Sei sulla pagina 1di 15

Sonia Fioravanti

(simbolo di HR)

LUniverso di George Lakhovsky


Idee per una nuova medicina

Edizioni HOMO RIDENS

"Da molto tempo sono convinto che lo spazio sia solcato da forze che ci sono sconosciute, che gli esseri viventi emettano radiazioni o effluvi ai quali noi non siamo sensibili, ma che impressionano alcuni fra di essi, tutto possibile. Ma non bisogna ammettere che quanto dimostrato sperimentalmente. Le idee di un pazzo non differiscono dalle concezioni di un uomo di genio che per l'esperimento che infirma le prime e conferma le seconde. Il signor Lakhovsky mi ha partecipato le sue idee sulle radiazioni e sugli esseri viventi, in tema di ricerche scientifiche bene incoraggiare le idee che sembrano pi azzardate". D.R. Arsonval Cos ragionava il prof Darsonval, biofisico ed amico di Lakhovsky, nel 1925: peccato che le idee azzardate di questultimo, anche se sperimentate e confermate in molteplici esperimenti, non vennero accolte e introdotte nella medicina ufficiale, nonostante centinaia di medici in tutto il mondo avessero fatto propri i suoi principi e i protocolli di cura, applicandoli con successo anche nelle patologie tumorali, come allospedale S. Spirito di Roma ! Come in tanti altri casi ma proviamo a conoscere meglio il pensiero di questo scienziato.

Non lucciole ma lanterne Nel 1920 un ingegnere di origine russa, George Lakhovsky che viveva a Parigi, pubblic in una serie di libri i risultati delle sue ricerche, che davano come risultato che la base della vita non sia la materia ma vibrazioni ad essa associate. " Qualunque essere vivente emette radiazioni: ogni cellula vivente deve la sua vita al suo nucleo che la sede di oscillazioni ed emette radiazioni." Per capire bene questo concetto useremo un esempio concreto: quello di un insetto che emette onde luminose, la lucciola. Osservandola direttamente risulta che la lucciola rimane quasi costantemente luminosa ed anche le sue uova lo sono . La luminosit della lucciola non altro che radiazione di luce ordinaria, che noi riusciamo a percepire perch la radiazione

luminosa proviene dalle cellule di alcune molecole che vibrano con la stessa frequenza della luce: le possiamo percepire direttamente attraverso il nostro senso visivo. L'essere umano ha finestre molto piccole aperte sulla gamma incommensurabile dell'oceano delle radiazioni; a stento l'occhio e l'orecchio ce ne rivelano direttamente qualche ottava. A proposito della lucciola il professor Raffaele Dubois della facolt scientifica di Lione dice: " Cosi in nessun momento, neppure prima della fecondazione, si vede spegnersi la luce della lucciola. Essa esiste nell'ovulo, nell'uovo fecondato, nella larva, in tutti gli stadi della metamorfosi, nella ninfa e nell'insetto completo. Mai questa

fiaccola della vita si estingue un solo istante.! Lakhosvky narra un episodio nel quale suo figlio Sergio di 11 anni ebbe a dirgli " Dimmi dunque, pap, tu sai che il gatto ha occhi che brillano nella notte, le cellule che sono nei suoi occhi vibrano dunque alla medesima frequenza della luce?" . "Mio figlio commentava lo scienziato- non sapeva evidentemente cosa fossero la luce e l'elettricit, ma un intuitivo avvicinamento gli faceva presentire un analogia".

bobina di filo. Poich la corrente del circuito va avanti e indietro tra un estremit e l'altra del filo elettrico, essa crea un campo magnetico che oscilla ad una data frequenza o X volte al secondo. Se tale circuito viene ridotto notevolmente di dimensioni, si ottengono frequenze altissime. Lakhovsky sostiene che ci corrisponde a quanto capita nei microscopici nuclei delle cellule viventi; cos nei piccoli filamenti attorcigliati entro i nuclei cellulari, Lakhovsky individua una somiglianza con i circuiti elettrici . Tutte le cose vive interagiscono tra loro Nella rivista "Revue scientifique" del 22 ottobre 1927 a pag.609 il ricercatore Nodon afferma " Risulta che le cellule vitali del corpo umano emettono elettroni che provengono da una vera radioattivit, la cui intensit pare essere assai pi considerevole che quella scoperta sugli insetti e sulle piante". Il signor Nodon ha ottenuto nella camera oscura delle radiografie spontanee, ponendo direttamente i soggetti viventi (piante e insetti) sulla lastra fotografica. Lakhovsky cita l'esperienza dei ricercatori Gurwitisch e Franck: negli anni 20 il biologo A. G.Gurwitsch condusse degli esperimenti su una eventuale interazione a distanza tra esseri viventi. Egli mise una piccola radice di cipolla (l'emettitore) diretta a 90 verso un altra radice di cipolla (il ricevitore). Osserv cosi che la moltiplicazione cellulare della cipolla ricevente risultava addirittura moltiplicata! Lo studioso defin questo fenomeno di stimolazione cellulare indotta come radiazione citogenetica. L'esperimento oggi conosciuto comunemente come "Luce di Gurwitsch". In seguito egli allarg i suoi esperimenti anche a batteri, tessuti, uova di ricci di mare, ogni volta con i medesimi risultati. I suoi studi vennero accolti e ripetuti in Italia, nell'URSS e in Germania. Questi ricercatori dimostravano come tutte

