Sei sulla pagina 1di 25

La missione di San Benedetto

[Da A TLANTIS - gennaio 1858.]


1.
{365} A S l'universo fisico sostenuto e portato avanti in dipendenza da alcuni centri di potere e le leggi di
funzionamento, in modo che il corso del mondo sociale e politico, e di quella grande organizzazione religiosa
denominata Chiesa cattolica, si trova a procedere per la maggior parte dalla presenza o l'azione di determinate
persone, luoghi, eventi e istituzioni, come la causa visibile di tutta. C' stata una sola Giudea, uno in Grecia,
uno di Roma; uno Omero, uno Cicerone; un Cesare, un Costantino, un Carlo Magno. E cos, per quanto
riguarda la Rivelazione, c' stato un St. John the Divine, un medico delle Nazioni. Dogma corre lungo la linea
di Atanasio, Agostino, Tommaso. La conversione dei pagani attribuita, dopo gli apostoli, ai campioni della
verit cos pochi, che possiamo quasi contarli, come ad esempio Martin, Patrick, Agostino, Bonifacio. Poi vi
San Antonio, il padre del monachesimo; San Girolamo, l'interprete della Scrittura; San Crisostomo, il grande
predicatore.
Istruzione segue la stessa legge: ha la sua storia nel cristianesimo, ei suoi medici o maestri in questa storia. Ha
avuto tre periodi: -la antica, medievale e moderna; e ci sono tre ordini religiosi in quei periodi, rispettivamente,
che si succedono, uno l'altro, sul suo palcoscenico pubblico, e rappresentano l'insegnamento {366} proposta dal
Chiesa cattolica durante il tempo della loro ascesa. Il primo periodo che la lunga serie di secoli, durante i quali
la societ stava rompendo o si era rotto, e poi lentamente tentato propria ricostruzione; il secondo pu essere
chiamato il periodo di ricostruzione; e il terzo risale alla Riforma, quando quel particolare movimento della
mente cominci, il cui rilascio ancora venire. Ora, S. Benedetto ha avuto la formazione dell'antica
dell'intelletto, San Domenico del medievale; e Sant'Ignazio del moderno. E nel dire questo, io sono in nessun
grado irrispettoso agli Agostiniani, Carmelitani, i Francescani, e di altri grandi famiglie religiose, che potrebbe
essere chiamato, o ai santi Patriarchi che li fondato; perch io non sto rivedendo tutta la storia del cristianesimo,
ma la selezione di un particolare aspetto di esso.
Forse quanto questo sar concesso a me senza grandi esitazioni. Avanti, procedo per contrastare questi tre
grandi maestri della dottrina cristiana con l'altro. Per San Benedetto, quindi, che pu ragionevolmente essere
adottate per rappresentare le varie famiglie di monaci prima del tempo e quelle che scaturiva da lui (perch
sono tutti pi o meno di una scuola), a questo grande Santo mi permetta di assegnare, per il suo discriminare
distintivo, l'elemento di Poesia; a San Domenico, l'elemento scientifico; e di S. Ignazio, la pratica.
Queste caratteristiche, che appartengono rispettivamente alle scuole dei tre grandi Maestri, crescere fuori le
circostanze in cui sono, rispettivamente, sono entrati sul loro lavoro. Benedetto, affidato con la sua missione
quasi da ragazzo, infuso in esso la storia d'amore e la semplicit di fanciullezza. Domenico, un uomo di
quarantacinque anni, laureato in teologia, un prete e una Canon, ha portato con s nella religione che la maturit
e completezza di apprendimento che {367} aveva acquisito nelle scuole. Ignazio, un uomo di mondo prima
della sua conversione, trasmesso in eredit ai suoi discepoli che la conoscenza del genere umano, che non pu
essere appreso nei chiostri. E cos i tre diversi ordini erano (per cos dire), la nascita di Poesia, della Scienza e
senso pratico.
E qui un'altra coincidenza stesso suggerisce. Mi hanno dato questi tre attributi ai tre Patriarchi che ho
specificato, disgiuntamente tra loro, da una relazione in buona fede alla loro storia, e senza affatto avere alcuna
teoria della filosofia nel mio occhio. Ma dopo aver cos li descritto, di certo mi ha fatto colpire che avevo
involontariamente stato illustra un concetto un po 'popolare della giornata, simili, di cui attribuita agli autori
con i quali ho il meno simpatia come con le persone che possono essere nominati. Secondo questi speculatori,
la vita, sia di una gara o di un individuo della grande famiglia umana, diviso in tre fasi, ognuna delle quali ha
il proprio principio dominante e caratteristico. Il giovane fa il suo inizio nella vita, con "la speranza a prua, e
fantasia al timone;" non ha niente altro, ma questi per spingere o lui direttamente; egli non ha vissuto
abbastanza a lungo per esercitare la sua ragione, o per raccogliere in un negozio di fatti; e, perch non pu fare
altrimenti, abita in un mondo che ha creato. Si inizia con le illusioni. Poi, quando finalmente si guarda intorno
per un po 'di footing pi sicura di immaginazione gli d, si pu ricorrere alla ragione, o pu ricorrere ai fatti; ora
i fatti sono esterni a lui, ma la sua ragione la sua: tra i due, quindi, pi facile per l'esercizio del motivo che

per accertare i fatti. Di conseguenza, la sua prima rivoluzione mentale, quando si scarta la vita di aspirazione e
di affetto che lo ha deluso, ei sogni di cui stato lo sport e la vittima, quello di abbracciare una vita di {368}
logica: questo, allora, la sua seconda fase, -la metafisica. Egli agisce ora su un piano, pensa dal sistema,
cauto circa le sue condizioni medie, e si fida solo quello che prende una forma scientifica. La sua terza fase
quando ha fatto piena prova della vita; quando ha trovato le sue teorie abbattere sotto il peso dei fatti, e
l'esperienza falsificano i suoi calcoli pi promettenti. Poi il vecchio riconosce a lungo, che quello che pu
gusto, tatto, e la maniglia, affidabile, e nulla al di l di esso. Cos corre attraverso i suoi tre periodi di fantasia,
ragione e senso; e poi si volge al termine, e non lo ; -a conclusione pi impotente e malinconica.
Indubbiamente un cattolico non ha alcuna simpatia cos senza cuore una visione della vita, eppure sembra la
quadratura con quello che ho detto delle tre grandi Patriarchi di insegnamento cristiano. E certamente c' una
verit in essa, che gli conferisce la sua plausibilit. Tuttavia, io non sono preoccupato qui per fare di pi che
mettere il dito sul punto in cui avrei dovuto divergere da essa, sia in quello che ho detto e che cosa devo dire
che li riguardano. E 'vero, allora, che la storia, come si vede in questi tre Santi, , un po' alla maniera della
teoria che ho citato, un progresso dalla poesia attraverso la scienza al senso pratico o la prudenza; ma allora
questa importante riserva deve essere tenuto presente, allo stesso tempo, che ci che la Chiesa cattolica ha
avuto una volta, non ha mai ha perso. Non ha mai pianto sopra, o stato arrabbiato con, tempo passato e pi
volte. Invece di passare da una fase all'altra della vita, ha svolto la sua giovinezza e la mezza et con lei, al suo
ultimo tempo. Non ha cambiato propriet, ma li accumulato, e ha fatto uscire il suo tesoro-casa, a seconda delle
occasioni, le cose vecchi e nuovi. Lei non ha perso Benedetto trovando Domenico; e lei ha ancora sia Benedetto
e Domenico a casa, anche se lei {369} diventata la madre di Ignazio. Immaginazione, Scienza, Prudenza, tutti
sono buoni, e lei li ha tutti. Le cose incompatibili in natura, convivono in lei; la sua prosa poetica, da un lato, e
filosofica dall'altro.
Venendo ora alla prova storica del contrasto sono stato l'istituzione, io sono ottimista nel pensare che un ramo di
essa gi consentito dal consenso del mondo, ed innegabile. Di comune accordo, il palmo della Prudenza
religiosa, nel senso aristotelico del termine globale, appartiene alla scuola di religione, di cui Sant'Ignazio il
fondatore. Quel grande societ la sede classica e la fontana (vale a dire, nel pensiero religioso e la condotta di
vita, per di politica ecclesiastica non parlo), la scuola e il modello di discrezione, senso pratico e saggio
governo. Sublimi concezioni o speculazioni pi profondi possono essere stati creati o elaborati altrove; ma, se si
considera il corpo illustre nella propria costituzione, o nel suo regolamento per l'istruzione e la direzione,
vediamo che la sua stessa genio per preferire questo pi eccellente la prudenza di ogni altro dono, e pensare
poco sia di poesia e di scienza, a meno che si trovino utile. E 'vero che, nel lungo catalogo dei suoi membri, ci
si trovano i nomi dei teologi pi consumata, e degli studiosi pi elegante e compiuto; ma stiamo parlando qui,
non di individui, ma del corpo stesso. E 'chiaro che il corpo non finita-geloso delle sue tradizioni teologiche, o
certamente non avrebbe subito Suarez a controbattere con Molina, Viva con Vasquez, Passaglia con Petavius, e
Faure con Suarez, de Lugo, e Valentia. In questa libert intellettuale dei suoi membri giustamente gloria; nella
misura in cui hanno messo gli affetti, non sulle opinioni delle scuole, ma le anime degli uomini. E {370} lo
stesso motivo di carit che li fa rinunciare alla poesia della vita, la poesia di cerimonie, -Di il cappuccio, il
chiostro, e il coro, -CONTENUTO con l'architettura pi prosaica, ma se conveniente , e il quartiere pi
prosaica, ma se popolato. Non ho bisogno poi soffermarmi pi a lungo su questo meraviglioso religione, ma
possono limitare le osservazioni che sono da seguire per le due religioni che storicamente hanno precedutobenedettino e il domenicano [ nota 1 ].
Un preliminare di pi, suggerite da un'analogia puramente fantasiosa: -Come ci sono tre grandi Patriarchi sulla
strada maestra e la strada pubblica di educazione cristiana, quindi c'erano tre principali Patriarchi nella prima
et del popolo eletto. Mettendo da parte Noe e Melchisedec, e Giuseppe ei suoi fratelli, riconosciamo tre padri
venerabili,: Abramo, Isacco e Giacobbe, e quali sono le loro caratteristiche? Abramo, il padre di molti popoli;
Isacco, l'intellettuale, che vive in semplicit solitaria, e amando la contemplazione; e Jacob, il perseguitato e
inerme, visitata da meravigliosi provvidenze, guidato da un luogo all'altro, impostare il basso e ripreso,
maltrattato da parte di coloro che erano suoi debitori, sospettati a causa della sua sagacia, e tradito dalla sua
fede ansioso, ma portato avanti e trionfare in mezzo a tutti i problemi per mezzo del suo pi fedele e potente
guardiano-arcangelo.
2.

San Benedetto, quindi, come il grande patriarca ebreo, stato il "padre di molti popoli". E 'stato designato "il
Patriarca d'Occidente", un titolo che ci sono molte ragioni per attribuire a lui. Non solo era il primo a stabilire
un ordine di perpetua di clienti abituali in {371} cristianit occidentale; non solo, come proveniente da un lato,
ha aveva un percorso pi ampio di secoli per la moltiplicazione dei suoi figli; ma la sua Regola, come quella di
San Basilio in Oriente, la regola normale della prima et della Chiesa, ed era in tempo generalmente ricevuto
anche nelle comunit che in nessun senso dovevano la loro origine per lui. Inoltre, fuori del suo Ordine
aumentato, nel corso del tempo, diverse nuove famiglie monastiche, che si sono affermati come istituzioni
indipendenti, e sono in grado a loro volta di vantarsi del numero delle loro case, e la santit e storico celebrit
dei loro membri . Egli il rappresentante del monachesimo latino per la lunga estensione di sei secoli, mentre
monachesimo stato uno; e anche quando a variet di lunghezza sorte, e titoli distinti sono stati dati a loro, il
cambiamento cresciuto da lui; -non l'atto di stranieri che erano i suoi avversari, ma dei suoi figli, che hanno
fatto, ma fare un nuovo inizio in tutta la devozione e la fedelt a lui. morto nella prima met del VI secolo;
all'inizio del decimo rosa tra i suoi monasteri francesi la famosa Congregazione di Cluni, illustrato da San
Maiolo, San Odilo, Pietro il Venerabile, e di altri personaggi notevoli, tra i quali Hildebrand, poi Papa
Gregorio VII. Poi venuto, in lunga successione, gli Ordini e Congregazioni di Camaldoli sotto san Romualdo,
di Vallombrosa, di Citeaux, al quale san Bernardo ha dato il suo nome, di Monte Vergine, di Fontvrault; quelle
di Inghilterra, Spagna, e nelle Fiandre; la Congregazione Silvestrina, Celestini, gli Olivetani, Umiliati, oltre ad
una moltitudine di istituti per le donne, come la Gilbertines e degli Oblati di San Francesco, e poi alla fine, per
citare nessun altro, la Congregazione di San Mauro in tempi moderni , cos ben noto per le sue opere bibliche,
patristica, e storici, e per i suoi membri dotti, Montfaucon, {372} Mabillon, ei loro compagni. I panegiristi di
questo illustre dell'Ordine sono abituati a rivendicare per esso in tutti i suoi rami fino a 37.000 case, e, inoltre,
30 papi, 200 cardinali, 4 imperatori, 46 Re, 51 Queens, 1.406 dei Principi, 1.600 Arcivescovi, 600 Vescovi,
2.400 Nobili, e 15.000 Abati e dotti [ Nota 2 ].
N sono i corpi religiosi che sorsero da San Benedetto la piena misura di ci che ha realizzato, -come stato gi
osservato. La sua regola progressivamente la sua strada in quei diversi monasteri che erano di una prima o di
una fondazione indipendente. E prima si fusero con, e poi soppiantato, la Regola irlandese San Colombano in
Francia, e gli istituti ancora pi anziani, che erano stati portati dall'Oriente da S. Atanasio, S. Eusebio, e San
Martino. All'inizio del IX secolo stato adottato formalmente durante i domini di Carlo Magno. Pure, o con
qualche mescolanza, stato portato da S. Agostino in Inghilterra; e che mescolanza, se esistesse, stato
gradualmente eliminato da St. Wilfrid, St. Dunstan, e Lanfranco, finch alla fine stato ricevuto, con il nome e
l'obbedienza di San Benedetto, in tutti i monasteri Cattedrale [ nota 3 ] ( parlare di nessun altro), ad eccezione
di Carlisle. N il costo di tali corpi regolari qualsiasi molto grande sforzo per fare il cambiamento, anche se
storicamente pi separata dal S. Benedetto; per il Santo aveva preso per la maggior parte ci che ha trovato, e la
sua regola era che l'espressione del genio del monachesimo in quei primi tempi della Chiesa, con un
adattamento pi precisa alle loro esigenze di quello che potrebbe altrove essere soddisfatte con. {373}
Cos uniforme in effetti era stata l'idea monastica prima del suo tempo, e cos poco sforzo era stato deposto da
singole comunit sulle rispettive peculiarit, che gli uomini religiosi passati a piacere da un corpo all'altro [ nota
4 ]. San Benedetto offre nella sua Regola per il caso degli stranieri venire a una delle sue case, e desiderando di
rimanere l. Se tale venuto da qualsiasi monastero con cui i monaci avevano relazioni esistenti, quindi non
doveva essere ricevuto senza lettere dal suo abate; ma, nel caso di "un monaco straniero da lontane parti", che
volevano abitare con loro come ospite, e si accontentava di loro modi, e si erano conformi al loro, e non era
fastidioso, "dovrebbe lui nel desiderio evento di soggiorno per bene ", dice san Benedetto," Lascialo non essere
rifiutato, perch vi stato spazio per fare di prova di lui, durante il tempo che l'ospitalit ha mostrato di lui:
anzi, lo lasci anche essere invitati a rimanere, che gli altri possono ottenere una lezione dal suo esempio,. per
in ogni luogo siamo servi del Signore e soldati di un re " [ Nota 5 ]
3.
L'unit di idea, che, come queste parole implicano, si pu trovare in tutti i monaci in ogni parte della cristianit,
pu essere descritto come unit di oggetto, di stato e di occupazione. Monachism era una stessa ovunque,
perch era una reazione da quella vita secolare, che ha ovunque la stessa struttura e le stesse caratteristiche. E,
dal momento che la vita secolare in esso contenuti molti oggetti, molti stati, e molte occupazioni, qui stato un
motivo particolare, come una questione di principio, perch la reazione che dovrebbe sopportare il distintivo di
unit, e {374} dovrebbe essere in aspetto esteriore uno e lo stesso in tutto il mondo. Inoltre, dal momento che la

