Sei sulla pagina 1di 152

Alberta Novello

Valutare una lingua straniera:


le certificazioni europee
Alberta Novello, Valutare una lingua straniera: le certificazioni
europee

© 2009 Università Ca’ Foscari Venezia

ISBN 978-88-7543-233-1

Libreria Editrice Cafoscarina srl


Dorsoduro 3259, 30123 Venezia
www.cafoscarina.it
Indice

Prefazione 7

Capitolo 1 – Testing linguistico e certificazione 9


1.1 Certificare una lingua straniera o seconda 9
1.2 Il testing linguistico: presupposti teorici e caratteristiche
metodologiche 12
1.2.1 Testare l’abilità linguistico-comunicativa: i modelli 12
1.2.2 Validità 16
1.2.3 Affidabilità 20
1.2.4 Autenticità 21
1.2.5 Praticabilità 21
1.2.6 Approcci alla progettazione: scelta degli item e assegnazione
dei punteggi 22
1.2.7 Item e prove nei test linguistici 23
1.2.8 Fasi di sviluppo del test 29
1.3 Il Quadro Comune Europeo di Riferimento 30
1.3.1 Teorie alla base del Quadro 31
1.3.2 La struttura del Quadro 32
1.3.3 Utilità ed usi 34
1.3.4 Utilità e limiti nelle certificazioni 35
1.4 L’ALTE (Association of Language Testers in Europe) 36
1.4.1 ALTE e Quadro comune europeo di riferimento 41

Capitolo 2 – Le certificazioni linguistiche europee 45


2.1 Trinity College London 45
2.1.1 I livelli 45
2.1.2 Le prove 46
2.1.3 La valutazione 50
2.1.4 La struttura in sintesi degli esami 52
2.2 University of Cambridge 54
2.2.1 I livelli 55
2.2.2 Le prove 55
2.2.3 La valutazione 61
2.2.4 La struttura in sintesi degli esami 66
2.3 Centre International d’Etudes Pédagogiques 69
2.3.1 I livelli 69
2.3.2 Le prove 69
2.3.3 La valutazione 71
2.3.4 La struttura in sintesi degli esami 74
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

2.4 Goethe Institut 78


2.4.1 I livelli 78
2.4.2 Le prove 79
2.4.3 La valutazione 87
2.4.4 La struttura in sintesi degli esami 90
2.5 Instituto Cervantes 93
2.5.1 I livelli 94
2.5.2 Le prove 94
2.5.3 La valutazione 96
2.5.4 La struttura in sintesi degli esami 97

Capitolo 3 – Le certificazioni di lingua italiana 99


3.1 Le certificazioni di lingua italiana 99
3.2 Università per Stranieri di Siena (CILS) 100
3.2.1 I livelli 100
3.2.2 Le prove 101
3.2.3 La valutazione 104
3.2.4 La struttura in sintesi degli esami 104
3.3 Università per Stranieri di Perugia (CELI) 108
3.3.1 I livelli 108
3.3.2 Le prove 108
3.3.3 La valutazione 114
3.3.4 La struttura in sintesi degli esami 116
3.4 Società Dante Alighieri (PLIDA) 119
3.4.1 I livelli 119
3.4.2 Le prove 120
3.4.3 La valutazione 120
3.4.4 La struttura in sintesi degli esami 121
3.5 Università Roma Tre (IT) 124
3.5.1 I livelli 124
3.5.2 Le prove 124
3.5.3 La valutazione 127
3.5.4 La struttura in sintesi degli esami 128

Capitolo 4 – Le certificazioni linguistiche a confronto 131


4.1 Analogie e differenze nelle certificazioni 131
4.1.1 Le certificazioni di italiano 142
4.2 Conclusioni sulle certificazioni della competenza
linguistica 142

Bibliografia 145

Sitografia 151

6
Prefazione

Lo scopo di questo volume non è quello di discutere il concetto di


“certificazione della competenza comunicativa” così come era stato proposto
dapprima da vari centri e poi, nella seconda parte degli anni Novanta, dal
Consiglio d’Europa con il suo Portfolio Europeo delle Lingue: sul concetto
di certificazione si sono versati fiumi di inchiostro che hanno posto in risalto,
con maggiore o minore equilibrio,
- i pregi della certificazione: in un mondo globalizzato, è essenziale
trovare una “moneta di scambio” che dia un valore condivisibile alla
competenza in una lingua,
- i rischi, cioè il possibile effetto di retroazione per cui non si stu-
dia/insegna più una lingua per saperla ma per superare il livello A1,
B2 ecc. ed ottenere un credito, spendibile nel proprio CV e, in alcuni
casi, tramutabile in crediti veri e propri per il voto finale dell’esame di
maturità o per la propria carriera universitaria.

Lo scopo di Alberta Novello in questo volume è quello di studiare


come il concetto di certificazione della competenza comunicativa in una data
lingua sia stato tradotto in strumenti di rilevazione e in parametri di valuta-
zione dal Cambridge Syndicate, dal Trinity College, dal Goethe Institut, dal
Centre International d’Etudes Pédagogiques, dall’Instituto Cervantes,
dalle due Università italiane per stranieri, Siena e Perugia, dall’Università
RomaTre e dalla Società Dante Alighieri. Il volume si propone quindi come
una verifica nella realtà (testing e valutazione dei risultati) di un’idea astratta
(un numero “x” di livelli, ciascuno con obiettivi, contenuti, competenze de-
scritte in termini che si reputano validi per tutte le lingue).
Il volume presenta dunque i concetti e le varie traduzioni operative del
tema della certificazione, e lo fa comparando orizzontalmente le componenti
dei vari livelli sulla base degli esami effettivamente somministrati dagli enti
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

certificatori che abbiamo citato sopra, entrando anche nello specifico della
natura, dei fini, degli strumenti per il testing e la valutazione della compe-
tenza linguistica. Da questa impostazione del lavoro emerge la considerazio-
ne di una certa arbitrarietà degli enti certificatori (non tutti seguono le carat-
teristiche primarie per la costruzione di un esame di lingua che sia valido e
affidabile, non viene dato lo stesso peso alle diverse abilità, le quali sono te-
state anche con tecniche molto diverse e non sempre adatte, non includono
alcune competenze e soprattutto metacompetenze).
Dalla considerazione di tale arbitrarietà l’autrice trae argomenti per
accentuare l’importanza di rispettare le regole di costruzione di test, dettate
dai parametri condivisi di validità e di affidabilità (nozioni ben definite, per
chi si occupa di testing). L’idea che si ricava dalla lettura del volume è che
siamo in una situazione che non è più di creazione di concetti e parametri
nuovi, inediti, per cui al creatività produce una feconda anarchia, un entusia-
smante “stato nascente” per usare le parole di Alberoni, perché ormai gli an-
ni della scoperta e dell’invenzione sono passati e l’anarchia della creazione
sta trasformandosi in un Far West (nutrito dal fatto che intorno alle certifica-
zioni ruotano milioni di euro): l’idea di fondo del volume è che se non si ac-
cettano delle procedure e dei parametri comuni (realmente comuni, non solo
nella titolazione A1, A2 ecc.) il grandioso patrimonio costituito dall’idea e
dalle realizzazioni delle certificazioni possa essere dissipato.

Paolo E. Balboni
Ca’ Foscari, Venezia

8
Capitolo 1

Testing linguistico e certificazione

1.1 Certificare una lingua straniera o seconda

La certificazione di una lingua straniera o seconda ha assunto, al gior-


no d’oggi, un valore basilare in termini di riconoscimento delle competenze.
Il rilascio, da parte di un ente riconosciuto, di un documento ufficiale che at-
testi il livello di competenza linguistica raggiunto si rivela fondamentale su
più fronti. La possibilità di dimostrare il proprio livello di conoscenza lingui-
stica permette, infatti, di facilitare il processo di autopromozione dell’indi-
viduo: questo titolo offre l’opportunità di promuoversi in campo sociale, la-
vorativo, educativo, sia per questioni di inserimento, che di creazione di re-
lazioni, nonché di motivazione personale.
Tali azioni riflettono la politica linguistica europea degli ultimi decen-
ni, orientata agli scambi e alla partecipazione attiva che faciliti l’istaurarsi di
relazioni.
È chiaro come, in questo contesto, la certificazione linguistica si pro-
ponga come strumento che supporta in maniera importante suddetta filoso-
fia, considerato il suo ruolo di garante delle abilità linguistiche possedute
dall’utente.
Il candidato che affronta un esame di certificazione si aspetta di essere
sottoposto a un test di lingua che, una volta corretto e valutato, dia un giudi-
zio sul suo grado di competenza linguistica. Questo perché “un esame di certi-
ficazione fotografa il livello di competenza in lingua straniera posseduto dagli ap-
prendenti prescindendo da particolari metodologie o percorsi di apprendimento da
questi adottati per raggiungere quel livello di conoscenza della lingua” (Machetti S.,
Strambi B. et al. 2003).
Gli esami di certificazione linguistica sono costruiti, difatti, sulla base
di un sillabo standard che riflette gli stadi di apprendimento in una data lin-
gua e che non è legato a nessun percorso formativo di preparazione alle pro-
ve.
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

Lo scopo di una certificazione è, quindi, quello di verificare, misurare


e valutare il livello di competenza linguistico-comunicativa: si assegna un
valore a quanto misurato, in base a parametri standard.
Un importante contributo per la delineazione di tali parametri è stato
fornito dal Quadro comune europeo di riferimento del Consiglio d’Europa.
Questo documento definisce le componenti della competenza linguistico-
comunicativa e fornisce delle indicazioni sulla creazione di criteri di valuta-
zione (indicazioni poi riprese e applicate dall’Association of Language
Testers in Europe). Per di più, il Quadro comune europeo di riferimento ha
creato la denominazione e la definizione dei livelli di competenza linguisti-
ca, portando ad una considerazione comune di ciò che sa fare un parlante
straniero a un dato livello di conoscenza linguistica.
Questa condivisione di informazioni ha apportato un contributo di no-
tevole rilevanza nella diversa interpretazione dei livelli di conoscenza della
lingua, diffusa fino a quel momento.
Con le indicazioni del Quadro comune europeo di riferimento, infatti,
si è giunti alla consapevolezza condivisa delle competenze incluse in diversi
livelli di conoscenza linguistica, riuscendo a definire, così, quali abilità cor-
rispondano a determinati stadi di apprendimento.
Gli Enti certificatori europei hanno attinto (anche su indicazione del
Consiglio d’Europa) al Quadro comune europeo di riferimento per costruire
la proprie prove linguistiche e suddividerle nei livelli da esso indicati. Ciò ha
comportato una maggiore chiarezza sia nell’offerta degli stessi Enti certifica-
tori, sia nei risultati da essi comunicati. I giudizi espressi, infatti, dichiarano
il livello raggiunto dal candidato e, tale comunicazione, è comprensibile a
livello europeo, senza necessitare di ulteriori specificazioni.
Questo sistema ha contribuito a ridurre l’arbitrarietà diffusa sul rico-
noscimento delle competenza linguistiche e ha portato una maggiore ogget-
tività, considerando che l’Ente certificatore è un organismo esterno al conte-
sto formativo del candidato.
Il compito di una certificazione è quello, quindi, di fare una previsione
sulle capacità d’uso nella lingua target e, per fare ciò, l’Ente certificatore
somministra degli esami, al fine di elicitare le prestazione dei candidati e po-
terle, così, verificare e valutare.
Generalmente, gli esami includono prove sulle quattro abilità primarie
(ascolto, parlato, lettura, scrittura) e, in alcuni casi, anche task sulle strutture
linguistiche; essi sono composti da esercizi costruiti ad hoc, con determinati
item, per raccogliere dati da valutare, poi, con criteri specifici.
Ciò comporta un lavoro complesso da parte di un gruppo di esperti,
focalizzato sulla creazione di uno strumento che verifichi, in maniera traspa-
rente, il livello di conoscenza linguistica posseduto dal candidato e che certi-
fichi ufficialmente tale livello attraverso un documento riconosciuto, il quale

10
TESTING LINGUISTICO E CERTIFICAZIONE

diventerà spendibile a livello europeo in termini di professione, studio e in-


serimento sociale.
Risulta palese come il valore della spendibilità sia uno dei maggiori
vantaggi delle certificazioni linguistiche, le quali hanno anche il merito (e il
fine) di promuovere la diffusione nel mondo della lingua che rappresentano.
Il fatto che una lingua possa essere certificata da uno o più enti uffi-
ciali la rende, difatti, indubbiamente visibile ad un livello più ampio, facen-
dole acquisire prestigio agli occhi di un potenziale pubblico di candidati.
Alla luce di queste considerazioni emerge il ruolo fondamentale delle
certificazioni nel campo dell’apprendimento linguistico, ma è altrettanto ri-
levante sottolineare anche i limiti di tale strumento, al fine di evitare un’in-
terpretazione erronea delle sue potenzialità.
La valutazione che la certificazione propone, con la sua espressione
del risultato finale, indica un valore che non può essere considerato assoluto
per due principali ragioni:
a. il livello dichiarato, spesso, non è rappresentativo di tutte le abilità
possedute dal candidato. Un parlante, generalmente, non raggiunge
esattamente lo stesso livello in tutte le abilità linguistiche, ma riesce
ad esercitarne alcune in maniera più competente rispetto ad altre. Nel-
le certificazioni europee, che rispetto a quelle italiane ammettono il
superamento dell’esame senza il raggiungimento della soglia di suffi-
cienza in ognuna delle abilità, tale discrepanza è ancora più marcata.
b. Non è possibile effettuare una valutazione oggettiva al 100% in quan-
to quelle valutate sono prestazione soggettive. Ciò che viene misurato
è, difatti, un valore umano e, in quanto tale, non può essere oggettivo
in assoluto. Il parlare una lingua è una competenza personale, influen-
zata da molti fattori non calcolabili e, spesso, non prevedibili, perciò,
la fotografia effettuata durante una prestazione non autentica in conte-
sto formale, non può essere rappresentativa al 100% delle abilità che
saranno, poi, impiegate dal candidato in contesto di comunicazione
quotidiana. Quando si valuta una competenza, perciò, che include fat-
tori emotivi, psico-fisici e socio-culturali, non si deve avere la pretesa
di proporre dati assolutamente oggettivi.

Detto ciò, non significa che i valori espressi dai risultati di un esame
di certificazione non siano da considerare validi, ma solamente si sottolinea
la necessità di un’interpretazione corretta.
Il valore delle certificazioni, come descritto precedentemente, rimane
indubbio e il contributo che hanno portato nello sviluppo della politica lin-
guistica europea, è senz’altro riconosciuto.

11
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

1.2 Il testing linguistico: presupposti teorici e caratteristiche


metodologiche

“Language testing constantly forces practical and theoretical issues into


fruitful tension. The needs of the tester regularly challenge the theorist, just as the
findings of the theorist repeatedly tempt the tester” (Spolsky 1995).

Lo sviluppo e la costruzione di un esame di certificazione implica la


conoscenza dei principi fondamentali del testing linguistico.
Chi si occupa di prove linguistiche deve avere familiarità con le meto-
dologie del testing, al fine di essere in grado di individuare ciò che si rivela
più appropriato per verificare e valutare le abilità prese in oggetto.
Per maggiore chiarezza e completezza, la descrizione di tali metodo-
logie è accompagnata da un breve excursus sui processi di pensiero che le
hanno precedute, fino a portare, grazie al contributo di esperti, ai principi che
costituiscono oggi le basi del testing.

1.2.1 Testare l’abilità linguistico-comunicativa: i modelli

La costruzione di test da parte di specialisti, si basa, oggi come in pas-


sato, su teorie aventi per oggetto la competenza linguistico-comunicativa.
Da alcuni decenni, infatti, si sottolinea l’importanza di conoscere e descrive-
re “che cosa si è in grado di fare” in una lingua straniera e come, tale consa-
pevolezza, sia fondamentale per la costruzione di test.
Delineare quali siano le abilità linguistiche e in cosa consistano si è ri-
velato essenziale per la costruzione di sillabus e specificazioni che stanno
alla base di numerosi test.
Dagli anni ’60, diverse teorie si sono succedute nel cercare di esplici-
tare le componenti della competenza linguistica, portando, gradualmente, al-
le definizioni che attualmente sottostanno allo sviluppo dei più importanti e
riconosciuti test di lingua.
I primi modelli descrittivi della competenza linguistica appartengono a
Lado e Carroll (1961) e differenziano le abilità (ascolto, parlato, lettura e
scrittura) dalle conoscenze (come ad esempio: vocabolario, grammatica, fo-
nologia, grafemica), senza però indicarne la relazione e il rapporto con il
contesto d’uso.
Successivamente negli anni ’70, linguisti quali Hymes (1972), Halli-
day (1976) e Van Dijk (1977) hanno ampliato il concetto di competenza lin-
guistica introducendo l’importanza del contesto e del cotesto.
Il legame tra contesto e discorso è stato, in seguito, ripreso e sviluppa-
to da Canale e Swain (1980), i quali hanno individuato quattro elementi fon-

12
TESTING LINGUISTICO E CERTIFICAZIONE

damentali della competenza linguistica, fornendo una struttura di riferimento


utilizzata anche nelle successive ricerche e cioè:
− competenza grammaticale
− competenza del discorso
− competenza sociolinguistica
− competenza strategica (riguardante le strategie di compensazione).

Negli anni ’80, tali elementi hanno portato ad una ridefinizione del
concetto di comunicazione, facendo avvicinare sempre più gli studiosi alla
nozione di competenza comunicativa, la quale è intesa come non più qualco-
sa di statico, ma come processo dinamico che utilizza abilità e competenze
per raggiungere degli obiettivi. Kramsch afferma, infatti: “Interaction always
entails negotiating intended meaning, i.e. adjusting one’s speech to the effect one
intends to have on the listenes” (1986:367) e Candlin, descrivendo la compe-
tenza comunicativa, scrive: “a coming together of organized knowledge structures
with a set of procedures for adapting this knowledge to solve new problems of com-
munication that do not have ready-made and tailored solutions” (1986:40).
Negli anni ’90 Bachman ha fornito un modello dell’abilità comunica-
tiva (CLA: Communicative language ability) che ha costituito un riferimento
basilare per la valutazione (figura n. 1); esso infatti includeva:
− competenza linguistica (competenza organizzativa e competenza
pragmatica)
− competenza strategica (capacità di utilizzare le componenti della com-
petenza linguistica nel contesto e per raggiungere degli scopi, cioè:
valutare, pianificare, eseguire)
− meccanismi di tipo psico-fisico (processi neurologici e psicologici).

Bachman, come si evince dalla figura, include altri fattori nel modello
della CLA e cioè:
− conoscenze delle strutture e dell’argomento
− caratteristiche personali
− contesto
− affective schemata, vale a dire l’utilizzo della conoscenza del mondo
in base alle caratteristiche personali dell’utente.

13
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

KNOWLEDGE LANGUAGE COMPETENCE


Knowledge of the world Knowledge of the language

STRATEGIC COMPETENCE

PSYCHOPHYSIOLOGICAL MECANISMS

CONTEXT OF SITUATION

Figura n. 1: L’abilità linguistico comunicativa, Bachman 1990.

Per quanto riguarda la competenza linguistica, essa, come accennato, è sud-


divisa in competenza organizzativa e pragmatica. La competenza organizza-
tiva si suddivide in:
− competenza grammaticale (lessico, morfologia, sintassi e fonologia/gra-
femica);
− competenza testuale (coesione e organizzazione retorica).

La competenza pragmatica è a sua volta divisa in:


− competenza illocutoria (composta dalle funzioni: ideativa, manipolati-
va, euristica, immaginativa);
− competenza sociolinguistica (sensibilità alle differenze dialettali, al
registro, alla naturalezza, uso e interpretazione di riferimenti culturali
e figure retoriche).

È chiaro come tale modello costituisca un passo in avanti fondamenta-


le nell’ambito del testing, in quanto vengono presentate con la competenza
strategica le abilità cognitive che sottostanno all’uso di una lingua, attri-
buendogli un ruolo specifico, collegato, ma non coincidente, con la compe-
tenza linguistica.
La descrizione dettagliata di Bachman vuole supportare l’attività valu-
tativa, fornendo una struttura di riferimento sulle componenti da prendere in
considerazione durante la sua messa in atto.

14
TESTING LINGUISTICO E CERTIFICAZIONE

Essendoci nel testing linguistico la necessità di far corrispondere la


performance del candidato con la sua capacità d’uso nella vita reale, Ba-
chman e Palmer (1996), hanno voluto illustrare diversi tipi di corrisponden-
za, quali quelle tra:

Caratteristiche di un compito Caratteristiche di un compito e


e di una situazione linguistica una situazione di un test

Uso della lingua Performance linguistica nel test

Caratteristiche del parlante Caratteristiche del candidato

Bachman e Palmer, inoltre, hanno sviluppato il quadro teorico propo-


sto da Bachman, proponendo un altro principio fondamentale, quello
dell’utilità del test. Un test è utile se il suo scopo è chiaro e definito e se co-
struito in modo da far corrispondere la performance del test all’abilità d’uso
della lingua del candidato in situazioni non valutative. Secondo Bachman e
Palmer, un test per essere utile deve possedere le seguenti caratteristiche: af-
fidabilità, validità, autenticità (vale a dire la relazione veritiera tra test e real-
tà), interattività (tra abilità linguistica e caratteristiche del task del test), im-
patto e praticabilità.
Vedremo nel seguente paragrafo il significato di alcuni di questi con-
cetti che tutt’ora sono presi in considerazione nella costruzione di test e sono
stati sviluppati in questi ultimi anni dai maggiori esperti del settore.
Un modello di competenza linguistica a cui attualmente si fa riferi-
mento nel contesto europeo e non solo, è quello descritto dal Quadro comune
europeo di riferimento del Consiglio d’Europa, che riporta una proposta in
linea con quelle presentate dagli studiosi che hanno preceduto la sua uscita.
Come descritto nel paragrafo relativo, il Quadro comune europeo di
riferimento, fornisce un modello di competenza comunicativa orientato
all’azione, che include le componenti della competenza linguistica, della
competenza sociolinguistica e della competenza pragmatica. Il Quadro forni-
sce importanti indicazioni per la valutazione, sia con una serie di documenti
specifici rivolti al settore, quali le “User Guides”, sia con le descrizioni delle
attività linguistiche che riguardano le competenze sopracitate.
Anche l’ALTE (Association of Language Testers in Europe), ha pro-
dotto una serie di documenti dedicati all’elaborazione di test linguistici, ri-

15
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

prendendo e sviluppando le proposte del Quadro del Consiglio d’Europa, an-


che in collaborazione con gli stessi autori.
Tali documenti riguardano la descrizione, ancora più specifica, delle
attività linguistico-comunicative che si manifestano nelle competenze e al-
cune linee guida per indicare le fasi di sviluppo e produzione di un test.
I documenti del Consiglio d’Europa e dell’ALTE, sono perciò dei punti
di riferimento per la costruzione di test; a questo argomento sono dedicati i
paragrafi 1.3 e 1.4.

1.2.2 Validità

Il concetto di validità si riferisce alla condizione di un test di misurare


ciò che si prefigge di misurare.
Se una prova non misura l’abilità o la competenza di ciò che si propo-
ne di misurare, allora non può essere considerata un valido indicatore di
quella abilità o competenza.
Anche a riguardo della validità, molti studiosi si sono espressi (Cron-
bach, 1970; Thorndike e Hagen, 1977; Popham, 1981; Anastasi, 1988; Car-
rol e Hall, 1985; Hughes, 1989; Weir, 1990; Messick, 1980-1989), definen-
dola e suddividendola in più categorie.
Attualmente la validità è considerata come concetto unitario, in quan-
to gli elementi che la compongono sono strettamente collegati e dipendenti,
come si può evincere dallo schema delineato da Weir (2007:4) (figura n. 2),
in cui viene proposto un quadro di riferimento per esplicitare le attività lega-
te alla validità durante le prestazioni di un test. La struttura è legata alla pro-
duzione scritta di un test ed è un adattamento dallo schema proposto dallo
stesso Weir nel 2005. Lo studioso propone questo quadro di riferimento per
le diverse abilità linguistiche, riportiamo di seguito quello dedicato alla scrit-
tura, per meglio chiarire il ruolo della validità in contesto pratico.

16
TESTING LINGUISTICO E CERTIFICAZIONE

Test-taker Characteristics
Physical/physiological
Psychological
Experiential

Context Validity
Cognitive Validity
Setting: Task Linguistic
Cognitive Processes
Response format demands:
Macro-planning
Purpose (Task input
Organisation
Knowledge of criteria and output)
Micro-planning
Weighting Lexical re-
Translation
Text length sources
Monitoring
Time constraints Structural re-
Revising
Writer-reader relation- sources
ship Discourse
Setting: Administra- mode
tion Functional
Physical conditions resources
Response
Uniformity of admini- Content
stration knowledge
Security

Scoring Validity
Rating
Criteria/rating scale
Rater characteristics
Rating process
Rating conditions
Rater training
Post-exam adjustment
Grading and awarding

Score

Consequential Validity Criterion-related Validity


Washback on individual in Cross-test comparability
classroom/workplace Comparison with different version of the
Impact on institutions and society same test
Avoidance of test bias Comparison with external standards

Figura n. 2: A Framework for conceptualizing writing test performance, Weir 2007.

17
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

Alla luce della descrizione delle certificazioni proposte è però basilare


definire le componenti della validità in maniera separata, in modo tale da po-
terle riconoscere nei test citati e per riunirle in una logica globale legata alla
validità della prova.
Riprendendo la parti delineate da Weir, definiamo:

− Validità di contesto
Essa include non solo parametri linguistici (e quindi l’input fornito e
l’output atteso, in modo da testare l’abilità che si intende testare), ma anche
il contesto socio-culturale dell’esecuzione del compito (condizioni della pre-
stazione e setting della prova, come ad esempio: modalità di risposta, tempi,
lunghezza del testo, tipo e ordine degli item, richieste di natura linguistica).

− Validità cognitiva
Si stabilisce in due momenti: prima dell’esecuzione del test da parte
dei candidati, esplicitando i processi cognitivi che saranno attivati dal candi-
dato per svolgere la prova e successivamente alla prestazione, con l’analisi
del punteggio ottenuto nell’abilità misurata.
La validità cognitiva si identifica con la misura di quanto un test eliciti i pro-
cessi cognitivi coinvolti in contesto di vita reale.
È senza dubbio utile per constatare la validità cognitiva, l’utilizzo di riferi-
menti sulle abilità cognitive che caratterizzano le prestazioni dei candidati
rispettivamente ai livelli di competenza.
Proponiamo di seguito (figura n. 3) un modello proposto da Weir (2009) sul-
le abilità cognitive coinvolte nella lettura. L’esempio si rivela particolarmen-
te interessante perché dimostra, con progressività, le attività cognitive coin-
volte nell’esecuzione di un’abilità da parte di un parlante. Questa struttura
permette di identificare se l’impegno cognitivo richiesto è adeguato al livello
di conoscenza linguistica dello studente e di identificare, così, la validità co-
gnitiva di un esercizio.
Trasversalmente alla struttura Weir fa coincidere i diversi tipi di lettura ri-
chiesti o utilizzati dal candidato (veloce/lenta, globale/analitica).

18
TESTING LINGUISTICO E CERTIFICAZIONE

Creating a text-level struc- Text structure knowledge:


ture: Genre
Construct an organized repre- Rhetorical tasks
sentation
of the text (or texts)

Building a mental model


Integrating new informa-
tion General knowledge of
Enriching the proposition the world
Topic knowledge
Meaning representation
of text(s) so far
Inferencing

Establishing propositional
meaning
at clause and sentence lev-
els

Syntactic pars- Syntactic knowl-


ing edge

Lexical ac-
cess
Lexicon
Lemma:
Meaning
Word class
Lexicon
Form:
Orthography
Phonology
Morphology

Word rec-
ognition

Visual in-
put

Figura n. 3: Socio-cognitive framework, Weir 2009

19
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

− Validità di correzione
Include tutti gli aspetti legati alla corretta interpretazione e misurazio-
ne delle prove e comprende, perciò, il concetto di affidabilità legato al pun-
teggio, vale a dire la costanza dei risultati attraverso somministrazioni suc-
cessive e diversi correttori (se un testo non è valido, allora non è affidabile).
Questa tipologia di validità consiste nell’utilizzo di criteri appropriati per la
valutazione e nell’accordo nell’assegnazione dei punteggi (senza errori di
misurazione, stabile nel tempo, quindi costante e accurata).
Naturalmente è di fondamentale importanza che tra le persone coinvolte nel-
la preparazione del test, ci siano degli esperti che si occupino dell’affida-
bilità del punteggio e, perciò, di: discriminazione degli item, analisi statisti-
che per calcolare i coefficienti di equilibrio interno (come ad esempio, Ku-
der-Richardson 20; Cronbach alpha) e gli errori di misurazione , affidabilità
dei correttori (intra-rater reliability e inter-rater reliability), affidabilità del
punteggio, soglia di sufficienze e analisi post esame.

− Validità di criterio
È un concetto legato al post test, cioè alla correlazione tra punteggio e
criteri esterni; può riguardare:
a) la comparabilità con altri testi;
b) l’equivalenza con diverse versioni dello stesso test;
c) comparabilità con standard esterni.

− Validità consequenziale
Introdotta da Messick (1989), ha la finalità di assicurare che le conse-
guenze sociali dell’interpretazione di un test siano in accordo con lo scopo
del test stesso e siano coerenti con altri valori sociali. Questo tipo di validità
è legata all’effetto retroattivo che il test ha su insegnamento e apprendimento
e all’impatto sulle istituzioni e sulla società.

1.2.3 Affidabilità

L’affidabilità di un test indica la costanza dei risultati attraverso sommini-


strazioni successive.
Questa caratteristica è basilare in un test in quanto, come strumento che si
propone di misurare la competenza linguistica, esso deve essere in grado di
fornire misure costanti delle abilità verificate.
Un test, perciò, è affidabile quando i suoi risultati sono comparabili con ri-
sultati ottenuti con altre somministrazioni e con altre correzioni.
Ciò implica l’uso di criteri appropriati, una condivisione sulle modalità di
assegnazione del punteggio, una riduzione al minimo degli errori di misura-

20
TESTING LINGUISTICO E CERTIFICAZIONE

zione e una stabilità nel tempo data dalla costanza dei dati attendibili ottenu-
ti.
L’affidabilità è legata, quindi, all’attendibilità della prova, vale a dire, alla
sua costruzione (che deve essere in grado di discriminare i livelli tra i candi-
dati) e all’attendibilità dei correttori, cioè alla costanza dei risultati assegnati
da correttori diversi (inter-rater reliability) e dallo stesso correttore (intra-
rater raliability).
Una prova è maggiormente affidabile quanto più si riesce a ridurre gli errori
legati ai risultati.
I principali errori di misurazione dipendono da:
− svolgimento della prova (caratteristiche legate alla prova stessa e alla
sua somministrazione: formulazione ambigua degli item, consegne
non chiare, condizioni inadatte di svolgimento, sorveglianza non pre-
cisa, tempi inadeguati);
− preparazione dei correttori.

1.2.4 Autenticità

Legata la concetto di retroattività è l’importanza dell’autenticità del


test. Più un test è autentico, infatti, maggiore sarà l’effetto positivo
sull’apprendimento che precede la preparazione del test.
La ricerca dell’autenticità, ossia di compiti il più simile possibile a si-
tuazioni reali, nasce in seguito al principio generale delineatosi negli anni
’70, che sosteneva che un test dovesse cercare di avanzare al candidato le
stesse richieste che questi affronta nella vita quotidiana.
Tale concetto (di cui si sono occupati: Marrow. 1979; Weir, 1983,
1990, 1993, 2005; Alderson 2000, Hawkey 2004), si è rivelato particolar-
mente utile nello sviluppo di test ed è oggi considerato nelle due categorie:
a) autenticità interazionale, che riguarda le attività cognitive utilizzate
dal candidato nell’eseguire i compiti del test;
b) autenticità situazione, riguardante il contesto del compito.

Quello a cui si auspica, perciò, nel testing è di utilizzare situazioni e


compiti che siano rappresentativi della vita reale, una sorta di simulazione
delle attività che il candidato si trova quotidianamente e familiarmente a
compiere.

1.2.5 Praticabilità

La praticabilità di un test si riferisce ad aspetti quali l’economia e la


somministrazione di un test.

21
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

Con economia s’intende, sia economia di costi, ma anche di procedu-


re, quali tempi di preparazione, amministrazione e correzione.
La praticabilità riguarda inoltre la modalità di somministrazione della
prova, come ad esempio, la durata della prova, gli spazi fisici, il personale.
Negli esami di certificazione questo aspetto è particolarmente impor-
tante visto il consistente numero di utenti che annualmente affrontano gli e-
sami e le complesse procedure che sottostanno alla loro preparazione.

