12/10 Nelle mani di Dio e l anima di ogni uno che vive,
e l uomo bada alla sua stessa anima, e da tutto ciò che ha per la sua anima . Se l
anima e immortale perche dovrebbe essere salvata dalla morte? Ci sono innumerev
oli bran i che parlano della salvezza della nostra anima, Giac.5/20 Chi converte
un peccatore salverà la sua anima della morte , Ebrei 10/28 noi non torniamo indi
etro ma quelli che hanno fede per conservare in vita l anima Piet. 1/9 la fede e
la salvezza delle nostre anime , Luca 21/19 perseveranza salverà le nostre anime
, Isaia 55/3 ascoltate, e la vostra anima continuerà a vivere . Come abbiamo visto
in altri brani, la m orte e quella che non perdona nessun uomo cosi come dicono
i salmi 89/48 quale uomo robusto che e in vita non veda la morte . Il corpo e d
estinato a morire e a trasformarsi nei componenti dei quali e fatto, ma l anima
rimane in vita , è immortale, e con tutto ciò anche lei e destinata a morire. La mor
te dell anima rappresenta la seconda m orte, e la troviamo solo in due versetti,
nel libro delle Rivelazioni cap.20 e nel libro di Ezzechiele 18/4 l anima che p
ecca essa stessa morirà . La distruzione o la morte dell anima e una cosa impossib
ile essendo immortale, al limite può soffrire una t rasformazione. Il castigo o la
distruzione del anima di quale parla la Bibbia, non sono altro che la loro tras
formazione. Qualsiasi sbaglio che l uomo fa, lo mette in conflitto con l anima 1
Pietro 2/11 i desideri carnali causano un conflitto contro l anima , Num.17/38 h
anno peccato contro le loro anime , Prov.1/9 chi fa profitto ingiusto toglie l a
nima dai suoi proprietari . Queste anime peccatrice vengono giudicate individual
mente dopo le loro azioni, ma tutte le anime vanno nel inferno per aspettare il
giudizio o la salvezza. A questo punto l inferno che significa luogo di sotto, o
spita il corpo, ma anche l anima. Giob.33/28 Dio ha redento la mia anima dal pas
sare nella fossa , Giob.33/30 ritirare la sua anima dalla fossa , Att.2/27 non l
ascerai la mia anima nel ades , Att.2/31 Cristo non fu abbandonato nel ades . Ad
esso ricapitoliamo un può: l anima e immortale, e le nostre azioni portano a un gi
udizio che viene subito da lei che, anche se è immortale subisce la seconda morte
59
(prima e la nostra morte biologica). Paradosso è: come fa a morire una cosa che e
già immortale? Solo i preti sono capaci a darci la risposta, che ovviamente e un m
istero di Dio. Ma per favore, non offendete cosi tanto la nostra intelligenza. L
anima e spirito sono le cose spirituale che vivono e anim ano il nostro corpo m
ateriale, che con la sua morte sprigiona questa energia immortale, che non può tor
nare da nessuna altra parte, che dal suo creatore. Come possiamo offendere cosi
tanto il creatore, pensando che la spiritualità va a riposare e ed aspettare nelle
viscere della terra castigo o la salvezza. I falsari della Bibbia hanno modific
ato le scritture che parlano della creazione de Padre, adattandoli nel loro inte
resse di potere e dominio sopra l umanità, facendo si, che l uomo che segue la scr
ittura biblica in effetti segue il Dio di questo mondo, chiamato Satana. E lui i
l nostro solo Dio, e se qualcuno dice che e un infamia io gli chiedo con tutto i
l mio cuore dami solo una sola ragione per credere che questo Dio del Antico Tes
tamento e il Padre di Gesù , e tu qualcuno non la troverai mai. Per ingannarci ha
usato da una parte i veri insegnamenti del Padre, che puoi, lui infranse per pri
mo e non l uomo , e dal altra parte a messo i suoi insegnamenti fasulli. Ha dett
o non uccidere e subito dopo a fatto la cosi detta guerra santa, ha detto che no
n vuole il sacrificio, ma l amore e nel Pentateuco descrive nei minimi dettagli
gli orrori che questo implica, ha detto io vi amo tutti e vi raccolgo tutti, e p
oi a scelto solo gli ebrei, ha detto tornate da me e io vi perdono invece tutti
quelli che non li piacevano furono sterminati, ha promesso la terra santa ad Abr
amo, Isacco e Giacobbe e alla loro discendenza, ma loro hanno solo vagato qua e
la, e la terra promessa non lo hanno mai vista, ha detto che abbiamo il libero a
rbitrio ma il suo proprio popolo viene decimato senza pietà se non seguiva i suoi
ordini e le sue odiose regole. Sicuramente un Dio buono pieno di amore luce e ve
rità com è il Padre di quel saggio che chiamiamo Gesù non lo può fare. A questo punto Ge
sù aveva ragione quando ha detto voi non avete mai conosciuto il mio padre. Conclu
sione: nella Bibbia sono due Dio y Il vero Dio buono, Padre di un saggio che chi
amiamo Gesù che noi non abbiamo mai conosciuto e servito y Il Dio delle tenebre, S
atana, il principe di questo mondo che noi seguiamo e serviamo umilmente.
60
Cap.16 Il regno di Dio e il Paradiso
Gli insegnamenti della chiesa ci dicono che dopo la nostra morte, noi andiamo ne
l Paradiso, che non e altro che il Regno di Dio. Ma!! C e un ma, perche Paradiso
non e la stessa cosa con Regno di Dio, perche Paradiso e qua, su la terra, inve
ce il Regno di Dio e nei cieli o meglio sono i cieli, e i cieli sono l universo.
Il Paradiso e su la terra perche la Terra fa parte del universo che e il Regno
di Dio. Il primo Paradiso su la terra fu il giardino di Eden, e cosi come vedrem
o più avanti l Eden fu tutt un' altra cosa, ma essendo un posto unico e meraviglio
so prese il nome del Paradiso. Tutta la terra e un Paradiso, una vera oasi nel u
niverso. Siamo noi che non la vediamo e non la conosciamo, siamo noi che ha post
o di proteggerla l abbiamo quasi distrutta. L e nostre città di cemento ci hanno a
llontanato dalla terra genitrice di tante meraviglie e della natura. I profeti c
i descrivono come sarà la terra paradisiaca del futuro. Isa 11/6 Il lupo abiterà ins
ieme al agnello e la pantera giacerà insieme con il ca pretto; il vitello e il leo
ne pascoleranno insieme, un bambino li guiderà. La vacca e l orso pascoleranno, i
loro piccoli giaceranno insieme, e il leone come il bue si nutrirà di paglia. Il l
attante si divertirà sulla buca dell aspide, e il bambino porrà la mano nel covo del
la vipera. Non si commetterà il male né guasto alcuno su tutta la terra poiché l uomo è
pieno della conoscenza del universo. 32/15 sarà infuso su di noi lo spirito dal al
to; il deserto diventerà un giardino e il giardino si cambierà in foresta. Nel deser
to dimorerà il diritto e la giustizia abiterà nel giardino. Effetto della giustizia
sarà la pace e il frutto del diritto sarà sicurezza e tranquillità perpetua. 65/20-25
non vi sarà un bimbo che viva pochi giorni, né un vecchio che non compirà i suoi anni;
poiché il più giovane morirà a cent anni. Il lupo e l agnello pascoleranno insieme, i
l leone mangerà la paglia come un bue e il serpente si nutrirà di terra. Non si fann
o male né si distruggeranno su tutta la terra. Questa terra paradisiaca e la conse
guenza di quello che noi chiamiamo la fine dei giorni, ossia il passare della te
rra nella quinta dimensione, quando il tempo non ci sarà più e l uomo diventerà un ess
ere spirituale in un corpo materiale spirituale. E il Regno? Il Regno di Dio e i
l posto dove dimorano i esseri di luce, dove e solo luce perche la luce e energi
a, dove il sole non ha bisogno di splendere perche la luce viene proprio dai suo
i abitanti, un posto dove l amore e l unita e luce creano la perfezione. Il Regn
o di Dio viene descritto nel Nuovo Testamento proprio da Gesù che spiega in illust
razioni ai suoi seguaci la grandezza e la perfezione del mondo dei cieli. C e so
lo un problema. Gesù veniva da questo mondo, ed aveva una saggezza a volte
61
incomprensibile per gli uomini, conosceva tutti i segreti dei cieli e della crea
zione del universo; e allora come faceva ha interpretare le illustrazioni che pa
rlavano proprio di questa meraviglia che e l universo rapportando tutto alla fed
e che sinceramente non centra un tubo con la creazione? Per farvi capire la truf
fa, vi spiegherò il vero significato di ogni parabola detta da Gesù per spiegare al
umanità la grandezza del regno in quale viviamo senza sapere . La parabola del sem
inatore: i semi con quale Dio seminò il terreno, so no le scintille di energia spr
igionate nel universo, quando fu la grande esplosione di quale abbiamo parlato,
e quale iniziarono ha creare materia, pianeti, costellazioni, comete e.c.v. Il s
eme caduto su la strada, sono i buchi neri che innghiotiscono tut to; il seme ca
duto su le pietre sono i pianeti dove nessuna forma di vita e riuscita ha resist
ere; il seme caduto tra la spine, sono i pianeti dove e comparsa qualche forma d
i vita, ma le condizioni climatiche sfavorevole la annientarono; e il seme cadut
o nel buon terreno sono i pianeti che hanno sviluppatola vita. La parabola del g
ranello di senape: il piccolo granello di senape rappresenta la scintilla di ene
rgia dalla quale si formarono i sistemi solari, e quale partendo da un piccolo f
rammento di luce si trasformo in un regno dove vivono tantissime forme di vita.
La parabola dell erba cattiva: tra le forme di vita intelligente che vivono nei
mondi del regno celeste, non tutte sono perfette, non tutte sono buone; cosi com
e su un pianeta vivono esseri pieni di saggezza e bontà, su un altro vivono esseri
cattivi e crudeli. La parabola del lievito:uguale ha quella del granello di sen
ape. La parabola del tesoro nascosto nel campo e quella della perla del mercante
: noi abbiamo perso la nostra spiritualità, abbiamo perso il nostro contatto con l
universo dal quale siamo tratti; ma quando invece saremo consapevoli della nost
ra essenza spirituale non l ha abbandoneremo mai , daremo tutte le piccolezze co
n quale viviamo su la terra, per avere il grande tesoro della coscienza universa
le. La conclusione la fa proprio Gesù: perciò, ogni scriba istruito nel segno dei ci
eli e simile ha un padre di famiglia che trae fuori dal suo scrigno cose nuove e
cose antiche. Perciò, ogni forma di vita nuova, che compare nel universo, ha le b
ase nelle forme antiche di vita, o se volete, ogni forma di vita nuova, viene al
esistenza con la trasformazione di una vecchia vita. Le illustrazioni di quale
parla Gesù, sono la più semplice spiegazione della creazione del universo e delle in
numerevole forme di vita che dimorano in esso, che i nostri antichi antenati ci
hanno lasciato. La terra appartiene al universo, e insieme con tutta la creazion
e forma il Regno dei cieli. Noi tutti siamo il Regno del Padre ,che è dentro e fuo
ri di noi.
62
Cap.17 L inferno e il tartaro
Andare nel inferno dopo la morte e la cosa più bruta che ci può succedere dopo la no
stra morte biologica, cosi come ci insegna la dottrina della chiesa, e quale è un
argomento essenziale per essa. L inferno e il luogo di tormento per gli empi, fi
no al giorno del giudizio universale, quando saranno giudicati dopo le loro oper
e. Nella Bibbia l inferno viene chiamato in tanti modi . Troviamo cosi sceol, ad
es, geenna e tartaro. Ma che cosa significano? Sceol e una parola ebraica che de
riva dal SHE OLAH e che significa verso inferi , sotto . Ades e la parola greca
derivata da HAIDES, e significa luogo non visto , invece inferno, deriva dal lat
ino INFERUS. In poche paro le tutte significano luogo di sotto , luogo non visto
, luogo inferiore . In generale, questo luogo e la comune tomba del genere uman
o, luogo dove il corpo senza vita di una persona viene sepolto, nei giorni nostr
i: i cimiteri. Isaia 5/14, ci conferma questo perciò i inferi allargano la loro go
la e spalancano la loro bocca a dismisura, e vi scendono la nobiltà e la fola. Dio
i disse ad Abramo la sorte del corpo dopo la morte: polvere sei e in polvere to
rnerai, luogo da quale sei stato tratto. Geenna, viene dal ebraico GHE-HINNON, c
he significa la valle del Hinnon, che e una valletta scavata dal fiume Hinnon in
Gerusalemme, che veniva utilizzata allo scopo di discarica d immondizia e dove
si buttavano e si bruciavano i cadaveri a cui non veniva concessa la sepoltura.
In questo posto il fuoco non si spegneva mai, perche se no, i cadaveri buttati,
pieni di vermi sprigionavano cattivi odori ed erano fonte d infezioni. Dice Mr 9
/43 è meglio per te entrare monco nella vita, che andare con tutte e due le mani n
ella Geenna, nel fuoco inestinguibile. , e Mt 5/22 chi dice: pazzo, sarà sottopost
o al fuoco della Geenna . Comunque, questo posto, e il luogo di castigo e di umi
lio. Nei vangeli, invece troviamo dei versetti dove li, vengono castigate anche
le anim e. Mt 10/28 Temete piuttosto Colui che ha il potere di far perire nella
Geenna e l anima e il corpo. Mt 23/33 Serpenti, razza di vipere, come sfuggirete
al castigo della Geenna?. Lc 12/5 temete colui che, dopo la morte, vi può gettare
nella Geenna. Gc 3/6 Questo modo di malizia, e la lingua, è posta tra le nostra m
embra: essa che contamina tutta la nostra persona, brucia la ruota della nostra
vita ed è poi bruciata essa stessa nell inferno. Vedete, in questo posto vengono c
astigate col fuoco, non i corpi, ma le anime dei peccatori, la lingua che viene
bruciata col fuoco non e quella del corpo, ma quella del anima, cioè dopo la morte
del corpo. E lo stesso posto dove il libro della Rivelazione, ci dice: chi non
si trovo scritto nel libro della vita fu gettato nello stagno di fuoco. E anche
la Morte e l Ade furono gettati nello stagno del fuoco. Riv 21/8 Quanto ai codar
di, infedeli, depravati e omicidi, impudichi, venefici e idolatri, a quanti sono
pieni d ogni sorta di menzogna, la loro
63
sorte è nello stagno, quello che brucia col fuoco e zolfo. E questa la seconda mor
te. Riv 20/10 E il diavolo fu scagliato nel lago di fuoco e zolfo, dove erano la
bestia selvaggia e il falso profeta; e saranno tormentati giorno e notte per i
secoli dei secoli. Questo posto temibile sarà la dimora delle anime dei empi, che
soffriranno la seconda morte, dopo il giudizio, ma anche dei esseri spirituali m
alvagi , in eterno. E come e possibile che un essere spirituale che e solo uno s
pirito , può essere castigato in un lago di fuoco quando lui e energia cosi come l
o sono anche le anime? Penso che e inutile ripetere quello che abbiamo già detto i
n un capitolo precedente della sorte delle anime. La seconda morte non può esister
e per l anima che e già immortale, ma un castigo o una trasformazione, si, come ve
dremo più avanti. Il Tartaro. Questa parola viene riportata nella Bibbia una sola
volta, nel 2 Piet 2/4. Questo luogo di sottoterra e la prigione instituita per g
li angeli cacciati dalle regioni celesti. Il Tartaro e il luogo più profondo della
terra, il luogo delle tenebre, dove non confinano le anime umane, ma gli angeli
che si ribellarono contro Dio e i demoni. Questo e il luogo della loro prigioni
a. Dio infatti non perdonò agli angeli che avevano peccato, ma, condanna ndoli al
tartaro, li confino nelle fosse tenebrose perche vi fossero trattenuti fino al g
iudizio. Giuda 1/6 Dio mise sotto custodi con catene eterne nel buio del inferno
quelli angeli che non seppero conservare la loro dignità primigenia e abbandonaro
no la propria dimora, riservandoli per il giudizio del grande giorno. 1Pi 3/19 G
esù stesso andò a portare l annuncio (della buona notizia) anche agli spiriti della
prigionie, a coloro che erano stati un tempo disubbidienti figura, del battesimo
. E li stano anche i demoni Deut 32/17 ..sacrificano ai demoni che non sono Dio.
Questi angeli disubbidienti che si ribellarono contro Dio, non possono essere c
he Satana e il suo staff. Il tartaro non e un luogo di supplizio per loro, ma un
a dimora. Non dobbiamo mer avigliarci, per che sappiamo tutti che loro vivono su
la terra e sotto terra. Ho letto sul internet, la spiegazione faticosa fatta da
un prette che voleva farci capire chi sono questi spiriti a quale Gesù andò ha pred
icare la notizia. Secondo lui questi spiriti sono umani, per che quando Dio, ann
unciò Noè di costruire l arca, erano loro, gli uomini che peccarono, e Dio li pugni
con diluvio. Se questo prette leggeva il libro della Genesi, 6/1 -4, si rendeva
conto che i figli di Dio si unirono con le donne umane, in questo modo trasgrede
ndo loro per primi le merdose regole di Dio. Il luogo più profondo della terra, do
ve loro dimorano non e affatto un luogo di tenebra, per che la terra, come tutti
i pianeti, sono cave. So che e una affermazione sbalorditiva, per quelli che no
n hanno mai sentito parlare di questo argomento, ma io ho il dovere di informare
la gente di cose di quale ne ssuno non vuole parlare ,non pe che non esistono,
ma per la paura di essere smascherati. Due secoli fa, il primo che parlo del cen
tro della terra, fu Jules Verne, nel suo libro Viaggio nel centro della terra .
Nessuno non pensò che poteva essere vero perche,
64
era solo un romanzo. Ma nel 1947 un ufficiale della flotta degli Stati uniti d A
meric a, ammiraglio Richard E Byrd fu mandato ha fare un volo antartico. In un c
erto punto il suo aereo non rispose mai ai comandi, i motori erano spenti, ma vo
lava lo stesso. Si trovo sorvolando delle montagne, una vallata d ove scorreva u
n piccolo fiume e l erba fitta era il cibo per i mammut. Sono solo due righe del
giornale di bordo del ammiraglio. Lui incontro e parlo con i abitanti di quel p
osto che avevano un messaggio per l umanità. Tornando poi in superficie, informo i
suoi superiori del accaduto ma loro i ordinarono di tacere. Un giornale si offr
i di pubblicare il suo giornale di bordo, ma al mattino seguente tutto il camion
con l edizione del giornale spari. Un anno dopo mori in circostanze misteriose.
Come lui sono tante persone, che diventano vittime del sistema, umiliate e scre
ditate, non perdono mai la speranza che la verità nascosta al popolo vedrà la luce d
el sole. Sentite cosa scrive l ammiraglio: Devo scrivere questo diario di nascos
to e in assoluta segretezza. Verrà il tempo in cui la razionalità degli uomini dovrà d
issolversi nel nulla, e si dovrà allora accettare l ineluttabilità della verità. Io no
n ho la liberta di diffondere la documentazione che segue, forse non vedrà mai la
luce, ma con la speranza che un giorno tutti possono leggerla, in un modo in cui
l egoismo e l avidità di certi uomini non potranno più sopprimere la verità. Parole m
olto amare che le ho gustate pure io. Non era il mio argomento, ma la terra cava
e una certezza, e per poter andare avanti e capire chi sono questi angeli del m
ale e necessario dirvi queste cose. Su la terra non sono misteri e cose nascoste
dal Padre . Lui non ha mai nascosto niente ha nessuno perche se lo faceva non e
ra LA VERITA, AMORE e UNITA.
65
Cap.18 Satana e i suoi angeli
Chi sono, da dove sono venuti, e che cosa vogliono da noi? Domande legittime per
ogni uno di noi. Sono tante cose scritte, oggetti, reliquie e costruzioni antic
he, testimonianze vere e palpabile che cambierebbero il corso della storia del i
ntera umanità per la loro vivida verità, per il fatto che attestano un altro passato
e un'altra storia, diversa di quello che conosciamo noi oggi; ma sono pochi che
li cercano e credono in esse e altri pochi che li vogliono far conoscere, invec
e del esistenza di Satana e dei demoni non dubita nessuno anche se nessuno non l
i ha mai visti. E chi sono? Sono degli angeli di Dio che hanno disubbidito alle
regole di Dio e per la loro ribellione Dio li cacio dai cieli su la terra che ul
teriormente diviene il loro possesso, perche Satana è il principe di questo mondo,
no? La terra e sua, e lui lo dice anche a Gesù: Luc 4/6 Vedi, tutti questi regni,
ricchi e potenti, sono miei: a me sono stati dati e io li do a chi voglio Se ti
inginocchierai davanti a me io te li darò . Nel libro di Rivelazione 12/ 9-12 ci
viene descritta la loro fretta per conquistare tutta la terra: Il gran dragone f
u scagliato, l originale serpente, colui che e chiamato Diavolo e Satana, che sv
ia intera terra abbittata, fu scagliato su la terra, e i suoi angeli furono scag
liati con lui E da chi i fu data la terra ha Satana? Noi non lo conoscevamo e ne
ssuno non dice di averla data ha Satana, no? Il solo essere che lo poteva fare e
stato Dio. E come? A lla fine ha dato lo stesso pianeta a lui e anche ha noi? P
er che? Per favore non ditemi che doveva vedere la nostra fede per lui, provando
ci con tutto il male che esiste, che non regge. Lui sa tutto e non aveva bisogno
di commettere tale sacrilegio. Satana e il suo staff erano esseri spirituali pe
rfetti al inizio e poi per una loro scelta sbagliata hanno decaduto. Non li fu p
ermesso poi di restare nei cieli e li fu data la terra come dimora permanente, p
er vivere insieme con le creature esistente li. A questo punto hanno perso la lo
ro spiritualità diventando demoni e a cceso ai cieli li fu negato. Sulla terra inv
ece eravamo noi, esseri perfetti fisicamente ma non spiritualmente perche non co
noscevamo la deferenza tra il bene e il male. Satana , secondo la Bibbia ci sviò d
alla nostra vita felice e tranquilla che ci porto in seguito alla nostra condizi
one mortale di adesso e alla nostra caduta. Ma noi non conoscevamo ne meno la di
fferenza tra il bene e il male, non avevamo la coscienza e intelligenza universa
le, per ciò non eravamo spirituali. E, se non eravamo spirituali non potevamo deca
dere e se non siamo decaduti non abbiamo nessun peccato. Noi no, ma Satana si. Q
uello che ha peccato per primo e da solo e lui non uomo. Lui consapevole delle c
onseguenze, con astuzia ci ha imbrogliati, mettendo poi sopra le nostre spalle u
n torto mai commesso. Nel libro di Giobbe 1/6 leggiamo: Un giorno i figli di Dio
andarono ha presentarsi davanti al Signore e tra di essi viene anche Satana. Il
Signore disse a satana: Da
66
dove vieni? .Satana rispose al signore: Dal vagabondare su la terra dopo averla
girata. E giusto pensare che satana andò nei cieli per parlare con Dio , ma non e
che i fu negato acceso alla spiritualità? Come fa un Dio coretto lasciare un esser
e spregevole come lui andare tra i suoi angeli puri per incolpare l umanit à, inve
ce al povero uomo i fu negato tutto?. Che razza di giustizia e questa? Per che n
on permesse anche al uomo di difendersi? La risposta e altra. Satana non andò nei
cieli per parlare con Dio, perche Dio era qua, su la terra, e satana era solo il
suo ar tefice. Questo dio e il capo di satana e dei suoi angeli, non del univer
so e di sicuro è il nostro dio, perche è questo il Dio della giustizia che abbiamo s
u la terra ed è per questa che la giustizia non esiste. Dunque, i angeli spiritual
i hanno sbagliat o per primi, li fu negata la spiritualità ma non acceso ai cieli
secondo la Bibbia; li fu data la terra come possesso e dimora e diventano i prin
cipi del mondo mortale. N ello stesso tempo li viene concesso il permesso di tor
turare, spaventare e sottomettere intera umanità. Al uomo invece, i fu negato acce
so alla spiritualità, che per altro non lo ha mai avuta, i fu ammesso un torto che
non ha mai commesso, i fu augurata una vita di merda, fu dato nelle mani di sat
ana e dei suoi angeli che lo tormentano gior no e note, ed e colpevole non solo
delle sue azioni ma anche dei pensieri che i passano per la testa. Per tutto que
sto deve subire un giudizio che lo porterà in paradiso o in inferno. Ooo, sappiamo
quello che diciamo? Chi e questo demone che ci spara cazza te solo per avere pa
ura e ubbidire alle sue minchiate? Altri angeli buoni, pieni del desiderio di sc
opare le figlie degli uomini li troviamo nel Gen 6/1. Mi mi chiedo come sono sta
ti puniti del buon Dio, perche l uomo che ha rapporti contro natura anche con su
a moglie e un peccatore, invece gli angeli che sottomettono l umanità con dolore,
paura, sentimento di colpa e con belle scopate contro natura diventano principi
di quel mondo, no? E Dio ha visto che e buono, e fu buono. Un'altra punizione ch
e Dio concesse a satana e il possedimento dei corpi delle persone, i cosi detti
indemoniati. Nel vangelo di Lc 8/13 ci viene riportata la storia di un uomo che
era posseduto da una legione di demoni che pregarono Gesù di non comandare loro di
andare nel abisso. Ques ta storia ci conferma il fatto che satana e i suoi demo
ni sono colpevoli delle azioni malvagi degli uomini, perche uomo non può controlla
re a questo punto le sue azioni e i suoi pensieri. L umanità e condotta dal male e
su questo argomento tutti sono d acc ordo. Allora chiedo un'altra volta, perche
dobbiamo pagare noi? Siamo solo bambole nelle mani dei rapaci che controllano e
conducono le nostre vite, la nostra società e il nostro mondo mortale. Loro hanno
il potere e il dominio. Il Padre non ammetterebbe mai una cosa del genere ma il
dio di questo mondo si. Siamo in tanti che facciamo sforzi per far conoscere al
la gente la verità su questo dio malvagio che tutti seguono, imbrogliati dal siste
ma da lui creato e dal loro libro
67
ingannevole. Il nostro Padre, non ha mai nascosto la verità ha nessuno e non potev
a essere d accordo con il dominio del male sopra di noi solo per metterci alla p
rova che la chiesa piena di orgoglio e astuzia chiama fede. I sacrifici umani e
animali che si facevano una volta e quale ogg i si glorificano con il pane e il
vino che portano alla salvezza di quale non abbiamo bisogno, non sono mai state
ordinate dal Padre. Lui ha bisogno solo di amore , verità, e giustizia. I sacrific
i che i pagani facevano ai loro dèi sono le stesse che i ebrei facevano al loro di
o, e come Dio non le ha mai volute, significa che si facevano ai demoni, cioè al d
io di questo mondo che veneriamo cosi tanto. C e un'altra cosa di quale si parla
tanto. I miracoli che Dio fa. Svegliatevi, le guarigioni miracolose sono il ris
ultato della vostra volontà, della forza che avete in voi e che non sapete control
lare, non il risultato di qualche reliquia toccata , di non so quale uomo santo.
Le madonne che piangono, i segni e i prodigi non sono altro che manifestazioni
dei demoni per poter imbrogliarvi ad adorarli. Nella lettera ai Corinti 2Cor 11/
14 i apostoli sapevano chi sono i demoni e cosa sono capace da fare perche loro
scrivono: Non c e da meravigliarsene poiché satana stesso continua ha trasformarsi
in angelo di luce. Perciò non e nulla di grande se anche i suoi ministri continua
no a trasformarsi in ministri di giustizia. Satana e i suoi angeli vivono con no
i e tra di noi da millenni senza darsi tregua di imbrogliare, impaurire, e menti
re tutta l umanità. C e un solo m odo per sconfiggerli. AMARE. E l unica verità.
68
Cap.19 Preghiera e carità
Anche se non apparteniamo a nessuna religione, quando siamo afflitti di dolore p
reghiamo il Padre di aiutarci. E la sola situazione quando ci rendiamo conto del
la nostra impotenza e apriamo il nostro cuore al Padre, che sappiamo che ha il p
otere di aiutarci. Quando la preghiera viene dal profondo del nostro cuore, la r
ichiesta viene esaudita: non importa se tu pratici qualche religione o no. Quand
o succedono queste cose la persona in causa dice che e successo un miracolo perc
he lui un non credente e stato ascoltato dalla grande mente universale. In segui
to questa persona diventa un grande seguaci di Di o. Per la chiesa ogni giorno e
una festa. Ogni giorno si festeggia qualche santo da lei messo in carico. Quest
a e la grande occasione per la chiesa di ricevere la carità, e il grande supplizio
per le persone di stare li e pregare pensando che solo cosi ven gono perdonate
e possono esaudire i loro desideri. Fino a poco tempo fa quelli che andavano in
chiesa non capivano ne meno che si dice perche la messa era in latino. I papi ch
iamavano il popolo in chiesa ma solo loro sapevano quello che dicevano , contrad
dicendo in questo modo proprio la legge che loro dicono che noi dobbiamo seguire
. L incomprensione della Bibbia per il popolo e stata decisa da loro per che anc
he i apostoli quando andavano ha predicare per altre nazioni parlavano la lingua
di quel popolo. E poi per che recitare la Bibbia in latino e non in aramaico ch
e per altro e lingua che parlava Gesù? Poi per che le preghiere e le messe tengono
ore e ore? La Bibbia deve essere capita di tutti perche cosi Dio ordinò: le parol
e che ti ordino, siano nel tuo cuore. Le inculcherai ai tuoi figli, e ne parlera
i quando sei seduto in casa, quando camini per strada, quando sei coricato e qua
ndo sei in piedi. Le legherai come un segno su la tua mano. Si , lo so. Mi diret
e che a quei tempi non erano le chiese. Ma che centra. Se me ne sto a casa mia e
lego per approfondire e capire e un conto, se vado in chiesa per non capire una
minchia e un altro conto, no. Poi, per che devo andare in chiesa? La risposta c
i lo da Gesù stesso perche quando incontro la donna samaritana questa i chiese: I
nostri antenati hanno adorato su questo monte, ma voi dite che a Gerusalemme è il
luogo dove si deve adorare. Gesù li disse: credimi, donna: l ora viene quando né su
questo monte né a Gerusalemme adorerete il Padre. L ora viene, ed e questa, in cui
i veri adoratori adoreranno il Padre con spirito e verità, poiché il Padre cerca ve
ramente tali adoratori. Dio e uno spirito e quelli che l adorano devono adorarlo
con spirito e verità. Geremia spiega che ai credenti che verranno , Dio dice: met
terò la mia legge dentro di loro, e la scriverò nel loro cuore. 32/33
69
Non dovete pensare che Gesù disse cosi alla donna samaritana per che sapeva che il
tempio sarà distrutto. Gesù lo disse per che l uomo del futuro si renderà conto che s
tare inginocchiato e pregare l aria non sarà utile a nessuno per che l uomo è anche
lui un essere spirituale. I appostoli ci insegnano che noi siamo il tempio di Di
o in quale dimora lo spirito universale di Dio ed e quello che vi dicevo in un c
apitolo prima. Uno spirito e luce, amore e verità e noi siamo proprio questo, solo
che la spiritualità con quale ci ha abituato la chiesa non ci permette di vedere
più lontano di quanto vogliono loro. Noi siamo l opera del Padre vivente, e come t
utta l opera sua e viva, noi dobbiamo pregare sempre a ogni una delle sue opere
il permesso di disturbarli. Vi do un esempio. Ho letto sul internet un studio su
un albero molto particolare. Questo albero e una fonte di vita per i abitanti d
i quei posti, per che e utile ha tante cose e ha proprietà curative meravigliose.
Il popolo del posto quando andava no ha raccogliere le sue foglie i chiedevano p
ermesso e parlavano con lui. A noi, ci viene ha ridere, ma non e cosi. Un essere
spirituale sa che tutto quello che ci circonda vive e che uni dipendiamo dai al
tri, per questo le preghiere si devono fare. Non per caso i antichi parlavano co
n ogni essere e non facevano niente senza consultare i astri. E questa la preghi
era che si deve fare, perche noi tutti siamo Dio. Come e dove si fa la pre ghier
a ci lo dice sempre la Bibbia, ma per la chiesa e importante di andare li, perch
e solo in questo modo può svuotare le nostre tasche. Loro chiedono senza vergogna
l elemosina chiamandola carità per poter vivere in lusso sfrenato senza dare conto
ha nessuno. Come mai nessuno si rende conto che sono lupi in pelle di pecore e
che le loro azioni non concordano con quello che il Padre insegna?. Vediamo in t
anto, come dice la scrittura che dobbiamo fare le nostre preghiere. Mt.6/5 quand
o pregate, non dovete essere come gli ipocriti; perche a loro piace pregando sta
ndo in piedi nelle sinagoghe e agli angoli delle ampie vie per essere visti dagl
i uomini. Quando tu preghi entra nella tua stanza privata e, chiusa la porta pre
ga il Padre tuo che e nel segreto. Ma nel pregare non dite ripetutamente le stes
se cose, come fanno le persone delle nazioni, poiché esse immaginano di essere asc
oltate per loro uso di molte parole. Non vi rendete dunque simili a loro . Quand
o andiamo in chiesa ogni uno di noi lascia dei sold i come carità, sperando che in
questo modo vengono aiutati i bisognosi e a loro gli vengono perdonati i peccat
i. La Bibbia invece non ci insegna cosi: Mat.6/2 quando dunque fai donni di mise
ricordia, non suonare la tromba davanti a te, come fanno i ipocri ti nelle sinag
oghe e nelle vie, per essere glorificati dagli uomini. Tu quando fai donni di mi
sericordia, non far sapere alla tua mano sinistra quello che fa la tua destra, a
ffinché i tuoi doni di misericordia siano fati in segreto.
70
Lc 14/12 Quando offri un pranzo o una cena, non invitare i tuoi amici e fratelli
, i parenti e i ricchi che abitano vicino a te: essi infatti hanno la possibilità
di invitarti a loro volta a casa loro e tu in questo modo, hai già ricevuto la ric
ompensa. Invece, quando offri un banchetto, chiama i poveri, gli storpi, gli zop
pi e i ciechi. Allora avrai motivo di rallegrarti, perche questi non hanno la po
ssibilità di ricambiarti l invito. La carità non si fa da quello che ai in più, la car
ità si fa dividendo una parte di quello che ai con gli altri. E questo viene messo
in evidenza proprio da Gesù. Quando stava nel tempio, una dona povera lascio due
monetine lì, invece prima di lei un uomo molto ricco lascio una cifra importante.
Gesù disse ai discepoli che la donna lascio li, un tesoro. Gli apostoli gli disser
o che è il ricco che lascio tanti soldi, non la donna. Gesù disse che lei ha fatto i
l più grande dono perche a lasciato il denaro che i serviva per il suo manteniment
o, invece il ricco lascio quello che non i serviva. Dio ha detto che nessuna par
ola della Bibbia non deve essere cambiata. La chiesa invece per i suoi interessi
può cambiare e nascondere tutto. Ricevere l elemosina dalle persone e la cosa più i
mportante per l istituzione di Dio. Nella Bibbia ho trovato la più bel la descrizi
one del più bel sentimento umano. L Amore. La nostra chiesa invece ha cambiato amo
re con carità, perche? Semplice. Per succhiare di più i soldi del nostro lavoro chie
dendo come i barboni elemosina. Ma in questa istituzione di lavare il cervello l
a cosa che conta di più e l adorazione. Si può adorare di tutto. I patriarchi biblic
i, persone che per l umanità dovevano essere eroi e non santi, uomini di chiesa, p
api, suore. La chiesa cattolica e piena dei santi come lo era il panteon greco d
egli dèi. Si adorano icone e statue di santi e tanti tipi di madonne nere e bianch
e. Dove sta scritto questo imbroglio? Nel Mat 4/10 Gesù dice Devi adorare solo Dio
, e a lui sol o devi rendere sacro servizio. Att 10/25 Come Pietro entro, Cornel
io li andò incontro, cadde ai suoi piedi e li rese omaggio. Ma Pietro li fecce lev
are, e disse: Alzati anch io sono un uomo Ri 22/8,9 e io Giovanni, caddi per ado
rare davanti ai piedi del angelo che mi aveva mostrato queste cose. Ma egli mi d
isse: Sta attento! Non farlo! Io sono solo un compagno di schiavitù tuo e dei tuoi
fratelli. Gesù rimprovera sempre i maestri della legge che erano i sacerdoti a qu
ei tempi delle loro attitudini malvagie e dice: Mat 23/3 Fate quello che dicono,
ubbidite ai loro insegnamenti, ma non imitate il loro modo di agire: perche ess
i insegnano, ma non mettono in pratica quel che insegnano. Tutto quello che fann
o è per farsi vedere dalla gente. Sulla fronte portano le parole della legge in as
tucci più grandi del solito: le frange dei loro mantel li son più lunghe di quelli d
egli altri. Desiderano avere i posti d onore nelle sinagoghe, i primi posti nei
banchetti, essere salutati in piazza e essere chiamati maestro . Voi pero non fa
tte cosi. Non fatevi chiamare maestro, perche voi siate tutti fratelli e uno sol
o e vostro Maestro. E non chiamate
71
Padre nessuno di voi su la terra, perche uno solo e il vostro Padre, quello che è
in cielo. E non fatevi chiamare capo , perche uno solo e il vostro capo, Gesù. Gua
i a voi maestri della legge. Voi chiudette agli uomini la porta del Regno: non e
ntrate voi e non lasciate entrare quelli che vorrebbero entrare. Guai a voi maes
tri della legge, voi fate lunghi viaggi per terra e per mare, pur di riuscire à co
nvertire anche un solo uomo: ma, poi, quando l avete conquistato, lo fatte diven
ire degno del inferno, peggio di voi. Guai a voi , ipocriti, maestri della legge
. Voi costruite belle tombe per i profeti, decorate i sepolcri degli uomini gius
ti. Voi ditte: Se fossimo vissuti ai tempi dei nostri padri, non avremmo fatto c
ome loro, che hanno ucciso i profeti. Intanto voi dichiarati contro voi stessi,
di essere discendenti di quelli che uccisero i profeti, Continuate, state contin
uando quello che i vostri padri hanno cominciato. Guai a voi, maestri della legg
e, perche avete portato via la chiave della conoscenza: voi non siete entrati e
non avete lasciato entrare quelli che avrebbero voluto. Mi onorano con le labbra
e insegnano agli uomini comandamenti degli uomini, fati da loro, che io non ho
mai ordinato. Quando leggerete quello che e scritto qui, probabilmente penserete
che sono una persona piena di odio contro la chiesa. Be, non e cosi. Io sonno a
rrabbiatissima contro la loro dottrina bugiarda, perche loro, dai tempi antichi
erano le sole persone che avevano acceso alla conoscenza e solo loro hanno alter
ato tutta la verità che insegnava al umanità il vero camino verso la spiritualità. Il
loro affrettato zelo non e per aprire gli occhi ala gente della loro vera condiz
ione spirituale, ma ad aprire i loro portafogli per arricchirli e consolidare il
loro dominio su le nostre menti. La conoscenza spirituale e stata sequestrata d
a loro e alterata in modo che nessuno non riuscirà mai ha raggiungerla. Le preghie
re sono una condizione di rispetto verso tutto ciò che ci circonda, il riconoscime
nto della nostra natura universale. L adorazione invece e una cosa che solo loro
l hanno inventata , per che il loro dio vuole solo questo. Nessuno può adorare qu
ello che e dal principio. L universo ha un Padre, e noi tutti esseri, alieni o u
mani siamo i suoi figli e tra di noi siamo fratelli. Il nostro mondo invece, ado
ra dio, che non e il Padre del universo, ma del mondo, e questo dio e un nostro
fratello un può più evoluto di noi. E questa la differenza. Quando una persona va in
chiesa, crede di seguire le regole che Padre ci ha lasciato, e che per il suo z
elo sarà ricompensato. Con ammarezza e umiltà vi dicco che vi sbagliate di grosso. N
on pretendo di dover credermi. Voglio solo riuscire ha farvi mettere delle doman
de nel pro fondo della vostra coscienza. Ho trovato sul internet un documento in
quietante che un cardinale ha mandato, per far conoscere alla gente le eresie de
lla chiesa. Io lo allego qui cosi come lo scaricato. C e poi un altro documento
che ho scaricato e lo allego cui in forma originale che parla di quello che io v
i diceva prima: l elemosina e la carità che il popolo di dio fa
72
per la chiesa. Sicuramente nessuno tra i credenti non si ha mai chiesto quanti s
oldi entrano nelle tasche del popolo di dio e quanti vanno verso quelli che hann
o veramente bisogno del nostro aiuto. Leggete queste righe è avete un quadro quasi
completo della loro ipocrisia.
Abbiamo ricevuto qualche giorno fa, in maniera assolutamente anonima, un documen
to sulle presunte «Eresie» che la Chiesa di Roma avrebbe perpetrato in oltre 1600 an
ni di storia. Un documento redatto da un Cardinale che, come potrete leggere, è de
cisamente inquietante! Come lo abbiamo ricevuto, lo presentiamo, lasciando al le
ttore ogni commento e/o interpretazione. ----------------------------------
Lista delle Eresie e delle invenzioni umane adottate e perpetrate dalla Chiesa C
attolica Romana nel corso di 1600 anni
Compilata dal Reverendo Stefano Testa Sesta Edizione Italiana EDIZIONI CENTRO BI
BLICO «E conoscerete la Verità, e la Verità vi farà liberi» (Gesù, secondo le parole di Gio
anni 8:32)
AVVERTENZA Queste date in molti casi sono approssimative. Molte di queste eresie
furono correnti qua e là nella Chiesa molto tempo prima di essere adottate uffici
almente; ma è solo quando un Concilio le ha ufficialmente adottate e il Papa le ha
proclamate come dogma di fede che esse devono essere credute e praticate dai ca
ttolici. Per essere verace, una dottrina deve essere conforme alla Parola di Dio
. «Alla legge! Alla testimonianza! Se il popolo non parla così, non vi sarà mai per lu
i alcuna aurora!» (Isaia 8:20) Nella Riforma del secolo XVI, queste eresie furono
ripudiate perché non d accordo con l insegnamento di Gesù e degli Apostoli quale di
trova nel Nuovo Testamento . 1. Tra tutte le invenzioni umane praticate dalla Ch
iesa Romana e contrarie al Vangelo, le più antiche sono la preghiera per i morti e
il segno della Croce . Ambedue furono inventate verso l anno 310. Furono uffici
almente adottate intorno al 500 dopo Cristo. 2. La venerazione di santi e morti
e di angeli , verso l anno 375.
3. La celebrazione quotidiana della Messa entrò in uso nel 394. 4. Il Culto di Mar
ia , madre di Gesù, e l uso dell espressione «Madre di Dio» a lei applicato, ebbe orig
ine nel Concilio di Efeso del 431. 5. Il Monachismo fu introdotto in occidente d
a Benedetto da Norcia che costruì il primo monastero a Monte Cassino nel 528. Gesù o
rdinò ai Suoi discepoli di predicare a tutti i popoli della terra, non di segregar
si in conventi o monasteri (Matteo 10:5 -8; 28:19-20; Marco 16:15-20)
73
6. La dottrina del Purgatorio fu istituita da Gregorio Magno verso l anno 593. 7
. La lingua latina come lingua di culto nella Chiesa fu imposta da Papa Gregorio
I nell anno 600 dopo Cristo. La Parola di Dio invece insegna che si deve pregar
e e predicare nella lingua conosciuta dal popolo (leggi: 1° Corinzi 14:19). 8. Sec
ondo il Vangelo le preghiere devono essere dirette solo a Dio. Nella chiesa prim
itiva non ci furono mai preghiere rivolte a Maria o ai Santi. Tale pratica ebbe
origine 600 anni dopo Cristo.(Leggi: Matteo 11:28; Luca 1:46; Atti 10:25 -26; 14
:14-18). 9. Il Papato è di origine pagana. Il titolo di Papa, ossia di vescovo uni
versale, venne per la prima volta dato dall empio imperatore Foca al vescovo di
Roma nell anno 610. Ciò egli fece per far dispetto al vescovo Ciriaco di Costantin
opoli che lo aveva scomunicato per aver egli fatto assassinare il suo predecesso
re, l imperatore Maurizio. L allora vescovo di Roma, Gregorio I, ricusò il titolo,
e fu il suo successore, Bonifazio III il primo ad avvalersi del titolo di Papa.
Gesù non lasciò nessun capo fra gli apostoli, essendo Egli sempre il capo fra gli a
postoli, essendo Egli sempre il capo immortale della Chiesa (Leggi: Luca 22:24-2
6; Efesini 1:22-23; Colossei 1:18; 1° Corinzi 3:11). 10. Il bacio del piede del Pa
pa cominciò nell anno 709. Gli imperatori pagani si facevano baciare il piede. Il
Vangelo condanna simili pratiche. (Leggi: Atti: 10:25-26; Apocalisse 10:10; 22:9
) 11. Il potere temporale papale cominciò nell anno 750. Quando Pipino, l usurpato
re del trono di Francia, discese in Italia chiamato da Papa Stefano II per far g
uerra ai Longobardi, li sconfisse e dette la città e i dintorni di Roma al Papa. G
esù assolutamente proibì ciò, ed Egli stesso rifiutò di essere fatto re. (Leggi: Matteo
4:8 -9; 20:25-26 e Giovanni 18:36). 12. L adorazione della croce, delle immagini
e delle reliquie fu adottata ufficialmente nel 788. Ciò fu per ordine dell impera
trice Irene di Costantinopoli, che prima fece cavare gli occhi al proprio figlio
Costantino IV, e poi convocò un concilio della Chiesa per richiesta di Adriano I,
vescovo di Roma in quel tempo. Nella Bibbia tale pratica è chiamata idolatria ed è
severamente condannata. (Leggi: Esodo: 20:4-6; Deuteronomio 27:15; Salmo 115; Ge
remia 10:1-5). 13. L uso dell Acqua Santa cui si aggiungeva un pizzico di sale e
che veniva poi benedetta dal prete, venne autorizzato nell anno 850. 14. La ven
erazione di San Giuseppe ebbe inizio nell anno 890. 15. L uso delle campane nell
e chiese venne istituito da papa Giovanni XIV nella chiesa di San Giovanni in La
terano nell anno 965. 16. La canonizzazione dei santi avvenne per la prima volta
ad opera di Papa Giovanni XV nell anno 995. La Bibbia chiama santi tutti i cred
enti e i veri seguaci di Cristo (Leggi: Romani: 1:7; 1° Corinzi 1-2; ecc.)
74
17. Il digiuno in giorno di venerdì e durante la Quaresima venne imposto ufficialm
ente nell anno 998. Sembra da papi inter essati nel commercio del pesce. Per man
giare carne occorre la dispensa. Alcune autorità affermano che ciò iniziò verso l anno
700. Si tratta di cosa contraria al chiaro insegnamento delle Scritture (Leggi:
Matteo 15-10; 1° Corinzi 10:25; 1° Timoteo 4:3). 18. La Messa come sacrificio fu sv
iluppata gradualmente e la frequenza ad essa resa obbligatoria nell undicesimo s
ecolo. Il Vangelo insegna che il sacrificio di Cristo fu offerto una sola volta
per tutte, e non dev essere ripetuto, ma solo commemorato nella Santa Cena (Legg
i: Ebrei 7-27; 9:26-28; 10:10-14).
19. Il celibato dei preti fu decretato da Papa Gregorio VII nell anno 1079. Il V
angelo invece insegna che i ministri di Dio possono avere moglie e figli, San Pi
etro era ammogliato, Paolo prescrisse che i vescovi devono avere famiglia. (Legg
i: 1° Timoteo 3:2, 5, 12; Matteo 8:1415) 20. La Corona del Rosario fu introdotta d
a Pietro l eremita nell anno 1090. Questa fu copiata dai Maomettani. Il contare
le preghiere è pratica pagana ed è severamente condannata da Cristo (Leggi: Matteo 6
:5-13) 21. La Inquisizione per gli eretici fu istituita dal Concilio di Verona n
ell anno 1184. Gesù condanna la violenza e non forza nessuno ad accettare la Sua r
eligione. 22. Le Indulgenze (con le quali si rimetteva la punizione per i pecca
ti) vennero concesse per la prima volta nell anno 850 da Papa Leone IV a coloro
che salivano la «Scala Santa» sulle loro ginocchia. Le vendita di esse iniziò nell ann
o 1190 e continuò fino all epoca della Riforma 850 e 1190. San Pietro rifiutò danaro
da Si mon Mago che credeva di poter acquistare il dono di Dio con l oro (Atti 8
:20). La religione cristiana secondo l insegnamento dell Evangelo è contro un simi
le traffico e fu appunto la protesta contro tale traffico che provocò la Riforma P
rotestante del XVI secolo. 23. Il dogma della Transustanziazione fu decretato da
Papa Innocenzo III nell anno 1215. Con questa dottrina il prete pretende di cre
are Gesù Cristo ogni giorno e poi mangiarLo in presenza del popolo durante la Mess
a. Il Vangelo condanna simili assurdità. Nella Santa Cena c è solo la presenza spiri
tuale di Cristo (Leggi: Luca 19-20; Giovanni 6:63; 1° Corinzi 11:26). 24. La confe
ssione auricolare, o confessione dei peccati fatta all orecchio del prete, fu is
tituita da Papa Innocenzo nel Concilio Laterano nel 1215. Il Vangelo ci comanda
di confessa re i peccati direttamente a Dio e a coloro che abbiano offeso. Giuda
si confessò ai preti e poi si strangolò. Matteo 27:3-5 (Leggi: Salmo 51:1-12; Luca
1:48-59; 1° Giovanni 1:8-9).