stessa vita secolare era, quando monachesimo si alz, pi che di solito caratterizzata da variet, perturbazione e
confusione, sembrava su quel conto per giustificare con forza un aumento e di rivolta contro se stessa, e la
reiterazione di uno stato che, a differenza di s , sia costante e inalterabile. E 'stato davvero un vecchio,
decaduto, e moribondo mondo, in cui il cristianesimo era stato gettato. Il tessuto sociale stato invaso con la
corruzione di un migliaio di anni, ed stato tenuto insieme, non tanto da alcun principio comune, come dalla
forza del possesso e la tenacia di costume. Era troppo grande per lo spirito pubblico, e troppo artificiale per il
patriottismo, e le sue molte religioni ma ha fatto affidamento nella famosa divisione mente e scetticismo. Voglia
di fiducia reciproca porterebbe a sconforto, l'inattivit, e l'egoismo. La societ era nella febbre lenta dei
consumi, che ha reso inquieta nella misura in cui era debole. Era potente, tuttavia, per sedurre e corrompere; n
vi stata alcuna legittimazione ad agire da cui partire per combattere i suoi mali; e l'unico modo di andare
avanti con esso stato quello di abbandonare il principio e il dovere, di prendere le cose come sono venuti, e di
fare come il mondo ha fatto. Peggio di tutto, questo onnicomprensivo, sistema di cose impiglianti, stata, al
momento si parla di, la sede e lo strumento di un paganesimo, e poi di eresie, non solo contrario, ma
amaramente ostili, alla professione cristiana. Uomini seri non solo avevano una chiamata, ma ogni incitamento
che amore per la vita e la libert potrebbe fornire, a fuggire dalla sua presenza e il suo dominio.
La loro una sola idea, allora, il loro unico scopo, doveva essere smettere di esso; troppo tempo era loro
affascinato. Non era una questione di questo o di quella vocazione, dell'atto meglio, dello stato maggiore, ma di
vita e morte. In tempi successivi {375} una variet di oggetti sacri potrebbe presentarsi per la devozione da
scegliere, come ad esempio la cura dei poveri, o dei malati o dei giovani, il riscatto dei prigionieri, o la
conversione dei barbari; ma monachesimo iniziale era fuga dal mondo, e nient'altro. La travagliata, stanco,
cuore stanco, il panico, la coscienza carica, ha cercato una vita libera dalla corruzione nel suo lavoro
quotidiano, libera da distrazioni nella sua adorazione quotidiana; e ha cercato impieghi come invece possibile
per impieghi di tutto il mondo, -employments, alla fine dei quali sarebbe in se stessi, in cui ogni giorno, ogni
ora, avrebbe una propria completezza; -no imprese elaborati, senza scopi difficili, non ansiosa venture,
incertezze per rendere il battito cardiaco, o le tempie pulsano, non dolorosa combinazione di sforzi, nessun
piano esteso di operazioni, senza molteplicit di dettagli, nessun calcolo profonde, senza macchinazioni
sostenuti, nessuna suspense, nessuna vicissitudini, senza momenti di crisi o catastrofe; -n ancora indagini
sottili, n perplessit di prova, n conflitti di intelletti rivali, ad agitare, molestare, deprimere, stimolare, stanco,
o inebriano l'anima.
Finora ho utilizzato negativi per descrivere ci che il monaco primitivo era alla ricerca; in realt monachesimo
stato, per quanto riguarda la vita secolare e tutto ci che essa comporta, con enfasi una negazione, o, per usare
un'altra parola, una mortificazione; una mortificazione del senso, e una mortificazione della ragione. Qui una
parola di spiegazione necessaria. I monaci erano troppo buoni cattolici per negare che la ragione era un dono
divino, e aveva troppo buon senso per pensare di farne a meno. Ci che essi stessi negato era le varie e
molteplici esercizi della ragione; e per questo, in quanto tali esercizi erano emozioni. Quando la ragione
coltivato, si inizia subito a coniugare, per centralizzare, a guardare avanti, a guardare indietro, {376} per vedere
le cose nel suo complesso, sia per speculazione o per l'azione; si pratica la sintesi e di analisi, si scopre, inventa.
Per questi esercizi dell'intelletto la semplicit opposta, che lo stato d'animo che non si combinano, non si
occupa di premesse e conclusioni, non riconosce mezzi e la loro fine, ma lascia ogni opera, ogni luogo, ogni
occorrenza stare da solo , -che agisce verso l'come viene prima di esso, senza pensare ad altro. Questa
semplicit il temperamento dei bambini, ed il temperamento dei monaci. Questa era la loro mortificazione
dell'intelletto; ogni uomo che vive, deve vivere dalla ragione, come ognuno deve vivere di senso; ma, come
possibile essere contenuti con il minimo necessario di vita degli animali, in modo possibile limitarsi all'uso
ordinario spoglia della ragione, senza curarsi di migliorarlo o fare la maggior parte di esso. Questi monaci
svolgono sia il senso e la ragione di essere i doni del cielo, ma hanno usato ciascuno di essi il meno che
potevano aiutare, riservando loro a tempo pieno e tutta la loro stessi per devozione; -per, se la ragione meglio
di senso, cos la devozione hanno pensato di essere migliore di entrambi; e, come anche un pagano pu
rinnegare se stesso le indulgenze innocenti di senso in modo da dare il suo tempo alla coltivazione della
ragione, cos ha fatto i monaci rinunciano ragione, cos come il senso, che essi stessi possano consacrarsi alla
meditazione divina.
Ora, poi, siamo in grado di capire come era che i monaci avevano una unit, e in che consisteva. E 'stata una
unit, ho detto, di oggetto, di stato e di occupazione. Il loro scopo era di riposo e di pace; il loro stato era
pensionamento; la loro occupazione era un lavoro che era semplice, al contrario di intellettuale, vale a dire., la

preghiera, il digiuno, la meditazione, lo studio, la trascrizione, il lavoro manuale, e di altri, impieghi rilassanti
poco emozionante. Tale era la loro istituzione in tutto il mondo; avevano evitato {377} mart occupato, il
mestiere di guadagno, panchina il cambiavalute, e il carico del commerciante. Avevano voltato le spalle sul
forum dispute, l'assemblea politica, e la pantechnicon dei mestieri. Essi avevano avuto i loro ultimi rapporti con
l'architetto e l'abitudine-maker, con macelleria e cuocere; tutto ci che volevano, tutto quello che desideravano,
stata la presenza dolce calmante di terra, cielo e mare, la grotta ospitale, il corso d'acqua brillante, i doni
semplici che madre terra, "Justissima tellus," i rendimenti sui pochissimo persuasione. "L'istituto monastica",
dice il biografo di San Mauro, "richiede Summa Quies, la quiete pi perfetta;" [ Nota 6 ] e dove stata la
tranquillit di essere trovato, se non in un ritorno alla condizione originaria dell'uomo, per quanto riguarda il
mutamento delle circostanze della nostra razza ammesse; nel non avere voglia, di cui l'offerta non era a portata
di mano; nel "nil admirari;" ad avere n speranza n paura di nulla al di sotto; nella preghiera quotidiana, pane
quotidiano, e il lavoro quotidiano, un giorno di essere proprio come un altro, se non che era un passo pi vicino
di quanto il giorno appena andato a quel grande giorno, che avrebbe inghiottito tutti i giorni, il giorno di riposo
eterno.
4.
Tuttavia, sono venuto in collisione con un grande autorit, Guizot, e devo fermare il corso della mia
argomentazione per fare la mia terra buona contro di lui. Guizot, poi, fa una distinzione tra monachesimo nel
suo luogo di nascita, in Egitto e in Siria, e che Istituto occidentale, di cui ho fatto San Benedetto del
rappresentante. Egli permette che gli orientali mortificato l'intelletto, ma si ritiene che il monachesimo latino
era la sede di una notevole attivit mentale. "Il desiderio per la pensione", dice, "per la contemplazione, per una
marcata {378} rottura con la societ civile, stata la fonte e tratto fondamentale dei monaci orientali: in
Occidente, al contrario, e in particolare nel sud della Gallia, dove, all'inizio del V secolo, furono fondate le
principali monasteri, era per vivere in comune, al fine di conversazione e per edificazione religiosa, che i primi
monaci incontrati. i monasteri di Lerins, di St . Victor, e molti altri, erano particolarmente grandi scuole di
teologia, il focus del movimento intellettuale. e 'stato in alcun modo con la solitudine e con la mortificazione,
ma con la discussione e l'attivit, che ci stessi interessati ". [ Nota 7 ] grande deferenza dovuto ad un autore
cos imparato, cos filosofica, cos onestamente desiderosi di esporre il cristianesimo per il miglior vantaggio;
Eppure, io sono in perdita per capire cosa lo ha portato a fare una simile distinzione tra Oriente e Occidente, e
di assegnare ai monaci occidentali un'attivit dell'intelletto, e al orientale un amore di pensionamento.
E 'ben vero che i casi sono a volte si trovano dei monasteri in Occidente contraddistinti da molta attivit
intellettuale, ma di pi, e pi evidente, le istanze si trovano di un fenomeno come in Oriente. Se, poi, questi casi
particolari devono essere prese come equi esemplari dello stato del monachesimo occidentale, sono altrettanto
equi esemplari dello stato di anche orientale; ei monaci orientali saranno dimostrati pi intellettuale che
l'occidentale, in virt di una maggiore interesse per la dottrina e nella polemica che dato gli individui o
comunit tra di loro hanno mostrato. Un riferimento molto superficiale alla storia ecclesiastica sar sufficiente
per mostrarci che il fatto come ho detto esso. La sensibilit teologica dei monaci di Marsiglia, Lerins, o
Adrumetum, a quanto pare, quello di essere una prova {379} del intellettualismo in generale dell'Occidente:
allora, perch non il maggiore sensibilit dei monaci sciti di Costantinopoli, e di i loro avversari, il acemeti,
una prova a favore d'Oriente? Questi due corpi di religiosi in realt venuto tutto il tragitto da Costantinopoli a
Roma per denunciare l'un l'altro, assediando, per cos dire, la Santa Sede, e l'ex di loro in realt il tentativo di
sollevare il popolo romano contro il Papa, in favore della propria dogma teologico. Questo non mostrano
attivit della mente? Mi permetto di dire che, per un monaco intellettuale in Occidente, una dozzina potrebbe
essere prodotta in Oriente. Il molto rimprovero, buttato fuori dagli storici secolari contro i greci, in generale, di
un eccesso di sottigliezza dell'intelletto, si applica in particolare, se a qualsiasi uomini, a determinate classi o
alcune comunit di monaci orientali. Questi erano talvolta ortodosso, molto pi spesso eretica, ma inesauribili
nelle loro risorse argomentativi, se l'uno o l'altro. Se Pelagio essere un monaco in Occidente, d'altra parte,
Nestorio e di Eutiche, entrambi eresiarchi, sono entrambi monaci in Oriente; e Eutiche, al momento della sua
eresia, era un vecchio monaco per giunta, che era stato trent'anni abate di un convento, e che l'et, se non
santit, avrebbe potuto salvare da questo uso anomalo della sua ragione. I suoi partigiani erano principalmente
monaci d'Egitto; ed essi, fino a venire in vigore alla pseudo-sinodo di Efeso, in aiuto di una tesi teologica, calci
alla morte del patriarca di Costantinopoli, e mettere in fuga il Legato del Papa, il tutto in conseguenza delle loro
suscettibilit intellettuali. Un secolo prima, Ario, in partenza, portato via in sua eresia ben settecento suore
[ nota 8 ]; quello che hanno i conventi occidentali a mostrare, nel modo di attivit controverso, paragonabile a

un fatto del genere? Faccio {380} non insistere sulla dell'ortodossia zelante e influente dei monaci d'Egitto, la
Siria e l'Asia Minore nel quarto secolo, perch probabilmente era altro che una adesione onore alla fede della
Chiesa, senza alcun esercizio serio della mente; ma rivolgersi ai grandi scrittori della cristianit orientale, e
considerare quanti di loro figura a prima vista come monaci; -Chrysostom, basilico, Gregorio Nazianzeno,
Epifanio, Efrem, Amphilochius, Isidoro di Pelusio, Theodore, Teodoreto, forse Atanasio. Tra gli scrittori latini
senza grandi nomi si verificano a me, ma quelli di Girolamo e Gregorio; Posso aggiungere Paolino, Sulpicio,
Vincent, e Cassiano, ma Jerome l'unico scrittore imparato in mezzo a loro. Ho una difficolt, poi, anche nel
comprendere, per non parlare di ammettere, l'affermazione di Guizot, uno scrittore che non comunemente parla
senza un significato o un motivo.
Ma, dopo tutto, ma l'equilibrio di intellettualismo pu mentire tra alcuni conventi o individui in Oriente e in
Occidente, questi particolari casi di attivit mentale sono nulla allo scopo, se assunto per misurare lo stato del
grande corpo dei monaci; certamente non in Occidente, con la quale in questo documento sono esclusivamente
interessati. Nel prendere una stima dei Benedettini, non abbiamo bisogno di guai a noi stessi sullo stato del
monachesimo in Egitto, Siria, Asia Minore, e Costantinopoli, come esisteva dopo il quarto secolo, quando la
vera tradizione monastica passava da Est a Ovest . Nel IV secolo, i monaci orientali sufficiente seguire la
dottrina definita e promulgato della Chiesa, ed in seguito si sono resi colpevoli di non esercizio della ragione;
loro intellettualismo corretta, che estraneo al genio del loro istituto, inizia con la quinta. Prendendo, poi, la
grande tradizione di S. Antonio, S. Pacomio, e San Basilio in Oriente, e poi tracciando {381} in Occidente dalle
mani di S. Atanasio, S. Martino e loro contemporanei, troveremo non fatti storici, ma ci che ammettere di una
spiegazione equo, in linea con il punto di vista che abbiamo esposte sopra di semplicit monastica, tenendo
presente sempre, ci che tiene in tutte le questioni di fatto, che non c' mai stata una regola senza le sue
eccezioni .
5.
Ogni regola ha le sue eccezioni; ma, oltre questo, quando si verificano eccezioni, sono comunemente
suscettibili di essere grandi. Questo non un paradosso; illustrazioni di esso si trovano in tutto il mondo. Per
esempio, si pu concepire un clima molto fatale per i bambini, ma quelli che sopravvivono cresce fino a
diventare uomini forti; e per una ragione semplice, perch quelli da solo potrebbe aver superato la prova che
aveva costituzioni robuste. Cos i Romani, cos gelosi della loro libert, quando si risolvono in merito alla
nomina di un capo supremo per l'occasione, non ha fatto la cosa a met, ma lui un dittatore fatti. Allo stesso
modo, una mera occorrenza insignificante, o un impulso verso l'interno ordinario, sarebbe impotente a far
scattare il legame che mantiene il monaco veloce alla sua cella, la sua oratoria, e il suo giardino. Le eccezioni,
infatti, possono essere pochi, perch sono eccezioni, ma sar grande per diventare eccezioni a tutti. Deve essere
una emergenza grave, una particolare ispirazione, un comando sovrano, che porta il monaco nella vita politica;
e sar sicuro di fare una grande figura in esso, altrimenti perch avrebbe dovuto essere stato strappato dal suo
chiostro a tutti? Ci rappresenter per la carriera di san Gregorio VII o di St. Dunstan, di San Bernardo o di
Suger, per quanto era politico: il lavoro che dovevano fare era come nessuno avrebbe potuto fare, ma un
monaco con la sua sovrumana caparbiet {382} e la sua pertinacia di scopo. Anche in questo caso, nel caso di
San Bonifacio, l'apostolo della Germania, e in quella degli altri dei missionari della sua et, sembra essere stata
una particolare ispirazione che li port all'estero; ed osservabile dopo tutto quanto tempo la maggior parte di
essi si stabil nel personaggio misto di agricoltori e pastori nel loro nuovo paese, riprende la vita tranquilla a cui
si era originariamente erano assidui. Per quanto riguarda i primi Padri greci, alcuni di quelli che abbiamo
istanziato sopra sono eccezioni facie solo prima, come Crisostomo, il quale, anche se ha vissuto con i monaci
pi austeri per ben sei anni, non si pu dire di aver preso su di s le responsabilit della loro condizione, o
hanno semplicemente abbandonato il mondo.Altri di loro, come basilico, erano studiosi, filosofi, uomini del
mondo, prima che fossero monaci, e non potevano mettere fuori la loro coltivazione della mente o il loro
apprendimento con il loro abito secolare; e questi sarebbero gli uomini stessi, in un'epoca in cui queste doti
erano scarse, che sarebbe stato messo fuori la loro pensione da un'autorit superiore, e che quindi non possono
ragionevolmente essere citato come esemplari ordinari della vita monastica.
Exceptio probat regulam: Vediamo quali due Dottori della Chiesa, uno greco, uno latino, entrambi i righelli,
entrambi monaci, dire riguardo lo stato, che un tempo godevano, e poi perso. "Dimmelo tu", dice S. Basilio,
scrivendo a un amico dalla sua solitudine ", che era poco per me descrivere il luogo della mia pensione, a meno
che non ho citato anche le mie abitudini e la mia modalit di vita, ma in realt io sono vergogna a dirvi come mi

