Sei sulla pagina 1di 68

Romane de Roma

(x 44) [3.0-ix]
1. A la Renella /Am ........................................................................... 1
2. A la Renella (Fior de mortella…) /Dm ............................................... 2
3. Affaccete Nunziata [PetrolEttore] /Dm ............................................... 3
4. Affaccete Nunziata [Gabri] /Am ........................................................ 4
5. Aritornelli antichi /A(m) .................................................................. 5
6. Aritornelli romaneschi /C ............................................................... 7
7. Barcarolo romano /Em ................................................................... 8
8. Cento Campane /Dm>F ................................................................... 9
9. Chitarra romana [GabriFer] /(Dm) Am .............................................. 10
Chitarra romana [Connie] /(Gm) Dm ................................................ 11
10. Ciumachella de Trastevere /C ....................................................... 12
11. Com’è bello fa’ l’amore quanno è sera /A ...................................... 13
12. È tutta robba mia /D(m) ............................................................... 14
13. E gira e fai la rota /E ................................................................... 15
14. Fiori Trasteverini [GabriFer] /D ...................................................... 17
Fiori Trasteverini [Alvaro Amici] /A ................................................. 19
15. Lassàtece passa’ (Stornelli) /(B7) E ............................................... 21
16. le Mantellate /D ........................................................................... 23
17. Lella /E ...................................................................................... 24
18. Me so’ magnato er fegato /A(m) .................................................... 26
19. ‘na gita a li Castelli /(Nanni’) [Petrolini] /C(m) .................................. 28
‘na gita a li Castelli /(Nanni’) [GabriFer] /A(m) ................................... 29
20. Nina si voi dormite /Am ............................................................... 30
21. Nun je da’ retta Roma /A ............................................................. 31
22. Pe’ lungotevere /E(m) .................................................................. 32
23. la povera Cecilia /Am ................................................................... 33
24. Quanto sei bella Roma (Canta se la voi canta’) [L.Virgili] /A ................... 34
Quanto sei bella Roma (Canta se la voi canta’) [GabriFer] /B>C .............. 35
25. Roma forestiera /A(m) ................................................................. 36
26. Roma, nun fa' la stupida stasera /F>D ........................................... 37
27. Semo gente de borgata /A(m) ....................................................... 38
28. Sinnò me moro .......................................................................... 39
29. So’ stato carcerato /C .................................................................. 40
30. La Società dei magnaccioni /A ...................................................... 41
31. Sôra Menica /A ........................................................................... 43
32. Sott'er cielo de' Roma /A ............................................................. 46
33. Stornellata romana [Carlo Buti] /A .................................................. 47
34. Stornellata romana [Alvaro Amici] /C ............................................... 49
35. Stornelli di Porta Romana /G ........................................................ 51
36. Stornello dell’estate /A ................................................................ 53
37. Tanto pe' canta' /D(m) ................................................................. 54
38. Tarantella della bellona /Dm ......................................................... 55
39. Te possino da' tante cortellate [GabriFer] /Am .................................. 56
Te possino da' tante cortellate (Zompa e balla) [C.Villa] /C#m(>Dm>Ebm>Em) 57
Te possino da' tante cortellate (Zompa e balla) [Antonella Onorato] /Am ...... 59
40. Tutti al mare /D........................................................................... 60
41. Tutte le nott'in sogno (Vola vola l'aritornello) /Em ................................. 61
42. Vola vola l'aritornello (Tutte le nott'in sogno) /E(m) ............................... 62
43. Vecchia Roma /G ......................................................................... 63
44. Venticello de Roma /D ................................................................. 64

[**IMPRESCINDIBILE** vedi 3 pagine finali : "Istruzioni per la lettura/decodifica"]


A la Renella
Anonimo, XVIII sec. - (1974) Gabriella Ferri, Luisa De Santis
[originale : ˜Ebm]
Am_ (e, a, b b_c_b, a; c d c b e) F_(c b a) Dm_(g, f)
A la Re-ne-e-lla, più sale_er fiume_e più legna vie'_a ga-lla
(b a a_g# f) E7(b; g# a_b ) Am(b, a) (7, 6)
io più ve gua-ardo_e più ve fate be-lla

(b a# b c b) E7(g#; d e f e d) Am(f_e_d_c)
Come te posso_ama’, come te posso_ama-a-a-a’
Dm(d e f a g#) Am(a, e; e ) E7(e, f e b ) Am(a)
si_esco da ‘sti ca-nce-lli quarcheduno l’ha da paga’
Am(e, a b c) A7(b, a ) Dm(g_a_g_f)
A tocchi a tocchi la campana so-o-o-na
(d f g f) E7(e, d ) Am(c_d, e) (Am6)
li turchi so’ sba-rca-ti alla mari-i-na
A7 Dm
chi c’ha le scarpe rotte l’arisola
E7(e; g#_a b) Am(b, a) (7, 6)
io già l’ho arisolate sta-a-mma-ti-na

Come te posso ama’ …

Amore amore manname ‘n saluto


ché sto a Regina Caeli carcerato
d’amici e da parenti abbandonato
me sembro ‘n pover’arbero sparuto

Come te posso ama’ …

Si er Papa me donasse tutta Roma


o er principe Farnese ‘na Mentana
ma me dicesse lassa anna’ chi t’ama
io je direbbe “No!” sarvamo Roma

Come te posso ama’ …


A la Renella
Anonimo, XVIII sec.

Dm F
A la Renella, più cresce er fiume e più legna vie' a galla
Gm A7 Dm
più t'arimiro e più me pari bella
Bb Gm C7 Dm
più cresce er fiume e più legna vie' a galla
Gm A7 Dm
più t'arimiro e più me pari bella
più cresce er fiume e più legna vie' a galla
più t'arimiro e più me pari bella

Fior de mortella,
||: leggo l'amore tuo nella pupilla,
l'amore vero che nun se cancella :|| [x 3]

Fior de granato,
||: la vigna nun po' sta' senza canneto,
come la donna senza innamorato :|| [x 3]

Fior de verbena,
||: ar monno nun c'è rosa senza spina,
ne' core innamorato che nun pena :|| [x 3]

A la renella
||: più cresce er fiume e più legna vie' a galla
più t'arimiro e più me pari bella :|| [x 3]
Affàccete Nunziata
(Petrol)Ettore Pertrolini (1893; Nino Ilari, Antonio Guida)
6/8, intro : (a) ||: D(d...) | | | |B7(f#,g,a |a,g,f#) |Em(b) |A7sus (g)_
(a) Dm(a ) Gm(bb ) A7(b9) (bb a g) Dm(a )

Affaccete Nun-zia-ta, co-re_adorato


A7(g a) Dm(f ) A7 (e f e) Dm(e d)
che 'sta nottata_i-nvi-ta a fa' l'amore
(Dm) Gm A7 (c#, d, e) F(a )

Er cielo è tutto quanto imbrillantato


Gm(g a) Dm(f ) A7 (e f) Dm(d )
la luna manna_a sfascio lo splendore
Am(e a ) Bø(a_g#_a) E7(b g#) Am(f e)
Soffia un (ber) venti-ce-e-llo dorce, dorce
Am (Bø) E7 Am
che fa smòve le foje adacio, adacio
(e f#) Em(g ; g f# g a) B7(b )

A mmalappena una foja se storce [mòve]


(b a# b c# f#) F#7(f#, a#, c#) B(c#, b) Eø(bb) A7(a) _
p'annass'appi-cci-ca' tra loro_un bacio_ooh, ooh, oooh
(a) D(d c# b a f# ) B7(f# g a a_g f#) Em(b )
A--ffaccete Nunziata, bo-ccuccia de cerasa
G(b g e) D(d) A7(c#; c# e g b c#) D(a)
fravola inzucche-ra--ta, fatte vede' la-ssù
D B7 Em
Affaccete Nunziata, boccuccia de cerasa
Gm(bb d bb) D(a ; d e f#) A7_(g a b c#) D(d)
fravola inzuccherata, fatte ve-de'... lassù... lassù
Però ce manchi tu 'nde sta nottata
ce manca la bellezza de quer viso
quanno t'affacci tu che sei 'na fata
sto monno se trasform'in paradiso
Quanno t'affacci te, tutte le stelle
perdeno de bellezza e de chiarore,
perché tu sei la bella fra le belle
che poi compete co' quarsiasi fiore
Affaccete Nunziata, boccuccia de cerasa
fravola inzaccherata, fatte vedè lassù
Affàccete Nunziata
Gabriella Ferri (1893; Nino Ilari, Antonio Guida)
6/8, intro : (e) ||: A(a...) | | | |F#7 | |D |A |E7_
(e) Am(e ) Dm(f ) E7(b9)(f, e d) Am(e )

Affaccete Nunzia(ta), co--re_adorato


E7(d e) Am(c ) E7(b c) Am(b a)
che 'sta nottata_i-nvi-ta a fa' l'amore
(Am) Dm E7(g#, a, b) C(e )

Er cielo è tutto quanto imbrillantato


Dm(d e) Am(c ) E7(b c) Am(a )
la luna manna_a sfascio e lo sprennore
Em(b ) /f# G6(e ) B7(d#_f#, d#) Em(b )

E tira un venticello do-o-rce, dorce


Em /f# G B7 Em
che fa trema' le foje adacio, adacio
(b a# b c#) Bm(d ; c#_d e) F#7(f# )
A quanto_ammalappena che le storce
(f# f f# g# c#) C#7(c#, f g#) F#(g#,f#)_ Bø(f) E7(e) _
pe' faje_appi-cci-ca' tra loro_un ba-cio_ooh, ooh, oooh
(e) A(a g# f# e c#) F#7(c# d e e c#) Bm(f# )
A--ffaccete Nunziata, bo-ccuccia de cerasa
D(f# d b) E7(g# ; g# b d f# g#) A(e)
fravola inzucche-ra-ta, fatte vede' la-ssù
A F#7 Bm
Affaccete Nunziata, boccuccia de cerasa
Dm(e+ a f) A(e ) (e, a, b, c#, d_) (e b c#) E7_(d e f# g#) A(a)
fravola inzuccherata, fatte ve--de' lassù, lassù
Però ce manchi tu 'nde sta nottata
ce manca la bellezza de quer viso
quanno t'affacci tu che sei 'na fata
sto monno se trasform'in paradiso
Quanno t'affacci te, tutte le stelle
perdeno de bellezza e de chiarore,
perché tu sei la bella fra le belle
che poi compete co' quarsiasi fiore
Affaccete Nunziata, boccuccia de cerasa
fravola inzaccherata, fatte vedè lassù
Aritornelli antichi [un po' 'aggiornati']
(19xx) anonimo
[tonalità originale : E(m)]
intro : ||: A/a, e :||
[Me vojo rifa' ai vecchi stornelli
pe' ricorda' de Roma i tempi belli
pe' celebra' n'amica assai speciale
che dentro ar core tengo chiusa a chiave]
Am(c ; b a g f e)

Voglio canta' così, fior d'amaranti


(e d e d e d f e)

l'amore nun è fatto pe' li vecchi


(e d e f e d c f e) E7(d c_d_c_b)
l'amore nun è fatto pe' li vecchi---
(e f e f e f e f e f e)

ma solo pe' noiantri, giuvinotti


(d c b d c b d c b) Am(b a) A_
e nu' l_ vojio che so' tutt_ brutt_
(c# d c# ; c# d) (c#_b)
A(a b a ; a b) E7(a_g#)
Quanno l'amore friccica [pizzica], gira che fa' [vo'] gi-ra'-a
(g# a g# ; e f# g# f# e) A(a) A_
ma quando che te stuzzica, l'amore se ne va

[E a te se riferiva de sicuro
che ancora all'òmmini lo fai venire duro]

Voglio canta' così, fiore de ruta


a mamma tua la pasta l'hai rubata
a mamma tua la pasta l'hai rubata
t'e la sei messa in petto, e t'è cresciuta
t'e la sei messa in petto, e t'è cresciuta!
[e infine ad una quinta sei arrivata]

Quando l'amore friccica ... l'amore se ne va


[continua ...]
[... segue]
Am(c ; b a g f e)

Voglio canta' così, fior de grispigni


(e d e d e d f e)

li facioletti mia tu nun li magni


(e d e f e d c f e) E7(d c_d_c_b)
la bracioletta mia tu te la sogni
(e f e f e f e f e f e)

e drent'ar piatto mio tu nun c'intigni


(d c b d c b d c b) Am(b, a) A_
e dentro_al piatto mio tu nun c'intigni!
[al limite te do du' cetrioli, uno lo mangi con l'artro te consoli]

Quanno l'amore friccica [pizzica], gira che fa' [vo'] gira'


ma quando che te stuzzica, l'amore se ne va
Voglio canta' così, fior de grugnale [* crugnale]
si fosse malattia fare all'amore
si fosse malattia a fare all'amore,
sarebbe il mondo tutto 'n'ospedale
sarebbe il mondo tutto 'n'ospedale!
[insieme al tuo Ninetto che è speciale, stareste sempre dentro 'n' ospedale]

||: Quando l'amore friccica ... l'amore se ne va :||


Vojo canta' così fiori d'ortensie, ancora te ricordo alle presenze
z tutti quanti tu je davi retta, "Con calma, per favore e senza fretta!"

