Sei sulla pagina 1di 19

IMPIANTO di PRODUZIONE

PELLET

Committente:

Progettista:
dr. Guido Garbi
A.U. Benefit s.r.l.

- G.A.L. Garfagnana
- Incubatore Gramolazzo
Garfagnana Innovazione

Aprile 2012

Galleria Renato Guttuso, 5 - Cap 56019 VECCHIANO (PI)

SOMMARIO:
1 INTRODUZIONE ...........................................................................................

2 PREMESSE
2.1 LA TOSCANA E LA FILIERA DEL LEGNO
2.2 IDENTIFICAZIONE DEL META-PROGETTO
2.3 IDENTIFICAZIONE DEL PROGETTO BENEFIT-GARFAGNANA-PELLET
.........................................................................
2.4
LO SCOPO PRIMARIO
2.5
LO SCOPO SECONDARIO
ppPREMESSE...................................................................................................
2.6
LE MOTIVAZIONI DEL PROGETTO
..........

4
4
5
5
5
5

3 LIMPIANTO
3.1 DATI TECNICI RELATIVI ALLIMPIANTO ..............................................
3.2 DATI RELATIVI ALLA TECNOLOGIA .......................................
3.3 DATI RELATIVI AL LAYOUT (composizione)......................................

6
7
8

4 ASPETTI ECONOMICI E FINANZIARI


......................................................
4.1 COSTI E BENEFICI DELLIMPIANTO
4.2 PARAMETRI DI RIFERIMENTO
........................................

8
9

5 LIMPRESA, LA CONCORRENZA E I MERCATI DI SBOCCO


5.1 LIMPRESA
5.2 LA CONCORRENZA
5.3 I MERCATI DI SBOCCO..................

11
11
11

6 NOTE GENERALI SUL PELLET

12

7 I PRODOTTI A MARCHIO BENEFITgarfagnanapellet

17

8 RINGRAZIAMENTI INFO & CONTATTI

19

Galleria Renato Guttuso, 5 - Cap 56019 VECCHIANO (PI)

1 INTRODUZIONE
La presente relazione costituisce il risultato dellattivit svolta da:

dr. GUIDO GARBI per BENEFIT s.r.l.

Al fine di valutare la fattibilit di usare materia prima, biomassa legnosa:


al servizio del mercato industriale (pellet 8 mm. e cippatino calibrato
P16) e domestico (6 mm., EN-plus A1 e A2), in filiera corta;
al servizio del recupero delle biomasse da verde pubblico, altrimenti
prevalentemente destinate alla discarica, con la produzione di pellet da
verde pubblico da destinare alla produzione di energia per abbattere i costi
della bolletta termica delle utenze, eliminando luso dei combustibili fossili;
al servizio della realizzazione di impianti di cogenerazione di energia
termica ed elettrica, dual-fuel, alimentati a olio vegetale (4% del totale) e
metano di sintesi (Syngas), prodotto con la pirogassificazione di pellet (96%).
Il progetto prevede la realizzazione di un p r im o impianto per la produzione di
pellets per usi industriali e/o domestici, con Benefit srl quale Societ toscana
incubata presso lIncubatore del Centro Innovazione Garfagnana di Gramolazzo
(Comune di Minucciano Provincia di Lucca). Il progetto potrebbe essere poi
ulteriormente sviluppato con la realizzazione di altri impianti per la produzione di
pellet, sempre con la tecnologia innovativa qui introdotta, in altre aree, come quella
tirrenica della Toscana; e comunque ovunque nella Regione si allochino pi aziende
agro-forestali, cooperative di taglio e consorzi capaci di produrre la materia prima
per la produzione del pellet (cippato e segatura) e in via sussidiaria delle bricchette.
La presente relazione tiene conto: a) dellesperienza e della conoscenza della
societ Benefit srl circa le attivit in ambito green-economy, tra cui il
recupero delle biomasse legnose nonch del prodotto pellet, delle sue
tecnologie di produzione, dei mercati dapprovigionamento e di quelli di
sbocco; b) delle ricerche sul territorio, frutto delle analisi svolte con lausilio del
GAL della Garfagnana, con il coordinamento del Presidente F avari, nonch del
Centro Servizi dellIncubatore di Gramolazzo, nella persona del suo Direttore
Stefano Coiai.
Costituisce lo studio di fattibilit di detto intervento descrivendo:
le principali caratteristiche tecniche degli elementi costituenti gli impianti;
la modalit della disposizione sulla base delle risultanze degli studi eseguiti a
seguito dei sopralluoghi avvenuti e degli elementi infrastrutturali;
unanalisi sul profilo amministrativo e finanziario dellopera.