passa la notte e giorno in questo angolo solitario. sono come uno che se la prende con la dimensione della sua
nave, come tirare troppo, e la lascia per la barca, ed il mal di mare e miserabile ancora. Tuttavia, ci che mi
propongo di fare la seguente, con la speranza {383} di tracciare suoi passi che ha detto, 'Se qualcuno vuol
venire dietro a me, rinneghi se stesso.' Dobbiamo sforzarci dopo una mente tranquilla. Cos pu l'occhio
accertare un oggetto che prima di esso, mentre si spazia su e gi senza guardare costantemente a lui, come una
mente, distratto con mille cure mondane, in grado chiaramente di fermare la . la verit Uno che non aggiogati
in matrimonio vessato da impulsi ribelli e allegati senza speranza, lui che sposato coinvolto nel suo
tumulto di cure: lui senza figli li brama, ha ha figli che ha preoccupazioni circa la loro formazione? . Poi c' la
sollecitudine per la moglie, la cura della sua casa, la supervisione dei suoi servi, disgrazie in commercio, le
differenze con i suoi vicini, cause, rischi del commerciante, fatica del contadino. Ogni giorno, come viene,
oscura l'anima nella sua propria via,. e notte dopo notte prende le ansie del giorno, e ci inganna con i sogni
corrispondenti Ora, l'unico modo di sfuggire tutto questo la separazione da tutto il mondo, in modo da vivere
senza citt, casa, beni, societ, beni , mezzi di vita, affari, gli impegni, l'apprendimento secolare, che il cuore
pu essere preparato come cera per l'impronta di insegnamento divino. La solitudine della maggiore utilit per
questo scopo, come alambicchi le nostre passioni, e permette alla ragione di estirpare loro. Diamo quindi un
luogo essere trovata come la mia, separato dai rapporti sessuali con gli uomini, che il tenore dei nostri esercizi
non essere interrotto dal di fuori. Pii esercizi nutrire l'anima con pensieri divini. Inni Lenitivo compongono la
mente ad uno stato allegro e tranquillo. Tranquillo, poi, come ho detto, il primo passo per la nostra
santificazione; la lingua purificato dal pettegolezzi del mondo, gli occhi non eccitato per colore giusto o la
forma avvenente, l'orecchio assicurato dal rilassamento delle canzoni voluttuose, e che male particolare, scherzi
luce. Cos la mente, salvato dalla dissipazione da {384}, senza, e lusinghe sensibili, ricade su se stessa, e quindi
sale alla contemplazione di Dio. "[ Nota 9 ] E 'abbastanza chiaro che almeno S. Basilio ha la stessa vista dello
stato monastico come ho fatto io.
Questo per quanto riguarda l'Oriente nel quarto secolo; ora l'Occidente nel settimo. "Un giorno", dice san
Gregorio, dopo essere stato costretto, contro la sua volont, di lasciare il suo chiostro per il governo della
Chiesa universale, "un giorno, quando mi stato oppresso con il disturbo eccessivo di affari secolari, io cercato
un posto in pensione, amichevole al dolore, in cui tutto ci che mi dispiacque nelle mie occupazioni potrebbero
manifestarsi, e tutto ci che era solito infliggere dolore potrebbe essere visto con un solo sguardo ". Mentre era
in questo ritiro, suo "figlio carissimo, Peter," con il quale, da quando quest'ultimo era un giovane, era stato
intimo, lo sorprese, e ha aperto il suo dolore per lui. "La mia mente triste", ha detto, "lavorando sotto il dolore
dei suoi impegni, si ricorda come andata con me in precedenza in questo monastero, come tutte le cose
deperibili erano sotto di esso, come salito sopra tutto ci che era transitorio, e, anche se ancora nella carne,
andato fuori nella contemplazione al di l di quella prigione, in modo che anche amato la morte, che
comunemente pensato una punizione, come la porta della vita e la ricompensa del lavoro. Ma ora, in
conseguenza della incarico pastorale, subisce il lavoro occupato di uomini laici, e per quella fiera bellezza del
suo silenzioso, disonorato con la polvere della terra. e spesso si dissipando nelle cose esteriori, per servire i
molti, anche quando cerca ci che interiore, si tratta infatti di casa, ma non pi quello di una volta ". [ Nota
10 ] Questa la stessa vista lo stato monastico a Roma, che San Basilio aveva nel Ponto, vale a dire., Ritiro e
riposo. Ci sono stati grandi Ordini religiosi in quanto, la cui atmosfera stata conflitti, {385} e che hanno
prosperato in percuotere o di essere colpito. stato loro alta vocazione; stato il loro servizio meritorio
peculiare; ma, come per il benedettina, l'aria che respira la pace.
6.
Ora ho detto abbastanza, sia per spiegare e per rivendicare il biografo di San Mauro, quando dice che l'oggetto,
e la vita, e la ricompensa dell'antico monachesimo era "quies Summa" - l'assenza di tutte le emozioni, sensibile
e intellettuale , e la visione dell'Eternit. E quindi ho chiamato lo stato monastico la pi poetica delle discipline
religiose. E 'stato un ritorno a quella et primitiva del mondo, di cui i poeti hanno spesso cantato, la vita
semplice di Arcadia o il regno di Saturno, quando la frode e la violenza erano sconosciuti. E 'stato un riportando
di quelle reali, non eccezionale, scene di innocenza e miracolo, quando Adamo ha approfondito, o Abel tenuto
pecore, o Noe piantato la vite, e Angeli li ha visitati. E 'stato un compimento nella lettera, delle immagini
incandescente dei profeti, sul periodo evangelico. Natura per l'arte, la vasta terra ei cieli maestosi per la citt
affollata, le bestie sottomessi e docili del campo per le passioni selvagge e le rivalit della vita sociale, la
tranquillit per l'ambizione e la cura, la meditazione divina per le gesta di dell'intelletto, la creatore per la
creatura, tale era la condizione normale del monaco. Aveva provato il mondo, e ha trovato la sua vacuit; o che

aveva eluso la sua borsa di studio, prima che lo aveva sollecitato; -e cos San Antonio fuggiti nel deserto, e San
Hilarion cercato la riva del mare, e San Basilio salito al burrone di montagna, e San Benedetto si rifugi nel suo
cave e St. Giles se stesso sepolto nella foresta, e St. Martin ha scelto il grande fiume, in modo che il mondo
possa essere chiuso fuori {386} di vista, e l'anima potrebbe essere a riposo. E tale riposo dell'intelletto e della
passione come questo pieno di elementi della poetica.
Non ho alcuna intenzione di commettere me stesso qui per una definizione di poesia; I pu essere pensato di
sbagliato nell'uso del termine; ma, se mi spiego cosa intendo per essa, nessun danno fatto, qualunque sia la
mia imprecisione, e ogni lettore pu sostituire per esso una parola che gli piace meglio. La poesia, quindi,
concepisco, qualunque sia la sua essenza metafisica, o comunque diverso pu essere il suo tipo, sia che
appartiene pi propriamente all'azione o alla sofferenza, anzi, se pi a suo agio con la societ o con la natura,
se il suo spirito visto al meglio in Omero o di Virgilio, in ogni caso, sempre l'antagonista per la scienza .
Come la scienza fa progressi in ogni oggetto, la poesia si allontana da esso. I due non possono stare insieme;
appartengono rispettivamente alle due modalit di visualizzazione, cose contraddittorie l'una dall'altra. Motivo
indaga, analizza, numeri, pesa, misure, accerta, individua, gli oggetti della sua contemplazione, e ottiene cos
una conoscenza scientifica di loro. Risultati della scienza nel sistema, che l'unit complessa; delizie poetiche
in indefinita e diversi come contrasto con l'unit, e nella semplice in contrasto con il sistema. Lo scopo della
scienza quello di ottenere una sospensione di cose, di cogliere loro, per gestirli, di comprendere loro; cio (per
usare il termine familiare), a dominare loro, o di essere superiore a loro. Il suo successo sta nell'essere in grado
di tracciare una linea intorno a loro, e di dire dove ognuno di loro quello di essere trovati all'interno di tale
circonferenza, e come ogni si trova relativamente a tutto il resto. La sua missione di distruggere l'ignoranza, il
dubbio, supporre, suspense, illusioni, paure, inganni, secondo il "Felix qui potuit rerum cognoscere causas" del
poeta, il cui passaggio intero, tra l'altro, pu essere preso come disegno {387} il contrasto tra la poetica e la
scientifica [ Nota 11 ]. Ma per la poetica, molto diversa la struttura della mente che necessario per la sua
percezione. Essa esige, come la sua condizione primaria, che non dobbiamo metterci sopra gli oggetti in cui si
trova, ma ai loro piedi; che dovremmo sentire al di sopra e al di l di noi, che dovremmo guardare a loro, e che,
invece di credendo che possiamo comprendere, dobbiamo dare per scontato che siamo circondati e compreso da
noi stessi. Essa implica che comprendiamo loro di essere grande, incommensurabile, impenetrabile,
imperscrutabile, misterioso; in modo che nel migliore dei casi stiamo formando solo congetture su di loro, non
conclusioni, per i fenomeni che si presentano ammettono di molte spiegazioni, e non siamo in grado di
conoscere il vero uno. La poesia non affronta la ragione, ma la fantasia e gli affetti; porta a l'ammirazione,
l'entusiasmo, la devozione, l'amore. Il vago, l'incerto, l'irregolare, l'improvviso, sono tra i suoi attributi o fonti.
Quindi che la mente di un bambino cos piena di poesia, perch sa cos poco; e un vecchio uomo di mondo
cos privo di poesia, perch la sua esperienza di fatti cos ampia. Quindi che la natura comunemente pi
poetico di arte, a dispetto di Lord Byron, perch meno comprensibile e meno paziente di definizioni; storia
pi poetica di filosofia; il selvaggio che il cittadino; il cavaliere errante che il generale di brigata-;
l'avvolgimento mulattiera che l'{388} ferrovia dritto; La nave a vela rispetto al vapore; la rovina che la casella
di periferia abete rosso; la veste turco o doppietto spagnola del cappotto vestito francese. Ora ho detto molto di
pi che sufficiente per far capire quello che voglio dire con questo elemento nella vecchia vita monastica, a cui
ho dato il nome del poetico.
Ora, per molti versi alla famiglia di San Benedetto risponde a questa descrizione, come vedremo se guardiamo
nella sua storia. Il suo spirito sempre quello, ma non le sue circostanze esterne. Non un Ordine procedendo
da una mente in una data particolare, e apparire tutto in una volta nella sua piena perfezione, e nel suo sviluppo
estremo, ed in forma uno stesso dappertutto e dal primo all'ultimo, come il caso con altri grandi istituzioni
religiose; ma una organizzazione, diverso, complesso e irregolare, e variamente ramificato, ricco piuttosto che
simmetrica, con molte origini e centri e nuovi inizi e l'azione delle influenze locali, come una grande crescita
naturale; con gettoni, sulla faccia di esso, del suo essere opera divina, non la mera creazione del genio umano.
Invece di progredire sul piano e il sistema e dalla volont di un superiore, ha girato indietro e correre come se
spontaneamente, e si modellato secondo gli eventi, da una pienezza irrefrenabile della vita all'interno, e dalla
energica auto-azione le sue parti, come quelle creature simboliche nella visione del profeta, che " andato
ognuno di loro dritto in avanti, dove l'impulso dello spirito stato quello di andare." E 'stato riversato sulla
terra, piuttosto che stato inviato, con una operazione di misterioso silenzio, mentre gli uomini dormivano, e
attraverso le avventure romantiche di individui, che sono pressoch senza registrazione; e quindi si giunti fino
a noi, non sorto tra noi, e si trova invece di stabilita. I suoi monasteri separati e dispersi occupano la terra,
{389} ciascuno al suo posto, con un parallelo maest, ma superiore, a quella delle vecchie case aristocratiche. Il

loro conosciuta dall'antichit, la loro origine sconosciuta, la loro lunga storia ricca di eventi, la loro connessione
con i Santi e Dottori, quando sulla terra, le leggende che pendono su di loro, i loro onori ancestrali rivali, il loro
dominio estesa forse pi di altre case religiose, la loro presa sulle associazioni di il quartiere, le loro amicizie
tradizionali e compatte con altri grandi proprietari, i benefici che hanno conferito, la santit che respirano,
-Questi e gli attributi come li rendono oggetti, ad un tempo di timore e di affetto.
7.
Tale la grande abbazia di Bobbio, in Appennino, dove San Colombano venuto a morire, dopo aver rilasciato
i suoi dodici monaci dal suo convento di Benchor, Contea di Down, e dopo aver trascorso la sua vita a predicare
piet e piantare monasteri in mezzo pagana Francia e Borgogna. Tale di San Gallo, sul lago di Costanza, cos
chiamata da un altro irlandese, uno dei compagni di San Colombano, che sono rimasti in Svizzera, quando il
suo padrone ha continuato in Italia. Tale l'abbazia di Fulda, dove si trova San Bonifacio, che, ardenti di zelo per
la conversione dei tedeschi, ha tentato loro una prima volta e non riuscito, e poi una seconda volta ed
riuscito, e finalmente coronato le fatiche missionarie di quarantacinque cinque anni con il martirio. Tale Monte
Cassino, la metropoli del nome benedettina, dove il Santo ha rotto l'idolo, e abbattuto l'idolo, di Apollo. Antiche
case come queste sottomettere la mente dalla grandezza misto e la dolcezza della loro presenza. Stanno nella
storia con un interesse accumulato su di loro, che appartiene ad altri monumenti della {390} passato.
Qualunque c' di venerabile autorit in altre fondazioni, a Bishops 'vede, in cattedrali, nelle scuole,
rispettivamente, si trova in combinazione in loro. Ogni porta e il chiostro ha avuto la sua storia, e il tempo
incisa sulle loro pareti la cronaca delle sue rivoluzioni. E, anche se a lungo sgarbatamente distrutto, o
sbriciolato in polvere, vivono di storia e di opere d'antiquariato, nelle immagini e reliquie che rimangono di
loro, e nelle tradizioni del loro posto.
Nella prima parte del secolo scorso Padri maurine, al fine di raccogliere materiali per le opere celebri che hanno
dovuto quindi a portata di mano, ha inviato due di loro in un tour attraverso la Francia e le province adiacenti.
Tra gli altri distretti i viaggiatori passavano attraverso la foresta di Ardenne, che stato fatto dalla classica prosa
di Cesare, e la poesia di Shakespeare. Ci hanno trovato il grande monastero benedettino di San Hubert [ nota 12
]; e, se mi soffermo per un po 'sulla illustrazione che essa offre di ci che ho detto, non come se una ventina di
altre case religiose che hanno visitato non servirebbe il mio scopo altrettanto bene, ma perch arrivato primo
alla mia mano sfogliando le pagine del loro volume. A quel tempo il venerabile abbazia in questione aveva su di
essa il peso di mille anni, ed stato eminente sopra gli altri nel paese della ricchezza, in privilegi, nel nome, e,
non meno importante raccomandazione, nella santit dei suoi membri. I terreni su cui era situata erano la sua
propriet assoluta, e la loro gamma inclusi sedici villaggi. La vecchia cronaca ci informa che, verso la met del
VII secolo, {391} San Sigibert, merovingia, si accamparono sulle Ardenne e il suo quartiere per la creazione di
ben dodici monasteri, con la speranza di ottenere in tal modo dal cielo un erede di sua corona. Morendo
prematuramente, ha per parzialmente compiuto la sua pia intenzione, che stato ripreso da Pipino, sessant'anni
dopo, su istanza del suo cappellano, San Beregise; Finora, almeno, come per fare un inizio dell'abbazia di cui
stiamo parlando. Beregise era stato un monaco dell'abbazia benedettina di San Tron, e ha scelto per il sito della
nuova fondazione di un posto in mezzo alla foresta, segnata dalle rovine di un tempio dedicato alla pagana
Diana, la dea della inseguire. Il sant'uomo esorcizza il luogo con il segno della croce; e, divenendo abate della
nuova casa, piena neanche con i monaci, o, come sembra meno probabile, con canonici secolari. Da quel
momento per il giorno d'estate, quando i due Maurists visitato, l'istituzione sacra, con varie fortune, era stato in
possesso della terra.
Entrando suoi recinti, l'hanno trovato in una volta pieno e vuoto: vuoto dei monaci, che erano nei campi in
grado di raccogliere il raccolto; piena di pellegrini, che erano soliti venire giorno dopo giorno, in successione
infallibile, per visitare la tomba di St. Hubert. Che una serie di eventi deve essere registrata per rendere questo
account semplice comprensibili! e come poetica il quadro che si pone davanti a noi, cos come quegli eventi
stessi, il che presuppone, quando vengono a essere dettagliato! Se non fosse che io debba essere gonfiore
un'illustrazione che passa in una storia, potrei andare avanti a raccontare come rigorosa l'osservanza dei monaci
fosse stato per gli ultimi cento anni prima che i viaggiatori sono arrivati l, dal momento che l'abate Nicola de
Fanson aveva effettuato una riforma sul modello della Congregazione francese di St. Vanne. Potrei raccontare
{392} come, quando un semplice monaco nell'abbazia di St. Hubert, Nicola aveva voluto cambiare per una
comunit pi rigorosa, e di come ha ottenuto lasciare andare fuori alla Congregazione appena citato, e come poi
il suo vecchio Abate morto improvvisamente, e come lui stesso con sua grande sorpresa stato eletto al suo

