Sei sulla pagina 1di 8

Simpo PDF Merge and Split Unregistered Version - http://www.simpopdf.

com

POETI DI LINGUA EBRAICA IN ITALIA


di Sara Ferrari

Poesia ebraica
Paul Klee, Giardini del Sud, olio su carta montata su pannello, 1936
collezione Norman Granz, Ginevra

La poesia ebraica e, in generale, tutta la letteratura manuel Romano fosse in rapporto con Bosone da Gub-
scritta in ebraico sono state per secoli l’espressione let- bio, col quale scambiò sonetti in occasione della morte
teraria di una minoranza, di un popolo dalla storia proprio del poeta fiorentino.
amara che, sebbene disperso nei più remoti angoli La figura di Immanuel Romano solleva per la
della terra, ha sempre riconosciuto nella lingua e nella prima volta una delle questioni più dibattute nell’am-
cultura il segno della propria identità. Per questa ra- bito dello studio della poesia ebraica italiana, vale a
gione gli studiosi si ritrovano sovente a rincorrere scrit- dire il problema delle influenze e dei legami reciproci.
tori e poeti di lingua ebraica in varie nazioni del mondo Ovviamente i poeti italiani di lingua ebraica avevano
- soprattutto in Europa – trovandosi talvolta dinanzi a conoscenza di quanto si scriveva attorno a loro e molti
figure straordinarie che hanno saputo tradurre in ric- di essi, tra cui proprio Immanuel Romano, si esprime-
chezza linguistica e letteraria una condizione di pro- vano perfettamente in entrambi gli idiomi. Un’in-
fonda sofferenza collettiva come la Diaspora. fluenza della poesia italiana su quella ebraica è
L’Italia è stata la principale culla della poesia pertanto innegabile; va tuttavia considerato che la re-
ebraica scritta in seguito al periodo biblico1. La nostra altà doveva essere molto più articolata di quanto essa
penisola vanta, infatti, una tradizione millenaria, a par- ci appaia. È probabile, infatti, che i poeti di lingua
tire dal periodo compreso tra l’VIII e il IX secolo, du- ebraica, proprio per la singolarità della storia degli
rante il quale in Puglia fiorirono i primi esempi di ebrei, fossero sollecitati da diverse influenze; non si
poesia sinagogale, fino all’inizio del Novecento, può trascurare il ruolo svolto dai poeti ebrei della Spa-
quando questa lunga storia si concluse con i sonetti del gna Moresca, grazie ai quali nacque di fatto la poesia
rabbino e studioso Vittorio Castiglioni sulla morte di secolare in lingua ebraica su imitazione del modello
Theodor Herzl e sulla guerra russo-giapponese2. Que- arabo (IX-XIII secolo). In ogni caso, quando presenti,
ste ultime composizioni rappresentano però un episo- i modelli italiani sono perfettamente rielaborati e inse-
dio ormai isolato all’interno di una fase in cui la riti nel contesto culturale ebraico. Una delle opere poe-
produzione letteraria in ebraico aveva già iniziato a tiche più celebri di Immanuel Romano è, ad esempio,
spostare il proprio centro principale in Palestina. la ventottesima delle sue Machbarot3 (Raccolte di
Nel corso di questo lungo lasso di tempo in Italia versi), intitolata Machberet ha-Tofet ve-ha-Eden
sono emersi alcuni dei poeti più rilevanti dell’intera (Canto dell’Inferno e del Paradiso). Qui egli narra di
storia della letteratura ebraica, figure affascinanti ed un viaggio da lui compiuto nel mondo ultraterreno in
eclettiche, come Immanuel Romano, nato a Roma e compagnia del profeta Daniele, su evidente influenza
vissuto tra il 1261 e il 1335 circa. Poeta dallo spirito della Commedia dantesca. Evidentemente l’opera di
ironico, dissacrante, ebbe a quanto pare una vita erra- Dante suscitò una profonda impressione sui poeti ita-
bonda e si spostò di città in città lavorando come isti- liani di lingua ebraica, come dimostra anche il poema
tutore presso nobili signori. Una notizia, di cui è stata Miqdash me½at4 (Il piccolo tempio), scritto da Mosè
ormai dimostrata l’infondatezza, lo voleva amico di da Rieti attorno al 1415 e rimasto incompiuto. L’au-
Dante e ciò ha fatto sì che la sua opera fosse studiata e tore nacque appunto nella città laziale nel 1388. Egli fu
considerata con attenzione particolare. Se l’amicizia medico, poeta e insegnante di materie religiose ebrai-
con Dante era solo una diceria, è certo invece che Im- che e morì dopo il 1460. Il Miqdash me½at costituisce

r i v i s t a d i p o e s i a c o m p a r a t a X L I 2 0 0 9 / 2 semicerchio
37
Sara Ferrari
Simpo PDF Merge and Split Unregistered Version - http://www.simpopdf.com

una sorta di risposta ebraica alla Divina Commedia. rappresenta un interessante esempio delle possibilità
Essa è, infatti, un’opera religiosa e filosofica ebraica di interazione poetica e fonica tra l’italiano e l’ebraico.
dal respiro enciclopedico che si richiama al Paradiso La particolarità di queste ottave consiste nel fatto che
dantesco, sebbene la sua struttura sia modellata sulla i due testi possono essere letti nelle rispettive lingue
tripartizione del Tempio di Gerusalemme. Al di là del con un esito pressoché identico, tanto nel suono quanto
contenuto specificatamente ebraico del poema, il mo- nel contenuto. Esse tuttavia non costituiscono l’una la
dello dantesco emerge in modo visibile; in alcuni punti traduzione precisa dell’altra, sebbene le differenze
sembra quasi che Mosè da Rieti abbia tradotto in siano minime. Per il pregio letterario, si segnala in par-
ebraico interi versi della Commedia, come si può evin- ticolar modo il penultimo verso dell’ottava ebraica:
cere dal brano scelto per questa selezione. «una nave leggera per mare, un’ombra che passa sono
Come Mosè da Rieti, dal Lazio proviene anche un i nostri giorni». Questo esercizio letterario evidente-
altro importante poeta di lingua ebraica: Yossef Tzar- mente piacque molto; un altro poeta presente in questa
fati. Nato e vissuto a Roma, fu medico di papi e lette- breve antologia, Efrayim Luzzatto, scrisse, infatti, un
Poesia ebraica

