Sei sulla pagina 1di 138

UNIVERSIT DEGLI STUDI

DI PAVIA
Facolt di Ingegneria

Laurea Specialistica In Ingegneria Civile


Dipartimento Di Meccanica Strutturale

Corso di Progetto di Strutture


Relazione Tecnica

Anno Accademico: 2012-2013

Pag. |2

Sommario
1.

Normativa e Bibliografia ............................................................................................................. 5

2.

Descrizione dellOpera ................................................................................................................ 6

3.

Vita nominale ............................................................................................................................. 11

4.

Durabilit ................................................................................................................................... 11
4.1. Condizioni ambientali e Classi di esposizione........................................................................ 12

5.

Software Usati ............................................................................................................................ 13

6.

Caratteristiche Dei Materiali..................................................................................................... 14


6.1. Calcestruzzo ........................................................................................................................ 14
6.2. Acciaio................................................................................................................................. 15
6.3. Il copriferro.......................................................................................................................... 15

7.

Analisi dei carichi ...................................................................................................................... 16


7.1. Carichi Permanenti Strutturali e Non-Strutturali................................................................. 16
7.1.1

Tamponamenti esterni .................................................................................................. 16

7.1.2

Tamponamenti interni .................................................................................................. 17

7.1.3

Tamponamenti divisori ................................................................................................ 18

7.1.4

Parapetto esterno .......................................................................................................... 19

7.1.5

Balcone......................................................................................................................... 21

7.1.6

Solaio interpiano .......................................................................................................... 21

7.1.7

Solaio di copertura ....................................................................................................... 22

7.1.8

Pianerottolo .................................................................................................................. 23

7.1.9

Scale ............................................................................................................................. 24

7.2. Carichi Variabili .................................................................................................................. 26


7.2.1.

Carichi variabili desercizio ......................................................................................... 26

7.2.2.

Azione della neve ......................................................................................................... 26

7.2.3.

Azione del vento .......................................................................................................... 28

Pag. |3

8.

Predimensionamento.................................................................................................................. 37
8.1. Solaio ................................................................................................................................... 37
8.1.1.

Solaio interpiano .......................................................................................................... 37

8.1.2.

Solaio Copertura .......................................................................................................... 39

8.1.3.

Schede tecniche ............................................................................................................ 40

8.2. Travi .................................................................................................................................... 41


8.3. Pilastri.................................................................................................................................. 49
8.4. Fondazioni ........................................................................................................................... 55

9.

8.4.1.

Travi di fondazione ...................................................................................................... 55

8.4.2.

Plinti di fondazione ...................................................................................................... 57

8.4.3.

Platea di fondazione ..................................................................................................... 58

Modellazione SAP2000 .............................................................................................................. 59


9.1. Modello con fondazioni....................................................................................................... 61
9.1.1.

Travi rovesce ................................................................................................................ 63

9.1.2.

Plinti di fondazione ...................................................................................................... 65

9.1.3.

Platea ............................................................................................................................ 66

9.2. Implementazione dei carichi ............................................................................................... 66


9.2.1.

Casi di carico................................................................................................................ 67

9.3. Combinazioni delle azioni ................................................................................................... 72


9.3.1.

Azioni gravitazionali statico lineari .......................................................................... 72

10. Verifiche allo stato limite ultimo e progettazione degli elementi strutturali ............................. 87
10.1.

Travi................................................................................................................................. 87

10.1.1.

Progettazione e verifica ............................................................................................ 87

10.1.2.

Verifica a flessione ................................................................................................... 88

10.1.3.

Verifica agli

10.2.

per taglio ..................................................................................... 93

Pilastri .............................................................................................................................. 97

Pag. |4

10.2.1.

Armatura longitudinale............................................................................................. 97

10.2.2.

Verifica a taglio ...................................................................................................... 105

10.3.

Verifica SLU al punzonamento ..................................................................................... 109

10.3.1.

Normativa italiana .................................................................................................. 109

10.3.2.

Normativa Europea................................................................................................. 109

11. Verifiche agli Stati limite desercizio ....................................................................................... 117


11.1.

Verifiche agli SLE di deformazione .......................................................................... 117

11.2.

Verifiche agli SLE per Fessurazione e alle Tensioni desercizio .............................. 120

12. Dettaglio Armature .................................................................................................................. 131


12.1.

Normativa Europea ........................................................................................................ 131

12.1.1.

Traslazione del diagramma inviluppo .................................................................... 131

12.1.2.

Lunghezza di ancoraggio........................................................................................ 131

12.1.3.

Lunghezza di sovrapposizione delle barre ............................................................. 133

12.1.4.

Diametri mandrini di piegatura ............................................................................. 134

12.1.5.

Distanza tra le barre ................................................................................................ 134

12.2.

Normativa italiana ......................................................................................................... 134

12.2.1.

Lunghezza dancoraggio e di sovrapposizione ...................................................... 134

12.2.2.

Diametri mandrini di piegatura e Distanza tra le barre .......................................... 135

13. Computo dei materiali ............................................................................................................. 137

Pag. |5

1. Normativa e Bibliografia
Per il seguente progetto sono state rispettate le seguenti voci da normativa:

D.M. 14 gennaio 2008 - Norme per le Costruzioni ;

Circolare 2 febbraio 2009 - Nuove norme tecniche per le costruzioni D.M 14-01-2008;

UNI EN 1992-1-1: LEurocodice2 Progettazione delle strutture in cemento armato;

CNR-DT 207/2008;

e si preso spunto dai seguenti testi didattici:

AICAP - Guida alluso dellEurocodice 2 Vol. 1: Progettazione di strutture in C.A. e


Vol. 2: Progetto strutturale di edifici civili ed industriali in C.A.;

Strutture in Cemento Armato Basi della progettazione - E. Cosenza, G. Manfredi, M.


Pecce.

Linee guida per la messa in opera del calcestruzzo strutturale e per la valutazione delle
caratteristiche meccaniche del calcestruzzo indurito mediante prove non distruttive
Consiglio Superiore di Lavori Pubblici.

Pag. |6

2. Descrizione dellOpera
Questo elaborato vuole trattare lanalisi strutturale di un edificio residenziale situato nel comune di
Pavia. Ledificio sorge in aggiunta al complesso residenziale di Via Ponte Vecchio, in
corrispondenza del civico 40.

Figura 2-1 - Inquadramento geografico

La progettazione del complesso ha previsto anche unopera urbanistica di ampliamento della via
preesistente a collegamento del nuovo edificio. Laltitudine dellappezzamento di terreno viene
registrata a 77 m s.l.m.
Ledificio si sviluppa per 3 piani fuori terra e un piano interrato, con interpiano pari a 3,20

al

lordo dello spessore di solaio; ha pianta di dimensioni: 29,20 9,50 , per unaltezza
complessiva al piano di copertura pari a 9,85 .
Lintera struttura costruita in cemento armato e la struttura portante definita da un telaio
tridimensionale composto da elementi orizzontali: travi principali e travi secondarie; e da elementi
verticali: in grande prevalenza pilastri.
Lingresso principale, situato al pian terreno, conduce al vano scala e il vano ascensore: il primo
formato da pareti in cemento armato, con gradini ad incastro parete-parete; il secondo anch'esso
composto da pareti in cemento armato ed posto allinterno del vano scala per poter ospitare
lascensore e la necessaria strumentazione.
Limpalcato tipo realizzato con un solaio Plastbau Metal della ditta Poliespanso.
Il solaio ordito in direzione longitudinale al lato minore delledificio ad eccezione del solaio in
corrispondenza del vano scala e ascensore.

Pag. |7

La copertura prevista praticabile e piana, conseguentemente stato disposto un parapetto


perimetrale alla struttura.
Le fondazioni sono di tipo diretto e consistono in un muro di fondazione contro terra lungo tutto il
perimetro delledificio, una platea al di sotto del vano scala e delle travi rovesce con orditure
principali e secondarie.
Si riporta di seguito lorditura del piano tipo e due sezioni significative.

Pag. |8

Figura 2-2 - Orditura piano Tipo

Pag. |9

Figure 2-1. Sezione A-A.

P a g . | 10

Figure 2-2. Sezione B-B.

P a g . | 11

3.Vita nominale
Dalle Nuove Norme Tecniche delle Costruzioni (2.4.1 NTC2008), la vita nominale di unopera
strutturale

intesa come il numero di anni nei quali la struttura, purch soggetta alla

manutenzione ordinaria, deve potere essere usata per lo scopo al quale destinata. La vita nominale
dei diversi tipi di opere quella riportata nella Tabella 2.4.I.

Tabella 3-1: Vita nominale

per diversi tipi di opere (Tabella 2.4.I - NTC2008)

Nel nostro caso la vita nominale, o vita di progetto, assunta pari a 50

4.Durabilit
Secondo le Nuove Norme Tecniche delle Costruzioni (11.2.11 NTC2008), per garantire la
durabilit si devono adottare i provvedimenti atti a limitare gli effetti di degrado indotti dallattacco
chimico - fisico e derivante dalla corrosione delle armature e dai cicli di gelo e disgelo. A tal fine in
fase di progetto la prescrizione, valutate opportunamente le condizioni ambientali del sito ove
sorger la costruzione o quelle di impiego, deve fissare le caratteristiche del calcestruzzo da
impiegare (composizione e resistenza meccanica), i valori del copriferro e le regole di maturazione.
Al fine di ottenere la prestazione richiesta in funzione delle condizioni ambientali, nonch per la
definizione della relativa classe, si potr fare utile riferimento alle indicazioni contenute nelle Linee
Guida sul calcestruzzo strutturale edite dal Servizio Tecnico Centrale del Consiglio Superiore dei
Lavori Pubblici ovvero alle norme UNI EN 206-1:2006 ed UNI 11104:2004. Basandosi su tali
direttive stata scelta opportunamente una classe di calcestruzzo che potesse essere adeguata a
resistere alle escursioni termiche stagionali caratterizzanti la localit in cui verr posta lopera, ma
anche allerosione chimico fisica legata ai fenomeni meteorologici che colpiscono quellarea alla
relativa altitudine sul livello del mare.

P a g . | 12

4.1. Condizioni ambientali e Classi di esposizione


Facendo riferimento al 4.1.2.2.4.3 delle NTC2008 le condizioni ambientali, ai fini della protezione
contro la corrosione delle armature metalliche, possono essere suddivise in ordinarie, aggressive e
molto aggressive in relazione a quanto indicato nella Tabella 4.1.III con riferimento alle classi di
esposizione definite nelle Linee Guida per il calcestruzzo strutturale emesse dal Servizio Tecnico
Centrale del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici.

Tabella 4-1: Descrizione delle condizioni ambientali secondo NTC2008

Appoggiandosi anche al prospetto 4.1N e al E.1N dellEurocodice 2

Tabella 4-2: Prospetto 4.1N EC2

P a g . | 13

Tabella 4-3: Prospetto E.1N EC2 classi di resistenza indicativa

Si opportunatamente scelta una classe di calcestruzzo conforme alla normativa e allaggressivit


ambientale in cui situata lopera.

