Sei sulla pagina 1di 2

Chi rimanda troppo vive male

Rimandare sempre le cose da fare un atteggiamento che alla lunga pu far


perdere il contatto con la propria esistenza; perch accade, come rimediare
Rimandare, un vizio...antico
Tutti, pi o meno, siamo afflitti dal male del rimandare, dal vizio che gi il poeta greco Esiodo,
nell'800 a.C, paragonava all'accidia. Non per niente procrastinare deriva dal latino pro (in avanti) e
cras (domani). Per alcuni un vizio momentaneo, per altri un problema cronico. I risultati per sono
identici: tempo sprecato, opportunit non colte, performance deludenti, commiserazione, ansia e
senso di colpa.
Perch lo facciamo
La pigrizia, contrariamente a ci che si pensa, non il vero motivo. Molti adottano giustificazioni
come: Aspetter di avere l'umore adatto; Mi mancano le informazioni per prendere una
decisione; Ho tante cose da fare prima; Lavoro meglio sotto pressione, quindi aspetto.... Ma,
non appena abbiamo pronunciato queste parole ci rendiamo conto che sono scuse giustificate solo in
apparenza. La "psicologia del ritardo" contempla aspetti del carattere pi radicati, tra cui il
perfezionismo - non mi muovo finch non sono sicuro al 100% - e il timore del fallimento.
Perch rimandare dannoso
Se rimandiamo sempre, otteniamo due effetti negativi: 1) viviamo "nel futuro", cio non siamo mai
centrati sul tempo presente; 2) riempiamo la vita di azioni inutili, cio di tutte le cose "insapori" con
cui "giriamo attorno" all'azione che preferiamo rimandare. Cos il presente diventa il tempo della
frustrazione e della noia. E pi siamo annoiati, pi rimandiamo, in un circolo vizioso. La soluzione
ritrovare il piacere dell'azione fatta "qui e ora". Ogni azione, anche la pi semplice pu riservare
un piacere se la facciamo "perdendoci" in lei, senza pensare ai risultati, al contesto, ma
semplicemente "gustando" ogni singolo atto in se stesso. Proprio come quando facciamo l'amore:
staremmo l per ore e ogni istante di per s fonte di soddisfazione. Per ritrovare il giusto tempo nel
fare le cose, che non n rimandare n vivere di corsa, dobbiamo... fare l'amore con la vita!
Cosa fare
Agisci subito
Quando devi fare una cosa, falla in quel momento, agisci subito, anche se avresti pi tempo! Solo
cos sarai davvero nel presente, senza occupare il cervello con nuovi rimandi, magari accompagnati
da sensi di colpa.
Sii chiaro

Ricollegati alla realt e alle relazioni con gli altri. Basta che tu dica un s o un no evitando di cadere
in nebulosi "forse" o in inconcludenti "magari".
Non vivere sulla difensiva
Rimandare una comoda scorciatoia per non mettersi in gioco, senza nemmeno assumersi la
responsabilit di aver dato una risposta negativa o di aver espresso un'opinione definitiva. Chi
rimanda sempre vive sulla difensiva e, cos facendo, si trincera dietro un'inconcludenza che, alla
lunga, potrebbe farlo sembrare pavido e infantile