Sei sulla pagina 1di 30

Acustica

NORMA ITALIANA

Determinazione dei livelli di potenza sonora delle


sorgenti di rumore mediante il metodo intensimetrico

UNI EN ISO
9614-2

Misurazione per scansione


GIUGNO 1998
Acoustics

Determination of sound power levels of noise sources using sound


intensity

DESCRITTORI

Acustica, sorgente sonora, rumore (suono), prova, prova acustica, determinazione, potenza sonora, misurazione acustica

CLASSIFICAZIONE ICS

17.140.01

SOMMARIO

La norma prescrive un metodo di misurazione della componente dellintensit sonora normale ad una superficie di misurazione scelta in modo da
racchiudere la(e) sorgente(i) di rumore di cui si deve determinare il livello
di potenza sonora.

RELAZIONI NAZIONALI
RELAZIONI INTERNAZIONALI

= EN ISO 9614-2:1996 (= ISO 9614-2:1996)


La presente norma la versione ufficiale in lingua italiana della norma
europea EN ISO 9614-2 (edizione agosto 1996).

ORGANO COMPETENTE

Commissione "Acustica"

RATIFICA

Presidente dellUNI, delibera del 21 maggio 1998

NORMA EUROPEA

Measurement by scanning

RICONFERMA

UNI
Ente Nazionale Italiano
di Unificazione
Via Battistotti Sassi, 11B
20133 Milano, Italia
Gr. 9

UNI - Milano 1998


Riproduzione vietata. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del presente documento
pu essere riprodotta o diffusa con un mezzo qualsiasi, fotocopie, microfilm o altro, senza
il consenso scritto dellUNI.

N di riferimento UNI EN ISO 9614-2:1998

Pagina I di IV

PREMESSA NAZIONALE
La presente norma costituisce il recepimento, in lingua italiana, della norma europea EN ISO 9614-2 (edizione agosto 1996), che assume cos lo status di norma nazionale italiana.
La traduzione stata curata dallUNI.
La Commissione "Acustica" dellUNI, che segue i lavori europei
sullargomento, per delega della Commissione Centrale Tecnica, ha
approvato il progetto europeo il 4 marzo 1996 e la versione in lingua
italiana della norma il 23 settembre 1997.
Per agevolare gli utenti, viene di seguito indicata la corrispondenza
tra le norme citate in appendice F "Bibliografia" e le norme italiane
vigenti:
ISO 7574-1:1985 = UNI EN 27574-1:1991
ISO 7574-4:1985 = UNI EN 27574-4:1991

Le norme UNI sono revisionate, quando necessario, con la pubblicazione di nuove


edizioni o di aggiornamenti.
importante pertanto che gli utenti delle stesse si accertino di essere in possesso
dellultima edizione e degli eventuali aggiornamenti.
Le norme UNI sono elaborate cercando di tenere conto dei punti di vista di tutte le parti
interessate e di conciliare ogni aspetto conflittuale, per rappresentare il reale stato
dellarte della materia ed il necessario grado di consenso.
Chiunque ritenesse, a seguito dellapplicazione di questa norma, di poter fornire suggerimenti per un suo miglioramento o per un suo adeguamento ad uno stato dellarte
in evoluzione pregato di inviare i propri contributi allUNI, Ente Nazionale Italiano di
Unificazione, che li terr in considerazione, per leventuale revisione della norma stessa.

UNI EN ISO 9614-2:1998

Pagina II di IV

INDICE
PREMESSA

INTRODUZIONE

SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE

RIFERIMENTI NORMATIVI

3
1

DEFINIZIONI
5
Fattore di errore di bias, K ................................................................................................................... 8

REQUISITI GENERALI
8
Dimensioni della sorgente di rumore.............................................................................................. 8
Natura del rumore emesso dalla sorgente .................................................................................. 8
Incertezza nella misurazione .............................................................................................................. 8
Incertezza nella determinazione dei livelli di potenza sonora .......................................... 9

prospetto

4
4.1
4.2
4.3
prospetto

5
5.1
5.2
5.3
5.4
5.5
5.6

AMBIENTE DI PROVA
10
Criteri per l'adeguatezza dell'ambiente di prova ................................................................... 10
Intensit residua ..................................................................................................................................... 10
Vento e moto gassoso ........................................................................................................................ 10
Temperatura ............................................................................................................................................. 11
Configurazione dell'ambiente di prova ....................................................................................... 11
Condizioni atmosferiche ..................................................................................................................... 11

6
6.1
6.2

STRUMENTAZIONE
11
Generalit................................................................................................................................................... 11
Calibrazione e controllo in campo................................................................................................. 11

7
7.1
7.2

INSTALLAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA SORGENTE


12
Generalit................................................................................................................................................... 12
Condizioni di funzionamento della sorgente in prova ........................................................ 12

MISURAZIONE DEI LIVELLI DELLA COMPONENTE NORMALE


DELL'INTENSIT SONORA
12
Scansione .................................................................................................................................................. 12
Esempio di percorso di scansione ................................................................................................ 13
Superficie di misurazione iniziale .................................................................................................. 13
Prova iniziale ............................................................................................................................................ 14
Prove ulteriori ........................................................................................................................................... 14

8.1
figura

8.2
8.3
8.4
9
9.1

9.2

CALCOLO DEL LIVELLO DI POTENZA SONORA


15
Calcolo delle potenze sonore parziali per ogni elemento di superficie(i)
di misurazione.......................................................................................................................................... 15
Calcolo del livello di potenza sonora della sorgente di rumore .................................... 15

10
10.1
10.2
10.3
10.4
10.5
10.6
10.7

INFORMAZIONI DA RIPORTARE
16
Prova ............................................................................................................................................................ 16
Sorgente sonora sottoposta a prova ........................................................................................... 16
Ambiente di prova.................................................................................................................................. 16
Strumentazione ....................................................................................................................................... 16
Procedimento di misurazione .......................................................................................................... 16
Dati acustici ............................................................................................................................................... 17
Grado di accuratezza della determinazione del livello di potenza sonora .............. 17

UNI EN ISO 9614-2:1998

Pagina III di IV

APPENDICE
(normativa)
A.1
A.2

APPENDICE
(normativa)
B.1

figura

B.1

B.2

APPENDICE
(informativa)

APPENDICE
(informativa)

APPENDICE
(informativa)

APPENDICE
(informativa)

18

Generalit .................................................................................................................................................. 18
Determinazione degli indicatori di campo ................................................................................ 18

prospetto B.1

figura

CALCOLO DEGLI INDICATORI DI CAMPO

E.1

PROCEDIMENTO PER IL RAGGIUNGIMENTO DEL GRADO DI


ACCURATEZZA DESIDERATO
Requisiti per la qualificazione .........................................................................................................
Schema del procedimento per raggiungere il grado di accuratezza desiderato .
Iniziative da intraprendere per aumentare il grado di accuratezza della
determinazione .......................................................................................................................................
Iniziative da intraprendere per aumentare il grado di accuratezza della
determinazione .......................................................................................................................................

19
19
19
20
21

EFFETTI DEL MOTO DARIA SULLA MISURAZIONE DELLINTENSIT


SONORA

22

EFFETTO DELLASSORBIMENTO SONORO SULLA SUPERFICIE


DI MISURAZIONE

23

SUPERFICIE DI MISURAZIONE E PROCEDIMENTO DI SCANSIONI

24

Superfici di misurazione per segmenti piani tipici ................................................................ 24


BIBLIOGRAFIA

UNI EN ISO 9614-2:1998

25

Pagina IV di IV

Acustica
NORMA EUROPEA

Determinazione dei livelli di potenza sonora delle


sorgenti di rumore mediante il metodo intensimetrico

EN ISO 9614-2

Misurazione per scansione


AGOSTO 1996
Acoustics
EUROPEAN STANDARD

Determination of sound power levels of noise sources using sound


intensity
Measurement by scanning (ISO 9614-2:1996)
Acoustique

NORME EUROPENNE

Dtermination per intensimtrie des niveaux de puissance


acoustique mis par les sources de bruit
Mesurage par balayage (ISO 9614-2:1996)
Akustik

EUROPISCHE NORM

Bestimmung der Schalleistungspegel von Geruschquellen durch


Schallintensittsmessung
Messig mit kontinuierlicher Abtastung (ISO 9614-2:1996)

DESCRITTORI

Acustica, sorgente sonora, rumore (suono), prova, prova acustica, determinazione, potenza sonora, misurazione acustica

ICS

17.140.00

La presente norma europea stata approvata dal CEN il 19 maggio 1996.


I membri del CEN devono attenersi alle Regole Comuni del CEN/CENELEC
che definiscono le modalit secondo le quali deve essere attribuito lo status di
norma nazionale alla norma europea, senza apportarvi modifiche.
Gli elenchi aggiornati ed i riferimenti bibliografici relativi alle norme nazionali
corrispondenti possono essere ottenuti tramite richiesta alla Segreteria Centrale oppure ai membri del CEN.
Le norme europee sono emanate in tre versioni ufficiali (inglese, francese e tedesca). Traduzioni nella lingua nazionale, fatte sotto la propria responsabilit
da membri del CEN e notificate alla Segreteria Centrale, hanno il medesimo
status delle versioni ufficiali.
I membri del CEN sono gli Organismi nazionali di normazione di Austria,
Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Islanda,
Italia, Lussemburgo, Norvegia, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito, Spagna, Svezia e Svizzera.

CEN
COMITATO EUROPEO DI NORMAZIONE
European Committee for Standardization
Comit Europen de Normalisation
Europisches Komitee fr Normung
Segreteria Centrale: rue de Stassart, 36 - B-1050 Bruxelles

CEN 1996
I diritti di riproduzione sono riservati ai membri del CEN.
UNI EN ISO 9614-2:1998

Pagina 1 di 26

PREMESSA
Il testo della norma internazionale ISO 9614-2:1996 stato elaborato dal Comitato Tecnico ISO/TC 43 "Acustica" in collaborazione con il Comitato Tecnico CEN/TC 211 "Acustica", la cui segreteria affidata al DS.
Alla presente norma europea deve essere attribuito lo status di norma nazionale, o mediante la pubblicazione di un testo identico o mediante notifica di adozione, entro febbraio
1997, e le norme nazionali in contrasto devono essere ritirate entro febbraio 1997.
In conformit alle Regole Comuni CEN/CENELEC, gli enti nazionali di normazione dei seguenti Paesi sono tenuti a recepire la presente norma europea: Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Islanda, Italia, Lussemburgo, Norvegia,
Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito, Spagna, Svezia e Svizzera.

