Sei sulla pagina 1di 28
INNI PER IL GRANDE GIUBILEO DEL 2000 lima ecclesiale di attesa e preparazione del Grande Giubileo del 2000 orienta AdV a pubblicare un secondo fascicolo dedicato esplicitamente a questo evento (ef Ar ‘monia di Voc 53/3 [1998] Grande Giubileo del 2000. Canti- Inni - Acclamazioni), Nelle pagine che seguono vengono offerti cingue Inni dove riecheggiano le grandi tematiche dell’anno giubila- re; inni che possono tranquillamente divenire ordinario patrimonio ecclesiale come canti solenni per linizio di celebrazioy Cid che caratterizza il materiale musicale offerto & la ricerca di una nobile semplicit Tutto pud essere cantato dall’Assemblea che dialoga con il solista, la Schola e gli strumenti musicali. La Schola pud anche non esserci 0 essere composta da sole voci femminili; interludiare or- ganistico & ad libimum come la presenza degli Ottoni. Ci troviamo, pertanto, di fronte a canti eseguibil ~ ed €@ questo il nostro auspicio ~ in una ordinaria parrocchia ove, grazie alla semplicita della linea melodica ¢ alla forma linguistica dei testi, le nuove composizioni che AdY propone possono arricchire degnamente il comune repertorio locale. * Gloria a te, Cristo. Inno con ritornello assembleare per Solo e Schola (ad libitum). {I testo si ispira al primo paragrafo della Bolla Incarnationis Mysterium, il cui det lato si pone sulla scia di Gaudium er spes n. 10, Redemp- tor Hominis (quale numero? e Tertio Millennio Adve. niente n, 59. La tematica direttamente giubilare, ed evi- denzia in modo eminente la dimensione cristologica. * Tu sei l’unica salvezza. Inno con ritornello assem- bleare, con una versione per Schola (4 voci dispari) © quintetto di Ottoni. II testo si ispira all’affermazione « ta 4 vi a Soi che orieschin- rail cam - mi - no, ? Schola fee tempo - — : > s SS = OT Beene = det Din Pade di GP se nelswoa- mote E-gh otha wold. Nelsio 2 Si- gno-re di tt-ta la ter = ra ciha do - na- to gra-zia su grezia, Ml Vi- 3. O- gni lin gua pro-cla-miil wo no - me, Mo- vi - 1 che colhmaogniat - te-sa. In Te ENel-la, gio ia ‘ci hai con-vo - ca = ty mel- Ja Pa-squa Ia no-'stta pace. O Si a tempo : c 5 = ~ fe AS 7 oS Ee SS Be-ne - det- to Dio, Padre di Ci sf, nel suoa-mo-re E scel-ti, Nel suo TS: = gno-re ditt Ia ter - om ciha do ma-to gra grezia, Il Mi Tin guia pro-claemi luo no me, no- vi - che col esa In Te 3° Nel Boia chai convo - ca th nella Pa-squa In pres 0 Si- peaptenne ' : a ae === = ¢ 1. Be-ne - det-{o Dio, Pa-dre di Cri - sto, nel suoa-mo-re E- gli ciha scel-ti, Nel suo 21 Si > gnocre ditt lyr - mm Gha do mato grazia Sh grezia, Ml Vi- | 3. O-gni ‘in-gua pro-cla-miil two no = me, o- vi = ta che colmaogniat- tesa. In Te QNe- la giovia ‘ch vo- ca > th Pa-squa ln no-'stfa pace, O. Si- ~ det to Dio, Pa-dre di Cri - sto, nel stoa-mo-re E- gli ciha seel-ti, Nelsuo J ogmo-re dite la tr +m dha do m- to ga-za a grazie I Wi~ filo no - me fio vi» ti che cokmaogniat -te-sa In Te convo = ci = th nel= Ia Pa-sgua la no-stfa pare, O Si- ng “tee Test 139] Assemblea L, s = ‘< ——— ES r . S55 =; sie "OL Fie glio ciha re- si fi Lu - i si com-pieo-gni sa. Glo-riaa Deven ‘te, Re del-la sto lu - i che e- rae che = ne. 3. Tuo- mo sco-preil mi - ste - mo - re pie-ner~ 2 i ‘a fomo-e sew lM i che ‘rie schias rail cam = mi = no. & SSS SS = = os SaaS ++ 1. Fi- glo ciha resi fi - pli, ed in Lu- i si com-pico-eni & - & Deven -‘te, Re del-la sto - fia, @ Co-- i che e- ta Vie = ne 3. uo mo. sco- prejl mi - ste - ro, nel-la- mo - re pie-nez- 2a di vi - ta Aegno- re sei kk vig versd = i) che tiesehia-rajl cam - mi - no. 4 : oe fi Ge —— ee VL Fic glo ciha re-si