Sei sulla pagina 1di 14

N. 01890/2011 REG.PROV.COLL. N. 00411/2011 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA sul ricorso numero di registro generale 411 del 2011, proposto da: Jacopo Maria Ferri, Camilla Ferri, Lucia Caselli, Fabrizio Calenzo, Michele Pacciani, Laura Bertocchi, Ugo Sarti, Rita Negrari, Luciano Negrari, Claudio Cortesi, Andrea Negrari, Paolo Toma', Sara Negrari, Annamaria Bruttini, Remo Trombella, Armando Lanzarotti, Serena Bardi, Maria Frassinelli, Daniela Novelli, Pierluigi Tomaselli, Claudio Giuliani, Paola Bardini, Mirella Grenti, Angelo Ferdani, Michela Marino, Piero Marchetti, Anna Sallustro, Alberto Oddo, Maria Stella Fonsetti, Claudia Gussoni, Claudio Longinotti, Tatiana Vannucci, Simona Mastroviti, Renzo Contigliani, Angela Bertolini, Giuseppina Bianchi, Paola Moscatelli, Giulia Zavattaro, Angella Blandina, Patrizio Bertolini, Marina Cavallini, Luigi Angelici, Giuseppina Anna Gaudio Caldarazzo, Mario Valenti, Maria Cristina Gonelli, Andrea Ratti, Oltjana Hajdoni, Mimosa Hajdoni, Gianluigi Cortesi, Vittorio Leoncini, Loreta Cianpini, Anna Maria Ciampini, Emanuele Filippi, Francesca Mozer, Maria Chiara Morganti, Antonio Ferrari, Annamaria Bazzigalupi, Tommaso Bucchioni, Maria Luisa Mori, Mirko Mori, Mario Pinotti, Marika Nietti, Daniele Ravera, Milena Federici, Vilma Romiti, Daniela Peverero, Emilia Biondi, Camilla Ottorina Chiarelli, Mattia Toma, Vilma Olivieri, Marilena Cabrelli, Maria Grazia Malachina, Tiziana Coduri, Antonella Nadotti, Irma Lazzeri, Egisto Mariani, Olivia Fiori, Pier Giuseppe Nicolosi, Lorena Castiglioli, Emmanuele Zavattaro, Maria Francesca Lanznaster, Alessandro Gabelloni, Rita Nadotti, Iride Pizzanelli, Fabio Mariani, Fabio Greppi, Daniele Bertocchi, Franco Amorfini, Ilaria Menini, Maura Tonelli, Francesca Bernazzoli, Gabriele Giusti, Ilaria Bucchioni, Silvio Bertocchi, Stefano Necchi, Guido Magnani, Silvia Precetti, Adriana Ferrari, Maria Luisa Cabrelli, Marzia Delucchi, Valentina Merletti, Chiara Pedrini, Francesca Pedrini, Alessandro Zani, Andrea Conti, Pietro Conti, Pierangelo Giumelli, Elisa Marchetti, Riccardo Ferrari, Massimo Lecchini, Silvio Fonsetti, Eugenia Toniarelli, Fausto Fonsetti, Francesca Nava, Paolo Angella, Silvia Di Mauro, Alessandro Giusti, Alessandra Lorenzelli, Silvio Bertoni, Ernesta Tognarelli, Manuel Gori, Matteo Biondi, Christian Bucchioni, Mariastella Ferrari, Alessandro Pinotti Bianchi, Marco Cassiani, Franco Giumelli, Nadia Corradini, Norberto Borzacca, Valentina Toni, Antonio Orsi, Sabrina Nani, Nicolo' Bergamaschi, Anna Pia Rossi, Mirella Camilli, Sabrina Candia, Jacopo Pedretti, Giovanni Gussoni, Carmelo Oddo, Pierangelo Coltelli, Riccardo Rossi, Renzo Martelloni, Riccardo Amorfini, Eleonora Natali, Laura Giampietri, Pierluigi Bardini, Domenico Bertoli, Graziano Rotelli, Claudia Ferrari, Stefano

