Sei sulla pagina 1di 16

NORMA I TALI ANA

Pagina I UNI EN ISO 128-20:2002


UNI - Milano
Riproduzione vietata. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del presente documento
pu essere riprodotta o diffusa con un mezzo qualsiasi, fotocopie, microlm o altro, senza
il consenso scritto dellUNI.

UNI
Ente Nazionale Italiano
di Unicazione

Via Battistotti Sassi, 11B
20133 Milano, Italia

N
N
O
O
R
R
M
M
A
A


E
E
U
U
R
R
O
O
P
P
E
E
A
A





UNI EN ISO
128-20

APRILE 2002

Disegni tecnici

Principi generali di rappresentazione

Convenzioni di base delle linee

Technical dravings

General principles of presentation

Basic conventions for lines

CLASSIFICAZIONE ICS

01.100.01

SOMMARIO

La norma stabilisce i tipi di linee, la loro designazione e la loro congura-
zione e le regole generali per il tracciamento delle linee nei disegni tecnici,

ad esempio, nei diagrammi, negli schemi, nelle mappe.

RELAZIONI NAZIONALI

La presente norma sostiuisce la UNI 3968:1986.

RELAZIONI INTERNAZIONALI

= EN ISO 128-20:2001 (= ISO 128-20:1996)
La presente norma la versione ufciale in lingua italiana della norma

europea EN ISO 128-20 (edizione ottobre 2001).

ORGANO COMPETENTE

Commissione "Disegni tecnici e documentazione tecnica di prodotto"

RATIFICA

Presidente dellUNI, delibera del 20 febbraio 2002

Gr. 4

UNI Pagina II UNI EN ISO 128-20:2002
Le norme UNI sono elaborate cercando di tenere conto dei punti di vista di tutte le parti
interessate e di conciliare ogni aspetto conittuale, per rappresentare il reale stato
dellarte della materia ed il necessario grado di consenso.
Chiunque ritenesse, a seguito dellapplicazione di questa norma, di poter fornire sug-
gerimenti per un suo miglioramento o per un suo adeguamento ad uno stato dellarte
in evoluzione pregato di inviare i propri contributi allUNI, Ente Nazionale Italiano di
Unicazione, che li terr in considerazione, per leventuale revisione della norma stessa.

PREMESSA NAZIONALE

La presente norma costituisce il recepimento, in lingua italiana, del-
la norma europea EN ISO 128-20 (edizione ottobre 2001), che as-
sume cos lo status di norma nazionale italiana.
La traduzione stata curata dallUNI.
La Commissione "Disegni tecnici e documentazione tecnica di pro-
dotto" dellUNI segue i lavori europei sullargomento per delega del-
la Commissione Centrale Tecnica.
Le norme UNI sono revisionate, quando necessario, con la pubbli-
cazione di nuove edizioni o di aggiornamenti.
importante pertanto che gli utilizzatori delle stesse si accertino di es-
sere in possesso dellultima edizione e degli eventuali aggiornamenti.
Si invitano inoltre gli utilizzatori a vericare lesistenza di norme UNI
corrispondenti alle norme EN o ISO ove citate nei riferimenti normativi.

INDICE

UNI Pagina III UNI EN ISO 128-20:2002

INTRODUZIONE

1

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE

1

2 TERMINI E DEFINIZIONI

1

3 TIPI DI LINEA

1
3.1 Tipi fondamentali

.......................................................................................................................................

1

prospetto 1

............................................................................................................................................................................

1
3.2 Variazioni dei tipi fondamentali di linee

.........................................................................................

2

prospetto 2

............................................................................................................................................................................

2
3.3 Combinazioni di tratti della stessa lunghezza

...........................................................................

2

3.3.1 Due o pi linee parallele fra loro

..............................................................................................................

2

figura 1

............................................................................................................................................................................

2

3.3.2 Due tipi di linea differenti

............................................................................................................................

3

figura 2

............................................................................................................................................................................

3

figura 3

............................................................................................................................................................................