NOTIFICA DI ADOZIONE
Il testo della norma internazionale ISO 9614-2:1996 stato approvato dal CEN come norma europea senza alcuna modifica.

UNI EN ISO 9614-2:1998

Pagina 2 di 26

INTRODUZIONE
0.1

La potenza sonora emessa da una sorgente ha un valore uguale all'integrale del prodotto
scalare del vettore di intensit sonora per il vettore della superficie elementare associata,
individuata su qualunque superficie che circonda completamente la sorgente. Le norme
internazionali precedenti che descrivono i metodi per la determinazione dei livelli di potenza sonora delle sorgenti di rumore, principalmente la serie dalla ISO 3740 alla ISO 3747,
indicano senza eccezione il livello di pressione sonora come la grandezza acustica primaria da misurare. La relazione tra il livello di intensit sonora e il livello di pressione sonora
in qualunque punto dipende dalle caratteristiche della sorgente, dalle caratteristiche
dell'ambiente di misurazione e dalla disposizione delle posizioni di misurazione rispetto alla sorgente. Perci le norme dalla ISO 3740 alla ISO 3747 specificano necessariamente
le caratteristiche della sorgente, le caratteristiche dell'ambiente di prova e le procedure di
definizione, oltre ai metodi di misurazione che permettono di ridurre, entro limiti accettabili,
l'incertezza della determinazione del livello di potenza sonora.
Le procedure specificate dalla ISO 3740 alla ISO 3747 non sono sempre applicabili, per
le ragioni seguenti:
a) se richiesto un alto grado di precisione sono necessari costosi apparati di prova. Sovente non possibile installare e mettere in funzione al loro interno apparecchiature di
grandi dimensioni, in tali installazioni;
b) queste non possono essere utilizzate in presenza di livelli elevati di rumore residuo
generato da sorgenti diverse da quelle allo studio.

0.2

La presente parte della ISO 9614 specifica metodi per determinare i livelli di potenza sonora di sorgenti, entro limiti specifici di incertezza e in condizioni di prova che siano meno
restrittive di quelle richieste dalla ISO 3740 alla ISO 3747. Il livello di potenza sonora
quello determinato in sito mediante il procedimento descritto nella presente parte della
ISO 9614; fisicamente una funzione dell'ambiente e, in alcuni casi, pu essere differente
dal livello di potenza sonora della stessa sorgente, determinata in altre condizioni.
Si raccomanda che il personale che esegue misurazioni intensimetriche in conformit con
la presente parte della ISO 9614 sia adeguatamente addestrato e abbia esperienza sufficiente.

0.3

La presente parte della ISO 9614 completa la ISO 9614-1 e la serie dalla ISO 3740 alla
ISO 3747 che specificano diversi metodi per la determinazione dei livelli di potenza sonora
di macchine ed apparecchiature. Si differenzia dalla ISO 3740 alla ISO 3747 soprattutto
in tre aspetti:
a) vengono eseguite le misurazioni di intensit sonora e, contemporaneamente, di pressione sonora;
b) l'incertezza del livello di potenza sonora determinato con il metodo specificato nella
presente parte della ISO 9614 classificata in base ai risultati di prove ausiliarie specificate e ai calcoli eseguiti congiuntamente alle misurazioni di prova;
c) i limiti attuali della strumentazione per misurazioni intensimetriche conformi alla IEC 1043
restringono le misure alle bande di terzo di ottava comprese tra 50 Hz e 6,3 kHz. I valori ponderati A entro un numero limitato di bande sono determinati a partire dai valori
componenti per bande di ottava e di terzi di ottava e non da misurazioni dirette ponderate A.

0.4

L'integrale, su qualunque superficie che circonda completamente la sorgente, del prodotto


scalare del vettore di intensit sonora per il vettore della superficie elementare associata
fornisce la misura della potenza sonora emessa direttamente nell'aria da tutte le sorgenti
comprese entro la superficie stessa ed esclude il suono emesso dalle sorgenti poste al di
fuori di essa. In pratica, questa esclusione efficace solo se la sorgente sottoposta a prova e le altre sorgenti di intensit parassita sulla superficie di misurazione sono stazionarie
nel tempo. In presenza di sorgenti sonore che operano al di fuori della superficie di misurazione, qualunque sistema che si trovi compreso all'interno della superficie pu assorbire
una frazione dell'energia che riceve. La potenza sonora totale assorbita all'interno della
superficie di misurazione appare come contributo negativo alla potenza della sorgente e
pu provocare un errore durante la determinazione della potenza sonora; per poter ridurre
UNI EN ISO 9614-2:1998

Pagina 3 di 26

l'errore associato alla misurazione, perci necessario eliminare eventuali materiali fonoassorbenti che si trovino all'interno della superficie di misurazione e che non siano generalmente presenti durante il funzionamento della sorgente sottoposta a prova.
Questo metodo si basa sul campionamento del campo di intensit sonora normale alla
superficie di misurazione muovendo una sonda di intensit in modo continuo lungo uno o
pi percorsi specifici. L'errore di campionamento risultante una funzione della variazione spaziale sulla superficie di misurazione della componente di intensit normale, che dipende dalla direttivit della sorgente, dalla superficie di campionamento scelta, dalla velocit e dell'andamento della scansione a sonda e dalla vicinanza di sorgenti estranee al
di fuori della superficie di misurazione.
La precisione di misurazione della componente normale dell'intensit sonora in un punto
dipende dalla differenza tra il livello di pressione sonora locale e il livello di intensit sonora normale locale. Pu verificarsi una grande differenza quando il vettore intensit in una
posizione di misurazione forma un ampio angolo (prossimo a 90) con la perpendicolare
locale alla superficie di misurazione. In altri casi, il livello di pressione sonora locale pu
includere notevoli contributi provenienti da sorgenti site all'esterno della superficie di misurazione, ma pu essere associato ad un debole flusso netto di energia sonora, come
nel caso di un campo riverberante in uno spazio chiuso, oppure il campo pu essere notevolmente reattivo a causa della presenza di un campo vicino e/o in presenza di onde
stazionarie.
La precisione della determinazione del livello di potenza sonora negativamente influenzata da un flusso di energia sonora entrante nel volume compreso entro la superficie di
misurazione attraverso una porzione di tale superficie anche se, in linea di principio,
compensato da un aumento del flusso uscente dal volume attraverso la porzione restante
della superficie. Questa condizione causata dalla presenza di una forte sorgente estranea vicina, ma esterna alla superficie di misurazione.

SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE

1.1

La presente parte della ISO 9614 prescrive un metodo di misurazione della componente
dell'intensit sonora normale ad una superficie di misurazione scelta in modo da racchiudere la(e) sorgente(i) di rumore di cui si deve determinare il livello di potenza sonora.
L'integrazione di superficie della componente dell'intensit normale alla superficie di misurazione viene approssimata dividendo la superficie di misurazione in elementi contigui
e facendo scorrere la sonda intensimetrica sopra ogni elemento lungo un percorso continuo che copre la superficie dell'elemento. Lo strumento di misurazione determina la componente dell'intensit normale media e la pressione sonora al quadrato media per la durata di ogni scansione. La scansione pu essere eseguita manualmente oppure mediante
un sistema meccanico.
Il livello di potenza sonora per bande di ottava o di terzi di ottava viene ponderato su un
numero limitato di bande. Il metodo applicabile a qualunque sorgente per cui si possa
definire una superficie di misurazione fisicamente stabile e sulla quale i rumori generati
dalla sorgente in prova o da altre sorgenti parassite significative siano stabili nel tempo,
come definito in 3.13. La sorgente definita dalla scelta della superficie di misurazione. Il
metodo applicabile in sito o in ambienti di prova predisposti allo scopo.
La presente parte della ISO 9614 specifica determinate procedure complementari, descritte nell'appendice B e da applicare congiuntamente alla determinazione della potenza
sonora. I risultati sono utilizzati per indicare la qualit della determinazione, e quindi il grado di accuratezza. Se la qualit indicata della determinazione non soddisfa ai requisiti della presente parte della ISO 9614, il procedimento di prova deve essere modificato come
indicato.
La presente parte della ISO 9614 non si applica nelle bande di frequenza nelle quali, al
momento della misurazione, la potenza sonora della sorgente risulta negativa.

1.2

La presente parte della ISO 9614 pu essere applicata a sorgenti poste in un ambiente
qualsiasi, purch esso non presenti variazioni temporali tali da ridurre l'accuratezza della
misura dell'intensit sonora ad un livello inaccettabile n permetta che la sonda intensimetrica

UNI EN ISO 9614-2:1998

Pagina 4 di 26

sia soggetta a flussi gassosi dotati di velocit o instabilit inaccettabili (vedere 5.2.2, 5.3 e
5.4).
In alcuni casi, le condizioni di prova potranno risultare troppo sfavorevoli per consentire di
soddisfare ai requisiti della presente parte della ISO 9614. I livelli di rumore residuo possono superare la capacit dinamica dello strumento di misurazione o possono variare in
misura eccessiva durante la prova. In tali casi, il metodo fornito nella presente parte della
ISO 9614 non adatto ai fini della determinazione del livello di potenza sonora della sorgente.
Nota 1

Altri metodi possono rivelarsi pi adatti (per esempio la determinazione dei livelli di potenza sonora
a partire dai livelli di vibrazione della superficie, descritta nella ISO/TR 7849).

