Sei sulla pagina 1di 6

IL SEGRETO

DELLA VITA
Raggi Cosmici e Radiazioni degli Esseri Viventi

Georges Lakhovsky

1924

INTRODUZIONE
Mi piacerebbe indicare in qualche modo in questa introduzione la filosofia della
mia nuova teoria che costituisce l'argomento del presente lavoro.
Qual' il vantaggio di proporre una nuova teoria della vita ?
Dall'inizio del mondo non abbiamo una filosofia e una scienza professate per
illuminarci a tale riguardo ? Cosa rimane di questi ben intensi sforzi ?
Al filosofo, e particolarmente al metafisico, io non tenter di provare l'utilit di
una nuova concezione. Essi conoscono meglio di me con che avidit noi tutti
accogliamo la speranza di chiare spiegazioni, la speranza di progresso nella
conoscenza dell'assoluto.
La brama del desiderio umano basta a giustificare la novit di un'ipotesi.
E' l'uomo comune, ed in particolar modo l'uomo di scienza, che io voglio
convincere.
La conoscenza umana di carattere positivo non solamente fatta, come
qualcuno vorrebbe farci credere, da una massa di fatti sperimentali.
Questi fatti, in se stessi, non valgono nulla senza l'idea che li unisce, organizza e
classifica. Il futuro della scienza giace essenzialmente, nel suo senso dinamico,
nell'espansione dei suoi concetti fondamentali, ovvero in ipotesi scientifiche.
Ogni scienza un campo sperimentale le cui interrelazioni con i campi
confinanti, ossia con le altre scienze, sono pi o meno inusuali e difficili da
interpretare. Medicina, biologia, le scienze naturali, sono intimamente connesse
e le loro ramificazioni si estendono al dominio della chimica. D'altra parte, esse
sembrano essere ancora separate, a volte da compartimenti stagni, dalle scienze
fisiche, specialmente dall'elettricit e la radio-elettricit.
Ogni progresso nell'evoluzione della conoscenza mostra un nuovo punto di
vista e ci permette di esplorare ulteriormente l'intero campo delle differenti
scienze, conoscere i loro vari stati di avanzamento, osservare le loro mutue
relazioni e l'aiuto che posso fornirsi reciprocamente.
Le scoperte pi recenti in fisica ci hanno reso possibile ridurre all'unit i vari
fenomeni suscettibili di analisi attraverso lo studio di tutte le radiazioni
conosciute. Questo nuovo campo singolarmente fertile se uno tiene presente
che tutte le pi recenti scoperte nella fisica, e conseguentemente nelle scienze
applicate, appartengono al dominio delle radiazioni: ionica, elettrica e atomica;
le comuni radiazioni elettro-magnetiche, la radio-elettricit, la telegrafia senza
fili, e la telefonia.
Fino ad ora questa originale concezione della radiazione, la quale sembra essere
il fondamento di tutte le conoscenze positive, stata confinata al regno delle
scienze fisiche e, a parte un'incursione nell'industria, non ha dato alcun
importante contributo alle scienze naturali il cui sviluppo sembra essere limitato
a quello della chimica organica.
Credo che sia arrivato il tempo di estendere il campo e le risorse della biologia