3

3.3.3 Due linee continue parallele fra di loro, con elementi di collegamento che ricorrono
regolarmente nello spazio fra le linee stesse

......................................................................................

3

figura 4

............................................................................................................................................................................

3

3.3.4 Elementi pittoriali ricorrenti sulla linea continua

.................................................................................

3

figura 5

............................................................................................................................................................................

3

figura 6

............................................................................................................................................................................

3

4 DIMENSIONI DELLE LINEE

4
4.1 Grossezza delle linee

.............................................................................................................................

4
4.2 Deroghe ammesse per la grossezza delle linee

......................................................................

4
4.3 Configurazione delle linee

....................................................................................................................

4

prospetto 3

............................................................................................................................................................................

4

5 TRACCIAMENTO DELLE LINEE

4
5.1 Spaziatura

.....................................................................................................................................................

4
5.2 Incroci

..............................................................................................................................................................

5

5.2.1 Tipi

.....................................................................................................................................................................

5

figura 7

............................................................................................................................................................................

5

figura 8

............................................................................................................................................................................

5

figura 9

............................................................................................................................................................................

5

figura 10

............................................................................................................................................................................

6

figura 11

............................................................................................................................................................................

6

figura 12

............................................................................................................................................................................

6

figura 13

............................................................................................................................................................................

6

5.2.2 Rappresentazione

........................................................................................................................................

7

figura 14

............................................................................................................................................................................

7

figura 15

............................................................................................................................................................................

7

figura 16

............................................................................................................................................................................

8
5.3 Posizionamento di una seconda linea

...........................................................................................

8

figura 17

............................................................................................................................................................................

8

6 COLORI

8

7 DESIGNAZIONE

8

APPENDICE A BIBLIOGRAFIA

9
(informativa)

UNI Pagina IV UNI EN ISO 128-20:2002

La presente norma europea stata approvata dal CEN
I membri del CEN devono attenersi alle Regole Comuni del CEN/CENELEC
che deniscono le modalit secondo le quali deve essere attribuito lo status di
norma nazionale alla norma europea, senza apportarvi modiche. Gli elenchi
aggiornati ed i riferimenti bibliograci relativi alle norme nazionali corrisponden-
ti possono essere ottenuti tramite richiesta alla Segreteria Centrale oppure ai
membri del CEN.
La presente norma europea esiste in tre versioni ufciali (inglese, francese e
tedesca). Una traduzione nella lingua nazionale, fatta sotto la propria respon-
sabilit da un membro del CEN e noticata alla Segreteria Centrale, ha il me-
desimo status delle versioni ufciali.
I membri del CEN sono gli Organismi nazionali di normazione di Austria,
Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Islanda,
Italia, Lussemburgo, Norvegia, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito,
Repubblica Ceca, Spagna, Svezia e Svizzera.

UNI Pagina V UNI EN ISO 128-20:2002

CEN
COMITATO EUROPEO DI NORMAZIONE

European Committee for Standardization
Comit Europen de Normalisation
Europisches Komitee fr Normung

Segreteria Centrale: rue de Stassart, 36 - B-1050 Bruxelles

CEN
Tutti i diritti di riproduzione, in ogni forma, con ogni mezzo e in tutti i Paesi, sono
riservati ai Membri nazionali del CEN.

EN ISO 128-20

OTTOBRE 2001

Disegni tecnici

NORMA EUROPEA

Principi generali di rappresentazione

Convenzioni di base delle linee

Technical drawings

EUROPEAN STANDARD

General principles of presentation

Basic conventions for lines (ISO 128-20:1996)
Dessins techniques

NORME EUROPENNE

Principes gnraux de reprsentation

Conventions de base pour les traits (ISO 128-20:1996)