RIFERIMENTI NORMATIVI
Le norme sottoindicate contengono disposizioni valide anche per la presente parte della
ISO 9614, in quanto in essa espressamente richiamate.
Al momento della pubblicazione della presente norma erano in vigore le edizioni sottoindicate.
Tutte le norme sono soggette a revisione, pertanto gli interessati che stabiliscono accordi
sulla base della presente parte della ISO 9614 sono invitati a verificare la possibilit di applicare le edizioni pi recenti delle norme richiamate. I membri dell'ISO e dell'IEC posseggono gli elenchi delle norme internazionali in vigore.
IEC 942:1988
Calibratori acustici
IEC 1043:1993
Elettroacustica - Strumenti per la misurazione dell'intensit sonora
- Misure con coppie di microfoni di pressione

DEFINIZIONI
Ai fini della presente parte della ISO 9614, si applicano le definizioni seguenti.

3.1

Livelli di pressione sonora

3.1.1

livello di pressione sonora, Lp: Dieci volte il logaritmo in base 10 del rapporto tra il valore
quadratico medio della pressione sonora e il quadrato della pressione sonora di riferimento. La pressione sonora di riferimento pari a 20 Pa.
Il livello di pressione sonora espresso in decibel.

livello di pressione sonora medio sull'elemento, Lpi: Dieci volte il logaritmo in base 10 del

3.1.2

rapporto tra il valore quadratico medio della pressione sonora mediata nello spazio
sull'elemento i e il quadrato della pressione sonora di riferimento.
espresso in decibel.

intensit sonora istantanea, I ( t ): Valore istantaneo del flusso di energia sonora per

3.2

unit di area nella direzione della velocit acustica locale istantanea.


una grandezza vettoriale uguale al prodotto della pressione sonora istantanea in un
punto per la velocit locale associata:
formula

I ( t ) = p (t ) u ( t )
dove:
p ( t ) la pressione sonora istantanea in un punto;

u ( t ) la velocit locale associata nello stesso punto;


t

il tempo.

UNI EN ISO 9614-2:1998

Pagina 5 di 26

intensit sonora, I : Media temporale di I ( t ) in un campo sonoro stabile nel tempo:

3.3
formula

1 T
I = lim ---- I ( t ) d t
T
0
T
dove:
T
il periodo di integrazione.
Inoltre
il modulo e il verso di I ; il segno indica il senso del vettore e dipende dalla scelta
della direzione positiva del flusso di energia;

il modulo di I .

3.4

intensit sonora normale, In : Componente dell'intensit sonora nella direzione perpendicolare ad una superficie di misurazione definita dal vettore normale unitario n :

formula

In = I n
dove:

il vettore normale unitario diretto verso l'esterno del volume compreso entro la
superficie di misurazione.

livello dell'intensit sonora normale, L I : Misura logaritmica del valore algebrico dell'in-

3.5

tensit sonora normale, In dato da:

formula

L I = 10 lg [ I n I 0 ] dB
n

dove:
I0
l'intensit sonora di riferimento (= 10-12 Wm-2).
espressa in decibel.
Quando In negativa, il livello espresso nella forma (-) XX dB, salvo quando usato
nella valutazione di pI (vedere 3.11).
0

3.6

Potenze sonore

3.6.1

potenza sonora parziale, Pi: Media temporale del valore del flusso di energia sonora che
attraversa un elemento di superficie di misurazione, data da:
formula

P i = Ini S i
dove:
Ini il valore algebrico della media temporale dell'intensit sonora normale misurata
sull'elemento i della superficie di misurazione;
Si
l'area dell'elemento di superficie associato al punto i.
Inoltre
il valore assoluto di Pi.
Pi

UNI EN ISO 9614-2:1998

Pagina 6 di 26

potenza sonora, P: Potenza sonora totale generata da una sorgente e determinata utiliz-

3.6.2

zando il metodo fornito nella presente parte della ISO 9614, data da:
formula

6
N

P =

Pi
i =1

e
formula

7
N

P =

Pi
i =1

dove:
N
il numero totale degli elementi che costituiscono la superficie di misurazione.

livello di potenza sonora parziale, LWi: Valutazione logaritmica della potenza sonora che

3.6.3

passa attraverso l'elemento i della superficie di misurazione, data da:


formula

L Wi = 10 lg [ P i P0 ] dB
dove:
P0
la potenza sonora di riferimento (= 10-12 W).
espressa in decibel.
Quando Pi negativo, il livello espresso nella forma (-) XX dB.

livello di potenza sonora, LW: Valutazione logaritmica della potenza sonora generata

3.6.4

da una sorgente e determinata utilizzando il metodo fornito nella presente parte della ISO 9614, data da:
formula

L W = 10 lg [ P P0 ] dB
espressa in decibel.
Quando P negativo, il livello espresso nella forma (-) XX dB solo per i resoconti.

3.7

superficie di misurazione: Superficie ipotetica su cui vengono effettuate le misurazioni


intensimetriche e che racchiude la sorgente di rumore in prova o completamente o congiuntamente ad una superficie acusticamente rigida e continua. Nei casi in cui la superficie ipotetica sia interrotta da strutture aventi superficie solida, la superficie di misurazione
termina in prossimit delle linee di intersezione tra le strutture e la superficie.

3.8

elemento: Elemento di misurazione di superfici pi piccole ottenuto dopo la divisione di


una superficie di misurazione.

3.9

intensit residua: Contributo all'intensit sonora causato dalla presenza di sorgenti esterne alla superficie di misurazione (meccanismi che funzionano all'esterno del volume delimitato dalla superficie di misurazione).

3.10

sonda: Parte del sistema di misurazione dell'intensit comprendente i sensori.

3.11

indice del campo sonoro residuo, pI : Differenza tra i valori di Lp e L I rilevati quando
0

la sonda intensimetrica posta e orientata in un campo sonoro tale che l'intensit sonora
sia zero. espressa in decibel.
Il metodo per la determinazione di pI indicato dalla IEC 1043.
0

UNI EN ISO 9614-2:1998

Pagina 7 di 26

formula

10

p I = ( L p L I)
0

indice di capacit dinamica, Ld: dato da:

3.12
formula

11

Ld = p I K
0

espresso in decibel.
Il valore di K dipende dal grado di accuratezza richiesto (vedere prospetto 1).
prospetto

Fattore di errore di bias, K


Grado di accuratezza1)

Fattore di errore di bias


dB

Tecnico progettuale (grado 2)

10

Controllo (grado 3)

1) Definito nella ISO 12001.

3.13

segnale stazionario: Segnale la cui media delle propriet temporali durante una misurazione su un elemento della superficie di misurazione uguale a quella ottenuta sullo stesso elemento quando il periodo di integrazione esteso al tempo totale impiegato per misurare tutti gli elementi sulla superficie.
Nota 2

I segnali ciclici, secondo questa definizione, sono stazionari, se in ogni singolo elemento il periodo
di misurazione si estende su almeno 10 cicli.

3.14

indicatori di campo FpI e F+/-: Vedere appendice A.

3.15

scansione: Movimento continuo di una sonda intensimetrica lungo un percorso specificato su un elemento di una superficie di misurazione.

3.16

densit delle linee di scansione: Inverso della distanza media tra due linee adiacenti del
percorso.

REQUISITI GENERALI

4.1

Dimensioni della sorgente di rumore


Le dimensioni della sorgente di rumore possono essere scelte senza restrizioni e sono
definite dalla scelta della superficie di misurazione.

4.2

Natura del rumore emesso dalla sorgente


Il segnale deve essere stazionario nel tempo, secondo quanto definito in 3.13. Se una
sorgente funziona seguendo un ciclo di lavoro in cui vi sono periodi continui distinti di funzionamento costante, ai fini della presente parte della ISO 9614, si dovrebbe determinare
e indicare un livello singolo di potenza sonora per ogni periodo distinto. Si dovrebbe agire
in modo da evitare di eseguire la misurazione durante i periodi di funzionamento di sorgenti di rumore residuo variabili nel tempo, di cui possibile prevedere l'esistenza (vedere
prospetto B.1 nell'appendice B).

4.3

Incertezza nella misurazione


Il valore della potenza sonora di una sorgente di rumore determinato mediante un'unica
applicazione dei procedimenti descritti nella presente parte della ISO 9614 probabilmente
differir dal valore effettivo. La differenza reale non pu essere valutata, ma si pu con
una certa fiducia affermare che il valore determinato si trovi compreso in una certo intervallo attorno al valore reale, nella ragionevole ipotesi che i valori determinati con numerose
UNI EN ISO 9614-2:1998

Pagina 8 di 26

applicazioni del procedimento siano generalmente distribuiti attorno al valore reale. Laddove vengano effettuate applicazioni ripetute ad una sorgente posta in un dato sito di prova in condizioni di prova nominalmente identiche, utilizzando gli stessi procedimenti ed attrezzature di prova, i valori cos determinati costituiscono la serie di dati che descrive in
modo statistico la riproducibilit della determinazione. Laddove i valori sono determinati a
partire da prove conformi alla presente parte della ISO 9614 eseguite sulla sorgente data
in vari luoghi di prova utilizzando strumenti fisicamente diversi, la serie di dati cos ottenuti
descrive statisticamente la riproducibilit della determinazione. La riproducibilit influenzata da variazioni delle condizioni ambientali nei luoghi di prova e della tecnica sperimentale. Gli scarti tipo non quantificano eventuali variazioni dell'emissione di potenza sonora
causate da cambiamenti delle condizioni operative di una sorgente (per esempio, velocit
rotatoria, tensione) oppure delle condizioni di montaggio. Per i procedimenti specificati
nella presente parte della ISO 9614, gli scarti tipo massimi della riproducibilit sono indicati nel prospetto 2.
Nota 3

Se certi operatori utilizzano strutture e strumenti simili, i risultati delle determinazioni della potenza
sonora su una data sorgente in un dato luogo possono presentare scarti tipo pi piccoli di quelle
riportate nel prospetto 2.

Nota 4

Per una particolare famiglia di sorgenti sonore di dimensioni simili con spettri di potenza sonora simili
operanti in condizioni ambientali simili, e misurate secondo una procedura di prova specifica, gli scarti
tipo della riproducibilit possono essere minori di quelli riportati nel prospetto 2. I metodi statistici per
la caratterizzazione dei lotti di macchine sono descritti nella ISO 7574-4.