Quando l'amore friccica ... l'amore se ne va

Vojo canta' così fiorin fiorello, immagino la gente tanta tanta


quest'oggi se festeggiano i cinquanta, tu c'hai quarcosa de davvero bello

Vojo canta' così fior de ginestra, a quale fonte dimmi hai mai bevuto
ce vado co' na tanica e l'imbuto, a prendeme l'eterna giovinezza

Quando l'amore friccica ... l'amore se ne va

Stornelli romani
Vojo canta' così, fiore d'ornello
si avesse er petto e' fatto e' de cristallo
si avesse er petto e' fatto e' de cristallo
quel che nun dico podressi vedello
Aritornelli romaneschi
(1972)

intro : /c, b, a; g,a,b ||: C /g :||


C(g b) G7(a g__f___f_e_d___c_b; g f) C(e d_c__b_a__g) /g,a,b,c
Drent'a Regina Coeli-i-i-i-i-i-i-i c'è 'no sca-li-no
G7 C /g,a,b,c, b, a, g

chi nun salisce quello-o-o-o-o nun è romano


G7 C /g,a,b,c,

nun è romano e manco tresteveri-i-i-ino

Drent'a Regina Coeli ce sta 'na branda


viecce Ninetta mia a fa' la ninna
dijelo al secondino si te ce manna

Drento Regina Coeli c'è 'na campana (c, a, g, e, c)


pòzzi mori' ammazzato (te) e chi la sòna
quando che s'ha da fare che te minchiona

Fiore de guazza e fiore, fiore de guazza


je sgari er core e sai chi l'arippezza
la morte quanno arriva è che t'ammazza G7_

C(e/g a g) G7(f/b a b a) C(e/c a c) G7(f/b) C(e/c)


Così_è l'amore che viene_e va, gioie_e dolori sempre ci dà
C G7 C_(e/; e/ ) F_(f/a) G7_(f/b a) C(e/c)
Così è l'amore che viene_e va, gioie e do-lo-ri sempre ci dà
Barcarolo romano
(1926; P. Pizzicaria, Romolo Balzani)
(Gabriella Ferri: C - Lando Fiorini, Eb - Gigi Proietti)
Em (e f# a g f# e; e f#) Am(a g f# e d c) B7(b)

Quanta pena stasera c'è sur fiume che fiotta co-sì


(b ) Am(e; f# g _a e g) Em(g, b)
disgraziato chi sogna e chi spera,
(b c) Am(b a; g) B7(a_g_f#; f#) Em(f#_e)
tutti_ar monno dovemo-o-o soffri'
(e ) Am(e c e ) Em(e_d_c, b)
Si c'è n'anima che cerca la pa-a-a-ce
Am(e e) F#ø(f# g a) B7(b) [F#ø = Am/f#]
po' tro-va-lla so-rta-nto che qui
(b_c#) E(c# b a g# b g# e) B7(d#_c#, b)
E-er barcarolo va contro co-re-e-nte
(d# c# b d# c# a) E(g#_f# e)
e quanno canta l'eco s'ari-se-e-nte
E B7 E
si è vero fiume che tu dai la pace, fiume affatato fajela trova'

Più d'un mese è passato da quer giorno che dissi Nine'


quest'amore è ormai tramontato, lei rispose lo vedo da me
Sospirò poi me disse "Addio amore,
io però nun me scordo de te"

Je corsi appresso ma nun l'arivai


la cerco ancora e nu' la trovo mai
Si è vero fiume che tu dai la pace
me so' pentito fammela trova'
(C°7!)
Proprio sotto ar battello, s'ode un grido ed un tonfo più in là
poi ce gira e ce fa er mulinello, poi s'affonna e riaffiora più in là
Su corete è 'na donna affogata, poveraccia, sperava chissà

La luna da lassù fa capoccella rischiara er viso de Ninetta bella


me chiese pace e io je l'ho negata, fiume boiaccia je l'hai data tu
La ri, ri ri, la ri, ri ri, ri...

Me vojo sperde solo giù ppe' fiume, cos' chi tt'ama môre assieme a te
Cento campane
(1952?; Fiorenzo Fiorentini, Romolo Grano)
(1971, RAI *) Nico dei Gabbiani [Lando Fiorini; Alvaro Amici]
intro , Riff: ||: Dm(d,a, f,a, a,g,f, bb,a,g) :||
Dm(a bb a d; a) A7(g_f e) Gm(g a bb) A7(a g) Dm(f_e, d)
Nun me lo di', sta-no-o-tte, a chi_hai stregato er cò--re
Dm(a, bb, a, d f) A7(g_f e; g a f e) Dm(d) C
La ve-ri-tà fa ma--le, lasciame 'sta visione pe' spe-ra'
(a) F(c; a) A7/e(c#, a) Dm(g_f_g_e, f) F7
Din don, din don, amo------re
Bb(f g f f e d) A7(e)
cento campane stanno a di' de no
F A7(c#; a bb a) Dm(g_f_g_e, f) F7
Ma tu, ma tu a-mo-re mio,
Bb(f ) Eø(g_f e; f g) A7(a)
se m'hai lasciato_a-nco-ra nun lo di'

Dm(a ) D7(a; bb c) Gm(bb)


No, nun lo di', nun parla',
(bb ) Eø(bb d) A7(c#)
sei una donna o una strega, chissà?
(a) Dm(d a) A7(e a) RDm(f_e d; d ) A7(e +f e) Dm(d)R C
Me resta 'na spera-a-nza, la speranza de quer sì

Din (F)don, din (A7/e)don, a(Dm)more (F7)

(Bb)pure le streghe m'hanno detto (A7) no


Ma (F)tu, ma (A7)tu amore (Dm)mio (F7)
Bb(f ) Eø_(g a g) A7_(e) Dm(d)R
se m'hai stregato dimmelo... de... sì
* sceneggiato RAI, "Il segno del comando" con Ugo Pagliai, Carla Gravina, Paola
Tedesco, Massimo Girotti
Chitarra romana
Gabriella Ferri (1936; C. Bruno, E. Di Lazzaro; E. Di Lazzaro)
[tonalità originale : (Bm) F#m]

intro : ||: Dm (d,e,f,d, b,a,f,d) |Am (c,d,e,c, a,e,c,a) |


|E7 (b,c,d,b, e, e,f#,g#) |1. Am(a,g#,a,b, c,b,c,d, e,c,b,a) :|| |2. Am.(a)

(a b c b c) Am(b, a; e f g f g) E7(f, e)
Sotto_un manto di ste-lle, Roma bella m'appa-re
(g# a b a b g#.; e f) Dm(g, f g) E7.(e)
solitario_il mio cuor, disi-llu-so d'amor,
(c d e/d d/b e/g#) Am(e_d_c) /a.

va nell'ombra_a ca-nta--a-ar
(c d e d c) Dm.(e, d) /c, b (d e) E7(f a g#) Am(e)/c, b Am_
una muta fo-nta-na, e_un ba-lco-ne la-ssù
(a b c b a) E7(g#, e; d e d c b) A(a) (d, c#,b) A.
o chitarra ro-ma-na, accompagnami tu

(c# d e f# g# a) E7(b ; b c# b a g# f#) A(a, f#_e)


Suona suona mia chi-ta-rra, lascia piangere_il mio cuo-re-e
(c# d e f# a f#) E7(g# e_d; b c# d e b g#) A6(f#)
senza casa_e senza_amore-e-e, mi rimani solo tu
E7 A
Se la voce_è un po' velata, accompagnami in sordina
E7 (b a g#) Am(a)intro [x1]
la mia bella fornarina, al balcone non c'è più

Lungotevere dorme, mentre il fiume cammina


io lo seguo perché mi trascina con sé e travolge il mio cuor
Vedo un'ombra lontana una stella lassù
o chitarra romana accompagnami tu

strumentale [1° ritornello] ...........................................................................................


Se la voce è un po' velata, accompagnami in sordina
la mia bella fornarina, al balcone non c'è più

outro [x1] Am.


Chitarra romana
Connie Francis (Concetta Rosa Maria Franconero) (1936; C. Bruno, E. Di Lazzaro; E. Di Lazzaro)
[tonalità originale : (Cm) Gm]
intro : |Gm (g,a,bb,g, e,d,bb,g) |Dm (f,g,a,f, d,a,f,d) |A7 (e,f,g,e, a, a,b,c#) |Dm.(d)
(d e f e f) Dm(e, d; a bb c bb c) A7(bb, a)
Sotto_un manto di ste-lle, Roma bella mi_appa-re
(c# d e d e c#.; a bb) (Gm)(c, bb c) A7.(a)
solitario_il mio cuor, disi-llu-so d'amor,
(f g a/g g/e a/c#) Dm(a_g_f) trump.: (d,c#,d,e; f,e,f,g; a.)

va nell'ombra_a ca-nta--a-ar
(f g a g f) Gm.(a, g) /bb, d; bb, Gm. (g a) (A7)(bb d c#) Dm(a)/f, a; f Dm.
una muta fo-nta-na, e_un ba-lco-ne la-ssù
(d e f e d) A7(c#, a; g a g f e) Dm(d) (d,c#,c,b,bb,a,g#,a) intro (D.)
o chitarra ro-ma-na, accompagnami tu
(f# g a b c# d) A7(e ; e f# e d c# b) D(d_b a)

Suona suona mia chi-ta-rra, lascia piangere_il mio cuo-o-re


(f# g a b d b) A7(c#_a g; e f# g a c# a) D6(b) D.
senza casa_e senza_amo-o-re, mi rimani solo tu
(8vb) A7 D
Se la voce_è un po' velata, accompagnami in sordina
(loco) A7 (e d c# e) Dm(d) (d,c#,c,b,bb,a,g#,a) intro
la mia bella fornarina, al balcone non c'è più
Purple shadows are creeping and the fountain is weeping
hear the trees gently sigh while the wind's murmured by
as they ride from afar
All my memories awaken 'neath each bright watching star
play for one who's forsaken, oh my Roman guitar (...) intro
Lungotevere dorme, mentre il fiume cammina
io lo seguo perché mi trascina con sé e travolge il mio cuor
Vedo un'ombra lontana una stella lassù
o chitarra romana accompagnami tu

Suona suona mia chitarra ... mi rimani solo tu


Se la voce è un po' velata, accompagnami in sordina
la mia bella fornarina, al balcone non c'è più (...) intro

Dm(trem..................... ) A7 A7. (e f g f e) Dm6(e_f_e_d) A7... Dm6_


Oh chitarra romana, accompagnami tu------
Ciumachella de Trastevere [*]
Alvaro Amici; Lando Fiorini (1962; P.Garinei, S.Giovannini; Armando Trovajoli)

intro : (c,b) 4/4|C(b,a; g,f) |F(e,d; g,f) |F(e,d; g,f) Fm(e,d) G7(f,e) |C(d,c)
(c b) C∆7(b, a; d c) Eb°7(b, a c a) Dm(g f )

Ciumachella, ciuma-che-lla de Trastevere


(g f) F∆7(e, d; g f e d g f) Fm6(e, d)
sei l'o-tta-va meravija de Roma mi-a
(d c) Em(b c) A7(c# e f) Dm6(a)
se_un pittore te volesse pittura'
(b a) E7(b ) B7/f#(b a g#) E7(b) G7
nun saprebbe da che parte 'ncomincia'
C∆7 Eb°7 Dm
Ciumachella, ciumachella de Trastevere
F∆7 Fm6
che miracolo che ha fatto mamma tua
(d c) C∆7(b c e g) Eb°7(a, b c a) Dm(b_c_b_a) [>G7]

a crea' 'sto non plus u-ltra d'armoni-i-i-a,


G7 (b a g b a) G+(a g b a) C∆7(a_b_a_g)
ciumachella, ciumachella de Roma mi---ia
A7 (f e) Dm(d, e f g) Eb°7(a+, c a) C(c˜_a)
sei 'na ro-sa, sei_'n bijoux, 'na sciccheriia
A7 (f e) Dm(d, e f g) G9(a, b susc d) C(c)
ciuma-chella tu sei na-ta pe'_'ncanta'
intro : (c,b) 4/4|C(b,a; g,f) |F(e,d; g,f) |F(e,d; g,f) Fm(e,d) G7(f,e) |C(d,c)
strument : scrofa

Ciumachella, ciumachella de Trastevere ... de Roma mia


A7 (f e) Dm(d, e f g a b c d) E7(e)
se_un pi-ttore te volesse pittura'
A7 (a ) Dm(e, d c) G13_(e, d c) C(c)
butta tu-tti li pe-nne-lli_e sta a guarda'
outro : (c,b) 4/4|C(b,a; g,f) |F(e,d; g,f) |F(e,d; g,f) Fm(e,d) G7(f,e) |C(d,c)

[*] affettuoso vezzeggiativo dato da Rugantino a Rosetta


da "Rugantino": Pietro Garinei (Trieste, 1/2/1919, † Roma, 9/5/2006)
e Sandro Giovannini (Roma, 10/7/1915, † Roma, 26/4/1977)
Com’è bello fa’ l’amore quanno è sera
[tonalità originale Amici : Bb] (1936/'39?) Martelli, Neri, Simi
|E7(g#, f#,f#,e) |(e,d ...) |A(c#,d,c#,a) Dm |A. /e,a. ||: A(e) Bm(f#) E9/b E7(e) :||
A(e) E+9(f#) A(c#)
Chi pe’ fa l’amore vo’ er salotto o er separe’
C#m7(b) C°7(b g# a f#) E7/b(g# e) E7(d)
chi se sceglie l’ombra profumata de un caffé
E7(d) B+(d#) E7(b)
mentre, che ho da di'? Che a me me piace amoreggia’
Bm7(d) E9(f#,d) A(c#)
pe’ le strade in li-bertà
B7(d# b d#) A(c#,g#; g# a) B7(b,a g# a g# f# a g#) E7_(b)
quanno poi tramonta_er sole, so’ più dorci le parole_a tu per tu
(c#) A(c#, b a f# g# a) E7(b,g#)
Com’è bello fa’ l’amore quann'è sera
(b a g# e f# g#) A6(a) E+9/g#(f#) A
core a core co’ na pupa che_è since----ra
(e f#) A(a, f# e f# a f#) /c#(a) /c(f#) E7(b)
quelle stelle che ce guardeno la---ssù
(e f# b g# f# e b a b a) A(c#) /g# /f# [E13]
nun so’ belle come l’occhi che c’hai tu
E13(c#) A(c#, b a f# g# a) E7(b,g#)
Luce bianca dormiveja_ad un lampione
(d c# b g# a b) A(e) E7/b A/c#
che t’insegna dove tu te poi bacia’
(e)/a (e)/g# G( e d) /b(d, c#) F#7(c#,a# b c#) Bm(d_e_d_c#_b)
speciar--me--nte tra le rose_a primavera
(g#) Bm6(g# f# e) E7(e,d d d) A(c# b) Dm(a) A.
com’è bello fa’ l’amore quanno_è se--e--ra
||: A(e) Bm(f#) E9/b E7(e) :||

Sperza nell’erbetta tra le rose e le panze’


io c’ho na casetta che me fabbrico da me
c’ha pe’ tetto er cielo c’ha la luna pe’ abasciur
ner tramonto è tutta blu
nun ce pago mai pigione
e ce porto ogni maschietta che me va
Com’è bello fa’ l’amore quanno è sera
core a core co na pupa che è sincera
e se ‘n vigile me chiede “Lei che fa?”
j’arisponno “E’ casa mia! Che nun lo sa?”
l’ho innalzata co’ li sogni 'sta casetta
e se qui la mia pupa mia me vie’ a trova’
speciarmente tra le rose a primavera
Com’è bello fa’ l’amore quanno è sera A E+9 A
È tutta robba mia
(1964) Luisa e Gabriella
intro : 4/4 Dm/d, c, bb, a
(a ) Dm(d c d c bb˜ a; a d e f ; g f e d) A7(e )
Hai finito de fa' la santarella, coll'occhi bassi_e la boccuccia stretta
(g f e g f e d_e_d c#)

sarà te che non sei più_'na zite---lla


(e d c# e d c#) D(e d)
te la voglio_'mpara' 'sta canzonetta
D(a d) G.(b . .) A7(c# b) D(a )

Me piace sì me guàrdeno quanno passo pe' via


(d c# d e d) A7(c# ; a b c#) D(d )
la robba che c'ho_in mostra è tutta robba mia
(a) D(b a b a b a; ) B9(c# a) A7/e(g) /a ...