5.Software Usati
I programmi usati per la modellazione di questo progetto e la stesura della relazione tecnica sono
stati:
Modellazione strutturale: Sap2000 v14;
Modellazione grafica: AutoCad 2011;
Calcoli analitici e verifiche: Microsoft Excel 2010;
Stesura della relazione tecnica: Microsoft Word 2010.

P a g . | 14

6. Caratteristiche Dei Materiali


6.1. Calcestruzzo
Classe del calcestruzzo

[Prospetto 3.1 EC2 e Tabella 4.1.I NTC]

Resistenza caratteristica a compressione cubica [11.2.10.1 NTC]


Resistenza caratteristica a compressione cilindrica


40 /

32 /

0,83

Resistenza di calcolo a compressione [per

3.1.6(1) EC2 e 2.4.2.4(1) EC2; per

si

fatto riferimento alla Appendice Nazionale - 4.1.2.1.1.1 NTC]


0,85

32
1,5

18,13 /

Tensione ammissibile nel calcestruzzo sotto combinazione dei carichi rara


[7.2(2) Appendice Nazionale EC2 - 4.11.2.2.5.1 NTC]

0,6

19,20 /

Tensione ammissibile nel calcestruzzo sotto combinazione dei carichi quasi permanente
[7.2(3) Appendice Nazionale EC2 - 4.11.2.2.5.1 NTC]

0,3

14,40 /

3,02 /

Resistenza caratteristica a trazione [Prospetto 3.1 EC2 - 11.2.10.2 NTC]


Resistenza media a trazione [Prospetto 3.1 EC2 - 11.2.10.2 NTC]


0,45

0,7

Resistenza a trazione di progetto [per

2,12 /

3.1.6(1) EC2 e 2.4.2.4(1) EC2; per

fatto riferimento alla Appendice Nazionale - 4.1.2.1.1.1 NTC]


1,0

1,8
1,5

1,41 /

Modulo elastico secante [Prospetto 3.1 EC2 - 11.2.10.1 e 11.2.10.3 NTC]


22000

8
10

33000 /

si

P a g . | 15

6.2. Acciaio
Tipo

[3.2.2(3) EC2 Appendice Nazionale e 11.3.3.1 NTC]

Tensione caratteristica di snervamento [11.3.2.1 NTC]


450 /

Tensione di snervamento di progetto [per

3.2.7 EC2 e 2.4.2.2(1) EC2; 4.1.2.2.2.3

NTC]
450
1,15

Modulo elastico [3.2.7(4) - EC2]


391,3 /

200000 /

Tensione ammissibile nell'acciaio per le combinazioni a SLE [NTC08 4.1.42]


0,8
360 /
,

6.3. Il copriferro
Con riferimento al 4.1.6.1.3 delle NTC2008 e al C4.1.6.1.3 della Circolare Ministeriale, al fine
della protezione delle armature dalla corrosione il valore minimo del copriferro deve rispettare
quanto indicato in Tabella C4.1.IV, nella quale sono distinte le tre condizioni ambientali di Tabella
4.1.IV delle NTC2008. A tali valori di tabella vanno aggiunte le tolleranze di posa, pari a 10 mm o
minore, secondo indicazioni di norme di comprovata validit. I valori della Tabella C4.1.IV si
riferiscono a costruzioni con vita nominale di 50 anni, come in questo caso.

Tabella 5-1: Copriferri minimi in mm (Tabella C4.1.IV Circolare ministeriale)

Il valore del copriferro proposto dalla normativa per la classe di calcestruzzo utilizzato pari a
35

P a g . | 16

7. Analisi dei carichi


I pesi specifici sono assunti conformi alla Tabella 3.1.I- Pesi dellunit di volume dei principali
materiali strutturali dalle NTC2008.

7.1. Carichi Permanenti Strutturali e Non-Strutturali


7.1.1 Tamponamenti esterni
Il sistema di tamponamenti esterni costituito dai seguenti strati. Lo spessore complessivo di
35

Tabella 7-1: Stratigrafia Tamponatura esterna

Definito il peso su superficie si procede ad una distribuzione uniforme sulle travi di bordo, ricavato
linterpiano netto cio:

Moltiplicando linterpiano netto al peso areale del muro otteniamo il carico non strutturale che
agisce sulle travi di bordo che verr ragguagliato del 20% per tener conto delle probabili aperture
nei tamponamenti:
,

20%

P a g . | 17

Figura 7-1 - Particolare Tamponatura esterna

7.1.2 Tamponamenti interni


Per gli ambienti interni degli appartamenti sono state adottate partizioni interne in muratura forata,
dello spessore di 0,12

Tabella 7-2: Stratigrafia Tamponatura interna

Nelle Norme Tecniche delle Costruzioni 2008 [ 3.1.3.1] concesso, a condizione che il solaio
permetta una sufficiente redistribuzione trasversale dei carichi, di considerare il peso delle
partizioni interne alla stregua di un sovraccarico ragguagliato uniformemente ripartito sul solaio,
il cui valore viene dato in funzione del peso per metro lineare della parete stessa.

P a g . | 18

In questo caso avendo ricavato un peso


proprio
5,0

compreso

si

tra

assume

4,0
un

, valore che verr assunto

nel calcolo.

Figura 7-2 - Particolare Tamponatura interna

7.1.3 Tamponamenti divisori


Per dividere gli ambienti interni degli appartamenti (ad es. zona giorno e zona notte) ma anche per
separare le abitazioni dalle aree del condominio interne sono state utilizzate delle tramezze spesse
0,25 .

Tabella 7-3: Stratigrafia Muri divisori

P a g . | 19

Come si evince dallanalisi dei carichi, il peso a metro lineare della tramezza supera i limiti dei
carichi ragguagliati proposti dalle NTC2008 e la stessa propone di considerare direttamente in
fase di progettazione delleffettivo peso a metro lineare e il loro relativo posizionamento sul solaio.
Tuttavia volendo evitare una siffatta procedura, che obbligherebbe ad una verifica del solaio per
ogni possibile variazione della disposizione architettonica in pianta delle partizioni interne, si
procede comunque prendendo in conto, il peso proprio dei muri divisori, sotto forma di
sovraccarico uniformemente distribuito sul solaio stesso. La determinazione di tale sovraccarico
viene effettuata ipotizzando la medesima ricorrenza in pianta di

2,5

(come proposto dal

EN1991-1-1). Conseguentemente:

3,49

Figura 7-3 - Particolare muro divisorio

7.1.4 Parapetto esterno


Questo parapetto utilizzato sia per i balconi sia per la copertura e ha uno spessore totale di 0,12
ed unaltezza complessiva di 1,05 .

P a g . | 20

Tabella 7-4: Stratigrafia Parapetto

Figura 7-4 - Particolare Parapetto

In questo caso si opta per ricondursi ad un sovraccarico distribuito su una superficie, e per fare ci
si calcola innanzitutto la forza concentrata

dal peso a metro lineare di parapetto

moltiplicandolo per la lunghezza effettiva dello stesso. Dopodich si divisa la forza ricavata
sullarea del balcone ottenendo cos

P a g . | 21

7.1.5 Balcone
Il peso del balcone grava interamente sulle travi di bordo delledificio e a questo va sommato anche
il peso del parapetto del balcone.

Tabella 7-5: Stratigrafia Balcone

Figura 7-5 - Particolare Balcone

Dallanalisi dei carichi si ricava che il carico distribuito su superficie derivante dai pesi propri del
balcone e del parapetto sono:

7.1.6 Solaio interpiano


Il solaio scelto il Plastbau Metal della ditta Poliespanso; il sito propone la sezione minima
utilizzabile.
Laltezza minima del solaio stata scelta con una procedura di calcolo on-line descritta nel
paragrafo 8.1.1.

P a g . | 22

Figura 7-6 - Particolare solaio interpiano PlastBau Metal

Tabella 7-6: Stratigrafia solaio interpiano

7.1.7 Solaio di copertura


Per la copertura si procede alla scelta del solaio con lo stesso metodo e fornitore di quello
interpiano, tenendo conto del parapetto presente sul perimetro della copertura.
Il predimensionamento viene riportato nel paragrafo 8.1.2.

Tabella 7-7: Stratigrafia solaio di copertura

P a g . | 23

Figura 7-7 - Particolare costruttivo solaio di copertura Plastbau Metal, pi parapetto perimetrale

7.1.8 Pianerottolo

Tabella 7-8: Stratigrafia Pianerottolo

P a g . | 24

Figura 7-8 - Particolare Pianerottolo vano scala

Figura 7-9 Scale e vano scala e ascensore

7.1.9 Scale
Lanalisi dei carichi strutturali e non-strutturali sulla rampa di scale stata eseguita su un metro
della stessa:

P a g . | 25

Tabella 7-9: Stratigrafia scale

Figura 7-10 - Particolare gradini della scala, misure in centimetri

Nota la larghezza del pianerottolo coincidente a quello della rampa di scale si assumono i seguenti
carichi distribuiti:

P a g . | 26

7.2. Carichi Variabili


I valori dei carichi variabili sono stati determinati con riferimento ad una vita nominale della
costruzione assunta pari a 50

, conformemente a quanto indicato nella Tab.2.4.I delle

NTC2008

7.2.1.

Carichi variabili desercizio

Nelle Norme Tecniche delle Costruzioni, i carichi variabili sono assegnati in funzione del tipo di
utilizzo fatto della struttura [3.1.4]

Tabella 7-10: Carichi variabili secondo le NTC2008

7.2.2.

Azione della neve

Il sovraccarico dovuto alla pressione della neve descritto nella normativa [NTC08 3.4] ed
espresso secondo la seguente espressione:

Dove

il coefficiente di forma che descrive il tipo di copertura [NTC08 3.4.5];

il coefficiente di esposizione [NTC08 3.4.3];

il coefficiente termico [NTC08 3.4.4];

il valore caratteristico di riferimento del carico neve al suolo espresso in


un periodo di ritorno di 50 anni [NTC08 3.4.2].

, per

P a g . | 27

7.2.2.1.

Determinazione del valore caratteristico

Dalla seguente suddivisione territoriale se ne deduce che il sito di costruzione in ZONA I


Mediterranea:

Figura 7-11. Zone di carico da neve secondo le NTC08

Essendo laltitudine

200 , il valore caratteristico quello riportato nel seguito:


1,50

7.2.2.2.

Determinazione del coefficiente di forma della copertura

La normativa prevede che per le coperture piane con 0


di forma [NTC08 3.4.5.1 e Tabella 3.4.II]

30 si abbia il seguente coefficiente

P a g . | 28

7.2.2.3.

Determinazione del coefficiente desposizione e termico

Il coefficiente desposizione

descritto in funzione della topografia del sito di costruzione. Con

topografia Normale si intendono le aree in cui non presente una significativa rimozione di neve
sulla costruzione prodotta dal vento, a causa del terreno, altre costruzioni o alberi. [NTC08 3.4.3]
Il coefficiente termico

[NTC08 3.4.4] espresso principalmente in funzione dellisolamento

termico della struttura. In assenza di uno specifico e documentato studio deve essere utilizzato
.