Galleria Renato Guttuso, 5 - Cap 56019 VECCHIANO (PI)

2 PREMESSE
2.1 La Toscana e la filiera del LEGNO
Laggiornamento (al 2005) dell Inventario Nazionale delle Foreste e dei Serbatoi di
Carbonio mette la ns. Regione al primo posto in Italia per estensione di superficie
boscata.
Il LEGNO e il suo utilizzo va visto, a ns. avviso, quale elemento di sostenibilit ed
ecoefficienza, nonch come opportunit di lavoro e di business etico (con ci
intendendosi lavvio di unattivit imprenditoriale che sviluppi le risorse locali e crei
occupazione nel territorio e che produca profitti rispettando e valorizzando
lambiente).
Le 3 ragioni di questo assunto, prodromo del presente Progetto, sono: a) creare
occupazione; b) proteggere il bosco; c) risparmiare energia, sostituendo quella da
combustibili fossili con quella da fonti rinnovabili.
Il valore del legno, come materia prima da dedicare alla filiera energetica e a quella
della bioedilizia, cos comprensibile da essere lapalissiana:
proviene da una fonte, lalbero, il cui rinnovamento e la cui riproducibilit sono
determinati essenzialmente dallunica fonte energetica illimitata e ambientalmente
non inquinante (IL SOLE).
Fare una trave di legno impegna 1/6 (un sesto) dellenergia necessaria per farne
una in acciaio a parit di resistenza, cos come per ogni metro cubo di legname
utilizzato per produrre energia al posto dei combustibili fossili ci fa risparmiare nei
costi fino a oltre il 70% e si risparmia 1,1 tonnellata di CO2 non emessa in
atmosfera.
Il Legno va visto anche come elemento essenziale della lotta al cambiamento
climatico. Utilizzare legno indiscutibilmente produce meno emissioni di CO2 di
qualsiasi altro materiale o fonte energetica.
Ancor oggi oltre il 60% dellutilizzo del legname copre il mercato della legna da
ardere. Il Progetto che qui descriviamo intende procedere a diversificarne lutilizzo,
creando un volano moltiplicatore dopportunit per le piccole e per le microimprese
del teritorio regionale, potenzialmente assai maggiore del semplice taglio dei boschi
come facevano i ns. nonni.
2.2 Identificazione del meta-progetto
Favorire lo sviluppo di un network dimpianti di pellettizzazione in Toscana, con luso
della tecnologia produttiva proposta, da adottarsi nel primo insediamento e nei
successivi.
Tecnologia che si contraddistingue nella possibilit di produrre pellets anche da
biomassa umida. Si consideri che la Toscana la prima regione dItalia per ettari
boschivi, per contro con un modesto utilizzo della filiera Bosco-Legno-Energia. Per
conseguenza, per la prima volta nel mercato e in modo assolutamente innovativo, si
potr lavorare biomassa legnosa secca (come tutti gli impianti attualmente in uso
con le vetero-tecnologie) nonch biomassa legnosa umida, quale anche il verde
pubblico, altrimenti destinato a non essere riutilizzato, almeno per la maggior
quantit, destinato spesso in discarica.

Galleria Renato Guttuso, 5 - Cap 56019 VECCHIANO (PI)