1.2.6 Approcci alla progettazione: scelta degli item e assegnazione dei punteggi

Le teorie sulla costruzione di test, si sono sviluppate, oltre in merito


alla delucidazione del cosa valutare e quindi della definizione della compe-
tenza linguistico-comunicativa, anche sul come valutare, vale a dire su quali
tipologie di prove utilizzare per riuscire a valutare in maniera appropriata le
abilità linguistiche.
Tra gli anni ’60 e ’70 l’approccio maggiormente seguito è stato quello
psicometrico-strutturalista (Lado, 1961; Vallette, 1967; Harris, 1969), in cui
si puntava all’oggettività attraverso l’utilizzo di item a punti discreti, cioè di
item a cui è assegnato un singolo punteggio. L’item maggiormente utilizzato
era quello a scelta multipla, che forniva un punteggio oggettivo per tutte le
abilità. Attraverso la scelta multipla venivano, infatti, testate tutte le abilità,
compresa la produzione scritta e orale.
Successivamente, in concomitanza con un’attenzione sempre maggio-
re al contesto e alla situazione in cui si svolge l’atto linguistico, ci si è foca-
lizzati verso un approccio integrato, più rappresentativo delle abilità utilizza-
te nella comunicazione reale. In un testing integrato si propongono prove che
misurino la capacità del candidato di usare diverse abilità linguistiche con-
temporaneamente, quali quelle proposte da Oller (1979) del cloze e del detta-
to.
Tali proposte hanno poi lasciato posto ad altre tipologie di testing, na-
te seguendo l’approccio comunicativo, che non si limitano a verificare una
parte dell’abilità linguistico-comunicativa come le precedenti, ma che im-
piegano specifiche prove per misurare il più possibile la globalità delle abili-
tà utilizzate dal parlante.
Le prove dell’approccio comunicativo sono rappresentative dei com-
piti che il candidato deve affrontare nella vita quotidiana e non includono
perciò solo prove di tipo oggettivo, ma anche prove di tipo soggettivo la cui
assegnazione dei punteggi è guidata da criteri specifici che aiutano il valuta-
tore a identificare gli aspetti da valutare e a categorizzarli nelle scale di livel-
lo appropriate.
Il contributo del Quadro comune europeo di riferimento del Consiglio
d’Europa è stato fondamentale per indicare la strada da intraprendere per la

22
TESTING LINGUISTICO E CERTIFICAZIONE

valutazione delle prove, in quanto con le sue scale di livello, indica quali so-
no le abilità che intervengono nella comunicazione e le delinea nella loro
progressione di competenza. Come descritto nel paragrafo ad esso dedicato,
il Quadro comune europeo di riferimento, con lo scopo di focalizzare
l’attenzione sulla comunicazione e sulle abilità che la compongono in termi-
ni di “essere in grado” di agire con la lingua, non fornisce criteri e schemi
pronti per la costruzione e correzione di test, ma dà delle indicazioni sulle
componenti della competenza linguistico-comunicativa.
Per questo motivo, come suggerito dagli stessi autori, si rivela utile un
ulteriore sviluppo e specificazione delle sue descrizioni; di questo lavoro,
come accennato e come esposto in seguito, si è occupata e si occupa l’ALTE ,
a cui afferiscono la maggior parte delle certificazioni ufficiali di lingua in
Europa.

1.2.7 Item e prove nei test linguistici

Le metodologie utilizzate per elicitare le prestazioni dei candidati in


un test hanno sempre un’influenza sul punteggio finale, sia dal punto di vista
della familiarità del candidato con la prova, sia dal legame della prova stessa
con la validità e l’autenticità del test. Ciò comporta la necessità di:
a) variare le tecniche utilizzate, per non favorire alcuni candidati rispetto
ad altri;
b) scegliere delle tecniche adatte a verificare l’abilità in oggetto.

Le metodologie attualmente impiegate nei test di certificazione della


competenza linguistica, sono:
− scelta multipla
− vero/falso
− giusto/sbagliato/non detto
− abbinamento
− completamento
− risposte brevi
− transfer di informazioni
− scrittura guidata
− composizioni
− riassunti – scrittura con input scritto
− conversazione guidata
− role-play
− dettato
− information gap.

23
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

È basilare conoscere approfonditamente le caratteristiche di queste


tecniche per saperle abbinare e proporre in maniera adeguata in un test; ne
vedremo di seguito alcune peculiarità.
Si sottolinea che la scelta di una tecnica rispetto ad un’altra è stretta-
mente legata all’obiettivo della prova e che alcune tecniche possono rivelarsi
utili per alcune abilità, ma inadatte per altre.

Scelta multipla
L’item a scelta multipla prevede che il candidato scelga tra più opzioni
la risposta corretta; è ampiamente utilizzata nei test, anche per i suoi vantag-
gi nella correzione di tipo oggettivo. È particolarmente impiegata nella veri-
fica della comprensione scritta e orale (ovviamente anche per questioni di
validità) e della competenza morfosintattica.
Nella comprensione scritta, permette di testare elementi quali inferen-
ze e opinioni, in modo più controllato rispetto alle domande aperte. Relati-
vamente alla lettura, alcuni studiosi (Rupp et all. 2006) hanno obiettato come
la scelta multipla non rispecchi le caratteristiche di approccio al testo nel let-
tore e che funga più da esercizio di problem-solving piuttosto che da modello
che elicita una lettura fluida in cui si integrano informazioni e si costruisce il
significato del testo.
Inoltre, studiosi quali Nevo (1989), Wu Yi’an (1998) e Rupp (2006)
hanno affermato che il modello di lettura proposto è ancora più discostato
dalla realtà se il lettore cerca di trovare tutte le opzioni dell’item nel testo.
Per superare questi problemi è importante guidare l’approccio al testo
e far sì che il candidato ricrei i modelli utilizzati nella lettura in contesto non
valutativo. Si può, ad esempio, richiedere prima, di leggere la domanda e in-
dividuare in quale parte del testo si trovi la risposta, poi di leggere le opzioni
della scelta multipla. Questo ricrea l’utilizzo di strategie a livello di com-
prensione della macro-struttura del testo, solitamente attivate nel lettore in
un primo approccio al testo.
Inoltre, la pratica di classe, dimostra che gli studenti tendono prima a
leggere il testo e poi le domande, perciò, anche la familiarità con questa tipo-
logia di task porta i candidati a fare una prima attenta lettura e poi a leggere
le domande.
Ritornando al punteggio, è importante sottolineare che, come per tutte
queste tipologie di esercizi, non può essere affidabile al 100% in quanto
l’item può essere stato scelto a caso dal candidato o per esclusione (per di-
minuire questa possibilità si possono dare indicazioni sull’assegnazione del
punteggio).
Si deve ricordare, poi, che la costruzione di item a scelta multipla si
dimostra particolarmente complessa in quanto necessita della creazione di tre
o quattro opzioni adatte al compito, senza possibilità assurde o che il candi-

24
TESTING LINGUISTICO E CERTIFICAZIONE

dato possa intuire senza aver letto il testo. Alderson (1995), suggerisce di
prestare attenzione nella costruzione a:
− avere una sola alternativa corretta;
− ridurre il rischio di ambiguità (presentando la scelta multipla in un
contesto);
− non rendere identificabile l’alternativa corretta;
− far concordare grammaticalmente le alternative alla frase, quando si
richiede un completamento;
− non rendere identificabile la risposta corretta grazie alla propria cono-
scenza del mondo, senza essere legati al testo.

Vero/falso
Nella scelta tra frasi vere e false, lo studente ha il 50% di possibilità di
indovinare la risposta corretta; ovviamente questo comporta un livello basso
di affidabilità nell’esercizio, il quale non discrimina appropriatamente il li-
vello di abilità tra i candidati. Per aumentare l’affidabilità di un esercizio ve-
ro/falso, è necessario impiegare un alto numero di item. Questo tipo di com-
pito, poi, se utilizzato per la verifica della comprensione scritta, è partico-
larmente dispendioso in quanto, se la frase è falsa non sarà contenuta nel te-
sto e il candidato sarà portato a leggerlo più volte per verificare se tale rispo-
sta c’è o meno.

Giusto/sbagliato/non detto
Questo task, in cui il candidato deve rispondere si/no/non detto oppure
vero/falso/non detto, è solitamente impiegato per riconoscere opinioni e idee
o per individuare informazioni contenute nel testo. Anche in questo caso,
l’esercizio, però, si rivela dispendioso, in quanto se il candidato non identifi-
ca subito se la risposta è vera o sbagliata, dovrà leggere più volte stralci di
testo per vedere se la risposta è contenuta o meno.

Abbinamento
Oltre a quello classico, ci sono diversi tipi di abbinamento, tra i quali:
− abbinamento multiplo:
si richiede al candidato di abbinare una frase a più frasi (definizioni,
frasi collegate, brani di testi, eccetera) o a persone. Nella costruzione di que-
sto tipo di esercizi è importante individuare una sola opzione corretta e dare
dei distrattori, altrimenti l’ultimo item sarà scelto per esclusione.

25
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

− Gapped text:
prevede che il candidato individui da quale spazio del testo sono state
tolte le frasi date in disordine, comprensive di un distrattore. Essendo un tipo
di prova utilizzata a livelli intermedio/alti, c’è il rischio che si richieda per
questi livelli un carico cognitivo maggiore rispetto ai livelli più bassi. Il can-
didato, infatti, deve scegliere l’opzione giusta prestando attenzione, non solo
che sia coerente con il prima e dopo lo spazio, ma anche con il resto del te-
sto: si richiede perciò attenzione anche a struttura, coesione e coerenza oltre
che alla lingua.
In realtà, come indicato da Weir, l’abilità cognitiva richiesta dall’esercizio,
deve accompagnare lo sviluppo delle competenze linguistiche, in quanto tali
due competenze d’uso progrediscono di pari passo nella lingua straniera e,
richiedendo un compito cognitivo diverso tra i livelli, non si fa altro che e-
splicitare le abilità utilizzate in contesto reale.
Questo tipo di esercizio, permette di verificare diversi stadi di comprensione
(globale e analitica) a diversi livelli cognitivi, adeguatamente al livello testa-
to.

Completamento
È generalmente utilizzato per verificare la comprensione scritta (oltre
che per ascolto e grammatica), ma in questo caso è più focalizzato sulla co-
noscenza lessicale, anche se in realtà, rispetto al numero di parole che si do-
vrebbero conoscere ad un dato livello, è poco indicativo. Inoltre, come so-
stenuto da Markham (1985) e Kobayashi (1995), non può essere considerato
un task valido per la comprensione del testo, in quanto lo studente non si fo-
calizza sul significato del testo, ma nella singola frase dove deve inserire la
parola corretta.
Secondo Alderson (1995), la difficoltà del completamento sta sia nella
costruzione (ad esempio: ci deve essere solo una risposta corretta), sia
nell’esecuzione, in quanto la parola può semplicemente non venire in mente
(per questo l’esercizio funziona meglio con una lista di parole, comprensiva
di distrattori, da inserire nel brano).

Risposte brevi
Le risposte brevi sono adatte a verificare la comprensione di un testo
(per far fare inferenze, identificare l’idea principale di un testo) in quanto at-
tivano nel lettore le strategie utilizzate nella vita reale e perché, se uno stu-
dente riporta la risposta corretta, è per aver compreso il testo e non per aver
scelto tra due o più opzioni presentate.

26
TESTING LINGUISTICO E CERTIFICAZIONE

Uno svantaggio di questo tipo di task è la richiesta di produrre per verificare


un’abilità di comprensione, perciò, per aumentare l’affidabilità del punteggio
si richiede un numero minimo di parole e si cerca di fare in modo che queste
parole siano ricavabili dal testo. Per questo motivo le domande devono gui-
dare molto la risposta.

Transfer di informazioni
Consiste nel riportare informazioni verbali in forme non verbali (dia-
grammi, tabelle, eccetera). È un metodo valido in quanto la scrittura è limita-
ta e ripropone situazioni autentiche. Uno svantaggio di questo esercizio può
consistere nella non familiarità del candidato con la prova.

Scrittura guidata
In questo compito la scrittura è sollecitata attraverso l’esplicitazione di
un contesto in cui inserirla. Tale contesto, solitamente, viene dato sottoforma
di grafici o tabelle per rispettare la validità della prova. Per aumentare
l’affidabilità nel punteggio è necessario che il contesto sia chiaro (non di dif-
ficile interpretazione o connotato culturalmente), così come gli obiettivi, i
destinatari e il numero di parole.

Composizioni
La composizione è un metodo familiare soprattutto per gli studenti;
ovviamente le difficoltà maggiori emergono nella correzione, la quale va ef-
fettuata con criteri chiari e familiari per il correttore. Per ovviare ad altre dif-
ficoltà. Alderson (1995) consiglia di:
− fornire istruzioni chiare, con terminologia comprensibile;
− comunicare la lunghezza richiesta e l’eventuale penalizzazione se non
rispettata;
− palesare i destinatari;
− rendere noti i criteri di valutazione;
− non affidarsi alla conoscenza del mondo dei candidati, in quanto alcu-
ni posso essere svantaggiati.

Riassunti – scrittura con input scritto


Lo svantaggio maggiore del riassunto riguarda la correzione e la valu-
tazione: se lo scritto è povero, infatti, non possiamo stabilire se ciò sia dovu-
to a causa della mancata comprensione del testo o per le scarse abilità di

27
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

scrittura; senza contare che, l’elaborazione di un riassunto è un’operazione


soggettiva e connotata culturalmente.
Per questi motivi si può rivelare utile dare una traccia da seguire al candida-
to. È chiaro come l’utilizzo di criteri creati ad hoc che tengano conto delle
caratteristiche sopra descritte, sia fondamentale per la valutazione di queste
abilità. Anche la scelta del testo da proporre va eseguita rispettando alcuni
parametri legati al target dei candidati. Il riassunto è un’attività autentica,
soprattutto per studenti.
I compiti che si richiedono in una produzione scritta in risposta ad uno
stimolo scritto, sono attualmente rivalutati ed utilizzati anche in contesto di
certificazione.
Come affermano Pollit e Taylor (2006) e Hughes (2003), questi compiti ri-
flettono situazioni di vita reale (ad esempio, rispondere ad una mail per i li-
velli più bassi, scrivere un saggio per i livelli più alti). Inoltre, questo tipo di
prova, è la più indicata per verificare il più alto livello di capacità linguistica,
associato alle rispettive abilità cognitive (Weir 2006). La difficoltà di corre-
zione può essere ridotta assegnando dei compiti specifici al candidato ed è,
inoltre, importante informare il candidato su quanto è possibile prendere dal
testo originale.

Role-play

È molto utilizzato per valutare la capacità di interazione orale, grazie


alle sue caratteristiche di validità e, ad oggi, anche di affidabilità, considerati
i criteri sviluppati. Un rischio può essere rappresentato dal candidato: dalla
sua capacità (che può sovrastare l’altro candidato) e dalla sua familiarità con
la situazione (che può bloccare l’interazione).

Dettato
È una tecnica non più molto diffusa negli esami di certificazione, ma
ancora utilizzata.
È difficile da valutare in quanto integra la comprensione orale con le
capacità di scrittura; gli errori possono dipendere dalla non comprensione o
dall’incapacità di scrivere la parola. Anche l’assegnazione del punteggio ri-
sulta complessa, visto che ci possono essere parole completamente sbagliate
o solo in parte.
Per essere presentato in maniera imparziale a tutti i candidati dovrebbe
essere registrato: in questo modo è possibile controllare la velocità e la lun-
ghezza delle pause.

28
TESTING LINGUISTICO E CERTIFICAZIONE

Information gap
In questa prova due candidati (o il candidato o l’esaminatore) si pon-
gono delle domande per scoprire delle informazioni (ad esempio, differenze
di immagini).
Questa prova è poco autentica in quanto si tende a fare un uso limitato della
lingua, utilizzando sempre le stesse domande o parole.

1.2.8 Fasi di sviluppo del test

Le peculiarità del testing precedentemente descritte si ritrovano


all’interno delle fasi di sviluppo e produzione dei principali e maggiormente
accreditati test linguistici come punti fondamentali a cui prestare attenzione.
Per chiarire più efficacemente il loro ruolo descriviamo brevemente il
processo di costruzione dei test.
La prima fase consiste nella pianificazione, in cui viene stabilito il
proponimento del test e si raccolgono informazioni su: persone coinvolte
nella valutazione (studenti, insegnanti, genitori, organismi scolastici, mini-
steriali e commerciali), influenze esterne (contesto educativo, socio-econo-
mico, condizioni locali), fattori interni (modalità di lavoro dell’organiz-
zazione in cui è svolto il test e livello di conoscenza delle modalità del te-
sting, risorse disponibili).
Segue poi la fase di progettazione, nella quale vengono stabiliti:
− specificazioni iniziali (definizione dell’abilità linguistica);
− considerazioni sulle modalità (lunghezza, abilità richieste, modalità di
somministrazione, tipologia di item, eccetera1);
− materiali di prova (una prima versione del test);
− scale di prova;
− feedback iniziale.

Nella fase successiva, quella di sviluppo, vengono perseguti:


− pretesting dei materiali;
− analisi statistiche e qualitative (analisi degli item in rapporto all’utenza);
− feedback alle persone coinvolte;
− revisioni;
− versione definitiva delle specificazioni;
− amministrazione del test (come viene somministrato);
− raccolta dei dati riguardanti: validità, affidabilità, praticabilità.

1
Un esempio di lista completa delle considerazioni da attuare sulla modalità si può trovare
nella “Guida per item writers” dell’Alte (www.alte.org).

29
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

A questo punto gli addetti ai lavori procedono con la fase operativa, la


quale prevede:
− costruzione del test (comprensiva dei materiali di prova);
− procedure amministrative (condizioni fisiche, sicurezza, eccetera);
− procedure di valutazione (correzione, valutazione, analisi dei risultati);
− analisi post-test (revisioni, valutazioni, consultazioni con le persone
coinvolte nel test).

Trasversali a queste fasi, sono lo sviluppo di criteri di valutazione e


assegnazione dei punteggi e la formazione degli esaminatori.

1.3 Il Quadro comune europeo di riferimento

Il “Quadro comune europeo di riferimento per le lingue: apprendimen-


to, insegnamento, valutazione” nasce come prodotto di un progetto a lungo
termine (1989-1996) denominato Modern Languages Project Language
Learning for European Citizenship; all’interno di questo progetto si è tenuto,
infatti, per volontà del Governo Federale Svizzero, un simposio internazio-
nale nel 1991 dal titolo Transparency and Coherence in Language Learning
in Europe: Objectives, Evaluation, Certification, nel quale si decise di svi-
luppare un documento che rappresentasse un quadro comune di riferimento
per coordinare gli attori del processo educativo, promuovere la cooperazione
tra le istituzioni educative europee e fornire una base comune per il ricono-
scimento delle competenze linguistiche.
Una prima versione del Quadro comune europeo di riferimento fu resa
disponibile dal Consiglio d’Europa nel 1996, a cui è seguita la versione defi-
nitiva nel 2001.
Lo scopo di questo documento è di fornire delle indicazioni, condivise
a livello europeo, relative all’elaborazione di programmi, materiali, esami e
tutto ciò che è legato all’insegnamento delle lingue.
Esso vuole descrivere che cosa è in grado di fare un’apprendente in
una lingua straniera, quali sono le abilità che deve raggiungere per riuscire a
comunicare in maniera efficace.
Il Quadro, infatti, delinea quali comportamenti linguistici deve padro-
neggiare un parlante di una lingua straniera per affrontare situazioni comuni-
cative quotidiane.
Emerge subito l’approccio orientato all’azione del Consiglio d’Euro-
pa, che mira a proporre una descrizione della competenza linguistico-
comunicativa incentrata sul saper fare con la lingua, sullo scambio comuni-
cativo e l’instaurarsi, così, di relazioni.

30
TESTING LINGUISTICO E CERTIFICAZIONE

Ciò rispecchia le finalità della politica linguistica adottata dal Consi-


glio d’Europa e dagli autori del Quadro, orientati alla diffusione del pluri-
linguismo, concetto legato all’integrazione attraverso le lingue.

1.3.1 Teorie alla base del Quadro

Come accennato, l’approccio adottato dal Quadro è complessivamente


orientato all’azione.
Il parlante è considerato come un elemento che agisce all’interno della
società, realizzando atti linguistici al fine di raggiungere degli scopi comuni-
cativi.
L’intero impianto del documento è basato, in conseguenza di ciò, sulla
comunicazione e sulla suddivisione delle componenti della competenza lin-
guistico-comunicativa, le quali si suddividono in: linguistica, sociolinguisti-
ca, pragmatica.
Ciascuna di queste componenti include conoscenze e abilità specifi-
che:
− la competenza linguistica include: lessico, fonologia, sintassi;
− la competenza sociolinguistica riguarda i fattori socioculturali dell’uso
della lingua;
− la competenza pragmatica si riferisce all’uso appropriato delle funzio-
ni e degli atti linguistici all’interno dello scambio comunicativo.

Tali competenze e abilità non sono intese come patrimonio di cono-


scenza statico del parlante, ma come procedimenti cognitivi che vengono or-
ganizzati e processati per realizzare attività linguistiche (ricezione, produ-
zione, interazione, mediazione).
Il Quadro specifica, inoltre, come queste attività linguistiche siano
contestualizzate in più settori (domini), che costituiscono la situazione in cui
avviene la comunicazione. I domini indicati nel documento si dividono in:
pubblico, personale, educativo, professionale.
Come si può dedurre, l’approccio di fondo del Quadro comune euro-
peo di riferimento si basa su una visione autentica della lingua, considerata
veicolo di scambio sociale, da realizzare attraverso l’attuazione di diverse
competenze, in differenti contesti comunicativi.
Gli autori tendono, però, a precisare il non schieramento con una par-
ticolare metodologia di insegnamento, definendo il loro lavoro come guida
da adattare ai diversi contesti educativi, aperta a modifiche e migliorie.
Il ruolo del Quadro è, perciò, quello di essere neutrale, diffondendo
una consapevolezza comune sul significato di competenza comunicativa.

31
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

1.3.2 La struttura del Quadro

Al fine di facilitare l’interpretazione della competenza linguistico-


comunicativa e la sua suddivisione in stadi di apprendimento, il Quadro pro-
pone dei livelli comuni di riferimento, che perseguono lo scopo di fornire
delle descrizioni standard che fungano da guida, oltre per la programmazione
linguistica, anche per i diversi sistemi di valutazione e certificazione lingui-
stica. Il quadro proposto si divide in sei livelli:
− livello di contatto (Brakthrough – A1);
− livello di sopravvivenza (Waystage – A2);
− livello soglia (Threshold – B1);
− livello progresso (Vantage – B2);
− livello dell’efficacia (Proficiency – C1);
− livello della padronanza (Mastery – C2).

Per spiegare i livelli sono stati elaborati dei descrittori riferiti a: attivi-
tà comunicative, strategie, competenze linguistico-comunicative.
Livelli e descrittori sono presentati attraverso delle griglie che vanno
dalla scala globale (vedi tabella n. 1), che rappresenta i livelli comuni di rife-
rimento, la griglia di autovalutazione (rivolta all’apprendente e divisa, oltre
che per i livelli, per attività linguistiche) e la tavola con gli aspetti qualitativi
della lingua (estensione, correttezza, fluenza, interazione, coerenza), a scale
più specifiche, divise per numerose attività linguistiche.

32
TESTING LINGUISTICO E CERTIFICAZIONE

Tabella n. 1: Scala globale, Quadro comune europeo di riferimento.


C2 È in grado di comprendere senza sforzo praticamente tutto ciò che ascolta
o legge. Sa riassumere informazioni tratte da diverse fonti, orali e scritte,
ristrutturando in un testo coerente le argomentazioni e le parti informative.
Si esprime spontaneamente, in modo scorrevole e preciso e rende distinta-
mente sottili sfumature di significato anche in situazioni piuttosto com-
plesse.
C1 È in grado di comprende un’ampia gamma di testi complessi e piuttosto
lunghi e ne sa ricavare anche il significato implicito. Si esprime in modo
scorrevole e spontaneo, senza un eccessivo sforzo per cercare le parole.
Usa la lingua in modo flessibile ed efficace per scopi sociali, accademici e
professionali, sa produrre testi chiari, ben strutturati e articolati su argo-
menti complessi, mostrando di sapere controllare le strutture discorsive, i
connettivi e i meccanismi di coesione.
B2 È in grado di comprendere le idee fondamentali di testi complessi su ar-
gomenti sia concreti sia astratti, comprese le discussioni tecniche nel pro-
prio settore di specializzazione. È in grado di interagire con relativa sciol-
tezza e spontaneità, tanto che l’interazione con un parlante nativo si svi-
luppa senza eccessiva fatica e tensione. Sa produrre testi chiari e articolati
su un’ampia gamma di argomenti e esprime un’opinione su un argomento
d’attualità, esponendo i pro e i contro delle diverse opzioni.
B1 È in grado di comprendere i punti essenziali di messaggi chiari in lingua
standard su argomenti familiari che affronta normalmente al lavoro, a
scuola, nel tempo libero ecc. Se la cava in molte situazioni che si possono
presentare viaggiando in una regione dove si parla la lingua in questione.
Sa produrre testi semplici e coerenti su argomenti che gli siano familiari o
siano di suo interesse, è in grado di descrivere esperienze e avvenimenti,
sogni, speranze, ambizioni, di esporre brevemente ragioni e dare spiega-
zioni su opinioni e progetti.
A2 Riesce a comprendere frasi isolate ed espressioni di uso frequente relative
ad ambiti di immediata rilevanza (ad es. informazioni di base sulla persona
e sulla famiglia, acquisti, geografia locale, lavoro). Riesce a comunicare in
attività semplici e di routine che richiedono solo uno scambio di informa-
zioni semplice e diretto su argomenti familiari e abituali. Riesce a descri-
vere in termini semplici aspetti del proprio vissuto e del proprio ambiente
ed elementi che si riferiscono a bisogni immediati.
A1 Riesce a comprendere e utilizzare espressioni familiari di uso quotidiano e
formule molto comuni per soddisfare bisogni di tipo concreto. Sa presenta-
re se stesso/a e altri ed è in grado di porre domande su dati personali e ri-
spondere a domande analoghe (il luogo dove abita, le persone che conosce,
le cose che possiede). È in grado di interagire in modo semplice purché
l’interlocutore parli lentamente e chiaramente e sia disposto a collaborare.

33
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

Come si può notare dalla scala globale proposta, i descrittori riferiti ad


ogni livello sono elaborati con un linguaggio chiaro, orientato alla positività,
che mira a descrivere che cosa è in grado di fare un parlante ad ogni livello
proposto.
Il Quadro propone, inoltre, un uso maggiormente flessibile dei livelli
proposti, suggerendo agli addetti ai lavori (e ne propone alcuni esempi), la
possibilità di suddividerli in ramificazioni (figura n. 4) che specifichino ulte-
riormente le differenza al loro interno.

A2

A2.1 A2.2

Figura n. 4: ramificazione dei livelli del Quadro

Nonostante la struttura verticale dei livelli delineati, il Quadro specifi-


ca, soprattutto nel campo della valutazione curricolare, la necessità di consi-
derare un approccio multidimensionale che tenga conto dei diversi tempi e
dei diversi gradi di raggiungimento delle competenze plurilingue e pluricul-
turali dell’apprendente.

1.3.3 Utilità ed usi

Come introdotto il Quadro comune europeo di riferimento è nato sulla


base di un’esigenza europea rivolta ad intensificare gli scambi internazionali
attraverso l’apprendimento/insegnamento linguistico perseguito nell’arco
della vita, supportato dalla cooperazione di tutti gli attori coinvolti e recipro-
camente riconosciuto, grazie alle certificazioni. Di conseguenza, una volta
terminato, il documento si è proposto come strumento per:
− elaborare programmi di apprendimento (indicando conoscenza, obiet-
tivi, contenuti);
− progettare l’apprendimento autonomo (consapevole degli obiettivi da
raggiungere in base alle conoscenze iniziali);
− progettare la certificazione linguistica, specificando i contenuti del
programma d’esame e i criteri di valutazione.

34
TESTING LINGUISTICO E CERTIFICAZIONE

1.3.4 Utilità e limiti nelle certificazioni

Una maggiore chiarezza e uniformità delle certificazioni è, quindi,


uno degli obiettivi del Quadro comune europeo di riferimento. Esso si pro-
spetta come punto di riferimento da cui attingere informazioni basilari per la
delineazione di contenuti di esami e la costruzione di criteri di valutazione.
È indubbio come il Quadro abbia portato, attraverso queste informa-
zioni, a una minore discrepanza tra le certificazioni europee, uniformando i
livelli, sia dal punto di vista della denominazione che del contenuto, ma la
sua struttura, caratterizzata volutamente da una descrizione generica delle
competenze e abilità incluse, ha condotto inizialmente anche ad una diversa
interpretazione dei descrittori proposti. Questo perché si è cercato di attinge-
re in maniera troppo stretta, dalle definizioni offerte, senza cogliere le indi-
cazioni (ora maggiormente diffuse anche dai collaboratori del Consiglio
d’Europa) di fare riferimento ai descrittori delle competenze come a delle
linee guida, da specificare poi, per contesti specifici quali quello del testing.
Il Quadro non fornisce, difatti, delle descrizioni complete e particolareggiate
di tutte le competenze linguistiche, ma indica quali sono le abilità d’uso co-
mune in contesto comunicativo.
Il suo proponimento è, per cui, quello di focalizzare l’attenzione
sull’aspetto comunicativo della lingua, esplicitando il valore attivo del par-
lante nel contesto di interazione.
Proprio per questa sua struttura e, quindi, per il suo proporsi come un
testo sulla competenza comunicativa e non come manuale per creare test, il
Quadro comune europeo di riferimento, è stato correlato da delle User gui-
des, vale a dire da dei documenti rivolti a specifici settori, come la Guide for
examiner (Milanovic 1996), per gli addetti ai lavori di verifica e valutazione.
Questi materiali, le indicazioni dell’ALTE (vedi paragrafo 1.4) e il
continuo lavoro di revisione degli Enti certificatori, ha ristretto le distanze
iniziali tra i diversi esami di certificazione, uniformando in maggior misura i
contenuti delle prove e i criteri di valutazione, anche se, come si vedrà in se-
guito, differenze permangono nella loro struttura.
Ad ogni modo, il contributo del Quadro comune europeo di riferimen-
to, è stato fondamentale nel portare ad una definizione comune di competen-
za comunicativa e nel ridurre l’arbitrarietà sui livelli degli esami di certifica-
zione proposti.

35
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

1.4 L’ALTE (Association of Language Testers in Europe)

Fondamentale quando si parla di certificazioni linguistiche europee fa-


re riferimento all’ALTE.
L’ALTE (Association of Language Testers in Europe) è un’associa-
zione di istituzioni europee che si occupa della produzione e comparazione
delle certificazioni linguistiche; ogni membro si occupa della lingua madre
parlata nel proprio Paese.
L’ALTE è nata da un’idea, nel 1989, delle università di Cambridge e
Salamanca e nel 1991 si è costituita ufficialmente come un EEIG (European
Economic Interest Grouping), di cui oggi fanno parte più di 30 membri, rap-
presentanti 26 lingue europee.

Gli obiettivi dell’ALTE riguardano:


− stabilire livelli comuni di competenza linguistica, in modo da pro-
muovere il riconoscimento transnazionale delle certificazioni europee;
− stabilire norme comuni per le fasi riguardanti il testing linguistico, va-
le a dire: progettazione e sviluppo di un test, elaborazione e prepara-
zione degli item, somministrazione, correzione, attribuzione dei pun-
teggi, espressione dei risultati, analisi degli item e resoconto comples-
sivo dell’andamento del test stesso;
− collaborare a progetti comuni, scambiarsi idee e competenze.

È chiaro come nel campo della certificazione il primo obiettivo citato


sia basilare.
L’ALTE ha cercato, fin dalla sua fondazione, di equiparare i vari livelli
degli esami europei in maniera tale da poterne riconoscere la spendibilità.
Per fare questo, i suoi membri si sono dati degli standard di competenza, ne-
cessari ad abbinare ogni esame ad un livello riconosciuto in tutta Europa.
Sono state, perciò, elaborate delle descrizioni dettagliate di tutti gli e-
sami di certificazione, per poi rapportarle ai descrittori di competenza defini-
ti dall’ALTE; è stato predisposto, infatti, un quadro di riferimento per la de-
scrizione delle competenze riferite ad ogni livello (il quale fa riferimento alla
scala di competenza linguistica del Quadro comune europeo di riferimento
del Consiglio d’Europa). Agli standard ALTE delineati sono state, quindi, af-
fiancate le certificazioni europee, con il risultato di un comune riconosci-
mento del livello di competenza linguistica testata da ognuna (vedi tabella
n. 2).

I livelli dell’ALTE sono sei e corrispondono ai seguenti livelli del


Quadro comune europeo di riferimento:

36
TESTING LINGUISTICO E CERTIFICAZIONE

Tabella n. 2: livelli Alte e Consiglio d’Europa.