In conclusione il carico agente sulla copertura assunto pari a:

7.2.3.

Azione del vento

Questo carico variabile fa riferimento al NTC08 3.3 e alle relative indicazioni contenute nella
Circolare esplicativa CNR-DT 207/2008.
La pressione del vento secondo normativa risulta essere cos descritta:

7.2.3.1.

Pressione cinetica di riferimento

La pressione cinetica di riferimento


velocit di riferimento

[Espressione 3.3.2 NTC08] descritta in funzione della

che viene definita da una macrozonizzazione a livello nazionale

che nel caso specifico risulta essere:

P a g . | 29

7.2.3.2.

Coefficiente di esposizione e il Coefficiente dinamico

Il coefficiente

[NTC08 3.3.7] funzione della Categoria di esposizione del sito che a sua volta

dipende della Zona di riferimento, della Classe di rugosit del terreno [Tabella 3.3.III - Classi di
rugosit del terreno], dallaltitudine della zona

ln
ln

e dal coefficiente topografico

ln

ln

P a g . | 30

Figura 7-12. Zone caratterizzate da diversi valori della velocit di riferimento secondo NTC08

sono assegnati nel NTC08 Tab. 3.3.II, in funzione della categoria di esposizione del

sito ove sorge la costruzione.

Figura 7-13. Definizione delle categorie di esposizione

P a g . | 31

Il coefficiente topografico

[CNR-DT 207/2008 3.2.4] assunto pari a 1 per le zone

pianeggianti. Essendo laltezza della struttura minore di 40 , in mancanza di valutazioni pi


accurate, consentito attribuire al coefficiente dinamico il valore

pari a 1 [CNR-DT 207/2008

3.4.1]

7.2.3.3.

Coefficiente di forma

Questo tipo di coefficiente dipende intrinsecamente dalla regolarit in pianta della struttura soggetta
allazione del vento. In particolare i criteri per calcolarlo sono espressi nel CNR-DT 207/2008
Appendice G.2 ed in particolar modo vengono considerati un fattore di forma sopravento, per
convenzione di segno positivo, e sottovento, assunto negativo convenzionalmente. Questi
coefficienti vengono espressi in funzione del rapporto
(compresa di tetto o eventuali parapetti) mentre

dove laltezza totale delledificio

il lato delledificio parallelo al flusso incidente

del vento.
Noto il rapporto sopra descritto, la circolare esplicativa propone queste soluzioni:

Tabella 7-11. Edifici a pianta regolare:

per facciate sopravento, sottovento e laterali secondo il CNR-DT 207/2008

Figura 7-14. Parametri caratteristici di edifici a pianta regolare secondo il CNR-DT 207/2008

P a g . | 32

Detto questo si sono definite le due direzioni del vento maggiormente incidenti

Potendo calcolare cos il rapporto


sopravento e il

per le due facciate, si potuto calcolare il

coefficiente

coefficiente sottovento seguendo quello che descritto in Tabella 17:

Tabella 7-12: Coefficienti di forma [ CNR-DT 207/2008 - Appendice G2.2]

P a g . | 33

Figura 7-15. Distribuzione del vento in direzione y

P a g . | 34

7.2.3.4.

Pressione del vento

Trovati tutti i coefficienti si pu procedere con il calcolo della pressione del vento nelle due
direzioni.
Secondo il Consiglio Nazionale Delle Ricerche per gli edifici bassi, ossia con altezza minore o
uguale della dimensione in pianta ortogonale al flusso del vento
costante e pari alla quota di sommit delledificio

, laltezza di riferimento

; la pressione del vento pertanto

uniforme. [G.2.2.1 - CNR207/2008].

Tabella 7-13. Distribuzione delle pressione del vento in direzione y e in direzione x

P a g . | 35

Figura 7-16. Distribuzione della pressione del vento in direzione x

P a g . | 36

7.2.3.5.

Azione del vento

Ricavata la pressione del vento lungo tutta laltezza delledificio e in tutte le direzioni efficaci,
prestabilite moltiplicandole per opportune lunghezze di influenza

, possibile ottenere lazione

del vento modellata come un carico orizzontale linearmente distribuito, sia in direzione

Tabella 7-14: Azione del vento nelle due direzioni dominanti

che .

P a g . | 37

8. Predimensionamento
Prima di procedere con il vero e proprio dimensionamento degli elementi portanti, si scelto di
procedere con un predimensionamento sommario degli elementi strutturali che compongono
lopera. Questo predimensionamento rispetta i criteri canonici sfruttando metodi conservativi ma
non eccedendo eccessivamente con le dimensioni delle sezioni geometriche.

8.1. Solaio
8.1.1.

Solaio interpiano

Il solaio interpiano stato scelto seguendo la procedura on-line suggerita dalla casa produttrice
Poliespanso, seguendo un criterio di predimensionamento in funzione della luce maggiore del
solaio e di tutti i carichi agenti sul solaio escludendone il peso proprio. Per prima cosa si sono scelti
i pesi permanenti non-strutturali e quelli variabili agenti sul solaio e sommati in SLE combinazione
rara

Dove:

1 il coefficiente delle parti permanenti non strutturali negli stati limite desercizio;

carichi permanenti non strutturali agenti sulla superficie del solaio;

0,7 il coefficiente dei carichi variabili in combinazione rara;

carichi variabili dovuti allaffollamento degli edifici residenziali.

E si assunto

600

Nota la luce maggiore del solaio

si proceduto con il predimensionamento online:

P a g . | 38

La luce netta del solaio stata assunta come prescritto dal fornitore seguendo una riduzione del 5%:
1,05

Il sito ha proposto la sezione del solaio di 17

(altezza della sezione in C.A.) che per le

ipotesi iniziali di progetto fatte, cio progettazione con travi in spessore di solaio, risulta essere una
soluzione ottimale.

P a g . | 39

Figura 8-1. Particolare solaio interpiano PlastBau Metal

8.1.2.

Solaio Copertura

Per il solaio di copertura si adottato lo stesso metodo e lo stesso fornitore:

Nel carico

Assumendo

per rientra anche lazione della neve [NTC2008 3.4]

600

Con lo stesso procedimento si predimensionato il solaio di copertura:

P a g . | 40

Si seguito lo stesso ragionamento fatto per la scelta del solaio interpiano e di conseguenza si
scelto un solaio 17 5
(altezza della sezione in C.A.).

Figura 8-2. Particolare solaio copertura praticabile

8.1.3.

Schede tecniche

Si riportano di seguito le tabelle dei ferri dei solai cos come quanto espresso dalla casa produttrice.

P a g . | 41

Tabella 8-1. Ferri solaio copertura e interpiano

8.2. Travi
Le travi sono state predimensionate su fogli di calcolo di Microsoft Excel. Le travi hanno il compito
di irrigidire la struttura rendendola monolitica, oltre a portare il loro stesso peso vengono caricate da
altre forze (permanenti o variabili) che le classifica in:

Travi di bordo: portano parte del solaio, i balconi e i tamponamenti esterni;

Travi interne: portano parte del solaio e le tramezze;

Avendo scelto come tipologia di travi quelle in spessore di solaio, si tenuto in considerazione
laltezza del solaio strutturale, che

27

, e si proceduto con il predimensionamento

P a g . | 42

cercando di definire la base della trave noti i momenti massimi in valore assoluto (cio quelli
allincastro) ricavati dagli opportuni schemi statici considerati caso per caso. Si sono scelti gli
schemi statici rappresentativi delle condizioni di vincolo delle travi in esame e dopodich, note le
sollecitazioni agenti, si proceduto alla stima della geometria analitica delle travi.
Gli schemi statici considerati sono i seguenti:

Figura 8-4 Schema B: Trave incastro appoggio

Figura 8-3 Schema A: Trave incastro incastro

Figura 8-5 -Andamento del momento Schema A

Figura 8-6 - Andamento del momento schema B

Le sollecitazioni flettenti del primo schema statico ( ) sono, in mezzeria:

24

Mentre agli incastri:

12

Quelle del secondo schema statico ( ) sono, allincastro:

8
Mentre il momento positivo si localizza a 38

dallappoggio e vale

14,2

P a g . | 43

Gli schemi statici

sono adatti a tutte le travi, principali e secondarie. Si sono eseguiti i calcoli

secondo il metodo dellanalisi lineare e con riferimento alle combinazione delle azioni agli stati
limite ultimi definite dalla normativa, cio

rappresenta la totalit dei carichi distribuiti allo Stato

Limite Ultimo (2.5.3 NTC2008 Espressione 2.5.1):

Per la scelta opportuna dei coefficienti si fa riferimento al NTC08 2.5.3 Tab. 2.6.I:

Tabella 8-2. Coefficienti parziali per le azioni o per leffetto delle azioni nelle verifiche SLU

Noti i momenti massimi in valore assoluto ricavati dagli schemi statici, opportunamente scelti per la
trave in esame, si proceduto al predimensionamento canonico.
Il predimensionamento analitico canonico prevede di seguire lipotesi di rottura del campo 3, che
corrisponde ad un comportamento ottimale della sezione. Si ipotizza quindi un asse neutro
adimensionalizzato che garantisca che la sezione abbia un comportamento ricadente nel campo 3:
:

0,35

3,5
3,5 1,96

0,641

Dopodich viene ricavata la geometria analitica della sezione dallequazione adimensionalizzata del
momento agente , per il caso statico preso in esame, assumendo
fatta in precedenza
|

0,2

0,2 per rispettare lipotesi

P a g . | 44
35

Assumendo il copriferro

si ricava

laltezza utile della sezione che uguale a

da cui la base minima utile


|

Per non eccedere nel campo conservativo della geometria della trave si scelto di procedere
introducendo un processo a iterate interrotto nel momento in cui la base minima

. Questo

procedimento ha permesso, oltre a tenere in conto del peso proprio distribuito della trave, di
ottenere una geometria della sezione minima non eccessivamente conservativa.
Il carico agente sulle travi, caratterizzanti il piano tipo del telaio, stato cos strutturato:

Trave di Bordo
,

;
,

fatte queste considerazioni, il carico agente sulla stessa cos definito:


,

,
,

Trave Interna
,

;
;

,
,

.
,

Mentre per le travi in copertura

Trave di Bordo
,

,
,

;
;

,
,

Trave Interna

,
,

P a g . | 45

,
,

,
,

.
,

Le orditure dei solai hanno determinato percentuali di competenza differenti, ripartendo l80% del
carico agente alle travi principali e il 20% alle travi secondarie.
Nella tabelle sottostanti vengono riportati i calcoli eseguiti e le geometrie assunte per i vari casi
presi in esame. Inoltre, quando stato possibile, le dimensioni sono state scelte affinch
rispettassero un rapporto di circa 1:2 tra laltezza e la base della trave.