Nota 5

I procedimenti contenuti nella presente parte della ISO 9614 e gli scarti tipo riportati nel prospetto 2
si applicano a misurazioni su una data sorgente. La caratterizzazione dei livelli di potenza sonora di
un lotto di sorgenti della stessa famiglia o dello stesso tipo implica l'uso di tecniche di campionamento casuale nelle quali gli intervalli di confidenza sono specificati, e i risultati sono espressi in termini
di limiti statistici superiori. Nell'applicare queste tecniche, lo scarto tipo totale noto o stimato, compreso lo scarto tipo della produzione, che una misura della variazione dell'emissione di potenza
sonora tra le singole macchine facenti parte del lotto, come definito nella ISO 7574-1.

Ai fini dell'applicazione della presente parte della ISO 9614, nel prospetto 2 sono definiti
due gradi di accuratezza. Le incertezze indicate tengono conto degli errori casuali associati al procedimento di misurazione oltre che del margine massimo di errore nella misurazione del bias limitato dal valore del fattore K di errore di bias relativo al grado di accuratezza richiesto (vedere prospetto 1). Non tengono conto n delle tolleranze relative alle
prestazioni nominali degli strumenti, specificate nella IEC 1043, n degli effetti della variazione delle condizioni di installazione, montaggio e funzionamento della sorgente.
prospetto

Incertezza nella determinazione dei livelli di potenza sonora


Scarti tipo, s

Frequenze centrali della


banda di ottava

Frequenze centrali della


banda di terzi di ottava

Hz

Hz

Tecnico progettuale (grado 2)


dB

da 63 a 125

da 50 a 160

250

da 200 a 315

da 500 a 4 000

da 400 a 5 000

1,5

6 300

2,5

Ponderato A

1)

1,5 2)

Controllo (grado 3)
dB

Nota - Lincertezza dichiarata della stima ponderata A non si applica se la potenza totale ponderata A nelle bande di terzo di
ottava non comprese nellintervallo da 400 Hz a 5 000 Hz supera il totale allinterno di tale intervallo; in questo caso si
applicano le incertezze di banda individuale.
1) Da 63 Hz a 4 kHz oppure da 50 Hz a 6,3 kHz.
2) Si prevede, con una certezza del 95%, che il valore reale del livello di potenza sonora ponderato A sia compreso
nellintervallo di 3 dB attorno al valore misurato.
Nota 6

Al di sotto di 50 Hz non ci sono dati sufficienti per poter calcolare i valori di incertezza. Ai fini della
presente parte della ISO 9614, l'intervallo normale delle frequenze per il calcolo dei livelli ponderati
A comprende le bande di ottava tra 63 Hz e 4 kHz e le bande di terzi di ottava tra 50 Hz e 6,3 kHz.
Il valore del livello ponderato A, calcolato dai livelli di banda di ottava nella gamma tra 63 Hz e 4 kHz

UNI EN ISO 9614-2:1998

Pagina 9 di 26

e dai livelli di terzi di ottava nella gamma da 50 Hz a 6,3 kHz, corretto se non ci sono livelli significativamente elevati nelle bande da 31 Hz a 40 Hz e da 8 kHz a 10 kHz. Ai fini di questa valutazione,
i livelli significativi corrispondono a livelli di banda che, dopo ponderazione A, hanno un valore minore di non pi di 6 dB rispetto al valore complessivo ponderato A. Se le valutazioni ponderate A e
la determinazione del livello di potenza sonora associata vengono effettuate in una gamma di frequenze pi ristretta, questa gamma deve essere indicata in conformit con 10.6 b).

L'incertezza nella determinazione del livello di potenza sonora di una sorgente di rumore
dipende dalla natura del campo sonoro della sorgente, dalla natura del campo sonoro residuo, dall'assorbimento della sorgente in prova, dal tipo di campionamento del campo di
intensit e dal procedimento di misurazione impiegati. Per questo motivo, la presente parte della ISO 9614 prescrive un procedimento per la valutazione preliminare degli indicatori
della natura del campo sonoro esistente in prossimit della superficie di misurazione proposta (vedere appendice A). I risultati di questa prova iniziale sono utilizzati per la determinazione di procedure appropriate in conformit con il prospetto B.1.
Se richiesta unicamente la determinazione del livello ponderato A, possono essere trascurati eventuali livelli di banda ponderati A minori di almeno 10 dB rispetto al livello di
banda ponderato A pi elevato. Se due o pi livelli di banda appaiono non significativi,
possono essere trascurati purch il livello corrispondente alla somma delle potenze sonore ponderate A nelle bande suddette sia minore di almeno 10 dB del livello di banda ponderato A pi elevato. Se richiesto solamente un livello di potenza sonora globale ponderato A, irrilevante l'incertezza della determinazione del livello di potenza sonora in ogni
banda in cui il suo valore ponderato sia minore di almeno 10 dB del livello ponderato globale.

AMBIENTE DI PROVA

5.1

Criteri per l'adeguatezza dell'ambiente di prova


L'ambiente di prova deve essere tale che il principio cos come definito nella IEC 1043, in
base al quale misurata l'intensit sonora mediante la particolare strumentazione utilizzata, sia valido. Inoltre deve soddisfare ai requisiti definiti in 5.2 a 5.5.

5.2

Intensit residua

5.2.1

Livello di intensit residua


Il livello di intensit residua deve esser ridotto al minimo in modo che non riduca l'accuratezza della misurazione in modo inaccettabile (vedere formula B.2 dell'appendice B). Cercare di ridurre il valore dell'indicatore FpI (A.2.1 dell'appendice A) a meno di 10 dB mediante una scelta corretta della superficie di misurazione e controllo dell'intensit residua.
Nota 7

5.2.2

Se notevoli quantit di materiale fonoassorbente fanno parte della sorgente in prova, alti livelli di intensit residua possono portare ad una stima non corretta della potenza sonora. L'appendice D fornisce indicazioni sulla modalit della valutazione dell'errore risultante nel caso particolare ove la sorgente in prova possa essere disattivata.

Variabilit dell'intensit residua


La variabilit dell'intensit residua durante il periodo di misurazione deve essere ridotta al
minimo mediante azioni adeguate prima della prova (per esempio, disattivando sorgenti
di rumore residua ad inserimento automatico non essenziali al funzionamento della sorgente; avvisando gli operatori dell'impianto) e dalla selezione di periodi di misurazione
adeguati.

5.3

Vento e moto gassoso


L'appendice C descrive gli effetti negativi dei moti e delle turbolenze sulla misurazione
dell'intensit sonora. Deve essere utilizzato uno schermo antivento per la sonda nei casi
in cui siano presenti moti gassosi sulla superficie di misurazione.
Non eseguire misurazioni quando le condizioni di vento o moto gassoso in prossimit della sonda intensimetrica non rispettano i limiti necessari al buon funzionamento del sistema di misura, come specificato dal fabbricante. A meno che non possa essere dimostrato

UNI EN ISO 9614-2:1998

Pagina 10 di 26

mediante misurazione che il valore massimo della media temporale della velocit relativa
vento/moto in tutti i punti della superficie di misurazione risulta minore di 4 m/s, deve essere utilizzato il procedimento seguente per definire l'ambiente di prova prima dell'inizio
della determinazione della potenza sonora.
Scegliere un elemento di misurazione sul quale si considera che l'irregolarit del vento o
del moto gassoso sia massimo. Determinare il livello di intensit sonora normale medio
sull'elemento, L I , lungo il percorso di scansione selezionato (8.1) mediante soltanto due
n

passaggi successivi. Verificare che il criterio 3 di B.1.3 sia soddisfatto. La determinazione


della potenza sonora della sorgente in conformit con la presente parte della ISO 9614
non possibile nelle bande di frequenza nelle quali non soddisfatto il criterio 3. Non
ammesso continuare a ripetere il procedimento fino a che il criterio 3 non sia stato soddisfatto.

5.4

Temperatura
La sonda non deve essere posizionata a meno di 20 mm dalle strutture la cui temperatura
notevolmente diversa da quella dell'aria dell'ambiente.
Nota 8

5.5

Lesposizione della sonda a gradienti di temperatura lungo l'asse della sonda pu produrre modifiche differenziali dipendenti dal tempo alle risposte dei due microfoni che introducono errori di bias
nelle stime dell'intensit.

Configurazione dell'ambiente di prova


La configurazione dell'ambiente di prova non deve essere, per quanto possibile, modificata durante lo svolgimento della prova; ci di particolare importanza se la sorgente emette suoni di natura tonale. Riportare i casi in cui non possibile evitare la variazione
dell'ambiente di prova. Accertarsi, nei limiti del possibile, che l'operatore non si trovi lungo
l'asse o vicino all'asse della sonda durante il periodo di misurazione nelle diverse posizioni. Se possibile, rimuovere eventuali oggetti estranei dalle vicinanze della sorgente.

5.6

Condizioni atmosferiche
La pressione e la temperatura dell'aria influiscono sulla densit dell'aria e sulla velocit
del suono. Gli effetti di queste grandezze sulla calibrazione degli strumenti deve essere
verificata e devono essere apportate le opportune modifiche alle intensit indicate (vedere IEC 1043).

STRUMENTAZIONE

6.1

Generalit
Lo strumento per la misurazione intensimetrica e la sonda utilizzati devono soddisfare ai
requisiti della IEC 1043. Per le determinazioni di grado 2 devono essere utilizzati gli strumenti di classe 1 e per le determinazioni di grado 3, gli strumenti di classe 1 o 2. Regolare
lo strumento per la misurazione intensimetrica secondo i valori della temperatura e della
pressione dell'aria dell'ambiente, in conformit con la IEC 1043. Registrare l'indice del
campo sonoro residuo dello strumento utilizzato per le misurazioni, come definito dalla
IEC 1043, per ogni banda di frequenza di misurazione.