Priolo, Silvio Galeotti, Luigi Gnetti, Ornella Guastalli, Antonio Felini, Silvia Galleri, Gian Paolo Arrighi, Maria Gloria Longhini, Gigliola Galanti, Jean Claude Taini, Marco Bardini, Ilaria Serati, Andrea Necchi Ghiri, Antonio Angela, Nicoletta Bardini, Sandra Ferrari, Milena Bardini, Barbara Santini, Stefania Bertocchi, Sara Orsi, Francesca Orietti, Roberto Mori, Stefano Fenucci, Michela Magnavacca, Andrea Draghi, Roberta Zani, Noemi Felini, Brunilda Preci, Besmir Preci, Gjovalin Preci, Walter Gussoni, Simona Ferrari, Roberto Del Vecchio, Paolo Bertoldi, Cristina Gussoni, Anna Maria Del Bianco, Elena Antoniotti, Luciano Cervara, Simona Epifani, Carlo Alberto Carnesecca, Ottorino Accorsi Buttini, Marialaura Moscatelli, Marcello Angella, Annamaria Bianchi, Silvana Zani, Lina Angella, Silvia Ballestracci, Francesca Di Latte, Mattia Pratici, Chiara Lorenzelli, Stefania Pardi, Marco Bertocchi, Elisabetta Leoncini, Luigi Federici, Gino Giuseppe Barp, Alberto Mazzini, Stefania Cinquanta, Gabriella Fontana, Denis Gussoni, Alessandra Tassi, Annamaria Iardella, Flavio Fasolato, Roberta Drovandi, Claudia Drovandi, Paolo Giumelli, Marusca Bastoni, Enrico Tonelli, Michele Pinetti, Sandro Scarpellini, Enrica Cervara, Erika Tonarelli, Marika Tonarelli, Tiziana Rossi, Elsa Tamagna, Lara Tozzi, Anna Rossi, Miria Battelli, Aurelio Battelli, Adelmo Mariani, Adriano Ricci, Rosella Battelli, Barbara Ricci, Giuseppe Ricci, Stefania Tamagna, Paola Marioni, Riccardo Angella, Michela Mariani, Davide Tonelli, Gaudenzio Tonelli, Maria Bergamaschi, Daniele Rossi, Renato Rossi, Fernanda Novelli, Age Preci, Tiziano Belloni, Lucia Marzocchi, Cristina Giumelli Fantoni, Antonella Adorni, Silvana Tamburini, Adriana Claudi, Mauro Martelloni, Maria Teresa Ricci, Alessia Baldini, Remo Ravera, Alessandro Bertolini, Andrea Benelli, Elisa Alberici, Michela Alberici, Irma Ballestracci, Alessia Curadini, Giancarlo Bergamaschi, Giovanni Maria Pighini, Luigi Scudellari, Miriam Pallatroni, Silvano Argenti, Ornella Betta, Lidia Cervara, Luciano Moscatelli, Nicola Baldini, Luca Giuseppe Chiodi, Ilaria Mori, Rina Sarti, Riccardo Galanti, Nicoletta Filippi, Marica Tislyar, Alessio Fogola, Ernesto Giannetti, Enrica Angella, Agnese Padroni, Enrica Talamini, Daniela Gussoni, Francesco Lorenzi, Lorenzo Ferrari, Roberta Tamagna, Annalisa Clerico, Stefania Benelli, Arianna Lanzarotti, Marco Borrotti, Milena Rubini, Marzia Rubini, Silvia Giumelli, Orazio Pallatroni, Romano Bezzi, Alberto Orsi, Bruno Bianchi, Emanuela Conti, Maura Romiti, Paola Ghelfi, Antonio D'Ambrosio, Anna Musetti, Cinzia Pasqualetti, Rachele Bertucci, Sara Airaghi, Giuseppe Donnarumma, Massimo Filippi, Giulia Bucchioni, Michela Bertocchi, Roberta Bertocchi, Fabrizio Ghironi, Carla Sarti, Nicoletta Bertini, Laura Zanella, Franca Zucconi, Giuseppe Michelotti, Roberto Conti, Sandro Leoncini, Carmen Capitani, Rina Baldini, Giancarlo Magnani, Patrizia Ferdani, Elisa Verunelli, Lucia Musetti, Paolo Malpezzi, Valentina Simoncini, Stefania Bertocchi, Michela Paita, Cristian Quartieri, Sante Talamini, Ylenia Fogola, Elena Ferrari, Manuela Ribolla, Sara Argenti, Laura Landi, Angelo Novelli, Sara Tondi, Paolo Lucchetti, Maria Ida Cervara, Mario Mori, Davide Sica, Graziana Della Zoppa, Margherita Bianchi, Alberico Varoli, Edoardo Olivieri, Emilio Martinelli, Lucia Baracchini, Marco Toma, Moira Baggi, Aldo Moscatelli, Paolo Porieli, Giovanna Baracchini, Carlo Bergamaschi, Luigi Borrotti, Lucia Mori, Ermes Quartieri, Guido Spinetti, Maria Caligiani, Adriana Pedrini, Paolo Savi, Genesio Spinetti, Cinzia Rosi, Emanuele Rosi, Giuseppe Scoccia, Oriella Salicetti, Erminia Crescini, Sergio Ferrari, Roberto Cervara, Carmen Armanetti, Antonio Delucchi, Monica Cavellini, Marco Salvini, Luisa Zammori, Monica Secchi, Cristina Zecca, Elisa Pallatroni, Lina Menini, Chiara Zavattaro, Franco Betta, Franca Faggiani, Daniela Loreni, Vanda Zoppi, Giuliana Zuccarelli, Giovanni Spinetti, Stefano Carnesecca, Gabriella Giulianotti, Luca Bertoncini, Patrizia Gnetti, Sandro Turchi, Anna Maria Mori, Renato Lorenzi, Leonardo Angella, Ivana Coltelli, Mariapiera Cavellini, Ornella Menini, Claudio Fanti, Sauro Segreti, Almina Ravelli, Francesco Marafetti, Elisa Castellotti, Maurizio Ricci, Alessandro Necchi, Alice Perini, Agnese Perini, Maria Luisa Perini, Beatrice Perini, Antonina Scarpinato, Fabrizio Chiolerio, Luciana Marveggio, Michela Melini, Federica Ferrari, Piera Beccari, Giuseppe Guarducci, Rita Maestri, Marco Pasqualetti, Stefano Malpezzi, Monica Bucchioni, Emanuela Tamagna, Maria Teresa Santini, Angela Cortesi, Elisa Soriani, Federica Bertolini, Ulderico Tamagna, Vito Villirillo, Massimo Sallusto, Rita Tringali, Leonardo Bianchi, Pierdomenico Galeotti, Simona Del Fraro, Simona Tondani, Silvana Veroni, Pierino Cariati, Daniele Perini, Giuseppe Perini, Rosa Cavellini,