fi - gh, ed in Lu- 1 si com-picorgni co - sa 2even-te, Re del-la sto - ria, & Co- lu - i che e- rae che vie - ne. 3. Puo- mo sco-preil mi - ste > ro, nel-Fa- mo - re pie-nez- 7a di vi ta Nego- re scion a vie a Neon mi =o. f—S- SS (pore — 1 Fie glo cha esi fi ed in. Lu i si com-pieo-gni co - sa Qiven=te, Re della sto - 2 Co- lu = i che e- me che vie ~ ne 3. Tuo- mo sco-preil mi ~ sie = ro, nel-Fa- mo - te pie-nez- za di vi ta 4 cgno- re sei th Ia vi = a, ve-ti- 18 che ti-schia-rail cam- mi - no, “Tage gE Fe ot mh ie 4 I 7 Ped. Schola (variante a due voci pari) bat «tempo 7 —_— « Se See ae 1. Be-ne - det- 10 Dio, Pa- dre di Ci ~ sto, nel suoa-mo-te E- gli ciha sel-t, Nelsvo 2 Si gno-re di wt-t la ter - ra cihado- na-to ga-ga su. gezia Il Vi- 20 Tin- gua pro-cla-miiltuo no - me, no~ vi = f& che col-maogniat - te-sa. In Te aN gio- ia ci hai convo - ca - ti, nel- la Pa-squa la nostra pace. O Si- pnt tempo * 2 Ges oo = s Se — SS FS SS SF ft. L.Be-ne = det- to Dio, Pa-dre di Ch sto, nel suon-mo-re E- gh cha wel-ti, Nelsuo 2 Si - gno-re di twt-ta la ter - ra'cihado- na-to gra-zia Su grazia, II Vi- 3. O- ani i pro-cli-miil wo no = me, o- vi = ta che col-maogniat- tesa. In Te 4. Nella ca ti, mel=ta Pa-squa la nostra parce. O Si- = = a z = ares | oT F FF — r v J ape tompo i i » oid : . = 140) Assemblea pet ~ 2 = 3 s — ee ——- z o = SS - Se 1. Fi-gliociha resi fi - gli, ed in Lu-i si— com picogni co- sa. Glo-tiaa 2ieven-te, Re del- la sto = ria, & Co-lu-i che @ = mag che vie~ne 3. Fuo-mo sco-preil mi-ste - ro, nebl'a-mo- re pie- nee - za di vi- ta Begno-re seit la vi = a verri- th che i schia raj eam-mi- no, in Lu- i sicom-pito-gni co - sa. ches e- rae che viene, pie nez- za di vi- ta > schi-rail came mi= no 1. Fi-gliociha re-si fi - gl, ed Zeven-te, Re del- la sto - fia, @———— Co-lu- i 3. Muo-mo sco-preil mi-ste - ro, nel ~~ Pa-mo- re. 4egno-re sei la vi =U che RIT. (versione con la Schola) Glo- rian Te, Cri-sto lu - ce del mon do, Re-den - to - re del-I'uo = mo, del Po) Glo - ria del-Tuo Glo- ria (4) [42] ral. Sfx FINE 1 Be- ne- - Ta Gloria a Te, Cristo luce del mondo, redentore dell'uomo, Re della gloria, Dio di tutti i secoli, Benedetto Dio, Pade di Cristo nel suo amore Egli ci ha scelt Nel suo Figlio ci ha resi fig ed in Lui si compie ogni cosa, I Signore di tutta la tera ci ha donate grazia su grazia, Il Vivente, Re della storia, & Colui che era e che viene. 3. Ogni lingua proclani il tuo nome, novita che colma ogni attesa. InTe P'uomo scopre il mistero, nell’amore pienezza di vita, 4. Nella gioia ci hai convocati, nella Pasqua la nostra pace, © Signore sei tu la via, verita che rischiara il cammino, TU SEI LYUNICA SALVEZZA Inno per Assemblea e Schola - Ottoni (ad libitum) Con solennita I.Nel = lapie~ nex - zadei tem Con solennita Ha | I-——~ ob-be = dien = tealvo - dre, tna sce - sida Ver- gine ma rr Versione per Scholae Ottoni Com solemiti Trombe insib Comi inFa ‘Tromboni 5 < 1. Nel- la pie - nez 2. Tu, Verboe-ter- nodel Pa - 3. Tu, Verbore - ter nodel Pa. 4. Tu, Verbore - ter nodel Pa 5. Tu, Verbore - ter nodel Pa: a 1. Nel- la pie - nex - 2. Tu, Verboe- ter- nodel Pa 3. Tu, Verboe-ter-nodel Pa - 4. Tu, Verboe- ter-nodel Pa - 5. Tu, Verboe -ter-nodel Pa T I.Nel-la pie - nez-zadei tem = 2. Tu, Verbo - ter nodel Pa 3. Tu, Verboe - ter nodel Pa 4. Tu, Verboe - ter nodel Pa 5. Tu, Verboe - ter nodel Pa B Ja pie ~ nex ~ zadei Tu, Verboe = ter - nodel 1. Verboe - ter- nodel Pa Tu, Verbore - ter = nodel Pa Tu, Verboe - ter= nodel Pa # Con solennita Soa t [44] 7 loti tote dewealvos Ste éel Pa > dw tas see ti dh Ver gine ma De dre, o-seu- ra-stiil t- oes