rato. Morì nel 1527 a causa delle ferite riportate componimento di identica struttura, proprio ispiran-
durante il sacco di Roma, evento traumatico per la co- dosi a Leon Modena.
munità ebraica della futura capitale. La sua opera co- Un momento particolarmente felice è rappresentato
stituisce una scoperta relativamente recente. Le prime dall’età barocca, periodo in cui si affermano due poeti
liriche, infatti, furono pubblicate nel 1934, ma esse su- fratelli, Yaakov e Immanuel Frances. Yaakov, il mag-
scitarono un immediato entusiasmo presso poeti e stu- giore, nacque a Mantova nel 1615. Fu un serio studioso
diosi di lingua ebraica. La parte più interessante della di Sacre Scritture, polemista e poeta arguto e raffinato.
sua produzione è senza dubbio quella dedicata al- Morì nel 1667. Egli è considerato uno dei poeti più in-
l’amore, dove sono identificabili vari riferimenti ai mo- teressanti del periodo, forse addirittura il caposcuola
delli italiani dell’epoca, i quali permisero a Tzarfati di di questa generazione. Immanuel nacque invece a Li-
dare un nuovo impulso alla lingua e alla poesia ebraica, vorno nel 1618. La sua vita fu funestata da numerosi
anche grazie alle pregevoli traduzioni da lui realizzate. lutti, tra cui la perdita dell’amatissimo fratello. Morì
Da un punto di vista biografico, va poi ricordato che nel 1710 circa, probabilmente a Firenze dov’era rab-
alcuni illustri poeti italiani di lingua ebraica furono au- bino. Nella sua produzione giovanile si nota una certa
torevoli rabbini, rappresentando talvolta autentici punti influenza del Tasso e del Guarini, oltre che una sarca-
di riferimento per i correligionari del tempo. In gene- stica misoginia la quale trova espressione sia in epi-
rale quasi nessuno dei poeti italiani di lingua ebraica si grammi sia in composizioni di più ampio respiro. In
dedicò esclusivamente a comporre versi; spesso la loro età matura si dedicò quasi completamente a una pro-
produzione letteraria fu molto vasta, includendo anche duzione poetica di argomento liturgico.
opere di carattere religioso ed esegetico. È questo il Gli ultimi tre poeti proposti in questa rassegna pro-
caso di Samuel Archivolti, nato a Cesena nel 1515 e vengono dalla zona del Friuli e possiedono lo stesso
morto nel 1611. Egli fu un rabbino di importanza no- cognome, Luzzatto. Le loro opere sono particolar-
tevole, un’autorità nel campo della legge ebraica e del mente significative in quanto appartengono di fatto al-
suo insegnamento. In qualità di poeta compose nume- l’ultima fase della poesia ebraica italiana e ne
rosi inni sacri, alcuni dei quali rientrano tuttora nella rappresentano gli ultimi ragguardevoli esempi. Il
liturgia degli ebrei italiani. Ciò non gli impedì tuttavia primo dei tre in ordine cronologico è Efrayim Luz-
di scrivere poesie di argomento profano, alcune molto zatto, nato nel 1729 a San Daniele del Friuli. Visse per
ironiche, come dimostra il sonetto intitolato Shir she- molto tempo a Londra, dove esercitò con successo la
molel ha-chamor (Il lamento dell’asino). professione di medico. Qui pubblicò un volume di poe-
Alunno di Samuel Archivolti fu Leon Modena, una sie Elleh Bene Ha-Ne‘urim (Questi sono i figli della
delle figure più rilevanti dell’ebraismo italiano. Egli mia gioventù). Morì a Losanna nel 1792, dopo una vita
nacque appunto a Modena nel 1571 col nome di Ye- piuttosto dissoluta. Efrayim Luzzatto scrisse nel pe-
hudah Aryeh, e morì nel 1648. Elencare le sue nume- riodo di transizione verso l’Illuminismo ebraico (Ha-
rose opere e le svariate discipline di cui si occupò skalah), un movimento sviluppatosi alla fine del
richiederebbe davvero molto tempo. Basterà quindi ri- Settecento in Europa Orientale che portò gradualmente
cordare che egli fu un letterato precoce, un rabbino alla nascita della letteratura ebraica moderna. All’in-
straordinario, uno studioso insaziabile dalla vita tor- terno della sua non vasta opera particolare rilievo
mentata, come egli stesso narra nell’autobiografia hanno i sonetti d’amore; tuttavia la poesia riportata in
Chayye Yehudah (La vita di Yehudah). Il testo che pre- questa rassegna costituisce di certo un esempio singo-
sentiamo qui fu scritto da Leon Modena all’età di tre- lare, in quanto congiunge l’interesse del clinico per la
dici anni in memoria di Mosè, suo maestro. Esso malattia e il talento del poeta.

semicerchio r i v i s t a d i p o e s i a c o m p a r a t a X L I 2 0 0 9 / 2
38
Sara Ferrari
Simpo PDF Merge and Split Unregistered Version - http://www.simpopdf.com

Un’attenzione speciale merita senza dubbio Rachel i vari studi dedicati all’argomento. Morì nel 1871.
Luzzatto, meglio conosciuta col cognome del marito, Il cugino di Rachel, Shemuel David Luzzatto, co-
Morpurgo. Ella è, infatti, la prima poetessa in lingua nosciuto anche con l’acronimo di SHaDaL, conclude
ebraica dell’età moderna. Prima di lei vi furono altre la presente selezione. Nato anch’egli a Trieste, nel
poetesse italiane provenienti dalla comunità ebraica, 1800, iniziò sin da bambino a comporre versi in
come Sara Copio Sullam (Venezia 1592-1614) e De- ebraico. Insegnò al Collegio Rabbinico di Padova Bib-
bora Ascarelli (Roma fine XVI- inizio XVII secolo); bia, filosofia, filologia e storia ebraica. Scrisse com-
esse però, a quanto pare, non scrissero poesie in menti alla Bibbia, opere filologiche e teologiche ed è a
ebraico. Rachel Luzzatto nacque a Trieste nel 1790. ragione considerato una delle figure più ragguardevoli
Nonostante il parere contrario della famiglia volle a dell’ebraismo italiano moderno. Un rapporto di pro-
ogni costo sposare Yaakov Morpurgo, convinta che fondo affetto lo legava alla cugina, con la quale scam-
egli avrebbe assecondato le sue velleità artistiche. In biò sonetti ed epistole che tuttora rappresentano un
realtà ciò non avvenne o almeno non in modo imme- documento di grande interesse. Shemuel David Luz-

Poesia ebraica
diato e semplice, come dimostrano alcuni suoi testi zatto morì nel 1865. Della sua ampia produzione poe-
dove Rachel, ormai divenuta Morpurgo, descrive la tica il sonetto dedicato ‘alla Verità’ costituisce
propria difficile condizione di donna e moglie con am- indubbiamente un esempio significativo. Esso, infatti,
bizioni letterarie. Questo rappresenta senza dubbio rappresenta una sintesi notevole di pensiero e talento
l’aspetto principale della sua produzione poetica e le poetico, da cui emerge una figura intellettuale forte e
ha garantito il titolo di prima poetessa ‘femminista’ aperta, profondamente ebraica, e al tempo stesso, pro-
della storia della letteratura ebraica, come dimostrano fondamente europea.

ʩʮʥʸʤ ʬʠʥʰʮʲ IMMANUEL ROMANO

Dentro di me un pensiero ho concepito:


il Paradiso ho in spregio, mentre bramo l’Inferno.
ʺʓʡ ʓ̌ ʧʍ ʮʔ ʡʖˇʏʧˢʔ ʩʑˎʸʍ ʷʑ ˎʍ ʩ ʑ̌ ʴʍ ʔʰ

Là troverò favi di miele e nettare,


,ʺʓʴʖˢ ʺˣʶʍʸʬʑʍʥ ʯʓʣʲʒ ˎʍ ʵ˒ʷʕʬ

là ogni leggiadra gazzella e ogni femmina smaniosa.


,ʺʓʴʖʰ ˇʔʡːʍ ʳ˒ʶ ʭ ʕ̌ ʤˌʍʶʮʍ ʠʓ ʩʑ˗
.ʺʓʡʓʢˣʲ ʬʕʫʍʥ ʯʒʧ ʺʔ˕ʡʑ ʶʍ ʬʕ˗ ʭ ʕ̌

Che mai ci sarà per me in Paradiso? Non amanti,


solo donne più nere di fuliggine e pece,
ʺʓʡʤʓ ˣʠ ʯʩʒʠʍʥ - ʯʔˏ ʯʓʣʲʒ ˎʍ ʩʑʬ ʤʔʮ

o vecchie nel montar della scabbia.


,ʺʓʴʓʦ ˣʠ ʸˣʧˉʑ ʍ ʮ ʺˣʸʖʧ ʍ̌ ʷʸʔ ,ʭ ʕ̌

In loro compagnia si angustierebbe il mio spirito.


- ʺʓʴ ʓ̆ʔʩ ʺˣʬʏʲˎʔ ʺˣʰʒʷʍʦ ʤʕ̇ ʕ̌
.ʺʓʡʶʓ ʲʍ ʓʰ ʩʑʤˢʍ ʯʕʺʸʕ ʡʍ ʧʓ ˎʍ ʩ ʑ̌ ʴʍ ʔʰ

Paradiso, che mai ci unisce? Ogni mutila


femmina tu raduni e ogni uomo infame,
ˢʍ ʴʍ ʱʔ ˌ ˢʍ ˋʍʥ !ʯʓʣʲʒ ,ʪʍ ʬʕʍʥ ʩʑʬ ʤʔʮ

perciò ti tengo come nulla ai miei occhi.


