Sei sulla pagina 1di 9

www.libertasicilia.it mail: libertasicilia@gmail.

com Fondatore Giuseppe Bianca nel 1987


Attualit
Caso 118, Granata
paga la sanzione
di 35 mila euro
a pagina quattro
Si vota a Pachino e a Rosolini
Donna costretta a soggiacere
Arrestato un siracusano
Avrebbe assoggettato
una ragazza ai propri
voleri, fno a impedirle
di avere contatti con
lesterno. Una situazio-
ne che andava avanti da
circa un anno .
A pagina sette
ACQUA INDUSTRIA
ART. 118 POLITICA
Calcio
Il Citt di Siracusa
torna a Misterbianco
per i tre punti
a pagina quindici
Altri quattro indagati si sono avvalsi della facolt di non rispondere
Emesse le bollette di
chiusura per competenze
idriche della Sai 8 che si
riferiscono a maggio.
A pagina tre
Si chiude
il conto
con Sai 8
Nessun cambiamento di programma, si vota il 5 ottobre
prossimo per le elezioni regionali suppletiva nelle sei sezioni
di Pachino e nelle tre di Rosolini. Il Consiglio di Giustizia
amministrativa ha respinto la revocazione.
Nessun illecito, svolgevo servizi esterni per lAsp
Assenteismo allAsp: solo
un medico risponde al Gip
di Giuseppe Bianca
Per labolizione delle Pro-
vince regionali si registra
una brusca frenata. Uno
stop che era gi nellaria e
che coincide adesso con la
scadenza nella giornata di
ieri del termine ultimo per
la presentazione, da parte
dei Comuni, delle delibere
con le quali richiedere il
referendum. La consulta-
zione referendaria diventa
condizione necessaria per
formalizzare la fuoriusci-
ta da un Libero consorzio
e l'adesione a un altro. Il
referendum un emenda-
mento alla norma.
Province
Si torna
indietro
I primi cinque indagati,
coinvolti nelloperazione
anti assenteismo denomi-
nata Doctor House, por-
tata a termine dalla Guar-
dia di Finanza allAsp 8 di
Siracusa, sono sflati ieri
mattina dinanzi al Gip del
tribunale, Patricia Di Mar-
co per essere sottoposti ad
interrogatorio di garanzia.
Quattro di loro hanno pre-
ferito fare scena muta, av-
valendosi della facolt di
non rispondere.
A pagina due
A pagina tre
sabato 27 settembre 2014 anno XXVII n. 222 Direzione, Amministrazione e Redazione: via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 FAX 0931 60.006 Pubblicit: Poligrafca S.r.l. via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 Fax 0931 60.006 0,50
Anche il sindacato siracu-
sano aderisce al pacchetto
di otto ore di sciopero da
gestire sinergicamente.
A pagina quattro
Caso Eni
Sciopero
a Priolo
di Salvatore Maiorca
Fu scritto col sangue versato
sulla strada di Avola lo Sta-
tuto dei diritti dei lavoratori
che ora si vuole smantellare.
A cominciare dallormai...
A pagina dodici
Versato
sangue
siracusano
Ricorso rigettato
Il 5 ottobre
si ripete il voto
A pagina cinque
Quotidiano della Provincia di Siracusa Sicilia
CRONACA DI SIRACUSA 2 Sicilia 27 SETTEMBRE 2014, SABATO
I primi cinque inda-
gati, coinvolti nello-
perazione anti assen-
teismo denominata
Doctor House, por-
tata a termine dalla
Guardia di Finanza
allAsp 8 di Siracusa,
sono sflati ieri matti-
na dinanzi al Gip del
tribunale, Patricia Di
Marco per essere sot-
toposti ad interrogato-
rio di garanzia.
Quattro di loro han-
no preferito fare sce-
na muta, avvalendosi
della facolt di non
rispondere, mentre
soltanto un medico ha
ritenuto dovere spie-
gare il proprio operato.
E, quindi, durato ap-
pena il tempo di regi-
strare la presenza e di
trascrivere nel verbale
la volont di non par-
lare, linterrogatorio
di Maria Concetta
Visconti di 52 anni,
assistita dallavvoca-
to Emanuele Bosco,
Alessandra Pisano di
58, difesa dallavvo-
cato Michele Messina,
Rita Reale di 57, che
ha affdato la propria
difesa allavvocato Fa-
brizio Iaia, e Maurizio
Vecchio di 61, assistito
dallavvocato Giusep-
pina Caracciolo. Lu-
nico che si sottopo-
sto alle domande del
Gip, stato il medico
Matteo Fucile, assisti-
to dallavvocato Mar-
co Benintende. Alla
presenza del pubblico
ministero, Fucile ha
rigettato ogni addebi-
to sostenendo che nei
giorni e nelle ore di la-
voro in cui secondo le
indagini delle famme
gialle si sarebbe assen-
tato arbitrariamente
dal posto di lavoro pur
risultando presente
come risulta dal cartel-
lino segnatempo elet-
tronico, in realt non
si sarebbe mai assenta-
to perch aggregato a
servizi esterni sempre
per conto dellazienda
sanitaria provinciale.
Il giudice per le inda-
gini preliminari si ri-
servato sulla richiesta
della Procura della Re-
pubblica di Siracusa di
applicare a carico delle
diciannove persone, la
cui posizione giudizia-
ria sembra pi delicata
rispetto agli altri 14,
la misura interditti-
va della sospensione
dellesercizio del pub-
blico uffcio o servizio
ricoperto per la durata
di due mesi. Vorr, in-
fatti, dapprima chiu-
dere gli interrogatori
di garanzia a cui sono
chiamati a sottopor-
si gli altri dipendenti
dellAsp, iscritti nel
registro degli indagati.
Interrogatori che pro-
seguono il 2 ottobre
prossimo con Marisa
Bazzano di 62 anni,
Anna Maria Battiato
di 48 anni, Luigi Man-
gano di 53, Carmen
Scalia di 62 e Michele
Latino di 59 anni Lul-
tima udienza si terr il
6 ottobre prossimo per
Filippa Cocuzza di 61
anni, Lucia Cicitta di
65, Assunta Foti di 54
e Gianluca Aiello di 43
anni. Per tutti gli inda-
gati la Procura ha ipo-
tizzato a vario titolo i
reati di truffa aggrava-
ta ai danni del sistema
sanitario nazionale,
falso ideologico, falsa
attestazione di certif-
cazione.
Francesco Nania
Assenteismo
allAsp 8: solo
un medico
risponde al Gip
Eventi sulla
Shoah
e iniziative del
Museo del mare
SCENA MUTA DI ALTRI QUATTRO INDAGATI
CULTURA
Nuovo evento della rassegna del
Museo del mare, realizzata con la
collaborazione del Comune, intito-
late Il mare al museo.
Il prossimo appuntamento per
questa sera alle ore 19, con lo spetta-
colo SU-A, di e con Marika Pugliatti.
Si tratta di un'azione teatrale in 4
posizioni, realizzata su testi di Ione-
sco, Kane, Shakespeare, Valentin e
Wedekind, che ha gi fatto tappa a
Piacenza, Cremona, Parma, Pavia,
Milano, Reggio Emilia, Mantova,
Bologna.
Lo spettacolo si terr nella sede del
Museo del mare, in via Gaetano
Zummo 7. Per assistere sar neces-
sario prenotarsi al 335.6817870.
Anche il sindacato siracusano aderi-
sce al pacchetto di otto ore di sciope-
ro da gestire sinergicamente a livello
territoriale e sciopero delle fessibilit
di orario ed organizzative per tutto il
mese di ottobre. Riguarder i chimici
e i lavoratori dellenergia. Lagitazio-
ne stata proclamata dalle segreterie
generali di Filctem-Cgil, Femca-Cisl
e Uiltec-Uil, per rispondere alla posi-
zione poco chiara dellEni - dicono
- nei cui comportamenti non si evi-
denzia un piano industriale di svilup-
po ma soltanto vendite, dismissioni e
depositi. La decisione dei sindacati,
che prevede anche lastensione dei
dipendenti da ogni prestazione stra-
ordinaria per tutto il mese di ottobre,
stata adottata al termine di una riunione
del coordinamento unitario, a Roma,
per fare il punto sulla vertenza Eni con
particolare riguardo alla raffneria di
Gela. Lo sciopero nella zona industria-
le siracusana caratterizzato dal fatto
che lEni non ha pi dato alcuna rispo-
sta al progetto che appena una anno fa
fu presentato in pompa magna e che
riguardava un cospicuo investmento
per la riconversione degli impianti esi-
stenti a Priolo per dare vita al progetto
della Versalis. Nero il quadro generale
della situazione. Il disegno del mana-
gement, attraverso la chiusura del cra-
cking di Porto Marghera, che rischia di
Caso Eni, anche a Priolo
il sindacato programma
otto ore di sciopero
provocare effetti devastanti sullintera
area produttiva del quadrilatero padano,
della Raffneria di Gela, la vendita della
Raffneria di Livorno e la probabile di-
smissione di quello di Taranto, insieme
alla decisione di procedere alla cessione
di ramo dazienda a Sarroch - scrivono i
sindacati - rappresenta una dismissione
violenta della presenza industriale Eni
in Italia. Fermi, secondo Cgil, Cisl e
Uil, sia laccordo di programma di Por-
to Torres che i lavori di Gela dove non
sarebbero stati rispettati gli impegni
assunti dallazienda il 31 agosto presso
il ministero dello sviluppo economico
con sindacati, governo e Regione Sici-
lia.
In foto, il pubblico ministero Antonio Nicastro.
27 SETTEMBRE 2014, SABATO Sicilia 3 CRONACA DI SIRACUSA
Disavventura a lieto fne per una turista americana in vacanza in questi giorni
a Siracusa che ha dapprima smarrito e poi recuperato il portafoglio con docu-
menti, carte di credito e contanti. Il pronto intervento delluffcio documenti
smarriti della Polizia municipale, a cui lautista di uno dei bus navetta operanti
su Ortigia lo aveva consegnato dopo averlo trovato a bordo, ha permesso alla
turista di rientrare in possesso dei suo beni in pochissimo tempo.
I vigili urbani riconsegnano
a una turista il portafogli rubato
Province: marcia indietro
Si pensa alla legge Delrio
Lemedamento
del Movimento
cinque stelle
blocca lintera
impalcatura
ALLA SCADENZA SOLO 4 COMUNI CHIEDONO IL REFERENDUM
Per labolizione delle Pro-
vince regionali si registra
una brusca frenata. Uno
stop che era gi nellaria e
che coincide adesso con la
scadenza nella giornata di
ieri del termine ultimo per
la presentazione, da parte
dei Comuni, delle delibere
con le quali richiedere il
referendum. La consulta-
zione referendaria diventa
condizione necessaria per
formalizzare la fuoriuscita
da un Libero consorzio e
l'adesione a un altro.
Il referendum un emen-
damento inserito alla nor-
ma sullo scioglimento
delle Province, a inserire
la consultazione popolare
come passo necessario per
la fuoriuscita e l'adesione a
un concorso.
Alla scadenza del termine,
sono soltanto quattro i co-
muni che hanno deliberato:
Termini Imerese e Acirea-
le (fuoriuscendo dalla cit-
t metropolitana non era
necessario il referendum),
Gela (dove il primo tenta-
tivo di consultazione popo-
lare gi fallito) e Piazza
Armerina. Per il resto, nes-
suno degli altri Comuni si
sentito coinvolto al punto
da presentare proprie deli-
bere di cambiamento dello
status quo.
In vista dell'attribuzione
delle competenze ai nuo-
vi enti, torna in maniera
preponderanza lipotesi di
applicare il decreto Delrio.
La legge regionale che ha
istituito i Liberi Consorzi
comunali e le citt metro-
politane, non pu che rap-
presentare l`inizio di un
percorso per un nuovo.
Il decreto Delrio preve-
de il mantenimento delle
Province, per le quali per
verranno ridefniti com-
piti e funzioni. Alla stessa
stregua dei Liberi consorzi,
l'ente cesser di essere un
organo elettivo: a fare parte
delle nuove giunte provin-
ciali e dei nuovi consigli,
infatti, sarebbero i sindaci,
gli assessori o i consiglieri
eletti dei Comuni che ap-
partengono al territorio sot-
to cui la giurisdizione della
provincia rimane. Gli stessi
non precepirebbero alcuna
indennit. Gli organi quin-
di verranno scelti attraver-
so le elezioni di secondo
livello. Il presidente, sar
il sindaco del comune ca-
poluogo; l'assemblea dei
sindaci raggrupper tutti i
primi cittadini del circon-
dario, il consiglio provin-
ciale, sar formato da 10 a
16 membri scelti tra gli am-
ministratori municipali del
territorio. Sul fronte delle
competenze, la pi impor-
tante funzione in capo alle
Province sar quella rela-
tiva alledilizia scolastica
oltre a quella riguardante le
pari opportunit. Mentre su
trasporti, ambiente e mobi-
lit gli enti avranno il com-
pito della pianifcazione.