25. L adorazione dell ostia fu sancita da Papa Onorio III nell anno 1120. Cos ì la
Chiesa Romana adora un Dio fatto nelle mani di uomini. Tale pratica è il colmo de
ll idolatria ed è assolutamente contraria allo spirito del Vangelo (Leggi: Giovann
i 4:23 -24)
75
26. La Bibbia fu proibita al popolo e messa all indice dei libri proibiti, dal C
oncilio di Tolosa nell anno 1229. Gesù dice che la Scrittura deve essere letta da
tutti. (Leggi: Giovanni 5:39; 2° Timoteo 3:15-17). 27. Lo scapolare fu inventato d
a Simone Stock, monaco carmelitano inglese, nell anno 1287. 28. Il battesimo per
aspersione fu reso legale dal Concilio di Ravenna nell anno 1311. Il battesimo
secondo il Nuovo Testamento è per immersione in acqua, da amministrarsi ai soli cr
edenti (Matteo 3:6, 7, 16; 28:18 -20; Marco 16:16; Atti 8:36 -39 ed altri passi)
29. La Chiesa Romana proibì il calice ai fedeli nella comunione, al Concilio di C
ostanza, nell anno 1414. Il Vangelo ci comanda di celebrare la comunione col pan
e e col vino (Leggi: Matteo 26:27; 1° Corinzi 11:25 -27)
30. La dottrina del Purgatorio fu considerata come dogma nel Concilio di Firenze
, nell anno 1439. Nel Vangelo non v è neanche una parola che accenni al purgatorio
dei preti. Il sangue di Gesù Cristo è l unica purificazione dei nostri peccati. (Le
ggi: 1° Giovanni 1:7-9; Giovanni 5:24; Romani 8:1) 31. I Sette Sacramenti vennero
per la prima volta così elencati da Pietro Lombardo nell anno 1160 dopo Cristo ma
la dottrina dei Sette Sacramenti divenne ufficiale con Concilio di Firenze, nell
anno 1439. L Evangelo dice che Cristo istituì due soli sacramenti, il Battesimo e
la Santa Cena (Leggi: Matteo 28:19-20; 26:26-28)
32. L Ave Maria, preghiera indirizzata a Maria, venne ordinata tale nella sua pr
ima parte, che è tolta dalla Bibbia, da Oddo, vescovo di Parigi nel 1196 A.D. e la
sua seconda parte come «preghiera della chiesa» v enne completata da Papa Pio V nel
l anno 1568. La Bibbia ci esorta in molti passi a pregare Iddio soltanto. Il pre
gare altri è considerato idolatria. Maria non disse mai di indirizzare a lei le no
stre preghiere.
33. Il Concilio di Trento dichiarò che la Tradizione deve essere ritenuta di egual
e autorità che la Bibbia, nell anno 1545. Per tradizione s intendono insegnamenti
umani. I Farisei credevano lo stesso e Gesù li rimproverò acerbamente, poiché con la t
radizione degli uomini si annulla la Parola di Dio (Leggi: Marco 7:7-13; Colosse
i 2:8; Apocalisse 22:18) 34. I libri Apocrifi furono aggiunti alla Bibbia pure a
l Concilio di Trento. Tali libri non sono riconosciuti canonici dai Giudei. Anno
1546.
76
35. Il Credo Cattolico di Pio IV fu imposto nel 1560. I veri cristiani si atteng
ono solo al Vangelo e al Credo degli Apostoli, che è di 1500 anni più antico del Cre
do dei Cattolici. 36. La devozione del «Sacro Cuore» fu adottata ufficialmente nel 1
765.
37. L immacolata concezione di Maria fu proclamata dogma da Papa Pio IX nell ann
o 1854. Il Vangelo invece dice che tutti gli uomini, eccetto Cristo, sono peccat
ori, e Maria stessa ebbe bisogno del Salvatore (Leggi: Luca 1:30; 46 -47; Romani
3:23; 5:12; Salmo 51:5)
38. Nell anno 1870 dopo Cristo, Papa Pio IX stabilì il dogma della Infallibilità Pap
ale. Questo è il colmo della bestemmia e il segno dell apostasia e dell anticristo
predetto da S. Paolo (Leggi: 2° Tess. 2:2-12; Apocalisse 13:5-8-18). La Bibbia di
ce che non v è nessun uomo giusto sulla terra che non pecchi. (Legg i: Romani 3:4-
23; 2° Tess. 2:3-4; Apocalisse 17:3-9; 13:18). Molti vedono il numero 666 nelle le
ttere romane «VICARIVM FILII DEI» - V=5, I=1, C=100, I=1, V=5, I=1, L=50, I=1, D=500
, I=1, Totale 666. 39. Pio X nel 1907 condannò assieme al «Modernismo» tutte l e scope
rte della scienza che non piacciono al Papa . (Lo stesso aveva fatto Pio IX nel
Sillabo del 1864).
40. Nel 1930 Pio XI condannò le scuole pubbliche . 41. Nel 1931 lo stesso Pio XI h
a confermato la dottrina che Maria è «Madre di Dio». Dottrina che fu per la prima volt
a inventata dal Concilio di Efeso nel 431. Questa è una eresia contraria alle stes
se parole di Maria. (Leggi: Luca 1:46 -49). 42. Nell anno 1950 l ultimo dogma, l
Assunzione della Vergine Maria da proclamata da Papa Pio XII. CONCLUSIONE Quale
sarà la prossima invenzione? La Chiesa Romana dice che non cambia mai, eppure non
ha fatto altro che inventare nuove dottrine contrarie alla Bibbia, e praticare
riti e cerimonie prese dal paganesimo. La suddetta lista cronologica delle inven
zioni umane distr ugge il vanto dei preti che la loro religione sia quella inseg
nata da Cristo e che i Papi siano i custodi fedeli della medesima. La vera relig
ione di Cristo, invece, non si trova nel Romanesimo, ma nel Vangelo. FRATELLI! L
a Parola di Dio ci comanda di uscire dalla Babilonia. Udite: "Uscite d'essa, o p
opol mio; affinché non siate partecipi dei suoi peccati; e non riceviate delle sue
piaghe " (Apocalisse 18:4). Tutti i veri cristiani preferiscono essere fedeli a
ll'insegnamento di Cristo e rigettano le invenzi oni
77
umane, attenendosi all'avvertimento di Ecco come e perché la Chiesa incassa ogni S
. Paolo che dice: anno una intera manovra finanziaria dello Stato italiano. Per
poi remargli contro "Quand'anche noi, od un angelo del cielo vi annunziassimo un
vangelo diverso da quello che vi abbiamo annunziato, sia anatema " (Galati, 1:8
)
LA FINANZA VATICANA - LA BANCA VATICANA - L'EVASIONE FISCALE L'ARCHIVIO DARDOZZI
Anche il nuovo papa insiste nel tentativo di mettere il cappello sulla Costituzi
one europea e lancia periodicamente accorati appelli sulle radici cristiane dell
Europa , radici che a volte diventano ebraico cristiane per accattivarsi l appo
ggio di chi ieri era demonizzato e oggi è corteggiato perché più potente di prima. Ma
la Comunità europea, ingrata, risponde diffidando lo Stato italiano dal continuare
a regalare privilegi economici e fiscali alla Chiesa del papa. Grazie all Europ
a scopriamo che in Italia la Chiesa è leader in ben quattro settori economici: imm
obiliare, turismo, sanità ed educazione privata. C è di che allibire. Eppure da Oltr
etevere rispondono, come al solito piangendo miseria, accusando l esistenza di u
n complotto contro la Chiesa e continuando a dichiarare che i soldi incamerati s
ervono per opere di carità. Ma come stanno le cose? E le casse vaticane come stann
o? Quanto incamerano all anno dallo Stato italiano, tra sgravi fiscali, cioè soldi
ai quali il nostro Stato rinuncia a favore del Vaticano, e soldi regalati diret
tamente alla santa sede e dintorni? Come vedremo, la cifra totale è valutata per e
sempio dal matematico Piergiorgio Odifreddi in non meno di 11 miliardi di euro,
pari ad oltre 20 mila miliardi annui di vecchie lire. Come sappiamo, ogni anno i
l nostro governo per salvare il bilancio statale dalla bancarotta impone una man
ovra finanziaria, cioè nuove tasse, per cifre dello stesso ordine di grandezza di
quelle intascate dal Vaticano. Detto in altre parole: SE LA CHIESA PAGASSE LE TA
SSE GLI ITALIANI POTREBBERO PAGARNE MENO. I cattolici si riempiono la bocca e si
stracciano le vesti in nome della difesa della famiglia , ma tanto strepito di
fatto nasconde una realtà deprecabile: la Chiesa cattolica campa a sbafo proprio d
elle famiglie! Una parte consistente delle tasse di tutti noi, padri e madri di
famiglia comprese, e non solo l 8 per mille volontario della dichiarazione dei r
edditi, finisce infatti in Vaticano. Come si è arrivati a tanto? Partiamo dall ini
zio. Come è noto, fatta l unità d Italia sfrattando i Borboni e il papa dai rispetti
vi Stati, la Chiesa rifiutò di riconoscerla e anzi proibì ai cattolici di partecipar
e alla vita politica nazionale. Per superare questo ostracismo il governo italia
no firmò nel 1871 la Legge delle Guarentigie, che riconosceva alla Chiesa il posse
sso dei palazzi del Vaticano e del Laterano e la residenza estiva di Castel Gand
olfo. La legge inoltre istituì una serie di privilegi materiali a favore del papa
e del clero compresa una cifra annuale di 3.225.000 lire dell epoca, pari a una
decina di milioni di euro di oggi. Il papa però non la incassò mai, onde evitare il
riconoscimento formale dell unità italiana. Solo l 11 febbraio 1929, spianando così
la strada al fascismo, il Vaticano firmò con Mussolini i Patti lateranensi, che fr
uttarono alla Chiesa un Trattato, una Convenzione finanziaria e un Concordato. I
l Trattato riconobbe la sovranità della Chiesa e l indipendenza dello Stato del Va
ticano. La Convenzione economica elargì una ricompensa come risarcimento dei danni
ingenti subiti con la conquista di Roma nel 1870. Venne così anche pagata l inter
a cifra arretrata dei soldi della Legge delle guarentigie del 1871 non riscossi
dal papa, cifra pari a 3.160.501.113 lire dell epoca, p ari a una decina di mili
ardi di euro odierni (ovvero 20.000 miliardi di lire prima dell euro).
78
Venne anche stabilito, oltre al monopolio sui matrimoni e relativo rito, che lo
Stato italiano avrebbe pagato lo stipendio, detto la congrua , a tutti i preti,
che però non potevano far politica e, se nominati vescovi dal papa, dovevano avere
il gradimento italiano e giurare fedeltà al regime. Fu così che Pio XI, imbottito d
i quattrini e privilegi, il 14 febbraio 1929 definì raggiante Mussolini l uomo che
la Provvidenza ci ha fatto incontrare . Qualcosa di simile accadrà in seguito con
un altro uomo della Provvidenza in Germania, un certo Adolfo Hitler. Le consegu
enze, non solo italiane e tedesche, sono tragicamente note. Craxi nel 1983 ha pu
rtroppo rinnovato il Concordato, dopo sette tentativi andati a vuoto tra il 67 e
l 83, togliendo il divieto ai preti di fare politica e il giuramento di fedeltà d
ei vescovi allo Stato italiano. Il matrimonio è stato svincolato solo in parte dal
la tutela ecclesiastica. La congrua mensile per i preti è stata sostituita con il
finanziamento volontario dell 8 per mille sul gettito totale delle tasse da noi
pagate con l Irpef, novità che comporta per il Vaticano l incasso di un miliardo d
i euro l anno. Nuovi privilegi sono stati regalati dal governo nelle mani di Ber
lusconi. Il Cavaliere nel 2003 ha creato un organico di 15.507 posti di insegnan
ti di religione (di fatto solo cattolica), fatti diventare in massa di ruolo sca
valcando anche i diritti pregressi degli insegnati delle altre materie, ben più im
portanti per il progresso del Paese. Da notare che gli insegnanti di religione l
i nomina, e li può licenziare!, il vescovo locale e non il ministero della Pubblic
a istruzione. Contrariamente a quanto sostiene la Chiesa per accattivarsi il pub
blico, solo il 20% dell 8 per mille regalato volontariamente con l Irpef viene s
peso in opere di carità. Per il resto, il 34% va per il sostentamento del clero e
ben il 46% alle non meglio specificate esigenze di culto . Da notare che la Chie
sa incassa quasi tutto, per l esattezza nel 2006 l 89,16 %, l 8 per mille che ar
riva dall Irpef, nonostante solo un terzo dei contribuenti scelga di devolverlo
allo Stato, alla Chiesa o ad altre religioni (da notare che le organizzazioni um
anitarie o s cientifiche hanno fatto la loro ignorata comparsa solo negli ultimi
ssimi tempi). La legge infatti grazie all articolo 37 è truffaldina: assegna alla
maggioranza della minoranza che devolve l 8 per mille il potere di stabilire di
fatto a chi dare il resto del ricco gruzzolo che il contribuente non indica a ch
i versare. E poiché la maggioranza (nel 2006 il 35,24%) di questa minoranza assegn
a l obolo alla Chiesa, questa diventa l asso piglia tutto: piglia cioè l 89,16%, p
ari a un miliardo di euro l anno. Da no tare che soli i valdesi, che ricevono ap
pena l 1,30 della torta Irpef, presentano un rendiconto molto particolareggiato
e danno tutto in opere assistenziali. La comunità ebraica riceve lo 0,39 %, i lute
rano lo 0,27 e via con gli altri spiccioli per gli alt ri questuanti. Altri mill
e miliardi di lire li sborsa direttamente lo Stato con contributi tra i più dispar
ati: nel 2004 ad esempio dai 470 milioni per stipendi agli insegnanti di religio
ne ai 258 per le scuole cattoliche, 25 milioni per l acqua consumata dal Vatican
o (!), 20 milioni per una Università dell Opus Dei e altri 44 per le cinque Univer
sità cattoliche, ecc., ecc. Più la gran parte del miliardo e mezzo di euro per la sa
nità privata, quasi tutta in mano a istituzioni cattoliche (specie nella Lombar di
a governata dal ciellino Roberto Formigoni). Arriviamo così ogni anno ad almeno 3
mila miliardi di euro, ovvero 6 mila miliardi di vecchie lire, all ombra del Cup
olone, cioè della basilica di S. Pietro. Non so se nel conto abbiano calcolato anc
he i rimborsi del 10 % del costo della carta per la miriade di giornali, giornal
etti e bollettini di riffa o di raffa facenti capo al mondo cattolico, giornali
che prontamente si schierano con il papa e i vescovi quando criticano o attaccan
o la nostra vita politi ca. Altri 6 miliardi di euro la Chiesa se li tiene grazi
e alla rinuncia dello Stato italiano a riscuotere le tasse in molte, troppe occa
sioni. Per lo stesso motivo i Comuni italiani perdono circa 2 miliardi e 250 mil
ioni di euro l anno. Arriviamo così al totale pazzesco di oltre 10 miliardi di eur
o, ovvero oltre 20 mila miliardi di lire! Una intera manovra finanziaria di prop
orzioni niente affatto
79
trascurabili che dalle nostre tasche, cioè anche dalle tasche delle famose famigli
e che la Chiesa dice di voler proteggere, finiscono ogni anno direttamente nelle
sue casse. Ogni dieci anni, si arriva a oltre 100 miliardi di euro, pari ad olt
re 200 mila miliardi di lire No comment. Mi limito a dire che questa Chiesa, così
bene ingrassata con i nostri soldi regalati dal nostro Stato, è la stessa che poi
accusa questo stesso Stato di sperpero delle nostre tasse per parassitismo e pri
vilegio dei partiti, strizzando l occhiolino alla proposta di sciopero fiscale l
anciata da Umberto Bossi. Ed è la stessa Chiesa che, da noi pagata, attacca sempre
più a testa bassa la laicità delle nostre istituzioni e quindi le basi della nostra
libertà e coesistenza sociale. Insomma, siamo di fronte a quanto di più assurdo e i
mbarazzante, se non vergognoso, si possa immaginare. Vi consiglio la lettura di
un articolo di Luca Iezzi sul quotidiano "Repubblica" e uno di Pierluigi Franz s
u "La Stampa". Per facilitarvi le cose ve li riporto qui in basso. LUCA IEZZI -
L Europa sospetta che l Italia abbia un occhio di riguardo per l azien da Chiesa
e le conceda un regime fiscale agevolato rispetto ai concorrenti laici. La comm
issione Ue non mette in dubbio le prerogative temporali concesse alla Chiesa cat
tolica come la totale esenzione Irpef per i dipendenti del Vaticano. Il problema
nasce per le attività economiche collegate a quella pastorale e in almeno quattro
i settori la Chiesa è leader nazionale: immobiliare, turismo, sanità ed educazione
privata. Visti gli sgravi su Ici, Ires, Irap il dubbio dell aiuto di Stato assum
e consistenza. Ici - Tutto nasce dall immenso patrimonio immobiliare: impossibil
e definirlo con certezza, le stime dicono 100 mila fabbricati per 8 -9 miliardi
di euro di valore. Riducendo l analisi a realtà più piccole, ma rappresentative, com
e Roma, l elenco è impression ante: 550 tra istituti e conventi, 500 chiese, 250 s
cuole, 200 case generalizie 65 case di cura, 50 missioni, 43 collegi, 30 monaste
ri, 25 case di riposo e ospizi, 18 ospedali. Sono quasi 2 mila gli enti religios
i residenti e risultano proprietari di circa 20 mila terreni e fabbricati. Va ri
cordato la legge istitutiva dell Ici esentava i luoghi di culto e le loro pertin
enze per cui alcune non sono mai state nemmeno segnalate ai comuni. Nel corso de
gli anni si è assistito a un braccio di ferro tra i sindaci e gli enti religiosi c
he tentavano di allargare a dismisura il perimetro delle esenzioni (alloggi di r
eligiosi, sedi di fondazioni, opere pie, ospedali, università). Nei contenziosi i
Comuni avevano avuto il sostegno della corte di Cassazione che dal 2004 ha chiar
ito che se in un fabbricato si svolgeva un attività commerciale doveva pagare l im
posta. Il governo Berlusconi aveva esentato tutti gli immobili posseduti da enti
religiosi no profit scatenando le proteste (e un primo interesse dell Ue). Ora
la legge colpisce solo locali utilizzati esclusivamente per attività commerciali.
Una formulazione che lascia molto spazio al proprietario che autocertifica l uso
ai fini dell Ici. La nuova formula secondo l Ares fa perdere ai comuni 2,2 mili
ardi di euro. Per Roma è meno di 20 milioni - stima Marco Causi assessore al Bilan
cio del comune - e conteranno molto gli accertamenti f caso per caso, i contenzi
osi non sono molti e con questo tipo di contribuenti cerchiamo soluzioni condivi
se . Anche se il direttore di R oma Entrate Andrea Ferri spiega: La normativa no
n aiuta ad evitare i contenziosi, ci sono casi di uso promiscuo commerciale e no
-profit in cui l attività a scopo di lucro è evidentemente preponderante . Ires - Co
nventi, palazzi e condomini sono diventat i sedi di cliniche, scuole e soprattut
to alberghi. Se l attività è svolta da enti di assistenza e beneficenza l Ires scend
e del 50% (esenzione totale se il reddito è generato da un immobile di proprietà dir
etta del Vaticano). Un bel vantaggio per chi opera nel turismo. E anche in quest
o caso Roma si è trasformata l epicentro di un impero: il turismo religioso genera
un fatturato di 5 miliardi l anno con 40 milioni di presenze. In tutta Italia p
reti e suore gestiscono 250 mila posti letto. L attività è considerata meritoria tan
to che il governo ha stanziato 10 milioni di euro per la promozione degli itiner
ari della fede. Con un ulteriore facilitazione: le organizzazioni no -profit
80
collegate a entità religiose mantengono la qualifica a vita senza dover ogni anno
presentare bilanci certificati e senza correre il rischio di vedersi negata dall
o Stato la qualifica per inadempimenti formali o sostanziali (come appunto la ge
nerazione di profitti). Irap - Infine sul fronte del costo del personale le retr
ibuzioni corri sposte ai sacerdoti dalla Chiesa cattolica, non costituiscono bas
e imponibile ai fini dell Irap, ma per ognuno di loro le associazioni possono de
durre una quota nella determinazione del reddito d impresa. PIERLUIGI FRANZ - La
«patata bollente» dell esenzione Ici sugli immobili della Chiesa e degli enti eccle
siastici destinati in Italia ad attività commerciali remunerate (alberghi, pension
ati, ostelli, centri vacanze, ristoranti, negozi, uffici, banche, cinema, clinic
he, università, ecc.), cioè non direttamente legati al culto, denunciato dal sottose
gretario all Economia Paolo Cento (Verdi), è un classico «pasticcio all italiana» per
colpa di un avverbio maldestramente inserito nella legge. In ballo ci sono impos
te sugli immobili per circa 700 milioni di eur o (secondo l Anci) o addirittura
per circa 1 miliardo (secondo stime vaticane). Il mancato introito crea un buco
nelle casse dei Comuni e, imparte, dello Stato. Ora l Italia rischia di essere s
anzionata dall Unione Europea per violazione della concorrenza. Difatti, per van
ificare gli effetti di una clamorosa sentenza emessa nel 2004 dalla Cassazione c
he aveva dato torto alla Chiesa costringendola anche a pagare 5 anni di arretrat
i, il 2 dicembre 2005, ricorrendo al voto di fiducia, il governo Berlusconi, c o
me chiedeva la Cei (Conferenza episcopale italiana), esenta dall Ici le attività c
ommerciali svolte da confessioni religiose e onlus. A parole il governo Prodi si
prefigge di cancellare subito la riforma, ripristinando il pagamento dell Ici s
ugli immobili degli enti ecclesiastici destinati allo svolgimento di attività comm
erciali. Ma l art. 39 del decreto legge Bersani, scritto in perfetto «burocratese»,
lascia di fatto in vigore l esenzione. Tutto ruota attorno all avverbio «esclusiva
mente», che trae in inganno persino il senatore Natale Ripamonti (Verdi), relatore
di maggioranza. Nel suo documento presentato in Senato nel luglio 2006 afferma
che «l art. 39 ripristina il pagamento dell Ici per gli enti ecclesiastici e le On
lus relativamente agli immobili in cui vengono svolte attività esclusivamente comm
erciali. La stima prudenziale è di 100 milioni di Euro». Poi, però, Ripamonti si accor
ge che nella frase c è qualcosa che non va e che occorre cancellare l avverbio «escl
usivamente». Presenta quindi un emend amento, altrimenti sarebbe rimasto tutto inv
ariato. In pratica, per aggirare la nuova legge Bersani bastava che presso l imm
obile in cui ha sede un attività commerciale gestita della Chiesa vi fosse un luog
o di culto cattolico per far sì che tale attività commerciale fosse interamente esen
tata dal pagamento dell Ici. L emendamento Ripamonti e quello di altri senatori
finisce però nel cestino per il voto di fiducia a Palazzo Madama. Successivamente
torna alla carica il deputato della Rosa nel Pugno Maurizio Turco; ma il 18 nove
mbre scorso una sua proposta viene bocciata a larghissima maggioranza (435 no e
appena 29 sì). L esponente della Rosa nel Pugno ricorda che l Unione Europea nei m
esi scorsi aveva indotto la Spagna ad adeguare il regime Iva che favoriva la Chi
esa cattolica, e che la Corte di Giustizia Europea prevede che gli aiuti di Stat
o si applicano ad ogni soggetto che eserciti un attività commerciale, senza privil
egi per alcuno, vigendo il divieto di concorrenza sleale. Il verdetto di Bruxell
es è atteso per fine anno. Anche se non esiste un censimento preciso si può affermar
e che una parte significativa dei beni immobili di Roma è in mano alla Chiesa e ad
enti ecclesiastici. Nella capitale gli istituti religiosi che non pagano l Ici
in base al Concordato ed alle successive leggi in vigore causano al Comune di Ro
ma un mancato introito di circa 20 milioni di euro l anno. Gran parte del Centro
storico di Roma appartiene al Vaticano, compresi beni extraterritoriali: molti
collegi e case generalizie, abitati ora da pochi religiosi, sono stati trasforma
ti in alberghi a 4 stelle, residence e pensionati di lusso. Dare un valore comme
rciale a questo «impero» è praticamente impossibile. Ci si può trovare
81
indifferentemente di fronte a ettari di terreno edificabile o al palazzetto stor
ico pronto alla ristrutturazione. Nel 2003 su circa 100 mila immobili appartenen
ti in Italia alla Chiesa e ad enti ecclesiastici si contavano nel campo dell ist
ruzione 8.784 scuole, suddivise in 6.228 materne, 1.280 elementari, 1.136 second
arie e 135 universitarie o parauniversitarie, 5 grandi università oltre a 2.300 mu
sei e biblioteche. Poi 4.712 centri di assistenza medica, suddivisi in 1.853 osp
edali e case di cura, 10 grandi ospedali, nonché 111 ospedali di media dimensione,
1.669 centri di «difesa della vita e della famiglia», 534 consultori familiari, 399
nidi d infanzia, 136 ambulatori e dispensari e 111 ospedali, più 674 di altro gen
ere. Il tutto per un valore globale di alcune centinaia di miliardi di euro. Inf
ine, 118 sedi vescovili, 12.314 parrocchie, quasi altrettanti oratori, 360 case
generalizie di ordini religiosi, un migliaio di conventi maschili o femminili e
504 seminari. Oltre agli attuali benefici fiscali sull Ici, la Chiesa beneficia
di circa 930 milioni di euro l an no grazie all 8 per mille (dal 2007 c è anche la
novità dell ulteriore 5 per mille).Vanno poi aggiunte le donazioni liberali dei c
ontribuenti a favore della Chiesa, detraibili dalle denunce dei redditi fino a c
irca 1000 euro, nonché l esenzione totale sui lasciti testamentari di beni mobili
ed immobili da parte dei fedeli. In base ai Patti Lateranensi sono esenti da Irp
ef gli stipendi dei dipendenti della Santa Sede e le loro pensioni. Per la Chies
a sono poi previsti sconti sull imposta Ires, nonché esenzio ni Iva sul gas metano
e anche sulla fornitura dell acqua, tanto che è ancora aperto un contenzioso di c
irca 30 milioni di euro con l Acea.
82
Cap.20 La creazione
La comparsa del uomo su la terra e uno dei argomenti che suscita ampi dibattiti
tra la scienza e la religione e tra i due correnti comparsi in seguito. L evoluz
ionismo e creazionismo. Nessuna tra i due non hanno abbastanza prove per diventa
re certezze. La prima non può spiegare come mai il lungo processo di evoluzione de
lle specie si ha ridotto drasticamente per la specie umana. Come mai la selezion
e naturale ha fatto per la nostra specie una trasformazione cosi veloce da un an
imale, a un essere intelligente, lavorando cosi tanto nei punti chiavi della tra
sformazione. La cap acita della scatola cranica si ha quasi raddoppiata, le cord
e vocali si sono modificate per poter parlare, l istinto primario e diventato la
crime e sentimenti, i cromosomi scimmieschi si hanno ridotto per garantire la ri
produzione, la coda e il pelo hanno molato il corpo. Ma che evoluzione radicale!
Il creazionismo invece potrebbe soddisfare di più la nostra curiosità e avidità di co
noscenza, ma ce una domanda: come ha fatto un Dio spirito ha plasmarci dalla ter
ra a sua immagine e somiglianza? Fino ad ave re base solide per sostenersi, tutt
e due rimarranno quello che affermano di essere: teorie. La creazione biblica co
si come ci viene presentata nelle poche parole della Genesi, fa nascere a più doma
nde che risposte, a posto di fare di più luce su questo argomento. Io cercherò di sp
iegare la descrizione della preparazione della terra per essere abitata, cosi co
me ci viene riportata nel libro della Genesi. Prima pero dovrei mettere in chiar
o la traduzione volutamente sbagliata del primo versetto con quale inizia la Bib
bia: In principio Dio creò i cieli e la terra. Quando affermo volutamente sbagliat
a non e per caso, perche come abbiamo visto, la Bibbia e una falsificazione dei
testi antichi della creazione che avevano come protagonisti gli dèi. Il monoteismo
nascente non poteva contenere una creazione fatta dagli dèi, ma da un solo Dio; e
d e per questo che il testo e stato cambiato. Nella Bibbia ebraica sono presenti
due soggetti divini ELOHIM e JHWE. ELOHIM deriva dalla parola ELOAH che signifi
ca divinità ed e un plurale che si traduce correttamente in le divinità o gli dèi. Il
secondo soggetto e JHWE che è un nome proprio o meglio il nome personale di una di
vinità, nel nostro caso, Dio. La traduzione corretta di Elohim e Jhwe e : gli dèi e
Dio. In tutta la Bibbia la parola Elohim e stata sostituita da Dio, Signore, Add
onai. In questo caso la traduzione corretta del primo versetto della Bibbia è In p
rincipio gli dèi crearono il cielo e la terra . Questa traduzione ci viene conferm
ata da altre conversazio ni che gli dèi hanno tra di loro e la decisione di creare
l uomo. Facciamo l uomo a nostra immagine e somiglianza , e segue poi la certez
za che l uomo creato da loro rispecchia le stesse caratteristiche degli dèi quando
dicono Ecco che l uomo e
83
diventato come uno di noi . Poi gli dèi decidono di togliere al uomo la vita etern
a con quale fu creato prima e dicono Ora facciamo si, ch egli non stenda la mano
e non prenda anche l albero della vita, cosi che non mangi e viva in eterno . Q
uando l uomo costruì la torre di Babele e Dio si rese conto di quello che facevano
disse Ora scendiamo e confondiamo la loro lingua . Questi versetti probabilment
e per l omissione dei falsari della Bibbia non sono state monoteiste ci conferma
no che non solo un dio a creato il uomo, ma tanti; perche errano i dèi che hanno c
reato l uomo. La stessa cosa affermano tanti testi antichi, siti archeologici, m
iti, leggende e tutti i popoli antichi: l uomo e stato creato dagli dèi. Prima del
la creazione del uomo, Dio ha preparata la terra per essere abitata cosi come ci
dicono le scritture. Con poche parole ci viene descritto come la terra primordi
ale prende vita. Ma la terra era deserta e disadorna e v era tenebra sulla super
ficie delle acque . Al inizio, la terra era un miscuglio di gas e elementi chimi
ci mescolati tra di loro in una massa incandescente. La terra era una palla di f
uoco. Con il passare del tempo iniziò il raffreddamento della crosta terrestre, e
in questo modo lento, elementi chimici presenti nella crosta formarono i mi nera
li e l acqua che oggi conosciamo come l oceano primordiale. La tenebra che era s
ulla superficie delle acque non era altro che vapore che annebbiò l atmosfera quan
do la deferenza di temperatura tra la superficie delle acque e l atmosfera e div
ersa. La separazione delle due acque, di sotto (l oceano) e quelle di sopra (l a
tmosfera) viene ordinato da Dio nel secondo giorno proprio a queste acque vi sia
un firmamento in mezzo alle acque che tenga separate le acque dalle acque . E s
balorditivo come gli ant ichi sapevano che le tenebre, cioè il vapore non e gas, m
a l acqua nello stato di gas e con poche parole fanno la distinzione tra l ocean
o e l atmosfera che a quel epoca era solo vapore e nebbia che copriva il firmame
nto del cielo. La separazione di queste acque che al inizio erano proprio come a
fferma la Bibbia, una sola acqua (vapore acqua nello stato di gas - che generava
acqua liquida) avviene quando la temperatura terrestre inizia ad abbassarsi. Il
vapore generato dalla terra inizio ad essere sempre di meno fino quando cesso.
Il vapore si alzò pian pianino della superficie della terra fino quando l acqua li
quida e la l acqua gasosa erano due cose distinte. A questo punto inizio a intra
vedersi la luce, e la sua intensità inizio ad essere più forte in diretta proporzion
alità con quale l allontanamento della superficie terrestre del vapore era più alto.
La fittezza del vapore inizio a svanire sempre di più e i primi raggi di sole ini
ziarono a riscaldare l oceano primordiale appena formato. L acqua inizio a ritir
arsi e cosi pian pianino la terra vergine e nuda usci dalle superficie delle acq
ue, come ci dice la Bibbia le acque che sono sotto il cielo si accumulino in una
sola massa e appaia l asciutto . Con la comparsa della terra, Dio i ordino di f
ar germogliare la vegetazione in diverse forme di vita alberi, fiori, ogni una s
econdo la sua specie. La vegetazione compare del inizio diversificata e con
84
caratteristiche diverse, singolare per ogni tipo si specie. Questo e accentuato
dalla descrizione delle particolarità diverse di ogni tipo di vita comparsa sulla
terra. Ogni una di loro compare come una specie singolare diversa dalle altre. L
a teoria dell evoluzionismo non sta in piedi proprio per questo. Se le piante er
rano evolute una dal altra come facevano a diversificarsi? Se le piante non avev
ano fiori come sono evolute per averli, se avevano fiori e le api non esiste van
o come facevano a polenizzarsi, se un albero non aveva frutti come si ha evoluto
per averle? Inseguito alla comparsa della vegetazione, Dio ordino la comparsa d
ella vita anche nelle acque brulichino le acque d un brulichio di esseri viventi
, puoi ordino la comparsa dei volatili che volino sopra la terra, sullo sfondo d
el firmamento del cielo , e la comparsa degli esseri viventi del asciutt o e dis
se: la terra produca esseri viventi secondo la loro specie, bestiame e rettili e
fiere della terra secondo le loro specie , e tutto avviene cosi. Pare tutto chi
aro, ma, ce un ma. Tutti i punti della creazione compiuti in questi cinque giorn
i hanno un particolare. Dio ordino la separazione delle acque, alle acque, alla
luce di separarsi della tenebra, alle acque di ritirarsi per comparire l asciutt
o, ordino alla terra di far germogliare la vegetazione ai astri del giorno e del
la notte di farsi veder e, alle acque di far brulicare esseri viventi e volatili
e alla terra di produrre esseri terrestri. Vedete, non e Dio con i suoi angeli
a fare tutto ciò. Lui solo ordino al atmosfera e alla terra di fare tutto. Ne lui
ne i suoi angeli non vengono coinvolti in prima persona a compiere tali cambiame
nti, e questo ci fa capire che tutte queste trasformazioni sono il risultato del
l evoluzione della vita sulla terra. Le prime forme di vita comparse sono distin
te tra di loro, ogni una ha la sua particolarità, e dal origine la vita ha una mol
titudine di specie, che non evolve una dal altra come ci spiega l evoluzionismo.
Tutto quello che ci viene raccontato fino al quinto giorno della creazione, e i
l risultato della vita originale che la terra produsse. E da dove veniva questo
seme di vita che la terra sviluppò? Ec 3/15 Ciò che già e stato, è; ciò che sarà, già fu. D
riporta sempre ciò che e scomparso. Ec 1/10 qualche volta si sente dire: Ecco, que
sta è una cosa nuova .Ma questa fu già nei secoli che furono pri ma di noi. Ec 2/12
Mi volsi a indagare sulla sapienza e su la scienza, su la follia e su la stoltez
za, pensando: Che cosa farà l uomo che mi succede? Farà ciò che è già stato fatto. Vedete,
in due righe gli antichi ci dicono che niente e nuovo sotto il sole, tutto si r
ipete, tutto si trasforma in componenti di quale fu creato e poi la vita nasce a
ncora, nuova, in un altro stadio di evoluzione. Le prime forme di vita su la ter
ra sono il risultato del seme che c e nel universo e quale su la terra trovarono
le condizioni favorevole per evolvere. Noi veniamo dal universo, e la vita nel
universo e uguale con la nostra. Per questo noi siamo fratelli: per che provenia
mo dalla stessa fonte universale. Venga il tuo regno; Come in cieli cosi anche i
n terra . E fors e per caso che la preghiera recita cosi? Non sia mai. Niente e
per caso. Noi dobbiamo ubbidire alle regole universale perche anche noi apparten
iamo al universo, noi
85
siamo l universo. Ma come l uomo a perso il contatto con l universo non sa che c
osa deve fare. Reagisse in modo sbagliato e disturba l equilibrio perfetto di tu
tti i membri della famiglia universale. La vita nuova che nasce su la terra verg
ine e quale viene dal universo inizia il suo camino verso l evoluzione. Il nuovo
sistema solare formato non era ancora stabile, e i suoi pianeti non avevano orb
ite tropo stabile, ed e per questo che terra subì una serie di grandi cataclismi c
he la sconvolsero e quale annientarono la vita che era prima. Le età del umanità di
quale abbiamo parlato prima sono pro prio il risultato di questo contino rinnova
mento che la terra subì nel decorso di milioni di anni. Non sappiamo se la Bibbia
parla della vita che si formo su la terra vergine, appena formata, o della vita
che fu rinnovata dopo qualche cataclisma da lei s ubito. I animali e l uomo prim
itivo, come ci piace chiamarlo, erano perfetti per che il loro legame spirituale
con universo era perfetto. Non importa quale era il suo aspetto originale, lui
era perfetto per che non aveva alterata la sua anima, il suo legame con lo spiri
to non era perso. Adamo, il primo uomo di quale parla la Bibbia era un anima viv
ente, non i fu data un anima. Era un anima vivente per che lo spirito si materia
lizzò in un corpo, il Padre portò l invisibile al visibile, il Padre si mani festò per
la prima volta in Adamo universale, portò energia nella materia che doveva evolve
re, in modo che la materia doveva prendere la coscienza, doveva capire da sola l
essenza da quale fu tratta. In questo modo la coscienza universale, lo spirito
del Padre che e in noi raggiunge il suo scopo. Spirito e materia in un equilibri
o perfetto. L anima poteva mantenere il contatto spirituale con lo spirito trami
te il DNA che e nel nostro sangue e che fa il legame della materia con universo
. Adamo fu perfetto per che era il prodotto dello spirito universale, era spirit
o materializzato in un corpo materiale che poteva tornare spirituale, era il pri
mo figlio del Padre. Tutto poteva essere perfetto, solo che la materia non ha vo
luto più lasciare lo spirito, la calpestato, la imprigionato dentro di se. Dopo lu
nghi anni di vita pero, la materia inizio ha degradarsi, inizio ha invecchiare s
empre di più fino quando mori. Con la morte della materia, ciò è, del corpo, lo spirit
o fu sprigionato, e finalmente torno al Padre. Questa fu la generazione d oro. N
on avevano bisogno di moltiplicarsi perche loro erano luce, energia materializza
ta. Questa generazione di Adamo, che sicuramente erano tanti, fu la perfezione d
ella creazione universale, peccato, che la materia non ha potuto resistere. Per
questo fatto uomo, come tutta la creazione soffri la caduta dalla dimensione più e
levata in una dimensione inferiore. La seconda generazione e poi tutte quelle su
ccessive furono il risultato della riproduzione della materia. A tutte queste pe
rsone li fu data un anima e uno spirito, come afferma la Bibbia, non erano un an
ima vivente come lo era il primo essere universale. La loro perfezione veni semp
re meno e il contatto con l universo si perde sempre di più. Le generazioni succes
sive si adattarono sempre di più alle esigenze materiale e ai bisogni di essa rich
ieste. L uomo iniziò ha mangiare vegetali,
86
a vivere nelle grotte e ha servirsi dei oggetti per diverse attività della sua vit
a terrena. Era lo stato di degrado che la materia produsse. E questa la caduta d
i Adamo di quale parla la Bibbia. il Padre non si arrabbiò per che il suo primo fi
glio che dette vita alla materia, non riuscì ha mantenerla in vita a lungo, anzi i
dette la possibilità di evolvere e di capire da sola la forza che ha dentro. Ques
ta forza che e lo spirito la può portare alla condizione perfetta che era prima, e
al immortalità. Materia ha diviso lo spirito che prima era uno solo in: spirito e
anima. Maschio e femmina. La perfezione si divise e questo porto al imperfezion
e, ha quello che siamo oggi. Quando lo spirito si divise, tutto si divise. Guard
ate in torno ha voi. Niente e interro. Maschio e femmina, bene e male, buono e c
attivo, dolce e salato, destra e sinistra, vita e morte, e.c.v. L unita di quale
parla la Bibbia e proprio questa e non quella con quale ci hanno abituati le is
tituzioni religiose. Gesù parla di questa e ci insegna: Fatte l interno come ester
no, occhio a posto di occhi, piede a posto di piedi, mano a posto di mani e imma
gine a posto di immagini. Se volete in altre parole, lo spirito deve guidare la
materia ed essere uno solo. Per esempio: quando siete malati ho avete un mal ore
, pregate vostro spirito di guarirvi e lui lo farà. Se non siete convinti del fatt
o che voi stessi lo potete fare, se dentro di voi esiste forse , l anima vi domi
na e non riuscirete mai ha farlo. La spiritualità del uomo consta nel riuscire di
far dominare l anima dallo spirito. L uomo e imperfetto per che è partorito da due
energie femminile: anima e materia. Solo quando vera partorito dalla materia e
lo spirito sarà perfetto. Le parole sagge di quel uomo che noi chiamiamo Gesù ci spi
ega proprio questa trasformazione dal essere materiale in essere spirituale, ed
e quello che dobbiamo fare per arrivarci a tale meraviglia. La Bibbia e solo una
falsificazione del vero insegnamento, che fu poi adattata alla creazione che li
dèi fecero con uomo. Dèi o Dio s e preferite, sono, cosi come abbiamo visto esseri
come noi, ma con un grado di evoluzione superiore al nostro; non dal punto di vi
sta spirituale, ma tecnologico. La loro capacita di non essere visti, non consta
in fatto di essere più evoluti spiritualmente, consta in fatto che loro vivono in
altra dimensione più alta della nostra, ed e per questa che non posiamo vederli.
La dimensione in quale viveva uomo primitivo invece, era più elevata allora che og
gi. Adesso vediamo che cosa voglio dire. Dopo la scomparsa dei dinosauri e del u
omo gigante che praticamente cosi come ci dice il libro di Daniele, era la terza
era, quella di bronzo, l umanità nacque da un altro seme e iniziò l era di ferro o
degli eroi. Questo seme si conservò, come tutti gli altri, e le testimonianze di q
uesto non mancano nella Bibbia .Dan 4/11,12 tagliate l albero e spezzate i suoi
rami, scuotete le sue foglie e spargete i suoi frutti; Tuttavia il ceppo delle s
ue radici lasciatelo nel terreno , "e il ceppo della mia vigna rimane. Tutto que
sto non ha a che fare con il popolo ebreo, ma con intera umanità, che doveva sempr
e rinascere. L umanità era in quarta dimensione e si trovava in un
87
stadio di evoluzione primitivo dal punto di vista sociale, ma non ha perso il co
ntatto con la natura e con il cielo. Era uomo erectus, e non aveva niente che fa
re con i scimmiotti con quale la scienza ci ha abituati. Era questo lo stadio in
quale si trovava l umanità quando su la terra compaiono gli dèi o come siamo abitua
ti ha chiamarli oggi: gli extraterrestri, il popolo buttato giù. Adesso torniamo a
lla narrazione biblica. Dopo il grande cataclisma che distrusse tutta la vita gi
gantesca che la terra sviluppò, un seme di nuova vita inizio ha germogliare su la
terra. Animali, vegetali, pesci e uccelli, fiumi, foreste ,montagne e paludi fec
ero dalla terra la più bella oasi di vita del universo. L uomo di allora viveva in
sieme con altri suoi fratelli del universo , saggi e buoni che lo aiutavano a ca
p ire il vero camino spirituale. Ma un popolo del universo in cerca di un'altra
casa o forse delle risorse necessarie per continuare la vita nel loro pianeta, a
vvisto la terra e si fermarono. La Bibbia ci dice come iniziarono a preparare la
terra per essere abitata da loro pero. Hanno drenato i fiumi e dissecato le pal
udi, hanno costruito le strade, le prime città e le piste d atterraggio per le lor
o nave. Nella Genesi leggiamo che facesse sorgere dalla terra un canale che face
va irrigare tutta la superficie del terreno, poi pianto un giardino in Eden, a o
riente , e fecce spuntare dal terreno ogni sorta d alberi attraenti e buoni da m
angiare Questo versetto e interessante perche ci dice che queste piante del Eden
erano buone da mangiare. Allora gli extraterrestri portarono su la terra i prim
i semi di frutta e legumi commestibili che furono piantati in giardino e sempre
loro portarono le prime specie di animali domestici o quale si potevano domestic
are. Nel Pentateuco, sono delle lunghe liste con gli animali puri e impuri che l
uomo doveva mangiare oppure no. Ho pensato a lungo che cosa può essere questa pur
ità e poi mi sono ressa conto che animali impuri erano i animali selvatici, quelle
che la terra sviluppò da sola, invece quelli puri, erano gli animali portati o cr
eate dagli dèi: gli animali domestici. Non mi sbaglio quando affermo questo perche
nella Bibbia e scritto che la terra da sola ha prodotto il regno animale e ques
ti erano la selvaggina. In seguito dio fece Adamo e anche i animali dalla polver
e della terra. E ovvio che uomo erectus fu manipolato geneticamen te ma anche i
animali, nascendo cosi il bestiame domestico, che fu condotto da dio davanti a A
damo per darli un nome. E cosi Eden era veramente il paradiso, perche era l orto
degli dèi. Era il solo posto della terra dove si poteva trovare da mangiare per e
sseri intelligenti e tecnologizzati come loro. La terra poteva nutrire un immen
sità di specie animale, ma loro non potevano nutrirsi con tutto ciò. Questo giardino
pieno di ogni sorta di bontà era irrigato da un fiume. Questa e la certezza che i
l giardino di Eden era veramente un orto, che doveva dare una ricca raccolta, se
era ben irrigato. Il fiume che irrigava il giardino, che poi da li si divideva
e diventava quattro corsi mi ha fatto tanto pensare. Vedete, noi sappiamo che qu
esti quattro corsi sono i fiumi del antica Mesopotamia. E se non fosse cosi? Par
tiamo della certezza che il giardino ere irrigato da un solo fiume, e che solo q
uando usciva dal giardino si
88
divideva in quattro corsi. Poi ci dice che uno era Pison che delimitava tutto il
paese di Avila, dove era oro, e che l oro di questo paese era fine. Li c era bd
ellio e la pietra di onice, il nome di secondo era Ghicon che delimitava il terr
itorio di Etiopia, e i altri due erano Tigri e Eufrate. E una descrizione che ci
porta al vecchio Sumer come collocazione, il posto dove e com parsa la prima ci
viltà. Sono tante persone che hanno provato di scoprire quale era il paese di Avil
a, dove si trovava l oro, per che oro in vecchio Sumer non e mai stato, l oro ne
ro, il petrolio che li è in abbondanza non può essere per che dice chiaro che l oro
era fine in questo territorio. Poi non e detto che dove e comparsa la prima civi
ltà umana doveva comparire anche la vita intelligente. E cosi sono andata ha cerca
re testimonianze del luogo dove il mio spirito mi diceva. Sentite cosa ho scoper
to. Un grande fiume che poteva irrigare il giardino di Eden e Danubio. Ultimi pa
esi che vengono attraversati prima di versare nel mare le sue acque, sono Romani
a e Bulgaria. In Romania, era uno dei più grandi giacimenti di oro del antichità. Le
mine aurifere delle montagne del centro del paese sono antichissime, e sono tan
te testimonianze della loro esplorazione antica. Poi, il Danubio che prima si ch
iamava Istro, è il secondo come grandezza in Europa e ha una delta unica. Le sue b
raccia prima di versarsi nel mare non hanno mai avuto un numero fisso. Erano tre
, cinque, sei o addirittura sette. Uno di loro si chiamava Psilon che oggi e chi
uso ed era un altro che si chiamava Hieron che significa sacro. Nella Bibbia qua
ndo una cosa e sacra, e sacra perche appartiene a Dio. Poi la conformazione geog
rafica della delta non e mai stata uguale, per che il fiume trasporta una grande
quantità di detriti e sabbia che fa cambiare sempre la sua faccia. Il Danubio non
si vers ava direttamente nel mare, ma in un golfo che aveva le acque dolci, che
hanno spinto gli uomini di allora ad affermare che il fiume ha prevalso il mare
, e li si trovava un isola grande come l isola di Rodos . La grande quantità dei i
ndizi, volutamente non cercati non lasciano dubbi che li e comparsa per la prima
volta la vita e che il giardino del Eden era li. In Germania fu scoperto il pri
mo uomo sapiens o Neanderthal come viene chiamato, in Bosnia si scoprirono le più
grandi piramidi del mondo, più grandi con molto di quelle del Egitto (220m le bosn
iache e 147m le egiziane), in Romania e Bulgaria sono state scoperte delle tavol
ette con la più antica scrittura del mondo attualmente non decifrata, datate e stu
diate di Marco Merlini, un grande ricercatore italiano che ha fatto una grande p
assione per questa grande e anticha cultura di quale nessuno s interessa, e qual
e risale a 7500 anni. Corpo di una donna, scoperto in Romania insieme con le tav
olette ha 35000 anni ed e un Neanderthal a tutti i effetti. Sotto la veccia capi
tale della Dacia (nome antico della Romania), Ulpia Traiana Augusta Samisegetusa
, giace una cita di 137km che non può vedere la luce del sole per la mancanza dei
fondi, il progetto per costruire autostrada N -S, in Romania fu fermato perche o
gni 2,5 km del tragitto porta alla luce cita e reliquie antiche. Europa e Russia
non sono mai state sotto ghiaccio, erano piene di sole e di
89
vita, e anche se le affermazioni di un dilettante come me scombussolerà il mondo b
ugiardo della scienza non mi interessa. La verità verrà a gala molto presto. Il mamm
ut intero scoperto in Russia, con il cibo ancora non digerito attestano la clima
calda che aveva un volta questa parte del mondo, e attestano i grandi cataclism
i improvvisi che la terra subì. Nel Eden erano alberi buoni da mangiare, animali d
omestici o puri come li chi ama la Bibbia e tanti giacimenti minerali. Qualcuno
doveva lavorare per mantenere tutto questo ben di Dio non vi pare? Fu allora che
gli dèi decisero di creare uomo perche l uomo doveva lavorare il terreno e Dio me
sse l uomo nel giardino perche lo lavorasse e lo custodisse . Poi li c era l oro
e qualcuno doveva lavorare per la sua estrazione, no? L uomo non fu creato dagl
i dèi per vivere una vita felice e piena di soddisfazioni, l uomo fu creato per la
vorare, ed era lo schiavo degli dèi. Uomo, al inizio non ha mai adorato Dio o gli
dèi per che era il loro schiavo e questa condizione non ti spinge di sicuro al ado
razione. La creazione di un essere adatto a lavorare per loro, fu una lunga cate
n a di sperimenti genetiche su diverse forme di vita animale della terra, fin ch
e l attenzione non li fu attirata dal uomo primitivo come ci piace chiamarlo che
viveva li: uomo erectus, che era il frutto del evoluzione della vita su la terr
a e che erroneamente viene chiamato primitivo. Era un essere intelligente che vi
veva in comunità, era un cacciatore, conosceva il fuoco, costruiva villaggi, aveva
utensili di pietra con quale cacciava, muscolatura era forte, aveva un altezza
di 1,60 -1,70 m, parlava e la sua scatola cranica nei tempi remoti circa 1.500.0
00 anni fa aveva 800 cc, e poi circa 800.000 anni fa arrivo a 1150 cc. Secondo a
lcuni scienziati era capace di costruire imbarcazioni e di navigare. Lui non era
un primate, ne il frutto del evoluzione della scimmia. Lui era l essere intelli
gente che terra produsse, era abitante e proprietario della terra. La natura era
la sua madre e viveva in stretto contatto con lei, proteggendola e nello stesso
tempo sfruttando i suoi donni meravigliosi. Gli dèi, vedendo che i loro esperimen
ti su diversi tipi di animali non dettero alcun risultato, decisero di trasforma
re l uomo esistente li, mettendolo in questo modo al loro servizio e sfruttando
le sue capacita muscolare forti. Vorrei aggiungere un fatto importante: uomo era
presente in tutta la terra e la sua pelle era nera. Che ci piace o no, l uomo,
frutto della terra era nero. Com è arrivato ad essere bianco ci lo dice la Bibbia,
e questo lo vedremo in seguito. Adamo, cosi come tutti sappiamo dalle scritture
fu plasmato dalla terra (cosi come io ho detto fino ad ora), ma gli dèi lo modifi
carono. Pensate probabilmente che verso l evoluzione, e no. Per proseguire vi fa
ccio leggere un versetto del Gen 6/1-3 Quando gli uomini cominciarono ha moltipl
icarsi sopra la faccia della terra, e nacquero loro delle figlie, avviene che i
figli di Dio videro che le figlie degli uomini erano piacevoli e se ne presero p
er moglie tra tutte quelle che più loro piacquero , C erano i Nefilim sulla
90
terra a quei tempi, e anche dopo, quando i figli di Dio s accostarono alle figli
e dell uomo e queste partorirono loro dei figli. Questi sono i potenti (gli eroi
) del antichità. Per un credente sarà difficile ha spiegare come mai un angelo che e
un figlio di Dio, nel suo stato di spirito poteva av ere rapporti sessuali con
una donna. Se la pensiamo in questo modo errato faremmo quello che si fa oggi. I
n ginocchio si prega l aria aspettando che qualche divinità farà un miracolo, che no
n arriva mai. Be, questi figli di Dio sono i nostri fratelli extraterrestri che
vennero su la terra in cerca di qualcosa. Sono loro che prima del diluvio portar
ono su la terra la prima civiltà progredita. Probabilmente erano molto simili ha n
oi e sicuramente i matrimoni che avvennero tra uomo e loro portarono alla nasc i
ta di semidèi di quale parlano tutte le fonti antiche. L accoppiamento non fu di s
icuro una cosa impossibile per che come abbiamo visto, il seme della vita nel un
iverso e stato uguale per tutti. Non mi fermo tanto perche questo argomento che
tutti lo considerano leggende e molto conosciuto. Voglio concentrare la mia atte
nzione a un'altra affermazione. C erano a quei tempi i Nefilim. La parola Nefili
m viene dalla radice semitica NFL che significa letteralmente venire gettato giù a
llora i Nefilim sono il popolo celeste che viene gettato giù o espulso dal regno d
ei cieli, da qualche altro pianeta dove hanno fatto del male. Dico questo perche
, se erano persi, con la tecnologia che possedevano qualcuno poteva venire a rec
uperarli. Seguendo la parola biblica, c e una sola gerarchia di angeli che furon
o buttati giù dal cielo. Satana e i suoi angeli. Questa razza maligna era su la te
rra quando la razza buona di dèi vivevano con uomo e lo aiutava, come fanno i veri
fratelli cosmici, e quale rispecchia il vero insegnamento biblico: dovete amarv
i tutti come fratelli. La razza bianca degli uomini nacque dal unione degli dèi co
n uomo. L uomo era perfetto per che in lui era la bellezza degli dèi: bianco, cape
lli biondi, occhi azzurri, era alto come gli dèi, aveva grande forza e potenza nel
le sue braccia, viveva tanto perche ereditò il tempo lungo di vita dai suoi genito
ri ed era capace di mantener e stretto legame con universo. Era la perfezione de
lla materia, se lo posiamo definire cosi. Sicuramente dalle unioni miste che fur
ono, erano tanti esseri uguali come lui, e da li uomo inizio a diversificare la
sua specie in tanti colori. La legenda delle età del umanità descrive questa generaz
ione una generazione di uomini nobili, giusti e della stessa età degli dèi. Loro div
entarono veri guerrieri che lottarono contro il male che inizio a comparire su l
a terra. Della vita di Adamo e della sua eredita parleremo in capitolo seguente.