Ma cos' una radiazione? In fisica s'intende per radiazione, una forma d'energia che si propaga nello spazio sottoforma di onde o corpuscoli ad una velocit finita (quelle elettromagnetiche, ad esempio si propagano alla velocit della luce, 300.000km/s). Attualmente conosciamo le radiazioni elettriche, calorifiche, chimiche, luminose, i raggi X, i raggi gamma e le onde cosmiche. Vi sono anche quelle acustiche ed elettromagnetiche, che differiscono tra loro per la frequenza, cio per il numero delle oscillazioni al secondo che le caratterizzano. La lunghezza d'onda la lunghezza del cammino percorso durante un secondo dall'onda che si propaga. Pi la frequenza di una radiazione elevata pi la sua lunghezza d'onda corta. Cellule come circuiti Secondo Lakhosky le cellule, quindi le unit organiche fondamentali di tutte le manifestazioni viventi, sono delle vere e proprie antenne elettromagnetiche capaci, come gli apparecchi radio, di emettere ed assorbire onde ad alta frequenza. Nel libro "Le secret de la vie " pubblicato nel 1925, Lakhovsky sostiene che le cellule sono circuti microscopici oscillanti ; nel linguaggio elettrico un tale circuito oscillante richiede due elementi fondamentali: un condensatore e una

le cellule possono emettere luce per comunicare tra loro. Ne"Le secret de la vie " Lakhovsky sostiene che: 1) Ogni essere vivente emette radiazioni 2) la maggior parte degli esseri viventi capace di ricevere e scoprire onde 3) ogni essere volante possiede una grande capacit di emissione e ricezione delle onde, mentre questa capacit notevolmente inferiore negli animali terrestri. Quando le cellule si ammalano A questo punto lo studioso russo passa ad esaminare che cos' lo stato patologico delle cellule; nei suoi testi dimostra con un incredibile quantit di esperimenti che la malattia una questione di squilibrio nell'oscillazione cellulare. Infatti tra le cellule sane e i microbi patogeni (virus o batteri) avviene una vera e propria "guerra di radiazioni": il microbo che vibra ad una frequenza inferiore o superiore a quella della cellula dell'organismo, produce uno squilibrio oscillatorio. La cellula sana, che non pu pi oscillare normalmente, obbligata a modificare l'ampiezza o la frequenza della sua vibrazione, che il microbo soffoca quasi completamente. Essere costretta a vibrare in condizioni differenti da quelle che le impone la sua esistenza porta la cellula a non vivere pi normalmente, a diventare una cellula malata per guarirla necessario offrirle una radiazione di frequenze d'ampiezza appropriata, che restituendole l'energia che le manca, la riporta al suo stato normale, quello della salute .

anche la cellula sana con la quale il microbo era venuto in contatto. Lakhovsky ci dimostra che con raggi radioelettrici di lunghezza d'onda corta, si pu equilibrare l'oscillazione cellulare per far sparire l'effetto delle oscillazioni microbiche. Egli scrive " Ho esposto durante lunghe ore, davanti ad un apparecchio emettitore, un certo numero di colture microbiche che hanno continuato a svilupparsi normalmente. Ho chiamato l'apparecchio generatore di onde "Apparecchio Radio-cellulo-oscillatore". Si tratta di un generatore d'onde radioelettriche, in grado di produrre diverse lunghezze d'onda. Quando la cellula e il microbo sono in contatto i raggi emessi dal radio-cellulo-oscillatore agiscono per ripristinare l'equilibrio oscillatorio della cellula. La cellula stessa ritrova il suo vigore, grazie alla radiazione dell'oscillatore, uccidendo cosi il microbo. " E continua: Ho condotto esperimenti all'ospedale della Salpetrire, nel servizio del Prof. Gosset con lui e col Dottor Guttmann, suo capo di clinica medica, e il signor Magrou, suo capo di laboratorio" Questi esperimenti sono stati oggetto, il 26 luglio 1924, di una comunicazione alla Societ di Biologia pubblicata nel bollettino di questa societ.1

Lapparecchioradio-cellulo-oscillatore Fin dai tempi di Pasteur si sempre cercato di uccidere i microbi, anche se questo metodo aveva l'inconveniente di distruggere, oltre agli agenti patogeni,

Lesperimento Si sa che si pu produrre, su diverse piante, per inoculazione del Bacterium tumefaciens certi tumori paragonabili al cancro degli animali. Uno di noi ha ottenuto sperimentalmente, con questo metodo, un gran numero di tumori. Questi tumori hanno uno sviluppo indefinito; pu accadere che essi si necrotizzino parzialmente, ma essi non muoiono totalmente che quando lintera pianta, o almeno il ramo che reca il tumore,
Revue de pathologie vegetale et dentornologie agricole e negli Annales de linstitut Pasteur
1

soccombe alla cachessia. Noi ci proponiamo di studiare, in questa nota, lazione di onde magnetiche di grande frequenza, ottenute per mezzo di un apparecchio realizzato da uno di noi, per applicazioni terapeutiche, il radiocellulo-oscillatore George Lakhovsky. Lapparecchio produce oscillazioni di lunghezza donda = 2 m circa, ci che corrisponde a 150 milioni di vibrazioni per secondo. Una prima pianta ( pelargonium zonatum) stata messa in esperimento un mese dopo linoculazione del Bacterium Tumefaciens; sa portava in quel momento piccoli tumori bianchi, del volume di un nocciolo di ciliegia. La pianta stata esposta alla radiazione a due riprese con un intervallo di 24 ore e, durante tre ore ogni volta. Nei giorni che seguirono il trattamento, il tumore ha continuato a svilupparsi rapidamente come i tumori testimoni, formando una grossa massa plurilobata.

dopo (circa quindici giorni) la necrosi era completa; i lobi del tumore, ritratti e completamente disseccati, si separavano con solchi di eliminazione dal fusto che li portava ed il tumore si lasciava staccare facilmente con la pi lieve trazione.