2.3 Identificazione del progetto Benefit-Garfagnana-Pellet nel comune di


Minucciano (LU)
Il progetto prevede la realizzazione di un impianto per la produzione di pellets,
avente la funzione d i operare allinterno del territorio di produzione della
materia prima, biomassa legnosa conferita prevalentemente da aziende forestali
del territorio.
La realizzazione avverr in un sito artigianale nel Comune di Minucciano (GAL
di Minucciano) a seguito di un bando di gara per lincubazione dimprese, vinta
dalla societ BENEFIT srl, potendo q u i n d i contare su tutta una serie di
facilitazione in termini economici e di servizi per un certo numero di anni (sei, in
totale).
La tecnologia del lay-out produttivo sar del tipo innovativo (ma gi industrializzato
e produttivo anche allestero) evidenziato al punto che precede.
2.4 Lo scopo primario
Implementare in azienda un impianto tecnologico innovativo che genera un
prodotto finito di qualit (certificabile ENplus-A1 e/o Gold e/o DINplus, ecc.) da
commercializzare direttamente sul mercato locale (capace di assorbire la
produzione gi in filiera corta, t r a 70-90 Km.) del commercio al dettaglio,
attraverso una rete di rivenditori sul territorio, capace di consentire unattivit
economica redditualmente positiva sin dal primo esercizio.
Con ci attivando una importante rete di risorse indirette sul territorio regionale.
In modo correlato si pu prevedere anche lavvio di una produzione di Bricchette,
dagli scarti di lavorazione, soprattutto cortecciame e ramaglie.
2.5 Lo scopo secondario
Implementare in azienda un circolo commerciale virtuoso che vada oltre le stesse
quantit prodotte in loco per i mercati canonici del pellet (riscaldamento
domestico, legato al periodo invernale) e per quelli innovativi da supportare,
espandere e addirittura creare attraverso unofferta che adesso non esiste in modo
articolato e dedicato. Ci si riferisce, ad esempio al pellet per: la produzione di
energia elettrica e termica in cogenerazione, per la produzione di energia termica in
modo sostitutivo dei combustibili fossili (caldaie e termo generatori daria a pellet
anzich a metano, gpl, gasolio). Nonch alla commercializzazione, istallazione e
assistenza delle stesse.
2.6 Le motivazioni del progetto
Liniziativa si presenta vantaggiosa sotto tre differenti punti di vista:
ECONOMICO E PRODUTTIVO
AMBIENTALE E DI SVILUPPO DEL LAVORO
DELLA VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE DEL TERRITORIO

Galleria Renato Guttuso, 5 - Cap 56019 VECCHIANO (PI)

LIMPIANTO

3.1 Dati tecnici relativi allimpianto di produzione pellets

Schema indicativo dellimpianto

Galleria Renato Guttuso, 5 - Cap 56019 VECCHIANO (PI)

3.2 Dati relativi alla tecnologia usata per la produzione di pellet


Questa rivoluzionaria tecnologia, distribuita e istallata dal Gruppo Five Power di
Roma e gi presente in Italia e allestero (Ucraina e altri siti dellEuropa centroorientale), riesce a ottenere il prodotto finito pellet con l8-11% di umidit,
partendo da biomassa verde con tasso dumidit di oltre il 50%.
La caratteristica principale del lay-out produttivo data dallassenza degli
essiccatori, che da soli sono il 40%, e oltre, del costo di una qualsiasi linea
produttiva attualmente sul mercato. In questo processo produttivo lessiccazione
della biomassa raffinata avviata alle presse per la produzione del pellet fatta dal
sistema stesso di pressatura.
La possibilit di lavorare biomassa umida, senza luso degli essiccatori, consente 2
diverse importanti economie: 1) elimina i costi desercizio per produrre energia
termica per la fase dessiccazione; 2) riduce di molto gli interventi (e i costi) di
manutenzione su rulli e trafile.
Questo sistema, oltre a consentire minori costi dinvestimento e desercizio, apre
nuovissime e infinite possibilit dutilizzo per ottimizzare luso degli scarti di
lavorazione delle attivit produttive nei settori agro-florovivaistici e forestali,
nonch per il verde pubblico, consentendo di non mandare a smaltimento potature
e sfalci dogni tipo.
In sintesi tre fattori di efficienza economica, al fine di risultati reddituali concreti e
positivi fin dal primo esercizio in produzione: a) il lay-out privo della presenza di
essiccatori e delle pipe-lines connesse, consente un primo risparmio
sullinvestimento industriale, rispetto alle tecnolgie attualmente in uso (gli
essiccatori hanno un costo da 250mila e oltre); b) il sistema di riduzione
dellumido del verde, coincidente con quello di pellettizzazione in pressa, consente
di eliminare i pesanti costi energetici connessi, spesso causa di Business-Plan
negativi (normalmente il 30% del legno da lavorare viene consumato per produrre
il calore per gli essiccatori); c) costi correnti per le spese di manutenzione
(sostizione di trafile e rulli) ridotti fino a 1/6 rispetto alle vetero-tecnologie

Galleria Renato Guttuso, 5 - Cap 56019 VECCHIANO (PI)

3.3 Dati relativi al lay-out dellimpianto


C o m p o s i z i o n e (esempio indicativo e non esaustivo):
01) nr. 2 serbatoi dalimentazione del Raffinatore
02) nr. 2 nastri a tela per alimentazione del Raffinatore
03) nr. 2 Raffinatori
04) nr. 2 nastri per il trasporto del materiale raffinato
05) nr. 2 serbatoi per materiale pronto da pellettizzare
06) nr. 4 nastri per alimentazione delle presse pellettatrici
07) nr. 4 presse pellettatrici con endoessiccatore meccanico
08) nr. 1 sistema di pulitura pellets
09) nr. 3 nastri a tela per trasporto pellets
10) nr. 1 trasporto pellets nel silo dinsaccaggio
11) nr. 1 serbatoio pellets completo di bilancia semiautomatica
12) nr. 1 sistema automatico per chiusura sacchetti da 5 a 15 kg.