Pare impossibile a credere quello che io ho scritto fino adesso, abituati con d
ogme e insegnamenti che da millenni ci furono tramandati da tutte le istituzioni
che ci conducono. Se provate ha leggere le leggende come leggete la Bibbia, vi
renderete conto che l umanità non ha potuto avere una psicosi in massa per raccont
are tutti le stesse cose.
91
Cap.21 Adamo e la sua discendenza
Abbiamo detto che Adamo, come per altro tutta l umanità vivevano in un'altra dimen
sione, più vicino alla vita spiritualità: la quarta. Allora com e possibile ch e noi
viviamo nella terza? Anallis siammo allora primo uomo e la sua discendenza. Ada
mo ha avuto tre figli: Caino, Abele e Set. Caino ha ucciso suo fratello Abele, e
per questo Dio lo maledice. Caino non andava d accordo con Dio, perche cosi com
e dice la Bibbia, Dio non fu contento della sua offerta e preferì quella di Abele.
Perche? Un dio buono apprezzava il gesto non il contenuto. Comportamento disone
sto di Dio, istigo Caino ha uccidere suo fratello Abele. Il terzo figlio di Adam
o fu il grande preferito di dio. Set riceve la benedizione da parte di dio, prim
a della sua nascita per lui e per i suoi discendenti. La benedizione o la sacral
ità di una persona, di un popolo intero o di un posto viene fata solo se queste pe
rsone sono d accordo con dio o se quel posto appartiene a dio. E perche, altri n
on sono la stessa sua creazione? Se guardiamo l albero genealogico dei discenden
ti di Caino, constatiamo che nessuno non fa parte dei patriarchi antidiluviani c
ome succede con discendenti di Set. Con tutto ciò, i suoi nipoti, in un epoca quan
do per la scienza moderna uomo non era ne meno in epoca di pietra sentite cosa h
anno fato. Enoch fu costruttore di una cita che chiamo con il suo nome, Iabal fu
il padre di tutti abitanti di sotto le tende presso il bestiame, Iubal fu il pa
dre di tutti sonatori di lira e flauto e Tubalkain istruttore di ogni aguzzatore
del rame e del fiero. Come, migliaia di anni prima del diluvio loro conoscevano
lira, flauto, rame, fero, crescevano animali e li portavano ha pascolare come f
anno oggi i pastori e la cosa più interessante e che costruivano cita? Dunque non
erano primitivi, al contrario avevano grande conoscenze come dicevamo prima. La
stirpe benedetta di Set invece, a parte la loro longevità, il fatto che da li era
discendente Noè e che erano seguaci di dio, non fecero un tubo di interesante. Qua
le può essere la conclusione giusta? Una sola: un santo, non e una persona creativ
a, indipendente, intelligente che usa il li bero arbitrio che Dio stesso si vant
a di averci dato per costruire la sua vita come i pare, no , un santo e un dipen
dente di dio che non ha cervello per giudicare da solo, uno squallido schiavo um
ile e sottomesso, una pecora che fa parte di un gregge senza teste, controllate
e manipolate di dio stesso, per poter arrivare, grazie alla loro mancanza di cer
vello, ai suoi ideali di dominio e sottomissione del umanità. Noè, e i suoi figli Ca
m, Iafet e Sem, vengono avvisati di Dio del imminente cataclisma che sta per arr
ivare, aiutandoli ha salvarsi. Dopo il diluvio, Cam e Iafet vengono anche loro m
aledetti, sta volta per un motivo cosi minore e incomprensibile che ti
92
mete tanto in dubbio, perche e difficile a credere che un padre può maledire i suo
i figli per la sua colpa alla fine. Ma vediamo i loro discendenti. La Bibbia ci
dice che i discendenti di Iafet sono andati a popolare l Europa, per che specifi
ca chiaro le isole del Mediterraneo Cipro, Rodi e Tarso in Egitto. I discendenti
di Cam, rimangono a popolare i territori del Sumer. Nimrod viene specificato es
pressamente come potente cacciatore, ma lui in ansi tutto era un grande re edifi
catore di cita, che probabilmente ricostruisce dopo il diluvio, come Ninive, le
piazze di Calach e Resen. Nimrod fu un re per che il suo regno fu il Sumer con l
e sue conosciute cita Babele, Uruch, Accad e Calne, e la grande torre che costruì
per arrivare nei cieli, fu opera sua. Secondo me, loro non volevano costruire un
a torre, ma un veicolo volante per arrivare nei cieli. I discendenti di Cam eran
o tutti i popoli che Dio insieme con ebrei stermino fino al ultimo, perche abita
vano nella terra promessa ed erano i suoi nemici ghebuseo, amorreo, gergeseo, l
eveo, cananeo, l archita, sineo, l arvadita, semarita e l amatita. Sempre da Cam
nascono i filistei o il popolo del mare come era conosciuto nel antichità, e i hu
rriti. Vedete da questi due figli di Noè nascono proprio i popoli più misteriosi del
antichità, i popoli che erano i nemici di Dio degli ebrei. Dai discendenti di Sem
, il ramo benedetto dal Signore nasce il popolo ebreo. Ma che cosa avevano di sa
nto Set, Sem e poi Abramo? Be, quando Bibbia parla del peccato di Adamo, in real
tà parla di Set. Come faccio a dire questo? Vi spiego. Abbiamo detto che Adamo bib
lico , in realtà rispecchia Adamo universale, che anche lui come il primo essere s
pirituale universale, viveva felice, insieme con altri dèi, buoni e saggi che lo i
nsegnarono i segreti del regno dei cieli, la saggezza e la potenza del spirito c
he tutti abbiamo dentro di noi. La loro tranquillità viene distrutta del arrivo di
altri dèi, esseri rapaci e crudeli, conoscitori di grandi tecnologie, che con la
loro astuzia riuscirono a corrompere l uomo. Sono il popolo buttato giù, o i Nefil
im come vengono conosciuti di soli to. Loro non potevano corrompere Adamo, ma ri
uscirono con suo figlio, Set. Set e un personaggio misterioso, che compare nella
civiltà egizia, come una divinità con il volto sempre coperto di una maschera anima
lesca. I Nefilim i promettono l immortalità in cambio della sua ubbidienza. In que
sto modo, loro eseguono la prima manipolazione genetica della nostra specie. Cam
biano la gene della longevità. Set visse 912 anni e poi tutti i suoi discendenti h
anno avuto una vita millenaria, eccetto Enoch, che fu rapit o da Dio ed e per qu
esto che su la terra visse solo 365 anni, la stessa cifra di un anno terrestre.
Set era una divinità con il volto coperto perche lui fu un uomo a quale i fu data
la vita longeva degli dèi. Iniziando con Enos, figlio di Set comincio il c ulto de
l signore e l adorazione della divinità, che prima non esisteva perche tutti erano
uguali. La vita, la felicita, la beatitudine e la morte erano le stesse per ogn
i una delle creature universale che vivevano su la terra. Set, fu il primo uomo
che ric eve l immortalità degli dèi e anche il primo con quale iniziò il degrado della
specie umana. Nipoti e pronipoti di Set
93
iniziarono ad adorare e ad sacrificare bambini e animali per loro dio, lavoravan
o per loro ed erano i loro schiavi. Ma arriva il diluvio, e la sola persona qual
e viene avvisata del grande cataclisma che sta per iniziare, e Noè, discendente di
Set, e in questo modo la sua famiglia riesce ha salvarsi. Dopo il diluvio, Noè sa
crifica e ringrazia dio, di averlo salvato. Ma, non tutti i suoi figl i sono d a
ccordo con dio econ loro padre, e cosi ci viene raccontato l episodio della male
dizione. Cam e Iafet si dividono di Sem e, cosi come abbiamo visto diedero nasci
ta a civiltà grandi e misteriose, dove vivevano i grandi eroi semidèi, dei quale par
la tutto il mondo antico, i figli di uomini e di dèi buoni e saggi che volevano sa
lvare l umanità di questi dèi cattivi e rappaci che iniziarono piano, piano il loro
dominio sul umanità. I Nefilim decidono di intervenire geneticamente un'altra volt
a su la no stra specie, togliendo il nostro legame con la spiritualità e anche la
longevità che donarono prima a Set. Per questo motivo il nostro DNA e mutilato, il
cervello funziona solo con una parte della sua capacità, invecchiamento e molto p
recocce e tante malat tie affliggono il nostro corpo. Uomo e passato dalla quart
a dimensione nella superiorità della terza, perdendo in questo modo, quel piccolo
di legame che avevamo con lo spirito quando eravamo nella quarta dimensione. I a
nimali ci hanno preceduto dal questo punto di vista, per che loro riescono a per
cepire cose che noi non vediamo e sentiamo, proprio per questo. Quando affermiam
o che hanno il sesto senso, sbagliamo, per che in realtà, loro vivono nella inferi
orità della quarta dimensione. Vi do un esempio: quando in sud Asia fu il grande m
aremoto, nessun animale non mori, nessun corpo di bestia fu trovato. Perche? Per
che loro hanno sentito prima di tutti il pericolo e ci siano messi al riparo. I
dèi rapaci erano contenti, per che in questo modo, eravamo nel loro potere, la cos
cienza universale rimase poco niente, lo spirito fu separato, e l uomo non penso
più con la testa ma con il cuore, con l anima, che cambia la verità e giustizia a s
econda della sua comodità o interesse. Dan 4/13 Si cambi il suo cuore di uomo e gl
i sia dato un cuore di animale, da un decreto dei Vigilanti viene la decisione e
dalla parola dei santi la sentenza. L uomo su cui fu fatto per prima la manipol
azione fu Sem, il benedetto figlio di Noè. La generazione di Eber e dei suoi figli
e nipoti poi, subirono tutti in modo evidente il dominio del male che cresceva
nei loro cuori. Nel tempo di Peleg, fu divisa la terra, cosi come ci dice la scr
ittura. Non pensate pero che fu divisa da qualche fenomeno naturale, no, fu divi
sa fra il bene e il male. Comincio la guerra fra i nostri dèi buoni e il popolo de
l male: i Nefilim o il nostro dio. I matrimoni illecite che dovevano avere i pat
riarchi biblici non sono altro che mantenimento inalterato nei capi del popolo,
del legame di sangue tra gli dèi del male e uomo, per poter controllare i loro sen
timenti e per poter dominarli. Questa linea di sangue si mantiene anche oggi. Il
parto delle vergine o delle donne nella vecchiaia, non sono altro che seminazio
ni della loro razza nelle donne umane. Il figlio nato, perche e sempre un figlio
e il sesso si conosce da prima non e altro che
94
un altro capo della loro razza, che deve nascere per guidare l uomo e fare i lor
o interessi; sottomissione della nostra razza. Siamo nel ventunesimo secolo e no
n posiamo credere ancora nelle favole di spiriti e miracoli. Svegliatevi fin che
non sarà tropo tardi, noi serviamo una razza di extraterrestri, siamo i loro schi
avi, ubbidiamo ai loro imbrogli incondizionatamente, aiutandoli a sottometterci
di più, fino quando diventeranno i nostri padroni dichiarati. Secondo i nostri cap
i che ci conducono dopo le loro regole, noi uomini normali, non dobbiamo sapere
tutto, o detto meglio: niente, per che si crea fenomeno di panico in massa. Ooo,
noi abbiamo il diritto di sapere tutto, per che un presidente e messo li da noi
(o magari cosi ci fanno credere), rappresenta i nostri interessi e ci deve info
rmare onestamente di ogni cosa e di ogni pericolo. Quando sai tutto sei preparat
o a difenderti, sei preparato ad affrontare qualsiasi cosa buona o cattiva, e no
n ai paura. Quando non sai niente sei la preda più facile, sei un sacrificato, uno
che non serve a niente, per che se eri importante o utile eri avvisato. Loro sa
pendo, possono mettersi a riparo o difendersi. Noi, no. Siamo la carne del canon
e. Spero con tutto il cuore che quello che scrivo, sarà letto da tante persone. No
n mi aspetto che tutti mi crederanno e ne meno non faro sforzi per essere credut
a. Sarò felice invece se quali che crederanno si metteranno in guardia per salvars
i loro e i loro figli.
95
Cap.22 I veri insegnamenti di un saggio che noi chiamiamo Gesù
Non mi metterò di certo a analizzare chi e Gesù dei vangeli perche sarà carta sprecata
e tempo perso. Questo Gesù evangelizzato e un invenzione della chiesa, utile per
la nascita della loro religione con quale potevano tenere a bada le masse e mant
enere in questo modo il loro potere e il loro dominio sopra gli uomini. Che Mari
a era vergine o no, che ha avuto altri figli o no, che Gesù era nato in Nazareth o
in Gamala non ha rilevanza per che lui e la sua storia non sono mai esistite. I
o invece voglio parlare di un saggio, un essere spirituale, che a lasciato al um
anità insegnamenti e testimonianze di quello che noi chiamiamo regno del Padre, se
nza pensare che in realtà sogniamo a quello che veramente siamo, senza sapere che
noi viviamo ora in questo regno del Padre che e l universo. Il suo Padre e il Pa
dre del universo, non il padre di questo mondo, la sua saggezza non ha niente ch
e fare con fede, colpa e peccato. Non lo so chi sia questo saggio, ma io lo chia
merò Gesù perche siamo abituati ad attribuire tale verità a lui. Quando preghiamo, noi
diciamo Padre nostro : perche? Per lo stesso motivo che ve lo già detto tante vol
te. Noi non preghiamo il Padre universale, ma il dio di questo mondo, il princip
e del male che noi chiamiamo satana. Il Padre universale non ha bisogno di adora
zione, questo lo vuole solo il principe dio di questo mondo, che in questo modo
vuole farsi valere come dominatore del nostro mondo, come re che aspetta adorazi
one e rispetto dei suoi sottomesi. Mi sono chiesta perche satana quando tenta Ge
sù i promette tutti i regni della terra in cambio di un gesto di adorazione. La ri
sposte è: perche il dio di questo mondo ha bisogno del riconoscimento che viene da
un essere universale per il dominio del nostro pianeta. Era per lo stesso motiv
o che lui voleva farsi conoscere al faraone d Egitto come un dio importante che
ha un popolo di questo mondo che lo sostiene. La tiara e il scettro del re, come
anche quelli del papa, il bacio della mano del re, come il bacio del piedi del
papa, sono i gesti di umiliazione e di non uguaglianza tra un uomo normale e il
potere. Ma che cosa avranno di speciale questi capi rispetto a noi? Sono immorta
li, hanno più forza di una persona normale, sono immuni a le malattie, scoreggiano
diverso, cagano e pisciano co n più delicatezza o pure si sentono sicuri e invinc
ibili perche le loro spalle sono protette di qualche potenza che noi non conosci
amo? Per che dobbiamo inghiottire senza masticare le loro menzogne e per che dob
biamo crederli? Ho parlato con tante persone del inutilità della religione e del m
ale che ha seminato nel mondo, e mi sono stupita delle loro risposte. Quella che
mi ha colpito di più e stata questa: ma l uomo ha bisogno di credere in qualcosa.
Sono rimasta allibita, stupita, di pietra e senza parole. Come, dobbiamo avere
un motivo per vivere, e per questo devo accettare qualsiasi stronzata che mi dic
ono loro, devo seguire
96
incondizionatamente le menzogne, li devo accettare come verità anche se lo so beni
ssimo che non e cosi? Me ne frego di quello c he dicono, perche io sto bene cosi
e non interferisco con loro in nessun modo, no? Be, siete lontani della verità, d
ella spiritualità, del regno, del amore e siete lontani anni luce del Padre del un
iverso. Un vero peccato. Se volete avere la vera spiritual ità, dovete credere in
voi e nel Padre del universo, che e lo spirito, conoscenza, amore verità e unita,
no adorazione colpa, peccato, e paura. Adesso vorrei farvi capire quello che dic
o spigando ogni frase e ogni illustrazione che il vero Gesù a detto. Uno dei più imp
ortanti insegnamenti si riferisce al regno dei cieli, ma in un capitolo preceden
te noi abbiamo parlato di questo argomento e abbiamo anche spiegato le illustraz
ioni che si riferivano ad esso. Queste illustrazioni si riferiscono alla creazio
ne del universo materiale che noi conosciamo. Ma del universo nascosto in ogni
uno di noi che cosa dice? Quello che io ho detto fino adesso a qualche corrispon
dente nei suoi detti? Parla lui dello spirito universale che è il tesoro che ogni
umano nasconde dentro di se? Lasciamo che parla lui. Se la carne pervenne all es
istenza a motivo dello spirito, è una meraviglia. Se lo spirito è pervenuto all esis
tenza a motivo del corpo, e una meraviglia delle meraviglie. Ma io mi stupisco c
he una tale ricchezza abbia preso dimora in questa povertà. Adamo scaturì da una gra
nde potenza e da una grande opulenza. Le immagini sono manifeste al uomo, ma la
luce che è in esse è nascosta nell immagine della luce del padre. Quando vedrete le
vostre immagini che sono state fatte prima di voi, che né muoiono né sono palese, pe
r quanto sopporterete? Colui che conosce tutto, ma è privo della conoscenza di se
stesso, e privo di tutto . Mentre vivete contemplate il vivente; affinché non mori
ate e cerchiate di contemplarlo, e non possiate. Noi veniamo dalla luce, dal luo
go dove la luce nacque da se stessa; si eresse e si manifestò nell immagine. Noi s
iamo i suoi figli e il segno del nostro padre e il movimento e il riposo. Beati
i solitari, poiché voi dal la luce venite e a essa nuovamente ritornerete. Quando
uno sarà indiviso sarà ricolmo di luce; ma quando è diviso sarà ricolmo di tenebre. Quan
do di due farete uno e direte a un monte: Allontanati , si allontanerà. Nel intimo
di un uomo di luce c e luce e illumina tutto il mondo. Quando vi conoscerete al
lora sarete conosciuti perche il regno e dentro di voi e fuori di voi . Non dire
te il regno è qui o è la. Il regno e diffuso in tutto l universo e su tutta la terra
. Sono gli uomini che non lo vedono. Colui che bestemmierà lo spirito non sarà perdo
nato. Felice colui che era prima di divenire corpo. Io sono la luce che sovrasta
tutto il mondo. Spaccate il legno, io sono li dentro. Alzate la pietra, e li mi
troverete. Non vi e nulla di nascosto che non
97
sarà manifestato, nulla di celato che non venga alla luce. Conosci ciò che ai dentro
e ti sarà manifestato ciò che e nascosto, perche conoscendo lo spirito conoscerai i
l principio, e dove e il principio, li sarà pure la fine. Beato colui che è presente
nel principio. Lui conosce la fine e non gusterà mai la morte. Mi sono trovato in
mezzo al mondo e mi manifesterai loro nella carne. Li trovai tutti ubriachi, no
n ne trovai alcuno assetato. In cuor loro sono cechi e non vedono: venero nel mo
ndo vuoti e cercano di uscire dal mondo vuoti; ma quando vi spoglierete (del cor
po) senza vergogna, come fanno i bambini con i loro abiti, allora vedrete le cos
e che non vi sono state mai nascoste. Tutta la conoscenza dello spirito sarà data
a colui che già ha nella mano la conoscenza; e a colui che non ha sarà tolto anche q
uel poco che ha. Una persona buona trae il bene dal proprio tesoro; una persona
cattiva, dal proprio tesoro cattivo, che e in cuor suo, trae il male e dice paro
le cattive: giacche è dall abbondanza del suo cuore che produce cose cattive. La c
onoscenza universale dello spirito che e in ogni uno di noi e simile a un uomo c
he, senza saperlo, ha un tesoro nascosto nel suo campo e quando lo troverà scoprirà
che il mondo non e degno di colui che troverà se stesso. Lui viene dal vivente, e
non vedrà né la morte né la paura. Cercate e troverete. Colui che cerca, troverà, e a co
lui che bussa sarà aperto . Vi sceglierò uno da mille e due da diecimila, e saranno
confermati come una sola persona. Allorché di due farete uno (anima e spirito), al
lorché farete la parte interna come l esterna e la parte esterna come l interna (s
pirito e corpo) e la parte superiore come l inferiore (lo spirito che deve domin
are la materia), e un immagine a in luogo di un immagine ( materia e spirito un
solo essere), non vedrete il regno universale che vi circonda. Guai alla carne c
he dipende dal l anima. Guai all anima che dipende dalla carne (tutte due devono
dipendere dallo spirito che c e dentro). Misero e il corpo che dipende da un co
rpo, e misera e l anima che dipende da ambedue. Colui che ha conosciuto il mondo
ha trovato soltanto un cadavere; e colui che ha trovato un cadavere e superiore
al mondo . Il riposo dei morti che aspettate è venuto, ma voi non lo avete ricono
sciuto (il corpo che non ha conoscenza dello spirito universale che e dentro, e
morto. Noi viviamo dal punto di vista dalla carne, ma dal punto di vista spiritu
ale, siamo morti). Gesù vide un samaritano entrare nella Giudea portando un agnell
o. Lui disse alla fola: Che cosa farà dell agnello? Risposero: Intende ucciderlo e
mangiarne. Egli disse loro; Fino a quando è vivo non ne mangerà, bensì dopo averlo uc
ciso e fattolo cadavere. Gli risposero: Non potrebbe fare altrimenti. Ed egli: V
oi pure cercate un luogo affinché non siate ridotti a un cadavere e mangiati .(fin
o quando lo spirito comunica con la materia, tutto e vivo, quando la materia per
de il contatto con la spiritualità, anche viva, lei in realtà e morta.)
98
Se digiunerete vi attribuirete un peccato (corpo ha bisogno di mangiare), se pre
gherete vi condanneranno (la preghiera non e utile per chi sa che lui stesso e u
no spirito), se darete l elemosina farete del male ai vostri spiriti (la carità si
fa con gli uomini poveri, non si fa per salvare il vostro spirito) . Vedette, t
utte queste frasi che noi attribuiamo a Gesù, sono in realtà insegnamenti che degli
esseri spirituali ci hanno lasciato, per guidare la nostra coscienza spirituale
persa, ha trovare la via per tornare a casa, al Padre universale di tutto il cre
ato. Nei vangeli e nel tutto Nuovo testamento, come anche nel Antico testamento,
si trovano due tipi di insegnamenti. Uno viene dai veri esseri spirituali di qu
ale parlavo prima, e il secondo dal principe di questo mondo, quello che noi chi
ami amo satana. Li metterò uno vicino al altra, in questo modo riuscirete ha capir
e l opposto tra l uno e l altro e nello stesso tempo credo di riuscire ha metter
e nel vostro cuore magari uno squallido dubbio. Vero saggio che chiamiamo Gesù che
parla di satana nei Vangeli y Una vite fu piantata da altri che non era Padre m
io: giacché non si irrobustì, sarà sradicata e perirà. Distruggerò questa casa, e nessuno
potrà riedificarla Loro hanno preso le chiavi della conoscenza e le hanno nascoste
. Essi non sono entrati e non hanno lascato entrare quelli che la volevano. Molt
e volte avete desiderato ascoltare queste parole che vi dico, e non avete alcun
altro dal quale ascoltarle. Giorni verranno nei quali mi cercherete e non mi tro
verete. Ciò che udrai proclamalo dal tetto della tua casa, per che la verità e come
una candela. Nessuno, accende una candela per metterla sotto il moggio, né la pone
in un luogo nascosto, bensì la mette su un candelabro affinché quelli che entrano e
quelli che escono vedano la sua luce. Una cita costruita su un alto mante e for
tificata, non può cadere né essere nascosta. Non e possibile che un uomo cavalchi du
e cavali e tiri due archi; e non e possibile che un servo serva due padroni: ono
rerà uno e disprezzerà altro. y Il regno umano e simile a un uomo che aveva una buon
a semente. Di notte venne il suo nemico e seminò zizzania sopra la buona semente.
L uomo non permesse loro di sradicare la zizzania. y Non e possibile che uno ent
ri nella casa di una persona forte e la prenda con la forza se prima non le lega
le mani. y I discepoli gli domandarono: La circoncisione giova oppure no? Egli
rispose: Se giovasse, il loro Padre li genererebbe circoncisi dalla madre loro.
Ma la vera circoncisione nello spirito ha trovato piena utilità. y Ama tuo prossim
o come ami te stesso. y Beati i poveri, poiché vostro è il regno dei cieli. y Beati
quelli che sono stati perseguitati nel loro cuore. Essi sono coloro che in verità
hanno conosciuto il Padre.
99
y Beati quelli che sono affamati, giacché il ventre di colui che lo vuole s arà riem
pito.(affamati della verità). y Se lo esprimete da voi stessi, ciò che avete vi salv
erà. Se in voi stessi non l avete, ciò che in voi stessi non avete vi ucciderà.(se non
avete la conoscenza della potenza dello spirito che e in voi e del fatto che si
ete capaci di fare qualsiasi cosa) y La messe e molta, ma gli operai sono pochi;
molti sono presso il pozzo, ma nessuno è nel pozzo; Molti sono coloro che stano a
lla porta, ma soltanto i solitari entreranno.(nessuno e preparato per sapere che
la verità non e nei cieli, ma dentro di loro. La verità non e mai stata nascosta da
l Padre, ma dal principe di questo mondo. I vestiti della verità sono luce, unita
e amore.) y Guardate i vostri re e i vostri grandi! Costoro sono vestiti molleme
nte, e non potranno conoscere la verità. y Un uomo gli disse: Di ai miei fratelli
che dividano i beni di mio padre con me. Egli rispose: Uomo che ai fatto di me u
n divisore? Sono io, forse, un divisore? y Indicami la pietra respinta dai edifi
catori! Essa è la pietra d angolo. (Satana e edificatore di questo mondo. La pietr
a angolare sono le persone che non sono state sviate da lui.) Satana- Vangeli y
Forse gli uomini pensano che io sia venuto a gettare la pace sul mondo e non san
no che io sono venuto a gettare divisioni, fuoco, spada, guerra. Cinque saranno
in una casa: tre contro due e due contro tre, il padre contro il figlio e il fig
lio contro il padre. Ed essi se ne staranno soli.(vero Gesù non e un divisore, lui
si.) y Colui che non odia sua madre e suo padre non e degno di essere mio disce
polo.(il vero Gesù vuole che ami come te stesso anche il prossimo, figuriamoci la
madre e il padre.) y Quando vedrete colui che non è nato da donna, prostratevi boc
coni e adoratelo. Egli e il vostro padre.(satana voleva essere adorato perfino d
i Gesù. Noi dobbiamo adorarlo perche e il nostro principe, e da 2000 anni e quello
che facciamo). y I scelti sono simili a bambini che si intrattengono in un camp
o che non appartiene loro. Allorché verranno i padroni del campo, diranno: Lasciat
eci il nostro campo! Essi saranno nudi davanti a loro mentre lasciano il campo.(
i bambini sono l umanità e il campo e la terra; che non appartiene a noi, ma a lo
ro. A noi e stata data in custodia per lavorarla e trae il profitto per loro.) y
Se non digiunerete verso il mondo, non troverete il regno. Se non osservate il
sabato come un sabato, non vedrete il padre.(secondo questi rapaci, l uomo deve
stare affamato e nudo perche in questo modo tutto, visto che la terra e loro, no
n e nostro, ma è per loro)
100
y Colui che non odierà i suoi fratelli e le sue sorelle, non sarà degno di me.(Pover
ino. E con ama il tuo prossimo come te stesso come rimane?) y Beato l uomo che h
a sofferto. Egli ha trovato la via.( E perche devi soffrire? Perche solo con la
sofferenza si nutrono i demoni) y Io comunico i miei misteri a coloro che sono d
egni dei miei misteri.( Il Padre a lasciato al umanità la verità. La verità non ha mis
teri e non e nascosta. I misteri, miracoli e altre cagate sono opera dei demoni,
che con paura, colpa e peccato ci dominano) y C era un uomo ricco che aveva mol
te ricchezze. Disse: Mi servirò delle mie ricchezze per seminare, mietere, piantar
e e riempirò i miei granai di frutta, e non mancherò nulla. Cosi pensava in cuor suo
, ma in quella notte mori. ( Cosi pensa tutta l umanità per se stessa. Ma quando i
dominatori di questo mondo avranno tutto ciò, ci mancheranno di tutto e saremo i
loro schiavi.) y Un uomo onesto aveva una vigna. La diede a contadini affinché la
lavorassero, per ricavarne cosi il frutto tramite loro. Mando il suo servo ai co
ntadini affinché gli dessero il frutto della vigna. Lo presero, lo colpirono, e p
oco mancò che l uccidessero. Il servo se ne andò a dirlo al suo signore. Il signore
pensò: Forse non l hanno riconosciuto. Mando un altro servo. I contadini colpirono
anche secondo. Allora il signore mandò il proprio figlio, pensando: forse avranno
rispetto per mio figlio. I contadini, visto che era l erede della vigna, lo pre
sero e lo uccisero.( La vigna e la terra, e la terra e nostra, solo che quello c
he chiamiamo satana lo ha usurpata. Quando vera il tempo e capiremo quello che s
ta succedendo, sicuramente la chiederemo in dietro. Loro non lo faranno e uccide
ranno tanti tra di noi. Allora, faremo la guerra a loro. E questo che chiamiamo
Armaghedon.) y Chi ha conosciuto il mondo, ha trovato il corpo: ma colui che ha
trovato il corpo e superiore al mondo.( il vero insegnamento e: chi ha trovato i
l suo spirito e superiore al mondo) y Le volpi hanno le loro tane, e gli uccelli
hanno i loro nidi, ma il figlio dell uomo non ha alcun luogo ove poggiare il ca
po e riposare.( Il vero Padre non ha bisogno di una casa per riposare, per che l
ui e movimento e riposo. Il principe di questo mondo, si. Lui vuole la nostra te
rra come casa sua) y Verranno a voi angeli e profeti e vi daranno quanto vi appa
rtiene. Voi date loro ciò che avete nelle mani.( Non vi lasciate ingannare. Angeli
e profeti sono i loro ministri. Non li dobbiamo niente) y Venite a me il mio gi
ogo e dolce e mite la mia dominazione, e troverete per voi un riposo.( Non abbia
mo bisogno di nessun dominio e di nessun giogo. Siamo capaci di governarci da so
li. Il Padre non governa e domina nessuno, per che i figli non hanno bisogno di
tale regime)
101
y I discepoli gli dissero: Fuori sono tua madre e i tuoi fratelli. Lui rispose:
quelli che sono qui, quelli che fanno la volontà del padre mio, costoro sono miei
fratelli e mia madre. (Il Padre del universo non sceglie nessuno. Per lui non es
iste nessuna volontà che deve seguita, ne sua ne di un altro. Per lui, tutti siamo
i suoi figli.) y Il regno e simile a un pastore che ha 100 pecore. Una, la più gr
ande, si smarrì. Egli lasciò le 99 e cercò quell una fino a quando la trovò. Dopo che si
era affaticato disse alla pecora: Ti amo più di tutte.( La cosa che mi da fastidi
o di più, e questo regno di pecore. La pecora e un animale che non può giudicare da
sola. Un gregge di pecore e condotto da una sola, e quello che fa il capo fanno
tutte. Non per caso, l umanità deve essere un gregge di pecore condotte da un solo
capo. Con questo insegnamento in testa, noi non crediamo a niente. Solo quello
che viene proclamato dal capo come verità, deve essere seguito. Il resto e anatema
. Mi dispiace che quasi tutti sono pecore, e nessuno giudichi con la testa quell
o che ci viene proclamato verità. Quando succede che qualcuna non vuole seguire le
altre, diventa la pecora nera. Perche? Perche la pecora nera, non accetta più l i
gnoranza e dominio. Lei ha trovato la strada della verità) Colui che beve della mi
a bocca, diventa come me; io stesso diverrò come lui e gli saranno rilevate le cos
e nascoste.( Quale cose nascoste? Le cose che ha nascosto questo principe al uma
nità, suppongo, perche il Padre non ha lasciato niente di nascosto a nessuno.) So
che e difficile accettare quello che sto dicendo, ma se sostituiamo satana e dem
oni con extraterrestri, con una razza crudele, cattiva e omicida, che non vuole
altro che la nostra terra, e l umanità come i loro schiavi, vi aiuterà a capire, a a
fferrare il vero significato di quello che veramente ci dicono le antiche scritt
ure? Riuscirete a uscire dal gregge, e giudicare con le vostre teste odiosa cosp
irazione che si prepara per intera umanità? Se la risposta e no, andiamo avanti co
n altre testimonianze. LE DIFERENZE TRA IL VERO E IL FALSO GESU 1. Quando preghi
amo, dobbiamo rivolgerci al Padre universale, il Padre di tutto il creato, non a
l padre dio del umanità, che e solo il nostro padre e principe. E un conto a dire
Padre del universo e un altro padre nostro. 2. Il vero Padre non divide niente,
non sceglie solo quelli che sono bravi, ansi, lui chiede unione e amore di tutta
la sua creazione. Il falso invece, sceglie solo quelli che lo seguono e fanno q
uello che sta bene a lui. 3. Il vero Padre, non ha mai chiesto sacrifici, e ador
azione. Il falso, si. Perche lui vive di questi orrori.
102
4. Il vero Padre no vuole preghiere e adorazioni dei cosi detti santi, o delle m
adonne. Lui dice, entri in camera tua e prega il tuo Padre che e nel segreto, e
il Padre che e nel segreto e dentro di te. I santi nel caso in qui fossero, non
sarebbero fatti o dichiarati santi dal uomo. Chi e uomo per poter dichiarare che
una cosa che fino a poco tempo fa, era un essere umano, e diventata santa da un
giorno al altro? Solo il Padre può santificare, e un uomo che cosi come dice la c
hiesa, e pieno di peccati, non può santificare un altro che e nato sempre pieno di
peccati. Il falso dice di si. Perche il santo, o una cosa e santa, solo se si u
bbidisce alle sue merdose regole e si fa la sua volontà, o se quella cosa e sua. L
ui da la santità. E come lui non e santo, tutto quello che e suo e sporco e pieno
di menzogne e male. 5. Il vero Padre a detto di amarci uno l altro, e di non ucc
idere. Il falso invece e venuto per dividere, per portare guerra fra padre e fig
li, e fra madre e i suoi figli, per portare odio perfino a quell i che sono i no
stri genitori. Per adesso mi fermo qua, perche c e del altro. E, di questo parle
remo in un altro capitolo, non prima devo puntare una cosa importante. Non chied
etevi mai, perche il mondo e dominato del odio, dolore, malattie, guerre e frust
razione. Tutto è cosi solo per il fatto che è la creazione di un dio crudele, infede
le, bugiardo e imperfetto come lo è il mondo da lui creato . Noi siamo la sua crea
zione imperfetta che segue solo le sue regole e i suoi insegnamenti imperfetti.
Questo dio è veramente il nostro padre, ma non il Padre della creazione universale
. Anche noi siamo dio, perche anche noi mettiamo al mondo figli, e siamo genitor
i, anche noi siamo dèi come lo è il nostro dio, ma il Padre universale che portò alla
luce energia materializzando in una infinità di forme la sua potenza, e uno solo e
noi tutti siamo i suoi figli. Noi non siamo perfetti perche non siamo creati da
lla luce materializzata, e non siamo spiriti viventi, noi siamo imperfetti perch
e siamo generati dalla materia ste ssa e ci fu data un anima. Noi siamo il risul
tato della materia che creò materia, non dallo spirito che creò materia.
103
Cap.23 I giganti e le guerre del Signore
Tantissime leggende e miti del antichità ci parlano di un popolo misterioso, di gr
ande statura, che dimorava in tutta la terra in quei tempi. Difficile a credere
che non sono mai esistiti, perche non e possibile di avere tutti una psicosi in
massa, par parlare della stessa cosa in tutti i angoli della terra. Perfino la B
ibbia parla di loro. E allora noi cosa dobbiamo fare, credere o non credere? Per
poter esprimere un parere, cerchiamo di capire chi sono, e da dove vengono. Pri
ma pero vorrei che capiamo meglio chi sono e da dove vengono i ebrei. H o provat
o di fare l albero genealogico della famiglia umana, cosi come ci viene descritt
o nella Bibbia. Sono sicura che tutti i nomi sono fasulli cosi come anche tante
descrizioni, ma di una cosa sono certa. Tutto il racconto biblico ha come base p
ersonaggi e storie vere, che furono poi adattat e al racconto che oggi conosciam
o. Adamo umano, e Adamo universale, la persona che dette vita ha tutti esseri de
l universo. La linea maledetta, di Caino, non fu altro che la vera umanità che pop
olava la terra, persone con alte potenzialità, persone che viv evano in stretto co
ntatto con la coscienza universale, persone che non hanno mai perso il ricordo d
elle cose passate, e conoscevano anche il futuro. Questi esseri erano il frutto
della vita universale, che voleva evolvere, che voleva sperimentare nuove esp er
ienze per comprendere di più la grande mente universale che e il Padre di tutti. A
damo umano, e un essere generato da altri esseri, che volevano popolare la terra
, e quale convivevano pacificamente con il loro creato. I matrimoni misti tra qu
esti e l uomo, crearono una nuova razza, più forte, nobile, e piena di amore. Il c
olore della pelle della nostra razza si diversificò, la conoscenza tramandata dai
padri celesti ai loro figli fecce che il nuovo uomo diventò di più consapevole della
sua natura universale. Ma in quei giorni su la terra arrivo un'altra razza di e
sseri universali, crudeli e tiranni, che non potevano credere come mai qui posso
no vivere tante razze, cosi pacificamente. Loro volevano il dominio sul pianeta.
Su tutta la terra erano uomini, ma non tutti vivevano con gli esseri di luce. E
un può come oggi. Nelle foreste pluviale, sono delle tribù che non hanno mai conosc
iu to la civiltà, e con tutto ciò anche loro raccontano strane storie di dèi che veniv
ano dal cielo per portare loro la conoscenza. Quando pensiamo alla conoscenza, c
i viene in mente la tecnologia. E no. La conoscenza che tante tribù hanno e più gran
de e potente e tante volte incomprensibile per noi. Loro conoscevano l universo,
i pianeti, i segreti delle piante e il loro effetto miracoloso di guarigione, l
a potenza del sole e della luna e i loro effetti. Ma la cosa più sconvolgente e ch
e tutte questi segreti li furono svelate di uomini bianchi, di alta statura, bar
buti, con poteri incomprensibile per loro, molto buoni e pazienti, quale promise
ro di tornare. Quando Cortez conquisto America per la corona spagnola, tutto il
popolo lo accolse
104
con tanto affetto pensando che era il saggio che li dette la conoscenza e promes
se di ritornare. I abitanti del continente Lemuria e quelli del Atlantide, erano
anche loro uomini alti, bianchi, che conoscevano i misteri del universo e aveva
no grandi poteri. Vedete, uomini che hanno vissuto con gli esseri di luce, erano
diversi del resto del umanità, perche i uomini che vivevano con loro in quei temp
i, parlano di loro e della loro civiltà con grande ammirazione e rispetto. Erano l
oro i costruttori della grande civiltà fiorita prima del diluvio. Loro sono i disc
endenti di Caino. La Bibbia ci dice che i loro capostipiti erano i maestri dei c
antanti, dei pastori, dei fabbricanti di rame e fero, e i costruttori di grande
cita. Non sappiamo quanto lunga era la loro vita, perche per dio della Bibbia qu
esto popolo era maledetto, cioè il suo nemico. I discendenti di Set, erano il ramo
benedetto, perche come abbiamo visto, Set, fu ingannato di suo dio, con la prom
essa della vita millenaria, e cosi come ci dicono le scritture, a parte la loro
longevità e il fatto che Noè e la sua famiglia furono salvati dal diluvio, non hanno
fato niente di speciale. Quando il diluvio sconvolse la terra, tutta l umanità pe
rì. I soli rimasti fu Noè e i suoi figli, è la certezza di questo disastro ci viene da
ta del racconto universale di questo evento sconvolgente. Noè viene chiamato con a
ltri nomi in diverse altre culture, ma il fatto di essere solo questa famiglia s
alvata, non cambia da nessuna parte. Se e vero il fatto di essere state salvate
solo poche persone dal cataclisma, allora e per questo che l umanità ha un amnesia
totale del evento più catastrofico successo abbastanza vicino ai nostri giorni. E
giusto, che ci sono rimasti solo racconti dalle persone che sopravissero a quel
evento. L umanità non e amnesica, l umanità non lo ha vissuto ed e per questo che n
on credono e non possono capire perche questo ricordo non c e l ha nessuno. Le t
estimonianze fisiche non mancano però. Sono troppe, per non essere una certezza, s
olo che accettare questo, significa accettare anche la periodicità dei cataclismi,
e accettare questo significa cambiare la storia. E chi lo vuole? Ci stano bene
le bugie e le menzogne. Dopo il diluvio, l umanità fu ridotta ai figli di Noè, Cam,
Iafet e Sem. Noi siamo i loro discendenti. Come abbiamo visto in un capitolo pre
cedente, la storia della maledizione si ripete anche con i figli di Noè, Cam e Iaf
et perche entrarono nella tenda del loro padre, quando questo ubriaco fradice, d
ormiva nudo per terra. La realtà e un'altra. Loro non era no d accordo con il dio
del loro padre, e cosi andarono per conto loro, a trovare un luogo per la loro d
imora. I esseri di luce li aiutarono a ricostruire le cita sommerse dalle acque,
e ha moltiplicarsi. Loro hanno creato le antiche e enigmatiche civiltà, disperse
su tutto il pianeta. La Bibbia nomina pochissime persone della loro discendenza,
probabilmente perche erano i grandi eroi di quale parla tutto il mondo antico.
I semidèi, che lottavano per difendere l umanità del male, e il male non era altro c
he la razza cattiva che voleva il dominio del pianeta.
105
Il libro delle guerre del signore, e proprio la guerra che i esseri di luce fece
ro ai esseri delle tenebre, aiutati dai esseri umani, discendenti di Cam e Iafet
. Nella Bibbia loro sono nominati come popoli, che erano nemici di dio ebreo, sp
ecie discendenti di Cam che vivevano in vecchio Sumer. Ai discendenti di Iafet n
on li fu riservata una buona sorte, perche anche loro perirono in guerre, la civ
iltà di Rodi fu distrutta di un terremoto, quella minoica e un enigma, la civiltà ol
meca lo stesso e. t. c. Tutto quello che sappiamo di loro con certezza, e che er
ano uomini alti, bianchi, molto potenti, conoscitori di grande scienza, guerrier
i invincibili, giusti e buoni, e navigatori eccellenti. E Sem? Di lui sappiamo t
utto. Lui e la sua discendenza sono la radice benedetta, che vuol dire d accordo
con dio. Sem, fu il primo uomo dopo il diluvio che soffri mutazioni biogenetich
e. Cosi come abbiamo detto, i fu tolta la longevità della vita e l elica del DNA i
fu mutilata. Le sue capacita spirituale, cessarono, e iniziò a diventare quello c
he noi siamo oggi. I suoi discendenti fino a Terach, padre di Abramo, vissero an
che loro in diverse cita del vecchio Sumer, la maggior parte di loro ufficiando
sacro servizio per signore. O pensato, perche dovevano abitare anche loro in Sum
er, il luogo dove dimo ravano anche i discendenti di Se m? Semplice, perche la n
uova generazione con importante mutazioni genetiche doveva moltiplicarsi proprio
li, nella cita degli dèi, il luogo più importante della terra per loro. La Bibbia l
o chiama l ombelico della terra. E che cosa ha di speciale questo posto, che fin
o ai nostri giorni, le guerre e il desiderio di controllarlo non e mai cessato?