È vero_è vero_è vero, me possino ce-ca'


(a b a b a b a; a e d c#) D(d ) Dm/d, c, bb, a
e sì nun ce credete, venitece_a prova'
Lo so che mamma te diceva bbada
signora mia che ben pregava i santi
famo però tutte la stessa strada
e potemo cantare senza rimpianti
Me piace sì me guàrdeno quanno passo per via
che puro sotto panni è tutta robba mia
È vero, è vero, è vero ... venitece_a prova'
Se crede che fa male alla salute
er gioco del dottore e l'ammalata
le cose mie so' adesso più vissute
e canto tutta allegra e spensierata
Me piace sì me guàrdeno quanno passo per via
e c'hanno la vojetta de 'sta robbetta mia
È vero, è vero, è vero ... venitece_a prova'
È vero è vero è vero ... e sì nun ce credete(A7.A7.)
(a) A7_(g/e g/d g/c#) D(f#/d) ||: (D)/d, a, b, a :|| D.
ve-ni-te-ce_a pro-va'
E gira e fai la rota
Alvaro Amici (anonimo)
[tonalità originale : G]

intro : 2/4 |E(g#) |B7 | |E | |A |B7 ||:E/e, d#, |c#, b :||


(b) E(g#, b c# d# c#) B7(b f#)

A-mo-re, amore, manname 'na pa-gno-tta


(a b d# b c# d# b) E(g# e)
che_er vitto der Coeli nun m'abbasta
B7(b a)
che er vitto der Coeli nun m'abbasta
E
si nun te sbrighi me ce trovi l'ossa
(c#) E(b c# b b_a, g#; g# f# g#) B7(a )
||: E gira_e fai la ro-ta, qui drento a-rin-se-ra-to
(c# a b d#; c# b a g# f#) E(e )

si nun me vie' l'aiuto, rimano senza fiato :|| intro

Giovenottini de la malavita, nun la cantate più gira la rota


nun la cantate più gira la rota, perché er governo ve l'ha proibita
||: E gira e fai la rota, la rota del caretto [*]
allegri giovinotti, hanno ammazzato er Macellaretto :|| intro

Drento Reggina Cèli c'è 'no scalino


chi nun salisce quello nun è romano
chi nun salisce quello nun è romano
nun è romano e né tresteverino
||: E gira e fai la rota, la rota e la rotella
davanti a Reggina Cèli, c'hanno messo la sentinella :|| intro

[* Domenico Marcellini, poi poliziotto]


- - - - - - - - - non cantate da Alvaro - - - - - - - - -
E B7
E lo mio amore sta a Reggina Cèli
E
portateje da pranzo borzaroli
portateje da pranzo borzaroli
che quanno sorte lui lo porta a voi
E B7
||: E gira e fai la rota, la rota der 31
E
quanno stai carcerato, nun te cerca più gnisuno :|| intro

Amore mio, leggeteve 'sta nota


io nun la vojo fa' la malavita
io nun la vojo fa' la malavita
la malavita è proprio scellerata
||: E gira e fai la rota, la rota de li Castelli
lassali quelli bulli, e butta li cortelli :|| intro

Er bene che te vojo nun te lo dico


a Ponte te vorei vede' impiccato
a Ponte te vorei vede' impiccato
la testa rivortata pe' Panico [1]
||: E gira e fai la rota, la rota der tranvai
si a Ponte c'aritorni, nun ce ritorni mai :|| intro

Trastevere co' Ponte e Porta Pia


fecero l'alleanza co' la galera
fecero l'alleanza co' la galera
Trastevere svagò, fece la spia [2]
||: E gira e fai la rota, la rota de li puliziotti [3]
co' le vostre castagnole, ce faremo li bocconotti :|| intro
Fiori Trasteverini
Gabriella (Ferri; 1942-2004); (anonimo/i, XIX secolo)

intro : ||: D/d, a :||


D(d e f# e d c# b d c# b a; d e f# e d c# b d c#) A7(c#)
De Roma nostra semo li moretti, semo romani_e_'n più tresteverini
(f# e c# b d c#; c# d e d c# c# b d c#) D(b,a)

mo' nun pe' ddi' semo li più perfetti, cantamo tutti_e semo ballerini
D D7(e f# e d e f# e d) G6(e)
Se dice gente allegra dio l'aiuta, e a noi c'aiuta_e vôi sape' perché
(e b ) Gm(e d c# ) D_(d, a)
'gni tanto 'na magnata_e 'na bevuta,
(b) E7_(b c# d c#) A7_(e)
e tutto quanto_er resto vie' da se
(f# e) D(e_d; d b a; f# e d; d c# b) A7(d, c#)
Semo romani, tresteverini, semo signori senza quatrini
(g f# ˜ e; e d c#; e d c#; c# b) D(b a)

er core nostro ch'è 'na capanna, core sincero che nun te 'nganna
D (d e) D7_(f# ) B7_(a,g) Em_(f#,e)
Se stai 'n bolletta noi t'aiutamo, però da micchi nun ce passamo
(g) G(g e) Gm(e f# g) D(f# d; d) A7(c# b a c# e f#) D(e f#)
noi semo magnatori de spaghetti, delle tresteverine li galletti

[strofe non cantate: vedi pag 2]

(f# e) D(e d; c# d b a; f# g a b c# e) A7(c#)


Roma bella, Roma mia, te se vonno porta' via
(g f# ˜ e; e d c#; c# d e c# b bb) D(a)
Campidoglio co' Sampietro, se vorebbero compra'
D D7_(f#) B7_(a) Em_(f#, e)
Qui se vonno compra' tutto, pure er cielo e l'aria fresca
(e f#) G(g, e) Gm(f#, g) D(f# e d c#) A7(b a f# c#) D(d)
ma la fava ro-ma-nesca la potemo_ari-ga-la'
G Gm D A7 D
ma la fava romanesca la potemo arigala'
[continua ...]
[... segue]

Famo li pranzi mejio de Nerone, bevemo er vino co la cunculina


n'abbacchio in quattro a noi ce va benone, e p'antipasto ognuno 'na gallina
'Na ciumachella che je brilla er core, che te vo bene e nun te sa menti'
na serenata che sospira amore, e dimme amico come vôi mori'

Se dice nun è Roma de 'na vorta, perché mo' ce so' troppi forestieri
lassali chiacchiera' ma che te 'mporta, Roma ritornerà quella de ieri
Venenno tutti a Roma certo è un vanto, la madre e er padre se faranno anziani
Li figli nasceranno per incanto, nascenno qui je crescheno romani

siciliane
le milanesi co' le toscane, se 'mpareranno a parla' romane
se chiameranno: «s'annamo a beve mezza fojetta»
La veneziana, ch'è fumantina, la chiameremo cor nome Nina,
e le baresi e le napoletane, lassatele passa' che so' Romane
Fiori trasteverini
[tonalità originale : C] [da trasporre in A] Alvaro Amici (1936-2003)
A(a b c# b a g# f# a g# f# )

De 'sti giardini semo li mughetti,


(a b c# b a g# f# a g#) E7(g#)
semo romani_e_'n più trasteverini
(c# b g# f# a g#)

Nun è ppe' di', semo li più perfetti,


(g# a b a g# g# f# a g#) A(f#,e)
cantamo tutti_e semo balle-rini
(a ... )

Se dice gente allegra Dio l'aiuta,


A7(b c# b a b c# b a) D6(b )

noi semo_allegri_e vôi sape' perché


(b f# ) Dm(b a g# ) A_(a, e)
'gni tanto 'na magnata_e 'na bevuta
(f#) B7_(f# g# a g#) E7_(b)
e tutto quanto_er resto vie' da sé
(c# b) A(b_a; a f# e; c# b a; a g# f#) E7(a, g#)
Semo li fiori trasteverini, semo signori senza quatrini
(d c# ˜ b; b a g#; b a g#; g# f#) A(f# e)

er core nostro ch'è 'na capanna, core sincero che nun te 'nganna
A (a b) A7_(c# ) F#7_(e,d) Bm_(c#,b)
Si stai 'n bolletta noi t'aiutamo però da micchi nun ce passamo
(d) D(d b) Dm(b c# d) A(c# a; a) E7(g# f# e g# b c#) A(b c#)
noi semo magnatori de spaghetti, delle tresteverine li galletti
[strofe non cantate: vedi pag. 2]

Se dice nun è Roma de 'na vòrta


dìcheno che so tutti forestieri
làsseli chiacchera' che cce ne frega
Roma ritornerà quella de jeri
Venenno tutti a Roma pe' noi è 'n vanto
la madre e er padre se faranno anziani
li fiji fioriranno pe' 'n incanto
nascenno a Roma nascheno romani
[continua ...]
[... segue]

Le milanesi [siciliane], co' le toscane


se 'mpareranno a parla' romane
se diranno «Vie' giù a Marietta,
p'annasse a bbeve n'antra fojetta»
La veneziana, ch'è fumantina,
la chiameremo cor nome Nina,
e le baresi e le napoletane
lasciatele passa' che so' romane!

Roma bella, Roma mia, te se vônno porta' via


Campidojo co' Sampietro, già lo stanno a contratta'
qui se vônno vénne tutto, cielo, sole e 'st'aria fresca
ma la fava romanesca je la volémo arigala'

Venite tutti a Roma v'aspettamo


se dice che più semo e mejo stamo

Famo li pranzi mejio de Nerone


bevemo er vino co' la cunculina
'n abbacchio in quattro a noi ce va benone
e p'antipasto ognuno 'na gallina
'Na ciumachella che je brilla er core
che tte vo' bene e nun te sa menti'
'na serenata che sospira amore
e dimme amico come pôi mori'

Semo romani, trasteverini, semo signori senza quatrini


er core nostro è 'na capanna, core sincero che nun t'enganna
Si stai 'n bolletta noi t'aiutamo, però da micchi nun ce passamo
Noi semo magnatori de spaghetti, delle trasteverine li bulletti
Stornelli (Miscell-Lassatece Passa')
Gabriella Ferri (1970, Lassatece Passa'); (192x; anonimo)

(b c# d# e_d# d#) B7_(f#_e_d#; f# g# f#) E_(e___d#_c#_b)


Lassatece-e pa-ssa-a-a'... semo romani--------i
(e d# e f#) B7_(d# c#_b d# d#_b) E(e)
de li giardini se-mo-o... li mejo fio--o-ri
(e f# g# f# e) E(b g# b d# c# b)

Quanno_ar mattino Roma s'è svejata


(g# a g# e f# g#) B7(a,g#_f#)
pare 'n pavone quanno fa la ro-ta-a
(d# c# b; a g# f#)

pare 'na pennellata -fatta d'arcobaleno


(a b g#, f# b g#) E(f# e)
puro si piove, pare ch'è se-reno
E(b b_g# g#) B7(a__f#_d#; b a g#) E(f# e___d#_c#_b)

Vojo cantà co-sì-------, fior de li-mo-ne-----e


(e d# e f#) B7(d# _b; d# c# b_c#_d#) E(e)
si avessi 'na campa-na... e drento er co-o-o-re
E(b ... ) B7 E
si avessi 'na campana drento ar core
E B7 E E_, E7_
me sentiressi batte er cuppolone
A_ (e f# e) E7(d_c#, b;_ e f# e f# e g# f# e d) A_(c#˜a)
Fiore de li--i--no, e dalle donne vojo sta lo-nta-no,
(c# f# e c# f# c# f# e) E7_(d__e_d_c#, b)
e dalle donne vojo sta lonta-------no,
(e f# e f# e g# f# e d) A(c#˜a)/a /e [simile]

che te fanno_'mbriaca' peggio der vino


(e ) E7(g# e_d; g# b g# f# g# e ) A(f# a)

Quanto sei brutta-a, si te butti 'nder mare, l'acqua scappa


(c# b c# d) E7(c#, b; b d c#) A(_c# a)
t'inghiotte la ba-le-na e t'aribbutta!
Quanto sei nera, perché non dichi a mamma si te lava?
Un pezzo di limone e un po' de rena! D7_ Gm_
[continua ...]
[... segue]

(d ) Gm(bb g eb d) D7(c bb_a)

Me so' fatto un corte---llo geno-ve---se


(d a g_f# d c bb) Gm(a, g)
che po' sbucià li mu-ri e de le ca-se [le porte pe' le case]
(d) D7(d_c bb_a)
che po' sbucià li mu-ri de le ca-a-se-e
(c d eb d c) D7_ (c bb) G(a, g)/g, d [simile] ||D/d, a [simile]
figurete la panza... e de 'n fra-nce-se

(f#) D(f# g a ; a b c# d )

E taja_e taja_e taja, 'sta lagna c'ha stufato


(d e f# ; a b c# b) A7(a, g)
la voi feni' de piagne, ma chi te c'ha mannato?
(e f# g f# e; e f# g f# d) D(e, d)
Noi volemo canta' sempre, divertisse_a tutte l'ore
(d e f# e d) A7(d, c#; e f# g e g f#) D(e, d)
noi volemo solo ri-de... beve_er vino_e fa' l'amore

(a b c# d_c# c#) A7_(e_d_c#; e f# e) D_(d___c#_b_a)


Lassatece-e pa-ssa-a-a'... semo romani--------i
(d c# d e) A7_(c# b_a c# c#_a) D(d)
de li giardini se-mo-o... li mejo fio--o-ri

- - Lassatece passa' (semo romani) - -


(192x; anonimo)

Lassatece passà‚ semo romani


de li giardini semo li mejo fiori
de li giardini semo li mejo fiori
de le ragazze semo l'arubba cori

Santa Maria Maggiore sona a tocchi


l'ammore nun è fatto pe' li vecchi
l'ammore nun è fatto pe' li vecchi
ma è fatto pe' li belli giovenotti

So' nato pe' li baci e vojo quelli


come l'innamorati se li danno
come l'innamorati se li danno
poi chiudo l'occhi e dove vanno, vanno
le Mantellate
GabriFer (1959; Giorgio Strehler, Fiorenzo Carpi)
[tonalità originale : G]
(f# a) D(d, c#; b c# a b f#)

Le mante-llate so' delle sôre


(f# a; a ) B7(a b g˜ f#) Em(f#, e) Em7
ma_a Roma so' sortanto celle scu-re
(g b e d e d c# b d b)

'na campana sona_a tutte l'ore


(b) A7(e ; f# g a; g f# e) D(f#_e d)

ma Cristo nun ce sta drent'a 'ste mu--re


arubbato ...
(d e f g a) C°7(c; bb a g f e) Bb(g)
Ma che parlate_a fa', ma che parlate_a fa'
(f) Gm6(e d; e f) Asus(f_e, d; c# e d) |Dm(d)a tempo
qui dentro ce sta so----lo infami-tà

Dm(a g a) Gm(bb )
Carcere femminile c'hanno scritto
Eø(bb ) F(c )

sulla facciata de 'n convento vecchio


Gm_(d ) F_(c a) Eb_(bb, c) Dm_(a, f)
sacco de paja_ar po-sto de 'sto le-tto
Eb_(g ) Dm_(f d) A7_(a g) Dm_(f e˜ d)D

mezza pagnotta_e l'acqua dentr'ar secchio-o

Le mantellate ... ma Cristo nun ce sta drento a 'ste mure


Ma che parlate a fa' ... qua dentro ce sta solo infamità

Nell'amore abbi fede c'hanno detto


domenica matina la funzione
tre mesi che me svejo e che t'aspetto
cent'anni che sta chiuso 'sto portone

Le mantellate ... ma Cristo nun ce sta drento a 'ste mure


Ma che parlate a fa' ... qua dentro ce sta solo infamitàDm
Lella
(1971; De Angelis/Gicca Palli) Schola Cantorum
E(b c# e e c#) F#7(e, c#)
Te la ricordi Lella quella ri-cca
E G#7(g#)
la mòje de Proietti er cravattaro
B7(f# e) A(e ) E(e)
quello che c'ha_er negozio su ar Tritone

Te la ricordi te l'ho fatta vede


quattr'anni fa e nun volevi crede
che 'nsieme a lei ce stavo proprio io

Te lo ricordi poi ch'era sparita e che la gente e che la polizia


s'era creduta ch'era annata via
D(f# e) A(e ) E(e)
co' uno co' più sòrdi der marito
C#m (g# c#) G#m(b) A(c# b e f#) E(e)
E te la vojo di' che so' stato io
so' quattr'anni che me tengo 'sto segreto
C#m G#m(b; a) A(a c# b) C#m(g#)
te lo vojo di' ma nun lo fa' sape
A (e f#) E(g#) D(f# ) A(e ) E(e) D A E
nun lo di'_a nessuno tie-tte-lo pe' te

Je piaceva anna' ar mare quann'è inverno


fa' l'amore cor freddo che faceva
però le carze nun se le tojeva

A la fiumara 'ndo ce sta' er baretto


tra le reti e le barche abbandonate
cor cielo grigio a facce su da tetto

'na matina ch'era l'urtimo dell'anno


me dice co'la faccia indifferente:
"Me so' stufata nun ne famo gnente
e tireme su la lampo der vestito"

E te la vojo di' ... tiettelo pe' te [continua ...]


