Sei sulla pagina 1di 2

da: Ilaria Barontini, Lo spirito imitativo dellonomatopea, in EAD, Musica e umorismo, ETS, Pisa 2009

SCHEDA 2

G. Rossini (attr.), Duetto Buffo di Due Gatti

La musica pu imitare la natura, le persone,


le loro voci, i versi degli animali e la musica stessa,
traendo da tutto ci effetti comici diversi,
a patto che si realizzi una qualche degradazione,
una desublimazione o una caricatura di qualche aspetto.
Fausto Petrella

Bizzarro divertissement (forse 1825) per due soprani e pianoforte (in cui lunica parola cantata,
Miau, lonomatopea del verso del felino) attribuito a Rossini, la cui elegante ironia fa accostare
volentieri il compositore allimmagine di un gatto, circospetto e giocoso. In verit il Duetto opera
spuria: contiene s musica di Rossini, ma assemblata probabilmente da Robert Lucas Pearsall,
compositore inglese noto per la sua produzione di inni. Questo duetto si suddivide in tre sezioni. La
prima, Adagio, derivata da una Katte-Cavatine scritta dal compositore danese Christoph Ernst
Friedrich Weyse. La terza, Allegretto, basata su Ah come mai non senti, la cabaletta dellaria di
Rodrigo Che ascolto! Ohim che dici dallOtello di Rossini. (Gossett 1977)
Come osservano Spaccazocchi e Strobino (2006), lincongruenza che fa scattare il comico qui
evidentissima: di solito a cantare sono persone, non gatti

il testo miagolante [] impone alla voce una emissione pi trascinata, pi glissata e quindi pi
animalesca [] Attribuire questa dose di animalit allessere umano cantante significa permettere
allascoltatore di intravedere un gesto di ironia e di burla nei confronti del canto in particolare e
delluomo in generale. [] Quindi, con questo Miau, possiamo vedere realizzarsi unazione tipica
dellHomo ridens in musica: il canzonare. Infatti questo termine sta per mettere in canzona, cio
vituperare, burlare, beffare, trarre materia per ridere di alcuni difetti o di certi limiti che si trovano
nellumano. Siamo pure a conoscenza di unespressione molto antica che, pi o meno, ha lo stesso
significato di canzonare: dar la baia, che ci giunge direttamente dal mondo animale poich il suo
senso proviene dal verbo abbaiare, cio fare il verso del cane per beffeggiarsi delluomo, tanto pi se
poi un uomo di potere.

Questo duetto, che prevede un nuovo modo di cantare lamentoso e suadente, il miagolar-
cantando, una delle pagine di musica da camera pi eseguite, con grande divertimento del
pubblico che si gode lo scherzo di vedere impersonare dei gatti dalle raffinate ugole dei cantanti, di
solito costrette in ruoli ben pi drammatici! (Es. 1, 2, 3)

Es. 1 ( file n. 69, traccia n. 24)


Es. 2 ( file n. 70, traccia n. 25)

Es. 3 ( file n. 71, traccia n. 26)

A differenza di Banchieri (cfr. scheda precedente), che aveva reso le voci animali in ostinati
ritmico-melodici su un basso (umano!) pi morbido, il presente duetto dipinge un miagolo molto
mobile e sinuoso, mentre laccompagnamento nellAdagio appare pi rigido e meccanico.