Sei sulla pagina 1di 122

10 anni fa, la fotografa Paola Di Bello ha ricostruito la mappa della rete della metropolitana di Parigi con un collage di centinaia

di fotografie a colori. Ogni piccola stampa riproduce il punto in cui – nei cartelloni segnaletici presenti in tutte le
870 Ten years ago, the photographer Paola Di Bello recomposed the Paris subway map into a collage of hundreds of small colour photographs. Each shows the spot on the locator maps one finds in every metro station where passengers place their finger
Periodico mensile/Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in Abbonamento Postale D.L. 353/2003 (conv. in Legge 27/02/2004 n. 46) Art. 1, Comma 1, DCB - Milano

stazioni sotterranee – i passeggeri appoggiano il dito


pensando “Bene, io sono qui”. Il risultato è una strana
mappa, dalla quale Parigi emerge come un mondo vitale.
Un mondo nel quale gli snodi della rete dei trasporti
e i luoghi più celebri – quelli dell’immaginario turistico –
sono cancellati dal tatto, erosi dalla intensità con cui
vengono frequentati. L’opera di Paola Di Bello
è un atlante del turismo a Parigi. Un atlante particolare,
in cui al codice impersonale della cartografia classica
si sovrappone il ticchettio di migliaia di gesti individuali.
Come nel remix di un DJ, il movimento dei corpi
che percorrono la metropolitana si sovraincide al suo
tracciato. L’atlante della metropolitana parigina
ci racconta una geografia ‘eclettica’, fatta di percorsi
abitudinari, punti di attrazione, brevi soste, corridoi
di flusso, zone d’ombra, luoghi solitari. Una geografia
di tempi e movimenti – e non solo di spazi –
che assomiglia inaspettatamente al nostro modo
di pensare e memorizzare la città contemporanea.
Di atlanti di questo tipo, capaci di raccontare la vita
nelle nostre grandi città – e non solo i loro dati
o la loro forma – abbiamo oggi sempre più bisogno.

and think, “So, now I’m here.” The result is an unusual


map showing Paris as a vital world. A world where major
transport hubs and popular places are erased or faded
by the touch of countless fingers. Di Bello’s collage is an
atlas of Parisian tourism. A particular kind of atlas, in which
the impersonal code of classical cartography and thousands
of subjective acts are juxtaposed. Not unlike a DJ’s remix,
the routes of the metro tracks are layered with the
movement of the bodies that travel along them. This atlas
of the Parisian subway tells of an eclectic geography, made
up of daily routines, tourist sites, brief stops, corridors
of flow, forgotten areas, solitary places. It is a geography,
not only of spaces, but also of tempos and movements,
surprisingly similar to our way of thinking about the
contemporary city. Today, atlases in this mode are needed
Rivista mensile
di Architettura, Design, Arte e Informazione more than ever, not just as a compendium of data,
Monthly review
of Architecture, Design, Art and Information but also as a representation of daily life as we live it
Maggio/May 2004
€ 8.50 Italy only - www.domusweb.it in our urban landscape.
10 anni fa, la fotografa Paola Di Bello ha ricostruito la mappa della rete della metropolitana di Parigi con un collage di centinaia di fotografie a colori. Ogni piccola stampa riproduce il punto in cui – nei cartelloni segnaletici presenti in tutte le
870 Ten years ago, the photographer Paola Di Bello recomposed the Paris subway map into a collage of hundreds of small colour photographs. Each shows the spot on the locator maps one finds in every metro station where passengers place their finger
Periodico mensile/Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in Abbonamento Postale D.L. 353/2003 (conv. in Legge 27/02/2004 n. 46) Art. 1, Comma 1, DCB - Milano

stazioni sotterranee – i passeggeri appoggiano il dito


pensando “Bene, io sono qui”. Il risultato è una strana
mappa, dalla quale Parigi emerge come un mondo vitale.
Un mondo nel quale gli snodi della rete dei trasporti
e i luoghi più celebri – quelli dell’immaginario turistico –
sono cancellati dal tatto, erosi dalla intensità con cui
vengono frequentati. L’opera di Paola Di Bello
è un atlante del turismo a Parigi. Un atlante particolare,
in cui al codice impersonale della cartografia classica
si sovrappone il ticchettio di migliaia di gesti individuali.
Come nel remix di un DJ, il movimento dei corpi
che percorrono la metropolitana si sovraincide al suo
tracciato. L’atlante della metropolitana parigina
ci racconta una geografia ‘eclettica’, fatta di percorsi
abitudinari, punti di attrazione, brevi soste, corridoi
di flusso, zone d’ombra, luoghi solitari. Una geografia
di tempi e movimenti – e non solo di spazi –
che assomiglia inaspettatamente al nostro modo
di pensare e memorizzare la città contemporanea.
Di atlanti di questo tipo, capaci di raccontare la vita
nelle nostre grandi città – e non solo i loro dati
o la loro forma – abbiamo oggi sempre più bisogno.

and think, “So, now I’m here.” The result is an unusual


map showing Paris as a vital world. A world where major
transport hubs and popular places are erased or faded
by the touch of countless fingers. Di Bello’s collage is an
atlas of Parisian tourism. A particular kind of atlas, in which
the impersonal code of classical cartography and thousands
of subjective acts are juxtaposed. Not unlike a DJ’s remix,
the routes of the metro tracks are layered with the
movement of the bodies that travel along them. This atlas
of the Parisian subway tells of an eclectic geography, made
up of daily routines, tourist sites, brief stops, corridors
of flow, forgotten areas, solitary places. It is a geography,
not only of spaces, but also of tempos and movements,
surprisingly similar to our way of thinking about the
contemporary city. Today, atlases in this mode are needed
Rivista mensile
di Architettura, Design, Arte e Informazione more than ever, not just as a compendium of data,
Monthly review
of Architecture, Design, Art and Information but also as a representation of daily life as we live it
Maggio/May 2004
€ 8.50 Italy only - www.domusweb.it in our urban landscape.
* liberamente tratto da/freely drawn from
multiplicity, USE - Uncertain states of Europe, milano 2003

individui/individuals
870
luoghi/places Diagramma di produzione Production diagram *
spostamenti/movements
vive a/based in

chantal akerman: regista cinematografica/movie director ennio concina: storico dell’arte/bizantine art historian konstantin grcic: designer marthe lemelle: fotografo/photographer daniel riera: fotografo/photographer
will alsop: architetto/architect philip cox, architetto/architect gruppo A12: architetti/architects arto lindsay: musicista/musician françois roche: architetto/architect
carlo antonelli: giornalista/journalist giancarlo de carlo: architetto/architect pino guidolotti: fotogafo/photographer armin linke: fotografo/photographer giovanni rota: storico della filosofia/philosophy historian
ron arad: designer manolo de giorgi: architetto/architect richard e/and rita hamilton: artisti/artists bart lootsma: critico/critic martín ruiz de azúa: designer
arqze (extreme zone architecture): design team chris dercon: direttore/director, Haus der Kunst, München hou hanru: curatore/curator ross lovegrove: designer gianni sinni: grafico/graphic designer
matthew barney: artista/artist paola di bello: fotografa/photographer itsuko hasegawa: architetto/architect vico magistretti: architetto/architect ettore sottsass: architetto/architect
gabe bartalos: fotografo/photographer nico dockx e/and helena sidiropoulos: artisti/artists juan herreros: architetto/architect enzo mari: designer anita star: videomaker
thomas bayrle: artista/artist tom dyckhoff: critico/critic yung ho chang: architetto/architect alessandro mendini: architetto/architect bruce sterling: scrittore/science fiction author
florian beigel: architetto/architect ludovico einaudi: musicista/musician steven holl: architetto/architect stefano mirti – cliostraat: architetto/architect ali subotnick: artista/artist
marcelo bernal: architetto/architect olafur eliasson e/and tomas saraceno: artisti/artists arata isozaki: architetto/architect multiplicity: agenzia di ricerca/research agency pol taylor: architetto/architect
jurgen bey: artista/artist peter eisenman: architetto/architect maaretta jaukkuri: curatore capo del/chief curator of Kiasma roberto nania: fotografo/photographer giuliano tedesco: grafico/graphic designer
maurizio bortolotti: critico d’arte/art critic patricia falguières: storica dell’arte/art historian koo jeong-a: artista/artist n+h: galleria d’arte/art gallery marije vogelzang: food designer
thomas boutoux: critico/critic ramak fazel: fotografo/photographer jan kaplicky, amanda levete (future systems): philipp oswalt: architetto/architect chris winget: fotografo/photographer
andrea branzi: architetto/architect harrell fletcher: artista/artist architetti/architects philippe parreno: artista/artist cerith wyn evans: artista/artist
mauro bubbico: grafico/graphic designer paolo foschini: giornalista/journalist lucien kroll: architetto/architect lorenzo pellizzari: storico del cinema/movie historian alejandro zaera-polo: architetto/architect
federico bucci: docente di storia yona friedman: architetto/architect surasi kusolwong: artista/artist matteo piazza: fotografo/photographer fabrizio zanni: urbanista/urban planner
dell’architettura/professor of history of architecture massimiliano fuksas: architetto/architect joris laarman: designer francesco poli: critico/critic
studio casali: fotografi/photographers fabrizio gallanti: architetto/architect larry lamay: fotografo/photographer rastignac: critico/critic
maurizio cattelan: artista/artist liam gillick: artista/artist cathy lang ho: critico/critic andrea rauch: grafico/graphic designer
carlo cerchioli: fotografo/photographer massimiliano gioni: artista/artist bruno latour: filosofo/philosopher stefan rethfeld: architetto/architect Copertina/Cover:
antonio citterio: architetto/architect dominique gonzalez-foerster: artista/artist christine le fevre: designer pedro reyes: architetto/architect Paola Di Bello, collage
Branzi, Magistretti, Mari, Mendini, Sottsass. Qualche opinione su Domus
( 869)

Enzo Mari Chi legge tante notizie brevi ha l’impressione Alessandro Mendini without a filter. I tried to change the way
“Per questo tipo di rivista è importante di sapere tanto. Ma è proprio così? Ma se “Domus mi sembra oggi una rivista aeriforme, of photographing objects, I presented a comic
sperimentare con coraggio una grafica nuova… ne metti poche e approfondite, sei lì fermo, mentre quella di Deyan Sudjic era solida. strip on architecture, and I worked on covers.
È però necessario che, nel pieno rispetto di statico... E i ‘solidi’ proposti da Sudjic erano di grande Domus today is fluid, not static. I also find
una sperimentazione così appassionata, le nuove Domus dà una visione generale delle cose. qualità, specialmente nell’architettura. its visual discrepancies interesting.”
forme grafiche contribuiscano alla chiarezza Il punto è capire quello che si vuole Ma se uno bada a questi oggetti bellissimi senza
di esposizione di una nuova linea… comunicare. A volte io ho bisogno di frenare introdurli all’interno del territorio, senza una Andrea Branzi
Ed è evidente che questa nuova linea voglia il consumismo dell’immagine, di avere visione olistica, evidentemente si limita ai “Fare oggi una rivista significa intercettare
affrontare le problematiche del progetto secondo momenti di lentezza, di rallentare...” particolari e vede le cose in maniera non i grandi temi della mutazione.
le ragioni positive della cultura materiale… ma, “The over-syncopated rate of topics covered critica... Quando facevo Domus, ci mettevo Domus ha registrato la frattura storica
ahinoi, sempre inquinata dal contesto mondiale by Domus needs to be calibrated. People l’architettura che ci veniva proposta dai lettori tra il design attuale e i miei amici maestri,
di una ridondanza esponenziale di parole reading so many snippets of news get the senza andarla a cercare, quasi senza filtro. che in maniera quasi aristocratica lo rifiutano.
e immagini prive di senso e di significato”. impression they know everything. But do they Ho cercato di cambiare il modo di fotografare Anche se ne sono stati padri (come Ettore
“For this type of magazine it is important to be really? The trouble is, if you stick to a few gli oggetti, ho presentato l’architettura a Sottsass). L'architettura vive un'epoca di grandi
courageous when experimenting with a new exhaustively researched subjects, you get stuck, fumetto, ho lavorato sulle copertine. cambiamenti, il design è in una fase di
graphic design…However, without in any way and static…Domus gives an overview of things. Domus oggi è fluida, non è statica. Trovo transizione e di crescita, ma anche di crisi
hindering this passionate experimentation, The point is to understand what you really interessanti anche le sue discrepanze visive." e di involuzione. Bisogna sfidare l’imprevisto."
the new graphic forms must explain clearly a intend to communicate. Sometimes I need “Domus today looks to me like a buoyant “Bringing out a magazine today means
new direction. And of course this new direction to curb the consumer imagery, to appreciate magazine, whereas under Deyan Sudjic it was intercepting the core themes of change.
is aimed at design in its entirety by dealing with slowness, to reduce speed.” solid. And the ‘solids’ published by Sudjic were Domus took on board the historic rift between
the positive aspects of material culture…which of the highest quality, especially in the current design and my maestro friends who
is, alas, a culture constantly being polluted by Vico Magistretti architecture. But if these beautiful objects are reject it, in an almost aristocratic way; even
a worldwide and exponential redundancy of “Domus è nuova. L’errore è sempre un observed without merging them into their though they (Ettore Sottsass for instance)
senseless and meaningless words and images.” vantaggio. Bisogna fare errori per migliorare. surroundings, without a holistic vision, they have been its fathers. Architecture is going
Mi piace molto il rischio che Domus si prende.” will clearly be confined to details and be seen through a period of big changes; design is
Ettore Sottsass “Domus is new. Error is always an advantage. in a non-critical light…When I was at Domus, in a phase of transition and growth, but also
“Bisognerebbe calibrare meglio il ritmo, troppo Mistakes are necessary for improvement. I put in the architecture suggested to us by of crisis and involution. The unexpected must
sincopato, dei materiali che Domus pubblica. I really like the risk that Domus is taking.” readers, without going out to look for it, almost be challenged.”

Some thoughts on Domus


Progettare la cucina
Designing the kitchen

Introduzione Introduction II

A.L. INOX S.R.L. III

ALPES INOX S.P.A. IV

BINOVA S.P.A. V

CARLO NOBILI RUBINETTERIE S.P.A. VI

CRISTINA RUBINETTERIE S.P.A. VII

domus 870

Schede
Schede 000 A.L. INOX S.r.l. Vista dall’alto della cucina professionale
Via Ponticello, 35 per uso domestico KiPro: le vasche
31034 Cavaso del Tomba (TV) di grandi dimensioni sono saldate a filo
T +39 0423 562004 del top, per una superficie di lavoro
F +39 0423 562557 liscia e di facile pulizia, senza
le tradizionali scalinature dei lavelli
info@alinox.it
domestici da incasso
Ufficio Commerciale: R+R partners S.r.l.
■ The KiPro professional kitchen for
Via G.Marconi, 8/2, 33082 Azzano X (PN) domestic use, viewed from above:
T +39 0434 640273 the maxi-sinks are welded flush with
F +39 0434 420985 the top for a smooth work surface that
info@errepiuerre.it is easy to clean and without the
traditional grooves of built-in domestic
sinks

II ‘Cucina’ è una di quelle belle parole plurisemantiche che fanno la ricchezza delle lingue naturali. Indica KiPro È la cucina professionale totalmente in acciaio inox riprogettata per l’am- KiPro An allstainless-steel professional kitchen redesigned for the domestic III
Sulla cucina e sul biente domestico. Presentata al Salone del Mobile di Milano 2004, è disegnata environment. Presented at the 2004 Milan Furniture Fair, it was designed by
i metodi e gli stili di preparazione e cottura dei cibi secondo le diverse tradizioni locali o familiari e le loro
cucinare reinterpretazioni, e designa gli stessi piatti così approntati. Denota l’ambiente attrezzato per lavorare da Claudio Bettini su indicazione di Alinox, allo scopo di adattare agli spazi del- Claudio Bettini at Alinox’s request with the intention of adapting a kitchen for
le abitazioni una cucina con tutte le caratteristiche di concetto e di fascino pro- the domestic space with all of the conceptual features and charm of profes-
The kitchen and e cuocere le vivande e l’arredamento di tale ambiente, come pure l’apparecchio per la cottura. Questa rosa prie del prodotto professionale. KiPro è concepita secondo una modularità to- sional products. KiPro was conceived for total modularity applied to a com-
cooking di significati si ritrova in italiano come nel francese ‘cuisine’ e nello spagnolo ‘cocina’. Anche il tedesco tale applicata ad una gamma completa di elementi, con strumenti componibi- plete range of elements, with modular washing, cooking, preparation, refrig-
‘Küche’ indica sia le pietanze e la loro preparazione che l’ambiente in cui si cucina, mentre l’inglese li di lavaggio, cottura, preparazione, refrigerazione e dispensa facilmente ab- eration and larder units that combine easily with all other types of built-in
distingue tra ‘kitchen’, il luogo adibito al cucinare, e ‘cooking’, i cibi e l’arte del cucinare. Ad ogni modo, binabili a qualsiasi tipo di elettrodomestico ad incasso. La modularità parte appliance. The modularity starts from two depth measurements of 64 and 74
Caterina Majocchi l’origine di queste parole è unica, il latino ‘coquere’ e il suo derivato ‘coquinare’. ‘Coquere’ sta certo per dalle due misure di profondità di 64 e 74 cm, perfettamente in linea con le esi- cm, perfectly in keeping with the needs of the domestic kitchen.
cuocere, cucinare ma designa anche il fondere metalli, il maturare dei frutti, il digerire e, in senso figurato, genze della cucina domestica. I vani a giorno sono predisposti per accogliere le The open cupboards are designed for the application of doors at a later date
il macchinare, il meditare, il tormentare. L’origine semantica del termine ci riporta allora all’idea del lavoro ante anche in tempi successivi. Oltre alla disposizione a parete, KiPro offre la if desired. In addition to a wall composition, KiPro also offers an island op-
e della trasformazione delle materie prime, punta sul travaglio della metamorfosi. Tutto ruota attorno possibilità dell’isola. Realizzata in acciaio inox Aisi 304 con finiture Scotch Brite, tion. Made in Aisi 304 stainless steel with Scotch Brite finishes, it is sturdy,
al processo di mutazione dall’alimento al piatto pronto per essere consumato, un processo evolutivo, è solida, igienica e durevole: nasce dalla lavorazione della lamiera, non è un hygienic and long-lasting: it is the product of sheet-metal processing, not
prodotto di falegnameria. Il design moderno e pulito è esattamente quello che of carpentry. Its modern, clear-cut design reflects the typical professional
di compimento, che coinvolge anche colui che vi si dedica. Da qui la necessità di un ambiente e di
identifica la cucina professionale. kitchen.
un’attrezzatura appropriati per tutto ciò.
Innanzi tutto l’incontro proficuo di fuoco e acqua. Come la fornace dell’antico athanor alchemico, il forno
domestico, pur nelle sue ridotte dimensioni, può raggiungere in breve tempo temperature elevate e riesce
a mantenerne costante e a lungo il calore con l’impiego di tecnologie sofisticate, controllate da dispositivi
elettronici. Analoghe caratteristiche in termini di disponibilità e regolazione del calore presentano i fuochi
del piano cottura, a cui volendo si affiancano griglie e wok. Le sorgenti dell’acqua e del calore tendono
ad avvicinarsi per facilitare il lavoro in cucina. Con lo stesso scopo, particolare attenzione è rivolta al design
dell’acquaio: ai volumi delle vasche, affinché risultino confortevoli, e all’andamento dei bordi, sempre più
spesso in continuità con le superfici dei piani di lavoro. Questi ultimi si combinano in vario modo ai
molteplici contenitori, a formare zone a parete o a isola per l’attività in équipe. Per ragioni di sicurezza
e di igiene, le maniglie tendono a scomparire: i contenitori si aprono facendo leva su appositi spazi a incavo
o esercitando una lieve pressione sulle ante, con le mani o in alcuni casi, come con i contenitori per la
raccolta differenziata dei rifiuti, anche con i piedi.

■ ‘Cucina’ is one of those lovely polysemantic words that bring wealth to natural languages. This term can be
used for methods and styles of food preparation stemming from various local and family traditions and their
reinterpretations but it also applies to the dishes prepared in this way. It indicates the environment
equipped for the preparation and cooking of food, the furnishings in this room and the means used to cook
it. This set of meanings occurs in Italian, in the French ‘cuisine’ and also in the Spanish ‘cocina’.
Even the German word ‘Küche’ refers to the dish, its preparation and the room where it is cooked.
English distinguishes between ‘kitchen’, the place used for cooking, and ‘cooking’, the food and the art.
All these words have just one origin, the Latin ‘coquere’ and its derivative ‘coquinare’. ‘Coquere’ does,
of course, mean to cook, but it is also to fuse metal, to ripen (fruit), to digest and, figuratively speaking,
to machinate, meditate and torment. The semantic origin of the term thus leads back to the idea of working
and transforming raw materials; it focuses on the pains of the metamorphosis. Everything revolves around
the process of change, from the food to the prepared dish, ready to eat. It is an evolutionary process
of execution that also involves the person engaged in it - hence, the need for a suitable room and
equipment. First comes a productive encounter between fire and water. The domestic oven may be smaller 1 3
than the fire of the old alchemist, but it reaches high temperatures quickly and is able to maintain the heat
constant and at length thanks to sophisticated technology, which is controlled electronically. Similar features 1,2 Il sistema Front Cooking ha una parte ■ 1,2 The Front Cooking system has one
in terms of heat availability and regulation are contained in the rings on the hob, which can if so desired per la preparazione del cibo e un’altra section for food preparation while
be supplemented with grills and woks. Sources of heat and water are being brought together to facilitate che prolunga a sbalzo il top e fornisce un another extends the top outward,
work in the kitchen. For the same reason, special attention is being focused on the design of the kitchen piano d’appoggio di 40 cm sul quale providing a 40 cm surface on which food
servire e consumare le pietanze. can be served and eaten. Aesthetically,
sink: the size of the sink, to make it convenient to use, and how the edges develop, increasingly being made Dal punto di vista estetico il sistema the system is utterly rational, has a clean
one with the worktop. This is then combined in various manners with a wide range of storage units, raggiunge il massimo della razionalità, line and resembles a professional
forming wall or island zones for teamwork. For reasons of safety and hygiene, handles are tending della pulizia formale, dell'identità kitchen; in practical terms, it offers
to disappear and units are opened by leverage on special sunken spaces or by applying light pressure con le cucine professionali; dal lato a work surface with an induction-
to the doors - with the hands or, in some cases, such as differentiated waste bins, with the feet. pratico, offre una superficie di lavoro cooking zone divided between a plate
con una zona cottura a induzione divisa and a wok ring
fra una piastra e un wok 3 The KiPro kitchen with an added
3 Cucina KiPro con l’aggiunta di un oven on wheels, is perfectly safe and
elemento forno carrellato, sicuro in equipped with braking wheels
quanto bloccabile mediante ruote
frenanti
2

Schede Schede
ALPES INOX S.p.A. FE/611-PD, il nuovo forno elettrico BINOVA S.p.A. Scorcio di Continua W., cucina
Via Monte Pertica, 5 multifunzione Alpes con regolazione Via Indipendenza, 38 Binova su progetto di Paolo Nava
36061 Bassano del Grappa (VI) elettronica della temperatura, porta 06086 Assisi Loc. Petrignano (PG) e Fabio Casiraghi
T +39 0424 513500 tiepida e pulitura differenziata. T +39 075 809701 ■ Continua W., a Binova
F +39 0424 36634 In primo piano PCV, pentola Alpes per F +39 075 8097020 kitchen designed by Paolo Nava
le cotture al vapore and Fabio Casiraghi
info@alpesinox.com binova@binova.it
■ FE/611-PD, the new Alpes
www.alpesinox.com www.binova.it
multipurpose electric oven with
electronic temperature control,
warm door and differentiated
cleaning. In the foreground is PCV,
the Alpes steam cooker

IV FE/611-PD è il nuovo forno elettrico multifunzione Alpes con regolazione elet- FE/611-PD is the new Alpes multipurpose electric oven with electronic tem- Continua W. Su design di Paolo Nava e Fabio Casiraghi, è una cucina forte e Continua W. This strong and light contemporary kitchen was manufactured to V
tronica della temperatura, porta tiepida e pulitura differenziata, interamen- perature control, warm door and differentiated cleaning, all in stainless leggera dal carattere contemporaneo. L’obiettivo è di dare nuovo vigore alla a design by Paolo Nava and Fabio Casiraghi with a view to lending fresh vigour
te in acciaio inox al nichel cromo 19/10. Un programmatore digitale control- steel with 19/10 nickel chrome. linea prodotto Continua, esaltando le caratteristiche di base della cucina con to the Continua line of products, exalting the basic characteristics of the
la elettronicamente e con precisione la regolazione della temperatura inter- A digital programme provides electronic and precision control of the tem- ‘gola’: design essenziale e senza tempo, linee misurate e armoniche che si in- kitchen with channel handle detail: essential, timeless design and measured
na del forno, con il vantaggio di ottenere cotture ottimali, uniformi e rapide. perature inside the oven, with the advantage of optimal, uniform and fast tegrano con l’architettura che le ospita. Continua W. si distingue per grandi harmonious lines that blend with the surrounding architecture. Continua W.
La parte esterna del forno non supera i 50°C, anche alle alte temperature. cooking. The outside of the oven will not get hotter than 50° C, even at high boiserie con mensole aeree e sottili e per le lampade nascoste che seguono e is distinguished by large boiserie panels, with light airy shelves and concealed
Tutti i pannelli interni della camera di cottura sono estraibili per facilitarne la temperatures. sottolineano con personalità il disegno orizzontale. lights that accompany and lend added character to its horizontal design. The
pulizia e sono dimensionati per il lavaggio in lavastoviglie. Il forno è dotato All panels inside the cooking compartment can be removed for easy clean- L’ampia ‘gola’, funzionale per le aperture delle ante, evidenzia un deciso an- large channel handle is a practical solution for opening the doors and high-
di una resistenza inferiore supplementare su cui posare la pentola a vapore ing and are made in sizes that will fit inside a dishwasher. The oven has ad- damento di segno che si colora con la scelta di finiture diverse. Continua W. lights a marked development that takes on colour with one of the finishes in
PCV, una portentosa e salutare macchina di cottura che funziona sul forno e ditional resistance on the bottom for the PCV steam cooker, a splendid and accentua questa concezione pura e senza orpelli della cucina Continua, inter- the selection. Continua W. accentuates this pure and no-frills concept of the
sul barbecue. PCV si compone di cinque elementi: pentola contenitrice; co- healthy cooking aid that works in the oven and on the barbecue. PCV comes venendo principalmente sulle maniglie, di cui limita l’invadenza a favore de- Continua kitchen, intervening principally on the handles to limit their inva-
perchio provvisto di filtro assorbi-odori; elementi da appoggio; contenito- in five pieces: cooking pot, lid with odour-absorbing filters, rests, perforat- gli elementi con ‘gola’, e sulla scelta dei materiali. Si adottano nuovi mate- sive presence in favour of elements with channel design, and on the choice
re basso e contenitore alto traforati; contenitore raccoglisugo. La cottura a ed tall and low receptacles and juice tray. riali rispetto alla linea Continua, come il legno rovere moro e la pietra, oltre of materials. New materials are adopted for the Continua line, such as dark
due livelli consente di cuocere anche alimenti diversi tra loro con tempi di Thanks to two-level cooking, various types of food with different cooking all’acciaio inox, accostati ai nuovi colori laccati lucidi, recentemente lanciati brown oak and stone, as well as stainless steel, combined with new glossy
cottura differenti. times can be prepared at the same time. dall’azienda. lacquer colours recently launched by the company.

3 4

5
1 Vista frontale di FE/611-PD, il nuovo
forno elettrico multifunzione Alpes
2 Il display del forno FE/611-PD
3 Gli elementi che compongono il nuovo
forno Alpes FE/611-PD
4, 5 PCV, la pentola a vapore Alpes è
composta di cinque elementi. I due
contenitori traforati, l’uno alto e l’altro
basso, sono intercambiabili nella
posizione e consentono la cottura
simultanea e ottimale di alimenti diversi
con differenti tempi di cottura

■ 1 Front view of FE/611-PD, the new 1 Una delle composizioni possibili di ■ 1 One of the possible compositions
Alpes multipurpose electric oven Continua W., cucina forte e leggera dal of Continua W., a strong and light
2 The FE/611-PD oven display carattere contemporaneo. kitchen with a contemporary feel.
3 The parts of the new Alpes Si noti l’accostamento di acciaio Note the combination of dark brown oak
FE/611-PD oven e rovere moro. Design: Paolo Nava and steel. Design: Paolo Nava and Fabio
4, 5 PCV, the Alpes steam cooker, e Fabio Casiraghi Casiraghi
comes in five parts. The two perforated 2 Il lavello di Continua W., su design 2 The Continua W. sink, designed by
receptacles, one tall and one low, di Paolo Nava e Fabio Casiraghi Paolo Nava and Fabio Casiraghi
have interchangeable positions and
allow the simultaneous preparation
of various types of food with different
cooking times

2 2

Schede Schede
CARLO NOBILI 1 Plus 113, miscelatore monocomando CRISTINA RUBINETTERIE S.p.A. In questa pagina, collezione di rubinetti ■ This page, the Cristina kitchen faucet
RUBINETTERIE S.p.A. per lavello con bocca di erogazione Via Fava, 56 per cucina Cristina: collection:
Via Lagone, 32 orientabile dotata di aeratore M 16 x 1 28024 Gozzano (NO) 1 Monocomando lavello in acciaio 1 Single-command sink faucet in
28021 Borgomanero (NO) ■ 1 Plus 113, single-command T +39 0322 956340 inossidabile con aeratore estraibile stainless steel with removable aerator
sink mixer faucet with swivel e bocca girevole a 360°, serie CX and 360° rotating spout, CX series
T +39 0322 82176/844555 F +39 0322 956556
spout and M 16 x 1 aerator 2 Monocomando lavello in acciaio 2 Single-command sink faucet
F +39 0322 846489 cristina@cristina.ch inossidabile con bocca girevole a 180°, in stainless steel with 180° rotating
info@nobili-spa.com www.cristinarubinetterie.com serie Tricolore Inox spout, Tricolore Inox series
www.nobili-spa.com 3 Rubinetteria bicomando in acciaio 3 Dual-command faucets in stainless
inossidabile, art. CU 462 steel, art. CU 462
4 Monocomando lavello in acciaio 4 Single-command sink faucet
inossidabile con bocca girevole a 360°, in stainless steel with 360° rotating
serie CX spout, CX series
5 Miscelatore lavello in stile classico, 5 Classical sink mixer faucet,
art. FR 569 art. FR 569
6 Miscelatore lavello con doccetta estraibile 6 Sink mixer faucet with twinjet,
1 a due getti, art. FR 530 extending spray, art. FR 530

VI Plus, OZ, Billy Il progetto Plus, firmato da Piet Billekens, nasce dalla collabora- Plus, OZ, Billy The Plus project, by Piet Billekens, originated from a collabora- Innovazione continua Il gruppo Cristina vanta una lunga esperienza di ricerca Ongoing innovation The Cristina group boasts longstanding experience in VII
zione tra due aziende: Nobili Rubinetterie e Colombo Design. Il progettista ha tion between two companies: Nobili Rubinetterie and Colombo Design. With e di successi sul mercato a partire dall’attività imprenditoriale del suo fonda- research and has had great market success since Ezio Cristina founded his
stabilito con Plus l’equilibrio tra concetto e funzione, disegnando rubinetti e Plus, the designer has struck a balance between concept and function, de- tore Ezio Cristina, oggi proseguita dai figli Alberto e Riccardo. La volontà di of- business, which is today run by his sons Alberto and Riccardo. The desire to
complementi d’arredo non subordinati a stili o a tendenze. I prodotti sono rea- signing taps and accessories that are not subordinate to styles or trends. The frire prodotti innovativi ha nel tempo portato alla collaborazione con desi- offer innovative products has, over the years, led to collaboration with suc-
lizzati in ottone e sottoposti a un particolare trattamento di ‘depiombatura’, un products are made in brass and subjected to a special ‘de-leading’ treatment, gner di successo ed all’organizzazione di divisioni interne dedicate espressa- cessful designers and the organisation of internal divisions expressly devot-
innovativo sistema galvanico che consente di eliminare tutti i residui di piom- an innovatory galvanic system that eliminates all lead, nickel and chrome mente alla ricerca. Cristina Disegno propone rubinetti innovativi, Cristina Inox ed to research.
bo, nichel e cromo dai materiali di costruzione a contatto con l’acqua potabi- residues from construction materials in contact with tap water. The mixer sys- offre soluzioni in acciaio inossidabile e Cristina Cucina presenta rubinetteria Cristina Disegno proposes innovative faucets; Cristina Inox offers stainless
le. Il sistema di miscelazione è garantito da una cartuccia brevettata da Nobili tem is guaranteed by a cartridge patented by Nobili that guarantees precise dedicata all’ambiente cucina. In questo ambito oggi l’offerta si arricchisce di steel solutions; and Cristina Cucina manufactures kitchen faucets. The offer-
che garantisce una precisa regolazione del flusso d’acqua. regulation of the water flow. rubinetti in acciaio inossidabile: miscelatori monocomando e rubinetteria tra- ings in this sector are now being expanded with stainless steel faucets: sin-
OZ inaugura un nuovo modo di vivere la rubinetteria nell’arredo degli spazi do- OZ inaugurates a new approach to faucets in the furnishings of domestic dizionale garantiti dall’apposito marchio di qualità, particolarmente indica- gle-command mixers and traditional faucets guaranteed by the special qual-
mestici: la collezione offre inesauribili possibilità compositive; le forme pure spaces; this collection offers endless compositional options and the forms re- ti in ambito alimentare per gli eccellenti requisiti prestazionali ed igienici. ity mark, highly recommended where food is concerned thanks to excellent
definiscono con grande nitidezza gesti semplificati. Billy 45300 è un miscela- sult in clear simplified gestures. Billy 45300 is a single-command sink mixer Docilità di movimento e precisione nell’erogazione dell’acqua sono caratte- performance and hygiene standards. The internal mechanisms of the entire
tore monocomando per lavello con bocca di erogazione orientabile, doccetta faucet with swivel spout, extractable spray head with a twinjet and auto- ristiche tecniche comuni ai meccanismi interni di tutta la produzione. Oltre production range make them easy to use and provide a well-controlled wa-
estraibile a doppio getto e ritorno automatico. Adattabile anche alle esigenze matic return. It can also be adapted to suit the needs of the left-handed and alle proposte in acciaio inossidabile, i modelli cucina sono disponibili nelle ter supply. As well as in stainless steel, the kitchen models are available in
dei mancini, si distingue per l’estrema versatilità. is extremely versatile. finiture cromate, colorate ed antichizzate. chrome, coloured and antique finishes.

2 4 1 2

2, 8 BILLY 45300, Plus 300 Miscelatori


monocomando per lavello con bocca di
erogazione orientabile e doccia estraibile
a doppio getto
3 – 7 Miscelatori monocomando con bocca
di erogazione orientabile:
3) OZ 113/1, 4) OZ 413/--T3, 5) OZ 713/--T5,
6) OZ 113, 7) Plus 158
■ 2, 8 BILLY 45300, Plus 300 single-
command sink mixer taps with swivel
spout and extractable twinjet spray
3 – 7 Single-command mixer taps with
swivel spout:
3) OZ 113/1, 4) OZ 413/--T3, 5) OZ 713/--T5,
6) OZ 113, 7) Plus 158

5 6 7 8 3 4 5 6

Schede Schede
Servizio gratuito lettori domus 870 - Progettare la cucina/Designing the kitchen00 - Tema schde ita / Tema schde eng
Free enquiry service

Per ricevere ulteriori informazione sugli 901 A.L. INOX S.R.L.


inserzionisti inserire il loro numero di
codice, barrare la casella desiderata e 902 ALPES INOX S.P.A.
spedire la cartolina alla Editoriale Domus
presso l’indirizzo indicato sotto. Tutte le 903 BINOVA S.P.A.
richieste saranno evase se spedite entro
otto mesi dalla data della rivista. 904 CARLO NOBILI RUBINETTERIE S.P.A.

■ To receive further information on 905 CRISTINA RUBINETTERIE S.P.A.


advertisers, insert their code number,
check the appropriate boxes and mail the
form to the address below. All requests will
be fulfilled if sent within eight months of
this issue.
VIII
Direzione Pubblicità Servizio gratuito
lettori P.O. Box 13080
20130 Milano (Italia)

Ai sensi della Legge 675/96 sulla Privacy, la Numero di codice Documentazione Indirizzo Distribuzione Punti vendita Richiesta di
informiamo che i suoi dati, raccolti con la inserzionista Literature Address Distribution Selling points contatto diretto
compilazione in questa scheda, saranno Advertiser code Request for
trattati con modalità prevalentemente number direct contact
informatiche. Nel rispetto delle norme di
sicurezza essi verranno trasmessi alle
Aziende da lei indicate le quali
provvederanno a inviarle il proprio
materiale pubblicitario. Tuttavia, in caso di
rifiuto da parte sua al conferimento e al
trattamento dei suoi dati non potremo
dare corso a tali adempimenti. I suoi dati
potranno essere utilizzati dall’Editoriale
Domus e dalle Società collegate per la
promozione commerciale di riviste o di
altri prodotti. A lei competono tutti i diritti
previsti dall’articolo 13 della Legge
675/96. Responsabile del trattamento è
l’Editoriale Domus S.p.A.,
via Gianni Mazzocchi 1/3
20089 Rozzano (MI).

■ In compliance with Privacy Law 675/96,


we inform you that your data, gathered
when this card was compiled, will be
treated with computing procedures,
mainly. They will be transmitted by us, in
conformity with security norms, to
companies indicated by you, which will
Nome/Name
take care of sending you their advertising
material. However, if you should refuse to
permit the transmission and processing of
your data, we shall be unable to carry out Cognome/Surname
the above procedures. Your data may be
used by Editoriale Domus and associated
companies for the commercial promotion Via/Street Numero/Number
of magazines or other products.You are
entitled to all the rights provided for by
article 13 of Law 675/96. In charge of data
Cittá/Town Cap/Postal Code
processing: Editoriale Domus S.p.A.,
Via Gianni Mazzocchi 1/3,
20089 Rozzano (Milan).
Prov/State/Region Nazione/Country

Telefono/Telephone Fax

E-Mail

Professione/Profession

Schede
AEG: Serie Frontline Future AEG: Frontline Future Series

Flessibilità compositiva, tecnologia e le griglie in ghisa per quelli a gas ■ Compositional flexibility, avant- aluminium finish and the cast-iron
all’avanguardia e raffinato design sottolineano la funzionalità e garde technology and refined design grills for gas models lend emphasis
sono le caratteristiche distintive dei l’eleganza dei nuovi piani di cottura are the distinctive characteristics of to the functional prowess and
nuovi piani di cottura Frontline Frontline Future. Ogni elemento è the new AEG Frontline Future cook elegance of the new Frontline Future
Future AEG. La serie comprende sviluppato per offrire diverse tops. The series encompasses nine cook tops. Every element has been
nove elementi modulari funzionalità. Fra i piani a gas, oltre sectional modular elements, which developed to offer various functions.
componibili, che si differenziano ai modelli a due o a quattro fuochi, differ from one another in both Available among the gas tops,
per dimensioni e funzionalità. è disponibile anche il piano cottura dimensions and functions. besides the models with two or four
Il sistema consente di creare zone di da 36 cm con bruciatore WOK, dalle The system allows customized burners, is a 36-cm cook top with a
cottura personalizzate, in base alle prestazioni professionali. Nei piani cooking areas to be created, on the WOK burner, featuring professional
specifiche esigenze d’uso e allo a funzionamento elettrico, le zone a basis of specific practical needs and performance. In the electric tops, the
spazio disponibile. Ogni elemento è doppio o triplo circuito offrono la the space available. Every element areas with a double or triple circuit
pensato per essere utilizzato possibilità di variare la superficie has been conceived to be used offer users a chance to vary the
singolarmente oppure in radiante, per adattare la zona individually or in combination with radiating surface, to adapt the
combinazione con gli altri. Questa cottura al diametro della pentola, the others. This modularity gives the cooking area to the diameter of the
modularità dà un’assoluta libertà evitando qualsiasi spreco d’energia user complete compositional pot, thus avoiding any waste of
compositiva, mentre la flessibilità di e dispersione di calore. La funzione freedom, while the flexibility of energy and dispersion of heat
combinazioni è garantita dal Automax, presente sui modelli compositions is guaranteed by the whatsoever. The Automax function,
perfetto coordinamento estetico elettrici, consente di ridurre i tempi perfect aesthetic coordination of present in electric models, allows
d’ogni modello. Tutti gli elementi di riscaldamento. Per garantire la each model. All the elements are heating times to be reduced.
della serie sono, infatti, realizzati in massima sicurezza, i piani elettrici made of Pyroceram and are To guarantee the ultimate in safety,
vetroceramica e sono caratterizzati sono dotati di spie di calore residuo, characterized by a profile in the electric tops come equipped with
da un profilo in alluminio, che per segnalare l’eventuale zona di aluminium, which separates the residual-heat warning lights, to
separa il cruscotto dalla zona cottura ancora calda, e di un instrument panel from the actual notify the user of any cooking areas
cottura vera e propria. Il modulo più dispositivo di sicurezza bambini, cooking area. The smallest module is that are still hot, and a safety device
piccolo è largo 36 cm, il medio 58 per evitare che questi, giocando con 36 cm wide, the medium-sized one to keep children from burning
cm, il più grande 72 cm. l comandi il piano, possano scottarsi. 58 cm and the largest one 72 cm themselves, if they play with the
Touch Control per i modelli elettrici, Design, prestazioni e sicurezza: le wide. The Touch Control device for top.Design, performance and safety:
le manopole con finitura alluminio qualità distintive AEG. electric models, the knobs with an AEG’s distinctive qualities.