serdi- vi - mo, nel-'as = su-mer del - I'es- ser u- ma - Bodies sei ve - nuctoacer= car sulin ter = ra. la crea = tw- rachein-gra-uhala- sca ~ {odie verai = comma del Di= 0 na-sco > sto, sei ln gui-dy. si - cu raed e - sper Sodie il uo Spi-titoct- fon di nei cuo = ti porchéin ti fra - tel ho re- den = x any oe ae : =i ae = eS sie ob-be- diemteal vo - le - re del Padre, wna sce-si_ da Ver - gi-ne ma e. O-seU~ fasifil W- oes~ ser di = no, nel I'as = su-mer del = Fes = ser w- ma - Sedre, sti ve = mu-toa.cer- car sulla ra la crea - tu- rachein- gra- taha la - scia ‘odie verai- cov na del Di- 0 na-sco - sto, sci la gui-da si - cu- raed e- sper Sedre, il wo Spi- ri-toef-fon- di nei cuo — - ri, perchéin te i fra- tel - Ti re- den - 4 . * SS SS ¥ 1.-pi, ob-be - diente al vo - le - redel Pa - dre, tu ona - sce-sti da Ver - gi-ne ma = De dre. ovscu + raestiil tw oes~ ser i = no, nel-'as = su-mer del - ['es- ser u = ma Boor sei ve» muctoacer- car sukla tert ka crea - ti rachein~agra~tahala~ sia ~ So dre. verai = co- ni del Di - 0 na~ sco sto, sci la gui-da si cu- raed e~ sper ~ Sedre, il td Spi-rictoet=fon- di nei co = ti, perch€in tei fra - tel - i re- den - = = x 3 5 ra 2 ———— to a =: SSS - L.-pi, ob:be-diemtel vo - le - re del Pa - dre, wna sce-sti da Ver - gi-ne ma ~ 2 dre, o-seu~ ra-sifil ti - oes ser di- vi m0, nel-V'as = su-mer del - Tes = ser u- ma - Scdressei ve» nu-tra cer = car sulla ter = ra fa crea W-rachein- gra- taha la scia Aodresveraj - co-na del Di'- 0 na-sco - sto, sei Ia gui-da si - cu ried © sper Sedre. il two Spi-rietoet- fon ~ di nei cuo - rh pereh€in we i fra = tel i re den _ ao eo = == = f r it r ft =—rT ro sj) pa | sy | =e —— is f= =} [t nN y oh aa ay 8 145) 7 = = ae = J == SI _ —— sy —- eS = ster} es per in = fon-dernel= Pod moe pel nova inf vic ws ia ne = meraele i e-sclu~dendilpee = en” pers gun Ie ta ain fa dis morm poser Se perch Ger=canel bu = cheatla viv ons due Seno ‘We glidel - hu = Qe-si = mectiahln glo > tk : : —- == . = ieee ee SS oe Iedhe, per in = fon-dernel-Trup - ahoenel eo- smo nowt fins fa vi ~ ta re Zeno ln ni = Wemaela ta givea sor-te— “ersclu-dendoiipec- ct Beto, per seguir le lu ~ sin — ghemon-da- ney la dis mo-m postr - om ‘Sota percht cer-cane) bu = lola vic cheabla vismconeds 2 ee Sou Sane A Donl-co Pade “Wess = maui glo >in per in = fon-dernel- Tuo - moenel co smo nuova fin- fa vista = Ue | Zeno Iam = twemety wa = gi-ca sor + te, evs dendoilpee- ca 3.10, perse- guir le Ii - sin = ghemon-da = ne, la di mo- ra pa - ter na 4-ta perchi cer-canel bu = io la vii = a cheabla viz tacon- du = ce 5.-ti sino fi-glidel-T'u - ni-co Pa - dre. de- sti = na-iahla glo ria 2 > ~ —— ye =r 2 a= = = 2 = Je dre, per in ~ fon-dernel-T'uo - moenel co = smo muo-va jin- fa vi- ta - Ie 2-no la na-t-raeln wa - gi-ca sor = te e-sclu-dendoilpec-ca wo 3-10, perse-guir Ie lu - sin = ghemon-da - ne, la di mo-ra pater na 4--ta perehi cer-canel bu = io la vi =a cheabla vi= ta con= du ce. S.-ti siono fi-glidel-T'u - ni-co Pa - dre, de-sti- na-tialla glo - ria [461 14 Cri- sto Re-den- to - re, w sei a aller. a 1, Nella pienezza dei tempi. ‘obbediente al volere del Padre, tu nascesti da Vergine madre, per infonder nell" uomo e nel cosmo nuova Tinfa vital come ieri, oggi e sempre. 2. Tu, Verbo eterno del Padre, ‘oscurast i tuo esser divino, nell'assumer dellessere umano la natura e la tragica sorte, escludendo il peccato. Saree peer = > ei 3. Tu, Verbo eterno del Padre, sei venuto a cercar sulla terra Ja creatura che ingrata ha lasciato, per seguir le lusinghe mondane, Ja dimora pate 4. Tu, Verbo eterno del Padre, vera icons del Dio nascosto, sei la guida sicura ed esperta per chi cerca nel buio la via the alla vita conduce. 