Ida Clarice Barella, Pierino Bergamaschi, Sandra Menini, Paolo Gabelloni, Maria Candia, Paola Dorai, Silvana Picchio', Giovanni Poletti, Belkacem Serrar, Corinna Cortesi, Maria Teresa Frassinelli, Antonio Veroni, Alessandro Atzeni, Alessandra Giorgetti, Lino Delfraro, Paolo Raza, Adua Maria Gaverini, Franco Castellotti, Anita Zanella, Emilio Pizzanelli, Arturo Berbieri, Mirella Parini, Wilma Leoncini, Nita Bolleri, Jaqueline Ferrari, Cludia Garola, Sara Mordini, Antonella Pallini, Marino Squeri, Danilo Lollo, Angelo Mori, Enzo Bergamaschi, Davide Pilati, Lina Ferrari, Eleonora Trivelloni, Davide Guardascione, Roberto Pizzanelli, Liliana Delpoio, Giorgio Babbini, Ermanno Podenzana, Emilio Armanetti, Paolo Podenzana, Mauro Trivelloni, Luca Cavelini, Giovanna Balestracci, Antonella Amadei, Giannicola Bisciotti, Norma Zani, Michele Lamachelli, Michele Romiti, Fabrizio Cavellini, Corrado Oddo, Ivana Tamagna, Marisa Tamagna, Caterina Armanetti, Angela Braccelli, Alessandro Borghini, Guido Marchetti, Costantino Cavellini, Michelina Delia Iannella, Sabrina Bolleri, Tullio Gossoni, Franca Guidugli, Lea Fenini, Maria Sofia Ruschi Noceti, Cristina Angelini, Caterina Angelini, Pierpaolo Lumachelli, Elena Armanetti, Diego Daidone, Antonella De Matteis, Marco Boni, Marzio Mori, Maria Teresa Corti, Elisa Bardini, Paolo Magnani, Tiziana Rossi, Pietrino Della Catta, Cristina Colombo, Mario Picconi, Franca Armanini, Valentina Bottari, Paolo Martinelli, Marino Cavellini, Giorgio Gabelloni, Giovanni Sarti, Mariangela Mori, Stefano Colombo, Pierluigi Domenichini, Roberto Bertolini, Roberto Bastoni, Antonietta Leoncini, Alessandra Pizzati, Fabio Ravera, Luca Tosi, Liana Montefiori, Maria Lorenza Tomasi, Alessandro Conforti, Silvia Alessandra Fornesi, Debora Colombo, Samuela Ricco', Stefania Pini, Maria Leoncini, Roberto Cavellini, Tommaso Boggio, Anna Lorenzi, Sergio Lombardi, Giovanna Erluison, Lorella Erluison, Paolo Parodi, Lucia Boggi, Domenico Roggiero, Roberto Conti, Enrico Antiga, Abramo Michelotti, Annamaria Mori, Alfideo Baldini, Lorena Salvini, Umberto Mugella, Eustacchia Scozzar, Maxime Anelli, Cristian Ricci, Francesco Bola, Alessia Curadi, Andra Antolini, Roberto Bucchioni, Marco Cavellini, Anna Pini, Sandrine Squarcia, Federica Biolzi, Stefano Ferrari, Maria Serati, Ubaldo Bola, Sergio Bardini, Giorgio Antolini, Fabrizia Biagi, Renata Olivieri, Cesarino Gabelloni, Giancarlo Marziani, Elena Accorsi Buttini, Oreste Pilati, Giorgio Lecchini, Sara Pedinotti, Annamaria Reggiani, Gianluca Cavalieri, Nella Marchetti, Linuccia Sorbello, Angelo Armanini, Massimo Filipponi, Stefania Pinzuti, Maria Cristina Magnavacca, Alessandro Barontini, Eleonora Pinelli, Maria Magnani, Benito Romano Menchini, Vanessa Giumelli, Leopoldo Giumelli, Luisa Cresci, Giovanni Simoncelli, Serena Fiori, Giulia Agostini, Tatiana Spuri, Michela Tozzi, Giuseppina Palagi, Elisa Gussoni, Gianmario Orsi, Giovanna Varoli, Sabrina Scontrini, Simona Bertolini, Pierangelo Bucchioni, Barbara Corradini, Paolo Martinelli, Veronica Beccarelli, Iolanda Oddo, Margherita Cimieri, Nadia Pucchioni, Luca Albericci, Sara Bertocchi, Marta Perini, Paola Sica, Elena Bertolini, Cristina Felini, Vittorio Albertosi, Lucia Polito, Sonia Toma', Paolo Arrighi, Luciana Bertolini, Paolo Cavalieri, Luca Pretari, Paola Pretari, Benedetta Magnavacca, Pietro Tosi, Sergio Bassignani, Luigi Della Zoppa, Moreno Baldini, Manuel Buttini, Elsa Filippi, Remo Buttini, Elisa Magnani, Mariella Toma, Luciana Visconti, Giovanna Transitano, Gianluca Bergamaschi, Elisa Cavicchioli, Luca Angella, Bernardo Ricci, Riccardo Madoni, Pietro Ferdani, Stefano Bertoncini, Lorenzo Perini, Giacomo Bertoncini, Filippo Sica, Cristiano Raza, Roberto Guastaldi, Giuseppe Donato Laus, Guendalina Chiocca, Lorena Galeotti, Alda Elisabeth Castagnaro, Alberto Mori, Mattia Bergamaschi, Selena Ranocchia, Chiara Bertoncini, Sara Pettazzoni, Zita Fanchi, Sandra Barbasini, Felice Candia, Gabriella Crocetti, Manuele Pinotti Bianchi, Candida Cappuccini, Ornella Boccardi, Marco Albertosi, Giovanna Bertolini, Patrizia Bertocchi, Donatella Giannetti, Mauro Gussoni, Maria Assunta Arrighi, Giancarlo Matteoni, Orlando Corseni, Alberto Filippi, Matteo Mastrini, Carlo Toma, Americo Toma, Alberto Pinelli, Rossella Boschi, Rosalba Comellini, Maria Angela Posani, Alfonso Maurelli, Rosanna Savi, Maria Teresa Orioli, Anna Menchini, Rosanna Guarducci, Teresina Bertoni, Danilo Berton, Matteo Bazzigalupi, Anna Maria Balestracci, Patrizia Tonno, Giuliana Donati, Lucia Savi, Chiara Savi, Vincenza Biscioni, Rita Poli, Piergino Tasso, Loretta Lecchini, Maria Marefetti, Franca Bellotti, Alessandra Mori, Emma Angella, Paola Maggio, Pietro Pardi, Fabio Orsi, Enrica Cavazzini, Bruna Fanti, Maria Biscioni, Silvia Bertocchi, Elsa Bertocchi,

