Sei sulla pagina 1di 1

•• 20 URBINO E MONTEFELTRO MARTEDÌ 23 APRILE 2019

IL CASO «IL MONTEFELTRO DOVREBBE COSTITUIRE UN’UNITA’ INSCINDIBILE»

«Secessione, prevalga il buonsenso»


Il magnifico rettore dell’Università di Urbino si appella alla politica
di DANIELE SACCO rispetto assoluto della volontà no. Lo stemma del suo pronipote
– URBINO – espressa dalle comunità. Sono or- Guidantonio, posto sopra il porto-
mai diversi anni che queste terre ne principale della nostra Univer-
SULLA questione ancora aperta sono sottoposte a degli attacchi sità, accoglie tuttora gli studenti
della ipotetica secessione in Ro- che ne stanno minando l’integri- provenienti da ogni parte del
magna di Montecopiolo e Sasso- tà, anche se resta intatto il messag- mondo. Proprio in questi luoghi
feltrio, interviene il magnifico ret- gio ideale che promana dalla paro- del Montefeltro, così carichi di si-
tore dell’Università di Urbino. la Montefeltro». gnificato, si celebra il Premio
Perché l’Università degli Studi di Dunque? Frontino, esempio di Terza Mis-
Urbino, e il Ducato stesso, devo- «Posto che avvertiamo il significa- sione ante litteram già dai tempi di
no molto a un paese collocato nel to di “confine” come problemati- Carlo Bo. Inoltre, da quasi venti
cuore del Montefeltro, chiamato co già a livello di rapporto tra na- anni, Montecopiolo è sede di uno
Montecopiolo? Semplice, i duchi zioni – e persino tra continenti – scavo archeologico del nostro Ate-
di Urbino, fondatori di quell’Ate- ritengo che nell’immaginario col- MAGNIFICO RETTORE
neo e di altre Università europee,
neo, provengono da Montecopio- lettivo il concetto di Montefeltro Lo scienziato Vilberto Stocchi tendente allo studio dei ruderi
lo. È normale che, per secessione, dovrebbe costituire un’unità in- dell’antico castello. Sono sempre
Montecopiolo si sposti in territo- scindibile almeno dal punto di vi- le ragioni ideali e storiche che con-
attenzioni vengano rivolte a que- corrono a rendere il Montefeltro
rio riminese? Chi meglio del Ma- sta spirituale, storico e culturale
gnifico Rettore Vilberto Stocchi, sta terra, spesso costretta a soc- – luogo dell’anima riposto tra le
in genere, anche perché gli studio- combere nei servizi essenziali».
che guida la maggiore Istituzione si hanno sempre considerato que- più alte pendici dell’Appennino –
culturale del territorio, può prova- sti luoghi un territorio effettiva- I legami di Urbino con queste uno scenario naturalmente utile a
re a sciogliere questo dilemma? mente “omogeneo”. Tengo a pre- realtà? declinare quel modello di comuni-
cisare che la mia è solamente «Risalgono al tempo di Buoncon- tà, vagheggiato da Aristotele e de-
«QUESTO è un tema che mi sta un’esortazione al buon senso, nel- te di Montefeltro, Signore di stinato a conservare, nel tempo, la
particolarmente a cuore, pur nel la speranza che nuove e rinnovate Montecopiolo trasferitosi a Urbi- sua cifra unitaria».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

L’ANALISI IL SENATO DEVE PRONUNCIARSI A BREVE E NESSUNO HA CERTEZZA DI COSA PENSI DAVVERO LA GENTE
«Se la Brexit è in crisi e discussione, perché la “MarchExit” no?»
SAREMO oggettivi; se ci hanno chiesi, il sud della regione Emi- Sono passati dodici anni, di acqua due comuni è 2.521 anime circa,
ripensato in Inghilterra, con la lia-Romagna. Non si riscontra ne è scorsa sotto i ponti del fiume le firme raccolte sono mille. Stori-
“Brexit”, ci possono “ripensare” una affluenza perentoria, ma chi Conca; la volontà espressa più di camente quelle terre, oggi conte-
anche a Montecopiolo e Sassofel- va a votare esprime indiscutibil- due lustri or sono potrebbe non se, trovarono una loro collocazio-
trio? È legittimo? Chi ha indetto mente la volontà di migrare nella corrispondere più all’odierna? ne demo-etno-antropologica, e
il trascorso referendum sostiene terra del Passatore. Per varie – e Chi ha fatto sorgere questo dub- una coesione culturale, nel Duca-
sicuramente discutibili – vicissitu- bio? Per la “paura” dell’imminen- to di Urbino. Perché allora si stan-
che il ripensamento sia una ere- no smembrando in favore dell’in-
sia; altri, contrariamente, sosten- dini l’iter di trapasso si arena per te distacco si è formato un “Comi-
dodici anni. Ora la discussione tato del No”. In cinque giorni so- terland della recente provincia di
gono che il distacco sia invece di- sul distacco è approdata alle Ca- no state raccolte 1.000 firme per Rimini che, col quel Ducato, non
ventato anacronistico. Ricapitolia- mere. restare nelle Marche (alcuni so- ha avuto degli ottimi trascorsi?
mo, ma brevemente. stengono che molti altri non
I DEPUTATI presumono che a avrebbero firmato per non “com- E QUAL È, attualmente, la reale
ANNO 2007, si svolge un referen- Montecopiolo e Sassofeltrio i resi- promettersi”, in un clima da pie- volontà della maggioranza dei cit-
dum per comprendere se i cittadi- denti vogliano ancora partire ver- na “guerra fredda”). tadini dei due comuni? Nessuno
ni di quei due comuni vogliano re- so la Romagna e assecondano, è riesce più a capirlo, le carte si so-
stare nel nord delle Marche o di- gioco forza, quella che ritengono LA SOMMA di tutti gli abitanti, no irrimediabilmente confuse.
venire, come i transfughi marec- essere l’attuale volontà popolare. maggiorenni e minorenni, dei Daniele Sacco
© RIPRODUZIONE RISERVATA