EUROPISCHE NORM



DESCRITTORI
ICS

01.100.01

il 30 settembre 2001

2001

UNI Pagina VI UNI EN ISO 128-20:2002

PREMESSA

Il testo della presente norma internazionale ISO 128-20 stato elaborato dal Comitato
Tecnico ISO/TC 10 "Disegni tecnici e documentazione tecnica di prodotto" dellOrganiz-
zazione Internazionale di Normazione (ISO) ed stato ripreso come norma europea dal
CMC.
Alla presente norma europea deve essere attribuito lo status di norma nazionale, o
mediante pubblicazione di un testo identico o mediante notica di adozione, entro
aprile 2002, e le norme nazionali in contrasto devono essere ritirate entro aprile 2002.
In conformit alle Regole Comuni CEN/CENELEC, gli enti nazionali di normazione dei se-
guenti Paesi sono tenuti a recepire la presente norma europea: Austria, Belgio, Danimar-
ca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Islanda, Italia, Lussemburgo, Norvegia,
Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Spagna, Svezia e Svizzera.

NOTIFICA DI ADOZIONE

Il testo della norma internazionale ISO 128-20:1996 stato approvato dal CEN come
norma europea senza alcuna modica.

UNI Pagina 1 UNI EN ISO 128-20:2002

INTRODUZIONE

La ISO 128-20 stata inizialmente contrassegnata ISO/DIS 12011-1.
La ISO 128-20 contiene le regole generalmente applicabili per la rappresentazione delle
linee in tutti i tipi di documentazione tecnica di prodotto. Lapplicazione delle linee nei
disegni di particolari settori tecnici varia in modo considerevole. Perci nella presente
parte della ISO 128 non sono prescritte delle regole di applicazione delle stesse linee.
Nellappendice A riportato lelenco delle altre norme internazionali che contengono le
regole di applicazione delle linee in settori particolari .

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE

La presente parte della ISO 128 stabilisce i tipi di linee, la loro designazione e congura-
zione e le regole generali per il tracciamento delle linee nei disegni tecnici, ad esempio,
nei diagrammi, negli schemi, nelle mappe.

2 TERMINI E DEFINIZIONI

Ai ni della presente parte della ISO 128, si applicano le seguenti denizioni.

2.1 linea

: Elemento geometrico la cui lunghezza maggiore della met della larghezza e che
congiunge unorigine ad una estremit terminale con qualsiasi forma, ad esempio retti-
linea, curvilinea, con o senza interruzioni.

Nota 1

Lorigine e lestremit terminale possono coincidere, come nel caso di una linea circolare.

Nota 2

Un tratto la cui lunghezza minore o uguale alla met della larghezza denominato punto.

Nota 3

opportuno eseguire una prova per vericare laspetto del disegno prima della microlmatura o della trasmis-
sione via telefax.

2.2 elemento di linea

: Parte singola di una linea non continua, quale ad esempio punti, tratto
di maggiore o minore lunghezza e interspazi.

2.3 segmento di linea

: Insieme di due o pi elementi di linea diversi che formano una linea
non continua, ad esempio, tratto lungo/interspazio/punto/interspazio/punto/interspazio.

3 TIPI DI LINEA
3.1 Tipi fondamentali

prospetto 1

N Rappresentazione Descrizione
01 linea continua
02 linea a tratti
03 linea a tratti distanziati
04 linea mista a punto e tratto lungo
05 linea mista a due punti e tratto lungo
06 linea mista a tre punti e tratto lungo
07 linea punteggiata
08 linea a tratto lungo e tratto breve

UNI Pagina 2 UNI EN ISO 128-20:2002

3.2 Variazioni dei tipi fondamentali di linee

Le variazioni possibili dei tipi fondamentali di linee rappresentati nel prospetto 1 sono
contenute nel prospetto 2.

prospetto 2

3.3 Combinazioni di tratti della stessa lunghezza

3.3.1 Due o pi linee parallele fra loro

Alcuni esempi sono indicati in gura 1.

gura 1

09 linea a tratto lungo e due tratti brevi
10 linea mista a punto e tratto
11 linea mista a punto e due tratti
12 linea mista a due punti e un tratto
13 linea mista a due punti e due tratti
14 linea mista a tre punti e un tratto
15 linea mista a tre punti e due tratti
Rappresentazione Descrizione
linea continua ondulata in modo uniforme
linea continua a spirale in modo uniforme
linea continua a zig-zag in modo uniforme
linea continua a mano libera
Nota In questo prospetto sono indicate variazioni relative solamente al tipo di linea fondamentale N 01. Variazioni corrispondenti sono possibili anche
per le linee fondamentali da 02 a 15 che sono rappresentate in modo analogo.