E il più grande portale che terra ha per comu nicare con l universo. La promessa d
el ritorno di dio proprio in quel posto non e fatta per caso. Allora come adesso
, solo da li possono arrivare in massa. Le guerre degli dèi sono state fatte per l
a conquista del aeroporto spaziale di Baalbek, odierno Lib ano, e per il control
lo del corridoio di volo Ararat Baalbek Eliopoli Giza e Ararat Umm Shumar (vicin
o al monte Santa Caterina) con il centro di controllo di volo in Gerusalemme. Da
questo immenso portale arrivano gli dèi su la terra. Il dio di Sem voleva il cont
rollo assoluto di questo posto, e la guerra che fece contro i nostri maestri spi
rituali fu sanguinosa e omicida e per la nostra sfortuna vincono loro. In questo
modo, il nostro caro dio prende controllo del intera umanità, diventa il nostro d
io e noi i suoi burattini. Ma chi e questa razza che con astuzia ci conduce da m
igliaia di anni? Nella Bibbia, come per altro, nelle altre tante scritture, veng
ono chiamati Nefilim, il popolo buttato giù che, nei tempi antichi vivevano con no
i e con al tri fratelli universali sul nostro pianeta. Ma erano furbi, non li st
ava bene l amore e unita che esisteva tra questi, perche loro non vivevano di qu
esti sentimenti, la loro razza iniziava a estinguersi e allora decidono di crear
e una razza umana separata dalla coscienza universale, una razza al quale il leg
ame con universo li viene tagliato. L uomo con due eliche di DNA e con l incapac
ità di utilizzare tutto il suo cervello, era ideale per loro, era l uomo che ubbid
iva ai loro piani e progetti. Il primo u omo
106
mutilato geneticamente fu Sem. I suoi discendenti crebbero di numero insieme con
le altre creature che la terra ospitava. Iniziando con il pronipote di Sem, Ebe
r, dio, comincio la sua scalata verso il domino della terra. Nei tempi di Peleg,
figlio di E ber, la terra fu divisa fra i Nefilim e gli esseri saggi protettori
del uomo. Sicuramente ai Nefilim non li fu data la terra del Sumer, perche loro
fanno vagare Terach, padre di Abramo, in tante cita, prima di stabilirsi nella
cita di Ur, nel paese di Sume r. Il popolo mutilato geneticamente discendente di
Sem era cresciuto e vissuto tra i altri popoli non modificati. Coscienti della
loro scarsa potenzialità nei confronti di questi popoli potenti, vivevano vicino a
loro, chiedendo sempre i loro concili e il loro aiuto nelle loro imprese. La Bi
bbia ci dice chiaro che il padre di Abramo serviva altri dèi e che viveva dal altr
a sponde del Eufrate rispetto al popolo degli ebrei che nascerà dopo , e quale vis
sero prima in Canaan. Gs23/2. Il capo dei Nefilim decide di creare un popolo tut
to suo, ubbidiente schiavo delle sue assurde crudeltà. Cosi, Abram, figlio di Tera
ch, viene girato con la promessa di fare dalla sua discendenza un grande popolo
conosciuto su tutta la terra, e dal quale tutti gli uomini conosceranno la poten
za del loro dio. Abram che diventerà Abramo cosi come abbiamo visto, doveva vagare
lui e poi la sua discendenza per più di 400 anni da una parte al altra tra Egitto
, Canaan, Haran, per moltiplicarsi e creando cosi il popolo di dio: ma c e del a
ltro. Abramo è il padre del popolo ebreo perche scelse ingannato da dio, di essere
un re, che avrà un popolo tutto suo e una terra solo per se, in mezzo alle nazion
i potente che verranno sconfitte con l aiuto del suo dio. La sua disperazione av
viene quando si rese conto che non avrà mai una discendenza tutta sua, perche la s
ua legittima moglie Sara non poteva avere dei figli. Ma a questa pensò il suo dio,
e cosi, iniziando da lui si verificarono innumerevole nascite miracolose. Sara
rimase incinta a 90 anni n on per accoppiamento con suo marito ma per la volontà d
i dio, che decise quando lei rimarrà incinta, quando vera la nascita e quale sarà il
sesso del neonato. Altre nascite miracolose si verificarono con Sansone, Giovan
ni il Batista, Gesù, e anche nei loro casi dio sapeva dal inizio quando nasceranno
e quale era il loro sesso. Mi sto chiedendo com e possibile che nel ventunesimo
secolo qualcuno può bere queste minchiate? E per l ennesima volta ribadisco che l
a religione fa miracoli nel lavaggio del cervel lo. Vi spiego io il miracolo del
le nascite sante. Dio voleva un popolo suo, e come afferma da solo, Israele e il
mio primogenito era un solo modo per plasmare un essere che nasceva dal suo ste
sso sangue. L inseminazione artificiale. Isacco e l uomo plasmato dal seme di di
o con il seme di una donna umana. Isacco portava nelle sue vene il san gue di Ne
filim, il suo dio, ed è per questo che loro dovevano sposarsi tra di loro, per non
alterare il legame di sangue del essere extraterrestre, che solo in questo m od
o poteva controllare e manipolare intera umanità.
107
Immagino il urlo di no, non e possibile , fatto dei amanti della Bibbia, ma per
voi ho un'altra storia. Un mese fa, Enrico Ruggeri, nella trasmissione Mistero,
in onda su Italia 1, faceva conoscere al pubblico italiano il caso di Giovanna,
una ragazza che affermava di essere stata seminata artificialmente di una razza
extraterrestre che stava per estinguersi. Lei portò per loro 18 gravidanze di due
mesi ciascuna, dopo di che loro venivano a prelevare il feto appena formato. Una
di queste gravidanze fu un aborto e lei mostrava l essere abortito, gli accerta
menti fatti dal dottore che attestavano il battito cardiaco del feto, ma non la
sua esistenza fisica. La sua testimonianza innescò un vero putiferio sul internet,
e grave accuse per la povera ragazza, che con dignità voleva far conoscere al mon
do un'altra verità che non tutti conoscono. E bene, con lei successe una di quelle
gravidanze e nascite miracolose con quale ci ha abituato la madre chiesa, e qua
le i n realtà non sono altro che seminazioni artificiali, come in caso di Giovanna
. E adesso per essere più chiara, per farvi magari riflettere un attimo alle grand
i bugie che state seguendo vi racconto la storia di Giovanna in un altro modo. U
na ragazza italiana che non ha mai avuto rapporti sessuali con un uomo, e rimast
a incinta dallo spirito santo di dio. Lei piange e afferma che non lo sa come po
teva succedere tale prodigio. Questo racconto vi stava bene non e vero? Andavate
in gran numero a confortare Giovanna, ed a aspettare la nascita miracolosa del
bambino di dio, no? Vedete come siate presi in giro delle vostre convinzioni nel
le cose sante? Mi potete dire che anche altri umani che si accoppiarono con l al
tra razza buona di quale abbiamo parlato prima avevano il sangue mescolato. Si e
vero, ma loro in ansi tutto avevano il DNA completo e poi il loro accoppiamento
era naturale. Loro erano copie di marito e moglie, compatibili dal punti di vis
ta sessuale. I loro figli non erano dei mostri, i loro figli erano belli e poten
ti, i loro figli erano i eroi del antichità e i eroi del antichità sono tutti semidèi
che lottarono per la sovranità umana nei confronti degli dèi cattivi. Bella differen
za tra il grande popolo degli eroi e il povero popolo morto di fame, nomade e so
ttomesso umilmente al dio ebreo non vi pare? Questo dio che vuole farsi conoscer
e tramite un povero popolo che non ha mai creduto in lui e se non fosse per i lo
ro capi non lo seguivano mai, è un dio crudele, bugiardo, omicida, grande amante d
ei sacrifici di ogni tipo che l uomo doveva fare per lui. E che bisogno aveva? L
ui si nutriva con sangue e con la paura delle sue vittime. Questo dio e un demon
e. In tutto il racconto biblico si parla tanto dei serpenti. Il dio serpente sed
usse Adam o, i apostoli dovevano essere prudenti come i serpenti, Gesù stesso gli
rimproverò dicendo: Ipocriti, razza di vipere.. , poi ce Leviatan, serpente fuggen
te, Leviatan, serpente tortuoso e anche satana e i suoi angeli erano come i serp
enti. Che minchia fanno tutti questi rettili tra i santi? Fano tanto, perche que
sto dio del male, i Nefilim il dio degli ebrei e un rettile, un spregevole demon
e che ha sviato tutta l umanità facendo, cosi come dice il saggio Gesù: solo orbi, s
ordi e uomini vuoti dentro,
108
assicurandosi in questo modo il domino su la nostra razza. Mettetevi bene in tes
ta una cosa. Non esistono miracoli fatti da nessun dio. Dio e demoni sono una ra
zza di esseri extraterrestri quale vivono con noi, tra di noi e dentro di noi, e
quale hanno un solo scopo: il dominio universale della nostra specie. Inutile a
pensare che sono stronzate. Stronzate sono le convinzioni che tutto quello che
non capiamo e opera di dio. Che cosa? Non vivono dentro di noi? Vivono e come. S
icuramente detto cosi non credete, ma vi spiego altri pregiudizi e credenze vost
re. Chi e che non ha mai sentito dei indemoniati che Gesù esorcismo, e chi non ha
mai visto dei indemoniati ai quale i preti leggono e pregano di essere liberati?
Quasi tutti siamo d accordo che questo e vero, no? E bene, queste persone posse
dute, sono persone in quale uno di questi esseri devoti a dio, opera per i scopi
diversi. Le persone non sono possedute dei spiriti del male, ma degli esseri ex
traterrestri, dominatori di questo mondo. Lo so che verità come quelle che vi sto
raccontando adesso, attireranno verso di me persecuzioni, bugie, sceneggiate e p
oi la morte, ma non me ne frega niente. La mia coscienza e il mio spirito sarann
o felice di poter fare un può di luce in buio totale in quale vive l umanità, e apri
re magari un cm la porta che porterà l umanità verso la verità, verso la vera conoscen
za di se e dello spirito universale che li porterà nella luce di amore e unità. Torn
iamo adesso ad Abramo e al popolo di dio a chi li fu promessa una terra dove sco
re latte e miele, che non hanno seminato loro, ma dove devono andare a raccoglie
rle i suoi frutti. Ma quali frutti, loro dovevano andare a conquistare questa te
rra insieme con loro dio, sterminando il grande popolo del Sumer per aggiudicars
i il territorio del ombelico del mondo , il grande portale universale, custodito
dai esseri di luce. In questo modo, nessun essere non poteva intervenire per gl
i uomini, e loro rimanevano i dominatori del pianeta. Cosi iniziò la guerra tra gl
i dèi che sconvolse quasi tutta l umanità. Dovevano perire i dèi buoni e tutti i grand
i uomini che vivevano in una civiltà progredita lontano da loro. La Bibbia parla t
anto di queste guerre che dio fecce ai popoli grandi di alta statura che abitava
no nelle cita che erano vere fortezze e che facevano dagli ebrei delle locuste n
ei loro confronti. Ebrei sono stati onesti quando affermarono che era meglio sta
re in Egitto che venire li ad essere ammazzati di questi. Ma dio li confort a di
cendoli che sarà lui a battersi per loro, e cosi fecce. Nella Bibbia la prima guer
ra che il buon dio fece, fu la distruzione di Sodoma e Gomora con la sua potenti
ssima arma nucleare, cosi come si vanta da solo Deut.29/21 La generazione futura
, i vostri figli che sorgeranno dopo di voi e lo straniero che vera da una terra
lontana vedranno i flagelli di questa terra e le malattie che il signore le inf
liggerà e diranno: Zolfo, sale, arsura e tutta la terra! Non sarà seminata, non darà a
lcun germoglio, su di essa non crescerà erba alcuna; è come la distruzione di Sodoma
, Gomora, Adma e Zeboim che il signore distrusse
109
nella sua ira e nel suo furore. Vedete, la guerra che dio fece contro altri dèi, f
u terribile. Potentissime armi furono buttate contro di loro e contro gli uomini
, proprio dal nostro buon dio, che poi come un ipocrita si vanta della paura che
inflisse contro tutti, delle malattie, delle distruzioni irreparabili che segui
rono, e del fatto che e capace di rifare tutto se non verrà ascoltato. Ma la cosa
più sconvolgente e che non solo le due cita portuale del Mar Morto subirono questa
sorte, ma anche altre. Comunque in tanti posti della terra sono centinaia di te
stimonianze che tutto è accaduto, che e vero, ma nessuno vuole ammettere tale veri
tà. P roseguiamo con la distruzione del umanità compiuta dal bravo omicida Dio. Cerc
hiamo di capire chi erano i popoli della terra santa che dovevano essere stermin
ati per ordine e volontà di Dio, cosi come lo dice lui stesso. Deut.2/18-23 Israel
e, stai oggi per attraversare Ar territorio di Moab, e ti avvicinerai davanti ai
figli di Amon. Non essere ostile con loro e non provocarli: non ti darò il posses
so delle terra dei figli di Amon, perche e stata data in possesso ai figli di Lo
t. Essa era pure considerata terra di Refaim che gli Ammoniti chiamano Zamzummim
. Popolo grande, numeroso e di alta statura come gli Anakiti, ma il Signore gli
stermino innanzi agli Ammoniti, che li spossessarono e si stabilirono al loro po
sto. Come aveva fatto per i figli di Esau che abbittano in Seir, quando stermino
gli Hurriti innanzi al loro: Essi li cacciarono e si stabilirono al loro posto
fino ad oggi. Cosi gli Avviti che abitarono in villaggi fino a Gaza, furono ster
minati dai Kaftoriti, venuti da Kaftor, che si stabilirono al loro posto . Deut.
3/1-5 Siamo partiti risalendo per la strada di Basan. E Og, re di Basan, e uscit
o con tutto il suo popolo contro di noi in battaglia a Edrei. Il Signore a messo
nelle nostre mani anche Og, re di Basan, con tutto il suo popolo; lo abbiamo ba
ttuta fino a non lasciarli nessun superstite. Ci siamo impadroniti di tutte le s
ue città. Sessanta città, tutta la zona di Argob, la capitale di Og, in Basan, tutte
città fortificate da alte mura, da porte e sbarre; oltre le numerosissime città dei
Perizziti. Le abbiamo votate all anatema come avevamo fatto per Sicon, re di Ch
esbon, colpendo di anatema ogni città abitata, le donne e i fanciulli. Soltanto Og
, re di Basan sopravviveva dei Refaim; ecco il suo letto, un letto di ferro si t
rovava al Rabbat, dei figli di Amon; a nove cubiti di lunghezza e quattro cubi d
i larghezza. (1cubito=0,44cm) Deut.9/1 -3 Ascolta Israele: Oggi tu stai per pass
are il Giordano per andare a conquistare nazioni più grandi e più forti di te, città g
randi e fortificate fino al cielo; un popolo potente e alto, i figli di Anakiti
che tu conosci e dei quali hai sentito dire: Chi può resistere ai figli di Anak? O
ggi sappi che il signore tuo Dio e lui che passera davanti a te, e lui che li st
erminerà ed e lui che te li sottometterà . Deut.3/22 Non abbiate paura di loro poiché
lo stesso Dio combatte per voi . Num.13/17 Mose li invio ad esplorare la terra d
i Canaan. Salirono nel Negheb a arrivavano fino a Ebron: la c era Achiman, Sesai
e Talmai, figli di Anak. Ebron era stata costruita sette anni prima di Tanis in
Egitto. Puoi venero fino alla vale di Escol e vi tagliarono un tralcio con un g
rappolo d uva, che portarono con una
110
stanga in due, con melograno e fichi . Quando tornarono raccontarono a Mose, Aro
nne e a tutto il popolo l accaduto. Deut.13/27 Siamo arrivati nella terra dove c
i avevi inviato ed effettivamente vi score latte e miele; questi sono i frutti.
Solo che il popolo che abita e forte e le città sono fortezze grandissime: vi vede
mmo anche gli Anakiti. Non possiamo salire contro quel popolo, perche e più forte
di noi. La terra dove siamo passati per esplorarla e una terra che divora chi l
abita, e tutto il popolo che vi abbiamo visto e di uomini di taglia. La abbiamo
visto i giganti, figli di Anak, della razza dei giganti, e ai nostri occhi erava
mo come delle cavallette, cosi come lo eravamo ai loro occhi . Un alto popolo gi
gante a parte Refaim e Anakiti era Emim Deut.2/10 Gli Emim era un popolo grande,
numeroso e di alta statura come gli Anakiti. Anch essi come gli Anakit i, erano
considerati Efraim; ma i Moabiti gli chiamarono Emim . Anche i Filistei erano u
n popolo di alta statura che discendevano da Rafa. Isbi Benòb aveva una lancia del
peso di 300 sicli di rame, ed era cinto di una spada nuova. Golia, il gigante e
ra anche lui un filisteo, la cui altezza era di 3 metri. Aveva una corazza a sca
glie che pesava 5000 sicli di bronzo, e la punta della sua lancia pesava 600 sic
li di ferro.(1 siclo=11,4gr). Poi c era un uomo altissimo che aveva le ditta sei
a sei, cioè ventiquattro in tutto che discendeva da Rafa Cr 20/6-7. Questo non può
essere uno sbaglio, perche in 2Sam 21/20-22 si parla dello stesso uomo che aveva
le ditta sei a sei, e che non fu Davide a uccidere Golia, ma Elcanàn figlio di Ia
ir di Betlemme. Questi popoli che occupavano il territorio gradito del signore,
erano veramente dei popoli forti. La loro altezza era di 3-4 metri, avevano cita
fortificare con muri grossi, oltre porte e sbarre di un altezza impressionante,
i frutti della loro terra erano giganteschi ed erano molto conosciuti di tutto
il mondo antico. Loro erano: Hittiti, Evei, Perizziti, Gergesei, Amorei, Gebusei
, Cananei, Filistei. Tutti questi popoli sono la discendenza di Cam figlio di Noè.
Ma il piano divino vuole anche la distruzione dei figli di Iafet. Ez.38/1-3 Fig
lio del uomo, rivolgi la faccia a Gog nel paese di Magog, principe di Ros, Mesec
h e Tubal e profetizza contro di lui. Cosi dice Dio: Eccomi conto di te, Gog, pr
incipe di Ros, Mesech e Tubal. Ti trascinerò via, metterò un morso alle tue mandibol
e .Mesech e Tubal erano i figli di Iafet, e il popolo del paese di Magog erano i
suoi discendenti A Dio non basto tutta questa distruzione, perche altri popoli
furono distrutti della sua bontà. Libano, Saron e Basan furono distrutte per la gl
oria di Dio, Edom fu punito con la spada dei sacrifici, per la distruzione di As
siria, Dio progetto la guerra dai tempi antichi, Egitto e Saba furono sottomessi
, stermino i Cretesi, Tiro e Tarsis. Furono distrutte Etiopia, Put, Lud, Arabia,
Tebe, Sin, Mo ab e Damasco. Tutto questo massacro subito dalla povera umanità, no
n fu per la gloria di Dio davanti a loro, ma per il suo dominio sopra gli dèi, i s
uoi nemici. Ger.43/12 Io faro accendere il fuoco nelle case degli dèi di Egitto. F
rantumerò anche le stelle della casa del Sole che e nel paese del Egitto e brucerò c
on il fuoco le case degli dèi di
111
Egitto . Ger.50/2 E persa Babilonia! Si vergogna Bal, infranto e Marduch . Ger.5
1/44 io castigherò Bel in Babilonia ed estrarrò ciò che a ingoiato dalla sua bocca . D
io stermino tutti i popoli grandi e potenti che vivevano vicino o lontano della
sua terra solo per acchiappare il dominio su tutto il territorio. Non si tratta
di guerra santa e di popoli santi, ma di desiderio di dominare e di essere ricon
osciuto co me sovrano su tutta la terra. Che bisogno aveva per esempio di farsi
conoscere al faraone di Egitto? Se era cosi forte, buono e giusto come si vanta,
per che doveva far soffrire un popolo intero per essere conosciuto? No, amici m
iei, lui voleva adorazione e sottomissione da parte di tutti. Lui voleva essere
venerato di tutti i uomini, piccoli o grandi. Lui era il padrone e principe dell
a terra e l umanità si e cascata nel suo laccio, adorandolo, venerandolo e compien
do per lui le più orrende cose. Vi chiedete spesso perche e cosi tanto male in que
sto mondo, guerre, malattie, invidia, disprezzo, dolore, fame, umiliazione, paur
a e infamia, no? E bene, perche questo e il mondo del principe delle tenebre, cr
eato e condotto da lui. Noi siamo i suoi figli, e non posiamo essere meno del no
stro genitore che adoriamo e veneriamo giorno e notte. Siamo creati cosi, perche
solo con questo nostro modo maligno di essere posiamo mantenere in vita anche l
ui.
112
Cap.24 La terra santa
Che significa la terra santa? Perche tutti pensiamo che questa terra o meglio qu
esto pezzo di terra ha un valore cosi grande? Perche tutti crediamo che il ritor
no di dio sarà proprio li. Per noi questa terra e il territorio del odierno Israel
e e della Palestina: la terra dove dio ha fatto le abominevole guerre e massacri
in massa e dove lui ritornerà. Ma, se non fosse cosi? Vi ricordate probabilmente
che io ho affermato che il giardino di Eden era in Europa lungo il Danubio, no?
E benne anche la terra santa è li, e per questa vi propongo di leggere tutte le te
stimonianze che io ho scoperto in merito e quale non lasciano dubbi su questa co
llocazione. Innanzi tutto, secondo la scienza, l Europa e un continente dove uom
o e arrivato molto più tardi, dopo il sviluppo della civiltà in medio oriente e Egit
to. Per loro non esiste a fatto una civiltà Europea. Tutto quello che fiori in que
sto continente è il prodotto del esportazione della civiltà del medio oriente. Con t
utto ciò, Europa ha un nome particolare: il vecchio continente , perche? Si e form
ato forse prima di tutti i continenti del pianeta? No, non e possibile, tutta la
terra si formò insieme. Europa esisteva insieme con Asia, Africa, America, Austra
lia e Antartica. Se l uomo e la civiltà comparse dopo in Europa, signific a che do
veva essere chiamato nuovo continente prima del America non vi pare? E allora? E
uropa si chiama il vecchio continente , perche la vita compari per prima proprio
qui e l affermazione non è fatta per caso. Dal Europa partirono popoli grandi e g
lori osi a popolare medio oriente, Africa e Asia. Non si può digerire, non e vero?
Detto cosi su due piedi di un dilettante come me, non si può. La verità e che solo
persone come noi, dilettanti, semplici anonimi, senza paura di perdere la poltro
na, e senza pre giudizio di essere ridicolizzati abbiamo il coraggio di far trem
are la scienza e far cadere i suoi paradigmi. Io non ho conoscenze di archeologi
a, e non ho conoscenze del esistenza delle scoperte antiche fatte in Europa, ma
quando il mio spirito, mi ha de tto che la verità e questa, ho voluto solo verific
are se veramente in questo mondo nessuno sapeva niente. Mi sono stupita. Loro co
noscono tutto questo, non d adesso, da millenni. Le testimonianze sono tantissim
e. Mancava solo qualcuno che li facesse conosc ere, che mette in circolazione le
cose volutamente nascoste da loro. Della terra santa si parla sempre ogni giorn
o, tutti vogliono andare nei posti dove sono compiuti miracoli e prodigi, cosi c
ome ci ha abituata la Bibbia. Ma la terra santa non significa questo, la terra s
anta significa il luogo dove e co mparsa la vita, il luogo dove il cielo comunic
a con la terra . La terra santa e il luogo dove ebbe inizio tutto e dove finirà tu
tto.
113
Voglio farvi leggere come viene descritta la terra santa in Libro di Enoch: anda
i verso di esso e vidi sete montagne , tutte ognuna diversa dal altra. Tre verso
oriente, salde, l una dal altra e tre verso nord, salde, l una dal altra. Vidi
burroni profondi e tortosi e l uno non si avvicinava all altro. E la settima mon
tagna e ra al centro. Vidi un monte santo e, sotto di esso, verso il suo oriente
, acqua il cui scorrere era verso nord. E vidi, verso oriente, un altro monte, a
lto come l altro, e fra essi un profondo burrone, non largo. E anche verso esso,
verso il monte andava l acqua. E verso occidente di questo, un altro monte, inf
eriore a lui, non alto, con un burrone in basso, fra i due, ed altri burroni, pr
ofondi e asciutti, verso l estremità di tutti tre. E tutti i burroni erano profond
i, di pietre dure. E io mi meravigliai per le pietre e per i burroni. Mi meravig
liai assai. E Uriele, uno dei angeli mi disse: qui, per tutto il tempo i miseric
ordiosi benediranno dio, re eterno. Il quadro viene completato della descrizione
della terra santa nella Bibbia. Deu8/-10 Signore tuo dio sta per introdurti in
una terra buona, terra di torrenti, fonti e abissi che sgorgano nelle vali e nel
le montagne, terra di frumento, orzo, viti, fichi e melograni, terra di oliveti
e miele, terra dove non mangerai il pane nella miseria e dove non ti mancherà null
a, terra le cui pietre sono di ferro e dalle montagne estrarrai il rame. Bella d
escrizione, per una terra che non ha ne meno l 1% del aspetto della terra santa
di Israele e Palestina. E bene, questa terra esiste in Europa ed e proprio cosi
come viene descritta dal testo. Ho assomigliato questa descrizione iniziando con
la mappa geografica della Spania, a tutti i paesi del Europa e quando non avevo
nessuna speranza, mi rendo conto che tutta la descrizione combaccia la perfezio
ne con la Romania. Guardate la mappa e pensate voi. Poi ferro, rame e oro sono d
ei giacimenti minerali che si trovano sul tutto il percorso del fiume Danubio e
quale in Romania sono veramente una ricchezza. Orzo, viti e frumento sono la bas
e del agricoltura e montagne, fi umi, torrenti e burroni non mancano per niente,
anzi sono tropi. Fichi, melagrane e oliveti non fanno parte dei frutti di quest
o paese, ma nei tempi di quale stiamo parlando la clima del vecchio continente e
ra un'altra. Tutta Europa, Russia e Antartica avevano clima equatoriale e tropic
ale. Le tantissime scoperte dei corpi di animali equatoriali da questi parti non
lasciano dubbi su la vita ricca che era comparsa li. L Europa e chiamato il vec
chio continente perche si trovava nella zona più calda del globo e perche i germog
li della vita e della prima civiltà sono comparse proprio li. La sola lingua che s
i parlava su tutta la terra di quale parla la Bibbia, era la lingua del popolo c
he abita va lungo il Danubio. Questi paesi sono il giardino di Eden, questi paes
i sono il luogo dove si parlò su la terra una sola lingua, questi paesi sono il lu
ogo dove inizio la vita e dove sarà la fine. Sei anni fa quando ho iniziato ha stu
diare la religione cristiana, non pensavo ne meno a quello che vi sto raccontand
o oggi. Poi ho capito che gli insegnamenti del saggio che noi chiamiamo Gesù erano
vere. Cerca e troverai, bussa e ti sarà aperto
114
non sono solo un gioco di parole, ma il modo in quale troverai la verità nascosta
da millenni tra una storia e altra nella Bibbia. Adesso vorrei tornare indietro
al albero genealogico del umanità e alle guerre del signore raccontate della Bibbi
a, per capire per che questo dio ci ha nascosto tutta la verità, perche lo ha fatt
o, per che sono due dio nel racconto biblico e perche la terra santa fu collocat
a in medio oriente. Imbarazzante e impossibili domande. Nei capitoli precedenti
no ho fatto altro che mettere in evidenza il carattere doppio di dio, le sue bug
ie e i suoi imbrogli, il suo desiderio più ardente: la sottomissione del umanità ai
suoi piedi e il riconoscimento e l adorazione da par te di questi nei suoi confr
onti. Lui è il re, dominatore e principe del mondo umano. La Bibbia non e altro ch
e un falso, un giramento infinito di testimonianze scritte dai saggi che ci hann
o preceduto nei decorsi di millenni. Questo libro, a parte le due fonti che furo
no utilizzate per la sua scrittura, parla di due creazioni diverse, di due guerr
e diverse e di due collocazioni diverse della terra santa, a parte due dio diver
si. In questo capitolo parleremo delle due creazioni diverse e della terra santa
. 1. Tutto l universo non solo l universo terrestre ha subito due creazioni. La
prima creazione, la vera creazione fu fatta dal Primo Creatore universale. Il Pr
imo Creatore, il Padre, e la potenza più grande del universo, e lui che creò ogni fo
rma di vita che esiste nel infinito, e lui che creò la materia, e lui che portò alla
luce la perfezione di tutto il creato, e lui che portò l invisibile al visibile,
ed e lui la potenza a quale tutto il creato i r ende grazie. Il Primo Creatore è i
l vero Padre di tutti noi. Lui e energia pura cosciente, intelligente, la luce e
amore che vive dentro tutto il suo creato. Senza questa energia, tutto e senza
vita. La terra nuda, le pietre, i minerali, tutto quello che a noi sembra senza
vita, in realtà è vita. Tutto quello che ci circonda ha dentro la coscienza (Bibbia
la chiama sapienza che fu al inizio di ogni creazione) universale del Padre. Tut
to il creato, e mi riferisco specialmente a quello che noi chiamiamo senza v ita
, ha dentro la coscienza, vivono soffrono o gioiscono come noi. Se noi li parlia
mo, loro ci capiscono. E questa la nostra rottura spirituale, e questa la spirit
ualità che cerchiamo da millenni. I primi esseri si chiamano spirituali perche lo
spirito o energia si materializzo creando la vita materiale. Era energia spiritu
ale che creò materia. Tutta questa prima forma di vita era perfetta perche loro no
n hanno ricevuto uno spirito, erano lo spirito materializzato, era l armonia per
fetta tra spirito e materia in quale il Padre si manifestò. Per questo noi siamo u
no e nello stesso tempo tutti, perche il Padre e in tutti. Non lo so se riuscite
ha capire quello che sto dicendo, ma le parole che conosciamo sono poche e pove
re per riuscire a descrivere meglio una cosa cosi grande e incomprensibile per i
l nostro mondo abituato con preghiera, paura, colpa e peccato. Un essere spiritu
ale ha la coscienza universale dentro di se, sa da dove viene, conosce il passat
o e il futuro, e il suo legame con la
115
spiritualità non e perso. Conosce il grande potere che ha dentro di se , e sa come
usarlo per far nascere altre forme di vita, per evolvere e diversificare la cre
azione. Il primo Adamo, e il primo essere universale intelligente in quale il Pa
dre si manifestò al mondo creato. Lui era la perfezione assoluta di tutta la creaz
ione che il Primo Creatore, Padre del universo creò. Noi chiamiamo Adamo universal
e, Gesù adattando tutta questa meraviglia alla nostra povera vita mortale. In real
tà, Adamo universale, il primo essere in telligente in quale si manifestò il Padre e
lo stesso per tutti i mondi e per tutta la vita che ce nel universo, non solo p
er noi. Adamo è il figlio del Padre è il Padre e il figlio, questo e il mistero che
la chiesa non può spiegare. Noi non posiamo adora re nessuno di loro, perche noi s
iamo loro e loro sono noi. La stessa energia, lo stesso spirito del grande creat
ore e in ognuno di noi. E lui il Padre con la P maiuscola e Dio con la D maiusco
la. Il regno di Adamo fu tutto l universo creato dal padre. Lui fu l artefice de
l padre. Lui e altri come lui si manifestarono al mondo nella materia, nella car
ne come dice la Bibbia, e popolarono i pianeti e i mondi di tutto il creato. Il
loro aspetto fu molto diverso da un mondo al altro, perche cosi potevano sperime
ntare il mondo materiale creato, da tanti i punti di vista. L energia o spirito
che si materializzo, creò la materia. Adamo universale, che era la perfezione di t
utta la creazione, era maschio e femmina nello stesso tempo, il suo cibo era la
conoscenza, la luce, l energia, in poche parole. Adamo spirituale era perfetto p
erche spirito e materia, cioè maschio e femmina erano tutti due nello stesso corpo
non erano divise uno dal altro, l imperfezione avviene solo quando lo spirito s
i divise, per dare vita alla materia. Cosa significa? Abbiamo detto che materia
col percorrere degli anni divento più forte e lo spirito non riuscì più ha liberarsi d
i lei. La materia che incatenò la più forte energia del Padre crede che lei era la p
iù forte, che e lei sopra lo spirito, e iniziò ha dominarlo. Lo spirito si rende con
to che l armonia iniziava a scomparire e allora si divise per non contaminare la
purezza della luce, della coscienza con la materia. La divisione che lo spirito
fece fu la caduta della materia stessa. Lo spirito si divise della sua parte fe
mminile, anima, che i fu data alla materia per poter vivere. La materia non rius
cì più da quel momento ad avere una vita lunga, infinita come era prima. Adamo unive
rsale si divise e cosi nasce la prima femmina universale, prodotto della divisio
ne dello spirito. Da quel momento, la materia, iniziò il suo degrado. Lo spirito,
per non distruggere il suo creato, dette loro l anima, la sua parte femminile da
quel momento, per riuscire ha mantenerli in vita. L accoppiamento tra i primi d
ue esseri materiale creò l imperfezione. La materia(femminile) con l anima(femmini
le), non potevano creare altro che l imperfezione. Da quel momento lo spirito, l
a coscienza universale, si manifestò solo nei esseri che lui voleva, creando cosi
i primi
116
esseri intelligenti materiali, del universo. La materia in questo modo poteva cr
escere e capire da sola attraverso tante esperienze di vita chi è, da dove viene e
che il suo posto e vicino al spirito del Padre che creò tutti due. Questa e la pr
ima creazione della vita in tutto il universo. Questi racconti vengono lasciati
come insegnamenti dai saggi esseri spirituali di luce che hanno arrivato alla pe
rfezione e quali vengono in ogni mondo del universo per portare la luce della ve
rità ai esseri material i che cercano la spiritualità. 2. La seconda creazione e que
lla che ci viene ra ccontata nella Bibbia, e quale è la nostra creazione da parte
di altri esseri materiali come lo siamo anche noi. Questi esseri sono creature i
ntelligente del universo che sono arrivate ad un alto livello di conoscenze tecn
ologiche che possono creare la vita. E adesso poso spiegare veramente la nostra
creazione. Vi ricordate probabilmente che abbiamo detto che la creazione che vie
ne fatta nelle prime cinque giorni che troviamo nella Bibbia non e il risultato
del impegno di dio e dei suoi angeli. Tutto quello che successe su la terra come
la separazione delle acque, l apparizione dei corpi celesti, della vegetazione,
i uccelli, i pesci e le fiere della terra era il risultato del ordine che dio d
ette a questi di fare. Questo dio, non poteva raccontare quello che lui non ha f
atto, perche tutto ciò fu il risultato del evoluzione della vita su questo pianeta
. Quando viene affermato che tutto quello che nacque li era secondo le loro spec
ie, ti chiedi subito quale e dove era il modello che dovevano seguire. Parte dei
semi erano già nella terra, solo che il rinnovo continuo della vita non li fece n
essuna volta una uguale con l altra (parlo della vegetazione), altre invece dopo
ogni cataclisma che la terra subisce furono riportate qua dai altri esseri del
universo, che hanno il dovere di riportare la vita in ogni angolo del regno. Qua
ndo una specie sparisce, per diversi motivi, un altra con le stesse caratteristi
che compare nel suo posto, ma con aspetto diverso. Il risultato del evoluzione n
on e quello con quale ci ha abituato Darwin, l evoluzione universale significa c
ambiare attraverso tante esperienze di vita il modo di pensare e di vivere. Sign
ifica iniziare piano, piano ha essere consapevole che tu, materia infima e morta
le poi arrivare al immortalità, perche dentro di te c e l immortalità, ma ai perso i
l contatto con la tua forza datrice di vita infinita. Quando la preghiera recita
come nei cieli cosi anche in terra, significa che l evoluzione della materia c
e in tutto il universo, e che li c e una gerarchia di ogni cosa, cosi come dovre
bbe essere anche in terra, ma non di prepotenza e di domino, ma di evoluzione, d
i unita. I esseri di luce preparati devono seguire ed aiutare gli esseri che vog
liono essere come loro, che hanno iniziato ha capire quale sono le loro radici.
Quelli che non capiscono e non vogliono seguire i indizi che questi danno ad ogn
i uno di noi per arrivare alla perfezione, non vengono puniti, ma le loro azioni
, il modo sbagliato di agire e soprattutto di pensare li
117
portano ad avere solo esperienze negative, dolorose che li porterà a perdere la vi
a verso luce. Il loro camino sbagliato li fa ritornare sul gradino inferiore del
evoluzione, ricominciando in questo modo da capo le tappe del risveglio. Devo p
recisare una cosa importante. Gli esseri di luce non possono intercedere per nes
suno di noi. Noi abbiamo il libero arbitrio e ogni scelta e solo nostra. Il risu
ltato buono o cattivo, rispecchia la nostra scelta, e il percorso di tutta la no
stra vita bella o bruta e il risultato dei nostri pensieri e della nostra volontà.
3. Adesso parliamo della creazione del uomo, come ci viene riportata nella Bibb
ia. Dio prese un pezzo di terra e i soffiò nelle narici l alito della vita. E diff
icile credere che un pezzo di argilla può essere il materiale da quale fu formato
l uomo. L uomo, come per altro tutte le creature del universo che scaturirono da
Adamo universale, era un essere che aveva dentro di se l intendimento come tutt
i esseri intelligenti. L intendimento o coscienza, non e uguale per tutti. Sono
quelli che hanno di più, come quelli che hanno di meno. Adamo umano e il risultato
di continuo rinnovamento della vita intelligente del universo. Lui viveva su la
terra insieme con altri esseri evoluti del universo che erano qui per portare q
uesta creatura terrestre ha ritrovare la via verso il Padre. Le comunità di questi
esseri misti che la terra ospitò, non erano tecnologicamente progredite, ma spiri
tualmente. Loro vivevano una vita tranquilla ed equilibrata con la natura e con
la spiritualità. La forza del loro pensiero che erano capaci di controllare, non a
veva bisogno delle schifezze tecnologiche di oggi. La loro vita era bella e tran
quilla. Quando arrivarono su la terra altri esseri da altri mondi, crudeli e avi
di di potere, come noi, la vita cambiò. Ma dove vivevano gli umani insieme con i l
oro fratelli di luce? E, si, nel giardino di Eden, il paradiso terrestre. Ques t
o giardino pieno di ogni albero buono da mangiare, dove l acqua era in abbondanz
a, e dove la terra era ricca di minerali preziosi si trovava in Europa centrale,
nel territorio del odierna Romania. Da li si estese in tutto il continente euro
peo. Il serpent e che sedusse l uomo e un altra razza di esseri universali che h
anno perso il contatto con la spiritualità, e quale hanno trasformato anche noi in
esseri come loro, arrivando anche noi a conoscere tecnologie di quale non aveva
mo bisogno, ad essere crudeli come loro, e vuoti di ogni conoscenza di noi stess
i. Noi non abbiamo peccato perche abbiamo scelto questa via, perche siamo stati
manipolati da questi per essere i loro schiavi, e per essere il loro cibo. Ma il
limite e arrivato. Fra qualche anno passeremo in un altra dimensione che annull
erà il tempo. Una energia nuova arriverà su la terra, e inizierà a riordinare il nostr
o DNA che non fu distrutto, fu solo disperso, disordinato, e saranno pochissimi
che sopporteranno con successo questa trasformazione, il risveglio della nostra
coscienza addormentata farà in modo che tante persone
118
inizieranno ha parlare di cose che per la maggior parte dei impreparati saranno
strane e impossibili di comprendere, uni saranno capaci di fare cose che nei occ
hi dei impreparati passeranno come segni e prodigi di dio che loro servono. Non
riuscirono ha capire che le stesse cose li possono fare anche loro se riuscirann
o a trovare se stessi. Questa energia nuova, che sta già arrivando su la terra arr
esterà la funzionalità di tutti i apparecchi, macchine, aeri, nave, trasmissioni e a
ltri tipi di sofisticate tecnologie che abbiamo. Per esempio i aeri precipitati
nei ultimi tempi senza alcun motivo apparente del disastro, sono state colpite d
i questa energia sconosciuta su la terra e q uale ha arrestato i apparecchi di c
ontrollo e i motori del aero. Questa pero sarà l energia del nostro futuro, non e
dannosa per noi, ma per la nostra tecnologia distruttiva e inquinante, si. Più ava
nti vi dirò tutto quello che so, tutto quello che mi fu concesso ha conoscere del
prossimo vicinissimo futuro, perche qualsiasi cosa sarà, abbiamo il diritto di sap
ere, di prepararci e svegliarci. Sempre più avanti vi darò tutte le testimonianze e
i indizi che vi porterà ha ammettere che la vita e la civiltà compari per la prima v
olta su la terra in odierna Romania, Moldavia e Russia, e da li si stesse in tut
to il continente. Da li fu comparsa in medio oriente e in Egitto prima del diluv
io.
119
Cap.25 I due dio e le due guerre raccontate dalla Bibbia
Quando le prime scritture che compongono la Bibbia di oggi furono scritte nel 30
0 400 a. c. tutto quello che apaiono profezie e miracoli erano già successe. La se
conda creazione del uomo fu solo il racconto della trasformazione del essere già v
ive nte su la terra, il risultato della prima creazione in quello che siamo oggi
. L essere che era prima non aveva il DNA mutilato, le sue capacita spirituale n
on erano perse perche il legame che lo spirito ha con la materia si fa attravers
o il DNA. La caduta del uomo e proprio questa rottura che i nefilim hanno operat
o nel nostro corpo. Noi abbiamo smesso di vedere e sentire cose che ci circondan
o, proprio per questo cambiamento che subì il nostro sangue. Noi eravamo diversi d
i come lo siamo oggi proprio perch e il nostro DNA completo ci permetteva di viv
ere in un altra dimensione, precisamente nella quarta, e da quale siamo stati bu
ttati nel superiorità della terza. La nostra caduta dalla quarta nella terza dimen
sione non fu fatta per caso, ma perche i nefilim vivono nel inferiorità della quar
ta dimensione e in questo modo noi avevamo la possibilità di vederli, di sapere ch
i erano veramente. La nostra mutilazione genetica da parte loro, li permesse in
questo modo di nascondersi dalla nostra vista. Tutto quello che loro facevano er
ano ai nostri occhi miracoli e prodigi. La nostra incapacità di ricordare il passa
to fu per loro la più grande conquista sopra di noi, perche cosi potevano manipola
re con facilità la nostra mente e la nostra vita. In questo modo loro al inizio de
i tempi ci fecero credere che erano i nostri dèi creatori, i nostri padri che dove
vamo ascoltare e adorare. La loro tecnologia sconosciuta e dannosa ci conquistò se
mpre di più, e cosi loro arrivarono nel punto di essere i nostri padroni e noi i l
oro schiavi. Il giardino di Eden era popolato con tante razze di esseri intellig
enti. Tutti loro vivevano in armonia e in pace. Le loro occupazioni erano agrico
ltura, crescita di animali e la maggior parte erano pastori, erano i veri artigi
ani in argilla, e le loro oggetti erano veri gioielli, e verri capolavori di que
sto materiale, il miele era una delle delizie che la natura li offriva, e loro s
fruttavano molto il lavoro delle api, erano dei cantanti meravigliosi di flauto
e lira, e con il ferro e il rame costruivano dei oggetti con quale lavoravano la
terra e estraevano i minerali specie, rame e ferro. Coltivavano orzo, mais gran
o e vite, e la terra li dava un ricco raccolto. Non era niente di più bello in tut
ta la terra. A quei tempi l uomo non lavorava la terra di E den per gli dèi, non e
sisteva questo concetto. L uomo insieme con i suoi fratelli lavoravano insieme p
er il benne di tutta la comunità e il ricavato era di tutti. Parlavano una sola li
ngua tutti e la loro scrittura erano dei segni. Vivevano nelle case di pietra e
argilla coperte con paglia o con mais, avevano forni sofisticati per la cottura
di argilla, erano verri orefici nella lavorazione del e rame. Non conoscevano la
guerra ne le sue armi mortali. Un paradiso era tutta questa terra. Il capo di q
uesta
120
civiltà nobile e pacifica si chiamava Pelasg. Lui era artefice e insegnante di tut
ta questa meravigliosa civiltà. Dal nome del suo capo, la civiltà prese il nome di P
elasgii come attestano antichissime fonti rumene studiate di Nicolae Densusianu
nella sua monumentale opera Dacia preistorica . I greci chiamavano pelasgi il più
antico popolo della terra. La loro razza arcaica, superiore in concetti, forte n
ella volontà e nei fatti, era per i greci cosi superiore in tutto che i pelasgii v
enivano chiamati da loro dioi , che vuol dire divino. La loro civiltà evolve sempr
e di più e tutti esseri del universo conoscevano questa oasi paradisiaca. Ma succe
sse qualcosa e la loro felicita e tranquillità piano, piano, svanisce. Che cosa su
ccesse? Su la terra arrivarono i Nefilim, popolo senza casa, che distrussero il
loro pianeta con la loro rapacità e cattiveria. Quelli che riuscirono ha salvarsi
vagarono nello spazio, fin che trovarono un pianeta come il nostro dove vivevano
tranquilli altri esseri come noi. Con astuzia estesero il dominio sopra di loro
ma non riuscirono ha portare al termine i loro desideri perche furono smaschera
ti in tempo di quel popolo che li cacciarono via dal loro mondo. Iniziarono di n
uovo a vagare nello spazio, fino quando incontrarono la terra. Il popolo buttato
giù, il popolo cattivo e senza dimora, iniziarono anche con noi lo stesso trattam
ento che operarono sul pianeta INUA, vicino alla costellazione di Orione. Quando
andarono via da li portando con loro un può di prigionieri INNUAKI, che diventaro
no su la terra i dèi minori o loro schiavi. Arrivati qui, iniziarono ha costruire
grandi cita, piramidi per alimentare con energia le loro nave spaziale con quale
facevano il giro della terra. Con la loro tecnologia avanzata e con le loro arm
i, facevano ai occhi di Pelasgi miracoli e prodigi. Qualcuno tra di loro lascio
la sua meravigliosa civiltà, per andare con i Nefilim conquistati delle promesse c
he loro li facevano. Furono corrotti facilmente spinti della curiosità di capire e
conoscere quelle cose strane che i Nefilim manovravano. Nella Bibbia questa coi
ncide con la corruzione di Eva da parte del serpente. Fu lasciato il paradiso e
la spiritualità per seguire la tecnologia e la corruzione. Iniziando da questo pun
to, i Pelasgi si dividono e invadono insieme con i Nefilim territori nuovi situa
ti al inizio intorno alla antica Dacia diffondendosi poi in tutta Europa, Asia e
Africa. Diversi popoli comparsi in seguito iniziarono ha parlare dialetti della
lingua madre mescolate con parole della lingua degli INNUAKI. Questo e il episo
dio della torre di Babele di quale parla la Bibbia, dove fu confusa la ling ua d
ei popoli che andarono dopo ogni uno per la sua strada. E adesso viene il bello.
La terra santa, il giardino di Eden dove nacque l umanità, la terra de Pelasgi, i
l primo popolo dalle quale radici nacque l umanità di oggi, non era in medio orien
te, era tra i Carpazi, Urali e i Balcani. Da li la cultura, la civiltà e l umanità s
i estese in Asia e in Africa. Con la nuova tecnologia dei Nefilim, l u manità iniz
ia di cambiare. Compare il culto della divinità, l uomo conosce l arte della guerr
a, e iniziano i suoi primi sentimenti maligni: invidia, prepotenza, lussuria, so
fferenza. La civiltà cresce dal punto di vista tecnico, solo che succede qualcosa.
La clima inizia a cambiare, il
121
pianeta cambia i poli magnetici e Europa diventa un continente freddo insieme co
n Antartide e Russia. Tanti popoli migrano verso oriente, passando Anatolia, par
te di loro, arrivarono in medio oriente e da li in Africa, altri invece andarono
verso il cuore del Asia, in Cina e India di oggi, portando con loro i segni di
una civiltà progredita spiritualmente. Ma i veri Pelasgi rimasero li, dove continu
arono la vita che avevano prima della invasione dei Nefilim. Dopo secoli, della
loro venuta, i Nefilim e INUAKI assistono alla grande catastrofe che sconvolge l
a terra: il diluvio. L umanità era in pericolo di estinzione, e per loro poteva st
are bene tale situazione, il pianeta rimaneva tutta per loro, solo che era un gr
osso problema. Si nutrivano col sangue dei sacrifici e con energia negativa spri
gionata dalle vittime e dalle sofferenze e dolori dei umani. La nostra razza non
doveva perire. Prima del diluvio, portarono con loro in spazio dove aspettarono
che tutto passasse, copie de i uomini e semi di uomini per poter riprodurre la
nostra specie accoppiandola con sangue della loro specie, in questo modo il nuov
o uomo era fratello di sangue con loro, ma senza l elica del DNA completa. I Pel
asgi vengono anche loro avvisati dei nostri fr atelli cosmici del grande catacli
sma, e insieme costruirono quello che la Bibbia chiama arca, e che in realtà era u
n sommergibile. Anche la loro razza veniva cosi ripristinata. Nella scrittura no
n ci viene detto da dove precisamente parti l arca con i suoi uomini, ma e chiar
o che era un posto dove non c era il mare, perche viene descritto cosi il diluvi
o venne sopra la terra per 40 giorni: le acque ingrossarono e sollevarono l arca
che si alzo sopra la terra; e le acque divennero poderose e ingrossarono assai
sopra la terra e l arca galleggiava sulla superficie delle acque. E le acque aum
entarono sempre più sopra la terra e coprirono tutti i più alti monti che sono sotto
tutto il cielo. Di quindici cubiti di altezza le acque superarono e coprirono i
monti. L arca parti dalla Dacia che era un paese pieno di montagne e galleggiò su
l oceano di acque verso Anatolia, dove la Bibbia ci dice che si fermò su una delle
cime del monte Ararrat. I Pelasgi dopo di che le acque si ritirarono cercarono
la via di casa. Una parte rimase li in Anatolia, altri popolarono le isole del m
editerraneo e da dove altri poi ripartirono per Europa la loro casa, e un altra
parte andò verso medio oriente. In questo modo la civiltà Europea si diffuse su tre
continenti e più tardi questi uomini costruirono civiltà grandiose e misteriose e po
i sparirono senza tracia. Questi popoli sono quelli che la Bibbia chiama il ramo
maledetto di Cam e Iafet. I Nefilim scesero anche loro su la terra. Ma come lor
o prima del diluvio popolarono per poco tempo Europa dove lasciarono qualche tra
ccia del loro passaggio, tornarono dove era la loro vecchia casa su la terra. Il
medio oriente. Li iniziarono la ricostruzione delle cita sommesse e ricominciar
ono il dominio sopra l umanità. Il seme umano che portarono con loro prima del dil
uvio e i umani salvati furono quelli che portarono alla nascita del ramo benedet
to di Sem, come lo chiama la Bibbia. Dal ramo di Sem, mescolato e manipolato gen
eticamente siamo generati noi i suoi discendenti. Quando i loro servi umani creb
bero di numero, i Nefilim iniziano le
122
guerre per distruggere tutte le trace dei bravi eroi del umanità. Instituirono la
terra santa in medio oriente, ma non poteva averla senza guerra, perche li erano
i eroi umani che la controllavano insieme con i loro fratelli di luce. Pulirono
ogni tracia della prima civiltà umana in Europa falsificando i testi della prima
creazione e scrivendo il loro libro sacro, dove loro erano il nostro dio, che do
vevamo seguire. Cosi noi nella Bibbia abbiamo principalmente loro come dio e i l
oro insegnamenti schifosi come modello da seguire, e dal altra parte i insegname
nti veri di Adamo universale che noi chiamiamo Gesù. Le guerre, il dolore, soffere
nza, malattie, paura peccato, sottomissione, adorazione, divisione sono dogme im
poste da loro attraverso la loro chiesa, per poter manipolarci e dominarci. La v
era terra santa fu cambiata come posto perche cosi si perdeva ogni traccia della
nostra vera radice, della nostra vera identità. Situandola dove e adesso non hann
o fatto altro che farci credere che noi siamo la loro creazione che deve vivere
solo per renderli grazie, adorazione e sottomissione. Noi siamo una razza di ess
eri di luce come loro e come altri tanti del universo, che viviamo per evolvere,
per arrivare a conoscere noi stessi, il nostro passato e il nostro futuro. Loro
sono come noi, non li dobbiamo niente e la paura di loro non deve esistere per
noi. Siamo più forti di loro e sonno coscienti di questa. Sanno che il loro tempo
e passato e che i nostri occhi finalmente si apriranno, e allora non potranno più
vivere ne con noi ne sul nostro pianeta. Il solo modo per sconfiggerli e amore.
