Sei sulla pagina 1di 8

Pregare insieme in famiglia

III Settimana di quaresima


Dal 29 febbraio al 05 marzo

PARROCCHIA SANTA LUCIA


NELLANNO DELLA MISERICORDIARDIA

Luned 29 febbraio
Eterna la sua Misericordia

Esodo 32,7-14
Il Signore disse inoltre a Mos: Ho osservato questo popolo: ecco, un
popolo dalla dura cervice. Ora lascia che la mia ira si accenda contro di
loro e li divori. Di te invece far una grande nazione. Mos allora
supplic il Signore, suo Dio, e disse: Ricrdati di Abramo, di Isacco, di
Israele, tuoi servi, ai quali hai giurato per te stesso e hai detto: Render
la vostra posterit numerosa come le stelle del cielo, e tutta questa terra, di
cui ho parlato, la dar ai tuoi discendenti e la possederanno per sempre.
Il Signore si pent del male che aveva minacciato di fare al suo popolo.

Riflessione

Il peccato del vitello doro provoca la rottura dellalleanza.


Lintercessione di Mos ottiene il perdono di Dio, che rinnova lalleanza
con il suo popolo. Il racconto del peccato del culto del vitello, fuso-
modellato da Aronne su richiesta del popolo, richiama quello del peccato di
Geroboamo, re di Israele, che fa costruire due vitelli, collocandoli uno a
Betel (Samaria) e laltro a Dan, al nord, alle sorgenti del Giordano, per
legittimare anche sotto il profilo religioso la separazione del regno di
Israele da quello di Giuda a Gerusalemme. Mos intercede su questo fatto e
sulla promessa fatta ai padri, che rappresenta limpegno libero e
incondizionato di Dio verso suo popolo. Nelle parole del Signore a Mos:
Lascia che la mia ira si accenda, implicita la possibilit del perdono
grazie alla intercessione del mediatore. Stando in preghiera davanti a
Dio, Mos scopre il vero volto del Signore, che rinuncia alla punizione e
sceglie il perdono.

Per pregare

Signore, fa che riconosca che la


tua misericordia molto pi grande dei miei peccati
Amen.

Marted 01 Marzo
Ti ho amato di amore eterno

Geremia 31,1-3.
In quel tempo oracolo del Signore io sar Dio per tutte le famiglie
dIsraele ed esse saranno il mio popolo. Cos dice il Signore: Ha trovato
grazia nel deserto un popolo scampato alla spada; Israele si avvia a una
dimora di pace. Da lontano mi apparso il Signore: Ti ho amato di
amore eterno, per questo continuo a esserti fedele. C una speranza per la
tua discendenza oracolo del Signore : i tuoi figli ritorneranno nella loro
terra.

Riflessione

Geremia ricorda il tempo del deserto, dopo luscita di Israele dallEgitto,


quando il popolo di Dio come in un grembo materno stato concepito. Ora
nel deserto dellesilio rinasce il popolo grazie allamore misericordioso in
ebraico esed di Dio. Egli appare agli esiliati, per ricondurli in patria, da
lontano, dalla terra di Israele. Lespressione pu riferirsi anche allesodo
e al deserto sinaitico. Lamore di Dio, che rimane fedele per sempre, una
forza liberatrice e rinnovatrice. Israele come una giovane donna che
danza al ritmo dei tamburelli come nelle feste di pellegrinaggio a
Gerusalemme. Tutti conosceranno la straordinaria avventura dellamore di
Dio per il suo popolo, prima nel pianto della terra straniera, ora nelle
consolazioni di una terra di delizie, dono di un padre al figlio primogenito.

Per pregare

Misericordioso e pietoso il Signore,


lento allira e grande nellamore.
Non ci tratta secondo i nostri peccati
e non ci ripaga secondo le nostre colpe.

Come tenero un padre verso i figli,


cos il Signore tenero verso quelli che lo temono,
perch egli sa bene di che siamo plasmati,
ricorda che noi siamo polvere.
Mercoled 02 marzo
Hai compassione di tutti perch tutto puoi

Sapienza 11,21-24
Prevalere con la forza ti sempre possibile; chi si opporr alla potenza del
tuo braccio? Tutto il mondo, infatti, davanti a te come polvere sulla
bilancia, come una stilla di rugiada mattutina caduta sulla terra. Hai
compassione di tutti, perch tutto puoi, chiudi gli occhi sui peccati degli
uomini, aspettando il loro pentimento. Tu infatti ami tutte le cose che
esistono e non provi disgusto per nessuna delle cose che hai creato; se
avessi odiato qualcosa, non lavresti neppure formata.