La serie Frontline Future AEG comprende ■ The AEG Frontline Future series La componibilità dei moduli Frontline ■ The sectional nature of AEG Frontline
piani di cottura in vetroceramica, con includes cook tops in Pyroceram, with Future AEG fa sì che si possano creare Future modules enables users to create
funzionamento a gas, elettrico e ad gas, electric and induction functions. piani di cottura misti, a gas ed elettrici. mixed cook tops, both gas and electric.
induzione. Tutti i modelli (quattro a gas, All the models (four gas, four electric Nell’esempio qui suggerito sono Combined in the example suggested AEG Elettrodomestici da incasso
quattro elettrici e uno ad induzione) and one induction) are characterized by accostati il modulo con bruciatore here are the module with a WOK burner Corso Lino Zanussi, 26
sono caratterizzati dalla presenza di un the presence of an elegant aluminium WOK (FM 4360 G-AN), un piano a due (FM 4360 G-AN), a top with two gas fires 33080 Porcia (Pordenone)
elegante profilo d’alluminio, che separa profile, which separates the cooking fuochi gas (FM 4300 G-AN) e un modulo (FM 4300 G-AN) and an electric module www.aegbuilt-in.it
la zona cottura dal cruscotto. area from the instrument panel. elettrico con due zone cottura, di cui with two cooking areas, one of which
Nei modelli a gas, le manopole si In gas models, the knob partially una a doppio circuito (FM 4513 K-AN), has a double circuit (FM 4513 K-AN).
sovrappongono parzialmente al profilo overlaps the aluminium profile, by tutti da 36 cm. Il profilo d’alluminio All have a width of 36 cm.
d’alluminio, adottandone la stessa adopting the same finish (at left). unifica la composizione, separando e al The aluminium profile unifies the
finitura (a sinistra). Il modello con The model with a WOK burner (at right) tempo stesso unificando i due tipi composition, separating and unifying
bruciatore WOK (a destra) assicura assures professional performance. di cruscotto: quello a manopole e the two instrument panels at the same
prestazioni di tipo professionale. The cast-iron grills ‘design’ the quello Touch Control time – the one with knobs and the
Le griglie in ghisa ‘disegnano’ con Pyroceram surface with elegance Touch Control model
eleganza la superficie di vetroceramica

Informazione aziendale / Manufacturer’s information Informazione aziendale / Manufacturer’s information


870
Maggio/May 2004. Sommario/Contents:

01 Calendario Calendar A cura di/Edited by Laura Bossi, Elena Sommariva

20 Milan in April: 1. Transient Ludovico Einaudi e Armin Linke per Domus Ludovico Einaudi and Armin Linke for Domus.

Fotografie dell’evento di/Event photographs by Carlo Cerchioli/Grazia Neri e/and Roberto Nania

22 Milan in April: 2. Arad, Lovegrove, Grcic, Vogelzang/Droog Design, Bey, Citterio. Ritratti al Salone Portraits at the Salone Sei

designer e i loro progetti Six designers and their projects. A cura di/Edited by Francesca Picchi. Fotografia di/Photography by Ramak Fazel

28 Architecture in Extreme Environments 1. Antartide/Antarctica. ARQZE. La base di ghiaccio cilena Ice Station Chile Il campo di ricerca

cileno in Antartide, progettato e montato dal gruppo ARQZE (Arquitectura de Zonas Extremas) A Chilean research base in Antarctica,

designed and assembled by ARQZE (Arquitectura de Zonas Extremas). Testo di/Text by Fabrizio Gallanti. Fotografia di/Photography by Pol

Taylor, Marcelo Bernal

36 Architecture in Extreme Environments 2. Australia. Philip Cox Architects. Longitude 131° Dieci chilometri a nord-ovest di Ayer’s

Rock, un ‘accampamento’ di monolocali di lusso sfida il torrido clima del Red Centre australiano Ten kilometres northwest of Ayer’s

Rock, an encampment-like cluster of luxury “tents” defies the torrid climate of Australia’s Red Centre. Testo di/Text by Joseph Grima

42 Architecture in Extreme Environments 3. Thailandia/Thailand. Philippe Parreno, François Roche. Hybrid Muscle In una fertile

macchia di fango in mezzo al nulla thailandese, Parreno e Roche hanno eretto una ‘fantarchitettura’, che lo scrittore Bruce Sterling

commenta On a fertile patch of mud in the middle of Thailand, Parreno and Roche created an architectural freak; author Bruce

Sterling comments

50 Giancarlo De Carlo. Il ricordo dell’architettura The memory of architecture È finita l’architettura come gli esseri umani l’hanno

immaginata per secoli? Can one say that architecture as human beings have imagined it for centuries has ended?

52 Omaggio a Cedric A tribute to Cedric Hans Ulrich Obrist ha raccolto i ricordi di amici entrati in contatto con il ‘dispositivo’ Price

Memories, thoughts and anecdotes of friends who came into contact with the Price “device”, as told to Hans Ulrich Obrist

64 Bruno Latour. Digitalità alternativa Alternative digitality L’inquietante perfezione dei facsimili The disturbing perfection of copies

66 (M)RE- tourism ‘MRE’ (Marocchini Residenti all’Estero): il collettivo Multiplicity osserva l’impatto fisico ed economico degli emigranti

che tornano in patria per le vacanze ‘MRE’ (Moroccans Resident Abroad): the collective Multiplicity documents the physical and

economic impact of migrants returning home for the holidays

78 Milan in April: 3. Joris Laarman. La scelta di Joris Joris’ choice Il giovane designer olandese sceglie per Domus i progetti più

interessanti del Salone del Mobile 2004 A young Dutch designer picks the most interesting designs for Domus from Salone del Mobile

2004. Fotografia di/Photography by Pino Guidolotti

88 Interview: Chantal Akerman Hans Ulrich Obrist intervista Chantal Akerman, forse la regista europea più importante della sua

generazione Hans Ulrich Obrist interviews Chantal Akerman, arguably the most important European director of her generation

92 Peter Eisenman. The Box of Changes Peter Eisenman si ispira alla logica cinese de I Ching nella sua proposta per uno spazio pubblico e

museo a Guangzhou, Cina Peter Eisenman draws on the logic of I Ching in his proposal for a public square and museum in Guangzhou,

China. Testo di/Text by Peter Eisenman

100 Rastignac. La Comédie Humaine II Viaggio a Pemba: esotismo e vudù Voyage to Pemba: Exoticism and voodoo

102 Innesto d’arte Art Graft: Matthew Barney. De Lama Lâmina (Dal fango, armi/From mud, weapons)

116 Post-it: Libri Books A cura di/Edited by Gianmario Andreani

124 Post-it: Grafica Graphics A cura di/Edited by Mauro Bubbico, Andrea Rauch, Gianni Sinni, Giuliano Tedesco

128 Rassegna: Materiali per costruire Building materials A cura di/Edited by Maria Cristina Tommasini

142 Panorama

145 El Topo: Harrell Fletcher A cura di/Edited by Maurizio Cattelan, Massimiliano Gioni e/and Ali Subotnick (Wrong Gallery)
Fotografia di/Photograph by Studio Casali, Milano. © Archivio Domus
rivista fondata nel 1928 da Gio Ponti/review founded in 1928 by Gio Ponti

Direttore/Editor Stefano Boeri Consulente alla direzione/Deputy editor Kayoko Ota Creative director Mario Piazza
Inviato speciale/Special correspondent Hans Ulrich Obrist
Art director Giuseppe Basile Redazione/Editorial staff Maria Cristina Tommasini (caporedattore), Laura Bossi, Rita Capezzuto, Francesca Picchi
Libri/Books Gianmario Andreani Website Luigi Spinelli, Elena Sommariva Staff grafico/Graphics Fabio Grazioli, Antonio Talarico
Segreteria/Administration Valeria Bonafé, Marina Conti, Isabella Di Nunno, Miranda Giardino di Lollo (responsabile)
Consulente editoriale/Editorial consultant Stefano Casciani
Collaboratori alla direzione/Consultants to the editor Joseph Grima, Karen Marta, Mirko Zardini
Redazione tel. +39 02 824721, fax +39 02 82472386, e-mail: redazione@domusweb.it – Traduttori/Translations Donatella Alvino Rosa, Duccio
Biasi, Antony Bowden, Paolo Cecchetto, Paola Colombo, Barbara Fisher, Annabel Little, Charles McMillen, Sonia Rocchi, Massimiliano Spadoni,
Virginia Shuey Vergani, Rodney Stringer, Wendy Wheatley.
Si ringraziano/With thanks to: Thomas Boutoux, Ivan Carvalho, Karen Levine, Caterina Majocchi
Titolare del trattamento dei dati personali raccolti nelle banche dati di uso redazionale è Editoriale Domus S.p.A. Gli interessati potranno
esercitare i diritti previsti dal D.Lgs. 196/2003 in materia di protezione dei dati personali, telefonando al n. 02 82472459.
e-mail: responsabiledati@edidomus.it
Editoriale Domus S.p.A. Via Gianni Mazzocchi 1/3 – 20089 Rozzano (MI), tel. +39 02 824721, fax +39 02 57500132,
e-mail: editorialedomus@edidomus.it Editore/Publisher Maria Giovanna Mazzocchi Bordone Direzione commerciale/Marketing director Paolo Ratti
Pubblicità tel. +39 02 82472472, fax +39 02 82472385, e-mail: pubblicita@edidomus.it Direzione generale pubblicità/Advertising director
Gabriele Viganò Direzione vendite/Sales director Giuseppe Gismondi Promozione/Promotion Sabrina Dordoni
Estratti/Reprints Per ogni articolo è possibile richiedere la stampa di un quantitativo minimo di 1000 estratti a/Minimum 1000 copies of each
article may be ordered from: tel. +39 02 82472472, fax +39 02 82472385, e-mail: dordoni@edidomus.it
Agenti regionali per la pubblicità nazionale Piemonte/Valle d’Aosta: InMedia, C.so Galileo Ferraris 138 – 10129 Torino, tel. 011 5682390,
fax 011 5683076 ■ Liguria: Promospazio, Via Trento 43/2 – 16145 Genova: Alessandro Monti, tel. 010 3622525, fax 010 316358 Maggio May
■ Veneto, Friuli V.G. e Trentino-Alto Adige: Agenzie: Undersail S.r.l., vicolo Ognissanti 9 – 37123 Verona, tel. 045 8000647, fax 045 8043366 Calendario 05
Clienti: Tiziana Maranzana, C.so Milano 43 – 35139 Padova, tel. 049 660308, fax 049 656050 ■ Emilia Romagna: Massimo Verni, via Matteucci
10 Ore Torre Velasca, Milano
20/2 - 40137 Bologna, tel. 051 345369-347461 ■ Toscana: Promomedia, via Buonvicini 21 - 50132 Firenze, tel. 055 573968-580455 ■ Marche: aprile 20.00 Progetto/design by B.B.P.R. (1957)
2004 Temperatura Gian Luigi Banfi (1945), Lodovico Barbiano
Susanna Sanchioni, via Trento 7 - 60124 Ancona, tel 071 2075396 ■ Lazio, Campania: Interspazi, via Giano Parrasio 23 - 00152 Roma, tel. 06 di Belgiojoso (2004), Enrico Peressutti

(1976), Ernesto N. Rogers (1968)
5806368 ■ Umbria: Zupicich & Associati, via Vermiglioli 16 - 06123 Perugia, tel. 075 5738714, fax 075 5725268 ■ Sicilia: MPM, via Notarbartolo 4
- 90141 Palermo, tel. 091 6252045, fax 091 6254987 ■ Sardegna: Giampiero Apeddu, viale Marconi 81 - 09131 Cagliari, tel. 070 43491
Servizio abbonamenti/Subscriptions Numero verde 800-001199 da lunedì a venerdì dalle 9.00 alle 21.00, sabato dalle 9.00 alle 17.30,
fax +39 02 82472383, e-mail: uf.abbonamenti@edidomus.it – Foreign Subscriptions Dept. tel. +39 02 82472276,
e-mail: subscriptions@edidomus.it Ufficio vendite Italia tel. 039 838288, fax 039 838286, e-mail: uf.vendite@edidomus.it –
Un numero ¤ 8,50. Fascicoli arretrati: ¤ 12,50. Modalità di pagamento: contrassegno (contributo spese di spedizione ¤ 1,95).
Carta di credito: (American Express, CartaSì, Diners, Visa), versamento sul c/c postale n. 668202 intestato a Editoriale Domus SpA, Via G. Mazzocchi
1/3 – 20089 Rozzano (MI), indicando sulla causale i numeri di DOMUS desiderati. Si prega di accertarsi sempre della effettiva disponibilità delle
copie. Ai sensi del D.Lgs. 196/2003, si informa che il Servizio abbonamenti e vendite copie arretrate Italia è gestito da Televoice S.p.A., Via
Mentana 17/A – Monza (MI), tel. 0392321071, responsabile del trattamento dei dati personali. A tale soggetto gli interessati potranno rivolgersi
per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.Lgs. 196/2003. I dati saranno oggetto di trattamento prevalentemente informatico ai soli fini della
corretta gestione dell’ordine e di tutti gli obblighi che ne conseguono.
Foreign Sales tel. +39 02 82472529, fax +39 02 82472590, e-mail: sales@edidomus.it Back issues: ¤ 12,50 (Postal charges not included).
Payment method: by credit card American Express, Diners, Mastercard, Visa, bank transfer on San Paolo IMI S.p.A. Corsico branch (Milan).
IBAN IT42R 01025 33031 100000002749, Swift Code IBSP ITTM.
© Copyright Editoriale Domus S.p.A. Milano Associato all’U.S.P.I. (Unione stampa Periodica Italiana)
Direttore responsabile: Maria Giovanna Mazzocchi Bordone
Registrazione del Tribunale di Milano n.125 del 14/8/1948. È vietata la riproduzione totale o parziale del contenuto della rivista senza
l’autorizzazione dell’editore Distribuzione Italia/Distribution Italy A&G Marco, via Fortezza 27, 20126 Milano Associata ADN
Distribuzione internazionale/Sole agent for distribution AIE - Agenzia Italiana di Esportazione S.p.A., Via Manzoni 12 – 20089 Rozzano (MI)
Prepress Editoriale Domus Stampa/Printers BSZ, Mazzo di Rho (MI). In questo numero la
tel. +39 02 5753911, fax +39 02 57512606 Fotolito/P
pubblicità non supera il 45%.Il materiale inviato in redazione, salvo accordi specifici, non verrà restituito.
Per gentile concessione/Courtesy Museo di Capodimonte, Napoli
Fotografia di/Photograph by Ettore Sottsass
Milano – Italia/Italy

Installazione/Installation Puraluce, 2003. Courtesy Fondazione Danese, Milano


stiracchiano i prodotti d’uso quotidiano
fino ai confini dell’arte presunta”.
Marco Ferreri Fino al 28 maggio alla Fondazione
Fino a/Until 28.5.2004 Jacqueline Vodoz e Bruno Danese è di
Fondazione Jacqueline Vodoz scena il suo design. E.S.
e Bruno Danese A student of Munari and
via Santa Maria Fulcorina 17 Mangiarotti and friend of Castiglioni,
T +39-02-86450927 Marco Ferreri (born in 1958) is
www.fondazionedanese.org considered to be amongst the heirs to
the tradition of good Milanese design. It
Allievo di Munari e Mangiarotti e amico is a legacy taken, however, with ease
di Castiglioni, Marco Ferreri (classe and ‘lightness’ by the Milan designer
1958) è considerato uno degli eredi who works alone in a small studio filled
della tradizione del buon design with objects, materials and
milanese. Un’eredità indossata però experiments. Michele Serra writes in the
con disinvoltura e ‘leggerezza’ dal catalogue: “His chairs are chairs, his
professionista milanese che lavora da tables are tables, the sink is so sink that
solo, in un piccolo studio ingombro di you want to clean your teeth the minute
oggetti, materiali ed esperimenti. you see it, nothing seems to be
Scrive nel catalogo Michele Serra: “Le designed to sit in one of those para-
sue sedie sono sedie, i suoi tavoli museums that stretch everyday
tavoli, il lavabo è talmente lavabo che products to the confines of presumed
viene voglia di lavarcisi i denti appena art.” His work is on display until 28 May
lo vedi, niente sembra pensato per at the Fondazione Jacqueline Vodoz e
figurare in uno di quei para-musei che Bruno Danese. E.S.

Roma – Italia/Italy

1
New York – U.S.A. cui Michael Graves, Peter Eisenman e Colin Rowe, a rivisitare una zona non meglio
Un’esotica giungla urbana a Manhattan definita di Upper Manhattan, indicata solo dalle coordinate geografiche. Si tratta- Sugar in the petrol
va ovviamente di Harlem, un’area le cui caratteristiche in questi progetti furono Fino a/Until 4.6.2004
An exotic urban jungle in Manhattan in gran parte cancellate. Citando Jungle Fever, film di Spike Lee del 1991, la Wilson The British School at Rome, via Gramsci 61
A quanto pare, anche Harlem sta cambiando. Catene come Starbucks vi stanno a- dimostra, inoltre, che negli studi di architettura degli Stati Uniti ancora oggi gli T +39-06-32649385
prendo caffè e negozi, gli investitori sono sempre più interessati a lottizzare la par- architetti afroamericani hanno un ruolo secondario, ritenendo per questo piutto-
te settentrionale di Manhattan; persino l’ex presidente americano Bill Clinton ha sto improbabile che l’architettura americana convenzionale, e persino quella d’a- “Sugar in the petrol” è un racconto per
affittato dei locali per uffici sulla 125ma strada. E se dico ai miei amici newyorkesi vanguardia, possano occuparsi delle questioni che questa area urbana pone. immagini scritto da quattro fotografi
che ho intenzione di visitare una mostra allo Studio Museum di Harlem, ecco ine- Perciò, il fatto che un gruppo di architetti emergenti di colore sia stato invitato a sudafricani e da un registra
vitabilmente che finiscono per raccontarmi di qualcuno che si è trasferito lì da po- presentare le proprie proposte per “Harlemworld” può essere importante non so- cinematografico danese – Doris Bloom,
Napoli – Italia/Italy co, cosa che per molto tempo sembrava essere impensabile. Eppure, anche per un lo per il quartiere: se preso seriamente, potrebbe finalmente scuotere l’architettu- Abrie Fourie, Zwelethu Mthethwa, Usha
europeo come me che ha vissuto per nove anni a Bijlmer, il vecchio quartiere-ghet- ra americana, la quale sembra ancora completamente insabbiata nella linea di Seejarim, Andrew Tshabangu, Jon Bang
Ettore Sottsass to di Amsterdam, e che è abituato a far parte di una minoranza bianca all’interno pensiero che Johnson e Barr delinearono settant’anni fa. Ma non sarà un’impresa Carsen. Attraverso l’immagine catturata
Fino a/Until 16.6.2004 di una comunità prevalentemente nera, trovarsi a essere più o meno l’unico bian- facile: alcune tra le proposte sono infatti, a loro volta, incagliate in metodi e dia- dall’obiettivo o dalla videocamera, gli
Museo di Capodimonte co in strada è un’esperienza sorprendente. Non che a nessuno importi della mia grammi, forme e teorizzazioni. Oppure indulgono in sentimentali espressioni ar- autori si sono resi così testimoni di un
via Miano 2 presenza, ma la differenza con Downtown Manhattan è enorme. Un semplice tra- tistiche di quel che Harlem rappresentava. momento molto particolare: il passaggio
Numero Verde 848-800288 gitto di venti minuti in metropolitana ed eccomi quasi in un altro mondo: “Har- Vi sono, tuttavia, due contributi che hanno prodotto una rinnovata espressione ar- in Sudafrica da un regime di stretta
T +39-06-399670500 lemworld”. chitettonica di “Harlemworld”. Entrambi hanno a che fare con presunte storie di segrezione razziale a quello post-
La diffusa atmosfera di cambiamento che pervade Harlem ha portato lo Studio Mu- successo che riguardano afroamericani. Il cinico e fittizio progetto di Ronald Nor- apartheid. Gli strumenti a loro
Ettore Sottsass, da sempre, prende seum a organizzare mostre diverse da quelle abitualmente allestite; mostre che, se- sworthy per una Reparation Tower – una sorta di gigantesco simbolo del Black disposizione partono dalla cruda realtà
appunti sulla vita attraverso l’obiettivo condo la curatrice Thelma Golden, in prevalenza documentavano la vita culturale Power in vetro riflettente – è indirizzato ai neri che hanno fatto fortuna nel mon- del quotidiano, che gli artisti
della sua macchina fotografica: una così com’è stata per anni in questa parte di New York. “Harlemworld, Metropolis as do degli affari dei bianchi. Gli imprenditori edili sono presentati sotto forma di documentano senza un’apparente
sorta di autobiografia, un viaggio a Metaphor”, invece, ha invitato diciotto architetti e artisti a descrivere quello che “un’inedita collaborazione tra pubblico e privato dell’African-American Reparation interpretazione soggettiva. Jon Bang
ritroso nel passato, che l’autore, Harlem è oggi e quello che può diventare. Ne è scaturito un ampio spettro di rea- Board and Profit Development, LLC, una sussidiaria della Profit Agriworks Corp”. Sul- Carsen, ad esempio, nel suo film
designer e architetto, mette in scena a zioni e di proposte – alcune misurate, altre audaci – ma tutte ugualmente legate le fotografie della realistica brochure, concepita per tentare di vendere il progetto Addicted to Solitude racconta la
Napoli, presso le sale del Museo di alla storia sociale e culturale di Harlem e intese a dar conto di ciò che il quartiere a potenziali clienti, essi compaiono vestiti da uomini d’affari, camicia e cravatta e condizione di estremo isolamento che
Capodimonte. Curata da Achille Bonito oggi rappresenta. Nell’ambito della mostra la fotografia ha una forte presenza e lisci capelli biondi. L’architetto della “Reparation Tower”, Marc White, membro del- attualmente condiziona l’esistenza della
Oliva, la mostra esibisce più di non solo tramite i portfolio di Alice Attice, Adler Guerrier e Kira Lynn Harris, ma an- l’AIA, ha affermato che “la Reparation Tower di Harlem rappresenta un’uniforme popolazione rurale bianca. L.B.
quattrocento immagini scattate tra il che coi lavori di VanDerZee, che documentano la Harlem degli anni Venti e Trenta. fusione di design iconico, socialmente sensibile, e sofisticazione tecnologica unita “Sugar in the petrol” is a story told
1943 e il 2003. Anche la maggior parte degli architetti invitati parte da un’attenta analisi delle spe- a sfarzosa funzionalità”. In uno spettacolare video clip, The Ghetto Fabulous di with pictures by four South African
Svelando così, in una sequenza in cificità della cultura locale: l’enfasi su quel che Harlem è oggi, per quanto sia tan- Nathaniel Belcher e Stephen Slaughter, riprende, invece, l’analogia del successo photographers and a Danish film
bianco e nero, l’“altra vita” di Ettore gibile la consapevolezza che la sua identità sia in continuo cambiamento, è evi- della cultura hip-hop nata a Harlem per proporre un attico sfacciatamente super- director – Doris Bloom, Abrie Fourie,
Sottsass: l’isola di Filicudi, sua seconda dente per varie ragioni. lusso posto in cima a un blocco di case popolari. Zwelethu Mthethwa, Usha Seejarim,
casa per lunghi periodi dell’anno. C’è, innanzitutto, l’orgoglio dell’identità di Harlem. Come scrive in catalogo Thelma Sia la Reparation Tower sia The Ghetto Fabulous, comunque, mostrano i limiti di un Andrew Tshabangu and Jon Bang Carsen.
Sempre a Napoli, presso Castel Golden, “la Harlem di oggi è una città cosmopolita nella quale le storiche migra- approccio strettamente culturale all’architettura di Harlem, e indicano che, sotto Through the images captured by the
Sant’Elmo, saranno esposte dal 6 zioni di popoli provenienti dall’Africa emergono in modo vibrante grazie alla ric- e oltre le questioni d’identità, giacciono più complesse problematiche sociali, po- camera or video, a very particular
maggio al 18 luglio circa quaranta chezza e al ritmo della comunità. Dato che il quartiere rappresenta l’emblema del- litiche ed economiche ancora in attesa di essere affrontate. moment is witnessed: the passage in
opere di Pino Pascali. Scomparso nel lo spazio urbano nero, il ‘marchio’ di Harlem presenta implicazioni di vasta por- Bart Lootsma, storico, critico di architettura, design e arte South Africa from a regime of strict racial
1968 all’età di 33 anni, Pascali fu un tata. Dall’opulenza della “Harlem Renaissance” al “bling, bling” di oggi, Harlem e- segregation to post-apartheid. The tools
significativo precursore dell’Arte siste quale spazio spirituale e fisico della cultura nera. E in quanto tale, rappresen- they have used start with the crude
Povera. L.B. ta una potente lente d’ingrandimento attraverso la quale osservare e capire l’e- reality of the newspaper that documents

Per gentile concessione/Courtesy The Studio Museum in Harlem


Ettore Sottsass has always taken sperienza urbana nera in tutto il mondo”. Ovviamente c’è il timore, come in altri without apparent subjective
notes on life using his camera. It is a luoghi, che nel vasto processo di trasformazione partito da Downtown l’identità interpretation. Jon Bang Carsen, for
kind of autobiography, a journey back di Harlem vada gradualmente perduta o venga persino radicalmente cancellata, e example, in his film Addicted to Solitude
in time that the author, designer and che l’ingresso di nomi quali Starbucks, Gap e altri ne facciano un posto come tanti. describes the state of extreme isolation
architect has staged in Naples at the Esistono, tuttavia, altre ragioni per sospettare di possibili futuri cambiamenti che that currently conditions the existence of
Museo di Capodimonte. Curated by riguardino la situazione specifica dell’architettura americana. E spiegano perché il the rural white population. L.B.
Achille Bonito Oliva, the exhibition contributo dello Studio Museum al dibattito sia così importante. Nel suo saggio in
consists of more than 400 photos taken catalogo, Mabel O. Wilson ricorda come l’architettura moderna sia stata introdotta
between 1943 and 2003. negli Stati Uniti da Alfred Barr e Philip Johnson nel 1932, ma solo in termini di sti-
New York – U.S.A.
Through a series of black and white le: un linguaggio che, per quanto internazionale, sorvolava sul radicale program- 2004 Whitney Biennial
images it reveals Ettore Sottsass’s ma sociale degli architetti europei. Tuttavia, quando tre anni più tardi visitò New Fino a/Until 30.5.2004
“other life,” the island of Filicudi, his York, Le Corbusier descrisse Harlem – ancora nelle parole della Wilson – come Whitney Museum of American Art
second home for long periods of the “un’esotica giungla urbana dove gli indigeni emanavano una ruvida ma vitale e- 945 Madison Avenue
year. Also in Naples, at Castel nergia creativa che alimentava, ai suoi occhi, la formazione della moderna me- www.whitney.org
Sant’Elmo, around 40 works by Pino tropoli civilizzata”. Tale analisi, contenuta nel suo libro When the Cathedrals were
Pascali will be on show from 6 May to white, sembra aver avuto scarsissima influenza sull’architettura americana. Ancora un mese a disposizione per
18 July. Pascali, who died in 1968 at the Nel 1967, una mostra del MoMA intitolata “The New City: Architecture and Urban Re- visitare la Biennale del Whitney
age of 33, was one of the chief newal” invitava quattro team di architetti modernisti di seconda generazione, tra Museum, un’edizione curata da Chrissie
precursors of Arte Povera. L.B. Iles, Shamim M. Momin e Debra Singer.

2 domus Maggio May 2004 Maggio May 2004 domus 3


108 partecipanti, suddivisi tra singoli Sunderland - Gran Buckminster Fuller, Mendelsohn to Milano - Italia/Italy il Comune, la Regione e l’Ordine degli
autori o gruppi, prolungheranno i loro MVRDV; designed but never realised Architetti – potrebbe essere la prima
interventi dalle stanze del museo Bretagna/Great Britain architecture from the last 500 years to Festa per l’architettura edizione di un appuntamento da
newyorkese agli spazi aperti del Central Fantasy Architecture the next 30 makes up the centre of an Triennale di Milano, Viale Alemagna 6 rinnovare ogni anno. E.S.
Park. “Rapporto periodico dal fronte”, exhibition promoted by the Hayward T +39-02-724341 In Milan, for the month of May,
la Biennale del Whitney è un 1500-2036 Gallery with the Royal Institute of www.triennale.it architecture will be playing the lead role,
‘palcoscenico’ privilegiato anche per Fino a/Until 4.7.2004 British Architects. It draws on the celebrated with a packed programme of
conoscere le ultime sperimentazioni di Northern Gallery of Contemporary Art archives of the RIBA and the Victoria A Milano, per tutto il mese di maggio, events, exhibitions, seminars and
Marina Abramovic o le opere in video di 28-30 Fawcett Street and Albert Museum. Drawings, sarà l’architettura a recitare il ruolo di international conferences. Among these,
Jonas Mekas. L.B. T +44-191-514 1235 paintings, collages and models are protagonista, ‘festeggiata’ al centro di “Utopia e tradimento” brings together
There is still a month left to visit the www.ngca.co.uk accompanied by films, videos and un fitto cartellone di eventi, mostre, ten leading international architects
Biennial at the Whitney Museum. This documentaries that demonstrate how incontri e convegni internazionali. Tra (Sennet, Venturi, Prix, Cook, Decq,
edition is even more intriguing thanks Da Adam agli Archigram, da Boullée a the face of the contemporary city could questi “Utopia e tradimento” raggruppa Diller+Scofidio, Toderi…) to look at the
to the project devised by the three Buckminster Fuller, da Mendelsohn a radically change. E.S. una decina di figure di spicco del themes of avant-garde, hyper-
curators - Chrissie Iles, Shamim M. MVRDV: le architetture immaginate e mai panorama internazionale (Sennet, modernity and nostalgia (19-20 May).

Courtesy Northern Gallery of Contemporary Art


Momin and Debra Singer. A hundred realizzate, dagli ultimi 500 anni ai Venturi, Prix, Cook, Decq, The Triennale, promoter and principle
and eight participants, divided into prossimi 30, sono al centro Diller+Scofidio, Toderi…) attorno ai temi site for the initiative, has also organised
individuals and groups, extend their dell’esposizione promossa dalla dell’avanguardia, ipermodernità e a series of city itineraries: visits to
interventions from the galleries of the Hayward Gallery con il Royal Institute of nostalgia (19-20 maggio). Promotrice e building sites (La Scala, the Pirelli tower,
New York museum to Central Park. British Architects, che attinge dagli sede principale dell’iniziativa, la the new Fiera), a tour around the
“Periodic relationship from the front,” archivi del RIBA e del Victoria and Albert Triennale ha organizzato anche una principle modern and contemporary
the Whitney Biennial is a privileged Museum. Disegni, dipinti, collage e serie di itinerari cittadini: visite ai buildings and inside some of the city’s
‘stage’ for encountering the latest modelli sono accompagnati da film, cantieri (Scala, Grattacielo Pirelli e most important architecture studios.
experimentation by Marina Abramovic video e documentari che mostrano in nuova Fiera), tour tra i principali edifici The aim of the organisers – from the
or video works by Jonas Mekas. L.B. che modo il volto delle città moderni e contemporanei, e all’interno Triennale, the Comune, the Regione and
contemporanee avrebbe potuto e di alcuni dei più importanti studi di the Ordine degli Architetti – is to make
potrebbe cambiare radicalmente. E.S. progettazione della città. Nelle intenzioni this the first edition of what could
Plano - U.S.A. From Adam to Archigram, Boullée to degli organizzatori – oltre alla Triennale, become an annual event. E.S.
Farnsworth House
Inaugurazione/Opening 1.5.2004

Per gentile concessione/Courtesy The Studio Museum in Harlem


14520 River Road, Plano, Illinois New York’s Harlem seems to be changing. Chains like Starbucks are open-
T +1-312-9221742 ing, investors have become interested in parcels in uptown Manhattan and even
www.landmarks.org former U.S. President Bill Clinton rented office space on 125th Street. Telling my
friends in New York that I intend to visit an exhibition at the Studio Museum in
1° maggio 2004: casa Farnsworth, simbolo Harlem inevitably leads them to give an account of friends who have recently
dell’architettura moderna realizzato da moved there – something that had been out of the question for a long time.
Mies van der Rohe tra il 1946 e il 1951 a Even for a European like me, who lived for nine years in what was Amsterdam’s
Plano (Illinois), diventa un museo. È Bijlmer ghetto, and who is used to belonging to a white minority among a pre-
questo il lieto fine di una storia lunga, che dominantly black population, to be the only white person on the street is a sur-
da mesi ha tenuto col fiato sospeso gli prising experience. Not that anyone cares about my presence, but the difference
appassionati di architettura di tutto il from Manhattan’s Downtown is enormous. A twenty-minute subway ride has
mondo. Da quando il proprietario, Lord brought me almost to another world – Harlemworld.
Palumbo, aveva deciso di metterla in The general atmosphere of change in Harlem has led the Studio Museum in
vendita e lo stato dell’Illinois aveva Harlem to put on a different kind of exhibition than they usually present that, ac-
ammesso di non potersela permettere, il cording to curator Thelma Golden, usually documents the cultural life in this part
capolavoro di Mies era infatti finito of New York as it used to be. “Harlemworld, Metropolis as Metaphor” asks 18 ar-
all’asta, dove correva il rischio di cadere chitects and artists what Harlem is and might become. This produced a broad
nelle mani sbagliate. Quelle, per spectrum of reactions and proposals – some careful, some bold – but all of them
esempio, di un ricco imprenditore depart from Harlem’s social and cultural history and first of all try to carefully
americano deciso a smontarla pezzo per come to terms with what it is today. Photography is very present in the exhibi-
pezzo per trasportarla in un altro stato e, tion, not only in portfolios by Alice Attice, Adler Guerrier and Kira Lynn Harris, but Therefore, to invite a group of emerging African-American architects to present
infine, ricostruirla a suo uso e consumo. also in works by James VanDerZee, who documented Harlem in the 1920s and their proposals for Harlemworld could not only be important for Harlem but, if
Sconvolgendo ogni pronostico, lo scorso 1930s. But most of the invited architects also depart from a careful analysis of taken seriously, could finally shake up American architecture – which still seems
dicembre, i conservazionisti (guidati dal what is specific about Harlem culture. This focuses on what Harlem is today, even to be completely stuck in the line of thinking Johnson and Barr introduced 70
National Trust) hanno invece vinto la loro if there is the awareness that its identity is always changing. years ago. It will not be easy. Some proposals are just as stuck in methods of di-
battaglia, riuscendo ad aggiudicarsi il First, there is the pride in Harlem’s identity. As Thelma Golden writes in the cata- agramming, form and theorisation as anywhere else or indulge in sentimental
lotto per la ragguardevole cifra di 7,5 logue, “Present-day Harlem is a cosmopolitan city in which the historic migrations artistic expressions of what Harlem used to be.
milioni di dollari. E, come promesso, of people of African descent are vibrantly realized through the richness and rhythm Two contributions self-consciously produce images of a new architectural ex-
hanno aperto la casa al pubblico. Per ora of the community. The Harlem ‘brand’ is one with far reaching implications, as pression of Harlemworld. Both deal with the supposed success stories of some
solo su appuntamento (da martedì a Harlem stands as the symbol for a black urban space. From the opulence of the African-Americans. Ronald Norsworthy’s cynical fictitious project for a Reparation
sabato, h 10-16, 18 dollari a persona). E.S. Harlem Renaissance to today’s ‘bling, bling’, Harlem exists as the spiritual and Tower in the form of a gigantic Black Power symbol in mirror glass is targeted at
On 1 May 2004, Farnsworth house, physical space of black culture. As such, it provides a powerful lens to understand those African-Americans who have become successful in the white business
the symbol of modern architecture built the black urban experience worldwide.” Of course there is the fear, like anywhere world. The developers are presented as “an unprecedented public-private part-
by Mies van der Rohe between 1946 and else, that Harlem’s identity will be gradually lost or even aggressively erased in a nership of the African-American Reparations Board and Profit Development, LLC,
1951 in Plano, Illinois, is to become a process of gentrification initiated from Downtown, and that global players like S- a subsidiary of Profit Agriworks Corp.” In the photographs in the lifestyle brochure
museum. This is the happy ending of a tarbucks, the Gap and others will turn Harlem into a place like any other. that tries to sell the project to potential clients, they appear in business suits,
long and difficult story that has had There are however more reasons to be suspicious of the coming changes that re- shirts and ties with straightened out, dark blond hair. The architect of the Repa-
architecture enthusiasts holding their late to the specific situation of American architecture. These reasons demonstrate ration Tower, Marc White, AIA, is quoted as saying: “Reparation Tower Harlem
breath for months. After the owner, Lord why the Studio Museum’s contribution to this debate is so important. In her con- represents the seamless fusion of iconic, socially responsive design with tech-
Palumbo, decided to put it up for sale tribution to the catalogue, Mabel O. Wilson lays out how modern architecture was nological sophistication and luxurious functionality.” In a spectacular video clip,
and the state of Illinois said they could introduced to the United States by Alfred Barr and Philip Johnson in 1932, but just The Ghetto Fabulous by Nathaniel Belcher and Stephen Slaughter takes the anal-
not buy it, Mies van der Rohe’s as a style, all be it international, muting the radical social agenda of the Euro- ogy of the success of hip-hop culture that grew out of Harlem to propose a
masterpiece went to auction where it peans. When Le Corbusier visited New York three years later however, he cast shamelessly trans-luxurious penthouse on top of one of the social housing pro-
risked falling into the wrong hands. For Harlem in Wilson’s words as “an exotic urban jungle where primitive residents jects. However, both Reparation Tower and The Ghetto Fabulous also show the
example, those of a rich American exuded a raw but vital creative energy that fuelled, in his eyes, the formation of limits of a strictly cultural approach to architecture where Harlem is concerned,
businessman set on dismantling it piece the civilized modern metropolis.” This view, as laid out in his book When the and indicate that under and beyond issues of identity lie more difficult social, po-
by piece and taking it to another state to Cathedrals were white hardly seems to have had any influence on American ar- litical and economic issues that still need to be addressed.
rebuild it according to his own needs. chitecture. Another MoMA exhibition, “The New City: Architecture and Urban Re- Bart Lootsma is a historian, critic and curator
Last December, conservationists led by newal” from 1967, invited four young teams of second generation modern archi- in the fields of architecture, design and visual arts
the National Trust unexpectedly won tects, among them Michael Graves, Peter Eisenman and Colin Rowe, to tackle an
their battle, managing to buy the lot for unnamed area in upper Manhattan that was only defined by its coordinates. It
the considerable sum of 7.5 million was Harlem of course, from which most characteristics were carefully removed
dollars. As promised, they have opened it in the projects. By the example of Spike Lee’s 1991 film Jungle Fever, Wilson makes
up to the public, for the moment by clear that today African-American architects still have a largely subordinate role Harlemworld: Metropolis as Metaphor
appointment only (from Tuesday to in American offices and that it is therefore hardly likely that mainstream and even The Studio Museum in Harlem, 144 W. 125th Street
Saturday, 10 h – 16 h, 18 dollars per avant-garde American architecture could deal with the issues at stake in Harlem. www.studiomuseum.org
visitor). E.S.

