Sei sulla pagina 1di 45

Adult attachment interview

2. Vorrei che mi descrivesse il


rapporto con i suoi genitori
quando era piccolo, descrivendo
i ricordi più
remoti che ha

1
Adult attachment interview

3. Vorrei che scegliesse 5


aggettivi o parole che
descrivano il rapporto
con i sua madre

2
Adult attachment interview

Ha descritto il rapporto con sua madre.


Per ognuno dei 5 aggettivi può raccontare un
episodio?
Ha ricordi che le vengono alla mente
in relazione alla parola …..

3
Adult attachment interview
4. Vorrei che scegliesse 5
aggettivi o parole che
descrivano il rapporto
con i suo padre

4
Adult attachment interview

Ha descritto il rapporto con suo


padre. Per ognuno dei 5 aggettivi può
raccontare un episodio?
ha ricordi che le vengono alla mente
in relazione alla parola …

5
Adult attachment interview

5. Si sente di dirmi a
quale dei suoi genitori si
sentiva più vicino
e perché.

6
Adult attachment interview

6. Quando da
piccolo era
angosciato cosa
faceva?

7
Adult attachment interview

8. Si è mai sentito rifiutato dai suoi


genitori? Ovviamente ora
ripensandoci potrebbe riconoscere
che non erano proprio rifiuti…

8
Adult attachment interview

9. Si ricorda se i suoi genitori


la spaventassero in qualche
modo? Magari per questioni
disciplinari,
magari anche scherzando…

9
Adult attachment interview

10. In generale come pensa che


le sue prime esperienze di
attaccamento abbiano influito
sulla la sua personalità adulta?

10
Adult attachment interview

11. Secondo lei cosa spingeva i


suoi genitori a comportarsi come
hanno fatto durante la sua
infanzia?

11
Adult attachment interview

13. Ha avuto un
esperienza di perdita
di una persona cara
quando era bambino?

12
Adult attachment interview

16. Ora vorrei sapere


quale sia ora la sua
attuale esperienza con
i suoi genitori

13
Adult attachment interview
17. Ora vorrei che ci
spostassimo in un ambito
differente, sulle sue attuali
relazioni con suo figlio/a.
Come risponde ora, in termini
affettivi, quando è necessario
separarsi?

14
Adult attachment interview

19. Ci sono cose che ha


imparato dalle sue
esperienze infantili?
Che cosa sente di aver
guadagnato grazie al tipo di
infanzia che ha vissuto?

15
Adult attachment interview
✓ L’Adult Attachment Interview (AAI)
(George, Kaplan, Main, 1985) è
un’intervista semistrutturata in cui si
richiede ai soggetti di ricordare eventi
relativi alla propria biografia infantile

✓ L’intervista dura tra i quarantacinque e i


novanta minuti circa, comprende venti
domande aperte connesse a differenti
eventi della vita infantile; tali domande
vengono poste secondo un ordine
prestabilito

16
Adult attachment interview
►Al fine di ampliare e chiarire le risposte,
l’intervistato ha l’opportunità di riprendere temi
trattati in precedenza.
►L’indagine riguarda le esperienze legate al ricordo
di essere
➢ stati amati,
➢ rifiutati,
➢ trascurati nel corso dell’infanzia,
➢ le esperienze di inversione di ruolo con le proprie
figure genitoriali,
➢ le separazioni precoci,
➢ gli episodi traumatici (abusi, esperienze di perdita)
17
Adult attachment interview
Modalità di codifica dell’AAI

✓La codifica dell’Adult Attachment Interview


(Main & Goldwyn, 1994) si avvale di scale a
nove punti (da uno a nove) basate su
differenti indicatori che valutano il contenuto
e le qualità formali del linguaggio utilizzato

✓Ciascun punteggio deve essere ricavato


dall’insieme del trascritto e dalle esperienze
complessive dell’individuo

18
Adult attachment interview
Scale dell’Esperienza n=5 (Scales for
Experience):

1. Affetto del caregiver. Ricordi di essere stato


tenuto in braccio o abbracciato, consolato anziché
rimproverato possono fornire indicazioni sull’amore
e sul sostegno emotivo del caregiver

2. Rifiuto del caregiver. Ricordi di essere stato


di frequente criticato, deriso, di aver ricevuto
risposte fredde o sprezzanti di rifiuto