;ʺ ʓ̌ ˎ ˇʩʑʠ ʬʕʫʍʥ ʭʩʑʮ˒ʮ ʺˣʬʏʲˎʔ ʬʕ˗
.ʯʑʩˌ ʩʔʰʩʒʲˎʍ ʪʕ ʩʑˢʡʍ ʔ̌ ʧʏ ʯʒ˗ ʬʔʲ

Inferno! In grazia e splendore ai miei occhi sei superbo;


presso di te ogni gazzella indossa la veste sua più pre-
;ˢʕ ʴʍ ʱʔ ʕʩ ʣˣʤʍʥ ʯʒʧ ʩʔʰʩʒʲˎʍ !ʺʓʴʖˢ

ziosa,
,ʺ ʓ̌ ʡʓ ˣʬ ʸʕʷʍʩʤʔ ʤʕ˕ʡʑ ʶʍ ʬʕ˗ ʪʍ ˎʕ

tu raccogli tutto quel che allo sguardo è delizia.


!ʯʑʩʲʕ ʩʒːʮʔ ʧʏ ʮʔ ʬʕ˗ ʳʖʱʎʠˢʓ ʔʥ

NOTE
1 La Rassegna Mensile di Israel ha dedicato all’argomento un cata da Acquilegia Edizioni nel 2002 col titolo Machberet prima
numero speciale: Poesia ebraica italiana: mille anni di creazione (La sorte).
sacra e profana, a cura di Alessandro Guetta, vol. LX – n. 1-2 – 4 L’edizione critica in lingua inglese dei primi due canti del

agosto 1994. poema è stata pubblicata a cura di Dvora Bregman e Alessandro


2 Sonetti scritti rispettivamente nel 1904 e nel 1905. Guetta su un numero speciale della rivista Prooftexts (vol. 23 n. 1,
3 La prima composizione è stata interamente tradotta in ita- 2003: Medieval Jewish Literature) da cui sono tratte inoltre le in-
liano a cura di Maria Tiziana Mayer e Stefano Fumagalli e pubbli- formazioni contenute nel presente saggio.

r i v i s t a d i p o e s i a c o m p a r a t a X L I 2 0 0 9 / 2 semicerchio
39
Sara Ferrari
Simpo PDF Merge and Split Unregistered Version - http://www.simpopdf.com

ʪʕ ːʓ ʱʍ ʧʔ ʡʖʸʍˎ ʧ ʔ̌ ʮʍ ʮʑ ʡ˒ʸʍ˗ ʣʒˏʤʔ Dimmi tu, maestoso cherubino, nella tua grande bontà,
ʕ ʲʬʛ ˗ʕ ʮʑ
ʺʕ ʩʑʰ ʕ̋ ʭʑʠʤʏ ʪʕ ʩʓʷˈʏ tra le molte tue faccende ti sei forse volto
ʺʕ ʩʑʰˎʕ ʬʗʡʍʦ ʺʩʒˎ ʤʕʣ˒ʲʍˢʬʔ ʣʔʲ alla testimonianza, l’eccelsa Dimora che hai innalzato,
ʪʕ ʩʓʣʕʩ ˒ʰʍʰˣ˗ ʩʕʰʖʣʏʠ ˇʔːʷʍ ʮʑ dacché il Santuario del mio Signore le tue mani hanno eretto?

ʪʕ ʣʓ ˣʱ ʺʔʬʲʏ ˎʔ ʤʕ˕ʡʑ ˞ʍ ʤʔ ʠʩʑʤ Custode del tuo segreto è la gazzella,


ʺʕ ʩʑʰʷʕ ʸ ʓ̌ ʠʏ ʸˊʔ
ʕ ʤ ʪʕ ʍʰʕʩʍʰʷʑ il tuo possesso, il ministro che hai acquisito:
ʺʕ ʩʑʰ ʕ̌ ʠʖʬʍʥ ˑʕˢʸʍ ʶʔ ʪʕ ʍʰʩʑʮʩʑˎ alla tua destra l’hai avvinta senza mai mutare consiglio.
ʪʕ ʣʓ ˣʰ ʭˣʩʍʬ ʭˣʩ ʤʕ ʓʦʧʎ ʓʰ ʺʒʲ A te siamo grati quando l’ammiriamo di giorno in giorno.

ʬʔʲʮʔ ʩʒʣ˒ʣʍˏ ʺˣʠʍʡʶʑ ˒ʮʍʫʧʕ ʤʓʮ Quale sapienza posseggono le schiere dei reggimenti celesti
ʺʓʸʠʓ ʴʍ ˢʑ ʺˣˈʏʲ ʭʒʤ ʪʕ ˒ʸʍʸˣʲ ʭʑʠ se Ti hanno mosso a offrirci l’onore
di porre tra noi l’impronta della loro virtù!
Poesia ebraica

˒ʰʩʒʰʩʒˎ ʣʖʮʏʲʬʔ ʭʕʣˣʡʍ˗ ʺʩʑʰʡʍ ˢʔ

ʬʔʲʔʰ ʭʕʸʠʒ ʍ̋ ʢʩˊʔ ʑ ʰ ʣʔʡʬʍ ˑʕʡʛʩ˗ʑ Giacché in lei sola carpiremo la loro maestà e
ʺʓʸʺʓ ʖ˗ʔʤʍʥ ʯˣʩʍʬʲʓ ʸʒʠ ʍ̋ ʺˣʠʍʸʬʑ a contemplare l’alto splendore e la corona saliremo
.˒ʰʒʰʩʒʲ ʤʓʦʧʎ ˢʓ ʤʕ˕ʡʑ ˞ʍ ʤʔ ʭˣʩ il giorno in cui la gazzella in noi fisserà lo sguardo.

ʩʨʠʩʸ ʤʹʮ MOSÉ DA RIETI


"ʨʲʮ ʹʣʷʮ" ʪʥʺʮ Dal poema Il piccolo tempio

,ʡʖʸʏʲʬʔ ʤʕʨʕʰʍʥ ʤʕʰ ʕ̋ ʭˣ˕ʔʤ Il giorno declinava e volgeva alla sera


,ʤʕʮʫʍ ʧʕ ʤʔ ʡˋ ,ʭʩʑʮˢʕ ,ʯʒʷʕ˓ʤʔ ʍʥ e il canuto, giusto padre di sapienza,
.ʡˣʸʕʷ ʑ̇˒ ʩʑːʍʢʓʰ ʥʩʕʰ ʕ̋ ʣʔʲʕʩ il volto fissò contro di me da presso.

ʤʕʮˣʸ ʩʒʡʫʍ ˣ˗ʑʮ ˒ʠʍʸʑʰ ʺʒʲʍʥ E mentre tra i sommi astri comparivano
ʭʩʑʬʩʑːʡʍ ʔ̇ ʤʔ ʭʩʑʡʫʕ ˣ˗ʔʤ ˇˣʬ ʕ̌ le tre stelle che luce e oscurità
- ʠʕʮʩʑʰ ʠˣʬʍʮ˗ʑ ʪʍ ʓ̌ ʧʔʤʍʥ ʸˣʠʕʤ a un capello distinguono

,ʭʩʑʬʠʒ ʺˣʸʩʑʮʍʦʬʑ ʷʒʺˣˇ ʸʓʡʓʢ˗ʍ allora come uomo che tace dinnanzi a canti divini,
,ʸʕʮʕˏ ʸʔʮˌ ʭˣʸʕʮ ʺˋʩʑʸʷʍ ʬʑ ˣʠ o come chi muto resta di fronte a un appello celeste,
.ʭʩʑ̆ ʮʑ ʸʔʶʲʕ ʍʥ ʺ˒ʫˌʍʬʮʔ ˇʔʡʬʕ egli la forma di un angelo assunse e serrò le parole.