4 domus Maggio May 2004 Maggio May 2004 domus 5


Per gentile concessione/Courtesy Museo di Fotografia Contemporanea, Milano
Fotografia di/Photograph by Ferdinando Scianna
New York – U.S.A. Jodice, Silvio Wolf, and Luciano Rigolini. Until fairly recently,
however, architectural photography was considered a purely
Ritrarre l’Utopia commercial endeavour. Even the cool, crisp portraits of mid-
Picturing Utopia century architectural masterpieces by Julius Shulman or Ezra
Stoller were unequivocally publicity-driven.
La fotografia d’architettura è diventata un’importante e ben The architectural portfolio of Magnum photographer René
definita appendice della fotografia d’arte. Tedeschi come An- Burri, on the other hand, has its origins in photojournalism.
dreas Gursky e Thomas Struth (e i loro maestri, Bernd e Hilla But like the rest of his œuvre, it achieves much more than
Becher), americani come Robert Polidori, Richard Barnes e An- mere documentation. As Hans-Michael Koetzle observes in
drew Moore, nonché una vera e propria scuola italiana che Burri’s magnificent monograph (published by Phaidon), his
comprende Gabriele Basilico, Olivo Barbieri, Guido Guidi, photographs are saturated with a desire to get “close to the
Mimmo Jodice, Silvio Wolf e Luciano Rigolini, sono solo alcu- action” and capture “the pulse of life.” Editor-in-chief of Le-
ni nomi nella lista dei maggiori autori contemporanei, che ica World magazine, Koetzle curated the exhibition of Burri’s
propongono nel nostro tempo un esame particolareggiato work at the Maison Européenne de la Photographie in Paris
delle complessità e delle contraddizioni di concetti come ‘luo- (which will travel to the Musée de l’Élysée in Lausanne later
go’ e ‘spazio’. Fino ad anni relativamente recenti, tuttavia, this year). He has also organised an exhibition focusing on his
questo esercizio era considerato una pratica puramente com- architectural photography, “Utopia: Architecture and Archi-
merciale. Persino i tersi, essenziali ritratti dei capolavori rea- tects”, on view at the Hermès Gallery, New York.
lizzati da Julius Shulman e da Ezra Stoller negli anni Cinquan- The Swiss-born photographer is a first-hand witness to some
ta erano esplicitamente basati sul principio della pubblicità. of the most important political, social, and cultural develop-
Il portfolio architettonico di René Burri, fotografo dell’agen- ments of the last half-century. He is well known for his icon-
zia Magnum, trova invece origine nel fotogiornalismo. Ma, ic portraits of Picasso at work and play in Spain in the late
come il resto della sua opera, queste immagini sanno fare 1950s, and of a weary Ché Guevara in Havana in 1963, three
molto più che documentare: come sottolinea Hans-Michael months after the Cuban missile crisis. Le Corbusier was Bur-
Koetzle nella magnifica monografia su Burri edita dalla Phai- ri’s first architectural encounter. In 1950, while a student at
don, queste fotografie sono sature del suo desiderio di “av- the School of Arts and Crafts in Zurich, Burri hitchhiked to Mar-
vicinarsi all’azione” e catturare “il pulsare della vita”. Diret- seille to photograph the Cité Radieuse (still under construc-
tore editoriale della rivista Leica World, ideatore della gran- tion) for a class project. Over the next decade, he would con-
de retrospettiva di Burri alla Maison Européenne de la Pho- tinue to document this and other projects by Le Corbusier, in-
tographie di Parigi (che si sposterà al Musée de l’Élysée di Lo- cluding Ronchamp, La Tourette and Villa Savoye. Famously
sanna nel corso di quest’anno), Koetzle è anche il curatore amiable and easy-going, Burri developed a sustained and in-
della mostra “Utopia: Architecture and Architects”, allestita timate relationship with Le Corbusier (as he did with many of
presso la Hermès Gallery di New York. his subjects), allowing him to create images of great candour
Testimone diretto di alcuni tra i più importanti avvenimenti and compassion. He has no fewer than 3,000 negatives of Le
politici, sociali e culturali degli ultimi cinquant’anni, il foto- Corbusier and his work. For the exhibition in Paris, Koetzle
grafo di origine svizzera è noto per i suoi iconici ritratti di Pi- grouped several of Burri’s architectural photographs under the
casso, che gioca e lavora in Spagna, e di uno stanco Che Gue- theme ‘Utopia’, which prefigures the exhibition in New York.
Cinisello Balsamo Ferdinando Scianna (in the photo) to vara fotografato all’Havana nel 1963, tre mesi dopo la crisi dei Burri’s extensive 1960 photographic series on Oscar Niemeyer’s
Italia/Italy Olivo Barbieri, Giovanni Chiaramonte, missili a Cuba. Il suo primo incontro nel campo dell’architet- Brasília strongly reinforces this theme. As Koetzle writes in the
Thomas Struth, Paolo Monti, Cesare tura fu Le Corbusier: nel 1950, quando ancora studiava alla monograph, Burri “perceived architecture as a social and po-
Il Museo, le collezioni Colombo, Gabriele Basilico. L.B. scuola d’arte di Zurigo, Burri fece l’autostop fino a Marsiglia litical enterprise.” He has also photographed the works of
Museo di Fotografia Contemporanea, per fotografare la Cité Radieuse, allora in costruzione, per un Marcel Breuer, Luis Barragán, Moshe Safdie, and more recent-
Villa Ghirlanda progetto scolastico. Nel corso del decennio seguente, avreb- ly, Richard Rogers, and Mario Botta.
via Frova 10
Dublin – Irlanda/Ireland be continuato a documentare questo e altri progetti, tra i If one studies Burri’s complete oeuvre, however, one begins to
T +39-02-66023551 Vik Muniz quali Ronchamp, La Tourette e Villa Savoye. Notoriamente af- sense that the utopian theme is supported by more than his
www.museofotografiacontemporanea.org Fino a/Until 13.6.2004 fabile e disponibile, Burri sviluppò con Le Corbusier (così come architectural imagery. The photographs he has taken through-
Irish Museum of Modern Art, con molti altri suoi soggetti) una duratura amicizia che gli out his career are most certainly disparate: schoolchildren in
Questa mostra festeggia la recentissima Royal Hospital consentì di creare scatti di grande candore e intimità: nel suo Prague, soldiers in Egypt, a procession of “Young Pioneers”
inaugurazione del Museo di Fotografia Military Road, Kilmainhan 8 archivio, si contano non meno di tremila negativi di Le Corbu- in China, a brothel near Saigon, refugees in Cambodia, the
Contemporanea. Ne è direttrice T +335-1-6129900 sier e del suo lavoro. Prefigurando la mostra di New York, a launch of the Space Shuttle Columbia at Cape Canaveral, new-
scientifica Roberta Valtorta: acuta Parigi Koetzle aveva raggruppato numerose immagini archi- lyweds in a cab in New York, a Zulu woman in traditional dress
interprete della fotografia moderna, L’artista brasiliano Vik Muniz ben tettoniche sotto il tema ‘Utopia’, rafforzando il progetto con la in South Africa, empty café chairs on a Parisian sidewalk, a
sostiene che “la Storia vuole che il conosce l’estrema indigenza della ricca collezione di fotografie degli anni Sessanta, incentrata vertiginous view of São Paolo’s busy streets from the top of a
primo museo di fotografia italiano non maggior parte dei suoi compatrioti: sotto sull’opera architettonica di Oscar Niemeyer a Brasilia. Come skyscraper, and endless portraits of luminaries from Jean
sia nato già da tempo, per esempio, la soglia di una povertà accettabile, essa scrive Koetzle nella sua monografia, Burri “percepiva l’archi- Renoir to Yves Klein to Ingrid Bergman. But together, they
vent’anni fa, nel centro della città, ma abitualmente ricicla gli “oggetti tettura come attività sociale e politica”: con questo approc- convey the fact that Burri has been consistently drawn to the
nasca solo ora nell’hinterland, e questo ritrovati” in strumenti di uso quotidiano. cio ha seguito il lavoro di Marcel Breuer, Luis Barragán, Moshe idea of a better world — a single, united, more humane world,
ci invita a riflettere: la fotografia non Muniz, invece, interpreta quest’arte del Safdie e, recentemente, di Richard Rogers e di Mario Botta. and improved by technology and propelled by visionaries.
sta nel cuore della città, ma ai lati”. sopravvivere in tecniche di espressione Studiando l’opera completa del fotografo svizzero, tuttavia, si Cathy Lang Ho, New York-based critic, has contributed
Un’asserzione illuminante per tutti artistica e, in particolare, nell’esercizio comincia a percepire che il tema dell’utopia non è sostenuto to Architecture, Metropolis, ID, The New York Times, Frame
coloro che vogliono conoscere le del ‘ritratto’. Ritagliando da riviste bolli solamente dal suo immaginario architettonico. Le immagini
collezioni del museo: un nucleo iniziale del diametro di 3/4 cm, ricostruisce il che ha scattato nel corso della sua carriera costituiscono infat- Utopia: Architects and Architects
costituito da 18 fondi che comprendono profilo del viso con un collage a punti, ti un panorama variegato: scolari praghesi, soldati egiziani, Photographs by René Burri
più di 100 autori italiani e stranieri. Da contrastato da carte con colori diversi. I un corteo di “Giovani Pionieri” in Cina, un bordello vicino a 5.5.2004-5.6.2004
Ferdinando Scianna (nella foto) a Olivo soggetti sono personaggi pubblici, icone Saigon, rifugiati cambogiani, il lancio della navicella Columbia The Gallery at Hermès, 691 Madison Avenue
Barbieri, Giovanni Chiaramonte, riconosciute del panorama a Cape Canaveral, una coppia di sposini in taxi a New York, le

Courtesy Hermès. Fotografia di/Photograph by René Burri


Thomas Struth, Paolo Monti, Cesare contemporaneo brasiliano: l’attuale sedie vuote di un caffè su un marciapiede parigino, una ver-
Colombo, Gabriele Basilico. L.B. presidente del Paese, Luiz Inázio Lula da tiginosa veduta delle affollate vie di San Paolo dalla cima di
This exhibition celebrates the recent Silva, Pelè. O lo stesso Muniz, raffigurato un grattacielo, oltre che una sterminata sequenza di ritratti di
opening of the Museo di Fotografia in una sorta di autoritratto. L.B. celebri personaggi – da Jean Renoir a Yves Klein a Ingrid Berg-
Contemporanea outside Milan. The Brazilian artist Vik Muniz is well man. Tutto questo ci suggerisce che Burri è stato continua-
museum’s director, Roberta Valtorta, is aware of the destitute conditions most of mente sostenuto dall’idea di un mondo migliore: un universo
an acute interpreter of modern the population of his country have to unico, unito e più umano, connesso, reso migliore dalla tec-
photography who maintains that “it was deal with. Living below the poverty line, nologia e guidato dal ‘Genio’ visionario.
meant for history that the first museum they habitually recycle ‘found objects’ in Cathy Lang Ho, critica, abita a New York. Collabora
of Italian photography was not daily use. Muniz interprets this art of a Architecture, Metropolis, ID, The New York Times, Frame
established for example 20 years ago in survival in the techniques he employs, in
the centre of the city but instead opens particular in his portraits. Cutting out Architectural photography has become a formidable,
now on the outskirts, inviting us to think circles with a diameter of 3/4 cm he well-defined field of art photography. Among the prominent
about how photography is not in the reconstructs a face with a collage of dots, contemporary artists examining the complexity and contra-
heart of the city but on the periphery.” It contrasted against different coloured diction of space and place in our time are the Germans An-
is an illuminating assertion for all those paper. The subjects are famous people, dreas Gursky and Thomas Struth (and their teachers, Bernd
who want to know more about the icons of contemporary Brazil: the current and Hilla Becher), the Americans Robert Polidori, Richard
museum’s collection: an initial nucleus president, Luiz Inázio Lula da Silva, Pelè. Barnes, Andrew Moore, and a veritable Italian school includ-
of 18 groups that include more than 100 Muniz himself also features in a kind of ing Gabriele Basilico, Olivo Barbieri, Guido Guidi, Mimmo
Italian and foreign photographers from self-portrait. L.B.

6 domus Maggio May 2004 Maggio May 2004 domus 7


Milano – Italia/Italy beginning in 1921, the year that Sarvis Di lui, si dice che ha disegnato di tutto: at Forum 2004, Barcelona, as well as an
opened. It was the first Finnish factory to dai lucidalabbra alle locomotive, ma in extensive retrospective at DeSingel in
Dyson Design Award for specialise in the production of buttons, Giappone Raymond Loewy è conosciuto Antwerp that spans their ten-year
Students and Young combs and belt buckles made from soprattutto per il pacchetto di sigarette career, from the Valladolid sports
casein, a material that continues to ‘Peace’, lanciate sul mercato nel 1952. A complex (1991) to the Usera public
Designers inform its most recent designs, which are 18 anni dalla sua scomparsa, il Tobacco library in Madrid (2002, photo below).
Scadenza consegna/Submission deadline technologically advanced and & Salt Museum di Shibuya rende Fascinated by mass culture, industrial
25.6.2004 environmentally friendly. Compulsory omaggio al suo genio progettuale e al technology and land use, the Madrid
ADI, Associazione per il Disegno chapters are the 1950s and 1960s, suo ideale di semplicità (“L’obiettivo architects are a part of a new
Industriale, viale Bramante 29 decades that marked the golden age of del design è quello di non complicare la generation in Spain, who have proven
T +39-02-33100164 plastic with protagonists that included vita già difficile del consumatore”, era themselves capable of blending
info@adi-design.org icons of modern and contemporary solito affermare), ripercorrendo le international taste with the specifics
www.adi-design.org; www.dyson.it design, from Timo Sarpaneva and Eero tappe della lunga carriera del padre del nature of local culture. E.S.
Saarinen to Yrjo Kukkapuro and Eero disegno industriale. E.S.
Promosso da Dyson e patrocinato da ADI, Aarnio. E.S. It is said of him that he designed

6
il concorso “Dyson Design Award” invita everything: from lip-gloss to
giovani progettisti o studenti di design ad locomotives. But in Japan Raymond
accostarsi al tema “innovazione in
Torino – Italia/Italy Loewy is best known for the cigarette
oggetti e servizi d’uso comune per il Pierre Huyghe packet ‘Peace’, launched onto the
tempo libero. I progetti dovranno Fino a/Until 18.7.2004 market in 1952. Eighteen years after his
riguardare prodotti industrializzabili Castello di Rivoli death, the Tobacco & Salt Museum in
riferiti a funzioni dell’abitare (comprese Piazza Mafalda di Savoia, Rivoli Shibuya pays homage to his design
quelle che riguardano il bagno, la cucina, T +39-011-9565280 genius and ideal of simplicity (“The
la cantina o il giardino) e del trasporto www.castellodirivoli.org main goal is not to complicate the
individuale”. In palio, un montepremi di already difficult life of the consumer”
¤ 4.000, per la categoria professionisti, e In delicato equilibrio tra realtà e he often said), illustrating the long
un viaggio di una settimana in Gran finzione, memoria e storia, il lavoro di career of the father of industrial Berlin
Bretagna per quella riservata agli Pierre Huyghe è al centro di una vasta design. E.S.
studenti. I vincitori, inoltre, retrospettiva al Castello di Rivoli. Si tratta
Germania/Germany
parteciperanno al “Global Dyson Design di una prima assoluta in Italia dedicata
Antwerp Designmai 2004
Award”: un confronto internazionale tra i all’opera dell’artista francese (classe 6.5.2004-16.5.2004
selezionati delle edizioni locali. L.B. 1962) e, al tempo stesso, del suo progetto Belgio/Belgium Brauereigelände Pfefferberg,
Promoted by Dyson and supported più ambizioso. Curata da Carolyn Ábalos & Herreros Schönhauser Allee 176
by the ADI, the “Dyson Design Award” Christov-Bakargiev, la mostra ruota T +49-30-27572498
invites young designers and design attorno a un allestimento capace di Fino a/Until 20.6.2004 www.designmai.de
students to tackle the theme of trasformare le settecentesche sale al DeSingel, Desguinlei 25
“innovation in everyday objects and terzo piano del Castello in un “luogo T +32-3-2482828 La seconda edizione della settimana
services for leisure time. The designs stregato”. A completare la rassegna, www.desingel.be del design berlinese si propone
should be for products that can be alcune delle opere più emblematiche. quest’anno un tema impegnativo:
industrialised relating to living (including Come Blanche Neige Lucie (1997), un Per Iñaki Ábalos e Juan Herreros è un spiegare come cambia il paesaggio
those for the bathroom, kitchen, documentario su Lucie Dolène, storica mese fitto di impegni e di soddisfazioni. progettuale nei paesi dell’Est nei giorni
basement or garden) and individual doppiatrice francese di Biancaneve che Mentre a Barcellona si inaugurerà il loro del loro ingresso ufficiale nell’Unione
transport.” A ¤ 4,000 prize is reserved for iniziò una lunga battaglia legale contro progetto più importante – il Parc Litoral Europea. È l’occasione e il momento
the professional category, and a week- la Disney per rientrare in possesso dei Nord Est all’interno del Forum 2004 – al giusto per una ricognizione tra le
long trip to the UK is offered to the diritti sull’utilizzo della propria voce. DeSingel di Anversa un’ampia giovani leve del design locali, molte
students. The winners will also be put O, ancora, No Ghost Just a Shell (2000- retrospettiva ripercorre dieci anni di delle quali saranno a Berlino per
forward for the “Global Dyson Design 2003), il progetto, ideato con Philippe carriera: dal complesso sportivo di raccontare le loro storie professionali.
Award,” an international competition Parreno, che ha per protagonista Valladolid (1991) alla biblioteca pubblica Accanto a loro, alcuni dei progettisti
bringing together winners of all the l’avatar AnnLee e che lo ha visto di Usera a Madrid (2002, nella foto). più interessanti della scena europea,
local editions. L.B. coinvolgere 16 artisti. E.S. Affascinati dalla cultura di massa, dalla come Guixé, Levy, Aisslinger e Crasset.
In a delicate equilibrium between tecnologia industriale e dallo sviluppo Quartier generale dell’intera
reality and fiction, memory and history, del territorio, i due architetti madrileni manifestazione, l’ex birrificio di
Helsinki the work of Pierre Huyghe forms the sono, a pieno titolo, parte integrante di Pfefferberg che, dal 2005, diventerà la
Finlandia/Finland centre of a vast retrospective in Rivoli’s quella nuova generazione di progettisti nuova ‘casa’ del Vitra Design Museum.
Made of Plastic Castle. It is the first exhibition in Italy to iberici, capace di unire le Lo scenario è quello di Prenzlauerberg,
be dedicated entirely to the work of the sperimentazioni dell’architettura il distretto orientale a nord di
History of Plastic in Finnish Design French artist (born 1962), and it is his contemporanea con l’attenzione critica Alexanderplatz scelto quasi
Fino a/Until 30.5.2004 most ambitious project to date. Curated alla storia e alla cultura locale. E.S. naturalmente un decennio fa dai
Design Museum by Carolyn Christov-Bakargiev, the For Iñaki Ábalos and Juan Herreros, giovani, dagli artisti e dagli alternativi,
www.designmuseum.fi exhibition revolves around an evocative this is a busy month as well as a richly complici gli affitti ancora abbordabili.
installation that transforms the 18th- satisfying one. It marks the In programma, un centinaio di eventi e
La storia del design finlandese attraverso century galleries on the third floor into a inauguration of their most important incontri, film e mostre sparsi per tutta
lo sviluppo e la diffusione della plastica. ‘bewitched place.’ Completing the project to date, the Parc Litoral Nort Est la città. E.S.
L’insolita chiave di lettura è offerta dal exhibition are a number of Huyghe’s

Fotografia di/Photograph by Bleda y Rosa


museo del design di Helsinki dove è most emblematic works, such as Blanche
allestita l’esposizione “Made of Plastic”. Neige Lucie (1997), a documentary about
Il percorso prende le mosse nel 1921 – Lucie Dolène, the historic French Snow
anno d’apertura della Sarvis, la prima White voiceover artist who had to
fabbrica finlandese specializzata nella undertake a long legal battle against
produzione di bottoni, pettini e fibbie Disney to gain the rights to use her own
ricavati dalla lavorazione della caseina – voice. Another is No Ghost Just a Shell
e approda fino ai progetti più recenti, (2000-2003), a project conceived with
tecnologicamente avanzati e attenti Philippe Parreno that takes avatar
all’ambiente. Tappa obbligata, gli anni AnnLee as its protagonist and involves 16
Cinquanta e Sessanta. Ovvero l’età artists. E.S.
dell’oro del design della plastica nelle
sue più diverse declinazioni che ha avuto
per protagoniste alcune delle icone del
Tokyo – Giappone/Japan
disegno moderno e contemporaneo: da Raymond Loewy.
Timo Sarpaneva a Eero Saarinen, da Yrjo Pioneer of Modern
Kukkapuro a Eero Aarnio. E.S.
The history of Finnish design seen Design
through the development and diffusion Fino a/Until 16.5.2004
of plastic – this is the unusual approach Tobacco & Salt Museum
taken by the Helsinki Design Museum, 1-16-8 Jinnan, Shibuya-ku
which hosts the exhibition “Made of T +81-3-3476-2041
Plastic.” The show covers a period www.jti.co.jp

8 domus Maggio May 2004 Maggio May 2004 domus 9


Fotografia di/Photography by Olivo Barbieri
Frankfürt
Germania/Germany
Art - A Child’s Play
9.5.2004 - 18.7.2004
Schirn Kunsthalle Frankfürt,
Römerberg
T +49-69-299882
www.schirn.de

L’arte moderna e contemporanea


proposta, spiegata e pensata per i
bambini. Su questo tema, affascinante
e delicato, si sono cimentati alcuni dei
più importanti artisti e designer del
nostro tempo. Charles e Ray Eames, per
esempio, nella loro lunga e prolifica
carriera produssero diversi film
destinati ai più piccoli, mentre Andy
Warhol nel 1983 allestì una mostra di
dipinti tutta a misura di bambino. È
incentrata sui loro esperimenti – 200
creazioni per una quarantina di artisti – grande meeting internazionale sulla

13
l’esposizione curata da Max Hollein, pace, lo sviluppo sostenibile e la diversità
direttore della Schirn Kunsthalle di culturale. Tre temi attorno ai quali si
Francoforte. In più, l’installazione snoda il programma di 24 esposizioni e
creata apposta per l’occasione da Tobias 45 incontri (nell’edificio del Fòrum di
Rehberger invita i visitatori a perdersi in Herzog & de Meuron) che ospiteranno,
un colorato bosco fatto di elastici tesi tra gli altri, Joseph Stiglitz, Mikhail
dal soffitto fino al pavimento. E.S. Gorbachev, Lula da Silva e José
Modern and contemporary art Saramago. “Habitar el mundo”,
presented, explained and thought about l’esposizione più ampia (4.277 metri
for children. This fascinating and delicate quadrati), curata dal biologo Ramon
The second edition of the Berlin subject has been examined by some of Folch, proverà a spiegare come rendere il
design week takes on a demanding the most important artists and designers nostro mondo più abitabile. Difende la Vienna – Austria
theme this year: explaining how the of our time. Charles and Ray Eames, for città come luogo della mescolanza The Dream of the
architectural landscape in Eastern example, produced many films for Manuel de Solà-Morales, curatore di
European countries changes with their children in their long and prolific career, “Ciudades-esquinas”, una mostra di Audience: Theresa Hak
official entry into the European Union. while Andy Warhol set up an exhibition 3.500 metri quadrati nel nuovo Centro de Kyung Cha
It is a chance and also the right moment in 1983 of child size paintings. The Convenciones Internacional di Josep Lluìs
to give recognition to a young exhibition curated by Max Hollein, Mateo. La rassegna più complessa si 13.5.2004-15.8.2004
generation of local designers, many of director of the Schirn Kunsthalle in intitola invece “Voces”. Obiettivo del Generali Foundation
who will be in Berlin to talk about their Frankfurt is centred on their experiments progettista, il newyorkese Ralph Wiedner Haupstrasse 15
careers. Alongside them will be some of – 200 creations by around 40 artists. In Appelbaum, è stato quello di rendere T +43-1-5049880
the most interesting European addition, an installation created specially visibile una cosa del tutto intangibile http://foundation.generali.at
designers, such as Guixé, Levy, for the occasion by Tobias Rehberger come la voce, nei 5.000 idiomi che
Aisslinger and Crasset. The ex- invites visitors to lose themselves inside a popolano il pianeta. E.S. Una persona si inginocchia come una sorta
Pfefferberg brewery will be the event’s coloured forest of elastic bands stretched When the ex-mayor of Barcelona, di martire spirituale, vestita
headquarters, which from 2005 will from ceiling to floor. E.S. Pasqual Maragall, launched the idea of completamente di bianco. Si benda
become the Vitra Design Museum’s new an international forum for the first accuratamente il viso con fasce in tessuto,
home. The setting is Prenzlauerberg, time, his main objective was to wake sempre dello stesso colore, ma dotate di
the eastern area north of
Barcelona the city from the lethargy that set in scritte come ‘Aveugle’, ‘Voix’. Così Theresa
Alexanderplatz, chosen more or less Spagna/Spain following the 1992 Olympics. Seven Hak Kyung Cha nel 1975 racconta la sua
spontaneously ten years ago by young Fòrum 2004 years later, this cyclopean project condizione di donna ed artista, divisa a
people, artists and those on the supported by UNESCO and its 186 metà tra la sua lontana terra d’origine (la
alternative scene on account of the low 9.5.2004 - 26.9.2004 member states, has finally become Korea, dove è nata nel 1951) e gli Stati
rents available. Around 100 events, T +34-902-242004 reality. From 9 May to 26 September, the Uniti, che l’hanno accolta con la sua
films and exhibitions are planned. E.S. www.barcelona2004.org 30-hectare area redesigned by some of famiglia a 13 anni. Curata da Constance
the most important international Lewallen e da Sabine Breitwasser, questa
Quando l’ex sindaco di Barcellona, architects will become the epicentre of a mostra rivela, per la prima volta in Europa,

9
Pasqual Maragall, lanciò per la prima huge international meeting on peace, il lavoro di un’autrice poco conosciuta in
volta l’idea di un forum internazionale, il sustainable development and cultural Occidente, che ha rappresentato, tra gli
suo principale obiettivo era risvegliare la diversity. A programme of 24 anni Sessanta e Settanta, un momento di
città dal letargo post-olimpico del 1992. A exhibitions and 45 conferences avanguardia nel campo dell’arte
distanza di sette anni, il ciclopico revolves around these 3 themes (in the concettuale. L.B.
progetto, che si avvale dell’appoggio Forum building by Herzog & de A person kneeling like a kind of
dell’UNESCO e dei suoi 186 stati membri, è Meuron), which among others will spiritual martyr dressed completely in
finalmente realtà. Dal 9 maggio al 26 include Joseph Stiglitz, Mikhail white. Carefully bandaging the face with
settembre, il recinto di 30 ettari Gorbachev, Lula da Silva and José strips of material, all the same colour but
ridisegnato dai più importanti architetti Saramago. “Habitar el mundo”, the with the words ‘Aveugle’ and ‘Voix’
internazionali sarà l’epicentro di un biggest exhibition (4,277 square written on them. This is how in 1975
metres), curated by biologist Ramon Theresa Hak Kyung Cha described her
Folch, attempts to explain how to make condition as a woman and artist, divided
Anche Domus è su e-flux/Domus on e-flux our world more liveable. The city as a between her far off country of origin
e-flux è un’associazione che opera via Internet, distribuendo informazioni place for mixing is defended by Manuel (Korea, where she was born in 1951) and
su mostre di arte contemporanea, pubblicazioni e convegni ai più de Solà-Morales, curator of “Ciudades- the United States where she has lived
importanti musei, biennali, centri culturali, fiere e riviste d'arte del mondo. esquinas”, an exhibition covering with her family for 13 years. Curated by
Ogni mese e-flux diffonde in anteprima i contenuti di Domus. 3,500 square metres in the new Centro Constance Lewallen and Sabine
www.e-flux.com de Convenciones Internacional Breitwasser, this exhibition reveals the
designed by Josep Lluìs Mateo. The work of an artist for the first time in
e-flux is an internet-based information bureau dedicated to world wide most complex exhibition is entitled Europe who is little known in the west
distribution of information about contemporary arts exhibitions, “Voces”.The aim of the protagonist, and who represented an avant-garde
publications and symposia for leading international museums, biennales, New Yorker Ralph Appelbaum, has been moment in the field of conceptual art in
cultural centers, art fairs and magazines. Each month, e-flux distributes to make visible something as intangible the 60s and 70s. L.B.
a preview of Domus’ contents. www.e-flux.com as the voice, in the 5,000 idioms that
populate the planet. E.S.

10 domus Maggio May 2004 Maggio May 2004 domus 11


Per gentile concessione/Courtesy MAXXI, Roma
attivamente negli anni Settanta Roma – Italia/Italy structure with a roof terrace extending

15
all’“American Indian Movement”. Il into the air like a wing. This is the new
corso di perfezionamento è aperto a 25 Alessandro Anselmi. council building designed by Alessandro
giovani artisti provenienti da tutto il Piano, superficie, Anselmi (photo, right). The MAXXI in
mondo ed è gratuito. Tra i Visiting Rome has dedicated an exhibition to this
Professor delle edizioni precedenti, si
progetto and previous projects carried out over a
ricordano Kosuth, Kaprow, Kabakov, Fino a/Until 16.5.2004 40-year career, and is curated by
Abramovic e Paolini. L.B. MAXXI, Museo nazionale delle arti Margherita Guccione and designed by
The tenth edition of the Corso del XXI secolo Anselmi himself. The architect from Rome
Superiore di Arte Visiva takes place in via Guido Reni 2 has returned the honour with the
Como, run by the Fondazione Antonio T +39-06-3202438 promise of donating his archive to the
Ratti. It is being directed by Annie Ratti www.maxximuseo.org museum. L.B.
Como – Italia/Italy and curated by Giacinto di Pietrantonio
Corso Superiore di Arte and Roberto Pinto, with visiting Periferia di Roma verso il mare, Fiumicino

17
professor Jimmie Durham. A poet, writer è metafora di cattiva gestione del
Visiva and visual artist, Durham actively territorio urbanizzato. A questa
1.7.2004-22.7.2004 participated in the 70s in the ‘American condizione di degrado si oppone, dotata
Scadenza iscrizione/Registration Indian Movement’. The course is open to di una forte presenza fisica, Fino a/Until 17.5.2004 contemporanea più prestigioso e ricco
deadline 15.5.2004 25 young artists from around the world un’architettura con un tetto terrazza, che MALBA, Avenida Figueroa Alcorta 3415 (20.000 sterline, 28.000 euro circa)
Fondazione Antonio Ratti and is free. Visiting professors from si protende nel vuoto come un’ala: il T +54-11-48086500 dell’intero Regno Unito. Dalle proteste
Lungo Lario Trento, 9 previous years include Kosuth, Kaprow, nuovo municipio cittadino, opera di www.malba.org.ar più ‘soft’ degli inizi (nel 1984, il primo
T +39-031-233211 Kabakov, Abramovic, Paolini. L.B. Alessandro Anselmi (a destra). A questa e vincitore Malcolm Morley fu accusato di
F +39-031-233249 alle realizzazioni precedenti, che hanno Da Milano a Buenos Aires, passando per non essere il candidato ideale poiché
fondazioneratti@libero.it puntualizzato quarant’anni di carriera, il Gerusalemme (sua sede definitiva dopo residente da 25 anni negli Stati Uniti), si
MAXXI di Roma dedica una mostra curata la donazione del 1998), quest’unico è passati agli ‘scandali’ legati ai
Buenos Aires

16
Appuntamento a Como per la decima da Margherita Guccione ed allestita dallo coacervo di arte surreale e Dada, riunito a provocatori artisti degli ultimi anni.
edizione del Corso Superiore di Arte stesso Anselmi. Un onore che l’architetto Argentina partire dagli anni Cinquanta dal Come i fratelli Jake e Dinos Chapman,
Visiva, indetto per iniziativa della romano ha contraccambiato con la collezionista milanese Arturo Schwarz, è favoriti della scorsa edizione,
Fondazione Antonio Ratti. Diretto da promessa di donare al museo capitolino
Soñando con los ojos oggetto di una mostra presso il MALBA appassionati di oggetti sadici e crudeli o,
Annie Ratti e curato da Giacinto di il proprio archivio. L.B. abiertos. (Museo de Arte Latinoamericano de ancora, il vincitore Grayson Perry che,
Pietrantonio e Roberto Pinto, il Corso On the outskirts of Rome towards the Dada y surrealismo en la Buenos Aires). Questa istituzione è nata nelle sue ceramiche, nasconde oscenità
ospita come Visiting Professor Jimmie sea, Fiumicino is a metaphor for poor per iniziativa di un altro collezionista e scene di abusi su bambini. Le opere dei
Durham. Poeta, scrittore ed artista land management. Set against this decay colección de Vera y privato, Eduardo Costantini, che nel 1996 finalisti saranno in mostra alla Tate dal
visivo, Durham ha partecipato is the strong physical presence of a Arturo Schwarz decise di costruire un museo aperto alla 20 ottobre al 23 gennaio. E.S.
comunità per conservare ed esibire la sua On 18 May when the names of the
raccolta d’arte moderna. E di indire un finalists are announced, there will
London – Gran Bretagna/Great Britain swinging. Sognare è (quasi) lecito. Perfino il vice primo ministro britannico, John concorso internazionale di architettura, doubtlessly be some controversy. It has
Archigram ha vinto. Ma dov’è finita l’energia? Prescott, pur contestato verbalmente, blatera di capsule e strutture prefabbricate che aggiudicò il primo premio agli autori always been the case with the Turner
in perfetto ‘archigrammese’. Oggi, i protetti di Archigram come Will Alsop e Futu- materiali del progetto poi realizzato: Prize, the UK’s most prestigious and
Archigram won. But what happened to the groove? re Systems rappresentano il nuovo establishment e le loro forme informi si mol- Gastón Atelman, Martín Fourcade e valuable award for contemporary art,
tiplicano instancabilmente – anche se non camminano, non ancora – come ver- Alfredo Tapia. L.B. worth 20,000 pounds. This can be seen
A dir la verità, mi aspettavo più cravatte pacchiane, e magari un sit-in. Invece sioni tridimensionali e meramente statiche di un fumetto. E la camaleontica fac- From Milan to Buenos Aires, via from the gentler protests at its outset
niente: la festa per l’inaugurazione della mostra su Archigram al Design Museum ciata della Kunsthaus di Graz, firmata da Peter Cook e Colin Fournier, avanza con Jerusalem (its definitive headquarters (the first winner in 1984, Malcolm
di Londra, spazio immacolato, agli antipodi dello stile Archigram, si è tradotta in passo traballante verso la realizzazione del sogno. after the donation in 1998), this unique Morley, was accused of not being an
una rivisitazione incolore degli anni Sessanta, tutta biglietti da visita, baci e ba- Tuttavia, per quanto eccitante possa essere far conoscenza con le fantasticherie di collection of Dadaist and Surrealist art, ideal candidate because he had been
cini e poi via, a letto presto. Citazione tristemente priva, oltretutto, di elementi Archigram, la mostra arriva con trent’anni di ritardo. Si tratta della tipica cele- brought together since the 50s by living in the US for 25 years) to the
sul genere Austin Powers. Di questi tempi, del resto, i sopravvissuti di quella de- brazione acritica e auto-curata che avrebbe dovuto segnare il divorzio di Archi- Milanese collector Arturo Schwarz, is the ‘scandals’ of recent years (such as the
cade vanno su di giri non più ingoiando acidi, ma trangugiando ostriche e cham- gram nel 1974. A trent’anni di distanza, i supereroi superstiti si sono dati battaglia subject of an exhibition at MALBA (Museo brothers Jake and Dinos Chapman,
pagnini – il tutto rigorosamente non oltre la mezzanotte. Esattamente quello che per scrivere l’epitaffio del gruppo: Cook, il più rumoroso, e Crompton, detentore de Arte Latinoamericano de Buenos favourites in the last edition, who are
facevano quei borghesi dei loro genitori. Ehi, ragazzi, dov’è finita quell’‘energia’? dell’archivio, ne sono usciti vincitori. Per questo, ciò che ci viene servito è la lo- Aires). This institution was in turn set up into sadistic and cruel objects, or winner
Non eravamo d’accordo che finisse così. ro versione di Archigram, quella divertente e apolitica: in questa mostra, gli an- on the initiative of another private Grayson Perry whose ceramics hide
Quarant’anni fa, i sedicenti supereroi della Amazing Archigram – Warren Chalk, ni Sessanta non sono la decade del Vietnam, ma un periodo di irrefrenabile ot- collector, Eduardo Costantini, who in obscenities and scenes of child abuse).
Peter Cook, Dennis Crompton, David Greene, Ron Herron, Mike Webb, ognuno dei timismo, dove “Love is all you need”. La versione Archigram più controllata e 1996 decided to build a museum open to The finalists’ work will be on show at the
quali dotato di speciali poteri – piombarono sulla scena a salvarci dall’utilitari- marxista di, per dire, David Greene, è stata scagliata nella stratosfera per lasciar the community to preserve and exhibit Tate from 20 October to 23 January. E.S.
smo gretto e affarista, dal rincasare di spazio all’interpretazione fornita da Cook, his collection of modern art. An
buon’ora e dal calcestruzzo brutalista. Ci che rivendica al gruppo la capacità di “e- international architectural competition
promisero la libertà. Le loro colorate, fanta- stendere il vocabolario dell’architettura”. was also announced, and the first prize

20
scientifiche città e le loro architetture che Vergognoso, eppure in qualche modo ap- was given to the design subsequently
camminano, le loro ambientazioni interat- propriato perché, anche fuori dalle pareti built by Gastón Atelman, Martín Fourcade
tive, come estensioni bioniche del nostro della galleria, ad affermarsi è stato l’Archi- and Alfredo Tapia. L.B.
corpo, erano “un nuovo vernacolare”, so- gram politicamente conservatore e formal-
stenevano i nostri, “capace di accompa- mente radicale.

18
gnarsi alle capsule spaziali, ai computer e Come Superstudio, Archigram sognava un
alle confezioni usa e getta dell’era atomi- ambiente che “liberasse l’individuo”, la-
ca/elettronica”. Com’è ovvio, nessuno è sciandosi assorbire dentro di noi – soggetto
stato in grado di costruire città semoventi. e oggetto, uomo e macchina uniti, così che
Non ancora, almeno. Così, finché poterono, l’architettura fisica si dissolvesse in un’e-
la sera dopo il lavoro, gli Archigram produssero riviste come Archigram - The Ar- sperienza eterea. Ma, in modo del tutto diverso rispetto a contemporanei meno Kassel
chitecture Telegram – zeppe di fantasticherie fosforescenti. Un giorno, tuttavia, versati nelle pubbliche relazioni come Cedric Price, oltre che a ogni modernista a
i loro sogni si sarebbero avverati. partire da Pugin e Ruskin, Archigram ha comodamente omesso la critica dei mez-
Germania/Germany
Visitare la mostra è come addentrarsi nelle pagine di Archigram, riempite fino ai zi attraverso i quali realizzare tale visione. E mentre altri sovvertivano l’emergen- Marjetica Potrc: Kassel
bordi di ipotesi hi-tech che nessuno ha ancora capito come realizzare, eppure re- te capitalismo consumista, Archigram lo celebrava: venne a patti col gaglioffo e, Project
Per gentile concessione/Courtesy Design Museum, Londra

se in modo convincente, acuto, lo-tech, proprio come il lavoro di taglia-e-incol- aggirando il disincanto del Sessantotto che abbatté i suoi contemporanei politi-
la della rivista stessa. I pannelli di compensato degli sfondi sono tappezzati di fu- camente radicali, rese il lavoro dell’architetto molto più semplice. Dopodiché, non
London - Gran 20.5.2004 - 19.9.2004
metti ed immagini trendy, proprio come la stanza di uno studente. Anzi, ecco che ha fatto altro che aspettare che il mercato vi si adattasse. E così è stato. Bretagna/Great Britain Kunst Halle Fridericianum Friedrichsplatz
quest’ultima compare veramente, in un rifacimento dello studio Archigram di Co- Quarant’anni fa, quando la nostra spettacolare economia cominciava a emerge- 18
vent Garden nei primi anni Settanta, quando il gruppo era semifamoso. L’apice re, il progetto di Archigram per un mondo depoliticizzato e trippy-hippy, super-
Turner Prize 2004 T +49-561-707270
dell’hi-tech è raggiunto da Arena, spettacolo di suoni e luci che funge da evo- ficialmente decadente, pareva trovarsi a distanze siderali. Ora l’economia poli- Finalisti/Shortlist www.fridericianum-kassel.de
cazione stenografica degli anni Sessanta. tica di ogni città occidentale, e certamente quella della nuova swinging London, Tate Modern, Bankside www.potrc.org
In teoria, la mostra è organizzata con tempismo perfetto. Archigram si sgretolò nel è al passo, con edifici dettati dalla forma, monouso, radicali nell’apparenza, ma T +44-20-78878000
1974, quando la crisi petrolifera bruciò tutto il combustibile che alimentava i lo- certo non nei programmi e nella linea politica. Archigram ha vinto. Un dettaglio, www.tate.org.uk/turnerprize L’interesse per la città contemporanea,
ro tecno-sogni. In seguito, i nostri supereroi hanno trascorso gli anni Ottanta e però, non si è ancora avverato: la “liberazione dell’individuo”. In questi tempi per le sue forme e, soprattutto, le sue
Novanta imboscati nell’ambiente accademico, aspettando che il mondo si met- così pratici tutto pare ridotto a biglietti da visita, baci e bacetti e tutti a letto pre- Quando il 18 maggio saranno annunciati deformazioni, è il nocciolo del lavoro di
tesse al passo. Cosa che, lentamente, sembra essere accaduta. La mostra, inve- sto. Ehi, ragazzi, dov’è finita quell’‘energia’? i nomi dei finalisti, con ogni probabilità Marjetica Potrc. Che, dal 1996, si è
ce, ha girato le gallerie del globo per una decina d’anni e il suo atteso ritorno a Tom Dyckhoff scrive di architettura e design su The Times non mancheranno le polemiche. Una addentrata tra le periferie delle
casa sembra provare che, almeno in superficie, l’Inghilterra è ancora una volta di Londra e insegna Storia e Teoria dell’architettura alla Bartlett University costante che, da sempre, accompagna il megalopoli di mezzo mondo,
Turner Prize, il premio d’arte documentando le più incredibili forme

12 domus Maggio May 2004 Maggio May 2004 domus 13


di architettura spontanea. Ma anche Prize in 2000. “Take shantytowns for Undici piani collegati da una struttura a according to estimates should attract biciclette, orologi e utensili da cucina.