P a g . | 46

Tabella 8-3. Predimensionamento travi - Copertura

P a g . | 47

Tabella 8-4. Predimensionamento travi Interpiano

P a g . | 48

Tabella 8-5. . Predimensionamento travi Piano terra

P a g . | 49

8.3. Pilastri
Per il predimensionamento dei pilastri si scelta una procedura collegata al metodo adottato per le
travi, sfruttando le azioni di taglio dei vari schemi statici approssimati al comportamento statico
della trave continua:

Figura 8-8. Schema Statico B - sforzi di taglio

Figura 8-7. Schema Statico A - sforzi di taglio

Dal primo schema statico si evince che il valore massimo del taglio localizzato sugli estremi e
vale:

Mentre dal secondo schema statico:


5
8
3
8

fatte queste considerazioni, si sono predimensionati i pilastri stimando il carico agente sugli stessi e
assumendo come

la somma dei carichi agenti sulle travi convergenti al pilastro.

Detto questo il carico agente sui pilastri risulta essere:

Dove

vale 1,05 5% ed incrementa il carico per tener conto del peso proprio del pilastro

partendo dalla copertura e andando a scendere.


Definito il carico assiale, si procede alla definizione dellarea trasversale strettamente necessaria.
Larea stata calcolata utilizzando la seguente formula, nella quale si considera una riduzione del
25% della resistenza di calcolo del calcestruzzo:

P a g . | 50

0,75

Si cos proceduto al dimensionamento dei pilastri a basa quadrata:



Con questa procedura si sono dunque trovate le dimensioni trasversali minime.
Nelle seguenti tabelle sono riportate le sezioni minime e le sezioni assunte.

P a g . | 51

Tabella 8-6. Predimensionamento pilastri - Copertura

P a g . | 52

Tabella 8-7. Predimensionamento pilastri Piano secondo

P a g . | 53

Tabella 8-8. Predimensionamento pilastri Piano primo

P a g . | 54

Tabella 8-9. Predimensionamento pilastri Piano terra

Le dimensioni assunte sono state scelte in modo da ottenere delle travi che non sbordassero
eccessivamente dai pilastri, cos da scongiurare eventuali fenomeni di instabilit locale. stato
verificato per ogni nodo trave - pilastro che

. 2.

P a g . | 55

8.4. Fondazioni
8.4.1.

Travi di fondazione

Come opere di fondazione per la struttura intelaiata si sono scelte delle travi rovesce aventi sezione
a T. La geometria viene ricavata in funzione dei carichi agenti sulla struttura di fondazione
combinati agli stati limite ultimi: quelli provenienti dalla sovrastruttura, estratti dal programma di
calcolo SAP2000, e il peso proprio della fondazione stessa.
Si ipotizzato un terreno avente

0,3

La lunghezza della trave rovescia stata valutata dal nodo del primo pilastro al nodo dellultimo
pilastro appartenente alla medesima trave; questa viene fatta sporgere di 5 a sinistra del primo
pilastro, assumendo
assumendo come

come la lunghezza della prima campata, e a destra dellultimo pilastro

la lunghezza dellultima campata:

5
Il predimensionamento stato eseguito in funzione del carico assiale

totale, ipotizzando in

prima battuta le dimensioni della trave di fondazione e poi iterando le dimensioni finch si giunti a
convergenza.


Da cui:

stato considerato lingombro della platea di fondazione in corrispondenza del vano scala e
ascensore identificando in totale 13 travi rovesce.

P a g . | 56

Figure 8-1. Pianta strutturale del piano di fondazione.

Tabella 8-10. Dati per il predimensionamento delle travi di fondazione

P a g . | 57

Tabella 8-11. Predimensionamento travi rovesce

8.4.2.

Plinti di fondazione

Bench come opere di fondazione siano state scelte le travi rovesce, a scopo illustrativo, vengono
predimensionati anche i plinti di fondazione. I plinti sono elementi in c.a. a forma parallelepipeda di
base quadrata.
Il predimensionamento dei plinti funzione del carico assiale trasmesso dalla sovrastruttura,
estratto dal programma di calcolo SAP2000, ipotizzando in prima battuta le dimensioni del plinto
per poter considerarne il peso proprio, combinato allSLU, e poi iterando finch si giunti a
convergenza. Quindi si assunto come
geometrica:

2,00

ponendo per laltezza del plinto la limitazione

2.

Figure 8-2. Pianta strutturale del piano di fondazione.

P a g . | 58

Tabella 8-12. Dati predimensionamento Plinti.

Tabella 8-13. Predimensionamento Plinti di Fondazione.

8.4.3.

Platea di fondazione

Localizzata al disotto del vano scala e del vano ascensore, la fondazione a platea un monolite che
ha il compito di sorreggere tutti i carichi provenienti dal corpo scala e ascensore, ma anche di
scaricarli a terra. La sua geometria regolare con base
spessore

1,00 .

6,80 , larghezza

6,00

P a g . | 59

9. Modellazione SAP2000
Dopo aver analizzato i carichi e aver definito la geometria degli elementi strutturali, con il
predimensionamento, si procede con la definizione del modello tridimensionale del telaio strutturale
con SAP2000 v14.
Il telaio stato definito costruendo una griglia di riferimento che posiziona nel piano

tutte le

coordinate dei nodi strutturali in cui convergono le travi e i pilastri, facendo riferimento alle
distanze tra gli interassi di tutti gli elementi strutturali, mentre lungo lasse
piani grazie allaltezza interpiano.

Figure 9-1. Griglia di riferimento Vista piano X-Y

Figure 9-2. Grigia di riferimento - Vista 3D

vengono definiti i

P a g . | 60

Gli elementi monodimensionali, travi e pilastri, sono stati distribuiti seguendo la griglia di
riferimento, dopo averne definito le caratteristiche geometriche previste dal predimensionamento, e
facendo in modo che gli assi locali siano concordi. Le travi seguono landamento delle orditure
illustrate nel capitolo relativo alla descrizione dellopera.

Figure 9-3. Rendering telaio Vista 3D

Sfruttando il comando

sono state irrigidite tutte le connessioni tra i suddetti

elementi per riproporre la rigidit nel nodo.


La normativa italiana permette di considerare gli orizzontamenti come elementi infinitamente rigidi
nel loro piano a condizione che vi sia una soletta collaborante di almeno 40
I solai scelti, grazie alla soletta collaborante di 50

(7.2.6 NTC2008).

, possono essere perci considerati

infinitamente rigidi nel loro piano e flessibili fuori da esso. Per simularne leffetto irrigidente, si
sono introdotti dei vincoli interni a diaframma (Constraints Diaphragm): definiti per ogni nodo di
ogni piano, permettono di ottenere nodi vincolati che si muovono allunisono e piani che quindi si
muovono in maniera indipendente tra loro (quindi non formanti un unico blocco).
Le pareti del vano scala e del vano ascensore sono stati modellati con degli elementi frame
aggiungendo dei setti rigidi per garantire la continuit con tutti gli elementi ad essi connessi.
Negli spigoli del vano ascensore sono state introdotte delle cerniere rotazionali che permettessero i
momenti attorno allasse locale 2

2.

P a g . | 61

9.1. Modello con fondazioni


Per le travi rovesce si definita la sezione a T utilizzando il comando

dopodich queste sono state poste alle estremit inferiori dei pilastri, sostituendo gli incastri ideali
del modello precedente, e formando un reticolo di base ad una profondit di 1,20

dal piano

interrato.
La platea stata definita da un piastra di spessore equivalente allaltezza delle travi rovesce, e
modellata mediante shell thick (che basa la sua soluzione sulla teoria Reissner Mindlin).
Il muro contro-terra del piano interrato stato modellato mediante delle shell a comportamento
menbranale.

Figura 9-1. Rendering componenti piano di fondazione.

P a g . | 62

Figure 9-4. Rendering struttura completa di fondazioni

Figure 9-5. Rendering struttura priva di pareti controterra

P a g . | 63

Figura 9-6. Vano scala e ascensore con


platea di fondazione
Figure 9-7. Piano di fondazione

Linterazione suolo-struttura stata considerata mediante ladozione di metodi semplificati: la


reazione del terreno viene considerata introducendo nel modello un letto di molle a rigidezza
equivalente.

9.1.1.

Travi rovesce

Definite in fase di predimensionamento le dimensioni geometriche delle travi rovesce, si procede


con il calcolo della rigidezza del terreno. Per la definizione delle rigidezze delle molle da
implementare nel modello, si utilizzata la teoria di Winkler. Il modulo di Winkler

di area per provocare 1

rappresenta la forza necessaria da applicare su 1

di

abbassamento. La rigidezza equivalente del terreno vale perci:


,

Definita la rigidezza del terreno, si sono introdotte nel modello le molle a rigidezza equivalente,
suddividendo le travi in

a cui, in fase di modellazione, sar applicata una molla con la

rigidezza determinata:

Le molle dei nodi interni avranno unarea dinfluenza pari a:

P a g . | 64

Mentre quella dei nodi esterni

Nelle tabelle seguenti si riportano i calcoli eseguiti per la valutazione dellinterazione suolostruttura.

Tabella 9-1. Dati per il calcolo della rigidezza secondo Winkler.

Figura 9-2. Sezione trasversale trave rovescia e rispettivo baricentro geometrico.

P a g . | 65

Tabella 9-2. Distribuzione delle rigidezze secondo Winkler Travi Rovesce.

9.1.2.

Plinti di fondazione

Definite in fase di predimensionamento le dimensioni geometriche dei plinti di fondazione, si


procede con il calcolo della rigidezza del terreno.
Ipotizzando un terreno avente

0,3

, le rigidezze del terreno assegnate ad ogni plinto

sono calcolate seguendo la teoria di Winkler.


Noto il modulo elastico del terreno, modulo di Winkler,

0,4

equivalente al terreno, risulta essere:


,

Tabella 9-3. Dati per il calcolo della rigidezza secondo Winkler.

la molla di rigidezza

P a g . | 66

Tabella 9-4. Distribuzione delle rigidezze secondo Winkler Plinti.

9.1.3.

Platea

Per la platea di fondazione la modellazione della rigidezza del terreno stata eseguita in maniera
analoga a quanto visto per le travi rovesce. La platea stata discretizzata secondo la griglia di
riferimento del piano di fondazione su SAP2000. Calcolata larea totale della platea sono state
distribuite le molle, suddividendo la rigidezza totale del terreno per le 63 molle individuate nella
platea in seguito alla discretizzazione.
Si riporta di seguito il tabulato Excel con i calcoli svolti per lassegnazione della rigidezza alle
molle.