,ʸʔʮʫʍ ʑʰ ˣˎʑʬ ʯʒˎ ʣ˒ʸʒ̋ ʬʔʲ ,ˇʩʑʠʫʍ ˒ Poi, come un uomo il cui cuore è mosso
,ʤʕʢ˒ʱ ʭʩʑʮʧʏ ʸʔ ˎʍ ˣˇʍʴʔʰ ʺʔʸ˒ʶ per la dipartita del figlio prediletto, da pietà fu invasa
,ʸʔʮˌ ,'ʩʑʰˎʍ ' ʤʕʬʮʍ ʧʓ ʠʒʬʮʕ ʯʑʩʲʔ ˎʍ la sua anima e con occhio benevolo «figlio mio» disse

.ʤʕʢˊʔʕ ʤʤʔ ʳʒ˟ʤʓ ʭʔʬ ʍ̌ ʑʰ ʸʕʡ˗ʍ ' «già ha compiuto il suo corso la luce dell’intelligenza.
,ʩʑʬʤʐ ˌ ʭ ʕ̌ ʸʔʤ ʬʓʠ ʩʑʬ ʤʕʫʬʍ ʠʒ Sul monte mi ritirerò, là dov’è mia dimora,
'.ʤʕʢʕʢ ʍ̌ ˗ʑ ʠ˒ʤ ʣˣʲ ʩʑʸ˒ʧʑʠ ʠʕ̇ ʓ̌ che il mio tardare non sia preso per un peccato».

ʩʑʬ ʤʓ̇ ʣʗ ʮʍ ˗ʑ ' ,ʩʑˢʸʍ ʮʔ ˌ ',ʩʑʰˣʣʏʠ' «Mio signore» dissi «mi pare che
,ʺ˒ʸʍʲʔʰ ʩʒʮʩʑˎ ʸʕʡ˗ʍ ʪʕ ʩʑʺʩʑʠʸʍ ti vidi già nei giorni di giovinezza
.ʩʑʬʶʍ ʠʓ ʸʒʠˎʕ ʺʍ ʺʑ ʠʖʬ ʪʕ ʺʍ ʕʰ˒ʮʍʺ˒ ma la tua sembianza presso di me non è chiara.

,ʺ˒ʸʕʧ ʨʕ̋ ʍ̌ ʮʑ ʪʕ ˢʍ ʫʍ ʬʓ ʭʑʠ ʸʔʧˋ Se dunque il tuo andare già è decreto


,ʲʔʮʣʓ ˎʍ ʠʕʰ ʬˋ ʍ̌ ʠʓ ʪʕ ʣʍ ˣʡʍ˗ ʭ ǯ il nome tuo onorevole lasciate che io chieda nel pianto,
.ʺ˒ʸʍʴ˛ʑ ʤʔ ʺʩʒˎ ʯʒʫʍʥ ʪʕ ʍ̌ ʸʕ ʣʍ ʮʑ ʭ ǯ il nome e il luogo della vostra casa di studio.

,ʲʔʮʍʢʠʓ ʣˣʲ ʪʕ ʺʍ ʮʕ ʫʍ ʧʕ ʩʒʮ ʭʑʠʍʥ Se le acque della tua saggezza più non berrò,
'!ʪʍ ˢʕ ʬʍ ˎʑ ʸʒʠˉʓ
ʕ ʠ ʺʒʲ ʩʑʰʫʒ ʸʍ ˎʕ benedicimi ora che senza te rimango!»
– ʲʔʮ ʍ̌ ˒' ,ʡʩ ʑ̌ ʤʒ ',ʪʕ ʩʓʰ ʕ̋ ʩʑʺʠˈʕ
ʕ ʰ' «Sarà esaudita la tua richiesta» rispose «Ascolta».

ʪʍ ˢʕ ʲʑ ʷˣʶ ˣʠ ʯʔʮʍ˓ʤʔ ʪʍ ʸʓ ʖʠ ʭʑʠ «Se il trascorrere del tempo e le molte angustie


,ʷʒʧ ʕ̇ ʑ˕ʔʥ ʯˣʸʕ˗ʑ˓ʬʔ ˒ʸʕʶ contro la memoria han cospirato annientandola,

semicerchio r i v i s t a d i p o e s i a c o m p a r a t a X L I 2 0 0 9 / 2
40
Sara Ferrari
Simpo PDF Merge and Split Unregistered Version - http://www.simpopdf.com

- ʪʍ ˢʕ ʲʑ ʡʔ ʮʍ ˣʦ ʤˌʍʸʮʔ ʭʓʶʖʲ ˣʠ o se la forza della visione ti abbatte con la paura,

,ʷʩʒʧ ʬʔʲ ʪʕ ʩʑʺʠˈʍʕ ʰ ʭʩʑˎʸʔ ʭʩʑʮʕʩ per molti giorni ti ho portato in seno
ʩʑʰˣˇʍ̆ ʮʑ ʡʕʺʫʍ ˎʑ ʓ̌ ʤʕʸˣʺʍʡ˒ e dalla mia lingua hai appreso la Legge Scritta
.ʷʒʧˈʍʔ ʮ ʺʕ ʩʑʩʤʕ ʬʒʡʺʒ ˎʍ ʯʒʤ dove tu sulla terra hai gioito.

!ʩʑʰʠʏ ʪʕ ʣʍ ʬʕʍʩ ʤʓʦ ʪʕ ʩʑʡˌ Io sono tuo padre, colui che ti ha generato!
ʤʕʬ˗ʕ ʸ ʓ̌ ʠʏ ʺʒʲ ʺʕ ʩʑʩʤʕ ʸʔʲʔʰ Eri un fanciullo quando dissolta fu la nuvola
'.ʩʑʰˣʲʍʮʬʑ ʷʔ̆ ʱʗ ʍʥ ʩʔ˕ʧʔ ʯʔʰʲʏ della mia vita ed esiliata nel luogo dove ora dimoro».

,ʤʕʬʧʕ ʬʍ ʧʔ ˒ʦʏʧˌ ʩʔʰʺʍ ʮʕ ʩʔʦˋ Allora furono prese da tremito le mie membra,
.ʭʩʑʰˣʠ ʯʩʒʠʮʒ ʥʩʕʰʴʕ ʬʍ ʣʖ˟ʓʠʕʥ e privo di forze il capo chinai al suo cospetto.
- ʤʕʬʲʕ ʍʥ ,ʭ ʕ̌ ʩʔʰʩʒʲʮʒ ʭʔʬʲʍ ʓʰʍʥ Là svanì dai miei occhi e salì,

Poesia ebraica
.ʭʩʑʰ ʕ̋ ʤʔ ʸˈʔ ʩʒʰ ʍ̋ ˣ˗ʍʸːʔ ʧʔʷʬʕ prese la sua via verso l’angelo della Divina Presenza.
,ʥʩʕʮ ʕ̌ ʧʔʺ ʓ̋ ʮʑ ʦˌ ʣʒʸˣʩ ʬˣʷʍʥ E quando dinnanzi a me entrò
:ʭʩʑʰʴʍ ʬʑ ʩʔʰʴʍ ʬʑ ʱʔʰʫʍ ʑʰ ʸ ʓ̌ ʠʏ ʲʔʢʸʓ una voce scese dalla porta dei cieli,

'.ʥʩʕʮʧʏ ʸʔ ʪʍ ʬʕ ʯʓˢʑʩ ʩʔː ʔ̌ ʬʒʠʍʥ' «Ti conceda Dio Onnipotente la Sua misericordia».

