Sei sulla pagina 1di 10

Platone, Apologia di Socrate e La repubblica

Prof Domenico Starnone


Trascrizioni e commenti di Mauro Scardovelli

05:00 Leducazione per Platone assolutamente centrale. Mito della caverna come
sintesi della filosofia di Platone.
E preceduta da due righe che dicono: adesso ci occupiamo della natura umana, della
nostra natura, collocata tra le tensioni della paideia (educazione) e la paideikia, cio
lassenza di educazione.
Quando Pl parla di educazione sembra si dimentichi che sta parlando di uneducazione
elitaria, aristocratica, e parla a tutti gli esseri umani.

La condizione umana descritta nellallegoria della caverna.


esseri umani incatenati ai piedi (non possono muoversi) e al collo (non possono girarsi)
ci che possono vedere un gioco dombre sulla parete di fronte
uno di loro viene liberato e inizia un percorso ascendente che tra mille difficolt lo
porter dalle ombre alla luce al sole. E un percorso in salita. Il muro dove avviene la
proiezione assomiglia alla ribalta dei palcoscenici delle marionette.
Il liberato uscendo dalla caverna raggiunge una condizione contradditoria: alla luce
vede male, e deve addestrare di nuovo lo sguardo, allinterno vede male perch
abituato alla luce, e non riesce a decifrare le ombre come riusciva in passato.
Ora che ha visto la verit, ci che prima era nascosto, che cosa deve fare? Se torna di
sotto rischia di essere deriso e ammazzato. Daltra parte godersi la verit da solo un
atto che Platone e in genere la parte della nostra umanit non condivide.
11:20 ci che gli incatenati vedono sulla parete spettacolo, come dei burattini
uscire dalla caverna = liberazione.
momento di liberazione. La prima mossa: togliere le catene dalle gambe, in modo
che ci si possa muovere. La seconda togliere la catena dal collo, che significa potersi
girare. Ogni paideia inizia con una torsione, un girarsi, un riorientarsi, un muoversi da
dove eravamo quando eravamo in uno stato di non educazione ad un nuovo luogo,
una verit che otteniamo con leducazione

12:50 chi si libera, se tiene il risultato della propria educazione per s, non un uomo
giusto lu giusto colui che torma nella caverna, e affronta tutti i rischi per ottenere
il pieno compimento della propria educazione se leducazione lo ha reso felice,
eudaimonia, la sua felicit non sar mai veramente compiuta se non saranno felici
anche gli altri (v. via del bodhisatva)

eu daimon, il demone, essere felici significa dare pienezza al nostro demone, a quella
energia che ci portiamo dentro
come si pu ottenere questo risultato nel mondo della caverna? e che cosa la
caverna?
per Platone la caverna la decadenza della democrazia, cio della migliore procedura
per vivere insieme
allepoca Atene in crisi

15:20 il racconto di come funzionava la democrazia allora il ritratto di oggi: le


assemblee sono un continuo accapigliarsi, chi grida viva, chi grida abbasso, uno
scontro permanente
i giovani che assistono a questa baraonda, qualsiasi educazione abbiano ricevuto,
difficile che resistano senza regredire ingoiati da questa massa conformista urlante
che si rimangia tutto il lavoro che leducatore ha fatto

26:25 Platone comincia a sentire leducazione come assolutamente fondamentale non


solo per la vita del singolo, ma soprattutto per la vita della citt, proprio a partire dalla
morte di Socrate, che per lui la dimostrazione che urgente una nuova paideia, in
quanto la citt ha eliminato lunico uomo in grado di salvarla
una citt la cui procedura democratica sta venendo gi a pezzi, in una baraonda
generale

29:20 Socrate si difende dalle accuse di corrompere i giovani: se io lo facessi


volontariamente, consapevolmente, sarei pazzo, perch formerei dei cattivi cittadini, e
questi nuocerebbero in primo luogo a me; se invece io li corrompessi
involontariamente, allora perch non dirmelo, non correggermi, anzich portarmi dai
giudici per farmi punire?

questo gi un modello di educazione: se bisogna punire ci si rivolge alla legge, ma se


bisogna correggere occorre educare

per Platone il castigo, la punizione, non sono positivi per la crescita

29:35 Socrate dice: io so di non sapere, questo il metodo: sapere di non sapere = da
l inizia la ricerca.
Chi crede di sapere, non cerca pi.