Riflessione

A differenza dei tiranni di questo mondo egli non ha fretta di punire perch
Signore del tempo e della storia. Dio agisce con magnanimit perch si
prefigge il pentimento e la conversione dei peccatori in vista del perdono.
Tenendo conto di questi testi profetici e sapienziali dellAT non ha senso
contrapporre la giustizia di Dio alla sua misericordia. Anzi si potrebbe dire,
parafrasando una preghiera della liturgia, che lonnipotenza di Dio si
manifesta soprattutto nel perdono. In alcuni Salmi e testi profetici la
giustizia di Dio sidentifica con la sua azione salvifica. In altri termini
lagire giusto di Dio si manifesta nel suo perdono nei confronti del
peccatore pentito che si converte.

Per pregare

Mostrami, Signore, la tua misericordia

Signore, tendi lorecchio, rispondimi, perch io sono povero e misero.


Custodiscimi perch sono fedele; tu, Dio mio, salva il tuo servo, che in te
confida.

Piet di me, Signore, a te grido tutto il giorno. Rallegra la vita del tuo
servo, perch a te, Signore, rivolgo lanima mia.

Gioved 03 marzo
Siate misericordiosi come il padre vostro misericordioso

Luca 6,27-31.35.36
Ma a voi che ascoltate, io dico: amate i vostri nemici, fate del bene a quelli
che vi odiano; benedite coloro che vi maledicono, pregate per coloro che vi
trattano male. A chi ti percuote sulla guancia, offri anche laltra; a chi ti
strappa il mantello, non rifiutare neanche la tunica. D a chiunque ti
chiede, e a chi prende le cose tue, non chiederle indietro. E come volete
che gli uomini facciano a voi, cos anche voi fate a loro. Amate invece i
vostri nemici, fate del bene e prestate senza sperarne nulla, e la vostra
ricompensa sar grande e sarete figli dellAltissimo, perch egli
benevolo verso gli ingrati e i malvagi. Siate misericordiosi, come il Padre
vostro misericordioso.

Riflessione
Di fronte alla miseria della condizione umana, lamore di Dio si esprime e
attua come misericordia che accoglie con benignit, d credito e fiducia a
chi ha sbagliato. Questa caratteristica dellamore di Dio, che corrisponde
alla sua identit profonda il nome rivelata a Mos: Il Signore
pass davanti a lui, proclamando: Il Signore, il Signore, Dio
misericordioso e pietoso, lento allira e ricco di amore e di fedelt (Es
34,6). Ges trascrive la rivelazione di Dio a Mos con linvito: Siate
dunque misericordiosi come il Padre vostro misericordioso. Nella
comunit dei credenti la misericordia si realizza come accoglienza e
perdono fraterno.

Per pregare

Piet di me, o Dio, nel tuo amore; nella tua grande misericordia cancella la
mia iniquit. Lavami tutto dalla mia colpa, dal mio peccato rendimi puro.
S, le mie iniquit io le riconosco, il mio peccato mi sta sempre dinanzi.

S, le mie iniquit io le riconosco, il mio peccato mi sta sempre dinanzi.


Contro di te, contro te solo ho peccato, quello che male ai tuoi occhi, io
lho fatto: cos sei giusto nella tua sentenza, sei retto nel tuo giudizio.

Venerd 04 marzo
Non dovevi avere piet come io ho avuto piet di te?

Matteo 18,23-35
Poich costui non era in grado di restituire, il padrone ordin che fosse
venduto lui con la moglie, i figli e quanto possedeva, e cos saldasse il
debito. Allora il servo, prostrato a terra, lo supplicava dicendo: Abbi
pazienza con me e ti restituir ogni cosa. Il padrone ebbe compassione di
quel servo, lo lasci andare e gli condon il debito. Appena uscito, quel
servo trov uno dei suoi compagni, che gli doveva cento denari. Lo prese
per il collo e lo soffocava, dicendo: Restituisci quello che devi!. Il suo
compagno, prostrato a terra, lo pregava dicendo: Abbi pazienza con me e
ti restituir. Ma egli non volle, and e lo fece gettare in prigione, fino a
che non avesse pagato il debito. Allora il padrone fece chiamare
quelluomo e gli disse: Servo malvagio, io ti ho condonato tutto quel
debito perch tu mi hai pregato. Non dovevi anche tu aver piet del tuo
compagno, cos come io ho avuto piet di te?.