Insomma la Sicilia, che
partita per prima con la
riforma delle Province, ri-
schia di rimanere lultima
ad applicarla.
Giuseppe Bianca
Sono state emesse le
bollette di chiusura per
competenze idriche della
fallita Sai 8 che si riferi-
scono a tutto il 25 maggio
scorso, data di cessazione
dellesercizio provvisorio
disposto dal Tribunale di
Siracusa.
Come da verbale del 31
luglio, sottoscritto da tutti
i Comuni e dal Consorzio
ATO Idrico di Siracusa, le
bollette sono a conguaglio
degli effettivi consumi a
tutto il 25 maggio 2014.
Ci nel caso in cui le
Amministrazioni Comu-
nali abbiano provveduto a
comunicare le letture dei
contatori; in mancanza, o
nel caso in cui non fosse
stato possibile rilevare le
letture, i consumi sono
stati calcolati sulla base di
quelli storici.
La Curatela, a tutela della
procedura fallimentare e
della massa dei credito-
ri, invita tutti gli utenti a
regolarizzare le proprie
posizioni debitorie, anche
pregresse, nel pi breve
tempo possibile al fne di
non incorrere nelle proce-
dure di recupero coattivo
con aggravio dei costi.
Bollette che stanno arri-
vando al domicilio degli
utenti siracusani, molti dei
quali si lamentano perch
ricevono soltanto gli avvisi
di giacenza e sono costretti
a lunghe code presso la
sede dellagenzia privata
incaricata del recapito
delle cartelle.
Con le bollette
di maggio
si chiude il conto
con il fallimento
della Sai 8
Prima, vera pioggia della nuova stagione
a Siracusa e soliti problemi. Nella matti-
nata di ieri allingresso sud di Siracusa,
allaltezza della rotatoria di viale Paolo
Orsi, pericolose pozzanghere e rischio
acqua-planning per le vetture in transi-
to, anche a velocit ridotta. E stato ri-
volto linvito di guidare con prudenza
ma alla prima perturbazione, la citt si
fatta trovare impreparata.E siccome
siamo al primo temporale e le avvisaglie
le abbiamo avute dice Stefano Munaf,
Nubifragi e soliti allagamenti
segretario territoriale della Uil linvito
quello di studiare e prendere subito delle
contromisure. Lo diciamo da anni ma nulla
stato fatto per evitare che la citt diventi
un lago, con le gravi conseguenze che poi
si verifcano. Alcune strade gi laltro ieri
mattina non potevano essere percorse. Ed
bastata unora scarsa di pioggia per creare
disagi alla circolazione, far saltare alcune
fognature e far penetrare lacqua in alcuni
edifci scolastici che presentano gravi pro-
blemi strutturali.
INTERVENTO DEL SEGRETARIO DELLA UIL, MUNAF
In foto, la Provincia regionale di Siracusa.
LA VERTENZA SIRACUSANA SI AGGANCIAA QUELLA DI GELA
Avviate le procedure per servizi
sanitari anche a Villasmundo
I vertici del Comune di Melilli e
dellAsp di Siracusa, rispettivamente il
Vicesindaco Arcangela Palmeri e il di-
rettore generale Salvatore Brugaletta,
si sono incontrati la scorsa settimana
per discutere sulle concrete possibilit
di realizzare una mini struttura ambula-
toriale utile a rispondere alle esigenze
sanitarie dei cittadini residenti a Vil-
lasmundo. Vagliata la problematica e
considerata la fattibilit, Palmeri e i
Consiglieri Comunali di maggioranza
del posto, Mirko Caruso, Enzo Coco,
Giuseppe Giampapa e Alfredo Russo,
hanno effettuato un sopralluogo con-
giunto per verifcare lidoneit di di-
versi immobili ricadenti nel cuore della
frazione. I cittadini di Villasmundo,
dice il Vicesindaco Palmeri, anche per
la semplice prenotazione di visita spe-
cialistica, sono costretti a recarsi fuori
zona. E non tutti hanno la disponibilit
di un mezzo proprio. Sento di ringra-
ziare il Direttore Generale dellAsp di
Siracusa, Brugaletta, per la sensibilit
dimostrata e disponibilit che ha rite-
nuto accordarmi. Defnito liter appena
avviato, infatti, avremo la certezza di
garantire alcuni servizi di prima neces-
sit alla nostra popolazione residente
nella frazione di Villasmundo. Le linee
guida sono state gi tracciate, occorre
solamente adeguare i locali individuati
e renderli idonei alluso.
Sulla sentenza d'appel-
lo della Corte dei Conti
relativa al risarcimento
che diciassette politici do-
vranno fare nei confronti
della Regione Sicilia per
la vicenda della fornitura di
ambulanze e delle assunzio-
ni alla Sise, la societ che
gestiva il 118, si tenuta
a Palermo una conferenza
stampa congiunta con-
vocata dal coordinatore
regionale di Ncd Francesco
Cascio, dal segretario re-
gionale dellUdc Giovanni
Pistorio e dal coordinatore
nazionale di Green Italia,
Fabio Granata.
Lex parlamentare regio-
nale siracusano, che gi
aveva risposto da queste
colonne, ha sostenuto di
avere gi pagato la somma:
Non potevamo continuare
a stare zitti: in questi anni
non abbiamo detto nulla
mentre assistevamo al
saccheggio di una regione
e ad ogni nefandezza. Mi
sono trovato in questo cono
mediatico del 118.
Un castello di carta che
non doveva essere mon-
tato ma aveva il nome di
Cuffaro pi 17 - prosegue
lex assessore regionale
siracusano - Le ambulanze
In foto, il coordinatore nazionale di Green Italia, Fabio Granata.
Caso 118, Granata ha pagato
la sanzione di 35 mila euro
Per lex parlamentare regionale siracusano era
Un castello di carta montato su Cuffaro
CONFERENZA STAMPA CONGIUNTA IERI MATTINA ALLARS
sono sempre state ritenute
congrue, tutte le forze po-
litiche hanno ratifcato che
il numero delle ambulanze
erano necessarie per coprire
bene il servizio.
Numero confermato poi
sia dallassessore Massimo
Russo e dallattuale Lucia
Borsellino. Non ci sono sta-
te assunzioni come invece
stato detto ma abbiamo
ottenuto un risparmio dalla
diminuzione delle ore di
lavoro per i dipendenti, da
36 a 30 ore.
Le somme dovute saranno,
per la precisione, 35 mila
euro ciascuno, per Salva-
tore Cuffaro, Antonio D'A-
quino, Francesco Scoma,
Francesco Cascio, Mario
Parlavecchio, Giovanni Pi-
storio, Santi Formica, Anto-
nio Dina, Giuseppe Basile,
David Costa, Giuseppe
Arcidiacono, Giancarlo
Confalone e Angelo Stefa-
no Moschetto. Altri 28 mila
euro ciascuno per Fabio
Granata, Innocenzo Leon-
tini, Carmelo Lo Monte e
Michele Cimino.
La richiesta iniziale della
Procura della Corte dei
Conti a carico dei politici
coinvolti nella vicenda era
molto superiore.
R.L.
CRONACA DI SIRACUSA 4 Sicilia 27 SETTEMBRE 2014, SABATO
INCONTRO TRA VERTICE DELLASP E IL VICESINDACO DI MELILLI
ambIente
Rigenerazione
industriale
Convegno
ambientalista
ad Augusta
Si terr questa mattina,
a partire dalle ore 10,
presso lAntico Mercato
di Augusta, il convegno
nazionale "Rigene-
razione industriale":
oltre il fossile, in difesa
del popolo inquinato,
organizzato da Green
Italia-Verdi Europei ,
in collaborazione con il
gruppo Parlamentare
Verde a Bruxelles.
La riconversione eco-
logica delleconomia e
della societ conviene
sia in termini economi-
ci che sociali. Bisogna
considerare vie duscita
dalla crisi economica,
ambientale e sanitaria
che attanagliano i terri-
tori che sono stati teatro
di un modello produtti-
vo basato sul fossile.
I settori pi innova-
tivi hanno gi saputo
adottare strategie di
produzione orientate
a tecnologie verdi
pi effcienti, adatte
a rispondere ai nuovi
bisogni. Solo cos si pu
invertire la tendenza del
calo delloccupazione
e di output industriale,
con scelte sostenute da
politiche ed investimenti
a livello nazionale ed
europeo.
Interverranno al con-
vegno Fabio Granata,
Roberto Della Seta, Pao-
lo Guarnaccia, Annalisa
Corrado, Francesco
Ferrante, Monica Cen-
tanni, Vincenzo Ciffo,
Mimmo Fontana, Lean-
dro Ianni, Marco Stella,
Giuseppe Di Mare, Se-
bastiano Butera, Peppe
Patti, Paolo Pantano,
Adelaide Conti, Gianni
Stracquadanio.
Concluder Monica
Frassoni, copresidente
del partito dei Verdi
Europei.
27 SETTEMBRE 2014, SABATO Sicilia 5 CRONACA DI SIRACUSA
Rigettato lultimo ricorso
Confermate le elezioni
a Pachino e a Rosolini
IL CGA RITIENE IMPOSSIBILE LA REVOCAZIONE
Nessun cambiamento di
programma, si vota il 5
ottobre prossimo per le ele-
zioni regionali suppletiva
nelle sei sezioni di Pachi-
no e nelle tre di Rosolini.
Il Consiglio di Giustizia
amministrativa ha respinto
la revocazione presentata
dallon. Enzo Vinciullo
e da altri parlamentari
regionali siracusani che
sostenevano la possibilit
di ricorrere al conteggio
delle schede, dopo che
erano stati rinvenuti i pli-
chi nel vecchio palazzo di
Giustizia di Avola. Il Cga
ha ritenuto comunque di
dovere procedere con le
operazioni di voto in questi
due comuni, perch non
stata ritrovata la busta 5-R
che sarebbe determinante
ai fni del riconteggio delle
schede elettorali dellotto-
bre 2012. Dopo la prima
spiega che la verifcazione
non si pu effettuare perch
i plichi elettorali richiesti
dal Cga sono andati distrutti
a causa di un allagamento
degli scantinati dove era
depositato il materiale
elettorale.
Nellistanza di revocazio-
ne, viene sostenuto che
sono state ritrovate le bu-
ste elettorali. Ma il dottor
Gullotta della polizia giu-
diziaria presso la Procura di
Siracusa, smentisce perch
per al Comune di Rosolini
manca la busta contraddi-
stinta dalla sigla 3/R della
sezione n.2, mentre per il
Comune di Rosolini, sia
per il Comune di Pachino
mancano tutte le buste
contraddistinte dalla sigla
5/R. Se stato trovato altro
materiale elettorale non
centrerebbe nulla con la
sentenza emessa dal Cga
che indice nuove elezioni
in 9 seggi, poi sancita dalla
delibera del presidente del-
la Regione che ha indetto la
ripetizione delle elezioni.
Se gi in queste settimane
cera il classico fermento
da campagna elettorale, con
lo scioglimento dellultimo
dubbio, i comuni di Pachino
e di Rosolini ripiombano in
pieno clima elettorale.
Comizi, dibattiti, comuni-
carti stampa, dichiarazioni
di fuoco, denunce si susse-
guono a ritmo incessante in
queste ore e proseguiranno
fno alla vigilia del voto del
5 ottobre. Tutti i parlamen-
tari regionali siracusani e
coloro che per pochi voti
non ce lhanno fatta due
anni addietro, tornano in
discussione per misurarsi
con la singolare ripetizione
del voto in nove sezioni.
F.N.
Prendo atto con grande amarezza che non
si voluta accertare la verit e colpire colo-
ro i quali avevano effettivamente fatto ricor-
so all'uso fraudolento della scheda balleri-
na, preferendo, invece, sparare sul mucchio,
mandando tutti alle urne - questo il com-
mento dellon. Enzo Vinciullo che prose-
gue-. Non conosco ne mi interessa, a questo
punto, conoscere le motivazioni adottate dal
CGA, non comprendo, per, il motivo per il
quale stato scomodato il Signor Prefetto di
Siracusa, chiedendogli un autorevole parere
Espropriati i poteri del Parlamento
dall'esito chiaro e certo. So solo che questa de-
cisione cancella sessant'anni di Autonomismo
Parlamentare e questa era l'unica motivazione
per la quale avevo intrapreso questa battaglia:
la difesa della legislazione parlamentare si-
ciliana. Da oggi, il Parlamento Siciliano non
ha pi motivo di esistere, i suoi poteri sono
stati espropriati defnitivamente; lo si sciolga,
pertanto, dal momento che non siamo stati in
grado di difenderlo in maniera nobile ed alta,
cosa che, invece, avevano fatto i nostri Padri
che avevano garantito rango Costituzionale
LA DICHIARAZIONE DEL DEPUTATO ENZO VINCIULLO
Una sentenza incredibile ha dichiara-
to il deputato regionale siracusano Bruno
Marziano, con riferimento alle decisioni del
Consiglio di giustizia amministrativa per la
programmata mini tornata delle elezioni re-
gionali che si svolgeranno il 5 ottobre pros-
Una sentenza
che non tiene conto
del Prefetto
IL COMMENTO DEL DEPUTATO REGIONALE MARZIANO simo in 6 sezioni di Pachino e 3 di Rosolini
-, che non tiene conto della dichiarazione del
prefetto e che pervicacemente ribadisce il ri-
torno alle urne. Paradossalmente, la sentenza
del 3 settembre scorso, che aveva determi-
nato una aspettativa di revocazione, ha fatto
solo perdere 20 giorni di campagna elettorale
a quanti di noi sono impegnati nella mini tor-
nata.