5. Tu, Verbo eterno del Padre, il tuo Spirito effondi nei cuori pperché in tei fratelliredemti Siano figli dell'unico Padre, % ~ San-ta cit, cit- @ do-gni f- tor - te gidbriFlailgior-noche fu pro - meso, il gior-noche veri, santa cit- , —san-tacit - nee 4 pra Val - tw - ra, la spo-sa del la noa ri - wo - so i fiu- mi del- le - su-Iiin cam - mi - no, fiv- ma-naal-la de ne va. Ri = lo che si pa-sceinmez-zoai gi - gli sa- ri per lo-roau - ro- ra A 5.Cam-"mi-na-no fa-scia- ti dal ful - go - re chein al- to si dif’ - fon de, per [56] SS SO aS —al-le we mu in te ri po - i del tuo giar - di ~ we verran-noi fi- glie + co- ra dei lo- of = Soché Ia lu ee _pitt_nor scon-de—— e pill non muo ———=— ~~ dim. all. —— accel. er 20 (57) psbito SH Ff LE & Sueleazoay SSS rary = ze 6 = =) SSS SS 1. Sa = Tiasmoa te, cit-t so- pra al - w= ra, la spo-sa della lu ce. Un 2. In - sies me tut sal go-noa ri - wo- so i fiv- mi del-le gen = th im 3. Ti + non-daun can-to d’e- su- iin cam = mi- no, fiu-managl-la de = on va Ri ~ 4 La] gnelsl che si parsceinmerzoai gi gli sa- a per lovroau > ro > ta A Scam - ‘mi- nano fa-scia- ti dal fal - go- re chein al-to si dif - fon - deper - een if — i — x = FE ae, SS Se ee 1. Sa = fia-mog te cit-@ s0- pra Tal - wma, a spo- sa del- la ce. Un 2. In + sie- me Wi-fi sal- go-noa fi - uo- so mi del Ie ‘i. in 3. Ti + non-daun canto d’e- su lin cam ~ mi- no, naal-la de va Ri 4 Lia - gnel-lo che si pa-sceinmezzoai gi gli sa- ri per loroaw - ro ra A $.Cam + omi+ nano farscia- ti dal ful - go~ re chejn al-t0 si dif - fon ~ de,per ee ee eee ey f SSS ? = Vos - Tia-moa te, cit-& so- pra Tal = w- ra la spo- sa del- la lu + ce. Un 2 In = sie- me twt-t sal-go-noa ri - wo- so i fu-mi del-le gen = ti, in 3. Ti = non-daun canto d'e~ su-tiin cam = mi- no, fiu-manaal-la de = ri - va Ri - & La = gnel- lo che si pa-sceinmer-zosi gi- gli sah per lo-roay = ro - a A 3. Cam - ‘mi-na- no fa-scia= a? dal fal - go techein al-to si dif) ~ fon ~ de.per - f a se = : ee oe a8 28 oe Be =e ee i f=$ £ 1. Sa + Tiasmoa te, cite so- pra Tal = ts ma, la spo- sa del la Jw = ee. Un 2 In + sies me tute ti sal-gornoa i+ tro- so i fi mi del~ legen = th in 3. Ti + non-daun can- to d'e- su liin cam + mi-no, five menaalela de = on va Ri = 4. La = gnel-lo che si pa-sceinmezzoai gi- gli sur per lo-roay - ro - 1a, A S.Cam - mi nano fa-scia-W dal ful - go- re chein al-to sii dif - fon - de, per - (58) 21 2 citta dogni ritorno, te gia Drilla il giorno che fu promesso, il giorno che verra, santa citt, santa cttat 1. Saliamo a te, 2 sopra laltura, la sposa della luce. Un canto come scoscio ci conduce alle tue mura, 2. Insieme tutti salgono a ritroso i fiumi delle genti, inte ritroveranno ie sorgenti, in te riposo. Gb —— == iF eye + “ = 1. can=t0 co-me sero-scio ei con - du- ce al-le we mu ra 2 fieto-ve-rn-no le sor = inte i= po = = 3. -tor-na-no cer-can- do T'ac-qua del wo gir =~ di = = no, 4 fi-glici fi-glia dei lo-fi - ~~ gh S.-ché la luce pit non si © pitnon mio = + = fe _—— all s fF — = * = aan —< a ae — ey ee LL canst0 co-me scro-scio ci con = du ce al ee mo 2. te ri-to-ve-ran-no le sor = gen= ti, in we f= po - 6 3. -tor-na-no cer-can- do I vi va del wo gin = di | no. 4 te vereramnog fi-gliei firghan - co- m dei re er S.-ché la Iu- ee pi non si ma = scon- dee. pid pon uo = a = E Gc ae 2 > = eee Es S 1. ean-t0 co-me sero-scio ci con - du- ce ee ae n 21 te fi-to-ve-ran=no le sor - gen ti in w. Ho- po 80. 