Livelli ALTE Livelli Quadro comune di rife-
rimento europeo
ALTE Breakthrough A1
ALTE 1 A2
ALTE 2 B1
ALTE 3 B2
ALTE 4 C1
ALTE 5 C2

Tabella n. 3: adattamento dal Quadro di riferimento ALTE.

ALTE ALTE 1 ALTE 2 ALTE 3 ALTE 4 ALTE 5


Break-
throug
h
Tedesco Start Start Zertifikat - Zentrale Zentrale
Deutsch Deutsch 2 Deutsch Mittelstu- Oberstu-
1 (ZD) denpru- fenprufung
fung (ZOP)
(ZMP)
Inglese - Cambridge Cambridge Cambridge Cambridge Cambridge
KET PET FCE CAE CPE

Spagnolo - - Dele - Nivel Dele - Ni- - Dele - Ni-


Inicial vel Inter- vel Supe-
medio rior
Italiano CELI CELI 1 CELI 2 CELI 3 CELI 4 CELI 5
Impatto

I descrittori di competenza delineati dall’ALTE hanno lo scopo di


definire che cosa un parlante non nativo sappia fare con la lingua, a un
determinato livello. Essi comprendono circa 400 indicatori, divisi in più
di 50 scale, relative alle macro-aree: studio, lavoro, turismo e relazioni
sociali. Ogni area è divisa in sottocategorie, come illustra la figura n. 5.

37
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

Three general areas / A number of more particolar areas / Up to three skills areas

Social and Tourist ---- Shopping

Work Accommodation --------------------------- Listening/speaking

Study Travel Reading

Etc Writing

Figura n. 5: Structure of the Can Do Statements, adattamento da Jones, 2002.

Per elaborare tali descrittori sono stati studiati dati raccolti da circa
10.000 studenti di lingua in tutta Europa, analizzati poi con l’analisi di
Rasch2.
Segue, come esempio, la tavola globale sulle abilità.

2
Sviluppato nel 1960 dal matematico danese Rasch, è un modello ad un solo parametro (abi-
lità – difficoltà). È un modello probabilistico in quanto, oltre a classificare gli item e i candi-
dati sulla base rispettivamente di difficoltà e abilità, tiene conto anche delle probabilità di ri-
produzione degli stessi modelli di risposta in persone con nota abilità e difficoltà.
In base alla “Scala abilità-difficoltà di Henning (1987):

abilità inferiore studenti abilità superiore


b1 b2
-- | ---- | ---- | ---- | ---- | ---- | ---- | ---- | ---- | --
d1 d2 d3 d4
facile item difficile

il modello viene così spiegato:


lo studente b2 è più abile dello studente b1 e riesce a superare gli item d1, d2, d3; ci si aspetta
quindi che uno studente con la stessa abilità di b2, superi gli item d1, d2, d3 e non superi
l’item d4. Inoltre è più probabile che la persona b2 superi l’item d1 piuttosto che l’item d3,
perché quest’ultimo è più vicino alla sua abilità (un item della stessa difficoltà rispetto
all’abilità di una persona ha il 50% di possibilità di essere superato).

38
TESTING LINGUISTICO E CERTIFICAZIONE

Tabella n. 4: Overall general ability, ALTE.


Listening / Speaking Reading Writing
Level 5 Can advise on or talk about Can understand Can write letters on
(C2) complex or sensitive is- documents, corre- any subject and full
sues, understanding collo- spondence and re- notes of meetings or
quial references and deal- ports, including the seminars with good
ing confidenty with hostile finer points of com- expression and accu-
questions. plex texts. racy.
Level 4 Can contribute effectively Can read quikly Can prepare/draft
(C1) to meetings and seminars enough to cope with professional corre-
within own area of work or an academic course, spondence, take rea-
keep up a casual conversa- to read the media for sonably accurate
tion with a good degree of the information or to notes in meetings or
fluency, coping with ab- understand non- write an essay which
stract expressions. standard correspon- shows an ability to
dence. communicate.
Level 3 Can follow or give a talk Can scan text for Can make notes
(B2) on a familiar topic or keep relevant information, while someone is
up a conversation on a fairy and understand de- talking or write a
wide range of topics. tailled instructions or letter including non-
advice. standard request.
Level 2 Can express opinions on Can understand Can write letters or
(B1) abstract/cultural matters in ruotine information make notes on famil-
a limited way of offer ad- and articles, and the iar or predictable
vice within a known area, general meaning of matters.
and understand instructions non-routine informa-
or public announcements. tion within a familiar
area.
Level 1 Can express simple opin- Can understand Can complete forms
(A2) ions or requirements in a straightforward in- and write short sim-
familiar context. formation within a ple letters or post-
known area, such as cards related to per-
on products and signs sonal information.
and simple textbooks
or reports on familiar
matters.
Break- Can understand basic in- Can understand basic Can complete basic
through struction or take part in a notices, instructions forms, and write
Level basic factual conversation or information. notes including
on a predicatable topic. times, dates and
(A1)
places.

I descrittori di capacità dell’ALTE sono riportati tra le Appendici del


Quadro comune europeo di riferimento come esempio di descrizione della
competenza linguistica.
I membri dell’ALTE si attengono a tali standard per la costruzione del-
le loro prove di certificazione (oltre naturalmente al Quadro comune europeo
di riferimento), in modo tale che gli esami possano essere equiparabili per
livello.

39
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

Inoltre, per guidare i membri e non solo in uno degli altri fondamen-
tali obiettivi, quello riguardante la costruzione di test, l’ALTE ha prodotto un
importante numero di tavole dettagliate, riguardanti la descrizione di abilità
divise per contesti e livelli.
Questi descrittori si rivelano fondamentali nella costruzione delle pro-
ve e degli item, in quanto chiariscono e sviluppano il significato di compe-
tenza comunicativa presentato nelle tavole del Quadro comune europeo di
riferimento. Tali specificazioni costituiscono una base indispensabile per la
pianificazione e lo sviluppo del momento valutativo.
Per un lavoro di collaborazione basato su un piano condivisibile, i
membri dell’ALTE hanno realizzato un codice comune a cui fare riferimento,
così da allineare maggiormente la propria attività a quella di tutti i parteci-
panti; è nato, infatti, nel 1994 il Codice Professionale ALTE, un codice di
comportamento per la definizione degli standard da adottare e rispettare nel-
la preparazione degli esami di certificazione. Tale codice si focalizza su
quattro aree specifiche:
− elaborazione degli esami;
− interpretazione dei risultati;
− ricerca di equità e correttezza;
− comunicazione di informazioni ai candidati.

Esso, inoltre, è diviso in due parti, la prima riguardante le responsabi-


lità dei membri dell’ALTE, la seconda relativa alle responsabilità degli utiliz-
zatori degli esami e dei loro risultati.
Per quanto riguarda la prima parte, essa indica, tra le altre cose, come i
membri si debbano impegnare a:
− definire ciò che ogni esame valuta e quali sono i suoi obiettivi;
− descrivere la popolazione per la quale l’esame risulta appropriato;
− descrivere il processo di sviluppo dell’esame;
− spiegare come sono stati selezionati contenuti e abilità da sottoporre a
verifica;
− fornire agli studenti esempi rappresentativi o copie complete dei com-
piti degli esami, delle istruzioni, dei fogli delle risposte, nonché report
sui risultati;
− descrivere le procedure messe in atto per assicurare che ogni esame
risulti adeguato per gruppi di candidati, diversi per razza, etnia o
background linguistico;
− identificare e pubblicare le condizioni e le competenze necessarie alla
somministrazione di ogni esame;
− descrivere le procedure utilizzate per stabilire soglie di sufficienza e/o
gradi.

40
TESTING LINGUISTICO E CERTIFICAZIONE

− fornire informazioni ad utilizzatori e candidati, che siano d’aiuto nel


decidere se sottoporsi o meno ad un particolare esame e a quale livel-
lo;
− fornire ai candidati le informazioni necessarie per familiarizzare con
l’esame, i tipi e i formati dei compiti, le rubriche ed altre istruzioni,
nonché le strategie adeguate per affrontare l’esame.

Attraverso queste regole gli Enti certificatori assicurano il più possibi-


le trasparenza nel conoscere e comprendere il processo di costruzione della
propria certificazione e aumentano il grado di sintonia con le attività degli
altri membri.
Per quanto riguarda le aree specifiche sopraindicate esse rappresenta-
no delle linee guida fondamentali per chi è impegnato nella costruzione di
test e indicano, in maniera precisa, quali sono i punti da prendere in conside-
razione dalla pianificazione, alla costruzione vera e propria delle prove e, in-
fine, al calcolo del punteggio e comunicazione dei risultati.
Grazie anche alla messa in comune di tali norme di elaborazione,
somministrazione e valutazione degli esami di certificazione, i membri
dell’ALTE si impegnano a fornire un’affidabile qualità nel loro lavoro.
La cooperazione tra le diverse istituzioni (uno degli obiettivi dell’AL-
TE) si verifica anche attraverso il rispetto di questo codice e con il confronto
delle modalità della sua messa in atto.
I membri dell’ ALTE sono inoltre impegnati nella collaborazione a
progetti comuni, i quali hanno riguardato anche: la preparazione di strumen-
ti per l’analisi del contenuto dei materiali da inserire negli esami, la creazio-
ne di materiali per formare gli elaboratori di item, la pubblicazione di un
glossario per definire i termini utilizzati maggiormente nel testing linguistico
(Multilingual Glossary of Language Testing Terms, Studies in Language Te-
sting, UCLES) e l’elaborazione di un portfolio linguistico.

1.4.1 ALTE e Quadro comune europeo di riferimento

L’ALTE collabora da molto tempo con il Consiglio d’Europa; la rea-


lizzazione del Vantage Level (B2) è stata, infatti, finanziata anche dal grup-
po ALTE, al fine di avere, a livello europeo, una descrizione comune delle
abilità appartenenti ad un livello intermedio.
La finalità del Quadro comune europeo di riferimento è quella di clas-
sificare in livelli la competenza linguistico-comunicativa, in tutte le sue aree
di realizzazione; esso vuole esplicitamente essere un vero e proprio punto di
riferimento per far sì che la conoscenza di una lingua sia intesa come compe-
tenza comunicativa che si manifesta in abilità, in saper fare.

41
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

Il quadro di riferimento dell’ALTE è stato realizzato con lo scopo ben


preciso di fornire dei descrittori più dettagliati rispetto a quelli del Consiglio
d’Europa, onde classificare in maniera attenta gli esami e le certificazioni dei
suoi membri all’interno di un sistema comune di livelli e per fornire delle in-
dicazioni accurate per la costruzione di prove e la valutazione delle stesse.
Gli stessi autori del Quadro comune europeo di riferimento suggeri-
scono di sviluppare ulteriormente le tavole per scopi quali la costruzione di
esami linguistici.
Linda Taylor (Cambridge ESOL examinations Principal Examiner),
intervistata sull’argomento per la stesura di questo paragrafo, conferma che
le tavole del Quadro comune europeo di riferimento costituiscono un ottimo
punto di partenza per la condivisione di un linguaggio comune sui livelli lin-
guistici, ma che necessitano di essere ulteriormente specificate per altri sco-
pi, quali il testing.
A tale scopo, i descrittori del Quadro comune europeo di riferimento
sono stati discussi ampiamente all’interno del gruppo ALTE, spesso anche
con gli stessi autori delle scale.
Molti aspetti del Quadro comune europeo di riferimento hanno in-
fluenzato il modo in cui l’ALTE descrive i suoi esami e le sue certificazioni,
come ad esempio la suddivisione delle attività comunicative nelle categorie:
− produzione (attività di parlato e scritto, dal parlare in pubblico alla
conversazione informale, dalla lettera formale al riempimento di que-
stionari);
− ricezione (ascolto e lettura, dalla comprensione globale alla compren-
sione analitica di dettagli e informazioni particolari);
− interazione (attività scritte e orali, da personali a lavorative, dalla lette-
ra formale al dibattito, dai fax alle e-mail);
− mediazione (traduzione, interpretariato, riassunto, sintesi).

Il framework dell’ALTE e quello del Consiglio d’Europa hanno quindi


molto in comune, per questo motivo il loro utilizzo integrato può risultare
decisamente utile.
È stato attuato a questo proposito un lavoro di relazione tra i due si-
stemi, basato sulla comparazione delle diverse scale.
I descrittori dell’ALTE si legano, inoltre, a quelli del Quadro comune
europeo di riferimento, in quanto quest’ultimi sono stati utilizzati per predi-
sporre i questionari da sottoporre agli studenti intervistati per il raccoglimen-
to dati. In particolare sono state utilizzate:
− la tavola 2 del Quadro comune di riferimento europeo (griglia di auto-
valutazione);
− 16 descrittori delle tavole relative alla fluency (North, 2000).

42
TESTING LINGUISTICO E CERTIFICAZIONE

Una volta realizzati i descrittori dell’ALTE, è stato fatto un accurato


lavoro di analisi e comparazione con quelli del Quadro comune europeo di
riferimento e sono stati affiancati i livelli ALTE con i livelli del Consiglio
d’Europa (partendo da ALTE 1, risultato molto simile al livello A2 del Qua-
dro comune europeo di riferimento e dal livello ALTE 3, risultato molto simi-
le al livello B2).
Attualmente l’ALTE è una delle organizzazioni non governative che
fanno parte del Consiglio d’Europa.

43
Capitolo 2

Le certificazioni linguistiche europee

2.1 Trinity College London

Il Trinity College di Londra è un Ente Certificatore (Examination


Board) dal 1870 ed è riconosciuto dalla Qualification and Curriculum Au-
thority (QCA).
A livello internazionale rilascia due tipi di certificazione:
− Integrated Skills in English Examinations (ISE)
− Graded Examinations in Spoken English (GESE).

A livello nazionale, perciò solo per residenti in Gran Bretagna, so-


no inoltre rilasciate:
− ESOL Step 1 and Step 2 examinations for students living in UK
− ESOL Skills for Life examinations for adult students living in UK
− ESOL for Work.

I diplomi Trinity non sono soggetti a scadenza.

2.1.1 I livelli

La certificazione ISE testa quattro livelli di competenza linguistica,


mentre la certificazione GESE è suddivisa in 12 livelli. Essi sono così
equiparati ai livelli del Quadro comune europeo di riferimento:
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

Tabella n. 5: livelli Trinity e Consiglio d’Europa.


CEFR ISE GESE
- Grade 1
A1 Grade 2
A2 ISE 0 Grade 3 (A2.1)
Grade 4 (A2)
B1 ISE 1 Grade 5 (B1.1)
Grade 6 (B1.2)
B2 ISE II Grade 7 (B2.1)
Grade 8 (B2.2)
Grade 9 (B2.3)
C1 ISE III Grade 10 (C1.1)
Grade 11 (C2.2)
C2 Grade 12

Per quanto riguarda l’esame GESE, i dodici livelli sono descritti attra-
verso la suddivisione in quattro stadi:
− Initial stage (grade 1- 3): a questo livello, corrispondente al livello
Base del Quadro comune europeo, l’esame è guidato dall’esaminatore.
− Elementary stage (grade 4- 6): a questi stadi il candidato presenta un
argomento a sua scelta e successivamente l’esaminatore introduce la
fase di conversazione selezionando due argomenti da una lista data.
− Intermediate stage (grade 7 – 9): il candidato per questi livelli deve
iniziare e mantenere una conversazione su un argomento a sua scelta
e, in seguito, guidare un’interazione. Infine, l’esaminatore propone la
fase di conversazione selezionando due argomenti da una lista data.
− Advanced stage (grade 10 – 12): gli esami per questi livelli iniziano
con una presentazione formale di un argomento, seguita da una di-
scussione, da un’attività di comprensione orale e da una conversazione
con l’esaminatore su due argomenti selezionati da una lista.

2.1.2 Le prove

GESE
Le prove degli esami GESE sono volte a testare la competenza
dell’inglese parlato; la loro struttura mira, perciò, a valutare obiettivi legati
alle abilità di comprensione e produzione orale. Esse sono così strutturate:

46
LE CERTIFICAZIONI LINGUISTICHE EUROPEE

Grade 1- 3
− Conversazione (saluti e accoglienza; conversazione; fine della conver-
sazione e commiato).

Una parte della conversazione prevede che il candidato dimostri la propria


abilità di comprensione attraverso gesti, azioni e risposte brevi.

Grade 4 – 6
− Conversazione (saluti e accoglienza; conversazione su aree tematiche,
il candidato al Grade 5 deve porre almeno una domanda; il candidato
al Grade 6 deve porre almeno due domande; commiato).
− Discussione di un argomento preparato dal candidato (discussione di
quattro punti per il Grade 4, di cinque punti per il Grade 5, di sei punti
per il Grade 6).

Grade 7 – 9
− Conversazione (saluti e accoglienza; conversazione su arre tematiche;
commiato).
− Compito interattivo (interazione con esaminatore).
− Discussione dell’argomento preparato condotta dal candidato (i candi-
dati possono usare brevi appunti e grafici).

Grate 10 – 12
− Conversazione (saluti e accoglienza; conversazione su due aree tema-
tiche; commiato).
− Compito d’ascolto (al candidato è richiesto di suggerire il finale di due
testi ascoltati e di individuare interlocutori, contesti o ambienti relativi
ad un terzo testo).
− Compito interattivo (interazione con esaminatore).
− Discussione di un argomento preparato dal candidato (si richiede di
giustificare, esemplificare, approfondire idee e opinioni).
− Presentazione di un argomento preparato dal candidato (il candidato
può usare appunti, presentazioni in power point, lavagna luminosa).

Tempi
Tabella n. 6: tempi Trinity Gese
Grade 1 – 3 5 – 7 minuti
Grade 4 – 6 10 minuti
Grade 7 – 9 15 minuti
Grade 10 – 12 25 minuti

47
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

ISE
Gli esami di abilità integrate ISE si propongono di valutare tutte e
quattro le abilità linguistiche (parlare, ascoltare, leggere e scrivere), conside-
rate come abilità che interagiscono tra loro. Gli esami hanno un duplice tipo
di approccio: da una parte valutano il portfolio dello studente (prendendo in
considerazione ciò che è stato svolto in autonomia) e, dall’altra, i compiti e-
seguiti in situazione d’esame. Le quattro abilità sono valutate attraverso i
seguenti elementi:

Abilità Elemento
scrivere Portfolio degli elaborati scritti dal
candidato preparato durante il lavo-
ro in classe o per conto proprio.
Scrivere e leggere Prova per le abilità di lettura e di
scrittura
Parlare ed ascoltare Presentazione e/o discussione di un
argomento a propria scelta con
l’esaminatore
Parlare ed ascoltare Discussione del portfolio con
l’esaminatore
Ascoltare e parlare Conversazione con l’esaminatore
su un’area tematica scelta
Ascoltare e parlare Compito interattivo controllato dal
candidato (solo per ISE II, III)
Ascoltare Compito d’ascolto (solo per ISE
III)

Tabella n. 7: abilità Trinity Ise.

Gli esami ISE sono così strutturati:

ISE 0
Portfolio (3 compiti)
Il candidato sceglie tre elaborati da inserire, eseguiti in base ad una li-
sta di quindici compiti fornita dal Trinity. Tale lista è suddivisa in tre sezioni
(ognuna comprendente cinque compiti) e il candidato è tenuto a scegliere un
compito per ogni sezione. La lista è divisa in:
a) corrispondenza (promemoria, cartoline, appunti, lettere, eccetera);
b) scrittura fattuale (relazioni, articoli, recensioni, dare istruzioni, indica-
zioni stradali, eccetera);
c) scrittura creativa e descrittiva (saggio, storie, diari, eccetera).

48
LE CERTIFICAZIONI LINGUISTICHE EUROPEE

Il numero di parole previsto per il livello ISE 0 è di 40-60 per la corrispon-


denza, 80-100 per la scrittura fattuale, 80-100 per la scrittura creati-
va/ideativa.

Esame scritto (2 compiti)


Al candidato è richiesto di completare un compito scritto (di circa 75
parole) sulla base di testi forniti e di svolgere una composizione di circa 75
parole di tipo narrativo o descrittivo

Colloquio (2 compiti):
a) Discussione di un argomento preparato dal candidato;
b) conversazione con l’esaminatore comprendente la discussione del por-
tfolio ed un’area tematica scelta dall’esaminatore.

ISE I
Portfolio (3 compiti)
Stesse modalità descritte per il livello ISE 0. Il numero di parole pre-
visto per il livello ISE I è di 70-80 per la corrispondenza, 110-130 per la
scrittura fattuale, 110-130 per la scrittura creativa/ideativa.

Esame scritto (2 compiti)


Al candidato è chiesto di completare un compito scritto (di circa 150
parole) sulla base di testi forniti e di svolgere una composizione di circa 150
parole.

Colloquio (2 compiti):
d) Discussione di un argomento preparato dal candidato;
e) conversazione con l’esaminatore comprendente la discussione del port-
folio ed un’area tematica scelta dall’esaminatore.

ISE II
Portfolio (3 compiti)
Stesse modalità descritte per il livello ISE 0. Il numero di parole pre-
visto per il livello ISE II è di 120-150 per la corrispondenza, 170-200 per la
scrittura fattuale, 170-200 per la scrittura creativa/ideativa.

Esame scritto (2 compiti)


Si richiede al candidato di completare un compito scritto o riassumere
informazioni (circa 250 parole) sulla base di testi forniti e di svolgere una
composizione di circa 250 parole.

49
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

Colloquio (3 compiti):
a) Discussione condotta dal candidato di un argomento da lui presentato;
b) interazione controllata dal candidato;
c) conversazione con l’esaminatore comprendente la discussione del port-
folio ed un’area tematica scelta dall’esaminatore.

ISE III
Portfolio (3 compiti)
Stesse modalità descritte per il livello ISE 0. Il numero di parole pre-
visto per il livello ISE I è di 180-210 per la corrispondenza, 220-250 per la
scrittura fattuale, 220-250 per la scrittura creativa/ideativa.

Esame scritto (3 compiti)


Si richiede di: completare un compito scritto o riassumere informazio-
ni (circa 350 parole) sulla base di testi o grafici forniti; scrivere una lettera
formale o semi-formale (di circa 250 parole) per rappresentare un punto di
vista, criticare, richiedere un’azione legale o un indennizzo; svolgere una
composizione di tipo creativo (circa 300 parole).

Colloquio (5 compiti):
a) Presentazione formale di un argomento preparato dal candidato;
b) discussione della presentazione con l’esaminatore;
c) interazione controllata dal candidato;
d) compito d’ascolto;
e) conversazione con l’esaminatore comprendente la discussione del port-
folio ed un’area tematica scelta dall’esaminatore.

2.1.3 La valutazione

GESE
Per le prove di valutazione orale viene preso in considerazione un uni-
co criterio per tutti i livelli: l’esecuzione del compito, dato da:

− completezza delle abilità comunicative previste, comprese le funzioni


linguistiche
− completezza degli elementi grammaticali, lessicali e fonologici previsti
− accuratezza nell’uso degli elementi grammaticali, lessicali e fonologi-
ci previsti
− appropriatezza degli elementi grammaticali, lessicali e fonologici utilizzati
− fluenza e prontezza nel rispondere appropriatamente al grade.

50
LE CERTIFICAZIONI LINGUISTICHE EUROPEE

Per la prova di ascolto relativa ai livelli 10, 11 e 12 vengono presi in consi-


derazione i seguenti descrittori:
− correttezza delle risposte
− fluenza e velocità nelle risposte

Al termine della prova GESE, al candidato viene fornita una scheda


con un’indicazione delle aree principali nelle quali il candidato potrebbe mi-
gliorare.

ISE
Le tre parti che compongono le prove degli esami ISE sono così valutate:

Il portfolio
Per la valutazione del portfolio viene preso in considerazione un unico
criterio generale, l’esecuzione del compito, costituito dai seguenti punti:
− conseguimento complessivo dello scopo comunicativo
− organizzazione del testo
− appropriatezza dell’articolazione, dello stile e del registro
− accuratezza e ampiezza delle strutture grammaticali, delle funzioni
linguistiche e del lessico.
− ortografia e punteggiatura
− impatto sul lettore.

Esame scritto
I criteri considerati in questa parte d’esame sono due:
a) esecuzione del compito:

− conseguimento complessivo dello scopo comunicativo


− organizzazione del testo
− appropriatezza dell’articolazione, dello stile e del registro
− impatto sul lettore

b) accuratezza e ampiezza dei requisiti grammaticali, funzionali e lessi-


cali specifici del livello e accuratezza dell’ortografia e della punteg-
giatura.

Colloquio
I criteri utilizzati per la valutazione della parte riguardante il colloquio
sono:
− completezza delle abilità comunicative previste, comprese le funzioni
linguistiche

51
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

− completezza degli elementi grammaticali, lessicali e fonologici previ-


sti
− accuratezza nell’uso degli elementi grammaticali, lessicali e fonologi-
ci previsti
− appropriatezza degli elementi grammaticali, lessicali e fonologici uti-
lizzati
− scioltezza e prontezza nel rispondere appropriate al livello.

Per la prova di ascolto relativa ai livelli 10, 11 e 12 vengono utilizzati


i seguenti descrittori:
− correttezza delle risposte
− fluenza e velocità nelle risposte.

2.1.4 La struttura in sintesi degli esami

Per la certificazione Trinity vengono sintetizzati gli esami ISE, in


quanto certificanti più abilità linguistiche, a differenza degli esami GESE
che si occupano soltanto della produzione orale.

ISE 0 – A2

Tabella n. 8: struttura esami Ise A2.


Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
linguistiche
Componenti X X
Task 2 2 + por-
tfolio
N. di item
Tipologie di Discussio- Presenta-
item/task ne su ar- zione port-
gomento folio
preparato Composi-
Conversa- zione
zione Scrittura
basata su
testi
Rilevanza 50% 30% +
prove 20% port-
folio
Tempi 45m

52
LE CERTIFICAZIONI LINGUISTICHE EUROPEE

ISE I – B1

Tabella n. 9: struttura esami Ise B1.


Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
linguistiche
Componenti X X
Task 3 2 + por-
tfolio
N. di item
Tipologie di Discus- Presenta-
item/task sione su zione port-
argomento folio
preparato Composi-
Conversa- zione
zione Scrittura/
Interazio- Riassunto
ne guidata basato su
dal candi- testi
dato
Rilevanza 50% 30% +
prove 20% port-
folio
Tempi 2h

ISE II – B2

Tabella n. 10: struttura esami Ise B2.


Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
linguistiche
Componenti X X
Task 2 2+portfolio
N. di item
Tipologie di Discussione Presenta-
item/task su argo- zione por-
mento pre- tfolio
parato Composi-
Conversa- zione
zione Scrittura
basata su
testi
Rilevanza 50% 30% +
prove 20% port-
folio
Tempi 1h 30m

53
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

ISE III – C1

Tabella n. 11: struttura esami Ise C1.


Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
linguistiche
Componenti X X X
Task 1 4 3 + portfo-
lio
N. di item 3
Tipologie di Domande Discussione Presenta-
item/task aperte su zione
orali argomento portfolio
preparato Composi-
Conversa- zione crea-
zione tiva
Discus- Scrittura/
sione riassunto
Interazione basato su
guidata dal testi
candidato Lettera

Rilevanza Inclusa 50% 30% +


prove nel parla- 20% por-
to tfolio
Tempi 2 h 30m

2.2 University of Cambridge

Il Cambridge ESOL, dipartimento dell’università di Cambridge che si


occupa degli esami di lingua, rilascia dal 1913 delle certificazioni della
competenza nella lingua inglese, attualmente riconosciute dal Governo e dal
Ministero Britannico e dalla QCA (Qualification and Curriculum Authority),
oltre che da numerose istituzioni e governi a livello internazionale.
Gli esami prodotti riguardano diverse aree, le quali si dividono in :
− General English (lingua per scopi generali)
− Professional English (lingua per l’economia e gli affari)
− Academic English (lingua per scopi accademici)
− Young Learners English (esami di lingua per bambini di livello ele-
mentare).

54
LE CERTIFICAZIONI LINGUISTICHE EUROPEE

I certificati d’esame Cambridge di General English non sono soggetti a sca-


denza.

2.2.1 I livelli

Per quanto riguarda le certificazioni di lingua per scopi generali, i li-


velli certificati sono:

Tabella n. 12: Livelli Cambridge e Consiglio d’Europa.


Cambridge Esol Quadro comune europeo di ri-
ferimento
KET (Key English Test) A2
PET (Preliminary English Test) B1
FCE (First Certificate in B2
English)
CAE (Certificate in Advanced C1
English)
CPE (Certificate of Proficiency C2
in English)

2.2.2 Le prove

KET
L’esame è diviso in tre parti: lettura e scrittura, ascolto e parlato. Esso
è così strutturato:

lettura e scrittura
Domande: 56.
Tipologia di esercizi: abbinamento, scelta multipla, cloze a scelta multipla,
completamento di parole, trasferimento di informazioni, scrittura guidata.
Suddivisione della prova:
− parte 1: abbinamento di 5 frasi con 8 annunci.
− Parte 2: 5 frasi (tutte legate a un argomento) da completare con scelta
multipla a tre opzioni.
− Parte 3: 5 item a scelta multipla a tre opzioni su modelli di scambio
verbale; 5 abbinamenti di parti di dialogo con 3 distrattori.
− Parte 4: 7 frasi riferite a un testo o a tre brevi testi, con scelta multipla
a tre opzioni (vero/falso/non detto).
− Parte 5: 8 item da completare in un testo con scelta multipla a tre op-
zioni.
− Parte 6: 5 parole da completare in base alla definizione data.

55
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

− Parte 7: cloze su un brano con 10 spazi.


− Parte 8: 5 spazi da completare con informazioni ricavate da un testo.
− Parte 9: scrittura guidata di 25-35 parole.

Ascolto
Domande: 25.
Tipologia di esercizi: abbinamento, scelta multipla, riempimenti.
Suddivisione della prova:
− parte 1: 5 domande a scelta multipla a tre opzioni grafiche.
− Parte 2: 5 abbinamenti con 3 distrattori su un dialogo informale.
− Parte 3: 5 domande a scelta multipla su un dialogo neutro o informale.
− Parte 4: 5 riempimenti su un dialogo neutro o informale.
− Parte 5: 5 riempimenti su un dialogo neutro o informale.

Parlato
Sono presenti due candidati e due esaminatori, uno dei quali osserva e valuta
la prova.
Suddivisione della prova:
− parte 1: interazione con l’esaminatore.
− Parte 2: interazione tra candidati.

PET
L’esame è diviso in tre parti: lettura e scrittura, ascolto e parlato. Esso
è così strutturato:

lettura e scrittura
Domande: 35 per la lettura e 3 esercizi per la scrittura.
Tipologia di esercizi: abbinamento, scelta multipla, vero/falso, trasformazio-
ne di frasi, scrittura guidata, scrittura estesa.
Suddivisione della prova:
− parte 1: 5 domande a scelta multipla a tre opzioni su cinque brevi testi.
− Parte 2: 5 abbinamenti tra brevi testi e descrizioni di persone.
− Parte 3: 10 vero/falso su un testo autentico semplificato.
− Parte 4: 5 item a scelta multipla a quattro opzioni relative a un testo
autentico semplificato.
− Parte 5: 10 item a scelta multipla a quattro opzioni in un cloze.

Per la parte della scrittura, sono previsti i seguenti compiti:


− parte 1: 5 frasi da trasformare mantenendo il significato originale (i
candidati non devono usare più di tre parole).

56
LE CERTIFICAZIONI LINGUISTICHE EUROPEE

− Parte 2: scrivere un breve messaggio di 35-45 parole.


− Parte 3: scrivere un testo di circa 100 parole, scegliendo tra una lettera
informale e una storia.

Ascolto
Domande: 25.
Tipologia di esercizi: scelta multipla, completamento, riempimento.
Suddivisione della prova:
− parte 1: 7 item a scelta multipla a tra opzioni grafiche.
− Parte 2: 6 item a scelta multipla a tre opzioni.
− Parte 3: 6 riempimenti relativi a un monologo.
− Parte 4: 6 vero/falso su un dialogo informale.

Parlato
Sono presenti due candidati e due esaminatori, uno dei quali osserva e valuta
la prova.
La prova è così suddivisa:
− Parte 1: interazione con l’esaminatore.
− Parte 2: interazione tra candidati partendo da uno stimolo visivo.
− Parte 3: monologo di un minuto su una foto.
− Parte 4: conversazione tra candidati sul monologo della parte 3.

FCE
L’esame è diviso in cinque parti: lettura, scrittura, usi della lingua,
ascolto e parlato. Esso è così strutturato:

lettura
Domande: 30.
Tipologia di esercizi: scelta multipla, riempimento di un testo con frasi date
in ordine sparso (gapped text), abbinamenti multipli.
L’esame è composto dalle seguenti parti:
− parte 1: 8 item a scelta multipla a quattro opzioni.
− Parte 2: 7 riempimenti (gapped text).
− Parte 3: 15 abbinamenti multipli (abbinare frasi a testi corrispondenti).

