Sei sulla pagina 1di 2

6.

Regolamento necessario di competenza


(art. 42 c.p.c.)

Esente da contributo unificato – Art. 9, legge 488/1999

Alla Corte Suprema di Cassazione


Sezione civile
Roma

ISTANZA DI REGOLAMENTO DI COMPETENZA


per ................., nato il ................ a .................. residente in ................. via ....................
n. ....... codice fiscale n. ........, rappresentato e difeso dall’avv. ....................... elettivamente
domiciliato presso il suo studio in .................... via .................... n. ...., (oppure: domiciliato con
lui in ...................... presso lo studio dell’avv. ................ via .................., n. .....).

CONTRO
.................... residente in .................... via .................... n. ..... codice fiscale
n. ..................... elettivamente domiciliato presso lo studio del suo difensore nel giudizio di
primo grado in .................... via .................... n. .....

ESPOSIZIONE DEI FATTI


Con atto di citazione notificato il.................... il sig. .................... esponeva che ....................
Tanto esposto chiedeva al giudice adito l’accoglimento delle seguenti conclusioni:
1 – Accogliere la domanda e condannare il convenuto a ....................
2 – Condannare lo stesso al pagamento di tutte le spese e compe-
tenze.
Si costituiva il convenuto .................... che, come rappresentato, eccepiva l’incompetenza
del magistrato adito per i seguenti motivi:
1)........................................................................................................................
Il giudice adito, con la sentenza n. .................... del .................... negava la propria
competenza per valore (per territorio) a decidere e fissava il termine di giorni .................... per
la riassunzione dinanzi al .................... di....................

ELEMENTI DI DIRITTO
La sentenza del primo giudice sulla competenza è errata per violazione dell’art. ....................
del c.p.c. che dispone testualmente: “....................”.
La fattispecie sottoposta al suo esame rientra, quindi, nei limiti della sua competenza per
valore (per territorio).

CONCLUSIONI
Tanto esposto in fatto e ritenuto in diritto, il sottoscritto procuratore conclude perché
l’Ecc.ma Corte di cassazione, sezione civile, voglia:
A – Dichiarare la competenza del tribunale di .................... a decidere nella causa
n. .................... R.G. promossa da .................... contro ....................;
B – Ordinare la prosecuzione del giudizio dinanzi al predetto giudice e fissare un termine per
la riassunzione;
C – Condannare il resistente al pagamento delle spese, diritti ed onorari del presente
regolamento, oltre IVA e CNAP.
Si dichiara che il procedimento è esente dal pagamento del contributo unificato a norma
dell’art. 9, comma 8, legge 488/1999.

Luogo e data .................... Avv . ....................

PROCURA SPECIALE
Sig. avv. .................... Le conferisco procura speciale per l’assistenza e la difesa nel giudizio
di regolamento di competenza dinanzi alla Corte di cassazione per la causa n. ....................
R.G. pendente dinanzi al .................... ed avverso la sentenza n. ....................
del .................... con tutte le facoltà di legge. Eleggo domicilio presso il Suo studio
in .................... via .................... n. ....................

Il ricorrente f.to .....................


È autentica
Avv. ....................

RELAZIONE DI NOTIFICAZIONE
Su istanza dell’avv. .................... procuratore di .................... io sottoscritto Assistente
U.N.E.P. addetto all’ufficio unico notificazione di .................... ho notificato e dato copia del
ricorso che procede a: sig. .................... elettivamente domiciliato presso lo studio
dell’avv. .................... in via .................... n. ..... di .................... il giorno .................... mediante
consegna di copia a mani di ....................

Assistente U.N.E.P. f.to ..............