Riflessione

Il perdono libero e gratuito di Dio precede e fonda il perdono umano. Il


perdono immeritato e totale dei peccati da parte di Dio, la ragione ultima
e anche il modello del perdono nella comunit (Mt 18,35). Non esiste
nessuna proporzione tra le due forme di perdono. Quello che li rende simili
la compassione o misericordia, cio lamore che si lascia coinvolgere
nella miseria dellaltro. Come dice la parola stessa, la misericordia un
modo di amare che proviene dal cuore, quando si lascia toccare dalla
condizione dellaltro che ha bisogno.

Per pregare

Dio della misericordia,


con spirito contrito confessiamo il nostro peccato:
abbi piet di noi
e nella tua bont infinita
crea in noi un cuore nuovo
e avvolgici della gioia della tua salvezza.
Per Cristo nostro Signore. Amen
Sabato 05 marzo
Quando era ancora lontano, suo padre lo vide e ne ebbe compassione

Lc 15,11-32
(Il figlio pi giovane) Si alz e torn da suo padre. Quando era ancora
lontano, suo padre lo vide, ebbe compassione, gli corse incontro, gli si
gett al collo e lo baci. Il figlio gli disse: Padre, ho peccato verso il
Cielo e davanti a te; non sono pi degno di essere chiamato tuo figlio.
Ma il padre disse ai servi: Presto, portate qui il vestito pi bello e
fateglielo indossare, mettetegli lanello al dito e i sandali ai piedi.
Prendete il vitello grasso, ammazzatelo, mangiamo e facciamo festa,
perch questo mio figlio era morto ed tornato in vita, era perduto ed
stato ritrovato. E cominciarono a far festa.

Riflessione

Nei suoi gesti e nelle sue parole Ges manifesta e rende presente la
misericordia di Dio: egli risana i malati, libera gli indemoniati, accoglie e
d il perdono ai peccatori; a quelli che criticano il suo modo di fare, egli
risponde che questo il modo di agire di Dio (Mt 9,9-13; Os 6,6). Ges
accoglie i peccatori e annuncia loro il perdono dei peccati. Agli scribi e ai
farisei osservanti, che criticano la sua accoglienza dei pubblicani e dei
peccatori, risponde con il racconto di tre parabole: due sulla gioia e la festa
di Dio il pastore che cerca e trova la pecora perduta (Lc 15,3-7), la donna
che cerca e trova la dramma smarrita (Lc 15,8-10) e una sul padre
misericordioso, che accoglie il figlio perduto e ritrovato (Lc 15,11-32).

Per pregare

Chiunque in te spera non resti deluso;


sia deluso chi tradisce senza motivo.
Fammi conoscere, Signore, le tue vie,
insegnami i tuoi sentieri.

Guidami nella tua fedelt e istruiscimi,


perch sei tu il Dio della mia salvezza;
io spero in te tutto il giorno.
AVVISI
- Ogni giorno feriale, nella Cappellina, dalle 8:30 alle 9:00, dalle 9:30
alle 11 e dalle 18:30 alle 20:00 solennemente esporto per
lADORAZIONE EUCARISTICA personale il Santissimo
Sacramento.

- Le offerte per la MENSA dei POVERI si raccolgono nel


contenitore al centro della Chiesa.
- Ogni GIOVEDI alle ore 17:00 LECTIO DIVINA sul Vangelo della
domenica successiva.

- Ogni VENERDI di Quaresima alle ore 18:00 VIA CRUCIS. Alle


ore 19:00 la Santa Messa.

- In fondo alla Chiesa disponibile le scheda per aderire


allADOZIONE A DISTANZA di un bambino della Missione
Santa Lucia a Kinshasa . La scheda compilata la si pu lasciare in
Sagrestia.

- Sabato 5 Marzo GIUBILEO dellAnno della Misericordia con il


passaggio della PORTA SANTA insieme alle altre parrocchie del
quartiere. Lappuntamento sabato 5 Marzo alle ore 15:30 allinizio
di Via della Conciliazione (dalla parte di Castel SantAngelo dove
c il varco per i pellegrini). Non necessaria la prenotazione.

- Venerd 18 Marzo VIA CRUCIS IN COSTUMI


DEPOCAanimata dai giovani della parrocchia per le strade del
quartiere. Lappuntamento in Piazza Strozzi alle ore 21.