[... segue]

Tu nun ce crederai nun ciò più visto


l'ho presa ar collo e nun me so' fermato
che quann'è annata a tèra senza fiato

Ner cielo da 'no squarcio er sole è uscito


e io la sotterravo co' 'ste mano
attento a nun sporcamme sur vestito

Me ne so' annato senza guarda' 'ndietro


nun ciò rimorsi e mo' ce torno pure
ma nun ce penso a chi ce sta la' sotto
io ce ritorno solo a guarda' er mare

E te la vojo di' che so' stato io


so' quattr'anni che me tengo 'sto segreto
te lo vojo di' ma nun lo fa' sape
nun lo di' a nessuno tiettelo pe' te
tiettelo pe' te - uh, uh, uh

Lella
(De Angelis/Gicca Palli) - Vianella

- - variazioni

E B7(b; a) A(a c# b) C#m(g#)


te lo vojo di' ma nun lo fa' sape
A (e f#) G#m(g#) D(f# ) A(e ) E(e) D A E
nun lo di'_a ne-ssu-no tie-tte-lo pe' te
Me so' magnato er fegato
(Alvaro Amici) Gigi Proietti (1972; Claudio Baglioni, Antonio Coggio; scritta x Monica Vitti)
intro arubbato : [fischio...] |Dm_ |Am_, Bø, E7 |2/4 Am/a, e ...
(a c) Am(e ; a c e ... )

T'ho incontrata, mo' nun m'aricordo quanno


(a g# g f# f e d c) E7(d c_b˜)
me dicesti che parevo Marlon Branno
(g# b d ; g# b d g# b d ; b ) Am(c b_a)
per l'appunto, io ti so' piaciuto tanto, per l'appunto
Pressappoco(Am), t'ho baciata e hai preso foco
nel tuo cuore ho fatto un buco, pressappoco(E7)
(b c) Dm_(d e f e d c b) Am_(c, e)
"Si vediamo?" io ti_ho chiesto quella sera
(e ) Dm6_(b c d) E7_(c b a g#) A(a)/a, e ...
tu de corsa sei ve-nu-ta_a sta' co' mme
(a g# f# g# ...) (a g#)
(c#) A(c# g# f# a g# f#; e f# g# f#) Bm7(e d) E7
Me so' magnato_er fegato, e quello che c'è_i-nto-rno
(c#) Bm(d) E7 (e f# e) Bm(b ) E7 (e f# e) Bm(b ) E7 (e f# e) A(d c#)
a-more, amore,_amore, a-more,_amore, a-more_un corno
E co' 'st'amore utopico, sai che ci ho guadambiado
c'avevo un bel lavoro e mo' me sento un disgraziato /g#
(a) F#m(a g#˜_f# a g#) C#m(g#_f# g#__f#)
E sai, sai che ce me-tto ad anna' vi-------a--a
(f# ) D(f# ) /c#(f# d) Bm7(e, d) E7 (f# e) A(e d) E7(c#_e)
ma_ormai ma chi me vô-le, ma nimmanco mamma mi-a
A crede nelle favole, ammazza che toppata!
( ... e f# e) Dm6_ (a b c d) Am(b, a)
nun gliela faccio più, mannaggia_a te... e quanno sei na-ta
||: A7/a, e,g :|| (d f) Dm(a ; ... )
Ti_ho donato, tutto quanto di me stesso
me so' stato zitto e bono 'nsino (A7)adesso
nonostante fossi un poco titubante, nonostante(Dm)
Puta caso, me sartava solo un po' de puzza ar naso
quante volte avresti chiuso puta caso...
Ma a quer (Gm_)tempo ci credevo nell'(Dm_)amore
è l'a(Eø_)more che m'ha (A7_)fatto sta co' tte!(D) [continua ...]
[... segue]

(a) D(a b c# b d c# b_a˜; d e c# b) Em7(a, g) A7


Me so' magnato_er fegato e me lo magno_a-nco-ra
(g) Em7(g ...) A7 Em7 A7 Em7 A7 D
'gni vorta che ripenso che tu sei la mia signora
Me so' magnato er fegato e nun ho mai strillato(A7)
na' vorta che l'ho fatto, tu me c'hai pure mannato(D)
Bm(d) F#m(c#, b_c#)
E sai, sai che ce metto ad anna' vi----a--
G(b) /f# Em(a, g) A7 (a) D(a ; a g) A7(f#, e)
ma'ndove vôi che va-do, io rimango tutta-vi-a
L'amore è tanto bello, ma peccato che nun dura
nun voglio di che è brutto, ma pperò(Gm_) è na fregatura

La, (D)la ... 'sta burina!


la, la ... io volevo vola' co' tte... co' tte...
'na gita a li Castelli (Lo vedi, ecco Marino; Nanni')
[tonalità originale : (Ab>)Eb] Ettore Petrolini (1926, Franco Silvestri)
intro : | F(f,e,d,c) |C(f,e,d,ab) |G7(g; f) |Cm(c; ab,ab,ab,g ...)
(g ab db) Cm(c ; g (Fm)ab g ab g)

Guarda che sole ch'è so-rti-to, Nanni'


(g (Fm)ab g ab g f eb f g f d eb c)

che pro-fumo de rose, de garofoli_e panze' [viole]


(c eb d c b ab) G7(g ; d b g f eb f g).

Com'è tutto_'n para-diso, li Castelli so' così


(g ab) Cm(g ; g ab g )

Guarda Frascati ch'è tutto_un soriso


(g ab g ) C(c)
'na delizia, 'n'amore, 'na bellezza da incanta'
(e) C(g ; a g a c ; a c a c d) G7(b f)
Lo vedi, ecco Marino, la sagra c'è dell'u-va
(d f ; g f g b ; b d b g f) C(e)
fontane che danno vino, quant'abbondanza c'è
( ... e d c g a) E7(b )
Appresso (ce) vie' Genzano, co'r pittoresco_Arbàno
(d) F6(d c+ d e) C(c; d) G7(b; a) C(c) Cm/c, g ...

s'annamo_a mette lì, Nanni', Nanni' [su viette a diverti']

Là c'è l'Ariccia, più giù c'è Castello


ch'è davvero 'n gioiello co' quer lago da incanta'
E de fragole 'n profumo solo a Nemi poi senti'
Sotto quer lago un mistero ce sta
de Tibberio le navi so' l'antica civirtà
Ma mejo de la sciampagna, er vino de 'ste vigne
ce fanno la cuccagna, dar tempo de Noè
Li prati a tutto spiano, so' frutte, vign'e grano
s'annamo a mette lì, Nanni', Nanni'
È notte, e già le stelle, ce fanno 'n manto d'oro
e le velletranelle se metteno a canta'
Si' canta 'no stornello, risponne er ritornello
che coro, vie' a senti', Nanni', Nanni' [x2]
'na gita a li Castelli (Lo vedi, ecco Marino; Nanni')
tonalità originale : F#] Gabriella Ferri (1926, Franco Silvestri)
Am E7
Li Castelli, diciamo, Romani, so' un ricordo dei tempi lontani
che p'annacce co' Peppe o Richetto, se pijava, diciamo, er tranvetto A_

(c#) A(e ; f# e f# a ; c# b a e f#) E7(g#)


Lo vedi, ecco Marino, la sagra c'è dell'uva
(b d ; e d e g# ; g# b g# e d) A(c#)
fontane che danno vino, quant'abbondanza c'è
( ... c# b a e f#) C#7(g# )

Appresso ce vie' Genzano, co'r pittoresco_Arbano


(g#) D6(b a b c#) A(c#_b_a; b) E7(g#; f#) A(a) Am/a, e ...

s'annamo_a di-ve-rti'---, Na-nni', Nanni'


Am ( parlato ... )

Guarda che sole ch'è sortito Nanni'


che profumo de rose, de garofani e pansè
(a c b a g f) E7(e; b g# e d c d) Am(e)
Come tutto_è_'n paradiso, li Castelli so'_accosì
(c e b a ; d) Dm(f d f) Am(e )
Guarda Frascati ch'è tutta_un soriso
(c d) Dm(f d f) Am(e d c d) E7(e f# g# e) A_(a)
'na de-li-zia, n'a-mo-re, 'na be-lle-zza da_inca-nta'
arubbato (A) .............................................................................
È sera e già le stelle te fanno un manto d'oro
e le velletranelle se metteno a canta' a tempo

||: Se sente 'no stornello, risponde un ritornello


che coro vie' a senti', Nanni', Nanni' :||
Là c'è l'Ariccia, più giù c'è Castello
ch'è davvero un gioiello co' quel lago da incanta'
E de fragole 'n profumo solo a Nemi poi senti'
Sotto quel lago un mistero ce sta
de Tibberio le navi son l'antica civiltà
So' meio de la sciampagna li vini de 'ste vigne
ce fanno la cuccagna dar tempo de Noè
Li prati a tutto spiano so' frutte, vigne e grano
s'annamo a mette lì, Nanni' Nanni'
Nina, si voi dormite
[tonalità originale Gabriella: Cm] R.Leonardi, A.Marino (1901)
3/4; intro : Am(e) G(g) E7(g#) Am(a)
Am(e a b c e) Dm6(b, a_g#_f) Bø7(b a) E7(g# f_e)

'Nde 'sta nottata piena-a-a... de-e dorce--zza


(e g# b e d b) Am(b_c_b_a)
pare che nun esistino dolori [esisteno]
Am(e a b c e) Dm6(b, a_g#_f a) Bø7(b, a) E7(g# f_e)

Spira 'n ber venticello-o-o ch'è 'na care--zza


(e g# b e d b) A(b a)
smove le fronne_e fa' sboccia' li fiori

(e f# g# a b) A(c#_b a; a b) A°7(a g#) E7(f# e)


Nina, che voi dormi--te, sognate ch'io... ve ba-cio
E7(e f# g# b c# (Bm)d_c# b; (E7)g# a b g#) A(f# e)
che v'addorcisco_er so-ogno, cantanno_adacio_ada-cio
A(e f# g# a b c#__b a; c#) F#7(f# e) Bm(e d)

L'odore de li fio-ori che se... co-nfonne


(D)(d e f#) A(e; e) E7(b_a_g#) A(a)
cor canto mio se sperde fra le fro-o-onne
Am(e) G(g) E7(g#) Am(a)

(Am)Chissà che ber sorriso appassionato


state facenno mo' ch'ariposate
Chissà, luccica mia, che v'insognate?
forse, chi canta, che v'ha innamorato
(A)Nina, si voi dormite, sognate che ve bacio
ch'io v'addorcisco er sogno, cantanno adacio, adacio
L'odore de li fiori che se confonne
cor canto mio se sperde fra le fronne
Am(e) G(g) E7(g#) Am(a)

(Am)Peròsi co' 'sto canto io v'ho svejata


m'ariccomanno che me perdonate
l'amore nun se frena, oh bimba amata
ché a vole' bene no, nun è peccato
(A)Nina, si voi dormite, sognate ch'io ve bacio
ch'io v'addorcisco er sogno, cantanno adacio, adacio
L'odore de li fiori che se confonne,
cor canto mio se sperde fra le fronne
Nun je da’ retta Roma
Gigi Proietti (1973; Magni, Trovajoli)
4/4; intro : ||: A G :||
(e f# e) A(d˜ c#) /g#, F#m (a b a) D(g#˜ f#)
Nun je da’ retta Roma, che t’hanno cojo-nato
Esus (e f# e ) E7 (b a) A(c# )
‘sto morto_a pennolone è morto suici-dato
A /g#, F#m D
se invece poi te dicheno che un morto s’è ammazzato
Esus E7 A G A G
allora è segno certo che l’hanno assassinato
A(e f# g# a b c#; c# e d) G/a(d ) A
Vojo canta’ così fior de granato [??]