Lazione necrosante delle radiazioni si mostrata rigorosamente elettiva e si strettamente limitata ai tessuti cancerosi che essa ha seguito nella profondit in cui i tumori nascono; gli organi sani fusto e foglie, sono restate indenni e la pianta ha conservato il suo vigore. Un secondo Pelargonium stato trattato con il medesimo modo, salvo che la durata allesposizione della radiazione stata pi prolungata (11 sedute di 3 ore ciascuna) ; sedici giorni dopo la prima seduta, il tumore che esso portava ha cominciato a necrotizzarsi e, qualche giorno dopo, esso era completamente disseccato. Come nel primo caso, le parti sane erano rimaste indenni. () Riassumendo noi siamo autorizzati a dire che i Pelargonium diventati cancerosi per linoculazione del Bacterium Tumefaciens e per i quali lintervento chirurgico non ha potuto impedire la recidiva, pare guariscano sotto linfluenza delle onde

Circa sedici giorni dopo la prima seduta di trattamento, il tumore ha rapidamente cominciato a necrosare. Qualche giorno

magnetiche sopra indicate (clinica chirurgica dellOspedale de la Salpetriere, Parigi).

Lakosky non pot che vedere in questi esperimenti una conferma alle sue teorie: il cancro era stato debellato nei gerani attraverso l'aumento delle normali oscillazioni di cellule sane, e questo era esattamente il contrario delle tesi degli specialisti del radio, che si prefiggevano di distruggere le cellule cancerogene con radiazioni esterne, per estremamente dannose per le cellule sane. Lo studioso russo, a questo punto si pose una domanda " donde pu provenire l'energia necessaria alla produzione dal mantenimento delle oscillazioni cellulari. Si tratta forse di un energia chimica prodotta negli esseri viventi da radiazioni interne? O forse un energia interna di natura fisica, calorica, luminosa, o altra? Pare poco probabile che si tratti di un energia interna, nella stessa maniera che nell'ordine fisico la pila, la locomitiva o la dinamo, non possiedono un energia che loro propria. Si tratta forse di un energia che proviene dall'esterno? La mia ipotesi che si tratti effettivamente di una radiazione esterna cosmica che gli astrofisici denominano raggi penetranti o energia cosmica." I nuovi esperimenti A questo punto Lakovsky procedette con un altra fase della sua sperimentazione. Inocul in una serie di gerani, nello stesso giorno, il cancro. Li mise in vasi separati. A distanza di un mese, una volta sviluppati i tumori, Lakovsky prese uno di essi e gli mise intorno una spirale di rame circolare di 30cm di diametro, le cui due estremit non congiunte erano fissate ad un sostegno di ebanite. Dopo alcune settimane tutti i gerani il cui fusto presentava il tumore erano morti, tranne il geranio circondato dalla spirale di rame. A distanza di tempo pot verificare

che quel geranio era cresciuto due volte di pi di altri gerani, cui non era stato inoculato il bacillo del cancro. Dice Lakovsky " Nel corso delle esperienze seguenti, realizzate con la spirale di rame, le onde cosmiche filtrate dalla spirale hanno operato e reso la vita alle cellule in dissoluzione nel geranio. Cosi queste radiazioni hanno per effetto di mantenere per risonanza e per interferenza la vibrazione propria delle cellule sane, e di ristabilire le vibrazioni delle cellule malate. Sono queste radiazioni che mantengono la vita animale e vegetale".

Le onde cosmiche Ancora nel suo libro Il segreto della vita Lakovsky ci dice che l'ipotesi delle onde cosmiche stata confermata da numerosi astrofisici, particolarmente in America. Le esperienze fatte da Gokel dimostrarono che le radiazioni erano altrettanto intense a 4000 m di altezza quanto al livello del suolo, non si indeboliscono man mano che si ci si stacca da terra, anzi, in seguito si scoperto che le radiazioni cosmiche sono 8 volte pi forti a 9 km di altezza che al livello del suolo. Inoltre gli sperimentatori dimostrarono anche che sotto i 30m d'acqua le radiazioni cosmiche erano ancora presenti. Tali risultati furono portati al congresso internazionale di fisica tenuto a Como, nel 1927, dal professor Milligan. In quell'occasione il professore americano present le ricerche che aveva condotto col dottor Cameron, ricerche nelle quali veniva stabilita l'intensit della radiazione cosmica in ioni per centimetro quadrato e per secondo, a livello del mare. Dice ancora Lakovsky " Il vuoto interplanetario non dunque che una funzione, poich appare pieno in tutte le direzioni di onde cosmiche inviate da tutti gli astri e asteroidi ed anche dalle nebulose a spirale e dalla via lattea. Poich credo che quest'etere non sia la negazione di ogni sostanza ma la sintesi di

tutte le forze radianti, ho creduto di dare il nome di Universione alla rete universale di tutte le onde cosmiche. Universione la concezione globale dell'infinitamente grande, simbolizzata dall'universo senza confini e dall'infinitamente piccolo simbolizzata dallo Ione, che se stesso un mondo. L'infinitamente grande non altro che l'integrazione degli ioni, infinitamente piccoli."

Gli sviluppi sperati A questo punto l'aspettativa dello studioso era che queste nuove scoperte avrebbero allargato i confini della scienza, avrebbero gettato le basi per analizzare interessanti problemi di vita tra cui telepatia, trasmissione del pensiero, e i mezzi di comunicazione tra l'uomo e le piante. Nel marzo 1927 Lakovsky scrisse una relazione dal titolo "Influenza delle onde astrali sulle oscillazioni delle cellule viventi" che fu esposta all'accademia di Francia dal professor Jacques Arsen DArsonval, il biofisico suo amico. Cosciente che i suoi studi ed esperimenti sulle piante gli avevano aperto le porte ad una possibile terapia di importanza incredibile per la medicina, egli realizz un apparecchio terapeutico perfezionato, adatto all'essere umano, che chiam Oscillatore a lunghezze d'onda multiple. Scrisse Lakovsky " Il nostro corpo conta non meno di 200 quintilioni di cellule, ognuna oscillante sulla sua lunghezza d'onda. Occorrerebbe dunque disporre di altrettante lunghezze d'onda quanti sono i tipi diversi di cellula per far oscillare in risonanza ogni cellula dell'organismo. Dopo numerose ricerche, pervenni a costruire un apparecchio che crea un campo elettromagnetico dove si trovano tutte le frequenze, da 3m fino all'infrarosso, cosi che in questo campo ogni cellula possa trovare la propria frequenza per vibrare in risonanza. A questo scopo ebbi l'idea di creare un