posto. E potrei dire come, quando il suo mitra era in testa, si mise a riformare la casa, che era stato sul punto di
smettere, e come egli ha introdotto a tal fine due monaci di san Vanne; e come il vescovo di Liegi, nella cui
diocesi si trovava, si mise contro il suo disegno santa, e come alcuni dei vecchi monaci hanno tentato di
avvelenarlo; e come, anche se la port in vigore, ancora non gli fu permesso di aggregare la sua Abbazia alla
Congregazione il cui riforma aveva adottato; ma come il suo buon esempio ha incoraggiato le abbazie vicine ad
iniziare una riforma in se stessi, che ha rilasciato in unione ecclesiastica delle Case fiamminghe.
Tutto questo, per, non sarebbe stato pi di un passaggio, ovviamente, nelle avventure che era accaduto
l'abbazia ed i suoi abati nel corso della sua storia. Aveva avuto molte stagioni di decadimento prima del tempo
di Nicola de Fanson, e numerosi restauri, e da diversi trimestri. Nessuno di loro era cos famoso o importante in
quanto la riforma effettuata nel corso dell'anno 817, circa un secolo dopo la sua fondazione originale, quando i
canonici secolari, che comunque aveva avuto in, sono stati messi fuori, ei monaci mettere al loro posto, al
istanza del vescovo di Liegi, che aveva uno spirito migliore del suo successore al tempo di Nicola. I nuovi
detenuti sono stati raggiunti da alcune persone di nobile nascita dalla Cattedrale, e con la loro suggestione e
influenzano la misura audace stata presa di tentare di guadagnare da Liegi il corpo del grande Sant'Uberto,
l'Apostolo delle Ardenne. {393) Grande, possiamo essere sicuri, stata la resistenza della citt in cui si trovava;
ma Abate Alreus, l'amico e compagno d'opera di San Benedetto del Anian, il primo riformatore dell'ordine
benedettino prima della data di Cluni, andato al Vescovo, ed andato all'Arcivescovo di Colonia; e poi
entrambi i prelati andato a l'imperatore Louis le Debonnaire, il figlio di Carlo Magno, la cui caccia preferito a
terra la foresta era; e ha fatto riferimento la questione al grande Concilio di Aix-la-Chapelle, da cui la decisione
venuto a favore dei monaci di Ardennes. Cos, con grande solennit il sacro corpo stato trasportato
dall'acqua alla sua nuova destinazione; e l nel Tesoro, nel memoriale del lieto evento, i visitatori maurine visto
il molto calice d'oro, e la bella copia dei Vangeli, ornato di pietre preziose, dato l'Abbazia di Louis al momento.
Senza dubbio stata l'opera dei monaci di qualche altro benedettina Casa, come doveva essere il famoso
Salterio, di cui i visitatori parlano anche, scritto in lettere d'oro, il dono del figlio di Luigi, l'imperatore Lotario;
e ci si siede in prima pagina, con la sua corona sul capo, lo scettro in una mano, la spada inguainata in un altro,
e qualcosa di molto simile a un fleur-de-lis del carico di punta sul suo mantello di ermellino alla spalla: -che
dono prezioso, che , il salterio con tutte le sue immagini, due secoli dopo venne inspiegabilmente in possesso
della Signora Helvidia di Aspurg, che ha dato a suo giovane figlio Bruno, poi papa Leone IX, per imparare la
Salmi di; ma, come il giovane San non ha compiuto progressi nel suo compito, arrivata alla conclusione che
non aveva il diritto al libro, e cos ha finito per fare un pellegrinaggio a St. Hubert con Bruno, e, non solo ha
dato indietro il Salterio , ma ha fatto l'offerta di un Sacramentario oltre. {394}
Ma per tornare alle reliquie del Santo; il sacro corpo stata scattata dal acqua fino al Maes. La bara era di
marmo, e, forse, avrebbe potuto essere presa nessun altro modo; ma un altro motivo, oltre al suo peso, sta nel
l'indignazione dei cittadini di Liegi, che potrebbero hanno interferito con un tragitto via terra, e in effetti ha
fatto fare diversi tentativi, negli anni successivi, per ritrovare il corpo. Di conseguenza, i buoni monaci di
Ardennes nascosero tra le mura del loro monastero, confidando il segreto della sua ubicazione a solo due delle
loro comunit alla volta; e hanno mostrato in sacrestia per i devoti, invece, la croce di San avorio e la stola, la
suola della scarpa e il pettine, e Diana, marchesa di Autrech, ha dato una scatola d'oro per tenere la stola.
Questo, tuttavia, sia in dopo tempi; perch erano molto restii a primi a lasciare estranei all'interno dei loro
chiostri a tutti; e nel 838, quando un lungo periodo di pioggia stava distruggendo i raccolti, e la gente del
quartiere venuto in processione al santuario per chiedere l'intercessione del Santo, la cauta Abate Sewold,
avvalendosi della Regola, avrebbe ammesso solo sacerdoti , e da tre o quattro, con i piedi nudi, e alcuni laici
con ciascuno di essi. I supplicanti erano buoni, per, e non aveva alcuna nozione di riproduzione di qualsiasi
trucco: sono venuti in piet e devozione, e la pioggia cessata, e il paese stato il gainer da St. Hubert di
Ardennes. E da allora in poi gli altri, oltre ai monaci, divenne interessato alla sua permanenza nella foresta.
E ora ho detto qualcosa nella spiegazione del perch il cortile era pieno di pellegrini, quando i viaggiatori
venuti. St. Hubert era stato un oggetto di devozione per un particolare vantaggio, forse da quando arrivato l,
sicuramente gi nel XI secolo, per allora abbiamo preavviso storica di esso. La sua preferenza della foresta per
la citt, che aveva dimostrato nella sua vita in tempo prima che il suo {395} conversione, stata illustrata dal
grazia particolare o servizio miracolosa, per il quale, pi che per ogni altro, ha usato la sua gloriosa
intercessione alto. Egli famoso per la cura di coloro che avevano sofferto il morso di animali selvatici,
soprattutto cani della caccia, e un ospedale stato attaccato alla Badia per la loro ricezione. Il sacrestano della
chiesa officiata nella cura; e con i riti che non mai davvero fallito, ma che a certe persone prudenti sembrava

assaporare di superstizione. Certamente erano sorprendente a prima vista; di conseguenza una carica formale su
questo punto era un tempo portate contro di loro prima che il vescovo di Liegi, e un processo di seguito. Il
Vescovo, dell'Universit di Lovanio, e la sua Facolt di Medicina, hanno condotto l'inchiesta, che stato dato a
favore della Badia, per il fatto che quello che sembrava un fascino potrebbe essere la natura di un regime
medico.
Tuttavia, anche se il sagrestano era il mezzo della cura, l'assistenza generale dei pazienti stato lasciato per gli
esterni. L'ospedale era servita da sacerdoti secolari, dal momento che i monaci non abbia ascoltato le
confessioni di risparmiare quelli del proprio popolo. Questa regola si osserva, al fine di riservare loro per il
buon doveri di un benedettino -il coro, lo studio, il lavoro manuale, e la trascrizione di libri; e, mentre Maurists
erano testimoni oculari delle loro fatiche agricole, hanno visto la diligenza del loro penmanship nei suoi
risultati, per la MSS. della loro biblioteca sono stati i pi eletti nel paese. Tra di loro, ci dicono, erano copie
della Bibbia di San Girolamo, gli Atti dei Consigli, Storia di Beda, Gregorio e Isidoro, Origene e Agostino.
Maurists Segnala come favorevolmente degli edifici monastici stessi come l'ospedale e la biblioteca. Quegli
edifici erano una cronaca dei tempi passati, e dei cambiamenti che avevano avuto luogo in loro. In primo luogo
ci {396} sono stati i poveri capanne di San Beregise su suolo mezza cancellata e ancora paludosa della foresta;
poi arrivata la costruzione di una casa sufficientemente, quando St. Hubert stato portato l; e secoli dopo,
Saint-Thierry, l'amico intimo del grande Papa Ildebrando, aveva rinnovato magnificamente, nel momento in
cui egli era abate. E 'stato purtroppo trattata durante la sua vita per i suoi monaci, come Nicholas dopo di lui;
ma, dopo la sua morte, hanno scoperto che era un santo, che potrebbero aver scoperto prima; e lo collocate nella
cripta, e l lui e un altro santo abate dopo di lui giacevano in pace, fino a quando i calvinisti rotto in esso nel
XVI secolo, e bruciato entrambi in cenere. C'erano segni anche degli stessi fanatici sui pilastri della navata della
Chiesa; che era stata costruita dall'abate Giovanni de Wahart nel XII secolo, e poi di nuovo dalle fondamenta di
Abbots Nicholas de malessere e Romaclus, l'amico di Blosio, quattro secoli pi tardi; ed stato ornato
dall'abate Cipriano, che stato chiamato l'amico dei poveri; e senza dubbio i viaggiatori ammiravano il marmo
del coro e santuario, e il candelabri d'argento dell'altare proposta dal regnante Signore Abate; e forse hanno
sentito cantare la messa solenne dell'Assunzione, come era solito con lui su quella festa, con i suoi quattro
cappellani secolari, uno a portare la croce, un altro suo mitra, un terzo la sua gremial, ed un quarto la sua
candela, e accompagnati dall'organo rintocchi e le molte campane musicali, che era stato il dono di Abate Balla
circa un centinaio di anni prima. Possiamo immaginare una unione pi grazioso di umano con Dio, il dolce con
l'austero, di affari e di calma, di splendore e di semplicit, che viene visualizzato in una grande casa religiosa
dopo questo modello, quando unrelaxed nella sua osservanza, e perseguire gli scopi per cui stato dotato?
{397}
8.
I monaci sono stati accusati di aver scelto belli per le loro abitazioni; come se questo fosse un lusso in asceti, e
non piuttosto la riduzione necessaria del loro ascetismo. Anche quando le loro critiche sono pi gentile, che
considerano tali siti come scelto da una sorta di sentimentale, indolenza ornamentale. "Fiume Beaulieu", dice il
signor Warner nella sua topografia Hampshire, e, perch scrive molto meno mal naturedly rispetto alla corsa
degli autori, lo cito, "fiume Beaulieu fornito con un sacco di pesce, e vanta, in particolare, di buone ostriche e
passera bene, ed frange molto al bordo dell'acqua con i pi bei boschi pensili. Nella zona racchiusa sono
tracce distinte di diversi vivai, formati per l'utilizzo del convento. Alcuni di loro continuano perfetto per il
presente giorno, e abbondano di pesce un curioso esempio si verifica anche di lusso monaco, anche nell'articolo
di acqua;. per garantire una multa di primavera quei monaci hanno risparmiato n problemi n spese a circa
mezzo miglio a sud-est della Abbey . un bosco profondo, e in un luogo quasi inaccessibile una caverna
formata da pietre lisce ha un ingresso molto contratta, ma si diffonde a poco a poco in un piccolo appartamento,
di sette piedi di larghezza, dieci profonda, e circa cinque alto Questo copre una copiosa.. e la primavera
trasparente di acqua, che uscendo dalla bocca della caverna, si perde in un profondo dell, ed l ha ricevuto,
come mi stato informato, da una catena di piccoli tubi di pietra, che in passato, quando perfetta, convogliati
esso abbastanza all'Abbazia. Bisogna confessare i monaci in generale visualizzate un gusto elegante nella scelta
delle loro situazioni. Beaulieu Abbey una prova lampante di questo. Forse pochi punti nel regno avrebbero
potuto essere piantato su di meglio calcolato per l'isolamento monastico {398} di questo. I boschi profondi, con
la quale quasi dintorni sorgono, gettano un'aria di tristezza e solennit la scena, ben si presta a suscitare
emozioni religiose; mentre il flusso che scivola al suo fianco concessa al recluso un emblema eclatante della

vita umana:. e allo stesso tempo che placato la sua mente da un mormorio dolce, ha portato a pensare
seriamente per la sua lezione continua e irrevocabile "[ nota 13 ]
I monaci non erano cos morbido come tutto questo, dopo tutto; e se il signor Warner li aveva visti, possiamo
essere sicuri che sarebbe stato stupito a poppa, cos come la semplicit dolce che li caratterizza. Essi non sono
stati dreamy sentimentali, ad innamorarsi di venti malinconia e ruscelli Purling, e cascate e boschi annuendo;
ma la loro poesia era la poesia di duro lavoro e la tariffa duro, cuori altruista e mani caritatevoli. Potevano arare
e mietere, potrebbero coprire e il fossato, potrebbero drenare; potevano lop, potevano falegname; potevano
paglia, avrebbero potuto fare gli ostacoli per le loro capanne; si potrebbe fare una strada, potrebbero deviare o
garantire il letto del ruscello, si potrebbe colmare un torrente. Il signor Warner cita uno dei loro lussi, -clear,
acqua salubre; stato un uno ammissibile, soprattutto perch ottenuti dal proprio lavoro paziente. Se i loro
motivi sono pittoresco, se le loro opinioni sono ricchi, che li ha fatti cos, e aveva, si presume, il diritto di
godere del lavoro delle proprie mani. Hanno trovato una palude, una landa, un boschetto, una roccia, e hanno
fatto un Eden nel deserto. Hanno distrutto serpenti; essi estirpati Wild Cats, lupi, cinghiali, orsi; hanno messo in
fuga o hanno convertito Rovers, fuorilegge, ladri. L'oscurit della foresta part, e il sole, per la prima volta da
quando il Diluvio {399} splendeva sul terreno umido. San Benedetto il vero uomo di Ross.
Che ha appeso con la fronte afoso boschi yon di montagna?
Dalla roccia asciutta che ha fatto il flusso di acque?
Le cui parti Causeway Vale con le righe d'ombra?
Di chi stanco posti Repose viaggiatore?
Egli nutre almshouse Yon, pulito, ma privo di stato,
quando l'et e vogliono sedersi sorridente al cancello;
Lui cameriere porzionati, apprendista orfani benedetti,
il giovane che il lavoro, e il vecchio che riposano.
E gli scrittori candida, anche se non cattolici, lo consentono. Anche in inglese, e gli storici molto di pi stranieri
e antiquari, sono arrivati a un verdetto unanime qui. "Dobbiamo il restauro agricola di gran parte d'Europa ai
monaci," dice il signor Hallam. "I monaci erano molto migliori lavoratori, e gli unici giardinieri", dice Forsyth.
"Nessuno", dice Wharton, "mai migliorato le loro terre e possedimenti pi che i monaci, da costruzione,
coltivando, e altri metodi." La coltivazione delle terre della Chiesa, come Sharon Turner ne deduce Doomsday
Book, era superiore a quella detenuta da altri proprietari, perch non c'era meno legno su di loro, pascolo meno
comune, e pi abbondante prato. "Ovunque sono venuti", dice il signor Soame su Mosheim, "hanno trasformato
il deserto in una campagna coltivata, hanno perseguito l'allevamento del bestiame e dell'agricoltura, lavorato
con le proprie mani, scolati paludi, e ripulite foreste da parte di loro era la Germania. reso un paese fecondo. "
Guizot parla come fortemente: "I monaci benedettini furono gli agricoltori europei, ma cancellati su larga scala,
associando l'agricoltura con la predicazione". [ Nota 14 ] {400}
Di San Benedetto diretto oggetto infatti nella creazione suoi monaci al lavoro manuale era n l'utilit sociale, n
la poesia, ma la penitenza; ancora il suo lavoro era l'uno e l'altro. Gli autori sopra citati ingrandire sul suo
utilizzo, e io in quello che sto scrivendo possono essere autorizzati a soffermarsi sulla sua poesia; possiamo
contemplare sia la sua utilit per l'uomo e il suo servizio a Dio sotto l'aspetto della sua poesia. Che romantico
allora, oltre che utile, quanto vivace, cos come grave, la loro storia, con i suoi episodi di avventura personale
e abilit, le sue immagini di squatter, cacciatore, contadino, ingegnere civile, e evangelista uniti nello stesso
individuo, con la sua colorazione soprannaturale della virt eroica e miracolo! Quando San Colombano entr in
Borgogna prima con i suoi dodici giovani monaci, si mise in un vasto deserto, e li misero a coltivare la terra. In
un primo momento tutto soffrivano la fame, e sono stati costretti a vivere le cortecce degli alberi ed erbe
selvatiche. In una occasione sono stati per cinque giorni in questa condizione. San Gallo, uno di loro, si rec a
un bosco svizzero, timorosi dalla moltitudine di animali selvatici; e poi, la scelta del quartiere di un ruscello di
montagna, ha fatto una croce di ramoscelli, e appese alcune reliquie su di esso, e ha gettato le basi della sua
celebre abbazia. St. Ronan venuto dall'Irlanda alla Cornovaglia, e ha scelto un bosco, pieno di belve, per il
suo eremo, nei pressi della Lucertola. I monaci di S. Dubritius, il fondatore delle scuole del Galles, anche
cercato i boschi, e ci hanno lavorato sodo produce, l'agricoltura, e il processo su strada. San Sequanus si mise
dove "gli alberi quasi toccato le nuvole." Lui ei suoi compagni, quando in primo luogo esplorato, si sono
chiesto come avrebbero potuto penetrare in esso, quando hanno visto un sentiero tortuoso, cos stretta e piena di
rovi che era con difficolt che un piede seguita un'altra. Con molta fatica {401} e con i vestiti strappati