ʩʺʴʸʶ ʳʱʥʩ YOSSEF TZARFATI

- ʪʍ ʧʒ ʶʍ ʮʑ ˎʍ ʲʔʸʕʦ ʸ ʓ̌ ʠʏ ʯʒʧʤʔ ,ʯʔʮʍʦ La grazia che seminò sulla tua fronte


.ˣˢʑʺʬʍ ʳʩʑʱˣʩ ʠʖʬʍʥ ˒ʤʒʴʱʍ ˋʍʩ il tempo mieterà e non tornerà a largire.
ʪʍ ʧʒ ʶʍ ʑʰʬʍ ˢʍ ʡʍ ʔ̌ ʧʕ ʸ ʓ̌ ʠʏ ʪʍ ʤʒ ʡʍ ʕˏ ʱʒʫʍʥ E il tuo alto trono, che pensasti essere eterno,
.ˣˢʑʲʍʥ ˣʮˣʩ ʠˣʡʍˎ ʣʔʸ˒ʩ ʬˣʠ ʍ̌ nella fossa sarà calato, quando verrà il suo tempo.
- ʪʍ ʧʒ ʶʍ ʕʰʡʍ ʩʑʰʩʑˢʸʍ ʔ̌ ʷʍ ˣˎ ʬʓʡʧʓ ʍʥ E il laccio con cui mi legasti nel tuo trionfo
.ˣʺʒʠʍʥ ˣˢʍʸʮʔ ʍʦʮʔ ˎʍ ʺʖʸʍʫʑʩ ʯʔʮʍʦ il tempo taglierà col suo coltello e la sua vanga.
,ʭʩʑʷʮʒ ˒ ʭʩʑʸʮʒ ʯʔʮʍʦ ,ʬʩʑ̋ ʍ̌ ʮʔ ʯʔʮʍʦ Il tempo abbatte, il tempo innalza e solleva,
.ʭʩʑʷ˒ˇʏʲʬʔ ʨʕ̋ ʍ̌ ʮʑ ˒ ʯʩʑː ʤˈˣʲʍ ʓ ʥ e retta giustizia concede agli oppressi.

ʭʩʑʶʶʕ ʧʏ ʥʩʕʶˣʶʩʑʰʍʥ ʪʍʑʩʔʰʩʒʲ ʸˣʠʍʮ La luce dei tuoi occhi e le loro scintille sono dardi,
ʺˣʫ˒ʸʍː ʭʒʤ ʺˣʺ ʕ̌ ʷʍ ʥʩʕʺˣˎʔʢʍʥ le sopracciglia sono archi tesi
ʭʩʑʶʸʕ ʍ̋ ʪʍ ʑʩʷʔ ˒ˇʏʧˎʔ ʵʖʸʍʴʬʑʍʥ ad aprire brecce in quanti ti bramano.
ʺˣʫ˒ʸʏʲ ʸʓʺʓʩʛʩʬʒ ʲʏ ʭʒʤ ʺʒʲʬʛ ʫʕ ˎʍ Pronti a ogni istante con la corda tirata,
ʭʩʑʶ˒ʶʍʸ ʭˣʩ ʭˣʩ ʭʩʑʬʴʍ ˣʰ ʭʕʶʧʍ ʮʔ ʬʍ sotto i loro colpi cadono annientati miriadi di corpi
ʺˣʫ˒ʸʏʠ ʯʩʒʠʮʒ ʭʩʑʲʒʥʍˏ ʺˣʡʕʡʸʍ ogni giorno, e di risanamento non v’è speranza.
ʸʕʦʫʍ ˋʍʥ ʸʔ˞ʮʑ ʦʔʲʍʥ ʸʔʶ ʪʍ ˎʒ ʬʑʍʥ Avverso e duro è il tuo cuore, più di un nemico crudele,
.ʸʕʦʲʍ ʓʰʍʥ ʬʔ˞ʑʰ ʣʩʑʣʍʩ ʯʩʒʠ ʪʍ ʒ̇ ʮʑ ˒ e non v’è amante che da te si salvi e trovi riparo.

ʩʨʬʥʥʷʸʠ ʬʠʥʮʹ SAMUEL ARCHIVOLTI

ʸʥʮʧʤ ʬʬʥʮʹ ʸʩʹ Il lamento dell’asino

,ʺʓʬʖʱ ʯ˒ʠʩʑʡʍʩ ʩʑʮʫʍ ʑ̌ ʩʒʬʲʏ ʤʕʮʬʕ Perché sul mio dorso caricano fior di farina,
?ʯʑʩˋ ʭʓʧʬʓʍʥ ,ʯʓʡʺʓ ʩʑʤʍʩ ʩʑʴʡʍ ˒ ma nella mia bocca c’è paglia e non pane?
.ʯʑʩʔʩ ʠˊʓ
ʕ ʠʍʥ ,ʺˣʸˣʡ ʩʒʮˎʍ ʤʓˢ ʍ̌ ʠʓ Bevo acqua dei pozzi eppure trasporto vino
.ʺʓʬʖˏʍʬʗˏ ʵ˒ʶʍʸ ʩʑʰʮʒ ʩˈʍʑ ʩ ʬʒ˟ʮʔ e la verga si abbatte a spaccarmi il cranio.

,ʺʓʬʖ˝ʔ̇ ʡʔ ˒ ʤʕˎʸʍ ʧʕ ˣʮʍˎ ʯʖ˗ ʍ̌ ʠʓ Tra desolazione e macerie io dimoro,


.ʯʑʩˋ ʧʔʺʴʓ ˒ ,ʸʕʶʡʍ ʮʑ ʸʩʑʲˎʍ ʸʔ˞˗ʔ come un nemico chiuso in un fortino, senza via d’uscita.
,ʯʑʩʷʔ ʺʔʧʍʰʮʑ ˒ ʯʠʖʶ ʺˣʸˣʫˎʍ ʠˊʓ ʕʠ Trasporto i primogeniti del gregge e le primizie della terra,1
!ʺʓʬʖ˗ʔʮ ʩʑʴʬʍ ʸʔːʸʍ ːʔ ʣʔʡʬʍ ,ʩˣʤ ʩˣʤ ma, ahimé, solo centaurea è il mio cibo.

r i v i s t a d i p o e s i a c o m p a r a t a X L I 2 0 0 9 / 2 semicerchio
41
Sara Ferrari
Simpo PDF Merge and Split Unregistered Version - http://www.simpopdf.com

ʺˣʫ˒ʸʏʠ ʯʩʒʠʮʒ ʭʩʑʲʒʥʍˏ ʺˣʡʕʡʸʍ Anche dopo la mia morte si ostina l’uomo a percuotermi:
ʸʕʦʫʍ ˋʍʥ ʸʔ˞ʮʑ ʦʔʲʍʥ ʸʔʶ ʪʍ ˎʒ ʬʑʍʥ grido a gran voce e al mio richiamo accorrono
.ʸʕʦʲʍ ʓʰʍʥ ʬʔ˞ʑʰ ʣʩʑʣʍʩ ʯʩʒʠ ʪʍ ʒ̇ ʮʑ ˒ le truppe al completo, gli ufficiali e i re.

ʩʑʰ˗ʒʔʦ :ʤʕʸʮʍ ʖʠ ʺˣʲ˒ˇʍʩ ʸ˒ʶ ʬʓʠ Alla Rocca della mia Salvezza2 dico allora: concedimi
˒ʶ˒ʴʕʩ ʠʖʬʍʥ ,ˇʩʑʧ ʪʍ ʧʕ ʩ ʑ̌ ʮʍ ʺʠˈʕ ʒʬ presto di portare il tuo Messia3 e non saranno dispersi i tuoi figli
.ʪʍ ʬʓ ʧʒ ʕʥ ʬʔʣ˗ʍ ʤʕ̊ʑ̋ ʬʕʫˎʍ ʭʩʑʰˎʕ in ogni angolo della terra, come misere e infelici creature.