prospetto 1

(Continua)

N Rappresentazione Descrizione

UNI Pagina 3 UNI EN ISO 128-20:2002

3.3.2 Due tipi di linea differenti

a) Linee di diversa grossezza sovrapposte fra di loro.
Alcuni esempi sono indicati in gura 2 a) e b) [gura 2 a): linea continua e linea a
punti; gura 2 b): linea continua e linea a tratti distanziati).

gura 2

b) Linee afancate.
Un esempio indicato in gura 3 (due linee continue afancate a due linee a tratti
distanziati).

gura 3

3.3.3 Due linee continue parallele fra di loro, con elementi di collegamento che ricorrono regolar-
mente nello spazio fra le linee stesse

Alcuni esempi sono indicati in gura 4 a) e b) [gura 4 a): elementi di collegamento
circolari anneriti compresi fra le linee; gura 4 b): elementi trapeziodali anneriti].

gura 4
3.3.4 Elementi pittoriali ricorrenti sulla linea continua
a) Senza interruzione del tratto continuo.
Alcuni esempi sono indicati in gura 5.
gura 5
b) Con interruzione del tratto continuo.
Alcuni esempi sono indicati in gura 6.
gura 6
a) b)
a) b)
UNI Pagina 4 UNI EN ISO 128-20:2002
4 DIMENSIONI DELLE LINEE
4.1 Grossezza delle linee
La grossezza d, di tutti i tipi di linea deve essere scelta nella seguente gamma, in
funzione del tipo e delle dimensioni del disegno. La gamma si basa su di un rapporto
costante 1 : ( 1:1,4):
0,13 mm; 0,18 mm; 0,25 mm; 0,35 mm; 0,5 mm; 0,7 mm; 1 mm; 1,4 mm; 2 mm
Il rapporto delle grossezze delle linee extra-grosse, grosse e ni di 4:2:1.
La grossezza deve essere costante per tutta la lunghezza della linea.
4.2 Deroghe ammesse per la grossezza delle linee
La grossezza delle linee pu variare dai valori indicati in 4.1 purch sia possibile distin-
guere senza ambiguit due linee adiacenti di differente grossezza. Se si utilizzano
strumenti di disegno che consentono di ottenere una linea di grossezza costante, la
variazione di grossezza non deve essere maggiore di 0,1 d.
4.3 Congurazione delle linee
Per disegni a mano, conviene che le lunghezze degli elementi di linea seguano le indica-
zioni contenute nel prospetto 3.
prospetto 3
Le formule di calcolo di alcuni tipi di linea e dei loro elementi sono contenute nella
ISO 128-21. Tali formule hanno lobiettivo di facilitare lesecuzione dei disegni con
sistemi CAD.
5 TRACCIAMENTO DELLE LINEE
5.1 Spaziatura
Si raccomanda che la distanza minima fra tratti paralleli non sia minore di 0,7 mm, salvo
regole contrarie contenute in altre norme internazionali.
Nota 4 Se si utilizza una tecnica CAD, la distanza fra le linee, in alcuni casi, pu non avere i valori in scala come, ad
esempio, nella rappresentazione delle lettature. Questo fatto deve essere preso in considerazione quando i
valori sono prestabiliti, ad esempio nelle lavorazioni di macchina.
Elemento della linea Tipo di linea N Lunghezza
Punti da 04 a 07
e
da 10 a 15
0,5d
Interspazi 02
e
da 04 a 15
3d
Tratti corti 08 e 09 6d
Tratti 02, 03
e
da 10 a 15
12d
Tratti lunghi da 04 a 06,
08 e 09
24d
Spazi 03 18d
Nota Le lunghezze degli elementi di linea consigliati in questo prospetto sono applicabili a elementi di linee le cui
estremit sono semicircolari o ad angolo retto. Nel caso di estremit semicircolari, le lunghezze degli elementi di
linea corrispondono alla distanza percorsa da una penna tecnica tubolare ad inchiostro di china dallinizio alla ne