Essendo stato uno dei deputati pi presenti
nel territorio conclude Marziano -, e aven-
do in questi anni lavorato per risolvere i pro-
blemi dellagricoltura delle due comunit e
dellintera zona sud, affronto le elezioni con
grande serenit sicuro del sostegno che mi
daranno gli elettori.
In foto, Pachino e Rosolini.
In foto, Enzo Vinciullo. Sotto, Bruno Marziano.
ordinanza del Cga di Paler-
mo notifcata alla Prefettura
di Siracusa il 30 ottobre
del 2013, si passati al 6
dicembre del 2013, quan-
do il funzionario delegato
dal prefetto di Siracusa,
Salvatore Fortuna, chiese,
cos come ordinato dal
Cga, la verifcazione delle
schede sospette al tribunale
di Siracusa.
Il 18 dicembre dello scorso
anno, la Prefettura scrive
di essere impossibilitata
a compiere la verifcazio-
ne per la mancanza delle
schede. Il presidente del
tribunale di Siracusa in
una nota inviata al Prefetto
Una seduta consi-
liare ricca di con-
tenuti quella svolta
nellaula di via Prin-
cipessa Jolanda a
Ca-nicattini Bagni,
nel corso della qua-
le sono stati esitati
tutti i punti allordi-
ne del giorno decisi
dalla conferenza dei
capigruppo, in parti-
colare lapprovazio-
ne dei regolamenti
e delle aliquote per
lanno 2014 dellImu
e della Tari, la nuova
tassa compresa nella
IUC (Imposta Unica
Comunale) che sosti-
tuisce la Tarsu per la
copertura dei costi
del servizio di spaz-
zamento, raccolta e
smaltimento dei ri-
futi.
I lavori consiliari,
aperti dal presiden-
te Antonino Zocco,
hanno visto al pri-
mo punto la lettura
e lapprovazione dei
verbali di sedute pre-
cedenti (nn. da 12 a
21 del 28-7-2014;
nn. da 22 a 26 dell8-
9-2014). Sullargo-
mento si sono regi-
strati gli interventi
del capogruppo di
minoranza Traspa-
renza e Cambiamen-
to, Pietro Savarino,
che ha sollecitato una
pi attenta redazione
dei verbali in partico-
lare per quanto ri-
guarda gli interventi
sulle deliberazioni e
non tanto i dibattiti;
e quello del consi-
gliere dello stesso
gruppo, Sebastiano
Gazzara.
I verbali venivano
approvati, per quanto
riguarda la delibe-
razione n. 12 con i
9 voti della maggio-
ranza e i 5 voti con-
trari della minoranza,
per tutti gli altri, con
11 voti favorevoli e 3
contrari.
Passando al punto
successivo, relativo
alle comunicazio-
ni, il sindaco Paolo
Amenta annunciava
in aula che dopo lap-
provazione da parte
dellAssessorato re-
gionale al Turismo
del progetto presen-
tato dal Comune per
quanto riguarda la
sistemazione e lam-
modernamento del-
lo Stadio comunale,
con nuove tribune,
manto in erba sinte-
tica, nuovi spogliatoi
e parcheggi, la Corte
dei Conti ha esitato
favorevolmente i de-
creti di fnanziamen-
to che per il momen-
to riguarderanno una
prima trance dei la-
Canicattini approva
Tari e aliquota Imu
vori. Si passati cos
al punto successivo
relativo al Regola-
mento IMU, dove
stata proposta una
aggiunta nella par-
te relativa allart. 10
sulle assimilazioni,
nel senso che viene
considerata abitazio-
ne principale anche
le unit immobiliare
concessa con contrat-
to di comodato, rego-
larmente registra-to,
limitatamente allan-
no 2014, a parenti in
linea retta entro il pri-
mo grado che la uti-
lizzano come abita-
zione principale (dal
01/01/2014) ,nel solo
caso in cui il como-
datario appartenga a
un nucleo familiare
con ISEE non supe-
riore ai 15.000 euro
annui. In caso di pi
unit immobiliari, la
predetta agevolazio-
ne pu essere appli-
cata ad una sola unit
immobiliare, e viene
concessa a seguito
di istanza prodotta
dal richiedente su
modulo predisposto
dallente presenta-
ta entro il 31 Ottobre
dellanno dimposta.
Il Regolamento, con
laggiunta di ci sopra,
veniva approvato con
i 9 voti della maggio-
ranza, lastensione
dei due consiglieri
del Gruppo Misto,
mentre come aveva
annunciato il capo-
gruppo Pietro Sava-
rino, i tre consiglieri
di Trasparenza e
Cambiamento non
partecipano alla vota-
zione.
Si passa cos allap-
provazione delle ali-
quote IMU per lanno
in corso, invariate ri-
spetto allanno prece-
dente, tenendo conto
che non si paga pi
labitazione principa-
le tranne nei casi di
categoria A1,A8,A9
e per le relative perti-
nenze, per cui pre-
visto il 4 per mille.
Pertanto, la proposta
messa
ai voti stata dellap-
plicazione di una ali-
quota base nella mi-
sura dello 0,99 % per
le seconde abita-zio-
ni; dello 0,40% per le
abitazione principale
e relative pertinenze
delle categorie di cui
sopra; e dello 0,76%
per i fabbricati di ca-
tegoria D.
Sulle proposte sono
intervenuti, per di-
chiarazione di voto,
il capogruppo, Pietro
Savarino, contrario
al voto delle aliquote
proposte in quanto, a
suo dire, non frutto di
unanalisi e verifca
delle spese dellEnte,
dove sarebbero anco-
ra possibili margini
di riduzione; e subito
dopo il capogruppo
del Gruppo Misto,
Sebastiano Cascone,
anchegli contrario
allapplicazione della
proposta.
Per la maggioranza
di Sviluppo e Futu-
ro a motivare il voto
favorevole alla pro-
posta dellAmmini-
rebbero di un ulterio-
re 30% i conferimenti
in disca-rica e quindi
i costi a carico dei
cittadini. Lobiettivo,
pertanto, per il sinda-
co Amenta, quello
di aumentare la rac-
colta differenziata.
Sullargomento
intervenuto il consi-
gliere Pietro Savari-
no, proponendo per
il prossimo anno,
visto che ormai per
il 2014 nessuna mo-
difca pu essere
apportata al Piano
fnanziario dei costi,
per la maggior parte
gi eseguiti, di va-
lutare ed inserire nel
Regolamento, agevo-
lazioni non solo per
le persone sole, come
gi previsto, ma an-
che a scalare per le
famiglie composte da
2 e 3 componenti. Il
vice presidente del
Consiglio, Fabrizio
Cultrera, ha ulterior-
mente sottolineato
come anche fami-glie
di quattro persone
possano trovarsi in
condizioni di bisogno
e quindi di non poter
pagare il tri-buto, per
cui lintera materia
va attenzionata gi
dal prossimo anno.
Per il consigliere Se-
bastiano Cascone,
invece, va risolto al-
tres il problema del-
le contrade, essendo
il Comune di Cani-
cattini Bagni privo
di territorio proprio
e circondato soprat-
tutto dal territorio di
Noto, ma anche di
Palazzolo, per cui
gli cittadini abitanti
delle contrade attor-
no al centro abitato
ca-nicattinese, confe-
riscono i rifuti a Ca-
nicattini Bagni senza
pagare alcun tributo
e senza avere il ser-
vizio dai rispettivi
Enti di appartenenza.
Un problema non se-
condario considera-
to che il territorio di
Noto si espande sino
al centro abitato cani-
cattinese. Cascone ha
invitato inoltre lAm-
ministrazione ad es-
sere pi rigida nel far
rispettare le regole
nel conferimento dei
rifuti da parte dei
cittadini, cos come
degli orari, o della
raccolta delle eiezio-
ni dei cani.
A tal proposito las-
sessore allEcologia,
Salvatore La Rosa,
ha precisato che il
problema delle con-
trade, verr riaperto
con le Amministra-
zioni dei Comuni in-
teressati,.
strazione comunale,
stata la consigliera
Giusy Mara Ricupe-
ro, legando la scelta
allapplicazione del-
le aliquote al Fede-
ralismo Fiscale che,
dopo i tagli ai trasfe-
rimenti delle risorse
fnanziarie ai Comu-
ni da parte di Stato e
Regione, fa obbligo
agli Enti Locali di
reperire le risorse per
i propri bilanci e ga-
rantire cos i servizi,
attraverso le impo-
sizione di tasse e tri-
buti ai cittadini. Tra
laltro, ha concluso la
Ricupero, le aliquote
non sono state mo-
difcate rispetto allo
scorso anno.
Le aliquote IMU
proposte vengo-
no approvate con 9
voti favorevoli della
maggioranza e 5 voti
contrari dellopposi-
zione.
Sulla TARI e ad il-
lustrare la proposta
dellAmministrazio-
ne il sindaco Paolo
Amenta.
Non vorremmo mai
applicare tributi e tas-
se nei confronti dei
cittadini, ha esordi-
to il primo citta-dino
che ha spiegato come
Il tributo TARI isti-
tuito per la copertura
integrale degli inter-
venti rela-tivi al ser-
vizio di gestione dei
rifuti urbani ed assi-
milati, comprensivi
di tutti i costi relativi
ad inve-stimenti per
opere e relativi am-
mortamenti, nonch
di tutti i costi dello
smaltimento dei ri-
futi nelle discariche
ed i costi per il servi-
zio di spazzamento e
lavaggio delle strade
pubbliche.
Un tributo che viene
deciso e calcolato an-
nualmente in base ai
costi sostenuti, con
la scelta, ha detto il
sindaco, di evitare di
penalizzare le attivit
produttive, soprattut-
to in questa diffcile
di crisi eco-nomica,
preferendo spalmare
su tutti i contribuenti
le eventuali pesan-
tezza che al contrario
avrebbe-ro ancora
di pi danneggiato
i settori produttivi.
Non solo, ha conclu-
so il primo cittadino,
come stato illustra-
to proprio nei giorni
scorsi, il Comune as-
sieme ad altri cinque
Comuni dellUnione
ha costituito lARO
Valle dellAnapo
dotandosi di un nuo-
vo Piano della gestio-
ne dei rifuti, massi-
mizzando la raccolta
differenziata con il si-
stema del porta a por-
ta, proprio per ridurre
i costi del ser-vizio,
oggi maggiorati an-
che dal fatto di dover
conferire in discari-
che sempre pi lon-
tane da Cani-cattini
Bagni, e dallassenza
di un Piano regiona-
le per limpiantisti-
ca, in particolare per
quanto ri-guarda le
piattaforme di com-
postaggio, che ridur-
Queste le ali-
quote per la
tassa sui rifuti
Abitazione
e pertinenze
euro 2,13; Cat.
II Uffci euro
3,10; Cat. III
Circoli euro
4,60; Cat. IV
Negozi euro
6,00; Cat. V
Bar Trattoria
euro 7,70.
CRONACA DI SIRACUSA 6 Sicilia 27 SETTEMBRE 2014, SABATO
Palazzolo
Acreide
Rubano
vini doc
Arrestati
due
romeni
Sorpresi subito
dopo aver rubato
diverse bottiglie
di vino pregiato
vengono arrestati
dai Carabinieri.
Lepisodio acca-
duto a Palazzolo
Acreide nel corso
della tarda serata
di ieri. Le manette
sono scattate ai
polsi di due citta-
dini romeni Ionut
Gopsa di 21 anni
e Bogdan Balauga
di 28.
I due sono stati
sorpresi allinter-
no del parcheggio
di un ristorante di
Palazzolo subito
dopo aver aspor-
tato dalla cantina
dodici bottiglie di
vino pregiato. Le
successive per-
quisizioni perso-
nali e domiciliari
consentivano di
rinvenire un cel-
lulare, 5 bombole
di gas nonch
attrezzi da lavoro
vari risultati tutti
provento di pre-
gressa ed analoga
attivit delittuosa
e che verranno
restituiti ai legitti-
mi proprietari. gli
arrestati, espletate
le formalit di rito,
venivano tradotti
presso le camere
di sicurezza della
Stazione Cara-
binieri di Noto
in attesa della
celebrazione del
rito direttissimo
presso il Tribunale
di Siracusa.