Per Socrate importante che si cerchi permanentemente la verit, si cerchi di


diventare sempre migliori, avvicinarsi sempre pi al meglio
Listanza massima delleducazione platonica arrivare al bene.

30:40 Per Socrate leducazione non deve essere rivolta al singolo, affinch se ne giovi,
contro la felicit degli altri cittadini. In questo caso leducazione diventa una merce a
vantaggio del singolo, come accade con i sofisti.
Socrate un altro tipo di maestro: egli regala alla citt le tecniche per giungere alla
verit, perch per Socrate la politica cura delle anime, e la cura delle anime coincide
con il benessere della polis in s.

Leducazione un polo centrale della politica, della buona politica. E il modo che
garantisce alla procedura democratica di funzionare. Una cattiva educazione il
trionfo della baraonda.

32:40 voi regalate la felicit, i beni, ai vincitori dei giochi olimpici. Allora, fate con me
come fate con i vincitori dei giochi olimpici, assegnatemi gli alimenti per tutta la vita.
Infatti come educatore io sono necessario alla citt, e voi dovete mantenermi.

E la rivendicazione delleducazione pubblica contro linsegnamento che davano i


sofisti: insegnare tecniche al singolo cittadino perch avesse la meglio sugli altri

34,00 Mesciulam, Arcuri, libro II della repubblica

favole per i bambini che contengono cose false... favole di Esiodo, Omero... parlare di
vendetta degli dei... non sono da raccontare ai bambini, perch i bambini non
distinguono tra lettera e allegoria...

37:30 Platone un pensatore rigorosamente razionalista, il suo problema di fondo


come tenere insieme una comunit, come evitare che questa comunit si spezzi nella
guerra civile, nella discordia

anticipatore di Freud: nel sonno, nel sogno, irrompe una vita falsa, che per sembra
vera, lanima concupiscente prende il sopravvento su quella irascibile, su quella
razionale.... Platone d consigli su come addormentarsi alla sera, fortificare lanima
razionale, dare piccole soddisfazioni allanima irascibile e a quella concupiscente in
modo da fare un sonno sano, perch il tiranno non tiene conto di queste cose, d
spazio allanima desiderante, allanima concupiscente e non solo lui fa cattivi sogni,
ma fa fare terribili sogni allintera citt.
Platone tende ad irrompere anche in quelle situazioni che sono nella sostanza
ingovernabili, ed da qui che discende lidea che anche sulla poesia, quando suscita,
specialmente nei bambini, cattive informazioni e sentimenti, occorre intervenire...
Platone intuisce che le cose che i bambini sentono da piccoli restano per sempre (i
primi tre anni di vita...)

Omero non era considerato solo un poeta, ma un maestro in tutte le scienze possibili,
chi voleva fare il falegname, lo scultore, il contadino, trovava indicazioni in Omero
Platone, che era sostenitore dello specialismo (nella professione, nel mestiere), si
batte contro questo insegnamento superficiale, vuole che le cose siano fatte bene
se ognuno fa male quello che fa, e si occupa di cose che non lo riguardano, la citt
diventa sempre pi turbolenta...

per Platone, luomo costituzionalmente predisposto a dare pi fede al teatro che alle
cose cos come sono, cio alla realt che il puro intelletto deve riuscire a capire,

un problema di grande attualit: come gestire un mondo che sempre pi immerso


nello spettacolo, che favorisce le ombre degli incatenati e impedisce la risalita verso le
realt invisibili, salita durissima e faticosa attraverso lo studio e la meditazione, che
per Platone dovrebbe essere fondamentale per la crescita dellindividuo e della
comunit dentro di lui

44:10 Mesciulam libro 10 della repubblica

il calcolo e laritmetica dovrebbero essere insegnate a tutti, e specialmente a chi dovr


governare la citt, vanno studiate fino a raggiungere con il puro intelletto la
contemplazione dei numeri, senza limitarsi ad usare il calcolo e laritmetica come
fanno i mercanti,

parliamo dei numeri come qualcosa che si pu concepire solo con lintelletto, perch
costringe lanima a far uso del puro intelletto, per giungere alla pura verit

chi addestrato nellaritmetica fa progresso in tutti i campi

anche la geometria deve essere coltivata soprattutto per la conoscenza, non tanto per
fini pratici,

finch ci si occupa soltanto di cose sensibili, lanima non evolve nella conoscenza