***
4 ASPETTI ECONOMICI E FINANZIARI
4.1

Costi e benefici dellImpianto


Profit & Loss dellimpianto: vedi schede in calce (Il Business-Plan)

Galleria Renato Guttuso, 5 - Cap 56019 VECCHIANO (PI)

4.2 PARAMETRI DI RIFERIMENTO


Nellinserimento dei valori economici sono stati definiti diversi parametri e cio:

Tempi e quantit di lavorazione:


N 1 impianto in grado di produrre 1-1,2 tonn/h di Pellets.

Settimane/anno
Giorni/settimana
Giorni/anno
Ore/turno
Turni/giorno
Ore/giorno
Turni/anno
Tonnellate/ora
Tonnellate/turno
Tonnellate/giorno

48
6
289
7,5
3
22,5
867
0,9
6,75
20,25

Tonnellate/anno

5.852

48
6
289
7,5
3
22,5
867
0,9
6,75
20,25

5.852

PRODOTTO LAVORATO
Tipologia

Quantit

Prodotto B2B-I (industriale)

100

5.852,00

Ton/anno (in alternativa)

Prodotto B2B-II (rivenditori)

100

5.852,00

Ton/anno (in alternativa)

Prodotto B2C (dettaglio)

20

1.174,40

Ton/anno (in mix)

35+45+20

5.852,00

Ton/anno (ipotesi di mix)

Prodotti B2B+Prodotto B2C

Turni di lavoro:
IPOTESI TURNI
MAX 40 ORE SETTIMANALI

1 TURNO
2 TURNO
3 TURNO

ORE 06
ORE 14
ORE 22

ORE 14
ORE 22
ORE 06

LUN
A+E
B
C+F

MAR
B+J
F
A+E

MER
C+J
E
B+F

GIO
A+J
B
C+E

VEN
B+J
C
A+F

** IN QUESTO CASO AVREMO 5 TURNISTI CHE SI ALTERNANO + 1 PART_TIME JOLLY


CHE COPRE TUTTE LE MATTINE E SOSTITUISCE GLI EVENTUALI ASSENTI NEI TURNI
*** IN ALTERNATIVA UN'ALTRA PERSONA CHE COPRE 1/2 MATTINA, 1/2 POMERIGGIO ED EVENTUALI SOSTITUZIONI

A BCEF
J

TURNISTI
8 - 16

OPPURE

8 - 12

12 - 16

E/O

Galleria Renato Guttuso, 5 - Cap 56019 VECCHIANO (PI)

SAB
C+J
A
F+E

DOM
FERMO
FERMO
FERMO

Costi materia prima:


Calcolando che limpianto lavora 22,5 ore al gg., per 6 gg. la settimana, per
48 settimane allanno ed ha una produzione media di partenza di
0,9ton/ora (5.852ton/anno) di pellets, corrispondenti a 8.360ton/anno
con umidit del 30%.
Considerando di pagare massimo 50/ton la materia prima (biomassa
cippata decorticata o meno, per la produzione di 6mm. domestico e/o
8mm. industriale).
Costi del trasporto:
Calcolando che il trasporto 1,5 a km, il costo riferito ad un bilico da
24T calcolando una percorrenza massima di 100Km, considerando una
media di 93,3km x 1,5=140 / 24ton= 5,83/ton
Costi dellenergia elettrica:
Calcolando che limpianto prevede una potenza max di 130KW di picco
quindi a regime lassorbimento sar circa di 65kW/h per il tempo di
lavorazione, il costo dellenergia stato considerato in 0,15/kWh.
Contratti mirati per le ore notturne saranno in grado di ridurre questo
capitolo di spesa.
Costi della manutenzione:
E stato considerato che la manutenzione comprensiva di materiale di
consumo incide in 10 a ton di prodotto finito.
Prezzi di vendita del prodotto finito (B2B):
E stata considerata la vendita del pellets al mercato Business (quindi BtoB)
considerando che potremmo contrattualizzare anche la consegna della
produzione allo stesso Fornitore dellimpianto (ovvero a societ che tratta
cogeneratori con pirogassificazione a pellet) che
comprerebbe a
160/ton. Il prezzo che potrebbe essere incassato dai clienti B2B del
distretto florovivaistico toscano o da altri utilizzatori di caldaie a pellet
(agriturismi, ristoranti, alberghi, centri sportivi, centri benessere, piscine,
ecc.).
Prezzi di vendita del prodotto finito (B2B/B2C):
Da una valutazione effettuata nellarea dellinsediamento dellimpianto
(filiera corta 50-80 km.) esiste la richiesta, indiretta, sul mercato
domestico 8tramite i Rivenditori) del prodotto finito in questo caso il
prezzo minimo su cui potremo contare sarebbe di 210/ton., prezzo di
sicuro interesse per i rivenditori. Per la parte di vendita diretta alle famiglie
e ai piccoli consumatori (da fare in sito), si pu pensare a un prezzo minimo
di 260/ton. (prezzi, oltre iva 10%).
Risorse Umane impegnate nel Progetto:
Oltre alla M.O.D. impegnata sullimpianto, gi menzionata, il Progetto
Gramolazzo muover risorse indirette nel settore delle aziende agroforestali, per i conferimenti di cippato, per non meno di 20-25 unit; nonch
10 unit per trasporti e attivit commerciale.
Galleria Renato Guttuso, 5 - Cap 56019 VECCHIANO (PI)

10

5 LIMPRESA, LA CONCORRENZA E I MERCATI DI SBOCCO


5.1 Limpresa
Benefit srl nasce nel 2010 ma parte da lontano. Le esperienze in ambito green
economy partono dal 1975, quando il fondatore inizi a occuparsi di quelli che
allora si chiamavano collettori solari (i nonni degli attuali impianti solari termici).
Dalla sua nascita questa piccola realt toscana si occupata di risparmio energetico
(apparati per il risparmio sulla componente elettrica dei costi per lilluminazione e la
forza motrice) e di cogenerazione per la produzione termica ed elettrica da fonti
rinnovabili (cogeneratori bi-fuel alimentati con biomasse legnose). In questo ambito
Benefit srl ha venduto in Italia e in Europa centro-orientale impianti per la
produzione di biomasse legnose (cippati e pellets), approfondendo la conoscenza
delle tecnologie, dei mercati, della materia prima e della concorrenza.
5.2 La concorrenza
Il mercato del pellet in Italia dato soprattutto da importatori di prodotto insaccato
per il mercato domestico (mercato in costante aumento esponenziale di anno in
anno, perch i risparmi per la famiglia possono arrivare a superare il 70% sui costi
dei combustibili fossili) e pochi produttori insediati con vetero-tecnologie e picchi di
vendita nei mesi autunnali e invernali (con difficolt legate alla stagionalit e al
fermo produttivo di alcuni mesi).
5.3 I mercati d sbocco
La produzione media prevista per il Progetto dimpianto di Gramolazzo tale da
essere facilmente ricollocata, con un prezzo competitivo per il Cliente, in ambito
locale.
Ma c di pi: mentre i produttori/importatori che attualmente sono sul mercato
lavorano solo con la prospettiva di collocare il pellet in ambito domestico e solo nei
mesi freddi in cui si devono riscaldare gli ambienti di casa e di lavoro, Benefit srl,
lavorando nel mercato dei cogeneratori, in grado di posizionare la produzione 12
mesi su 12 nel mercato delle imprese che andranno a consumare pellets per la
cogenerazione (in Toscana nel 2013 entreranno in funzione impianti capaci di
consumare oltre 5 volte la produzione prevista nellinsediamento di Gramolazzo.
Oltre al fatto che gli impianti della tecnologia in uso, potendo lavorare anche il
verde pubblico, possono generare un mercato totalmente nuovo, dato da caldaie
per produrre calore nelle comunit di vario genere (scuole, piscine comunali,
strutture sanitarie, ecc.) alimentate a pellets e non pi a combustibili fossili (con
risparmi da un 40%-60% e oltre).