Ma non quello di quale parla la Bibbia, ma quello di quale parla il Padre. Inuti
le munirci di armi distruttivi per quale si pagano miliardi per distruggere razz
e di extraterrestre che possono essere sconfitte con il più bell sentimento del un
iverso: AMORE.
123
Cap.26 Bibbia, il libro dei extraterrestri
La Bibbia e il libro che da qualche secolo fa da quando fu pubblicata per la pri
ma volta, non e altro che la testimonianza inconfutabile di esistenza di un dio
che per uni e la via verso la spiritualità e per altri l oggetto di studi e di con
troverse. Le tantissime discrepanze, omissioni, incomprensioni e ripetizioni che
non sono mai identiche ti portano ha pensare che la sua fonte, non e la parola
si dio, ma diverse scritture antiche che raccontano altre storie e hanno altri p
ersonaggi, riunite in un modo disordinato per darti l impressione di qualcosa di
straordinario. Le sue fonti sono cosi, come i autori della truffa affermano e c
ome abbiamo già visto, i libri e le scritture che hanno come protagonisti gli dèi. E
vero che gli dèi, riuniti in una solo potenza che la Bibbia chiama dio, sono i pr
otagonisti di questo libro, ma sempre li vengono descritti anche i saggi esseri
di luce che hanno lasciato al umanità degli insegnamenti veri per poter arrivare a
lla loro spiritualità perduta. La storia degli dèi trasformati poi in un solo essere
onnipotente e onnisciente e l opera dei capi della razza aliena che ci hanno im
prigionato nelle loro aberrante bugie per essere una preda molto più facile di con
trollare e sottomettere. Nessun essere di luce del universo non e capace di dire
che il Padre imporre l adorazione e umiltà nei suoi confronti da parte di loro. D
io e il nostro padre, non il nostro capo, il Padre universale invece, vuole che
voi esperimentate qual siasi possibilità per crescere, di evolvere per arrivare al
la vera spiritualità. Il Padre non potrà mai maledire, bestemmiare e castigare qualc
uno per i suoi sbagli o scelte sbagliate, perche nessun essere del universo non
e mai stato castigato da lui, perche non il Padre fa questo, ma proprio tu attir
i verso di te il male e il castigo con i tuoi pensieri maligni. Gli aberranti ep
isodi che vengono descritti nella scrittura come opera del Padre sono una vergog
na per la nostra razza, che offende senza rimpianti il creatore e la sua meravig
liosa opera; perche noi senza testa e intendimento abbiamo accettato l opera deg
li alieni che sono il nostro dio, come l opera de l Padre. Invece l opera del Pa
dre siamo noi, tutti gli esseri del universo. I miracoli e le meraviglie, le mad
onne e i santi (proclamati dalla chiesa) che ci sembra che operano per noi, non
sono altro che loro, gli alieni che ci govern ano e quale vivono nei corpi delle
persone che noi chiamiamo i nostri governanti. Non lasciatevi ingannare di tale
prodigi che non fanno altro che p erdervi. La potenza del Padre e degli esseri
di luce non sta nella paura, colpa peccato, adorazione e sottomissione, ma nel a
more infinito, luce, verità, giustizia e unità. Come potete pensare che c e qualcosa
di nascosto che il Padre non vi ha svelato? E tutto sotto i vostri occhi cechi
ed e per questo che non lo potete vedere. Co me potete pensare che il Padre può sc
egliere solo qualcuno tra di noi, come gli ebrei per esempio, e il resto deve es
sere castigato? Che cosa è il Padre per voi, un divisore, uno che non
124
ama e non conosce la giustizia? Come potete pensare e credere che Gesù fu ucciso d
al uomo? Gesù è il Adamo universale in quale il padre si materializzo, il Padre portò
lo spirito dal invisibile al visibile, dal energia alla materia, ed e per questa
che Gesù e Adamo universale che si materializzo, non per noi ma per intero univer
so materiale. Gesù o Adamo non fu morto per la colpa degli uomini, Gesù o Adamo che è
lo spirito immortale del Padre non mori, è la materia che non riuscì ha vivere a lun
go come viveva lo spirito universale che era dentro di lei. La morte del corpo n
on è la morte dello spirito perche una volta sprigionato, lui si può manifestare in
altre forme di vita, portando al immortalità anche la materia che impara ha essere
dominata dello spirito. Gesù o Adamo universale è la testimonianza che il Padre ci
ha dato la vita che non finisce per lo spirito, e per quelli che lo stano seguen
do. Le tenebre sono un'altra cosa, e aspettano tutti quelli che nella loro efeme
re vita hanno operato il male con le loro azioni e i loro pensieri. Loro non son
o stati condotti dallo spirito, ma dal anima, dalla materia, che li portò dal mond
o di luce in quello delle tenebre. Tornare nelle tenebre significa iniziare un a
ltro lungo ciclo di esperienze e reincarnazioni che non sono solo di esseri inte
lligenti, ma di qualunque forma di vita animale o vegetale in qual siasi pianeta
del universo. Il ritorno di Gesù o Adamo universale e solo una bufala architettat
a dagli alieni per avere in noi alleati inconsci, per la loro lotta di sopravviv
enza e dominio, e vi spiego che cosa significhi questo. Fra un può di anni, il n o
stro pianeta e noi, faremo un salto interdimensionale meraviglioso, passando dal
la superiorità della terza dimensione alla quinta. Il tempo non ci sarà più, o al meno
quello che noi oggi chiamiamo tempo, le nostre qualità spirituale si attiveranno,
e noi saremo capaci a vedere quello che ci circonda e che noi chiamiamo invisib
ile. In questo modo noi riusciremo ha vedere anche questi alieni che oggi sono c
on noi ma non possiamo vederli. La loro paura e grandissima perche perderanno tu
tto. Allora hanno pensa to ha imbrogliarci con questa venuta di Gesù, che in realtà
e solo la manifestazione della loro presenza che gli umani riusciranno a vedere
una volta che lo spirito dominerà il nostro corpo addormentato. Non tutti lo potra
nno fare. La maggior parte del umanità saranno con loro e non li vedranno, perche
tre terzi di noi uomini che viviamo oggi su questo pianeta siamo impreparati per
questo evento. Per questi tre terzi degli umani, i paradigmi promossi dagli ali
eni nella Bibbia e quelli del la scienza non gli lasceranno ha vedere la verità. C
he peccato! E quando pensi che tutto e sotto i nostri occhi! La religione cosi c
ome la intendiamo noi, oggi, non fa altro che allontanarci dalla vera spirituali
tà che abbiamo dentro di noi, non fa altro che imporre ad adorare quello che siamo
, non fa altro che allontanare la nostra volontà che e capace di fare tutto, sosti
tuendola con la volontà degli altri. La religione e il più male che si può fare per il
nostro spirito. Pensare che la guarigione di una persona e il risultato di un m
iracolo o del potere di un'altra persona e una stupidaggine. La guarigione succe
de
125
quando tu sei convinto che questa cosa può succedere. Le madonne che piangono, le
acque che guariscono, i posti santi dove si compiono meraviglie e miracoli sono
tutte manifestazioni degli alieni che cosi ci possono tenere incastrati nelle lo
ro mani. Quando una persona compie qualcosa di s peciale, di misterioso, di prod
igioso, non e un santo, e non deve essere adorato; lui e semplicemente una perso
na spirituale che e riuscita ha controllare e materializzare la potenza dello sp
irito che ognuno ha dentro di se. Quello che fanno queste persone lo posiamo far
e anche noi quando riusciremo a conoscere noi stessi. Gli indemoniati sono un'al
tra manifestazione degli alieni che ci conducono. Loro hanno il potere di vivere
dentro di noi e di controllare le nostre azioni e i nostri pensieri. Sono poche
le persone che riescono ha rendersene conto che dentro di loro e un altro esser
e che controlla quello che fanno. Se dicesi a una persona che e posseduto di un
alieno scatenerai solo risate, ma se i dicesi sei posseduto di un demone le cose
cambiano. Perche, non e la stessa cosa? Quando quella persona intuisce che qual
cosa non va dentro di se, quando dal punto di vista medico lui sta benne, ma dal
punto di vista fisico sta malissimo, quando i suoi accesi di male, il cambiamen
to della sua fisionomia e il parlare non e suo e sicuro che e posseduto. Le sue
azioni non sono il risultato della sua volontà e ne meno i sentimenti non sono i s
uoi, quando nessun medico non e capace di trovare dove sta il suo male, va dal p
rete, che attesta il fatto di essere indemoniato. Solo cosi voi credete quello c
he io vi sto dicendo. Le nascite miracolose sono un altro punto forte che fanno
di voi delle marionette nelle mani dei nostri oppressori. Se uno vi dice che una
donna e stata seminata artificialmente di un alieno, subito la mandate vaffa n
cullo, ma se vi dicesse che e rimasta incinta miracolosamente con lo spirito san
to voi credete. Quale e la verità di tutto ciò? La stessa. Esseri alieni ci utilizza
no come cavie. La falsificazione delle scritture antiche sono state fatte dai sa
cerdoti, schiavi ubbidienti dei alieni, che solo cosi potevano imporre al umanità
il culto di adorazione e sottomissione per i nostri padroni. Le guerre sanguinos
e che vengono descritte nella Bibbia sono le guerre eroiche che l umanità insieme
co n gli esseri di luce li fecero a questa razza di alieni per liberare la terra
del loro domino. Purtroppo non riuscirono, e loro se ne andarono, lasciandoci n
el loro potere del male. Il popolo ebreo rappresenta in verità il loro esercito ch
e marciò contro gli eroi del antichità di quale abbiamo come testimonianze solo miti
e leggende, ma nessuna prova fisica. Perche? Perche tutte le prove quale ci pot
evano portare alla verità dovevano essere cancellate. Non avete mai pensato perche
si scoprono sempre delle cose strane, impossibili da collocare nei paradigmi sc
ientifici e quale ci possono portare all a scoperta di un'altra verità, a quale no
n si accorda ne meno la minima attenzione, vengono scartate, riseppellite, distr
utte o vengono collocate in altri periodi rispetto a quella in quale furono trov
ati? Perche la verità che la nostra scienza ci da, e solo la
126
verità che vogliono loro, gli alieni a presentarci per non riuscire ad arrivare ma
i alle nostre origini, che significherebbe la loro fine. Quando i tempi arrivera
nno, noi le pecore nere, che non vogliamo il riconoscimento scientifico, ma la c
onsapevolezza della gente come noi, che possiamo avere ragione, che per la scope
rta della verità dobbiamo impennarci tutti ha cercarla ed ha accettarla, quando ci
chiederemo che cosa implica lo stato di indifferenza che abbiamo nei confronti
di salvare il nos tro futuro e il nostro pianeta, probabilmente noi le pecore ne
re saremo cercati, ma purtroppo sarà tropo tardi. Le forze del male non possono av
ere grande forza verso di noi se noi non lo permettiamo, ma il nostro credo che
ci e stato imposto da millenni e quale recita che siamo solo mortali buoni ha ni
ente, per loro e l asso nella manica con quale ci domineranno. In verità noi siamo
molto più forti di loro, e loro conoscono bene questo, ed e per questo che hanno
molto più paura di noi, sapendo che il loro tempo sta per finire e che il nostro r
isveglio e già incominciato. La Bibbia non e il libro che ci porta alla scoperta d
ella nostra spiritualità, ma il libro che ci porta al adorazione dei nostri usurpa
tori, gli alieni che noi chiamiamo satana, demoni e i loro angeli del male. Ques
to principe del umanità voleva farsi conoscere in tutta la terra, voleva essere ad
orato e riconosciuto di tutti noi, ed e per questo che le sue leggi, comandament
i e regole sono le più aberrante schifezze che una persona può decretare per i suoi
fratelli. La trasgressione viene sempre punita con castigo o maledizioni inimmag
inabili. Il perdono non esiste per nessuno, ne meno per quelli che vengono chiam
ati da lui il mio popolo . I sacrifici di ogni tipo, significano un spargimento
di sangue che non ha fine. Fiumi di sangue, sparsi sul altare del signore, di mi
gliaia di animali sgozzati e dissanguati sono un delizio per lui. La sua forza c
resceva sempre di più, proporzionalmente con il numero di animali da sacrificare.
Ricordiamo che la sua volontà, era di portare davanti al signore solo esemplari pe
rfetti e giovani di ogni tipo di animale da lui richiesto, e questo mi ricorda l
a stessa abitudine dei satanisti. Quando i sacrifici cessarono, dio passò ad un at
ro tipo di cibo: l emozioni negative, paura, colpa, dolore, ed e questa la rispo
sta per la domanda che ci facciamo tutti : perche cosi tanto male e dolore in qu
esto mondo? Svegliatevi fratelli miei, il tempo e già arrivato. Quello che dobbiam
o fare, e di non servire più questo sistema, di rifiutare questo giogo che sopport
iamo da millenni e di sprigionare tantissimo amore. Non ci serve la guerra ma l
amore infinito che ci renderà liberi.
127
Cap.27 Europa e veramente la culla della vita e della civiltà umana?
Quando scrivevo il capitolo della creazione ed ero arrivata al giardino di Eden,
qualcosa dentro di me mi diceva di fermarmi, di non affermare che questo posto
era in oriente. Per due giorni non ho scritto ne meno una riga, perche dovevo ca
pire quale era allora il posto di quale il mio spirito mi parlava. Ho riletto le
poche righe della Bibbia che facevano rif erimento al paradiso, ho riveduto il
libro di Enoch, l epopea di Gilgamesh, i libri di Zecharia Sitchin, David Icke,
Graham Hancoch, Alan Alford, Erich von Daniken, Robert Bouval, Michael Cremo e R
ichard Tompson, vangeli apocrifi, vangeli gnostici, apocrifi del antico testamen
to e altri tantissimi libri e scoperte fatte in merito dai pionieri della onesta
e professionalità, persone quale messe tutti insieme hanno scoperto ogni uno facc
e della stessa verità. L anima e spirito di ogni uno di loro li hanno portati ha s
cavare diverse fonti che alla fine tutte portano nella stessa direzione. Nessuno
tra di loro non può essere ignorato, perche nessuno tra di loro non lo ha fatto p
er farsi un nome, ma per trovare risposte valide alle domande a quale nessuno po
teva rispondere correttamente, e a quale noi tutti dobbiamo essere grati. Person
almente posso dire questo: vi ringrazio maestri della verità. Tra tutti i libri ch
e io ho studiato però, non ho trovato nessuno che parla di qualche civiltà europea.
Nessuno fa accenno di qualche grande popolo sviluppato in Europa e di qualche li
ngua particolare nata li. Tutto quello che iniziò ha fiorire in questo continente,
era il risultato della migrazione di altri popoli del orie nte o del medio orie
nte, ed io ero nel punto zero, da quale veramente inizio la mia camminata verso
un altra faccia della verità. Il solo popolo che migrò in Europa dal oriente, e quan
do dico oriente non parlo del medio oriente ma del oriente di Europa, e il popol
o dei Pelasgi, che venivano dalla Russia, precisamente dai Urali, per popolare l
e terre del Pontus Euxinos, che è il Mar Nero di oggi. La scienza invece ci dice c
he i pelasgi sono popolazioni autoctone che abitavano la penisola greca e le cos
te anatoliche limitrofe sul Mar Egeo prima delle invasioni ellenistiche del seco
ndo millennio e che il termine e stato utilizzato per riferirsi anche alle popol
azioni indigene preindoeuropee del Caucaso e del Asia minore. Secondo le teorie
moderne, le nazioni che si contendono la discendenza dei Pelasgi sono Albania, G
recia e Turchia. Ma, voi, scienziati moderni, avete fato bene i vostri compiti c
he per altro durano da 2000 anni? Sono quattro giorni da quando mi sono fermata
di scrivere, per riuscire ha capire chi erano questi popoli, da quale pare del m
ondo sia sviluppata tutta la civiltà umana e per che tutte le cose passate in Euro
pa sono state trasferite in Medio oriente. Poi mi
128
sono chiesta per che nel decorso di tutti questi anni nessuno non si e mai acco
rto di questo grande imbroglio mondiale. Le teorie moderne citano poi diversi te
sti dove compare il nome dei Pelasgi o dei popoli che formavano questa grande na
zione solo di sfuggita, ed e per questo che loro non riescono ha capire chi eran
o veramente. Vediamo invece cosa dicono le stessi fonti da loro citate, e anche
quelle di loro non citate. Apolonius di Rodi(Rhodio) dice in Argonautiche ll 5 e
675: Hiperboreei sono Pelasgi, abitanti del nord della Tracia. Pindar nelle Oly
mpice parla di Apollo quale dopo di che costruì le mura di Troia, torno nella patr
ia natale sul Istro, da hiperboreeni.(vlll.47) In tutte le tradizioni antiche l
Istro disegnava il Danubio. Stabron nella Geografia xl.62, dice: i primi che han
no descritto diversi parti del mondo antico dicono che i Hiperboreei abitavano s
opra il Ponto Euxino (Mar Nero) e al nord del Istro (Danubio) e del Adria. Macro
bio, parla delle regioni bagnate di Don e Danubio (Tanis et Ister) come delle te
rre dei Hiperboreei (Comm in Somnium Scipionis ll. 7 ) Plinius il Vecchio dice c
he il popolo Arimphaei abitava vicino alle montagne Oriphei o Riphei (Carpati),
in Tracia, teritorio dei Hiperboreei.(His.nat. vl.7) Ovidio, poeta romano esilia
to nella cita Tomis (Constanta), porto del Mar Nero, dice che fu costretto di pa
ssare la sua vita a sinistra del Ponto Euxinos, sotto Axis Boreus (Tristele, lv,
41-42), e poi parla di Cardines Mundi che e nel paese dei Geti.(Tristele,ll, 19
, 40, 45) Martial, parla con il soldato Marcellinos che doveva fare una spedizio
ne i n Dacia: tu vai adesso a prendere su le tue spalle, il cielo Hiperboreo e l
e stelle del polo getico, e sempre Martial chiama il triumfo di Domiziano sopra
i geti Hiperboreus Triumphus (Epigrame,vlll,78). Lo stesso autore nel Ep vlll 50
scrive: tre volte h a passato le corna perfide del Istro Sarmatico, e tre volte
ha bagnato il cavalo nella neve dei geti; sempre modesto, lui ha rifiutato il t
rionfo che si meritava, ma ha portato con se la gloria di aver vinto il mondo de
gli Hiprboreei. Virgilio, scriveva di Orpheo: solitario, caminava sui ghiacciai
Hiperborei e sule pianure mai senza ghiaccio dintorno alle montagne Oriphei o Ri
phei(Carpazi)(Georgie,lv,5,5-17) Clemente Alessandrino afferma che il grande sac
erdote dei daci o geti, Zamolxe , era Hiperboreo.(Stomata xl 213) Riassumendo tu
tto quello che abbiamo detto fino adesso, posiamo concludere che: y Apollo, era
il dio del sole e della luce, ed era di origine iperborei. y I iperborei, erano
i costruttori di Troia.(le scoperte archeologiche dal Troia vll, sono identiche
con la cultura Cucuteni(Moldavia)
129
y L abitato iperboreo, non era ridotto solo alla Dacia Carpato-Danubio-pontica,
ci si estendeva fino in Asia, dove le fonti antiche localizzano i Massageti.(Mol
davia) y Zamolxe, il grande dio nazionale degli daci, era Hiperboreo, e allora a
nche i abitanti del nord del Danubio erano Hiperboreei. y Hiperborei sono i Pela
sgi, abitanti del nord della Tracia. y Tanis e Ister (Don e Danubio) erano fiumi
Hiperboreei. y Arimphei erano i abitanti intorno alle montagne Riphei ( Carpazi
), in Tracia, ed erano Hiperboreei. Queste testimonianze degli autori antichi lo
calizzano geograficamente iperborei non dove è il parallelo di 69 gradi latitudine
nordica, ma su quella di 45 gradi latitudine nordica, territorio che in antichi
tà apparteneva alla Dacia, l odierna Romania , Moldavia e Russia. Per sostenere qu
esta affermazione vi darò altre prove. Abbiamo visto che Apollonio affermava che i
Pelasgi erano iperbor ei. Allora che significa iperboreo? Io non conosco l etim
ologia di questa parola, ma cercherò di trovare la risposta utilizzando i signific
ati delle due parole che la compongono. Iper ha il significato di grande, posto
senza fine, iper-grande. Borea o boreale significano freddo, vento del nord Bore
as, gelo, paese del emisfero boreale. Quindi iperborei sono persone che vengono
dal nord, dal freddo, dal grandissimo paese del freddo e neve che sono le region
i polare. I scienziati localizzano il pese dei Pelasgi proprio nella regione art
ica, solo che qui e un malinteso, nel senso che li non era il loro paese, ma il
posto da dove venivano. Nella lingua rumena antica la parola Pelag significa gra
nde distesa di acque, mare grande. Posiamo affermare ch e i Pelasgi o iperborei
sono un popolo che viene dal Mar Glaciale Artico, dal polo nord della terra, il
posto della terra dove a parte il gelo più grande di tutto il pianeta non esiste n
essun pezzo di terra. Allora da dove venivano precisamente? Venivano d al regno
millenario che si trova i n centro della terra, Agarthi. Da li loro sono scesi v
erso Lapponia, Russia passarono i territori dei Urali, fino al nord del Mar Nero
dove la neve e il freddo non durava tutto il anno. In Romania, nel anno 1913, N
icolae Densusianu pubblicò la sua monumentale opera Dacia Preistorica , un libro c
he cambiava tante cose e tante ideologie, non solo allora ma anche adesso: libro
che fu proibito poi dal regime comunista di Bucarest. Dopo la caduta del comuni
smo, qualche editori a pubblicò il libro, pero nella variante censurata. Nel anno
2002, l editoria Architip a quale noi tutti dobbiamo ringraziare, pubblicò l inter
o libro che comprende 1200 pagine, e quale e veramente un meritabile capolavoro.
E vero che l autore e stato in fluenzato del fatto che la nascita della civiltà e
ra collocata nel medio oriente, ma questo non cambia la sua argomentazione molto
documentata del antichità preistori ca della civiltà europea. Leggiamo che dice Den
susiano in questo libro: . come ci dice Pausanias, il primo uomo nato su la terr
a fu Pelasg, un uomo che si distingueva per la sua altezza, per la
130
sua bellezza e per il fatto che si distingueva da tutti i mortali per le grandi
facoltà del suo spirito; Pelasg, quando iniziò ha regnare, e stato il primo che inse
gno agli uomini di costruire le capanne, per proteggersi dal freddo, dalle piogg
e e dal caldo; lui insegnò agli uomini di fare vestiti di pelle di pecore: li proi
bì di mangiare foglie, e radici I Pelasgi furono i primi che radunarono in società l
e famiglie e le tribù che abitavano nelle grotte e nelle caverne delle montagne e
delle foreste; formarono i primi villaggi e dettero agli uomini le primi leggi,
imponendo il loro mite regime di vita Per il popolo degli greci, i Pelasgi erano
i più vecchi uomini della terra. La loro razza era cosi arcaica, cosi superiore i
n concetti, forte in volontà e in fatti, cosi nobile nelle loro abitudini, che le
tradizioni e i poemi grechi, attribuivano ai Pelasgi l epiteto di Dioi- divini,
che lo meritavano per i loro doni fisici, spirituali e morali. Il popolo dei Pel
asgi venivano veramente dai territori polari del nord, e il primo pezzo di terra
su quale hanno messo il piede fu Lapponia, perche loro venivano dal centro dell
a terra, dal regno che noi chiamiamo Agharti o Shamballa. Loro erano i grandi sa
ggi che salgono sempre nelle superficie della terra per aiutare il nuovo ramosce
llo umano che risale dal grande ceppo universale di trovare la strada verso la s
ua spiritualità, e verso le sue radici. Loro sono la razza buona di quale parlavo
prima, e quale insegnavano ai umani non la tecnologia e la guerra, ma la vita se
mplice, spirituale, in stretto contatto con l universo e che la nostra scienza c
hiama oggi la vita primitiva. Tutti questi umani che lor o riunirono in torno ha
loro, erano diventati il solo tribù del umanità che parlavano la stessa lingua, ave
vano la stessa scrittura le stesse abitudini e le stesse leggi. Questi leggi giu
ste erano le leggi del universo, e furono lasciate agli uomini di Pelasg, il ver
o maestro di saggezza per umanità. Pelasg radunò tutte le tribù del umanità, che trovo n
elle regioni gelide degli Urali, e il loro numero iniziò ha crescere sempre di più.
I Pelasgi portarono l umanità sempre verso i territori del centro Europa dove la c
lima era mite rispetto al freddo gelido degli Urali, e i nostri saggi si spostav
ano con loro per aiutarli ha progredire. Il primo territorio che i Pelasgi popol
arono insieme con l umanità furono le vali dintorno ai Carpazi, perche li intorno
all e montagne, vivevano nelle grotte e caverne le tribù umane, perche queste li o
ffrivano la protezione dal freddo del inverno, dal caldo del estate, potevano pr
oteggersi dalle animali e delle inondazioni che succedevano ogni primavera quand
o la neve e i ghi acci si scioglievano. Nei decorsi di millenni la popolazione c
he iniziò a vivere nelle capanne crebbe sempre e iniziò ha spostarsi verso i territo
ri dove le loro mandrie potevano pascolare. In questo modo loro si spostarono ve
rso il nord del Mar Nero e verso il centro dei Carpazi che li offrivano un luogo
ricco di vegetazione, e di acqua, ed erano un vero paravento verso il grande ve
nto gelato del nor d. In questo posto i Pelasgi o iperborei insieme con gli uomi
ni che erano diventati un grande tribù si divi sero. La Bibbia ci dice che in temp
o di Peleg, l umanità si divise. Non vi pare una strana somiglianza tra i
131
nomi di queste persone? Pelasg, insegno ai uomini tutto quello di quale avevano
bisogno per una vita sana. Lui e i suoi saggi tornarono di nuovo nel loro paese
leggendario, e lasciarono il grande tribù umano che prese il nome di iperborei o p
elasgi di vivere da soli. Con il tempo il grande tribù del umanità iniziò a crescere s
empre di più e con il passare degli anni prese il nome di traci. Iperborei lasciar
ono ai umani un grande saggio che loro istruirono per condurre l umanità avanti, e
questo fu Zamolxe, che era sacerdote, re, e dio degli iperborei. Cercherò di sost
enere quello che ho detto fino adesso con testimonianze scritte, rimaste dagli a
ntichi. I territori degli Traci che prima si chiamavano Pelasgi dopo il loro cap
o cosi come abbiamo detto prima, che parlavano la stessa lingua, e avevano gli s
tessi abitudini era diventato molto grande. Il grande tribù degli uomini, si este
se nel decorso dei secoli molto su la terra e coprirono tutto il territorio del
Europa, Asia e Africa. Il mondo antico parlano dei Pelasgi che si trovavano sul
tutto il territorio di questi continenti al inizio: poi i diversi tribù per poter
essere individuati, presero no mi diversi, dal territorio dove questi dimoravano
. La Bibbia, il libro del grande inganno universale, quando parla di un solo pop
olo che parlava una sola lingua, si riferisce ai Traci, che erano un grande popo
lo che partendo delle poche tribù che i pelasgi radunarono diventarono una grande
nazione, e la loro patria era nella terra degli geti, intorno ai Carpazi. Il lor
o grande centro culturale e spirituale era il territorio delle montagne Oriphei
o Riphei (Carpazi). C e una grande confusione nel fatto che oggi tutti sono d ac
cordo che i Pelasgi o traci occupavano il territorio del sud del Danubio (Istro)
, perche nella parte del nord del fiume non era nulla. Queste conclusioni non fo
ndate vengono dal fatto che i greci, affermavano che nel nord del Ist ro non era
nulla. Le leggende antiche, localisano Hiperboreea in un posto dove soffia il v
ento del nord. Lo storico Arthur Weigall, quando si riferisce alla spedizione di
Alessandro il Macedone sul Danubio (Istro), dice: Era una temerarie avventura,
che poteva mettere fine alla sua carriera dal inizio. La grande spedizione era i
l suo più grande desiderio di attraversare il grande fiume, che era per lui e per
tutti i popoli che abbittavano sulla sponde del sud, una grande barriera tra il
mondo conosciuto dai greci e il mondo del nord del grande fiume assolutamente sc
onosciuto loro. Herodot (485-425ac) scrive al nord della Tracia, che tipo di uom
ini vivono, non si sa; ma pare che dal altra parte del Istro c e solo terra non
abbittata e infinita. Questa visione del mondo antico dei greci di non sapere di
che cosa c e sulle sponde del nord del Istro sta nel fatto che il grande e vecc
hio fiume era un grosso ostacolo per quelli che vivevano al sud delle sue sponde
. Euripide, scrittore greco nella sua opera A rchelaos, dice che i dannai sono i
Pelasgi, precisando che il mitico re Danaos di Elada ha dato una legge per il s
uo popolo che specificava: dannai si devono chiamare quelli che prima si chiamav
ano pelasgi.
132
Hecateu (550 471) dice che una popolazione che non era greca abbittavano prima i
l Peloponeso e l intera penisola greca. Tesalia il territorio tra l Olimpo, Ossa
, Pelion e Pind aveva prima il nome di Pelasgia. Hesiod chiama Dodona il posto d
i culto dei Pelasgi Herodoto (485 -425ac), nelle sue opere ci dice che Atica era
stata prima abitata dai pelasgi e che Atena fu costruita dai Pelasgi al inizio.
De la loro lingua ci dice quale lingua utilisano Pelasgi con certezza non posso
dire, ma se dobbiamo seguire i pelasgi che esistono oggi nella cita di Crestoni
a sopra tursseni e quale una volta abbitavano nella regione che oggi chiamiamo T
hessaliotis, se abbiamo in vista la lingua Pelasga di quelli che hanno costruito
le cita Placia e Scylace di Hellespont e quale una vola abitavano con gli ateni
esi, allora possiamo dire che avevano una lingua barbara I pelasgi erano un popo
lo di stirpe barbara. Nel Istoria v Herodoto dice: la regione Crestonia era abit
ata dai traci che avevano le stesse abitudini con i geti del nord di Istro Allor
a il caro Herodoto sapeva che i pelasgi, traci e geti erano la stessa nazione ch
e abitava nei territori diversi, e lui li chiamava con il nome della regionein q
uale vivevano per sapere di quale popolo parla . Pausanias in Viaggio in Grecia
parla dei arcadieni che sostenevano c he il loro paese era stata fondata di Pela
sg e che prima si chiamava Pelasgia. Il figlio di Pelasg, Licaon ha messo le bas
e della cita Licosura, ha fondato i giochi Licaiene e ha chiamato Zeus, Licaios.
Secondo lui, l oracolo di Delfi iniziò con Pegasos e Agiieus, i figli di H iperbo
re ei. Iperborea era il territorio del nord di Istro, con gelo forte, perche i g
reci non avevano pantaloni ne nel inverno, ne nel estate e non sopportavano bene
il freddo e gelo. Nel 168ac, Macedonia fu conquistata dai romani e divisa in qu
attro provincie: Amphipolis, Pella , Pelagonia e Tesalonic. Lo storico romano St
rabon (64ac-23dc), nel suo libro Geografia menziona che i pelasgi insieme con le
legi e altre tribù disperse in tutta Elada erano le più vecchie nazioni, che abbitav
ano le sorgenti di Peneu,, Ossei e Peliono, le cita di pianura Larrisa, Cranon,
Scotussa, Mopxion, Atrax e le regioni intorno ai laghi Nessonis e Boibes. Argos
era chiamato Pelasgo e Zeus di Dodona era Pelasgo. Sempre lui ci dice che i pela
sgi hanno com battuto vicino ai traci contro i cadmei, popolo di origine fenicio
e che i misteri di Eleusis erano fondate di Eupolmos, capo di tribù traco e che t
utta Atica era conquistata da lui. Sempre Strabon ci dice che la popolazione di
Epir era pelasga e che l iso la di Lemnos si chiamava prima Pelagonia come per a
ltro tutto il Pellopones. Anche Boesia si chiamava prima Pelasgia. In Atica, il
loro ricordo sia mantenuto anche nei tempi dei romani per che una parte del muro
di difesa della cita Atena si chiama Pelasgi con. In questo territorio nasce ve
rso la metta del secolo v ac, lo stato di Macedonia come una monarchia. Macedoni
parlavano una lingua diversa dai greci ed e per questo che i greci dicevano che
i macedoni erano un popolo barbaro. Filippo, re di Macedonia (359-336 ac), ha o
rganizzato lo stato e armata, diventando in questo
133
modo una grande forza militare, e questa non era ben vista dai greci. Filippo ha
chiesto ai greci di partecipare alle olimpiade del anno 340 ma i greci rifiutar
ono la sua presenza per il motivo che lui era barbaro (straniero), e i gioghi so
no degli greci. Dopo due anni Filippo conquista i greci e tutte le cita stato si
sottomettono ai macedoni. Alessandro Macedone, figlio di Filippo crea un grande
impero spingendo i confini del suo paese fino in India. La capitale del suo reg
no si chiamava Pela. Più tardi, nello stesso territorio, su le montagne greche la
storia menziona macedoni o aromeni. Nella regione montagnosa dei macedoni c e un
a pianura che si chiama Pelagonia, e nel NV c e una regione che si chiama Polag.
Allora la nazione dei pelasgi non e stata mai scomparsa al sud del Istro cosi c
ome non e scomparsa al nord del Istro anche se ogni uno lo ha chiamato come i pa
reva. La lingua dei due popoli era una lingua comune per tutti due e proveniva d
a una lingua barbara che significa vecchia. Nel millennio v-l ac, la popolazione
del sud del Istro parlava una lingua vicina ha quella del nord perche i Traci d
el nord con quelli del sud erano nazioni imparentate molto di più di come sono ogg
i i macedoni del sud del Danubio con il popolo di arumeni che vive al nord del D
anubio, nel territorio di Dobrogea. Herodoto (485- 425) Prima di arrivare al Ist
ro, il primo popolo che fu conquistato di Dario (514ac) furono i geti, quale cre
dono che sono immortali, perche i traci che abitano Salmindesso e quale abitano
molto in su delle cetta Apollonia e Mesembria e quale si chiamano scymiazi e nip
sei, si sotto mesero ha Dario senza lottare, ma i geti portarono una lotta sangu
inosa, e furono vinti, ma loro, i geti sono i più onesti e i più coretti di tutti i
traci. Storie lv,1. Il popolo dei traci, dopo quello dei inizi, e il più grande di
tutti i popoli. Se sarebbero governati di un solo re o se sarebbero uniti , sar
ebbero impossibile di conquistare, e sarebbero i più forti del mondo. Questa unità e
difficile di realizzare, e non succederà mai, ed e per quello che sono deboli. Lo
ro portano i nomi dopo le regioni dove vivono. Tutti hanno le stesse abitudini e
le stesse istituzioni, eccezione fanno i geti e trausi e quelli che abitano dop
o Crestonia. Più a nord di questa regione nessuno può dire chi la abita. Mi pare che
al nord di Istro e un deserto infinito. Sono riuscito ha sentire che al nord di
Istro abitano un popolo che si chiamano sigynni che si vestono come mezi. I lor
o cavali hanno pelo lungo di cinque ditta e sonno piccoli, e pochi di loro posso
no portare un uomo su le spalle, davanti ai cari pero sono molto veloci e abili,
ed e per questo che questo popolo camminano in cari. Il loro paese si estende f
ino a Adria, e dicono che sono eredi dei mezi. Traci raccontano che nei territor
i del nord di Istro sono tanti api e per questo gli uomini non possono andare av
anti. Questa cosa a me sembra improbabile, perche queste insetti non sopportano
il freddo, io credo che per il freddo queste regioni non sonno abitate. storie v
.Herodoto. I esempi sono tanti e tutti portano nella stessa direzione. Tutti i p
opoli antichi testimoniano che i pelasgi, erano il popolo più antico del mondo, ch
e hanno
134
popolato tutte le regioni del continente europeo prima di loro, e che le loro ci
vilizzazioni si formarono dopo di che i pelasgi hanno messo le base di ogni popo
lo. La lingua parlata dei pelasgi era una lingua barbara, che significa una ling
ua molto vecchia. Tutti i popoli del mondo hanno le radici della loro lingua nel
la lingua dei pelasgi. Ma c e del altro, e so che e difficile digerire quello ch
e ho affermato. I pelasgi hanno colonizzato tutto il continente senza nessun com
battimento, la loro civiltà non si e estesa per conquistare ma per civilizzare tut
to il territorio. Loro non hanno mai imparato a nessuno la tecnica della guerra,
ma come costruire le case, come vestirsi, crescere dei animali, piantare e racc
ogliere i frutti della terra, come parlare e scrivere e come conoscere i segni d
el universo. La loro lingua era una lingua barbara, come la chiamano i greci per
che era tropo vecchia. Questo popolo misterioso si chiamava iperboreo, perche i
loro civilisatori venivano dalle regioni più gelide della terra, e il loro paese
paradisiaco su la terra fu stabilito nei Carpazi, nella terra dei geti. Da li il
grande popolo della stirpe umana che si chiamarono poi Traci, partono ha popola
re il mondo. Da li sono partiti i ahei per costruire Troia, da li e partito Achi
le, dalla sua isola Peuce, di una bellezza incommensurabile situata dove il Danu
bio incontrava il golfo che più tardi diventerà il Mar Nero, e quale isola esiste an
che oggi, li era il grande tempio di Apollo su l isola di Letea, che si vede anc
he oggi, era li terra delle amazzone, le guerriere del antichità, era li la terra
dove esisteva il solo popolo della terra che in antichità aveva una religione mono
teista, che non aveva tempi, ne statue, ne idoli del loro dio, perche il loro di
o ha mandato un uomo, Zamolxe, che e ra il suo seguace per imparare l umanità la v
ia per la spiritualità, era li la terra del solo popolo del mondo che si credevano
immortali, e quando morivano ridevano come pazzi parche sapevano che la loro vi
ta iniziava nel momento della loro morte, era li il popolo che dai tempi più antic
hi e stato il popolo più ignorato e contro versato, ed e li il popolo a chi i fu r
ubato il passato dai suoi fratelli. Quindi, è l Europa il posto dove e comparso l
uomo, ed è da li che parti in tutte le parti della terra, significa che Adamo non
ha niente che fare con noi umani cosi come vi dicevo prima. L uomo era già qui, e
viveva come gli animali nelle caverne per la paura di quello che successe su la
terra. I grandi cataclismi che distrussero la vita che era prima marchiò la succes
siva generazione degli uomini con la paura per il ricordo che questi avevano. Ge
sù che tutti gli uomini adorano e un saggio che torna sempre su la terra per impar
are gli uomini il camino verso la spiritualità, e questo e Pelasg, Apollo, Zamolxe
e i suoi fratelli universali. E inutile ha pensare che in un paese come la Roma
nia, Moldavia, Albania, Ungheria, Ucraina, Bulgaria o Turchia troverete delle im
ponente civiltà, con grandissime cita e muraglia, e con grandi tempi per adorazion
e degli dèi. No, queste cose li troverete in tutte le parti del mondo, ma non li,
perche il territorio di questi paesi e il territorio dove si trova il centro del
la spiritualità umana. In tutta questa zona troverete la più
135
vecchia scrittura del mondo, in Tartaria loca lità rumena, furono trovate in 1961
delle tavolette con una scrittura sconosciuta, più vecchia di 1000 anni di quella
sumera studiata di un italiano, Marco Merlini. Tavolette con la stessa scrittura
della Tartaria sono state trovate anche in S-E della Bulgaria. Sempre in Romani
a ,e stata trovata la più vecchia ed estesa civiltà che abitava nelle capanne, la più
vecchia attività di estrazione degli metalli nelle miniere, il più vecchio martello
per le miniere e stato trovato sempre li con una datazione di 18000 anni, la più v
ecchia attività del estrazione di rame, e la più vecchia attività di lavorazione del o
ro. Sempre li si trova una statuetta di argilla lavorata in una maniera sorprend
ente vecchia di 8000 anni, ceramica della Cucuteni vecchia di 5000 anni sorprend
e per la raffinatezza di lavorazione, e sotto i vestigi della cita di Sarmiseget
uza si trova una cita di forma circolare che si estende su una superficie di 137
km. Su la riva sinistra del fiume Olt vicino a Fagarasi si trovano delle pirami
de sepo lte per quale le autorità non hanno dato permesso di essere portate alla l
uce, nelle gallerie delle miniere della Rosia Montana furono trovate delle tavol
ette che parlano di irilo - dalmatini che lavoravano con i geti nelle miniere pe
r l estrazione del oro e che parlavano tutti la lingua vecchie degli geti. Mi ch
iedo quando l hanno imparata? Poi c e un'altra cosa impressionante. Nella cita d
i Sinaia, vicino a Brasov, furono trovate delle tavolette di piombo datate qualc
una molto prima del periodo romano e quale parlano dei re e della vita degli get
i e del loro culto per Zamolxe. Io sono rumena, e sicuramente agli occhi di tutt
i posso passare come una persona che fa propaganda per il suo paese, ma vi sbagl
iate di grosso se pensate cosi. La verità del nostro passato non appartiene ne ai
daci ne ai romani, ne ai russi ne ai americani, ne ai cinesi ne ai indiani, ne a
i egiziani ne ai palestinesi, ne ai libanesi ne ai iraniani, la verità appartiene
a tutti noi, e noi non dobbiamo conoscerla, noi abbiamo il diritto di conoscerla
come abitanti legittimi di questo pianeta. Io non mi sbaglio in quello che sto
affermando, e nello stesso tempo non obbligo nessuno di credere, pero quello che
dico io e molto di più veritiero paragonando tutto con i paradigmi con quale ci h
anno abituato le autorità. Potrei anche continuare pero spero che anche con cosi p
oco posso attirare l attenzione e la curiosità del mondo intero, di cercare di tir
are fuori la verità cosi benne nascosta da millenni. I misteriosi pelasgi non sono
i nostri antenati, loro sono il popolo millenario che indirizzano i passi della
nuova umanità verso la vita sana e semplice, e verso la conoscenza spirituale del
universo. Loro, adesso, non possono intercedere nella nostra vita, loro possono
solo darci dei indizi da seguire per la nostra evoluzione. La scelta e nostra.
I soli che possono intercedere nella nostra vita sono gli alieni che governano i
l nostro mondo e nello stesso tempo tutti noi, con le loro meraviglie e miracoli
, con il culto di adorazione e con il male e col il veleno che lo sputano ogni g
iorno verso di noi, per fare dal umanità i loro schiavi. Con imbrogli ci hanno ten
uti
136
stretti, ma il loro domino e quasi arrivato alla fine, e noi riusciremo ha sconf
iggerli se ci svegliamo presto.
137
Cap.28 Gesù e nato nei Carpazi
Cercherò in questo capitolo di spiegare e analizzare tutte le testimonianze che ri
guardano Zamolxe, perche la sua somiglianza e i suoi insegnamenti sono identiche
con quelli di Gesù. Vedete questo popolo dei daci non hanno mai avuto un panteon
degli dèi. Zeuta Gebeleizis, Apollo, Zamolxe erano la stessa persona che prendeva
un altro nome, ma li suo ministero su la terra era sempre lo stesso. I geti o da
ci erano un popolo monoteista, anche se la parola non rispecchia la verità: nel se
nso che loro non hanno mai adorato la divinità e non hanno mai costruito temp li e
idoli. La divinità era per loro un maestro quale li spiegava su le cime delle mon
tagne i l legame del uomo con universo. Le montagne e le foreste della Romania s
ono misteriose, e su diversi massici le colone di luce, di vapore e di energia s
ono dei fenomeni che erano conosciuti dai vecchi tempi. Vorrei analizzare la fig
ura di Gesù, che cosi come sappiamo tutti si distingue va tantissimo dai tutti i g
iudei. Era di altezza media, e di una bellezza senza uguale. I capelli erano lun
ghi e castani e aveva occhi azzurri. La barba era dello stesso colore con i cape
lli e la sua faccia esprimeva tantissimo amore e bontà. Era un contrasto molto for
te con gli ebrei che avevano lunghe barbe nere e la pelle abbronzata. I falsari
della bibbia lo descrivono come lui va ha predicare il regno del cielo e la noti
zia della risurrezione dei morti. Ma quando mai? Gesù e il nome che loro hanno dat
o a Zamolxe dacico per non poter essere riconosciuto e localizzato, che insegnav
a agli uomini che erano immortali e che lo spirito che e energia del Padre, e de
ntro di loro ed e per questo che l uomo e immortale. Invece per i falsari della
bibbia Gesù predicava agli uomini che erano carne, sangue, mortali e buoni ha nien
te, quale potevano avere l immortalità per la grazia di dio. Belle cagate. Sveglia
tevi noi siamo l universo, noi siamo dio noi siamo uno solo e nello stesso tempo
tanti e siamo fratelli con tutte le creature del universo. Zamolxe era il grand
e sacerdote degli daci che scompare nelle visc ere della terra per tornare a div
entare un dio, un sacerdote e un re. In altre parole l uomo che con la sua morte
diventa dio e re o sacerdote e re, non e un povero mortale, lui e l essenza del
Padre del universo e la sua forza e nascosta nel corpo mortale, ma l uomo e imm
ortale. Il messaggio e quello di capire da solo chi sei e quale è la tua essenza.
Ancora una volta il vero insegnamento di Zamolxe e stato f alsificato nella bibb
ia dei extraterrestri per imprimerci nella mente il fatto che noi non siamo nien
te, l umanità non valle niente perche mortale. Torniamo un può al libro del imbrogli
o, la bibbia per riassumere la storia dei vecchi patriarchi e della creazione. A
damo e l uomo da quale e nata tutta l umanità, ma questa visione che noi abbiamo d
ella nascita del umanità, e solo un simbolo che rappresenta la radice della vita.
Dico questo perche Adamo si può ridurre benissimo
138
al ADN (rumeno) o DNA (italiano), che e la vera radice della vita, e non e tutto
. Siamo statti abituati a credere che il corpo umano contiene tre quarti d acqua
e poi altri diversi elementi chimici. E, be, non e cosi. Noi tutti i abitanti d
alla terra abbiamo la base della nostra materia il carbone e non l acqua. La vec
chiaia di qualsiasi reperto antico viene sottoposta al confronto con C12, perche
il carbone e l elemento che si può unire con tutto, e può creare una moltitudine di
forme di vita. L atomo di carbone e composto da: 6 elettroni, 6 protoni e 6 neu
troni, e allora il numero di uomo attribuito alla bestia e in verità 666, ed e il
numero della vita, e non della morte. La precisazione che e un numero di uomo ha
anche un'altra spiegazione. OM (rumeno), uomo (italiano) e il simbolo della div
inità su la terra. OM e il dio su la terra, noi non siamo nessuno, noi siamo la ma
nifestazione del Padre sul pianeta TERRA, e la verità ancora una volta ci fu nasco
sta con astuzia. Il numero 666, cosi tanto contro versato significa la rinascita
del umanità. Alla stessa cifra si arriva se facciamo il totale di tutti i numeri
partendo dal uno fino al numero sacro 36, 1+2+3+4+5 36= 666. Studiamo un può le or
igini del ministero di Gesù in confronto con quelle di Zamolxe: 1- Gesù era il figli
o del uomo e sicuramente questa espressione non si riferisce a Maria e Giuseppe,
ma al fatto di essere anche lui un essere universale, molto più saggio di noi, ch
e viene dalla stessa radice con uomo, precisamente la radice umanoide che è nel un
iverso. -Zamolxe era anche lui un uomo, che si distingueva dai altri per la sua
saggezza e bontà. 2- -Gesu viveva con i suoi genitori su una montagna dove era la
chiesa da dove i abitanti del viaggio volevano buttarlo giù nel precipizio, andava
spesso ha meditare su una montagna, e la sua morte avviene su una montagna. -Za
molxe viveva in una montagna, in una grotta meditava e il suo contato con la spi
ritualità avveniva su la montagna, la sua sparizione per 3 anni nella grotta che s
imboleggia la morte, avvenne sempre su la montagna, e la sua rinascita e su la m
ontagna. 3- -Gesù pregava sempre il suo Padre, ma non lo ha mai adorato , e insegn
iava che uomo tornerà in vita e sarà immortale. -Zamolxe pregava il Padre e non lo a
dorava, lui insegnava solo che l uomo e immortale. 4- -Gesù muore e ritorna dopo t
re giorni come spirito materializzato nella carne, diventando divino come il Pad
re. -Zamolxe, va nella grotta dove sta tre anni. Il quarto anno torna in superfi
cie il popolo non lo chiama più uomo o sacerdote, ma dio. Il sacerdote uomo divent
a il re dio.