riuscirono a guadagnare sue profondit, e chinandosi la testa nel buio ai loro piedi, che percepivano una
caverna, avvolto dai rami di interlacciamento spessore degli alberi, e hanno bloccato con pietre e sottobosco .
"Questo", dice il conto monastica, " stato il antro di ladri, e la localit di spiriti maligni". Sequanus cadde in
ginocchio, pregava, si fece il segno della croce sopra l'abisso, e costru la sua cella l. Tale era la prima
fondazione della celebre abbazia chiamato dopo di lui in Borgogna [ nota 15 ].
Sturm, il convertito bavarese di San Bonifacio, fu preso da un desiderio, come il suo maestro prima di lui nel
suo monastero inglese, di fondare una casa religiosa nel selvaggio Pagan Germania; e definisce con due
compagni, vag per due giorni attraverso la foresta Buchonian, e non vide nulla, ma la terra, il cielo, e grandi
alberi. Il terzo giorno si fermato e ha scelto un punto, che in prova non ha risposto. Poi, il montaggio di un
asino, part da solo, tagliando i rami di una notte per proteggere se stesso dalle belve, finch alla fine venuto al
posto (descritto da San Bonifacio come "silvaticum locum in eremo, vastissim solitudinis" ), in cui poi sorse
l'abbazia e scuole di Fulda. Wunibald era sospettoso del buon vino del Reno dove si trovava, e, determinando di
lasciarlo, ha comprato la terra dove Heidensheim successivamente si trovava, poi un deserto di alberi e
sottobosco, che copre una profonda valle e ai lati della alte montagne. Ci ha proceduto, ascia in mano, per
sgombrare il terreno per la sua casa religiosa, mentre i nativi selvaggi guardavano imbronciato, geloso per i loro
caccia-motivi e alberi sacri. Willibald, {402} suo fratello, aveva perseguito un lavoro simile sul sistema; aveva
penetrato sua foresta in ogni direzione e monasteri sparsi su di esso. Gli irlandesi Alto si lanciato in un bosco,
a met strada tra Monaco e Vienna. Pirmino ha scelto un'isola, noto per i suoi serpenti, e ci ha piantato il suo
eremo e la cappella, che a lungo diventato l'abbazia e la scuola ricca e nobile di Augia Maggiore o Richenau
[ Nota 16 ].
Il pi celebre scuola di Bec ha avuto un inizio simile in un secondo momento, quando Herluin, un vecchio
soldato, ha dedicato la sua casa e la fattoria per uno scopo ecclesiastica, e governata, come abate, il monastero
che aveva fondato. "Si potrebbe vedere lui", dice lo scrittore della sua vita ", quando l'ufficio era finito in
chiesa, uscendo ai suoi campi, alla testa dei suoi monaci, con la sua borsa di seme al collo, e il suo rastrello o
zappa in . la sua mano ci rimase con loro al lavoro fino al giorno stava chiudendo Alcuni sono stati impiegati in
compensazione terra di rovi ed erbacce;. altre diffuse letame, altri sono stati reagisce a o semina, nessuno ha
mangiato il suo pane nell'ozio Poi, quando il. ora venuto per dire l'ufficio in chiesa, tutti assemblati insieme
puntualmente il loro cibo ordinario era pane di segale e verdura con acqua e sale,. e l'acqua fangosa, per il
pozzo era due miglia al largo ". [ Nota 17 ] Lanfranco, poi un laico, stato cos edificati dal semplice Abate,
fresco dal campo, l'impostazione della sua cottura con le mani sporche, che divenne immediatamente uno del
partito [ nota 18 ]; e, essendo inadatto per il lavoro, ha aperto in casa una scuola di logica, in tal modo di fare
soldi per la comunit. Tale stata la culla della teologia scolastica; gli ultimi anni della patristica, che erano
{403} quasi contemporaneo, mostrano una scena simile, -St. Bernard fondare la sua abbazia di Chiaravalle in
un luogo chiamato la Valle di assenzio, nel cuore di una foresta selvaggia, il ritrovo di ladri, e dei suoi tredici
compagni di compensazione una fattoria, sollevando poche capanne, e che vivono con orzo o zizzania pane con
bollito foglie di faggio per le verdure [ Nota 19 ].
Come bello Simeone di conto di Durham della Easterwine, il primo abate dopo Bennet di San Pietro a
Wearmouth! Era un uomo di nobile nascita, che ha dato se stesso alla religione, e mor giovane. "Se fosse stato
al servizio del re Egfrid", dice Simeone, "una volta che aveva lasciato affari secolari, e rimasto a parte le sue
braccia, e portato su di lui l'lotta spirituale, invece, non era altro che l'umile frate, proprio come nessuno dei
suoi fratelli, vagliando con loro con grande gioia, mungitura delle pecore e mucche, e nel laboratorio di
panetteria, il giardino, la cucina, e tutti i doveri di casa, allegro e obbediente. e, quando ha ricevuto il nome di
Abate, ancora lui era nello spirito proprio quello che era prima di tutti, gentile, affabile e gentile, o, se di colpa
fosse stato commesso, correggendola infatti dalla Regola, ma ancora cos vincere il colpevole dal suo modo
serio inalterato, che aveva nessun desiderio mai di ripetere il reato, o per diminuire la luminosit del pi chiaro
volto con la nube di sua trasgressione. e spesso andando qua e l per lavoro del monastero, quando ha trovato i
suoi fratelli al lavoro, si sarebbe immediatamente prendere parte in esso, guidando l'aratro, o modellare il ferro,
o prendendo il ventilabro, o simili. Era giovane e forte, con una voce dolce, un temperamento allegro, un cuore
liberale e un viso bello. Egli prese parte lo stesso cibo come i suoi fratelli, e sotto lo stesso tetto. Dormiva in
{404} dormitorio comune, come prima che fosse l'abate, e continu a farlo per i primi due giorni della sua
malattia, quando la morte era ormai lo afferr, come sapeva bene. Ma per gli ultimi cinque giorni si rec ad una
dimora pi in pensione; e poi, uscendo all'aria aperta e sedendosi, e chiedendo tutti i suoi fratelli, alla maniera
della sua offerta natura, ha dato i suoi monaci piangenti il bacio di pace, ed morto durante la notte mentre

cantavano le lodi. "[ Nota 20 ]


9.
Questa dolcezza e la tenerezza del cuore sembra essere stato come caratteristica dei monaci come loro
semplicit; e se ci sono alcuni Santi tra loro, che sulla scena pubblica della storia non mostrarlo, perch sono
stati chiamati dai loro conventi per qualche scopo speciale, e, come ho detto in precedenza, le eccezioni a una
regola sono comunemente grandi eccezioni. Beda va fuori del suo modo di osservare di re Ethelbert, a St.
Austin di convertirlo, che "aveva appreso dagli insegnanti e gli autori della sua salvezza che gli uomini
dovevano trarre il cielo reparti, e non forzata." Aldhelm, quando un consiglio era stato tenuto su le opinioni
perverse dei cristiani britannici, assecondando il principio che i padri di essa stabilite, che "scismatici dovevano
essere convinto, non costretto", ha scritto un libro su di loro errore e convertito molti di loro. Wolstan, quando il
potere civile fallito nei suoi tentativi di fermare la tratta degli schiavi del popolo Bristol, riuscito con la sua
predicazione perseverante. Nel confessionale era cos dolce, che penitenti venivano a lui da tutte le parti
d'Inghilterra [ Nota 21 ]. Questo stato lo spirito dei monaci dal primo; lo studente {405} della storia
ecclesiastica pu ricordare un certo passo nella storia di San Martino, quando il suo desiderio di proteggere gli
eretici spagnolo dalla pena capitale lo ha portato in grandi difficolt [ Nota 22 ] con l'usurpatore Massimo.
Opere di penitenza in effetti e le opere di misericordia sono andati di pari passo nella storia dei monaci; da i
solitari in Egitto fino ai trappisti di questa giornata, uno dei punti in cui l'unit dell'idea monastica si mostra.
Hanno mai faticato per gli altri, mentre loro lavoravano per se stessi; n per i posteri solo, ma per i loro poveri
vicini, e per i viaggiatori che venivano a loro. Sant'Agostino ci dice che i monaci dell'Egitto e dell'Oriente fatto
tanto per il lavoro manuale da poter alle navi di trasporto con disposizioni per i distretti poveri. Teodoreto parla
di un certo cinquemila di loro, che con il loro lavoro sostenuto, oltre che se stessi, innumerevoli poveri e
sconosciuti. Sozomen parla del Zeno monaco, che, anche se un centinaio di anni, e il vescovo di una Chiesa
ricca, ha lavorato per i poveri e per se stesso. Corbiniano in un successivo secolo circondato la sua Chiesa
tedesca con alberi da frutto e viti, e sostenuto i poveri con i prodotti. I monaci di San Gallo, gi citati, con
giardino, piantato, pescato, e quindi fissati i mezzi di alleviare gli stranieri poveri e divertenti. "Monasteri", dice
Neander, "sono stati posti per la promozione dei vari mestieri, arti e scienze. I guadagni derivanti dal loro
lavoro combinato sono stati impiegati per il sollievo degli infelici. In grandi carestie, migliaia sono stati salvati
dalla morte per fame." [ Nota 23 ] In una scarsit all'inizio del XII secolo, un monastero nei pressi di Colonia
distribuito {406} in un giorno millecinquecento elemosine, a base di pane, carne e verdure. All'incirca nello
stesso periodo san Bernardo fond il suo monastero di Citeaux, che, pur situato nel distretto di rifiuti sopra
descritto, stato in grado finalmente di sostenere duemila poveri per mesi, oltre l'elemosina straordinari elargiti
dagli altri. I monaci hanno offerto la loro ospitalit semplice, poco invitante come potrebbe essere, ad alta e
partire; ea coloro che disprezzava la loro tariffa, che almeno potrebbe offrire un rifugio in disgrazia o di
pericolo, o quando un sinistro.
Duca Guglielmo, antenato del Conquistatore, era a caccia nei boschi su Jumieges, quando caduto in un
maleducato eremo [ Nota 24 ]. Due monaci avevano fatto la loro strada attraverso la foresta, e con immensa
fatica aveva sradicata alcuni alberi, livellato il terreno, ha sollevato alcune colture, e mettere insieme la loro
capanna. William ascoltato la loro storia, forse non nel migliore umore, e la gett da parte in disprezzo del pane
d'orzo e l'acqua che gli hanno offerto. Attualmente stato portato di nuovo ferito e insensibile: aveva avuto la
peggio in un incontro con un cinghiale. Venendo a se stesso, ha accettato l'ospitalit che aveva rifiutato in un
primo momento, e costruito per loro un monastero. Senza dubbio egli aveva guardato su di loro come intrusi o
abusivi sul suo dominio, anche se con un carattere religioso e oggetto. I principi normanni erano buoni amici
per le fiere, come i monaci erano nemici: una carta esiste ancora del Conquistatore, concesso all'abbazia di
Caen [ Nota 25 ], in cui si stabilisce che i suoi detenuti non dovrebbero trasformare i boschi in lavorazione del
terreno e si riserva il gioco per se stesso.
Contrasto con questo ritiro selvaggia e la sua maleducato ospitalit del diverso, ma altrettanto benedettina foto
di {407} Bosco Sacro di Subiaco, e l'intrattenimento spirituale che essa ministri a tutti i visitatori, come indicati
nella tarda pellegrinaggio del vescovo Ullathorne: "Gli alberi , "dice," che formano il venerabile boschetto,
sono molto vecchi, ma la loro vecchiaia vigoroso e sano. I loro grandi radici grigio si espongono per vedere
con ogni sorta di linee di curling e rughe su di loro, e la ruvida steli curva e spago in giro con il vigore e la
facilit di pitoni giganti ... quante solitari santi hanno questi alberi assistito le meditazioni! e poi hanno visto