27
cogliendone l’affascinante e particolare example. I think they’re beautiful. nido d’ape in acciaio e vetro, sale up to 8,000 visitors per day, double E, ancora, un Falcon jet, una concept
‘bellezza’. “Ho letto da qualche parte Growing up outside any control or inondate di luce naturale e massima that of the old building. car per la Ford e un rivoluzionario
che il 98 % del costruito non viene planning, they seem to mirror the ideals attenzione alla sostenibilità. Alla Inside are works of art by Gary Hill, Ann sedile/letto per la business class delle
nemmeno toccato dagli architetti”, of non-governmental organisations.” At Central Library, disegnata da OMA nel Hamilton and Tony Oursler, while linee aeree Qantas.
dichiarava l’artista slovena, vincitrice Kassel, Potrc presents the last act of a centro di Seattle, è finalmente tutto landscape and interior designer Petra “Le cose che mi hanno sempre spinto a
dell’Hugo Boss Prize nel 2000, “Prendete trilogy dedicated to the Balkans and a pronto per l’inaugurazione ufficiale, Blaisse has created the outdoor and the lavorare come designer “, ha
per esempio le ‘shantytowns’. Penso che new piece conceived specially for the fissata per il 23 maggio. interior setting. E.S. dichiarato, “sono la rabbia per la
siano bellissime. Crescendo al di fuori di German city. E.S. Costata 165 milioni di dollari, la miriade di oggetti disgustosi che mi
ogni controllo o pianificazione, biblioteca ospiterà 1,4 milioni di volumi circonda e la voglia di migliorare un
Groningen

23
sembrano lo specchio degli ideali delle e secondo le previsioni dovrebbe po’ la situazione”. E.S.
organizzazioni non governative”. A attirare fino a 8.000 visitatori al giorno, Olanda/The Netherlands Just back from his latest project, a
Potsdam
Kassel, Potrc presenta l’ultimo atto della il doppio quindi rispetto alla vecchia concept jet developed for the
sua trilogia dedicata ai Balcani e un struttura. Al suo interno, opere d’arte Marc Newson Fondation Cartier (Domus n. 867), Germania/Germany
nuovo lavoro pensato apposta per la contemporanea per mano di Gary Hill, 23.5.2004 - 5.9.2004 Australian designer Marc Newson (born
città tedesca. E.S. Ann Hamilton e Tony Oursler; la Groninger Museum in Sydney in 1963) features in a new On Both Sides of the
An interest in the contemporary city, progettazione del paesaggio e gli Museumeiland 1 exhibition at the Groninger Museum in Wall. Preserving
in terms of its forms and in particular its interni sono stati curati dalla T +31-50-3666555 Holland. On show is a wide collection
deformations, is at the centre of progettista olandese Petra Blaisse. E.S. www.groninger-museum.nl that illustrates his eclectic career as a
Monuments and Sites of
Marjetica Potrc’s work. Since 1996 she Eleven storeys connected by a designer: furniture, lamps, bicycles, the Cold War Era
has been travelling the outskirts of major honeycomb structure in steel and glass, Reduce dall’ultima fatica, un concept watches and kitchen utensils, and also Cecilienhof Palace
cities around the world, documenting halls flooded with natural light and jet sviluppato per la Fondation Cartier a Falcon jet, a concept car for Ford and www.tu-cottbus.de/coldwar
the most incredible forms of Seattle – U.S.A. maximum attention given to (Domus n. 867), l’australiano Marc a revolutionary seat/bed for Quantas
spontaneous architecture, managing to sustainability. At the central library, Newson (nato a Sydney nel 1963) è il Airline’s business class. “The thing that Il Simposio Internazionale di Potsdam
capture their fascinating and particular
Seattle Central designed by OMA in the centre of protagonista di una nuova esposizione has always driven me as a designer,” intende analizzare il ruolo del Muro di
‘beauty.’ “I read somewhere that 98 Library Seattle, everything is ready for the a lui dedicata dall’olandese Groninger he says, “is feeling pissed off by the Berlino come metafora architettonica
percent of what is built is not even Inaugurazione/Opening 23.5.2004 official opening set for 23 May. Museum. In mostra, troviamo shitty stuff around me and wanting to della cosiddetta “Guerra Fredda”. In
touched by architects,” stated the 1000 Fourth Ave The library cost 165 million dollars and un’ampia rassegna della sua eclettica make it better.” E.S. particolare, sulla base di
Slovenian artist, winner of the Hugo Boss www.spl.org will hold 1.4 million books, and carriera di designer: mobili, lampade, un’approfondita e critica analisi di
questa struttura – sia edilizia che

26
simbolica - il convegno vuole
Frankly, I expected more kipper ties. Maybe a sit-in. But no. The party open- raggiungere una più completa
ing the Archigram exhibition at London’s bleached-white, thoroughly un-Archi- consapevolezza della diversità
gram Design Museum was a particularly noughties take on the 60s, all business concettuale dei monumenti realizzati
cards, air kissing and early nights, sadly lacking in Austin Powers period details. in quel periodo, sia nei paesi
The decade’s survivors get their kicks these days not from dropping acid, but oys- dell’Alleanza Atlantica che in quelli del
ters and champers till midnight. Just like their bourgeois parents did. What hap- patto di Varsavia. L.B.
pened to the groove, man? It wasn’t meant to be like this. The Potsdam International
Forty years ago, self-styled superheroes, “Amazing Archigram” – Warren Chalk, Pe- Symposium intends to analyse the role
ter Cook, Dennis Crompton, David Greene, Ron Herron, Mike Webb, each with their of the Berlin Wall as an architectural
own superpower – arrived on the scene to save us from super-villainous utilitar- metaphor for the “Cold War.”
ianism, early nights and Brutalist concrete. They promised us freedom. Their Paris - Francia/France In particular, based on an in-depth
colourful sci-fi cities and walking buildings, their responsive environments, like analysis of this symbolic structure, the
bionic extensions of your body, were “a new vernacular”, they said, “to stand
Walid Ra’ad conference hopes to reach a greater
alongside the space capsules, computers and throw-away packages of the atom- My Neck Is Thinner awareness of the conceptual diversity of
ic/electronic age.” Of course no one could actually ‘make’ walking cities. Not yet. than A Hair monuments built in this period, both in
So until they could, Archigram made magazines – Archigram, The Architecture tic, 3D versions of the comic book. The chameleon-like media façade on Peter Cook the countries belonging to the NATO and
Telegram – in the evenings after their day jobs, filled with Day-Glo fantasies. Their and Colin Fournier’s Kunsthaus art gallery in Graz, Austria, stutters closer towards 26.5.2004-27.5.2004 those of the Warsaw Pact. L.B.
dreams would come true, some day. Walk into the exhibition and you walk into realising the dream. Centre Pompidou
Archigram’s pages, stuffed to the margins with hi-tech possibilities we’re still fig- But thrilling as it is to experience Archigram’s fantasies, this particular exhibition rue Beaubourg
uring out how to build – but rendered endearingly, pointedly, lo-tech, just like is 30 years too late. It’s the kind of self-curated, uncritical celebration that should T +33-01-44781233

28
the cut-and-paste magazine itself. Plywood scenery is plastered, like a student have marked Archigram’s split in 1974. Thirty years on, the surviving superheroes www.centrepompidou.fr
digs, with cartoons and groovy images. There’s the student dig itself, a recreation have fought to write the group’s epitaph. Cook, the loudest, and Crompton, with www.theatlasgroup.org
of Archigram’s Covent Garden office in the early 70s, when they made it biggish. the archive, won. So we get their Archigram: funfilled and apolitical. The 1960s in
The highest-tech it gets is Archigram’s son-et-lumiere-et-beanbags show, Arena, this show is not the decade of Vietnam, but one of unerring hippy optimism, Tra i pochi ad avere studiato a fondo il
recreating the 60s in shorthand. where love is all you need. The quieter Marx-reading Archigram of, say, David conflitto che per 16 anni ha straziato il
In theory, the show is perfectly timed. Archigram crumbled in 1974, when the oil Greene, has been blasted into the stratosphere in favour of Cook’s take on Archi- Libano c’era lo storico Fadl Fakhouri
crisis burnt up all the fuel for techno-dreams. The superheroes spent the conserv- gram’s legacy, “extending the vocabulary of architecture.” A shame. But appro- attraverso appunti, film e fotografie;
ative 80s and 90s lurking in academia, waiting for the world to catch up. And, priate. Because it’s the politically conservative, formally radical Archigram that has catalogando perfino il tipo di auto
slowly, it has. This show has circled the world’s galleries for a decade. The fact that won outside the gallery walls, too. usate come bombe a Beirut tra il 1975 e
it’s finally come home is proof that, superficially, Britain is ‘swinging’ again. Like Superstudio, Archigram dreamed about a material environment that “freed il 1981. A raccogliere la sua eredità ci
Dreaming is (almost) permitted. Even Britain’s verbally challenged deputy prime the individual,” by being absorbed into us - subject and object, man, machine, u- sta provando Walid Ra’ad, artista London – Gran
minister, John Prescott, babbles in Archigram language about pods and prefabs. nited, so that physical architecture dissolved into ethereal experience. Unlike libanese nato nel 1967 che, insieme al
Archigram’s proteges, like Will Alsop and Future Systems, are the new establish- them, less PR-savvy contemporaries like Cedric Price, and every modernist since suo Atlas Group, cerca di dare corpo
Bretagna/Great Britain
ment, their blobs endlessly replicating, though not walking – yet – as merely sta- Pugin and Ruskin conveniently omitted critiquing the means with which to do this. alle possibili rappresentazioni di un The Other Flower Show
While others subverted emerging consumer capitalism, Archigram celebrated it. paese in guerra con l’obiettivo di non Ten artists. Ten sheds
Per gentile concessione/Courtesy Design Museum, Londra

They did a deal with the super-villain. That made the architect’s job so much eas- dimenticare la storia recente del suo
ier, bypassing the disillusionment of 1968 that felled their politically radical con- paese. A Parigi Walid presenta My Neck 28.5.2004-11.7.2004
temporaries. They just waited for the market to catch up. And so it has. Is Thinner Than A Hair, primo ‘capitolo’ Victoria and Albert Museum
Forty years ago, when our spectacular economy was just emerging, Archigram’s della sua lunga ricerca. E.S. Cromwell Road
blueprint for the depoliticised trippy-hippy, superficially decadent techno-world Among the few to have T +44-20-79422503
was far out. Now the political economy of every western city, certainly newly meticulously studied the conflict that www.vam.ac.uk
swinging London, has caught up, with throwaway, form-driven buildings that are tore apart Lebanon was historian Fadl
radical in image, but not programme or politics. They won. Only one thing didn’t Fakhouri with notes, films and L’arte del giardinaggio in Gran Bretagna
come true: the “freeing the individual” bit. It’s all business cards, air kissing and photographs, listing even the kind of non è esclusivo dominio di eleganti
early nights, these utilitarian days. What happened to the groove, man? cars used as bombs in Beirut between signore armate di cesoie e cappellini
Tom Dyckhoff is architecture and design critic of 1975 and 1981. color panna: un gruppo di artisti e
The Times, London, and teaches architectural history and theory at the Bartlett Lebanese artist Walid Ra’ad, born in designer (Tracey Emin, Tord Boontje,
1967, in conjunction with the Atlas Heather Barnett, Martin Ware in coppia
Group is attempting to bring together con Vince Clarke, F.A.T., Craig Wood con
this work. He is seeking to establish the Chris Taylor, Graham Fagen, Nilu Izadi e
Archigram possible representations of a country Andreas Oehlert) trasformerà, infatti, i
Fino a/Until 4.7.2004 at war with the aim of not forgetting giardini del Victoria & Albert Museum di
Design Museum London, Shad Thames the recent history of his country. In Londra in un lussureggiante paesaggio
T +44-870-833 9955 Paris, Walid presents My Neck Is di luci, suoni ed immagini video.
www.designmuseum.org.uk Thinner Than A Hair, the first ‘chapter’ Nel giorno dell’inaugurazione, il 28
of a long study. E.S. maggio, i cancelli del museo resteranno

14 domus Maggio May 2004 Maggio May 2004 domus 15


aperti fino a notte inoltrata. L.B. Barnett, Martin Ware working with Lorna Simpson, Montserrat Soto, Beat
Santiago de Compostela

Per gentile concessione/Courtesy Centro Galego de Arte Contemporanea, Santiago de Compostela


Fotografia di/Photography by Gabriele Basilico
The art of gardening in the United Vince Clarke, F.A.T., Craig Wood with Streuli e Peter Wüthrich ricreano così,
Kingdom is not the exclusive domain of Chris Taylor, Graham Fagen, Nilu Izadi Spagna/Spain attraverso i loro strumenti espressivi,
elegant ladies armed with pruning and Andreas Oehlert) will be 10 artists on Compostela “la fisionomia – spirituale,
shears and wearing cream coloured transforming the gardens at London’s sentimentale e addirittura caratteriale
hats. A group of artists and designers Victoria & Albert Museum into a Centro Galego de Arte – del paesaggio umano”. In un contesto
(Tracey Emin, Tord Boontje, Heather luxurious landscape of lights, sounds Contemporánea dove l’architettura storica convive
and video images. Valle Inclán s/n accanto alla presenza del moderno:
Courtesy Victoria & Albert Museum, Londra

On the opening day, 28 May, the gates T. +34-981-546619 come la stessa sede del CGAC, costruita
of the museum will stay open until well www.cgac.org da Alvaro Siza tra il 1988 e il 1993 a
into the night. L.B. fianco del Convento di San Domingo de
Si può catturare l’anima di una città in Bonaval. L.B.
un manufatto artistico? Dieci artisti che Can you capture a city spirit in a
esercitano l’arte della fotografia e del work of art? Ten artists that work with

30
video sono stati invitati dal Centro photography and video have been
Galego de Arte Contemporánea di invited by the Centro Galego de Arte
Santiago de Compostela a rivelare la Contemporánea in Santiago de
natura più nascosta di questo Compostela to reveal the hidden
antichissimo centro urbano, patrimonio character of this ancient urban centre,
mondiale dell’UNESCO. an UNESCO heritage site. Lars Arrhenius,
Lars Arrhenius, Gabriele Basilico Gabriele Basilico (right), Roland Fischer,
(destra), Roland Fischer, Günther Förg, Günther Förg, Rubén Ramos Balsa,
Rubén Ramos Balsa, Humberto Rivas, Humberto Rivas, Lorna Simpson,

Saint-Etienne – Francia/France Thomas Boutoux, critico d’arte, abita a Parigi


In the penultimate chapter of The Return of the Re-
L’artista contemporaneo come etnografo al (1995), titled “The Artist as Ethnographer”, the Ameri-
The modern artist as ethnographer can critic Hal Foster analysed in the art produced since
the mid-1970s what he coined an “ethnographic turn” or
Nel penultimo capitolo di The Return of the Real (1995), intitolato “L’artista come an “anthropological turn” in contemporary art. Since
etnografo”, il critico americano Hal Foster faceva notare che l’arte contemporanea then, a large number of group exhibitions have picked
prodotta a partire dalla metà degli anni Settanta aveva preso una piega etnogra- up on that intuition and have attempted to explore the
fica o antropologica. Da allora molte mostre si sono ispirate a questa intuizione, effective intersections, the crossing of lines between the Montserrat Soto, Beat Streuli and Peter London – Gran
tentando di esplorare collegamenti e connessioni reali fra arte e antropologia. practices of artists on the one hand and those of anthro- Wüthrich as such recreate “the
Col passare del tempo l’interpretazione da parte dei curatori di questo ambito si pologists on the other. As a result, two conceptions of physiognomy – spiritual, emotional and Bretagna/Great Britain
è sempre più concentrata su due concetti: schematicamente, il primo – a mini- anthropology by curators have steadily emerged. Accord- even character – of the human London Architecture
ma – considera antropologica ogni osservazione fatta da un artista, sia essa re- ing to the first conception — a conception a minima —, all observation by an artist landscape” through the use of various
lativa alla semplice realtà, al banale e al quotidiano. Il secondo – a maxima – of the ordinariness of reality, of banality and of everyday life is qualified as an- media. This takes place in a context
Biennale
considera invece gli artisti dei testimoni attenti, in grado di analizzare corretta- thropological. In the second one — a conception a maxima — contemporary artists where historic architecture lives 19.6.2004-28.6.2004
mente le trasformazioni macro-sociali, indotte da fenomeni quali la globalizza- are seen as expert witnesses and skilful analysts of the macro-social transforma- alongside the modern, such as the CGAC The Farmiloes Building, Saint John
zione e l’incrocio di razze nel mondo. tions induced by the phenomena of globalisation or creolisation of the world. building itself realised by Alvaro Siza Street, Clerkenwell
Queste due idee e il loro impiego nell’antropologia offrono il fianco a molte critiche, These two conceptions and ways of instrumentalising anthropology are certainly between 1988 and 1993 next to the www.londonbiennale.org.uk
in quanto limitano troppo gli interrogativi e la posta reale in gioco. Con l’esposi- contestable, since they are particularly reductive, if not completely wrong, vis-à- Convent of San Domingo de Bonaval. L.B.
zione “Settlements” Lorand Hegyi si era prefisso così di concentrare l’analisi su co- vis its contemporary interrogations and real stakes. Thus curator Lorand Hegyi, in Una biennale per celebrare Londra
me gli individui – rappresentati dai vari artisti – “si appropriano dei luoghi” e “a- proposing through the exhibition “Settlements” to focus on the practices of “ap- come palcoscenico urbano del
bitano il mondo, creandosi contesti propri”. Voleva essere un contributo ad una ri- propriating places” and “inhabiting the world while creating one’s own contexts
Marseille panorama contemporaneo
flessione più vicina all’attuale antropologia, che ha come obiettivo primario lo stu- within it,” seemed fit to contribute reflections on a wavelength closer to the pro- Francia/France dell’architettura: è quanto si
dio di quei popoli caratterizzati da un lungo isolamento geografico o da un enclave duction of today’s anthropology, which seeks primarily to track down, among pop- Chine, le corps partout? propongono i curatori di questa
politico. Presso queste popolazioni si sono e si stanno verificando conflitti e riap- ulations that have long been characterised by their geographical isolation or po- manifestazione, che si terrà ogni anno
propriazioni causate da un loro repentino ingresso in litical enclosure, any manifestations of conflicts and reappropriations sparked by Fino a/Until 30.5.2004 in una zona diversa della città.
nuovi circuiti economici e culturali globali. their abrupt entry into the new economic and cultural circuits of today. MAC, Musée d’Art Contemporain Per l’edizione 2004, il presidente della
Gli artisti di “Settlements”, scrive Hegyi nella sua in- The artists of “Settlements,” writes Hegyi in his introduction, “survey situations as Avenue d’Haifa 69 London Architecture Biennale, Peter
troduzione, “analizzano le situazioni come antropolo- anthropologists, by reconstructing models of communication and the organisation T +33-4-91250107 Murray, ha scelto il quartiere di
gi, ricostituendo i modelli di comunicazione, l’orga- of different spheres of activity, and endeavouring to understand their underlying Clerkenwell, il cui centro nevralgico
nizzazione dei vari settori d’attività e cercando di ca- attitude or again to widen them in a utopian way.” 24 artists from Europe, Africa, Le melodie di Geometry of Love, sarà il Farmiloes Building. Qui saranno
pirne l’implicito atteggiamento o di dilatarlo in modo Latin America and Asia thus presented a collection of works recreating or docu- composizione del musicista francese ospitati incontri, mostre, dibattiti,
utopistico”. I 24 artisti coinvolti, originari d’Europa, A- menting “living and ephemeral micro-societies, new contexts and sensitive net- Jean-Michel Jarre, si addensano nelle proiezioni video, seminari e tutta una
frica, America Latina o Asia, presentavano una serie di works.” However, while the rigorous scope and framework of the exhibition thus stanze del MAC di Marsiglia, dove è serie di eventi vari (anche un pic-nic!).
opere ricreando o documentando delle “micro-società defined sounded very promising, the project’s realisation quickly dispelled that allestita, per mano di Henri Perier, la Appuntamento, ad esempio, il 22
vive ed effimere, dei nuovi contesti e dei circuiti sen- favourable impression. To start with, the extraordinary formal mixture of works mostra “Chine, le corps partout?”. giugno alle ore 18.30 con Zaha Hadid
sibili”. Nonostante l’esposizione fosse molto promet- shown considerably obscured the curator’s aims. Thrown higgledy-piggledy into Trentanove autori, provenienti dalle più per la “Pritzker Prize Lecture”.
Per gentile concessione/Courtesy Saint-Etienne Métropole

tente, vista la posta in gioco, e la presentazione fosse the exhibition were scale models (Daniel Chust Peter, Julien Opie); representations svariate regioni della Cina O il 26 giugno per affrontare, nella
precisa e rigorosa, la realizzazione del progetto ha sciupato presto questa buona of territories in two dimensions (such as a map of the world by Luigi de Simone, or contemporanea, raccontano attraverso tavola rotonda moderata da Mark
partenza. a garden of Eden in the shape of a wallpaper cut by Fabrice Langlade; or the drawn una gamma molteplice di strumenti Lawson, una spinosa e delicata
Innanzi tutto la grande eterogeneità formale dei lavori presentati ha oscurato no- contours of a series of islands invented by Sabrina Mezzaqui); reports of imaginary espressivi il loro essere artisti nell’era questione: qual’è il contributo del
tevolmente i desiderata del curatore: nell’allestimento erano mischiati insieme or real places (photographs by Danica Dakic, films by Kim Sooja or Javier Tellez); post-maoista. Selezionati dal curatore Principe Carlo nel mondo
plastici (di Daniel Chust Peter e Julien Opie), rappresentazioni bidimensionali del and installations that one could divide into two categories: the first group could be per aver “operato nell’estetica del loro dell’architettura? L.B.
territorio (un atlante di Luigi de Simone, un giardino dell’Eden su carta colorata e described as “installations to be seen” and included a floor installation by Polly paese una vera e propria rivoluzione”, A biennale to celebrate London as
tagliata, di Fabrice Langlade, poi i contorni disegnati di varie isole, inventate da Apfelbaum and a cotton wool installation by Barthelemy Toguo; the second group operano come moderni sismografi, an urban stage in one of the most
Sabrina Mezzaqui), la ‘documentazione’ di luoghi immaginari o reali (fotografie di was made of environments through which viewers could move around and in- presentando a Marsiglia opere stimulating contemporary panoramas
Danica Dakic, film di Kim Sooja e di Javier Tellez) e delle installazioni (da un lato, le teract with (installations by Eva Marisaldi or Annie Ratti). Apart from the fact that recentissime e, per la maggior parte, – this is what the curators of the event,
“installazioni da vedere”, come quella di Polly Apfelbaum a pavimento, o quella the exhibition’s purpose was indisputably best exemplified in the latter type of inedite in Francia. L.B. held each year in a different part of the
lanuginosa di Barthelemy Toguo; e, dall’altro, spazi dove penetrare – opere di E- work, the bulk of the exhibits often seemed only remotely connected to the con- The tunes of Geometry of Love, a city, are proposing. For the 2004
va Marisaldi e Annie Ratti). Non c’è dubbio che quest’ultimo coacervo di lavori ri- cept of ‘settlement’ and of residence defined by the curator. Instead, their com- composition by French musician Jean- edition, the president of the London
fletteva meglio lo spirito dell’esposizione: spesso la maggior parte delle opere mon denominator was a vaguely general “relation” to space or territory. Further- Michel Jarre fill the rooms at the MAC in Architecture Biennale, Peter Murray,
sembrava invece essere lontana dai concetti di ‘settlements’ (insediamenti) e di more, the exhibition’s traditionally museological context – the series of white Marseilles where Henri Perier has set has chosen the Clerkenwell area, the
stanzialità, come era nel progetto curatoriale. Il loro comune denominatore era cubes in the Musée d’Art Moderne de Saint-Etienne – tended very much to freeze up the exhibition “Chine, le corps nerve centre of which will be the
piuttosto da ricercare in un rapporto vago e generico con lo spazio o il territorio. the socialising dimension of the works selected, a contradiction, which Hegyi had partout?”. Thirty-nine artists from all Farmiloes Building.
D’altro canto, poiché la mostra era ospitata da un contesto classicamente musea- got round perfectly at the “Solares,” an outdoor exhibition he organised in Valen- over China use a range of devices to Here meetings, exhibitions, debates,
le – nella serie dei ‘white cubes’ del Museo di Arte Moderna di Saint-Etienne – cia for the city's second contemporary art biennial last summer and which already express their artistic selves in post- films, seminars and other events will
tendeva fortemente a congelare la dimensione sociale delle opere scelte. Una con- included many of the same artists to be found in “Settlements.” Mao times. Chosen by the curator for take place (also a picnic!). On 22 June
traddizione che l’estate scorsa, in occasione della seconda biennale d’arte con- Thomas Boutoux is an art critic based in Paris having “carried out a real aesthetic at 18.30, Zaha Hadid will give the
temporanea di Valencia, Lorand Hegyi era invece riuscito a superare brillantemen- revolution in their country,” the artists ‘Pritzker Prize Lecture’ and on 26 June
te nel progetto curatoriale della mostra in esterno “Solares” – con molti degli ar- Settlements operate as modern seismographs. The a panel discussion chaired by Mark
tisti che avrebbero partecipato poi a “Settlements”. Musée d’Art Moderne de Saint-Etienne Métropole recent works being presented in Lawson deals with a thorny issue –
Marseilles are largely appearing in what contribution has Prince Charles
France for the first time. L.B. made to architecture? L.B.

2 domus Maggio May 2004 Maggio May 2004 domus 17


Alla notizia della vittoria, Zaha Hadid Innsbruck (2002) e dal Centro d’Arte Foundation. It could not be a more

31
Bergamo – Italia/Italy In 1971 Alighiero Boetti got his beloved Afghan embroiderers to inscribe the date confidava al critico del New York Times Contemporanea di Cincinnati (2003). In opportune moment, when things are
of his presumed death on a piece of cloth: 11 July 2023. The forecast turned out to be Herbert Muschamp: “È un segnale che “dirittura d’arrivo” ci sono invece il MAXXI finally going in her favour. Just five years
Cronaca di una morte annunciata: 24 aprile 1994 overly optimistic by 29 years, though it was certainly limited if instead of the man non sono più considerata una persona di Roma, la stazione per l’alta velocità di ago, the Iraqi born architect had
Chronicle of a death foretold: 24 April 1994 we consider the legacy of his work, whose vital energy is today more topical than difficile, ma parte dell’establishment”. Napoli-Afragola e la rivoluzionaria designed a great deal but built few
ever. Unlike many other artists of his generation, who have gone down in history Coraggiosa e innovatrice, non poteva che fabbrica BMW di Lipsia. things. The first sign of change was the
Nel 1971 Alighiero Boetti aveva fatto realizzare su un drappo, dalle sue amate rica- with varying degrees of glory, it is no coincidence that Boetti’s work is seen as a essere lei la prima donna a vincere il La cerimonia è fissata per il 31 maggio commission for the Mind Zone at the
matrici afgane, la data della sua presunta morte: 11 luglio 2023. La previsione era sta- kind of watershed by a large number of artists who came after him (such as Stefano Pritzker Prize, il Nobel dell’architettura, all’Hermitage, dove le saranno Millennium Dome in London, followed
ta troppo ottimistica (lo scarto con la realtà è di 29 anni), ma allo stesso tempo sicu- Arienti, Felix Gonzales-Torres, Jonathan Monk, Tom Friedman or Martin Creed). fondato nel 1979 dalla Hyatt Foundation consegnati il premio di 100.000 dollari e il by a carpark in Strasburg (2001), the
ramente limitata, se invece della persona si tiene conto dell’opera, la cui energia vi- What fascinates these and others is precisely the peculiar conceptual, amusing and e, da 29 edizioni, appannaggio dei soli medaglione di bronzo disegnato da Louis Olympic sky jump at Innsbruck (2002)
tale è più che mai attuale. A differenza del lavoro di molti altri artisti della sua ge- ironic character of Boetti’s creative method. In the past it had seemed too ‘light’ in professionisti uomini. E il momento non Sullivan. La cena di gala sarà allestita and the Contemporary Arts Centre in
nerazione, più o meno gloriosamente storicizzati, quello di Boetti, non casualmen- the eyes of some critics, who were more attached to a coldly minimalist Anglo-Sax- poteva essere più opportuno, proprio ora nella reggia imperiale di Peterhof. E.S. Cincinnati (2003). Soon to be completed
te, è oggi considerato un punto di riferimento fondamentale per un gran numero di on approach and a certain poor-art purism. To them it was inconceivable that his St. Petersburg – Russia il vento sta finalmente girando in suo With news of the victory, Zaha Hadid are the MAXXI in Rome, a high-speed
artisti delle successive generazioni: come Stefano Arienti, Felix Gonzales-Torres, Jo- self-irony, and its remarkably existential overtones, could be the motor of further Pritzker Prize a Zaha favore. Basti pensare che, fino a cinque confided to New York Times critic Herbert train station Naples-Afragola, Italy, and
nathan Monk, Tom Friedman, Martin Creed. Ad affascinare questi e altri artisti è pro- unpredictable and uncontrollable developments. In this retrospective exhibition, anni fa, l’architetto di origine irachena Muschamp: “It’s a sign that I have gone the revolutionary BMW factory in Leipzig.
prio il peculiare carattere concettuale, ludico ed ironico del metodo creativo di Boet- the curators Giacinto Di Pietrantonio and Corrado Levi have gathered together a 100 Hadid aveva progettato molto, ma costruito from being a difficult person to part of The ceremony is set for 31 May at the
ti, che sembrava troppo ‘leggero’ in passato agli occhi di certa critica più legata a u- or so works in a sequence that sharply brings into focus the complex but deeply 31.5.2004 molto poco. Il primo segnale del the establishment.” Radical, Hermitage where the 100,000-dollar
na fredda visione minimalista e concettuale di matrice anglosassone, e a un certo consistent meaning of this artist’s multi-faceted oeuvre. Rightly, no strictly Hermitage Museum, 34 Dvortsovaya cambiamento è stato la commissione per courageous, and innovative, she had to award will be given together with a
purismo poverista, incapace di concepire l’autoironia, con singolari valenze esisten- chronological criterion has been adopted. Instead, the works are juxtaposed and Naberezhnaya la Mind Zone al Millennium Dome, seguita be the first woman to win the Pritzker bronze medallion designed by Louis
ziali, come motore di ulteriori sviluppi imprevedibili e incontrollabili. In questa re- installed in such a way as to show the public how he operated and what issues in- T +7-812-1109079 a ruota dal parcheggio di Strasburgo Prize, the Nobel Prize for architecture, Sullivan. The gala dinner will take place
trospettiva, i curatori Giacinto Di Pietrantonio e Corrado Levi hanno proposto, attra- terested him most. Hence the emphasis on the dimension of the double (in a not www.hermitagemuseum.org (2001), dal trampolino olimpico di founded in 1979 by the Hyatt in the imperial palace of Peterhof. E.S.
verso un centinaio di opere, un percorso espositivo che mette a fuoco con sufficien- only conceptual, but also existential vein, indeed from 1969 he signed himself “A-
te ampiezza il senso complesso, ma profondamente coerente dell’articolata pro- lighiero and Boetti”); the bringing into play of time in relation to the spatial di-
duzione dell’artista. Giustamente non è stato adottato un criterio strettamente cro- mension; the analytical and ironically systematic penchant for visualising more or Carlo Antonelli You’d think it would be easy enough, getting from Milan to Salvador de Bahia
nologico, ma le opere sono state accostate e installate in modo da far capire al pub- less arbitrary combinatory formulas; the dialectic between order and disorder, Verità tropicali. Lettera da Salvador de Bahia to see Matthew Barney and Arto Lindsay’s float, at the 2004 Carnival. An Air Europa
blico i processi operativi , i temi e le problematiche principali: l’enfatizzazione del- chance and necessity; descriptions of the political and geographical reality of the charter Milan-Madrid-Salvador sounds great, especially when procured at the very
la dimensione del doppio (in chiave non solo concettuale, ma anche esistenziale, world through transfers, lists and cartographies of a playful conceptuality; the con- Tropical truths. A letter from Salvador de Bahia last minute for under 400 euro. It was snowing lightly on the morning of our de-
tanto che dal 1969 l’autore si firma “Alighiero e Boetti”); la messa in gioco della ca- nection/contrast between written and figured landscape. To do all this, Boetti parture, Thursday 18 February, as the weather forecast had been saying for days. All
tegoria temporale in rapporto alla dimensione spaziale; il gusto analitico e ironi- made use of techniques and materials of every kind with absolute freedom, from Sembra facile raggiungere da Milano Salvador de Bahia per vedere il carro di flights were delayed at Malpensa, but no snow on the runway. Boarding does s-
camente sistematico per la visualizzazione di formule combinatorie più o meno ar- the construction of objects to pencil and biro drawings, from embroideries and ta- Matthew Barney e Arto Lindsay al Carnevale 2004. Un charter Air Europa Milano-Ma- tart however at 11, you never know. We wait. Some have a few beers (on the Milan-
bitrarie; la dialettica fra ordine e disordine, caso e necessità; la descrizione della pestries (made for him by Afghan women) to transfers and decalcomania, from drid-Salvador sembrerebbe perfetto, specie se trovato all’ultimissimo, per meno di Madrid leg you have to buy your own food and drink) to get into the holiday mood.
realtà politica e geografica del mondo attraverso ricalchi, elenchi e cartografie di lu- photos and photocopies to calendar pages and mail art. A very good film, made by 400 euro. ‘Nevina’ la mattina della partenza, giovedì 18 Febbraio, e si sapeva già da Some light up fags. Prisoners of people telling us nothing, we become rightless, sa-
dica concettualità; la connessione/contrapposizione fra linguaggio scritto e figurato. Emidio Greco in 1978, serves as an introduction to the exhibition and takes us back giorni che sarebbe successo. Tutto bloccato a Malpensa, ma niente neve sulla pista, cred men, as Giorgio Agamben would say. Just waiting for the wings to be defrost-
Per fare tutto questo, Boetti ha utilizzato, con assoluta libertà, tecniche e materiali in time. It shows the artist at work in his studio-home in Rome and transmits the solo tutto bloccato. Ci fanno salire alle 11, non si sa mai. Alcuni iniziano a farsi delle ed on all the planes queuing up for their slots, stammer the hostesses.
di ogni genere, dalla costruzione di oggetti al disegno a matita e biro, dai ricami e magically poetic quality of his simple, polished way of working, characterised by birre (sul Milano-Madrid cibo e bevande te li devi comprare da solo), per anticipare We finally take off around five. At seven in the evening when we arrive at Barrajas
dagli arazzi (fatti realizzare da donne afgane) alle operazioni di ricalco e di decalco- limpid etymological transparency. la vacanza. Alcuni accendono delle sigarette. Prigionieri di gente che non ci dice in Madrid, no one is expecting us. A posse of outcasts moves into the Air Europa of-
mania, da foto e fotocopie ai fogli di calendario, alla mail art. Un bellissimo film rea- Some of the most emblematic works on view that should be mentioned are: Niente niente, diventiamo privi di diritti, uomini sacri come direbbe Giorgio Agamben. Si a- fice-shed. At nine in the evening, only 15 out of 30 manage to board the Varig
lizzato da Emidio Greco nel 1978, che fa da introduzione all’esposizione, ci riporta in- da vedere, niente da nascondere (1969), Io che prendo il sole a Torino il 19 gennaio spetta che sbrinino le ali a tutti gli aerei in coda, balbettano le hostess. Partiamo midnight flight for Sao Paolo, with a waiting list from there to Salvador in the
dietro nel tempo, mostrandoci l’artista nella sua casa studio di Roma mentre realiz- 1969, Ordine e disordine (1973), Storia naturale della moltiplicazione (1975), Met- verso il nulla alle cinque. Alle sette di sera, all’arrivo al Barrajas di Madrid, non ci a- morning. The others are deported to a Hotel Barrajas nearby that would send Wall-
za alcuni dei suoi lavori, e ci trasmette il senso magico e poetico della sua semplice tere al mondo il mondo (1973/79), Mappa (1983), and the very long frieze of eight spetta nessuno. Un drappello di reietti raggiunge l’ufficio-baracca dell’Air Europa. paper and that lot into ecstasies. Among the lucky few, we are bounced back in-
e raffinata operatività, caratterizzata da limpida trasparenza etimologica. Tra i lavo- panels, with its vitalistic proliferation of transferred images of animals, done for the Alle nove di sera, solo 15 passeggeri su 30 hanno la possibilità di salire sul volo Va- to the Cesarini area at the Varig check-in, due to the arrival of passengers paying
ri esposti più emblematici sono da ricordare: Niente da vedere, niente da nasconde- 1990 Venice Biennale. The first work is simply a large iron grille with twelve glass rig di mezzanotte per San Paolo con da lì un volo in lista di attesa per Salvador la at the last minute. We are taken off to try our luck with the 1 am Iberia flight, again
re (1969), Io che prendo il sole a Torino il 19 gennaio 1969, Ordine e disordine (1973), panes, leaning against the wall. It is basically an ironic and paradoxical reflection mattina, gli altri vengono deportati in un Hotel Barrajas lì vicino, che farebbe im- for Sao Paolo. No luck. We too are escorted to the hotel. We’ll leave in secret the
Storia naturale della moltiplicazione (1975), Mettere al mondo il mondo (1973/79), on the representative potential of art, only formally minimalist. The second pazzire Wallpaper e amici. Sorteggiati tra i fortunati, veniamo rimbalzati in zona Ce- next day, via Lisbon and get into Salvador at 8 in the evening as scheduled. But
Mappa (1983), e il lunghissimo fregio di otto pannelli, con una proliferazione vita- (shown at Szeeman’s historic exhibition “When Attitudes Become Form” in 1969), sarini al check-in Varig, causa l’arrivo di passeggeri paganti all’ultimo. Ci portano a one day late. The other passengers (thirty or so) will get there on Sunday evening,
listica di immagini ricalcate di animali, realizzato per la Biennale veneziana del 1990. is a self-portrait sui generis, a reclining silhouette made with lumps of concrete tentare la fortuna sull’Iberia sempre per San Paolo dell’una di notte. Niente. Venia- after three days trapped in Madrid.
La prima opera non è altro che una grande griglia di ferro con dodici vetri, appog- marked by the imprint of a hand, on which has settled a yellow butterfly, symbol mo accompagnati pure noi all’hotel. Partiremo in segreto il giorno dopo, via Lisbo- Liquid modernity my foot. The Carnival is a commercial funfair by now, as we re-
giata al muro: in sostanza un’ironica e paradossale riflessione sulle potenzialità di of ephemeral beauty and the lightness of aesthetic enchantment. Ordine e disor- na, e arriviamo a Salvador alle 8 di sera ma del giorno dopo. Gli altri passeggeri ar- alise soon after. A triple colonial and post soufflé. It actually did start as a neo-
rappresentazione dell’arte, solo formalmente minimalista. Il secondo lavoro (espo- dine is formed by some 30 small square tapestries hung freely on a wall to visu- riveranno domenica sera, dopo tre giorni di concentramento madrileno. bourgeois and modern celebration at the end of the nineteenth century: an ex-
sto nella storica mostra di Szeeman, “When attitudes become form” del 1969) è un alise and dilate the multicoloured writing in block capitals decorating each pan- Altro che modernità liquida. Il Carnevale è un baraccone commerciale ormai, rea- plicit homage to the contemporary parades of Venice and Nice, which Salvador
autoritratto sui generis, una sagoma sdraiata fatta da piccoli blocchi di cemento se- el. The world maps are again presented as tapestries, but on a large scale. The ge- lizziamo dopo poco. È un triplice soufflé coloniale e post: nasce come celebrazione tried, in a Haussmann-like way, to imitate. It was only later that it slowly took
gnati dall’impronta della mano, su cui è posata una farfalla gialla, simbolo della ography of the continents is transformed through the idea of highlighting every neoborghese e moderna alla fine dell’Ottocento – come omaggio esplicito alle pa- in the Afro depths for which it is known, especially those that flourished in the
bellezza effimera e della levità dell’incanto estetico. Ordine e disordine è formato da state with the colours of its flag, creating a chromatic phantasmagoria. The cata- rate di Venezia e Nizza, a quell’Europa alla quale haussmanniamente Salvador ha cer- 1970s. Now it is just plain inauthentic and hyper-commercial, divided as it is in-
una trentina di piccoli arazzi quadrati collocati in modo libero su una parete, in mo- logue is also interesting for its original arrangement. It is in fact a sort of dictio- cato ad un certo punto di assomigliare – e solo lentamente accoglie le profondità to three ‘classes’: with some on private balconies along the route (the blessed
do da visualizzare e dilatare nello spazio la scritta multicolore, a lettere stampatel- nary, consisting of key entries on the artist’s work (for example order, idea, mul- afro per le quali è noto, specie per quelle fiorite negli anni Settanta del secolo scorso. camarote), some inside the ropes – held back by bodyguards – that delimit the
lo, che decora ogni pannello. Sempre realizzate come arazzi, ma su grandi misure, tiplication, kabul, number, word, self-portrait, serendipity, etc), compiled not Ora è semplicemente inautentico e ipercommerciale, diviso come è da una triplice ri- paying public who follow the various processions of floats; and finally those
sono le mappe del mondo dove la carta geografica dei continenti è trasformata in u- only by critics but also by philosophers, writers, political analysts and sociologists. partizione di classe: chi sta sui palchi privati lungo il percorso (i benedetti camarote), who can get into neither of these areas. So guess where the ragamuffins are: on
na fantasmagoria cromatica, grazie all’idea di evidenziare ogni stato con i colori del- Francesco Poli teaches at the Accademia di Brera, Milan chi sta dentro le corde che – sorrette da bodyguard – delimitano il pubblico pagan- the ropes. And with their continuous swaying of bodies during the parade,
la propria bandiera. Interessante è anche il catalogo per la sua impostazione origi- te che segue i vari cortei coi carri, chi sta fuori dagli uni e dalle altre. Indovinate do- Matthew Barney has associated the work he is producing here, De lama lâmi-
nale. Si tratta, infatti, di una sorta di dizionario formato da voci chiave sull’opera Alighiero Boetti. Quasi Tutto ve stanno gli straccioni. Alle corde, e al loro movimento continuo tra i corpi durante na (“From mud, weapons,” dedicated to the mythology of the local deity,
dell’artista (per esempio ordine, idea, moltiplicazione, kabul, numero, parola, au- Fino a/Until 18.7.2004 la parata, Matthew Barney ha legato il lavoro che sta producendo qui, De lama lâmi- Ogum, see pag. 102-114). Its subtitle is precisely Dividida na corda (“Divided by
toritratto, serendipity ecc.) affidate non solo a critici ma anche a filosofi, scrittori, Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo, via San Tomaso 53 na (“Dal fango, armi”, dedicato alla mitologia della deità locale Ogum, vedi pag. 102- a rope”, but also “Punching on the rope”). Barney and Arto Lindsay have bor-
politologi, sociologi. T +39-035-399528 114), che come sottoindicazione - sottotitolo ha proprio Dividida na corda (“Divisi da rowed a time slot from one of the more enlightened local associations, the
Francesco Poli insegna all’Accademia di Brera di Milano www.gamec.it una corda”, ma anche “Scazzottata alla corda”). Barney e Arto Lindsay si sono fatti Cortejo Afro, which kindly made available to them one of the three parades un-
prestare un lotto di tempo da una delle più illuminate associazioni locali, il Cortejo A- der its authority. Having neither sponsor nor brand, their act is perceived by the
Per gentile concessione/Courtesy Gamec, Bergamo

fro, che ha gentilmente messo a loro disposizione una delle tre parate di sua dota- local public as raving madness, but with big smiles and no nastiness. People
zione. Senza sponsor e brand, l’intervento dei due viene percepito dal pubblico loca- in these parts are accustomed to assimilate everything.
le come puro episodio di follia, ma senza cattiveria e con molti sorrisi. La gente è a- “The new Bahia Carnival, electronic, close to pop, ruled by the ghastly taste of
bituata ad assimilare di tutto, da queste parti. “Il nuovo Carnevale di Bahia, elet- the provincial middle class, is the result of this murder of the Brazilian Carnival,
tronico, vicino al pop, dominato dal pessimo gusto della classe media provinciale, è and we are responsible for it,” writes Caetano Veloso in his memoirs, Tropical
il risultato di questo assassinio del Carnevale brasiliano, e noi ne siamo responsabi- Truth, “But also ours is the sizzling vitality of this new Carnival and especially
li”, scrive Caetano Veloso nel suo libro Verità Tropicale, “ma è opera nostra anche la the creative energy exuded by Banda Olodum, the Ilé Aiyé parade and the Tim-
spumeggiante vitalità di questo nuovo Carnevale e soprattutto l’energia creativa che balada; or by Carlinhos Brown, that unique figure who embodies the elements
trasuda dalla Banda Olodum, dalla sfilata di Ilé Aiyé, dalla Timbalada o dalla figura of a re-Africanisation and neo-popisation of the city. And this gives us faith,
unica di Carlinhos Brown, che riunisce in sé gli elementi della riafricanizzazione e and hope, because the murder has proved regenerative.” Brown has in fact tri-
neo-popizzazione della città e questo ci dà fiducia, ci dà speranza, perché l’assassi- umphed again this year and with a bare torso closes the festivities, on the
nio si è rivelato rigenerante”. E infatti Brown trionfa anche quest’anno e chiude a morning of Ash Wednesday.
torso nudo le feste, la mattina del Mercoledì delle Ceneri. Riprendiamo il volo, que- We fly back, this time without too much hassle. Salvador-Madrid on the night of
sta volta senza grandi intoppi. Salvador-Madrid la notte del 29 Febbraio, poi un’at- 29 February, followed by a five-hour wait on 1 March for the Madrid-Milan leg. We
tesa di cinque ore il primo marzo per il Madrid-Milano. Prendiamo il metrò per far take the subway to pass the time, twelve minutes to Nuevos Ministerios, with all
passare il tempo, dodici minuti e siamo a Nuevos Ministerios, con tutti i check-in di the check-ins of any airline in the metro station. On that day Madrid looks like
qualunque linea aerea nella stazione del metrò. Madrid sembra Zurigo, quel giorno, Zurich, polished and calm, hyper-efficient, as we tell everybody when we get
lucida, tranquilla, iperefficiente. Lo raccontiamo al ritorno a tutti. Quella sì che è Eu- home. Now that really is Europe. Ten days later, of course, the blasts went off right
ropa. Dieci giorni dopo, scoppiano le bombe proprio lì, su queglii stessi treni. there, on those same trains.
Carlo Antonelli, direttore editoriale del mensile Rolling Stone, Carlo Antonelli, managing editor of the monthly Rolling Stone
edizione italiana published in Italian

18 domus Maggio May 2004 Maggio May 2004 domus 19


Foto di/Photo by Roberto Nania

Foto di/Photo by Roberto Nania


Dalle basi missilistiche in Siberia alle favelas di Rio, da Ground Zero al Gan-
ge, dai ghiacci del Polo Nord alle torri di Baghdad, dalle periferie di Lagos
alle crociere caraibiche. TRANSIENT – l’opera ‘portatile’ per suoni e imma-
gini creata da Ludovico Einaudi e Armin Linke per Domus – è stata presen-
tata il 15 di aprile a Milano. Durante l’evento, a cui hanno partecipato più
di 5.000 persone, i due autori hanno mixato dal vivo frammenti della lo-
ro opera visiva e sonora.
TRANSIENT è un viaggio nei paesaggi eterogenei del mondo contempora-
neo. Paesaggi visivi che si rincorrono e si intrecciano, accompagnati, in-
terrotti da una sequenza di lame sonore, brusii, aperture melodiche, salti
ritmici. TRANSIENT è una carrellata di immagini e suoni sulla condizione ur-
bana contemporanea, che ci circonda e ci ingloba, qualunque sia la parte
di questo mondo che abitiamo. TRANSIENT è un progetto in progress.
TRANSIENT è la colonna visiva e sonora della nuova Domus.