Secondo Novelli, Daniela Romiti, Alberto Romiti, Iuri Fogola, Bruno Fogola, Loredana Fanti, Maria Rosa Balestracci, Elsa Bazzali, Iva Terroni, Caterina Candia, Graziella Michelotti, Graziella Zanella, Liliana Larini, Silvia Pettazzoni, Barbara Mennini, Pierino Lecchini, Ernesta Borrini, Giovanna Zanella, Giovanni Terroni, Maura Donnini, Sauro Lecchini, Antonella Perinati, Alberto Zanella, Bruno Ferrari, Roberta Carnesecca, Luigia Feda, Maria Re, Cristina Romiti, Iole Bazzali, Maura Della Catta, Stefano Perfigli, Pietro Pratolongo, Debora Pasquali, Ines Martinelli, Iliano Silvestri, Mauro Guarducci, Benito Barbasini, Elide Molini, Rossano Lollo, Antonio Giocoso, Fabio Bracci, Alessia Cori, Andrea Menchini, Marcello Federico, Angelo Bardini, Silvana Marietti, Iayme Fanti, Monica Veroni, Massimiliano Caporale, Mauro Bucchioni, Sabina Angella, Giulia Arrighi, Valentina Valente, Pierdavide Bertocchi, Cesarino Crocetta, Marco Madoni, Federico Mazzi, Silvana Gelfi, Franca Assunta Fenocchi, Anna Veroni, Silvia Vinciguerra, Luisa Menini, Lina Pasquali, Gianmarco Corchia, Maria Teresa Armanetti, Giovanni Mario Nadotti, Paola Fabbri, Francesca Pettazzoni, Pietro Ribolla, Lucia Bellotti, Franca Guerrini, Mariangela Coduri, Giovanna Bernardini, Pietro Pratici, Elisa Gussoni, Tiziano Bucchioni, Simona Segafredo, Adriana Stella Pecoraro, Giuseppe Simoncelli, Maria Luisa Zanella, Patrizia Angella, Annalisa Mori, Emiliano Fontana, Stefania Buono, Giovanna Giorgini, Anna Petri, Donatella Pelliccia, Enrico Polverini, Alessio Ginesi, Giuseppe Palagi, Francesca Cibei, Antonello Murena, Barbara Arenare, Marisa Bardini, Maria Zita Nisica, Elena Giusti, Meriangela Federici, Maurizio Federici, Barbara Conti, Giuliano Bertoni, Pierangelo Candia, Daniele Buttini, Dhebora Franchetti, Alessandro Gentili, Monica Candia, Gianluca Crocetti, Silvano Simonata, Riccardo Veroni, Marika Ghironi, Graziella Bertaccini, J. Osiane Volpi, Vera Bertoni, Marino Bertoni, Romano Giumelli, Elena Hosu, Orietta Volpi, Paola Marafetti, Giuseppe Agretto, Giuliana Bicchierai, Manila Salomone, Marisa Bernardelli, Davide Ballestracci, Roberta Dadduzio, Faouzia Mahir, Paola Delsignore, Sabrina Perfigli, Michele Gussoni, Jacopo Bergamaschi, Elisabetta Corvi, Giuseppe Ghironi, Nemo Tonelli, Pasqualina Di Salvo, Marialuisa Agretto, Vittorio Bellandi, Giuditta Parodi, Franco Mazzi, Daniele Pinotti Bianchi, Lucia Lucii, Andrea Bellandi, Irisa Dauti, Silvia Necchi, Anna Maria Gianelli, Giuseppe Gussoni, Gianpaolo Montano, Michela Furia, Andrea Parodi, Gemma Pacifico, Maria Pia Pasini, Patrizia Rossi, Stefano Romiti, Sonia Ghelfi, Dirce Bolleri, Lidia Trevisan, Giuseppe Tonelli, Elia Matteoni, Annalisa Musetti, Luca Lucchetti, Fausta Bestazzoni, Ornella Pinotti, Giuseppina Marani, Flavio Ricci, Rita Simonetti, Federica Cavatorta, Bruna Romiti, Federica Simoncini, Cristina Pedroni, Alessia Giumelli, Valeria Prini, Barbara Bellandi, Lorenza Aprili, Mattia Monacchia, Cristina Pappini, Alberto Santini, Franca Molli, Meri Marchetti, Pietro Camillo Cocchi, Giuseppe Candia, Caterina Liuzzi, Anna Salvini, Angelo Righetti, Enrico Bertolini, Anita Bertocchi, Alessandra Tonelli, Rita Maffei, Gabriella Cavellini, Raffaella Barbieri, Bruna Domenichini, Gloria Farinacci, Ermana Segreti, Lucia Raggi, Alessandra Bruscagli, Emilia Bertolini, Lara Cecchini, Angelo Ribolla, Florindo Turchetti, Roberta Federico, Ornella Leoncini, Roberta Fenucci, Enrico Bardini, Angela Bertolini, Sara Candia, Monica Marziani, Matilde Marino, Carla Bertolini, Emilia Pinotti, Bruna Curadini, Luisa Scarpinato, Mariella Scarpinato, Gianfranco Giumelli, Pietro Sandro Bonomi, Carla Arrighi, Norina Piagneri, Giuseppe Savi, Erika Marafetti, Angelina Magnotta, Velide Augusta Bautta, Gaia Angella, Orietta Pizzanelli, Enrico Barbieri, Luigi Ballestracci, Jessica Nazaret Baptista Di Dio, Ottorino Beccia, Silvana Manganelli, Emanuel Fantoni, Fatima Beccia, Nadia Simonetti, Elisabetta Leoncini, Anna Pettazzoni, Renzo Ghetti, rappresentati e difesi dall'avv. Daniele Granara, con domicilio eletto presso Enea Baronti in Firenze, via Maggio, 30; contro ASL 1 - Massa Carrara, in persona del Direttore generale p.t., rappresentata e difesa dall'avv. Domenico Iaria, con domicilio eletto presso Domenico Iaria in Firenze, via dei Rondinelli 2; Comune di Pontremoli in persona del Sindaco p.t; Regione Toscana in persona del Presidente p.t.;

Ministero della Salute in persona del Ministro p.t., rappresentato e difeso dall'Avvocatura distr.le dello Stato di Firenze, domiciliataria per legge; per l'annullamento, previa sospensione, della determinazione del Commissario dellAzienda USL 1 di Massa e Carrara n. 29, del 2.02.2011, avente ad oggetto Decisioni sulla chiusura del punto nascita di Pontremoli, nonch di ogni atto preparatorio, presupposto, inerente, conseguente e/o comunque connesso ed in particolare dei seguenti, anche non cogniti: - della determinazione del Commissario dellAzienda USL 1 di Massa e Carrara, n. 31 del 4.02.2011 e relativi allegati; - degli allegati 11, 12 e 13 alla determinazione n. 29 del 2.02.2011;

Visti il ricorso e i relativi allegati; Visti gli atti di costituzione in giudizio di Asl 1 - Massa Carrara e di Ministero della Salute; Viste le memorie difensive; Visti tutti gli atti della causa; Relatore nell'udienza pubblica del giorno 19 ottobre 2011 il dott. Bernardo Massari e uditi per le parti i difensori come specificato nel verbale; Ritenuto e considerato in fatto e diritto quanto segue.

FATTO Premettono i ricorrenti di essere tutti abitanti di localit della Lunigiana e di essere, pertanto, interessati al mantenimento in funzione del Punto nascite di Pontremoli, struttura facente parte dell'organizzazione dipartimentale materno -infantile dell'ASL di Massa Carrara. Assumono, ancora, i deducenti che le caratteristiche orografiche e di viabilit della Lunigiana, particolarmente difficili, fanno s che la sua principale via di comunicazione sia l'autocamionale della Cisa, autostrada costantemente caratterizzata, in tutti periodi dell'anno, da un intenso traffico e, conseguentemente, da code e rallentamenti di autoveicoli, di talch, al fine di assicurare il corretto e proficuo svolgimento del servizio assistenziale in parola, essenziale che continui a sussistere un punto nascite nel Comune di Pontremoli, agevolmente raggiungibile da tutti gli utenti interessati. Con determinazione del 2 febbraio 2011 n. 29 il Commissario facente funzioni di Direttore generale dell'azienda USL 1 di Massa Carrara disponeva la chiusura, entro il 28 febbraio 2011, del suddetto Punto nascita, dando mandato al Direttore del Dipartimento materno infantile di attuare le consequenziali misure organizzative. Tanto in relazione non solo all'esiguo numero di parti trattati

