Sei sulla pagina 1di 2

V

Amica, non morire.


Ascolta queste parole che mi escono brucianti,
e che nessuno direbbe se non lo facessi io.

Amica, non morire.

Io sono colui che ti aspetta nella notte stellata.


Colui che sotto il sole insanguinato del tramonto ti aspetta.

Guardo cadere i frutti sulla terra ombrosa.


Guardo ballare le gocce di rugiada sull'erba.

Nella notte al denso profumo delle rose,


quando danza il girotondo delle ombre immense.

Sotto il cielo del Sud, colui che ti aspetta quando


l'aria della sera bacia come una bocca.

Amica, non morire.

Io sono colui che tagli le ghirlande ribelli


per il letto selvatico fragrante di sole e di bosco.
Colui che port tra le braccia giacinti gialli.
E rose strappate. E papaveri insanguinati.

Colui che ha incrociato le braccia per aspettarti, adesso.


Colui che ha spezzato i suoi archi. Colui che ha ripiegato le sue frecce.

Io sono colui che conserva sulle labbra il sapore degli acini.


Grappoli ammaccati. Morsi vermigli.

Colui che ti chiama dalle pianure germinate.


Sono colui che nell'ora dell'amore ti desidera.

L'aria della sera curva i rami alti.


Ebbro, il mio cuore, sotto Dio, barcolla.

Il fiume straripato rompe in lacrime e a volte


si assottiglia la sua voce e si fa pura e tramante.

Rimbomba, tramontato, il lamento azzurro dell'acqua.


Amica, non morire!

Io sono colui che ti aspetta nella notte stellata,


sulle spiagge auree, sulle bionde biade.

Colui che tagli giacinti per il tuo letto, e rose.


Disteso sull'erba io sono colui che ti aspetta!
V

Amiga, no te mueras.
yeme estas palabras que me salen ardiendo,
y que nadie dira si yo no las dijera.

Amiga, no te mueras.

Yo soy el que te espera en la estrellada noche.


El que bajo el sangriento sol poniente te espera.

Miro caer los frutos en la tierra sombra.


Miro bailar las gotas del roco en las hierbas.

En la noche al espeso perfume de las rosas,


cuando danza la ronda de las sombras inmensas.

Bajo el cielo del sur, el que te espera cuando


el aire de la tarde como una boca besa.

Amiga, no te mueras.

Yo soy el que cort las guirnaldas rebeldes


para el lecho selvtico fragante a sol y a selva.
El que trajo en los brazos jacintos amarillos.
Y rosas desgarradas. Y amapolas sangrientas.

El que cruz los brazos por esperarte, ahora.


El que quebr sus arcos. El que dobl sus flechas.

Yo soy el que en los labios guarda sabor de uvas.


Racimos refregados. Mordeduras bermejas.

El que te llama desde las llanuras brotadas.


Yo soy el que en la hora del amor te desea.

El aire de la tarde cimbra las ramas altas.


Ebrio, mi corazn, bajo Dios, tambalea.

El ro desatado rompe a llorar y a veces


se adelgaza su voz y se hace pura y trmula..

Retumba, atardecida, la queja azul del agua.


Amiga, no te mueras!

Yo soy el que te espera en la estrellada noche,


sobre las playas ureas, sobre las rubias eras.

El que cort jacintos para tu lecho, y rosas.


Tendido entre las hierbas yo soy el que te espera!