Tabella 9-5. Distribuzione delle rigidezze secondo Winkler - Platea

9.2. Implementazione dei carichi


Note le caratteristiche intrinseche alla struttura, tra le quali i materiali e geometria degli elementi, e
definito perci il modello numerico, si procede con lintroduzione dei carichi cos da poter valutare

P a g . | 67

le sollecitazioni pi gravose che interesseranno gli elementi strutturali durante la loro vita di
progetto.
Il modello viene caricato con campate alternate per massimizzare il momento sugli elementi trave.
Seguendo questa configurazione, detta a scacchiera, si pu notare come lalternarsi dei carichi
produca squilibri della sollecitazione flettente ai nodi trave-pilastro e che tali squilibri di
sollecitazione vengano compensati dal momento agente sui pilastri. Lo sforzo verticale in un
pilastro notevolmente importante per il suo corretto dimensionamento, rendendo necessario
caricare il modello su ogni trave per massimizzare i carichi verticali.

9.2.1.

Casi di carico

Nel programma ad elementi finiti, SAP2000, prima di caricare il modello necessario definire i
casi di carico:

Carichi permanenti

, sono modellati mediante un sistema di forze lineari verticali e si

distinguono in:
-

Carichi permanenti strutturali

, questa tipologia di carico dipende interamente dalla

geometria della struttura e dal materiale di cui composta, rappresentando il peso


proprio degli elementi strutturali. Se opportunamente definito nel modello, il programma
di calcolo lo considera di default (Caso di carico: DEAD);
-

Carichi permanenti non strutturali

, son tutti i carichi che agiscono sulla struttura in

modo permanente ma esulano dalla definizione di peso proprio strutturale.

Carichi variabili , modellati con un sistema di forze lineari verticali (carichi di esercizio e
carico neve) e con un sistema di forze orizzontali linearmente distribuite (carico vento). I
carichi variabili sono assegnati agli elementi principali e secondari seguendo lanalisi dei
carichi proposta precedentemente. Facendo riferimento allo schema a scacchiera proposto in
figura 9-3 e seguenti ,sono stati definiti i seguenti casi di carico:
-

Carichi desercizio:
,

Carico Neve:
agente soltanto sulle travi di copertura anchesso distribuito sulle travi primarie e
secondarie seguendo uno schema di carico a scacchiera:

P a g . | 68

Carico Vento:
questa sollecitazione segue landamento delle direzioni del piano

, suddiviso in

faccia sottovento e faccia sopravento. Per comodit di calcolo il carico agente la


somma delle pressioni sopravento e delle depressioni sottovento nelle direzioni
considerate:

Figure 9-8. Disposizione dei carichi a scacchiera Travi interrato, piano primo e copertura

Figure 9-9. Disposizione dei carichi a scacchiera Travi piano terra e secondo

P a g . | 69

Figure 9-10. Disposizione dei carichi a scacchiera Legenda

Tutti i carichi assegnati al modello sono riportati nel seguente elaborato di Excel:

Tabella 9-6. Carichi lineari in copertura

P a g . | 70

Tabella 9-7. Carichi lineari interpiano

P a g . | 71

Tabella 9-8. Carichi lineari al piano terra

Tabella 9-9. Carichi lineari vano scala e vano ascensore - Copertura

Tabella 9-10. Carichi lineari vano scala e vano ascensore - Interpiano

P a g . | 72

9.3. Combinazioni delle azioni


Gli effetti indotti dalle azioni applicate alla struttura sono diversi a seconda degli stati limite
considerati. Le combinazioni delle azioni trattate sono conformi a quanto prescritto al 3.2.4 delle
NTC2008.

9.3.1.

Azioni gravitazionali statico lineari

Lanalisi delle sollecitazioni gravitazionali viene condotta secondo il metodo dellanalisi lineare
elastica con riferimento alle combinazioni delle azioni per gli stati limite ultimi,

(5.1.3-EC2 e

NTC2.5.3).
. 2.5.1

2008

Per la scelta opportuna dei coefficienti si fa riferimento al 2.5.3 delle NTC2008 Tab. 2.6.I.
Dalla normativa viene prescritto di valutare le tensioni nel conglomerato cementizio e nellarmatura
quali prodotte sia dalla combinazione caratteristica (rara) sia da quella quasi permanente delle
azioni, da confrontarsi con valori massimi consentiti, definiti in funzione della combinazione di
azione desiderata. Mentre la combinazione frequente stata utilizzata per verificare lo stato
fessurativo per via indiretta, come prescritto dalla normativa.
combinazione caratteristica (rara):

. 6.14

. 2.5.2

combinazione frequente:

. 6.14

. 2.5.3

Combinazione quasi permanente:

. 6.14

. 2.5.4

P a g . | 73

Tabella 9-11. Coefficienti parziali per le azioni o per leffetto delle azioni nelle verifiche SLU [NTC08 2.5.3 Tab. 2.6.I]

Tabella 9-12. Coefficienti di partecipazione delle combinazioni agli Stati Limite

Le combinazioni di carico son state implementate nel modello rispettando i coefficienti proposti
dalla normativa e caricando il telaio opportunamente; stato sfruttato il metodo a scacchiera per
massimizzare, nelle campate delle travi, il momento ai nodi trave pilastro e i carichi assiali lungo i
pilastri interessati.
Le combinazioni SLU sono riportate nelle tabelle 9
linviluppo delle stesse, tabella 9

13, 9

14, 9

15 e terminando con

16.

Le combinazioni SLE caratteristiche (rare) vengono allegate nelle rispettive tabelle 9


18, 9

19, e concludendosi con linviluppo delle combinazioni in tabella 9

Le combinazioni SLE frequenti sono elencate nelle tabelle9


in tabella 9

21, 9

22, 9

17, 9

20.
23 con linviluppo

24.

Le combinazioni SLE quasi permanenti, e il loro relativo inviluppo, si trovano nelle ultime due
tabelle 9

25, 9

26.

P a g . | 74

Tabella 9-13. Combinazioni SLU - Parte 1

P a g . | 75

Tabella 9-14. Combinazioni SLU - Parte 2

P a g . | 76

Tabella 9-15. Combinazioni SLU - Parte 3

P a g . | 77

Tabella 9-16. Inviluppo SLU

P a g . | 78

Tabella 9-17. Combinazioni SLE caratteristica (rara) - Parte 1

P a g . | 79

Tabella 9-18. Combinazioni SLE caratteristica (rara) - Parte 2

P a g . | 80

Tabella 9-19. Combinazioni SLE caratteristica (rara) - Parte 3

P a g . | 81

Tabella 9-20. Inviluppo SLE caratteristica (rara)

P a g . | 82

Tabella 9-21. Combinazioni SLE frequente - Parte 1

P a g . | 83

Tabella 9-22. Combinazioni SLE frequente - Parte 2

P a g . | 84

Tabella 9-23. Combinazioni SLE frequente - Parte 3

P a g . | 85

Tabella 9-24. Inviluppo SLE frequente

P a g . | 86

Tabella 9-25. Combinazioni SLE quasi permanente

Tabella 9-26. Inviluppo SLE quasi permanente

P a g . | 87

10. Verifiche allo stato limite ultimo e


progettazione degli elementi strutturali
Le sollecitazioni indotte dalle azioni gravitazionali, opportunamente combinati tra loro con i
coefficienti degli stati limite considerati, sono restituiti dal programma di calcolo.
Una volta determinato lo stato di sollecitazione presente allinterno dei diversi elementi strutturali,
si pu passare alla successiva fase progettuale e cio al dimensionamento degli elementi strutturali e
alle relative verifiche di resistenza che consentono di valutare la disuguaglianza fondamentale:

Dove:

corrisponde alla sollecitazione di calcolo che agisce un determinato elemento strutturale;

indica la resistenza di progetto del medesimo componente strutturale nei confronti


dellazione.

10.1. Travi
10.1.1.

Progettazione e verifica

Per il calcolo dellarmatura longitudinale nelle travi si procede rispettando le seguenti ipotesi:

Sia noto il momento agente di calcolo,


stato limite ultimo (

, riferito allinviluppo dei momenti flettenti allo

);

Nota la base della sezione;

Noto lasse neutro adimensionalizzato


0,35

La percentuale meccanica di armatura rispetti la seguente definizione:


0,68

Definito il momento ultimo adimensionalizzato scritto in funzione della percentuale


meccanica di armatura:
1

0,588

P a g . | 88

Larea di armatura necessaria viene ricavata da:


,

0,9

Dalla normativa NTC2008 4.1.6.1.1 espressione 4.1.43, larea dellarmatura


longitudinale in zona tesa non deve essere inferiore a:
,

0,26

0,0013

dove:
, il valore medio della resistenza a trazione assiale;

, il valore caratteristico della resistenza a trazione;

, rappresenta la larghezza media della zona tesa;

mentre larea dellarmatura tesa o compressa, sempre nel rispetto delle prescrizione del
paragrafo sopra citato, non deve eccedere al 4% dellarea del calcestruzzo
0,04

10.1.2.

Verifica a flessione

Per effettuare la verifica a flessione si devono studiare i campi di rottura delle sezioni considerate,
questo in quanto bisogna collocare la sezione studiata volta per volta nel campo corretto per poter
verificare a regola il momento reagente della sezione. Si procede seguendo un rapido algoritmo di
calcolo:

Passo 1: Determinazione della percentuale meccanica dellarmatura assunta:

Passo 2: Determinazione della percentuale meccanica di armatura nel

2 :

Dove:
500

250000

il coefficiente di riempimento;

;
0,1667 , asse neutro adimensionalizzato;

I coefficienti , che non possono superare 1

P a g . | 89

min

; 1

1
2 :

Passo 3: Determinazione della percentuale meccanica di armatura nel

Dove:
1500

0,2593 , asse neutro adimensionalizzato;


I coefficienti , che non possono superare 1

il coefficiente di riempimento;

1500

min

; 1

Passo 4: definite le percentuali meccaniche che separano i campi di rottura, possibile


posizionare la sezione studiata

rottura in campo 3

rottura in campo 2

rottura in campo 2

Passo 5: localizzato il campo di rottura si procede, come nella tabella di calcolo Excel, per
iterate

introducendo il valore adimensionale dellasse neutro


in funzione di

convergenza lequazione che descrive

e facendo andare a

Quando il risultato della sottrazione il valore zero, si appena trovato il valore dellasse
neutro nel campo di rottura descritto sopra, che indica inoltre , il coefficiente di baricentro,
per ogni campo.

Passo 6: fatto questo il momento resistente

della sezione :

Dove
-

il coefficiente di riempimento e il coefficiente di baricentro


125
1500000

500
2000

cos calcolato

3
1

2000

1500

0,40

La sezione verificata se il momento sollecitante inferiore di quello resistente:

P a g . | 90

Di seguito si riporta il tabulato Excel per il dimensionamento e verifica allo stato limite ultimo delle
armature flessionali secondo le procedure appena descritte.

Tabella 10-1. Dati armatura a flessione.

P a g . | 91

Tabella 10-2. Dimensionamento travi [01]

P a g . | 92

Tabella 10-3. Dimensionamento travi [02]

P a g . | 93

10.1.3.