27 SETTEMBRE 2014, SABATO Sicilia 7 CRONACA DI SIRACUSA
Ridusse una donna in schiavit
Arrestato per maltrattamenti
La vittima
ha trovato il
coraggio di
denunciarle
il presunto
carnefce
che stato
acciuffato dai
carabinieri
di Belvedere
Avrebbe assogget-
tato una ragazza ai
propri voleri, fno a
impedirle di avere
contatti con lester-
no. Una situazione
che andava avanti da
circa un anno e che,
grazie alla reazione
e alla denuncia della
vittima, stato possi-
bile ai carabinieri di
fermarla.
In esecuzione di
unordinanza di cu-
stodia cautelare in
carcere emessa dal
Gip del Tribunale di
Siracusa, i carabinie-
ri di Belvedere hanno
arrestato e tradotto in
carcere Alessandro
Incognito, 41enne si-
racusano, per maltrat-
tamenti in famiglia
e lesioni personali
aggravate. Luomo,
dal mese di ottobre
del 2013 sino allo
scorso maggio, ha
attuato reiterate ves-
sazioni psicologiche
nei confronti di una
26enne siracusana,
che in quel periodo
di tempo ha con lui
convissuto dopo es-
sere stata convinta di
esserne la sorellastra.
Alla ragazza era proi-
bito uscire, se non
in sua compagnia,
coltivare amicizie,
relazioni sentimen-
tali e persino cercare
unoccupazione, ri-
manendo completa-
mente isolata dalla
societ e defnitiva-
mente allontanata
dalla sua famiglia di
origine. Questa con-
dizione di vuoto ed
isolamento aveva
fnito per gettare la
giovane in uno stato
di assoggettamento e
sudditanza nei con-
fronti di Incognito, le
cui minacce di morte,
le umiliazioni, le ag-
gressioni sia fsiche
che verbali erano
riuscite nellintento
di piegare la volont
della vittima per il
terrore di subire ulte-
riori maltrattamenti.
In unoccasione la
ragazza scappata da
una fnestra trovan-
do riparo da alcuni
conoscenti ma, rag-
giunta dallindaga-
to, viene trascinata
a forza sulla vettura
e riportata a casa,
presentandosi alcuni
giorni dopo presso
labitazione, con visi-
bili segni di percosse,
per ritirare alcuni ef-
fetti personali lasciati
durante la breve fuga.
La spirale di violenza
termina nel mese di
maggio scorso allor-
quando la vicenda
viene sottoposta ai
Carabinieri che, si
preoccupano di ga-
rantirne lincolumit
trovandole rifugio in
una localit protetta..
R.L.
In foto, Alessandro
I ncogni t o. Sot t o,
Giancarlo Tringali.
Omicidio Tringali
In aula una teste
Dubbi su Pascalau
SI PARLATO DELLA FREQUENTAZIONE TRA LA VITTIMA E LA CESTISTA
E stata la volta
di una teste della
difesa a comparire
nellaula di Corte
dAssise di Siracusa
al processo a carico
di Francesco Giar-
racca, limprendi-
tore priolese arre-
stato nel dicembre
del 2012 perch
ritenuto lautore
dellomicidio di
Giancarlo Tringali,
consumato la notte
tra il 24 ed il 25 mar-
zo 2012 nella stan-
za numero 105 del
Residence sport,
annesso allimpianto
di pallacanestro di
contrada Mostrin-
giano a San Foc di
Priolo Gargallo. Al
cospetto dei giudici
comparsa Maria Cri-
stina Salemi, amica
della moglie della
vittima, la quale ha
riferito sulla presun-
ta frequentazione
che cera fra il Trin-
gali e lex giocatrice
di pallacanestro della
Trogylos di Priolo,
Florina Pascalau. La
teste ha detto di avere
visto i due in qualche
circostanza insieme e
di averlo riferito alla
moglie che sospetta-
va ci fosse qualcosa
di pi tra i due. Per
dare un riscontro alle
dichiarazioni della
donna stata citata
proprio il forte Pi-
vot romeno, che in
quel periodo in cui
avvenuto lomici-
dio Tringali militava
nelle fle biancoverdi
della Trogylos. Ma
fno a questo mo-
mento i tentativi di
rintracciare la teste
non sembrano avere
avuto successo.
Nell'ultima udienza
stato escusso anche
un consulente infor-
matico, citato dal
pubblico ministero
Antonio Nicastro.
Il processo prosegue
alludienza del 30
settembre prossimo.
In quella circostanza
saranno sentiti altri
testi che arricchiran-
no listruttoria dibat-
timentale con le pro-
prie dichiarazioni.
Il processo a carico
di Giarracca entra
quindi nella fase cal-
da prima di dedicarsi
alla discussione.
Tale padre,
tale fglio
Tra i tanti suoi
meravigliosi
successi conse-
guiti da ragazzo
c da ricordare
quello che egli
ottenne diciasset-
te anni addietro,
il 26 novembre
del 1997, suo-
nando al Palazzo
Vermexio
di Arturo Messina
Ancora una volta la-
damantina tenacia
che possiede e il cos
grande e ben meritato
prestigio di cui gode,
il non comune talento
dartista e dorganiz-
zatore hanno permes-
so a Nello Alessi (
il pi apprezzato dei
virtuosi cultori della
sei corde classica) di
concludere alla grande
la 19a edizione del Fe-
stival Internazionale
della Chitarra. Il che,
se rende pienamente
soddisfatto lui, che
il fondatore e lorga-
nizzatore dun cos
importante evento
musicale, cui segue
cronologicamente (
giunto alla IX edizio-
ne) il Concorso Lirico
Internazionale Voci
dal Mediterraneo-
Premio Archimede
fondato dal tenore si-
racusano Benito Na-
stasi, certamente d
considerevole lustro
alla citt darte e cul-
tura e molto contribu-
isce ad giustifcarne il
prestigio e la notoriet
di cui gode nel mondo
culturale e artistico
globale.
Ha inteso concluder-
la personalmente, fa-
cendo anche da pro-
tagonista nellultimo
degli encomiabili e
applauditi concerti di
questa edizione; non
solo ma, dato che nel
precedente concerto
si erano esibiti due
fratelli (i bravissimi
Marco e Stefano Bon-
fanti) dando prova
del pi straordinario
affatamento (dimo-
strato anche spetta-
colarmente suonando
un pezzo a quattro
mano, su ununica
chitarra!) egli ha vo-
luto fare altrettanto.
Infatti, anzich esibirsi
con il violista Deme-
trio Camuzzi, come
era stato previsto, ha
voluto farlo assieme a
Suo fglio Simone che,
oltre al latte della ma-
dre, si pu desumere
che abbia ciucciato,
pardon, assimilato fn
dalla nascita le note,
la tecnica e lo stile del
padre, fno a conse-
guire brillantemente,
giovanissimo, lo stes-
so diploma del padre
e con il massimo dei
te anni addietro, il 26
novembre del 1997,
suonando al Palazzo
Vermexio, quando al
padre venne conferi-
to il Premio Cultura e
Socialit-Oscar della
Siracusanit con una
poetica motivazione,
di cui ci piace ripor-
tare una parte: Nello
Alessi, chi vuci ha la
to chitarra/ quannu a
accarizzi cu la sperta
manu/ ritta e a cat-
tigghi cu la manca:
para!// Suonni aggita-
ti, duci cantu arcanu/
u versu suddhu dici:
E tra i chi rari/
maistri i ssu diff-
cili strummentu, / e a
Sarausa sapi anurari/
dannu cuncerti e cu
linsignamentu..
Anche il programma
(scelto per mettere in
evidenza sia la sec-
cezionale padronanza
tecnica che la straordi-
naria capacit penetra-
tiva del testo e la rara
sensibilit interpre-
tativa, nonch laffa-
tamento cos perfetto
da dare agli ascoltatori
Fandanguillo e una
Danza che hanno mes-
so in rilievo sia il raro
talento del composito-
re spagnolo che quello
di chi lha eseguito.
La prima parte del
concerto stata dedi-
cata al sommo chitar-
rista e compositore che
tutti conoscono: Isaac
Albeniz di cui sono
stati eseguite alla gran-
de Granada e Asturias,
che tutti conoscono e
tutti coloro che suo-
nano la chitarra cer-
cano di eseguire: ma
certamente non con la
bravura di chi lha ese-
guito sabato scorso!
Nella seconda parte
del concerto si sono
avvicendati padre e
fglio possiamo dire
quasi con la stessa pa-
dronanza tecnica e la
stessa sensibilit inter-
pretativa, con meravi-
gliose composizioni
anchesse allinsegna
del contenuto musica-
le e forma prettamente
spagnolo, se si consi-
dera che, come lo stes-
so concerto ha avuto
inizio in Duo con le so-
nate d un compositore
italiano (Cimarosa),
con un autore italiano
e in Duo si concluso,
dopo Mazurka cho-
ro, Scottish Choro e
Vaksa Chiri du Eitor
Villa Lobos, Elegia
di Joann Kaspar Mertz
e Valzer di A. Barrios
Margor. E si sa che
tante volte il canzo-
niere piace pi della
musica pi impegnata:
cos possiamo ben dire
sia stato per Estate,
di Bruno Martino.
Il titolo intero della
canzone Odio le-
state, che altrettan-
to famoso se non pi
famoso, ed altrettanto
eseguito, se non pi
seguito, di Volare e
simili La canzone
usc nel 1960 con le
parole di Bruno Bri-
ghetti e la musica di
Bruno Martino, che la
cant con la sua voce
vellutata.
E tanto vellutata sta-
ta la voce della chitar-
ra, sia di Alessi padre
che di Alessi fglio,
con un arrangiamento
veramente esaltante,
cos coinvolgente da
mandare in visibilio
tutti gli ascoltatori, che
non si sono potuti aste-
nere dal chiedere il bis.
nico Cimarosa, il pi
prolifco ed eclettico
dei compositori napo-
letani di quel periodo,
cos ricche di brio e
nello stesso tempo con
cos meravigliosi toc-
chi di dolcezza.
Alle due stupende
Sonate hanno fatto
seguito due Preludi e
un Capriccio Arabo
di Francisco Trrega
della seconda met
dellOttocento, che
spesso viene chiamato
il padre della chitar-
ra perch gett le basi
che ancora oggi sono
tra le pi apprezzate in
tutto il mondo, come
quelle che ha applau-
dito lo scelto pubbli-
co presente allottimo
concerto. Di Federi-
co Moreno Torroba,
uno degli autori mol-
to pi vicini ai nostri
giorni come vissuto,
come stile e come
importanza- stato
anche presidente della
S.I.A.E.- il pi impor-
tante dei compositori
spagnoli dopo Falla,
sono stati eseguiti
voti e la lode.
In effetti, tale padre
tale fglio!
Tra i tanti suoi meravi-
gliosi successi conse-
guiti da ragazzo c da
ricordare quello che
egli ottenne diciasset-
di musici pueti iddha
ni parra;/ cu a so
armunia scoti u cori
umanu/ e i paradisu
ci duni a caparra;/
tnnica e sentimentu
si spsanu/ nni tia, e
certamenti un sgarra/
limpressione che fos-
se un solo chitarrista a
suonare) ha avuto la
massima importanza a
partire dalla seconda
met del Settecento
con le due Sonate ( in
Fa e in La) di Dome-
della chitarra classica
moderna, alla quale
si dedico durante tutta
la vita con concerti e
soprattutto con tante
trascrizioni di musica
folcloristica e con tan-
te sue composizioni
Sabato scorso, nellex chiesa di San Giovannello alla Giudecca, si conclusa
alla grande la 19a edizione del Festival Internazionale della Chitarra
In alto, Chitarra a quattro mani;
sopra, Nello Alessi.
CULTURA 8 Sicilia 27 SETTEMBRE 2014, SABATO
27 SETTEMBRE 2014, SABATO Sicilia 9 VITA DI QUARTIERI
Maggiore controllo e sanzioni
effcaci contro chi sporca
Puliamo il
Mondo, la pi
longeva e im-
portante ma-
nifestazione
di volontariato
ambientale
di Legam-
biente, giunta
questanno
XXII edizione
Un centinaio di cittadini, tra gli studenti
delle scuole partecipanti
Puntuale come ogni
anno, tornata Pu-
liamo il Mondo,
la pi longeva e
importante manife-
stazione di volonta-
riato ambientale di
Legambiente, giunta
questanno alla XXII
edizione. Com gi
avvenuto in passato,
lattenzione dei vo-
lontari stata con-
centrata su unarea
periferica della citt,
Via Italia 103, accan-
to alla chiesa di San
Metodio.