Scrittura
Tipologia di compito: articolo, mail, lettera, rapporto, commento, storia.
Struttura della prova:
− Parte 1: scrivere una lettera o un’e-mail di 120-150 parole.

57
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

− Parte 2: scrivere un articolo/saggio/lettera/rapporto/commenti/storia o


scrivere un articolo/saggio/lettera/rapporto/commento scegliendo tra
due tracce. Totale parole: 120-180.

Usi della lingua


Item: 42.
Tipologia di item: cloze a scelta multipla, cloze, formazione di parole, tra-
sformazione di frasi con parole chiave date.
La prova è composta dalle seguenti parti:
− parte 1: 12 item a scelta multipla su un cloze lessico-grammaticale.
− Parte 2: 12 item in un cloze lessico-grammaticale.
− Parte 3: 10 parole da inserire in un testo, formandole dalla radice data.
− Parte 4: 8 trasformazioni di frasi usando le parole chiave date.

Ascolto
Item: 30.
Tipologia di item: scelta multipla, completamento di frasi, abbinamenti mul-
tipli.
Struttura della prova:
− parte 1: 8 item a scelta multipla a tre opzioni su otto brevi testi.
− Parte 2: 10 frasi da completare.
− Parte 3: 5 abbinamenti multipli con 1 distrattore.
− Parte 4: 7 item a scelta multipla a tre opzioni.

Parlato
Sono presenti due candidati e due esaminatori, uno dei quali osserva e valuta
la prova.
La prova è composta dalle seguenti parti:
− Parte 1: conversazione con esaminatore.
− Parte 2: conversazione di un minuto su alcune fotografie; venti secon-
di di risposta dell’altro candidato.
− Parte 3: conversazione tra candidati su stimoli visivi e scritti.
− Parte 4: discussione sull’argomento della parte 3.

CAE
L’esame è diviso in cinque parti: lettura, scrittura, usi della lingua, a-
scolto e parlato. Esso è così strutturato:

Lettura
Domande: 34.

58
LE CERTIFICAZIONI LINGUISTICHE EUROPEE

Tipologia di esercizi: scelta multipla, riempimento di un testo con frasi date


in ordine sparso (gapped text), abbinamenti multipli.
La prova è così strutturata:
− parte 1: 6 item a scelta multipla a quattro opzioni.
− Parte 2: 6 riempimenti (gapped text).
− Parte 3: 7 item a scelta multipla a quattro opzioni.
− Parte 4: 15 abbinamenti multipli (abbinare frasi a testi corrispondenti).

Scrittura
Tipologia di compito: articolo, iscrizione a un concorso, contributo a un te-
sto, saggio, foglio informativo, lettera, proposta, rapporto, commento.
La prova si divide nelle seguenti parti:
− Parte 1: scrivere un articolo/lettera/proposta/rapporto/ di 180-220 pa-
role basandosi su un input scritto di 150 parole.
− Parte 2: scrivere un articolo/iscrizione a un concorso/contributo a un
testo/saggio/foglio informativo/lettera/proposta/rapporto/commento
oppure scrivere un articolo/saggio/rapporto/commento di 220-260 pa-
role scegliendo tra due opzioni.

Usi della lingua


Item: 50
Tipologia di item: cloze a scelta multipla, cloze, formazione di parole, riem-
pimenti, trasformazioni con parole chiave.
Struttura della prova:
− parte 1: 12 item a scelta multipla a quattro opzioni su cloze lessico-
grammaticale.
− Parte 2: 15 item a scelta multipla su cloze lessico-grammaticale.
− Parte 3: 10 parole da inserire in un testo formandole dalla radice data.
− Parte 4: 5 parole da inserire in 15 frasi, ciascuna è comune a 3 frasi.
− Parte 5: 8 trasformazioni di frasi usando parole chiave date.

Ascolto
Domande: 30.
Tipologia esercizi: scelta multipla, completamento, abbinamento multiplo.
La prova è composta dalle seguenti parti:
− Parte 1: 6 item a scelta multipla su tre testi.
− Parte 2: 8 completamenti di frasi su un monologo.
− Parte 3: 6 item a scelta multipla a quattro opzioni.

59
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

− Pare 4: 10 abbinamenti multipli (due esercizi con 5 frasi da abbinare a


una lista di 8 item).

Parlato
Sono presenti due candidati e due esaminatori, uno dei quali osserva e valuta
la prova.
La prova è composta dalle seguenti parti:
− Parte 1: conversazione con esaminatore.
− Parte 2: conversazione di un minuto su alcune fotografie; trenta se-
condi di risposta dell’altro candidato.
− Parte 3: conversazione tra candidati su stimoli visivi e scritti.
− Parte 4: discussione sull’argomento della parte 3.

CPE
L’esame è diviso in cinque parti: lettura, scrittura, usi della lingua, a-
scolto e parlato. Esso è così strutturato:

Lettura
Domande: 40.
Tipologia di esercizi: scelta multipla, riempimento di un testo con frasi date
in ordine sparso (gapped text), cloze lessicale.
La prova è così strutturata:
− parte 1: 18 item a scelta multipla a quattro opzioni su un cloze lessica-
le.
− Parte 2: 8 item a scelta multipla a quattro opzioni.
− Parte 3: 7 riempimenti (gapped text).
− Parte 4: 7 item a scelta multipla a quattro opzioni.

Scrittura
Tipologia di compito: articolo, saggio, lettera, proposta, rapporto, commen-
to.
La prova si divide nelle seguenti parti:
− Parte 1: scrivere un articolo/lettera/proposta/saggio/ di 300-350 parole
basandosi su un input scritto di 100 parole.
− Parte 2: scrivere un articolo/lettera/proposta/rapporto/commento oppu-
re scrivere un articolo/lettera/saggio/rapporto/commento di 300-35 pa-
role.

60
LE CERTIFICAZIONI LINGUISTICHE EUROPEE

Usi della lingua


Item: 44
Tipologia di item: cloze, formazione di parole, riempimenti, trasformazioni,
domande, riassunto.
Struttura della prova:
− parte 1: 15 item su cloze lessicale o grammaticale.
− Parte 2: 10 parole da inserire in un testo formandole dalla radice data.
− Parte 3: 6 riempimenti (6 parole da inserire in 18 frasi; ciascuna parola
è comune a tra frasi)
− Parte 4: 8 trasformazioni di frasi usando parole chiave date.
− Parte 5: 4 domande di comprensione su due testi; 1 riassunto.

Ascolto
Item: 28.
Tipologia item: scelta multipla, completamento, abbinamento.
La prova è composta dalle seguenti parti:
− parte 1: 8 item a scelta multipla a tre opzioni su quattro testi.
− Parte 2: 9 completamenti di frasi.
− Parte 3: 5 item a scelta multipla a quattro opzioni.
− Parte 4: 6 abbinamenti (abbinare frasi alla persona/e di riferimento).

Parlato
Sono presenti due candidati e due esaminatori, uno dei quali osserva e valuta
la prova.
La prova è composta dalle seguenti parti:
− Parte 1: conversazione con esaminatore.
− Parte 2: conversazione tra candidati con input visivo e traccia.
− Parte 3: risposta a un quesito e discussione con esaminatore.

2.2.3 La valutazione

KET

Lettura e scrittura:
60 punti (1 punto per domanda, tranne per la domanda n. 56 che vale 5 pun-
ti). Per la parte 9 di scrittura guidata si tiene conto di:

− rispetto dei punti guida


− spelling
− grammatica

61
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

Per questo compito i candidati sono penalizzati se la composizione è minore


rispetto al numero di parole date; non è prevista una penalizzazione se le pa-
role sono in numero maggiore.

Ascolto:
25 punti (1 punto per domanda)

Parlato:
sono presi in considerazione tre criteri (grammatica e vocabolario, pronun-
cia, interazione), basati sulla scala globale Cambridge per il parlato, la quale
per il livello A2 descrive:
è in grado di comunicare semplici messaggi in situazioni familiari o molto
prevedibili. Produce espressioni molto brevi – frasi o parole – con pause ed
esitazioni frequenti. È legato a formule fisse con una limitata capacità di ge-
nerare lingua. È in grado di produrre discorsi molto limitati. La pronuncia è
fortemente influenzata dalla L1 e a volte è difficile da comprendere. Richie-
de sforzo e assistenza da parte dell’interlocutore per non far fallire la comu-
nicazione.

Nell’esame KET non è necessario ottenere la sufficienza in tutte le abilità,


ma raggiungere un punteggio complessivo sufficiente (pari al 70% del pun-
teggio totale).

PET
Lettura:
35 punti (1 punto per ogni risposta corretta).

Scrittura:
25 punti (domande 1-5: 1 punto; domanda 6: 5 punti; domande 7/8: 15 pun-
ti). Per la parte 2 di scrittura vengono considerati:
− completezza contenuto
− efficacia comunicativa
− lunghezza dello scritto

Per la parte 3, invece, la scala utilizzata include:


− efficacia comunicativa
− strutture
− grammatica
− vocabolario
− coerenza
− coesione

62
LE CERTIFICAZIONI LINGUISTICHE EUROPEE

− organizzazione
− punteggiatura

Parlato:
sono presi in considerazione quattro criteri (grammatica e vocabolario, ge-
stione del discorso, pronuncia, interazione), basati sulla scala globale Cam-
bridge per il parlato, la quale per il livello B1 descrive: è in grado di gestire
la comunicazione nelle situazioni molto familiari. È in grado di costruire e-
spressioni più lunghe ma senza utilizzare un linguaggio complesso, tranne in
espressioni memorizzate. Ha problemi nel ricercare le risorse linguistiche
per esprimere idee e opinioni, che si manifestano in pause ed esitazioni. La
pronuncia è comprensibile, ma l’ascoltatore può cogliere caratteristiche della
L1. Ha alcune abilità di compensazione, ma richiede attenzione e assistenza
da parte dell’interlocutore.

Nell’esame non è necessario ottenere la sufficienza in tutte le abilità, ma rag-


giungere un punteggio complessivo sufficiente (pari al 70% del punteggio
totale).

FCE
Lettura:
40 punti (parte 1 e 2: 2 punti: parte 3: 1 punto).

Scrittura:
40 punti. La scrittura è valutata in base a due schemi, uno di valutazione glo-
bale e uno di valutazione analitica che tiene conto dei seguenti criteri: conte-
nuto, organizzazione e coesione, appropriatezza del registro e del format,
ampiezza (gamma delle funzioni), efficacia del messaggio nel lettore.
Il candidato è penalizzato se lo scritto è troppo lungo o troppo corto.

Usi della lingua:


40 punti (parte1-3: 1 punto; parte 4: 2 punti).

Ascolto:
40 punti (1 punto ogni risposta corretta).

Parlato:
40 punti. Sono presi in considerazione quattro criteri (grammatica e vocabo-
lario, gestione del discorso, pronuncia, interazione), basati sulla scala globale
Cambridge per il parlato, la quale per il livello B2 descrive: è in grado di ge-
stire la comunicazione nelle situazioni molto familiari. È in grado di orga-
nizzare discorsi estesi, ma occasionalmente produce espressioni non coerenti

63
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

con lievi errori riguardanti l’accuratezze e l’appropriatezza. Mantiene un


flusso di lingua anche se possono esserci delle esitazioni mentre cerca le ri-
sorse linguistiche. La pronuncia è facilmente comprensibile, ma con intru-
sioni della L1. Non richiede troppa assistenza o attenzione dell’interlocu-
tore.

Il punteggio del’esame è calcolato su 200 punti ottenibili. Non è ne-


cessario ottenere la sufficienza in tutte le abilità, ma raggiungere un punteg-
gio complessivo sufficiente .

CAE
Lettura:
40 punti (parti 1-3: 2 punti; parte 4: 1 punto).

Scrittura:
40 punti. La valutazione è data in base a due schemi, uno di valutazione glo-
bale e uno di valutazione analitica che tiene conto dei seguenti criteri: conte-
nuto, organizzazione e coesione, appropriatezza del registro e del format,
ampiezza (gamma delle funzioni), efficacia del messaggio nel lettore.
Il candidato è penalizzato se lo scritto è troppo lungo o troppo corto.

Usi della lingua:


40 punti (parte1-3: 1 punto; parte 4,5: 2 punti).

Ascolto:
40 punti (1 punto ogni risposta corretta).

Parlato:
40 punti. Sono presi in considerazione cinque criteri (risorse grammaticali,
risorse lessicali, gestione del discorso, interazione), basati sulla scala globale
Cambridge per il parlato, la quale per il livello C1 descrive: è in grado di ge-
stire la comunicazione nella maggior parte delle situazioni. È in grado di uti-
lizzare risorse linguistiche accurate e appropriate per esprimere idee e pro-
duce discorsi generalmente coerenti. Produce occasionalmente imperfezioni
legate all’accuratezza e all’appropriatezza. Mantiene un flusso costante, con
esitazioni naturali legate all’appropriatezza o all’espressione. L’accento del-
la L1 può essere evidente, ma non inficia la chiarezza del messaggio.

Il punteggio totale dell’esame è calcolato su 200 punti ottenibili. Non


è necessario ottenere la sufficienza in tutte le abilità, ma raggiungere un pun-
teggio complessivo sufficiente .

64
LE CERTIFICAZIONI LINGUISTICHE EUROPEE

CPE

Lettura:
40 punti (parte 1: 1 punto; parti 2-4: 2 punti).

Scrittura:
40 punti. La valutazione è data in base a due schemi, uno di valutazione globa-
le e uno di valutazione analitica che tiene conto dei seguenti criteri: contenuto,
organizzazione e coesione, appropriatezza del registro e del format, ampiezza
(gamma delle funzioni), efficacia del messaggio nel lettore.
Il candidato è penalizzato se lo scritto è troppo lungo o troppo corto.

Usi della lingua:


40 punti (parte1,2: 1 punto; parte 3,4: 2 punti; parte 5: 2 punti per item 40-43
e 14 punti per item 44). Per il compito del riassunto vengono presi in consi-
derazione i seguenti descrittori:
− rilevanza
− coerenza
− coesione
− organizzazione
− riformulazione
− morfosintassi
− informatività

Ascolto:
40 punti (1 punto ogni risposta corretta).

Parlato:
40 punti. Sono presi in considerazione i seguenti cinque criteri:
a) risorse grammaticali (ampiezza e flessibilità; accuratezza);
b) risorse lessicali (ampiezza; appropriatezza);
c) gestione del discorso (coerenza; estensione; rilevanza);
d) pronuncia (accento e ritmo; intonazione; suoni);
e) interazione (iniziare e rispondere; esitazione; turni di parola).

Tali criteri sono basati sulla scala globale Cambridge per il parlato, la
quale per il livello C2 descrive: è in grado di gestire la comunicazione nella
maggior parte delle situazioni, incluse quelle inaspettate o non familiari. È in
grado di utilizzare risorse linguistiche accurate e appropriate per esprimere
idee e concetti complessi e sa produrre discorsi estesi coerenti e facili da se-
guire. Raramente produce imperfezioni legate all’accuratezza e all’appro-
priatezza. La pronuncia è facile da comprendere e caratteristiche prosodiche

65
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

sono utilizzate efficacemente; molte caratteristiche, quali le pause e le esita-


zioni, sono simili a quelle di un parlante nativo.

Il punteggio dell’esame è calcolato su 200 punti ottenibili.


Non è necessario ottenere la sufficienza in tutte le abilità, ma raggiun-
gere un punteggio complessivo sufficiente .

2.2.4 La struttura in sintesi degli esami

KET – A2

Tabella n.13: struttura esami Ket A2.

Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture


linguistiche
Componenti X X X X
Task 5 8 2 1
N. di item 25 50
Tipologie di Abbina- Abbina- Intera- Scrittura
item/task mento mento zio-ne guidata
SM SM
Riempi- Cloze SM
mento Completa-
mento
Trasfor-
mazione
di
Informa-
zioni
Rilevanza 25% 50% 25% 50%
prove (con (con let-
scrittura) tura)
Tempi 30m 1h 10m 8-10m 1h 10m
(con (con let-
scrittura) tura)

66
LE CERTIFICAZIONI LINGUISTICHE EUROPEE

PET – B1

Tabella n. 14: struttura esami Pet B1.

Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture


linguistiche
Componenti X X X X
Task 4 5 4 3
N. di item 25 35
Tipologie di SM Abbina- Interazione Scrittura
item/task Riempi- mento Monologo guidata
mento SM Conversa- Scrittura
Completa- V/F zione estesa
mento Trasf.frasi
V/F
Rilevanza 25% 25% 25% 25%
prove
Tempi 35m 1h 30m 10-12m 1h 30m

FCE – B2

Tabella n. 15: struttura esami Fce B2.


Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
linguistiche
Componenti X X X X X
Task 4 3 4 2 4
N. di item 30 30 42
Tipologie di SM SM Conversa- Tra: Cloze SM
item/task Completa- Gapped zione Articolo Cloze
mento fra- text Discussione Mail Formazio-
si Abbina- Lettera ne
Abbina- menti Rapporto di parole
menti multipli Commento Trasforma-
multipli Storia zione
frasi
Rilevanza 20% 20% 20% 20% 20%
prove
Tempi 40m 1h 30m 14m 1h 20m 45m

67
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

CAE – C1

Tabella n. 16: struttura esami Cae C1.


Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
linguistiche
Componenti X X X X X
Task 4 4 4 2 5
N. di item 30 34 50
Tipologie di SM SM Conver- Tra: Cloze SM
item/task Completa- Gapped sazione Articolo Cloze
menti text Discus- Iscrizione Formazione
Abbina- Abbina- sione Contributo di parole
menti menti a un testo Trasforma-
multipli multipli Saggio zioni
Foglio in-
formativo
Lettera
Proposta
Rapporto
Commento
Rilevanza 20% 20% 20% 20% 20%
prove
Tempi 40m 1h 15m 15m 1h 30m 1h

CPE – C2

Tabella n. 17: struttura esami Cpe C2.


Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
linguistiche
Componenti X X X X X
Task 4 4 3 2 5
N. di item 28 40 44
Tipologie di SM SM Conversaz. Tra: Cloze
item/task Completa- Gapped Discussione Articolo Formazione
menti text Risposta a Saggio di parole
Abbina- Cloze un quesito Lettera Trasforma-
mento Proposta zioni
Rapporto Riempimenti
Commento Domande
Riassunto
Rilevanza 20% 20% 20% 20% 20%
prove
Tempi 40m 1h 30m 19m 2h 1h 30m

68
LE CERTIFICAZIONI LINGUISTICHE EUROPEE

2.3 Centre International d’Etudes Pédagogiques

Il Ministero francese dell’Educazione riconosce e rilascia la certifica-


zione DELF (Diplôme d'Etudes en Langue Française), DILF (Diplôme Initial
de Langue Française) e DALF (Diplôme Approfondi de Langue Française).
I diplomi Dilf, Delf e Dalf sono rilasciati dalla “Commissione Nazio-
nale per Delf e Dalf” del CIEP (Centre International d’Eutdes Pédagogi-
ques).
Il CIEP, creato nel 1945, è istituzione pubblica del Ministero dell’Edu-
cazione Nazionale dal 1987; ha due poli d’attività: l’educazione e le lingue.

2.3.1 I livelli

I livelli di certificazione rilasciati dal CIEP sono sette e sono equipara-


ti al Quadro comune europeo di riferimento:
− Dilf A1.1
− Delf A1
− Delf A2
− Delf B1
− Delf B2
− Dalf C1
− Dalf C2

Il CIEP rilascia, inoltre, il diploma Delf per ragazzi per i seguenti livelli:
− Delf A1
− Delf A2
− Delf B1
− Delf B2

I diplomi Delf e Dalf non sono soggetti a scadenza.

2.3.2 Le prove

Dilf
− Ascolto: 20 item – scelta multipla e abbinamenti (è richiesta la com-
prensione di 4 tipi di registrazioni: annunci pubblici, messaggi sempli-
ci, semplici istruzioni, informazioni numerali/ore).
− Lettura: 20 item – scelta multipla e abbinamenti (al candidato è richie-
sto di: comprendere diverse tipologie di testo – segni, semplici istru-

69
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

zioni, informazioni, informazioni numeriche; riconoscere la tipologia


e le funzioni di testi semplici).
− Scrittura: copiare un indirizzo e un numero di telefono; scrivere un
numero o un prezzo o una data; riempire un modulo; lasciare un mes-
saggio semplice.
− Parlato: intervista; intenzioni comunicative: richiedere e dare un prez-
zo, presentare persone e descrivere luoghi, esprimere un bisogno o fis-
sare un appuntamento, indicare la natura di un problema di salute.

Delf A1
− Ascolto: 13/14 item – scelta multipla (questionario relativo a 3 o 4
brevi brani registrati).
− Lettura: 13/14 item – scelta multipla, domande aperte (questionario su
4 o 5 brani).
− Scrittura: riempimento di un modulo; scrivere semplici frasi in carto-
line, messaggi, storie.
− Parlato: conversazione guidata; scambio di informazioni; role-play.

Delf A2
− Ascolto: 13 item – scelta multipla, vero/falso/non detto (questionario
relativo a 3 o 4 brevi brani registrati).
− Lettura: 22 item – scelta multipla, abbinamento, vero/falso giustifica-
to, domande aperte (questionario su 3 o 4 brani).
− Scrittura: lettera a un amico o un messaggio (in cui si chiede di: de-
scrivere un evento o un’esperienza personale oppure di invitare, rin-
graziare, scusarsi, chiedere, dare informazioni, congratularsi).
− Parlato: conversazione guidata; scambio di informazioni; role-play.

Delf B1
− Ascolto: 21/23 item – scelta multipla (questionario relativo a 3 brani
registrati).
− Lettura: 17/18 item – scelta multipla, vero/falso, domande aperte (que-
stionario su 2 brani in cui si richiede di ricavare informazioni utili e
analizzare i contenuti di un argomento di interesse generale).
− Scrittura: esprimere opinioni personali su un argomento generale
(saggio, lettera, articolo, eccetera).
− Parlato: conversazione guidata; interazione; esprimere un’opinione re-
lativamente ad un documento presentato.

Delf B2
− Ascolto: 18/20 item – scelta multipla, domande aperte (questionario
relativo a 3 brani registrati).

70
LE CERTIFICAZIONI LINGUISTICHE EUROPEE

− Lettura: 19/20 item – scelta multipla, domande aperte, vero/falso giu-


stificato, spiegazione di espressioni (questionario su 2 brani).
− Scrittura: scrittura di un brano quale contributo a un dibattito, lettera
formale, critica di un libro o di un film.
− Parlato: affermare e difendere la propria opinione relativamente ad un
documento presentato.

Dalf C1
− Ascolto: 24/25 item – scelta multipla, domande aperte (questionario
relativo ad alcuni brani registrati).
− Lettura: 15 item circa – scelta multipla, domande aperte, vero/falso/
non detto (questionario relativo al brano).
− Scrittura: riassunto di alcuni documenti per un totale di 1000 parole;
scrittura di un saggio relativamente agli argomenti dei documenti (i
candidati possono scegliere tra due campi: umanistico/sociale e scien-
ze).
− Parlato: presentazione orale basata su una serie di documenti scritti e
successiva discussione (i candidati possono scegliere tra due campi:
umanistico/sociale e scienze).

Dalf C2
− Ascolto e parlato: riportare i contenuti di una registrazione ascoltata
due volte; risoluzione del problema presentato nella registrazione; di-
battito con gli esaminatori, (i candidati possono scegliere tra due cam-
pi: umanistico/sociale e scienze).
− Comprensione e scrittura: scrittura di un testo strutturato – articolo,
editoriale, report, discorso – basato su una serie di documenti, (i can-
didati possono scegliere tra due campi: umanistico/sociale e scienze).

2.3.3 La valutazione

Per superare l’esame è necessario ottenere, per tutti i livelli, un pun-


teggio di 50/100.
Per quanto riguarda la valutazione delle prove soggettive, essa è così
strutturata:

Delf A1
Criteri produzione scritta:
− rispetto della consegna
− Correttezza sociolinguistica
− Capacità di informare e/o descrivere

71
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

− Lessico/ortografica lessicale
− Morfosintassi/ortografia grammaticale
− Coerenza e coesione
Criteri produzione orale:
− lessico/correttezza lessicale
− Morfosintassi/correttezza grammaticale
− Padronanza del sistema fonologico

Delf A2
Criteri produzione scritta (descrizione evento):
− rispetto della consegna
− Capacità di informare e/o descrivere
− Capacità di esprimere le proprie impressioni
− Lessico/ortografica lessicale
− Morfosintassi/ortografia grammaticale
− Coerenza e coesione
Criteri produzione scritta (lettera):
− rispetto della consegna
− Correttezza sociolinguistica
− Capacità di interazione
− Lessico/ortografica lessicale
− Morfosintassi/ortografia grammaticale
− Coerenza e coesione
Criteri produzione orale:
− lessico
− Morfosintassi
− Padronanza del sistema fonologico

Delf B1
Criteri produzione scritta:
− rispetto della consegna
− Capacità di presentare i fatti
− Capacità di esprimere i propri pensieri
− Coerenza e coesione
− Ampiezza vocabolario
− Padronanza vocabolario
− Padronanza dell’ortografia lessicale
− Grado di elaborazione delle frasi
− Scelta dei tempi e dei modi
− ortografia grammaticale

72
LE CERTIFICAZIONI LINGUISTICHE EUROPEE

Criteri produzione orale:


− lessico
− Morfosintassi
− Padronanza del sistema fonologico

Delf B2
Criteri produzione scritta:
− rispetto della consegna
− Correttezza sociolinguistica
− Capacità di presentare i fatti
− Capacità di argomentare una presa di posizione
− Coerenza e coesione
− Ampiezza vocabolario
− Padronanza vocabolario
− Padronanza dell’ortografia
− Scelta delle forme
− Grado di elaborazione delle frasi
Criteri produzione orale:
− lessico (ampiezza e padronanza)
− Morfosintassi
− Padronanza del sistema fonologico

Dalf C1
Criteri produzione scritta (sintesi di argomenti):
− rispetto del contenuto dei documenti
− Correttezza sociolinguistica
− Capacità di elaborare i testi
− Coerenza e coesione
− Competenza lessicale/ortografica lessicale
− Ampiezza/ padronanza vocabolario
− Padronanza dell’ortografia
− Competenza grammaticale/ortografica grammaticale
− Elaborazione delle frasi/flessibilità

È valutato, inoltre, il rispetto della consegna della lunghezza, che è penaliz-


zata di -1 un punto in caso di superamento o mancanza del 10% della fascia
numerica data.
Se il candidato riprende dei passaggi interi del testo, senza rielaborarli (più
di ¾ del testo), la competenza lessicale e grammaticale saranno valutate 0
punti.

73
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

Criteri produzione scritta (saggio argomentato):


− rispetto della consegna
− Capacità di argomentare
− Coerenza e coesione
− Competenza lessicale/ortografica lessicale
− Ampiezza/ padronanza vocabolario
− Padronanza dell’ortografia
− Competenza grammaticale/ortografica grammaticale
− Elaborazione delle frasi/flessibilità

Criteri produzione orale:


− lessico (ampiezza e padronanza)
− Morfosintassi
− Padronanza del sistema fonologico

2.3.4 La struttura in sintesi degli esami

Dilf – A1.1

Tabella n. 18: struttura esami Dilf A1.1.


Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
linguistiche

Componenti X X X X
Task 4 5 2 4
N. di item 20 20
Tipologie di Abbina- Abbina- Intervista Copiatura
item/task menti menti Espres- Trascri-
SM SM sione zione
di un’in- Riempi-
tenzione mento
comuni- Scrittura
cativa guidata
Rilevanza 35% 15% 35% 15%
prove
Tempi 25m 25m 10m 15m

74
LE CERTIFICAZIONI LINGUISTICHE EUROPEE

Delf A1

Tabella n. 19: struttura esami Delf A1.


Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
linguistiche
Componenti X X X X
Task 3-4 4-5 3 2
N. di item 13-14 13-14
Tipologie di SM SM Conver- Riempi-
item/task Domande sazione mento
aperte guidata Scrittura
Interazio- guidata
ne
Role-play
Rilevanza 25% 25% 25 25%
prove
Tempi 20m 30m 10m 30m

Delf A2

Tabella n. 20: struttura esami Delf A2.


Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
linguistiche
Componenti X X X X
Task 3-4 3-4 3 2
N. di item 13 22
Tipologie SM SM Conver- Composi-
di V/F/ND Abbina- sazione zione
item/task menti guidata Risposta
V/F giu- Scambio a lettera
stificato info
Domande Role-
aperte play

Rilevanza 25% 25% 25% 25%


prove
Tempi 25m 30m 10m 45m

75
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

Delf B1

Tabella n. 21: struttura esami Delf B1.


Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
linguistiche
Componenti X X X X
Task 3 2 3 1
N. di item 21-23 17-18
Tipologie di SM SM Conversa- Composi-
item/task Doman- Domande zione gui- zione
de aper- aperte data
te V/F Interazione
Esprimere
opinioni
Rilevanza 25% 25% 25% 25%
prove
Tempi 25m 35m 15m 45m

Delf B2

Tabella n. 22: struttura esami Delf B2.


Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
linguistiche
Componenti X X X X
Task 3 2 1 1
N. di item 18-20 19-20
Tipologie di SM SM Commento Composi-
item/task Domande Domande a un testo zione
aperte aperte
V/F giusti-
ficato
Spiegazione
di espres-
sioni
Rilevanza 25% 25% 25% 25%
prove
Tempi 30m 1h 20m 1h

76
LE CERTIFICAZIONI LINGUISTICHE EUROPEE

Dalf C1

Tabella n. 23: struttura esami Dalf C1.


Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
linguistiche
Componenti X X X X
Task 1 1 1 2
N. di item 24-25 15ca
Tipologie di SM SM Commento Saggio
item/task Domande Domande a testi Riassunto
aperte aperte Dicussione
V/F/ND
Rilevanza 25% 25% 25% 25%
prove
Tempi 40m 50m 30m 2h 30m

Dalf C2

Tabella n. 24: struttura esami Dalf C2.


Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
linguistiche
Componenti X X X X
Task 3 (con 3
parlato) (con ascol-
to)
N. di item
Tipologie di Riportare Monologo Scrittura
item/task un ascol- Interazione basata su
to testi
Rilevanza 25% 25% 25% 25%
prove
Tempi 30m 3h 30m 30m 3h 30m
(con par- (con (con ascol- (con let-
lato) scrittura) to) tura)

77
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

2.4 Goethe Institut

Il Goethe Institut, l’Ente Certificatore per la lingua tedesca, ha iniziato


la sua attività di certificazione nel 1951 e, attualmente, in Italia è ufficial-
mente riconosciuto dal Ministero della Pubblica Istruzione. .

2.4.1 I livelli

Il Goethe Institut certifica i seguenti livelli, equiparati al Quadro co-


mune europeo di riferimento:

Tabella n. 25: Livelli Goethe Institut e Consiglio d’Europa.


Esami Livelli Quadro co-
mune europeo di
riferimento
Fit in Deutsch 1 für Jugendliche A1
Start Deutsch 1
Fit in Deutsch 2 für Jugendliche A2
Start Deutsch 2
Zertifikat Deutsch für Jugendliche (ZDj) B1
Zertifikat Deutsch (ZD)
Zertifikat Deutsch für den Beruf B2
Goethe Zertifikat B2
Prüfung Wirtschaftsdeutsch (PWD) C1
Goethe Zertifikat C1
Zentrale Oberstufenprüfung (ZOP) C2
Kleines Deutches Sprachdiplom
Groβes Deutches Sprachdiplom

Gli esami Fit in Deutsch 1, Fit in Deutsch 2 si rivolgono a giovani tra


i 10 e i 15 anni.
Gli esami Start Deutsch 1, Start Deutsch 2 sono rivolti a giovani ed
adulti a partire dai 16 anni ed sono organizzati congiuntamente alla Weiter-
bilduings-Testsysteme GmbH (WBT).
L’esame Zertifikat Deutsch für Jugendliche è rivolto a giovani dai 12
ai 15 anni; è organizzato congiuntamente alla conferenza Svizzera dei Diret-
tori Cantonali della Pubblica Istruzione (rappresentati dall’Università di Fri-
bourg), all’Österreichisches Sprachdiplom Deutsch e alla Weiterbilduings-
Testsysteme GmbH (WBT).
In Germania lo Zertifikat Deutsch è riconosciuto come prova delle cono-
scenze della lingua tedesca ai fini dell’ottenimento della cittadinanza tede-
sca. Gli obiettivi di base dello Zertifikat Deutsch riguardano l’utilizzo lin-

78
LE CERTIFICAZIONI LINGUISTICHE EUROPEE

guistico del tedesco standard nella Repubblica Federale Tedesca, in Austria e


in Svizzera. L’esame è organizzato congiuntamente alla conferenza Svizze-
ra dei Direttori Cantonali della Pubblica Istruzione (rappresentati
dall’Università di Fribourg), all’Österreichisches Sprachdiplom Deutsch e
alla Weiterbilduings-Testsysteme GmbH (WBT).
Lo Zertifikat Deutsch für den Beruf dimostra di sapersi esprimere a-
deguatamente in lingua tedesca, sia a livello scritto che orale, nelle situazioni
lavorative di tutti i giorni.
L’esame è sviluppato in collaborazione con la Weiterbilduings-Testsysteme
GmbH (WBT).
L’esame Prüfung Wirtschaftsdeutsch (solo per maggiorenni) dimostra la ca-
pacità di comunicazione orale e scritta ad un livello avanzato in ambito pro-
fessionale ed economico.
L’esame Prüfung Wirtschaftsdeutsch è stato sviluppato con la collaborazione
dela Camera di Commercio e dell’Industria tedesca e con i Centri Carl Dui-
sberg.
Gli esami del Goethe Institut non sono soggetti a scadenza.