3. -tor-na-no cer-ean- do Tac-qua vi - va el two. gins di = no. 4 sliei fi-ghan - co - ra ei sgh 5 piu now sina ~ seon- de © pid non mua a rose? é 1. can=10 co-me sero-seio ci con - du-ce al - = le tem ra 2 te i to-ve-ran-no le sor gen th, in ei = po 0. 3. -tor-na-no cer-can- do 'ac-qua vi = va del wo gin = dito 4 te verrramnoi fi-gliei fi-glian- co- ra dei S.-ché la lu-ee pit) non sina - seon-de piv non myo =e. Santa cita, 3. Tiinonda un canto esuli in cammino, fiumana alla deriva. Ritomano cercando lacqua viva L'agnello che in mezzo ai gig sari per lore aurora, ‘Ate verranno i figli ei figli ancora dei loro figli Camminano fasciati dal fulgore che in alto si diffonde, perché la luce piii non si nasconde pili non muore, [59] «VA’ PRIMA A RICONCILIARTI» (it5,24) Nulla & pitt tenace della memoria delle ferite del pas- sato, Essa arriva fino ad essere trasmessa di generazione in genetazione. Ma che cos’? I'imminente Giubileo, se non ta festa della ritrovata possibilita di riconciliazione? Se la storia del passato millemnio & l'elenco delle lacera- Zioni fino a trovarei divisi tra cristani, tra nazioni, senza neanche si ricordi il perché, a questa generazione & data la possibilita di un sussulto. In nome di Colui che ricor- diamo essere nato per divenire la nostra Pace, l'uomo. ud, in ogni dimensione della vita, costruire rapporti di pace. La Chiesa, in questi anni, si sta preparando, chiedendo petdono per prima ¢ invitando a fare altrettanto, a ripren- dete il suo posto nei solchi della storia: essere seme, fer~ mento, strumento di pace e, ancor prima, di riconcilia- zone. Diceva bene Sant” Ambrogio, secoli fa: «Cominciate in voi Vopera della pace, cosi che, rappacificati con voi stessi, possiate portare la pace agli altri». Se questo & vero peril singolo cristiano, & vero anche per ogni comu- ita’e per la Chiesa intera. I! dono del Giubileo (il perdo- no, la riconciliazione, 'indulgenza) deve partire dal di dentro ¢ quanto ogni domenica é significato nella liturgia dell’atto penitenziale ¢ nel gesto della pace deve ritrova. re il suo rimando esistenziale I problema & enorme, perché interpella la nostra cate- chesi, se educa ed inculca le ragioni vincenti della ricon- Ciliazione e del petdono: chiede alle nostre liturgie cosi anonime sei gesti posti diventano «riserve> di pace peri rapporti familiari e sociali; verifica se la carita delle no- stre comunita si ferma all’elemosina o se promuove strut= ture pit! umane, immettendo nel circuito dei rapporti po- liticke civil cristiani adulti nella fede e dunque coerenti su ogni coordinata del vivere. Una catechesi imperniata sul abuonismon, una liturgia pensata o voluta staccata all’ esistenza (in volgare o latino che sia), una carita che non aiuti a superare I’anonimato della cita, il rflusso nel privato del mondo giovanile, il soggettivismo esasperato dilagante in tutte le forme di pensiero debole o forte di oggi, celebrato il giubileo, faranno registrare I’ennesima implosione della Chiesa. Si dira che non é facile questo, in un paese dove i ran- cori sono trasmessi da una generazione all'altra in citt& dove la fretta di evadere rende impossibile anche solo la Proposta, in comunita dove la richiesta di «sacro» perma- ne, ma pid in riferimento alle cose che alle persone, alla religiosita pre-cristiana, che alla novita di Gest. Eppure apertura della Porta Santa non sara il segno che i muri sli steccati, le cortine, gli odi possono cadere? «L’amore Vince odio ¢ la vendetta & disarmata dal perdono» (Pr. Eu, Per la Ric. 1). La questione non dungue solo di de- rnuneiare il male, il peceato, 'ingiustizia, cose tutte di cui la storia piena, ma di indicare vie nuove, metodi nuovi, orizzonti nuovi