oscillatore a lunghezze d'onda multiple nel cui campo ogni cellula pu trovare la sua propria frequenza. Ho costruito un diffusore composto da una serie di circuiti oscillanti circolari, concentrici, ognuno dei quali sospeso agli altri ma nello stesso tempo, isolato dagli altri. Ho cosi ottenuto un oscillatore che produce ed emana tutte le lunghezze d'onda fondamentali, da 10cm a 400m, vale a dire tutte le frequenze da 750.000 periodi/secondo a 3 miliardi. Inoltre ogni circuito emette numerosissime armoniche che, con le loro onde fondamentali, le loro interferenze e le loro emanazioni, possono estendersi fino alla gamma dell'infrarosso e della luce visibile (da una a trecento trilioni di vibrazione per secondo). Poich tutte le cellule e gli stessi condrioni oscillano precisamente su frequenze di queste gamme, essi possono trovare nel campo di questo oscillatore, le frequenze che consentono loro di vibrare in risonanza. 2

Negli ospedali Nel 1931 Lakovsky cominci i trattamenti in diversi ospedali di Parigi: al Saint-Louis, al Val de Grace, al Necker, al Dispensario franco-britannico, nei laboratori della Federazione Nazionale dei feriti ai polmoni e all'Istituto di fisica biologica. Tra i medici si sono particolarmente distinti per l'applicazione dell'oscillatore il dottor Rigaux e il dottor Foveau di Cormelles. L'apparecchio fu presentato alla Societ medicale des praticense il 20 gennaio del 1933. All'estero l'apparecchio era gi molto usato in Spagna, Belgio, Olanda, Svizzera,
2

Da "L'oscillatore a lunghezze d'onda multiple di George Lakovsky.

Uruguay e in Italia. Lakhovsky don all'ospedale Santo Spirito in Roma, un letto radio-cellulo-oscillatore. Abbiamo la testimonianza del primario del laboratorio di radiologia, dottor Sordello Attili il quale testimonia: "Potei, nella serenit che viene dal rigore della ricerca e della seriet dello studio, e con l'aiuto dei colleghi, applicare su molti infermi le teorie di Lahkovsky. Trattai vari casi di cancro e di altri tumori maligni, di alterazioni di ricambio(gotta, diabete (...), di malattie del sangue. Espongo obiettivamente quanto ho potuto constatare e quanto ho riferito nella seduta del Novembre passato, all'accademia Lancisiana di Roma. I casi nei quali fu applicato il circuito o furono fatte sedute col letto radio-cellulooscillatore ascendono a crica 300. Ho potuto seguire 24 infermi affetti da cancro o altro tumore maligno: premetto che in quasi tuttii casi si trattava di pazienti al di l non solo di intervento chirurgico, ma anche di intervento radiologico, anzi erano gi nello stato di diffusione generale . Due casi, uno di sarcoma recidivo, l'altro di epidelioma mammario, giunsero alla guarigione: i casi erano stati accertati medianti precedenti esami istologici.Dei pazienti, affetti da cancri operati, trattati col metodo di Lakhovsky, uno solo ha presentato recidiva. Ho trattato vari casi di diabete dove potei, senza modificazioni di diete e di trattamento medicamentoso, ottenere un assai notevole attenuazione del tasso dello zucchero osservato con la ricerca della glicemia e della glicosuria. Cosi pure vari infermi con manifestazioni uricemiche ebbero attenuazioni dei dolori e degli altri sintomi, e in un caso di polisargia (120 kg di peso) si ebbe scomparsa della dispnea e dei dolori. In Uruguay Il dottor Raul Arauyo medico dell'istituto profilattico dell'Uruguay a Montevideo, scrive il 1 maggio 1931. "Ero sofferente da

parecchi anni di una grave infezione alla laringe con linfadenite generale. NelLluglio 1929 mi recai a Parigi per consultare professori specialisti, ed in questa occasione che appresi delle ricerche che Lakhovsky faceva allora alla Salpetriere. Mi feci visitare dal dottor Lakhovsky , il quale mi diede una delle sue collane raccomandandomi di non toglierla mai, per nessuna ragione, assicurandomi che il mio stato sarebbe migliorato. Confesso che in quel momento avevo qualche dubbio, ma quando lasciai Parigi mi affidai completamente alla collana, che portavo sempre con me a Montevideo. Dopo qualche mese, non soltanto il mio stato miglior, com'era stato previsto dal sig. Lakhovsky ma io avevo recuperato totalmente la mia salute. Entusiasmato dal risultato ottenuto su me stesso, mi misi a fabbricare dei circuiti oscillanti secondo le indicazioni favoritemi da Lakhovsky e cominciai a distribuire collane a tutte i miei pazienti. Le applicazioni sono stato fatte su circa 300 malati. Sono arrivato a guarire o migliorare reumatismi, asma, nevralgie ribelli, anemie, angine, ulcere allo stomaco, infezioni all'intestino e al duodeno, emofilia, aderenze post operatorie, malattie endocrine, sterilit, impotenza, malattie delle vie genitali e cancri. Le mie osservazioni concordano con quelle fatte del mio collega, l'eminente professor Sordello Attili. Il risultato delle mie osservazioni coincide con quelle fatte in altri paesi; le teorie e il metodo di Lakhovsky sono il punto di partenza di una grande scoperta, della quale migliaia di persone hanno gi potuto godere. L'opera che egli ha intrapreso ha una portata considerevole, ancora troppo recente per poterla apprezzare, ma il movimento entusiasta che va nascendo attualmente in tutti i paesi la confermer. Noi desideriamo ardentemente che Lakhovsky possa continuare per lungo tempo ancora la sua opera e che le sue esperienze, cosi ardite, nelle quali ha

