Sei sulla pagina 1di 2

Le Donne nella Scienza Programma 13.

10 Discussione
Una serie di incontri 9.30 Registrazione e colazione di benvenuto 13.30 Pranzo
a cura delle ricercatrici napoletane 10.00 Emma Buondonno (Dip. di Progettazione
PARLARE /ASCOLTARE
Urbana e di Urbanistica): Apertura del convegno
15.00 Maria Rosaria Masullo (INFN):
PARLARE /ASCOLTARE Apertura dei lavori pomeridiani
Modera: Concetta Giancola Immagini dal cortometraggio della regista
(Dip. di Chimica “Paolo Corradini”) Paola Manno: La nuova emigrazione
10.15 Antonella Liccardo intellettuale delle italiane in Europa
(Dip. di Scienze Fisiche)
“A case study”: Indagine statistica sulla presenza CONFRONTARE
femminile nelle Facoltà Scientifiche dell'Università
di Napoli "Federico II" * 15.20 Tavola Rotonda:
Donne nella scienza fra parità e differenza
Parlare, Ascoltare, Ricercatrici precarie e non a confronto
Introduce: Angela Gargano (INFN)
Confrontare: 10.30 Gianfranca De Rosa Modera: Adriana Buffardi (Vicepresidente della
(Dip. di Scienze Fisiche)
Inter-Azioni/Integr-Azioni Il neutrino e la materia oscura: fra curiosità e precarietà
Fondazione IDIS - Città della Scienza)
con interventi di:
fra Donne di Scienza 10.45 Lucia Panzella
Angela Cortese (Pedagogista, esperta di processi
(Dip. di Chimica Organica e Biochimica)
Un approccio chimico alla struttura delle feomelanine,
formativi)
i pigmenti dei capelli rossi Mara Gualandi (Punto di Contatto Nazionale Scienza
11.00 Marisa D'Onofrio nella Società, APRE - Agenzia per la Promozione della
Ricerca Europea)
(Dip. di Progettazione Urbana e di Urbanistica)
La ricerca delle donne ed il governo del territorio. Marie-Hélène Laforest (Dip. di Studi Americani,
Le nuove 118 città del sole campane Culturali e Linguistici, Università L’Orientale)
11.15 Francesca D’Onza Annamaria Lamarra (Dip. di Filologia Moderna,
CPO Università “Federico II”)
(Marie Curie Fellow, Univ. of Glasgow, UK)
Un'avventura geotecnica per un desiderio di costruzione Daniela Montesarchio (Dip. di Chimica Organica e
Biochimica, Università “Federico II”)
Una vita nella ricerca Carmela Pugliese (Direzione Generale CNR, Napoli)
Modera: Delia Picone Anna Potito, Katia Ricci (La Merlettaia di Foggia e
(Dip. di Chimica “Paolo Corradini”) il Gruppo Lavoro della Libreria delle donne di Milano)

Napoli, 30 marzo 2010


11.30 Daniela Corda 17.30 Marina Fumo (CITTAM): chiusura convegno
(Ist. Biochimica delle Proteine, CNR, Napoli)
Ore 9.30 Macchine molecolari coinvolte nel trasporto e nella
All’esterno della sala convegni le mostre:
secrezione di proteine

12.20 Flavia Zucco “Donne e ricerca: uno sguardo sul mondo” e


(Ist. di Neurobiologia e Medicina Molecolare, “Piani e progetti nel segno della differenza”
Centro Congressi – Sala Azzurra CNR, Roma) *a cura del Coordinamento napoletano in collaborazione
Complesso Universitario di Monte S. Angelo Biologia e medicina di genere. Il genere ha a che fare con con Laura Trinchera (Département Signaux & Systèmes
Via Cintia, 4 - 80126 Napoli la bio-medicina? Électroniques, SUPELEC, Francia)
Scopo dell’evento Parlare, ascoltare, confrontare: Inter-azioni/Integr-azioni
Il Coordinamento Napoletano “Donne nella Scienza” fra Donne di Scienza
nasce nel 2007 con l’obiettivo di promuovere
“azioni” che, sottolineando l’esigenza di “reali” pari Una giornata di studi e riflessioni sul lavoro delle donne che operano nella ricerca scientifica,
opportunità nella ricerca, al di là di una pura promossa dal Coordinamento Napoletano Donne nella Scienza
ideologia dell'eguaglianza, valorizzino le differenze.
 Ad un impegno e competenza sempre maggiori delle donne nella ricerca scientifica fa
Costituito inizialmente da ricercatrici provenienti da
diverse aree scientifiche dell’Università “Federico riscontro una presenza femminile ancora scarsa, soprattutto per quanto concerne le posizioni
II” e di Enti di Ricerca, il Coordinamento si è negli più prestigiose. Esiste un problema di sottorappresentanza delle donne nel mondo scientifico?
anni accresciuto di contributi di donne provenienti
 Le relazioni di precarietà caratterizzano sempre più significativamente il lavoro scientifico:
da altri ambiti della cultura scientifica. Per
quali le implicazioni per le donne nel mondo della ricerca ?
incrementare contatti e collaborazioni tra donne, il
Coordinamento ha organizzato annualmente
 Esiste ancora una dicotomia fra vita privata e lavoro?
giornate di studio, con seminari scientifici e dibattiti
su tematiche legate al rapporto donna-ricerca Indagine statistica
scientifica. sulla presenza femminile nelle Facoltà Scientifiche
In questi ultimi anni, parallelamente ad un forte
dell'Università di Napoli "Federico II"
depauperamento dell’università e della ricerca
pubblica, stiamo assistendo ad un crescente processo Ricercatrici precarie e non a confronto.
di precarizzazione, che investe sia le modalità di Parlare/Ascoltare Relazioni scientifiche
svolgimento del lavoro di ricerca, sia le “vite” di chi
opera in questo contesto. Da qui è nata l’idea di un Immagini dal cortometraggio
convegno trasversale alle diverse discipline “La nuova emigrazione intellettuale delle italiane in Europa"
scientifiche per dare voce a chi vive il lavoro di
ricerca da precaria e a chi ha costruito la propria Tavola rotonda
vita nella ricerca.
Confrontare "Donne nella Scienza fra parità e differenza"
Oggi più che mai è necessario confrontarsi con il
concetto di lavoro anche nello specifico della ricerca dibattito a più voci sulle tematiche legate al rapporto donna-
scientifica, per capire se possa esistere un modo di ricerca scientifica-lavoro
essere più propriamente femminile che integri le
necessità di vita quotidiana con quelle lavorative e Comitato Organizzatore:
che non divida il concetto di lavoro di relazione Anne-Marie Bruyas, Emma Buondonno, Giuseppina Castronuovo, Flora Di Martino, Marina
(familiare, sociale) da quello di lavoro retribuito. Fumo, Angela Gargano, Concetta Giancola, Antonella Liccardo, Maria Rosaria Masullo,
Questa giornata si propone di aprire un dibattito su Daniela Montesarchio, Silvana Pedatella, Delia Picone, Ofelia Pisanti, Carmela Pugliese.
questi interrogativi, mettendo in comune esperienze,
realtà, aspirazioni. Con il contributo di:
Università di Napoli “Federico II”, Fondazione IDIS - Città della Scienza,
“Essa (la natura) non divide (a differenza dell’uomo) il progetto
dall’esecuzione, non va mai dritta senza badare agli ostacoli, ma INFN, Regione Campania - Assessorato all’Agricoltura
con questi si compone, li mischia al suo corso…” (Paul Valery)