2.4.2 Le prove

Fit in Deutsch 1
L’esame è composto da due parti: l’esame scritto, che ha una durata di
circa 60 minuti e l’esame orale, che si svolge in 20 minuti.
L’esame scritto comprende:
− comprensione orale: 2 parti (scelta multipla a tre uscite - anche con
immagini, vero/falso)
− comprensione scritta: 2 parti (scelta multipla a tre uscite relativamente
a due brevi testi, vero/falso riguardante due brevi testi)
− produzione scritta: redazione di una breve comunicazione scritta sulla
base di una traccia, in risposta a una comunicazione scritta come un’e-
mail o un fax.
L’esame orale è un esame di gruppo in cui si richiede: presentazione,
monologo, formulazione di domande su un tema assegnato e risposta a do-
mande di un compagno, costruzione di un dialogo per esprimere richieste e
reagire alle stesse.

Start Deutsch 1
La prova è costituita da due parti: l’esame scritto, che prevede una du-
rata di 65 minuti circa e l’esame orale, cha ha una durata di 15 minuti.
L’esame scritto è composto da:
79
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

− comprensione orale: 3 parti (esercizi di scelta multipla e vero/falso)


− comprensione scritta: 3 parti (esercizi di vero/falso, individuazione tra
due brevi testi di quello che contiene l’informazione data)
− produzione scritta: 2 parti, inserimento dei dati mancanti in un modulo
e scrittura di una breve comunicazione personale (lettera e-mail) sulla
base di una traccia.

L’esame orale, che si svolge in gruppo, è composto da 3 parti: presen-


tazione, chiedere e dare informazioni, formulare delle richieste e reagire alle
stesse.

Fit in Deutsch 2
L’esame è composto da: esame scritto, di durata di circa 90 minuti e
esame orale, di 20 minuti complessivi.
L’esame scritto è costituito da:
− comprensione orale
− comprensione scritta
− produzione scritta: redazione di una lettera di risposta a una comuni-
cazione scritta, sulla base di alcune linee guida.

La prova orale, che si svolge in gruppo, prevede: presentazione, mo-


nologo, formulazione di domande su un tema di carattere quotidiano, rispo-
sta alle domande di un compagno, dialogo, reazione adeguata a situazioni di
tipo quotidiano.

Start Deutsch 2
La prova è costituita da un esame scritto di durata di 70 minuti e un
esame orale di durata di 15 minuti.
L’esame scritto comprende:
− comprensione orale: 3 parti (riempimento, scelta multipla, abbinamen-
to)
− comprensione scritta: 3 parti (scelta multipla, vero/falso, abbinamen-
to)
− produzione scritta: 2 parti, inserimento dei dati mancanti in un modu-
lo, scrittura di una breve comunicazione (lettera, e-mail) seguendo una
traccia.

L’esame orale si svolge in coppia ed è diviso in tre parti: presentazione,


domande e risposte su temi quotidiani, discussione di un progetto comune.

80
LE CERTIFICAZIONI LINGUISTICHE EUROPEE

Zertifikat Deutsch für Jugendliche


L’esame è composto da una parte scritta, che dura circa 150 minuti e
una parte orale di 15 minuti.
La parte scritta è costituita da:
− comprensione scritta
− strutture grammaticali
− comprensione orale
− produzione scritta.
L’esame orale comprende: colloquio, dialogo, monologo, discussione.

Zertifikat Deutsch
La prova è costituita da un esame scritto di durata di 150 minuti e un
esame orale di durata di 15 minuti.
La prova scritta comprende:
− comprensione scritta (abbinamento, scelta multipla)
− strutture grammaticali (scelta multipla, completamento)
− comprensione orale (vero/falso)
− produzione scritta: scrittura di una lettera personale o semi-formale in
risposta a una comunicazione scritta, sulla base di una traccia (dispo-
sizione di indicazioni fornite in sequenza logica).

L’esame orale include: colloquio, dialogo, monologo, discussione.

Zertifikat Deutsch für den Beruf


L’esame è costituito da una parte scritta, con una durata complessiva
di circa 160 minuti e una parte orale di 20 minuti.
La prova scritta include:
− grammatica e lessico (durata complessiva: 30 minuti): riempimento
tramite scelta multipla di un testo di circa 200 parole con 15 spazi
vuoti riguardanti il lessico; testo d’attualità di circa 200 parole con 15
spazi vuoti da riempire tramite scelta multipla di elementi grammati-
cali; correzione di 10 errori grammaticali e ortografici in una lettera di
circa 100 parole.
− Comprensione scritta (durata complessiva: 40 minuti): lettura di un
articolo di giornale di circa 400 parole con valutazione di dieci affer-
mazioni in base alla loro corrispondenza al testo; 5 esercizi riguardanti
la presa di appunti su alcuni punti, precedentemente assegnati, di un
articolo di giornale di circa 200 parole; 5 esercizi a scelta multipla re-

81
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

lativi alla comprensione di un testo di circa 300 parole (lettera com-


merciale, testo aziendale, eccetera).
− Comprensione orale (durata complessiva: 30 minuti): presa di appunti
e compilazione di un modulo per appunti telefonici dopo l’ascolto di
un messaggio registrato e di una conversazione – il candidato ascolte-
rà ciascuno dei testi due volte; 5 esercizi a scelta multipla relative alle
informazioni contenuti nel testo della conversazione – il candidato
ascolterà una volta il testo per intero e una volta suddiviso in sezioni;
dieci esercizi di valutazione di informazioni corrispondenti o meno al
testo relative all’ascolto di una trasmissione radiofonica - il candidato
ascolterà una volta il testo per intero e una volta suddiviso in sezioni.
− Corrispondenza: risposta ad una lettera commerciale (vengono dati
degli appunti e moduli di testo); redazione di una lettera commerciale
di circa 100-120 parole (vengono date alcune parole chiave e la situa-
zione.

L’esame orale è diviso in tre parti e comprende: presentazione (con


lista di parole chiave da sviluppare), descrizione dettagliata di un grafico o di
una statistica e rispondere alle domande date, colloquio con l’esaminatore su
argomenti assegnati. Il candidato avrà a disposizione 15 minuti per preparar-
si alla seconda e terza parte.

Goethe Zertifikat B2
L’esame è composto da una parte scritta, che dura circa 190 minuti e
una parte orale di 30 minuti.
La parte scritta è costituita da:
− comprensione scritta (durata complessiva: 80 minuti): abbinamento di
7 annunci e persone relative; 5 domande a scelta multipla su un testo
di media lunghezza; giudizio di affermazioni (positive/negative) rela-
tivamente a un testo di media lunghezza; completamento di un testo il
cui bordo destro è stato cancellato.
− Produzione scritta (durata complessiva: 80 minuti): redazione di un
testo (a scelta tra due tracce) rivolto a una redazione (quotidiano o
internet) di circa 180 parole in cui siano sviluppati un argomento e
quattro indicazioni assegnate; correzione di una lettera in cui sono
presenti 10 errori.
− Comprensione orale (durata complessiva: 30 minuti): correzione di
informazioni sbagliate o completamento di un testo ascoltato una sola
volta; domande a scelta multipla su un testo radiofonico di 8-10 mi-
nuti, ascoltato la prima volta per intero e la seconda suddiviso in tre
pezzi.

82
LE CERTIFICAZIONI LINGUISTICHE EUROPEE

L’esame orale può essere sostenuto singolarmente o in coppia, esso


prevede:
− riferire con ordine logico il testo assegnato, elencando i pro e i contro
e la propria opinione a riguardo;
− discussione con l’interlocutore sulla scelta di alcune foto presentate.

Prüfung Wirtschaftsdeutsch
L’esame scritto è diviso in tre parti e ha una durata complessiva di 180
minuti, mentre per la parte orale il tempo a disposizione è di 20 minuti.
Le parti della prova scritta comprendono:
− comprensione scritta (durata complessiva: 75 minuti): prevede 4 eser-
cizi di difficoltà crescente con un totale di almeno 35 esercizi. Il primo
esercizio richiede di prendere appunti sui dati essenziali di un’azienda
partendo da un testo giornalistico di circa 350 parole. Il secondo eser-
cizio prevede la comprensione globale e analitica di un articolo di e-
conomia di circa 300 parole. Il terzo esercizio chiede di comprendere
un testo aziendale interno. Il quarto esercizio consiste in un riempi-
mento di 10 spazi vuoti in un testo specialistico di circa 150 parole; le
opzioni per la parola da inserire sono a scelta multipla a tre uscite e ri-
guardano il lessico specialistico.
− Comprensione orale (durata complessiva: 75 minuti): prevede il dop-
pio ascolto di due testi con 3 esercizi di comprensione. Il primo eser-
cizio è costituito da 10 domande a scelta multipla a tre opzioni relative
alle informazioni principali e più particolari del testo ascoltato (di 10
minuti di durata). Il secondo esercizio prevede la compilazione di una
scheda con dieci punti chiave per l’annotazione delle informazioni più
rilevanti della conversazione ascoltata (come ad esempio i dati sulle
vendite e sulla loro evoluzione, le condizioni di trasporto e di conse-
gna). Il terzo esercizio prevede un riassunto scritto di 100-150 parole
sulla base degli appunti presi durante il secondo esercizio. Se l’esame
viene sostenuto nel proprio Paese, il riassunto può essere redatto in
lingua madre.
− Produzione scritta (durata complessiva: 45 minuti): redazione di un
testo di circa 200 parole sulla base di sei indicazioni date; il testo da
produrre sarà una risposta ad un testo autentico e riguarderà una lette-
ra di contatto, un invito, richieste di informazioni o un comunicato
stampa.

L’esame orale è di tipo individuale e consiste in tre esercizi: il primo


esercizio (3 minuti) richiede una presentazione del percorso professionale, le

83
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

attività passate, i progetti. Il secondo esercizio (7 minuti) include la presen-


tazione di un’impresa sulla base di dati sotto forma di grafico. Il terzo eser-
cizio (10 minuti) prevede una simulazione di una riunione o di una trattativa
in cui il candidato deve difendere i propri punti di vista, reagire adeguata-
mente a controargomentazioni e a richieste di chiarimenti, trovare un accor-
do. Il candidato ha a disposizione 15 minuti per la preparazione alla prova.

Goethe Zertifikat C1
L’esame è costituito da una parte scritta, con una durata complessiva
di circa 190 minuti e una parte orale di 15 minuti che il candidato può soste-
nere individualmente o in coppia.
La prova scritta include:
− comprensione scritta (durata complessiva: 70 minuti): 10 esercizi rela-
tivi alla lettura di un testo d’attualità (articolo di giornale, saggio) di
circa 700 parole e riempimento degli spazi in un riassunto; compila-
zione di una griglia con i punti tematici principali di 4 testi; comple-
tamento di dieci spazi vuoti, tramite opzioni a scelta multipla, di un ar-
ticolo di giornale di circa 250 parole – l’esercizio è relativo al lessico.
− Produzione scritta (durata complessiva: 80 minuti): descrizione e
commento (di circa 200 parole) di un grafico – il candidato può sce-
gliere tra due grafici e gli vengono comunicati il tema e cinque indica-
zioni; trasformazione di una lettera da privata a formale attraverso il
riempimento di dieci spazi.
− Comprensione orale (durata complessiva: 40 minuti): presa di appunti
su dieci parole o frasi relative ad un dialogo di tema quotidiano ascol-
tato una sola volta; dieci esercizi a scelta multipla riguardanti un testo
radiofonico di 8-10 minuti ascoltato una volta per intero e poi suddivi-
so in tre parti.

L’esame orale (durata complessiva: 15 minuti) richiede di:


− riferire con ordine logico il testo assegnato, elencando i pro e i contro
e la propria opinione a riguardo;
− discutere con l’interlocutore sulle possibilità relative a una situazione
(scelta da una lista data) e prendere insieme una decisione.

Zentrale Oberstufenprüfung
L’esame è composto da una parte scritta, di durata complessiva di 310
minuti e una parte orale di 20 minuti.
L’esame scritto include:

84
LE CERTIFICAZIONI LINGUISTICHE EUROPEE

− spiegazione del testo (durata: 90 minuti): domande sul contenuto del


testo proposto, abbinamento tra espressioni o parole e singole parole
del testo, esercizi lessicali.
− Espressione scritta (durata: 90 minuti): riformulazione di un testo uti-
lizzando espressioni indicate, esercizi grammaticali, esercizi lessicali
(ad esempio cercare espressioni contrarie alla parola data o trovare
frasi equivalenti senza cambiare il senso).
− Tema (durata: 90 minuti): scrittura di un testo impegnativo e coerente
in almeno 250 parole a scelta tra una traccia libera e una riferita ad un
libro (il Goethe Institut pubblica ogni anno un elenco di quattro libri,
sul cui contenuto vengono poi assegnati i temi).
− Comprensione orale (durata: 30 minuti): formulazione di appunti dopo
l’ascolto di un testo, prima per intero e poi suddiviso in sezioni.
L’esame orale è suddiviso in due parti, la prima riguarda: lettura di un
testo di circa 20 righe per dimostrare la padronanza della pronuncia e
dell’intonazione, riassunto del testo letto ed espressione delle proprie opi-
nioni a riguardo. Il candidato ha 15 minuti a disposizione per la preparazio-
ne. La seconda parte include: esposizione di una relazione preparata in pre-
cedenza (a casa) su un tema a scelta e successivo colloquio sul tema esposto
con l’esaminatore.

Kleines Deutches Sprachdiplom


L’esame consiste in una prova scritta (di durata di 5 ore) e una prova
orale (di circa 20 minuti).
L’esame scritto comprende:
− spiegazione di un testo sulla base del contenuto e del lessico (durata:
90 minuti): domande sul contenuto di un testo letterario di circa 50-60
righe ed esercizi sul lessico.
− Esercizi per la verifica della capacità espressiva (durata: 60 minuti):
esercizi grammaticali.
− Dettato (durata: 20 minuti): dettato su un testi di circa 20 righe.
− Esercizi sulla lettura (durata: 120 minuti): questa prova presuppone la
lettura di due libri che il candidato può scegliere da un elenco di quat-
tro libri. Gli esercizi da svolgere sono due: il primo riguarda la presa
di posizione personale sul contenuto del libro, il secondo una discus-
sione relativa ad un passo di 25-30 righe del testo.

L’esame orale include:


− lettura ad alta voce di un testo preparato (durata: 5 minuti): lettura di
un testo di circa 20 righe per dimostrare di conoscere la pronuncia e la
melodia tedesca.

85
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

− Relazione orale libera e colloquio (durata: 15 minuti): il candidato de-


ve produrre una relazione scegliendo tra 3 temi assegnati e sostenere
poi un colloquio con i due esaminatori.

Il candidato ha a disposizione 40 minuti per la preparazione all’esame


orale.

Groβes Deutches Sprachdiplom


L’esame è composto da una prova scritta (viene svolta in due giorni in
quanto supera le 10 ore) e una prova orale (di 25 minuti).
La prova scritta include:
− tema (durata: 210 minuti): svolgimento di un tema (500-700 parole) a
scelta su sei tracce.
− Spiegazione di un testo sulla base del contenuto, del lessico e dello sti-
le (durata: 120 minuti): risposta a domande sul contenuto e sul lessico
di un testo letterario o umanistico di circa 60 righe. Le domande ri-
guardano anche l’interpretazione dei mezzi stilistici utilizzati dal-
l’autore.
− Esercizi per la verifica delle capacità espressive (durata: 60 minuti):
riformulazione di un testo di circa 30 mezze righe, in base alle cono-
scenze lessicali e grammaticali.
− Dettato (durata: 20 minuti): dettato di un testo di 20 righe.
− Domande sul settore specifico (durata: 120 minuti): il candidato deve
leggere due libri scelti da un elenco suddiviso in tre specifici settori
proposti (letteratura tedesca, scienze naturali, scienze economiche).
Viene richiesto di svolgere un esercizio per ogni libro per dimostrare
di essere in grado di esprimersi con precisione e in modo linguistica-
mente corretto.
− Domande su cultura e civiltà tedesca (durata: 90 minuti): domande sul
contenuto di due libri scelti dall’elenco proposto per la preparazione
all’esame.

La prova orale comprende:


− lettura ad alta voce di un testo preparato (durata: 5 minuti): lettura di
un testo di circa 20 righe per dimostrare di conoscere la pronuncia e la
melodia tedesca.
− Relazione orale libera e colloquio (durata: 20 minuti): il candidato de-
ve produrre una relazione scegliendo tra 3 temi assegnati e sostenere
poi un colloquio con i due esaminatori.

86
LE CERTIFICAZIONI LINGUISTICHE EUROPEE

Il candidato ha a disposizione 40 minuti per la preparazione all’esame


orale.

2.4.3 La valutazione

Start Deutsch 1 e 2
Per la produzione scritta vengono presi in considerazione i se-
guenti criteri: adempimento delle consegne, forma comunicativa.
Per la produzione orale sono valutate le seguenti voci: adempi-
mento della consegna e realizzazione del parlato.

Fit in Deutsch 1
Per quanto riguarda la valutazione della produzione scritta, i criteri
presi in considerazione sono: forma comunicativa/contenuto ed estensione,
correttezza formale.
Nella produzione orale i criteri riguardano: realizzazione del compito, pro-
nuncia.

Fit in Deutsch 2
Per quanto riguarda la valutazione della produzione scritta, i criteri
presi in considerazione sono: forma comunicativa/contenuto ed estensione,
correttezza formale. Nella produzione orale i criteri riguardano: realizzazio-
ne del compito, correttezza formale, pronuncia.

Zertifikat Deutsch für Jugendliche (ZDj) e Zertifikat Deutsch


I criteri della produzione scritta riguardano:
− rispetto dei punti guida;
− forma comunicativa (ordine logico e collegamenti a punti guida; di-
sposizione delle frasi/unità espressive; modo di esprimersi relativa-
mente a contenuti e destinatari; riferimento destinatari: data, modo di
rivolgersi, formula di saluto e commiato)
− correttezza formale.

I criteri presi in considerazione per la produzione orale sono:


− capacità espressiva (modo di esprimersi relativamente a contenuti e
destinatari; lessico; realizzazione delle intenzioni comunicative);

87
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

− adempimento del compito (partecipazione al dialogo; impiego di stra-


tegie; fluenza);
− correttezza formale;
− pronuncia e intonazione.

Zertifikat Deutsch für den Beruf


I criteri relativi alla struttura della lettera includo:
− contenuto
− struttura
− adeguatezza linguistica
− morfologia e sintassi
− espressione.

I criteri relativi alle parole chiave della corrispondenza riguardano:


− adeguatezza del contenuto
− adeguatezza comunicativa
− correttezza linguistica
− capacità di espressione.

La valutazione della produzione orale segue, invece, i seguenti criteri:


− adeguatezza contenuto (presentarsi, leggere tabelle, role- play)
− adeguatezza linguistica (espressione, morfologia e sintassi, pronuncia
e intonazione, fluenza, interattività).

Zertifikat B2 e Zertifikat C1

I criteri della valutazione orale includono:


− adempimento della consegna (adeguatezza contenuto, estensione);
− interazione;
− coerenza e scorrevolezza;
− espressione (scelta e ricerca delle parole, rielaborazione);
− correttezza (morfologia, sintassi);
− pronuncia e intonazione (suono, accento e melodia della frase).

La produzione scritta è valutata secondo i seguenti criteri:


− completezza del contenuto;
− struttura del testo e coerenza;
− capacità d’espressione (ampiezza e padronanza del vocabolario);
− correttezza (morfologia, sintassi, ortografia e punteggiatura).

88
LE CERTIFICAZIONI LINGUISTICHE EUROPEE

Prüfung Wirtschaftsdeutsch
Produzione scritta: il testo viene corretto da due esaminatori i quali
seguono i seguenti criteri: impostazione dell’esercizio, struttura del testo, e-
spressione, correttezza linguistica.
Produzione orale: la prova viene valutata da due esaminatori sulla base
dei seguenti criteri: impostazione degli esercizi, capacità di comunicazione,
espressione, correttezza linguistica, pronuncia e intonazione.

Zentrale Oberstufenprüfung (ZOP)


I criteri per la valutazione della parte orale dell’esame sono suddivisi
nelle varie parti che lo compongono e cioè:

Parte I - Lettura di un testo preparato: articolazione e intonazione

Parte II - Riassunto delle informazioni principali in un testo: contenuto e


forma del riassunto, capacità espressiva (vocabolario/varietà, collegamenti,
livello linguistico), correttezza grammaticale (morfologia e sintassi)

Parte III - Conferenza su tema dato precedentemente e dialogo conclusivo:


contenuto ed esecuzione dell’esposizione (coerenza, struttura e scorrevolez-
za), capacità dialogica (reazione a domande, interazione, propri impulsi), ca-
pacità espressiva (vocabolario/varietà, collegamenti, livello linguistico), cor-
rettezza grammaticale (morfologia e sintassi), pronuncia (articolazione, into-
nazione).

Kleines Deutches Sprachdiplom e Groβes Deutches Sprachdiplom


La prova orale viene valutata da due esaminatori e la prova scritta da
due correttori.
Nella relazione orale il candidato deve dimostrare di:
− saper esporre in modo adeguato i fatti e il contesto relativi al tema;
− saper prendere posizione in modo adeguato sull’argomento ed essere
in grado di argomentare in modo differenziato;
− saper strutturare una relazione in modo logico e coerente.

Nel Groβes Deutches Sprachdiplom deve inoltre dimostrare di posse-


dere un lessico adeguato al tema e solide conoscenze grammaticali.

Il punteggio della prova scritta per il Kleines Deutches Sprachdiplom


è suddiviso secondo i criteri: interpretazione del testo, espressione, dettato;

89
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

mentre per il Groβes Deutches Sprachdiplom include: contenuto, correttez-


za, espressione.

2.4.4 La struttura in sintesi degli esami

Dopo aver descritto tutti gli esami legati alla lingua tedesca del Goe-
the Institut, si sintetizzano ora le prove principali legate ai sei livelli di com-
petenza (non sono incluse perciò gli esami per ragazzi dei primi due livelli e
gli esami orali dei livelli più alti).

Start Deutsch 1 – A1

Tabella n. 26: struttura esami Start Deutsch 1 – A1.


Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
linguistiche
Componenti X X X X
Task 3 3 3 2
N. di item 15 15
Tipologie SM V/F Presentarsi Riempim.
di V/F Individua- Interazione Composiz.
item/task zione info su traccia
Rilevanza 20% 20% 20% 20%
prove
Tempi 65m 65m (con 15m 65m (con
(con let- scrittura e lettura e
tura e ascolto) ascolto)
scrittura)

90
LE CERTIFICAZIONI LINGUISTICHE EUROPEE

Start Deutsch 2 – A2

Tabella n. 27: struttura esami Start Deutsch 2 – A2.


Ascolto Lettura Parlato Scrittu- Strutture
ra linguistiche
Componenti X X X X
Task 3 3 3 2
N. di item 15 15
Tipologie Riempi- SM Presenta- Riempi-
di mento V/F zione mento
item/task SM Abbina- Interazio- Compo-
Abbina- mento ne sizione
mento Discussio- su trac-
ne cia
Rilevanza 20% 20% 20% 20%
prove
Tempi 70m (con 70m (con 15m 70m
lettura e scrittura e (con let-
scrittura) ascolto) tura e
ascolto)

Zertifikat Deutsch (ZD) – B1

Tabella n. 28: struttura esami Zertifikat Deutsch (ZD) – B1.


Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
linguistiche
Componenti X X X X X
Task 3 3 3 1 2
N. di item 20 20 20
Tipologie di V/F Abbina- Colloquio/ Risposta SM
item/task mento Dialogo a una let- Completa-
SM Monologo tera su mento
Discussione traccia
Rilevanza 25% 25% 25% 15% 10%
prove
Tempi 150m 150m 15m 150m 150m (con
(105m con (con (con let- lettura, a-
lettura, scrittura, tura, a- scolto e
scrittura e ascolto e scolto e scrittura)
strutture) strutture) strutture)

91
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

Zertifikat B2

Tabella n. 29: struttura esami Zertifikat B2.


Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
linguistiche
Compo- X X X X
nenti
Task 2 4 2 2
N. di item 15 25
Tipologie Correz- Abbina- Riportare Composi-
di zione mento un testo zione
item/task errori SM Discus- Correzio-
Completa- Comple- sione ne
mento tamento errori
SM Si/No
Rilevanza 2% 25% 25% 25%
prove
Tempi 30m 80m 30m 80m

Zertifikat C1

Tabella n. 30: struttura esami Zertifikat C1.


Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
linguistiche
Componenti X X X X
Task 2 3 2 2
N. di item 20 30
Tipologie di Presa Completa- Riportare Descrizione
item/task appunti mento un testo guidata
SM SM Discus- Riempimento
Griglia sione
Rilevanza 25% 25% 25% 25%
prove
Tempi 40m 70m 15m 80m

92
LE CERTIFICAZIONI LINGUISTICHE EUROPEE

Zentrale Oberstufenprüfung (ZOP) – C2

Tabella n. 31: struttura esami Zentrale Oberstufenprüfung (ZOP) – C2.


Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
linguistiche
Componenti X X X X
Task 1 3 2 4
N. di item 6 71
Tipologie Presa Domande I: Riformulare
di appunti aperte Lettura un testo
item/task Abbina- Riassunto Tema
mento Commento Esercizi les-
Esercizi II: sicali e
lessicali Monologo grammaticali
(complet., preparato
spiegaz. Colloquio
di frasi)
Rilevanza 12.9% 16.13% 25.8% 45.16%
prove
Tempi 30m 90m 20m 180m

2.5 Instituto Cervantes

Il DELE (Diplomi di Spagnolo come Lingua Straniera) è attualmente


l’unico titolo ufficiale che attesta la competenza in lingua spagnola; è rila-
sciato dall’Instituto Cervantes e riconosciuto dal Ministero Spagnolo della
Pubblica Istruzione.
I diplomi DELE sono stati creati nel 1988 con il Real Decreto 826/1988.
L’Instituto Cervantes è l’Ente ufficiale dello Stato spagnolo per la dif-
fusione della lingua e della cultura spagnola e ispanoamericana.
Esistono tra Italia e Spagna, un Accordo di Cooperazione educativo-
culturale e scientifica (11/08/1955) e un Accordo Scientifico e Tecnico
(03/03/1969), sviluppati attualmente attraverso il Programma di Cooperazio-
ne Educativa-Culturale, Scientifica e Tecnologica in cui si stabilisce che “La
Parte spagnola segnala che l’Istituto Cervantes organizza sessioni di esame
per l’ottenimento dei Diplomi di Spagnolo come lingua straniera (DELE), ti-
toli ufficiali che riconoscono la conoscenza della lingua spagnola in tre livel-
li: iniziale, intermedio e superiore”.
L’Università di Salamanca collabora con l’Instituto Cervantes nel-
l’elaborazione dei modelli d’esame e nella valutazione delle prove.

93
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

2.5.1 I livelli

I diplomi DELE certificano tre livelli di competenza linguistica:


− livello Iniziale: corrisponde al livello B1 del Quadro comune europeo
di riferimento.
− Livello Intermedio: corrisponde al livello B2 del Quadro comune eu-
ropeo di riferimento.
− Livello Superiore: corrisponde al livello C2 del Quadro comune euro-
peo di riferimento.

Sono previsti inoltre il diploma di Spagnolo livello A1 e il diploma


DELE Escolar, il quale corrisponde a un livello iniziale, ma con contenuti e
tematiche adatti ad un pubblico che va dagli 11 ai 17 anni.
I Diplomi di Spagnolo come Lingua Straniera non sono soggetti a scadenza.

2.5.2 Le prove

L’esame di ogni livello è costituito da cinque prove:


− comprensione di lettura
− espressione scritta
− grammatica e vocabolario
− comprensione uditiva
− espressione orale.

Per quanto riguarda il Livello Iniziale, la struttura della prova è così articolata:
− comprensione della lettura: il candidato deve dimostrare la compren-
sione dei testi forniti rispondendo a 3 quesiti a scelta multipla o ve-
ro/falso e a una serie di domande per individuare i riferimenti nel testo
(parte uno); deve poi rispondere a 7 domande a scelta multipla o ve-
ro/falso riguardanti 7 brevi testi (parte due); deve, infine, rispondere a
dieci domande a scelta multipla o vero/falso per l’individuazione di
dati specifici nel testo (parte tre).
− Espressione scritta: si richiede di compilare un documento di carattere
pratico e formale, come un modulo, un questionario o un curricolo
(parte uno) e di redigere, a scelta tra due tracce, testi brevi e semplici
(tra le 80 e le 100 parole) di carattere pratico quali avvisi, note, an-
nunci, cartoline, brevi lettere per fare una prenotazione o chiedere in-
formazioni (parte due).
− Grammatica e vocabolario: la prova è composta da 5 frasi che realiz-
zano un atto comunicativo, in base alle quali il candidato deve indivi-
duare il contesto d’uso rispondendo a delle domande a scelta multipla
(parte uno); 10 frasi con parole inadatte da cambiare, scegliendole da
94
LE CERTIFICAZIONI LINGUISTICHE EUROPEE

una lista (parte due); 15 spazi da completare in un testo selezionando


l’opzione corretta (parte tre).
− Comprensione uditiva: è richiesto di ascoltare le battute di un perso-
naggio e di scegliere, tra le opzioni presentate, le 10 battute del perso-
naggio mancante (parte uno); di rispondere a 7 domande a scelta mul-
tipla, la cui risposta è costituita da foto o disegni (parte due); di ri-
spondere a 3 domande a scelta multipla o vero/falso dopo aver ascol-
tato un testo di tipo informativo (parte tre); di rispondere a 2 domande
a scelta multipla dopo l’ascolto di un dialogo (parte quattro).
− Espressione orale: il candidato (che ha a disposizione 10 minuti per la
preparazione) deve sostenere una conversazione con la commissione
di 10/15 minuti, riguardante domande semplici di carattere personale
(parte uno); una simulazione di una situazione reale (parte due); una
descrizione e una narrazione basate su un supporto grafico (parte tre);
un dialogo con la commissione relativamente al supporto grafico della
parte tre, in cui il candidato esprime i suoi gusti, le sue preferenze e le
sue ragioni (parte quattro).

Il Livello Intermedio è composto da:


− comprensione di lettura: vengono proposti 4 testi (massimo di 450 pa-
role) con 3 domande ciascuno a scelta multipla o vero/falso .
− Espressione scritta: si richiede di redigere una lettera personale sce-
gliendo tra due tracce (parte uno) e una composizione di tipo narrati-
vo, descrittivo o narrativo, scegliendo tra due tracce date (parte due).
Ogni testo deve contenere dalle 150 alle 200 parole
− Grammatica e vocabolario: vengono presentati un esercizio di com-
pletamento con 3 opzioni di un testo con 20 spazi (parte uno); dieci
dialoghi brevi in cui trovare, tra le tre opzioni presenti, la frase simila-
re a quella evidenziata (parte due); 30 dialoghi brevi da completare,
scegliendo l’opzione corretta, tra le due o quattro presentate (parte
tre).
− Comprensione uditiva: sono presentati 4 brani registrati seguiti da 3
domande a scelta multipla o vero/falso ciascuno.
− Espressione orale: il candidato (che ha a disposizione 15 minuti per la
preparazione) deve sostenere una conversazione con la commissione
di 10/15 minuti, riguardante il racconto di alcune vignette di una storia
che ha scelto tra due presentate e la continuazione del racconto as-
sumendo il punto di vista di uno dei personaggi (parte uno); fare
un’esposizione sul tema scelto tra i tre presentati prima di iniziare la
prova (parte due); gestire una conversazione con l’intervistatore sul
tema esposto precedentemente (parte tre).

