Sei sulla pagina 1di 2

I principali fiumi dell'Argentina sono: Pilcomayo, Paraguay, Bermejo, Colorado, R�o

Negro, Salado del Norte, Uruguay e il pi� grande tra tutti, il Paran�. Gli ultimi
due scorrono assieme prima di sfociare nell'Oceano Atlantico, formando l'estuario
del R�o de la Plata. Fiumi importanti a livello regionale sono l'Atuel e il
Mendoza, nelle province omonime, il Chubut in Patagonia, il R�o Grande nel Jujuy, e
il San Francisco nella Provincia di Salta.

Ci sono diversi grossi laghi in Argentina, molti dei quali in Patagonia. Tra questi
i laghi Argentino e Viedma nella provincia di Santa Cruz, Nahuel Huapi nel R�o
Negro e Fagnano nella Terra del Fuoco, e Colhu� Huapi e Musters nella provincia di
Chubut. Il Lago Buenos Aires e il lago O'Higgins/San Mart�n sono condivisi con il
Cile. Il Mar Chiquita, � il pi� grande lago di acqua salata del paese. Esistono
inoltre numerosi laghi artificiali creati da dighe. In Argentina sono presenti
diverse fonti termali, come le Termas de R�o Hondo, con temperature tra i 30 �C e i
65 �C.[31]

Mari e aree costiere


L'Argentina ha 4.665 chilometri di linea costiera.[32] La piattaforma continentale
� insolitamente ampia; in Argentina questa area poco profonda dell'Atlantico viene
chiamata Mar Argentino. Le acque sono ricche di pesci e si sospetta che conservino
importanti risorse di idrocarburi. La linea costiera Argentina varia tra aree con
dune di sabbia e scogliere. Le due principali correnti oceaniche che toccano la
costa sono la Corrente del Brasile (calda) e la Corrente delle Falkland (in
spagnolo: corriente Ant�rtica, fredda). A causa della variabilit� della massa
costiera, le due correnti si alternano nella loro influenza sul clima e non
permettono alle temperature di scendere gradualmente con l'aumentare della
latitudine. La costa meridionale della Terra del Fuoco forma la sponda
settentrionale del Canale di Drake.

Clima

Valle del Calchaqu�, provincia di Salta.


A causa dell'ampiezza nella latitudine e nei rilievi, l'Argentina � soggetta a una
grande variet� di climi. Di norma, il clima � prevalentemente temperato, con
estremi che vanno dal subtropicale a nord al subpolare nell'estremo sud. Il nord
del paese � caratterizzato da estati molto calde e umide, con inverni miti e
secchi, ed � soggetto a periodiche siccit�. L'Argentina centrale ha estati calde
con temporali (che nell'Argentina occidentale producono alcune delle pi� imponenti
grandinate del pianeta), e inverni freschi. Le regioni meridionali hanno estati
fresche e inverni freddi con pesanti nevicate, specialmente nelle zone montuose. Le
zone pi� elevate, a tutte le latitudini, sperimentano condizioni pi� rigide.

Sia la temperatura massima che la minima mai registrate in Sudamerica si sono avute
in Argentina. Il record per la temperatura massima di 48,8 �C, venne registrato a
Rivadavia, Provincia di Salta, l'11 dicembre 1905. La temperatura minima record fu
-32.7 �C, registrata a Sarmiento, Provincia di Chubut, il 1� giugno 1907.[33]

I principali venti dell'Argentina comprendono il freddo Pampero, che soffia sulle


pianure della Patagonia e della Pampa a seguito di un fronte freddo; il Viento
Norte, un vento caldo che pu� soffiare da nord nella seconda parte dell'inverno,
creando condizioni miti; e il Zonda, un vento caldo e secco (si veda anche F�hn),
che influenza l'Argentina centro-occidentale. Privato di tutta l'umidit� durante i
6.000 metri di discesa dalle Ande, lo Zonda pu� soffiare per ore con raffiche fino
a 120 km/h, alimentando gli incendi e causando danni. Quando soffia lo Zonda
(giugno-novembre), tempeste di neve (viento blanco) si verificano alle maggiori
altitudini.

La Sudestada pu� considerarsi simile al Noreaster, anche se raramente coinvolge


nevicate. Entrambi sono associati a un sistema di bassa pressione invernale. La
sudestada solitamente modera le temperature fredde ma porta piogge molto forti,
mari agitati e inondazioni costiere. � pi� comune nel tardo autunno e in inverno,
lungo le coste dell'Argentina centrale e nell'estuario del R�o de la Plata.

Le regioni meridionali, in particolare l'estremo sud, sperimentano lunghi periodi


di luce solare da novembre a febbraio (fino a diciannove ore), e notti lunghe da
maggio ad agosto. Tutta l'Argentina usa il fuso orario UTC-3. ([34]).