Verifica agli

per taglio

Basandosi sulle prescrizioni del NTC08, e rispettando i parametri previsti dall Eurocodice2, si
procede calcolando il taglio resistente

, nella sezione considerata, applicando le prescrizioni

riportate al paragrafo 4.1.2.1.3.2 delle Nuove Norme Tecniche delle Costruzioni e iterando sul
diametro della staffatura e sul numero dei bracci.
Si sono seguiti i seguenti passaggi:

Larmatura trasversale, costituite da staffe, presente nelle travi complessivamente non deve
essere inferiore a:
,

1,5

non superiore 0,8 volte laltezza

Rispettando un minimo di tre staffe al metro e con passo


utile della sezione

[NTC08 4.1.6.1.1];

Larmatura trasversale e il passo sano cos definiti:

1000

La verifica di resistenza soddisfatta quando:

Dove:
-

rappresenta la sollecitazione di taglio agente in quella determinata sezione;

la resistenza al taglio della sezione, definita coma la resistenza minima tra la


resistenza dellarmatura trasversale a taglio
in calcestruzzo

e la resistenza della biella compressa

min

Dalle seguenti formulazioni possiamo definire la resistenza dei due materiali


08 4.1.18 :
0,9

Mentre

cot

sin

08 4.1.19 :
,

Dove:

cot

0,9

cot
cot
1 cot

P a g . | 94

langolo compreso tra larmatura a taglio e lasse della trave perpendicolare alla forza di
taglio;

langolo compreso tra il puntone compresso di calcestruzzo e lasse della trave


perpendicolare alla forza di taglio, con la seguente limitazione 1

cot

2,5;

la larghezza minima della zona compresa tra i correnti teso e compresso;


0,9 il braccio della coppia interna, per un elemento di altezza costante, corrispondente al
massimo momento flettente nellelemento considerato. Nello studio del comportamento a
taglio di elementi di calcestruzzo armato senza forza assiale, si generalmente utilizzato
come valore approssimato;

la resistenza a compressione ridotta del calcestruzzo danima

larea della sezione trasversale dellarmatura a taglio;

il passo delle staffe;

la tensione di snervamento di progetto dellarmatura a taglio;

0,5

1 per le strutture non precompresse, ed un coefficiente che tiene conto

dellinterazione tra la tensione nel corrente compresso e qualsiasi tensione di compressione


assiale.
Nelle zone della trave, non di carattere trascurabile la definizione dellangolo di inclinazione dei
puntoni di calcestruzzo . Con la seguente espressione si ricava la

in corrispondenza della

quale si registra la contemporanea crisi delle bielle di calcestruzzo e dell'armatura a taglio:


cot
1

cot

1
2,5

Dove
-

percentuale meccanica di armatura pari a:



0,5 e

Conseguentemente lecito scrivere che:

Se 1

2,5

min

Se

2,5

2,5

Se

P a g . | 95

Si scelto di procedere utilizzando delle staffe di diametro

con angolo di inclinazione

90.
Seguono le tabelle Excel in cui sono state riportate le verifiche allo

Tabella 10-4. Dati per progetto e verifica a taglio.

dellazione di taglio

P a g . | 96

Tabella 10-5. Resistenza a taglio.

P a g . | 97

10.2. Pilastri
Nel paragrafo 4.1.6.1.2 delle Norme Tecniche per le costruzioni si fa riferimento allarmatura
necessaria per i pilastri:

Armatura longitudinale: le barre longitudinali


uguale a 12

devono avere un diametro maggiore o

, non possono avere interassi maggiori di 300

e larea delle barre non

deve essere inferiore a:


max 0,10

; 0,003

ma non deve superare il valore massimo considerato pari a

0,04

Armatura trasversale: larmatura trasversale deve essere posta con un interasse s


min 250; 12 ; Lato minore mentre il diametro delle staffe deve essere almeno paria
max 6; 4 .

10.2.1.

Armatura longitudinale

Secondo le prescrizioni citate si sono armati i pilastri piano per piano.


Per le verifiche a

si sono calcolati i domini di resistenza

per

le due sezioni tipo considerate, dove lungo le ascisse giacciono le resistenze assiali

e lungo le

ordinate i momenti resistenti

Sezione A: 30 30

Sezione B: 35 35

e tramite un foglio Excel si sono costruiti per punti tutti i limiti della resistenza a presso-flessione
retta secondo i criteri descritti nellEC2.
I campi di rottura presi in considerazione sono stati: Campo 0; Campo1; Campo 2a; Campo 2b;
Campo 3; Campo 4; Campo 5a; Campo 5b; Campo 5c.
I coefficienti di riempimento,

, e i coefficienti di baricentro,

sono stati cos definiti:


-

500
1500
0,8

250000
1

1500

, riferiti ai diversi campi di rottura,

P a g . | 98

125

500

2000

1500000

2000

1500

0,40

Dopo aver ottenuto le spezzate che definiscono i domini di rottura si scelto di approssimarle ad
una curva descritta dalle seguenti equazioni:

Tabella 10-6. Dati dimensionamento armatura a flessione nei pilastri.

P a g . | 99

Tabella 10-7. Dimensionamento armatura a flessione nei pilastri.

P a g . | 100

Tabella 10-8. Definizione dominio di resistenza - Sezione A.

Tabella 10-9. Definizione dominio di resistenza - Sezione B.

P a g . | 101

Figure 10-1. Dominio di resistenza - Sezione A.

Figure 10-2. Dominio di resistenza - Sezione B.

In tutte e due le sezioni tipo, le sollecitazioni cadono allinterno del dominio di resistenza. Visto
questo si procede alla verifica a presso flessione deviata.

P a g . | 102

10.2.1.1. Verifiche a pressoflessione deviata


Per verificare i pilastri a

si scelto di procedere seguendo le

prescrizioni date dalle nuove norme tecniche per le costruzioni. Queste, basandosi sullo studio del
dominio di resistenza tridimensionale

soggetta a

, permettono di verificare ogni sezione


(NTC08 Espressione 4.1.10):
,

Studiando tale dominio nel piano, si potuto osservare che al variare dellesponente

variava il

grado di curvatura dellellisse. La scelta di tale coefficiente non arbitraria, ma esistono vari metodi
proposti dalla normativa e dalla scienza che permettono di valutarne laccuratezza.
Il primo metodo che si voluto affrontare quello di

, che suggerisce di

calcolare il suddetto esponente secondo questespressione:



Dove

sono, rispettivamente, le percentuali geometriche di armatura nelle due direzioni e

lo sforzo adimensionalizzato.

Mentre i coefficienti sono valori opportunamente tabellati e calcolati nelle tabelle che seguono.
Il secondo metodo segue le prescrizioni dellEC2 2004 che suggerisce vari valori di
del rapporto

al variare

dove
,

Nelle tabelle seguenti vengono riportati i valori che permettono di definire

con interpolazione

lineare.
Gli altri metodi proposti sono quello di
parametro proposto dal
coefficiente pari a 1.

che pone il coefficiente pari a 1,5 e il valore del

08 che, in mancanza di specifiche valutazioni, pone cautelativamente il

P a g . | 103

Tabella 10-11. Tabelle di riferimento per il calcolo del


coefficiente ellissoidale.

Tabella 10-10. Polinomi di quarto grado a cui possibile


approssimare i domini di rottura.

P a g . | 104

Tabella 10-12. Verifica a pressoflessione deviata

P a g . | 105

10.2.2.

Verifica a taglio

Facendo riferimento alle travi verificate precedentemente a taglio, i pilastri seguono il medesimo
procedimento.
Larmatura trasversale e il passo sono cos definiti:

1000

Con, in assenza di altre indicazioni, larea di armatura trasversale minima pari a:


,

1,5

Rispettando un minimo di tre staffe al metro e con passo


della sezione

non superiore 0,8 volte laltezza utile

[NTC08 4.1.6.1.1].

In accordo alle indicazioni riportate al 4.1.2.1.3.2 delle NTC2008, la resistenza a taglio dei due
materiali cos espressa:
4.1.18 :

Resistenza dellarmatura trasversale a taglio


0,9

cot

0,9

sin
4.1.19 :

Resistenza della biella compressa in calcestruzzo


,

cot

cot
cot
1 cot

Dove:

langolo compreso tra larmatura a taglio e lasse della trave perpendicolare alla forza di
taglio;

langolo compreso tra il puntone compresso di calcestruzzo e lasse della trave


perpendicolare alla forza di taglio, con la seguente limitazione 1

cot

2,5;

la larghezza minima della zona compresa tra i correnti teso e compresso;


0,9 il braccio della coppia interna, per un elemento di altezza costante, corrispondente al
massimo momento flettente nellelemento considerato. Nello studio del comportamento a
taglio di elementi di calcestruzzo armato senza forza assiale, si generalmente utilizzato
come valore approssimato;

la resistenza a compressione ridotta del calcestruzzo danima


larea della sezione trasversale dellarmatura a taglio;

0,5

P a g . | 106

il passo delle staffe;

la tensione di snervamento di progetto dellarmatura a taglio;


1 per le strutture non precompresse, ed un coefficiente che tiene conto

dellinterazione tra la tensione nel corrente compresso e qualsiasi tensione di compressione


assiale.
La verifica di resistenza soddisfatta quando:

Dove:
-

rappresenta la sollecitazione di taglio agente in quella determinata sezione;

la resistenza al taglio della sezione, definita coma la resistenza minima tra la


resistenza dellarmatura trasversale a taglio
calcestruzzo

e la resistenza della biella compressa in

min

Non di carattere trascurabile la definizione dellangolo di inclinazione dei puntoni di calcestruzzo


. Con la seguente espressione si ricava la

in corrispondenza della quale si registra la

contemporanea crisi delle bielle di calcestruzzo e dell'armatura a taglio:


1
2,5

Dove
-

percentuale meccanica di armatura pari a:



0,5 e

Conseguentemente lecito scrivere che:

Se 1

2,5

min

Se

2,5

2,5

Se

Di seguito si riportano i tabulati in Excel per lo svolgimento delle verifiche a taglio dei pilastri.

P a g . | 107

Tabella 10-13. Dati per il calcolo della resistenza a taglio nei pilastri

P a g . | 108

Tabella 10-14. Armatura a taglio nei pilastri.

P a g . | 109

10.3. Verifica SLU al punzonamento


Il fenomeno del punzonamento pu essere determinato da una carico concentrato o da una reazione
agente su unarea relativamente piccola, denominata area caricata

di una soletta o di una

fondazione. Tale fenomeno genera sforzi di taglio importanti nella soletta, tali da determinare la
rottura per taglio.
Gli elementi che generalmente sono soggetti al punzonamento sono:

Piastra o soletta soggetta a carico concentrato o a reazione agente;

Fondazioni costituite da plinti snelli, hanno un comportamento assimilabile ad una piastra;

Nodo pilastri-trave in spessore di solaio, la trave ha un comportamento assimilabile ad una


piastra.

In questa trattazione viene affrontata la verifica al punzonamento delle travi, essendo queste in
spessore di solaio.

10.3.1.