6.2

Calibrazione e controllo in campo


Lo strumento, compresa la sonda, deve essere conforme alla IEC 1043. Verificare la conformit con la IEC 1043 in laboratorio almeno una volta all'anno, mediante calibrazioni in
conformit con le norme appropriate o almeno una volta ogni due anni se viene utilizzato
un calibratore di pressione prima di ogni determinazione della potenza sonora. Registrare
i risultati secondo 10.5.
Per controllare il buon funzionamento della strumentazione prima di ogni serie di misurazioni, utilizzare il procedimento di controllo in campo specificato dal fabbricante, oppure,
se non specificato alcun controllo in campo, applicare la procedura seguente per indicare anomalie nel sistema di misurazione che possono essersi verificate durante il trasporto, ecc.

UNI EN ISO 9614-2:1998

Pagina 11 di 26

6.2.1

Livello di pressione sonora


Determinare la sensibilit alla variazione di pressione di ogni microfono della sonda intensimetrica mediante un calibratore di classe 0 o 1 o 0L o 1L in conformit con la IEC 942.

6.2.2

Intensit
Porre la sonda intensimetrica sulla superficie di misurazione, con l'asse perpendicolare
alla superficie, in un punto in cui l'intensit risulti maggiore del valore medio sulla superficie. Misurare il livello di intensit sonora normale in tutte le bande di frequenza nelle quali
deve essere effettuata la determinazione. Ruotare la sonda intensimetrica di 180 attorno
all'asse perpendicolare all'asse di misurazione e posizionarla con il suo centro sonoro nella stessa posizione della prima misurazione. Misurare nuovamente l'intensit. Montare la
sonda intensimetrica su un supporto che assicuri il mantenimento della stessa posizione
durante la rotazione della sonda. Per il livello di banda massimo misurato in bande di ottava o di terzi di ottava, i due valori di In devono avere segni opposti e la differenza tra i
due livelli di intensit sonora deve essere minore di 1,5 dB, affinch l'apparecchiatura di
misurazione sia considerata accettabile.

INSTALLAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA SORGENTE

7.1

Generalit
Installare la sorgente o posizionarla in modo che rispecchi adeguatamente il normale utilizzo o la modalit stabilita in una speciale procedura per prove di rumorosit per il tipo
particolare di macchina o attrezzatura. Accertarsi che vengano identificate le possibili sorgenti di variabilit nell'ambiente sorgente/sorgente residua/prova.

7.2

Condizioni di funzionamento della sorgente in prova


Applicare le condizioni di funzionamento contenute nella procedura per prove di rumorosit. Se non c' tale procedura, scegliere le condizioni adeguate tra le seguenti:
a) dispositivo sotto carico e condizioni di funzionamento specificate;
b) dispositivo sotto pieno carico (se diverso da quello sopra riportato);
c) dispositivo senza carico (funzionamento a vuoto);
d) dispositivo in condizioni di funzionamento corrispondenti ad un'emissione sonora
massima rappresentativa dell'uso normale;
e) dispositivo sotto carico simulato funzionante in condizioni precisamente definite;
f) dispositivo in condizioni di funzionamento con ciclo di lavoro caratteristico.

MISURAZIONE DEI LIVELLI DELLA COMPONENTE NORMALE DELL'INTENSIT SONORA


Il procedimento generale descritto nella figura B.1.

8.1

Scansione
Eseguire il movimento della sonda manualmente o mediante un sistema meccanizzato.
L'intensit residua generata da quest'ultimo meccanismo e misurata dalla sonda deve essere almeno 20 dB minore di quella rilevata sulla superficie di misurazione.
Spostare la sonda intensimetrica in modo continuo lungo percorsi specifici su ogni elemento della superficie di misurazione selezionata. Impostare lo strumento di misurazione
in modo che esegua la media temporale dell'intensit sonora e della pressione sonora per
la durata totale T di una scansione su un elemento. Eseguire il movimento in modo che il
percorso prescelto venga accuratamente seguito, che l'asse della sonda venga mantenuto in ogni momento perpendicolare alla superficie di misurazione, e che la velocit di spostamento della sonda sia uniforme. Nel caso di scansione meccanizzata, tecnicamente
possibile soddisfare a queste condizioni su qualsiasi tipo di superficie di misurazione.

UNI EN ISO 9614-2:1998

Pagina 12 di 26

In caso di scansione manuale, virtualmente impossibile soddisfare sufficientemente a


queste condizioni su superfici di misurazione irregolari o a doppia curvatura. Di conseguenza, sono da preferire superfici semplici e regolari (vedere appendice E). L'elemento
base di una scansione una linea retta singola. Il percorso di scansione deve essere tale
da coprire in modo uniforme ogni elemento ad una velocit uniforme. Un esempio illustrato in figura 1. La distanza media tra linee adiacenti deve essere uguale e, sulla superficie di misura iniziale, non deve superare la distanza media tra l'elemento e la superficie
della sorgente. La densit delle linee di una scansione definita in 3.16.
figura

Esempio di percorso di scansione

La scansione manuale deve essere eseguita ad una velocit compresa nell'intervallo


tra 0,1 m/s e 0,5 m/s e la scansione meccanica deve essere eseguita a velocit comprese
nell'intervallo tra 0 e 1 m/s.
La durata di ogni scansione su un singolo elemento non deve essere minore di 20 s. Iniziare l'esecuzione della media temporale all'inizio della scansione su qualsiasi elemento e
terminarla al completamento della scansione su quello stesso elemento (vedere appendice E).
Nota 9

Lesecuzione della media temporale pu essere temporaneamente sospesa quando la sonda incontra ostacoli sul percorso di scansione.

Durante la scansione manuale, l'operatore non deve stare in piedi di fronte all'elemento
ma di lato in modo che il suo corpo non impedisca l'emissione di suono dalla sorgente. In
caso di scansione meccanica, occorre ridurre al minimo la dispersione delle componenti
del meccanismo di scansione al fine di ridurre gli effetti di interferenza creati dalla presenza del meccanismo stesso.
Nota 10

8.2

Nei casi in cui Fp maggiore di 10 dB, le velocit di scansione maggiori di 0,25 m/s possono produrre risultati che non soddisfano al criterio 3 di B.1.3, indipendentemente dalla regolarit del campo.

Superficie di misurazione iniziale


Definire una superficie di misurazione iniziale attorno alla sorgente sottoposta a prova.
La superficie scelta pu eventualmente comprendere zone di superficie non assorbente
(coefficiente di assorbimento in campo diffuso minore di 0,06), quali un pavimento di cemento o una parete in muratura. Le misurazioni intensimetriche non devono essere eseguite su tali superfici e le aree di tali superfici non devono essere incluse nella valutazione
della potenza sonora della sorgente, in conformit con la formula 6.
La superficie di misurazione deve essere divisa almeno in quattro elementi. La forma
geometrica di ogni elemento deve essere tale da permettere di eseguire la scansione con
la sonda lungo il percorso predeterminato mantenendo l'asse della sonda normale alla
superficie scelta e in grado di determinare con precisione l'area della superficie (vedere
appendice E). In caso di scansione manuale, si raccomandano superfici piane o curve solo su un lato. Esempi di elementi piani adatti sono illustrati in figura E.1, nell'appendice E.
Gli elementi devono essere selezionati, per quanto possibile, in modo da essere associati
a componenti individuali della sorgente, o a loro parti, come definite da caratteristiche
geometriche, tipo di materiale, giunzioni, aperture, ecc. Laddove sia evidente che un'ampia porzione della potenza sonora totale emessa da una particolare regione o da particolari regioni della sorgente, devono essere definiti elementi, per quanto possibile, tali da
separare le regioni aventi potenza sonora sopra e sotto la media. Gli elementi della superficie di misurazione devono essere definiti, per quanto possibile, in modo tale da separare regioni della superficie che possono trasmettere potenza sonora parziale predominantemente negativa da quelle che possono trasmettere potenza sonora parziale
UNI EN ISO 9614-2:1998

Pagina 13 di 26

predominantemente positiva: per esempio, regioni della superficie di misurazione che si


trovino tra la sorgente in prova e potenti sorgenti residue. La dimensione massima di ogni
elemento deve essere tale da permettere di eseguire la scansione con la sonda lungo il
percorso specificato ad una velocit costante con una densit di linea costante e con l'asse della sonda normale alla superficie.
Nei casi in cui la sorgente sottoposta a prova assuma la forma di una superficie vibrante
a conchiglia o allungata, la distanza media di un elemento dalla superficie della sorgente
non deve essere minore di 200 mm. Nei casi in cui la sorgente piuttosto piccola e di forma compatta, questa distanza pu essere ridotta a 100 mm; in quest'ultimo caso, non si
applica il codice di intervento "a" del prospetto B.1 e della figura B.1.

8.3

Prova iniziale
Eseguire le misurazioni dei livelli di intensit sonora medi degli elementi e dei livelli di
pressione sonora in ogni elemento nelle bande di frequenza nelle quali deve essere eseguita la determinazione della potenza sonora.

8.3.1

Ripetibilit della potenza parziale


Per le determinazioni di grado 2, eseguire due scannerizzazioni separate su ogni elemento della superficie di misurazione, e registrare separatamente i livelli di potenza sonora
parziale LWi (1) e LWi (2) per tutte le bande di frequenza della misurazione, conformemente
a 3.6.3: i due percorsi di scansione individuali devono essere ortogonali (percorso di
scansione ruotato di 90) laddove possibile (vedere figura 1). Introdurre la differenza tra livelli di potenza sonora parziali nella formula B.3 di B.1.3. Nei casi in cui non sia soddisfatto il criterio 3, cercare di individuare la causa della differenza ed eliminarla laddove possibile. Se tale intervento non efficace o non attuabile, eseguire quanto indicato in B.2.
Negli elementi e nelle bande di frequenza nei quali il criterio 3 non comunque soddisfatto, non possibile la determinazione del livello di potenza sonora parziale secondo la presente parte della ISO 9614, e occorre riportare nel resoconto una dichiarazione che precisi che l'incertezza della determinazione del livello di potenza sonora in queste bande
maggiore di quella specificata nel prospetto 2 per il grado di accuratezza desiderato. Se,
in qualsiasi banda di frequenza, la somma delle potenze sonore parziali che attraversano
elementi nei quali non soddisfatto il criterio 3 stimata essere di pi di 10 dB minore della potenza sonora della sorgente determinata dalle potenze parziali rimanenti che attraversano elementi nei quali il criterio 3 soddisfatto, possibile eseguire una determinazione della potenza sonora della sorgente secondo la presente parte della ISO 9614.