nel corso dell'anno (200 parti), ma anche in relazione al venir meno degli standard di sicurezza evidenziati dai sanitari ivi operanti attraverso una nota indirizzata ai responsabili della struttura nella quale manifestavano l'intendimento di rifiutare di prestarvi la propria attivit se non muniti di un ordine di servizio che li esentasse da ogni responsabilit. Il predetto provvedimento veniva emesso in esecuzione del Patto per la salute 2010 - 2012" siglato il 16 dicembre 2010 tra Governo, Regioni e Province autonome che, nell'individuare i requisiti minimi di sicurezza dei punti nascita presenti sul territorio nazionale, consente il mantenimento in funzione delle strutture ove vengano assistiti almeno 1000 parti all'anno, soglia derogabile in virt di specifiche esigenze territoriali "comunque non al di sotto dei 500 parti/anno". In esecuzione del provvedimento di cui sopra, il 23 febbraio 2011 il Punto nascita di Pontremoli veniva effettivamente chiuso, contestualmente attivando il modulo organizzativo sostitutivo stabilito negli allegati n. 11 e 12 della determinazione commissariale n. 29/11. Avverso tale atto proponevano ricorso il signor Ferri e gli altri consorti in lite domandandone l'annullamento, previa sospensione, e deducendo i seguenti motivi: 1. Violazione e falsa applicazione degli artt. 1, 3 e 3 bis del d.lgs. n. 502/1992 e degli artt. 1, 3, 12, 22, 36 e 39 della l. reg. 24 febbraio 2005, n. 40, nonch degli artt. 1, 2 e 8 della l. reg. 31 ottobre 2001, n. 53, in relazione alla violazione dell'art. 32 della Costituzione. Violazione del Patto per la salute 2010/2012, siglato dalla Conferenza permanente Stato Regioni Province autonome il 3 dicembre 2009 e dell'accordo siglato dalla Conferenza unificata Stato Regioni - Autonomie locali in data 16 dicembre 2010, in relazione alla violazione dell'art. 6 bis del d.lgs. n. 502/1992. Violazione dei principi materia di diritto alla salute, programmazione sanitaria e definizione dei livelli essenziali e uniformi di assistenza. Violazione del principio fondamentale della separazione funzionale tra l'attivit di indirizzo politico e l'attivit di gestione. Violazione dei principi di imparzialit e buon andamento dell'amministrazione. Eccesso di potere per difetto assoluto del presupposto e per contraddittoriet ed illogicit manifeste. Travisamento. Incompetenza. 2. Violazione e falsa applicazione degli artt. 1, 3 e 3 bis del d.lgs. n. 502/1992 e degli artt. 1, 3, 12, 22, 36 e 39 della l. reg. 24 febbraio 2005, n. 40, nonch degli artt. 1, 2 e 8 della l. reg. 31 ottobre 2001, n. 53, in relazione alla violazione dell'art. 32 della Costituzione. Violazione del Patto per la salute 2010/2012, siglato dalla Conferenza permanente Stato Regioni Province autonome il 3 dicembre 2009 e dell'accordo siglato dalla Conferenza unificata Stato Regioni - Autonomie locali in data 16 dicembre 2010, in relazione alla violazione dell'art. 6 bis del d.lgs. n. 502/1992. Violazione dei principi materia di diritto alla salute, programmazione sanitaria e definizione dei livelli essenziali e uniformi di assistenza. Eccesso di potere per difetto assoluto del presupposto e per contraddittoriet ed illogicit manifeste. Travisamento. 3. Violazione e falsa applicazione degli artt. 1, 3 e 3 bis del d.lgs. n. 502/1992 e degli artt. 1, 3, 12, 22, 36 e 39 della l. reg. 24 febbraio 2005, n. 40, nonch degli artt. 1, 2 e 8 della l. reg. 31 ottobre 2001, n. 53, in relazione alla violazione dell'art. 32 della Costituzione.

Violazione del Patto per la salute 2010/2012, siglato dalla Conferenza permanente Stato Regioni Province autonome il 3 dicembre 2009 e dell'accordo siglato dalla Conferenza unificata Stato Regioni - Autonomie locali in data 16 dicembre 2010, in relazione alla violazione dell'art. 6 bis del d.lgs. n. 502/1992. Violazione dei principi materia di diritto alla salute, programmazione sanitaria e definizione dei livelli essenziali e uniformi di assistenza. Eccesso di potere per difetto assoluto del presupposto e per contraddittoriet ed illogicit manifeste. Travisamento. 4. Violazione e falsa applicazione degli artt. 1, 3 e 3 bis del d.lgs. n. 502/1992 e degli artt. 1, 3, 12, 22, 36 e 39 della l. reg. 24 febbraio 2005, n. 40, nonch degli artt. 1, 2 e 8 della l. reg. 31 ottobre 2001, n. 53, in relazione alla violazione dell'art. 32 della Costituzione. Violazione del Patto per la salute 2010/2012, siglato dalla Conferenza permanente Stato Regioni Province autonome il 3 dicembre 2009 e dell'accordo siglato dalla Conferenza unificata Stato Regioni - Autonomie locali in data 16 dicembre 2010, in relazione alla violazione dell'art. 6 bis del d.lgs. n. 502/1992. Violazione dei principi materia di diritto alla salute, programmazione sanitaria e definizione dei livelli essenziali e uniformi di assistenza. Violazione del principio fondamentale della separazione funzionale tra l'attivit di indirizzo politico e l'attivit di gestione. Violazione dei principi di imparzialit e buon andamento dell'amministrazione. Violazione del principio di proporzionalit degli atti amministrativi. Eccesso di potere per difetto di presupposti, di istruttori a e di motivazione e per contraddittoriet ed illogicit manifeste. Travisamento. 5. Violazione e falsa applicazione degli artt. 1, 3 e 3 bis del d.lgs. n. 502/1992 e degli artt. 1, 3, 12, 22, 36 e 39 della l. reg. 24 febbraio 2005, n. 40, nonch degli artt. 1, 2 e 8 della l. reg. 31 ottobre 2001, n. 53, in relazione alla violazione dell'art. 32 della Costituzione. Violazione del Patto per la salute 2010/2012, siglato dalla Conferenza permanente Stato Regioni Province autonome il 3 dicembre 2009 e dell'accordo siglato dalla Conferenza unificata Stato Regioni - Autonomie locali in data 16 dicembre 2010, in relazione alla violazione dell'art. 6 bis del d.lgs. n. 502/1992. Violazione dei principi materia di diritto alla salute, programmazione sanitaria e definizione dei livelli essenziali e uniformi di assistenza. Violazione dellart. 3 della Costituzione e del principio di parit di trattamento. Violazione dei principi di imparzialit e buon andamento dell'amministrazione. Violazione del principio di proporzionalit degli atti amministrativi. Eccesso di potere per difetto di presupposti, di istruttori a e di motivazione e per contraddittoriet ed illogicit manifeste. Travisamento. 6. Violazione e falsa applicazione degli artt. 1, 3 e 3 bis del d.lgs. n. 502/1992 e degli artt. 1, 3, 12, 22, 36 e 39 della l. reg. 24 febbraio 2005, n. 40, nonch degli artt. 1, 2 e 8 della l. reg. 31 ottobre 2001, n. 53, in relazione alla violazione dell'art. 32 della Costituzione e mancata applicazione dellart. 3 della l. n. 241/1990. Violazione del Patto per la salute 2010/2012, siglato dalla Conferenza permanente Stato Regioni Province autonome il 3 dicembre 2009 e dell'accordo siglato dalla Conferenza unificata Stato