rischiato parecchie volte la vita, non lo mettano di nuovo in pericolo!. Dottor Raul Arayo In Italia Relazione sulla teoria dell'oscillazione cellulare del professor Guido Cremonese, facolt di medicina della Regia Universit di Roma. "La nuova opera di Lakhovsky, l'oscillation cellulaire, che uscita a Parigi di tale importanza e di tale ampiezza d'orizzonti da meritare pi che un modesto articolo quale pu verbare lo scrivente. Da molti anni Lakhovsky lavora a questi studi predilett; biologo e ingegnere in pari tempo, egli ha la fortuna di poter trattare in un modo assolutamente unico il problema della vita che entrato ormai nel dominio della fisica, richiede conoscenze e capacit tecniche nei due rami, nella fisica matematica e nelle scienze naturali. Seguendo i testi man mano pubblicati da Lakhovsky si nota chiaramente com'egli abbia compreso tutte le possibilit del problema e abbia seguito una grande idea su una traccia sicura: quella del velo scientifico, ossia di una legge di natura. La verit nuova ci permette di vedere come i fenomeni della vita s'inseriscano in natura con tutti gli altri fenomeni della fisica. Si comprende allora come la malattia, che un particolare stato della vita, trovi essa pure nuove interpretazioni e si comprende anche come la terapia, ormai instradandosi nell'alveo delle leggi naturali, trovi essa pure nella nuova corrente di studi, un orizzonte di speranze e soprattutto di rinnovamento tanto per ci che concerne il modo di concepire la terapia come per quanto si riferisce all'applicarla. Che tutto questo disturbi gli amanti del quietismo scientifico o coloro che si sono formati una cuccia pi o meno comoda e calda senza sentire il dovere, non diciamo di concorrere a questo rinnovamento, ma almeno di studiarlo e di "aggiornare" le

proprie cognizioni secondo il bisogno dei tempi, cosa che si comprende e che Lakhovsky ha gi sentito in un certo mondo scientifico ufficiale attorno a s. Ma il credere che, per questo, l'umanit si fermi e la civilt chiuda gli occhi per non disturbare i dormienti, illusione. Lo spirito umano avanza di conquista in conquista come un aquila che vola di vetta in vetta; e quando dei titani del volo affermano cosi gloriosamente le verit nuove, si pu star tranquilli. Il volo si fa strada, avanza, vince; e nulla potr ormai impedire la marcia trionfale della scienza di domani. Prof. Guido Cremonese.

Antiche corrispondenze Zacharia Sitchin un insigne studioso di antiche civilt, in particolare dellarea mesopotamica. La sua conoscenza della lingua dei Sumeri completa ed egli riveste, nel campo della linguistica antica, una posizione di grande preminenza. Peraltro Sitchin un personaggio alquanto scomodo, per lestablishment archeologico, in quanto portatore di una teoria eretica sullorigine delluomo e sul concetto di divinit nellantichit. Questa teoria, supportata da una mole di prove e riscontri davvero impressionante, mette daccordo teoria creazionista e darwinismo, nella certezza che nella naturale evoluzione della specie umana, ad un certo punto, sia intervenuta lingegneria genetica di una razza non terrestre, tecnologicamente assai progredita. Il Dio e gli Dei creatori sarebbero dunque degli esseri molto longevi provenienti dal pianeta Nibiru (eccentrica presenza del sistema solare) chiamati Annunaki (o, nella Bibbia, Nefilim). Le mitologie dei popoli mesopotamici, dunque, sarebbero, secondo lo studioso

ungherese, cronache e storie reali e non leggende o eventi di fantasia.3 In questa logica, particolarmente interessante poich in grado di spiegare moltissime incongruenze e lacune nella storia antica ortodossa dellumanit, alcuni personaggi rivestono ruoli chiave per il nostro sviluppo. Tra questi il Dio della sapienza egizio Toth, depositario dei segreti divini delle scienze esatte. Scrive Sitchin: Tra questi segreti c'erano quelli della genetica e della bio medicina a cui era ricorso suo padre Enki al tempo della creazione dell'uomo.4 Nell'arte mesopotamica e in altre raffigurazioni, suo simbolo era lantesignano del caduceo 5 : i due serpenti incrociati. Scrive Sitchin Il simbolo che abbiamo identificato come una rappresentazione della doppia elica del DNA, un simbolo sopravvissuto fino ai giorni nostri come emblema della medicina e della guarigione. C' sicuramente un nesso tra tutto questo e la realizzazione di Mos di un serpente di rame per debellare la pestilenza che durante l'esito aveva falciato un gran numero di Israeliti. Cresciuto alla corte del Faraone, addestrato dai maghi egizi, su istruzioni del Signore,egli " Fece dunque un serpente di rame e lo mise sopra un antenna miracolosa "6, e quando coloro che erano afflitti da una piaga guardavano il serpente, restavano in vita. Forse non solo una coincidenza il fatto che una delle principali autorit internazionali sulle estrazioni del rame e sulla metallurgia dell'antichit, il professor Benno Rotthemberg, abbia scoperto nella penisola del Sinai un luogo sacro risalente all'epoca dei Midianiti: l'epoca in cui Mos rifugiatosi
Zacharia Sitchin Il pianeta degli Dei Piemme Zacharia Sitchin 5 Simbolo di Hermes, composto da due serpenti, attorcigliati simmetricamente attorno ad un bastone alato. 6 Esodo..
4 3