sotto i loro rami tranquilla l'irruzione degli uomini spediti, tormentato dalla sete di saccheggio e la passione di
sangue, che anche un santuario tenuto cos sacro non poteva rimanere. e poi si assistito, per dodici secoli e
pi, il pi grande dei Papi, i Gregori, il Leo, Innocenti, e le Piuses, provenienti uno dopo l'altro per aggiornare
dai loro fatiche in una solitudine che immersa con le ispirazioni e redolent con la santit di San Benedetto.
"[ nota 26 ]
Che congeniali soggetti per i suoi versi sarebbe il pi dolce di tutti i poeti hanno trovato nelle scene e storie,
come il precedente, colui che nel suo Georgiche ha mostrato come l'amore di una vita di campagna e paese
occupazioni, e dei temi e dei treni di pensiero che si innalzano all'estero! Sarebbe che il cristianesimo ha avuto
un Virgilio per descrivere i vecchi monaci a loro fatiche rurali, come ha avuto un Sacchi o un Domenichino a
dipingere loro! Come avrebbe potuto esporre le avventure e le difficolt degli agricoltori missionari, che hanno
cantato dell'inverno scita, e la moria del bestiame, il cervo di Sylvia, e la casa foresta di Evander! Come aveva
potuto pourtrayed San Paolino o di San Serenus nel suo giardino, che potrebbe trarre cos bella una foto della
vecchia {408} Corycian, sollevando in mezzo al folto suoi scarsi erbe aromatiche sulla angolo della terra, che
"non era buono per la coltivazione, n per il pascolo, n per vigne! " Come poteva hanno portato fuori la poesia
di quei semplici operai, che ci ha detto di fiori e frutti che vecchio, e della soddisfazione, come di un re, che si
sentiva in quelle ricchezze innocenti! Colui che aveva cos grande avversione di citt, e grandi case, e alta
societ, e sontuosi banchetti, e la tela per l'ufficio, e la dura legge, e l'avvocato rumoroso, e arringa dello
statista, -ha che ha pensato il titolare del Paese come anche troppo benedetto, vero ma conoscere la sua
beatitudine, e che amava la valle, tortuoso torrente, e legno, e la vita nascosta che essi offrono, e le lezioni
profonde che sussurrano, -come poteva hanno illustrato quella meravigliosa unione, di preghiera, la penitenza,
fatica, e opera letteraria, il vero "dignitate otium cum", una per il tempo libero fecondo e una dignit umile di
cuore, che esemplificato nella benedettina! Ci etereo fuoco che ha consentito il principe dei poeti latini a
prendere fino ceppo della Sibilla, e di adombrare le glorie di un futuro soprannaturale, cio la filosofia sereno,
che ha cosparso le sue poesie con sentimenti che vengono al cuore, cio simpatia intima con i dolori del genere
umano e con l'azione e la passione della natura umana, -come ben avrebbero servito a illustrare la storia
patriarcale e l'ufficio dei monaci nel vasto paesi tedeschi, o le azioni, le parole e le visioni di un San Odilo o un
San Aelredo!
Quello che un poeta sceglie deliberatamente per il soggetto delle sue poesie deve essere nella sua stessa natura
poetica. Un poeta in effetti non che un uomo, dopo tutto, e nella sua persona corretta possono preferire carne
solida e budino di tutte le creazioni del suo "Fine Frenzy", che, nel suo carattere di poeta, sono la sua carne e
bere. Ma nessun poeta mai commettere il suo {409} reputazione poetica al trattamento di soggetti che non
ammettono di poesia. Quando, poi, Virgilio sceglie il paese e respinge la citt, ci mostra che un certo aspetto
della citt congeniale con la poesia, e che un certo aspetto del paese congeniale. Repose, intellettuale e
morale, che la qualit della vita di campagna, che egli sceglie per le sue lodi; e fatica, e dal trambusto, e
l'eccitazione che la qualit di una vita cittadina che egli aborre. Qui poi, secondo Virgilio, si trova la poesia di
San Benedetto, nel "Secura quies et nescia Fallre vita," in assenza di ansia e irritabilit, di schemi e intrighi, di
speranze e paure, di dubbi e delusioni. Una tale vita, soggiorno- per il giorno senza sollecitudine per il domani,
senza piani o oggetti, anche quelli sacri, qui di seguito; lavorare, non (per cos dire) dal pezzo, ma come assunto
a ore; semina il terreno con la certezza, secondo la promessa, di mietitura; lettura o scrittura presente settimana
senza la conseguente necessit di lettura o scrittura durante la successiva; dimora fra di uno stesso popolo senza
legami lontani; prendendo ogni nuovo giorno come un tutto in s, un'aggiunta, non un complemento, al passato;
e fare lavori che non possono essere tagliati breve, perch sono completi in ogni parte di essi, -come una vita
pu essere chiamato con enfasi virgiliano. Essi, al contrario, il cui compito si trova in quello che pu essere
chiamato imprese , nel campo della scienza e del sistema, in un impegno costante dell'intelletto o di processi
elaborati di azione, -apologists, polemisti, contendenti nelle scuole, professori in cattedra, gli insegnanti in il
pulpito, i governanti della Chiesa, -Avere una missione nobile e meritoria, ma non cos poetica uno. Quando
la struttura corporea riceve un infortunio, o preso con una certa malattia improvvisa, la natura ci si pu
aspettare per impostare destra il male, se lasciato a se stesso, ma richiede tempo; scienza entra per abbreviare il
processo, {410} ed violenta che potrebbe essere determinata. Questo pu essere preso per illustrare modalit
di contrastare le miserie della vita di San Benedetto. Ha trovato il mondo, fisico e sociale, in rovina, e la sua
missione era quella di ripristinare in modo, non di scienza, ma di natura, non come se l'impostazione sul punto
di farlo, non professando di farlo in qualsiasi momento impostato o da qualsiasi rari specifico o da una serie di
colpi, ma cos piano, con pazienza, a poco a poco, che spesso, fino a quando il lavoro stato fatto, non era noto
per essere fare. Era una restaurazione, piuttosto che una visita, la correzione o la conversione. Il nuovo mondo

che ha contribuito a creare stata una crescita piuttosto che una struttura. Uomini silenziosi sono stati osservati
per il paese, o scoperto nella foresta, scavando, la compensazione, e la costruzione; e altri uomini silenziosi,
non visto, erano seduti nel chiostro freddo, stancare gli occhi, e mantenere la loro attenzione sul tratto, mentre
dolorosamente decifrati e copiati e ri-copiare i manoscritti, che era stata risparmiata. Non c'era nessuno che
"sostenuto, o grid:" o ha attirato l'attenzione a ci che stava succedendo; ma a poco a poco la palude boscosa
divenne un eremo, una casa religiosa, una fattoria, un'abbazia, un villaggio, un seminario, una scuola di
apprendimento, e una citt. Strade e ponti collegati con altre abbazie e citt, che erano cresciuti in modo simile;
e ci che l'altezzosa Alarico o feroce Attila avevano rotto a pezzi, questi uomini meditativi pazienti avevano
portato insieme e fatta rivivere.
E poi, quando avevano nel corso di molti anni maturata loro vittorie pacifiche, forse qualche nuovo invasore
venuto, e col fuoco e con la spada slacci la loro fatica lenta e perseverante in un'ora. Il Hun riuscito al Goth,
lombardo al Hun, il tartaro al longobardo; Sassone stato recuperato solo il danese potrebbe prendere il suo
posto. Gi nella polvere gettare del lavoro {411} e la civilt dei secoli, -Churches, Collegi, Chiostri,
biblioteche, -e nulla stato lasciato a loro, ma per iniziare tutto da capo; ma questo lo hanno fatto senza invidia,
cos prontamente, allegramente, e tranquillamente, come se fosse da qualche legge di natura che il restauro
venuto, ed erano come i fiori e gli arbusti e alberi da frutto che allevati, e che, una volta mal trattata, non
vendicarsi, o ricordare male, ma dare via rami freschi, foglie, fiori o, forse in maggior profusione, e con una
qualit pi ricca, per la ragione molto che il vecchio furono bruscamente troncati. Se uno luogo sacro stato
profanato, i monaci lanciato su un altro, e da questo momento ci sono stati uomini ricchi o potenti che
ricordavano e amati del passato abbastanza da desiderare di averlo ripristinato in futuro. Cos stato nel caso
del monastero di Ramsey dopo le devastazioni dei danesi. Un ricco conte, il cui cuore stato toccato, consultato
il suo Vescovo come avrebbe potuto meglio promuovere la gloria divina: il vescovo ha risposto che erano liberi,
sereni, e unsolicitous solo, che ha rinunciato al mondo, e che la loro rinuncia ha portato una benedizione per il
loro paese . "Con il loro merito", ha detto, "la rabbia del Supremo Giudice diminuita, un ambiente pi sano
concesso; molle di mais fino pi abbondantemente, carestie e pestilenze ritirano, lo stato meglio governato;
prigioni sono aperte, le catene non legato; i naufraghi sollevato. " Ha proceduto a consigliarlo, come il migliore
dei corsi, a cedere terreno per un monastero, e per costruire e dotarlo. Earl Alwin osservato in risposta, che
aveva ereditato un terreno di rifiuti in mezzo alle paludi, con una foresta nei dintorni, alcune macchie aperte di
buon tappeto erboso, e altri di prato; e ha preso il Vescovo di vederlo. E 'stato, infatti, un'isola delle paludi, e
solo quanto uomini religiosi potevano desiderare. Il dono stato accettato, gli operai sono stati raccolti, {412} i
pii contadini all'intorno hanno dato il loro lavoro. Dodici monaci sono stati trovati da un altro chiostro; celle e
una cappella furono presto sollevate. I materiali sono stati raccolti per una chiesa bella; pietre e cemento sono
stati dati; una solida base stato assicurato; ponteggi e macchinari sono stati prestati; e nel corso del tempo un
edificio sacro e due torri salito sopra la distesa desolata, e rinnovato il passato; -a imparato divina dalla Francia
stato invitato a presiedere le scuole monastiche [ Nota 27 ].
10.
Ecco allora io sono portato, infine, per parlare delle fatiche letterarie di Benedettini, ma non ho spazio per fare
di pi che l'attenzione diretta al carattere peculiare del loro lavoro, e deve lasciare il soggetto delle loro scuole
per qualche futura occasione. Qui, come in altri aspetti sopra notato, l'unit del monachesimo si mostra. Quello
che i Benedettini, anche nei loro pi recenti sviluppi letterari, sono stati, a St. Maur nel XVII secolo, e in
Solesme ora, quali sono stati i monaci nei loro primi anni. Uno dei principali occupazioni dei discepoli di san
Pacomio in Egitto stata la trascrizione di libri. E 'stato l'unico del lavoro dei monaci di San Martino in Gallia.
I solitari siriani, secondo san Crisostomo, si sono impiegati nel fare copie delle Sacre Scritture. E 'stata
l'occupazione dei monaci di S. Equizio e di Cassiodoro, e del convento di San Csarius. Abbiamo letto di un
uomo santo preparazione delle pelli per la scrittura, di un altro che vende i suoi manoscritti al fine di ottenere
l'elemosina per i poveri, e di una badessa scrivere epistole di San Pietro a lettere d'oro. St. David aveva
mostrato la stessa riverenza Vangelo di San Giovanni. Abate Plato riempito le proprie e di altri monasteri {413}
con i suoi volumi ben scritte [ Nota 28 ]. Durante il breve dominio dell'abate Desiderio di Montecassino, i suoi
monaci hanno scritto fuori cinquanta Omelie di S. Austin, le sue lettere, il suo commento sul discorso della
montagna, su St. Paul e su Genesis; parti di S. Girolamo e S. Ambrogio, parte di San Beda, di San Leo Sermoni,
le Orazioni di san Gregorio Nazianzeno; gli Atti degli Apostoli, le Epistole e l'Apocalisse; varie storie, tra cui
quella di San Gregorio di Tours, e di Giuseppe Flavio sulla guerra giudaica, Istituti di Giustiniano, e molti
ascetiche e altre opere; dei classici, Cicerone De natura deorum, Terence, di Ovidio Fasti, Orazio, e Virgilio.

Maurus Lapi, un camaldolese, nel XV secolo, copiato un migliaio di volumi in meno di cinquant'anni.
Girolamo, un monaco in un monastero austriaco, ha scritto un cos gran numero di libri che, si dice, un carro
con sei cavalli sarebbe appena sufficiente a disegnarli. Othlon, nel XI secolo, quando un ragazzo, ha scritto con
tanta diligenza che ha quasi perso la vista. Questo stato in Francia; poi andato a Ratisbona, dove scrisse
diciannove messali, tre libri del Vangelo, due libri di Epistola e il Vangelo, e molti altri. Molti ha dato ai suoi
amici, ma l'elenco troppo lungo per terminare. L'abate Oddone di Tournay "usato per esultare", secondo il suo
successore, "nel numero di scrittori che il Signore gli aveva dato. Si era andato nel suo chiostro, si potrebbe
avere visto una dozzina di giovani uomini seduti in perfetto silenzio, la scrittura ai tavoli costruiti allo scopo.
Commentari All Jerome sui profeti, tutte le opere di San Gregorio, tutto ci che poteva trovare di Austin,
Ambrogio, Isidoro, Beda, e il Signore Anselmo, abate {414} di Bec, e poi Arcivescovo di Canterbury, fece da
diligentemente trascritto. " [ Nota 29 ]
Questi operai tranquilli trovato un ulteriore campo nell'illuminazione e vincolante dei volumi trascritte, come
erano stati precedentemente occupata nella pratica necessaria per l'arte poi importante della calligrafia. Non
stato eseguito a mano che i monaci hanno dovuto imparare; per non era espressione effimera dei propri pensieri
che la loro scrittura era quello di trasmettere, ma la trascrizione formale, a beneficio dei posteri, delle parole di
insegnanti e Dottori della Chiesa ispirati. Stavano eseguendo ci che stato dato il lavoro della stampante; e si
dice che dai monaci inglesi deriva la lettera minuscola del tipo romana moderna. In Francia, le abbazie di
Fontenelle, Reims, e Corbie erano particolarmente famosi per la bellezza del penmanship nell'et di Carlo
Magno [ nota 30 ], in cui la letteratura era nel suo stato pi depresso. Libri destinati per i regali, come ad
esempio quella che la madre di Leone Nona presentato al St. Hubert, e, molto di pi, se destinati ad usi sacri,
sono stati arricchiti con piatti d'oro e d'argento e pietre preziose. Qui stato un inizio della coltivazione delle
belle arti in quei tempi turbolenti, -a tranquilla, occupazione poco emozionante, che andato all'interno dei
monasteri, qualunque rivalit o eresie agitati cristianit al di fuori di essi, e che, pur coinvolgendo,
naturalmente, un miglioramento nella lavorazione col passare del tempo, ma nel caso di ogni provino
successivo, qualunque sia esatto grado di abilit o di gusto ogni esposto, ha avuto la sua fine a se stessa, come
se non ci fosse stato nessun altro campione prima o dopo. {415}
Brower, nella sua opera sulle Antichit di Fulda, ci d un quadro vivace delle varie occupazioni tranquille che
erano in corso in una sola volta tra le mura monastiche. . "Api industriose," dice, "il loro lavoro non
segnalazione, avevano questi monaci seguono la loro vocazione Alcuni di loro sono stati impegnati nel
descrivere, qua e l sulla pergamena, le lettere speciali e personaggi che dovevano essere compilati; altri sono
stati confezionamento o vincolante i manoscritti in coperture belli, altri sono stati marcatura in rosso le frasi
notevoli o le teste dei capitoli Alcuni erano scrittura piuttosto ci che era stato messo insieme a caso, o era stato
lasciato fuori nella dettatura, ed erano. mettendo ogni parte in modo giusto. e non pochi di loro eccelso nella
pittura in tutti i tipi di colori, e in figure. " [ Nota 31 ] Egli continua a fare riferimento a un antico manoscritto l,
che parla dei monaci come decorare la loro chiesa, e di lavoro, scultura, incisione, e il lavoro in ottone loro
falegnami.
Ho citato St. Dunstan in una pagina precedente, in quanto chiamato a funzioni politiche, che erano in
disaccordo con lo spirito traditionary del suo Ordine; Qui, per, si mostra nella semplice carattere di un
benedettino. Aveva un gusto per le arti in generale, soprattutto la musica. Ha dipinto e ricamato; la sua abilit
nel lavoro di Smith registrato nella nota leggenda del suo combattimento con il maligno. E, come i monaci di
Hilarion si unito giardinaggio con la salmodia, e Bernard ei suoi cistercensi unito lavoro sul campo con la
meditazione, cos ha fatto St. Dunstan usare la musica e la pittura come direttamente espressiva o suggestivi
della devozione. "Egli eccelleva nella scrittura, la pittura, fusione in cera, scultura in legno e osso, e nel lavoro
in oro, argento, ferro, ottone," dice il {416} scrittore della sua vita in Surius. "E ha usato la sua abilit in
strumenti musicali di fascino lontano da se stesso e gli altri loro contrattempi secolari, ea loro svegliare al
pensiero di armonia celeste, sia dalle dolci parole con cui ha accompagnato le sue arie, e da parte della
concordia di quelle arie loro stessi." [ Nota 32 ] E poi si continua a parlare di come una volta, quando aveva
appeso la sua arpa contro il muro, e il vento ha fatto uscire dalle sue corde una melodia selvaggia, ha
riconosciuto in una delle antifone del Comune Martyrum , "Gaudete in coelis", ecc, e lo ha utilizzato per la sua
umiliazione.
Come ci si potrebbe aspettare, i monasteri del sud d'Europa non sarebbero dietro il Nord in realizzazioni di
questo tipo. Quelli di San Gallo, Monte Cassino, e Solignac, sono particolarmente parlato di come abile nelle