139
5- Gesù quando predicava al umanità, era il sacerdote che parlava della via verso l
immortalità, invece al suo ritorno era re immortale, era dio uomo. -Zamolse insegn
ava ai geti che erano immortali, che la morte e solo un passaggio da la vita mor
tale al immortalità, e che l uomo era un dio. Zamolxe,era un uomo reale che mori c
ome qualsiasi uomo mortale, per ritornare dopo su la terra come essere spiritual
e, materializzato in un corpo e quale divento poi per il suo popolo un dio. Lui
e la persona vera, esistita su la terra, di quale sono tante testimonianze scrit
te, in confronto con Gesù giudeo. Zamolxe ha fatto dal suo popolo dei veri eroi, c
he non avevano paura della morte e del dolore, e del suo popolo grande e vittori
oso parlano tutte le scritture antiche. Sono questi i personaggi reali dopo qual
e la chiesa ha scritto il suo squall ido libro. Sentite un altro argomento: Gesù e
Messia, i due nomi attribuiti al personaggio del nuovo testamento fanno pensare
molto, cosi come anche l affermazione che lui e il figlio di Davide, perche que
sti nomi non sono a fatto giudee. Nel territorio della Dacia, le cita si chiamav
ano DAVA o DAVE, che significa luogo, posto, patria, origine. Erano tantissime,
sparpagliate su tutto il territorio, come per esempio: Sucidava, Moldava, Burida
va, Sangidava , Argedava. Probabilmente vi chiedete che cosa centra tutto ciò con
Gesù. Centra e anche tanto. In ansi tutto, che non esiste nessuna testimonianza de
l esistenza di un re Davide, ( a parte la bibbia), che ha regnato in Giudea; e d
etto questo non può esistere un Gesù figlio di Davide: ma può esistere DAVA, la patria
di Gesù. Se sostituiamo Ges con Get abbiamo Getdava, la patria degli geti. Gesù nel
la lingua rumena viene chiamato Isus, e se analizziamo il significato di queste
due parole i e sus otteniamo este sus che significa e sopra . Allora Gesù figlio d
i Davide, non e altro che il figlio della patria dei geti che e sopra, o pure fi
glio di Davia ciò e il figlio di Dacia, e nel mio aiuto, viene il secondo nome di
Gesù che e Messia. Ai tempi di quale stiamo parlando, una parte del territorio del
la Moesia era parte della Dacia, e allora Moesia si può leggere Messia, come anche
il nome fasullo di Mosè. E Cristo? In rumeno questo nome si pronuncia Cristos o H
ristos e non posiamo non far notare la sua uguaglianza con il Danubio. Isto con
Istro e Istos con Istros . Adesso vi faro leggere una parte delle testimonianze
sc ritte riguardo a Zamolxe sacerdote. Cosi come ho sentito io dai eleni che abi
tano sulle rive di Helesponto e su quelle del Ponto Euxin, Zamolxis di quale lor
o parlano e un mortale- e stato il schiavo di Samos, precisamente di Pitagora, c
he era il f iglio di Minesarchos. Dopo di che diventò libero, si arricchì molto e to
rnò nella sua patria, perche i traci erano molto poveri e questo Zamolxis - conosc
ente del modo di vita ionio, e di abitudini tranquille di quelle tracie, perche
ha avuto legami con i greci e con Pitagora, un grande pensatore di questi,- ha c
ostruito una casa per radunare tutti i uomini, dove,
140
si dice, lui li riceveva e li metteva ha banchettare, tutti i capi dei paesi, di
cendoli che ne loro ne i loro discendenti non moriranno, ma andr anno in un post
o dove avranno parte di tutte le bontà. Nel tempo quando si facevano i banchetti e
quando lui diceva queste cose, iniziò ha costruire una abitazione sotto terra. Qu
ando fu pronta, lui scese nella sua casa, e visse li per tre anni. Traci volevan
o tanto di riaverlo e lo piansero e fecero lutto per lui. Nel quarto anno lui li
apparse, e cosi Zamolxe fecce i suoi insegnamenti degni di credere. Cosi si rac
conta delle sue imprese. In quanto Zamolxe e la sua casa di sotto terra, ne meno
io non posso respingere quelle dette, ma non li credo tanto; mi sembra però che l
ui ha vissuto molti anni prima di Pitagora. Sarà Zamolxe uomo o pure una divinità de
i localini, dobbiamo accontentarci con quello che abbiamo detto. Questi geti era
no cosi. Herodoto, Storie, lv , 95 -96. Il racconto di Herodoto assomiglia assai
tanto ai banchetti che Gesù faceva con i farisei e con esattori di tasse, non vi
pare? Raccontano uni che Zamolxe e stato lo schiavo di Pitagora, figlio di Mnesa
rchos da Samos. Liberato da li lui fece altre cose. Pero, mi sembra che Zamolxis
a vissuto molto prima di Pitagora. In immortalità credono anche terizi e crobizi.
Loro dicono che i morti partono da Zamolxe e che torneranno. Da sempre loro han
no creduto che tutto queste cose sono vere. Portano doni e banchettano come il m
orto ritorna. Hellanicos, Abitudini barbare. in lessico di Photios, Zamolxe.. Mn
aseas (dice) che i geti adoravano Cronos, chiamandolo Zamolxe. (Mnaseas, frammen
to,23.) veramente si dice che da arianni, Zathrausthes fecce credere che una buo
na divinità i dette le leggi da lui fatte. Dai geti, quale si credono immortali, Z
amolxe sostiene anche lui che entrò in contato con la dèa Hestia, e dai giudei, Mosè,
con la divinità che lui chiama Yhwe (Dioda di Sinai, Biblioteca storica, 1, 94, 2.
) Zamolxis era un uomo buono e filosofo, perche era stato il discepolo di Pitago
ra; e se in quei tempi il romano sarebbe stato cosi come oggi, per la sua volontà
diventava il suo amico. Pero, se si considera che si deve lottare e soffrire per
la libertà, ottiene la fama di filosofo, cioè di uomo libero. Apollonios di Tyana.
Pitagora aveva un altro adolescente, che veniva dalla Tracia, che si chiamava Za
molxe, perche alla nascita fu coperto con una pelle di orso. Traci chiamano quel
la pelle zalmos che significa amato. Pitagora lo ha insegnato di capire i fenome
ni celesti, e le cerimonie per gli dèi. Qualcuno dice che era chiamato Tales, ma i
barbari lo adorano come Heracles Qualcuno dice che Zamoxis significa uomo stran
iero Porphyries, iatc lui Pitagora, 14,15 . Io (troiano) . solo, ho avuto il cor
aggio di andare contro la nazione che abita dopo l istmo, e ho distrutto la nazi
one degli geti, quale erano più guerrieri di qualsiasi uomo che ha vissuto allora.
Questa non per la forza del loro corpo, ma per il fatto che il loro Zamolxe li
convinse di essere cosi. Credendo che non muoiono, ma che
141
solo cambiano la loro casa, loro partono ha lottare come vano altri ha intrapren
dere un viaggio. Miamis apostato, re,22. nel loro secondo luogo, cioè Dacia, Traci
a e Moesia, goti hanno avuto re Zamolxe, di quale molti scrittori di anale ci di
cono che era un filosofo di una grande saggezza. Prima hanno avuto il saggio Zeu
ta, dopo fu Deceneo e il terzo fu Zamolxe di quale abbiamo parlato prima. Allora
, ai goti non li mancarono gli uomini qualle li impararono filosofia. Iordanes,
Getica, 39. E interessante come Herodoto presenta geti. Secondo lui questi erano
un popolo povero e senza cultura cosi come lo era anche Zamolxe, il loro saggio
che per la su a illuminazione e stato istruito da Pitagora. Ma sempre lui ,Hero
doto dubita che questi due erano contemporanei. Una cosa invece ci dice chiaro G
eti erano monoteisti, e il loro dio non aveva delle statue. Vediamo perche dico
che Herodoto era un bugiardo. Platone (427 -347ac) ha vissuto dopo di lui, e aff
erma che Zamolxe era esistito come persona e che lui ha studiato le scritture de
l grande saggio. Nei giorni di Aristofano (445-386ac) i oracoli di Abaris/Zamolx
e erano lette pubblicamente nel mondo greco. A questo, vorrei aggiungere che i g
uaritori di Zamolxe erano i più conosciuti nel mondo antico, perche erano preparat
i molto di più di quelli grechi e per sostenere l affermazione sentiamo che ci rac
conta Platone: Visto che Harmide e della stessa parere con me, mi confortai, e t
rovai il credo in me, poco a poco mi tirai su e dissi: sempre cosi anche con que
sto cantico, Harmide, lo imparato quando facevo militate da un medico traco, uno
dei discepoli di Zamolxe, di quale si parla che hanno il potere di portarti al
immortalità. Questo medico traco diceva che hanno ragione i greci per fare questa
osservazione di quali ti parlai. Ma aggiunse lui, Zamolxe, il nostro re, che e u
n dio, diceva che non si possono guarire gli occhi senza occuparci della testa,
e testa senza corpo, cosi come non si può guarire il corpo senza spirito, e che pr
oprio per questo sono cosi tante malattie che i medici grechi non possono guarir
e, perche non conoscono il tutto del uomo per poterlo curare. Charmides. Perche
i vangeli parlano della stessa cosa insegnata da Gesù ai ebrei, quando questa e un
a scrittura che testimonia che molto prima i geti conoscevano che lo spirito e q
uella che guarisce il corpo? Fino qua le conclusioni possono essere queste: y Za
molxe, di quale tutti dicono che fu lo schiavo e discepolo di Pitagora (ma da qu
ale non sono sicuri che fossero contemporanei), tornando a casa predicava che lo
spirito e immortale. y Zamolxe insegnava alla gente che la morte non e motivo p
er piangere, ma per ridere, perche la morte del corpo significava la nascita del
lo spirito, che e immortale, e che tutti gli uomini sono immortali. La loro mort
e significava cambiare la casa, perche tutti andavano in un posto pieno di felic
ità e bontà.
142
y Gli insegnava delle cerimonie di inizio per capire i misteri della spiritualità.
y Zamolxe parti per tre anni ha abitare la sua casa situata nelle viscere della
terra, e nel quarto anno torno tra di loro, convincendoli in questo modo che l
uomo che tutti credevano morto, rinasceva, pronto per una vita nuova. y Lui non
era un dio, era un uomo di una saggezza di quale nessuno non poteva essere ugual
e con lui. y Insegnava agli uomini che le malattie del corpo non si possono guar
ire se non si conoscono quelle dello spirito. y Faceva i suoi insegnamenti fuori
, nelle montagne, dove lo spirito di ogni uno di loro era in contatto diretto co
n universo da quale veniamo tutti. y Parlava di un Padre, creatore di tutto l un
iverso, ma non ha mai detto ha nessuno di adorarlo. y Catechizzare e una abitudi
ne zamolxiana, non cattolica, e praticavano il culto del sole. Cerchiamo di capi
re quale sono i rituali di iniziazione che Zamolxe insegnava agli uomini, e dove
venivano fate. Strabon Geografia vll, 3- 5 scrive: cosi questo monte e stato ri
conosciuto sacro e cosi lo chiamano anche i geti; il suo nome e Kogaionon, ed er
a lo stesso con il nome del fiume che scorreva vicino a lui. Al inizio, Zamolxe
fu scelto grande prete del più venerato dei loro dèi, e dopo un tempo fu anche lui s
celto come dio. La casa del grande prete era anche questa in una grotta del mont
e Kogaionon, e qui, nei tempi di dolore venivano per consultare i oracoli anche
i re. I autori grechi raccontano che i daci chiamavano i loro preti viaggiatori
tra le nuvole Herodot riga v, 94 guarda come si credono immortali i geti: loro c
redono che non muoiono e che quello che sparisce dal nostro mondo, va nel mondo
di Zamolxe. Qualcuno lo chiama Gebelezis. Nel quinto anno loro mandano a Zamolxe
un inviato, scelto a sorte, che deve chiedere al maestro l esito di div erse co
se che a loro interesano. Guardate come lo mandano: uni tra di loro tengono con
la punta in su tre spade, e altri prendono l inviato dalle mani e dai piedi e al
zandolo in aria lo butano nelle spade. Se questo muore, significa che Zamolxe e
con loro, ma se non muore allora viene umiliato e discreditato e loro devono man
dare un altro uomo. Questi traci, quando tuona e fulmina, tirano in su con i lor
o archi minacciando la divinità, perche loro non credono in nessuna divinità eccetto
la loro. Herodoto ci dice che la persona che viene scelta deve esser la più brava
e il più grande guerriero. Cercherò di riassumere quello che ho detto fino adesso e
nello stesso tempo vi dico dove e localizzata in Romania questa montagna. La mo
ntagna di quale parlano tant i testi che si riferiscono al culto Zamolxiano, e u
na montagna sacra. I geti non hanno mai adorato i loro dio, lo hanno solo consul
tato e
143
hanno portato qualche dono per lui. Nelle montagne alte, in una grotta, in conta
tto stretto con la natura viveva il loro grande prete Zamolxe, ed e per questa c
he loro lo chiamavano il monte santo. In questo contesto non parliamo di Zamolxe
il dio, ma di Zamolxe il grande prete. Sappiamo che da questo monte sorgeva un
fiume che aveva lo stesso nome con la montagna, e che sempre li era una grotta d
ove viveva il grande prete. Nelle montagne carpatiche e difficile localizzare ta
le posto perche sono tantissimi luoghi che assomigliano tra di loro ma c e un po
sto che e diverso tanto dai altri, non per le caratteristiche fisiche del posto,
ma per il potere del energia che c e li. Vediamo che cosa e l iniziazione di qu
ale Zamolxe, il grande prete vuole insegnare l umanità. La religione ci insegna ch
e questa e la via che deve percorrere il discepolo per arrivare alla rinascita n
ello spirito, ma questo non e un insegnamento cattolico, questo e un insegnament
o zamolxiano. Il grande saggio dei Carpazi, quando lasciò i suoi uomini per andare
nella sua casa sotto terra, simboleggiava la morte della persona per il mondo,
la morte fisica del corpo e questo e il primo livello. Il suo ritorno in superfi
cie significava la rinascita nello spirito che non può stare nel mondo sempre,(lui
non si fece vedere a tutti, ma solo a poche persone). Cosi come abbiamo visto,
lui per tre anni interi non si fecce vedere, ma quando iniziò il quarto anno usci
in superficie e questo e il secondo livello. Il terzo livello significa la conos
cenza spirituale di te stesso che ti porta al contatto con l universo e con il m
ondo spirituale. Il fatto che i preti camminavano tra le nuvole ci danno la cert
ezza che questo posto era situato in una montagna dove la cima era coperta dalle
nuvole. Il monte Kogaiono, il monte sacro dei daci e individuato in Romania con
il monte Bucegi, perche in questo monte c e un fiume che ha il suo sorgente pro
prio li, e quale passa vicino a una grotta molto conosciuta dove il suo punto più
inaccessibile si chiama l altare. In più ,dentro, ce una sala che si chiama sala d
i Decebal e nel antichità si chiamava la grotta di Decebal. Questo posto e il sant
uario degli daci, il centro supremo del mondo. Li e il polo degli geti, l axis h
iperboreis, axis mundi, Cardines mundi che e composta dalle tre montagne che si
trovano intorno alla grotta: Gavane, Omu e Varful Ocolit. In questo posto il cie
l o comunica con la terra tramite grandissime spirali di energia, li e posto dov
e l acqua e la più pura di tutto il mondo e ce una zona dove la fatica e i dolori
spariscono, ma di questo vi parlerò un'altra volta. Personalmente, non credo nel r
acconto di Her odoto dove parla che i geti buttavano una persona scelta tra i più
bravi dai loro uomini, per morire nelle spade. Questo era probabilmente una illu
strazione delle fase della iniziazione per trovare la spiritualità, che cosi come
abbiamo visto doveva passa re tre livelli. Quando ho iniziato a scrivere questo
libro, anche dal inizio mi sono sempre chiesta da dove venivano veramente i inse
gnamenti che la chiesa attribuiva a Gesù. La deferenza colossale che esiste tra il
vecchio e il nuovo testamento, l opposto che
144
esiste tra il sanguinoso dio padre che non ha niente che fare con la bontà e l amo
re del figlio mi hanno fato sempre pensare. I insegnamenti di Gesù, che dovevano p
ortare l umanità verso la via della conoscenza di se stessi e dello spirito che e
dentro ognuno di noi, dovevano avere una fonte reale, e guarda caso la base dell
a dottrina cattolica e proprio la vita reale degli daci. Gesù non può mai essere esi
stito perche non ce nessuna fonte che può sostenere questa teoria, invece Zamolxe,
l uomo, e esistito, e anche i suoi insegnamenti possono essere documentati. Zam
olxe e il figlio del uomo che viene dal Padre per insegnare ai uomini che loro n
on sono dei semplice mortali, fatti dalla carne, e quale non valgono nulla come
ci dice la chiesa, al contrario, gli uomini sono una grande forza, una delle più b
elle delle creazioni che il Padre ha fatto. La vita mortale del uomo e solo un e
sperienza che ci aiuta ha crescere, e evolvere verso la conoscenza di noi stessi
. Lo spirito che c è in noi, non e una cosa nascosta dal creatore che noi non dobb
iamo conoscere. Siamo noi che non la vediamo. Non per caso e detto hanno occhi m
a non vedono, hanno orecchio ma non sentono. Il fatto che siamo stati imbrogliat
i non e colpa nostra, ma se perseveriamo ha pensare e lasciare tutto cosi, quest
a si, che sarà la nostra colpa. Vediamo che cosa ci insegna veramente Zamolxe: 1.
Lo spirito di ognuno di noi e immortale e la morte del corpo e solo il momento d
ella sua nascita, della sua liberazione dalla materia. 2. La morte fisica signif
ica la nostra risurrezione nello spirito, e l inizio per cominciare una nuova vi
ta spirituale. 3. La montagna sacra, e il punto dove la terra comunica con l uni
verso tramite i flussi grandissimi di energia. 4. La risurrezione spirituale avv
iene dopo tre giorni o tre anni della morte fisica. 5. Le malattie non sono una
punizione del Padre, ma la cattiva comunicazione tra la materia e lo spirito. 6.
I suoi viaggi e i insegnamenti che dava ai uomini, per trovare la via verso il
contatto con universo, non hanno niente a che fare con il catechismo con quale c
i ha abituati la chiesa. 7. Insegnare agli uomini che lo spirito e immortale, no
n significa che lui predicava una religione valida solo per quelli che lo ascolt
avano, ma indirizzare ognuno di noi ha conoscere che lo spirito universale e den
tro tutto il creato del Padre e che noi siamo il tempio in quale lui ha messo qu
esta energia infinita. 8. Lui, come Gesù, era un figlio del uomo che conosceva la
via per la spiritualità, che ci porta al Padre: la sua missione era di far conosce
re alla gente la meraviglia del immortalità dello spirito 9. Lui ha fato conoscere
le tre fase che si devono percorrere per arrivare alla perfezione. Ed e da li c
he sono nati i culti nelle chiese. Prima era la vita terrena, che nel tempio e l
a sala dove entravano tutti gli uomini, la seconda e
145
la rinascita, che nei tempi era la sala santa, dove entravano solo i preti, e la
terza e la perfezione, il legame che l uomo ha con universo, e che nei tempi er
a uguale con santus sanctorium, dove i pre ti entravano solo quando si celebrava
no le feste. 10. Lui insegnava che l uomo è un essere immortale, perche l uomo è un
essere che ha dentro di se una grande forza e una grande potenza, e che la paura
non è una sua caratteristica. Il fatto che siamo mortali quando viviamo dentro la
materia, non significa che la nostra vita finisce qui e che noi non siamo buoni
ha nulla, perche OM o uomo e un dio. 11. La terra santa della Romania, non si d
eve int endere come siamo abituati che è la terra santa del Israele, dove e morto
o nato Gesù. No, miei fratelli. La terra è santa in Romania e si chiama cosi perche
qui e il punto principale del legame tra la terra e il universo. L energia più pot
ente che viene dal universo e va fino in centro della terra e proprio li. E li l
a chi ave quale fu nascosta da migliaia di anni da loro, perche la chiave della
conoscenza e il posto dove la terra comunica con universo. Loro hanno portato lo
ntano l attenzione di tutti di questo posto per poterci dominare. Quando la razz
a dei alieni che ci dominano hanno preso il potere assoluto del nostro pianeta,
questo portale fu chiuso, e si attivo quello del medio oriente, ma con poca pote
nza, sufficiente pero per poter farli viaggiare nei mondi oscuri, da quale loro
vengono. Un altro portale grandissimo legato con tutto di quello rumeno si trova
in Tibet, e quello e sorvegliato di persone molto fidate e istruite. La chiave
per aprirle tutte e in Romania, ma li non e alcun pericolo perche nessuno non lo
sa. La svastica e un simbolo del legame tra la terra e universo, Cardines Mundi
, Axis Mundi, Axis getico e l Axa che lega il nostro pianeta con il mondo univer
sale. Credete che il nuovo Gerusalemme arriverà dai cieli? E un falso, perche quan
do loro affermano che arriverà dal alto, in verità significa che a rriverà dal nord, d
alla terra rumena, dove i cieli si apriranno e l umanità potrà vedere l universo nel
la quinta dimensione. Non vi pare che i insegnamenti zamolxiani sono i veri inse
gnamenti che dobbiamo seguire? Non vi pare che la chiesa ha falsificato cosi tan
to tutto, e che noi secondo loro non arriveremo mai ha capire tale meraviglia? G
esù che parla in parabole che solo loro capiscono, e a quale danno le più bissare in
terpretazioni, i misteri e le bugie con quale hanno coperto i nostri occhi per n
on vedere la verità, la paura, peccato e il sentimento di colpa che incutono in no
i, sono solo il modo per tenerci incatenati, di ascoltare e seguire solo loro. I
l potere e i loro soldi siamo noi, ignorante e fiduciose pecore che dobbiamo ave
re un solo pastore secondo loro. Ma la loro colpa più grande e il fatto che con la
loro bibbia hanno rubato l identità di un popolo, e la veri tà che appartiene a tut
ta l umanità della
146
terra. Inutile ha pensare che non sanno niente, perche altri erano prima. La chi
esa e la più bugiarda, sanguinosa, ipocrita, ladra, lussuosa, ricca, omicida tra t
utte le istituzioni che noi uomini abbiamo mai avuto e conosciuto. Nelle sue bib
lioteche, giace la verità e la storia di tutta l umanità. Se sono cosi coretti perch
e nessuno non li deve vedere? Quale e la verità con quale si vantano? Se sono loro
i guardiani della giustizia e della verità perche ci nascondono tutto? Semplice.
Perche sono loro quelli che hanno ucciso la verità e quelli quale con la loro vita
lo hanno difesa. Perche sono loro i lupi nella pelle di pecora, e perche sono l
oro che hanno costruito il loro impero su le bugie, sofferenze, umiliazione e do
lore di milioni di persone e popoli. Ho trovato un messaggio antico che si chiam
a Herto Valus e quale comprende i insegnamenti zamolxiani per il popolo, le cosi
dette Leggi Belagine, dopo di quale la chiesa ha preparato il discorso di Gesù su
la montagna. Cercherò di fare la più buona traduzione possibile. Felici i pionieri
che a loro e la vittoria, nelle terre sante Felici quelli che piangono, che quel
li in bianchi cieli si conforteranno. Felici quelli miti che di loro sarà la terra
. Felici quelli che hanno fame e sono assetati dopo la conoscenza. Quelli si saz
ieranno e mai non digiuneranno Felici quelli che lavorano, la terra facendo giar
dino, che raccoglieranno i frutti celesti Felici anche quelli misericordiosi, ch
e quelli saranno perdonati. Felici quelli con la coscienza pulita, che il loro c
ibo sarà la luce. Felici quelli che difendono la pace che saranno chiamati i figli
del cielo Felici quelli esiliati o castigati per la giustizia, il paradiso sarà l
oro. Sono questi le leggi che Zamolxe ha dato al suo popolo. Era lui su ,nella m
ontagna che chiamava tutte le persone per banchettare, bere e mangiare per farli
conoscere che non devono avere paura di niente, per che la vita non finisce con
la morte, era lui che diceva la verità alla gente, non Gesù costruito dalla chiesa,
che ha detto sempre il contrario delle vere parole zamolxiene. In quel periodo
e successa una cosa che a segnato l inizio del primo millennio. Il tempo vecchio
cessò, e iniziò un altro che fu contato in ordine crescente, partendo dal anno uno,
cioè al incontrario di prima. Partendo da quella data iniziarono due periodi: pri
ma e dopo di Cristo. Perche, se lui non e mai esistito? Lui no, ma Zamolxe, si.
In quel anno, Zamolxe, il sacerdote che per quattro anni fu sotterrato nella sua
grotta, e per quattro anni il suo popolo lo pianse e i fecce lutto fuori, aspet
tando di vederlo uscire perche la sua mancanza affiggeva tutti, in quel anno lui
si fecce vivo, in quel anno rinasceva Zamolxe il dio. Decebal fu il re quale vi
veva e regnava in Dacia a quei tempi. Lui andava nella montagna sacra per parlar
e con il suo dio che dalla sua rinascita non si faceva vedere a tutti. Zamolxe e
ra il dio di Decebal, e proprio lui segnava la fine di un epoca. Il suo nome ci
dice tutto. DECE, significa dieci, e BAAL o BAL, significa divinità. Allora furono
10 divinità dal inizio
147
della nascita della nuova umanità fino in quel momento, e Zamolxe era ultima tra d
i loro. Decebal era ultimo uomo che lo poteva vedere e parlare con lui nella gro
tta che porta il suo nome, nella montagna santa di Kogaion. Anche il grande sace
rdote del più grande re della Dacia, Burebista, di quale parleremo in seguito, ave
va un nome che disegnava lo stesso periodo di dieci divinità e quale a vissuto pri
ma di Decebal. Lui si chiamava Deceneu. In rumeno dio o dèi precisamente la divini
tà vengono chiamate partendo dalla parola DEU. Noi chiamiamo dio, Dumnezeu, Demnez
ei, Deumnezeu. Loro, questi grandi re erano i ultimi che hanno avuto contatto co
n i esseri di luce che insegnavano al uomo la via verso casa. L umanità era lascia
ta nelle mani della razza che ci aveva conquistato e qua le da quel momento si m
onoteismo e l uomo inizio l adorazione di dio di questo mondo.
148
Cap.29 Come si nasconde la verità per un intera pianeta e si ruba l identità di un p
opolo
Parole forti, ma non ho paura di dire quello che penso e quello che ho scoperto,
perche quando si lotta per la verità, si fa senza pensare a le conseguenze che si
possono avere da parte dei oppositori, e non per il fatto che la facc ia della
tua verità e insolita e dolorosa, ma per la loro paura che le bugie possono essere
scoperte. Per farvi capire di che cosa si tratta dobbiamo tornare in dietro di
molti anni. Cosi come vi siete forse accorti, io non ce lo con i romani, ma con
quello che e rimasto di loro, la chiesa cattolica romana. Abbiamo visto come ha
rubato i insegnamenti veri di Zamolxe una persona vera che ci lascio grandi inse
gnamenti, come ha rubato la sua vita per costruire un fasullo salvatore del mond
o, con quale ci tiene nel ignoranza da 2000 anni. Ma per rubare l eroe di un pop
olo devi rubare anche l identità di quel popolo, devi fare di tutto per far creder
e che non e mai esistito. Devi pulire ogni tracia, devi denigrarlo e portarlo ne
l oblio, devi minimare qualsiasi sua azione eroica, e mettere tutta la sua bravu
ra a tuo carico. Questa si, che e giustizia. Sentite che cosa predica la princip
essa rumena Martha Bibescu per la Romania: Arriverà un tempo quando si accorderà tan
ta attenzione a questo popolo, cosi poco preso in considerazione. Canti e armoni
a si sentirà venendo da questo paese di quale non si parla. Dopo millenni di vita,
questo popolo si alzerà e il mondo si meraviglierà come di un miracolo, sape ndo in
finale, quante cose sapeva questo popolo della coscienza universale. Le gioie d
i questo popolo sono rimaste nascoste; il suo dolore non e stato conosciuto. Nes
suno non ha mai conosciuto la sua mitologia. Pochi hanno conosciuto la sua stori
a, e con t utto ciò, questo popolo hanno avuto più di tutti il genio del mito Vi farò
leggere un articolo che non lo so di chi e scritto veramente, perche e stato mes
so in rete della società Gebeleizis, e quale ha il seguente titolo: UNA BUGGIA E U
N FALSO STORICO-IL POPOLO RUMENO Si impone come un dovere il cambiamento dei par
adigmi accettate di tutti come una verità assoluta. Tutti abbiamo imparato nelle s
uole e ai nostri figli li viene detto anche adesso, che il popolo rumeno e il ri
sultato del mescolamento dei romani con i daci, e che la nostra lingua e derivat
a dalla lingua latina, in seguito alla conquista della Dacia da parte dei romani
. Diventate una base della nostra storia che viene insegnata nella scola media,
elementare e nei licei, questi due argoment i profondi, scioccano, ad un analizz
a più attenta, per la loro mancanza di verità storica. Analizzando questi aspetti, e
insistendo in speciale a quello legato alla lingua rumena, si osservano tante c
ose non chiare. Sorprendentemente, i bizantini, non trovano l origine romana dei
rumeni, anche se si considerano loro stessi Romei, l eredi di Roma. La forza co
n quale loro si ostinano
149
di vedere nei daci una nazione barbara, straniera del impero, ha uguale solo nel
la letteratura ungherese. Un Kekaumenos, per esempio, che e il tipo di bizantino
della classe media del undicesimo secolo vede nei valahi, i discendenti dei dac
i e dei bessi che si sono alzati come altre volte contro i romani, specificando
espressamente le guerre dei daci contro i romani di Traiano. I daci sono una naz
ione senza credenza , dicono loro. Nella concezione dei Kekaumenos, l eredità di R
oma deve essere solo per i romei e i bizantini, e non vedono perche questa deve
essere divisa con i valahi. Lo stesso li vede anche Nichita Choniates (terzo sec
), quale vede i valahi come i iniziati della coalizione barba ra tra Rumeni - Bu
lgari Cumani, contro i bizantini. Vorrei fare un piccolo quadro della Dacia, pri
ma della conquista dei romani. Alla fine del secondo secolo ac, nel territorio d
ella Dacia vivevano tante tribù della grande famiglia dei traci. Le loro abitudini
, la società e la loro lingua erano le stesse, solo che ognuna tra di loro mantene
va un indipendenza totale da le altre. Anche dalla fine del terzo secolo ac, i d
aci hanno avuto dei capi bravi come Dromihete, Oroles, Rubobostes che hanno comb
attuto le guerre contro sciiti, persi, germani, celti, e romani. Ala fine del se
condo secolo ac e l inizio del primo secolo ac, nel tempo quando il mondo antico
era sotto il domino dei romani, nas ce Burebista, colui che diventerà il più grande
re di tutti i Traci. STRABON, contemporaneo del grande re, scriveva: Burebista,
uomo dalla tribù dei geti, diventò il capo delle sue tribù. Con intelligenza e maestr
ia, è riuscito ha alzare quella gente cosi tanto, che solo in pochi anni lui formò u
n grande regno, sottomettendo ai geti, quasi tutti i loro vicini, ed era arrivat
o ad essere temuto anche dai romani perche passava l Istro senza paura, predando
Tracia fino a Macedonia e Ilirria, e I celti che si mescolarono con i traci e i
lirri furono distrutti con tutto; i boii, che erano sotto il comando di Cristasi
ro, e i taurisci anche loro hanno avuto lo stesso fine Il popolo dei geti, (roma
ni lo hanno battezzato daci) diventò cosi il popolo dei geto daci, che rappresenta
va il ramo del nord del grande popolo dei traci, che hanno avuto tutti le radici
profonde nello spazio carpato danubio pontico. Non possono nascere dei dubbi pe
rche anche Herodoto diceva: la nazione degli traci, e la più numerosa nazione al m
ondo, dopo quello di inizi. Se avverserò un solo capo o se non litigassero tra di
loro, sarebbero inconquistabili, e sarebbero il più forte di tutti i popoli della
terra. Ma questo e impossibile e non succederà mai. Per questo sono deboli. E qua
non possiamo non tornare al libro del imbroglio, la bibbia, quale parla di Abram
o, che fa nascere dalla sua seme una grande discendenza che diventerà una grande n
azione. A parte questa scrittura, non esiste nessun altra testimonianza del esis
tenza di Abramo e della sua discendenza da quale nacque il popolo ebreo. Allora,
cari amici tenetevi forte. In medio oriente non e mai esistito Abramo, ne il su
o popolo, ne la nazione degli ebrei, no? Be, ma in Europa, si. La più grande nazio
ne del
150
mondo, composta da quasi 200 tribù, sparpagliate da un ceppo comune, che erano fra
telli e avevano lo stesso sangue, che poi si sparpagliò in tutto il continente e o
ltre, era la tribù dei Traci. Fratelli di sangue e di lingua, partiti dalle falde
dei Carpazi per conquistare il mondo antico, furono trasformati dai falsari dell
a bibbia in popolo di dio ebreo. Perche? Perche in questo modo nessuno, non pote
va pensare dove e la vera terra santa, quale come abbiamo visto non e santa perc
he e di dio, ma perche e lombrico della terra che comunica con universo. Il fatt
o che Giuda con due tribù si divise di Israele che aveva dieci, e che tra di loro
non sono mai riusciti ha convivere e ha dialogare, rispecchiano la povera Dacia,
che non riuscì ha convivere c on i altri suoi fratelli che l hanno sottomessa e i
rubarono la sua primogenitura. ( avete presente Giacobbe bello e delicato che r
ubò la primogenitura di suo fratello Essau, che era rosso, pieno di pelo come gli
animali e sembrava un barbare). Ve lo già detto. In questo libro niente e per caso
, basta che sai leggere tra le righe. Torniamo a Burebista. Non sappiamo quale e
la vera pronuncia del suo nome, pero nella maggior parte delle testimonianze è sc
ritto cosi, e nei ricordi del popolo rumeno di quale ci parlano i nostri bis- bi
s- bis- noni viene ricordato sempre cosi. Nel decreto di Dionysopolis nel onore
di Acornion viene ricordato come Byrebistas, ma nei altri fonti come Byrabeistas
, Burbistas Boirebista o Buruista. Su le monete, dove lui viene raffigurato con
due teste, rapp resentando passato e presente, è scritto in lingua traca, che era
il latino vulgare (vecchia), con il titolo di SARMIS VASIL, cioè il più grande re, o
Pavel Ter, sovrano assoluto. Papà di Burebista era anche lui un re che aveva la c
apitale del suo regno in Argedava. Burebista raduno tutti i piccoli regni del te
rritorio del centro e del est Europa in un grande impero, che si estese a ovest
fino su corso del metta del Danubio e Moravia , a est arrivava al fiume Bug, a n
ord in Carpazi Boscosi e a sud fino ai Balcani. Sottomette tutti quelli che mina
cciavano il suo regno e fecce una sanguinosa guerra con i celti, che si spostano
in Gallia (Francia), sconfigge boii e tautsti che vanno verso Austria, sconfigg
e i sarmati dalla zona del Bug, sottomete i bastrani che abitavano tra i Carpazi
e il fiume Prut e le colonie greche Olbia, Tiras, Tomis, Calatis, Histria passa
no al suo impero. La sua capitale fu a Costesti in Valachia, fino quando non riu
scì ha costruire nelle montagne di Orastie la sua vera capitale Sarmisegetuza Regg
ia. Lui regno tra 82 44 ac. e organizzò in modo eccellente tutto il territorio. A
emesso la sua moneta, ha fatto dei scambi commerciali con altri paesi, stabili d
elle norme giuridiche e promulgò le leggi bellagine, imporre il divieto di bere vi
no e i contadini tagliano la loro vite, fa grandi fortificazioni nelle montagne,
organizza una grande armata composta da 200000 uomini e la sua fama fa tremare
l impero romano. Tutto questo regno che per altro duro più di 40 anni, si chiama l
impero daco geto. L impero daco geto di Burebista era una forza degna di essere
presa in considerazione. La sua posizione i permette di entrare nella scena eur
opea e di intervenire nella politica del impero roma no. La Dacia Grande, viene
vista come un
151
reale pericolo dai romani. Strabon ci dice che Burebista passava senza paura il
Danubio . Per saccheggiare la Tracia, fino in Macedonia e Illiria. Nel 74 ac il
proconsole di Macedonia Scribonius Curio, segui i g eti e i loro alleati scordis
ci fino al nord di Danubio, ma Florus ci dice: Curio andò avanti fino in Dacia, pe
rò si spaventò del buio delle sue foreste. Tute queste imprese portano a Burebista i
l nome di primo e il più grande re di tutti i traci . Nel 48 ac, a Roma iniziò la gu
erra civile tra Cesare e Pompeio. Burebista offre, tramite Acornion, il suo aiut
o ha Pompeio, ma arriva più tardi e Cesare vince. Questo episodio attira l inimici
zia tra i due, e Cesare si prepara per attaccare l impero di Burebista. Non ries
ce perche viene assassinato nel 44ac, e la stessa fine, qualche messe più tardi as
petta anche a Burebista. Dopo la sua morte, l impero geto daco si divide in quat
tro e poi in cinque provincie per un totale di quasi 50 anni, quando un altro gr
ande re riesce ha riunificare una parte dei 106, e riesce ha territori del vecch
io impero. Lui e Decebal, che regno tra 87 unificare le provincie che anche oggi
sono parte della Romania, ma molto più piccole di come allora, e queste erano Tra
nsilvania, Bucovina, Valachia, Muntenia, Moldavia, Crisana, Basarabia, e Dobroge
a. L impero romano ha provato innumerevole volte di conquistare la Dacia, ma sem
pre senza successo. La sua posizione geografica strategica era importante per i
romani, e non si dice per niente che chi conquista la delta del Istro ha già conqu
istato l Europa. Ma in Dacia era qualcos altro che non poteva scappare al grande
impero romano che era in un totale declino economico. L oro dei daci. Questo pa
ese di quale nessuno non vuole parlare senza umiliarlo era di una ricchezza incr
edibile. Il suoi tesori facevano bene alle tasche vuote dei romani. Quando Traia
no conquisto Dacia, il bottino in oro che portarono a Roma fu di 168 tone latte,
e doppio di argento. La Dacia divento una provincia romana con tantissime vanta
ggi rispetto ad altre, e il fatto che Traiano fece costruire a Roma una colona c
he immortala la conquista della Dacia e della sua capitale Sarmisegetuza Ulpia T
raiana situata in Valachia era una vittoria cosi inaspettata e importante per i
romani, che Traiano, che non era ne meno un cittadino romano, conquistò tanti tito
li. Se la Dacia era una cosa di cosi poca importanza come tutti ci vogliono far
credere perche cosi tanta fatica di costruire nel cuore di Roma la colona che im
mortala la sua conquista? Oggi ci viene descritta come un paese che ne meno non
aveva una sua lingua e un suo territorio, pero la sua conquista era la più vittori
osa battaglia che la Roma ha avuto. I storici ci dicono che Traiano a incaricato
Apollodoro di Damasco per costruire un ponte di pietra sopra il Danubio quando
entrò nella Dacia per conquistarla , solo che sono tante cose che non convincono.
In anzi tutto loro affermano che la costruzione fu fatta in due anni, cosa impos
sibile. Una tale opera dura al mano 5-6 anni adesso figuriamoci nel epoca romana
. Poi come faceva Traiano ha ordinare il ponte che doveva avere una parte in Dac
ia e l altra in un territorio nemico per Roma? Se Traiano e entrato in Dacia sul
questo ponte, come mai su la sua colona di Roma fa ta da lo stesso
152
Apolodore di Damasco, quest ultimo rappresenta le truppe romane passando il Danu
bio su un ponte di barche? Ha dimenticato il grande costruttore che ha fatto il
ponte? Che cosa volete nasconderci? Era solo la Dacia la provincia che meritava
una colona nel centro del impero? Con l oro dei daci i romani hanno raddrizzato
l economia del impero e le costruzioni che le hanno fatte in Dacia erano già state
pagate dalla povera Dacia molto caro. Se il oro degli Daci non sia mai esistito
come si può spiegare raddrizza rea del economia romana, il fatto che ai daci non
li furono percepite l imposte per un anno, la disoccupazione fu abolita, crollò il
prezzo del oro e una grande forza umana che iniziò la ricostruzione fu concentrat
a proprio li nel paese dove i abitanti non avevano ne meno una lingua propria? S
e il oro dei daci non fosse mai esistito, che cosa portavano i romani nei cari c
ome bottino di guerra dal paese dei daci, raffigurati su la stessa colona di Tra
iano a Roma? Se non era oro, che cosa si poteva portare da un paese dei barbari?
Prima di tutto, il territorio della Dacia che diventò provincia romana rappresent
ava solo 15 -20% del territorio intero del paese, e in seguito diamo uno sguardo
ai anni di occupazione romana nelle sue diverse p rovincie. y Illiria e Dalmazi
a dal 168ac 476dc. Totale 644 y Epirus e Achaea dal 168ac- 395dc. Totale 563 y M
acedonia dal 146ac 395dc totale 541 y Thracia dal 46ac 395dc totale 441 y Moesia
dal 44ac 395dc totale 439 y Pannonia dal 10ac 408dc totale 418 y Dacia dal 106
dc 274dc totale168 Dacia e stata la sola provincia del tutto impero che fu sotto
messa solo per 168 anni. In Bretagna i romani sonno stati per 500 anni, e i ingl
esi non sono latini. La Transilvania e stata per 1000 anni sotto l occupazione u
ng herese, e i rumeni di li non parlano ungherese in massa, Malta e stata sotto
il domino romano per 800 anni e i maltesi non parlano latino, i macedoni del sud
del Danubio sonno stati sotto il domino dei romani, turchi, bulgari, e nessuno
parla queste lingue . E che possiamo dire allora dei italiani che dovrebbero par
lare tutti latino,invece parlano dialetti cosi diversi che un napoletano non pot
rà mai capire un milanese, o un siciliano un toscano. Con tutto questo, la Dacia e
stata romanizzata senza dubbio, dopo le loro teorie. E come? Il fatto che la li
ngua rumena e cosi molto somigliante con la lingua latina viene dal fatto che il
grande tribù degli traci parlavano la lingua traca - volgare o popolare, vecchia,
che oggi si chiama latino volgare, invece altri parlavano traca letteraria, che
e diventata latino classico. Quando i romani conquistarono Dacia, non ebbero bi
sogno di traduttori perche si capivano benne lo stesso. Come si può spiegare il fa
tto che disponendo di pochi mezzi di comunicazione, senza un insegnamento di mas
sa, i contadini di questi posti sono riusciti a imparare
153
la lingua latino cosi bene, creando una lingua unitaria su un vasto territorio,
quando ne meno in Italia questa cosa non e stata possibile. Lo stesso fenomeno e
siste in Francia dove un normanndo non capisce un provenzale. In Romania sono un
a moltitudine di dialetti, ma li, un moldavo può comunicare benissimo con un trans
ilvano, e un muntean capisce un oltean, perche in Romania i dialetti sono solo r
egionalismi di poche parole, la lingua invece resta uguale. La situazione della
Romania e singolare in Europa, perche la lingua nazionale, che si impara in scuo
la e la stessa lingua che viene parlata di tutto il popolo rumeno in tutto il te
rritorio della Romania. Un altro esempio e la Repubblica Moldava, quale, quasi d
a un secolo no fa parte dei suoi territori. I moldavi parlano la lingua rumena v
ecchia, che ha delle parole cosi arcaiche che oggi nella lingua corrente non si
utilizziamo più, e con tutto ciò quelle parole, vengono capite perfettamente. Un rum
eno con un moldavo comunicano perfettamente, e parlano la stessa lingua. E allor
a come posiamo credere, che i contadini daci hanno imparato cosi benne latino da
i soldati delle legioni romane, che venivano radunati da tutte le provinc ie del
impero e quale non sapevano ne meno loro parlare bene latino? La Dacia romana r
appresentava solo 14% dal suo intero territorio. Supponiamo che i romani hanno p
ortato la Dacia Felix ad un processo straordinario di romanizzare sul intero ter
ritorio della Dacia, riuscendo ha imporre di parlare la lingua latina per intera
nazione. IN 168 ANNI??? Chi può sostenere una cosi grande aberrazione storica? Po
i che cosa ha spinto i daci liberi ( carpi, costoboci, daci grandi) ha romanizza
rsi da soli esattamente nello stesso periodo, perche la lingua rumena e una ling
ua unitaria, parlata su tutto il territorio del paese non solo nella regione occ
upata dai romani, ed e la stessa che si impara nelle scuole. La spiegazione logi
ca e che lessico di base della lingua rumena proviene direttamente dalla lingua
vecchia, barbara se volete, dei traci. I latini sono anche loro una parte del gr
ande tribù degli traci solo che loro parlano una traca letteraria. Nel Eneida, Vir
gilius immortala la storia di Eneea, traco di origine, che migra in Italia, ed e
considerato il padre del popolo italiano. Il grande popolo dei traci, ha un imp
ressionante numero di tribù, le più importanti sono quelli dei geti, ramani, bessi,l
atini. Nel torno al 2000 ac, tribù di origine europea occupano la parte di n-v del
la India. Le origini di questi tribù furono attribuite ai celti, tedeschi, greci,
ma tantissimi credono che e molto imparentata con le lingue latine. Al mio avvis
o, la lingua rumena e la sorella gemella della lingua albanese, illira, e d e so
rella della lingua sanscrita, ittita, lettone, lituana, calabrese, pugliese e de
lle lingue slave; detto questo, significa che non e l erede della lingua dei rom
ani. Io, non conosco queste lingue, però mi fido di quello che mi viene detto di q
ualcuno che e molto più sopra di noi umani e lui non si sbaglia. Al mio livello, h
o cercato di trovare qualche studio su questo argomento e mi pare che sono tanti
che ce ne sonno accorti di questo, pero probabilmente non hanno abbastanza cora
ggio di sostenerlo. La
154
stranezza consta nel fatto che questa non e una supposizione, ma una verità che fa
rà cambiare tante cose di quale si ha paura. Comunque vi darò qualche esempio. Le più
importante scritture antiche indiane si chiamano Veda o Rigveda, che in sanscrit
a significa vedere, conoscenza. In rumeno vedea, vedere significa lo stesso. Poi
ce una parola sanscrita che non ha potuto essere tradotta in inglese. Om. Quest
a parola quando viene pronunciata nei templi, fa che tutti i uomini si alzano in
piedi e prendono una posizione di grande rispetto, cosa che ha fatto capire che
significa il nome di qualche divinità. In rumeno, om significa uomo. Allora, i no
stri fratelli indiani conoscono che l uomo e un dio e che è lui il legame tra lo s
pirito e la materia. Altri esempi di parole rumene che si trovano in sanscrita e
in albanese nella stessa forma,ma probabilmente con altri significati sono cent
inaia, e io vi faro leggere qualcuno.