Foto di/Photo by Roberto Nania


Milan in
April:
1.Transient

Foto di/Photo by Carlo Cerchioli/Grazia Neri


From missile bases in Siberia to the favelas of Rio, from Ground Zero to the
Ganges, from the glaciers of the North Pole to the towers of Baghdad, from
the outskirts of Lagos to cruise liners in the Caribbean. TRANSIENT, the
portable sound and vision performance Ludovico Einaudi and Armin Linke
created for Domus, was presented in Milan on April 15th. During the event,
which was attended by over 5,000 people, the two artists linked their re-
spective musical and photographic work in fragments of sound and vision.
TRANSIENT is a voyage through the endless and heterogeneous landscapes
of the contemporary world. These visual landscapes chase and weave
around each other, accompanied, interrupted and pursued by a sequence
of sonic murmurings, slices, melodic overtures and rhythmic skips. TRAN-
SIENT is a sweeping snapshot of the contemporary urban condition in im-
ages and music. TRANSIENT is an ongoing project.
TRANSIENT is the soundtrack and visual accompaniment of the new Domus.

Transient
Immagini di/Photographs by Armin Linke
Musiche di/Music by Ludovico Einaudi
Ex-Cartiere Binda, Milano 15/4/2004
Sponsor/Sponsored by: Osram, Illy Caffè, Becks
Milan in April:
2. Ritratti al Salone
Portraits at the Salone
A cura di/Edited by Francesca Picchi
Fotografie di/Photographs by Ramak Fazel

-r a sa”
la
d s -tab15u /
A ra olorea Tadino re 16 .m. km
n d o p
Ro o-rezM- arconi, prile, th, 4 lungo i 50ri0compone
vi

“Lalleria Gio 17 A ril 17 scorronoorian®, sii, creandolità


G
ato Ap ni che i di C i incav la qua
Sabturdayelle immargviano i p0i0aninvisilbiislcia in dcui liuce
Sa ento d che inne di 32.0 amente saggio
e t s s of
fibe
r
ovim che tric rfet i pa eter cule
Il m re otti na ma iva pe d ogn kilom minis eates
ib u tt a 0 0 cr
di f verso cie rea vanire gh
50 2,00 his
a i
attr superf nde a
s
th rou rix of 3 tiles. T nd to
te ns at n te
una ateria t ru am oria ich
m g e tha ough f the C s of wh
d i a hr r o ie
g im osed t he rea qualit
vin p
he mo recom les in t aterial ht
T is kh
o m of lig
ics the
opt tersun rface ssage
ou n e su pa
c v h
acti eac
a re sh with
n i
va

Ross Lovegrove
“Designosaurus”
Segheria, via Meda 24
Mercoledì
14 Aprile, ore 19 /
Wednesday
April 14th, 7 p.m.
Portando agli estremi il concetto
di minimalismo organico, Lovegrove
reingegnerizza lo scheletro
dei dinosauri concependoli
come architetture sotto le quali
passeggiare: i volumi di polistirolo
espanso non pesano più di venti chili
Taking organic minimalism
to the extreme, Lovegrove re-engineers
the dinosaur skeleton
as architecture one can walk under.
The polystyrene weighs
less than twenty kilos

68 domus Aprile April 2004 Maggio May 2004 domus 23


Marije Vogelzang
Droog Design “Go Slow”
Galleria Postart, via Giannone 10
Giovedì 15 Aprile,
ore 16 /
Thursday April 15th,
4 p.m.
Per Droog è la lentezza il vero
lusso contemporaneo. E il
percorso di redenzione dalla voracità
del consumo si accompagna
con una serie di comandamenti:
“Fai amicizia”,
“Prenditi il tempo che ti serve”,
“Fai esperienza delle cose che ti accadono”,
“Osserva le persone nello spazio”,
“Goditi la preparazione del cibo”...
For Droog, going slow is today’s real luxury.
Redemption from voracious consumerism
is found in the following commandments:
‘Make friends’,
‘Take your time’,
‘Experience processes’,
‘Watch people in the space’,
‘Experience the preparation
of food and drinks’

Konstantin Grcic
sedia/chair Dummy
stand Moroso, pad. 5 - III°, Fiera di Milano
Martedì
13 Aprile, ore 10 /
Tuesday
April 13th, 10 a.m.
Alla ricerca di una via più ‘industriale’
all’imbottito, pur conservando
l’idea di lavoro sartoriale, Grcic propone
un sandwich di poliuretano
espanso su cui viene laminato il tessuto:
come un guanto o una fodera,
senza però cuciture
In search of a more ‘industrial’ approach
to upholstered furnishings
without losing the look and feel
of tailoring, Grcic uses a sandwich
of polyurethane foam
onto which fabric is laminated.
Like a glove or covering
but without the stitches

24 domus Maggio May 2004 Maggio May 2004 domus 25


Antonio Citterio
B&B Italia Store, via Durini 14
Martedi 13 Aprile, ore 16 /
Tuesday April 13th, 4 p.m.
Nel mettere in scena le potenzialità
dei cambiamenti che aleggiano sulle aziende
del design italiano – nel passaggio
dalla famiglia allo stock market – Citterio
allestisce un abecedario del prodotto “di design”
pronto a debuttare in un mercato
indifferenziato e senza volto, dove è bene
“saper comporre e mettere insieme cose diverse”
Highlighting the changes taking place
in Italian design – as family-run firms become
publicly listed companies – Citterio presents
a primer “on design” aimed
at an indifferent marketplace, where
Jurg “knowing how to put different things

“Vaniesn Bey together is important”

Spazio hing P
Mercoasmus, via Formoenin
Er
ts 1”
14 Aprledì
tini 10

Wedne ile, ore 19


April 1sday /
4t h, 7 p.
Poltro
ne
e volum con smisura
m.
inosi p te
per la oggiate orecchie
privac sta – a
dai dec y – ma rgini
ori ola anche
e tapp ndesi- tappeti
ezzerie persia
a Jurg pe ni
en Bey r sedersi – se
storie p rvono
attrav er raccontar
“l’unic ers e
o lingu o il design:
aggio
Chairs che co
with s nosco”
ideal fo upersiz
r priva ed hea
style r cy, Per drests
ug sian-D
to sit o s and wallpa utch
n are d per
Jurge esign
nB stories
“the on ey articulate
ly lang s in
uage I
know”

26 domus Maggio May 2004 Maggio May 2004 domus 27


La base di ghiaccio cilena per l’esecuzione di prototipi o prove: la stessa aerei da trasporto riportano sul territorio cileno tutti
Temperature/Temperatures
Media estiva/Average summer:
Architecture in Extreme Environments 1 sopravvivenza dei progettisti in condizioni avverse i rifiuti, inclusi quelli biologici. A regime, la base
sulla costa/on the coast: 0° C Il 19 di novembre 1999, due Hercules C-130 sarebbe stata la verifica della bontà delle soluzioni funzionerà solamente con fonti di energia
nell’interno/inland: -35° C
Media invernale/
Average winter:
sulla costa/on the coast: -15° C
Antartide/Antarctica dell’aviazione cilena atterrarono a Patriot Hills,
nella zona dei monti Edwards (80° 12’ S, 81° 22 W), in
una zona non investita dai contenziosi con
Argentina e Gran Bretagna, come invece avviene per
adottate.
Differentemente dall’edilizia corrente in
Antartide, composta prevalentemente da container
prefabbricati, che si proteggono e in qualche modo
alternativa (solare ed eolica). La base stessa,
quando terminerà il suo ciclo di vita utile, verrà
smontata e imbarcata.
Il secondo modulo, denominato Catabatic
nell’interno/inland: -50°C
Valore minimo registrato/Lowest
recorded temperature
21/07/1983: -89.6 °C
EPTAP 1999-2004 la maggior parte del TACH (Territorio Antártico
Chileno). Oltre a ragioni di natura geo-politica, la
scelta di Patriot Hills fu la conseguenza di
un’accurata valutazione: i venti catabatici, che
si distaccano dalle condizioni geo-climatiche locali,
la stazione EPTAP si inscrive nel sito, approfittando
delle sue caratteristiche. I moduli sono agganciati a
un arco, modellato digitalmente seguendo una
System, si compone di tre superfici iper-paraboliche
disposte lungo tre assi simmetrici, ed è destinato a
contenere una mensa e la cucina da campo della
stazione. Il recupero di formulazioni spaziali
provengono in picchiata dalle montagne geometria toroidale che garantisce rigidezza e derivate dalla tecnologia delle tensostrutture e delle
Patriot Hills
prospicienti il sito, spazzano infatti dalla neve la stabilità sotto sforzo. Il toro è realizzato con una strutture geodetiche, permette di ottenere elementi
superficie del pack, liberando una vasta estensione struttura di tubi in acciaio, curvati per essere maneggevoli e leggeri, adatti al trasporto aereo: il
di ghiaccio corrugato utilizzabile da aerei privi di facilmente accolti all’interno delle carlinghe degli Catabatic System, smontato e piegato occupa solo 2
pattini. Hercules C-130, sui quali è montata una membrana metri cubi di volume e pesa 1.000 kg. L’esperienza
I due aerei da trasporto scaricarono sull’oceano di PVC rinforzata da una rete di poliestere. maturata nella missione precedente ha permesso di
solidificato un gruppo composto di militari Un sistema mutuato dalle tecnologie veliche e affinare i dettagli e le tecniche di esecuzione: i tubi
dell’aviazione e dell’esercito, personale proprie della realizzazione di tende speciali, fatto di in alluminio estruso, dotati di scanalature analoghe
dell’aeronautica civile e tre docenti della incastri, cuciture, fettucce e legacci garantisce allo alle alberature delle barche a vela, permettono
Nel clima implacabile dell’Antartide, nel 1999 è stato allestito Universidad Tecnica Federico Santa Maria di stesso tempo l’economia e semplicità della l’inserimento e lo scorrimento delle membrane di
Valparaiso. Lo scopo della missione era di allestire realizzazione e la facilità di installazione. La rivestimento, nuovamente in PVC e poliestere, però
un campo di ricerca cileno, progettato dal gruppo una nuova base e di collaudare soluzioni costruttive temperatura all’interno del percorso protetto è caratterizzate da diverse specificazioni tecniche
Arquitectura de Zonas Extremas, che studia le condizioni e spaziali innovative nelle condizioni estreme compresa tra -15 e -5 gradi, raggiunti riutilizzando volte ad aumentare il potere isolante. In assenza di
dell’ambiente antartico. Le stive dei velivoli l’aria calda sfiatata dalle capsule in vetroresina. fondazioni, una piastra orizzontale rigida sulla
abitative in rapporto a sollecitazioni climatiche estreme. contenevano mezzi da trasporto cingolati, slitte Le condizioni morfologiche e meteorologiche quale appoggiare la struttura è stata ottenuta
Documentiamo qui il work in progress dell’insediamento motorizzate e gli elementi smontati di una stazione del sito condizionano tutte le scelte del progetto: annaffiando d’acqua il terreno e aspettando che il
polare: sei capsule abitative in vetroresina, di l´insediamento della base è stato calibrato con liquido si congelasse.
In 1999, a Chilean research base was set up in the unforgiving produzione australiana, e una struttura di attenzione per ottenere una condizione di L’intero processo sviluppato in seno ad ARQZE
climate of Antarctica using building methods which borrow from connessione, realizzata in Cile. “galleggiamento superficiale” sulla neve, affinché il evidenzia un’astuzia progettuale, conseguenza
Nel corso di venti giorni, esposti a temperature peso e il calore prodotto dalla struttura stessa non della condizione propria di un paese in via di
camping and sailing. We report here on the progess of ARQZE comprese tra i -15 ed i -30 gradi, in presenza di una ne determinassero il progressivo affondamento; il sviluppo: soluzioni tecnologiche avanzate sono
(Arquitectura de Zonas Extremas), a group which studies living luce solare continua, i membri di questo team peso stesso della neve è stato utilizzato per fissare a ricondotte a una produzione artigianale locale;
eterogeneo allestirono il primo insediamento di una terra, in assenza di fondazioni, la struttura. La i materiali sono implementati per resistere a
conditions in extreme climates base estiva, pensata per essere utilizzata un mese stazione EPTAP accetta la logica fluida e dinamica sollecitazioni estreme immaginando accoppiamenti
l’anno. L’inaugurazione della stazione EPTAP propria del campo polare: la geometria dell’edificio inediti o alterandone gli usi originali; la
(Estación Polar Teniente Arturo Parodi) avvenne il 7 permette che la neve lo ricopra quasi interamente modellazione tridimensionale al computer
dicembre 1999. senza lesionarlo e aumentando l’isolamento sostituisce costosi esperimenti nella galleria del
Testo di/Text by Fabrizio Gallanti Il risultato concreto del progetto EPTAP è la termico. Le turbolenze che si producono alle vento; lo stesso contesto, infine, fornisce un
Fotografia di/Photography by Pol Taylor, Marcelo Bernal conseguenza di un’accorta sintesi di operazioni estremità del toro frapposto alla forza del vento materiale da costruzione fondamentale: la neve.
formali, tecnologiche e costruttive. L’incarico determinano una minore accumulazione nevosa: L’arco toroidale in PVC traslucido bianco, i
iniziale attribuito agli architetti, che sono parte di proprio in questi punti, due lastre piegate di moduli blu in vetroresina, il rosso acceso della
una unità di ricerca interna universitaria, policarbonato concludono la circolazione interna, mensa iperparabolica (i tre colori della bandiera
denominata ARQZE (Arquitectura de Zonas aprendo la vista attraverso due visori panoramici cilena) imprimono una nuova estetica alle
Extremas), consisteva nel disegno di una struttura di verso l´estensione sterminata di neve e ghiaccio. installazioni polari, più leggera ed eterea.
connessione tra i singoli moduli e nell’adattamento Nell’estate antartica del 2001, una seconda Nel novembre del 2004 un hangar (Shockwave
di questi (prodotti per l’alta montagna e per stazioni missione ha trasportato a Patriot Hills un’altra 300), realizzato utilizzando una successione di archi
sciistiche) agli usi richiesti: due moduli per uffici, struttura leggera, che è stata aggregata a quella stereometrici in alluminio galvanizzato, disposti
uno per bagni e docce non inquinanti e tre come esistente. Gli interventi progressivi della stazione seguendo una geometria geodesica, e due moduli
dormitori. Le risorse finanziarie allocate per il EPTAP prevedono successive aggiunte, tutte in vetroresina, che contengono servizi sanitari
progetto ammontavano a soli 20.000 dollari improntate al massimo rispetto ambientale; al avanzati, verranno depositati sul ghiaccio azzurro di
complessivi; non vi era dunque nessuna possibilità temine del periodo di utilizzazione della base, gli Patriot Hills.

In alto, a sinistra: vista


dell’hangar geodetico
A sinistra: localizzazione
delle basi antartiche. In
bianco, quella cilena
Pagina a fronte: stazione
EPTAP. La configurazione è il
risultato di due missioni
successive (1999 e 2001).
I progettisti sono rimasti
tre settimane sul sito,
seguendo tutte le fasi
del montaggio
Top, left: view of the geodesic
hangar
Left: location of Antarctic
research stations. The Chilean
base is highlighted in white
Opposite: EPTAP station. The
present configuration is the
result of two successive
missions (1999 & 2001). The
architects stayed three weeks
on site supervising assembly
5

Ice Station Chile dormitories. The project’s budget was $20,000, environment. All refuse (including biological 1999
leaving no possibility for building prototypes. The waste) is taken back to Chile by plane and the
On November 19, 1999, two Hercules C-130 designers’ survival in adverse weather conditions base runs exclusively on solar and wind power.
1
aircraft belonging to the Chilean Air Force landed would be proof of the solution’s suitability. At the end of its useful life cycle, the base will be
at the foot of Patriot Hills (80° 12’ South latitude, As opposed to the building types used in dismantled and shipped back to Chile.
81° 22’ West longitude). The selected landing site Antarctica (typically consisting of prefab The second module, called Catabatic System,
was located within a thin strip next to a containers that contrast with local geographical is made up of three parabolic surfaces
controversial area contested by Argentina and and climatic conditions), EPTAP applies itself to positioned along three symmetrical axes, 6
Great Britain known as the TACH (Territorio the site by exploiting its particular designed to be a canteen and the station’s field
3
Antártico Chileno). Besides geopolitical reasons, characteristics. The living modules are hooked kitchen. The use of spatial formulations derived 3 4
the choice of Patriot Hills was the result of an on to a U-shaped arch that has been digitally from tensile technology and geodesic forms 2
3 2
accurate surveying campaign. Katabatic (gravity- modelled to obtain a toroidal form which gives a manageability and compactness to the 3
driven) winds blow down from the mountains ensures rigidity and stability under pressure. The elements making them easy to transport by air.
facing the site, sweeping snow away from the torus was made from a series of steel tubes, The dismantled and folded Catabatic System 3
surface of the ice pack. This unveils a vast which were curved in order to easily fit into the only takes up two cubic metres and weighs
expanse of corrugated ice where planes can land fuselage of a C-130. A PVC membrane reinforced 1,000 kilos. Experience gleaned from the first
without the need of snow skis. with a polyester mesh was affixed to the tubes. mission has allowed the refining of construction 7
The two planes unloaded onto the solidified This system borrows from sailing technology and details and techniques. Extruding aluminium
ocean a group consisting of air force and army the way one assembles a camping tent. Snap- tubes with slots similar to sailing masts are
personnel, civil aviation officers and three fittings, stitchery, binding and lacing guarantee fitted into the membrane cover. As before, it is 5
professors from the Universidad Tecnica Federico the economy and simplicity of its manufacturing made of PVC and polyester, but the different 2001
Santa Maria in Valparaiso, Chile. The aim of their and installation, which is carried out by technical specifications increase its level of
mission was to set up a station to test untrained personnel. The temperature inside insulation. Instead of foundations, the structure
innovations in construction methods and new the protected walkway stays within a range of is built on a rigid horizontal platform, which is
concepts in space division. The aircrafts’ holds minus 15 to minus 5 degrees centigrade by achieved by spraying water on the site and 1
contained caterpillar vehicles, motorised sleds recycling the warm air that escapes from the waiting for it to freeze.
and the unassembled pieces of a polar station: fibreglass capsules. The ARQZE model demonstrates a design
six fibreglass living modules from an Australian The site’s morphological and meteorological ingenuity that comes from belonging to a
manufacturer and a structure to link them conditions dictated all of the project’s choices. developing country. Advanced technological
6
together made in Chile. The installation of the base was carefully gauged solutions have been re-dimensioned to the
For 20 days, exposed to temperatures ranging for “superficial floating” upon the snow. The standards of local artisan production. Materials 3
from minus 15 to minus 30 degrees centigrade weight of the snow is used to fix the structure to resistant to extreme conditions are implemented 3 4
and in absence of night, the team assembled the ground in the absence of foundations. Its through inventing unusual combinations or 2
3 2
1
the first part of a base designed to be used one construction geometry allows it to be almost altering original uses. Three-dimensional
month during the polar summer. The completely covered by snow without causing computer modelling substitutes expensive wind-
inauguration of the EPTAP station (Estación damage, while simultaneously increasing tunnel experiments, and the context itself 3
4
Polar Teniente Arturo Parodi) took place on thermal insulation. The turbulence produced at furnishes construction material in the form of
December 7, 1999. the extremities of the torus, which is subjected to snow. The toroidal arch in translucent white PVC,
The success of EPTAP is thanks to a clever the wind’s force, results in less snow Sotto: la posizione della base, definita the blue fibreglass modules and the bright red 7
in collaborazione con un meteorologo specializzato
strategy of technological and constructive accumulation. These are the points where two parabolic canteen (the three colours of the 2004
in ghiacci; è l’ubicazione dove la base non verrà
solutions that ingeniously took advantage of the folded sheets of polycarbonate meet to make up sepolta dalla neve e dove, grazie al calore Chilean flag) lend a new aesthetic to polar
project’s inherent limitations. The initial the enclosed walkway which offers visitors two prodotto, non affonderà nel ghiaccio. Inoltre il sito stations, lighter and more ethereal. 1 5
commission to the architects, who run a research panoramic views of the endless expanse of snow permette l’atterraggio di aerei da carico senza In November 2004, a hangar called
unit called ARQZE (Arquitectura de Zonas and ice outside. pattini da neve (la pista è evidenziata in rosso). Shockwave 300 and two fibreglass modules
Extremas) at Santa Maria University, was to In the arctic summer of 2001, a second Below: the base’s location was chosen in containing advanced sanitary facilities will be
design a connecting structure between single mission brought another lightweight structure to collaboration with a glaciologist to avoid places placed upon the blue ice of Patriot Hills. The
where the base could be buried by snowfall or sink
modules (produced for high altitudes and ski Patriot Hills and connected it to the first. The into the ice from its heat output. Also, cargo planes
hangar is made up of a succession of 8
1
stations) which included two office units, one for successive building stages of EPTAP always can land on the ice (red landing strip) without the stereographic arches in galvanised aluminium
shower and toilet purification and three coincided with maximum respect for the need of snow skis. laid out according to a geodesic pattern.

3
3 3
2
3 2
3

Evoluzione della base EPTAP


Evolution of the EPTAP base
1 tunnel
2 visore panoramico/visor
3 modulo/living module
4 toilette/WC
5 spazio comune/communications centre
6 elemento di connessione/linking ports
7 mensa/canteen
8 tunnel d’ingresso/entrance

30 domus Maggio May 2004 Maggio May 2004 domus 31


Le geometrie curvilinee dei vari elementi della base Curvilinear geometries of the base’s sections are transformed
sono state tradotte in pezzature di tessuto sintetico into lengths of synthetic fabric which are then cut and
per poter essere tagliate e assemblate, utilizzando assembled using sail-making techniques
le tecniche della costruzione delle vele

e.2.4

e.2.4
e.2.2

e.2.3
e.2.2
e.2.3

e.2.1

e.2.1
s.1.1

e.1.4

e.1.4
e.1.3

e.1.3
e.1.1

e.1.1
e.1.2

e.1.2
s.1.2

s.1.3

e.3.6

e.3.6
e.3.5

e.3.5
e.3.4

e.3.4
e.3.3

e.3.3
s.2.1
e.1.4

e.3.2
e.1.4

e.3.2
e.3.1 e.1.3

e.1.3 e.3.2

s.2.2
e.1.2

e.1.2 e.2.4

e.2.4
e.1.1
e.2.3
e.1.1

s.2.
e.2.3 e.3.3

2
2
s.2.
e.1.1

s.2.
e.3.4 e.2.2
e.1.1

1
e.2.2

1
s.2.
e.1.2
e.3.5 e.2.1
e.1.2

s.1.
e.2.1

3
e.1.3

3
s.1.
e.3.6
e.1.3

s.1.
2
e.2.1
e.1.4
e.2.1

2
s.1.
e.1.4

s.1.
1
1
s.1.
e.2.2

e.2.2

e.2.3

e.2.3

e.2.4

e.2.4

Sopra: tutto il materiale della EPTAP deve poter essere Above: all EPTAP materials must be removed when Sopra: costruzione dei moduli in Progetto/Project: ARQZE
rimosso quando termini il ciclo di vita utile; their useful life cycle is over. For this reason modular vetroresina che conterranno EPTAP Il gruppo ARQZE (Arquitectura de Zonas Extremas) lavora
a questo fine si è fatto ricorso a strutture modulari in structures in steel and aluminium and lightweight servizi igienici e docce Architetto/Architect: all’interno del Dipartimento di Architettura della Universidad
acciaio e alluminio e a pelli sintetiche leggere, per synthetic leathers have been adopted, so everything ARQZE (Arquitectura de Zonas Extremas): Tecnica Federico Santa Maria (UTFSM) di Valparaiso, Cile. Si
Above: construction of WC and
poter imbarcare tutto nelle carlinghe degli aerei can be loaded onto a plane for shipment Paul Taylor, Marcelo Bernal, Pedro Serrano occupa della ricerca, dello sviluppo e dell’implementazione delle
shower modules made using
Sotto: Shockwave 300, cupola geodetica di pianta Below: Shockwave 300 hangar, a geodesic cupola on Committente/Client: strategie tecnologiche per l’insediamento umano in zone che
glass resin
ovale per l’hangar, che verrà installato nel novembre an oval plan, will be installed in November 2004 Chilean Air Force Antarctic division presentano condizioni climatiche estreme.
del 2004 (a sinistra). Catabatic system, tre superfici (left). Catabatic system, three hyperparabolic Collaboratori/Collaborators: La stazione EPTAP è nata dalla collaborazione tra l’università
iperparaboliche per la mensa e cucina installata surfaces for the canteen and kitchen installed Antarctic Tactics Studio (Architecture lab, UTFSM – Santa Maria e le Forze aeree cilene
nel 2001 (a destra) in 2001 (right) Universidad Tecnica Federico Santa Maria University),
ARQZE (extreme zone architecture) is a unit of the Architecture
Manuel Sanfuentes (graphic designer UC –
Department of the Universidad Tecnica Federico Santa Maria
Universidad Católica de Valparaiso),
(UTFSM), Valparaiso, Chile,and is dedicated to the investigation,
Andres Macera (architetto/architect UTFSM),
development, and implementation of technologically informed
Eduardo Hirose (architetto/architect UTFSM),
strategies for human habitation in extreme zones. The EPTAP
Rafael Bolocco (ingegnere meccanico/mechanical
station is the product of an institutional collaboration between
engineer, UTFSM)
Santa Maria University and the Chilean Air Force
Consulenti/Consultants:
Patricio Garcia (direttore/director ATA – Aplicación Tecnologías
Avanzadas S.A.), Gino Casassa (glaciologo/glaciologist, UMAG –
Universidad de Magallanes), Javier Lopetegui (generale in
pensione/retired general, ANI – Adventure Network
International), Miguel Figueroa (comandante divisione
antartica delle forze aeree cilene/commander,
Antarctic Division FACH – Fuerzas Aéreas de Chile)
Produttori/Fabricators:
Wienecke Sails S.A (taglio e cucitura teli/membranes cutting
and sewing), Sanz S.A (sigillatura a ultrasuoni dei teli/ultrasonic
sealing of membranes), Maestranza Escoces S.A (lavorazioni
a macchinae pezzi metallici/machining and metallic pieces),
CIMA - UTFSM, CNC (prototipazione rapida/rapid
prototyping), Indalum S.A (profili in alluminio estruso/
extruded aluminium profile), Induarcyl S.A
(policarbonato/policarbonate),
Igloo Cabin Ltd (capsule in fibra di vetro/fibreglass capsules)

32 domus Maggio May 2004 Maggio May 2004 domus 33


Pagina a fronte: la necessità di minimizzare
l’impatto ambientale e i costi ridotti hanno
condotto a un esercizio raffinato di
sperimentazione tecnica. Un litro di neve
sciolta e riscaldata è sufficiente per una doccia
se l’acqua viene nebulizzata attraverso
spruzzatori normalmente utilizzati per la
verniciatura delle auto. Il water e gli urinatori,
costruiti in alluminio e policarbonato,
permettono con pochi gesti di preparare le
sacche di urina e feci, che, lasciate congelare,
verranno ‘rimpatriate’ alla fine di ogni
missione
Opposite: the need to minimise impact on the
environment and keep costs down led to an
elegant exercise in technical research. One
litre of melted snow is enough for a shower if
the water is atomised with sprays normally
used for car-painting.
The wc and urinals, made in aluminium and
polycarbonate, store urine and feces which are
left to freeze in bags. The bags are then
‘repatriated’ at the end of each mission

In questa pagina: dettagli degli elementi


modulari dell’hangar Shockwave 300. Per la
prima volta, una delle strutture è stata
montata prima della missione, in modo da
impratichire il personale destinato alla base:
l’hangar viene assemblato in sole quattro ore
This page: details of the modular elements of
the Shockwave 300 hangar. For the first time,
one of the structures was assembled prior to
departure, so base personnel could be trained
in advance. The hangar was assembled in just
four hours

34 domus Maggio May 2004 Maggio May 2004 domus 35


Temperature/Temperatures:
Massima estiva/Max. summer
(January/gennaio): 46° C
Architecture in Extreme Environments 2 Lusso estremo di costruire in questa regione, dove nei mesi estivi “tendopoli di lusso” che ne è risultata tende
di gennaio e febbraio le temperature regolarmente esplicitamente ad affermare un forte carattere
Precipitazioni/Rainfall:
Media a gennaio/
January average: 42mm
Umidità relativa/
Australia Ayer’s Rock, nel Red Centre australiano, viene
identificata – nell’immaginario turistico - con
un’unica veduta, familiare perfino a chi non c’è
stato: il monolitico massiccio all’alba, la sua
raggiungono i 45°C.
Longitude 131° è situata ai limiti di un territorio
del Patrimonio Mondiale UNESCO che circonda
Uluru; la sua costruzione fu preceduta da lunghe
architettonico, piuttosto che un’integrazione con il
paesaggio. Ma nonostante gli operatori chiamino
‘tende’ le stanze-casetta degli ospiti, la grande
vela di tessuto che li ricopre è in realtà staccata
Relative humidity:
34% a gennaio/in January
Longitude 131° tridimensionalità accentuata dall’intensa luce
rossa del sole. Ma per la maggior parte dei 400.000
turisti che ogni anno si affollano a visitarla, Ayer’s
Rock è un’esperienza fugace, che si paga con una
trattative con le comunità aborigene. Fra le
condizioni da rispettare per ottenere il permesso di
costruire fu deciso che doveva essere possible – in
appena quattordici giorni – la totale rimozione
dalla cellula abitativa e serve più a gettare ombra
sulle strutture rigide sottostanti che a contenere gli
spazi. Ogni unità è perfettamente allineata verso
Ayer’s Rock; un pannello di vetro da 6 m ottimizza
Ayer’s Rock/Uluru
levataccia seguita da un sonnolento trasferimento dell’intero ‘villaggio’ ed il ripristino delle l’impatto della vista. Non essendo possibile
in pullman. condizioni originarie se il permesso delle comunità costruire fondazioni tradizionali sulle sabbie della
Offrire questa esperienza a trenta ospiti fosse stato per qualsiasi motivo revocato. Una duna, la struttura controventata in acciaio
privilegiati – come fosse un “servizio in camera” – è condizione, questa, che limitava severamente la galvanizzato poggia su pali a vite che permettono
lo scopo e la strategia progettuale di Longitude 131°. possibilità di utilizzare il cemento, nonostante I alla sabbia di scorrergli intorno pur offrendo un
Composto da un grappolo di quindici ‘tende’ per gli gravi problemi di stabilità dovuti alla necessità di sostegno stabile. Acqua e luce vengono forniti dal
ospiti più un centro servizi, strategicamente costruire su di una duna ‘viva’. Oltre a questo, centro visitatori principale, distante 2 km,
allineati sulla cresta di una isolata duna di sabbia 10 severi vincoli ambientali proibivano l’uso di ruspe attraverso tubature nel canale di servizio che corre
km a nord-ovest di Ayer’s Rock, Longitude 131° è o mezzi pesanti: gran parte dei lavori dovette parallelo alla strada d’accesso. Una volta utilizzate,
Dieci chilometri a nord-ovest di Ayer’s Rock, un “accampamento” l’unico spazio abitato che può offrire dei panorami essere eseguita a mano, in corridoi operativi tutte le acque di scarico vengono ripompate verso
ininterrotti del monolite che gli aborigeni chiamano talmente stretti che per il trasporto di materiali la loro origine lungo lo stesso canale, per evitare di
di monolocali di lusso, progettati da Philip Cox Architects, Uluru. Ma nonostante l’apparenza, non c’è da potevano essere usati soltanto mezzi a quattro creare una “macchia verde” nel paesaggio
sfida il torrido clima del Red Centre australiano per offrire una confonderlo con un campeggio: il gestore Voyages ruote sterzanti. desertico.
Resorts lo descrive come un villaggio di soggiorno Dopo un periodo di ricerca di due anni, durante Senza compromessi nei confronti del suo
vista privilegiata ai suoi trenta ospiti ‘boutique’, concepito per offrire alloggio a cinque il quale direttori e progettisti hanno visitato alcuni contesto climatico, quasi quanto i suoi trenta ospiti
Ten kilometres northwest of Ayer’s Rock, an encampment-like stelle nel clima desertico ed estremo del Red Centre. dei siti più esclusivi al mondo nel tentativo di nelle loro lussuose aspettative, Longitude 131°
Quella di conciliare le esigenze del turismo di ‘distillare’ in un unico progetto l’essenza del sembra essere costruito con l’unico intento di
cluster of luxury “tents” designed by Philip Cox Architects defies iperlusso con un clima torrido e di grande siccità è turismo di lusso, nel settembre 2001 sono partiti i fornire quello che di questo posto tutti vorrebbero
the torrid climate of Australia’s Red Centre to offer its thirty soltanto una delle sfide da affrontare per chi decide lavori di costruzione, terminati nel maggio 2002. La avere: una “camera con vista”.
guests a privileged view

Testo di/Text by Joseph Grima


Costruiti sul colmo di una duna ‘viva’, i monolocali di Longitude 131° sono le residenze turistiche
più vicine ad Ayer’s Rock. Per quanto invisibili da quest’ultimo, le residenze
offrono un panorama straordinario del monolite che gli aborigeni Anangu chiamano Uluru
Built on a “live” sand dune, Longitude 131°’s 15 pods are the closest tourist residences to Ayer’s Rock.
Despite being invisible from its base, they are also the only tourist
accommodation to offer uninterrupted views of the monolith the Anangu Aboriginals call Uluru
0 0,5 1M

3
2

Prospetto ovest e pianta/West elevation and plan


1 Serbatoio acqua calda/Hot water tank
2 Pannello solare/Solar panel
3 Tirante in acciaio inossidabile/Stainless steel tension cable
4 Palo a vite/Screw pile
5 Telo esterno/Fabric structure
6 Braccetto in acciaio pressofuso/Steel strut

Le ‘tende’ sono sorrette da pali ad un’altezza di circa 2,5m


sopra la scarpata di sabbia. Pannelli solari, montati
sulla parete nord di ogni edificio, forniscono acqua calda.
Nella pagina a fronte: i piccoli monolocali sono allineati
lungo la cresta di una duna

The pods float on piles, elevating them approximately 2.5m


above the sand escarpment. Solar panels on the north face
of each unit provide an individual hot water supply.
Facing page: the living units are aligned along the crest Planimetria generale/Site plan
of a sand dune

38 domus Maggio May 2004 Maggio May 2004 domus 39


Extreme luxury Reconciling the requirements of hyper-luxury distil into a single design the essence of luxury 1
tourism with a scorching, drought-ridden desert tourism, construction work was carried out
Perhaps more than any other tourist attraction climate is just one of the challenges faced when between September 2001 and May 2002. The 2
on Earth, Ayer’s Rock in Australia’s Red Centre can building a resort where the temperatures regularly resulting cluster unabashedly favours a strong 3
be identified by a single, distinctive view, hit the mid-forties centigrade during the summer architectural identity over any attempt to blend
strangely familiar even to those who have not months of January and February. Longitude 131° into the landscape. Despite the fact that the 5
been there. It is the image of the Rock at dawn sits on the very edge of the UNESCO World Heritage fifteen 40m2 units are described by Voyages as
when the intense red rays of the rising sun cast an Site that surrounds Ayer’s Rock, and its “tents”, the purpose of the sail-like triple-layer
overpowering three-dimensionality onto its construction was the result of lengthy fabric membranes is more to shade the pods from
monolithic form. But for most of the 400,000 negotiations with the Aboriginal Anangu the desert sun than to provide enclosure. Each
7 6
tourists who visit each year, it is likely to be a community. One of the conditions for building unit, arranged according to the contour lines of
fleeting experience after an early wake-up call stipulated that the resort had to be removed and the dune, is aligned towards the Rock, a six metre
and bumpy bus ride out to the site. the site returned to its original state within two wide glass panel maximising the impact of the
Delivering this view to thirty privileged guests – weeks should permission at a future date be view. To achieve stability on the sand, the cross-
“room service” style – is the aim behind Longitude revoked by the indigenous community. This posed braced galvanised steel structure rests on
131° design strategy. A cluster of fifteen pods plus a limits to the use of concrete despite the stability corkscrew-style piles that allow the sand to
central facilities building, strategically perched on problems involved in building on a “live” dune. “flow” around them while providing stable
the crest of an isolated sand dune 10km northwest Moreover, severe environmental restrictions support for the building. Water and electricity are
of Ayer’s Rock, Longitude 131° is the only tourist meant that no heavy vehicles or land-moving carried in roadside service trenches from the main
1
accommodation to offer uninterrupted views of equipment could be used. The staff had to mostly Yulara visitor’s centre 2km away, and all waste is
the monolith the Aborigines refer to as Uluru. But dig by hand in order to create a corridor that could then pumped back to avoid creating a “green
despite the pods’ tent-like appearance, this is no allow vehicles to pass through carrying building patch” in the desert landscape. 2
camping site. Its operator, Voyages Resorts, materials. As uncompromising with the harsh climatic 3
describes it as a “boutique” resort, designed to Following two years of research in which context as the luxurious expectations of its thirty
offer five-star accommodation in the extreme designers and directors travelled to some of the guests, Longitude 131° resolutely provides what
climate of the Red Centre’s desert. world’s most exclusive locations in an attempt to every visitor comes for: the view, with a room.

4
Pagina a fronte: ognuno dei 15 monolocali
(disposti a circa 10 m l’uno dall’altro) è
sostenuto da otto pali a vite impiantati nella
sabbia della duna. Una grande vela di tessuto a
triplo strato offre riparo dai raggi del sole alla
Progetto/Project: Longitude 131° struttura rigida sottostante. All’interno,
Sito/Location: Periodo di costruzione/Construction Period: un’unica finestra panoramica orienta la vista
Uluru-Kata Tjuta National Park, Northern Territory, Australia September 2001 – May 2002 verso Ayer’s Rock (sotto)
Uso/Building type: Dimensione/Size: Facing page: each of the 15 pods, positioned
Complesso turistico di lusso/Luxury tourist resort 1.100 m2 about 10m one from the other, is supported by 1 Albero centrale in acciaio pressofuso/Painted central mast with profiled outriggers
Architetto/Architect: Costo/Budget: eight screw-piles driven into the desert sand. 2 Rivestimento interno a doppio strato/Double layer internal membrane
Philip Cox Architects 9,4m AU$ A triple-layer fabric sail casts shade on the 3 Membrana esterna in tessuto/Fabric outer layer
Interni/Interiors: Gestione progetto/Project Management: unit’s rigid structure. The view from inside is 4 Tirante in acciaio inox/Stainless steel tension cable
Christine le Fevre Bovis Lend Lease oriented towards Ayer’s Rock by a single 5 Pannello solare e serbatoio acqua calda/Solar panel and hot water tank
Committente/Client: Operator: panoramic window, pictured below 6 Vetro opaco/Translucent glass panel
General Property Trust Voyages Hotels and Resorts 7 Porta scorrevole in vetro/Glazed sliding door system

40 domus Maggio May 2004


Temperature/Temperatures
Minima/Minimum.: 13°
Architecture in Extreme Environments 3
Massima/Maximum: 40°
Umidità/Humidity: 66%-82%
Thailandia/Thailand
Chiang Mai
Hybrid Muscle

Tra le risaie di Chiang Mai, Philippe Parreno e François Roche


hanno realizzato un padiglione allo stesso tempo
primordiale e surreale, che fa da scenario al film The Boy From
Mars. Lo commenta Bruce Sterling.
Among the rice paddies of Chiang Mai, Philippe Parreno and
François Roche built a pavilion, both primordial and surreal,
which provided the scenario for the film The Boy From Mars.
Bruce Sterling comments.