Che fai nun me risponni? Me canti 'no stornello


lo vedi chi è er padrone? Insorgi, pija er cortelloA
A G/a
Vojo canta’ così fiorin fiorello

Annamo daje Roma, chi se fa pecorone


er lupo se lo magna, abbasta ‘no scossone
Vojo canta’... Vabbe’ fior de limoneG/a A

È inutile che provochi, a me nun me ce freghi


la gatta presciolosa fece li fiji ciechi
Sei troppo sbaraglione, co’ te nun me ce metto
io batto n’artra strada, io c’ho pazienza aspetto
Vojo canta’ così fior de mughettoG/a [ad lib, sfuma]
Pe’ lungotevere
Gabriella Ferri (1932, Balzani-Frapiselli)

Em(b c b a g f# e)

Quanno c’è er sole co’ quer manto d’oro


D(d e d c d c) G(c b)
pe’ tutto er lungotevere_è ‘na festa
Am(a c b d c) Em(b,a_g_f#)
li regazzini giocheno tra lo-ro
(g) F#(f# g f# f f#) B7(b)
le madri se li stanno_a rimira’
Am(c b a b c e d#) Em(d#, c_b)
Tanta tranquillità appare_appe-na
F#(a# c# ) B7(d#,c#_b)
spunta la prima stella se cambia sce-na
(b c# d#) E(6)(c#,b,g#; … ) B7(c# b a)

Là sotto l’arberi de’ lungote-ve-re


E(c# b g#)
le coppie fileno li schiaffi voleno
(e c# b g#; e c#) B7(d#, b, a)
si nun sei pratico d’aregge_i mo-cco-li
(f# e d# c# b c# b a) E(g#_f#) Em(e)
pe’ lungotevere nun ce passa’--a’--a’
Io m’aricordo sempre a San lumino
co’ li lampioni a gasse de ‘na vorta
je davi quattro sòrdi a u’ ragazzino
de corsa te l’annaveno a smorza’
mo’ quelli posti poco illuminati
de prima sera già so’ accaparati
(là sotto l’arberi de’ lungotevere…)
là sotto l’arberi de’ lungotevere
le coppie fileno li baci scrocchieno
si nun sei pratico d’aregge i moccoli
pe’ lungotevere nun ce passa’
là sotto l’arberi de’ lungotevere…
La povera Cecilia
Luisa e Gabriella (XVII, popolar)
[tonalità originale : Cm]
2/4; intro : (e,f#,g#,) ||: Am/a, e :||
Am(e/c f e c a/a; (g,f#,f,e) e/c f/d e/c) E7(d/b,b/g#)
La povera Cecilia ch'ha perzo_er su' ma-ri---to
(b ) (c_a c) (b c b a g#) (a)
(d e f) Am(e_c e) E7(d e d c b) Am(a) Am.
je l'han messo:'n pri-ggio-o-ne, lo vonno fa' mo-ri'
[/e,f#,g#,Am]
"Sarve sor capitano, 'na grazia vo' da te"
"La grazia è bell'e fatta, venghi a dormi' co' mme" [/e,f#,g#]

- - da spartiti "Le più belle canzoni romane", Ed. Perugini, 1981 - -


(c b a) E7(b; d c b) Am(a; c b a) E7(g#, d c b) Am(a)
Ah che do-lor, a che do-lor, a che do-lo-re nel mio cuor
Quanno che fu a la matina s'affaccia a lu barcone
e vede er su' marito che stava a pennolone [/e,f#,g#]

"Grazie sor capitano, m'avete ben tradita


a me torto l'onore, la vita ar mi' marito" [/e,f#,g#]

Ah che dolor, a che dolor, a che dolore nel mio cuor


"Zitta Cecija zitta, nun parla' male de me
sinnò le carceri scure io te farò vede'" [/e,f#,g#]

"Sì sì le vojo véde[re], sì sì le vederò"


Cècilia cava lo spillo, e er capita' ammazzò [/e,f#,g#]

Ah che dolor, a che dolor, a che dolore nel mio cuor


Pija la rocca e er fuso, e méttete a fila' [rall.]
la povera Cecilia(Am. E7_)a San Michele va(Am˜ /a, b, c#, [d])
[rubato Dm(d e f) Am_(a, e)] Bø(b c b) E7(a, g#) Am(e)
la povera Ce-ci---lia... a San Mi-che-le va
Dm Am . rubato Bø E7 Am(a)_
la povera Ceci-lia a San Michele va
Quanto sei bella Roma (Canta se la vôi canta')
Luciano Virgili (1934; Ferrante Alvaro De Torres, Enzo Bonagura; Cesare Andrea Bixio)
intro : orchestra (Lidia...) [tonalità originale: E] (1934) Carlo Buti; (1946) Anna Magnani
A(e c# d e f# a ; a b c# b a g# f# g# e) E7(f#_g#_e_,b)

Quanto sei bella Roma, quanto sei bella Roma_a prima se-e-e-ra
(d c# e b; d e g# e f# d) A(e_f#_e_d c#) ........ Lidio!

er Tevere te serve, er Tevere te serve da cintu-u-u-ura


(e f# g# a b c# a b c#) E7(b_c#_b_a g#)

San Pietro_e_er Campidojo da lettie--e--e--ra


(g# a b a g# f# e; e f# g# f# e f# b d g#) A(b a)

Quanto sei bella Roma, quanto sei bella Roma_a prima sera
Bm(b,c#, d, e) E9(f#, b) A(a) (F#m) Bm E9 A
Gi-ra se la vôi gi-ra', Canta se la vôi canta'
De qua e de la' dar fiume, de qua e de la' dar fiume c'è 'na stella
e tu nun pôi guardalla, e tu nun pôi guardalla tanto brilla
E questa è Roma mia, Roma mia bella
De qua e de la' dar fiume, de qua e de la' dar fiume c'è 'na stella
Gira se la vôi gira', Canta se la vôi canta'
Bella casetta mia, bella casetta mia tresteverina
te gira intorno er fiume, te gira intorno er fiume e te 'ncorona
E tutta l'alberata te se inchina
Bella casetta mia, bella casetta mia trasteverina
Gira se la vôi gira', Canta se la vôi canta'
Trestevere da quanno, Trestevere da quanno t'ho lassato
c'avevo in petto er core, c'avevo in petto er core e l'ho perduto
Dimmelo, bella, si l'hai ritrovato
Trastevere da quanno, Trastevere da quanno t'ho lassato
Gira se la vôi gira', Canta se la vôi canta' - - orchestra
Roma che la più bella, Roma che la più bella sei der monno
io penso 'sto stornello, io penso 'sto stornello e te lo manno
Tu me parli d'amore e io t'arisponno
Roma che la più bella, Roma che la più bella sei der monno
Gira se la vôi gira', Canta se la vôi canta'
Quanto sei bella Roma (Canta se la vôi canta')
(1934; Ferrante Alvaro De Torres, Enzo Bonagura; Cesare Andrea Bixio)
(1970) Gabriella Ferri
[tonalità originale : Eb > E]

B(f# d# e f# g# b ; b c# d# c# b a# g# a# f#) F#7(g#,f#_c#)


Trestevere da quanno, Trestevere da quanno t'ho la-ssa-to-o,
(e d# f# c#; e f# g# a# f# g#_f# e) B(d# b)
c'avevo_'n petto_er core, c'avevo_'n petto_er core_e l'ho perduto

B(f#) F#7
Trestevere da quanno, Trestevere da quanno t'ho lassato,
B(f#,d#)
c'avevo in petto er core, c'avevo in petto er core e l'ho perduto
B(f# g# a# b c# d#____c#_b; b c# d#) F#7(c#,a#)
Dimmelo_un po' si tu---u-u... l'hai ritro-va-to,
(a# b c# d# a# g# f#; f# g# a# g# f# g# c# e d#) B(d#_c#, b)
Trestevere da quanno, Trestevere da quanno t'ho lassa---to
C#m(c#,d#,e,f#) F#9(g#,c#) B(a) (G#m) C#m F#9 B
||: Gi-ra se la vôi gi--ra', Canta se la vôi canta' :||

C(g... c ... ) G9(a g_d)

Tu c'hai la primavera, tu c'hai la primavera nella chioma-a,


(f) C(g, f_e)
er vento passa drentro, er vento passa drentro_e se 'm'profuma
C(g a b c d e_____d c; c d e) G7(d_c b)

Tu c'hai la primave--e-ra... e nella chio-o-ma,


(b ... g a b a g a d f e) C(d c)
er vento passa drentro, er vento passa drentro_e se 'm'profuma
Dm(d) G9(a, d) C(c) Dm G9 C
||:Gira si la vôi gi-ra', Canta si la vôi canta':||

----
...ma er dialetto romanesco è già elegante comunque... se c'hai le recchie eleganti pe'
ascortallo (Aldo Fabrizi)
Roma forestiera
1947, Armando Libianchi, Luigi Granozio
(a,b,c#,d,e) Dm(f, d, f, d; d,e,f,g, f; f,g,f) Am(f,g,f, e) E7(b,c,d,e) Am(c,b,a) E7(b,c,b,a,g#) Am(a)
(c) Am(c d c) E7(c, b)
Che belli i tempi quanno pe' un rione
(b c b a g#) Am(b, a)
c'era ogni giorno er sòno der pianino
A7(a bb a g f) Dm(f,e) E7(e g# b d c d) Am(e)
Arpeggi de chitara e mandolino e Nina s'affacciava dar barcone
E7(b9)(f e d) Am(f e) G7(f g f f) C(g_f e)

era un motivo semprice, che rispecchiava l'a-ni-i-ma


(e) Dm(d b) Am(c a) E7(b)
de Roma nostra piena de bontà
(c#) A(c#_b_a)
Nannare'
(a b c# a b c# d c# b b a b) E7(b_a_g#)

perché perché te sei innamorata de 'sta musica_americana?


(d d_c#_b; d e f# g# f# e d, b a) A(c#)
ma perché, te sei scordata che sei romana li stornelli nun canti più?
(e f# e d c# d c# b a g# a) E7(b)
Fòr de porta in carozzella a balla' la tarantella [venghi]
Nannarella nun ce vai più
(d e d c# b c# b a g#,a,b a b) A(c#)
co' li fiori alla loggetta, co' la spiga e la rughetta
Nannarella nun ce so' più
Dm(d e f e d) Am(f,e) E7(e,g#,b d f e d) Am(c__b__a)
c'era 'na vòrta tutto quer che c'era, povera Roma nostra furastiera

A chi la famo ormai 'sta serenata, vecchia chitara amica se 'sto core
er canto de' sto popolo tenore, è 'n'armonia de favola passata
oggi le 'baby' canteno, tutte canzoni a ritmo
e Nina mo' la chiamano Nelly
Nannare' perché perché te sei innamorata …
- - strumentalia
Fòr de porta in carozzella a balla' la tarentella Nannarella nun ce vai più
co' li fiori alla loggetta, rosa mammola e spighetta, Nannarella nun ce so' più
c'era 'na vorta tutto quer che c'era, povera Roma nostra furastiera
Roma, nun fa' la stupida stasera
[tonalità originali : Eb (masch.) > C(femm.)] (1961) Garinei-Giovannini, Trovajoli
- - -(masch . . .)
F(c) F+(c#, a g) F(g, f)
Roma, nun fa' la stupida stasera
F/a(g) Ab°(e) Gm(d) Am7, D7
Damme 'na mano a faje di' de si
Gm7(f) C7(e) Gm9(a) C7(g)
sceji tutte le stelle più brillarelle che p'oi
Gm11(c) C7(a, g) F(a) Gm7, C7
e un friccico de luna tutta pe' noi
F(c) F+ F
Faje sentì ch'è quasi primavera
Cm11(f) F7 Bb Am7, D7
manna li mejo grilli pe' fa cri-cri
Gm11(c) Gm6(a, g) Eø(bb) A7(a) Dm(g, f) (c#, c, b)
Prestame er ponenti-no più malandrino che c'hai
G7(d eb) C13(e f g) F6/9(g, f)
Roma reggeme_er moccolo stasera
C7 F A7sus
- - - (femm . . .)
D(a) D+ D
Roma, nun fa' la stupida stasera
D/f#(e) F° Em F#m7, B7
damme 'na mano a famme di' de no
Em7(d) A7 Em9(f#) A7
spegni tutte le stelle più brillarelle che c'hai
Em11(a) A13 7 D∆7(c#), Bm7(b), Eø7(bb), A7(a)
nasconneme la luna se no so' guai
D(a) D+ D
Famme scorda' ch'è quasi primavera
Am11(d) D7 G F#ø, B7
tiemme 'na mano 'n testa pe' di' de no
Em11 Em7 Gm6 C#ø F#7 Bm7 (b, bb, a)
smorza quer venticello stuzzicarello che c'hai
E7(b) E+7(c) A7(c# d e) D(e, d)
Roma, nun fa' la stupida stasera
coro (originalia): maschietti : Gb, fémmene: Eb; Fabrizi: E; ari-coro: F)
Roma reggeme er moccolo... così
Semo gente de borgata
Vianella [Goitch e Vianello / entrambi] (1972; F.Califano, M.Piacente)
3/4; intro : |A(c#; b,a) |Dm6/a(b; c#,d) |A(c#; b,a) |Dm6/a(b; a,g#) | Am
(a c) Am(e c b a ; c e a) Dm6(b c) Am6(e)

'Na stanzetta in affitto_è trovata, pe' 'r momento va bbe’


(e f) C(g ) F(a ) C(c_f, e; e ) B7(d# f# g#) E(g#)
semo gente de bo-rga-ta, nun po-te-mo pa-ga'
Am Dm6 Am6
Da domani comincia er carvario, nun c'è artro da fa'
C F C Am(c ) G(d b) F(c)
finirà 'sto calendario e quarcosa cambierà
(a b c b c) E7(d, b) A(a) (a,b,a,b ...)

semo ricchi de vo-lo-ntà


(e d) A(c#; c# e) C#/g#(c#; b c#) D(b a b) D#°7(a, f#) A/e(f#, e)
Core mio, core mio, la speranza nun co--sta gnente
(f# g#) F#m(a b c#) E(c#, b) D(b c# d) C#7(c#, b) F#m(a)
quanta ge-nte c'ha tanti sòrdi_e l'a-mo-re no
(a) D(d c#) F°7(b, d) A/e(c# ; e) E7(b a) A(a)
E stamo me-jo no--i, che nun magnamo mai
Core mio, core mio, la speranza nun costa gnente
se potrebbe sta' pure mejo, ma che voi fa'
per ora ce stai tu, e' 'resto ariveràintro

Un lavoro magari a giornata, pe' 'r momento va bbe’


semo gente de borgata, che alla vita ce tie’
Semo nati de povera gente, è la nostra realtà
ma de vie ce ne so' tante, tanti modi pè sfonna'
ora annamoseli a cerca'
Core mio, core mio, la speranza nun costa gnente
quanta gente c'ha tanti sordi e l'amore no
E stamo mejo noi che nun magnamo mai F7
Core (Bb)mio, core mio, la la la la la la la la la
se potrebbe sta' pure mejo, ma che voi fa'
per ora ce stai tu, e' 'resto ariverà
Ebm Gb°7 Bb/f F7_ Bb Bb_
E stamo mejo noi che nuuun... magnamo mai
Sinnò me moro
GabriFer (1959; Pietro Germi, Alfredo Giannetti [sceneggiatore], Carlo Rustichelli)

intro Riff : ||: Dm (g,a; f,g; e,f; d) :||


(a) Dm(d e f ; d e f e_f_e, d)R

A-mo-re, amore, amore, amore mi--o


(f e d) A7/e(e_d, c#)R (a,bb; g,a; f,g; e)
'n braccio a te me scordo ogni do-lo---re
(e d c# e d_c#; a b c#) Dm(e_f_e, d)R
Voglio resta' co' te-e sinno' me mo---ro
(d e f) Gm_(g e) Dm(f) Gm (d) A7(e g) Dm(f_e, d)R
voglio re-sta' co' te si-nno' me mo--ro
voglio resta' co' te sinno' me moro
[Dm A7 Dm; Dm A7 Dm]...... {arbitarium}

Nun piagne, amore, nun piagne, amore mio


[Dm A7 Dm; A7 Dm A7]

nun piagne e statte zitto su 'sto còre


ma si te fa soffri', dimmelo pure
quello che m'hai da di', dimmelo pure
quello che m'hai da di', dimmelo pure

- - orchestr. (strofa)

Te penso, amore, te penso, amore mio


tu sei partito e m'hai lassata sola
ma tu non sai che sento nel core mio
ce sento er bene tuo che me consola
ce sento er bene tuo che me consola

CODA : orchestr. : 8va (g,a; f,g; e,f; g,a; f,g; e,f; a) Dm_

"Un maledetto imbroglio" (!959) ... rielaborazione del romanzo "Quer pasticciaccio
brutto de via Merulana" di Carlo Emilio Gadda ... lamentato[si] del compenso
ricevuto sia da lui che dal regista che è «mille miglia lontano dai '30 milioni per
mammella' decernés alle poppe della Lollobrigida o alla bocca della Loren»
So’ stato carcerato
come risuonava Roma, nel '700... (1967, Alvaro Amici)
6/4 |C(e, g, c) |G7(b,c, d) |(d, f, b) |C(a, g, c) |
|C7(e, c, g) |3/4F(f, g, a) |6/4G7(d, b, g) /d(a/g, b/f#, d/f) |C(c) |
C(g e g e g e c g e) G7(f g)