8.3.2

Valutazione della capacit degli strumenti


Valutare l'indicatore FpI per tutte le bande di frequenza della misurazione conformemente
alla formula A.1 di A.2.1 e introdurre i valori nella formula data per il procedimento di qualificazione B.1. Occorrerebbe fare ogni sforzo per limitare il valore dell'indicatore FpI a meno di 10 dB.

8.3.3

Valutazione della potenza parziale negativa


Valutare l'indicatore F+/- per tutte le bande di frequenza della misurazione conformemente
alla formula A.2 di A.2.2 e introdurre i valori nella formula data per il procedimento di qualificazione di B.1.2. La valutazione dell'indicatore F+/- non obbligatoria per le determinazioni di grado 3.

8.4

Prove ulteriori
Per le determinazioni di grado 2, laddove ognuno dei criteri 1, 2 e 3 soddisfatto in ogni
banda di frequenza, la determinazione della potenza sonora iniziale definita come risultato finale. Per le determinazioni di grado 3, richiesto unicamente che vengano soddisfatti i criteri 1 e 3. Altrimenti agire secondo quanto esposto in B.2. Misurare i livelli delle
componenti di intensit sonora normale e i livelli di pressione sonora associata utilizzando
la configurazione di misurazione modificata. Ricalcolare gli indicatori di campo FpI e F+/- e
valutarli secondo B.1. Altrimenti agire in accordo a B.2. Ripetere questo procedimento fino al
raggiungimento del grado di accuratezza richiesto, come indicato da B.1. Nei casi in cui la
ripetizione non permetta di soddisfare i criteri specificati, registrare come risultato una
prova nulla e indicarne i motivi.
UNI EN ISO 9614-2:1998

Pagina 14 di 26

CALCOLO DEL LIVELLO DI POTENZA SONORA

9.1

Calcolo delle potenze sonore parziali per ogni elemento di superficie(i) di misurazione
Calcolare la potenza sonora parziale in ogni banda di frequenza per ogni elemento di superficie di misurazione mediante la formula:
formula

12

P i = Ini S i
dove:
Pi
la potenza sonora parziale dell'elemento di superficie i;
Ini

la componente di intensit sonora normale media nell'elemento misurata


nell'elemento i della superficie di misurazione:
Ini = [ Ini ( 1 ) + Ini ( 2 ) ] 2

Si

l'area dell'elemento i;

e Ini ( 1 ) e Ini ( 2 ) sono i valori di Ini ottenuti da due scannerizzazioni separate


dell'elemento i.
Quando il livello di intensit sonora normale L I per il segmento i espresso da XX dB,
ni
calcolare il valore di Ini mediante la formula
Ini = I0 ( 10

XX 10

Quando il livello di intensit sonora normale L I per il segmento i espresso da (-) XX dB,
ni
calcolare il valore di Ini mediante la formula
Ini = I0 ( 10

XX 10

In queste formule I0 = 10-12 Wm-2.


Nota 11

Nota 12

Laddove Ini ( 1 ) e Ini ( 2 ) sono espressi in termini logaritmici, pu essere utilizzata una media
aritmetica di questi livelli per il calcolo di Ini a condizione che essi soddisfino al criterio 3 di B.1.3.
Laddove deve essere determinato il livello di potenza sonora ponderato A, i livelli di intensit sonora
normale L I sono i valori ponderati A.
ni

9.2

Calcolo del livello di potenza sonora della sorgente di rumore


Calcolare il livello di potenza sonora della sorgente di rumore, LW, in ogni banda di frequenza con la formula:
formula

13
N

L W = 10 lg

P i P0

dB

i =1

dove:
N
il numero totale degli elementi di misurazione;
Pi
la potenza sonora parziale dellelemento di superficie i, calcolata con la formula 12;

P0
Se

la potenza sonora di riferimento (= 10-12 W).

Pi

negativo in una qualunque banda di frequenza, il metodo fornito nella presen-

i =1

te parte della ISO 9614 non applicabile a quella banda.

UNI EN ISO 9614-2:1998

Pagina 15 di 26

10

INFORMAZIONI DA RIPORTARE
Per le misurazioni eseguite in conformit con la presente parte della ISO 9614, devono
essere fornite e registrate, se applicabili, le informazioni seguenti.

10.1

Prova
Data e luogo della prova.

10.2

Sorgente sonora sottoposta a prova


a)
b)
c)
d)
e)
f)
g)

Il tipo.
I dati tecnici.
Le dimensioni.
Il fabbricante.
Il numero di serie della macchina.
Lanno di fabbricazione.
La descrizione della sorgente sottoposta a prova (comprese le dimensioni e la struttura della superficie).
h) La descrizione qualitativa della natura della sorgente sottoposta a prova, compresi
qualit tonale, carattere ciclico e variabilit).
i) Le condizioni di installazione.
j) La condizione di funzionamento.

10.3

Ambiente di prova
a) La descrizione dell'ambiente di prova:
- se all'interno, una descrizione della geometria e della natura delle superfici perimetrali;
- se all'esterno, uno schema che mostri il terreno circostante, compresa una descrizione fisica dell'ambiente di prova.
b) La temperatura dell'aria, in gradi Celsius, pressione barometrica, in pascal, e umidit
relativa.
c) La velocit media e direzione del vento, dove pertinenti.
d) Qualsiasi sorgente di variabilit nell'ambiente di prova; descrizione di qualsiasi dispositivo/procedimento utilizzati per ridurre al minimo l'effetto dell'intensit residua e/o riverbero eccessivo.
e) La descrizione qualitativa di eventuale flusso di aria/gas e loro fluttuazioni.

10.4

Strumentazione
a) Apparecchiatura usata per le misurazioni, compresi nomi, tipi, numeri di serie, fabbricanti e configurazione della sonda.
b) Metodo(i) usato(i) per il controllo della calibrazione e del rendimento in campo.
c) Luoghi e date della calibrazione e della verifica dell'apparecchiatura di prova.
d) Forma dello schermo antivento utilizzato.
e) Indice dell'intensit residua della pressione in conformit con la IEC 1043.

10.5

Procedimento di misurazione
a) Descrizione del montaggio o del sistema di supporto, del meccanismo di scansione e
della sonda intensimetrica.
b) Descrizione dell'apparecchio di scansione, comprese geometria e velocit.
c) Descrizione quantitativa della(e) superficie(i) e dei segmenti di misurazione; ad ogni
segmento devono essere attribuiti un numero e un'area, e deve essere inclusa una
rappresentazione grafica.
d) Tempo di integrazione per ogni elemento.
e) Descrizione di qualsiasi azione ritenuta necessaria per migliorare il grado di accuratezza della misura.
UNI EN ISO 9614-2:1998

Pagina 16 di 26

10.6

Dati acustici
a) Presentazione sotto forma di prospetto degli indicatori di campo FpI (per i gradi 2 e 3)
e F+/- (per il grado 2) in ogni banda di frequenza della determinazione della potenza
sonora, calcolati a partire da ogni serie di misurazioni su ogni superficie di misurazione utilizzata.
b) Presentazione sotto forma di prospetto o di grafico del valore calcolato del livello di
potenza sonora della sorgente in tutte le bande di frequenza considerate. Dove necessaria la determinazione del livello di potenza sonora ponderato A, deve essere tralasciato dalla determinazione il contributo delle bande di frequenza in cui non sono
soddisfatti il criterio 1 e/o il criterio 2 e il fatto deve essere dichiarato, a meno che i loro
contributi possano essere trascurati applicando 4.3.
c) Presentazione, all'occorrenza, dei risultati dei controlli in campo, determinati tramite il
metodo di inversione della sonda specificato in 6.2.2.

10.7

Grado di accuratezza della determinazione del livello di potenza sonora


Deve essere indicato il grado di accuratezza raggiunto nella prova finale, in conformit
con il prospetto 2. Nel caso particolare in cui il grado di accuratezza del livello di potenza
sonora possa essere ottenuto solamente in una gamma di frequenza ristretta, occorre indicare tale condizione conformemente a 10.6 b).

UNI EN ISO 9614-2:1998

Pagina 17 di 26

APPENDICE
(normativa)

A CALCOLO DEGLI INDICATORI DI CAMPO

A.1

Generalit
Gli indicatori di campo FpI e F+/- devono essere valutati mediante le formule riportate in
A.2 per ciascuna superficie ed elementi di misurazione utilizzati ed in ogni banda di frequenza usata per la determinazione dei livelli di potenza sonora.
Nota 13

La valutazione di F+/- non obbligatoria per le determinazioni di grado 3.

A.2

Determinazione degli indicatori di campo

A.2.1

Indicatore dello scarto intensit-pressione sulla superficie


Calcolare l'indicatore di scarto intensit-pressione sulla superficie FpI mediante la formula
formula

A.1

F pI = [ L p ] L W + 10 lg ( S S 0 ) dB
dove:
[ L p ] il livello di pressione sonora medio della superficie dato da:
N

[ L p ] = 10 lg

(1 S)

S i 10

0,1 L pi

dB

i =1

S
S0
Nota 14

A.2.2

l'aria totale della superficie di misurazione =

S i ;

i =1

larea di superficie di riferimento (= 1 m ).

FpI equivalente a F3 della ISO 9614-1 nel caso speciale di aree di elementi di superficie uniformi.

Indicatore di potenza parziale negativa


formula

A.2

P
F + - = 10 lg --------------i- dB
Pi
dove:
Pi e P i sono riportati in 3.6.1.
Nota 15

F+/- equivalente a F3 - F2 della ISO 9614-1 nel caso speciale di aree di elementi di superficie uniformi.