Testo di/Text by Bruce Sterling

Pianta/Plan

Sezione orizzontale/Horizontal section

Prospetto laterale/Side elevation

Nei disegni originari era previsto l’impiego di un elefante per In the original drawings the use of an elephant was
attivare il sistema di autoproduzione energetica. L’elefante è envisaged to operate the self-generated electricity system.
stato poi sostituito da un bufalo, il cui peso crea meno The elephant was substituted by a water buffalo, whose 0 0,5 5M
problemi sul terreno acquitrinoso lighter weight created fewer problems on the marshy ground
Il bufalo e il padiglione The Buffalo and the Pavilion Progetto/Project:
Hybrid Muscle
“The Boy From Mars è l’elemento di un gioco “The Boy From Mars is the element of a game Sito/Location:
tra Philippe Parreno e François Roche, in cui played between Philippe Parreno and François Chiang Mai, Thailandia/Thailand
l’edificio ‘Hybrid Muscle’, progettato dallo studio Roche. In it the ‘Hybrid Muscle’ building, designed Scenario:
Roche&Sie, funge da scenografia per un film, e allo by Roche&Sie, provided the scenario for a film and “The Game”, François Roche & Philippe Parreno
stesso tempo il film produce un edificio”. Con at the same time the film produced a building”. By Architetto/Architect:
R&Sie
questa tautologia un po’ criptica i due autori this somewhat cryptic tautology the two architects Team creativo/Creative team:
traducono la sinergia del loro recente progetto in describe the synergy of their recent project in François Roche, Stéphanie Lavaux, Jean Navarro
Pianta delle coperture/Roof plan
Thailandia, su un’area acquisita da Rirkrit Thailand, located on a site acquired by Rirkrit Impresa di costruzione/Contractor:
Tiravanija per dare vita a un laboratorio di ricerca Tiravanija to start an art research workshop beyond Christian Hubert de Lisle, ADS
Committente/Client:
artistica fuori dagli ambiti istituzionali. institutional circles.
The Land, Rirkrit Tiravanija
L’opera dei due francesi - un lungo serpentone The work of the two Frenchmen consists of a Progettazione/Design:
fatto di teli di plastica semitrasparente che long serpentine construction. Made of semi- 2002
avvolgono una struttura rudimentale costituita da transparent plastic canvases wrapped over a Realizzazione/Completion:
pilastri di legno e tiranti di acciaio - poggia su una rudimentary frame with wooden columns and steel 2003
Dimensioni/Dimensions:
gettata di cemento dalla superficie ondulata. tie-rods, it rests on an ondulated cast concrete 130 m2
Questa base tanto solida, resa necessaria dal platform. This very solid base, necessitated by the Costo/Cost:
terreno acquitrinoso della zona, occupata per lo più marshy land of this area occupied for the most part US$ 65,000
da risaie, vincola al suolo tutta la parte sovrastante, by paddy fields, holds down the whole of the upper Pianta delle forze di bilanciamento/Plan of forces of balance weight
aperta e leggera: i teloni di plastica riciclata part of the construction, which is open and light.
svolazzano all’aria, mentre il reticolo strutturale The recycled plastic canvases flutter in the air, while
sembra tanto instabile, quanto quello casuale the structural frame looks about as unsteady as that
creato dai bastoncini del gioco dello sciangai. of a random matchstick game.
In questo spazio semplice amano rifugiarsi gli Students from a nearby university like to get
studenti di una vicina università, che, al riparo da away to this simple retreat where, sheltered from
piogge e sole, possono rilassarsi sul pavimento rain and sun, they can relax on its curved and
curvo, sgombro da qualsiasi arredo. Al fabbisogno totally unfurnished floor. The electricity
di energia elettrica provvede, in modo requirement is met, in a surprising but Sotto: Hybrid Muscle si inserisce con semplicità
sorprendente ma ambientalmente ineccepibile, environmentally unexceptionable way, by a placid nel contesto naturale per la leggerezza del materiale In questa pagina: una serie di
un placido bufalo: con il suo peso e sforzo, infatti, buffalo. The weight and strength of this animal in di copertura e per il sistema strutturale Prospetto nord/North elevation disegni costruttivi.
che richiama l’intrico di una foresta. Il meccanismo della dinamo
è in grado di attivare una dinamo, situata a una fact operate a dynamo situated at one end of the con il contrappeso di due
La decisione di rendere la costruzione autosufficiente
estremità del padiglione, che produce energia, pavilion, and the energy thus generated is dal punto di vista energetico è stata presa anche tonnellate è stato ispirato
subito immagazzinata in una serie di batterie. immediately stored in a series of batteries. An per evitare che l’interramento di nuovi cavi favorisse dal movimento del pendolo.
Un’ora di lavoro dell’animale al mattino è hour’s work by the animal in the morning is una estensione dell’insediamento urbano, La ventilazione naturale è
a discapito dell’ambiente ottenuta con il leggero
sufficiente a coprire tutte le necessità della sufficient to cover the day’s need.
movimento dei fogli
giornata. The combination of construction plus buffalo Below: Hybrid Muscle fits simply into its natural di elastomero che producono
L’insieme - costruzione più bufalo - raggiunge attains to that indefinable demarcation line context thanks to a lightweight roofing material and un effetto simile
a structural skeleton reminiscent of a dense forest.
quel punto indefinibile di demarcazione tra fiction between fiction and reality which, from the a quello delle capanne
Making it energy self-sufficient also avoids the laying di foglie di teak
e realtà, che lo ha portato a coincidere fin dalla sua moment it was first thought of, made it the ideal of new underground cables. This would have
ideazione con il set di un film, The Boy From Mars, set for a film, The Boy From Mars, shot by Parreno in encouraged urban development, to the detriment of This page: a series of
girato da Parreno nel giugno 2003. (RC) June 2003. (RC) the surrounding environment constructional drawings.
The dynamo with its two ton
counterweight was inspired
by a pendulum’s movement.
Ventilation comes from
plastic leaves that mimic the
motion of swaying teak
leaves

Sezioni/Sections

Prospetto nord/North elevation Prospetto ovest/West elevation Pianta del basamento in cemento/Plan of concrete base

44 domus Maggio May 2004 Maggio May 2004 domus 45


Nella colonna all’estrema
sinistra: prototipi del sistema
di copertura e dei pistoni, che,
azionati, avrebbero dovuto
imprimere un movimento
continuo ai teli di plastica.
Per ragioni economiche
questa ipotesi è stata
abbandonata, a favore della
dinamo e del bufalo albino,
(in questa pagina e nella
pagina a fronte)
Far left column: prototypes of
the roofing system and
pistons which, when driven,
would have allowed the
plastic canvases to flutter
aiding ventilation. For budget
reasons this idea was
dropped, in favour of
dynamos powered by a water
buffalo (this page and
opposite)

46 domus Maggio May 2004 Maggio May 2004 domus 47


The Boy From Paris
Bruce Sterling

The Boy From Mars di Philippe Parreno è fantascienza. Meglio ancora, Philippe Parreno’s The Boy From Mars is “science fiction.” Better
‘fantarchitettura’. E se in questa onirica installazione non si vedono yet, it’s “architecture fiction.” There is no Martian boy in this
marziani, vi compare tuttavia un edificio decisamente stralunato. dreamlike video installation. It does feature a rather weird building,
Nel terreno scuro e paludoso di qualche pittoresco, sperduto angolo del however.
sud-est asiatico, penetrano luci ultraterrene. Una costellazione di UFO, simili In some solemn, rural, Southeast Asian retreat, the dark, marshy
a un gruppo di benevoli esseri di fiamma provenienti dall’aldilà, vaga per lo earth is infiltrated by unearthly lights. A constellation of UFOs wanders
spazio zenitale, mentre brandelli di nuvole scure si stagliano immobili contro the zenith, a pack of gentle flame-beings from beyond. The wind-
il cielo. Non c’è traccia di essere umano, ma qualche forma d’intelligenza ha tattered storm clouds are – somehow – frozen stiff against the sky.
qui un suo progetto. E uno strano bagliore arancio infesta una struttura We see no human beings, but some intelligent entity has an
sconosciuta, una creatura sconclusionata e logora che pare del tutto a suo agenda in this place. A strange orange glow infests an alien structure.
agio in una risaia asiatica - per quanto, a guardar meglio, non c’entri nulla. This ragged, rambling creation looks comfortably at home in an Asian
Che si tratti di una serra dissestata? Di un hangar geodetico? Ha zampe come rice paddy, but, after a closer look, it makes no sense. Could it be a
un bruco, pareti sbatacchianti di nailon, le travi sono steli irrigiditi. Come se broken greenhouse? A geodesic aircraft hangar? It is multi-legged like
non bastasse, emette una luce calda e densa, ed è chiaramente inadatta a a caterpillar, it has flapping, tattered plastic walls, and rigid stalks for
essere abitato da un normale essere umano. rafters. Plus, it radiates a thick, warm light. This place is clearly unfit
All’interno, un’entità sconosciuta ha aggiogato un placido bufalo a un for any merely human habitation.
generatore elettrico, un marchingegno bizzarro e ingegnoso fatto di pesi, Inside this place, some entity has harnessed a patient water
lampadine e pulegge che pare uscito dal set dell’E.T. di Spielberg. Il buffalo to an electrical generator. It’s a bizarrely ingenious device of
sommesso rumore di fondo non permette di distinguere tra i sospiri del weights, light bulbs and pulleys straight off the set of Spielberg’s E.T.
vento e il calmo cigolio di questo alieno macchinario. Piante esotiche the Extraterrestrial. The gentle soundtrack cannot distinguish between
danzano sulle ventose pendici delle colline. Giunge infine, come un the sighing of the wind and the calm grinding of this alien machinery.
balsamo, la pioggia. Il cielo fosco si rimette in moto, filtrano tra le nubi i Exotic plants dance on the windy slopes of the hills. A healing rain
raggi del sole, che risplende sulla Terra invasa, quindi si ritira. Tutto comes, eventually. The foggy sky resumes its motion, the sun peeps in,
sembra perfettamente in ordine. Il bufalo bonario – se il film ha un glares at the invaded Earth, and quietly retreats. Everything seems in
protagonista, è proprio lui – sopporta pazientemente l’incontro good order. The placid water buffalo – our hero, if this piece has one –
ravvicinato con questo fuggevole, alieno raggio di luce. Da spazi remoti calmly endures a close encounter with a swaying alien lightbeam.
spuntano poi alcune figure familiari: un gruppo sfuocato di bipedi, forse Friends from far away show up: a set of blurry, two-legged tourists,
turisti, s’insinua nella ragnatela dell’edificio, spostandosi lento e pensoso invading the spidery building. They move slowly and meditatively
dietro la cortina di vapori lucenti delle pareti. E per quanto non si tratti di behind their steamy walls of glowing film. Although they’re not
esseri umani, si ha l’impressione che queste figure si siano in qualche human, one gets the impression that they’ve earned the right to visit.
modo guadagnate il diritto a visitare il luogo. Magari vi si stabiliranno. Maybe they’ll settle down.
Nel film The Boy From Mars, che ci parla delle gioie dell’essere alieni, The Boy From Mars is about the joys of being alien. Philippe Parreno
Philippe Parreno (l’artista recita nell’intrigante ruolo del “ragazzo di Parigi”) è (playing the intriguing role of “the Boy from Paris”) was able to vent
riuscito a concentrarsi con l’abituale ingenuità sul ritiro thailandese di Rirkrit his customary ingenuity on the Thai artist retreat of his friend and
Tiravanija, suo amico e collaboratore. Il sito era anonimo, privo di accesso alla collaborator, Rirkrit Tiravanija.
rete elettrica. Praticamente una fertile macchia di fango in mezzo al nulla, This locale was anonymous, off the electrical grid, basically a fertile
dove poteva accadere tutto e niente: per questo, Parreno e l’architetto François patch of mud in the middle of nowhere. Anything and nothing was
Roche hanno invaso questa immota fattoria asiatica e vi hanno possible there. So, Parreno and architect François Roche invaded this
impudentemente eretto una stravaganza architettonica. Un ibrido tra il set di timeless Asian farm and boldly created an architectural freak. It’s the
un film di fantascienza, un esemplare di architettura ecologica, una sala hybrid of a science fiction film-set, a green design showpiece, an
riunioni e la casa occupata di un artista internazionale. In più, l’energia è assembly hall, and an international artists’ squat. Plus, it’s literally
letteralmente prodotta da un bufalo: per un marziano di passaggio, lo scenario powered by a water buffalo. It must be well-nigh perfect if Martians
è pressoché perfetto. happen to drop by.
L’installazione, le cui origini artistiche francesi sono quanto di più Furthermore, this installation, whose artsy French origin couldn’t be
remoto dal paesaggio rurale thailandese, si adatta particolarmente al any more alien to Thai rurality, suits its locale remarkably well. Perched
circondario. Appollaiata in una risaia di Chiang Mai, appare in a Chiang Mai rice field, it looks as imperturbable as a pig in mud.
imperturbabile quanto un maiale nel fango. E si tratta di un lavoro This work is especially apt for a period in which machines from
particolarmente adatto a questo tempo, ai giorni in cui Marte è invasa da Earth are invading Mars. As I write this, Spirit and Opportunity, those
macchine terrestri: mentre scrivo, Spirit e Opportunity, i due robot spaziali twin American hot-rods, are vigorously filming the unresisting Martian
americani, stanno insistentemente filmando l’inerme paesaggio di Marte. landscape.
Se parliamo di performance video, il flusso di immagini scientifiche che As video performances go, that scientific stream of images from
ci giunge dal pianeta rosso – le erose colline di Marte, antiche that alien planet: those dull, eroded Martian hills, smears of ancient
incrostazioni di sale, il roteare di trapani meccanici, spietati primi piani di salt, spinning mechanical drills, ferocious close-ups of Martian
sassi e sabbia marziana – rappresenta per un artista materiale con cui è pebbles and sand... that is hard for artists to match, but The Boy From
arduo confrontarsi. Tuttavia The Boy From Mars ci prova. Nella nostra Mars makes an attempt.
epoca, anche Marte è diventato qualcosa di scontato, e ora noi umani In our epoch, Mars finally became banal. Now we humans are
stiamo importando le sue bizzarrie. Grazie a quest’opera di Parreno, mi importing all its strangeness. Thanks to this Parreno piece, I can
sono reso conto di questa semplice verità. appreciate that simple truth.

Bruce Sterling è uno scrittore di fantascienza e un teorico Bruce Sterling is an internationally acclaimed
del cyberspazio di fama internazionale. Risiede a Austin, science fiction writer and cyberspace theorist based
nel Texas. Tra i suoi romanzi: Involution Ocean, Schismatrix in Austin, Texas. His novels include
(ed.it.: La matrice spezzata), Islands in the Net (ed.it.: Isole Involution Ocean, Schismatrix,
nella rete), Holy Fire (ed.it.: Fuoco sacro), The Hacker Crackdown Islands in the Net, Holy Fire, The Hacker Crackdown,
(ed.it.: Giro di vite contro gli hacker), Zeitgeist (ed.it.: Lo spirito Zeitgeist and his latest The Zenith Angle.
dei tempi). Appena uscito è The Zenith Angle. A major influence in the cyberpunk literary movement,
Molto influente nel movimento letterario cyberpunk, Sterling co-authored with William Gibson
è co-autore con William Gibson del romanzo The Difference the novel The Difference Engine. His weblog is "Beyond the
Engine. Il suo weblog è “Beyond the Beyond” Beyond" http://blog.wired.com/sterling/
http://blog.wired.com/sterling/

48 domus Maggio May 2004 Maggio May 2004 domus 49


Giancarlo De Carlo modo contribuire a cambiare gli
equilibri del mondo, né dal loro
variabile assetto può essere
definire visioni del mondo che
coinvolgono tutti per forza di
significati: dove la qualità dello
putting together the Bauhaus
laboratory where genuine artists
of various inclinations were
Koolhaases, the Norman Fosters,
the Jean Nouvels, the Renzo
Pianos, etc. etc. (chased by a few
Everywhere small groups of
young people, even temporarily
associating to tackle some
cambiata, se non nei limiti di un spazio architettonico riprenda un assembled. They exchanged teams of young people specific problems, are paving

Il ricordo suo ben circoscritto ruolo


ancillare. Si può dire a questo
punto che la produzione degli
ruolo strutturale. experiences and studied and
developed reciprocally like never
before in the adverse universe of
desperately searching for images
that appear seducing to the
market and the great
new roads such as the
identification with the laws and
rhythms of nature, or the active
The memory
dell’architettura architetti contemporanei, di
fatto, non interessa più nessuno
(se non quelli che sono dentro, si
tengono al corrente e seguono
of architecture
the arts. Young talents from all
countries were rallied and
trained to exercise criticism that
could liberate human behaviour
bureaucracy). They are all
talented architects and some
even have vivid imaginations
and a taste for innovation.
redefinition of the territory as
cause and effect of any spatial
event; they aim at “reading” the
city and the region, no longer as
partecipando alle ‘sfilate’ mass- recall leaving the room where from conventional an analytical collection of data

icordo che uscendo dalla Walter Gropius, oltre a progettare Era cominciato un periodo di crisi
mediatiche)? Sono convinto che
lo si può dire. I Nervi, Zehrfuss and Breuer had
explained the designs for the
almost finished UNESCO building
encumbrances and transform it
into creative activities. Every
situation or object became a
However they are professionals
who maintain the autonomy of
architecture as if it were an
but as a physical and mental
interpenetration of places to spy
out real history and its probable

R stanza dove Nervi, Zehrfuss e


Breuer avevano illustrato i
disegni del Palazzo dell’Unesco a
alcuni edifici esemplari, aveva
dedicato anni a mettere insieme
il laboratorio della Bauhaus dove
che avrebbe generato confusione
ma anche rinvigorimento critico
dei pensieri. Circolavano ancora
E si può dire anche che è finita
l’architettura, come gli esseri
umani l’avevano immaginata per
in Paris. Sven Markelius, Walter
Gropius and Ernesto Rogers (who
were on the Guarantee
possibility for renewal that took
sides with the positive aspects of
the new emerging and
immaculate activity free of any
influence except by the variable
constraints of power. Almost all
evolutions. They see the
“tentative design” as a sequence
of hypotheses to be explored not
Parigi, quasi finito, Sven erano convenuti artisti autentici molte idee in quegli anni, si secoli? Forse anche questo lo si Committee) went up to Le multiplying techniques that of them (except some of the more to reach univocal solutions but to
Markelius, Walter Gropius e di svariate tendenze che si scoprivano nuove linee di ricerca, può dire. Corbusier and nervously asked excluded odds and ends and cunning and decidedly open possible ones whose
Ernesto Rogers (facevano parte del scambiavano le esperienze e si discuteva, si concordava e si him what he thought of the waste, the inevitable generators commercial) constructed meaning relies on the
Comitato di garanzia) si erano reciprocamente si formavano, contestava con vigore. Senonché la vera natura building that had just been of new forms of intellectual and buildings that were not banal circumstances surrounding the
avvicinati a Le Corbusier e con come non era mai avvenuto L’architettura sembrava ancora dell’architettura è di una Pizia explained. “C’est du mauvais creative passivity. and occasionally surprising, and problem. In the end the result –
apprensione gli avevano chiesto nell’universo siderale delle arti. percorsa da molte energie. solitaria e inquieta che continua Corbu,” he replied, killing the ended up arousing an through tentativeness and
cosa ne pensava dell’edificio che Giovani talenti di tutti i Paesi Ma poi ha prevalso, travolgente, a scrutare il futuro e, da molti discussion once and for all. Le Corbusier continued to deeply irrepressible mass curiosity never temptation – may be
gli era appena stato illustrato. erano stati mobilitati e addestrati la confusione. segni, sembra stia cercando altre stir the field of architecture with seen before. Millions of people meaningful: the land form as the
“C’est du mauvais Corbu” aveva a esercitare critica nei confronti strade che interessandola I felt like an invisible walk on part his projects and bold whirling have gone to visit the origin of articulate and inclusive
risposto tagliando secca e per dei comportamenti umani per Ora ci ritroviamo con i Frank davvero possa farla ridiventare in that scene. I was definitely of a between reality and utopia, both Guggenheim Museum in Bilbao design, the taming of
sempre la discussione. liberarli dagli impacci Gehry, le Zaha Hadid, i Daniel interessante per chi cerca di different generation – of the war of which were observed with in the last five years, many technology, the recovery of
convenzionali e trasformarli in Libeskind, i Richard Meier, i Rem ri-comprendere il mondo in and the resistance – and I was unbiased precision and thousands more have seen the manual skills and the refinement
Mi ero trovato dentro la scena attività creative. Ogni situazione, Koolhaas, i Norman Foster, i Jean modo complessivo e profondo. there almost by chance, because inextinguishable curiosity. The monastery of La Tourette, or the of tools and instruments, the
come una comparsa invisibile; ogni oggetto diventava una Nouvel, i Renzo Piano, ecc. ecc. Rogers had asked me to collect broadness of his research and Van Nelle Factory, or – let’s say – invention of unthought-of
ero davvero di un’altra ipotesi di rinnovamento che (rincorsi da alcune squadre di In tutti i Paesi piccoli gruppi di him at the end of the meeting to initiatives was unconceivable – Hagia Sophia in Istanbul, in the clients, real participation
generazione – della guerra e prendeva partito dal positivo giovani alla ricerca disperata di giovani, che si associano anche have breakfast together. and it still surprises us: from last 50 years. But Bilbao has cleansed of the clichés and
della resistenza – e mi trovavo lì delle nuove tecniche che immagini che appaiano temporaneamente per problemi, ASCORAL to CIAM, from history to already left the minds of its eager forgeries submerging it and
quasi per caso, perché Rogers mi emergevano e si moltiplicavano e seducenti al mercato e alla stanno battendo nuove strade: I stayed a little while longer with mathematics, from the theory of visitors; it has not had the means engaged in rigorously selecting in
aveva chiesto di passare a scartava gli sfridi, inevitabili grande burocrazia). Sono tutti l’immedesimazione con le leggi e them, until we came out through colour and proportion to the to become culture because there order to include all possible
prenderlo alla fine della riunione generatori di nuove forme di architetti di talento e alcuni i ritmi della natura; la what must have been an variety of techniques that was no vision of the world propositions, ideas, positive
per fare colazione insieme. passività intellettuale e creativa. hanno perfino vivida ridefinizione attiva del territorio auditorium, where Picasso had evolved from scientific discovery, sustaining it that made it energies, etc. etc.
immaginazione e gusto per come causa ed effetto di ogni already finished sketching a to the systemising of complex universal.
Sono rimasto ancora un poco con Le Corbusier continuava ad l’innovazione. evento spaziale; la ‘lettura’ della sensational fall of Icarus. modulations in musical sonority By fragments.That might possibly
tutti loro, finché siamo usciti agitare in profondo il campo città e del continuo urbano, non explored by the most Architecture, as it has been associate in agile and multiple
attraversando quello che sarebbe dell’architettura con i suoi Però sono professionisti che più come analitica collezione di I noticed the closer we got to the experimental musicians of his theorised by one of the more configurations capable of
stato un auditorio, dove Picasso progetti e il suo spericolato sostengono l’autonomia dati ma come compenetrazione exit the more my travel time. All of this converged on influential architects in that penetrating the infinite variety of
aveva già finito di sbozzare una volteggiare tra realtà e utopia, dell’architettura, come fosse una fisica e mentale nei luoghi per companions fell silent. It was as architecture as a synthetic and constellation, cannot contribute human circumstances. They
clamorosa caduta di Icaro. osservate entrambe con attività immacolata, libera da spiarne la vera storia e le sue though they were reflecting on a decisive expression of the lives of to changing world equilibriums would have the ability to define
precisione spregiudicata e ogni influenza eteronoma e non presumibili evoluzioni; la defeat that was troubling them, individuals and social groups. in any way, nor be changed by intriguing visions of the world all
Sentivo che più ci avvicinavamo curiosità inestinguibili. Era influenzabile, se non dai “progettazione tentativa” come perhaps in equal measure to how their variable structure, except at through strength of meaning:
all’uscita, più i miei compagni di inimmaginabile – e ci sorprende mutevoli vincoli del potere. sequenza di ipotesi da esplorare, much each of them had done for Leaving the building and the limits of one of its well where the quality of architectural
strada ammutolivano, come se ancora – l’ampiezza della sua Quasi tutti loro – esclusi alcuni non per pervenire a conclusioni a victory. Le Corbusier’s entering the real city my travel restricted ancillary roles. space takes back a structural role.
stessero riflettendo su una ricerca e delle sue iniziative: più furbi e decisamente univoche, ma per aprire a judgement had emptied the companions abruptly found
sconfitta che li turbava, forse in dall’Ascoral ai CIAM, dalla storia commerciali – costruiscono soluzioni che assumano un senso scene and Picasso’s laugh filled it themselves with the Can one say at this point that
misura pari a quanto ciascuno di alla matematica, alla teoria del edifici non banali e qualche volta o un altro, secondo le circostanze with sinister silence. confirmation that the Modern production by contemporary
loro aveva fatto per la vittoria. colore e delle proporzioni, alla sorprendenti, che finiscono col che contornano il problema, fino The dismay was no longer at the Movement had closed its ‘Heroic architects no longer effectively
La sentenza di Le Corbusier aveva varietà delle tecniche che suscitare una irrefrenabile a raggiungere – per tentativi e meagre quality of the place we Period’ long ago, and the idea of interests anyone (except for
svuotato la scena e la risata di evolvevano dalle scoperte della curiosità di massa, mai esistita tentazioni – risultati were in, but rather because that architecture being considered as those who are inside, keep
Picasso l’aveva colmata di scienza, alla sistematizzazione prima. Milioni di persone sono complessivamente significativi; il building banally concluded the a primary component of a new themselves up to date and
sinistro silenzio. Lo sgomento delle modulazioni complesse andate negli ultimi cinque anni a paesaggio come genesi di un failure of a dream (which had world vision was about to vanish. participate in the mass-media
non era più per la scarsa qualità delle sonorità musicali esplorate visitare il Museo Guggenheim di progettare articolato e inclusivo; already disappeared several “parades”)? I am convinced this
del luogo dove eravamo, ma dai più sperimentali musicisti Bilbao: molte migliaia di più di l’addomesticamento delle years before with the myth of the A period of crisis had begun that can be said.
piuttosto perché quell’edificio del suo tempo; e il tutto quelle che hanno visto il tecniche; il recupero della League of Nations). It was the would generate confusion but
concludeva in banalità il convergeva sull’architettura, Convento di La Tourette, o la manualità e l’affinamento della dream of a new world where also a critical reinvigoration of Can one also say that architecture
fallimento del sogno (del resto sintetica e risolutiva espressione fabbrica Van Nelle, o – diciamo - strumentalità; la promozione di everybody would be able to thinking. Many ideas still as human beings have imagined
già svanito vari anni prima col della vita degli individui e dei Santa Sofia a Istanbul, negli committenze non convenzionali; understand each other because circulated in those years, new it for centuries has ended?
mito della Società delle Nazioni) gruppi sociali. ultimi cinquant’anni. la partecipazione reale ripulita they were better. The lines of research were Perhaps we can also say this.
di un mondo nuovo dove tutti Ma Bilbao è già uscita dalla dalle contraffazioni facili di cui è improvement was supposed to discovered, there was discussion
avrebbero finito per Uscendo dall’edificio e entrando mente dei suoi ansiosi visitatori; stata caricata e impegnata a have come about through and one vigorously negotiated But the real nature of
comprendersi perché erano nella città reale i miei compagni non ha avuto i mezzi per selezionare con rigore per eradicating the superstition of and disputed. Architecture still architecture is of a solitary and Giancarlo De Carlo
diventati migliori; e il di strada si ritrovavano diventare cultura perché a includere il più possibile di clichés using the strength of seemed to be crossed over and restless Pythia that continues to Nato nel 1919 a Genova, vive e lavora a
Milano. Autore di saggi e libri, De Carlo è
miglioramento sarebbe venuto bruscamente con la conferma che sostenerla non c’era una visione proposizioni, idee, energie reason and the tools of art that run through by many energies. scrutinise the future. Many signs protagonista di una lunga esperienza
dall’avere sradicato la il Movimento Moderno aveva del mondo che la rendesse positive. Ecc. ecc. have an inherent capacity to But then confusion indicate that it seems to be progettuale esercitata in molte città
superstizione dei luoghi comuni concluso da tempo il suo universale. delve into and reveal the real overwhelmingly prevailed. searching for other roads to europee.
usando la forza della ragione e gli “Periodo Eroico” e che stava per Per frammenti. Che forse si essence of human reality. pursue in, and that might make
strumenti dell’arte che hanno svanire l’idea di considerare L’architettura, come è stato assoceranno in configurazioni Now we find ourselves with the it become interesting again to Giancarlo De Carlo
Born in 1919 in Genoa, De Carlo lives and
intrinseca capacità di scavare e l’architettura componente teorizzato da uno degli architetti agili e molteplici, capaci di Walter Gropius, aside from Frank Gehrys, the Zaha Hadids, those trying to re-understand works in Milan. The author of essays and
svelare la vera sostanza delle primaria di una nuova visione tra i più influenti di quella penetrare nella infinita varietà designing some exemplary the Daniel Libeskinds, the the world in a comprehensive books, he has been actively involved in
realtà umane. del mondo. costellazione, non può in alcun delle circostanze umane e di buildings, dedicated years to Richard Meiers, the Rem and profound way. many design projects around Europe.

50 domus Maggio May 2004 Maggio May 2004 domus 51


I I
ncontrai Cedric Price grazie a HANS ULRICH OBRIST HA RACCOLTO RICORDI, PENSIERI, RACCONTI DI AMICI l pensiero e l’opera di Cedric Price Le sue intuizioni hanno aperto la strada verso un’architettura non più architettura
Dan Graham e Richard e Rita ENTRATI IN CONTATTO CON IL ‘DISPOSITIVO’ PRICE. hanno avuto una influenza del tut-
Hamilton, e agli scambi di MEMORIES, THOUGHTS AND ACCOUNTS OF FRIENDS WHO CAME INTO CONTACT WITH to particolare sul mio lavoro, nel senso
idee sulle mostre e sulla pratica cu-
ratoriale che cominciammo ad avere
THE PRICE “DEVICE”, COLLECTED BY HANS ULRICH OBRIST. che alcune scelte di fondo del mio esse-
re architetto sono state influenzate mol-
LE SUE IDEE ERANO UNA MUSICA
intorno al 1997-98. In quel periodo, to profondamente dalla sua filosofia.
NUOVA, ANCORA NON SCRITTA
assieme a Hou Hanru, avevo inizia-
to a elaborare una esposizione inter-
nazionale sulle città asiatiche dal ti-
A TRIBUTE TO Mi sembra in questo senso che Ce-
dric Price sia stato uno dei pochi archi-
tetti del dopo-Le Corbusier ad avere a-
His intuitions paved the way towards an architecture
CEDRIC
tolo “Cities on the Move”. A propo- vuto una propria filosofia, cioè un pen-
sito di quel progetto e del fatto che siero illuminante al quale tutta la sua o- that was no longer architecture
era incentrato sulla mutazione delle pera faceva riferimento.
città, ci chiedevamo come trasferire Ricordo benissimo che in un certo per le nostre ricerche.
le strategie dell’architettura in ambi- momento del 1966 quando ero appe- L’intuizione di Cedric Price – che
to curatoriale; come e se gli stru- O M AG G I O A C E D R I C na laureato, e mentre preparavamo a Fi-
renze, con gli Archizoom e il Superstu-
poneva in primo piano altre qualità che
andavano oltre a quelle formali e fun-
menti dell’architettura potessero
diventare attrezzi utili per noi, da dio, la prima edizione della mostra della zionali dell’architettura – apriva una
impiegare per la realizzazione di un Superarchitettura, sfogliando una copia strada storicamente nuova, verso una
progetto espositivo. del giornaletto londinese pubblicato da- architettura che non era più architettu-
Quando, durante la preparazione gli Archigram, guardavo senza capirla ra, ma che poteva diventare un sistema
di “Cities on the Move”, mi trovai bene una immagine molto contrastata ambientale liberato dai limiti tradiziona-
a discutere con Hamilton sul tema di un suo progetto.Allora Adolfo Nata- li della stessa figurazione urbana. La no-
delle città e del tempo, egli mi sug- lini mi disse polemicamente: “Cedric stra No-Stop City è nata proprio da
gerì di parlarne con Cedric Price. Price afferma che oggi la qualità dell’aria quella intuizione.
Ne nacque un intenso dialogo, condizionata è più importante dell’ar- Altri elementi germinali nell’opera
che si è protratto per sei anni e che chitettura che la contiene!” Rimasi ful- di Cedric Price più tardi sono risultati
Archizoom Associati,diagramma abitativo omogeneo Ipotesi di linguaggio architettonico non figurativo,
minato e risposi:“Interessante!”. importanti nell’evoluzione della mia ri-
ha avuto una grande influenza sul 1968/homogeneous diagram for living:Hypothesis for a non-figurative architectural language,1968
L’aneddoto in sé è del tutto insigni- cerca, da Agronica a Eindhoven, e cioè
mio modo di pensare alle esposi-
ficante; ma per me fu il primo vero spi- quella architettura che costruisce se Hearing his ideas Price’s intuition gave prominence to
zioni. Un risultato di queste con-
raglio fuori da quel cerchio stilistico stessa, come una energia dinamica, che other qualities that went beyond those
versazioni fu la partecipazione di was like listening to
dell’architettura pop, che stava già allo- trasforma lo spazio e il territorio, intro- of form and function in architecture,and
Price a “Cities on the Move”; ma
anche l’elaborazione – da parte di
ra diventando limitato. Limitato perché ducendo la componente tempo dentro a new kind paved a way toward an architecture that
puramente linguistico, puramente for- al suo ciclo vitale. Questa visione evolu- was no longer architecture but that
Price – di un concetto di “spazio
male, e di fatto non riusciva a spostare tiva superava la rigida immobilità della of music, as yet could become an environmental system
espositivo” come nuovo sistema
educativo caratterizzato da un
in maniera soddisfacente il nucleo com- costruzione, e andava verso quella ar- unwritten liberated from the traditional limits of
positivo della nostra ricerca di una nuo- chitettura enzimatica che oggi molto mi urban figuration.
insieme dinamico e potenzial-
va architettura. Sentendo quella intui- interessa, frutto di una modernità più Our own No-Stop City sprang pre-
mente complesso di circuiti di ri-
zione geniale di Cedric Price, mi sem- profonda e meno esibizionista, debole
sposta; un dispositivo suscettibile
di essere trasferito in altri contesti
brava di sentire un’altra musica, ancora
non scritta, che poteva indicare il futuro
ma diffusa, che credo bene rappresenti
questo strano inizio del XXI secolo.
T he mind and work of Cedric
Price have had a very particular
influence on my work, insofar as some
cisely from that intuition. Other ele-
ments in Price’s work later proved im-
portant in the evolution of my projects,
e immesso anche in un quadro of my pivotal choices as an architect from Agronica to Eindhoven.We were
politico. were profoundly shaped by his philoso- talking about an architecture that builds
Una parte delle mie conversazio- Il tuo comportamento era il tuo stile phy. Indeed, Price seems to me to itself, like a dynamic energy that trans-

per gentile concessione di/courtesy Will Alsop


ni con Price vertevano sulla nuova have been one of the few architects of forms space and territory by introduc-
natura che avrebbe avuto nel ven- Your behaviour was your style the post-Corbusian era who actually ing the time component into its life-
tunesimo secolo il museo in quanto had a philosophy of his own: an enlight- cycle. This evolutionary vision sur-
istituzione culturale. Per tutti gli Sei morto, Cedric. Hai sempre saputo che la tua vita non sarebbe sta-
ta segnata dalla longevità, e non lo è stata. Non avevi un carattere faci- ened way of thinking to which all of his passed the rigid immobility of construc-
anni Novanta si era fatto un gran work referred. tion and moved toward the enzymatic
parlare di ‘infiltrazione’ nelle istitu- le e sapevi suscitare l’ira di Dio – se lo volevi.
Ma questa non è una buona ragione per morire. I remember very well that in 1966, architecture that I find so interesting
zioni esistenti. La domanda che ci when I had just graduated and was today.
C.P., eri amato da tutti, anche da chi detestava quello che facevi e che
ponevamo era: come avrebbe do- preparing, with Archizoom and Super- For it is the fruit of a deeper and
rappresentavi.
vuto funzionare nel ventunesimo studio, the first edition of the exhibition less exhibitionist, weak but widespread
Hai vissuto una vita piena, senza mezze misure che ti permettessero
secolo una struttura così impor- Superarchitettura in Florence, we hap- modernity, which I believe represents
di sentirti in corto circuito. Hai inventato dei nuovi modi di lavorare, che
tante e vitale? Come avrebbe potu- pened to be looking through the Lon- this strange beginning of the 21st
implicavano l’idea di un comportamento corretto. Quel comportamen-
to sopravvivere come spazio pub- don newsletter published by Archigram century.
to che era il tuo stile ma – io credo – anche il tuo punto debole. Per un

A
blico in un momento in cui gli spa- fter hearing about Cedric with Price that lasted until his sudden way that would completely redefine when, without clearly understanding it,
individuo che rifiutava ogni idea di ‘stile’ in senso progettuale, questa Andrea Branzi
zi espositivi sono sempre più espo- Price from Dan Graham death last summer and had been in- our notion of public space, and this my eye was caught by a much-disputed
divenne infatti un’ossessione, che ti impediva di lavorare. architetto/architect, Milano
sti alle forze omogeneizzanti della for many years, I finally credibly important to my way of at the very time when museums picture of one of his projects. At the
Cedric, è questa paura ad aver generato l’indolenza che ti ha tenuto co-
globalizzazione? met him through Richard and Rita thinking about exhibitions. What were, as they still are, becoming time, Adolfo Natalini said to me,
sì indaffarato, in una stanza bianca ad Alfred Place.
In un certo senso, Price aveva Hamilton. We began having conver- came out of these conversations was increasingly exposed to the ho-
anticipato e già affrontato queste sations about curating and exhibi- Price’s participation in “Cities on the mogenising forces of globalisation Cedric, you died. You always knew that your life would not be marked
‘Cedric Price says the quality of condi-
tioned air today is more important than Future
domande. Sosteneva infatti che “un
centro culturale del ventunesimo
tions around 1997-98. This was
when I had started, with Hou Hanru,
Move”, but also an even deeper in-
volvement that provoked the con-
and the radical disappearance of the
museum as public space. Price had,
by longevity and it was not. You were not easy and had the capability to
transmit the fear of God - if you wished.
the architecture that contains it!’
Flabbergasted, I replied,‘Interesting!’
Systems*
secolo farà uso di una calcolata to think about the exhibition we were ception of the exhibition as a learn- in a way, already pioneered these But that was no reason to die. The anecdote in itself is quite I pensatori veramente originali
incertezza e di una consapevole in- imagining at the time, “Cities on the ing process with a potentially com- ideas. He wrote, “A 21st-century C.P., you were the person that everyone loved even if they hated what insignificant. But for me it was the first sono rari: con la morte

THE CEDRIC TRIBUTE GAZETTE


THE CEDRIC TRIBUTE GAZETTE

completezza; entrambe serviranno Move”. In terms of that exhibition plex and dynamic system of feedback cultural centre will utilise calculated you did or what you represented. You lived to the full and there were no real glimmer of what lay beyond the di Cedric abbiamo perso – in
per catalizzare un forte cambia- and its focus on the mutation of cities, loops that can be brought into other uncertainty and conscious incom- half measures to allow you to feel short changed. You invented possible stylistic circle of pop architecture that assoluto – uno dei migliori.
mento, pur continuando a generare we were considering how to bring ar- contexts and fed into a political pleteness to produce a catalyst for in- new modes of operation which represented to an idea about good was already running out of steam.And
‘cibo per occhi attenti’”. chitectural strategies into curatorial framework. Part of my convers- vigorating change, while always pro- behaviour. this was because it was purely linguistic, Truly original thinkers are rare,
Il lavoro di Price ha ispirato practice, how the tools of architecture ations with Price centred on the ducing the harvest of the quiet eye”. Behaviour was your style which I also believe was your weak point. For purely formal. It had failed to satisfacto- with Cedric's death we have
generazioni di artisti e di architetti. could become tools for curating. museum and on the idea of a cultur- As a tribute to Price’s work and the a person that refused any idea of style in the design sense, it became rily shift the compositional core of our lost one of the very best.
Abbiamo deciso di chiedere ad When I spoke about cities and al institution for the 21st century. inspiration it has provided to your obsession which prevented you from working. search for a new architecture.When I
alcuni di loro di mandare a Domus
un pensiero (in forma di testo o di
time with Richard while preparing
for the said exhibition in London, he
Throughout the 1990s, there was
much talk of the ‘infiltration’: how
generations of artists and architects,
we decided to ask a number of prac-
Cedric, your fear created laziness in you that kept you busy in a white
room in Alfred Place.
heard Price’s brilliant intuition, it was
like listening to a different music, not
*Jan Kaplicky e/and Amanda
Levete (Future Systems)
immagine) in sua memoria. suggested that I go and see Price. an important and vital institution of titioners to write in homage. WILL ALSOP , architetto/architect, London yet written, that could point the way
architetti/architects, London
Hans Ulrich Obrist This instigated an intense dialogue the 21st century could function in a Hans Ulrich Obrist forward for our work.