Normativa italiana

Le Norme Tecniche prescrivono che in mancanza di unarmatura trasversale appositamente


dimensionata la resistenza al punzonamento sia valutata, utilizzando formule di comprovata
affidabilit, sulla base della resistenza a trazione del calcestruzzo, intendendo la sollecitazione
distribuita su di un perimetro efficace distante 2

dallimpronta caricata, con

altezza utile

dellelemento a comportamento a piastra. Nel caso in cui si disponga una apposita armatura, le
NTC prescrivono che lintero sforzo allo stato limite ultimo sia affidato allarmatura.
Nessuna indicazione viene fornita per il calcolo della resistenza a taglio-punzonamento e della
posizione del pilastro allinterno della struttura.
Per questa verifica si fa pertanto affidamento alla sezione 6.4 dellEurocodice 2.

10.3.2.

Normativa Europea

In conformit a quanto espresso sullEC2 6.4 , si esegue la verifica a punzonamento per le travi.
Ai fini della verifica al punzonamento si valutano:

Il perimetro del pilastro considerato

Altezza utile efficace ai fini del punzonamento


-

;
2, dove con:

si indicata laltezza utile con riferimento alle armature disposte in direzione


della trave;

P a g . | 110

si indicata laltezza utile con riferimento alle armature disposte secondo la


direzione di orditura del solaio. Avendo, come proposto nella scheda tecnica del
solaio Plastbau scelto, un sottotravetto di 5
ferri longitudinali

16

, un copriferro minimo di 2,50

,e

, si ricavata laltezza utile dei ferri longitudinali del

solaio;

Rapporti geometrici d armatura

, rispettivamente in direzione della trave e in

direzione del solaio:


Con

armatura longitudinale nella direzione considerata;

Perimetro di controllo

, secondo lo schema di seguito riportato, con

Figura 3 - Perimetro di verifica per pilastro interno e di bordo

Per definizione:
Perimetro di controllo lungo il bordo del pilastro:
2

Mentre il perimetro di controllo a distanza 2


2
2

2
2

2
2

P a g . | 111

La verifica al punzonamento stata eseguita secondo questa procedura:


Passo 1: Verifica al punzonamento lungo il perimetro del pilastro. Il valore di calcolo della
tensione limite di punzonamento dato da:
,

Con
-

lazione di taglio totale agente sulla trave in corrispondenza del baricentro


geometrico del pilastro considerato;

un coefficiente moltiplicativo che aiuta a considerare il contributo


delleccentricit in proporzione al perimetro di punzonamento:
1
con

momento agente sulla trave in corrispondenza del baricentro geometrico del

pilastro considerato;
e

essendo

un coefficiente che dipende dal rapporto tra le dimensioni

la dimensione del pilastro nella direzione delleccentricit:


0,45

0,3

0,5

0,45

1,00

0,60

0,1

0,5

0,80

1,00

il momento intorno allasse di sollecitazione corrispondente ad una distribuzione


di tipo plastico di sforzi tangenziali unitari lungo il perimetro di verifica:
4

16

La tensione limite lungo il contorno deve essere inferiore di

che rappresenta il

massimo valore della resistenza a taglio-punzonamento, cos espresso [EC2 - Espressione


6.53]:
0,5

dove
0,7 1

250

Affinch la verifica al punzonamento lungo il contorno del pilastro sia soddisfatta deve
verificarsi che

. Se la verifica non soddisfatta si pu agire in molteplici

maniere: aumentare le dimensioni del pilastro, oppure lo spessore del solaio o dotare la
sommit del pilastro di un capitello.

P a g . | 112
Passo 2: Verifica al punzonamento lungo il perimetro di verifica posto a distanza 2

. Il

valore di progetto della tensione di punzonamento lungo il contorno di verifica :


,

Si valuta dapprima se la resistenza a punzonamento senza armatura a taglio-punzonamento


sufficiente a compensare la tensione lungo il perimetro considerato [EC2 - Espressione
6.47]:
,

200

100

Dove
-

0,18

Se verificata la condizione

allora la verifica al punzonamento soddisfatta.

Passo 3: Nel caso la resistenza al taglio-punzonamento in assenza di armatura specifica non


fosse sufficiente a garantire la condizione

, bisogna prevedere unapposita

armatura. Larmatura specifica calcolata in conformit a questa espressione:


,

0,75

1,5

sin

In cui:
-

larea di armatura a taglio-punzonamento situata su di un perimetro attorno al


pilastro;

il passo radiale dei perimetri di armatura a taglio-punzonamento;

la resistenza di progetto efficace dellarmatura a taglio-punzonamento

secondo la relazione
-

250

0,25

langolo dinclinazione dellarmatura a punzonamento.

Da tale espressione si ricava che il valore minimo di armatura :


,

1,5
Per definire il passo in

0,75

,
,


sin

delle armature in direzione radiale si fissa innanzitutto la posizione

della prima e dellultima serie di armature, tenendo presenti le prescrizioni dell EC2 9.4.3:

P a g . | 113

Numero minimo di serie di armature:


Distanza radiale massima tra due serie di

0,75

armature consecutive:
Distanza

dalla prima serie di armature dal

0,30

0,50

pilastro:
Distanza

dellultima serie di armature dal

perimetro di verifica

lungo il quale

(1) Il valore raccomandato di

larmatura a taglio non pi necessaria:

1,5

Il perimetro di verifica lungo il quale larmatura a taglio-punzonamento non pi richiesta


:

La distanza dal pilastro,

, alla quale si colloca

si ricava dalla seguente

equazione:
-

Pilastro dangolo:

Pilastro di bordo:
2

Pilastro interno:
2

Una volta ricavata la distanza

, la distanza

della serie di armature pi esterne dal

pilastro :

La distanza minima tra la prima e lultima serie di armature vale:

P a g . | 114

Questa distanza divisa per il valore massimo che il passo

pu assumere fornisce il

numero totale di spazi tra le varie serie di armature:

Da cui si ha che il passo delle armature deve essere:


Noto il passo,

, possibile identificare il quantitativo di armatura totale,

, allinterno di

ogni serie. Avendo supposto delle cuciture verticali, larea di ogni singola cucitura deve
soddisfare la seguente relazione [EC2 - Espressione 9.11]:
1,5 sin

cos

0,8

Dove

Per cui larea di una cucitura verticale deve soddisfare la seguente relazione:
0,8
,

1,5 sin

cos

Il numero minimo di cuciture per ogni serie pari a:

La serie di armature pi esterna ha un perimetro pari a:


-

Pilastro dangolo:
2

Pilastro di bordo:
2

Pilastro interno:
2

Pertanto il numero minimo di cuciture pari a:

P a g . | 115

Dove

Dai calcoli effettuati risulta soddisfatta sia la verifica a punzonamento lungo il perimetro del
pilastro che lungo il perimetro di verifica. Non stata perci prevista alcuna armatura aggiuntiva.
Di seguito si riportano i tabulati Excel relativi alla verifica a punzonamento.

P a g . | 116

Tabella 10-15. Dati verifica a punzonamento.

Tabella 10-16. Verifica a punzonamento.

P a g . | 117

11. Verifiche agli Stati limite desercizio


Le verifiche allo stato limite di esercizio servono a studiare il comportamento degli elementi
strutturali nelle condizioni ordinarie desercizio. Queste verifiche sovente vengono suddivise in:
Verifica di deformabilit, Verifica alle tensioni e Verifica dello stato fessurativo.

11.1. Verifiche agli SLE di deformazione


Seguendo quanto descritto dalle Norme Tecniche per le Costruzioni e sulla relativa Circolare
esplicativa, essendo le travate di luce inferiore ai 10 , si adotta il metodo semplificato per eseguire
la verifica di deformabilit, che pone delle limitazioni al rapporto tra la luce di calcolo e laltezza
della trave. Questo metodo semplificato permette di trascurare la verifica delle inflessioni
ritenendola implicitamente soddisfatta se la snellezza della sezione rispetta le limitazioni definite
dallespressione contenuta nella Circolare esplicativa [Circolare Esplicativa NTC08 C4.1.2.2.2
Espressione C4.1.13]:
11

0,0015

500

,
,

In cui:
rappresenta la snellezza della sezione di altezza

e di luce ;

larmatura tesa effettivamente usata nella sezione maggiormente sollecitata;

rappresenta larmatura di calcolo nella medesima sezione;

un coefficiente correttivo che dipende dallo schema strutturale adottato, i suoi valori
sono riportati nella Tabella C.4.1.I della Circolare esplicativa NTC08;

la resistenza caratteristica a compressione del calcestruzzo;

rapporto geometrico dellarmatura tesa;


rapporto geometrico dellarmatura compressa;

P a g . | 118

Tabella 11-1. Valori di K e snellezze limite per elementi inflessi in c.a. in assenza di compressione assiale (Tabella C4.1.I)

Assumendo come armatura di calcolo la seguente espressione:


,

0,9

Di seguito vengono elencate le tabelle in cui si riporta la deformabilit delle travi in oggetto.

Tabella 11-2. Dati utilizzati per la verifica a deformazione delle travi.

P a g . | 119

Tabella 11-3. Verifica di Deformabilit.

P a g . | 120

11.2. Verifiche agli SLE per Fessurazione e alle Tensioni desercizio


Seguendo quando descritto nella normativa, per ci che concerne gli Stati Limite di Fessurazione
[NTC08 4.1.2.2.4.1], si procede con lo studio dello Stato Limite di Apertura delle Fessure che
deve essere fissato in funzione delle condizioni ambientali e della sensibilit delle armature alla
corrosione. Per le combinazioni di azioni prescelte, lapertura delle fessure dovr risultare al pi
inferiore o uguale alle ampiezze nominali riportate:
0,3

Combinazione Frequente

Combinazione Quasi-Permanente

;
0,2

Per quanto concerne le condizioni ambientali e la sensibilit delle armature alla corrosione si fa
riferimento a quanto esplicitato al Cap. 4, della presente relazione, e alle tabelle descritte nella
normativa [NTC2008 4.1.2.2.4.3 Tabella 4.1.III e 4.1.2.2.4.5 Tabella 4.1.IV]:

Tabella 11-4. Descrizione delle condizioni ambientali

Tabella 11-5. Criteri di scelta dello stato limite di fessurazione

Nello specifico:

Condizioni ambientali aggressive;

Sensibilit delle armature alla corrosione poco sensibili.