belle arti. Monte Cassino eccelleva in illuminazione e in mosaico, il camaldolese nella pittura, e Olivetani in
intarsio di legno [ nota 33 ].
11.
Mentre lavoro manuale, applicato a questi scopi artistici, servito alla devozione, d'altra parte, quando applicato
alla trascrizione e la moltiplicazione di libri, questo un metodo di istruzione, e che particolarmente
benedettina, come di un letteraria, non scientifico natura. Teologia sistematica ha avuto, ma un luogo limitato
nello studio ecclesiastico prima dei secoli XI e XII; Scrittura e dei Padri erano i mezzi ricevuti di educazione, e
questi costituivano il testo molto su cui sono state impiegate le penne dei monaci. E cos sarebbero sempre
familiarit con quel tipo di conoscenza che era proprio della loro vocazione, allo stesso tempo, {417} che sono
stati impegnati in quello che era inequivocabilmente un lavoro manuale; e, nel provvedere ai bisogni religiosi
dei posteri, che stavano servendo direttamente il loro edificazione. E questo ancora una volta era stata la pratica
dei monaci dal primo, ed incluso nella unit della loro professione. San Crisostomo ci dice che la loro
occupazione ordinaria a suo tempo stato "per cantare e pregare, leggere la Scrittura, e di trascrivere il testo
sacro." [ Nota 34 ] Come le opere dei primi Padri sono diventati a poco a poco la propriet letteraria della
Chiesa, questi, troppo, diventato l'oggetto della lettura e la scrittura dei monaci. "Per colui che in corso alla
perfezione", dice san Benedetto nella sua Regola, "non ci sono le lezioni dei Santi Padri, che portano alla sua
sommit. Per quello pagina, ci che il passaggio del Vecchio o del Nuovo Testamento, arrivando come fa con
autorit divina, non la regola molto exactest della vita? quale libro dei santi Padri cattolici non risuona con
questo tema, come possiamo seguire il corso pi breve per il nostro Creatore? " Ma non ho bisogno qui insistere
su questa caratteristica di studio monastica, che, soprattutto per quanto riguarda lo studio della Scrittura, stato
trattato in modo completamente e cos bene da Mr. Maitland nei suoi "Saggi sui secoli bui".
La letteratura sacra dei monaci andato un ulteriore passo avanti. Sarebbero naturalmente guidati dal loro
continuo esame della Scrittura e dei Padri per tentare di confrontare e regolare queste due fonti principali di
verit teologica con l'altro. Da qui ha portato il carattere peculiare delle opere religiose di quello che pu essere
chiamato in particolare il periodo dei Benedettini, i cinque secoli tra San Gregorio e S. Anselmo. L'et dei Padri
era quasi finita; l'et del Scolastici doveva ancora venire; gli scrittori ecclesiastici {418} dei secoli successivi si
sono impiegati per la maggior parte ad organizzare e digerire letteratura patristica, che era sceso a loro; essi o
legate insieme passaggi scelta dei Padri in catenae , come illustrazione in esecuzione del testo ispirato, o li
formate in un commento su di esso. Il Summ Sententiarum degli stessi secoli erano opere di carattere analogo,
mentre hanno anche aperto la strada per gli esercizi intellettuali del periodo scolastico; perch erano lezioni o
istruzioni disposte secondo uno schema o un sistema di dottrina, se fossero ancora estratti dalle opere dei Padri,
e anche se la questione di quelle opere hanno suggerito le divisioni o dettagli del sistema. Inoltre, tali lavori,
quanto trascrizione stessa, erano benedettina nel loro spirito, cos come nel loro oggetto; per cui non vi era nulla
di ricerca originale, nulla di brillante risultato o imponente, non ci sarebbe nulla da dissipare, Elate, o assorbire
la mente, o per violare la semplicit e la tranquillit propria dello stato monastica.
La stessa osservazione vale per un ulteriore lavoro letterario in cui i benedettini stessi ammesso, e che l'ultima
che deve qui ricordare, e che la compilazione di cronache e annali, se ecclesiastici, laici, o monastica. Cos
importante un luogo avviene questo nella loro letteratura, che l'autore del Asceticon , nel quarto volume di di
Dom Francois Bibliothque des Ecrivains Bndictins, non esita a puntare agli scritti storici del suo Ordine
come costituenti una delle sue pretese principali, dopo le sue opere bibliche, sulla riconoscenza dei posteri.
"Questo," dice, " l'elogio soprattutto per i monaci, che hanno illustrato la Sacra Scrittura, la storia salvato,
sacro e profano, dalla barbarie dei tempi e hanno consegnato {419} ai posteri tante vite sia dei Santi e dei
Vescovi ". [ Nota 35 ] Anche in questo caso un esempio fresco del carattere benedettino; per il primo, quelle
storie sono la struttura pi semplice e la composizione pi ingenua, e il prossimo, dalla circostanza del loro
essere comunemente narrazioni di eventi contemporanei, o raccolte da alcune fonti precise di informazione che
erano a portata di mano, hanno coinvolto niente di che la ricerca laboriosa e l'eccitazione della mente che
richiesta dello scrittore che deve registrare un corso complessa della storia, che si estende nel corso di molti
secoli e paesi, e che mira alla scoperta della verit, in mezzo a testimonianza carente, ridondante, o in conflitto.
"Gli uomini che hanno scritto la storia", dice il signor Dowling, parlando dei tempi in questione, "non ha
scrivere dalla regola,. Hanno solo messo gi quello che avevano visto, quello che avevano sentito, ci che
sapevano molto molti di loro hanno fatto . quello che hanno fatto per una questione di dovere morale Il risultato
stato qualcosa sui generis , ma non era nemmeno quello che abbiamo . chiamiamo storia a tutti e 'stato, se cos

posso dire, qualcosa di pi, un admeasurement reale, piuttosto che un quadro, oppure, se una foto, stata
dipinta in uno stile che aveva tutta la precisione minuto e la realt familiare dei pi interno dei maestri
fiamminghi, non l'alto iperbole della scuola romana, n lo splendore invadente, non meno innaturale, della
veneziana. in una parola, la storia, come un oggetto di critiche, un'arte, un nobile e bello l'arte , gli scritti
storici del Medioevo la natura ". [ Nota 36 ]
Si fa menzione in questo passaggio della peculiarit nella storiografia monastica, che procedeva dal motivo di
dovere religioso. Questo deve sempre essere stato {420} nel caso in conseguenza della professione monastica;
tuttavia, abbiamo qui, in aggiunta alla presunzione, prova reale, e solo non in una occasione, l'importanza che
l'ordine benedettino collegato a tali avvisi e memoriali del passato. Durante l'anno 1082, per esempio, l'Abate
Marquand di New Corbie, in Sassonia, sembra aver inviato l'ordine di tutte le chiese e monasteri soggette al suo
governo di inviare a lui disgiuntamente le cronache dei propri luoghi. Abate Wichbold ripetuto l'ordine di
sessant'anni dopo, e Abate Thierry nel 1337 indirizzata ai preposti e rettori a lui soggette un'ingiunzione come
[ nota 37 ]. Ancora una volta, nel 1481 l'abate di Erfurdt ha inviato una lettera ai Padri della riforma del
Bursfeld, con la vista di persuaderli a partecipare ad un lavoro simile. "Se tu fossi d'accordo tra di voi", dice, "e
fare una legge secondo la quale ogni Prelato ha l'obbligo di comporre annali e le storie del suo monastero, cosa
c' di meglio, cosa pi utile, cosa pi interessante, sia per conoscere o per la lettura? " [ Nota 38 ]
E 'pi facile ipotizzare quali sarebbero quelle opere letterarie, in cui un benedettino si sarebbe trovato in libert
di impegnarsi, di far finta di indicare quelle da cui la sua vocazione lo avrebbe debar; eppure Mabillon,
ugualmente con Ranc, implicava che tutti i soggetti non vengono uguali a lui. Qui ci sono richiamati alla
controversia ben noto tra questi due uomini celebri. L'Abate della Trappa, Cistercense Ranc, scrivendo al suo
popolo, stese alcune dichiarazioni sul tema degli studi proprie di un monaco, che {421} sembrava riflettere
sulle Maurists apprese. Mabillon, uno di loro, ha risposto, in una rivendicazione imparato di se stesso e dei suoi
fratelli. L'abate aveva sostenuto che lo studio di qualsiasi tipo devono essere tenuti in stretta subordinazione al
lavoro manuale, e non dovrebbe estendersi a tutti i libri tranne le Scritture e trattati ascetici dei Padri. Mabillon,
d'altra parte, senza negare la necessit del lavoro manuale, a cui Maurists assidui un'ora al giorno, sembrava
permettere alla benedettina coltivazione libera dell'intelletto, e una gamma illimitata di studi. Quando essi stessi
hanno spiegato, ogni combattente sembrerebbe hanno affermato pi di quanto potesse mantenere con successo;
ancora dopo tutto c'era una notevole differenza di vista tra loro, che non viene rimossa. La domanda cruciale
se alcuni esempi storici, che Mabillon esortato a suo favore, dovevano essere considerate eccezioni o non alla
regola di San Benedetto. Ho certamente mantenuto in una pagina precedente di questo saggio che questi casi
come Alcuino, Pascasio, o Lanfranco sono equi esemplari della professione benedettina, e non deve essere
presa per rappresentare i monaci in generale. Per timore che, tuttavia, nel dire questo, pu essere pensato per
essere eludere la testimonianza della storia, come addotto da uno scrittore, autorevole in una sola volta dal suo
apprendimento e come portavoce del grande Congregazione di San Mauro, penso che sia bene per estrarre in
mio favore alcune delle sue ammissioni, che mi sembrano completamente a confermare quello che ho, che
stabilisce sopra circa lo spirito e la missione del suo ordine.
Per esempio, egli francamente ammette, anzi sostiene che il metodo scolastico di insegnare teologia e filosofia
estranea alla professione di benedettino, in quanto tale. "Perch", chiede, "abbiamo bisogno di coltivare questi
{422} scienze nel modo di disputa? Perch scienze non come positivi, spiegando domande e risolvere i dubbi
che si verificano? Perch non pi che sufficiente per gli studenti religiosi per essere istruiti nei principi pi
necessari della scienza, e quindi per fare progressi nello studio delle Scritture e dei Padri? Che bisogno di
questo syllogizing perpetua in forma, e le risposte taglienti a innumerevoli obiezioni, come consuetudine nelle
scuole? " Altrove egli contrappone il modo di insegnare una materia, adottato dai primi Padri, con quella che gli
Scolastici introdotto. "I ragionamenti dei Padri", dice, "sono cos pieno, cos elegantemente esposto, tanto da
essere ovunque che evoca la dolcezza e il vigore di eloquenza cristiana, mentre la teologia scolastica
assolutamente asciutto e sterile". Altrove egli dice che "nello studio della Sacra Scrittura consiste l'intera
scienza dei monaci". Anche in questo caso, dice di Teologia Morale, "Come i monaci sono raramente destinati
alla cura delle anime, non sembra necessario che essi dovrebbero dare molto tempo per la scienza della
morale." E anche se, naturalmente, egli non vieta loro lo studio della storia, che abbiamo visto essere cos
congeniale alla loro vocazione, ma osserva di questo studio, quando perseguito per tutta la sua estensione, "E
sembra causare molto dissipazione della mente, che pregiudizievole per la compunzione che verso l'interno
del cuore, che cos particolarmente adatto alla vita santa di un monaco. " Ancora una volta, osservando che
l'esame di antiche MSS. fu l'occupazione speciale dei Maurists nel suo tempo, egli dice, "Quelli che si danno a

questo studio sono il pi merito con Dio, nel senso che hanno cos poco lode con gli uomini. Inoltre, obbliga
loro di dedicare pi tempo a la solitudine, che dovrebbe essere il loro capo gioia confesso che un lavoro pi
fastidioso e sgradevole;. tuttavia, d molto meno problemi di trascrizione, "{423}, che stato il lavoro pi utile
dei nostri primi monaci. Altrove, parlando dei celebri edizioni maurine dei Padri, egli osserva, "Lavoro, come
questo, che sottoposto nel silenzio e nella tranquillit, particolarmente compatibile con vera tranquillit
d'animo e la padronanza delle passioni, a condizione che il lavoro come un dovere, e non per la gloria. " [ Nota
39 ]
Confido che il lettore sar cos gentile da tenere a mente che io sono da sempre parlando della vita benedettina
storicamente , e come potrei parlare di qualsiasi altra storica realt ; non avventurarsi affatto su quello che
sarebbe l'estrema presunzione di qualsiasi esposizione quasi-dottrinale o magisteriale di esso, che appartiene a
coloro solo che hanno effettivamente assorbito la sua tradizione. Questo viene chiaramente compreso, credo di
poter interpretare Mabillon nel senso che (essere la gamma di studi legali a un monaco ci che pu) ancora,
qualunque opera letteraria richiede tali porzioni continue di tempo, come non ammettere di essere sospesi in un
momento di preavviso , qualunque cosa cos interessante che altri compiti sembrano noioso e pesante dopo
che, quale che sia cos esaurisce il potere di attenzione come inabilitarli per l'attenzione ad altri soggetti, a
prescindere rende la mente gravitare verso la creatura, in contrasto con la semplicit monastica. Di
conseguenza, devo aspettare di trovare quella controversia era congeniale alla benedettina, perch eccitato la
mente, e le indagini metafisiche, perch affaticato esso; e, quando ho incontrato questi casi come San Pascasio
o Sant'Anselmo, dovrei trattare con loro come sono venuti e come ho potuto. Inoltre, non dovrei guardare a un
benedettina per qualsiasi lavoro elaborato e sistematico sulla storia della dottrina, o di eresia, o per qualsiasi
corso di teologia patristica, o qualsiasi esteso {424} storia ecclesiastica, o qualsiasi disquisizioni filosofiche
sulla storia, come il che implica una conoscenza di innumerevoli dettagli, e del lavoro di utilizzare una massa di
fenomeni alla delucidazione di una teoria o di portare una gamma di lettura multiforme di portare su un punto; e
che, perch tali sforzi mentali richiedano una memoria energica dedicato a questioni di tempo e di luogo, o, al
posto dello studio tranquilla e faticosa di un libro dopo l'altro, la presenza di una grande biblioteca, e la
distrazione di un vasto numero di libri trattati tutti in una volta, non per esame, ma per riferimento. Forse io
sono aperto alla carica di raffinazione, nel tentativo di illustrare il principio che mi sembra di me stesso per
rilevare nella tradizione benedettina; ma il principio stesso che ho davanti a me abbastanza chiara, e si
esprime nel consiglio che viene dato a noi da uno scrittore sacro: "Le parole dei saggi sono come pungoli, e le
unghie profondamente fissato a; pi di questi, il mio figlio, non richiede : di fare molti libri non c' fine, e molto
studio un'afflizione della carne ".
Per verificare la verit di questa vista della missione benedettina, non posso fare meglio di appello come istanza
palmary alla Congregazione di San Mauro, una scuola intellettuale di Benedettini sicuramente. Ora che, in
realt, il carattere delle opere? Non ha Malebranche, no Thomassin, no Morinus; non ha Bellarmino, senza
Suarez, no Petavius; non ha Tillemont o Fleury, -tutti dei quali erano pi o meno suoi contemporanei; ma ha un
Montfaucon, ha un Mabillon, ha un Sainte Marthe, una Coustant, un Sabbatier, un Martene, -men di immensa
apprendimento e di esperienza letteraria; ha fascicolatori e gli editori di MSS. e di iscrizioni, i redattori del testo
e delle versioni della Sacra Scrittura, editori e biografi dei padri, antiquari, annalisti, paleographists, -con borsa
di studio, infatti, e la critica, e {425} conoscenza teologica, ammirevole il pi spesso indotte da il soggetto
particolare su cui sono direttamente impiegati, ma evidentemente subordinato ad esso.
Se ci rivolgiamo ad altre Congregazioni contemporanei di San Benedetto siamo incontrati dallo stesso
fenomeno. I loro lavori sono stati dello stesso modesto, paziente, gentile tranquillo. Il primo nome che viene in
mente quella di Agostino Calmet, della Congregazione di San Vanne. Le sue opere sono biblici e antiquario;
-a commento letterale della Scrittura con Dissertazioni, un dizionario della Bibbia, un commento sul Regola
benedettina, una storia di Lorena. Ho gettato gli occhi intorno alla biblioteca, in cui mi capita al momento di
scrivere; Quali autori benedettini li incontrano? C' Ceillier, anche della Congregazione di San Vanne;
Bertholet, della stessa Congregazione; Cardinale Aguirre di Salamanca; Cressy di Douai; Pez di Mlk sul
Danubio; Lumper di San Giorgio nella foresta ercinico; Brockie del Scotch College di Ratisbona; Reiner della
Congregazione inglese. Le loro opere sono della stessa carnagione, -historical, antiquario, biografico, patristica,
-calling alla mente la linea di studio tradizionalmente perseguito da una moderna congregazione ecclesiastica,
l'Oratorio italiana. Non parlo di Ziegelbauer, Francois, e altri Benedettini, che potrebbe essere aggiunto, perch
essi si sono limitati a benedettina Antichit, e ogni ordine scriver su se stessa.