52 domus Maggio May 2004 Maggio May 2004 domus 53


C ominciai a interessarmi alle i-
dee di Cedric Price mentre
ARCHITETTURA E SOCIETÀ, MUTAMENTO E PIACERE with his work for the last 33 years.
His Kentish Town Interaction

Mirare a sbagliare
studiavo alla Scuola di Stoccarda, pri- Centre had it all. It was a genera-
ma di andare a Londra nel 1969 per tor, a magnet, revealing the poten-
frequentare un Master. L’argomento tial and energy of a black hole in

Aiming to miss
della mia tesi era l’apprendimento au- the city. It was an ensemble of
to-organizzato, un soggetto che CP – delightfully differentiated rooms
come scoprii quando accettò gentil- with no corridors, similar to the
mente di farmi da tutor esterno – ave- spatial organisation of a proper
va a cuore. Cedric era diverso dagli English hall house. Some of the
altri, era uno di quegli architetti-intel- Non c’erano molti architetti che riuscissi a rispettare: rooms I remember vividly had 30
lettuali che non si occupano di valori Cedric era uno di quelli. cm wide floorboards. Interestingly
effimeri. Era più interessato a proble- There were not many architects that I could respect. it wasn’t an open plan building of
mi di relazione tra architettura e so- modern architecture. It was of
cietà, alle tematiche del cambiamento He was one of them. course constructed as a collage of
e del piacere. Il suo pensiero puntava ready-mades very cleverly selected
sempre a sollevare questioni intelli- and assembled. Only CP can see
genti, che spesso si ponevano il pro- the single material values of a
blema di stabilire se un edificio rap- Norwegian log cabin which is
presentasse davvero la risposta mi- jostling for space with a variety of
gliore a un bisogno. Negli ultimi tren- mobile accommodation types
tatré anni ho sempre cercato di rima- under the open canopy of the pre-
nere in contatto con il suo lavoro. fabricated steel structure.
Il suo Interaction Centre di Ken- His architecture keeps you on
tish Town, a Londra, rifletteva perfet- your toes. It makes you think. The
tamente il suo pensiero. Era un gene- incompleteness of the building, lit-
ratore, un magnete capace di rivelare erally the open-endedness of the
il potenziale e l’energia di un buco ne- building on both sides has given
ro nella città. L’Interaction Centre era the occupants so much room for
Cedric Price, Bat Hat, proposta di riutilizzo della centrale elettrica di Battersea, Londra,
un insieme di spazi piacevoli e delizio- 1984/Bat Hat, proposal for re-use of the Battersea Powerstation in London, 1984
their ideas of use. It was the near-
samente differenziati, senza corridoi; est he ever came to his Fun Palace.
simile, in realtà, allo spazio di una ti-
pica casa inglese. Alcune stanze – lo
ricordo vividamente – avevano pavi-
in fondo, per Cedric, il modo miglio-
re di avvicinarsi al suo Fun Palace.
Cedric riuscì a prevedere la rimo-
I became interested in the
ideas of CP while studying
at the Stuttgart School before
He predicted the taking away
of the building almost to the year,
26 years after it was completed.
menti con assi in legno, larghe 30 cm. zione del suo edificio, arrivando qua- coming to London in 1969 to do a There are a number of designs
Non si trattava certo di un’architettu- si ad azzeccarne l’anno, dopo venti- Master’s degree. My thesis was where all he does is take away
ra moderna, a pianta aperta. sei anni dal suo completamento. In about self-regulated learning and selectively in order to create re-
Era invece, ovviamente, costruita numerosi disegni, tutto quel che Pri- this was a subject close to CP’s freshingly new space with old
come un collage di ready-made, sa- ce fa è di mettere in atto una sorta di heart, which I discovered when he elements: ‘experimental fields for
Nico Dockx e/and Helena Sidiropoulos, artisti/artists, Antwerp
pientemente scelti e assemblati. Per- rimozione selettiva, in modo da crea- kindly agreed to become my out- the future’. Se si mettono insieme due parole, improvvisamente nello spazio che si crea tra di loro si apre una stanza:/ come il verde, ancora altre foglie.../ Che gusto!/ Il sole si ri-
ché solo CP poteva valutare le singo- re spazi nuovi e gradevoli utilizzando side tutor. He was different, he One is called Bat Hat, the oth- posa tutto il giorno sul suo corpo e lo riempie di luce./ Con nonchalance/ il ricordo del piacere./ come lettere/ mentre il tempo scorre, resta di loro solo la descrizione/
le qualità materiali di una capanna in elementi antichi: “territori sperimen- was one of those intellectual archi- er is the South Bank Shell Centre. la nostra casa, ancora un’altra strada - La Strada Che Non È Una Strada/ Non deve durare più del necessario/ le diverse parti della sua architettura interagiscono – spon-
taneamente/ col lavoro, con la vita/ la lentezza è sempre stata qui, adesso/ e così, movimenti leggeri/ e insieme infantili e sperimentali/ sdraiati di schiena e osserva il cie-
tronchi norvegese che lotta per farsi tali per il futuro”. Uno si chiama Bat tects not so much concerned with Above and on the far left are lo/ rozze, casuali note prendono il volo/ un terrazzo viaggiante/ questo è il mio studio/ lassù tra i rami degli alberi/ in fiore/ cadendo senza vento/ si riposa sulla sua om-
spazio tra una varietà di abitazioni Hat (cappello da pipistrello), l’altro è fleeting values. sketches of these amazing designs bra/ un’assenza programmata/ (come) spirali di fumo capovolte/ à l’infinitif/ costruiamo il nostro tempo/ io costruisco il mio tempo
mobili sotto la tettoia aperta di una il South Bank Shell Centre. He was more interested in that follow this strategy. What an
struttura prefabbricata in acciaio. In questa pagina vediamo gli questions of architecture and independent spirit. ‘Aiming to
G R U P P O A12 piare, con estremo piacere, un pro- ic quality. But they were destined to
La sua architettura ti teneva in schizzi di questi straordinari proget- society, in change and in delight. miss’ – what a lovely way to
getto di Cedric Price, adattandolo a
punta di piedi, ti faceva pensare.
L’incompletezza della costruzione,
ti, che seguono proprio questa strate-
gia. Quella di uno straordinario spi-
His thinking was always directed at
asking intelligent questions,
describe what an architect can do
to widen his or her horizons. FONTE DI ISPIRAZIONE un nuovo uso. Si trattava della vo-
remain on paper. We discovered only
by accident, through the odd clue
l’apertura su entrambi i lati, letteral-
mente infinita, lasciava a chi la occu-
rito indipendente; “mirare a sbaglia-
re” – ecco un modo delizioso di de-
often embracing the question
whether a building is the best way A SOURCE OF INSPIRATION liera dello zoo di Londra, riferimen-
to che probabilmente poco tempo
prima, quando eravamo ancora stu-
here and there (a footnote, an illus-
tration dug out of an old journal in
the library, some reference in an
pava moltissimo spazio per sviluppa- scrivere quel che un architetto può to answer some kind of need. I Florian Beigel Con i suoi progetti agili, leggeri, temporanei ed effimeri.
re nuove idee di abitare. Era questo fare per ampliare i propri orizzonti. have been trying to keep in touch architetto/architect, London denti, ci avrebbe garantito qualche interview), that in the recent past
Through his flexible, lightweight, temporary espressione di sufficiente disprezzo more flexible, lightweight, tempo-
and ephemeral designs. da parte di numerosi professori di rary and ephemeral designs had

Priceless
Richard e/and Rita Hamilton A bbiamo studiato architettura du-
rante i primi anni Novanta, a Ge-
destinati però a rimanere sulla carta.
Scoprimmo accidentalmente attra-
progettazione. existed (and had even been realised).
These offered us a repertory of
actions more in line with what we

artisti/artists, London nova, un luogo considerato provin-


ciale nel sistema delle università ita-
verso pochi indizi (una nota a piè di
pagina, un’immagine scovata in una
W e studied architecture in the
early 1990s in Genoa, a place
considered provincial within the
felt could be the role of architecture
in contemporary society.
In 1998, during one of the innumer-
1. vale più 1.worth more liane, allora dominato dalle facoltà di vecchia rivista sfogliata in biblioteca, Italian university system, which at able urban architectural workshops
di quanto si possa calcolare than can be calculated in Milano, Roma e Venezia. L’influsso un riferimento all’interno di un’inter- that time was dominated by Milan, organised by city councils all over
in termini di denaro terms of money delle varie correnti dell’architettura vista), che erano esistite nel passato Rome and Venice. The influence of Italy, we were finally able – with the
italiana (i rossiani, i grassiani, i mu- recente pratiche progettuali più agili, the various tendencies in Italian ar- greatest pleasure – to copy a project
THE CEDRIC TRIBUTE GAZETTE

THE CEDRIC TRIBUTE GAZETTE


2. estremamente comico 2. extremely comic ratoriani, i gabettiani, i canelliani, i
gregottiani) giungeva attutito alla no-
leggere, temporanee ed effimere (e
costruite per davvero), che ci offri-
chitecture (Rossians, Grassians,
Muratorians, Gabettians, Canellians,
by Cedric Price and adapt it to a new
purpose. The project was that of the
e divertente and amusing
stra facoltà. Il dibattito disciplinare vano un repertorio di azioni più affi- Gregottians) was muffled by the time aviary at the London Zoo. A land-

3. manca cedric 3. missing cedric di quegli anni ci aveva abituato ad ar-


chitetture estremamente solide e ro-
ni a quello che sentivamo potesse es-
sere il ruolo dell’architettura nella
it reached our faculty. The debate in
those years had accustomed us to ex-
mark achievement, it would proba-
bly, when we were still students,
buste, e al contempo impalpabili: in- società contemporanea. tremely solid and sturdy yet impal- have earned us the complacent
Cedric Price, South Bank, una serie di suggerimenti per la zona londinese di South Bank, Richard e Rita Hamilton hanno creato un’immagine come tributo al tardo Cedric fatti i progetti – spesso caratterizza- Nel 1998, durante uno degli innume- pable architectures. In fact, the contempt of several of our architec-
tra cui la rimozione di numerosi piani della torre dello Shell Centre, 1983 Price, che sarà riprodotta nell’intervista a Richard Hamilton, in uscita sul numero
ti da muri ben spessi e bucature assai revoli workshop di progettazione projects – often characterised by ture professors.
Cedric Price, South Bank, a series of suggestions for the South Bank area in London, di giugno di Domus (871). Richard and Rita Hamilton have created an image
in homage to the late Cedric Price, which will be set beside the interview with Richard ridotte – erano quasi sempre solo di- urbana, che ogni amministrazione thick walls and very small apertures
including the taking away of several floors of the Shell Centre tower, 1983 segni, alcuni dei quali di un livello di pubblica locale organizza qua e là
Hamilton in June (871) issue of Domus. – were nearly always only drawings, gruppo A12
raffinatezza grafica impressionante, per l’Italia, potemmo finalmente co- some of which were of superb graph- architetti/architects, Milano

54 domus Maggio May 2004 Maggio May 2004 domus 55


Il Fun Palace di oggi? L’ eccentrico produttivo mava il sigaro e guardava cupo verso l’oriz-
zonte, come se non vedesse nulla davanti a
But the image of Cedric that appears
most vividly in my mind occurred one
The Fun Palace of our age? sé. Il profeta del flusso e del cambiamento, sunny spring morning when I was walking
Stefan Rethfeld
architetto/architect, Berlin
The productive eccentric lo scopritore di tendenze e movimenti era
lì, improvvisamente trasformato in un o-
stacolo cieco per la folla che sciamava in-
up Tottenham Court Road in the middle of
the day, when it becomes characteristically
buzzing with students and people shopping,
Forse Cedric guarderà dall’alto il Maybe Cedric is looking down torno.Mi viene in mente un’affermazione di getting a sandwich or going about their
Palazzo della Repubblica di Berlino. from above on the Palast der Repub- Paul Virilio, secondo cui il viaggio più inten- business. For some strange reason, every-
Purtroppo qui non c’è nessun Price lik in Berlin. Unfortunately, there is so si fa rimanendo immobili:forse,perché le body was young and everybody was run-
tedesco che bisbigli all’orecchio dei no German Price here to whisper in Ho avuto occasione di incontrare Ce- figura veramente produttiva. cose potessero veramente cambiare, biso- ning in the same direction, towards the
potenti quanto sia grande il potenzia- the ears of the influential, telling dric più volte nel corso degli anni in cui en- Tuttavia,l’immagine di Cedric che rima- gnava che avessimo tutti la sua coerenza. north. I was almost being carried forward
le di questo edificio, nonostante la them what great potential this build- trambi insegnavamo all’Architectural As- ne più viva nella mia mente è quella di una by the crowd, enjoying being part of the
sua condizione di rovina. Lontano e ing represents despite its dilapidated sociation, e quel che invariabilmente mi soleggiata mattina primaverile,mentre risali- I had the chance to meet Cedric swarm, when suddenly I could see a few
aperto, non c’è nessun individuo re- condition. Far and wide, there is no sorprendeva erano i suoi modi da perfet- vo a piedi Tottenham Court Road nell’ora in several times during the years we were yards ahead, that the swarm had encoun-
sponsabile che possieda questo sguar- responsible person with the ability to to gentiluomo. In un luogo in cui, più spes- cui la zona è solitamente affollata di studen- teaching together at the AA, and I was al- tered an obstacle and people were moving
do fresco sulle cose. Su di noi, invece, see things with a fresh eye. Instead we so di quanto non si desiderasse, ci si im- ti e gente che fa shopping, si compra un pa- ways surprised by his perfect gentlemanly aside and lowering their speed. I moved
incombe il pragmatismo: una rapida are threatened by pragmatism: quick batteva in gente che si faceva in quattro nino o se ne va semplicemente per i fatti manner. In a place where more often than forward cautiously, like you do in a swarm,
demolizione, un parco verde e un ‘ca- demolition, a green park and a ‘state- per dimostrare la propria superiorità, le suoi.Per qualche strana ragione,ero circon- one would have wanted you came across watching the speed of the guy in front, and
stello’. Eppure il Palazzo è il “Fun Pa- ly home’. And yet the Palast is the maniere rilassate di Cedric e la sua so- dato solo da giovani che sembravano anda- people who would go out of their way to suddenly the gap in the crowd appeared,
lace” del presente. Per ora, trasfor- ‘Fun Palace’ of our age. In the mean- stanziale intelligenza erano davvero vivifi- re tutti nella stessa direzione, verso nord. demonstrate their superiority, passion and and in the middle of it Cedric, walking in
meremo il palazzo in un laboratorio time, we shall stage cultural occa- canti. Di solito guardava i progetti come u- Ero praticamente trascinato dalla folla, originality, Cedric’s relaxed manner and the opposite direction, with characteristic
urbano, riempiendolo di manifesta- sions and turn the Palace into an ur- no scienziato paziente, che piuttosto di e mi godevo la sensazione di essere parte real intelligence was very refreshing. He parsimony, bouncing from one side to the
zioni culturali – lasciandoci sorpren- ban laboratory – and let ourselves be sfoggiare il proprio profondo sapere con di uno sciame, quando improvvisamente vi- used to look at the projects as a patient other in slow motion. Same stripy shirt
dere dallo scorrere del tempo. surprised by the course of events. interventi perspicaci o osservazioni umi- di, qualche metro più avanti, che la folla a- scientist, waiting calmly for something to with white neck, blue blazer and grey
Nel frattempo, ogni tanto, guar- And from time to time we shall lianti, aspetta tranquillamente che qualco- veva incontrato un ostacolo e le persone happen, rather than trying to show how trousers; same aerodynamically gelled hair,
deremo anche in alto. also glance upward. sa accada. rallentavano e si spostavano ai lati. Prose- much he knew or making virtuous inter- smoking a cigar and looking bleakly to the
Liam Gillick, artista/artist, London E quando effettivamente si presentava guii con cautela, come si fa quando ci si ventions or demeaning remarks. horizon, as if he could not see anything in
qualcosa di interessante, Cedric si mostra- muove in gruppo, adeguandomi alla velocità When something did actually happen, front of him.There he was, the prophet of
va chiaramente entusiasta, fornendo spes- della persona che mi stava davanti. Improv- he would become visibly excited and make flows and change,the tracker of trends and
The Fun Palace to Come
Un luogo senza etichette che purtroppo ancora It was in Kyoto where I saw what
would be the closest idea to the Fun
so letture profondamente liriche del lavo-
ro. Era, soprattutto, un critico molto gene-
roso, poco incline a giudicare o vagliare,
visamente, nella folla si aprì un varco e nel
bel mezzo apparve Cedric, che cammina-
va in direzione opposta col caratteristico
truly lyrical readings of the work. He was,
most of all, a very generous critic, not inter-
ested in judging or evaluating, but in con-
movement, suddenly turned into a blind
obstacle to the swarming crowd.
I remembered Virilio saying that the
oggi non esiste A Place to Misplace Palace.
It was a seven story building
where you first had to "buy time" in or-
quanto piuttosto disposto a contribuirvi
da una posizione distaccata. Era in grado di
passo misurato, muovendosi come al ral-
lentatore da un lato all’altro del marciapie-
tributing to the work from the distance of
his position. He was able to sustain the
most intense travel is motionless…
Perhaps we all needed his consistency for

Labels that unfortunately does not yet exist der to use over 50 facilities ranging
from a videodrome to a swimming
sostenere le discussioni più strambe senza
batter ciglio. Aveva perfezionato il ruolo
de. Indossava una camicia a righe con col-
letto bianco, un blazer blu e pantaloni grigi;
weirdest arguments without blinking.He had
perfected the role of the eccentric, to the
point in which it becomes truly productive.
everything to change.
Alejandro Zaera-Polo
architetto/architect, London
pool. There was a bowling alley next dell’eccentrico, fino al punto da farne una i capelli aerodinamicamente impomatati, fu-
to a manga cafe and a love hotel. This
Verrà il Fun Palace verso la quale puntava Cedric Price Fun Palace dovrebbe avere dei poesia- business was competing to have the
È stato a Kyoto che ho visto l’idea
più vicina al Fun Palace.
fosse ancora più ibrida, qualcosa tra
un campus universitario e un parco di
karaoke. Lì si potrebbero imparare le
danze tipiche di ogni cultura, la medi-
largest and most complex programme
for amusement. Yet I believe the direc- Troppo intelligente Cedric Price, my friend…
One of the most intelligent archi-
tects in a century that could boast a few!
Debord? One day, in Graz, in the mid-
dle of a lecture I was giving, he slipped
in so quietly that I stopped halfway
Era un edificio di sette piani dove
si doveva in primo luogo “comprare
divertimenti a tema. Qualcosa che,
purtroppo, ancora non esiste.
cina e la matematica, e così via.
Ognuno di noi porta con sé un’eti-
tion that Cedric Price was pointing
was even more hybrid, something be- per costruire molto Too intelligent, though, to build too through a sentence and cried, ‘Cedric!’
del tempo” per utilizzare più di cin- Credo che vi siano attività (e spazi chetta: io sono un artista, io sono un tween a university campus and a much… and among the most reserved. and went to the back of the hall to
quanta servizi, che andavano da un vi-
deodrome a una piscina. C’era un bow-
deputati a queste attività) alle quali dif-
ficilmente siamo interessati, e che sia
ingegnere, io sono un filosofo. Imma-
gina quanto sarebbe divertente entrare
theme park. Something which unfor-
tunately still doesn’t exist.
Too intelligent He was quickly sickened by the narcis-
sistic statements of architects who took
shake his hand. I knew he would be
very embarrassed but inwardly
ling accanto a un manga caffè, e a un
albergo dell’amore. Uno spazio che
proprio questo il motivo per cui dob-
biamo combattere la specializzazione.
nel Fun Palace, dove queste etichette
sono temporaneamente messe nel po-
I think that there are activities
(and spaces devoted to these activi-
to build too much commissions as a right to express them-
selves with the self-complacency of
pleased…
Once, in a Paris restaurant, he or-
cercava di realizzare il programma ri- Mancano ancora molte cose! Uno di noi sto sbagliato. ties) that we are hardly interested in Cedric Price, amico mio... proibite prima dagli utenti e poi da artists… He told me of his astonishment dered four pieds de porc, expecting to
creativo più vasto e articolato possibi- potrebbe desiderare di leggere poesie Dove tu, per un giorno, puoi sem- and that’s why we must fight speciali- Uno degli architetti più intelligenti lui… I disegni delle sue ‘Pottery Think- in seeing the form an architect had been be served tiny chops. When an imposing
le. Eppure io credo che la direzione ad alta voce, quindi questo ipotetico plicemente essere. sation. There are many things missing! in un secolo in cui ce n’erano ben po- belt’ erano ansiosamente illeggibili per appointed to conceive for the pier roofs chunk of meat appeared, he didn’t bat
Perhaps one wants to read poetry over the machinery of the immense an eyelid. His sense of proportion and
chi! Troppo intelligente per costruire paura di indebolirne il semplice uso di
out loud, so this hypothetical Fun
molto… E anche uno dei più riservati. riunire delle intelligenze: non si tratta Thames barrier suddenly realized scale was as effective and calm as his
Palace should have poetry-karaokes.

Yo n a F r i e d m a n In this place you could also learn basic


dances from any culture, medicine and
mathematics, etc.
Era presto nauseato dalle affermazioni
narcisistiche di architetti che conside-
ravano gli incarichi come il diritto ad e-
di un aneddoto.
Si doveva notare solo il cambia-
mento, le relazioni sociali e lo scambio
twenty years later. What right had he to
impose such a personal form upon a
whole lot of people who hadn’t asked
sense of humour.
He will be sadly missed.
Lucien Kroll
Each of us carries a label: I am an sprimersi con la futilità dell’artista… intellettivo, senza alcuna ricerca esteti- him for anything? architetto/architect, Bruxelles
Cedric Price: dubbio d’accordo su questi principi. or a propaganda item (as many of the
artist, I am an engineer, I am a philoso- Mi raccontava del suo stupore nel ve- ca o affermazione troppo ridondan- Likewise, his meticulous way of de-
un amico e un alleato La morte di Cedric è davvero una avant-garde of the time did). Indeed, signing betrayed no desire at all for
pher. Imagine how much fun it would dere che la forma, che un architetto e- te… si trattava di utensili, non di spet-
perdita per l’architettura, in partico- architecture is not simply an applied
be to enter the Fun Palace, a place ra stato incaricato d’ideare per le co- tacoli: conosceva Guy Debord? artistic form, only the expression of an Dominique
lare per gli architetti britannici. I suoi technology and a decor for theatre
Cedric Price era un amico e un allea-
commenti e – perché no? – il suo performance. It also has a strong so-
where these labels are temporally mis- perture dei macchinari della grande di- Un giorno a Graz, nel bel mezzo di activity (and not his). His Fun Palace Gonzalez-Foerster
to nella riflessione sull’architettura. placed. ga del Tamigi, era stata realizzata tutto una conferenza da me tenuta, egli entrò was a steel skeleton frame equipped
Ho incontrato Cedric all’inizio degli insegnamento hanno avuto un’in- cial and emotional overtone (it is dif- Where you can just be for a day. with a few floor slabs and partitions
a un tratto vent’anni dopo... “Con qua- così discretamente che mi interruppi
fluenza importante sugli studenti e ficult to separate the two). We were meraviglioso cedric price
anni Sessanta e abbiamo immedia- le diritto – diceva – poteva imporre una mentre pronunciavo una frase e gridai ready to erect. So many architects want-
sui colleghi architetti che, tutti, pian- in agreement on these precepts. indimenticabile discorso a Helsinki
per gentile concessione di/courtesy Eleonor Bron

tamente simpatizzato. Vedeva nell’ar- Pedro Reyes forma così personale a una folla di per- “Cedric...”, andando a stringergli la ed to see it that all visits had to be for-
THE CEDRIC TRIBUTE GAZETTE

THE CEDRIC TRIBUTE GAZETTE


camicia bianca sul pullover nero
chitettura non solo un gadget tecni- gono con noi la sua scomparsa. Cedric's death is truly a loss for architetto e artista/architect bidden, first by its users and then by
sone che non gli aveva chiesto nulla?” mano fino in fondo alla sala. Sapevo fantastico sorriso
co o un mezzo di propaganda (come architecture, particularly for British and artist, Mexico City
him… The designs for his ‘Pottery sempre cedric sempre
Così come, molto accuratamente, che sarebbe stato imbarazzato e al tem-
facevano molti esponenti dell’avan- Cedric Price, architects. His comments, and — why
nel suo modo di disegnare non tradi- po stesso discretamente contento… Thinkbelt’ were anxiously illegible for tanti e poi tanti, dgf
guardia del tempo). friend and ally not? — his teaching, had an impor- fear of weakening its plain purpose of
va alcuna velleità di forma artistica, In un ristorante parigino aveva or- wonderful cedric price
Infatti, l’architettura non è semplice- tant impact on students and on grouping intelligences – there was noth-
bensì la pura espressione di un’attività dinato quattro pieds de porc (lì sono unforgettable talk in Helsinki
mente una tecnologia applicata, o il Cedric Price was a friend and an fellow architects, who mourn his ing anecdotal.
(neanche la propria). minuscoli): si è visto arrivare senza white shirt over black pullover
decoro per una rappresentazione tea- ally in thinking about architecture. passing with us. Only change, social relations and fantastic smile
Il suo “Fun Palace” era un’ossatu- batter ciglio un’enorme quantità. Il
trale. Ha anche una forte connotazione I met Cedric in the early 60's and we ra d’acciaio attrezzata con alcune piat- suo senso delle proporzioni e della mi- the sharing of intelligence needed to be ever cedric ever, lots and lots, dgf
sociale ed emotiva (è difficile scindere hit it off immediately. He saw in archi- Yona Friedman taforme e tramezzi pronti per esser sura era altrettanto efficace e calmo indicated; there must be no aesthetic, no Dominique Gonzalez-Foerster
questi due aspetti). Eravamo senza tecture not simply a technical gadget architetto/architect, Paris montati: gli architetti l’hanno voluto quanto il suo senso dell’umorismo… overstatement… These were tools, not artista/artist, Paris
vedere tanto che tutte le visite furono È una grande perdita… entertainment: did he know Guy

56 domus Maggio May 2004 Maggio May 2004 domus 57


Leggendo e Che aeroporti aveva in mente Cedric Price? Sono un vettore, non una forza
rileggendo
IMPARARE DA CEDRIC PRICE
What kind of airports did Cedric Price have in mind? I am a vector, not a force
Cedric Price LEARNING FROM CEDRIC PRICE
Non posso fare a meno di leggere Domenica scorsa, mentre mi im- sia trattato di un caso di serendipità? È way to yet another exploitative em- Con questa espressione: "Sono un With the words ‘I am a vector, not a
ripetutamente uno scritto di CP Oh quanto spesso è rimasto lì, nel cortile della Städelschule, dopo aver
barcavo per Francoforte al JFK di New vero, da una parte, che mi piacciono ployment — did not seem to bother vettore, non una forza" Corrado Levi force’, Corrado Levi explained to the
del ’69: “A differenza della tenuto un’altra delle sue brillanti lezioni, incantando studenti e
York, per l’ennesima volta sono rima- gli intoppi. Dall’altra, le circostanze e- much. Did the scene remind them of spiegava ai piccoli Cliostraaters chi era little Cliostraaters who Carlo Mollino
posizione di questo studio nei insegnanti, che passavano di lì. Non si sapeva mai se il grande brodo
sto invischiato in code senza fine: con- videnziavano con chiarezza tutti i pro- home? Their enthusiastic gestures and Carlo Mollino e perché era così impor- was and why what he did was so impor-
confronti del Tempo, che stava cucinando sarebbe stato solido o ancora più liquido quando si
trollo dopo controllo, intoppo dopo in- blemi di un terminal nuovo di zecca: la loud cheery voices added to the tur- tante quello che faceva. Mollino, Ce- tant. Mollino, Cedric Price. Light years
del Tempismo e dello Spazio fosse raffreddato. Questo edificio teorico si scioglie o salta su?
toppo, con addetti alla sicurezza che ci sua architettura inadatta al cambia- moil and the sweat of the westerners. dric Price. Anni luce di distanza. Appa- away. Seemingly worlds apart.
Libero, l’Incertezza presa in Come una mietitrebbiatrice ci ha aiutati a trebbiare
richiamavano in continuazione e si a- mento, al caos, agli umori di situazioni But suddenly the situation seemed to rentemente, mondi lontani. È però in- There can be no denying, though,
considerazione in questa sezione la nostra paglia personale...
postrofavano nervosamente tra loro. Il insolite. Mi sono chiesto che tipo di ae- be acceptable to me. My brain and negabile che intorno a noi ci siano figu- that ‘vectorial’ figures exist around us:
è quella che il cliente prova Grazie Sir… ho imparato molto da te!
caso ha voluto che la porta d’imbarco roporto Cedric Price potesse avere in body got adapted at once. Was this a re ‘vettoriali’, indicatori di direzione, signposts, flashes of intelligence, sug-
all’inizio del progetto. per Francoforte si trovasse accanto a mente. Ne aveva uno? Perché allora case of serendipity? And I do like s- lampi di intelligenza che ci stanno a gesting possible routes. Price was one of Oh how often he stood out there in the yard of the Städelschule after he
Lo studio cerca, con vari gradi quella per il Kuwait, affollata di nume- non progettare un aeroporto in memo- tumbling blocks. In any case, the situ- suggerire percorsi possibili. Mr. Price e- these. Three very simple sketches for had given another one of his brilliant lectures. He was charming with
di successo, di trasformare quella rose e cospicue famiglie di pachistani ria… di Cedric Price? ation demonstrated clearly the failures ra uno di questi. three extraordinary projects: (1) the students and teachers who were passing by. You never knew if the great
che è ritenuta una sana incertezza, – diretti probabilmente verso l’ennesi- of the brand new terminal. Its archi- Tre schizzi semplicissimi per tre helium-balloon roof of the South Bank broth he was cooking was going to thicken or liquify when it cooled.
ovvero un’incertezza che non si ma situazione di sfruttamento. Curio- tecture was unfit for change, chaos, progetti straordinari. 1) La copertura a Centre in London; (2) the envisaged Does this theoretical building melt down or swing up?
lascia spaventare dal dubbio, samente, essi non sembravano per Last Sunday night, when board- moods and different temporalities. I palloni di elio per il South Bank Centre transformation of the Potteries O boy, he rattled us like a harvester threshing our personal straw...
in un piacere per l’ignoto connesso niente infastiditi (che le circostanze ri- ing for Frankfurt at JFK in New York, wondered what kind of airports Cedric di Londra. 2) La trasformazione ipotiz- Thinkbelt (a railway junction and Thank You Sir... I learned a lot from you!
all’operazione, e per la forma cordassero loro il paese natio?), men- again, I got trapped in endless rows: Price had in mind. Had he? Can some- zata per le Potteries Thinkbelt (uno sca- assorted trains to be transformed into a Thomas Bayrle
dell’edificio finale tre il loro gesticolare entusiasta e il lo- security check after security check, body design an airport in the memory lo ferroviario + treni assortiti che si tra- university in everlasting movement); artista/artist, Frankfurt
che si sta sviluppando ”. ro vociare rumoroso e allegro pareva- stumbling block after stumbling block. of...Cedric Price? sforma in università diffusa in perenne and (3) the British Embassy of the 21st
Cedric Price, AD ottobre 1969. no accrescere l’agitazione e il sudore Nervous security officers shouted at movimento). 3) L’ambasciata britanni- century: a horizontal, sliding curtain
degli occidentali. Improvvisamente, il us and at each other. The Frankfurt ca del ventunesimo secolo: una tenda o- carried by four slender uprights. Below,
Nel 2003, il fantasma di CP sta gate happened to be next to the flight Chris Dercon rizzontale, scorrevole, portata da quat- a huge sofa to receive the prime minis-
Surasi Kusolwong artista/artist, Bangkok
mio corpo e la mia mente si sono adat-
perseguitando un “Knot Creeping Spot”, tati alla situazione, ed essa mi è appar- for Kuwait. Strangely enough, the ex- direttore della/director of the tro esili montanti. Sotto, un sofà enor- ter when he arrives at a new airport.
l’edificio negli USA sa di colpo del tutto accettabile. Che si tended Pakistani families — on their Haus der Kunst, München me per accogliere il primo ministro So these were the three projects,
piatto/grasso/crescente di PH/R&Sie... quando arriva in un nuovo aeroporto. three sketches of a clearly ‘vectorial’
Come si diceva sopra, tre progetti, nature. As for the force, well that’s up

Un’influenza duratura Price walking down New York's


42nd street sidewalk with client Joan
tre schizzi dalla chiara natura ‘vettoria-
le’. La forza, quella dobbiamo metterla
to us. Our task is to transform these
gentle, delicate and tremendously frag-
noi. Il compito di trasformare queste ile hints into reality. It looks easy, but
An enduring influence Littlewood in September 1962 and
coining the term Fun Palace. Beijing, suggestioni dolci, delicate e fragilissime
in realtà. Sembra facile, ma in realtà è
it’s actually extremely difficult – almost
like lifting 16 helium balloons and get-
Paris, London and New York City
were connected in an instant of time difficilissimo. Quasi come fare innalza- ting the desired vertical (especially in an
and memory. re sedici palloni di elio e fare tenere la open place). It can be done. But it’s a
In the 21st century, as categories verticale desiderata (soprattutto se in backbreaking job (though worth it).
M i trovavo in un ristorante
di Pechino con vari archi-
tetti quando abbiamo ricevuto la te-
1976. Cedric’s ideas of time and
space had already influenced a gen-
eration of British architects. When
of space and time continue to dis-
solve into each other, Cedric Price’s
luogo aperto). Si può fare. Ma è un la-
voro da spezzare la schiena (anche se ne
When do we meet? At what time?
Where? Who brings what?
In 2003, CP's ghost is haunting vale la pena).
lefonata da Parigi (da Hans Ulrich the Pompidou Centre was awarded thinking will continue to provoke...
a "Knot Creeping Spot", Quando ci troviamo? A che ora? Stefano Mirti (Cliostraat)
Obrist) che annunciava la morte di in 1972, its ideas were all preceded
the flat/fat/growing US building Dove? Chi porta cosa? architetto/architect, Torino
Cedric Price... Ho pensato a quando by Cedric Price’s Fun Palace. Steven Holl
of PH/R&Sie...
ho incontrato Cedric all’Architectu- I remember the story of Cedric architetto/architect, New York
ral Association di Londra, nel feb-
Reading braio del 1976. Le idee di Cedric sul
Prospettive future
Cedric Price tempo e lo spazio avevano già in-
fluenzato una generazione di archi-
NO N- PLAN MAN
again and tetti britannici. Quando il Centre
Future expectations
Quando andai a trovarlo all’inizio degli When I went to see him in the early
again Pompidou è stato aggiudicato nel
1972, le idee a cui si ispirava erano
anni Settanta, mentre cercavo 1970s,I was casting about for special
interlocutori speciali per la mia Casabella contributors to Casabella in its ‘radical’ Ricordo l’enorme impressione che I remember how impressive it was
state tutte anticipate dal “Fun Pala- mi fece la grande voliera dello Zoo di when I saw the large birdcage of
dell’epoca ‘radical’, Cedric Price mi period,I felt at once that Cedric Price was
I can’t help but read again and ce”” di Cedric Price. Londra quando la vidi, nel 1965, London Zoo during an architecture
parve subito una persona affascinante. a fascinating personality.He was the
again a text written in 1969 Mi ricordo la storia di Cedric durante un viaggio-studio: il telaio study trip in 1965: the floating triangle
Trovai in lui proprio quello che cercavo. person I had been looking for.Everybody
of CP: "In contrast to this office's Price, che camminava lungo il mar- triangolare sospeso della struttura frame of a beautiful and light structure,
Tutti disegnavano tanto e lui invece was busy designing,whereas he confined
attitude to Time and Timing and ciapiede della 42a strada di NY con bellissima e delicata, dentro alla in which birds were flying through
pensava solamente. Mi impressionava himself to thinking.I was impressed by the
Free Space, the Uncertainty la cliente Joan Littlewood nel settem- quale i volatili si libravano tra gli trees and sunshine, was making this
l’esilità geometrica dei pochi fragili segni geometric parsimony of the few fragile
considered in this section is that bre 1962 e coniava il termine “Fun alberi e il sole, ne faceva un unique fusion of architecture and
che lasciava sulla carta, diagrammi esatti lines of his work on paper.They were
which is held by the client at the Palace”. Pechino, Parigi, Londra e inimitabile esempio di fusione tra nature. This scene has imposed itself
delle sue teorie, il minimo necessario a exact diagrams of his theories,the bare
outset of the project. The office New York furono connesse in un i- architettura e mondo naturale. È una on my brain and has been a very lively
far valere i suoi concetti. Esprimeva minimum necessary to put across his
tries, with varying degrees of stante di tempo e memoria. scena incisa nella mia mente in memory ever since.
allora, e anche oggi, il miraggio di una vita concepts.He expressed then,and still
success, to convert what is Nel ventunesimo secolo, quando modo indelebile, e rimane un ricordo Cedric Price’s thinking and
“NON PLAN”, con persone felici, libere does,the mirage of ‘NON-PLAN’,where
considered a healthy uncertainty, le categorie di spazio e tempo conti- vivissimo fino a oggi. drawings widely expanded the
THE CEDRIC TRIBUTE GAZETTE

THE CEDRIC TRIBUTE GAZETTE


di inventarsi il loro ambiente, in un happy people would be free to invent
that is, one which is not cowed nuano a dissolversi l’una nell’altra, il Il pensiero e i disegni di Cedric Price possibility of the architecture to
mondo senza architetti. Cosa può their own surroundings in a world
by doubt, into delight pensiero di Cedric Price continuerà a hanno ampliato le possibilità come. Architects of our generation
esserci di meglio? La visione di città without architects.What could be better?
in the unknown in relation to provocare... dell’architettura a venire. Gli started their careers under a strong
leggere, esistenziali, transitorie, The vision of lightweight,existential,
the operation and indeed architetti della nostra generazione influence of his works and now, it
adattabili. Se non ci fosse stato Price, la transitory,adaptable cities.Without Price,
the developing form
of the eventual building."
Cedric Price, AD October 1969.
I was sitting in a Beijing restau-
rant with several architects
when we received a telephone call
storia degli architetti anglosassoni
sarebbe certo stata meno intelligente.
the story of Anglo-Saxon architects would
certainly have been a less intelligent one.
hanno cominciato la loro carriera
sotto l’influenza del suo lavoro,
seems to me that Cedric’s death
could be another starting point for
Cedric Price, un grande enigma per Cedric Price,a major enigma for un’influenza molto forte. Oggi, mi many architects to head in a new
from Paris (from Hans Ulrich sembra che la sua morte possa direction.
l’architettura. architecture.
François Roche Obrist) that Cedric Price had died... rappresentare per molti di noi un
architetto/architect, Paris I thought about the time I met Cedric altro punto di partenza verso una Itsuko Hasegawa
at the AA in London: February Alessandro Mendini, designer, Milano
nuova direzione. architetto/architect, Tokyo

58 domus Maggio May 2004 Maggio May 2004 domus 59


Una visita a Helsinki Posso testimoniare
come un amico della stessa generazione,
A visit to Helsinki che ha vissuto nel xx secolo.
Cedric,
Eri un poeta e un filosofo, oppure un artista,
Uomo del tutto diverso dalla maggior parte degli architetti e urbanisti
edric Price venne a Hel- ratori e spazi attrezzati. Trovò interes- Che smaniano solo per soldi e potere.

C sinki nel 1999 in occasione


dell’apertura della mostra
“Cities on the Move”, curata da Hou
sante il processo che l’edificio stava at-
traversando, sebbene esso non avesse
subito modifiche rilevanti rispetto ai
Provavi disgusto per questo mondo insensato,
Eppure, gentile, parlavi del nostro futuro,
Di una vita che quest’epoca sciocca non riesce a capire.
Hanru e Hans Ulrich Obrist e allestita giorni in cui svolgeva le precedenti fun- Ubriacati e ridi!
al Kiasma Museum of Contemporary zioni. Sembrò molto colpito dagli arti- Questo mondo, in ogni caso, non sarà mai migliore.
Art. Mi disse che era già stato in Fin- sti, così indaffarati nei rispettivi minu-
landia un paio di volte, ma molto tem- scoli spazi, totalmente assorbiti dal I can testify
po prima. Partecipò alla mostra con u- proprio lavoro. Erano tutti veramente As a friend of the same generation
na serie di progetti architettonici basa- concentrati su come risolvere i rispet- who has lived the 20th century.
ti sul concetto di processo, tenne una tivi problemi. Dava l’impressione di ap- Cedric,
conferenza all’Università di Tecnolo- prezzare molto la schiettezza senza You were a poet-philosopher or an artist,
gia di Helsinki e prese parte a un se- fronzoli del luogo e la disponibilità e Being quite different from the majority of architects and urbanists
minario organizzato in occasione del- l’entusiasmo delle persone. Prima di la- Who are mad only about money and power.
l’inaugurazione della mostra. La sua sciare lo studio diede alcuni consigli a Disgusted with this stupid world,
conferenza fu brillante; era il perfetto questi “nuovi venuti” del mondo del- Still you kindly predicted our life in the future.
gentleman inglese con la dote dell’un- l’arte, raccomandando loro di non per- However, the silly age of the 20th century could not understand it.
derstatement e un gran senso dell’u- mettere che il successo intaccasse il lo- Get drunk and laugh!
morismo. ro entusiasmo. At any rate, this world will never be better.
Dopo il seminario andammo a visi- Quando tornammo al taxi, disse
tare alcuni nuovi siti architettonici. In che ora poteva far ritorno a Londra rin- Arata Isozaki, architetto/architect, Tokyo
taxi, Cedric illustrò gran parte della sua francato. Aveva evidentemente gradito
filosofia semplicemente commentando la visita agli studi. Il ricordo del suo en- La notizia della sua morte ci ha together under the name of ROR
quel che vedevamo intorno a noi. Ci re- tusiasmo, del modo inimitabile con cui raggiunti mentre stavamo pianificando (Revolutions on request), who were
cammo poi a incontrare un gruppo di parlava agli artisti, in un tono che rive- il programma delle mostre del Kiasma sharing an office at the time in an old
giovani artisti e designer finlandesi che lava insieme rispetto e consapevolezza per l’autunno 2003. Un programma ba- bus depot converted into different
lavoravano collettivamente sotto il no- della natura spesso ruvida della vita e sato sul concetto di processo, tanto kinds of workshops and activity
me Revolutions on Request (ROR). In della vanità della mente, è per me e- nell’arte contemporanea quanto nel spaces. He was very impressed by how
quel periodo dividevano uno studio ri- stremamente vivido. Anche gli artisti modo in cui i programmi istituzionali the artists were totally engaged in how
cavato da un vecchio deposito degli au- del gruppo ROR ricordano perfetta- sono concepiti e realizzati. to solve the different problems they
tobus, trasformato in una serie di labo- mente la sua visita. Avevo scritto a Price chiedendogli encountered. He seemed to enjoy the
“Looping time – the restart is always new” Olafur Eliasson e/and Tomas Saraceno, artisti/artists, Berlin di preparare un breve testo per il gior- no-nonsense sincerity of the place and
nale che intendevamo pubblicare in the openness and enthusiasm
collegamento col programma. Non eb- of the people. When leaving he gave
bi risposta. Provai più volte a chiamar- some advice to these “newcomers”
La realtà è Reality’s lo. Poi ricevetti la notizia. Il perfetto which was to not let success spoil their
gentleman dal pensiero rivoluzionario good spirits. When we went back to
IL MAESTRO DEL POSSIBILE così abbagliante che so bright, non c’era più. È certo, tuttavia, che la the taxi, he said that now he can return
THE ULTIMATE “ENABLER” devo portare I gotta wear sua eredità è visibile, e continuerà a es-
serlo, nel lavoro di numerosi architetti
to London in good spirits too. The
memory of his enthusiasm and him
gli occhiali da sole shades e artisti ma anche di quanti tra noi si talking with the artists in his inimitable
occupano di cultura contemporanea. way and in a tone that revealed both
Come Panofsky aveva detto della pro- respect and an awareness of the often
Cedric riuniva in sé, proprio per- Precisely because he was true to Per comprendere gli eventi politici e In order to understand political spettiva, il processo è la “forma simbo- harsh realities of life and the vanities
ché era fedele a se stesso, aspetti con- himself, Cedric united contradictory el- i maggiori cambiamenti, siamo costretti events and major changes, we are forced lica del nostro tempo”. of the human mind is still very vivid in
traddittori: era un architetto che fa- ements within himself: he was an archi- ad assumere l’atteggiamento del prota- to take the stance of the innocent and my mind.
ceva quasi di tutto per non costruire. tect who was almost determined not to gonista innocente e passivo. Tutte le sto- passive protagonist. All stories are told, edric Price came to

C
The news of his death reached us
Era un pensatore concettuale, al qua- build anything. He was a conceptual rie sono narrate – e tutti gli eventi ripor- all events are reported through the point
Helsinki in connection with as we were planning the 2003 autumn
le l’ortodossia di un pensiero strin- thinker to whom the orthodoxy of a tati – in base al punto di vista di un mo- of view of a chosen role model. When
the opening of the “Cities programme for Kiasma’s exhibitions,
gente era estranea. Esprimeva le pro- stringent concept was alien. He visu- dello di comportamento scelto. Quando these dispensable and interchangeable
prie idee in disegni meravigliosi, mal- questi narratori non indispensabili e in-
on the Move” exhibition curated by which focused on processes both in
alised his ideas in wonderful drawings, narrators – one day an Iraqi baker in
grado per lui le questioni estetiche tercambiabili – un giorno, un panettiere Iraq , another day a Somali tire maker in
Hou Hanru and Hans Ulrich Obrist and contemporary art and the way institu-
though for him aesthetic questions were
fossero apparentemente irrilevanti. E- irrelevant. He was influential yet spent iracheno in Iraq; un altro, un fabbrican- Somalia – say “I”, be aware because you shown at the Kiasma Museum of tional programmes are planned and
ra influente, e tuttavia sedeva il più most of his time alone in his ‘white te somalo di pneumatici in Somalia – should hear “we” instead of “we, the Contemporary Art in 1999. He took carried out. I had written to Cedric and
delle volte da solo nella sua “white room’. In liberating fashion, he radical- dicono “io”, tieni gli occhi aperti perché Body Snatchers.” part in the exhibition with his archi- asked him to write a short text for our
room”. Egli ha ridefinito radicalmen- ly redefined the idea of what an archi- dovresti sentire “noi”, invece, “noi, gli Just like in the movie The Invasion tectural drawings based on process information tabloid. No answer. Then I
te e in maniera liberatoria l’idea di tect is, what architecture can be and ultracorpi”. of The Body Snatchers we’re the prey: thinking, gave a lecture and participat- heard the news. The perfect gentleman
cosa sia un architetto, di cosa possa what a project is. And he thereby for- Proprio come nel film L’invasione one after the other, we will become a ed in a seminar we organised. He was with revolutionary thinking was no
essere l’architettura e di cosa sia un mulated a beginning that stands ready degli ultracorpi noi siamo le prede: uno “point of view”, an anonymous bag of brilliant, the perfect English gentleman longer here. However, his legacy is
THE CEDRIC TRIBUTE GAZETTE