%(:#" %!$' %:#%! LEON MODENA

ʥʡ ʸʶʥʠ ʱʴ ʩʫ ʤʮ ʩʥʠ ʸʥʮʹ ʤʰʩʷ Chi nasce, muor. Oimè, che passo [a]cerbo!
ʥʬʶ ʬʠ ʯʩʣ ʸʥʠ ʩʱʥʫ ʭʩʬʩʠ ʡʥʨ ʬʫ
Poesia ebraica

Colto vi è l’uom, cosí ordina ‘l Cielo


ʥʡ ʸʡʣ ʸʷʩ ʤʹʮ ʩʸʥʮ ʤʹʮ Mosè morí, Mosè: già car di verbo
ʥʬ ʤʦ ʠʥʤ ʸʥʴʫ ʭʥʩ ʯʥʠ ʤʩʹʥʺ ʭʹ Santo sia ogn’uom, con puro zelo
ʥʡ ʸʹʠ ʩʸʶ ʯʹ ʩʮʩ ʤʨʩʮ ʤʬʫ Ch’ alla metà, già mai senza riserbo
ʥʬ ʤʴʸʩ ʯʠʫ ʯʩʠ ʲʸ ʺʥʮ ʤʦ ʯʥʩʩʶ Si giunge, ma vedran in cangiar pelo
ʥʰʩʮʩ ʸʡʥʲ ʬʶ ʬʷ ʭʩʡ ʤʰʩʴʱ Se fin abbiam, ch’al cielo ver ameno
ʥʰʮʹ ʩʹʥ ʩʡʹ ʠʡʥʩ ʭʩʬʤ - Ah - l’uomo va, se viv’assai, se meno.

ʱʩʹʰʠʸʴ ʡʷʲʩ YAAKOV FRANCES

,ʩʑʺʩʒʠʸʍ ʤʕ ʬˣʮʍʺʠʓ ʤˌʕʸˣʰ ʤˌʍʸʮʔ ,ʣˣː Amico, una terribile visione ieri mi han mostrato
.ʣʔʧ ʔ̋ ʮʑ ʭʖʠʍʺ ʑ̋ ʩʔʰ ʕ̋ ʬʔʲ ʬʖ˝ʓʠʕʥ sì che subito caddi, faccia a terra, dal terrore.
,ʣʔʧʔʩ ʩʑʡ ˒ʬʍʴʕʰ ʩʑʺʣʕ ʩʑʧʩʑʥ ʩʔʰ ʕ̋ Il mio volto e la mia anima, entrambe si abbatterono d’un colpo
'!ʩʑʺʩʒʮʣʍ ʑʰ ,ʩʑʬ ʩˣʠ' :ʩʑˎʸʍ ʷʑ ʪʍ ˣˢ ʸʔʮʖʠʕʥ e io dissi tra me e me: «meschino, son perduto».

- ʩʑʺʠʒˎʗʰ ʩʑ˞ʷʑ ʺʠʖ˓ʔʤ ʤˌʍʸ ʔ̇ ˎʔ ,ʣˣː Amico, profezia della mia fine è questa visione,
.ʣʔʧʔʩ ˣˎʍʸʧʔ ʩʑ̋ ʩʔʬʲʕ ʺʓʥʮʕ ʩʑ˗ ,ˑʕʤ ahimè, la morte su di me la lama della sua spada affila.
,ʣʔʧ˗ʔ ʤʔ ʡˣʸʕʷ ʣʒʷˣˇ ʩʑʸʲʍ ʔ̌ ʬʔʲ ʭʑʠ Se alla mia porta la sorte vicina mi attende,
?ʩʑʺʠʒʡ˒ʤ ʩʑʸʲʕ ˈʑʍ ˎ ʭʑʠ ʧʔʸʡʍ ʠʓ ʪʍ ʩʒʠ ,ʩˣʠ ahi, come potrò scappare se sono i miei capelli a condurmi?

ʩʑˢ ʍ̌ ʡʔ ʬʕ ʺ˒ʠʒˏ ʩʑʺ ʕ̇ ˞ʔ ʓ̌ ʬʔʲʤʔ È forse perché le mie trecce di orgoglio ho vestito
,ʬʓʡʧʓ ʩʒʩ˒ʬʍʺ˗ʑ ʩʔ˕ʧʔ ˑʕʡ ˒ʬʍʺʑʰ ʩʍ˗ che a esse come un impiccato è appesa la mia vita
?ʩʑˢˈʔ̋
ʍ ʺʍ ʑʰ ʩ ʑ̌ ʠʖʸ ʸʔʲˈʑ ʍ ˎ ʭˣʬ ʕ̌ ʡʍ ˋʍʫ˒ e, al modo di Assalonne4, nella chioma del mio capo sono preso?

:ʬʓʡʠʒ ʺˣʠ ʤʓʩʤʍ ʑʩ ,ʸˣʧ ʕ̌ ʣˣʲ ʠʖʬ ,ʸʖʧʕʶ Bianco, non più nero, sarà il segno del cordoglio:
,ʩʑˢ ʍ̌ ʔˏʸʍ ʤʑ ʡʒ̆ ˎʔ ʬʩʑˏ ʺ˒ʸʍʣ˟ʔ ˎʔ ʤʖ˗ ʣʔʲ finora nel nero il mio cuore ha gioito
.ʬʓʡʧʓ ʤ ʕ̌ ʩʑˏʸʍ ˋ ʭˣ˕ʔʤ ʤʓʦ ʯʓʡʖʬʍʡ˒ e nel biancore quest’oggi proverà la mestizia.

IMMANUEL FRANCES
"ʸʡʷ-ʩʰʥʩʶ" ʪʥʺʮ Da Epitaffi

ʤʹʩʠʬ Alla moglie


,ʤʕʡ˞ʒ ʮʔ ʬʍ ʠʖʬ ,ʠˊʔʕ ʮʬʍ ʤʓʦ ʬʔˏ Questo mucchio di pietre come peso ho deposto,
,ˑʕʺʸʕ ˒ʡʍʷ ʬʔʲ ʩʑˢ ʍ̌ ʠʑ ʬʍ ʩʑˢʮʍ ˈʔ non come lapide, sulla tomba della mia sposa,
ˑʕʺˣʮ ʩʒʸʧʏ ˋ ,ʭˣʬ ʕ̌ ʍʥ ʱʔʧ ,ʯʓ̋ perché, Dio non voglia, dopo il trapasso
.ʤʕʡ ʕ̌ ʩʑʤˢʍ ʩʑʺʩʒˎ ʬʓʠʍʥ ʭ˒ʷʕˢ d’un tratto non si alzi e faccia ritorno alla mia casa.

semicerchio r i v i s t a d i p o e s i a c o m p a r a t a X L I 2 0 0 9 / 2
42
Sara Ferrari
Simpo PDF Merge and Split Unregistered Version - http://www.simpopdf.com

ʥʨʠʶʥʬ ʭʩʸʴʠ EFRAYIM LUZZATTO

ʡʷʲʩ ʸ"ʸʤʥʮʫ ʤʬʲʰʤ ʭʫʧʤ ʬʠ ʭʩʮʥʧʰ ʭʩʸʡʣ Parole di conforto dedicate al nostro alto e illustre maestro e rabbino,
ʡʠʫʡ ʥʺʥʬʧʡ ,ʤʠʩʶʩʸʥʢ ʷ"ʷʡ ʵ"ʮ ʵʴʧ ʩʧ Rav Yaakov Hay Hefetz, Maestro Giusto della Santa Comunità di Go-
ʹʴʸ ʥʩʮʩʮ ʥʹʸʢʩʥ ʬʫʥʩ ʠʬ ʨʷʹʤ ʩʫ ʺʥʩʬʫʤ rizia, il quale aveva contratto una malattia renale. Poiché non aveva
ʭʥʶ ʭʥʩʡ ʩ"ʩ ʺʩʡ ʣʮʥʲ ʬʠʸʹʩ ʬʤʷ ʬʫʥ ,ʨʩʨʥ pace e le sue acque erano torbide e melmose, l’intera Comunità Israe-
ʥʮʲʴʬ ʩ"ʩ ʧʥʸ ʬʧʺʥ ,ʥʬ ʤʺʲʥʹʩʬ ʤʰʧʺ ʬʩʴʤʬ litica si riunì nella Casa di Dio e proclamò un giorno di digiuno per
:ʬʩʧ ʡʸʡ ʤʹʠʸʤ ʯʡʠʤ ʺʠ ʠʩʶʥʤʥ chiedere a Dio la sua salvezza. Allora lo spirito di Dio cominciò a com-
muoversi ed egli espulse la pietra con grande forza.