UNI EN ISO 9614-2:1998

Pagina 18 di 26

APPENDICE
(normativa)

B PROCEDIMENTO PER IL RAGGIUNGIMENTO DEL GRADO DI ACCURATEZZA DESIDERATO

B.1

Requisiti per la qualificazione


Nell'applicazione della presente parte della ISO 9614, le condizioni di campo sonoro nelle
posizioni di misurazione sulla superficie iniziale di misurazione possono variare anche notevolmente. Per garantire il rispetto dei limiti superiori di incertezza per i livelli di potenza
sonora determinati necessario controllare l'adeguatezza della strumentazione e dei parametri prescelti per la misurazione (per esempio, la superficie di misurazione, la distanza, il dispositivo di scansione) in relazione alle condizioni del campo sonoro e ambientali
in cui questa verr effettuata. Il procedimento generale riassunto nella figura B.1.
figura

B.1

Schema del procedimento per raggiungere il grado di accuratezza desiderato

Definizione della superficie


di misurazione iniziale e
degli elementi di superficie
Misurazione successiva
Misurazione di Lp e LIn
sulla superficie
di misurazione

Valutazione
degli indicatori FpI e F+/-

No

FpI > Ld ?

Si

No

F+/- > 3 dB ?

Si

Grado 3

Grado 2

Azioni
a oppure b oppure f
Azioni
a oppure f

Si

No

F+/- 3 dB ?

LWi (1) - LWi (2) > s ?

Azioni
a oppure b

No

Si

Si

Risultato finale

UNI EN ISO 9614-2:1998

F+/- 1 dB ?

No

Azioni
c oppure d
Azione
e

Pagina 19 di 26

B.1.1

Adeguatezza dell'apparecchiatura di misurazione


Per poter definire una griglia di misurazione adatta alla determinazione del livello di
potenza sonora di una sorgente di rumore in conformit con la presente parte della
ISO 9614, l'indice di capacit dinamica Ld dell'apparecchiatura di misurazione in conformit con 3.12 deve essere maggiore dell'indicatore FpI determinato in conformit con
A.2.1 dell'appendice A in ogni banda di frequenza di misura:
Criterio 1
formula

B.1

L d > F pI
Se una superficie di misurazione prescelta non soddisfa il criterio 1, necessario agire
secondo il prospetto B.1 e la figura B.1.
prospetto B.1

Iniziative da intraprendere per aumentare il grado di accuratezza della determinazione


Criteri

Codice azione
(vedere figura
B.1)

Azione

FpI > Ld

Dimezzare la distanza media tra la superficie di misurazione e la


sorgente a non meno di un valore medio minimo di 100 mm e raddoppiare la densit delle linee di scansione.

oppure

F+/- > 3 dB

Proteggere la superficie di misurazione da forti sorgenti di rumore


residuo con uno schermo.

oppure
f

Ridurre leffetto negativo del campo sonoro riverberante introducendo un assorbimento aggiuntivo nello spazio di prova in punti
lontani dalla sorgente.

FpI > Ld

Dimezzare la distanza media tra la superficie di misurazione e la


sorgente a non meno di un valore medio minimo di 100 mm e raddoppiare la densit delle linee di scansione.

oppure

F+/- 3 dB

Ridurre leffetto negativo del campo sonoro riverberante introducendo un assorbimento aggiuntivo nello spazio di prova in punti
lontani dalla sorgente.

L Wi ( 1 ) L Wi ( 2 ) > s

Individuare ed eliminare le cause di variazioni temporali delle condizioni di campo oppure, se questo non riuscisse, raddoppiare la densit delle linee di scansione sullo stesso elemento di superficie.

Raddoppiare la densit della linea di scansione sullo stesso elemento.

Raddoppiare la distanza media tra la superficie di misurazione e la


sorgente mantenendo la stessa densit delle linee di scansione.

L Wi ( 1 ) L Wi ( 2 ) > s
e
F+/- 1 dB

B.1.2

Limite della potenza parziale negativa


Per le determinazioni di grado 2, dovrebbe essere eseguito il seguente controllo sull'adeguatezza delle condizioni di misurazione:
Criterio 2
formula

B.2

F+/- 3 dB
Nota 16

Questo criterio facoltativo per le determinazioni di grado 3.

UNI EN ISO 9614-2:1998

Pagina 20 di 26

B.1.3

Controllo della ripetibilit della potenza parziale


Criterio 3
formula

B.3

L Wi ( 1 ) L Wi ( 2 ) s
dove:
s indicato nel prospetto 2.

B.2

Iniziative da intraprendere per aumentare il grado di accuratezza della determinazione


Il prospetto B.1 specifica le azioni da intraprendere nei casi in cui la superficie di misurazione e/o la griglia prescelta non soddisfino ai requisiti dati in B.1.

UNI EN ISO 9614-2:1998

Pagina 21 di 26

APPENDICE
(informativa)

C EFFETTI DEL MOTO DARIA SULLA MISURAZIONE DELLINTENSIT SONORA


Le sonde intensimetriche sono talvolta esposte al moto d'aria durante la misurazione, per
esempio in condizioni ventose esterne o in prossimit di flussi generati da ventilatori. A rigore, il fondamento teorico relativo alla misurazione intensimetrica per le sonde p - p non
valido in presenza di deflussi gassosi stazionari: comunque, gli errori sono trascurabili
se il numero di Mach del moto basso (Ma < 0,05), eccetto che nei campi altamente
reattivi. Errori pi gravi possono essere causati dagli effetti dei deflussi d'aria non stazionari (turbolenza).
La turbolenza pu essere generata dal moto che incide sulle sonde e pu anche essere
causata dalla presenza della sonda stessa. Le fluttuazioni di energia cinetica del fluido
inerenti alla turbolenza sono associate alle fluttuazioni di pressione; queste non sono di
natura acustica e non sono normalmente correlate alle fluttuazioni di pressione dovute
all'esistenza di un campo sonoro. Sono, per, registrate da trasduttori sensibili alla pressione esposti al moto e i segnali risultanti non possono essere distinti da quelli causati
dalla pressione sonora. La turbolenza ha una velocit di convezione vicina a quella della
media (nel tempo) di moto e contiene vortici (zone di movimento correlate) che hanno dimensioni in genere assai minori rispetto alle lunghezze d'onda corrispondenti alle frequenze udibili, con il risultato che i gradienti spaziali di pressione nella turbolenza possono superare notevolmente quelli delle onde sonore. Perci i valori locali della velocit possono superare di gran lunga quelle dei campi sonori tipici. Ci pu condurre alla generazione di forti segnali di pseudo-intensit.
La funzione degli schermi antivento quella di deviare il flusso dalle immediate vicinanze
dei trasduttori di pressione. A causa della bassa velocit di convezione della turbolenza,
le variazioni della pressione e della velocit connesse con la turbolenza che agiscono sulla superficie esterna dello schermo non possono propagarsi in modo efficace verso la sua
parte centrale dove sono posti i trasduttori di pressione, mentre le onde sonore subiscono
un'attenuazione decisamente minore. Questo il principio di discriminazione messo in
pratica dallo schermo antivento.
Bisogna rendersi conto, per, che ci sono dei limiti all'efficacia di questa discriminazione.
Le variazioni molto elevate di pressione non sono totalmente eliminate e la turbolenza di
bassa frequenza e a grande ampiezza attenuata meno efficacemente rispetto a quella
di piccola ampiezza e alta frequenza. Poich lo spettro di frequenza della turbolenza generata da vento e ventilatori tende a diminuire rapidamente con la frequenza, sono le misurazioni di intensit a bassa frequenza (tipicamente minore di 200 Hz) quelle maggiormente influenzate.
L'ampiezza e la frequenza della turbolenza dipendono molto dalla natura del processo di
generazione e perci impossibile stabilire regole per ogni situazione del moto gassoso
irregolare che pu verificarsi durante l'esecuzione di una misurazione intensimetrica in
campo. Poich il valore efficace delle fluttuazioni della pressione dovute alla turbolenza
aumenta con il quadrato della velocit media di moto, per la velocit media di moto viene
fissato un limite di sicurezza cautelativo.
Come regola generale, si dovrebbe tener presente che la tendenza dei livelli di intensit
per bande di ottava o di terzi di ottava e/o della velocit locale a rimanere elevati o addirittura aumentare alle basse frequenze (< 100 Hz) un segnale di avvertimento, a meno
che non sia possibile mettere in evidenza una tendenza identica per i livelli di pressione
sonora e valutare soggettivamente che le emissioni della sorgente in esame siano concentrate soprattutto nella gamma di bassa frequenza. Un'altra indicazione qualitativa della contaminazione dei valori dell'intensit sonora a causa di una pseudo intensit dovuta
alla turbolenza la forte variabilit temporale dei livelli di intensit indicata e di velocit locale. La coerenza inter-microfono non necessariamente un buon indicatore di contaminazione da turbolenza, poich le fluttuazioni di pressione di bassa frequenza e grande
ampiezza possono essere strettamente correlate alle distanze tipiche di separazione tra i
microfoni. Un effetto nefasto dovuto alla turbolenza la riduzione della gamma dinamica
utile per la misurazione dei segnali di intensit sonora, soprattutto dove viene impiegata
strumentazione con regolazione di gamma automatica.

UNI EN ISO 9614-2:1998

Pagina 22 di 26

APPENDICE
(informativa)

D EFFETTO DELLASSORBIMENTO SONORO SULLA SUPERFICIE DI MISURAZIONE


Se la sorgente mostra segni evidenti di assorbimento sonoro (per esempio, presenza rilevante di materiale per l'isolamento termico e/o fonoassorbente), e se il calcolo dell'indicatore FpI d un valore maggiore di 3 dB, dovrebbe essere controllata l'influenza della potenza sonora assorbita sulla potenza sonora totale misurata. Ci possibile solo se la
sorgente sottoposta a prova pu essere disattivata. Allora, se il rumore residuo rimasto
invariato, la potenza sonora assorbita LW,abs pu essere determinata direttamente a partire dalle misurazioni intensimetriche sulla superficie che circonda la sorgente, adesso disattivata, applicando il metodo riportato nella presente parte della ISO 9614 e determinando LW,abs secondo la formula 13. Se il rumore residuo non pu essere mantenuto dopo
la disattivazione della sorgente sottoposta a prova, pu essere effettuata una stima approssimativa della potenza sonora assorbita mediante un'adatta sorgente sonora residua
artificiale che produca livelli simili alla sorgente sonora residua originale sulla superficie di
misurazione.
Gli effetti dell'assorbimento possono essere trascurati se viene soddisfatta la condizione
seguente:

formula

D.1

LW - LW,abs K dB
dove:
LW
il livello della potenza sonora totale con la sorgente funzionante (secondo la formula 13);
LW,abs il livello della potenza sonora assorbita con la sorgente disattivata (secondo la
formula 13);
K
dato nel prospetto 1.
In caso contrario, si dovrebbero prendere provvedimenti per ridurre il livello di intensit residua o per proteggere la superficie di misurazione da sorgenti di rumore residuo.