nel deserto del Sinai per salvarsi la vita, abit con i Midianiti, sposando addirittura la figlia di un loro sacerdote. Stabilitisi nella zona in cui erano state operate le prime estrazioni del rame, il professor Rotthemberg rinvenne tra i resti del sacrario un piccolo serpente di rame: l'unico oggetto votivo trovato sul posto. I documenti biblici e i ritrovamenti nella penisola del Sinai sono in diretta relazione con la raffigurazione di Enki come un Nakash. La parola non ha solo i due significati che gi abbiamo menzionato: (" Serpente, Conoscitore dei segreti " ) ma ne anche un terzo : "Colui del rame"; la parola ebraica per indicare il rame "Echoseth" deriva dalla stessa radice. Un altro particolare rilevante riguarda la costruzione del Tabernacolo e della Tenda di Convegno, che Mos fece realizzare nel deserto dell'esodo secondo istruzioni molto dettagliate ed esplicite fornite da Jawh: istruzioni che riguardavano anche i riti che i sacerdoti dovevano officiare ( a quel tempo solo Aronne e i suoi figli): i loro abiti, gli oggetti sacri che dovevano indossare, la combinazione molto precisa di vari ingredienti per la composizione dell'unico incenso, la cui nube doveva proteggerli dalle radiazioni nocive dell'Arca dell'Alleanza. Poi, un ultimo requisito: la costruzione di un catino in cui dovevano lavarsi mani e piedi, "in modo che non abbiano a morire quando entreranno nella tenda di convegno" 7 : il catino doveva essere realizzato in rame. Tutti questi particolari sparsi ma apparentemente connessi, indicano che il rame aveva una funzione biogenetica umana, una funzione che la scienza moderna sta solo cominciando a riscoprire (un esempio recente lo studio pubblicato sulla rivista Science, sul danno al metabolismo del rame nel cervello associato al morbo di Alzheimer).
7

esodo 30,17

Una funzione biogenetica che sembra sicuramente esser entrata a far parte del genoma umano, quando Enki in qualit di Nakash, si impegn in una seconda manipolazione per dotare l'umanit della capacit di procreare. Il rame, in altri termini, fu sicuramente un componente del nostro destino. Lo studio e le analisi approfondite dei testi della creazione sumeri potrebbero condurre a scoperte mediche tali da influenzare la nostra stessa vita quotidiana.
8

Quanto agli altri dei, Inanna ( Ishtar, la Venere mesopotamica ), per fare un solo esempio, credeva che il rame potesse aiutare la resurrezione del suo amato. Noi e Lakhovsky L'incontro con Lakhosky stato quasi magico... Leggevo con interesse un libro fondamentale 9 per la mia crescita professionale ed ero molto coinvolta nello scoprire come ogni manifestazione sul pianeta, le pietre, le piante, fosse davvero manifestazione di vita. Quando, nella lettura, arrivai all'esperienza di Lakhovsky fui incredibilmente attratta...sentivo che si trattava di verit; che a partire dall'esperimento sui gerani ( prova scientifica) si aprivano enormi possibilit ed una modalit diversa di concepire l'essere umano e i metodi di cura, una concezione olistica che applicava le leggi della natura.. Per molti anni cercai notizie e informazioni, invano. Mi volsi a un amico ingegnere chiedendogli aiuto per costruire una spirale di rame di circa 2m in modo da poter avvolgere completamente un essere umano e replicare cos le esperienze dello studioso russo. Per una serie di vicissitudini questo
8 9

Zacharia Sitchin La vita segreta delle piante di P. Tompikns Sugarco

progetto non si realizz, ma l'idea delle esperienze di Lakhosky non mi abbandonava. Finch, circa tre anni fa, cominciai a desiderare intensamente di avere notizie dell'oscillatore. Lo desideravo ogni giorno, e non era la prima volta che mi trovavo davanti a un pensiero irrazionale, ad un impulso apparentemente incongruo. Avevo gi scoperto nel corso della mia vita, che dietro certe attrazioni si celavano tappe di percorsi che in genere si snodano e appaiono comprensibili soltanto al momento della loro realizzazione. Cosi mi lasciai andare a questa attrazione, immaginai Lakhovsky, immaginavo l'oscillatore, immaginavo la spirale ad altezza uomo. Finch un giorno, percaso, trovai la notizia che a Rimini esisteva un centro dove un ricercatore, Giorgio Galvani, aveva tradotto i libri dello scienziato russo e realizzato il suo oscillatore. Presi immediatamente contatto con lui, mi presentai. Mi chiese il motivo per cui volevo con tanta passione l'oscillatore; sono una psicoterapeuta gli risposi , mi sono specializzata in ipnosi perch desideravo aiutare le persone ad attivare il proprio sistema immunitario, in patologie gravi e credo che la macchina di Lakhovsky possa aiutare un essere umano nel suo percorso di guarigione. Galvani mi invit presso il suo centro e Leonardo, compagno di queste esperienze, fu molto felice quando seppe che avremmo potuto acquistare l'oscillatore. Partimmo ma sullautostrada lauto con cui viaggiavamo ebbe un guasto abbastanza grave. Era sabato e difficilmente il meccanico che ci aveva rimorchiato avrebbe messo mano ai suoi arnesi Ci diedero indicazioni su dove passare la notte ( e quella seguente, domenica) nellattesa della riparazione, ma io ero preoccupata, quasi disperata; pensavo che non sarebbe stato semplice ritornare a Rimini nel giro di breve tempo, e che non