Galleria Renato Guttuso, 5 - Cap 56019 VECCHIANO (PI)

11

NOTE GENERALI SUL PELLET


Il PELLET rappresenta la pi innovativa forma di combustibile ecologico, ricavato dagli
scarti del legno essiccato e compresso proveniente da industria, agricoltura, coltivazione
e pulizia dei boschi, in una parola: che non si ricava da disboscamenti e da
abbattimento di alberi.

L'impianto in questione sar utilizzato solo ed esclusivamente per la produzione di


pellets che potr essere in big bags da una tonnellata cadauna oppure in buste di nylon
da 20, 15, 10 o 5 Kg; queste ultime due (quelle da 10 e da 5 kg) anche con manico per
il trasporto.
L'impianto in questione presenta caratteristiche di affidabilit e di produzione eccellenti
e non riscontrabili in nessun altro produttore, anche perch molti competitors,
modificano impianti destinati inizialmente alla produzione di mangimi animali rendendoli
idonei anche per la produzione di pellets di legno, che per essendo un prodotto
chiaramente pi duro, non viene compattato con la giusta pressione, riscontrando
quindi problemi di friabilit, scarsa potenzialit calorica, alta polverizzazione e scarti
rilevanti.
Oltre a ci l'impianto prescelto presenta una caratteristica unica nel suo genere e non
riscontrabile altrove: la possibilit di produrre pellets di altissima qualit partendo da
materia prima umida fino anche al 50/60% senza l'utilizzo di apparecchiature destinate
alla essiccazione della biomassa.
Questo permette un enorme risparmio in termini energetici che solitamente non
possibile attuare con impianti di tipo tradizionale.
Il Pellet si presenta come un cilindro di legno pressato e non trattato delle dimensioni di
pochi millimetri che resta compatto grazie alla capacit legante della lignina, collante
naturale del legno; un prodotto naturale (non ha aggiunta di additivi o di sostanze
collanti chimiche) un combustibile naturale ed ecologico, ad alta resa calorica (5,2
kWh per kg., pari a 4.500 Kcal/Kg., minimo).

Galleria Renato Guttuso, 5 - Cap 56019 VECCHIANO (PI)

12

Grazie alla pressatura il potere calorifico del PELLET, circa il doppio rispetto al legno
(a parit di volume, ma non di peso), pu essere utilizzato come combustibile per stufe,
camini, e anche caldaie e sistemi di riscaldamento centralizzati come termo-camini e
termo-caldaie.
La convenienza del PELLET data principalmente dal suo basso costo e soprattutto
dalla sua alta resa calorica, questa per dipende dalla qualit del legno utilizzato per la
sua produzione: il PELLET migliore quello ottenuto dal legno vergine soprattutto di
Faggio, Abete e Pino, deve essere liscio, compatto e lucido.
E' comodissimo da usare, estremamente leggero e compatto, e ha un costo molto
basso rispetto agli altri combustibili.

Come si nota nella tabella in basso il pellet certamente il pi economico tra i comuni
combustibili da riscaldamento. Infatti il costo in euro per kW del pellet pi basso di
quello del metano e del gasolio. Il calcolo chiaramente indicativo ma da una idea
precisa della questione.
Combustibile

Potere Cal.(kW) Prezzo ()

Costo/kW

Pellet

5,2 /Kg

0,2/Kg

0,038

Gasolio

9,6 /lt

0,95/lt

0,098

Metano

10,00 /m3

0,57/m3

0,057

Galleria Renato Guttuso, 5 - Cap 56019 VECCHIANO (PI)

13

Il pellet quindi un combustibile ottenuto dalla raffinazione di biomasse, cubettate ad


alta pressione. E considerato pellet il combustibile in stick del diametro massimo di
25mm (le misure standard sono, 6, 8, 10 e 12mm.), bruciato in apposite stufe con
alimentazione automatica del combustibile e riscaldamento degli ambienti ad aria o ad
acqua.
Oltre allaspetto positivo di essere unenergia alternativa alle fonti non rinnovabili, il
riscaldamento con stufe a pellet consente un risparmio sui costi energetici di circa il
40%. Gli utilizzatori possono essere utilizzatori privati (stufe e stufe autopulenti con
sonda lambda), comunit diverse (caldaie) o piccole centrali di produzione termica ed
elettrica.
Come materiale di partenza possono essere utilizzati i residui della lavorazione del legno
(segatura) o altri prodotti (cippati o altro) da raffinare/macinare. I parametri
fondamentali per avere un pellet di buona qualit sono il tipo di legno e soprattutto
lumidit (che non deve superare il 7-10%).