RUMENO APA IAMA SOARE OL VACA SASE ASTA CANEPA ADAPA CIRAC SOARTA REGE IATA PITA
GRAMADA GATA POTECA PINDAR DEGEABA DUMBRAVA SANSCRITO APA IAMA SURY OLA VACA SA
S ASTA KANAPA PADAPA KIRAKA SWARTA RAJAH YATA PITA GRAMA GATA PATHAKA PINDARA DU
BADA DUMBRABA
Quando pensate che la lingua illira si legge solo con l albanese vi sbagliate, p
erche con la lingua rumena vecchia non avete mai pensato di farlo perche avete s
empre considerato questa lingua una lingua latino, invece non lo è di sicuro e sta
sempre a voi, a vedere se io ho o non ho ragione. Vedete in questo modo i roman
i hanno rubato l identità del popolo rumeno, facendo si, che loro sono i veri guar
diani del regno di dio e del suo popolo. Falsificare in modo ingiusto la storia
e i costumi di un popolo e trasferirlo in un altro paese, creando un'altra ident
ità e un'altra storia per poter dominare in eterno il mondo, rappresenta il grande
inganno universale del
155
umanità. Il grande re, Davide, che ha unito tutti i tribù di Israele, non e altro ch
e il grande re Burebista, degli Daci, e di questo testimonia proprio il loro lib
ro. Nel libro della Rivelazione e scritto che tutti i popoli si raduneranno nel
luogo dove fu stato ammazzato il signore e il suo profeta, e tutti pensano a Ger
usalemme. Mi dispiace. Il grande signore che fu ammazzato fu Decebal, e il profe
ta e Zamolxe. Sempre li è scritto che Davide raduno tutti i tribù di Israele e formò u
na grande nazione. Ma quando mai? La grande nazione che si formo era quella dell
a Dacia Grande. Poi per i romani non fu ne difficile ne impossibile di inventare
la storia degli ebrei, trasferendo cosi la storia degli daci in medio oriente,
perche quasi nello stesso tempo e sempre di Traiano fu conquistata pure la Mesop
otamia. Ma nel libro del imbroglio si parla di un popolo temibile e forte che si
alzerà contro il popolo di dio degli ebrei: si tratta di Gog in paese di Magog, p
opolo numeroso come la sabbia del mare, che viene dal settentrione. Chi può essere
quel popolo cosi grande? Semplice! I discendenti e i eredi degli traci, il più gr
ande e forte popolo del mondo antico, non vi pare? Ed ecco un'altra cazzata dell
a bibbia. Questo popolo non andrà nel medio oriente per amore della guerra, ma per
che li sono concentrate le più grande forze del male di tutto il pianeta. Il grand
e portale del oriente dove loro, quelli che con onore chiamiamo il nostro dio, h
anno operato da più di 400.000 anni deve essere vinti dalle forze della luce. Il f
atto che questa grande marea di nazioni sarà distrutto da dio, significa una grand
e sconfitta per l umanità. Il grande principe che condurrà l umanità in battaglia con
la verga di ferro, non e un principe della luce, ma delle tenebre; perche verga
di ferro significa tirannia e schiavitù, ubbidienza e umiliazione. La colomba bian
ca, non e il simbolo dell a pace, ma del male, della guerra. Il simbolo della li
bertà e della giustizia e l aquila. Non lasciatevi ingannare, perche il popolo di
Iafet come lo c hiama la bibbia è il popolo che porterà la verità su tutta la terra, n
on la menzogna. La menzogna lo hanno portato loro da millenni, promettendo ai eb
rei un paese, che poi lo hanno avuto solo da poche decine di anni, hanno promess
o che la generazione dei discepoli non passerà fino quando non rivedranno Gesù, che
il male non sarà più se confideranno solo in qu esto dio e che loro saranno una nazi
one grande come la sabbia del mare. Quale tra tutte si ha avverato? Sono morti t
utti ammazzati, torturati, vagando come zingari da una terra al altra, morti di
fame per digiuno, perseguitati e ripudiati. E questa verità? Siamo nel ventunesimo
secolo e ancora milioni di persone non riescono ha vedere la verità. Ce tanta cos
pirazione in questo mondo, da tutte le parti, ma un inganno più grande di quello c
he predica la chiesa non può essere assomigliato con niente al mondo. La chiesa ca
ttolica non è la spiritualità, ma la continuità del impero romano nei nostri giorni, c
he non e altro che la sede del anticristo su la terra. Nel libro di Daniele, lui
spiega al grande re Nabucodonosor, il sogno, dove lui vedeva una grande statua.
Questa statua che per altro rappresenta le età del umanità, viene spiegata dai auto
ri della bibbia, come dei grandi imperi, dove quello babilonese e il più splendent
e, e
156
qua vorrei aggiungere che un'altra volta dio e un bugiardo, vigliacco, perche il
suo popolo deve subire il loro giogo per la sua volontà, in quanto i babilonesi c
he al inizio lui chiama il mio popolo e il mio servitore, diviene poi carne da c
anone davanti ai persiani. Voglio stare pero nella loro spiegazione. L ultimo gr
ande impero era uno di ferro,e cosi come abbiamo visto il loro conducente e un p
rincipe che guida con la sua verga di fero l umanità. Questi erano i romani, che a
differenza degli altri, non scompare, perche il tallone e le ditta della statua
sono ferro mescolato con argilla, e Daniele spiega: sarà un regno composto, in lu
i ci sarà la solidità del ferro con argilla molle. Se le ditta dei suoi piedi erano
in parte di ferro e in parte di argilla, significa che una parte del regno sarà so
lida e parte sarà fragile. Il fatto che il ferro sia mescolato con l argilla molle
significa che le due parti si congiungeranno per seme umano, ma non legheranno
tra di loro, come il ferro non lega con argilla. Ai giorni di questo re, il dio
farà sorgere un regno che non sarà distrutto in eterno e il suo potere non sarà dato a
un popolo. Esso infrangerà e distruggerà tutti quei regni, ma esso rimarrà in eterno.
Perciò, quanto al fatto che tu ai vistò che dalla montagna si staccava una pietra c
he non era dalla mano umana, e infrangeva ferro, bronzo, argilla argento e oro,
dio fa conoscere al re quello che avvera. Adesso ragioniamo un può sopra. Il ferro
mescolato con argilla significano il regno dei umani mescolato con un regno non
umano, che ha le radici nel impero romano e che di solito vie ne chiamato il re
gno del anticristo. La mescolanza tra argilla e ferro significa che i due regni,
umano e extraterrestre vivono insieme, dove uno e forte, crudele e bugiardo e l
altro e molle, non potente, ignorante e sottomesso. Il legame tra di loro e st
ato fatto per seme umano, cioè accoppiamenti normali tra i due regni, ma il parto
veniva fatto dagli umani, senza mescolarsi tra di loro significa che i due regni
convivono intralciate uno con l altro, e giustamente il potere e di quello più fo
rte. Poi, ce una donna, nel libro di rivelazione, tutta vestita di porpora e sca
rlatto, tutta adorna di gioielli d oro, pietre preziose e perle, e sulla sua fro
nte era scritto la grande Babilonia ebbra di sangue dei santi e dei martiri che
sedeva su sette colli Una descrizione più chiara del Vaticano, non si può fare. Porp
ora e scarlatto sono le vesti del papa e dei cardinali, la ricchezza della chies
a non si può contare, il sangue che ha versato si può contare in fiumi, inganno che
predica per tutta l umanità non ha limiti, siede su sette colli, non rappresenta i
l culto della fede, ma è uno stato che sfrutta un altro stato succhiando lavoro di
migliaia di persone promettendo una vita e un regno che nessuno non vedrà mai, co
si come dio ha fatto con i ebrei ed e la sola istituzione della terra che ha le
prove della non esistenza di Cristo e delle cazzate con quale riempie il nostro
cervello ogni giorno. Il dio è il principe che lei adora, e loro sono i principi d
i questo mondo, che noi chiamiamo satana, e quale tutti insieme ci strizzano i c
ervelli per dominarci e prendere controllo totale di tutto il pianeta.
157
La colona di Traiano di Roma non e rimasta in piedi per niente. Questa e la test
imonianza vera che il popolo degli Daci era un popolo grande e forte di quale av
evano paura e tremavano pure i romani, perche il loro credo nel immortalità del uo
mo li faceva più forti di tutti, il loro paese protetto dai Carpazi e dal Danubio
erano barriere difficili da passare, la loro vita semplice e le loro ricchezze e
rano un motivo valido per la conquista, che pareva impossibile ai loro occhi. La
trasformazione della Dacia in provincia romana era la vittoria più grande che i r
omani potevano avere. L immortalare tutto, su una colona di dimensioni impressio
nanti, dove la guerra era raccontata nei minimi dettagli proprio nel cuore del i
mpero era la loro fierezza più grande ed è la carta dì identità della grandezza e del po
tere del popolo daco, che suicidandosi davanti al nemico hanno dimostrato che ne
meno morti non accedevano la grande umiliazione della sconfitta. Saccheggiare e
sottomettere la Dacia era la continuità della vi ta del impero romano stesso, per
che con l oro preso il loro impero poteva sopravvivere. Vi do un indizio. Gli es
seni, popolo misterioso, e in contraddizione con gli ebrei, sono anche loro un r
amo degli traci. Mangiare miele e cavallette non e una abitudin e dei popoli sem
iti, ma degli popoli che venivano ne l paese degli api. Stare fuori da qualsiasi
comunità, e l abitudine del popolo che viveva nelle cima delle montagne degli tra
ci e geti. I tesori nascosti degli daci sono scritte sul rotolo di rame del Mar
Morto. Il corrente gnostico e sempre un ramo derivato dalla loro cultura e credo
nel immortalità. Vedete, è questo il modo in quale i romani e i loro eredi hanno ru
bato l identità di un popolo, e hanno predicato la menzogna per gli uomini del int
era pianeta. Nel archivio vaticano si trova la verità nascosta a tutti noi. I pret
i disonesti hanno preso la chiave della conoscenza lo hanno nascosta, per tenerc
i in ignoranza e inganno, riuscendo ha arricchirsi e ha consolidare il potere su
tutti noi.
158
Cap.30 Quando, dove e come compare la religione?
Vorrei iniziare questo argomento con un frammento delle Tavolette di smeraldo di
dio Thot o Hermes, figlio di Thotme Al inizio fu la luce della parola,( l energ
ia e il suono), e dalla parola nacque il movimento (vibrazione) e da questa il c
alore (fuoco). Questa e la luce del Padre. L energia che prende forma, riceve la
luce dal cielo di sopra e dal cielo di sotto come una spirale l anima e spirito
sono forme diverse dove entra l energia del Padre. Triangolo e la forma dello s
pirito e il cerchio e la forma del anima. Tutte due si intrecciano, entrando uno
nel altro sotto forma di spirale opposte; quando uno e più grande e l altro più pic
colo, quando sono uguale. Dalla loro rotazione nasce la piramide. Se non mi sbag
lio, cosi iniziano i vangeli, non e vero? E sempre se non mi sbaglio, il re Salo
mone chiede a dio una sola cosa: la sapienza. Anche dio Thot chiede ai angeli di
luce di concederli la sapienza per aiutare l umanità a trovare lo spirito che e i
n ogni uno di noi, di trovare se stessi per non perdersi nel buio delle tenebre.
Perche cosi tanta somiglianza? Le prime sono molto, ma molto più vecchie delle ul
time, per qui la conclusione e solo una: la contraffazione delle tavolette. Il d
io Thot, era il dio del sole, e il sole e la luce, e la luce e la conoscenza o m
eglio la coscienza universale che viene dal Padre. La conoscenza di te stesso ti
da la coscienza che tu sei come il Padre, e tu uomo sei un dio. lo so che pochi
capiscono la profondità di quello che dico, ma se tutto questo vi porterà a un atti
mo di riflessione, avete già fatto il primo passo per comprendere la meraviglia de
lle meraviglie che avete in voi stessi. Tutti i popoli antichi hanno adorato il
sole, proprio perche sapevano c he il sole generava la vita. I romani lo chiamav
ano Sol invec tus, e vogliono farci credere che la parola sole viene dal latino,
e che sempre secondo loro la lingua rumena e una lingua che deriva dal latino.
Se il sole e una parola latino, anche il culto del sole degli daci dovrebbe esse
re una continuità del culto de i romani. Ma i romani hanno copiato il loro pantheo
n dai gre ci cambiando i nomi degli dèi, e i greci hanno copiato il loro pantheon
dai geti. Sole in rumeno si dice soare, sori e il plurale. La pronuncia corretta
invece e suare. In sanscrito suria significa sempre il nostro astro, cosi come
per i iraniani suria definisce sistema solare e l alba. Solo la parola rumena so
are contiene R e allora l origine del Sol e nel soare e non viceversa. Al SoaRE
può essere avvicinato Ra egiziano, e le parole RAze(raggi) e zaRE non possono esis
te dal latino Sol, ci solo dal SoaRe rumeno. Probabilmente vi chiedete perche se
mpre devo parlare dei daci. Semplice. La religione cattolica e nata 1700 anni fa
, dopo di che i romani hanno conquistato la Dacia quale, cosi come abbiamo visto
e stata la loro più grande conquista, la più grande vittoria che l impero poteva av
ere, immortalata su la colona di Traiano, il vincitore. In tutto l impero, la re
ligione era politeista, e il culto per diversi dèi era
159
quasi lo stesso. Che cosa succede di cosi importante tra le nazioni del impero,
che compare il corrente monoteista? I daci praticavano il culto del sole, e test
imoniano di questo il grande santuario astrologico della Sarmisegetuza. La confi
gurazione del santuario dacico e: di tre cerchi concentriche con altre colone di
sposte in forma di ferro di cavallo in mezzo, poi ce una massiccia pietra tonda
che si chiama il sole di andesite. Il culto per il sole ha fatto di loro dei inc
redibili astrologi. Il loro anno aveva 365,242197 giorni c on un errore di 12 se
condi rispetto quello moderno. Poi ce un incredibile somiglianza tra il calendar
io degli daci con il calendario dei maya. I daci come anche i maya avevano due c
alendari: uno calcolato dopo il sole e l altro dopo la luna, e il sistema di cal
colare per il tempo pare essere identica. La Sarmisegetuza non e stata costruita
dai romani, e stata distrutta da loro. I romani possedevano conoscenze importan
ti del architettura, ma li non è loro opera, cosi come non lo è in tanti posti dove
loro si vantano di averli fati. Ricostruire e o conto, costruire tale enigmi ne
dubito forte. I santuari e i tempi somigliano con Stonehenge, e con quelli dei m
aya, le mura di pietra sono stati fatti senza malta o fatti con un materiale sco
nosciuto, il gigantismo di tutto il complesso e impressionante, il fatto che anc
he quando piove fortissimo li non troverai ne meno la minima pozzanghera, non ri
specchiano la loro tecnologia. No, state zitti. Non ditte mai queste parole: non
lo so e falso. Qualcuno dovrebbe studiare per sapere, sapere per comprendere, c
omprendere per giudicare Apothegem di Narada. Nel tempio dacico di Sinca Vecchia
, vicino a Brasov, ce un disegno sui muri che praticamente e il simbolo di una n
avetta spaziale con dentro una stella tetraedrica con il simbolo yig-yang nel ce
ntro, che indica che i daci conoscevano il principio Merkaba, che sta alla base
del principio di materializzare e smaterializzare, di superare la barriere di te
mpo e spazio, e dei viaggi interdimensionali. Ma per capire bene come hanno iniz
iato le religioni dobbiamo tornare ai pelasgi. Abbiamo detto che questo popolo m
isterioso, veniva dalle terre artiche del nord, e che venivano chiamati iperbore
i. Un può di giorni fa, guardavo delle mappe antiche e ho scoperto che nel 1460 e
suppongo che anche molto prima di questa data, l oceano artico si chiamava l Oce
ano iperboreo, e che il Mar Nero che i romani chiamavano Pontus Euxinos, fino al
1700, si chiamava il Mar Maggiore o il Mar Grande, ma in nessuna di queste, il
Mar Mediterraneo non veniva chiamata con un altro nome. Questo particolare, per
me e un motivo in più, un altro indizio che la civiltà e iniziata in Europa. I ebrei
non potevano chiamare il Mediterraneo, il Mar Grande o maggiore, al limite la c
hiamavano Adria, come i greci. I antichi non si sbagliavano quando affermavano c
he i pelasgi erano iperborei, per che venivano proprio dal Oceano iperboreo. Io
affermavo che venivano dalla Terra cava, sempre dalle regioni artiche del nord,
anche se questa definizione non e giusta; perche a quei tempi al polo nord era u
n mare caldo e pieno di vita cosi come lo era tutta
160
Europa. In anzi tutto, il popolo de pelasgi aveva delle conoscenze che noi ne me
no oggi non abbiamo, la loro saggez za non può essere superata oggi. S i vestivano
, parlavano e avevano un aspetto diverso dai umani. Erano alti, barbuti, con i c
apelli chiari e gli occhi azzurri, e l umanità non poteva non notare la differenza
. Le scritture ci dicono che il primo uomo nato dalla terra nera fu Pelasg, che
prese il suo nome dai suoi maestri che lo istruirono per trovare la via verso l
a spiritualità e verso la vita di comunità in stretto contato con l universo per gli
uomini. Lui radunò tutti gli uomini che abitavano nelle grotte e caverne della te
rra e li ha insegnato di vivere nelle cappane. Nei apocrifi del Antico Testament
o, e scritto che in quei tempi, voi, vivevate come i animali, e mangiavate come
loro, e in tante leggende l uomo viene descritto come uno che parlava e capiva l
a lingua degli animali. Saranno tutte queste affermazioni, solo immaginazione de
gli antichi? Cerchiamo di ragionare. Sappiamo che l uomo non era un animale, per
che lui fu creato come una specie diversa da esse, e comunque Darwin ha fatto un
a teoria del evoluzione che ha quanto pare, di sicuro non può essere una certezza.
L uomo, cosi come ci dice l apocrifo del A.T. viveva come un animale, non era u
n animale, che fa una bella differenza; poi l uomo parlava la lingua degli anima
li. E come? Ricordatevi Tarzan e Mowgli, due esseri umani che vivevano con gli a
nimali, che sapevano tutti le loro abitudini, che capivano tutti i loro gesti e
gridi, e non possiamo non nominare qui l amico del re di Uruck Gilgames, Eridu,
che era un selvaggio che viveva con gli animali e si accoppiava con loro. Perche
non devo credere questo, quando nella bibbia esiste una delle più insolite regole
che Yhwe, dette al suo popolo? Sentite cosa recita: A nessun animale darai il t
uo giaciglio, rendendoti impuro con esso; né una donna si presenterà a un animale pe
r l accoppiamento: e una oscenità! Leggendo questo ti chiedi spontaneamente che ca
spita di regola e? Ei ragazzi, la regola e molto più antica di quanto è il popolo de
i ebrei, questa e una regola che i pelasgi dettero ai umani radunati dalle grott
e e caverne, perche le loro abitudini erano quelli degli animali con quale vivev
ano e si accoppiavano. Questo uomo animalesco era l uomo erectus, che poteva anc
he parlare se qualcuno lo insegnava qualche lingua, cosi come potevano parlare a
nche i nostri eroi di quale dicevamo prima. Tutti questi l uomo erectus vengono
portati verso i comportamenti umani dai pelasgi. Loro non hanno portato l uomo v
erso una evoluzione fisica o tecnologica, ma intellettuale, verso la spiritualità,
non verso il progresso tecnologico. Al mio avviso, i primi passi del uomo verso
la civiltà iniziò nei territori del attuale Russia europea partendo dalle montagne
dei Urali circa 400.000 anni fa. La popolazione iniziò ha crescere e lo spostament
o verso il Mar Maggiore (Mar Nero) dove il clima era più dolce, fu alla fine un mi
glioramento importante della vita. Ma in quei tempi questo mare non esisteva e l
acqua era portata dei bracci del Danubio che formavano un piccolo golfo di un g
rande lago con acqua dolce. La zona del attuale Moldavia, Ucraina e il N E della
Romania era un zona adatta per il popolo dei pastori, agricoltori, viticoltori
161
e apicoltori della nuova umanità. L uomo non conosceva la guerra e la divisi one s
ociale. Le capanne furono sostituite con abitazioni di terra, la caccia non era
conosciuta perche avevano animali domestici, e non per caso la bibbia ci dice ch
e i primi uomini erano agricoltori, pastori, e grandi musicisti di lira e flauto
. E proprio li, in questo angolo della terra che si trovo la più arcaica civiltà uma
na. Uomo iniziò ha parlare la lingua dei iperborei , i loro maestri, e la prima sc
rittura erano dei segni. Per poter scrivere, come non esisteva l alfabeto, uomo
disegnava la forma de l oggetto di quale parlava, e quale, con il passare del te
mpo diventava più complessa. Non ha logica ha pensare che la scrittura cuneiforme
era il primo tipo di scrittura. Da dove li veniva in mente di farlo? Quella mi p
are un ulteriore progresso. I iperborei, civilizzatori del umanità vivevano insiem
e con gli uomini. Questo popolo, che veniva dalle viscere della terra era il pop
olo dei ariani, quegli che da centinaia di millenni portano la nuova umanità verso
la luce. I iperborei portarono i uomini sempre più in centro del Europa, verso l
arco carpatico. In questo tempo succede qualcosa. Su la terra arrivano i dèi. Popo
lo forte e progredito, che si mettono ha vivere vicino alla comunità degli uomini,
pero molto al est del continente. Iniziarono ha drenare i fiumi, a fare canali
per irrigazione, costruire cita forti di pietra e piantare il cosi detto giardin
o di Eden. Questo giardino paradisiaco, secondo me, si trovava sul le rive del D
anubio superiore, dove oggi sono Germania, Austria,Ungheria, perche nella bibbia
ci dice che il giardino era bagnato di un solo fiume quale si divideva quando u
sciva di essa in quattro bracci. A quei tempi i bracci del Danubio sicuramente e
rano più lunghe e molto diverse di quanto erano nel antichità. Le navi degli dèi e la
lor o tecnologia incuriosirono i uomini. In Europa furono costruite le più grandi
piramidi del mondo, per alimentare con energia le loro navi, e per alimentare co
n energia del immortalità loro stessi, perche la piramide produce un energia che a
llunga la vita e mantiene inalterate le proprietà di qualsiasi cosa che viene mess
a dentro o fuori del suo perimetro. Queste piramidi si trovano in Bosnia, e sono
state costruite molto prima del diluvio, perche sono state coperte di una grand
e quantità di fango di proveni enza marina, in quale si trovano tanti crostacei de
lle ere primarie. A questo punto i ariani spiegano ai uomini di non cercare la c
onoscenza degli dèi perche questa li porterà alla morte. Conoscendo la cattiveria di
quella razza e la rovina che prod uce la loro tecnologia, i ariani spiegano ai
umani di evitare ha conoscere quelle creature e la loro vita. L uomo, curioso, e
inconsapevole del male che comporta la tecnologia, (la guerra, l invidia, odio
e il dolore), viene con astuzia ingannato da loro. Non lo sappiamo come si chiam
a il primo uomo o il primo tribù degli uomini che scelsero di passare dalla parte
dei extraterrestri, pero di sicuro non si chiamava Adamo. I ariani non dettero a
i umani un divieto, ma una scelta ed e per quello che i preti dicono che i uomin
i hanno avuto il libero arbitrio. Probabilmente e scritto da qualche altra parte
, perche nella bibbia il libero arbitrio non esiste proprio. Li esiste la legge
e la punizione, come le leggi
162
giudiziarie dai nostri tempi. Ai commesso un reato sarai p unito conforme con la
legge, non ai scelta. Vedete come sono scritte bene le cagate della bibbia? Ved
iamo che succede in seguito. Parte dei uomini scelgono di andare con i extraterr
estri, ed e questo l episodio della tentazione del diavolo che li dice di mangia
re dal albero della conoscenza. L Eden in quale vivevano i primi uomini rapprese
ntava la loro vita senza fatica e senza il pensiero di che cosa li offre il gior
no di domani. La loro vita insieme con i ariani era tranquilla e tutto quello ch
e producevano si divideva in parti uguali per tutti; si aiutavano tra di loro e
la loro spiritualità, le loro conoscenze della terra, della natura e del universo
erano molto evolute. Il sole donatore di vita non aveva dei segreti per loro. Do
po il sole misuravano il tempo, dopo il sole sapevano quando e il giorno adatto
per mietere, raccogliere, mangiare e dormire. Gli extraterrestri li incantarono
con la loro tecnologia da quale uomo non sapeva nulla. Quando quei uomini decise
ro di andare con gli dèi, coincide nell a bibbia con l allontanamento dal giardino
di Eden quello vero in quale abitavano con i ariani. E vero che il giardino deg
li dèi poteva essere più bello, perche loro portarono dei pianti per il loro nutrime
nto che non erano su la terra. Il loro Eden era so lo un illusione per i poveri
uomini, perche quando andarono dalli dèi, andarono per lavorare e custodire il gia
rdino, e produrre cibo per loro. L uomo diventa schiava degli dèi, che da sola ha
scelto. Questa divisione tra gli uomini che rimasero con ariani e quelli che and
arono con gli dèi, rappresentano i due figli di Adamo della bibbia, Caino e Set. P
er gli dèi Caino era il ramo maledetto come abbiamo visto e di quale non abbiamo m
olti dettagli, perche loro vivevano con gli ariani, invece con Set le cose cambi
ano. Il fatto che al uomo i fu data la conoscenza che porta alla perdita dello s
pirito, la bibbia ci lo presenta come l acquisto della morte per tutta l umanità e
con il peccato. Pelasg, il grande saggio, rimasto con l'altra parte del umanità q
uale n on ha perso le sue vere conoscenze si ritira tra i Carpazi dove il grande
portale del energia era ancora aperto, e doveva essere protetto. Caino rapprese
nta l umanità che con gli anni diventa più illuminata e forte. Iniziando da li, la s
tirpe umana che rimasero con i arianii, inizia ha proteggersi dal grande flagell
o del male. Le cita diventano grandi e fortificate con muri, e vengono nella mag
gior parte costruite su le montagne poco accessibile, e l umanità deve imparare la
guerra per difendersi. La vita spirituale vera, era su la montagna sacra che do
vevano difendere. I grandi flussi di energia e l insegnamento che i ariani inizi
ano a dare ai uomini rimasti con loro, era che sono immortali. L umanità era abbas
tanza cresciuta per capire la grande meraviglia che nascondevano dentro di loro,
cosa che i facevano molto più forti di quelli che abitavano con gli dèi. Loro non a
doravano su la montagna e non pregavano il cielo. Li, su, loro trovavano il loro
legame con universo.
163
Le tribù di Set, andarono con gli dèi, perche a Set i fu promessa la vita degli dèi e
l immortalità. Solo che anche lui mori dopo un grande numero di anni, e rimane una
domanda. Perche la sua discendenza ci viene descritta con una vita millenaria?
Abbiamo già parlato: lui sopporta una manipolazione genetica. Le gene della vita v
engono modificate. Sempre in questo periodo, succede qualcosa di insolito, e di
questo ci parla la bibbia, nel capitolo della genesi. Quando gli uomini comincia
rono ha moltiplicarsi sopra la faccia della terra e nacquero loro delle figlie,
avviene che i figli di dio videro che le figlie degli uomini erano belle e se ne
presero per mogli tra tutte quelle che più loro piacquero . E queste partorirono
loro dei figli E chi erano questi figli di dio? Professor Zecharia Sitchin che n
on solo ha tradotto le tavolette sumere, ma e riuscito come nessun altro anche h
a dare un interpretazione del loro racconto, ci dice che questi dèi o extraterrest
ri sono venuti su la terra insieme con altri dèi minori, che i sumeri chiamavano A
nnunaki. Io, affermavo che i dèi minori si chiamavano Innuaki, e che erano degli
schiavi che i grandi dèi portarono con loro dal pianeta Innua, da dove furono obbl
igati ha scappare, perche i abitanti di li riuscirono ha smascherarli, e compren
dere che vole vano il controllo del loro pianeta. Nel vagare nello spazio, incon
trarono la terra, dove i abitanti erano nelle prime fase della loro evoluzione s
pirituale e di civilizzazione. Nelle tavolette sumere, vengono chiamati Nefilim
che significa il popolo butta to giù Mi pare ovvio questo nome, dal momento in qua
le stiamo parlando di un popolo che non aveva una dimora propria, e quale per la
loro cattiveria furono allontanati anche dai altri extraterrestri, che salvaron
o in questo modo il loro pianeta. La vita d ei poveri Innuaki era dura, perche l
oro dovevano lavorare per costruire l abitato ideale per i loro padroni, fino qu
ando la loro sopportazione arrivo al massimo. Loro chiedono agli dèi nuovi bracci
per lavoro. In un assemblea straordinaria, gli dèi pensano di creare un lavoratore
primitivo che doveva portare avanti il lavoro degli Innuaki. Ed e proprio li ch
e succede la tentazione del diavolo descritto nella bibbia. Adamo rappresentava
il uomo evoluto su la terra, quale con l aiuto degli ariani andava vers o la con
oscenza della sua essenza spirituale. I due figli di Adamo, rappresentano invece
la divisione del umanità. Il ramo che rimase con gli ariani e quello che andò con g
li dei. Le condizioni del uomo rimasto con gli dèi peggiorava. Il lavoro, la divis
ione, e la fatica che dovevano sopportare era grande e gli dèi non conoscevano la
pietà. Una parte dei pelasgi con i loro uomini rimangono nei Carpazi per difendere
il portale che era li, e altri partono verso Tibet per difendere il secondo gra
nde portale della terra. Nel decorso dei millenni Pelasg moriva e rinasceva con
altri nomi per far capire ai uomini che l immortalità dello spirito non e una bugi
a, e le nuove generazioni di iniziati trasmettevano questo insegnamento a tutti
gli uomini, cosi come più tardi faceva Zamolxe e cosi come abbiamo visto furono di
eci esseri di luce che morivano e rinascevano per convincere l umanità della loro
immortalità. Gli dei
164
nel fra tempo si spostano nel medio oriente insieme con i loro schiavi umani, pe
rche il posto vicino ai saggi pelasgi non era possibile, perche la loro astuzia
veniva subito smascherata di quest ultimi. Ed e questo il punto quando i figli d
i dio iniziano ad accoppiarsi con le donne umane. I dèi minori ci vengono descritt
i nelle tavolette sumere, sottomessi ai dèi grandi, senza il diritto di partecipar
e alla loro assembla e che questi Innuaki erano solo esseri normali. Erano loro
i figli di dio che si unirono con le donne che partorirono i grandi eroi del ant
ichità, perche la bibbia ci dice che a quei tempi erano i nefilim su la terra, e a
nche dopo. A deferenza dei pelasgi, questi dèi impararono agli uomini la scienza,
astrologia, magia, i segreti delle piante, l aborto, i segreti del universo e la
tecnica di guerra per difendersi dai pericoli. L uomo era diventato come gli dèi.
Anche i dèi grandi, che erano una razza diversa dai uomini provarono di seminare
artificialmente le donne con il loro seme, solo che i figli che nacquero erano d
ei giganti, cretini e crudeli, che iniziarono ha tormentate i loro genitori con
la loro cattiveria e con il grande appetito, nel modo che i uomini non potevano
più a sostenerli. Contro di loro troviamo sempre i eroi, che difendevano con la lo
ro abilità e forza, gli umani, loro genitori. Dai esperimenti genetici dei grandi
dèi uscirono le più orrende, temibile e crudele creature, che alimentarono per mille
nni i miti popolari. Il fatto che i dèi minori insegniarono ai uomini i segreti de
lla tecnologia degli dèi scatenò un putiferio fra i dèi maggiori quale voleva tenere u
omo nello stato di schiavitù e di ignoranza, ed è per questo che INNUAKI furono puni
ti da dio, e mandati nelle viscere della terra. Quando sarà il tempo loro ci aiute
ranno di sconfiggere i demone rapace che ha incatenato loro e ha sottomesso noi.
Nel fra tempo su la terra stava arrivando la furia nera: il diluvio. Gli dei no
n si preoccupano per l umanità. La loro morte significava l eredità della terra per
loro, e cosi andarono su nei cieli per aspettare che tutto passava. I ariani ins
ieme con i dèi minori, invece mettono in salvo una parte dei saggi umani e le loro
famiglie, costruendo un imbarcazione resistente al grande cataclisma, che parti
dalle vicinanze dei Carpazi. La bibbia ci dice che l arca galleggiava sopra le
acque che si alzassero di 6 metri sopra se cime delle montagne, perche l oceano
invase la terra. Un'altra generazione dei uomini peri, ma i ariani conservarono
il seme. La bibbia ci dice che subito dopo il diluvio, la prima cosa che i sopra
vvissuti hanno fato, fu la coltivazione di una vite, e che l arca si fermo su le
cime di Ararat. Comunque la nuova generazione degli uomini era più evoluta di pri
ma, nel senso che se questi abitavano nelle grotte delle montagne, non era perch
e tornarono a vivere come gli animali, ma perche le acque non li permettevano di
costruire le case e di occuparsi del allevamento degli animali. L uomo tornava
per questo a vivere come gli animali. Quando gli dèi tornarono su la terra dovevan
o ricominciare da capo la ricostruzione. I portali spirituali dei Carpazi e del
Tibet erano chiusi. Il solo posto da dove potevano ricominciare era il medio ori
ente. La bibbia ci dice che le tre famiglie, cioè i figli di
165
Noe dopo la maledizione che lui fa a Cam e Iafet, si divisero. Poi se dobbiamo s
tare nel testo, significa che la seduta di questi sul Ararat era di anni buoni,
perche piantare una vigna e aspettare che da i frutti, significa al meno 3 -4 an
ni per cui sono sicura che sono passati molto di più. Dal Anatolia, le tribù degli u
omini iniziarono ha migrare verso i posti dove era stata la loro casa prima del
diluvio: l Europa, e nella bibbia vengono menzionati come i discendenti di Iafet
, che popolarono le isole del Mediterraneo. Dopo il diluvio si formò il Mar Nero,
e anche il Mar Caspico e le tribù degli uomini salgono fino al Danubio e con il te
mpo anche oltre. Li compaiono dopo millenni di evoluzione le misteriose civiltà mi
noica, troiana e atlante. E li che nasce il grande tribù dei traci e sempre da li
partono anche i ahei. Un ramo sale su le sponde nordiche del Danubio e si stabil
isce li, prendendo nome dei geti. Le montagne dei Carpazi e le foreste erano pau
rose, ma loro si abituano a conoscerli. I ariani tornano portando la nuova gener
azione verso la civiltà spirituale dei loro antenati ed e per questo che io afferm
o che la vera spiritualità e nata li, nelle cime dei Carpazi. E per questo che e c
osi tanta differenza tra il nuovo e il vecchio testamento. Li erano i veri princ
ipi della spiritualità, e Zamolxe, prima si chiamava Apollo, il dio del sole, di q
uale parlano i antichi. Lui moriva e rinasceva con altri nomi per far capire al
umanità la loro essenza immortale. In Europa i sacrifici e l adorazione non si fac
evano, perche la loro guida spirituale viveva con loro e si trovava su le cime d
elle montagne. Un altro ramo del umanità, parte verso Asia e medio oriente e sempr
e li in medio oriente trovano dimora anche i dèi ritornati dal cielo. Di loro parl
a la bibbia e le tavolette sumere decifrate di professor Sitchin ed e proprio li
che sta la chiave del imbroglio. L epopea di Gilgames, dice, che gli dei spaven
tati del arrivo del diluvio, tremavano e piangevano e salirono ai cieli fino qua
ndo il grande cataclisma del diluvio non era passata. Al loro ritorno su la terr
a trovano gli uomini sopravissuti mangiando, e si stringono come le mosche a man
giare il loro pasto, ma nello stesso tempo la maggior parte di loro si chiedono
come hanno fatto di salvarsi, perche la loro morte, e il fatto di non essere avv
isati di quello che stava per succedere, era una decisione presa nel assemblea d
egli dèi. Questa ci fa capire che gli dèi non sapevano del salvataggio della razza u
mana, e comunque il loro numero ridotto non era una barriera per loro. L uomo di
viso in tre rami, inizio a moltiplicarsi di nuovo su la terra. I due rami malede
tti di Iafet e Cam, cosi come abbiamo detto popolarono di nuovo Europa e Asia e
un'altra parte insieme con il ramo di Sem, il benedetto si stabilirono in medio
oriente da dove migrarono poi in Africa su le sponde del Nilo. Gli dèi piantarono
di nuovo il loro giardino su la terra fertile di Tigri e Eufrate e ricostruirono
parte delle cita distrutte dal diluvio. Gli uomini diventavano sempre più numeros
i e gli dèi avevano bisogno di braccia per il lavoro di trasformazione della terra
nel ambiente adatto per la loro vita. Nella bibbia Yhwe dice decine di
166
volte che la terra e sua, e noi come idioti pensiamo che dice cosi perche la cre
ata lui. Questo Yhwe e solo il capo di un popolo alieno che controlla la terra e
le nostre vite. La scelta di Abram, insegna un altro capitolo del astuzia di qu
esto dio, che sicuramente non avviene solo 2000 anni fa. Il ramo benedetto di Se
m, che dio sceglie e il ramo a quale dio i rifiuta il albero della vita, cioè la m
anipolazione del DNA, che da 12 eliche scade a due, ed e il ramo in quale dio in
persona impianta il suo seme che nei testi apocrifi viene descritto come piaghe
che dio ha messo in nostro corpo. Nelle scritture apocrife ci viene detto che s
atana ha impiantato al uomo settantasette piaghe, in tutto il suo corpo. Ci cred
o, con il DNA mutilato, con la riduzione di utilizzare il cervello alla sua inte
rra capacità, con l odio, astuzia, superbia, lussuria, crudeltà e tante altre lui ci
ha fatti i eredi perfetti della sua razza. Abram era il primo uomo che era dive
ntato come uno di loro. Non un dio come di solito viene interpretato, ma come un
o di noi cosi come ci dice la bibbia. Sara la sua moglie viene nuovamente semina
ta artificialmente e il suo figlio, quando deve sposarsi deve avere un erede sol
o dal ramo benedetto di Sem. Il sangue reale è il sangue degli extraterrestri che
score puro nei rami di tutti quelli che hanno guidato l umanità dal principio fino
ad oggi. La loro linea di controllo su tutti noi fu stabilita dal principio, e
continua anche oggi. La discendenza di Abramo, la razza pura aliena si doveva es
tinguere in tutto il mondo. Le guerre che dio ha fato contro altri popoli sono s
olo l estinzione di tutti quelli che detenevano i segreti della loro tirannia e
del loro imbroglio. Quando uno e vicino a smascherarli muore misteriosamente. Do
bbiamo riconoscere che ci sonno riusciti. Hanno distrutto tutte le grandi civiltà
antiche,e nei nostri tempi i indiani del nord America custodi di grande sapienza
, i maya, inca, e perfino i preti buddisti, la grande civiltà egiziana e i ebrei.
I templari, i cavalieri di malta e l inquisizione hanno ucciso tutti quelli che
sapevano che la religione che oggi si chiama cattolica si basa sui insegnamenti
di Zamolxe, che era in verità la via verso l immortalità che insegnavano da millenni
i saggi sacerdoti geti, invece i insegnamenti del vecchio testamento sono le vi
cende di questi dèi rapaci. Ma come compare questa religione? I dèi del medio orient
e iniziarono ha costruire la loro civiltà. Vicino a loro era la comunità degli uomin
i che la bibbia ci presenta come tribù di Cam e Sem. Il tribù di Sem va a servire i
dèi, e dalla sua discendenza iniziano le manipolazioni genetiche. Queste persone e
rano i schiavi degli dèi, erano i loro servitori, e cosi come ci dice la bibbia, d
io era il loro re. Con il passare degli anni, dio sceglie persone fidate alla su
a causa, per domare il popolo e convincerlo a seguirli. Abramo era il primo uomo
modificato geneticamente e la sua progenie erano persone che portavano nelle ve
ne il sangue blu degli dèi. Dovevano essere protetti e portati nei luoghi sicuri p
er moltiplicarsi. Dio deve seguirli e stare con loro. Con Mose, inizia il culto
per dio. Al inizio dio, compariva davanti al suo popolo nella sua astronave su l
e cime delle montagne e solo il scelt o poteva andare a parlare con
167
lui. Del popolo ebreo dio si ha fregato sempre. Per lui erano importanti solo qu
elli che avevano in sangue l eredità degli alieni. Il portale del medio oriente er
a sotto sorveglianza degli ariani, e dio lo doveva conquistare. Cosi parte con i
l suo popolo dal Egitto, verso Libano, il luogo del atterraggio. Il lungo viaggi
o nel deserto che i poveri uomini hanno sopportato, era solo l attesa per il mom
ento quando doveva attaccare. Ma nel deserto non erano montagne, e dio doveva st
are in mezzo al popolo. Per non insospettirli di più, chiede a Mosè di costruire la
tenda del alleanza dove venivano custodite le sue armi e la sua astronave. Il lu
ogo che si chiama santo santissimo era il posto dove andavano solo i preti, e do
ve dio parch eggiava il mezzo volante. Vi ricordate che Arrone non poteva fare i
l servizio, quando la gloria di dio, cioè il fumo del astronave era cosi denso, ch
e dovevano uscire. Quel luogo, era santo per questo, per impedire al popolo di e
ntrare e di non vedere la verità. La guerra santa, fata ai popoli di eroi dalla st
irpe di Cam, che difendevano il portale e il luogo del atterraggio, rappresenta
il massacro di ultimi difensori della verità, e come abbiamo visto dovevano essere
ammazzati tutti, uomini, donne e bambini. Gerusalemme era una cita santa perche
era il punto di controllo, e come lo chiama la bibbia era l ombelico del mondo;
il punto dove il cielo com unica con la terra, il punto quale dopo sanguinose b
attaglie, fu preso dalle forze del male. Ma nella tenda, si dovevano fare anche
i sacrifici per dio: le più schifose e mostruose omicidi di uomini e animali in on
ore di dio. Come si può pensare, in nostro secolo che i nostri antenati sacrificav
ano per dio i loro bambini per la loro volontà? Uomini soffrivano, piangevano e la
disperazione era senza limiti, quando vedevano i loro figli tagliati e dissangu
ati su l altare, per soddisfare il bisogno di sangue per questo dio demone. O se
ntito tanti cattolici che condannano la religione musulmana. Perche? Non hanno l
etto la loro bibbia per vedere i orrori che sono in essa? Nel nuovo testamento G
esù dice che lui non e venuto al mondo per anulare la legge. Anzi nessuna parola d
i essa non sarà modificata, e la legge comprende i primi cinque libri della bibbia
. Nel mondo antico, i templi furono costruiti prima non per i sacrifici ma per c
onsultare i oracoli. I preti erano le persone che comunicavano con la divinità, ch
iedendo consigli nelle diverse imprese che gli uomini dovevano fare. Una persona
poteva andare tranquilla nel tempio di Apollo e poi nel tempio di Zeus, senza s
ubire nessuna punizione. Poteva consultare e seguire tanti dèi senza avere nessun
peccato. Quando il dio ebreo sconfisse tutti e ammazzo tutti i uomini valorosi,
divento dio del umanità. Nei tempi degli dèi iniziarono i sacrifici per lui. Tutto i
l mondo era nel suo potere. Il tempio diventa la casa di dio perche li, venivano
custodite i suoi armi e i velivoli. Il sacerdote era il guardiano di questa cas
a del dio crudele. Sempre li, quando le tende non furono più necessarie perche con
quistò i tempi, iniziarono i sacrifici. Erano questi le utilità dei tempi che poi il
nostro dio trasformo in chiese. E
168
da li mi viene un'altra domanda legittima. Come fa un dio buono e giusto accetta
re che la sua chiesa prenda il posto di un luogo dove i sacrifici portarono al d
olore, dove il sangue innocente scorreva nei fiumi e dove la sporcizia dei anima
li puzzolenti, sgozzati hanno infettato la purezza del luogo santo? Quando i sac
rifici furono cessate, dio, come quals iasi demone, trovo un altro modo di nutri
rsi. Le emozioni negative degli uomini. La bibbia incute con astuzia tutto: paur
a, colpa, peccato, umiliazione e sottomissione sono i sentimenti che un cristian
o deve avere nei confronti di dio. E questa la vera origine della religione e de
lle chiese. La paura del demone che è sempre questo dio, i miracoli e le meravigli
e che può fare sono la via per perdere la tua volontà, la tua identità e guadagnare la
tua sottomissione verso di lui che non e più bravo per niente di un uomo, che è la
sua creazione e rispecchia la sua imperfezione, malvagità e crudeltà. Ma rispetto a
lui, uomo ha dentro di se un tesoro che a lui manca. I sentimenti di amore. Quan
do uomo sarà dominato solo di questo sentimento, il demone sarà vinto. L amore, per
lui significa la morte. Per sconfiggerlo non ci servono armi, ma l amore. Tutto
il male e la cattiveria che e nel mondo e il suo cibo, e noi i lo diamo ogni gio
rno. E questa l origine della religione e della chiesa. I romani hanno mescolato
b ene il vero insegnamento della liberazione del uomo con gli orrori del dio eb
reo, cancellando ogni tracia prima della nascita della chiesa cattolica. Costant
ino di Bisanzo non stabili ne il contenuto della bibbia, ne la religione cattoli
ca, lui decreto l editto di tolleranza della religione in tutto il territorio de
l impero romano e servi i suoi dèi fino al punto di morte. Le minchiate di Pietro
primo papa, che fu crocifisso con la testa in giù, dopo 300 anni della sua morte,
la croce di Gesù trovata dopo 3 23, dalla mamma di Costantino sono solo strozzate.
La caccia dei romani per i apostoli e un'altra bugia. Quelli non sono mai esist
iti. La vera caccia che i romani fecero era la distruzione delle persone che cus
todivano i segreti di Zamolxe e del suo popol o che si credeva immortale, per po
i poter sostituire tutto, e per vantarsi loro di queste meraviglie. Loro erano i
veri criminali e assassini delle generazioni illuminate. Il popolo ebreo, e un
altro martire della sanguinosa chiesa romana, che banchetto con Hitler e salvo t
utti i nazisti che decimarono milioni di persone. Gli ebrei dovevano morire perc
he erano i testimoni e i primi oppositori della dottrina cattolica, quale ne men
o oggi non riconoscono questo Gesù mai esistito su le loro terre. Dio ha promesso
a questo popolo una terra che hanno avuto solo da qualche decine di anni fa, ha
promesso che radunerà tutte le tribù di Israele e non saranno mai dispersi. E quando
mai? Le tribù di Israele non sono solo Palestina e Israele. Secondo la bibbia que
sti tribù rappresentano tutto il medio oriente e i paesi arabi. Perche non sono ne
meno oggi conciliati? Perche dio e un bugiardo che se ne frega di quello che ch
iama il suo popolo. Il suo interesse li, era solo di farsi un nome, e poi
169
trasferirsi nel cuore del vecchio continente, a Roma, per essere vicino al vero
centro spirituale del umanità. I due dio della bibbia sono :il demone che è il nostr
o padre e che noi serviamo oggi e vergognosamente chiamiamo padre di Gesù e quale
e il dio del antico testamento, bugiardo, villico, omicida, sanguinario,prepoten
te, che è la stessa persona con quello che chiamiamo diavolo; e il secondo e il Pa
dre del universo e di tutti noi, che mandò dei esseri di luce per portarci su la v
ia della nostra immortalità. La grande confusione per quale non vogliamo aprire gl
i occhi sta nel fatto che tutta la vita del universo non e il risultato di una s
ola creazione, ma di due creazioni. La prima cosi come abbiamo visto e la creazi
one che il Padre del universo ha fatto. La prima creatura intelligente del unive
rso e l Adamo universale, che e la manifestazione del Padre nella materia, il pr
imo figlio di luce. Da lui parti la creazione di altri figli di luce che andaron
o a popolare tutto l universo. La seconda creazione invece, che e quella da qual
e siamo stati nati noi, è il processo di evoluzione delle diverse creature intelli
genti che sono i eredi della prima creazione. Nessuna creatura che moriva non si
estingueva, si trasformava seguendo il processo di evoluzione del universo. Nel
la bibbia questo processo viene descritto nei episodi della vigna di dio, quale
veniva tagliata perche dava frutti malati, ma il ceppo rimaneva sempre, non e st
ato mai sradicato. Da questo rinasceva sempre un'altra generazione. L uomo primi
tivo che rinasceva sempre era portato verso la luce di creature celesti di luce,
che hanno compito di insegnare la via giusta da seguire. Sul nostro pianeta inv
ece e successo una cosa insolita. Come su tutti i pianeti, su la terra vivevano
tante specie di creature in perfetta armonia, fino quando comparirono gli dèi. Raz
za fredda, senza sentimenti, crudele e potente, questi alieni senza casa hanno u
n solo scopo: il domino del pianeta. La legge universale da il libero arbitrio p
er qualsiasi creatura, e noi umani per il fatto che abbiamo scelto di restare co
n loro nessuno può intervenire per la nostra salvezza. I esseri di luce potevano d
arci solo indizi e trace da seguire per scoprire la verità. Potevamo essere salvat
i, ma gli dèi hanno vinto perche noi inconsapevoli li abbiamo aiutati, e in questo
modo siamo rimasti nella loro potere. Questi dèi che si vantano di averci creati,
con la loro malvagità minacciano l equilibrio del intero universo. Gli dèi non ci h
anno creato ma ci hanno trasformato rompendo il nostro legame spirituale. Gli dèi
ci hanno portato su un gradino inferiore di quello su quale eravamo prima. Le be
stie ci hanno superato perche loro vedono e sentono cose che noi non posiamo più a
fferrare. Gli dèi ci dominano, sono i nostri padroni, sono i nostri re, e noi li a
doriamo. Siamo in un grosso pericolo, e solo quei pochi preparati si potranno sa
lvare. Non perche qualcuno vuole la nostra morte, ma perche non riuscirono a sop
portare le grandi trasformazioni che ci aspettano. Il futuro lo abbiamo fato noi
co n le nostre mani, ed
170
e per questo che siamo in un mare di guai. Quando il pericolo sarà eminente gli es
seri di luce dovranno intervenire. Poi ce un'altra cosa degna di essere presa in
considerazione. La terra e viva, e la terra si alzerà contro di noi cosi come ha
già iniziato ha fare. Se non cambiamo, in poco tempo, ci prenderà tutti perche la ma
lvagità a superato ogni limite. Svegliatevi fratelli miei, e smettete di adorare q
uesto dio alieno. Noi siamo come lui e anche molto più forti. Anche noi siamo dèi, a
nche noi abbiamo dentro la potenza del Padre, solo che dentro noi abbiamo qualco
sa che a loro manca no. L amore, ed è per questa che siamo molto più potenti di loro
. Ci manca una sola cosa: la coscienza e la conoscenza di noi stessi. Noi possia
mo evitare il disastro che ci aspetta solo con amore e unità. Pensateci!