ʭʑʩʮʔ ʩʑ˗ ʤʓʠʸʍ ˒ ,ʤʓʥːʕ ʯˣʣˌ ,ʤʕʸ˒ʲ Alzati, afflitto maestro, e guarda come acqua
,ʯʓʡʠʓ ˗ʕ ʭʕʮ˒ː ʤʓ˓ʤʔ ʭʕʲʤʕ ʤʓ˓ʔʩ asperge questo popolo silente quale pietra,
,ʭʑʩʮʔ ˒ʮʍʸʲʓ ʓʰ ʭʕʺʧʕ ʍʰˋ ʸʓʡ ʓ̌ ʬʍ ˒ e all’erompere del loro gemito grandi acque si raccolgono.
Un travicello dall’albero grida e dalla parete – la pietra.

Poesia ebraica
.ʯʓʡʠʓ ʤʕ - ʸʩʑ˟ʮʑ ,ʷʔʲʶʍ ˢʑ ʵʒʲʮʒ ʱʩʑʴ˗ʕ

,ʭʑʩ ʔ̇ ʤʔ ʳʒ˔ʤʔ ,ʸʩʑˎ˗ʔ ,ʤʕˢʲʔ ʤʕˢˋ Tu ora, sommo maestro, fa’ gocciare acqua
;ʯʓʡʠʓ ʤʕ ʠʒʶˣʤ ʤʕʧʕʥʸʍ ˒ ʺʔʧʔʰʡʍ ˒ e in quiete e sollievo espelli la pietra.
- ʭʑʩ ʔ̇ ˗ʔ ʱʒʮʕʰ ʭʩʑʡ˞ʕ ʑ̊ʔʤ ʡʔʡʬʍ ˒ Il cuore dei presenti si dissolve come acqua,
.ʯʓʡʠʓ ʮʒ ʷʕʦʧʕ ʪʍ ˎʕ ʬʑ ʪʍ ʸʔ ʒʩ ʠʕʰ ʬˋ ma tu, di grazia, non abbatterti, ché il tuo cuore è più forte della pietra.

ʭʑʩʮʔ ʬʔʧʔʰ ʩ˗ʑ ,ʠ˒ʤʔʤ ,ʯ˒˚ʔʧ ʬʒʠʤʕ Il Dio pietoso, Lui, che allora un profluvio d’acqua
,ʯʓʡʠʓ ʮʒ ʬʩʑ˓ʤʑ ʸʕˎʣʍ ʮʑ ʯˣʮʩ ʑ̌ ʩʑˎ ʦˌ fece scorrere da pietra nella desolazione del deserto,
.ʭʑʩʮʔ ʪʍ ʬʕ ʷʩʑʸʕʩ ˣʲ ʍ̌ ʑʩ ʩʒʰʍʩʲʔ ʔ̇ ʮʑ dalle fonti della Sua salvezza per te vuoterà acqua.

,ʯʓʡʠʓ ʤʕ ʸʩʑʱˢʕ ʸˣˎʔʤ ʩʑ̋ ʮʑ ʣˣʲ ʯʒʤ Dalla bocca del pozzo tu certo rimuoverai la pietra;
- ʭʑʩʮʔ ˒ʰʒʷ ʍ̌ ˢʔ ʯˣˇʠʑʸ ʨʕ̋ ʍ̌ ʑ̇ ˗ʔ ʣˣʲ come in passato, ancora ci disseterai con l’acqua della tua sapienza,
.ʯʓʡʠʓ ʣʒʱʕ˒ʑʩ ʡˣ˔ʔʤ ʸʕʤʡʕ ʩʑ˗ ʣʔʲ fino a che sul Monte5 buono sarà innalzata la pietra.

ʥʢʸʥʴʸʥʮ ʬʧʸ RACHEL MORPURGO

Queste sono le parole di Rachel dopo aver udito che il suo nome
:ʭʩʺʲʤ ʩʡʺʫʮʡ ʤʬʤʺʬ ʸʫʦʰ ʤʮʹ ʩʫ ʤʩʰʦʠʬ ʠʥʡʡ ʬʧʸ ʩʸʡʣ ʤʬʠʥ era stato elogiato sui giornali

,ʸʔʮ ʩʑʬ ʸʔʮ ʩʑ˗ ,ʩ ʑ̌ ʴʍ ʔʰ ʸʔʮʠʖʺ ʩʑʬ ʩˣʠ Geme la mia anima perché amara, così amara è la sorte!
.ʸʕ̇ʔʩʺʍ ʠʓ ʕʥ ʩʔʬʲʕ ʩʑʧ˒ʸ ʧʔʴʨʕ Inorgoglito, s’innalzò il mio spirito,
,ʸʕʮ ʍ̌ ʑʰ ʪʍ ʸʒ ʩ ʑ̌ :ʸʒʮˣʠ ʬˣʷ ʩʑˢʲʍ ʮʔ ʕ̌ ho udito una voce dire: «Il tuo canto è sopraffino!
?ʸʩ ʑ̌ ʺʓʣʮʓ ˣʬ ʬʒʧʸʕ ʪʍ ʺʒ ˣʮʍʫ ʩʑʮ Chi, o Rachel, nel canto è dotta a par tuo?»

,ʸʔʮʕʰ ʩʑʧʩʒʸ :ʩʔʬʠʒ ʡʩ ʑ̌ ʕʩ ʩʑʧ˒ʸ Il mio spirito risponde: si è alterato il mio profumo,
,ʸʔʮʱʕ ʩʑʸˣʲ ,ʤʕʬˣˏ ʸʔʧˋ ʤʕʬˣˏ esilio dopo esilio, si è inasprita la mia pelle,
,ʸʔ̇ʗʦ ʩʑʮʸʍ ˗ʔ ,ʩʑˎ ʣʔʮʲʕ ʠʖʬ ʩʑʮʲʍ ʨʔ il mio gusto è mutato, la mia vigna l’han potata.
.ʸʩ ʑ̌ ˌ ʣˣʲ ʠʖʬ ,ʣʕʧʴʍ ʠʓ ʺˣ˙ʑʬ˗ʍ ʮʑ Per timore di vergogna non canterò più.

.ʤʕ̇ʕʩʕʥ ʤʕʮʣʍ ʷʒ ʭˣʸʕː ʯˣʴʕʶ ʤʓʰʴʍ ʠʓ Mi volgo a nord, a sud, a oriente e a occidente:
.ʤʕʮʸʕ ˒ʤ ʺʠʖʦʕʬ ,ʤʕ̆ ʷʔ ʭʩ ʑ̌ ʕʰ ʺʔʲːʔ la sapienza delle donne cosa leggera è stimata in ogni dove.
ʤʕ̇ ʬʕ ʤʕˢʲʔ ʯʒʤ ,ʭʩʑʰ ʕ̌ ʤʕʮ˗ʔ ʸʔʧˋ Dopo pochi anni chi davvero ne serberà memoria

?ʪʍ ʬʓ ʓ̋ ʬʛ ˗ʕ ʸʩʑʲʬʛ ˗ʕ ʺʒʮ ʡʓʬ˗ʓ ʮʑ ʸʖ˗ʍʦʑʩ più che per un cane morto in città o nella regione?
ʪʍ ʬʓ ʤʒ ʕʥ ʡ ʕ̌ ˣˢ ʣʩʑʲʕʩ ʣʒʲʤʕ ʤʒ̊ʑʤ Viandanti e cittadini, ognuno farà fede:
.ʪʍ ʬʓ ʓ̋ ˎʔ ʭʑʠ ʩʑ˗ ʤˉʑ ʕ ʠʬʕ ʤʕʮʫʍ ʧʕ ʯʩʒʠ non c’è scienza per la donna se non nel fuso.