Regioni - Autonomie locali in data 16 dicembre 2010, in relazione alla violazione dell'art. 6 bis del d.lgs. n. 502/1992. Violazione dei principi materia di diritto alla salute, programmazione sanitaria e definizione dei livelli essenziali e uniformi di assistenza. Violazione dei principi di imparzialit e buon andamento dell'amministrazione. Violazione dei principi in materia di giusto procedimento. Eccesso di potere per difetto di presupposti, di istruttoria e di motivazione e per contraddittoriet ed illogicit manifeste. Si costituita in giudizio lAmministrazione intimata opponendosi allaccoglimento del gravame. Con ordinanza n. 339 dell1 aprile 2011 stata respinta listanza incidentale di sospensione dellatto impugnato. Alludienza pubblica del 19 ottobre 2011 il ricorso stato trattenuto in decisione. DIRITTO 1. Con il ricorso in esame viene impugnata la determinazione del Commissario dellAzienda USL 1 di Massa e Carrara n. 29, del 2.02.2011 con cui stata disposta chiusura del Punto nascita di Pontremoli. 2. Preliminarmente deve essere scrutinata leccezione di inammissibilit del gravame, avanzata con la memoria del 14 settembre 2011, dalla difesa dellAmministrazione resistente. Ad avviso dellAzienda sanitaria, infatti, i ricorrenti avrebbero dovuto impugnare tempestivamente il provvedimento n. 55 del 21 marzo 2011 con il quale il Direttore generale ha modificato l'atto di cui in questa sede si contesta la legittimit, integralmente sostituendo le procedure operative attivate successivamente la chiusura del punto nascita. 2.1. La tesi non pu essere seguita. Giova in proposito rammentare che, del tutto pacificamente, la dichiarazione di improcedibilit del ricorso originario per sopravvenuta carenza di interesse pu essere pronunciata soltanto al verificarsi di una situazione in fatto o in diritto del tutto nuova rispetto a quella esistente al momento della sua proposizione, tale da rendere certa e definitiva l'inutilit della sentenza, nel senso di avere fatto venire meno per il ricorrente qualsiasi, anche se solo strumentale, morale o comunque residua utilit della pronuncia del giudice (Cons. Stato, sez. VI, 21 dicembre 2010, n. 9323, T.A.R. Campania Napoli, sez. II, 21 marzo 2011, n. 1584). Nel caso di specie, la determinazione n. 55/2011, previa acquisizione delle indicazioni del gruppo di lavoro alluopo costituito, si limitata a sostituire l'originario allegato n. 12 contenente la "procedura operativa di gestione delle pazienti ostetriche/ginecologiche ed i trasporti sanitari al Dipartimento Materno Infantile di Massa", con ci intervenendo unicamente su un aspetto del provvedimento avversato che non lede in alcun modo l'interesse dedotto in giudizio il quale , con ogni evidenza, connesso alla cessazione dell'attivit assistenziale del Punto nascita,

indipendentemente dalle modalit scelte dall'amministrazione per ovviare agli inconvenienti arrecati alla popolazione residente da tale decisione. L'eccezione va dunque rigettata. 3. Nel merito il ricorso non fondato. Con il primo motivo i ricorrenti si dolgono della violazione delle norme del d.lgs. n. 502/1992 e della l. reg. 24 febbraio 2005, n. 40, che regolano la competenza del direttore generale della ASL e la definizione del piano attuativo locale, nonch della violazione del Patto per la salute 2010/2012, siglato dalla Conferenza permanente Stato Regioni - Province autonome il 3 dicembre 2009 e dell'accordo di cui alla Conferenza unificata Stato Regioni - Autonomie locali del 16 dicembre 2010. Ci in quanto, sostanzialmente, la chiusura del punto nascita di Pontremoli avrebbe dovuto essere deliberata dalla Conferenza dei sindaci nell'ambito del piano attuativo locale e non disposta, con un atto autonomo, dal Commissario dell'ASL di Massa e Carrara. 3.1. La tesi non pu essere condivisa. Lart. 3, co. 1 quater, del d.lgs. n. 502/1992 nel fissare le competenze del direttore generale dellazienda sanitaria dispone che questi adotta l'atto aziendale di cui al comma 1-bis ; responsabile della gestione complessiva e nomina i responsabili delle strutture operative dell'azienda... La disciplina regionale cui la legge dello Stato affida il compito di regolare forme e modalit per la direzione e il coordinamento delle attivit socio-sanitarie stabilisce per quanto di interesse in materia di Piani attuativi locali (art. 20 l. reg. n. 40/2005) che il piano attuativo locale lo strumento di programmazione con il quale, nei limiti delle risorse disponibili, nell'ambito delle disposizioni del piano sanitario e sociale integrato regionale, del piano di area vasta e degli indirizzi impartiti dalle conferenze aziendali dei sindaci, le aziende unit sanitarie locali programmano le attivit da svolgere. Quanto alla procedura di approvazione il citato art. 20, co. 2 e 3, della l. reg. n. 40 prevede che 2. Le conferenze aziendali dei sindaci, previo parere dei consigli comunali, formulano indirizzi per le aziende unit sanitarie locali per l'elaborazione del piano attuativo locale.3. Il direttore generale dell'azienda unit sanitaria locale adotta il piano attuativo e lo trasmette alla conferenza aziendale dei sindaci, che lo approva in sede plenaria. Dalle disposizioni sopra rassegnate emerge la natura programmatica e di indirizzo del piano attuativo locale che costituisce lo strumento ordinario di pianificazione generale dell'attivit delle aziende sanitarie locali con riferimento al quale il direttore generale pone in essere le scelte di gestione. Ci non comporta, tuttavia, che il contenuto del piano attuativo locale possa avere carattere inderogabile e, soprattutto, non debba essere adattato, ove le contingenze lo richiedano, ad inderogabili e straordinarie esigenze che si manifestino durante il periodo di vigenza del piano stesso.