171
Cap.31 Siamo schiavi del sistema, che noi stessi manteniamo in vita
Lo so che pensate di essere liberi, ma non lo siete, lo so che pensate che la re
ligione non vi cambierà la vita, ma non e cosi e lo so che tutto quello che vi ho
detto fino adesso vi pare una fiaba, ma vi sbagliate. Il tempo e rimasto poco e
i cambiamenti della terra sono già iniziati, e pochi hanno tempo per vedere e medi
tare al futuro. Da una parte avete ragione perche saranno pochi che potranno sop
ravvivere, ma dal altra parte e un peccato che sapendo non vi siete salvati. Sia
mo vicini al 2012, e tantissimi si chiedono che cosa succederà, com e anche vero c
he tanti hanno scritto centinaia di pagine con diverse spiegazioni. Anche se las
ciamo perdere tutto, una cosa e certa e di sicuro la vedono tutti: qualcosa sta
per accadere, parche tutto e cambiato. Pensiamo che il nostro modo di vita, le n
ostre leggi, i nostri desideri, le nostre aspirazioni, la nostra scienza, la nos
tra religione, il nostro ordine sociale, la nostra libertà, i nostri governi, la n
ostra informazione e la nostra coscienza sono tutte corrette e giuste. Ma che co
sa e giusto e corretto in questo mondo? Perche ci lamentiamo che l uomo e imperf
etto e non facciamo niente a questo proposito? Non pensate a quello che ci inseg
na la chiesa, perche siamo cosi proprio per questo fatto. L uomo e imperfetto pe
rche segue un sistema imperfetto, creato dai alieni che ci governano dalle teneb
re. Se siete cosi religiosi perche non vi chiedete che cosa voleva dire Gesù con q
ueste parole: In un essere di luce c e luce che illumina tutto l universo. Se no
n illumina, sono tenebre. Ve lo spiegherò io. Noi tutti siamo figli di luce, e que
llo che arriv a dalla luce non può essere imperfetto, solo che la maggior parte di
noi ha perso parte di luce o tutta la luce, cadendo nelle tenebre. Noi non siam
o governati dalla luce, ma dalle tenebre, e crediamo che la verità dovrebbe essere
cosi. Un essere di luce n on condannerà mai queste persone, perche anche loro ven
gono dal Padre, solo che la via che hanno scelto da soli li porterà alla rovina. I
nutile a pensare che qualche dio scrive il tuo futuro o la tua fine; no, quello
lo facciamo da soli. Un essere di teneb re non sa chi e, da dove viene e dove va
, non vuole conoscere il principio ed e per questo che non saprà ne meno come sarà l
a fine. Scrive il suo destino che lo porta alla rovina da solo. L uomo e stato c
reato perfetto, ma e diventato imperfetto perche ha perso la luce che era in lui
, e perche la sua coscienza universale e stata nascosta dalle tenebre. E vero ch
e il nostro DNA è stato mutilato, ma non sradicato. Dentro il nostro sangue tutto
e disordinato, ma la nuova energia che arriverà su la terra inizi erà a rimettere tu
tto al suo posto, e allora vedrete uomini con dotte inimmaginabili, capace di fa
re cose di quale nessuno non pensava di poterli fare. Loro non sonno santi come
di solito ci piace chiamarli, ma il vero uomo dio che siamo tutti noi.
172
Noi siamo i schiavi di un sistema che manteniamo in vita con la nostra indiffere
nza, con la nostra pigrizia di giudicare e cercare la verità e la giustizia. Noi n
on vogliamo l unità, ma la divisione, perche per qualsiasi cosa, abbiamo il rovesc
io della medaglia. Noi giudichiamo tutto dopo le regole del sistema imperfetto c
he abbiamo non dopo la nostra coscienza. E vero anche che sono pochi che hanno t
ale meraviglia dentro di loro, ma forse questi pochi marginalizzati e umiliati,
questi ultimi esseri della catena del sistema che saranno i primi alla fine, riu
sciranno ha risvegliare la coscienza addormentata della maggioranza, e in questo
modo si riuscirà a creare l unità. Noi, non siamo liberi, abbiamo solo l illusione
di esserci, perche un uomo e libero solo per il tempo in cui e d accordo con il
sistema, con i suoi insegnamenti e con le dogme imposte di esso. Provate di dire
qualcosa di diverso, provate di spiegare un concetto accettato di tutti come co
retto in un altro modo in quale la verità sarà diversa di quella imposta. Provate di
sostenere con prove che avete ragione e mettetevi contro alla regola che e acce
ttata di tutti come la più valida verità. Rimarrete soli e delusi; ma la vera traged
ia e altra. Il fatto che sei unico a parlare di un argomento che nessuno non lo
può immaginare in un altro modo di come è stato accettato di tutti, non fa paura, pe
rche comunque pochi ti ascoltano, ma se arriverai anche con prove, che in questo
modo possono far tremare le sedie di sotto il loro culo, ti porterà alla rovina.
In questo caso la tragedia e questa: tra tutti quelli che ti ascoltano nessuno n
on si chiede e, se ha ragione? No fratelli, il sistema non ci permette di ragion
are dive rsamente delle sue regole. Lui è il pastore e noi le ignorante pecore che
lo segue. La pecora nera, deve essere inevitabilmente distrutta, ed e proprio q
uella, un essere di luce. Batterti per la verità in giorno d oggi e una vera rivol
uzione, perche la verità quando uscirà alla luce rovescerà sistemi, paradigmi e concet
ti. Il mondo in quale viviamo, non ha la base la verità, ma la menzogna, e la divi
sione e il punto forte del sistema per tenerci lontani uno dal altro e da la ver
ità. L amore non può esistere se esiste la divisione, perche l amore non significa a
mare solo le persone care, ma tutto il creato; partendo dalla tua famiglia fino
ad arrivare a tutto quello che ti sta in torno. Per farvi capire, partiamo da un
insegnamenti lasciato da quel saggio che noi chiamiamo Gesù. Lui dice: se una per
sona ti da uno schiaffo su la guancia destra tu dagli la sinistra, se uno ti ha
rubato il mantello, tu dagli anche la camicia. Ma che vuol dire con questo? E di
fficile accettare tale insegnamento in giorno d oggi, non e vero? Saranno belle
parole, ma come fai ha metterli in pratica? La verità e che il sistema in quale vi
viamo, non ci permette, quanti buoni posiamo essere di applicare questo insegnam
ento. E allora, cosa possiamo fare? Se noi amiamo Gesù e vogliamo essere come lui
ci dice, perche non lo posiamo fare? Perche questo sistema e sbagliat o, e noi c
he crediamo nella giustizia di questo
173
sistema e nella sua verità, siamo diventati anche noi parte della sua tenebra. Cos
cienti o no, noi manteniamo in vita la menzogna e l ingiustizia di tutto ciò. Il p
aradiso che tutti aspettano, non è stato, non è adesso e non sarà mai nei cieli. Quel
paradiso era, è, e sarà su la terra, ma non guidato da un pastore che viene dai ciel
i e che farà di noi un solo gregge. Quel paradiso sarà fato da noi uomini, quando sa
remo guidati dalla nostra coscienza universale, e quando capiremo che noi non si
amo come dèi, noi siamo dèi come loro, ma molto più buoni e molto più potenti di loro. P
roviamo di dare uno sguardo alle più grandi religioni di oggi. Iniziamo con la rel
igione ebraica perche da questa religione, dice la chiesa cattolica, è venuto Gesù,
e uno tra i più fedeli seguaci della fede ebraica e Giuseppe Flavio, che sempre se
condo la chiesa cattolica ha testimoniato del esistenza si Gesù. Vi chiedo onestam
ente facendo appello alla vostra coscienza: come ha fatto un seguace fedele dell
a fede ebraica come Giuseppe Flavio testimoniare di questo Gesù, quando loro anche
oggi aspettano la sua venuta? Come ha fatto lui, che ha descritto nei minimi de
ttagli qualsiasi evento e qualsiasi cita del suo paese, a scrivere solo due tre
righe di un personaggio che ha fatto cose impossibili per un umano, e quale dove
va rivoluzionare la religione ebraica? Perche Giuseppe Flavio arduo seguace dell
a fede dei suoi padri, doveva riconoscere un Gesù in quale un ebreo non crede e di
quale comunque non ha mai sentito? Fratelli, lui non lo ha mai fatto, ma le man
i pie della chiesa cattolica, si. Un ebreo non crede in Gesù, non per il fatto che
non vuole riconoscere la sua esistenza, ma perche loro sanno che questo Gesù inve
ntato dalla chiesa cattolica non e mai esistito su le loro terre, ed e per quest
o che loro lo aspettano ancora. Paolo non e un ebreo che era partito ha predicar
e il ministero di Gesù ai gentili, Paolo era un romano che parti ha predicare la c
azzata ai ebrei. Il suo compito era di convincere gli ebrei della venuta di ques
to Cristo che nessuno di loro non ha mai vistò e nessuno ha mai sentito. Non erano
i romani quelli che dovevano essere cristiani, ma gli ebrei, che erano contro d
i loro con tutte le loro forze. Se gli ebrei erano tutti cristiani, nel senso ch
e credevano in Gesù, perche per quasi 300 anni i templari sono stati li per cristi
anizzarli, e perche hanno ammazzato milioni di persone che non credevano le loro
cazzate? Perche avevano il quartiere generale in Giudea, la patria di Gesù, e per
che sono stati sempre li? Non e ovvio che quelli che dovevano essere cristianizz
ati erano i ebrei e non al contrario? Perche tutto il mondo ha odiato cosi tanto
i ebrei da sempre? Perche loro erano i testimoni viventi del grande im broglio
della chiesa. Loro sono le persone che non potevano e non possono accettare l es
istenza di Gesù, che non è mai stato esistito su la loro terra. La morte di Gesù che l
a chiesa mette nelle loro mani per far nascere il grande odio contro di loro, e
so lo un motivo per poter eliminarli in massa, e la chiesa aiutata dal suo amico
Hitler e riuscita ha decimarli per la loro disubbidienza di non volere la sotto
missione della loro fede ebraica alla fede cattolica inventata dai romani.
174
Poi ce un altro particolare che mi porta alla stessa ragione. Costantino di Bisa
nzio e la sua mamma Elena. Secondo la chiesa cattolica, lui e stato il personagg
io che decretò la religione cattolica come religione dello impero romano. Ammetten
do che è stato cosi, perche la religione ortodossa che e nata sempre secondo loro
verso 1400 1500, li festeggiano come un re e come una regina che hanno messo le
base del ortodossia e la chiesa cattolica, no? Perche la chiesa ha prodotto con
astuzia uno tra i più grandi falsi della storia: l atto di donazione di Costantino
di Bisanzio. Costantino, era il re del impero romano del est, con la capitale i
n Costantinopoli, che molto tardi prende il nome di Bisanzio. Costantino detenev
a come territori del suo imperò la maggior parte del Italia, di preciso, Puglia, C
alabria, Sicilia e Roma. La religione del suo impero era il culto del sole, e i
predicatori di questa religione insegnavano alla gente l immortalità dello spirito
, e la sua rinascita in un nuovo corpo, cosi come faceva Zamolxe, il dio de gli
daci. Tantissime persone credevano in questo insegnamento perche daci, lo sosten
evano con tanta forza, sapendo dai loro antenati che erano immortali. I greci e
i bizantini hanno iniziato ha praticare sempre di più questo insegnamento, abbando
nando in numero sempre crescendo il culto degli dèi. Costantino ha adottato questa
religione monoteista come religione del suo impero nel 311 emettendo il patto d
i tolleranza senza imporre a nessuno di abbandonare il suo culto anteriore. Lui
fu il solo imperatore del intero impero romano che cambiò la capitale da Roma a Co
stantinopoli, e quale rimase cosi fino al 395. Ma perche Costantino, il padre de
l ortodossia cristiana cambiò la capitale? Perche Roma era una cita pagana che non
aveva niente che fare con il nuovo culto che aveva bisogno di un centro puro, p
ulito, lontano dal paganesimo di Roma. Costantinopoli era la nuova Roma, la cita
dove inizia il cristianesimo. I romani erano dei pagani che hanno fondato la lo
ro religione pagana trasformando il pantheon greco degli dèi, in dèi romani. Se Piet
ro e stato veramente il primo papa, come fa a non ricordarsi che e stato anche a
Roma? Lui racconta i suoi viaggi in tanti luoghi piccoli, non cosi importanti e
si ricorda bene di ogni cosa successa in esse, ma non ricorda il suo glorioso v
iaggio proprio a Roma? Poi che cosa doveva fare a Roma, quando lui era l apostol
o degli ebrei e Paolo dei pagani? Se la chiesa di Roma è fondata sopra di lui, sig
nifica che i cattolici hanno rigettato Cristo da allora, perche la chiesa, di qu
ello che ci dice la bibbia e fondata su Cristo, non su Pietro, che e un uomo qua
le non accetta nessuna adorazione da parte di altri uomini. Questo insegnamento
fondamentale della chiesa cattolica, rispecchia per l ennesima volta che la chie
sa cattolica e una chiesa del anticristo. Vi ricordate quante volte Gesù ha detto:
la pietra che i costruttori rigettarono era la pietra del fondamento E bene, la
pietra del fondamento rigettata era Cristo, che fu sostituito di Pietro. Ma anc
he qua ce un bel imbroglio, perche se lui era un apostolo giudeo, il suo nome no
n si trova tra i nomi giudei. Pietro e uno tra i più comuni nomi rumeni che esisto
no. Un grandissimo numero di persone si chiamano Pietro. Allora questo apostolo,
era uno
175
che predicava con tanto zelo il culto di Zamolxe, immortalità e la rinascita dello
spirito e cosi come afferma da solo il suo ministero erano proprio tra i popoli
del Antiochia, e il sinedrio davanti il quale si ritrova quasi sempre e una par
ola del clero ortodosso che definisce l adunanza dei preti ortodossi e sicuramen
te non ha niente che fare con i preti giudei. La crocifissione di Pietro con la
testa in giù, il ritrovamenti della croce dove Gesù viene crocifisso da parte di Ele
na, madre di Costantino sono altre innumerevole cagate inventate dalla chiesa e
quale nessuno non può sostenere. La verità e che la prima religione monoteista crist
iana del mondo non era cattolica, ma ortodossa, ed e per questo che loro rispecc
hiano i veri insegnamenti del dio sole. Gesù, o Zamolxe erano uomin i come noi, ch
e una volta morti, rinascevano, perche lo spirito di ognuno di noi e immortale,
e si può materializzare di nuovo nella carne. Allora gli ebrei, il popolo più umilia
to, più castigato, più incolpato di cose che non le ha mai fate, più discusso e odiato
ha ragione di non fidarsi di nessuno e ha ragione quando sostiene con tutto il
cuore che Gesù non e mai esistito su le loro terre e che loro lo aspettano anche o
ggi. Un'altra religione molto discussa e odiata del mondo occidentale dei cristi
ani e la religione musulmana, che in giorno d oggi spesso viene con fondata con
il terrorismo islamico. La religione musulmana, non ha un bel niente a che fare
con i attentati e con il terrorismo. Questa e una sottile trovata che innalzano
i cristiani sopra i musulmani. Con tutto quello che abbiamo detto fino ad ora no
n vedo per che cosa la religione cattolica e più buona della religione musulmana,
o del terrorismo islamico. La fede del islam, pare arcaica e crudele ai occhi de
i occidentali, ma le stesse regole sono anche nel libro della fede cristiana. I
principi sono li stessi solo che i musulmani li seguono alla lettera, apertament
e, invece i cristiani di nascosto. Per esempio: un musulmano può avere tante mogli
, e al loro mantenimento deve provvedere da solo, un cristiano ha una sola mogli
e che tradisce ogni volta che capita un occasione, un musulmano non abuserà mai de
lla sua figlia, un cristiano si, un prete musulmano non violenterà mai un bambino
o una donna, uno cattolico, si, un musulmano non ammazzerà mai una persona se non
per un torto che essa i lo ha fatto, un cristiano, si, un musulmano non ammazzerà
mai un animale se non per la fame, un cristiano, si. E allora con che cosa siamo
uno più buono del altro? Non mi sembra nessuna deferenza. La loro fede, sbagliata
o no, hanno come base un libro non contraffatto come e la bibbia. La loro fede
non può essere discussa perche segue in tutto la parola della loro legge, ma quell
a cristiana che cosa segue? Insegnamenti fatti dai innumerevoli papa, che hanno
gui dato il Vaticano, uno più bugiardo e crudele del altro. Le crime, i omicidi, v
iolenze, omosessualità, imbrogli, ingiustizie, bugie, menzogne, sono poche delle a
trocità che i muri del Vaticano nascondono, e quel saggio che noi chiamiamo Gesù ci
ha detto: v oi riconoscerete i
176
figli delle tenebre dopo i loro fatti. La Grande Babilonia da quale il Padre gri
da disperatamente di uscire e la chiesa cattolica e le religioni nate da essa. S
icuramente vi chiederete in che cosa dobbiamo credere allora? L uomo deve creder
e solo in se stesso. Le preghiere che si possono fare verso i figli di luce e ve
rso il Padre del universo, devono non essere di più di come preghiamo un qualsiasi
nostro compagno di aiutarci in qualche impresa. Il Padre del universo, non chie
de adorazione, lui chiede solo ringraziamento da pa rte nostra, amore, unità e ver
ità, da tutti noi. Coltiva ogni giorno i tuoi dotti spirituali e capirai che poi g
uarire da solo le tue malattie, che tutto quello che desideri si può esaudire solo
con la tua volontà, che i dolori del corpo si possono ignorare e che sei capace c
on la forza del tuo pensiero di fare tutto. L uomo non ha bisogno della religion
e degli dèi, trasformata nella religi one di dio, perche tu uomo sei un dio, e sei
una persona importante per il Padre e per i tuoi fratelli. Devi solo crescere e
fidarti delle tue proprie forze con quale s ei stato dotato dal inizio dal Padr
e. Non abbiate paura di niente, perche e proprio questo che ti perde. La chiesa
sistematicamente ha alimentato la nostra paura con diversi orrori che ti possono
succedere, per perderci e per arricchirsi. Conosco una marea di persone che van
o spesso nella chiesa, e quale convinti della loro imperfezione e de i loro sbag
li, spinti dai preti che volevano le loro ricchezze, hanno promesso le loro case
dopo la morte alla chiesa, pensando che in questo modo possono pagare i loro sb
agli. Ma per favore, fratelli, siamo nel ventunesimo secolo, non e possibile di
avere i cervelli lavati in questo modo. E se non ho ragione, spiegatemi questo:
un musulmano, se fa sulla terra buone cose, quando muore, sarà aspettato in paradi
so di 45 ragazze vergine, tutte per lui, cosi come li promette il Profeta Mahome
to. Sicuramente vi farà ridere e non capirei perche. E la stessa cosa che fa un cr
istiano che da alla chiesa grosse some di denaro o proprietà per essere perdonato.
Un'altra cosa che si svolge sotto i nostri occhi orbi, e la omosessualità dei pre
ti e le loro violenze sopra i bambini. Lo so che e una cosa conosciuta di tutti,
ma quello che ti infastidisce di più di tutto e il fatto che si proteggono cosi b
enne, fino ad arrivare a dire che sei tu uno psicopatico e che ai qualcosa con l
oro, a posto di offrirti una speciale trasparenza del caso, perche la verità secon
do Padre e Gesù non deve essere nascosta con astuzia, ma tirata alla luce. Sono lo
ro a questo punto i schiavi di dio? Si, il dio delle tenebre. Vorrei confessarvi
un'altra cosa. Tutto il creato universale, non ha un dio, ma un Padre, e tutto
quello che esiste in questo universo non si chiama alieni e terrestri, ma fratel
li. Mettevi bene in testa questa cosa. Non esiste dio per nessuna cosa, esiste s
olo il Padre, e questo Padre universale non ha mai chiesto adorazione, lui vuole
solo ringraziamento, cosi come un figlio fa con i suoi genitori. Dio invece e t
utt un'altra cosa. Un Dio e un essere universale quale compare cosi ai occhi di
altri esseri poco evoluti in questo modo. Se per esempio: l uomo va su un altro
pian eta
177
dove sono esseri primitivi dal punto di vista tecnologico e spirituale; ai loro
occhi tu, uomo, sei un dio, un essere di quale loro hanno paura e a quale si inc
hinano e adorano. E semplice, la stessa cosa facciamo anche noi con i nostri fra
telli alieni evoluti e malvagi, che sono diventati i nostri tiranni, che si nasc
ondono come i camaleonti per non essere scoperti. Tutto quello che succede in qu
esto mondo e stato programmato da loro dai tempi antichi, e niente non e fatto p
er caso. Solo noi crediamo questo. Il Nuovo Ordine Mondiale al quale inizio stia
mo assistendo, e una loro decisione presa migliaia di anni fa, e quale nella bib
bia ci viene presentata come il gregge guidato di un solo pastore. E chi può dire
che non e cosi? La maggior parte ne men o non vuole giudicare attraverso la loro
coscienza, perche tutto quello che succede li sembra normale, invece altri non
hanno tempo per questo, perche la maggior preoccupazione del sistema e di tenerc
i molto occupati con i problemi che creano ogni giorno per la nostra vita quotid
iana. Noi, non dobbiamo avere il tempo per vedere e capire niente e non dobbiamo
essere informati delle cose che hanno iniziato ha succedere su la terra, per no
n creare fenomeni di paura e follie di massa. Ma non e questa la verità. Noi dobbi
amo morire senza sapere niente, invece loro sono preparati per salvarsi. Nella b
ibbia e scritto che i grandi sconvolgimenti della terra avverano senza nessun pr
eavviso, in un giorno normale, quando gli uomini svolgeranno le loro attività quot
idia ne come sempre. Fra poco diventeremo proprio come le pecore di mia zia, che
hanno testa ma li manca il cervello ed e per questa che seguono un capo gregge.
I nostri cervelli sono lavati ogni giorno delle fesserie inventate per tenerci
occupati, ma la cosa più dannosa sono i veleni che ci vengono amministrati come le
più buone medicine, come il fluoro e i vaccini. Un'altra cosa che non dobbiamo so
ttovalutare e acqua e i ripetuti consigli di andare spesso dal dottore per quals
iasi stupidaggine. Svegliatevi, la ragnatela e tropo grossa e fitta e noi tutti
senza sapere siamo presi dentro. Dobbiamo rimuoverla adesso quando possiamo anco
ra muoverci, fin che non siamo pressi di tutto e diventare il suo pasto, perche
questo sistema sarà la nostra fine se non riusciamo ad agire in fretta.
178
Cap.32 Al posto di inizio e di finale
Ho scritto questo libro, nella speranza che la generazione futura non si affiderà
mai al libro della bibbia, e che a quei tempi il mondo senza di esso sarà molto più
buono, e che troverà la sua vera spiritualità persa. Spero anche che la verità su il n
ostro passato non avrà più dei segreti, e che quei uomini non faranno più il sbaglio d
i guidarsi dopo altri dèi, ma dopo la loro coscienza, che e lo spirito universale
del Padre; e spero ancora che la loro vita sarà una lunga catena di amore e beatit
udine su una terra paradisiaca. L inizio della fine e già cominciato e spetta a no
i di arrivare a questo paradiso. Credo che sono riuscita ha farvi capire chi sia
mo, da dove veniamo e che cosa possiamo fare. La società in quale viviamo e piena
di odio e di bugie e i sforzi che si fanno per coprire la verità superano qualsias
i immaginazione. Il fatto che i alieni vivono con noi non e stato un segreto per
nessun popolo antico, e le loro trace si trovano su tutta la terra. Quello che
spaventa di più i nostri scienziati e il fatto che tante volte le loro scoperte ar
cheologiche superano con molto l età della civilizzazione che loro stano attribuen
do al umanità, e quello che non lo sano e che l u omo non esiste su la terra inizi
ando con la nostra generazione. Tante altre sono esistite qua, e poi scomparse,
per dar nascita ad altre ere degli umani. Quello che a noi pare che abbiamo scop
erto, e in verità una riscoperta, perche altri hanno fatto la st essa cosa prima d
i noi. La nostra generazione non supera di più di 400.000 500.000 anni ed è divisa i
n quella prima del diluvio e quella dopo il diluvio. Noi siamo vissuti sempre co
n gli dèi, cosi come anche altri prima di noi, solo che gli dèi con quale viviamo no
i sono cattivi e vogliono l estinzione della maggior parte degli uomini. Vi siet
e mai chiesti perche quel saggio che noi chiamiamo Gesù diceva: la verità vi renderà l
iberi? E, be, quando tu riuscirai ha capire che gli dèi o dio, sono persone di alt
re razze come noi, e che anche tu poi fare quello che fanno loro, che tu non sei
un miserabile mortale buono ha nulla, ma che la stessa essenza immortale e anch
e in te, solo che tu non sei riuscito ha evolvere abbastanza per dominare la car
ne, te ne accorgerai che anche tu sei un dio. Solo in quel momento riuscirai ad
avere intero controllo dello spirito sopra il corpo. Un'altra cosa che dovrei sp
iegare e l immortalità. Nessun essere del universo non si può definire immortale qua
ndo vive nella materia, cosi come lo siamo noi. Il fato che il loro periodo di v
ita e molto più lungo del nostro e il risultato della rotazione d el loro pianeta
in torno al sole e perche la loro materia o corpo ha una struttura diversa della
nostra. Per esempio l uomo vive molto di più di una mosca, di un cane o di una ga
llina, e ai loro occhi posiamo essere definiti immortali, cosi come per noi un a
lieno e un immortale. Nel universo tutto quello che vive nella materia e mortale
,
179
e la morte delle materia significa la rinascita spirituale, ed e quella la vera
vita. Quando un qualsiasi essere rinasce nello spirito ha già raggiunto la vera im
mortalità. Adesso vi chiedo un può di attenzione. Io vi ho spiegato che in ognuno di
noi ce l energia immortale dello spirito e del anima, e che la nostra missione
su la terra e di unire le due forme di energie che il Padre ci ha donato. Quando
lo spirito dominerà l anima siamo arrivati alla perfezione. Pur troppo grazie al
sistema e al insegnamento sbagliato che la chiesa ci ha dato 80% degli uomini no
n possono capire quello che io sto dicendo, ma proverò di spiegarmi meglio. L anim
a non e la stessa cosa con il corpo, ma e l energia che anima il corpo e nel ani
ma non ce la coscienza universale del Padre, perche un anima hanno anche i anima
li, i uccelli, le creature marine e le piante. L anima viene guidata dal corpo,
ed eco perche dico questo. Il nostro mondo si riduce solo al nostro pianeta, e t
utto quello che facciamo viene guidato dopo le regole che noi stessi abbiamo fat
to senza prendere in considerazione che siamo solo una parte del universo. Facen
do parte di esso, le nostre regole dovrebbero essere adattate alle regole univer
sali come in cieli cosi anche in terra cosa che su il nostro pianeta non succede
. L anima, non avendo la coscienza universale in essa ci guida a vivere e reagir
e solo al livello materiale del nostro mondo. Per esempio dobbiamo avere una cas
a, una macchina, un lavoro, de vestiti etc, perche senza questi non si può vivere.
Il Padre sa che tutte queste cose sono necessarie quando si vive nella materia,
ma no necessariamente tutte sono vitale. Quel uomo saggio che noi chiamiamo Gesù,
diceva che: non solo di pane si nutre uomo, e che un essere spirituale deve las
ciare tutte queste ricchezze materiale, se vuole trovare lo spirito Su questo in
segnamento, la chiesa ha tormentato milioni di persone e ha ricevuto il suo luss
o sfrenato, perche la sua predicazione è che la nostra spiritualità consta in fatto
che dobbiamo andare da loro a pregare per nutrire il nostro spirito, e le nostre
ricchezze se vengono donate a lor o, noi abbiamo comperato un posto in paradiso
. Queste minchiate sono molto seguite delle persone che si sentono colpevole di
tanti sbagli che hanno fatto nella loro vita, sperando che il loro ritorno nel g
regge dei religiosi li porterà il perdono e una vit a in paradiso. Tutte queste co
se sono solo il risultato delle nostre anime impaurite, quale sentendo la vecchi
aia del corpo non sanno cosa fare per avere una morte semplice e un perdono da d
io. Onestamente vi chiedo, come si può vivere senza avere un tett uccio sopra la t
esta, senza mangiare e senza vestirti? Queste sono cose vitali nella vita materi
ale di ogni uomo. Quando il saggio parla delle ricchezze si riferisce a quello c
he non sono le cose vitali per la nostra vita. Accumulare ricchezze e cambiare s
empre quello che ai perche non sono alla moda, significa un duro lavoro per te,
che non finirà mai. Un uomo che ha il stretto necessario per la sua esistenza a il
tempo per divertirsi e meditare. La vita a quale lui si riferisce e di tipo com
unità. Cioè no i siamo una comunità che produce tutto quello che abbiamo bisogno per v
ivere, e il frutto del
180
nostro lavoro si divide ugualmente per tutti. Questa vita senza pensieri, ansie,
paure, ci da il tempo per meditate e trovare il nostro spirito. Come fai ha tro
vare questa meraviglia quando siamo preoccupati tutti giorni di avere di più, di e
ssere alla moda, di sfogarci nella droga e nei alcolici? E poi, perche tanta fat
ica? Che cosa prenderai con te una volta morto? Tutto questo insaziabile desider
io ci viene dato dalla nostra anima. Lei vuole tutte le cose terrestre e non si
sazia mai di averli. Non pensa alle cose spirituale perche non e più in contato co
n lo spirito. Queste anime sono felicissime perche hanno tutto, ma vivono con la
paura di perdere tutto, con l angoscia che non possono avere anche altre cose,
sospettano tutto e tutti perche vogliono le loro ricchezze, e il loro sogno non
e tranquillo. Queste anime che hanno tutta la ricchezza del mondo non sono felic
e, impauriscono di più con la loro vecchiaia e di solito sono sole. Quando si trov
ano in punto di morte, sono triste perche tutta la loro ricchezza e il duro lavo
ro passano ai figli che di solito si distruggono da soli. A quel punto e tropo t
ardi per pensare che tutto e solo vanità. Le anime che hanno i proprietari poveri
sono diverse. Loro si accontentano con il povero letto dove si ristorano e con i
l poco pasto che li mantiene in vita. Sono forti perche il loro potere di soppor
tare umiliazioni e miseria viene dallo spirito. Sono generose di dividere il lor
o poco con altri che non hanno ne meno quello, soffrono per il dolore degli altr
i e non si tirano in dietro di aiutarli. Pensano di più al dolore degli altri che
alla loro stessa dolore, sono umili perche sono degni, sono coretti perche sono
onesti e pieni di amore che la offrono ai bisognosi. La loro anima e dominata da
llo spirito e la loro coscienza non può essere comprata. Lottano per la verità e con
dannano le bugie e l ipocrisia. Queste pe rsone sono capace di ignorare i loro d
olori, timori, umiliazioni e ingiustizia per poter aiutare gli altri. E per ques
to che lo spirito viene ritrovato solo nella miseria cosi come il più bel fiore de
l mondo cresce nel letame. Questi sono i estremi della società in quale viviamo, e
il comportamento delle loro anime. Dopo la morte, le anime giuste si uniscono a
lo spirito e diventano esseri di luce, le anime che si dividono con difficoltà da
questa vita materiale e quale hanno vissuto solo per essere felici in questo mon
do non ritrovano il loro spirito dopo la morte. Queste anime sono quelle che dev
ono materia lisarsi o incarnarsi di nuovo, e sono poche quelli che possono avere
il corpo di un essere intelligente. Rispetto alle loro azioni la loro rinascita
può avvenire nei batteri che vivono nel calore, nei animali , nelle piante o nei
uccelli, invece quelli che hanno fatto cose abominevole si disintegrano, vengono
buttate nei buchi neri, che distrugono l energia. E questa la seconda morte di
quale parla la bibbia. Vedete, il Padre non può condannare nessuno, sei tu che ai
scelto il futuro della tua anima. L universo si guida dopo regole e la loro tras
gressione non attira la tua condanna di morte. Se ai sbagliato avrai sempre la p
ossibilità di riprovare, ma quando la tua anima vive in un essere intelligente sig
nifica che tu ai già passato tutte
181
le altre faticose fase della tua evoluzione, e in questa vita deve ritrovare il
tuo spirito, per essere un essere di luce perfetto. Se non lo trovi, firmi da so
lo il tuo destino e il futuro della tua anima. In questa vita tu devi trovare la
forza dello spirito che è in te per dominare l anima, e dominando anima, tu poi d
ominare il tuo corpo. Se tu credi che poi guarirti da solo, lo farai, se tu cred
i che con la forza del tuo pensiero poi fare qualsiasi cosa, tu lo potrai fare,
e se tu crederai che la tua vita non finisce a fatto qui, abbandonerai tutto per
trovare il tuo spirito. Abbandonare tutto non significa privarti di quello che
e necessario per la tua sopravvivenza, ma avere solo quello che e veramente nece
ssario. Non dire mai che sei giusto, quando nel tuo intimo non lo sei perche tu
poi imbrogliare solo le persone. Le onde negative e tenebrose del tuo pensiero e
del tuo corpo si vedono, e gli esseri di luce sanno che cosa ti hai preparato d
a solo. Loro piangono per te, ma non ti potranno aiutare perche con il libero ar
bitrio tu ai scelto da solo il futuro della tua anima. Avete sentito che sono pe
rsone che trovandosi nella morte clinica raccontano che si trovavano in un tunne
l di luce, dove l amore e la beatitudine era infinita. Quelle persone vengono da
lla luce e nella luce torneranno. Invece altre parlano sempre di questa luce dov
e incontravano le anime dei parenti morti, con quale parlavano. Le anime di ques
te persone dopo la loro morte aspetteranno triste i esseri c he devono nascere p
er ricominciare la loro incarnazione nelle creature inferiore. Sono altre person
e che hanno voluto togliersi la vita e sono riusciti solo a ferirsi gravemente.
Loro raccontano che la loro anima si trovava nelle fitte tenebre e degli ess eri
spaventosi li picchiavano con corde. Il dolore era cosi grande che non riusciva
no a sopportarla. Queste anime vengono castigate, perche far male alla tua anima
o di un altro che non ha nessuna colpa, e innocente, attirerà questo giudizio ver
so di lei. Questi sono i motivi per quale quel saggio che noi chiamiamo Gesù dice
che il grano e pronto di mietere ma mancano i raccoglitori e che saremmo scelti
uno da 5.000 e uno tra 10.000 che saranno contati come uno solo. La verità e che s
ono pochi preparati per diventare un essere di luce. Trovare il tuo spirito non
significa andare in chiesa e pregare il cielo, cantare inni e fare misericordia.
Trovare la spiritualità significa trovare te stesso. Capire che sei immortale, ch
e la vita non finisce qui, che ai dentro di te una forza che può cambiare il mondo
e che il tuo pensiero costruisce la tua vita e il futuro della tua anima. Gesù di
ce. Quando due (anima e spirito) si uniscono e dicono a una montagna di allontan
arsi, lei si allontanerà. Essere spirituale significa unire anima allo spirito che
furono divise quando il Padre porto l invisibile al visibile, cioè l energia nell
a materia. Il suo primo figlio, Adamo universale, fu la perfezione del suo creat
o che non e solo il modello degli uomini, ma di tutti i esseri del universo. Ma
io, so anche un'altra cosa. Dopo miliardi di anni del evoluzione della materia,
il Padre vuole tentare con la nostra razza una cosa unica in tutto il universo.
Lui vuole
182
che la rinascita dello spirito avviene direttamente nella mate ria, compiendo in
questo modo la più grande meraviglia di tutto il suo creato. In questo modo i due
mondi, invisibile e il visibile cioè materia e antimateria o meglio l energia e m
ateria trovano il loro equilibrio perfetto. Solo allora tutti potranno vive re e
vedere il Padre. Un altro argomento che vorrei supporre alla vostra attenzione
e il sangue, e non e per caso che vorrei ritornare sopra. Quando io ho iniziato
a scrivere questo libro, volevo solo sottoporre alla vostra attenzione le atroci
tà che vengo no raccontate nella bibbia e quale i padri della chiesa chiamano mira
coli, misericordia, fede, prova, soccorso divino, tentazioni, guerra santa, rive
lazione e altre tante cagate. Dopo di che scrivevo il capitolo, seguendo qualche
indizio che non mi convinc eva del tutto, arrivavo alla conclusione che dovevo
scrivere molto di più di quello che avevo scritto, e cosi ho aggiunto sempre qualc
osa a quello che pensavo di scrivere prima. Quando leggevo nella bibbia il divie
to di sangue che dio faceva al suo popolo pensavo che era solo una regola sanita
ria, ma poi mi sono accorta che era molto di più. In quei tempi non esisteva ne la
trasfusione del sangue, ne la dialisi e in questo caso il divieto deve essere p
reso proprio alla lettera. Non mangiare il sangue, ne l a carne con il suo sangu
e, perche nel sangue e l anima di ogni uomo che vive Nel mio capitolo scrivevo c
he nel sangue e il DNA che e l elica della vita, ma nello stesso tempo il DNA e
anche l albero della vita, e da questo albero della vita il nostro dio alieno ci
ha manipolato geneticamente la durata della nostra vita e il nostro contato spi
rituale con universo buttandoci nella terza dimensione. Poi ce un'altra cosa a q
uale in quel tempo non ho pensato. Nella bibbia e scritto che i apostoli hanno b
evuto il vino con Gesù nel ultima cena, e che rappresentava il suo sangue. Un cris
tiano beve il vino che rappresenta il sangue di Gesù per lavarsi i peccati, e poi
nel libro della Rivelazione è scritto che i santi hanno lavato le loro vesti nel s
angue del agnello, diventando cosi, bianche. Poi non posiamo non nominare i fium
i di sangue dei sacrifici che dio chiedeva che si facessero per lui. Perche cosi
tanto sangue nella bibbia? Al livello della scienza umana il sangue rappresenta
la fonte della nostra vita e le caratteristiche della nostra razza rispetto all
e altre e nello stesso tempo, nel sangue sono anche le particolarità singolare di
ogni uno di noi. L elica del DNA rappresenta l albero della vita umana. Bere il
vino che significa il sangue e lavare i peccati nel sangue di Gesù mi pare una spi
egazione impotente che solo noi, al livello primitivo di spiegare le cose incomp
rensibile del universo sconosciuto possiamo dare. La vera spiegazione sta propri
o nel espressione lavare nel sangue. Vediamo un può. L anima e immortale ed e una
forma di energia che viene dal Padre. La sua dimora e nel sangue. Il sangue vien
e azionato del energia del anima e mette in motto il cuore, che a sua volta mett
e in motto tutto l organismo umano. Come l anima e energia, il sangue e il fluss
o di energia, il fiume se volete, che anima il corpo. Tutta l energia del univer
so si versa sotto forma di fiumi di tipo raggi, spirali, cerchi, etc. Lavarti ne
l sangue per purificarti significa alzare il tuo corpo materiale al
183
livello spirituale, cioè di energia purificante. Spirituale significa ciò che non si
vede, e quello che noi non vediamo sono tante forme di energia che ci circondan
o. Lavarti o bagnarti nel energia significa che il tuo corpo morto che e materia
, a liberato la forma di energia spirituale immortale che sta alla base della vi
ta materiale. Imbiancare le vesti non significa altro che la liberazione del ene
rgia che torna nell a luce del Padre che e calore e purificarti col fuoco e la s
tessa cosa. L anima unita allo spirito torna al fuoco sacro del Padre. Il sangue
, che e l acqua in quale aziona l energia del anima, e la più ricca fonte di poter
e che abbiamo in noi. Sacrificando o ammazzando qualsiasi essere, significa libe
rare potente forme di energia ne l aria. Il dio ebreo si cibava di questa energi
a senza di quale non poteva vivere. Quando i sacrifici cessarono, questo demone
trovo un altro modo per procurarsi l energia di quale aveva bisogno. Costruì con a
stuzia il sistema in quale viviamo, basato su bugie, odio, dolore, sottomissione
, paura, umiliazione, frustrazione, che non possono liberare altro che energia n
egativa di quale lui a bisogno. Per questo e cosi tanto male nel mondo, e non es
iste pietà, amore giustizia e unità. Le malattie li fanno loro, i vaccini ci guarisc
ono di una cosa e ci ammalano di un'altra, la terra e l aria è avvelenata. Sono so
lo poche di tutto ciò che subbiamo ogni giorno nella nostra fierezza di essere lib
eri. L acqua e un'altra energia che e importante in tutto l universo. lo spirito
si purifica col fuoco che e la luce del Padre e il corpo si purifica con acqua.
Nel 2012 quando il tempo che conosciamo non ci sarà più, e noi passeremo nella quin
ta dimensione, il Padre, cosi come vi ho già detto vuole che la nostra rinascita a
vviene con lo spirito nella materia, ed e per questo che la bibbia dice che la p
urificazione si farà con acqua e col fuoco. Se questa purificazione avviene per no
i, la stessa cosa succederà anche con la terra, che al contrario di tutto che voi
credete, e viva, e soffre cosi come soffriamo noi. I grandi sconvolgimenti terre
stri che verranno non sono altro che la sua purificazione con acqua che e terren
a e col fuoco che verrà dal alto. Vorrei parlarvi adesso della doppia personalità di
Gesù che compare nella bibbia, e con quale molti saranno ingannati. Per tutto il
percorso di queste pagine vi ho parlato dei insegnamenti di un saggio che l uman
ità chiama Gesù, e di quale non ho mai affermato che non siano vere. Quei insegnamen
ti che le mani pie hanno alterato, sono la via giusta da seguire. Gesù, Cristo, Me
ssia, Nazzaret, sono nomi fittizi, con quale la chiesa, cosi come abbiamo visto
a sostituito il nome del vero saggio e la sua origine, e la conclusione in quest
o caso è il fatto che lui non potrà mai ritornare. Il grande insegnamento con quale
la chiesa tormenta tante persone è il suo ritorno. Ma il ritorno di chi, se lui no
n e mai esistito con la personalità che la chiesa ci ha abituati? Il saggio che mo
riva su le montagne e rinasceva nello spirito, era un uomo fatto di carne come n
oi, che moriva come noi e che poi ritornava davanti ai uomini come spirito che s
i poteva materializzare nuovamente nella carne. Questa meraviglia della vita per
petua non e un miracolo, voi lo avete sotto i vostri
184
occhi da sempre ma non lo avete mai vista. Guar datevi in torno. Tutto e un cicl
o che si ripete. Il sole muore nel inverno e rinasce primavera, l acqua si vapor
izza e poi ritorna come pioggia, la foresta muore nel autunno e rinasce primaver
a, cosi come gli esseri muoiono nella carne e rinascono nello spirito. Quando qu
esto saggio ha fato vedere ai uomini questo ciclo di morte e rinascita del uomo,
ha voluto solo ricordarci chi siamo, e da dove veniamo, non perche questa era u
na ricompensa per quelli che credono in lui o nella chiesa. Questa e una realtà ch
e esiste in tutto l universo, ma noi non la posiamo vedere perche abbiamo diment
icato chi siamo. Per cui, la rinascita nello spirito aspetta a tutti coloro che
riuscirono a vivere secondo la loro coscienza universale. La parte più pericolosa
per noi e che tutti credono nel ritorno di questo Cristo ed e per questo che lo
chiamano Il Principe dei re della terra che guiderà l umanità con una verga di ferro
, e con la spada affilata che esce dalla sua bocca. Ma che, siamo tutti matti? Q
uale principe, quale verga e quale spada? La terra non ha nessun principe celest
e che deve venire ha governarci. La terra non è di dio e non sarà ne meno di suo fig
lio. La terra è nostra, e noi siamo i suoi abbittanti e i suoi padroni. Perche dob
biamo aspettare un principe celeste che deve venire a guidarci con la verga di f
erro e con la spada affilata? La verga di ferro significa dittatura e la spada a
ffilata della sua bocca significa astuzia, bugie e imbroglio. E noi per questo f
uturo dobbiamo essere felici? Il principe vestito di bianco, con cavalo bianco,
con corona di alloro e scettro sono i segni di dominio e di sottomissione della
terra davanti a un altro essere più forte di noi. Non lasciatevi imbrogliare, dio
e un alieno e il suo figlio sempre un alieno rimane e qua non mentono, perche af
fermano che il principe che verrà a governare la terra e il figlio di dio, non il
figlio del Padre, perche il Padre non ha un figlio, lui ha dei figli che tutti s
ono fratelli. Vedette, per tutto il percorso della sua vita terrena, Gesù, non ha
mai affermato di essere il figlio di dio, ma il figlio del Padre ed e proprio qu
a che sta l imbroglio, perche il Padre non ha niente che fare con dio. Gli alien
i sono il nostro dio cosi come anche noi posiamo essere dio per qualsiasi popolo
primitivo delle foreste o della giungla; invece il Padre, è il Padre di tutto l u
niverso e i suoi figli siamo noi, tutti gli esseri del universo terrestri o alie
ni, noi siamo dèi o dio, dipende solo del nostro grado di evoluzione rispetto agli
altri. Aprite gli occhi per favore, quel principe che deve venire a governarci
e il figlio del capo degli alieni che vogliono il nostro pianeta, e gli uomini i
loro schiavi. La guerra del Armaghedon tra il bene e il male, e la guerra del u
manità verso di loro, e sarà tremenda. Comincerà come una guerra tra pochi stati e poi
diventerà mondiale. La loro superiorità tecnologica e i loro poteri faranno credere
a molti che loro sono Gesù e le sue schiere. Sarà grande macello tra i uomini che c
onoscono la verità, ma non saranno creduti perche pochi, rispetto alla fola impazz
ita che vuole la loro morte. Si nasconderanno nelle caverne insieme con la verità
per custodirla e loro saranno salvati dai nostri fratelli di luce. La fola inebr
iata del sangue versato e della
185
vittoria del loro principe non avrà il tempo di festeggiare la vittoria e di le le
cca rsi le piaghe lasciate dalla loro merdosa guerra . La terra si alzerà su di lo
ro. I vulcani laveranno col fuoco il sangue dei innocenti, il loro vapore e il f
umo inebrieranno il cielo, il sole e la luna non si vedranno per molto tempo e i
l gelo sarà insopportabile, pietre infuocate cadranno dal cielo e l oceano bollirà e
non rispetterà il suo confine . La sua acqua laverà la terra e la pulirà dei corpi mo
rti. Le cita delle montagne diventeranno porti su le sue rive e un grosso contin
ente non sarà più trovato. Altre terre usciranno dal mare e nel Europa sarà un solo pa
ese che non esisterà più. Una nuova energia arriverà su la terra che sarà l energia del
futuro, e quale distruggerà e farà fuori uso tutta la nostra tecnologia e tutti appa
recchi che essistono. Quelli che rimarranno si salveranno su le cime delle monta
gne nelle caverne e nelle grotte della terra. La nuova energia riordinerà il nostr
o DNA, (questa e già iniziata), e saranno tanti che non sopporteranno la trasforma
zione. I governi ci abitueranno con la venuta dei extraterrestri, ma questa e un
altro imbroglio. Loro sono qui e sono stati da sempre, solo che passando in un'
altra dimensione tantissimi li vedranno. Tutto quello che vi ho detto sarà solo un
a fase successiva di quello che è già iniziato. Questa furia nera che ha iniziato già
a colpire durerà un bel può di tempo, ma non distruggerà tutto perche il Padre accorce
rà la linea temporanea. La morte colpirà tre terzi del umanità, in diverse fase, e con
tutti i segni e indizi che la terra fa, per stare in guardia, saranno pochi che
se ne prenderanno cura. Non pensate che saranno tanti preavvisi. La gente andrà a
lavorare, i bimbi a scuola e altri in campo per seminare. Tutto verrà in un colpo
, per purificare l inquieta che i abitanti della terra hanno prodotto. La terra
ha fatto sempre cosi, per purificare con acqua e fuoco la sua rinascita. La gene
razione che verrà dopo, sarà la generazione d oro, la generazione della perfezione c
he vivrà felice con altri suoi fratelli cosmici. Stati attenti a non confondere i
insegnamenti del saggio che chiamiamo Gesù, con il principe del mondo, che e un al
ieno cattivo. Non dovete pero odiarlo. Anche lui e una creatura del padre, ed e
fatto cosi. Lui reagisce in questo modo perche secondo lui cosi deve essere. Lui
non conosce i sentimenti. E un essere freddo, come sono i rettili, ed e per que
sto che la sua natura e cosi. Ha paura molto più di come abbiamo noi, perche il te
mpo e rimasto poco e l ui farà di tutto per dominare il pianeta. La sua espulsione
di qua significa la distruzione della loro razza. Lui lo sa che noi umani lo sm
ascheriamo, e che siamo molto più forti di lui. Noi eravamo in una dimensione supe
riore della sua e il nostro risveglio ci porterà sopra di lui. Riusciremo a vederl
o e questo e uguale con la sua morte. Sono cose future che noi posiamo cambiare
se iniziamo di adesso, ma ne dubito che ci lasceranno fare. Quella guerra si può c
ombattere solo con amore, il problema e che a n oi manca proprio questo. Se qual
cuno di voi, che ha avuto la pazienza di leggere questo libro vorrà sapere e capir
e di più, io sono pronta a parlare con lui in qualsiasi momento. Probabilmente, no
n sono riuscita ha esprimere al 100%, tutto quello che volevo dirvi, ma abbiate
186
pazienza. Ho scritto tutto da sola in una lingua che non è mia. Non ho fatto nessu
na scuola di preparazione per parlare l italiano. Tutto quello che so, lo impara
to dopo l orecchio. Le persone che io ho incontrato erano persone semplic e che
parlavano di più il dialetto del loro paese che la lingua italiana. La formulazion
e e tutta mia e non e stato nessuno con me ad aiutarmi, a parte il mio computer
che mi coreggia le parole scritte male. Non ho mezzi per farmi pubblicità, perche
sfortunatamente ho perso tutti i soldi guadagnati in una vita di lavoro in un im
presa di aprire un ristorante. Ho creato un posto bellissimo, ma il paese era sb
agliato, perche non accettarono i rumeni di merda. Ho sentito su la mia pelle ch
e significa odio, che significa la fierezza di credere che sei superiore agli al
tri e che significa ignoranza, invidia ed essere vigliacco, sentimenti con quale
la g ente di quei posti negativi e malvagi non si sono risparmiati ha offrirci,
non si sono risparmiati ha umiliarci e screditarci. Sto bene, no ho rimpianti,
sono fiera perche ho avuto le pale di provare e nello stesso tempo perche ho sen
tito su la propria pe lle che tutto in questo mondo e solo vanità. Credetemi, tutt
o e vanità, e non dovete soffrire per nessun a perdita. Anzi, io ho trovato la mia
libertà.
187
188