astronomia come modello per comprendere le cose invisibili

e per lorecchio vale larmonia... siamo daccordo con i pitagorici

quali numeri sono consonanti e quali no, e per quale motivo


solo comprendendo la natura della realt, cio dei rapporti reciproci tra le cose, si pu
dare qualche contributo alla conoscenza

la dialettica filosofica si propone sempre di guardare allessenza degli esseri viventi,


degli astri e persino del sole (v. la struttura che connette, di Bateson)
50:00 solo il metodo dialettico procede in modo corretto, e lentamente trascina
locchio dellanima a osservare verso lalto,
esperto di dialettica solo chi sa render conto dellessenza di ogni cosa

luomo libero non deve imparare nulla con la costrizione, anche perch ogni cosa
introdotta a forza nellanimo, difficilmente vi rimane

occorre educare i fanciulli attraverso la forma del gioco, cos comprenderai meglio le
predisposizioni naturali di ciascuno
solo chi capace di una visione dinsieme acquista un sapere dialettico

doti specifiche e costanza


conoscenza dellessere in s

sin dallinfanzia abbiamo opinioni sul giusto e sul bello, che ci derivano dalla societ in
cui siamo cresciuti, alle quali noi portiamo rispetto e obbediamo come se fossero i
nostri genitori,
e quando la ragione confuta queste opinioni e questi valori, che cosa credi che
accadr?
il giovane non li riterr pi degni di rispetto
ma se non riuscir a trovarne altri, pensi che potr orientarsi verso una vita diversa da
quella che lo lusinga?
da rispettoso della legge, diventer un contestatore
quindi occorrer utilizzare la dialettica con la massima cautela, altrimenti i giovani la
utilizzeranno come un gioco per confutare ogni cosa
cos cadono in una profonda sfiducia verso tutto ci in cui credevano prima
luomo pi anziano non parteciper a una simile follia, ma utilizzer la dialettica per
indagare la verit
piuttosto che cercare di contraddire per il solo divertimento

per assimilare la dialettica occorre unapplicazione costante ed assidua, escludendo


per molto tempo ogni altra attivit
almeno cinque anni

poi farai discendere i discepoli nella caverna


per vedere se saranno capaci di rimanere fermi nelle loro scelte e decisioni

a 5o anni... potranno guardare lessere in s che da luce ad ogni cosa e poi usarlo
come modello per ordinare la citt e se stessi

e quando arriver il loro turno dovranno impegnarsi nel travaglio della politica e del
governo della citt, opera non bella ma necessaria

hai reso i governanti bellissimi, come uno scultore di statue, Socrate

e anche le governanti...

59:30 la morte di Socrate decisiva per Platone, che aveva circa trentanni
se la citt pu salvarsi, questo possibile solo se coloro che sono amici della sapienza
hanno anche il potere politico, cos nasce il suo progetto politico: il potere politico
devono averlo solo coloro che ne sono allaltezza

metafora della nave: il popolo, proprietario della nave, mezzo addormentato, e ha


lasciato tutto in balia di furfanti e di truffatori, i quali hanno cacciato via il capitano e
litigano tra loro, e arraffano a pi non posso le merci trasportate dalla nave

01:02:00 luomo che uscito dalla caverna, deve rientrarvi per cambiare le cose, per
riformare le cose della nave

il percorso di educazione complesso

Socrate si limita a dire io so di non sapere e l'uso della dialettica serviva Socrate a
smantellare le certezze e ricostruirne altre pi fondate
Platone pi avanti di Socrate: non dice semplicemente di sapere di non sapere. Per
Platone le tecniche, le scienze sono importanti per la formazione dell'individuo

Socrate era per la formazione umanistica, nel tempo prevalse la linea di Socrate
Per Platone era importante la formazione scientifica, il calcolo, la matematica

Per Platone l'educazione passaggio dall'apparenza a ci che invisibile, e deve


essere scoperto

per questo importante la matematica


Per Platone educazione e il passaggio dallapparenza alle realt invisibili
Quindi il passaggio alla verit e la massima verit il bene

leducazione non un elenco di cose da studiare


Educazione non saper snocciolare delle cose, non c educazione senza la spinta
verso qualcosa di ideale, che per Platone il bene comune
Il bene una specie di stampo universale che casca sulle cose e d loro un ordine
logico
Platone profondamente razionalista
01:07:00 Arrivare a questo stampo significa arrivare al culmine della facolt logica