avrei avuto loscillatore nei tempi che mi ero prefissata. Allora mi isolai in un angolo dell'autofficina deserta e chiamai i Fratelli di Luce, chiedendogli di aiutarmi. Sentivo che ci che vivevo era un compito,e chiedevo di poterlo assolvere. Ero ancora in meditazione quando Leonardo sorridente mi raggiunse dicendomi che, eccezionalmente, avrebbero potuto sostituire il pezzo guasto e che in un paio d'ore saremmo potuti ripartire! Il Centro di Rimini Arrivammo nella cittadina romagnola alle ventuno e incontrammo il sig. Galvani, che si era dato disponibile a riceverci a qualunque ora: un uomo distinto, determinato, affabile. Entrammo nel suo mondo che era anche il nostro dove si realizzavano attrezzature che noi avevamo in intuizione, in intenzione e che l vedevamo con gioia essere gi pratica di vita! Tra gli altri apparati, Galvani ha realizzato un apparecchio che ristabilisce l'onda Shuman (la pulsazione naturale del pianeta Terra), che ci giunge ormai disturbata dai campi elettromagnetici di cellulari ed altre fonti... Aveva un canalizzatore orgonico10 , lavorava con la radioestesia su persone con problemi sia fisici sia mentali. Si stava molto bene in quel luogo, l'aria era leggera e ci trovavamo completamente a nostro agio. L'incontro dur quasi tre ore al termine del quale portammo via l'oscillatore di Lakhovsky. Sperimentammo subito l'apparato su di noi, anche e intanto mi chiedevo "come lo user, come lo proporr"? In quell'anno tre persone attraversarono la mia vita, due in vesti di pazienti, l'altra una signora che partecipava al mio laboratorio
10

sul risveglio dell'energia femminile, intitolato "Il sentiero della dea". Queste tre donne avevano gravi forme di patologia tumorale, ed erano giunte a me come ultima risorsa. Proposi a tutte e tre la macchina di Lakhovsky, e una di loro ne usufru costantemente ed a lungo. Ne ricevette sollievo e beneficio. Purtroppo tutte e tre queste persone erano completamente immerse nei protocolli della medicina ufficiale, tutte e tre avevano delle recidive ed una era trattata con potenti chemioterapie; le altre due si erano avvicinate alla medicina olistica ma continuavano a mantenere i rapporti con gli oncologi tradizionali, con tutto quello che questo significava: controlli ravvicinati, messaggi pi o meno espliciti di una situazione ritenuta irreversibile, paura. Da tempo avevo compreso come, in casi di malattie cos gravi, sia importantissimo lavorare complessivamente su tutti i piani della persona: psicologico, fisiologico, emozionale,energetico e che la macchina di Lakhovsky poteva esprimere il suo potere se collocata dentro un contesto di consapevolezza, nel quale le persone avessero compreso bene cosa essa rappresentasse e su quali principi fosse basata. Un contesto nel quale fosse possibile modificare le proprie convinzioni e le proprie credenze sulle patologie tumorali, per creare la realt dellautoguarigione La nascita di Homo Ridens Quell'anno -2007- la macchina di Lakhovsky fu presentata al raduno annuale della federazione Ridere per Vivere che si teneva in Svizzera. Durante la conferenza di presentazione molte persone sperimentarono la macchina che rimase a disposizione per tre giorni per chiunque avesse voluto "sentire". Durante quel raduno, alcune persone entrarono completamente in risonanza con quest'esperienza e ne colsero il senso e il

Cfr gli studi di Willhelm Reich.

significato e una di loro, particolare,Lucia, psicologa e volontaria del sorriso, entr in risonanza. Ella fece propria l'esigenza di tradurre quanto Lakhosky aveva non solo intuito ma sperimentato e provato. Nasceva in quell'anno, concretamente, l'Istituto di ricerca documentazione e informazione Homo Ridens, con Lucia,Psicologa, Chiara, prossima antropologa e, in fase iniziale, Roberta, operatrice di E.F.T. Di questo Istituto io e Leonardo parlavamo gi da anni, ma solo in quel momento si concretizz. Riparlammo con loro della nostra idea della spirale a grandezza umana, e anche della possibilit di costruire braccialetti, collane, cinture di rame proprio come faceva Lakhosky. Stavamo cercando qualcuno che potesse aiutarci in questo. Al ritorno nella sua citt poco pi tardi, Lucia incontr, sempre per caso, Angelo, che da anni lavorava il rame. Angelo un uomo di 50 anni, una persona molto semplice, che all'et di 25 anni aveva scoperto che maneggiare il rame lo faceva star bene ( ! ). Aveva cominciato, cos, a fabbricare dei monili che tutt'oggi vende. Lucia gli propose di fabbricare questi oggetti anche per noi e lui accett volentieri. A quel punto, certi delle informazioni sul rame, intuimmo come il rame poteva essere caricato energeticamente con la macchina di Lakhosky (loscillatore canalizza anche gli orgoni). Cosi ponemmo tutti i bracciali tra le casse dell'oscillatore e lasciammo andare ad una frequenza media per circa un ora. Sperimentammo prima su di noi e poi sui nostri familiari, proponendolo poi ad altri ancora; la sperimentazione in corso tutt'ora. Stiamo verificando, l'unione del rame anche con delle pietre, ipotizzando che il rame sia in grado di amplificarne gli effetti, documentati in cristalloterapia. Lincontro con Bruce Lipton