Legambiente espri-
me grande soddisfa-
zione per lampia
partecipazione a que-
sta edizione: almeno
un centinaio di citta-
dini, tra gli studen-
ti delle scuole par-
tecipanti, lIstituto
Comprensivo Nino
Martoglio e lIstitu-
to Tecnico dei servizi
enogastronomia Fe-
derico II di Svevia,
i volontari di Legam-
biente e delle altre
associazioni, tra cui
si sono distinti quel-
li dellAssociazione
Cuore di Mamma
G.R.E.S.S. e del
Meet Up 5 Stelle
Fare. Un grande
contributo alla riu-
scita delliniziativa
stato dato dalla
Cooperativa Socia-
le Tandem, che ha
provveduto allo sfal-
cio delle aree su cui
poi sono intervenuti i
volontari e dalla Cir-
coscrizione Akradi-
na. Durante latti-
vit di pulizia, oltre
a grandi quantit di
plastica e cartacce,
sono stati rinvenuti
rifuti di ogni tipo,
dai materiali edili di
scarto, ai sanitari,
persino una traversi-
na ferroviaria. Grazie
allattivit di pulizia,
sono stati raccolti cir-
ca 30 sacchi di pla-
stica e rimossi circa
15 kg di frasche. Il
presidente della Cir-
coscrizione, Paolo
Bruno e alcuni resi-
denti hanno lamen-
tato la presenza di
discariche di amianto
e di materiale edi-
le, nelle vicinanze al
luogo dove si svol-
ta liniziativa, che
vanno sicuramente
bonifcate. Per man-
tenere un situazione
di decoro nellintera
area, come stato ri-
petutamente chiesto
dai rappresentanti
della Circoscrizione
allAmministrazione
Comunale, senzal-
tro necessaria unatti-
vit di maggiore con-
trollo e di repressione
da parte della Polizia
Municipale durante
lo svolgimento del
mercato del merco-
led, dato che buona
parte dei rifuti (prin-
cipalmente buste di
plastica ma anche
scarti alimentari),
qui come nelle aiuo-
le esterne del vici-
no Parco Robinson,
vengono lasciati dai
commercianti ambu-
lanti.
Puliamo il Mondo
anche loccasione
per fare il punto sulla
gestione complessiva
dei rifuti nella nostra
citt, da sempre uno
nodi irrisolti della
sostenibilit urbana.
Secondo i dati con-
tenuti nel Piano di
intervento per lorga-
nizzazione delle mo-
dalit di gestione del-
la raccolta dei Rifuti
Urbani ed assimilati,
elaborato dal Comu-
ne e approvato dalla
Regione lo scorso 30
aprile, la produzione
annua di rifuti ur-
bani a Siracusa di
64.880.747 kg. Que-
sto vuol dire che ogni
cittadino produce
531 Kg di rifuti l'an-
no (quasi un 1,5 kg al
giorno!). La riduzio-
ne della produzione
dei rifuti deve essere
posta al primo posto
tra gli obiettivi di una
corretta gestione dei
rifuti solidi urbani.
Occorre promuove-
re vere politiche di
prevenzione volte a
ridurre sensibilmen-
te la produzione di
rifuti, a partire dalle
scuole e dagli uffci
comunale. La raccol-
ta differenziata non
supera il 3 %, cio
meno di 2 milioni di
Kg/anno, risultato
che da anni confna
Siracusa tra gli ultimi
posti nelle classifche
sulla qualit urbana
(come Ecosistema
Urbano di Legam-
biente o quella del
Sole 24 Ore). Mentre
in molte citt del me-
ridione si fanno passi
da gigante raggiun-
gendo percentuali
di raccolta differen-
ziata considerevoli,
Siracusa rimane al
palo, con un servizio
scadente, percentuali
di R.D. ridicole, as-
senza totale di poli-
tiche per la riduzione
della produzione di
rifuti e una tassa tre
le pi alte dItalia
In foto, momenti
aggregativi.
(come i cittadini han-
no avuto modo di co-
statare ricevendo nei
giorni scorsi la Tari).
La responsabilit di
questa indecorosa si-
tuazione va ascritta,
in parti uguali, alla
societ che da decen-
ni, senza soluzione di
continuit, gestisce
il servizio e agli am-
ministratori che per
troppo tempo non
ne hanno controlla-
to loperato. Alcuni
passi in avanti verso
la gestione di un ser-
vizio degno di una
citt civile sono stati
compiuti negli ultimi
mesi. La costituzio-
ne della Societ per
la regolamentazione
dei rifuti (SRR), la
redazione e lappro-
vazione del Piano
dIntervento, cui si si
faceva cenno prima,
un maggiore con-
trollo sullattivit del
gestore, lapertura in
questi giorni di un
secondo Centro Co-
munale di Raccolta a
Targia e alcune cam-
pagne dinformazio-
ne, sono tutti segnali
positivi. Adesso biso-
gna compiere il passo
decisivo per voltare
veramente pagina:
occorre che il Comu-
ne proceda allaffda-
mento del servizio di
raccolta e smaltimen-
to dei rifuti, secondo
il progetto approvato
nel Piano dInterven-
to. Come hanno pi
volte dichiarato il
Sindaco e lAssesso-
re allambiente, quel-
lo attuale sia lultimo
periodo di proroga
dellattuale gestore,
entro dicembre sia
redatto il Capitolato
dappalto e si pubbli-
chi il bando di gara
per la selezione del
soggetto gestore del
servizio. Cambiare si
deve. Lesempio del
Comune di Andria
(premio speciale di
Ecosistema Urbano
2012) edifcante:
con un nuovo bando,
uneffcace campa-
gna dinformazione
e una forte vigilanza
sul corretto confe-
rimento dei rifuti,
in pochi mesi in una
realt molto simile a
Siracusa si passati
dal 5% a quasi il 70%
di raccolta differen-
ziata.
E stata presentata
ieri mattina la se-
conda edizione del-
la Festa dello Sport,
che si terr da luned
prossimo a domeni-
ca 5 ottobre. Anche
in questa edizione
sono stati organizza-
ti tornei, convegni,
masterclasses ed esi-
bizioni. Alla confe-
renza stampa, insie-
me allassessore allo
Sport Maria Grazia
Cavarra, erano pre-
senti, i presidenti
delle circoscrizioni
S. Lucia e Grottasan-
ta, Fabio Rotondo e
Pamela La Mesa, il
vice presidente della
circoscrizione Cassi-
bile, Patrizia Casella,
Giovanni Di Loren-
zo in rappresentanza
dellASAS, che met-
ter a disposizione
delle vetture depoca
per i bambini autisti-
ci, ed ancora, Tanino
Calvo, in rappresen-
tanza del C.O.N.I. e
il professor Vincenzo
Pinnone, curatore di
alcuni appuntamenti
della manifestazione.
La seconda edizio-
ne della Festa dello
Sport inizier con un
convegno, che si ter-
r nellaula magna
dellistituto A. Rizza
dal titolo: Vivere
il corpo. Problemi e
strategie per affron-
tare leducazione
motoria, a cura del
professor Gioacchino
Paci. La decisione
di tenere per il secon-
do anno consecutivo
la Festa dello sport
ha detto il sindaco
Giancarlo Garozzo
- la migliore con-
ferma dellimpor-
tanza che lAmmini-
strazione riconosce
alla diffusione e alla
promozione dellat-
tivit fsica. Alcuni
campioni siracusani
faranno da testimo-
nial aderendo a uni-
dea di sport come
occasione di incontro
e come pratica per il
benessere fsico. Non
ci sono limiti di et -
ha infne detto il sin-
daco Garozzo - tutti,
dai pi piccoli agli
anziani, sono invitati
ad unirsi in allegria
a un momento di
aggregazione. La
Festa dello Sport
ha detto lassessore
Maria Grazia Cavar-
ra - unisce quanti,
in maniera singola o
associata, guardano
allo sport non come
ad un momento ago-
nistico ma come oc-
casione di incontro
e condivisione. Con
questo spirito lab-
biamo pensata e la
porteremo avanti ne-
gli anni, consapevo-
li del grande valore
educativo e sociale
della pratica sporti-
va.
Trasporti pendolari da Priolo a Siracusa
Bus pieni, vecchi e spesso guasti
A Priolo i consiglieri comunali
Biamonte e Fiducia scrivono al pri-
mo cittadino elencando i disagi che
sono costretti a vivere gli studenti
per recarsi nelle scuole siracusane
a caus del numero insoddisfacente
di autobus che costringe i ragazzi a
percorrere il tragitto alzati e com-
pressi su mezzi obsoleti e spesso
oggetto di guasti meccanici.
"Tale situazione nel 2014 impen-
sabile soprattutto per il comune
di Priolo Gargallo che paga tutti i
servizi esternalizzati con regolarit
- commentano i due consiglieri del
gruppo Costruiamo Priolo Adesso...
Insieme (Renzi) - Per questo mo-
tivo abbiamo chiesto al sindaco di
prendere provvedimenti immediati
per risolvere la situazione. Qualora
la societ non riuscisse a rispettare
le condizioni contrattuali e dunque
a garantire un trasporto adeguato
per gli studenti chiediamo allo stesso
sindaco di sciogliere il contratto
in modo da fornire un servizio pi
effcace ed effciente".
Biamonte e Fiducia chiedono inoltre
di concentrare la partenza e larrivo
in un'area unica per evitare i disagi
degli studenti che si trovano costret-
ti all'arrivo a raggiungere i propri
mezzi per rientrare a casa dalla par-
te opposta rispetto alla partenza.
polItIca
Pachino,
Tavola rotonda
Da Aristotele
a Renzi, una
comunit da
amministrare
Il deputato naziona-
le Faraone alla tavola
rotonda "Da Aristote-
le a Renzi, una comu-
nit da amministrare"
Pachino, Il deputa-
to nazionale Faraone
alla tavola rotonda
"Da Aristotele a Ren-
zi, una comunit da
amministrare"
Domani pomeriggio
nel salone della par-
rocchia di San Cor-
rado, tavola rotonda
"Da Aristotele a Ren-
zi, una comunit da
amministrare". Orga-
nizzata da Giovanni
Cafeo, saranno pre-
senti l'assessore re-
gionale al Territorio e
Ambiente Piergiorgio
Gerratana, i sindaci
di Siracusa Giancarlo
Garozzo, Ferla Mi-
chelangelo Giansira-
cusa e di Portopalo
Giuseppe Mirarchi e
il parlamentare nazio-
nale Davide Faraone,
membro della segre-
teria nazionale del
Partito democratico.
Proprio quest'ultima
presenza ha suscitato
clamori all'interno del
Pd, poich appare pa-
lese che Faraone so-
sterr Cafeo alle pros-
sime mini elezioni di
Pachino e Rosolini
e il resto del partito
- dalla segreteria del
circolo cittadino agli
organi dirigenti pro-
vinciali - disconosco
l'iniziativa.
Una provocazione inu-
tile, sciocca, ed offensiva
del sentimento di molte
persone ad opera di artisti
che non hanno nulla da
dire". Cos il Presidente
della Deputazione della
Cappella di Santa Lucia,
avv. Giuseppe Piccione,
commenta la nuova trovata
molto pubblicitaria di
due artisti argentini, Pool
Paolini e Marianela Pe-
relli.
Dopo la Barbie ballerina
e quella con i costumi del
mondo, per la bambola pi
famosa del mondo arriva
la versione religion kit. E
cos ecco la Barbie Vergine
Maria e dea Kal. Ma an-
che la Vergine di Lourdes
e quella di Fatima. E per
concludere Santa Lucia, la
martire siracusana.
33 esemplari dellesposi-
zione Barbie, The Plastic
Religion. "Non so se le
bambole arriveranno nei
negozi, mi auguro proprio
di no, in quanto la religio-
ne non plastica e lini-
ziativa di cattivo gusto"
sottolinea Piccione che ha
gi raccolto le segnala-
zioni di tantissimi devoti
In foto, le bamboline della Barbie.
Barbie, The Plastic Religion:
E una provocazione sciocca
ecco la barbie Vergine maria e dea Kal.
ma anche la Vergine di lourdes e quella di Fatima
LAVV. PICCIONE HA GI RACCOLTO LE SEGNALAZIONI DI TANTISSIMI DEVOTI IN RIVOLTA
in rivolta per l'ennesima
provocazione. "Si rischia
di banalizzare
e fare diventare solo un
gioco la testimonianza di
chi, come Lucia, stata
coerente al Vangelo.
Per quanto ci riguarda at-
tediamo con ansia l'arrivo
delle spoglie da Venezia a
dicembre per i festeggia-
menti della nostra patrona.
Preghiera e devozione
popolare. Dieci anni fa
migliaia di persone ac-
colsero le spoglie e penso
che quest'anno vedremo
in processione molti pi
fedeli. Sono queste le
notizie che dovremmo
commentare".
