Sei sulla pagina 1di 13

CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI

A.A. 2010-2011

CONSOLIDAMENTO DI SOLAI LIGNEI

Ing. Emanuele Zamperini


Corso di Recupero e conservazione degli edifici A.A. 2010-2011

Ing. Emanuele Zamperini

CONSOLIDAMENTO DI
SOLAI IN LEGNO (1)

Chiodi in numero
eccessivo ed allineati:
soluzione scorretta.
Tavole connesse con 2
o 3 chiodi ogni travetto,
chiodi non allineati:
soluzione CORRETTA.
Corso di Recupero e conservazione degli edifici A.A. 2010-2011

Il tavolato
esistente reso
solidale alle travi
sottostanti e si
sovrappone un
secondo tavolato
opportunamente
inchiodato al
primo.
Ciascun tavolato
ha una differente
rigidezza nelle due
direzioni (parallela
ed ortogonale ai
giunti) a causa del
comportamento
ortotropo del
legno.
Ing. Emanuele Zamperini

CONSOLIDAMENTO DI
SOLAI IN LEGNO (2)

Con la creazione di
una intercapedine si
realizza uno spazio
per gli impianti e si
riducono i carichi.
Corso di Recupero e conservazione degli edifici A.A. 2010-2011

Incremento della
capacit portante
del solaio
ottenuta
incrementando il
momento dinerzia
della sezione
resistente con una
tavola-ala
superiore in legno
distanziata dalla
trave esistente
mediante
unanima che pu
essere continua o
interrotta in
corrispondenza
dei travetti.
Ing. Emanuele Zamperini

CONSOLIDAMENTO DI
SOLAI IN LEGNO (3)
Si sovrappone al tavolato esistente una soletta in calcestruzzo
resa collaborante con luso di connettori. La soletta deve essere
collegata anche alle murature perimetrali.

Corso di Recupero e conservazione degli edifici A.A. 2010-2011

Ing. Emanuele Zamperini

CONSOLIDAMENTO DI
SOLAI IN LEGNO (4)

Corso di Recupero e conservazione degli edifici A.A. 2010-2011

Ing. Emanuele Zamperini

VERIFICA DELLA
SEZIONE COMPOSTA (1)
La sezione ottenuta per sovrapposizione degli elementi aggiunti
alla trave (o al travetto) preesistente non monolitica, poich le
due parti possono in parte scorrere.
LEC5 (appendice B) fa riferimento
alla teoria di Mhler per le sezioni
assemblate meccanicamente che
tiene conto della deformabilit delle
connessioni.

Mhler ipotizza
comportamento
elastico-lineare
per tutti gli
elementi della
sezione, inclusi i
connettori.

a) Sezione non
connessa;
b) Sezione
connessa
rigidamente
(monolitica);
c) Sezione con
connessione
elastica.
Nel caso (c) le
due parti risultano
presso-inflesse o
tenso-inflesse.

Corso di Recupero e conservazione degli edifici A.A. 2010-2011

Ing. Emanuele Zamperini

VERIFICA DELLA
SEZIONE COMPOSTA (2)
a la distanza del baricentro
della sezione completa
dallinterfaccia tra A1 e A2
g un
coefficiente
di riduzione
della
rigidezza che
tiene conto
della
deformabilit
dellunione
meccanica

(EJ)o la rigidezza calcolata per la


sezione priva di connessione

Azione nel mezzo di collegamento

Corso di Recupero e conservazione degli edifici A.A. 2010-2011

i lo sforzo normale
dovuto ad azione
assiale nella sezione Ai
mi lo sforzo normale
dovuto al momento
nella sezione Ai

N.B.:
Nella formula per il
calcolo di g
(o L):
- nel caso di trave
appoggiata agli
estremi pari alla
luce della trave;
- nel caso di trave
continua o incastrata
agli estremi pari a
0,8 volte la luce della
trave;
- nel caso di trave a
sbalzo pari a 2
volte la luce della
trave.
Ing. Emanuele Zamperini

VERIFICA DELLA
SEZIONE COMPOSTA (3)