19
Adult attachment interview

3. Coinvolgimento/inversione di ruoli. Si
riferisce al grado con cui l’intervistato ha sentito
che il benessere fisico o psicologico del
genitore doveva essere una sua responsabilità
o preoccupazione: la persona ricorda di aver
dovuto curare il genitore inibire l’espressione di
emozioni per non turbare il genitore

20
Adult attachment interview

4. Spinta verso il successo. Indaga il grado


in cui i genitori, durante l’infanzia, hanno
spinto il bambino alla riuscita

5. Trascuratezza del caregiver. Valuta la


misura in cui il bambino ha sperimentato un
caregiver assente nella cura, non
accessibile a livello psicologico

21
Adult attachment interview
9 Scale dello Stato Mentale (Scales for States of Mind)

Riferisce alla discrepanza tra la valutazione della


relazione con il caregiver a livello semantico e le
inferenze connesse alla condotta del genitore, in base
agli aspetti emersi dagli episodi dell’intervista

1. Rabbia. Valuta la rabbia attuale, indice di un


coinvolgimento ancora in atto nella persona

2. Svalutazione dell’attaccamento. Relativo al distacco


screditante, freddo delle esperienze di attaccamento e
della loro importanza ed influenza
22
Adult attachment interview

3. Insistenza sull’incapacità di ricordare l’infanzia.


Prende in considerazione l’eventuale insistenza
dell’intervistato sull’incapacità di riportare eventi relativi
alle proprie esperienze infantili.

4. Processi metacognitivi. Un’importante scoperta della


Main è che il grado di coerenza del linguaggio è
indicativo della capacità complessiva dell’individuo di
avere accesso a informazioni connesse alla sua storia di
attaccamento e di mantenerle organizzate in modo
sensato (Main, 1991).

23
Adult attachment interview
5. Passività del pensiero. Si riferisce ad indici di passività
(es. espressioni come pipim e pipam, dadadada, eccetera
eccetera, cose del genere) presenti nella narrazione che
non arriva a concludersi

6. Paura della perdita. Valuta la presenza di eventuali


paure di perdita del bambino attraverso la morte.

7. Lutti irrisolti

24
Adult attachment interview

• 8. Coerenza della trascrizione. La coerenza si riferisce alle capacità


dell’intervistato di rendere le sue comunicazioni facilmente comprensibile.
Il partecipante è capace di fare collegamenti chiari tra eventi passati,
sentimenti e pensieri

• 9. Coerenza della mente. Correlata alla scala per la coerenza del trascritto
la scala valuta il sistema di pensiero dell’intervistato che ingloba il suo
sistema di convinzioni e valori.

25
Grice (1975)
• Quantità (sii succinto ma completo)
• Qualità (sii veritiero e prova ciò che dici)
• Relazione (sii rilevante e perspicace)
• Stile espressivo (sii chiaro e ordinato)

26
Adult attachment interview
I M.O.I. DI ATTACCAMENTO NELL’ADULTO

✓ Criteri:

• Modalità di rappresentarsi le proprie


esperienze di attaccamento (coerenza/
incoerenza del discorso)
• Relazione con l’intervistatore
(collaborazione/non collaborazione)

27
Adult attachment interview
Pattern di attaccamento sicuro/autonomo

✓ Capacità di ricordare in modo coerente e obiettivo le


proprie esperienze positive e negative di attaccamento
e le emozioni correlate;
✓ Collaborazione con l’intervistatore;
✓ Valutazione delle proprie esperienze di attaccamento;
✓ Adeguato senso della propria identità;
✓ A livello di esperienza realistica: tutte le possibili
esperienze.

28
Adult attachment interview
Pattern di attaccamento insicuro distanziante

✓ Incoerenza nel ricordo delle proprie esperienze infantili;


✓ Processi di idealizzazione;
✓ Lacune nel ricordo del proprio passato infantile;
✓ Scarsa collaborazione con l’intervistatore;
✓ Distanziamento rispetto alle proprie esperienze di
attaccamento;
✓ Non valutazione e/o svalutazione di tali esperienze;
✓ Senso dell’identità molto sottolineato;
✓ A livello di esperienza realistica: storie di rifiuto e
trascuratezza.

29
Adult attachment interview
Pattern di attaccamento insicuro preoccupato

✓Passività dei processi di pensiero;


✓Intenso coinvolgimento rispetto alle proprie passate relazioni con presenza
di rabbia, preoccupazione, paura nei confronti dei genitori;
✓Tentativo di coinvolgere l’intervistatore creando con lui un’alleanza;
✓Senso di identità debole
✓A livello di esperienza realistica: storie di role-reversing traumatiche.