utilizzando nuovi strumenti basati sui pi recenti progressi delle scienze fisiche.
La mia teoria dell'origine della vita, che costituisce l'argomento del presente
lavoro, si basa su questo nuovo concetto unendo due domini della scienza
finora tenuti separati.
Numerose ipotesi, sulle quali non insister, hanno avanzato di spiegare l'origine
della vita e i vari fenomeni biologici. Lasciateci indicare che la pi recente di
tali ipotesi tenta di semplificare il problema riducendo questi fenomeni
complessi a fenomeni puramente chimici o meccanici. In vista degli sviluppi
senza precedenti delle nuove scoperte in fisica, l'ultima ipotesi biologica sembra
essere qualcosa di molto semplice. Inoltre, dal punto di vista di un pi elevato
criterio, esse non danno una spiegazione soddisfacente di alcuni fenomeni
fondamentali come la mia teoria riesce a fare.
Diamo uno sguardo ad alcuni di quegli oscuri punti della biologia che
desideriamo chiarire. Fra i molti attenti studi fatti da naturalisti ed entomologi,
noi troviamo tutti quelli che sono correlati al problema dell'istinto o speciale
senso degli animali; nonostante dell'accumulo di dati sperimentali, accurati e
incontestabili, nessuna chiara spiegazione ancora stata data dell'istinto.
La mia teoria della radiazione degli esseri viventi, confermata attraverso
esperimenti conclusivi, in perfetta armonia con i fatti in questione il cui
significato nascosto anche reso chiaro. Similarmente, il ruolo di orientamento
nel volo degli uccelli, il problema della migrazione, sono spiegabili mediante il
fenomeno dell'auto-elettrificazione negli esseri viventi.
Cos' dunque questa radiazione universale negli esseri viventi ?
La mia teoria espone in termini semplici i suoi fondamentali principi e rende
nota la sua natura.
Nel derivare supporto dalle pi recenti scoperte nel dominio delle radiazioni, la
mia teoria dimostra, con l'aiuto di elementari analogie, che la cellula unit
organica essenziale in tutti gli esseri viventi, non altro che un risonatore
elettromagnetico, in grado di emettere ed assorbire radiazioni ad altissima
frequenza.
Questi fondamentali principi coprono l'intero campo della biologia.
Cos' la vita ? E' l'equilibrio dinamico di tutte le cellule, l'armonia delle
radiazioni multiple che reagiscono le une con le altre.
Cos' la malattia ? E' lo squilibrio oscillatorio delle cellule, originato da cause
esterne. E', pi in particolare, la lotta tra la radiazione microbica e la radiazione
cellulare. Dato che il microbo, organismo unicellulare, agisce anche in virt
della sua radiazione. Se la radiazione microbica predominante, il risultato la
malattia, e quando la resistenza vitale completamente sopraffatta, avviene la
morte. Se la radiazione cellulare guadagna il predominio, segue il ristabilimento
della salute.
L'importanza della mia teoria diventa pi evidente in vista della conferma della
sua validit come mostrato dai recenti esperimenti sulle piante cancerose.

Le cure registrate sembrano dare una nuova speranza nel trattamento del
cancro, quella terribile malattia contro la quale sembriamo lottare in vano.
L'applicazione pratica della mia teoria, che permette alle cellule di riguadagnare
la completa attivit vitale delle sue radiazioni, dar luogo, secondo me, ad uno
specifico trattamento del cancro, in particolare, e sar ugualmente applicabile
alle malattie dovute all'et avanzata in generale.
Oltre alla sua immediata applicazione pratica, la mia teoria potr essere detta di
spiegare, grazie al ruolo giocato dalle radiazioni penetranti, il processo di
origine della vita, la differenziazione delle cellule e delle specie viventi, il
fenomeno dell'eredit, in altre parole tutti i grandi problemi che nella totalit
costituiscono le scienze biologiche. Ho volutamente dato una forma molto
semplice alla descrizione delle mia teoria, cos potr essere capita da tutti
quelli che hanno il desiderio di approfondire meglio i misteri della scienza.
L'ho esclusa da qualsiasi inutile fraseologia, nonch dalla maggior parte dei
termini tecnici che appesantiscono il vocabolario della biologia e dell'elettricit.
I termini tecnici utilizzati nel testo del presente lavoro sono familiari a tutti i
radioascoltatori. Di questi potrei scegliere autoinduttanza che caratterizza
l'induzione elettromagnetica di un circuito; capacit che caratterizza la sua
induzione elettrostatica; resistenza elettrica che significa opposizione del circuito
al passaggio della corrente; lunghezza d'onda e frequenza che caratterizzano la
natura della radiazione. Le formule matematiche sono state altres omesse.
Tutte le spiegazioni scientifiche sono riportate nelle note in calce che, tuttavia,
non sono indispensabili per comprendere i fatti principali.
Il mio unico desiderio che il mio lavoro potr essere compreso da tutti, anche
da quelli che non hanno familiarit con la letteratura scientifica.
Sar pi che soddisfatto se sono riuscito nel mio tentativo.
Georges Lakhovsky

(Quando la Francia fu invasa dalle truppe tedesche, Lakhovsky, essendo un prominente anti-nazista,
fu costretto a lasciare Parigi e fuggire a New York, dove mor nel 1942 all'et di 73 anni.)

CAPITOLO 1
IL PROBLEMA DELL'ISTINTO O SENSO SPECIALE NEGLI ANIMALI

Considerazioni Generali
La natura dell'istinto o senso speciale che i naturalisti hanno studiato negli
animali , senza dubbio, uno dei rompicapi e problemi pi complessi che il
fisiologo moderno si trova di fronte.