della traiettoria. La lunghezza totale di questi elementi pari alla lunghezza dellelemento indicato nel prospetto 3,
con aggiunto d.
2
UNI Pagina 5 UNI EN ISO 128-20:2002
5.2 Incroci
5.2.1 Tipi
I tipi di linee da 02 a 06 e da 08 a 15 dovrebbero preferibilmente incrociarsi con lincontro
dei tratti, come mostrato nelle gure da 7 a 12.
gura 7
gura 8
gura 9
UNI Pagina 6 UNI EN ISO 128-20:2002
gura 10
gura 11
gura 12
Le due linee del tipo base 07 dovrebbero preferibilmente incrociarsi, vedere gura 13.
gura 13
UNI Pagina 7 UNI EN ISO 128-20:2002
5.2.2 Rappresentazione
Il requisito indicato in 5.2.1 deve essere soddisfatto iniziando a tracciare la linea partendo
dallintersezione (vedere gura 14) o utilizzando una intersezione completa o parziale dei
tratti (vedere gure 15 e 16).
gura 14
gura 15
d
12d
UNI Pagina 8 UNI EN ISO 128-20:2002
gura 16
5.3 Posizionamento di una seconda linea
Quando occorre tracciare due linee parallele, si possono seguire due metodi, illustrati
nelle gure 17 a) e b). La rappresentazione preferibile quella mostrata in gura 17 a) (la
seconda linea situata al di sotto o a destra della prima).
gura 17
6 COLORI
Le linee devono essere tracciate in nero o in bianco, a seconda del colore del fondo. Si
possono utilizzare anche altri colori normalizzati per tracciare le linee normalizzate. In
questo caso, occorre precisare il signicato dei colori.
7 DESIGNAZIONE
La designazione dei tipi di linea fondamentali deve comprendere, nellordine, le indica-
zioni seguenti:
a) "Linea";
b) il riferimento alla presente parte della ISO 128;
c) il numero del tipo fondamentale della linea, secondo il prospetto 1;
d) la grossezza della linea, secondo quanto indicato in 4.1;
e) il colore, se necessario.
Esempio
Designazione di una linea tipo N03 (03), e di grossezza 0,25 mm (0,25):
Linea ISO 128-20 - 03 0,25
Designazione di una linea tipo N05 (05), di grossezza 0,13 mm (0,13) e di colore bianco:
Linea ISO 128-20 - 05 0,13 / bianca
a) b)
UNI Pagina 9 UNI EN ISO 128-20:2002
APPENDICE A BIBLIOGRAFIA
(informativa)
[1] ISO 128-21:1996 Technical drawings - General principles of presentation -
Preparation of lines by CAD systems
[2] ISO 1219-1:1991 Fluid power systems and components - Graphic symbols and
circuit diagrams - Graphic symbols
[3] ISO 3511-1:1977 Process measurement control functions and instrumentation -
Symbolic representation - Basic requirements
[4] ISO 3511-2:1984 Process measurement control functions and instrumentation -
Symbolic representation - Extention of basic requirements
[5] ISO 3511-3:1984 Process measurement control functions and instrumentation -
Symbolic representation - Detailed symbols for instrument
interconnection diagrams
[6] ISO 3511-4:1985 Industrial process measurement control functions and instru-
mentation - Symbolic representation - Basic symbols for
process computer, interface, and shared display/control
functions
[7] ISO 5455:1979 Technical drawings - Scales
[8] ISO 6428:1982 Technical drawings - Requirements for microcopying
[9] ISO 10628-1:1996 Flow diagrams for process plants - General rules
La pubblicazione della presente norma avviene con la partecipazione volontaria dei Soci,
dellIndustria e dei Ministeri.
Riproduzione vietata - Legge 22 aprile 1941 N 633 e successivi aggiornamenti.
UNI
Ente Nazionale Italiano
di Unicazione
Via Battistotti Sassi, 11B
20133 Milano, Italia