nell’educare, nel celebrare, nel vivere. Se allarghiamo lo sguardo sulle divisioni tra cristiani, ecumenism non pud rimanere la corsa di treni paralle- li i cui passeggeri, annualmente, si scambiano un saluto. Come & stata possibile la divisione, deve poter diventare reale uni Non & bene che il ritrovato accordo sul piano econo- rico. oggi, politico domani, dei popoli europei mane dell'unica condizione possibile per procedere, consisten- te nella visione che Cristo ha dei rapporti umani, della ricchezza, del potere, della fraternita, del servizio, del perdono.. Ben presto, gli scheletri nascosti negli armadi dei vari egoismi farebbero parlare di sé Riconciliazione, dunque, che dal cuore salga allo seuardo per vedere i germi di una nuova civiltd, che pas- sa dalla dialettica fondata sulla «polemis» al dialogo, che trova la sua ragion d’essere nell’ aver individuato mete ed obiettivi comuni, strategie diverse, ma capaci di integrar- si sull’essenziale, una lettura della storia che colga tutto id che ha unito, un impegno nel presente, che contestu: lizzi il tesoro del Vangelo all’ vomo 4’ oggi e alle sue spe- Penso, per l'anno del Giubileo, ad una settimana per ta vita della comunita cristiana, dove fare esercizio i ascolto delle ragioni dell’altro: del sé dicente ateo, del- appartenente a qualche grande cammino religioso, dun fratello separato, di chi, di dentro alla compagine eccle- siale, non é sufficientemente ascoltato, come i monaci, le suore, i lici.. per raccogliere, alla fine, elementi che ci possano correggere, incoraggiare. farci sentire unit in un ‘«villaggiow sempre pit piccolo e interdipendente. Fantastico, ricordando il Papa Giovanni Paolo I ad Assisi, una preghiera che sia pervasa dal «giubilo» di sta- re ad ascoltare, in silenzio, Io stesso Dio che & Padre di tutti, opera in tutti e ha dato in Gesi i trati per ricono- scerci suoi fig: una preghiera per e non senza nostra copa, fa fatica a riconoscerlo «Abba» Mi piacerebbe inventare un gesto capace di andare ol- ire la sacrestia, per coinvolgere la gente in quanto tale e dungue capace di gratuita e dedizione, per sentirci ricon- ciliati con un"umanita considerata gretta e rancorosa & porre cosi un gesto dal quale risalire alla gioia comune ¢ non avere pitt paura, Non so che cosa di tutto questo sari accettato ¢ condi viso dalla mia parroechia, ma una cosa penso consolante: dopo venti secoli non siamo riusciti a dimostrare che il va’ prima a riconciliarti» (Mr 5,24) sia un’a diva e insignificamte della comunita cristiana al pensiero del Gest storico. Cosi il suo ordine rimane come monito pet seguirlo ed essere dei suoi e come inizio e pegno per ‘ogni sussulto della civilta verso una pid autentica uma- Cantando, Ia domenica, Kyrie eleison, stringendo la ‘mano, alla pace, mi darebbe gioia sapere che anche nel cuore e nello sguardo dell’ alto ci sono analoghi pensie ri, desideri, propositi Ezio Stermieri {60} 23 IL MESTIERE DEL DIRETTORE DI CORO Non & fftoinopportino che a contre sano frnit le conseguen ze fxogiche desi guard fanaonsmemo degli ora Gta fnarione: in qusto modo i so approceio con I cart ruta Supporto di una maggioreeoscinza edna pit apprefondita cone Senna dele nossa del cantare on isto dk ptr ragiongere a maggirepadronanra det aumerostuimi mush prepost alla fo taioe, cuit deh qual paiolarmenteminuncol etter ma ete tmamente importants cone quelli erico-oide etysartnotdeo, de Duta aallngsmentse al ensionamento dl corde vos ‘Nom basta chiedere a entre dope a eserpio i sof dalla sua voce oceorre spesral coxa deve fare per evita: cost core in fase datenagat non i dosebe