Sei sulla pagina 1di 2

Benvenuti al sesto giorno del laboratorio di Fiction University: Dall’idea al romanzo in 31 giorni.

I primi
dodici giorni si concentreranno sullo sviluppo della storia e sulla realizzazione di tutte le componenti, in
modo da poter costruire più facilmente la trama dell’intero romanzo.

Oggi ci occuperemo della costruzione del conflitto principale del tuo romanzo per poter poi sviluppare la
figura del tuo antagonista. Può sembrare che stiamo lavorando un po’ al contrario, ma se non sei sicuro di
che tipo di conflitto ha il tuo romanzo, è molto più difficile capire chi è il “cattivo”.

Scegli un tipo di conflitto.


Il conflitto è vitale per qualsiasi romanzo, ma può anche non essere fra persone. Molti romanzi propongono
il protagonista contro la società o contro un disastro naturale. Altri hanno un tradizionale protagonista
contro un antagonista, o un protagonista contro un altro protagonista. Vediamo quali sono quattro tipi
classici di conflitto, come si definisce la struttura base di ciascuno e come impattano sulla figura
dell’Antagonista.

Persona vs. Persona


Qui abbiamo un personaggio contro un altro personaggio, persone contro persone, anche se quelle
persone non sono umane. Sono comunque personaggi come gli altri. Chi si mette di mezzo sul percorso del
protagonista è un’altra persona. L’antagonista è una persona. Per esempio:

Un cacciatore di taglie alieno vuole catturare la protagonista per venderla al miglior offerente.

Uno scienziato deve trovare una cura per fermare un pazzo con un virus.
Un’orfana deve salvare la sorella da uomini cattivi.

Persona vs. Se Stessa


Si ha quando il protagonista è in disaccordo con se stesso e combatte qualcosa di personale e interiore. La
persona che ostacola il protagonista è il protagonista stesso. L’antagonista spesso è rappresentato da un
altro personaggio o da un luogo o un oggetto con un grande significato emotivo. Per esempio:

Un drogato rifiuta di disintossicarsi

Un uomo ignora tutti i sintomi della propria grave malattia

Una ragazza allontana tutti i suoi amici per uscire con gente altolocata

Se il conflitto non coinvolge due persone una contro l’altra, allora potrebbe trattarsi di Persona contro
Società o Persona contro Natura. In questo tipo di romanzi, spesso l’antagonista è qualcosa da sconfiggere
o a cui sopravvivere. Una tempesta di neve deve essere attraversata, una legge deve essere cambiata (o
una persona condannata ingiustamente deve essere liberata). Qualcosa impedisce al protagonista di
vincere, e quel qualcosa esercita il ruolo di antagonista.

Persona vs. Società


Si ha quando il protagonista ha un problema con qualcosa che rappresenta lo status quo nel mondo. Non è
una persona che causa il problema, è il modo in cui determinate cose vengono fatte. Tutti sono contro il
protagonista. Tutti ostacolano il protagonista, ma non tutti sono colpevoli. L’antagonista è spesso
rappresentato da un altro personaggio che condivide o simboleggia la società e i suoi problemi. Per
esempio:

Un uomo cerca di cambiare una legge ingiusta

Una ragazza si ribella contro una società tirannica che rende schiavi i bambini
Una donna mette in discussione le ragioni per cui lei non può andare a scuola mentre suo fratello sì.

Persona vs. Natura


Si ha quando il protagonista si oppone alla natura e la natura gli impedisce di raggiungere il proprio
obiettivo. Non ci sono persone contro il protagonista, è il mondo stesso ad essergli contro. L’antagonista è
qualcosa che deve essere sopportato e superato. Per esempio:

Una donna intrappolata in una tormenta deve sopravvivere.

Bambini persi nella foresta devono trovare la strada per tornare a casa.

Un gruppo di pescatori combatte contro una tempesta immane.

Alcune cose da considerare quando costruisci il tuo conflitto


Che tipo di conflitto ha il tuo romanzo?
Che tipo di conflitto impedisce al protagonista di avere successo?
Che tipo di conflitto è in grado di produrre il miglior antagonista possibile?
Esercizio: descrivi il tipo di conflitto
che senti poter rendere al massimo nel tuo romanzo.

Va bene anche se i dettagli non sono ancora definiti, ma cerca di individuare il tipo di conflitto, se riesci.
Non solo ciò ti costringerà a ragionare su tutti i possibili ostacoli sulla strada del protagonista, ma più tardi ti
sarà più facile stabilire quali sono i conflitti profondi e come vi si muove l’antagonista. Se hai dei dubbi e
pensi che potresti avere una combinazione di conflitti, vai avanti e scrivi comunque tutto. Potrai scegliere
un tipo di antagonista più avanti. Qualche volta non è chiaro o potresti decidere di cambiarlo man mano
che il romanzo si sviluppa.

I conflitti possono certamente cambiare mentre tu approfondisci il tuo romanzo, quindi non preoccuparti se
hai più di una possibilità in questa fase. Se ci sono diversi tipi di conflitto, potresti decidere di usarli per altri
personaggi o archi narrativi. La cosa importante è riflettere sul conflitto e sulle aree dove i tuoi personaggi
incontreranno i loro ostacoli. Una ragione piuttosto comune del rifiuto di un romanzo da parte di un editore
è la mancanza di conflitto, quindi è importante costruirne di forti per i tuoi personaggi.