I 33 esemplari prodotti
faranno parte dellespo-
sizione Barbie, The Pla-
stic Religion nella quale
Barbie e Ken rappresen-
tano fgure della reli-
gione, tra le quali anche
quella di Santa Lucia di
Siracusa. Dopo le svariate
versioni degli ultimi de-
cenni, Barbie si veste an-
che come la Vergine Ma-
ria e la dea Kal. Ci sono
anche le versioni Barbie
- riferisce sempre lagen-
zia dei vescovi - con san-
ta Giovanna DArco, la
Vergine di Lujn o Maria
Maddalena, la Vergine di
Lourdes e pure quella di
Fatima, con i tre pasto-
relli a corredo. Pensate
sia fnita? Se cos fosse
dimentichereste che c
anche la componente
maschile della coppia di
plastica. Quindi ecco il
fdo ed eterno fdanzato
Ken nei panni di Ges,
san Rocco, san Sebastia-
no e, per il politically
correct, di Buddha, si
legge nelleditoriale, nel
quale si fa notare anche
che per manca un Ken
in versione Maometto.
Chi ha diritto e chi no a
vendere immagini legate
ai culti religiosi?
VITA DI QUARTIERI 10 Sicilia 27 SETTEMBRE 2014, SABATO
LO DENUNCIANO I CONSIGLIERI COMUNALI BIAMONTE E FIDUCIA SCRIVONO AL SINDACO
Al via ledizione
festa dello sport
Questanno
sono stati
organizzati
tornei, con-
vegni, ma-
sterclasses
ed esibizioni
In foto, la presentazio-
ne di ieri mattina.
Lavoro: imprese in fuga
dai contratti di apprendistato
Silvestri: Modifcare
la costituzione
Consulta regionale ordini dei
consulenti del lavoro della Sicilia
In tutti i Paesi europei lapprendistato oggi
di gran lunga lo strumento occupazionale pi
effcace, perch offre ai giovani in uscita dalla
scuola una formazione di qualit che si traduce
in competenze elevate e in lavoro immediato,
e alle imprese un contratto fessibile a tutele
crescenti. LItalia, invece, che con Messico
e Turchia ha il primato nellarea Ocse per
presenza di giovani Neet(non occupati, non
studiano e non fanno formazione) e dove le
immatricolazioni universitarie sono diminu-
ite del 10% in tre anni e il calo dei laureati
fra 30 e 34 anni la pone allultimo posto in
Europa, paradossalmente il Paese dove il
ricorso allapprendistato residuale, a causa
di una regolamentazione rimasta sospesa fra
competenze statali, regionali e della contrat-
tazione collettiva.
Lo denuncia Vincenzo Silvestri, vicepresi-
dente nazionale dei consulenti del lavoro, che
aggiunge: Chi vuole assumere un giovane
con apprendistato deve affrontare un per-
corso confuso e complesso nel quale facile
commettere errori circa lapplicazione delle
norme soprattutto nel campo della formazio-
ne, esponendosi al rischio di pesantissime
sanzioni. Un esempio per tutti? Il repertorio
delle professioni, previsto dal Testo unico, non
ha ancora attuazione: a fronte, infatti, della
Provincia di Bolzano che prevede 59 profli
professionali per l'apprendistato triennale che
portano a una qualifca e 48 per l'apprendi-
stato quadriennale che portano al diploma
professionale, la conferenza Stato-Regioni nel
2012 ne ha identifcato solo 22 per la qualifca
triennale e 21 per il diploma professionale.
Ecco perch osserva Silvestri - centinaia di
migliaia di imprenditori italiani, pur potendo
e volendo assumere dei giovani, preferiscono
fuggire dallapprendistato.
Silvestri domani pomeriggio a Erice mare mo-
derer una tavola rotonda sullapprendistato
con Danilo Papa, direttore generale dellAt-
tivit ispettiva del ministero del Lavoro, ed
Enzo De Fusco, coordinatore scientifco della
Fondazione studi consulenti del lavoro. Con
loccasione proporr ai presidenti delle com-
missioni Lavoro di Camera e Senato, Cesare
Damiano e Maurizio Sacconi, che interverran-
no al workshop organizzato dallOrdine dei
consulenti del lavoro di Trapani, la modifca
dellarticolo 117 della Costituzione riguardo
alla competenza legislativa delle Regioni in
materia di lavoro e formazione. Modifca che,
purtroppo, non contenuta nel disegno di
legge di riforma costituzionale recentemente
presentato al Senato.
Per incentivare le imprese e semplifcarne la
vita spiega Silvestri occorre che lo Stato
abbia competenza esclusiva in materia di
lavoro e formazione, lasciando alle Regioni
solo la gestione dei fnanziamenti dedicati allo
sviluppo dei territori. In Italia conclude il
vicepresidente nazionale dei consulenti del
lavoro esistono 20 regolamentazioni diverse
in materia di apprendistato, di tirocini e di
servizi per limpiego. Per ottenere lo stesso
tipo di prestazione prevista dalla legge, unim-
presa deve fare lo slalom fra vari adempimenti
burocratici che cambiano in base al territorio
in cui va a insediarsi. Questo sistema rappre-
senta un imbuto per le attivit economiche e
un freno allo sviluppo del Paese.
27 SETTEMBRE 2014, SABATO Sicilia 11 VITA DI QUARTIERI
losserVatorIo
Sangue siracusano versato
per lo Statuto dei lavoratori
Due morti e 48 feriti sulla statale 115
Sotto il titolo la statale 115 dopo lo scontro fra polizia e braccianti. Sopra i funerali
dei caduti ad Avola. Adestra il prezioso libro di Sebastiano Burgaretta
La legge 300 nasce dai Fatti di Avola del 2 dicembre 1968
di Salvatore Maiorca
Fu scritto col sangue
versato sulla strada di
Avola lo Statuto dei
diritti dei lavoratori
che ora si vuole sman-
tellare. A cominciare
dallormai famoso
articolo 18, che vieta,
in determinate condi-
zioni, i licenziamenti
senza giusta causa e
che ora si vuole ad-
dirittura sopprimere.
Fu infatti subito dopo
gli altrettanto famosi
Fatti di Avola che lo
Statuto dei lavoratori
venne alla luce.
La storia di quei fatti,
degli antecedenti e
di quelli immediata-
mente successivi e
conseguenti, inci-
sivamente ricostruita
nel libro di Sebastiano
Burgaretta intitolato
proprio I FATTI DI
AVOLA (Libreria
editrice Urso).
Il 2 dicembre 1968,
nel primo pomerig-
gio, sulla strada sta-
tale 115, allaltezza
il fuoco del reparto
Celere della Polizia
di Catania, caddero
gravi. I due morti
erano Angelo Sigona
e Giuseppe Scibilia.
detto Sebastiano,
Giuseppe Buscemi,
Giorgio Garofalo,
Paolo Caldarella, An-
tonino Gian.
Le tensioni fra brac-
cianti e agrari si tra-
scinavano da anni.
Ma si erano acui-
te da alcuni mesi. I
braccianti rivendica-
vano il rinnovo del
contratto integrativo
provinciale di lavoro,
aumenti salariali, eli-
minazione delle diffe-
renze di trattamento
fra la zona nord e la
sud della provincia,
regolamentazione
delle commissioni
comunali paritetiche
ed altro.
Agitazioni e sciope-
ri continuavano da
mesi. Sempre coz-
zando contro il rifuto
della controparte e
lassenza delle istitu-
zioni. Incidenti cera-
no gi stati a Lentini.
La questione aveva
Commedia popolare
inventata a Siracusa
Torni a Siracusa la
Commedia che fu del
Teatro amatoriale po-
polare. In coincidenza
dei fatti burocratici
che hanno deluso l'Ac-
cademia dell'Istituto
nazionale del Dramma
Antico affiorato a
Siracusa l'orgoglio di
vedere ripristinato il
teatro popolare ama-
toriale. Sopito da se-
coli per dare lustro al
teatro classico, venne
a Siracusa importato
nell'era avanti Cristo,
con gli sbarchi a Mega-
ra Iblea, sita tra Lentini
e Siracusa. All'epoca,
mentre in Atene fori-
va il teatro tragico, in
Sicilia, precisamente
in Ortigia, nasceva la
commedia, quel genere
cio di teatro popolare
utile a fare ridere la
platea per le invenzioni
sceniche di situazioni
civiche e umane.
Si vuole che sia stato
il siracusano Epicarmo
il padre della comme-
dia, ma l'Enciclopedia
Rizzoli scrive che il
poeta comico soltanto
autore del rifacimento
del testo, grazie al suo
intuito di scrittore vivo e
ricco di spirito, proprio
di chi sa unire alla forza
comica la profondit
della riflessione mo-
rale. Praticamente da
scene slegate Epicarmo
ottenne la commedia a
intreccio unico.
Allora, visto e conside-
rato che al teatro greco
si possono oggi dare
spettacoli diversi da
quelli classici della let-
TEATRO epIcarmo padre dI questo genere dI spettacolo
nelli ispirati allamore,
alla natura, all'eros.
Segu Rintone con la
sua ilarotragedia, co-
struita sulla parodia di
personaggi e miti della
tragedia. Divertiva la
platea la rappresenta-
zione in atteggiamenti
burleschi. E che dire
di Sofrone, creatore
del mimo spregiativo,
espresso con parole
buffe e atteggiamenti
da istrione?
Peccato che dei loro
manoscritti non resi-
duano oggi copioni,
per colpa dell'oblio,
ma pi perch sono
passati secoli senza che
la letteratura teatrale
abbia continuato a scri-
vere di teatro popolare,
amatoriale. Solo di
Eronda, vissuto nel III
secolo a. C., l'editore
palermitano Flaccovio
pubblica, con annota-
zioni di Silvana Grasso
(catanese), 12 piccoli
teratura greca e latina,
come la lirica, gli assoli
di cantanti all'auge del-
la loro abilit canora,
e che persino autorit
arabe intendono farvi
ospitare loro program-
mi, facciamo rientrare
da Ortigia in Sicilia
il teatro popolare che
volontari poeti scris-
sero e rappresentarono
ante Cristo, da cui del
resto si arriv poi alla
commedia.
Vi cominci Teocrito
con gli idilli, cui segui-
rono al dialogo gli stor-
copioni teatrali residua-
ti al tempo e alla incuria.
I soli titoli fanno ridere
i lettori dei testi, perch
riportano fatti popolari
sociali umani della
gente di quel tempo, col
gusto anche dell'osceno
e della sgrammatica
"miniambica" scrittura,
rude e sdrucciola. Il
poeta Eronda pare sia
stato lo scopritore dello
stile in uso a quel tempo.
Questi alcuni titoli: Le
siracusane, La ruffana,
Il padron dun bordello,
Il maestro, Laman-
te gelosa, Segretucci
femminili. Certo che
a Catania, Messina,
Palermo, si distingue
(oltre il comune isolano
teatro dialettale sicu-
lo) un risveglio teatrale
etnico, caratteristico
di razza, che Siracusa
invece ancora si na-
sconde nelle commedie
dei secoli passati.
Mauro Longo
di contrada Chiuse di
Carlo di Avola, sotto
due morti e 48 feri-
ti, cinque dei quali
I braccianti erano in lotta per
il rinnovo del contratto provinciale
e per una maggior tutela dei loro diritti
assunto anche una
risonanza nazionale.
Lo sciopero generale
dei lavoratori agri-
coli, il 24 novembre,
era fnito sulle pagine
dellAvanti, il quoti-
diano socialista, con
una testimonianza
del socialista avolese
Giuseppe Denaro.
Il 27 novembre i se-
gretari generali della
Cgil, Orazio Agosta,
della Cisl, Enzo Ter-
ranova, e della Uil,
Giovanni Saraceno,
riescono ad ottenere
un incontro riferisce
Burgaretta con i
rappresentanti degli
agrari alla presen-
za del viceprefetto
DUrso. Ma lincon-
tro non sortisce alcun
effetto.
Il 28 cominciano i
primi blocchi strada-
li, peraltro parziali e
temporanei. Il prefet-
to DUrso, su solleci-
tazione di sindacalisti
e politici, accetta di
convocare le parti.
Ma gli agrari non si
presentano.
La tensione sale. Lu-
ned 2 dicembre ad
Avola ricorda anco-
ra Burgaretta viene
proclamato lo sciope-
ro generale, al quale
tutta la popolazione
partecipa.
I braccianti bloccano
la statale 115. Verso
mezzogiorno vi si
recano anche donne
e bambini.
Per fare rimuovere
il blocco il viceque-
store Samperisi fa
intervenire la Celere
di Catania. La Celere
spara. E sullasfalto
restano i due morti e
i 48 feriti. Sono le 14
del 2 dicembre 1968.
Verso mezzanotte,
per ordine del mi-
nistro deglInterni,
Franco Restivo, vie-
ne convocata una
riunione fra agrari e
sindacalisti. Ma gli
agrari non mollano.
La riunione si protrae
per tutta la notte, fno
al giorno successi-
vo. Finalmente il 3
dicembre i rappre-
sentanti degli agrari
cedono alle pressioni.