ehiedre aun pesseggeo aco de Pilots dn Bocing abbas i cael senza indica premross- dente Func pulsantio che deve premere ra fe ceninala i boon a levee preven nels ain ples. ‘Le visione dele corde vocal, possibile in movimento quini con zea auio-vsi.calmeno in fotografia colod lami ibd Sune enuncirtone: La materlizacione dela one sonora, at thet dscitaincvitment n modo evanescent fantxono ta rormement il cantor nla pereesons sonora disses mesca ‘dp un miaoramento dtl caput nosptiva ce ela fpr {unea insite por laqushcarione wcsle “Tle vsione perme cantor i riconescers come uno sieumen to doppia ana sil lobe oa fagoto.o mega ancora come tno dt funighia dg won, si qua a doppia ania costa da Je lates deo struments pid vieine alantomia delle corde val Cheon le due cannueve dei fagotto Gil dt pers la visione dlls po Sion orizonale ele code vor alate dell rings cose Se uma Scoperta da pte di mol canon a magatoranza det qual ‘hist perch fe nmagnadapet in seo ericale? Quesa psa d onitraconfeie antanetment a soo fontorio ba intport za paicolre, art a quella el vento per levee di un bara. Cost 5 Capice anche sub ce pc eatate pt foe & meter e scene Tas ad aumenae la reson dala cofoa arta agendo su ‘col li esprarione,anzich ntervenie inoppartumamente se See socal sese per temtaredb-ampliar 'anpiezea dle or vi ‘oni in elatone alla quae cesce odminuiee lume sonro del isoce” E normal i quest alimo caso avvertie nella vce i pico Sotho si giles accennava nella prima pate dk quest atic, dovato 81 ato che a msgstr tesone dele cone vocal impel To Collaments lasiand fuortscire dll aie fis ees manifesta ap punt sto Form dst La iologi dll conde vocal mie. Stuns trtartone del to paricolare ma peers non adden sTinan campo ee invaderebbe questo spate con pprfondinent tipo facosctnvo tent non bem lina arate divulge dh atest serio, in inca cont neces sopra accemata di rendre consapevle i canted guano azade dnt la Torasone,occomeredbe Meteo guanctealcomene del movment de dctor: non & bene fat he quctulino ceda a isogi Guna sprovedutaowerazion dl Sai fest da pa dl canoe quale normalmnte non st mende =e ton neces ches itenda a tenn gestae Tn guests cas i irre saree poo fare wppl gest oppo lari enue Sidon. nl tentatvo oh frst eapir:sareie moto meglio che eal ‘dotsse una tecnica chr, seul fasimente Teg. som Senztesere tune che permetess cancun mighorarate dla spaiadieavone suo gest Gia sono Tadvione ela ede al BE conringerebbe le braceia dl divetore id aire eno un ambito spies on rset, almeno contollat dl suo stesso S010 ‘ta che io sltaguardercbbe dae enageraron! dl diene poco pe porto quando sabeacinn a deta amance come por frst larg ta tna fla interact naire non € nocessaro né sudden loch inictare come ai accemato in reedenza ne spotare Unt i woned ‘penn fa testa vena la setione ce deve ataare tanto me fo fe el gest inpert i egazione poe eenere Un plo oppure Semler cot fe man! sou o dst al leeso = sempicerent perce ‘esuno dol coro le po vedere ~ chamare un Jorte come se in {Suc ala tai snguinoss un cercta dh mercena abot a mai guera in qe senso che deve itendere quanto det in precedenza 8 oposit del non cere ll necesita duh coro deta: pare Inodire ee latecicagestle perm coro dean no profs ‘Sonia deve essre a essa, salvo con primo spender qualche par lina inp per spiegate con significa quando s dice, pe esempio, at {arco in leva’ Spied pr la ecnica dela dnerione orche ‘trap exer ata pr Ia dresone don coo alee gale. ‘Non dour esere permesso di aermare che si coset ago score enarmrente’ so ponemdo come glisiicaione ao she leiment il coro non eapisce, oppure, ancor pi