THE CEDRIC TRIBUTE GAZETTE


progetto. E in questo modo ha for- to be explored and further developed – dopo l’altro, diverremo un “punto di skin marked by a copyright which is in with virtuosity for understatement and seen and will be seen in the work of
mulato un principio che è pronto per an offer that I, in common with others, vista”, un anonimo sacco di pelle con- fact a use-by date. But then, you read no need to emphasise his achieve- many architects and artists and the
venire esplorato e sviluppato: una am trying to take up in my work. trassegnato con un copyright che in Cedric Price, and you’ve got a totally dif- ments combined with a great sense for thinking of all of us who deal with con-
proposta che io come altri cerco di The insights that architecture is a realtà è una data di scadenza. Quando ferent perspective. Imagine having a time humour. temporary culture. Process is the kind
cogliere con il mio lavoro. tool (which can be laid aside when it is leggi Cedric Price, tu hai una prospetti- code to edit your life in history and sun
After the seminar, we took a ride of “symbolic form of our time” in the
La comprensione che l’architet- not useful in a given situation) and that va del tutto diversa. Immagina di posse- glasses to look at a bright and over-
tura è uno strumento (che resta in dere un codice del tempo per rivedere la
to see several new Finnish architec- way Erwin Panofsky defined perspec-
the architect is, in the best sense of the exposed reality. Thanks to Cedric Price,
disparte se in certe situazioni non tua vita nella storia, e degli occhiali da games and playing will never fade away.
tural sites. He gave us insights into his tive earlier.
word, an ‘enabler’ are of refreshing
può essere utilizzato) e che l’archi- relevance. sole per guardare una realtà luminosa e philopsophy while commenting on
tetto è nel più puro dei sensi un sovraesposta. Grazie a Cedric Price il what we saw during this trip. Then we Maaretta Jaukkuri
creatore di possibilità è di un’im- Philipp Oswalt, gioco e la rappresentazione non scom- Philippe Parreno went to visit a group of young Finnish curatore capo del/chief curator of
portanza vivificante. pariranno mai. artista/artist, Paris
Koo Jeong-a, artista/artist, Paris artists and designers working Kiasma, Helsinki
architetto/architect, Berlin

60 domus Maggio May 2004 Maggio May 2004 domus 61


Lo spirito di socievolezza assoluta, o sempre trovato appas-
Dopo Price Post Price
sation, the one that frenetically looks

o ispirazione frammentaria
construction… The temporality of
the Wunderblock dear to Freud: a
building supported only by its ruin
(Price was among those who taught
H sionante la lotta di Cedric
Price contro il superfluo, e
con l’andar del tempo ho compreso
solely for consumers who will satisfy
some imaginary needs, including ar-
chitectural ones, which they don’t re-
me not to be afraid of that anymore). che essa rappresenta l’eredità più im- ally have.
The Spirit of Absolute Sociability, Intensities that can occur, unforesee- portante della nostra amicizia. Per
quelli dell’architettura – che in realtà edric Price´s fight against
Our responsibility is precisely to

C
ably, when two layers of memory (de- questo, credo che costruire evitando oversee this inheritance, allowing us
or Fragmentary Inspiration sire) connect that were never previ-
ously in contact: a version of the Witz
l’inutile – compresa ogni architettura
che non serve – rappresenti il risultato
non hanno.
La nostra responsabilità è preci-
the unnecessary has al-
ways provoked great pas-
to define ourselves as contextualists,
even though we call context an ex-
prized by the German Romantics – più importante nella nostra società po- samente amministrare tale eredità, un sion in me and with time passing by I tended reading of the surroundings
he cosa mi ha insegnato Cedric a non temerle). Delle intensità che st-industriale. Un rifiuto del superfluo, patrimonio che ci consente di definirci perceived this as the most valuable within which we operate, and of which
C Price? Che il progetto non può
che essere l’affermazione perentoria
avvengono imprevedibili, quando due
strati della memoria (cioè del deside-
faccio una visita allo zoo: provo la dol-
ce inquietudine d’essere io stessa sot-
to la rete metallica della voliera, d’ac-
with witticism as the lifting of censure
and access to invention. As a poet
once said, the wrong side of irony; the
che non intende essere esistenzialista
ma che, in un mondo imprigionato dal-
contestualisti, anche se riteniamo il
contesto una lettura estensiva del-
heritage of our friendship. Therefore,
doing without the useless, including
the physical configuration is only one
more ingredient.
di un gesto, il quale si può confondere rio), fino ad allora mai entrati in con- positive creative power of a ‘com- la cultura della sovrabbondanza, vuole l’ambiente nel quale operiamo, la cui unnecessary architecture, will be the A responsibility to reject the use
cedere per un momento alla cattività
con un utilizzo particolare del tempo, tatto, si connettono: una versione del pressed explosion of the mind’ – or semplicemente perseguire la semplifi- configurazione fisica non è che un in- main achievement of our post-industri- of memory which exclusively refers to
aerea degli uccelli.
che è contemporaneamente costru- lavoro del Witz cara ai romantici te- again (and for me the best portrait of cazione. Di fronte ai danni causati dal- grediente tra i tanti. Una responsabi- al society. history and the marks left by its con-
zione e perdita. Insomma, una tempo- deschi – il motto di spirito come abo- Price),‘Witz is the spirit of absolute l’eccessivo sfruttamento delle risorse, lità nel rifiutare l’uso di quella memo- A rejection of the superfluous, structions; to pay attention to technol-
hat have I learned from Cedric
ralità post-freudiana, se non riapparis-
se di tanto in tanto impercettibilmen-
lizione della censura e accesso all’in-
ventiva.
W Price? That design does not
have to be the peremptory affirma-
sociability or fragmentary inspiration’.
And whenever I stay in London to
alla diffusa sensazione di una minac-
cia incombente ma anche a una nuova
ria, che fa unicamente riferimento alla
storia e ai segni lasciati dalle sue co-
without it being existentialist but in-
stead pursuing the simplification of a
ogy, to science and to its vocabulary
without any naive fascinations; to wel-
te nella cultura occidentale: il tempo L’altra faccia dell’ironia: il potere work at the Warburg Library, a visit consapevolezza ambientale, Price ci struzioni. La responsabilità di seguire world imprisoned by the culture of come ambiguity and admire that slight
tion of an act, that it can blend with a
del non finito di Michelangelo, il pro- positivo e creatore di una “esplosione to the zoo and the aviary: to enjoy fa comprendere le contraddizioni im- con attenzione lo sviluppo tecnologi- overabundance. capacity for irony in our colleagues.
particular usage of time that is both
getto come anticipazione della rovina di spirito compresso” diceva un poe- the delicious unease of being myself plicite nell’attitudine di chi sogna un co, la scienza e il suo vocabolario sen- Indeed, faced with the reality of Price, in a way, encourages us to work
construction and loss. It is, in short, a
di John Soane, l’edificazione grazie al ta o ancora (e la definizione è secon- under that metal frame – even inside futuro migliore senza tener presente za nessuna fascinazione ingenua. Di the damage inflicted by over-exploita- blindly, without prejudices which
post-Freudian temporality, but it
lavoro di dimenticanza del Merzbau di do me il miglior ritratto di Cedric Pri- the net – and entering for a while che quasi tutto quel che serve a mate- accogliere l’ambiguità e saper ammi- tion of resources, Price makes us could limit our curiosity.
reappears every now and again, sur-
Schwitters… Temporalità del Wun- ce):“Il Witz è lo spirito di socievolez- into the aerial captivity of its birds. rializzarlo è già a disposizione e ha so- rare la leggerezza e l’ironia dei nostri realise the implied contradictions in In each of his projects we make
reptitiously, in Western culture: in
derblock caro a Freud: un edificio che za assoluta, o ispirazione frammenta- lo bisogno di essere identificato, ri- colleghi. In un certo modo, Price ci in- the attitude of dreaming of a better out new formal organisations, unex-
Michelangelo’s unfinished time, in
si mantiene sulle proprie rovine (Pri- ria”. Ogni volta che vado a Londra battezzato o riciclato in termini d’uso. coraggia a procedere alla cieca, sen- future without noticing how a great plored alternatives, and we even ac-
John Soane’s pre-planned ruin, in Patricia Falguières
ce è uno di quelli che mi ha insegnato per lavorare alla biblioteca Warburg, Basta aggiungere nuovi elementi, che za pregiudizi che possano limitare la part of what is needed to achieve this cept the right to fail. For all this, our
oblivion in Kurt Schwitters’ Merzbau storica dell’arte/art historian, Paris
a loro volta avranno dei limiti di tempo. nostra curiosità. In ciascuno dei suoi is already there. gratitude to Cedric Price and his inex-
Questa sicura presa di posizione, progetti scopriamo nuove organizza- It only needs to be identified to haustible activity should be immense.
che consiste nel non fare nulla più di zioni di forme, alternative inesplorate, change its name or the way in which
Più etica, diosa sia quella di attribuirgli l’influenza
su architetti che non hanno nulla a che
Sono perfettamente d’accordo. Del resto,
il ruolo dell’etica nel mio lavoro è centrale
shop on the development of a site in the
old docks. Around 5 o’clock, I was look- quanto è necessario, punta lucida- e accettiamo perfino il diritto di sba- it is used and add some new ele- Juan Herreros

meno vedere con il suo modo di pensare. Ce-


dric non era un teorico: troppo ironico per
e costante, e la mia scelta dei progetti si
basa principalmente su aspetti etici che
ing at his work when Cedric said: It’s
time to have a drink! His project had no
mente alla faccia nascosta della glo-
balizzazione, tesa a cercare frenetica-
gliare. Per tutte queste ragioni, la no-
stra gratitudine verso Cedric Price e la
ments, which will also have a time
limit. This confidence in not doing
architetto/architect, Madrid

estetica perdere tempo alla ricerca di visioni tota-


lizzanti. Cedric non era un accademico:
considero importanti. function. Neither offices nor towers. Its
idea was to get ducks back onto that
mente dei consumatori pronti a soddi-
sfare bisogni immaginari – compresi
sua inesauribile attività dovrebbe es-
sere immensa.
more than just the basics lucidly
points at the hidden face of globali-
troppo ironico per sopportarne i rituali. Al- stretch of the Elbe. In his model he had
Cedric Price ci ha lasciato. Cedric, le cinque del pomeriggio lasciava il suo
More ethics, designed a riverscape perfectly repre-
come lo chiamano gli amici, aveva 70 an-
ni. Che la sua salute fosse indebolita lo a-
vevamo capito fin dal 1999, quando pen-
studio con gli amici, e il pub diveniva il
luogo di acute e divertenti discussioni.
Ad Amburgo nel 1988 eravamo con less
senting its former inhabitants, the geese.
We finished up in a little place with a tav-
ern on one side leaning dangerously over Medicina cinese to be cured since it is neither a disease
nor a disorder; yet the system can be
tuned or bu – mended – by taking cer-
He had acquired a farm about a hun-
dred miles away from the town where
he and his family lived. He wanted to
savamo di invitarlo alla Biennale di Vene- altri architetti invitati a un workshop sullo
aesthetics the water. I think it was Cedric who took tain herbs, nutrition or diet. The build a house on the farm so that he
zia. Cedric non accettò l’invito. Ma ac-
consentì a una lunga videointervista. Un
frammento dell’intervista con il suo volto
fu proiettato nel video lungo 300 metri
sviluppo di un’area del vecchio porto.
Verso le cinque, mentre osservavo il suo
lavoro, Cedric mi dice: “It’s time to have a
drink!”. Il suo progetto non prevedeva
Cedric Price, or Cedric to his friends,
has left us. He was 70. We knew he was
me back, much later that night, to the ho-
tel. For Cedric Price architecture made
life better.
I asked Cedric Price his opinion
Chinese Medicine Chinese doctor doesn’t know about
problem solving.
To solve problems, one has to cre-
ate binary oppositions: sick or not sick,
could work there on weekdays and go
home on weekends. Mr. Price took the
problem and studied it at length before
recommending a solution. “What you
delle Corderie. Raccontava dell’insoffe- nessuna funzione: né uffici né torri. L’idea in poor health since 1999, when we about the title of the Venice Biennale normal or abnormal, right or wrong. need is not a house but a car”, Mr Price
renza per regole, dottrine, teorie. Ha rea- era quella di riportare le anatre a vivere su thought of inviting him to the Venice 2000 “Less aesthetics, more ethics”. And Any in-between state leaves the prob- reportedly told his client, “since a car

O
lizzato una sola opera, Cedric, la voliera quel tratto dell’Elba. Nel modello aveva Biennale. Cedric didn’t accept the invita- this was his answer: “More ethics, less cchi chiusi e mano sul polso del leggendario architetto inglese Cedric lem undefined, thus unsolvable. In the would enable you to be with the family
aesthetics.” I agree with that very much, in paziente, un medico cinese for- Price, non rappresenti la soluzione mi- process of solving a problem, the conti-

*Conseil Européen de la Recherche Nucléaire, Geneva. Photographer: Patrice Loïez; Date: 2001© CERN Geneva
dello Zoo di Londra. Bellissima. Tetraedri progettato una natura fluviale rappresen- tion. But he did agree to a long video- every evening and would not cost you
a spigoli acuti coperti da reti, geometrie a- tando perfettamente i suoi antichi abitan- interview. A fragment of that interview, fact the whole role of ethics in my work is mula la propria diagnosi basan- gliore. nuity of reality is suspended and the as much as a house.”
simmetriche alla ricerca di uno spazio di ti, le papere. Finimmo in un piccolo edifi- and his face, was projected in a video central and also continuous. The selec- dosi sul battito cardiaco. Spesso rileva Un fattore, che aveva acquistato u- nuances and variations of life over- Passed on by word of mouth, the
libertà perso. cio pericolosamente inclinato su un lato 300 metres long at the Corderie. He tion of the work I do is largely based on uno xu, quella condizione di vuoto e di na tenuta a un centinaio di miglia dalla ruled. The essential problem solving story may now be plagued by distorted
Il “Fun Palace” del 1961 lo rende po- del porto: la birreria. Credo che fu Cedric spoke of his aversion to rules, doctrines the ethic that I think worthwhile. inerzia che non rappresenta né una ma- città in cui risiedeva, chiese a Price di technique is isolation or taking an details. Nevertheless, it is a vivid por-
polarissimo. Cedric arriva fino al progetto a riportarmi a tarda ora all’albergo. Per Ce- and theories. Cedric realised only one lattia né un perfetto stato di salute. Lo disegnargli un’abitazione. Voleva co- element out of the system or context. trayal of the ultimate problem solver.
esecutivo. Poi tutto si ferma. Da qua- dric Price l’architettura migliorava la vita. work, the aviary at the London Zoo. xu è uno stato intermedio. Ed è uno struire una casa nella sua nuova pro- Once problem solving is set as the
Massimiliano Fuksas
rant’anni si parla del “Fun Palace” come Chiesi a Cedric Price un parere sul Beautiful. Sharp-edged tetrahedra cov- stato normale, perché il sistema biofisi- prietà, di modo da potervi abitare du- goal of architectural practice, building Yung Ho Chang
architetto/architect, Roma
del prototipo che ha ispirato il Beau- titolo della Biennale di Venezia del 2000, ered by nets; asymmetrical geometries co è di rado in perfetto equilibrio. Non rante la settimana e tornare dalla sua design may not necessarily be the best architetto/architect, Beijing
bourg. Di tante cose che si sono dette su “Less Aesthetics, More Ethics”, e la sua searching for a lost freedom. essendo un disturbo o una malattia, lo famiglia per il weekend. Price accettò answer, as suggested by the legendary
Il mio statement riguarda xu non ha bisogno di cure, anche se il l’incarico, e prima di proporre una so- British architect Cedric Price: A farmer
Cedric, credo che la sciocchezza più o- risposta fu: “More ethics, less aesthetics”. His ‘Fun Palace’ of 1961 had made l’essere un uccello.
him immensely popular. Cedric got as far
sistema può essere calibrato o bu (ag- luzione studiò la questione a lungo. asked Mr. Price to design him a house.
Pensavo a qualcosa di simile all'essere giustato) con l’aiuto di particolari erbe “Quel che le serve non è una casa, ma
as the master project, but everything un uccello che non è più
libero, un volatile in cattività; pensavo o correzioni alla dieta. Il medico cinese un’automobile”, si narra abbia suggeri-
stopped there. For over 40 years the ‘Fun
Palace’ has been talked about as the pro- che mi sarebbe piaciuto
essere un uccello
non si occupa di risolvere problemi.
Per risolvere un problema è neces-
to al suo cliente. “Una macchina le per-
metterà di passare la serata con la fa-
CP = provocazione = inventiva
totype that inspired the Beaubourg. Of all Cedric è stato una delle persone più straordinarie che io abbia mai incon-
che vive nella voliera di Cedric Price sario creare una coppia di opposti: ma- miglia, e le costerà meno di una casa”.
the silly things that have been said about trato. Non dimenticherò mai l’eccezionale conferenza che ha tenuto a Hel-
allo zoo di Londra. lato o sano, normale o anormale, giusto Passato di bocca in bocca, l’aneddoto
Cedric, I think the most odious is that of sinki nel contesto di “Cities on the Move”, dove ha deciso di mettere in or-
Jolly Hotel, Napoli, marzo 2004 o sbagliato. Qualsiasi altro stato inter- potrebbe essere stato oggetto di distor-
attributing to him an influence over archi-
THE CEDRIC TRIBUTE GAZETTE

THE CEDRIC TRIBUTE GAZETTE


medio rappresenta una condizione in- sioni. Sia come sia, esso rappresenta un dine casuale le sue diapositive di progetti urbani e architettonici, e le ha
tects who have nothing to do with his My statement is about being a bird. definibile, ovvero un problema insolu- vivace ritratto del definitivo problem commentate nel modo più creativo… un’esperienza assolutamente illumi-
way of thinking. Cedric wasn’t a theorist; I was thinking like if bile. Nel processo che porta alla solu- solver.
* nante di provocazione e inventiva.
he was too ironic to waste time searching I was a bird that was no longer zione di un problema, la continuità del-
CHIC JOE DRIP CERN for totalising visions. Cedric was not an free, a bird in captivity,
CP = Provocation = Invention
E
la realtà viene sospesa e le sfumature e i yes closed and patient's wrist in
academic; he had too much sense of that I would like to be a bird
mutamenti della vita eliminati. L’essen- hand, a Chinese doctor makes a
(anagramma di/anagram of Cedric John Price) irony to put up with academic rituals. At that is habitating in Cedric Price’s Cedric was one of the most impressive individuals I ever met. I'll never forget
aviary in the London zoo. za della tecnica del problem-solving diagnosis by feeling one’s pulse.
five in the afternoon he used to leave his consiste nell’isolare, nel separare un e- Often, he finds the patient in xu, a state the greatest lecture in Helsinki he gave in the framework of “Cities on the
Cerith Wyn Evans office with friends and head for the pub, Jolly Hotel, Naples, March 2004 lemento dal suo contesto o dal suo si- of emptiness or lacking, which is nei- Move” where he decided to put his slides of urban and architectural projects
artista/artist, London where many acute and witty discussions stema. E non appena quest’attitudine ther an illness nor a sign of wellness. Xu in disorder and commented on them in the most creative way... a totally en-
would follow. Rirkrit Tiravanija diventa l’obiettivo della pratica archi- is somewhere in between. Xu is normal: lightening experience of provocation and invention.
In Hamburg in 1988, we had been artista/artist, New York tettonica, può accadere che la progetta- the biophysical system is rarely in per- Hou Hanru, curatore/curator, Paris
invited with other architects to a work- zione di un edificio, come suggeriva il fect balance anyway. Xu does not need

62 domus Maggio May 2004 Maggio May 2004 domus 63


Bruno Latour stampa a colori svela in studio
un’altra versione delle qualità
intrinseche di Seti: le crepe, le
Alternative and shadows by multiplying dots
alternatively black and white —
the ancestors of our pixels.1 Not
scan. Neither is the goal to fool
the visitor into a counterfeit
version of the Valley of the Kings.
Notes
1) n01se, 1999. An exhibition held
simultaneously at Kettle´s Yard, The

sfumature cromatiche, la grana digitality only is digitality an age-old Counterfeiting, as the whole
Whipple Museum of the History of Science,

Digitalità alternativa della pietra, le vernici, persino i


successivi danneggiamenti e hy is it so difficult to
technique, but as the
philosopher of computing Brian
history of fraud in art and science
shows, does not require such
Cambridge, the Museum of Archaeology
and Anthropology, Cambridge and the
Wellcome Institute, London.
riparazioni.
È come se la ripresa digitale
permettesse di scorticare
W interpret digitality? Is
the transformation of
everything into strings of 0s and
Smith has shown, it’s not exactly
true that modern computers are
digital machines since their
great skills, since visitors’ minds
are so easily fooled. No, the idea
is to turn digitality upside down
2) Smith, Brian Cantwell. On the Origins of
Objects. Cambridge, Mass: MIT Press,
1997. See also his entry in the catalog for
Digital Prints edited by Adam Lowe.
l’originale caratteristica dopo 1s propelling all of us, poor mortal electric states remain analog. and to use the technical feat of 3) Adam Lowe, “Grey cultured cells”, in
erché è così difficile cosa venga prodotta dalla nostra imprevedibili. Sostiene sempre caratteristica, strato dopo strato, souls, into the formal paradise of Digitality is an achievement of printing a full-scale replica of a Techno Digital Sublime, Central Fine Arts,

P interpretare la dimensione
digitale? La trasformazione
di ogni cosa in stringhe di impulsi
mente viene sminuzzata in codici
proprietari posseduti da Mr. Bill
Gates o riversata all’interno di
Turing: “Le macchine mi colgono
di sorpresa con grande
frequenza”.
senza toccarlo, se si eccettua il
rapido passaggio di un
sottilissimo raggio laser.
virtuality? Or is it, on the
contrary, giving a new
materiality to everything formal
the collective organisational
properties of computers not the
intrinsic nature of their gates.2
tomb in order to make clear why
the texture of the original cannot
be replicated. Furthermore, and
New York 2001.
4) www.factum-arte.com
5) Powers, Richard. Plowing the Dark.
New York: Farrar, Strauss and Giroux, 2000.
0 e 1 sta forse spingendo tutti noi, macchine sulle quali è scritto in and spiritual? It’s hard to tell Or, as Alan Turing himself said: which is of great significance for
povere anime mortali, verso il bella evidenza “Intel inside”. È questa definizione alternativa Alla fine viene dedicata talmente which one of those two ‘hypes’ is “It is a convenient fiction that conservation, why the original
paradiso formale della virtualità? dell’era digitale che ha spinto tanta cura, talmente tanta best able to capture the fate of each switch must be definitely on should not be touched by sloppy
O al contrario sta offrendo una Ma se è così dobbiamo chiederci: Lowe a trasferirsi da Londra a energia, inventiva, abilità, alla art at the time of digital or definitely off.” restorations. Every new drill,
nuova dimensione materiale a la digitalità è l’inizio della Madrid e a fondare laggiù, creazione del facsimile, che quello reproduction. every new scan, every new colour
tutto ciò che è formale e virtualità o la fine dell’idealismo? insieme con il pittore spagnolo che si ottiene è un sorprendente The inherent analogue nature of printer, reveals in the studio
spirituale? È difficile dire quale di Con l’allestimento di una piccola Manuel Franquello, uno studio secondo originale, prezioso come On the one hand, we can ‘google’ the signals comes forward when another version of Seti’s inherent
queste due ‘sparate’ sia più in ma interessantissima esposizione chiamato Factum-Arte dedicato il primo, e naturalmente molto our way throughout the world you begin printing digital files, as qualities: cracks, nuances of
grado di cogliere quello che sarà il intitolata “nO1se”, l’artista Adam alla produzione di facsimili.4 La più flessibile! Così la replica without leaving our room; Adam Lowe has done in another colours, stone granularity,
destino dell’arte nell’epoca della Lowe e lo storico delle scienze loro idea non era quella di digitale non solo possiede physicists can trigger atomic exhibition, using different varnishes, even the successive
riproducibilità digitale. Simon Schaffer avevano ottenere repliche virtuali di opere un’aura di preziosità, ma accresce explosions without provoking printing techniques.3 Exactly the destructions and repairs.
dimostrato già nel 1999 che la originali, ma di utilizzare i file l’aura stessa dell’originale, radioactive fallout inside the same file of 0s and 1s, once It’s as if the digital capture
Da un lato, utilizzando motori di digitalità ha una lunga storia, digitali come strumento per rivelandone la tessitura e computers churning out their expressed in laser beams, allowed peeling the original
ricerca come Google, possiamo iniziata nel XVI secolo con indagare la qualità materiale mettendolo al riparo da eventuali simulations; millions of kids are bubbles or drops, generates feature by feature, layer by layer,
trovare la nostra strada nel l’invenzione della mezzatinta, delle opere d’arte originali. L’alto restauri arbitrari. Chiusa ai able to play collective games images that look entirely and all of that without touching
mondo senza mai muoverci dalla una nuova tecnica di stampa che livello di risoluzione della visitatori, la tomba di Seti I potrà inside huge arcades without different. So the formal machine it, except for the brief
nostra stanza; i fisici possono permetteva agli incisori di scansione tridimensionale viene conservare i propri segreti a buying any real estate. So, might not be that formal after all. illumination by a tiny laser beam.
innescare esplosioni atomiche riprodurre le ombre con la sfruttato pienamente per guidare beneficio delle generazioni obviously, we should feel virtual
senza provocare fallout moltiplicazione dei punti bianchi una serie di macchine copiatrici future; invece una volta aperta al wings growing on our back. If digitality is a “convenient In the end, so much care is taken
radioattivi, contenendole e neri, gli antenati dei nostri costruite appositamente, di pubblico e restaurata a più riprese Soon, no doubt, we will be ready fiction”, it might explain why it is in making the facsimile, so much
all’interno dei loro computer che pixel.1 Quella digitale non è solo stampanti e di trapani che sono in scomparirebbe in pochi decenni to download our own ‘wetware’ so hard to decide whether or not energy, skill, invention, that
sfornano simulazioni a getto una tecnica antica, ma come ha grado di produrre una copia senza lasciare alcuna traccia. body into the dry chips the information age leads us to a what you get is a stunning second
continuo; milioni di ragazzini dimostrato il filosofo della materiale degli originali. Il file sustaining the World Wide Web. new virtuality or to a new original, as precious as the first,
possono partecipare a sessioni di computazione Brian Smith non è digitale non è il fine, ma il mezzo No, il mondo digitale non ci materiality. With computers we and of course far more flexible!
gioco collettive all’interno di propriamente corretto affermare per riconquistare la materialità. condurrà all’esistenza virtuale But those dry pieces of silicone are in for more than a few In the end, the digital replica not
gigantesche sale giochi senza che i computer moderni sono Nello studio ci si serve di propria degli angeli. Come scopre also have their flip side: every unexpected turns. Turing again only possesses a precious aura
dover acquistare alcun immobile. macchine elettroniche, dato che i computer, ma anche di strumenti dolorosamente Adie Klarpol, idea is now measurable in bytes; says: “Machines take me by but it increases the aura of the
Perciò sembra naturale che si loro stati elettrici rimangono pur antichi come quelli dei pittori, giovane protagonista del racconto every piece of information has surprise with great frequency.” original by revealing its texture
sentano spuntare sulla nostra sempre analogici. La digitalità è degli incisori, dei modellatori e di Richard Powers Plowing the become traceable in numbers of and by protecting it against
schiena le ali della virtualità. l’effetto delle caratteristiche di degli scultori. Dark, le repliche digitali sono fatte ‘hits’ and ‘links’; for every It is this alternative definition of wanton restoration. Closed to the
Presto, non c’è dubbio, saremo organizzazione comuni a tutti i di materia tanto quanto gli connection you need to get a the digital age that has pushed public, the tomb of Seti may keep
pronti a fare il download dei computer, non la natura Si prenda ad esempio la copia originali, eccetto che lo sono cable or to buy some ‘airport’ Lowe to move from London to its secrets from future
nostri corpi, incanalandoli come intrinseca delle loro schede realizzata da Factum-Arte di una ancora di più.5 Dopo aver lavorato card; images now have a weight Madrid and to create there, with generations; opened to the
sostanze liquide nei chip solidi madri.2 O, come affermava lo sezione della tomba del faraone per molti anni a un modello measured in so many Ks, and the Spanish painter Manuel public, restored more than once,
che formano la struttura del world stesso Alan Turing, “è una comoda Seti I. L’idea non era quella di digitale perfetto in 3D di un’opera when they are too ‘heavy’ they Franquello, a studio called it will have vanished without
wide web. finzione pensare che ogni produrre una presentazione d’arte, la protagonista si rende ‘clog’ your mail accounts; Factum-Arte devoted to the trace in a few decades.
commutatore debba essere virtuale della tomba: non vi sono conto che le bombe intelligenti formalism is incarnated in pixels, production of facsimiles.4
Ma questi pezzi solidi di silicone sicuramente acceso o sicuramente schermi o occhiali che siano in lanciate sui bersagli iracheni da electrons and modems; Their idea is not to produce a No, the digital world is not
hanno anche un’altra faccia: oggi spento”. grado di competere con la un nuovissimo campo di battaglia computers heat up and, most virtual replica of original works, leading us toward the virtual
tutte le idee sono misurabili in precisione della scansione. digitale situato da qualche parte distressing of all, they age quickly but to use the digital files as a existence of angels. As Adie
byte, tutti gli articoli di La natura intrinsecamente L’obiettivo non è neppure quello della Florida sfruttano le stesse through a dizzying pace of way to probe the material quality Klarpol, the young character of
informazione sono classificabili a analogica dei segnali si svela di confondere il visitatore con una tecniche che lei sta sviluppando planned obsolescence. In Plato’s of the original works of art. Richard Powers’ novel Plowing
seconda del numero di ‘hit’ e di quando si prova a stampare dei versione contraffatta della Valle nel suo laboratorio isolato dal time abstract ideas had neither The power of resolution of the the Dark learns to her great
‘link’; per ottenere una file digitali, come ha fatto Adam dei Re. La contraffazione, come mondo. Improvvisamente, la bugs nor viruses, nor trademarks. 3-D scan is entirely devoted to distress, digital replicas are just
connessione a Internet è Lowe in occasione di un’altra mostra l’intera storia dei falsi digitalità irrompe nella storia Now, everything spiritual has directing an array of purpose- as material as the originals,
necessario possedere un qualche mostra, utilizzando tecniche nell’arte e nelle scienze, non molto più antica dei facsimili: melted into proprietary codes built copiers, printers and except they are more so.5
cablaggio o acquistare una differenti.3 Lo stesso file composto richiede un’abilità così grande, “Non riprodurre effigie incise”. owned by Bill Gates or into drillers that can reproduce a After having worked for several
qualche scheda ‘airport’; oggi le di segnali 0 e 1, una volta tradotto dal momento che è facile machinery on which is written material copy. The digital file is years on a perfect 3-D digital
immagini hanno un peso in raggi laser, in bolle o gocce, ingannare le menti del pubblico. “Intel inside”. not the end but the means to mock up of a work of art, she
misurabile in Kilobyte, e quando genera immagini che appaiono No, qui l’idea consiste nel Note re-conquer materiality. In the realises that the smart bombs Bruno Latour
1) n01se, 1999. Mostra tenutasi Insegna sociologia alla Ecole des Mines di
sono troppo ‘pesanti’ finiscono completamente differenti. Così la capovolgere radicalmente il So, is digitality the beginning of studio, you need computers but aimed at Iraqi targets from the
simultaneamente presso il Kettle´s Yard, Parigi. Il suo libro in inglese più recente è
per ‘intasare’ le nostre caselle macchina formale dopo tutto può concetto di virtualità, sfruttando Whipple Museum of the History of Science, virtuality or the end of idealism? also age-old skills like those of brand new digital battlefield
Politics of Nature How to Bring the Sciences
e-mail; il formalismo si incarna non essere così formale. la performance tecnica di coniare Cambridge, presso il Museum of In a small but stunning painters, engravers, moulders somewhere in Florida use the into Democracy (tradotto da Cathy Porter),
nei pixel, negli elettroni e nei una replica a scala naturale di una Archaeology and Anthropology, Cambridge exhibition called “n01se”, the and sculptors. same skills as the one she has pubblicato da Harvard University Press.
modem; i computer si Se la digitalità è una “comoda tomba per spiegare per quale e presso il Wellcome Institute, Londra. artist Adam Lowe, and the been developing in her insulated La maggior parte del suo lavoro è visibile sul
2) Smith Brian Cantwell, On the Origins of sito: http://www.ensmp.fr/~latour/
surriscaldano e, cosa più penosa finzione”, essa può spiegare motivo la texture dell’originale Objects, Cambridge, Mass., MIT Press 1997.
historian of science Simon Take for instance the copy laboratory. Suddenly, digitality
di tutte, invecchiano perché è così difficile stabilire se non può essere replicata. E per Si veda anche il contributo dell’autore al Schaffer, had already shown in Factum-Arte made of a portion of inserts itself in the much longer
Bruno Latour
rapidamente raggiungendo a l’era dell’informazione ci spiegare anche, cosa di grande catalogo di Digital Prints, a cura di A. Lowe. 1999 that digitality had a long the tomb of the Pharaoh Seti I. history of facsimiles: “Thou shalt Bruno Latour teaches sociology at the Ecole
passi vertiginosi un’obsolescenza condurrà a una nuova virtualità o importanza per la conservazione, 3) Adam Lowe, “Grey cultured cells”, in history beginning in the 16th The idea is not to produce a not make graven images.” des Mines in Paris. His most recent book in
già programmata in anticipo. Ai a una nuova materialità. Nel perché l’originale non dovrebbe Techno Digital Sublime, Central Fine Arts, century. It began with the virtual presentation of the tomb: English is Politics of Nature How to Bring the
New York 2001. Sciences into Democracy (translated by
tempi di Platone i concetti astratti campo dei computer dobbiamo essere sottoposto a restauri poco 4) www.factum-arte.com
invention of mezzotint, a new there is no screen, no goggle-
Cathy Porter) from Harvard University Press.
non avevano né bug, né virus né aspettarci moltissimi accurati. Ogni nuovo foro, ogni 5) Powers Richard. Plowing the Dark. New printing technique that allowed eyed view good enough to pay
Most of his work is accessible on
trademark. Oggi invece qualsiasi cambiamenti ancora nuova scansione, ogni nuova York, Farrar, Strauss and Giroux 2000. engravers to reproduce shades justice to the precision of the http://www.ensmp.fr/~latour/

64 domus Maggio May 2004 Maggio May 2004 domus 65


Circa 2.600.000 ‘MRE’ (Marocchini Residenti all’Estero) ogni estate tornano nel loro paese d’origine, Each summer roughly 2,600,000 ‘MRE’ (Moroccans Resident Abroad) return home,
portando con sé nuovi modelli di vita, di consumo e di investimento. Il collettivo Multiplicity bringing with them new ways of living, investing and consuming. The collective Multiplicity
ha osservato gli effetti di questo flusso di uomini e capitali, nella Regione Orientale del Marocco. has documented the impact of this flow of people and capital in the eastern part of the country.
Un flusso che ripercorre in senso inverso le rotte dell’immigrazione tra l’Africa e l’Europa e che produce A flow that runs counter to the immigration routes from Africa to Europe, and which
profonde trasformazioni nella società e nei territori del Marocco contemporaneo. has produced profound changes in contemporary Morocco’s society and landscape.

A cura di/Edited by

(M)RE- TOURISM
Multiplicity

66 domus Aprile April 2004 Aprile April 2004 domus 79


Abitazioni nel quartiere di Al-Wahda (Oujda), dove il 12 per cento
dei proprietari è composto da MRE

Homes in the Al-Wahda neighborhood (Oujda), where 12%


of homeowners are MREs
20
0 20
Hamburg

OLANDA
Turisti di Identità REGNO UNITO THE NETHERLANDS
UNITED KINGDOM
Sia marocchini che europei. Coste in trasformazione Amsterdam
Berlin
Transiti nello Stretto di Gibilterra/
London
Non completamente europei in Europa, non completamente Uno dei mutamenti territoriali più importanti prodotto dal Crossings of the Straits of Gibraltar
marocchini in Marocco. fenomeno MRE riguarda le aree costiere del Marocco, che negli ultimi Fonte/Source: Operación Paso del Estrecho
Il tratto distintivo degli MRE (Marocains Résidants à l'Étranger) è anni sono state fortemente investite da modelli di uso del territorio (www.proteccioncivil.org)
Köln
l’oscillazione continua tra due identità. Un’oscillazione ininterrotta legati al turismo di massa, agli investimenti immobiliari e allo
2.040.914 (1999)
che non si stabilizza in nessuno dei due terminali geografici che sfruttamento edilizio. 2.194.474 (2000)
delimitano la vita degli MRE, a Sud e a Nord del Mediterraneo. Gli MRE tornano in Marocco portando con sé una nuova ricchezza, 2.337.441 (2001)
Questa doppia identità è una caratteristica di molti degli emigrati accumulata nei paesi d’emigrazione; una ricchezza che al momento Frankfurt 2.445.206 (2002)
marocchini temporanei che, lavorando in Europa, coltivano il 2.588.001 (2003)
attuale costituisce una delle principali fonti di sviluppo per il Regno GERMANIA
progetto di tornare a vivere in Marocco e che per questo inviano (ogni anno più di 2 miliardi di euro vengono trasferiti in Marocco). Strasbourg
GERMANY
denaro a ‘casa’, proiettando desideri e aspettative verso il loro Paese Gran parte di questi flussi finanziari si registra in estate, Paris MRE Marocchini residenti all’estero/
di origine. in corrispondenza del rientro per le vacanze e si orienta verso parti MRE Moroccans resident abroad
Fonte/Source: INED
Ma questa doppia identità riguarda anche chi vive stabilmente diverse del territorio marocchino. Gli MRE di prima e seconda (Institut National des Etudes Démographiques), 2003
in Europa e torna in Marocco come turista - un turista particolare, generazione investono denaro soprattutto nel settore immobiliare
München
in un paese familiare e, allo stesso tempo, esotico. Un turista delle grandi città. I giovani MRE della terza generazione tendono 2.582.097
che spesso è anche un investitore, un nuovo colonizzatore nella terra invece a vivere il loro ritorno in Marocco da veri e propri turisti: le MRE nel mondo/MRE in the world
Basel 2.185.821
dei suoi avi. Un’identità bipolare che non viene abbandonata visite sono sempre più a carattere ludico-culturale e si orientano Zurich
MRE in Europa/MRE in Europe
neanche da chi è tornato a vivere in Marocco dopo aver vissuto in verso i siti balneari e le città costiere. I luoghi più investiti da questo FRANCIA SVIZZERA 231.962
Europa e averne importato modelli culturali e sociali, restando in secondo fenomeno sono quelli della costa mediterranea (Tangeri, FRANCE SWITZERLAND MRE nel mondo arabo/MRE in Arab countries
contatto con l’Europa grazie a relazioni affettive Tetoutan, Nador, Oujda, Sellane, Taouima) e quelli della costa 155.432
e di scambio economico. atlantica (Rabat, Salé, Asilah, Larache, Mohammedia). MRE in America/MRE in the Americas
5.355
Il movimento continuo di merci, uomini e soldi fra una sponda Lyon
MRE in Africa
e l’altra del Mediterraneo genera effetti molto diversi: per alcuni 3.527
Milano
può rappresentare l’impossibilità di trovare un approdo sicuro MRE in Asia e/and Oceania
dove stabilizzare la propria vita; per altri rappresenta invece
una importante risorsa culturale ed economica, che permette Genova
di promuovere attività e investimenti su entrambe le sponde
del Mediterraneo.
Marseille

Rotte e Imbuti ITALIA


Gli MRE in tutto il mondo sono 2.582.097; in Europa 2.185.821. Tutti ITALY
gli anni, soprattutto nel periodo delle vacanze estive, gli MRE lasciano
temporaneamente i loro luoghi di residenza e tornano in Marocco SPAGNA
SPAIN
(1.512.000 dal 20 giugno al 10 settembre 2003). Le principali porte
d’ingresso sono Tangeri, Nador, Ceuta, l’aeroporto di Casablanca, Barcelona
il porto di Al Hoceima e l’aeroporto di Oujda.
Il flusso di ritorno degli MRE scorre mescolandosi e, allo stesso Madrid
tempo, distinguendosi dal flusso del turismo di massa europeo.
La maggior parte dei turisti-MRE europei – provenienti dalla Francia,
dal Belgio, dalla Germania, dall’Olanda, dalla Spagna e dall’Italia –
si raccolgono ogni estate in una sorta di imbuto sulla costa spagnola, 40
viaggiando come in un tunnel senza deviazioni fino allo stretto di
Gibilterra. Le loro auto trasportano persone, merci e denaro.
Le colonne di automobili riconoscibili sulle strade spagnole per i Alicante
voluminosi pacchi sul portabagagli, sono l’immagine più evidente,
e folkloristica, di un fenomeno ben più complesso che comprende Sevilla
il trasloco di modelli sociali, culturali e economici.
Un flusso che, attraversando il Mediterraneo e ripercorrendo Malaga Almeria
in senso inverso le rotte dell’immigrazione, sta attivando in Marocco
importanti mutamenti nella condizione sociale e spaziale di una
Stretto di Gibilterra
parte del paese e sta introducendo nuovi modelli nei sistemi Algeciras Gibraltar
Straits of Gibraltar Tanger Ceuta (Spagna/Spain)
finanziari e degli investimenti, nei tipi edilizi e nei processi Martil
Asilah
d’urbanizzazione. Soul-Khemis-du-Sahel
Tétouan

Larache Chefchaouene Al Hoceima Melilla


Nador
Beni-Enzar
Moulay Bouslam Saidia
Intensità di traffico estivo verso Ksar-El-Kebir Taouima Invio di fondi degli MRE secondo il Paese di residenza/ Investimenti MRE in Marocco Unità immobiliari vendute in Marocco
Taounate Oujda
il Marocco/Summer traffic flows to Morocco Salé Remittances by MRE according to their place of residence nel 2003: 3,76 miliardi di euro/ nel 2001 dalle diverse compagnie statali
Rabat Berkane
Elaborazione/Edited by Multiplicity. Taza Salouane Fonte/Source: Office des Changes, Ministère des Affaires Étrangères du Maroc, 2001 MRE Investments in Morocco (SNEC, ERAC, ANHI, ATTACHAROUK) /
Fès
Fonte/Source: Operation Transit 2003, Casablanca
Meknès Jerada in 2003: 3.76 billion euros Real estate purchased in Morocco in 2001
Khemisset
Operación Paso del Estrecho Bensouda Fonte/Source: Maghreb Observateur, Afrik.com from public companies (SNEC, ERAC, ANHI,
Al Jadida Ain Aouda Arabia Saudita
Italia ATTACHAROUK)
Settat Italy Saudi Arabia
10.000 Boulemane MAROCCO Fonte/Source: OST, 2001
Khouribga Francia
Turisti MRE al giorno/MRE Tourists per day Khenifrà MOROCCO France
5.000
Paesi Bassi Gran Bretagna
Turisti MRE al giorno/MRE Tourists per day Beni-Mellal The Netherlands Great Britain
1.000 21% MRE
Mogador
Turisti MRE al giorno/MRE Tourists per day Azilal
Essaouira Marrakech
1.000 Belgio Svizzera 83% Immobiliare/Real Estate
Passeggeri via mare al giorno/ Belgium Switzerland
Sea passengers per day
Taghazo