So’ stato carcerato pe’ ‘n capriccio


(f d f d f d b g f) C(e g)

perché portavo_in berta_‘n cortellaccio


C(g e g e g e c g e) F(f a)

scontrai la corte_e me pijò de piccio


(a b c) G(b a) C(c) G7(d b d) C(d c)

fermo sta' fermo là, fermo grevaccio

C(g a c) G7(b f; f g b) C(a_g e)


Mejo sarebbe ch’io nun t’ama-ssi
(e c g) F(f_g a) G7(d b g) /d(a b d) C(c)
ch’io te scorda-ssi finché nun sorto de qui
- smandolin. : C7(e, c, g) F(f, g, a) G7(d, b, g) /d(a/g, b/f#, d/f) C

Me misero alli piedi ‘n grosso impiccio


centocinquanta libbre de feraccio
m’ammanettorno co’ le castagnole
e me portorno a le carcere nove

Mejo sarebbe ch’io nun t’amassi


ch’io te scordassi finché nun sorto de qui
- smandolinata

Alle Carcere Nove ce so’ stato


a San Michele er cavalletto ho avuto
anche a Regina Coeli so’ passato pe’ ladro già in galera ce so' stato
me manca solo de’ mori’ impiccato

Mejo sarebbe ch’io nun t’amassi


ch’io te scordassi finché nun sorto de qui
La società dei magnaccioni
(1962, Armandino Bosco; autore/i: sconosciuto) | (1964) Gabriella Ferri, Luisa De Santis
intro [eddaje de Lidio!] : /e, f#, g# |A(e; e, d#,e,d#, c#) | [tonalità origina' : F#]
A(e f# e c# b a c#; e a b a g# f# e) E7(g#,e)

Fatece largo che passamo noi, 'sti giovanotti de 'sta Roma be-lla
(d e d c# b)

ce so' regazzi fatti cor pennello


B7(b c# b a g# f#) E7(e) . (e f# e d c# b A(a)
e le regazze famo 'nnammora', e le regazze famo 'nnammora'
(c# e) A(a ; g# f# g# e c# a b a g# f# g#) E7(e d)
Ma che ce frega ma che ce 'mporta, se l'oste ar vino c'ha messo l'acqua
(b ) D6(b, f#; b ) A(a e)

e noi je di-mo e noi je famo


(a ) B13(g# a a_b b) E7.(a g#)
c'hai messo l'acqua e nun te pa-ga-mo
(g# e/e d/f# c#/g#) A(e ; a g# f# e) E7(g#, e)
Ma però noi se-mo quelli che j'arisponnemo_in co-ro
(b ) D6(b,f#; b ) A(a e)
è mejo_er vi-no de' li Castelli,
(g# f#) B(d#), E(e) B7(f#) E7(g#) A(a) intro
che de 'sta zo--zza so---cie--tà
E si per caso la socera more, se famo du' spaghetti matriciani
bevemo 'n par de litri a mille gradi
s'ambriacamo e 'n ce pensamo più, s'ambriacamo e 'n ce pensamo più

Che c'arifrega, che c'arimporta si l'oste ar vino c'ha messo l'acqua


e noi je dimo e noi je famo
c'hai messo l'acqua e nun te pagamo
Ma però noi semo quelli che je risponnemo in coro
è mejo er vino de' li Castelli, che de 'sta zozza società intro

A(e a g# f# e ; a g# f#) E7(g# )


Ce piaceno li polli, l'abbacchi_e le ga-lli-ne
(b) D6(b c# b a g# f#) E7.(e)
perché so' senza spine, nun so' come_er bacca-là
(e f# g#) A(a g# f# e c# ; e f# g# a g# f# a) E7(g#)
la socie-tà dei magnaccioni, la società della gioventù
D6(b, f#; b ) A(c# .; a ) B13_(g# a b, c#) E7_(b)
a noi ce piace da magna'_e be-ve, e nun ce pia-ce de lavo-ra'
[continua ...]
[... segue]

rubato ......................... ||lento, accel. ........................................................


(a g# a e f#) A(c# ; c# d c#) Bm(b, f#)

Portace 'n'antro litro, che noi se lo be-ve-mo


(a) E7(b a b a) A(c#_a e; e) Bm.(f#; e) E7.(g#; e) A(a)
E poi j'arisponne-e-mo: "E-mbe' e-mbe' che c'è?"
A E7
E quanno er vino 'mbe', c'ariva ar gozzo 'mbe'
A
ar gargarozzo 'mbe', ce fa'n ficozzo 'mbe'
(e f# g# a ; a g# g) D(f# )

pe' falla corta, pe' falla breve


(c# b) A(c# ) E7(b ) A(c#, a) E7 A E7 A E7 A.
mio caro oste pòrtece da beve, da beve, da beve [ole']
Sôra Menica
GabriFer (19xx, anonimo)
intro : (e,eb) ||: E7(d; f#,f#) |A(e; e,e,f#) |E7(g#; g#,f#,g#) |A(a) :|| A/a, e ...

(c#) A(e f# e c# b a c# )

A Roma a Roma, belle le romane


(a) D(d c# e d) E7(c#, b)
ma so' più belle le trasteve-ri-ne
(g# f# a g#) A(f#, e˜)
l'arubbacori so' le monti-ciane
(c#) E7(e d c# b) A(a )

l'arubbacori so' le monticiane


(e eb) E7(d ; f# ) A(e ; e f# e) E7(g# ; g# f# g#) A(a).
(c# c b ; d c# ; c# d c# e ; c# d c#)

Sora Menica, Sora Menica, oggi_è domenica, lassece sta'

Semo Trasteverine e nun tremamo


paura nun avemo de nisuno
c'avemo bona lingua e mejo mano
c'avemo bona lingua e mejo mano
Sora Menica, Sora Menica, oggi è domenica, lassece sta'

Sete la banderola de Castello


avete dato er core a questo e quello
a voi ve se po' di' senza cervello
'na botta ve cercate de cortello
Sora Menica, Sora Menica, oggi è domenica, lassece sta'

Er core mio l'ho dato a chi me pare


l'anno tenuto tutti come 'n fiore
er vostro s'è appassito ner cantone
er vostro s'è appassito ner cantone
Sora Menica, Sora Menica, oggi è domenica, lasceme sta'
Sora Menica (++)
intro : (e,eb) ||: E7(d; f#,f#) |A(e; e,e,f#) |E7(g#; g#,f#,g#) |A(a) :|| A/a, e ...

(c#) A(e f# e c# b a c# )

A fa' l'amore giù pe' Borgo Pio


(a) D(d c# e d) E7(c#, b)
bisogna annacce cor cappello_in mano
(g# f# a g#) A(f#, e˜)
bisogna sape' di' "Coruccio mio"
(c#) E7(e d c# b) A(a )
bi-sogna sape' di' "Coruccio mio"
(e eb) E7(d ; f# ) A(e ; e f# e) E7(g# ; g# f# g#) A(a).
(c# c b ; d c# ; c# d c# e ; c# d c#)

Sora Menica, Sora Menica, oggi_è domenica, lassece sta'

Noi semo monticiani [*] e che volete? [* de li Monti]


dieci a baiocco so' le cortellate
serciate in petto quante ne volete
e pugni 'n faccia quanti ne volete

Sora Menica, Sora Menica, oggi è domenica, lasceme sta'

Nun ce passa' pe' via de Tor de' Conti


vòrta su pe' la via de li mercanti
che nun te ce volemo pe' li Monti
che nun te ce volemo pe' li Monti

Sora Menica, Sora Menica, oggi è domenica, lasceme sta'

E quando semo a via de Tor de' Conti


rivorta er piede e nun anna' più avanti
che lì comincia er greve de li Monti
che lì comincia er greve de li Monti

Sora Menica, Sora Menica, oggi è domenica, lasceme sta'


Noi semo de li Monti e semo donne
a litiga' ciannamo senza l'arme
semo più forte noi che le colonne
semo più forte noi che le colonne

Sora Menica, Sora Menica, oggi è domenica, lasceme sta'

Io so' trasteverina e lo sapete


nun serve bella mia che ce rugate
so' cortellate quante ne volete
so' cortellate quante ne volete

Sora Menica, Sora Menica, oggi è domenica, lasceme sta'

Semo monticianelle e nun tremamo


e lo spiedino [*] 'n testa lo tenemo [* spiedino]
er cortelluccio 'n petto e er sércio 'n mano
er cortelluccio 'n petto e er sércio 'n mano

Sora Menica, Sora Menica, oggi è domenica, lasceme sta'

Noi semo popolane e benché donne


paura nun ce fanno manco l'arme
fanno trema' li fiori co' le fronne
fanno trema' li fiori co' le fronne

Sora Menica, Sora Menica, oggi è domenica, lasceme sta'


Sott'er cielo de Roma
Giacomo Rondinella (1957; Umberto Bettini, Alessandro Taccani)
intro : | (d..., c#) Bm(b; b, d) |A(c#... b) A. (f#,g#,a/ c#,b,g#) |
|Bm(f#_g#_e) /a#, b. (b,c#) E7(d, e,c#) |A(b_c#_b,a)
A(a b c# b a g# e 6f#)

Dopo_un tramonto_infocato Roma_è 'na maggìa


(a ... ) Bm(f#)
e in ogni core incantato c'è 'na frenesia
(b c# d c# b a f# g#)

sotto la luna_argentata che canta_e nun lo sa


B7(f# g# a f# g# a c#) E7(b)
tra 'sta bellezza fatata l'amore vo' sogna'
(e a) A(c# b c# b )

Com'è bello si la luna brilla,


(a b a g# a g# f# e 6f#)

stretti stretti co' 'na pupa bella, passeggia'


(f# g# a b g#) Bm(f# e), Bbm, |Bm, E7
sott'er cielo de Roma
(e f#) E7(b a b a )

Core_a core co' le mani_in mano,


(g# a g# f# e f# g# e 9f#)

sentiremo chi ce 'sta vicino sospirar


(e f# g# a b) A(∆7g#, 6f#)
sott'er cielo de Ro-ma
(e f#) A7/e(g a)/a Em(b ) A7(c# d) D(∆7c#, 6b )
Quanti baci noi se daremo là so-tto l'a-rbe-ri
(f# g#) B7(a b c# b c# b a) E7(b) E7.
quelli baci che nun se ponno mai più scorda'
A, /g, F#7 (f#, g#, a, b c#) Bm(c#, b)
Com'è bello si la luna brilla ... passeggia' sott'er cielo de Roma
(b c# d c# b) Bø(d; c# ) A(c# b a) C#7(g#), F#7
Fra 'li ruderi de 'sta ci-ttà, me 'mbri-aco de feli-ci-tà
(f#) Bm(d) E7 (b c# d e c#) A(b˜ a)
co' te, sott'er cielo de Roma
- - orch. [strofa completa = 2 versi]

Quanti baci noi se daremo ... nun se ponno mai più scorda'
Com'è bello ... brilla ... passeggia' sott'er cielo de (Bm)Roma (F#7)

Fra 'li ruderi de 'sta città ... co' te, sott'er cielo de Roma A.
(b c#) Bø_(d ; e d_c# e) A (c#, e) E7(d... c#, b; b, d) A(c#... b, a) E7, A.
sott'er cielo de Ro-o-ma
Stornellata romana
[tonalità originale : Bb] Carlo Buti (1926; Marcella Rivi, Carlo Innocenzi)
intr-arubbato: |A(a,b,c#,b,a, e, a; c#,g#, f#_g#_f#,e) |F(f,g,a,g,f,c, f, a, c) |E(c_d_c_b_)
A5˜(a b c# b a e c# e g# f#_g#_f# e)

Quanno_ar mattino Roma s'è sveja-a-ta


(c# a b c#) E7˜(c_c#, b)

pare_un pavone quanno fa la ro----ta


(g# f# e; b a a˜ g#)

sembra 'na pennellata fatta d'arcobaleno


(d e c# b e c#) A˜(b_c#_b a)
pure si' piove, pare ch'è sere---e-no
A(c# d e c#) E7(d, b; b c#) A(a)
Gira, gira_e fai la ro-ta, nun te devi mai stanca'
(A) E7 A
gira, gira e fai la rota, e nun falla mai ferma'

Poi quanno a sera Roma s'addormenta


la ninna nanna er Tevere je canta
la musica va lenta, e un tocco de campane
de tutte le basiliche romane
Gira, gira e fai la rota ... e nun falla mai ferma'

Roma, la primavera tua è 'n'incanto


è innamorato tuo persino er vento
de fiori porti un manto, so' viole e so' mimose
che li ragazzi danno all'amorose
Gira, gira e fai la rota ... e nun falla mai ferma'

Te vojo bene e ancora nun lo sai


ma guarda bene dentro all'occhi miji
così ce leggerai 'na lettera d'amore
che ho scritto e sigillata 'n fonno ar core
Gira, gira e fai la rota ... e nun falla mai ferma' [continua...]
Io c'ho 'n'amore che nun ha mai fine
nun è geloso e nun me dà le pene
c'ha tere e c'ha coline, è ricco de tesori
è Roma mia, er più grande dell'amori
Gira, gira e fai la rota ... e nun falla mai ferma'
- - addendae

D'estate Roma sei focosa amante,


dai baci appassionati, amori ardenti:
cor sole tuo bruciante, la donna se fa bella,
pur senza er mare dai la tintarella!

Sei come 'na regina incoronata,


vestita de broccato gemme e seta,
o Roma, Roma amata, poeti e imperatori
te devono in ginocchio fa l'onori
Stornellata romana
[tonalità originale : B] Alvaro Amici (1926; Marcella Rivi, Carlo Innocenzi)
intr-arubbato: |A(a,b,c#,b,a, e, c#, e,g#, f#_g#_f#_e; c#... c#,a ,b ,c#) |
|E7(d,e,d,c#,b_; e,e#,f# ,g#)|A(c#tempo)
A(a b c# b a e c# e g# f#_g#_f# e)

Quanno_ar mattino Roma s'è sveja-a-ta


(c# a b c#) E7(d_c#, b)
pare_un pavone quanno fa la ro----ta
(g# f# e; b a a˜ g#)

sembra 'na pennellata fatta d'arcobaleno


(d e E13_c# b e c#) A(b_c#_b, a)
pure si' piove, pa.....re ch'è sere---no
A(c# d e c#) E7(d, b; b c#) A(a)
Gira, gira_e fai la ro-ta, nun te devi mai stanca'
(A) E7 A
gira, gira e fai la rota, e nun falla mai ferma'

Poi quanno a sera Roma s'addormenta


la ninna nanna er Tevere je canta
la musica va lenta, è 'n tocco de campane
de tutte le basi.....liche romane
Gira, gira e fai la rota ... e nun falla mai ferma'

Roma, la primavera tua è 'n'incanto


è innamorato tuo perfino er vento
de fiori porti un manto, so' viole e so' mimose
che li ragazzi danno all'amorose
Gira, gira e fai la rota ... e nun falla mai ferma'

Te vojo bene e ancora nun lo sai


ma guarda bene dentro all'occhi miji
così ce leggerai 'na lettera d'amore
che ho scritto e sigil.....lata 'n fonno ar core
Gira, gira e fai la rota ... e nun falla mai ferma' [continua...]
Io so che tanta gente se n'è annata
all'estero pe' fa' 'na nova vita
ma Roma mia adorata io nun la lascio mai
co' lei sopporterò..... pure li guai
Gira, gira e fai la rota ... e nun falla mai ferma' A/a, g#, f#, g,a,b

(C)Ioc'ho 'n amore che nun ha mai fine


nun è geloso e nun me dà le (G7)pene
c'ha tère e c'ha colline, è ricco de tesori
è Roma mia er più gra.....nde dell'a(C)mori
C G7_(f_g_f_e, d) G7_(g, a b d f e) C(g_) /g, c_

Gira, gira e fai la... ro-------ta, e nun falla mai ferma'


- - addendae

D'estate Roma sei focosa amante,


dài baci appassionati, amori ardenti:
cor sole tuo bruciante, la donna se fa bella,
pur senza er mare dài la tintarella!