30
31
AAI e Strange Situatio
Corrispondenza fra stili di attaccamento del genitore e del
bambino
-fra linguaggio dell’uno e schemi relazionali dell’altro -

Genitore Bambino
Sicuro “F” Sicuro “B”
Distanziante “Ds” Evitante “A”
Preoccupato “E” Ambivalente “C”
Irrisolto/disorganizzato “U” Disorganizzato/disorientato
“D”

32
AAI e Strange Situatio

Genitore sicuro “F” Bambino sicuro “B”


•testo coerente, consistente e •dimostra di sentire la mancanza del
collaborativo. genitore durante la separazione
•valutazione positiva delle relazioni e •cerca un contatto durante la
delle esperienze di attaccamento e riunione
considerazione della loro influenza
•il disagio diminuisce al ritorno del
•descrizioni generali supportate da genitore e ricomincia a giocare
ricordi specifici •attenzione flessibile nell’alternanza
•narrazione fluente fra il gioco e il genitore a seconda
che il genitore sia presente (il
•l’intervistato sembra a proprio agio
bambino esplora la stanza) o
con il tema trattato assente (il bambino esprime
disagio).

33
AAI e Strange Situatio

Genitore distanziante “Ds” Bambino evitante “A”

•intervista incoerente, inconsistente e •attenzione poco flessibile e


tendente a portare il discorso al di focalizzata sull’ambiente piuttosto
fuori dalla storia delle esperienze di che sul genitore
attaccamento •alla separazione dal genitore
•immagine positiva della propria indifferenza con pochi o nulli segni di
infanzia poco convincente disagio
•mancata considerazione •alla riunione indifferenza o
dell’influenza delle esperienze evitamento attivo del genitore (ad es.
negative guardare lontano e restare
•aperta svalutazione dei genitori o dei impegnato con i giochi e
l’esplorazione)
sentimenti relativi all’attaccamento

34
AAI e Strange Situation
Genitore preoccupato “E” Bambino ambivalente “C”
•attenzione poco flessibile e focalizzata •attenzione poco flessibile e focalizzata
sulle figure o sulle esperienze di sul genitore piuttosto che sull’ambiente
attaccamento •alla separazione dal genitore, evidenti
segni di disagio
•attuale preoccupazione sull’influenza
del genitore, sui suoi difetti o sulle •alla riunione disperazione e pianto
esperienze infantili o enfasi delle inconsolabile
esperienze positive •rabbia o paura nei confronti
•testo spesso confuso, irrilevante o dell’estraneo o del nuovo ambiente
eccessivamente lungo
•oscillazione fra ricerca di prossimità e
•oscillazioni fra valutazioni positive e contatto e resistenza ostile.
negative del passato o dei genitori
•paura, rabbia o passiva
preoccupazione rispetto alle esperienze
e le relazioni infantili

35
AAI e Strange Situatio
Genitoreirrisolt/ Bambino disorganizzato/
disorganizzato “U” disorientato “D”
•descrizione di traumi relativi •in presenza del genitore durante la
all’attaccamento che non rielaborati Strange Situation, il bambino mostra
•l’adulto che ha subito la perdita di di essere “in conflitto”, non riuscendo
una figura di attaccamento può né a ignorare o evitare lo stress, né a
sentirsi responsabile della sua morte, avvicinarsi al genitore per migliorarlo
usare un inusuale (eulogistico o
funereo) stile narrativo nel parlare •questo comportamento può apparire
della persona morta, o sottilmente disorganizzato (ad es. si allontana dal
indicare la credenza che la persona genitore e va verso il muro e vi
sia ancora viva in senso fisico. appoggia la testa; si avvicina al
Risposte simili possono essere genitore ma con la testa girata
presenti rispetto ad abusi sessuali o altrove), o disorientato (ad es. si
fisici. immobilizza per alcuni secondi).

36
La psicoanalisi del Sè
La psicoanalisi dell’Io si è prevalentemente sviluppata in Nord-America e la psicoanalisi delle
relazioni oggettuali in Europa e soprattutto in Inghilterra, per entrambe le scuole l'infanzia, le
relazioni interpersonali, la relazione analitica sono al centro dell'indagine psicoanalitica, in
secondo piano soprattutto dopo Anna Freud è l'architettura dell'apparato psichico e le
vicende pulsionali. A partire dagli anni '60 del XX secolo molti cambiamenti sia scientifici che
sociali hanno comportato anche la nascita di diverse questioni sulle quali la psicoanalisi
stessa si è confrontata, tra cui l'interiorizzazione degli oggetti e la costruzione del Sè.