95
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

L’esame del Livello Superiore è così strutturato:


− comprensione di lettura: sono presentati 3 testi con tre domande a
scelta multipla ciascuno (parte uno) e 10 domande e risposte di un in-
tervista da abbinare .
− Espressione scritta: si richiedere di redigere una lettera di carattere
non privato scegliendo tra due tracce tematiche (parte uno) e una
composizione di tipo narrativo, descrittivo, discorsivo o argomentati-
vi, scegliendo tra tre opzioni (parte due). I due testi prodotti devono
contenere dalle 150 alle 200 parole.
− Grammatica e vocabolario: al candidato sono sottoposti tre esercizi
che riguardano: un completamento di un testo con 20 spazi tramite
scelta tra tre opzioni (parte uno); 15 frasi brevi in cui trovare, tra le tre
opzioni presenti, l’espressione similare a quella evidenziata e 20 frasi
brevi da completare con la parola più adeguata al contesto grammati-
cale a scelta tra due o più opzioni (parte due); 5 errori da individuare
in due testi (parte tre).
− Comprensione uditiva: vengono presentati 4 brani registrati seguiti da
4 domande ciascuno (vero/falso per i testi 1 e 2, scelta multipla per i
testi 3 e 4). I testi riguardano conversazioni tra due o più persone,
commenti o notizie trasmesse dai mezzi di comunicazione
− Espressione orale: il candidato deve sostenere una conversazione con
la commissione di circa 15 minuti riguardante una descrizione com-
parativa tra due fotografie con successiva conversazione con la com-
missione (parte uno), un’esposizione su un tema a scelta tra tre opzio-
ni e una conversazione con l’intervistatore sul tema precedentemente
esposto (parte due).

2.5.3 La valutazione

Per tutti i livelli il punteggio massimo è di 100 punti. Per quanto


riguarda i criteri presi in considerazione per le prove soggettive, si ri-
portano di seguito alcuni esempi:

Espressione scritta (livello intermedio e superiore):


− Adeguatezza
− Struttura
− Grammatica
− Vocabolario

Espressione orale (livello intermedio):


− parte uno: adeguatezza, fluenza, pronuncia, grammatica, lessico.

96
LE CERTIFICAZIONI LINGUISTICHE EUROPEE

− Parte due: fluenza, pronuncia, grammatica, lessico.


− Parte tre: interazione, fluenza, pronuncia, grammatica, lessico.

Espressione orale (livello superiore):


− Correttezza grammaticale
− Dominio lessicale
− Pronuncia e accento
− Fluenza
− Capacità interattiva
− Adeguatezza alla situazione

Per ottenere il diploma è necessario superare tutte le prove nella stessa


sessione d’esame. Per ottenere la sufficienza si deve raggiungere il 70% del
punteggio in tutti i gruppi e cioè:
− 24,5 punti nel Gruppo 1
− 14 punti nel Gruppo 2
− 31,5 punti nel Gruppo 3.

Le prove di comprensione della lettura, comprensione uditiva, gram-


matica e vocabolario vengono valutate tramite correttore ottico automatico,
mentre per la produzione scritta, le prove vengono corrette da almeno due
esaminatori, delle cui valutazioni viene calcolata la media.

2.5.4 La struttura in sintesi degli esami

Livello iniziale – B1

Tabella n. 32: struttura esami Livello Iniziale B1.


Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
linguistiche
Componenti X X X X X
Task 4 3 4 2 3
N. di item 22 20 30
Tipologie di SM SM Conversa- Riempimento SM
item/task V/F V/F zione Composizione Complet.SM
Simulazione Abbinamento
Descrizione
Narrazione
Dialogo
Rilevanza 15% 20% 30% 15% 20 %
prove
Tempi 30m 40m 10/15m 50m 40m

97
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

Livello intermedio – B2

Tabella n. 33: struttura esami Livello Intermedio B2.


Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
linguistiche
Componenti X X X X X
Task 4 4 3 2 3
N. di item 12 12
Tipologie SM SM Racconto/ Lettura Complet.SM
di V/F V/F vignette Composi- SM
item/task Esposizione zione
Conversaz.ione
Rilevanza 15% 20% 30% 15% 20 %
prove
Tempi 30m 60m 10/15m 60m 60m

Livello superiore – C2

Tabella n. 34: struttura esami Livello Superiore C2.


Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture lin-
guistiche
Componenti X X X X X
Task 4 2 2 2 3
N. di item 16 19 60
Tipologie SM SM Comparazione Lettura Complet.SM
di V/F Abbina- di foto Composi- SM
item/task mento Esposizione zione Individuazione
Conversazione errori
Rilevanza 15% 15% 30% 20% 20%
prove
Tempi 45m 60m 15m 60m 60m

98
Capitolo 3

Le certificazioni di lingua italiana

3.1 Le certificazioni di lingua italiana

In Italia le certificazioni di italiano come lingua straniera riconosciute


dal Ministero degli Affari Esteri e dal Ministero dell’Istruzione, dell’Uni-
versità e della Ricerca Scientifica sono quattro:

− Cils, rilasciata dall’Università per Stranieri di Siena;


− Celi, rilasciata dall’Università per Stranieri di Perugia;
− Plida, rilasciata dalla Società Dante Alighieri di Roma;
− It, rilasciata dall’Università Roma Tre di Roma.

Le certificazioni sono conseguibili attraverso il superamento di più


prove di abilità nella lingua italiana, le quali possono essere sostenute nelle
sedi degli enti certificatori o nelle sedi aderenti (in Italia o all’estero).
Ogni certificazione attesta livelli di competenza linguistica prestabiliti,
rapportabili ai livelli delineati dal Consiglio d’Europa all’interno del Quadro
comune europeo di riferimento.
Le prove riguardano la comprensione e la produzione di testi scritti e
orali con le varianti proprie di ogni ente.
I destinatari delle certificazioni sono tutti i cittadini stranieri (compresi
gli italiani residenti all’estero e gli immigrati in Italia) interessati a un docu-
mento ufficiale che attesti la loro competenza nella lingua italiana.
In Italia l’interesse dell’italiano come lingua straniera nasce con il
convegno “L’italiano come lingua seconda in Italia e all’estero”, tenutosi a
Roma nel 1982 e che aveva lo scopo di rendere noti i risultati di una ricerca,
commissionata dal Ministero degli Affari Esteri all’Istituto per l’Enci-
clopedia Italiana, sui pubblici d’italiano come lingua straniera nel mondo. Fu
istituita di seguito la Commissione Nazionale per la Lingua e la Cultura Ita-
liana che propose di elaborare una certificazione della lingua italiana.
L’Università per Stranieri di Siena e Perugia e l’Università Roma Tre realiz-
zarono ognuna un proprio modello di certificazione. Nel 1992 il Ministero
degli Affari Esteri e queste università stipularono una convenzione che pre-
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

vedeva che gli Istituti Italiani di Cultura all’estero fossero sedi ufficiali per le
certificazioni; nel 1994, poi, le tre università sono state riconosciute dal Mi-
nistero degli Affari Esteri come Enti certificatori ufficiali e dal 2001 si è ag-
giunta anche la Società Dante Alighieri di Roma.
Il Ministero degli Affari Esteri nel 1997 ha proposto il documento
“Sistema coordinato delle Certificazioni dell’Italiano per Stranieri” per
esporre le corrispondenze tra il livello linguistico richiesto e alcuni ruoli pro-
fessionali ed educativi; a questo progetto hanno partecipato le tre università
riconosciute nel 1994 le quali hanno affiancato ad ogni ruolo proposto il li-
vello di certificazione richiesta.

3.2 Università per Stranieri di Siena (CILS)


La CILS – Certificazione di Italiano come Lingua Straniera – è rila-
sciata dall’Università per Stranieri di Siena dal 1993 ed è riconosciuta dallo
Stato italiano in base a una convenzione con il Ministero degli Affari Esteri.
L’Università per Stranieri di Siena è un’università statale ad ordina-
mento speciale che svolge attività di insegnamento e ricerca scientifica fina-
lizzate alla conoscenza e alla diffusione della lingua e della cultura italiana.
Il modello di certificazione proposto è di tipo multidimensionale, in
quanto tiene conto non solo delle caratteristiche linguistiche dell’italiano, ma
anche di quelle sociolinguistiche e culturali.
Relativamente ai modelli di apprendimento, la CILS fa riferimento agli
studi di linguistica acquisizionale, in particolar modo alle teorie sull’inter-
lingua del Progetto Pavia3.
Di questi studi la certificazione tiene conto anche per la suddivisione
dei livelli.

3.2.1 I livelli
Nella certificazione CILS i livelli attestati sono sei: Livello UNO, Li-
vello DUE, Livello TRE, Livello QUATTRO e i due livelli di competenza
elementare, Livello A1 e Livello A2.
I livelli UNO, DUE, TRE e QUATTRO sono divisi nei moduli:
− adulti in Italia
− adulti all’estero
− ragazzi all’estero;

3
Studio condotto dal 1986 dall’Università di Pavia sugli stadi di apprendimento dell’italiano
come L2. In chiave comparativa sono stati analizzati i modi di apprendimento dell’italiano,
cercando di categorizzare come e in che ordine sono apprese le strutture linguistiche. Sono
state così definite delle sequenze acquisizionali, le quali rimangono costanti indipendentemen-
te dalla lingua d’origine.

100
LE CERTIFICAZIONI DI LINGUA ITALIANA

mentre i livelli A1 e A2 sono suddivisi per più moduli e cioè:


− immigrati adulti in Italia
− immigrati adulti all’estero
− bambini, figli di immigrati in Italia, di età compresa tra i sei e gli un-
dici anni
− ragazzi, figli di immigrati in Italia, di età compresa tra i dodici e i
quindici anni
− stranieri adulti con tipologie linguistiche lontane dall’italiano (asiatici)
− ragazzi, figli di emigrati italiani all’estero, di I e II generazione, di età
compresa tra gli otto ed i quindici anni
− ragazzi stranieri di origine italiana, di III, IV e V generazione, di età
compresa tra gli otto e i quindici anni.
I livelli CILS sono stati equiparati ai livelli delineati dal Consiglio
d’Europa nel Quadro comune europeo di riferimento:

Tabella n. 35: Livelli Cils e Consiglio d’Europa.


Quadro comune europe di riferimento Livello CILS
A2 Livello A2
B1 CILS UNO
B2 CILS DUE
C1 CILS TRE
C2 CILS QUATTRO

I certificati di esami CILS non hanno scadenza.

3.2.2 Le prove

Le prove della certificazione CILS UNO, CILS DUE, CILS TRE e CILS
QUATTRO sono così suddivise e costituite:

Ascolto
Tre prove, scelte tra: dettato (solo per i livelli UNO, e DUE); scelta mul-
tipla; completamento di frasi o brevi testi; individuazione di informazioni; in-
dividuazioni di situazioni comunicative (solo per il livello UNO); domande
che richiedono risposte brevi (solo per i livelli TRE e QUATTRO); abbinamen-
to di brevi testi (per il livello TRE); riempimento di tabelle (per i livelli TRE e
QUATTRO); riassunto (solo per il livello QUATTRO).

101
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

Comprensione della lettura


Tre testi, con prove di: scelta multipla; completamenti; ricostruzione di
testi (solo per i livelli UNO, DUE, TRE); cloze (per i livelli UNO, DUE, TRE);
abbinamenti; individuazione di informazioni; domande semistrutturate (per i
livelli TRE e QUATTRO); domande a risposta aperta (solo per il livello QUAT-
TRO); riordino di un dialogo (solo per il livello QUATTRO).

Analisi delle strutture di comunicazione


Quattro prove, scelte tra: riempimento con lessico e morfologia (più
sintassi per i livelli DUE, TRE e QUATTRO e coesione testuale solo per il li-
vello QUATTRO); formazioni di frasi usando alcune parole date (solo per il
livello UNO); trasformazione di un testo dal singolare al plurale o dal presen-
te al passato o viceversa (solo per il livello UNO); riconoscimento di generi
testuali o tipo di testi (solo per il livello UNO); individuazione di situazioni
comunicative (solo per il livello UNO); scelta o produzione dell’espressione
adeguata al contesto in alcune situazioni comunicative (per i livelli UNO e
DUE); completamento o costruzione di brevi frasi, uso delle congiunzioni
subordinanti e coordinanti (per il livello DUE); trasformazioni di frasi dalla
forma attiva alla forma passiva, dalla forma esplicita alla forma implicita e
viceversa (per il livello TRE); riscrittura di frasi partendo da parole date (per
i livello TRE e QUATTRO); trasformazioni di brevi testi-del tipo di testo e re-
gistro (per i livelli TRE e QUATTRO); trasformazione dal discorso diretto al
discorso indiretto (solo per il livello QUATTRO); nominalizzazione e riscrit-
tura di frasi (solo per il livello QUATTRO); spiegazione del significato di bre-
vi testi (solo per il livello QUATTRO).

Produzione scritta
Due prove, costituite da: descrizione libera (per il livello UNO); lettera
per ringraziare, chiedere, raccontare (registro informale per il livello UNO,
registro formale per il livello DUE); cronaca di una giornata, festa o gita (per
il livello DUE); saggio (per i livelli TRE e QUATTRO); lettera formale a gior-
nali, enti pubblici, eccetera (per il livello TRE); lettera di reclamo, progetto,
regole e istruzioni (solo per il livello QUATTRO)

Produzione orale
Due prove: dialogo; monologo.
Le prove dei livelli iniziali CILS A1 e CILS A2, si differenziano per la
tipologia di test utilizzati, in particolare essi includono:
Ascolto
Tre prove (per modulo immigrati adulti, modulo apprendenti asiatici, modu-
lo figli di emigrati italiani, moduli ragazzi stranieri di origine italiana) o due

102
LE CERTIFICAZIONI DI LINGUA ITALIANA

prove (per modulo bambini figli di immigrati, modulo ragazzi figli di immi-
grati) tra: scelta multipla, individuazione di informazioni, individuazione di
situazioni comunicative (solo per modulo immigrati adulti, modulo bambini
figli di immigrati, modulo ragazzi figli di immigrati, modulo apprendenti a-
siatici), trascrizione di informazioni presenti nel testo (tranne che per modulo
apprendenti asiatici), dettato ( per modulo figli di emigrati italiani, modulo
ragazzi stranieri di origine italiana), cloze (modulo figli di emigrati italiani)

Comprensione della lettura


Tre prove tra: scelta multipla, individuazione di informazioni, abbina-
mento, ricostruzione di un testo (tranne che per modulo apprendenti asiatici)

Analisi delle strutture di comunicazione


Tre prove tra: cloze mirato su elementi morfologici, trasformazione di
un breve testo (singolare – plurale – presente – passato), cloze lessicale

Produzione scritta CILS A1


Due prove tra: compilare un modulo (tranne che per modulo bambini
figli di immigrati), scrivere un biglietto (solo per modulo bambini figli di
immigrati), descrivere un’immagine(modulo ragazzi figli di immigrati), scri-
vere una cartolina (tranne che per modulo bambini figli di immigrati), scri-
vere una breve lettera (tranne per bambini figli di immigrati), scrivere un te-
legramma (solo per modulo immigrati adulti), scrivere un messaggio di posta
elettronica (tranne per bambini figli di immigrati), scrivere un dialogo di
brevi storie a fumetti (modulo bambini figli di immigrati, modulo figli di e-
migrati italiani, modulo per ragazzi stranieri di origine italiana)

Produzione scritta CILS A2


Due prove tra: compilare un modulo (modulo per immigrati adulti,
modulo per figli di emigrati italiani, modulo per ragazzi stranieri di origine
italiana), scrivere una cartolina (modulo per immigrati adulti, modulo per
bambini figli di immigrati, modulo per figli di emigrati italiani, modulo per
ragazzi stranieri di origine italiana), scrivere un’e-mail, scrivere una breve
lettera, scrivere un telegramma (modulo per immigrati adulti), completare un
breve testo narrativo (modulo per bambini figli di immigrati, modulo per ra-
gazzi figli di immigrati, modulo per figli di emigrati italiani, modulo per ra-
gazzi stranieri di origine italiana), scrivere un avviso (modulo per ragazzi fi-
gli di immigrati), descrivere un’immagine (modulo per ragazzi figli di immi-
grati), descrivere un’immagine o una situazione (modulo per figli di emigrati
italiani, modulo per ragazzi stranieri di origine italiana), scrivere una pagina

103
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

di diario o una composizione su soggetto dato (modulo per apprendenti asia-


tici)

Produzione orale
Due prove: role-play su argomento/situazione quotidiana a scelta e
monologo

3.2.3 La valutazione

Le prove sono valutate secondo il profilo di competenza linguistica e


comunicativa previsto per ciascun livello, l’adeguatezza ai compiti richiesti e
l’efficacia comunicativa. Nei livelli UNO e DUE l’efficacia comunicativa
prevale sugli aspetti formali. Nei livelli TRE e QUATTRO la correttezza for-
male ha un peso maggiore.
La valutazione delle prove chiuse prevede un punteggio prestabilito
per ogni risposta esatta e un punteggio uguale a zero per ogni risposta sba-
gliata o omessa (le risposte sbagliate sono penalizzate in alcuni esercizi per
evitare un punteggio massimo dovuto alla scelta di tutte le risposte).
Per le prove semistrutturate, invece, esistono dei punteggi sfumati:
nelle prove di comprensione dei primi livelli (UNO e DUE) non vengono
considerati gli errori formali; nei livelli più alti (TRE e QUATTRO) c’è una
minima penalizzazione per questo tipo di errori.
Nelle prove aperte (produzione orale e scritta), infine, vengono adotta-
te delle griglie di valutazione nelle quali vengono separati i diversi aspetti
della produzione, (l’efficacia comunicativa, l’adeguatezza lessicale, l’ade-
guatezza stilistica, la correttezza morfosintattica, l’ortografia e la punteggia-
tura per le produzioni scritte; l’efficacia comunicativa, la correttezza morfo-
sintattica, l’adeguatezza lessicale, la pronuncia e l’intonazione per le produ-
zioni orali) e dove per ciascun aspetto viene stabilito il punteggio massimo
da attribuire.
Per ottenere la certificazione è necessario raggiungere un punteggio
minimo in tutte le abilità dell’esame. Se si ottiene il punteggio minimo solo
in alcune abilità, il risultato è capitalizzabile per il periodo di un anno.

3.2.4 La struttura in sintesi degli esami

Nell’analisi degli esami CILS vengono prese in considerazione, come


per le altre certificazioni, le prove dedicate a candidati adulti (in questo caso:
adulti all’estero).

104
LE CERTIFICAZIONI DI LINGUA ITALIANA

A1
Tabella n. 36: struttura esami Cils A1.
Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
linguistiche
Componenti X X X X X
Task 3 3 2 2 3
N. di item 12 12 34

Tipologie SM SM Role- Riempi- Cloze


di Individua- Individua- play mento Trasforma
item/task zione di zione di monolgo Cartolina -zione testi
Informa- Informa- Lettera
zioni e zioni Telegram-
situazioni Abbina- ma
Trascrizione mento e-mail
Ricostru-
zione
testo
Rilevanza 20% 20% 20% 20% 20%
prove
Tempi 20m 40m 5m 30m 30m

A2
Tabella n. 37: struttura esami Cils A2.
Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
linguistiche
Componenti X X X X X
Task 3 3 2 2
N. di item 12 12 34
Tipologie SM SM Role- Riempim. Cloze
di Individua- Indivi- play Cartolina Trasforma-
item/task zione di duazione monolgo Lettera zione di
informa- di info Telegram- testi
zioni e Abbina- ma
situazioni mento e-mail
Trascri- Rico-
zione stru-
zione di
un testo
Rilevanza 20% 20% 20% 20% 20%
prove
Tempi 20m 40m 5m 40m 30m

105
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

B1
Tabella n. 38: struttura esami Cils B1.
Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
linguistiche
Componenti X X X X X
Task 3 3 2 2 4
N. di item 14+dettato 24 69
Tipologie Dettato SM Dialogo Descrizio- Riempi-
di SM Completa- Mono- ne mento
item/task Completa- mento logo Lettera Formazione
mento Ricostru- di frasi
Individua- zione di Trasforma-
zione di testi zione
Informa- Cloze Individua-
zioni Abbina- zione
mento
Individua-
zione di
informa-
zioni
Rilevanza 20% 20% 20% 20% 20%
prove
Tempi 30m 40m 5m 1h20m 1h

B2
Tabella n. 39: struttura esami Cils B2.
Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
linguistiche
Compo- X X X X X
nenti
Task 3 3 2 2 4
N. di item 14+dettato 24 69
Tipologie Dettato SM Dialogo Lettera Formazione
di SM Complet. Monologo Cronaca di frasi
item/task Completa- Ricostru- Riempi-
mento zione di mento
Individua- testi
zione di in- Cloze
formazioni Abbina-
Individua- mento
zione di si- Individione
tuazioni co- di informa-
municative zioni
Rilevanza 20% 20% 20% 20% 20%
prove
Tempi 30m 50m 5m 1h30m 1h

106
LE CERTIFICAZIONI DI LINGUA ITALIANA

C1
Tabella n. 40: struttura esami Cils C1.
Ascolto Lettura Parlato Scrittu- Strutture
ra linguistiche
Compo- X X X X X
nenti
Task 3 3 2 2 4
N. di item 20 38 53
Tipologie SM SM Dialogo Saggio Riempi-
di Complet. Complet. Mono- mento
item/task Individua- Ricostruz. logo Trasforma-
zione di in- testi zione
formazioni Cloze Formazione
Domande Abbinam. di frasi e te-
Abbina- Individ. in- sti
mento formaz.
Riempi- Domande
mento semistrutt.
Rilevanza 20% 20% 20% 20% 20%
prove
Tempi 30m 1h 10m 5m 1h 45m 1h

C2
Tabella n. 41: struttura esami Cils C2.
Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
linguistiche
Componenti X X X X X
Task 3 3 2 2 4
N. di item 21 37 46+trasf.
testo
Tipologie SM SM Dialogo Saggio Riempi-
di Complet. Complet. Mongo- Lettera mento
item/task Individua- Abbina- logo Formazione
zione di in- mento di frasi e
formazioni Individua- testi
Domande zione di in- Trasforma-
Riempim formazioni zione
Riassunto Domande Spiegazione
semistruttu- di testi
rate
Domande
aperte
Riordino
Rilevanza 20% 20% 20% 20% 20%
prove
Tempi 30m 1h 30m 5m 1h 45m 1h 15m

107
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

3.3 Università per Stranieri di Perugia (CELI)

Il CELI, Certificato di conoscenza della lingua italiana, è rilasciato


dall’Università per Stranieri di Perugia, ed è riconosciuto dal Ministero degli
Affari Esteri.
Si occupa della certificazione CELI il CVCL, Centro per la Valutazione
e la Certificazione Linguistica, impegnato anche nella ricerca nel settore del-
la verifica e valutazione delle competenze linguistiche nelle lingue seconde.
L’Università per Stranieri inizia l’attività di certificazione nel 1987
con due livelli avanzati (Diploma di Conoscenza della Lingua Italiana e Di-
ploma di Conoscenza della Lingua e della Cultura Italiana) per poi avviare
nel 1993 un sistema ufficiale di certificazione comprendente più livelli.

3.3.1 I livelli

I livelli CELI testati sono sei:

Livelli CELI Livelli quadro comune europeo


di riferimento
CELI IMPATTO A1
CELI 1 A2
CELI 2 B1
CELI 3 B2
CELI 4 C1
CELI 5 C2

Tabella n. 42: Livelli Celi e Quadro comune europeo di riferimento.

È stato inoltre aggiunto il CELI 5 DOC, Certificato di lingua italiana


per docenti, il quale corrisponde al livello C2 del Framework ed è stato crea-
to per coloro che desiderano ottenere il riconoscimento dei titoli di forma-
zione professionale al fine dell’esercizio della professione docente nella
scuola italiana.
L’Università di Perugia rilascia inoltre dal 1999 la CIC, Certificazione
della conoscenza dell’Italiano Commerciale, la quale comprende due livelli:
CIC intermedio e CIC avanzato, corrispondenti rispettivamente ai livelli CELI
2 e CELI 4.

3.3.2 Le prove

Per quanto riguarda il livello CELI 1, l’esame è costituito da quattro


prove:

108
LE CERTIFICAZIONI DI LINGUA ITALIANA

− prova di comprensione di testi scritti, che utilizza abbinamenti (circa


25 item) e scelte multiple a tre opzioni (circa 5 item) per verificare la
comprensione di circa trenta brevi testi (fra le 500 e 600 parole). In
particolare la prova è così articolata:
a. comprendere notizie ed indicazioni: abbinamento immagine/frase;
b. comprendere sms: abbinamento;
c. comprendere annunci, avvisi, inserzioni: scelta multipla a due opzio-
ni;
d. completare un testo: completamento.
− Prova di produzione di testi scritti, costituita da completamenti (10 i-
tem) ed espansioni di testi (massimo 80 parole), volti a testare, i pri-
mi, la capacità di completare (generalmente con una parola) testi bre-
vi, semplici per lessico e struttura e di carattere narrativo o descrittivo,
i secondi, l’abilità di costruire, in base a delle tracce date, brevi testi di
tipo informativo relativamente all’ambito familiare e quotidiano. La
struttura analitica della prova riguarda:
a. rispondere ad un sms: 3 sms da 3 a 5 parole;
b. scrivere una mail informale: racconto di avvenimenti ad un amico se-
guendo 6 punti-traccia.
− Prova di comprensione di testi orali, che si avvale di abbinamenti (cir-
ca 30 item) e scelte multiple a due opzioni (circa 5 item) per verificare
la comprensione di circa trenta brevi testi (tra le 600 e le 700 parole)
pronunciati in italiano standard a velocità medio-lenta e relativi ad ar-
gomenti di quotidiana utilità. L’ascolto è così strutturato:
a. comprendere semplici indicazioni normative: scelta binaria;
b. comprendere istruzioni, avvisi, pubblicità: abbinamento istruzioni/im-
magini;
c. comprendere annunci: scelta multipla a 2 opzioni.
− Prova di produzione orale, che prevede una conversazione di circa 10
minuti con un esaminatore, con l’ausilio di materiale di supporto (con-
segnato dieci minuti prima della prova), al fine di testare la capacità di
parlare di sé, di descrivere una persona o una situazione e di riuscire
ad interagire in situazioni comuni quotidiane quali: presentarsi, chie-
dere informazioni, comunicare bisogni. La prova consiste in una fase
iniziale in cui al candidato è richiesto di parlare di sé, segue poi una
descrizione di immagini e, infine, una simulazione di interazione con
l’esaminatore basata sulle immagini commentate.

Come il CELI 1, anche la prova relativa al CELI 2 è composta da quat-


tro prove, le quali consistono nella:

109
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

− prova di comprensione di testi scritti, che impiega scelte multiple a tre


opzioni (circa 10 item), abbinamenti (circa 15 item), completamenti
(10 item circa) e completamenti con scelta multipla (10 item circa) per
verificare la comprensione di circa 10 testi (tra le 800 e le 900 parole)
di contenuto pratico-informativo. Al candidato è richiesto di com-
prendere il significato globale e analitico dei testi e di cogliere la fun-
zione semantica e grammaticale delle parole da dimostrare con il
completamento di un elemento in brevi frasi o testi.
− Prova di produzione di testi scritti, che richiede il completamento di
un modulo o questionario e la scrittura di due brevi testi (per un totale
massimo di 150 parole, divise tra: 100 parole circa per lettere a parenti
e amici, brevi cronache e 50 parole circa per cartoline, biglietti infor-
mali, messaggi, semplici annunci ed inserzioni) al fine di testare l’uso
della scrittura in situazioni prevedibili legate a contesti quotidiani ri-
correnti. Al candidato è richiesto di saper costruire frasi complesse di
tipo coordinativo e subordinativo (di tipologia frequente e con corre-
lazione dei tempi).
− Prova di comprensione di testi orali, la quale attraverso abbinamenti
(circa 25 item) e scelte multiple a tre opzioni (circa 10 item), verifica
la comprensione di circa 12 testi (tra le 700 e le 800 parole) pronun-
ciati in italiano standard a velocità media.
− Prova di produzione orale, richiedente una conversazione di circa 15
minuti con un esaminatore, con l’ausilio di materiale di supporto (con-
segnato dieci minuti prima della prova), per testare la capacità di par-
lare di sé, di descrivere la famiglia, la città e i passatempi, di interagire
in situazioni comuni e di descrivere immagini esprimendo anche valu-
tazioni su di esse. La prova consiste in una fase iniziale in cui al can-
didato è richiesto di parlare di sé, segue poi la simulazione di intera-
zione con l’esaminatore e, infine, la descrizione di immagini.

L’esame CELI 3 è invece costituito da cinque prove:


− prova di comprensione di testi scritti, la quale con scelte multiple a
quattro opzioni (10 item circa), abbinamenti (10 item) e risposte brevi
(circa 4 item) si propone di verificare la comprensione globale, anali-
tica e aspetti impliciti facilmente deducibili di 3 o 4 testi autentici (tra
le 1300 e le 1500 parole) di interesse generale.
− Prova di produzione di testi scritti, con la quale si richiede al candida-
to di scrivere una breve composizione coerente e coesa (dalle 120 alle
180 parole) su argomenti relativi all’ambito personale o di interesse
sociale e, inoltre, di produrre brevi testi (dalle 80 alle 100 parole) rela-
tivi a situazioni quotidiane ricorrenti, come: lettere formali e informali
(scambiare informazioni, consigli, notizie, opinioni, fare reclami, illu-
strare programmi, ecc.), e-mail a persone vicine (ringraziare, scusarsi,

110
LE CERTIFICAZIONI DI LINGUA ITALIANA

invitare, congratularsi, ecc.), annunci (comprare, vendere, scambiare,


noleggiare, affittare, eccetera). La prova è costituita da cinque compi-
ti: due composizioni e tre produzioni di tipo comunicativo, come quel-
le sopra indicate: il candidato dovrà scegliere per lo svolgimento della
prova, una composizione tra le due proposte e un compito comunica-
tivo fra i tre proposti.
− Prova di comprensione di testi orali, con scelte multiple (circa 10
item) e abbinamenti (10 item circa) per verificare la comprensione di
due o tre testi (tra le 900 e 1000 parole in tutto) pronunciati in italiano
standard e con inflessioni regionali non troppo marcate, a una velocità
media. Al candidato è richiesto, oltre di comprendere la situazione e i
suoi sviluppi, di interpretare gli stati d’animo e le intenzioni dei par-
lanti.
− Prova di produzione orale, la quale richiede una conversazione di cir-
ca 15 minuti con gli esaminatori, con l’ausilio di materiale di supporto
(consegnato quindici minuti prima della prova), per testare la capacità
di parlare in modo autonomo e fluente. La prova è composta da una
fase iniziale in cui si richiede al candidato di parlare di sé e di descri-
vere e commentare un’immagine, rispondendo anche alle domande di
un esaminatore, segue poi il riassunto di un testo sul quale poi discute-
re e, infine, una simulazione con un esaminatore durante la quale il
candidato deve sostenere e convincere l’interlocutore delle proprie
idee.
− Prova di competenza linguistica che valuta la padronanza di strutture
grammaticali attraverso completamenti (35 item) e ricostruzione di
brevi frasi (circa 10 item).

L’esame CELI 4 è composto da cinque prove:


− prova di comprensione di testi scritti, la quale attraverso scelte multi-
ple (circa 10 item), risposte brevi (circa 4 item) e abbinamenti (circa
10 item) testa la comprensione di quattro o cinque testi autentici (tra le
1500 e le 1800 parole in tutto). Il candidato deve essere in grado di
cogliere, oltre al senso globale e alle informazioni specifiche, le moti-
vazioni e le finalità del testo, deducendo anche informazioni non
esplicite.
− Prova di produzione di testi scritti, che richiede un riassunto (dalle 150
alle 200 parole) di un testo scritto (di circa 600 parole) e una compo-
sizione a scelta tra due compiti presentati (presi dalle seguenti tipolo-
gie: riassunto a partire da una traccia, lettere formali a giornali, lettere
per richiedere informazioni, lettere di sollecitazione o protesta, criti-
che su problemi sociali contemporanei, resoconti critici di vicende, ri-
flessione su temi di attualità, composizioni su temi di fantasia). Il can-
didato deve conoscere i meccanismi di formazione delle parole, come

111
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

la suffisazione e la prefissazione, e saper produrre sinonimi su registri


differenti.
− Prova di comprensione di testi orali, che si avvale di completamenti (8
item circa), abbinamenti (circa 10 item) e trasferimento di informazio-
ni (circa 10 item) per testare la comprensione di tre o quattro testi (fra
le 1200 e le 1400 parole). I testi possono essere ad una o più voci e
con connotazioni regionali; al candidato è richiesta la comprensione
analitica, sia a carattere situazionale che psicologico.
− Prova di produzione orale, la quale richiede una conversazione di cir-
ca 15 minuti con gli esaminatori, con l’ausilio di materiale di supporto
(consegnato 10 minuti prima della prova), per testare la capacità di
partecipare attivamente a una discussione, sostenendo le proprie opi-
nioni, formulando ipotesi e dando spiegazioni dettagliate su argomenti
generali, personali o relativi a settori specifici d’interesse. Al candida-
to è richiesta una buona padronanza delle strategie formali (lessicali,
grammaticali, idiomatiche, retoriche) e prosodiche. La prova è com-
posta da una fase iniziale in cui si richiede al candidato di parlare di
sé, segue poi l’analisi di due immagini simili, un testo da riassumere e
commentare e, infine, una tabella o un grafico o uno schema da illu-
strare.
− Prova di competenza linguistica, la quale testa la padronanza di ele-
menti morfosintattici e lessicali con prove di identificazione e corre-
zione di errori (circa 10 item), completamenti (25 item) ed espansione
di frasi (circa 10 item).