1847 ,ʦ"ʸʺ'ʤ ʥʢʸʥʴʸʥʮ ʡʷʲʩ ʺʹʠ ʬʓʴʒʰ Aborto6 della moglie di Yaakov Morpurgo, 1847.

r i v i s t a d i p o e s i a c o m p a r a t a X L I 2 0 0 9 / 2 semicerchio
43
Sara Ferrari
Simpo PDF Merge and Split Unregistered Version - http://www.simpopdf.com

ʩʑˢʍʰʹʕ
ʔ ʩ ʠʖʬ ʺʒʲ ,ʩʑˢʍʰʷʔ ʕʦ ʠʖʬ ʣʔʲ Prima d’invecchiare, quando non dormivo,
.ʤʕʸʩʹʑ ʸʖʮʠʒʬ ,ʩʑˢʍʰʫʔ ʱʍ ʤʑ ʯʒʫʱʍ ʤʔ la consuetudine avevo d’intrecciare un canto.
ʩʑˢʸʍ ʧʔ ʠʒ ʯʒʫʬʕ ,ʩʑˢʸʍ ʔʢ ʯʕʡʬʕ ʭʑʲ Con Labano7 ho vissuto, perciò ho tardato;
.ʤʕʸʶʕ ʤʓʬʫʍ ʺʑ ,ʩʑˢʸʍ ʮʔ ˌ ʸˣʮˌ sicura mi son detta: la pena finirà.
ʩʑˢʍʰʮʔ ʨʕ ʩʑʸʴʍ ʱʑ ,ʩʑˢʍʰʧʔ ˎʕ ʯˣʧʕˎ Senza posa ho atteso finché il libro ho nascosto
.ʤʕʸ˒ʱ ʸʖʮʠʒʬ ,ʩʑˢʍʰʴʔ ʶʕ ʨʒʲʤʕ e la mia penna dicendo: via!
ʩʑʺʩʑ̋ ʶʑ ʠʍʥʹʔʕ ʬ ,ʩʑʺʩʑʠʸʕ ʭʕʰʮʍ ˌ Di fatti ho capito: fu vana la speranza.
.ʤʸʕ ʱʕ ʸʒʡˣː ,ʩʑʺʩʑʦʧʕ ʩʑ˗ ʺʒʲ Ora ho veduto: è fallace la sua parola.
ʩʑʺʩʑ˒ʠʑ ʭˣʩ ʭˣʩ ,ʩʑʺʩʑʰʲʕ ʩʑ˗ ʭʔʢ E seppur nel dolore ogni giorno bramavo,
:ʤʕʸʍʦʲʓ ʬʒʠʮʒ ,ʩʑʺʩʑ˒ʷʑ ʤʖ˒ʔʷ smaniosa speravo l’aiuto di Dio.

1861 ,ʠ"ʫ'ʸʺ'ʤ 1861


Poesia ebraica

ʥʨʠʶʥʬ ʣʥʣ ʬʠʥʮʹ SHEMUEL DAVID LUZZATTO

,ʭʑʩʮʔ ʕ̌ ʺʔˎ ʺʓʮʠʎ ʸ ʓ̌ ʩʕʥ ʨ ʓ̌ ʷ Pregio e virtù, Verità figlia dei cieli,
.ʩʑˢʡʍ ʤʔ ˌ ʤʖ˗ ʣʔʲʍʥ ʸʔʲʖ˚ʑʮ ʪʍ ʺʕ ˣʠ te dalla fanciullezza fino a oggi ho amato;
,ʩʑˢʡʍ ˞ʔ ʑʰ ʪʍ ʸʒ ˒ʡʏʲˎʔ ʸʔ˞ʮʑ ʦʖʲʕʮ rocca contro il nemico per causa tua mi sono eretto,
.ʭʑʩʔʰʺʍ ʮʕ ʸʒʢˣʧʍʥ ʺ ʓ̌ ˟ʓ ʤʔ ʪʍ ʸʒ ˣː con l’arco teso e i fianchi cinti.

ʭʑʩ˗ʔ ʸʍ ʡʑ ʩʒʲ˒ʸʍ˗ ʸʓʷˉʔ ʓ ʤ ʩʒʰʴʍ ʬʑ Al cospetto della menzogna inginocchiàti


.ʩʑˢʡʍ ʸʔ ʪʍ ʡʒ ʩʑʸ ʺʓʠʍʥ ,ʩʑʺʩʑʠʸʕ ʭʩˎʑ ʸʕ molti ho veduto e te nella disputa ho difeso;
,ʩʑˢʡʍ ʲʔ ˢʑ ʭʩʑʬʫʕ ʍʰ ,ʩʑˢʶʍ ˟ʔ ʑ̌ ʤʕʮʸʍ ʮʑ l’inganno ho spregiato, gli intrighi ho aborrito
.ʭʑʩʔ̋ ʫʔ ʩʒʸʡʕ ʬʍ ʩʑˢʬʍ ʧʔ ʍʰʤʑ ʣˣʡʕ˗ onore ho lasciato in retaggio a quanti hanno le mani pure.

ʤʕʬʧʒ ʤʒ ʺʒʠˈʔ
ʍ ʮ˒ ʤʕʮʨʒ ˈʔʍ ʮ ʯʒ˗ ʬʔʲ Perciò astio e affanno principiarono
ʩʑʰ˒ʮˈʕ ʡʒʬ ʸʔʱʧʏ ;ʩʔʣʩʑʣʩʑʥ ʩʑʰʩʒˎ tra me e miei amici: un uomo dissennato mi considerano
.ʩʑʰ˒˙ʑː ʲʔˏ ʗ̌ ʍ̇ ʤʔ ʨˣˇʩʑʷ ʯˣʣʍʬ˒ alla stregua del folle Don Chisciotte.

Bella eppure nera8, mia signora, fino alla tomba


mi piacerà sopportare l’insulto dell’uomo a favor tuo;
ʸʓʡʷʓ ʣʔʲ ,ʩʑˢʸʍ ʩʑʡʍˏ ,ʤʕʸˣʧ ʍ̌ ˒ ʤʕʥʠʍ ʕʰ

un Don Chisciotte sarò per la Verità9, selah10!


.ʸʓʡʓˏ ʺʔ̋ ʸʍ ʧʓ ˢʓʠ ʓ̌ ʪʍ ʑʩʬʔ ʲʕ ʩʑʬ ʡˣʨ
.ʤʕʬʱʓ ʨ ʓ̌ ʷ ʩʒʰ ʍ̋ ʮʑ ʨˣˇʩʑʷ ʤʓʩʤʍ ʠʓ

NOTE
1 Le primizie della terra: nel testo originale “l’offerta di Caino”; ponimenti.
secondo Genesi 4,2 egli infatti coltivava la terra. 7 Labano: suocero di Giacobbe. Qui usato come proverbiale
2 Rocca della mia Salvezza: espressione ebraica piuttosto comune esempio di uomo sleale e avvezzo a ingannare il prossimo, in par-
in ambito liturgico per indicare Dio. ticolare non mantenendo le promesse (cfr. Genesi 29).
3 Di portare presto il tuo Messia: secondo la tradizione ebraica il 8 Bella eppure nera: cfr. Cantico dei Cantici 1,5.

Messia giungerà sul dorso di un’asina bianca. 9 Un Don Chisciotte sarò per la verità: l’originale presenta un
4 Assalonne: figlio ribelle del re Davide, morì coi capelli impi- gioco di fatto intraducibile tra il nome di Don Chisciotte e la pa-
gliati in un albero di terebinto (cfr. II Samuele 18). rola ebraica qoshet, “verità”.
5 Sul Monte buono: s’intende sul Monte del Tempio di Gerusa- 10 Selah: parola che nel Libro dei Salmi compare sovente alla fine

lemme. una strofa o di un intero inno, come segno per la melodia. Alcuni
6 Aborto: termine con cui talvolta l’autrice indica i propri com- ritengono che il suo significato sia “per l’eternità”.

semicerchio r i v i s t a d i p o e s i a c o m p a r a t a X L I 2 0 0 9 / 2
44