Sei come 'na regina incoronata,


vestita de broccato, gemme e seta,
o Roma, Roma amata, poeti e imperatori
te devono in ginocchio fa l'onori
Stornelli di Porta Romana
Luisa e Gabriella (De Santis e Ferri)

intro : 2/4 |G(g,a,b,c,d,e,d,b) |A(c#_d_c#,a; b,c#,a) |G(g) |G. |


(f#/b) G(g/d a/e g/e f#/d g/e a/f# g/e) D7/a(f#/d,e/c) /d ...

Po---rta Romana be-lla Porta Ro--ma---na


(a/a) Am7(a/c g/d) D7(f#/d, e/c . f#/d g/e f#/d) G(e/c d/b)
ci son le ra-ga--zzi--ne che te la danno
ci son le ragazzine che te la danno
prima la bona sera e poi la mano

E gettami giù la giacca ed il coltello


che voglio vendicare il mio fratello
che voglio vendicare il mio fratello
e gettami giù la giacca ed il coltello

In via Filangeri c'è una campana


'gni volta che la sona l'è 'na condanna
'gni volta che la sona l'è 'na condanna
in via Filangeri c'è una campana

Prima faceva il ladro e poi la spia


e adesso è delegato di polizia
e adesso è delegato di polizia
prima faceva il ladro e poi la spia

E sette e sette e sette fanno ventuno


arriva la volante e non c'è nessuno
arriva la volante e non c'è nessuno
e (Am)sette, sette, setteD7.D7.
e (Am)sette, sette, setteD7.D7.
e (Am)sette, sette, setteD7.D7. fanno ventuno

Porta Romana bella Porta Romana ... e poi la mano


- - - - - - - omissis - - - - - - -

G D7/a
Ha fatto più battaglie la tua sottana,
G
che tutta la marina Americana
ha perso più battaglie il tuo reggipetto,
che il general Cadorna a Caporetto

Han fatto più battaglie le tue mutandine,


che tutti i Giapponesi alle Filippine
Oh luna che rischiari le quattro mura,
rischiara la mia cella ch'è tanto scura

Rischiara la mia cella ch'è tetra e nera,


la gioventù più bella morì in galera
Oh luna luna luna che fai la spia,
bacia la donna d'altri ma non la mia

Amore amore amore, amore un corno,


di giorno mangio e bevo, di notte dormo
Olimpia Olimpia mia te me tradiset,
te disett che te vegnett e pho' te pisett

Ci sono tre parole in fondo al cuore, la gioventù,


la mamma e il primo amore
la gioventù la passa, la mamma muore,
te restet come on pirla col primo amore
- - - - - - - omissis - - - - - - -
Stornello dell'estate
(1974) Gabriella Ferri, Mia Martini; (1966; Ghigo De Chiara, Ennio Morricone)
[Gabriella, 1966: C]
6/8; intro : |/e (d/f#, c#/ e, b/d, c#/ e, b/d)
(e) |A(c#; d c# b c# b a e; a c# e) E7(e, e)

Pe' te me distruggo d'amore, bellezza Mi-a


(g#/e, e; a/f# g#/e f#/d #/e #/d) A(e/c# c#/a; e/c#) E7(d/b b/b) A(c#/a)
pe' te butto_er sangue der co----re, ma nu-u-un me vòi

strument. : |A/a (b/d, c#/ e) E7(g#/b, f#/a, g#/b) |

Si è vero che giù nell'inferno, c'è 'sto calore


dovemo prega' er Padreterno, de nun c'anna'

strument. : | |

A C#m
Er letto diventa 'n bruciore, co' 'sta callaccia
E7 A E7 A
la smania de baci e d'amore, più nun cell'ho
(c#/a) E7(d/b_c#/a_b/g#; e/b) A(e/b_d/a_c#/a_e; e/a) E7(d/b_c#/a_b/g#)
perché----e---e, perché--e--e--e, perché---e--e
/e_ (e/b, e/b, e/a) A(e/a > ..... c#/a)
più nun me vò-o-o-i
Tanto pe' canta'
1932, Ettore Petrolini (Ed. Suvini Zerboni)
intro: (d, e, d) |Gm(bb; d, e, d) |Dm(a; d, e, f) |Gm(g; f, g) A7(a; f, e) |Dm(d)

(parlato) È 'na canzone senza titolo, tanto pe' canta',


pe' fa' quarche cosa; nun è gnente de straordinario
è robba der paese nostro, che se pò canta' puro senza voce...
basta 'a salute...quanno c'è 'a salute c'è tutto,
basta 'a salute e 'n par de scarpe nove e pòi gira' tutt'er monno
e m'a accompagno da me...
Dm (d e f g a bb c) Gm(6)(a, g; e f g) A7(a g f e) Dm(e, d)
Pe' fa' la vita meno_a-ma-ra me so comprato 'sta chi-ta-ra
(f g a c bb a g) Gm6(g,e) C#7° (g, a bb c/e bb a g) Dm(g, f)
e quann'er sole scenne_e mo-re, me sento_'n còre canta-to-re
Dm (d ) Gm(9)(a,g; d ) A7(c# bb ) Dm(a d)
La voce è poca ma 'nto-na-ta, nun serve_a fa' ‘na sere-na-ta
Dm (d e f g f e d) Eø(f,e) (d,e,f, d) [> Gm/bb]
ma solamente_a fa'_in maniera,
Gm6/bb (e f f# g f# g g#) A7(a ) (e, f, f#, g_) (e, eb, d, c#)
de famme_un sogno_a prima sera oh, oh, oh oh
D(d c# d c# d; d c# d e d c# d c#) A7(b, a)
Tanto pe' canta', perché me sento_'n friccico ner cò-re
(c# e c# b c#; e d c# e c# d e c#) D(b a)
tanto pe' sogna', perché ner petto me ce naschi_'n fiore
D(d ... d c#) D7(d f#) G(e b)
fiore de lillà che m'ariporti verso_er primo_amore
(b c# d e d c# b) G#°7(d, b) D/a(b,a; a b c#) A7(b a e f#) D(e,d)
che sospiravi le ca-nzo-ne mi-e, e m'arintontonivi de bu-scìe
intro: (d, e, d) |Gm(bb; d, e, d) |Dm(a; d, e, f) |Gm(g; f, g) A7(a; f, e) |Dm(d)

Canzoni belle e appassionate che Roma mia m'aricordate


cantate solo pe' dispetto, ma co 'na smania drent'ar petto
Io nun ve canto a voce piena, ma tutta l'anima è serena
e quanno er cèlo se scolora de me nessuna se 'nnamora
Tanto pe' canta', perché me sento 'n friccico ner còre
tanto pe' sogna', perché ner petto me ce naschi 'n fiore
fiore de lillà che m'ariporti verso er primo amore
che sospirava le canzone mie, e m'arintontoniva de buscìe
Tarantella de la Bbellòna
Sergio Centi
intro : /d,e |: Dm/f; d,e | % |Dm/f,g,f [A7]e,f,e ||:Dm/d, a :||
(d f) Dm(a ab_a, bb a_f_d a_bb a) A7(a e g_f e) Dm(d)
Tarantèlla de li dè--i, vo' ccantare,_ami-ci miei
(d e f) Gm(g; bb c bb) Dm(a_f, d; a bb a) A7(a_e, g_e c#) Dm(d)
Incomincianno da li cape-e-lli, inanellati ri-i-cci_e bbelli
(d c) Gm(bb g a bb) Dm(a_f, d; a bb a) A7(a_e, g f c#) Dm(d)
Quella fronte vaga_e spazzio-sa, che de bbeltà passa 'gni cosa
Ariluce la tua fronte, più cche ssia cristal de monte
(d e) Dm(f; d e f) /d e f g f) A7/e, f e Dm(d)/d, a ...
La lla llà, la lla llà, questa_è proprio_una ve-ra beltà
Quante so' bbelle le vostre ciglie, buttano rose, che maraviglie
Quell'occhietti mori mori, friccicarèlli arubba cori
A quell'orecchia ch'ascorta li canti, bella ce porti perle e diamanti
Perle e diamanti e mmalaghita, l'hai bbellissima l'udita
La lla llà, la lla llà, questa è proprio una vera beltà
Quele guancie accusì ddeliziose c'hann'er colore de mele rose
Ciann'un colore smorfioso e amabbile, che de bellezza sono ammirabbile
Quant'è bbello quer nasino, profilato e ccannellino
In quela vostra vaga bboccuccia, ce cape un vago de canipuccia
La lla llà, la lla llà, questa è proprio una vera beltà
Quanti so' bbelli li vostri denti, d'avorio bbianco so'
risplendenti
c'hai quel fiato che de salvia odora, e bbutti l'odore de la viola
Quele labbra so' ccoralline, c'hanno el color de le porporine
Quer barbozzo è una nocchietta, come ride fa la bbucetta
La lla llà, la lla llà, questa è proprio una vera beltà
A quel collo che ttu cciai, un bel vezzo ce porterai
Hai poi quel petto ccusì spartito, che cc'è Vvenere e Cupìto
Quanno, bbella, fate li passi, affortunati so' queli sassi
Uno diventa un bel rubbino, un antro dà in verde, 'nantro in turchino
La lla llà, la lla llà, questa è proprio una vera beltà
Tarantèlla de li dèi, vo' ccantare, amici miei
Ve lo dico, o fior d'erba bbella, ch'è tterminata la tarantella
Te possino da' tante cortellate
Luisa e Gabriella (De Santis, Ferri)
intro : Am_
Am(a/c, b, a ... ) E7(g#/g#, b; d c b ... ) Am(a/a)
||:La-ra-lla llaralla llaralla lla--lla, Laralla llaralla llaralla llà:||
Am(c b a c a c) E7(e, b)
Te possino da' tante cortellate
(d c b a g# b d c) Am(b, a)
pe' quante messe_ha dette l'arciprete
pe' quante messe_ha dette l'arci(E7)prete
pe' quante vorte ha detto "Orate (Am.)frate.[s]"
Laralla llaralla llaralla llalla, Laralla llaralla llaralla llà
Er bene che te vojo nun lo dico
te vorebbe vede' a Ponte impiccato
te vorebbe vede' a Ponte impiccato
con la testa mozzata e pe' panìco
Laralla llaralla llaralla llalla, Laralla llaralla llaralla llà
Io so' trasteverina e lo sapete
nun serve bello mio che ce rugate
nun serve bello mio che ce rugate
so' cortellate quante ne volete
[rall.]
Laralla llaralla llaralla llalla, Laralla llaralla llaralla llà
Me sa mill'anni che venghi Natale
pe' famme 'na magnata e de torone
pe' famme 'na magnata e de torone
pe' famme 'na bevuta in der boccale
[1ª volta: parlato]
Me sa mill'anni che se facci notte | [ripetere

p'anna' da solo via da questa parte | strofa

p'anna' da solo via da questa parte | 2ª volta :

m'è venuta la smania de la morte | cantata]


[a tempo]
||: Laralla llaralla llaralla llalla, Laralla llaralla llaralla llà :||
Zompa e balla (Te possino da' tante cortellate)
co' Claudio Villa
3/4,
intro : |F#m(c#,b,a ...) |C#m(g#,f#,e ...) |G#7(g#,a#c) |C#m.(c#). G#7|C#m
C#m(e d# e d# c# e c# e) G#7(g#,d#)
Questa_è 'na strada piena de co-rte-lli
X(f# e d# c# c d# f# e d) C#m(e,c)
nun ce passa' amico che te ce ta-ji [Peppino]
nun ce passa' amico che te ce (G#7)taji
se so' tajati i bulli assai più (C#m(c#))belli
C#m(c# g#) F#m(a_f#,d#) G#7(f#, e d#) C#m(c# )
Zompa_e ba-a--lla tra 'sti cortelli
nun te fida' ce so' inganni e tranelli(C#m.) intro

Me so' fatto un coltello a punta e taglio


je vojo spacca' er core a chi lo voglio
je vojo spacca' er core a chi lo voglio
e stattene sicuro che nun me sbajio
Zompa e balla fra 'sti cortelli, nun te fida' ce so' inganni e tranelli
strum. : |Gm(...) |Dm(...) |A7(a,b,c#) |Dm. A7|Dm

Povero amore mio che se avvilito


per una coltellata che j'hanno dato
per una coltellata che j'hanno dato
coltello traditore che l'ha ferito
Zompa e balla fra 'sti cortelli, nun te fida' ce so' inganni e tranelli

Me voglio fa' un coltello a fronna d'uliva


vojo spaccàcce er core a chi m'amava
vojo spaccàcce er core a chi m'amava
de quella infame boia che me tradiva
Zompa e balla fra 'sti cortelli, nun te fida' ce so' inganni e tranelli
strum. : |Abm(...) |Ebm(...) |Bb7(bb,c,d) |Ebm. Bb7|Ebm
Noi semo Monticiani e che volete
dieci a baiocco damo le cortellate
dieci a baiocco damo le cortellate
serciàte in petto quante ne volete
Zompa e balla fra 'sti cortelli, nun te fida' ce so' inganni e tranelli

Noi semo Monticiani e non tremamo


e lo spadino in testa lo tenemo
e lo spadino in testa lo tenemo
er cortelluccio in petto e er sercio 'n mano
Zompa e balla fra 'sti cortelli, nun te fida' ce so' inganni e tranelli
strum. : |Am(...) |Em(...) |B7(b,c#,d#) |Em. B7|Em

Te possino da tante cortellate


per quante messe dice l'arciprete
per quante messe dice l'arciprete
e quante volte dice orate frate
Zompa e balla fra 'sti cortelli, nun te fida' ce so' inganni e tranelli

----------

LEGENDA
[1] "Orate frate[s]" : "pregate fratelli"
[2] Ponte : rione di Roma
[3] via Panìco : la traversa che inizia da una piazza dove decapitavano i condannati a morte;
le loro teste rotolavano appunto per via Panìco
[4] Trastevere : quartiere popolare di Roma
Zompa e balla
Antonella Costanzo
3/4, intro , fisa: ||: Am(a, e) Dm(f,e,d,c,b,c) E7(d, c˜,b) 1.Am(c, a) :|| 2.Am(a)/a, e

