Sei sulla pagina 1di 1

Hey, Anna dolcissima!

Non preoccuparti, quando mi senti cos, davvero. Son momenti di scarica della batteria, tutto qui. Momenti che tutto sommato mi
aiutano a scrostarmi di dosso il fango nel quale mi muovo a passo di leopardo dalla mattina quando mi sveglio a quando la sera chiudo
gli occhi e mi addormento, pensando gi alle azioni di guerriglia che dovr mettere in atto il giorno seguente. A volte mi ci sento
impantanato fino alle caviglie, ogni passo un'impresa, e quando mi guardo intorno vedo soltanto zanzare, piante e viet cong dietro ad
ogni albero, appostati come nei pi classici film di guerra, e la sensazione di essere un sopravvissuto senza un barlume di futuro che non
sia un miraggio che sparisce un attimo prima di toccarlo, braccato, in fuga perenne, senza case sicure, senza un posto dove riprender
fiato mi afferra la gola e mi strozza la carotide.
Poi per mi passa, quando penso a quanto nel giro di poche settimane la mia vita meravigliosamente cambiata, a come son stato
bravo a mettere in riga i miei demoni e le mie insicurezze, a quanto son stato fortunato a conoscere te, che sei un inestimabile, ancora
immeritato, dono.
Son soltanto momenti di stanchezza che scoppiano ogni tanto, come fossero valvole di sfogo, momenti in cui mi sento pesante perfino
rispetto a me stesso perch spesso le motivazioni di questi malumori son soltanto capri espiatori, quando esistono, momenti in cui sento
di non aver niente da raccontare, niente di cui parlare che non siano le pesantezze che cerco di risparmiare a me, figurati a te, che hai
una famiglia, ti svegli alle sei di mattina e dopo una giornata di ufficio lavori anche in casa, e che dopo tutto questo ti accolleresti anche
i miei malumori, come dire, mestruazionali, e cos capita che mi parte il pilota automatico e preferisco starmene in un angolino, per
non disturbarti quando vedo o penso che tu sia in pubblica a farti due risate, perch io sono un cane sciolto che pu far quel che
vuole, tu no, e non pu essere che ti ammorbo nell'unico momento della giornata in cui ti permesso mettere il cervello in stand-by e
rilassarti come giusto che sia, e poi anche soltanto leggere il tuo nick nella lista della stanza, mi fa star meglio, mi rassicura, mi
tranquillizza.
Quindi no problem, gioiello meraviglioso. Tu stai portando nel mio piccolo mondo soltanto luce, allegria, maturit, amore, sicurezza in
me stesso, stima, per me, per quel che son riuscito a diventare, stai portando la gioia incontenibile della consapevolezza di essere
finalmente all'altezza di una donna meravigliosamente forte, coraggiosa e in gamba come te, che ha gettato, unica e sola nella mia vita,
lo sguardo oltre l'orso scombinato e simpaticamente un po' tocco che salta all'occhio a prima vista.
Quindi no, ti prego di credermi, stasera non stavo cos per te o per cose che attenevano a noi, anzi la sola tua presenza ha come al solito
spazzato via tutto il brutto, con la meravigliosa dolcezza con la quale soltanto tu riesci ad avvolgermi.
Di te, amore mio, mi fido ciecamente, senza riserve e senza dubbi, perch anche grazie a te che non ho pi paura, non ho pi timori,
non sono pi geloso, che sembrer una cazzata ma soltanto questa consapevolezza per me vuol dire una catena impressionante di passi
avanti che mai mi sarei aspettato di riuscire a fare, anche grazie a te che son diventato finalmente un uomo.
E non preoccuparti di se e quando non dovessi pi esserci, nella mia vita, perch oggi, di nuovo anche grazie a te, sono abbastanza
forte da sapere che non metter in pericolo l'equilibrio, che tanto sangue m' costato trovare, neanche per te, che sei il mio sole e la
mia luna, e che per quanto dovesse essere doloroso non aver pi la gioia di camminare al tuo fianco stringer le spalle, incasser la
testa nel collo, alzer il bavero, e camminer contro vento fin quando la tempesta non si sar placata.
E questo quanto, dolcissimo amore mio.
Sai, non vedo l'ora che cominci a far saltare qualche due per cento della tua preoccupazione, perch quando vedo quel che succeder
quando avrai cominciato a liberarti di questa zavorra, vedo quel che finalmente diventeranno le nostre vite, se mi fai passare il plurale
maiestatis, e puntualmente mi addormento con un sorriso che va da un orecchio all'altro, e la voglia che la notte passi in fretta per
scriverti il messaggino del buongiorno e coccolarti e farti sentire quanto importante tu sia per me.
Perch in questo momento di felicit, crescita, rinnovamento spirituale e materiale, ritrovata stima in me stesso, per quanto ancora
zoppicante e convalescente, non c' pensiero pi bello che quello di saperti accanto a me e di sentirmi finalmente capace di poter
almeno provare ad essere il tuo porto franco, la tua oasi, l'isola meravigliosa e felice sulla quale rifugiarsi che tu sei per me, incantevole,
incredibile luce della mia incantevole, incredibile nuova vita.
Ti bacio, con tutta la dolcezza di cui son capace
Alf