Sei sulla pagina 1di 3

I tre aspetti principali del sentiero

di Je Tsongkhapa Lobzang Drakpa

Lode ai venerabili e virtuosi maestri

1. Illustrerò, secondo le mie capacità,


il significato essenziale di tutti gli insegnamenti di Buddha
il sentiero trasmesso dai Bodhisattva
e la via d’accesso per i privilegiati;
coloro che desiderano la liberazione.

2. Tu che respingi le gioie dell’esistenza


E ti sforzi per rendere efficaci le condizioni favorevoli e le libertà
Tu che segui il sentiero che ha esaudito tutti i Buddha,
Ascolta bene, Fortunato, e con mente pura.

3. Senza una vera intenzione di rinuncia all’esistenza ciclica,


non v’è modo di porre fine alla continua ricerca degli effetti del piacere
nell’oceano dell’esistenza,
e poiché gli esseri senzienti sono vincolati dall’attaccamento ad essa
Tu devi cercare sin da subito di allontanarti dall’esistenza ciclica.

4. La liberazione e le condizioni favorevoli sono difficili da ottenere e la vita


è breve.
Consapevole di ciò, stravolgi l’immagine che hai di questa esistenza.
Pensa ininterrottamente agli effetti inevitabili del karma e alla sofferenza
del samsara,
stravolgi, così, la percezione delle vite future.

5. Meditando in questo modo


spera che i desideri per piaceri del samsara non si manifestino neanche per
un istante,
e quando avrai coltivato giorno e notte l’inclinazione alla liberazione,
allora in quel momento sorgerà la vera rinuncia.

6. La vera rinuncia, inoltre,


non può esistere senza l’unione con una mente pura che desidera
l’illuminazione (Bodhicitta)
diversamente non sarebbe la causa che genera
il piacere perfetto della suprema illuminazione.
Così il saggio dovrebbe generare la suprema aspirazione altruistica
dell’illuminazione (Bodhicitta)

7. Gli esseri senzienti sono continuamente trasportati dalle poderose quattro

1
correnti1
Legati dalle strette e indistruttibili catene del karma,
intrappolati nella fitta rete di ferro dell’egoismo,
sono completamente offuscati dalle profonde tenebre dell’ignoranza.

8. Nati innumerevoli volte nel samsara,


le tre sofferenze2 li tormentano incessantemente.
Questa è la condizione di tutte le tue madri nelle vite precedenti
contempla questo stato e genera bodhicitta.

9. Privo della saggezza che riconosce la natura intrinseca di tutte le cose,


pur avendo coltivato la vera rinuncia e il bodhicitta,
non potrai tagliare la radice dell’esistenza,
sforzati a riconoscere la legge di interdipendenza.

10. Colui che riconosce l’affidabilità della causa e dell’effetto di tutti i


fenomeni
del samsara e del nirvana, distrugge così ogni percezione errata
ed entra nel sentiero che esaudisce il Buddha.

11. Affinché tu consideri distinte le due conoscenze:


l’apparenza , ossia l’inevitabilità dell’interdipendenza
e la vacuità, priva di ogni argomentazione,
la saggezza di Buddha non potrà realizzarsi.

12. Quando queste saranno simultanee e non si alterneranno,


la conoscenza perfetta oblierà il modo errato di percepire le cose
attraverso l’infallibile legge dell’interdipendenza,
e così in quel momento il discernimento della via sarà completo.

13. Quando sarai consapevole che l’apparenza elimina l’estremo dell’esistenza


mentre la vacuità rimuove l’estremo della non esistenza,3
e quando comprenderai che la vacuità appare come causa ed effetto
non sarai più sopraffatto da visioni scorrette.

14. Nel momento in cui avrai realizzato i punti essenziali dei tre aspetti
fondamentali del sentiero,
dimora in solitudine, genera il potere dell’entusiasmo
e raggiungi la tua meta, figliuolo!

Questo testo fu insegnato dall’erudito monaco Lobzang Drakpé Pal, al suo discepolo
Tsakho Önpo Ngawang Drakpa.

| Giulia Castello, Vice-President of Vidyā – Arti e Culture dell’Asia

2
1. Secondo Ngulchu Dharmabhadra i quattro fiumi del samsara si riferiscono sia
alle sofferenze dell’esistenza: nascita, vecchiaia, malattia e morte sia ai “quattro
fiumi del samsara” come definito nella letteratura dell’Abhidharma: ignoranza,
punto di vista, divenire e brama. ↩

2. Sofferenza della sofferenza, sofferenza del cambiamento e sofferenza


onnipresente. ↩

3. E’ comunemente riconosciuto nella filosofia buddhista che le cose sorgono,


appaiano. Questa concezione elimina sia l’estremo del nichilismo sia un credo
sulla completa non esistenza di tutte le cose, mentre dall’altra parte il concetto
di vacuità elimina l’estremo dell’eternalismo e la credenza che tutte le cose
abbiano una realtà intrinseca. Tsonkhapa in questo testo va oltre e afferma che
il fatto che le cose appaiono elimina l’estremo di considerare le cose come
veramente esistenti, perché per apparire non possono avere un’esistenza
inerente. Inoltre, il fatto che le cose siano vuote elimina la concezione della non
esistenza, poiché è solo perché le cose sono vuote che possono apparire. ↩

This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial 3.0 Unported License.

PDF document automatically generated on Wed Aug 28 16:52:09 2019 GMT from
https://www.lotsawahouse.org/it/tibetan-masters/tsongkhapa/three-principal-aspects