L’esame CELI 5, come i due precedenti, è costituito da cinque prove:


− prova di comprensione di testi scritti, che verifica, attraverso scelte
multiple (circa 10 item) e risposte brevi (circa 6 item) la comprensione
di tre o quattro testi autentici (tra le 1800 e le 2100 parole in tutto). Al
candidato è richiesto di fare inferenze sul testo, dedurre informazioni
non esplicite e di individuare strategie di contenuto e di forma.
− Prova di produzione di testi scritti, la quale verifica la capacità di
scrittura attraverso: un saggio (dalle 330 alle 360 parole), un breve
racconto (dalle 320 alle 360 parole) e una composizione (lettera, an-
nuncio, inserzione, avviso, reclamo, recensione, promemoria - per un
massimo di 170 parole). Al candidato è richiesta la produzione di si-
nonimi su registri differenti e l’uso di meccanismi di formazione del
lessico.
− Prova di comprensione di testi orali, che si avvale di completamenti
(10 item circa), abbinamenti (circa 10 item) e scelte multiple (circa 10
item) per testare la comprensione di tre o quattro testi (fra le 1500 e le
1700 parole). I testi possono essere ad una o più voci e con connota-

112
LE CERTIFICAZIONI DI LINGUA ITALIANA

zioni regionali; al candidato è richiesta la comprensione analitica, sia a


carattere logico che psicologico.
− Prova di produzione orale, la quale richiede una conversazione di cir-
ca 15 minuti con gli esaminatori (su argomenti comunicati al candida-
to 10 minuti prima dell’inizio della prova), per testare la capacità di
partecipare attivamente a una discussione su argomenti personali, so-
ciali, professionali o concettuali. Al candidato è richiesta una buona
padronanza degli strumenti morfosintattici e prosodici, proprietà lessi-
cale e l’uso del registro formale e informale. La prova parte da un te-
sto da riassumere e commentare, segue poi una foto da illustrare e, in-
fine, delle espressioni da spiegare e commentare.
− Prova di competenza linguistica, che verifica la conoscenza del siste-
ma grammaticale della lingua italiana con l’uso di completamenti (cir-
ca 30 item), attività di identificazione e correzione di errori (circa 15
item) e scelte multiple (circa 15 item).

L’ultimo nato, il CELI IMPATTO, è costruito diversamente per due ti-


pologie di destinatari:
− per l’italiano generale
− per immigrati adulti con scarsa scolarizzazione.

Il CELI IMPATTO per “l’italiano generale” è composto dalle prove di:


− comprensione scritta (4 item di abbinamento e 8 item vero/falso)
− produzione scritta (breve composizione)
− interazione scritta (compilazione e completamento di un modulo –
20/25 parole)
− comprensione orale (risposte brevi)
− produzione orale (breve monologo)
− interazione orale (semplice conversazione con l’esaminatore).

Il CELI IMPATTO per “immigrati adulti con scarsa scolarizzazione” è


costituito dalle prove di:
− comprensione scritta (abbinamento e vero/falso)
− interazione scritta (compilazione e completamento di un modulo)
− comprensione orale (risposte brevi)
− produzione orale (breve monologo)
− interazione orale (semplice conversazione con l’esaminatore)

113
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

3.3.3 La valutazione

Il punteggio attribuito alle prove (CELI 1, CELI 2, CELI 3, CELI 4, CELI


5), segue, considerate le loro diverse caratteristiche, due metodologie diver-
sificate per prove di tipo oggettivo e soggettivo.
Il punteggio alle prove oggettive è così attribuito:

scelta multipla:
− 1 punto per la risposta esatta se le alternative sono due
− 2 punti per la risposta esatta se le alternative sono tre
− 3 punti per la risposta esatta se le alternative sono quattro
− 0 punti per l’astensione
− meno 1 punto per la risposta sbagliata.

Abbinamenti:
− 1 punto per la risposta corretta
− 0 punti per l’astensione
− meno 1 punto per la risposta errata.

Completamenti:
− 1 punto per il completamento corretto
− 0 punti per l’astensione.

Completamenti con elenco di parole da utilizzare:


− 1 punto per la risposta esatta
− 0 punti per l’astensione
− meno 1 punto per la risposta sbagliata.

Risposte brevi:
− 3 punti per la risposta corretta e bene espressa
− 2 punti per la risposta corretta ma male espressa
− 1 punto per la risposta incompleta
− 0 punti per la risposta errata.

Espansione di appunti o testi:


− 2 punti per la risposta esatta
− 1 punto per la risposta incompleta o male espressa
− 0 punti per la risposta sbagliata.

Trasferimento di informazioni:
− 1 punto per la risposta corretta
− 0 punti per la risposta errata e per l’astensione.

114
LE CERTIFICAZIONI DI LINGUA ITALIANA

Identificazione e correzione di errori:


− 1 punto per la risposta esatta
− 0 punti per la risposta sbagliata e per l’astensione.

Per il CELI IMPATTO, i punteggi della prova scritta riguardano:


− abbinamento: 1 punto per la risposta corretta; 0 punti per la risposta
sbagliata e l’astensione
− vero/falso: 0,5 punti per la risposta corretta: 0 punto per la risposta er-
rata e l’astensione.

Per la correzione delle prove di tipo soggettivo, produzione orale e


scritta, vengono utilizzate delle scale di competenza, le quali descrivono le
caratteristiche necessarie per raggiungere un determinato punteggio in ognu-
na delle competenze selezionate.
La scala di competenza relativa alla produzione di testi scritti riguarda
(tranne per i livelli CELI IMPATTO e CELI 1, in cui si valuta la completezza
globale del lavoro) quattro aspetti principali e cioè:
− competenza lessicale
− competenza morfologica e sintattica
− competenza socioculturale
− coerenza.

Ciascuno di questi aspetti è descritto attraverso una scala divisa


in cinque gradi, ognuno dei quali ha un punteggio che corrisponde a
un giudizio (gravemente insufficiente, insufficiente, sufficiente, buo-
no, ottimo).
Anche per la correzione della prova orale è stata elaborata una scala di
competenza, la quale include (tranne per il CELI 1, in cui i descrittori sono
più globali, e per il CELI IMPATTO, in cui si valuta l’orientamento dello stu-
dente nelle diverse competenze), quattro aspetti:
− competenza lessicale
− competenza morfologica e sintattica
− competenza socioculturale
− pronuncia e intonazione.

Come per la prova scritta, ciascun aspetto prevede 5 gradi di descritto-


ri ai quali è assegnato un giudizio (gravemente insufficiente, insufficiente,
sufficiente, buono, ottimo).

Il punteggio finale dell’esame è dato dalla somma dei punteggi ottenu-


ti in ogni singola prova.

115
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

È previsto un punteggio minimo per il superamento, solamente per le


prove di produzione orale e di produzione scritta (che comprende: compren-
sione della lettura, produzione scritta, competenza linguistica, comprensione
orale) in modo da permettere al candidato di ripetere la parte non superata.
Per ottenere il certificato è necessario superare tutte le prove; la prova
scritta e la prova orale sono capitalizzabili per il periodo di un anno (due ses-
sioni). La certificazione non è soggetta a scadenza.

3.3.4 La struttura in sintesi degli esami

A1
Tabella n. 43: struttura esami Celi A1.
Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
linguistiche
Componenti X X X X
Task 1 2 2 2
N. di item 12
Tipologie Domande Abbina- Monologo Completa-
di aperte mento Conversa- mento
item/task V/F zione Composi-
zione
Rilevanza 25% 25% 25% 25%
prove
Tempi 10m 1h 15m 8-10m 1h 15m
(con (con lettu-
scrittura) ra)

A2
Tabella n. 44: struttura esami Celi A2.
Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
linguistiche
Componenti X X X X
Task 2 4 3 2
N. di item 35 30
Tipologie SM SM Presentaz. Completa-
di Abbina- Abbina- Descriz. di mento
item/task mento mento immagini Scrittura
Interazione guidata
Rilevanza 30% 25% 30% 15%
prove
Tempi 18m 2h (con 10m 2h (con
scrittura) lettura)

116
LE CERTIFICAZIONI DI LINGUA ITALIANA

B1

Tabella n. 45: struttura esami Celi B1.


Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
linguistiche
Componenti X X X X
Task 3 5 3 3
N. di item 35 35
Tipologie Abbina- SM Presenta- Completa-
di mento Abbina- zione mento
item/task SM mento Descrizio- Scrittura
Individua- Comple- ne imma- guidata
zione tamento gini
di infor- Compl./ Interazio-
mazioni SM ne
Individu-
azione di
informa-
zioni
Rilevanza 25% 25% 25% 25%
prove
Tempi 18m 2 h (con 15m 2 h (con
scrittura) lettura)

B2

Tabella n. 46: struttura esami Celi B2.


Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture lin-
guistiche
Componenti X X X X X
Task 2/3 3/4 4 2 3
N. di item 20 24 3 45
Tipologie Abbina- Abbina- Presentaz. Composi- Completa-
di mento mento Descrizione zione di mento
item/task SM SM immagini brevi te- Ricostruzione
Domande Interazione sti di frasi
aperte Riassunto
Discussione
Rilevanza 20% 20% 30% 20% 10%
prove
Tempi 25m 2h 15m 15m 2h 15m 45m
(con (con let-
scrittura) tura)

117
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

C1

Tabella n. 47: struttura esami Celi C1.


Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
linguistiche
Componenti X X X X X
Task 3/4 4/5 4 2 4
N. di item 28 24 1 45
Tipologie di Abbina- Abbina- Presenta- Composi- Correzione
item/task mento mento zione zione errori
Completa- SM Analisi Riassunto Completa-
mento Domande immagini mento
Trasferi- aperte Riassunto Espansione
mento di Illustraz. frasi
informazioni grafico
Rilevanza 15% 20% 30% 25% 10%
prove
Tempi 25m 2h 45m 20m 2h 45m 1h 15m
(con (con let-
scrittura) tura)

C2

Tabella n. 48: struttura esami Celi C2.


Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
linguistiche
Componenti X X X X X
Task 3/4 3/4 3 3 4
N. di item 30 16 60
Tipologie di Abbina- SM Riassunto Saggio Correz.
item/task mento Domande Illustrazione Racconto errori
Completa- aperte di foto Composi- Completa-
mento Spiegazione zione mento
SM e commento SM
espressioni
Rilevanza 15% 20% 25% 30% 10%
prove
Tempi 30m 2h 45m 20m 2h 45m 1h 15m
(con (con let-
scrittura) tura)

118
LE CERTIFICAZIONI DI LINGUA ITALIANA

3.4 Società Dante Alighieri (PLIDA)

La Certificazione di competenza di lingua italiana PLIDA è diffusa e


curata dal Progetto Lingua Italiana (dal 1999) presso la Sede Centrale della
Società Dante Alighieri di Roma.
Il PLIDA è un certificato ufficiale convalidato scientificamente dal-
l’Università La Sapienza di Roma e riconosciuto dal Ministero degli Affari
Esteri, dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e dal Ministero
dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Scientifica.

3.4.1 I livelli

La certificazione PLIDA attesta la competenza della lingua italiana se-


condo una scala di sei livelli che vanno dal livello A1 al livello C2:

Italiano Iniziale
PLIDA A1 = Livello A1 del Quadro comune europeo di riferimento
PLIDA A2 = Livello A2 del Quadro comune europeo di riferimento

Italiano Fondamentale
PLIDA B1 = Livello B1 del Quadro comune europeo di riferimento
PLIDA B2 = Livello B2 del Quadro comune europeo di riferimento

Italiano Professionale
PLIDA C1 = Livello C1 del Quadro comune europeo di riferimento
PLIDA C2 = Livello C2 del Quadro comune europeo di riferimento

Sono stati inoltre aggiunti il certificato PLIDA JUNIORES, Certificazio-


ne della Lingua Italiana per Adolescenti, destinato a ragazzi di età compresa
tra i tredici e i diciotto anni e il PLIDA COMMERCIALE, Certificazione di
competenza della lingua italiana-Italiano Commerciale, per persone di età
superiore ai diciotto anni interessate a una certificazione specifica per
l’ambito commerciale. Il certificato PLIDA Juniores attesta la competenza in
lingua italiana dal livello A1 al livello C1. Il certificato PLIDA Commerciale,
invece, comprende i livelli dal B1 al C1:

119
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

3.4.2 Le prove

L’esame è diviso per ogni livello in quattro fasi, che corrispondono


alle quattro abilità primarie.
Nei livelli iniziali, alcuni esercizi si avvalgono dell’uso di im-
magini o griglie per facilitare il candidato nella comprensione e nella
produzione.
La prova d’ascolto è costituita da un file audio seguito da due test di
tipo oggettivo contenenti: domande a scelta multipla, domande a risposta ve-
ro/falso, esercizi di completamento.
La comprensione scritta viene valutata attraverso due test oggettivi
con domande a risposta multipla, domande a risposta vero/falso, esercizi di
completamento.
La prova orale include il colloquio e il monologo con l’esaminatore e
può essere svolta singolarmente o in coppia, a scelta del candidato.
La prova di scrittura è composta da una o più tracce richiedenti un da-
to tipo di abilità a seconda del livello.

3.4.3 La valutazione

Ogni prova ha un punteggio espresso in trentesimi; per superare


l’esame è necessario ottenere un punteggio minimo di 18/30 per ognuna del-
le quattro prove. Il punteggio minimo per il superamento è perciò di 72/120,
mentre il punteggio massimo è di 120/120.
Il candidato che ottiene la sufficienza in tre delle quattro prove può
capitalizzare i crediti per la sola sessione successiva d’esame.
Per quanto riguarda la correzione delle prove di produzione, vengono
utilizzate delle griglie con indicatori specifici.
Per la produzione orale vengono presi in considerazione i seguenti cri-
teri per tutti i livelli: estensione, correttezza, fluenza, interazione, coerenza.

Per la correzione scritta gli indicatori per ogni livello riguardano:


− controllo: correttezza ortografica e morfologica; coerenza semantica
(accostamento di significati compatibili);
− pianificazione: correttezza morfologica e sintattica, coesione, coerenza
linguistica interna (omogeneità del registro);
− circostanzialità: estensione, fluenza, adozione di lessico specifico e/o
tecnico;
− interazione: coerenza tematica, coerenza linguistica esterna (adegua-
tezza del registro al contesto situazionale).

Il certificato PLIDA non è soggetto a scadenza.

120
LE CERTIFICAZIONI DI LINGUA ITALIANA

3.4.4 La struttura in sintesi degli esami

A1

Tabella n. 49: struttura esami Plida A1.


Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
linguistiche
Componenti X X X X
Task 2 2 2 1
N. di item 15 22
Tipologie SM SM Monologo Composi-
di V/F V/F Colloquio zione
item/task Completa- Completa-
mento mento
Rilevanza 25% 25% 25% 25%
prove
Tempi 20m 30m 10m 30m

A2

Tabella n. 50: struttura esami Plida A2.


Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
linguistiche

Componenti X X X X
Task 2 2 2 2
N. di item 8 15
Tipologie SM SM Monologo Composi-
di V/F V/F Colloquio zione
item/task Completa- Completa-
mento mento
Rilevanza 25% 25% 25% 25%
prove
Tempi 20m 30m 10m 40m

121
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

B1

Tabella n. 51: struttura esami Plida B1.


Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
linguistiche
Componenti X X X X
Task 2 2 2 2
N. di item 15 15
Tipologie SM SM Monologo Composiz-
di V/F V/F Colloquio zione
item/task Completa- Completa-
mento mento
Rilevanza 25% 25% 25% 25%
prove
Tempi 20m 30m 10m 50m

B2

Tabella n. 52: struttura esami Plida B2.


Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
linguistiche
Componenti X X X X
Task 2 2 2 2
N. di item 15 15
Tipologie di SM SM Monologo Composi-
item/task V/F V/F Colloquio zione
Completa- Completa-
mento mento
Rilevanza 25% 25% 25% 25%
prove
Tempi 20m 30m 10m 50m

122
LE CERTIFICAZIONI DI LINGUA ITALIANA

C1

Tabella n. 53: struttura esami Plida C1.


Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
linguistiche
Componenti X X X X
Task 2 2 2 2
N. di item 15 22
Tipologie SM SM Monologo Composi-
di V/F V/F Colloquio zione
item/task Completa- Completa-
mento mento
Rilevanza 25% 25% 25% 25%
prove
Tempi 20m 35m 15m 70m

C2

Tabella n. 54: struttura esami Plida C2.


Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
linguistiche
Componenti X X X X
Task 2 2 2 2
N. di item 25 30
Tipologie SM SM Monologo Composiz-
di V/F V/F Colloquio zione
item/task Completa- Completa-
mento mento
Rilevanza 25% 25% 25% 25%
prove
Tempi 30m 45m 15m 120m

123
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

3.5 Università RomaTre (IT)

I certificati IT, Int.It e Ele.IT sono certificazioni di lingua italiana rila-


sciate dall’Università di Roma Tre e riconosciute dal Ministero degli Affari
Esteri e dal Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca.
L’ateneo di RomaTre, nato nel 1992, ha attivato un Centro Linguistico
d’Ateneo che offre corsi di lingua italiana per stranieri e ha promosso la cer-
tificazione della conoscenza della lingua italiana attraverso esami che ven-
gono svolti ogni anno contemporaneamente presso gli istituti di cultura ita-
liani di diversi paesi. Dal 1993, infatti, il Dipartimento di Linguistica ha isti-
tuito l’Ufficio della certificazione dell’italiano come L2, all’interno del quale
si progettano le prove di certificazione della competenza in lingua italiana.

3.5.1 I livelli

L’Università di Roma Tre rilascia tre tipologie di certificazione:

− Ele.IT, che corrisponde al livello B1 del Quadro comune europeo di


riferimento (attiva dal 2002);
− Int.IT, che certifica la competenza linguistica a livello B2 del Quadro
comune europeo di riferimento (attiva dal 2008);
− IT, corrispondente al livello C2 del Quadro comune europeo di riferi-
mento (attiva dal 1994).

Per l’esame Ele.IT le prove devono essere tutte sostenute nella stessa
sessione d’esame e il certificato ha una durata di tre anni.
Nell’Int.It le due prove ricettive, prova di Ascolto e prova di Lettura,
devono essere sostenute nella stessa sessione di esame, mentre le altre due
possono essere sostenute anche in sessioni successive, il certificato ha una
durata di quattro anni.
Per quando riguarda il livello IT , il candidato può scegliere se affron-
tare le prove singolarmente, in sessioni d’esame diverse, o anche tutte insie-
me; la durata del certificato è di 5 anni.

3.5.2 Le prove

Certificato Ele.IT

L’esame Ele.IT è costituito da quattro sezioni:


− ascolto
− lettura

124
LE CERTIFICAZIONI DI LINGUA ITALIANA

− usi dell’italiano
− produzione orale.

La comprensione è verificata attraverso domande vero/falso o a scelta


multipla (in cui il candidato deve scegliere tra le tre alternative proposte).
La prova di lettura è costituita da due testi scritti autentici.
Per verificare la comprensione scritta vengono utilizzate domande ve-
ro/falso, a scelta multipla (in cui il candidato deve scegliere tra le tre alterna-
tive proposte), o di accoppiamento (collegamento di porzioni di enunciati).
Per verificare la competenza lessicale, inoltre, si chiede di rintracciare
in un blocco di righe (in genere non superiore a cinque) un termine di cui
viene dato un sinonimo o una definizione.
Al candidato è richiesto anche di identificare referenti e altri elementi
coesivi nel testo.
Nella prova riguardante gli usi dell’italiano si verificano le competen-
ze pragmatiche e socio-linguistiche.
Questo tipo di prova è divisa in 3 sottoprove:

− Lessico e cultura
in cui si richiede di riconoscere usi linguistici legati alla cultura quotidiana
degli italiani e di ripristinare un breve testo (cloze) dal quale sono state eli-
minati alcuni elementi lessicali salienti.

− Usi dell’italiano parlato


in cui il candidato deve ricomporre dei mini-dialoghi (in cui le battute ven-
gono presentate in maniera non ordinata), comprendere il valore comunicati-
vo di espressioni frequenti nel parlato italiano quotidiano e completare un
dialogo in base ai suggerimenti dati relativi alla funzione comunicativa ori-
ginata dal contesto.

− Usi dell’italiano scritto


Nella quale viene richiesto di riorganizzare le sequenze di un racconto ri-
gaurdante eventi della vita quotidiana, di completare un testo in cui sono sta-
te tolte alcune ‘parole grammaticali’ (cloze) e di scrivere un breve testo
(massimo 10 righe), sotto forma di lettera o formulario, in cui parli di sé, del
proprio lavoro, della famiglia, del proprio Paese.

La prova orale comprende il racconto di una storia o una descrizione.


Il candidato parte da uno stimolo visivo (vignetta/e, fotografia) con
l’obiettivo di simulare una situazione di interazione comunicativa reale.

125
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

Certificato Int.IT

Anche l’esame Int.It è articolato in quattro prove:


− ascolto
− lettura
− produzione scritta
− produzione orale.

Nella prova di ascolto vengono presentati tre testi orali autentici pre-
registrati; la comprensione è testata attraverso domande vero/falso, accop-
piamento o a scelta multipla (in cui il candidato può scegliere la risposta cor-
retta tra le 3 alternative proposte).
Nella prova di lettura la comprensione è misurata con domande ve-
ro/falso, scelta multipla (a tre uscite), transcodificazione (abbinamento di in-
formazioni con sintesi, grafici o tabelle), identificazione di elementi lingui-
stici nel testo. Inoltre, per verificare la competenza lessicale, al candidato è
richiesto di rintracciare nel testo un termine o un’espressione di cui viene da-
to un sinonimo o una definizione.
Per quanto riguarda la prova di produzione scritta, si richiede al can-
didato di sviluppare una delle due tracce fornite.
La prova orale è svolta in presenza di un intervistatore e di un osserva-
tore. Al candidato è richiesto, partendo da uno stimolo visivo (disegni, vi-
gnette, fotografie, testi scritti), di raccontare un’esperienza o di fare un
commento a una situazione.

Certificato IT

L’esame per l’ottenimento della certificazione IT è diviso in cinque


moduli:
− ascolto
− lettura
− produzione scritta
− produzione orale
− usi e forme dell’italiano.

La prova di comprensione orale prevede l’ascolto di quattro testi au-


tentici pre-registrati, seguiti da domande di comprensione del tipo: ve-
ro/falso, scelta multipla (a tre uscite), individuazione di dati, atteggiamenti
discorsivi e significati.
Nella prova di lettura vengono proposti tre testi, ciascuno seguito da
domande di comprensione di tipo vero/falso, a scelta multipla (3 uscite) e da
quesiti a carattere lessicale.

126
LE CERTIFICAZIONI DI LINGUA ITALIANA

Per quanto riguarda la produzione scritta, vengono richieste due com-


posizioni a scelta su quattro tracce. La tipologia di testo richiesto può essere
di tipo: argomentativo, descrittivo/informativo, o narrativo.
La prova di usi e forme dell’italiano mira a verificare la competenza
morfosintattica e lessicale del candidato. Tale prova comprende domande
aperte su aspetti linguistici (uso dei tempi verbali, clitici, funzione testuale
del gerundio, lessico, anche nei meccanismi derivativi) e semantico-testuali.
La prova orale (attiva dal 2005) si svolge in presenza di un intervista-
tore e di un osservatore. Al candidato è richiesto un monologo su un argo-
mento di cui ha precedentemente letto dei documenti e sul quale gli è richie-
sto di argomentare la propria opinione.

3.5.3 La valutazione

Ele.IT

La struttura della prova ele.IT dà maggior peso alla capacità di com-


prendere (60%) che alla capacità di produrre (40%).
I quesiti delle prove di comprensione prevedono tutti risposte univo-
che (giusto/sbagliato).
Per la valutazione dei test semi-oggettivi vengono utilizzate delle gri-
glie di valutazione in cui vengono descritti i parametri linguistici e pragmati-
ci che devono essere presi in considerazione.
Ad ogni parametro è associato un valore che corrisponde ad un deter-
minato grado di appropriatezza: insufficiente, sufficiente, buono e ottimo.
Incrociando i valori dei vari parametri si ottiene il risultato complessivo ot-
tenuto nello svolgimento dell’esercizio.
Per il superamento dell’esame è necessario un punteggio minimo di
60/100.

Int.It

Questa certificazione valuta nella stessa misura sia le capacità di com-


prensione (50%) che le capacità di produzione (50%) del candidato.
I quesiti delle prove di comprensione prevedono tutti risposte univo-
che (giusto/sbagliato).
Per la valutazione dei test semi-oggettivi vengono utilizzate delle gri-
glie di valutazione.
Per ottenere il certificato il candidato deve superare almeno le due
prove ricettive con un giudizio minimo di ‘sufficiente’ (60/100).

127
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

IT

Il certificato viene rilasciato anche a chi supera una sola delle prove;
la valutazione è data sia con un giudizio (sufficiente, buono, ottimo), sia con
la percentuale in centesimi ottenuta.
Per ognuno dei tre esami viene anche riportata la descrizione della
competenza certificata in termini di ‘saper fare’ secondo il Quadro comune
europeo di riferimento.
Per la prova scritta di composizione vengono considerati i seguenti
criteri:
− ortografia
− punteggiatura
− morfologia
− sintassi
− coerenza
− coesione
− appropriatezza lessicale
− appropriatezza stilistico/testuale

3.5.4 La struttura in sintesi degli esami

B1
Tabella n. 55: struttura esami RomaTre B1.
Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
linguistiche
Componenti X X X X
Task 2 6 2 6
N. di item 40 37+comp
Tipologie V/F V/F Racconto Cloze
di SM SM di una sto- Complet.
item/task ria Spiegazione
Descrizione espressioni
interazione Riordino
Abbina-
mento
Lettera
Rilevanza 60% con 60% 40% con 40% con
prove lettura con strutture parlato
scrittura
Tempi 2h con 2h con 10m 2h con
lettura e scrittura scrittura e
strutture e strut- lettura
ture

128
LE CERTIFICAZIONI DI LINGUA ITALIANA

B2
Tabella n. 56: struttura esami RomaTre B2.
Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
linguistiche
Componenti X X X X
Task 3 1 1
N. di item
Tipologie di V/F V/F Racconto Composiz-
item/task SM SM zione
Abbina- Abbina-
mento mento
Individua-
zione di
elementi
Rilevanza 50% 50% con 50% con 50% con
prove con let- ascolto scrittura parlato
tura
Tempi

C2

Tabella n. 57: struttura esami RomaTre C2.


Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
linguistiche
Componenti X X X X X
Task 4 3 1 2 4
N. di item 80ca
Tipologie V/F V/F Monologo Composi- Domande
di SM SM Colloquio zione aperte
item/task Individua- Completa-
zione mento.
di termini e
informazioni
Rilevanza
prove
Tempi 30m 90m 15m 90m 120m

129
Capitolo 4

Le certificazioni linguistiche a confronto

4.1 Analogie e differenze nelle certificazioni

La visione d’insieme degli esami di certificazione permette di osserva-


re come le teorie del testing siano state applicate a degli strumenti ufficial-
mente riconosciuti e come, quest’ultimi si differenzino per struttura e per
scelte contenutistiche.
La conoscenza delle caratteristiche di costruzione fa emergere, oltre
alle peculiarità proprie di ogni prova, le similitudini e le differenze primarie
degli esami.
Il nucleo comune principale è indubbiamente quello rappresentato
dall’equiparazione degli esami ai livelli del Quadro comune europeo di rife-
rimento. Di questo procedimento si è occupata in parte anche l’ALTE, che ha
richiesto agli Enti certificatori di strutturare e denominare i propri livelli
d’esame in base a quelli delineati dal Consiglio d’Europa.
Ciò ha comportato anche una maggiore chiarezza nell’offerta formati-
va delle certificazioni e, conseguentemente, nei risultati attesi nelle fasi di
preparazione e svolgimento degli esami da parte dei candidati.
Un ulteriore elemento comune riguarda la suddivisione delle prove
nelle abilità primarie di ascolto, lettura, parlato, scrittura.
A ciò segue la validità nel tempo delle certificazioni: tutti gli esami,
infatti, tranne quelli di Roma Tre per la lingua italiana, non sono soggetti a
scadenza.
Altra caratteristica che accomuna le prove descritte è l’attenzione alla
tipologia di testi proposti per le abilità di ascolto e lettura; molte certifica-
zioni forniscono, difatti, i criteri di tale scelta, con una suddivisione attenta
dei generi testuali presentati in ogni livello.
Una procedura comune si ritrova, poi, nell’utilizzo di metodologie di
verifica il più oggettive possibile, accompagnate per le prove a carattere
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

soggettivo, da criteri di valutazione, che sono stati sottoposti a un significati-


vo miglioramento negli ultimi anni.
L’impianto globale, perciò, degli esami di certificazione appare per
questi macro aspetti piuttosto similare, ma i dati raccolti hanno fatto emer-
gere delle differenze sostanziali tra i prodotti dei diversi enti.
Uno dei punti comuni principali è anche quello, infatti, che porta di-
rettamente alla prima differenza: il livelli testati e le componenti degli esami.
Non tutte le certificazioni propongono tutti i livelli della scala globale
del Quadro comune europeo di riferimento e, inoltre, se in quasi tutte sono
incluse le quattro abilità primarie, solo alcune comprendono anche la prova
relativa alle strutture linguistiche. Nello specifico, i livelli e le componenti
incluse sono:

Trinity College of London

Tabella n. 58: Componenti esami Ise Trinity.


Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
linguistiche
A2 X X
B1 X X
B2 X X
C1 X X X

Cambridge University
Tabella n. 59: Componenti esami Cambridge.
Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
linguistiche
A2 X X X X
B1 X X X X
B2 X X X X X
C1 X X X X X
C2 X X X X X

CIEP
Tabella n. 60: Componenti esami Ciep.
Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
linguistiche
A1.1 X X X X
A1 X X X X
A2 X X X X
B1 X X X X
B2 X X X X
C1 X X X X
C2 X X X X

132
LE CERTIFICAZIONI LINGUISTICHE A CONFRONTO

Goethe Institut
Tabella n. 61: Componenti esami Goethe.
Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
linguistiche
A1 X X X X
A2 X X X X
B1 X X X X X
B2 X X X X
C1 X X X X
C2 X X X X

Instituto Cervantes
Tabella n. 62: Componenti esami Cervantes.
Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
linguistiche
B1 X X X X X
B2 X X X X X
C2 X X X X X

CILS
Tabella n. 63: Componenti esami Cils.
Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
linguistiche
A1 X X X X X
A2 X X X X X
B1 X X X X X
B2 X X X X X
C1 X X X X X
C2 X X X X X

CELI
Tabella n. 64: Componenti esami Celi.
Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
linguistiche
A1 X X X X
A2 X X X X
B1 X X X X
B2 X X X X X
C1 X X X X X
C2 X X X X X

133
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

PLIDA
Tabella n. 65: Componenti esami Plida.
Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
linguistiche
A1 X X X X
A2 X X X X
B1 X X X X
B2 X X X X
C1 X X X X
C2 X X X X

Roma Tre

Tabella n. 66: Componenti esami Roma Tre.


Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
linguistiche
B1 X X X X
B2 X X X X
C2 X X X X X

Dalle tabelle si può facilmente evincere quanto differiscano le propo-


ste degli Enti certificatori considerati: sei su nove propongono la prova lega-
ta alle strutture linguistiche, ma non tutti negli stessi livelli.
Le università di Cambridge e Perugia la includono nei livelli B2, C1,
C2; l’università di Siena la propone in tutti i livelli; l’Instituto Cervantes per
tutti i suoi livelli e cioè B1, B2, C2; Roma Tre per i livelli B1 e C2; il Goe-
the Institut solamente per il livello B1.
Queste scelte così differenti fanno trasparire una diversa interpretazio-
ne della competenza linguistico-comunicativa associata ai livelli.
Un altro elemento legato ai livelli di competenza raggiungibile e che
differisce tra gli esami proposti, è quello della rilevanza delle prove.
Il peso dato alle abilità è diseguale, difatti, nei diversi test; in particolare esso
è così calcolato:

134
LE CERTIFICAZIONI LINGUISTICHE A CONFRONTO

Livello A1

Tabella n. 67: Rilevanza prove livello A1.


Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture lin-
gusitiche
Ciep 25% 25% 25% 25%
Goethe 20% 20% 20% 20%
Siena-Cils 20% 20% 20% 20% 20%
Perugia-Celi 25% 25% 25% 25%
D.Alighieri- 25% 25% 25% 25%
Plida

Livello A2

Tabella n. 68: Rilevanza prove livello A2.


Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
lingusitiche
Trinity 50% 30% +
20% por-
tfolio
Cambridge 25% 50% 25% 50%
(con scrit- (con let-
tura) tura)
Ciep 25% 25% 25% 25%
Goethe 20% 20% 20% 20%
Siena-Cils 20% 20% 20% 20% 20%
Perugia-Celi 30% 25% 30% 15%
D.Alighieri- 25% 25% 25% 25%
Plida

Livello B1

Tabella n. 69: Rilevanza prove livello B1.


Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
lingusitiche
Trinity 50% 30% +
20% por-
tfolio
Cambridge 25% 25% 25% 25%
Ciep 25% 25% 25% 25%
Goethe 25% 25% 25% 15% 10%
Cervantes 15% 20% 30% 15% 20 %
Siena-Cils 20% 20% 20% 20% 20%
Perugia-Celi 25% 25% 25% 25%

135
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

D.Alighieri- 25% 25% 25% 25%


Plida
Roma Tre - 60% con 60% con 40% con 40% con
It lettura scrittura strutture parlato

Livello B2

Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture


lingusitiche
Trinity 50% 30% +
20% por-
tfolio
Cambridge 20% 20% 20% 20% 20%
Ciep 25% 25% 25% 25%
Goethe 25% 25% 25% 25%
Cervantes 15% 20% 30% 15% 20 %
Siena-Cils 20% 20% 20% 20% 20%
Perugia-Celi 20% 20% 30% 20% 10%
D.Alighieri- 25% 25% 25% 25%
Plida
Roma Tre - 50% con 50% con 50% con 50% con
It lettura ascolto scrittura parlato

Tabella n. 70: Rilevanza prove livello B2.

Livello C1

Tabella n. 71: Rilevanza prove livello C1.


Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
lingusitiche
Trinity 50% 30% +
20% por-
tfolio
Cambridge 20% 20% 20% 20% 20%
Ciep 25% 25% 25% 25%
Goethe 25% 25% 25% 25%
Siena-Cils 20% 20% 20% 20% 20%
Perugia-Celi 15% 20% 30% 25% 10%
D.Alighieri- 25% 25% 25% 25%
Plida

136
LE CERTIFICAZIONI LINGUISTICHE A CONFRONTO

Livello C2

Tabella n. 72: Rilevanza prove livello C2.


Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture lin-
gusitiche
Cambridge 20% 20% 20% 20% 20%
Ciep 25% 25% 25% 25%
Goethe 12.9% 16.13% 25.8% 45.16%
Cervantes 15% 15% 30% 20% 20%
Siena-Cils 20% 20% 20% 20% 20%
Perugia-Celi 15% 20% 25% 30% 10%
D.Alighieri- 25% 25% 25% 25%
Plida
Roma Tre - - - - - -
It

Ciò conferma la diversità nel considerare la competenza linguistico-


comunicativa all’interno dei livelli e una conseguente differente richiesta
delle abilità del candidato, che si ritrova, poi, nel risultato della prova.
Risultato, che, in realtà, potrebbe già differire in maniera importante
da ente ad ente, visto il diverso calcolo della soglia di sufficienza delle pro-
ve.
Il livello di superamento è, infatti, posto al:
− 70% per i diplomi Dele
− 60% per gli esami Goethe
− 50% per gli esami del Ciep
− 60% (per i livelli B2, C1, C2) e 70% (per i livelli A2, B1) per le prove
Cambridge
− 55% per le certificazioni Cils
− 60% per gli esami Celi
− 60% per le certificazioni Plida
− 60% per i diplomi Roma Tre.

Tali percentuali, se non calcolate con metodi appropriati di discrimi-


nazione degli item (come ad esempio: Ang-off; Borderline group; Boo-
kmark), denotano un approccio molto diverso al risultato atteso dal test e una
conseguente richiesta diversa, in termini di capacità, al candidato.
Tale diversificazione è marcata ancora più dai criteri di superamento
dell’esame: per le certificazioni di inglese, francese, tedesco e spagnolo non
è necessario, infatti, ottenere la sufficienza in tutte le abilità per superare il
test, ma solamente raggiungere la soglia di sufficienza dell’esame comples-
sivo, mentre, per le certificazioni di lingua italiana, è indispensabile arrivare
alla sufficienza in ognuna delle prove proposte.
137
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

Un ulteriore elemento di diversità è riscontrabile nei tempi concessi


per lo svolgimento delle singole prove; ciò è ovviamente legato al numero di
item proposti (come riportato per ogni esame), ma è direttamente collegato
alla quantità di lavoro richiesta al candidato. Nello specifico, i tempi sono
così suddivisi:

Livello A1

Tabella n. 73: Tempi livello A1.


Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
lingusitiche
Ciep 20m 30m 10m 30m
Goethe 65m (con 65m (con 15m 65m (con
lettura e scrittura e lettura e
scrittura) ascolto) ascolto)
Siena-Cils 20m 40m 5m 30m 30m
Perugia- 10m 1h 15m 8-10m 1h 15m
Celi (con (con lettu-
scrittura) ra)
D.Alighieri- 20m 30m 10m 30m
Plida

Livello A2

Tabella n. 74: Tempi livello A2.


Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
lingusitiche
Trinity 45m
Cambridge 30m 1h 10m 8-10m 1h 10m
(con (con let-
scrit- tura)
tura)
Ciep 25m 30m 10m 45m
Goethe 70m (con 70m (con 15m 70m (con
lettura e scrittura e lettura e
scrittura) ascolto) ascolto)
Siena-Cils 20m 40m 5m 40m 30m
Perugia-Celi 18m 2h (con 10m 2h (con
scrittura) lettura)
D.Alighieri- 20m 30m 10m 40m
Plida

138
LE CERTIFICAZIONI LINGUISTICHE A CONFRONTO

Livello B1

Tabella n. 75: Tempi livello B1.


Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
lingusitiche
Trinity 1h 30m
Cambridge 35m 1h 30m 10-12m 1h 30m
Ciep 25m 35m 15m 45m
Goethe 150m 150m 15m 150m 150m (con
(105m (con scrit- (con lettu- lettura, a-
con lettu- tura, a- ra, ascolto scolto e
ra, scrit- scolto e e struttu- scrittura)
tura e strutture) re)
strutture)
Cervantes 30m 40m 10/15m 50m 40m
Siena-Cils 30m 40m 5m 1h20m 1h
Perugia- 18m 2 h (con 15m 2 h (con
Celi scrittura) lettura)
D.Alighieri- 20m 30m 10m 50m
Plida
Roma Tre - 2h con 2h con 10m 2h con scrit-
It lettura e scrittura e tura e lettura
strutture strutture

Livello B2

Tabella n. 76: Tempi livello B2.


Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
lingusitiche
Trinity 2h
Cambridge 40m 1h 30m 14m 1h 20m 45m
Ciep 30m 1h 20m 1h
Goethe 30m 80m 30m 80m
Cervantes 30m 60m 10/15m 60m 60m
Siena-Cils 30m 50m 5m 1h30m 1h
Perugia- 25m 2h 15m 15m 2h 15m 45m
Celi (con scrit- (con lettu-
tura) ra)
D.Alighieri- 20m 30m 10m 50m
Plida
Roma Tre - - - -
– It

139
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

Livello C1

Tabella n. 77: Tempi livello C1.


Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
lingusitiche
Trinity 2h 30m
Cambridge 40m 1h 15m 15m 1h 30m 1h
Ciep 40m 50m 30m 2h 30m
Goethe 40m 70m 15m 80m
Siena-Cils 30m 1h 10m 5m 1h 45m 1h
Perugia- 25m 2h 45m 20m 2h 45m 1h 15m
Celi (con scrit- (con lettu-
tura) ra)
D.Alighieri- 20m 35m 15m 70m
Plida

Livello C2

Tabella n. 78: Tempi livello C2.


Ascolto Lettura Parlato Scrittura Strutture
lingusitiche
Cambridge 40m 1h 30m 19m 2h 1h 30m
Ciep 30m 3h 30m 30m 3h 30m
(con par- (con scrit- (con a- (con lettu-
lato) tura) scolto) ra)
Goethe 30m 90m 20m 180m
Cervantes 45m 60m 15m 60m 60m
Siena-Cils 30m 1h 30m 5m 1h 45m 1h 15m
Perugia- 30m 2h 45m 20m 2h 45m 1h 15m
Celi (con scrit- (con lettu-
tura) ra)
D.Alighieri- 30m 45m 15m 120m
Plida
Roma Tre - 30m 90m 15m 90m 120m
It

Tale diverso calcolo del tempo necessario per svolgere la prova è pro-
posto in base al numero degli item e della lunghezza dei brani presentati ed
è, per tale motivo, indicativo dell’impegno richiesto al candidato (che non è
sempre del tutto comprensibile analizzando solamente il numero di item e
task dell’esame).

140
LE CERTIFICAZIONI LINGUISTICHE A CONFRONTO

Tra i dati più importanti che emergono dagli elementi osservati nelle
prove d’esame, risulta sicuramente quello dell’impiego di diverse tipologie
di item tra test e test.
Come esplicato nel primo capitolo, non tutti gli esercizi possiedono
caratteristiche di validità e di affidabilità e un loro impiego, va ad intaccare
la buona riuscita dell’esame.
Troviamo ampiamente utilizzati negli esami, infatti, esercizi di ve-
ro/falso e abbinamento, costruiti anche con un numero ridotto di item e senza
distrattori, elementi che potrebbero aumentare l’affidabilità, già scarsa, di
questa tipologia di esercizio.
L’affidabilità di alcune prove è poi intaccata in quanto il numero di
item e/o esercizi impiegati non risulta sufficiente per testare un’abilità, inol-
tre, all’interno dello stesso esame, il numero di item e task non è bilanciato
con la rilevanza attribuita alla parte di prova testata, ad esempio, in alcuni
esami un’abilità ha un’alta percentuale nel punteggio, ma è testata con uno
scarso numero di esercizi.
Sempre relativamente all’affidabilità, si nota come siano utilizzati
esercizi di difficile valutazione e calcolo delle abilità impiegate, quali il det-
tato, il riassunto e il portfolio.
Altre tipologie di task, invece, si rivelano particolarmente dispendiose
per il candidato, come ad esempio l’individuazione di informazioni, la quale,
in caso di informazione non presente, richiede al candidato di tornare sul te-
sto per cercare un elemento assente.
In un’analisi più approfondita degli esercizi proposti, si nota anche
come alcuni di essi non siano costruiti rispettando le regole fondamentali del
testing, proponendo item risolvibili senza l’impiego dell’abilità richiesta, ma
con l’ausilio di altre abilità o strategie (ad esempio: abbinamenti determina-
bili per concordanza grammaticale degli item e non per comprensione; testi
da completare in cui è sufficiente leggere la parola precedente e successiva
allo spazio, senza comprendere la globalità del testo).
L’impiego di item e task negli esami si diversifica, inoltre, nella vali-
dità finale della prova, soprattutto nei casi in cui essi sono utilizzati per elici-
tare due abilità nello stesso esercizio (ad esempio, riportare a voce un brano
letto nel test di parlato o prendere appunti su un brano ascoltato per l’ascolto
o leggere un brano prima di una composizione per lo scritto).
Infine, si presentano anche dei casi in cui nello stesso esercizio sono
impiegate diverse tipologie di item, il che può risultare disorientante per il
candidato, oltre che di difficile assegnazione del punteggio.
Questo diverso utilizzo di item e task comporta, oltre ad un diverso li-
vello di familiarità dei candidati in prove di lingue diverse, anche risultati
interpretabili in maniera differente, considerato, appunto, il diverso grado di
validità ed affidabilità raggiunto.

141
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

4.1.1 Le certificazioni di italiano

È già emerso quali siano le principali differenze per quanto riguarda le


certificazioni di lingua italiana, le quali si distinguono, a loro volta, dalle re-
stanti europee per la possibilità di capitalizzare le sezioni d’esame superate.
Anche questa procedura è, però, diversificata tra i quattro enti:
− la Società Dante Alighieri, permette la capitalizzazione di una prova
per la sola sessione successiva d’esame, unicamente se sono state su-
perate le altre tre.
− L’Università di Roma Tre, concede la capitalizzazione in sezioni suc-
cessive solamente per i livelli B2 e C2, specificando che per il livello
B2 è possibile sostenere separatamente solo le prove di produzione.
− L’Università per Stranieri di Siena, permette la capitalizzazione per il
periodo di un anno.
− Il Cvcl di Perugia, concede la capitalizzazione della prova scritta e
della prova orale per il periodo di un anno.

La principale differenza sottolineata rimane, comunque, quella delle


diverse componenti dell’esame, che differiscono di molto nell’inclusione o
meno della prova relativa alle strutture linguistiche.
Segue, poi, come già descritto, la diversa rilevanza delle prove, legata
al numero di item e task richiesti e al tempo concesso per svolgerli.
Anche il sillabo proposto, reperibile presso gli Enti certificatori, diffe-
risce per alcuni aspetti tra le certificazioni (un esempio è il tempo futuro, in-
serito nel livello A2 da CELI e PLIDA, ma nel livello B2 da CILS).
Per quanto riguarda, infine, la tipologia di item proposti, come già pa-
lesato nel paragrafo precedente, essa è molto diversificata tra le quattro certi-
ficazioni, che si distanziano così, anche per la varietà e la validità degli eser-
cizi proposti.

4.2 Conclusioni sulle certificazioni della competenza linguistica

Emerge indubbiamente il complesso sistema di elaborazione che sta


alla base di un esame di certificazione.
Ognuno degli esami proposti è caratterizzato da un consistente lavoro
che precede e segue la somministrazione del test.
La descrizione e l’analisi delle prove ha palesato, da una parte,
l’arbitrarietà nelle proposte effettuate, ma, dall’altra, l’estrema importanza
delle proposte stesse.
Degli strumenti in grado di certificare il livello di competenza lingui-
stico-comunicativa raggiunto si rivelano indiscutibilmente indispensabili
nella politica di riconoscimento delle competenze e della mobilità europea.

142
LE CERTIFICAZIONI LINGUISTICHE A CONFRONTO

I test di lingua offrono la possibilità di dimostrare le proprie abilità


nelle lingue, attraverso un documento ufficiale che diventa spendibile a livel-
lo educativo e professionale.
La fruizione di sistemi certificativi ha permesso agli utenti di docu-
mentare “che cosa sono in grado di fare” con la lingua, con la possibilità di
far comprendere tale competenza a livello europeo e non solo, grazie al lin-
guaggio comune condiviso dagli Enti certificatori, ovvero quello proposto
dal Consiglio d’Europa, con il Quadro comune europeo di riferimento.
Un candidato che supera il livello B1 in una lingua potrà, infatti, pre-
sentarsi con la denominazione B1 in tutta Europa e il suo livello di compe-
tenza sarà compreso senza richiesta di ulteriori specificazioni.
È chiaro come questo sistema abbia portato ad un’importante rivolu-
zione nel campo dell’apprendimento delle lingue, eliminando la diversa in-
terpretazione dei gradi di conoscenza degli utenti.
L’efficacia e la funzionalità degli enti certificatori è dimostrabile an-
che attraverso il percorso che hanno compiuto negli ultimi anni, rinnovando
la loro offerta, attraverso l’aumento dei livelli certificati e la revisione di
prove e criteri di valutazione.
Ciò dimostra un interesse sempre maggiore da parte dei candidati, che
in numeri sempre più consistenti hanno affrontato nell’ultimo decennio gli
esami di certificazione.
La ricerca di miglioramento per un pubblico esigente e in costante
aumento è direttamente collegata alle possibilità che questo strumento offre:
dal desiderio personale di mettere alla prova le proprie conoscenze, alla
spendibilità di un documento a livello lavorativo e di studio.
Le considerazioni effettuate mirano, quindi, a voler perfezionare uno
strumento che riveste un ruolo di fondamentale importanza nel campo
dell’apprendimento linguistico e che, proprio per questo, ha il dovere di assi-
curare un’alta percentuale di validità e affidabilità, possibilmente in linea
con le diverse offerte presenti.

143
Bibliografia

ALDERSON J. C., NORTH B., 1991, Language Testing in 1990s: the Communicative
Legacy, London, MacMillan.
ALDERSON J. C., CLAPHAM C., WALL D, 1995, Language Test Construction and
Evaluation, Cambridge University Press.
ALDERSON J. C., 1996, “Do corpora have a role in language assessment?”, in Tho-
mas J., Short M. H., Using Corpora for Language Research, London, Long-
man.
ALDERSON J. C., 2000, Assessing Reading, Cambridge University Press.
ALDERSON J. C., 2000, Technology in Testing: the present and the future, System,
28.
ALTE, 1998, Handbook of Language Examinations and Examination Systems, Cam-
bridge, Ucles.
ALTE, Multilingual Glossary of Language Testing Terms, Ucles/Cambridge Univer-
sity Press.
AMBROSO S., 1993, Correggere in Italiano L2, in Italiano ed Oltre, Roma, n. 8.
AMBROSO, S., DI GIOVANNI, V., PENNACCHI, S., 2004, Quaderno IT n. 5, Prove per
la certificazione dell'italiano come L2 del 2002 e del 2003, Roma, Bonacci
editore.
AMERICAN PSYCHOLOGICAL ASSOCIATION, 1985, Standards for Educational and
Psychological Testing, American Psychological Association, Washington,
DC.
ANASTASI A., 1988, Psychological testing, New York, MacMillan.
ANGOFF W.H., SHARON A.T., 1974, A comparison of scores earned on the Test of
English as a Foreign Language by native American college students and for-
eign applicants to US colleges, TESOL Quarterly 5.
BACHMAN L. , 1981, “Formative evaluation in ESP program development”, in Mac-
kay R., Palmer J.D., Language for Specific Purposes: Program Design and
Evaluation, Newbury House, Rowley, Mass.
BACHMAN L., 1990, Fundamental Considerations in Language Testing, Oxford Uni-
versity Press.
BACHMAN L. , PALMER A., 1982, The construct validation of some components of
communicative proficiency, Tesol Quarterly.
BACHMAN L. , PALMER A., 1996, Language Testing in Practice, Oxford University
Press.
BALBONI P. E., 2002, Le micro lingue scientifico-professionali, Torino, Libreria
Utet.
BALBONI P. E., 2002, Le sfide di Babele, Torino, Libreria Utet.
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

BANDINI A., BARNI M., SPRUGNOLI L., VEDOVELLI M., 1998, Quaderni Cils. Certifi-
cazione di italiano come lingua straniera, Firenze, Giunti.
BARNI M., 2000, “La verifica e la valutazione”, in A. De Marco, Manuale di Glotto-
didattica, Roma, Carocci.
BARNI M., VILLARINI A., 2001, La questione delle lingua per gli immigrati stranieri.
Insegnare, valutare e certificare l’italiano L2, Milano, Franco Angeli.
BEACCO J. C., Bouquet S., 2004, Niveau B2 pour le français : un référentiel, Édi-
tions Didier.
BEACCO J. C., 2005, Niveau A1 pour le français : un référentiel, Éditions Didier.
CANALE M., 1983, “On some dimension of language proficiency”, in Oller J., Issues
in Language Testing Research, Rowler, MA Newbury House.
BUCK G, 2001, Assessing Listening, Cambridge University Press.
CAMERON L., 2001, Teaching Languages to Young Learners, Cambridge, LP.
CANALE M., SWAIN M., 1980, Theoretical bases of comunicative approaches to sec-
ond language teaching and testing, Applied Linguistics 1, 1:47.
CANDLIN C, 1986, “Explaining communicative competence limits of testability”, in
Stansfield C., Towards Communicative Competence Testing: Proceedings of
the Second TOEFLS Invitational Conference, Princeton, NJ: Educational
Testing Service.
CARROL J.B., 1980, Testing Communicative Performance, London, Pergamon Insti-
tute of English.
CARROL J.B., 1961, Fundamental considerations in testing English language profi-
ciency of foreign students, Center for Applied Linguistic.
CARROL J.B., 1991, “Cognitive Abilities in Foreign Language Aptitudes”, in Parry
T., Stanfield C., Language aptitude reconsidered, Prentice Hallo, Englewood
Cliff, N.J.
CARROL J.B., 1993, Human Cognitive Abilities: A Survey of Factor Anlytic Studies,
Cambridge University Press.
CORDA COSTA M., VISALBERGHI A, 1995, Misurare e valutare le competenze lingui-
stiche, Firenze, La Nuova Italia.
CIZEK G. J., Bunch M. B., 2007, Standard Setting: a guide to establishing and
evaluating performance standards on Tests, Sage.
CONSIGLIO D’EUROPA, 2001, Quadro comune europeo di riferimento: apprendimen-
to, insegnamento, valutazione, La Nuova Italia.
CRONBACH L. J., 1971, “Test Validation”, in Thorndyke R. L, Educational Meas-
urement, American Council on Education, Washington D.C., 223- 507.
CUMMINS J., 1983, “Language proficiency and academic achievement”, in Oller, Is-
sues in Language Testing Research, Rowler, MA, Newbury House.

146
BIBLIOGRAFIA

DANESI M., 1988, Neurolinguistica e glottodidattica, Torino, Libreria Utet.


DAVIDSON F., HENNING G., 1985, A self-rating scale of English proficiency: Rash
scalar analysis of items and rating categories, Language Testing, 2,2.
DAVIDSON F., 2000, The language tester’s statistical toolbox, System 28.
DAVIES A., 1990, Principles of Language Testing, Blackwell.
DAVIES A., BROWN A., ELDER C., HILL K., LUMLEY T., MCNAMARA T., 1999, Dic-
tionary of language testing, Ucles/Cambridge University Press.
DICKINS, P.R., 1992, Evaluation, Oxford, Blackwell.
DICKINS, P.R., 2000, Editorial, Language Testing, 17.
DOUGLAS D, 2000, Assessing Language for Specific Purposes, Cambridge Univer-
sity Press.
FARHADY H, 1980, Justification, Development and Validation of Functional Lan-
guage Tests, University of California, Los Angeles.
FULCHER G, 1987, Tests of oral performance: the need for data-based criteria, ELT
Journal, 41.
FULCHER G, 1996, Does thick description lead to smart tests? A data-based ap-
proach to rating scale construction, Language Testing, 13.
FULCHER G, 2000, The communicative legacy in language testing, System 28.
FULCHER G, 2003, Testing Second Language Speaking. Harlow, Pearson.
FULCHER G, DAVIDSON F, 2007, Language Testing and Assesment: an advanced re-
source book, Routledge.
GIPPS C., 1994, Beyond Testing, Brighton, The Falmer Press.
GREGO BOLLI G., SPITI M.G., 1992, Verifica del grado di conoscenza dell’italiano in
una prospettiva di certificazione: riflessioni, proposte, esperienze, progetti,
Perugia, Guerra Edizioni.
GREGO BOLLI G., SPITI M.G., 2000, La verifica delle competenze linguistiche, Mi-
suare e valutare nella certificazione Celi, Perugia, Guerra Edizioni.
HALLIDAY M., 1976, “The form of a functional grammar”, in Kress G., System and
Function in Language, Oxford University Press.
HAMP-LYONS L., 2000, Social, professional and individual responsibility in lan-
guage testing, System 28.
HAMP-LYONS L., 2002, The scope of writing assessment, Assessing Writing, 8.
HAWKEY R., 2004, CPE Textbook: Washback study, Ucles/Cambridge.
HUGHES A, 2003, Testing for Language Teachers, Cambridge University Press.
HYMES D, 1972, “On communicative competence”, in Pride J., Holmes J., Sociolin-
guistics. Harmondsworth, Penguin, 269-293.

147
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

HENNING G., 1987, A guide to language testing, Cambridge, Mass.: Newbury


House.
JONES, N. (2002), Relating the ALTE Framework to the Common European Frame-
work of Reference, in: Council of Europe (Eds).Case Studies on the use of the
Common European Framework of Reference. Cambridge, Cambridge Uni-
versity Press: 167-183.
KHALIFA H., WEIR C. J., in uscita, Examining Reading: Research and practice in
assessing second language reading, Ucles/Cambridge University Press.
KITAO K., KITAO K.S., 1996, Testing Communicative Competence, TESL Journal, 2,
5.
KITAO K., KITAO K.S., 1996, Testing Grammar, TESL Journal, 2, 6.
KITAO K., KITAO K.S., 1996, Testing Listening, TESL Journal, 2, 7.
KOBAYASHI, M., 1995, Effects of text organization and test format on reading com-
prehension test performance. Unpublished Ph.D Thesis. London, Thames
Valley University.
LADO R, 1961, Language Testing: the Construction and Use of Foreign Language
Tests: A Teacher’s Book, New York, McGraw-Hill.
LANCIA M., 1983, Il testing di lingua straniera, Firenze, La Nuova Italia.
LUCISANO P., PIEMONTESE M. E., 1988, Gulpease: una formula per la predizione
delle difficoltà dei testi in lingua italiana, Scuola e città 39/3:110-124.
LUOMA S., 2003, Assessing Speaking, Cambridge University Press.
MACHETTI S., STRAMBI B. et al, 2003, Valutare e certificare l’italiano di stranieri,
Guerra Edizioni.
MARKHAM, P. (1985), The rational deletion cloze and global comprehension in Ger-
man, Language Learning, 35, 423-30.
MCNAMARA T., 1996, Measuring Second Language Performance, Longman.
MCNAMARA T., 2000, Language Testing, Oxford University Press.
MESSICK S., 1989, “Validity”, in Linn R. L., Educational Measurement, Third Edi-
tion. New York, American Council on Education and Macmillan, 13-103.
MILANOVIC M., SAVILLE N., SHUHONH S., 1996, “A study of the Decision-making
Behaviour of Composition makers”, in Milanovic M., Saville N., Perform-
ance Testing, Cognition and Assessment: Selected Papers form the 15th Lan-
guage Testing Research Colloquium and Arnhem, Studies in Language Test-
ing 3, Cambridge, Ucles/Cambridge University Press.
NEVO, N., 1989, Test-taking strategies on a multiple-choice test of reading compre-
hension, Language Testing, 6(2), Pp: 199-215.
NORTH, B., SCHNEIDER, G., 1998, Scaling descriptors for language proficiency
scales, Language Testing 15/2: 217-262.

148
BIBLIOGRAFIA

NORTH, B., 2000, The Development of a Common Framework Scale of Language


Proficiency, New York, Peter Lang.
OLLER J.W. JR, 1983, Issues in Language Testing Research, Rowley, Mass. New-
bury House.
O’ SULLIVAN B., WEIR C., SAVILLE N., 2002, Using observation checklist to validate
speaking-test task, Language Testing 19.
PALLOTTI G., 1999, La seconda lingua, Milano, Bompiani.
PORCELLI G., 1992, Educazione linguistica e valutazione, Liviana, Torino, Utet.
PURPURA J, 1999, Learner Strategy Use and Performance on Language Tests, Cam-
bridge University Press.
PURPURA J, 2004, Assessing Grammar, Cambridge University Press.
READ J., 2000, Assessing Vocabulary, Cambridge University Press.
ROWNTREE D., 1997, Assessing students: How shall we know them?, N.Y., Harper
and Row.
SAVIGNON S., 1983, Communicative Competence: Theory and Classroom Practice.
Reading, Addison – Wesley.
SAVILLE N., 2001, Investigating the impact of international language examinations,
Research Notes 2.
SAVILLE N., 2004, The ESOL Test Development and Validation Strategy, Cambridge
Ucles.
SHAW S. D., 2001, The Effect of Standardisation Training on Rater Judgement and
Inter-Rater Reliability, Cambridge, Ucles.
SHAW S. D., 2005, Item versus whole script marking in an ESM environment: A
Cambridge Esol Perspective, Cambridge, Ucles.
SHAW S. D., WEIR C. J, 2007, Examining Writing: Research and practice in assess-
ing second language writing, Ucles/ Cambridge University Press.
SHOHAMY E., 2000, The relationship between language testing and second language
acquisition, Sistem 28.
SPOLSKY B., 1995, Measured Words, Longman.
STATMAN S., 1998, Tester and testee: two sides of different coins, System 296.
TAYLOR L., 2003, The Cambridge approach to speaking assessment, Research
Notes, 13.
TAYLOR L., 2004, Issues of test comparability, Research Notes, 13.
TAYLOR L., FALVEY P., 2007, IELTS Collected Papers: Research in speaking and
writing assessment, Ucles/ Cambridge University Press.

149
VALUTARE UNA LINGUA STRANIERA: LE CERTIFICAZIONI EUROPEE

TAYLOR L., WEIR C. J., 2008, Multilingualism and Assessment: Achieving transpar-
ency, assuring quality, sustaining diversity, Ucles/Cambridge University
Press.
TEASDALE A., LEUNG C., Teacher assessment and psychometric theory: a case of
paradigm crossing?, Language Testing, 17.
THORNDYKE R. L, Educational Measurement, American Council on Education,
Washington D.C.
UNIVERSITY OF CAMBRIDGE ESOL EXAMINATIONS, 2005, CAE Handbook for
teachers, Cambridge, Ucles.
UNIVERSITY OF CAMBRIDGE ESOL EXAMINATIONS, 2005, CPE Handbook for
teachers, Cambridge, Ucles.
UNIVERSITY OF CAMBRIDGE ESOL EXAMINATIONS, 2005, FCE Handbook for
teachers, Cambridge, Ucles.
UNIVERSITY OF CAMBRIDGE ESOL EXAMINATIONS, 2005, KET Handbook for teach-
ers, Cambridge, Ucles.
UNIVERSITY OF CAMBRIDGE ESOL EXAMINATIONS, 2005, PET Handbook for teach-
ers, Cambridge, Ucles.
VAN EK J.A., TRIM J.L., 1991, Threshold 1990: Council of Europe, Cambridge Uni-
versity Press.
VAN EK J.A., TRIM J.L., 1991, Waystage 1990: Council of Europe, Cambridge Uni-
versity Press.
VAN EK J.A., TRIM J.L., 2001, Vantage 1990: Council of Europe, Cambridge Uni-
versity Press.
VAN DIJK T., 1977, Text and Context: Explorations in the Semantic and Pragmatics
of Discourse, London, Longman.
VEDOVELLI M., Cils, Certificazione di Italiano come Lingua Straniera, in “S.I. &
N.A.”, n. 1.
VEDOVELLI M., 1998, Linee guida Cils, www.unistrasi.it.
VEDOVELLI M., 2001, “Livelli di competenza e stadi di apprendimento nelle prospet-
tive glottodidattiche: i progetti del Consiglio d’Europa e le certificazioni”, in
Vedovelli M., Massara S., Ramat G., Lingue e Culture in Contatto. L’Italiano
come L2 per gli Arabofoni, Franco Angeli, Milano.
VEDOVELLI M., 2002, Guida all’italiano per stranieri. La prospettiva del Quadro
comune europeo per le lingue, Roma, Carocci.
WEIGLE S. C., 2002, Assessing Writing, Cambridge University Press.
WEIR C., 1990, Communicative Language Testing, Englewood Cliffs, NJ, Prentice
Hall.

150
BIBLIOGRAFIA

WEIR C., 1993, Understanding and Developing Language Tests, New York, Prentice
Hall.
WEIR C. J., Milanovic M., 2003, Continuity and Innovation: Revising the Cam-
bridge Proficiency in English Examination 1913 – 2002, Ucles/Cambridge
University Press.
WEIR C., 2005, Limitations of the Council of Europe’s Framework of Reference in
developing comparable examinations and tests, Language Testing 22.
WEIR C., 2005, Language Testing and Validation: An evidence-based approach,
Palgrave Macmillan.
WOOD R., 1991, Assessment and Testing: a survey of research, Cambridge Univer-
sity Press.
YI’AN, W., 1998, What do tests of listening comprehension test? A retrospection
study of EFL test-takers performing a multiple-choice task, Language Te-
sting, 15(1) Pp: 21-44.

Sitografia

ALTE, The ALTE Can Do Projects, www.alte.org


CAMBRIDGE UNIVERSITY - ESOL, www.cambridgeesol.org
CONSIGLIO D’EUROPA, www.coe.int
CIEP, www.ciep.fr
CVCL, www.cvcl.it
GOETHE INSTITUT, www.goethe.de
INSTITUTO CERVANTES, www.cervantes.es
SOCIETÀ DANTE ALIGHIERI, www.ladante.it
TRINITY COLLEGE, www.trinitycollege.co.uk
UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA, www.unistrasi.it
UNIVERSITÀ ROMA TRE, host.uniroma3.it/dipartimenti/linguistica/certificazione

151
Stampato in Italia presso
Laser Copy S.r.l., Via Livraghi 1, Milano
Prima edizione settembre 2009