IN SINTESI

circa 2,3kg. di legna secca hanno lo stesso potere calorifico di 1 litro di gasolio o di un
metrocubo di gas naturale e un costo molto inferiore.
E pi efficiente rispetto alla legna da ardere e ai cippati, per potere calorifco e resa
termica (1kg. di pellet
ci d a ca.5 kW h d ene rg i a) e il suo uso in caldaie non necessita di manutenzione
ricorrente in sito.
Densit tra 650-720 kg/mc (occupa poco spazio) ; 2tonn. di pellet equivalgono a 1 m di
olio; 2,1tonn.
Di pellet equivalgono a 8-10 m di legna da ardere ; potere calorfico di alcuni pellet (Kcal/Kg):
pino=4548- faggio=4578-abete=4588-castagno=4731.
Le ns. caldaie a pellet (potenza da 30kW, regolabile da 7,6 a 30,4) scaldano 300-500mq. di
superficie con il loro serbatoio incorporato da 210kg., per 20gg. (con unefficienza termica di
oltre il 93%).
LA FILIERA LEGNO BOSCO - ENERGIA:
dal cippato e dalla segatura di biomasse legnose non trattate,

al PELLET pronto per il consumo industriale e domestico,


vera alternativa naturale ai combustibili fossili

Galleria Renato Guttuso, 5 - Cap 56019 VECCHIANO (PI)

14

Le 4.500 kcal del PELLET corrispondono:


4500000
4500
1,1760674157303E+26
1,1760674157303E+23
1,1760674157303E+20
1,1760674157303E+17
1,88406E+16
18840600000000
18840600000
18840600
18840,6
13896113,429673
1921206,5282232
1921206,5282232
18840600
18840,6
18,8406
0,0188406
1,88406E-5
1,88406E-8
1,88406E-11
18840600
18840,6
5233,5
5,2335
0,0052335
5,2335E-6
5,2335E-9
1921206528,2232
17857,443236975
17,857443236975
0,017857443236975
1,7857443236975E-11
1,88406E+14

Calorie [cal]
Kilocalorie [kcal]
Elettronvolt [eV]
Kiloelettronvolt [keV]
Megaelettronvolt [MeV]
Gigaelettronvolt [GeV]
Nanojoule [nJ]
Microjoule [J]
Millijoule [mJ]
Newton metro [Nm]
Kilonewton metro [kNm]
Foot-pound force [ft-lb]
Kilopondmeter [kpm]
Kilogram-force meter [kgfm]
Joule [J]
Kilojoule [KJ]
Megajoule [MJ]
Gigajoule [GJ]
Terajoule [TJ]
Petajoule [PJ]
Exajoule [EJ]
Watt secondo [Ws]
Kilowatt secondo [kWs]
Wattora [Wh]
Kilowattora [kWh]
Megawattora [MWh]
Gigawattora [GWh]
Terawattora [TWh]
Pondmeter [pm]
British thermal unit [Btu]
Thousand BTU [MBtu]
Million BTU [MMBtu]
Quad
Erg

Galleria Renato Guttuso, 5 - Cap 56019 VECCHIANO (PI)

15

TABELLA RESE CALORIFICHE E PESI SPECIFICI


(POTERE CALORIFICO: calore di combustione che esprime la quantit massima di calore che si pu ricavare dalla completa
combustione di 1 Kg. di combustibile, fossile o da fonti rinnovabili, ovvero di 1 m di gas a Zero gradi Celsius e alla pressione di
1 atmosfera)

N.B.: nella combustione levaporazione di 1 kg. di legna consuma 2,44 MJ


Unit di misura: 1 kWh = 860 Kcal = 3,6 MJ // 1 MJ = 239 Kcal = 0,278 kWh

Galleria Renato Guttuso, 5 - Cap 56019 VECCHIANO (PI)

16

BENEFITGarfagnanapellet

dalla Garfagnana produzione e commercio di:

PELLET
CIPPATI CALIBRATI
BRICCHETTE

CALDAIE
TERMOGENERATORI

Le caldaie e i generatori daria calda a pellet


consentono risparmi reali nei confronti dei combustibili fossili

a partire da un 40%, fino a oltre il 70%


(rispetto alluso di metano, gasolio e gpl)
IMPORTANTE: Sullacquisto di caldaie e termogeneratori si potr godere, inoltre, del vantaggio fiscale,
pari al 50% del valore dellinvestimento, previsto dalla legislazione che incentiva i risparmi energetici.