Am(c b a c a c) E7(e, b)
Quanto so' belli l'òmini moretti
(d c b a g# b d c) Am(b, a)
e specialmente quelli giovinotti
e specialmente quelli giovi(E7)notti
ve fanno innamora' li soli o(Am)cchietti
Am(a e) Dm(f, b b) E7(d c b) Am(a) Dm E7 Am
Zompa_e ba-lla e nun ce pensa', oggi va bene e domani chissà

E lo mio amore è riccio de' capelli


e de velluto li porta li panni [x2]
l'ha fatto innamora' li sette regni
Zompa e balla e nun ce pensa', oggi va bene e domani chissà

È bella la Marina, è bello er sole


so pure belle le onde de lo mare [x2]
ma so' più belli l'occhi der mio amore
Zompa e balla e nun ce pensa', oggi va bene e domani chissà

Dei ritornelli io ne so quaranta


caro compagno mio famo la conta [x2]
e chi li sa più belli se li canta
Zompa e balla e nun ce pensa', oggi va bene e domani chissà

E lo mio amore m'ha detto "sciapìta"


so' ita alla Salara e me so' salata [x2]
così so diventata saporita
Zompa e balla e nun ce pensa', oggi va bene e domani chissà
Tutti ar mare
GabriFer (1973; PetrolEttore?)
[tonalità originale : F]

accelerando , di strofa in strofa

(a b) D(b a; f# g f# ; f# g a b c# d) A7(b a)

Tutti_ar mare, tutti_ar mare, a mostra' le chiappe chiare


(g a g; g a g; c# d e˜ c#˜ b˜ a) D(a)
co' li pesci 'n mezz'all'onne, noi s'annamo_a diverti'

- - - delirum ... - - -

Eb Bb7
Tutti_ar mare, tutti_ar mare, a mostra' le chiappe chiare
Eb
co' li pesci 'n mezz'all'onne, noi s'annamo_a diverti'

E B7
Tutti_ar mare, tutti_ar mare, a mostra' le chiappe chiare
E
co' li pesci 'n mezz'all'onne, noi s'annamo_a diverti'

F C7
Tutti_ar mare, tutti_ar mare, a mostra' le chiappe chiare
F
co' li pesci 'n mezz'all'onne, noi s'annamo_a diverti'
Tutte le nott'in sogno
Giorgio Onorato (XIX, tradiz.)
[tonalità originale : Fm]
3/4, intro : Em(b, a,g,f#,e) B7(d#; f#, a,g˜,f#) Em(e)
Em(e g b e b )

Tutte le nott'in sogno me venite


(b a g f# e) B7(e; a g f#) Em(g_f#, e)
dìteme bella mia perché lo fa-a-te
dìteme bella mia perché lo fate
B7 Em
e chi ce vie' da voi quanno dormite[sognate]
intro : Em(b, a,g,f#,e) B7(d#; f#, a,g˜,f#) Em(e)

Pe' vole' bene a voi ce n'ho passate


de pene e patimenti e lo sapete
de pene e patimenti e lo sapete
e adesso bella mia così me fate
intro : Em(b, a,g,f#,e) B7(d#; f#, a,g˜,f#) Em(e)

Povera vita mia, poveri passi


saranno come sempre tutti persi
saranno come sempre tutti persi
piagnete mura e sospirate sassi(e, e)

A(c#) Em(e) A Em [rall.] Em_


Oooh ooh, Oooh ooh
Vola vola l'aritornello
Luisa e GabriFer (XIX, tradiz.)
intro : Em˜ [arubbicchiàto...]
Em(b a c b)
Tutte le nott'in sogno me venite
D(f# a g) Em(f#, g˜_e)
dìteme bella mia perché lo fa-te-e
B7(d# /a ) Em(f#, e)
dìteme bella mia perché lo fa-te
B7(a /a /g /d# b c#_b d#) E(f#, e) [a tempo]
e chi ce vie' co' voi... quanno do-rmite[sognate]
(g# ; g# a b) (a g#_f#; f# ; f# g# a) (a˜, g#)
E(e ; e f# g#) B7(f# e_d#; d# ; d# e f#) E(f#˜, e)
Vola, vola l'arito-rne-llo-o, cuore mio bello, cuore mio be-llo
B7 (d# ) Em˜(e)
Vola, vola l'aritornello, cuore mio bello, nun me scorda'
Tutte le stelle 'n cielo so' millanta
er marinaro disse: "Conta, conta!"
er marinaro disse: "Conta, conta!"
quella che cerchi tu sempre ce manca
Vola vola l'aritornello, cuore ... Vola vola ... nun me scorda'
Me ne vorebbe anda' lontano tanto
non m'ha da'aritrova' nemmeno er vento
me ne vorebbe anda' lontano tanto
'ndove la Maddalena ce fece er pianto
||: Vola, vola l'aritornello ... nun me scorda' :||
B7_ (d# b) Em˜(b) _
nun me scorda'
Pe' vole' bene a voi ce n'ho passate
de pene e patimenti e lo sapete
de pene e patimenti e lo sapete
e adesso bella mia così me fate
Povera vita mia, poveri passi
saranno come sempre tutti persi
saranno come sempre tutti persi
piagnete mura e sospirate sassi(e, e)
Vecchia Roma
M.Ruccione, L.L.Martelli (1949)
G(g a b a g b) B7(f# g a g f# a) C(e f# g f#) C#°(e,g) G(d)
oggi er modernismo der novecentismo rinnovanno tu-tto va
Am(c,d c b) D7(a c) G(b c d) F#m7(e,f#,e,d c# e) Bm(d e f#) D7
e l’usanze antiche_e semprici so’ ricordi che sparischeno
G(g a b a g b) B7(f# g a g f# a) C(e f# g f#) C#°(e,g) G(d)
e tu Roma mi-a senza nostargi-a segui la moderni--tà
A7(c#,d c# d e c#) D(d, e, d e f# d) Em7(e,f# e f#) A7(g,e g b) D7(a)
fai la progressista, l’universalista, dichi occhei ello’ tenchiù ja ja
(b d) G(g a g f# e f# g f#) D+(e,d) G6(e) D+ G
Vecchia Roma sotto la luna nun canti più
(b f# e b f# e) D°7(b,c) D7(d)
li stornelli le serenate de gio-ve-ntù
(c e) Am7(a,b a g f# g a g f# e) D7(f#)
er progresso t’ha fatta grande ma ‘sta ci-ttà
Am7(a f# e d) D7(f# g a) G(b)
nun è quella ‘ndo se viveva tant’anni fa
(b c) Dm7(d c b) G7(d c b) C(b a c)

più non vanno l’innamorati pe’ lungotevere


(a b) Cm(c b a c ) C°7(b,a) Em(a, g, b) A7 Cm
a rubasse li baci_a mille (là) sotto all’arberi
Cm(g,a)G(b,a b) G+(a,g) Em(b a b) Cm(a,g) G(d) E7
e li sogni sfogliati all’ombra d’un cielo blu
(b d) A7(g,f# g f# e) D7(f#,g a g f#) G(g) G°7 D7
so’ ricordi d’un tempo bello che nun c’è più

Mo’ le regazzette co’ le polacchette certo nu’ le vedi più


l’abiti scollati porteno, controluce trasparischeno
senza complimenti nei caffè le senti de politica parla’
vanno a ogni comizio, chiedono er divorzio
mentre a casa se sta a digiuna’…

Vecchia Roma sotto la luna nun canti più …


... so’ ricordi d’er tempo bello che nun c’è più
Venticello de Roma
(1957) Renato Rascel

intro : ||: D/d; f#, a, a |Bm/b; d, f#, b |Em/e; g, b, e |A/a; a, e, a | D...


D(d f#) A7(a ) (b9) (e f# g a c#) D(b a)

Venti-cello, venticello de Roma


D(d f#) A7(a ) (b9) (g a g f# e) D(f# e d a)

venti-cello, profumato de sole_e d'amor


A7 (b9) D
se la sera, l'Aventino te chiama
(a b) A7(a ; g a g b c#) D(d)
j' arisponni dar Gianicolo_in fior

(d ) G(b a g)

Mentre_in cielo mille stelle brilleno,


(a b) F#7(c# d) Bm7(c# b a)
diecimila bocche gia' se cercheno
(a a#) Em(b ) E7(b a g#; g# a b) A7(c# ) /g

tu le sfiori e ja' rigali 'n brivido, e nell'oscurità

(c# a) Bm(a ) Bb°7, A13 (e f# g a c#) D(b a)

tu sfarfalli, pe' le strade de Roma


(a b) A7(a ; (b5) g a) A7sus(g b c#) D(d)
venticello, che c'a-iu-ti_a sogna'
- - Orchesta [strofa; inciso; strofa]

Mentre in cielo mille stelle brilleno


diecimila bocche gia' se cercheno
tu le sfiori e ja' rigali'n brivido, e nell'oscurità

tu sfarfalli pe' le strade de Roma


venticello che c'aiuti a sogna', chi te può mai scorda'
D_ (b c#) Bb°7(b, a#) Eb6/9(bb, c, bb) Eb6/9_
venti-ce-llo... de Roma
Semantica antica, semmai...
compendio d'istruzioni
... per la lettura della song-page, la pagina-canzone, con testi e accordi (e altro
ancora)

La pagina non si prefigge d'essere la summa esaustiva del brano; quanto piuttosto
un micro-manuale, un supporto mnemonico: lo guardi, meglio, lo sbirci, e
("Aah...") ricordi. Quindi:
• tutte le istruzioni assolutamente necessarie (l'imprescindibilità);
• solo esse, minor quantità possibile di istruzioni (eliminar la ridondanza).

Obbiettivo duplice:
1) una canzone / una pagina, sempre soltanto una (beh, quasi sempre);
2) leggibilità alta, anke a visibilità precaria; facilmente leggibile da lontano (cioè
non proprio appiccicati sopra), con scarsa illuminazione, tipo... un palco
(improvvisato).

Dunque: poki simboli essenziali(*), caratteri enormi.


(*) essenziali : elementi senza cui il brano... non c'è!

Due i tipi di riga:


m) di musica (quella ke nella pagina sta di sopra, a colori);
t) di testo (quella di sotto, in nero - o blu, x cori).

La vekkia diatriba della supremazia fra le categorie (Stòtele, Ari-stòtele...):


privilegiare l'allineamento del testo o della musica? Si direbbe, ma... non vanno
insieme? Invece quasi sempre le specifike esigenze formali (sezioni, metrica,
accenti) dell'una cozzano con l'altra, sono incompatibili. Se 'simmetrizzi' il testo, la
musica 'squadra'; o viceversa.
La soluzione nella nostra song-page: è privilegiato il testo (anke se non sempre).

Dove la manfrina, hem... le indicazioni si ripetessero (es: ogni strofa) esse non
sono riscritte, sono omesse, saltano; sia per musica ke per testo (per le cui
ripetizioni sono solo accennati inizio e fine di quella sezione).

Le istruzioni musicali specifike sono: Sigle accordi, bassi (cenni), melodia (cenni),
riffs e licks.
Solo le sigle degli accordi in ogni riga (scritta) ci sono tutte (e anke qualcuna in più,
dove non ho potuto resistere, vediamo ki le tana...)

Em A7 D
Maramao why did you die?
Em ...
bread and wine you were not missin’

i puntini (...) indicano: "qui è inutile scrivere, lo sai, si capisce, è ovvio"...


istruzioni in dettaglio
I simboli internazionali dei nomi delle 7 note, 'ben note' e ben temperate (quelli in
italiano nel foglio c'entrerebbero davvero male):
A = La
B = Si
C = Do
D = Re
E = Mi
F = Fa
G = Sol

••••••••••
Simbolismi di decodifica e lettura

1. lettera Maiuscola, in rosso: sigla dell'accordo (Cm7)

2. lettera minuscola, nota singola, con possibili funzioni differenti:


a) minuscola verde (blu): melodia vocale (g, ab); oppure coro,
armonizzazioni (b, c);
b) minuscola rossa: melodia (lead, significativa, imprescindibile) di
qualke strumento (f, g, c);
c) minuscola /rossa, dopo la barra (/): linea di basso (Cm/eb);
d) il punto (.) dopo accordo (o nota) significa stop dell'accordo (o
nota);
e) la lineetta bassa (_) dopo accordo (o nota) significa fermata
tenuta dell'accordo (o nota).

Dopo la lettera di accordo/nota, il segno:


'b', significa 'bemolle' (es: Ab = LA bemolle)
# vuol dire 'diesis' - ovviamente (es: G# = SOL diesis)
'm' minuscola indica il 'minore' (Em = MI minore).
'7' = 'settima' (C7 = DO7)
∆(7) = 7a Maggiore (Maj)
'+' vuol dire aumentata (la 5a, sempre e solo la 5a)
'°' significa diminuita [Triade; °7: 7a diminuita, a 4 voci]
'ø' significa semi-diminuita, o min 7(b5) [Tetrade, 4 voci]
(eccosìvvia...)

-----
+ dettagli, di dettagli di dettagli...

Eb7(b9)/g : MI bemolle 7a, con 9a minore (bemolle), basso di sol [ovvero, le note:
mib, sol, sib, reb, mi; basso = sol]
Gm(∆7) : Sol minore, con 7a Maggiore [note: sol, sib, re, fa#]
Poi ci sarebbero i segni di misure (|), ripetizioni (||: :||), intro, coda, qualke
(in)TABlatura, e...
'sempi(o)...
-----------------------------------------------
intro, ciufolo : (d, e, f#)

G(d b g) Am(e; c) D(a f#) G(d)


Ricordate Marcellino, solo pane e solo vino
Em(b g) Em7/d(e) C_(c; c) G(b, g) D7/f#(a, f#) G.(g)
e un minuscolo lettino, Marcellino, Ma-rce-lli'
--------------------------------------------------

significa:
intro, ciufolo : le note (d, e, f#), ovvero (re, mi, fa#) - suonate dal... ciufolo;

G : SOL (triade, maggiore)


Am : LA minore (triade)
D : RE (triade, maggiore)
Em7/d : MI minore 7a, basso di re
(d b g), (e; c), (a), (f#), (d) : note cantate
C_ : DO, si ferma e sostiene...
G. : SOL, si ferma, stop

... però in pratica, per... tagliar corto e strimpellarsi sotto, subito :

1) basta leggere (e suonare) la SIGLA dell'accordo: quindi


l'unica vera priorità irrinunciabile è la lettera Maiuscola rossa.
2) magari qualcuno può volersi cimentare fino alla nota al basso (/eb)
ke, se presente, può fornire un risultato finale assai più convincente...
3) ki vuol cantare deve... leggere testi e testicoli vari...

-----------------------------------
esempio semplificato di Lettura essenziale:
... C_ G D7/f#[*] G. [*]/fa# al basso, (qui) optional...

...Marcellino, Ma-rce-lli'
-----------------------------------

divèrtitela, divertìtevela ! !