La capacit cio di vedere il mondo non solo nell'apparenza ma in tutto ci che sta
nascosto sotto lapparenza
Questo richiede uno sforzo enorme, richiede la formazione dell'organo dell'intelletto,
che deve opporsi all'occhio e all'orecchio del corpo che non allenato a percepire le
cose in questo modo
Si tratta quindi di imparare a vedere con l'Occhio e con l'orecchio dell'intelletto e
questo lavoro serve sempre al bene della Polis
Al vero filosofo non interessa il successo del singolo, il filosofo disprezza i vantaggi
personali e le ricchezze

Per il filosofo la vera ricchezza la virt

Chi governa non avr nulla in cambio se non il mantenimento, quindi ci troviamo di
fronte ad un mondo alla rovescia
avr soltanto il suo il suo corpo e nullaltro

Il testo di Platone e ricco di cose modernissime. I verbi che usa quando parla della
Paideia sono quasi tutti di tipo costrittivo, si deve fare cos, necessario si faccia
cos...
La legge dice che bisogna studiare aritmetica, il calcolo, quindi sono norme costrittive

Quindi sembra una struttura autoritaria, ma poi improvvisamente Platone ribalta tutto
e dice che autoritativamente non si impara nulla

Si impara con il gioco, si impara con lEros, si impara quella forte tensione verso il
piacere di apprendere

Apprendere un piacere, piacere di apprendere cose che prima non erano visibili

In questo quadro si pone un tema molto attuale, il tema della selezione dei migliori,
Platone si pone il problema della selezione sempre in vista del bene della polis
Bisogna selezionare i migliori per il bene della polis, questa selezione deve essere
fatta sul serio, bisogna capire bene quali sono i migliori cio coloro che sono davvero
dediti alla ricerca della verit
I migliori non sono i nobili e migliori non sono i pi ricchi. Nella Repubblica l'uomo
timocratico e considerato il peggiore
Ma dove si forma l'aristocrazia del sangue e l'aristocrazia della ricchezza? Si forma
nella famiglia, nella quale Platone vede il fondamento degli interessi personali
nella famiglia che nasce l'idea che i figli miei sono migliori degli altri quindi l che
nasce l'interesse personale privato, per questo quindi Platone e contro la famiglia
contro riconoscimento di paternit e maternit e contro la trasmissione dei beni.
Platone per una sorta di comunismo in cui tutti hanno i beni necessari
contro l'ereditariet. Tra l'altro i governanti non possiedono nulla e non hanno nulla
da trasmettere perch essendo saggi hanno il loro compenso in ci che fanno
Aristocrazia del denaro ed aristocrazia del sangue e le famiglie sono il male perch
portano la discordia nella citt
attraverso la famiglia che passa il peggio, quella baraonda, quella discordia della
metafora della nave

Platone uno dei filosofi pi inclusivo pur distinguendo tra classi diverse, per si
chiede: chi mi dice che nelle classi pi umili non nascano alcune tra le persone migliori
e che al contrario che tra le classi pi elevate non ci siano persone incapaci

Platone prevede un periodo lunghissimo di preparazione prima di poter entrare in


politica, prevede una cinquantina d'anni perch bisogna aver raggiunto la saggezza
necessaria a vedere ci che si nasconde dietro l'apparenza

01:15:40 Platone, rompendo ogni schema dellepoca va ad attaccare frontalmente la


matrice di ogni discriminazione, cio attacca frontalmente la discriminazione nei
confronti delle donne, non perch un femminista ante literam, ma perch un
razionalista: anche tra le donne si possono trovare delle persone particolarmente
dotate. Se i bene della citt il vero obiettivo, io devo eliminare ogni filtro che possa
impedirmi di riconoscere le persone davvero di valore, quindi devo eliminare anche il
filtro di genere.
01:15:00 Per Platone non c peggiore crimine che non riconoscere le qualit e il
valore delle persone, il talento naturale, flua. Impedire alle persone di realizzare ci
che la natura ha loro dato un crimine.
Le donne quindi devono essere educate come gli uomini.
Nella ginnastica le donne si eserciteranno nude come gli uomini.

Le citt ideali ci possono essere anche tra i barbari. Non hanno importanza le etnie, le
lingue diverse. Limportanza che si manifesti la flua, che emerga il bene, che si
diventi canale attraverso cui lidea del bene passa e si afferma