E il contratto viene
frmato in prefettura,
con larbitrato del
prefetto DUrso e la
mediazione dellas-
sessore regionale al
Lavoro Macaluso
Il 4 gennaio 1969,
- ricorda Burgaretta
nel suo prezioso libro
poco pi di un mese
dopo la strage, il mi-
nistro del Lavoro, sen.
Giacomo Brodolini,
venne ad Avola per
onorare un impegno
preso al momento
dellassunzione del
suo dicastero. Visit
le famiglie dei caduti
e poi, nella sede del
Consiglio comunale,
pronunci un vibrante
discorso col quale,
davanti ai cittadini
avolesi e alla nazione
tutta, assunse alcuni
impegni che poi, nei
pochi mesi di vita che
gli rimasero, si sforz
di mantenere: fra tutti
vale la pena ricordare
lo Statuto dei diritti
dei lavoratori.
Brodolini, ex com-
battente, ex vice-
segretario generale
nazionale della Cgil
(con Di Vittorio se-
gretario generale),
seppur tormentato da
un tumore che poco
dopo lo strapp alla
vita, venne a rendere
omaggio ai lavoratori
caduti per il lavoro.
Poco dopo, l11 lu-
glio 1969, Giacomo
Brodolini mor. Dopo
la morte il presiden-
te della Repubblica
Giuseppe Saragat gli
confer la medaglia
d'oro al valor civile .
Poco meno di un
anno dopo la morte di
Giacomo Brodolini lo
Statuto dei lavoratori
divenne legge. E,
ancora oggi, la legge
20 maggio 1970, n.
300 ("Norme sulla
tutela della libert e
dignit dei lavoratori,
Il reparto Celere della Polizia di Catania spar per
rimuovere il bocco stradale. Rimasero sull'asfalto morti
e feriti. Il giorno dopo fu frmato il contratto. Il succes-
sivo 4 gennaio il ministro del Lavoro, Giacomo Bro-
dolini, venne ad Avola. Rese onore ai caduti e assunse
precisi impegni: fra questi l'approvazione dello Statuto
della libert sinda-
cale e dell'attivit
sindacale nei luoghi
di lavoro e norme
sul collocamento),
talvolta citata come
legge 300.
Oggi quella legge
oggetto di attacchi.
A cominciare dallar-
ticolo 18. Nessuno
ricorda che questa
legge, fondamentale
per la tutela del mon-
do del lavoro, stata
scritta col sangue
dei morti di Avola.
Anzi, forse tanti non
conoscono, tanti altri
non ricordano, i Fatti
di Avola. Farebbero
bene a leggere il libro
di Sebastiano Burga-
retta.
Soltanto ora un deputa-
to siracusano (il Pd Pip-
po Zappulla) si accorge
che c una ferrovia
che muore. Ebbene,
diciamo pure: meglio
tardi che mai. Zappulla
si fnalmente accorto
che gli stanziamenti
previsti dal gruppo FS
per la Sicilia riguardano
soltanto il solito trian-
golo Catania-Messina-
Palermo.
Lonorevole s sve-
gliato e ha presentato
una interrogazione,
destinata al cimitero
di certe interrogazioni
parlamentari. Maga-
ri, prima o poi, gli
risponder un sottose-
gretario. Linterrogante
si dichiarer insoddi-
sfatto. Poi diffonder
comunicati di fuoco agli
organi dinformazione
siracusani (giusto per
dire: io ci sono, una
sorta di autocertifca-
zione di esistenza in vita
politica). E tutto fnisce
l. Nel solito fuoco di
paglia della politica
siracusana.
A questo punto una
domanda simpone:
dovera Zappulla e
doverano tutti i suoi
colleghi (nazionali e
regionali, del suo e de-
gli altri partiti) quando
Trenitalia ha soppresso
i collegamenti diretti
tra Siracusa e Torino,
Milano e Venezia, ha
tagliato i collegamenti
con Roma, ha soppresso
allultimo momento
vagoni letto nonostante
i biglietti gi venduti, ha
taciuto e tace sul dera-
gliamento di un vagone
letto in manovra tra
scalo merci Pantanelli
e stazione centrale, ha
messo e mette in eser-
cizio vetture vecchie e
Un politicoscopre
il problema ferrovia
trasportI FInanzIamentI solo per Il trIangolo ct-me-paglI
sporche e alle proteste
gli addetti rispondono
vi diamo quel che vi
meritate al Sud, e via
discorrendo?
Doverano e dove sono
Zappulla & C. quando
Trenitalia ha chiuso lo
scalo merci Pantanelli,
quando il progetto di
ammodernamento della
tratta Siracusa-Catania
fnito a binario morto,
quando Trenitalia ha
parlato e parla di sop-
pressione del traghet-
tamento sullo Stretto,
quando ha parlato e
parla di ramo secco da
tagliare per la Siracusa-
Ragusa-Gela, quando
ha chiuso una stazione
dopo laltra, quando
ha lasciato e continua
a lasciare il porto di
Augusta e laeroporto
di Catania Fontanaros-
sa senza collegamento
ferroviario, e via discor-
rendo?
Doverano e dove sono
I cinque feriti gravi
Salvatore Agostino,
Zappulla & C. quando la
Regione siciliana (unica
in Italia) non ha frmato
e continua a non frmare
il contratto di servizio
con le Ferrovie e lascia
quindi campo libero a
Trenitalia per tagliare,
tagliare, tagliare?
Ultima domanda a
Zappulla & C. e a tutta
la politica siracusana:
cosa fanno per la gente?
cosa fanno oltre a incas-
sare le loro prebende?
Considerazione fnale:
questa ed altre critiche
non sono rivolte alla
Politica nel senso ori-
ginario e autentico del
termine bens a questa
politica. La Politica, in
quanto tale il governo
della Polis (della Citt),
dello Stato. E in quanto
tale indispensabile.
Questa siracusana non
Politica, politicu-
me. E in quanto tale
deleteria.
s.m.
ATTUALIT 12 Sicilia 27 SETTEMBRE 2014, SABATO 27 SETTEMBRE 2014, SABATO Sicilia 13 ATTUALIT
La stazione dimenticata
27 SETTEMBRE 2014, SABATO Sicilia 15 SPORT SIRACUSA
Arrangiarsi nel
mondo del cal-
cio una regola
non scritta ma
antica. E i tifosi
coi capelli bian-
chi ricorderanno
come fra primo e
secondo tempo, a
seconda di come
stava andando
lincontro in cui
era impegnato il
Siracusa, il buon
Golino, indimen-
ticabile custode
dellallora Vit-
torio Emanuele
III, con la scu-
sa di innaffare il
campo , irrorava
pi che genero-
samente dei punti
ben precisi, scelti
con particolare
cura. Chess, la
squadra avversa-
ria aveva un for-
te giocatore che
operava sulla fa-
scia destra ? E lui
faceva in modo
che trovasse
sulla sua cor-
sia qualche bella
pozzanghera che
ne rallentasse la-
zione. Si rendeva
conto che la dife-
sa avversaria col
terreno in buone
condizioni gioca-
va sul velluto ? E
lui le complicava
la vita inzuppan-
do larea di rigo-
re e di porta del
campo per desti-
nazione.
E lo faceva con
cos chirurgica
precisione che
dagli spalti per lui
piovevano com-
plici ma convin-
ti applausi. Non
parliamo poi di
quei birbantelli
dei raccattapalle
che pare avesse-
ro frequentato un
corso di perdita
di tempo quando
il Siracusa era in
vantaggio e aves-
sero avuto invece
un addestramen-
to particolare al
recupero acce-
lerato della palla
quando era inve-
ce il portiere av-
versario a tentare
di temporeggiare.
Oggi questi in-
nocenti giochetti
sono stati superati
da trovate forse
meno geniali ma
dagli stessi effet-
ti, se vero che il
Misterbianco, pur
disponendo di
un buon terreno
di gioco in sinte-
tico come il Va-
lentino Mazzola,
ove di recente
stata inaugurata,
fra laltro, una
pista di atletica
intitolata a Pie-
tro Mennea, pre-
ferisce giocare a
porte chiuse al
Toruccio La Pia-
na il cui fondo
in terra lavica do-
vrebbe in teoria
complicare la vita
agli avversari. E a
chi sostiene che
su quel campo se
esistono svantag-
gi valgono anche
per il Misterbian-
co, obiettiamo
che di questo ge-
nere di diffcolt
a farne le spese
sono in primo
luogo le squadre
tecnicamente pi
dotate. Gli etnei
che per poco la
scorsa stagione
non centrarono
lobiettivo del
salto di categoria,
ai nastri di parten-
za del campiona-
to in corso si sono
presentati alquan-
to impoveriti,
nonostante gli
sforzi profusi dal
direttore sportivo,
Sergio Anfuso,
per bilanciare le-
sodo di giocatori
importanti, con
arrivi di buona
consistenza che
ancora non devo-
no per aver avu-
to modo di espri-
mersi al meglio se
il Misterbianco,
ora affdato alla
guida di Ales-
sandro Settineri,
subentrato a Gigi
Chiavaro,occupa
lultima posizio-
ne con zero punti,
sei gol incassati e
nessuno allatti-
vo.
Il Siracusa, gi
attardato di cin-
que lunghezze da
quella prima po-
sizione alla qua-
le aspira, deve
dimostrare oggi
di aver dismesso
quella vocazione
che in passato gli
ha fatto risuscita-
re squadre come
il San Gregorio
e il Rometta, e a
prescindere dal-
le condizioni del
terreno , di batter-
si con cuore, pi
che con buone
trame di gioco,
per portare a casa
tre preziosissimi
punticini che fa-
rebbero non solo
morale ma anche
classifca.
Armando Galea
Anticipo di Misterbianco
per il morale e la classifca
a caccia di tre punti doro
Nonostante le insidie del terreno di gioco il Siracusa insegue
un successo per dare un senso alla marcia di avvicinamento
alla capolista Igea gi avanti di cinque lunghezze
Le Formiche presentano
le cinque squadre pronte
ai nastri di partenza
Ben cinque le formazioni della Polispor-
tiva Le Formiche ai nastri partenza nei
rispettivi campionati di calcio a 5. Oltre
alla squadra maggiore, guidata da mister
Toti La Bianca, che domenica 28 settem-
bre scender in campo per il secondo anno
consecutivo in serie A, appuntamento alle
ore 17.00 al Palalobello contro lo Spor-
ting Locri, la Societ siracusana quest'an-
no sar impegnata, rispettivamente in
serie C e D femminile, nel campionato
di serie D maschile ed infne con le Gio-
vanissime della under 15. Oggi, alle ore
10.00 presso L'Hotel Parco delle Fontane
in Viale Scala Greca, 325, la Polispor-
tiva Le Formiche presenter le cinque
formazioni, completate dall'avvio della
prima scuola di calcio a 5 per i pi picco-
li. Intanto domani, alle ore 16.00, presso
i campi " Verdi Sport" di Via Vasques a
Siracusa, debutto casalingo anche per lo
Sporting Club Le Formiche contro l'Olim-
pia Zafferana nella gara valevole per la 2
giornata del campionato di serie C/F. Per
l'occasione la Societ sportiva siracusana
presenter i partner commerciali che an-
che quest'anno hanno deciso di sostenere
il progetto "Le Formiche". Sar presente
all'incontro e porter i saluti dell'Ammini-
strazione comunale l'assessora allo Sport
Maria Grazia Cavarra.
In foto, le probabili formazioni
Finite le vacanze, per la scherma
aretusea si riparte domenica dal nel
palazzetto dello Sport di Santa Ve-
nerina (Acireale) per la prima prova
regionale di spada maschile e femmi-
nile. In pedana 28 gli atleti allenati
dai maestri Adriano e Antonio Can-
narella, prova utile per selezionare i
migliori atleti, 22 in campo maschile
e 17 in quello femminile, che ver-
ranno ammessi alla prima prova di
selezione nazionale in calendario nei
giorni 11 e 12 novembre a Ravenna.
Gli atleti del Club Scherma Siracusa
impegnati in pedana saranno: Vin-
cenzo Belpasso, Giuseppe Belviso,
Giuseppe Carrubba, Riccardo De
Rossi, Eduardo Ferrarini, Giam-
pietro Grillo, Luigi Mancuso. Greta
Bordieri sar invece l'unica ragazza
a scendere in pedana.
S.C.
La scherma aretusea
riparte da S.Venerina
In foto, azione di gioco delle Formiche.
Entra nel clou fno al 2 otto-
bre, la manifestazione dal titolo
Autunno in Festa. Una setti-
mana, quella dedicata allAnge-
lo Custode, ricca di avvenimen-
ti artistici, perfomance musicali
e culturali che animeranno il
weekend dei priolesi.
Lamministrazione comunale
questanno ha deciso di amplia-
re la festa che chiude la stagio-
ne estiva e aggrega generazioni
diverse.