Per calcolare correttamente le fessure necessario descrivere esattamente lo stato di fessurazione;


per fare ci inizialmente si deve conoscere il momento dinerzia della sezione
punti:

Calcolo dellarea omogenea

Calcolo del momento statico rispetto alla fibra superiore della sezione:

seguendo questi

P a g . | 121

Posizione dellasse neutro della sezione interamente reagente rispetto alla fibra superiore:
2

Posizione dellasse neutro della sezione interamente reagente rispetto alla fibra inferiore:

Determinazione del momento dinerzia della sezione interamente reagente:

3
si procede con il calcolo del momento di prima fessurazione

3
Determinato il momento dinerzia
:

max

Dove

Se il momento agente sulla sezione

maggiore del momento di prima fessurazione

la

sezione viene parzializzata. Avvenuta questa parzializzazione il Cls soggetto a trazione non
contribuisce nella resistenza quindi si costretti a ricalcolare lasse neutro della sezione
parzializzata tenendo conto anche della variazione del modulo elastico del Cls soggetto a trazione,

che per le travi assumibile come

0,5. Si procede quindi in questo modo:

Calcolo dellasse neutro della sezione parzializzata, ponendo lannullamento del momento
statico e tenendo in conto i vari coefficienti di omogeneizzazione:

15 e 0,5

2
2
Da cui la soluzione corretta :

Con

Che nel foglio di Excel cos rappresentato:

4
1

P a g . | 122

Definito lasse neutro della sezione parzializzata, il suo momento statico risulter:

Il momento critico della sezione parzializzata risulter essere:


Dove:

1,2

da normativa [NTC2008 4.1.2.2.4.1 Espressione 4.1.37].

Definiti i due momenti dinerzia possibile descrivere la tensione nellarmatura tesa come:
-

In caso di sezione interamente reagente:

Nel caso di sezione parzializzata:

Per essere verificati i valori di

dovranno essere minori dei valori ammissibili previsti dalla

normativa nelle varie combinazioni delle azioni.


Verificate le tensioni, con i medesimi valori si determinano i valori di calcolo di apertura delle
fessure

, come descritto nella normativa [NTC2008 Espressione 4.1.38]:


1,7

Dove

rappresenta lampiezza media delle fessure, calcolata come prodotto tra la deformazione

media delle barre darmatura

per la distanza media tra le fessure

pu essere sostituito con la distanza massina tra le fessure


C4.1.2.2.4.6 Espressione 4.1.39]:

, oppure lultimo termine

[Circolare esplicativa NTC08

P a g . | 123

In cui la deformazione media delle barre [Circolare esplicativa NTC08 Espressione 4.1.16]
descritta come:
1
0,6
Dove:

la tensione nellarmatura tesa valutata considerando la sezione fessurata;

. In cui

allarmatura tesa di altezza


,

rappresenta larea effettiva di calcestruzzo attorno

,
,

:
min 2,5

, per carichi di lunga durata e


0,6 per carichi di breve durata
Seguendo la normativa la distanza massima (Circolare esplicativa NTC08 Espressione
4.1.17) descritta come:

In cui:
-

il diametro equivalente delle barre in sezione:

Dove

sono rispettivamente il numero di barre longitudinali di diametro

;
-

corrisponde al copriferro adottato;

P a g . | 124

per barre ad aderenza migliorata o

nel caso di flessione o

3,4;

0,425.

1,6 per barre lisce;

1 nel caso di trazione semplice;

I calcoli sono stati allegati sotto forma di foglio Excel accorpando le due verifiche proposte sia per
la combinazione di carico frequente che per la combinazione di carico quasi permanente.

Tabella 11-6. Dati utilizzati per la verifica a tensioni ammissibili e fessurazione delle travi.

P a g . | 125

Tabella 11-7. Verifica alle tensioni ammissibili [01]

Tabella 11-8. Verifica alle tensioni ammissibili [02]

P a g . | 126

Tabella 11-9. Verifica alle tensioni ammissibili [03]

Tabella 11-10. Verifica alle tensioni ammissibili [04]

P a g . | 127

Tabella 11-11. Verifica alle tensioni ammissibili e stato fessurativo [05]

Tabella 11-12. Verifica alle tensioni ammissibili e stato fessurativo [06]

P a g . | 128

Tabella 11-13. Verifica alle tensioni ammissibili e stato fessurativo [07]

Tabella 11-14. Verifica alle tensioni ammissibili e stato fessurativo [08]

P a g . | 129

Tabella 11-15. Verifica alle tensioni ammissibili e stato fessurativo [09]

Tabella 11-16. Verifica alle tensioni ammissibili e stato fessurativo [10]

P a g . | 130

Tabella 11-17. Verifica alle tensioni ammissibili e stato fessurativo [11]

Tabella 11-18. Verifica alle tensioni ammissibili e stato fessurativo [12]

P a g . | 131

12. Dettaglio Armature


Di seguito si riportano le considerazioni eseguite per lo studio della lunghezza di ancoraggio e
sovrapposizione secondo quanto esplicato nella normativa europea e nella normativa italiana.

12.1. Normativa Europea


12.1.1.

Traslazione del diagramma inviluppo

Conformemente alle prescrizioni normative [EC2 9.2.1.3], il tracciato delle armature deve essere
determinato in maniera tale da garantire in ogni sezione la resistenza ad azione flettente sollecitante,
quale determinabile attraverso una traslazione del diagramma inviluppo del momento flettente, nella
direzione pi sfavorevole, pari a:

Per il solaio, essendo sprovvisto di armature trasversali, di una quantit pari allaltezza utile
della sezione

/2 ;

Per le travi, essendo provviste di armatura a taglio, di una quantit pari a cot

cot

2.

Figure 12-1. Lunghezza di traslazione del momento flettente

12.1.2.

Lunghezza di ancoraggio

12.1.2.1.

Lunghezza di ancoraggio necessaria di base

Si calcola dapprima la lunghezza di ancoraggio necessaria di base per ancorare la forza


applicata a una barra nellipotesi di tensione di aderenza uniforme pari a
,

[8.4.3 - EC2]:

Dove:

la tensione di progetto in corrispondenza del punto da cui si misura


lancoraggio;
il valore di progetto della tensione di aderenza ultima che per barre nervate pu essere
assunto pari a:
2,25
2,25 1 1 1,50 3,37 /

Assunto:

P a g . | 132

1 in condizioni di buona aderenza;


1 per
32
;

12.1.2.2.

Lunghezza di ancoraggio di progetto

Si valuta la lunghezza di ancoraggio di progetto


1 mentre
Assumendo:

0,7 se

[8.4.4 EC2]:

3 per ancoraggio diverso dal dritto.

5
, rappresentante la distanza libera tra singole

20
; ; d
barre, con d diametro massimo dellaggregato

2,

per barre piegate. Con

35

nel caso di travi e

pilastri;

1 0,15 c 3

0,7
per ancoraggio diverso dal dritto
1

0,7
in presenza di armatura trasversale, mentre in assenza di armatura
1
trasversale assunto pari a 1.
Assumendo:
1

0,05
,

P a g . | 133

area della sezione retta dellarmatura trasversale in corrispondenza della

lunghezza di ancoraggio di progetto


-

0,25

area della sezione retta dell'armatura trasversale minima

area di una singola barra ancorata di diametro massimo.

1,00 in assenza di armatura trasversale saldata


1,00 in assenza di specifiche valutazioni sulla pressione trasversale nella zona di
ancoraggio
Il valori di progetto della lunghezza di ancoraggio cos calcolati risultano soddisfare le limitazioni

imposte quali lunghezza minima di ancoraggio per barre in trazione:


0,3

12.1.3.

, 10 , 100

Lunghezza di sovrapposizione delle barre

Si valuta la lunghezza di sovrapposizione di progetto


1 per ancoraggio dritto

1 0,15 c 3

[ 8.7.3 EC2]:

0,7
per ancoraggio diverso dal dritto
1

0,7
in presenza di armatura trasversale non saldata mentre in assenza di
1
armatura trasversale assunto pari a 1.
Assunto:
1

0,05
,

1,00 in assenza di specifiche valutazioni sulla pressione trasversale nella zona di


ancoraggio
,
1
percentuale di barre sovrapposte rispetto allarea totale trasversale,
25
1,5
si assunto cautelativamente
1,5.

I valori di progetto della lunghezza di sovrapposizione cos calcolati risultano soddisfare le


limitazioni imposte quali lunghezza minima di sovrapposizione per barre in trazione:

0,3

, 15 , 200

P a g . | 134

12.1.4.

Diametri mandrini di piegatura

Il diametro minimo di piegatura di una barra deve essere tale da evitare fessure nella barra dovute
alla piegatura e rottura del calcestruzzo allinterno della piegatura. (prospetto 8.1N EC2)

12.1.5.

Distanza tra le barre

La distanza tra le barre, o interferro, deve essere tale da consentire la messa in opera e la
compattazione del calcestruzzo soddisfacenti per lo sviluppo di unaderenza. Si raccomanda che la
distanza libera (orizzontale e verticale) tra singole barre parallele o strati orizzontali di barre
volte il diametro della barra,

parallele non sia minore del massimo tra


essendo

la massima dimensione dellaggregato. I valori di

o 20

da adottare in uno Stato

possono essere reperiti nella relativa appendice nazionale. I valori raccomandati sono 1 e 5

rispettivamente [EC2 8.2].

12.2. Normativa italiana


12.2.1.

Lunghezza dancoraggio e di sovrapposizione

Le nuove norme tecniche per le costruzioni non forniscono una formula per il calcolo delle
lunghezze di ancoraggio ma ne indicano solo il valore minimo che, in assenza di uncini, deve essere
pari ad almeno 20 volte il diametro dei ferri e comunque non inferiore ai 150

(4.1.2.1.8

NTC2008).
Per il calcolo della lunghezza di ancoraggio e sovrapposizione si agito nel seguente modo:

Calcolo della forza necessaria per evitare lo sfilamento della singola barra.

Con

area del singolo tondino,

tensione caratteristica di snervamento dellacciaio.

Calcolo della lunghezza di ancoraggio minima:


2

2 0,7

P a g . | 135

dove
-

0,7

la tensione di aderenza calcestruzzo-acciaio ridotta del 30% per considerare

a priori la condizione di buona o non buona aderenza; la resistenza tangenziale


di aderenza di calcolo

vale:

con

coefficiente parziale di sicurezza relativo al calcestruzzo, pari a 1,5 e

resistenza tangenziale caratteristica di aderenza data da:


2,25
in cui
-

12.2.2.

1,00 e

la resistenza caratteristica a trazione del calcestruzzo;

il diametro della singola barra longitudinale.

Diametri mandrini di piegatura e Distanza tra le barre

Per quanto concerne il diametro di piegatura delle barre e la distanza minima tra le stesse, sia la
normativa europea che quella italiana propongono soluzioni equivalenti.

Tabella 12-1. Dati per il calcolo della lunghezza di sovrapposizione e di ancoraggio secondo le due normative.

P a g . | 136

Tabella 12-2. Dettagli tecnici per le travi secondo EC2

Tabella 12-3. Dettagli tecnici per i pilastri secondo EC2

Tabella 12-4. Dettagli tecnici per i pilastri e per le travi secondo NTC2008

P a g . | 137

13. Computo dei materiali


Per le travi e per il pilastro, oggetto degli esecutivi strutturali, in allegato alla presente relazione
tecnica, stato eseguito un computo dei materiali per poter descrivere a livello quantitativo gli
elementi che li compongono; nelle tabelle che seguono vengono riportati i pesi di ogni componente.

Tabella 13-1. Computo metrico Travi TP1 7-8-9.

P a g . | 138

Tabella 13-2. Computo metrico Pilastro P10.