Azioni nelle singole parti


della sezione composta

Tensioni nelle
singole parti della
sezione composta
a1 = ( h1 + h2 ) / 2 + a2
a3 = ( h3 + h2 ) / 2 + a2
a2 la distanza del baricentro
della sezione completa dal
baricentro della sezione A2

Corso di Recupero e conservazione degli edifici A.A. 2010-2011

N.B.:
Qualora una delle
parti della sezione
sia realizzata in
calcestruzzo e sia
soggetta a sforzi di
trazione dovr
essere disposta una
armatura tale da
assorbire
interamente gli sforzi
di trazione.
Ing. Emanuele Zamperini

VERIFICA DELLA
SEZIONE COMPOSTA (4)
[N.B.: k in kg/m3]

In genere gli elementi di collegamento sono disposti a passo variabile (pi


fitti dove maggiore lazione di taglio). Se il passo massimo Smax ed il
minimo Smin rispettano la disuguaglianza Smax < 4 Smin allora si pu
utilizzare il valore S = 0,75 Smin + 0,25 Smax
Ponendo kcreep = 0 si ha il modulo di scorrimento a tempo zero, ovvero in
assenza di deformazioni viscose. Per calcolare il modulo di scorrimento a
tempo infinito si devono usare i valori di kcreep riportati sotto.

N.B.:
In caso di connettori
commerciali il modulo di
scorrimento fornito
dal
produttore sulla
base dellanalisi di dati
sperimentali.
Corso di Recupero e conservazione degli edifici A.A. 2010-2011

Ing. Emanuele Zamperini

VERIFICA DELLA
SEZIONE COMPOSTA (5)
LEC5 prevede che la
verifica delle connessioni
sia condotta sulla base
della teoria di Johansen.

La teoria prevede alcuni


possibili meccanismi di
collasso della connessione.
Il meccanismo reale
quello che porta al valore di
resistenza pi basso.

Corso di Recupero e conservazione degli edifici A.A. 2010-2011

Ing. Emanuele Zamperini

VERIFICA DELLA
SEZIONE COMPOSTA (6)

Rinforzo con soletta


in cls armato
La connessione tra
A1 e A2 deve essere
considerata
infinitamente rigida
(assumendo g1 = 1)

La larghezza della soletta


che pu essere
considerata collaborante
b1 = min { itravi , /5 + b2 }

Alla connessione tra


A2 e A3 si attribuisce
rigidezza doppia a
quella dedotta dalle
formule, infatti si
trascura la
deformazione per
rifollamento del cls.
N.B.:

Dove b2 la larghezza del


cordolo continuo
compreso tra la trave in
legno e la soletta

Corso di Recupero e conservazione degli edifici A.A. 2010-2011

Se il calcestruzzo risulta
teso in qualche punto si
deve inserire armatura
sufficiente a resistere
alle tensioni di trazione
calcolate.
Ing. Emanuele Zamperini

VERIFICA DELLA
SEZIONE COMPOSTA (7)
Nel caso che si
abbia un solaio con
travi in legno, soletta
in cls ed interposto
tavolato del quale
si voglia trascurare il
contributo il perno
considerato isolato
e
soggetto
a
flessione.
Il perno inserito nel
legno e nel cls
studiato con la teoria di
Winkler per le travi su
suolo elastico; si arriva
ad uno schema di trave
incastrata agli estremi
di lunghezza *.
* pari la distanza tra
le cerniere plastiche
che si creano nel
connettore metallico.
Corso di Recupero e conservazione degli edifici A.A. 2010-2011

Ing. Emanuele Zamperini

VERIFICA DELLA
SEZIONE COMPOSTA (8)
Il metodo di verifica della resistenza della sezione pu anche essere
differente da quello proposto da Mhler, ad esempio si pu ipotizzare un
comportamento non lineare del calcestruzzo della soletta.
In questo caso si ipotizza comportamento perfettamente plastico, ovvero
stress block rettangolare.

Corso di Recupero e conservazione degli edifici A.A. 2010-2011

Ing. Emanuele Zamperini