Galleria Renato Guttuso, 5 - Cap 56019 VECCHIANO (PI)

17

IL PELLET
utilizzabile come importante e conveniente materia prima nella cogenerazione

Biomasse utilizzabili nella Cogenerazionesugli impianti allacciati dal 1 gennaio 2013 (per 20 anni)
A titolo informativo riportiamo lelenco della varie tipologie di biomassa utilizzabili ai fini energetici previste nel nuovo
decreto sulle Fonti Rinnovabili emanato nel luglio scorso, in vigore con il nuovo anno. Con le nuove disposizioni la
cogenerazione da biomasse solide godr di buone prospettive e le piccole taglie ben si adatteranno alle nuove disposizioni
che premiano gli impianti fino a 300 kWe per i quali sono previste le massime tariffe incentivanti e in particolar modo gli
impianti fino a 200 kWe per i quali previsto l'accesso diretto agli incentivi senza alcuna liscrizione al Registro ed alle
relative graduatorie.
1.
2.

Sottoprodotti provenienti da attivit agricola, di allevamento, dalla gestione del verde e da attivit forestale
paglia, pula e stocchi;
fieni e trucioli da lettiera ed effluenti zootecnici (ad esempio letami di allevamento)
residui di campo delle aziende agricole e sottoprodotti derivati dallespianto;
sottoprodotti derivati dalla lavorazione dei prodotti forestali e dalla gestione del bosco;
potature, ramaglie e residui dalla manutenzione del verde pubblico e privato.

3.

Sottoprodotti provenienti da attivit alimentari ed agroindustriali


sottoprodotti della trasformazione del pomodoro (buccette, bacche fuori misura, ecc.);
sottoprodotti della trasformazione delle olive (sanse, sanse di oliva disoleata, acque di vegetazione);
sottoprodotti della trasformazione delluva (vinacce, graspi, ecc.);
sottoprodotti della trasformazione della frutta (condizionamento, sbucciatura, detorsolatura, pastazzo di agrumi,
spremitura di pere, mele, pesche, noccioli, gusci, ecc.);
sottoprodotti della trasformazione di ortaggi vari (condizionamento, sbucciatura, confezionamento, ecc.);
sottoprodotti della trasformazione delle barbabietole da zucchero (borlande; melasso; polpe di bietola esauste
essiccate, suppressate fresche, suppressate insilate ecc.);
sottoprodotti derivati dalla lavorazione del risone (farinaccio, pula, lolla, ecc.);
sottoprodotti della lavorazione dei cereali (farinaccio, farinetta, crusca, tritello, glutine, amido, semi spezzati,
ecc.);
sottoprodotti della lavorazione di frutti e semi oleosi (pannelli di germe di granoturco, lino, vinacciolo, ecc.);
pannello di spremitura di alga;
sottoprodotti dellindustria della panificazione, della pasta alimentare, dellindustria dolciaria (sfridi di pasta,
biscotti, altri prodotti da forno, ecc.);
sottoprodotti della torrefazione del caff e sottoprodotti della lavorazione della birra.

4.

Sottoprodotti provenienti da attivit industriali


sottoprodotti della lavorazione del legno per la produzione di mobili e relativi componenti ed altri oggetti in
legno.

Galleria Renato Guttuso, 5 - Cap 56019 VECCHIANO (PI)

18

RINGRAZIAMENTI
Un ringraziamento particolare allo Staff di Bio Powers srl, per le fondamentali informazioni
utili alla formazione del presente documento, laiuto e la competenza sulla materia, in specie
da parte del Patron del Gruppo Five Powers di Roma, Andrea Coli.
Un grazie anche a Luca Nencioni e ancor pi a Stefano Coiai, per la raccolta importante di
dati sul Territorio, sia circa il conferimento di biomasse che sui mercati locali di consumo, in
filiera corta.

lArea da dove viene la maggior parte


della ns. biomassa legnosa vergine non trattata
Informazioni & Contatti
Area Tecnica: +39.320.2595117
Area Commerciale: +39.345.1730744 // +39.335.8061228
Fax: +39.050.86144
www.benefitcontent.com info@benefitcontent.com
www.garfagnanapellet.it - info@garfagnanapellet.it

BENEFITcontent
COPYRIGHT in stampa novembre MMXII
vietata la copia, la riproduzione, la divulgazione anche parziale del presente documento senza autorizzazione
Galleria Renato Guttuso, 5 - Cap 56019 VECCHIANO (PI)

19