In particolare, quando sopravvengano mutamenti normativi ovvero disposizioni di indirizzo promananti da organi sovraordinati a quelli regionali, con le quali il piano attuativo locale deve necessariamente coordinarsi. evidente, infatti, che in tal caso il contenuto delle determinazioni assunte dal direttore generale, atteso il loro carattere vincolato, finisce con il pretermettere gli indirizzi assunti dalle conferenze aziendali dei sindaci attraverso il piano attuativo locale, svuotandone per quanto di interesse i profili precettivi. Ci quanto accaduto nel caso di specie. Invero, da un lato, dopo l'approvazione del piano attuativo locale in vigore intervenuto il cd. Patto per la salute 2010-2012 siglato il 3 dicembre 2009 tra Governo, Regioni e Province autonome e lintesa approvata il 16 dicembre 2010 dalla conferenza unificata tra Governo, Regioni, Province, Comuni e Comunit montane che, nell'individuare i requisiti minimi di sicurezza dei punti nascita presenti sul territorio nazionale, consente il mantenimento in funzione di tali strutture solo ove vi si svolgano almeno 1000 parti all'anno e, in via derogatoria, in relazione a specifiche esigenze territoriali, comunque non al di sotto di 500 parti all'anno, a fronte delle disposizioni di indirizzo contenute nel p.a.l. 2008/2010 che consentiva la conservazione di tali strutture sanitarie deputate anche in presenza di 200 parti annui, come nel caso di Pontremoli. Dallaltro, il commissario straordinario della ASL 1 - Massa Carrara (nelle vesti e con i poteri del direttore generale) non poteva non tener conto di quanto rappresentato dai sanitari del punto nascite di Pontremoli che, con missiva del 20.01.2011 , avevano rappresentato lassenza nella struttura delle condizioni di sicurezza necessarie per continuare a svolgere la propria attivit, richiedendone un ordine scritto che li sollevasse da eventuali responsabilit. Di qui la necessit di un intervento immediato che, in quanto connotato, come si visto, da vincolativit e urgenza, non poteva transitare per la sua deliberazione dalla sede ordinaria della conferenza aziendale dei sindaci della zona i quali, del resto, non risulta abbiano assunto alcuna iniziativa, neppure in sede giudiziaria, per contestare loperato del commissario straordinario, denunciandone lincompetenza ad assumere la decisione in parola. 4. Il secondo motivo appunta le sue doglianze sullasserito difetto di istruttoria da cui sarebbe viziata la determinazione impugnata, con particolare riferimento all'assenza del requisito dell'urgenza posto, fra gli altri motivi, a fondamento della chiusura del punto nascita. 4.1. L'assunto non ha pregio. Come si gi preriferito in relazione allo scrutinio della precedente censura i sanitari del Dipartimento materno infantile di Massa Carrara avevano indirizzato alla direzione aziendale una nota con la quale precisavano che "allo scadere del 31 gennaio 2011 non presteremo pi la nostra opera di Guardia Attiva n tanto meno di Pronta Disponibilit Sostitutiva nella. Nascita di Pontremoli. Nel caso che fosse eventualmente mantenuto in attivit detto. Nascita, non volendo essere complici e attori coscienti consenzienti in realt di grave rischio gi pi volte segnalata e peraltro condivisa dalla Dirigenza aziendale, persistere in moto nella decisione di comunicata". evidente che, a prescindere dal valore giuridico di tale documento, lo stesso appare sintomatico di una situazione di deficienza organizzativa e strutturale della quale l'organo direttivo dell'azienda sanitaria locale non poteva non tener conto.

d'altro canto tale situazione viene formalizzata nella nota del direttore del Dipartimento materno infantile dell'azienda sanitaria in data 7 gennaio 2011 (doc. n. 14 di controparte) nella quale vengono evidenziate le carenze del punto nascita di Pontremoli, con riferimento, tra l'altro, all'indisponibilit di assistenza anestesiologica continuativa nell'ambito della struttura ospedaliera; alla mancanza di una sala operatoria di pronta disponibilit, con personale dedicato nelle 24 ore per l'emergenza ostetrica del blocco travaglio-parto; allassenza di garanzie in ordine alla eventuale terapia sub-intensiva alle partorienti e alle puerpere. Quanto alla conferenza dei Sindaci dei comuni del comprensorio della Lunigiana che, a dire dei ricorrenti, avrebbe dovuto esprimere il proprio avviso vincolante sul punto, si osserva che dal verbale delle sedute della suddetta conferenza del 5 agosto 2010 e del 10 gennaio 2011, da un lato si evince che i rappresentanti dei comuni sono consapevoli dellimpossibilit, alla luce di quanto gi riferito, di conservare lesercizio del punto nascite di Pontremoli, potendosi, al pi, contemplare lipotesi di procrastinarne la chiusura, dallaltro emerge chiara la natura di mero indirizzo delle deliberazioni assunte in tale occasione, posto che la conferenza conclude esprimendo un mero auspicio in ordine al mantenimento della struttura in parola. Daltro canto, lo stesso dato normativo a confermare, in capo ai sindaci dei comuni ricompresi nell'ambito territoriale dell'azienda unit sanitaria locale, le funzioni di indirizzo per l'elaborazione e lapprovazione del piano attuativo locale (artt. 12 e 22, co. 2, l. reg. n. 40/2005), riservando al direttore generale, oltre che ladozione, lattuazione dello stesso. Ora, pur vero che il p.a.l. 2008/2010 non pone tra i suoi obiettivi la cessazione dellattivit del punto nascite di Pontremoli (ma neppure la esclude), tuttavia non poteva averne tenuto conto dal momento che, al momento della sua approvazione, non era ancora vigente la pi volte citata intesa approvata il 16 dicembre 2010 dalla conferenza unificata tra Governo, Regioni, Province, Comuni e Comunit montane della cui natura cogente non vi sono elementi per dubitare ex art. 9 d.lgs. n. 281/1997. Ne discende che la determinazione emessa dal commissario straordinario ben pu essere inquadrata come esercizio delle funzioni attribuite al direttore generale dellazienda sanitaria di attuazione ed esecuzione del p.a.l. nei termini fissati dalla normativa vigente al tempo della sua adozione. 5. Con il terzo motivo i ricorrenti deducono il vizio di eccesso di potere per difetto presupposti, contraddittoriet ed illogicit manifesta dellatto impugnato in relazione alla possibilit, non tenuta in conto dal commissario straordinario, della derogabilit del limite dei 500 parti annui fissato dal Patto per la salute 2010-2012 del 16 dicembre 2010. La censura infondata. 5.1. Come in precedenza evidenziato, lintesa siglata tra Governo, Regioni e Province autonome prevede, come limite inderogabile per il mantenimento delle strutture sanitarie deputate, la soglia dei 500 parti per anno. Anzi, come recita il predetto documento, la possibilit di punti nascita con numerosit inferiore e comunque non al di sotto di 500 parti/anno, potr essere prevista solo sulla base di motivate situazioni legate alla specificit dei bisogni reali delle varie aree geografiche interessate con rilevanti difficolt di attivazione dello STAM (servizio di trasporto assistito materno). In proposito, del resto, non inutile rammentare che gi nel 2000 il Ministero della salute, sulla scorta dellorientamento espresso dallOMS, aveva sottolineato con un proprio decreto che un