E cos della letteratura benedettina dal primo all'ultimo. Ziegelbauer, che stato appena accennato, ha scritto
quattro volumi in folio sull'argomento. Ora uno di loro dedicata a un catalogo e un conto di autori benedettini;
-di questi, quelli sulla Scrittura e teologia positiva occupano 110 pagine; quelli sulla storia, 300; quelli sulla
teologia scolastica, 12; quelli polemiche, 12; {426} quelli sulla teologia morale, 6. Questo contrasto
sorprendente pu essere un esagerazione del fatto, perch c' molto di ripetizione e digressione nella sua
indagine, e le sue notizie biografiche variano in lunghezza; ma, dopo tutte le quote per tale ingiustizia
accidentali nella lista, il risultato deve sicuramente essere considerato come sorprendentemente conferma del
conto, che mi stato dare.
12.
Ma devo tagliare corto un accertamento che, sebbene imperfetta per l'illustrazione del suo soggetto, gi da
tempo per la pazienza del lettore. Tutte le opere umane sono esposti a vicenda e di degrado; e che il grande
Ordine di cui ho scritto dovrei nel lasso di tredici secoli hanno fornito nessuna istanza di quella legge generale
la meno prevedibile, in proporzione alla misura del suo territorio, l'indipendenza dei propri case separate, e le
variet locali di sua costituzione. Per dire che la pace pu generare l'egoismo, e l'umilt diventare un mantello
per indolenza, e una vita di campagna pu essere un lusso epicureo, solo per enunciare la massima over-vero,
che ogni virt ha un vizio per il suo primo cugino. Usum non tollit abusus ; e la circostanza che la vita
benedettina ammette di essere corrotto in un modo di vivere che non benedettina, ma molto contraddittorio,
non pu certo essere un argomento contro la sua innocenza meritoria, la sua allegria risoluta, e il suo faticoso
tranquillit. Ci stato detto di essere come i bambini; e dove dobbiamo trovare un esempio pi evidente di
quanto qui ci ha offerto di quell'unione di semplicit e rispetto, che chiara percezione dell'invisibile, ma il
riconoscimento del misterioso, che la caratteristica dei primi anni di esistenza umana? Per il cielo monaco era
accanto; Ha formato piani, non aveva preoccupazioni; {427} i corvi del padre Benedetto erano sempre al suo
fianco. Egli " andato avanti" in giovent "al suo lavoro e al suo lavoro" fino alla sera della vita; se ha vissuto
un giorno di pi, ha fatto un giorno di lavoro di pi; se ha vissuto molti giorni o pochi, lavor al loro fine. Non
aveva alcun desiderio di vedere ulteriormente in anticipo del suo viaggio di dove avrebbe dovuto fare la sua
fase successiva. Ha arato e seminato, pregava, medit, ha studiato, ha scritto, ha insegnato, e poi morto e
andato in paradiso. Si fece strada nella foresta labirintico, e si schiar cos tanto spazio, come sua dimora
richiesto, che soffre gli alti alberi solenni e il boschetto senza sentieri profondo per chiudere lui. E quando ha
iniziato a costruire, la sua architettura stata suggerita dal scena, -non la concezione scientifica e magistrale di
un grande complesso con molte parti, come lo stile gotico in et pi avanzata, ma semplice e inartificial,
l'adattamento delle mode ricevuti per il suo scopo, e un'aggiunta di cappella a cappella e un la crescita ribelle
del chiostro, a seconda delle occasioni, con santuari met nascosta e rientranze inaspettati, con dipinti sul muro,
come da un secondo pensiero, con l'assenza di visualizzazione e un selvaggio, bellezza irregolare, come quello
dei boschi con cui era in un primo momento circondata. E quando avrebbe impiegare la sua mente, si rivolse
alla Scrittura, il libro dei libri, e ci ha trovato una risposta speciale alle peculiarit della sua vocazione; per non
verit soprannaturali fatti avanti come gli alberi e fiori di Eden, in un disordine divina, come alcuni terribile
giardino intricato o paradiso, che ha goduto la pi perch non riusciva a catalogare le sue meraviglie.
Successivo lesse i Santi Padri, e c' ancora una volta ha riconosciuto una profusione ungrudging come ricchezza
e incurante di precetto e di consolazione. E quando cominci a comporre, ancora lo ha fatto dopo che la
modalit che la natura e la rivelazione gli avevano insegnato, {428} evitando curioso conoscenze, contenuti con
l'ignoranza incidentale, passando da soggetto a soggetto con poco riguardo al sistema, o cura di penetrare oltre
la sua fattoria di pensiero, -e la scrittura, non con la forte logica di contendenti, o la sottile analisi dei filosofi,
ma con l'unico scopo di riflettere nelle sue pagine, come in uno specchio fedele, le parole e le opere
dell'Onnipotente, mentre lo confrontano, sia nella Scrittura e dei Padri, o in quella "potente labirinto" di atti ed
eventi, che gli uomini chiamano storia del mondo, ma che per lui era un provvidenziale dispensazione.
Qui il bel carattere nella vita e morte di San Beda si verifica naturalmente alla mente, che , nella sua persona ei
suoi scritti, come veramente il modello di un benedettino, come San Tommaso di un domenicano; e con un
estratto della lettera di Cuthbert per Cuthwin riguardante le sue ultime ore, che, familiarmente come noto,
sempre piacevole da leggere, rompo il mio soggetto per il presente.
"Era estremamente oppressi", dice Cuthbert di S. Beda, "con mancanza di respiro, ma senza il dolore, prima di
giorno di Pasqua, per una quindicina di giorni, ma egli radunato, ed era pieno di gioia e letizia, e rese grazie a
Onnipotente Dio giorno e notte e ogni ora, fino al giorno dell'Ascensione, e ci ha, i suoi studiosi, lezioni

quotidiane ha dato, e pass il resto della giornata a cantare i Salmi, e la notte anche nella gioia e nel
ringraziamento, tranne il tempo scarso, che ha dato a dormire. e non appena si svegli, era impegnato nel suo
modo consueto, e non ha mai cessato con le mani alzate rendendo grazie a Dio. in verit protesto, non ho mai
visto o sentito parlare di uno che stato cos diligente nel ringraziamento.
"Ha cantato quella frase del beato apostolo Paolo, 'E' una cosa terribile cadere nelle mani del Dio vivente ', e
molti altri passi della Scrittura, in cui ci {429} avvertito di scrollarsi di dosso l'sonno della l'anima, anticipando
la nostra ultima ora. E ha cantato alcuni versi del suo anche in inglese, nel senso che nessuno poteva essere
troppo ben preparata per la sua fine, vale a dire., nel chiamare alla mente, prima si parte da qui, a che serve o
per il male che ha fatto, e come il suo giudizio si trover. e ha cantato anche le antifone, di cui uno : "o re della
gloria, Signore degli Angeli, che oggi sei salito in trionfo sopra di tutti i cieli, lasciarci non orfani, ma inviare la
promessa del Padre su di noi, lo Spirito di Verit, alleluia. ' E quando venuto alle parole, 'ci lascia non orfani,'
scoppiato a piangere, e pianse molto. Ha detto, anche, 'Dio flagella ogni figlio che riceve,' e, con S. Ambrogio,
'non ho cos vissuta da vergognarsi di essere stato in mezzo a voi, n temo di morire, perch abbiamo un buon
Dio '.
"In quei giorni, oltre le nostre lezioni e la salmodia, era impegnato in due opere: egli traduceva in inglese il
Vangelo di San Giovanni, per quanto riguarda le parole, 'Ma che cosa sono questi tra tanti,' e alcuni estratti dal
Notae [ Nota 40 ] di Isidoro. Sul Marted prima dell'Ascensione cominci a soffrire ancora di pi nel suo
respiro, ei suoi piedi erano leggermente gonfi. Tuttavia, egli ha attraversato il giorno, dettando allegramente, e
lui continuava a dire di tanto in tanto, 'abbattere quello che dico in fretta, per non so quanto tempo devo durare,
o se il mio creatore non mi prender presto.' Sembrava a noi di essere molto consapevoli del momento della sua
partenza, e pass la notte in rendimento di grazie, senza dormire. Non appena mattina ha rotto, cio il
Mercoled, noi {430} ha esortato a fare in fretta con la scrittura che avevamo iniziato. lo abbiamo fatto fino alle
nove, quando siamo entrati in processione con le reliquie dei santi, secondo l'uso di quel giorno. Ma uno del
nostro gruppo ha detto a lui, 'Carissimo Maestro, uno capitolo ancora manca, si pu sopportare la nostra che
chiede a questo proposito '? Egli rispose: 'Io posso sopportare;. Prendo la penna ed essere pronti, e scrivo in
fretta' Alle tre mi ha detto, 'correre veloce, e chiamare i nostri sacerdoti, che pu dividere tra loro alcuni piccoli
doni che ho nella mia casella.' Quando io avevo fatto presente in molta agitazione, ha parlato a ciascuno,
sollecitando e supplica a tutti di fare un punto di dire messe e preghiere per lui. Cos egli pass la giornata in
allegria fino a sera, quando il giovane sunnominato detto lui, 'Caro Maestro, vi ancora una frase non scritta;'
ha risposto, 'scrivere velocemente.' Attualmente il giovane ha detto, 'Ora scritto;' egli rispose: 'Bene, hai detto
la verit; consummatum est prendere la mia testa nelle tue mani, perch molto piacevole per me di sedere di
fronte il mio vecchio luogo a pregare, e, quindi, a pregare il Padre mio;.' E cos, sul pavimento della sua cella,
ha cantato, 'Gloria al Padre, Figlio e Spirito Santo,' e, proprio come aveva detto 'Spirito Santo', ha esalato
l'ultimo respiro, e and a regni di cui sopra. "
E 'notevole che questo fiore della scuola benedettina morto lo stesso giorno come San Filippo Neri,-maggio
26; Beda il giorno dell'Ascensione, e Philip la mattina presto dopo la festa del Corpus Domini. E 'stato giusto
che due santi dovrebbero andare in cielo insieme, il cui modo di andare l era la stessa; entrambi cantare,
pregare, lavorare e guidare gli altri, nella gioia e esultanza, finch la loro stessa ora fa.
Top | Contenuti del volume | funziona | Casa
Note
1. A causa della temporanea sospensione del Atlantis , l'articolo sul dell'Ordine Domenicano non stata scritta.
Ritornare al testo
2. Helyot, Hist. Mon. Ziegelbauer, Litt. Hist.Di Soame Mosheim, vol. ii., p. 26. Brockie. Praef. annuncio Regul.
Bibbia di Buckingham nel Medioevo, pag. 81, ecc, ecc
Torna al testo
3. Butler, 22 giugno
ritornare al testo
4. Thomassin, Disc. Eccl., Ti, p. 705. Calmet, Reg. Piegato. ii., p. 25. Mabillon, Acta SAEC. iv., p. 1, praef., P.

xxx.Annal., TI, praef., 19.


Ritorna al testo
5. Reg., C. 61.
Ritornare al testo
6. Mabillon, Act Benedetto., T. iv., p. 1, p.XXXVII.
Ritornare al testo
7. storia della civilt, vol. ii., p. 65, Bohn; e cos Ampre.
Ritornare al testo
8. Epiph. Hr., 69.
Ritorno al testo
9. Ep. 2. Vid . Supr. p. 63.
Ritornare al testo
10. Dial., I. 1. Vid . Saggi, vol. ii., p. 284.
Ritornare al testo
11.
Me vero primum Dulces ante omnia Musae ...
Accipiant, clique vias et Sidera monstrent , ecc, ecc
Sin, ha ne possim NATUR accedere partes,
Frigidus obstiterit Circum prcordia sanguis,
Rura mihi et rigui placeant in vallibus amnes , etc.
E cos ancora una volta:
Felix, qui potuit rerum cognoscere causas , ecc
Fortunato et ille , Deos qui novit agrestes, etc.
Ritornare al testo
12. Voyage Littraire. Vid . anche Calmet, Lorraine, ti, p. 1043. Moreri, art. S. Hubert. Gallia Cristo., T. iii.
p.966. Mabillon, Annal. Bened., T. ii., pp. 16, 441, 606. Bucherii, Gest. Tungr. ecc, ti, p. 153. Helyot, Ordres
lun, t. vi., p. 296.
Ritornare al testo
13. Vol. i., p. 237, ecc
Ritorno al testo
14. Hallam, Medioevo, vol. iii., p. 436. Forsyth, Antiqu., Vol. i., pp. 37, 44, 179. Turner, anglo-Sax., vol. ii., p.
167. di Murdoch Mosheim, vol. ii., p. 21, ecc Guizot, Hist. Civile., Vol. ii., p. 75, Bohn.
Ritornare al testo
15. Neander, Monumenti, pp. 436, 451, 473, Bohn. Rader, Baviera Sacra. Calles, Braccio. Germ., Ti, pp. 200,
276, 317, 318. Guizot, Civile., Vol. ii., pag 134. di Whitaker Cornwall, vol. ii., p. 196. Fosbroke, Antiq. p. 16.
Ritornare al testo
di 16. Meyrick Willibald, pag. 68. Baviera Sacra, p.119. Petri, Suevia Eccles., P. 96. Calles Ann. Germ., Ti, p.
191.
Ritornare al testo

17. Vite di Butler, 20 agosto


Ritorno al testo
18. Apud. Atto Mabillon. Bened.
Ritornare al testo
19. Thomass. Disco. Eccl. t.iii., p. 513.
ritornare al testo
20. P. 93. Il passaggio sembra tratto da Beda.
Ritornare al testo
21. Beda, Hist. Eccles., I. 26. Guglielmo di Malmesb. Ponfic. Angl.
Ritornare al testo
22. Vid . Supr. p. 198.
Ritornare al testo
23. Eccl. Hist., Vol. vii., p. 331, Bohn.
Ritornare al testo
24. Duchesne, Scrittura. Nord., P. 236.
Ritornare al testo
25. Turner, Medioevo, vol. v., p. 89.
Ritornare al testo
26. P. 37.
Ritorna al testo
27. Vid . Turner, anglosassoni, vol. iii., p. 468.
ritornare al testo
28. Pallad, c. 39. Cassiano, Inst., IV., 12. Calmet, Reg., T. ii., p. 150. Thomassin, Disc. Eccl., T. iii., p. 505.
Ziegelbaum, Hist. Litt. Bened., T. ii., p. 510.
ritornare al testo
29. Annal. Camald., T. vii., p. 300: vid . altri casi in secoli bui di Maitland, e la Bibbia di Buckingham nel
Medioevo, che, tuttavia, carente di riferimenti.
Ritornare al testo
Hist di 30. Guizot. Civile., Vol. ii., p. 236, Bohn.
Ritornare al testo
31. P. 45.
Ritorna al testo
32. Vid , anche di Whitaker Cornwall, vol. i., p. 167, e l'intero capitolo.
Ritornare al testo
Di 33. Meehan Marchese, pag. XXIV.
Ritornare al testo
34. Hist. Rifiuti. de St. Maur. 1770, p. 21.
Ritornare al testo

35. P. 379. stampa, un'altra opera tranquillo, stato introdotto in Italia dai Benedettini di Subiaco. Vid .
Pellegrinaggio del Dr. Ullathorne.
Ritornare al testo
36. Introd. Eccles. Hist., P. 56.
Ritornare al testo
37. Ziegelbaur, t. ii., p. 401.
ritornare al testo
38. Ibid ., Ti, p. 424. Per le liste di storia monastica, vid . Mr. Dowling, Introd. EH, p. 260;il Asceticon come
sopra, 26. Ziegelbaur, t. ii., p. 398. Balmez., Prot. e Cath., p. 195.
Ritornare al testo
39. Stud. Monast., Ed. 1732; ti, pp 52, 135.; t.ii., p. 2; ti, pp 145, 147, 191, 64.
Ritorna al testo
40. Il Bollandists non sono stati in grado di determinare quale delle opere di S. Isidoro qui inteso. "Notae"
significa "note musicali", secondo Du Cange. Secondo Leboeuf in Ampre, Hist. Rifiuti. t.iii., p. 253, la parola
significa "penmanship."
Ritornare al testo
Top | Contenuti del volume | funziona | Casa
Newman Reader - Opere di John Henry Newman
Copyright 2007 dall'Istituto Nazionale per gli Studi Newman. Tutti i diritti riservati .