UNI EN ISO 9614-2:1998

Pagina 23 di 26

APPENDICE
(informativa)

E SUPERFICIE DI MISURAZIONE E PROCEDIMENTO DI SCANSIONI


Il principio fondamentale della determinazione della potenza sonora che utilizza la tecnica
intensimetrica consiste nel misurare la componente di intensit normale alla superficie di
misurazione che circonda completamente la sorgente sottoposta a prova. Le principali incertezze nei risultati ottenuti con questa tecnica sono associate alla strumentazione e agli
errori di analisi del segnale e ad un processo di campionamento (scansione) condotto in
campo non ideale. La presente appendice fornisce linee guida per l'esecuzione del procedimento di campionamento in campo. Seguendo queste linee guida ed utilizzando i parametri di scansione specificati nella presente parte della ISO 9614, le incertezze possono essere ridotte al minimo, e possono essere cos raggiunti i gradi di accuratezza indicati
nel prospetto 2.
La superficie di misurazione dovrebbe essere definita in modo da poter essere facilmente
esplorata, e dovrebbe avere una forma tale per cui gli effetti dell'intensit residua e il campo vicino alla sorgente siano ridotti al minimo. La scansione di una superficie di misurazione con una sola faccia curva, per esempio attorno ad un tubo cilindrico, dovrebbe essere eseguita spostando la sonda parallelamente all'asse del tubo, come illustrato in figura E.1. Le linee di scansione sono quindi mantenute rette e l'orientamento della sonda rimane invariato durante ogni segmento a linee rette del percorso. L'uso di linee di scansione curve su piani normali alla superficie di misurazione dovrebbe essere evitato quando
possibile, poich l'orientamento della sonda deve essere continuamente modificato durante la scansione.
La superficie di misurazione, gli elementi di superficie e il modello di scansione dovrebbero essere selezionati in modo da adattarsi alla geometria e all'ambiente della sorgente,
entro i limiti specificati in 7.2. Un'approssimazione ad una superficie conforme (tutti i punti
alla stessa distanza dalla superficie della sorgente) dovrebbe essere costruita da segmenti planari come illustrato dalla figura E.1.

figura

E.1

Superfici di misurazione per segmenti piani tipici

Ogni elemento di superficie dovrebbe essere definito in modo da essere facilmente e comodamente esplorato a velocit costante con una densit di linee uniforme, mantenendo
l'asse della sonda perpendicolare alla superficie locale. La rotazione al termine di una linea di scansione produce un errore nel processo di integrazione sulla superficie, sovrastimando il contributo del bordo. Si dovrebbe fare tutto quanto possibile per mantenere la
velocit di scansione costante su tutto il percorso di scansione.
Nei casi in cui il tempo di integrazione del processore predeterminato in fasi discrete, si
dovrebbe fare tutto quanto possibile per ridurre al minimo l'intervallo tra la fine della scansione su ogni singolo elemento di superficie e l'interruzione dell'integrazione.
Si dovrebbe prestare analoga attenzione anche al rispetto del percorso di scansione selezionato e al mantenimento dell'uniformit della velocit di scansione, dell'uniformit della densit delle linee e dell'orientamento dell'asse della sonda. Una concentrazione eccessiva su una qualsiasi di queste funzioni pu influenzare negativamente l'accuratezza
della misurazione.

UNI EN ISO 9614-2:1998

Pagina 24 di 26

APPENDICE
(informativa)

F BIBLIOGRAFIA

1)

[1]

ISO 3740:1980

[2]

ISO 3741:1988

[3]

ISO 3742:1988

[4]

ISO 3743-2:1994

[5]

ISO 3744:1994

[6]

ISO 3745:1977

[7]

ISO 3746:1995

[8]

ISO 3747:1987

[9]

ISO 5725-1:1994

[10]

ISO 7574-1:1985

[11]

ISO 7574-4:1985

[12]

ISO/TR 7849:1987

[13]

ISO 9614-1:1993

[14]

ISO 12001:19961)

Acustica - Determinazione dei livelli di potenza sonora delle


sorgenti di rumore - Linee guida per l'uso di norme base e
per la preparazione della procedura per prove di rumorosit
Acustica - Determinazione dei livelli di potenza sonora
emessi dalle sorgenti di rumore - Metodo di laboratorio in
camera riverberante per sorgenti di rumore ad ampio spettro
Acustica - Determinazione dei livelli di rumore con potenza
sonora delle sorgenti di rumore - Metodi di laboratorio in camera riverberante per sorgenti di rumore con bande tonali e
bande strette
Acustica - Determinazione dei livelli di potenza sonora delle
sorgenti di rumore mediante pressione sonora - Metodi tecnici progettuali in campo riverberante per piccole sorgenti
trasportabili - Metodi in camere riverberanti speciali
Acustica - Determinazione dei livelli di potenza sonora di
sorgenti di rumore per mezzo della pressione sonora - Metodo tecnico progettuale in un campo sostanzialmente libero sopra un piano riflettente
Acustica - Determinazione dei livelli di potenza sonora delle
sorgenti di rumore - Metodo di laboratorio per camere anecoiche e semianecoiche
Acustica - Determinazione dei livelli di potenza sonora delle
sorgenti di rumore mediante pressione sonora - Metodo di
controllo sopra un piano riflettente mediante misurazione su
superficie
Acustica - Determinazione dei livelli di potenza sonora delle
sorgenti di rumore - Metodo di controllo per mezzo di una
sorgente sonora di riferimento
Acustica - Accuratezza (veridicit e precisione) dei metodi e
dei risultati di misura - Principi generali e definizioni
Acustica - Metodi statistici per la determinazione e la verifica di valori di emissione acustica delle macchine e delle apparecchiature - Generalit e definizioni
Acustica - Metodi statistici per la determinazione e la verifica di valori di emissione acustica delle macchine e delle apparecchiature - Metodi per valori dichiarati di lotti di macchine
Acustica - Valutazione del rumore emesso per via aerea da
macchinari usando la misura delle vibrazioni
Acustica - Determinazione dei livelli di potenza sonora delle
sorgenti di rumore mediante il metodo intensimetrico - Misurazione per punti discreti
Acustica - Rumore emesso da macchine ed apparecchiature - Regole per la stesura e la presentazione di una guida
per prove di rumorosit

Da pubblicare.
UNI EN ISO 9614-2:1998

Pagina 25 di 26

PUNTI DI INFORMAZIONE E DIFFUSIONE UNI

Milano (sede)

Via Battistotti Sassi, 11B - 20133 Milano - Tel. (02) 70024200 - Fax (02) 70105992
Internet: www.unicei.it - Email: diffusione@uni.unicei.it

Roma

Piazza Capranica, 95 - 00186 Roma - Tel. (06) 69923074 - Fax (06) 6991604
Email: uni.roma@uni1.inet.it

Bari

c/o Tecnopolis CSATA Novus Ortus


Strada Provinciale Casamassima - 70010 Valenzano (BA) - Tel. (080) 8770301 - Fax (080) 8770553

Bologna

c/o CERMET
Via A. Moro, 22 - 40068 San Lazzaro di Savena (BO) - Tel. (051) 6250260 - Fax (051) 6257650

Brescia

c/o AQM
Via Lithos, 53 - 25086 Rezzato (BS) - Tel. (030) 2590656 - Fax (030) 2590659

Cagliari

c/o Centro Servizi Promozionali per le Imprese


Viale Diaz, 221 - 09126 Cagliari - Tel. (070) 349961 - Fax (070) 34996306

Catania

c/o C.F.T. SICILIA


Piazza Buonarroti, 22 - 95126 Catania - Tel. (095) 445977 - Fax (095) 446707

Firenze

c/o Associazione Industriali Provincia di Firenze


Via Valfonda, 9 - 50123 Firenze - Tel. (055) 2707268 - Fax (055) 2707204

La Spezia

c/o La Spezia Euroinformazione, Promozione e Sviluppo


Piazza Europa, 16 - 19124 La Spezia - Tel. (0187) 728225 - Fax (0187) 777961

Napoli

c/o Consorzio Napoli Ricerche


Corso Meridionale, 58 - 80143 Napoli - Tel. (081) 5537106 - Fax (081) 5537112

Pescara

c/o Azienda Speciale Innovazione Promozione ASIP


Via Conte di Ruvo, 2 - 65127 Pescara - Tel. (085) 61207 - Fax (085) 61487

Torino

c/o Centro Estero Camere Commercio Piemontesi


Via Ventimiglia, 165 - 10127 Torino - Tel. (011) 6700511 - Fax (011) 6965456

Treviso

c/o Treviso Tecnologia


Via Roma, 4/D - 31020 Lancenigo di Villorba (TV) - Tel. (0422) 608858 - Fax (0422) 608866

Udine

c/o CATAS
Via Antica, 14 - 33048 S. Giovanni al Natisone (UD) - Tel. (0432) 747211 - Fax (0432) 747250

Vicenza

c/o Associazione Industriali Provincia di Vicenza


Corso Palladio, 15 - 36100 Vicenza - Tel. (0444) 232794 - Fax (0444) 545573

UNI
Ente Nazionale Italiano
di Unificazione
Via Battistotti Sassi, 11B
20133 Milano, Italia

La pubblicazione della presente norma avviene con la partecipazione volontaria dei Soci,
dellIndustria e dei Ministeri.
Riproduzione vietata - Legge 22 aprile 1941 N 633 e successivi aggiornamenti.

UNI EN ISO 9614-2:1998

Pagina 26 di 26