numero di parti inferiore ai 500 non sufficiente a garantire la competenza degli operatori nellaffrontare le eventuali complicanze che accompagnano spesso il parto. Ci comporta che il diritto alla salute, invocato dagli stessi ricorrenti in forza di quanto disposto dallart. 32 della Costituzione, impone, ai fini della conferma delleffettivit del principio, che si tenga conto delle risultanze delle pi aggiornate informazioni disponibili e degli indirizzi alluopo espressi dagli organi competenti, atteso che deve escludersi che la mera presenza fisica sul territorio di un presidio sanitario possa fare aggio sulla idoneit del medesimo a soddisfare adeguatamente i bisogni dellutenza in materia sanitaria, purch ne sia assicurato adeguatamente laccesso. 6. Viene poi censurata, con il quarto mezzo di gravame, lasserita erronea valutazione degli standard di sicurezza del punto nascita di Pontremoli che sarebbe stata basata su un mero criterio presuntivo, ma senza tener conto delle effettive realt territoriali e delle strutture sanitarie a cui predetti parametri debbono essere applicati. 6.1. La tesi non persuasiva. Si gi rilevato, infatti, che la struttura sanitaria in parola manifestava numerose criticit dal punto di vista organizzativo e che non era, dunque, in grado di fornire, in condizioni di piena sicurezza per l'utenza, il servizio di assistenza al parto al quale era destinato. D'altro canto, non pu che ribadirsi che i criteri generali ai quali le regioni e, conseguentemente, le aziende sanitarie avrebbero dovuto attenersi, anche con riferimento al rapporto direttamente proporzionale tra il numero di parti e la sicurezza dei medesimi, nonch in relazione ad altrettanto evidenti parametri di economicit dellazione amministrativa ai quali neppure l'assistenza sanitaria pu sottrarsi, sono stati individuati dalle linee guida elaborate nell'accordo tra Stato e Regioni che, d'altra parte, come correttamente rilevato dalla difesa di controparte, non sono state neppure impugnate dagli odierni ricorrenti. 7. Con il quinto motivo viene lamentata la pretesa disparit di trattamento in relazione alla circostanza che il punto nascite di Pontremoli sarebbe lunica struttura con meno di 500 parti allanno di cui stata disposta la chiusura. 7.1.Giova intanto rammentare che il vizio di disparit di trattamento il quale, tra laltro, postula lidentit totale o la completa assimilabilit delle situazioni di base poste a raffronto - non invocabile quando l'attivit amministrativa censurata sia priva di profili di discrezionalit (Cons. Stato sez. V, 31 marzo 2011, n. 1977; T.A.R. Campania Napoli, sez. V, 12 aprile 2011, n. 2087; T.A.R. Lazio, sez. I, 9 maggio 2011, n. 3932 7.2. Inoltre, lassunto non trova riscontro negli atti. Come affermato dallASL resistente la Regione Toscana gi in attuazione del Piano sanitario nazionale 1998/2000 aveva intrapreso la progressiva riduzione di punti nascita nei quali erano assistiti un numero di parti inferiori alle soglie di riferimento. In tale ottica si proceduto alla chiusura dei punti nascita di Carrara (unificato con quello di Massa), Fivizzano, Volterra, Montevarchi, Sansepolcro, Massa Marittima, Orbetello (con media di 300 parti), Figline Valdarno, S. Miniato e Pietrasanta. Quanto alla situazione dellElba del tutto evidente che la peculiarit logistiche che caratterizzano i comuni dellisola in relazione alle difficolt del collegamento via mare con la terraferma hanno reso

opportuno il mantenimento del punto nascita di Portoferraio, anche in difetto del requisito minimo dei 500 parti annui trattati nella struttura. 8. Il sesto motivo si appunta sul difetto di motivazione da cui sarebbe viziata la determinazione commissariale impugnata, mancando la puntuale indicazione delle ragioni di fatto e di diritto che sorreggono il provvedimento. Lassunto infondato. E sufficiente, in proposito, richiamare quanto gi esposto in sede di esame dei precedenti motivi in ordine ai presupposti di diritto e di fatto posti a fondamento dellatto, sia con riferimento al vincolo inderogabile apposto allazione delle strutture sanitarie regionali dal Patto per la salute 2010-2012 del 16 dicembre 2010, sia riguardo alle accertate deficienze strutturali del punto nascite di Pontremoli. Per quanto precede il ricorso deve, pertanto, essere rigettato. 9. Da ultimo va esaminata la domanda di risarcimento dei danni, da liquidarsi in via equitativa (ovvero nella misura da precisarsi in corso di causa) che, nellipotesi di reiezione dellistanza cautelare, i ricorrenti sostengono di avere patito in conseguenza dellillegittimit dellavversato provvedimento. In proposito sufficiente rilevare che la richiesta, oltre che priva di prova in ordine alleffettiva sussistenza del danno e del nesso di causalit con latto impugnato, non sorretta da alcuna allegazione, rimanendo confinata nei termini di unaffermazione di stile. In ogni caso, anche a prescindere dai predetti rilievi, il rigetto della domanda di annullamento dellatto elide in radice i presupposti stessi dellazione risarcitoria. Infatti, la pretesa risarcitoria costituisce un ulteriore mezzo di tutela dell'interesse legittimo che si assume violato dal provvedimento amministrativo impugnato, esperibile innanzi al giudice amministrativo quale giudice competente a conoscere dell'interesse legittimo e formulata al fine di ottenere una completa reintegrazione della situazione giuridica lesa, con la conseguenza che il rigetto della domanda di annullamento dellatto preclude allinteressato, in mancanza di deduzione di ulteriori profili di danno, la possibilit di coltivare utilmente la pretesa stessa (Cons. Stato sez. IV, 15 luglio 2008, n. 3552; T.A.R. Puglia Lecce, sez. II, 4 luglio 2006, n. 3710). La domanda va, dunque, respinta. 10. In considerazione della novit e complessit delle questioni trattate le spese di giudizio possono trovare integrale compensazione. P.Q.M. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana (Sezione Seconda) definitivamente pronunciando sul ricorso, come in epigrafe proposto, lo respinge. Respinge la domanda di risarcimento del danno. Spese compensate.

Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall'autorit amministrativa. Cos deciso in Firenze nella camera di consiglio del giorno 19 ottobre 2011 con l'intervento dei magistrati: Maurizio Nicolosi, Presidente Bernardo Massari, Consigliere, Estensore Pierpaolo Grauso, Primo Referendario

DEPOSITATA IN SEGRETERIA Il 07/12/2011 IL SEGRETARIO (Art. 89, co. 3, cod. proc. amm.)