Il sé secondo alcuni autori può rappresentarsi come il luogo di incontro di diverse tradizioni:
in questo senso è da intendersi la psicologia “bipersonale che individua nella relazione
(primaria e successivamente con l'altro) la scena in cui i processi di interiorizzazione,
assimilazione e generazione di strutture presiedono alla costruzione dell'identità in cui il
personale è sempre simmetrico al l'interpersonale.

Stern

37
Daniel Stern
Stern adottava una cornice sistemica per studiare il bambino non più
come individuo isolato ma nelle sue continue interazioni con la madre ed
altre figure di attaccamento. L'interazione reciproca della diade non è solo
il frutto dell'adattamento materno: ma una “danza interattiva” alla quale
partecipano entrambi i partners in maniera personale.

D. Stern 1934-2012 Infant research- Importanza del contesto evolutivo


Bambino come parte di un sistema interattivo
Sviluppo come prodotto di cambiamento delle
integrazioni del sistema interattivo

Sviluppo del senso del Sè - le prime esperienze del bambino si trasformano nella
costruzione di un senso del sé, le esperienze diffuse e confuse si ancorano in maniera
graduale a tracce menestiche, a rappresentazioni, a prototipi comportamentali (“memorie
prototipiche” R.I.G. Rappresentazioni di Interazioni Generalizzate) in cui l'accudimento e
l'appagamento forniscono le varie tonalità affettive associate alle esperienze. Tali
rappresentazioni, esperienze, prototipi e valenze affettive si consolidano in strutture stabili
di autoregolazione e rapporto con la realtà.

38
R.I.G “[...] sono strutture flessibili che rappresentano la media di diversi episodi
reali e formano il prototipo che li rappresenta tutti. Un RIG è qualcosa che
non si è mai verificato prima esattamente in quella forma, ma che tuttavia
non contiene nulla che non sia veramente accaduto una volta” Stern, 1985

Il senso del sé è dunque «una esperienza soggettiva organizzante»

Lo sviluppo del senso del Sè comprende quattro differenti sensi del Sé, non considerabili in
termini di fasi che conseguono, in quanto cooperano fra loro e si mantengono attivi per tutta
la vita

Senso del Sè verbale

Senso del Sè soggettivo

Senso del Sè nucleare

Senso di un Sè emergente

39
Senso di sé emergente
• Dalla nascita al 2 mese di vita avviene un processo nel quale il
bambino si applica attivamente nel porre in relazione tra loro
differenti esperienze, grazie anche alle capacità innate
• Capacità di integrazione sensoriale

Dal testo il diario di un bambini D Stern «una tempesta di fame»

40
Senso di sé nucleare
• Si verifica tra il 2 e il 6 mese di vita, quando il bambino avverte che lui
e la madre sono entità fisiche separate, agenti distinti con storie
separate
• Il sé fisico viene sperimentato come una entità fisica unitaria dotata di
una volontà, di una vita affettiva e di una storia personale.

41
Senso di sé nucleare
• Il bambino esperisce un senso di coesione relativo alle sensazioni
trasmesse dal corpo
• Il bambino acquisisce il senso di continuità del sé trasversale nel
tempo nella forma di memoria dell’esperienza di sé

42
Senso di sé soggettivo
• Tra il 7 e il 9 mese di vita i bambini «scoprono» che esistono altre
menti oltre la loro, rendendo possibile l’intersoggettività tra bambino
e genitore (condivisione delle intenzioni)
• Il bambino acquisisce la capacità di avere un oggetto comune di
attenzione, di attribuire agli altri intenzioni e motivazioni e di
percepirle correttamente.

43
Senso di sé verbale
• Tra il 15 e il 18 mese il bambino possiede una riserva personale di
esperienze e di conoscenza del mondo. Questa esperienza può essere
oggettivata ed espressa in simboli: il linguaggio
• Questo nuovo senso del sé opera nel campo delle relazione verbale e
poggia sulla capacità di comprendere e produrre il linguaggio

44
Senso di sé narrativo
• Il sé viene definito dalla narrative autobiografiche, che comunque
includono (e sono condizionate da) alcune caratteristiche dei
precedenti stati di sviluppo del sé
• La ricostruzione in forma narrativa delle esperienze precedentemente
vissute negli ambiti degli altri sensi del sé ha un effetto organizzatore
nuovo e trasformativo sull’esperinza stessa e sua rappresentazione

45