dammateamenteex- rendevolment. che coro rma tuto est Non deve eset ‘ettore quind a impovente i suo geto = ntendondo come impor tent Tarlo Jventare dietatigo espropocrionso al eet da ot tenets na coro a qualifcare la soa Capua sinters, step tare eesti musicalmente i gestoprofeesonle dl iret. Ste. ‘ecsgere dl coro tn impesiosimento della sa spoe rare mi ‘eae, senza accomtentara solo di provare il esierio~ ma con eso impotenza A fatlo, E ovo che per fare questo si dev essere os Sere duns ineccepitil conics genus ms ache cede in en ¢ nella prope pacts comunicativa. scot spess inf che nico otto al proceso i qualifeszone gestae del dretoe nsede proprio nels sit sles sda nee propie posit, shduci che Prroppo, meltospeso® ben miata Tiwce daccomodarsi eno consuetadin gestal eventualmente shugliateo quanta meno da migorae, sarebbe opportu che i die tore impicgase tempo dele numero prove dll sua atv cele per spermentare eerearesourion pt eficai prendendo esempio da [Sestor pit prepart, di gualstingee le cove one che fama. La prove please per vericare opp ch aumerte fa eid Ela Sharczza del propio gesto dretonale consis nel drigere leno per una volta un Gro divers dal proprio. e neonoseere qua sano | [est che non sono Ben capt dal cao scomoseia. Noles ita de atch delle ease in paricolte delle varavion di velo- Cit sian ese allenando oun aeelerando,iasoma dat quel ss ce reevereboeco dal PE Tiliminaionee la solueione di qus~ Fingue ineonervena. Walter Mat iG a re mere tendo os rear oe apa ean nee ‘nome dst fot appartment Seaistacet ne! gulf poten, al Ba Lager Un np agua nel punto in ota onda viene eect nom st pessono are del n= rut ap ates is aii Reape iere SSE ae ity ce ‘slo a sds len stom! amon pate ad tne ac lt dsp € output evap eis a Fete sua dla Rona a,c uaio poebbe ora under nen semen dtr rats, Sion eearea 24 [61] SOMMARIO GLORIA A TE, CRISTO Inno per Assemblea, Solo ¢ Schola ad libitum T: M, Mantovani. M: A. Ceddia TU SEI L'UNICA SALVEZZA Inno per Assemblea e Schola - Ottoni (ad libitum) Te Mz A. Zorzi ... penennnntee LA TUA DIMORA. Inno per Assemblea e Schola (ad libitum) T:R. Bracchi. M: G. Gai sinnrignananannamnanaimmmannicaamcs Hil DIO CIHA RESILIBERL Inno per Assemblea e Schola (ad libitum) T:R. Bracchi, M: L. Molfino 16 SANTA CITTA Inno per Assemblea e Schola (ad libitum) T:R. Bracchi. M: V. Miserachs ese venne . 19 CORSI ESTIVI 1999 PER ANIMATORI MUSICALI DELLA LITURGIA organizzati da: UNIVERSA LAUS *¢ UFFICIO LITURGICO ITALIANA S DIOCES! DI AOSTA E un corso aperto a tutti coloro che gia svolgono o intendono svolgere un servizio di animazione nella propria parrocchia, comunita religiosa e/o diocesi e intendono acquisire o perfe- zgnare le capacita fondamentali per Fanimazione mysicale i della liturgia. |I'corso si articola in due livelli: un corso di base St. Pierre (Aosta) Spee), ed un corso di richiamo destinato a chi ha gia partecipato ad 9g! ‘gt almeno un corso base. S. Giuliana di Levico Per informazioni (entro il mese precedente) rivolgersi a: Es (Frente) ___ + Urricio Liturcico Diocesano_ — «25 liglio-Lagosto “Via Hétel des Etats, 15 - 11100 Aosta - tel. 0165.238515, fax 0165.238517 (per il corso di St. Pierre). + Universa Laus ITALIANA Piazza Fontana, 2 - 20122 Milano - tel. 02.8556225, fax 02.8556351 (per il corso di S. Giuliana). Repertorio di canti per la preghiera, la riflessione e l’impegno CAN Oe Ne Tae ee Rea Oe ee eam Pagine 432. Lire 22.000 eer Cee Con lenin ts dinamiche e di struttura. Corso Francia, 214 10090 Cascine Vica - Rivoli (To) Tel. 011.95.52.111 - Fax 011.95.74.048 E-mail: vendite@elledici.org Internet: wwwelledici.org