Durante il Weekend in Fest, che
si svolger in Piazza Reno, a
San Foca, gli allievi delle locali
palestre si esibiranno in diver-
Lunedi sera al centro polivalente
di via Ferreri il Movimento 5 Stel-
le incontra i cittadini. Il convegno
stato organizzato dal Meetup
di Rosolini, introduce il deputato
rosolinese Maria Marzana e il vice-
presidente della Camera dei Depu-
tati Luigi Di Maio e parteciperanno
i parlamentari regionali Giancarlo
Cancelleri e Stefano Zito.
L'incontro rivolto a commercian-
ti, artigiani, agricoltori, allevatori,
pescatori, liberi professionisti, as-
sociazioni rappresentative e a tutti
coloro che hanno a cuore la con-
divisione di un progetto a favore
dellintera cittadinanza. Il convegno
rappresenta loccasione per aprire
un confronto sui temi e le proposte
che riguardano le diverse categorie
e creare un sistema di valori con-
diviso che porti benefci allintera
comunit. "Il particolare momento
storico che il nostro Paese sta vi-
vendo - dice la Marzana - richiede
nuove misure per le famiglie, per i
lavoratori e per le fasce pi deboli
della popolazione. Affnch queste
misure siano effcaci necessario
che provengano dal territorio e
siano frutto delle proposte condi-
vise dai cittadini. Contribuire alla
costruzione di una comunit attiva
oggi rappresenta, quindi, una sfda
non pi rimandabile: dalla parteci-
pazione dei cittadini alla "cosa pub-
blica" dipende il presente e il futuro
della nostra societ.
I fedeli priolesi
si preparano
a celebrare
lAngelo custode
FRA SACRO E PROFANO LAMMINISTRAZIONE PRIOLESE RETTA DAL SINDACO RIZZA AVVIA I FESTEGGIAMENTI
In foto, la chieda dellAngelo custode a Priolo Gargallo.
Il M5S incontra i cittadini rosolinesi
L CONVEGNO STATO ORGANIZZATO DAL MEETUP DI ROSOLINI, INTRODUCE IL DEPUTATO ROSOLINESE MARIA MARZANA
se discipline: dalla zumba, alla
danza del ventre, dallo Ju Jitsu,
allo spin bike e molto altro an-
cora.
Oggi prevede anche lesibizione
del cabarettista Andrea Barone,
nonch del gruppo musicale
Tribute Negramaro, mentre
giorno 28 ci saranno gli Ester
Group in concerto.
Luned 29 si svolger unaltra
importante iniziativa, la serata
danzante dal titolo Diversa-
mentenoi: il 2 raduno dei
Centri Diurni della provincia
di Siracusa, che avr luogo in
Piazza dellAutonomia Comu-
nale. Novit dellanno tuttavia
resta la Notte Bianca, in pro-
gramma il 30 settembre. Mo-
stre pittoriche, fotografche ed
artigianali; esibizioni di basket,
gare e staffette, tornei di calcio
balilla, attivit ludico-ricreative
per i pi piccoli, sflate di moda
e discoteca sotto le stelle terran-
no sveglia la citt per una notte
intera.
In Piazza Domenico Mignosa, si
svolger la 1 edizione del Guar-
dian Angel Swing&BluesFest,
con il concerto di Francesco
Buzzurro, Antonella Ruggiero e
Francesco Cafso.
Il 1 ottobre avr luogo la se-
conda serata del Guardian An-
gel Swing&BluesFest con il
Trio Urban Fabula feat. Rino
Cirinn, e il cantante Geg Te-
lesforo, per il Jam in the Night.
LAutunno in Festa chiuder in
bellezza con la musica di Raf e
di Rocco Hunt, che si esibiran-
no a partire dalle ore 21 presso
Piazza dellAutonomia Comu-
nale.Si spera che, con la veloci-
t del caso, si possa procedere
allaggiudicazione dei lavori e
alla loro conclusione, in modo
da potere vedere conclusi i la-
vori entro tempi europei.
Stamane presso il campo scuola
Pippo Di Natale, si svolger la
seconda manifestazione di ba-
Protesta: Basta
veleni dalla zona
industriale
RIQUALIFICARE E RIAMMODERNARE GLI IMPIANTI
sta veleni dalla zona industriale.
Diverse centinaia di persone si
ritroveranno a per partecipare al
corteo che vuole difendere il dirit-
to di tutti a respirare unarea pulita
e non inquinata. Scrive lorga-
nizzatore Peppe Resca sui social
:Negli anni 70/80 il polo chimico
dava lavoro a pi di 20.000 fami-
glie. Oggi da tutta la provincia di
Siracusa operano nella zona indu-
ATTUALIT 14 Sicilia 27 SETTEMBRE 2014, SABATO
gIuseppe bIanca
Direttore Responsabile
Direzione e Redazione
Uffci amministrativi:
Via Mosco 51 Siracusa Tel. 0931 46.21.11
Fax 0931 60.006 Libertasicilia@gmail.com
Pubblicit diretta: Poligrafca S.r.l.
Via Mosco 51 Siracusa Tel. 0931 46.21.11
Per la pubblicit sono previsti sconti
Editrice e Stampa: Poligrafca S.r.l.
Registrazione Tribunale di Siracusa
n.17 del 27.10.1987
Sicilia
In foto, la deputata Maria Marzana.
striale poco meno di 6000 persone.
Se consideriamo che la provincia
di Siracusa fa circa 400.000 abi-
tanti, signifca che 1,5% degli abi-
tanti della provincia di Siracusa
lavora per il Polo chimico e il re-
stante 98,5% no, ma in compenso
si prende i veleni al pari di chi in-
vece ci lavora. Occorre, insom-
ma, tutelare il diritto al lavoro, tut-
tavia servono interventi mirati per
riqualifcare e riammodernare gli
impianti per non inquinare.
SPORT PAGINA 16 27 SETTEMBRE 2014, SABATO
Sicilia
Sotto la guida di coach Andrea Bianca
torna il basket in rosa a Siracusa
"Il Basket
a casa tua"
programma
in sinergia
con le scuole
Un gruppo di tecnici qualifcati vicini
alle esigenze degli atleti e delle famiglie
Per il Real
Avola Calcio
la parola
d'ordine
vinvere
Vincere la pa-
rola dordine per
i ragazzi di mister
Giuseppe Glietti
che in questa set-
timana si stanno
allenando dura-
mente per conqui-
stare i 3 punti della
vittoria domenica
prossima nella pri-
ma partita in casa.
Il match si svol-
ger al campo co-
munale Meno Di
Pasquale contro il
Frigintini, squa-
dra di massimo
rispetto essendo
gi a bottino pie-
no avendo vinto
contro la Florenzia
Calcio. I ragazzi
si stanno allenan-
do duramente per
concretizzare tut-
to ci in cui noi
crediamo e che
stiamo facendo in
questi giorni per
la squadra e per
la citt ha dichia-
rato il presidente
David Tiralongo.
La mia mission
quella di sostenere
la squadra nella
massima traspa-
renza, sia nei con-
fronti dei giocato-
ri, sia nei confronti
degli sponsor che
ci sostengono af-
ferma Tiralongo il
quale anticipa che
ha gi stretto un
accordo con una
societ calcistica
locale di giovanis-
simi per costituire
la sezione juniores
del Real Avola e
creare quel vivaio
di giocatori avole-
si al quale attinge-
re in futuro. Uni-
dea questa che
prevede quindi un
progetto a lungo
termine per il pre-
sidente Tiralongo
che intende creare
ad Avola un col-
lante tra lo sport
ed i giovani.
E' gi iniziata la nuo-
va stagione agonisti-
ca del Siracusa Ba-
sket con una grande
novit: il ritorno del
basket femminile in
citt.
Sotto la sapiente gui-
da di coach Andrea
Bianca, in un clima
di grande entusia-
smo, le ragazze, gi
dai primi giorni di
settembre, si stanno
allenando intensa-
mente per parteci-
pare al campionato
Under 17. La scelta
della societ di co-
struire una squadra
femminile, realizzata
con il supporto della
Trogylos Priolo, ha
catalizzato l'interesse
degli addetti ai la-
vori. Le stesse atlete
che, poter praticare
questo sport, erano
fn ad oggi costrette
a raggiungere Priolo,
hanno mostrato di
gradire molto l'i-
niziativa. Sono nel
frattempo ripresi gli
allenamenti di tutte
le squadre giovanili
sia di basket (per i
nati nel 2000, 2001
e 2002) che di mini-
basket (per i nati dal
2003 al 2009) con
la supervisione tec-
nica affdata a coach
Bianca, che conti-
nua nell'attuazione
del programma so-
cietario di puntare
sul settore giovanile
per sfornare i futuri
campioni del doma-
ni. "Il successo, in
termini di iscrizioni
e di qualit del pro-
dotto offerto, ottenu-
to negli ultimi due
anni, ci rende anco-
ra pi determinati
nel proseguire sulla
strada intrapresa. Un
gruppo di tecnici al-
tamente qualifcati
ed una societ vicina
alle esigenze degli
atleti e delle fami-
glie rappresentano un
mix vincente anche
per gli anni a veni-
re" ci dice il presi-
dente della societ
Francesco Caraffa.
"Continua pertanto il
programma che ab-
biamo defnito Il
Basket A Casa Tua
che in sinergia con le
scuole elementari e
medie, ed utilizzan-
do le strutture delle
stesse scuole, rende
possibile la creazione
di centri di addestra-
mento al basket ed
al minibasket diret-
tamente dislocati nei
quartieri della citt.
Quest'anno saremo
nelle scuole Lom-
bardo-Radice di via
Archia, Verga di
via Madre Tersa di
Calcutta e nellXI
Istituto Comprensi-
vo Archia di via
Monte Tosa (villag-
gio Miano) nonch
allinterno delle strut-
ture della Cittadella
dello Sport. Pur-
troppo conclude il
presidente Caraffa
il grande problema
rimane quello della
disponibilit di spazi
adeguati nelle strut-
ture coperte comu-
nali. Problema reso
ancor pi grave per
una piccola societ
come la nostra che
non pu vantare un
curriculum sportivo
di alto proflo e che,
nonostante l'impegno
dell'assessore Maria
Grazia Cavarra, ci
vede costretti a far
allenare all'aperto al-
cuni gruppi. Proba-
bilmente un maggior
impegno delle istitu-
zioni per completare
il tensostatico di via
Lazio ed il collaudo
della nuova palestra
del Liceo Gargallo
alla Pizzuta.
In foto, Coach
Andrea Bianca
Pallamano serie A/1 girone C, la presentazione
della seconda giornata di campionato
Seconda giornata del cam-
pionato di serie A/1 girone
C ricca di spunti. Per lAl-
camo di Randes parte lo-
perazione riscatto dopo la
sconftta esterna contro il
Dorica, in Sicilia il Bene-
vento e per Scir e compa-
gni un unico risultato possi-
bile per non perdere il treno
delle prime: la vittoria. In
casa gaetana arriva la squa-
dra marchigiana dellAnco-
na. Onelli e compagni, non
possono deludere i propri
tifosi e, inoltre, una vitto-
ria sarebbe importante per
ritrovare la giusta concen-
trazione. Tornano in pista
i campioni dItalia del-
lo junior Fasano, fermi ai
box nella prima giornata di
campionato.Per loro debutto
esterno, contro la Lazio di
mister Langiano. Per i lazia-
le, lesordio in questo cam-
pionato tra le mura amiche,
sicuramente, non tra le mi-
gliori. Pisani e compagni si
troveranno di fronte i puglie-
si carichi ed agguerriti, per
ripercorrere la stessa strada
dellanno scorso. Fondi e
Albatro partono entrambe
con una vittoria. I ragazzi di
mister Vinci, nonostante la
vittoria interna contro il Ga-
eta, sono alla ricerca, come
dichiarato dallo stesso tecni-
co aretuseo, del ritmo parti-
ta. In casa Fondi c attesa
per il debutto casalingo con
qualche timore pretattico
nei confronti di capitan Va-
squez e compagni rigene-
rati dallarrivo di Dedovic.
Queste le dichiarazioni del
tecnico laziale De San-
tis: LAlbatro Siracusa
una squadra che si molto
rinforzata con linnesto di
Dedovic, i siciliani hanno,
a ragione, laspirazione di
essere una delle prime for-
ze del girone, dopo che lo
scorso anno avevano gi
raggiunto la Poule Play-
Off. I miei ragazzi sono in
una buona condizione di
forma e il fatto di giocare
davanti al nostro pubblico
ci d ulteriori motivazioni;
vogliamo dare subito conti-
nuit ai nostri risultati e la
prima soddisfazione ai tifo-
si. Gli fa eco il portierone
Giovanni DAngelis: Sar
una gara ostica e combat-
tuta, in cui dovremo dare il
meglio per uscirne vincito-
ri.
Salvatore Cavallaro