In seguito continuammo a studiare Lakhosky, poich rimaneva nei suoi confronti, un grande amore, un grande desiderio di continuare a far conoscere, a divulgare, quanto da lui scoperto e costruito con tanta seriet, servizio ed amore. Capivamo che c'era un compito in tutto questo, un significato profondo, che mettemmo a fuoco attraverso lincontro con i testi del biologo cellulare Bruce Lipton, che ha insegnato a lungo presso la facolt di Medicina di una Universit del Wisconsin. Lipton ha condotto rivoluzionarie ricerche sulla membrana cellulare, ed una delle voci pi famose del suo campo. Leggendo un passo del suo libro, La biologia delle credenze11, sentii una forte risonanza con la mia specializzazione. Lipnosi, infatti, mi ha portato anche in un altro ambito di frontiera: la regressione alle vite precedenti Un imprevisto dono di quest'esperienza stata per me la possibilit di essere certa dell'eternit dell'anima. . Dice Lipton "Le cellule mi hanno insegnato che siamo parte di un tutto, e se lo dimentichiamo lo facciamo a nostro rischio e pericolo. E' anche riconosciuto che ognuno di noi possiede un identit biologica unica. Perch? Che cosa rende unica la comunit cellulare di ogni individuo? Sulla superficie delle nostre cellule c' una famiglia di recettori dell'identit che differenziano un individuo dall'altro. Un noto sottoinsieme di questi recettori, chiamati auto-recettori, o leucociti antigeni umani (HLA) collegato alle funzioni del sistema immunitario. Quando donate un organo, quano pi il vostro insieme di autorecettori corrisponde ai recettori della persona che riceve l'organo, tanto meno aggressiva sar la reazione di rigetto
11

Macro edizioni 2007

scatenata dal suo sistema immunitario. Ma non troverete un donatore perfetto al 100%: finora non sono ancora stati trovati due individui biologicamente identici. Ogni particolare insieme di recettori dell'identit situato sulla superifice esterna della membrana, dove essi agiscono come "Antenne" che scaricano i segnali complementari dell'ambiente. Questi recettori dell'identit leggono un segnale del s che non esiste all'interno della cellula, ma proviene dall'ambiente esterno. Per comprendere meglio, Lipton fa un esmpio:Pensate al corpo umano come ad un televisore. Voi siete l'immagine sullo schermo, ma la vostra immagine non proviene dall'interno dell apparecchio televisivo, bens da una trasmissione esterna: la vostra identit una trasmissione proveniente dall'ambiente, ricevuta attraverso un antenna. Un giorno accendete la tv, scoprendo che il tubo catodico guasto. La vostra prima reazione sar " Accidenti ! Il televisore morto!". Ma l'immagine forse morta insieme al televisore? Per rispondere a questa domanda, prendete un altro televisore, collegate la spina, lo accendete e lo sintonizzate sullo stesso canale che stavate guardando prima che il tubo catodico si guastasse. La trasmissione continua ( da parte dellemittente). Questa prova vi dimostrer che l'immagine trasmessa ancora nell'etere anche se il vostro vecchio televisore morto. La morte del televisore in quanto ricevitore, non ha in alcun modo ucciso l'identit trasmessa dall'ambiente. Limmortalit dellanima In questa analogia, l'oggetto materiale costituito dal televisore corrisponde alla cellula. L'antenna televisiva rappresenta i

nostri recettori dell'identit, mentre la trasmissione il segnale ambientale. A causa della nostra preoccupazione per il mondo materiale newtoniano, potremmo inizialmente pensare che i ricettori proteici cellulari siano il s, ma ci equivarrebbe a credere che l'antenna della tv sia la fonte della trasmissione !. I recettori della cellula non sono le origini della sua identit, ma il veicolo per il quale il se viene scaricato dall'ambiente. Grazie ad una piena comprensione di questa relazione capii che la nostra identit, il nostro s, esiste nell'ambiente che il nostro corpo ci sia o che non ci sia. Proprio come nell'esempio del televisore, se il mio corpo muore, in futuro, un nuovo individuo (un altro me - "televisore biologico") nasce con lo stesso insieme di ricettori dell'identit; quel nuovo individuo scaricher "me". Sar di nuovo presente nel mondo, con un altro corpo, poich la trasmissione (la mia anima) continua ad esistere.... La mia identit una firma complessa contenuta nell'immensa informazione che compone collettivamente l'ambiente. Lipton cita una prova di questa sua convinzione, una prova relativa a persone sottoposte a trapianto di organi. Nel gi citato volume il biologo americano cita la storia di Sylvia Claire, una tranquilla signora del New England, sottoposta a un trapianto di cuore e polmoni. La signora, prima di ammalarsi, era molto attenta alla sua salute, si alimentava in modo vegetariano e biologicoElla fu molto sorpresa quando si accorse di avere, dopo il trapianto, una forte attrazione per le polpette di pollo, la motocicletta e la birra, gusti ed attitudini che prima dell'operazione non rientravano nella sua vita. La signora a quel punto cerc la famiglia della persona che le che aveva donato gli organi scoprendo che questa era un ragazzo diciottenne amante delle moto, della birra e delle polpette di pollo !

Sylvia scrisse un libro "Change of heart" dove descriveva queste ed altre esperienze del suo nuovo stato. Altri esempi di questo tipo sono descritti nel libro di Paul Bersal intitolato "the hearts called: tapping the wisdom and the power of our heart energy". Per tornare a Lipton, questi fenomeni sono legati al fatto che le cellule dei tessuti, sanno di essere diversificate (quelle muscolari, epatiche, neuronali, dei polmoni ecc) ma la loro memoria dissociata ( la predilezione per le polpette di pollo, la moto e la birra) data dai ricettori dell'identit del donatore presenti sugli organi trapiantati, che permettono di continuare a scaricare le stesse informazioni. In altri termini il diciottenne morto ma la sua trasmissione ancora attiva( la sua anima immortale !

Avvertiamo quest onda come forza dattrazione, e se la personalit accoglie limpulso e d il permesso allora possibile tradurre nella realt gli elementi della trasmissione che stiamo percependo. Potremmo dire in parole pi semplici che ognuno di noi rappresenta uno o pi libri d'una biblioteca vivente che la conservazione e la tutela di una concezione del mondo e degli esseri umani completamente diversa da quella realizzata attualmente.

LA BIBLIOTECA VIVENTE. I nostri ricettori possono scaricare facilmente una trasmissione simile alla nostra, con cui entriamo in risonanza.